Lauree triennali ed equipollenza dei titoli di studio pregressi: si sta per chiarire un grande equivoco?

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Lauree triennali ed equipollenza dei titoli di studio pregressi: si sta per chiarire un grande equivoco?"

Transcript

1 Lauree triennali ed equipollenza dei titoli di studio pregressi: si sta per chiarire un grande equivoco? Al fine dell iscrizione alle Lauree specialistiche delle professioni sanitarie non è necessario il previo conseguimento della Laurea triennale lo ha dichiarato il 27 dicembre 2002 il Ministero dell Università, ma a proposito di questa dichiarazione ci sono state e continuano ad esserci interpretazioni divergenti. Tentiamo di capire la situazione con questa intervista ad Angelo Mastrillo, Segretario aggiunto della Conferenza dei Corsi di Laurea delle Professioni Sanitarie e componente dell Osservatorio delle Professioni Sanitarie presso il MIUR. Illustriamo la situazione. Quali sono le certezze e quali i dubbi in merito? Purtroppo non è semplice dare certezze assolute, perché siamo ancora nella fase di interpretazioni sulla normativa vigente; i decreti del 2 aprile 2001 che hanno istituito le lauree triennali di primo livello e le lauree specialistiche biennali di secondo livello. Certezze e dubbi si equivalgono quindi e il pericolo di smentite è alto. Tuttavia è possibile affermare che 1) i vecchi titoli abilitanti alla professione sono validi per accedere alle Lauree specialistiche e quindi non è necessario riconvertire i titoli pregressi in Laurea triennale e che 2) le lauree specialistiche saranno attivate dal 2003/04, se il MIUR sottoporrà al parere del CUN gli ordinamenti didattici già presentati da alcune Università. Restano invece ancora dubbi su altri due punti e cioè 1) sulle procedure dell esame di ammissione alle lauree specialistiche e 2) sulla conferma o meno che per l ammissione alla laurea specialistica occorra essere in possesso di una anzianità di servizio di almeno 5 anni, come dipendente in strutture sanitarie accreditate. Perché alcune università hanno atti - vato le procedure per la riconversio - ne dei vecchi titoli di studio per il rilascio della laurea triennale? Perché il decreto 2 aprile 2001 prevede il possesso della laurea triennale come requisito unico per accedere alla laurea specialistica. Le università hanno così inteso dare la possibilità anche ai vecchi diplomati di accedere alla specialistica previo riconoscimento dei titoli conseguiti nelle precedenti Scuole Universitarie Dirette a Fini Speciali, nelle Scuole Regionali e nei Corsi di Diploma Universitario. Quante sono le università che hanno avviato la procedura di riconosci - m e n t o? Poche, pare soltanto 7 su 39 univer- 107

2 sità. L operazione è stata avviata, nel periodo da settembre a dicembre del 2001 a Padova, Verona, L Aquila, Siena, Roma Tor Vergata e Roma Sapienza. L iter si è chiuso alla metà di gennaio scorso. Nello stesso mese sono usciti altri due bandi a Pavia e Roma Tor Vergata (seconda edizione). Nei bandi si è citato il Riconoscimento dei pregressi iter formativi. La partecipazione è stata a numero aperto, tranne che per L Aquila. Quali sono i costi e i requisiti di ammissione? C è molta disparità quasi in tutto, penso dovuta all autonomia che hanno le università. Un dato comune a tutte è il requisito di possesso del diploma di scuola media superiore e del titolo di studio conseguito per l abilitazione all esercizio della rispettiva professione. Altro dato comune è la tassa di iscrizione da pagare per intero come iscrizione al terzo anno di corso, variabile da 300 a 800 euro. Quali sono i criteri di valutazione del curriculum formativo-professio - nale e di definizione degli eventuali debiti formativi? La maggioranza dei bandi ha dato poche e generiche informazioni. Fa eccezione Roma Sapienza che ha subito individuato in 8 crediti il debito formativo minimo: 2 per management, 2 per scienze umane, 2 per inglese scientifico e 2 per informatica, con l aggiunta della presentazione della tesi. Ha poi indicato le modalità operative mettendo in rete programmi, dispense e calendario delle lezioni. Quanti sono gli iscritti a questi corsi e quanti hanno riconvertito poi il proprio titolo? È difficile saperlo, ma si sente parlare di circa 4 mila. Diciamo pochi, appena l 8% rispetto ai circa 500 mila operatori afferenti ai 22 profili delle professioni sanitarie. Perché così pochi e in poche università? Chi lavora già, quindi i 500 mila operatori, non ha alcun bisogno di acquisire un altro titolo di studio, dato che il precedente titolo gli ha permesso di accedere alla professione ed esercitarne tutte le funzioni stabilite dal rispettivo profilo professionale. Mi riferisco alla Legge 42/99 che stabilisce l ambito della competenze nella triade profilo professionale, ordinamento del corso di studi e codice deontologico. A maggiore chiarimento e completamento normativo è poi intervenuto il legislatore stabilendo l equipollenza fra il diploma universitario e i pregressi iter formativi. Per ognuna delle 22 professioni il Ministero della Sanità ha emanato il 27 luglio 2000 uno specifico decreto. Un ulteriore provvedimento, la legge 1 dell 8 gennaio 2002, ha reso validi i vecchi titoli per accedere alla nuova laurea triennale, ai fini della prosecuzione degli studi. Ma allora perché, anche in pochi, questi operatori fanno la riconver - sione per la laurea triennale? Le motivazioni sono diverse, ma la più comune è il desiderio di continuare negli studi per conseguire un titolo aggiuntivo e superiore alla laurea triennale, quindi un master annuale e la laurea specialistica biennale, come previsto dalla riforma universitaria del nuovo sistema 3+2, che per le professioni sanitarie è stato definito dal decreto ministeriale del 2 aprile L art. 5, comma 3 di tale decreto prevede esplicitamente che per accedere alla laurea specialistica e ai master occorre il possesso della laurea triennale e un attività di servizio di almeno 5 anni svolto nel pubblico impiego. 108

3 Riv Diritto Professioni Sanitarie, 2003; 6(2): Non sono troppo lunghi i tempi per avere i primi laureati specia - l i z z a t i? Sicuramente, infatti le prime iscrizioni alla laurea specialistica si avrebbero solo dal 2009, secondo queste scadenze: iscrizione al corso di laurea triennale nell a.a. 2001/2002, conseguimento della laurea dopo 3 anni, quindi nel 2003/4; altri 5 anni di servizio e si arriva al 2009; infine altri due anni di laurea specialistica e i primi specializzati cominciano a materializzarsi nel 2011! Troppi, davvero troppi per le esigenze del mondo del lavoro! Avendo finalmente preso coscenza della lungaggine di questo iter formativo alcune università, volendo accorciare i tempi e quindi attivare le lauree specialistiche a partire dell a.a. 2002/3, hanno pensato di procedere con la riconversione dei vecchi titoli alla laurea triennale, requisito indispensabile come già detto per accedere a quella specialistica. Quindi si tratta solo di una opera - zione utile per chi vuole fare car - riera? Certo, e in particolare per accedere alle posizioni di coordinamento e di dirigenza aziendale oppure di attività didattica. Insomma, per esercitare funzioni di tipo didattico-organizzativo occorre ora un livello formativo-culturale più elevato: lo stabilisce in maniera esplicita la legge 251/2000. Intanto, in attesa che siano disponibili i primi dirigenti con laurea specialistica, molti operatori svolgono di fatto le tali funzioni anche senza - ovviamente - aver conseguito il titolo; ciò è possibile grazie al riconoscimento del curriculum formativoprofessionale e alla procedura concorsuale. Anche questo passaggio è previsto dal legislatore, con la circolare Bassanini del 27/12/2000, n. 6350/4.7 Siamo però davanti ad una procedura transitoria e ad esaurimento, in attesa che siano disponibili operatori con laurea specialistica. Forse avranno un diverso riconosci - m e n t o anche di tipo economico? Una posizione funzionale più elevata (dalla fascia D a DS del contratto), comporta ovviamente in proporzione un incremento retributivo. Tutto qui, ecco perché ci sono state poche domande per riconvertire i vecchi titoli in laurea triennale. Poi, con la legge 1/2002 sono cadute anche tutte queste clausole perché tutti possono chiedere di essere iscritti all esame di ammissione per accedere ai master e alla laurea specialistica, purché in possesso del diploma di scuola media superiore e del titolo di studio abilitante riconosciuto dai citati decreti di equipollenza del 27 luglio Quindi essendo cambiata la norma - tiva non sarebbe più necessaria la laurea triennale? Esatto, con la suddetta legge 1/2002 è stata sancita la validità dei vecchi titoli per l ammissione ai master e alle lauree specialistiche. Inoltre la stessa legge ha introdotto il numero chiuso che è già presente per i vecchi diplomi universitari e per le lauree triennali. Ma questa legge non ha trovato il consenso del mondo universitario: non a caso nel disegno di legge di iniziativa del Governo mancava la firma del Ministro dell Università. Questa legge è stata fortemente voluta da tutte le categorie dei 22 profili professionali che ora sono impegnate nel chiedere garanzie per la piena applicazione da parte di tutte le università, a cui chiedono anche di attivare al più preso i corsi di laurea specialistica. In pratica i vecchi titoli sono stati dichiarati equipollenti alla laurea t r i e n n a l e? Potremmo dire sì. Però con cautela, 109

