se la conosci, la previeni!

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "se la conosci, la previeni!"

Transcript

1 EPATITE se la conosci, la previeni! HEALTHY FOUNDATION HEALTHY FOUNDATION

2 Epatiti, cosa sono? 2 L epatite, o meglio le epatiti sono tra le malattie infettive più comuni e gravi del mondo. Si tratta di patologie virali, acute e croniche, che colpiscono soprattutto il fegato. Ma i loro effetti e la loro diffusione sono spesso ignorati. Infatti, la maggior parte delle persone che ha contratto l infezione ne è all oscuro: è possibile, quindi, che la malattia progredisca e che il virus venga trasmesso, anche in maniera inconsapevole, da una persona all altra. La prevenzione è l arma più efficace per ridurre il numero di nuovi casi e risparmiare importanti risorse. Ogni persona è chiamata a fare la sua parte: solo con il rispetto di semplici regole igieniche e la conduzione di uno stile di vita corretto fin da giovani, che si concretizza nella cura della propria persona, esercizio fisico costante, sana alimentazione, lotta al tabagismo e all abuso di alcol e droghe, è possibile contrastare la diffusione dei virus. Le forme più diffuse di epatite sono tre e vengono indicate con le lettere A, B e C; anche se esistono delle forme transitorie come la D e la E, diffusa principalmente nei Paesi tropicali. Questo opuscolo, realizzato con Healthy Foundation, l associazione che promuove stili di vita corretti su tutto il territorio nazionale (www.healthyfoundation.org), nasce con l obiettivo di conoscere un po più da vicino questi virus e promuovere quei comportamenti quotidiani che ci aiutano a preservare la nostra salute: solo giocando d anticipo è, infatti, possibile arrestare la diffusione del virus e vincere la lotta all epatite!

3 l Epatite C Identikit del virus più diffuso in Italia Cos è l epatite C? Nel nostro Paese, più di un milione e mezzo di persone convive con il virus dell epatite C (HCV). Quest infezione è spesso asintomatica e in molti casi può diventare cronica. Se trascurata può, inoltre, evolversi in patologie gravi come la cirrosi (un infiammazione del fegato che altera la struttura dell organo, al punto da compromettere le sue capacità funzionali) e favorire anche il tumore al fegato. Come riconoscerla? Il periodo di incubazione può durare dalle 2 settimane ai 6 mesi. La malattia si manifesta con sintomi vaghi e per questi motivi non è sempre riconoscibile. Tra i disturbi più frequenti: nausea affaticamento perdita di appetito cefalea ittero (colorazione gialle di sclere la parte bianca dell occhio e della pelle) a volte febbre e dolori addominali e muscolari La diagnosi di epatite C è possibile, soprattutto, grazie a esami specifici come quello del sangue: molto spesso si scopre di avere il virus in occasione di una donazione del sangue o prima di un intervento chirurgico. 3

4 l Epatite C Come avviene il contagio? Il virus HCV, responsabile dell infezione, si trasmette principalmente tramite il contatto con il sangue di una persona infetta, a causa di uso di droghe per via endovenosa, scambio o uso di siringhe e aghi infettati, trasfusioni di sangue infetto, utilizzo di strumentazioni mediche o estetiche non sterili. Meno frequente, ma non impossibile, il contagio attraverso rapporti sessuali non protetti. In quest ultimo caso, il rischio è maggiore se: la malattia epatica è in fase acuta si hanno più partner sessuali le difese del sistema immunitario sono deboli si soffre di lesioni genitali è già presente anche l infezione da HIV il rapporto avviene durante il ciclo mestruale L infezione può trasmettersi anche per via verticale, da madre a figlio, ma con una percentuale molto bassa (5%). Raramente l epatite C può essere contratta utilizzando spazzolini da denti o lime da unghie contaminate. Ancora oggi, la condivisione di aghi o siringhe e l uso di strumenti chirurgici ed estetici non sterili rappresentano i maggiori fattori di rischio. Grazie all introduzione dello screening obbligatorio del sangue, invece, le infezioni da epatite C associate alle trasfusioni sono praticamente ridotte a zero. 4

5 Bellezza senza rischi per la salute Tatuaggi Il potenziale di reazioni allergiche derivante dai tatuaggi è così grande che chiunque dovrebbe pensarci a lungo prima di sottoporsi a questo trattamento. Tra i rischi più comuni ci sono proprio l epatite C e l epatite di tipo B. Se decidete di fare un tatuaggio assicuratevi che la persona che lo realizza abbia tutte le autorizzazioni e certificazioni previste, accertatevi sempre delle condizioni igieniche e pretendete l uso di strumenti sterili, usa e getta. Attenzione inoltre alle colorazioni: il pigmento giallo, per esempio, reagisce al sole e può provocare bolle abbastanza gravi da lasciare cicatrici profonde nella pelle, diventando così veicolo di infezioni! Piercing Anche la moda del piercing nasconde una serie di rischi, spesso ignorati. È bene rivolgersi sempre a un serio specialista dotato di apparecchiature igienizzate ed evitare di effettuarlo nelle parti del corpo particolarmente delicate. È noto, infatti che alcuni body piercers non utilizzano strumenti adeguatamente sterilizzati o monouso, come previsto dalla legge. L inosservanza delle regole rischia di portare alla trasmissione del virus dell epatite C, dell epatite B, ma anche dell HIV, del papilloma virus e del tetano. Inoltre alcune parti del corpo come genitali, capezzoli o lingua sono estremamente delicate e molto innervate, per questo possono infiammarsi facilmente, e avere conseguenze gravi, come sanguinamenti protratti e perdita di sensibilità. Se avete intenzione di farvi un piercing o un tatuaggio fate molta attenzione: non mettete a rischio la vostra salute, per un piccolo vezzo estetico! 5

6 Prevenire è meglio che curare L epatite si vince giocando d anticipo, seguendo delle semplici regole dettate da una parola magica: prevenzione. Cosa significa? Vuol dire seguire uno stile di vita corretto, fin da giovani. Un concetto sicuramente alla portata di tutti. Si inizia con delle semplici norme igienico-sanitarie specifiche, si passa poi alla riduzione del consumo di alcol e si finisce con la pratica costante di esercizio fisico e con una buona alimentazione. Senza dimenticare di eliminare il fumo di sigaretta, dannoso sempre e comunque! 6

