Fattura nuovi contribuenti minimi (a decorrere dal 1 gennaio 2012)

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Fattura nuovi contribuenti minimi (a decorrere dal 1 gennaio 2012)"

Transcript

1 Fattura nuovi contribuenti minimi (a decorrere dal 1 gennaio 2012) A decorrere dal 1 gennaio 2012 i contribuenti che potranno optare per il nuovo regime dei minimi (per le caratteristiche della nuova agevolazione fiscale si veda la tabella sotto riportata) dovranno emettere, così come accadeva fino al 31 dicembre 2011, fatture senza applicazione dell IVA indicando nella stessa Operazione svolta in regime fiscale di vantaggio ex art. 1, commi , legge n. 244/2007, come modificata dall art. 27, d.l. n. 98/2011 e, pertanto, non soggetta ad IVA né a ritenuta d acconto ai sensi del Provvedimento del direttore dell Agenzia delle Entrate n del 22 dicembre Dalla descrizione sopra riportata si evince, inoltre, che l operazione non sarà soggetta a ritenuta d acconto. Al riguardo, il contribuente, prima di porre in essere l operazione, dovrà rilasciare un apposita dichiarazione (si veda esempio sotto riportato) alla controparte in cui si attesta l applicazione del regime dei nuovi minimi. Dichiarazione di esonero dall applicazione della ritenuta d acconto Il sottoscritto nato a il residente in C.F. P.IVA dichiara che si avvale del regime agevolato dei nuovi minimi di cui all art. 1, della legge n. 244/2007, come modificato dall art. 27 del d.l. n. 98/2011; richiede la non applicazione della ritenuta d acconto sulla somma percepita dato che la somma è assoggettata ad imposta sostitutiva. Data (sottoscrizione) SOGGETTI INTERESSATI DALL'AGEVOLAZIONE REQUISITI Unicamente le persone fisiche che intraprendono un attività d impresa, arte o professione. Attenzione: per effetto del punto 2.2 del Provv. attuativo del 22 dicembre 2011, possono accedere al nuovo regime dei minimi coloro che danno prova di avere perso il posto di lavoro ovvero di essere in mobilità per cause indipendenti dalla loro volontà. In tale fattispecie non si è mai in presenza dell ipotesi di mera prosecuzione di un attività precedentemente svolta sotto forma di lavoro dipendente. Con ciò risolvendo i casi in cui i lavoratori dipendenti, dopo avere perso il posto di lavoro, hanno aperto la partita IVA ed iniziato un attività economica. Le persone fisiche che: - intraprendono un attività d impresa o professionale a partire dal 1 gennaio 2012; - ovvero l'hanno iniziata successivamente al 31 dicembre 2007 e che possiedono i requisiti previsti dall art. 1, commi 96 e 99, della legge n. 244/2007, quindi, coloro che: a) nell anno solare precedente:

2 1) hanno conseguito ricavi ovvero percepito compensi, ragguagliati ad anno, non superiori ad euro ; 2) non hanno effettuato cessioni all esportazione; 3) non hanno sostenuto spese per lavoratori dipendenti o collaboratori di cui all art. 50, comma, lett. c) e c bis), del TUIR, anche assunti secondo le modalità riconducibili ad un progetto, programma di lavoro o fase di esso, ai sensi degli artt. 61 e segg. del d.lgs. 10 settembre 2003, n. 276; b) nel triennio solare precedente non hanno effettuato acquisti di beni strumentali, anche mediante contratti d appalto e di locazione, pure finanziaria, per un ammontare complessivo superiore a euro; - siano rispettati i requisiti disposti dall art. 27, comma 2, del d.l. n. 98/2011 e per meglio dire: i) il contribuente non deve aver esercitato, nei tre anni precedenti l inizio dell attività, altra attività artistica, professionale ovvero d impresa, anche in forma associata o familiare. Per esercizio di attività o di nuova attività produttiva si deve fare riferimento allo svolgimento effettivo dell attività e all inizio effettivo della stessa e non alla sola apertura della partita IVA; ii) l'attività da esercitare non costituisca, in nessun modo, mera prosecuzione di altra attività precedentemente svolta sotto forma di lavoro dipendente o autonomo, escluso il caso in cui l'attività precedentemente svolta consista nel periodo di pratica obbligatoria ai fini dell'esercizio di arti o professioni; iii) qualora venga proseguita un'attività d'impresa svolta in precedenza da altro soggetto, l'ammontare dei relativi ricavi, realizzati nel periodo d'imposta precedente quello di riconoscimento del predetto beneficio, non sia superiore a euro. Attenzione: sulla base di quanto sopra consegue che a partire dal 2012: - il nuovo regime dei minimi è applicabile non solo a coloro che hanno adottato nel 2012 il regime dei minimi, ma a tutti i contribuenti che, avendo iniziato l attività successivamente al 31 dicembre 2007, soddisfano tutti i requisiti richiesti per avvalersi del regime agevolato (alla data del 31 dicembre 2011); - non possono avvalersi del nuovo regime dei minimi i contribuenti che hanno iniziato l attività prima del Tali soggetti transiteranno nel regime degli ex minimi, qualora siano in possesso dei vecchi requisiti richiesti dai commi 96 e 99 dell art. 1, legge n. 244/2007 (es.: ricavi inferiori a euro, valore dei beni strumentali inferiori a euro, non effettuazione di cessioni all esportazione, ecc.), ma non dei nuovi requisiti richiesti dal d.l. n. 98/2011. DIVIETO DI MERA PROSECUZIONE DI ATTIVITÀ PRECEDENTE PASSAGGIO AL REGIME DI FAVORE Come già anticipato, l'attività da esercitare non deve costituire, in nessun modo, una mera prosecuzione di altra attività precedentemente svolta sotto forma di lavoro dipendente. Attenzione: il divieto non opera se il contribuente prova di aver perso il lavoro o di essere in mobilità per cause indipendenti dalla propria volontà. Risolvendo un aspetto molto delicato, e più volte evidenziato dalla stampa specializzata, il punto 2.3 del Provv. direttoriale del 22 dicembre 2011, ha affermato che i soggetti che hanno optato per il regime ordinario o per il regime agevolato delle nuove iniziative produttive possono accedere, a partire dal 1 gennaio 2012, al nuovo

