Università degli Studi di Pavia Scuola di Specializzazione e Master in Idrologia Medica Direttore Ch.mo Prof Plinio RICHELMI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Università degli Studi di Pavia Scuola di Specializzazione e Master in Idrologia Medica Direttore Ch.mo Prof Plinio RICHELMI"

Transcript

1 Università degli Studi di Pavia Scuola di Specializzazione e Master in Idrologia Medica Direttore Ch.mo Prof Plinio RICHELMI BILANCIO CALORICO E HOLTER METABOLICO Prof. Yvan SASSO

2 DISPENDIO ENERGETICO Il Dispendio Energetico (DE) di un individuo identifica il suo consumo di calorie nelle 24 ore; esso è determinato da tre componenti: 1. METABOLISMO BASALE MB (definito anche Resting Energy Expenditure REE) che rappresenta il 70% del DE, 2. TERMOGENESI 3. ATTIVITA FISICA, che insieme alla termogenesi rappresenta il 30% del DE. I fattori che influenzano il dispendio energetico nell uomo e nella donna sono: età, sesso, razza, massa corporea, attività fisica, temperatura corporea e l introduzione di cibo.

3 Il METABOLISMO BASALE o dispendio energetico basale o a riposo (REE o MB), rappresenta la quantità di calorie richieste dall organismo per mantenere le funzioni fisiologiche vitali (circolazione sanguigna, respirazione, attività nervosa, attività metabolica, attività ghiandolare e mantenimento della temperatura corporea); è definito dalla quantità di energia impiegata in condizioni di neutralità termica, nel soggetto sveglio, ma in condizioni di totale rilassamento fisico e psichico. La maggior parte di questo dispendio calorico dipende dagli organi vitali (fegato, cervello, cuore e reni) che contribuiscono per circa il 60% alla spesa energetica, pur rappresentando solo il 6% del peso corporeo. La muscolatura scheletrica invece, che rappresenta più del 40% del peso corporeo, contribuisce solo per il 16% alla spesa energetica totale. SU QUESTA SI DEVE LAVORARE! La spesa energetica basale è massima alla nascita e decresce fino a valori minimi dopo i 70 anni. A parità di età, altezza e peso, l REE è minore nella donna rispetto agli uomini. Questa differenza inizia all età di 3 anni e aumenta rapidamente alla pubertà, alla quale corrisponde aumento della muscolatura scheletrica nei maschi e di cellule adipose nelle femmine.

4 L REE può essere misurato con metodi diretti (calorimetria diretta o indiretta e SenseWear ArmBand SWAM) o indiretti (equazioni predittive).il termine calorimetria significa letteralmente misura del calore come effetto di reazioni biochimiche che avvengono all interno dell organismo. La calorimetria diretta (camera calorimetrica) permette di valutare la spesa energetica a partire dalla misurazione della dispersione di calore di un soggetto posto all interno di una stanza adeguatamente attrezzata. Purtroppo gli alti costi e la limitata disponibilità, ne limitano notevolmente l impiego che è generalmente confinato alla convalida di altre metodiche. La calorimetria indiretta (calorimetro) è la metodica che consente di valutare la spesa energetica attraverso la misurazione delle variazioni di concentrazione di ossigeno e anidride carbonica nei gas respiratori e di calcolare inoltre l ossidazione dei substrati energetici (glucidi, lipidi, protidi). Il SWAM è un monitor multisensore che misura parametri fisiologici corporei (come la temperatura corporea e il calore dissipato) e permette di calcolare con precisione il dispendio energetico a riposo, attivo e totale.

5 Il METABOLISMO BASALE può essere anche stimato attraverso l utilizzo di numerose formule predittive (vedi tabella), variabili in funzione della tipologia di soggetti presi in esame (sesso, età, peso, altezza ).

6 Queste formule sono normalmente utilizzate nella pratica clinica per quantificare la restrizione calorica necessaria per realizzare un calo ponderale significativo, ma presentano grossi limiti: spesso, sovra o sottostimano, non sono adeguatamente validate, hanno scarso valore predittivo nel singolo soggetto (peso/massa magra) e sono frequentemente oggetto di interpretazione errata. In particolare la formula di Harris Benedict, che è la più usata nella pratica clinica, presenta un errore di sovrastima sistematico del 5-15% ed è stata calcolata sulla base dei dati di una popolazione di riferimento dei primi anni del 900 (meno sedentaria, con un alimentazione ipolipidica e di etnia diversa, rispetto alla nostra), che presentava condizioni di normopeso.

7 Formula di Harris-Benedict per uomo: 66+ (13,75 x peso in kg) + (5 x altezza in cm) (6,76 x età) 66+ (13,75 x 78)+(5 x 180) (6,76 x 58) = , ,08= 1446,42 Tutte le formule matematiche per il calcolo del metabolismo basale hanno però il limite di fornire un valore generico, poichè non tengono conto di fattori più strettamente attinenti allo stile di vita della persona, piuttosto che alle sue condizioni di salute generale. Inoltre non sono applicabili alle persone in condizioni di forte sovrappeso o obesità o a coloro che hanno una massa muscolare molto sviluppata. Di gran lunga più precisa la calorimetria indiretta. Il test del metabolismo è molto semplice ed assolutamente indolore: consiste infatti nell analisi dell ossigeno consumato e dell anidride carbonica prodotta nell atto respiratorio, mediante un apparecchio portatile, il calorimetro. La calorimetria permette di stimare quante calorie un individuo consuma in un minuto e tale dato, moltiplicato per 24, da il valore del metabolismo basale. Per questo motivo, nei pazienti obesi (anche con grave obesità), è preferibile usare l equazione di Mifflin, che presenta una maggiore attendibilità se confrontata con calorimetria indiretta (valori corrispondenti nel 78% vs 65% se utilizziamo Harris Benedict) (10xpeso in kg)+(6,25xaltezza in cm)- (5xetà in anni) (6,25x180)-(5x58) = = 1454

8 Tabelle dispendio energetico Il Metabolismo Basale giornaliero può essere mediamente valutato in: 1400 Kcal per l uomo e 1100 Kcal per la donna

