Lauree triennali ed equipollenza dei titoli di studio pregressi: si sta per chiarire un grande equivoco?

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Lauree triennali ed equipollenza dei titoli di studio pregressi: si sta per chiarire un grande equivoco?"

Transcript

1 Lauree triennali ed equipollenza dei titoli di studio pregressi: si sta per chiarire un grande equivoco? Al fine dell iscrizione alle Lauree specialistiche delle professioni sanitarie non è necessario il previo conseguimento della Laurea triennale lo ha dichiarato il 27 dicembre 2002 il Ministero dell Università, ma a proposito di questa dichiarazione ci sono state e continuano ad esserci interpretazioni divergenti. Tentiamo di capire la situazione con questa intervista ad Angelo Mastrillo, Segretario aggiunto della Conferenza dei Corsi di Laurea delle Professioni Sanitarie e componente dell Osservatorio delle Professioni Sanitarie presso il MIUR. Illustriamo la situazione. Quali sono le certezze e quali i dubbi in merito? Purtroppo non è semplice dare certezze assolute, perché siamo ancora nella fase di interpretazioni sulla normativa vigente; i decreti del 2 aprile 2001 che hanno istituito le lauree triennali di primo livello e le lauree specialistiche biennali di secondo livello. Certezze e dubbi si equivalgono quindi e il pericolo di smentite è alto. Tuttavia è possibile affermare che 1) i vecchi titoli abilitanti alla professione sono validi per accedere alle Lauree specialistiche e quindi non è necessario riconvertire i titoli pregressi in Laurea triennale e che 2) le lauree specialistiche saranno attivate dal 2003/04, se il MIUR sottoporrà al parere del CUN gli ordinamenti didattici già presentati da alcune Università. Restano invece ancora dubbi su altri due punti e cioè 1) sulle procedure dell esame di ammissione alle lauree specialistiche e 2) sulla conferma o meno che per l ammissione alla laurea specialistica occorra essere in possesso di una anzianità di servizio di almeno 5 anni, come dipendente in strutture sanitarie accreditate. Perché alcune università hanno atti - vato le procedure per la riconversio - ne dei vecchi titoli di studio per il rilascio della laurea triennale? Perché il decreto 2 aprile 2001 prevede il possesso della laurea triennale come requisito unico per accedere alla laurea specialistica. Le università hanno così inteso dare la possibilità anche ai vecchi diplomati di accedere alla specialistica previo riconoscimento dei titoli conseguiti nelle precedenti Scuole Universitarie Dirette a Fini Speciali, nelle Scuole Regionali e nei Corsi di Diploma Universitario. Quante sono le università che hanno avviato la procedura di riconosci - m e n t o? Poche, pare soltanto 7 su 39 univer- 107

2 sità. L operazione è stata avviata, nel periodo da settembre a dicembre del 2001 a Padova, Verona, L Aquila, Siena, Roma Tor Vergata e Roma Sapienza. L iter si è chiuso alla metà di gennaio scorso. Nello stesso mese sono usciti altri due bandi a Pavia e Roma Tor Vergata (seconda edizione). Nei bandi si è citato il Riconoscimento dei pregressi iter formativi. La partecipazione è stata a numero aperto, tranne che per L Aquila. Quali sono i costi e i requisiti di ammissione? C è molta disparità quasi in tutto, penso dovuta all autonomia che hanno le università. Un dato comune a tutte è il requisito di possesso del diploma di scuola media superiore e del titolo di studio conseguito per l abilitazione all esercizio della rispettiva professione. Altro dato comune è la tassa di iscrizione da pagare per intero come iscrizione al terzo anno di corso, variabile da 300 a 800 euro. Quali sono i criteri di valutazione del curriculum formativo-professio - nale e di definizione degli eventuali debiti formativi? La maggioranza dei bandi ha dato poche e generiche informazioni. Fa eccezione Roma Sapienza che ha subito individuato in 8 crediti il debito formativo minimo: 2 per management, 2 per scienze umane, 2 per inglese scientifico e 2 per informatica, con l aggiunta della presentazione della tesi. Ha poi indicato le modalità operative mettendo in rete programmi, dispense e calendario delle lezioni. Quanti sono gli iscritti a questi corsi e quanti hanno riconvertito poi il proprio titolo? È difficile saperlo, ma si sente parlare di circa 4 mila. Diciamo pochi, appena l 8% rispetto ai circa 500 mila operatori afferenti ai 22 profili delle professioni sanitarie. Perché così pochi e in poche università? Chi lavora già, quindi i 500 mila operatori, non ha alcun bisogno di acquisire un altro titolo di studio, dato che il precedente titolo gli ha permesso di accedere alla professione ed esercitarne tutte le funzioni stabilite dal rispettivo profilo professionale. Mi riferisco alla Legge 42/99 che stabilisce l ambito della competenze nella triade profilo professionale, ordinamento del corso di studi e codice deontologico. A maggiore chiarimento e completamento normativo è poi intervenuto il legislatore stabilendo l equipollenza fra il diploma universitario e i pregressi iter formativi. Per ognuna delle 22 professioni il Ministero della Sanità ha emanato il 27 luglio 2000 uno specifico decreto. Un ulteriore provvedimento, la legge 1 dell 8 gennaio 2002, ha reso validi i vecchi titoli per accedere alla nuova laurea triennale, ai fini della prosecuzione degli studi. Ma allora perché, anche in pochi, questi operatori fanno la riconver - sione per la laurea triennale? Le motivazioni sono diverse, ma la più comune è il desiderio di continuare negli studi per conseguire un titolo aggiuntivo e superiore alla laurea triennale, quindi un master annuale e la laurea specialistica biennale, come previsto dalla riforma universitaria del nuovo sistema 3+2, che per le professioni sanitarie è stato definito dal decreto ministeriale del 2 aprile L art. 5, comma 3 di tale decreto prevede esplicitamente che per accedere alla laurea specialistica e ai master occorre il possesso della laurea triennale e un attività di servizio di almeno 5 anni svolto nel pubblico impiego. 108

