Lucca e la sua Piana: un sistema urbano in trasformazione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Lucca e la sua Piana: un sistema urbano in trasformazione"

Transcript

1 Dipartimento di Statistica e Matematica Applicata all Economia Università di Pisa Lucca e la sua Piana: un sistema urbano in trasformazione Autori: Federico Benassi (Dipartimento di Statistica e Matematica Applicata all Economia - Università di Pisa) Samanta Particelli (Ufficio Statistica - Comune di Lucca) Silvia Venturi (Dipartimento di Statistica e Matematica Applicata all Economia - Università di Pisa)

2 La ricerca è frutto del lavoro comune degli autori che se ne assumono congiuntamente la responsabilità. Tuttavia l introduzione, la parte 1, la parte 3 (escluso il paragrafo 3.2) e le conclusioni sono dovute a Silvia Venturi; la parte 2, il paragrafo 3.2 della parte 3, i paragrafi 4.1 e 4.3 (escluso il sottoparagrafo 4.3.4) della parte 4 sono dovuti a Federico Benassi; il paragrafo 4.2 e il sottoparagrafo della parte 4 sono dovuti a Samanta Particelli. L elaborazione dei dati è stata realizzata da Federico Benassi e Samanta Particelli. La ricerca è stata coordinata da Odo Barsotti (Dipartimento di Statistica e Matematica Applicata all Economia Università di Pisa) 2

3 Sommario Introduzione Città e sistema urbano L evoluzione della città. Uno spunto descrittivo: il ciclo di vita urbano La città come centro funzionale: abitanti e consumatori Spazio di vita e spazio vissuto Aspetti demografici dell Area Lucchese La popolazione residente dal 1951 al Movimenti naturali e migratori La struttura per età Struttura e dinamica delle attività economiche nell Area Lucchese Addetti e unità locali per settori e per Sel ai due censimenti La struttura economica della provincia e dei suoi Sel nell analisi Shift-share Il sistema territoriale lucchese Mobilità e interazioni spaziali nell Area Lucchese Introduzione La mobilità residenziale nel periodo Premessa Dal Centro, verso il Centro All interno del Centro Struttura per sesso e per età degli ingressi e delle uscite per cambiamento di residenza La mobilità pendolare per motivi di lavoro e studio Premessa La mobilità pendolare per lavoro e per studio tra le aree provinciali al La mobilità per lavoro e per studio con riferimento all Area Lucchese al La mobilità pendolare per motivi di lavoro e studio al Conclusioni Indice delle Figure Indice delle Tabelle Indice dei Cartogrammi Bibliografia

4 Introduzione È sempre più sentita l esigenza di analizzare la costante ed indubbia riorganizzazione del territorio che accompagna lo sviluppo della città. I tradizionali modelli interpretativi, e quindi le analisi conseguenti, non appaiono più pienamente soddisfacenti a cogliere la complessità di un fenomeno sempre più articolato. Anche concordando con Gottmann, per cui la città è invincibile (Gottmann, 1983), è indubbio che la sua posizione ed il suo ruolo sul territorio sono andati via via mutando nel tempo, anche in una realtà come quella italiana, caratterizzata da un esteso policentrismo (non per niente uno slogan che ha avuto molto successo cita appunto: l Italia delle mille città ) e, a maggior ragione, come quella toscana in cui lo spirito di campanile nei termini ovviamente di identità e di appartenenza alla città- è, come fa notare recentemente Elia, sempre molto marcato, tanto da fargli parlare della Toscana delle Toscane (Elia, 2002). Ciò che ha caratterizzato l evoluzione del concetto stesso di città è proprio il suo porsi in un sistema di relazioni, anche di tipo gerarchico, con il territorio circostante fino al consolidarsi di una sorta di vera e propria rete che configura e definisce un sistema: il sistema urbano. Da questa prospettiva, l oggetto dello studio è l Area Lucchese, cioè Lucca e l insieme dei comuni che gravitano intorno al capoluogo. Dal momento che definire il territorio oggetto di analisi, non è solo una premessa necessaria allo svolgimento dell indagine, ma essa stessa strumento conoscitivo capace di rappresentare o falsare i fenomeni in studio (Casini, 2002), abbiamo focalizzato l attenzione sul Sel Area Lucchese, così come definito dalla Regione Toscana, nell ambito del Programma Regionale di sviluppo Tale riferimento territoriale ci è sembrato opportuno, ai fini dello studio in oggetto, dal momento che il Sistema economico locale (Sel, appunto) si basa su una logica secondo noi appropriata, che combina l elemento di natura geograficoamministrativa con un elemento di tipo relazionale. Le strutture territoriali, cioè, possono essere pensate come risultati di due tipi di relazioni spaziali: quelle orizzontali, cioè messe in atto da soggetti ubicati in luoghi diversi (per esempio:residenza-luogo di lavoro), e quelle verticali che connettono le caratteristiche e il comportamento attuale di certi soggetti (abitanti, imprese, istituzioni) con le caratteristiche dei luoghi. La regione Toscana è stata così suddivisa in 31 Sel centrati sul comune con il maggior carico demografico il capoluogo- e costituiti dai comuni, per così dire, periferici che gravitano intorno al centro, e l Area Lucchese, centrata sul comune di Lucca, è appunto uno di essi. In particolare, lo studio si dipana in più parti. Nella prima parte, che ha valenza introduttiva, vengono presentate alcune teorie dello sviluppo della città e del sistema urbano. Certamente, non si ha la pretesa di esaurire quanto in materia, dal momento che si tratta di una problematica ampia che ormai da anni ha visto interessati molti studiosi, di svariate discipline geografi, demografi, sociologi, economisti, ma più recentemente anche architetti, solo per citarne alcuni- e che ha dato luogo ad un imponente letteratura. Lo scopo, non era presentare una rassegna, bensì fornire alcuni elementi di riflessione, poi riproposti nel corso dell analisi, per interpretare e valutare, alla luce delle teorie comunque più diffuse ed interessanti, quanto emerso dalla mera lettura dei dati. Successivamente, si passa all esame delle caratteristiche demografiche e delle dinamiche naturali e migratorie sia interne all Area Lucchese, ma anche in confronto con gli altri Sel della provincia, evidenziando poi il solo comune capoluogo per cercare di capire come Lucca si collochi nel processo evolutivo di vita della città che va dall urbanizzazione al declino urbano, passando per la suburbanizzazione e la 4

5 disurbanizzazione. La fonte dei dati è quella censuaria e, nello specifico, i censimenti generali della popolazione, a partire dal 1951, in modo da offrire non solo la situazione al 2001, ma anche quello che negli ultimi 50 anni, per ciò che concerne la popolazione, ha determinato quella situazione. Se la base demografica è ovviamente il punto di partenza imprescindibile, certo non è sufficiente a spiegare l organizzazione territoriale ed i complessi rapporti che regolano le dinamiche spaziali; non è solamente questione di numeri, quindi di quanto, ma anche di come. Allora, uno dei versanti di indagine che aiuta ad indagare quel come è quello della struttura produttiva, analizzata in termini di addetti ed unità locali, attraverso i dati dei censimenti economici del 1991 e del In particolare, si mira ad evidenziare, oltre alla struttura produttiva dell Area Lucchese, eventuali specificità di questa nel panorama provinciale; oltre a cercare, anche attraverso i dati economici, indizi di processi evolutivi del ruolo di Lucca nell ambito della Piana, nell arco degli ultimi anni. In altri termini, lo stadio di sviluppo della città misurato solamente in termini di perdita o incremento di popolazione non è di per sé significativo, se non affiancato dalla capacità che essa ha, per esempio, di creare occasioni di lavoro. Il centro può perdere peso demografico, ma acquistare importanza rispetto alla corona sotto il profilo occupazionale o della fruizione dei servizi, e l analisi della struttura economica fornisce certamente interessanti indizi in tal senso. Per capire allora quanto siano strette le relazioni tra centro e corona, Lucca e la sua Piana, è indispensabile studiare anche gli spostamenti di popolazione sia definitivi, i trasferimenti di residenza, sia temporanei, i movimenti pendolari. Nella quarta parte, quindi, sulla scorta di dati anagrafici, si analizzano i movimenti residenziali all interno dell Area Lucchese, ma anche tra le aree della provincia nonché le dinamiche orientate all esterno dei confini lucchesi. Successivamente, focalizzando l attenzione sul solo centro si entra nel dettaglio del solo comune di Lucca e delle sue frazioni, per qualificare più specificamente alla frazione interessata le eccedenze positive o negative dei trasferimenti di residenza. Nel suo piccolo, anche la realtà della sola città è composita ed articolabile tra frazioni spesso molto diversificate in quanto a caratteristiche socio-economiche ed abitative, che invece si perdono una volta che consideriamo indistintamente il totale comunale (spesso, peraltro, livello minimo di disponibilità dei dati). Il fatto che un centro urbano, per esempio, perda residenti, può non valere con la stessa intensità per tutti i quartieri, anzi ce ne potrebbero essere alcuni capaci di attrarre popolazione anche da fuori dei confini comunali, per condizioni ambientali particolarmente favorevoli in quanto a servizi offerti, o piacevolezza del contesto architettonico o naturale (la cosiddetta amenity). Il che, ovviamente, nell ambito del sistema comporta un valore aggiunto sotto il profilo della gerarchizzazione dei ruoli. Infine, si passa ad analizzare la mobilità pendolare per motivi di lavoro o di studio, gli unici rilevati dal censimento. Purtroppo, non è ancora possibile disporre dei dati completi e ufficiali relativi all anno 2001, quindi lo studio dettagliato si è fermato al A favore comunque della validità di questa parte dell indagine, nonostante tale evidente limite, è da notare che si imposta un quadro di riferimento che potrà essere aggiornato rapidamente con i nuovi dati, appena saranno diffusi. Oltre alla metodologia, ripetiamo oggettivamente valida, quindi esportabile nello spazio e nel tempo, è possibile anche in qualche modo estrapolare delle valutazioni che vadano a corredo del modello interpretativo sulla riorganizzazione del sistema urbano lucchese, così come si è delineato dai precedenti stadi di indagine. Semmai, si può lamentare che attraverso le rilevazioni ufficiali non sia ancora possibile cogliere la dimensione, e la direzione, dei flussi motivati diversamente, (quindi svago, cultura, salute, e così via), ma non per questo meno importanti nella definizione del ruolo della città in un sistema gerarchico di funzioni. 5

