Formazione in cure palliative Linee guida nazionali

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Formazione in cure palliative Linee guida nazionali"

Transcript

1 palliative ch Formazione in cure palliative Linee guida nazionali Elaborate dal Gruppo di Lavoro Formazione della Berna, agosto 2002 F. Porchet, infermiera, responsabile Dr S. Eychmüller Dr N. Steiner

2 INDICE PAGINE Introduzione 3 A chi sono destinate queste linee guida? 6 Quale formazione per quale operatore in quale struttura di cura? 7 3 livelli di formazione A B C 7 Valori e principi fondamentali (Core Values) delle cure palliative 8 Contenuti della formazione : lista dei temi 9 1. La persona malata 2. La persona malata e la sua famiglia 3. L equipe di cure interdisciplinare 4. Lavoro su sé stessi = self awareness. Etica 5. La morte e la società. Le cure palliative nel sistema sanitario 6. Formazione dei formatori in cure palliative 7. Formazione per la ricerca in cure palliative Pedagogia e cure palliative 16 Principi pedagogici Obiettivi Metodi pedagogici Apprendimento dell interdisciplinarità Elaborazione di programmi di formazione in cure palliative 18 problematiche che un progetto di formazione deve affrontare Cooperazione fra sede di cura e sede di formazione 18 Contenuto della descrizione di una formazione 19 Valutazione della formazione 19 Modalità di accreditamento 19 Linee guida della formazione : tavola sinottica 20 Prospettive 21 Bibliografia 22 Allegati 25 2

3 INTRODUZIONE I progressi della medicina, grazie ai quali oggi si guariscono numerose malattie finora incurabili o ad esito fatale, il perfezionamento delle tecnologie mediche e lo sviluppo della rianimazione allontanano sempre più i confini della morte. Le condizioni di vita di chi è gravemente malato, la cui vita si avvicina inesorabilmente alla fine, non rappresentano spesso la preoccupazione prioritaria degli operatori sanitari, ai quali del resto risulta difficile accettare di non potere contribuire alla guarigione di chi è loro affidato. L obbligo di rispettare e di proteggere la dignità di un malato incurabile o di un morente è la conseguenza naturale della dignità inviolabile dell essere umano in ogni stadio della vita. Questo rispetto e questa protezione si traducono nella creazione di un ambiente appropriato che permetta all essere umano di morire con dignità 1. Per questo motivo è indispensabile rendere possibile l equo accesso alle cure palliative ad ogni persona gravemente colpita nella salute, assicurandole una continuità delle cure fino alla morte 2. Cure palliative per tutti dovrebbe essere l obiettivo delle istituzioni di cura e degli operatori sanitari in questo inizio del terzo millennio. E vero che nel nostro paese oggi si sviluppano numerose unità di cure palliative 3, soprattutto nell ambito di strutture di cure già esistenti. Protection des droits de l homme et de la dignité des malades incurables et des mourants, Raccomandazione del Consiglio d Europa, testo adottato dall Assemblea parlamentare del 25 giugno Per cure palliative si intende l insieme delle cure dispensate ai malati quando, non avendo più i trattamenti curativi alcun effetto sulla malattia, sono della più alta importanza il sollievo del dolore e degli altri sintomi e l apporto di un sostegno psicologico, sociale e spirituale. Il primo obiettivo delle cure palliative è di assicurare la migliore qualità di vita possibile al malato ed alla sua famiglia. Le cure palliative sono una affermazione della vita ed accettano la morte come l evoluzione normale dell esistenza. Le cure palliative tendono a calmare il dolore e gli altri sintomi molesti ; esse integrano il sostegno psicologico, sociale e spirituale nelle cure al malato, lo aiutano fino alla fine a condurre una vita il più possibile attiva e garantiscono il conforto alla famiglia nel corso della malattia e del lutto (Estratto del Rapporto Tecnico 804 sulle cure palliative, OMS, 1990). Secondo l articolo 4 degli statuti della Società Svizzera di medicina e Cure Palliative (SSMCP, 1995) La pratica della medicina e delle cure palliative comprende: a) il controllo ottimale dei sintomi più opprimenti; b) la ricerca e la rivalutazione costante dei mezzi più adeguati per alleviare la sofferenza del malato ed i suoi familiari; c) l integrazione degli aspetti sociali, psicologici e spirituali nella cura degli ammalati; d) il sostegno dei familiari durante la malattia e il lutto ; e) la presa in considerazione degli aspetti etici legati alla particolarità di ogni situazione ; f) il rispetto della vita e della sua conclusione naturale ; g) una collaborazione interdisciplinare competente e mirata; h) un attenzione particolare al sostegno e alla formazione continua dei curanti nonché alla prevenzione del loro esaurimento professionale. 1 In questo documento, l espressione unità di cure palliative comprende le diverse strutture possibili, vale a dire: unità di cure palliative ospedaliera, équipe mobile di cure palliative ospedaliere, istituto di cure palliative (hospice), équipe mobile di cure palliative domiciliari. 3

4 Molti malati però non beneficiano ancora di tutte le possibilità di trattamenti e di cure che richiede il loro stato di salute. Ora, i progressi registrati in questi ultimi anni nel campo della medicina palliativa, delle cure e dell approccio sia psicologico che spirituale consentono di migliorare in misura concreta la qualità di vita 4 dei malati gravi, indipendentemente dall età e da dove essi si trovino. Ma occorre anche che gli operatori sanitari conoscano e applichino nella pratica clinica i trattamenti e le cure specifici. Si tratta quindi di agevolare l acquisizione di conoscenze e di competenze per mezzo di un sistema di formazione di cure palliative strutturato, coordinato, mirato ed efficiente. La necessità di sviluppare la medicina e le cure palliative mediante la formazione è del resto l oggetto di numerose raccomandazioni nazionali ed internazionali : Statuti della SSMCP e dell European Association for Palliative Care (EAPC), Raccomandazioni dell OMS, Dichiarazione di Barcellona, Raccomandazioni del Consiglio d Europa 5. Non tutti gli operatori necessitano di una formazione della stessa natura e dello stesso livello, sia perché il loro ruolo con i malati e nell équipe è diverso e complementare, sia perché sono differenti la tipologia ed il numero dei malati cui sono confrontati 6. E quindi necessario prevedere livelli di formazione adeguati a chi deve curare malati in situazioni palliative sia in funzione delle necessità di questi ultimi che delle strutture di cura nelle quali essi lavorano. 2 Hearn J., Higginson IJ. Do specialist palliative care teams improve outcomes for cancer patients? In PalliatiMed 1998 ; 12(5) : Cfr. allegati. 4 SEBAG-LANOE R.: Les perspectives essentielles pour le développement de la formation en soins palliatifs, les défis en clinique et dans la formation, Les Annales de soins palliatifs, les défis, Coll. Amaryllis, Montréal, 1992, p.79. 4

5 Il comitato della SSMCP ha constatato che numerosi corsi di cure palliative si svolgevano nel nostro paese in modo eteroclito, senza gradazione né complementarità, spesso più per iniziativa personale di operatori motivati che per incarico di istituzioni di cura 7. Quindi, riferendosi ai suoi statuti ed alle richieste dell EAPC 8, il comitato della SSMCP ha incaricato il Gruppo di Lavoro Formazione di elaborare linee guida nazionali allo scopo di favorire lo sviluppo delle cure palliative mediante la formazione. Per adempiere al meglio all incarico, questo gruppo di lavoro ha ritenuto essenziale conoscere le necessità e le aspettative specifiche di ogni disciplina e gruppo professionale. Per questo motivo, si è proceduto ad un ampia consultazione delle persone e degli organismi sottoelencati 9. Il gruppo di lavoro ha tenuto conto dei commenti pervenuti nel corso della consultazione. La versione definitiva delle linee guida di formazione sarà oggetto di una seconda consultazione con i membri del comitato della SSMCP, con i responsabili delle formazione in cure palliative in Svizzera come pure con esperti internazionali in materia. Essa costituisce una base di discussione tra i vari partners coinvolti nella formazione in cure palliative. Al fine di agevolare l impianto delle linee guida di formazione, la SSMCP ha deciso di creare un gruppo di operatori esperti in cure palliative e nella formazione, che fungerà da organismo di riferimento nazionale per assistere le istituzioni di cura e di formazione nei loro progetti di formazione specifici. Queste linee guida nazionali di formazione in cure palliative sono nate nello spirito di coordinazione e di partenariato, nell intento degli autori di privilegiare la responsabilità e l autonomia dei partners coinvolti piuttosto che di stabilire regolamenti vincolanti e quindi poco costruttivi. 5 PORCHET F., SALAMIN O. (1999) : Soins palliatifs, études des offres de formation dans les cantons romands : entre aspirations personnelles et compétences professionneles, Sion, L European Association for Palliative Care (EAPC) ha in effetti proposto nel 1997 ai membri collettivi «che in ogni paese, l associazione o i membri collettivi dell EAPC creino una rete di educazione nazionale che sia l interlocutore della Rete Educazione dell EAPC. La proposta del comitato direttivo è di lavorare da una parte sulle esigenze minime di formazione in cure palliative per le formazioni di base in medicina ed in cure infermieristiche e d altra parte sulle esigenze di competenze dei formatori in cure palliative. 7 Membri del comitato della SSMCP, Gruppo della Scienza e della Ricerca, EAPC, Cancer control program WHO, presidente del Comitato etico dell Associazione Svizzera delle Infermiere, Lega Svizzera contro il Cancro, Società Svizzera di Pediatria, Società Svizzera di Oncologia Medica e Pediatrica, Società Svizzera di Oncologia, Società Svizzera di Medicina Generale, Società Svizzera di Medicina Interna, Società Svizzera di Geriatria, Commissione federale di esperti per la riforma degli studi delle professioni mediche, Dipartimento della formazione professionale della Croce Rossa Svizzera, Scuola di cure infermieristiche Chantepierre, Centro di formazione H+, Direzione delle cure infermieristiche dell Inselspital Berna, Comitato delle cure palliative HUG, Istituto di Sanità ed Economia Losanna, Ufficio dei diritti dei pazienti Losanna, Associazione dei pazienti Zurigo. 5

