Sistemi Ipermediali I modelli dei sistemi ipermediali

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Sistemi Ipermediali I modelli dei sistemi ipermediali"

Transcript

1 Documenti e ipermedialità Sistemi Ipermediali I modelli dei sistemi ipermediali Augusto Celentano Università Ca Foscari Venezia Documento ipertestuale insieme di informazioni testuali e grafiche, esplorabili attraverso collegamenti non sequenziali Documento multimediale insieme di informazioni trasmesse da uno o più media in unione a testo e grafica statica, la cui presentazione occupa spazio e tempo Documento ipermediale documento multimediale con collegamenti ipertestuali Documento temporizzato documento la cui fruizione deve rispettare precise cadenze e vincoli temporali Documento space-based documento la cui presentazione avviene in uno spazio bi- o tridimensionale, nel quale gli oggetti che compongono il documento sono collocati con posizioni reciproche specificate Augusto Celentano Sistemi Ipermediali - 2 Gli standard per la descrizione dei documenti I modelli formali per i sistemi ipermediali La trasportabilità dei documenti tra piattaforme e applicazioni differenti presuppone la standardizzazione della descrizione al livello in cui avviene il trasporto layout: organizzazione fisica, immagine di stampa struttura: organizzazione logica semantica: significato (convenzionale) delle parti componenti Gli standard definiscono formati di interscambio e protocolli di trasmissione di informazioni e documentazione Postscript, linguaggio di descrizione di pagina ODA, Office Document Architecture SGML, Standard General Markup Language HTML, HyperText Markup Language XML, extensible Markup Language Modelli per la descrizione di documenti ipertestuali/ipermediali Dexter Hypertext Reference Model: struttura ipertestuale Amsterdam Hypermedia Model: dimensione temporale e sincronizzazione Trellis: semantica di navigazione Modelli per la progettazione di applicazioni ipermediali HDM, HDM2: progettazione in the small vs. progettazione in the large Object Oriented Hypermedia Model: definizione del dominio applicativo in termini object oriented Relationship Management Methodology:definizione dell applicazione in termini E-R estesi con costrutti per la navigazione e la strutturazione Augusto Celentano Sistemi Ipermediali - 3 Augusto Celentano Sistemi Ipermediali - 4

2 Dexter Hypertext Reference Model Dexter Hypertext Reference Model Modello di descrizione di applicazioni ipertestuali con enfasi sulla struttura dei nodi e dei collegamenti, e sulle relazioni tra struttura e presentazione Obiettivi: catturare in modo formalizzato le astrazioni presenti in un ampio spettro di sistemi ipertestuali, attualmente soggette ad una terminologia molto diversificata rappresentare uno standard con cui confrontare le caratteristiche e le funzionalità di sistemi differenti porre le basi per la definizione e diffusione di standard più completi che supportino lo scambio e l interoperabilità tra sistemi ipertestuali differenti Il modello si basa su tre livelli (layer) run-time layer: presentazione dell ipertesto, interazione utente, aspetti dinamici storage layer: database contenente una rete di nodi e di collegamenti within-component layer: contenuto e struttura dell informazione all interno di ogni nodo Il livello storage è un nucleo definito intorno al quale si dispongono: i contenuti, attraverso il meccanismo di anchoring, definiti a grandi linee e specializzati all esterno del modello i comportamenti, attraverso il meccanismo di presentation specification, schematizzati nelle funzionalità essenziali Augusto Celentano Sistemi Ipermediali - 5 Augusto Celentano Sistemi Ipermediali - 6 Dexter Hypertext Reference Model Il modello dello Storage Layer Un ipertesto è una collezione finita di componenti, su cui operano due funzioni: una funzione resolver, e una funzione accessor un componente è un atomo (es. nodo), un link o una entità composta, identificata attraverso un identificatore unico (UID) le funzioni resolver e accessor mappano rispettivamente componenti in UID e viceversa i link sono sequenze di due o più specifiche di end-point, ognuna delle quali individua un componente o una sua parte l interfaccia tra un estremo di un link e il corrispondente nodo è l ancora, una struttura a due componenti, identificatore e valore. L identificatore è gestito dallo storage layer, il valore dal within-component layer Augusto Celentano Sistemi Ipermediali - 7 Augusto Celentano Sistemi Ipermediali - 8

3 Operazioni sullo Storage Layer Il modello del Run-time Layer La modifica di un ipertesto avviene attraverso funzioni definite nello storage layer modifica nella estensione di un ipertesto (add/delete) modifica nella topologia di un ipertesto (ancora/link) accesso agli elementi e loro identificazione Tutte le operazioni conservano la coerenza e integrità del modello assenza di ricorsione o riferimenti ciclici esistenza dei componenti indirizzati dai link coerenza degli identificativi di ancora nei componenti e nei link Il concetto fondamentale del run-time layer è l immagine (instantiation) di un componente, che è la presentazione del componente all utente la presentazione si basa sulla generazione di versioni visibili dei componenti di un ipertesto l interazione tra utente e sistema ipertestuale è gestita attraverso la sessione, una associazione dinamica tra i componenti presenti nello storage layer e le loro immagini l interfaccia tra storage layer e sessione è costituita dall esecuzione delle funzioni accessor e resolver applicate alle immagini dei componenti le modifiche sono attualizzate dalla creazione di nuovi componenti a partire dalle immagini modificate Augusto Celentano Sistemi Ipermediali - 9 Augusto Celentano Sistemi Ipermediali - 10 Amsterdam Hypermedia Model Gestione delle informazioni temporali Completa il modello Dexter aggiungendo la nozione di tempo e di contesto, e estendendo le proprietà semantiche di una presentazione ipertesto: rete di componenti collegati in modo potenzialmente arbitrario. L utente visita i componenti in un ordine e per un tempo non prevedibili e variabili multimedia: collezione di componenti le cui relazioni e il cui ordinamento sono definiti dall autore. L utente può controllare in modo limitato la presentazione (stop/play/fast forward/jump), che evolve in modo autonomo ipermedia: è solo una rete di componenti, ciascuno dei quali è multimediale separatamente dagli altri? Problema fondamentale: come gestire il tempo? Le relazioni temporali tra gli elementi di una presentazione multimediale sono divise in due categorie: collezioni: quelle relative alla identificazione dei componenti che devono essere presentati insieme sincronizzazioni: quelle relative all ordine reciproco in cui i componenti sono presentati Il concetto di collezione è presente nel modello Dexter (oggetto composto), ma non descrive come gli elementi di una collezione sono sincronizzati all interno e verso l esterno La sincronizzazione può essere definita da elementi strutturali oggettivi o dall interpretazione del contenuto Augusto Celentano Sistemi Ipermediali - 11 Augusto Celentano Sistemi Ipermediali - 12

