OBIETTIVI MINIMI E GRIGLIE DI VALUTAZIONE DELLE DISCIPLINE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "OBIETTIVI MINIMI E GRIGLIE DI VALUTAZIONE DELLE DISCIPLINE 2013-2014"

Transcript

1 OBIETTIVI MINIMI E GRIGLIE DI VALUTAZIONE DELLE DISCIPLINE

2 OBIETTIVI MINIMI DI ITALIANO - BIENNIO DI TUTTI GLI INDIRIZZI Conoscenze a) Conoscenza completa e ragionata della grammatica e dell ortografia b) Conoscenza dei nessi logico-sintattici del periodo con subordinate c) Conoscenza degli elementi linguistici, retorici e tematici del testo di narrativa e di poesia Competenze a) Esecuzione dell analisi grammaticale, logica e del periodo di un testo complesso b) Scrittura formale pertinente ed ortograficamente corretta c) Costruzione di periodi con subordinate nell esposizione orale e nella produzione scritta d) Comprensione e analisi essenziale di un testo narrativo/poetico mediante le conoscenze linguistiche, retoriche e tematiche acquisite Griglia di valutazione delle prove scritte e orali di italiano - biennio di tutti gli indirizzi Si precisa che i docenti potranno talora utilizzare, in relazione alle caratteristiche delle prove, solo alcuni degli indicatori Pertinenza alla traccia/ alle richieste Conoscenz a dei contenuti Del tutto insufficien te 1-2 Gravemen te insufficien te 3-4 Mancante non pertinente/ non rispondente alle richieste assenza di conoscenze conoscenze errate Inadeguat o 5 parzialmen te pertinente/ parzialmen te rispondent e alle richieste parziale/ inesatta/su - perficiale conoscenza di dati e significati Sufficiente 6 essenzialme nte pertinente/ essenzialme nte rispondente alle richieste conoscenza corretta/ generale di dati e significati Discreto 7 pertinente/ rispondente alle richieste conoscenze primarie e secondarie contestualizz ate Buono 8 pertinente e attinente/ precisame n- te rispondent e conoscenz e primarie e secondarie approfondi te e correlate Ottimo 9-10 elaborato/ originale criterio di pertinenza conoscenze pluridisciplin ari concettualizz ate Applicazio ne di regole e procedure Proprietà della lingua nessuna applicazione espressione gravemente disorganica/ gravemente scorretta applicazione scorretta e frammentar ia disorganicit à logicosintattica/ diffuse improprietà / errori /carenze lessicali applicazion e superficiale / imprecisa procedimen to paratattico senza relazioni logicosintattiche/ improprietà / errori / scarse conoscenze lessicali applicazione corretta ma non sempre completa periodare subordinato essenziale/ corretto/ correttezza linguistica/ proprietà lessicale applicazione corretta e completa periodare subordinato articolato/ linguaggio specifico/ varietà lessicale applicazio ne corretta e approfondi ta subordinazione elaborata/ ampio spettro linguistico e lessicale applicazione corretta, approfondita, originale subordinazio ne ampia e complessa/ scrittura colta e originale

3 OBIETTIVI MINIMI DI ITALIANO - TRIENNIO LICEO CLASSICO E SCIENTIFICO Obiettivi in termini di Competenze, Capacità e Conoscenze Primo e secondo anno del biennio superiore: 1) Consolidamento delle abilità espressive orali e scritte; 2) Acquisizione del linguaggio specifico della materia; 3) Individuazione dei diversi generi letterari; 4) Acquisizione di un metodo di lettura e di analisi di un testo; 5) Capacità di orientarsi fra le diverse tipologie di elaborato scritto (anche in relazione alla prova di esame); 6) Conoscenza del panorama storico-letterario del periodo che va dal 1200 al 1700 con particolare riferimento agli autori più significativi ; 7) Conoscenza di un antologia di canti dell Inferno e del Purgatorio; 8) Conoscenza di una scelta di testi di autori contemporanei. Terzo ed ultimo anno: 1) Ulteriore consolidamento delle abilità espressive orali e scritte; 2) Capacità di organizzazione ed elaborazione dei contenuti; 3) Acquisizione di un metodo di studio autonomo; 4) Capacità di operare collegamenti in ambito disciplinare e pluridisciplinare; 5) Conoscenza del panorama storico-letterario dal 1800 ai giorni nostri attraverso la lettura dei testi e degli autori più significativi; 6) Antologia di canti del Paradiso

4 Griglia di valutazione delle prove scritte di Italiano - triennio liceo classico e scientifico Alunno...Sezione... Data verifica... Totale :... Voto :... Indicatori Conoscenze Conoscenza dell'argomento ampiezza dell'informazione Gravemente insufficiente Insufficiente Mediocre Sufficiente Discreto Buono Ottimo 1 3,5 / ,5 / ,5 / /10 6,5 7,5 /10 8 8,5 / / 10 Errata e/o gravemente lacunosa Frammentaria, con errori Superficiale, parzialmente carente Adeguata, con qualche imperfezione Chiara, adeguata, qualche approfondimen to Ampia, piuttosto approfondita, ben organizzata Completa, approfondita, organica Competenze Proprietà espressiva e di organizzazione Errata Impropria Corretta con qualche improprietà Corretta Appropriata Fluida Ricca e fluida, con originale rielaborazion e personale Capacità Aderenza alla traccia e/o ai quesiti e alle consegne Sommaria /quasi inesistente Spesso incerta A tratti incerta Sostanzialmente corretta Quasi sempre corretta e puntuale Corretta e puntuale Del tutto corretta e puntuale

5 OBIETTIVI MINIMI DI ITALIANO - TRIENNIO LICEO LINGUISTICO Primo e secondo anno del secondo biennio : 9) Consolidamento delle abilità espressive orali e scritte; 10) Acquisizione del linguaggio specifico della materia; 11) Individuazione dei diversi generi letterari; 12) Acquisizione di un metodo di lettura e di analisi di un testo; 13) Capacità di orientarsi fra le diverse tipologie di elaborato scritto (anche in relazione alla prova di esame); 14) Conoscenza degli aspetti storico-letterari del periodo che va dal 1200 al 1700 con riferimento agli autori più significativi ; 15) Conoscenza di un antologia di canti dell Inferno e del Purgatorio; 16) Conoscenza di una scelta di testi di autori contemporanei. Ultimo anno: 7) Ulteriore consolidamento delle abilità espressive orali e scritte; 8) Capacità di organizzazione ed elaborazione dei contenuti; 9) Acquisizione di un metodo di studio autonomo; 10) Capacità di operare collegamenti in ambito disciplinare e pluridisciplinare; 11) Conoscenza del panorama storico-letterario dal 1800 ai giorni nostri attraverso la lettura dei testi e degli autori più significativi; 12) Antologia di canti del Paradiso Griglia di valutazione di Italiano - triennio liceo linguistico - indicatori generali e corrispondenze votogiudizio Gravemente insufficiente 4 Inadeguato 5 Sufficiente 6 Discreto 7 Buono 8 Ottimo 9-10 Pertinenza alla traccia e alle richieste Conoscenza dei contenuti non pert/non rispondente alle richieste assenza di conosc/ conoscenze errate parz.pert/ parz.rispond alle richieste parziale/ inesatta/superf.conosc. di dati e significati essenzialm. pert/essenz. rispond.alle richieste conoscenza corretta/generale di dati e significati pertinente/ rispondente alle richieste conoscenze primarie e secondarie contestualiz. pertinente e attinente/ precisamente rispondente conoscenze primarie e secondarie approfondite e correlate elaborato/ originale criterio di pertinenza conoscenze pluridisciplin concettualizzate Organizzazion e coerente e coesa del discorso disorganicità logicosintattica procedim paratattico senza ralaz. logico-sint periodare subordinato essenziale corretto periodare subordinato articolato subordinazione elaborata subordinaz ampia e complessa Proprietà della lingua diffuse impproprietà/ errori/carenze lessicali improprietà errori scarse conosc lessicale correttezza linguist. proprietà lessicali linguaggio specifico varietà lessicale ampio spettro linguistico e lessicale scrittura colta e originale

6 OBIETTIVI MINIMI DI LATINO E GRECO - GINNASIO 1. Lettura corretta e scorrevole di un testo in lingua latina e greca 2. Conoscenza della morfologia nominale e verbale 3. Capacità di analizzare la frase semplice e le principali strutture del periodo 4. Uso consapevole del dizionario nella decodifica del testo 5. Acquisizione di un lessico di base in entrambe le lingue 6. Conoscenza degli aspetti caratterizzanti della civiltà latina e greca Griglia di valutazione delle prove scritte di latino e greco - ginnasio DESCRITTORI E VOTI Gravement e insufficien te 1/3 CONOSCENZA DELLE STRUTTURE MORFOSINTATTICHE COMPRENSIONE DEL TESTO E TRADUZIONE RESA IN LINGUA ITALIANA Assente o gravemente lacunosa Assente e gravemente carente Insufficient e 4/5 Parziale/ Confusa Approssimati va e scorretta Non corretta Lacunosa e approssimati va Sufficiente 6 Generale Complessivam ente accettabile Globalmente corretta Discreto 7 Quasi completa Globalmente corretta Corretta e scorrevole Buono 8 Ottimo 9/10 Completa Sicura e approfondita Corretta e sicura Fluida e coerente Precisa e articolata Curata e originale

7 OBIETTIVI MINIMI DI LINGUA E LETTERATURA GRECA E LATINA - TRIENNIO LICEO CLASSICO Saperi minimi trasversali del secondo biennio e quinto anno (in conformità con il DPR 89/2010 "Indicazioni nazionali - Licei classici") Lingua (Prove scritte) 1. conoscere in modo essenziale gli elementi di base delle strutture morfologiche e sintattiche; 2. comprendere il testo d'autore in modo corretto, anche se non completo negli aspetti particolari 3. saper ricodificare in lingua italiana il testo originale con adeguata proprietà lessicale, che si intende progressiva nel corso del triennio. I testi saranno scelti con opportuna gradualità, attraverso i generi letterari, possibilmente legati agli argomenti della storia delle letteratura. Cultura (Letteratura Greca e Latina con analisi del testo d'autore) 1. saper leggere e comprendere brani in lingua originale in prosa e in versi (nella fattispecie almeno con lettura metrica in greco dell'esametro, del distico e del trimetro giambico e per il latino dell'esametro e distico), servendosi degli strumenti dell analisi morfosintattica e linguistica, cui si aggiungeranno nel corso degli anni del triennio l'analisi stilistica e retorica. 2. deve saper collocare le opere, in lingua originale, attraverso la lettura di brani antologici anche in traduzione nel rispettivo contesto storico e culturale. 3. deve saper riconoscere il genere letterario e descrivere le caratteristiche essenziali di un brano in lingua originale e/o in traduzione italiana. Contenuti di Lingua e Letteratura Greca Lo studente deve conoscere la storia della letteratura greca, nelle linee generali dalle origini all età classica fino all'età ellenistica e romano- imperiale, attraverso gli autori e i generi più significativi. - Primo anno (del secondo biennio): le origini; epica: Omero ed Esiodo; elegia, giambo, la lirica arcaica monodica. - Secondo anno (del secondo biennio): lirica corale, la tragedia, la commedia antica, la storiografia e l'oratoria. - Terzo anno (ultimo anno: filosofia, dall'età classica all'ellenismo con gli autori e generi più significativi, Ellenistico romana. Contenuti di Lingua e Letteratura Latina 1. conoscere la storia della letteratura latina, nelle linee generali dalle origini all età imperiale. In particolare: - Primo anno ( del secondo biennio): dalle origini all'età di Cesare con particolare attenzione all'epica arcaica, al teatro arcaico, alla satira, alla storiografia e/o all'oratoria. - Secondo anno: dall'età di Cesare all'età Augustea con particolare attenzione alla storiografia, all'oratoria, alla prosa filosofica e ai generi poetici della lirica, dell'epica e dell'elegia. - Terzo anno (ultimo anno): dall'età Giulio Claudia al IV sec. d. C. attraverso i generi e gli autori più significativi.

8 Griglia di valutazione per le prove scritte di latino e greco - triennio liceo classico ALUNNO/A VOTO /10 INDICATORI CONOSCENZE Conoscenza delle strutture morfosintattiche DESCRITTORI 1-3,5/10 4-4,5/10 5-5,5/10 6/10 6,5-7,5/10 8-8,5/ /10 Molto ridotta degli elementi di base Lacunosa degli elementi di base Parziale degli elementi di base Essenziale degli elementi di base Diffusa, oltre gli elementi di base Ampia Completa e organica COMPETENZE Comprensione del testo Molto ridotta o impropria Frammentaria Parziale Corretta ma non completa Esauriente Sicura e chiara Totale anche nei particolari CAPACITA Scelta lessicale 1 e ricodificazione in lingua italiana Impropria Capacità confusa e/o non corretta Non sempre chiara Semplice ma comprensibile Mediamente corretta Corretta e/o fluida Personale e originale Il voto viene calcolato dividendo il totale punti per tre e arrotondando i decimali fino a 0,4 compreso per difetto, i rimanenti per eccesso. 1 La capacità di selezionare adeguatamente il lessico e di ricodificare il testo in modo idoneo è da ritenersi in progressione dal III al V anno.

9 OBIETTIVI MINIMI E GRIGLIE VALUTAZIONE LATINO BIENNIO SCIENTIFICO 1. Lettura corretta e scorrevole di un testo in lingua latina 2. Conoscenza della morfologia nominale e verbale 3. Capacità di analizzare e tradurre la frase semplice e le principali strutture del periodo 4. Uso consapevole del dizionario nella decodifica del testo 5. Acquisizione di un lessico di base 6. Conoscenza degli aspetti caratterizzanti della civiltà latina Griglia di valutazione delle prove scritte e delle prove orali di traduzione DESCRITTORI E VOTI Gravemente insufficiente 1/3 CONOSCENZA DELLE STRUTTURE MORFOSINTATTICHE COMPRENSIONE DEL TESTO E TRADUZIONE RESA IN LINGUA ITALIANA Assente o gravemente lacunosa Assente e gravemente carente Insufficiente 4/5 Parziale/ Confusa Approssimativa e scorretta Non corretta Lacunosa e approssimativa Sufficiente 6 Generale Complessivamente accettabile Globalmente corretta Discreto 7 Quasi completa Globalmente corretta Corretta e scorrevole Buono Ottimo 8 9/10 Completa Sicura e approfondita Corretta e sicura Fluida e coerente Precisa e articolata Curata e originale

10 LINGUA E LETTERATURA LATINA TRIENNIO SCIENTIFICO Obiettivi minimi del secondo biennio e quinto anno Lingua (Prove scritte) 4. conoscere in modo essenziale gli elementi di base delle strutture morfologiche e sintattiche; 5. comprendere il testo d'autore in modo corretto, anche se non completo negli aspetti particolari 6. saper ricodificare in lingua italiana il testo originale con adeguata proprietà lessicale, che si intende progressiva nel corso del triennio. I testi saranno scelti con opportuna gradualità, attraverso i generi letterari, possibilmente legati agli argomenti della storia delle letteratura. Cultura (Letteratura Latina con analisi del testo d'autore) 4. saper leggere e comprendere brani in lingua originale in prosa e in versi (nella fattispecie almeno con lettura metrica dell'esametro e del distico), servendosi degli strumenti dell analisi morfosintattica e linguistica, cui si aggiungeranno nel corso degli anni del triennio l'analisi stilistica e retorica. 2 deve saper collocare le opere, attraverso la lettura di brani antologici in lingua originale ed anche in traduzione, nel rispettivo contesto storico e culturale. 3.deve saper riconoscere il genere letterario e descrivere le caratteristiche essenziali di un brano in lingua originale e/o in traduzione italiana. Contenuti di Lingua e Letteratura Latina 2. conoscere la storia della letteratura latina, nelle linee generali dalle origini all età imperiale. In particolare: - Primo anno ( del secondo biennio): dalle origini all'età di Cesare con particolare attenzione all'epica arcaica, al teatro arcaico, alla satira, alla storiografia e/o all'oratoria. - Secondo anno: dall'età di Cesare all'età Augustea con particolare attenzione alla storiografia, all'oratoria, alla prosa filosofica e ai generi poetici della lirica, dell'epica e dell'elegia. - Terzo anno (ultimo anno): dall'età Giulio Claudia all età cristiana attraverso i generi e gli autori più significativi.

11 GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER LE PROVE SCRITTE DI LATINO TRIENNIO SCIENTIFICO INDICATORI CONOSCEN ZE Conoscenza delle strutture morfosintattiche DESCRITTORI 1-3,5/10 4-4,5/10 5-5,5/10 6/10 Molto ridotta degli elementi di base Lacunosa degli elementi di base Parziale degli elementi di base Essenziale degli elementi di base 6,5-7,5/10 Diffusa, oltre gli elementi di base 8-8,5/ /10 Ampia Completa e organica COMPETEN ZE Comprensione del testo CAPACITA Scelta lessicale 2 e ricodificazione in lingua italiana Molto ridotta o impropria Impropria Frammentaria Capacità confusa e/o non corretta Parziale Non sempre chiara TOTALE PUNTI Corretta ma non completa Semplice ma comprensib ile Esaurien te Mediam ente corretta Sicura e chiara Corretta e/o fluida ALUNNO/A VOTO /10 Totale anche nei particolari Personale e originale /30 Il voto viene calcolato dividendo il totale punti per tre e arrotondando i decimali fino a 0,4 compreso per difetto, i rimanenti per eccesso

12 OBIETTIVI MINIMI DI LINGUA LATINA - BIENNIO LICEO LINGUISTICO Conoscenze a) Conoscenza della morfologia di base e dei costrutti essenziali b) Conoscenza del procedimento logico di base della traduzione c) Conoscenza dei principali ambiti lessicali che definiscono la civiltà latina d) Conoscenza di alcune trasformazioni della lingua latina nel tempo e) Conoscenza di passi brevi esemplificativi della prosa e poesia dei classici Competenze a) Riconoscere tutti gli elementi morfologici di base e i costrutti essenziali b) Saper consultare il vocabolario e saper riprodurre nell ordine logico dell italiano un semplice e breve testo latino c) Comparare ambiti lessicali del latino e delle lingue moderne studiate d) Risalire per via etimologica all origine latina di termini ed espressioni delle lingue moderne studiate e) Leggere correttamente e commentare in modo essenziale brevi passi di autori classici Griglia di valutazione prove scritte e orali di lingua latina - biennio liceo linguistico Pertinenza alla traccia/ alle richieste Conoscenza dei contenuti Organizzazion e coerente e coesa del discorso Gravemente insufficient e 2-4 non pertinente/ non rispondente alle richieste assenza di conoscenze/ conoscenze errate disorganicità logicosintattica Inadeguato 5 parzialmente pertinente/ parzialmente rispondente alle richieste parziale/ inesatta/superficiale conoscenza di dati e significati procedimento paratattico senza relazioni logicosintattiche Sufficiente 6 Essenzialmente pertinente/ essenzialmente rispondente alle richieste Conoscenza corretta/ generale di dati e significati Periodare subordinato essenziale corretto Discreto 7 pertinente/ rispondente alle richieste conoscenze primarie e secondarie contestualiz zate periodare subordinato articolato Buono 8 pertinente e attinente/ precisamente rispondente conoscenze primarie e secondarie approfondite e correlate subordinazione elaborata Ottimo 9-10 elaborato/ originale criterio pertinenza di conoscenze pluridisciplinar i concettualizzat e subordinazione ampia e complessa Proprietà della lingua diffuse improprietà/ errori/carenze lessicali Improprietà errori scarse conoscenze lessicali Correttezza linguistica/ proprietà lessicale linguaggio specifico/ varietà lessicale ampio spettro linguistico e lessicale scrittura colta e originale

13 OBIETTIVI MINIMI DI STORIA E GEOGRAFIA BIENNIO LICEI CLASSICO, SCIENTIFICO LINGUISTICO Storia I ANNO: DALLE ORIGINI AL PRIMO SECOLO A C. : le principali civiltà del Vicino Oriente antico ; la civiltà giudaica; la civiltà greca; la civiltà romana; II ANNO:DAL PRIMO SECOLO AL MILLE: l avvento del Cristianesimo; l Europa romano-barbarica; società ed economia nell Europa altomedioevale; la Chiesa nell Europa altomedievale; la nascita e la diffusione dell Islam; Impero e regni nell alto medioevo; la società feudale. Acquisizione di un metodo di studio dei vari argomenti che dovrà essere accompagnato da una riflessione sulle fonti utilizzate nello studio della storia antica e medievale e sul contributo di discipline come l archeologia. Geografia (Vengono sinteticamente riferiti gli argomenti riportati nelle Indicazioni nazionali, tra i quali il docente sceglierà liberamente per impostare il percorso del biennio) Distribuzione, nell arco dei due anni del biennio di contenuti relativi alle conoscenze di base della disciplina in riferimento alla geografia descrittiva di Italia, Europa, gli altri continenti e i loro Stati più importanti. La descrizione sintetica e la collocazione sul planisfero dei principali Stati del mondo (con un attenzione particolare all area mediterranea ed europea) sottolineando l importanza di alcuni fattori fondamentali per gli insediamenti dei popoli e la costituzione degli Stati, in prospettiva geostorica (esistenza o meno di confini naturali, vie d acqua navigabili e vie di comunicazione, porti e centri di transito, dislocazione delle materie prime, flussi migratori, aree linguistiche, diffusione delle religioni). Aspetti geografici e antropici quali il clima, l ambiente e la sua tutela; le fonti di energia; l acqua, risorsa essenziale e limitata, e il suo rapporto con la povertà di alcune regioni del mondo; i problemi della salute e dell istruzione; la demografia, le grandi migrazioni del passato, i movimenti migratori attuali; l economia, le relazioni internazionali. Acquisizione graduale di un linguaggio idoneo per ciascuna disciplina, corretto e specifico nel patrimonio lessicale. Griglie di valutazione storia e geografia - biennio Indicatori Conoscenze Assenti o quasi assenti Lacunose e frammentarie Incomplete Essenziali Complete Complete e articolate Uso del linguaggio specifico e capacità espositiva Esposizione non corretta- Assente o quasi assente l uso del linguaggio specifico Esposizione poco chiara e uso inesatto del linguaggio specifico Esposizione non sempre corretta e adeguata; difficoltà nell uso del linguaggio specifico Esposizione globalmente corretta e con scelta lessicale per lo più adeguata Esposizione corretta e uso appropriato dei linguaggi specifici Esposizione corretta, organica ed efficace; linguaggio appropriato, ricco ed articolato. Capacità di analisi, sintesi e rielaborazione Assente o quasi assente la capacità di analisi,sintesi e di rielaborazione personale. Limitata capacità di analisi, sintesi e di rielaborazione personale Capacità di analisi,sintesi, rielaborazione personale solo in alcune situazioni e secondo giudizio personale non sempre pertinente Capacità di individuare i concetti chiave e stabilire collegamenti, di esprimere giudizio personale solo in alcuni casi ma in modo pertinente Adeguata capacità di analisi e sintesi ed espressione del proprio giudizio in modo pertinente e coerente Ottime capacità di analisi, sintesi ed espressione del proprio giudizio, in modo coerente e motivato criticamente

14 OBIETTIVI MINIMI DI MATEMATICA E FISICA - PRIMO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO In osservanza delle indicazioni nazionali e dei piani di studio previsti per il liceo scientifico Matematica 1. Opera con e su gli insiemi N, Z, Q, R; 2. Conosce gli elementi di base del calcolo letterale; 3. Opera con le espressioni letterali; 4. Risolve equazioni, disequazioni, e sistemi di equazioni e disequazioni; 5. Applica il modello algebrico per la risoluzione di problemi; 6. Conosce i fondamenti della geometria del piano; 7. Conosce e dimostra i teoremi fondamentali di geometria euclidea; 8. Risolve problemi di geometria razionale; 9. Conosce la definizione di funzione e le proprietà delle funzioni. Fisica 1. Conosce gli elementi fondamentali della Fisica classica; 2. Opera con semplici modelli nella risoluzione di problemi; 3. Esegue semplici esperimenti di laboratorio ed è in grado di rielaborare ogni esperimento eseguito. MATEMATICA -TRIENNIO LICEO SCIENTIFICO - LINEE GENERALI E COMPETENZE FINALITÀ In questa fase lo studio della matematica cura e sviluppa : 1. l'acquisizione di conoscenze a livelli più elevati di astrazione e di formalizzazione; 2. la capacità di cogliere i caratteri distintivi dei vari linguaggi; 3. la capacità di utilizzare metodi, strumenti e modelli matematici in situazioni diverse; 4. l'attitudine a riesaminare criticamente e a sistemare logicamente le conoscenze via via acquisite; 5 l'interesse sempre più penetrante a cogliere aspetti genetici e momenti storico - filosofici del pensiero matematico. OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO Alla fine del triennio l'alunno dovrà possedere, sotto l'aspetto concettuale, i contenuti prescrittivi previsti nel programma ed essere in grado di: 1. sviluppare dimostrazioni all'interno di sistemi assiomatici proposti o liberamente costruiti; 2. operare con il simbolismo matematico riconoscendo le regole sintattiche di trasformazione di formule; 3. costruire procedure di risoluzione di un problema 4. risolvere problemi geometrici nel piano per via sintetica o per via analitica; 5. interpretare intuitivamente situazioni geometriche spaziali; 6. applicare le regole della logica in campo matematico; 7. riconoscere il contributo dato dalla matematica allo sviluppo delle scienze sperimentali; 8. inquadrare storicamente l'evoluzione delle idee matematiche fondamentali; 9. cogliere interazioni tra pensiero filosofico e pensiero matematico.

15 OBIETTIVI DELLA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA Ogni percorso didattico si basa su tre obiettivi principali di apprendimento: 1. Conoscenza dei dati particolari e della terminologia (fatti, informazioni, nomi, date, avvenimenti, luoghi, periodi di tempo) A) 2. Conoscenza delle convenzioni, delle tendenze e delle sequenze (forme, regole, modi, simboli, stili, processi, movimento, sviluppo, cause, influenze) Conoscenza 3. Conoscenza delle classificazioni, delle categorie, dei criteri, dei principi e delle leggi 4. Conoscenza dei metodi (tecniche, approcci, utilizzazioni, procedimenti) 5. Conoscenza delle teorie (interrelazioni, strutture, formulazioni) 1. Sa prendere e trattare un'informazione: a. conosce, identifica, trova le fonti di informazione adeguata b. sa cercare tra le fonti di informazione quella di cui ha bisogno B) c. sa analizzare i dati d. sa esplorare il messaggio da interpretare e. sa trascriverlo in altro codice Comprensione 2. Sa produrre un'opera personale: 3. scrivere, documentare, riferire 4. Sa elaborare un piano: 5. proporre, pianificare, progettare 6. Sa sviluppare, combinare, organizzare, sintetizzare fenomeni, concetti, teorie, ipotesi 7. Sa giudicare e valutare C) Applicazione 1. Cerca l'informazione necessaria. Stabilisce delle relazioni di similitudine e di discriminazione fra le conoscenze anteriori e il materiale appreso 2. Ricostruisce la materia appresa 3. Fissa la materia appresa 4. Ha migliorato il metodo, ha potenziato la propria capacità di comunicare idee e di riconoscere ed utilizzare modelli 5. Ha imparato a pensare logicamente ed ad individuare situazioni problematiche: mette in opera il materiale appreso in nuove situazioni Criteri di valutazione LIVELLO A Al livello A, uno studente sa individuare, spiegare e applicare in modo coerente le conoscenze in una pluralità di situazioni complesse. Ė in grado di mettere in relazione fra loro fonti d informazione e spiegazioni distinte, di servirsi scientificamente delle prove raccolte attraverso tali fonti per giustificare le proprie decisioni ed è capace di sviluppare argomentazioni a sostegno di queste. Dimostra in modo chiaro e coerente capacità di pensiero e di ragionamento scientifico ed è pronto a ricorrere alla propria conoscenza scientifica per risolvere situazioni non standard. LIVELLO B Al livello B, uno studente sa individuare gli aspetti scientifici di molte situazioni complesse, sa applicare sia i concetti sia le conoscenze a tali situazioni e sa anche mettere a confronto, scegliere e valutare prove fondate. Ė in grado di servirsi di capacità d indagine ben sviluppate, di creare connessioni appropriate fra le proprie conoscenze e di apportare un punto di vista critico. Ė capace di costruire spiegazioni e argomentazioni basate sulla propria analisi critica. LIVELLO C Al livello C, uno studente sa destreggiarsi in situazioni e problemi che richiedono di fare inferenze. Ė in grado di scegliere e integrare fra loro concetti e conoscenze. Ė capace di comunicare le decisioni prese. LIVELLO D Al livello D, uno studente sa individuare con chiarezza un numero limitato di problemi, Ė in grado di applicare solo semplici modelli familiari. Ė in grado di sviluppare brevi argomentazioni. LIVELLO E Al livello E, uno studente possiede conoscenze tanto limitate da poter essere applicate in poche situazioni.

16 FISICA - TRIENNIO LICEO SCIENTIFICO - LINEE GENERALI E COMPETENZE FINALITA' Le finalità specifiche dell'insegnamento della fisica sono: 1. comprensione dei procedimenti caratteristici dell'indagine scientifica, che si articolano in un continuo rapporto tra costruzione teorica e attività sperimentale; 2. acquisizione di un insieme organico di metodi e contenuti, finalizzati ad una adeguata interpretazione della natura; 3. capacità di reperire informazioni, utilizzarle in modo autonomo e finalizzato e di comunicarle con un linguaggio scientifico; 4. capacità di analizzare e schematizzare situazioni reali e di affrontare problemi concreti, anche al di fuori dello stretto ambito scolastico; 5. abitudine all'approfondimento, alla riflessione individuale e all'organizzazione del lavoro personale, 6. capacità di cogliere ed apprezzare l'utilità del confronto di idee e dell'organizzazione del lavoro di gruppo; 7. capacità di riconoscere i fondamenti scientifici presenti nelle attività tecniche; 8. consapevolezza delle potenzialità, dello sviluppo e dei limiti delle conoscenze scientifiche; 9. capacità di cogliere le relazioni tra lo sviluppo delle conoscenze fisiche e quello del contesto umano storico e tecnologico; 10. capacità di cogliere l'importanza del linguaggio matematico come potente strumento nella descrizione del mondo e di utilizzarlo adeguatamente. OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO Alla fine del triennio lo studente deve essere in grado di: 1. distinguere nell'esame di una problematica gli aspetti scientifici dai presupposti ideologici, filosofici, sociali ed economici; 2. inquadrare in un medesimo schema logico situazioni diverse, riconoscendo analogie e differenze, proprietà varianti ed invarianti; 3. affrontare con flessibilità situazioni impreviste di natura scientifica e/o tecnica; 4. applicare in contesti diversi le conoscenze acquisite; 5. collegare le conoscenze acquisite con le implicazioni della realtà quotidiana; 6. utilizzare criticamente le informazioni facendo anche uso di documenti originali quali memorie storiche, articoli scientifici, articoli divulgativi, ecc.; 7. riconoscere i fondamenti scientifici delle attività tecniche; 8. riconoscere l'ambito di validità delle leggi scientifiche; 9. conoscere, scegliere e gestire strumenti matematici adeguati e interpretarne il significato fisico; 10. distinguere la realtà fisica dai modelli costruiti per la sua interpretazione; 11. definire concetti in modo operativo, associandoli per quanto possibile ad apparati di misura; 12. formulare ipotesi di interpretazione dei fenomeni osservati, dedurre conseguenze e proporre verifiche; 13. scegliere tra diverse schematizzazioni esemplificative la più idonea alla soluzione di un problema reale; 14. analizzare fenomeni individuando le variabili che li caratterizzano; 15. stimare ordini di grandezza prima di usare strumenti o effettuare calcoli; 16. fare approssimazioni compatibili con l accuratezza richiesta e valutare i limiti di tali semplificazioni; 17. valutare l attendibilità dei risultati sperimentali;; 18. utilizzare il linguaggio specifico della disciplina, 19. comunicare in modo chiaro e sintetico le procedure seguite nelle proprie indagini, i risultati raggiunti e il loro significato

17 OBIETTIVI DELLA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA A) Conoscenza B) Comprensione 1. Conoscenza dei dati particolari e della terminologia (fatti, informazioni, nomi, date, avvenimenti, luoghi, periodi di tempo) 2. Conoscenza delle convenzioni, delle tendenze e delle sequenze (forme, regole, modi, simboli, stili, processi, movimento, sviluppo, cause, influenze) 3. Conoscenza delle classificazioni, delle categorie, dei criteri, dei principi e delle leggi 4. Conoscenza dei metodi (tecniche, approcci, utilizzazioni, procedimenti) 5. Conoscenza delle teorie (interrelazioni, strutture, formulazioni) 1. Sa prendere e trattare un'informazione: a. conosce, identifica, trova le fonti di informazione adeguata b. sa cercare tra le fonti di informazione quella di cui ha bisogno c. sa analizzare i dati d. sa esplorare il messaggio da interpretare e. sa trascriverlo in altro codice 2. Sa produrre un'opera personale: 3. scrivere, documentare, riferire 4. Sa elaborare un piano: 5. proporre, pianificare, progettare 6. Sa sviluppare, combinare, organizzare, sintetizzare fenomeni, concetti, teorie, ipotesi 7. Sa giudicare e valutare C) Applicazione 1. Cerca l'informazione necessaria. Stabilisce delle relazioni di similitudine e di discriminazione fra le conoscenze anteriori e il materiale appreso 2. Ricostruisce la materia appresa 3. Fissa la materia appresa 4. Ha migliorato il metodo, ha potenziato la propria capacità di comunicare idee e di riconoscere ed utilizzare modelli 5. Ha imparato a pensare logicamente ed ad individuare situazioni problematiche: mette in opera il materiale appreso in nuove situazioni Criteri di valutazione LIVELLO A Al livello A, uno studente sa individuare, spiegare e applicare in modo coerente le conoscenze in una pluralità di situazioni complesse. Ė in grado di mettere in relazione fra loro fonti d informazione e spiegazioni distinte, di servirsi scientificamente delle prove raccolte attraverso tali fonti per giustificare le proprie decisioni ed è capace di sviluppare argomentazioni a sostegno di queste. Dimostra in modo chiaro e coerente capacità di pensiero e di ragionamento scientifico ed è pronto a ricorrere alla propria conoscenza scientifica per risolvere situazioni non standard. LIVELLO B Al livello B, uno studente sa individuare gli aspetti scientifici di molte situazioni complesse, sa applicare sia i concetti sia le conoscenze a tali situazioni e sa anche mettere a confronto, scegliere e valutare prove fondate. Ė in grado di servirsi di capacità d indagine ben sviluppate, di creare connessioni appropriate fra le proprie conoscenze e di apportare un punto di vista critico. Ė capace di costruire spiegazioni e argomentazioni basate sulla propria analisi critica. LIVELLO C Al livello C, uno studente sa destreggiarsi in situazioni e problemi che richiedono di fare inferenze. Ė in grado di scegliere e integrare fra loro concetti e conoscenze. Ė capace di comunicare le decisioni prese. LIVELLO D Al livello D, uno studente sa individuare con chiarezza un numero limitato di problemi, Ė in grado di applicare solo semplici modelli familiari. Ė in grado di sviluppare brevi argomentazioni. LIVELLO E Al livello E, uno studente possiede conoscenze tanto limitate da poter essere applicate in poche situazioni.

18 OBIETTIVI MINIMI DI MATEMATICA - LICEO CLASSICO E LINGUISTICO Biennio Matematica CONOSCENZE COMPETENZE CAPACITA Acquisire con consapevolezza contenuti e metodi Analizzare semplici problemi, avvalendosi di modelli matematici atti Acquisire un metodo di studio. Riconoscere, all interno di un Conoscere il simbolismo matematico alla loro rappresentazione e soluzione. ad un livello elementare. Utilizzare procedure risolutive. Comprendere semplici dimostrazioni Verificare la coerenza dei risultati. problema, gli elementi significativi e non. all interno di sistemi assiomatici. Utilizzare consapevolmente i metodi di calcolo. In rapporto alla propria situazione di Usare il linguaggio matematico ad un partenza, evidenziare qualche livello elementare. progresso nelle sviluppo delle Utilizzare consapevolmente strumenti capacità logiche, deduttive e di informatici. collegamento. Saper utilizzare il proprio libro di testo. Triennio - Matematica CONOSCENZE COMPETENZE CAPACITA Acquisire con consapevolezza contenuti e metodi. Analizzare semplici problemi, avvalendosi di modelli matematici atti Acquisire un metodo di studio. Riconoscere, all interno di problemi, Conoscere il simbolismo matematico. alla loro rappresentazione e soluzione. gli elementi significativi e non. Conoscere il linguaggio matematico. Operare consapevolmente con le regole Comprendere semplici dimostrazioni sintattiche del simbolismo matematico. all interno di sistemi assiomatici. Utilizzare procedure risolutive. In rapporto alla propria situazione di Individuare i concetti fondamentali e Interpretare graficamente le procedure partenza, evidenziare qualche le strutture di base che unificano i vari risolutive e le soluzioni. progresso nelle sviluppo delle rami del sapere scientifico. Verificare la coerenza dei risultati. capacità logiche, deduttive e di Utilizzare consapevolmente i metodi di collegamento. calcolo. Usare correttamente il linguaggio matematico, esprimersi in una forma espositiva corretta e logicamente Inserire le conoscenze acquisite in un processo di formalizzazione. Acquisire autonomia nella consultazione di testi. pertinente. Inserire le conoscenze matematiche nell'ambito di semplici problemi reali.

