THREAD. Programmazione in rete e laboratorio. Come si crea un thread

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "THREAD. Programmazione in rete e laboratorio. Come si crea un thread"

Transcript

1 Programmazione in rete e laboratorio JAVA - Thread Alberto Martelli THREAD Thread: flusso sequenziale di controllo (esecuzione di istruzioni) in un programma. Nello stesso programma si possono far partire più thread che sono eseguiti concorrentemente. Tutti i thread condividono le stesse variabili del programma, a differenza dai processi che hanno ciascuno il proprio contesto (lightweight process). Nei computer a singola CPU la concorrenza viene simulata con una politica di scheduling che alterna l'esecuzione dei singoli thread. Thread 2 Una applicazione Java che usa i thread può eseguire più attività contemporaneamente. Esempio: aggiornare l'informazione grafica sullo schermo e accedere alla rete. Ad esempio, quando un main crea una finestra (JFrame), viene attivato un thread di interfaccia utente, diverso da quello del main. Il costruttore del JFrame è eseguito dal thread del main, mentre il codice dei listener viene eseguito dal nuovo thread. In alcuni casi i thread possono procedere in modo indipendente uno dall'altro (comportamento asincrono), in altri devono essere sincronizzati fra loro (es. produttore - consumatore). Per sapere in quale thread ci si trova si può usare il metodo: Thread.currentThread().getName() (v. BeeperThread) Thread 3 Thread 4 Come si crea un thread Si definisce una classe che eredita da Thread e che implementa un metodo run(). Quando si crea un oggetto di questa classe si esegue il suo metodo predefinito start() per far partire il thread. class MiaClasse extends Thread { System.out.println("Sono il thread " + getname()); MiaClasse t1 = new MiaClasse(); MiaClasse t2 = new MiaClasse(); t1.start(); t2.start(); Thread 5 Per avviare un thread si deve eseguire il metodo start(), che si occupa di inizializzare un nuovo thread e poi chiama run(). Lancia una eccezione se viene chiamato più di una volta. Non è possibile chiamare direttamente il metodo run() perché questo non creerebbe un nuovo thread. L ereditarietà è usata in modo poco naturale. Non ha molto senso dire che MiaClasse è un Thread. Quello che si intende è che è possibile attivare un nuovo thread facendogli eseguire il metodo run() della MiaClasse. (v. ProvaThread e ProvaThread2) Thread 6

2 Altra formulazione: start viene chiamato direttamente dal costruttore del thread. Ciclo di vita di un thread class MiaClasse extends Thread { public MiaClasse(String s) { super(s); start(); public void run() {System.out.println("Sono il thread " + getname()); new MiaClasse("primo"); new MiaClasse("secondo"); new thread start ready interrupt waiting running terminated run termina NOTA Anche se l'oggetto MiaClasse non viene assegnato ad una variabile non ci sono problemi col garbage collector: l'oggetto rimane finché il thread non termina. Thread 7 Thread 8 Un thread ready può essere eseguito. L'effettiva esecuzione dipende dalla politica dello scheduler. Dopo essere stato attivato, un thread può diventare waiting se chiama il metodo sleep esegue una wait (riparte con notify) sta aspettando una operazione di I/O Il thread si ferma quando la run termina. Esistono anche dei metodo suspend, resume e stop, ma sono deprecati. sleep(long millis) è un metodo di Thread che blocca l esecuzione del thread per il numero specificato di millisecondi. Può generare una eccezione InterruptedException. sleep(500); catch(interruptedexception e) {... sleep è un metodo statico e quindi può essere usato con Thread.sleep(...) anche in una classe che non deriva da Thread. (v. TwoThreadsTest) Thread 9 Thread 10 E' possibile assegnare ai thread una priorità da 1 a 10. Il thread eseguibile con la priorità maggiore rimane in esecuzione fino a quando: cede il controllo chiamando il metodo yield; smette di essere eseguibile; un thread di priorità superiore diventa eseguibile. Se ci sono più thread con la stessa priorità, Java non garantisce la politica con cui i thread saranno gestiti (dipende dal sistema operativo sottostante: es. time slicing). Se si vuole dare la possibilità a tutti i thread di essere attivati, è conveniente far eseguire ogni tanto una sleep ad ogni thread. (v. RaceTest) L'esecuzione di un programma termina quando sono terminati tutti i thread attivati. Un thread può essere dichiarato come "daemon". Un daemon è un thread normale, che però non influenza la terminazione del programma. Un programma termina quando sono terminati tutti i thread non-daemon. Se ci sono dei daemon attivi, la loro esecuzione viene bloccata. E' possibile definire gruppi di thread mediante la classe ThreadGroup (poco utilizzata). Thread 11 Thread 12

3 I thread sono indispensabili per realizzare interfacce grafiche che rispondano prontamente ai comandi dell'utente, anche se il programma sta eseguendo altre computazioni. Vediamo un esempio di una interfaccia grafica Contatore1 che contiene un listener che esegue un ciclo infinito. Quando il thread dell interfaccia comincia ad eseguire il ciclo del listener, non è più in grado di servire altri eventi. Thread 13 public class Contatore1 extends JFrame { private int count = 0; private Button onoff = new Button("ON-OFF"); private Button start = new Button("START"); private TextField t = new TextField(4); private boolean runflag = true; public Contatore1() { class OnOffL implements ActionListener { runflag =!runflag; class StartL implements ActionListener { go(); private void go() { while (true) { Thread.sleep(500); catch(interruptedexception e) { if (runflag) t.settext(integer.tostring(count++)); Thread 14 Per riuscire a gestire gli altri eventi occorre eseguire il ciclo del listener in un nuovo thread. In questo modo il thread dell interfaccia è libero di gestire altri eventi. (v. ContConThread) Thread 15 public class ContConThread extends JFrame { private int count = 0; private Button onoff = new Button("ON-OFF"); private Button start = new Button("START"); private TextField t = new TextField(4); private boolean runflag = true; private ThreadCont tc = null; private class ThreadCont extends Thread { while (true) { Thread.sleep(100); catch(interruptedexception e) { if (runflag) t.settext(integer.tostring(count++)); class StartL implements ActionListener { if (tc == null) tc = new ThreadCont(); tc.start(); Thread 16 Altro modo di creare un thread Si definisce una classe che implementa l'interfaccia Runnable che possiede il metodo run. class Esempio implements Runnable {... Per attivare un thread è necessario creare un Thread passandogli come parametro al costruttore un oggetto Runnable. Quando si fa partire il thread con start, inizia l'esecuzione del metodo run nel nuovo thread. Esempio es = new Esempio(); Thread t = new Thread(es), t.start(); class MiaClasse implements Runnable { System.out.println("Sono il thread " + Thread.currentThread().getName()); MiaClasse mt = new MiaClasse(); new Thread(mt).start(); new Thread(mt).start(); (ProvaRunnable) Questo secondo modo di creare i thread deve essere usato quando la classe contenente il metodo run è già sottoclasse di un'altra classe (ereditarietà singola). Thread 17 Thread 18