7 Ecco dunque riassunti dieci semplici comportamenti per evitare i virus dell epatite e conservare la propria salute a lungo: 1 utilizzare sempre il preservativo, soprattutto se si hanno più partner sessuali 2 evitare lo scambio di aghi o siringhe usati 3 non drogarsi: tutte le sostanze stupefacenti sono molto pericolose e possono avere conseguenze irreversibili sulla salute! 4 non scambiare oggetti personali quali spazzolino da denti, forbicine, rasoi, tagliaunghie 5 in caso di tatuaggi, fori alle orecchie o piercing, pratiche estetiche che prevedano l uso di aghi, accertatevi delle condizioni igieniche dei locali e pretendete strumenti usa e getta 6 curare scrupolosamente l igiene personale: lavarsi bene le mani con acqua e sapone dopo aver usato il bagno, prima di mangiare e di cucinare 7 rivolgersi sempre a ospedali e centri autorizzati per le trasfusioni. Se avete dubbi, rivolgetevi al vostro medico 8 non fumare e non abusare degli alcolici: sono comportamenti dannosi, che possono provocare malattie e infezioni molto gravi, compromettendo la salute anche per molti anni 9 fare attività fisica regolarmente: lo sport mantiene giovani e attivi, migliora l umore, e stimola il nostro sistema immunitario, vero e proprio scudo contro virus e batteri 10 infine occhio all alimentazione: seguire una dieta sana ed equilibrata, ricca di frutta e verdura. Attenzione ad alcuni cibi: il pesce e i frutti di mare, ad esempio, sono da consumare cotti. Se mangiati crudi, infatti, possono essere veicolo di infezioni, come l epatite A e l epatite E. Stesso discorso per i frutti di bosco congelati: da preferire sempre la frutta fresca di stagione, lavando accuratamente la buccia 7

8 Nuove prospettive di cura Il fegato è uno degli organi più grandi e importanti del corpo umano: svolge una vasta serie di processi vitali per mantenere sano e pulito l organismo, e lavora come una batteria che trasforma i nutrienti per produrre energia, regolando i livelli di sostanze chimiche e ormoni e contrastando le infezioni. Nelle persone affette da epatite, le cellule del fegato si danneggiano e ne compromettono le funzioni. Il virus dell epatite C è capace di mutare rapidamente, in modo tale da sfuggire alla sorveglianza esercitata dal nostro sistema immunitario. Questa proprietà del virus fa sì che il nostro sistema immunitario sia solitamente incapace di eliminarlo, così che la guarigione spontanea è molto rara. Lo scopo della terapia per l HCV è, pertanto, quello di migliorare la qualità di vita del malato ed evitare conseguenze più gravi o fatali a danno del fegato, come la cirrosi e altre malattie epatiche. Ciò può avvenire tramite una riduzione prolungata della carica virale e un indebolimento della capacità di replicazione del virus. La ricerca ha mostrato che, riducendo in modo significativo la carica virale, diminuisce il rischio di cirrosi e di tumore del fegato. Di recente, sono stati anche messi a punto nuovi farmaci in grado di raggiungere quest obiettivo e condurre a guarigione o ridurre gli effetti della malattia nella maggior parte dei pazienti, sia in fase acuta che in fase cronica, prima che il fegato sia talmente danneggiato da dover essere sostituito attraverso un trapianto. La maggior parte di questi trattamenti, però, richiede tempi di cura piuttosto lunghi (le terapie possono durare mesi) e alcuni medicinali hanno prezzi molto importanti. 8

9 L abcd e dell epatite: una grande famiglia Non esiste solo l epatite C: i virus che possono causare importanti danni al fegato sono diversi. Vediamo dunque in dettaglio, gli altri componenti della famiglia Epatite. Epatite A L epatite A (HAV) si trasmette attraverso cibi e bevande contaminate o tramite contatto con persone infette. È presente in tutto il mondo, soprattutto, nei Paesi più poveri, e ha un decorso asintomatico (o disturbi lievi nel 70% dei casi). In Italia, invece, la malattia è endemica, cioè più frequente in alcuni territori della nostra Penisola: in particolar modo, nelle regioni meridionali, dove si consumano più spesso pesce e frutti di mare crudi. Ma possono verificarsi epidemie su tutto il territorio, a causa di frutta e verdura o acqua contaminati. Un esempio sono i frutti di bosco surgelati: nel 2013 sono stati la causa di un focolaio che ha colpito l intera Europa! A differenza dell epatite C, la A non diventa cronica e si trasmette per via fecale o orale. Il virus è presente nel sangue delle persone infette solo per pochi giorni, mentre nelle feci lo si trova 7-10 giorni prima dell inizio dei sintomi e fino a una settimana dopo. I sintomi si manifestano dopo giorni dal contagio e sono principalmente: stanchezza, perdita di appetito, nausea e vomito, febbre, dolori addominali, ittero. In seguito possono comparire altri effetti come prurito, urine di colore scuro e feci chiare. Se viaggiate verso Paesi con scarse condizioni igienico-sanitarie, una volta arrivati, prestate attenzione a ciò che mangiate: consumate solo cibi ben cotti (inclusi verdure e pesce), bevete esclusivamente acqua in bottiglia e non consumate ghiaccio. Inoltre, per chi si reca in zone a rischio, è disponibile un vaccino che determina una protezione già dopo giorni dalla prima dose. Un richiamo è effettuato dopo 6-12 mesi e offre un efficace barriera per oltre 10 anni. 9

10 La malattia spesso si risolve spontaneamente e può durare da 2 a 10 settimane. Dopo la guarigione, l immunità al virus è garantita per tutta la vita. Le forme fulminanti sono rare e di solito si manifestano in persone di età avanzata. Per guarire in breve tempo è necessario seguire accuratamente le indicazioni del medico, accompagnate da assoluto riposo, dieta bilanciata e molti liquidi. Il consumo di alcol è invece da bandire, perché danneggia ulteriormente il fegato. Epatite B L epatite B (HBV) può diventare cronica e portare a complicanze molto gravi. Ma, al contrario di altre forme, può essere prevenuta con la vaccinazione. È uno dei virus più infettivi al mondo, e si trasmette attraverso l esposizione a sangue infetto o a fluidi corporei, come sperma e liquidi vaginali. Inoltre, può essere passato verticalmente dalla madre infetta al bambino durante la gravidanza. Il contagio più frequente avviene, però, come per l epatite C: con siringhe, aghi, strumenti e apparecchiature sanitarie non adeguatamente sterilizzate (agopuntura, tatuaggi, cure dentarie, piercing, manicure) o anche con uso di spazzolini da denti, rasoi, forbici di persone infette. Chi ha l epatite B è contagioso sia nella fase acuta sia in quella cronica della malattia, che spesso può anche passare senza particolari disturbi, soprattutto nei bambini. L incubazione dura 2-6 mesi dall infezione, e i sintomi caratteristici possono essere più o meno gravi: mancanza di appetito, dolore muscolare, febbre e nausea, malessere generale. Un altro segnale importante è il colore delle urine, che si presentano scure, mentre le feci tendono ad essere chiare. La diagnosi è possibile grazie agli esami del sangue: è molto frequente scoprire di avere l epatite B, o di averla avuta in passato, solo dopo test effettuati per caso, ad esempio, in occasione di una donazione del sangue o di un operazione chirurgica.

