COMUNE DI BORGOMANERO SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI PIANO FINANZIARIO PER L ESERCIZIO SEZIONE DESCRITTIVA -

Save this PDF as:

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE DI BORGOMANERO SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI PIANO FINANZIARIO PER L ESERCIZIO SEZIONE DESCRITTIVA -"

Transcript

1 COMUNE DI BORGOMANERO SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI PIANO FINANZIARIO PER L ESERCIZIO SEZIONE DESCRITTIVA - 1. Obiettivi dell Amministrazione 1.1 Finalità della gestione dei rifiuti Si ribadisce quanto indicato nell art. 1 del Regolamento Comunale dei Servizi di raccolta, trasporto e smaltimento dei rifiuti urbani e assimilati e servizi connessi: Considerato che la produzione incontrollata dei rifiuti e il relativo smaltimento costituiscono ormai una realtà della società attuale e che una forte riduzione della quantità dei rifiuti prodotti si impone in maniera sempre più urgente, si individuano come finalità primarie del Comune: - assicurare alla cittadinanza servizi che, nel limiti imposti dalle compatibilità economiche, dalle acquisizioni tecnologiche e dalle disponibilità impiantistiche, rispondano alla fondamentale esigenza di contribuire alla corretta gestione del territorio e alla sua difesa, salvaguardando oltre alle condizioni igienico-sanitarie della collettività anche quelle ambientali, nonché favorendo il risparmio di materie prime e delle fonti energetiche; - informare i cittadini dell'importanza che assume un'economica ed efficiente gestione dei rifiuti ai fini dell'equilibrio ambientale e rendere gli stessi consapevoli della necessità di concorrere alla gestione di sistemi di smaltimento adeguati alla normativa vigente; - considerare pertanto i servizi di raccolta, trasporto e smaltimento dei rifiuti come un sistema integrato di raccolte differenziate di frazioni da valorizzarsi attraverso il riutilizzo, il recupero, il riciclaggio, il compostaggio o da smaltirsi secondo particolari procedure per motivi di sicurezza igienico-ambientale, o per frazioni di rifiuti indifferenziati non riutilizzabili da smaltirsi in discarica controllata o impianto di termo-utilizzazione, nel rispetto comunque delle normative vigenti e degli strumenti programmatori adottati. 1.2 Igiene del territorio Obiettivo irrinunciabile ed assolutamente da perseguire è il mantenimento della situazione di igiene e di decoro del territorio comunale. Il Comune vi provvede con i servizi di raccolta rifiuti, nonché con i servizi di spazzamento ed i servizi collaterali meglio specificati nei prossimi paragrafi. 1.3 Incremento %RD Gli obiettivi di raccolta differenziata sono previsti dall'art. 205 del D.Lgs. 152/06 e dall'articolo 1, comma 1108^, della Legge 296/2006 (finanziaria 2007). In particolare la suddetta normativa prevede il raggiungimento graduale presso ciascun Ambito Territoriale Ottimale del 65% di raccolta differenziata entro il 31 dicembre 2012, fissando i seguenti obiettivi intermedi: - entro il 31 dicembre 2006 il 35%; - entro il 31 dicembre 2007 il 40%; - entro il 31 dicembre 2008 il 45%; - entro il 31 dicembre 2009 il 50%; - entro il 31 dicembre 2011 il 60% - entro il 31 dicembre 2012 il 65% La situazione in termini di %R.D. del Comune di Borgomanero è la seguente: 1

2 ANNO % R.D. DEL COMUNE DI BORGOMANERO OBIETTIVI DI % R.D. DI LEGGE , , , , , , , , , , , , , , , , , Obiettivi sociali formativi informativi Al continuo e virtuoso incremento dei quantitativi di rifiuti avviati a recupero deve sempre di più affiancarsi anche un incremento della qualità dei rifiuti differenziati, qualità che ogni cittadino può garantire seguendo le indicazioni sulle modalità di differenziazione indicate nell Ecocalendario distribuito dal Consorzio Medio Novarese. Per tale motivo tramite il Consorzio Medio Novarese, il Comune ha attuato sistematiche campagne informative e di sensibilizzazione tramite incontri di formazione delle scuole, campagne informative tramite opuscoli alla cittadinanza, fornitura di open-box per la raccolta differenziata nelle scuole e controlli presso le utenze. In tal modo la raccolta differenziata ed i suoi vantaggi possono diventare conoscenza diffusa che porta a virtuose pratiche quotidiane. Il Comune di Borgomanero ha inoltre sviluppato azioni formative tramite Giovani e Ambiente, nonché la Casa dell Acqua (Acqua NO VCO), la quale ha erogato, nel periodo di funzionamento tra settembre 2012 e gennaio 2015, litri, pari ad un quantitativo giornaliero di circa 354 litri ed ha permesso un risparmio di circa bottiglie in plastica. 2. Modello gestionale e organizzativo 2.1 Il Consorzio Medio Novarese e Medio Novarese Ambiente Spa Ai sensi dell articolo 11 della L.R. 24/2002 della Regione Piemonte, il Comune di Borgomanero assicura l'organizzazione in forma associata dei servizi gestione in forma integrata dei conferimenti separati, della raccolta differenziata, della raccolta e del trasporto, attraverso il Consorzio Gestione Rifiuti Medio Novarese, consorzio di bacino a cui il Comune aderisce. Ai sensi dell art. 3, comma 2^, del proprio statuto, il Consorzio nell esercizio delle proprie funzioni di governo assicura obbligatoriamente l organizzazione dei servizi di spazzamento stradale, dei conferimenti separati, dei servizi di raccolta differenziata e di raccolta del rifiuto indifferenziato, della realizzazione delle strutture al servizio della raccolta differenziata dei rifiuti urbani, del conferimento agli impianti tecnologici ed alle discariche, nonché la rimozione dei rifiuti di cui all articolo 14 D.Lgs. 5 febbraio 1997, n. 22, e all articolo 8 della Legge Regionale del Piemonte 24 ottobre 2002, n. 24; effettua inoltre la scelta ed esercita i poteri di vigilanza nei confronti dei soggetti gestori, adottando le conseguenti deliberazioni. 2

3 Il Consorzio è perciò titolare dei servizi di raccolta, trasporto e smaltimento dei rifiuti solidi urbani. La gestione dei sopra citati servizi è stata affidata dal Consorzio alla propria ditta, Medio Novarese Ambiente Spa, appaltatore perciò dei servizi Modalità di effettuazione della raccolta La raccolta dei rifiuti avviene in modo differenziato col sistema domiciliare porta-a-porta. Ai fini del servizio di raccolta sono state definite varie tipologie di utenze: : utenze di diversa natura e fino a un massimo di 3 nuclei familiari per numero civico. : utenze condominiali o di diversa natura superiore di norma ai 4 nuclei famigliari per numero civico. Possono dotarsi di cassonetti carrellati da litri 120/240/660/1100, i cui costi e la relativa manutenzione sono a loro carico. : bar, ristoranti, pizzerie e mense,supermercati, discount, mense, ospedali, comunità, scuole, uffici pubblici, ecc. Possono dotarsi di cassonetti carrellati da litri 120/240/660/1100, i cui costi e la relativa manutenzione sono a loro carico. commerciali, industriali, artigianali: possono dotarsi di cassonetti carrellati da litri 120/240/660/1100, i cui costi e la relativa manutenzione sono a loro carico. I cassonetti devono essere esposti a bordo strada o all interno dello stabile purché sia garantito il libero accesso dei mezzi di raccolta. Le varie frazioni di rifiuto vengono raccolte con le frequenze di seguito indicate: Tipo di Servizio Frequenza del Servizio Tipologie di utenze Note SECCO NON RICICLABILE (INDISTINTO) Settimanale commerciali industriali, artigianali utilizzo del sacco grigio coprente o del sacco nero da esporre ben chiuso sulla pubblica via. utilizzo del sacco grigio coprente o del sacco nero depositato nei cassonetti da litri 240/660/ volte a settimana Case di cura, asili nido utilizzo del sacco grigio coprente o del sacco nero depositato nei cassonetti da litri 240/660/1100. ORGANICO (UMIDO) Bisettimanale utilizzo del sacco in Mater-bi o di carta chiuso depositato in contenitori da litri 7/10 o 25/30. utilizzo del sacco in Mater-bi o di carta chiuso depositato dai singoli utenti in cassonetti da litri 120/240/660. 3