4 class MiaClasse implements Runnable { int i = 0; i++; System.out.println(i); MiaClasse mt = new MiaClasse(); ProvaRunnable2 Thread t1 = new Thread(mt); Thread t2 = new Thread(mt); t1.start(); t2.start(); Viene stampato prima 1 e poi 2. Infatti esiste un unico oggetto della MiaClasse, legato alla variabile mt, che ha una variabile locale i. I thread t1 e t2 eseguono entrambi il metodo run di questo oggetto, incrementando la stessa variabile i. mt t1 t2 Thread Thread MiaClasse i Thread 19 Thread 20 Sincronizzazione Il meccanismo di sincronizzazione di Java si basa sulla nozione di monitor (Brinch Hansen 1973). Per ogni classe in Java è possibile definire dei metodi synchronized. Java associa un lock ad ogni oggetto della classe (+ un lock alla classe per sincronizzare i metodi statici). Quando un thread chiama un metodo synchronized, l'oggetto diventa bloccato (locked). Altri thread che tentino di accedere allo stesso oggetto chiamando metodi sincronizzati rimangono in coda fino a quando il thread precedente non rilascia l'oggetto, terminando l'esecuzione del metodo. A questo punto uno dei thread in coda può passare, bloccando di nuovo l oggetto. Es: i metodi della classe ArrayList non sono sincronizzati. Possono esserci dei problemi ad eseguire concorrentemente da più thread metodi che modificano un ArrayList. In questo caso conviene racchiudere l ArrayList in un oggetto che fornisce metodi sincronizzati. class ListaSincr { ArrayList l = new ArrayList(); synchronized void add(int index, Object elem) { l.add(index, elem); synchronized Object remove(int index) { return l.remove(index);.. Thread 21 Thread 22 E' possibile bloccare un oggetto senza usare un metodo sincronizzato, mediante un blocco sincronizzato. synchronized (obj) {... codice del blocco sincronizzato... blocca il lock dell'oggetto obj per tutta l'esecuzione del blocco. Cooperazione fra thread Spesso un thread non può eseguire un metodo sincronizzato, anche se ha ottenuto il possesso del lock, perché deve aspettare che si verifichi una qualche condizione che non dipende da lui. In questo caso il thread deve rilasciare il lock, in modo che qualche altro thread possa entrare, mettendosi in attesa, wait, della condizione. Quando un thread realizza la condizione, avvisa, notify, i thread in attesa, in modo che questi possano riprendere l esecuzione. Realizza una sezione critica. l oggetto obj viene usato come un semaforo. Thread 23 Thread 24

5 Da un metodo sincronizzato si possono chiamare i metodi: wait() - sblocca l'oggetto e mette il thread che lo ha eseguito in una coda di attesa associata all'oggetto; notify() - risveglia un thread a caso fra quelli in attesa, dandogli la possibilità di competere per il lock e di riprendere l'esecuzione dal punto in cui si era messo in wait; notifyall() - risveglia tutti i thread in attesa mettendoli nella coda del lock (ne entra solo uno per volta). Sono metodi di Object e quindi vengono ereditati da qualunque classe. Se si tenta di chiamarli da un metodo non sincronizzato, si ha un errore a runtime. I thread risvegliati dalla notify o notifyall vengono inseriti nella coda del lock dell oggetto ed entrano in competizione per accedere all oggetto. Non c è nessuna garanzia che un thread risvegliato dalla notify passi prima di un thread che era già nella coda del lock. NOTA Nei monitor si possono definire molte condizioni, ciascuna con la propria coda di attesa. In Java invece esiste una sola coda di attesa. Thread 25 Thread 26 Esempio: come realizzare un semaforo binario. class Semaforo { private boolean locked = false; public synchronized void p() { while (locked) wait(); catch(interruptedexception e){ locked = true; public synchronized void v() { if(locked) notify(); locked = false; Il while è indispensabile perché quando un thread risvegliato dalla notify riprende l esecuzione del metodo p, il semaforo potrebbe già essere stato bloccato di nuovo da un altro thread in attesa del metodo p. Thread 27

I thread di uno stesso processo condividono dati e codice del processo, ma lo stack di esecuzione ed il program counter sono privati.

I thread di uno stesso processo condividono dati e codice del processo, ma lo stack di esecuzione ed il program counter sono privati. Un thread (o processo leggero) è una attività, descritta da una sequenza di istruzioni, che esegue all'interno del contesto di esecuzione di un programma. Un thread procede nella sua esecuzione per portare

Dettagli

T 1. Per un processo con più thread di controllo, lo stato di avanzamento della computazione di ogni thread è dato da:

T 1. Per un processo con più thread di controllo, lo stato di avanzamento della computazione di ogni thread è dato da: Un thread (o processo leggero) è una attività, descritta da una sequenza di istruzioni, che esegue all'interno del contesto di esecuzione di un programma. Un thread procede nella sua esecuzione per portare

Dettagli

Programmazione concorrente con il linguaggio Java

Programmazione concorrente con il linguaggio Java Programmazione concorrente con il linguaggio Java Thread, Mutua Esclusione e Sincronizzazione Alcuni aspetti architetturali e di prestazioni Concetto di thread Un thread è un flusso di esecuzione indipendente

Dettagli

Gestione dei thread in Java LSO 2008

Gestione dei thread in Java LSO 2008 Gestione dei thread in Java LSO 2008 Cos è un Thread? Si può avere la necessità di suddividere un programma in sottoattività separate da eseguire indipendentemente l una dall altra Queste sottoattività

Dettagli

Multithreading in Java. Fondamenti di Sistemi Informativi 2014-2015

Multithreading in Java. Fondamenti di Sistemi Informativi 2014-2015 Multithreading in Java Fondamenti di Sistemi Informativi 2014-2015 Multithreading La programmazione concorrente consente di eseguire più processi o thread nello stesso momento. Nel secondo caso si parla

Dettagli

Lab 1: Java Multithreading

Lab 1: Java Multithreading Dept. of Computer Science Lab 1: Java Multithreading Matteo Camilli matteo.camilli@unimi.it Laboratorio di Sistemi Operativi a.a. 2015/16 Università degli Studi di Bergamo 1 Outline Programmazione multithreading

Dettagli

GESTIONE DEI PROCESSI

GESTIONE DEI PROCESSI Sistemi Operativi GESTIONE DEI PROCESSI Processi Concetto di Processo Scheduling di Processi Operazioni su Processi Processi Cooperanti Concetto di Thread Modelli Multithread I thread in Java Concetto

Dettagli

Programmazione Orientata agli Oggetti in Linguaggio Java

Programmazione Orientata agli Oggetti in Linguaggio Java Programmazione Orientata agli Oggetti in Linguaggio Java Tecniche di Programmazione: Thread Parte a versione 1.0 Questo lavoro è concesso in uso secondo i termini di una licenza Creative Commons (vedi

Dettagli

Programmazione concorrente in Java

Programmazione concorrente in Java Programmazione concorrente in Java Multithreading in Java Ogni thread e un oggetto, creato come istanza della classe java.lang.thread La classe Thread contiene tutti i metodi per gestire i threads L utente

Dettagli

Con il pulsante Start si introducono palline che rimbalzano in un area di disegno fino a che non è terminato il loro ciclo di vita (1000 movimenti).

Con il pulsante Start si introducono palline che rimbalzano in un area di disegno fino a che non è terminato il loro ciclo di vita (1000 movimenti). Rimbalzi. import java.awt.*; import java.awt.event.*; import java.applet.applet; public class Bounce extends Applet implements ActionListener { private Canvas canvas; private Button b1; private Button

Dettagli

Processi e Thread. Walter Cazzola Dipartimento di Informatica e Comunicazione Università à degli Studi di Milano.

Processi e Thread. Walter Cazzola Dipartimento di Informatica e Comunicazione Università à degli Studi di Milano. Processi e Thread Processi e Thread: Il Caso Java. Walter Cazzola Dipartimento di Informatica e Comunicazione Università à degli Studi di Milano. e-mail: cazzola@disi.unige.it Walter Cazzola Processi e

Dettagli

Java threads (2) Programmazione Concorrente

Java threads (2) Programmazione Concorrente Java threads (2) emanuele lattanzi isti information science and technology institute 1/28 Programmazione Concorrente Utilizzo corretto dei thread in Java emanuele lattanzi isti information science and

Dettagli

24 - Possibili approfondimenti

24 - Possibili approfondimenti 24 - Possibili approfondimenti Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java Paolo Milazzo Dipartimento di Informatica, Università di Pisa http://www.di.unipi.it/ milazzo milazzo di.unipi.it

Dettagli

Java Virtual Machine

Java Virtual Machine Java Virtual Machine programmi sorgente: files.java compilatore files.class bytecode linker/loader bytecode bytecode Java API files.class interprete macchina ospite Indipendenza di java dalla macchina

Dettagli

19. Introduzione al multi-threading

19. Introduzione al multi-threading 19. Introduzione al multi-threading Marco Faella Dip. Ing. Elettrica e Tecnologie dell'informazione Università di Napoli Federico II Corso di Linguaggi di Programmazione II I thread I thread, o processi

Dettagli

Esercitazione 15. Il problema dello Sleeping Barber

Esercitazione 15. Il problema dello Sleeping Barber Università degli Studi della Calabria Corso di Laurea in Ingegneria Informatica A.A. 2001/2002 Sistemi Operativi Corsi A e B Esercitazione 15 Il problema dello Sleeping Barber E dato un salone di barbiere,

Dettagli

Sistemi Operativi GESTIONE DEI PROCESSI. D. Talia - UNICAL. Sistemi Operativi 4.1

Sistemi Operativi GESTIONE DEI PROCESSI. D. Talia - UNICAL. Sistemi Operativi 4.1 GESTIONE DEI PROCESSI 4.1 Processi Concetto di Processo Scheduling di Processi Operazioni su Processi Processi Cooperanti Concetto di Thread Modelli Multithread I thread in diversi S.O. 4.2 Concetto di

Dettagli

Multi-threading. I programmi Java possono eseguire thread multipli in modalità di concorrenza logica. Come funziona il multi-threading?

Multi-threading. I programmi Java possono eseguire thread multipli in modalità di concorrenza logica. Come funziona il multi-threading? Multi-threading I programmi Java possono eseguire thread multipli in modalità di concorrenza logica. Esecuzione di fatto simultanea, dati condivisi. Come funziona il multi-threading? Per l utente, più

Dettagli

Definizione di thread Proprietà dei thread in Java Gestione delle priorità nei programmi multithreaded Gruppi di thread Accesso a variabili condivise

Definizione di thread Proprietà dei thread in Java Gestione delle priorità nei programmi multithreaded Gruppi di thread Accesso a variabili condivise CEFRIEL Centro per la Formazione e la Ricerca in Ingegneria dell Informazione Politecnico di Milano Java Multithreading Programmazione concorrente in Java Docente: Diego Peroni peroni@cefriel.it Indice

Dettagli

SAPIENZA Università di Roma Facoltà di Ingegneria dell Informazione, Informatica e Statistica

SAPIENZA Università di Roma Facoltà di Ingegneria dell Informazione, Informatica e Statistica SAPIENZA Università di Roma Facoltà di Ingegneria dell Informazione, Informatica e Statistica Esercitazioni di PROGETTAZIONE DEL SOFTWARE (Corsi di Laurea in Ingegneria Informatica ed Automatica ed Ingegneria

Dettagli

Esercitazioni Ingegneria del So2ware 8 Threads. Giordano Tamburrelli tamburrelli@elet.polimi.it h@p://giordano.webfacdonal.com

Esercitazioni Ingegneria del So2ware 8 Threads. Giordano Tamburrelli tamburrelli@elet.polimi.it h@p://giordano.webfacdonal.com Esercitazioni Ingegneria del So2ware 8 Threads Giordano Tamburrelli tamburrelli@elet.polimi.it h@p://giordano.webfacdonal.com 1 Flusso (thread) di esecuzione In un programma sequenziale esiste un solo

Dettagli

Linguaggi Corso M-Z - Laurea in Ingegneria Informatica A.A. 2007-2008. - lezione 14 - Thread in Java

Linguaggi Corso M-Z - Laurea in Ingegneria Informatica A.A. 2007-2008. - lezione 14 - Thread in Java Linguaggi Corso M-Z - Laurea in Ingegneria Informatica A.A. 2007-2008 Alessandro Longheu http://www.diit.unict.it/users/alongheu alessandro.longheu@diit.unict.it - lezione 14 - Thread in Java 1 Cos è un

Dettagli

Un programma concorrente è un programma nel quale diverse computazioni possono essere eseguite allo stesso tempo Alcuni sistemi sono implicitamente

Un programma concorrente è un programma nel quale diverse computazioni possono essere eseguite allo stesso tempo Alcuni sistemi sono implicitamente Un programma concorrente è un programma nel quale diverse computazioni possono essere eseguite allo stesso tempo Alcuni sistemi sono implicitamente concorrenti: Concorrenza in database query caching delle

Dettagli

Laboratorio Reti di Calcolatori Laurea Triennale in Comunicazione Digitale. Anno Accademico 2012/2013

Laboratorio Reti di Calcolatori Laurea Triennale in Comunicazione Digitale. Anno Accademico 2012/2013 Laboratorio Reti di Calcolatori Laurea Triennale in Comunicazione Digitale Anno Accademico 2012/2013 Thread e processi Da software ci si attende la concorrenza. Java è stato progettato per supportare concorrenza

Dettagli

I THREAD O PROCESSI LEGGERI

I THREAD O PROCESSI LEGGERI I THREAD O PROCESSI Processi (pesanti): LEGGERI entità autonome con poche risorse condivise (si prestano poco alla scrittura di applicazioni fortemente cooperanti) Ogni processo può essere visto come Immagine

Dettagli

Thread e Task. L20_MultiThread 2

Thread e Task. L20_MultiThread 2 I Thread in Java Thread e Task Multitasking: capacità dei sistemi operativi di eseguire più programmi contemporaneamente. Ciascun programma ha il proprio insieme di variabili, costanti, ecc. Multithreading

Dettagli

Esercizi sugli Oggetti Monitor

Esercizi sugli Oggetti Monitor Esercizi sugli Oggetti Monitor Esercitazione di Laboratorio di Programmazione di Rete A Daniele Sgandurra Università di Pisa 29/10/2008 Wait e Notify Ogni oggetto in Java ha un lock implicito. Il lock

Dettagli

Multithreading in Java

Multithreading in Java Multithreading in Java Un programma sequenziale (single thread) class ABC {. public void main(..) {.. begin body end 2 Un programmamultithreaded Main Thread start start start Thread A Thread B Thread C

Dettagli

Sincronizzazione con Java

Sincronizzazione con Java Sincronizzazione con Java Corse critiche e sincronizzazione Java implementa un meccanismo simile al monitor per garantire la sincronizzazione fra thread Ogni oggetto ha un lock associato ad esso Nelle

Dettagli

Laboratorio di Sistemi Thread Java

Laboratorio di Sistemi Thread Java Premessa Fare più di una cosa contemporaneamente per noi è una cosa piuttosto comune. La vita quotidiana è piena di esempi che ci possono chiarire il significato dell'avverbio contemporaneamente. Ad esempio

Dettagli

Programmazione concorrente e threads

Programmazione concorrente e threads Programmazione concorrente e threads Programmazione concorrente Un programma concorrente è un programma nel quale diverse computazioni possono essere eseguite allo stesso tempo Alcuni sistemi sono implicitamente

Dettagli

Lezione 15 Programmazione multithreaded

Lezione 15 Programmazione multithreaded Lezione 15 Programmazione multithreaded Tutti i sistemi operativi, al giorno d'oggi, permettono di svolgere più operazioni simultaneamente. In questo momento, ad esempio, sto usando un word processor per

Dettagli

SISTEMI OPERATIVI. Nucleo di un SO. Il Nucleo. Il nucleo di un SO Gestione delle interruzioni Sincronizzazione tra processi Dispatcher. 06.

SISTEMI OPERATIVI. Nucleo di un SO. Il Nucleo. Il nucleo di un SO Gestione delle interruzioni Sincronizzazione tra processi Dispatcher. 06. SISTEMI OPERATIVI 06.a Il Nucleo Nucleo di un SO Il nucleo di un SO Gestione delle interruzioni Sincronizzazione tra processi Dispatcher 1 Architettura di base dei SO Due le strutture di riferimento: a

Dettagli

Programmazione. Cognome... Nome... Matricola... Prova scritta del 11 luglio 2014

Programmazione. Cognome... Nome... Matricola... Prova scritta del 11 luglio 2014 Cognome................................ Nome................................... Matricola............................... Programmazione Prova scritta del 11 luglio 2014 TEMPO DISPONIBILE: 2 ore Negli esercizi

Dettagli

Programmazione Concorrente in Java

Programmazione Concorrente in Java Programmazione Concorrente in Java Lorenzo Bettini Dip. Sistemi e Informatica, Univ. Firenze http://www.dsi.unifi.it/~bettini Ottobre 2005 Gestione dei Processi Un processo è un programma in esecuzione.

