Risonanza magnetica nucleare (RMN)

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Risonanza magnetica nucleare (RMN)"

Transcript

1 TAC Sulle immagini ottenute vengono successivamente eseguite delle analisi, eseguendo delle scansioni che consentono di determinare il volume di grasso, di muscolo e di osso. L uso di questa tecnica è comunque limitata in quanto è in parte invasiva.

2 Risonanza magnetica nucleare (RMN) E la tecnica più moderna con il grosso vantaggio di non essere invasiva. Mediante questa tecnica viene usato un fascio di radiazioni elettromagnetiche non ionizzanti (come invece viene utilizzato per la Tac) che in presenza di un campo magnetico eccita gli atomi di idrogeno presenti nelle molecole (di acqua, di proteine e di lipidi).

3 RMN Questo processo causa l emissione di radiazioni, da parte dei nuclei, che viene captata e consente di ricostruire l immagine dei vari tessuti colpiti. L analisi dell immagine consente di identificare la sezione dei vari tessuti (muscolare, osso, strato sottocutaneo), come viene presentato in figura.

4 Scansione ottenuta per RMN delle cosce di un mezzofondista

5

6 Nutrizione e attività sportive Forniremo ora alcuni esempi tratti da esperienze professionali per consentire di verificare come si possa costruire un programma alimentare personalizzato sulle esigenze dell atleta o del soggetto che svolge attività sportiva sia di tipo amatoriale che agonistica. Prima di tutto va costruita l attività quotidiana del soggetto.

7 Schema dietetico 1 - Acquisire le caratteristiche fisiologiche di un individuo: sesso età peso statura costituzione 2 - Acquisire le caratteristiche del lavoro giornaliero svolto: attività leggera (8h circa 1100 Kcal) moderata (8h circa 1400 Kcal) pesante (muratore) (8h circa 2000 Kcal) molto pesante (boscaiolo) (8h circa 2400 Kcal) 3 - Acquisire le caratteristiche dell eventuale attività sportiva prevalentemente anaerobiche (corsa veloce, salti, lanci etc.) prevalentemente aerobiche (corsa di fondo e campestre, ciclismo, nuoto, sci di fondo)

8 Attività sportiva saltuaria Soggetto: uomo Età : 26 anni Peso corporeo: 65 Kg Corporatura: media Altezza: 170 cm Attività giornaliera: impiegato, con un lavoro di tipo sedentario per 7 ore Attività sportiva: leggera e pesante Calcolare: il BMI, il peso ideale e il dispendio energetico giornaliero

9 Preparazione schema dietetico Attività giornaliera extra basale: Kcal 7 ore di attività sedentaria professionale (1,9 Kcal/min) ora per la cura della persona (0,7 Kcal/min) 42 2 ore attività varie in piedi (1,6 Kcal/min) ore attività sedentaria (1,0 Kcal/min) ora per la giuda macchina (1.8 Kcal/min) ore attività sportiva leggera (2 Kcal/min) ora di attività sportiva pesante (5 Kcal/min) 300 Totale 1800 Metabolismo Basale (24 Kcal/Kg corporeo) = 24 x 65 = 1560 TOTALE = 3360

10 Determinazione del BMI Peso (Kg) BMI = altezza m 2 Da cui: 65 = = 22,49 (1,7) 2

11 Determinazione del Peso Ideale Applico la formula di Romeo Peso ideale maschi = statura in cm x 0,72 + (CF x 4,3) 66 = 170 x 0,72 + (2 x 4,3) 66 = 65 Il suo peso attuale è vicino a quello ideale!

12 Esempi Quali alimenti privilegiare? Cioè è meglio aumentare gli zuccheri o le proteine? Il linea di massima la dieta più adatta per un atleta deve privilegiare i carboidrati a scapito dei lipidi e delle proteine. Va tenuto però in considerazione che un attività sportiva intensa e prolungata determina un logorio fisico e quindi la necessità di integrare la quota proteica quotidiana, aumentandola.

13 Abbiamo visto che solitamente si consiglia circa 0,8 1,2 g di proteine per Kg corporeo, per un soggetto che svolga attività sedentaria, ma si può arrivare anche a raddoppiare la quota proteica per atleti praticanti e per determinati sport. Risulta difficile identificare una dieta generale per tutti gli atleti, ma la dieta è strettamente personale si può tuttavia individuare quali sono gli alimenti da introdurre più specifici per quella determinata attività

14 Esercizi di breve durata (intorno ai 10 sec) Es: gli sprint; sollevamento pesi, ginnastica etc. Si basano su esercizi brevi ma potenti che utilizzano per ottenere energia la scissione della fosfo - creatina.

15 Sollevamento pesi In linea di massima, la concentrazione di creatina non può essere influenzata dall alimentazione. Però studi eseguiti da Harris e coll. hanno osservato un aumento della fosfo creatina a livello muscolare.

16 Esperimento Gli Autori hanno somministrato ad un gruppo di atleti (vegetariani) g di creatina al giorno (in 4-6 dosi di 5 g) per 5 7 giorni e hanno osservato un aumento significativo della concentrazione di creatina totale nel muscolo quadricipite femorale. Probabilmente questo incremento è avvenuto poiché i soggetti abitualmente non introducevano alimenti di natura animale, dove la creatina è fortemente concentrata.

17 Il fatto di avere osservato una maggiore concentrazione di creatin-fosfato rendeva questi atleti più adatti ad attività di forza e di potenza? Secondo alcuni Autori si può affermare che l assunzione di creatina porti ad una maggior potenza muscolare

18 Ma secondo altri Autori invece non si può parlare di aumento della potenza muscolare, ma bisogna piuttosto di riduzione della affaticabilità muscolare. Si può concludere pertanto che: per attività rivolte a scatti brevi e potenti vanno privilegiati alimenti contenenti zuccheri, preferenzialmente di tipo complesso e proteine ad alto valore biologico aumentando la quota giornaliera fino a 1,2 1,5 per Kg corporeo.

19 Pertanto considerando un dispendio calorico pari a 3360 Kcal, la razione giornaliera può così essere suddivisa: Proteine (consideriamo 1,5 g/kg) 97,5 g 390 Kcal 11,6 % Carboidrati 478,8 g 1915,2 Kcal 57 % Lipidi 117 g 1055 Kcal 31,4 %

20 Questi dati si riferiscono ad un atleta in attività e si può osservare come venga privilegiata la quota proteica e lipidica

21 Pianificazione dei pasti La ripartizione delle calorie e dei pasti dovrà essere approntata in funzione degli impegni del soggetto (non solo per quelli sportivi). Questo potrebbe essere un programma da sottoporre all atleta, stabilendo innanzi tutto gli impegni sportivi, suddividendoli in due periodi: 30 minuti al mattino 60 minuti nel tardo pomeriggio

22 Attività ALLENAMENTO Colazione Spuntino Pranzo Spuntino ALLENAMENTO Cena Totale Orario 7,30-8,00 8,30 11,00 13,00 15,30 18,00 19,00 20,30 Kcal

23 Nella tabella successiva abbiamo un esempio di pasto giornaliero suddiviso in 5 razioni: vengono privilegiati alimenti contenenti proteine ad alto valore biologico (uova latte, carne, etc); alimenti ad alto contenuto saccaridico (pane, pasta, ortaggi etc) alimenti contenenti alte quote vitaminiche (verdure, pomodori, spinaci etc) alimenti contenenti lipidi ad alto valore (olio di oliva o di semi crudo) e provenienti da animali (latte, burro, formaggi) come valore energetico

24 Programma Alimentare Colazione 1000 Kcal 350 ml latte intero 6 fette biscottate (24 g/cad) 6 cucchiaini di miele (18 g/cad) 100 ml di yogurt alla frutta 1 uova alla coque (60 g circa) 3 arance (200 g circa) Spuntino 100 Kcal 3 4 cracker (12 14 g circa) oppure the e biscotti (3-4) oppure cioccolata (20 g circa) o g di frutta Pranzo 900 Kcal 70 g di pasta (spaghetti, maccheroni) 30 g di pomodoro (sugo) 1 cucchiaio di olio crudo (4g circa) (burro) 100 g formaggio magro (mozzarella, scamorza) 60 g di bresaola 120 g di pane 150 di pomodori Frutta ( g) 1 cucchiaio di olio crudo

25 Programma Alimentare Spuntino 100 Kcal 10 g di proteine miscelate in 100 ml di acqua o 5 g di proteine mescolate con 100 ml di latte scremato o 20 g di biscotti o cracker Cena 1260 Kcal 80 g di pasta e 50 g di fagioli 1 cucchiaio di olio crudo (4g circa) 1 cucchiaio di parmigiano grattugiato (5 g circa) 200 g di carne di manzo o di maiale (burro) 50 g di patate lessate 100 g di pane Frutta ( g) Caffé espresso e un cucchiaino di zucchero (4 g circa)

26 Questa dieta, che potremmo chiamare razione di allenamento ha lo scopo di: -assicurare uno stato nutrizionale ottimale -favorire sia i processi plastici (formazione masse muscolari e strutture correlate) -favorire i processi energetici di immediata utilizzazione e di deposito delle riserve sia di tipo saccaridico che lipidico

27 Norme dietetiche (1) Lo schema giornaliero sopra proposto segue alcune importanti norme dietetiche: Deve essere lasciata almeno un ora e mezzo di intervallo fra un pasto e l allenamento La razione giornaliera deve essere suddivisa in almeno quattro pasti, in modo da ridurre il volume degli alimenti (assicurando una certa costanza della glicemia) Limitare il consumo di zuccheri semplici (dolci, caramelle, cioccolatini etc.) Devono essere limitate o meglio evitate bibite tipo la coca-cola, aranciata, acqua tonica in quanto apportano una grande quantità di zuccheri raffinati e grandi quantità di anidride carbonica e additivi, poco consigliabili a chi pratica dello sport

28 Norme dietetiche (2) Durante i pasti è consigliata una limitata introduzione di liquidi per evitare di diluire i succhi gastrici e quindi limitare la digestione. I liquidi vanno ingeriti preferenzialmente nell intervallo tra i pasti Limitare il consumo di alcolici (si ricorda che 1 g di alcool vale 7Kcal) È bene osservare una certa regolarità negli orari dei pasti, cercando di consumare gli alimenti seduti a tavola, con calma masticando bene Preferire per i cibi le preparazioni semplici, evitando fritti, intingoli, salse, piatti elaborati e creme di difficile digeribilità.

