FUNZIONI DEI MITOCONDRI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "FUNZIONI DEI MITOCONDRI"

Transcript

1 FUNZIONI DEI MITOCONDRI La funzione principale dei mitocondri è di compiere le trasformazioni energetiche indispensabili per le funzioni cellulari. Metabolismo energetico: insieme delle reazioni chimiche che liberano energia necessaria ai processi di biosintesi e alla produzione di lavoro, calore, elettricità, luce (bioluminescenza). Le reazioni esoergoniche (liberano energia) sono dette cataboliche metabolismo energetico; le reazioni endoergoniche (richiedono energia) sono dette anaboliche metabolismo biosintetico. L intermedio comune tra le reazioni che liberano e quelle che richiedono energia è l ATP (AdenosinTriFosfato) L ATP è un nucleotide costituito dalla base azotata adenina, il ribosio, uno zucchero pentoso (in blu nel disegno) e tre gruppi fosforici (in giallo), definiti rispettivamente α, β e γ L ATP ha la prerogativa di cedere facilmente (con l intervento di un solo enzima) le calorie contenute nel legame tra il secondo e il trezo gruppo fosforico, trasformandosi in una molecola scarica cioè l ADP (AdenosinDiFosfato). A sua volta l ADP può essere trasformato in ATP con fornitura di 7300 calorie, di un gruppo fosfato inorganico e in presenza di un enzima (ATP sintetasi (in grado di catalizzare anche la reazione inversa). ADP + Pi cal ATP L ATP è l unica molecola energetica capace di essere utilizzata da tutti gli apparati cellulari; una volta utilizzata viene resa al citoplasma sotto forma di ADP. A questo punto intervengono i mitocondri: essi rastrellano le molecola di ADP e le restituiscono al citoplasma sotto forma di ATP. Per fare questo devono disporre di una fonte di energia: la prelevano dalla demolizione di molecole carboniose (zuccheri, grassi, proteine) i cui legami C-C o C-H sono ossidati a CO 2 e acqua, rilasciando in tal modo notevoli quantità di energia chimica.

2 Per esempio una mole di glucosio, se ossidata completamente a CO 2 e H 2 O, può cedere fino a 680 Kcal: C 6 H 12 O 6 + 6O 2 6CO 2 + 6H 2 O+ 680 Kcal La cellula opera questa ossidazione i nvarie tappe principalmente tre, ciascuna caratterizzata da numerose reazioni: 1. glicolisi (nel citoplasma) 2. ciclo di Krebs (nei mitocondri) 3. fosforilazione ossidativa (nei mitocondri) Tutte le reazioni energetiche della cellula sono quindi legate a reazioni di ossidoriduzione, cioè al trasferimento di un atomo di idrogeno o di un elettrone da un composto a un altro. La sostanza che cede l idrogeno o l elettrone è detta RIDUCENTE, mentre quella che accetta l idrogeno o l elettrone è detta OSSIDANTE. I fenomeni ossidativi che avvengono nella cellula sono distinguibili in due gruppi: 1. anaerobio, in cui l ossidazione della sostanza ricca di energia è dovuta a un ossidante organico; 2. aerobio, in cui l ossidante è inorganico (nei mitocondri, che consumano O 2 e per questo sono detti organuli respiratori, e liberano CO 2 e H 2 O) GLICOLISI È la prima fase del processo di scissione del glucosio. Non richiede la presenza dell ossigeno. In questa fase le molecola di glucosio, ricche di energia, vengono scisse ognuna in due molecole più piccole e meno ricche di energia: ACIDO PIRUVICO (composto a 3 atomi di carbonio). Il passaggio da glucosio ad acido piruvico avviene attraverso una serie di reazioni, ognuna catalizzata da un diverso enzima. In tal modo l energia della molecola di glucosio è liberata poco per volta (le cellule possono conservarne l energia come energia chimica utilizzabile: se l energia venisse liberata tutta insieme, una notevole quantità di essa verrebbe trasformata in calore, che provocherebbe innalzamento della T e sarebbe impossibile da utilizzare). L energia liberata durante la glicolisi è immagazzinata nelle molecole di ATP. Una parte di energia è anche immagazzinata nelle molecole di NAD. Il rendimento energetico della glicolisi anaerobia (quando il piruvato, in assenza di attività mitocondriale, funge da accettore di idrogeno nella

3 riossidazione del NADH) è modesto: delle 680 Kcal ottenibili bruciando completamente una mole di glucosio a CO 2 e H 2 O ne vengono ricavate solo 56, di cui 32 perse come calore e 24 immagazzinate nelle 2 molecole di ATP e NADH che si formano nella fase fermentativa. Le rimanenti calorie restano nell acido piruvico. Tutte queste reazioni avvengono nel CITOPLASMA IN ASSENZA DI OSSIGENO. Ciò ha fatto ritenere che alla comparsa della vita sulla Terra, gli organismi primitivi usassero la glicolisi per procurarsi energia; attualmente esistono ancora organismi che possono vivere in ambienti privi di ossigeno, ad esempio i lieviti, responsabili della fermentazione alcoolica. Anche le cellule degli Eucarioti, in particolari condizioni e per brevi periodi, possono ricorrere alla glicolisi: ciò accade nelle cellule muscolari, in seguito a lavoro intenso; il rifornimento di ossigeno è insufficiente per l aumentata richiesta, e ciò esclude i mitocondri dalla ossidazione del piruvato. In tali condizioni le cellule non riescono a scindere il glucosio in biossido di carbonio e acqua, per cui si fermano all acido piruvico, che viene convertito in acido lattico. Nel muscolo si determina uno stato di intossicazione cellulare: la cellula quindi è costretta a produrre acido lattico anche a scapito della buona salute del corredo enzimatico; ciò avviene perché nella seconda fase della glicolisi la trasformazione della gliceraldeide-3-p in 1,3-difosfoglicerato è caratterizzata dalla riduzione di una molecola di NAD. Il NAD sottrae un idrogeno al substrato trasformandosi in NADH. Le riserve cellulari di NAD non sono infinite: perché la glicolisi possa procedere è necessario che il NADH sia riossidato a NAD. In condizioni aerobie (in presenza di attività mitocondriale) non c è problema; in assenza di ossigeno la cellula non ha trovato di meglio che riossidare il NADH a spese del piruvato (che, caricatosi dell idrogeno rilasciato dal NADH, si trasforma in lattato). La glicolisi può continuare ma l acido lattico si accumula e abbassa il ph citoplasmatico, rallentando diverse attività enzimatiche come quelle preposte alla fase di ristoro.

