ALLEGATO. DATA SCADENZA Definitivo STATO --- pubblico 1/9. Legenda

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ALLEGATO. DATA SCADENZA Definitivo STATO --- pubblico 1/9. Legenda"

Transcript

1 SERVIZI INGEGNERIA DI ALLEGATO C LINEAMENTI METODOLOGICI PER LA VALUTAZIONE ECONOMICO-FINANZIARIA DEGLI OPERATORI ECONOMICI 25 novembre 21 Stato: Bozza, In Approvazione, Documento al documento 1/9

2 1. PRINCIPI DELLA VALUTAZIONE La valutazione economico-finanziaria vienee condotta mediante tecniche di analisi del Bilancio con riferimento alle gestioni consuntivate e mira a valutare l affidabilità sul piano economico-finanziarioo delle imprese fornitrici ed appaltatrici. Tali accertamenti vengono condotti sulla base di un corpo documentale comprendente una scheda. informativa e i bilanci civili degli ultimi quattro esercizi amministrativi corredati dagli allegati di rito: verbali assemblee ordinarie e straordinarie, ecc. L analisi di bilancio viene sostanzialmente condotta con la tecnica per indici ( ratios analysis). 2. DOCUMENTI E TITOLI DA PRESENTARE I documenti da presentare saranno: per le società di capitali: copia dichiarataa conforme all originale (ai sensi del DPR 445/2000) dei Bilanci degli ultimi quattro esercizi, redatti ai sensi degli artt e ss. Cod. civ. comprensivi i della Nota integrativa, della Relazione degli Amministratori, di quella dei Sindaci ove prevista, del verbale dell Assemblea di approvazione e dell eventuale verbale dell Assemblea straordinaria tenutasi per la copertura di perdite, nonché dell indicazione dettagliata di eventuali immobilizzazioni finanziarie in società controllate e/o collegate (art cod. civ), se nonn presente nel Bilancio. Il tutto corredato della relativaa nota di deposito. Qualora il bilancio venga redatto in forma abbreviata, dovrà essere allegato il dettaglio di debiti e crediti specificando la loro natura (se commerciale o finanziaria) e la loro scadenza (a breve o a medio-lungo termine, cioè entro l esercizio successivo o oltre l esercizio successivo). per le società di persone e le imprese individuali: copia dichiarata conforme all originale (ai sensi del DPR 445/2000) dei Bilanci degli ultimi quattro esercizi, con stati patrimoniali e conti economici completi del dettaglio di debiti e crediti, con distinzione tra commerciali o finanziari e per scadenza (a breve o a medio-lungo termine, cioè entro l esercizio successivo o oltre l esercizio successivo), corredata della relativa nota di deposito. Qualora nonn vengonoo presentati i Bilanci, perché i Ricavi sonoo inferiori a (art. 18 DPR 600/1973), devonoo essere forniti i Modelli Unici completi di tutti gli allegati (ivi compreso quello degli Studi di settore ) e relativi ai redditi prodotti negli ultimi quattro esercizi, corredati della relativa ricevuta di presentazione. per i consorzi di cooperative, consorzi di imprese artigiane e consorzi stabili: stessa documentazione richiesta alle società di capitali. Si precisa che per i consorzi costituiti da meno di quattro anni, dalla presentazione della domanda di qualificazione (quindi con Bilancii mancanti), devonoo essere forniti oltre ai Bilanci disponibili del Consorzio anche i Bilanci di tutti i consorziati relativi agli ultimi quattro esercizi. In tutti i casi, compreso il rinnovo, dovrà essere riempito il modello in formato Excel, predisposto o dalla Sogin, con i dati dei Bilanci degli ultimi quattro esercizi. Per il consorzio dovrà essere predisposto sempre il suddetto modello in formato Excel e nel caso di costituzione recentee (carenza di Bilanci consorziali) dovranno essere riempiti tanti modelli quanti sono i consorziati e sempre per gli ultimi quattro esercizi. Si precisa che la documentazione presentata dopoo il 30 giugno dovrà contenere, pena la sospensione della procedura di qualificazione, il Bilancio dell anno precedente a quello di presentazione della domanda stessa. Stato: Bozza, In Approvazione, Documento 2/9

3 3. RICLASSIFICAZIONE DEI BILANCI E CALCOLOO DEGLI INDICATORI Allo scopo di poter disporre di significativi indicatori atti alla valutazione d impresa, i dati dei bilancii civilistici vengono riclassificati 1 secondo definiti schemi di Stato patrimoniale (esposto con criterii finanziari a liquidità ed esigibilità crescenti ) e di Conto economico (espostoo per tipo di gestione: caratteristica, non caratteristica, finanziaria, ecc.). La propedeutica ed indispensabile attività di riclassificazione di bilancio permette di disporre di dati del tutto omogenei per le varie imprese al fine di garantire un procedimentoo di qualificazione, per l aspetto economico-finanziario, uniforme e, nei limiti di quanto consentito da una disciplina quale l analisi finanziaria, oggettivo. Lo schema di riclassificazione dello Stato patrimoniale, di tipo finanziario, è a sezioni divise e contrapposte giacché favorisce l analisi dell equilibrio finanziario dell impresa. Per il Conto economico si è adottato oltre a uno schema per tipologia di gestione anche quello a valore aggiunto perché con la conseguente distribuzione ai fattori della produzione si favorisce l analisi dell economicità della gestione industriale aziendale. Inoltre, lo schema a valore aggiunto permette di trattare più compiutamente le imprese a ciclo produttivo pluriennale, quali risultano in buona parte di quelle operanti con SOGIN. 4. REQUISITI ECONOMICO-FINANZIARI DI RIFERIMENTO I principali requisiti economico-finanziari richiesti per la qualificazione dell impresa sono: affidabilità valutata con riferimento alle gestioni consuntivate, utilizzando le tecnichee dell analisii di bilancio per indici; dimostrata e documentata disponibilità di mezzi finanziari. Le impresee debbono anche essere contraddistinte dalla loro potenzialità produttiva, misurata da parametri economici. Tutti i predetti requisiti, che debbono permanere nel periodo di validità della qualificazione, sonoo accertati mediante il corpo documentale presentato. 5. PRINCIPALI MODALITÀ PER LA VALUTAZIONE ECONOMICO-FINANZIARIAA D IMPRESA 5.1 Lineamenti metodologici I requisiti economico-finanziari sopra indicati vengono accertati mediante una metodologia basataa sull impiego delle tecniche dell analisi di bilancio. Per accertare l affidabilità dell impresa ma praticamente anche per verificare l esistenza di una quota significativa di valore aggiunto e la disponibilità di mezzi finanziari si procede, di norma, alla verifica dello stato di salute dell impresa medesima attraverso l analisi economico- finanziaria di quattro bilanci consecutivi riclassificati. Uno strumento software elabora tali dati e calcolaa significativi indicatori: valori patrimoniali di sintesi, tassi di sviluppo e quozienti di redditività, di produttività, di gestione circolante, di struttura finanziaria, ecc. 1 L analisi di bilancio comporta, per quanto fattibile, la messa in atto del cosiddetto procedimento di normalizzazione del bilancio che tra l altro prevede, oltre alla riclassificazione, la verifica sia dell attendibilità dei dati sia del corretto uso dei principi contabili. Stato: Bozza, In Approvazione, Documento 3/9