29 Esercizi di lunga durata (superiori a 30 min.) Esempio: sport di fondo, ciclismo, sci di fondo, nuoto, etc Sono sport caratterizzati da una intensità energetica relativamente bassa ma prolungata nel tempo, per cui l energia proviene dai processi ossidativi a carico delle riserve energetiche.

30 Poiché si tratta di prestazioni protratte nel tempo il dispendio energetico può essere elevatissimo ( Kcal) e quindi è necessario prevedere una alimentazione intra - competitiva che consenta di integrare, almeno in parte le riserve energetiche depauperate. Anche in questa attività gli zuccheri hanno un ruolo rilevante nella prestazione e sarà necessario pertanto una alimentazione particolarmente ricca di carboidrati.

31 In questo caso si dà molto importanza alla quota saccaridica Nuoto

32 In figura si vede il confronto tra differenti tipi di diete in riferimento alla fatica fisica. Si può osservare che maggiore è il rapporto Zuccheri/Lipidi e il senso della fatica insorgerà in tempi più lunghi

33 Dieta iper-glucidica Una dieta iper-glucidica oltre che allontanare il tempo di affaticamento muscolare è importante anche per la ricostituzione delle scorte di glicogeno muscolare durante la fase di recupero dell esercizio. Dieta Dissociata Garantisce al muscolo che lavora il rifornimento di glicogeno adeguato. E una dieta che alterando la percentuale in carboidrati riesce a favorirne l accumulo a livello muscolare.

34 Il confronto tra una dieta ipoglucidica e iperglucidica testimonia che il contenuto di glicogeno muscolare aumenta di circa 5 volte

35 Dopo il primo giorno di allenamento si passa ad una dieta ipoglucidica, al 4 giorno l atleta sta a riposo e alimentato con una dieta iper-glucidica (70% saccaridi). Il glicogeno muscolare aumenta enormemente.

36 Per un soggetto in preparazione di una maratona: nel sesto giorno prima della gara (1) compie un esercizio aerobico di elevata intensità (VO 2 max pari al 75%) e della durata di 90 minuti (ad esempio una corsa di Km). L alimentazione è a basso contenuto glucidico (40% delle calorie) e ad alto contenuto di grassi e proteine.

37 Seguono 2 giorni (2 e 3) con identici carichi di lavoro ma di durata limitata (40 minuti). Si continua con la dieta ipoglucidica.

38 Nel terzo e secondo giorno che precedono la competizione (4 e 5) l atleta riduce ulteriormente la durata del lavoro (20 minuti) e passa ad un regime ad alto contenuto do carboidrati (70% della quota calorica). Fino all ultimo pasto pre gara.

39 L ultimo giorno precedente la gara (6) riposo assoluto. In un soggetto a regime equilibrato la concentrazione di glicogeno muscolare è: 1,5 1,7 g/100 g di muscolo dopo la dieta dissociata si arriva a: 3,7 g/100 g di muscolo quindi un aumento di circa 2,5 volte

40

41 Attività ciclistica amatoriale Maschio età 26 anni, altezza 178 cm (cost. fisica media) peso 72Kg BMI = peso (Kg)/altezza in metri 2 = 72/3,17 = 22,71 PI = 178 x 0,72 + (CFx4,3) -66 = 70,76 Kg Professione: commesso (attività moderata) (8 ore) Allenamenti: 3 volte alla settimana, alle ore 12,30 Durata: 90 minuti di lavoro effettivo (VO 2 max: 60%) (pari a 5 Kcal/min)

42 Calcolo del dispendio energetico Metabolismo basale: Attività lavorativa Attività personali Attività sportiva 1728 Kcal 600 Kcal 350 Kcal 450 Kcal Totale 3128 Kcal

43 Fabbisogno proteico ci troviamo di fronte ad un atleta con un impegno modesto (un ora e trenta di allenamento per 3 volte alla settimana) si può ipotizzare un fabbisogno leggermente superiore al sedentario 1,2 g /Kg corporei, quindi: 86,5 g 346 Kcal 11,1 % Carboidrati 65% 2034 Kcal 508,5 g Lipidi 23,9% 748 Kcal 83,1 g

44 Attività ALLENAMENTO Orario 12,30-14,00 Kcal Colazione Lavoro Spuntino Pranzo Lavoro Spuntino Cena Totale 8, ,00 14,30 15,00 20,00 17,30 20,

45 Consigli Poiché si allena prima del pranzo e la colazione è stata fatta circa 4 ore prima, è necessario introdurre sistematicamente uno spuntino almeno 90 minuti prima dell allenamento. Lo spuntino dovrebbe prevedere alimenti a basso indice glicemico.

46 L ingestione di glucosio provoca l innalzamento della glicemia in un certo tempo: L indice glicemico si definisce facendo il rapporto tra il valore ottenuto della glicemia provocata dal mio alimento e la stessa quota di glucosio.

47 Alimenti ed indice glicemico

48 Frutta (mela, pera, etc); biscotti, cracker, etc; yogurt o in alternativa una barretta di integratori dietetici (ricordandosi di introdurre un adeguato apporto idrico) Il pranzo a base di riso o pasta, contorno e frutta (per compensare le perdite in glicogeno e per riequilibrare la quota vitaminica). La cena dovrà contenere alimenti ad alto valore proteico (carne, pesce, formaggio, uova) preceduto da pasta o minestra di legumi e cereali; verdura fresca e frutta.

49

50 BODY BUILDER Consideriamo un soggetto che svolga questa attività in forma amatoriale: Maschio età 24 anni, altezza 183 cm (Cost. fisica tarchiata) peso 97 Kg BMI = peso (Kg)/altezza in metri 2 = 97/3,35 = 28,9 PI = alt x 0,72 + (CF x 4,3) -66 = 183 x 0,72 + (3 x 4,3) -66 = 133, ,9 66 = 80,66 Professione: commerciante (attività leggera) (8 ore) Allenamenti: 4 volte alla settimana, alle ore 18,30 Durata media: da 20 a 40 minuti di lavoro effettivo ad intensità medio elevata (con pause di recupero tra una serie e l altra di esercizi) l allenamento dura complessivamente minuti.

51 1) Si può notare che è sopra il PI e anche il BMI 28,9 indica soprappeso, ma bisogna ricordare che il body-building comporta proprio un aumento della massa muscolare e quindi del peso corporeo. 2) Calcolo del dispendio energetico: Metabolismo basale: 2328Kcal Attività lavorativa leggera 720 Kcal Attivitàpersonale 400 Kcal

52 Per quanto riguarda il consumo calorico ad esempio nella fase di potenziamento: sono previsti carichi elevati di lavoro eseguendo serie esaustive con poche ripetizioni, allo scopo di incrementare la massa muscolare (carichi sub massimali 20 minuti a VO 2 all 85% comporta un consumo di circa 520 Kcal, quindi globalmente: Attività sportiva 1040 Kcal Totale 4488 Kcal

53 Fabbisogno proteico: ci troviamo di fronte ad un atleta che deve potenziare le masse muscolari si può ipotizzare un fabbisogno di almeno 1,8 2,0 g /Kg corporei, quindi: 194 g di proteine ad alto valore biologico = a 776 Kcal pari al 17,3 % del totale calorico. Lipidi 28,0% 1257 Kcal 139,6 g Glucidici 54,7% 2455 Kcal 613,7 g

54 Proteine introdotte con la dieta Il quantitativo proteico è elevato. E preferibile inserire alimenti proteici ad alto valore biologico oltre che a pranzo e a cena anche nella colazioni del mattino. Potrebbe essere utile per completare o integrare assumere degli integratori proteici al mattino o nello spuntino pomeridiano. Particolare attenzione al tipo e alle modalità di assunzione di integratori.

55 Carboidrati Favorire gli alimenti ricchi in zuccheri complessi (pasta, pane e riso integrali) a basso indice glicemico Lipidi Introdurre la quota lipidica corrispondente a 1/3 di grassi saturi (burro, formaggi carni, salumi etc) 2/3 di grassi insaturi (olio di oliva e di semi)

56 Ora Attività Integrazione Kcal 8,00 Colazione Proteine Lavoro 11,00 Spuntino ,00 Pranzo ,30 17,30 Lavoro 15,30 Spuntino Proteine ,00-19,30 ALLENAMENTO 21,00 Cena 2188 Totale 4488

57 INTEGRATORI ALIMENTARI Sono dei nutrienti che contengono i principi alimentari concentrati a copertura del fabbisogno giornaliero. I dati fin qui esposti nelle tabelle si riferiscono a fabbisogni calori per soggetti sedentari o che svolgono un attività sportiva di tipo amatoriale, in tal caso gli alimenti consigliati possono coprire integralmente il fabbisogno. Nello sportivo le esigenze possono essere differenti!

