Art. 1 (Criteri) - 36,15* per il responsabile del progetto a prescindere dal livello di professionalità;

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Art. 1 (Criteri) - 36,15* per il responsabile del progetto a prescindere dal livello di professionalità;"

Transcript

1 PER IL MIGLIORAMENTO DELL EFFICIENZA DEI SERVIZI DELLA SCUOLA approvato dal Consiglio direttivo del Art. 1 (Criteri) 1. Ciascun progetto dovrà avere come obiettivo la formazione del personale, l acquisizione di tecniche per migliorare il livello di informatizzazione della scuola, il miglioramento dei rapporti intersoggettivi interorganici, il recupero dell arretrato, qualsivoglia altro obiettivo che, in armonia con le normative sopra accennate, consenta il miglioramento dell efficienza dei servizi.. 2. L attività prestata dal personale per il raggiungimento dei fini sopraccennati dovrà essere svolta al di fuori dell orario di lavoro, per un corrispettivo orario che terrà conto dei parametri oggettivi quali il tempo, il livello di professionalità e le capacità di iniziative ed impegno sottoindicato. - 36,15* per il responsabile del progetto a prescindere dal livello di professionalità; - 30,99* per la categoria D e i livelli superiori; - 25,82* per la categoria C e i livelli superiori; - 20,66* per la categoria B e i livelli superiori. * Il relativo compenso verrà corrisposto ad obiettivo programmato raggiunto. 3. E previsto per le singole unità di personale partecipanti al progetto obiettivo possano svolgere, all interno del gruppo di lavoro, attività riconducibili anche a livelli inferiori a quello posseduto, fermo restando che il relativo compenso sarà corrisposto in base alle attività effettivamente svolte e, nel caso specifico, non al livello professionale posseduto. Art. 2 (Programmazione) 1.Gli interessati alla realizzazione di specifici progetti obiettivo potranno inoltrare motivata proposta al Direttore della Scuola. 2.Alla realizzazione dei vari progetti potranno partecipare tutti i dipendenti che daranno la propria adesione mediante inoltro di apposita dichiarazione dell Amministrazione richiedente. 3.Il progetto sarà sottoposto ad una valutazione preliminare di congruità da parte di una Commissione nominata dal Consiglio direttivo in sede di approvazione del presente regolamento. 4.Al Consiglio direttivo compete l eventuale approvazione della sostanziale validità del progetto e della relativa copertura finanziaria. Art. 3 (Realizzazione) 1.Acquisita l approvazione del consiglio direttivo il responsabile del Progetto dovrà curarne con scrupolosa osservanza l esecuzione secondo i termini e le modalità fornite dall Amministrazione a seguito dell approvazione del progetto medesimo. LE FONTI INTERNE aggiornata al 05/05/2003 Pag. RegT1

2 Art. 4 (Rendicontazione e verifica dei risultati conseguiti) l.a conclusione del progetto obiettivo, il responsabile dovrà inviare una relazione finale sulle attività effettivamente svolte, nonché il monte ore effettuato da ciascun dipendente secondo la turnazione assegnata e risultante dai fogli di presenza all uopo predisposti. 2.La liquidazione del compenso avverrà a conclusione del progetto. Qualora il medesimo necessiti di un tempo particolarmente lungo per la propria realizzazione, la corresponsione del compenso potrà avvenire per stati di avanzamento, previa verifica della predetta Commissione di cui all arte.2 comma 3, alla quale è attribuito, altresì, il compito di verifica in corso d opera e finale sul rispetto dei modi, dei termini e dei tempi concordati per la realizzazione del progetto, nonché sulla certificazione finale del risultato come corrispondente all obiettivo fissato nel progetto di riferimento. 3.Al Consiglio direttivo è demandata in ogni caso anche la verifica e l approvazione sia in corso d opera che finale dei risultati conseguiti ai fini della liquidazione dei compensi spettanti ai partecipanti al progetto. 4.Inoltre, qualora il progetto non venga portato a termine, resta nella competenza del Consiglio direttivo valutare la quota del compenso da corrispondere al personale che ha collaborato al progetto. Art.5 (Approvazione ed entrata in vigore) 1. Il presente Regolamento, approvato dal Consiglio Direttivo ai sensi dell'art. 18 dello Statuto ed emanato dal Direttore con proprio decreto, entra in vigore il giorno successivo alla sua pubblicazione all'albo ufficiale della Scuola. Eventuali modificazioni o integrazioni devono essere approvate con le stesse modalità. Modificato dal D.D. LE FONTI INTERNE aggiornata al 05/05/2003 Pag. RegT2

3 PROCEDURA per la programmazione, la realizzazione, la rendicontazione e la verifica dei progetti obiettivo, previsti dall'art.14, comma 2, lettera a) del DPR n. 319 del L'Amministrazione informa tutto il personale sull'approvazione da parte del Consiglio direttivo di apposito regolamento per la realizzazione di piani, progetti ed altre iniziative, volti ad ottenere il miglioramento dell'efficienza e dell'efficacia dei servizi della Scuola ed invita gli interessati a voler presentare le proprie proposte al riguardo. 2. La proposta per la realizzazione di progetti obiettivo dovrà contenere gli elementi di seguito indicati (modello A): a. Ufficio del richiedente b. Descrizione del progetto c. finalità del progetto d. Durata del progetto e. Nominativo del responsabile del progetto f. Risorse professionali necessarie (con l'indicazione della qualifica, del profilo e dell'impegno espresso in ore) g. Risorse professionali disponibili (con l'indicazione del nominativo, della qualifica, del profilo e dell'impegno espresso in ore), la cui partecipazione al progetto, per professionalità ed esperienza, è ritenuta indispensabile per la realizzazione dello stesso h. Risorse economiche necessarie i. Firma del responsabile del progetto l. Visto del responsabile dell'ufficio (ove diverso dal responsabile del progetto) 3. La proposta è sottoposta all'approvazione del Consiglio direttivo, previa valutazione preliminare di congruità da parte della commissione di cui all'art. 2, comma 3 del Regolamento. 4. L'Amministrazione comunica a tutto il personale l'avvenuta approvazione di specifici progetti obiettivo e chiede al personale interessato l'eventuale adesione ai medesimi (modello B). 5. L'Amministrazione comunica al responsabile del progetto: a. L'avvenuta approvazione b. La composizione del gruppo di lavoro sulla base delle indicazioni fornite dal responsabile del progetto e delle adesioni pervenute. In caso di sovrannumero delle adesioni rispetto alle risorse professionali necessarie l'amministrazione avrà provveduto all'individuazione dei nominativi mediante sorteggio c. Le risorse economiche disposte e lo invita a presentare: a. Precisazioni sull'attività che sarà svolta da ciascun partecipante al progetto, nonché la turnazione settimanale ritenuta più idonea alla realizzazione del medesimo b. Ammontare delle ore che ciascun dipendente è tenuto ad effettuare nell'ambito del monte ore complessivo c. Sottoscrizione del progetto per accettazione da parte del responsabile medesimo e dei partecipanti il gruppo di lavoro quale atto di assunzione di responsabilità circa il rispetto delle modalità, dei tempi e del raggiungimento dell'obiettivo medesimo (modello C) d. Comunicazione sulla data iniziale e finale delle attività programmate 6. Il responsabile del progetto dovrà sovraintendere allo svolgimento di tutte le attività programmate per la realizzazione del progetto. A tal fine dovrà predisporre fogli di presenza per la rilevazione delle ore effettivamente svolte dal gruppo di lavoro. 7. A progetto ultimato il responsabile dovrà inviare la relazione finale secondo quanto previsto dall'art.4, comma 1, del Regolamento. LE FONTI INTERNE aggiornata al 05/05/2003 Pag. RegT3