3 Riv Diritto Professioni Sanitarie, 2003; 6(2): Non sono troppo lunghi i tempi per avere i primi laureati specia - l i z z a t i? Sicuramente, infatti le prime iscrizioni alla laurea specialistica si avrebbero solo dal 2009, secondo queste scadenze: iscrizione al corso di laurea triennale nell a.a. 2001/2002, conseguimento della laurea dopo 3 anni, quindi nel 2003/4; altri 5 anni di servizio e si arriva al 2009; infine altri due anni di laurea specialistica e i primi specializzati cominciano a materializzarsi nel 2011! Troppi, davvero troppi per le esigenze del mondo del lavoro! Avendo finalmente preso coscenza della lungaggine di questo iter formativo alcune università, volendo accorciare i tempi e quindi attivare le lauree specialistiche a partire dell a.a. 2002/3, hanno pensato di procedere con la riconversione dei vecchi titoli alla laurea triennale, requisito indispensabile come già detto per accedere a quella specialistica. Quindi si tratta solo di una opera - zione utile per chi vuole fare car - riera? Certo, e in particolare per accedere alle posizioni di coordinamento e di dirigenza aziendale oppure di attività didattica. Insomma, per esercitare funzioni di tipo didattico-organizzativo occorre ora un livello formativo-culturale più elevato: lo stabilisce in maniera esplicita la legge 251/2000. Intanto, in attesa che siano disponibili i primi dirigenti con laurea specialistica, molti operatori svolgono di fatto le tali funzioni anche senza - ovviamente - aver conseguito il titolo; ciò è possibile grazie al riconoscimento del curriculum formativoprofessionale e alla procedura concorsuale. Anche questo passaggio è previsto dal legislatore, con la circolare Bassanini del 27/12/2000, n. 6350/4.7 Siamo però davanti ad una procedura transitoria e ad esaurimento, in attesa che siano disponibili operatori con laurea specialistica. Forse avranno un diverso riconosci - m e n t o anche di tipo economico? Una posizione funzionale più elevata (dalla fascia D a DS del contratto), comporta ovviamente in proporzione un incremento retributivo. Tutto qui, ecco perché ci sono state poche domande per riconvertire i vecchi titoli in laurea triennale. Poi, con la legge 1/2002 sono cadute anche tutte queste clausole perché tutti possono chiedere di essere iscritti all esame di ammissione per accedere ai master e alla laurea specialistica, purché in possesso del diploma di scuola media superiore e del titolo di studio abilitante riconosciuto dai citati decreti di equipollenza del 27 luglio Quindi essendo cambiata la norma - tiva non sarebbe più necessaria la laurea triennale? Esatto, con la suddetta legge 1/2002 è stata sancita la validità dei vecchi titoli per l ammissione ai master e alle lauree specialistiche. Inoltre la stessa legge ha introdotto il numero chiuso che è già presente per i vecchi diplomi universitari e per le lauree triennali. Ma questa legge non ha trovato il consenso del mondo universitario: non a caso nel disegno di legge di iniziativa del Governo mancava la firma del Ministro dell Università. Questa legge è stata fortemente voluta da tutte le categorie dei 22 profili professionali che ora sono impegnate nel chiedere garanzie per la piena applicazione da parte di tutte le università, a cui chiedono anche di attivare al più preso i corsi di laurea specialistica. In pratica i vecchi titoli sono stati dichiarati equipollenti alla laurea t r i e n n a l e? Potremmo dire sì. Però con cautela, 109

4 perché quando si parla di equipollenza, di equiparazione, di equivalenza si corre sempre il rischio di creare confusione. Sarebbe lungo e difficile entrare nel merito. Quello che si può dire oggi è che per essere abilitati ad esercitare la professione sono validi sia i titoli pregressi e sia la laurea triennale. In pratica, essendo uguali ai fini dell esercizio della professione, lo sono anche sotto l aspetto funzionale e retributivo. Il contratto di lavoro non dovrebbe fissare differenziazioni e quindi non dovrebbe prevedere un maggiore livello retributivo a un operatore con titolo di laurea triennale rispetto agli altri. È stato così per i vecchi titoli e non si vede perché dovrebbe cambiare ora. Quindi chi ha voluto convertire il titolo pregresso in laurea triennale non ha alcun vantaggio, eccetto la certezza di non dovere recuperare crediti formativi una volta ammesso alla laurea specialistica. Master e laurea specialistica: quali sono le finalità? Il master, che ha durata annuale per 1500 ore corrispondenti a 60 crediti formativi universitari, ha un doppio canale. Il primo, di tipo professionalizzante, permette di completare ulteriori e particolari ambiti professionali, quali e ad esempio le ex specializzazioni per l infermiere strumentista di sala operatoria. Il secondo, di tipo organizzativomanageriale, consente di formare i coordinatori dei servizi, ovvero gli ex caposala e capi tecnici. Con la laurea specialistica si vuole così formare i dirigenti dei servizi e i docenti per i vari corsi di studio e per la formazione continua. Per la docenza il riferimento è alla didattica professionalizzante di cui ai settori scientificodisciplinari-professionalizzanti, da MED/45 a MED/50. Ma tali docenti potrebbero derivare anche dai master annuali. Il master in management potrebbe inoltre costituire il primo gradino verso il conseguimento della successiva laurea specialistica: una buona parte dei 60 crediti acquisiti con i master potrebbe essere convalidata nella laurea specialistica per conseguire i 120 crediti previsti in due anni, ove vi sia compatibilità curriculare. In attesa della laurea specialistica, sta andando avanti il master? Sono molti quelli che hanno già fatto l iscrizione ai master, piuttosto che ai corsi di riconoscimento dei vecchi titoli per la riconversione alla laurea triennale. E a mio parere hanno fatto bene. Meglio spendere in termini economici, di tempo e di acquisizione di un titolo aggiuntivo, quindi realizzare un 3+1, piuttosto che fare una inutile riconversione dei vecchi titoli in laurea triennale per restare sempre con un titolo triennale. Ma allora perché alcune professioni sostengono l utilità della riconver - sione, se questa non comporta né maggiore retribuzione né titolo pre - ferenziale per l ammissione alla laurea specialistica? Ci sono operatori che svolgono in parte le funzioni previste dai profili e che non sono stati riconosciuti equipollenti dai decreti del 27/7/2000. Per questi, la legge 42/99, all art.4, comma 2, aveva previsto un apposito provvedimento normativo detto di equivalenza. Il Ministero della Sanità aveva avviato l iter sulla base della valutazione del curriculum formativo-professionale ed aveva anche definito l entità e le modalità delle attività formative integrative. Ma questa procedura è stata bloccata dalla modifica del titolo V della Costituzione, che ha tolto al Ministero il potere legislativo precedente. Quindi la materia è stata trasferita alla 110