58 Potrebbe pertanto essere corretto sostituire parzialmente la quota consigliata con un integratore, qualora si ritenesse o si avesse qualche dubbio che ciò che viene introdotto non sia in grado di soddisfare il fabbisogno plastico ed energetico. Non esiste un integratore alimentare in grado di potenziare la prestazione sportiva L integratore serve a soddisfare alcune necessità proprie dell attività sportiva svolta, per ottenere il massimo rendimento.

59 Finalità per un integratore Pertanto le finalità di un integratore sono rivolte a: - coprire il fabbisogno energetico - coprire il fabbisogno plastico - recuperare le perdite idro - saline - ottimizzare i processi metabolici - difendersi dagli stress ossidativi o dal pericolo di radicali liberi

60 INTEGRATORI ENERGETICI I più importanti sono quelli contenenti carboidrati, la loro utilità è nel migliorare il rendimento ed il recupero se assunti in concomitanza di una prestazione di endurance (Ciclismo, corsa, triathlon, etc.). La scelta comunque deve essere oculata, sia in termini di quantità che di qualità

61 Pasto prima della gara Da assumersi almeno tre ore prima: Pasta o riso (100 g) con olio (o burro) (20 g) parmigiano (10g) Insalata (100g) condita con olio (10g) Un uovo sodo (o bistecca o pesce ai ferri) Pane (100g) Frutta fresca (200g) Un bicchiere di vino (se è consuetudine)

62 Prima della competizione E utile (60-90 minuti) prima della competizione assumere piccole dosi di carboidrati (15 30 g) il cui assorbimento avvenga lentamente in modo da non provocare uno sbalzo della glicemia a riposo a cui potrebbe far seguito una risposta insulinica con conseguente ipoglicemia proprio nel momento in cui si avvia la competizione (ad esempio spremute di frutta o frullati). Evitare pertanto di assumere il famoso bicchiere di acqua e zucchero.

63 Durante lo svolgimento E utile introdurre zuccheri semplici a rapido assorbimento, associati magari ad acqua/sale per il reintegro idro-salino. Si consiglia l assunzione di circa g (a seconda della costituzione dell atleta). L assunzione dovrà avvenire diluita nel tempo (ad esempio ogni minuti) è consigliabile l uso di maltodestrine essendo polisaccaridi costituiti da molecole di glucosio a pronta digestione (sciolte in 1 litro o 1 litro e mezzo di acqua)

64 Poiché vi può essere una forte disidratazione, quando possibile, è consigliabile assumere liquidi fin dalle prime fasi, ad intervalli il più possibile regolari e adeguatamente frazionati (meglio modiche quantità, ml ogni minuti) allo scopo di rimpiazzare le quantità perse col sudore (o comunque limitare l entità della disidratazione) E importante che i liquidi assunti siano a temperatura medio fresca E consigliabile l assunzione di sodio in concomitanza con l acqua.

65 Termine della prestazione Se si tratta di una gara di lunga durata, in cui le riserve di glicogeno si sono ridotte è utile l assunzione differenziata di carboidrati: Carboidrati semplici in piccole dosi in modo che vengano assunti rapidamente e portati al muscolo che è ancora metabolicamente attivo (es. maltodestrine, frutta etc..) Carboidrati complessi vanno assunti più tardi e devono soddisfare il fabbisogno calorico dell atleta (pasta, riso, pane, patate etc).

66 Gli integratori glucidici possono essere assunti in forma di barrette alimentari in sostituzione di pasti o spuntini giornalieri. L utilizzo di questi pasti appare razionale nei casi in cui la competizione sia prevista al pomeriggio e sia necessario introdurre 2-3 ore prima un pasto facilmente digeribile e sufficientemente energetico.

67 INTEGRATORI PLASTICI Proteine Per atleti amatoriali si riesce a coprire il fabbisogno proteico con i cibi, senza dover ricorrere a quote alimentari di origine animale elevate, che contengono anche alte concentrazioni di lipidi (es. colesterolo) L introduzione di integratori proteici viene suggerita dopo l allenamento, cioè quando vengono innescati i processi anabolici. Vanno introdotti in modo sistematico, ad integrazione della quota proteica giornaliera, in modo da non sovraccaricare di lavoro il rene (assumerli con molta acqua).

68 Aminoacidi a catena ramificata Hanno un significato energetico e rivestono un ruolo importante nel metabolismo muscolare durante l attività intensa. Svolgono la funzione di: Tampone contro l acidità metabolica Mantengono elevati i livelli di glutammina Svolgono un azione detossificante nel muscolo Vanno assunti circa 60 minuti prima dello sforzo

69 Gli aminoacidi ramificati sono: la leucina, isoleucina e la valina. La Fao consiglia di assumerli in rapporto di 2:1:1: Leucina 40 mg/kg/die Isoleucina 23mg/kg/die Valina 20mg/kg/die Il fabbisogno è di 83 mg/kg/die, in un soggetto di 70 Kg è necessario introdurre almeno 6 g/die. Per un atleta il valore viene raddoppiato g/die.

70

71 Glutammina A livello dell organismo ha la funzione di trasporto dell azoto (amminico) dal muscolo al fegato, è quindi fondamentale per la rimozione dell ammoniaca dal muscolo. Svolge un ruolo importante contro le infezioni Durante lo sforzo muscolare il suo contenuto ematico cala sensibilmente. Al termine dello sforzo i livelli di glutammica ematica tendono a ristabilirsi in un tempo variabile da alcune ore ad alcuni giorni in relazione allo sforzo.

72 E pertanto un indice di sovrallenamento. La sua assunzione (ovviamente prima dello sforzo) trova pertanto un ragionevole impiego, meglio se associata agli aminoacidi ramificati. La quota consigliata è di: 50-60mg/kg/die [per un soggetto di 70 kg è 4-5g/die]

73 INTEGRATORI IDRO-SALINI Una prestazione sportiva intensa comporta la perdita di liquidi pari al 4% del peso corporeo, per questo è utile durante la prestazione assumere liquidi abbastanza regolarmente, in modo da compensare le perdite. Studi hanno dimostrato che un maggior effetto lo si ottiene se i liquidi vengono ingeriti ad intervalli di 20 minuti ( ml), magari accompagnata da carboidrati e sali minerali. Per quanto riguarda i sali minerali si consiglia dai 1-2 g di cloruro di sodio (sale da cucina) per litro d acqua, con aggiunta di potassio e magnesio.

74 REGOLATORI E COADIUVANTI METABOLICI Carnitina Facilita il mitocondrio trasporto degli acidi grassi nel E contenuta nella carne e nel pesce, e pertanto con una alimentazione equilibrata dovrebbero avere problemi quantitativi. non si Però l esercizio fisico intenso può provocare una perdita di carnitina ed è perciò pensabile ad una sua integrazione. Se ne può pertanto consigliare ad atleti che svolgono un attività intensa di integrare con l assunzione di 2g/die.

75 Creatina Il fabbisogno giornaliero è di 2g/dieche viene coperto da: 50% sintesi endogena (a livello del fegato e del rene) 50% con i cibi (250g di carne contiene circa 1 g di creatina) Viene trasportata a livello muscolare e si è osservato che: se aumenta la creatina nel muscolo aumenta anche la fosfo - creatina l assunzione per 6 giorni di g di creatina ha dato i seguenti risultati: nessun effetto sulla forza massimale» nessun effetto sulla velocità di contrazione» diminuisce i livelli di ammonemia da sforzo

76

77 Soggetto in soprappeso Femmina adulta età 21 anni Altezza 162 cm; peso 78 Kg (costituzione fisica tarchiata) BMI = 78/2,62 = 29,77 (soprappeso) Professione Studentessa Allenamenti: 3 volte alla settimana, ore 16,00 Durata media 50 minuti di lavoro effettivo ad un carico aerobico 50-60% VO 2 pari a 465 Kcal di dispendio.

78 Metabolismo basale Ci troviamo in un caso di soprappeso e non possiamo calcolare il MB con il solito sistema in quanto commetteremmo un errore (cioè 24 x 78) dobbiamo calcolare il MB sul suo peso ideale, applicando la Formula di Romeo: PI = statura x 0,65 + (CF x 4,2) 58 = 162 x 0,65 + (3 x 4,2) 58 = 60 Kg Quindi il suo Metabolismo basale sarà: 24 x 60 = 1440 Kcal e non: (78 x 24) = 1872 Kcal

79 Attività lavorativa Attività personali Attività fisica 480 Kcal 400 Kcal 465 Kcal Dispendio giornaliero Totale 2785 Kcal Se la ragazza introduce 2800 Kcal quotidiane non varierà il proprio peso! Se vogliamo contribuire a farla rientrare in peso accettabile dovremo stabilire un quantitativo calorico inferiore. Di quanto inferiore?