3 regime dei minimi, per i periodi d imposta che residuano al fine del completamento del quinquennio ovvero non oltre il periodo d imposta di compimento dei 35 anni di età, a condizione che siano in possesso di tutti i requisiti richiesti dalla norma. Per meglio dire possono avvalersi del regime dei nuovi minimi anche coloro che hanno intrapreso l attività (es.: nell anno 2010) avvalendosi di un regime ordinario (contabilità ordinaria o semplificata) ovvero del regime delle nuove iniziative produttive. Attenzione: il Provv. direttoriale citato ha precisato, inoltre, che ai fini del limite relativo all acquisto di beni strumentali (di cui all art. 1, comma 96, della legge n. 244/2007), in caso di esercizio contemporaneo di più attività, si fa riferimento alle attività complessivamente esercitate. OPZIONE PER IL REGIME FISCALE DI FAVORE IMPOSTA SOSTITUTIVA L opzione per aderire al nuovo regime dovrà essere comunicata con la prima dichiarazione annuale da presentare successivamente alla scelta (quindi, a puro titolo esemplificativo, nel caso in cui un soggetto nel 2012 opti per il nuovo regime dei minimi dovrà darne comunicazione in sede di dichiarazione anno d imposta 2012). Sul reddito imponibile (determinato ai sensi dell art. 1, commi 104 e 108, della legge n. 244/2007 e dell art. 4 del d.m. 2 gennaio 2008), si applica un'imposta sostitutiva di imposte sui redditi e addizionali regionali e comunali del 5%. Esempio Un professionista, che da 1 gennaio 2012 rientra nel nuovo regime dei minimi, ha un reddito totale annuale (anno 2012) pari ad euro e contributi pagati per un importo pari ad euro L imposta sostitutiva dovuta è: Reddito professionale euro euro (contributi pagati) = euro , sul quale sarà calcolata l imposta sostitutiva pari al 5%, quindi euro x 5% = euro 950 (imposta sostitutiva dovuta). RITENUTA D'ACCONTO Il punto 5 del Provv. n /2011 ha disposto, sempre a decorrere dal 1 gennaio 2012, l assenza di ritenute sui compensi/ricavi percepiti dai contribuenti minimi. Al riguardo, si ricorda che nel vecchio regime dei minimi, e quindi fino al 31 dicembre 2011, il sostituto d imposta doveva operare una ritenuta del 20% sui compensi percepiti dai soggetti minimi per attività di lavoro autonomo, ovvero del 23% (sulla metà) dei ricavi derivanti dallo svolgimento di attività d intermediazione (es.: rapporti di agenzia, procacciamento d affari, ecc.). Attenzione: al fine di evitare la nascita di posizioni costantemente creditorie verso l Erario, anche di un certo rilievo vista la riduzione dell imposta sostitutiva al 5%, il provvedimento attuativo ha disposto la non applicabilità, a decorrere dal 1 gennaio 2012, di alcuna ritenuta sui compensi/ricavi percepiti dai soggetti che si avvalgono del nuovo regime dei minimi. Il provvedimento dispone però che i soggetti in questione rilascino un apposita dichiarazione alla controparte in cui si attesta l applicazione del regime dei nuovi minimi. OBBLIGHI - Vi è obbligo di conservare in ordine cronologico i documenti emessi e

4 ED ESONERI FISCALI/CONTABILI RELATIVI A TALE REGIME DURATA DELL'AGEVOLAZIONE ricevuti ai fini IVA e ai fini delle imposte sui redditi (quindi, il contribuente dovrà conservare le fatture emesse e ricevute). Non vi è l obbligo di registrazione e tenuta delle scritture contabili rilevanti ai fini IVA, imposte dirette (IRPEF) e IRAP; - vi è l obbligo di dichiarazione annuale dei redditi (Unico) e versamento dell imposta sostitutiva proporzionale del 5% (sostitutiva di IRPEF e relative addizionali regionali e comunali) sul reddito netto (differenza tra i compensi percepiti nell anno d imposta le spese inerenti l attività svolta, documentate, sostenute nel medesimo anno d imposta); - vi è l obbligo di manifestare in via preventiva la volontà di effettuare acquisti intracomunitari, all atto della presentazione della dichiarazione di inizio attività o successivamente, ai fini dell'inclusione nell archivio VIES; - vi è l obbligo di integrazione delle fatture relative agli acquisti intracomunitari e per le altre operazioni di cui risultano debitori d imposta (es.: operazioni soggette al reverse charge). Ne consegue che in tali casi si dovrà procedere al versamento dell IVA entro il giorno 16 del mese successivo a quello d effettuazione delle operazioni poiché l IVA sugli acquisti non è detraibile; - vi è l obbligo di presentazione degli elenchi Intrastat. Con particolare riferimento alla presentazione degli elenchi Intrastat sembra ragionevole ritenere che tornino applicabili le disposizioni impartite dalla circ. n. 36/E del 21 giugno Più nel dettaglio tale circolare, con riferimento ai vecchi minimi, aveva chiarito che gli elenchi Intrastat devono essere presentati solo con riferimento agli acquisti intracomunitari di beni e di servizi di cui all art. 7-ter del d.p.r. n. 633/1972 per i quali ovviamente i contribuenti minimi devono effettuare il reverse charge per liquidare l imposta. Nessun obbligo Intrastat riguarda conseguentemente le cessioni intracomunitarie di beni e i servizi resi a soggetti passivi di altri Stati membri; - è possibile dedurre i contributi previdenziali dal reddito prodotto; - è possibile dedurre direttamente nell anno d imposta di pagamento i costi sostenuti per l acquisto di beni strumentali (senza applicare le quote di ammortamento). Quindi, ad esempio, se un contribuente acquista dei mobili e arredi per un ammontare pari ad euro 3.000, l intero costo è ammesso in deduzione in toto nel corso del periodo d imposta (si tenga presente il limite triennale che non può essere superiore ad euro ); - non vi è l obbligo degli adempimenti IVA, in quanto le fatture del contribuente che opta per tale regime vanno emesse dallo stesso senza applicazione dell IVA (quindi, non si dovrà fare alcun versamento IVA, neppure presentare la dichiarazione IVA così come la comunicazione dati IVA. Infine, non si dovrà procedere alla conservazione dei registri IVA); - non vi è l obbligo di versamento dell IRAP; - non vi è l obbligo di presentazione degli studi di settore; - non vi è l obbligo di alcuna tenuta di scritture contabili; - vi è l esonero dall obbligo di effettuare la comunicazione telematica delle operazioni rilevanti ai fini IVA (spesometro); - vi è l esonero dall obbligo di comunicare all Agenzia delle Entrate i dati relativi alle operazioni effettuate nei confronti di operatori black list; - vi è l esonero dall obbligo di certificare i corrispettivi in presenza delle attività di cui all art. 2 del d.p.r. 21 dicembre 1996, n Il nuovo regime dei minimi si applica per il periodo d imposta d inizio dell attività e per i quattro successivi. I soggetti che hanno meno di 35

5 anni di età possono continuare ad applicare il regime fiscale agevolato anche dopo il quinquennio e fino al periodo d imposta di compimento dei 35 anni, e questo senza esercizio di opzione alcuna. Inizio dell attività a partire dal 2012 Il soggetto che inizia l attività nel 2012 potrà utilizzare il nuovo regime dei minimi al massimo per 5 anni. Solo se il contribuente è giovane, il regime si applica per un periodo maggiore di 5 anni e fino al compimento dei 35 anni di età. Preme evidenziare che il limite dei 35 anni è da considerarsi un limite a favore del contribuente e non a sfavore. Soggetti già in attività nel 2011 Per costoro, il nuovo regime dei minimi è applicabile per il periodo che residua al compimento del quinquennio, anche in tal caso fatto salvo il maggiore limite previsto per coloro che hanno meno di 35 anni alle fine del quinquennio. Attenzione: preme evidenziare che i contribuenti che hanno iniziato l attività nel 2008, e che nel 2011 si avvalgono del regime dei minimi, il 2012 sarà l ultimo anno agevolato (tranne per coloro che hanno meno di 35 anni, nel qual caso potranno avvalersi del regime agevolato fino al compimento dei 35 anni). DECADENZA Il punto 3.3 del provv. attuativo del 22 dicembre 2011 ha fornito la risposta a un dubbio posto dalla lettura della norma, affermando che chi, per scelta ovvero per obbligo (nel caso in cui non vengano rispettati i parametri indicati all interno della presente tabella sezione requisiti ), abbandoni il regime dei minimi, non può più avvalersene, anche qualora nel quinquennio ovvero non oltre il periodo d imposta di compimento dei 35 anni ritorni in possesso dei requisiti per accedere al nuovo regime dei minimi. In pratica: i contribuenti che per obbligo o per opzione escono dal regime dei minimi non possono più rientrarvi. OPZIONE PER IL REGIME ORDINARIO I soggetti che sono in possesso dei requisiti per accedere al regime dei minimi possono optare: - per l applicazione dell IVA e delle imposte sui redditi con i criteri ordinari. In tal caso il reddito è determinato nel rispetto dei criteri previsti dal TUIR, avvalendosi del regime di contabilità semplificata ovvero ordinaria (e al riguardo non si registrano novità rispetto al passato); - per l'adozione del regime degli ex minimi disciplinato dall art. 27, comma 3, del d.l. n. 98/2011. Sul punto si ricorda che, ai sensi del comma 110, dell art. 1 della l. n. 244/2007, l opzione per il regime ordinario è valida per almeno un triennio e, decorso il periodo minimo, si proroga per ciascun anno successivo fino alla revoca. L opzione deve essere comunicata, barrando l apposita casella, con la prima dichiarazione annuale IVA da presentare successivamente alla scelta operata. Fino a un diverso orientamento dell Agenzia, sono da ritenere ancora validi i chiarimenti forniti in passato nella circ. 21 dicembre 2007, n. 73/E, la quale riconosceva validità al comportamento concludente