6 A CHI SONO DESTINATE QUESTE LINEE GUIDA? Queste linee guida sono destinate in modo prioritario agli operatori più direttamente interessati ai trattamenti ed alle cure di persone gravemente malate e dei loro familiari, ossia a medici ed infermiere. Tuttavia, questo documento potrà servire quale base di riflessione per la formazione di altri operatori sanitari, specialmente di aiuti di cure o di aiuti-infermiere 10 coinvolti nella cura di malati gravi o in fine di vita, in particolare negli istituti per anziani o per andicappati. E ovvio che l approccio interdisciplinare delle cure palliative necessita delle competenze di numerosi altri operatori: assistente sociale, psicologo, fisioterapista, ergoterapista, farmacista, amministratore, dietista, assistente spirituale, ecc. Per quello che concerne queste altre professioni, in questo momento non è prevedibile la promozione di una formazione specialistica in cure palliative per ciascuna di esse. Invece, il gruppo di riferimento nazionale SSMCP auspica : introdurre una sensibilizzazione nei programmi di formazione di base di queste professioni, in rapporto con la loro pratica specifica ; raccomandare agli operatori destinati a lavorare in cure palliative di seguire una formazione interdisciplinare postdiploma in cure palliative seguita da uno stage in una unità di cure palliative. Il gruppo di riferimento nazionale SSMCP è disposto a sostenere ogni progetto di linee guida in collaborazione con i responsabili dei programmi nel quadro delle formazioni di assistente sociale, psicologo, fisioterapista, ergoterapista, farmacista, dietista, assistente spirituale ecc. come pure nella formazione dei volontari, la cui attività di accompagnamento presso i malati gravi si rivela preziosa e complementare a quella degli operatori sanitari. 8 Questi termini comprendono anche gli esponenti maschili della professione. 6

7 QUALE FORMAZIONE PER QUALE OPERATORE IN QUALE SEDE DI CURA? I medici e le infermiere che esercitano la loro attività professionale nel quadro di istituti di cura ospedalieri, di cure domiciliari, di medicina di primo intervento, di sottospecialità mediche o di case per anziani, possono essere confrontate, più o meno frequentemente, con persone affette da malattie evolutive inguaribili. Per questo motivo devono disporre di conoscenze e di competenze in cure palliative che permettano loro di trattare e di curare il malato garantendogli la migliore qualità di vita possibile, e accompagnando nel contempo adeguatamente la sua famiglia ed i suoi congiunti, in funzione della loro situazione e delle loro necessità. Questo spiega la necessità di differenti livelli di formazione. 3 LIVELLI DI FORMAZIONE A B C A B C Sensibilizzazione (Pregraduata) Sensibilizzazione (Postgraduata) Approfondimento (Postgraduato) Specializzazione (Postgraduata) Futuri operatori sanitari durante la formazione iniziale (formazione di base infermieristica e pregraduata medica) Operatori sanitari diplomati attivi in un servizio generale 11 confrontati con situazioni di cure che richiedono un approccio palliativo Operatori sanitari diplomati che esercitano in unità di cure palliative 12 o in un servizio generale in cui hanno funzione di persona di riferimento per le cure palliative Operatori sanitari diplomati confrontati regolarmente e ripetutamente con malati affetti da malattia evolutiva inguaribile (oncologia, oncopediatria, geriatria, algologia, ecc.) Operatori sanitari diplomati con funzione di responsabile di unità di cure palliative, di consulente e/o che esercitano attività didattica e lavori di ricerca 9 Ospedale, clinica, domicilio, casa per anziani, istituzione per andicappati, ecc., istituzioni dove la medicina e le cure palliative non sono che un aspetto dell attività clinica. 10 L espressione unità di cure palliative comprende le diverse strutture possibili, vale a dire: unità di cure palliative ospedaliera, équipe mobile di cure palliative ospedaliere, istituto di cure palliative (hospice), équipe mobile di cure palliative domiciliari. 7

8 VALORI E PRINCIPI FONDAMENTALI (CORE VALUES) DELLE CURE PALLIATIVE Ogni formazione in cure palliative dovrebbe basarsi sui valori e principi fondamentali che costituiscono la base degli standards di qualità delle cure palliative. Controllo dei sintomi: il controllo ottimale dei sintomi fisici e psichici e la considerazione delle dimensioni sociale e spirituale sono preminenti rispetto al trattamento vero e proprio della malattia. Modello bio-psico-sociale e spirituale: la presa a carico del malato è effettuata in maniera globale, secondo il modello bio-psico-sociale 13, al quale si associa la dimensione spirituale. Presa a carico da parte di una équipe interdisciplinare 14 : l aspetto multidimensionale e la complessità delle problematiche incontrate richiedono una équipe curante interdisciplinare qualificata ed una attività strettamente coordinata fra gli operatori delle diverse discipline coinvolte: medicina, cure infermieristiche, psicologia, assistenza sociale, assistenza spirituale, ecc. Empatia e rispetto: la fine della vita e la morte rappresentano un processo naturale, principio che tutti i curanti, medici, infermiere, ecc. hanno il dovere d integrare alla loro pratica clinica, anche se il loro compito consiste nel guarire ogniqualvolta sia possibile. Autonomia e dignità: la presa a carico palliativa non si limita al periodo terminale della vita; essa offre pure al malato grave ogni possibilità di sostegno e di riadattamento allo scopo di consentirgli la migliore qualità di vita possibile fino alla morte, in funzione dei suoi desideri e criteri, valorizzandone le risorse. Orientamento sistemico della presa a carico: l integrazione della cerchia del malato famiglia, congiunti, amici e delle loro risorse fa sistematicamente parte dell approccio palliativo diagnostico e terapeutico da parte dell équipe curante. Disponibilità e continuità: il desiderio del malato di essere curato ed accompagnato nel luogo di sua scelta deve essere prioritario nella misura del possibile; ciò necessita delle strutture di cura disponibili e strettamente coordinate (ospedale, consultazione ambulatoriale, domicilio, ecc.). Accettazione dei limiti e prevenzione dell esaurimento professionale: il rispetto dei limiti della cerchia familiare, come pure la prevenzione dell esaurimento professionale dei componenti dell équipe, sono elementi-chiave della presa a carico palliativa. 11 ENGEL G.L. : The need for a new medical model : a challenge for biomedicine, in Science (1997) 196, pp Il termine interdisciplinare comprende le interazioni fra gli esponenti di diverse discipline e professioni. 8

9 CONTENUTI DELLA FORMAZIONE : LISTA DEI TEMI La lista dei temi sottoelencati serve quale riferimento di base agli operatori interessati ed alle istituzioni che propongono formazioni in cure palliative, in funzione dei livelli A, B e C. I temi di formazione concernono i seguenti ambiti : 1. La persona malata La persona malata e la sua famiglia L équipe interdisciplinare di cure 4. Il lavoro su sé stessi = Self-awareness 5. La morte e la società Le cure palliative nel sistema sanitario 6. La formazione dei formatori in cure palliative 7. La formazione alla ricerca in cure palliative Per quello che riguarda l ambito 1, alcuni temi sono comuni alle professioni medica ed infermieristica (temi interdisciplinari), altri sono specifici di ogni professione (temi monodisciplinari). Si raccomanda di trattare in modo interdisciplinare gli altri ambiti. E ovvio che la lista dei temi di formazione non deve in nessun caso sostituire l elaborazione di obiettivi, che si dovrà effettuare in funzione delle specificità professionali, dei livelli di formazione A, B e C e delle competenze da acquisire in relazione con la sede di esercizio professionale. Le competenze concernono le capacità connesse al sapere (conoscenze), alle capacità di fare (attitudini), di essere (comportamenti) e di trasmettere 17. Saranno quindi gli obiettivi d insegnamento a permettere di differenziare le competenze da acquisire in funzione del livello desiderato. 13 L espressione persona malata indica ogni essere umano indipendentemente dall età, dall infanzia alla vecchiaia. 14 Il termine famiglia indica i parenti significativi del malato. 15 Saper trasmettere : nei confronti del malato e della sua famiglia (= educazione terapeutica, empowerment) e dei colleghi ( = trasmissione di conoscenze nell esercizio della pratica professionale). 9

10 LA PERSONA MALATA 18 Osservazione, valutazione e trattamento dei sintomi Valutazione : anamnesi strumenti di valutazione carattere multidimensionale esame clinico diagnosi differenziale : meccanismo eziologia esami complementari documentazione Livello A Livello B Livello C Sintomi frequenti : dolore, sintomi digestivi, dispnea, anoressia- cachessiaastenia, secchezza e dolenzia delle fauci, confusione, depressione Trattamenti specifici a scopo palliativo, radio-oncologici, anestesiologici, neurochirurgici, stent, ecc. Farmacologia dei medicinali impiegati con maggiore frequenza, effetti secondari, sorveglianza dei trattamenti, valutazione regolare Interazioni farmacologiche farmacocinetica e dinamica Vie di somministrazione (orale, enterica, sottocutanea, endovenosa, rettale, transdermica) Specificità dei trattamenti farmacologici in presenza d insufficienza d organi Idratazione e nutrizione Controversie nel controllo dei sintomi : ruolo dei corticosteroidi, somatostatina, ecc. Urgenze in cure palliative : compressioni epidurali, crisi comiziali, emorragie massive, sindrome della vena cava superiore Sintomi più rari : per es. singulto, piaghe tumorali maleodoranti, incontinenza fecale, fistole, sintomi cutanei Interventi di natura psicologica e/o psichiatrica Approcci fisioterapeutici ed ergoterapeutici Possibile contributo di un sostegno spirituale alla gestione dei sintomi 16 L espressione persona malata indica ogni essere umano indipendentemente dall età, dall infanzia alla vecchiaia. 10