11 Epatite D Il virus Delta (HDV) rientra nella categoria dei virus cosiddetti difettivi poiché ha bisogno della contemporanea presenza del virus B per potersi riprodurre. La conseguenza di ciò è che l epatite D può svilupparsi solo nelle persone colpite già colpite da Epatite B. Si tratta di un infezione tanto rara, quanto grave. Non esistono cure efficaci contro l epatite Delta. Per questo vaccinarsi contro l Epatite B, adottare stili di vita corretti e limitare le condizioni di rischio sono le uniche strategie per giocare d anticipo sulla malattia. Epatite E Il virus (HEV) è diffuso principalmente nel sud-est asiatico, ed è poco frequente nei paesi più industrializzati. Si trasmette per via oro-fecale, ma soprattutto attraverso l acqua contaminata e cibi crudi derivati da animali infetti. Altri fattori di contagio sono: le trasfusioni di sangue contaminato e la trasmissione verticale da madre a figlio durante la gravidanza. L infezione decorre spontaneamente in 4-6 settimane ma, anche se raramente, può trasformarsi in epatite fulminante (insufficienza epatica acuta) soprattutto nelle donne in dolce attesa. I casi di epatite cronica sono, invece, più frequenti nelle persone con un sistema immunitario compromesso. Anche in questo caso, i sintomi più comuni sono: ittero; perdita di appetito; dolori addominali; nausea e vomito; febbre e ingrossamento del fegato. Sono difficili da distinguere da quelli che si verificano durante la fase acuta di una qualsiasi altra malattia epatica e solitamente durano un paio di settimane. Nei casi più gravi può evolversi in altre forme transitorie di epatite, difficili da trattare: ecco, perché la prevenzione è l approccio più efficace contro questa malattia! 11

12 HEALTHY FOUNDATION HEALTHY FOUNDATION Le epatiti sono tra le malattie infettive più comuni e gravi del mondo. Ma i loro effetti e la loro diffusione sono ignoti alla maggioranza delle persone. Esistono molti virus A, B, C, D, E che possono determinare epatiti di breve durata, oppure evolversi in patologie molto gravi e pericolose per la vita. La migliore arma contro queste infezioni, soprattutto tra i giovani, è la prevenzione. Cosa vuol dire? Semplice: aver cura di sé e delle persone che ci sono vicine. Solo attraverso stili di vita corretti e un attenta cura dell igiene personale è, infatti, possibile arrestare la diffusione del virus e vincere la lotta contro l epatite! Realizzazione via Malta 12/b, Brescia Realizzato con il contributo di

Malattie a trasmissione sessuale

Malattie a trasmissione sessuale Malattie a trasmissione sessuale 1 Definizione Sono infezioni che colpiscono sia gli organi genitali che altre parti del corpo e che si trasmettono mediante i rapporti sessuali con persone infette. 2 Inquadramento

Dettagli

Epatiti virali. Capitolo 8

Epatiti virali. Capitolo 8 Epatiti virali Capitolo 8 L epatite virale è un infiammazione del fegato causata da virus. Ad oggi i principali virus dell epatite conosciuti sono: virus epatite A (HAV), virus epatite B (HBV), virus epatite

Dettagli

Breve viaggio alla scoperta delle Malattie Sessualmente Trasmissibili

Breve viaggio alla scoperta delle Malattie Sessualmente Trasmissibili Breve viaggio alla scoperta delle Malattie Sessualmente Trasmissibili Materiale elaborato con la supervisione della dott.ssa Barbara Ricciardi dai partecipanti al corso di formazione per volontari Comunicare

Dettagli

MINISTERO DELLA SANITÀ

MINISTERO DELLA SANITÀ Le epatiti virali MINISTERO DELLA SANITÀ DIPARTIMENTO DELLA PREVENZIONE MALATTIE INFETTIVE E PROFILASSI INTERNAZIONALE CONSIGLI SULLA PREVENZIONE DI ALCUNE MALATTIE INFETTIVE una raccolta di schede informative

Dettagli

Test Verificate le vostre conoscenze sull epatite C!

Test Verificate le vostre conoscenze sull epatite C! Test Verificate le vostre conoscenze sull epatite C! L Epatite C può essere trasmessa attraverso: L uso comune di aghi e siringhe L uso comune di filtri, cucchiai e acqua al momento del consumo di droghe

Dettagli

sintomi,decorso coinfezioni

sintomi,decorso coinfezioni 2007 L epatite è un infiammazione del fegato; se è causata da un virus l epatite può essere trasmessa da una persona all altra.invece l epatite non è contagiosa se ha origine da abuso di alcool o medicamenti,

Dettagli

CORSI DI FORMAZIONE TATUAGGIO E PIERCING: ASPETTI DI SICUREZZA. Modena 29 giugno 2009

CORSI DI FORMAZIONE TATUAGGIO E PIERCING: ASPETTI DI SICUREZZA. Modena 29 giugno 2009 CORSI DI FORMAZIONE TATUAGGIO E PIERCING: ASPETTI DI SICUREZZA Modena 29 giugno 2009 CENNI DI EPIDEMIOLOGIA E PREVENZIONE DELLE PRINCIPALI INFEZIONI TRASMISSIBILI PER VIA PARENTERALE Epatite B Epatite

Dettagli

Dr. Giuliana Battistini Servizio Igiene Pubblica AUSL Parma

Dr. Giuliana Battistini Servizio Igiene Pubblica AUSL Parma Tattoo e piercing La protezione dell operatore Parma 18 marzo 2013 Dr. Giuliana Battistini Servizio Igiene Pubblica AUSL Parma Tutti i pazienti possono essere portatori di microorganismi trasmissibili

Dettagli

Prof. Pippi Luigi Specialista in Malattie Infettive luigipippi@libero.it

Prof. Pippi Luigi Specialista in Malattie Infettive luigipippi@libero.it 1 Prof. Pippi Luigi Specialista in Malattie Infettive luigipippi@libero.it EPATITE DA HBV Introduzione... 1 Epidemiologia... 2 Modalità e vie di trasmissione... 2 Patogenesi... 3 Clinica... 4 Diagnosi...

Dettagli

dott. Giovanni Garozzo

dott. Giovanni Garozzo Le epatiti virali 3 Cara donatrice e caro donatore, tra gli esami che obbligatoriamente vengono eseguiti in occasione della iscrizione all AVIS e in occasione di ogni donazione vi è la ricerca e degli

Dettagli

Capitolo 6 infezione da hiv e aids sindrome da immunodeficienza acquisita SIDA acquired immune defi- ciency syndrome AIDS hiv

Capitolo 6 infezione da hiv e aids sindrome da immunodeficienza acquisita SIDA acquired immune defi- ciency syndrome AIDS hiv Infezione da HIV e AIDS Capitolo 6 La sindrome da immunodeficienza acquisita (SIDA) o acquired immune deficiency syndrome (AIDS) è una malattia del sistema immunitario umano causata dal virus dell immunodeficienza

Dettagli

MAR A TIN I A N Z AM A INA N TO T CLASSE 3 A

MAR A TIN I A N Z AM A INA N TO T CLASSE 3 A L AIDS MARTINA ZAMINATO CLASSE 3 A ANNO SCOLASTICO 2012/2013 AIDS e HIV: sintomi - cause - test - trasmissione Introduzione AIDS (Acquired Immune Deficiency Syndrome) sta per sindrome da immunodeficienza

Dettagli

Malattie da virus a trasmissione parenterale

Malattie da virus a trasmissione parenterale Malattie da virus a trasmissione parenterale Epatite B Eziologia Il virus dell epatite B appartiene alla famiglia Hepadnaviridae, genere Orthohepadnavirus. HBV è una particella sferica di 42 nm di diametro.