6 tenuto dal contribuente. CAUSE DI USCITA DAL REGIME AGEVOLATO NORMATIVA APPLICABILE Il regime in esame viene meno, con conseguente tassazione ordinaria sia ai fini IRPEF (quindi, senza poter beneficiare del vantaggio fiscale previsto dall imposta sostitutiva) che IVA, nei casi in cui i limiti dei compensi previsti per il contribuente vengano superati e più precisamente: - a decorrere dal periodo d imposta successivo a quello nel quale i compensi conseguiti superano l importo di euro , ma non oltre il 50% (quindi fino ad un ammontare pari ad euro ). Va da sé che il superamento dei valori massimi entro limiti contenuti consente di mantenere il godimento dell agevolazione per l anno in cui si è verificato; - a decorrere dallo stesso periodo d imposta in cui si verifica il superamento dei limiti, nel caso in cui, invece, i compensi superino del 50% detti limiti; - per espressa opzione da parte del contribuente (professionista); - decorso il limite di 5 anni d imposta ovvero per i giovani oltre i 5 anni d imposta ma non oltre il 35 anno di età. Art. 1, commi da 96 a 117, Finanziaria 2008 (legge 24 dicembre 2007, n. 244); d.m. 2 gennaio 2008.

IL REGIME DEI NUOVI CONTRIBUENTI MINIMI. D.L. n. 98/11, convertito nella L. n. 111/11 (cosiddetta Manovra Correttiva )

IL REGIME DEI NUOVI CONTRIBUENTI MINIMI. D.L. n. 98/11, convertito nella L. n. 111/11 (cosiddetta Manovra Correttiva ) IL REGIME DEI NUOVI CONTRIBUENTI MINIMI D.L. n. 98/11, convertito nella L. n. 111/11 (cosiddetta Manovra Correttiva ) 1 PARTE DAL 2012 IL REGIME DEI NUOVI CONTRIBUENTI MINIMI Il nuovo regime decorre dal

Dettagli

Bologna, 2 Gennaio 2012 A TUTTI I CLIENTI CONTRIBUENTI MINIMI CIRCOLARE N. 1/2012. Oggetto: IL NUOVO REGIME DEI MINIMI

Bologna, 2 Gennaio 2012 A TUTTI I CLIENTI CONTRIBUENTI MINIMI CIRCOLARE N. 1/2012. Oggetto: IL NUOVO REGIME DEI MINIMI Bologna, 2 Gennaio 2012 A TUTTI I CLIENTI CONTRIBUENTI MINIMI CIRCOLARE N. 1/2012 Oggetto: IL NUOVO REGIME DEI MINIMI L Agenzia delle Entrate ha recentemente approvato il nuovo Provvedimento attuativo

Dettagli

Nuovo regime dei minimi c.d. Super forfettone

Nuovo regime dei minimi c.d. Super forfettone Slides Videocircolare Nuovo regime dei minimi c.d. Super forfettone Dott. Stefano Setti Il nuovo regime agevolato c.d. Super forfettone L art. 27 del d.l. 6.7.2011, n. 98 così come modificato dalla l.

Dettagli

OGGETTO: REGIME FISCALE DI VANTAGGIO PER I NUOVI MINIMI E REGIME CONTABILE AGEVOLATO PER I VECCHI MINIMI

OGGETTO: REGIME FISCALE DI VANTAGGIO PER I NUOVI MINIMI E REGIME CONTABILE AGEVOLATO PER I VECCHI MINIMI Roma, 28 dicembre 2011 OGGETTO: REGIME FISCALE DI VANTAGGIO PER I NUOVI MINIMI E REGIME CONTABILE AGEVOLATO PER I VECCHI MINIMI L Agenzia delle Entrate con due nuovi provvedimenti ha fornito le modalità

Dettagli

NUOVO REGIME DEI MINIMI

NUOVO REGIME DEI MINIMI NUOVO REGIME DEI MINIMI Il decreto istitutivo del nuovo regime dei minimi (Articolo 27 D.L. n. 98 del 6 luglio 2011, convertito con modificazioni dalla Legge n. 111 del 15 luglio 2011 - Manovra correttiva)

Dettagli

22/12/2016. NOVITA per le Partite IVA 2016 OPPORTUNITA E STRUMENTI. Il quadro al 1 Gennaio FORFAIT: Sintesi NOVITÀ 2016

22/12/2016. NOVITA per le Partite IVA 2016 OPPORTUNITA E STRUMENTI. Il quadro al 1 Gennaio FORFAIT: Sintesi NOVITÀ 2016 NOVITA per le Partite IVA 2016 OPPORTUNITA E STRUMENTI Il quadro al 1 Gennaio 2016 Il quadro per le piccole partite IVA è stato un po confuso in questi anni: FINO AL 2014 - Regime NUOVE INIZIATIVE PRODUTTIVE;

Dettagli

Le novità sul lavoro autonomo recate dal DL 98/2011

Le novità sul lavoro autonomo recate dal DL 98/2011 Le novità sul lavoro autonomo recate dal DL 98/2011 I nuovi regimi agevolati Mancata fatturazione compensi professionali Nuove disposizioni previdenziali Decorrenza Dal 2012 esisteranno solo due regimi

Dettagli

Regime dei Minimi 2015: per i professionisti una doppia opzione

Regime dei Minimi 2015: per i professionisti una doppia opzione Regime dei Minimi 2015: per i professionisti una doppia opzione Per l anno 2015, i professionisti che rispettino determinati requisiti hanno la facoltà di scegliere tra due distinti regimi fiscali agevolati.

Dettagli

CONTRIBUTI ENASARCO ANNO 2015

CONTRIBUTI ENASARCO ANNO 2015 CONTRIBUTI ENASARCO ANNO 2015 LE ALIQUOTE CONTRIBUTIVE Dal 01.01.2015 il contributo previdenziale ENASARCO sulle provvigioni derivanti da rapporti di agenzia aumenta passando dal 14,20% al 14,65%. La nuova

Dettagli

OGGETTO: Le condizioni per operare nel regime dei minimi dal 2012

OGGETTO: Le condizioni per operare nel regime dei minimi dal 2012 Informativa per la clientela di studio N. 120 del 26.10.2011 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Le condizioni per operare nel regime dei minimi dal 2012 A partire dal 2012 il regime dei c.d. contribuenti

Dettagli

L apertura della partita iva

L apertura della partita iva L apertura della partita iva Laura Capotondo capotondo@studiofdz.com Regime di vantaggio per l imprenditoria giovanile e lavoratori in mobilità di cui all articolo 27, commi 1 e 2, del D.L. 6 luglio 2011,

Dettagli

Oggetto: IL NUOVO REGIME FISCALE FORFETTARIO Commi da 54 a 89 Legge di Stabilità 2015

Oggetto: IL NUOVO REGIME FISCALE FORFETTARIO Commi da 54 a 89 Legge di Stabilità 2015 a Tutti i Clienti Loro sedi Oggetto: IL NUOVO REGIME FISCALE FORFETTARIO Commi da 54 a 89 Legge di Stabilità 2015 Dal 2015 è introdotto un nuovo regime forfettario riservato alle persone fisiche (imprese

Dettagli

REGIME DEI NUOVI MINIMI e REGIME CONTABILE AGEVOLATO

REGIME DEI NUOVI MINIMI e REGIME CONTABILE AGEVOLATO FABIO BETTONI LAURA LOCATELLI RACHELE DENEGRI Circolare n. 38 del 28 Dicembre 2011 REGIME DEI NUOVI MINIMI e REGIME CONTABILE AGEVOLATO Gentili Clienti con la presente intendiamo porre l attenzione sui

Dettagli

Il nuovo regime dei contribuenti "minimi" 2012 e il regime semplificato alternativo

Il nuovo regime dei contribuenti minimi 2012 e il regime semplificato alternativo Il nuovo regime dei contribuenti "minimi" 2012 e il regime semplificato alternativo 20111222 20:02:52 A partire dal 1 gennaio 2012, entra in vigore il nuovo regime dei contribuenti minimi o regime fiscale

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme indicate nei riferimenti normativi. Dispone

IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme indicate nei riferimenti normativi. Dispone N. 185825/2011 Modalità di applicazione del regime contabile agevolato di cui all'articolo 27, comma 3, del D.L. 6 luglio 2011, n. 98, convertito con modificazioni dalla legge 15 luglio 2011, n. 111).

Dettagli

NUOVO REGIME FORFETARIO 2016

NUOVO REGIME FORFETARIO 2016 NUOVO REGIME FORFETARIO 2016 L art. 1, commi da 54 a 89, Legge n. 190/2014 ha introdotto la disciplina del regime forfetario riservato alle persone fisiche esercenti attività d impresa / lavoro autonomo

Dettagli

Oggetto: NUOVO REGIME FORFETTARIO 2016

Oggetto: NUOVO REGIME FORFETTARIO 2016 Oggetto: NUOVO REGIME FORFETTARIO 2016 La Legge di Stabilità per il 2016 ha soppresso a far data dal 1 gennaio 2016 il regime dei minimi (che rimane però utilizzabile, fino alla relativa scadenza naturale

Dettagli

Regime forfettario per i contribuenti minori: novità 2016

Regime forfettario per i contribuenti minori: novità 2016 Regime forfettario per i contribuenti minori: novità 2016 Il regime forfettario è il regime fiscale dedicato ai contribuenti di minori dimensioni. Ha un aliquota fiscale ridotta e sostitutiva dell Irpef

Dettagli

Legge di stabilità 2015 Regime fiscale agevolato per autonomi

Legge di stabilità 2015 Regime fiscale agevolato per autonomi 5.2015 Febbraio Legge di stabilità 2015 Regime fiscale agevolato per autonomi Sommario 1. REGIME FISCALE AGEVOLATO PER AUTONOMI... 2 1.1. Durata del regime e cause di esclusione... 3 1.2. Determinazione

Dettagli

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 322 09.12.2015 Regime forfettario: come cambia dal 2016 A cura di Devis Nucibella Categoria: Regimi speciali Sottocategoria: Contribuenti minimi

Dettagli

REGIME FISCALE DEI CONTRIBUENTI FORFETARI LIBERI PROFESSIONISTI

REGIME FISCALE DEI CONTRIBUENTI FORFETARI LIBERI PROFESSIONISTI REGIME FISCALE DEI CONTRIBUENTI FORFETARI LIBERI PROFESSIONISTI 1 In che cosa consiste il regime dei forfetari Si tratta di un nuovo regime fiscale agevolato applicabile a partire dal 2015 Consiste nella:

Dettagli

NUOVO REGIME DEI CONTRIBUENTI MINIMI ED EXTRAMINIMI DAL 2012

NUOVO REGIME DEI CONTRIBUENTI MINIMI ED EXTRAMINIMI DAL 2012 SOMMARIO SCHEMA DI SINTESI NUOVO REGIME DEI MINIMI REGIME DEGLI EX MINIMI EFFETTI AI FINI DELL NUOVO REGIME DEI CONTRIBUENTI MINIMI ED EXTRAMINIMI DAL 2012 Art. 27 D.L. 6.07.2011, n. 98 conv. L. 15.07.2011,

Dettagli

IL LOGOPEDISTA DEL FUTURO

IL LOGOPEDISTA DEL FUTURO IL LOGOPEDISTA DEL FUTURO Il commercialista: questo sconosciuto Dott.ssa Sara Saccani Aula Magna - Palazzo Dossetti 29 settembre 2014 Corso di Laurea in Logopedia Università degli Studi di Modena e Reggio

Dettagli

RISOLUZIONE N. 67/E. Con l interpello specificato in oggetto è stato posto il seguente QUESITO

RISOLUZIONE N. 67/E. Con l interpello specificato in oggetto è stato posto il seguente QUESITO RISOLUZIONE N. 67/E Direzione Centrale Normativa Roma, 23 luglio 2015 OGGETTO: Interpello - ART. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Articolo 10, comma 12-undecies, del D.L. n. 192 del 2014 - applicazione

Dettagli

Oggetto: regime fiscale dei contribuenti minimi e marginali principali novità

Oggetto: regime fiscale dei contribuenti minimi e marginali principali novità Carlo Cecchi Dottore Commercialista Revisore Contabile Filippo Rosi Dottore Commercialista Revisore Contabile Gianpaolo Chiesi Avvocato Ferruccio Leandro Chiesi Avvocato Prato, 4 gennaio 2008 Ai Signori

Dettagli

CIRCOLARE SPECIALE NUOVO REGIME DEI MINIMI 2015

CIRCOLARE SPECIALE NUOVO REGIME DEI MINIMI 2015 CIRCOLARE SPECIALE NUOVO REGIME DEI MINIMI 2015 Il nuovo regime avrà decorrenza dal periodo di imposta successivo a quello in corso al 31 dicembre 2014. Il comma 85 prevede l abrogazione dei seguenti regimi

Dettagli

Roma, 22 e 23 gennaio 2008 Legge finanziaria 2008: il regime dei contribuenti minimi

Roma, 22 e 23 gennaio 2008 Legge finanziaria 2008: il regime dei contribuenti minimi Roma, 22 e 23 gennaio 2008 Legge finanziaria 2008: il regime dei contribuenti minimi Ufficio Studi - Sezione Analisi giuridiche Normativa - Articolo 1, commi da 96 a 117, della legge finanziaria per il

Dettagli

Studio Tributario - Commerciale. Oggetto

Studio Tributario - Commerciale. Oggetto Roma, 11/01/2017 Spett.le Cliente Studio Tributario - Commerciale Fabrizio Masciotti Dottore Commercialista e Revisore Contabile Piazza Gaspare Ambrosini 25, Cap 00156 Roma Tel 06/41614250 fax 06/41614219

Dettagli

5. DETERMINAZIONE DEL REDDITO

5. DETERMINAZIONE DEL REDDITO 5. DETERMINAZIONE DEL REDDITO I soggetti di cui all articolo 54 determinano il reddito imponibile applicando all ammontare dei ricavi o dei compensi percepiti (principio di cassa) un coefficiente di redditività

Dettagli

REGIME DEI MINIMI: VIETATO IL PRESTITO DI PERSONALE Risoluzione n. 275/E del 3 luglio 2008