80 L APPORTO CALORICO NON DEVE MAI ESSERE PIÙ BASSO DI QUELLO TEORICAMENTE NECESSARIO PER IL METABOLISMO BASALE Si può pensare ad una diminuzione dell apporto calorico del 25-30% cioè la ragazza deve introdurre circa: 2100 a 1950 Kcal giornaliere Questo dato si basa sul fatto che:

81 Il calo del peso deve essere compreso tra grammi la settimana (perdere peso più rapidamente può creare scompensi per la salute del soggetto) Il rendimento del soggetto non deve risentirne, sia sul lavoro che nello studio. Stabiliamo di assegnare una quota calorica di: 2000 Kcal Se il calo è inferiore ai 500 g per settimana occorre verificare se la dieta è stata seguita, e in caso affermativo ridurre ulteriormente le calorie (non diminuire i carboidrati, togliere i lipidi)

82 Se il calo è superiore verificare che il soggetto non abbia ridotto ulteriormente i cibi previsti, ed in tal caso aumentare leggermente la quota di carboidrati.

83 Fabbisogno Proteico: fa un attività sedentaria e una attività fisica moderata, si può pertanto ipotizzare di assegnare 0,8 g/kg/die. Il peso di riferimento è ovviamente quello Ideale: 0,8 x 60 = 48 g 192 Kcal 9,6% Glucidi: è bene tenere elevati gli zuccheri: attorno al 65% 1300 Kcal 325g Lipidi 25,4 % 508 Kcal 56,4 g. Per chi si sottopone ad una dieta è bene ricordare di aumentare l assunzione di liquidi (almeno 2,5 litri al giorno).

84 Infatti riducendo l apporto calorico si riduce anche l apporto idrico e quindi dobbiamo aumentare l apporto di liquidi. Solitamente le diete dimagranti ricorrono in gran parte ad un buon apporto di verdura e frutta, alimenti che contengono acqua in quantità apprezzabili. Lo spuntino pomeridiano, dopo la palestra e al termine dell attività fisica, vede come prima scelta la frutta ( g) oppure 30 g di biscotti o cracker.

85 Ora Attività Kcal 8, ,00 13,00 14,00-16,00 16,00 17,00 17,00-20,30 Colazione Studio Spuntino Pranzo Studio ALLENAMENTO Spuntino Cena Totale

86 Dieta da 1600 Kcal

87

88 Atleti in età evolutiva In età evolutiva è importante cercare di educare il ragazzo ad alimentarsi in modo equilibrato e completo. Bisogna ribadire che questi alimenti devono essere assunti quotidianamente: Latte e/o yogurt Frutta e verdura Olio crudo Pasta o riso

89 Se per un atleta adulto è importante coprire il fabbisogno proteico, per un ragazzo questa esigenza è ancora più elevata in quanto è in fase di crescita. Quindi, carne, pesce, formaggi, uova devono far parte della dieta quotidiana, alternandoli nello schema alimentare. Un esempio di schema alimentare per ragazzi impegnati a scuola la mattina e al pomeriggio in quelle atletiche, potrebbe essere questo:

90 Schema alimentare per un ragazzo che fa sport Colazione latte intero con fette biscottate miele o marmellata yogurt alla frutta Corn flakes Spuntino a scuola 3 4 cracker oppure biscotti Frutta o succo di frutta Pranzo pasta (spaghetti, maccheroni) risotto olio crudo carne formaggio magro (mozzarella, scamorza) Pomodori, verdura fresca Frutta ( g)

91 Spuntino Da effettuare entro le 16,00 se l attività inizia alle 18,00; da effettuare a un ora dal termine dell attività sportiva se viene effettuata tra le 14,30 e le 17,00 The al limone con fette biscottate e crema di cioccolato Oppure yogurt e fretta di stagione Cena Minestra di fagioli, pasta o zuppa di cereali e legumi olio crudo (4g circa) carne di manzo o di maiale Oppure pesce o uova 50 g di patate lessate pane Verdure fresche/ortaggi di stagione Frutta ( g) Dolce (salturiamente)

92 Età pre-puberale: Arti Marziali Consideriamo un soggetto giovane che svolga questa attività: Maschio età 9 anni, altezza 132 cm (Cost. fisica esile) peso 32 Kg Professione: studente (8 ore) Allenamenti: 2 volte alla settimana, alle ore 18,00 Durata media: da 50 minuti di lavoro effettivo

93 Calcolo del fabbisogno del metabolismo basale in soggetti in età puberale Per un soggetto in crescita, non è corretto utilizzare il criterio fin qui usato (24 x Kg del peso corporeo) in quanto la struttura fisica non è completamente formata, ma soprattutto la composizione corporea è in continuo rimaneggiamento. Pertanto bisogna ricorrere a dei sistemi sofisticati di analisi, o altrimenti a calcoli empirici.

94 Metabolismo basale in soggetti giovani Si utilizzano delle tabelle: Sesso maschile tra i 9 e 14 anni = peso x 17, tra i 15 e i 19 anni = peso x 16, Sesso femminile tra i 9 e 14 anni = peso x 12, tra i 15 e i 19 anni = peso x 13,

95 Caso in esame Metabolismo basale: 32 x 17, = 1211 Kcal Metabolismo extra basale Attività lavorativa (8 ore) 403 Kcal Attività persona 300 Kcal Attività sportiva: 50 minuti comportano il consumo di: 380 Kcal per allenamento, ne compie due alla settimana, quindi: 380 x 2 = 760 Kcal/settimana e al giorno sono: 108 Kcal/die TOTALE 2022 Kcal

96 Fabbisogno proteico Ci troviamo di fronte ad un bambino in fase di crescita e di sviluppo corporeo con un impegno sportivo moderato; si può ipotizzare un fabbisogno attorno a: 1,5g/Kg peso/die 48 g /die 192 Kcal 9,5%

CORSA E ALIMENTAZIONE. Dott.ssa Sara Campagna Specialista in Medicina dello Sport Master in Nutrizione Umana

CORSA E ALIMENTAZIONE. Dott.ssa Sara Campagna Specialista in Medicina dello Sport Master in Nutrizione Umana CORSA E ALIMENTAZIONE Dott.ssa Sara Campagna Specialista in Medicina dello Sport Master in Nutrizione Umana Un alimentazione corretta in chi pratica attività sportiva permette di: - ottimizzare il rendimento

Dettagli

Consigli per l'alimentazione degli sportivi: sani, in forma e senza glutine!

Consigli per l'alimentazione degli sportivi: sani, in forma e senza glutine! ..\..\Leggi+Articoli rist + logo+immag\loghi AIC\Loghi AFC\AFC definitivobis.pdf Consigli per l'alimentazione degli sportivi: sani, in forma e senza glutine! Alimentazione sana ed equilibrata Migliora

Dettagli

Guida alla nutrizione

Guida alla nutrizione CentroCalcioRossoNero Guida alla nutrizione Bilancio energetico e nutrienti Il mantenimento del bilancio energetico-nutrizionale negli atleti rappresenta un importante obiettivo biofisiologico. Diversi

Dettagli

L ALIMENTAZIONE DEL PODISTA PRE e POST ALLENAMENTO PRE e POST GARA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa

L ALIMENTAZIONE DEL PODISTA PRE e POST ALLENAMENTO PRE e POST GARA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L ALIMENTAZIONE DEL PODISTA PRE e POST ALLENAMENTO PRE e POST GARA Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L uomo è ciò che mangia Ippocrate 400 a.c. Una sana e adeguata alimentazione

Dettagli

ALIMENTAZIONE dell ATLETA. Sergio Crescenzi Gianfranco Colombo Antonio De Pascale

ALIMENTAZIONE dell ATLETA. Sergio Crescenzi Gianfranco Colombo Antonio De Pascale ALIMENTAZIONE dell ATLETA Sergio Crescenzi Gianfranco Colombo Antonio De Pascale A CHE SERVE MANGIARE? Gli alimenti ci forniscono l energia per muoverci, per respirare,per il battito cardiaco, per il funzionamento

Dettagli

Attività fisica e. Per guadagnare salute 09/05/2013

Attività fisica e. Per guadagnare salute 09/05/2013 Attività fisica e Alimentazione Per guadagnare salute 09/05/2013 ? QUANTA ENERGIA ENERGIA SERVE AL PODISTA AMATORE? 09/05/2013 FABBISOGNO ENERGETICO Metabolismo basale (60-75%): età, sesso, massa corporea

Dettagli

Alimenti. Gruppi Alimentari

Alimenti. Gruppi Alimentari Alimenti Gli alimenti sono tutto ciò che viene utilizzato come cibo dalla specie umana. Un dato alimento non contiene tutti i nutrienti necessari per il mantenimento di un corretto stato fisiologico La

Dettagli

SCHEMA ALIMENTARE SKY LINE

SCHEMA ALIMENTARE SKY LINE SCHEMA ALIMENTARE SKY LINE Il nuoto è una disciplina sportiva di tipo aerobico-anaerobico misto in cui sono coinvolti principalmente i CARBOIDRATI per soddisfare il fabbisogno energetico. Devono essere

Dettagli

ALIMENTAZIONE DA 12 A 36 MESI

ALIMENTAZIONE DA 12 A 36 MESI ALIMENTAZIONE DA 12 A 36 MESI Intervento a cura di: Dr.ssa Maria Teresa Gussoni Ss Igiene Nutrizione Milano, 3 maggio 2012 1 L eccesso di peso rappresenta un fattore di rischio rilevante per le principali