11 LA PERSONA MALATA (continuazione) Dolore Aspetti multidimensionali dell esperienza dolore (dolore totale) Strumenti di valutazione del dolore Diagnostica del dolore : tipi di dolore, meccanismi, eziologia Livell A Livell B Livell C Trattamento del dolore : scala analgesica OMS, farmacologia degli analgesici, effetti secondari, ruolo dei coanalgesici Oppioidi : scelta adattamento dei dosaggi effetti indesiderati e tossicità Rotazione degli oppiodi Indicazioni differenziali per l impiego di oppioidi particolari (per es. metadone) Trattamento dei dolori neuropatici Trattamenti antalgici specifici, radio-oncologici, anestesiologici, chirurgici e neurochirurgici, ecc. Informazione specifica del malato concernente l impiego di oppioidi Altro: Situazioni specifiche di cure palliative : AIDS, neurologia, pediatria, geriatria, pneumologia, cardiologia, nefrologia, ecc. Nuovi farmaci, per es. cannabinoidi, talidomide, melatonina, ecc. Fase terminale e decesso Diagnostica della fase terminale Anticipazione e gestione dei sintomi nel corso dell agonia (per es. rantoli del morente), adattamento delle prescrizioni allo stato della persona malata (per es. via sottocutanea) Cura e accompagnamento del morente e della sua famiglia Constatazione del decesso, toilette mortuaria, accompagnamento dei familiari in lutto, formalità amministrative Riti e costumi in funzione delle diverse religioni 11

12 LA PERSONA MALATA E LA SUA FAMIGLIA 19 Impatto della malattia grave Impatto della malattia grave sulla famiglia (bambini inclusi) : sofferenza psicologica e spirituale, cambiamento dei ruoli, concetto di crisi, meccanismi di adattamento Livell A Livell B Livell C Conseguenze sociali (professionali e finanziarie) e possibilità di sostegno diverse Comunicazione e approccio sistemico Annuncio di cattive notizie : comunicazione verbale e non verbale, considerazione di emozioni e reazioni, trasmissione di informazioni adattate alla comprensione da parte del malato e dei suoi familiari, e delle loro necessità, cambio di orientamento della presa a carico (interruzione dei trattamenti curativi) Educazione terapeutica del malato e della sua famiglia, dei curanti naturali20 Organizzazione ed animazione degli incontri con la famiglia, approccio sistemico Gestione di situazioni di crisi complesse, trattative, prevenzione e gestione dei conflitti Fase terminale, decesso e lutto Processi di lutto e di perdite Accompagnamento specifico dei bambini in lutto Riti e costumi in funzione delle diverse religioni Modalità di organizzazione di gruppi di lutto o accompagnamento di lutto individuale 17 Il termine famiglia indica i parenti significativi del malato. 18 L espressione curante naturale indica ogni persona vicina al malato, chiamata a partecipare attivamente alle cure. 12

13 3. L EQUIPE DI CURE INTERDISCIPLINARE 21 Ruoli, responsabilità, leadership, lavoro in rete Ruoli e responsabilità dei diversi operatori dell équipe Dinamica dei gruppi e leadership Influsso della dinamica malato/famiglia sulla dinamica dell équipe di cure Trattative e gestione di conflitti Lavoro in rete: modalità di collaborazione e di complementarità con altri specialisti ed equips Livell A Livell B Livell C Consigli alle équipes, ruolo di consulente in cure palliative Modalità d introduzione di nuovi progetti in una équipe LAVORO SU SE STESSI = SELF-AWARENESS ETICA Confronto personale con la malattia grave, la sofferenza, la morte e il lutto Livello A Livello B Biografia dell operatore e conoscenza di sé : valori personali in relazione con la vita, la fine della vita e la morte Livello C Meccanismi di coping (proiezione, identificazione), limiti personali, burn-out Limiti della medicina e delle cure: nozione di onnipotenza o d impotenza (far fronte alle situazioni prive di soluzione), rispetto dell altro, ricorso ad altre specialità Etica: rispetto, volontà del malato, dignità, autonomia, beneficenza, nonmaleficenza, ecc. Processo decisionale etico: consenso informato, discernimento, desideri del malato e direttive anticipate Comprensione globale della situazione in caso di richiesta di eutanasia o di suicidio assistito e possibili risposte 21 Il termine interdisciplinare comprende le interazioni fra gli esponenti di diverse discipline e professioni. 13

14 LA MORTE E LA SOCIETÀ LE CURE PALLIATIVE NEL SISTEMA SANITARIO Approccio globale Livello A Livello B Definizione della medicina e delle cure palliative e implicazioni nella pratica clinica, core values Evoluzione e prognosi delle malattie inguaribili, elementi epidemiologici di base Concetto di qualità della vita, modello bio-psico-sociale e spirituale, salutogenesi, approccio interculturale Il morire e la morte, medicalizzazione della morte, tabù sulla morte Aspetti culturali e spirituali della malattia, della morte e del lutto Livello C Principi di trattamento: eziologici, sintomatici, farmacologici e Non farmacologici, personalizzati Consenso informato Aspetti legali delle cure in fine della vita Organizzazione istituzionale Funzionamento del sistema istituzionale, gerarchico, ecc Fattori di resistenza ai cambiamenti istituzionali Strutture e reti di cure palliative Organizzazione sanitaria cantonale, nazionale ed internazionale Strutture di cure palliative esistenti e loro complementarità, in Svizzera e modelli esteri Rete di cure e organizzazione sanitaria cantonale Società nazionale (SSMCP) e internazionale (EAPC) di cure palliative Organizzazione sanitaria nazionale e sviluppo delle cure palliative a livello nazionale Aspetti economici delle cure palliative Cure palliative e controllo di qualità Metodologia di ricerca quantitativa e qualitative Controllo di qualità nei sistemi sanitari Procedure di valutazione di programma di sviluppo di cure palliative 14

15 FORMAZIONE DEI FORMATORI IN CURE PALLIATIVE Conoscenze pedagogiche di base Principi e stili di apprendimento degli adulti Livello A Livello B Livello C Metodi pedagogici; presentazione di diverse tecniche Aspetti specifici delle cure palliative Formazione e empowerment : effetto di moltiplicazione Insegnamento interdisciplinare e multiprofessionale Strutture di formazione in cure palliative, nazionali ed internazionali Conoscenze dei sistemi di formazione : - infermieristici : HES, ecc. - medici : FMH, lavori di corsi, ecc. Valutazione e formazione Valutazione delle necessità di formazione dei diversi destinatari Procedure di valutazione (formativa e complessiva22) dei lavori e/o acquisizioni da parte dei partecipanti Valutazione dei programmi di formazione Valutazione degli effetti della formazione sulla pratica clinica Conoscenze sul tema ricerca e formazione FORMAZIONE ALLA RICERCA IN CURE PALLIATIVE Principi etici e metodologia di ricerca in cure palliative Possibilità e limiti della ricerca in cure palliative Livell A Livell B Livell C Identificazione del contesto e delle componenti istituzionali : gerarchia, comitato etico, ecc. Allestimento ed impiego di uno strumento di ricerca Raccolta e analisi dei dati Metodologia di ricerca in équipe interdisciplinare Avviamento ed accompagnamento di un progetto di ricerca in équipe interdisciplinare 22 Valutazione formativa = fatta a scopo formativo, vale a dire allo scopo di migliorare le conoscenze e le competenze della persona in formazione. Valutazione complessiva = fatta allo scopo di valutare e di quantificare le conoscenze e le competenze in vista di convalidare l acquisizione della formazione. 15

16 PEDAGOGIA E CURE PALLIATIVE Principi pedagogici La formazione in medicina e cure palliative : è elaborata a partire dai valori e dai principi fondamentali precitati; comprende tempi d apprendimento differenziati, monodisciplinari e interdisciplinari, in funzione dei temi presi in considerazione ; agevola lo sviluppo delle conoscenze e delle competenze 23 sugli assi del sapere, delle attitudini, dei comportamenti e del saper trasmettere ; è centrata sulla persona in formazione, basata sulla sua motivazione ed il suo coinvolgimento, tenendo conto della sua esperienza ; crea un clima propizio all apprendimento, favorendo l elaborazione del pensiero critico, del ragionamento e del processo decisionale ; fornisce alla persona in formazione la possibilità di sperimentare un modello di lavoro interdisciplinare per mezzo di lavori di gruppo a partire dallo studio di casi. Obiettivi Ogni formazione in cure palliative deve essere allestita a partire da obiettivi precisi misurabili ed osservabili, formulati su un verbo che esprime azione. Gli obiettivi definiscono ciò che la persona in formazione deve essere in grado di fare al termine della stessa. Metodi pedagogici Per rendere l insegnamento della medicina e delle cure il più efficiente possibile 24, i metodi pedagogici devono essere variati, in funzione dei temi d insegnamento e dei destinatari quali operatori in formazione. Relazioni: teoria e casi pratici ; Lavori di gruppo, monodisciplinari e interdisciplinari: studio di casi, analisi di incidenti critici, analisi di documenti scritti o audiovisivi, elaborazione di progetti. Restituzione e impiego dei lavori di gruppo secondo obiettivi chiaramente definiti; Simulazione di ruoli, esercizi pratici ; Condivisione di esperienze e di vissuti ; Lavoro personale (letture, insegnamento assistito da computer, internet, redazione di lavoro di convalida) ; Visita ed osservazione sul terreno Tirocinio clinico con accompagnamento pedagogico sul terreno. 23 La competenza è il sapere agire convalidato in una situazione professionale complessa in vista di una finalità, LE BOTERF G. (1998) :L ingénierie des compétences, Paris. Ed. Organisation, pp Vale a dire, il più efficace possibile, con il migliore rapporto costi/benefici raggiunto. 16

17 Apprendimento dell interdisciplinarità I programmi di formazione devono insistere su metodi che permettano ai componenti dell équipe di cure di imparare a lavorare efficacemente insieme e di comprendere : la responsabilità dell équipe in quanto gruppo ; il ruolo di ogni componente nell esecuzione del compito affidato all équipe ; la misura in cui i ruoli dei componenti dell équipe si sovrappongono ; i procedimenti necessari per lavorare insieme ; il ruolo dell équipe nel sistema globale di prestazioni 25. ALLESTIMENTO DI PROGRAMMI DI FORMAZIONE IN CURE PALLIATIVE L allestimento di programmi di formazione in cure palliative si basa su conoscenze delle necessità di cure della popolazione come pure sui sistemi sanitari e sulle strutture di cure. Esso esige da parte dei responsabili dei programmi il possesso di competenze nei seguenti ambiti : medicina e cure palliative ; pedagogia per adulti ; pianificazione e organizzazione ; partenariato fra sede di cure e sede di formazione ; adeguamento alla politica di cure e di formazione delle istituzioni interessate. Problemi che deve affrontare un progetto di formazione La formazione risponde ad una necessità? 2. Il progetto tiene conto delle potenziali risorse e dei mezzi disponibili? 3. Le finalità, gli obiettivi ed i contenuti sono pertinenti? 4. Il metodo pedagogico tiene conto dei principi di formazione per adulti? 5. La valutazione è chiaramente integrata al progetto? 25 Imparare insieme per lavorare insieme al servizio della salute, Rapporto tecnico n. 769, OMS, Ginevra Guida per l elaborazione o l esame di progetti di formazione nell ambito medico-sociale, Ufficio federale della Sanità Pubblica, Sezione Valutazione/Ricerca/Formazione,

18 COOPERAZIONE FRA SEDE DI CURE E SEDE DI FORMAZIONE Per conferire la massima efficienza possibile alla formazione in cure palliative, è indispensabile che essa sia il risultato di un accordo fra la persona in formazione, i responsabili del servizio nel quale lavora e l organismo di formazione. Persona in formazione Sede di cure Sede di formazione Si raccomanda quindi vivamente di iscrivere le richieste di formazione nel quadro di progetti istituzionali di sviluppo delle cure palliative o di diffusione dell approccio palliativo nei diversi settori delle istituzioni di cura. Occorre evitare che formazioni isolate, senza connessione con le risorse disponibili, portino ad insuccessi nello sviluppo delle cure palliative o rappresentino risultati scarsi in rapporto con gli sforzi consentiti 27. Si tratta di agevolare l acquisizione di conoscenze e di competenze per mezzo di un sistema di formazione in cure palliative strutturato, coordinato, mirato ed efficiente. La formazione in cure palliative è uno dei mezzi per contribuire al cambiamento di mentalità sull approccio alla sofferenza ed alla morte nel mondo degli operatori sanitari e nella società. E quindi indispensabile il lavoro in rete per realizzare le attività didattiche, ossia la collaborazione con operatori e con équipes di altri settori della sanità (sanità comunitaria, medicina di primo intervento, oncologia, pediatria, geriatria, chirurgia, anestesiologia, psichiatria, cure intense, urgenze, ecc.) e con rappresentanti di professioni diverse che possono essere coinvolte in situazioni palliative (medico, infermiera, fisioterapista, ergoterapista, dietista, farmacista, assistente sociale, assistente spirituale, psicologo, eticista, addetto all obitorio ed alle pompe funebri, ecc.). 27 GOMEZ BATISTE X., ROCA CASAS J. : Organisation et planification des soins palliatifs, in Revue Infokara, dicembre 1992, n. 28, pp

19 DESCRIZIONE DI UNA FORMAZIONE Informazioni pedagogiche Titolo della formazione Scopo della formazione Obiettivi generali e specifici Contenuti Metodi pedagogici Modalità di valutazione e di certificazione Modalità di riconoscimento e di complementarità con altre formazioni dello stesso tipo Formatori Informazioni amministrative Organizzatore Destinatari Numero di partecipanti Durata e svolgimento Date Costo Modalità e termini d iscrizione VALUTAZIONE DELLA FORMAZIONE La qualità della formazione è definita in 6 punti 28 : 1. OBIETTIVI Trasparenza dell offerta Condizioni necessarie per raggiungere gli obiettivi stability 2. CONTENUTI Conformi agli sviluppi più recenti in material 3. METODI Adattati ai destinatari : equilibrio appropriato fra apporti teorici ed esercitazioni pratiche, coinvolgimento dei partecipanti, pilotaggio dell apprendimento per mezzo di valutazioni formative, ecc. 4. VALUTAZIONE Valutazioni regolari da parte dei diversi partners: destinatari della formazione, formatori, responsabili dell istituzione, committenti (p. es. imprese), ed adattamento in funzione delle osservazioni 5. OUTPUT Transfert di conoscenze/competenze acquisite nella pratica professionale 6. ETICA Rispetto ed attenzione manifestati ai partecipanti MODALITA DI ACCREDITAMENTO Per l accreditamento da parte della, ogni formazione o sessione di formazione deve adempiere alle seguenti condizioni : presentazione di una descrizione con informazioni dettagliate ; rispetto dei contenuti definiti e determinazione di una quantità di ore pertinente in funzione dei livelli, degli ambiti precitati e dei destinatari ; presentazione di metodi pedagogici variati in funzione delle necessità dei destinatari, dei contenuti da insegnare, delle competenze del formatore e delle risorse disponibili; rispetto dei criteri di qualità summenzionati, ossia : obiettivi, contenuti, metodi, valutazione, output ed etica. 28 SCHAERER M. : Que signifie la qualité pour la formation des adultes? Education permanente, Revue suisse pour l éducation des adultes, 1995/3, pp

20 LINEE GUIDA DI FORMAZIONE : TAVOLA SINOTTICA Livelli di formazione Sensibilizzazione A Approfondimento B Destinatari 29 Futuri operatori sanitari Operatori diplomati che nel corso della esercitano in unità di cure formazione iniziale palliative 30 o in un servizio (formazione di base generale in cui hanno infermieristica e funzione di persona di pregraduata medica) riferimento in cure palliative. Obiettivi generali Numero di ore di formazione teorica consigliato 31 Relazioni con la pratica clinica Operatori sanitari diplomati attivi in un servizio generale, per i quali la medicina e le cure palliative non sono che un aspetto dell attività clinica Capacità di comprendere la filosofia delle cure palliative, i principi di base e la loro applicazione nella pratica clinica Capacità di applicare in situazioni correnti le conoscenze e le competenze acquisite Fra 30 e 40 ore Visita di una unità di cure palliative e contatti con operatori di cure palliative Operatori diplomati confrontati regolarmente con situazioni palliative nell esercizio della loro specialità Capacità di condividere con i colleghi e gli altri componenti dell équipe interdisciplinare i propri sapere, attitudini e comportamenti Capacità di applicare le conoscenze e le competenze acquisite in situazioni palliative di frequente riscontro nell esercizio della propria specialità Da determinare in funzione dei criteri di accreditamento (cfr. prospettive, pag. seg.) e delle specialità riguardate Da determinare in funzione dei criteri d accreditamento Collaborazione regolare con una unità/équipe di cure palliative Specializzazione C Operatori sanitari diplomati con funzione di responsabile di unità di cure palliative, di consulente e/o che esercitano attività didattica e lavori di ricerca Capacità di prendere a carico situazioni complesse qualunque sia il contesto clinico (ospedalizzazione, ambulatorio, domicilio) Capacità di assumere la funzione di consulente in situazioni complesse (formazione informale clinica) Partecipazione attiva alla formazione (formazione formale, corsi, ecc.) ed alla ricerca in cure palliative Da determinare in funzione dei criteri di accreditamento Da determinare in funzione dei criteri d accreditamento 29 Per i dettagli concernenti i destinatari, cfr. tabella alla pagina 7 relativa ai diversi livelli. 30 In questo documento, l espressione unità di cure palliative comprende le diverse strutture possibili, vale a dire: unità di cure palliative ospedaliera, équipe mobile di cure palliative ospedaliere, istituto di cure palliative (hospice), équipe mobile di cure palliative domiciliari. 31 Ore d insegnamento diretto in ragione di 1 h = 60 minuti. Il numero di ore è proposto a titolo indicativo. 20

"Le Cure Palliative. Attualità e sviluppo di un bisogno sanitario

Le Cure Palliative. Attualità e sviluppo di un bisogno sanitario SEMINARIO "Le Cure Palliative. Attualità e sviluppo di un bisogno sanitario 25 26 Gennaio 2007 Istituto Rosmini Via Rosmini 4/a Torino Premessa "L'obbligo di rispettare e di proteggere la dignità di un

Dettagli

Trattamento del dolore acuto e cronico, palliazione

Trattamento del dolore acuto e cronico, palliazione LE CURE PALLIATIVE - 2013 Non è sufficiente aggiungere giorni di vita, bisogna aggiungere vita ai giorni che rimangono Life before death : l importanza di cura della Sintomatologia Palliativa VEN-FOR54048

Dettagli

Corso interdisciplinare di sensibilizzazione alle cure palliative - livello A 2009/2010

Corso interdisciplinare di sensibilizzazione alle cure palliative - livello A 2009/2010 ASSOCIAZIONE TICINESE DI CURE PALLIATIVE Corso interdisciplinare di sensibilizzazione alle cure palliative - livello A 2009/2010 12 13 novembre 2009 21 22 gennaio 2010 11 12 marzo 2010 Riconosciuto dalla

Dettagli

Malattia incurabile: domande incalzanti

Malattia incurabile: domande incalzanti Malattia incurabile: domande incalzanti Quando si è colpiti da una grave malattia che non concede speranze di guarigione, sorgono inevitabilmente molte domande, la maggior parte delle quali emotivamente

Dettagli

LA NECESSITA DI INCREMENTARE LE CURE PALLIATIVE RIVOLTE AL NEONATO, AL BAMBINO E ALL ADOLESCENTE

LA NECESSITA DI INCREMENTARE LE CURE PALLIATIVE RIVOLTE AL NEONATO, AL BAMBINO E ALL ADOLESCENTE LA NECESSITA DI INCREMENTARE LE CURE PALLIATIVE RIVOLTE AL NEONATO, AL BAMBINO E ALL ADOLESCENTE E parte dell esperienza quotidiana che anche i bambini e gli adolescenti vengano colpiti da patologie a