REGIME DEI MINIMI: VIETATO IL PRESTITO DI PERSONALE Risoluzione n. 275/E del 3 luglio 2008 REGIME DEI MINIMI: VIETATO IL PRESTITO DI PERSONALE Risoluzione n. 275/E del 3 luglio 2008 a cura Dott. Antonio Gigliotti Secondo quanto precisato dall Agenzia delle Entrate con la Risoluzione n. 275/E

Dettagli

GRUPPO MICROIMPRESA E NUOVA CITTADINANZA. Incontro di studio. 1. Regime dei minimi 2. Disposizioni disciplina dell immigrazione

GRUPPO MICROIMPRESA E NUOVA CITTADINANZA. Incontro di studio. 1. Regime dei minimi 2. Disposizioni disciplina dell immigrazione GRUPPO MICROIMPRESA E NUOVA CITTADINANZA Incontro di studio 1. Regime dei minimi 2. Disposizioni disciplina dell immigrazione Lunedì 12 dicembre 2011 Referente: Leila Farfan Approfondimenti interpretazioni

Dettagli

IL REGIME DEI MINIMI DOPO IL DM E LA CIRC. 17/2012

IL REGIME DEI MINIMI DOPO IL DM E LA CIRC. 17/2012 IL REGIME DEI MINIMI DOPO IL DM 22.12.2011 E LA CIRC. 17/2012 Dott. Paolo Meneghetti QUADRO DI SINTESI DELLE NOVITÀ DEL DL 98/2011 Durata limitata del regime. Introduzione del requisito della novità SUPERMINIMI.

Dettagli

IL REGIME DEI MINIMI DOPO IL DM E LA CIRC. 17/2012. Dott. Paolo Meneghetti

IL REGIME DEI MINIMI DOPO IL DM E LA CIRC. 17/2012. Dott. Paolo Meneghetti IL REGIME DEI MINIMI DOPO IL DM 22.12.2011 E LA CIRC. 17/2012 Dott. Paolo Meneghetti QUADRO DI SINTESI DELLE NOVITÀ DEL DL 98/2011 Durata limitata del regime. Introduzione del requisito della novità SUPERMINIMI.

Dettagli

Nuovi minimi e forfettino

Nuovi minimi e forfettino 01.02.2012 Nuovi minimi e forfettino Categoria Sottocategoria Regimi speciali Contribuenti minimi Al fine di favorire la costituzione di nuove imprese, l art. 27, DL n. 98/2011 conv. con modif. L. 111/2011

Dettagli

Nuovo regime fiscale agevolato per piccole imprese ed autonomi

Nuovo regime fiscale agevolato per piccole imprese ed autonomi CIRCOLARE DEL 26/01/2015 Nuovo regime fiscale agevolato per piccole imprese ed autonomi La Legge di Stabilità 2015 istituisce, a far data dall 1.1.2015, per gli esercenti attività d impresa, arti e professioni

Dettagli

SULLE REGISTRAZIONI CONTABILI

SULLE REGISTRAZIONI CONTABILI IVA PER CASSA: NOVITÀ E CONSIDERAZIONI SULLE REGISTRAZIONI CONTABILI IL NUOVO REGIME DEL CASH ACCOUNTING O DELL IVA PER CASSA Come noto, i soggetti che adottano il regime del cash accounting (c.d. Iva

Dettagli

-Iva per Cassa- Riteniamo che sia un limite abbastanza alto in cui non sia difficile rientrare.

-Iva per Cassa- Riteniamo che sia un limite abbastanza alto in cui non sia difficile rientrare. CIRCOLARE: 2/2013 A TUTTI I GENTILI CLIENTI - Iva per cassa - Regime Minimi. -Iva per Cassa- Iva per cassa significa sostanzialmente questo: l Iva sulle fatture emesse diventa un debito verso il Fisco

Dettagli

Circolare N. 180 del 23 Settembre 2016

Circolare N. 180 del 23 Settembre 2016 Circolare N. 180 del 23 Settembre 2016 Contabilità semplificata: adeguamento alle novità dal 1 gennaio 2017 Gentile cliente, la informiamo che con la legge di Bilancio 2017 (legge n. 232 del 11.12.2016,

Dettagli

IL NUOVO FORFAIT - AGGIORNAMENTO

IL NUOVO FORFAIT - AGGIORNAMENTO IL NUOVO FORFAIT - AGGIORNAMENTO ENTRATA IN VIGORE DAL 1.1.2015 È IL REGIME NATURALE PER COLORO CHE RISPETTANO LE CONDIZIONI 1 2 3 4 Limiti di ricavi o compensi Limite del volume degli investimenti Limite

Dettagli

DOTTRINA - N. 2 Giugno 2011 A cura di avv. Franco Perrone dello Studio legale tributario Perrone Associazione tra professionisti

DOTTRINA - N. 2 Giugno 2011 A cura di avv. Franco Perrone dello Studio legale tributario Perrone Associazione tra professionisti DOTTRINA - N. 2 Giugno 2011 A cura di avv. Franco Perrone dello Studio legale tributario Perrone Associazione tra professionisti DAI CONTRIBUENTI MINIMI ALL IMPRENDITORIA GIOVANILE ED AI LAVORATORI IN

Dettagli

L IRAP. Relatore: dott. Francesco Barone

L IRAP. Relatore: dott. Francesco Barone L IRAP Relatore: dott. Francesco Barone IRAP PER I SOGGETTI IRES La base imponibile è data dalla differenza tra il valore e i costi della produzione di cui alle lettere A) e B) dell art. 2425 c.c. con

Dettagli

STUDIO PROFESSIONALE DOTT. SAURO BALDINI. News di approfondimento

STUDIO PROFESSIONALE DOTT. SAURO BALDINI. News di approfondimento News di approfondimento N. 2 11 gennaio 12 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Nuovi minimi Gentile Cliente, con la stesura del presente documento informativo intendiamo metterla a conoscenza che a partire

Dettagli

CONTRIBUENTI MINIMI REGIME FISCALE DI VANTAGGIO

CONTRIBUENTI MINIMI REGIME FISCALE DI VANTAGGIO IL REGIME DEI "NUOVI" CONTRIBUENTI MINIMI E IL NUOVO REGIME CONTABILE SUPER-SEMPLIFICATO SEMPLIFICATO IL REGIME DEI "NUOVI" CONTRIBUENTI MINIMI REGIME FISCALE DI VANTAGGIO PER L IMPRENDITORIAL GIOVANILE

Dettagli

La scelta vincola per un triennio

La scelta vincola per un triennio Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 49 13.02.2014 Iva per cassa e Modello Iva 2014 La scelta vincola per un triennio Categoria: Iva Sottocategoria: Dichiarazione Per l adesione al

Dettagli

NUOVO REGIME DEI MINIMI

NUOVO REGIME DEI MINIMI NUOVO REGIME DEI MINIMI A decorrere dal l gennaio 2012, la Manovra. correttiva ha radicalmente modificato il regime dei contribuenti minimi con un drastico taglio del numero dei soggetti che possono accedervi.

Dettagli

Gruppo Buffetti S.p.A. Direzione e coordinamento Dylog Italia S.p.A. Via Francesco Antolisei, Roma

Gruppo Buffetti S.p.A. Direzione e coordinamento Dylog Italia S.p.A. Via Francesco Antolisei, Roma Gruppo Buffetti S.p.A. Direzione e coordinamento Dylog Italia S.p.A. Via Francesco Antolisei, 10-00173 Roma CONTRIBUENTI MINIMI. Possono accedere al nuovo regime dei contribuenti minimi introdotto dall

Dettagli

Decreti Monti. NOVITA in materia di STUDI DI SETTORE e di CONTROLLI

Decreti Monti. NOVITA in materia di STUDI DI SETTORE e di CONTROLLI Decreti Monti NOVITA in materia di STUDI DI SETTORE e di CONTROLLI 1 NOVITA in materia di STUDI DI SETTORE D.L. n. 98/2011 (conv( conv.. L. n. 111/2011) D.L. n. 138/2011 (conv( conv.. L. n. 148/2011) D.L.