9 L entità della spesa energetica necessaria per la TERMOGENESI è definita dall alimentazione, dalla temperatura e dallo stress. La spesa energetica aumenta dopo un pasto e questo incremento può essere considerato come il lavoro richiesto per la digestione, l assorbimento e il metabolismo dei nutrienti o lavoro di digestione SDA (Specific Dinamic Action) o DIT (Diet-inducet Thermogenesis). Anche la temperatura corporea può influenzare il dispendio energetico; un aumento della temperatura dovuta a febbre, provoca un incremento della richiesta di ossigeno (per esempio un aumento di temperatura di 1 C provoca un aumento del BMR del 13%), mentre al contrario, in caso di ipotermia, si riduce la richiesta di ossigeno e si ha la diminuzione del BMR

10 Infine, una quota (molto) variabile della spesa energetica è data dall ATTIVITA FISICA (AEE Activity Energy Expenditure) ed intellettuale. Più l attività fisica ed intellettuale è intensa, tanto maggiore sarà il consumo calorico. ATTIVITA ED ESERCIZIO FISICO Il termine attività fisica, come definizione enciclopedica, identifica tutti i movimenti e qualsiasi forza esercitata dai muscoli scheletrici del corpo, che comportano una spesa energetica. Schematicamente si può distinguere un'attività fisica non programmata e un'attività fisica programmata. La prima comprende attività quotidiane normalmente svolte (le faccende domestiche, la spesa, il lavoro, etc ) ed è l attività fisica propriamente detta. L Attività fisica programmata comprende invece l ESERCIZIO FISICO (attività motoria strutturata e finalizzata con movimenti corporei ripetuti per migliorare lo stato di forma fisica) e lo SPORT (attività fisica che comporta situazioni di competizione strutturate e sottoposte a regole).

11 Attenzione a molta confusione ed imprecisione nelle varie tabelle, Meglio fare riferimento a quelle di origine medico-sportiva e con i MET. Semplici e piuttosto precise

12 Il MET: Metabolic Equivalent of Task Il Met può essere definito come una unità di misura del dispendio energetico richiesto da un lavoro. MET Il termine MET deriva da Metabolic Equivalent of Task ; è un' unità di equivalente metabolico e viene utilizzato per stimare il costo metabolico di una attività fisica secondo la relazione: 1 MET=3.5 ml di ossigeno consumato per Kg di peso corporeo al minuto. Esso viene usato come un multiplo del consumo energetico in condizioni basali, cioè il valore di 1 MET corrisponde al metabolismo energetico in condizioni di riposo. Il MET può essere usato per esprimere il COSTO DI UN ESERCIZIO in termini di energia e ossigeno, eseguito da un determinato soggetto, conoscendo la sua massa e il livello di METs corrispondente a quell esercizio. L uso delle unità METs è giustificato per classificare rapidamente l intensità di lavoro e la corrispondente richiesta energetica Numerosissime pubblicazioni scientifiche evidenziano come il principale fattore di rischio di morte sia proprio la ridotta capacità di esercizio, mostrando in alcuni casi che l incremento di un solo MET diminuisce del 17% il rischio di mortalità in un gruppo di oltre 7000 donne (Gulati, Circulation, 2003).

13 Il calcolo del dispendio calorico nella corsa può essere calcolato così: C=k*P*d dove K per approssimazione (Margaria) può essere considerato k = 1 essendo il consumo calorico (Kcal) 0,8 < k > 1,2 a seconda del grado di allenamento del soggetto. Per cui, semplificando: C=P*d Cioè il consumo calorico equivale al peso espresso in Kg del soggetto moltiplicato per i Km percorsi. In questo caso quindi, a parità di peso del soggetto, il dispendio calorico non dipende da tempo impiegato, ma dai Km corsi. Se invece si aggiunge il fattore tempo (/h) allora si farà un calcolo del dispendio orario rispetto quindi al ritmo di corsa tenuto. Un soggetto di 80 Kg che corre 20 Km quindi spende: Kcal=80*20=1600 totali, se ci impiega 2h sarà 800/h. La corsa in salita aumenta i consumi mentre quella in discesa li riduce un po. Per la camminata si deve considerare un 0,4 < k > 0,8 quindi con un dispendio calorico molto più contenuto a seconda dell andatura che viene tenuta. I carboidrati di scorta (glicogeno), così come i lipidi, vengono usati per produrre energia molto di più negli atleti poco assidui e poco allenati piuttosto che in quelli allenati, i quali usano anche una certa quota di proteine, avendo meno glicogeno di scorta. SULLA BASE DI QUEST IDATI SI POTRA COSTRUIRE LA CORRETA RAZIONE ALIMENTARE. UN UTILE STRUMENTO CI PUO AIUTARE

14 Il misuratore metabolico (Harmband) E un apparecchietto utile per monitorizzare (80 g di peso) il consumo calorico giornaliero (in Kcal) ma anche dell' attivita' fisica spontanea (e/o programmata) della persona esaminata e delle sue abitudini e efficienza del sonno, parametri e indici che rivelano il tipo di "stile di vita" del soggetto, rispetto dell' eventuale terapia prescritta, effetto di trattamenti, farmaci, riabilitazione, chirurgia, etc. quantificando i livelli di attivita' fisica e l' intensita', anche con il nuovo indice dei METS medi (Kcal/Kg/ora) giornalieri misurando quindi la reale attivita' fisica metabolica spontanea e/o programmata giornaliera, e possibile anche sapere quanti minuti vengono trascorsi dal soggetto giornalmente, sopra una soglia di attivita fisica metabolica (es. > 3 mets) preselezionabile. Si puo quantificare quindi lo stile di vita e la reale attivita e sedentarieta del soggetto permettendo quindi di prescrivere piccoli cambiamenti e di verificare i possibili miglioramenti. L attivita fisica spontanea e uno degli argomenti piu attuali in medicina, visto che vi sono tabelle e linee guida ora disponibili in letteratura. La Armband permette di seguire un soggetto nella sua attivita fisica, nel suo stile di vita, in maniera oggettiva.