4 Modello A Al Direttore della Scuola Superiore Sant'Anna Pisa OGGETTO: Progetto obiettivo:.. - richiesta Struttura del richiedente: Descrizione del progetto: Finalità del progetto: Durata presumibile del progetto: Responsabile del progetto: Risorse professionali necessarie: qualifica profilo monte ore Risorse professionali disponibili: Nominativo qualifica profilo monte ore Risorse economiche necessarie: Data. firma del responsabile del progetto LE FONTI INTERNE aggiornata al 05/05/2003 Pag. RegT4

5 Visto del responsabile dell'ufficio Modello B Al Direttore della Scuola superiore Sant'Anna Pisa Il sottoscritto in servizio presso con la qualifica di livello si rende disponibile alla partecipazione al progetto obiettivo Fornisce altresì le seguenti informazioni riguardanti le proprie professionalità: - in servizio dal - tipologie del lavoro svolto: Data firma Visto del responsabile dell'ufficio di appartenenza LE FONTI INTERNE aggiornata al 05/05/2003 Pag. RegT5

6 Modello C Al Direttore della Scuola Superiore Sant'Anna Pisa Il sottoscritto in servizio presso con la qualifica di obiettivo accetta di partecipare al progetto sotto le direttive del responsabile del progetto Sig. consapevole che l'attività sarà prestata al di fuori dell'orario di lavoro, per una durata complessiva giornaliera non superiore alle 9 ore e per un monte ore complessivo di svolgere secondo la seguente turnazione: da Data firma Visto del responsabile del progetto Modificato dal D.D. n.66 del LE FONTI INTERNE aggiornata al 05/05/2003 Pag. RegT6

CONVENZIONE. visti. convengono e stipulano quanto segue. Art. 1

CONVENZIONE. visti. convengono e stipulano quanto segue. Art. 1 CONVENZIONE MIUR - Ufficio Scolastico Regionale per il Piemonte - Direzione Generale Regionale, co sede in Torino, Corso Vittorio Emanuele n. 70, (codice fiscale 97613140017), di seguit "Amministrazione",

Dettagli

Le Sezioni Riunite in sede referente. nell'adunanza del 23 dicembre 1999

Le Sezioni Riunite in sede referente. nell'adunanza del 23 dicembre 1999 .l MODULARIO f I C.C. 2 I MODo 2 ( J4 --»-2/ #S'....(- Le Sezioni Riunite in sede referente nell'adunanza del 23 dicembre 1999 Visto l'art. 51, comma 4, del d.lgs. 3 febbraio 1993, n. 29, nel testo sostituito

Dettagli

1 - OGGETTO E FINALITA' DEL REGOLAMENTO

1 - OGGETTO E FINALITA' DEL REGOLAMENTO a cura del SERVIZI DEMOGRAFICI E DI STATO CIVILE del COMUNE DI ATRIPALDA Regolamento Comunale sulla Celebrazione dei Matrimoni Civili e delle promesse di matrimonio 2 Art. 1 - OGGETTO E FINALITA' DEL REGOLAMENTO

Dettagli

LEGGI E NORME IN MATERIA DI USURA

LEGGI E NORME IN MATERIA DI USURA LEGGI E NORME IN MATERIA DI USURA Le risorse provengono dallo Stato ma anche da beni confiscati e donazioni Mutui fino a cinque anni senza interessi per tutte le vittime dell'usura Il fondo di solidariet_

Dettagli

"Interventi a favore delle attività di autoveicoli in servizio da piazza - taxi e di noleggio con conducente"

Interventi a favore delle attività di autoveicoli in servizio da piazza - taxi e di noleggio con conducente Regione Lazio Direzione Regionale alle Attività Produttive Area Risorse per le Attività Produttive Via R.R.Garibaldi, 7 00145 ROMA MODULO DI DOMANDA CON AUTOCERTIFICAZIONE (Artt. 46 e 47 D.P.R. 28 dicembre

Dettagli

Comune di Pagani Provincia di Salerno. Regolamento Comunale sulla Celebrazione dei Matrimoni Civili

Comune di Pagani Provincia di Salerno. Regolamento Comunale sulla Celebrazione dei Matrimoni Civili Comune di Pagani Provincia di Salerno Regolamento Comunale sulla Celebrazione dei Matrimoni Civili Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 25 del 28/05/2015 Art. 1 OGGETTO E FINALITA' DEL

Dettagli

CITTA' DI CALTANISETTA

CITTA' DI CALTANISETTA CITTA' DI CALTANISETTA UFFICIO CONTROLLI INTERNI Protri. WfìdEà ZSOÌ.tOlS Ai Sigg. Dirigenti Ai titolari di Posizione Organizzativa Al Nucleo di Valutazione e p.c. Al sig. Sindaco Ai sigg.ri Assessori

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DELLA SALA CONFERENZE DEL PLANETARIO DI RAVENNA

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DELLA SALA CONFERENZE DEL PLANETARIO DI RAVENNA REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DELLA SALA CONFERENZE DEL PLANETARIO DI RAVENNA CAPO I - DISPOSIZIONI GENERALI ARTICOLO 1 La Sala conferenze del Planetario di Ravenna ivi ubicata al viale Santi Baldini

Dettagli

PROVINCIA DI TORINO - * - OGGETTO: Palazzo Cisterna via Maria Vittoria n. 12 Torino.

PROVINCIA DI TORINO - * - OGGETTO: Palazzo Cisterna via Maria Vittoria n. 12 Torino. PROVINCIA DI TORINO - * - N. di Rep. OGGETTO: Palazzo Cisterna via Maria Vittoria n. 12 Torino. Interventi di manutenzione straordinaria ed adeguamento prevenzione incendi. C.U.P. Importo netto: Impresa

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE MODALITA DI RECLUTAMENTO E DI ASSUNZIONE DEL PERSONALE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE MODALITA DI RECLUTAMENTO E DI ASSUNZIONE DEL PERSONALE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE MODALITA DI RECLUTAMENTO E DI ASSUNZIONE DEL PERSONALE SOMMARIO: TITOLO I - NORME GENERALI... 3 ART. 1 Premessa... 3 ART. 2 Norme generali... 3 ART. 3 Programmazione

Dettagli

Ci wune di ToriTgrotta Provincia di Messina

Ci wune di ToriTgrotta Provincia di Messina Ci wune di ToriTgrotta Provincia di Messina REGOLAMENTO PER LA CELEBRAZIONE DEL MATRIMONIO CIVILE - APPROVAZIONE EMENDATO Approvato con delibera consiliare n. 06 del 27/02/2014 Pubblicato all'albo Pretorio