Dettagli

La Rete Ligure di Cure Palliative 1

La Rete Ligure di Cure Palliative 1 La Rete Ligure di Cure Palliative 1 1. Premessa epidemiologica 2. Le cure palliative 3. Il modello organizzativo 3.1 La rete di cure palliative della regione Liguria 3.2 Le reti locali di cure palliative

Dettagli

Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana Dipartimento economia aziendale, sanità e sociale. Percorsi formativi in cure palliative

Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana Dipartimento economia aziendale, sanità e sociale. Percorsi formativi in cure palliative Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana Dipartimento economia aziendale, sanità e sociale Percorsi formativi in cure palliative Percorsi formativi in cure palliative L evoluzione demografica

Dettagli

Il paziente oncologico tra ospedale e domicilio

Il paziente oncologico tra ospedale e domicilio Il paziente oncologico tra ospedale e domicilio L intervento infermieristico sul territorio Dati Fondazione F.A.R.O. o.n.l.u.s. Nell anno 2005 sono stati seguiti a domicilio 850 Pazienti P.S. =>40 Età

Dettagli

MODELLO ORGANIZZATIVO DELL UNITA CURE PALLIATIVE E TERAPIA DEL DOLORE DELL A.O. SAN GERARDO DI MONZA

MODELLO ORGANIZZATIVO DELL UNITA CURE PALLIATIVE E TERAPIA DEL DOLORE DELL A.O. SAN GERARDO DI MONZA TERAPIA DEL DOLORE E CURE PALLIATIVE NEL PAZIENTE AFFETTO DA NEOPLASIA POLMONARE Guia Castagnini Raffaella Speranza U. CURE PALLIATIVE E TERAPIA DEL DOLORE A.O. SAN GERARDO MONZA - FINALITA ED OBIETTIVI

Dettagli

QUALI CURE ALLA FINE DELLA VITA?

QUALI CURE ALLA FINE DELLA VITA? Convegno La cura alla fine della vita Brescia 20 febbraio 2010 QUALI CURE ALLA FINE DELLA VITA? Flavia Caretta Dipartimento di Scienze Gerontologiche, Geriatriche e Fisiatriche Università Cattolica del

Dettagli

Palliative Care 2012-2013

Palliative Care 2012-2013 Corso di formazione Palliative Care 2012-2013 Programma Modulo 1: 1-3 ottobre 2012 1 ottobre Massimo Bernardo 09.00 11.00 Presentazione del corso Storia e filosofia delle Cure palliative: definizione di

Dettagli

Allegato 2 Formazione approfondita in gerontopsichiatria e gerontopsicoterapia

Allegato 2 Formazione approfondita in gerontopsichiatria e gerontopsicoterapia SIWF ISFM Allegato 2 1. Generalità 1.1 Definizione del campo specialistico La psichiatria e la psicoterapia della persona anziana è definita come una specializzazione psichiatrica supplementare. Quest

Dettagli

La Rete Locale di Cure Palliative Dott.ssa Cristina Pittureri Forlì 24 ottobre 2013

La Rete Locale di Cure Palliative Dott.ssa Cristina Pittureri Forlì 24 ottobre 2013 La Rete Locale di Cure Palliative Dott.ssa Cristina Pittureri Forlì 24 ottobre 2013 LE CURE PALLIATIVE NELL AUSL di CESENA dall Assistenza Domiciliare Oncologica (ADO) all Assistenza Domiciliare Integrata

Dettagli

Associazione per le cure palliative (onlus)

Associazione per le cure palliative (onlus) CON NOI Associazione per le cure palliative (onlus) CON NOI Associazione per le cure palliative Organizzazione non lucrativa di utilità sociale (ONLUS) Chi siamo "CON NOI" è un'associazione di volontariato

Dettagli

La formazione e l aggiornamento del personale: l'ospedale. Massimo Luzzani Responsabile S.S.D. Cure Palliative E.O.

La formazione e l aggiornamento del personale: l'ospedale. Massimo Luzzani Responsabile S.S.D. Cure Palliative E.O. La formazione e l aggiornamento del personale: l'ospedale. Massimo Luzzani Responsabile S.S.D. Cure Palliative E.O.Ospedali Galliera Mercato degli Oppioidi: confronto con altri Paesi Europei ( % sul totale

Dettagli

i formazione 2009-2011

i formazione 2009-2011 Piano di formazione 2009-2011 per la formazione di base, professionale e manageriale del personale del Servizio Sanitario Regionale, e del Sistema regionale per l Educazione Continua in Medicina (ECM).

Dettagli

Istituzione del Master universitario di I livello in Cure palliative e terapia del dolore per professioni sanitarie

Istituzione del Master universitario di I livello in Cure palliative e terapia del dolore per professioni sanitarie Testo aggiornato al 13 novembre 2012 Decreto ministeriale 4 aprile 2012 Gazzetta Ufficiale 16 aprile 2012, n. 89 Istituzione del Master universitario di I livello in Cure palliative e terapia del dolore

Dettagli

Riflessioni etiche e professionali. Dr. L. Fabbro 1. Servizio di Anestesia e Rianimazione - Bolzano

Riflessioni etiche e professionali. Dr. L. Fabbro 1. Servizio di Anestesia e Rianimazione - Bolzano Riflessioni etiche e professionali Dr. L. Fabbro 1. Servizio di Anestesia e Rianimazione - Bolzano Progressi nella scienza e ricerca miglior cura delle malattie allungamento della vita miglioramento qualità

Dettagli

Le legge del marzo 2010 nonché il Piano Oncologico previsto dal Ministero della. Sanità per il bienno 2010-2012 propongono e rafforzano il modello del

Le legge del marzo 2010 nonché il Piano Oncologico previsto dal Ministero della. Sanità per il bienno 2010-2012 propongono e rafforzano il modello del Progetto di un ambulatorio multidisciplinare di oncologia - cure palliative per pazienti in fase avanzata di malattia gestito dalla Associazione di Cure Palliative della Zona Elba Dott. A. Massaro Premessa

Dettagli

L arte dell assistere per accompagnare: Il bisogno dei Pazienti

L arte dell assistere per accompagnare: Il bisogno dei Pazienti Corso specialistico Assistenti familiari per Pazienti con malattie avanzate e/o terminali Cascina Brandezzata - Milano 24 Gennaio 2015 L arte dell assistere per accompagnare: Il bisogno dei Pazienti Dr.

Dettagli

LO SAPEVI? Le cure al malato inguaribile e il supporto alla sua famiglia sono un diritto e sono gratuite. Federazione Cure Palliative Onlus

LO SAPEVI? Le cure al malato inguaribile e il supporto alla sua famiglia sono un diritto e sono gratuite. Federazione Cure Palliative Onlus LO SAPEVI? Le cure al malato inguaribile e il supporto alla sua famiglia sono un diritto e sono gratuite Federazione Cure Palliative Onlus Cure Palliative - Definizione Le Cure Palliative sono la cura

Dettagli

Cure palliative, un riparo sicuro di calore umano e scienza medica. La legge 38/2010 tutela l accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore.

Cure palliative, un riparo sicuro di calore umano e scienza medica. La legge 38/2010 tutela l accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. non più soli nel dolore Cure palliative, un riparo sicuro di calore umano e scienza medica La legge 38/2010 tutela l accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. Regione Toscana 800 880101 Indice.

Dettagli

FILE. Esperienza nella Formazione. Fondazione FILE - Firenze

FILE. Esperienza nella Formazione. Fondazione FILE - Firenze XIX Congresso Nazionale SICP Torino 9 12 Ottobre 2012 Focus on: Fisioterapia in Cure Palliative: quali esperienze e quale formazione specifica? Fare clic per modificare lo stile del sottotitolo dello schema

Dettagli

IRCCS AOU San Martino IST Genova. Non più soli nel dolore Cure Palliative, un riparo sicuro di calore umano e scienza medica.

IRCCS AOU San Martino IST Genova. Non più soli nel dolore Cure Palliative, un riparo sicuro di calore umano e scienza medica. IRCCS AOU San Martino IST Genova Non più soli nel dolore Cure Palliative, un riparo sicuro di calore umano e scienza medica. Valtournenche, Aosta Il ricovero in hospice può essere permanente e si attua

Dettagli

LO SAPEVI? Le cure al malato inguaribile e il supporto alla sua famiglia sono un diritto e sono gratuite. Federazione Cure Palliative Onlus

LO SAPEVI? Le cure al malato inguaribile e il supporto alla sua famiglia sono un diritto e sono gratuite. Federazione Cure Palliative Onlus LO SAPEVI? Le cure al malato inguaribile e il supporto alla sua famiglia sono un diritto e sono gratuite Federazione Cure Palliative Onlus Cure Palliative - Definizione Le Cure Palliative sono la cura

Dettagli

- 1 - Consiglio regionale Friuli Venezia Giulia INDICE. Capo I Finalità e disposizioni generali

- 1 - Consiglio regionale Friuli Venezia Giulia INDICE. Capo I Finalità e disposizioni generali - 1 - Consiglio regionale Friuli Venezia Giulia INDICE Capo I Finalità e disposizioni generali Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 Art. 5 (Finalità) (Definizioni) (Pianificazione regionale) (Campagne di informazione)

Dettagli

IL CORE CURRICULUM IN PSICO-ONCOLOGIA 1. ATTIVITA DIDATTICA

IL CORE CURRICULUM IN PSICO-ONCOLOGIA 1. ATTIVITA DIDATTICA IL CORE CURRICULUM IN PSICO-ONCOLOGIA 1. ATTIVITA DIDATTICA MODULO I La Psico-oncologia Psico-oncologia e Oncologia Psico-sociale Storia della Psico-oncologia La Psico-oncologia in Italia Le implicazioni

Dettagli

Le cure palliative domiciliari

Le cure palliative domiciliari Le cure palliative domiciliari Associazione per l Assistenza Domiciliare Oncologica - ONLUS VERONA Medicina palliativa...il meglio possibile, quando tutto ormai sembra impossibile... CHE COSA SONO LE CURE