6 1. Città e sistema urbano. In una realtà come quella odierna, l analisi territoriale per meglio capire l evoluzione demo-economica di un determinato contesto si configura sempre più come un valido strumento sia sotto il profilo meramente conoscitivo, sia quale possibile presupposto per un approccio di tipo programmatorio. Appare suggestivo, in merito, il punto di vista per cui l organizzazione economica, sociale e politica del territorio si esprime in un sistema di luoghi (Sforzi, 2000; pag. 127), sottintendendo il territorio come strumento interpretativo della società come dell economia. Nello specifico, lo studio effettuato sull Area Lucchese ha lo scopo di cogliere non solo l evoluzione quantitativa e, per quanto possibile, qualitativa dei vari aspetti demografici ed economici degli ultimi anni, ma anche di rileggere, alla luce di quegli aspetti, il sistema territoriale; i rapporti tra le varie realtà comunali dell Area e tra queste ed il comune capoluogo. In questo quadro di riferimento, il fenomeno urbano si propone come l oggetto privilegiato di attenzione, quindi la città diventa l elemento centrale dell analisi in quanto imprescindibile punto di partenza nello studio dei complessi rapporti che regolano la vita del sistema lucchese. 1.1 L evoluzione della città. Uno spunto descrittivo: il ciclo di vita urbano Prima di entrare nel merito della specifica lettura dei dati, illustrata nei capitoli successivi, un analisi territoriale articolata intorno alla città non può prescindere da un richiamo, se pure parziale e rapido, all impianto teorico che, negli anni, ha definito l evoluzione del concetto stesso. Molto si è scritto sulla città, sul suo ruolo, sul suo ciclo di vita ed altro ancora, ma, comunque la si definisca, o la si interpreti, è innegabile che una quota sempre più consistente di popolazione nei paesi sviluppati viva proprio nelle città: si calcola che dal 66,6% nel 1970, la quota di popolazione urbana nei paesi ricchi arriverà al 79,1% nel Non solo, ma anche nei paesi in via di sviluppo è sempre più evidente la tendenza della popolazione ad inurbarsi tanto che dalla quota di popolazione urbana del 24,7% nel 1970, si prevede di arrivare al 46,8% al 2010 (United Nations, 1998). Il mondo contemporaneo, quindi, è un mondo sempre più urbano (Bortolotti, 2002; pag. 7). Le città, però, al di là della pura dimensione in termini demografici o territoriali, sono da considerarsi contesto di vita sociale per moltissimi individui (Vicari Haddock, 2004; pag. 2). Addirittura, mentre in una prima fase degli studi urbani il problema definitorio -e quindi l approccio- era legato quasi esclusivamente alla dimensione demografica per cui vi era un limite di popolazione al di sopra del quale un agglomerato veniva considerato urbano e al di sotto rurale ( abitanti; Golini, 1974), successivamente si sono introdotti ulteriori elementi distintivi, fino ad arrivare a considerare la città in quanto nodo di relazioni (Dematteis, 1997; pag. 18). Quindi, non più nemmeno la città come elemento singolo, quasi una monade da indagare nelle sue specificità, ma come punto di una rete che, a sua volta, si colloca in un più ampio sistema di connessioni (Dematteis, 1997). In questo quadro, allora, il centro urbano svolge una funzione propositiva nel contesto dei modelli locali di sviluppo, e la dimensione demografica passa in secondo luogo tanto che, a volte, vi è addirittura perdita di popolazione residente. 6

7 Il fulcro di qualsiasi approccio, a nostro avviso, rimane comunque la città in particolar modo per il contesto europeo nel quale ci collochiamo e, ancor più specificamente, per la realtà italiana prima e toscana poi. Qualunque sia, infatti, l approccio interpretativo che si voglia utilizzare, non si può non considerare che la validità delle categorie concettuali è subordinata ai tratti specifici del contesto cui ci riferiamo. Con ciò vogliamo sottolineare come alcuni modelli nati negli Stati Uniti non possano essere trasportati senza opportuni adattamenti nella realtà del nostro Paese, poiché l origine dello stesso oggetto di analisi, la città, è profondamente diversa e questa differenza crediamo sia fondamentale per l interpretazione. L Europa ha radici storiche e culturali ben diverse da altri ambiti geografici, in particolare, come fa notare la Ennen, nei Paesi della fascia mediterranea vi è stata una continuità dell occupazione del suolo ma anche del tipo di attività, comportamenti, modo di essere (Ennen, 1983). E, comunque, a livello europeo la maggior parte delle città moderne può considerarsi come un prosieguo dei centri medievali (Sbordone, 2001). Certo, la dimensione demografica è una componente essenziale, ma da sola non è sufficiente a definire il problema o, perlomeno, non considerando i suoi soli aspetti quantitativi. Quindi l innegabile evoluzione del fenomeno urbano, sotto qualunque assunto teorico lo si ricomprenda, non può essere pienamente colta se non intersecando vari aspetti. Il modello interpretativo del ciclo urbano di vita (Van den Berg, 1982) non appare, così, del tutto soddisfacente in quanto la teoria ciclica considera le dinamiche dello sviluppo urbano secondo una visione della città come sistema spaziale in sé indipendente e relativamente autonomo. Certamente, rispetto alla netta contrapposizione urbano-non urbano o, meglio ancora centrale-periferico, che, alla prima manifestazione di decremento demografico delle città dopo una precedente fase di grande richiamo della popolazione dalle aree limitrofe, faceva parlare di controurbanizzazione (Berry, 1976), la teoria ciclica propone un approccio molto più sfumato cogliendo più passaggi intermedi tra le varie fasi. Del resto, alla fine degli anni 80, Vitali notava come il cambiamento dei modelli di insediamento avvenuti nel nostro Paese tra il 1951 e il 1987 fosse da interpretarsi non tanto come fuga dalle città, quanto come fine della corsa verso le città per cui, piuttosto che di controurbanizzazione, fosse da parlare di suburbanizzazione intesa come un diffondersi dei valori urbani anche ai centri periferici (Vitali, 1990). Senza quindi voler attribuire alla teoria del ciclo di vita della città alcuna capacità esaustiva nell interpretare i fenomeni evolutivi che riguardano gli insediamenti urbani, non si può non convenire che comunque propone un modello descrittivo estremamente efficace, partendo dal presupposto che la città sia al centro (core) di un sistema periferico che le si articola intorno (ring) e che tutto sia determinato dai diversi assetti che la popolazione trova all interno del sistema. In un primo momento, quindi, si ha una fase iniziale di urbanizzazione, in cui la popolazione si concentra nel core, successivamente si passa ad una fase di suburbanizzazione che si verifica quando la pressione demografica sul ring si allenta e la popolazione comincia a privilegiare la residenza nel ring per cui la crescita, che ancora si verifica, dell intero sistema è a carico esclusivamente della periferia. Si crea allora una regione funzionale urbana estesa, quella che è stata chiamata anche la nuova città (Van der Borg, 1991). Quando, poi, anche il ring comincia a perdere popolazione, per cui tutto il sistema è in deficit demografico, allora si sta attuando la fase della disurbanizzazione, per poi approdare all ultimo stadio del ciclo quando, con un processo di riurbanizzazione, si ha un ritorno della popolazione all area centrale. Più recentemente Emanuel (Emanuel, 1997) ha proposto una articolazione maggiore tra le varie fasi del ciclo, letto peraltro come un processo transizionale, comprese tra i due estremi dell urbanizzazione estesa (la popolazione aumenta sia nel centro che nella corona) e della stagnazione demografica negativa (sia centro che corona sono in fase di declino demografico). All interno di questo intervallo si collocano situazioni diverse a seconda di quale elemento del sistema cresca, per cui si parla di: urbanizzazione assoluta quando il 7

8 sistema cresce solo grazie al suo centro e relativa quando la crescita del centro non riesce a compensare la contrazione demografica della corona, ma il sistema riesce comunque a mantenersi; suburbanizzazione assoluta quando, per contro, la crescita demografica è esclusivamente dovuta alla corona che, compensando ed eccedendo la perdita del centro, fa crescere il sistema e relativa quando la capacità di crescita della corona si riduce fino a non bilanciare più il decremento del centro, ma il sistema non è ancora in fase di declino. I passaggi tra uno stato e l altro avvengono, poi, secondo quattro traiettorie evolutive: periurbanizzazione quando il percorso procede dalla stagnazione demografica negativa all urbanizzazione estesa, attraverso i due momenti della suburbanizzazione, relativa e assoluta; urbanizzazione quando invece lo stesso percorso passa attraverso i due momenti dell urbanizzazione relativa prima e assoluta poi; disurbanizzazione quando il percorso è inverso, dall urbanizzazione estesa alla stagnazione demografica negativa, attraverso la suburbanizzazione assoluta e relativa; declino urbano, quando sempre quel percorso viene effettuato attraverso l urbanizzazione assoluta e relativa (Emanuel, 1997). Se, però, il valore descrittivo di queste impostazioni appare efficace, le traiettorie sinusoidali delle dinamiche demografiche centro-periferia, i quattro stadi del ciclo di vita urbano con le varie situazioni di concentrazione e deconcentrazione assoluta e relativa, sono tracciati e definiti, per ogni sistema urbano dalla città; è la città (il core) che cede e riacquista popolazione, in un contesto di asettica indipendenza. Invece, come accennato all inizio, tutto il sistema urbano è percorso da legami di stretta interdipendenza, all interno dei quali assumono rilevanza gli specifici aspetti relazionali, di tipo gerarchico-funzionale, tra i diversi contesti spaziali. Gli stessi stadi del ciclo di vita spesso si sovrappongono: suburbanizzazione o deurbanizzazione, per esempio, possono coesistere con la riurbanizzazione selettiva che si attua quando ceti sociali medio-alti si riorientano verso il centro urbano, rivitalizzandolo trasferendovi la residenza (dinamiche di gentrification). Non è tanto importante, allora, stabilire se le città siano nell uno o nell altro stadio, quanto piuttosto comprendere se il loro declino demografico non sottintenda una fase di ristrutturazione delle loro funzioni e dei loro spazi. Una fase in cui acquistano funzioni di rango superiore, diventano centri ricchi di attività direzionali, commerciali, culturali caratterizzati, negli spazi urbani, dalla concentrazione di personale qualificato e di servizi specializzati, con scarsa ma selezionata popolazione residente, con presenza di flussi di lavoratori e di consumatori urbani La città come centro funzionale: abitanti e consumatori Sembra allora legittimo sostenere che da una forma urbana tradizionale, identificabile in un ambito territoriale definito in cui risiede stabilmente una comunità e che coincide con una ripartizione amministrativa, si passa ad un ambito più ampio, delineato da un bacino di pendolarità dalle aree periferiche, fino ad una struttura a rete caratterizzata da vari livelli di interdipendenza (Martinelli, 2004). Quello che definisce il ruolo del centro è così la funzione, piuttosto che la sua vitalità sotto il profilo demografico e una delle prospettive da cui porsi per leggere i mutamenti urbani è quella proposta da Martinotti agli inizi degli anni 90: le popolazioni urbane (Martinotti, 1993). La città, cioè, si identifica, oltre che in base ai suoi abitanti, anche in base a coloro che quotidianamente vi insistono. E, se in una prima fase del suo sviluppo, si tratta solamente di lavoratori i pendolari o, per dirla con Martinelli, la popolazione presente diurna (Martinelli, 2004)-, in un secondo momento si aggiungono anche coloro che consumano servizi di alto livello, prevalentemente di natura culturale, cioè i consumatori metropolitani o city users. Addirittura, secondo Martinotti, sono proprio questi che risolvono il paradosso virtuale per cui le città si spopolano ma appaiono sempre più congestionate. A differenza dei pendolari per motivi di lavoro, che sono meno visibili sul 8