Dettagli

Regolamento Comunale sulla Celebrazione dei Matrimoni Civili

Regolamento Comunale sulla Celebrazione dei Matrimoni Civili Regolamento Comunale sulla Celebrazione dei Matrimoni Civili a cura del SETTORE SERVIZI DEMOGRAFICI ED ELETTORALI del COMUNE DI SALERNO 2 Art. 1 OGGETTO E FINALITA' DEL REGOLAMENTO Il presente regolamento

Dettagli

RICHIESTA DI STIPULA DI CONVENZIONE ex art. 11 della legge 12 marzo 1999, n. 68, per PROCEDERE ALL INSERIMENTO LAVORATIVO DI UN DISABILE

RICHIESTA DI STIPULA DI CONVENZIONE ex art. 11 della legge 12 marzo 1999, n. 68, per PROCEDERE ALL INSERIMENTO LAVORATIVO DI UN DISABILE Al Centro per l Impiego di ( ) Rich. Conv. individuale (in duplice copia) RICHIESTA DI STIPULA DI CONVENZIONE ex art. 11 della legge 12 marzo 1999, n. 68, per PROCEDERE ALL INSERIMENTO LAVORATIVO DI UN

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI

REGOLAMENTO PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI COMUNE DI LEONFORTE Provincia di Enna REGOLAMENTO PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE n.125 del 28/11/2011 Allegato A alla deliberazione di C.C.

Dettagli

Legge 5 novembre 1968, n. 1115

Legge 5 novembre 1968, n. 1115 Legge 5 novembre 1968, n. 1115 Estensione, in favore dei lavoratori, degli interventi della Cassa integrazione guadagni, della gestione dell'assicurazione contro la disoccupazione e della Cassa assegni

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL'ALBO PRETORIO ON-LINE

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL'ALBO PRETORIO ON-LINE REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL'ALBO PRETORIO ON-LINE Approvato con delibera del Commissario Straordinario con i poteri della Giunta Comunale n. 65 del 25.03.2011 INDICE GENERALE Art. 1 Oggetto

Dettagli

Accordo sulla utilizzazione delle risorse del Fondo per le politiche di sviluppo delle risorse umane e per la produttività relativo all anno 2009

Accordo sulla utilizzazione delle risorse del Fondo per le politiche di sviluppo delle risorse umane e per la produttività relativo all anno 2009 Roma, 3 dicembre 2010 Accordo sulla utilizzazione delle risorse del Fondo per le politiche di sviluppo delle risorse umane e per la produttività relativo all anno 2009 (Testo coordinato con l atto di revisione

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ATTRIBUZIONE DI INCARICHI ONORARI GRATUITI DI STUDIO, RICERCA E/O CONSULENZA E PER LA FREQUENZA VOLONTARIA NON A FINI DI FORMAZIONE

REGOLAMENTO PER L ATTRIBUZIONE DI INCARICHI ONORARI GRATUITI DI STUDIO, RICERCA E/O CONSULENZA E PER LA FREQUENZA VOLONTARIA NON A FINI DI FORMAZIONE REGOLAMENTO PER L ATTRIBUZIONE DI INCARICHI ONORARI GRATUITI DI STUDIO, RICERCA E/O CONSULENZA E PER LA FREQUENZA VOLONTARIA NON A FINI DI FORMAZIONE Indice: Art./Capo Titolo Pagina I Disposizioni generali

Dettagli

L'articolo 1 L'articolo 2

L'articolo 1 L'articolo 2 Ministero dell'istruzione, dell'università e della ricerca RELAZIONE ILLUSTRATIV A Lo schema di decreto del Presidente della Repubblica in oggetto è emanato ai sens i dell'articolo 3, comma 2, del decreto

Dettagli

COMUNE DI ACQUAVIVA PICENA Provincia di Ascoli Piceno. CODICE ISTAT Comune N.044002 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE. Numero 49 Del 15-04-2008

COMUNE DI ACQUAVIVA PICENA Provincia di Ascoli Piceno. CODICE ISTAT Comune N.044002 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE. Numero 49 Del 15-04-2008 COPIA COMUNE DI ACQUAVIVA PICENA Provincia di Ascoli Piceno CODICE ISTAT Comune N.044002 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Numero 49 Del 15-04-2008 Oggetto: DISPOSIZIONI IN MATERIA DI ORARIO DI SERVIZIO.

Dettagli

Comune di Cattolica Provincia di Rimini

Comune di Cattolica Provincia di Rimini ADEMPIMENTI La presente determinazione verrà affissa all'albo Pretorio per 15 giorni consecutivi a decorrere dal 03/03/2010 Contestualmente all'affissione sarà trasmessa per l'esecuzione ai seguenti uffici:

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Comune di Cabras Provincia di Oristano Comuni de Crabas Provincia de Aristanis DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N 273 del Registro OGGETTO: ISTITUZIONE SERVIZIO PRONTA REPERIBILITA APPROVAZIONE REGOLAMENTO

Dettagli

AZIENDA DELLA MOBILITA AQUILANA AMA S.p.A. località Campo di Pile - L'Aquila

AZIENDA DELLA MOBILITA AQUILANA AMA S.p.A. località Campo di Pile - L'Aquila AZIENDA DELLA MOBILITA AQUILANA AMA S.p.A. località Campo di Pile - L'Aquila AVVISO DI SELEZIONE Questa Azienda ha indetto una selezione per l affidamento di un incarico professionale di consulenza e brokeraggio

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Direzione Generale - Ufficio V Ambito Territoriale Provinciale di Cosenza Corso Telesio, n. 17, 87100 - COSENZA - Tel. 0984 894111 Prot. n 8950 Cosenza, lì 20 ottobre 2015 Ai Dirigenti Scolastici di ogni

Dettagli

CAPO VIII - GESTIONE DELL ALBO ON LINE

CAPO VIII - GESTIONE DELL ALBO ON LINE Regolamento di organizzazione degli uffici e servizi CAPO VIII - GESTIONE DELL ALBO ON LINE Approvato con delibera di G.C. n. 21 del 24/01/2011 Pubblicato all albo Pretorio dal 08/02/2011 al 23/02/2011

Dettagli

COMUNE di VIGONOVO *** Provincia di Venezia

COMUNE di VIGONOVO *** Provincia di Venezia COMUNE di VIGONOVO *** Provincia di Venezia REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELL'ALBO COMUNALE DELLE LIBERE FORME ASSOCIATIVE E LA COSTITUZIONE DELLE CONSULTE Approvato con delibera di C.C. n. 17 del 12.04.2006

Dettagli

Comune di Cattolica Provincia di Rimini

Comune di Cattolica Provincia di Rimini Comune di Cattolica Provincia di Rimini DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 122 DEL 09/03/2015 DETERMINA DIRIGENZIALE N. 90 DEL 19 FEBBRAIO 2015 AD OGGETTO: "RISOLUZIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO, AI SENSI DELL'ART.