4 Sulla base delle predette elaborazioni, previa illustrazione del profilo aziendale ed esame della capacità di sviluppo dei principali fattori produttivi e risultati economici, si procede all analisi dei principali aspetti (o aree di ndagini) dell impresa: situazione economico-reddituale (redditività ed efficienza del capitale, economicità e produttività del lavoro, struttura del Conto economico);efficienza operativa, struttura dell attivo (capitale investito); situazione finanziaria (in termini di struttura del capitale di finanziamento, di equilibrio finanziario e di autofinanziamento). Si possono anche prenderee in considerazione elementi successivi all ultimo Bilancio purché adeguatamente documentati con atti ufficiali (quali, ad esempio, bilanci semestrali per società quotate in Borsa e/o bilanci straordinari). Si prendono infine in considerazione gli elementi di riferimento extra-bilancio (cioè elementi qualitativi quali: visure camerali, protesti, attestazioni bancarie, procedure concorsuali in atto, profiloo storico, assetti proprietari, gruppo di appartenenza, coerenza con i criterii di politica industriale della SOGIN, ecc.). In base a tutti i suddetti elementi si determinerà il definitivo giudizio circa l affidabilità economico-finanziaria dell impresa indagata e sulla base delle elaborazioni citate e degli altri elementi appena richiamati l analista di bilancio redigerà un Rapporto di valutazione. 5.2 Elementi di analisi per la determinazione dello stato di affidabilità Come accennato, allo scopo di determinare lo stato di salute dell impresa si analizzano i principali aspetti aziendali degli ultimi quattro esercizi amministrativi, si procederà: all analisi del trend dei ricavi, del trend dell utile netto nonché il rapporto dell utile netto stesso con il patrimonio netto e il capitale investito; all analisi strutturale dell attivo e del passivo, con particolare riferimento alla consistenza delle immobilizzazioni tecniche, alle rimanenze (e ai lavori in corso per le imprese con produzione pluriennale), alla liquidità e ai debiti a breve; all analisi strutturale del capitale di finanziamento, con particolare riferimento allaa consistenza del patrimonio netto, di quello permanente, dell indebitamento finanziario a breve termine; si analizzano altresì taluni quozienti coinvolgenti valori di Conto economico; all analisi dell equilibrio finanziario di medio-lungo e breve termine; in sostanza si verificano solidità e solvibilità dell impresa. 5.3 Tecnica di valutazione Fermo restando i lineamenti metodologici sopra esplicitati, allo scopo di rendere il più possibile oggettiva per quanto consentito da una disciplina quale l analisi di bilancio la valutazione economico-finanziaria dell impresa, di norma si procede alla valutazione stessa ricorrendoo all ausilio di un algoritmo. Il suddetto algoritmo, da considerare come ulteriore strumento di lavoro a supportoo dell analista, ha in particolare la funzione di assegnare all impresa un punteggio congruentee con il giudizio qualitativo formulato; naturalmente, nel contempo, lo stesso algoritmoo rappresenta anche una guida operativa tendentee ad omogeneizzare quanto più possibile le valutazioni. Il procedimento prevede che in primis si identifichino gli indici più rappresentativi delle varie aree esaminate ed esposte al punto 5.2, poi ad essi vengono assegnati pesi correlati all importanza che ogni areaa assume nella definizione della affidabilità economico-finanziaria; Stato: Bozza, In Approvazione, Documento 4/9