Dettagli

NUTRIZIONE ed EQULIBRIO

NUTRIZIONE ed EQULIBRIO NUTRIZIONE ed EQULIBRIO Lo sapevi che Una corretta alimentazione è importante per il nostro benessere psico-fisico ed è uno dei modi più sicuri per prevenire diverse malattie. Sono diffuse cattive abitudini

Dettagli

ALIMENTAZIONE e NUOTO

ALIMENTAZIONE e NUOTO MICROELEMENTI ALIMENTAZIONE e NUOTO ZUCCHERI: costituiscono la fonte energetica, che permette all uomo di muoversi. Sono di due tipi : a. SEMPLICI, si trovano nella zuccheriera, nella, nel miele e sono

Dettagli

Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti inorganici organici

Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti inorganici organici Prof. Carlo Carrisi Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti: servono a nutrire l organismo, derivano dalla digestione, vengono

Dettagli

ALIMENTAZIONE E SPORT. Dott. MAURIZIO VIGANO Spec. in Medicina dello Sport

ALIMENTAZIONE E SPORT. Dott. MAURIZIO VIGANO Spec. in Medicina dello Sport ALIMENTAZIONE E SPORT Dott. MAURIZIO VIGANO Spec. in Medicina dello Sport Argomenti: 1) Il fabbisogno energetico 2) Gli alimenti 3) L acqua 4) Vitamine, sali minerali, integratori 5) La dieta dello sportivo

Dettagli

DIFFICOLTA DI ALIMENTAZIONE

DIFFICOLTA DI ALIMENTAZIONE DIFFICOLTA DI ALIMENTAZIONE Corso di tecniche di assistenza di base per caregivers Maggio Dicembre 2012 FABBISOGNO ENERGETICO Il fabbisogno energetico è individuale e dipende da: Sesso Peso Altezza Età

Dettagli

DIETA MEDITERRANEA IN MENOPAUSA. Dott. Lorenzo Grandini, biologo nutrizionista, farmacista e naturopata.

DIETA MEDITERRANEA IN MENOPAUSA. Dott. Lorenzo Grandini, biologo nutrizionista, farmacista e naturopata. DIETA MEDITERRANEA IN MENOPAUSA Dott. Lorenzo Grandini, biologo nutrizionista, farmacista e naturopata. Una corretta alimentazione e una costante attività fisica sono la base per una vita sana Perché si

Dettagli

DIABETE E ALIMENTAZIONE

DIABETE E ALIMENTAZIONE DIABETE E ALIMENTAZIONE La pianificazione di una dieta corretta può essere difficile se non si è certi della combinazione di cibi migliore, delle porzioni e dell effetto dei diversi alimenti sui livelli

Dettagli

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele ERVIZIO ANITARIO REGIONALE A Azienda ervizi anitari N 1 triestina la vien... alute angiando M Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele Dipartimento

Dettagli

La dieta della Manager Assistant

La dieta della Manager Assistant La dieta della Manager Assistant TUTTI I GIORNI COLAZIONE - 1 vasetto di yogurt oppure 1 tazza di latte parzialmente scremato oppure 1 cappuccino - 3 biscotti secchi oppure 4 fette biscottate oppure 1

Dettagli

Come e perché si aumenta di peso: il bilancio energetico

Come e perché si aumenta di peso: il bilancio energetico Come e perché si aumenta di peso: il bilancio energetico Intorno al concetto del giusto peso si sono formulate tante teorie, a volte vere, altre assolutamente prive di valenza scientifica. Nella grande

Dettagli

Corso: «Diabete mellito tra medico di medicina generale e diabetologo. Proposta per una gestione condivisa.»

Corso: «Diabete mellito tra medico di medicina generale e diabetologo. Proposta per una gestione condivisa.» AZIENDA UNITÁ LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 13 Dipartimento di Prevenzione Servizio Igiene degli Alimenti e della Nutrizione Corso: «Diabete mellito tra medico di medicina generale e diabetologo. Proposta

Dettagli

IL Piccolo Cronista Sportivo

IL Piccolo Cronista Sportivo IL Piccolo Cronista Sportivo Stagione Sportiva 2014-2015 Asp.Scuola calcio Qualificata EDIZIONE SPECIALE SULL INCONTRO DEL 10.11.2014 SUL TEMA: L Educazione alimentare per la salute e lo sport Piccoli

Dettagli

1) Alimentazione allenamento: dieta da 2800-3400 calorie (atleta di 70 kg che si allena regolarmente).

1) Alimentazione allenamento: dieta da 2800-3400 calorie (atleta di 70 kg che si allena regolarmente). Alimentazione e Competizione 1) Alimentazione allenamento: dieta da 2800-3400 calorie (atleta di 70 kg che si allena regolarmente). 2) Alimentazione pre-gara Nelle discipline di lunga durata (> 60-90 minuti),

Dettagli

ALIMENTAZIONE NELLA SCHERMA Club Scherma Roma

ALIMENTAZIONE NELLA SCHERMA Club Scherma Roma ALIMENTAZIONE NELLA SCHERMA Club Scherma Roma I. Bonchi Dietista specializ. in nutrizione nello sport, gravidanza e allattamento I.bonchi@libero.it Con la collaborazione di Francesca Pascazio Nutrizione

Dettagli

Una corretta alimentazione nello sport. Dott.ssa Jessica Giardini BIOLOGA NUTRIZIONISTA

Una corretta alimentazione nello sport. Dott.ssa Jessica Giardini BIOLOGA NUTRIZIONISTA Una corretta alimentazione nello sport Dott.ssa Jessica Giardini BIOLOGA NUTRIZIONISTA CARBOIDRATI Sono alla base dell alimentazione costituiscono circa il 50% delle calorie che occorrono ogni giorno POSSIAMO

Dettagli

Alimentazione per l esercizio fisico e lo sport: la ginnastica artistica/ritmica

Alimentazione per l esercizio fisico e lo sport: la ginnastica artistica/ritmica Alimentazione per l esercizio fisico e lo sport: la ginnastica artistica/ritmica Mercoledì 30 novembre 2011 Bolzano Via Cesare Battisti, 27 Il cibo influenza: La salute La composizione corporea La velocità

Dettagli

10/02/2015. Dott. Luca Belli Biologo Nutrizionista Specialista in Scienza dell Alimentazione. SIAN ASUR Marche AV2 Fabriano

10/02/2015. Dott. Luca Belli Biologo Nutrizionista Specialista in Scienza dell Alimentazione. SIAN ASUR Marche AV2 Fabriano Dott. Luca Belli Biologo Nutrizionista Specialista in Scienza dell Alimentazione SIAN ASUR Marche AV2 Fabriano Consigliere Nazionale SINSeB Docente Università di Camerino Stato nutrizionale Bilancio energetico

Dettagli

I macronutrienti. Nutrizione e Vita di Gallo dr Ubaldo - info@italianutrizione.it

I macronutrienti. Nutrizione e Vita di Gallo dr Ubaldo - info@italianutrizione.it I macronutrienti 1 Ogni alimento può essere composto da: Carboidrati Proteine Grassi Questi sono conosciuti come macronutrienti 2 Il cibo va forse valutato solo in funzione del suo apporto calorico? ASSOLUTAMENTE

Dettagli

PER DARE IL MASSIMO? NUTRIRSI AL MEGLIO! RADEGHIERI DOTT. SSA LOREDANA DIETISTA

PER DARE IL MASSIMO? NUTRIRSI AL MEGLIO! RADEGHIERI DOTT. SSA LOREDANA DIETISTA PER DARE IL MASSIMO? NUTRIRSI AL MEGLIO! RADEGHIERI DOTT. SSA LOREDANA DIETISTA NOI E IL CIBO Per crescere servono calorie e principi nutritivi e la nutrizione della prima parte della vita influisce sull

Dettagli

Alimentazione e sport

Alimentazione e sport Dietista Silvia Bernardi Trento, 5 Marzo 2010 Il movimento spontaneo e l attività fisica, se iniziati precocemente, rappresentano la misura più efficace di terapia e prevenzione delle patologie del benessere.

Dettagli

ULSS 2 INCONTRA I mercoledì della Salute

ULSS 2 INCONTRA I mercoledì della Salute ULSS 2 INCONTRA I mercoledì della Salute Titolo: Diabete e alimentazione Relatore: Giovanna Foschini Data 19 marzo 2014 Sede Sala Piccolotto UN PO DI STORIA Un po' di storia... Papiro di Ebers (1550 a.c.)

Dettagli

L ALIMENTAZIONE EQUILIBRATA FREQUENZE SETTIMANALI DI CONSUMO E PORZIONI STANDARD

L ALIMENTAZIONE EQUILIBRATA FREQUENZE SETTIMANALI DI CONSUMO E PORZIONI STANDARD ASL LECCO - GRUPPI DI CAMMINO 2008 L ALIMENTAZIONE EQUILIBRATA FREQUENZE SETTIMANALI DI CONSUMO E PORZIONI STANDARD Estratto dalle LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA predisposte dall Istituto

Dettagli

TABELLE DIETETICHE. Media Maschi/femmine (Kcal/gg) Fabbisogno Energetico. Nido d infanzia dell infanzia

TABELLE DIETETICHE. Media Maschi/femmine (Kcal/gg) Fabbisogno Energetico. Nido d infanzia dell infanzia TABELLE DIETETICHE La tabella dietetica deve fornire la corretta quantità in nutrienti, sia dal punto di vista qualitativo che quantitativo, in modo che l organismo dell individuo non debba ricorrere ad

Dettagli

LO SPORT E SERVITO. CINISELLO BALSAMO 25 MAGGIO 2012 Dott.ssa Raffaella Elena Monti

LO SPORT E SERVITO. CINISELLO BALSAMO 25 MAGGIO 2012 Dott.ssa Raffaella Elena Monti LO SPORT E SERVITO CINISELLO BALSAMO 25 MAGGIO 2012 Dott.ssa Raffaella Elena Monti ALIMENTO - DEFINIZIONE Per alimento si intende qualsiasi sostanza utilizzabile dal nostro organismo ai fini dell accrescimento,

Dettagli

Sostituisci 1 o 2 dei tre pasti principali giornalieri con altrattanti shake FORMULA 1 PRO

Sostituisci 1 o 2 dei tre pasti principali giornalieri con altrattanti shake FORMULA 1 PRO SOSTITUTO DEL PASTO PER SPORTIVI Prima dell allenamento, scegli una nutrizione che ti dà sicurezza. Nutrizione bilanciata ricca di carboidrati, proteine, vitamine e minerali, Formula 1 Pro è un sostituto

Dettagli

SPORT acquatici e ALIMENTAZIONE Prof.ssa Lucia Scuteri

SPORT acquatici e ALIMENTAZIONE Prof.ssa Lucia Scuteri SPORT acquatici e ALIMENTAZIONE Prof.ssa Lucia Scuteri SPORT ACQUATICI (nuoto,tuffi,pallanuoto,immersione,, surf, windsurf,sci d acqua o VELA) Necessitano una DIETA EQUILIBRATA Ogni SPORT ha CARATTERISTICHE

Dettagli

L'alimentazione nel giovane sportivo

L'alimentazione nel giovane sportivo L'alimentazione nel giovane sportivo Dr.ssa Sara Perrotta Biologa Nutrizionista Le abitudini alimentari sono in grado di influenzare in maniera significativa la capacità individuale di realizzare una determinata

Dettagli

Alimentazione e sport

Alimentazione e sport Momenti di Gloria La medicina incontra lo sport: i muscoli Genova 18 aprile 2013 Alimentazione e sport Luca Spigno La dieta dello sportivo è diversa da quella del soggetto sedentario? Come dobbiamo nutrirci

Dettagli

ALIMENTAZIONE ED ATTIVITA SPORTIVA

ALIMENTAZIONE ED ATTIVITA SPORTIVA ALIMENTAZIONE ED ATTIVITA SPORTIVA Tutti i gruppi alimentari (carboidrati, grassi, proteine) sono importanti per lo svolgimento dell attività sportiva, ma è utile fare alcuni distinguo sul tipo di alimenti

Dettagli

L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA

L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA La dieta nel diabete Come deve essere la dieta del paziente diabetico? Tutti gli alimenti vanno consumati con misura

Dettagli

Alimentazione ed Integrazione nel Nuoto Agonistico Dalla fisiologia alle esigenze nutrizionali dell atleta

Alimentazione ed Integrazione nel Nuoto Agonistico Dalla fisiologia alle esigenze nutrizionali dell atleta Alimentazione ed Integrazione nel Nuoto Agonistico Dalla fisiologia alle esigenze nutrizionali dell atleta Prof. Claudio Ciapparelli Dipartimento di Scienze Biomediche per la Salute Università degli Studi

Dettagli

SUPPORTO NUTRIZIONALE ALLA PREPARAZIONE ATLETICA Silvia Pogliaghi

SUPPORTO NUTRIZIONALE ALLA PREPARAZIONE ATLETICA Silvia Pogliaghi Seminario sul tema: La Preparazione Fisica nel Rugby: Sport di Accelerazioni Ripetute Federazione Italiana Rugby Centro Studi FIR Lunedì 14 Gennaio 2008, ore 14.30 Facoltà di Scienze Motorie, Verona Università

Dettagli

E-Book Gratuito I principi base del Professionista Top

E-Book Gratuito I principi base del Professionista Top Questo E-book è di proprietà di Ivan Ianniello. Questo E-book non può essere copiato, venduto o usato come contenuto proprio in nessun caso, salvo previa concessione dell'autore. L'Autore non si assume

Dettagli

Viaggio delle sostanze nutritive

Viaggio delle sostanze nutritive Viaggio delle sostanze nutritive Il cibo che assumiamo contiene sostanze nutritive per la produzione di nuove cellule Gli alimenti però devono essere ridotti in molecole Esistono 4 fasi fondamentali 1)

Dettagli

ALIMENTAZIONE E INTEGRAZIONE SPORTIVA PER ALLENAMENTO (O GARA) TRIATHLON

ALIMENTAZIONE E INTEGRAZIONE SPORTIVA PER ALLENAMENTO (O GARA) TRIATHLON Alimentazione e Integrazione sportiva per allenamento Triathlon VISITE: 1446 ALIMENTAZIONE E INTEGRAZIONE SPORTIVA PER ALLENAMENTO (O GARA) TRIATHLON La disciplina del Triathlon si sta sviluppando in maniera

Dettagli

Alimentazione nel bambino in età scolare

Alimentazione nel bambino in età scolare Martellago 05 marzo 2015 Alimentazione nel bambino in età scolare Dr.ssa Maria Tumino Servizio Igiene degli alimenti e della Nutrizione Veneto Sovrappeso Obesità Obesità severa 17,45% 5,5% 1,5% latte

Dettagli

UBALDO GARAGIOLA CAPITOLO 1 DALLA TEORIA ALLA PRATICA

UBALDO GARAGIOLA CAPITOLO 1 DALLA TEORIA ALLA PRATICA UBALDO GARAGIOLA CAPITOLO 1 DALLA TEORIA ALLA PRATICA Scopo di questo volumetto è quello di fornire alcuni esempi tratti dall esperienza personale per consentire a tutti di verificare come si possa costruire

Dettagli

alimentazione WWW.FISIOKINESITERAPIA.BIZ

alimentazione WWW.FISIOKINESITERAPIA.BIZ alimentazione WWW.FISIOKINESITERAPIA.BIZ NUTRIENTI (O PRINCIPI NUTRITIVI): PROTEINE LIPIDI CARBOIDRATI VITAMINE ACQUA MINERALI CON FUNZIONE: PLASTICA ENERGETICA BIOREGOLATRICE PROTEINE LUNGHE CATENE DI

Dettagli

L educazione alimentare

L educazione alimentare L educazione alimentare Educazione alimentare: alimenti e nutrienti Sono ALIMENTI tutte le sostanze che l organismo può utilizzare per l accrescimento, il mantenimento e il funzionamento delle strutture

Dettagli

Carboidrati circa 55-60% dell'introito calorico giornaliero

Carboidrati circa 55-60% dell'introito calorico giornaliero Qualunque cibo introdotto nel corpo umano viene trasformato, tramite reazioni chimiche, nei suoi costituenti elementari che sono proteine, lipidi, carboidrati, vitamine, minerali e acqua, perché è solo

Dettagli

ALIMETAZIONE DA 6 A 12 MESI

ALIMETAZIONE DA 6 A 12 MESI ALIMETAZIONE DA 6 A 12 MESI Intervento a cura di: Dr.ssa Armanda Frassinetti Dietista - Ss Igiene Nutrizione Milano, 3 maggio 2012 La abitudini alimentari della famiglia acquisite nei primi anni di vita

Dettagli

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' COMPRESA TRA I 16 E I 36 MESI

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' COMPRESA TRA I 16 E I 36 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' COMPRESA TRA I 16 E I 36 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' COMPRESA TRA I 16 E I 36 MESI PRANZO PRIMA SETTIMANA LUNEDI': MARTEDI : MERCOLEDI :

Dettagli

APPROFONDIMENTI MODULO 7: ALIMENTAZIONE LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA - REVISIONE 1997 ISTITUTO NAZIONALE DELLA NUTRIZIONE

APPROFONDIMENTI MODULO 7: ALIMENTAZIONE LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA - REVISIONE 1997 ISTITUTO NAZIONALE DELLA NUTRIZIONE APPROFONDIMENTI MODULO 7: ALIMENTAZIONE LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA - REVISIONE 1997 ISTITUTO NAZIONALE DELLA NUTRIZIONE 1) CONTROLLA IL PESO E MANTIENITI ATTIVO Pesarsi almeno una

Dettagli

Il formaggio sardo nella Sana Alimentazione Bambino, adulto, anziano, sportivo

Il formaggio sardo nella Sana Alimentazione Bambino, adulto, anziano, sportivo Cagliari, mercoledì 30 novembre 2011 METTI IL FORMAGGIO SARDO NELLA TUA DIETA Il formaggio sardo nella Sana Alimentazione Bambino, adulto, anziano, sportivo Giovanna Maria Ghiani Specialista in Scienza

Dettagli

Lezione di alimentazione. Corso FALC ARG1 2010

Lezione di alimentazione. Corso FALC ARG1 2010 Lezione di alimentazione Claudio Caldini i Una corretta alimentazione non è sufficiente per vincere una gara ma un alimentazione insufficiente può sicuramente farla perdere Prof. Giuseppe Masera Responsabile

Dettagli

Le proteine. Le proteine sono i mattoncini che costituiscono gli organismi viventi.