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE DI FORME DI ASSISTENZA E DI PREVIDENZA INTEGRATIVA PER IL PERSONALE DELLA POLIZIA MUNICIPALE E FUNZIONAMENTO DELL

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE DI FORME DI ASSISTENZA E DI PREVIDENZA INTEGRATIVA PER IL PERSONALE DELLA POLIZIA MUNICIPALE E FUNZIONAMENTO DELL REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE DI FORME DI ASSISTENZA E DI PREVIDENZA INTEGRATIVA PER IL PERSONALE DELLA POLIZIA MUNICIPALE E FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI GESTIONE DEL COMUNE DI CERVIA Approvato con

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

COMUNE DI BOLOGNA SETTORE ATTIVITA' PRODUTTIVE E COMMERCIALI TORRE A 5 PIANO Piazza Liber Paradisus n. 10-40129 Bologna

COMUNE DI BOLOGNA SETTORE ATTIVITA' PRODUTTIVE E COMMERCIALI TORRE A 5 PIANO Piazza Liber Paradisus n. 10-40129 Bologna COMUNE DI BOLOGNA SETTORE ATTIVITA' PRODUTTIVE E COMMERCIALI TORRE A 5 PIANO Piazza Liber Paradisus n. 10-40129 Bologna tel. 051 2194082-2194013 - Fax 051 2194870 DICHIARAZIONE DI INIZIO ATTIVITÀ PER AGENZIE

Dettagli

Art.1 (Oggetto) Art.2 (Definizioni)

Art.1 (Oggetto) Art.2 (Definizioni) REGOLAMENTO SULLA TUTELA DELLE PERSONE E DI ALTRI SOGGETTI RISPETTO AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI emanato con decreto direttoriale n.220 dell'8 giugno 2000 pubblicato all'albo Ufficiale della Scuola

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE MODALITA' DI CALCOLO DELL'INDENNITA' PREVISTA DALL'ART.15 DELLA LEGGE 29/6/39 N.1497.

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE MODALITA' DI CALCOLO DELL'INDENNITA' PREVISTA DALL'ART.15 DELLA LEGGE 29/6/39 N.1497. REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE MODALITA' DI CALCOLO DELL'INDENNITA' PREVISTA DALL'ART.15 DELLA LEGGE 29/6/39 N.1497. Art. 1 - L'indennità risarcitoria di cui all'art.15 L. 29 giugno 1939 n.1497 si

Dettagli

Comune di Noci Amministrazione Comunale di Noci. AOO_NOCI 07/05/2014-0007725 Protocollo: Uscita

Comune di Noci Amministrazione Comunale di Noci. AOO_NOCI 07/05/2014-0007725 Protocollo: Uscita Comune di Noci Amministrazione Comunale di Noci UO: Settore Affari Generali AOO_NOCI 07/05/2014-0007725 Protocollo: Uscita Avviso pubblico per la formazione di elenco di professionisti cui conferire incarichi

Dettagli

Periodicamente, in genere a seguito di sentenze, in particolare della Corte di Cassazione o del Consiglio di Stato, riprende la ormai perenne

Periodicamente, in genere a seguito di sentenze, in particolare della Corte di Cassazione o del Consiglio di Stato, riprende la ormai perenne QUANDO L ORARIO DI LAVORO E ARTICOLATO IN TUR- NI SECONDO LA DISCIPLINA CONTRATTUALE Periodicamente, in genere a seguito di sentenze, in particolare della Corte di Cassazione o del Consiglio di Stato,

Dettagli

ENTE PARCO DELL ANTOLA. da restituire all Ente Parco dell Antola previa compilazione delle sezioni richieste e sottoscrizione a mezzo:

ENTE PARCO DELL ANTOLA. da restituire all Ente Parco dell Antola previa compilazione delle sezioni richieste e sottoscrizione a mezzo: ENTE PARCO DELL ANTOLA da restituire all Ente Parco dell Antola previa compilazione delle sezioni richieste e sottoscrizione a mezzo: - fax al n. 0109760147 - posta ordinaria all indirizzo: Ente Parco

Dettagli

Approvato con delibera di Giunta n. 248 del 23.12.2013 pubblicato in data 03.01.2014

Approvato con delibera di Giunta n. 248 del 23.12.2013 pubblicato in data 03.01.2014 REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE DI FORME DI ASSISTENZA E DI PREVIDENZA INTEGRATIVA PER IL PERSONALE DELLA POLIZIA LOCALE E FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI GESTIONE DEL COMUNE DI MARUGGIO Approvato con delibera

Dettagli

Lettera di adesione all iniziativa Sportelli in Rete. considerato che

Lettera di adesione all iniziativa Sportelli in Rete. considerato che Lettera di adesione all iniziativa Sportelli in Rete considerato che - il Ministero dell Economia e delle Finanze, con il D.M. 24 febbraio 2000 e con il successivo D.M. 2 maggio 2001, ha deliberato di

Dettagli

BANDO A SPORTELLO (DAL 16.03.2015 AL 30.10.2015 O FINO AD ESAURIMENTO FONDI)

BANDO A SPORTELLO (DAL 16.03.2015 AL 30.10.2015 O FINO AD ESAURIMENTO FONDI) INTERVENTI PREVISTI DALLA DGR 2883 DEL 12/12/2014 PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE IN MATERIA DI GRAVI DISABILITA E NON AUTOSUFFICIENZA DI CUI AL FONDO NAZIONALE PER LE NON AUTOSUFFICIENZE ANNO 2014. ULTERIORI

Dettagli

Modifiche al Regolamento di gestione dei Fondi comuni di investimento mobiliare appartenenti al Sistema Anima, gestiti da ANIMA SGR S.p.A.

Modifiche al Regolamento di gestione dei Fondi comuni di investimento mobiliare appartenenti al Sistema Anima, gestiti da ANIMA SGR S.p.A. COMUNICAZIONE AI PARTECIPANTI Modifiche al Regolamento di gestione dei Fondi comuni di investimento mobiliare appartenenti al Sistema Anima, gestiti da ANIMA SGR S.p.A. Gentile Cliente, La informiamo che,

Dettagli

Pubblicità/Pubblicazione: Atto soggetto a pubblicazione integrale (sito internet)

Pubblicità/Pubblicazione: Atto soggetto a pubblicazione integrale (sito internet) Decreto del Direttore generale nr. 192 del 30/12/2015 Proponente: Marta Bachechi Affari Generali Pubblicità/Pubblicazione: Atto soggetto a pubblicazione integrale (sito internet) Visto per la pubblicazione

Dettagli

CONTRATTO DI LAVORO AUTONOMO IN REGIME DI COLLABORAZIONE A PROGETTO D. Lgs. 276/03, artt. 61-69 TRA

CONTRATTO DI LAVORO AUTONOMO IN REGIME DI COLLABORAZIONE A PROGETTO D. Lgs. 276/03, artt. 61-69 TRA CONTRATTO DI LAVORO AUTONOMO IN REGIME DI COLLABORAZIONE A PROGETTO D. Lgs. 276/03, artt. 61-69 TRA Il Consorzio Nazionale Interuniversitario per le Scienze del Mare, di seguito indicato come CoNISMa,