5 importanza a sua volta commisurata, in stretto rapporto alle consolidate esperienzee acquisite, con gli obiettivi SOGIN. Dai rendiconti annuali presentati unitamente alla domanda di qualificazione vengonoo enucleati, per ciascun esercizio, i seguenti otto indicatori di bilancio di natura patrimoniale e reddituale 2 : 1) ROE = Utile netto d esercizio rapportato al Patrimonio netto; 2) ROI = Utile netto operativo rapportato al Totale delle Attività (Capitale investito totale); 3) ROS = Risultato operativo rapportato alle Vendite dell esercizio; 4) Indice di rotazione degli impieghi = Vendite dell esercizio rapportate al Totale delle Attività; 5) Indice di indipendenza finanziaria = Patrimonioo netto rapportato al Totale delle Attività; 6) 1 indice di liquidità (quick ratio) = (Attività circolanti Rimanenze) rapportate alle Passività circolanti oppure (Liquidità immediate + Liquidità differite) rapportate alle Passività correnti; 7) 2 indice di liquidità (current ratio) = Attività circolanti rapportate alle Passività circolanti; 8) 3 indice di liquidità (immediata) = Liquidità immediata rapportata alle Passività circolanti. A ciascuno degli indicatori sopraelencati verrà attribuito un peso che nel campione attribuisce l importanza dell indice stesso (peso variabile da uno a tre). 1) ROE peso = 1 2) ROI peso = 2 3) ROS peso = 1 4) Indice di rotazione degli impieghi peso = 1 5) Indice di indipendenza finanziaria peso = 3 6) 1 indice di liquidità (quick ratio) peso = 2 7) 2 indice di liquidità (current ratio) peso = 3 8) 3 indice di liquidità (immediata) peso = 3 Mentree il giudizio che sarà dato all indice dipenderà dai valori che esso assumerà rispetto a valori tipici che di seguito vengono riportati. In particolare, Il giudizio dovrebbe essere attribuito confrontando lo scostamento tra il valore dell indice e quello ideale che lo stesso dovrebbe avere perché la società generi redditività o piuttosto abbia una solidità finanziaria, ecc, ma poiché l impresa è influenzata da vari fattori (mercati finanziari, settore merceologico, ecc.) allora l indice calcolato viene inquadrato dentro intervalli che saranno rappresentativi di vari gradi di giudizi. In linea di principio la situazione ideale è rappresentataa dal giudizio maggiore o uguale a 3, di seguito gli intervalli di riferimento adottati per i vari indici: 2 La scelta del numero e della tipologia degli indicatori segnaletici è ovviamente legata alle evoluzioni disciplinari e ai risultati conseguitii con l esperienza. SOGIN, quindi, si riserva la facoltà di aggiornare la griglia degli indici secondo necessità, nel qual caso provvedendo a darne opportuna informazione ai soggetti interessati. Stato: Bozza, In Approvazione, Documento 5/9

6 1) ROE e 2) ROI: indice <= 0,,0 giudizio = 1 0,0 < indice <= 0,,1 giudizio = 2 0,1 < indice <= 0,,2 giudizio = 3 indice > 0, 2 giudizio = 4 3) ROS: indice <= 0,00 giudizio = 1 0,00 < indice <= 0,05 giudizio = 2 0,05 < indice <= 0,10 giudizio = 3 indice > 0,10 giudizio = 4 4) indice di rotazione degli impieghi: indice <= 0,,5 giudizio = 1 0,5 < indice <= 1,,0 giudizio = 2 1,0 < indice <= 2,,0 giudizio = 3 indice > 2, 0 giudizio = 4 5) indice di indipendenza finanziaria: indice <= 0,15 giudizio = 1 0,15 < indice <= 0,25 giudizio = 2 0,25 < indice <= 0,35 giudizio = 3 indice > 0,35 giudizio = 4 6) 1 indice di liquidità (quick ratio): indice <= 0,,8 giudizio = 1 0,8 < indice <= 0,,9 giudizio = 2 0,9 < indice <= 1,,0 giudizio = 3 indice > 1, 0 giudizio = 4 7) 2 indice di liquidità (current ratio): indice <= 1,,0 giudizio = 1 1,0 < indice <= 1,,4 giudizio = 2 1,4 < indice <= 1,,8 giudizio = 3 indice > 1,8 giudizio = 4 Stato: Bozza, In Approvazione, Documento 6/9

7 8) 3 indice di liquidità (liquidità immediata): indice <= 0,05 giudizio = 1 0,05 < indice <= 0,15 giudizio = 2 0,15 < indice <= 0,25 giudizio = 3 indice > 0,25 giudizio = 4 Il punteggio sintetico finale, Rating, per ciascun esercizio esaminato viene determinato come media pesata dei giudizi ottenuti adottando i pesi assegnati (si veda sopra) ai singoli indici. Il suddetto punteggio (Rating, R) vienee confrontato con una serie di valori che definiscono la rischiosità dell azienda sottoposta a valutazione: 0,00 < R <= 0,45 0,45 < R <= 0,90 0,90 < R <= 1,35 1,35 < R <= 1,80 1,80 < R <= 2,25 R > 2,25 totalmente negativa (1 punto) posizione a rischio (2 punti) solvibilità debole (3 punti) solvibilità sotto allaa media (4 punti) solvibilità media (5 punti) solvibilità massima (6 punti) Il valore di riferimento della soglia di accettabilità è fissato in R maggiore di 1,35, che corrisponde ad un punteggio di 4. In linea di massima, il soggetto che negli ultimi due esercizi avrà ottenuto un punteggio maggiore o uguale a 4 sarà definito idoneo, dal punto di vista economico-finanziario. L impresa che nell ultimo esercizio di riferimento abbia conseguito un punteggio di 4 e nel penultimo un punteggio di 3 viene declassato d ufficio ad una classe di lavori di importoo inferiore. Mentree la presenza di un punteggio di 3 nell ultimo esercizio e di 4 nel penultimo comporterà la non ammissione all albo fornitore. Ovviamente la presenza di un punteggio di 3 negli ultimi due esercizi comporterà sempre la non ammissione all albo fornitori. Esempio esplicativo (dove Anno X è l anno di cui è disponibile l ultimo Bilancio): Esercizio Impresa Rossi Impresa Bianchi Impresa Neri Impresa Verdi Anno X Anno X Azioni Ammesso all Albo fornitori Ammesso all Albo fornitori ma declassato d ufficio Non ammesso all Albo fornitori Non ammesso all Albo fornitori Stato: Bozza, In Approvazione, Documento 7/9

