Algoritmi e Strutture Dati. Tipo di dato astratto e Strutture dati elementari

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Algoritmi e Strutture Dati. Tipo di dato astratto e Strutture dati elementari"

Transcript

1 Algoritmi e Strutture Dati Tipo di dato astratto e Strutture dati elementari 1

2 Argomenti della lezione Tipi di dato astratto Strutture dati elementari Liste o Implementazione di liste in Java Stack Code Esempi di applicazione 2

3 Tipo di dato astratto Tipo di dato astratto o ADT (Abstract Data Type): insieme di oggetti e insieme di operazioni definite su di esso Es.: lista con operazioni di inserimento e cancellazione Attenzione: l ADT specifica cosa fa ogni operazione, non come In Java: o Rappresentazione con interfaccia o Implementazione con classe 3

4 Tipo di dato Lista Insieme di elementi tra i quali è definito un ordinamento totale. Numerose varianti Ammette (almeno) le operazioni seguenti: cons(elem): inserisce elem in testa alla lista cdr(): elimina l elemento in testa alla lista car(): restituisce l elemento in testa alla lista senza eliminarlo Nelle implementazioni (es. Java) sono spesso presenti altre operazioni cons(elem, i), remove(i), get(i) 5

5 Liste in Java Questi ADT sono rappresentati e implementati da interfacce e classi del package java.util (in realtà strutture dati più ricche) L interfaccia più generale è Collection Rappresenta un insieme di elementi, eventualmente replicati (multinsieme) Ammette operazioni di inserimento e cancellazione 10

6 Liste in Java/2 Interfaccia List Rappresenta una collezione ordinata di elementi Ammette duplicati Implementazioni: classi LinkedList, ArrayList e Vector 11

7 Classe LinkedList Liste in Java/3 Classe ArrayList Realizza una lista doppiamente concatenata Puntatori a inizio e fine della lista Realizza lista mediante array Dimensione puo essere variata dinamicamente. 12

8 Classe LinkedList LinkedList: realizza una lista come generica lista doppiamente concatenata. Costruttore LinkedList LinkedList(): metodo costruttore Metodi principali: void add(object o): inserisce alla fine della lista void addfirst(object o): inserisce in testa alla lista Object removefirst(): elimina all inizio della lista Object removelast(): elimina alla fine della lista Object remove(int pos): rimuove l oggetto in posizione pos Object getfirst(): restituisce il primo oggetto Object getlast(): restituisce l ultimo oggetto Object get(int pos): restituisce l oggetto in posizione pos Iterator iterator(): restituisce un Iterator sulla lista 13

9 Classe ArrayList Corrisponde all implementazione con array Costruttore ArrayList ArrayList(): costruisce lista vuota Metodi principali: Simili a quelli di LinkedList Fornisce anche metodi per la modifica delle dimensioni dell array 14

10 Iteratori Sono oggetti che implementano l interfaccia Iterator Servono a scorrere sequenzialmente oggetti di tipo Collection (quindi anche liste) Esempio:... LinkedList mylist = new LinkedList();... myiterator = mylist.iterator(); 15

11 Iteratori/2 myiterator permette di scorrere gli elementi di mylist Metodi: Object next(): restituisce l elemento successivo della lista boolean hasnext(): vero se la lista contiene altri elementi void remove(): elimina dalla lista l elemento corrente E solamente un oggetto di ausilio per scorrere la lista Si può ovviamente scorrere la lista direttamente usando gli indici 16

12 Classe Vector E simile ad ArrayList I metodi sono simili a quelli di ArrayList E una classe sincronizzata E consigliabile usarla quando più thread accedono alla stessa struttura dati 17

13 Classe Vector/2 Array: Possono contenere tipi di dati primitivi Dimensione fissa Pochi metodi ma maggiore efficienza Classe Vector Contiene Object. I tipi di dati primitivi devono essere convertiti mediante gli opportuni wrapper. Gestione flessibile dello spazio di memoria. Gran numero di metodi a scapito dell'efficienza 18

14 Esempi di uso della classe Vector e dell interfaccia Iterator... Vector v = new Vector(); String st = br.readline(); // br BufferedReader while (st!= null) { v.addelement(st); st = br.readline(); System.out.println(); Iterator it = v.iterator(); while (it.hasnext()) System.out.println(it.next());... 19

15 Vector di tipi... di dato primitivi Vector v = new Vector(); String st = br.readline(); // br BufferedReader while (st!= null) { int num = Integer.parseInt(st); v.addelement(new Integer(num)); st = br.readline(); System.out.println(); Iterator it = v.iterator(); while (it.hasnext()) System.out.println(it.next());... 20

16 La classe java.lang.object Java definisce una classe speciale Object. Tutte le altre classi sono sottoclassi di Object. Ed è quindi la radice della gerarchia di classi Java E una classe abstract. 21

17 Metodi della classe Object /1 La classe Object definisce alcuni metodi di utilità, fra cui: public boolean equals(object obj) confronta il contenuto di this ed obj, restituendo true se sono equivalenti false in caso contrario. Viene ridefinito per implementare un concetto di uguaglianza relativo alla classe in cui è ridefinito. 22

18 Metodi della classe Object /2 public String tostring() restituisce una rappresentazione standard dell oggetto come stringa. Viene chiamato automaticamente quando si ottiene l output di un oggetto con println(). Molte classi ridefiniscono questo metodo in modo da ottenere una descrizione opportuna dei tipi di oggetto creati. 23

19 Metodi della classe Object /3 public Object clone() ritorna una copia dell oggetto. Deep cloning: copia in profondità i dati riferiti dai campi dell oggetto. Difficile da realizzare se si desidera mantenera la generalità sui dati memorizzati Shallow cloning: copia solo i riferimenti ai dati memorizzati nei campi, non gli oggetti stessi 24

20 Wrapper di tipi di dato primitivi Trasformano un tipo di dato primitivo in un oggetto. Object o = new Integer(5) Object p = new Character(c) Object q = new Double(5.0) Metodo parse per ottenere il tipo di dato primitivo dall oggetto int a = Integer.parseInt(o) double f = Double.parseDouble(q) Le stringhe sono considerate oggetti 25

21 Tipo astratto Pila Lista nella quale inserimenti e cancellazioni avvengono solo in testa (disciplina LIFO). Operazioni sempre presenti push(el): inserisce l'elemento specificato da el in cima alla pila pop(): elimina l'elemento in cima alla pila top(): restituisce l'elemento in cima alla pila senza cancellarlo dalla lista isempty(): verifica se la pila è vuota Altre operazioni clear(): elimina tutti gli elementi dalla pila 26