Le proteine. Le proteine sono i mattoncini che costituiscono gli organismi viventi. Le proteine Le proteine sono i mattoncini che costituiscono gli organismi viventi. Per avere un idea più precisa, basti pensare che tutti i muscoli del nostro corpo sono composti da filamenti di proteine

Dettagli

Alimentazione Salute Ambiente: la composizione degli alimenti e le scelte del consumatore. La ristorazione a scuola ed a casa

Alimentazione Salute Ambiente: la composizione degli alimenti e le scelte del consumatore. La ristorazione a scuola ed a casa Alimentazione Salute Ambiente: la composizione degli alimenti e le scelte del consumatore. La ristorazione a scuola ed a casa Relatore: Prof. Vincenzo Gerbi UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO Di.S.A.F.A.

Dettagli

MANGIAR SANO UN GIOCO DA BAMBINI!

MANGIAR SANO UN GIOCO DA BAMBINI! MANGIAR SANO UN GIOCO DA BAMBINI! Paese, 13 marzo 2013 dott.ssa Laura Martinelli dietista sportiva www.alimentazionesportivamartinelli.com ARGOMENTI L alimentazione dei bambini in Italia Elementi di dietetica

Dettagli

Come deve essere la dieta del paziente diabetico? Tutti gli alimenti vanno consumati con misura e rispettando le giuste proporzioni

Come deve essere la dieta del paziente diabetico? Tutti gli alimenti vanno consumati con misura e rispettando le giuste proporzioni DIABETE E CIBO Come deve essere la dieta del paziente diabetico? Tutti gli alimenti vanno consumati con misura e rispettando le giuste proporzioni I nutrienti della dieta I nutrienti essenziali: PROTEINE

Dettagli

CUORE & ALIMENTAZIONE

CUORE & ALIMENTAZIONE 5 Convegno Socio-Scientifico ASPEC Teatro «Antonio Ghirelli» - Salerno, 27 Giugno 2015 CUORE & ALIMENTAZIONE Annapaola Campana Unità Operativa di Oncoematologia Presidio Ospedaliero Pagani (SA) CAUSE DI

Dettagli

Corso P1 - Operatore della Ristorazione N. RIF. 2010-358/RA

Corso P1 - Operatore della Ristorazione N. RIF. 2010-358/RA Corso P1 - Operatore della Ristorazione N. RIF. 2010-358/RA Docente: Dr. Luca La Fauci Biologo Nutrizionista & Tecnologo Alimentare Lezione 2 Principi nutritivi, tabelle nutrizionali e corretto regime

Dettagli

Così nasce il questionario che stai per compilare.

Così nasce il questionario che stai per compilare. Premessa Una sana alimentazione e l attività fisica sono fondamentali per mantenere a lungo uno stato di benessere. Spesso però mancano informazioni precise e chi sa cosa dovrebbe fare non sempre applica,

Dettagli

I CINQUE GRUPPI DI ALIMENTI

I CINQUE GRUPPI DI ALIMENTI I CINQUE GRUPPI DI ALIMENTI Le Linee guida per una sana alimentazione italiana dell Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione (INRAN) pubblicate nel 2003 propongono dieci direttive

Dettagli

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI PRANZO PRIMA SETTIMANA LUNEDI': MARTEDI': MERCOLEDI': GIOVEDI': VENERDI': PASTA AL

Dettagli

Preparazione all intervento chirurgico in ginecologia oncologica e Nutrizione

Preparazione all intervento chirurgico in ginecologia oncologica e Nutrizione Preparazione all intervento chirurgico in ginecologia oncologica e Nutrizione Lo IEO pubblica una collana di Booklets al fine di aiutare il paziente a gestire eventuali problematiche (quali ad esempio

Dettagli

ALIMENTAZIONE E FORZA

ALIMENTAZIONE E FORZA Savigliano, 16 aprile 2011 ALIMENTAZIONE E FORZA Enrico Arcelli Facoltà di Scienze Motorie Università degli Studi di Milano Alimentazione e forza Si pensa che più proteine assunte portino a più forza.

Dettagli

PROGRAMMA SCUOLA DI DIETETICA NUTRIRSI DI SALUTE ANNO SCOLASTICO 2012

PROGRAMMA SCUOLA DI DIETETICA NUTRIRSI DI SALUTE ANNO SCOLASTICO 2012 PROGRAMMA SCUOLA DI DIETETICA NUTRIRSI DI SALUTE ANNO SCOLASTICO 2012 DOCENTE: Madaschi Rossana Dietista e Docente di Scienza dell Alimentazione MATERIE: Dietologia - Scienza dell Alimentazione CLASSE:

Dettagli

Stili di vita e alimentazione nelle patologie cardiovascolari

Stili di vita e alimentazione nelle patologie cardiovascolari Stili di vita e alimentazione nelle patologie cardiovascolari È una iniziativa Diversity & Inclusion Sandoz Stili di vita e alimentazione nelle patologie cardiovascolari Introduzione: Le malattie cardiovascolari

Dettagli

COMUNE DI SANTA MARGHERITA LIGURE AREA 3 SERVIZI INTEGRATI ALLA PERSONA

COMUNE DI SANTA MARGHERITA LIGURE AREA 3 SERVIZI INTEGRATI ALLA PERSONA COMUNE DI SANTA MARGHERITA LIGURE AREA 3 SERVIZI INTEGRATI ALLA PERSONA Città Metropolitana di Genova All. A CRITERI PER LA REALIZZAZIONE DEI MENU Il menù è soggetto a validazione da parte del competente

Dettagli

Consigli alimentari per la prima infanzia (1/3 anni)

Consigli alimentari per la prima infanzia (1/3 anni) DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICO - Servizio Igiene della Nutrizione Consigli alimentari per la prima infanzia (1/3 anni) Per una crescita armoniosa è importante che il bambino assuma i pasti in modo

Dettagli

Gianluca Tognon. Biologo, specialista in scienza dell alimentazione www.studiotognon.net

Gianluca Tognon. Biologo, specialista in scienza dell alimentazione www.studiotognon.net Gianluca Tognon Biologo, specialista in scienza dell alimentazione www.studiotognon.net L ABC DELL ALIMENTAZIONE: I GRUPPI DI ALIMENTI Gruppo 1: CARNI, PESCI, UOVA Proteine nobili, Ferro, alcune Vitamine

Dettagli

ALIMENTAZIONE. Matilde Pastina

ALIMENTAZIONE. Matilde Pastina ALIMENTAZIONE Matilde Pastina I macronutrienti COSA SONO I MACRONUTRIENTI I macronutrienti sono princìpi alimentari che devono essere introdotti in grandi quantità, poiché rappresentano la più importante

Dettagli

Alimentazione e reflusso gastrico

Alimentazione e reflusso gastrico Cause Il reflusso gastrico è causato dal reflusso del contenuto acido dello stomaco nell esofago. Questo succede per esempio con una pressione troppo forte sullo stomaco o perché il muscolo superiore di

Dettagli

FONDAZIONE I.R.C.C.S. POLICLINICO SAN MATTEO. Viale Golgi n.19, 27100 Pavia 0382 501615 - Fax 0382 502801 servizio.dietetica@smatteo.pv.

FONDAZIONE I.R.C.C.S. POLICLINICO SAN MATTEO. Viale Golgi n.19, 27100 Pavia 0382 501615 - Fax 0382 502801 servizio.dietetica@smatteo.pv. FONDAZIONE I.R.C.C.S. POLICLINICO SAN MATTEO Servizio di Dietetica e Nutrizione Clinica Viale Golgi n.19, 27100 Pavia 0382 501615 - Fax 0382 502801 servizio.dietetica@smatteo.pv.it Progetto pilota Linee

Dettagli

IN CASO DI SPORT SCOPRI PERCHÉ. con i consigli della nutrizionista Elisabetta Orsi, consulente della Nazionale di Calcio Italiana

IN CASO DI SPORT SCOPRI PERCHÉ. con i consigli della nutrizionista Elisabetta Orsi, consulente della Nazionale di Calcio Italiana IN CASO DI SPORT SCOPRI PERCHÉ con i consigli della nutrizionista Elisabetta Orsi, consulente della Nazionale di Calcio Italiana ATTIVITÀ SPORTIVA ENDURANCE ALIMENTAZIONE 2 1 ADEGUATO APPORTO DI TUTTI

Dettagli

SCHEMA ALIMENTARE PER SOGGETTO IPERCOLESTEROLEMICO 1.400 CALORIE

SCHEMA ALIMENTARE PER SOGGETTO IPERCOLESTEROLEMICO 1.400 CALORIE SCHEMA ALIMENTARE PER SOGGETTO IPERCOLESTEROLEMICO 1.400 CALORIE Colazione 1 tazza di caffè e latte parzialmente scremato: caffè: una tazzina Latte parzialmente scremato: 200 gr. 4 fette biscottate Sostituibili

Dettagli

MENU PASTI PER I DEGENTI (n.pag: 18)

MENU PASTI PER I DEGENTI (n.pag: 18) D I E T E DIETA COSIDETTA COMUNE DIETA A Latte parzialmente scremato gr. 250 n. 4 fette biscottate zucchero gr. 10 marmellata o miele gr. 25 in alternativa al latte: un vasetto di yogurt da gr. 125 alla

Dettagli

AREA SVILUPPO ECONOMICO E FORMAZIONE Ristorazione Scolastica TABELLA DIETETICA. per bambini da 3 a 12/14 mesi