5 Riv Diritto Professioni Sanitarie, 2003; 6(2): Conferenza Stato-Regioni. Di conseguenza, chi si è trovato escluso, ha deciso di mettersi in regola iscrivendosi ai bandi emanati da alcune università per la riconversione dei titoli. Per questi le università stanno valutando caso per caso il debito formativo da coprire. Pare che tale debito sia molto più alto rispetto agli altri. In ogni caso piuttosto che di riconoscimento dei vecchi titoli in questo caso sarebbe più corretto parlare di convalida di alcune attività didattiche seguite e di esperienze professionali. Torniamo alla ammissione alle lau - ree specialistiche: anche se la lau - rea triennale non è più necessaria, ogni università - in virtù della pro - pria autonomia - può stabilire i cri - teri di ammissione? La situazione non è ancora molto chiara e, soprattutto, è in continua evoluzione. Alcuni chiarimenti derivano da pareri che a fine anno 2002 sono stati notificati dagli uffici del MIUR. Con il primo chiarimento del 10/10/2002, rispondendo al quesito posto l 11/9/2002 dall Università di Milano, il MIUR dichiara l annullamento dei 5 anni di servizio. Con il secondo, del 27/12/2002, in risposta al quesito del 12/12/2002 posto dalla Associazione Fisioterapisti AIFI, il MIUR ritiene che al fine dell iscrizione alle lauree specia - listiche delle professioni sanitarie non sia più necessario il previo conseguimen - to della laurea triennale. Però, poiché la legge citata non parla di equipollenza piena ai fini accademici e con la laurea di primo livello, i possessori dei precedenti titoli professionalizzanti dell area sanitaria che vogliano conseguire anche l analogo titolo di laurea sembrano rientrare nella disposizione del DM 509/99, che prevede il riconoscimento da parte delle competenti università dei crediti pregressi ai fini della prosecuzione degli studi. Quindi non c è alcuna differenza fra laurea triennale e i diplomi uni - versitari? Certo, almeno ai fini dell esercizio della professione. Se andiamo a vedere i rispettivi ordinamenti didattici li troviamo quasi uguali. Entrambi hanno come obiettivo formativo l acquisizione delle competenze stabilite dai profili professionali. Se proprio si vuole trovare una differenza, si potrebbe addirittura dire che il vecchio DU era più completo per le finalità professionalizzanti: ad esempio aveva ore rispetto alle della laurea. Poi nella laurea sono state riservate circa 300 ore di didattica per inglese, informatica e management, che nel DU erano dedicate ad altre attività specifiche della profess i o n e. Però, appena varata la riforma del 3+2, tutti ne hanno evidenziato la grande novità... Le università, in generale, hanno dato grande enfasi al nuovo sistema 3+2 evidenziandone i vantaggi di un primo livello formativo necessario per abbassare l età di inserimento nel lavoro. Bene, nel caso delle professioni sanitarie non c è stato nulla di nuovo: è dal 1970 che le università hanno istituito le Scuole Universitarie Dirette a Fini Speciali (SDAF), a durata biennale e triennale, a cui si accedeva con diploma di scuola media superiore. Ma esisteva già anche il secondo livello: nel caso dell infermiere, per conseguire il titolo di Dirigente di Assistenza infermieristica e di Docente, otto università avevano istituito apposite SDAF, a numero chiuso, per la cui ammissione si chiede il titolo abilitante di infermiere e il diploma di scuola media superiore. Ora queste scuole, secondo l art. 5, comma 2 della Legge 251/00 possono restare attive fino a quando non verranno trasformate in laurea specialistica. 111

6 Però con la laurea si consegue il titolo di dottore che non è previ - sto nei precedenti corsi... Mah... mi sembra una inutile e forse pericolosa distinzione. Anzi, è sicuramente iniqua perché rischia di differenziare due operatori che svolgono esattamente la stessa professione. Il titolo di dottore è stato oggetto di soddisfazione ed enfasi da parte di qualche categoria, mentre da parte dei vecchi laureati non sono mancati commenti di stupore, ilarità e in alcuni casi di derisione. All inizio del 2001 se n è occupata la stampa quotidiana e quella specializzata. Chiamarsi dottore è sicuramente più qualificante e fore più redditi - zio... Per alcuni, la possibilità di conseguire il titolo di dottore - anche se trattasi di dottor junior - è comunque allettante. Se aggiungiamo la possibilità di scrivere sulla targa dello studio e del biglietto da visita Dott. XY Laureato in Podologia invece di Sig. XY Podologo comporta un indubbio piacere e probabile maggiore considerazione da parte dei pazienti-utenti, con implicazioni anche in termini di pagamento delle prestazioni erogate. In realtà la professione esercitata è esattamente la stessa, indipendentemente dal titolo, come stabilito dal relativo profilo professionale. Viceversa, per le professioni che operano in regime di dipendenza pubblica o privata, vengono meno anche queste motivazioni: scrivere davanti al laboratorio Dott. Mastrillo Laureato in Tecniche di Neurofisiopatologia invece di Sig. Mastrillo, Tecnico di Neurofisiopatologia non comporta alcun vantaggio né funzionale, né retributivo. Ma sulla denominazione dei titoli qual è la posizione del Ministero? Nessuna. Eppure l argomento non può essere di secondo piano. Il Consiglio Nazionale Studenti Universitari aveva presentato il 17 gennaio 2002 un apposita mozione al Ministro chiedendo di conoscere quali siano le qualifiche (Dottore, Specialista, Dottore di ricerca, ecc.) spettanti a coloro che sono in possesso di titoli relativi ai Corsi di Laurea, Corsi di Laurea Specialistica e Dottorato di Ricerca. Non risulta che ci sia stata ancora una risposta. Torniamo alle lauree specialistiche e alle procedure di ammissione: cosa succederà? Dal prossimo a.a. 2003/4 le università potranno istituire ed attivare anche le lauree specialistiche. Ma saranno a numero programmato, ovvero a numero chiuso come comunemente noto. Ciò comporterà una prova di ammissione per stabilire una graduatoria. È probabile che il Ministero permetta alle singole università di definire i criteri di ammissione, ma su un dato non dovrebbero esserci differenze e cioè che nessuna valutazione potrà essere fatta rispetto al requisito del titolo di studio per l ammissione al concorso: scuola media superiore e uno dei titoli che hanno abilitato alla professione, secondo la legge 42/99 e la legge 2/02. Una cosa dovrebbe essere certa: i titoli di studio servono solo conditio sine qua non per accedere alla prova di esame. Nessuna valutazione e quindi punteggio aggiuntivo potrà essere assegnato in base alla tipologia del titolo di ammissione. Una volta superata tale prova e definita la relativa graduatoria di merito, l Università potrebbe tuttavia riservarsi di valutare il curriculum formativo-professionale e potrebbe inoltre valutare l obsolescenza del titolo di studio professionale presentato; in base a tali criteri potrebbe stabilire anche un eventuale debito formativo che dovrebbe essere aggiunto in itinere ai 120 crediti previsti per conseguire la laurea speciali- 112