8 Si precisa che la scelta del numero e della tipologia degli indicatori segnaletici è ovviamente e legata ai risultati conseguiti con l esperienza. SOGIN, quindi, si riserva la facoltà di aggiornare la griglia degli indici secondo necessità, nel qual caso provvedendoo a darne opportuna informazione ai soggetti interessati. 6. VALUTAZIONE ECONOMICO-FINANZIARIA DI CONSORZI Di norma la valutazione dello stato di salute economico-finanziarioo dei consorzi vienee effettuata con le medesime modalità delle singole imprese di cui al punto 5.3. E chiaro che se il Consorzio nonn presenta la documentazione consortile richiesta (ad esempio: recentee costituzione), allora la valutazione sarà effettuata con riferimento alle singole imprese e pertanto riguarderà la pluralità dei soggetti associati (mandataria, mandanti, ecc.). Il giudizio complessivo sul Consorzio, da sintetizzarsi con la medesima terminologia unificata e applicata alle imprese (da totalmentee negativa, 1 punto, a solvibilità massima, 6 punti), viene assegnato in correlazione al giudizio riportato dal consorzio stesso o dalle singole imprese, tenuto anche contoo del ruolo economico e tecnico esercitato dalla forma associativa. 7. DOCUMENTAZIONE PER LA VALUTAZIONE ECONOMICO-FINANZIARIA Documenti da presentare, copie dichiarate conformi all originale ai sensi del DPR 445/2000: società di capitali: - Bilancio degli ultimi quattro esercizi, redatti ai sensi degli artt e ss. cod. civ., di norma esso include la Nota integrativa e la Relazione degli Amministratori (relazione di gestione); - relazione dei Sindaci (ove prevista); - verbale dell Assemblea di approvazione; - verbale dell eventuale Assemblea straordinaria tenutasi per la copertura di perdite; - relativa nota di deposito; - se non presente in Bilancio, indicazione dettagliata di eventuali immobilizzazionii finanziarie in società controllate e/ /o collegatee (art cod. civ); - se non presente in Bilancio ordinario o nel caso di Bilancio redatto in forma abbreviata, dettaglio di debiti e crediti specificando la loro natura (se commerciale o finanziaria) e la loro scadenza (a brevee o a medio-lungo termine, cioè entro l esercizio successivo o oltre l esercizio successivo). società di persone e imprese individuali: - Bilanci degli ultimi quattro esercizi (comprensivi di Nota integrativa e Relazione degli Amministratori), se i Ricavi sono superiori a (art. 18 DPR 600/1973) ; - se non presente in Bilancio, dettaglio di debiti e crediti, con distinzione tra commerciali o finanziari e per scadenza (a breve o a medio-lungo o termine, cioè entro l esercizio successivo e oltre l esercizio successivo); - relativa nota di deposito; Stato: Bozza, In Approvazione, Documento 8/9

9 - Modelli Unici completi di tutti gli allegati (ivi compresoo quello degli Studi di settore ), relativi ai redditi prodotti negli ultimi quattro esercizi, qualora nonn vengono presentati i Bilanci, se i Ricavi sono inferiori a (art. 18 DPR 600/1973); - relativa ricevuta di presentazione. consorzi di cooperative, consorzi di impresee artigiane e consorzi stabili: - Bilancio degli ultimi quattro esercizi, redatti ai sensi degli artt e ss. cod. civ.; - Nota integrativa; - Relazione degli Amministratori (relazione di gestione); - Relazione dei Sindaci (ove prevista); - verbale dell Assemblea di approvazione; - verbale dell eventuale Assemblea straordinaria tenutasi per la copertura di perdite; - Relativa nota di deposito; - se non presente in Bilancio, indicazione dettagliata di eventuali immobilizzazionii finanziarie in società controllate e/ /o collegatee (art cod. civ); - se non presente in Bilancio, dettaglio di debiti e crediti specificando la loro natura (se commerciale o finanziaria) e la loro scadenza (a breve o a medio-lungo termine, cioè entro l esercizio successivo e oltre l esercizio successivo). Si precisa che per i consorzi costituiti da meno di quattro anni dallaa presentazione della domanda di qualificazione (quindi con documentazione mancante), devono essere forniti i documenti, previsti per le società di capitale, da parte di tutti i consorziati per quegli anni in cui è carente il consorzio stesso. In tutti i suddetti casi dovrà essere riempito il modello in formato Excel, predisposto dallaa Sogin e con i dati degli ultimi quattro esercizi (nel caso del consorzio carente di documentazione, dovranno essere riempiti tanti modelli in formato Excel quanti sono i consorziati e per gli anni mancanti). Nel caso di rinnovo dovranno essere presentati solo il cartaceo dei Bilanci necessari allaa copertura dei quattro esercizi richiesti, tenendo conto di quelli già presentati alla Sogin all atto della qualificazione. In ogni caso il suddetto modello in formato Excel dovrà essere sempree riempito con i dati degli ultimi quattro esercizi. Stato: Bozza, In Approvazione, Documento 9/99

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

Analisi di Bilancio per indici

Analisi di Bilancio per indici Analisi di Bilancio per indici L analisi di bilancio è una attività complessa svolta con utilizzazione di tecniche prevalentemente quantitative di elaborazione dei dati, con cui si effettuano indagini

Dettagli

Introduzione... 2 GLI INDICI DI BILANCIO... 2 Classificazione... 2 Indici finanziari... 3 Indici (finanziari) patrimoniali... 3 Indebitamento ed

Introduzione... 2 GLI INDICI DI BILANCIO... 2 Classificazione... 2 Indici finanziari... 3 Indici (finanziari) patrimoniali... 3 Indebitamento ed Appunti di Economia Capitolo 8 Analisi di bilancio Introduzione... 2 GLI INDICI DI BILANCIO... 2 Classificazione... 2 Indici finanziari... 3 Indici (finanziari) patrimoniali... 3 Indebitamento ed indipendenza

Dettagli

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE Dott. Elbano De Nuccio L analisi di bilancio si propone di formulare un giudizio sull EQUILIBRIO ECONOMICO e FINANZIARIO/PATRIMONIALE della

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI UNIVERSITA ROMA TRE FACOLTA DI ECONOMIA PROF. UGO MARINELLI Anno accademico 007-08 1 COMPRENSIONE DELL IMPRESA

Dettagli

CL Produzioni Animali. Anno Accademico 2013-134. Schemi sintetici per analisi patrimoniale e del reddito. Approfondimenti