15 RICORDIAMO! Una regolare e consistente attività fisica(aerobica), che comporti una spesa energetica di circa 600 Kcal/die, può ridurre l obesità addominale e migliorare l insulinoresistenza nei diabetici di tipo ll

16 Come abbiamo visto, la valutazione accurata del dispendio energetico è un presupposto indispensabile per la corretta prescrizione dietetica e motoria sia negli sportivi che non. L HOLTER METABOLICO consente di misurare in continuo parametri fisiologici e dati di attività fisica determinando il dispendio energetico, utilizzando algoritmi brevettati e ci risparmia molti calcoli

17 Holter Metabolico Utilizza quattro sensori di segnali fisiologici Temperatura cutanea: temperatura superficie cutanea Risposta galvanica della cute: impedenza della pelle che riflette il contenuto idrico cutaneo e la costrizione o dilatazione dei vasi periferici Calore dissipato: frequenza dissipazione del calore del corpo Accelerometro a 2 assi: movimento

18 Questi sensori calcolano e memorizzano: Dispendio energetico totale Dispendio energetico attivo Dispendio energetico riposo METs Numero totale di passi Durata dell attività fisica Durata del sonno Tempo sdraiato

19 L Armband Memorizza fino a 12 giorni di dati in continuo. Questi dati usati in combinazione con le informazioni su sesso, età, altezza e peso vengono trasferiti ed analizzati utilizzando un software che consente la loro visualizzazione con tabelle e grafico corrispondente.

20 Possibili applicazioni: Malattia Metabolica Diabete Obesità e disturbi della nutrizione Medicina dello sport Pneumologia (BPCO) E altro

21 Da vari studi effettuati sull uso dell Holter metabolico(armband) risulta che: l uso di Armband consente di avere elementi di valutazione per implementare programmi di attività fisica i pazienti prendono coscienza più facilmente dello squilibrio energetico e sono motivati a impegnarsi in programmi di attività fisica terapeutici Armband può essere utilizzato, con il metodo dell adattamento, in alternativa alla calorimetria indiretta i risultati sono simili a quelli ottenuti con la formula di Mifflin nella nostra popolazione

22

23

24

25

26

27

28

29 Vantaggi Facile utilizzo Portabilità Economico Accuratezza dei dati Limiti Incognita sull utilizzo Non utilizzo in acqua Condizioni climatiche e altre variabili

30 Prescrizione razionale dell attività fisica Tenendo quindi infine conto di: 1. Età e sesso 2. Patologie 3. Struttura fisica 4. Precedente pratica di attività sportiva 5. Grado di preparazione fisica attuale 6. Attitudine e destrezza individuale 7. Bisogni attinenti la sfera psicologica e sociale. Sarà possibile giungere alla prescrizione razionale dell attività sportiva, cioè saremo in grado di prescrivere la giusta DOSE per ottenere il voluto EFFETTO, non dimenticando che, come ogni somministrazione anche l attività fisica può avere i suoi EFFETTI COLLATERALI. La razionalizzazione o personalizzazione non significa che ogni individuo poi faccia attività motoria DA SOLO, ma vuol dire che i singoli pazienti vengono aggregati A GRUPPI praticanti le attività indicate.

31 Prescrizione mirata dell attività sportiva E assodato che l esercizio fisico quotidiano minimo ( Exercise Lite ) dovrebbe essere di almeno 30 min ( 3-6-MET), ma è anche vero che un esercizio fisico intenso (> 6 MET) diminuisce in assoluto la mortalità, qualunque ne sia la causa. Nel prescrivere l attività fisica dobbiamo tenere presente 3 importanti concetti: SOVRACCARICO: è noto che se ad un tessuto ad un organo o ad un sistema viene chiesto di lavorare con metodiche allenanti ad un carico cui non sono abituati, invece di logorarsi ed indebolirsi diventa più forte. Per contro, smettendo il sovraccarico, in breve vi è il ritorno allo stato precedente. SPECIFICITA : gli effetti di un programma di allenamento è specifico per organi ed apparati e ne modifica le caratteristiche in modo specifico a seconda del tipo di programma svolto. Ad esempio la corsa medio-lenta non ingrandisce i muscoli, ma provoca un aumento dei capillari e dei mitocondri nelle fibre muscolari, rendendole più resistenti alla fatica prolungata. L allenamento alla forza invece provoca una ipertrofia dei muscoli interessati dovuto ad un aumento del citoplasma e dei corpuscoli, nonché aumento della proteine contrattili actina e miosina. PROGRESSIONE: ad un inizio più o meno modesto a seconda dello stato iniziale delle condizioni di un individuo, vanno a seguire carichi moderatamente crescenti per giungere al miglioramento ed alla stabilizzazione del miglioramento prestativo.

32 Prescrizione di attività aerobica Questo lavoro è LA BASE DI TUTTO. E indicato per ricondizionare l apparto cardiocircolatorio con notevoli benefici sulla frequenza, la gittata, la portata e la pressione arteriosa. Per fare ciò esso deve sollecitare in maniera adeguata gli apparati coinvolti: cardiocircolatorio, respiratorio, muscolare, articolare, scheletrico, endocrino e metabolico Si valuta che l intensità del lavoro debba essere tra 50 e 85% del VO 2 max, Durata di minuti e per 2-5 volte la settimana ad una FC pari a circa il 70%/max. La singola seduta avrebbe un costo energetico ipotizzabile tra le 200 e le 300 Kcal 1. Camminate a passo normale o veloce (da 4 a 6 Km/h) Obesi, defedati, cardiopatici, BPCO, dismetabolici. 2. Corsa tranquilla (da 6 a 8 min /Km) Sovrappeso, defedati, cardiopatici, BPCO, dismetabolici. (senza problemi articolari) 3. Bicicletta (da ritmo passeggiata a velocità media costante) defedati, cardiopatici, BPCO; dismetabolici..(con problemi articolari a schiena e AA. II.) 4. Nuoto (da bagno con movimento a vasche ripetute via-via più numerose) defedati, cardiopatici, BPCO; dismetabolici..(con notevoli problemi articolari a schiena e AA. II. O che non sanno andare in bici, Mai dare per scontato tutto 5. Triatlhon (mix delle tre tipologie di attività elencate sopra) Sarebbe la soluzione ottimale ma dipende molto dalle strutture disponibili e dalle attitudini individuali. A questo punto i gruppi si ricompongono e si manifestano altre dinamiche di aggregazione E necessario valutare per ogni caso le corrette frequenze cardiache da tenere durante l attività fisica e sollecitare l uso del cardiofrequenzimetro, non solo per il semplice controllo del battito, ma per istruire ad una migliore conoscenza del proprio corpo e per prevenzione. (Aritmia, tachicardia, bradicardia sotto sforzo)