7 Riv Diritto Professioni Sanitarie, 2003; 6(2): s t i c a. In pratica, si limiterebbe così il numero dei concorrenti per l ammissione alle lauree specialistiche. Non pare proprio una procedura semplice e comunque certa nella sua applicazione. Cosa ne pensa dell abbattimento dei 5 anni di ser - vizio? Il rischio di vedere criteri dissimili fra le varie Università e alto. Questo potrebbe alla fine invalidare di fatto quanto sancito dalla legge 1/02 e cioè il diritto di vedersi riconosciuta la propria professionalità acquisita, indipendentemente dal titolo di studio di partenza. L eliminazione dei 5 anni di servizio ha stravolto lo spirito originale della legge che è quello di far accedere alla laurea specialistica, quindi apprendere gli aspetti didattico-organizzativi, dopo aver prima sperimentato l esercizio professionale. Probabilmente i 5 anni erano troppi, ma passare drasticamente a zero mi pare eccessivo. Forse, ed è parere comune degli addetti, una anzianità di 3 anni di servizio sarebbe la condizione più coerente. Ma gli studenti che posizione hanno assunto? Nella fasi di consultazione per l emanazione del decreto, il Consiglio nazionale degli studenti universitari CNSU, l 8/3/2001 aveva chiesto al MIUR di togliere la barriera dei 5 anni per evitare la discriminazione dei laureati di area sanitaria rispetto alle altre aree. Ma la proposta non venne accolta e i 5 anni furono previsti dal DM 2 aprile 2001, art. 5, comma 3. Ora però, come dicevo, la legge 1/2002 ha eliminato i 5 anni, recependo le istanze degli studenti. Quindi si deve concludere che con l introduzione del numero chiuso sono spariti i 5 anni di servizio... Questa dei 5 anni ha subito una interpretazione degli uffici ministeriali che non ritengo coerente con gli intendimenti della legge 1/02. I 5 anni stabiliti in origine dal MIUR dovevano servire per una valutazione di merito e non tanto per ridurre l eventuale eccessivo numero di concorrenti. La legge 1/02 ha inteso riconoscere il diritto di poter accedere alla laurea specialistica e di stabilire quel numero chiuso che era stato dimenticato nell emanazione del decreto. Tutto qui. Quindi, a mio parere, piuttosto che abrogare i 5 anni di anzianità di servizio, sarebbe stata più coerente una riduzione a 3 anni. Per concludere: l attivazione delle lauree specialistiche, se ci sarà, dovrebbe essere risolutiva? Certo. Ora che il Ministero della Salute sta per chiudere la procedura avviata per definire il numero programmato anche per le lauree specialistiche, il Ministero dell Università ne attiverà i relativi corsi assegnando i posti alle varie università che ne faranno richiesta. Seguendo le procedure degli altri corsi, fra agosto e settembre dovrebbero uscire i bandi e dovrebbero essere espletati anche gli esami di ammissione. Resta da capire quali saranno i criteri di ammissione e le modalità del relativo esame: se gestito centralmente dal MIUR come per la laurea specialistica in Medicina e Chirurgia, oppure a livello locale da ogni ateneo, come avviene per le lauree triennali. S e ne dovrebbe sapere qualcosa di più a breve. 113

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA Titolo I Norme comuni Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina il conferimento

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

FAQ MASTER & CORSI DI PERFEZIONAMENTO

FAQ MASTER & CORSI DI PERFEZIONAMENTO FAQ MASTER & CORSI DI PERFEZIONAMENTO 1. Qual è la differenza tra Master di primo livello e Master di secondo livello? 2. Ai fini dell ammissione al Master, cosa bisogna fare se si possiede un titolo di

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E FINANZA MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ECONOMIA DELLA CULTURA: POLITICHE, GOVERNO E GESTIONE modalità didattica mista presenza/distanza

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Testo approvato definitivamente dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione rispettivamente

Dettagli

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010 Art. 1 Ambito di applicazione L Università, in applicazione del D.M. 242/98 ed ai

Dettagli

Sintesi analitica dei Bandi di concorso 2013 per l ammissione ai corsi di laurea delle Professioni sanitarie

Sintesi analitica dei Bandi di concorso 2013 per l ammissione ai corsi di laurea delle Professioni sanitarie Sintesi analitica dei Bandi di concorso 2013 per l ammissione ai corsi di laurea delle Professioni sanitarie Introduzione... 3 Università Politecnica delle Marche (Ancona)... 4 Università degli Studi di

Dettagli

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l università, l alta formazione artistica, musicale e coreutica e per la ricerca ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework

Dettagli

Come si diventa insegnanti

Come si diventa insegnanti Ministero della Pubblica Istruzione Ufficio Scolastico Regionale per il Veneto Ufficio Scolastico Provinciale di Padova Area della comunicazione e web Come si diventa insegnanti Il reclutamento del personale

Dettagli

ALLEGATO 2 A) TITOLI ABILITANTI DI ACCESSO ALLA GRADUATORIA

ALLEGATO 2 A) TITOLI ABILITANTI DI ACCESSO ALLA GRADUATORIA ALLEGATO 2 TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI DELLA TERZA FASCIA DELLE GRADUATORIE AD ESAURIMENTO DEL PERSONALE DOCENTE ED EDUCATIVO DELLE SCUOLE ED ISTITUTI DI OGNI ORDINE E GRADO, APPROVATA CON D.M 27

Dettagli

REGOLAMENTO SUI CULTORI DELLA MATERIA

REGOLAMENTO SUI CULTORI DELLA MATERIA Articolo 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO SUI CULTORI DELLA MATERIA 1. Il presente Regolamento disciplina le modalità di nomina dei Cultori della materia e le loro attività. Articolo 2 Funzioni 1.