Dettagli

LE INFEZIONI SESSUALMENTE TRASMESSE:

LE INFEZIONI SESSUALMENTE TRASMESSE: LE INFEZIONI SESSUALMENTE TRASMESSE: la conoscenza è il primo passo per combatterle www.aslbrescia.it A cura dell Azienda Sanitaria Locale di Brescia Servizio Medicina del Disagio Ambulatorio Malattie

Dettagli

4USA IL PRESERVATIVO 4SE HAI AVUTO RAPPORTI NON PROTETTI FAI IL TEST HIV

4USA IL PRESERVATIVO 4SE HAI AVUTO RAPPORTI NON PROTETTI FAI IL TEST HIV 4USA IL PRESERVATIVO 4SE HAI AVUTO RAPPORTI NON PROTETTI FAI IL TEST HIV conosci 1/2 Ho 21 anni, sono una ragazza carina Con l ultimo ragazzo è durata tre mesi e, ahimè, ci sono stati rapporti non protetti...ora

Dettagli

Troverà di seguito le informazioni relative alle principali malattie, le zone a rischio e i vaccini adatti.

Troverà di seguito le informazioni relative alle principali malattie, le zone a rischio e i vaccini adatti. Vaccinazioni Troverà di seguito le informazioni relative alle principali malattie, le zone a rischio e i vaccini adatti. Difterite Tetano Polio Encefalite da zecche Febbre gialla Febbre tifoide Epatite

Dettagli

Epatite A. La conosciamo veramente?

Epatite A. La conosciamo veramente? Epatite A. La conosciamo veramente? u... Oggi l'epatite A è la malattia preveni bile tramite vaccino più comune tra i wl.ggi.lori... Ess. è 100 volle più fre' quenle del Ilfo e 1000 volle più fre quente

Dettagli

Introduzione. Prof. Pippi Luigi Specialista in Malattie Infettive luigipippi@libero.it

Introduzione. Prof. Pippi Luigi Specialista in Malattie Infettive luigipippi@libero.it 1 Prof. Pippi Luigi Specialista in Malattie Infettive luigipippi@libero.it EPATITE DA HCV Introduzione... 1 Epidemiologia... 2 Patogenesi... 2 Modalità e vie di trasmissione... 3 Sintomatologia ed evoluzione...

Dettagli

CROCE ROSSA ITALIANA Ispettorato Regionale Pionieri Toscana HIV EPATITI MALATTIE SESSUALMENTE TRASMISSIBILI

CROCE ROSSA ITALIANA Ispettorato Regionale Pionieri Toscana HIV EPATITI MALATTIE SESSUALMENTE TRASMISSIBILI CROCE ROSSA ITALIANA Ispettorato Regionale Pionieri Toscana HIV EPATITI MALATTIE SESSUALMENTE TRASMISSIBILI Corso Aspiranti Pionieri CRI Pisa San Frediano a Settimo 8 Nov. 2006 Monitore C.R.I. SPINELLI

Dettagli

SEIEVA - Sistema epidemiologico integrato epatite virale acuta

SEIEVA - Sistema epidemiologico integrato epatite virale acuta SEIEVA - Sistema epidemiologico integrato epatite virale acuta Dati al 31 dicembre 2013 STRUTTURE COMPETENTI Sezione Attuazione Programmazione Sanitaria Settore Promozione e Sviluppo Igiene e Sanità Pubblica

Dettagli

EPATITE C. Cosa sapere? Cosa fare? Infezione causata dal virus dell epatite C trasmesso attraverso il sangue di soggetti già infetti

EPATITE C. Cosa sapere? Cosa fare? Infezione causata dal virus dell epatite C trasmesso attraverso il sangue di soggetti già infetti imp epatite 26-05-2003 14:00 Pagina 1 EPATITE C Regione Autonoma Friuli-Venezia Giulia Direzione regionale della Sanità e delle Politiche Sociali Cosa sapere? Infezione causata dal virus dell epatite C

Dettagli

Per avere un. fegato sano. Un organo tuttofare. Chi lo minaccia. La prevenzione aiuta. Gli esami utili. Consigli utili

Per avere un. fegato sano. Un organo tuttofare. Chi lo minaccia. La prevenzione aiuta. Gli esami utili. Consigli utili 27 Per avere un fegato sano Un organo tuttofare Chi lo minaccia La prevenzione aiuta Gli esami utili Consigli utili Realizzazione: Editoriale Giornalidea Stampa: Elcograf Industria Grafica 2010 Perché

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

UNI-A.T.E.Ne.O. Ivana Torretta

UNI-A.T.E.Ne.O. Ivana Torretta UNI-A.T.E.Ne.O. Ivana Torretta Anno Accademico 10/ 11 MEDICINA GENERALE, BIOLOGIA, SANITA 1. La salute delle ossa: come mantenerla, come recuperarla 2. Esami (quasi) normali ma mi dicono che son malato:

Dettagli

Fino al 1970 era possibile fare solo una diagnosi. 1970. Blumberg identifica l antigene Australia nei

Fino al 1970 era possibile fare solo una diagnosi. 1970. Blumberg identifica l antigene Australia nei STORIA DELL IDENTIFICAZIONE DEI VIRUS CHE CAUSANO EPATITE 1 Fino al 1970 era possibile fare solo una diagnosi generica di epatite, pur essendo distinti due tipi sul piano epidemiologico. 1970. Blumberg

Dettagli

La speranza, una grande speranza, era che il declino

La speranza, una grande speranza, era che il declino Epatite Cronica B, malattia sommersa Intervista a Mario Rizzetto L Epatite Cronica B può causare cicatrici e sovvertimento nella struttura epatica, portando a cirrosi e tumore epatico La speranza, una

Dettagli

Epatite. cause conseguenze e prevenzione

Epatite. cause conseguenze e prevenzione Epatite cause conseguenze e prevenzione L importante in breve sull epatite Cos è l epatite e quali sono le conseguenze di questa malattia? L epatite è una infiammazione del fegato provocata dal virus dell

Dettagli

Sito dell Assessorato alla tutela della salute e sanità www.regione.piemonte.it/sanita

Sito dell Assessorato alla tutela della salute e sanità www.regione.piemonte.it/sanita Iniziativa di comunicazione della Regione Piemonte. Sito dell Assessorato alla tutela della salute e sanità www.regione.piemonte.it/sanita Non farti influenzare Contro l A/H1N1 scegli la prevenzione www.regione.piemonte.it/sanita