Dettagli

ARSAGO SEPRIO - BESNATE - CARDANO AL CAMPO CASORATE SEMPIONE - FERNO GOLASECCA LONATE POZZOLO - SOMMA LOMBARDO - VIZZOLA TICINO

ARSAGO SEPRIO - BESNATE - CARDANO AL CAMPO CASORATE SEMPIONE - FERNO GOLASECCA LONATE POZZOLO - SOMMA LOMBARDO - VIZZOLA TICINO INTERVENTI PREVISTI DALLA DGR 740 DEL 27/09/2013 APPROVAZIONE DEL PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE IN MATERIA DI GRAVI E GRAVISSIME DISABILITA DI CUI AL FONDO NAZIONALE PER LE NON AUTOSUFFICIENZE ANNO 2013

Dettagli

Servizio Inserimento Mirato Disabili. tra

Servizio Inserimento Mirato Disabili. tra PROVINCIA DI CAGLIARI PROVINCIA DE CASTEDDU SETTORE LAVORO Servizio Inserimento Mirato Disabili CONVENZIONE N del AI SENSI DELL ART. 11 LEGGE 12.03.99 N 68 tra LA PROVINCIA DI CAGLIARI Servizio per l inserimento

Dettagli

SCHEMA DI CONTRATTO DI MUTUO ******************************** REPUBBLICA ITALIANA

SCHEMA DI CONTRATTO DI MUTUO ******************************** REPUBBLICA ITALIANA SCHEMA DI CONTRATTO DI MUTUO Rep.N... ******************************** REPUBBLICA ITALIANA L anno, il giorno...del mese di... in... davanti a me Dr..., Notaio in..., iscritto presso il Collegio Notarile

Dettagli

Sospensione del credito alle famiglie. Accordo ABI- Associazione dei Consumatori del 31 marzo 2015

Sospensione del credito alle famiglie. Accordo ABI- Associazione dei Consumatori del 31 marzo 2015 Sospensione del credito alle famiglie Accordo ABI- Associazione dei Consumatori del 31 marzo 2015 Alla Banca di Credito Popolare Filiale di via n. Il/La sottoscritto/a nato/a a il residente in prov. alla

Dettagli

Comune di Sant Angelo in Lizzola

Comune di Sant Angelo in Lizzola Comune di Sant Angelo in Lizzola (Provincia di Pesaro e Urbino) SETTORE AFFARI GENERALI, ORGANIZZAZIONE E GESTIONE DEL PERSONALE, DEMOGRAFICI, TURISMO, CASA. ------------- COPIA ------------- DI DETERMINAZIONE

Dettagli

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI ROMA "LA SAPIENZA" IL RETTORE

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI ROMA LA SAPIENZA IL RETTORE UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI ROMA "LA SAPIENZA" IL RETTORE Vistolo Statuto dell Universit ed in particolare l art.11, comma 2, lett. a) Vista la delibera assunta dal Senato Accademico nella seduta del 10.07.2003;

Dettagli

Art.1. oggetto della selezione

Art.1. oggetto della selezione SELEZIONE PUBBLICA PER ASSUNZIONE A TEMPO PIENO E DETERMINATO DI N. 2 OPERAI CAT. B3, ADDETTO MANUTENZIONE E LOGISTICA. Norme di espletamento Art.1 oggetto della selezione E indetta, in esecuzione del

Dettagli

Alla Capitaneria di Porto di..

Alla Capitaneria di Porto di.. ALLEGATO A Alla Capitaneria di Porto di.. La sottoscritta ditta con sede in.. via.. codice fiscale. e partita I.V.A. n.. iscritta al n.. del registro delle imprese di pesca di armatrice del M/p. numero

Dettagli

Art. 2 Durata del praticantato. La durata del praticantato e delle forme equivalenti sono indicate all'art. 2, comma 3 della Legge n. 17/1990.

Art. 2 Durata del praticantato. La durata del praticantato e delle forme equivalenti sono indicate all'art. 2, comma 3 della Legge n. 17/1990. CONSIGLIO NAZIONALE DEI PERITI INDUSTRIALI DIRETTIVA PER LA DISCIPLINA DELLE MODALITA' Dl ISCRIZIONE E Dl SVOLGIMENTO DEL PRATICANTATO, NONCHE' SULLA TENUTA DEI RELATIVI REGISTRI (Art 2.5 Legge 2 febbraio

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO Articolo 1) - OGGETTO DEL CONTRATTO Costituisce oggetto del presente capitolato speciale d appalto pubblico mediante procedura aperta per l accensione di un finanziamento

Dettagli

Miglioramenti economici al personale statale in attività ed in quiescenz )

Miglioramenti economici al personale statale in attività ed in quiescenz ) Legge 27 maggio 1959, n. 324 Miglioramenti economici al personale statale in attività ed in quiescenz ) Pubblicata nella Gazz. Uff. 5 giugno 1959, n. 132. Articolo 1 Al personale statale il cui trattamento

Dettagli

AMMINISTRAZIONE TITOLARE DEL PROCEDIMENTO

AMMINISTRAZIONE TITOLARE DEL PROCEDIMENTO 1/6 OFFERTA ECONOMICA RELATIVA A: Numero RDO 572104 Nome RDO RDO per aggiudicazione Pulizia Uffici Criterio di Aggiudicazione Gara al prezzo più basso Lotto Lotto Unico di Fornitura AMMINISTRAZIONE TITOLARE

Dettagli

All'Organismo Pagatore AGEA

All'Organismo Pagatore AGEA Protocollo DOMANDA DI PAGAMENTO SALDO REG. (CE) n. 1234/2007 del Consiglio del 22/10/2007 REG. (CE) n. 555/2008 della Commissione del 28/06/2008 SETTORE VITIVINICOLO - MISURE AD INVESTIMENTO CAMPAGNA 2013/2014

Dettagli

Accordo di Rete delle scuole del. XII Municipio di R O M A

Accordo di Rete delle scuole del. XII Municipio di R O M A Rette IIntterscollasttiica dell XIIII Muniiciipiio dii ROMA Accordo di Rete delle scuole del XII Municipio di R O M A Testo approvato dall Assemblea dei Dirigenti nella seduta del 28 Settembre 2010 Accordo

Dettagli

AMMINISTRAZIONE TITOLARE DEL PROCEDIMENTO. Partita IVA 00623530136 Piazza Diaz, 1 - LECCO (LC) Telefono 0341481360 Fax 0341481360.

AMMINISTRAZIONE TITOLARE DEL PROCEDIMENTO. Partita IVA 00623530136 Piazza Diaz, 1 - LECCO (LC) Telefono 0341481360 Fax 0341481360. 1/6 OFFERTA ECONOMICA RELATIVA A: Numero RDO 534559 Nome RDO RDO per aggiudicazione Trasloco del server relativamente al Progetto Accordo Interistituzionale (ACI) Criterio di Aggiudicazione Gara al prezzo

Dettagli

Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali

Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO, LA TENUTA E L AGGIORNAMENTO DEL NUOVO ALBO DEGLI ESPERTI E DEI COLLABORATORI DI AGENAS E PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI CONFERIMENTO DEGLI INCARICHI. DISPOSIZIONI

Dettagli

Oggetto: Rapporto di lavoro a tempo parziale per il personale della scuola a.s. 2015/2016.