22 Implementazione del tipo Pila Realizzazione tramite Array A i top = i A 1 A 0 Liste: realizzazione tramite lista concatenata top Start A 0 A 1 A i A N 27

23 Implementazione asd_library asd_library.stack.stack 28

24 Implementazione tramite LinkedList public class LLStack { private list= new java.util.linkedlist(); public LLStack(){ public void clear(){ list.clear(); public boolean isempty(){ return list.isempty(); public Object topel(){ return list.getlast(); public Object pop(){ return list.removelast(); public void push(object el){ list.add(el); public String tostring(){ return list.tostring(); Attenzione: java.util.stack non realizza una vera pila (cisono operazioni in più) 29

25 Implementazione Java con Vector public class Stack { private java.util.vector pool= new java.util.vector(); public Stack(){ public Stack(int n){ pool.ensurecapacity(n) public void clear(){ pool.clear(); public boolean isempty(){ return pool.isempty(); public Object topel(){ return pool.lastelement(); public Object pop(){ return pool.remove(pool.size()-1); public void push(object el){ pool.addelement(el); 31

26 Tipo astratto coda Lista nella quale gli inserimenti avvengono in coda e le cancellazioni (estrazioni) in testa (disciplina FIFO) Operazioni sempre presenti clear(): elimina tutti gli elementi dalla coda isempty(): verifica se la coda è vuota enqueue(el): inserisce l'elemento specificato da el alla fine della coda dequeue(): elimina il primo elemento della coda firstel(): restituisce il primo elemento della coda senza eliminarlo 32

27 Implementazione di code con array A 0 A 1 A 2 A N-3 A N-2 A N-1 Elemento non usato testa coda enqueue -> coda = coda + 1 (mod N) dequeue -> testa = testa + 1 (mod N) Se (coda == testa 1 mod N) coda piena Se (coda == testa) coda vuota (un solo elemento presente) 33

28 Implementazione di coda con Array circolare first: indice del primo elemento - testa last: indice dell'ultimo - coda size: numero di elementi dell'array public class ArrayQueue { private int first, last, size; private Object[] storage; private static final int DEFAULTSIZE = 100; // metodi nella prossima slide 34

29 Implementazione di coda con Array circolare/2 public ArrayQueue(){ this(defaultsize); public ArrayQueue(int n){ size = n; storage = new Object[size]; first = last = -1; public boolean isfull(){ return ((first == 0) && (last == size - 1)) (first == last + 1); public boolean isempty(){ return first == -1; Algoritmi e strutture dati 35

30 Implementazione di coda con Array circolare/3 public void enqueue(object el){ if(!isfull()) if ((last == size - 1) (last == -1)) { storage[0] = el; last = 0; if (first == -1) //caso coda vuota first=0; else storage[++last] = el; 36

31 Implementazione di coda con Array circolare/4 public Object dequeue(){ Object tmp = null; if(!isempty()) { tmp = storage[first]; if (first == last) //caso unico elemento last = first = -1; else if (first == size - 1) first = 0; else first++; return tmp; 37

32 Implementazione di coda con Array circolare/5 public void printall(){ if(isemtpy()) System.out.println("Coda vuota."); else { int i = first; do { System.out.print(storage[i] + " "); i = (i + 1) % size; while(i!= ((last + 1) % size)); System.out.println(); // fine classe ArrayQueue 38

33 Implementazione asd_library asd_library.queue.queue 39

34 Riconoscimento di stringhe parenteticamente corrette La stringa vuota è parenteticamente corretta Se P 1, P 2 e P 3 sono corrette, allora lo è anche P 1 (P 2 )P 3, P 1 [P 2 ]P 3 o P 1 {P 2 P 3 Es.: ab(ax)[(b)du{(mb)] è corretta a(ax)[c e a){b(e non sono corrette 44

35 Algoritmo (solo un tipo di parentesi) Algorithm stringanalyzer balanced = true; S = <Leggi la stringa> c = <primo carattere di S> count = 0; while ((! <fine di S>) && (count >= 0)) { if (c == ( ) count++; else if (c == ) ) count--; c = <prossimo carattere di S> if ((fine di S) && (count!= 0)) Provare a implementare il riconoscimento con parentesi di qualunque tipo. Es.: - fg{([{ab(vc)gkj]) è corretta - gh{(df[ghj]gh)hj non è corretta balanced = false; 45

36 Algoritmo (caso generale) Usa uno stack Se arriva (, [ o { inseriscila nello stack Se arriva ), ] o confrontala con l elemento affiorante Se non corrispondono allora la stringa non è bilanciata Se si esamina la stringa fino alla fine e lo stack non è vuoto la stringa non è bilanciata. Es.: (((er[]) ( [ ( ) ] 46

Argomenti della lezione. Tipo di dato astratto. Array. Tipo di dato Lista. Liste Implementazione di liste in Java Stack Code

Argomenti della lezione. Tipo di dato astratto. Array. Tipo di dato Lista. Liste Implementazione di liste in Java Stack Code Argomenti della lezione! Tipi di dato astratti! Strutture dati elementari Liste Implementazione di liste in Java Stack Code! Esempi di applicazione Tipo di dato astratto! Tipo di dato astratto o ADT (Abstract

Dettagli

QUEUE : considerazioni. QUEUE : considerazioni. QUEUE : esempio. QUEUE : esempio

QUEUE : considerazioni. QUEUE : considerazioni. QUEUE : esempio. QUEUE : esempio QUEUE : considerazioni QUEUE : considerazioni Si è realizzata una struttura dati complessa utilizzandone una primitiva, l array. Il pregio di tale implementazione è il basso costo computazionale, mentre

Dettagli

Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica 2

Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica 2 Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica 2 Dispensa 12 ADT: Lista, Pila, Coda A. Miola Marzo 2008 http://www.dia.uniroma3.it/~java/fondinf2/ ADT: Lista, Pila, Coda 1 Contenuti!Tipo

Dettagli

SOMMARIO Coda (queue): QUEUE. QUEUE : specifica QUEUE

SOMMARIO Coda (queue): QUEUE. QUEUE : specifica QUEUE SOMMARIO Coda (queue): Specifica: interfaccia. Implementazione: Strutture indicizzate (array): Array di dimensione variabile. Array circolari. Strutture collegate (nodi). Prestazioni. Strutture Software