Dettagli

LE MALATTIE SESSUALMENTE TRASMISSIBILI

LE MALATTIE SESSUALMENTE TRASMISSIBILI LE MALATTIE SESSUALMENTE TRASMISSIBILI LE MALATTIE A TRASMISSIONE SESSUALE CHE COSA SONO Sono malattie che vengono trasmesse da una persona all'altra prevalentemente per contatto sessuale. Vengono anche

Dettagli

HIV-AIDS e Benessere Riproduttivo

HIV-AIDS e Benessere Riproduttivo HIV-AIDS e Benessere Riproduttivo HIV-AIDS Un emergenza da non dimenticare A livello globale, l epidemia di HIV-AIDS pare essersi stabilizzata. Il tasso di nuove infezioni è in costante diminuzione dalla

Dettagli

LE INFEZIONI OSCURE : ACCENDI LA LUCE! ТЁМНЫЕ ИНФЕКЦИИ - ЗАЖГИ СВЕТ! LAS INFECCIONES OSCURAS ENCIENDE LA LUZ! AS INFECÇÕES ESCURAS: LIGAS A LUZ!

LE INFEZIONI OSCURE : ACCENDI LA LUCE! ТЁМНЫЕ ИНФЕКЦИИ - ЗАЖГИ СВЕТ! LAS INFECCIONES OSCURAS ENCIENDE LA LUZ! AS INFECÇÕES ESCURAS: LIGAS A LUZ! LE INFEZIONI OSCURE : ACCENDI LA LUCE! ТЁМНЫЕ ИНФЕКЦИИ - ЗАЖГИ СВЕТ! LAS INFECCIONES OSCURAS ENCIENDE LA LUZ! AS INFECÇÕES ESCURAS: LIGAS A LUZ! J + a cura di Prof. Maria Rita Gismondo Под редакцией профессора

Dettagli

Patologia infettiva oculare coesistente

Patologia infettiva oculare coesistente Azienda Ospedaliera Pediatrica SANTOBONO PAUSILIPON ANNUNZIATA S.S.D. Centro di Riferimento Regionale per la Diagnosi ed il Trattamento della Retinopatia della Prematurità Direttore dott. Salvatore Capobianco

Dettagli

a cura della sezione di Torino Il Lichen Orale

a cura della sezione di Torino Il Lichen Orale Il Lichen Orale 1. Che cosa e il lichen planus? 2. E una malattia trasmissibile o infettiva? 3. Quali distretti corporei può colpire? 4. Quali sono gli aspetti clinici della malattia quando colpisce il

Dettagli

HIV = Human Immunodeficiency Virus HCV = Hepatitis C Virus

HIV = Human Immunodeficiency Virus HCV = Hepatitis C Virus HIV, HCV e SESSO HIV = Human Immunodeficiency Virus HCV = Hepatitis C Virus Fonti Quanto qui scritto è stato ispirato dalle seguenti fonti: http://i-base.info/guides/hepc/hiv-hcv-and-sex http://i-base.info/guides/hepc/hepatitis-c-transmission

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV)

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo guardate le informazioni di base contenute in Alcune informazioni sull esame per il papilloma

Dettagli

Influenza A(H1N1) How to protect yourself and others. www.euro.who.int/influenza

Influenza A(H1N1) How to protect yourself and others. www.euro.who.int/influenza Influenza A(H1N1) How to protect yourself and others www.euro.who.int/influenza INFLUENZA A(H1N1) COSA E QUESTA NUOVA INFLUENZA 1. Cosa è l Influenza A(H1N1)? L influenza A(H1N1) è un nuovo virus influenzale

Dettagli

Credi che la PPE sia la pipì di ET e che MTS sia l acronimo di Matriosche Terroriste Siberiane..?

Credi che la PPE sia la pipì di ET e che MTS sia l acronimo di Matriosche Terroriste Siberiane..? Credi che la PPE sia la pipì di ET e che MTS sia l acronimo di Matriosche Terroriste Siberiane..? Non hai la più pallida idea di come si possa contrarre (e che cosa sia) la Chlamydia? Pensi che l AIDS

Dettagli

QUESITI RIVOLTI AGLI ESPERTI DELL UNITÀ OPERATIVA TELEFONO VERDE AIDS

QUESITI RIVOLTI AGLI ESPERTI DELL UNITÀ OPERATIVA TELEFONO VERDE AIDS QUESITI RIVOLTI AGLI ESPERTI DELL UNITÀ OPERATIVA TELEFONO VERDE AIDS 800.861.061 Reparto Epidemiologia Dipartimento Malattie Infettive, Parassitarie e Immunomediate Istituto Superiore di Sanità QUESITI

Dettagli

Presentazione dell opuscolo Viaggiare in Salute per i Viaggiatori Internazionali. Chiara Liera. S. Bonifacio, 11 novembre 2006

Presentazione dell opuscolo Viaggiare in Salute per i Viaggiatori Internazionali. Chiara Liera. S. Bonifacio, 11 novembre 2006 Presentazione dell opuscolo Viaggiare in Salute per i Viaggiatori Internazionali Chiara Liera Centro di Riferimento Regionale per i Viaggiatori Internazionali S. Bonifacio, 11 novembre 2006 Caratteristiche

Dettagli

L'epatite virale acuta è un processo necrotico infiammatorio del fegato indotto da virus, dovuto alla risposta immune.

L'epatite virale acuta è un processo necrotico infiammatorio del fegato indotto da virus, dovuto alla risposta immune. L'epatite virale acuta è un processo necrotico infiammatorio del fegato indotto da virus, dovuto alla risposta immune. Virus Epatici Maggiori HAV,HBV,HCV,HDV,HEV Virus Epatici Minori EBV, CMV,HSV Alterazioni

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

C credo: sulla strada del successo. Come affrontare e curare. l epatite C. insieme al proprio medico. www.regionemarche.it

C credo: sulla strada del successo. Come affrontare e curare. l epatite C. insieme al proprio medico. www.regionemarche.it C credo: sulla strada del successo Come affrontare e curare l epatite C insieme al proprio medico www.regionemarche.it 2 La grande sfida In Italia quasi un milione e mezzo di persone è portatore del virus

Dettagli

Il virus dell'epatite

Il virus dell'epatite Il virus dell'epatite Sono la principale causa di malattie croniche del fegato. Oltre alle epatiti più conosciute e diffuse, come A, B e C, esistono anche le D, E e G. La A e la E si trasmettono per via

Dettagli

CAPECITABINA (Xeloda)

CAPECITABINA (Xeloda) CAPECITABINA (Xeloda) 1 POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

CARTELLA CLINICA PER IL DONATORE DI SANGUE OMOLOGO

CARTELLA CLINICA PER IL DONATORE DI SANGUE OMOLOGO CARTELLA CLINICA PER IL DONATORE DI SANGUE OMOLOGO MODULO DI ACCETTAZIONE E CONSENSO ALLA DONAZIONE Cognome.. Nome.. Professione.. M F Nato a... (Prov.) il. Codice Fiscale Residente in. Via... N.. Cap