AREA SVILUPPO ECONOMICO E FORMAZIONE Ristorazione Scolastica TABELLA DIETETICA. per bambini da 3 a 12/14 mesi AREA SVILUPPO ECONOMICO E FORMAZIONE Ristorazione Scolastica TABELLA DIETETICA per bambini da 3 a 12/14 mesi A cura della Dietista DIRIGENTE M. Teresa Caprasecca Dr.ssa Cristina Ercolani IL DIVEZZAMENTO

Dettagli

Dott.ssa Marcella Camellini

Dott.ssa Marcella Camellini Dott.ssa Marcella Camellini ALIMENTAZIONE Aumentare il consumo di frutta fresca, verdure e ortaggi di tutti i tipi, privi di grassi e ricchi di vitamine, minerali e fibre. Privilegiare gli oli vegetali,

Dettagli

LINEE GUIDA SVEZZAMENTO

LINEE GUIDA SVEZZAMENTO LINEE GUIDA SVEZZAMENTO LATTANTI I bambini sino a 6 mesi assumono solamente latte seguendo le modalità e le dosi imposte dal pediatra. L allattamento artificiale inizierà con: Latte in polvere adattato

Dettagli

La dieta deve assicurare al nostro organismo, oltre alle proteine, i grassi, i carboidrati e l energia

La dieta deve assicurare al nostro organismo, oltre alle proteine, i grassi, i carboidrati e l energia 8. Varia spesso le tue scelte a tavola 58 La dieta deve assicurare al nostro organismo, oltre alle proteine, i grassi, i carboidrati e l energia da essi apportata, anche altri nutrienti indispensabili,

Dettagli

L'Alimentazione (principi alimentari e consigli) Una Sana Alimentazione Ogni essere vivente introduce cibo nell'organismo: questo processo prende il nome di ALIMENTAZIONE. Introdurre cibo nel nostro corpo

Dettagli

LINEE GUIDA PER L ALIMENTAZIONE DEL GOLFISTA. Giorgio Pasetto. Mauro Bertoni

LINEE GUIDA PER L ALIMENTAZIONE DEL GOLFISTA. Giorgio Pasetto. Mauro Bertoni LINEE GUIDA PER L ALIMENTAZIONE DEL GOLFISTA Giorgio Pasetto (dottore in scienze motorie e osteopata) Mauro Bertoni (preparatore atletico) Con la consulenza scientifica del Prof. Ottavio Bosello (docente

Dettagli

LA BUONA ALIMENTAZIONE PER GUADAGNARE SALUTE

LA BUONA ALIMENTAZIONE PER GUADAGNARE SALUTE LA BUONA ALIMENTAZIONE PER GUADAGNARE SALUTE Studio Dietistico dott.ssa Francesca Pavan - Via G. Falcone 16-30024 Musile di Piave (Ve) Tel. 0421331981 Fax. 0421456889 www.studiodietisticopavan.it Esistono

Dettagli

CALORIE CONSUMATE PER OGNI 15 MINUTI DELLE SEGUENTI ATTIVITA FISICHE

CALORIE CONSUMATE PER OGNI 15 MINUTI DELLE SEGUENTI ATTIVITA FISICHE CALORIE CONSUMATE PER OGNI 15 MINUTI DELLE SEGUENTI ATTIVITA FISICHE BALLO LATINO AMERICANO CORSA NUOTO FOOTBALL MOUNTAIN BIKE TENNIS BICICLETTA SCIARE CAMMINARE VELOCE ATTIVITA LAVORATIVA 250 CALORIE

Dettagli

La nutrizione nello sport

La nutrizione nello sport La nutrizione nello sport Una corretta alimentazione deve coprire in modo ottimale il fabbisogno energetico e plastico di un individuo, tenendo conto della fase di accrescimento, dell attività muscolare

Dettagli

Schema della dieta ipoproteica 1

Schema della dieta ipoproteica 1 Schema della dieta ipoproteica 1 Consigli generali: 1. Consumare settimanalmente come secondi piatti: Carne Pesce (fresco e surgelato) Formaggio fresco Prosciutto cotto al naturale Uova Legumi (freschi

Dettagli

LINEE GUIDA SVEZZAMENTO

LINEE GUIDA SVEZZAMENTO LINEE GUIDA SVEZZAMENTO LATTANTI I bambini sino a 6 mesi assumono solamente latte seguendo le modalità e le dosi imposte dal pediatra. L allattamento artificiale inizierà con: Latte in polvere adattato

Dettagli

Subocclusione intestinale e Nutrizione

Subocclusione intestinale e Nutrizione Subocclusione intestinale e Nutrizione Lo IEO pubblica una collana di Booklets al fine di aiutare il paziente a gestire eventuali problematiche (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire,

Dettagli

www.alberodeigelati.it

www.alberodeigelati.it www.alberodeigelati.it presenta La Dieta del Gelato a cura di Dott. Claudio Tomella, Medico - Chirurgo specialista in scienza dell alimentazione, nutrizione, medicina anti-aging Presidente Olosmedica COLAZIONE

Dettagli

Gli integratori: cosa sono e a cosa servono

Gli integratori: cosa sono e a cosa servono Gli integratori: cosa sono e a cosa servono Gli integratori alimentari, nella vita quotidiana, sono prodotti specifici che favoriscono l'assunzione di sostanze quali macronutrienti (carboidrati e proteine)

Dettagli

Dove sono i nutrienti? : I GRUPPI DI ALIMENTI

Dove sono i nutrienti? : I GRUPPI DI ALIMENTI Dove sono i nutrienti? : I GRUPPI DI ALIMENTI Al fine di comporre correttamente la propria dieta è bene conoscere le qualità dei principali alimenti che in base alle loro principali caratteristiche nutrizionali

Dettagli

Dieta alimentare: donna 30 anni, 1,70 m. 60 kg impiegata e praticante arti marziali.

Dieta alimentare: donna 30 anni, 1,70 m. 60 kg impiegata e praticante arti marziali. Dieta alimentare: donna 30 anni, 1,70 m. 60 kg impiegata e praticante arti marziali. Prima di affrontare un'attività sportiva, viene da chiedersi cosa e quanto è meglio mangiare. Ma quello che si può consumare

Dettagli

Mangiar sano secondo la nuova Piramide Mediterranea

Mangiar sano secondo la nuova Piramide Mediterranea Mangiar sano secondo la nuova Piramide Mediterranea La nuova piramide della dieta mediterranea moderna proposta dall INRAN (Istituto Nazionale per la Ricerca degli Alimenti e della Nutrizione) presenta

Dettagli

Alimentazione ed integrazione nello sportivo

Alimentazione ed integrazione nello sportivo Alimentazione ed integrazione nello sportivo ITALO GUIDO RICAGNI Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita OBIETTIVI GENERALI Fornire competenze al MMG: a) Fabbisogni alimentari

Dettagli

Alimentazione del nuotatore. Daniela Stehrenberger Dietista diplomata

Alimentazione del nuotatore. Daniela Stehrenberger Dietista diplomata Alimentazione del nuotatore Daniela Stehrenberger Dietista diplomata Programma 1. Alimentazione di base composizione equilibrata dei pasti assunzione di liquidi 2. Particolarità dell alimentazione del

Dettagli

PRANZO o CENA (30-40%apporto calorico giornaliero) COLAZIONE (15% apporto calorico giornaliero)

PRANZO o CENA (30-40%apporto calorico giornaliero) COLAZIONE (15% apporto calorico giornaliero) Consigli COLAZIONE (15% apporto calorico giornaliero) E un momento alimentare troppo spesso trascurato. E importante consumare un adeguata colazione. E dimostrato, peraltro, che l assenza di questo pasto

Dettagli

Come programmare il tuo benessere fisico e mantenerlo per sempre

Come programmare il tuo benessere fisico e mantenerlo per sempre Come programmare il tuo benessere fisico e mantenerlo per sempre L obesità è una patologia causata (laddove non sia attribuibile ad altri motivi) da comportamenti ed abitudini di vita scorretti: contrastarla

Dettagli

I gruppi alimentari GRUPPO N GRUPPO N. CARNI, PESCI, UOVA Forniscono: proteine ad alto valore biologico; minerali quali ferro,

I gruppi alimentari GRUPPO N GRUPPO N. CARNI, PESCI, UOVA Forniscono: proteine ad alto valore biologico; minerali quali ferro, I nutrienti I gruppi alimentari NEL NOSTRO VIVER COMUNE, NON RAGIONIAMO CON NUTRIENTI MA CON ALIMENTI: SONO PERTANTO STATI RAGGRUPPATI GLI ALIMENTI SECONDO CARATTERISTICHE NUTRITIVE IN COMUNE. GRUPPO N

Dettagli

Prova Costume? Niente Paura!

Prova Costume? Niente Paura! Prova Costume? Niente Paura! Che Cos è la Nutraceutica? SIAMO QUELLO CHE MANGIAMO L alimentazione occupa un ruolo decisivo per il nostro benessere. Spesso però non conosciamo quello che mangiamo e la qualità

Dettagli

1. Obesità. Per valutare la distribuzione del grasso corporeo, si può utilizzare il rapporto vita.

1. Obesità. Per valutare la distribuzione del grasso corporeo, si può utilizzare il rapporto vita. 2%(6,7 1. Obesità L incidenza del sovrappeso e/o dell obesità è andata aumentando dal dopoguerra in tutti i paesi industrializzati per l abbondanza e la disponibilità di cibi raffinati da un lato e la

Dettagli