CL Produzioni Animali. Anno Accademico 2013-134. Schemi sintetici per analisi patrimoniale e del reddito. Approfondimenti CL Produzioni Animali Anno Accademico 2013-134 Schemi sintetici per analisi patrimoniale e del reddito Approfondimenti Analisi efficienza Approfondimenti 1 2 La formazione degli indici di bilancio! gli

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015

AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015 AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015 DATA DI PUBBLICAZIONE DELL ESTRATTO DEL BANDO SULLA GURI: DATA DI SCADENZA

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Conti d ordine Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

CITTÀ DI TORINO DI AMIAT E CONTROLLATE, GRUPPO IRIDE, GTT, SAGAT E SMAT

CITTÀ DI TORINO DI AMIAT E CONTROLLATE, GRUPPO IRIDE, GTT, SAGAT E SMAT CITTÀ DI TORINO ANALISI ECONOMICO FINANZIARIA DEI BILANCI DI AMIAT E CONTROLLATE, GRUPPO IRIDE, GTT, SAGAT E SMAT Rapporto 2007 ANALISI ECONOMICO FINANZIARIA DEI BILANCI DI AMIAT E CONTROLLATE, GRUPPO

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative 1 aspetti economici * gestione assicurativa * gestione

Dettagli

3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO. Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi

3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO. Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi 3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO Gli elementi utili per aprire un attività imprenditoriale Rovigo, 14 maggio 2008 Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi La scelta di intraprendere

Dettagli

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo DECRETO N. 12 (Disposizioni regolamentari per la costituzione dei consorzi obbligatori ai sensi dell art. 7 dell ordinanza

Dettagli

credito alle aziende Finanziamenti improntati alla semplicità e alla trasparenza

credito alle aziende Finanziamenti improntati alla semplicità e alla trasparenza credito alle aziende Finanziamenti improntati alla semplicità e alla trasparenza chiarezza e trasparenza State progettando un investimento? Oppure desiderate semplicemente conoscere quali possibilità vi

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO IL BILANCIO D ESERCIZIO E UN DOCUMENTO AZIENDALE DI SINTESI, DI DERIVAZIONE CONTABILE, RIVOLTO A VARI DESTINATARI, CHE RAPPRESENTA IN TERMINI CONSUNTIVI E

Dettagli

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE CAPITOLO 19 IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE di Piero Pisoni, Fabrizio Bava, Donatella Busso e Alain Devalle 1. PREMESSA La relazione del revisore legale deve esprimere il giudizio sull attendibilità

Dettagli

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE STATUTO CIRCOLO TBLUE Art. 1 COSTITUZIONE - SEDE E costituito, come associazione culturale ricreativa non riconosciuta ai sensi dell art 36 e ss. Codice Civile ed art. 148 comma 3 D.P.R. 917/1986 (T.U.I.R.),

Dettagli

Analisi di bilancio per indici e per flussi

Analisi di bilancio per indici e per flussi Prof. Marco Tutino, Dipartimento di Studi Aziendali Analisi di bilancio per indici e per flussi Dispensa per il corso di Bilancio, Corso Avanzato Prof. Marco Tutino 1 INDICE 1... INTRODUZIONE... 5 2...

Dettagli

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

ATTO DI INDIRIZZO LINEE GUIDA E SCHEMI PER LA REDAZIONE DEI BILANCI DI ESERCIZIO AGENZIA PER LE ONLUS DEGLI ENTI NON PROFIT

ATTO DI INDIRIZZO LINEE GUIDA E SCHEMI PER LA REDAZIONE DEI BILANCI DI ESERCIZIO AGENZIA PER LE ONLUS DEGLI ENTI NON PROFIT AGENZIA PER LE ONLUS ATTO DI INDIRIZZO ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001 n. 329 LINEE GUIDA E SCHEMI PER LA REDAZIONE DEI BILANCI DI ESERCIZIO DEGLI ENTI NON PROFIT Approvato

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTI IMPORT, ANTICIPI E PREFINANZIAMENTI EXPORT, FINANZIAMENTI SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE (questi ultimi se non rientranti nel credito ai consumatori)

Dettagli

A.R.C.E.A. Agenzia della Regione Calabria per. le Erogazioni in Agricoltura

A.R.C.E.A. Agenzia della Regione Calabria per. le Erogazioni in Agricoltura A.R.C.E.A. Agenzia della Regione Calabria per le Erogazioni in Agricoltura Regolamento per l istituzione di un elenco di operatori economici di fiducia ai sensi dell art. 125, comma 12 del D.lgs. n. 163

Dettagli

REGISTRO DELLE IMPRESE

REGISTRO DELLE IMPRESE REGISTRO DELLE IMPRESE SCIOGLIMENTO, LIQUIDAZIONE e CANCELLAZIONE 1/2005 maggio 2005 www.an.camcom.it 1 PREMESSA... 3 SOCIETÀ DI CAPITALI... 3 DELIBERA DI SCIOGLIMENTO E NOMINA DEL LIQUIDATORE... 3 SCIOGLIMENTO

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

Categoria Servizi di Pulizia ed Igiene Ambientale Regolamento Sistema di Qualificazione

Categoria Servizi di Pulizia ed Igiene Ambientale Regolamento Sistema di Qualificazione ALBO FORNITORI POSTE ITALIANE S.P.A. CATEGORIA SERVIZI DI PULIZIA ED IGIENE AMBIENTALE REGOLAMENTO DEL SISTEMA DI QUALIFICAZIONE Pagina 1 di 20 INDICE 1. DISPOSIZIONI GENERALI...3 1.1. Premessa e ambito

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

StarRock S.r.l. Bilancio 2014

StarRock S.r.l. Bilancio 2014 StarRock S.r.l. Bilancio 2014 Pagina 1 StarRock S.r.l. Sede legale in Milano 20135, Viale Sabotino 22 Capitale sociale sottoscritto Euro 35.910,84 i.v. Registro Imprese di Milano, Codice Fiscale, P.IVA

Dettagli

ASPETTI FISCALI, AMMINISTRATIVI ED ACCERTAMENTO NELLE A.S.D.