Dettagli

Operazioni di I/O. Schema di collegamento fra dispositivi periferici e CPU

Operazioni di I/O. Schema di collegamento fra dispositivi periferici e CPU Operazioni di I/O 1 Schema di collegamento fra dispositivi periferici e CPU Memoria CPU buffer interfaccia Registro di controllo Registro Di stato Unità di controllo Dispositivo fisico 2 1 Unità di interfaccia

Dettagli

PROCESSI ESEMPIO THREAD. RETI DI CALCOLATORI Linguaggio Java: i Thread CORSO DI. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia

PROCESSI ESEMPIO THREAD. RETI DI CALCOLATORI Linguaggio Java: i Thread CORSO DI. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Facoltà di Ingegneria CORSO DI RETI DI CALCOLATORI Linguaggio Java: i Thread Prof. Franco Zambonelli Lucidi realizzati in collaborazione con Ing. Enrico

Dettagli

Lezione n.2b. Threads: Callable & Future. 6/10/2008 Vincenzo Gervasi

Lezione n.2b. Threads: Callable & Future. 6/10/2008 Vincenzo Gervasi Università degli Studi di Pisa Dipartimento di Informatica Lezione n.2b LPR-A-09 Threads: Callable & Future 6/10/2008 Vincenzo Gervasi Lezione U 2b: Callable & Future Vincenzo Gervasi 1 CALLABLE E FUTURE

Dettagli

Esonero del corso di Programmazione a Oggetti

Esonero del corso di Programmazione a Oggetti Esonero del corso di Programmazione a Oggetti Roma, 1 dicembre 2005 Considerate le seguenti definizioni di classi e interfacce in Java: interface Fumetto{ void esclama(); void utile(); class Personaggio

Dettagli

Definizione di metodi in Java

Definizione di metodi in Java Definizione di metodi in Java Un metodo in Java definisce un operazione ad alto livello (sottoprogramma) che consente di manipolare dati e oggetti. Durante la computazione effettuata da un programma, un

Dettagli

Corso di Laboratorio di Sistemi Operativi

Corso di Laboratorio di Sistemi Operativi Corso di Laboratorio di Sistemi Operativi Lezione 7 Alessandro Dal Palù email: alessandro.dalpalu@unipr.it web: www.unipr.it/~dalpalu Threads Un thread è l unità di base per l utilizzo della CPU. Composto

Dettagli

IL CONCETTO DI CLASSE

IL CONCETTO DI CLASSE IL CONCETTO DI CLASSE Una CLASSE riunisce le proprietà di: componente software: può essere dotata di suoi propri dati / operazioni moduli: riunisce dati e relative operazioni, fornendo idonei meccanismi

Dettagli

Esercitazioni 7 e 8. Bounded Buffer con sincronizzazione Java (1)

Esercitazioni 7 e 8. Bounded Buffer con sincronizzazione Java (1) Università degli Studi della Calabria Corso di Laurea in Ingegneria Informatica A.A. 2001/2002 Corsi A e B Esercitazioni 7 e 8 Bounded Buffer con sincronizzazione Java (1) public class BoundedBuffer private

Dettagli

Telematica II 17. Esercitazione/Laboratorio 6

Telematica II 17. Esercitazione/Laboratorio 6 Multitasking e Multithreading Telematica II 17. Esercitazione/Laboratorio 6 Multitasking si riferisce all abilità di un computer di eseguire processi (jobs) multipli in maniera concorrente si ricorda che

Dettagli

Fondamenti di Informatica. Algoritmi di Ricerca e di Ordinamento

Fondamenti di Informatica. Algoritmi di Ricerca e di Ordinamento Fondamenti di Informatica Algoritmi di Ricerca e di Ordinamento 1 Ricerca in una sequenza di elementi Data una sequenza di elementi, occorre verificare se un elemento fa parte della sequenza oppure l elemento

Dettagli

Informatica 3 secondo recupero 13 Settembre 2002

Informatica 3 secondo recupero 13 Settembre 2002 Informatica 3 secondo recupero 13 Settembre 2002 Nome (stampatello) Cognome (stampatello) Matr Recupero: Prima prova in itinere Seconda prova in itinere spazio per il docente Punteggi recupero prima prova

Dettagli

Proprietà delle Classi e degli Oggetti in Java

Proprietà delle Classi e degli Oggetti in Java Fondamenti di Informatica Proprietà delle Classi e degli Oggetti in Java Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1 Proprietà object-oriented di Java Definendo le caratteristiche e le operazioni di

Dettagli

Il Sistema Operativo

Il Sistema Operativo Il Sistema Operativo Il sistema operativo Con il termine sistema operativo si intende l insieme di programmi e librerie che opera direttamente sulla macchina fisica mascherandone le caratteristiche specifiche

Dettagli

APPLICAZIONI & APPLET

APPLICAZIONI & APPLET APPLICAZIONI & APPLET Una applet ("applicazioncina") è una applicazione non autonoma, ma pensata per far parte di una pagina Internet Porta dinamicità alle pagine HTML "statiche" Viene eseguita dal browser,

Dettagli

Oggetti Composti (1) Oggetti Composti (2)

Oggetti Composti (1) Oggetti Composti (2) Oggetti Composti () Negli esempi che abbiamo visto finora gli attributi delle classi erano variabili di tipo primitivo E però possibile definire come attributi dei riferimenti ad oggetti di qualche classe

Dettagli

Thread in Java CAPITOLO 18. 18.1 Richiami di gestione di processi

Thread in Java CAPITOLO 18. 18.1 Richiami di gestione di processi CAPITOLO 18 Thread in Java Usualmente l esecuzione di un programma è sostenuta da un processo. Nella terminologia Java i processi sono denominati thread. Un thread è dunque costituito da un flusso di esecuzione

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA DELL INFORMAZIONE E METODI MATEMATICI Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Esame di Sistemi Operativi (Modulo del C.I. di Reti di Calcolatori

Dettagli

Programmazione. Cognome... Nome... Matricola... Prova scritta del 22 settembre 2014. Negli esercizi proposti si utilizzano le seguenti classi:

Programmazione. Cognome... Nome... Matricola... Prova scritta del 22 settembre 2014. Negli esercizi proposti si utilizzano le seguenti classi: Cognome................................ Nome................................... Matricola............................... Programmazione Prova scritta del 22 settembre 2014 TEMPO DISPONIBILE: 2 ore Negli

Dettagli

Eccezioni. Comportamento di default (esempio) Propagazione delle eccezioni

Eccezioni. Comportamento di default (esempio) Propagazione delle eccezioni Università degli Studi di Roma La Sapienza Corso di Laurea in Ingegneria dell Informazione (sede di Latina) Corso di Laurea in Ingegneria dell Informazione (consorzio Nettuno) Eccezioni L esistenza di

Dettagli

Esercitazione n.1 13 Ottobre Obiettivi:

Esercitazione n.1 13 Ottobre Obiettivi: Esercitazione n.1 13 Ottobre 2009 Obiettivi: Introduzione al laboratorio Gestione dei pthreads: creazione: pthread_create terminazione: pthread_exit join: pthread_join Gestione dei thread java : Thread

Dettagli

Oggetti e classi. Cos è un oggetto

Oggetti e classi. Cos è un oggetto Oggetti e classi Cos è un oggetto Basta guardarsi intorno per scoprire che il mondo reale è costituito da oggetti: libri, biciclette, giocattoli, ma anche ragazzi, bambini, fiori, gatti, cani, fiumi, montagne,

Dettagli

Programmazione concorrente in Java. Dr. Paolo Casoto, Ph.D. - 2012 1

Programmazione concorrente in Java. Dr. Paolo Casoto, Ph.D. - 2012 1 + Programmazione concorrente in Java 1 + Introduzione al multithreading 2 La scomposizione in oggetti consente di separare un programma in sottosezioni indipendenti. Oggetto = metodi + attributi finalizzati

Dettagli

Esercitazione sui grafi di precedenza, fork/join, cobegin/coend.

Esercitazione sui grafi di precedenza, fork/join, cobegin/coend. Esercitazione sui grafi di precedenza, fork/join, co/coend. Esercizio 1. Realizzare mediante il costrutto fork/join il seguente grafo di precedenze. Risposta. cont5 := 2; cont6 := 3; cont7 := 2; S1; fork(l1);

Dettagli

Synchronized (ancora)

Synchronized (ancora) Synchronized (ancora) Riscriviamo l esempio di prima. Usiamo una struttura modulare, con una classe Notificatore che ha opportuni metodi. La classe ha due campi privati, la lista buftext e un suo thread.

Dettagli

Programmazione Orientata agli Oggetti in Linguaggio Java

Programmazione Orientata agli Oggetti in Linguaggio Java Programmazione Orientata agli Oggetti in Linguaggio Java Classi e Oggetti: Metafora Parte a versione 2.2 Questo lavoro è concesso in uso secondo i termini di una licenza Creative Commons (vedi ultima pagina)

Dettagli

Application VS Applet

Application VS Applet Linguaggi Corso M-Z - Laurea in Ingegneria Informatica A.A. 2007-2008 Alessandro Longheu http://www.diit.unict.it/users/alongheu alessandro.longheu@diit.unict.it - lezione 20 - Java Applet 1 Application

Dettagli

Soluzioni ai problemi di Mutua Esclusione Primitive di sincronizzazione. Soluzioni ai problemi di Mutua EsclusionePrimitive di sincronizzazione

Soluzioni ai problemi di Mutua Esclusione Primitive di sincronizzazione. Soluzioni ai problemi di Mutua EsclusionePrimitive di sincronizzazione Soluzioni ai problemi di Mutua Esclusione Primitive di sincronizzazione Soluzioni basate su primitive di sincronizzazione Le primitive di sincronizzazione piú comuni sono: Lock (mutex) - realizzati in

Dettagli

Esercitazione 4 Programmazione Concorrente in Java

Esercitazione 4 Programmazione Concorrente in Java Esercitazione 4 Programmazione Concorrente in Java 1 I threads in Java Ogni programma Java contiene almeno un singolo thread, corrispondente all esecuzione del metodo main() sulla JVM. E possibile creare

Dettagli

Terza Esercitazione. Unix - Esercizio 1. Unix System Call Exec Java Introduzione Thread

Terza Esercitazione. Unix - Esercizio 1. Unix System Call Exec Java Introduzione Thread Terza Esercitazione Unix System Call Exec Java Introduzione Thread Stefano Monti smonti@deis.unibo.it Unix - Esercizio 1 Scrivere un programma C con la seguente interfaccia:./compilaedesegui

Dettagli

Uso di metodi statici. Walter Didimo

Uso di metodi statici. Walter Didimo Uso di metodi statici Walter Didimo Metodi di istanza Fino ad ora abbiamo imparato a creare oggetti e ad invocare metodi su tali oggetti i metodi venivano eseguiti dagli oggetti un metodo invocato su un

Dettagli

ESERCIZIO SincrAmbGlob-1

ESERCIZIO SincrAmbGlob-1 ESERCIZI DI SINCRONIZZAZIONE TRA THREAD CON SEMAFORI ESERCIZIO SincrAmbGlob-1 Si consideri un sistema nel quale è definito il semaforo sem1 e i thread P1, P2 e P3. Al tempo t il semaforo sem1 ha la seguente

Dettagli

La nostra finestra dovrebbe essere come mostra la figura: Diamo innanzitutto un occhiata alle componenti principali di input/output:

La nostra finestra dovrebbe essere come mostra la figura: Diamo innanzitutto un occhiata alle componenti principali di input/output: Esercitazione N4: Costruzione di una applicazione GUI utilizzando i componenti di base per realizzare l input e l output e cioè Label, TextBox, TextArea Button e Panel (Pannelli) I componenti che utilizzeromo

Dettagli

Ingegneria del Software

Ingegneria del Software Ingegneria del Software Threads 2 Mauro Migliardi Ph. D. Sincronizzazione Start Programma per ATM Request Abbastanza grano? Deduci ammontare Stampa Ricevuta End Codice... public void withdraw(float amount)