4

5 CICLO DI KREBS L acido piruvico, in PRESENZA DI OSSIGENO, si trasforma in radicale acetato, che a sua volta, legandosi al coenzima A, forma l acetil.-coa; questo composto attraversa le membrane mitocondriali e entra nella matrice, dove innesca il ciclo di Krebs (o degli acidi tricarbossilici, o dell acido citrico). Nella MATRICE l acetato viene decarbossilato e deidrogenato dai vari enzimi solubili contenuti nella matrice, con produzione di CO 2 e di coenzimi ridotti (NAHD E FADH 2 ). La partecipazione dell acetil-coa al ciclo è importante perché l acido acetico è anche uno dei prodotti della demolizione delle proteine e dei grassi. Per tale motivo anche proteine e grassi possono essere utilizzati come fonte di energia, infatti, nel citoplasma il piruvato, gli aminoacidi e gli acidi grassi vengono trasformati in acetato, che si lega al coenzima A che può essere ossidato dai mitocondri. Il ciclo inizia con l unione dell acetil-coa a una molecola di ossalacetato (composto a 4 atomi di C). Si forma l acido citrico (6 atomi di C) che, attraverso 7 reazioni, mediate da altrettanti enzimi, è smontato e dà luogo a un altra molecola di ossalacetato, liberando due atomi di C sotto forma di CO 2. Per ogni ciclo si producono due molecole di CO 2 a partire da altrettanti atomi di C facenti parte dell acetil-coa; l asportazione di elettroni ad alta energia da questa molecola si accompagna alla riduzione di 3 molecole del NAD e di una di FAD. Tramite l intermedio guanosintrifosfato (GTP) la reazione produce anche una molecola di ATP. Il ciclo non deve essere però considerato un ciclo energetico: la sua importanza è legata alla produzione di NADH e FADH 2, che per riossidarsi devono cedere idrogeno alla CATENA RESPIRATORIA, i cui componenti sono sulla MEMBRANA MITOCONDRIALE INTERNA. Nel corso di queste reazioni gli atomi di idrogeno che il NAD+ e il FAD+ avevano strappato ai substrati vengono scissi in protoni e elettroni. I protoni sono inviati nella camera esterna, e gli elettroni sono convogliati,

6 lungo la catena respiratoria, verso l ossigeno. L energia racchiusa nella differenza di potenziale tra camera esterna e camera interna del mitocondrio è usata per la conversione dell ADP in ATP: questo processo è detto fosforilazione ossidativa, mentre si chiama catena respiratoria il parallelo processo di trasferimento degli elettroni, da NADH e FADH 2 all ossigeno molecolare (con formazione di acqua come prodotto terminale). TRASPORTO DEGLI ELETTRONI E FOSFORILAZIONE OSSIDATIVA Teoria CHEMIOSMOTICA: l energia necessaria per caricare una molecola di ADP trasformandola in ATP, deriva dal gradiente elettrochimico creatosi grazie alle differenze nella concentrazione di protoni tra le camere mitocondriali; l energia legata a tale gradiente verrebbe sfruttata da enzimi della membrana interna mitocondriale (ATPsintetasi o particelle F 1 ) per costruire ATP. Gli enzimi della catena respiratoria hanno il solo compito di pompare i protoni pervenuti con i NADH e i FADH 2, fuori della membrana mitocondriale (nella camera esterna). Il flusso protonico di ritorno mette in funzione le ATP sintetasi, fornendo l energia necessaria per compiere la trasformazione ADP ATP. Quindi la proprietà chiave dell enzima preposto alla fosforilazione

7 ossidativa è quella di poter utilizzare l energia di un gradiente di concentrazione protonica per trasferirla come energia di legame all ATP. Il flusso protonico è garantito dagli enzimi della catena respiratoria, capaci di espellere protoni attraverso la membrana stessa (impermeabile agli elettroni). Questi enzimi collegano i coenzimi ridotti (NADH e FADH 2 ) derivati dal ciclo di Krebs con l ossigeno molecolare introdotto con la respirazione; quest ultimo accetta elettroni e una parte dei protoni formando acqua. Ai due capi della lunga catena formata dagli enzimi respiratori si verifica un ampia caduta del potenziale di ossidoriduzione in quanto varia l affinità per gli elettroni durante il loro spostamento lungo la catena (da -320mV della miscela NADH-NAD+ ai +820mV della miscela terminale O 2 -H 2 O). Questa ddp che si traduce in una differenza di ph (acido nella camera esterna) mette in moto la pompa protonica e di conseguenza attiva la fosforilazione ossidativa. Ciò avviene perché l elevata concentrazione protonica esterna causa un flusso di protoni attraverso un canale polare scavato nella proteina F 0 ; tale proteina fa parte della membrana della creste mitocondriali e fa da base alla proteina F 1 (ATP-sintetasi). Il NADH trasportatore di protoni cede protoni all ossigeno molecolare introdotto con la respirazione nel mitocondrio riducendolo ad acqua; ciò comporta la cessione di energia (reazione esoergonica). NADH + H+ + ½ O 2 NAD + + H 2 O + 52,7 Kcal Grazie alle particelle F 0 -F 1 la reazione è accoppiata con la fosforilazione di 3 molecole di ADP, convertite in ATP. 3ADP + 3P + 21,9 Kcal 3ATP + 3 H 2 O

8 BILANCIO ENERGETICO MITOCONDRIALE Inefficienza della glicolisi La glicolisi (citoplasma) ricava appena 2 ATP e 2 NADH da una molecola di glucosio: è un meccanismo assai poco efficiente dal punto di vista energetico. Tutti gli organismi Eucarioti sono perciò provvisti di mitocondri, straordinari convertitori di energia, capaci di ricavare ben 36 ATP (di concerto con la glicolisi) da ogni molecola di glucosio. Vengono incorporate sotto forma di ATP ben 262,8 delle 680 Kcal potenzialmente presenti in questo zucchero (rendimento del 40%). La teoria simbiontica considera i mitocondri come discendenti di batteri aerobici, accettati stabilmente nel citoplasma eucariotico in quanto abilissimi trasformatori di

9 energia (in effetti nei batteri aerobici attuali si trovano tutti gli enzimi della glicolisi, quelli del ciclo di Krebs e quelli della catena respiratoria). Bilancio energetico 1. Dalla glicolisi citoplasmatica: 2 ATP e 2 NADH, oltre 2 molecole di piruvato che vengono avviate ai mitocondri. Le 2 ATP sono usate per il trasporto dei NADH alle creste mitocondriali. 2. Nella matrice mitocondriale gli enzimi del ciclo di Krebs ossidano le 2 molecole di acetato (derivate dal piruvato) liberando molecole di CO2 e producendo 2 ATP, 8 NAHD e 2 FADH Nella catena di trasporto degli elettroni sulle creste si ottengono 34 ATP (3 da ciascuna delle 10 molecole di NADH, 2 delle quali sono state prodotte durante la glicolisi, e 2 da ogni FADH 2 ) con liberazione di acqua. In totale quindi si formano 36 ATP da ciascuna molecola di glucosio.