Oggetto: Rapporto di lavoro a tempo parziale per il personale della scuola a.s. 2015/2016. LICEO STATALE A.PIGAFETTA Classico, Linguistico e Musicale Via P. Cordenons, 1 36100 VICENZA - Tel. 0444/543884 Fax 0444/326027 Cod. Fiscale 80015090246 e-mail: vipc010004@istruzione.it - sito: www.liceopigafetta.it

Dettagli

AMMINISTRAZIONE TITOLARE DEL PROCEDIMENTO

AMMINISTRAZIONE TITOLARE DEL PROCEDIMENTO 1/6 OFFERTA ECONOMICA RELATIVA A: Numero RDO 209091 Nome RDO RDO per aggiudicazione MANUTENZIONE IMPIANTI SERVOSCALA SCUOLA MEDIA VIA UDINE E SCUOLA ELEMENTARE TOMADINI Criterio di Aggiudicazione Gara

Dettagli

Comune di Troia ( P r o v incia di F o g g ia) REGOLAMENTO FUNZIONAMENTO E GESTIONE DEL CINE-TEATRO COMUNALE PIDOCCHIETTO

Comune di Troia ( P r o v incia di F o g g ia) REGOLAMENTO FUNZIONAMENTO E GESTIONE DEL CINE-TEATRO COMUNALE PIDOCCHIETTO Comune di Troia ( P r o v incia di F o g g ia) REGOLAMENTO FUNZIONAMENTO E GESTIONE DEL CINE-TEATRO COMUNALE PIDOCCHIETTO Approvato con delibera C.C. n. 23 del 16 ottobre 2013 1 Art. 1 Oggetto 1. Il cinema

Dettagli

MILANI GIANLUCA CONCORRENTE

MILANI GIANLUCA CONCORRENTE 1/6 OFFERTA ECONOMICA RELATIVA A: Numero RDO 782623 Nome RDO RDO per aggiudicazione SERVIZIO GESTIONE E NOLEGGIO APPARTATI VOIP - HOT SPOT 01/04/215-01/04/2016-1 Criterio di Aggiudicazione Gara al prezzo

Dettagli

ISTANZA PER USUFRUIRE DEI BENEFICI PER ASSISTENZA AI FAMILIARI IN SITUAZIONE DI GRAVITà

ISTANZA PER USUFRUIRE DEI BENEFICI PER ASSISTENZA AI FAMILIARI IN SITUAZIONE DI GRAVITà ISTANZA PER USUFRUIRE DEI BENEFICI PER ASSISTENZA AI FAMILIARI IN SITUAZIONE DI GRAVITà Bologna Il/la sottoscritto/a (nome e cognome) Codice fiscale telefono indirizzo mail in servizio presso questa Istituzione

Dettagli

COMUNE DI CAMMARATA PROVINCIA DI AGRIGENTO

COMUNE DI CAMMARATA PROVINCIA DI AGRIGENTO COMUNE DI CAMMARATA PROVINCIA DI AGRIGENTO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI SOMMARIO: Art.1 Finalità e oggetto Art.2 Funzioni Art.3 - Luogo di celebrazione Art.4 - Orario di

Dettagli

COMUNE DI BARI SARDO PROVINCIA OGLIASTRA SERVIZIO AMMINISTRATIVO

COMUNE DI BARI SARDO PROVINCIA OGLIASTRA SERVIZIO AMMINISTRATIVO COMUNE DI BARI SARDO PROVINCIA OGLIASTRA SERVIZIO AMMINISTRATIVO DETERMINAZIONE NR. 48 DEL 28.3.2013 OGGETTO: Appalto servizio pulizie Sedi Comunali 2013/2014. Determinazione a contrarre ai sensi dell

Dettagli

CONTRIBUTO IN CONTO INTERESSI PER PRESTITI/FINANZIAMENTI/MUTUI

CONTRIBUTO IN CONTO INTERESSI PER PRESTITI/FINANZIAMENTI/MUTUI CONTRIBUTO IN CONTO INTERESSI PER PRESTITI/FINANZIAMENTI/MUTUI 1. Tipologia dell'intervento Il Fondo Regionale provvede ad erogare provvidenze a favore dei dipendenti che sostengano spese conseguenti all'accensione

Dettagli

Marca da bollo . 14,62

Marca da bollo . 14,62 Marca da bollo. 14,62 CONVENZIONE PER LO SVOLGIMENTO DELLE ATTIVITA' DI TIROCINIO TRA L'Alma Mater Studiorum - Università di Bologna, (C.F. 80007010376 / Partita IVA 01131710376) con sede in Bologna, Via

Dettagli

REGOLAMENTO INTERVENTI DI SOSTEGNO ALL INSERIMENTO LAVORATIVO. (TESTO ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE CONSILIARE n. dd. )

REGOLAMENTO INTERVENTI DI SOSTEGNO ALL INSERIMENTO LAVORATIVO. (TESTO ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE CONSILIARE n. dd. ) REGOLAMENTO INTERVENTI DI SOSTEGNO ALL INSERIMENTO LAVORATIVO (TESTO ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE CONSILIARE n. dd. ) Premessa Richiamata la normativa nazionale e regionale che regolamenta la materia dei

Dettagli

REGOLAMENTO INIZIATIVA CREDIINCREVAL 2014

REGOLAMENTO INIZIATIVA CREDIINCREVAL 2014 IN COSA CONSISTE REGOLAMENTO INIZIATIVA CREDIINCREVAL 2014 I Clienti che trasferiscono presso le Filiali del Credito Valtellinese, dal 3 giugno 2014 al 30 settembre 2014, strumenti/prodotti finanziari

Dettagli

OFFERTA ECONOMICA RELATIVA A: Numero RDO 982730 RDO per aggiudicazione

OFFERTA ECONOMICA RELATIVA A: Numero RDO 982730 RDO per aggiudicazione 1/6 OFFERTA ECONOMICA RELATIVA A: Numero RDO 982730 Nome RDO RDO per aggiudicazione FORNITURA DI ARREDI SCOLASTICIAMBIENTALMENTE SOSTENIBILI DA DESTINARE AGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE SUPERIORE DELLA CITTA'

Dettagli

DOMANDA DI PERMESSI PER ASSISTENZA AD UN FAMILIARE DISABILE (LEGGE104/1992 ART.33 COMMA 3)

DOMANDA DI PERMESSI PER ASSISTENZA AD UN FAMILIARE DISABILE (LEGGE104/1992 ART.33 COMMA 3) Allegato n. 1 Istituto Nazionale Previdenza Sociale Alla Direzione centrale risorse umane Area normativa e contenzioso del lavoro DOMANDA DI PERMESSI PER ASSISTENZA AD UN FAMILIARE DISABILE (LEGGE104/1992

Dettagli

POLITECNICO DI MILANO

POLITECNICO DI MILANO Registrato il 4 gennaio 2005 Reg. 3 Fog. 225 N. 1/AG POLITECNICO DI MILANO IL RETTORE VISTA la Legge 7 agosto 1990, n. 241, e successive modificazioni e integrazioni; VISTO il D.Lgs. 30 marzo 2001, n.