4 Collezione e sincronizzazione Collezione e sincronizzazione I problemi relativi alla collezione di componenti e alla loro sincronizzazione può essere affrontato in tre modi: hidden structure: i dati e la loro interpretazione sono parte del contenuto di un elemento, pertanto verso l esterno questo si presenta come un oggetto unitario. La sincronizzazione tra i dati è risolta internamente separate structure: è l opposto del caso precedente, ogni frammento di informazione multimediale è separato. L oggetto presenta una interfaccia multipla verso l esterno e i collegamenti devono riguardare esplicitamente i media coinvolti (ogni collegamento deve gestire la propria sincronizzazione) composite structure: è una forma intermedia in cui alcuni componenti sono collezionati in aggregazioni visibili unitariamente dall esterno tempo tempo tempo Hidden structure Separate structure Composite structure Augusto Celentano Sistemi Ipermediali - 13 Augusto Celentano Sistemi Ipermediali - 14 La sincronizzazione in AHM La struttura dei componenti Ogni componente definisce un offset temporale rispetto al componente di cui fa parte Ogni componente contiene l informazione sulla sua durata E possibile specificare relazioni temporali di dettaglio per mezzo di archi di sincronizzazione che descrivono la tolleranza ammessa nella gestione temporale di informazioni diverse Offset dal tempo di inizio Arco di sincronizzazione Link Ancora In un sistema ipertestuale le relazioni tra componenti e le relazioni all interno di un componente non sono funzionalmente diverse (la diversità può essere ricondotta ad un problema di rappresentazione) è sempre possibile associare la struttura logica a quella fisica il tempo non pesa sull efficacia della fruizione In un sistema ipermediale la suddivisione di un componente non è semplice una scena è fatta di inquadrature, e queste di fotogrammi, ma la continuità tra esse è data dal contenuto e non dalla struttura la tempistica della presentazione può alterare la percezione del significato Augusto Celentano Sistemi Ipermediali - 15 Augusto Celentano Sistemi Ipermediali - 16

5 Il problema del contesto I link context in AHM La percorrenza di un link in un ipertesto consiste nell abbandono di un nodo e nell attivazione di un altro nodo un nodo solo alla volta è attivo la visibilità delle informazioni abbandonate è determinata dalle funzionalità del sistema In un sistema ipermediale la relazione stabilita da un collegamento può avere significato diverso per i diversi media che compongono i nodi, ad esempio sostituzione dell informazione video mantenimento dell informazione audio Un link context è un elemento composto che colleziona i media appartenenti agli elementi tra cui esiste un link, specificando come questi sopravvivono alla percorrenza del link source context: la parte di presentazione modificata dall esecuzione di un collegamento destination context: la parte di presentazione eseguita dopo l esecuzione di un collegamento Solo gli elementi della presentazione che cambiano tra il contesto di partenza e quello di arrivo sono modificati Augusto Celentano Sistemi Ipermediali - 17 Augusto Celentano Sistemi Ipermediali - 18 Hypermedia Design Model (HDM) I componenti del modello HDM E uno strumento concettuale per strutturare applicazioni ipermediali in modo indipendente dall implementazione Ma... è orientato alla progettazione di applicazioni in cui l aspetto esplorativo è prevalente sulla struttura informativa, e la regolarità, l organizzazione, la modularità e la coerenza sono proprietà fondamentali supporta la progettazione in the large (l organizzazione dell applicazione) separata da quella in the small (il contenuto e l aspetto dei nodi informativi) introduce la nozione di prospettiva come specializzazione della presentazione delle informazioni per uno scopo specifico si basa sul modello E-R, esteso con un organizzazione gerarchica delle entità e dei loro componenti e con primitive di accesso e di navigazione permette di valutare la qualità di un applicazione ipermediale non è una metodologia di progettazione (Garzotto, Paolini, Schwabe, 1993) Entità una struttura gerarchica di componenti corrispondente ad un oggetto del mondo reale Componente Unità Slot un gruppo di nodi che costituiscono una unità logicamente coerente una particolare realizzazione di un componente, normalmente associato ad una prospettiva di navigazione (nodo) o di consultazione (frame) un frammento di informazione indivisibile che può essere semplice (es. un testo) o complesso (un video con audio sincronizzato), ed è l elemento costitutivo delle unità Augusto Celentano Sistemi Ipermediali - 19 Augusto Celentano Sistemi Ipermediali - 20

6 I componenti del modello HDM I componenti del modello HDM Prospettiva lo stesso soggetto può essere rappresentato in modi diversi a seconda delle esigenze e del contesto in cui l elemento è inserito e dell utente a cui è destinato lo stesso elemento può essere rappresentato con modalità differenti (es. testo, immagine, animazione), con contenuti differenti (es. completo, riassunto) o con presentazioni differenti (es. lingue diverse) le unità rappresentano le componenti associate ad una certa prospettiva Collezione un insieme di oggetti (entità, componenti, altre collezioni) che rappresenta una tassonomia, un elenco o semplicemente un raggruppamento significativo sul piano applicativo una collezione è caratterizzata da un oggetto di ingresso che consente di accedere alla collezione Link hanno la duplice funzione di descrivere il dominio della relazione tra entità e tra componenti e le regole di navigazione attraverso lo schema che rappresenta l applicazione I link si dividono in tre categorie: link di prospettiva, link strutturali e link applicativi i link di prospettiva collegano unità appartenenti alla stessa componente. Dal punto di vista esplorativo collegano elementi omogenei che riguardano lo stesso soggetto i link strutturali collegano componenti della stessa entità, e rappresentano le relazioni indotte dalla struttura gerarchica delle entità. Dal punto di vista esplorativo collegano elementi a livello diverso pur rimanendo nel contesto della stessa informazione (entità). i link applicativi collegano entità diverse e componenti di entità diverse. Dal punto di vista esplorativo realizzano le tipiche associazioni ipertestuali dipendenti dal significato dell applicazione Augusto Celentano Sistemi Ipermediali - 21 Augusto Celentano Sistemi Ipermediali - 22 Le strutture di navigazione in HDM HDM2 La esplorazione sistematica avviene tra elementi di una collezione o tra collezioni utilizza link strutturali, applicativi e di prospettiva, che possono essere specializzati in funzione del tipo di esplorazione che consentono Indici sono collegamenti che legano un nodo di tipo collezione ai suoi membri e viceversa Cammini guidati sono collegamenti che legano i membri di una collezione in una sequenza lineare che può essere attraversata nei due sensi, possibilmente in modo circolare Estende il modello HDM con meccanismi di accesso generalizzazione del concetto di link semantica navigazionale La nozione centrale è lo schema dell applicazione che specifica le proprietà generali di una applicazione ipermediale in termini di: classi degli oggetti di informazione (tipi di entità) classi delle relazioni (tipi di web applicativi) struttura di navigazione sugli oggetti informativi (indici e tour guidati) (Garzotto, Mainetti, Paolini, 1996) Augusto Celentano Sistemi Ipermediali - 23 Augusto Celentano Sistemi Ipermediali - 24