Dettagli

LA SEDAZIONE NEL MALATO TERMINALE

LA SEDAZIONE NEL MALATO TERMINALE LA SEDAZIONE NEL MALATO TERMINALE Ai Confini della Vita - Prof. Morino 1 IL CONTESTO 15% dolori incoercibili 10% difficoltà respiratoria con previsione di morte imminente per soffocamento Agitazione -

Dettagli

Cure palliative in Geriatria: la sedazione terminale? Morire a casa: realtà e prospettive

Cure palliative in Geriatria: la sedazione terminale? Morire a casa: realtà e prospettive Cure palliative in Geriatria: la sedazione terminale? Morire a casa: realtà e prospettive Alberto Marsilio Medico di Famiglia Geriatra Mira Venezia Gruppo di studio SIGG LA CURA NELLA FASE TERMINALE DELLA

Dettagli

Pensieri suicidi nelle persone affette da demenza: prese di posizione

Pensieri suicidi nelle persone affette da demenza: prese di posizione Pensieri suicidi nelle persone affette da demenza: l Associazione Alzheimer Svizzera chiede un accompagnamento e un assistenza completi per i malati di demenza. Pensieri suicidi nelle persone affette da

Dettagli

AGATA DANZA COORDINA ALESSIO DUCCI

AGATA DANZA COORDINA ALESSIO DUCCI AGATA DANZA COORDINA ALESSIO DUCCI MONTESILVANO MARINA 23 MAGGIO 2015 IL SERVIZIO DEI VOLONTARI IN HOSPICE LINEE GUIDA XX Convegno Federavo Montesilvano Marina 22/24 maggio 2014 Agata Danza Non abbiate

Dettagli

Il Corso di Laurea in Infermieristica

Il Corso di Laurea in Infermieristica Sessione V: Il ruolo della formazione nella costruzione di una cultura geriatrica e multiprofessionale Il Corso di Laurea in Infermieristica Dott.ssa Paola Ferri Corso di Laurea in Infermieristica Università

Dettagli

Dal curare al prendersi cura

Dal curare al prendersi cura Dal curare al prendersi cura Etica delle cure palliative in oncologia 1 Le cure palliative Le cure palliative iniziano nel momento in cui si comprende che ogni malato ha la sua storia personale, specifiche

Dettagli

Bisogni del paziente in cure palliative

Bisogni del paziente in cure palliative Bisogni del paziente in cure palliative Amore Sicurezza Comprensione Accettazione Autostima Fiducia Problemi del malato PAURA: di morire; che il dolori diventi incontrollabile, di perdere l autocontrollo,

Dettagli

Ordinanza del DFI sull entità e l accreditamento dei cicli di perfezionamento delle professioni psicologiche

Ordinanza del DFI sull entità e l accreditamento dei cicli di perfezionamento delle professioni psicologiche Ordinanza del DFI sull entità e l accreditamento dei cicli di perfezionamento delle professioni psicologiche (OEAc-LPPsi) Modifica del 22 aprile 2015 Il Dipartimento federale dell interno (DFI) ordina:

Dettagli

Le Cure Palliative. Dr.ssa M.Grazia Rusconi. UniTre 2013

Le Cure Palliative. Dr.ssa M.Grazia Rusconi. UniTre 2013 Le Cure Palliative Dr.ssa M.Grazia Rusconi UniTre 2013 DEFINIZIONE L Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) definisce le Cure Palliative come la cura totale prestata alla persona affetta da una malattia

Dettagli

CLINICA, ETICA, ORGANIZZAZIONE, CONTINUITÀ ASSISTENZIALE

CLINICA, ETICA, ORGANIZZAZIONE, CONTINUITÀ ASSISTENZIALE i CLINICA, ETICA, ORGANIZZAZIONE, CONTINUITÀ ASSISTENZIALE II Edizione Master Universitario di I livello ANNO ACCADEMICO 2014 2015 Facoltà di Medicina e Chirurgia Agostino Gemelli Dipartimento di Geriatria

Dettagli

CENTRO RESIDENZIALE CURE PALLIATIVE - HOSPICE SAN MARCO -

CENTRO RESIDENZIALE CURE PALLIATIVE - HOSPICE SAN MARCO - CENTRO RESIDENZIALE CURE PALLIATIVE - HOSPICE SAN MARCO - PERCORSO ASSISTENZIALE PER PAZIENTI TERMINALI Indice 2 1. Premessa 3 2. Attività dell Hospice San Marco 3 3. Obiettivi 4 4. Criteri di Ammissione

Dettagli

La specializzazione in Medicina di Comunità è stata collocata nella classe della Medicina Clinica Generale.

La specializzazione in Medicina di Comunità è stata collocata nella classe della Medicina Clinica Generale. La specializzazione in Medicina di Comunità è stata collocata nella classe della Medicina Clinica Generale. Decreto MIUR su Riassetto delle Scuole di specializzazione di area sanitaria G.U. n. 285 del

Dettagli

I sentimenti causati da perdita e separazione. Dr.ssa Barbara Ottaviani

I sentimenti causati da perdita e separazione. Dr.ssa Barbara Ottaviani I sentimenti causati da perdita e separazione Dr.ssa Barbara Ottaviani Il confronto con la fine della vita - La morte fa ancora parte della nostra cultura? - Siamo ancora capaci di rappresentarla, di immaginarla?

Dettagli

Etica clinica e medical humanities

Etica clinica e medical humanities Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana Dipartimento sanità Etica clinica e medical humanities Certificate of Advanced Studies www.supsi.ch/fc Il Certificate of Advanced Studies (CAS)

Dettagli

Requisiti specifici per l accreditamento di Strutture Residenziali di Cure Palliative - Hospice

Requisiti specifici per l accreditamento di Strutture Residenziali di Cure Palliative - Hospice 8.7 Requisiti specifici per l accreditamento di Strutture Residenziali di Cure Palliative - Hospice 1 Premessa L Hospice è una struttura sanitaria residenziale che si colloca nella rete delle cure palliative

Dettagli

Il Caregiver: figura cardine per la sostenibilità della presa in carico del paziente complesso

Il Caregiver: figura cardine per la sostenibilità della presa in carico del paziente complesso UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA Il Caregiver: figura cardine per la sostenibilità della presa in carico del paziente complesso Maria Angela Becchi Taranto

Dettagli

ASSISTENZA AL SUICIDIO NELLE CASE PER ANZIANI E NEGLI ISTITUTI PER ADULDI DISABILI DOCUMENTO DI RIFERIMENTO

ASSISTENZA AL SUICIDIO NELLE CASE PER ANZIANI E NEGLI ISTITUTI PER ADULDI DISABILI DOCUMENTO DI RIFERIMENTO ASSISTENZA AL SUICIDIO NELLE CASE PER ANZIANI E NEGLI ISTITUTI PER ADULDI DISABILI DOCUMENTO DI RIFERIMENTO 1. Il suicidio in Svizzera La Svizzera registra un tasso di suicidio elevato rispetto ad altri

Dettagli

CATTOLICA UNIVERSITÀ CLINICA, ETICA, ORGANIZZAZIONE, CONTINUITÀ ASSISTENZIALE. I Edizione Master Universitario di I livello ANNO ACCADEMICO 2012 2013

CATTOLICA UNIVERSITÀ CLINICA, ETICA, ORGANIZZAZIONE, CONTINUITÀ ASSISTENZIALE. I Edizione Master Universitario di I livello ANNO ACCADEMICO 2012 2013 CALENDARIO DELLE LEZIONI Settimane intensive DATE SEDE 1 Settimana 15-20 aprile 2013 2 Settimana 8-13 luglio 2013 Direttore del master: Roberto Bernabei Weekend DATE SEDE 13-14-15 dicembre 2012 10-11-12

Dettagli

Alla fine della vita: chi decide? L orizzonte del medico. Luciano Orsi Dipartimento Cure Palliative, Mantova

Alla fine della vita: chi decide? L orizzonte del medico. Luciano Orsi Dipartimento Cure Palliative, Mantova Alla fine della vita: chi decide? L orizzonte del medico Luciano Orsi Dipartimento Cure Palliative, Mantova MALATTIE CRONICO- DEGENERATIVA Gestione delle fasi avanzate e terminali QdV QdM FASI DI AGGRAVAMENTO

Dettagli

IL RETTORE. Visto lo Statuto dell Università degli Studi di Torino, emanato con Decreto Rettorale n. 1730 del 15 marzo 2012;

IL RETTORE. Visto lo Statuto dell Università degli Studi di Torino, emanato con Decreto Rettorale n. 1730 del 15 marzo 2012; Tit. 3.05 Decreto Rettorale n. 4846 del 26 luglio 2013 OGGETTO: Attivazione del Master universitario di I livello in Cure palliative e terapia del dolore del Dipartimento di Scienza e Tecnologia del Farmaco,

Dettagli

Requisiti specifici per l accreditamento di Strutture Residenziali di Cure Palliative - Hospice

Requisiti specifici per l accreditamento di Strutture Residenziali di Cure Palliative - Hospice Requisiti specifici per l accreditamento di Strutture Residenziali di Cure Palliative - Hospice 1 Premessa L Hospice è una struttura sanitaria residenziale che si colloca nella rete delle cure palliative

Dettagli

Evitare il dolore è un diritto universale. Richiamandosi

Evitare il dolore è un diritto universale. Richiamandosi 3 per Toscana: la Salute Il controllo e la cura del dolore Evitare il dolore è un diritto universale. Richiamandosi a questo fondamentale principio etico, il Progetto speciale Il controllo e la cura del

Dettagli

Indirizzi regionali e la legge 38/2010. DGR 996 del 26/09/2000 DGR 467 del 25/06/2007 Legge 38 del 15/03/2010

Indirizzi regionali e la legge 38/2010. DGR 996 del 26/09/2000 DGR 467 del 25/06/2007 Legge 38 del 15/03/2010 Indirizzi regionali e la legge 38/2010 DGR 996 del 26/09/2000 DGR 467 del 25/06/2007 Legge 38 del 15/03/2010 Settore Servizi alla Persona sul territorio Hospice e Cure Palliative 1 Diritto Diritti di cittadinanza