Dettagli

Questi, invece, sono esempi di enunciati in cui esistono mancate corrispondenze:

Questi, invece, sono esempi di enunciati in cui esistono mancate corrispondenze: 4 Pile e code 4.1 Pile Come enunciato nel primo capitolo, i tipi di dati astratti ci consentono di rinviare la specifica realizzazione di un tipo di dati finchè non è ben chiaro quali operazioni siano

Dettagli

Il tipo di dato astratto Pila

Il tipo di dato astratto Pila Il tipo di dato astratto Pila Il tipo di dato Pila Una pila è una sequenza di elementi (tutti dello stesso tipo) in cui l inserimento e l eliminazione di elementi avvengono secondo la regola seguente:

Dettagli

Algoritmi e Strutture Dati & Laboratorio di Algoritmi e Programmazione

Algoritmi e Strutture Dati & Laboratorio di Algoritmi e Programmazione Algoritmi e Strutture Dati & Laboratorio di Algoritmi e Programmazione Appello dell 8 Febbraio 2005 Esercizio 1 (ASD) 1. Dire quale delle seguenti affermazioni è vera giustificando la risposta. (a) lg

Dettagli

Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica 2

Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica 2 Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica 2 Dispensa E08 Soluzione Esercizi F. Gasparetti, C. Limongelli Marzo 2008 http://www.dia.uniroma3.it/~java/fondinf1/ Soluzione Esercizi

Dettagli

/** * VETTORE DINAMICO elementi */ private Vector elementi; /** * METODO COSTRUTTORE */ public coda() { elementi=new Vector(); }

/** * VETTORE DINAMICO elementi */ private Vector elementi; /** * METODO COSTRUTTORE */ public coda() { elementi=new Vector(); } import java.util.*; class coda * Questa classe contiene tutti i metodi per la gestione della coda * @author D'Ambrosio Giovanni Classe 4D I.T.I.S. Grottaminarda * @version 26/02/2010 * VETTORE DINAMICO

Dettagli

Laboratorio di Programmazione II Corso di Laurea in Bioinformatica Dipartimento di Informatica - Università di Verona

Laboratorio di Programmazione II Corso di Laurea in Bioinformatica Dipartimento di Informatica - Università di Verona Laboratorio di Programmazione II Corso di Laurea in Bioinformatica Dipartimento di Informatica - Università di Verona Tipi Tipo Astratto di Permette di specicare dati in modo astratto Astratto Indipendentemente

Dettagli

STRUTTURE DATI: OLTRE GLI ARRAY LISTE

STRUTTURE DATI: OLTRE GLI ARRAY LISTE STRUTTURE DATI: OLTRE GLI ARRAY le strutture dati progettate per ospitare una collezione di elementi, sono variazioni di array Ma l'array ha dimensione fissa anche in Java determinata a priori, in linguaggi

Dettagli

ARRAY E STRINGHE. G. Frosini Slide 1

ARRAY E STRINGHE. G. Frosini Slide 1 ARRAY E STRINGHE G. Frosini Slide 1 Array: VARIABILI ARRAY struttura dati costituita da elementi (anche nessuno, array vuoto) dello stesso tipo; tipo array: tipo degli elementi, non numero degli elementi;

Dettagli

I tipi di dato astratti

I tipi di dato astratti I tipi di dato astratti.0 I tipi di dato astratti c Diego Calvanese Fondamenti di Informatica Corso di Laurea in Ingegneria Elettronica A.A. 001/00.0 0 I tipi di dato astratti La nozione di tipo di dato

Dettagli

Astrazioni sul controllo. Iteratori

Astrazioni sul controllo. Iteratori Astrazioni sul controllo Iteratori Nuove iterazioni Definendo un nuovo tipo come collezione di oggetti (p. es., set) si vorrebbe disporre anche di un operazione che consenta cicli (iterazioni) Es.: gli

Dettagli

L ambizione dei design pattern (letteralmente schemi di programmazione) è quella di offrire soluzioni a problemi ricorrenti che facilitano lo

L ambizione dei design pattern (letteralmente schemi di programmazione) è quella di offrire soluzioni a problemi ricorrenti che facilitano lo Design Pattern L ambizione dei design pattern (letteralmente schemi di programmazione) è quella di offrire soluzioni a problemi ricorrenti che facilitano lo sviluppo dei programmi, il loro mantenimento,

Dettagli

Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica 2

Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica 2 Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica 2 Dispensa 10 Strutture collegate - 2 A. Miola Febbraio 2008 http://www.dia.uniroma3.it/~java/fondinf2/ Strutture collegate - 2 1 Contenuti!Strutture

Dettagli

GESTIONE INFORMATICA DEI DATI AZIENDALI

GESTIONE INFORMATICA DEI DATI AZIENDALI GESTIONE INFORMATICA DEI DATI AZIENDALI Alberto ZANONI Centro Vito Volterra Università Tor Vergata Via Columbia 2, 00133 Roma, Italy zanoni@volterra.uniroma2.it Rudimenti di programmazione Programming

Dettagli

Esempio su strutture dati dinamiche: ArrayList

Esempio su strutture dati dinamiche: ArrayList Esempio su strutture dati dinamiche: ArrayList 1 ArrayList! Abbiamo detto che gli array non possono cambiare la propria dimensione: il numero di elementi contenuti viene stabilito al momento della creazione

Dettagli

Esercitazione 6. Tutor: Ing. Diego Rughetti. Anno Accademico 2007/2008

Esercitazione 6. Tutor: Ing. Diego Rughetti. Anno Accademico 2007/2008 Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti Sapienza Università di Roma Esercitazione 6 Corso di Tecniche di programmazione Laurea in Ingegneria Informatica (Canale di Ingegneria delle Reti

Dettagli

dall argomento argomento della malloc()

dall argomento argomento della malloc() Allocazione dinamica Quando? Tutte le volte in cui i dati possono crescere in modo non prevedibile staticamente a tempo di sviluppo Un array con dimensione i fissata a compile-time non è sufficiente È

Dettagli

Esempio su strutture dati dinamiche: ArrayList

Esempio su strutture dati dinamiche: ArrayList Esempio su strutture dati dinamiche: ArrayList 1 ArrayList Abbiamo detto che gli array non possono cambiare la propria dimensione: il numero di elementi contenuti viene stabilito al momento della creazione

Dettagli

Telematica II 15. Esercitazione/Laboratorio 5

Telematica II 15. Esercitazione/Laboratorio 5 Protocollo FTP FTP Client TCP control connection (port 21) FTP Server Telematica II 15. Esercitazione/Laboratorio 5 File System locale TCP data connection (port( 20) File System remoto La connessione di

Dettagli

Algoritmi di Ricerca. Esempi di programmi Java

Algoritmi di Ricerca. Esempi di programmi Java Fondamenti di Informatica Algoritmi di Ricerca Esempi di programmi Java Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1 Ricerca in una sequenza di elementi Data una sequenza di elementi, occorre verificare

Dettagli

ARRAYLIST. Programmazione con Java ArrayList e Generics 2 08/06/2014. Daniela Micucci daniela.micucci@unimib.it

ARRAYLIST. Programmazione con Java ArrayList e Generics 2 08/06/2014. Daniela Micucci daniela.micucci@unimib.it Programmazione con Java ArrayList e Generics Daniela Micucci daniela.micucci@unimib.it ARRAYLIST Programmazione con Java ArrayList e Generics 2 1 La classe ArrayList Fa parte delle librerie standard di

Dettagli

Tipi primitivi. Ad esempio, il codice seguente dichiara una variabile di tipo intero, le assegna il valore 5 e stampa a schermo il suo contenuto:

Tipi primitivi. Ad esempio, il codice seguente dichiara una variabile di tipo intero, le assegna il valore 5 e stampa a schermo il suo contenuto: Tipi primitivi Il linguaggio Java offre alcuni tipi di dato primitivi Una variabile di tipo primitivo può essere utilizzata direttamente. Non è un riferimento e non ha senso tentare di istanziarla mediante

Dettagli

Synchronized (ancora)

Synchronized (ancora) Synchronized (ancora) Riscriviamo l esempio di prima. Usiamo una struttura modulare, con una classe Notificatore che ha opportuni metodi. La classe ha due campi privati, la lista buftext e un suo thread.

Dettagli

Corso di Fondamenti di Informatica II

Corso di Fondamenti di Informatica II Corso di Fondamenti di Informatica II Algoritmi sulle liste a.a. 2009/2010 Francesco Fontanella Creare una lista da un vettore (ricorsivo) nodo* create_list(tipovalue v[], int n) nodo *l; if (n == 0) return

Dettagli

Capitolo 17. Introduzione alle strutture di dati. Capitolo 17 Introduzione alle strutture di dati

Capitolo 17. Introduzione alle strutture di dati. Capitolo 17 Introduzione alle strutture di dati Capitolo 17 Introduzione alle strutture di dati 1 Figura 1 Inserire un elemento in una lista concatenata 2 Figura 2 Un iteratore di lista 3 Figura 3 Una visione astratta dell iteratore di lista 4 File

Dettagli

Lezione 6 Collezioni. Il concetto astratto di collezione. Servizio minimo: IContainer. Stack (pila)

Lezione 6 Collezioni. Il concetto astratto di collezione. Servizio minimo: IContainer. Stack (pila) Lezione 6 Collezioni Il problema delle collezioni è molto vasto, ed è stato oggetto di studio fin dai primordi dell'informatica. Per esplorarlo senza perdersi è bene proporsi un metodo. Seguiremo il seguente:

Dettagli

Bank. Bank. BankAccount. Bank. Bank. private BankAccount[] conti; // Posizione attuale private int posizioneattuale;...

Bank. Bank. BankAccount. Bank. Bank. private BankAccount[] conti; // Posizione attuale private int posizioneattuale;... Bank BankAccount Bank Bank Bank BankAccount private BankAccount[] conti; // Posizione attuale private int posizioneattuale;... Bank Bank public Bank(String nome, String internationalcode, int dimensione)

Dettagli

Scope e visibilità per classi

Scope e visibilità per classi Scope e visibilità per classi Packages Classi interne nelle loro diverse forme Interne / statiche / locali Utilizzo congiunto con interfacce Implementazione di iteratori Gestione di eventi Packages Package:

Dettagli

Le collezioni di oggetti. Prof. Accarino IIS Altiero Spinelli via Leopardi 132 Sesto San Giovanni

Le collezioni di oggetti. Prof. Accarino IIS Altiero Spinelli via Leopardi 132 Sesto San Giovanni Le collezioni di oggetti Prof. Accarino IIS Altiero Spinelli via Leopardi 132 Sesto San Giovanni Contenitori di oggetti Java mette a disposizione una libreria per gestire gruppi di oggetti organizzandola

Dettagli

Tipi di Dato Ricorsivi

Tipi di Dato Ricorsivi Tipi di Dato Ricorsivi Luca Abeni September 2, 2015 1 Tipi di Dato Vari linguaggi di programmazione permettono all utente di definire nuovi tipi di dato definendo per ogni nuovo tipo l insieme dei suoi

Dettagli

Programmazione Orientata agli Oggetti in Linguaggio Java

Programmazione Orientata agli Oggetti in Linguaggio Java Programmazione Orientata agli Oggetti in Linguaggio Java Ruoli e Responsabilità: C# versione 1.1 Questo lavoro è concesso in uso secondo i termini di una licenza Creative Commons (vedi ultima pagina) G.

Dettagli

obiettivi di questa seconda metà del corso fare un passo avanti rispetto a :... meccanismi di composizione dei dati

obiettivi di questa seconda metà del corso fare un passo avanti rispetto a :... meccanismi di composizione dei dati obiettivi di questa seconda metà del corso fare un passo avanti rispetto a :... meccanismi di composizione dei dati puntatori ( strutture dinamiche collegate) strutture dinamiche collegate (liste, pile,

Dettagli

Sul pattern Iterator

Sul pattern Iterator Sul pattern Iterator 1 Introduzione Capita spesso di aver a che fare con strutture dati complesse, come ad esempio, liste, code, ecc. È buona norma accedere a queste strutture senza esporre la loro organizzazione.

Dettagli

Programmazione Orientata agli Oggetti in Linguaggio Java

Programmazione Orientata agli Oggetti in Linguaggio Java Programmazione Orientata agli Oggetti in Linguaggio Java Tecniche di Programmazione: C# versione 1.1 Questo lavoro è concesso in uso secondo i termini di una licenza Creative Commons (vedi ultima pagina)

Dettagli

12 - Introduzione alla Programmazione Orientata agli Oggetti (Object Oriented Programming OOP)

12 - Introduzione alla Programmazione Orientata agli Oggetti (Object Oriented Programming OOP) 12 - Introduzione alla Programmazione Orientata agli Oggetti (Object Oriented Programming OOP) Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java Paolo Milazzo Dipartimento di Informatica,

Dettagli

PROGRAMMAZIONE AVANZATA JAVA E C. Massimiliano Redolfi. Lezione 7: Code, Stack, Liste PAJC. Ricerca. prof. Massimiliano Redolfi PAJC

PROGRAMMAZIONE AVANZATA JAVA E C. Massimiliano Redolfi. Lezione 7: Code, Stack, Liste PAJC. Ricerca. prof. Massimiliano Redolfi PAJC PROGRAMMAZIONE AVANZATA JAVA E C Massimiliano Redolfi Lezione 7: Code, Stack, Liste Ricerca 2 Ricerca Se dobbiamo cercare un elemento in un array possiamo trovarci in due situazioni Elementi non ordinati

Dettagli

10 - Programmare con gli Array

10 - Programmare con gli Array 10 - Programmare con gli Array Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java Paolo Milazzo Dipartimento di Informatica, Università di Pisa http://www.di.unipi.it/ milazzo milazzo di.unipi.it

Dettagli

Ricorsione. Laboratorio di Programmazione II Corso di Laurea in Bioinformatica Dipartimento di Informatica - Università di Verona.

Ricorsione. Laboratorio di Programmazione II Corso di Laurea in Bioinformatica Dipartimento di Informatica - Università di Verona. Laboratorio di Programmazione II Corso di Laurea in Bioinformatica Dipartimento di Informatica - Università di Verona Sommario Implementazione di Utilizzo ricorsione per processare dati in java vs. multipla

Dettagli

Liste doppie. Doubly Linked Lists. GT: 6.2 (e 3.3) Argomenti della lezione

Liste doppie. Doubly Linked Lists. GT: 6.2 (e 3.3) Argomenti della lezione Liste doppie GT: 6.2 (e 3.3) Doubly Linked Lists 1 Argomenti della lezione ADT Position NodeList interface Position PositionList class DNode NodePositionList inserzione rimozione Iteratore ADT Iterator

Dettagli

Metodi di una Collection

Metodi di una Collection Java Collections Introduzione Una java collection (a volte chiamata anche container) è un oggetto che raggruppa più elementi dello stesso tipo in una singola unità. Tipicamente è utilizzata per raggruppare

Dettagli

20 - Input/Output su File

20 - Input/Output su File 20 - Input/Output su File Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java Paolo Milazzo Dipartimento di Informatica, Università di Pisa http://www.di.unipi.it/ milazzo milazzo di.unipi.it

Dettagli

Pile (stacks) e code (queues)

Pile (stacks) e code (queues) Laboratorio di Algoritmi e Strutture Dati II Semestre 2005/2006 Pile e Code Marco Antoniotti Pile (stacks) e code (queues) Tipi di dati fondamentali Applicazioni molteplici Le operazioni standard Aggiungi

Dettagli

Implementazione Java di un ADT

Implementazione Java di un ADT Implementazione Java di un ADT Primo passo definire l'interfaccia (API) dell' ADT (l'api descrive i nomi dei metodi che l'adt supporta e come essi sono dichiarati e usati) Secondo passo scrivere il codice

Dettagli

Una funzione è detta ricorsiva se chiama, direttamente o indirettamente, se stessa. In C tutte le funzioni possono essere usate ricorsivamente.

Una funzione è detta ricorsiva se chiama, direttamente o indirettamente, se stessa. In C tutte le funzioni possono essere usate ricorsivamente. Ricorsione Funzioni ricorsive Una funzione è detta ricorsiva se chiama, direttamente o indirettamente, se stessa. In C tutte le funzioni possono essere usate ricorsivamente. Un esempio di funzione ricorsiva

Dettagli

Programmazione ad oggetti

Programmazione ad oggetti DAIS Univ. Ca' Foscari Venezia Programmazione ad oggetti Samuel Rota Bulò Classi astratte Le classi astratte sono un ibrido tra le classi concrete e le interfacce. Hanno le stesse caratteristiche di una

Dettagli

SAPIENZA Università di Roma, Facoltà di Ingegneria

SAPIENZA Università di Roma, Facoltà di Ingegneria SAPIENZA Università di Roma, Facoltà di Ingegneria Corso di PROGETTAZIONE DEL SOFTWARE Laurea in Ingegneria Informatica Prof. E.Casalicchio A.A. 2008/09 QUARTA PARTE: Soluzioni Esercizi 13-23 Soluzione

Dettagli

13 - Gestione della Memoria nella Programmazione Orientata agli Oggetti

13 - Gestione della Memoria nella Programmazione Orientata agli Oggetti 13 - Gestione della Memoria nella Programmazione Orientata agli Oggetti Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java Paolo Milazzo Dipartimento di Informatica, Università di Pisa http://www.di.unipi.it/

Dettagli

Fondamenti di informatica Oggetti e Java. Luca Cabibbo. Collezioni++ (Aggiunte di Marco Patella) Capitolo 26.bis. aprile 2006.

Fondamenti di informatica Oggetti e Java. Luca Cabibbo. Collezioni++ (Aggiunte di Marco Patella) Capitolo 26.bis. aprile 2006. Fondamenti di informatica Oggetti e Java Luca Cabibbo ++ (Aggiunte di Marco Patella) Capitolo 26.bis aprile 2006 1 Problemi delle collezioni Dal momento che ogni collezione contiene oggetti di tipo Object

Dettagli

Introduzione ai tipi di dato astratti: applicazione alle liste

Introduzione ai tipi di dato astratti: applicazione alle liste Universitàdegli Studi di L Aquila Facoltàdi Scienze M.F.N. Corso di Laurea in Informatica Corso di Laboratorio di Algoritmi e Strutture Dati A.A. 2005/2006 Introduzione ai tipi di dato astratti: applicazione

Dettagli

Laboratorio di Sistemi Distribuiti Leonardo Mariani

Laboratorio di Sistemi Distribuiti Leonardo Mariani Laboratorio di Sistemi Distribuiti Leonardo Mariani ELECTION ALGORITHMS In molti sistemi distribuiti un processo deve agire da (o svolgere un ruolo particolare) per gli altri processi. Spesso non è importante