4 perché quando si parla di equipollenza, di equiparazione, di equivalenza si corre sempre il rischio di creare confusione. Sarebbe lungo e difficile entrare nel merito. Quello che si può dire oggi è che per essere abilitati ad esercitare la professione sono validi sia i titoli pregressi e sia la laurea triennale. In pratica, essendo uguali ai fini dell esercizio della professione, lo sono anche sotto l aspetto funzionale e retributivo. Il contratto di lavoro non dovrebbe fissare differenziazioni e quindi non dovrebbe prevedere un maggiore livello retributivo a un operatore con titolo di laurea triennale rispetto agli altri. È stato così per i vecchi titoli e non si vede perché dovrebbe cambiare ora. Quindi chi ha voluto convertire il titolo pregresso in laurea triennale non ha alcun vantaggio, eccetto la certezza di non dovere recuperare crediti formativi una volta ammesso alla laurea specialistica. Master e laurea specialistica: quali sono le finalità? Il master, che ha durata annuale per 1500 ore corrispondenti a 60 crediti formativi universitari, ha un doppio canale. Il primo, di tipo professionalizzante, permette di completare ulteriori e particolari ambiti professionali, quali e ad esempio le ex specializzazioni per l infermiere strumentista di sala operatoria. Il secondo, di tipo organizzativomanageriale, consente di formare i coordinatori dei servizi, ovvero gli ex caposala e capi tecnici. Con la laurea specialistica si vuole così formare i dirigenti dei servizi e i docenti per i vari corsi di studio e per la formazione continua. Per la docenza il riferimento è alla didattica professionalizzante di cui ai settori scientificodisciplinari-professionalizzanti, da MED/45 a MED/50. Ma tali docenti potrebbero derivare anche dai master annuali. Il master in management potrebbe inoltre costituire il primo gradino verso il conseguimento della successiva laurea specialistica: una buona parte dei 60 crediti acquisiti con i master potrebbe essere convalidata nella laurea specialistica per conseguire i 120 crediti previsti in due anni, ove vi sia compatibilità curriculare. In attesa della laurea specialistica, sta andando avanti il master? Sono molti quelli che hanno già fatto l iscrizione ai master, piuttosto che ai corsi di riconoscimento dei vecchi titoli per la riconversione alla laurea triennale. E a mio parere hanno fatto bene. Meglio spendere in termini economici, di tempo e di acquisizione di un titolo aggiuntivo, quindi realizzare un 3+1, piuttosto che fare una inutile riconversione dei vecchi titoli in laurea triennale per restare sempre con un titolo triennale. Ma allora perché alcune professioni sostengono l utilità della riconver - sione, se questa non comporta né maggiore retribuzione né titolo pre - ferenziale per l ammissione alla laurea specialistica? Ci sono operatori che svolgono in parte le funzioni previste dai profili e che non sono stati riconosciuti equipollenti dai decreti del 27/7/2000. Per questi, la legge 42/99, all art.4, comma 2, aveva previsto un apposito provvedimento normativo detto di equivalenza. Il Ministero della Sanità aveva avviato l iter sulla base della valutazione del curriculum formativo-professionale ed aveva anche definito l entità e le modalità delle attività formative integrative. Ma questa procedura è stata bloccata dalla modifica del titolo V della Costituzione, che ha tolto al Ministero il potere legislativo precedente. Quindi la materia è stata trasferita alla 110

5 Riv Diritto Professioni Sanitarie, 2003; 6(2): Conferenza Stato-Regioni. Di conseguenza, chi si è trovato escluso, ha deciso di mettersi in regola iscrivendosi ai bandi emanati da alcune università per la riconversione dei titoli. Per questi le università stanno valutando caso per caso il debito formativo da coprire. Pare che tale debito sia molto più alto rispetto agli altri. In ogni caso piuttosto che di riconoscimento dei vecchi titoli in questo caso sarebbe più corretto parlare di convalida di alcune attività didattiche seguite e di esperienze professionali. Torniamo alla ammissione alle lau - ree specialistiche: anche se la lau - rea triennale non è più necessaria, ogni università - in virtù della pro - pria autonomia - può stabilire i cri - teri di ammissione? La situazione non è ancora molto chiara e, soprattutto, è in continua evoluzione. Alcuni chiarimenti derivano da pareri che a fine anno 2002 sono stati notificati dagli uffici del MIUR. Con il primo chiarimento del 10/10/2002, rispondendo al quesito posto l 11/9/2002 dall Università di Milano, il MIUR dichiara l annullamento dei 5 anni di servizio. Con il secondo, del 27/12/2002, in risposta al quesito del 12/12/2002 posto dalla Associazione Fisioterapisti AIFI, il MIUR ritiene che al fine dell iscrizione alle lauree specia - listiche delle professioni sanitarie non sia più necessario il previo conseguimen - to della laurea triennale. Però, poiché la legge citata non parla di equipollenza piena ai fini accademici e con la laurea di primo livello, i possessori dei precedenti titoli professionalizzanti dell area sanitaria che vogliano conseguire anche l analogo titolo di laurea sembrano rientrare nella disposizione del DM 509/99, che prevede il riconoscimento da parte delle competenti università dei crediti pregressi ai fini della prosecuzione degli studi. Quindi non c è alcuna differenza fra laurea triennale e i diplomi uni - versitari? Certo, almeno ai fini dell esercizio della professione. Se andiamo a vedere i rispettivi ordinamenti didattici li troviamo quasi uguali. Entrambi hanno come obiettivo formativo l acquisizione delle competenze stabilite dai profili professionali. Se proprio si vuole trovare una differenza, si potrebbe addirittura dire che il vecchio DU era più completo per le finalità professionalizzanti: ad esempio aveva ore rispetto alle della laurea. Poi nella laurea sono state riservate circa 300 ore di didattica per inglese, informatica e management, che nel DU erano dedicate ad altre attività specifiche della profess i o n e. Però, appena varata la riforma del 3+2, tutti ne hanno evidenziato la grande novità... Le università, in generale, hanno dato grande enfasi al nuovo sistema 3+2 evidenziandone i vantaggi di un primo livello formativo necessario per abbassare l età di inserimento nel lavoro. Bene, nel caso delle professioni sanitarie non c è stato nulla di nuovo: è dal 1970 che le università hanno istituito le Scuole Universitarie Dirette a Fini Speciali (SDAF), a durata biennale e triennale, a cui si accedeva con diploma di scuola media superiore. Ma esisteva già anche il secondo livello: nel caso dell infermiere, per conseguire il titolo di Dirigente di Assistenza infermieristica e di Docente, otto università avevano istituito apposite SDAF, a numero chiuso, per la cui ammissione si chiede il titolo abilitante di infermiere e il diploma di scuola media superiore. Ora queste scuole, secondo l art. 5, comma 2 della Legge 251/00 possono restare attive fino a quando non verranno trasformate in laurea specialistica. 111