Dettagli

REGIME FISCALE AGEVOLATO PER AUTONOMI. Dott.ssa Veronica Visani Dott. Filippo Tampieri

REGIME FISCALE AGEVOLATO PER AUTONOMI. Dott.ssa Veronica Visani Dott. Filippo Tampieri REGIME FISCALE AGEVOLATO PER AUTONOMI Dott.ssa Veronica Visani Dott. Filippo Tampieri Dott. Gianfranco Fornelli 1 Imola, 30 gennaio 2016 PREMESSA Fino al 31.12.2015 Regime dei «minimi» (D.L. 98/2011) Regime

Dettagli

Semplificazioni fiscali e contabili utilizzabili dai giovani musicisti (regimi per i contribuenti minori)

Semplificazioni fiscali e contabili utilizzabili dai giovani musicisti (regimi per i contribuenti minori) S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA MUSICA FRA CREATIVITA, DIRITTO E FISCO (5 edizione) Semplificazioni fiscali e contabili utilizzabili dai giovani musicisti (regimi per i contribuenti minori)

Dettagli

Dott. Gianluca Caprino Cosenza, 11 gennaio 2012

Dott. Gianluca Caprino Cosenza, 11 gennaio 2012 REGIMI FISCALI AGEVOLATI ALLA LUCE DELLE NUOVI DISPOSIZIONI NORMATIVE Dott. Gianluca Caprino Cosenza, 11 gennaio 2012 IL NUOVO REGIME DEI CONTRIBUENTI MINIMI PRIMA PARTE Modifiche al vecchio regime L art.

Dettagli

che scadono di sabato o di giorno festivo sono prorogati di diritto al primo giorno lavorativo successivo

che scadono di sabato o di giorno festivo sono prorogati di diritto al primo giorno lavorativo successivo Scadenzario fiscale Aprile 20 Indicazioni generali sui termini di versamento e di presentazione delle dichiarazioni Tutti i termini di versamento e di presentazione delle dichiarazioni, compresi gli elenchi

Dettagli

Il nuovo regime fiscale dei contribuenti minimi

Il nuovo regime fiscale dei contribuenti minimi Il nuovo regime fiscale dei contribuenti minimi dott. Pasquale SAGGESE La Finanziaria 2008 Profili introduttivi FONTI NORMATIVE E CHIARIMENTI DI PRASSI COMMI DA 96 A 117 DELL ARTICOLO 1 DELLA L. 244/2007

Dettagli

Milano, 20 settembre 2010

Milano, 20 settembre 2010 !!" " # " " # # # Milano, 20 settembre 2010 A tutti i Clienti, Loro sedi Circolare n. 26/2010: Gli elenchi clienti / fornitori "black-list" dopo le esclusioni / estensioni disposte dal MEF. $%&$&" '!(

Dettagli

REGIME FORFETTARIO. 392/

REGIME FORFETTARIO. 392/ REGIME FORFETTARIO info@dbnefisco.it 392/6546370 DBN E FISCO REGIME FORFETTARIO Applicazione forfettario per inquadramento soggetti operanti nelle mondo delle discipline bionaturali A cura della Dottoressa

Dettagli

Liquidazione Iva per il 2014

Liquidazione Iva per il 2014 Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 24 24.01.2014 Liquidazione Iva per il 2014 Categoria: Iva Sottocategoria: Adempimenti La liquidazione e l'eventuale versamento (se a debito) dell'iva,

Dettagli

STUDIO MARCOZZI DOTTORI COMMERCIALISTI

STUDIO MARCOZZI DOTTORI COMMERCIALISTI DOTTORI COMMERCIALISTI 20121 MILANO - VIA FOSCOLO, 4 TEL. 02-874163 FAX 02-72023745 email: studio.marcozzi@tin.it Luigi Marcozzi, Revisore Contabile Attilio Marcozzi, Revisore Contabile Milano, 2 gennaio

Dettagli

Il contributo di solidarietà: l Agenzia detta le regole e i tempi per il versamento

Il contributo di solidarietà: l Agenzia detta le regole e i tempi per il versamento Il contributo di solidarietà: l Agenzia detta le regole e i tempi per il versamento di Maria Benedetto Il contributo di solidarietà è un imposta straordinaria introdotta con quella che è stata definita

Dettagli

LA DIFESA DEL PROFESSIONISTA NELL ACCERTAMENTO FISCALE: la verifica del professionista

LA DIFESA DEL PROFESSIONISTA NELL ACCERTAMENTO FISCALE: la verifica del professionista LA DIFESA DEL PROFESSIONISTA NELL ACCERTAMENTO FISCALE: la verifica del professionista Laura Rossi Dufour Dottore Commercialista Revisore Contabile Via San Gregorio 53 Milano Via D.Fiasella 3/14 Genova

Dettagli

Scadenze fiscali: AGOSTO 2011

Scadenze fiscali: AGOSTO 2011 Scadenze fiscali: AGOSTO 2011 data soggetti adempimento modalità codici tributo lunedì 1 titolari di contratti di locazione che non hanno optato per il regime della cedolare secca versamento imposta di

Dettagli

TRATTAMENTO FISCALE RISERVATO AI NUOVI E VECCHI CONTRIBUENTI MINIMI

TRATTAMENTO FISCALE RISERVATO AI NUOVI E VECCHI CONTRIBUENTI MINIMI TRATTAMENTO FISCALE RISERVATO AI NUOVI E VECCHI CONTRIBUENTI MINIMI a cura del Dott. Vito SARACINO e Revisore Contabile in Bitonto (BA) Il Decreto Legge del 06 luglio 2011 n. 98, pubblicato sulla Gazzetta

Dettagli

COMO 17 APRILE 2016 REGIMI CONTABILI E STUDI DI SETTORE PER I LIBERI PROFESSIONISTI

COMO 17 APRILE 2016 REGIMI CONTABILI E STUDI DI SETTORE PER I LIBERI PROFESSIONISTI COMO 17 APRILE 2016 REGIMI CONTABILI E STUDI DI SETTORE PER I LIBERI PROFESSIONISTI 1. INQUADRAMENTO DELL INFERMIERE LIBERO PROFESSIONISTA NEL DIRITTO TRIBUTARIO ITALIANO 2. REGIMI DI DI LAVORO AUTONOMO

Dettagli

TRATTAMENTO A FINI IRAP DI ATTIVITÀ COMMERCIALE E AGRICOLA NON PREVALENTE SVOLTE DA ENTI PUBBLICI

TRATTAMENTO A FINI IRAP DI ATTIVITÀ COMMERCIALE E AGRICOLA NON PREVALENTE SVOLTE DA ENTI PUBBLICI Agenzia della Regione Autonoma della Sardegna per le Entrate - - - - - * * * * - - - - - TRATTAMENTO A FINI IRAP DI ATTIVITÀ COMMERCIALE E AGRICOLA NON PREVALENTE SVOLTE DA ENTI PUBBLICI Il presente approfondimento

Dettagli

OGGETTO: Nuovi minimi e ritenute d acconto

OGGETTO: Nuovi minimi e ritenute d acconto Informativa per la clientela di studio del 14.01.2015 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Nuovi minimi e ritenute d acconto Gentile Cliente, con la stesura del presente documento intendiamo informarla

Dettagli

SOMMARIO. Nella presente circolare tratteremo i seguenti argomenti:

SOMMARIO. Nella presente circolare tratteremo i seguenti argomenti: CIRCOLARE N. 20 DEL 1/12/2015 SOMMARIO Nella presente circolare tratteremo i seguenti argomenti: PRONTO IL CODICE TRIBUTO PER L UTILIZZO DEL CREDITO DI IMPOSTA TREMONTI QUATER PAG. 2 IN SINTESI: Recentemente

Dettagli

Informativa n. 43 del 30.10.2012 INDICE

Informativa n. 43 del 30.10.2012 INDICE Informativa n. 43 del 30.10.2012 Versamento dell IVA dopo la riscossione del corrispettivo (c.d. IVA per cassa ) - Nuova disciplina - Provvedimento attuativo INDICE 1 Premessa... 2 1.1 Provvedimenti attuativi...