Dettagli

Oggetti Lezione 3. aspetti generali e definizione di classi I

Oggetti Lezione 3. aspetti generali e definizione di classi I Programmazione a Oggetti Lezione 3 Il linguaggio Java: aspetti generali e definizione di classi I Sommario Storia e Motivazioni Definizione di Classi Campi e Metodi Istanziazione di oggetti Introduzione

Dettagli

Alberi. Strutture dati: Alberi. Alberi: Alcuni concetti. Alberi: definizione ricorsiva. Alberi: Una prima realizzazione. Alberi: prima Realizzazione

Alberi. Strutture dati: Alberi. Alberi: Alcuni concetti. Alberi: definizione ricorsiva. Alberi: Una prima realizzazione. Alberi: prima Realizzazione Alberi Strutture dati: Alberi Strutture gerarchiche di dati Esempi Il file system di un sistema operativo L organigramma di un azienda Alberi generali, alberi n-ari, alberi binari, Ogni nodo ha un unico

Dettagli

Corso sul linguaggio Java

Corso sul linguaggio Java Corso sul linguaggio Java Modulo JAVA6 A1 I file testo 1 Prerequisiti Programmazione base in Java Utilizzo di classi e oggetti Modello produttore consumatore Operazioni logiche su struttura file 2 1 Introduzione

Dettagli

SOMMARIO INTRODUZIONE...XV CAPITOLO 1: PRESENTAZIONE...1 CAPITOLO 2: FONDAMENTI DI JAVA...39

SOMMARIO INTRODUZIONE...XV CAPITOLO 1: PRESENTAZIONE...1 CAPITOLO 2: FONDAMENTI DI JAVA...39 sommario 24-06-2004 10:18 Pagina V SOMMARIO INTRODUZIONE.......................................XV CAPITOLO 1: PRESENTAZIONE.......................................1 1.1 Introduzione...2 1.2 L organizzazione

Dettagli

Linguaggi Corso M-Z - Laurea in Ingegneria Informatica A.A. 2007-2008. Esercitazione. Programmazione Object Oriented in Java

Linguaggi Corso M-Z - Laurea in Ingegneria Informatica A.A. 2007-2008. Esercitazione. Programmazione Object Oriented in Java Linguaggi Corso M-Z - Laurea in Ingegneria Informatica A.A. 2007-2008 Alessandro Longheu http://www.diit.unict.it/users/alongheu alessandro.longheu@diit.unict.it Programmazione Object Oriented in Java

Dettagli

Supermarket Progetto di Programmazione Febbraio 2010

Supermarket Progetto di Programmazione Febbraio 2010 Supermarket Progetto di Programmazione Febbraio 2010 1 Supermercato Dovete realizzare un insieme di classi e interfacce che riguardano la gestione di un supermercato. nella Sezione 2 verranno descritte

Dettagli

Collezioni. (a cura del Prof. Marco Patella)

Collezioni. (a cura del Prof. Marco Patella) (a cura del Prof. Marco Patella) 1 Introduzione al Java Collections Framework Una collezione (o contenitore) consente di organizzare e gestire un gruppo di oggetti collezioni (vere e proprie) mappe implementate

Dettagli

La fase di progetto e realizzazione. PROGETTAZIONE DEL SOFTWARE (Ing. Gestionale) Diagramma delle classi realizzativo

La fase di progetto e realizzazione. PROGETTAZIONE DEL SOFTWARE (Ing. Gestionale) Diagramma delle classi realizzativo Università di Roma La Sapienza, Facoltà di Ingegneria Corso di PROGETTAZIONE DEL SOFTWARE (Ing. Gestionale) Prof. Giuseppe De Giacomo & Monica Scannapieco Anno Accademico 2003/04 LA FASE DI PROGETTO E

Dettagli

Esercizi di Algoritmi e Strutture Dati

Esercizi di Algoritmi e Strutture Dati Esercizi di Algoritmi e Strutture Dati Moreno Marzolla marzolla@cs.unibo.it 18 marzo 2011 Problema basato su 10.5 del libro di testo La CINA (Compagnia Italiana per il Noleggio di Automobili) dispone di

Dettagli

La struttura dati ad albero binario

La struttura dati ad albero binario La struttura dati ad albero binario L albero è una struttura dati nella quale le informazioni sono organizzate in modo gerarchico, dall alto verso il basso. Gli elementi di un albero si chiamano nodi,

Dettagli

heap heap heap? max- e min-heap concetti ed applicazioni heap = catasta condizione di heap non è una struttura ordinata

heap heap heap? max- e min-heap concetti ed applicazioni heap = catasta condizione di heap non è una struttura ordinata heap heap concetti ed applicazioni heap = catasta condizione di heap 1. albero binario perfettamente bilanciato 2. tutte le foglie sono a sinistra ma non è un BST!! 3. ogni nodo contiene una chiave maggiore

Dettagli

Java Collection Framework

Java Collection Framework STRUTTURE DATI IN JAVA Strutture Dati nella piattaforma Java: Java Collection Framework Java Collection Framework (JCF) fornisce il supporto a qualunque tipo di struttura dati interfacce una classe Collections

Dettagli

Informatica 3. Informatica 3. LEZIONE 12: Liste. Lezione 12 - Modulo 1. Posizione corrente. Introduzione

Informatica 3. Informatica 3. LEZIONE 12: Liste. Lezione 12 - Modulo 1. Posizione corrente. Introduzione Informatica 3 Informatica 3 LEZIONE 12: Liste Lezione 12 - Modulo 1 Modulo 1: ADT lista e implementazione basata su array Modulo 2: Lista concatenata ADT lista e implementazione basata su array Politecnico

Dettagli

ARRAY BIDIMENSIONALI float [][] mx = new float[3][4]; (float []) [] mx = new float[3][4];

ARRAY BIDIMENSIONALI float [][] mx = new float[3][4]; (float []) [] mx = new float[3][4]; ARRAY BIDIMENSIONALI Si possono definire array di qualunque tipo di dato, quindi anche di altre array float [][] mx = new float[3][4]; ovvero.. (float []) [] mx = new float[3][4]; La loro motivazione (storica)

Dettagli

Notazione grafica UML

Notazione grafica UML Notazione grafica UML Estensione e implementazione in UML: estende implementa Per classi astratte e interfacce i nomi vanno in corsivo preceduti da e UtenteComputer

Dettagli

19. Introduzione al multi-threading

19. Introduzione al multi-threading 19. Introduzione al multi-threading Marco Faella Dip. Ing. Elettrica e Tecnologie dell'informazione Università di Napoli Federico II Corso di Linguaggi di Programmazione II I thread I thread, o processi

Dettagli

Tipi astratti di dato e loro realizzazione in Java

Tipi astratti di dato e loro realizzazione in Java Unità 13 Tipi astratti di dato e loro realizzazione in Java Sommario Tipo astratto di dato Specifica di tipi astratti Astrazione di valori e astrazione di entità Realizzazione di tipi astratti in Java

Dettagli

Generics & Collections

Generics & Collections Generics & Collections Ingegneria del software Jody Marca jody.marca@polimi.it I Generics 2 I Generics rendono possibile definire tipi parametrici tramite classi ed interfacce che gestiscono tipi generici

Dettagli

Abstract Data Type (ADT)

Abstract Data Type (ADT) Abstract Data Type Pag. 1/10 Abstract Data Type (ADT) Iniziamo la nostra trattazione presentando una nozione che ci accompagnerà lungo l intero corso di Laboratorio Algoritmi e Strutture Dati: il Tipo

Dettagli

SAPIENZA Università di Roma Facoltà di Ingegneria dell Informazione, Informatica e Statistica

SAPIENZA Università di Roma Facoltà di Ingegneria dell Informazione, Informatica e Statistica SAPIENZA Università di Roma Facoltà di Ingegneria dell Informazione, Informatica e Statistica Esercitazioni di PROGETTAZIONE DEL SOFTWARE (Corsi di Laurea in Ingegneria Informatica ed Automatica ed Ingegneria

Dettagli

18 - Vettori. Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java. Paolo Milazzo

18 - Vettori. Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java. Paolo Milazzo 18 - Vettori Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java Paolo Milazzo Dipartimento di Informatica, Università di Pisa http://pages.di.unipi.it/milazzo milazzo di.unipi.it Corso di

Dettagli

esercizi Esercizi / problemi

esercizi Esercizi / problemi Sistemi informativi applicati (reti di calcolatori): esercizi 1 Esercizi / problemi 1. Creare un applicazione che calcoli la media aritmetica dei seguenti valori interi: 35, 117, 23 e ne visualizzi il

Dettagli

Iterazione e ricorsione. Cicli, Array e Programmazione su Sequenze. Ciclo while. Cicli

Iterazione e ricorsione. Cicli, Array e Programmazione su Sequenze. Ciclo while. Cicli Iterazione e ricorsione Dal punto di vista della teoria della computazione, affinché un linguaggio di programmazione imperativo (C, Pascal, codice nei metodi del Java, ecc.) raggiunga la potenza di calcolo

Dettagli

Programmazione a Oggetti Lezione 10. Ereditarieta

Programmazione a Oggetti Lezione 10. Ereditarieta Programmazione a Oggetti Lezione 10 Ereditarieta Sommario Come definire sottoclassi Costruttori Abstract Classes Final Ereditarietà: promemoria Strumento tipico dell OOP per riusare il codice e creare

Dettagli

SAPIENZA Università di Roma, Facoltà di Ingegneria

SAPIENZA Università di Roma, Facoltà di Ingegneria SAPIENZA Università di Roma, Facoltà di Ingegneria Corso di PROGETTAZIONE DEL SOFTWARE Laurea in Ingegneria Informatica Prof. E.Casalicchio A.A. 2008/09 QUARTA PARTE: LA FASE DI REALIZZAZIONE La fase di

Dettagli

Le Liste. Elisa Marengo. Università degli Studi di Torino Dipartimento di Informatica. Elisa Marengo (UNITO) Le Liste 1 / 31

Le Liste. Elisa Marengo. Università degli Studi di Torino Dipartimento di Informatica. Elisa Marengo (UNITO) Le Liste 1 / 31 Le Liste Elisa Marengo Università degli Studi di Torino Dipartimento di Informatica Elisa Marengo (UNITO) Le Liste 1 / 31 Cos è una Lista Una lista è una collezione di elementi omogenei che: potrebbero

Dettagli

Corso Linguaggi di programmazione II - Unina Esercitazione (prova intercorso)

Corso Linguaggi di programmazione II - Unina Esercitazione (prova intercorso) 1) Si considerino le classi Java: Corso Linguaggi di programmazione II - Unina Esercitazione (prova intercorso) class Card Card (String seed, int value) this.seed=seed; this.value=value; String seed; int

Dettagli

Prossime lezioni. Dai TDA agli oggetti. Riassunto. Riassunto TDA. Oggi. Stefano Mizzaro 1

Prossime lezioni. Dai TDA agli oggetti. Riassunto. Riassunto TDA. Oggi. Stefano Mizzaro 1 Prossime lezioni Dai TDA agli oggetti Stefano Mizzaro Dipartimento di matematica e informatica Università di Udine http://www.dimi.uniud.it/mizzaro mizzaro@dimi.uniud.it Programmazione, lezione 18 19 gennaio

Dettagli

Fondamenti di Informatica 1. Prof. B.Buttarazzi A.A. 2010/2011

Fondamenti di Informatica 1. Prof. B.Buttarazzi A.A. 2010/2011 Fondamenti di Informatica 1 Prof. B.Buttarazzi A.A. 2010/2011 Sommario Paradigma OO Incapsulamento Polimorfismo e Overloading Ereditarietà e Overriding Esercizi svolti Esercizi proposti Paradigma OO Le

Dettagli

Capitolo 14 Introduzione alle strutture di dati. Cay S. Horstmann Concetti di informatica e fondamenti di Java quarta edizione

Capitolo 14 Introduzione alle strutture di dati. Cay S. Horstmann Concetti di informatica e fondamenti di Java quarta edizione Capitolo 14 Introduzione alle strutture di dati Cay S. Horstmann Concetti di informatica e fondamenti di Java quarta edizione Obiettivi del capitolo Capire come utilizzare le liste concatenate presenti

Dettagli

Programmazione generica

Programmazione generica 16 Programmazione generica Obiettivi del capitolo Capire gli obiettivi della programmazione generica Essere in grado di realizzare classi e metodi generici Comprendere il meccanismo di esecuzione di metodi

Dettagli

Corso di Laurea in Ingegneria Gestionale Esame di Informatica - a.a. 2012-13 25 luglio 2013

Corso di Laurea in Ingegneria Gestionale Esame di Informatica - a.a. 2012-13 25 luglio 2013 Cognome Nome Matricola Postazione PC Corso di Laurea in Ingegneria Gestionale Esame di Informatica - a.a. 2012-13 25 luglio 2013 Testo Il database di una banca è costituito da due vettori paralleli. Il

Dettagli

La gestione dell input/output da tastiera La gestione dell input/output da file La gestione delle eccezioni

La gestione dell input/output da tastiera La gestione dell input/output da file La gestione delle eccezioni La gestione dell input/output da tastiera La gestione dell input/output da file La gestione delle eccezioni Autore: Prof. Agostino Sorbara ITIS "M. M. Milano" Autore: Prof. Agostino Sorbara ITIS "M. M.

Dettagli

Esempi di esercizi d esame

Esempi di esercizi d esame Esempi di esercizi d esame Fondamenti di Informatica L-B 1 Cellulare Testo esercizio: 1.Specifiche Si richiede di realizzare una classe che implementa il funzionamento di un telefono cellulare Tale classe

Dettagli

Java Virtual Machine

Java Virtual Machine Java Virtual Machine programmi sorgente: files.java compilatore files.class bytecode linker/loader bytecode bytecode Java API files.class interprete macchina ospite Indipendenza di java dalla macchina

Dettagli

Cicli, Array e Programmazione su Sequenze

Cicli, Array e Programmazione su Sequenze Cicli, Array e Programmazione su Sequenze Luca Tesei Università di Camerino luca.tesei at unicam.it Università di Camerino - Corso di Laurea in Informatica - Programmazione + Laboratorio di Programmazione

Dettagli

Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica 2

Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica 2 Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica 2 Dispensa 11 Tipi astratti di dato e loro rappresentazione A. Miola Marzo 28 http://www.dia.uniroma3.it/~java/fondinf2/ ADT e Rappresentazione

Dettagli

INFORMATICA GRAFICA - FONDAMENTI DI INFORMATICA Ing. Civile - Edile/Architettura Dott. Penzo SOLUZIONE PROVA SCRITTA DEL 16/09/2002.

INFORMATICA GRAFICA - FONDAMENTI DI INFORMATICA Ing. Civile - Edile/Architettura Dott. Penzo SOLUZIONE PROVA SCRITTA DEL 16/09/2002. INFORMATICA GRAFICA - FONDAMENTI DI INFORMATICA Ing. Civile - Edile/Architettura Dott. Penzo SOLUZIONE PROVA SCRITTA DEL 16/09/2002 Esercizio 4) import fiji.io.simplereader; class Programma{ public static

Dettagli

Soluzioni degli esercizi di riepilogo (Fondamenti di Informatica 1 Walter Didimo)

Soluzioni degli esercizi di riepilogo (Fondamenti di Informatica 1 Walter Didimo) Soluzioni degli esercizi di riepilogo (Fondamenti di Informatica 1 Walter Didimo) Soluzioni delle prove al calcolatore Esercizio 7 (esame del 08/01/2009) class TabellaDiNumeri{ private double[][] tabella;

Dettagli

Le liste. ADT e strutture dati per la rappresentazione di sequenze. Ugo de' Liguoro - Algoritmi e Sperimentazioni 03/04 - Lez. 5

Le liste. ADT e strutture dati per la rappresentazione di sequenze. Ugo de' Liguoro - Algoritmi e Sperimentazioni 03/04 - Lez. 5 Le liste ADT e strutture dati per la rappresentazione di sequenze L ADT delle liste Una lista di valori di tipo A è una sequenza finita: a1, a2, L, an dove ai A, per ogni i valore lunghezza posizione L

Dettagli

PROGRAMMI LINGUAGGIO C

PROGRAMMI LINGUAGGIO C PROGRAMMI IN LINGUAGGIO C Corso di Programmazione Modulo B Prof. GIULIANO LACCETTI Studentessa Bellino Virginia Matr. 408466 Corso di Diploma in Informatica http://www.dicecca.net Indice 1. Package per

Dettagli

Laboratorio di Programmazione Lezione 3. Cristian Del Fabbro

Laboratorio di Programmazione Lezione 3. Cristian Del Fabbro Laboratorio di Programmazione Lezione 3 Cristian Del Fabbro Prossima lezione GIOVEDÌ 12 NOVEMBRE ORE 14:00 Array a.k.a. vettore Un array è una collezione ordinata di dati omogenei (cioé sono tutti dello

Dettagli

Libreria standard Java possiede un enorme libreria di classi standard organizzata in vari package che raccolgono le classi secondo un organizzazione

Libreria standard Java possiede un enorme libreria di classi standard organizzata in vari package che raccolgono le classi secondo un organizzazione Libreria standard Java possiede un enorme libreria di classi standard organizzata in vari package che raccolgono le classi secondo un organizzazione basata sul campo d utilizzo. I principali package sono:

Dettagli

Flussi, lettori e scrittori

Flussi, lettori e scrittori Flussi, lettori e scrittori Per sequenze di byte, InputStream, OutputStream e loro sottoclassi. Es: InputStream in = ; int next = in. read(); if (next!= -1) byte b = (byte) next; Per sequenze di caratteri,

Dettagli

Parcheggio.rtf 1/8 6 gennaio 2009. Prova di programmazione: parcheggio a pagamento

Parcheggio.rtf 1/8 6 gennaio 2009. Prova di programmazione: parcheggio a pagamento Parcheggio.rtf 1/8 6 gennaio 2009 Prova di programmazione: parcheggio a pagamento Si sviluppi il codice per la gestione di un parcheggio a pagamento mediante la classe Parcheggio, che ospita le auto rappresentate

Dettagli

Esempio su strutture dati dinamiche: ArrayList

Esempio su strutture dati dinamiche: ArrayList Esempio su strutture dati dinamiche: ArrayList Fondamenti di Informatica L-B 1 ArrayList Abbiamo detto che gli array non possono cambiare la propria dimensione: il numero di elementi contenuti viene stabilito

Dettagli

COMPITO DI LABORATORIO DI PROGRAMMAZIONE 2001-2002 17 Luglio 2002. Soluzione degli Esercizi

COMPITO DI LABORATORIO DI PROGRAMMAZIONE 2001-2002 17 Luglio 2002. Soluzione degli Esercizi COMPITO DI LABORATORIO DI PROGRAMMAZIONE 2001-2002 17 Luglio 2002 degli Esercizi ESERCIZIO 1. Si consideri il seguente frammento di codice in linguaggio Java: int i=0, j=0; int[][] a=b; boolean trovato=false;

Dettagli