33 Cardiofrequenzimetro Oltre al controllo visivo ed acustico è infatti possibile un referto tramite stampa dei delle frequenze cardiache tenute durante l allenamento ed anche eventuale monitoraggio telemetrico in tempo reale.

34 Il cuore sportivo Per la Legge di Stevino Pressione = Peso (PS x h) / Area di base applicata al concetto dei vasi comunicanti, la PA diminuisce con la capillarizzazione.

35 Adattamenti del cuore Aumento delle cavità ventricolari rispetto alle pareti negli sport di resistenza Minore aumento delle cavità rispetto all ipertrofia delle pareti negli sport di potenza Adattamenti della frequenza cardiaca Adulto a riposo: 72 puls. /minuto Atleta a riposo: 50 puls./ minuto Atleta giovane sotto sforzo max: 228 puls./minuto Adattamenti della gittata cardiaca sistolica Adulto a riposo: 70 ml. Atleta a riposo: 140 ml. Atleta sotto sforzo max: 212 ml. Adattamenti della portata cardiaca Adulto a riposo: 5 litri/minuto Atleta allenato: 25 litri/minuto Atleta sotto sforzo max: 42 litri/minuto Riduzione dei valori pressori (come vedremo) e aumento della portata coronarica. A riposo la portata del circolo coronarico è di un quarto di litro al minuto, 250 cc; il 5% della portata cardiaca totale ( 5000 cc) sotto sforzo è necessario un suo aumento sino ad 8 volte.

36 Dispendio energetico: 6/7 Kcal/Kg/h Prescrizione di attività mista Per soggetti con scarsa capacità di organizzazione e poco motivati o come alternativa x maltempo. 1. Esercizi tipo step e ginnastica varia Sovrappeso, dismetabolici. (senza problemi articolari) 2. Acqua Gym (da 6 a 8 min /Km) Obesi, cardiopatici, ipertesi, dismetabolici. (con lievi problemi articolari) 3. Cyclette (da ritmo passeggiata a velocità media costante) Obesi, cardiopatici, dismetabolici..(con problemi articolari a schiena e AA. II.)

37 Prescrizione di attività di potenza E indicata per sviluppare il sistema muscolare e rafforzare l apparato scheletrico (osteoporosi) e dopo adeguato riscaldamento aerobico. Dispendio energetico: 8 / 10 Kcal(h CIRCUITI DI POTENZIAMENTO A CORPO LIBERO Obesi, defedati, cardiopatici, biabetici e dismetaboli CIRCUITI DI POTENZIAMENTO CON MACCHINARI PER PESISTICA Sovrappeso, defedati, cardiopatici, dismetabolici Valutare singolarmente i problemi articolari NO IPERTESI

38 Verifica periodica E un momento molto rilevante. Può essere impostata su vari livelli: Verifica di pochi parametri Verifica con più parametri e ripetizione di test. Verifica completa con ripetizione dei test e degli esami di laboratorio. I risultati delle verifiche portano inevitabilmente a conferme o ad aggiustamenti del lavoro svolto, ma è molto importante mantenere alto il livello di coinvolgimento dell assistito, ascoltando attentamente impressioni, aspirazioni ed eventuali consigli. Da un punto di vista medico si tratta di un nuovo modo di seguire i pazienti termali, con intervalli più brevi tra un soggiorno e l altro. Da un punto di vista del rilancio dell attività termale si potrebbe vedere questo progetto di lavoro come un ulteriore passo in avanti nella offerta ed in particolare nella fidelizzazione dell utenza, nonché un maggiore inserimento nel contesto sociale delle città che ospitano le terme, offrendo un servizio potenzialmente fruibile anche da un vasto numero di utenti locali.

39 Il nuovo impegno delle Terme Non solo più terapia classica termale e benessere inteso tipo beauty-farm Programmare il terzo step verso l attività sportiva vera in base alle proprie possibilità strutturali e recettive Organizzare i propri spazi anche in funzione dell attività fisica organizzata in senso professionale e non come passatempo (campi da tennis o minigolf ecc ) Preparasi ad incidere maggiormente sulla realtà sociale e sugli stili di vita del territorio Diventare polo di attività medica non solo terapeutica ma anche preventiva Il nuovo impegno del Medico Termalista Affinare ie proprie conoscenze in Medicina dello Sport per poter proporre l attività sportiva/motoria ad hoc come terapia mirata e come prevenzione, rivisitando le indicazioni spesso generiche o talvolta monosettoriali di molti Specialisti. Proporre una nuova, aggiornata e più dinamica immagine della propria professione e della struttura stessa che egli rappresenta.