Dettagli

Scadenzario fiscale. Aprile In evidenza questo mese. Indicazioni generali sui termini di versamento e di presentazione delle dichiarazioni

Scadenzario fiscale. Aprile In evidenza questo mese. Indicazioni generali sui termini di versamento e di presentazione delle dichiarazioni Scadenzario fiscale Aprile 20 Indicazioni generali sui termini di versamento e di presentazione delle dichiarazioni Tutti i termini di versamento e di presentazione delle dichiarazioni, compresi gli elenchi

Dettagli

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 358 25.11.2016 Acquisto di box auto pertinenziale Il pagamento non effettuato tramite bonifico A cura di Andrea Amantea Categoria: Irpef Sottocategoria:

Dettagli

Iva Liquidazione per Cassa Circolare dell agenzia delle Entrate del 26 Novembre 2012, N. 44

Iva Liquidazione per Cassa Circolare dell agenzia delle Entrate del 26 Novembre 2012, N. 44 Prot. 318/2012 Milano, 29-11-2012 Circolare n. 115/2012 AREA: Circolari, Fiscale Iva Liquidazione per Cassa Circolare dell agenzia delle Entrate del 26 Novembre 2012, N. 44 Con la circolare n. 44 del 26/11/2012

Dettagli

1. IL NUOVO REGIME DEI MINIMI

1. IL NUOVO REGIME DEI MINIMI 1. IL NUOVO REGIME DEI MINIMI Il nuovo regime forfettario per imprese e professionisti si ispira alla Legge 244/2007 Contribuenti minimi. I commi dal cinquantaquattro all ottantanove, dell articolo 1,

Dettagli

PRINCIPALI SCADENZE FISCALI DAL 1 DICEMBRE 2013 AL 31 DICEMBRE 2013

PRINCIPALI SCADENZE FISCALI DAL 1 DICEMBRE 2013 AL 31 DICEMBRE 2013 PRINCIPALI SCADENZE FISCALI DAL 1 DICEMBRE 2013 AL 31 DICEMBRE 2013 I versamenti e gli adempimenti fiscali che cadono di sabato e nei giorni festivi si intendono prorogati al primo giorno lavorativo successivo

Dettagli

Studio Corbella dottori commercialisti associati

Studio Corbella dottori commercialisti associati dottori commercialisti - revisori dei conti: Piero Luigi Corbella Luigi Corbella Laura Corbella Torella Giacomo Corbella Benedetta Sirtori Daniela Bruniera Matteo Formenti Claudia Pengo Studio Corbella

Dettagli

Scadenzario fiscale Luglio 2016

Scadenzario fiscale Luglio 2016 Scadenzario fiscale Luglio 20 Indicazioni generali sui termini di versamento e di presentazione delle dichiarazioni Scadenze con data variabile Nel corso del mese scade: Tutti i termini di versamento e

Dettagli

Per i beni di locazione, noleggio comodato entro i limiti determinato ai sensi dell articolo 9 del TUIR.

Per i beni di locazione, noleggio comodato entro i limiti determinato ai sensi dell articolo 9 del TUIR. La legge di stabilità 2015 ha introdotto il nuovo regime forfetario, destinato agli operatori economici di ridotte dimensioni. Tale regime, applicabile dal 1 gennaio 2015, è stato successivamente modificato

Dettagli

REGIMI AGEVOLATI: I NUOVI MINIMI REGIME CONTABILE AGEVOLATO

REGIMI AGEVOLATI: I NUOVI MINIMI REGIME CONTABILE AGEVOLATO REGIMI AGEVOLATI: I NUOVI MINIMI REGIME CONTABILE AGEVOLATO 19 dicembre 2013 1 IL NUOVO REGIME DEI CONTRIBUENTI MINIMI A partire dall 1.1.2012 19 dicembre 2013 L art. 27 del DL 6.7.2011 n. 98, conv. L.

Dettagli

Oggetto: Responsabilità solidale negli appalti.

Oggetto: Responsabilità solidale negli appalti. Bologna, 05/03/2013 Circolare n. 4/2013 Oggetto: Responsabilità solidale negli appalti. A seguito della circolare n. 2/E dell 1 marzo 2013 dell Agenzia delle Entrate, che ha precisato e risposto ad alcune

Dettagli

Adempimenti Fiscali degli Enti Sportivi Dilettantistici e relative novità Dott. Bramante Paolo Docente Scuola Regionale dello Sport CONI Piemonte

Adempimenti Fiscali degli Enti Sportivi Dilettantistici e relative novità Dott. Bramante Paolo Docente Scuola Regionale dello Sport CONI Piemonte Adempimenti Fiscali degli Enti Sportivi Dilettantistici e relative novità Dott. Bramante Paolo Docente Scuola Regionale dello Sport CONI Piemonte 1 Le diverse tipologie giuridiche L art.90 della legge

Dettagli

Contenuto in sintesi

Contenuto in sintesi DIREZIONE SERVIZI TRIBUTARI Anno 2012 Circ. n. 105 09.11.2012-105/GD/om TITOLO: Imposte dirette - IRPEF - IRES - IRAP - Cedolare Secca Acconti. Contenuto in sintesi Con la presente comunicazione si illustrano

Dettagli

Le principali scadenze fiscali dal 16 Settembre al 30 Settembre 2015

Le principali scadenze fiscali dal 16 Settembre al 30 Settembre 2015 Le principali scadenze fiscali dal 16 Settembre al 30 Settembre 2015 Di seguito evidenziamo i principali adempimenti dal 16 al 30 2015, con il commento dei termini di prossima scadenza. Si segnala ai Signori

Dettagli

NUOVO REGIME FORFETTARIO 2015

NUOVO REGIME FORFETTARIO 2015 LEGGE DI STABILITA 2015 Legge 190 DEL 23 DICEMBRE 2014 Pubblicata in GU n. 300 del 29-12-2014 supplemento ordinario nr. 99 Art. 1 commi dal 54 al 89 Persone fisiche esercenti attivita di impresa e/o arti

Dettagli

Nuovo Regime Forfetario

Nuovo Regime Forfetario Le novità della Legge di Stabilità per il 2016 Nuovo Regime Forfetario Slide a cura di Valentina Falzaresi 1 Sommario Premessa Il regime forfetario introdotto dalla Legge di Stabilità 2015 Le novità della

Dettagli

Il Temporary manager GLI ASPETTI FISCALI. A cura di: Dott. Sandro Cerato

Il Temporary manager GLI ASPETTI FISCALI. A cura di: Dott. Sandro Cerato Il Temporary manager GLI ASPETTI FISCALI A cura di: Dott. Sandro Cerato 1 Quale forma contrattuale per la definizione del rapporto? non esiste una forma contrattuale ideale la forma finale del contratto

Dettagli

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 32 02.02.2015 Nuovo regime forfettario: la verifica dei ricavi Categoria: Finanziaria Sottocategoria: 2015 Categoria: Regimi speciali Sottocategoria:

Dettagli

LA QUALIFICAZIONE DEL REDDITO

LA QUALIFICAZIONE DEL REDDITO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LA MUSICA TRA CREATIVITA, DIRITTO E FISCO LA QUALIFICAZIONE DEL REDDITO DEL MUSICISTA Nicola Fasano Agenzia delle entrate DRE Lombardia 12 ottobre 2010 - Foyer del Conservatorio

Dettagli

Principali scadenze dal 16 al 31 ottobre 2012

Principali scadenze dal 16 al 31 ottobre 2012 Principali scadenze dal 16 al 31 ottobre 2012 Si segnala che le scadenze riportate tengono conto del rinvio al giorno lavorativo seguente per gli adempimenti che cadono al sabato o giorno festivo, così

Dettagli

Circolare n. 18. Del 17 giugno Contribuenti minimi - Svolgimento di attività con studio di settore - Proroga dei termini di versamento INDICE

Circolare n. 18. Del 17 giugno Contribuenti minimi - Svolgimento di attività con studio di settore - Proroga dei termini di versamento INDICE Circolare n. 18 Del 17 giugno 2013 Contribuenti minimi - Svolgimento di attività con studio di settore - Proroga dei termini di versamento INDICE 1 Premessa...2 2 Contribuenti interessati...2 2.1 Contribuenti

Dettagli

Comunicazione dati IVA relativa al 2015

Comunicazione dati IVA relativa al 2015 Torino 1 febbraio 2016 Gent.mi Sig.ri C L I E N T I CIRCOLARE N. 2/2016 Comunicazione dati IVA relativa al 2015 PREMESSA Secondo quanto previsto dalla Legge di Stabilità 2015 è possibile ancora per il

Dettagli

REGIME AGEVOLATO PER LE NUOVE INIZIATIVE IMPRENDITIORIALI.

REGIME AGEVOLATO PER LE NUOVE INIZIATIVE IMPRENDITIORIALI. I REGIMI CONTABILI. La scelta del regime contabile avviene all inizio dell attività, contestualmente all attribuzione della partita IVA ed in relazione al volume di affari presunto. Il volume di affari

Dettagli

studio associato zaniboni

studio associato zaniboni N. protocollo: 35/2010 30 Dicembre 2010 Oggetto: SCADENZE DAL 15 NOVEMBRE 2010 AL 15 DICEMBRE 2010 Di seguito evidenziamo i principali adempimenti dal 15 al 15 dicembre 2010, con il commento dei termini

Dettagli

CIRCOLARE N. 43/E OGGETTO

CIRCOLARE N. 43/E OGGETTO CIRCOLARE N. 43/E Circolare n.43/e Direzione Centrale Normativa Roma, 18/11/2016 OGGETTO: Interpello ai sensi dell articolo 11 della legge n. 212 del 2000 Agevolazione del 36% - Acquisto di box auto pertinenziale

Dettagli

BENI AI SOCI. Dott. Francesco Barone

BENI AI SOCI. Dott. Francesco Barone Dott. Francesco Barone BENI IN GODIMENTO Si annovera tra i redditi diversi La differenza tra il valore di mercato e il corrispettivo per la concessione di beni dell impresa a soci o familiari dell imprenditore

Dettagli

F.N.A.A.R.C. Federazione Nazionale Associazioni Agenti e Rappresentanti di Commercio

F.N.A.A.R.C. Federazione Nazionale Associazioni Agenti e Rappresentanti di Commercio F.N.A.A.R.C. Federazione Nazionale Associazioni Agenti e Rappresentanti di Commercio 2 DICEMBRE 2013 - IMPOSTE DIRETTE - IRPEF - IRES - IRAP - CEDOLARE SECCA - ACCONTI Si ricorda la scadenza del 2 dicembre

Dettagli

Oggetto: Richiesta di chiarimenti in ordine all applicazione dell articolo 9 della legge 27 dicembre 2002, n. 289.

Oggetto: Richiesta di chiarimenti in ordine all applicazione dell articolo 9 della legge 27 dicembre 2002, n. 289. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso RISOLUZIONE N.92/E Roma,23 aprile 2003 Oggetto: Richiesta di chiarimenti in ordine all applicazione dell articolo 9 della legge 27 dicembre 2002, n. 289. Associazione

Dettagli

La proroga per il versamento delle imposte per i soggetti assoggettati agli studi di settore.

La proroga per il versamento delle imposte per i soggetti assoggettati agli studi di settore. La proroga per il versamento delle imposte per i soggetti assoggettati agli studi di settore. Con l emanazione del DPCM in corso di pubblicazione sulla G.U. è ufficiale la proroga di 20 giorni del termine

Dettagli

Circolare n.20/e. Roma, 18/05/2016

Circolare n.20/e. Roma, 18/05/2016 Circolare n.20/e Direzione Centrale Normativa Roma, 18/05/2016 OGGETTO: Commento alle novità fiscali. Legge 28 dicembre 2015, n. 208 Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello

Dettagli

Fiscal News N. 50. IVA per cassa: modalità dichiarative. La circolare di aggiornamento professionale 13.02.2015

Fiscal News N. 50. IVA per cassa: modalità dichiarative. La circolare di aggiornamento professionale 13.02.2015 Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 50 13.02.2015 IVA per cassa: modalità dichiarative I soggetti che hanno aderito al regime dell IVA per cassa a decorrere dall 1.12.2012 per il

Dettagli

LA PROFESSIONE DI PSICOLOGO

LA PROFESSIONE DI PSICOLOGO LA PROFESSIONE DI PSICOLOGO PROFESSIONE PROTETTA: SUBORDINATA ALL'ISCRIZIONE ALL'ORDINE DOPO IL COMPIMENTO DI UN ITER FORMATIVO LO PSICOLOGO CHE SVOLGE L'ATTIVITA' IN MODO ABITUALE E SENZA VINCOLO DI SUBORDINAZIONE

Dettagli

730, Unico 2015 e Studi di settore

730, Unico 2015 e Studi di settore 730, Unico 2015 e Studi di settore Pillole di aggiornamento N. 58 10.06.2015 Deducibilità dell Irap riferita al costo del lavoro Ex art. 2, D.L. N. 201/2011 Categoria: Dichiarazione Sottocategoria: Unico

Dettagli

Circolare N.100 del 18 Giugno 2013

Circolare N.100 del 18 Giugno 2013 Circolare N.100 del 18 Giugno 2013 Ufficializzata la proroga dei versamenti di Unico 2013, ma non per tutti Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che, con la pubblicazione in Gazzetta

Dettagli

Scadenzario fiscale Agosto 2016

Scadenzario fiscale Agosto 2016 Scadenzario fiscale Agosto 2016 Indicazioni generali sui termini di versamento e di presentazione delle dichiarazioni Scadenze con data variabile Nel corso del mese scade: Tutti i termini di versamento

Dettagli

FAI LA MOSSA GIUSTA PER DIVENTARE IMPRENDITORE

FAI LA MOSSA GIUSTA PER DIVENTARE IMPRENDITORE FAI LA MOSSA GIUSTA PER DIVENTARE IMPRENDITORE CONFCOMMERCIO MILANO PER GLI ASPIRANTI IMPRENDITORI E LE NEO IMPRESE A cura di Direzione servizi tributari dott.ssa Federica Sottotetti IMPOSTE SUI REDDITI

Dettagli