9 territorio, e meno problematici sotto il profilo dell impatto e dell organizzazione dei servizi infrastrutturali, in quanto legati al luogo ove svolgono la loro attività, i consumatori metropolitani sono ben presenti tanto che la città non starebbe affatto morendo a seguito di processi di deurbanizzazione, saremmo solamente noi osservatori ad osservare il fenomeno con lenti sfuocate (Martinotti, 1993; pagg ). Ma si sta affermando anche una quarta popolazione, in netta crescita, che usando l ambiente urbano contribuisce al suo dinamismo e ad incrementare la posizione gerarchica della città nell ambito del sistema. Si tratta dei metropolitan businessmen, individui molto selezionati, che utilizzano la città per incontri di affari, convegni, consulenze e così via, comunque tutte attività di profilo elevato e legate essenzialmente ad affari e scambi. La prevalenza di un utenza piuttosto che un altra segna il passaggio tra diversi tipi di città (di metropoli): di prima generazione, quando il centro attrae solamente i pendolari, di seconda generazione, quando diventa oggetto di interesse anche per i city users, di terza generazione, al momento che si afferma anche il flusso dei metropolitan businessmen. L accento si sposta, quindi, dal mero dato statistico sui residenti, al rapporto che gli individui hanno con il territorio. Ciò che acquista importanza è l utilizzazione che viene fatta della città, non solo per definirne il suo ruolo gerarchico, ma anche per i riflessi che ciò ha sulle sue strutture e infrastrutture: basti pensare all organizzazione del servizio dei trasporti a seconda che sia orientato verso i soli residenti che possono essere anche non numerosi e poco propensi allo spostamento- oppure ai lavoratori pendolari o agli studenti che quotidianamente insistono sul territorio, congestionando il sistema in alcune ore del giorno. O, ancora, all importanza che può avere in termini di bacino di utenza un polo sanitario in grado di far fronte ad esigenze molto diversificate. Non solo, ma anche in termini di impatto, ambientale ma non solo. Sia Martinotti (Martinotti, 1993) che Sbordone (Sbordone, 2001), per esempio, sottolineano come mentre il residente ha un rapporto costante con la città, per i servizi della quale paga le tasse, i pendolari o più in generale quelli che potremmo chiamare gli affluenti consumano spazio e risorse in una situazione fiscalmente asimmetrica (per esempio non pagano per i rifiuti solidi urbani che pure contribuiscono ad incrementare). Senza contare la particolare coorte definita dalla popolazione turistica, che non sempre fa un uso appropriato delle città così come i frequentatori di locali che possono creare disagio in termini di eccesso di traffico e rumore soprattutto nelle ore serali e notturne. I diversi modi di consumare lo spazio urbano, inoltre, possono concorrere a determinare conflitti non solo tra abitanti e consumatori, come sopra accennato, ma anche tra gli stessi consumatori. Sbordone cita in merito l esempio in cui un forte incremento di metropolitan business, che utilizzano e favoriscono la nascita di servizi in segmenti particolarmente qualificati e qualificanti, induce chi amministra il territorio a privilegiare questa fascia di utenza spingendo per il loro insediamento nel centro, costruendo alberghi, centri congressi e strutture di accoglienza. Ciò andrebbe così a penalizzare i city users, per esempio i frequentatori di locali notturni, ma anche i più tradizionali pendolari che comincerebbero a loro volta ad essere espulsi al seguito delle attività tradizionali, messe in fuga dal nuovo riassetto del territorio (Sbordone, 2001). Secondo l impostazione metodologica derivante dall approccio delle popolazioni urbane, si tratta allora di un complesso sistema di equilibri in cui l organizzazione dello spazio, ed il modo di vivere lo spazio cambiano di significato, determinando nel tempo l evoluzione del concetto stesso di città, il cui ruolo nell ambito del sistema dipende dalla sua capacità di attrarre e, potremmo dire gestire, le varie figure di utenti. 9

10 1.3. Spazio di vita e spazio vissuto Sempre sotto il profilo del rapporto con lo spazio, si colloca anche l approccio dello spazio di vita e dello spazio vissuto, che appare come uno dei più promettenti per definire un sistema territoriale. Esso, infatti, in qualche modo cerca di coniugare la dimensione oggettiva dell uso del territorio con gli aspetti soggettivi, intesi come percezione che l individuo ha dello spazio. Da una parte, cioè, si colloca l utilizzazione concreta dello spazio spazio di vita-, vale a dire l insieme dei solchi più o meno profondi che l individuo traccia con i suoi spostamenti sul territorio e che rappresenta la trama dei suoi rapporti sociali; dall altra si pone il suo senso di percezione dello spazio spazio vissuto-, cioè il senso di alienazione od appartenenza ad un ambiente. Potremmo dire, citando Micheli, che spazio di vita è una categoria logica.. che definisce i contorni del territorio in cui si esplica la rete delle attività ordinarie e delle relazioni sociali primarie dell individui, mentre spazio vissuto è una categoria dello spirito, una dimensione a cavallo tra il fisico e l immaginario (Micheli, 1994). Ovviamente, mentre lo spazio di vita è oggettivabile e quindi misurabile, ben più difficile è cogliere la dimensione dello spazio vissuto, in quanto fortemente definito dagli aspetti individuali, ma non per questo meno importante. La decisione di trasferire o meno la residenza o di utilizzare lo spazio in un modo piuttosto che in un altro non sono necessariamente indotte da agenti esterni. In altri termini, si può decidere di rimanere ad abitare nel comune, nella frazione, nel quartiere, dove si è sempre abitato, perché quella è la dimensione territoriale che sentiamo come casa, anche se mutamenti nella vita lavorativa diversa allocazione del proprio posto di lavoro, o diverso posto di lavoro tout courtpossono trasformarci in pendolari. Del resto, il trasferimento di residenza che ha portato molti abitanti della città a vivere nelle aree più periferiche fino alle varie forme di suburbanizzazione per dirla con i termini del ciclo di vita, se ha avuto una concausa importante nel mercato immobiliare là, almeno all inizio, più favorevole, si può pensare sia stato anche indotto da valutazioni individuali in termini di guadagno in amenity e, più in generale, qualità della vita che il centro urbano sempre più congestionato non garantiva più. Se questa impostazione appare suggestiva, non è però di facile attuazione, dal momento che, come già rilevato, la misurazione della componente individuale è estremamente problematica. Si può però cercare di intravedere in qualche modo indirettamente questa componente attraverso la lettura degli spostamenti nello spazio, legati alle loro motivazioni, quindi con metodi di analisi della mobilità spaziale. Attraverso l uso dello spazio il soggetto soddisfa i propri bisogni ed i propri obblighi, realizza i suoi tempi di lavoro e di studio ed i suoi tempi di vita per cui gli spostamenti quotidiani rappresentano uno dei processi di adeguamento spaziale tra domanda ed offerta di lavoro e servizi rappresentando, i cambiamenti di residenza, uno degli altri modi di adeguamento. D altra parte, i due tipi di spostamento sono spesso fortemente interconnessi. Se consideriamo in particolare il fenomeno della mobilità spaziale delle forze di lavoro, esso può essere interpretato sia come risposta allo spazio economico, cioè come processo di adeguamento a cui il lavoratore è soggetto nella sua funzione di fattore produttivo e di consumatore, sia come condizione di equilibrio dello spazio, cioè come processo condizionante l intero sistema delle localizzazioni. Grazie alla sua mobilità, ciascuna unità lavorativa può offrire la sua capacità di lavoro in tutti i punti dello spazio e tale offerta può concretizzarsi sia attraverso lo spostamento periodico tra luogo di residenza e luogo di lavoro, sia cambiando il luogo di residenza, sia entrambi. In sintesi, il processo di adeguamento spaziale dell individuo quale fattore produttivo può avvenire secondo tre modalità: attraverso la modificazione della relazione con lo spazio a seguito di un cambiamento di residenza e/o di lavoro, attraverso lo 10

11 spostamento periodico tra i due luoghi; attraverso una combinazione dei due. Questo determina, tra le varie aree in cui si articola lo spazio una serie di rapporti di scambio tra individui e, a seconda della modalità in cui si estrinseca la risposta migratoria, gli spostamenti definitivi e quelli periodici possono trovarsi in situazioni di concorrenzialità o di complementarietà, oppure in una combinazione delle due (Termote, 1969; Bottai, Barsotti, 2003). L esempio utilizzato, però, è fortemente riduttivo dal momento che le relazioni spaziali tra i luoghi in cui si articola un sistema, non avvengono certo solamente per lavoro; e la localizzazione della residenza non è più orientata esclusivamente verso l annullamento della distanza residenza-lavoro, ma è determinata anche da altre valutazioni. Non solo, ma tale distanza è sempre meno la motivazione esclusiva dei movimenti giornalieri e dell utilizzazione quotidiana dello spazio. Nell analisi della mobilità spaziale si tiene conto spesso solo dei movimenti alternanti quotidiani, come gli spostamenti per lavoro o per studio per i quali, peraltro, vi è grande disponibilità di dati. Talvolta, tuttavia, nel quadro delle analisi gravitazionali si considerano anche gli spostamenti per acquisti, ma movimenti legati al tempo libero, alle attività ricreative e culturali, ai rapporti sociali, alla salute e così via sono generalmente trascurati. È vero che la frequenza di questi tipi di spostamento non è giornaliera, la loro importanza è indubbiamente crescente nella misura in cui possono superare il volume di quelli dovuti a motivi di lavoro o di studio, quotidiani e quindi decisivi nel definire lo spazio di vita. La minore ricorrenza, allora, è in qualche modo compensata dalla massa considerevole di interazioni che esse inducono e dal fatto che sono elementi caratterizzanti la qualità della vita (Bottai, Barsotti, 1994). Se, quindi, non si riesce facilmente a cogliere in termini quantitativi la dimensione individuale che caratterizza lo spazio vissuto, lo studio della mobilità quotidiana disaggregata per motivazione dello spostamento, consente comunque di definire la complessa organizzazione dei rapporti che definiscono un territorio. La mobilità quotidiana, infatti, è indotta dalla gerarchizzazione dei sistemi urbani, in quanto specializzazione delle varie parti del territorio in funzioni specifiche -residenziali, produttive, di servizi- di diverso rango, ma fortemente integrate. La sovrapposizione degli spazi di vita e degli spazi vissuti dà corpo al sistema urbano e identifica le zone di indifferenza nelle quali due o più sistemi urbani si intersecano. Allora, in sintesi, il problema dell evoluzione della città, la contrapposizione tra urbano e non urbano, questioni come la dicotomia urbanizzazione-contrurbanizzazione appaiono superati, o almeno superabili quando, se pur utilizzando categorie definitorie come quelle più o meno numerose dei vari stadi del ciclo di vita della città, si inquadra il problema anche sotto il profilo dell uso e del consumo dello spazio. Ci si inserisce, allora, in una prospettiva reale di sistema e più ancora di rete in cui la città appare come un nodo di relazioni che da un ambito circoscritto dal perimetro comunale, come era nel passato, si è estesa allargando i suoi confini fino a dove arriva il suo sistema urbano giornaliero. Questo, definito dalla complessità dei movimenti pendolari, fa sì che tutto il territorio interessato sia da considerarsi urbano, se pure non con intensità e modalità costanti (Dematteis, 1997). L oggetto di analisi privilegiato diventa allora il sistema urbano locale (Emanuel, 1997), al centro del quale comunque si colloca la città originaria.. che rimane.. il cuore e la forza trainante di tutto l insieme poiché in essa si concentrano i poteri decisionali e le funzioni di rango più elevato ed è in rapporto ad essa che si organizzano flussi e relazioni verso l esterno (Sbordone, 2001; pag. 76). Ciò che la città ha diffusamente perso in termini di abitanti, ma anche di funzioni produttive, lo ha guadagnato nel quadro di un generale riassetto dei sistema in termini di funzioni gerarchiche. Ciò che.. infatti.. caratterizza la città moderna sono le sue funzioni gerarchiche, le sue caratteristiche di incubatore del potere prometeico della cultura moderna, non la quota di popolazione e di occupazione che esprime: è una questione di quid, di rango delle funzioni e di qualità della 11