19 OBIETTIVI MINIMI DI FISICA - LICEO CLASSICO E LINGUISTICO CONOSCENZE COMPETENZE CAPACITA Acquisire con consapevolezza contenuti e metodi. Conoscere il metodo sperimentale, caratterizzato da un continuo rapporto tra attività sperimentale e Usare correttamente il linguaggio scientifico, esprimersi in una forma espositiva corretta e logicamente pertinente. Riconoscere, nell ambito di semplici Acquisire un metodo di studio. In rapporto alla propria situazione di partenza, evidenziare qualche progresso nelle sviluppo delle capacità logiche, deduttive e di costruzione teorica. esercizi e problemi, quali leggi, modelli e collegamento. Comprendere il valore della fisica principi generali possono essere Riconoscere, all interno di problemi, quale mezzo per la costruzione di utilizzati per la soluzione. linguaggi e modelli utili per Utilizzare strumenti matematici gli elementi significativi e non interpretare la natura. elementari applicati alla fisica. Conoscere il linguaggio proprio della Verificare la coerenza dei risultati. Acquisire autonomia nella fisica. Saper raccogliere e rappresentare dati consultazione di testi. Individuare i concetti fondamentali e sperimentali. le strutture di base che unificano i vari rami del sapere scientifico. Conoscenze Comprensione Applicazione Gravemente Insufficiente (1/3) Quasi inesistenti. Terminologia specifica inadeguata Non imposta le soluzioni dei problemi Inesistente Insufficiente (4) Sommarie e frammentarie e con errori gravi. Terminologia specifica inadeguata. Imposta in maniera non corretta le soluzioni dei problemi Applica con notevole difficoltà le sue conoscenze. Mediocre (5) Non sempre approfondite con incertezze ed errori non gravi. Linguaggio insicuro ed impreciso Imposta solo in parte le soluzioni dei problemi. Applica con qualche difficoltà le sue conoscenze Sufficiente (6) Adeguate le conoscenze di base, ma non approfondite. Terminologia specifica a volte imprecisa. Imposta le soluzione dei problemi. Gestisce in modo adeguato, anche se a volte meccanico, le soluzioni dei problemi. Buono ( 7/8 ) Adeguate, chiare e complete, anche in presenza di errori lievi. Linguaggio corretto con terminologia specifica adeguata e raramente imprecisa. Imposta le soluzioni dei un problema e cerca nuove soluzioni. Applica con errori lievi le conoscenze e gestisce in modo consapevole le tecniche di soluzione dei problemi. Ottimo ( 9/10) Approfondite e arricchite di contributi personali. Linguaggio corretto e appropriato. Imposta le soluzioni dei problemi e cerca nuove soluzioni anche originali. Gestisce in modo consapevole le tecniche di soluzione di soluzione dei problemi.

20 LICEO LINGUISTICO LINGUA STRANIERA GRIGLIA VALUTAZIONE COMPETENZA SCRITTA STUDENTELIVELLO A1A2B1B2 VOTO 10/10 ORTOGRAFIA / ACCENTAZIONE /PUNTEGGIATURA ORTOGRAFIA / ACCENTAZIONE /PUNTEGGIATURA ORTOGRAFIA / ACCENTAZIONE /PUNTEGGIATURA ORTOGRAFIA / ACCENTAZIONE /PUNTEGGIATURA SCORREVOLEZZA / AUTENTICITÀ SCORREVOLEZZA / AUTENTICITÀ SCORREVOLEZZA / AUTENTICITÀ SCORREVOLEZZA / AUTENTICITÀ GRAMMÁTICA LÉSSICO GRAMMÁTICA LÉSSICO GRAMMÁTICA LÉSSICO GRAMMÁTICA LÉSSICO 8-10 buone/ottime: non commette errori o commette qualche errore nel caso di vocali/consonanti/gruppi/accenti/punteggiatura inesistenti o molto diversi dall italiano 7 discrete: difficoltà sporadiche e non sistematiche 6 sufficienti: eventuali errori, sporadici, non impediscono la ricezione del messaggio 1-5 insufficiente: le limitazioni ortografiche, di accentazione e punteggiatura impediscono la ricezione del messaggio a diversi livelli 8-10 ottime: del tutto simile a quella di un madrelingua 6-7 sufficienti/discrete: qualche inadeguatezza che non impedisce la ricezione del messaggio 5 insufficienti: poco autentiche, calcate dall italiano; chi legge in uno o due casi deve tornare indietro 1-4 inadeguate: la ricezione del messaggio è faticosa o impossibile 8-10 buon dominio generale delle strutture studiate: non ricorre a strutture di livello inferiore per non rischiare; rischia perché sa di poterlo fare lessico ricco: usa parafrasi / applica strategie accettabili per dire una parola che non ricorda 6-7 Dominio suff./discreto: uno o due errori occasionali in strutture/lessico recenti ma mai di livello inferiore a quello previsto lessico adeguato: cerca il termine appropriato; non rischia eccessivamente e ricorre a conoscenze collaudate 5 dominio insufficiente: strutture semplici per il livello oppure errori sporadici o strutture corrette ma di livello inferiore a quello previsto; non rischia perché non sa cosa sta studiando, non è consapevole delle strutture oggetto della verifica lessico limitato, ricorre a parole simili in italiano 1-4 errori continui- calchi sintattici dall italiano lessico scarso e scorretto; frequenti italianismi LETTER./ CIVILTÀ 8-10 Dimostra conoscenze complete/approfondite. Opera collegamenti spontanei LETTER./ CIVILTÀ 6-7 Dimostra conoscenze sufficienti/discrete. Opera qualche collegamento. LETTER./ CIVILTÀ 5 Dimostra preparazionemediocre o incompleta. Non opera collegamenti. LETTER./ CIVILTÀ 1-4 conoscenze scarse o quasi nulle

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10.

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10. GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) IN (min. 5- max. 7,5) DISCRETO BUONO E (max 5) Analisi dei livelli e degli elementi del testo incompleta incompleta

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE O B I E T T I V I M I N I M I P E R L A S C U O L A P R I M A R I A E S E C O N D A R I A D I P R I M O G R A D O ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE Ascoltare e comprendere semplici consegne operative Comprendere

Dettagli

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Il buon nome - Chiavi di risposta e classificazione degli item Item Risposta corretta Ambito di valutazione Processi

Dettagli

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO a cura di Salvatore Madaghiele SCHEDA DI VALUTAZIONE DELLA PRIMA PROVA SCRITTA: ITALIANO N. Candidato Classe Sesso: M F Data di nascita: Tema scelto: A B1 n. B2 n.

Dettagli

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Programmazione Generale Matematica e Complementi Classi: 2 Biennio Quarta I Docenti della Disciplina Salerno, lì 12 settembre 2014 Finalità della Disciplina

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa L insegnamento della lingua materna nella scuola secondaria superiore si dimostra particolarmente importante

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 Pagina 1 di 73 DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: LINGUA ITALIANA DISCIPLINE

Dettagli

Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle conoscenze e abilità degli allievi.

Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle conoscenze e abilità degli allievi. Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle abilità degli allievi. I risultati sono stati raccolti in un foglio elettronico e visualizzati con grafici,

Dettagli

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Progetto FEI Rete e Cittadinanza 2014-2015 Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Luana Cosenza, Università per Stranieri di Siena Marzo 2015 Piano di lavoro Principi della verifica e della valutazione

Dettagli

P.L.I.D.A. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza della lingua italiana

P.L.I.D.A. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza della lingua italiana P.L.I.D.A. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza della lingua italiana CRITERI DI VALUTAZIONE PER LE PROVE SCRITTE L obiettivo del valutatore, nella correzione delle prove

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu Studiare in una L2 È un'attività cognitivamente complessa: apprendere (comprendere, elaborare, inquadrare,

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO

CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO Competenze chiave del Parlamento europeo e del Consiglio d Europa per l apprendimento permanente (Racc. UE 18/12/2006). Competenze

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti»

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti» Studenti-LRF-2013 Utenti che hanno svolto il test: 262 Famiglie-LRF-2012/2013 Utenti che hanno svolto il test: 173 1) Un Liceo classico Risp. 1) È ancora una scelta valida (Utenti: 140 Perc.: 53.44%) Risp.