40 Arrivederci! Grazie.

Il fabbisogno di energia di un individuo dipende dal suo dispendio energetico totale

Il fabbisogno di energia di un individuo dipende dal suo dispendio energetico totale Il fabbisogno di energia di un individuo dipende dal suo dispendio energetico totale L energia introdotta con gli alimenti è utilizzata dall organismo e restituita all ambiente sotto forma di calore (soprattutto)

Dettagli

Come e perché si aumenta di peso: il bilancio energetico

Come e perché si aumenta di peso: il bilancio energetico Come e perché si aumenta di peso: il bilancio energetico Intorno al concetto del giusto peso si sono formulate tante teorie, a volte vere, altre assolutamente prive di valenza scientifica. Nella grande

Dettagli

MODULO 2 NUTRIZIONE UMANA LEZIONE 2 CALCOLO DEL DISPENDIO ENERGETICO GIORNALIERO

MODULO 2 NUTRIZIONE UMANA LEZIONE 2 CALCOLO DEL DISPENDIO ENERGETICO GIORNALIERO MODULO 2 NUTRIZIONE UMANA LEZIONE 2 CALCOLO DEL DISPENDIO ENERGETICO GIORNALIERO FABBISOGNO ENERGETICO Apporto di energia, di origine alimentare, necessario a compensare il dispendio energetico di individui

Dettagli

I MIEI ASSISTITI E LA SEDENTARIETÀ. Marco Cambielli

I MIEI ASSISTITI E LA SEDENTARIETÀ. Marco Cambielli I MIEI ASSISTITI E LA SEDENTARIETÀ Marco Cambielli Un medico di famiglia della nostra Regione con 1500 assistiti ha in carico Circa 300 pazienti con s. metabolica ( ATP III)( con lieve prevalenza maschile)

Dettagli

uno dei maggiori problemi clinici del nostro secolo. "essenziale" "secondaria".

uno dei maggiori problemi clinici del nostro secolo. essenziale secondaria. L ipertensione arteriosa, una tra le malattie più diffuse nei paesi industrializzati, si riscontra nel 20 percento della popolazione adulta ed è considerata uno dei maggiori problemi clinici del nostro

Dettagli

Attività fisica: strumenti per la

Attività fisica: strumenti per la Attività fisica: strumenti per la rilevazione Sara Grioni Unità di Epidemiologia e Prevenzione Fondazione IRCCS Istituto Nazionale dei Tumori "Strumenti di Sorveglianza Nutrizionale: luci ed ombre" 28

Dettagli

l metabolismo è l'insieme dei processi biochimici ed energetici che si svolgono all'interno del nostro organismo; tali reazioni hanno lo scopo di

l metabolismo è l'insieme dei processi biochimici ed energetici che si svolgono all'interno del nostro organismo; tali reazioni hanno lo scopo di Il metabolismo Metabolismo basale Il metabolismo basale rappresenta la quantità di energia impiegata in condizioni di neutralità termica, dal soggetto sveglio, ma in uno stato di totale rilassamento fisico

Dettagli

PERCHE L ATTIVITA FISICA E SALVACUORE

PERCHE L ATTIVITA FISICA E SALVACUORE Lega Friulana per il Cuore PERCHE L ATTIVITA FISICA E SALVACUORE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico della

Dettagli

centro dimagrimento e rieducazione alimentare centro nutrizione dello sportivo

centro dimagrimento e rieducazione alimentare centro nutrizione dello sportivo centro dimagrimento e rieducazione alimentare centro nutrizione dello sportivo se fossimo in grado di fornire a ciascuno la giusta dose di nutrimento ed esercizio fisico, nè in difetto nè in eccesso, avremmo

Dettagli

NEWSLETTER N.31. I n q u e s t o n u m e r o : A CURA DELLA SEZIONE ATLETICA DELL US PRIMIERO. T r a s f e r t a

NEWSLETTER N.31. I n q u e s t o n u m e r o : A CURA DELLA SEZIONE ATLETICA DELL US PRIMIERO. T r a s f e r t a NEWSLETTER N.31 A CURA DELLA SEZIONE ATLETICA DELL US PRIMIERO I n q u e s t o n u m e r o : L e d i t o r i a l e d e l P r e s i d e n t e T r a s f e r t a L a n g o l o t e c n i c o 3 1 a g o s t

Dettagli

UNITà 7 Alimentazione e salute

UNITà 7 Alimentazione e salute unità Alimentazione e salute I termini e i concetti fondamentali 1 l organismo e l energia Per stabilire i fabbisogni nutrizionali dell organismo umano, bisogna conoscerne la composizione chimica. L organismo

Dettagli

Mezzofondo Femminile: stesse metodologie di allenamento? Endrizzi Pietro

Mezzofondo Femminile: stesse metodologie di allenamento? Endrizzi Pietro Mezzofondo Femminile: stesse metodologie di allenamento? Endrizzi Pietro Convegno Tecnico Villalagarina, 11 gennaio 2014 Esistono differenze di genere? Le donne devono allenarsi più dei maschi Sfatare

Dettagli

Lezione di oggi (Lunedì 19 Novembre)

Lezione di oggi (Lunedì 19 Novembre) Lezione di oggi (Lunedì 19 Novembre) ADATTAMENTI METABOLICI INDOTTI DALL ALLENAMENTO Obiettivi della lezione Scoprire come l allenamento possa ottimizzare il rendimento dei sistemi energetici e sviluppare

Dettagli

DELL ATTIVITÁ FISICA

DELL ATTIVITÁ FISICA UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DI PAVIA corso di laurea in educazione fisica e tecnica sportiva T. T. DIDATTICA ATTIVITÁ MOTORIA. RICREATIVA E DEL TEMPO LIBERO gianpiero.grassi@unimi.it gianpiero.grassi@unipv.it

Dettagli

Risposte fisiologiche in diversi sport ciclici

Risposte fisiologiche in diversi sport ciclici Risposte fisiologiche in diversi sport ciclici Fisiologia della prestazione sportiva Università degli Studi di Verona Scienze Motorie aa 2012-1013 1 Le caratteristiche fisiologiche non sono le uniche

Dettagli

Nordic Walking: la salute cammina con i bastoncini

Nordic Walking: la salute cammina con i bastoncini Università dell età libera 2014-2015 Conferenze di informazione salute e movimento Nordic Walking: la salute cammina con i bastoncini Indice INTRODUZIONE 23 ore e mezzo L ATTIVITA FISICA IL NORDIC WALKING

Dettagli

L Attività Fisica come Farmaco

L Attività Fisica come Farmaco L Attività Fisica come Farmaco Journal of Applied Physiology 2005 Effetti dell esercizio e della dieta sulle malattie croniche (Roberts( e Barnard) Metanalisi di 424 pubblicazioni Conclusioni: Le malattie