Dettagli

01/02/2008 DANILO MASSAI / ALESSANDRO MANCINI

01/02/2008 DANILO MASSAI / ALESSANDRO MANCINI LA SALUTE PER TUTTI EFFICACIA Qualità dell assistenza (uso ottimale delle risorse) SERVIZI SANITARI (sistema sanitario, strutture, operatori) EQUITA Razionamento (uso appropriato delle risorse) RISORSE

Dettagli

LA RETE DELLE CURE PALLIATIVE NELL ASL 2 SAVONESE

LA RETE DELLE CURE PALLIATIVE NELL ASL 2 SAVONESE CENTRO DI TERAPIA DEL DOLORE E CURE PALLIATIVE Direttore: dott. Marco Bertolotto LA RETE DELLE CURE PALLIATIVE NELL ASL 2 SAVONESE Le Cure Palliative forniscono il sollievo dal dolore e da altri gravi

Dettagli

ASSISTENZA DOMICILIARE ONCOLOGICA ESPERIENZA USL 11

ASSISTENZA DOMICILIARE ONCOLOGICA ESPERIENZA USL 11 ASSISTENZA DOMICILIARE ONCOLOGICA ESPERIENZA USL 11 Etica delle cure palliative in oncologia S Miniato 19/10/13 La morte affronto clinico? Per l uomo l delle culture passate, la morte aveva la forma di

Dettagli

L Hospice fa parte della Rete Ligure di Cure Palliative ed è integrato con tutti i reparti e i servizi dell ASL.

L Hospice fa parte della Rete Ligure di Cure Palliative ed è integrato con tutti i reparti e i servizi dell ASL. L Hospice è una struttura dell ASL 1 Imperiese che accoglie prevalentemente pazienti con tumore in fase avanzata o terminale che necessitano di cure palliative di livello specialistico o che non possono

Dettagli

ASSISTENZA AL PAZIENTE TERMINALE: L ESPERIENZAL DELL HOSPICE CASA MADONNA DELL ULIVETO ULIVETO

ASSISTENZA AL PAZIENTE TERMINALE: L ESPERIENZAL DELL HOSPICE CASA MADONNA DELL ULIVETO ULIVETO ASSISTENZA AL PAZIENTE TERMINALE: L ESPERIENZAL DELL HOSPICE CASA MADONNA DELL ULIVETO ULIVETO Mariangela Piacentini Casa Madonna dell Uliveto Albinea - Reggio Emilia In quel tempo che viene definito dai

Dettagli

Coordinatore Infermieristico Reparto Hospice Residenziale/Domiciliare Dott. Fabio Durazzo

Coordinatore Infermieristico Reparto Hospice Residenziale/Domiciliare Dott. Fabio Durazzo Coordinatore Infermieristico Reparto Hospice Residenziale/Domiciliare Dott. Fabio Durazzo L'uso del giudizio clinico nell'erogazione della cura, per consentire alle persone di migliorare, mantenere o recuperare

Dettagli

La relazione con il paziente e la sua famiglia

La relazione con il paziente e la sua famiglia La relazione con il paziente e la sua famiglia 10-17 giugno 2006 Giuliana Carrara psicologa ospedaliera Riflessione sul tempo Il tempo, quando ne resta poco, è riservato al paziente ed alla famiglia. Ai

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 287. Disposizioni per la realizzazione della rete di cure palliative

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 287. Disposizioni per la realizzazione della rete di cure palliative Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 287 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori BAIO, ADRAGNA e PAPANIA COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 30 APRILE 2008 Disposizioni per la realizzazione della rete

Dettagli

Le Cure Palliative tra filosofia antica e medicina moderna 9 marzo 2012, USI, Lugano. Strategia cantonale: la risposta ticinese

Le Cure Palliative tra filosofia antica e medicina moderna 9 marzo 2012, USI, Lugano. Strategia cantonale: la risposta ticinese Paolo Beltraminelli Dipartimento della sanità e della socialità Le Cure Palliative tra filosofia antica e medicina moderna 9 marzo 2012, USI, Lugano Strategia cantonale: la risposta ticinese Signor direttore

Dettagli

Questionario Informativo

Questionario Informativo Medicina del Dolore e Cure Palliative Questionario Informativo Gentile Signore, Gentile Signora, Le chiediamo solo pochi minuti del Suo tempo per compilare il presente questionario: poche domande che hanno

Dettagli

Concetto di perfezionamento professionale in medicina interna Clinica Fondazione Varini, Orselina

Concetto di perfezionamento professionale in medicina interna Clinica Fondazione Varini, Orselina 1 Concetto di perfezionamento professionale in medicina interna Clinica Fondazione Varini, Orselina 1. Generalità 1.1. Caratteristiche dell istituto di formazione La Clinica Fondazione Varini è una clinica,

Dettagli

Azienda Sanitaria Firenze

Azienda Sanitaria Firenze Azienda Sanitaria Firenze Giornate Mediche di Santa Maria Nuova 203 ESPERIENZA PROFESSIONALE del PERSONALE SANITARIO che INTERAGISCE con il SURVIVOR Convivere con la malattia avanzata al Domicilio e in

Dettagli

Progetto di ricerca SMiLE : Contesto, Limiti & Discussioni Etiche

Progetto di ricerca SMiLE : Contesto, Limiti & Discussioni Etiche Piattaforma latina di ricerca in cure palliative e fine vita Le problematiche etiche della ricerca in cure palliative e fine vita Mercoledì 26 marzo 2014 Manno, Ticino Progetto di ricerca SMiLE : Contesto,

Dettagli

Linee guida per i diritti dei malati di cancro in Europa

Linee guida per i diritti dei malati di cancro in Europa LEGA ITALIANA PER LA LOTTA CONTRO I TUMORI Linee guida per i diritti dei malati di cancro in Europa A cura della Rete europea per i diritti e i doveri dei pazienti e degli operatori sanitari della Association

Dettagli

DIREZIONE GENERALE SERVIZIO ATTIVITA SPERIMENTALI E MALATTIE RARE

DIREZIONE GENERALE SERVIZIO ATTIVITA SPERIMENTALI E MALATTIE RARE DIREZIONE GENERALE SERVIZIO ATTIVITA SPERIMENTALI E MALATTIE RARE Servizio Comunicazione viale Duca degli Abruzzi, 15 25124 Brescia Tel. 030/3838315 Fax 030/3838280 E-mail: servizio.comunicazione@aslbrescia.it

Dettagli

PROPOSTE FORMATIVE settembre dicembre 2015

PROPOSTE FORMATIVE settembre dicembre 2015 ASSOCIAZIONE FABIO SASSI - RICERCA E FORMAZIONE Fabio Sassi Ricerca e formazione (FSRF) è la sezione dedicata alla realizzazione di uno degli scopi statutari dell Associazione Fabio Sassi ONLUS: la diffusione

Dettagli

REGIONE PIEMONTE A.O.U. Maggiore della Carità - Novara SC CURE PALLIATIVE e HOSPICE Direttore: dr. Aurelio PRINO STANDARD DI SERVIZIO

REGIONE PIEMONTE A.O.U. Maggiore della Carità - Novara SC CURE PALLIATIVE e HOSPICE Direttore: dr. Aurelio PRINO STANDARD DI SERVIZIO REGIONE PIEMONTE A.O.U. Maggiore della Carità - Novara SC CURE PALLIATIVE e HOSPICE Direttore: dr. Aurelio PRINO STANDARD DI SERVIZIO SOMMARIO SOMMARIO... 1 PRESENTAZIONE SC CURE PALLIATIVE... 2 LA MISSION...

Dettagli

Progetto di Assistenza Domiciliare

Progetto di Assistenza Domiciliare Progetto di Assistenza Domiciliare Per curare efficacemente un malato cronico, oggi non è più sufficiente limitarsi alla corretta interpretazione dei segni e dei sintomi clinici della malattia e/o alla

Dettagli

Uno spazio d incontro con paziente e famigliari

Uno spazio d incontro con paziente e famigliari Family Conference Uno spazio d incontro con paziente e famigliari Maya Monteverde e Christa Hutz-Pedrazzoli, infermiere, IOSI, EOC, Ospedale S. Giovanni, Bellinzona DEFINIZIONE La Family Conference (FC)

Dettagli

CARTA DEL SERVIZIO CURE PALLIATIVE domiciliari ed Hospice ultima revisione agosto 2010

CARTA DEL SERVIZIO CURE PALLIATIVE domiciliari ed Hospice ultima revisione agosto 2010 Azienda provinciale per i Servizi Sanitari Distretto di Trento e Valle dei Laghi Rotaliana e Paganella - Cembra U.O. ASSISTENZA PRIMARIA Centro Servizi Sanitari Viale Verona 38123 Trento - CARTA DEL SERVIZIO

Dettagli

Aumento dell età media Aumento popolazione con fragilità Aumento popolazione con malattie cronicodegenerative. Evoluzione scientifica e tecnologica

Aumento dell età media Aumento popolazione con fragilità Aumento popolazione con malattie cronicodegenerative. Evoluzione scientifica e tecnologica I percorsi formativi per lo sviluppo dell assistenza infermieristica territoriale Aumento dell età media Aumento popolazione con fragilità Aumento popolazione con malattie cronicodegenerative Evoluzione

Dettagli

III COMMISSIONE TESTO ELABORATO DAL COMITATO RISTRETTO FEBBRAIO 2011

III COMMISSIONE TESTO ELABORATO DAL COMITATO RISTRETTO FEBBRAIO 2011 III COMMISSIONE TESTO UNIFICATO DELLE PROPOSTE DI LEGGE NN. 117, 127 TESTO ELABORATO DAL COMITATO RISTRETTO FEBBRAIO 2011 SERVIZIO PER L'ASSISTENZA GIURIDICO-LEGISLATIVA IN MATERIA DI ATTIVITÀ SOCIALI