12 cultura, piuttosto che di quantum, di stoccaggio di unità fisiche (Piccolomini, 1994; pag. 119). 2. Aspetti demografici dell Area Lucchese In questa parte del lavoro analizzeremo i dati, di natura censuaria, relativi alla popolazione del comune di Lucca e della sua provincia. L intento è quello di evidenziare le dinamiche demografiche differenziali che hanno caratterizzato nel tempo Lucca rispetto agli altri comuni della propria area e l Area Lucchese rispetto al resto del territorio provinciale. 2.1 La popolazione residente dal 1951 al 2001 Primi interessanti spunti possono essere colti attraverso la lettura dell andamento della popolazione residente ai censimenti ( ) nella provincia e nel comune di Lucca. Dall analisi dei dati, si nota innanzitutto come la provincia di Lucca abbia sperimentato una fase di rapida crescita della popolazione residente ed una successiva fase di altrettanto rapida decrescita: l ammontare della popolazione è salito da poco meno di unità nel 1951 ad oltre unità nel 1981, con un incremento nel trentennio pari al 5,2%; dal 1981 la tendenza si è radicalmente invertita, ed in 20 anni la popolazione è scesa a poco più di 372 mila unità con una perdita del 3,5%, in linea con quanto avvenuto a livello regionale dove la popolazione, sempre a partire dal 1981, è diminuita di unità con una perdita del 2,3% (Tabella 1). Tabella 1: Popolazione dei comuni dell Area Lucchese, della Provincia di Lucca e della Regione Toscana. Censimenti Comuni Altopascio Capannori Lucca Montecarlo Pescaglio Porcari Villa Basilica Area Lucchese Provincia di Lucca Toscana Fonte: nostre elaborazioni su dati Istat Anche la popolazione residente nel comune di Lucca mostra una traiettoria evolutiva con l alternarsi di una fase di crescita a una fase di forte contrazione: essa passa da circa 88 mila unità nel 1951 a oltre 91 mila unità nel 1981, con un incremento pari al 3,3%. Dal 1981 la popolazione registra un rapido declino, arrivando nel 2001 a poco meno di 82 mila unità, con un decremento pari al 10,3%. E interessante sottolineare due aspetti: il primo è che, sia a livello provinciale che comunale, il 1981 rappresenta un vero e proprio punto di svolta nelle dinamiche evolutive della popolazione residente; il secondo è che la crescita della popolazione del comune di Lucca nella prima fase è stata relativamente meno accentuata rispetto a quella della 12

13 provincia nel suo insieme, e la diminuzione nella seconda fase è stata invece relativamente più marcata. Il risultato al termine dei 50 anni di osservazione è che la popolazione provinciale rimane leggermente al di sopra del livello toccato agli inizi del periodo, mentre la popolazione del comune di Lucca ne scende nettamente al di sotto (Figura 1 e Figura 2). Non solo, ma la forte tendenza all accelerazione della contrazione della base demografica del comune capoluogo, negli ultimi anni, è ancora più evidente se tradotta in termini di tasso geometrico (come lo stesso grafico sembra suggerire); esso, infatti, mostra come Lucca dal 1991 al 2001 abbia perso, annualmente, oltre 6 unità di popolazione ogni 1000 residenti, a fronte di 4,6 per mille nell intervallo intercensuario precedente. In altri termini, se permanesse la tendenza attuale, tra poco meno di 20 anni, il comune capoluogo potrebbe scendere ben al di sotto degli residenti. D altra parte, la tendenza demografica del comune di Lucca sembra inserirsi perfettamente nel quadro già delineato da Martinotti nei primi anni 90, in cui si evidenziava come le città comprese le piccole città non metropolitane ( abitanti) perdessero in tutta Italia popolazione, quando i comuni minori (fino a abitanti) incrementavano notevolmente (Martinotti, 1993). Figura 1: Popolazione residente nella provincia di Lucca. Censimenti Frequenze assolute Popolazione residente nella provincia di Lucca Anni censuari Fonte: nostre elaborazioni su dati Istat Figura 2: Popolazione residente nel comune di Lucca. Censimenti Frequenze assolute Popolazione residente nel comune di Lucca Anni censuari Fonte: nostre elaborazioni su dati Istat 13

14 Le differenze nei ritmi di variazione appaiono poi ancora più evidenti se la dinamica della popolazione del comune capoluogo si raffronta con quella della popolazione del resto della provincia (ossia della popolazione della provincia al netto di quella del comune capoluogo). Come si osserva dalla Figura 3, l andamento delle curve dei numeri indice (anno base 1951) mostra che i ritmi di crescita della popolazione dei due aggregati territoriali sono sostanzialmente simili fino a metà degli anni 60; poi i ritmi di variazione seguono percorsi diversi con crescenti divaricazioni. Infatti, mentre la popolazione del resto della provincia tende a stabilizzarsi sui livelli raggiunti al censimento del 1971, la popolazione del solo comune di Lucca sperimenta dai primi anni 80 ritmi di decremento crescenti. Al termine di mezzo secolo di dinamica demografica la popolazione del comune di Lucca è diminuita di oltre il 7% ed invece la popolazione del resto della provincia registra un incremento del 4%. L andamento demografico differenziale ha naturalmente ridotto l importanza relativa della popolazione del comune di Lucca sulla popolazione dell intera provincia. Figura 3: Popolazione residente nel comune di Lucca e nel resto della provincia lucchese. Censimenti , ,9 103,0 103,3 104,1 104,2 Valori numeri indice ,1 99,5 98,6 92,7 90 Resto provincia di Lucca Comune di Lucca Anni censuari Fonte: nostre elaborazioni su dati Istat Semmai è interessante osservare che il comune capoluogo perde peso nei confronti della popolazione della provincia già nel 1971, ovvero 10 anni prima rispetto all anno di svolta delle dinamiche evolutive del sistema territoriale lucchese (Figura 4). 14

15 Figura 4: Incidenza della popolazione del comune di Lucca rispetto alla popolazione della provincia lucchese. Censimenti , ,1 24,2 23,9 Incidenza della popolazione residente nel comune di Lucca 23, ,6 23,1 % 22, ,0 21, , Anni censuari Fonte: nostre elaborazioni su dati Istat Riducendo il dettaglio territoriale, passiamo a studiare le dinamiche evolutive che hanno caratterizzato Lucca nei confronti dei restanti comuni che compongono la sua piana e, in questo esame, ci riferiamo a modelli di crescita urbana di più largo uso nella letteratura geo-demografica, che fondano l analisi sulla ricognizione degli stadi percorsi dai sistemi urbani in un ipotetico processo di transizione. Più specificatamente, utilizziamo la classificazione tipologica prospettata nello schema di Emanuel (Emanuel, 1997). Il modello presuppone l identificazione di un centro (core) e di una periferia (ring) del sistema urbano. Nel nostro caso il core è rappresentato dal comune di Lucca e il ring dai restanti comuni dell Area Lucchese trattati, almeno per il momento, come un insieme omogeneo. 1 Dalla Figura 5, si nota come le traiettorie evolutive del comune di Lucca e del resto dell area si diversifichino nettamente, con scarti che fino ad oltre la metà degli anni 70 avvantaggiano il core del sistema urbano. Da quel momento la divaricazione tra le traiettorie si capovolge sempre più decisamente, nel senso che i saggi di variazione sono nettamente favorevoli al ring del sistema urbano, con scarti maggiori rispetto a quelli che avvantaggiavano precedentemente il core del sistema. 1 I restanti comuni appartenenti al Sel Area Lucchese sono: Altopascio, Capannori, Montecarlo, Pescaglia, Porcari, Villa Basilica. 15

16 Figura 5: Andamento della popolazione residente nel comune di Lucca e nel resto dell Area Lucchese ai censimenti ,0 104,3 103,3 105,1 105,2 102 Valori dei numeri indice ,1 94,9 97,9 98,6 92, Popolazione residente nel resto dell'area Lucchese Popolazione residente nel comune di Lucca Anni censuari Fonte: nostre elaborazioni su dati Istat Seguendo lo schema concettuale di Emanuel, si può azzardare una classificazione delle fasi che hanno caratterizzato le dinamiche insediative dell area. Come si osserva dalla Tabella 2, negli anni 50 il sistema urbano inizia a sperimentare una fase di urbanizzazione relativa, con la crescita di popolazione del core che non riesce a bilanciare ed eccedere la perdita nel ring mentre, nel decennio successivo, il sistema territoriale lucchese transita nettamente verso una situazione di urbanizzazione estesa in cui, appunto, crescono entrambe le componenti del sistema urbano. Questa fase si estende anche agli anni 70, durante i quali però comincia a manifestarsi una situazione di suburbanizzazione in cui la crescita complessiva è esclusivamente a carico della corona, situazione che prende decisamente corpo tra gli inizi degli anni 80 e gli inizi degli anni 90 e si consolida nel decennio che conclude il XX secolo quando si configura come vera e propria suburbanizzazione relativa con il tendenziale complessivo declino della popolazione del sistema, nonostante la tenuta della corona, dovuto alla sensibile contrazione del comune capoluogo. Tabella 2: Variazioni del Centro e della Corona dell Area Lucchese. Anni Centro Corona Variazioni Fonte: nostre elaborazioni su dati Istat Abbiamo considerato fin qui come un insieme omogeneo i comuni dell aggregato territoriale definito come ring. In realtà, questi comuni hanno registrato dinamiche demografiche assai differenziate. La disomogeneità può essere apprezzata attraverso la 16

17 lettura delle curve riportate nei grafici sottostanti. In particolare, si nota come i comuni di Altopascio e Porcari, a partire dal 1961, presentino trend di crescita sostenuta, senza alcuna discontinuità, lungo tutto il successivo quarantennio di analisi. Montecarlo, dopo una prima fase di incertezza, dal 1971 segue una traiettoria evolutiva costante che lo porta, a fine periodo, ad un livello di crescita di sicuro interesse. Al contrario, i comuni di Villa Basilica e di Pescaglia hanno sperimentato trend negativi: la popolazione del primo decresce con continuità seguendo un percorso di tipo lineare, quella del secondo diminuisce rapidamente fino al 1971, per poi mantenersi sostanzialmente stabile (Figura 6 e Figura 7). Figura 6: Trend della popolazione residente nei comuni dell'area Lucchese in "crescita". Censimenti , ,6 Valori numeri indice ,3 101,4 40 Altopascio Capannori 20 Montecarlo Porcari Anni censuari Fonte: nostre elaborazioni su dati Istat Figura 7: Trend della popolazione residente nei comuni dell'area Lucchese in "decrescita". Censimenti Valori numeri indice Pescaglia 63,5 63,0 Villa Basilica Anni censuari Fonte: nostre elaborazioni su dati Istat 17