Dettagli

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A.

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. 2011/2012 Art. 1 Oggetto del bando 1. L Università degli Studi di Siena

Dettagli

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse In base al dato riportato dal Sole

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

ARTICOLO 1 Ambito di applicazione

ARTICOLO 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO STUDENTI DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO Approvato dal Senato Accademico con delibera del 10 giugno 2008 e modificato con delibera del Senato Accademico del 14 giugno 2011 Decreto rettorale

Dettagli

DECRETO N.173 IL CAPO DELL UFFICIO NAZIONALE

DECRETO N.173 IL CAPO DELL UFFICIO NAZIONALE Prot. n. 21096/II/1 dell 11 giugno 2009 UFFICIO NAZIONALE PER IL SERVIZIO CIVILE DECRETO N.173 IL CAPO DELL UFFICIO NAZIONALE VISTA la Legge 8 luglio 1998, n. 230, recante "Nuove norme in materia di obiezione

Dettagli

Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19, della Legge 240/2010

Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19, della Legge 240/2010 Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19, della Legge 240/2010 Art. 1 - Oggetto 1. Il presente regolamento disciplina i procedimenti di selezione,

Dettagli

Guida all accesso ai Corsi di Laurea Magistrale (ordinamento D.M. 270/04) attivati nell A.A. 2014/2015 dall Ateneo di Palermo

Guida all accesso ai Corsi di Laurea Magistrale (ordinamento D.M. 270/04) attivati nell A.A. 2014/2015 dall Ateneo di Palermo 1 2 Guida all accesso ai Corsi di Laurea (ordinamento D.M. 270/04) attivati nell A.A. 2014/2015 dall Ateneo di Palermo Anno Accademico 2014/2015 3 4 Concept and graphic design: Marketing e Fundraising

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA FORMATIVE DELLA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA FORMATIVE DELLA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA FORMATIVE DELLA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA Emanato con D.R. n. 306 del 17/07/2012 Integrato con D.R. n. 65 12/02/2014. DISPOSIZIONI PRELIMINARI Articolo 1 (Oggetto) 1. Il presente

Dettagli

Il Consiglio di Istituto

Il Consiglio di Istituto Prot. n. 442/C10a del 03/02/2015 Regolamento per la Disciplina degli incarichi agli Esperti Esterni approvato con delibera n.7 del 9 ottobre 2013- verbale n.2 Visti gli artt.8 e 9 del DPR n275 del 8/3/99

Dettagli

Oggetto: Differenti modalità di copertura dei posti di Professore universitario di ruolo di Prima e Seconda fascia

Oggetto: Differenti modalità di copertura dei posti di Professore universitario di ruolo di Prima e Seconda fascia Perugia, 17 febbraio 2013 Ai Soci CIPUR Oggetto: Differenti modalità di copertura dei posti di Professore universitario di ruolo di Prima e Seconda fascia Cari colleghi, la progressiva implementazione

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04 REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04 1 Indice Art. 1 - Definizioni...4 Art. 2 - Autonomia Didattica... 5 Art. 3 - Titoli, Corsi di studio e Corsi di Alta Formazione.... 5 Art. 4 - Rilascio

Dettagli

Test d ingresso per i curricula in lingua inglese Coloro che intendono iscriversi ai curricula in lingua inglese Economics of Financial and Insurance

Test d ingresso per i curricula in lingua inglese Coloro che intendono iscriversi ai curricula in lingua inglese Economics of Financial and Insurance Note e istruzioni per i test di ingresso ai Corsi di Studio del Dipartimento di Scienze Economiche, Aziendali, Matematiche e Statistiche (DEAMS) a.a. 2013/2014 Gli insegnamenti relativi ai Corsi di Laurea

Dettagli

29, 19 30 2010, 240 24 2014, 478) INDICE

29, 19 30 2010, 240 24 2014, 478) INDICE Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19 della legge 30 dicembre 2010, n. 240 (emanato con decreto rettorale 24 ottobre 2014, n. 478) INDICE

Dettagli

IL MINISTRO DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA ALLEGATO I parametri e i criteri, definiti mediante indicatori quali-quantitativi (nel seguito denominati Indicatori), per il monitoraggio e la valutazione (ex post) dei risultati dell attuazione dei programmi

Dettagli

Domande e risposte sui Master universitari della Sapienza

Domande e risposte sui Master universitari della Sapienza Domande e risposte sui Master universitari della Sapienza Che cos è un Master Universitario? Il Master Universitario è un corso di perfezionamento scientifico e di alta qualificazione formativa, finalizzato

Dettagli

(annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007)

(annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007) TABELLA 1 (annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007) TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI PER L INCLUSIONE NELLE GRADUATORIE DI CIRCOLO E DI ISTITUTO DI III FASCIA (ivi compreso

Dettagli

Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31 gennaio 2011 - Serie generale DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Roma - Lunedì, 31 gennaio 2011

Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31 gennaio 2011 - Serie generale DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Roma - Lunedì, 31 gennaio 2011 Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31 gennaio 2011 - Serie generale Spediz. abb. post. 45% - art. - 1, art. comma 2, comma 1 20/b Legge 27-02-2004, 23-12-1996, n. n. 46-662 Filiale

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

Al Direttore Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo studio universitario del Ministero Istruzione, Università e Ricerca

Al Direttore Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo studio universitario del Ministero Istruzione, Università e Ricerca Parere n. 5 del 22/6/2011 Al Direttore Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo studio universitario del Ministero Istruzione, Università e Ricerca Oggetto: Programmazione nazionale dei

Dettagli

TABELLA B A) TITOLI DI STUDIO D ACCESSO

TABELLA B A) TITOLI DI STUDIO D ACCESSO TABELLA B TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI PER L INCLUSIONE NELLE GRADUATORIE DI CIRCOLO E DI ISTITUTO DI III FASCIA (ivi compreso l insegnamento di strumento musicale nella scuola media), VALIDE PER

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI Senato Accademico 27 Aprile 2010 Consiglio di Amministrazione 18 Maggio 2010 Decreto Rettorale Rep. n. 811/2010 Prot. n 13531 del 29 Giugno 2010 Ufficio Competente Ufficio Agevolazioni allo studio e disabilità