Dettagli

Decisione relativa alla pianificazione della medicina altamente specializzata (MAS) nel settore dell oncologia pediatrica

Decisione relativa alla pianificazione della medicina altamente specializzata (MAS) nel settore dell oncologia pediatrica Decisione relativa alla pianificazione della medicina altamente specializzata (MAS) nel settore dell oncologia pediatrica L organo decisionale istituito in base all Accordo intercantonale sulla medicina

Dettagli

La rete di assistenza al malato terminale e alla famiglia nella AUSL n. 2 dell Umbria:

La rete di assistenza al malato terminale e alla famiglia nella AUSL n. 2 dell Umbria: Forum sulla Non Autosufficienza Bologna 9-10 novembre 2011 Centro Congressi Savoia Hotel La rete di assistenza al malato terminale e alla famiglia nella AUSL n. 2 dell Umbria: il ruolo del volontariato

Dettagli

ASSOCIAZIONE CURE PALLIATIVE ONLUS BERGAMO

ASSOCIAZIONE CURE PALLIATIVE ONLUS BERGAMO CURE PALLIATIVE Le cure al malato inguaribile e il supporto alla sua famiglia sono un diritto e sono gratuite ASSOCIAZIONE CURE PALLIATIVE ONLUS BERGAMO Aderente alla Federazione Cure Palliative Onlus

Dettagli

fenomeno nuovo e potenzialmente distinto da esse?

fenomeno nuovo e potenzialmente distinto da esse? { Il dolore cronico in Medicina Generale -Approccio al sintomo/malattia dolore : osservatorio privilegiato del MG, basso impatto tecnologico, alta componente relazionale. L episodio algico si inquadra

Dettagli

FIGURE PROFESSIONALI INNOVATIVE: L INFERMIERE PIVOT IN ONCOLOGIA

FIGURE PROFESSIONALI INNOVATIVE: L INFERMIERE PIVOT IN ONCOLOGIA Laboratorio sull organizzazione per programmi centrati sul destinatario. Emilia Romagna Canada: un confronto FIGURE PROFESSIONALI INNOVATIVE: L INFERMIERE PIVOT IN ONCOLOGIA KATIA PRATI RUOLO DEGLI INFERMIERI

Dettagli

Terapia del dolore e cure palliative

Terapia del dolore e cure palliative Terapia del dolore e cure palliative { Legge 38/10 e alcuni dati sulla sua applicazione Dott. Angelo G. Virtuani Ordine dei Medici Chirurghi Monza Sabato 9 novembre 2013 Legge N.38 del 15/03/2010 - G.U.

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BINETTI, BOSSA, CALGARO, COLANINNO, FARINONE, GRASSI, MOSELLA, SARUBBI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BINETTI, BOSSA, CALGARO, COLANINNO, FARINONE, GRASSI, MOSELLA, SARUBBI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 624 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI BINETTI, BOSSA, CALGARO, COLANINNO, FARINONE, GRASSI, MOSELLA, SARUBBI Disposizioni per la

Dettagli

LEGGE 38 DEL 15 MARZO 2010

LEGGE 38 DEL 15 MARZO 2010 Leggi e normative LEGGE 38 DEL 15 MARZO 2010 DISPOSIZIONI PER GARANTIRE L ACCESSO ALLE CURE PALLIATIVE E ALLA TERAPIA DEL DOLORE Articolo 1 Finalità 1. La presente legge tutela il diritto del cittadino

Dettagli

UNIVERSITA CATTOLICA DEL SACRO CUORE. Facoltà di Medicina e Chirurgia "A. Gemelli" Centro di Ricerche Oncologiche Giovanni XXXIII

UNIVERSITA CATTOLICA DEL SACRO CUORE. Facoltà di Medicina e Chirurgia A. Gemelli Centro di Ricerche Oncologiche Giovanni XXXIII UNIVERSITA CATTOLICA DEL SACRO CUORE Facoltà di Medicina e Chirurgia "A. Gemelli" Centro di Ricerche Oncologiche Giovanni XXXIII Istituto di Patologia Generale Master Universitario di primo livello in

Dettagli

Raccomandazioni concernenti la pedagogia interculturale negli istituti di formazione delle docenti e dei docenti

Raccomandazioni concernenti la pedagogia interculturale negli istituti di formazione delle docenti e dei docenti Raccomandazioni concernenti la pedagogia interculturale negli istituti di formazione delle docenti e dei docenti COHEP, novembre 2007 Stato del rapporto: Accolte dall assemblea dei membri della COHEP il

Dettagli

Data del DM di approvazione del ordinamento 14/03/2008 didattico. Data del DR di emanazione del ordinamento 19/03/2008 didattico

Data del DM di approvazione del ordinamento 14/03/2008 didattico. Data del DR di emanazione del ordinamento 19/03/2008 didattico Scheda informativa Università Universita' degli Studi di PADOVA Classe Nome del corso Data del DM di approvazione del ordinamento 14/03/2008 didattico Data del DR di emanazione del ordinamento 19/03/2008

Dettagli

S.S. RETE LOCALE DI CURE PALLIATIVE

S.S. RETE LOCALE DI CURE PALLIATIVE S.S. RETE LOCALE DI CURE PALLIATIVE CURE DOMICILIARI HOSPICE I quadri sono stati eseguiti e donati all Hospice dagli Allievi della Scuola Media Statale Della Torre - Garibaldi di Chiavari CURE PALLIATIVE

Dettagli

Dal 1971 a tutt oggi in servizio presso la Clinica Ostetrica Ginecologica del Policlinico

Dal 1971 a tutt oggi in servizio presso la Clinica Ostetrica Ginecologica del Policlinico Rita Laccoto CURRICULUM VITAE Nata a Brolo il 28/05/1950 Dal 1971 a tutt oggi in servizio presso la Clinica Ostetrica Ginecologica del Policlinico Universitario di Messina con la qualifica di Coordinatore

Dettagli

Il ruolo dell infermiere specializzato nell educazione educazione terapeutica

Il ruolo dell infermiere specializzato nell educazione educazione terapeutica Il ruolo dell infermiere specializzato nell educazione educazione terapeutica Satta Hai Anna SDD A.O. Ospedale di Circolo e Fondazione Macchi - Varese Nella legge n, 42 del 26/02/ 99 scompare la parola

Dettagli

Infermieristica in Terapia del Dolore e. I Docenti responsabili del Master, almeno tre, sono proposti dalla Facoltà di Medicina e Chirurgia.

Infermieristica in Terapia del Dolore e. I Docenti responsabili del Master, almeno tre, sono proposti dalla Facoltà di Medicina e Chirurgia. Master di I Livello in Infermieristica in Terapia del Dolore e Cure Palliative Art. 1 Attivazione del Master L Università degli Studi de L Aquila attiva, su proposta della Facoltà di Medicina e Chirurgia,

Dettagli

Società Italiana di Psico-Oncologia

Società Italiana di Psico-Oncologia Società Italiana di Psico-Oncologia OBIETTIVI FORMATIVI PROPOSTI DELLA SOCIETÀ ITALIANA DI PSICO-ONCOLOGIA (SIPO) ALLA COMMISSIONE ECM DEL MINISTERO DELLA SALUTE Introduzione La necessità che le cure e

Dettagli

Le cure avanzate nel fine vita

Le cure avanzate nel fine vita Associazione Italiana Infermieri di Area Oncologica II Congresso Nazionale AIIAO L INFERMIERE IN ONCOLOGIA TRA MANAGEMENT E PRATICA CLINICA: QUALE FUTURO? Le cure avanzate nel fine vita Napoli, 24-25 Maggio

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI KATIA BALLO ESPERIENZA LAVORATIVA C U R R I C U L U M V I T A E. Nome. Data di nascita 16 FEBBRAIO 1973

INFORMAZIONI PERSONALI KATIA BALLO ESPERIENZA LAVORATIVA C U R R I C U L U M V I T A E. Nome. Data di nascita 16 FEBBRAIO 1973 C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome KATIA BALLO Nazionalità ITALIANA Data di nascita 16 FEBBRAIO 1973 ESPERIENZA LAVORATIVA Date (da a) Dal 1998 ad oggi ASST SETTE LAGHI Presidio

Dettagli

Ordinanza del DFI sull entità e l accreditamento dei cicli di perfezionamento delle professioni psicologiche

Ordinanza del DFI sull entità e l accreditamento dei cicli di perfezionamento delle professioni psicologiche Ordinanza del DFI sull entità e l accreditamento dei cicli di perfezionamento delle professioni psicologiche (OEAc-LPPsi) Modifica del 18 novembre 2015 Il Dipartimento federale dell interno (DFI) ordina:

Dettagli

Qual è il momento nel quale un malato può essere definito alla fine della vita? ( Il problema del denominatore )

Qual è il momento nel quale un malato può essere definito alla fine della vita? ( Il problema del denominatore ) Qual è il momento nel quale un malato può essere definito alla fine della vita? ( Il problema del denominatore ) 1. L imminenza della morte 2. Le preferenze e le aspettative del paziente 3. La gravità

Dettagli

PIANO STRATEGICO PER IL CONTROLLO DEL DOLORE SUL TERRITORIO Alcune interessanti indagini europee sul dolore L assistenza domiciliare cure palliative Protocollo sedazione palliativa al domicilio REVIEW

Dettagli

Casa di Cura privata Villa Silvana - Aprilia U.O. Cure Palliative- Hospice

Casa di Cura privata Villa Silvana - Aprilia U.O. Cure Palliative- Hospice Casa di Cura privata Villa Silvana - Aprilia U.O. Cure Palliative- Hospice Responsabile Medico: Medici di Reparto: Caposala: Dott. Alberto SINISCALCHI Dott. Andrea LIGUORI Dott. Gian Paolo SPINELLI Sig.ra

Dettagli

Evoluzione della professione infermieristica

Evoluzione della professione infermieristica BOZZA Evoluzione della professione infermieristica Aree di competenza nei nuovi scenari sanitari e socio sanitari Tavolo di lavoro Regioni-Ministero (sviluppo dei profili di competenza dell infermiere)

Dettagli