6 Però con la laurea si consegue il titolo di dottore che non è previ - sto nei precedenti corsi... Mah... mi sembra una inutile e forse pericolosa distinzione. Anzi, è sicuramente iniqua perché rischia di differenziare due operatori che svolgono esattamente la stessa professione. Il titolo di dottore è stato oggetto di soddisfazione ed enfasi da parte di qualche categoria, mentre da parte dei vecchi laureati non sono mancati commenti di stupore, ilarità e in alcuni casi di derisione. All inizio del 2001 se n è occupata la stampa quotidiana e quella specializzata. Chiamarsi dottore è sicuramente più qualificante e fore più redditi - zio... Per alcuni, la possibilità di conseguire il titolo di dottore - anche se trattasi di dottor junior - è comunque allettante. Se aggiungiamo la possibilità di scrivere sulla targa dello studio e del biglietto da visita Dott. XY Laureato in Podologia invece di Sig. XY Podologo comporta un indubbio piacere e probabile maggiore considerazione da parte dei pazienti-utenti, con implicazioni anche in termini di pagamento delle prestazioni erogate. In realtà la professione esercitata è esattamente la stessa, indipendentemente dal titolo, come stabilito dal relativo profilo professionale. Viceversa, per le professioni che operano in regime di dipendenza pubblica o privata, vengono meno anche queste motivazioni: scrivere davanti al laboratorio Dott. Mastrillo Laureato in Tecniche di Neurofisiopatologia invece di Sig. Mastrillo, Tecnico di Neurofisiopatologia non comporta alcun vantaggio né funzionale, né retributivo. Ma sulla denominazione dei titoli qual è la posizione del Ministero? Nessuna. Eppure l argomento non può essere di secondo piano. Il Consiglio Nazionale Studenti Universitari aveva presentato il 17 gennaio 2002 un apposita mozione al Ministro chiedendo di conoscere quali siano le qualifiche (Dottore, Specialista, Dottore di ricerca, ecc.) spettanti a coloro che sono in possesso di titoli relativi ai Corsi di Laurea, Corsi di Laurea Specialistica e Dottorato di Ricerca. Non risulta che ci sia stata ancora una risposta. Torniamo alle lauree specialistiche e alle procedure di ammissione: cosa succederà? Dal prossimo a.a. 2003/4 le università potranno istituire ed attivare anche le lauree specialistiche. Ma saranno a numero programmato, ovvero a numero chiuso come comunemente noto. Ciò comporterà una prova di ammissione per stabilire una graduatoria. È probabile che il Ministero permetta alle singole università di definire i criteri di ammissione, ma su un dato non dovrebbero esserci differenze e cioè che nessuna valutazione potrà essere fatta rispetto al requisito del titolo di studio per l ammissione al concorso: scuola media superiore e uno dei titoli che hanno abilitato alla professione, secondo la legge 42/99 e la legge 2/02. Una cosa dovrebbe essere certa: i titoli di studio servono solo conditio sine qua non per accedere alla prova di esame. Nessuna valutazione e quindi punteggio aggiuntivo potrà essere assegnato in base alla tipologia del titolo di ammissione. Una volta superata tale prova e definita la relativa graduatoria di merito, l Università potrebbe tuttavia riservarsi di valutare il curriculum formativo-professionale e potrebbe inoltre valutare l obsolescenza del titolo di studio professionale presentato; in base a tali criteri potrebbe stabilire anche un eventuale debito formativo che dovrebbe essere aggiunto in itinere ai 120 crediti previsti per conseguire la laurea speciali- 112

7 Riv Diritto Professioni Sanitarie, 2003; 6(2): s t i c a. In pratica, si limiterebbe così il numero dei concorrenti per l ammissione alle lauree specialistiche. Non pare proprio una procedura semplice e comunque certa nella sua applicazione. Cosa ne pensa dell abbattimento dei 5 anni di ser - vizio? Il rischio di vedere criteri dissimili fra le varie Università e alto. Questo potrebbe alla fine invalidare di fatto quanto sancito dalla legge 1/02 e cioè il diritto di vedersi riconosciuta la propria professionalità acquisita, indipendentemente dal titolo di studio di partenza. L eliminazione dei 5 anni di servizio ha stravolto lo spirito originale della legge che è quello di far accedere alla laurea specialistica, quindi apprendere gli aspetti didattico-organizzativi, dopo aver prima sperimentato l esercizio professionale. Probabilmente i 5 anni erano troppi, ma passare drasticamente a zero mi pare eccessivo. Forse, ed è parere comune degli addetti, una anzianità di 3 anni di servizio sarebbe la condizione più coerente. Ma gli studenti che posizione hanno assunto? Nella fasi di consultazione per l emanazione del decreto, il Consiglio nazionale degli studenti universitari CNSU, l 8/3/2001 aveva chiesto al MIUR di togliere la barriera dei 5 anni per evitare la discriminazione dei laureati di area sanitaria rispetto alle altre aree. Ma la proposta non venne accolta e i 5 anni furono previsti dal DM 2 aprile 2001, art. 5, comma 3. Ora però, come dicevo, la legge 1/2002 ha eliminato i 5 anni, recependo le istanze degli studenti. Quindi si deve concludere che con l introduzione del numero chiuso sono spariti i 5 anni di servizio... Questa dei 5 anni ha subito una interpretazione degli uffici ministeriali che non ritengo coerente con gli intendimenti della legge 1/02. I 5 anni stabiliti in origine dal MIUR dovevano servire per una valutazione di merito e non tanto per ridurre l eventuale eccessivo numero di concorrenti. La legge 1/02 ha inteso riconoscere il diritto di poter accedere alla laurea specialistica e di stabilire quel numero chiuso che era stato dimenticato nell emanazione del decreto. Tutto qui. Quindi, a mio parere, piuttosto che abrogare i 5 anni di anzianità di servizio, sarebbe stata più coerente una riduzione a 3 anni. Per concludere: l attivazione delle lauree specialistiche, se ci sarà, dovrebbe essere risolutiva? Certo. Ora che il Ministero della Salute sta per chiudere la procedura avviata per definire il numero programmato anche per le lauree specialistiche, il Ministero dell Università ne attiverà i relativi corsi assegnando i posti alle varie università che ne faranno richiesta. Seguendo le procedure degli altri corsi, fra agosto e settembre dovrebbero uscire i bandi e dovrebbero essere espletati anche gli esami di ammissione. Resta da capire quali saranno i criteri di ammissione e le modalità del relativo esame: se gestito centralmente dal MIUR come per la laurea specialistica in Medicina e Chirurgia, oppure a livello locale da ogni ateneo, come avviene per le lauree triennali. S e ne dovrebbe sapere qualcosa di più a breve. 113

Regolamento recante norme concernenti l autonomia didattica degli atenei

Regolamento recante norme concernenti l autonomia didattica degli atenei Testo aggiornato al 13 gennaio 2006 Decreto ministeriale 3 novembre 1999, n. 509 Gazzetta Ufficiale 4 gennaio 2000, n. 2 Regolamento recante norme concernenti l autonomia didattica degli atenei IL MINISTRO

Dettagli

Art. 4: è necessario specificare la percentuale di tempo da dedicare allo studio individuale.

Art. 4: è necessario specificare la percentuale di tempo da dedicare allo studio individuale. Allegato 2 Art. 4. Crediti formativi universitari Testo approvato Rilievi CUN Testo adeguato ai rilievi 1. Il credito formativo universitario (cfu) - di seguito denominato credito - è l unità di misura

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI (emanato con Decreto Rettorale N. 645 del 12/03/2003) ART. 1 - Ambito di applicazione... 2 ART. 2 - Titoli per l accesso...

Dettagli

L università che cambia. Una nuova università. Come funziona l università Accesso all università RIFORMA UNIVERSITARIA

L università che cambia. Una nuova università. Come funziona l università Accesso all università RIFORMA UNIVERSITARIA L università che cambia Il volto e l organizzazione degli atenei in Italia è in continua trasformazione. Nell anno accademico 2001/2002, infatti, è stata applicata in tutti gli atenei la riforma universitaria

Dettagli

SEZIONE III - Corsi di Aggiornamento, Perfezionamento e di Formazione professionale. SEZIONE I Disposizioni generali. Art.