Dettagli

Ottava Esercitazione. introduzione ai thread java mutua esclusione

Ottava Esercitazione. introduzione ai thread java mutua esclusione Ottava Esercitazione introduzione ai thread java mutua esclusione Agenda Esempio 1 Concorrenza in Java: creazione ed attivazione di thread concorrenti. Esercizio 2 da svolgere Concorrenza in Java: sincronizzazione

Dettagli

Modelli di programmazione parallela

Modelli di programmazione parallela Modelli di programmazione parallela Oggi sono comunemente utilizzati diversi modelli di programmazione parallela: Shared Memory Multi Thread Message Passing Data Parallel Tali modelli non sono specifici

Dettagli

Modelli di interazione tra processi

Modelli di interazione tra processi Modelli di interazione tra processi Modello a memoria comune (ambiente globale, global environment) Modello a scambio di messaggi (ambiente locale, message passing) 1 Modello a memoria comune Il sistema

Dettagli

Subtype Polymorphism. Conversioni di tipo. Conversioni di tipo. Subtyping. Conversioni di tipo. Interfacce e subtype polimorfismo

Subtype Polymorphism. Conversioni di tipo. Conversioni di tipo. Subtyping. Conversioni di tipo. Interfacce e subtype polimorfismo Subtype Polymorphism Interfacce e subtype polimorfismo Tipi, sottotipi e conversioni di tipo Polimorfismo e dinamic dispatch Conversioni di tipo Variabile: locazione con un tipo associato Tipo della variabile

Dettagli

LA GESTIONE DELLA I/O

LA GESTIONE DELLA I/O LA GESTIONE DELLA I/O Il S.O. È l interfaccia tra l hardware e i programmi che effettuano richieste di I/O Sottosistema di I/O strutturato in moduli chiamati DRIVER uno per ogni dispositivo I Driver rendono

Dettagli

7 - Programmazione procedurale: Dichiarazione e chiamata di metodi ausiliari

7 - Programmazione procedurale: Dichiarazione e chiamata di metodi ausiliari 7 - Programmazione procedurale: Dichiarazione e chiamata di metodi ausiliari Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java Paolo Milazzo Dipartimento di Informatica, Università di Pisa

Dettagli

Applet. Applet: il termine identifica piccole applicazioni da eseguirsi all interno di un browser.

Applet. Applet: il termine identifica piccole applicazioni da eseguirsi all interno di un browser. Applet IngSW0304 p.1 Applet Applet: il termine identifica piccole applicazioni da eseguirsi all interno di un browser. Una pagina web può contenere un riferimento al codice di un applet che verrà scaricato

Dettagli

Sistemi Operativi. Gianluca Della Vedova. Sistemi Operativi. Gianluca Della Vedova. Sistemi Operativi. Gianluca Della Vedova.

Sistemi Operativi. Gianluca Della Vedova. Sistemi Operativi. Gianluca Della Vedova. Sistemi Operativi. Gianluca Della Vedova. Programmi applicativi Un programma applicativo (o applicativo) è un eseguibile che può essere utilizzato dall utente e che ha funzionalità di alto livello (word processor, spreadsheet, DBMS) Univ. Milano-Bicocca

Dettagli

I Processi. Il Concetto di Processo

I Processi. Il Concetto di Processo I Processi Il Concetto di Processo Il processo è un programma in esecuzione È l unità di esecuzione all interno del SO Solitamente, l esecuzione di un processo è sequenziale (le istruzioni vengono eseguite

Dettagli

Corso di Programmazione Concorrente. Java Thread. Valter Crescenzi http://crescenzi.dia.uniroma3.it

Corso di Programmazione Concorrente. Java Thread. Valter Crescenzi http://crescenzi.dia.uniroma3.it Corso di Programmazione Concorrente Java Thread Valter Crescenzi http://crescenzi.dia.uniroma3.it Sommario Java Thread e supporto alla PC della piattaforma Java Creazione di Thread con java.lang.thread

Dettagli

Sistemi Operativi 1. Mattia Monga. 11 marzo Dip. di Informatica e Comunicazione Università degli Studi di Milano, Italia

Sistemi Operativi 1. Mattia Monga. 11 marzo Dip. di Informatica e Comunicazione Università degli Studi di Milano, Italia 1 Dip. di Informatica e Comunicazione Università degli Studi di Milano, Italia mattia.monga@unimi.it e 11 marzo 2008 1 c 2008 M. Monga. Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo 2.5 Italia

Dettagli

Introduzione alla Programmazione in Java attraverso un esempio commentato

Introduzione alla Programmazione in Java attraverso un esempio commentato Corso di Studi in Informatica Programmazione 1 corso B prof. Elio Giovannetti Introduzione alla Programmazione in Java attraverso un esempio commentato Programmazione 1 B - a.a. 2002-03 53 Modello di memoria

Dettagli

Supporto al Sistema Operativo

Supporto al Sistema Operativo Supporto al Sistema Operativo Middleware di supporto al sistema operativo in sistemi distribuiti Funzione del nucleo Modelli architetturali di SO Decomposizione delle funzionalità Processi, thread, processi

Dettagli

Sincronizzazione. Soluzioni hardware Stefano Quer Dipartimento di Automatica e Informatica Politecnico di Torino

Sincronizzazione. Soluzioni hardware Stefano Quer Dipartimento di Automatica e Informatica Politecnico di Torino Sincronizzazione Soluzioni hardware Stefano Quer Dipartimento di Automatica e Informatica Politecnico di Torino 2 Soluzioni hardware Le soluzioni hardware al problema della SC possono essere classificate

Dettagli

L input da tastiera in Java. Dott. Ing. M. Banci, PhD

L input da tastiera in Java. Dott. Ing. M. Banci, PhD L input da tastiera in Java Dott. Ing. M. Banci, PhD La lettura di un flusso di input in Java avviene attraverso l'oggetto in della classe System. System.in appartiene alla classe InputStream (letteralmente

Dettagli

Programmazione Java: Polimorfismo

Programmazione Java: Polimorfismo Programmazione Java: Polimorfismo romina.eramo@univaq.it http://www.di.univaq.it/romina.eramo/tlp Roadmap Polimorfismo» Upcasting» Selezione dei metodi» Comportamento dei metodi polimorfi dentro i costruttori»

Dettagli

Ereditarietà e Polimorfismo

Ereditarietà e Polimorfismo Ereditarietà e Polimorfismo Riusare il software A volte si incontrano classi con funzionalità simili In quanto sottendono concetti semanticamente vicini È possibile creare classi disgiunte replicando le

Dettagli

Esercizio 1: archivio CD e DVD

Esercizio 1: archivio CD e DVD Esercizio 1: archivio CD e DVD Realizzare un applicazione Java per la creazione e la consultazione di un archivio di dischi ottici (CD e DVD). L applicazione riceve da standard input in maniera interattiva

Dettagli

progam ponteasensounicoalaternato ; type dir = ( nord, sud );

progam ponteasensounicoalaternato ; type dir = ( nord, sud ); Esercizio di Sincronizzazione Tra Processi: Ponte a Senso Unico Alternato Un ponte contiene una sola csia di traffico consentendo così l'accesso a macchine provenienti da una sola direzione per volta,

Dettagli

Lezione n.2. Thread Pooling. 29/9/2009 V. Gervasi

Lezione n.2. Thread Pooling. 29/9/2009 V. Gervasi Università degli Studi di Pisa Dipartimento di Informatica Lezione n.2 LPR-A-09 Thread Pooling 29/9/2009 V. Gervasi ULezione 2: JAVA pooling Vincenzo Gervasi 1 ATTENDERE LA TERMINAZIONE DI UN THREAD: METODO

Dettagli

Esercitazione n 1. Obiettivi

Esercitazione n 1. Obiettivi Esercitazione n 1 Obiettivi Introduzione all utilizzo di Java Development Kit (JDK) versione 1.3 Sviluppare programmi Java tramite linea di comando Es: javac, java, jdb, javadoc Primo esempio di programma

Dettagli

Il Sistema Operativo fa parte del software di base; e` costituito da un insieme di programmi che interagiscono e cooperano per:

Il Sistema Operativo fa parte del software di base; e` costituito da un insieme di programmi che interagiscono e cooperano per: Il Sistema Operativo Il Sistema Operativo fa parte del software di base; e` costituito da un insieme di programmi che interagiscono e cooperano per: gestire efficientemente l'elaboratore e le sue periferiche,

Dettagli

Classi astratte. Master in Web Technology e Security luglio - settembre 2000. Interfacce

Classi astratte. Master in Web Technology e Security luglio - settembre 2000. Interfacce Master in Web Technology e Security luglio - settembre 2000 JAVA Alberto Martelli Parte III Programmazione grafica Classi astratte Vogliamo implementare un algoritmo di ordinamento di un array che sia

Dettagli

Alessandro De Luca. Lezione, 13 maggio 2015

Alessandro De Luca. Lezione, 13 maggio 2015 Basi Basi di di dati dati ee sistemi sistemi informativi informativi II mod.laboratorio mod.laboratorio Alessandro De Luca Università degli Studi di Napoli Federico II Lezione, Introduzione a Java Swing

Dettagli

Cos è un algoritmo. Si dice algoritmo la descrizione di un metodo di soluzione di un problema che sia

Cos è un algoritmo. Si dice algoritmo la descrizione di un metodo di soluzione di un problema che sia Programmazione Un programma descrive al computer, in estremo dettaglio, la sequenza di passi necessari a svolgere un particolare compito L attività di progettare e realizzare un programma è detta programmazione

Dettagli

IL LINGUAGGIO JAVA Input, Tipi Elementari e Istruzione Condizionale

IL LINGUAGGIO JAVA Input, Tipi Elementari e Istruzione Condizionale Fondamenti di Informatica IL LINGUAGGIO JAVA Input, Tipi Elementari e Istruzione Condizionale Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1 Lettura di dati da input In Java la lettura di dati da input

Dettagli

Istruzioni di ripetizione in Java 1

Istruzioni di ripetizione in Java 1 in Java Corso di laurea in Informatica Le istruzioni di ripetizione consentono di eseguire molte volte la stessa Si chiamano anche cicli Come le istruzioni condizionali, i cicli sono controllati da espressioni

Dettagli

UN CLONE IN CLIKE C-LIKE DI SEGUIVISIONE

UN CLONE IN CLIKE C-LIKE DI SEGUIVISIONE IDROID 86 LAB pagg 12-13 23-04-2007 14:57 Pagina 12 I-D01 LAB UN CLONE IN CLIKE C-LIKE DI SEGUIVISIONE PROGRAMMAZIONE Alcuni comportamenti predefiniti attivabili su I-Droid01 sono facilmente riproducibili

Dettagli

RETI DI CALCOLATORI Linguaggio Java: Eccezioni

RETI DI CALCOLATORI Linguaggio Java: Eccezioni Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Facoltà di Ingegneria Reggio Emilia CORSO DI RETI DI CALCOLATORI Linguaggio Java: Eccezioni Prof. Franco Zambonelli Lucidi realizzati in collaborazione

Dettagli

Introduzione alla programmazione. Walter Didimo

Introduzione alla programmazione. Walter Didimo Introduzione alla programmazione Walter Didimo Programmi Un programma è una frase (anche molto lunga) che descrive delle azioni che devono essere svolte da un calcolatore La frase deve essere dettagliata

Dettagli

Un esercizio d esame. Flavio De Paoli

Un esercizio d esame. Flavio De Paoli Un esercizio d esame e note sulla gestione dei dati Flavio De Paoli Il testo (Appello 22 ottobre 2001) Una stazione di servizio dispone di n distributori di benzina. I clienti si presentano a uno dei distributori

Dettagli

Gruppi di Thread. Java threads (3) Gruppi di thread e Timer. Operating Systems. Operating Systems. Java threads 3. Java threads 3

Gruppi di Thread. Java threads (3) Gruppi di thread e Timer. Operating Systems. Operating Systems. Java threads 3. Java threads 3 Java threads (3) Gruppi di thread e Timer emanuele lattanzi isti information science and technology institute 1/12 Gruppi di Thread emanuele lattanzi isti information science and technology institute 2/12

Dettagli