18 E' comunque opportuno sottolineare che alcuni comuni del Sel hanno un ampiezza demografica piuttosto modesta (Tabella 3). Tabella 3: Popolazione dei comuni dell'area Lucchese al censimento Comuni dell'area Lucchese Popolazione al censimento 2001 Lucca Altopascio Capannori Montecarlo Pescaglia Porcari Villa Basilica Totale Fonte: nostre elaborazioni su dati Istat Senza quindi enfatizzare eccessivamente, non è comunque privo di rilievo il fatto che a seguito dei differenziali di crescita demografica, nella seconda metà del XX secolo, è mutata l importanza relativa dei 7 comuni del sistema. Infatti (Tabella 4) se nel 1951 Porcari era il quarto comune in ordine decrescente di importanza, escluso il capoluogo, nel 2001 guadagna oltre un punto percentuale e sale al terzo posto; Pescaglia subisce il percorso inverso con una perdita di incidenza di ben 1,4 punti percentuali. Ma il guadagno maggiore è sicuramente quello di Altopascio che nel 2001 raccoglie il 7% dei residenti dell Area Lucchese rispetto a neppure il 5% di 50 anni prima. Tabella 4: Distribuzione percentuale della popolazione per comune di residenza nell Area Lucchese. Fonte: nostre elaborazioni su dati Istat Comuni dell'area Lucchese 1951 Lucca 56,8 Altopascio 4,7 Capannori 26,9 Montecarlo 2,5 Pescaglia 3,8 Porcari 3,5 Villa Basilica 1,8 Totale resto area 43,2 Totale area 100, ,7 7,3 27,8 2,9 2,4 4,7 1,2 46,3 100,0 Il sistema Lucca e la sua Piana quindi sembra sperimentare pienamente, fino al compimento del processo, quanto già rilevato per il modello dell area del Centro (Italia) all inizio degli anni 80 (Barsotti, Bonaguidi 1981), seguendo un percorso di spillover (Barsotti, Bottai 1992) fino all attuale traiettoria verso la disurbanizzazione (Emanuel, 1997). In base a questa analisi più dettagliata il sistema territoriale lucchese appare allora più complesso: la periferia si arricchisce nel corso del tempo di elementi di centralità che acquistano un autonoma capacità di crescita demografica; una capacità di 18

19 crescita indotta da processi di crescita economica e produttiva e non solo da fenomeni di suburbanizzazione, di trasferimenti di residenze dal core del sistema. 2.2 Movimenti naturali e migratori Il senso della dinamica, il ruolo delle diverse tipologie territoriali, gli shifts temporali dipendono però in modo prevalente dal movimento migratorio. Il tasso di variazione per movimento naturale è meno differenziato tra le varie componenti territoriali del sistema di quanto lo sia il movimento migratorio. Quest ultimo, quindi, appare più espressivo della redistribuzione della popolazione all interno del bacino territoriale. Per questo motivo sono stati costruiti i bilanci demografici di 5 anni contigui centrati, di decennio in decennio, sugli anni dal 1961 al Il ricorso ad almeno un quinquennio è dovuto alla necessità di ridurre quanto più possibile gli effetti distorcenti dovuti ai piccoli numeri. Il commento, quindi, riguarderà i dati aggregati per quinquennio e distinti tra il comune di Lucca (il centro), e il resto dell area (la corona). Come si osserva dalla Tabella 5, tra la fine degli anni 50 e gli inizi dei 60 la corona del sistema territoriale lucchese è tributaria del centro: il comune di Lucca registra nel quinquennio un saldo migratorio netto di oltre 800 unità, gli altri comuni subiscono una perdita migratoria netta di unità di popolazione. Dopo appena un decennio, alla fine degli anni del miracolo economico, il ring comincia a sostituire il centro come area più vitale sul piano dello sviluppo demografico: l afflusso migratorio netto si riversa ora in misura preponderante nei comuni del resto dell area (quelli stessi comuni che 10 anni prima segnavano una forte deflusso netto) mentre il comune capoluogo accenna ad un certo rallentamento. Gli inizi degli anni 80 segnalano importanti mutamenti nel regime demografico. La contrazione delle nascite, che ha cominciato a manifestarsi con crescente intensità dalla metà degli anni 70, determina saldi naturali negativi nell intero sistema territoriale lucchese. Ma, mentre l afflusso migratorio netto nel ring riesce ad eccedere le perdite naturali, nel core esso non è sufficiente. La diminuzione delle nascite provoca una vera e propria caduta della natalità nel corso del decennio successivo. Il deficit naturale, anche per effetto del progressivo invecchiamento della popolazione, si aggrava. Nei 5 anni tra la fine degli anni 80 e gli inizi degli anni 90, l apporto migratorio netto riesce a colmare solo poco più di 1/5 delle perdite naturali nel comune di Lucca (10 anni prima ne copriva i 2/3). Nel resto del territorio dell Area Lucchese l eccedenza del saldo migratorio su quello naturale si riduce rispetto a 10 anni prima di oltre il 50% (dall 84% al 45%). Tabella 5 : Quadro riassuntivo dei saldi naturali e migratori. Lucca e resto dell'area Lucchese. Fonte: nostre elaborazioni su dati Istat Periodi SN SM ST SN/P *1000 SM/P * 1000 ANNI '59-'63 ANNI '69-'73 ANNI '79-'83 ANNI '89-'93 ANNI '99-'03 Lucca ,49 9,15 Resto Area Lucchese ,8-37,6 Lucca ,1 2,6 Resto Area Lucchese ,1 38,2 Lucca ,1 6,9 Resto Area Lucchese ,5-28,5 Lucca ,8 6,7 Resto Area Lucchese ,7 28,6 Lucca ,1 22,4 Resto Area Lucchese ,2 50,7 19

20 Il nuovo millennio sembra segnare l inizio di un recupero della vitalità demografica del comune capoluogo: nel quinquennio compreso tra gli ultimi anni del ventesimo secolo e i primi anni del ventunesimo, l afflusso migratorio netto risulta più che triplicato rispetto a dieci anni prima e colma pressoché totalmente il saldo naturale ancora negativo, ma più contenuto. Questo timido accenno di riurbanizzazione non attenua affatto il fenomeno della suburbanizzazione, che continua ad essere la principale modalità insediativa del sistema urbano lucchese. Il saldo migratorio netto del resto dell Area Lucchese (la corona) è, infatti, ulteriormente cresciuto ed appare meno scalfito dalle perdite naturali. Da notare (ancora Tabella 5), che tutti i comuni della Piana, ad eccezione di Villa Basilica, contribuiscono positivamente alla formazione di detto saldo ed in tutti l apporto migratorio compensa ed eccede il deficit naturale. La variazione per movimento migratorio esalta ancor più della variazione per movimento totale il ruolo guida nel processo di redistribuzione della popolazione dal centro verso la periferia dei comuni di Altopascio e Capannori, e più recentemente di Porcari e Montecarlo. La recente performance del comune capoluogo, in termini di crescita migratoria, è certamente dovuta, in larga misura, alla forte crescita della componente estera del saldo migratorio. Ma potrebbe sottintendere anche l avvio o il rafforzamento di un processo di gentrification, di ritorno nel centro storico dei segmenti emergenti dei ceti sociali medi ed alti per il ripristino di proprietà immobiliari ; una riurbanizzazione selettiva che farebbe riacquistare al centro storico la sua funzione residenziale, condividendola con quella di rappresentanza politica ed economica. Si tratta, comunque, di dinamiche molto complesse in cui si intrecciano fattori demografici ma anche economico-sociali in una successione non necessariamente lineare, anzi più frequentemente in concomitanza o in concatenazione. La stessa gentrification viene da alcuni già messa in discussione come categoria interpretativa delle nuova realtà urbana, almeno per ciò che concerne la sua dimensione sociale in quanto la nuova colonizzazione delle aree centrali urbane da parte dei ceti medio-alti non farebbe necessariamente diminuire, in queste aree, le sacche di povertà (Sbordone, 2001). Valutare, quindi, se questo processo sia davvero in atto ed eventualmente quali siano la sua dimensione e la sua valenza; se ed in che misura sia la conseguenza dei pregressi fenomeni di suburbanizzazione; quanto rappresenti una specifica fenomenologia dell attuale modello di differenziazione sociale ed economica e di ristrutturazione dello spazio urbano, tutto questo (ed altro) potrebbe essere il compito di una futura ricerca. 2.3 La struttura per età Il raffronto dell evoluzione demografica del centro e della periferia ci ha fornito un quadro sufficientemente dettagliato delle dinamiche insediative che hanno caratterizzato il sistema territoriale lucchese dagli anni cinquanta ai primi anni del duemila. La transizione da una tipologia d insediamento a un altra, segnata dai diversi ritmi di crescita demografica delle componenti del sistema, ha agito tuttavia non solo sulla dimensione e sulla distribuzione territoriale della popolazione, ma anche sulla sua struttura. Sono note le relazioni tra gli elementi del sistema demografico: i flussi (naturali e migratori) influenzano la numerosità, ma anche la struttura per età della popolazione; d altra parte i flussi dipendono, in senso assoluto, dall ammontare della popolazione e, in senso sia assoluto che relativo, dalla sua struttura per età. I flussi, però, oltre che da questi elementi strutturali, dipendono anche dai comportamenti (De Santis, 1997). 20

CONOSCERE LE CITTA METROPOLITANE: QUALI DATI, QUALI ANALISI. Firenze, 07 maggio 2015

CONOSCERE LE CITTA METROPOLITANE: QUALI DATI, QUALI ANALISI. Firenze, 07 maggio 2015 CONOSCERE LE CITTA METROPOLITANE: QUALI DATI, QUALI ANALISI Firenze, 07 maggio 2015 1 Le 14 città metropolitane italiane. Un primo sguardo Le città metropolitane coprono il 17% del territorio italiano

Dettagli

MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013

MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013 MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013 Sono 383.883 le imprese nate nel 2012 (il valore più basso degli ultimi otto anni e 7.427 in meno rispetto al 2011), a fronte delle quali 364.972 - mille ogni

Dettagli

Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento

Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento Edizione 2015 40 anni di analisi e ricerca sulle trasformazioni economiche e sociali in Italia e in Europa:

Dettagli

La condizione della famiglia nella provincia di Verona

La condizione della famiglia nella provincia di Verona La condizione della famiglia nella provincia di Verona E uno studio sulle famiglie della provincia di Verona, condotto a livello territoriale, che entra nel dettaglio della loro composizione, della loro

Dettagli

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione PRODOTTI IN METALLO Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione Nel primo grafico viene rappresentata la crescita del settore; come misura dell attività si utilizza il valore aggiunto

Dettagli

L indagine svolta da AlmaLaurea nel 2013 ha coinvolto quasi 450mila laureati di primo e

L indagine svolta da AlmaLaurea nel 2013 ha coinvolto quasi 450mila laureati di primo e 1 L indagine svolta da AlmaLaurea nel 2013 ha coinvolto quasi 450mila laureati di primo e secondo livello di tutti i 64 atenei aderenti al Consorzio, che rappresentano circa l 80% del complesso dei laureati

Dettagli

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione ENERGIA Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione Nel primo grafico viene rappresentata la crescita del settore dell energia; come misura dell attività si utilizza il valore aggiunto

Dettagli

Le previsioni al 2016: valore aggiunto, produttività ed occupazione

Le previsioni al 2016: valore aggiunto, produttività ed occupazione ALIMENTARE Le previsioni al 2016: valore aggiunto, produttività ed occupazione L industria alimentare è piuttosto importante per l economia italiana; il valore aggiunto prodotto da questo settore rappresenta

Dettagli

IL BILANCIO SOCIALE E IL SUO RADICAMENTO NELLE ASSOCIAZIONI LINEE GUIDA E RIFLESSIONI SULLE METODOLOGIE

IL BILANCIO SOCIALE E IL SUO RADICAMENTO NELLE ASSOCIAZIONI LINEE GUIDA E RIFLESSIONI SULLE METODOLOGIE di Sergio Ricci 1 IL BILANCIO SOCIALE E IL SUO RADICAMENTO NELLE ASSOCIAZIONI LINEE GUIDA E RIFLESSIONI SULLE METODOLOGIE Intervento per il Convegno Turismo Sociale e Bilancio Sociale : contributi in un

Dettagli

2. Una economia equilibrata con un cuore pulsante industriale e turistico

2. Una economia equilibrata con un cuore pulsante industriale e turistico L analisi che il CRESME ha condotto, sulla base dell incarico ricevuto da ANCE COMO, con il contributo dalla CAMERA DI COMMERCIO DI COMO e sostenuto da Ordine degli Architetti, Ordine degli Ingegneri di

Dettagli

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione MACCHINE E APPARECCHIATURE ELETTRICHE Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione Nel primo grafico viene rappresentata la crescita del settore dell industria dell elettronica;

Dettagli

LA MOBILITA DEI GIOVANI ALLA PROVA DELLA CRISI

LA MOBILITA DEI GIOVANI ALLA PROVA DELLA CRISI LA MOBILITA DEI GIOVANI ALLA PROVA DELLA CRISI In questa fermata Audimob, l analisi dei dati riguarda un approfondimento sui comportamenti in mobilità dei giovani. UN SEGMENTO FORTE DELLA DOMANDA DI TRASPORTO?

Dettagli

I DATI IN SINTESI per la costruzione del Piano Strutturale

I DATI IN SINTESI per la costruzione del Piano Strutturale Forum Bologna. Città che cambia. I DATI IN SINTESI per la costruzione del Piano Strutturale 6. L EVOLUZIONE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Bologna aprile 2005 Indice 1. LE ABITAZIONI IN COMPLESSO...1 2. LE

Dettagli

L analisi degli investimenti

L analisi degli investimenti Corso di Laurea in Produzione dell Edilizia Corso di Economia e Gestione delle Imprese 9^ lezione L analisi degli investimenti 3 maggio 2005 Prof. Federico Della Puppa - A.A. 2004-2005 Dalla teoria alla

Dettagli

CAMPANIA, 6 CENSIMENTO GENERALE DELL AGRICOLTURA RISULTATI DEFINITIVI

CAMPANIA, 6 CENSIMENTO GENERALE DELL AGRICOLTURA RISULTATI DEFINITIVI CAMPANIA, 6 CENSIMENTO GENERALE DELL AGRICOLTURA RISULTATI DEFINITIVI Un decennio di profonde trasformazioni: l agricoltura Campana ha affrontato un periodo di grandi cambiamenti nello scenario socio-economico

Dettagli

MEDEC CENTRO DEMOSCOPICO METROPOLITANO

MEDEC CENTRO DEMOSCOPICO METROPOLITANO MEDEC CENTRO DEMOSCOPICO METROPOLITANO Bologna City Marketing 1 Aumento della popolazione Invecchiamento della popolazione attiva Abbassamento dell indice di vecchiaia e incremento dell i.s.p.a. Dal si

Dettagli

Le previsioni al 2016: valore aggiunto, produttività ed occupazione

Le previsioni al 2016: valore aggiunto, produttività ed occupazione ATTIVITÀ FINANZIARIE Le previsioni al 2016: valore aggiunto, produttività ed occupazione Il settore dell intermediazione monetaria e finanziaria ha acquistato rilevanza nel corso degli ultimi vent anni:

Dettagli

Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano. Audizione dell Istituto nazionale di statistica:

Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano. Audizione dell Istituto nazionale di statistica: VERSIONE PROVVISORIA Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano Audizione dell Istituto nazionale di statistica: Dott. Roberto Monducci Direttore

Dettagli

PICCOLO, GRANDE, NUOVO Il commercio in Piemonte prima della riforma

PICCOLO, GRANDE, NUOVO Il commercio in Piemonte prima della riforma Errore. L'argomento parametro è sconosciuto. Direzione Commercio Artigianato PICCOLO, GRANDE, NUOVO Il commercio in Piemonte prima della riforma Sintesi dei risultati Maggio 2002 Piccolo, grande, nuovo.

Dettagli

Gli immobili in Italia - 2015

Gli immobili in Italia - 2015 LO STOCK IMMOBILIARE IN ITALIA: ANALISI DEGLI UTILIZZI Gli immobili in Italia - 2015 LO STOCK IMMOBILIARE IN ITALIA: ANALISI DEGLI UTILIZZI Il primo capitolo è dedicato alla presentazione dei risultati

Dettagli

Famiglia, infanzia e povertà.

Famiglia, infanzia e povertà. Università Politecnica delle Marche Facoltà di Economia G. Fuà Convegno Povertà, Infanzia, Immigrazione in occasione del 70 Anniversario della Mensa del Povero Ancona, 5 aprile 2008 Famiglia, infanzia

Dettagli

NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A FEBBRAIO 2013 1. Provincia di Salerno Indicatori socio-economici -0,60% -28,3%

NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A FEBBRAIO 2013 1. Provincia di Salerno Indicatori socio-economici -0,60% -28,3% Osservatorio sul Mercato Immobiliare, Marzo 13 SALERNO NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A FEBBRAIO 13 1 Provincia di Indicatori socio-economici Figura 1 Negli ultimi dieci anni la popolazione

Dettagli

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione CARTA, STAMPA ED EDITORIA Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione Nel primo grafico viene rappresentata la crescita del settore; come misura dell attività si utilizza il valore

Dettagli

I fattori di contesto. La famiglia. Caratteri e trasformazioni. Il caso italiano

I fattori di contesto. La famiglia. Caratteri e trasformazioni. Il caso italiano I fattori di contesto. La famiglia. Caratteri e trasformazioni. Il caso italiano Corso di Politiche Sociali Facoltà di Scienze della Formazione Università Milano Bicocca Anno Accademico 2011-12 La famiglia

Dettagli

I.2 L analisi economico-finanziaria: redditività conseguita, redditività attesa e creazione di valore economico

I.2 L analisi economico-finanziaria: redditività conseguita, redditività attesa e creazione di valore economico Introduzione I.1 Premessa Analizzare la situazione economico-finanziaria di un impresa significa poter affrontare alcune questioni critiche della gestione dell azienda e cioè essere in grado di poter rispondere

Dettagli

Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole

Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole XIII Commissione Agricoltura Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole Giorgio Gobbi Servizio Studi di struttura economica e finanziaria della Banca d Italia Camera dei Deputati

Dettagli

ROMA AL 2015: UNA STRUTTURA METROPOLITANA POLICENTRICA Francesca Rossi

ROMA AL 2015: UNA STRUTTURA METROPOLITANA POLICENTRICA Francesca Rossi ROMA AL 2015: UNA STRUTTURA METROPOLITANA POLICENTRICA Francesca Rossi Credo che intervenire per ultima, anche solo per l ordine alfabetico, in questa giornata di riflessione sul futuro della città di

Dettagli

La spesa della Regione Lazio per la protezione dell ambiente Anni 1995-2001

La spesa della Regione Lazio per la protezione dell ambiente Anni 1995-2001 La spesa della Regione Lazio per la protezione dell ambiente Anni 1995-2001 L Istat diffonde, per la prima volta, la serie storica dei dati relativi alle spese per la protezione dell ambiente di un amministrazione

Dettagli

TAV. 1 Popolazione residente nelle Province della Regione Sardegna nel 2001 fonte: Istat

TAV. 1 Popolazione residente nelle Province della Regione Sardegna nel 2001 fonte: Istat Assessorato dei Trasporti PROVINCIA DI RBONIA-LESIAS TAV. 1 Popolazione residente nelle Sardegna nel 2001 fonte: Istat Variazione percentuale della popolazione delle Province della Regione Sardegna dal

Dettagli

La dinamica occupazionale nelle piccole imprese venete

La dinamica occupazionale nelle piccole imprese venete La dinamica occupazionale nelle piccole imprese venete Dinamiche occupazionali Il modello veneto è conosciuto come esempio di connubio vincente tra territorio e piccola impresa. Crescita e benessere economico

Dettagli

Rapporto Artigiancassa sul credito e sulla ricchezza finanziaria delle imprese artigiane. 12 edizione. 60 anni Artigiancassa.

Rapporto Artigiancassa sul credito e sulla ricchezza finanziaria delle imprese artigiane. 12 edizione. 60 anni Artigiancassa. Rapporto Artigiancassa sul credito e sulla ricchezza finanziaria delle imprese artigiane 12 edizione 60 anni Artigiancassa Abstract SOMMARIO Descrizione sintetica dei risultati del Rapporto 3 Finanziamenti

Dettagli

La RSA: introduzione metodologica

La RSA: introduzione metodologica La RSA: introduzione metodologica Cos è la RSA La Relazione sullo Stato dell Ambiente (RSA) è uno strumento di informazione con il quale le Pubbliche Amministrazioni presentano periodicamente ai cittadini

Dettagli

Le polis nel mondo contemporaneo. Silvia Mugnano Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale Università degli Studi di Milano Bicocca

Le polis nel mondo contemporaneo. Silvia Mugnano Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale Università degli Studi di Milano Bicocca Le polis nel mondo contemporaneo Silvia Mugnano Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale Università degli Studi di Milano Bicocca INDICE Diversi tipi di città contemporanee Dal città dei residenti

Dettagli

Capitolo 20: Scelta Intertemporale

Capitolo 20: Scelta Intertemporale Capitolo 20: Scelta Intertemporale 20.1: Introduzione Gli elementi di teoria economica trattati finora possono essere applicati a vari contesti. Tra questi, due rivestono particolare importanza: la scelta

Dettagli

Nel 2006, ultimo anno che ha fatto segnare un incremento delle vendite, si vendevano 5,5 milioni di copie al giorno; in un lustro si è bruciato

Nel 2006, ultimo anno che ha fatto segnare un incremento delle vendite, si vendevano 5,5 milioni di copie al giorno; in un lustro si è bruciato 1 Nel 2006, ultimo anno che ha fatto segnare un incremento delle vendite, si vendevano 5,5 milioni di copie al giorno; in un lustro si è bruciato quindi un milione di copie, pari a poco meno del 20% del

Dettagli

MUSEK WP N. 2. ENERGY BASELINE ASSESSMENT AND TARGET-SETTING Sec status for local community.

MUSEK WP N. 2. ENERGY BASELINE ASSESSMENT AND TARGET-SETTING Sec status for local community. MUSEK WP N. 2 ENERGY BASELINE ASSESSMENT AND TARGET-SETTING Sec status for local community. MUNICIPALITY OF RAVENNA Maggio 2007 Sommario Il Comune di RAVENNA...Errore. Il segnalibro non è definito. 1 L

Dettagli

IL BISOGNO DI SERVIZI PER I BAMBINI DA ZERO A 3 ANNI

IL BISOGNO DI SERVIZI PER I BAMBINI DA ZERO A 3 ANNI IL BISOGNO DI SERVIZI PER I BAMBINI DA ZERO A 3 ANNI 1. La rilevazione La rilevazione presso le famiglie con bambini da zero a 3 anni, residenti nei comuni dell Ambito territoriale dei servizi sociali

Dettagli

La popolazione residente in provincia di Trento attraverso l anagrafe e i flussi demografici anche in un ottica di Comunità di Valle

La popolazione residente in provincia di Trento attraverso l anagrafe e i flussi demografici anche in un ottica di Comunità di Valle Trento, 23 gennaio 2012 La popolazione residente in provincia di Trento attraverso l anagrafe e i flussi demografici anche in un ottica di Comunità di Valle La popolazione residente in provincia di Trento

Dettagli

Osservatorio Socio Economico

Osservatorio Socio Economico Osservatorio Socio Economico Circondario Empolese Valdelsa RAPPORTO CONGIUNTURALE REPORT COMMERCIO ANNO 2010 Con la collaborazione di Ricerca effettuata con il contributo della Camera di Commercio di Firenze

Dettagli

Nel mondo ci sono molte classifiche che

Nel mondo ci sono molte classifiche che L opinione pubblica viene spesso bombardata da una grande quantità di statistiche sui sistemi Paese che dicono tutto e il contrario di tutto. Come orientarsi in questo mare magnum? E come si colloca il

