P ITAS 7 I/ VERBALE DI ACCORDO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "P ITAS 7 I/ VERBALE DI ACCORDO"

Transcript

1 P ITAS 7 I/ VERBALE DI ACCORDO In data 4 giugno 2012 presso la sede di Veritas S.p.A. di Mestre, si sono riuniti i rappresentanti della societ& Veritas S.p.A nonch i rappresentanti OO.SS. Fp/Cgil, Fit/Cisl, Uiltrasporti, Fiadel. Premesso che: Veritas stata costituita conformemente all'indirizzo delle rispettive amministrazioni comunali, dalle societ ACM Spa, ASP Spa e VESTA Spa, attire nei principali servizi pubblici Iocali, che hanno allestito un progetto di aggregazione mediante fusione che ha qualificato VESTA Spa quale societ& incorporante, finalizzato a realizzare consistenti economie di scala e di scopo, nel rispetto delle norme in materia di aggregazioni di societ& pubbliche operanti nel settore dei servizi pubblici Iocali; Le patti hanno sottoscritto degli accordi di contrattazione di secondo livello con parametri omogenei, riguardanti le singole Unit& Locali Territoriali che compongono Veritas; Veritas S.p.A al fine di perseguire con maggior efficacia i suddetti obiettivi, nel tempo ha avviato e concluso processi di fusione per incorporazione e/o acquisizioni di rami di azienda, di varie aziende/societ&, allo scopo di incrementare la qualit ai servizi forniti al territorio ed ai cittadini. Nello specifico si evidenzia che in data 27 dicembre 2011 stato sottoscritto un verbale di accordo ai sensi della procedura prevista dall'art. 47 della legge 29/12/1990 n Con tale intesa, le parti hanna normato aspetti organizzativi ed economici conseguenti all'assunzione presso Veritas S.p.A. del personale della societ& Mogliano Ambiente S.p.A., ai sensi dell'art 2112 C.C. A fronte dell'internalizzazione dei servizi di IU presso il Comune di S. Don& di Piave, in data 24 novembre 2011 stato sottoscritto un accordo sindacale definendo I'assunzione ex novo del personale addetto alle suddette appalto. Gli accordi integrativi sottoscritti per tutte le ULT nonch6 tutti i verbali di commissione bilaterale che ne costituiscono parte integrante sono venuti a scadenza i131/12/2011. Considerato che: L'evoluzione legislativa, relativamente ai servizi pubblici Iocali, si caratterizza per la tendenza alia liberalizzazione dei mercati e I'apertura delia concorrenza, determinando altresi, a tempi relativamente brevi, la messa in gara di consistenti porzioni di Servizi Pubblici oggi affidati a Veritas; Verbale di accordo plwroga accordi in egrativi Veritas

2 .,,, U R U P P 0 \t PkITAS In questo nuovo scenario di mercato la capacit competitiva delle imprese, assumer importanza decisiva per la salvaguardia, il consolidamento e Io sviluppo aziendale. > Tale contesto determina la necessit di individuare strumenti gestionali anche attraverso la contrattazione di secondo livello, che consentano a Veritas nel prossimo triennio d' incrementare i livelli di efficienza efficacia ed economicit& La non completa chiarezza delle norme dalle quail discenderanno gli indirizzi strategic/ conseguenti da parte delle Amministrazioni Comunali, la necessitii di procedere con prudenza all'intemo di un quadro di dferimento sicuramente complesso, rende difficile la stipula di accordi di contrattazione almeno nel breve periodo, nonostante che la fase negoziale per il rinnovo delle intese sia gi& da tempo avviata. L'art 25, commi 4 e 5 D.L. 24 gennaio 2012 n. 1 ha disposto che le societ affidatarie in house sono assoggettate al patto di stabilit& interne secondo le modalit definite dal decreto ministeriale previsto dall'art. 18 comma 2-bis del decreto legge 25 luglio 2008 n 112 convertito con legge 6 agosto 2008 n 133 > La suddetta norma, se confermata dal decreto ministeriale non ancora emanate, insedrebbe un ulteriore vincolo tra le varie criticit che sono gi presenti nello scenario generale. Le parti concordano che AI fine di consentire alle parti di continuare il confronto in modo da definite una nuova intesa che sia rispondente al regime definite dalle riforme in via di approvazione, le parti concordano di prorogare la scadenza al 31/12/2012 degli attuali accordi integrativi ULT nonch6 tutti i verbali di commissione bilaterale e il verbale di interpretazione autentica del 04/05/2012 che ne costituiscono parte integrante, per tutte ULT che compongono Veritas S.p.A.; Le modifiche organizzative introdotte dalle suddette intese, prevedono il riordino degli orari di lavoro, I'applicazione di orari/turni flessibili in funzione delle necessit produttive, la limitazione generale delle prestazioni in lavoro aggiuntivo e/o straordinario, I'introduzione di una scala graduata di detrazione del premio di risultato avente Io scopo di premiare, tra I'altro, I'effettiva prestazione lavorativa del personale consentendo per I'azienda incrementi di: produttivit& quality, efficienza e competitivit& Eventuali processi di riorganizzazione, che determinlno incrementi di produttivit, qualit&, efficienza e competitivit, concordati tra le patti e attuati nel corso dell'anno 2012, saranno considerati utili per integrare gli accordi integrativi esistenti; A tutto il personale assunto in Veritas S.p.A. per effetto della fusione della societ Mogliano Ambiente S.p.A. di cui all'accordo sindacale del 27 dicembre 2011, per I'anno 2012 saranno applicate le norme riferite alia quantificazione ed erogazione del premio di risultato vigenti neli'ult di Venezia 08/06/2007. Verbale di accordo proroga accordi integrativi Veritas

3 . I1,,, A tutto il personale di cui all'accordo sindacale del 24 novembre 2011, assunto ex novo in Veritas, il premio di risultato riferito all'anno 2012 sara normato secondo la progressione stabilita dal paragrafo denominato "Processi di inserimento" contenuto ail'intemo dell' accordo di contrattazione di secondo livello del 08/06/2007, vigente presso ULT di Venezia. Tutte le somme erogate a titolo di premio di risultato, sono soggette a decontribuzione in quanto coerenti con quanto previsto dalla L. 247/2007, dal Decreto Ministeriale del 7 maggio 2008 e ss.mm.ii. Si allegano al presente verbale copia degli accordi integrativi per il personale regolato dal CCNL dei Servizi Ambientali, nonch6 tutti i verbali di commissione bilaterale che ne costituiscono parte integrante riferiti alle ULT di: Cavarzere, Chioggia, Riviera del Brenta e Miranese, Venezia la cui scadenza con il presente accordo viene prorogata al 31/12/2012. presente verbale, unitamente agli accordi integrativi ed i verbali di Commissione Bilaterale prorogati al 31/12/2012 con il presente accordo, sara depositato presso la DPL di Venezia nei termini previsti. Letto confermato e sottoscritto Mestre, 4 giugno 2012.A. OO.SS. FP/CG FIT/CISL Verbale di accordo proroga accordi inte ativi Veritas

4

5 -%.'.._,, 'e,,v ( Venezia Servizl Territoriali Ambientali INTEGRATIVO AZIENDALE (settore ambiente )

6 In data 08/06/2007 preseo la sede (If Vesta S.p.A. di S. Andrea a Venezia si sono riuniti i rappresentantl delia Direzione nonch6 i rappresentanti delle O0.SS. per definite tm protocollo di contrattazione integrattva di 8econdo livello ai sensf del CCNL vlgente 22/05/ z Relazioni rndustrialh / AllatTtamento del bacino di competenza e creazione di Veritas; Norme per l'esercizlo di dirittl confliggenti; Regole per svolglmento delle assemblee con armonizzaziooe dei settori; Gestione d mpresa e riordlno delle componenti del costo del lavoro attraverso tl mantenimento "ad personam" delle condtzioni attuafi di mlglior favore per fl personale in essere alia data de ed ii rlentro nefl'applicazione dei CCNL owero del presente accordo al personale di nuova immlssione dopo tale data. Organizzazione de1 Lavoro: Modello organizzativo p/eordinato e definito per area trasmesso nel mese di novembre; Orari di lavoro (come da proposta sindacale e da verbale sottoscritto # ) Differenzlazione nelle azioni premlanti in relazlone ai nastri applicati ed alle organizzazioni del lavoro applicata (ottlma/e, concordata ed Invariata) rispetto ai servizi forniti (nastro 6/1 e nastro 5/2); Criteri dl applicazlone dell'orarfo di lavoro tn regime di flessibilit& come previsto dal CCNL su concetto periodale; -