7 Relationship Management Methodology (RMM) RM Data Model: gli oggetti RMM definisce un modello dei dati e una metodologia per il progetto e la costruzione di applicazioni ipermediali Prende spunto dal modello Entità-Relazioni, da cui eredita i concetti di base, e a cui associa un insieme di trasformazioni per la definizione di una struttura di navigazione E adatto soprattutto alle applicazioni che trattano informazioni con struttura regolare dinamiche, aggiornate frequentemente E orientato alla progettazione di sistemi informativi in cui la struttura e le relazioni tra le informazioni devono essere chiaramente identificabili durante la navigazione (Isakowitz et al., 1995) Le primitive RMDM che modellano il dominio applicativo derivano dal modello entità-relazioni le entità e i loro attributi rappresentano oggetti astratti o concreti le associazioni tra le diverse entità sono modellate da relazioni associative 1-1 o 1-molti A queste si aggiunge lo slice, che raggruppa gli attributi in funzione delle esigenze di presentazione Entità Attributo Relazione 1-1 Relazione 1-molti Slice E A S Augusto Celentano Sistemi Ipermediali - 25 Augusto Celentano Sistemi Ipermediali - 26 RM Data Model: le primitive di accesso Un esempio RMM: il modello E-R La navigazione in RMDM è modellata da sei primitive di accesso i link (uni- e bi-direzionali) sono usati per specificare l accesso tra slice della stessa entità i gruppi agiscono da menu e permettono l accesso alle diverse parti dell applicazione gli indici fungono da tavola dei contenuti, permettendo di accedere direttamente alle istanze delle entità I tour guidati creano un percorso lineare e controllato tra le istanze delle entità I tour guidati indicizzati combinano la struttura del tour guidato con la possibilità di accedere direttamente ad ogni elemento Link uni-direzionale Link bi-direzionale Gruppo Indice Tour guidato Tour indicizzato Augusto Celentano Sistemi Ipermediali - 27 Augusto Celentano Sistemi Ipermediali - 28

8 Un esempio RMM: il modello RMDM RM Data Model: accesso condizionale e gerarchico insegna(d,c) Docente Corso menu docenti menu principale corsi insegnato_da(c,d) per nome per fascia Docente Corso Augusto Celentano Sistemi Ipermediali - 29 Augusto Celentano Sistemi Ipermediali - 30 Un esempio RMM: slice design RMM: la metodologia di progetto La metodologia di progetto RMM consiste di sette fasi progetto entità-relazioni: quali sono gli elementi del dominio informativo e che relazioni hanno progetto degli slice: come dividere e organizzare l informazione per la visualizzazione progetto della navigazione: come l utente accede all informazione: menu, indici, tour guidati progetto dell interfaccia utente: come l informazione viene presentata: layout, dispositivi di interazione progetto delle regole di conversione: come gli elementi dello schema RMDM si traducono in elementi concreti della piattaforma implementativa progetto del supporto run-time: come l applicazione si comporta durante l esecuzione: inserimento e modifica dei dati, automatismi, backtrack, storia, etc. implementazione e test Augusto Celentano Sistemi Ipermediali - 31 Augusto Celentano Sistemi Ipermediali - 32

SistemiInformatividiRete

SistemiInformatividiRete SistemiInformatividiRete AA 2000-01 (IV) Progettazione di siti Web: un approccio per Entita e Relazioni Progetto e costruzione di applicazioni ipermediali Ingegneria del SW: disciplina che studia le linee

Dettagli

Sistemi Informativi e WWW

Sistemi Informativi e WWW Premesse Sistemi Informativi e WWW WWW: introduce un nuovo paradigma di diffusione (per i fornitori) e acquisizione (per gli utilizzatori) delle informazioni, con facilità d uso, flessibilità ed economicità

Dettagli

connessioni tra i singoli elementi Hanno caratteristiche diverse e sono presentati con modalità diverse Tali relazioni vengono rappresentate QUINDI

connessioni tra i singoli elementi Hanno caratteristiche diverse e sono presentati con modalità diverse Tali relazioni vengono rappresentate QUINDI Documenti su Internet LINGUAGGI DI MARKUP Internet permette (tra l altro) di accedere a documenti remoti In generale, i documenti acceduti via Internet sono multimediali, cioè che possono essere riprodotti

Dettagli

Considera tutti i requisiti funzionali (use cases) NON deve necessariamente modellare i requisiti non funzionali

Considera tutti i requisiti funzionali (use cases) NON deve necessariamente modellare i requisiti non funzionali Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica Corso di Ingegneria del Software A. A. 2008 - Progettazione OO E. TINELLI Punto di Partenza Il modello di analisi E una rappresentazione minima del

Dettagli

Ingegneria del Software UML - Unified Modeling Language

Ingegneria del Software UML - Unified Modeling Language Ingegneria del Software UML - Unified Modeling Language Obiettivi. Presentare un approccio visuale alla progettazione. Illustrare i vantaggi dell utilizzo di diagrammi nella fase di progettazione. Rispondere

Dettagli

La Progettazione Concettuale

La Progettazione Concettuale La Progettazione Concettuale Università degli Studi del Sannio Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Informatica CorsodiBasidiDati Anno Accademico 2006/2007 docente: ing. Corrado Aaron Visaggio

Dettagli

Alessandra Raffaetà. Basi di Dati

Alessandra Raffaetà. Basi di Dati Lezione 2 S.I.T. PER LA VALUTAZIONE E GESTIONE DEL TERRITORIO Corso di Laurea Magistrale in Scienze Ambientali Alessandra Raffaetà Dipartimento di Informatica Università Ca Foscari Venezia Basi di Dati

Dettagli

Sistemi Informativi e Servizi in Rete

Sistemi Informativi e Servizi in Rete Sistemi Informativi e Servizi in Rete prof. V. De Antonellis Dipartimento di Ingegneria dell'informazione Università di Brescia valeria.deantonellis@ing.unibs.it Materiale del corso Sito web: www.ing.unibs.it/~deantone/

Dettagli

09/11/2009. Requisiti della base di dati. Schema concettuale. Schema logico. Schema fisico. Progettazione concettuale. progettazione logica

09/11/2009. Requisiti della base di dati. Schema concettuale. Schema logico. Schema fisico. Progettazione concettuale. progettazione logica Corso di Basi di Dati Spaziali Progettazione concettuale e progettazione logica Angelo Montanari Donatella Gubiani Progettazione di una base di dati È una delle attività svolte nell ambito del processo

Dettagli

Progettare una basi di dati vuole dire progettare la struttura dei dati e le applicazioni

Progettare una basi di dati vuole dire progettare la struttura dei dati e le applicazioni LA PROGETTAZIONE DI BASI DI DATI Progettare una basi di dati vuole dire progettare la struttura dei dati e le applicazioni La progettazione dei dati è l attività più importante Per progettare i dati al

Dettagli

INFORMATICA CORSI DELL'INDIRIZZO TECNICO CLASSI PRIME AMMINISTRAZIONE - FINANZA E MARKETING

INFORMATICA CORSI DELL'INDIRIZZO TECNICO CLASSI PRIME AMMINISTRAZIONE - FINANZA E MARKETING INFORMATICA CORSI DELL'INDIRIZZO TECNICO CLASSI PRIME AMMINISTRAZIONE - FINANZA E MARKETING Modulo propedeutico Le lezioni teoriche sono sviluppate sui seguenti argomenti: Struttura dell elaboratore: CPU,

Dettagli

I.T.C. Mario Pagano Napoli

I.T.C. Mario Pagano Napoli I.T.C. Mario Pagano Napoli Programmazione classe 3C Anno 04/05 Insegnante:Prof.ssa Anna Salvatore SETTORE: Economico INDIRIZZO: Amministrazione, Finanza e Marketing DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: INFORMATICA