Dettagli

I Sistemi Locali del Lavoro della Provincia della Brianza. Istat - Ufficio Statistica e Studi Comune di Monza. Introduzione

I Sistemi Locali del Lavoro della Provincia della Brianza. Istat - Ufficio Statistica e Studi Comune di Monza. Introduzione I Sistemi Locali del Lavoro della Provincia della Brianza Istat - Ufficio Statistica e Studi Comune di Monza Introduzione L Istat ha diffuso le informazioni sui Sistemi Locali del Lavoro (*) individuati

Dettagli

7.2. La costruzione degli indicatori demografici: la struttura dei flussi

7.2. La costruzione degli indicatori demografici: la struttura dei flussi 544 7.2. La costruzione degli indicatori demografici: la struttura dei flussi La seconda sottocomponente analizzata per l analisi demografica concerne le dinamiche dei flussi, considerando come tali i

Dettagli

6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO

6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO 6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO Nel comprendere le strategie formative adottate dalle grandi imprese assume una particolare rilevanza esaminare come si distribuiscano le spese complessivamente sostenute

Dettagli

AGENZIA CIVICA DI AVVIAMENTO AL CREDITO

AGENZIA CIVICA DI AVVIAMENTO AL CREDITO per l innovazione della città CHANGE MILANO è un iniziativa del Partito Democratico: un piano di progetti d innovazione per il governo della Città AGENZIA CIVICA DI AVVIAMENTO AL CREDITO Per aprire la

Dettagli

NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A FEBBRAIO 2013 1. Provincia di Verona Indicatori socio-economici -20,6% -0,29% -27,3%

NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A FEBBRAIO 2013 1. Provincia di Verona Indicatori socio-economici -20,6% -0,29% -27,3% Osservatorio sul Mercato Immobiliare, Marzo 13 VERONA NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A FEBBRAIO 13 1 Provincia di Indicatori socio-economici Figura 1 Negli ultimi dieci anni la popolazione

Dettagli

una mobilità dedicata alla famiglia ancora troppo... in auto!!

una mobilità dedicata alla famiglia ancora troppo... in auto!! una mobilità dedicata alla famiglia ancora troppo... in auto!! In questa fermata si propone un approfondimento su uno spaccato della domanda di mobilità che comprende circa un terzo degli spostamenti:

Dettagli

Le previsioni al 2016: valore aggiunto, produttività ed occupazione

Le previsioni al 2016: valore aggiunto, produttività ed occupazione CARTA, STAMPA ED EDITORIA Le previsioni al 2016: valore aggiunto, produttività ed occupazione Il valore aggiunto prodotto dall industria cartaria e della stampa rappresenta l 1 per cento del Pil italiano.

Dettagli

Regione Campania. 1. Dati congiunturali del secondo trimestre 2014

Regione Campania. 1. Dati congiunturali del secondo trimestre 2014 1 Regione Campania 1. Dati congiunturali del secondo trimestre 2014 Il saldo tra iscrizioni e cessazioni Il secondo trimestre del 2014 mostra un deciso rafforzamento numerico del sistema imprenditoriale

Dettagli

Le politiche sociali e il Welfare State. Definizioni e Concetti

Le politiche sociali e il Welfare State. Definizioni e Concetti Le politiche sociali e il Welfare State. Definizioni e Concetti Corso di Politiche Sociali Facoltà di Scienze della Formazione Università Milano Bicocca Anno Accademico 2011-12 Con il termine Politica

Dettagli

Il trend del mercato residenziale e la performance delle agenzie di intermediazione immobiliare

Il trend del mercato residenziale e la performance delle agenzie di intermediazione immobiliare Il trend del mercato residenziale e la performance delle agenzie di intermediazione immobiliare Dati a cura di Sauro Spignoli Responsabile Osservatorio Economico Confesercenti Il mercato immobiliare, dopo

Dettagli

1. L analisi statistica

1. L analisi statistica 1. L analisi statistica Di cosa parleremo La statistica è una scienza, strumentale ad altre, concernente la determinazione dei metodi scientifici da seguire per raccogliere, elaborare e valutare i dati

Dettagli

1. LA POPOLAZIONE TORINESE

1. LA POPOLAZIONE TORINESE 1. LA POPOLAZIONE TORINESE 1.1. UNA CITTÀ UN PO PIÙ PICCOLA Torino continua a spopolarsi. Non solo nel 1999, ma durante tutta la seconda metà degli anni novanta, la città continua a perdere popolazione.

Dettagli

COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE

COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE Il Libro Bianco sul Welfare presentato dal Ministro del Lavoro si muove su uno scenario

Dettagli

EVOLUZIONE STUDIO DI SETTORE TG42U

EVOLUZIONE STUDIO DI SETTORE TG42U ALLEGATO 5 NOTA TECNICA E METODOLOGICA EVOLUZIONE STUDIO DI SETTORE TG42U NOTA TECNICA E METODOLOGICA CRITERI PER L EVOLUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE L evoluzione dello Studio di Settore ha il fine di

Dettagli

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013 Sintesi per la stampa Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013 Industria: caduta del fatturato nel biennio 2012-13 (-8,3% pari a 56,5 miliardi di euro a prezzi costanti), causata dal previsto

Dettagli

GLI IMMOBILI IN ITALIA 2012

GLI IMMOBILI IN ITALIA 2012 2012 1. GLI IMMOBILI IN ITALIA 2012 1. LO STOCK IMMOBILIARE IN ITALIA: ANALISI DEGLI UTILIZZI Il primo capitolo è dedicato alla presentazione dei risultati dell operazione di incrocio massivo e completo

Dettagli

SINTESI DEI PRINCIPALI RISULTATI DELL ULTIMA EDIZIONE DEL MONITORAGGIO DEL MICROCREDITO (dati 2014)

SINTESI DEI PRINCIPALI RISULTATI DELL ULTIMA EDIZIONE DEL MONITORAGGIO DEL MICROCREDITO (dati 2014) SINTESI DEI PRINCIPALI RISULTATI DELL ULTIMA EDIZIONE DEL MONITORAGGIO DEL MICROCREDITO (dati 2014) A cura dell Ente Nazionale per il Microcredito, Team di monitoraggio Il monitoraggio condotto dall Ente

Dettagli

I dati per le biblioteche dalla ricerca IPSOS e da PMV

I dati per le biblioteche dalla ricerca IPSOS e da PMV I dati per le biblioteche dalla ricerca IPSOS e da PMV Presentazione di Antonio Zanon (Consorzio Biblioteche Padovane Associate) Biblioteca di Abano Terme Sala Consultazione 5 marzo 2009 Scopo della presentazione

Dettagli

LAVORO IL MERCATO DEL LAVORO IN SICILIA E LE FORZE DI LAVORO POTENZIALI

LAVORO IL MERCATO DEL LAVORO IN SICILIA E LE FORZE DI LAVORO POTENZIALI LAVORO NOTIZIARIO DI STATISTICHE REGIONALI A CURA DEL SERVIZIO STATISTICA DELLA REGIONE SICILIANA IN COLLABORAZIONE CON ISTAT ANNO 6 N.1/2014 In questo notiziario torniamo ad occuparci di mercato del nella

Dettagli

EPIDEMIOLOGIA DEGLI INFORTUNI NEL COMPARTO DELLA CERAMICA 1

EPIDEMIOLOGIA DEGLI INFORTUNI NEL COMPARTO DELLA CERAMICA 1 EPIDEMIOLOGIA DEGLI INFORTUNI NEL COMPARTO DELLA CERAMICA 1 PREMESSA Il comparto della ceramica per piastrelle rappresenta, da vari decenni, una delle realtà industriali di maggiore rilievo della nostra

Dettagli

MIGLIORA PER LE IMPRESE ITALIANE L ACCESSO AI FINANZIAMENTI

MIGLIORA PER LE IMPRESE ITALIANE L ACCESSO AI FINANZIAMENTI MIGLIORA PER LE IMPRESE ITALIANE L ACCESSO AI FINANZIAMENTI Silvano Carletti * Nei suoi primi cinque appuntamenti (l ultimo a fine settembre 2015) il Targeted Longer-Term Refinancing Operations (TLTRO)

Dettagli

Il commercio internazionale dei servizi: il turismo

Il commercio internazionale dei servizi: il turismo Il commercio internazionale dei servizi: il turismo Grafico 1 Andamento del tasso di cambio fra Euro e Dollaro Usa La situazione di instabilità politica e sociale che ha come epicentro il Medio Oriente

Dettagli

Gli anziani 4.2 GLI ANZIANI

Gli anziani 4.2 GLI ANZIANI 4.2 GLI ANZIANI L analisi proposta in questa sezione nasce dall intento di fornire alcuni elementi di caratterizzazione relativi ad un gruppo particolare di utenza che, visto l incremento numerico progressivo

Dettagli

Il mercato immobiliare a Bologna nel 2012. Luglio 2013

Il mercato immobiliare a Bologna nel 2012. Luglio 2013 Il mercato immobiliare a Bologna nel 2012 Luglio 2013 Capo Dipartimento Programmazione: Gianluigi Bovini Direttore Settore Statistica: Franco Chiarini Redazione a cura di: Marisa Corazza Mappe a cura di:

Dettagli

L inflazione nel 2004

L inflazione nel 2004 L inflazione nel 2004 Un quadro generale In Italia l inflazione media annua per l anno 2004 si è attestata intorno al 2,2%, un risultato di gran lunga migliore rispetto al 2003 quando il valore medio di

Dettagli

L attività congressuale del 2010

L attività congressuale del 2010 1 L attività congressuale del 2010 Per la città e la provincia di Firenze il turismo congressuale rappresenta uno dei segmenti di maggiore interesse, sia per la spesa media del turista congressuale che

Dettagli

LO SVILUPPO DI UNA DESTINAZIONE TURISTICA

LO SVILUPPO DI UNA DESTINAZIONE TURISTICA LO SVILUPPO DI UNA DESTINAZIONE TURISTICA 15 marzo 2008 1. ANALISI DELLE DESTINAZIONI TURISTICHE 2. TIPOLOGIE DI DESTINAZIONI TURISTICHE 3. IL CICLO DI VITA DI UNA DESTINAZIONE TURISTICA 4. LO SVILUPPO

Dettagli

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 24 aprile 2013 OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 L Istat ha ricostruito le serie storiche trimestrali e di media annua dal 1977 ad oggi, dei principali aggregati del mercato del lavoro,

Dettagli

Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO. I risultati del comparto siderurgico. Apparecchi meccanici. Macchine elettriche

Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO. I risultati del comparto siderurgico. Apparecchi meccanici. Macchine elettriche Osservatorio24 def 27-02-2008 12:49 Pagina 7 Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO 2.1 La produzione industriale e i prezzi alla produzione Nel 2007 la produzione industriale

Dettagli

Capitolo 21. Risparmio e formazione di capitale. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Bernanke

Capitolo 21. Risparmio e formazione di capitale. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Bernanke Capitolo 21 Risparmio e formazione di capitale In questa lezione Risparmio individuale: risparmio e ricchezza moventi del risparmio (tasso di interesse, ciclo di vita, precauzionale, profili consumo) Risparmio

Dettagli

Presentazione 5 PRESENTAZIONE

Presentazione 5 PRESENTAZIONE Presentazione Il Rapporto sull economia romana elaborato dal Comune di Roma raggiunge quest anno la quinta edizione ufficiale (sesta, se si tiene conto di un numero zero risalente all ormai lontano 1996