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015 NUMERI. SPAZIO E FIGURE. RELAZIONI, FUNZIONI, MISURE, DATI E PREVISIONI Le sociali e ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA procedure

Dettagli

PROGETTO EM.MA PRESIDIO

PROGETTO EM.MA PRESIDIO PROGETTO EM.MA PRESIDIO di PIACENZA Bentornati Il quadro di riferimento di matematica : INVALSI e TIMSS A CONFRONTO LE PROVE INVALSI Quadro di riferimento per la valutazione Quadro di riferimento per i

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA DEI LICEI

GUIDA ALLA RIFORMA DEI LICEI GUIDA ALLA RIFORMA DEI LICEI Profili d uscita, obiettivi specifici di apprendimento e quadri orari dei nuovi licei, con le indicazioni dei cambiamenti rispetto al vecchio ordinamento Il futuro è la nostra

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

10 passi verso i CPIA

10 passi verso i CPIA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l istruzione Direzione generale per l istruzione e formazione tecnica superiore e per i rapporti con i sistemi formativi delle

Dettagli

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT A cura di Linda Rossi Holden Council of Europe 2001 1 IL PLURILINGUISMO Il plurilinguismo non va confuso

Dettagli

STORIA CLASSI I E II

STORIA CLASSI I E II STORIA CLASSI I E II INDICATORE N 1 Descrittori di /livelli di comportamento Organizzazione delle informazioni. Riordinare graficamente e/o verbalmente i fatti vissuti e narrati, riconoscendo relazioni

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI I quadri di riferimento: Matematica Il Quadro di Riferimento (QdR) per le prove di valutazione dell'invalsi di matematica presenta le idee chiave che guidano la progettazione delle prove, per quanto riguarda:

Dettagli

Disgrafia-Disortografia, un inquadramento diagnostico

Disgrafia-Disortografia, un inquadramento diagnostico IRCCS Burlo Garofolo U.O. Neuropsichiatria Infantile Trieste Disgrafia-Disortografia, un inquadramento diagnostico Dott.ssa Isabella Lonciari Bolzano, 28 Febbraio 2008 Disortografia Aspetti linguistici

Dettagli

CURRICOLI SCUOLA DELL INFANZIA LA CONOSCENZA DEL MONDO Ordine, misura, spazio, tempo, natura

CURRICOLI SCUOLA DELL INFANZIA LA CONOSCENZA DEL MONDO Ordine, misura, spazio, tempo, natura CURRICOLI SCUOLA DELL INFANZIA LA CONOSCENZA DEL MONDO Ordine, misura, spazio, tempo, natura TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE Il bambino raggruppa e ordina secondo criteri diversi, confronta

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE MOD PROGRAMMAZIONEDISCIPLINARE REV.00del27.09.13 Pag1di5 PROGRAMMAZIONEDIDATTICADISCIPLINARE Disciplina:_SISTEMIELETTRONICIAUTOMATICIa.s.2013/2014 Classe:5 Sez.A INDIRIZZO:ELETTRONICAPERTELECOMUNICAZIONI

Dettagli

Linguistica Generale

Linguistica Generale Linguistica Generale Docente: Paola Monachesi Aprile-Maggio 2003 Contents 1 La linguistica e i suoi settori 2 2 La grammatica come mezzo per rappresentare la competenza linguistica 2 3 Le componenti della

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI INGRESSO Si mostra sereno Ricerca gli altri bambini Porta gli oggetti a scuola SERVIZI IGIENICI Ha il controllo sfinterico

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

La ricerca empirica: una definizione

La ricerca empirica: una definizione Lucido 35/51 La ricerca empirica: una definizione La ricerca empirica si distingue da altri tipi di ricerca per tre aspetti (Ricolfi, 23): 1. produce asserti o stabilisce nessi tra asserti ipotesi teorie,

Dettagli

Approfondimento N 2. Scuola primaria

Approfondimento N 2. Scuola primaria Approfondimento N 2 Scuola primaria, Nuclei tematici e Obiettivi di apprendimento al termine della classe quinta Italiano L'allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe

Dettagli

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle scatole alle figure piane Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle Indicazioni nazionali per il curricolo Le conoscenze matematiche contribuiscono alla formazione

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue

Dettagli

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione La natura del linguaggio e il processo di acquisizione Il bambino nasce con un patrimonio genetico e con una predisposizione innata per il linguaggio. Affinché ciò avvenga normalmente è necessario che

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue e Letterature:

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

nti materiali per la certificazione delle competenze Diritto D ed E conomia primo biennio

nti materiali per la certificazione delle competenze Diritto D ed E conomia primo biennio Strumee nti materiali per la certificazione delle competenze Diritto D ed E conomia primo biennio Giorgia Lorenzato 2011 by Mondadori Education S.p.A., Milano Tutti i diritti riservati www.mondadorieducation.it

Dettagli

La costruzione di strumenti per la verifica delle competenze. LA PROVA ESPERTA

La costruzione di strumenti per la verifica delle competenze. LA PROVA ESPERTA La costruzione di strumenti per la verifica delle competenze. LA PROVA ESPERTA 1 CONCETTO DI PROVA ESPERTA Per prova esperta si intende una prova di verifica che non si limiti a misurare conoscenze e abilità,

Dettagli

Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati. nell A.S. 2008 2009

Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati. nell A.S. 2008 2009 Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati nell A.S. 2008 2009 Presentazione a cura di Roberta Michelini Casalpusterlengo, 8 gennaio 2010 http://www.invalsi.it/esamidistato0809/

Dettagli

Traguardi e Obiettivi di Apprendimento della Scuola Secondaria di 1 grado

Traguardi e Obiettivi di Apprendimento della Scuola Secondaria di 1 grado ISTITUTO COMPRENSIVO di OPPEANO Via A. Moro, 12 tel. 045/7135458 telefax: 045/7135049 e-mail vric843009@istruzione.it - www.icoppeano.gov.it Nell ambito di una Visione Interdisciplinare, gli Insegnanti,

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

VALUTAZIONE AUTENTICA E APPRENDERE PER COMPETENZE

VALUTAZIONE AUTENTICA E APPRENDERE PER COMPETENZE E APPRENDERE PER COMPETENZE VALUTAZIONE INSEGNAMENTO APPRENDIMENTO E APPRENDERE PER COMPETENZE VALUTAZIONE VALUTARE GLI APPRENDIMENTI: UN PERCORSO A TRE STADI SIS Torino a.a. 2006/07 1 STADIO: LA VALUTAZIONE

Dettagli

La prova di matematica nelle indagini IEA TIMSS e

La prova di matematica nelle indagini IEA TIMSS e PIANO DI INFORMAZIONE E FORMAZIONE SULL INDAGINE OCSE-PISA E ALTRE RICERCHE NAZIONALI E INTERNAZIONALI Seminario provinciale rivolto ai docenti del Primo Ciclo La prova di matematica nelle indagini IEA

Dettagli

English as a Second Language

English as a Second Language 1. sviluppo della capacità di usare l inglese per comunicare 2. fornire le competenze di base richieste per gli studi successivi 3. sviluppo della consapevolezza della natura del linguaggio e dei mezzi

Dettagli

Pensiero logico, lettura, scrittura e abilità di calcolo in ragazzi con sindrome di Down di II e III media (Sestili, Moalli, Vianello)

Pensiero logico, lettura, scrittura e abilità di calcolo in ragazzi con sindrome di Down di II e III media (Sestili, Moalli, Vianello) Ricerca n 3 Pensiero logico, lettura, scrittura e abilità di calcolo in ragazzi con sindrome di Down di II e III media (Sestili, Moalli, Vianello) Giovanna Erba Cinzia Galletti Un po di definizioni: Pensiero

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A.

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A. UdA n. 1 Titolo: Disequazioni algebriche Saper esprimere in linguaggio matematico disuguaglianze e disequazioni Risolvere problemi mediante l uso di disequazioni algebriche Le disequazioni I principi delle

Dettagli

Compiti di prestazione e prove di competenza

Compiti di prestazione e prove di competenza SPF www.successoformativo.it Compiti di prestazione e prove di competenza Maurizio Gentile www.successoformativo.it www.iprase.tn.it www.erickson.it Definizione 2 I compiti di prestazione possono essere

Dettagli

Dov è la saggezza che abbiamo perso in conoscenza? Dov è la conoscenza che abbiamo perso in informazione?

Dov è la saggezza che abbiamo perso in conoscenza? Dov è la conoscenza che abbiamo perso in informazione? Scrive Thomas Eliot: Dov è la saggezza che abbiamo perso in conoscenza? Dov è la conoscenza che abbiamo perso in informazione? Interrogativi integrati da: Dov è l informazione che abbiamo perso nei dati?

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

Il mondo in cui viviamo

Il mondo in cui viviamo Il mondo in cui viviamo Il modo in cui lo vediamo/ conosciamo Dalle esperienze alle idee Dalle idee alla comunicazione delle idee Quando sono curioso di una cosa, matematica o no, io le faccio delle domande.