SEZIONE III - Corsi di Aggiornamento, Perfezionamento e di Formazione professionale. SEZIONE I Disposizioni generali. Art. Regolamento per l istituzione e la gestione dei Master universitari di I e di II livello, dei Corsi di aggiornamento, perfezionamento e di formazione professionale SEZIONE I- Disposizioni generali SEZIONE

Dettagli

Art. 1 (Definizione) Art. 2 (Requisiti)

Art. 1 (Definizione) Art. 2 (Requisiti) TESTO UNIFICATO AS 3236 1928-1645 Disposizioni in materia di professioni sanitarie infermieristiche, ostetriche, riabilitative, tecnico sanitarie e della prevenzione e delega al Governo per l istituzione

Dettagli

Indicazioni per laureati non abilitati (e per gli iscritti alle lauree quinquennali e lauree specialistiche che permettono l accesso all insegnamento)

Indicazioni per laureati non abilitati (e per gli iscritti alle lauree quinquennali e lauree specialistiche che permettono l accesso all insegnamento) Indicazioni per laureati non abilitati (e per gli iscritti alle lauree quinquennali e lauree specialistiche che permettono l accesso all insegnamento) DECRETO 10 settembre 2010, n. 249 Regolamento concernente:

Dettagli

Art. 1 Definizioni Art. 2 Istituzione Art. 3 Obiettivi formativi specifici Art. 4 Risultati di apprendimento attesi

Art. 1 Definizioni Art. 2 Istituzione Art. 3 Obiettivi formativi specifici Art. 4 Risultati di apprendimento attesi UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA DIPARTIMENTO DI SCIENZE POLITICHE E INTERNAZIONALI REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN SCIENZE INTERNAZIONALI INTERNATIONAL STUDIES (Classe LM 52 Relazioni

Dettagli

Il dottorato, il DM 45/2013 e l accreditamento Una serie di interrogativi e problemi irrisolti

Il dottorato, il DM 45/2013 e l accreditamento Una serie di interrogativi e problemi irrisolti Il dottorato, il DM 45/2013 e l accreditamento Una serie di interrogativi e problemi irrisolti MODENA ASSEMBLEA CODAU 28 MARZO 2014 Sofia Baggini Servizio Ricerca Università di Pavia NORME E DOCUMENTI

Dettagli

Università degli Studi dell'aquila Corso di Laurea in Scienze della Formazione Primaria (LM 85-bis) Criteri generali

Università degli Studi dell'aquila Corso di Laurea in Scienze della Formazione Primaria (LM 85-bis) Criteri generali Università degli Studi dell'aquila Corso di Laurea in Scienze della Formazione Primaria (LM 85-bis) MODALITA PER IL RICONOSCIMENTO CREDITI Dopo le fasi dell immatricolazione riportate nel Bando (http://www.univaq.it/section.php?id=1670&idcorso=574)

Dettagli

Scuola ARCHITETTURA E DESIGN Eduardo Vittoria REGOLAMENTO

Scuola ARCHITETTURA E DESIGN Eduardo Vittoria REGOLAMENTO Scuola ARCHITETTURA E DESIGN Eduardo Vittoria REGOLAMENTO del Corso di Laurea in SCIENZE DELL ARCHITETTURA (Classe L - 17 ) Anno Accademico di istituzione: 2008-2009 Art. 1. Organizzazione del corso di

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI G. d ANNUNZIO CHIETI-PESCARA FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI G. d ANNUNZIO CHIETI-PESCARA FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA UNIVERSITA DEGLI STUDI G. d ANNUNZIO CHIETI-PESCARA FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA BANDO DI CONCORSO RICONVERSIONE CREDITIZIA PROFESSIONI SANITARIE A.A. 2011-2012 SCADENZA 29 FEBBRAIO 2012 Riservato ai

Dettagli

Il Ministro dell Università e della Ricerca

Il Ministro dell Università e della Ricerca VISTO l'articolo 17, comma 95, della legge 15 maggio 1997, n. 127 e successive modificazioni;; VISTO l'articolo 11, commi 1 e 2, della legge 19 novembre 1990, n. 341; VISTI gli articoli 2 e 3 del decreto

Dettagli

Collegio Infermieri Professionali Assistenti Sanitari Vigilatrici d Infanzia Provinciale di Gorizia

Collegio Infermieri Professionali Assistenti Sanitari Vigilatrici d Infanzia Provinciale di Gorizia Collegio Infermieri Professionali Assistenti Sanitari Vigilatrici d Infanzia Provinciale di Gorizia EQUIVALENZA DEI TITOLI E in corso la procedura avviata da gennaio 2012 per le professioni sanitarie tecniche,

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA. Ufficio per il personale delle pubbliche amministrazioni

DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA. Ufficio per il personale delle pubbliche amministrazioni DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA Ufficio per il personale delle pubbliche amministrazioni Circolare n.4/2005 8 novembre 2005 Alla Presidenza del Consiglio dei Ministri A tutti i Ministeri - Gabinetto

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa della deputata VEZZALI. Istituzione della figura professionale

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa della deputata VEZZALI. Istituzione della figura professionale Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati XVII LEGISLATURA DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI DOCUMENTI CAMERA DEI DEPUTATI N. 3319 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa della deputata VEZZALI Istituzione della figura

Dettagli

D.R. N. 1002/14 IL RETTORE

D.R. N. 1002/14 IL RETTORE D.R. N. 1002/14 IL RETTORE Vista la Legge 9 maggio 1989, n. 168, istitutiva del Ministero dell'università e della Ricerca Scientifica e Tecnologica; Vista la Legge n. 240 del 30 dicembre 2010; Visto lo

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO Scadenze amministrative per l anno accademico 2012-2013 Per l anno accademico 2012-2013 le scadenze amministrative di seguito riportate che devono essere osservate necessariamente per tutti i corsi di

Dettagli

L anno, il giorno. del mese di, nella sede della Giunta Regionale della Campania TRA

L anno, il giorno. del mese di, nella sede della Giunta Regionale della Campania TRA Protocollo di Intesa tra la Seconda Università degli Studi di Napoli e la Regione Campania per la formazione di laureandi dei Corsi di Laurea delle Professioni Sanitarie L anno, il giorno. del mese di,

Dettagli

ART. 1 Oggetto del Regolamento

ART. 1 Oggetto del Regolamento REGOLAMENTO DELLA SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE IN DIDATTICA DELL ITALIANO COME LINGUA STRANIERA ART. 1 Oggetto del Regolamento Il presente regolamento disciplina, ai sensi dell articolo 1 comma 3 del Regolamento

Dettagli

CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN GIURISPRUDENZA GIURISPRUDENZA

CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN GIURISPRUDENZA GIURISPRUDENZA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN GIURISPRUDENZA GIURISPRUDENZA (Approvato con delibera del CdF del 03.05.06 e modificato con delibere del CdF del 07.03.07, del 12.03.08 e del 08.04.08) Regolamento didattico

Dettagli

Nell art. 3 del Regolamento troviamo la seguente articolazione dei nuovi percorsi formativi:

Nell art. 3 del Regolamento troviamo la seguente articolazione dei nuovi percorsi formativi: I NUOVI PERCORSI FORMATIVI PER I DOCENTI NORME A REGIME Al termine di un lungo e complesso iter, è stato pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31.1.2011, Suppl. Ordinario n. 23, il Regolamento

Dettagli

Corso di Laurea in Informatica. Manifesto degli Studi A.A. 2015-2016 (Regolamento didattico 2014)

Corso di Laurea in Informatica. Manifesto degli Studi A.A. 2015-2016 (Regolamento didattico 2014) Università degli Studi di Perugia Dipartimento di Matematica e Informatica Corso di Laurea in Informatica CLASSE L-31 (Lauree in Scienze e Tecnologie Informatiche) Manifesto degli Studi A.A. 2015-2016

Dettagli

IlMinistro dell Istruzione, dell Università e d ellaricerca. Il Ministro per i Beni e le Attività Culturali. di concerto con

IlMinistro dell Istruzione, dell Università e d ellaricerca. Il Ministro per i Beni e le Attività Culturali. di concerto con IlMinistro dell Istruzione, dell Università e d ellaricerca di concerto con Il Ministro per i Beni e le Attività Culturali VISTA la legge 9 maggio 1989, n. 168; VISTO l'articolo 17, comma 95, della legge

Dettagli

Corsi regionali di abilitazione istituiti in strutture del Servizio sanitario nazionale(decreto del Ministro della sanità del 3 dicembre 1982)

Corsi regionali di abilitazione istituiti in strutture del Servizio sanitario nazionale(decreto del Ministro della sanità del 3 dicembre 1982) EQUIPOLLENZA TITOLI Il Decreto Ministeriale 27 luglio 2000 e il Decreto Ministeriale 10 luglio 2002 definiscono quali sono i titoli pregressi (ai sensi della legge 42/1999 art. 4, comma 1) equipollenti

Dettagli

REGOLAMENTO DEI CORSI PER MASTER UNIVERSITARIO

REGOLAMENTO DEI CORSI PER MASTER UNIVERSITARIO REGOLAMENTO DEI CORSI PER MASTER UNIVERSITARIO Art. 1 Corsi per master universitario 1. L Università promuove, secondo la normativa vigente corsi di alta formazione per il conseguimento di diplomi di master

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ATTIVAZIONE E L ORGANIZZAZIONE DEI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO. (Emanato con D.R. n. 409 in data 07/04/2011)

REGOLAMENTO PER L ATTIVAZIONE E L ORGANIZZAZIONE DEI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO. (Emanato con D.R. n. 409 in data 07/04/2011) REGOLAMENTO PER L ATTIVAZIONE E L ORGANIZZAZIONE DEI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO (Emanato con D.R. n. 409 in data 07/04/2011) TITOLO I MASTER UNIVERSITARI DI PRIMO E DI SECONDO LIVELLO

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA D.R. 7675 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA IL RETTORE - Vista la Legge del 19 novembre 1990, n.341 e in particolare gli articoli 6 e 7, concernenti la riforma degli ordinamenti didattici universitari;

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI ALTA FORMAZIONE, CORSI DI FORMAZIONE PERMANENTE E SUMMER / WINTER SCHOOL

REGOLAMENTO IN MATERIA DI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI ALTA FORMAZIONE, CORSI DI FORMAZIONE PERMANENTE E SUMMER / WINTER SCHOOL REGOLAMENTO IN MATERIA DI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI ALTA FORMAZIONE, CORSI DI FORMAZIONE PERMANENTE E SUMMER / WINTER SCHOOL Art.1 Ambito di applicazione 1.Il presente regolamento, emanato

Dettagli

E ora?!? cosa fare dopo la Laurea di I livello

E ora?!? cosa fare dopo la Laurea di I livello E ora?!? cosa fare dopo la Laurea di I livello Uno dei primi obiettivi della formazione è permettervi, come professionisti, di agire in scienza e coscienza. Esistono, in Italia, due percorsi che consentono

Dettagli

Corso di Laurea in Informatica. Manifesto degli Studi A.A. 2012-2013 (Regolamento didattico 2011)

Corso di Laurea in Informatica. Manifesto degli Studi A.A. 2012-2013 (Regolamento didattico 2011) Università degli Studi di Perugia Facoltà di Scienze Matematiche Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Informatica CLASSE L-31 (Lauree in Scienze e Tecnologie Informatiche) Manifesto degli Studi A.A. 2012-2013

Dettagli

Manifesto degli studi del DIIES per l anno accademico 2014/2015

Manifesto degli studi del DIIES per l anno accademico 2014/2015 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA DIPARTIMENTO DIIES Manifesto degli studi del DIIES per l anno accademico 2014/ 1 Premessa L offerta formativa del DIIES dell Università degli Studi

Dettagli

Criteri di accesso alla Laurea Magistrale

Criteri di accesso alla Laurea Magistrale Criteri di accesso alla Laurea Magistrale 1. Ammissione ad un corso di Laurea Magistrale 1.1 Per essere ammessi ad un corso di Laurea Magistrale (LM) attivato presso il Dipartimento di Ingegneria ai sensi

Dettagli

1. I titoli conseguiti presso le Università consigliate vengono riconosciuti?

1. I titoli conseguiti presso le Università consigliate vengono riconosciuti? DOMANDE FREQUENTI Palermo, Largo Esedra nr.3, tel. 091 6254431 ONLUS 1. I titoli conseguiti presso le Università consigliate vengono riconosciuti? Le Università sono pubbliche o private riconosciute dal

Dettagli

Il Ministro dell Università e della Ricerca

Il Ministro dell Università e della Ricerca VISTO l'articolo 17, comma 95, della legge 15 maggio 1997, n. 127 e successive modificazioni; VISTO l'articolo 11, commi 1 e 2, della legge 19 novembre 1990, n. 341; VISTI gli articoli 2 e 3 del decreto

Dettagli

Università per Stranieri di Siena I L R E T T O R E

Università per Stranieri di Siena I L R E T T O R E Università per Stranieri di Siena Decreto n.454.12 Prot. 11753 I L R E T T O R E - Viste Leggi sull Istruzione Superiore; - Vista la Legge n. 204 del 17/02/1992; - Visto il D.M. n. 509 del 03/11/1999;

Dettagli

CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI REGOLAMENTO IN MATERIA DI: CHIAMATE DI PROFESSORI DI PRIMA E DI SECONDA FASCIA; DI CHIAMATA DIRETTA DI STUDIOSI STABILMENTE IMPEGNATI ALL ESTERO O DI CHIARA FAMA; DI TRASFERIMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO

Dettagli

I Facoltà di Medicina e Chirurgia. Master di II Livello in. Salute Mentale e Benessere dello Sportivo e del Praticante Attività Fisica

I Facoltà di Medicina e Chirurgia. Master di II Livello in. Salute Mentale e Benessere dello Sportivo e del Praticante Attività Fisica I Facoltà di Medicina e Chirurgia Master di II Livello in Salute Mentale e Benessere dello Sportivo e del Praticante Attività Fisica (Codice Corso di Studio da inserire nel bollettino di immatricolazione:

Dettagli

TECNICHE DELLA PREVENZIONE NELL'AMBIENTE E NEI LUOGHI DI LAVORO (AB. ALLA PROF. SANITARIA DI TECNICO DELLA PREV. NELL'AMBIENTE E NEI LUOGHI DI LAVORO)

TECNICHE DELLA PREVENZIONE NELL'AMBIENTE E NEI LUOGHI DI LAVORO (AB. ALLA PROF. SANITARIA DI TECNICO DELLA PREV. NELL'AMBIENTE E NEI LUOGHI DI LAVORO) Page 1 of 5 Facoltà: Corso: Ordinamento: DM270 MEDICINA E CHIRURGIA 8487 - TECNICHE DELLA PREVENZIONE NELL'AMBIENTE E NEI LUOGHI DI LAVORO (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI TECNICO DELLA PREVENZIONE

Dettagli

Il Ministro dell Università e della Ricerca

Il Ministro dell Università e della Ricerca VISTO l'articolo 17, comma 95, della legge 15 maggio 1997, n. 127 e successive modificazioni; VISTO l'articolo 11, commi 1 e 2, della legge 19 novembre 1990, n. 341; VISTI gli articoli 2 e 3 del decreto

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO Laurea specialistica in Classe Facoltà ECONOMIA E LEGISLAZIONE D IMPRESA 84/S Classe delle lauree specialistiche in Scienze economico-aziendali Economia Art. 1. Finalità Il presente

Dettagli

CAPO III PROFESSIONI SANITARIE NON CONVENZIONALI ESERCITATE DAI LAUREATI IN CHIROPRATICA E DAI LAUREATI IN OSTEOPATIA ART. 14.

CAPO III PROFESSIONI SANITARIE NON CONVENZIONALI ESERCITATE DAI LAUREATI IN CHIROPRATICA E DAI LAUREATI IN OSTEOPATIA ART. 14. CAPO III PROFESSIONI SANITARIE NON CONVENZIONALI ESERCITATE DAI LAUREATI IN CHIROPRATICA E DAI LAUREATI IN OSTEOPATIA ART. 14. (Istituzione delle professioni sanitarie non convenzionali di chiropratico

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI PARTHENOPE - FACOLTÀ DI ECONOMIA DOMANDE FREQUENTI SUL NUOVO ORDINAMENTO

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI PARTHENOPE - FACOLTÀ DI ECONOMIA DOMANDE FREQUENTI SUL NUOVO ORDINAMENTO aggiornato al 23 ottobre 2001 1 2 3 4 5 6 7 DOMANDE sono iscritto al I anno di corso nell a.a. 2000/01, se scelgo di optare per il NO, cosa riporterà il mio certificato degli studi? sono iscritto al II

Dettagli

Articolo 1 (Definizioni)

Articolo 1 (Definizioni) REGOLAMENTO IN MATERIA DI CORSI PROFESSIONALIZZANTI: MASTER UNIVERSITARI, CORSI DI ALTA FORMAZIONE, CORSI DI FORMAZIONE PERMANENTE E SUMMER / WINTER SCHOOL Articolo 1 (Definizioni) Ai sensi del presente

Dettagli

Università degli Studi di Pavia

Università degli Studi di Pavia Università degli Studi di Pavia SERVIZIO SEGRETERIE STUDENTI CONTRIBUZIONE UNIVERSITARIA A.A. 2012/2013 RIFERIMENTI NORMATIVI! REGOLAMENTO NORME SULLA CONTRIBUZIONE EMANATO CON DECRETO RETTORALE N. 1147/2010

Dettagli

CALENDARIO ACCADEMICO 2015/2016

CALENDARIO ACCADEMICO 2015/2016 CALENDARIO ACCADEMICO 2015/2016 Date e scadenze comuni Inizio dell Anno Accademico: 1 ottobre 2015. Inizio delle attività didattiche: 1 ottobre 2015. Per motivi di organizzazione ed efficacia della didattica,

Dettagli

Università degli Studi di Sassari. REGOLAMENTO DIDATTICO Tirocinio Formativo Attivo (TFA) classi A445 e A446

Università degli Studi di Sassari. REGOLAMENTO DIDATTICO Tirocinio Formativo Attivo (TFA) classi A445 e A446 REGOLAMENTO DIDATTICO Tirocinio Formativo Attivo (TFA) classi A445 e A446 Art. 1 Attivazione Presso il Dipartimento di Scienze Umanistiche e Sociali per l A.A. 2014/2015 è attivato, in conformità a quanto

Dettagli

EQUIVALENZA TITOLI DPCM 26 luglio 2011 (Gazzetta Ufficiale del 18 agosto 2011)

EQUIVALENZA TITOLI DPCM 26 luglio 2011 (Gazzetta Ufficiale del 18 agosto 2011) FINALITA EQUIVALENZA TITOLI DPCM 26 luglio 2011 (Gazzetta Ufficiale del 18 agosto 2011) Il Decreto di equivalenza, in applicazione a quanto preannunciato dalla Legge n 42/99 art 4 comma 2, riconosce ESCLUSIVAMENTE

Dettagli

ALL UNIVERSITA. Articolazione del percorso formativo

ALL UNIVERSITA. Articolazione del percorso formativo ALL UNIVERSITA Dal 2000 l Università è molto cambiata e a tutt'oggi sta cambiando. Un cambiamento prima di tutto strutturale e organizzativo, sancito dal Decreto 4 agosto 2000: "Un cambiamento pensato

Dettagli

DEL SOSTEGNO/SPECIALI E METODI DIFFERENZIATI)

DEL SOSTEGNO/SPECIALI E METODI DIFFERENZIATI) 1) FAQ - Chi ha barrato la preferenza Q, avendo prestato servizio nella scuola alle condizioni previste dalla predetta lettera Q, della sez. H2 (titoli di preferenza) del Mod 1 ha titolo a barrare anche

Dettagli

Sentito per le vie brevi MIUR e CUN, per questa tipologia di classi sembrerebbe non applicarsi

Sentito per le vie brevi MIUR e CUN, per questa tipologia di classi sembrerebbe non applicarsi Documento contenente le linee guida per l attivazione dei Corsi di studio delle professioni sanitarie (DM 8 gennaio 2009 e DI 19 febbraio 2009) a partire dall offerta formativa dell a.a. 2011-2012 In attesa

Dettagli

8481 - IGIENE DENTALE (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI IGIENISTA DENTALE) (L)

8481 - IGIENE DENTALE (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI IGIENISTA DENTALE) (L) Page 1 of 5 Facoltà: Corso: Ordinamento: DM270 MEDICINA E CHIRURGIA 8481 - IGIENE DENTALE (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI IGIENISTA DENTALE) (L) Titolo: IGIENE DENTALE (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE

Dettagli

IL MINISTRO DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA VISTO il decreto del Ministro dell Istruzione dell Università e della Ricerca 11 aprile 2006, n. 217; VISTO il decreto legge 18 maggio 2006, n. 181, convertito dalla legge 17 luglio 2006, n. 233, istitutivo

Dettagli

Marco Apollonio Delegato rettorale ai Dottorati di Ricerca. Le nuove Scuole di Dottorato

Marco Apollonio Delegato rettorale ai Dottorati di Ricerca. Le nuove Scuole di Dottorato Marco Apollonio Delegato rettorale ai Dottorati di Ricerca Le nuove Scuole di Dottorato L Università degli Studi di Sassari nell a.a. 2007-2008 giunge al definitivo passaggio dal sistema dei Dottorati

Dettagli

Università Cattolica del Sacro Cuore Facoltà di Medicina e Chirurgia

Università Cattolica del Sacro Cuore Facoltà di Medicina e Chirurgia Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea Magistrale in Scienze infermieristiche e Sede U.C.S.C. Manifesto degli studi Anno Accademico 2012-2013 CLASSE DI LAUREA DI APPARTENENZA: LM/SNT1 SCIENZE

Dettagli

Università degli Studi di Bari Aldo Moro PROPOSTA DI ISTITUZIONE SHORT MASTER A.A.2014/2015

Università degli Studi di Bari Aldo Moro PROPOSTA DI ISTITUZIONE SHORT MASTER A.A.2014/2015 Università degli Studi di Bari Aldo Moro PROPOSTA DI ISTITUZIONE SHORT MASTER A.A.2014/2015 1. Titolo dello Short Master: LA CONCRETEZZA DEI FATTORI INTANGIBILI Livello: SHORT Durata: 100 ore CFU: 4 Prima

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO CLASSICO STATALE ISAAC NEWTON CHIVASSO. Organizzazione del Sistema Nazionale di Istruzione Superiore Universitaria

LICEO SCIENTIFICO CLASSICO STATALE ISAAC NEWTON CHIVASSO. Organizzazione del Sistema Nazionale di Istruzione Superiore Universitaria LICEO SCIENTIFICO CLASSICO STATALE ISAAC NEWTON CHIVASSO Organizzazione del Sistema Nazionale di Istruzione Superiore Universitaria A cura della Prof.ssa Paola Giacone Giacobbe a.s. 2010-2011 Il Sistema

Dettagli

NORMATIVA CONFERIMENTO INSEGNAMENTI A.A. 2011/12 1. CLASSIFICAZIONE DELLE ATTIVITÀ DI DIDATTICA UFFICIALE

NORMATIVA CONFERIMENTO INSEGNAMENTI A.A. 2011/12 1. CLASSIFICAZIONE DELLE ATTIVITÀ DI DIDATTICA UFFICIALE ALL. 2 NORMATIVA CONFERIMENTO INSEGNAMENTI A.A. 2011/12 Secondo le previsioni dello Statuto e del regolamento didattico di Ateneo la presente normativa disciplina il conferimento delle attività di didattica

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI Prot. n 23091 del 02/07/2015 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI DIPARTIMENTO DI SCIENZE MEDICHE MARIO ARESU IL DIRETTORE il vigente Statuto di questo Ateneo; VISTA la Legge del 30 dicembre 2010, n. 240,

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO E LA DISCIPLINA DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO PRESSO LA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO E LA DISCIPLINA DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO PRESSO LA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO E LA DISCIPLINA DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO PRESSO LA Art. 1 (Finalità) 1 Emanato con D.D. n. 630 del 27/09/2011; modificato con D.R. n. 214 del 07/05/2014. 1. Il

Dettagli

UNIVERSITÀ degli STUDI di BRESCIA

UNIVERSITÀ degli STUDI di BRESCIA REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E LA DISCIPLINA DEI MASTER UNIVERSITARI, DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO O DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE approvato dal Senato Accademico nella seduta del 10.05.2013 n. 300/5609

Dettagli

DIZIONARIO UNIVERSITARIO

DIZIONARIO UNIVERSITARIO DIZIONARIO UNIVERSITARIO ANNO ACCADEMICO L anno accademico può essere suddiviso in due periodi dell anno in cui frequentare le lezioni e dare gli esami. In genere il primo periodo dura da ottobre a gennaio,

Dettagli

* * * - Corso di Laurea magistrale in Scienze Pedagogiche I e II anno ex D.M. 270/04; ex D.M. 270/04; II anno ex D.M. 270/04;

* * * - Corso di Laurea magistrale in Scienze Pedagogiche I e II anno ex D.M. 270/04; ex D.M. 270/04; II anno ex D.M. 270/04; UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA DIPARTIMENTO DI SCIENZE UMANE PER LA FORMAZIONE RICCARDO MASSA *** 1. OFFERTA FORMATIVA 2014/2015 Nell anno accademico 2014/2015 sono attivati, presso il Dipartimento

Dettagli

ABILITAZIONE ALL INSEGNAMENTO: COME CONSEGUIRLA

ABILITAZIONE ALL INSEGNAMENTO: COME CONSEGUIRLA ABILITAZIONE ALL INSEGNAMENTO: COME CONSEGUIRLA a cura del DDM-GO (Docenti di Didattica della Musica Gruppo Operativo) 29 marzo 2013 L abilitazione all insegnamento è condizione essenziale per chiunque

Dettagli

SCHEDA DI PRESENTAZIONE / REGOLAMENTO DIDATTICO

SCHEDA DI PRESENTAZIONE / REGOLAMENTO DIDATTICO SCHEDA DI PRESENTAZIONE / REGOLAMENTO DIDATTICO DEL MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN MANAGEMENT PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SOCIO-SANITARIE Art. 1 FINALITA - Presso l'ateneo

Dettagli

P O L I T E C N I C O D I M I L A N O

P O L I T E C N I C O D I M I L A N O Rep. n. 2012 Prot. n. 24679 Data 30 aprile 2015 Titolo I Classe 3 UOR AG P O L I T E C N I C O D I M I L A N O I L R E T T O R E VISTO il D.P.R. 11.07.1980, n. 382 Riordinamento della docenza universitaria,

Dettagli

IL SEGRETARIO GENERALE CARLO FIORDALISO Firmato

IL SEGRETARIO GENERALE CARLO FIORDALISO Firmato Roma 00199 via di Tor Fiorenza, 35 tel. 06/865081 fax 06/86508235 URL: www.uifpl.it E-mail: segreteria @uilfpl.it Roma, 12 gennaio 2008 SEGRETERIA NAZIONALE ALLE SEGRETERIE REGIONALI UIL FPL Prot. n 76/08/GT/sg

Dettagli

OGGETTO: Interpello 954-541/2006 Art. 11 della legge 27 luglio 2000, n. 212 Università Telematica Pegaso

OGGETTO: Interpello 954-541/2006 Art. 11 della legge 27 luglio 2000, n. 212 Università Telematica Pegaso RISOLUZIONE N. 6/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 24 gennaio 2007 OGGETTO: Interpello 954-541/2006 Art. 11 della legge 27 luglio 2000, n. 212 Università Telematica Pegaso Con l interpello

Dettagli

Gli elenchi ex lege 110/2014. Prime riflessioni per una proposta Anai

Gli elenchi ex lege 110/2014. Prime riflessioni per una proposta Anai Gli elenchi ex lege 110/2014. Prime riflessioni per una proposta Anai 1. Una premessa: le qualifiche dei restauratori Le recenti modifiche introdotte in merito al riconoscimento della qualifica di restauratore

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA Direzione Studenti - Area Post Lauream Responsabile Dott.ssa Maria Letizia De Battisti

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA Direzione Studenti - Area Post Lauream Responsabile Dott.ssa Maria Letizia De Battisti PRINCIPALE NORMATIVA DI RIFERIMENTO AUTONOMIA DIDATTICA Legge 19 novembre 1990, n. 341 Riforma degli ordinamenti didattici universitari (G.U. 23 novembre 1990, n.274) Decreto Ministeriale 3 novembre 1999,

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE, SCIENZE UMANE E DELLA COMUNICAZIONE INTERCULTURALE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE, SCIENZE UMANE E DELLA COMUNICAZIONE INTERCULTURALE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE, SCIENZE UMANE E DELLA COMUNICAZIONE INTERCULTURALE REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN Scienze per la formazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DI PROFESSORI STRAORDINARI E DI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO AI SENSI DELL ARTICOLO 1, COMMA 12 DELLA LEGGE 4 NOVEMBRE 2005, N. 230 E DELL ARTICOLO 24 DELLA LEGGE 30

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO Art. 1 Premesse e finalità 1. Il Corso di laurea magistrale in Scienze Storiche afferisce alla Classe delle lauree magistrali LM-84 in Scienze

Dettagli

L anno il giorno.del mese di nella sede della Giunta Regionale della Campania TRA

L anno il giorno.del mese di nella sede della Giunta Regionale della Campania TRA Protocollo di Intesa tra l'università degli Studi di Napoli "Federico II" e la Regione Campania per la formazione di laureandi dei Corsi di Laurea delle Professioni Sanitarie L anno il giorno.del mese

Dettagli

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Testo aggiornato al 29 aprile 2009 Decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 25 gennaio 2008 Gazzetta Ufficiale 26 febbraio 2008, n. 48 Recepimento dell accordo 15 novembre 2007, tra il Governo,

Dettagli

REGOLAMENTO SULLA FORMAZIONE INIZIALE DEGLI INSEGNANTI

REGOLAMENTO SULLA FORMAZIONE INIZIALE DEGLI INSEGNANTI REGOLAMENTO SULLA FORMAZIONE INIZIALE DEGLI INSEGNANTI * SCHEDE * LA STRUTTURA DEI NUOVI PERCORSI FORMATIVI L avvio dei nuovi percorsi è previsto per l anno accademico 2011/2012. I PERCORSI DI STUDIO PER

Dettagli

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Testo aggiornato al 11 ottobre 2012 Decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 26 luglio 2011 Gazzetta Ufficiale 18 agosto 2011, n. 191 Criteri e modalità per il riconoscimento dell equivalenza

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO Laurea triennale in Classe Facoltà ECONOMIA AZIENDALE XVII Scienze dell economia e della gestione aziendale Economia Art. 1. Finalità Il presente regolamento disciplina l articolazione

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Decreto n. 85 del 18 novembre 2005 VISTO VISTO VISTO VISTA VISTO Il decreto legislativo 16 aprile 1994, n. 297, con il quale è stato approvato

Dettagli

F.A.Q. - Frequently Asked Questions

F.A.Q. - Frequently Asked Questions Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca Ufficio Scolastico Provinciale di Milano F.A.Q. - Frequently Asked Questions E VERO CHE ANCHE NELLE GRADUATORIE AD ESAURIMENTO ESISTONO TRE FASCE?