Dettagli

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI IMPERIA

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI IMPERIA AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI IMPERIA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL FUNZIONAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI PER L'UTILIZZAZIONE DEL FONDO DI CUI ALL'ART. 93, COMMA 7 bis, DEL DECRETO LEGISLATIVO

Dettagli

LICEO CLASSICO LICEO LINGUISTICO LICEO ARTISTICO REGOLAMENTO ACCESSO ATTI AMMINISTRATIVI

LICEO CLASSICO LICEO LINGUISTICO LICEO ARTISTICO REGOLAMENTO ACCESSO ATTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO ACCESSO ATTI AMMINISTRATIVI (Delibera del Consiglio d Istituto n 429 del 07/12/2012 ) (allegato 8 al Regolamento di Istituto) PREMESSA Il presente atto disciplina le modalità di esercizio del

Dettagli

COMUNE DI PRADAMANO PROVINCIA DI UDINE

COMUNE DI PRADAMANO PROVINCIA DI UDINE DETERMINAZIONE AM 038 2013 COMUNE DI PRADAMANO PROVINCIA DI UDINE OGGETTO: BORSE LAVORO GIOVANI ESTATE 2013 AFFIDAMENTO INCARICO BORSISTI IMPEGNO DI SPESA IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO Vista la deliberazione

Dettagli

Servizio Inserimento Mirato Disabili. tra

Servizio Inserimento Mirato Disabili. tra PROVINCIA DI CAGLIARI PROVINCIA DE CASTEDDU SETTORE LAVORO Servizio Inserimento Mirato Disabili CONVENZIONE N del AI SENSI DELL ART. 11 LEGGE 12.03.99 N 68 tra LA PROVINCIA DI CAGLIARI Servizio per l inserimento

Dettagli

DD n.470 del 24/4/2012

DD n.470 del 24/4/2012 Pratica n.2643211 Centro di Responsabilita' 055 Centro di Costo 056 Oggetto: approvazione schema di contratto di sponsorizzazione. IL RESPONSABILE RICHIAMATO il Piano Esecutivo di Gestione per l anno 2011

Dettagli

COMUNE DI ISOLA D'ASTI PROVINCIA DI ASTI REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI LOCALI E IMMOBILI DI PROPRIETA DEL COMUNE AD ENTI E ASSOCIAZIONI

COMUNE DI ISOLA D'ASTI PROVINCIA DI ASTI REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI LOCALI E IMMOBILI DI PROPRIETA DEL COMUNE AD ENTI E ASSOCIAZIONI COMUNE DI ISOLA D'ASTI PROVINCIA DI ASTI REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI LOCALI E IMMOBILI DI PROPRIETA DEL COMUNE AD ENTI E ASSOCIAZIONI APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 38 DEL

Dettagli

Avviso 01/2010 PIANI AZIENDALI/INTERAZIENDALI DI FORMAZIONE CONTINUA

Avviso 01/2010 PIANI AZIENDALI/INTERAZIENDALI DI FORMAZIONE CONTINUA Avviso 01/2010 PIANI AZIENDALI/INTERAZIENDALI DI FORMAZIONE CONTINUA 1. Premessa Fondazienda è un Fondo Paritetico Interprofessionale Nazionale per la Formazione Continua dei quadri e dei dipendenti dei

Dettagli

DOCUMENTO PROGRAMMATICO SULLA SICUREZZA. Ai sensi e per gli affetti del D.Lgs. 30 giugno 2003, n. 196, Allegato B punto 19

DOCUMENTO PROGRAMMATICO SULLA SICUREZZA. Ai sensi e per gli affetti del D.Lgs. 30 giugno 2003, n. 196, Allegato B punto 19 Per trattamento di dati deve intendersi: qualunque operazione o complesso di operazioni, svolte con o senza l ausilio di mezzi elettronici o comunque automatizzati, concernenti la raccolta, la registrazione,

Dettagli

Con l Europa, investiamo nel vostro futuro

Con l Europa, investiamo nel vostro futuro ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE G. M a m e l i Di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di 1 Grado Via Aspromonte, 2 87032 AMANTEA (CS) Tel/Fax 0982/41259 Cod. Min: CSIC865001 Sedi Associate: CSMM865012

Dettagli

BANDO DI MOBILITA' ESTERNA ex art. 30 D.Lgs. n. 165/2001 IL DIRIGENTE RENDE NOTO

BANDO DI MOBILITA' ESTERNA ex art. 30 D.Lgs. n. 165/2001 IL DIRIGENTE RENDE NOTO 1 CITTA DI AFRAGOLA Provincia di Napoli SETTORE Organizzazione Personale e Contratti BANDO DI MOBILITA' ESTERNA ex art. 30 D.Lgs. n. 165/2001 IL DIRIGENTE PREMESSO Che questa Amministrazione nel rispetto

Dettagli

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE LE MODALITA DI RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO AI SENSI DELL ART. 24 DELLA LEGGE 30.12.2010, n.

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE LE MODALITA DI RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO AI SENSI DELL ART. 24 DELLA LEGGE 30.12.2010, n. REGOLAMENTO DISCIPLINANTE LE MODALITA DI RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO AI SENSI DELL ART. 24 DELLA LEGGE 30.12.2010, n. 240 ART. 1 Finalità 1. L Università degli Studi di Teramo, nell

Dettagli

Belluno, 06/08/2008 Prot. n. 43845/2008. All' Albo Pretorio

Belluno, 06/08/2008 Prot. n. 43845/2008. All' Albo Pretorio SETTORE RISORSE UMANE ED ECONOMICHE Servizio Bilancio e Programmazione Tel. +39 (0)437 959 143 Fax +39 (0)437 950 375 email: i.bongini@provincia.belluno.it Belluno, 06/08/2008 Prot. n. 43845/2008 All'

Dettagli

(emanato con D.R. Rep. n. 1203 2014, prot. n. 23143 I/3 del 30.09.2014) TITOLO I NORME GENERALI. Art. 1 Finalità

(emanato con D.R. Rep. n. 1203 2014, prot. n. 23143 I/3 del 30.09.2014) TITOLO I NORME GENERALI. Art. 1 Finalità REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLO SVOLGIMENTO DI INCARICHI RETRIBUITI, RIVENIENTI DA FINANZIAMENTI EXTRA FFO, DA PARTE DEL PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO DELL UNIVERSITÀ DI FOGGIA (emanato con D.R.