Dettagli

IDROSSIUREA (Oncocarbide)

IDROSSIUREA (Oncocarbide) IDROSSIUREA (Oncocarbide) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per

Dettagli

Patologia infettiva oculare coesistente

Patologia infettiva oculare coesistente Azienda Ospedaliera Pediatrica SANTOBONO PAUSILIPON ANNUNZIATA S.S.D. Centro di Riferimento Regionale per la Diagnosi ed il Trattamento della Retinopatia della Prematurità Direttore dott. Salvatore Capobianco

Dettagli

7 domande sui tumori. Convivere con la malattia

7 domande sui tumori. Convivere con la malattia 1. 7 domande sui tumori 2. Convivere con la malattia Dott. Andrea Angelo Martoni Direttore Unità Operativa di Oncologia Medica Policlinico S.Orsola-Malpighi Bologna 1. Cosa sono i tumori? i tumori Malattia

Dettagli

Progetto prevenzione dell epatite virale

Progetto prevenzione dell epatite virale Progetto prevenzione dell epatite virale ANALISI STRUTTURATA Descrizione ed analisi del problema L Italia vanta il triste primato in Europa sulla mortalità causata dalle malattie del fegato. Si tratta

Dettagli

INFEZIONI A TRASMISSIONE SESSUALE

INFEZIONI A TRASMISSIONE SESSUALE Grafica: Pablo Comunicazione Gennaio 2014 info: Numero Verde 800 033033 Giorni feriali dalle ore 8,30 alle ore 17,30 sabato dalle ore 8,30 alle ore 13,30 HTTP://GUIDASERVIZI.SALUTER.IT SCRIVENDO NEL CAMPO

Dettagli

Cos è l epatite? 1.1 Riassunto. L epatite

Cos è l epatite? 1.1 Riassunto. L epatite I. L epatite 11 1. Informazioni generali Cos è l epatite? 1.1 Riassunto L epatite L epatite è un infiammazione del fegato. Viene spesso chiamata ittero ma si tratta di un errore, poiché la colorazione

Dettagli

La salute in carcere. Prevenzione e riduzione delle malattie trasmissibili in carcere. per il personale penitenziario

La salute in carcere. Prevenzione e riduzione delle malattie trasmissibili in carcere. per il personale penitenziario La salute in carcere Prevenzione e riduzione delle malattie trasmissibili in carcere Informazioni per il personale penitenziario Indice Questa pubblicazione è disponibile nelle seguenti lingue: Tedesco

Dettagli

La salute in carcere. Prevenzione e riduzione delle malattie trasmissibili in carcere. per il personale penitenziario

La salute in carcere. Prevenzione e riduzione delle malattie trasmissibili in carcere. per il personale penitenziario La salute in carcere Prevenzione e riduzione delle malattie trasmissibili in carcere Informazioni per il personale penitenziario Questa pubblicazione è disponibile nelle seguenti lingue: Tedesco Francese

Dettagli

LA VACCINAZIONE CONTRO IL PAPILLOMAVIRUS UMANO (HPV) S.S. Pediatria Territoriale Servizio di Medicina Scolastica

LA VACCINAZIONE CONTRO IL PAPILLOMAVIRUS UMANO (HPV) S.S. Pediatria Territoriale Servizio di Medicina Scolastica LA VACCINAZIONE CONTRO IL PAPILLOMAVIRUS UMANO (HPV) S.S. Pediatria Territoriale Servizio di Medicina Scolastica LO SCREENING Uno dei principali obiettivi della medicina è diagnosticare una malattia il

Dettagli

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo consultate il documento Alcune informazioni sul virus HPV

Dettagli

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio?

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio? Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della sanità pubblica UFSP Malattie trasmissibili Stato al 05.10.2010 FAQ Influenza stagionale 1. Cos è l influenza? 2. Come si trasmette l influenza?

Dettagli

Profilassi Malattie Infettive MORBILLO - PAROTITE - ROSOLIA

Profilassi Malattie Infettive MORBILLO - PAROTITE - ROSOLIA Profilassi Malattie Infettive MORBILLO - PAROTITE - ROSOLIA Il morbillo nel mondo Epidemia di morbillo in Campania del 2002 Stimati circa 40.000 casi Eguale distribuzione per sesso Incidenza più elevata

Dettagli

IMPFDIENST. Opuscolo informativo per genitori e allievi

IMPFDIENST. Opuscolo informativo per genitori e allievi IMPFDIENST Opuscolo informativo per genitori e allievi Servizio polmonare Argovia Gentili genitori Cari allievi e allieve Il servizio vaccinazioni, in collaborazione con i medici scolastici e il servizio

Dettagli

L infezione con l HIV, l epatite B e l epatite C non sono solo pericolosi per la Vostra

L infezione con l HIV, l epatite B e l epatite C non sono solo pericolosi per la Vostra Cara coppia L infezione con l HIV, l epatite B e l epatite C non sono solo pericolosi per la Vostra salute, ma possono anche nuocere alla salute del Vostro partner o del Vostro bambino. In occasione delle

Dettagli

Safe Book... 3 La tua salute... 3 La tua libertà... 3 La conoscenza della tua sessualità... 4 L informazione sulla tua vita sessuale...

Safe Book... 3 La tua salute... 3 La tua libertà... 3 La conoscenza della tua sessualità... 4 L informazione sulla tua vita sessuale... Safe Book... 3 La tua salute... 3 La tua libertà... 3 La conoscenza della tua sessualità... 4 L informazione sulla tua vita sessuale... 4 Le Malattie a Trasmissione Sessuale... 4 Indicazioni valide per

Dettagli

La prevenzione per proteggere la salute

La prevenzione per proteggere la salute La prevenzione per proteggere la salute Progetto OSPEDALE CULTURALMENTE COMPETENTE, ASSOCIAZIONI, MEDIATORI CULTURALI: SINERGIE PER L ACCESSO AI SERVIZI E PER L INTEGRAZIONE DEI MIGRANTI Co-finanziato

Dettagli

SEZIONE ZANON DEGANUTTI UDINE

SEZIONE ZANON DEGANUTTI UDINE AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA DI UDINE DIPARTIMENTO DI MEDICINA TRASFUSIONALE Direttore: dr. Vincenzo De Angelis Tel. 0432 552346-39 fax 0432 552342 SEZIONE ZANON DEGANUTTI UDINE MODELLO INFORMATIVO

Dettagli

Allegato B (V9 1/5 gen. 2015)

Allegato B (V9 1/5 gen. 2015) Registro nazionale Italiano Donatori Midollo Osseo Italian Bone Marrow Donor Registry Allegato B (V9 1/5 gen. 2015) QUESTIONARIO ANAMNESTICO PRE-ISCRIZIONE Le risposte che Lei fornirà sono confidenziali

Dettagli

FAQ Influenza stagionale

FAQ Influenza stagionale Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della sanità pubblica UFSP Malattie trasmissibili Stato al 17.09.2013 FAQ Influenza stagionale 1. Cos è l influenza? 2. Come si trasmette l influenza?