Metabolismo: Introduzione

Metabolismo: Introduzione Metabolismo: Introduzione METABOLISMO Insieme delle reazioni chimiche coordinate e integrate che hanno luogo in tutte le cellule C A T A B O L I S M O Ossidazioni esoergoniche Alimenti: Carboidrati Lipidi

Dettagli

Da dove prendono energia le cellule animali?

Da dove prendono energia le cellule animali? Da dove prendono energia le cellule animali? La cellula trae energia dai legami chimici contenuti nelle molecole nutritive Probabilmente le più importanti sono gli zuccheri, che le piante sintetizzano

Dettagli

Infatti il glucosio viene bruciato in presenza di ossigeno e l'energia liberata, immagazzinata sotto forma di ATP

Infatti il glucosio viene bruciato in presenza di ossigeno e l'energia liberata, immagazzinata sotto forma di ATP I mitocondri sono gli organuli responsabili della produzione di energia necessaria alla cellula per crescere e riprodursi. Queste reazioni, che nel loro insieme costituiscono il processo di "respirazione

Dettagli

Il ciclo dell acido citrico

Il ciclo dell acido citrico Il ciclo dell acido citrico Il catabolismo di proteine, grassi e carboidrati avviene nelle tre fasi della respirazione cellulare Il piruvato viene ossidato ad acetil-coa e CO 2 La decarbossilazione

Dettagli

METABOLISMO E SISTEMI ENERGETICI

METABOLISMO E SISTEMI ENERGETICI METABOLISMO E SISTEMI ENERGETICI 1 Obiettivi della lezione 1) Capire come l organismo converta il cibo che ingeriamo in ATP per fornire ai muscoli l energia che essi necessitano per contrarsi. 2) Esaminare

Dettagli

CELLULE EUCARIOTICHE

CELLULE EUCARIOTICHE CELLULE EUCARIOTICHE Le cellule eucariotiche sono di maggiori dimensioni, rispetto a quelle procariotiche (almeno 10 volte più grandi) Oltre a: membrana plasmatica, citoplasma, DNA e ribosomi (comuni a

Dettagli

METABOLISMO DEL Glucosio

METABOLISMO DEL Glucosio METABLISM DEL Glucosio Il metabolismo del glucosio può essere suddiviso nelle seguenti vie metaboliche: Glicolisi ssidazione del glucosio in acido piruvico e acido lattico. Via del pentoso fosfato Via

Dettagli

ENZIMI CINETICA ENZIMATICA

ENZIMI CINETICA ENZIMATICA ENZIMI PERCHE UNA REAZIONE AVVENGA, SI DEVONO SODDISFARE TRE CONDIZIONI I SUBSTRATI DEVONO ENTRARE IN COLLISIONE LA COLLISIONE DEVE AVVENIRE CON ORIENTAMENTO CORRETTO I REAGENTI DEVONO AVERE ENERGIA SUFFICIENTE

Dettagli

Metabolismo degli amminoacidi

Metabolismo degli amminoacidi Metabolismo degli amminoacidi Gli amminoacidi derivati in gran parte dalla degradazione delle proteine della dieta o intracellulari possono essere ossidati per generare e energia. La quantità di energia

Dettagli

LA RESPIRAZIONE CELLURARE

LA RESPIRAZIONE CELLURARE LA RESPIRAZIONE CELLURARE La respirazione cellulare è il meccanismo attraverso cui la cellula, in presenza di ossigeno, è in grado di ricavare energia.la sede di questo processo è il mitocondrio. I mitocondri

Dettagli

Catena di Trasporto degli elettroni

Catena di Trasporto degli elettroni Chimica Biologica A.A. 2010-2011 Catena di Trasporto degli elettroni Marco Nardini Dipartimento di Scienze Biomolecolari e Biotecnologie Università di Milano Respirazione - il catabolismo di tutti i combustibili

Dettagli

Il potenziale di riduzione standard (E 0 ) è una misura (in volt) di questa affinità e viene determinato in un esperimento di questo tipo:

Il potenziale di riduzione standard (E 0 ) è una misura (in volt) di questa affinità e viene determinato in un esperimento di questo tipo: Nella fosforilazione ossidativa il potenziale di trasferimento degli elettroni del NADH e del FADH 2 viene convertito nel potenziale di trasferimento del gruppo fosforico dell ATP ATP. Quando due coppie

Dettagli

Metabolismo degli aminoacidi

Metabolismo degli aminoacidi Metabolismo degli aminoacidi Quando gli aminoacidi provenienti dalla digestione gastrica e intestinale, non vengono utilizzati per la costruzione di nuove proteine vengono demoliti Transaminazione Per

Dettagli

Il metabolismo microbico

Il metabolismo microbico Il metabolismo microbico Il metabolismo microbico 1. ALTA CAPACITA METABOLICA 2.GRANDE VERSATILITA METABOLICA Clostridi Respirazione anaerobia Utilizzazione di composti inorganici come fonte di energia

Dettagli

http://sds.coniliguria.it 1

http://sds.coniliguria.it 1 Aspetti metabolici dell esercizio fisico Genova 22 gennaio 2011 A cura di Attilio TRAVERSO http://sds.coniliguria.it 1 L allenamento produce modificazioni fisiologiche (adattamenti) in quasi tutti i sistemi

Dettagli

Esempio di domande possibili alla prova orale di Biochimica AA 2011-12 Farmacia1 - FERIOTTO

Esempio di domande possibili alla prova orale di Biochimica AA 2011-12 Farmacia1 - FERIOTTO Esempio di domande possibili alla prova orale di Biochimica AA 2011-12 Farmacia1 - FERIOTTO Lo studente spieghi: - Geometria dei legami del carbonio. - Principali gruppi funzionali delle biomolecole. -

Dettagli

Metabolismo dei composti azotati: aminoacidi e nucleotidi

Metabolismo dei composti azotati: aminoacidi e nucleotidi Metabolismo dei composti azotati: aminoacidi e nucleotidi Metabolismo degli aminoacidi I composti azotati L azoto contenuto nella cellula è presente soprattutto negli AMINOACIDI delle proteine e nelle

Dettagli

ogni anno 200 miliardi di tonnellate di CO 2 vengono convertite in biomassa

ogni anno 200 miliardi di tonnellate di CO 2 vengono convertite in biomassa ogni anno 200 miliardi di tonnellate di CO 2 vengono convertite in biomassa La maggior parte di questo carbonio viene incorporato in composti organici attraverso le reazioni di riduzione del carbonio associate

Dettagli

Metabolismo degli amminoacidi. Ciclo dell urea

Metabolismo degli amminoacidi. Ciclo dell urea Metabolismo degli amminoacidi Ciclo dell urea Biosintesi di amminoacidiporfirine, creatina, carnitina, ormoni, nucleotidi Gli amminoacidi possono subire una degradazione ossidativa in 3 diverse situazioni

Dettagli

I Composti Organici. Le Biomolecole

I Composti Organici. Le Biomolecole I Composti Organici I composti organici sono molecole tutte contenenti carbonio. Essi comprendono. 1. composti di interesse energetico che sono gli Idrocarburi ( i derivati del petrolio), 2. composti a

Dettagli

LA VITA DELLE CELLULE

LA VITA DELLE CELLULE PRESENTAZIONE 1. In Il fenomeno umano, 1 soprattutto nelle prime due parti dedicate alla Previta e alla Vita, vi sono dei concetti che descrivono con grande perizia una realtà globale forse non ancora

Dettagli

Tecnologia e Tradizione nella produzione del vino

Tecnologia e Tradizione nella produzione del vino Scuola secondaria di 1 grado A. Moro Mesagne Tecnologia e Tradizione nella produzione del vino BRINDISI DOC Vino rosso a denominazione di origine controllata prodotto nella zona di Mesagne e Brindisi A

Dettagli

DISCIPLINA CHIMICA ORGANICA E LABORATORIO A.S. 2013-2014

DISCIPLINA CHIMICA ORGANICA E LABORATORIO A.S. 2013-2014 DISCIPLINA CHIMICA ORGANICA E LABORATORIO A.S. 2013-2014 Personale dei docenti Loredana Decarlo Mascaro Salvatore per la classe V CH. Serale 1) PREREQUISITI Conoscenza dei gruppi funzionali e dei modelli

Dettagli

Domande relative alla specializzazione in: Biochimica clinica

Domande relative alla specializzazione in: Biochimica clinica Domande relative alla specializzazione in: Biochimica clinica Domanda #1 (codice domanda: n.403) : Nell'ibridazione fluorescente in situ (Fluorescent in situ hybridization "FISH"), che tipo di sonde fluorescenti

Dettagli

GLUCOSIO GLUCOSIO-6-FOSFATO ISOMERASI FRUTTOSIO-6-FOSFATO ATP FRUTTOSIO-1,6-DIFOSFATO ALDOLASI ISOMERASI

GLUCOSIO GLUCOSIO-6-FOSFATO ISOMERASI FRUTTOSIO-6-FOSFATO ATP FRUTTOSIO-1,6-DIFOSFATO ALDOLASI ISOMERASI GLUCOSIO ESOCHINASI (costitutivo) inibizione feed-back GLUCOCHINASI (induttivo) GLUCOSIO-6-FOSFATO ISOMERASI - 2 FRUTTOSIO-6-FOSFATO FOSFOFRUTTOCINASI allosterico reg +: e Fr-2,6-dP reg -:, citrato FRUTTOSIO-1,6-DIFOSFATO

Dettagli

Cofattori e vitamine

Cofattori e vitamine Enzimi: concetti di base e meccanismi di catalisi enzimatica a. Classificazione, meccanismo d azione b. Esempi di reazioni catalizzate c. Descrizione di alcune tipiche proteine enzimatiche. Cofattori e

Dettagli

Nota dell editore Presentazione

Nota dell editore Presentazione 00PrPag 3-08-2007 11:42 Pagina V Autori Nota dell editore Presentazione XI XIII XV Parte I Chimica 1 Struttura dell atomo 3 Teorie atomiche 3 Costituenti dell atomo 4 Numeri quantici 5 Tipi di orbitali

Dettagli

Metabolismo di proteine e aminoacidi nel muscolo

Metabolismo di proteine e aminoacidi nel muscolo Metabolismo di proteine e aminoacidi nel muscolo L equilibrio tra proteolisi e sintesi determina la crescita, l ipertrofia e l atrofia del muscolo L equilibrio è anche importante per l omeostasi generale

Dettagli

Gli enzimi. L azione degli enzimi è caratterizzata da alcune proprietà fondamentali:

Gli enzimi. L azione degli enzimi è caratterizzata da alcune proprietà fondamentali: Gli enzimi Nel metabolismo energetico le cellule producono notevoli quantità di CO 2 che deve essere eliminata con l apparato respiratorio. Il trasferimento della CO 2 dalle cellule al sangue e da esso

Dettagli

Corso Preparatori Atletici Professionisti 2007. Adattamento aerobico. Simone Germano

Corso Preparatori Atletici Professionisti 2007. Adattamento aerobico. Simone Germano Corso Preparatori Atletici Professionisti 2007 Adattamento aerobico Simone Germano Adattamento aerobico Alcune precisazioni. Capacità aerobica: E la capacità di sopportare il più a lungo possibile uno

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE IRIS VERSARI - Cesano Maderno (MB) PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE Indirizzo: LICEO SCIENTIFICO LICEO SCIENTIFICO Scienze Applicate LICEO TECNICO ISTITUTO TECNICO

Dettagli

APPUNTI SINTETICI DI TEORIA

APPUNTI SINTETICI DI TEORIA APPUNTI SINTETICI DI TEORIA In ogni attività fisica o sportiva vi sono varie modalità per produrre l energia necessaria alla contrazione muscolare; inoltre, a seconda del tipo di gesto compiuto, variano

Dettagli

Regolazione della trascrizione. Operoni catabolici nei procarioti (controllo negativo)

Regolazione della trascrizione. Operoni catabolici nei procarioti (controllo negativo) Regolazione della trascrizione Operoni catabolici nei procarioti (controllo negativo) I geni possono essere accesi e spenti In un organismo pluricellulare adulto, vi sono molti tipi di cellule differenti,

Dettagli

Si tratta di corpiccioli di natura ribonucleoproteica che nel citoplasma di tutte le cellule presiedono ai processi di sintesi proteica.

Si tratta di corpiccioli di natura ribonucleoproteica che nel citoplasma di tutte le cellule presiedono ai processi di sintesi proteica. I R I BOSOM I I RIBOSOMI sono organuli citoplasmatici presenti in tutte le cellule, sia procariotiche che eucariotiche. Sono visibili al M.O. solo quando presenti in gran numero, (come capita nelle cellule

Dettagli

IL PROCESSO DI FERMENTAZIONE: protagonista da sempre nella cultura dei popoli. Vendemmia egizia, tomba tebana di Nakht. 1425 ca.