Dettagli

HTML e Linguaggi. Politecnico di Milano Facoltà del Design Bovisa. Prof. Gianpaolo Cugola Dipartimento di Elettronica e Informazione

HTML e Linguaggi. Politecnico di Milano Facoltà del Design Bovisa. Prof. Gianpaolo Cugola Dipartimento di Elettronica e Informazione HTML e Linguaggi Politecnico di Facoltà del Design Bovisa Prof. Gianpaolo Cugola Dipartimento di Elettronica e Informazione cugola@elet.polimi.it http://home.dei.polimi.it/cugola Indice Il linguaggio del

Dettagli

Sistemi Distribuiti. Informatica B. Informatica B

Sistemi Distribuiti. Informatica B. Informatica B Sistemi Distribuiti Introduzione Che cos è un sistema distribuito? Un sistema distribuito è una collezione di computer indipendenti che appare all utente come un solo sistema coerente Da notare: le macchine

Dettagli

MANUALE MOODLE. Gestione Materiale Didattico

MANUALE MOODLE. Gestione Materiale Didattico MANUALE MOODLE Gestione Materiale Didattico 1 INDICE 1. INTRODUZIONE E DEFINIZIONE DI UN CORSO MOODLE... 4 2. FORMATO DI UN CORSO MOODLE... 6 2.1. Impostazione del formato di un corso Moodle... 6 2.2.

Dettagli

Il moderno messaggio mediatico: l Ipertesto e l Ipermedia. Stefano Cagol

Il moderno messaggio mediatico: l Ipertesto e l Ipermedia. Stefano Cagol Il moderno messaggio mediatico: l Ipertesto e l Ipermedia Sommario Esercizio Creazione di un ipertesto o ipermedia Competenze Quali le capacità e le competenze? Elementi Caratteristiche peculiari dell

Dettagli

Informatica per la comunicazione" - lezione 10 -

Informatica per la comunicazione - lezione 10 - Informatica per la comunicazione" - lezione 10 - Evoluzione del Web" Nell evoluzione del Web si distinguono oggi diverse fasi:" Web 1.0: la fase iniziale, dal 1991 ai primi anni del 2000" Web 2.0: dai

Dettagli

INTRODUZIONE. Data Base Management Systems evoluzione tecniche gestione dati

INTRODUZIONE. Data Base Management Systems evoluzione tecniche gestione dati INTRODUZIONE Accesso ai dati tramite DBMS Livelli di astrazione Modello dei dati: schema / istanza / metadati Alcuni modelli dei dati Linguaggi per DBMS Architettura di base di un DBMS cesarini - BDSI

Dettagli

PIANIFICAZIONE E REALIZZAZIONE DI UN SISTEMA INFORMATIVO 147 6/001.0

PIANIFICAZIONE E REALIZZAZIONE DI UN SISTEMA INFORMATIVO 147 6/001.0 PIANIFICAZIONE E REALIZZAZIONE DI UN SISTEMA INFORMATIVO 147 6/001.0 PIANIFICAZIONE E REALIZZAZIONE DI UN SISTEMA INFORMATIVO ELEMENTI FONDAMENTALI PER LO SVILUPPO DI SISTEMI INFORMATIVI ELABORAZIONE DI

Dettagli

Informatica Documentale

Informatica Documentale Informatica Documentale Ivan Scagnetto (scagnett@dimi.uniud.it) Stanza 3, Nodo Sud Dipartimento di Matematica e Informatica Via delle Scienze, n. 206 33100 Udine Tel. 0432 558451 Ricevimento: giovedì,

Dettagli

Principi dell ingegneria del software Relazioni fra

Principi dell ingegneria del software Relazioni fra Sommario Principi dell ingegneria del software Leggere Cap. 3 Ghezzi et al. Principi dell ingegneria del software Relazioni fra Principi Metodi e tecniche Metodologie Strumenti Descrizione dei principi

Dettagli

REQUISITO DI ACCESSIBILITA

REQUISITO DI ACCESSIBILITA ISTITUTO COMPRENSIVO Pascoli - Crispi Via Gran Priorato, 11-98121 Messina Via Monsignor D'Arrigo, 18-98122 Messina Tel/Fax. 09047030 090360037 e-mail: meic87300t@istruzione.it / meee00800r@istruzione.it

Dettagli

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE STATALE ABBA - BALLINI Via Tirandi n. 3-25128 BRESCIA www.abba-ballini.gov.it tel. 030/307332-393363 - fax 030/303379

Dettagli

XML. XML è contemporaneamente: XML non è:

XML. XML è contemporaneamente: XML non è: XML XML è contemporaneamente: Linguaggio di annotazione (Markup) che permette di creare gruppi di marcatori (tag set) personalizzati (MathML, XHTML, chemicalml, ecc..) Formato standard per lo scambio dei

Dettagli

Ipertesto. Reti e Web. Ipertesto. Ipertesto. Ipertestualità e multimedialità

Ipertesto. Reti e Web. Ipertesto. Ipertesto. Ipertestualità e multimedialità Ipertesto Reti e Web Ipertestualità e multimedialità Ipertesto: documento elettronico costituito da diverse parti: nodi parti collegate tra loro: collegamenti Navigazione: percorso tra diversi blocchi

Dettagli

ANALISI E PROGETTAZIONE OBJECT ORIENTED UNIFIED MODELLING LANGUAGE (UML)

ANALISI E PROGETTAZIONE OBJECT ORIENTED UNIFIED MODELLING LANGUAGE (UML) ANALISI E PROGETTAZIONE OBJECT ORIENTED UNIFIED MODELLING LANGUAGE (UML) a cura di Giacomo PISCITELLI Dipartimento di Elettrotecnica ed Elettronica Politecnico di Bari Questi appunti sono ricavati da una

Dettagli

DATABASE RELAZIONALI

DATABASE RELAZIONALI 1 di 54 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II DIPARTIMENTO DI DISCIPLINE STORICHE ETTORE LEPORE DATABASE RELAZIONALI Dott. Simone Sammartino Istituto per l Ambiente l Marino Costiero I.A.M.C. C.N.R.

Dettagli

Il World Wide Web. Il Servizio World Wide Web (WWW) WWW WWW WWW WWW. Storia WWW: obbiettivi WWW: tecnologie Le Applicazioni Scenari Futuri.

Il World Wide Web. Il Servizio World Wide Web (WWW) WWW WWW WWW WWW. Storia WWW: obbiettivi WWW: tecnologie Le Applicazioni Scenari Futuri. Il Servizio World Wide Web () Corso di Informatica Generale (Roberto BASILI) Teramo, 20 Gennaio, 2000 Il World Wide Web Storia : obbiettivi : tecnologie Le Applicazioni Scenari Futuri La Storia (1990)

Dettagli

PROGRAMMAZIONE MODULARE DI INFORMATICA CLASSE QUINTA - INDIRIZZO MERCURIO SEZIONE TECNICO

PROGRAMMAZIONE MODULARE DI INFORMATICA CLASSE QUINTA - INDIRIZZO MERCURIO SEZIONE TECNICO PROGRAMMAZIONE MODULARE DI INFORMATICA CLASSE QUINTA - INDIRIZZO MERCURIO SEZIONE TECNICO Modulo 1: IL LINGUAGGIO HTML Formato degli oggetti utilizzati nel Web Elementi del linguaggio HTML: tag, e attributi

Dettagli

Verifica di Accessibilità del sito www.aots.sanita.fvg.it

Verifica di Accessibilità del sito www.aots.sanita.fvg.it Verifica di Accessibilità del sito www.aots.sanita.fvg.it NOTE: Verifica effettuata in base ai requisiti descritti nell allegato A del Decreto Ministeriale 8 luglio 2005, ai sensi della legge n.4 del 9

Dettagli

Accessibilità sito internet dell Ente e obiettivi anno 2014 e seguenti

Accessibilità sito internet dell Ente e obiettivi anno 2014 e seguenti COMUNE DI GALLARATE Settore Risorse Economiche e Finanziarie Centro Elaborazione Dati Accessibilità sito internet dell Ente e obiettivi anno 2014 e seguenti Dichiarazione di accessibilità Il sito del Comune

Dettagli

Progettare Ipermedia. Presentazione

Progettare Ipermedia. Presentazione Progettare Ipermedia Presentazione L aspetto progettuale riveste notevole importanza in un percorso didattico impostato sulla produzione di ipermedia così come è importante pianificarne lo sviluppo su

Dettagli

Basi di Dati. Introduzione ai sistemi di basi di dati. K.Donno - Introduzione ai sistemi di basi di dati

Basi di Dati. Introduzione ai sistemi di basi di dati. K.Donno - Introduzione ai sistemi di basi di dati Basi di Dati Introduzione ai sistemi di basi di dati Introduzione ai sistemi di basi di dati Gestione dei Dati Una prospettiva storica File system verso DBSM Vantaggi di un DBMS Modelli dei dati Utenti

Dettagli

POR Regione Campania 2000-2006 Misura 3.14. Promozione della partecipazione Femminile al Mercato del Lavoro. Dispensa

POR Regione Campania 2000-2006 Misura 3.14. Promozione della partecipazione Femminile al Mercato del Lavoro. Dispensa DISPENSA I.C.T. POR Regione Campania 2000-2006 Misura 3.14 Promozione della partecipazione Femminile al Mercato del Lavoro Dispensa IL WORLD WIBE WEB: LINGUAGGI, STRUTTURE, FUNZIONI INDICE L ESPLOSIONE

Dettagli

Data Base. Prof. Filippo TROTTA

Data Base. Prof. Filippo TROTTA Data Base Definizione di DataBase Un Database può essere definito come un insieme di informazioni strettamente correlate, memorizzate su un supporto di memoria di massa, costituenti un tutt uno, che possono

Dettagli

Dichiarazione di Accessibilità

Dichiarazione di Accessibilità Dichiarazione di Accessibilità Il sito web del comune è stato progettato e realizzato con particolare attenzione a quanto prescritto dalla Legge 4/2004 (cosiddetta Legge Stanca ), contenente "Disposizioni

Dettagli

Presentazione e dimostrazione di utilizzo

Presentazione e dimostrazione di utilizzo L AMBIENTE OPEN SOURCE A SUPPORTO DELLE BEST PRACTICE DI ITIL un progetto open source per la gestione dei processi ICT Presentazione e dimostrazione di utilizzo Fabio Bottega f.bottega@tecnoteca.it MILANO,

Dettagli

SMIL: Synchronized Multimedia Integration Language

SMIL: Synchronized Multimedia Integration Language SMIL: Synchronized Multimedia Integration Language Giancarlo Fortino g.fortino@unical.it http://si.deis.unical.it/~fortino/teaching/gdmi/index.htm 1 Cronologia Nov 97: Prima release pubblica di SMIL Apr

Dettagli

SITI WEB DEL COMUNE DI PESARO, RAPPORTO DI CONFORMITA' AI REQUISITI TECNICI DELLA LEGGE N.4-9 GENNAIO 2004

SITI WEB DEL COMUNE DI PESARO, RAPPORTO DI CONFORMITA' AI REQUISITI TECNICI DELLA LEGGE N.4-9 GENNAIO 2004 SITI WEB DEL COMUNE DI PESARO, RAPPORTO DI CONFORMITA' AI REQUISITI TECNICI DELLA LEGGE N.4-9 GENNAIO 2004 Le pagine del sito istituzionale e dei siti tematici del Comune di Pesaro sono state progettate

Dettagli

RICERCA DELL INFORMAZIONE

RICERCA DELL INFORMAZIONE RICERCA DELL INFORMAZIONE DOCUMENTO documento (risorsa informativa) = supporto + contenuto analogico o digitale locale o remoto (accessibile in rete) testuale, grafico, multimediale DOCUMENTO risorsa continuativa

Dettagli

INFORMATICA LE470. Ipertesto. Facoltà di Lettere e Filosofia anno accademico 2008/2009 secondo semestre

INFORMATICA LE470. Ipertesto. Facoltà di Lettere e Filosofia anno accademico 2008/2009 secondo semestre INFORMATICA LE470 Ipertesto Facoltà di Lettere e Filosofia anno accademico 2008/2009 secondo semestre Il World Wide Web un immenso ipertesto Le pagine Web non sono basate su una struttura lineare. E possibile

Dettagli

Università e territorio alla prova della modernizzazione tecnologica. Strumenti e nuovi scenari della formazione universitaria

Università e territorio alla prova della modernizzazione tecnologica. Strumenti e nuovi scenari della formazione universitaria Università e territorio alla prova della modernizzazione tecnologica Strumenti e nuovi scenari della formazione universitaria Università e territorio alla prova della modernizzazione tecnologica Strumenti

Dettagli

ITI M. FARADAY Programmazione modulare a.s. 2014-2015

ITI M. FARADAY Programmazione modulare a.s. 2014-2015 Indirizzo: INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI Disciplina: Informatica Docente:Maria Teresa Niro Classe: Quinta B Ore settimanali previste: 6 (3 ore Teoria - 3 ore Laboratorio) ITI M. FARADAY Programmazione

Dettagli

Lezione 1. Introduzione e Modellazione Concettuale

Lezione 1. Introduzione e Modellazione Concettuale Lezione 1 Introduzione e Modellazione Concettuale 1 Tipi di Database ed Applicazioni Database Numerici e Testuali Database Multimediali Geographic Information Systems (GIS) Data Warehouses Real-time and

Dettagli

Il Livello delle Applicazioni

Il Livello delle Applicazioni Il Livello delle Applicazioni Il livello Applicazione Nello stack protocollare TCP/IP il livello Applicazione corrisponde agli ultimi tre livelli dello stack OSI. Il livello Applicazione supporta le applicazioni

Dettagli

Caratteristiche per la valutazione di un sistema wcm

Caratteristiche per la valutazione di un sistema wcm Caratteristiche per la valutazione di un sistema wcm Note per la compilazione Indicare se la caratteristica richiesta sia presente o meno, ovvero se sia integrabile/sviluppabile e con che tipo di intervento

Dettagli

ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE STATALE ABBA - BALLINI

ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE STATALE ABBA - BALLINI ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE STATALE ABBA - BALLINI Via Tirandi n. 3-25128 BRESCIA tel. 030/307332-393363 - fax 030/303379 www.abba-ballini.it email: info@abba-ballini.it DIPARTIMENTO DI INFORMATICA Sistemi

Dettagli

Indice generale. OOA Analisi Orientata agli Oggetti. Introduzione. Analisi

Indice generale. OOA Analisi Orientata agli Oggetti. Introduzione. Analisi Indice generale OOA Analisi Orientata agli Oggetti Introduzione Analisi Metodi d' analisi Analisi funzionale Analisi del flusso dei dati Analisi delle informazioni Analisi Orientata agli Oggetti (OOA)

Dettagli

Introduzione ai sistemi di basi di dati

Introduzione ai sistemi di basi di dati Basi di Dati Introduzione ai sistemi di basi di dati Alessandro.bardine@gmail.com alessandro.bardine@iet.unipi.it Introduzione ai sistemi di basi di dati Gestione dei Dati Una prospettiva storica File

Dettagli

3.3 Software didattico (scelta, uso, sviluppo)

3.3 Software didattico (scelta, uso, sviluppo) 3.3 Software didattico (scelta, uso, sviluppo) a cura di Enrico Giliberti, Università di Bologna 3.3.1 Reperimento dell informazione sul SD Individuare, accedere e consultare le principali fonti di informazione

Dettagli

Ingegneria del Software Progettazione

Ingegneria del Software Progettazione Ingegneria del Software Progettazione Obiettivi. Approfondire la fase di progettazione dettagliata che precede la fase di realizzazione e codifica. Definire il concetto di qualità del software. Presentare

Dettagli

LABORATORIO. 2 Lezioni su Basi di Dati Contatti:

LABORATORIO. 2 Lezioni su Basi di Dati Contatti: PRINCIPI DI INFORMATICA CORSO DI LAUREA IN SCIENZE BIOLOGICHE Gennaro Cordasco e Rosario De Chiara {cordasco,dechiara}@dia.unisa.it Dipartimento di Informatica ed Applicazioni R.M. Capocelli Laboratorio

Dettagli

Architettura del software: dai Casi d Uso al Modello

Architettura del software: dai Casi d Uso al Modello Architettura del software: dai Casi d Uso al Modello Lorenzo Barbieri Sono un Senior Trainer/Consultant in ObjectWay SpA (www.objectway.it), specializzato in architetture Microsoft.NET, Windows, SQL Server,

Dettagli

Sistemi Informativi e Basi di Dati

Sistemi Informativi e Basi di Dati Sistemi Informativi e Basi di Dati Laurea Specialistica in Tecnologie di Analisi degli Impatti Ecotossicologici Docente: Francesco Geri Dipartimento di Scienze Ambientali G. Sarfatti Via P.A. Mattioli

Dettagli

Introduzione ad UML. Perché modelliamo

Introduzione ad UML. Perché modelliamo Introduzione ad UML Pag. 1 Perché modelliamo Un modello è una semplificazione della realtà I modelli ci aiutano a visualizzare un sistema come è o come vorremmo che fosse ci permettono di specificare la

Dettagli

Indice generale. Parte I Anatomia del Web...21. Introduzione...xiii

Indice generale. Parte I Anatomia del Web...21. Introduzione...xiii Indice generale Introduzione...xiii Capitolo 1 La sicurezza nel mondo delle applicazioni web...1 La sicurezza delle informazioni in sintesi... 1 Primi approcci con le soluzioni formali... 2 Introduzione

Dettagli

Il testo digitale. Corso di Informatica umanistica. Corso di Informatica umanistica (2004/2005) dott. Isabella Chiari

Il testo digitale. Corso di Informatica umanistica. Corso di Informatica umanistica (2004/2005) dott. Isabella Chiari Il testo digitale dal testo cartaceo alla scrittura digitale Il testo ieri e oggi Testo: qualunque occorrenza comunicativa, scritta o parlata (Dressler e Beaugrande) Presentazione tradizionale di tipo

Dettagli

CeBAS. Centrale Bandi e Avvisi Pubblici Regionali (DGR n. 1556 del 11.09.2009)

CeBAS. Centrale Bandi e Avvisi Pubblici Regionali (DGR n. 1556 del 11.09.2009) CeBAS Centrale Bandi e Avvisi Pubblici Regionali (DGR n. 1556 del 11.09.2009) Introduzione Il progetto CEBAS: la finalità è di migliorare l efficienza operativa interna dell Ente rispondere alle aspettative

Dettagli

Database. Appunti di Amaranto Oronzo e Giancane Diego Lezione dell Ing. Lucia Vaira 24/04/2014

Database. Appunti di Amaranto Oronzo e Giancane Diego Lezione dell Ing. Lucia Vaira 24/04/2014 Database Appunti di Amaranto Oronzo e Giancane Diego Lezione dell Ing. Lucia Vaira 24/04/2014 Cos'è un database? È una struttura di dati composta da tabelle a loro volta composte da campi. Caratteristiche

Dettagli

Ipertesto, navigazione e cenni HTML. Lezione Informatica I CLAWEB

Ipertesto, navigazione e cenni HTML. Lezione Informatica I CLAWEB Ipertesto, navigazione e cenni HTML Lezione Informatica I CLAWEB 1 Il concetto di Ipertesto (1/2) Definizione: Modello testuale in cui le diverse unità di contenuti non sono articolate secondo un ordine

Dettagli

Lezione 5: Progettazione di Software e Database. Ingegneria del Software. Il Software 19/11/2011. Dr. Luca Abeti

Lezione 5: Progettazione di Software e Database. Ingegneria del Software. Il Software 19/11/2011. Dr. Luca Abeti Lezione 5: Progettazione di Software e Database Dr. Luca Abeti Ingegneria del Software L ingegneria del software è la disciplina che studia i metodi e gli strumenti per lo sviluppo del software e la misura

Dettagli

Tecniche Multimediali

Tecniche Multimediali Chiedersi se un computer possa pensare non è più interessante del chiedersi se un sottomarino possa nuotare Edsger Dijkstra (The threats to computing science) Tecniche Multimediali Corso di Laurea in «Informatica»

Dettagli

Automazione della gestione degli ordini d acquisto di una società di autonoleggio

Automazione della gestione degli ordini d acquisto di una società di autonoleggio Automazione della gestione degli ordini d acquisto di una società di autonoleggio Professore Gaetanino Paolone Studenti Paolo Del Gizzi Maurizio Di Stefano 1 INDICE INTRODUZIONE.pag.3 IL PIANO METODOLOGICO

Dettagli

Relazione Pinakes3 Analisi modello di business (BOZZA) di Valeriano Sandrucci 08/09/07

Relazione Pinakes3 Analisi modello di business (BOZZA) di Valeriano Sandrucci 08/09/07 Relazione Pinakes3 Analisi modello di business (BOZZA) di Valeriano Sandrucci 08/09/07 1. Introduzione...3 1.2. Application vs Tool... 3 2. Componenti logiche di un modello... 6 3. Ontologie e Semantic

Dettagli

Lista dei Punti di Controllo per l'accessibilità dei contenuti web

Lista dei Punti di Controllo per l'accessibilità dei contenuti web Lista dei Punti di Controllo per l'accessibilità dei contenuti web Questo documento è tratto dal sito del W3C http://www.w3.org/tr/wai-webcontent/full-checklist.html ed è stato tradotto dagli studenti

Dettagli

Progetto di Applicazioni Software

Progetto di Applicazioni Software Progetto di Applicazioni Software Antonella Poggi Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti SAPIENZA Università di Roma Anno Accademico 2010/2011 Questi lucidi sono stati prodotti sulla

Dettagli

Sviluppo di applicazioni web con il pattern Model-View-Controller. Gabriele Pellegrinetti

Sviluppo di applicazioni web con il pattern Model-View-Controller. Gabriele Pellegrinetti Sviluppo di applicazioni web con il pattern Model-View-Controller Gabriele Pellegrinetti 2 MVC: come funziona e quali sono vantaggi che derivano dal suo utilizzo? La grande diffusione della tecnologia

Dettagli

Reti di Calcolatori. Il Livello delle Applicazioni

Reti di Calcolatori. Il Livello delle Applicazioni Reti di Calcolatori Il Livello delle Applicazioni Il DNS Gli indirizzi IP sono in formato numerico: sono difficili da ricordare; Ricordare delle stringhe di testo è sicuramente molto più semplice; Il Domain

Dettagli

Conformità: Conforme; tutte le pagine sono realizzate con linguaggio XHTML 1.0 Strict.

Conformità: Conforme; tutte le pagine sono realizzate con linguaggio XHTML 1.0 Strict. Tasti di accesso rapido Al fine di migliorare l'accessibilità del sito sono stati definiti i seguenti tasti di accesso rapido, per attivare le principali funzionalità offerte: [H] = Homepage [R] = Ricerca

Dettagli

capitolo 7 LA CHECKLIST PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE TECNICO-DIDATTICA TTICA

capitolo 7 LA CHECKLIST PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE TECNICO-DIDATTICA TTICA capitolo 7 LA CHECKLIST PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE TECNICO-DIDATTICA TTICA 7.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si basa su un campione del prodotto, precedentemente selezionato

Dettagli

Stefania Marrara - Esercitazioni di Tecnologie dei Sistemi Informativi. Integrazione di dati di sorgenti diverse

Stefania Marrara - Esercitazioni di Tecnologie dei Sistemi Informativi. Integrazione di dati di sorgenti diverse Politecnico di Milano View integration 1 Integrazione di dati di sorgenti diverse Al giorno d oggi d la mole di informazioni che viene gestita in molti contesti applicativi è enorme. In alcuni casi le

Dettagli

Laboratorio di Tecnologie dell Istruzione e dell Apprendimento. Indice

Laboratorio di Tecnologie dell Istruzione e dell Apprendimento. Indice INSEGNAMENTO DI LABORATORIO DI TECNOLOGIE DELL ISTRUZIONE E DELL APPRENDIMENTO LEZIONE II IPERTESTI E WEB ANTOLOGIE CON WORD PROF.SSA ELVIRA VENTRE Indice 1 L ipertesto un modo naturale di elaborare le

Dettagli

Testo tratto da S. PIGLIAPOCO

Testo tratto da S. PIGLIAPOCO Testo tratto da S. PIGLIAPOCO, La memoria digitale delle amministrazioni pubbliche. Requisiti, metodi e sistemi per la produzione, archiviazione e conservazione dei documenti informatici, Santarcangelo

Dettagli

Formato per la rappresentazione elettronica dei provvedimenti normativi tramite il linguaggio di marcatura XML.

Formato per la rappresentazione elettronica dei provvedimenti normativi tramite il linguaggio di marcatura XML. Circolare 22 aprile 2002 n. AIPA/CR/40 Formato per la rappresentazione elettronica dei provvedimenti normativi tramite il linguaggio di marcatura XML. A tutte le Amministrazioni pubbliche 1. Premessa L

Dettagli

TECNOLOGIE DELL INFORMAZIONE E DELLA COMUNICAZIONE PER LE AZIENDE

TECNOLOGIE DELL INFORMAZIONE E DELLA COMUNICAZIONE PER LE AZIENDE TECNOLOGIE DELL INFORMAZIONE E DELLA COMUNICAZIONE PER LE AZIENDE Materiale di supporto alla didattica Tecnologie dell informazione e della comunicazione per le aziende CAPITOLO 3: Progettazione e sviluppo

Dettagli

EXPLOit Content Management Data Base per documenti SGML/XML

EXPLOit Content Management Data Base per documenti SGML/XML EXPLOit Content Management Data Base per documenti SGML/XML Introduzione L applicazione EXPLOit gestisce i contenuti dei documenti strutturati in SGML o XML, utilizzando il prodotto Adobe FrameMaker per

Dettagli

WebRatio. L altra strada per il BPM. Web Models s.r.l. www.webratio.com contact@webratio.com 1 / 8

WebRatio. L altra strada per il BPM. Web Models s.r.l. www.webratio.com contact@webratio.com 1 / 8 WebRatio L altra strada per il BPM Web Models s.r.l. www.webratio.com contact@webratio.com 1 / 8 Il BPM Il BPM (Business Process Management) non è solo una tecnologia, ma più a grandi linee una disciplina

Dettagli

Creare un Ipertesto. www.vincenzocalabro.it 1

Creare un Ipertesto. www.vincenzocalabro.it 1 Creare un Ipertesto www.vincenzocalabro.it 1 Obiettivi Il corso si prefigge di fornire: Le nozioni tecniche di base per creare un Ipertesto I consigli utili per predisporre il layout dei documenti L illustrazione

Dettagli

porte aperte sull e-learning di Gianluca Affinito gianluca.affinito@gmail.com

porte aperte sull e-learning di Gianluca Affinito gianluca.affinito@gmail.com porte aperte sull e-learning di Gianluca Affinito gianluca.affinito@gmail.com Cos è Moodle Moodle è un software per la gestione di corsi a distanza utilizzato a livello mondiale nelle Università, nelle

Dettagli

11.3 Software didattico (scelta, uso, sviluppo)

11.3 Software didattico (scelta, uso, sviluppo) 11.3 Software didattico (scelta, uso, sviluppo) a cura di Enrico Giliberti, Università di Bologna Quando si parla di software didattico (cioè programmi che servono per facilitare il processo di insegnamento/apprendimento)

Dettagli

Maria Grazia Ottaviani. informatica, comunicazione e multimedialità

Maria Grazia Ottaviani. informatica, comunicazione e multimedialità Maria Grazia Ottaviani informatica, comunicazione e multimedialità Unità digitale 1 Ambiente HTML Introduzione Oltre ai linguaggi di programmazione esistono anche linguaggi detti markup. Sono linguaggi

Dettagli

Interpretazione astratta

Interpretazione astratta Interpretazione astratta By Giulia Costantini (819048) e Giuseppe Maggiore (819050) Contents Interpretazione astratta... 2 Idea generale... 2 Esempio di semantica... 2 Semantica concreta... 2 Semantica

Dettagli

Progetto di Applicazioni Software

Progetto di Applicazioni Software Progetto di Applicazioni Software Antonella Poggi Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti SAPIENZA Università di Roma Anno Accademico 2008/2009 Questi lucidi sono stati prodotti sulla

Dettagli

INFORMATICA. Applicazioni WEB a tre livelli con approfondimento della loro manutenzione e memorizzazione dati e del DATABASE.

INFORMATICA. Applicazioni WEB a tre livelli con approfondimento della loro manutenzione e memorizzazione dati e del DATABASE. INFORMATICA Applicazioni WEB a tre livelli con approfondimento della loro manutenzione e memorizzazione dati e del DATABASE. APPLICAZIONI WEB L architettura di riferimento è quella ampiamente diffusa ed

Dettagli

SCHEDE DI INFORMATICA GLI ARCHIVI E LE BASI DI DATI

SCHEDE DI INFORMATICA GLI ARCHIVI E LE BASI DI DATI SCHEDE DI INFORMATICA GLI ARCHIVI E LE BASI DI DATI Il Database è una collezione di archivi di dati ben organizzati e ben strutturati, in modo che possano costituire una base di lavoro per utenti diversi

Dettagli

ISTITUTO TECNICO ECONOMICO MOSSOTTI

ISTITUTO TECNICO ECONOMICO MOSSOTTI CLASSE III INDIRIZZO A.F.M. UdA n. 1 Titolo: Le basi di dati Funzioni di un Data Base Management System (DBMS) Riconoscere i diversi modelli organizzativi aziendali, documentare le procedure e ricercare

Dettagli

ADA. E learning e open source

ADA. E learning e open source 1 ADA. E learning e open source ADA 1.7.1 Come cresce un Ambiente Digitale per l'apprendimento open source Maurizio Graffio Mazzoneschi 2 Cos'è il software libero Libertà 0, o libertà fondamentale: la

Dettagli

Comprendere cosa è Internet e sapere quali sono i suoi principali impieghi. 25/09/2011 prof. Antonio Santoro

Comprendere cosa è Internet e sapere quali sono i suoi principali impieghi. 25/09/2011 prof. Antonio Santoro Comprendere cosa è Internet e sapere quali sono i suoi principali impieghi. 1 Internet è una rete che collega centinaia di milioni di computer in tutto il mondo 2 Le connessioni sono dei tipi più disparati;

Dettagli

Informatica per la comunicazione" - lezione 9 -

Informatica per la comunicazione - lezione 9 - Informatica per la comunicazione" - lezione 9 - Internet Web!" Il web è solo uno degli aspetti di internet." In particolare, chiamiamo web tutta l informazione che riusciamo a ottenere collegandoci ad

Dettagli

Contenuti. Applicazioni di rete e protocolli applicativi

Contenuti. Applicazioni di rete e protocolli applicativi Contenuti Architettura di Internet Principi di interconnessione e trasmissione World Wide Web Posta elettronica Motori di ricerca Tecnologie delle reti di calcolatori Servizi Internet (come funzionano

Dettagli

Archivi e database. Lezione n. 7

Archivi e database. Lezione n. 7 Archivi e database Lezione n. 7 Dagli archivi ai database (1) I dati non sempre sono stati considerati dall informatica oggetto separato di studio e di analisi Nei primi tempi i dati erano parte integrante

Dettagli

Primi passi con Jamio Composer. Dall idea applicativa alla soluzione in pochi minuti

Primi passi con Jamio Composer. Dall idea applicativa alla soluzione in pochi minuti Primi passi con Jamio Composer Dall idea applicativa alla soluzione in pochi minuti Comporre una nuova soluzione applicativa Jamio Composer è l ambiente di modellazione della piattaforma Jamio. Le soluzioni

Dettagli

Descrizione Formale Esplicita Dominio

Descrizione Formale Esplicita Dominio Ontologia Abbiamo visto che tassonomie e tesauri fissano una semantica. Per arricchire la semantica si deve passare a modelli concettuali e teorie logiche. Un modello concettuale è il modello di una particolare

Dettagli

SISTEMI DOCUMENTALI DISTRIBUITI PER LA CREAZIONE DI COMUNITÀ COOPERANTI

SISTEMI DOCUMENTALI DISTRIBUITI PER LA CREAZIONE DI COMUNITÀ COOPERANTI SISTEMI DOCUMENTALI DISTRIBUITI PER LA CREAZIONE DI COMUNITÀ COOPERANTI Il caso di studio della piattaforma Octapy CMS e i circuiti informativi della cultura delle regioni Campania e Puglia 3 C.Noviello

Dettagli

Il diagramma dei casi d uso

Il diagramma dei casi d uso Il diagramma dei casi d uso Laboratorio di Ingegneria del Software Prof. Paolo Ciancarini Dott. Sara Zuppiroli A.A. 2010/2011 Lab di Ingegneria del Software () Il diagramma dei casi d uso A.A. 2010/2011

Dettagli

Definizione Un modello astratto è la rappresentazione formale di idee e conoscenze relative a un fenomeno.

Definizione Un modello astratto è la rappresentazione formale di idee e conoscenze relative a un fenomeno. MODELLI INFORMATICI 1 Definizione Un modello astratto è la rappresentazione formale di idee e conoscenze relative a un fenomeno. Aspetti di un modello: il modello è la rappresentazione di certi fatti;

Dettagli

Analisi funzionale della Business Intelligence

Analisi funzionale della Business Intelligence Realizzazione di un sistema informatico on-line bilingue di gestione, monitoraggio, rendicontazione e controllo del Programma di Cooperazione Transfrontaliera Italia - Francia Marittimo finanziato dal

Dettagli

GLOSSARIO DI ARCHITETTURA DELL INFORMAZIONE

GLOSSARIO DI ARCHITETTURA DELL INFORMAZIONE GLOSSARIO DI ARCHITETTURA DELL INFORMAZIONE di K A T H A G E D O R N, A R G U S A S S O C I A T E S MARZO 2 0 0 0 traduzione di: BARBARA WIEL MARIN DICEMBRE 2009 1 GLOSSARIO DI ARCHITETTURA DELL INFORMAZIONE

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE EDOARDO AMALDI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE INFORMATICA

LICEO SCIENTIFICO STATALE EDOARDO AMALDI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE INFORMATICA LICEO SCIENTIFICO STATALE EDOARDO AMALDI CLASSI PRIME ORE SETTIMANALI: 2 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE INFORMATICA :: MACROARGOMENTI CHE VERRANNO TRATTATI NEL CORSO DEL CORRENTE ANNO SCOLASTICO MOD. 1 Concetti

Dettagli

Akoma Ntoso: principi generali. Fabio Vitali & Monica Palmirani Università di Bologna

Akoma Ntoso: principi generali. Fabio Vitali & Monica Palmirani Università di Bologna Akoma Ntoso: principi generali Fabio Vitali & Monica Palmirani Università di Bologna Sommario Si propongono qui le linee guida della progettazione dello standard Akoma Ntoso come risultato delle riflessioni

Dettagli