Dettagli

Educazione alimentare

Educazione alimentare Università degli Studi di Torino Azienda Ospedaliera San Luigi di Orbassano Struttura Semplice Dipartimentale di Dietetica e Nutrizione Clinica Educazione alimentare Classificazione: entità Indice di massa

Dettagli

. Massimo Consumo di Ossigeno (VO 2 max) INTENSITA DELL ESERCIZIO E CONSUMO DI OSSIGENO. Fattori limitanti il Massimo Consumo di Ossigeno

. Massimo Consumo di Ossigeno (VO 2 max) INTENSITA DELL ESERCIZIO E CONSUMO DI OSSIGENO. Fattori limitanti il Massimo Consumo di Ossigeno Massimo Consumo di Ossigeno (VO 2 max) Limite più elevato nell abilità di una persona di aumentare il consumo di ossigeno Buon indicatore della resistenza cardiorespiratoria e della fitness aerobica Può

Dettagli

Elementi di bioenergetica

Elementi di bioenergetica Elementi di bioenergetica L uomo è paragonabile a una macchina e come tale necessita di un combustibile per le funzioni vitali Le immagini sono prese da vari siti internet, se qualcuno ne rivendica l esclusività

Dettagli

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity SALUTE: definizione Nel 1948, la World Health Assembly ha definito la salute come a state of complete physical, mental, and social well-being and not merely the absence of disease or infirmity. Nel1986

Dettagli

Fabbisogno energetico e sue componenti

Fabbisogno energetico e sue componenti Fabbisogno energetico e sue componenti WHO (1985) come: l apporto di energia di origine alimentare necessario a compensare il dispendio energetico di individui che mantengano un livello di attività fisica

Dettagli

COME CALCOLARE LE CALORIE

COME CALCOLARE LE CALORIE Vol.2 COME CALCOLARE LE CALORIE PER DIMAGRIRE Guida per calcolare le calorie e dimagrire Consigli per dimagrire contando le calorie! Esistono tanti modi differenti per perdere peso e dimagrire in modo

Dettagli

La forza. In movimento Marietti Scuola 2010 De Agostini Scuola S.p.A. Novara

La forza. In movimento Marietti Scuola 2010 De Agostini Scuola S.p.A. Novara La forza La definizione di forza Per forza s intende la capacità dell apparato neuro- muscolare di vincere o contrapporsi a un carico esterno con un impegno muscolare. La classificazione della forza Tipi

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA PRESCRIZIONE DELL ESERCIZIO FISICO

LINEE GUIDA PER LA PRESCRIZIONE DELL ESERCIZIO FISICO LINEE GUIDA PER LA PRESCRIZIONE DELL ESERCIZIO FISICO A cura di: dr Luciano Bissolotti Prima di prescrivere un programma d allenamento è necessaria una accurata valutazione clinica. In particolare, la

Dettagli

Un efficace strumento di cura e prevenzione

Un efficace strumento di cura e prevenzione HK HealthKlab HealthKlab Health Klab, il Klab della salute, nasce con l'obiettivo di creare e mantenere salute. Sotto questo marchio operano il Servizio di Prevenzione e Attività Fisica dell'istituto di

Dettagli

GLI EFFETTI DELL ESERCIZIO IN ACQUA. Le risposte fisiologiche dell immersione

GLI EFFETTI DELL ESERCIZIO IN ACQUA. Le risposte fisiologiche dell immersione GLI EFFETTI DELL ESERCIZIO IN ACQUA Le risposte fisiologiche dell immersione L acqua È importante che chi si occupa dell attività in acqua sappia che cosa essa provoca nell organismo EFFETTI DELL IMMERSIONE

Dettagli

«UN CUORE CHE AMA LA BICI» Dr. Michele Rizzotti Dirigente Medico - Cardiologia Ospedale Civile di Vigevano Az. Ospedaliera Provincia di Pavia

«UN CUORE CHE AMA LA BICI» Dr. Michele Rizzotti Dirigente Medico - Cardiologia Ospedale Civile di Vigevano Az. Ospedaliera Provincia di Pavia «UN CUORE CHE AMA LA BC» Dr. Michele Rizzotti Dirigente Medico - Cardiologia Ospedale Civile di Vigevano Az. Ospedaliera Provincia di Pavia Perché parlare di cuore e bici? Educazione Prevenzione Cura BENEFC

Dettagli

scienze motorie e sportive classi prime e seconde B D im

scienze motorie e sportive classi prime e seconde B D im scienze motorie e sportive classi prime e seconde B D im incorsa il CORPO in EQUILIBRIO l' EQUILIBRIO in CORPO BENESSERE BILANCIO ENERGETICO ALIMENTAZIONE EQUILIBRATA PARAMETRI MISURARE l' EFFICIENZA INTEGRAZIONE

Dettagli

PENSI DI AVERE PROBLEMI DI SOVRAPPESO? SONO FASTIDIOSI I CHILI IN PIU? SEGUENDO UNA DIETA HAI AVUTO DIFFICOLTA AD OTTENERE RISULTATI?

PENSI DI AVERE PROBLEMI DI SOVRAPPESO? SONO FASTIDIOSI I CHILI IN PIU? SEGUENDO UNA DIETA HAI AVUTO DIFFICOLTA AD OTTENERE RISULTATI? PENSI DI AVERE PROBLEMI DI SOVRAPPESO? SONO FASTIDIOSI I CHILI IN PIU? HAI GIA FATTO DIETE? SEGUENDO UNA DIETA HAI AVUTO DIFFICOLTA AD OTTENERE RISULTATI? Se hai risposto con almeno tre SI è il momento

Dettagli

Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti inorganici organici

Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti inorganici organici Prof. Carlo Carrisi Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti: servono a nutrire l organismo, derivano dalla digestione, vengono

Dettagli

CENTRO PER LA TERAPIA DELLA OBESITÀ E DEL SOVRAPPESO SOVRAPPESO E OBESITÀ CAUSE CONSEGUENZE TERAPIE. www.lucapecchioli.it

CENTRO PER LA TERAPIA DELLA OBESITÀ E DEL SOVRAPPESO SOVRAPPESO E OBESITÀ CAUSE CONSEGUENZE TERAPIE. www.lucapecchioli.it CENTRO PER LA TERAPIA DELLA OBESITÀ E DEL SOVRAPPESO CENTRO PER LA TERAPIA DELLA OBESITÀ E DEL SOVRAPPESO SOVRAPPESO E OBESITÀ CAUSE CONSEGUENZE TERAPIE LE CAUSE DELL OBESITÀ Dall interazione di fattori

Dettagli

Fisiologia della Nutrizione e Metabolismo Energetico

Fisiologia della Nutrizione e Metabolismo Energetico Fisiologia della Nutrizione e Metabolismo Energetico Processo di Organicazione del Carbonio Il metabolismo cellulare e corporeo Processo di rinnovamento e ricambio della materia vivente. Insieme di tutte

Dettagli

Il Metabolismo Energetico 1. Bilancio Quantitativo tra Apporto di Energia e Dispendio Energetico

Il Metabolismo Energetico 1. Bilancio Quantitativo tra Apporto di Energia e Dispendio Energetico Il Metabolismo Energetico 1. Bilancio Quantitativo tra Apporto di Energia e Dispendio Energetico Prof. Carlo Capelli Fisiologia Facoltà di Scienze Motorie, Università degli Studi Verona Obiettivi Energia

Dettagli

LA CORSA Test e mezzi di allenamento

LA CORSA Test e mezzi di allenamento LA CORSA Test e mezzi di allenamento Tecnico FITri Raimondo Mantese 1 Introduzione Intraprendere uno sport multiforme quale il triathlon comporta la necessaria conoscenza delle proprie capacità fisiche.

Dettagli

Alimentazione e sport

Alimentazione e sport Momenti di Gloria La medicina incontra lo sport: i muscoli Genova 18 aprile 2013 Alimentazione e sport Luca Spigno La dieta dello sportivo è diversa da quella del soggetto sedentario? Come dobbiamo nutrirci

Dettagli

SCIENZE E TECNICHE DELLE ATTIVITA MOTORIE PREVENTIVE E ADATTATE CORSO DI TECNICA DEL FITNESS

SCIENZE E TECNICHE DELLE ATTIVITA MOTORIE PREVENTIVE E ADATTATE CORSO DI TECNICA DEL FITNESS SCIENZE E TECNICHE DELLE ATTIVITA MOTORIE PREVENTIVE E ADATTATE CORSO DI TECNICA DEL FITNESS CALCOLO MASSIMA FREQUENZA CARDIACA Massima frequenza teorica: 220 - età Pregi: facilità operativa, larga diffusione

Dettagli

1) FIBRE ROSSE A CONTRAZIONE LENTA (Tipo I) 2) FIBRE BIANCHE INTERMEDIE (Tipo IIa) 3) FIBRE BIANCHE A CONTRAZIONE RAPIDA (Tipo IIb)

1) FIBRE ROSSE A CONTRAZIONE LENTA (Tipo I) 2) FIBRE BIANCHE INTERMEDIE (Tipo IIa) 3) FIBRE BIANCHE A CONTRAZIONE RAPIDA (Tipo IIb) LE FIBRE MUSCOLARI La fibra muscolare è considerata l' unità funzionale del muscolo scheletrico o, più semplicemente, una delle tante cellule che lo compongono. Ogni muscolo è infatti formato da un certo

Dettagli

MEDICINA DELLO SPORT LEZIONE 2 FISIOPATOLOGIA DELL APPARATO CARDIOVASCOLARE

MEDICINA DELLO SPORT LEZIONE 2 FISIOPATOLOGIA DELL APPARATO CARDIOVASCOLARE MEDICINA DELLO SPORT LEZIONE 2 FISIOPATOLOGIA DELL APPARATO CARDIOVASCOLARE ANATOMIA DEL CUORE Il cuore è un organo cavitario dell app. cardiovascolare situato nella cavità toracica tra i due polmoni e

Dettagli

ASPETTI TERMODINAMICI DEI SISTEMI BIOLOGICI

ASPETTI TERMODINAMICI DEI SISTEMI BIOLOGICI ASPETTI TERMODINAMICI DEI SISTEMI BIOLOGICI Sistemi biologici: soggetti a complessi processi di trasformazione e scambio di energia; I sistemi biologici sono costituiti perlopiù da quattro elementi: H,

Dettagli

Come valutare le caratteristiche aerobiche di ogni singolo atleta sul campo

Come valutare le caratteristiche aerobiche di ogni singolo atleta sul campo Come valutare le caratteristiche aerobiche di ogni singolo atleta sul campo Prima di organizzare un programma di allenamento al fine di elevare il livello di prestazione, è necessario valutare le capacità

Dettagli

Corso Sorveglianza e prevenzione della malnutrizione nelle strutture assistenziali per anziani L ATTIVITA FISICA NELL ETA AVANZATA

Corso Sorveglianza e prevenzione della malnutrizione nelle strutture assistenziali per anziani L ATTIVITA FISICA NELL ETA AVANZATA Corso Sorveglianza e prevenzione della malnutrizione nelle strutture assistenziali per anziani L ATTIVITA FISICA NELL ETA AVANZATA GOTTIN Maurizio - Responsabile SSD Medicina Sportiva ASL TO4 Referente

Dettagli

-assicurare il fabbisogno plastico necessario alla riparazione protezione e ricambio dei tessuti.

-assicurare il fabbisogno plastico necessario alla riparazione protezione e ricambio dei tessuti. Il principali compiti derivanti dall assunzione periodica di cibo sono: -assicurare il giusto fabbisogno energetico necessario alla vita ed all attività muscolare (tenendo conto che entrate ed uscite devono

Dettagli

CHE COSA SI INTENDE PER "ATTIVITÀ FISICA"?