Dettagli

Il paziente oncologico

Il paziente oncologico Il paziente oncologico Le neoplasie sono tra le cause più frequenti di morte nel cane e nel gatto in molti paesi industrializzati. La chemioterapia antineoplastica, anche in medicina veterinaria, negli

Dettagli

Prevenzione e terapia

Prevenzione e terapia Manuale Prevenzione e terapia epatite C Manuale Manuale Prevenzione e terapia L essenziale in breve Curare l igiene generale Le epatiti A (ed E) vengono trasmesse attraverso gli escrementi umani. Per evitare

Dettagli

Prevenire i tumori del collo uterino INFORMAZIONI PER TUTTE LE DONNE

Prevenire i tumori del collo uterino INFORMAZIONI PER TUTTE LE DONNE Prevenire i tumori del collo uterino INFORMAZIONI PER TUTTE LE DONNE Indice Prefazione... 01 01 INTRODUZIONE... 03 Una grande sfida... 03 02 DOMANDE E RISPOSTE... 05 Quale è la causa del tumore del collo

Dettagli

Progetto pilota ROMAINFORMA: Sportello Informativo per la tutela della salute e per la prevenzione delle epatiti B e C.

Progetto pilota ROMAINFORMA: Sportello Informativo per la tutela della salute e per la prevenzione delle epatiti B e C. Progetto pilota ROMAINFORMA: Sportello Informativo per la tutela della salute e per la prevenzione delle epatiti B e C. Data inizio: Novembre 2006 Durata: 2 anni Dove: Comune di Roma Soggetto proponente:

Dettagli

LA TERAPIA DEL. Maria Teresa Petrucci (Roma)

LA TERAPIA DEL. Maria Teresa Petrucci (Roma) LA TERAPIA DEL PAZIENTE GIOVANE Maria Teresa Petrucci (Roma) La terapia farmacologica ha un ruolo fondamentale nel trattamento del Mieloma Multiplo che è una malattia già disseminata nell organismo al

Dettagli

L influenza pandemica: tutto ciò che dovete sapere

L influenza pandemica: tutto ciò che dovete sapere Sigla editoriale Ufficio federale della sanità pubblica UFSP Editore: Ufficio federale della sanità pubblica Data di pubblicazione: settembre 2009 L opuscolo è pubblicato anche nelle seguenti lingue: Tedesco

Dettagli

Istituto Oncologico Veneto Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico. Il neutrofilo PHIL

Istituto Oncologico Veneto Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico. Il neutrofilo PHIL Istituto Oncologico Veneto Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Il neutrofilo PHIL Informazioni utili sulla NEUTROPENIA durante il trattamento chemioterapico NEUTROFILO PHIL La tua guardia

Dettagli

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani Antibiotici quandosì quandono Lavarsi le mani semplice ma efficace Lavarsi le mani è il modo migliore per arrestare la diffusione delle infezioni respiratorie. L 80% delle più comuni infezioni si diffonde

Dettagli

REQUISITI MINIMI NECESSARI ALL ESERCIZIO DELL ATTIVITÀ DI TATUAGGIO E PIERCING

REQUISITI MINIMI NECESSARI ALL ESERCIZIO DELL ATTIVITÀ DI TATUAGGIO E PIERCING REQUISITI MINIMI NECESSARI ALL ESERCIZIO DELL ATTIVITÀ DI TATUAGGIO E PIERCING REQUISITI MINIMI DEI LOCALI I locali nei quali sono eseguite le attività di tatuaggio e di piercing devono essere in possesso

Dettagli

Anemia e nefropatia. Stadi 1 4

Anemia e nefropatia. Stadi 1 4 Anemia e nefropatia Stadi 1 4 Iniziativa NKF-KDOQI (Kidney Disease Outcomes Quality Initiative) della National Kidney Foundation L iniziativa della National Kidney Foundation (NKF-KDOQI ) sviluppa linee

Dettagli

Quali le patologie epatiche più frequenti?

Quali le patologie epatiche più frequenti? ANNAROSA FLOREANI 136 DONNE CON FEGATO Vi sono differenze tra i sessi? Tra i due sessi non vi sono differenze strutturali, ma nel corso della vita il fegato può subire modificazioni funzionali. È noto

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

Bollettino Epidemiologico n. 98. e-mail: sep@aslbenevento1.it. Rosolia: perché rischiare? Campagna di Eliminazione della Rosolia Congenita

Bollettino Epidemiologico n. 98. e-mail: sep@aslbenevento1.it. Rosolia: perché rischiare? Campagna di Eliminazione della Rosolia Congenita Dipartimento di Prevenzione E&P ASL - Benevento Bollettino Epidemiologico n. 98 Servizio Epidemiologia e Prevenzione - 0824 308286-9 Fax 0824-308302 e-mail: sep@aslbenevento1.it Rosolia: perché rischiare?

Dettagli

S. Cazzaniga I. Mauri E. Longoni U. Mosca

S. Cazzaniga I. Mauri E. Longoni U. Mosca S. Cazzaniga I. Mauri E. Longoni U. Mosca L'AIKI SHIATSU NELLA TERAPIA DEGLI EFFETTI INDESIDERATI PROVOCATI DALLE TERAPIE RETROVIRALI IN PAZIENTI HIV POSITIVI Lo scopo dello studio che abbiamo presentato,

Dettagli

Cosa succede con la chemioterapia. e gli altri trattamenti

Cosa succede con la chemioterapia. e gli altri trattamenti Cosa succede con la chemioterapia e gli altri trattamenti SANGUE e SISTEMA CARDIO-CIRCOLATORIO: ALTERAZIONI EMATOLOGICHE Anemia Leucopenia Piastrinopenia FEBBRE ALTERAZIONI PSICHICHE Immagine corporea

Dettagli

La cfs ovvero : la sindrome da stanchezza cronica

La cfs ovvero : la sindrome da stanchezza cronica La cfs ovvero : la sindrome da stanchezza cronica Tutti noi abbiamo dei periodi di stanchezza, solitamente transitoria, dovuti a cause conosciute come per esempio lo stress o il superlavoro, questa stanchezza

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 7 novembre 2001, n.465 Regolamento che stabilisce le condizioni nelle quali è obbligatoria la vaccinazione antitubercolare, a norma dell'articolo 93, comma 2, della

Dettagli

HIV e AIDS. Corso Ed. Sessualita` e Prevenzione MST Bresso, 5-8 gennaio 2011. Emanuele Biolcati Gruppo Pionieri di Torino

HIV e AIDS. Corso Ed. Sessualita` e Prevenzione MST Bresso, 5-8 gennaio 2011. Emanuele Biolcati Gruppo Pionieri di Torino Corso Ed. Sessualita` e Prevenzione MST Bresso, 5-8 gennaio 2011 Emanuele Biolcati Gruppo Pionieri di Torino Parleremo di... Introduzione HIV Definizione Metodi di contagio Test AIDS Statistiche 2 Commenti