IL PROCESSO DI FERMENTAZIONE: protagonista da sempre nella cultura dei popoli. Vendemmia egizia, tomba tebana di Nakht. 1425 ca. IL PROCESSO DI FERMENTAZIONE: protagonista da sempre nella cultura dei popoli Vendemmia egizia, tomba tebana di Nakht. 1425 ca. Nel corso della storia il vino 8000 a.c. ca Caucaso, fermentazione accidentale

Dettagli

Meccanismi di trasporto attivo e passivo 1

Meccanismi di trasporto attivo e passivo 1 Meccanismi di trasporto attivo e passivo 1 Il trasporto di sostanze attraverso la membrana cellulare può avvenire con la partecipazione attiva della membrana: in questo caso si parla di trasporto attivo

Dettagli

SEZIONE 1. I nutrienti 1. NUTRIENTI ENERGETICI 2. NUTRIENTI INORGANICI 3. VITAMINE

SEZIONE 1. I nutrienti 1. NUTRIENTI ENERGETICI 2. NUTRIENTI INORGANICI 3. VITAMINE SEZIONE 1 I nutrienti 1. NUTRIENTI ENERGETICI 2. NUTRIENTI INORGANICI 3. VITAMINE 1. NUTRIENTI ENERGETICI 1.1 GENERALITÀ Da un punto di vista termodinamico, possiamo considerarci un sistema aperto, cioè

Dettagli

-uno o più IONI INORGANICI

-uno o più IONI INORGANICI Coenzimi e vitamine Alcuni enzimi, per svolgere la loro funzione, hanno bisogno di componenti chimici addizionali, i COFATTORI APOENZIMA + COFATTORE = OLOENZIMA = enzima cataliticamente attivo Il cofattore

Dettagli

RELAZIONE E PROGRAMMA FINALE DI BIOCHIMICA e BIOLOGIA MOLECOLARE

RELAZIONE E PROGRAMMA FINALE DI BIOCHIMICA e BIOLOGIA MOLECOLARE Allegato A Istituto paritario di Istruzione Secondaria Superiore Ivo de Carneri Civezzano Indirizzo I.T.A.S. indirizzo Biologico RELAZIONE E PROGRAMMA FINALE DI BIOCHIMICA e BIOLOGIA MOLECOLARE A.S. 2012/2013

Dettagli

9. Test ufficiali assegnati alle prove di selezione dei corsi di laurea in Scienze motorie

9. Test ufficiali assegnati alle prove di selezione dei corsi di laurea in Scienze motorie 9. Test ufficiali assegnati alle prove di selezione dei corsi di laurea in Scienze motorie 9.1 PROVA N. 1 Biologia TEST DI VERIFICA S O L U Z I O N I A P A G I N A 2 8 7 9 01 Il colon fa parte di: a intestino

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE IRIS VERSARI - Cesano Maderno (MB) PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE Indirizzo: LICEO SCIENTIFICO LICEO SCIENTIFICO Scienze Applicate LICEO TECNICO ISTITUTO TECNICO

Dettagli

Biologia, microbiologia e biotecnologie

Biologia, microbiologia e biotecnologie Idee per il tuo futuro Fabio Fanti Biologia, microbiologia e biotecnologie Biotecnologie di controllo sanitario SCIENZE Fabio Fanti Biologia, microbiologia e biotecnologie Biotecnologie di controllo sanitario

Dettagli

Energia chimica. muscolo. Energia meccanica

Energia chimica. muscolo. Energia meccanica Energia chimica muscolo Energia meccanica ! " # " Muscolo scheletrico Connettivo Fibre muscolari Vasi sanguigni Nervi Reticolo sarcoplasmatico Miofibrille Sarcolemma Tubuli T Nuclei Sarcoplasma Mitocondri

Dettagli

4 - LE FONTI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA. Le fibre muscolari

4 - LE FONTI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA. Le fibre muscolari 40 4 - LE FONTI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA Le fibre muscolari È noto che la qualità della contrazione di un muscolo dipende, essenzialmente dalla percentuale del tipo di fibre che lo compongono. La dotazione

Dettagli

Il Metabolismo Energetico 1. Bilancio Quantitativo tra Apporto di Energia e Dispendio Energetico

Il Metabolismo Energetico 1. Bilancio Quantitativo tra Apporto di Energia e Dispendio Energetico Il Metabolismo Energetico 1. Bilancio Quantitativo tra Apporto di Energia e Dispendio Energetico Prof. Carlo Capelli Fisiologia Facoltà di Scienze Motorie, Università degli Studi Verona Obiettivi Energia

Dettagli

DISCIPLINA. CHIMICA ORGANICA A.S. 2013/2014

DISCIPLINA. CHIMICA ORGANICA A.S. 2013/2014 DISCIPLINA. CHIMICA ORGANICA A.S. 2013/2014 di dipartimento X individuale dei docenti: Maria Grazia Sannazzaro, Mirella Toffoletto per la/e classe V CHA 1) PREREQUISITI Conoscenza dei gruppi funzionali

Dettagli

LE TRASFORMAZIONI combustione e ossidazione

LE TRASFORMAZIONI combustione e ossidazione LE TRASFORMAZIONI combustione e ossidazione DIARIO DI BORDO Prof.ssa LOPALCO CONCETTA 2^ classe dell ITIS Lanoce di MAGLIE (Le) Percorso didattico sul tema TRASFORMAZIONI (combustione e ossidazione) sviluppato

Dettagli

ENERGIA: FORME UTILIZZATE DALLE CELLULE

ENERGIA: FORME UTILIZZATE DALLE CELLULE ENERGIA: FORME UTILIZZATE DALLE CELLULE NEI PROCESSI ANABOLICI - CHIMICA (ENERGIA METABOLICA): ATP ATP ADP + Pi + Energia che viene utilizzata per "far andare avanti" reazioni chimiche che "vorrebbero

Dettagli

V. TRASCRIZIONE E TRADUZIONE DEL DNA

V. TRASCRIZIONE E TRADUZIONE DEL DNA V. TRASCRIZIONE E TRADUZIONE DEL DNA 0) CONCETTI BASE La trasformazione delle informazioni genetiche in proteine richiede due passaggi: la trascrizione del DNA in mrna e la traduzione dell mrna in una

Dettagli

TIAMINA (vitamina B1, aneurina)

TIAMINA (vitamina B1, aneurina) TIAMINA (vitamina B1, aneurina) Fonti alimentari: cereali integrali (germe e crusca), carne (maiale), lievito di birra, legumi Abbondanza nell organismo umano : 30-100 mg RDA (assunzione giornaliera di

Dettagli

SOLUZIONI DEGLI ESERCIZI

SOLUZIONI DEGLI ESERCIZI Niccolò Taddei - Biochimica Capitolo 8 IL METABOLISMO DEI COMPOSTI AZOTATI 1 Gli amminoacidi sono coinvolti prevalentemente in processi plastici di sintesi e di degradazione, grazie ai quali le cellule

Dettagli

LICEO ARTISTICO P. GOBETTI OMEGNA PIANO DI LAVORO ANNUALE. Anno scolastico 2012-2013. CLASSE II A Musicale SCIENZE BIOLOGIA.