ASPETTI FISCALI, AMMINISTRATIVI ED ACCERTAMENTO NELLE A.S.D. ASPETTI FISCALI, AMMINISTRATIVI ED ACCERTAMENTO NELLE A.S.D. Convegno del 7 dicembre 2010 Dott. ssa Mariangela Brunero Il rendiconto: criteri e modalità di redazione ed approvazione Introduzione Attività

Dettagli

1. Archivio Diciture per Indici di Bilancio

1. Archivio Diciture per Indici di Bilancio INDICI DI BILANCIO 1. Archivio Diciture per Indici di Bilancio Perché sia possibile un calcolo automatico degli indici di bilancio (ratios) è necessario che le informazioni siano memorizzate seguendo i

Dettagli

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni COMUNE DI BRIGNANO GERA D'ADDA (c_b178) - Codice AOO: AOOBRIGNANOADDA - Reg. nr.0001628/2013 del 18/02/2013 ALLEGATO A alla deliberazione del Consiglio comunale n. 2 del 04.02.2013 COMUNE DI BRIGNANO GERA

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI COMMISSIONE PARITETICA PER I PRINCIPI DI REVISIONE LA COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI

Dettagli

ALBO FORNITORI GTT - DOMANDA DI AMMISSIONE

ALBO FORNITORI GTT - DOMANDA DI AMMISSIONE Allegato 1 - Domanda di ammissione ALBO FORNITORI GTT - DOMANDA DI AMMISSIONE DICHIARAZIONE (da rendere da parte dei soggetti a ciò tenuti e accompagnata dalla copia di un documento di identità personale

Dettagli

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione Luca Bilancini (Commercialista, Pubblicista, coordinatore scientifico MAP) OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione 1 OIC 23 - Principali novità Non ci sono più i paragrafi relativi alle commesse in valuta

Dettagli

Gli indici per l analisi di bilancio. Relazione di

Gli indici per l analisi di bilancio. Relazione di Gli indici per l analisi di bilancio Relazione di Giorgio Caprioli Gli indici di solidità Gli indici di solidità studiano il rapporto tra le parti alte dello Stato Patrimoniale, ossia tra Capitale proprio

Dettagli

Risultato 2012. positivi. 1 A seguito

Risultato 2012. positivi. 1 A seguito Comunicato Stampa aii sensi del Regolamento CONSOB 11971/1999 e successive modifiche APPROVATI I RISULTATI DEL PRIMO TRIMESTREE 212: Ricavi consolidati a 22, mln (+ 5% vs v Q1 211 1 ) MOL 2 a 3,11 mln

Dettagli

BANDO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER FAVORIRE LA REGISTRAZIONE DI MARCHI COMUNITARI E INTERNAZIONALI

BANDO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER FAVORIRE LA REGISTRAZIONE DI MARCHI COMUNITARI E INTERNAZIONALI Dipartimento per l impresa e l internazionalizzazione Direzione Generale per la Lotta alla Contraffazione Ufficio Italiano Brevetti e Marchi BANDO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER FAVORIRE

Dettagli

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 INDICE TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Articolo 1 Oggetto... 3 Articolo 2 Sistema

Dettagli

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2.

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. aziende collettive, quando il soggetto giuridico è costituito

Dettagli

SELEZIONI INTERNE PER LA COPERTURA A TEMPO INDETERMINATO DI N.5 POSTI DI OPERATORE TECNICO SPECIALIZZATO-AUTOMEZZI, N.

SELEZIONI INTERNE PER LA COPERTURA A TEMPO INDETERMINATO DI N.5 POSTI DI OPERATORE TECNICO SPECIALIZZATO-AUTOMEZZI, N. Azienda Ospedaliera Nazionale SS. Antonio e Biagio e Cesare Arrigo Alessandria Via Venezia, 16 15121 ALESSANDRIA Tel. 0131 206111 www.ospedale.al.it asoalessandria@pec.ospedale.al.it C. F. P. I. 0 1 6

Dettagli

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano A.GE.S. S.p.A. Sede in Paderno Dugnano (Mi) Via Oslavia 21 Capitale sociale euro 850.000,00 interamente versato Codice fiscale e Partita Iva : 02286490962 Iscritta al Registro delle Imprese di Milano Società

Dettagli

dello dei E DEI Stato Sta tale dell per CF Mini e dei cotra Via 69, per delle che , con zzetta dest 63, ), ha per 147, che dest per il euro che

dello dei E DEI Stato Sta tale dell per CF Mini e dei cotra Via 69, per delle che , con zzetta dest 63, ), ha per 147, che dest per il euro che A LLEGATO Min nistero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE, I SERVIZI INFORMATIVI E STATISTICI DIREZIONE GENERALE EDILIZIA STATALE E INTERVENTI SPECIALI CONVENZIONE TRA

Dettagli

I PRINCIPI CONTABILI PER GLI ENTI LOCALI

I PRINCIPI CONTABILI PER GLI ENTI LOCALI MINISTERO DELL INTERNO DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI DIREZIONE CENTRALE DELLA FINANZA LOCALE OSSERVATORIO PER LA FINANZA E LA CONTABILITÀ DEGLI ENTI LOCALI I PRINCIPI CONTABILI PER

Dettagli

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118, recante disposizioni in

Dettagli

COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta

COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta PIAZZA MUNICIPIO C.F.81000730853 P.IVA. 01556350856 BANDO DI GARA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA COMUNALE (periodo dall 01/01/2011

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE)

LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE) Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione Locale LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE) ELEMENTI DI CONTABILITA RIFERITI ALLA FASE DELLA SPESA

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM

LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM Il conto economico che abbiamo esaminato fino ad ora si presenta a sezioni contrapposte: nella sezione del DARE vengono rilevati i costi, e nella