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO DELL'ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TARANTO

REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO DELL'ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TARANTO REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO DELL'ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TARANTO Art.1 Il regolamento del Consiglio dell'ordine degli Avvocati di Taranto è ispirato sia ai principi costituzionali che regolano l'attività

Dettagli

ACCERTAMENTO CON ADESIONE - RISCOSSIONE - OMESSA IMPUGNAZIONE - CONCILIAZIONE GIUDIZIALE - ESCUSSIONE DEI GARANTI

ACCERTAMENTO CON ADESIONE - RISCOSSIONE - OMESSA IMPUGNAZIONE - CONCILIAZIONE GIUDIZIALE - ESCUSSIONE DEI GARANTI Agenzia delle Entrate Circolare 13 aprile 2006, n.14/e ACCERTAMENTO CON ADESIONE - RISCOSSIONE - OMESSA IMPUGNAZIONE - CONCILIAZIONE GIUDIZIALE - ESCUSSIONE DEI GARANTI La legge n. 311 del 30 dicembre

Dettagli

Città di Minerbio Provincia di Bologna

Città di Minerbio Provincia di Bologna Città di Minerbio Provincia di Bologna 2 SETTORE PIANIFICAZIONE GESTIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO C O P I A Determinazione n. 106 del 01/08/2011 Oggetto: CONFERIMENTO DI INCARICO PROFESSIONALE PER GLI

Dettagli

COMUNE DI TRISSINO Provincia di Vicenza

COMUNE DI TRISSINO Provincia di Vicenza COMUNE DI TRISSINO Provincia di Vicenza VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 182 L anno DUEMILANOVE, addì VENTOTTO, del mese di DICEMBRE, alle ore 17:25, nella sala delle adunanze, si è riunita

Dettagli

OFFERTA ECONOMICA RELATIVA A:

OFFERTA ECONOMICA RELATIVA A: 1/5 OFFERTA ECONOMICA RELATIVA A: Numero RDO 314795 Nome RDO RDO per aggiudicazione Fornitura di materiale informatico di facile consumo Criterio di Aggiudicazione Gara al prezzo più basso Lotto Lotto

Dettagli

Via Taramelli, 12 20124 Milano

Via Taramelli, 12 20124 Milano Al COMITATO TECNICO REGIONALE della Regione Lombardia c/o Finlombarda S.p.A. Via Taramelli, 12 20124 MILANO DOMANDA DI AMMISSIONE ALLE AGEVOLAZIONI (CONTRIBUTO IN CONTO CANONI ex l.r. 1/2007) Spett.le

Dettagli

A relazione del Presidente Chiamparino:

A relazione del Presidente Chiamparino: REGIONE PIEMONTE BU28 10/07/2014 Deliberazione della Giunta Regionale 20 giugno 2014, n. 1-1 Conferimento incarico di portavoce del Presidente della Giunta regionale alla dottoressa Alessandra Perera,

Dettagli

Cognome e Nome. Nato a Pr. il. Indirizzo residenza N. C.A.P. Comune Prov. Tel. Fax. Cell. C.F. Indirizzo e.mail

Cognome e Nome. Nato a Pr. il. Indirizzo residenza N. C.A.P. Comune Prov. Tel. Fax. Cell. C.F. Indirizzo e.mail DELEGA Dati Cliente Formulata ed esercitata dal sottoscritto Cognome e Nome Nato a Pr. il Indirizzo residenza N. C.A.P. Comune Prov. Tel. Fax. Cell._ C.F. Indirizzo e.mail In qualità di Titolare/Rappresentante

Dettagli

DOMANDA DI AGEVOLAZIONE SUL FINANZIAMENTO DELLA PARTECIPAZIONE IN IMPRESE ALL ESTERO AI SENSI DELL ART. 2, COMMA 7, DELLA LEGGE 19/91 (*)

DOMANDA DI AGEVOLAZIONE SUL FINANZIAMENTO DELLA PARTECIPAZIONE IN IMPRESE ALL ESTERO AI SENSI DELL ART. 2, COMMA 7, DELLA LEGGE 19/91 (*) Riferimento SIMEST.. (a cura del destinatario) SIMEST SPA DIPARTIMENTO AGEVOLAZIONI CORSO VITTORIO EMANUELE II, N.323 00186 R O M A DOMANDA DI AGEVOLAZIONE SUL FINANZIAMENTO DELLA PARTECIPAZIONE IN IMPRESE

Dettagli

SETTORE TERRITORIO E SVILUPPO ECONOMICO

SETTORE TERRITORIO E SVILUPPO ECONOMICO Prot.Urb.// Lì Protocollo generale SETTORE TERRITORIO E SVILUPPO ECONOMICO Servizio Urbanistica ed Edilizia DETERMINAZIONE N 243 DEL 26/08/2013 Oggetto: Affidamento di incarico di consulenza ed assistenza

Dettagli

IPOTESI DI CONTRATTO COLLETTIVO INTEGRATIVO VERBALE DI SOTTOSCRIZIONE

IPOTESI DI CONTRATTO COLLETTIVO INTEGRATIVO VERBALE DI SOTTOSCRIZIONE IPOTESI DI CONTRATTO COLLETTIVO INTEGRATIVO VERBALE DI SOTTOSCRIZIONE Il giorno 17 febbraio 2012 alle ore 13,15 nel locale di Presidenza viene sottoscritta la presente Ipotesi di accordo, finalizzata alla

Dettagli

Tutto ciò premesso, le Parti concordano quanto segue:

Tutto ciò premesso, le Parti concordano quanto segue: REGOLAMENTO DISCIPLINANTE LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE DIRIGENZIALE DELL AREA DELLA DIRIGENZA MEDICA E VETERINARIA Delibera del Direttore Generale n. 138 del 10/03/2009 II giorno 10 marzo 2009 alle ore

Dettagli

I.T.S. E.MATTEI DI DECIMOMANNU

I.T.S. E.MATTEI DI DECIMOMANNU I.T.S. E.MATTEI DI DECIMOMANNU ACCORDO A LIVELLO DI ISTITUZIONE SCOLASTICA IN MATERIA DI ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO E ARTICOLAZIONE DELL ORARIO DEL PERSONALE ATA L anno 2015, nel mese di MAGGIO, il giorno

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 39 DEL 9 LUGLIO 2007

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 39 DEL 9 LUGLIO 2007 BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 39 DEL 9 LUGLIO 2007 Regione Campania - Assessorato all Agricoltura e alle Attività Produttive - A.G.C. 12 - Settore 02 Sviluppo e Promozione delle Attività

Dettagli

Circolare n. 5. a. Personale di ruolo. Ministero degli Affari Esteri. Roma, 20 aprile 1999 OGGETTO. Congedo ordinarie e ferie del personale

Circolare n. 5. a. Personale di ruolo. Ministero degli Affari Esteri. Roma, 20 aprile 1999 OGGETTO. Congedo ordinarie e ferie del personale Ministero degli Affari Esteri DIREZIONE GENERALE DEL PERSONALE E DELL AMMINISTRAZIONE Ufficio II Roma, 20 aprile 1999 Circolare n. 5 ====================================== OGGETTO Congedo ordinarie e ferie

Dettagli

COMUNE DI SOGLIANO AL RUBICONE

COMUNE DI SOGLIANO AL RUBICONE COMUNE DI SOGLIANO AL RUBICONE Provincia di Forlì - Cesena REGOLAMENTO COMUNALE DELLE PRESENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE Adottato con atto deliberativo di Giunta Comunale n 83 del 02.08.2002 Modificato

Dettagli