LICEO ARTISTICO P. GOBETTI OMEGNA PIANO DI LAVORO ANNUALE. Anno scolastico 2012-2013. CLASSE II A Musicale SCIENZE BIOLOGIA. LICEO ARTISTICO P. GOBETTI OMEGNA PIANO DI LAVORO ANNUALE Anno scolastico 2012-2013 CLASSE II A Musicale SCIENZE BIOLOGIA 2 ore settimanali Docente: Prof.ssa Negri Maria Rosa Testo: Le basi della Biologia

Dettagli

Individuare e rappresentare, elaborando argomentazioni coerenti, collegamenti e relazioni tra i diversi ambiti delle scienze

Individuare e rappresentare, elaborando argomentazioni coerenti, collegamenti e relazioni tra i diversi ambiti delle scienze IIS FERMI GALILEI TAVOLA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE Materie:, e Chimica Classi 2 e Liceo Scientifico A.S. 2013/2014 Competenze chiave trasversali di cittadinanza 1. imparare ad imparare

Dettagli

Abbiamo visto quali siano gli elementi di cui i microrganismi hanno bisogno per crescere, e

Abbiamo visto quali siano gli elementi di cui i microrganismi hanno bisogno per crescere, e - 48 - IL METABOLISMO Abbiamo visto quali siano gli elementi di cui i microrganismi hanno bisogno per crescere, e come queste molecole siano assunte dalla cellula. Abbiamo analizzato la crescita, plantonica

Dettagli

CARBOSSILAZIONE/OSSIGENAZIONE

CARBOSSILAZIONE/OSSIGENAZIONE CARBOSSILAZIONE/OSSIGENAZIONE COSA SUCCEDE SE LA TEMPERATURA AUMENTA? LEGGE DI HENRY: a T costante, la quantità di un gas che si scioglie in un dato liquido è proporzionale alla pressione parziale del

Dettagli

Prof. Maria Nicola GADALETA DISPENSA N. 18

Prof. Maria Nicola GADALETA DISPENSA N. 18 Prof. Maria Nicola GADALETA E-mail: m.n.gadaleta@biologia.uniba.it Facoltà di Scienze Biotecnologiche Corso di Laurea in Biotecnologie Sanitarie e Farmaceutiche Biochimica e Tecnologie Biochimiche DISPENSA

Dettagli

Mediatore chimico. Recettore. Trasduzione del segnale. Risposta della cellula

Mediatore chimico. Recettore. Trasduzione del segnale. Risposta della cellula Mediatore chimico Recettore Trasduzione del segnale Risposta della cellula I mediatori chimici sono prodotti da cellule specializzate e sono diffusi nell organismo da apparati di distribuzione Sistemi

Dettagli

TEST D AMMISSIONE. Corso di Laurea in Biotecnologie Anno accademico 2003-2004

TEST D AMMISSIONE. Corso di Laurea in Biotecnologie Anno accademico 2003-2004 TEST D AMMISSIONE Corso di Laurea in Biotecnologie Anno accademico 2003-2004 MATEMATICA, FISICA E INFORMATICA 1. Le due rette y = 2 e y = -3x + 2 si incontrano per x uguale a: A 0 B - 3 C + 2 D - 2 E -

Dettagli

PIANO DIDATTICO CLASSE II BIOLOGIA ANNO SCOLASTICO 2010 2011 PERCORSO FORMATIVO

PIANO DIDATTICO CLASSE II BIOLOGIA ANNO SCOLASTICO 2010 2011 PERCORSO FORMATIVO Liceo Scientifico Statale Vito Volterra - Ciampino PIANO DIDATTICO CLASSE II BIOLOGIA ANNO SCOLASTICO 2010 2011 Finalità - Comprensione del testo e sua utilizzazione come strumento conoscitivo - Sviluppo

Dettagli

LEZIONI DI BIOCHIMICA Docente: Prof D.F.Condorelli

LEZIONI DI BIOCHIMICA Docente: Prof D.F.Condorelli orso di Laurea in Scienze delle Attività Motorie e Sportive LEZINI DI BIIMIA Docente: Prof D.F.ondorelli GLUSI GLUSI AIDI GRASSI AIDI GRASSI PIRUVAT 2 2 PIRUVAT 2 2 ssalacetato + Acetil-oA ssalacetato

Dettagli

Elenco Ordinato per Materia - Biologia

Elenco Ordinato per Materia - Biologia Elenco Ordinato per Materia - Biologia Qual è la funzione dell'emoglobina? D (A) Trasportare ferro (B) Trasportare i sali necessari al nostro corpo (C) Trasportare energia X(D) Trasportare ossigeno Quale

Dettagli

Strutture molecolari della cellula: Bio-macromolecole. Prof. C. Guarino

Strutture molecolari della cellula: Bio-macromolecole. Prof. C. Guarino Strutture molecolari della cellula: Bio-macromolecole Prof. C. Guarino INTRO Ogni cellula vivente racchiude una pluralità di molecole diverse L acqua è l elemento dominante, nelle cellule vegetali e nei

Dettagli

LA BIOCHIMICA DEL MUSCOLO

LA BIOCHIMICA DEL MUSCOLO LA BIOCHIMICA DEL MUSCOLO Le attuali conoscenze sulla contrazione muscolare si basano sul modello a scorrimento dei filamenti. Il muscolo scheletrico comprende circa il 40% della massa corporea ed è formato

Dettagli

IL FLUSSO DI ENERGIA, MATERIA E INFORMAZIONE

IL FLUSSO DI ENERGIA, MATERIA E INFORMAZIONE 3 IL FLUSSO DI ENERGIA, MATERIA E INFORMAZIONE 3.1 Introduzione I sistemi biologici (cellula, organismo, popolazione, ecosistema) sono parte dell'universo e come tali rispondono alle leggi della Fisica.

Dettagli

Elementi di Cinetica Enzimatica

Elementi di Cinetica Enzimatica Elementi di Cinetica Enzimatica Dalla Termodinamica sappiamo che una reazione chimica può avvenire solo se il G è minore di zero. Riferiamoci alla ben nota reazione A): reazione A) ATP + H 2 O ADP + P

Dettagli

CAP. 3 Molecole organiche degli organismi: carboidrati, lipidi, amminoacidi, proteine, acidi nucleici.

CAP. 3 Molecole organiche degli organismi: carboidrati, lipidi, amminoacidi, proteine, acidi nucleici. CAP. 3 Molecole organiche degli organismi: carboidrati, lipidi, amminoacidi, proteine, acidi nucleici. 3.1 Molecole organiche degli organismi 3.1.1 I carboidrati CARBOIDRATI: comprendono zuccheri semplici

Dettagli

METABOLISMO LIPIDICO. Gli ac. grassi sono ossidati o incorporati in trigliceridi di riserva. Lipidi introdotti con gli alimenti.

METABOLISMO LIPIDICO. Gli ac. grassi sono ossidati o incorporati in trigliceridi di riserva. Lipidi introdotti con gli alimenti. METABOLISMO LIPIDICO cistifellea Lipidi introdotti con gli alimenti Gli ac. grassi sono ossidati o incorporati in trigliceridi di riserva inestino I lipidi sono emulsionati dai sali biliari e resi accessibili

Dettagli

TIPI DI CELLULE : PROCARIOTE ED EUCARIOTE

TIPI DI CELLULE : PROCARIOTE ED EUCARIOTE TIPI DI CELLULE : PROCARIOTE ED EUCARIOTE Tutti i tipi cellulari presenti sul nostro pianeta appartengono ad uno di due gruppi fondamentali: procarioti ed eucarioti. I termini procariota (dal greco pro

Dettagli

PROGRAMMA di BIOLOGIA/MICROBIOLOGIA per la classe IIIB Tecnologico

PROGRAMMA di BIOLOGIA/MICROBIOLOGIA per la classe IIIB Tecnologico PROGRAMMA di BIOLOGIA/MICROBIOLOGIA per la classe IIIB Tecnologico Prof. Bozzato Andrea Prof.ssa Rosa Monica (Laboratorio) Il libro di testo è: Terra Ed. Verde, autori E.L.Palmieri, M.Parotto casa editrice

Dettagli

Fissazione dell azoto atmosferico. Conversione di N 2. in Ammoniaca: N 2 + 3 H 2 2 NH 3

Fissazione dell azoto atmosferico. Conversione di N 2. in Ammoniaca: N 2 + 3 H 2 2 NH 3 Ciclo dell Azoto: insieme dei processi di trasformazione delle varie forme di azoto presenti nell ambiente Fissazione N 2 dell azoto atmosferico Conversione di N 2 in Ammoniaca: N 2 + 3 H 2 2 NH 3 Combustioni,

Dettagli

- CINETICA ENZIMATICA

- CINETICA ENZIMATICA - CINETICA ENZIMATICA ENZIMI: - CATALIZZATORI aumenta la V di una reazione chimica senza subire trasformazioni durante l intero processo - PROTEINE gli enzimi sono proteine di struttura 3 o talora 4 -

Dettagli

N 13 FISIOLOGIA DEL SISTEMA MUSCOLARE

N 13 FISIOLOGIA DEL SISTEMA MUSCOLARE N 13 FISIOLOGIA DEL SISTEMA MUSCOLARE I muscoli sono organi che, in seguito ad uno stimolo nervoso, si contraggono provocando il movimento delle ossa a cui sono collegati; i muscoli, in questo modo, riducono

Dettagli

Database Quiz Facoltà di Farmacia Elenco Ordinato per Materia - Biologia [B,1] Uno zucchero, un gruppo fosfato e una base azotata formano: D (A) il

Database Quiz Facoltà di Farmacia Elenco Ordinato per Materia - Biologia [B,1] Uno zucchero, un gruppo fosfato e una base azotata formano: D (A) il Database Quiz Facoltà di Farmacia Elenco Ordinato per Materia - Biologia [B,1] Uno zucchero, un gruppo fosfato e una base azotata formano: D (A) il DNA (B) le proteine (C) un ormone X(D) un nucleotide

Dettagli

FOTOSINTESI: LA FASE LUMINOSA

FOTOSINTESI: LA FASE LUMINOSA FOTOSINTESI: LA FASE LUMINOSA Un video : Clic Premessa (I) In questa lezione si esamina in dettaglio la serie di reazioni che trasformano l'energia solare in energia chimica fino alla sintesi di ATP e

Dettagli

NUTRIGENOMICA NAPOLI 30/ 31 MARZO 2009

NUTRIGENOMICA NAPOLI 30/ 31 MARZO 2009 NUTRIGENOMICA NAPOLI 30/ 31 MARZO 2009 Manifestazione sul tema Bellessere Informazioni presso ufficio stampa auregon http://www.auregon.it/bellessere Relatore Paolo Manzelli

Dettagli

Le vitamine sono sostanze organiche essenziali, molte di queste infatti non possono essere sintetizzate dall organismo

Le vitamine sono sostanze organiche essenziali, molte di queste infatti non possono essere sintetizzate dall organismo Le vitamine sono sostanze organiche essenziali, molte di queste infatti non possono essere sintetizzate dall organismo Sono precursori di molti coenzimi Il fabbisogno di queste sostanze dipende dalla vitamina

Dettagli

La catalasi: un enzima in azione

La catalasi: un enzima in azione Percorso di Didattica laboratoriale La catalasi: un enzima in azione Scuola Secondaria di Secondo Grado IISS - IPSIA E. Majorana Bari Classe IV B Docente: Miralma Serio Organizzatore cognitivo: Le trasformazioni

Dettagli

Ruolo metabolico delle flavine

Ruolo metabolico delle flavine Ruolo metabolico delle flavine Deidrogenasi flaviniche che trasferiscono 2 elettroni Acil CoA deidrogenasi (beta ossidazione acidi grassi) Diidrolipoildeidrogenasi (complessi piruvato dh etc.) Glutatione

Dettagli

Livello di organizzazione degli esseri viventi

Livello di organizzazione degli esseri viventi Livello di organizzazione degli esseri viventi _Organismo; _Apparato; _Organo; _Tessuti; _Cellule; _Organelli cellulari; _Molecole. Atomo, elemento, molecola, composto, formula, legame, elettronegativita.

Dettagli

Gli alcool, i composti carbonilici e gli acidi carbossilici

Gli alcool, i composti carbonilici e gli acidi carbossilici Gli alcool, i composti carbonilici e gli acidi carbossilici Con questa unità didattica inizieremo a prendere in considerazione dei composti della chimica organica caratterizzati dal contenere oltre ai

Dettagli

Il fenomeno della combustione di Marco Santucci

Il fenomeno della combustione di Marco Santucci Il fenomeno della combustione di Marco Santucci La combustione è un fenomeno chimico di ossidazione fortemente esotermico che avviene tra un combustibile e l ossigeno con una intensa manifestazione luminosa

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE BIOTECNOLOGIE INNOVATIVE

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE BIOTECNOLOGIE INNOVATIVE SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DA RIPORTARE SUL P.O.F. A.S. 2014-2015 ASSE DISCIPLINA SCIENTIFICO TECNOLOGICO BIOTECNOLOGIE AGRARIE DOCENTE FREDDI MARCELLA MONOENNIO CLASSE 5 CORSO E SEZIONE TECNICA

Dettagli

Biosintesi non ribosomiale di metaboliti peptidici bioattivi

Biosintesi non ribosomiale di metaboliti peptidici bioattivi Biosintesi non ribosomiale di metaboliti peptidici bioattivi Principali bersagli degli antibiotici Gli antibiotici derivano per la maggior parte da composti naturali Strutture di alcuni peptidi bioattivi

Dettagli

Metabolismo degli Ammino Acidi

Metabolismo degli Ammino Acidi Metabolismo degli Ammino Acidi (La proteina stimola la secrezione della gastrina che stimola la secrezione di l e pepsinogeno) R 1 - R 2 - N 3 Transaminasi R 1 - R 2 - N 3 Transaminasi (amminotransferasi)

Dettagli

frazionamento). Per ciascuna frazione è determinata la quantità di proteine totali e le unità di attività enzimatica della proteina di interesse.

frazionamento). Per ciascuna frazione è determinata la quantità di proteine totali e le unità di attività enzimatica della proteina di interesse. Ogni passaggio della procedura di purificazione determina la separazione delle proteine totali presenti nel campione in una serie di frazioni (frazionamento( frazionamento). Per ciascuna frazione è determinata

Dettagli

Le pr p in i c n ip i ali ali st s rategie ie i d regola zio i n o e n d e d ll esp s re p ss s ion ion g ni n c i a n e n i i pr p oc o ariot i i

Le pr p in i c n ip i ali ali st s rategie ie i d regola zio i n o e n d e d ll esp s re p ss s ion ion g ni n c i a n e n i i pr p oc o ariot i i Le principali strategie di regolazione dell espressione genica nei procarioti Regolazione metabolica Nel genoma di un microorganismo sono presenti migliaia di geni (3000-6000). Alcuni geni vengono espressi

Dettagli

Programma Didattico Annuale

Programma Didattico Annuale LICEO SCIENTIFICO STATALE GALILEO GALILEI PdQ - 7.06 Ediz.: 1 Rev.: 0 Data 02/09/05 Alleg.: D01 PROG. M2 PROCEDURA della QUALITA' Programma Didattico Annuale Anno Scolastico 2011/2012 MATERIA : Scienze

Dettagli

Tipologie di celle a combustibile

Tipologie di celle a combustibile Approfondimento Tipologie di celle a combustibile AFC AFC sta per Alkaline Fuel Cell, cella a combustibile alcalina (FIGURA 1). Escludendo i prototipi di Grove, è il tipo più antico di cella combustibile,

Dettagli

Benzina: è costituita essenzialmente da idrocarburi (HC), cioè sostanze organiche composte da idrogeno (H) e carbonio (C).

Benzina: è costituita essenzialmente da idrocarburi (HC), cioè sostanze organiche composte da idrogeno (H) e carbonio (C). InfoTech n 2/2013 STRUMENTO Analizzatori di gas Oggetto L analisi dei gas nei motori a benzina DISPENSA Introduzione Il motore trasforma l energia chimica contenuta nel combustibile (benzina) e nel comburente

Dettagli

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico 1) Quali tra queste liste includono tutti segni di overtraining A) irritabilità, alti livelli di acido lattico a carico massimale B) facile affaticamento, stabilità della normale frequenza cardiaca submassimale

Dettagli

Stato dell arte sulle celle a combustibile microbiche, risultati delle prove di laboratorio

Stato dell arte sulle celle a combustibile microbiche, risultati delle prove di laboratorio Stato dell arte sulle celle a combustibile microbiche, risultati delle prove di laboratorio Pierangela Cristiani Michela Tribuzio febbraio 2010 Area: Produzione di energia elettrica e protezione dell ambiente

Dettagli

PROGRAMMA DI SCIENZE Cl. II sez. E A.S. 2014/2015. Testo: S. Passannanti C. Sbriziolo Noi e la chimica Dai fenomeni alle leggi Ed.

PROGRAMMA DI SCIENZE Cl. II sez. E A.S. 2014/2015. Testo: S. Passannanti C. Sbriziolo Noi e la chimica Dai fenomeni alle leggi Ed. PROGRAMMA DI SCIENZE Cl. II sez. E A.S. 2014/2015 CHIMICA Testo: S. Passannanti C. Sbriziolo Noi e la chimica Dai fenomeni alle leggi Ed. Tramontana S. Passannanti C. Sbriziolo Noi e la chimica agli atomi

Dettagli

DNA - RNA. Nucleotide = Gruppo Fosforico + Zucchero Pentoso + Base Azotata. Le unità fondamentali costituenti il DNA e l RNA sono i Nucleotidi.

DNA - RNA. Nucleotide = Gruppo Fosforico + Zucchero Pentoso + Base Azotata. Le unità fondamentali costituenti il DNA e l RNA sono i Nucleotidi. DNA - RNA Le unità fondamentali costituenti il DNA e l RNA sono i Nucleotidi. Nucleotide = Gruppo Fosforico + Zucchero Pentoso + Base Azotata. Esistono 4 basi azotate per il DNA e 4 per RNA Differenze

Dettagli

svolgimento del programma precedente M F totale

svolgimento del programma precedente M F totale PROGRAMMAZIONE ANNO SCOLASTICO 2009-2010 Docente:Cristina Marcon CLASSE 2A Materia: Biologia 1. Nel primo consiglio di classe sono stati definiti gli obiettivi educativo-cognitivi generali che sono stati

Dettagli

La pompa Na + /Glucosio: simporto

La pompa Na + /Glucosio: simporto MFN0366-A1 (I. Perroteau) - trasportatori e canali La pompa Na + /Glucosio: simporto Il trasportatore oscilla fra due stati alternativi (A e B); nello stato A la proteina è aperta nello spazio extracellulare,

Dettagli

Elementi di bioenergetica

Elementi di bioenergetica Elementi di bioenergetica L uomo è paragonabile a una macchina e come tale necessita di un combustibile per le funzioni vitali Le immagini sono prese da vari siti internet, se qualcuno ne rivendica l esclusività

Dettagli

Simulazione test di ingresso Ingegneria Industriale Viterbo. Quesiti di Logica, Chimica e Fisica. Logica

Simulazione test di ingresso Ingegneria Industriale Viterbo. Quesiti di Logica, Chimica e Fisica. Logica Simulazione test di ingresso Ingegneria Industriale Viterbo Quesiti di Logica, Chimica e Fisica Logica L1 - Come si conclude questa serie di numeri? 9, 16, 25, 36,... A) 47 B) 49 C) 48 D) 45 L2 - Quale

Dettagli

Vol. VII Marzo 2012 N 1 BIOCHIMICA E CLINICA DEL TRATTAMENTO AMINOACIDICO

Vol. VII Marzo 2012 N 1 BIOCHIMICA E CLINICA DEL TRATTAMENTO AMINOACIDICO Vol. VII Marzo 2012 N 1 BIOCHIMICA E CLINICA DEL TRATTAMENTO AMINOACIDICO Maurizio Ceccarelli & Coll. International Centre for Study and Research in Aesthetic and Physiological Medicine Con questo temine

Dettagli

Ing. Anna Gaglianese anna.gaglianese@for.unipi.it

Ing. Anna Gaglianese anna.gaglianese@for.unipi.it Spettroscopia MRS Ing. Anna Gaglianese anna.gaglianese@for.unipi.it La risonanza magnetica nucleare (NMR) è un metodo non invasivo utilizzato per ottenere immagini cliniche e studi sul metabolismo in vivo.

Dettagli