7 LIE PARTI CONCORDANO AZIONI INCENTIVANTI Riconoscimento E.D.R. ad Personam decqrrenza Fermo restando il quadro di rifertmento del verbale di riunione siglato dalle parti il le parti concordano quanto segue" AI personale in forza a128/02/2006 viene consolidato un EDR ad personam fisso e contlnuativo per 14 mensilit& assorbente di: elemento incentivante menslle, maggiorazlone oraria e 52 ore e maggiorazione fndennit& lavoro domenlcale aziendale ove prestato (per una quanlit& convenzionale di n 12 domeniche anne), nonch tutti i premi variablli relativi a precedenti intese sostitultl dalla EDR stessa e dagli incentivi contenutl nel presente accordo. Con I'erogazione di detto EDR cessano e sl annullano i riconoscimenti normativi ed eeonomici previstl dalle intese a titolo di retribuzione incentivante, nonch6 le Intese relative all'indennlt& domenicale aziendale e alle magg]orazlonl delle 52 ore di cut agli accordl aziendali 01/01/2000 in quanto riassorbite dal nuovo EDR individuale. Conseguentemente ai lavoratori che prestano servizio in turno domenlcale normale, in turni con riposo settimanale obbiigatorio fissato in altro giorno, 6 riconoscluta un'lndennit#. giornallera pad a 4,13. I valori deli'edr, da erogarsl solo ed esclusivamente al personale che percepisce per intero le voei sopra riportate sono i seguenti: Personale tecntco- ammtnistratlvo fino al 60 flvello: E.D.R ad personam part a t50,00 x t4 mensili ; Personate operativo: E,D.R ad personam pari a 170,00x 14 mensilif ; Personale flestore operatlvo ', 5.D,R ad personam pert a t 65,00 x 14 mensili ;

8 Persona[e tecnico- amministrativo d! 7 Iivollo: EoD.R ad personam pari a 165,00 x 14 mensilit ; Y Personale tecnlco- amminibtrattvo di 8 five/io: E.D.R ad personam pari a 120,00x 14 mensillt ; Riconosclmento mtnimo _qarantlto: EsclusJvamente a tutto I1 personale in forza, con contratto a tempo lndeterminato, ala stipula del'accordo che non dentra nel'erogazione completa deli'e.d.r sopra scritto 6 previsto un quantum economico ale stesso tltolo cosi stabllito: E.D.R ad personam pari a 100,00 x 14 mensilit da/1 al 6 flvello;.-,, E.D,R a5 person ampa ' a 120,00 x 14 mensilft dal 7 a[ 8 i;vet] o.e gii # G nominati tall a partire dal 2.4,2006 NORMA TRANStTORIA DAL 01/10/2007 AL 31/12 / 2 Le parti concordano the a partite dal 01/07/2007 awiano una fase di sperlmentazione delta nuova organlzzazione del lavoro, al fine di vertficare ed afflnare la turnistlca ed il relative aw]o che awerr 1 01/01/2008. Tale sperimentazlone, nele aree operative e laddove i nastro orario Io consenta, consiste, fermo restando rattuale organlzzazione, nell'inserimento di sei turni sperimentali di flesslbiit, colocal nel sesto giomo verificando In tal mode Io sviluppo e [ risultal sui servizi effettuati. Ne, le altre aroe con trattament, similari saranno svo,te analoghe sperimentazioni! ( ') tenendo conto de]le quantit orarie e dele compatibilit dei nastri.... JL '<J---- Alia luce della suddetta sperimentazione, ]e parl concordano di anticlpare al 01/10/2007 e sine al 31/12/2007, i consolidamento dell'elemento [ncenlvante mensle con un EDR ad personam fisso e continualvo de! valore di 140,57 euro mensli da

9 , kj L, erogarsl al personale inquadrato dal 1 al 6 IiveJlo. I valori del]'edr di 140,57 euro..r;.l,. rnensili verranno erogati solo ed esclusivamente al personale che percepisce per!'elemento incentivante menslle sopra riportato. Escluslvamente al persenale in forza lnquadrate dal 1 al 6 livello, con contratto a tempo indeterminato, alia stipula dell'accordo che non rientra nell'erogazione comp[eta delrattuale elemento incentivante le patti concerdano di anticipate al 01/10/2007 e sino a131/12/2007 un E.D.R ad personam pad a 100,00 per 14 mensilit&; AI 01/01/2008 cesser& I'erogazione di detto EDR in quanto riassorbito all'interne del consolidamento dportato nel paragrafo precedente. Gli import[ relatlvi alto glornato di assonza riferite al pododo 0t/'t 0/2007 al 31/12/2007 verranno trattenuti in occasione della corresponsione a magglo 2008 del premio annuo varlabile rifertto all'anno fl personale che attualmente percepisce il 20% dell'elemento Incentivante ( accordo 25/05/2004) percepir& in via transitoria fl riconoscimento minimo... : ;:. garantito afar data dal 01/10/2007 e" fino alia data stabilita dalle intese ulgenti (01/01/2008) e suceessivamente a tale scadenza si vedranno rlconosciuta I'E.D.R di competenza nella sua globallt& PREMIO VARIABILE Sulla scorta di quanto deflnlto dal CCNL vigento in materia dl premio di produttivit& si definisce una parle variabile legata all'apporto indmduale prestato all'organizzazione del lavoro cosi determinata: ORGANIZZAZIONE OTTIMALE = TURNAZIONE 6/1:, l J o personale in servizlo da = 6 ore giorno, x 6 giorni alia settimana = 36 ore 08/05/2007.

10 a p ersonale in servizio a = 5h e 40" giorno, x 6 i 'ni alia settima -yj/ = 34 ore" con 30" alia settimana il lunedi e/o da definirsl pib 26 ore di completamento orario ordlnarlo annuo al #he del raggfungimento delle 35 ore. t era di permesso retrlbuito settimanale ad personam legata alrapplicazlono dell'art, 17 lettora b. punto 8 del CCNL come raggiunglmento delle 36 ore medie; 2007: 550, : 1500,00 & 2009: 1700, : I700, : 1700,00 L'erogazione del premio awerr& in unlca soluzione nel mese di maggie ( approvaz. bilanclo ) dell'anne successive legato alreffetuva presenza. Tale organlzzazione e relativi incentivi saranno applicati alte aree tlpo: cantiere Sacca S. Biagto, Oimiter ecc, " Per tutte le fattispecie dl Implego In regime di orado flessibile si applicher& quanto previsto dall'art 18 punto 4 del CGNL servizi amblentali e territoriall 22/5/2003, comprensive delle magglorazioni economiche previste che sostituiscono quanto prevleto in materia da precedenti Intese azfendalt, ORGANIZZAZIONE OTTIMALE = TURNAZIONE 5/2 PERiODALE CON RECUPERh o personale in 8ervlzio. al = 6h e 30',qlorno, x 6 giorni alia settimana x 12 settimane anno e 6h e 30"x 5 qlornix 40 settimane =34 ore pi 139 ore di completamento orario ordinario annuo al fine clef raggiungimento delle 85 ore.! era di pennesso retribufto settimanale ad personam legata all'applieazione delrart. 17 lettera b. punto 8 del CCNL come raggiunglmento delte 86 ore mealie; 6.)

11 ff : 55o,00.# 2008: 1500, : ; 2010: 1700,00 '& 2011: 1700,00 L'erogazione def premto awerr& in unlca soluzione nel mese di maggfo ( approvaz. bilancio ) delranno successivo legato all'effettlva presenza. Ai dlpendenti in forza al saranno concesse numero due glomate di permesso retribuito Tale organlzzazione e relativi incentivi saranno appllcatl alle aree tipo: Lido ecc. Per tutte le fattispecle di implego in regime di orario fiesslbile sl applicher& quanto previsto dala'art 18 punte 4 del OONL servizi amblentali e territoriali 22/5/2003, eomprensive delle maggiorazioni economiche prevjs[e che sos[ituiscono quanto prevlsto in materia da preeedenti lntese azlendall. ORGANIZZAZIONE CONCORDATA = TURNAZIONE 5/2 PERIODALE: o personale in servizio da! 01=03-06 = 6h e 30" qlomo, x 6 qiorni alia settim_ana x24 settimane e 6h e 30' giorno x 5.qlorni x 28 settimane = 35,5 ore settimanali con 30' alia settimana fl luned e/o da definirsi al fine del raggiunglmento delle 30 ore. I dipendenti in forza da avranno I'obbligo diprestare fl lavoro in regime dl flessibilit# come stabilito daft'art, 18 punto 11 del CCNL vigente. Ai lavoratori interessatl alia presente turnazione verranno rlconoscluti clue giomate di riposo compensaflvo indlvlduale per fl lavoro malagevole svolto. o personale in servlzio al 2, = 6h e 30" g!orno, x 6 f!lomi alia s_#ettimana x16 settimane e 6h e 30' #iorno x 5 giornl x 36 settimane = 34,5 orn, settimanali; con 30' alia settimana ll lunedi e/o da dofinits/ al fine del A.. ragglungtmento delle 35 ore. 1 ora di permesso retribuito settimanale ad/. " j 7

12 personam legata all'applicazione dell'art. 17 lettera b. punts 3 del CCNL com / ragglungfmento dells 36 ore medie annue; :. 550, : 1200,00, 2009: 1500,00 L- 2010: 1500,00 ' 2011: 1500,00 L'erogazione del premio awerr& in unica soluzione nel mess di maggie ( approvaz. bilanoio ) dell'anne successive legato a[l'effettiva presenza, Ai dipendenti in forza a saranno ooncesse numero due glornate dt permesso retribuito e ultedori due glornate a dconoscimento del layers malagevole svelte. AI dlpendentl in forza a che avranno effettlvamente svelte tulle le prestazieni previste e stabflite in orarjo flessibile (16 settlmane) sar& inoltre dconosciuto un bonus aggiuntivo annuale di 100,00. Tale organlzzazfone e relatlvi incentlvi saranno applicati alle aree tips: Centre storico, Mestre esc, Per tulle le fattispecle di implego in regime di orarlo flesslblle sl applicher& quanto prev]sto da[l'art 18 punts 4 del CONL servizi amblentali e terrftoriali 22/5/2003, comprensive de!le rnaggiorazfonl economlshe previste che sostilulscone quanto prevlsto Jn materta da precedenti intese aziendali. Mancateprestazionl nell!;nata ro r mmata o.fino ad un minimo stabilito In 12 tu turtnl non effettui e o non ris ell/la ro [ _mmazione prevista er Io svol Imento delle prestazioltij e dl flessibflit " si vedr a se nato un incentlvo cosl composto: & 2007: 55O, OO & 2008: 900, : t300, : 1300,00,;k 2011: 1300,00 \/

13 ,, 'y ' (, Lerogaztone del premlo avverra Jn unlca soluzione nel mese di magglo ( approvaz." bilancio ) dell'anno successivo legata atl'effettiva presenza. I dipendenti interessatj allq'/) turnistiche df cul al capjtoli precedenti, awanno I'obbligo di prestare il lavoro Jn regime v di flessibilit& per le giornate non prestate al di sotto delle 12 settimane e/o delle 22 settimane, per i periodi dl 6 glorni. La Direzione nella successiva programmazione e/o nell'arco massimo dei 12 mesi successivi stabilir& tl recupero della prestazione dellaje sesta/e giomata/e non lavorata/e. Le suddette giomate di assenza comporteranno una trattenuta dal premio annuo pari a 15 euro cadauna. ORGANIZZAZIONE INVARIATA = turnazlone 5/2 con 52 ore dl recupero: o personale In servizio a = 6 h qlorno, x3 glomi alia settlmana e 8h x 2 g/orni alia settlmana =,34 ore settlmanali; pi 18 rientri pomerldlani di 2 ore e 50 minutt cadauno a completamento orario ordinario annuo al fine del ragglunglmento delle 85 ore con le stesse modalit# di programmazione ed effettuazione previste dal CCNL, 2007: 550, : 800, : '. " 2010: 1000, : 1000,00 L'erogazione del premlo awerr& in unica soluzione nel mese di maggie ( approvaz. bilancio ) d ell ' anno successivo legata all, effettlva ' presenza. Tale organizzazione e relativi incentivi saranno applicati alle aree tipo: lmpiegati tecnlcl-amm'n strativl ecc Per tutte le fattispecle di impiego in regfme di orario flessibile si appllcher& quanto prevjsto dall'art 18 punto 4 del CCNL servlzi ambientali e terrltodali 22/5/2003, comprensive delle maggjorazioni economiche previste che sostjtuiscono quanto previsto In materia da precedenti intese aziendalj, 08/06/2007

14 o personale in servizio da = 6 h qiorno, x 2giorni alia settimanae. 8h x 3 giorni alia seltimana = 35 ore s ettimanali" 2007: 550,00, 2008: 1200, : 1500, : : 1500,00 L'erogazione (tel premio awerr& in unjca soluzione nel mese di maggio ( approvaz. bilancio ) dell'anno successlvo legata all'effettiva presenza. Tale organ[zzazione e relativi incentlvi saranno applicati alle aree ripe: implegati tecnlci-amministrativi ecc. Per tutte le fattlspecle di implego in regime di orado flessibile sl applicher& quanto prevlsto dall'art 18 punto 4 del CCNL servizi ambientali e territoriali 22/5/2003, comprensive de!le maggiorazioni economlche previste che sostituiscono quanto previsto in materia da precedenti intese aziendall osta ritenuta applieabile a tutte Il er ale anche se in s ervlzio a ll_aa data antecedente ella revista fermo restando it mantenimetfto ad personam rmesao retribuito previste da precedenti Intese a_completamento d_ elrorarlo ordinarlo med/o di 36 ore owero 35 or esettlmanali ridueendo per tale via l'orario di fine iavoro al venerdl c. / 10 08/06/2007

15 .. NUOVO MECCANISMO A base clef prem(o Mcentivante ed il relafivo traltamento economics fondamentale 6 }('r "! prlncipio per U quale diventa (ndissolubue II legatos con Is svolgimento e il compimento dej I/ servizi; il risultato della "produzione" (ncentrata sull'alta intensit& del fattore layers connesso au'effetliva prestazione del personals. Tale eromento diventa cosl proporzionale alia padeclpazlone e all'apporto individuals nel risultato finale ottenuto nel rendere I serviz( all'utente ecl alia citt& fn base a quests prlncipio sj rrtiene opportune fnserire un meccanismo di scale graduate composts da elementi persuasivi e dissuasm al fine d( omogeneizzam gli effetti composti da erogazlonf e detrazionl con I'obiettlvo df correggere i fenomen] aziendali senza penauzzare, nei Umiti previsfi, le cause dj assenza dal layers dl clurata ruevante SCALA OORRETTIVA DETRAZIONI Traltonuta Scanslone a),3=' ouonto L,O,QSTANTE gg, a 45,00,00 da 1 a8 go. '16,q0 gg, 5 25,00 70,00 12,50 g0, 7_ 50,00 _ 4 x I o 95,00 P r e ro ij o 'l gg, 10 5 fig, gg, 20 gg ,00 ) 1oo,o0 130,00 ; x Io#o 8 x I0,00 't r00 175,00 1o,00 O O0 I t 85,00 -- gg. 40 [( ds 818g,e oltre 5,00 AI (/2 events annuals )a trattenuta sara costante dj sure 5,00 de( 1 giorns d( assenza per tufts (a durata ]al 3 events la trattenuta pravista per i prjmi 3 giorni d( assenza viene in egn( case effettuata O]tre i130 gismo I'equivatente trattenuta dl sure 5,00 viene effettuata a fronte dl continuit del certificate J/ In case d( manoata prestazione domenicale programmata (a trattenuta 6 paria uro 26,0D ' 11 08/0 007 ",[

16 8i definisce di far dentrare nella definizione di assenza: Assenza non retribuita aspettative infor[unio malaitia congedo matrimoniale donazioni dl sangue permessi studio permessi ex legge n, 104/92 permess! elettorali Le patti convengono che entre tl 30/10/2007 la cemmisslone bilaterale sl riunir& per indivlduare' pesj diversl ed inferiori rispetio alle trattenute giernaliere minlme previste (5 Euro) da collegare ad alcune delle fattispecle sopra riportate, Altresl le patti verificheranno la proporzionalit& delia trattenuta a seconda degli scaglionf del premio variabite come definite dalla presente intesa. P remio Variablle Sulla scorta di quanto definite dal CCNL vigente in materia di premio di produttlvit& si deflnisce una palle variabile legata all'apporto Individuale prestato all'organizzazione del lavoro cosl determinata: ORGANtZZAZ/ONE GESTORI OPERA T/VI " turnazione 5/2: o 6h 48 rain. x 5 glerni alia settlm na = 34 ore settimanali. o menfo dell'o..rario ordinari_o e a g ranzia uato rep! idio dei servizi nche in virtu/de /i accerdi esistent/ verra,no effettuah n, 18 ma AS da 6 ore e LS 8 lnuti c_adaunoz

17 " 200Z: C- valori attuali 200B: 1200,00 ' " 2009, , 2010:42000,00 4, 2011: 2000,00 L'erogazione del premio avverr in unica sollizione nel mese di maggie ( approvaz. bilancio ) dell'anne successive legate alt'effettiva presenza per il 50% (come da tabella) ed il rimanente 50% a compensazione dell'effettuazione graduale delle 18 settimane di lavoro nel seato giomo a garanzfa del presidio della poslzlone ed o#re tale Iimite trover applicazione quanto previsto In materia di prolungamento orarfo e./o straordinarlo. ORGANIZZAZIONE ASSISTENTI turnazione 5/'2: o rni alia settima.na e 8h x iorni alia seffimana = 36 ore settl o ep personale.in forza a128/02/ era dl l ermesso ret fruire a anticlpata nell nerdi, 2002'," valori attuali 2008; # ,. 2009: 1800,00 " 2010: 2200, : 2200,00 L'erogaztbne del pmmio avverr In unlca SOlUzione nel mese di maggie ( approvaz. bllancio ) deft'anne successive legata all'effettiva presenza per II 50% (come da tabolla) ed fl rimanente 50% a compensazione dell'effettuazione del monte ore A da neeessario 2 ore e_30 a garanzla mlnuti cadauno del presidio ed oltre dell, tale posizione (ade& 32 rie,/.. d-,.,

18 limite trover& applicazione quanto previsto in materia di prolungamento orarky j straordinafi " ORGANIZZAZIONEASSISTENTI DIRETTIVI fl personale Assistente Direttivo ammhtistrativo e/o operativo rfcopre una f mzione che richlede prestazioni in orari e/o giomate non sempre dgidamente deflnibili in termini temporal/, pertanto per questo personale si applieano le disposizioni di cul all'art. 17 comma 5 del Digs n 66/03 in materia dl orario di lavoro e per tanto i riconoscimenti alia poslzlone organtzzativa sotto fiportafl sono anche a compensazlone dello svolgimento di prestazioni aggiuntive al normale orario nei termini e tetti determinatl Fermo restando i termini tem. di orarlo di lavoro g i e CONL.,'& 2007: valori attuali & 2008: 2000,00 ;& 2009: 2500, : 3000, : 3000,00 L'erogazione del premio avverr& In unica soluzione nel mese dl maggio ( approvaz. bllancio ) del/'anno successivo. Criteri ai valutazione, per I'assegnazlone del premio variablle potenzlale, validi per II personale Assistente Direttfvo:,&.PRESIDIO PRESENZA 50%. '& PAREGG!Q DI BtLANCIO 10% 4 VALUTAZIONE PRESTAZIO.. NE INDIVIDUALE 40% (con s PERSONALIE DI 8 LIVELLO: assegnazione Un iorernio variabite lraaforrnato potenziale in cjfra fissa. pad alt'altuale ammontare annuo a pad critefl._..., 14 o 1o /2oo

19 Indennit& d%.ec izione " Per effetto di tale indennlt al sotto riportato personale interessato st applicano le disposlzioni di cui alfart, 17 comma 5 del Dlgs n 66/03 in materia di orario di lavoro e per tanto I riconoscimenti alia posizione organizzativa sotto rlpottati sono anche a compensazione delto svolgimento di prestazloni aggluntive al normate orario nei termini e tetti determinati: Gestori Qperativ :* Una l,d.p x 14 modull mensili ciascuno come da accordo attualizzata con una revisione de180%; Asslaten# di 7 fly.,: Una ].d.p x 14 modull menslli ciascuno come da accordo 0# ttual[zzata con una levis[one de! 30%; Persot ale 8 liv e 8 Q 6 UnaLd, Px14modulimensiliciascunocomedaaccordo attualizzata con una revisione de130%; I suddetll emolumentl saranno erogatl: da /06/'2007

20 AL TRI RICONOSCIMENTI ECONOMICI Raccolta differenziata: AI personale operative dal t al 5 liveflo coinvolto nell'awio della raccolta differenziata in Centro storico, che ad oggi non si visto accreditato nessun riconoscimento economico per tale modifica organ[zzatlva, e che con la propria partecipazlone diretta ha contribuito alia rluscita della stessa sat& riconosciuta una somma una tantum omnicomprensiva pari a 600,00 dope tre mesi dafl'awio della riorganizzazione, ificazione economlca: AI petsonale ne urblno dl 8 livello assunto in base agll accordi del e verr& riconoscluto un Importo in cifra mensile flssa equivalente afl'ammontare del differenziale tra fl Iivello posseduto e quanto percepito dal resto de/personale della stessa categoria a titolo di parametro previsto dalle intese precedent/. Tale somma sat& cosl eroaata: a , I Promi di Risultato di cui al presente accordo hanno le caratleristiche taft da consentire particolare reclime contributvo di c n. 67/1997 convertlto in lerjgo n. 135 ' ' 6 08/06/2007

21 PercqrsJ formativi : Pilota motorista provetto AI superamento del corse radar di base, gl& programmato con la Capitanerta di Porto, tutti i dipendenti che avranno conseguito I'abilitazione necessarla e che saranno helle condizioni in termini di requisite si vedranno riconoscluto a titolo di ad porsonam un incentive economico dl 60, O0 mensili per dodici mensilit& legati alia posizione ricoperta. A! personale della navigaztone con responsabilit9 di conducente che abbia effettivamente concluso fl servizio asseflnato anche in glomate definite, da appositi organt preposti, come giornate di "nebbia' a compensazione della stress psico-ffsico dovuto alia difficolt9 della navigazione si riconosce, come recupero owero effettivo riposo, 3 ore per ogni evento. Tale ammontare di riposi potr& essere goduto come:pem?essi di ore e/o singole giomate e/o a scomputo.'delle 26 ore di completamento dell'orario ordlnario annuale conseguentemente alle tre ore di recupero per ogni evento dl nebbia fl lavoratore e razlenda concorderanno I'effettivo recupero. Vista la natura del rlconoscimento le ore non godute nel singolo anne di maturazione non potranno essere cumulate n# retribulte. artl con fl presente accordo sl danno atto di aver positivamente formulate una soluzione che lncontri fattori leqatl alia slcurezza, condizioni dell'operatore e servizi rest. Le partt con la deflnizione della suddetta norma ritengono decaduti tutti g# effetti econemici e normaflvi relatm alle Indennlt& per la navigazione in case di nebbia /06/2007

22 o.zzo At conseguimento di speclfici titofl e/o abilitazioni e/o patenti aggiuntive richieste messe a d[sposizlone della Direzioneo attraverso specifici corsi dalla stessa organlzzati e/o autorizzat tutti I dipendentl ehe saranno nelle condlzion! previste intermini di requisite si vedranno rleonosciuto a tito!o di ad personam un incentive economieo di 35,00 mensili per dodfei mensilit& legau aria posizlone ricoperta, o PROCESSI DI INSERIMENTO Tutto fl personale assunto dal 0 t avrd II seguente percorso dtntegrazione: Primo anne: con rapporto di lavoro a tempo determinate al 1 livello e relativi incenuvi del CCNL; Secondo anne: possibile trasformazione a tempo indeterminate al I Iivello e premio vadabile di 550,00;.. Terzo anno: passaggio al 2 livello parametro B del CCNL e premio variabile di!.000,00; Quarto anne: Conferma de/2 I/vello parametro B e premio varlabile complete di 1.500, 00. Con fl presente protocollo la Direzlone Vesta, vista la modiflea organizzativa prevista fin dal 01/01/2008 rlconferma la disponibilitd individuata aft'interne dell'organizzazione aziendale che si sostanzia in 32 asaunzionl a tempo indeterminate con posizionl di lavoro a tempo parzia# (clcllci), inquadramento al 1 Iiveflo CONL ed orario di lavoro definito in 36 ore set imanali per 32 settimane all'anno, ferma restando la massima ricerca di rendere it rapporto continua:ire per tutte le 32 settimane, t\l,i / o,,o,, oo E

VERBALE DI RIUNIONE. si sono incontrate in ordine al rinnovo della Contrattazione Integrativa Aziendale ai sensi dell'art 21 del vigente CCNL.

VERBALE DI RIUNIONE. si sono incontrate in ordine al rinnovo della Contrattazione Integrativa Aziendale ai sensi dell'art 21 del vigente CCNL. VERBALE DI RIUNIONE II giorno 18 febbraio 2005 la Banca di Roma S.p.A. e la Rappresentanza Sindacale Aziendale UGL Credito dell'unità Produttiva Riscossione Tributi della Provincia di Frosinone si sono

Dettagli

Gas-acqua - Rinnovo del c.c.n.l.

Gas-acqua - Rinnovo del c.c.n.l. Gas-acqua - Rinnovo del c.c.n.l. Con l'ipotesi di accordo 14 gennaio 2014 le Parti stipulanti (Anfida, Anigas, Assogas, Confindustria Energia, Federestrattiva, Federutility con Filctem-Cgil, Femca-Cisl,

Dettagli

L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA

L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA a cura del Nucleo Promozione e Sviluppo Responsabile: Cesare Hoffer Il presente documento non ha la pretesa di essere

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO PART-TIME INDICE Art. 1 Finalità Art. 2 Campo di applicazione Art. 3 Contingente che può essere destinato al tempo

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa Le parti, nel ritenere che il rapporto di lavoro a tempo parziale possa essere mezzo idoneo ad agevolare l incontro fra domanda e offerta di lavoro, ne confermano

Dettagli

Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2010

Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2010 Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2010 Sottoscritto definitivamente in data 20 dicembre 2010 Comune di MERCATELLO SUL METAURO

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

ACCORDO PER L'UTILIZZAZIONE DELLE RISORSE PREVISTE DAL FONDO UNICO PER L'EFFICIENZA DEI SERVIZI ISTITUZIONALI. ART. 1 (Risorse)

ACCORDO PER L'UTILIZZAZIONE DELLE RISORSE PREVISTE DAL FONDO UNICO PER L'EFFICIENZA DEI SERVIZI ISTITUZIONALI. ART. 1 (Risorse) ACCORDO PER L'UTILIZZAZIONE DELLE RISORSE PREVISTE DAL FONDO UNICO PER L'EFFICIENZA DEI SERVIZI ISTITUZIONALI ART. 1 (Risorse) 1) Al finanziamento del Fondo costituito ai sensi dell'art. 14 del DPR 16

Dettagli

ACCORDO DI RINNOVO 5 DICEMBRE 2012

ACCORDO DI RINNOVO 5 DICEMBRE 2012 ACCORDO DI RINNOVO 5 DICEMBRE 2012 MINIMI ED ALTRI ISTITUTI ECONOMICI 130 euro al 5 livello; 112 euro al 3 livello; 132 euro in media Tranche: 1/1/ 13 35 euro; 1/1/ 14 45 euro; 1/1/ 15 50 euro Conglobamento

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

SINTESI NORMATIVA EFFETTUAZIONE E LIQUIDAZIONE ORE ECCEDENTI ED ATTIVITA AGGIUNTIVE DI INSEGNAMENTO

SINTESI NORMATIVA EFFETTUAZIONE E LIQUIDAZIONE ORE ECCEDENTI ED ATTIVITA AGGIUNTIVE DI INSEGNAMENTO Ufficio VI -Area amministrazione e gestione delle risorse finanziarie Corso Ferrucci n. 3 10138 Torino SINTESI NORMATIVA EFFETTUAZIONE E LIQUIDAZIONE ORE ECCEDENTI ED ATTIVITA AGGIUNTIVE DI INSEGNAMENTO

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE COMPARTO RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. ART. 1 ( Definizione)

LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE COMPARTO RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. ART. 1 ( Definizione) 1 REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana Assessorato Regionale della Sanità Dipartimento regionale per la pianificazione strategica ********** Servizio 1 Personale dipendente S.S.R. LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE

Dettagli

CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO PER I DIPENDENTI AVIS DEI PROFILI PROFESSIONALI DIRETTIVO DIRIGENZIALI AMMINISTRATIVI, SANITARI E MEDICI

CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO PER I DIPENDENTI AVIS DEI PROFILI PROFESSIONALI DIRETTIVO DIRIGENZIALI AMMINISTRATIVI, SANITARI E MEDICI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO PER I DIPENDENTI AVIS DEI PROFILI PROFESSIONALI DIRETTIVO DIRIGENZIALI AMMINISTRATIVI, SANITARI E MEDICI 1 Il giorno 12 settembre 2008, tra l AVIS Nazionale - Associazione

Dettagli

IPOTESI DI PIATTAFORMA UNITARIA. FLC Cgil, CISL Scuola, UIL Scuola, CONFSAL/SNALS CCNL ANINSEI 2010-2012

IPOTESI DI PIATTAFORMA UNITARIA. FLC Cgil, CISL Scuola, UIL Scuola, CONFSAL/SNALS CCNL ANINSEI 2010-2012 IPOTESI DI PIATTAFORMA UNITARIA FLC Cgil, CISL Scuola, UIL Scuola, CONFSAL/SNALS CCNL ANINSEI 2010-2012 Art. 2 - Procedure per il rinnovo del CCNL PARTE PRIMA Titolo I Il sistema delle relazioni sindacali

Dettagli

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 MINIMI RETRIBUTIVI FISSATI DALLA COMMISSIONE NAZIONALE DECORRENZA 1 GENNAIO 2014 CONVIVENTI DI CUI ART. 15-2

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2011

Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2011 Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2011 Sottoscritto definitivamente in data 5 settembre 2012 Comune di MERCATELLO SUL METAURO

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPÓLO ITALIANO

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPÓLO ITALIANO R.G.N, REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPÓLO ITALIANO Il Giudice del Lavoro del Tribunale di Bari -dr. ssa Maria Giovanna Deceglie- nelle controversie individuali di lavoro riunite sub nn. R.G. 22661/07,

Dettagli

Paghe. Labancaoreinbustapaga Bartolomeo La Porta e Barbara Bionda - Consulenti del lavoro

Paghe. Labancaoreinbustapaga Bartolomeo La Porta e Barbara Bionda - Consulenti del lavoro Labancaoreinbustapaga Bartolomeo La Porta e Barbara Bionda - Consulenti del lavoro Definizione Riposi compensativi La banca ore è un istituto contrattuale che consiste nell accantonamento, su di un conto

Dettagli

RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Approvato con atto deliberativo n. 105 del 29.3.2011 REGOLAMENTO AZIENDALE per la DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE per il Personale Dipendente dell Area del COMPARTO FINALITA : Il presente

Dettagli

ACCORDI EXPO PER IL LAVORO

ACCORDI EXPO PER IL LAVORO ACCORDI EXPO PER IL LAVORO Milano, 27 aprile 2015 Il 26 marzo scorso tra Unione Confcommercio Milano e le organizzazioni sindacali di categoria Filcams-CGIL, Fisascat-CISL e Uiltucs-UIL di Milano e di

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

SINTESI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO INDUSTRIA TURISTICA. Federturismo Confindustria, Aica, Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl, Uiltucs-Uil

SINTESI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO INDUSTRIA TURISTICA. Federturismo Confindustria, Aica, Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl, Uiltucs-Uil SINTESI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO INDUSTRIA TURISTICA PARTI CONTRAENTI Federturismo Confindustria, Aica, Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl, Uiltucs-Uil DATA DI STIPULA 3 febbraio 2008 FINALITÀ

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

REGOLAMENTO SUL PART TIME PER IL PERSONALE DEL COMPARTO DEL S.S.N.

REGOLAMENTO SUL PART TIME PER IL PERSONALE DEL COMPARTO DEL S.S.N. REGOLAMENTO SUL PART TIME PER IL PERSONALE DEL COMPARTO DEL S.S.N. ART.1 Finalità L Azienda U.L.S.S. 20, alla luce delle nuove disposizioni legislative e contrattuali, con il presente regolamento supera

Dettagli

REGOLAMENTAZIONE DELL ORARIO DI LAVORO E DELLO STRAORDINARIO NEI CONTRATTI COLLETTIVI NAZIONALI DI LAVORO TESSILE - ABBIGLIAMENTO (INDUSTRIA)

REGOLAMENTAZIONE DELL ORARIO DI LAVORO E DELLO STRAORDINARIO NEI CONTRATTI COLLETTIVI NAZIONALI DI LAVORO TESSILE - ABBIGLIAMENTO (INDUSTRIA) REGOLAMENTAZIONE DELL ORARIO DI LAVORO E DELLO STRAORDINARIO NEI CONTRATTI COLLETTIVI NAZIONALI DI LAVORO TESSILE - ABBIGLIAMENTO (INDUSTRIA) Contratto collettivo nazionale di lavoro per i dipendenti dalle

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999 DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999 «Trattamento di fine rapporto e istituzione dei fondi pensione dei pubblici dipendenti». (Gazzetta Ufficiale n. 111 del 15 maggio 2000

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale 1. I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati, a richiesta, nei

Dettagli

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE)

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) Normativa VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) a cura di Libero Tassella da Scuola&Scuola, 8/9/2003 Riferimenti normativi: artt. 7,8 legge 29.12.1988, N. 554; artt. 7,8 Dpcm 17.3.1989,

Dettagli

Guida sul part time personale di ruolo (trasformazione del contratto da tempo pieno a tempo parziale). Presentazione domande entro il 15 marzo

Guida sul part time personale di ruolo (trasformazione del contratto da tempo pieno a tempo parziale). Presentazione domande entro il 15 marzo Liceo Primo Levi _- S. Donato Milanese Guida sul part time personale di ruolo (trasformazione del contratto da tempo pieno a tempo parziale). Presentazione domande entro il 15 marzo Scade il 15 marzo la

Dettagli

Regolamento per la gestione dei contratti di lavoro part-time (approvato con determinazione n 172 del 15.4.2013) Art. 1 - Oggetto

Regolamento per la gestione dei contratti di lavoro part-time (approvato con determinazione n 172 del 15.4.2013) Art. 1 - Oggetto Regolamento per la gestione dei contratti di lavoro part-time (approvato con determinazione n 172 del 15.4.2013) Art. 1 - Oggetto Il presente Regolamento disciplina le procedure per la trasformazione del

Dettagli

CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI

CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI Il CCNL si applica ai dipendenti delle seguenti società autostradali: Autostrade per l Italia S.p.A. Società Italiana Traforo del Monte Bianco Società Italiana Traforo del Gran San Bernardo Società Raccordo

Dettagli

Il lavoro subordinato

Il lavoro subordinato Il lavoro subordinato Aggiornato a luglio 2012 1 CHE COS È? Il contratto di lavoro subordinato è un contratto con il quale un lavoratore si impegna a svolgere una determinata attività lavorativa alle dipendenze

Dettagli

Prot. N. 931 /E7 Volterra, 14 aprile 2014 INTESA CONTRATTO INTEGRATIVO D ISTITUTO

Prot. N. 931 /E7 Volterra, 14 aprile 2014 INTESA CONTRATTO INTEGRATIVO D ISTITUTO ISTITUTO d ISTRUZIONE SUPERIORE GIOSUÈ CARDUCCI LICEO CLASSICO, SCIENTIFICO, SOCIO-PSICO-PEDAGOGICO V.le Trento e Trieste n 26-56048 - Volterra (PI) - tel. 0588 86055 - fax 0588 90203 ISTITUTO STATALE

Dettagli

REGOLAMENTO DEL PART-TIME

REGOLAMENTO DEL PART-TIME REGOLAMENTO DEL PART-TIME (approvato con deliberazione di Giunta comunale n. 279 del 14/11/2012, integrato con deliberazione di Giunta comunale n. 311 del 17/12/2013 e, da ultimo, modificato con deliberazione

Dettagli

DENUNCIA/COMUNICAZIONE DI INFORTUNIO (art. 53, d.p.r. 30/06/1965 n. 1124 - art. 18, comma 1, lettera r, d.lgs. 09/04/2008 n. 81)

DENUNCIA/COMUNICAZIONE DI INFORTUNIO (art. 53, d.p.r. 30/06/1965 n. 1124 - art. 18, comma 1, lettera r, d.lgs. 09/04/2008 n. 81) Mod. 4 bis - Prest. DENUNCIA/COMUNICAZIONE DI INFORTUNIO (art. 53 d.p.r. 30/06/1965 n. 1124 - art. 18 comma 1 lettera r d.lgs. 09/04/2008 n. 81) Alla Sede INAIL INAIL TIMBRO DI ARRIVO Data di spedizione

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DEFINIZIONE DEI CRITERI E DELLE MODALITA DI TRASFORMAZIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO DA TEMPO PIENO A TEMPO PARZIALE.

REGOLAMENTO PER LA DEFINIZIONE DEI CRITERI E DELLE MODALITA DI TRASFORMAZIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO DA TEMPO PIENO A TEMPO PARZIALE. COMUNE DI USMATE VELATE Provincia di Monza e della Brianza. Corso Italia n. 22 20040 USMATE VELATE Cod.Fisc.01482570155 REGOLAMENTO PER LA DEFINIZIONE DEI CRITERI E DELLE MODALITA DI TRASFORMAZIONE DEL

Dettagli

PIATTAFORMA PER IL RINNOVO DEL CCNL IMPRESE DI PULIZIA, SERVIZI INTEGRATI/MULTISERVIZI 2013 2015

PIATTAFORMA PER IL RINNOVO DEL CCNL IMPRESE DI PULIZIA, SERVIZI INTEGRATI/MULTISERVIZI 2013 2015 PIATTAFORMA PER IL RINNOVO DEL CCNL IMPRESE DI PULIZIA, SERVIZI INTEGRATI/MULTISERVIZI 2013 2015 A seguito delle riunioni con le strutture regionali, sono state approfondite le tematiche relative al rinnovo

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

REGOLAMENTO AZIENDALE SULLA DISCIPLINA DEI RAPPORTI DI LAVORO A TEMPO PARZIALE (ai sensi dell art. 73 della L. n. 133/2008)

REGOLAMENTO AZIENDALE SULLA DISCIPLINA DEI RAPPORTI DI LAVORO A TEMPO PARZIALE (ai sensi dell art. 73 della L. n. 133/2008) REGOLAMENTO AZIENDALE SULLA DISCIPLINA DEI RAPPORTI DI LAVORO A TEMPO PARZIALE (ai sensi dell art. 73 della L. n. 133/2008) Art. 1 Percentuale generale dei rapporti a tempo parziale 1. Le trasformazioni

Dettagli

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time Decreto Part-time Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time ARTICOLO 1 Definizioni 1.Nel rapporto di lavoro subordinato l assunzione

Dettagli

MINISTERO DELL/ISTRUZIOI\JE, DELL/UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTJCO PER SICILIA

MINISTERO DELL/ISTRUZIOI\JE, DELL/UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTJCO PER SICILIA MI IV I S'TtA D E ()) ND NI 11 i. fin /~ j>j ee I?~ it S'lo;J[.~i/f r tis«,t..;ii'\.'j1lefjr:ll~ S'IAT~ ptw)t 60 (?P~GL.2, /7- J2bJ( MINISTERO DELL/ISTRUZIOI\JE, DELL/UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO

Dettagli

CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO 1998-2001 DELL'AREA RELATIVA ALLA DIRIGENZA MEDICA E VETERINARIA Parte economica biennio 2000-2001

CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO 1998-2001 DELL'AREA RELATIVA ALLA DIRIGENZA MEDICA E VETERINARIA Parte economica biennio 2000-2001 CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO 1998-21 DELL'AREA RELATIVA ALLA DIRIGENZA MEDICA E VETERINARIA Parte economica biennio 2-21 A seguito del parere favorevole espresso in data 5 maggio 2 dal Comitato

Dettagli

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA L'Università degli Studi di Parma con sede in Parma, via Università n. 12 codice fiscale n. 00308780345 rappresentata dal

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297)

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) 1) Beneficiari Hanno titolo a richiedere l anticipazione i lavoratori che abbiano maturato almeno

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA Approvato il 3 agosto 2011 Indice Disposizioni generali Art. 1 Oggetto del Regolamento Art. 2 Requisiti, obbligatorietà e modalità di iscrizione Art. 3 Casi particolari di prosecuzione

Dettagli

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013 Vademecum per la gestione del trattamento di mobilità in deroga Annualità 2013 Istruzioni per la compilazione della domanda di mobilità in deroga e informazioni generali sul trattamento. Differenze tra

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia 300/2014/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone dott. Andrea Luberti

Dettagli

PART TIME DOCENTI DI RUOLO. GUIDA E MODELLO DI DOMANDA. SCADENZA 15 MARZO 2015

PART TIME DOCENTI DI RUOLO. GUIDA E MODELLO DI DOMANDA. SCADENZA 15 MARZO 2015 PART TIME DOCENTI DI RUOLO. GUIDA E MODELLO DI DOMANDA. SCADENZA 15 MARZO 2015 di Lalla, Orizzonte scuola 23.2.2015 Scade il 15 marzo la domanda per la richiesta di part time. I requisiti e le modalità

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it - C.F. 80072450374 Pec : boic86400n@pec.istruzione.it

Dettagli

AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI RECEPTION, CENTRALINO E FATTORINAGGIO ESTERNO PER GLI UFFICI DELLA SOGESID S.P.A. VIA CALABRIA, 35 E VIA CALABRIA 56 ROMA.

AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI RECEPTION, CENTRALINO E FATTORINAGGIO ESTERNO PER GLI UFFICI DELLA SOGESID S.P.A. VIA CALABRIA, 35 E VIA CALABRIA 56 ROMA. AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI RECEPTION, CENTRALINO E FATTORINAGGIO ESTERNO PER GLI UFFICI DELLA SOGESID S.P.A. VIA CALABRIA, 35 E VIA CALABRIA 56 ROMA. CIG: 5066492974 Quesito 1 Domanda: Nel Capitolato Tecnico

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

L Operatore Locale di Progetto OLP

L Operatore Locale di Progetto OLP L Operatore Locale di Progetto OLP L Operatore Locale di Progetto CHI E? Qualcuno piu esperto del volontario, con il quale stabilisce un rapporto da apprendista a maestro, dal quale imparera, sara seguito,

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

SETTORE AMMINISTRATIVO - ECONOMICO FINANZIARIO COPIA DI DETERMINA CONGIUNTA N. 15 ANNO 2011 DEL 08-07-2011

SETTORE AMMINISTRATIVO - ECONOMICO FINANZIARIO COPIA DI DETERMINA CONGIUNTA N. 15 ANNO 2011 DEL 08-07-2011 SETTORE AMMINISTRATIVO - ECONOMICO FINANZIARIO COPIA DI DETERMINA CONGIUNTA N. 15 ANNO 2011 DEL 08-07-2011 OGGETTO: TRAPANI IACP - DETERMINAZIONE FONDO DI POSIZIONE E DI RISULTATO DEI DIRIGENTI ANNO 2011.-

Dettagli

~: ~~.::.. ::... :.: ~ #é

~: ~~.::.. ::... :.: ~ #é AGENZIA PER LA RAPPRESENTANZA NEGOZIALE DELLE PUBSUCHE.wMINISTRAZIONI CCNL relativo al riconoscimento al personale ATA del comparto Scuola dell'emolumento una-tantum avente carattere stipendiale di cui

Dettagli

APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO

APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e all occupazione dei giovani. Possono essere assunti in

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

Paghe. La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro

Paghe. La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro Il luogo della prestazione lavorativa è un elemento fondamentale del contratto di lavoro subordinato. Per quanto nella maggior

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

GUIDA OPERATIVA. Personale dei comparti:

GUIDA OPERATIVA. Personale dei comparti: GUIDA OPERATIVA Personale dei comparti: Modalità di calcolo del monte ore dei permessi sindacali di spettanza delle organizzazioni sindacali rappresentative e della RSU nei luogo di lavoro Novembre 2013

Dettagli

GUIDA SUL PART TIME. Requisiti e modalità per inoltrare la domanda

GUIDA SUL PART TIME. Requisiti e modalità per inoltrare la domanda GUIDA SUL PART TIME Il termine per la presentazione della domanda per la richiesta di part time è generalmente fissata al 15 marzo di ogni anno. I docenti interessati devono inoltrare la domanda, per il

Dettagli

Circolare della Funzione Pubblica n. 5 del 21 novembre 2013 sul DL 101/2013

Circolare della Funzione Pubblica n. 5 del 21 novembre 2013 sul DL 101/2013 Circolare della Funzione Pubblica n. 5 del 21 novembre 2013 sul DL 101/2013 La circolare del dipartimento funzione pubblica esplicativa dell articolo 4 del Decreto Legge n. 101 del 31 agosto 2013, convertito

Dettagli

COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza

COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza COPIA COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza N. 64 del Reg. Delib. N. 6258 di Prot. Verbale letto approvato e sottoscritto. IL PRESIDENTE f.to Antecini IL SEGRETARIO COMUNALE f.to Scarpari N. 433 REP.

Dettagli

UNIONE TERRED ACQUA IL RESPONSABILE P.O.

UNIONE TERRED ACQUA IL RESPONSABILE P.O. SERVIZIO PERSONALE SCADENZA 13/08/2015 AVVISO DI MOBILITA PER EVENTUALE ASSUNZIONE A TEMPO INDETERMINATO E TEMPO PIENO, DI N. 1 POSTO DI ISTRUTTORE DIRETTIVO AMMINISTRATIVO CAT. GIUR. D1, DEL COMUNE DI

Dettagli

FLC Cgil Nazionale Febbraio 2008

FLC Cgil Nazionale Febbraio 2008 FLC Cgil Nazionale Febbraio 2008 INSERIMENTO/AGGIORNAMENTO GRADUATORIE ATA DI 1^ FASCIA GUIDA ANALITICA ALLA COMPILAZIONE DELLA DOMANDA (modelli di domanda - allegati B1, B2, F, G, H) 0) La modulistica

Dettagli

Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo e Ata della scuola

Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo e Ata della scuola Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo e Ata della scuola Scheda di lettura del contratto annuale integrativo del 15 luglio 2010. Di cosa si tratta Si tratta della possibilità

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DEL PERSONALE IN PART TIME

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DEL PERSONALE IN PART TIME LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DEL PERSONALE IN PART TIME Parte Prima- LA REGOLAMENTAZIONE Premessa Il rapporto di lavoro a tempo parziale viene convenzionalmente definito come attività lavorativa a carattere

Dettagli

ACCORDO QUADRO SINDACALE PROVINCIALE SULLA MATERIA DEI CONTRATTI PART TIME INTEGRATIVO AL CCNL TURISMO PARTE SPECIALE PUBBLICI ESERCIZI

ACCORDO QUADRO SINDACALE PROVINCIALE SULLA MATERIA DEI CONTRATTI PART TIME INTEGRATIVO AL CCNL TURISMO PARTE SPECIALE PUBBLICI ESERCIZI ACCORDO QUADRO SINDACALE PROVINCIALE SULLA MATERIA DEI CONTRATTI PART TIME INTEGRATIVO AL CCNL TURISMO PARTE SPECIALE PUBBLICI ESERCIZI Il giorno 4 Febbraio 2003 presso la sede dell Ascom Provinciale in

Dettagli

CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO del Personale del Comparto Università quadriennio normativo 2006-2009 biennio economico 2006-2007

CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO del Personale del Comparto Università quadriennio normativo 2006-2009 biennio economico 2006-2007 CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO del Personale del Comparto Università quadriennio normativo 2006-2009 biennio economico 2006-2007 A seguito del parere favorevole espresso dal Comitato di Settore

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Testo approvato definitivamente dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione rispettivamente

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI CAGLIARI CONTRATTO COLLETTIVO INTEGRATIVO DEI DIPENDENTI DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI

UNIVERSITA DEGLI STUDI CAGLIARI CONTRATTO COLLETTIVO INTEGRATIVO DEI DIPENDENTI DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI UNIVERSITA DEGLI STUDI CAGLIARI CONTRATTO COLLETTIVO INTEGRATIVO DEI DIPENDENTI DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI ART. 1 (Campo di applicazione) 1. Il presente Contratto

Dettagli

IPOTESI DI TRA PREMESSO

IPOTESI DI TRA PREMESSO IPOTESI DI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE INTEGRATIVO CONCERNENTE LE UTILIZZAZIONI E LE ASSEGNAZIONI PROVVISORIE DEL PERSONALE DOCENTE, EDUCATIVO ED A.T.A. PER L ANNO SCOLASTICO 2015/16. L'anno 2015 il

Dettagli

Sommario. Definizione 3

Sommario. Definizione 3 Sommario Definizione 3 1. Contratto di solidarietà difensivo 4 1.1 Contenuto del contratto 7 1.2 Riflessi sul rapporto di lavoro 15 1.3 codici autorizzazione Inps 17 2. Contratto di solidarietà espansivo

Dettagli

FERIE, PAR, RIDUZIONI ORARIO, LAVORO STRAORDINARIO e RIPOSI PERMESSI PER FERIE

FERIE, PAR, RIDUZIONI ORARIO, LAVORO STRAORDINARIO e RIPOSI PERMESSI PER FERIE FERIE, PAR, RIDUZIONI ORARIO, LAVORO STRAORDINARIO e RIPOSI PERMESSI PER FERIE Di seguito l indicazione della spettanza ferie per ciascuna categoria di beneficiari, come prevista dal vigente CONTRATTO

Dettagli

REGIONE CALABRIA. n. 66 del 7 Maggio 2012

REGIONE CALABRIA. n. 66 del 7 Maggio 2012 REGIONE CALABRIA DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE (nella qualita di Commissario ad acta per l'attuazione del piano di rientro dal disavanzo del settore sanitario della Regione Calabria nominato

Dettagli

ACCORDO INTERCONFEDERALE 20 DICEMBRE 1993 TRA CONFINDUSTRIA E CGIL, CISL E UIL - COSTITUZIONE DELLE RAPPRESENTANZE SINDACALI UNITARIE.

ACCORDO INTERCONFEDERALE 20 DICEMBRE 1993 TRA CONFINDUSTRIA E CGIL, CISL E UIL - COSTITUZIONE DELLE RAPPRESENTANZE SINDACALI UNITARIE. ACCORDO INTERCONFEDERALE 20 DICEMBRE 1993 TRA CONFINDUSTRIA E CGIL, CISL E UIL - COSTITUZIONE DELLE RAPPRESENTANZE SINDACALI UNITARIE. Parte prima Premessa Il presente accordo assume la disciplina generale

Dettagli

1. QUADRO ECONOMICO... 2 2. ELENCO DEI PREZZI UNITARI... 4 3. ANALISI DEI PREZZI... 5

1. QUADRO ECONOMICO... 2 2. ELENCO DEI PREZZI UNITARI... 4 3. ANALISI DEI PREZZI... 5 Sommario 1. QUADRO ECONOMICO... 2 2. ELENCO DEI PREZZI UNITARI... 4 3. ANALISI DEI PREZZI... 5 1 1. QUADRO ECONOMICO In base al computo metrico dei servizi si è desunto un costo complessivo del servizio

Dettagli

Contratto Collettivo Integrativo del Ministero degli affari esteri 1998 2001, firmato il 3 agosto 2000. INDICE

Contratto Collettivo Integrativo del Ministero degli affari esteri 1998 2001, firmato il 3 agosto 2000. INDICE 1 Contratto Collettivo Integrativo del Ministero degli affari esteri 1998 2001, firmato il 3 agosto 2000. Premessa INDICE Parte Prima * Art. 1 - Campo di applicazione durata, decorrenza, tempi, procedure

Dettagli

Capo 1. Art.1 - (Definizione dell istituto dell indennità di posizione della categoria EP)

Capo 1. Art.1 - (Definizione dell istituto dell indennità di posizione della categoria EP) REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L APPLICAZIONE DEGLI ARTT.75 CONFERIMENTO E REVOCA DI INCARICHI AL PERSONALE DELLA CATEGORIA EP E 76 RETRIBUZIONE DI POSIZIONE E RETRIBUZIONE DI RISULTATO DEL CCNL 16.10.2008

Dettagli

Oggetto: Stesura definitiva CCNL Metalmeccanico - Aziende Industriali.

Oggetto: Stesura definitiva CCNL Metalmeccanico - Aziende Industriali. INFORMATIVA PAGHE N. 1/14 Assago, 23 Gennaio 2014 Alle Aziende Clienti Settore Metalmeccanico Oggetto: Stesura definitiva CCNL Metalmeccanico - Aziende Industriali. Riferimenti: CCNL Metalmeccanico Aziende

Dettagli

REGOLAMENTO PER ILCONFER'MENTO D' INCARICHI ESTERN' BESTA CARLO ISTITUTO ALLEGATO ALI,A DELIBERA CDA N. III/11912OL4

REGOLAMENTO PER ILCONFER'MENTO D' INCARICHI ESTERN' BESTA CARLO ISTITUTO ALLEGATO ALI,A DELIBERA CDA N. III/11912OL4 ALLEGATO ALI,A DELIBERA CDA N. III/11912OL4 ISTITUTO NSUROLÓCIC* CARLO BESTA REGOLAMENTO PER ILCONFER'MENTO D' INCARICHI ESTERN' Fond*eione I.R.C.C.S. l*tituto Heumlogica Carlo Besta Vi'r Ceior"ra i Ì,?*i;3

Dettagli

Testo Unico dell apprendistato

Testo Unico dell apprendistato Testo Unico dell apprendistato Art. 1 Definizione 1. L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e alla occupazione dei giovani. 2. Il contratto di apprendistato

Dettagli

Il Part-Time in Poste Italiane

Il Part-Time in Poste Italiane Il Part-Time in Poste Italiane Vademecum Che cos è? Il contratto a tempo parziale è un contratto di lavoro subordinato che prevede una prestazione di lavoro di durata inferiore rispetto alle 36 ore settimanali

Dettagli

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE Deliberazione del 15 luglio 2010, modificata ed integrata con deliberazione del 7 maggio 2014 (Testo consolidato) 1. Regolamento sulle procedure relative all

Dettagli

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE.

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. IL SEGRETARIO GENERALE con la capacità e con i poteri del privato

Dettagli

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera Cap. 75010 Via Sandro Pertini, 11 Tel. 0835672016 Fax 0835672039 Cod. fiscale 80001220773 REGOLAMENTO COMUNALE RECANTE NORME PER LA RIPARTIZIONE DELL INCENTIVO DI

Dettagli

REGIONE TOSCANA. AZIENDA U.S.L. N. 12 di VIAREGGIO (LU)

REGIONE TOSCANA. AZIENDA U.S.L. N. 12 di VIAREGGIO (LU) REGIONE TOSCANA AZIENDA U.S.L. N. 12 di VIAREGGIO (LU) AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA PER IL CONFERIMENTO DI UN INCARICO DI LAVORO AUTONOMO LIBERO PROFESSIONALE A T. D. PER L'ACQUISIZIONE DI PRESTAZIONI

Dettagli

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it 1 OGGETTO ANZIANITÀ DI SERVIZIO QUESITO (posto in data 11 luglio 2013) Sono Dirigente Medico di primo livello dal marzo del 2006 e di ruolo, senza interruzioni di servizio, dal luglio 2007. Mi hanno già

Dettagli

CCNL APL IN PILLOLE CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO PER LA CATEGORIA DELLE AGENZIE DI SOMMINISTRAZIONE DI LAVORO.

CCNL APL IN PILLOLE CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO PER LA CATEGORIA DELLE AGENZIE DI SOMMINISTRAZIONE DI LAVORO. una sintesi del CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO PER LA CATEGORIA DELLE AGENZIE DI SOMMINISTRAZIONE DI LAVORO DATA DI SOTTOSCRIZIONE: 27 DATA DI ENTRATA IN VIGORE: 1 GENNAIO 2014 Pagina 1 di 32

Dettagli

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Obblighi contributivi Calcolo dei contributi Con l instaurazione del rapporto di lavoro, sorge anche l obbligazione

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 48 DEL 24.10.2013

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 48 DEL 24.10.2013 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 48 DEL 24.10.2013 OGGETTO: Recepimento verbale commissione trattante aziendale del 15.10.2013. L anno Duemilatredici, il giorno ventiquatto del mese di

Dettagli

Speciale rinnovo 2014 pensioni erogate dall'inps

Speciale rinnovo 2014 pensioni erogate dall'inps Numero 75 Gennaio 2014 Testi a cura di Salvatore Martorelli e Paolo Zani Speciale rinnovo 2014 pensioni erogate dall'inps L'INPS ha pubblicato, con propria circolare n^7 del 17/01/2014, le tabelle per

Dettagli

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Pagina 1 di 7 TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Testo del decreto-legge 20 marzo 2014, n. 34 (in Gazzetta Ufficiale - serie generale - n. 66 del 20 marzo 2014), coordinato con la

Dettagli

CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO AD INTEGRAZIONE DEL CCNL PER IL PERSONALE NON DIRIGENTE DEGLI ENTI PUBBLICI NON ECONOMICI STIPULATO IL

CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO AD INTEGRAZIONE DEL CCNL PER IL PERSONALE NON DIRIGENTE DEGLI ENTI PUBBLICI NON ECONOMICI STIPULATO IL CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO AD INTEGRAZIONE DEL CCNL PER IL PERSONALE NON DIRIGENTE DEGLI ENTI PUBBLICI NON ECONOMICI STIPULATO IL 16.2.1999 A seguito del parere favorevole espresso in data

Dettagli

RFI:Informativa e invio documentazione. Verbale di accordo e comunicato unitario. Convocazione comitato di settore

RFI:Informativa e invio documentazione. Verbale di accordo e comunicato unitario. Convocazione comitato di settore ATTIVITA FERROVIARIE RFI:Informativa e invio documentazione ACI GLOBALE Verbale di accordo e comunicato unitario AUTONOLEGGIO Comunicato unitario di proclamazione sciopero TRASPORTO MERCI LOGISTICA AUTOSTRADE

Dettagli

riduzioni di disagio L Associazione

riduzioni di disagio L Associazione ASSOCIAZIONE ITALIANA PER LAA PREVIDENZA E ASSISTENZAA COMPLEMENTARE Studio per un PROGETTO di WELFARE integrato - Primi risultati Ipotesi di intervento tramite un fondoo pensione per fronteggiare eventuali

Dettagli