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI. Art. 1 - Fonti

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI. Art. 1 - Fonti REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI Art. 1 - Fonti 1. Il presente Regolamento disciplina la composizione, la durata e le modalità di funzionamento del Collegio dei Revisori

Dettagli

Fondamenti. G.GHELFI gghelfi@liuc.it

Fondamenti. G.GHELFI gghelfi@liuc.it Fondamenti di analisi i di bilancio i Le analisi di bilancio: introduzione gghelfi@liuc.it Le analisi di bilancio - Introduzione Il bilancio è il documento contabile in cui trovano rappresentazione l andamento

Dettagli

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 febbraio 2015 OGGETTO: IVA. Ambito soggettivo di applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti Articolo 1, comma 629, lettera b), della

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO:

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO: LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO: STATO PATRIMONIALE ATTIVO: + ATTIVO IMMOBILIZZATO: Investimenti che si trasformeranno in denaro in un periodo superiore ad un anno + ATTIVO CIRCOLANTE: Investimenti che

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

C O M U N E DI M O L I T E R N O

C O M U N E DI M O L I T E R N O C O M U N E DI M O L I T E R N O (Provincia di Potenza) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con delibera consiliare n.05 del 6/02/2013 modificato con delibera consiliare n. 54 del 30/11/2013 Indice

Dettagli

Regolamento per il riscatto degli anni di laurea ex art. 22 Regolamento dell Ente

Regolamento per il riscatto degli anni di laurea ex art. 22 Regolamento dell Ente E.P.A.P. Ente di Previdenza ed Assistenza Pluricategoriale Via Vicenza, 7-00185 Roma Tel: 06 69.64.51 - Fax: 06 69.64.555 E-mail: info@epap.it - Sito web: www.epap.it Codice fiscale: 97149120582 Regolamento

Dettagli

STATUTO ( di Associazione non riconosciuta)

STATUTO ( di Associazione non riconosciuta) 1 Articolo -1 Denominazione e sede sociale STATUTO ( di Associazione non riconosciuta) 1 - E costituita con sede in. ( ) Via un Associazione sportiva, ai sensi degli art. 36 e ss. Codice Civile denominata

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli

Istruzioni per la compilazione del Piano economico rendicontativo

Istruzioni per la compilazione del Piano economico rendicontativo I MATERIALI FORMATIVI costituiscono un supporto pratico alla rendicontazione dei progetti; la loro funzione principale è quella di mostrare l applicazione delle regole a casi concreti con l ausilio degli

Dettagli

POPOLARE VITA S.p.A.

POPOLARE VITA S.p.A. CONTRATTO DI ASSICURAZIONE SULLA VITA IN FORMA MISTA, A PREMIO UNICO CON RIVALUTAZIONE ANNUALE DEL CAPITALE (TARIFFA N. 560) Orizzonte Sicuro Il presente Fascicolo Informativo, contenente: la Scheda Sintetica;

Dettagli

DECRETI E DELIBERE DI ALTRE AUTORITÀ

DECRETI E DELIBERE DI ALTRE AUTORITÀ DECRETI E DELIBERE DI ALTRE AUTORITÀ COMITATO INTERMINISTERIALE PER LA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA DELIBERA 20 febbraio 2015. Regolamento recante disposizioni operative del Fondo di garanzia per le agevolazioni

Dettagli

BANDO DI GARA D'APPALTO. Economiche - Direzione per la gestione dei procedimenti connessi alle Entrate Extra-

BANDO DI GARA D'APPALTO. Economiche - Direzione per la gestione dei procedimenti connessi alle Entrate Extra- . ROMA CAPITALE BANDO DI GARA D'APPALTO SEZIONE I) AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE. 1.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto: Roma Capitale - Dipartimento Risorse Economiche - Direzione per la

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA 1. A norma degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile è costituita la Fondazione dell

Dettagli

IL PROGETTO CERT APP: GLI STRUMENTI E I RISULTATI DELLA SPERIMENTAZIONE

IL PROGETTO CERT APP: GLI STRUMENTI E I RISULTATI DELLA SPERIMENTAZIONE IL PROGETTO CERT APP: GLI STRUMENTI E I RISULTATI DELLA SPERIMENTAZIONE 12 DICEMBRE 2013 JOB MATCHPOINT Eliana Branca Direttore Scuola Superiore del Commercio del Turismo dei Servizi e delle Professioni

Dettagli

L applicazione delle tassonomie XBRL alle società italiane

L applicazione delle tassonomie XBRL alle società italiane CIRCOLARE N. 12 DEL 20 APRILE 2015 DIRITTO SOCIETARIO MERCATO DEI CAPITALI E SOCIETA QUOTATE L applicazione delle tassonomie XBRL alle società italiane www.assonime.it ABSTRACT Nel corso del 2014 si è

Dettagli

SCHEDA OPERATIVA SOGGETTI AMMISSIBILI

SCHEDA OPERATIVA SOGGETTI AMMISSIBILI Avviso pubblico - Puglia Sviluppo - Regione Puglia in attuazione della DGR n. 1788 del 06 Agosto 2014. Pagina 1 COMMISSIONE EUROPEA REGIONE PUGLIA Area Politiche per lo Sviluppo Economico, Lavoro e Innovazione

Dettagli

2012: : 2011 1 ) semestre. Risultato. - 25,6 mln. giugno 2012. mercati. nonostante. di riferimentoo. e della visibilità. in Rete.