4 Bisettimanale, 3 volte alla settimana dalla 3 settimana di giugno alla 3 di settembre deposito del rifiuto organico in cassonetti da litri 120/240/660 (preferibilmente in sacco in mater-bi o di carta chiuso) CARTA E CARTONE Settimanale utilizzo di un contenitore rigido di proprietà dell utenza, di sacchetti e scatole di carta o legato in pacchi. introduzione del materiale sfuso nei cassonetti da litri 120/240/660/1100. introduzione del materiale sfuso nei cassonetti da litri 120/240/660/1100. CARTONI DITTE 2 volte alla settimana commerciali industriali artigianali in tutto il Comune (ad eccezione di C.so Garibaldi, C.so Mazzini, C.so Cavour, C.so Roma 1 tratto, P.zza Martiri, P.zza Mora e Gibin, P.zza Mazzini, P.zza XX Settembre, P.zza XXV Aprile): esposizione da parte degli utenti entro le ore 6.00 del giorno di raccolta dei cartoni ben piegati e impacchettati a bordo strada o all interno dell azienda purché sia garantito il libero accesso dei mezzi di raccolta del giorno prestabilito. In C.so Garibaldi, C.so Mazzini, C.so Cavour, C.so Roma 1 tratto, P.zza Martiri, P.zza Mora e Gibin, P.zza Mazzini, P.zza XX Settembre, P.zza XXV Aprile: raccolta serale nel giorno previsto per la raccolta nel resto del territorio di Borgomanero, con esposizione dei cartoni dopo le ore e non oltre le ore 20.00, alla chiusura dei negozi. IMBALLAGGI IN PLASTICA Settimanale utilizzo del sacco giallo coprente da esporre ben chiuso sulla pubblica via. utilizzo del sacco giallo coprente depositato nei cassonetti da litri 120/240/660/1100. utilizzo del sacco giallo coprente depositato nei cassonetti da litri 120/240/660/1100. VETRO 1 volta ogni 15 giorni Utilizzo di un contenitore rigido di proprietà dell utenza (in plastica o metallo) 4

5 Settimanale Introduzione del materiale sfuso nei cassonetti da litri 120/240/660. Introduzione del materiale sfuso nei cassonetti da litri 120/240/660 LATTINE, PICCOLI METALLI ECC.: 1 volta ogni 15 giorni utilizzo di un contenitore rigido di proprietà dell utenza (in plastica o metallo) introduzione del materiale sfuso nei cassonetti da litri 120/240/660. introduzione del materiale sfuso nei cassonetti da litri 120/240/660 PILE Mensile la raccolta delle pile esauste dovrà avvenire mediante lo svuotamento dei contenitori in PET ubicati presso le scuole, i rivenditori di pile, elettrodomestici, tabacchi, giocattoli, orologi, ecc., e dei contenitori stradali che l'amministrazione collocherà nelle vie cittadine. FARMACI Settimanale la raccolta dei farmaci scaduti dovrà avvenire mediante lo svuotamento dei contenitori di proprietà comunale ubicati presso le farmacie Modalità di conferimento dei rifiuti da parte dei cittadini Le modalità che le utenze devono seguire per conferire i rifiuti sono più precisamente le seguenti: Tipo di rifiuto Carta e cartone Plastica Modalità di conferimento Per le utenze dei numeri civici composti da un massimo di tre famiglie, la carta ed il cartone vanno conferiti raccolti in pacchi debitamente legati o sistemati in sacchetti di carta o scatole di cartone (no in sacchetti di plastica), o contenitori rigidi di proprietà, comunque di ridotte dimensioni in modo che siano facilmente asportabili dagli operatori della raccolta. Per le utenze dei numeri civici costituiti da quattro o più famiglie i rifiuti vanno conferiti negli appositi cassonetti acquistabili presso la ditta Medio Novarese Ambiente S.p.A. Per le utenze costituite da un massimo di tre famiglie, sono oggetto della raccolta gli imballaggi in plastica che vanno conferiti i più puliti possibile esclusivamente in sacchi gialli. Per le utenze costituite da quattro o più famiglie i rifiuti vanno conferiti negli appositi cassonetti acquistabili presso la ditta Medio Novarese Ambiente S.p.A. Per attività commerciali che conferiscono cellophane e polistirolo Si deve contattare il MEDIO NOVARESE AMBIENTE S.p.A. per 5

6 ottimizzare il servizio di raccolta. Lattine e metalli Vetro Organico Indistinto Verde Rifiuti ingombranti Altri rifiuti I contenitori ed i piccoli oggetti in alluminio e banda stagnata, vanno conferiti: per le utenze fino a tre famiglie in contenitori di proprietà, rigidi e di dimensioni tali da essere facilmente spostabili dall operatore che li raccoglie (es. secchielli e cassette); per le utenze costituite da quattro o più famiglie i rifiuti vanno conferiti negli appositi cassonetti acquistabili presso la ditta Medio Novarese Ambiente S.p.A. I contenitori in vetro vanno conferiti: per le utenze fino a tre famiglie in contenitori di proprietà, rigidi e di dimensioni tali da essere facilmente spostabili dall operatore che li raccoglie (es. secchielli); per le utenze costituite da quattro o più famiglie i rifiuti vanno conferiti negli appositi cassonetti acquistabili presso la ditta Medio Novarese Ambiente Non si garantisce la raccolta del vetro se conferito in borse di plastica. Il rifiuto organico, costituito da scarti di cucina, va collocato negli appositi contenitori verdi piccoli forniti in dotazione, all interno di appositi sacchetti biodegradabili in Mater-bi, oppure in sacchetti di carta o avvolto in carta di giornale quotidiano. Il conferimento avviene ponendo a bordo strada il sacchetto ben chiuso nel contenitore verde grosso dato in dotazione, per le utenze fino a tre famiglie, oppure negli apposti cassonetti, acquistabili presso la ditta Medio Novarese Ambiente S.p.A., per le utenze costituite da quattro o più famiglie. Il rifiuto indistinto va conferito a bordo strada esclusivamente in sacchi grigi o neri oppure negli appositi cassonetti acquistabili presso la ditta Medio Novarese Ambiente S.p.A. Come rifiuto indistinto s intende l insieme dei rifiuti non differenziabili, purché di dimensioni e peso tali da essere contenuti esclusivamente nel sacco grigio o nero. I rifiuti vegetali vanno conferiti presso la stazione di conferimento di Via Resega.Esiste inoltre un apposito servizio porta a porta: per prenotazioni rivolgersi al Comune telefonando al n. 0322/ (dal lunedì al giovedì dalle alle 13.00). I cittadini possono conferire direttamente i rifiuti ingombranti presso la stazione di conferimento di Via Resega. Esiste inoltre un apposito servizio gratuito porta a porta: per prenotazioni rivolgersi al Comune telefonando al n. 0322/ (dal lunedì al giovedì dalle alle 13.00). Il servizio porta a porta non ritira tv e monitor ed in generale tutti gli altri piccoli elettrodomestici, inerti, pneumatici, lastre di vetro, specchi e qualsiasi oggetto che potrebbe frantumarsi durante le operazioni di carico. Il servizio porta a porta non ritira i rifiuti che per ridotte dimensioni possono essere trasportati in piattaforma con i propri mezzi dall utente. Le PILE e le cartucce esauste possono essere conferite presso la stazione di conferimento di Via Resega. I FARMACI scaduti vanno conferiti presso la stazione di conferimento di Via Resega oppure negli appositi contenitori, posizionati presso le farmacie e gli ambulatori medici. Le BATTERIE DELLE AUTOMOBILI, qualora siano cambiate dal privato cittadino e non dall elettrauto o dal meccanico, vanno conferite presso la stazione di conferimento di Via Resega. Gli INDUMENTI potranno essere conferiti negli appositi contenitori stradali dislocati sul territorio comunale. Gli OLI E I GRASSI ALIMENTARI ESAUSTI (quali oli da frittura, olio delle scatolette, oli scaduti) possono essere conferiti presso la stazione di conferimento di Via Resega 6

7 Tutte queste informazioni del servizio sono riportate sull Ecocalendario che il Consorzio Medio Novarese realizza e distribuisce annualmente alle utenze di Borgomanero. Il Comune fornisce gratuitamente ai cittadini i sacchi per la plastica e per l indistinto (52 sacchi all anno per ciascuna tipologia di rifiuto), ritirabili presso la piastra ecologica di Via Resega su presentazione della cartella Centro di raccolta rifiuti Presso il centro di raccolta rifiuti, ubicato in Via Resega (traversa di Via Novara, in zona Meda), è possibile conferire i seguenti materiali: carta, cartone, plastica, vetro, vetro in lastre, legno, verde domestico, metalli, indumenti, ingombranti, rifiuti inerti in modeste quantità, oli vegetali e oli minerali, batterie auto, pile, RAEE, medicinali, cartucce esauste di stampa. Il centro segue i seguenti orari di apertura: Lunedì Martedì Mercoledì Giovedì Venerdì Sabato Invernale dal 01/10 al 30/04 Estivo dal 01/05 al 31/10 Mattino Pomeriggio Mattino Pomeriggio chiuso 13,30-16,15 chiuso 14-16, ,30 13,30-16, , , ,30 13,30-16, , , ,30 13,30-16, , , ,30 13,30-16, , , ,30 13,30-16, , ,45 La stazione di conferimento resta chiusa nei giorni festivi. Presso la stazione di conferimento possono essere ritirati i sacchi per la plastica e per l indistinto previa presentazione della cartella esattoriale Spazzamento stradale È attivo il servizio di spazzamento stradale meccanizzato di tutto il territorio comunale, a seconda del programma stabilito, dei rifiuti giacenti sulle strade ed aree pubbliche o sulle strade ed aree private comunque soggette ad uso pubblico quali vie, viali, piazze, e aree mercatali, attraverso l utilizzo di spazzatrici. Il servizio è attivo 6 giorni la settimana. Gli interventi di spazzamento sono giornalieri, bisettimanali e due volte al mese in funzione della ripartizione in zone del territorio comunale interessato al servizio in modo tale da garantire una costante pulizia; le zone con le vie, le piazze e parcheggi. È inoltre attivo un servizio di spazzamento manuale dei rifiuti giacenti sulle predette strade ed aree pubbliche e sui marciapiedi, che provvede anche allo svuotamento dei cestini porta rifiuti stradali, con relativa fornitura dei sacchi a perdere Altri principali servizi di igiene pubblica È attivo il servizio di rimozione, raccolta e trasporto di tutti i rifiuti giacenti sulle aree mercatali con successivo adeguato ed accurato spazzamento meccanizzato e manuale ed allo svuotamento dei cestini stradali porta rifiuti. È attivo il servizio settimanale di raccolta e trasporto dei rifiuti abbandonati lungo le strade pubbliche ed a uso pubblico con relativa fascia o scarpata oltre la banchina stradale. È attivo il servizio di lavaggio cassonetti con apposita attrezzatura con le seguenti frequenze annuali: 2 volte indistinto, 12 volte umido, 1 volta lattine, 1 volta il vetro. 3. Ricognizione impianti esistenti Gli impianti a cui vengono conferiti i rifiuti sono quelli in convenzione con il Consorzio Medio Novarese o con Medio Novarese Ambiente Spa, gestore della piattaforma ecologica di Via 7

8 Resega. Per motivi organizzativi infatti molte tipologie di rifiuti vengono conferite preliminarmente nella piattaforme ecologia di Via Resega al fine di ottimizzare i carichi verso gli impianti finali. Il Consorzio Medio Novarese e Medio Novarese Ambiente Spa dispongo di convenzioni con il circuito CONAI, con il circuito del CDC RAEE e con impianti privati. Il destino delle principali tipologie di rifiuti del Comune di Borgomanero è il seguente: Tipo di rifiuto Carta e cartone Plastica Vetro Lattine Umido Verde Indistinto RAEE Destino Impianti di COMIECO (Circuito CONAI) Impianti di COREPLA (Circuito CONAI) Impianti di COREVE (Circuito CONAI) Impianti CNA (Circuito CONAI) Impianto Koster Srl (San Nazzaro Sesia) Impianto Koster Srl (San Nazzaro Sesia Impianto A2A (Barengo) Impianti CDC RAEE 8

9 COMUNE DI BORGOMANERO SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI PIANO FINANZIARIO PER L ESERCIZIO Risorse finanziarie necessarie Le risorse finanziarie complessivamente necessarie all espletamento del servizio e che verranno coperte attraverso l applicazione della TARI sono pari ad ,00 di cui ,00 (IVA al 10% compresa) per costi sostenuti dal Consorzio ed ,00 per costi sostenuti dal Comune, tali da coprire il 100% dei costi complessivi preventivati come da seguente prospetto. CG ANNO 2015 Prospetto riassuntivo 2016 CG - Costi operativi di Gestione , ,87 CC- Costi comuni , ,18 CK - Costi d'uso del capitale , ,27 Minori entrate per riduzioni , ,00 Agevolazioni , ,00 Contributo Comune per agevolazioni , ,00 Totale costi , ,32 Riduzione RD ut. Domestiche - RIPARTIZIONE COSTI FISSI E VARIABILI COSTI VARIABILI 2016 ANNO 2015 CRT - Costi raccolta e trasporto RSU , ,71 CTS - Costi di Trattamento e Smaltimento RSU , ,89 CRD - Costi di Raccolta Differenziata per materiale , ,93 CTR - Costi di trattamenti e riciclo , ,46 Riduzioni parte variabile , ,00 Totale , ,99 60,80% COSTI FISSI 2016 ANNO 2015 CSL - Costi Spazz. e Lavaggio strade e aree pubbl , ,88 CARC - Costi Amm. di accertam., riscoss. e cont , ,00 CGG - Costi Generali di Gestione , ,38 CCD - Costi Comuni Diversi , ,80 AC - Altri Costi 3.050, ,00 contributo MIUR , ,00 recupero evasione , ,00 Riduzioni parte fissa 8.000, ,00 Totale parziale , ,06 CK - Costi d'uso del capitale ,27 Totale , ,33 39,20% Totale fissi + variabili , ,32 100,00% 9

10 Lzamento e lavaggio strade Costo totale Quota fissa Q DETERMINAZIONE DELLA COPERTURA DEL FABBISOGNO FINANZIARIO Fabbisogno gestione corrente (100% della spesa) ,00 Proventi entrate tariffarie ,00 Altri proventi: ,00 contributo cessione ferro e batterie rimborso Miur recupero evasione , , ,00 Saldo gestione corrente 0,00 I costi sopra riportati sono comprensivi di iva al 10%. Sono suddivisi, in base all art.1 del DPR 158/99, Allegato 1, tra costi di gestione (CG) afferenti i diversi servizi attinenti i rifiuti solidi urbani, costi comuni (CC), costi d uso del capitale (CK). I costi di gestione sono a loro volta suddivisi tra costi di gestione dei servizi su RSU indifferenziati in cui vengono compresi: - I costi di spazzamento e lavaggio strade e piazze pubbliche - I costi di raccolta e trasporto RSU - I costi di trattamento e smaltimento RSU e costi di gestione del ciclo della raccolta differenziata in cui sono compresi: - I costi di raccolta e trasporto frazioni differenziate - I costi di trattamento e recupero raccolte differenziate, al netto dei costi relativi alla raccolta dei rifiuti di imballaggio,coperti dal Conai (Consorzio Nazionale Imballaggi). La voce di costo spazzamento e lavaggio strade comprende i costi del servizio che verrà svolto con le stesse modalità degli anni precedenti. I costi comuni comprendono i costi amministrativi relativi ad accertamento, contenzioso e i costi generali di gestione; in quest ultima voce vengono compresi anche i costi diretti del Comune, riferiti alla voce Personale, nella quale vengono conteggiati per quota parte costi relativi a personale dell ufficio tributi e dell ufficio ambiente. I costi d uso del capitale comprendono gli ammortamenti e gli accantonamenti e sono relativi alla quota che, sulla scorta del bilancio del soggetto gestore, viene imputata al Comune di Borgomanero. 10

11 Gli scostamenti rispetto all esercizio 2014 sono i seguenti: Descrizione differenza Costi Consorzio Medio Novarese , , ,00 A dedurre cessione ferro e batterie: , , ,00 TOTALE COSTI CONSORZIO , , ,00 Costi di competenza del Comune: - gestione del servizio , ,00 - costi d uso del capitale 5.651, ,00 - accertamento e riscossione , ,00 - fondo svalutazione crediti - TOTALE COSTI COMUNE A dedurre Recupero evasione , , , , , , ,00 Rimborso Miur per edifici scolastici , ,00 MINORI ENTRATE PER RIDUZIONI , ,00 Entrate da tassa rifiuti - TARI , ,00 Nel complesso i costi sostenuti dal Consorzio sono previsti in riduzione rispetto al 2015 dell 1,07%. I costi di competenza del Comune per la gestione del servizio includono anche parte del personale dell ufficio tecnico e vengono inclusi nel calcolo della percentuale di copertura anche i costi d uso del capitale e i costi di accertamento e riscossione e il fondo svalutazione crediti. Complessivamente il gettito della tassa (Tari) si riduce dello 0,13%. 5. Grado di copertura rispetto al precedente esercizio Il grado di copertura previsto nel 2015 era pari al 100%. Anche nell anno in corso viene determinato l obiettivo della copertura totale dei costi. 11

COMUNE DI BORGOMANERO SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI PIANO FINANZIARIO PER L ESERCIZIO SEZIONE DESCRITTIVA -

COMUNE DI BORGOMANERO SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI PIANO FINANZIARIO PER L ESERCIZIO SEZIONE DESCRITTIVA - COMUNE DI BORGOMANERO SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI PIANO FINANZIARIO PER L ESERCIZIO 2017 - SEZIONE DESCRITTIVA - 1. Obiettivi dell Amministrazione 1.1 Finalità della gestione dei rifiuti

Dettagli

COMUNE DI BORGOMANERO SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI PIANO FINANZIARIO PER L ESERCIZIO SEZIONE DESCRITTIVA -

COMUNE DI BORGOMANERO SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI PIANO FINANZIARIO PER L ESERCIZIO SEZIONE DESCRITTIVA - COMUNE DI BORGOMANERO SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI PIANO FINANZIARIO PER L ESERCIZIO 2019 - SEZIONE DESCRITTIVA - 1. Obiettivi dell Amministrazione 1.1 Finalità della gestione dei rifiuti

Dettagli

PIANO FINANZIARIO TARI

PIANO FINANZIARIO TARI COMUNE DI VIMERCATE PIANO FINANZIARIO TARI EX ART. 8 D.P.R. 27 APRILE 1999, N. 158. EX ART. 14 DL 6.12.2011 N. 201 1 Il piano finanziario E il quadro di sintesi, che evidenzia: i costi, che dovranno essere

Dettagli

Piano Finanziario Tariffa rifiuti anno 2018.

Piano Finanziario Tariffa rifiuti anno 2018. COMUNE DI BORGO SAN GIOVANNI PROVINCIA DI LODI Piano Finanziario Tariffa rifiuti anno 2018. In allegato alla Deliberazione C.C. n. 6 del 01.03.2018 Il Segretario Comunale F.to Dott.ssa Francesca Saragò

Dettagli

COMUNE DI CERES RELAZIONE E PIANO FINANZIARIO TASSA RIFIUTI ANNO 2015

COMUNE DI CERES RELAZIONE E PIANO FINANZIARIO TASSA RIFIUTI ANNO 2015 COMUNE DI CERES RELAZIONE E PIANO FINANZIARIO TASSA RIFIUTI ANNO 2015 INDICE Premessa 1. Gli obiettivi di fondo dell Amministrazione Comunale 1.1 Obiettivi di gestione urbana 1.2 Obiettivi di riduzione

Dettagli

CG - COSTI OPERATIVI DI GESTIONE

CG - COSTI OPERATIVI DI GESTIONE B6 materie di consumo e merci B7 Servizi CG - COSTI OPERATIVI DI GESTIONE B8 Godimento beni di terzi B9 Personale B11 Variazioni rimanenze B12 accanton. per rischi B13 altri accantonam. B14 Oneri diversi

Dettagli

CG - COSTI OPERATIVI DI GESTIONE

CG - COSTI OPERATIVI DI GESTIONE B6 materie di consumo e merci B7 Servizi CG - COSTI OPERATIVI DI GESTIONE B8 Godimento beni di terzi B11 Variazioni rimanenze B12 accanton. per rischi B13 altri accantonam. B14 Oneri diversi CGIND Ciclo

Dettagli

ATTENZIONE!!! ULTIMA VERSIONE SOSTITUISCE LE PRECEDENTI

ATTENZIONE!!! ULTIMA VERSIONE SOSTITUISCE LE PRECEDENTI ATTENZIONE!!! ULTIMA VERSIONE SOSTITUISCE LE PRECEDENTI RAEE (rifiuti elettronici) Cosa sono i RAEE? Sono i rifiuti costituiti dalle apparecchiature elettriche ed elettroniche quali: i grandi elettrodomestici

Dettagli

Allegato 1. PIANO FINANZIARIO Ai sensi del DPR. 158/1998

Allegato 1. PIANO FINANZIARIO Ai sensi del DPR. 158/1998 Allegato 1 PIANO FINANZIARIO Ai sensi del DPR. 158/1998 ANNO 2017 COMUNE DI ARONA PIANO FINANZIARIO 2017 Relazione illustrativa Il Comune di Arona conta al 6/12/201514.161 abitanti, 14.092 utenze domestiche

Dettagli

SANTORSO (VI): TARIFFA PUNTUALE

SANTORSO (VI): TARIFFA PUNTUALE SANTORSO (VI): TARIFFA PUNTUALE integrata con un nuovo sistema di raccolta rifiuti (TIA + -BINGest ) p.i. Zanardello Samuele NOVE (VI) 1- La raccolta dei Rifiuti anno 2016 GRAZIE ALLA COLLABORAZIONE DEI

Dettagli

B9 Personale. Verde 50% -

B9 Personale. Verde 50% - B6 materie di consumo e merci B7 Servizi CG - COSTI OPERATIVI DI GESTIONE B8 Godimento beni di terzi B11 Variazioni rimanenze B12 accanton. per rischi B13 altri accantonam. B14 Oneri diversi CGIND Ciclo

Dettagli

CG - COSTI OPERATIVI DI GESTIONE

CG - COSTI OPERATIVI DI GESTIONE CG - COSTI OPERATIVI DI GESTIONE B6 materie di consumo e merci B7 Servizi B8 Godimento beni di terzi B11 Variazioni rimanenze B12 accanton. per rischi B13 altri accantonam. B14 Oneri diversi CGIND Ciclo

Dettagli

CG - COSTI OPERATIVI DI GESTIONE

CG - COSTI OPERATIVI DI GESTIONE B6 materie di consumo e merci B7 Servizi CG COSTI OPERATIVI DI GESTIONE B8 Godimento beni di terzi B9 Personale B11 Variazioni rimanenze B12 accanton. per rischi B13 altri accantonam. B14 Oneri diversi

Dettagli

CG - COSTI OPERATIVI DI GESTIONE B6 B7 B8 B9 B11 B12 B13 B14

CG - COSTI OPERATIVI DI GESTIONE B6 B7 B8 B9 B11 B12 B13 B14 CG COSTI OPERATIVI DI GESTIONE B6 B7 B8 B9 B11 B12 B13 B14 Materie di consumo e merci Costi direttamente sostenuti dall'ente Servizi Godimento beni di terzi Personale Variazioni rimanenze Accantona Altri

Dettagli

CG - COSTI OPERATIVI DI GESTIONE COMUNE DI SPINAZZOLA PREVISIONE ANNO

CG - COSTI OPERATIVI DI GESTIONE COMUNE DI SPINAZZOLA PREVISIONE ANNO CG - COSTI OPERATIVI DI GESTIONE COMUNE DI SPINAZZOLA PREVISIONE ANNO 2017 - B6 materie di consumo e merci B7 Servizi B8 Godimento B9 Personale B11 Variazioni B12 accanton. per B13 altri B14 Oneri diversi

Dettagli

CG - COSTI OPERATIVI DI GESTIONE

CG - COSTI OPERATIVI DI GESTIONE B6 materie di consumo e merci B7 Servizi B8 Godimento beni di terzi CG COSTI OPERATIVI DI GESTIONE B11 Variazioni rimanenze B12 accanton. per rischi CGIND Ciclo dei rifiuti urbani indifferenziati costo

Dettagli

CG - COSTI OPERATIVI DI GESTIONE

CG - COSTI OPERATIVI DI GESTIONE B6 materie di consumo e merci B7 Servizi B8 Godimento beni di terzi CG COSTI OPERATIVI DI GESTIONE B11 Variazioni rimanenze B12 accanton. per rischi CGIND Ciclo dei rifiuti urbani indifferenziati costo

Dettagli

TASSA RIFIUTI - TARI PIANO FINANZIARIO E RELATIVA RELAZIONE ESERCIZIO 2014

TASSA RIFIUTI - TARI PIANO FINANZIARIO E RELATIVA RELAZIONE ESERCIZIO 2014 ALLEGATO A) TASSA RIFIUTI - TARI PIANO FINANZIARIO E RELATIVA RELAZIONE ESERCIZIO 2014 1 Premessa L art. 1 comma 639 della L. 147/2013, che istituisce l imposta unica comunale (IUC) che si compone dell'imposta

Dettagli

Andamento costi (IVA inclusa)

Andamento costi (IVA inclusa) Andamento costi (IVA inclusa) Voce Sottovoce CG CG IND CSL Costi di spazzamento e lavaggio strade Costo servizio 380.78 380.78 380.71 380.72 382.70 382.70 Pulizia fiere/manifestazioni Servizi aggiuntivi

Dettagli

COMUNE. PROGRAMMA ANNUALE DELLE ATTIVITA' - Previsione Anno. DATI del COMUNE GESTITO PREVISIONE DATI DELLA RACCOLTA RIFIUTI

COMUNE. PROGRAMMA ANNUALE DELLE ATTIVITA' - Previsione Anno. DATI del COMUNE GESTITO PREVISIONE DATI DELLA RACCOLTA RIFIUTI PROGRAMMA ANNUALE DELLE ATTIVITA' - Previsione Anno DATI del COMUNE GESTITO COMUNE DESCRIZIONE GENERICA DEI SERVIZI SVOLTI DESCRIZIONE GENERICA UTENZE Rifiuti Indifferenziati Raccolta Umido Raccolta Carta

Dettagli

Servizio Gestione Rifiuti ed Igiene Ambientale. Preventivo Rev.

Servizio Gestione Rifiuti ed Igiene Ambientale. Preventivo Rev. ALLEGATO A) PF_2017 DPR 158/99 abitanti 8.459 SERVIZI DI TRATTAMENTO E SMALTIMENTO COSTI DI TRATTAMENTO E SMALTIMENTO CTS Rifiuti urbani ed assimilati indifferenziati t 130,00 1.053,45 136.948,50 10% CTS

Dettagli

COMUNE DI MANTA DATI GENERALI

COMUNE DI MANTA DATI GENERALI COMUNE DI MANTA Scheda servizi DATI GENERALI ANAGRAFICI Abitanti 3.749 Ut. Domestiche 1688 Ut. Non Domestiche 70 PRODUZIONI ANNO 2016 Rifiuto t/anno Raccolta RSU 461 PaP Carta 125 PaP Plastica 88 PaP Organico

Dettagli

COMUNE DI SQUINZANO Provincia di Lecce

COMUNE DI SQUINZANO Provincia di Lecce COMUNE DI SQUINZANO Provincia di Lecce PIANO FINANZIARIO 2013 EX ART. 8 D.P.R. 27 APRILE 1999, N. 158. PREMESSA NORMATIVA Dal 28 Dicembre 2011 è in vigore la legge 214 conversione del Decreto Salva Italia

Dettagli

PIANO FINANZIARIO 2014.

PIANO FINANZIARIO 2014. 1 ALLEGATO A DELIBERAZIONE DI C.C. n. COMUNE DI SERRACAPRIOLA Provincia di Foggia PIANO FINANZIARIO 2014. ( EX. ART.8 D.P.R. 27 APRILE 1999, N.158) 2 INDICE 1. PREMESSA. 2. MODALITA DEL SERVIZIO DI GESTIONE

Dettagli

COMUNE DI BOSCHI SANT ANNNA Provincia di Verona

COMUNE DI BOSCHI SANT ANNNA Provincia di Verona COMUNE DI BOSCHI SANT ANNNA Provincia di Verona PIANO FINANZIARIO E RELAZIONE DI ACCOMPAGNAMENTO PER IL TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI E SERVIZI ANNO 2013 ai sensi dell art. 8 del DPR 27 Aprile 1999, n.158

Dettagli

COMUNE DI FAEDIS RELAZIONE E PIANO FINANZIARIO TARIFFA RIFIUTI E SERVIZI ANNO

COMUNE DI FAEDIS RELAZIONE E PIANO FINANZIARIO TARIFFA RIFIUTI E SERVIZI ANNO COMUNE DI FAEDIS RELAZIONE E PIANO FINANZIARIO TARIFFA RIFIUTI E SERVIZI ANNO 2013 INDICE Premessa 1. Gli obiettivi di fondo dell Amministrazione Comunale 1.1 Obiettivi di gestione urbana 1.2 Obiettivi

Dettagli

COMUNE DI BARGE DATI GENERALI

COMUNE DI BARGE DATI GENERALI COMUNE DI BARGE Scheda servizi DATI GENERALI ANAGRAFICI Abitanti 7770 Ut. Domestiche 3192 Ut. Non Domestiche 650 PRODUZIONI ANNO 2016 Rifiuto t/anno Raccolta RSU 1375 Stradale Carta 219 Stradale Plastica

Dettagli

P.E.F Comune di Carpenedolo. Pagina 1 di 9

P.E.F Comune di Carpenedolo. Pagina 1 di 9 COSTI DI GESTIONE DEL CICLO DEI SERVIZI RIFIUTI INDIFFERENZIATI (CGIND) 58,33% 41,67% Costi spazzamento e lavaggio (CSL) spazzamento meccanico in appalto AIMERI Srl 40.000,00 10% 4.000,00 44.000,00 58,33%

Dettagli

PIANO FINANZIARIO TARES 2013

PIANO FINANZIARIO TARES 2013 PIANO FINANZIARIO TARES 2013 Il presente documento riporta gli elementi caratteristici del Piano Finanziario TARES tributo comunale sui rifiuti e sui servizi anno 2013, nuovo tributo relativo alla gestione

Dettagli

COMUNE DI BOSCHI SANT ANNNA Provincia di Verona

COMUNE DI BOSCHI SANT ANNNA Provincia di Verona COMUNE DI BOSCHI SANT ANNNA Provincia di Verona PIANO FINANZIARIO E RELAZIONE DI ACCOMPAGNAMENTO SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI ANNO 2016 ai sensi dell art. 8 del DPR 27 Aprile 1999, n.158

Dettagli

PIANO FINANZIARIO TARES

PIANO FINANZIARIO TARES PIANO FINANZIARIO TARES Comune di PISOGNE Premessa Nel 2013 viene introdotto in tutti i Comuni italiani il tributo comunale sui rifiuti e sui servizi (TARES) di cui all art. 14 D.Lgs. n 201/2011. Il nuovo

Dettagli

ATTENZIONE!!! ULTIMA VERSIONE SOSTITUISCE LE PRECEDENTI

ATTENZIONE!!! ULTIMA VERSIONE SOSTITUISCE LE PRECEDENTI ATTENZIONE!!! ULTIMA VERSIONE SOSTITUISCE LE PRECEDENTI RAEE (rifiuti elettronici) Cosa sono i RAEE? Sono i rifiuti costituiti dalle apparecchiature elettriche ed elettroniche quali: i grandi elettrodomestici

Dettagli

COMUNE DI CAVALLERLEONE DATI GENERALI

COMUNE DI CAVALLERLEONE DATI GENERALI COMUNE DI CAVALLERLEONE Scheda servizi DATI GENERALI ANAGRAFICI Abitanti 671 Ut. Domestiche 289 Ut. Non Domestiche 51 PRODUZIONI ANNO 2016 Rifiuto t/anno Raccolta RSU 112 PaP Carta 31 PaP Plastica 18 PaP

Dettagli

Per informazioni: ACSEL S.p.A

Per informazioni: ACSEL S.p.A www.sgsas.com ESPORRE I CONTENITORI: entro le ore 6.00 (raccolta al mattino) entro le ore 12.00 (raccolta al pomeriggio) ORGANICO E INDIFFERENZIATO: raccolta al mattino CARTA, VETRO E PLASTICA: raccolta

Dettagli

ATTENZIONE!!! ULTIMA VERSIONE SOSTITUISCE LE PRECEDENTI

ATTENZIONE!!! ULTIMA VERSIONE SOSTITUISCE LE PRECEDENTI ATTENZIONE!!! ULTIMA VERSIONE SOSTITUISCE LE PRECEDENTI RAEE (rifiuti elettronici) Cosa sono i RAEE? Sono i rifiuti costituiti dalle apparecchiature elettriche ed elettroniche quali: i grandi elettrodomestici

Dettagli

COMUNE DI GENOLA PROVINCIA DI CUNEO PIANO FINANZIARIOTARIFFA RIFIUTI ANNO 2013

COMUNE DI GENOLA PROVINCIA DI CUNEO PIANO FINANZIARIOTARIFFA RIFIUTI ANNO 2013 COMUNE DI GENOLA PROVINCIA DI CUNEO PIANO FINANZIARIOTARIFFA RIFIUTI ANNO 2013 ART. 8 D.P.R. 27 APRILE 1999, N. 158 RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA DELLA CONSISTENZA DEL SERVIZIO REDATTA AI SENSI DELL ART.

Dettagli

COMUNE DI PRADALUNGA PROVINCIA DI BERGAMO

COMUNE DI PRADALUNGA PROVINCIA DI BERGAMO COMUNE DI PRADALUNGA PROVINCIA DI BERGAMO PIANO FINANZIARIO RELATIVO AL O DI GESTIONE RIFIUTI URBANI Il presente Piano Finanziario, redatto in conformità a quanto previsto nel D.P.R. n. 158/1999 ha lo

Dettagli

COMUNE DI SAMPEYRE DATI GENERALI

COMUNE DI SAMPEYRE DATI GENERALI COMUNE DI SAMPEYRE Scheda servizi DATI GENERALI ANAGRAFICI Abitanti 1.014 Ut. Domestiche 3509 Ut. Non Domestiche 113 PRODUZIONI ANNO 2016 Rifiuto t/anno Raccolta RSU 449 Stradale Carta 45 Stradale Plastica

Dettagli

ATTENZIONE!!! ULTIMA VERSIONE SOSTITUISCE LE PRECEDENTI

ATTENZIONE!!! ULTIMA VERSIONE SOSTITUISCE LE PRECEDENTI ATTENZIONE!!! ULTIMA VERSIONE SOSTITUISCE LE PRECEDENTI RAEE (rifiuti elettronici) Cosa sono i RAEE? Sono i rifiuti costituiti dalle apparecchiature elettriche ed elettroniche quali: i grandi elettrodomestici

Dettagli

ATTENZIONE: IL PRESENTE CALENDARIO SOSTITUISCE QUELLO GIà IN VOSTRO POSSESSO

ATTENZIONE: IL PRESENTE CALENDARIO SOSTITUISCE QUELLO GIà IN VOSTRO POSSESSO ATTENZIONE: IL PRESENTE CALENDARIO SOSTITUISCE QUELLO GIà IN VOSTRO POSSESSO RAEE (rifiuti elettronici) Cosa sono i RAEE? Sono i rifiuti costituiti dalle apparecchiature elettriche ed elettroniche

Dettagli

COMUNE DI BOSCHI SANT ANNNA Provincia di Verona

COMUNE DI BOSCHI SANT ANNNA Provincia di Verona COMUNE DI BOSCHI SANT ANNNA Provincia di Verona PIANO FINANZIARIO E RELAZIONE DI ACCOMPAGNAMENTO SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI ANNO 2015 ai sensi dell art. 8 del DPR 27 Aprile 1999, n.158

Dettagli

PIANO FINANZIARIO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA SUI RIFIUTI

PIANO FINANZIARIO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA SUI RIFIUTI PIANO FINANZIARIO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA SUI RIFIUTI A) Premessa Il presente piano finanziario, redatto in conformità a quanto previsto nel D.P.R. n. 158/1999, ha lo scopo di fornire i dati utili

Dettagli

COMUNE DI BAGNOLO PIEMONTE DATI GENERALI

COMUNE DI BAGNOLO PIEMONTE DATI GENERALI COMUNE DI BAGNOLO PIEMONTE Scheda servizi DATI GENERALI ANAGRAFICI Abitanti 6024 Ut. Domestiche 4600 Ut. Non Domestiche 350 PRODUZIONI ANNO 2016 Rifiuto t/anno Raccolta RSU 1143 Stradale Carta 157 Stradale

Dettagli

ATTENZIONE!!! ULTIMA VERSIONE SOSTITUISCE LE PRECEDENTI

ATTENZIONE!!! ULTIMA VERSIONE SOSTITUISCE LE PRECEDENTI ATTENZIONE!!! ULTIMA VERSIONE SOSTITUISCE LE PRECEDENTI RAEE (rifiuti elettronici) Cosa sono i RAEE? Sono i rifiuti costituiti dalle apparecchiature elettriche ed elettroniche quali: i grandi elettrodomestici

Dettagli

LA GESTIONE DEI RIFIUTI

LA GESTIONE DEI RIFIUTI ALLEGATO C LA GESTIONE DEI RIFIUTI RELAZIONE TECNICA INDICE ART. 1 Ambiti operativi ART. 2 Articolazione del servizio ART. 3 Dotazione materiale per lo svolgimento del servizio ART. 4 Trend storico delle

Dettagli

COMUNE DI VEZZA D ALBA Allegato A) TARI 2018

COMUNE DI VEZZA D ALBA Allegato A) TARI 2018 COMUNE DI EZZA D ALBA Allegato A) TARI 2018 Parag. TIPO DI COSTO CODICE DESCRIZIONE Costi spazzamento e lavaggio strade e piazze pubbliche - 2013 2.1 COSTI DI GESTIONE CG CSL Costi spazzatrice (manutenzione

Dettagli

PIANO FINANZIARIO DEGLI INTERVENTI RELATIVI AL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI

PIANO FINANZIARIO DEGLI INTERVENTI RELATIVI AL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI DEGLI INTERVENTI RELATIVI AL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI EX ART. 8 D.P.R. 27 APRILE 1999, N. 158 COMUNE DI CAMPI BISENZIO Anno 2014-2016 TARIFFA RIFIUTI Indice 1. Gli obiettivi di fondo dell'amministrazione

Dettagli

PIANO FINANZIARIO A N N O

PIANO FINANZIARIO A N N O ALL. B TARI PIANO FINANZIARIO A N N O 2 0 1 8 Comune di Dogna Redatto ai sensi dell e art. 8 del DPR 27/04/99 n. 158 in applicazione della L. 27/12/2013 n. 147 Indice Premessa 1. Gli obiettivi di fondo

Dettagli

Servizio Gestione Rifiuti ed Igiene Ambientale CASTELNOVO SOTTO. Preventivo Rev. abitanti SERVIZI DI TRATTAMENTO E SMALTIMENTO

Servizio Gestione Rifiuti ed Igiene Ambientale CASTELNOVO SOTTO. Preventivo Rev. abitanti SERVIZI DI TRATTAMENTO E SMALTIMENTO ALLEGATO A) PF_2018 abitanti SERVIZI DI TRATTAMENTO E SMALTIMENTO 8.501 DPR 158/99 COSTI DI TRATTAMENTO E SMALTIMENTO U.M. Prezzo unitario Q.tà Totale aliq Iva % CTS Rifiuti urbani ed assimilati indifferenziati

Dettagli

Obiettivi della tariffa

Obiettivi della tariffa Scuola Agraria del Parco Obiettivi della tariffa TRIBUTO superare l impostazione reddituale e presuntiva (superficie e classi di produzione) della TARSU GESTIONE migliorare l efficienza gestionale dei

Dettagli

COMUNE DI FAEDIS RELAZIONE E PIANO FINANZIARIO TASSA RIFIUTI ANNO 2014

COMUNE DI FAEDIS RELAZIONE E PIANO FINANZIARIO TASSA RIFIUTI ANNO 2014 COMUNE DI FAEDIS RELAZIONE E PIANO FINANZIARIO TASSA RIFIUTI ANNO 2014 PREMESSA Il servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti viene effettuato con un sistema misto di raccolta utilizzando sia il servizio

Dettagli

RELAZIONE AL PIANO FINANZIARIO TARI 2018

RELAZIONE AL PIANO FINANZIARIO TARI 2018 RELAZIONE AL PIANO FINANZIARIO TARI 2018 1. Premessa Il presente documento riporta gli elementi caratteristici del Piano Finanziario TARI tributo comunale sui rifiuti per l anno 2014, relativo alla gestione

Dettagli

Relazione al Piano Finanziario Servizio Rifiuti anno 2014

Relazione al Piano Finanziario Servizio Rifiuti anno 2014 COMUNE DI PIEVE D OLMI PROVINCIA DI CREMONA Relazione al Piano Finanziario Servizio Rifiuti anno 2014 adottato ai sensi dell art. 8 del D.P.R. 27.04.1999, n.158 17 luglio 2014 A cura di Casalasca Servizi

Dettagli

La raccolta rifiuti a Marmirolo

La raccolta rifiuti a Marmirolo DATI A CONSUNTIVO 2014-2015: CONFRONTO La raccolta rifiuti a Marmirolo Nel 2015 la percentuale di raccolta differenziata è arrivata all 83,97%, contro l 82,23% dell anno precedente. I chilogrammi di rifiuti

Dettagli

COMUNE DI SANTA GIUSTA Provincia di Oristano PIANO ECONOMICO FINANZIARIO RELATIVO AL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI PER L ANNO 2013

COMUNE DI SANTA GIUSTA Provincia di Oristano PIANO ECONOMICO FINANZIARIO RELATIVO AL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI PER L ANNO 2013 COMUNE DI SANTA GIUSTA Provincia di Oristano PIANO ECONOMICO FINANZIARIO RELATIVO AL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI PER L ANNO 2013 Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n.

Dettagli

Raccolta Integrata Rifiuti e Tariffa Puntuale. Villafranca d Asti

Raccolta Integrata Rifiuti e Tariffa Puntuale. Villafranca d Asti Raccolta Integrata Rifiuti e Tariffa Puntuale Villafranca d Asti SITUAZIONE ANTECEDENTE Sistema di raccolta fino a marzo 2002 - RSU indifferenziati (cassonetti stradali) - Carta (cassonetti stradali) -

Dettagli

TARIFFA PUNTUALE CORRISPETTIVA PER LA COPERTURA DEI COSTI DEL SERVIZIO DI RACCOLTA E SMALTIMENTO RIFIUTI

TARIFFA PUNTUALE CORRISPETTIVA PER LA COPERTURA DEI COSTI DEL SERVIZIO DI RACCOLTA E SMALTIMENTO RIFIUTI COMUNE DI GAGLIANICO PIANO FINANZIARIO ai fini della determinazione della TARIFFA PUNTUALE CORRISPETTIVA PER LA COPERTURA DEI COSTI DEL SERVIZIO DI RACCOLTA E SMALTIMENTO RIFIUTI ANNO 2016 1. Premessa

Dettagli

ATTENZIONE!!! ULTIMA VERSIONE SOSTITUISCE LE PRECEDENTI

ATTENZIONE!!! ULTIMA VERSIONE SOSTITUISCE LE PRECEDENTI ATTENZIONE!!! ULTIMA VERSIONE SOSTITUISCE LE PRECEDENTI RAEE (rifiuti elettronici) Cosa sono i RAEE? Sono i rifiuti costituiti dalle apparecchiature elettriche ed elettroniche quali: i grandi elettrodomestici

Dettagli

DETERMINAZIONE N. 55 DEL 21/04/2016

DETERMINAZIONE N. 55 DEL 21/04/2016 DETERMINAZIONE N. 55 DEL 21/04/2016 OGGETTO: L. n. 147/2013, art. 1, co. 683. TARI. Approvazione dello schema di Piano finanziario per l anno 2016 del servizio di gestione dei rifiuti urbani nel Comune

Dettagli

COMUNE DI VERZUOLO SCHEDA SERVIZI FREQUENZA. da rimuovere. Sacch. semit. GRIGIO BISETTIMANALE Stradale Varie VERDE Porta a porta

COMUNE DI VERZUOLO SCHEDA SERVIZI FREQUENZA. da rimuovere. Sacch. semit. GRIGIO BISETTIMANALE Stradale Varie VERDE Porta a porta COMUNE DI VERZUOLO SCHEDA SERVIZI DATI GENERALI Abitanti 6435 Produzione RSU 2008 [t] 1691 Numero famiglie 2990 Produzione carta (stradale) 2008 [t] 184 Numero famiglie porta a porta/organico 2990 Produzione

Dettagli

Kc Kd. Utenze Non Domestiche. CODICE DESCRIZIONE Min App Max Min App Max

Kc Kd. Utenze Non Domestiche. CODICE DESCRIZIONE Min App Max Min App Max Utenze Non Domestiche Kc Kd CODICE DESCRIZIONE Min App Max Min App Max 1 Musei, biblioteche, scuole, associazioni, luoghi di culto 0,32 0,46 0,51 2,60 3,80 4,20 2 Campeggi, distributori carburante, impianti

Dettagli

BOSCHI SANT ANNA. Comune di. Determinazione delle tariffe della Tassa sui rifiuti- TARI. Allegato A) alla D.C.C. n. 09 del 29/04/2016.

BOSCHI SANT ANNA. Comune di. Determinazione delle tariffe della Tassa sui rifiuti- TARI. Allegato A) alla D.C.C. n. 09 del 29/04/2016. Comune di BOSCHI SANT ANNA Oggetto: Determinazione delle tariffe della Tassa sui rifiuti- TARI L. 147 del 27.12.2013 D.P.R. 27 aprile 1999, n. 158 Competenza: UFFICIO TRIBUTI DEL COMUNE DI BOSCHI SANT

Dettagli

PIANO FINANZIARIO DEGLI INTERVENTI RELATIVI AL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI

PIANO FINANZIARIO DEGLI INTERVENTI RELATIVI AL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI DEGLI INTERVENTI RELATIVI AL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI EX ART. 8 D.P.R. 27 APRILE 1999, N. 158 COMUNE DI SESTO FIORENTINO Anno 2014-2016 2017-2019 Versione luglio 2017 TARIFFA RIFIUTI Indice

Dettagli

COMUNE DI VILLANOVA SOLARO DATI GENERALI

COMUNE DI VILLANOVA SOLARO DATI GENERALI COMUNE DI VILLANOVA SOLARO Scheda servizi DATI GENERALI ANAGRAFICI Abitanti 771 Ut. Domestiche 331 Ut. Non Domestiche 24 PRODUZIONI ANNO 2016 Rifiuto t/anno Raccolta RSU 155 Stradale Carta 30 PaP Plastica

Dettagli

PIANO FINANZIARIO DEGLI INTERVENTI RELATIVI AL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI

PIANO FINANZIARIO DEGLI INTERVENTI RELATIVI AL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI DEGLI INTERVENTI RELATIVI AL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI EX ART. 8 D.P.R. 27 APRILE 1999, N. 158 COMUNE DI SESTO FIORENTINO Anno 2014-2016 2017-2019 Versione Dicembre 2016 TARIFFA RIFIUTI Indice

Dettagli

COMUNE DI PORTOGRUARO SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI PIANO FINANZIARIO PER L ESERCIZIO 2018

COMUNE DI PORTOGRUARO SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI PIANO FINANZIARIO PER L ESERCIZIO 2018 COMUNE DI PORTOGRUARO SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI PIANO FINANZIARIO PER L ESERCIZIO 2018 Premessa Dal 2014 con la legge n 147/2013 è in vigore la TARI - tassa sui rifiuti, che costituisce

Dettagli

LUGLIO 2 GIOVEDI 6 LUNEDI 9 GIOVEDI 26 DOMENICA 13 LUNEDI 16 GIOVEDI 27 LUNEDI 23 GIOVEDI 30 GIOVEDI ZONA1 ZONA 2 ZONA 3

LUGLIO 2 GIOVEDI 6 LUNEDI 9 GIOVEDI 26 DOMENICA 13 LUNEDI 16 GIOVEDI 27 LUNEDI 23 GIOVEDI 30 GIOVEDI ZONA1 ZONA 2 ZONA 3 LUGLIO 1 MERCOLEDI 2 GIOVEDI 3 VENERDI 4 SABATO 5 DOMENICA 6 LUNEDI 7 MARTEDI 8 MERCOLEDI 9 GIOVEDI 10 VENERDI 11 SABATO 12 DOMENICA 13 LUNEDI 14 MARTEDI 15 MERCOLEDI 16 GIOVEDI 17 VENERDI 18 SABATO 19

Dettagli

La riorganizzazione del servizio di raccolta dei rifiuti nel Comune di Castiglion Fiorentino. Castiglion Fiorentino, 27 febbraio 2 marzo 6 marzo 2017

La riorganizzazione del servizio di raccolta dei rifiuti nel Comune di Castiglion Fiorentino. Castiglion Fiorentino, 27 febbraio 2 marzo 6 marzo 2017 La riorganizzazione del servizio di raccolta dei rifiuti nel Comune di Castiglion Fiorentino Castiglion Fiorentino, 27 febbraio 2 marzo 6 marzo 2017 L Amministrazione Comunale di Castiglion Fiorentino

Dettagli

PER L APPLICAZIONE DEL TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI (TARI) ANNO

PER L APPLICAZIONE DEL TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI (TARI) ANNO COMUNE DI APRICA PROVINCIA DI SONDRIO PIANO FINANZIARIO PER L APPLICAZIONE DEL TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI (TARI) Allegato A alla deliberazione C.C. n. 3 del 15.03.2017 INDICE 1- Premessa 2- Obiettivi

Dettagli

RELAZIONE DI ACCOMPAGNAMENTO AL PIANO FINANZIARIO (art. 8 D.P.R. 27 aprile 1999, n. 158) PIANO FINANZIARIO. Anno 2015

RELAZIONE DI ACCOMPAGNAMENTO AL PIANO FINANZIARIO (art. 8 D.P.R. 27 aprile 1999, n. 158) PIANO FINANZIARIO. Anno 2015 ALLEGATO A) RELAZIONE DI ACCOMPAGNAMENTO AL PIANO FINANZIARIO (art. 8 D.P.R. 27 aprile 1999, n. 158) PIANO FINANZIARIO Anno 2015 La situazione attuale relativa alla gestione dei servizi di smaltimento

Dettagli

COMUNE DI CASELLA. (Provincia di Genova) TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI E SUI SERVIZI RELAZIONE E PIANO FINANZIARIO ESERCIZIO 2013

COMUNE DI CASELLA. (Provincia di Genova) TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI E SUI SERVIZI RELAZIONE E PIANO FINANZIARIO ESERCIZIO 2013 COMUNE DI CASELLA (Provincia di Genova) TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI E SUI SERVIZI RELAZIONE E PIANO FINANZIARIO ESERCIZIO 2013 (Approvato con Delibera C.C. n. 18 del 23.07.2013) PREMESSA Nel 2013 viene

Dettagli

ATTENZIONE!!! ULTIMA VERSIONE SOSTITUISCE LE PRECEDENTI. ATTENZIONE: IL PRESENTE CALENDARIO SOSTITUISCE QUELLO GIà IN VOSTRO POSSESSO

ATTENZIONE!!! ULTIMA VERSIONE SOSTITUISCE LE PRECEDENTI. ATTENZIONE: IL PRESENTE CALENDARIO SOSTITUISCE QUELLO GIà IN VOSTRO POSSESSO ATTENZIONE!!! ULTIMA VERSIONE SOSTITUISCE LE PRECEDENTI ATTENZIONE: IL PRESENTE CALENDARIO SOSTITUISCE QUELLO GIà IN VOSTRO POSSESSO RAEE (rifiuti elettronici) Cosa sono i RAEE? Sono i rifiuti costituiti

Dettagli

STAFF N. 5 SERVIZI PUBBLICI IN CONCESSIONE IL SEGRETARIO GENERALE-DIRIGENTE DI STAFF

STAFF N. 5 SERVIZI PUBBLICI IN CONCESSIONE IL SEGRETARIO GENERALE-DIRIGENTE DI STAFF PROVINCIA DI CUNEO --- STAFF 5 - Ufficio Servizi Pubblici in concessione TV/de Pratica n. 03 02 01 Registro Generale Determinazioni n. del STAFF N. 5 SERVIZI PUBBLICI IN CONCESSIONE DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

Dettagli

RIEPILOGO IMPORTI (per cinque anni di servizio)

RIEPILOGO IMPORTI (per cinque anni di servizio) RIEPILOGO IMPORTI (per cinque anni di servizio) ULTIMI DATI DISPONIBILI UTENZE DOMESTICHE ABITANTI RESIDENTI 7.93 UTENZE NON DOMESTICHE UTENZE DOMESTICHE.98 3 SERVIZI NEL CENTRO ABITATO UTENZE NON DOMESTICHE

Dettagli

Sub Totale ,47. Tariffa U.M. (contenitori di volume medio grande (mc 1,3-3,2) Tariffa U.M. (contenitori stradali di volume medio-piccolo)

Sub Totale ,47. Tariffa U.M. (contenitori di volume medio grande (mc 1,3-3,2) Tariffa U.M. (contenitori stradali di volume medio-piccolo) COD ECOS CASTELNOVO MONTI abitanti 10.536 SERVIZI DI RACCOLTA E TRASPORTO 7.250 RACCOLTA e TRASPORTO RIFIUTI INDIFFERENZIATI Raccolta stradale abitanti /ab 16,78 3.973 66.666,94 7.707 Raccolta Porta a

Dettagli

SANTORSO (VI): TARIFFA PUNTUALE

SANTORSO (VI): TARIFFA PUNTUALE SANTORSO (VI): TARIFFA PUNTUALE integrata con un nuovo sistema di raccolta rifiuti (TIA + -BINGest ) p.i. Zanardello Samuele NOVE (VI) Un Mondo di Rifiuti, come gestirli? Sommario: 1- La raccolta dei Rifiuti

Dettagli

COMUNE DI COSTIGLIOLE SALUZZO

COMUNE DI COSTIGLIOLE SALUZZO COMUNE DI COSTIGLIOLE SALUZZO SCHEDA SERVIZI DATI GENERALI Abitanti 3318 Produzione RSU 2008 [t] 839 Numero famiglie 1470 Produzione carta (stradale) 2008 [t] 111 Numero famiglie porta a porta/organico

Dettagli

ATTENZIONE: IL PRESENTE CALENDARIO SOSTITUISCE QUELLO GIà IN VOSTRO POSSESSO

ATTENZIONE: IL PRESENTE CALENDARIO SOSTITUISCE QUELLO GIà IN VOSTRO POSSESSO ATTENZIONE: IL PRESENTE CALENDARIO SOSTITUISCE QUELLO GIà IN VOSTRO POSSESSO RAEE (rifiuti elettronici) Cosa sono i RAEE? Sono i rifiuti costituiti dalle apparecchiature elettriche ed elettroniche

Dettagli

PIANO FINANZIARIO SUL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI

PIANO FINANZIARIO SUL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI COMUNE DI MULAZZANO PROV. DI LODI PIANO FINANZIARIO SUL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI Approvato con atto C.C. n. del Indice 1. Raccolta dei rifiuti 2. Raccolta differenziata 3. Spazzamento stradale

Dettagli

CITTÀ DI MERCATO S. SEVERINO

CITTÀ DI MERCATO S. SEVERINO CITTÀ DI MERCATO S. SEVERINO Provincia di Salerno ooooooooooo SERVIZIO INTEGRATO DI IGIENE URBANA E SERVIZI ACCESSORI DEL ELABORATO 2 SCHEDE DI ANALISI DEI COSTI DEL SERVIZIO, DEL CONFERIMENTO E PIANO

Dettagli

Gestione rifiuti urbani Piano Economico Finanziario

Gestione rifiuti urbani Piano Economico Finanziario Comune di Padova Gestione rifiuti urbani Piano Economico Finanziario Elaborato 2 Utilizzo di beni, strutture e servizi di terzi D.P.R. 158/1999 art. 8 comma 2c), comma 3c) 2018 PREMESSA... 2 1. Smaltimento

Dettagli

COMUNE DI TRINITA SCHEDA SERVIZI

COMUNE DI TRINITA SCHEDA SERVIZI COMUNE DI TRINITA SCHEDA SERVIZI DATI GENERALI Abitanti 2079 Produzione RSU 2008 [t] 507 Numero famiglie 990 Produzione carta (stradale) 2008 [t] 89 Numero famiglie porta a porta 990 Produzione plastica

Dettagli

PIANO FINANZIARIO TARES E RELAZIONE ILLUSTRATIVA (art. 8 del D.P.R. 158/1999) Introduzione

PIANO FINANZIARIO TARES E RELAZIONE ILLUSTRATIVA (art. 8 del D.P.R. 158/1999) Introduzione Allegato 1 alla deliberazione C.C. n. 22 in data 18. 10.2013 PIANO FINANZIARIO TARES E RELAZIONE ILLUSTRATIVA (art. 8 del D.P.R. 158/1999) Introduzione Ad opera dell articolo 14 del Decreto Legge 6 dicembre

Dettagli

Comune di Casatenovo. Provincia di Lecco. Allegato-A

Comune di Casatenovo. Provincia di Lecco. Allegato-A Comune di Casatenovo Provincia di Lecco Allegato-A Piano Finanziario per l applicazione del tributo comunale sui rifiuti e servizi (TARI) ANNO 2016 Gli obiettivi di fondo dell amministrazione comunale

Dettagli

COMUNE DI REVELLO SCHEDA SERVIZI

COMUNE DI REVELLO SCHEDA SERVIZI COMUNE DI REVELLO SCHEDA SERVIZI DATI GENERALI Abitanti 4.251 Produzione RSU 2008 [t] 600 Numero famiglie 1850 Produzione carta (stradale) 2008 [t] 156 Numero famiglie porta a porta/organico 1400 Produzione

Dettagli

COMUNE DI RODIGO Provincia di Mantova

COMUNE DI RODIGO Provincia di Mantova COMUNE DI RODIGO Provincia di Mantova PIANO FINANZIARIO 2013 EX ART. 8 D.P.R. 27 APRILE 1999, N. 158. PREMESSA NORMATIVA Dal 28 Dicembre 2011 è in vigore la legge 214 conversione del Decreto Salva Italia

Dettagli

Incontro Pubblico Raccolta differenziata Porta a Porta QUARTIERE CENTRO Voghera. Giovedì 24 Novembre Sala Auditorium Centro Natatorio Dagradi Voghera

Incontro Pubblico Raccolta differenziata Porta a Porta QUARTIERE CENTRO Voghera. Giovedì 24 Novembre Sala Auditorium Centro Natatorio Dagradi Voghera Incontro Pubblico Raccolta differenziata Porta a Porta QUARTIERE CENTRO Voghera Giovedì 24 Novembre Sala Auditorium Centro Natatorio Dagradi Voghera Calendario settimanale utenze domestiche Lunedì Martedì

Dettagli

COMUNE DI PERETO PROVINCIA DI L AQUILA. Allegato 1

COMUNE DI PERETO PROVINCIA DI L AQUILA. Allegato 1 COMUNE DI PERETO PROVINCIA DI L AQUILA Allegato 1 PIANO FINANZIARIO PER COMPONENTE TARI (TRIBUTO SERVIZIO RIFIUTI) 2017 1 PIANO FINANZIARIO COMPONENTE TARI (tassa sui rifiuti) 2017 RELAZIONE 1 Premessa

Dettagli

COMUNE DI GRAVELLONA LOMELLINA Provincia di Pavia

COMUNE DI GRAVELLONA LOMELLINA Provincia di Pavia COMUNE DI GRAVELLONA LOMELLINA Provincia di Pavia ESERCIZIO 2017 PIANO FINANZIARIO TARI ANALISI DEI COSTI RELATIVI AL SERVIZIO E PIANO FINANZIARIO Sono stati valutati analiticamente i costi di gestione

Dettagli

COMUNE DI MALNATE TARIFFA IGIENE URBANA

COMUNE DI MALNATE TARIFFA IGIENE URBANA ALLEGATO A COMUNE DI MALNATE TARIFFA IGIENE URBANA ANNO 2012 1 COMUNE DI MALNATE (Prov. di Varese) RELAZIONE DI ACCOMPAGNAMENTO AL PIANO FINANZIARIO (art. 8 D.P.R. 27 aprile 1999, n. 158) Anno 2012 La

Dettagli

PIANO FINANZIARIO e TARIFFE TARI 2014

PIANO FINANZIARIO e TARIFFE TARI 2014 PIANO FINANZIARIO e TARIFFE TARI 2014 1 - Premessa Il presente PIANO FINANZIARIO, redatto in conformità a quanto previsto nel D.P.R. n. 158/1999, sulla base dei dati finanziari, tecnici e dei costi comunicati

Dettagli

ANNO SOcietà per la RAccolta dei RIfiuti Solidi urbani

ANNO SOcietà per la RAccolta dei RIfiuti Solidi urbani COMUNE DI MONTECCHIO PRECALCINO Provincia di Vicenza PIANO FINANZIARIO PER IL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI (ex-art.8 DPR 158/99) ANNO 2018 SOcietà per la RAccolta dei RIfiuti Solidi urbani INDICE

Dettagli

CITTÀ DI CIVIDALE DEL FRIULI

CITTÀ DI CIVIDALE DEL FRIULI CITTÀ DI CIVIDALE DEL FRIULI SETTORE TECNICO U.O. URBANISTICA EDILIZIA PRIVATA - AMBIENTE Tassa pagata invio senza indirizzo aut. MDSP/DCI/UD/ 658/SI/00/IC Alle famiglie e alle Ditte SERVIZI DI RACCOLTA,

Dettagli

SERVIZI DI TRATTAMENTO E SMALTIMENTO COSTI DI TRATTAMENTO E SMALTIMENTO

SERVIZI DI TRATTAMENTO E SMALTIMENTO COSTI DI TRATTAMENTO E SMALTIMENTO ANNO 2017 COMUNE DI ZIANO PREVENTIVO REV. 3 DEL 20/03/2017 SERVIZI DI TRATTAMENTO E SMALTIMENTO COSTI DI TRATTAMENTO E SMALTIMENTO TOTALE abitanti 2.541 PAP 2.541 STRADALE - 7001 CTS Smaltimento rifiuti

Dettagli

COMUNE DI SECUGNAGO PIANO FINANZIARIO PER L APPLICAZIONE DEL TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI (TARI)

COMUNE DI SECUGNAGO PIANO FINANZIARIO PER L APPLICAZIONE DEL TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI (TARI) Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. del PIANO FINANZIARIO PER L APPLICAZIONE DEL TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI (TARI) Piano Finanziario TARI anno 2017 Pagina 1 A. PREMESSA La Legge di Stabilità

Dettagli

RACCOLTA VETRO e ALLUMINIO E CONTENITORI METALLICI POTRA ESSERE CONFERITO NELLA STESSA CAMPANA

RACCOLTA VETRO e ALLUMINIO E CONTENITORI METALLICI POTRA ESSERE CONFERITO NELLA STESSA CAMPANA RACCOLTA CARTA - Martedì (frequenza quindicinale) La CARTA ED IL CARTONE ridotto al minimo ingombro, dovrà essere esposto in modo ordinato, dovrà essere inserito in appositi scatoloni e/o legati con spago

Dettagli

PIANO FINANZIARIO DEGLI INTERVENTI RELATIVI AL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI

PIANO FINANZIARIO DEGLI INTERVENTI RELATIVI AL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI DEGLI INTERVENTI RELATIVI AL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI EX ART. 8 D.P.R. 27 APRILE 1999, N. 158 COMUNE DI SIGNA Anno 2013-2015 Versione 1.0 TARIFFA RIFIUTI Indice 1. Gli obiettivi di fondo

Dettagli

CAMBIA LA RACCOLTA DEI RIFIUTI IMPARIAMO COME SI FA

CAMBIA LA RACCOLTA DEI RIFIUTI IMPARIAMO COME SI FA CAMBIA LA RACCOLTA DEI RIFIUTI IMPARIAMO COME SI FA Che cos è la raccolta porta a porta dei rifiuti? E un particolare sistema che prevede il periodico ritiro a domicilio dei rifiuti organizzando le raccolte

Dettagli