Dettagli

DIABETE: LE REGOLE DA SEGUIRE IN CASO DI MALATTIA

DIABETE: LE REGOLE DA SEGUIRE IN CASO DI MALATTIA DIABETE: LE REGOLE DA SEGUIRE IN CASO DI MALATTIA È importante sapere come comportarsi in caso di malattia. Evitate le situazioni a rischio e stabilite preventivamente le regole da seguire. Ricordate:

Dettagli

La verità sul vaccino triplo MPR. l immunizzazione. il modo più sicuro per proteggere vostro figlio per tutta la vita

La verità sul vaccino triplo MPR. l immunizzazione. il modo più sicuro per proteggere vostro figlio per tutta la vita La verità sul vaccino triplo MPR l immunizzazione il modo più sicuro per proteggere vostro figlio per tutta la vita Il morbillo, la parotite, la rosolia e il vaccino triplo MPR (o vaccino anti morbillo-parotite-rosolia)

Dettagli

LA PREVENZIONE DEL RISCHIO BIOLOGICO

LA PREVENZIONE DEL RISCHIO BIOLOGICO LA PREVENZIONE DEL RISCHIO BIOLOGICO Campo di applicazione Tutte le attività lavorative in cui vi è rischio di esposizione ad agenti biologici Definizioni Agente Biologico (a.b.) Qualsiasi microorganismo

Dettagli

Esposizione accidentale a materiali biologici potenzialmente contaminati con agenti patogeni trasmissibili per via ematica

Esposizione accidentale a materiali biologici potenzialmente contaminati con agenti patogeni trasmissibili per via ematica S.S. Medico pagina 1 di 12 1. Titolo e descrizione sintetica... 1 2. Titolo... 1 3. Descrizione sintetica... 1 4. Responsabile della procedura... 1 5. Obiettivi... 2 6. Ambito di Applicazione... 2 7. Documenti

Dettagli

U. O. EMATOLOGIA e CENTRO TRAPIANTO MIDOLLO OSSEO Presidio Ospedaliero di Piacenza Via Cantone del Cristo

U. O. EMATOLOGIA e CENTRO TRAPIANTO MIDOLLO OSSEO Presidio Ospedaliero di Piacenza Via Cantone del Cristo Dipartimento di Onco - Ematologia Direttore Dr. Luigi Cavanna U. O. EMATOLOGIA e CENTRO TRAPIANTO MIDOLLO OSSEO Presidio Ospedaliero di Piacenza Via Cantone del Cristo Direttore Dr. Daniele Vallisa Coordinatore

Dettagli

Eric Odenheimer, Eberhard L. Renner, Peter J. Grob. Epatite C 50 domande e risposte

Eric Odenheimer, Eberhard L. Renner, Peter J. Grob. Epatite C 50 domande e risposte Eric Odenheimer, Eberhard L. Renner, Peter J. Grob Epatite C 50 domande e risposte A chi è rivolto questo opuscolo? Questo opuscolo si rivolge alle persone affette da epatite C, ai loro familiari, ai loro

Dettagli

INDICAZIONI PER IL LAVAGGIO DELLE MANI

INDICAZIONI PER IL LAVAGGIO DELLE MANI INDICAZIONI PER IL LAVAGGIO DELLE MANI (Ministero della Salute - http://www.salute.gov.it) INTRODUZIONE Le mani sono un ricettacolo di germi; circa il 20% è rappresentato da microrganismi non patogeni,

Dettagli

Disturbi del ciclo dell urea e acidurie organiche Guida per i giovani pazienti

Disturbi del ciclo dell urea e acidurie organiche Guida per i giovani pazienti Disturbi del ciclo dell urea e acidurie organiche Guida per i giovani pazienti www.e-imd.org Che cosa sono i difetti del ciclo dell urea/le acidurie organiche? Gli alimenti che mangiamo vengono scissi

Dettagli

www.pediatric-rheumathology.printo.it L ARTRITE LYME

www.pediatric-rheumathology.printo.it L ARTRITE LYME www.pediatric-rheumathology.printo.it L ARTRITE LYME Cos è? L artrite Lyme è causata dal batterio Borrelia burgdorferi (borreliosi di Lyme) e si trasmette con il morso di zecche quali l ixodes ricinus.

Dettagli

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica)

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Cos è il diabete? Il diabete mellito, meglio noto come diabete, è una malattia che compare quando l organismo non produce insulina a sufficienza

Dettagli

Introduzione. Origine e diffusione

Introduzione. Origine e diffusione Aids Introduzione La Sindrome da Immunodeficienza Acquisita (da cui l'acronimo SIDA in francese, in spagnolo e italiano) o Acquired Immune Deficiency Syndrome (AIDS in inglese, utilizzato comunque anche

Dettagli

Malattia di Behçet. Cosa il paziente deve conoscere. Sintomi,, Cause e Trattamento

Malattia di Behçet. Cosa il paziente deve conoscere. Sintomi,, Cause e Trattamento Malattia di Behçet Cosa il paziente deve conoscere Sintomi,, Cause e Trattamento Che cosa è la Malattia di Behçet I sintomi di questa malattia sono stati descritti per la prima volta nel 500 prima di Cristo

Dettagli

EPATITE B. 50 domande e risposte. Dr. med. Eric Odenheimer, Prof. Dr. med. Beat Müllhaupt e Prof. Dr. med. Andreas Cerny

EPATITE B. 50 domande e risposte. Dr. med. Eric Odenheimer, Prof. Dr. med. Beat Müllhaupt e Prof. Dr. med. Andreas Cerny EPATITE B 50 domande e risposte Dr. med. Eric Odenheimer, Prof. Dr. med. Beat Müllhaupt e Prof. Dr. med. Andreas Cerny 2012 by SEVHep; 2 a edizione c/o Centro di Epatologia Clinica Luganese Moncucco Via

Dettagli

Istituto Nazionale per le Malattie Infettive Lazzaro Spallanzani Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Via Portuense, 292-00149 Roma

Istituto Nazionale per le Malattie Infettive Lazzaro Spallanzani Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Via Portuense, 292-00149 Roma Istituto Nazionale per le Malattie Infettive Lazzaro Spallanzani Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Via Portuense, 292-00149 Roma PROCEDURA PER LA SORVEGLIANZA SANITARIA DEGLI OPERATORI

Dettagli

PROFILASSI delle MALATTIE INFETTIVE. MISURE di ISOLAMENTO. 13/06/2012 Dr. Ettore Paolantonio

PROFILASSI delle MALATTIE INFETTIVE. MISURE di ISOLAMENTO. 13/06/2012 Dr. Ettore Paolantonio PROFILASSI delle MALATTIE INFETTIVE MISURE di ISOLAMENTO 13/06/2012 Dr. Ettore Paolantonio 1 PROFILASSI MALATTIE INFETTIVE La Profilassi mira ad impedire l insorgenza e la diffusione delle malattie infettive

Dettagli