Dettagli

Istruttoria legislativa sulla proposta di legge su incentivi fiscali per il rientro dei lavoratori in Italia (C.2079)

Istruttoria legislativa sulla proposta di legge su incentivi fiscali per il rientro dei lavoratori in Italia (C.2079) Istruttoria legislativa sulla proposta di legge su incentivi fiscali per il rientro dei lavoratori in Italia (C.2079) AUDIZIONE DELLA SVIMEZ c/o Camera dei Deputati Commissione VIª: Finanze INDICE DELL

Dettagli

Demografia, Occupazione e Produttività in Italia e nelle Regioni italiane. di Nicola C. Salerno 1

Demografia, Occupazione e Produttività in Italia e nelle Regioni italiane. di Nicola C. Salerno 1 Demografia, Occupazione e Produttività in Italia e nelle Regioni italiane di Nicola C. Salerno 1 1 3. Demografia, Occupazione e Produttività in Italia e nelle Regioni italiane Le sfide attese dall invecchiamento

Dettagli

Capitolo 26: Il mercato del lavoro

Capitolo 26: Il mercato del lavoro Capitolo 26: Il mercato del lavoro 26.1: Introduzione In questo capitolo applichiamo l analisi della domanda e dell offerta ad un mercato che riveste particolare importanza: il mercato del lavoro. Utilizziamo

Dettagli

Famiglie. Evoluzione del numero di famiglie residenti in Toscana

Famiglie. Evoluzione del numero di famiglie residenti in Toscana Famiglie La società pratese negli ultimi anni è stata sottoposta a profonde trasformazioni; la prima struttura sociale a subire delle modificazioni è la famiglia, che tende a ridurre le sue dimensioni

Dettagli

Principali risultati della ricerca

Principali risultati della ricerca Principali risultati della ricerca INTRODUZIONE Principali risultati della ricerca 1. Descrizione Lo scopo della ricerca è stato quello di valutare i comportamenti di consumo degli utenti internet italiani

Dettagli

Trasporti pubblici. Indagine sulla soddisfazione degli utenti. Anno 2009

Trasporti pubblici. Indagine sulla soddisfazione degli utenti. Anno 2009 Trasporti pubblici Indagine sulla soddisfazione degli utenti Anno 2009 a cura di Mirko Dancelli Osservatorio del Nord Ovest, Università di Torino 115 SOMMARIO 2.1. Se dovesse esprimere il Suo livello di

Dettagli

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale I beni culturali Il problema I beni culturali un elemento di estremo rilievo per la crescita della cultura e della qualità della vita dei cittadini - possono favorire lo sviluppo di alcune iniziative economiche

Dettagli

Auser: Sistemi di Welfare e Comunità

Auser: Sistemi di Welfare e Comunità Auser: Sistemi di Welfare e Comunità 1. Ricomporre i Bisogni della Persona Provando a declinare alcune problematiche dall'agenda sociale, sembra che il tema degli anziani, dei mutamenti demografici, delle

Dettagli

Monitoraggio congiunturale sul sistema produttivo del Lazio

Monitoraggio congiunturale sul sistema produttivo del Lazio C E N S I S Monitoraggio congiunturale sul sistema produttivo del Lazio III Quadrimestre 2008 Monitor Lazio è promosso dall Unione Regionale delle Camere di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura

Dettagli

Elaborazione questionario Notorietà ed efficacia del Fondo Sociale Europeo (FSE) in Campania

Elaborazione questionario Notorietà ed efficacia del Fondo Sociale Europeo (FSE) in Campania Elaborazione questionario Notorietà ed efficacia del Fondo Sociale Europeo (FSE) in Campania È stata attivata una ricerca per misurare la conoscenza e la percezione dell efficacia del Programma attraverso

Dettagli

Il sistema creditizio in provincia di Pisa

Il sistema creditizio in provincia di Pisa Il sistema creditizio in provincia di Pisa Consuntivo anno 2013 Pisa, 31 luglio 2014. La presenza bancaria in provincia di Pisa risente del processo di riorganizzazione che sta attraversando il sistema

Dettagli

Seminario di presentazione del Rapporto Giorgio Rota su Napoli: Ci vuole una terra per vedere il mare

Seminario di presentazione del Rapporto Giorgio Rota su Napoli: Ci vuole una terra per vedere il mare con il sostegno della Seminario di presentazione del Rapporto Giorgio Rota su Napoli: Ci vuole una terra per vedere il mare Spunti di riflessione su società, economia e progetti dell area metropolitana

Dettagli

Monitoraggio sulla conversione dei prezzi al consumo dalla Lira all Euro

Monitoraggio sulla conversione dei prezzi al consumo dalla Lira all Euro ISTAT 17 gennaio 2002 Monitoraggio sulla conversione dei prezzi al consumo dalla Lira all Euro Nell ambito dell iniziativa di monitoraggio, avviata dall Istat per analizzare le modalità di conversione

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2012. 17 luglio 2013

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2012. 17 luglio 2013 17 luglio 2013 Anno 2012 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2012, il 12,7% delle famiglie è relativamente povero (per un totale di 3 milioni 232 mila) e il 6,8% lo è in termini assoluti (1 milione 725 mila). Le

Dettagli

Osservatorio sui dati contabili delle imprese del commercio e dei servizi di vicinato: dati relativi al IV trimestre 2007

Osservatorio sui dati contabili delle imprese del commercio e dei servizi di vicinato: dati relativi al IV trimestre 2007 Osservatorio sui dati contabili delle imprese del commercio e dei servizi di vicinato: dati relativi al IV trimestre 2007 a cura di Ascom e Confesercenti Ricerca effettuata da Paolo Vaglio (Ceris-Cnr)

Dettagli

La Stampa in Italia (2009 2011)

La Stampa in Italia (2009 2011) FEDERAZIONE ITALIANA EDITORI GIORNALI La Stampa in Italia (2009 2011) Roma 18 aprile 2012 Quadro generale L andamento recessivo del Paese nella seconda metà del 2011 e le prospettive di accentuazione di

Dettagli

PUBBLICI ESERCIZI E STUDI DI SETTORE Evidenze e prospettive

PUBBLICI ESERCIZI E STUDI DI SETTORE Evidenze e prospettive S Studi di Settore PUBBLICI ESERCIZI E STUDI DI SETTORE Evidenze e prospettive L analisi dei risultati derivanti dall applicazione degli studi di settore offre molteplici spunti di riflessione in relazione

Dettagli

CONGESTION CHARGE: LE RAGIONI DI UN DISSENSO

CONGESTION CHARGE: LE RAGIONI DI UN DISSENSO CONGESTION CHARGE: LE RAGIONI DI UN DISSENSO 1. Premessa Nei mesi scorsi Assolombarda ha espresso all Amministrazione Comunale la propria contrarietà alla congestion charge, ritenendola un provvedimento

Dettagli

DOCUMENTO DI ILLUSTRAZIONE DELLO SCENARIO ECONOMICO DELLA FILIERA TLC

DOCUMENTO DI ILLUSTRAZIONE DELLO SCENARIO ECONOMICO DELLA FILIERA TLC DOCUMENTO DI ILLUSTRAZIONE DELLO SCENARIO ECONOMICO DELLA FILIERA TLC INCONTRO 31 GENNAIO 2012 TRA ASSTEL E SLC-CGIL, FISTEL-CISL E UILCOM-UIL SUL RINNOVO DEL CONTRATTO COLLETTIVO DI LAVORO Sviluppo e

Dettagli

Maggio 2012. Le donne al vertice delle imprese: amministratori, top manager e dirigenti

Maggio 2012. Le donne al vertice delle imprese: amministratori, top manager e dirigenti Maggio 2012 Le donne al vertice delle imprese: amministratori, top manager e dirigenti Introduzione e sintesi Da qualche anno il tema della bassa presenza di donne nei consigli d amministrazione delle

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2011. 17 luglio 2012. INCIDENZA DI POVERTÀ RELATIVA PER RIPARTIZIONE GEOGRAFICA. Anni 2008-2011, valori percentuali

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2011. 17 luglio 2012. INCIDENZA DI POVERTÀ RELATIVA PER RIPARTIZIONE GEOGRAFICA. Anni 2008-2011, valori percentuali 17 luglio 2012 Anno 2011 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2011, l 11,1% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 8.173 mila persone) e il 5,2% lo è in termini assoluti (3.415 mila).

Dettagli

RICERCA: SPORTELLO DI MEDIAZIONE LINGUISTICO E CULTURALE (MLC) NELLA SCUOLA 2006-07 LA RICERCA: TEMI, SCELTE DI METODO, ATTUAZIONE

RICERCA: SPORTELLO DI MEDIAZIONE LINGUISTICO E CULTURALE (MLC) NELLA SCUOLA 2006-07 LA RICERCA: TEMI, SCELTE DI METODO, ATTUAZIONE 1 RICERCA: SPORTELLO DI MEDIAZIONE LINGUISTICO E CULTURALE (MLC) NELLA SCUOLA 2006-07 1 Presentazione 2 Scheda individuale 3 Traccia di intervista individuale 4 Traccia focus group 1 Presentazione LA RICERCA:

Dettagli

Domanda e offerta aggregata

Domanda e offerta aggregata Domanda e offerta aggregata Breve e lungo periodo L andamento del Pil nel lungo periodo dipende dai fattori che spiegano la crescita: la forza lavoro, la disponibilità di capitale fisico e umano, le risorse

Dettagli

A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA

A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA A N N O 2 0 0 8 R A P P O R TO A N N U A L E 2 0 0 8 1. L andamento del mercato

Dettagli

OPEN - Fondazione Nord Est Febbraio 2013

OPEN - Fondazione Nord Est Febbraio 2013 A7. FECONDITÀ, NUZIALITÀ E DIVORZIALITÀ Diminuisce il tasso di fertilità dopo la crescita degli ultimi anni A livello nazionale il tasso di fecondità totale (numero medio di figli per donna in età feconda)

Dettagli

Cosa ci dicono le statistiche sull università

Cosa ci dicono le statistiche sull università Cosa ci dicono le statistiche sull università di Ruggero Paladini Una prima ricognizione sui dati dell Ufficio statistica del Ministero Università e Ricerca,che riguardano studenti, laureati, docenti di

Dettagli

Marketing & Sales: le reazioni alla crisi

Marketing & Sales: le reazioni alla crisi Marketing & Sales: le reazioni alla crisi I risultati di un indagine empirica 1 1. IL CAMPIONE ESAMINATO 2 Le imprese intervistate Numero imprese intervistate: 14 Imprese familiari. Ruolo centrale dell

Dettagli

Il mercato italiano dell auto è stato caratterizzato negli ultimi35annida3profondecrisi.nel1983,acausadella stagnazione economica e di un alto tasso

Il mercato italiano dell auto è stato caratterizzato negli ultimi35annida3profondecrisi.nel1983,acausadella stagnazione economica e di un alto tasso Il mercato italiano dell auto è stato caratterizzato negli ultimi35annida3profondecrisi.nel1983,acausadella stagnazione economica e di un alto tasso di inflazione, il mercato ha avuto un calo improvviso

Dettagli

STATISTICA ECONOMICA STATISTICA PER L ECONOMIA

STATISTICA ECONOMICA STATISTICA PER L ECONOMIA STATISTICA ECONOMICA STATISTICA PER L ECONOMIA a.a. 2009-2010 Facoltà di Economia, Università Roma Tre Archivio Statistico delle Imprese Attive (ASIA) L archivio è costituito dalle unità economiche che

Dettagli