2012: : 2011 1 ) semestre. Risultato. - 25,6 mln. giugno 2012. mercati. nonostante. di riferimentoo. e della visibilità. in Rete. Comunicato Stampa aii sensi del Regolamento CONSOB 11971/1999 e successive modifiche APPROVATI I RISULTATI DEL PRIMO SEMESTRE 212: : Ricavi consolidati a 43,6 mln (+ 8% vs 1 semestre 211 1 ) MOL 2 a 6,1

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

Una posta di bilancio che necessita particolare

Una posta di bilancio che necessita particolare Costi di ricerca e sviluppo: aspetti contabili e fiscali I principi contabili possono aiutare a interpretare correttamente le scarne istruzioni del legislatore in tema di deducibilità dei costi sostenuti

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE IL DIRETTORE GENERALE Visto il decreto del Ministro dello sviluppo economico 8 marzo 2013, pubblicato nella Gazzetta

Dettagli

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO Regione Puglia COMUNE DI VICO DEL GARGANO Provincia di Foggia - Ufficio Tecnico Comunale - III SETTORE - Largo Monastero, civ.6 e-mail aimolaelio@fastwebnet.it. e-mail aimolaelio@comune.vicodelgargano.fg.it

Dettagli

Obblighi contabili per gli Enti non commerciali D. Quali sono gli obblighi contabili minimi per gli Enti non commerciali?

Obblighi contabili per gli Enti non commerciali D. Quali sono gli obblighi contabili minimi per gli Enti non commerciali? Obblighi contabili per gli Enti non commerciali D. Quali sono gli obblighi contabili minimi per gli Enti non commerciali? 1 R. Per gli enti non commerciali non sussiste, ai fini civilistici, relativamente

Dettagli

MODULO DICHIARAZIONE PER VALUTAZIONE CAPACITA FINANZIARIA EX ART. 6 COMMA2, D.LGS 395/2000.

MODULO DICHIARAZIONE PER VALUTAZIONE CAPACITA FINANZIARIA EX ART. 6 COMMA2, D.LGS 395/2000. MODULO DICHIARAZIONE PER VALUTAZIONE CAPACITA FINANZIARIA EX ART. 6 COMMA2, D.LGS 395/2000. Domanda per l esercizio del servizio passeggeri effettuato mediante NCC-bus nella provincia di Bologna. Alla

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE (In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano

Dettagli

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A.

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. 2011/2012 Art. 1 Oggetto del bando 1. L Università degli Studi di Siena

Dettagli

Il consolidamento negli anni successivi al primo

Il consolidamento negli anni successivi al primo Il consolidamento negli anni successivi al primo Il rispetto del principio della continuità dei valori richiede necessariamente che il bilancio consolidato degli esercizi successivi sia strettamente dipendente

Dettagli

L analisi economico finanziaria dei progetti

L analisi economico finanziaria dei progetti PROVINCIA di FROSINONE CIOCIARIA SVILUPPO S.c.p.a. LABORATORI PER LO SVILUPPO LOCALE L analisi economico finanziaria dei progetti Azione n. 2 Progetti per lo sviluppo locale LA FINANZA DI PROGETTO Frosinone,

Dettagli

Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n.

Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n. Bologna, 25 maggio 2006 Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n. 11971/1999 Gli organi amministrativi di Lopam Fin S.p.A.

Dettagli

BILANCIO AL 31/12/2012

BILANCIO AL 31/12/2012 BILANCIO AL 31/12/2012 S T A T O P A T R I M O N I A L E - A T T I V O - B IMMOBILIZZAZIONI I IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 1 COSTI DI IMPIANTO E DI AMPLIAMENTO 12201 Spese pluriennali da amm.re 480,00

Dettagli

Associazione intercomunale del Gemonese Gestione associata dell Ufficio Opere Pubbliche tra i. Comuni di Gemona del Friuli, Montenars e Bordano.

Associazione intercomunale del Gemonese Gestione associata dell Ufficio Opere Pubbliche tra i. Comuni di Gemona del Friuli, Montenars e Bordano. Associazione intercomunale del Gemonese Gestione associata dell Ufficio Opere Pubbliche tra i Comuni di Gemona del Friuli, Montenars e Bordano. Prot. n. 5789 Bordano, 04.12.2014 POR FESR 2007 2013 Obiettivo

Dettagli

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria).

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria). Luogo di convocazione dell assemblea nelle società di capitali della Dott.ssa Roberta De Pirro L ADEMPIMENTO Il Consiglio nazionale del notariato, nello Studio n. 98-2013/I ha fatto il punto sul luogo

Dettagli

Fondazione Luca Pacioli

Fondazione Luca Pacioli Fondazione Luca Pacioli LE NOVITÀ DELLA RIFORMA DEL DIRITTO SOCIETARIO SUL BILANCIO D ESERCIZIO BILANCIO IN FORMA ABBREVIATA Documento n. 15 del 28 aprile 2005 CIRCOLARE Via G. Paisiello, 24 00198 Roma

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

LE IMPOSTE SUL REDDITO

LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO Il risultato che scaturisce dal bilancio redatto in base alla normativa del codice civile rappresenta il valore di partenza a cui fa riferimento la disciplina

Dettagli

REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI

REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI COMUNE DI TREMEZZINA REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI Approvato con deliberazione del Commissario prefettizio assunta con i poteri di Consiglio n. 19 del 02/04/2014

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

Decreto Dirigenziale n. 298 del 24/12/2013

Decreto Dirigenziale n. 298 del 24/12/2013 Decreto Dirigenziale n. 298 del 24/12/2013 Dipartimento 51 - Dipartimento della Programmazione e dello Sviluppo Economico Direzione Generale 2 - Direzione Generale Sviluppo Economico e le Attività Produttive

Dettagli

STATUTO DEL CONSIGLIO PARROCCHIALE PER GLI AFFARI ECONOMICI. La Parrocchia

STATUTO DEL CONSIGLIO PARROCCHIALE PER GLI AFFARI ECONOMICI. La Parrocchia STATUTO DEL CONSIGLIO PARROCCHIALE PER GLI AFFARI ECONOMICI La Parrocchia Art. 1. La parrocchia è una persona giuridica pubblica, costituita con decreto dell Ordinario Diocesano (can. 515,3 ), riconosciuta

Dettagli

Ministero dell Interno

Ministero dell Interno Ministero dell Interno Osservatorio per la finanza e la contabilità degli enti locali FINALITA E POSTULATI DEI PRINCIPI CONTABILI DEGLI ENTI LOCALI Testo approvato dall Osservatorio il 12 marzo 2008 1

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli