DailyFX Strategies. Il metodo dei 4 punti. How to Analyze and Trade Ranges with Price Action (Title) Matteo Paganini, Chief Analyst DailyFX

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DailyFX Strategies. Il metodo dei 4 punti. How to Analyze and Trade Ranges with Price Action (Title) Matteo Paganini, Chief Analyst DailyFX"

Transcript

1 DailyFX Strategies Il metodo dei 4 punti Matteo Paganini, Chief Analyst DailyFX How to Analyze and Trade Ranges with Price Action (Title)

2 Il metodo dei 4 punti Matteo Paganini INTRO Dopo anni di ricerca dedicati allo sviluppo di un approccio di trading profittevole, ho creato quello che solitamente descrivo come il metodo dei 4 punti. Il nome può sembrare non elegante, ma trasmette subito l idea di come, prima di decidere qualsiasi tipo di operatività, occorra condurre un analisi che va a considerare 4 livelli di ragionamento, ognuno dei quali ci fornirà un indicazione utile ad attirare la nostra attenzione su un determinato livello di quotazione, piuttosto che su un area di prezzo, partendo dalle quali cercheremo di costruirci un idea rialzista o ribassista che ci darà un preciso segnale, long o short. Un metodo valido su tutti i time frame. Il processo decisionale d investimento: metodo, risk reward, money management Prima di addentrarci nella descrizione del modello occorre fare una premessa doverosa. Il metodo che esporrò rappresenta il primo punto di quello che io definisco processo decisionale di investimento, la strada che occorre assolutamente percorrere prima di decidere se effettivamente entrare a mercato o meno. Esso infatti consta di altri due step: la valutazione del risk reward e la determinazione dell importo da utilizzare seguendo criteri di money management, molto basilari, ma efficaci nel tempo. La prima rappresenta la discriminante principale che occorrerà valutare per decidere se effettivamente tramutare in operatività reale il segnale operativo fornito dal metodo e che, tendenzialmente, ci farà decidere di entrare a mercato soltanto nel caso in cui dovessimo trovarci al cospetto di un rapporto di risk reward almeno pari a 1:2 (rischiare X per guadagnare 2X). Come fare a determinare con precisione questo rapporto? Dapprima, occorre posizionare sempre uno stop loss deciso secondo criteri tecnici (mai quantitativi, in quanto, come capiremo nel seguito della trattazione, si rischierebbe di regalare soldi al mercato se non ci si attiene al rispetto dei livelli di prezzo già battuti dal mercato). Dopo aver individuato l area di stop occorrerà ragionare su potenziali target di profitto, razionalmente ottenibili. Una volta determinati questi livelli, basterà metterli a rapporto e verificare che la strada che passa tra il nostro livello di ingresso e lo stop sia almeno pari alla metà della distanza tra il livello di entrata e l ultimo target di profitto deciso. Ultimo target di profitto in quanto l idea sarà sempre quella di posizionare almeno due livelli di profit (nell ultimo paragrafo capiremo come) in modo tale che al raggiungimento del primo sarà possibile chiudere metà posizione e portare lo stop sulla parte restante della posizione in pari. L importo da utilizzare per ogni singola operazione invece, terzo e ultimo punto del processo decisionale di investimento, sarà determinato rapportando una quantità fissa dell equity che decido di rischiare sull operazione al numero di pips che intercorrono dal prezzo di apertura allo stop prefissato. In 2

3 questo modo avrò posizioni che verosimilmente saranno spesso caratterizzate da importi differenti, ma che mi permetteranno di rispettare sempre due condizioni: un rischio di perdita rigorosamente controllato oltre che legato a livelli di prezzo precisi, oltre i quali il mercato, per un motivo o per un altro, non è stato in grado di portarsi nel recente passato. Tutto questo, ci ripetiamo al fine di rafforzare il concetto, in caso di risk reward favorevole che mi farà effettivamente decidere se far diventare realtà il risultato dell analisi dello strumento finanziario in esame tramite l utilizzo del metodo dei 4 punti. L importanza delle nuvole di ordini Un ultimo concetto, utile a spiegare l importanza del posizionamento tecnico dello stop e poi possiamo passare ad analizzare nello specifico come funziona il modello che, ormai avrete intuito, servirà solo ed esclusivamente a migliorare le probabilità che le operazioni effettuate si vadano a chiudere in territorio positivo (tendenzialmente, se rispetterò il paletto di risk reward almeno pari a 1:2 riuscirò ad essere tendenzialmente un trader profittevole a meno di sbagliare la quasi totalità delle operazioni). Il motivo per il quale il mercato si sta muovendo direzionalmente (o all interno di un trend o all interno di una congestione) compiendo un livello massimo o di minimo dopo il quale comincia a muoversi dalla parte opposta, è da ritrovarsi nell esecuzione di flussi di ordini. Essi, ed i conseguenti capitali che sottostavano al movimento in essere, o vengono meno o divengono meno importanti a livello di importi rispetto ai nuovi ordini eseguiti e tramutati in flussi di denaro che sono stati in grado di far cambiare direzionalità al mercato. Bene, molto spesso, quando avvengono queste inversioni, nuvole di ordini si vanno a posizionare al di là del livello sul quale è avvenuto il giro del mercato, da qui l importanza di non posizionare ordini prima che tali livelli siano sfondati per due motivi: il primo risiede nel fatto che il mercato potrebbe tranquillamente rivisitare il livello critico di analisi in quanto già raggiunto in precedenza senza che gli operatori che hanno preso posizionamenti sul lato di mercato contrario a quello che stava comandando il movimento direzionale siano intervenuti, facendo cambiare il senso del cammino dello strumento; il secondo, invece, riguarda l individuazione di livelli di attenzione, basandoci sul concetto e fatto che i prezzi vanno a muoversi soltanto nel momento in cui vengono colpiti degli ordini che porteranno dei capitali ad entrare nel mercato: se riesco ad avere l idea di dove queste nuvole di ordini possano posizionarsi, potrò cercare di individuare livelli intorno ai quali il mercato potrebbe mostrare aumenti di volatilità a causa del colpimento di tali ordini o della difesa dei livelli ai quali tali ordini si trovano, fornendo buone basi valutative per la nostra operatività. E da qui partiamo con la descrizione dei livelli che occorre analizzare nel momento in cui ci troviamo di fronte ad un grafico. Ognuno di essi ci fornirà una potenziale indicazione di acquisto o di vendita che, unita ai suggerimenti che ci verranno forniti dagli altri livelli, ci porteranno alla decisione di poter prendere un posizionamento long o short che diventerà reale, naturalmente, dopo il completamento del processo decisionale visto poc anzi, ma da qui in avanti vogliamo concentrarci soltanto sulla generazione del segnale di acquisto o vendita. 3

4 Livello 1: supporti e resistenze statici I supporti e resistenze statici sono livelli di prezzo orizzontali, rappresentati da linee che congiungono i massimi o i minimi segnati da uno strumento, in modo tale che in ogni istante di tempo futuro considerato dovremo prestare attenzione soltanto ad un livello particolare o ad un area di prezzi. E importante far notare che, per individuare un livello statico, molto spesso è sufficiente un primo punto di inversione dei prezzi dal quale tracciare una linea orizzontale in modo tale da cominciare a curare quell area di prezzo. Essi rappresentano il nostro primo livello di attenzione, più importante di tutti gli altri, in quanto nel momento in cui i prezzi vanno a raggiungere tali aree, molto spesso accade che esse riescano a respingerli. Nel caso in cui invece esse vengano rotte dalle quotazioni, accade sovente che il ruolo primario ricoperto fino a quel momento vada ad invertirsi. In parole povere, se un supporto viene rotto, è facile che si trasformi in resistenza grazie ai concetti di nuvole di ordini su cui abbiamo ragionato poco fa. Quando i prezzi raggiungono queste aree, l idea che si forma in noi è che esse possano continuare a ricoprire il ruolo che stanno svolgendo fino ad allora, ma questo non basterà a farci propendere ad un acquisto se siamo di fronte ad un supporto o ad una vendita se siamo di fronte ad una resistenza. Occorre passare al livello successivo di analisi per cercare ulteriori conferme, o per renderci conto che il livello che stiamo curando potrebbe essere rotto e trasformarsi nell opposto. Supporti e resistenze statici Sono evidenziati supporti e resistenze statici che all inizio contengono i movimenti dei prezzi. In questo esempio vengono rotte a rialzo le resistenze che si trasformano in supporti che non vengono più rotti. Esaminati da soli i supporti possono fornire dei suggerimenti di acquisto potrebbero risultare deboli se non abbinati ad altre indicazioni. Fonte: Marketscope 2.0 4

5 Livello 2: supporti e resistenze dinamici I supporti e resistenze dinamici sono invece livelli di prezzo obliqui, rappresentati da trendline o da canali che accompagnano le quotazioni in movimenti direzionali. Per tracciare questi livelli occorrono almeno due punti da congiungere, altrimenti non sarebbe possibile determinare il coefficiente angolare della linea disegnata. Un trucco che spesso utilizziamo è quello di disegnare trendline ascendenti sui minimi di prezzo e poi traslarle sui massimi per vedere se si va a formare un canale da seguire, all interno del quale si stanno muovendo i prezzi. Se non dovesse formarsi un canale preciso avrebbe validità soltanto la linea principale tracciata. Il concetto che sta alla base dell utilizzo di tali livelli è il medesimo di quello visto per i punti statici, con una linea di supporto che può rimanere tale o iniziare a ricoprire il ruolo da resistenza nel momento in cui dovesse essere rotta. Viceversa per le resistenze. Questi livelli risultano più difficilmente individuabili rispetto ai primi e rappresentano disegni effettuai da noi, il che equivale a congetture ed ipotesi (che spesso però si realizzano), non a livelli di prezzo battuti dal mercato come nel caso del primo livello analizzato. Questo fa sì che essi si posizionino al secondo posto nella nostra scala di valori. Supporti e resistenze dinamici Sono evidenziati supporti dinamici che traslati sui livelli di massimo, in questo caso, vanno a formare un canale rialzista preciso. Nel momento in cui i prezzi vanno a toccare i supporti dinamici (che qui coincidono anche con i supporti statici andando a rafforzare l idea che essi possano essere dei punti sui quali effettivamente pensare ad operazioni lunghe) ripartono verso le resistenze, che una volta toccate respingono le quotazioni verso i nuovi punti di supporto dinamici (che continuano a coincidere con gli statici). Fonte: Marketscope 2.0 La confluenza di un livello statico che funge da supporto con uno dinamico che ci fornisce gli stessi suggerimenti va a conferire più forza al ruolo che il livello di prezzo in analisi sta rappresentando. In caso di non corrispondenza precisa tra i due livelli (e con precisa non intendo al pip, ma in base al time frame di riferimento, di un area accettabile, per esempio una 5

6 decina di punti su un grafico orario), ma di vicinanza di essi, assumerà più rilevanza (comanderà) il primo dal punto di vista operativo in quanto più importante del secondo. Livello 3: medie mobili esponenziali a 21 e 100 periodi Questi indicatori si posizionano al terzo posto della nostra scala in quanto vanno a dipendere dalle quotazioni passate e ci indicano due aree che noi, a nostro libero giudizio, abbiamo voluto evidenziare sul grafico. Se avessimo scelto medie diverse da queste, sia per il metodo di calcolo sia per i periodi utilizzati per la loro costruzione, avremmo avuto aree diverse evidenziate. Esse vengono utilizzate sfruttando sempre i concetti di supporti e resistenze dinamici, dopo che il mercato ha mostrato buoni aumenti di volatilità, ed il modo corretto per comprendere che ruolo attribuire ad esse è determinato in maniera empirica, abbastanza semplicemente. Basta scorrere il grafico dall alto verso il basso: nel caso in cui trovassimo, nell ordine, prezzi, media a 21 e media a 100 come situazione iniziale, questo ci farebbe capire che la media a 21 potrebbe fungere da supporto e che, se rotta, in linea di massima potremmo attenderci il raggiungimento della 100; nel caso opposto, ovvero quello che vede la media a 100 sopra la media a 21, a sua volta sopra i prezzi, ci troveremmo di fronte a medie da interpretare come potenziali resistenze. Medie mobili esponenziali La media mobile esponenziale a 21 periodi funge da supporto dinamico. I prezzi, quando le si avvicinano ano dopo aver mostrato un primo aumento di volatilità, si appoggiano alle aree da essa evidenziata per ripartire verso la direzione principale assunta dalle quotazioni. Se la prima media (21) dovesse essere rotta l idea è che la seconda (100), unitamente ai primi due livelli di analisi che ricopriranno un importanza maggiore, possa intervenire come supporto (o resistenza, nell esempio come supporto). Fonte: Marketscope 2.0 6

7 Anche in questo caso, se dovessimo trovare corrispondenza di ruolo tra il primo, il secondo ed il terzo livello di analisi, avremmo un indicazione molto forte di potenziali tenute del livello, sia che esso rappresenti un supporto, sia che esso possa essere identificato come resistenza. Come visto al punto precedente, se dovessero esserci distanze tra i tre, essi comanderanno in base all ordine visto. Livello 4: oscillatore stocastico lento a periodi Per mancanza di spazio non andiamo ad approfondire i motivi della scelta di questo oscillatore, ci limitiamo ad indicare che esso viene calcolato da prezzi puri e che ci restituisce sempre una scala fissa che si muove tra 0 e 100, andando ad evidenziare due zone critiche chiamate di ipercomprato (tra 80 e 100) e di ipervenduto (tra 0 e 20). Tali zone mostrano, rispettivamente, acquisti o vendite anomale rispetto al periodo di osservazione scelto (nel nostro caso 10 periodi), del quale stiamo analizzando l ampiezza del range. Una volta raggiunta una zona critica, potremmo trovarci di fronte a due situazioni diametralmente opposte: prezzi che si sgonfiano dopo i flussi anomali o prezzi che prendono forza grazie a questi flussi, che, sovente, rappresentano le prime esecuzioni a sostegno di una rottura e di un probabile movimento direzionale consistente. Secondo la nostra strategia, osserveremo lo stocastico soltanto quando esso si andrà a trovare all interno di una delle due zone critiche, ma prima di dare un interpretazione di quello che potrebbe succedere in futuro sui prezzi, occorrerà analizzare in che fase di mercato ci troviamo. Passo imprescindibile. Se e solo se ci dovessimo trovare con prezzi contenuti all interno di due livelli 1, di due livelli 2 o di una combinazione di livelli 1 e 2 e, contemporaneamente, l oscillatore dovesse aver già mostrato durante la congestione in essere (che potrà dunque essere laterale o direzionale) di essere entrato in zona di ipercomprato in corrispondenza di prezzi sulle resistenze per poi uscirne e portarsi in zona di ipervenduto in concomitanza di prezzi sui supporti e così via fino al momento della nostra valutazione, allora sarà possibile sfruttare i concetti di ipercomprato/venduto per ipotizzare uno sgonfiamento dei prezzi e impostare vendite sulle resistenze con stocastico in ipervenduto e viceversa. Qui, in maniera naturale, avremo una corrispondenza tra l entrata nelle zone critiche ed i livelli di supporto o resistenza di livello 1 o 2. Nel caso in cui invece l oscillatore si dovesse trovare all interno di una zona critica, ma il mercato non si trovasse in una delle situazioni di congestione descritte, avremo la possibilità di curare la formazione soltanto di divergenze rialziste o ribassiste tra i prezzi e l oscillatore. latore. Nel momento in cui dovessimo assistere alla formazione di un minimo sui prezzi, con uno stocastico in ipervenduto che forma anch esso un minimo ed in seguito i prezzi dovessero formare un minimo inferiore al precedente, con un oscillatore che va a formare un minimo in corrispondenza di quello segnato sui prezzi, ma che sarà superiore rispetto a quello formatosi sull indicatore precedentemente (sul secondo minimo non ha importanza che si formi all interno della zona critica), allora saremo in presenza di una divergenza rialzista. Essa rimarrà valida, in linea di principio, fino a quando l oscillatore non entrerà nella zona di attenzione opposta rispetto a quella in cui si è formata ovvero fino a quando lo stocastico, che in caso di divergenza rialzista a sarà puntato verso e cercherà di 7

8 raggiungere la zona di ipercomprato, girerà a ribasso, anche all interno della zona neutra (quella che passa tra 20 ed 80). Come utilizzare lo stocastico Se si osservano i cerchi gialli si nota come i prezzi si stiano muovendo all interno di un supporto di livello 1 e di una resistenza di livello 2. Quando i prezzi si trovano sulle resistenze, lo stocastico si trova in zona di ipercomprato suggerendo possibilità di vendita. Quando i prezzi so trovano sui supporti, lo stocastico si trova in ipervenduto suggerendo dei potenziali acquisti. Se osserviamo invece le fasi direzionali, dopo la formazione dei primi minimi (massimi) azzurri, notiamo che i prezzi continuano la propria strada e sui successivi minimi (massimi) inferiori (superiori) vanno a formare delle divergenze rialziste (ribassiste) che possono soltanto in quel momento portare a decisioni operative (se notate nella F3 lo stocastico è in grado di seguire anche quei movimenti, contenuti tra livelli 2 di supporto e resistenza). Fonte: Marketscope 2.0 L ultimo passo prima del click Quanto visto fin ora ci fa capire come ogni livello funzioni come un votante. Ognuno può votare a favore di un posizionamento long, di uno short, oppure non esprimere nessun voto, nel qual caso non verrà tenuto in considerazione a livello di determinazione dell ingresso, ma potrebbe ricoprire un ruolo importante da un altro punto di vista. La diversa importanza assegnata ai livelli di analisi infatti, mostra la sua validità anche quando si tratta di ragionare sui livelli che potrebbero intervenire a frenare o interrompere l eventuale movimento di prezzi che potrebbe essere partito a seguito della nostra operazione. L idea di fondo è semplice: restare all interno del livello di analisi su cui stiamo ragionando, andando ad individuare quali possano essere i livelli successivi dello stesso tipo che potrebbero fungere da resistenza in caso di operazione di acquisto e che potrebbero intervenire come supporti in caso di un operazione di vendita. Se un supporto statico mi ha fatto entrare lungo, curerò la prima resistenza stenza statica che riuscirò ad individuare. Se un supporto dinamico ha funzionato, attenderò che i prezzi vadano a raggiungere, per esempio, la parte alta di un canale rialzista individuato. Se una media invece, per esempio, non ha votato sull ingresso, essa sa potrebbe rappresentare un livello sul quale il 8

9 movimento potrebbe fermarsi. Molto spesso troveremo una corrispondenza di livelli (per esempio un livello 1 e 3 vicini tra di loro), che potrebbero inficiare il movimento partito e portare ad un inversione o che potrebbero essere superati e portare al raggiungimento dei prossimi punti di attenzione individuati. Per questo motivo, se dovessimo avere il sentore che dei livelli tecnici potrebbero dar fastidio alla nostra operatività e portare alla fine del movimento a nostro favore, allora inseriremmo degli ordini di take profit per metà posizione in corrispondenza di essi, con l idea di posizionare lo stop in pari sulla restante parte, con un secondo livello di take profit in corrispondenza dei livelli raggiungibili ibili in caso di non intervento o di intervento parziale di quelli in corrispondenza dei quali sono stati posizionati i primi target. Nel caso in cui la corrispondenza non sia abbastanza precisa, assumeranno più importanza i livelli 1 e via a seguire gli altri. Posizionamento target in base all analisi dei livelli di intreferenza Dalla corrispondenza dei voti forniti da tre livelli qu quattro viene generato un segnale short (cerchio giallo). Un livello statico 1 che arriva dal passato ma che per esigenze e di impaginazione non riusciamo a mostrare funge da resistenza, indicazione rafforzata dalla presenza di un livello 2 dinamico rappresentato dalla parte alta del canale rialzista. Lo stocastico (livello 4), essendo il mercato contenuto tra due livelli 2, può essere utilizzato considerando il concetto di ipervenduto, secondo quanto visto nell articolo e fornisce anch esso un indicazione short. La media mobile non vota sull ingresso. Andando ad effettuare un analisi a ritroso (dal 4 all 1) dei livelli che potrebbero intervenire a frenare l eventuale discesa, occorre effettuare le seguenti considerazioni. Lo stocastico (4) farà considerare la short fino a che non girerà a rialzo, la media a 21 (3) potrebbe intervenire come supporto dinamico, la parte bassa del canale rialzista (2) potrebbe ricoprire lo stesso ruolo ed in corrispondenza della media a 21 passano dei supporti statici (1). Dove si vede il cerchio verde sarà dunque possibile inserire un ordine di take profit per metà posizione in quanto i prezzi potrebbero fermarsi in quell area e ripartire a rialzo ed operativamente si considererà il livello 1 (più importante del 3). Il I secondo livello di target verrà posizionato considerando i potenziali punti di arrivo in caso di rottura del primo supporto individuato, i rappresentati da un altro livello statico (1), dalla parte bassa del canale rialzista (2) e dalla media a 100 periodi (3). Operativamente, verrò preso a riferimento il livello 1. Fonte: Marketscope 2.0 9

10 Conclusione In conclusione, andando sempre ad analizzare i livelli dall 1 al 4 per decidere l ingresso e dal 4 all 1 per decidere dove impostare take profit parziali, con uno stop tecnico sempre inserito in macchina e delle semplici tecniche di money management che non n andranno mai a prescindere dal rispetto della regola che vuole almeno un rapporto tra rischio e rendimento pari a 1:2 andiamo a metterci in posizione di forza, dal punto di vista statistico, di fronte al mercato. Il metodo servirà a migliorare il numero di operazioni in profitto, il risk reward a far sì che se su un tot di operazioni sarò profittevole su meno della metà di esse sarò comunque in profitto o comunque non in perdita, il money management servirà a non farmi regalare soldi al mercato, permettendomi di posizionare stop secondo i criteri delle nuvole di ordini. Eventuali pareri, notizie, ricerche, analisi, prezzi, o altre informazioni contenute in questo documento sono fornite come commento generale del mercato e non costituiscono un consiglio personale. FXCM Italia non accetta responsabilità per qualsiasi perdita o danno, compresi, senza limitazione, qualsiasi perdita di profitto, che potrebbe derivare, direttamente o indirettamente dall'uso o affidamento su tali informazioni. Il contenuto di questo documento è soggetto a modifica in qualsiasi momento e senza preavviso ed è previsto per il solo scopo di aiutare i trader a prendere decisioni di investimento indipendenti. FXCM Italia ha adottato misure ragionevoli per assicurare l'accuratezza delle informazioni contenute nel documento, tuttavia, non garantisce l'esattezza e non accetta alcuna responsabilità per eventuali perdite o danni derivanti, direttamente o indirettamente dal contenuto o la vostra incapacità di accedere al sito web, per qualsiasi ritardo o fallimento della trasmissione o la ricezione di eventuali istruzioni o avvisi inviati attraverso questo sito web. Questo documento non è destinato alla distribuzione, o all'utilizzo, da parte di qualsiasi persona in qualsiasi paese in cui tale distribuzione o l'uso sarebbe contrario alla legge o alla regolamentazione. 10

DailyFX Strategies. Breakout e medie mobili. How to Analyze and Trade Ranges with Price Action (Title) Davide Marone, Analyst DailyFX

DailyFX Strategies. Breakout e medie mobili. How to Analyze and Trade Ranges with Price Action (Title) Davide Marone, Analyst DailyFX DailyFX Strategies Breakout e medie mobili Davide Marone, Analyst DailyFX How to Analyze and Trade Ranges with Price Action (Title) Breakout e medie mobili Davide Marone INTRO Prima di costruire una qualsiasi

Dettagli

SENZA ALCUN LIMITE!!!

SENZA ALCUN LIMITE!!! Il Report Operativo di Pier Paolo Soldaini riscuote sempre più successo! Dalla scorsa settimana XTraderNet ha uno spazio anche sul network Class CNBC nella trasmissione Trading Room. Merito soprattutto

Dettagli

Qual è l errore più comune tra i Trader sul Forex e come possiamo evitarlo? David Rodriguez, Quantitative Strategist drodriguez@dailyfx.

Qual è l errore più comune tra i Trader sul Forex e come possiamo evitarlo? David Rodriguez, Quantitative Strategist drodriguez@dailyfx. Qual è l errore più comune tra i Trader sul Forex e come possiamo evitarlo? David Rodriguez, Quantitative Strategist drodriguez@dailyfx.com Avvertenza di Rischio: Il Margin Trading su forex e/o CFD comporta

Dettagli

SELLA.IT GUIDA ALL ANALISI TECNICA PRINCIPI FONDAMENTALI

SELLA.IT GUIDA ALL ANALISI TECNICA PRINCIPI FONDAMENTALI SELLA.IT GUIDA ALL ANALISI TECNICA PRINCIPI FONDAMENTALI A cura di Maurizio Milano Ufficio Analisi Tecnica Gruppo Banca Sella INDICE: Analisi Fondamentale Analisi Tecnica I tre pilastri dell Analisi Tecnica

Dettagli

Report Operativo Settimanale

Report Operativo Settimanale Report Operativo n 70 del 1 dicembre 2014 Una settimana decisamente tranquilla per l indice Ftse Mib che ha consolidato i valori attorno a quota 20000 punti. L inversione del trend negativo di medio periodo

Dettagli

GUIDA OPZIONI BINARIE

GUIDA OPZIONI BINARIE GUIDA OPZIONI BINARIE Cosa sono le opzioni binarie e come funziona il trading binario. Breve guida pratica: conviene fare trading online con le opzioni binarie o è una truffa? Quali sono i guadagni e quali

Dettagli

Benvenuti al libro elettronico sul FOREX

Benvenuti al libro elettronico sul FOREX Benvenuti al libro elettronico sul FOREX Indice 1. Riguardo al MARCHIO... 2 2. Piattaforme di Trading... 3 3. Su cosa si Opera nel Mercato Forex?... 4 4. Cos è il Forex?... 4 5. Vantaggi del Mercato Forex...

Dettagli

INDICE. Introduzione Cosa sono le Opzioni FX? Trading 101 ITM, ATM e OTM Opzioni e strategie di Trading Glossario Contatti e Informazioni

INDICE. Introduzione Cosa sono le Opzioni FX? Trading 101 ITM, ATM e OTM Opzioni e strategie di Trading Glossario Contatti e Informazioni OPZIONI FORMAZIONE INDICE Introduzione Cosa sono le Opzioni FX? Trading 101 ITM, ATM e OTM Opzioni e strategie di Trading Glossario Contatti e Informazioni 3 5 6 8 9 10 16 ATTENZIONE AI RISCHI: Prima di

Dettagli

ANALISI TECNICA GIORNALIERA

ANALISI TECNICA GIORNALIERA RESEARCH TEAM ANALISI TECNICA GIORNALIERA TERMINI & CONDIZIONI Termini e Condizioni del servizio in fondo al report DIREZIONE TIMEFRAME STRATEGIA / POSIZIONE LIVELLI ENTRATA EUR / USD S-TERM GBP / USD

Dettagli

Manuale operativo. Tutto quello che ti serve per iniziare a fare trading sui mercati regolamentati. Copyright 2015 Scalping Futures

Manuale operativo. Tutto quello che ti serve per iniziare a fare trading sui mercati regolamentati. Copyright 2015 Scalping Futures Manuale operativo Tutto quello che ti serve per iniziare a fare trading sui mercati regolamentati. MERCATO REGOLAMENTATO DEI FUTURES O FOREX? Vediamo qual è la differenza tra questi due mercati e soprattutto

Dettagli

ISTRUZIONI PER L USO

ISTRUZIONI PER L USO GOLD 2.0 NEWSLETTER OPERATIVA SUL MERCATO AZIONARIO a cura di Pierluigi Gerbino ISTRUZIONI PER L USO Quelle che seguono sono le istruzioni ufficiali per il corretto utilizzo operativo della newsletter

Dettagli

GUIDA ALLE OPZIONI BINARIE

GUIDA ALLE OPZIONI BINARIE Titolo GUIDA ALLE OPZIONI BINARIE Comprende strategie operative Autore Dove Investire Sito internet http://www.doveinvestire.com Broker consigliato http://www.anyoption.it ATTENZIONE: tutti i diritti sono

Dettagli

Rischio e Volatilità

Rischio e Volatilità 2 Meeting annuale SellaAdvice Trading Rho,, 20 novembre 2004 Rischio e Volatilità Relatore: Maurizio Milano Da dove deve partire un analisi tecnica operativa a supporto di un attività di trading? L elemento

Dettagli

GUIDA ALLE OPZIONI SU AZIONI SU T3

GUIDA ALLE OPZIONI SU AZIONI SU T3 GUIDA ALLE OPZIONI SU AZIONI SU T3 SERVIZIO SULLE OPZIONI SU AZIONI (ISOALPHA) 1. INTRODUZIONE Con la piattaforma T3 di Webank possono essere negoziate le Opzioni su Azioni (Isoalpha), contratti di opzione

Dettagli

IMPARA IL MERCATO IN 10 MINUTI

IMPARA IL MERCATO IN 10 MINUTI IMPARA IL MERCATO IN 10 MINUTI AVVERTENZA SUGLI INVESTIMENTI AD ALTO RISCHIO: Il Trading sulle valute estere (Forex) ed i Contratti per Differenza (CFD) sono altamente speculativi, comportano un alto livello

Dettagli

FORMAZIONE PERMANENTE SUI TRADING SYSTEMS: DIVENTARE QUANT TRADER CHIAVI IN MANO

FORMAZIONE PERMANENTE SUI TRADING SYSTEMS: DIVENTARE QUANT TRADER CHIAVI IN MANO 13 Edizione del corso FORMAZIONE PERMANENTE SUI TRADING SYSTEMS: DIVENTARE QUANT TRADER CHIAVI IN MANO L unico corso che ti accompagna passo dopo passo fino a selezionare, affittare, gestire un trading

Dettagli

FORWARD RATE AGREEMENT

FORWARD RATE AGREEMENT FORWARD RATE AGREEMENT FLAVIO ANGELINI. Definizioni In generale, un contratto a termine o forward permette una compravendita di una certa quantità di un bene differita a una data futura a un prezzo fissato

Dettagli

i tassi di interesse per i prestiti sono gli stessi che per i depositi;

i tassi di interesse per i prestiti sono gli stessi che per i depositi; Capitolo 3 Prodotti derivati: forward, futures ed opzioni Per poter affrontare lo studio dei prodotti derivati occorre fare delle ipotesi sul mercato finanziario che permettono di semplificare dal punto

Dettagli

LA SPECULAZIONE DI BORSA

LA SPECULAZIONE DI BORSA Via Pascoli 7 41057 Spilamberto-MO tel. 059-782910 fax 059-785974 www.lombardfutures.com LA SPECULAZIONE DI BORSA Di Emilio Tomasini LE DUE METODOLOGIE OPERATIVE DEGLI SPECULATORI: ANALISI FONDAMENTALE

Dettagli

Guida per lo Smart Order

Guida per lo Smart Order Guida per lo Smart Order (Novembre 2010) ActivTrades PLC 1 Indice dei contenuti 1. Informazioni Generali... 3 2. Installazione... 3 3. Avvio l`applicazione... 3 4. Usi e funzionalita`... 4 4.1. Selezionare

Dettagli

IL Forex facile si fa per dire

IL Forex facile si fa per dire IL Forex facile si fa per dire Guida Introduttiva al Mercato Spot delle Valute Tecniche, strategie e idee per il trading delle valute QUALSIASI IMPRESA SI COSTRUISCE CON UNA SAGGIA GESTIONE, DIVIENE FORTE

Dettagli

I Futures: copertura del rischio finanziario e strumento speculativo

I Futures: copertura del rischio finanziario e strumento speculativo I Futures: copertura del rischio finanziario e strumento speculativo Luca Cappellina GRETA, Venezia Che cosa sono i futures. Il futures è un contratto che impegna ad acquistare o vendere, ad una data futura,

Dettagli

Regolamento Nazionale Specialità "POOL 8-15" ( Buche Strette )

Regolamento Nazionale Specialità POOL 8-15 ( Buche Strette ) Regolamento Nazionale Specialità "POOL 8-15" ( Buche Strette ) SCOPO DEL GIOCO : Questa specialità viene giocata con 15 bilie numerate, dalla n 1 alla n 15 e una bilia bianca (battente). Un giocatore dovrà

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

guida giocare in borsa

guida giocare in borsa guida giocare in borsa Dedicato a chi vuole imparare a giocare in borsa da casa e guadagnare soldi velocemente. Consigli per sfruttare l'andamento dei mercati finanziari investendo tramite internet. Guida

Dettagli

Il motore a corrente continua, chiamato così perché per. funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente

Il motore a corrente continua, chiamato così perché per. funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente 1.1 Il motore a corrente continua Il motore a corrente continua, chiamato così perché per funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente costante, è costituito, come gli altri motori da due

Dettagli

Appunti sull orientamento con carta e bussola

Appunti sull orientamento con carta e bussola Appunti sull orientamento con carta e bussola Indice Materiale necessario... 2 Orientiamo la carta topografica con l'aiuto della bussola... 2 Azimut... 2 La definizione di Azimut... 2 Come misurare l azimut...

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI Capitolo 9: PROPAGAZIOE DEGLI ERRORI 9.1 Propagazione degli errori massimi ella maggior parte dei casi le grandezze fisiche vengono misurate per via indiretta. Il valore della grandezza viene cioè dedotto

Dettagli

UN NUOVO ASSETTO DELLE APERTURE A LIVELLO 2

UN NUOVO ASSETTO DELLE APERTURE A LIVELLO 2 Lezione 14 LE APERTURE A LIVELLO 2 UN NUOVO ASSETTO DELLE APERTURE A LIVELLO 2 Tutto parte da una considerazione statistica: 4 aperture (da a ) per descrivere mani di 21+ Punti rappresenta uno spreco in

Dettagli

La f(x) dovrà rimanere all interno di questo intorno quando la x è all interno di un intorno di x 0, cioè I(x 0 ), cioè:

La f(x) dovrà rimanere all interno di questo intorno quando la x è all interno di un intorno di x 0, cioè I(x 0 ), cioè: 1 Limiti Roberto Petroni, 2011 Possiamo introdurre intuitivamente il concetto di limite dicendo che quanto più la x si avvicina ad un dato valore x 0 tanto più la f(x) si avvicina ad un valore l detto

Dettagli

Capitale raccomandato

Capitale raccomandato Aggiornato in data 1/9/212 Advanced 1-212 Capitale raccomandato da 43.8 a 6.298 Descrizioni e specifiche: 1. E' una combinazione composta da 3 Trading System automatici 2. Viene consigliata per diversificare

Dettagli

Benvenuto nello straordinario mondo del Trading in opzioni!

Benvenuto nello straordinario mondo del Trading in opzioni! TRADING in OPZIONI Benvenuto nello straordinario mondo del Trading in opzioni! Justagoodtrade è il nome di uno yacht che ho visto durante uno dei miei viaggi di formazione sul trading negli USA. Il milionario

Dettagli

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02 Impar a il tr ading da i m aestr i Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale Cos'è l'analisi Fondamentale? L'analisi fondamentale esamina gli eventi che potrebbero influenzare il valore

Dettagli

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi ONDI OMUNI: AI A CELTA IUSTA Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi CONOSCERE I FONDI D INVESTIMENTO, PER FARE SCELTE CONSAPEVOLI I fondi comuni sono

Dettagli

MetaTrader 4/5 per Android. Guida per l utente

MetaTrader 4/5 per Android. Guida per l utente 1 MetaTrader 4/5 per Android Guida per l utente 2 Contenuto Come ottenere il MT4/5 App per Android... 3 Come accedere al vostro Conto Esistente oppure creare un nuovo conto Demo... 3 1. Scheda Quotes...

Dettagli

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici PREFAZIONE Il mercato italiano dei prodotti derivati 1. COSA SONO LE OPZIONI? Sottostante Strike

Dettagli

Manuale del Trader. Benvenuti nel fantastico mondo del trading binario!

Manuale del Trader. Benvenuti nel fantastico mondo del trading binario! Manuale del Trader Benvenuti nel fantastico mondo del trading binario! Questo manuale spiega esattamente cosa sono le opzioni binarie, come investire e familiarizzare con il nostro sito web. Se avete delle

Dettagli

Misure di base su una carta. Calcoli di distanze

Misure di base su una carta. Calcoli di distanze Misure di base su una carta Calcoli di distanze Per calcolare la distanza tra due punti su una carta disegnata si opera nel modo seguente: 1. Occorre identificare la scala della carta o ricorrendo alle

Dettagli

RIALZO E AL RIBASSO CON FUTURE, ETF E CFD

RIALZO E AL RIBASSO CON FUTURE, ETF E CFD Salvatore Gaziano & Francesco Pilotti I 3 PASSI PER GUADAGNARE AL RIALZO E AL RIBASSO CON FUTURE, ETF E CFD Le basi, le strategie e la psicologia giusta per affrontare con successo il trading online sui

Dettagli

L OSCILLOSCOPIO. L oscilloscopio è il più utile e versatile strumento di misura per il test delle apparecchiature e dei

L OSCILLOSCOPIO. L oscilloscopio è il più utile e versatile strumento di misura per il test delle apparecchiature e dei L OSCILLOSCOPIO L oscilloscopio è il più utile e versatile strumento di misura per il test delle apparecchiature e dei circuiti elettronici. Nel suo uso abituale esso ci consente di vedere le forme d onda

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTA DI SCIENZE STATISTICHE CORSO DI LAUREA IN STATISTICA, ECONOMIA E FINANZA Tesi di Laurea ASPETTI DELL ANALISI TECNICA APPLICATI AL TITOLO ENI Relatore: Prof. NUNZIO

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca Trascrizione del testo e redazione delle soluzioni di Paolo Cavallo. La prova Il candidato svolga una relazione

Dettagli

Moto sul piano inclinato (senza attrito)

Moto sul piano inclinato (senza attrito) Moto sul piano inclinato (senza attrito) Per studiare il moto di un oggetto (assimilabile a punto materiale) lungo un piano inclinato bisogna innanzitutto analizzare le forze che agiscono sull oggetto

Dettagli

Decisioni di finanziamento e mercati finanziari efficienti BMAS Capitolo 12

Decisioni di finanziamento e mercati finanziari efficienti BMAS Capitolo 12 Finanza Aziendale Decisioni di finanziamento e mercati finanziari efficienti BMAS Capitolo 12 Copyright 2003 - The McGraw-Hill Companies, srl 1 Argomenti Decisioni di finanziamento e VAN Informazioni e

Dettagli

Dov è andata a finire l inflazione?

Dov è andata a finire l inflazione? 24 novembre 2001 Dov è andata a finire l inflazione? Sono oramai parecchi anni (dai primi anni 90) che la massa monetaria mondiale cresce ininterrottamente dell 8% all anno nel mondo occidentale con punte

Dettagli

Convegno 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone

Convegno 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone Convegno 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone pag. 1 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone Introduzione alla Business Intelligence Un fattore critico per la competitività è trasformare la massa di dati prodotti

Dettagli

Parleremo di correlazione: che cos è, come calcolarla

Parleremo di correlazione: che cos è, come calcolarla IDEMDJD]LQH 1XPHUR 'LFHPEUH %52 (56 21/,1( 68//,'(0 nel 2002, il numero di brokers che offrono la negoziazione online sul minifib è raddoppiato, passando da 7 nel 2001 a 14. A novembre due nuovi brokers

Dettagli

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna...

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna molto probabilmente avrei un comportamento diverso. Il mio andamento scolastico non è dei migliori forse a causa dei miei interessi (calcio,videogiochi, wrestling ) e forse mi applicherei

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

La valutazione implicita dei titoli azionari

La valutazione implicita dei titoli azionari La valutazione implicita dei titoli azionari Ma quanto vale un azione??? La domanda per chi si occupa di mercati finanziari è un interrogativo consueto, a cui cercano di rispondere i vari reports degli

Dettagli

RELAZIONE TRA VARIABILI QUANTITATIVE. Lezione 7 a. Accade spesso nella ricerca in campo biomedico, così come in altri campi della

RELAZIONE TRA VARIABILI QUANTITATIVE. Lezione 7 a. Accade spesso nella ricerca in campo biomedico, così come in altri campi della RELAZIONE TRA VARIABILI QUANTITATIVE Lezione 7 a Accade spesso nella ricerca in campo biomedico, così come in altri campi della scienza, di voler studiare come il variare di una o più variabili (variabili

Dettagli

Quando troncare uno sviluppo in serie di Taylor

Quando troncare uno sviluppo in serie di Taylor Quando troncare uno sviluppo in serie di Taylor Marco Robutti October 13, 2014 Lo sviluppo in serie di Taylor di una funzione è uno strumento matematico davvero molto utile, e viene spesso utilizzato in

Dettagli

L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A

L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A L azienda può essere considerata come: Un insieme organizzato di beni e persone che svolgono attività economiche stabili e coordinate allo scopo di

Dettagli

Questioni di Economia e Finanza

Questioni di Economia e Finanza Questioni di Economia e Finanza (Occasional Papers) High Frequency Trading: una panoramica di Alfonso Puorro Settembre 2013 Numero 198 Questioni di Economia e Finanza (Occasional papers) High Frequency

Dettagli

Le Opzioni. Caratteristiche delle opzioni. Sottostante

Le Opzioni. Caratteristiche delle opzioni. Sottostante Le Caratteristiche delle opzioni...1 I fattori che influenzano il prezzo di un opzione...4 Strategie di investimento con le opzioni...5 Scadenza delle opzioni...6 Future Style...7 Schede prodotto...8 Mercato

Dettagli

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Il lavoro sedentario può essere all origine di vari disturbi, soprattutto se il posto di lavoro è concepito secondo criteri non

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

Guida alla registrazione e all installazione del Chart Risk Manager (C.R.M.) www.privatetrading.eu

Guida alla registrazione e all installazione del Chart Risk Manager (C.R.M.) www.privatetrading.eu Guida alla registrazione e all installazione del Chart Risk Manager (C.R.M.) www.privatetrading.eu 1 Benvenuti dagli ideatori e sviluppatori del Chart Risk Manager Tool per MetaTrader 4. Raccomandiamo

Dettagli

DELL UNO CONTRO UNO DIFENSIVO

DELL UNO CONTRO UNO DIFENSIVO M A G A Z I N E PRINCIPI BASE DELL UNO CONTRO UNO DIFENSIVO w w w. a l l f o1 o t b a l l. i t IL TUTOR MARIO BERETTA 1959 Milano, è ex calciatore e attuale allenatore professionista. Diplomato Isef e

Dettagli

IL FENOMENO DELLA RISONANZA

IL FENOMENO DELLA RISONANZA IL FENOMENO DELLA RISONANZA Premessa Pur non essendo possibile effettuare una trattazione rigorosa alle scuole superiori ritengo possa essere didatticamente utile far scoprire agli studenti il fenomeno

Dettagli

Guida alla compilazione

Guida alla compilazione Guida alla compilazione 1 Guida alla compilazione... 1 PARTE I REGISTRAZIONE ORGANIZZAZIONE... 5 LA PRIMA REGISTRAZIONE... 5 ACCESSO AREA RISERVATA (LOGIN)...11 ANAGRAFICA ORGANIZZAZIONE...12 ANAGRAFICA

Dettagli

9. Urti e conservazione della quantità di moto.

9. Urti e conservazione della quantità di moto. 9. Urti e conservazione della quantità di moto. 1 Conservazione dell impulso m1 v1 v2 m2 Prima Consideriamo due punti materiali di massa m 1 e m 2 che si muovono in una dimensione. Supponiamo che i due

Dettagli

Utilizzo del server SMTP in modalità sicura

Utilizzo del server SMTP in modalità sicura Utilizzo del server SMTP in modalità sicura In questa guida forniremo alcune indicazioni sull'ottimizzazione del server SMTP di IceWarp e sul suo impiego in modalità sicura, in modo da ridurre al minimo

Dettagli

Università di Torino Facoltà di Scienze MFN Corso di Studi in Informatica. Programmazione I - corso B a.a. 2009-10. prof.

Università di Torino Facoltà di Scienze MFN Corso di Studi in Informatica. Programmazione I - corso B a.a. 2009-10. prof. Università di Torino Facoltà di Scienze MFN Corso di Studi in Informatica Programmazione I - corso B a.a. 009-10 prof. Viviana Bono Blocco 9 Metodi statici: passaggio parametri, variabili locali, record

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE a cura di G. SIMONELLI Nel motore a corrente continua si distinguono un sistema di eccitazione o sistema induttore che è fisicamente

Dettagli

La Borsa delle idee Innovare: il reale valore dei social network

La Borsa delle idee Innovare: il reale valore dei social network La Borsa delle idee Innovare: il reale valore dei social network Di cosa parliamo? La Borsa delle Idee è la soluzione per consentire alle aziende di coinvolgere attivamente le persone (dipendenti, clienti,

Dettagli

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1 Le funzioni continue A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. -3 A. Pisani, appunti di Matematica 1 Nota bene Questi appunti sono da intendere come guida allo studio e come riassunto di quanto illustrato

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

CS. Cinematica dei sistemi

CS. Cinematica dei sistemi CS. Cinematica dei sistemi Dopo aver esaminato la cinematica del punto e del corpo rigido, che sono gli schemi più semplificati con cui si possa rappresentare un corpo, ci occupiamo ora dei sistemi vincolati.

Dettagli

Dall italiano alla logica proposizionale

Dall italiano alla logica proposizionale Rappresentare l italiano in LP Dall italiano alla logica proposizionale Sandro Zucchi 2009-10 In questa lezione, vediamo come fare uso del linguaggio LP per rappresentare frasi dell italiano. Questo ci

Dettagli

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che,

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, prevedendo un aumento delle quotazioni dei titoli, li acquistano,

Dettagli

Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio

Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO La Congiuntura Economica Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio Luca Martina Private Banker Banca

Dettagli

Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare

Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare Come abbiamo visto nelle pagine precedenti il Sistema Solare è un insieme di molti corpi celesti, diversi fra loro. La sua forma complessiva è quella

Dettagli

Perché investire nel QUANT Bond? Logica di investimento innovativa

Perché investire nel QUANT Bond? Logica di investimento innovativa QUANT Bond Perché investire nel QUANT Bond? 1 Logica di investimento innovativa Partiamo da cose certe Nel mercato obbligazionario, una equazione è sempre vera: Rendimento = Rischio E possibile aumentare

Dettagli

Curve di risonanza di un circuito

Curve di risonanza di un circuito Zuccarello Francesco Laboratorio di Fisica II Curve di risonanza di un circuito I [ma] 9 8 7 6 5 4 3 0 C = 00 nf 0 5 0 5 w [KHz] RLC - Serie A.A.003-004 Indice Introduzione pag. 3 Presupposti Teorici 5

Dettagli

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE LINEE GUIDA PER UNA EFFICACE PRESENTAZIONE DI UN BUSINESS PLAN INTRODUZIONE ALLA GUIDA Questa breve guida vuole indicare in maniera chiara ed efficiente gli elementi salienti

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

TELECOMUNICAZIONI (TLC) Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Trasduttore. Attuatore CENNI DI TEORIA (MATEMATICA) DELL INFORMAZIONE

TELECOMUNICAZIONI (TLC) Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Trasduttore. Attuatore CENNI DI TEORIA (MATEMATICA) DELL INFORMAZIONE TELECOMUNICAZIONI (TLC) Tele (lontano) Comunicare (inviare informazioni) Comunicare a distanza Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Segnale non elettrico Segnale elettrico TRASMESSO s x (t) Sorgente

Dettagli

F S V F? Soluzione. Durante la spinta, F S =ma (I legge di Newton) con m=40 Kg.

F S V F? Soluzione. Durante la spinta, F S =ma (I legge di Newton) con m=40 Kg. Spingete per 4 secondi una slitta dove si trova seduta la vostra sorellina. Il peso di slitta+sorella è di 40 kg. La spinta che applicate F S è in modulo pari a 60 Newton. La slitta inizialmente è ferma,

Dettagli

Veniamo al dunque, per prima cosa recuperiamo il materiale necessario:

Veniamo al dunque, per prima cosa recuperiamo il materiale necessario: Probabilmente questo problema è stato già affrontato da altri, ma volevo portare la mia esperienza diretta, riguardo alla realizzazione di un alimentatore per il caricabatterie 12 volt, ottenuto trasformando

Dettagli

Le reverse convertible. Cosa sono e quali rischi comportano per chi le acquista. Ottobre 2012. Consob Divisione Tutela del Consumatore

Le reverse convertible. Cosa sono e quali rischi comportano per chi le acquista. Ottobre 2012. Consob Divisione Tutela del Consumatore Le reverse convertible Cosa sono e quali rischi comportano per chi le acquista Ottobre 2012 Consob Divisione Tutela del Consumatore Indice Introduzione 3 Le reverse convertible 4 Cos è una reverse convertible

Dettagli

1) IL MOMENTO DI UNA FORZA

1) IL MOMENTO DI UNA FORZA 1) IL MOMENTO DI UNA FORZA Nell ambito dello studio dei sistemi di forze, diamo una definizione di momento: il momento è un ente statico che provoca la rotazione dei corpi. Le forze producono momenti se

Dettagli

IL SAMPLE AND HOLD UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO. Progetto di Fondamenti di Automatica. PROF.: M. Lazzaroni

IL SAMPLE AND HOLD UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO. Progetto di Fondamenti di Automatica. PROF.: M. Lazzaroni UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI Corso di Laurea in Informatica IL SAMPLE AND HOLD Progetto di Fondamenti di Automatica PROF.: M. Lazzaroni Anno Accademico

Dettagli

Inizia presentazione

Inizia presentazione Inizia presentazione Che si misura in ampère può essere generata In simboli A da pile dal movimento di spire conduttrici all interno di campi magnetici come per esempio nelle dinamo e negli alternatori

Dettagli

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI La Repubblica Italiana ed il Regno dell Arabia Saudita desiderando intensificare

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

Entrate... 11 Uscite... 11 Trasferimento... 11 Movimenti ricorrenti... 11 Movimenti suddivisi... 12

Entrate... 11 Uscite... 11 Trasferimento... 11 Movimenti ricorrenti... 11 Movimenti suddivisi... 12 Data ultima revisione del presente documento: domenica 8 maggio 2011 Indice Sommario Descrizione prodotto.... 3 Licenza e assunzione di responsabilità utente finale:... 4 Prerequisiti:... 5 Sistema Operativo:...

Dettagli

Da una a più variabili: derivate

Da una a più variabili: derivate Da una a più variabili: derivate ( ) 5 gennaio 2011 Scopo di questo articolo è di evidenziare le analogie e le differenze, relativamente al calcolo differenziale, fra le funzioni di una variabile reale

Dettagli

Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini. (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob)

Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini. (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob) Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob) Novembre 2011 1 Indice PREMESSA ALLE LINEE GUIDA... 3 1 PRINCIPI GENERALI... 3

Dettagli

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA PROGRAMMA EDUCATION INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA E PREVISIONI DI PENSIONAMENTO Anticipazioni per la stampa dal Rapporto 2009 sulla scuola in Italia della Fondazione Giovanni Agnelli (dicembre

Dettagli

I LAVORI IN QUOTA. Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008. I Dispositivi di Protezione Individuale. Problematiche e soluzioni

I LAVORI IN QUOTA. Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008. I Dispositivi di Protezione Individuale. Problematiche e soluzioni Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008 I LAVORI IN QUOTA I Dispositivi di Protezione Individuale Problematiche e soluzioni Luigi Cortis via di Fontana Candida 1, 00040 Monte Porzio Catone (Roma) telefono

Dettagli

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL?

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? archiviazione ottica, conservazione e il protocollo dei SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? Il software Facile! BUSINESS Organizza l informazione

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno (delibera CdA 17 Dicembre 2012) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Il silenzio per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Istituto Comprensivo Monte S. Vito Scuola dell infanzia F.lli Grimm Gruppo dei bambini Farfalle Rosse (3 anni) Anno Scolastico 2010-2011 Ins. Gambadori

Dettagli

1. INTRODUZIONE ALLA METATRADER..3

1. INTRODUZIONE ALLA METATRADER..3 METATRADER4 INDICE 1. INTRODUZIONE ALLA METATRADER..3 1.1 FLESSIBILITÀ, CONVENIENZA, POTENZA...3 1.2 ANALISI TECNICA PROFESSIONALE E PERSONALIZZAZIONE DI INDICATORI 3 1.3 CARATTERISTICHE PRINCIPALI.3 2.

Dettagli

MODELLO ELASTICO (Legge di Hooke)

MODELLO ELASTICO (Legge di Hooke) MODELLO ELASTICO (Legge di Hooke) σ= Eε E=modulo elastico molla applicazioni determinazione delle tensioni indotte nel terreno calcolo cedimenti MODELLO PLASTICO T N modello plastico perfetto T* non dipende

Dettagli

I Derivati. a.a. 2013/2014 mauro.aliano@unica.it

I Derivati. a.a. 2013/2014 mauro.aliano@unica.it I Derivati a.a. 2013/2014 mauro.aliano@unica.it 1 Definizione di derivati I derivati sono strumenti finanziari (art.1 TUF) Il valore dello strumento deriva da uno o più variabili sottostanti (underlying

Dettagli