Dettagli

REGOLAMENTO IMMATRICOLAZIONI, ISCRIZIONI, TASSE E CONTRIBUTI PER STUDENTI DI CORSI DI LAUREA, DI LAUREA MAGISTRALE, DI LAUREA MAGISTRALE A CICLO

REGOLAMENTO IMMATRICOLAZIONI, ISCRIZIONI, TASSE E CONTRIBUTI PER STUDENTI DI CORSI DI LAUREA, DI LAUREA MAGISTRALE, DI LAUREA MAGISTRALE A CICLO REGOLAMENTO IMMATRICOLAZIONI, ISCRIZIONI, TASSE E CONTRIBUTI PER STUDENTI DI CORSI DI LAUREA, DI LAUREA MAGISTRALE, DI LAUREA MAGISTRALE A CICLO UNICO E CORSI SINGOLI INDICE TITOLO I - IMMATRICOLAZIONI,

Dettagli

Vista la Legge Regionale 24 Marzo 1974 n. 18; Vista la Legge Regionale 4 Febbraio 1997 n. 7; Vista la Legge Regionale 16.1.2001. n. 28 e s.m.i.

Vista la Legge Regionale 24 Marzo 1974 n. 18; Vista la Legge Regionale 4 Febbraio 1997 n. 7; Vista la Legge Regionale 16.1.2001. n. 28 e s.m.i. 28501 di dare atto che il presente provvedimento non comporta alcun mutamento qualitativo e quantitativo di entrata o di spesa né a carico del bilancio regionale né a carico degli enti per i cui debiti

Dettagli

FAQ Domande più frequenti sugli esami di Stato per la professione di Dottore commercialista e di Esperto contabile

FAQ Domande più frequenti sugli esami di Stato per la professione di Dottore commercialista e di Esperto contabile FAQ Domande più frequenti sugli esami di Stato per la professione di Dottore commercialista e di Esperto contabile Quante volte l anno si svolgono gli esami di Stato? Sono previste due sessioni d esame

Dettagli

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni! Statuto del Politecnico di Torino TITOLO 2 - ORGANI DI GOVERNO DEL POLITECNICO Art. 2.3 - Senato Accademico 1. Il Senato Accademico è

Dettagli

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Ai sensi del D.M. n. 270/2004 gli studenti che intendono iscriversi ad un corso di laurea

Dettagli

Quante sono le matricole?

Quante sono le matricole? Matricole fuori corso laureati i numeri dell Universita Quante sono le matricole? Sono poco più di 307 mila i giovani che nell'anno accademico 2007/08 si sono iscritti per la prima volta all università,

Dettagli

DENTRO IL LABIRINTO. Roma, aprile 2011. La sostenibilità dei corsi di studio alla luce della recente normativa (DM 17/10 e DM 50/10)

DENTRO IL LABIRINTO. Roma, aprile 2011. La sostenibilità dei corsi di studio alla luce della recente normativa (DM 17/10 e DM 50/10) Roma, aprile 2011 DENTRO IL LABIRINTO La sostenibilità dei corsi di studio alla luce della recente normativa (DM 17/10 e DM 50/10) di Emanuela Stefani e Vincenzo Zara DENTRO IL LABIRINTO. LA SOSTENIBILITA'

Dettagli

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE)

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) Normativa VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) a cura di Libero Tassella da Scuola&Scuola, 8/9/2003 Riferimenti normativi: artt. 7,8 legge 29.12.1988, N. 554; artt. 7,8 Dpcm 17.3.1989,

Dettagli

studio dei titolari di protezione internazionale

studio dei titolari di protezione internazionale Il riconoscimento dei titoli di studio dei titolari di protezione internazionale IL RICONOSCIMENTO DEI TITOLI DI STUDIO LA NORMATIVA L art 170 del RD 1592 del 3/ 31/08/33 /33di approvazione del Testo Unico

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE b) unica prova orale su due materie, il cui svolgimento è subordinato al superamento della prova scritta: una prova su deontologia e ordinamento professionale; una prova su una tra le seguenti materie

Dettagli

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Master di I livello in MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE In Sigla Master 74 Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) TITOLO Management nelle organizzazioni sanitarie FINALITÀ Con la locuzione

Dettagli

Area Didattica e Servizi agli Studenti Ufficio Convenzioni, Innovazione e Qualità della Didattica. Il Rettore

Area Didattica e Servizi agli Studenti Ufficio Convenzioni, Innovazione e Qualità della Didattica. Il Rettore Area Didattica e Servizi agli Studenti Ufficio Convenzioni, Innovazione e Qualità della Didattica Il Rettore Decreto n. 122549 (1147) Anno _2012 VISTO l art. 3, comma 9, del D.M. 22 ottobre 2004, n. 270

Dettagli

Bando di concorso Master di II Livello A.A. 2015/2016

Bando di concorso Master di II Livello A.A. 2015/2016 Bando di concorso Master di II Livello A.A. 2015/2016 Art. 1 - Attivazione Master di II livello L Istituto di MANAGEMENT ha attivato presso la Scuola Superiore Sant Anna di Pisa, ai sensi dell art. 3 dello

Dettagli

LINEE DI RIFORMA DELL ORDINE DEI GIORNALISTI

LINEE DI RIFORMA DELL ORDINE DEI GIORNALISTI LINEE DI RIFORMA DELL ORDINE DEI GIORNALISTI Deliberazione del Consiglio nazionale dell Ordine dei giornalisti 9 luglio 2014 1. Canale unico di accesso alla professione Per esercitare l attività professionale

Dettagli

Tutte le procedure on-line sono accessibili tramite il portale degli studenti https://studenti.unisalento.it

Tutte le procedure on-line sono accessibili tramite il portale degli studenti https://studenti.unisalento.it REGOLE PER GLI STUDENTI Tutte le procedure on-line sono accessibili tramite il portale degli studenti https://studenti.unisalento.it REGOLE VALIDE PER I CORSI ATTIVATI AI SENSI DEL D.M. 270/04 Immatricolazione

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI DIREZIONE PER LA DIDATTICA E L ORIENTAMENTO

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI DIREZIONE PER LA DIDATTICA E L ORIENTAMENTO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI DIREZIONE PER LA DIDATTICA E L ORIENTAMENTO D. R. 767 del 30/06/2014 MANIFESTO GENERALE DEGLI STUDI ANNO ACCADEMICO 2014/2015 IL RETTORE VISTA la Legge 19 novembre 1990

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

CORSI AGGIORNAMENTO UNIVERSITARIO BANDO INPS GESTIONE E DIPENDENTI PUBBLICI - INFORMAZIONI INTEGRATIVE TIVE - A.A. 2013/2014

CORSI AGGIORNAMENTO UNIVERSITARIO BANDO INPS GESTIONE E DIPENDENTI PUBBLICI - INFORMAZIONI INTEGRATIVE TIVE - A.A. 2013/2014 CORSI AGGIORNAMENTO UNIVERSITARIO A.A. 2013/2014 BANDO INPS GESTIONE E DIPENDENTI PUBBLICI - INFORMAZIONI INTEGRATIVE TIVE - In data 10 febbraio 2014, l INPS ha pubblicato il bando che mette a concorso

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

17/04/2015 IL RETTORE

17/04/2015 IL RETTORE Protocollo 7882 VII/1 Data 26/03/2015 Rep. D.R n. 377-2015 Area Didattica Servizi agli Studenti e Alta Formazione Responsabile Dott. Antonio Formato Settore Alta Formazione Responsabile Dott. Tommaso Vasco

Dettagli

PROGRAMMA VINCI Bando 2015

PROGRAMMA VINCI Bando 2015 PROGRAMMA VINCI Bando 2015 L Università Italo Francese / Université Franco Italienne (UIF/UFI) emette il quindicesimo bando Vinci, volto a sostenere le seguenti iniziative: I. Corsi universitari binazionali

Dettagli

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Presidio di Qualità Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Introduzione Al fine di uniformare e facilitare la compilazione delle schede SUA-CdS, il Presidio ha ritenuto utile pubblicare queste note

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA REGOLAMENTO PROCEDURE TERMINI E TASSE (Modificato con D.R. n.1508 del 31/07/2013) INDICE PARTE I NORME GENERALI Art. 1 Art. 2 Ambito di applicazione Definizioni PARTE

Dettagli

FACOLTA DI ECONOMIA CALCOLO MEDIA DI LAUREA

FACOLTA DI ECONOMIA CALCOLO MEDIA DI LAUREA LAUREE QUADRIENNALI: FACOLTA DI ECONOMIA CALCOLO MEDIA DI LAUREA o ECONOMIA E COMMERCIO media aritmetica dei voti degli esami di profitto con esclusione dei voti delle Teologie e di quelli riguardanti

Dettagli

Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività

Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA Scuola Politecnica, Dipartimento di Scienze per l Architettura Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività Corso di Laurea TRIENNALE IN DISEGNO

Dettagli

Sardegna Impresa e Sviluppo BIC Sardegna SpA

Sardegna Impresa e Sviluppo BIC Sardegna SpA Sardegna Impresa e Sviluppo BIC Sardegna SpA AVVISO PUBBLICO Selezione di Statistici junior BIC Sardegna SpA, Soggetto Attuatore dell intervento IDMS, Sistema Informativo dell indice di Deprivazione Multipla

Dettagli

ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA

ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA Pag 2 INDICE Parte Prima 1. MANIFESTO DEGLI STUDI PER GLI IMMATRICOLATI A.A. 2012-2013 1.1 Laurea Magistrale

Dettagli

D. Altre attività formative Stage, attività esterne, tesine (con file già formattato), idoneità, etc. ELENCO DELLE DOMANDE (versione stampabile)

D. Altre attività formative Stage, attività esterne, tesine (con file già formattato), idoneità, etc. ELENCO DELLE DOMANDE (versione stampabile) D. Altre attività formative Stage, attività esterne, tesine (con file già formattato), idoneità, etc. ELENCO DELLE DOMANDE (versione stampabile) D1. COSA SONO LE ALTRE ATTIVITÀ FORMATIVE? D2. COME SI OTTENGONO

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS. Anno Accademico 2014/2015

STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS. Anno Accademico 2014/2015 STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS Anno Accademico 2014/2015 PERCHE LA SCHEDA SUA CDS? L Obiettivo della scheda SUA-CdS non è puramente compilativo; tale strumento vuole essere una guida ad

Dettagli

PARTE SECONDA TITOLI E CRITERI DI VALUTAZIONE PER LA FORMAZIONE DELLE GRADUATORIE DI CUI ALL'ART. 21 DELL'ACCORDO.

PARTE SECONDA TITOLI E CRITERI DI VALUTAZIONE PER LA FORMAZIONE DELLE GRADUATORIE DI CUI ALL'ART. 21 DELL'ACCORDO. ALLEGATO A PARTE SECONDA TITOLI E CRITERI DI VALUTAZIONE PER LA FORMAZIONE DELLE GRADUATORIE DI CUI ALL'ART. 21 DELL'ACCORDO. TITOLI ACCADEMICI VOTO DI LAUREA Medici Specialisti ambulatoriali, Odontoiatri,

Dettagli

BANDO DI SELEZIONE ESPERTI PON- FSE - 2007-IT 05 1 PO007 Competenze per lo sviluppo Annualità 2014 IL DIRIGENTE SCOLASTICO

BANDO DI SELEZIONE ESPERTI PON- FSE - 2007-IT 05 1 PO007 Competenze per lo sviluppo Annualità 2014 IL DIRIGENTE SCOLASTICO ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE LUIGI EINAUDI Distr. Sc. n 9 - Via V. Veneto 89822 SERRA SAN BRUNO (VV) FONDI STRUTTURALI 2007-2013 PEC: vvis003008@pec.istruzione.it PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE FONDO

Dettagli

SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI

SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI La Scheda Unica Annuale (SUA) è lo strumento di programmazione dei Corsi di Laurea e attraverso il quale l ANVUR farà le proprie valutazioni sull accreditamento (iniziale e periodico)

Dettagli

Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello

Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello Istituto Superiore di Studi Musicali "P. Mascagni" - Livorno Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello Via Galilei

Dettagli

Art. 3 Procedura di selezione

Art. 3 Procedura di selezione Regolamento per l'attribuzione a professori e ricercatori dell'incentivo di cui all'articolo 29, comma 19 della legge 240/10 (Emanato con Decreto del Rettore n.110 del 4 aprile 2014) Art. 1 Oggetto 1.

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

DIPARTIMENTO 25123 BRESCIA Partita IVA 14/15. iniziato, come. fa specifico. paragrafo 2.2. stesso. valutazione. rispondenza.