Dettagli

LAUREE TRIENNALI DELLE PROFESSIONI SANITARIE

LAUREE TRIENNALI DELLE PROFESSIONI SANITARIE LAUREE TRIENNALI DELLE PROFESSIONI SANITARIE Dati sull accesso ai corsi e modalità di iscrizione nell a.a. 2004-05 Angelo Mastrillo Segretario aggiunto della Conferenza Nazionale Corsi di Laurea delle

Dettagli

\ Emanato con D.R. n. 1292 2006 Prot. n. 20351 del 29.05.2006 Modificato con D.R. n. 889-2007 Prot. n. 11393 del 23.03.2007 REGOLAMENTO MASTER

\ Emanato con D.R. n. 1292 2006 Prot. n. 20351 del 29.05.2006 Modificato con D.R. n. 889-2007 Prot. n. 11393 del 23.03.2007 REGOLAMENTO MASTER \ Emanato con D.R. n. 1292 2006 Prot. n. 20351 del 29.05.2006 Modificato con D.R. n. 889-2007 Prot. n. 11393 del 23.03.2007 Art.1 Master universitari REGOLAMENTO MASTER 1. In attuazione dell articolo 1,

Dettagli

Questionario per gli studenti laureandi nei corsi di laurea Facoltà di Giurisprudenza, Sapienza, Università di Roma

Questionario per gli studenti laureandi nei corsi di laurea Facoltà di Giurisprudenza, Sapienza, Università di Roma Anno 2010 Questionario per gli studenti laureandi nei corsi di laurea Facoltà di Giurisprudenza, Sapienza, Università di Roma Il questionario, anonimo, serve a conoscere in modo sistematico le opinioni

Dettagli

POLITECNICO DI MILANO

POLITECNICO DI MILANO Rep. n. 2235 Prot. n. 25405 Data 05 agosto 2013 Titolo I Classe 3 UOR AG POLITECNICO DI MILANO IL RETTORE VISTA la Legge 09.05.1989, n. 168 Istituzione del Ministero dell'università e della ricerca scientifica

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN SCIENZE DEI SERVIZI GIURIDICI CONSULENTE DEL LAVORO ED ESPERTO DI RELAZIONI INDUSTRIALI

CORSO DI LAUREA IN SCIENZE DEI SERVIZI GIURIDICI CONSULENTE DEL LAVORO ED ESPERTO DI RELAZIONI INDUSTRIALI CORSO DI LAUREA IN SCIENZE DEI SERVIZI GIURIDICI CONSULENTE DEL LAVORO ED ESPERTO DI RELAZIONI INDUSTRIALI (Modificato con delibere del CdF e CdS del 22.01.03, del 07.05.2003, del 8.10.2003; del 25.02.2004;

Dettagli

FAQ MASTER & CORSI DI PERFEZIONAMENTO

FAQ MASTER & CORSI DI PERFEZIONAMENTO FAQ MASTER & CORSI DI PERFEZIONAMENTO 1. Qual è la differenza tra Master di primo livello e Master di secondo livello? 2. Ai fini dell ammissione al Master, cosa bisogna fare se si possiede un titolo di

Dettagli

Regolamento Didattico del Corso di Laurea in Informatica

Regolamento Didattico del Corso di Laurea in Informatica Regolamento Didattico del Corso di Laurea in Informatica Titolo I - Istituzione ed attivazione Art. 1 - Informazioni generali 1. Il presente Regolamento didattico si riferisce al Corso di Laurea in Informatica,

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA PER L A.A. 2011/12 (approvate in S.A. il 07.06.2011)

LINEE GUIDA PER LA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA PER L A.A. 2011/12 (approvate in S.A. il 07.06.2011) LINEE GUIDA PER LA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA PER L A.A. 2011/12 (approvate in S.A. il 07.06.2011) 1. Definizione delle tipologie di attività didattica Ai fini delle presenti linee guida, vengono così definite

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI CORSI PROFESSIONALIZZANTI (emanato con DR n. 1629/2014 del 07.11.2014 pubblicato nel BU n. 218 del 17.11.

REGOLAMENTO IN MATERIA DI CORSI PROFESSIONALIZZANTI (emanato con DR n. 1629/2014 del 07.11.2014 pubblicato nel BU n. 218 del 17.11. Alma Mater Studiorum-Università di Bologna NormAteneo - sito di documentazione sulla normativa di Ateneo vigente presso l Università di Bologna - REGOLAMENTO IN MATERIA DI CORSI PROFESSIONALIZZANTI (emanato

Dettagli

Università degli Studi di Sassari III Divisione Studenti

Università degli Studi di Sassari III Divisione Studenti III Divisione Studenti Decreto n. 486-2008 Prot. n. 2670 del 30/07/2008 Anno 2008 Titolo III Classe 2 Fascicolo 2007-III/2.47 IL RETTORE VISTO VISTO lo Statuto dell Università degli Studi di Sassari il

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI G. d ANNUNZIO - FACOLTA DI SCIENZE MANAGERIALI REGOLAMENTO PER IL RICONOSCIMENTO DEI CREDITI 1

UNIVERSITA DEGLI STUDI G. d ANNUNZIO - FACOLTA DI SCIENZE MANAGERIALI REGOLAMENTO PER IL RICONOSCIMENTO DEI CREDITI 1 UNIVERSITA DEGLI STUDI G. d ANNUNZIO - FACOLTA DI SCIENZE MANAGERIALI REGOLAMENTO PER IL RICONOSCIMENTO DEI CREDITI 1 Art. 1 - Riconoscimento dei crediti universitari. Art. 2 - Competenza. 1 ART. 23 Regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PAVIA ai sensi del D.M. n. 270/2004 e relativi decreti di attuazione

REGOLAMENTO DIDATTICO DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PAVIA ai sensi del D.M. n. 270/2004 e relativi decreti di attuazione REGOLAMENTO DIDATTICO DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PAVIA ai sensi del D.M. n. 270/2004 e relativi decreti di attuazione Decreto Rettorale di emanazione Rep. n. 628/2008, Prot. 14296 del 2 aprile 2008

Dettagli

Ministero dell'istruzione e dell'università e Ministero della Salute

Ministero dell'istruzione e dell'università e Ministero della Salute Ministero dell'istruzione e dell'università e Ministero della Salute VISTO il D.P.R. 11 luglio 1980, n. 382, Riordinamento della docenza universitaria, relativa fascia di formazione nonché sperimentazione

Dettagli

Facoltà di Giurisprudenza REGOLAMENTO

Facoltà di Giurisprudenza REGOLAMENTO REGOLAMENTO del Corso di Laurea magistrale a ciclo Unico in Giurisprudenza ( Classe LMG /01 ) Anno Accademico di istituzione: 2006/2007 Art. 1. Organizzazione del corso di studio 1. È istituito presso

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA. FACOLTÀ DI Medicina e Chirurgia

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA. FACOLTÀ DI Medicina e Chirurgia UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI Medicina e Chirurgia REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN SCIENZE INFERMIERISTICHE ED OSTETRICHE (CLASSE LM/SNT1 - SCIENZE

Dettagli

Quando è possibile consultare l offerta formativa Post Laurea dell Università di Firenze?

Quando è possibile consultare l offerta formativa Post Laurea dell Università di Firenze? Quando è possibile consultare l offerta formativa Post Laurea dell Università di Firenze? Ogni anno l offerta formativa di Ateneo viene pubblicata on line a partire dal mese di Luglio (circa). Il sito

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN SCIENZE GIURIDICHE SCIENZE GIURIDICHE

CORSO DI LAUREA IN SCIENZE GIURIDICHE SCIENZE GIURIDICHE CORSO DI LAUREA IN SCIENZE GIURIDICHE SCIENZE GIURIDICHE (Approvato con delibera del CdS e CdF del 03.05.06 e modificato con delibera del CdS del 07.03.07 e del CdF del 04.04.07) Regolamento didattico

Dettagli

Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19, della Legge 240/2010

Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19, della Legge 240/2010 Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19, della Legge 240/2010 Art. 1 - Oggetto 1. Il presente regolamento disciplina i procedimenti di selezione,

Dettagli

MASTER IN MANAGEMENT PER FUNZIONI DI COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SANITARIE - POLO DI BOLZANO A.A. 2010-2011

MASTER IN MANAGEMENT PER FUNZIONI DI COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SANITARIE - POLO DI BOLZANO A.A. 2010-2011 MASTER IN MANAGEMENT PER FUNZIONI DI COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SANITARIE - POLO DI BOLZANO A.A. 2010-2011 Livello: I CFU: 60 Direttore del corso Cognome Nome Qualifica SSD Poli Albino Prof. Ordinario

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI LAUREA IN MEDICINA E CHIRURGIA (LM41)

REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI LAUREA IN MEDICINA E CHIRURGIA (LM41) Page 1 of 5 Facoltà: MEDICINA E CHIRURGIA Corso: 8415 - MEDICINA E CHIRURGIA (LM) Ordinamento: DM270 Titolo: MEDICINA E CHIRURGIA Testo: Scuola di Medicina e Chirurgia REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI

Dettagli