Dettagli

Indice. Nota introduttiva alle Indicazioni nazionali p. 2. Profilo educativo, culturale e professionale dello studente liceale p.

Indice. Nota introduttiva alle Indicazioni nazionali p. 2. Profilo educativo, culturale e professionale dello studente liceale p. LICEO SCIENTIFICO Indice Nota introduttiva alle Indicazioni nazionali p. 2 Profilo educativo, culturale e professionale dello studente liceale p. 10 Piano degli studi p. 14 Indicazioni nazionali riguardanti

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~(c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i(' qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('!11~",fi:j:/lé'i7(?:/l(?/u~/(v,',f7t:{(jn~/lrt//lé':/iu kyjlf?jtf..ét:'é' h l/m f /tf7.. ~t:;'j/i'é' (~/;àk//lrt /IUXr(;/lrT~

Dettagli

STILI DI APPRENDIMENTO NEI DSA PROPOSTE OPERATIVE PER UN BUON METODO DI STUDIO E DI INSEGNAMENTO

STILI DI APPRENDIMENTO NEI DSA PROPOSTE OPERATIVE PER UN BUON METODO DI STUDIO E DI INSEGNAMENTO STILI DI APPRENDIMENTO NEI DSA PROPOSTE OPERATIVE PER UN BUON METODO DI STUDIO E DI INSEGNAMENTO FONTE: MARIANI L. 2000. PORTFOLIO. STRUMENTI PER DOCUMENTARE E VALUTARE COSA SI IMPARA E COME SI IMPARA.ZANICHELLI,

Dettagli

STRUMENTI E ATTIVITÀ PER LO SVILUPPO DELLA COMPETENZA COMUNICATIVA IN UN CORSO DI LINGUA ONLINE SU MOODLE

STRUMENTI E ATTIVITÀ PER LO SVILUPPO DELLA COMPETENZA COMUNICATIVA IN UN CORSO DI LINGUA ONLINE SU MOODLE STRUMENTI E ATTIVITÀ PER LO SVILUPPO DELLA COMPETENZA COMUNICATIVA IN UN CORSO DI LINGUA ONLINE SU MOODLE Arianna Danelon 1 1 Università degli Studi di Torino, Scuola di Dottorato in Scienze del Linguaggio

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ Cognome Nome: Data: P a g i n a 2 MODALITA DI CONDUZIONE DELL INTERVISTA La rilevazione delle attività dichiarate dall intervistato/a in merito alla professione dell assistente

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

ISTITUTO TECNICO STATALE ECONOMICO e TECNOLOGICO PADRE A.M. TANNOIA Corato (BA)

ISTITUTO TECNICO STATALE ECONOMICO e TECNOLOGICO PADRE A.M. TANNOIA Corato (BA) ISTITUTO TECNICO STATALE ECONOMICO e TECNOLOGICO PADRE A.M. TANNOIA Corato (BA) DOCUMENTO ELABORATO DAL CONSIGLIO DELLA CLASSE 5 a sez.c indirizzo "SIA" ESAMI DI STATO Conclusivi dei corsi di istruzione

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ DCPL07 - CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore

DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore 1 di 20 Insegnamenti di Informatica nelle scuole superiori: la situazione attuale Prof. Minerva Augusto (Membro del Consiglio

Dettagli

Lo sviluppo delle abilità logico-matematiche. nei bambini in età prescolare

Lo sviluppo delle abilità logico-matematiche. nei bambini in età prescolare Istituto di Riabilitazione ANGELO CUSTODE PARLARE E CONTARE ALLA SCUOLA DELL INFANZIA Lo sviluppo delle abilità logico-matematiche nei bambini in età prescolare Dott.ssa Liana Belloni Dott.ssa Claudia

Dettagli

PROVE DI APPRENDIMENTO di ITALIANO CLASSE II MEDIA

PROVE DI APPRENDIMENTO di ITALIANO CLASSE II MEDIA PROVE DI APPRENDIMENTO di ITALIANO CLASSE II MEDIA Comprensione della lettura Es. 1 Leggere il testo LA SIGNORINA MONICA e rispondere alle domande Tempo previsto per lo svolgimento : 1 h Punteggio massimo:

Dettagli

PROGRAMMA MODULO B Didattica delle discipline CLASSI A245 A246 AREA COMUNE Data lezione Docente Numero

PROGRAMMA MODULO B Didattica delle discipline CLASSI A245 A246 AREA COMUNE Data lezione Docente Numero PROGRAMMA MODULO B Didattica delle discipline CLASSI A245 A246 AREA COMUNE Data lezione Docente Numero modulo Titolo Venerdì 14/11 Martinelli 1 Le quattro abilità linguistiche di base. I livelli di competenza

Dettagli

IIS D ORIA - UFC. PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO INDIRIZZO _professionale promozione commerciale pubblicitaria MATERIA Inglese ANNO DI CORSO Terzo

IIS D ORIA - UFC. PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO INDIRIZZO _professionale promozione commerciale pubblicitaria MATERIA Inglese ANNO DI CORSO Terzo INDICE DELLE UFC N. DENOMINAZIONE 1 Graphics U nits 1-2 2 Graphics U nits 3-4 3 Cultura e società DETTAGLIO UFC N. 1 DENOMINAZIONE GRAPHICS (Units 1-2) ASSE CULTURALE DI RIFERIMENTO LINGUISTICO COMPETENZE

Dettagli

Catalogo d esame per la maturità di stato. Anno scolastico 2011/2012 SOCIOLOGIA. SOCIOLOGIJA 2012 tal.indd 1 10.3.2012 11:28:11

Catalogo d esame per la maturità di stato. Anno scolastico 2011/2012 SOCIOLOGIA. SOCIOLOGIJA 2012 tal.indd 1 10.3.2012 11:28:11 Catalogo d esame per la maturità di stato. Anno scolastico 2011/2012 SOCIOLOGIA SOCIOLOGIJA 2012 tal.indd 1 10.3.2012 11:28:11 Commissione tecnica per l elaborazione dei materiali d esame di Sociologia:

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

Metodologie di comunicazione con persone disabili

Metodologie di comunicazione con persone disabili Metodologie di comunicazione con persone disabili Eleonora Castagna Terapista della Neuropsicomotricità dell Età Evolutiva Antonia Castelnuovo Psicomotricista Villa Santa Maria, Tavernerio Polo Territoriale

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI Settore Industria e Artigianato Indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica Nell indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica sono confluiti gli indirizzi del previgente ordinamento

Dettagli

PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE

PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE La Sala consultazione della Biblioteca Provinciale P. Albino è organizzata secondo il principio dell accesso diretto da parte dell utenza al materiale

Dettagli

LA MOLTIPLICAZIONE IN PRIMA ELEMENTARE

LA MOLTIPLICAZIONE IN PRIMA ELEMENTARE LA MOLTIPLICAZIONE IN PRIMA ELEMENTARE E bene presentarla confrontando tra loro varie tecniche: addizione ripetuta; prodotto combinatorio (schieramenti). Rispetto a quest'ultima tecnica, grande utilità

Dettagli

Accordo Stato Regioni 27 luglio 2011. Genova, 1 dicembre 2011

Accordo Stato Regioni 27 luglio 2011. Genova, 1 dicembre 2011 uadro normativo sistema IeFP Accordo Stato Regioni 27 luglio 2011 Genova, 1 dicembre 2011 Contenuti Repertorio Nazionale dell offerta di IFP Figure di differente livello articolabili in specifici profili

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

DSA e EES ESIGENZE EDUCATIVE DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO SPECIALI

DSA e EES ESIGENZE EDUCATIVE DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO SPECIALI DSA e EES DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO ESIGENZE EDUCATIVE SPECIALI DISTURBI SPECIFICI dell APPRENDIMENTO Interessano alcune specifiche abilità dell apprendimento scolastico in un contesto di funzionamento

Dettagli