DIPARTIMENTO 25123 BRESCIA Partita IVA 14/15. iniziato, come. fa specifico. paragrafo 2.2. stesso. valutazione. rispondenza. REGOLAMENTO PER L AMMISSIONE ALLE LAUREE MAGISTRALI IN INGEGNERIA 14/15 (Approvato dal CCSA di ingegneria Industriale del 17/7/2014) 1. PREMESSA E NORME GENERALI 1.1. Norme e principi di riferimento Il

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

DIRITTO ALLO STUDIO. Università degli Studi del Sannio. Costruiamo insieme il tuo FUTURO

DIRITTO ALLO STUDIO. Università degli Studi del Sannio. Costruiamo insieme il tuo FUTURO DIRITTO ALLO STUDIO I capaci e i meritevoli, anche se privi di mezzi, hanno diritto di raggiungere i gradi più alti degli studi. art. 34 Costituzione della Repubblica Italiana Diritto allo studio universitario

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

IL MINISTRO DELLA SALUTE

IL MINISTRO DELLA SALUTE Testo aggiornato al 20 settembre 2013 Decreto ministeriale 26 marzo 2013 Gazzetta Ufficiale 8 agosto 2013, n. 185 Contributo alle spese dovuto dai soggetti pubblici e privati e dalle società scientifiche

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato n. 2 (Procedure per l iscrizione, l accesso ai risultati e lo scorrimento della graduatoria) 1. Ciascun candidato deve presentare la richiesta di partecipazione al test selettivo per l accesso

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1339 Prot. n 13549 Data 29.04.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISCRIZIONE DEGLI STUDENTI A TEMPO PARZIALE AI CORSI DI STUDIO DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA TUSCIA

REGOLAMENTO PER L ISCRIZIONE DEGLI STUDENTI A TEMPO PARZIALE AI CORSI DI STUDIO DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA TUSCIA Università degli Studi della Tuscia Regolamento per l iscrizione degli studenti a tempo parziale ai corsi di studio dell Università degli Studi della Tuscia (D.R. n. 637/07 del 01.08.2007) REGOLAMENTO

Dettagli

Rapporto di Riesame - frontespizio

Rapporto di Riesame - frontespizio Rapporto di Riesame - frontespizio Denominazione del Corso di Studio : TECNOLOGIE ALIMENTARI Classe : L26 Sede : POTENZA - Scuola di Scienze Agrarie, Forestali, Alimentari ed Ambientali - SAFE Primo anno

Dettagli

BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA

BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI BRESCIA ANNO ACCADEMICO 2013/2014 BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA Sono aperte le immatricolazioni per l anno accademico 2013/2014 ai corsi di laurea in

Dettagli

MANSIONARIO DEI PROFILI PROFESSIONALI

MANSIONARIO DEI PROFILI PROFESSIONALI OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA SEDE LEGALE CASTELLO N. 77 SEDE AMMINISTRATIVA SAN POLO N. 2123 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Delibera n.12/2013: Requisiti e procedimento per la nomina dei

Dettagli

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER TITOLI ED ESAMI A N. 5 POSTI A TEMPO PIENO ED

Dettagli

Testo Unico dell apprendistato

Testo Unico dell apprendistato Testo Unico dell apprendistato Art. 1 Definizione 1. L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e alla occupazione dei giovani. 2. Il contratto di apprendistato

Dettagli

Master di I livello In PROJECT MANAGEMENT. (1500 h 60 CFU) Anno Accademico 2014/2015 I edizione I sessione

Master di I livello In PROJECT MANAGEMENT. (1500 h 60 CFU) Anno Accademico 2014/2015 I edizione I sessione Master di I livello In PROJECT MANAGEMENT (1500 h 60 CFU) Anno Accademico 2014/2015 I edizione I sessione Art. 1 ATTIVAZIONE L Università degli Studi Niccolò Cusano Telematica Roma attiva il Master di

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CHIAMATA, LA MOBILITA, I COMPITI DIDATTICI, IL CONFERIMENTO

REGOLAMENTO PER LA CHIAMATA, LA MOBILITA, I COMPITI DIDATTICI, IL CONFERIMENTO REGOLAMENTO PER LA CHIAMATA, LA MOBILITA, I COMPITI DIDATTICI, IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI INSEGNAMENTO E DI DIDATTICA INTEGRATIVA, IL RILASCIO DI AUTORIZZAZIONI PER ATTIVITA ESTERNE DEI PROFESSORI

Dettagli

DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore

DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore 1 di 20 Insegnamenti di Informatica nelle scuole superiori: la situazione attuale Prof. Minerva Augusto (Membro del Consiglio

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA REGOLAMENTO 16 luglio 2014, n. 6 Regolamento per la formazione continua IL CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE nella seduta del 16 luglio 2014 visto l art. 11 della legge 31 dicembre 2012, n. 247, rubricato Formazione

Dettagli

Stato giuridico del personale delle Unità sanitarie locali

Stato giuridico del personale delle Unità sanitarie locali Testo aggiornato al 15 dicembre 2005 Decreto del Presidente della Repubblica 20 dicembre 1979, n. 761 Gazzetta Ufficiale 15 febbraio 1980, n. 45, S. O. Stato giuridico del personale delle Unità sanitarie

Dettagli

Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof.

Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof. Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof. Luigi Di Prinzio Titolo del master Informazione Ambientale e Nuove Tecnologie II livello

Dettagli

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore IL CONTESTO L approvazione del Bilancio di previsione quest anno si pone esattamente a metà del mio mandato rettorale, iniziato tre anni fa,

Dettagli

Qualifications Framework for the European Higher Education Area

Qualifications Framework for the European Higher Education Area Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l università, l alta formazione artistica, musicale e coreutica e per la ricerca ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

Ordinanza Ministeriale 21 febbraio 2014 n. 144. Esami di Stato di abilitazione professionale anno 2014. Professioni regolamentate dal D.P.R. 328/2001.

Ordinanza Ministeriale 21 febbraio 2014 n. 144. Esami di Stato di abilitazione professionale anno 2014. Professioni regolamentate dal D.P.R. 328/2001. Ordinanza Ministeriale 21 febbraio 2014 n. 144 Esami di Stato di abilitazione professionale anno 2014. Professioni regolamentate dal D.P.R. 328/2001. VISTA la legge 9 maggio 1989, n.168, con la quale è

Dettagli