CHE COSA SI INTENDE PER ATTIVITÀ FISICA? LA SALUTE La salute viene definita dall'o.m.s. come "uno stato di equilibrio bio-chimico, psico-fisico ed affettivo-relazionale". Quando tutte queste componenti sono in equilibrio, allora si può affermare

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA Corso di laurea interfacoltà in Scienze delle Attività Motorie e Sportive

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA Corso di laurea interfacoltà in Scienze delle Attività Motorie e Sportive UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA Corso di laurea interfacoltà in Scienze delle Attività Motorie e Sportive effettuate all inizio dell attività, durante i controlli predefiniti

Dettagli

IL FIT- TEST. Queste sono domande tipiche del principiante che inizia a sentire il bisogno di valutare la propria prestazione.

IL FIT- TEST. Queste sono domande tipiche del principiante che inizia a sentire il bisogno di valutare la propria prestazione. IL FIT- TEST Chiunque abbia iniziato a praticare uno sport da qualche tempo si sarà chiesto quale sia il valore assoluto della sua prestazione. "Ho fatto 40 vasche in mezz'ora, è un buon risultato?" "Ho

Dettagli

L uomo è ciò che mangia Ludvig Feuerbach, 1850

L uomo è ciò che mangia Ludvig Feuerbach, 1850 L uomo è ciò che mangia Ludvig Feuerbach, 1850 1 Le caratteristiche del nostro organismo ( genetiche e acquisite) il nostro stile di vita determinano i fabbisogni alimentari L organismo ha bisogno di energia

Dettagli

L'ALLENAMENTO, IL RISCALDAMENTO, LO STRETCHING

L'ALLENAMENTO, IL RISCALDAMENTO, LO STRETCHING L'ALLENAMENTO, IL RISCALDAMENTO, LO STRETCHING 1 - ALLENAMENTO FISICO O TRAINING L ALLENAMENTO consente di raggiungere e mantenere l organismo e/o le varie prestazioni a ben definiti livelli ottimali di

Dettagli

FITWALKING: 10000 PASSI PER LA SALUTE Testo e disegni di Stelvio Beraldo

FITWALKING: 10000 PASSI PER LA SALUTE Testo e disegni di Stelvio Beraldo FITWALKING: 10000 PASSI PER LA SALUTE Testo e disegni di Stelvio Beraldo - WALKING E FITWALKING - 10000 passi al giorno e risposta dell'apparato cardiocircolatorio e respiratorio - 10000 passi al giorno

Dettagli

ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO

ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO Come effettuare il monitoraggio dei nostri allenamenti? Spesso è difficile misurare il livello di sforzo di una particolare gara o sessione di allenamento. Come vi sentite?

Dettagli

LE CAPACITA CONDIZIONALI E L ALLENAMENTO NEI GIOVANI

LE CAPACITA CONDIZIONALI E L ALLENAMENTO NEI GIOVANI LE CAPACITA CONDIZIONALI E L ALLENAMENTO NEI GIOVANI CORSO CONI PER FEDERAZIONE ORIENTEERING 24.04.2010 Ivan Zadro, PhD PRIMA PARTE Le capacità condizionali LE CAPACITÀ CONDIZIONALI LA FORZA FORZA RAPIDA

Dettagli

è l insieme dei fattori (es. temperatura, umidità, velocità dell aria) che regolano le condizioni climatiche di un ambiente chiuso

è l insieme dei fattori (es. temperatura, umidità, velocità dell aria) che regolano le condizioni climatiche di un ambiente chiuso IL MICROCLIMA è l insieme dei fattori (es. temperatura, umidità, velocità dell aria) che regolano le condizioni climatiche di un ambiente chiuso quale un ambiente di vita e di lavoro. Considerando che

Dettagli

Il problema dell idratazione Il principale problema del controllo dello stato di idratazione è che la velocità di assorbimento dei liquidi è molto inferiore alla velocità con cui i liquidi vengono persi

Dettagli

BRAIN WELLNESS SPECIAL NEEDS ADVISORY BIOFEEDBACK E NEUROFEEDBACK TRAINING

BRAIN WELLNESS SPECIAL NEEDS ADVISORY BIOFEEDBACK E NEUROFEEDBACK TRAINING BRAIN WELLNESS SPECIAL NEEDS ADVISORY BIOFEEDBACK E NEUROFEEDBACK TRAINING Il biofeedback consiste nella retroazione di un processo fisiologico, rilevato su una persona, che normalmente si svolge fuori

Dettagli

CICLISMO: PRINCIPI DI METODOLOGIA DI ALLENAMENTO

CICLISMO: PRINCIPI DI METODOLOGIA DI ALLENAMENTO Allenamento ciclismo CICLISMO: PRINCIPI DI METODOLOGIA DI ALLENAMENTO Le basi della supercompensazione nel ciclista Il carico di allenamento (o sollecitazione) di un ciclista tende a sfruttare la propria

Dettagli

Patologie Cardiocircolatorie Relatore:Squicciarini Grazia

Patologie Cardiocircolatorie Relatore:Squicciarini Grazia Corso Base Patologie Cardiocircolatorie Relatore:Squicciarini Grazia Cardiopatia ischemica Definisce un quadro di malattie a diversa eziologia che interessano l integrita del cuore nelle quali il fattore

Dettagli

Alcuni consigli pratici per migliorare la tua attività motoria

Alcuni consigli pratici per migliorare la tua attività motoria DiSMeB Alcuni consigli pratici per migliorare la tua attività motoria opuscolo realizzato nell ambito delle azioni del Progetto CCM 2012 Counseling motorio ed attività fisica quali azioni educativo-formative

Dettagli

CAPITOLO 1 CONCETTI GENERALI

CAPITOLO 1 CONCETTI GENERALI CAPITOLO 1 CONCETTI GENERALI 1.1 Il digiuno Prima di affrontare il capitolo dedicato alla malnutrizione calorico-proteica è bene focalizzare l attenzione sul digiuno e sul suo ruolo nel condizionare la

Dettagli

DESCRIZIONE TECNICA. SenseWear Armband P/N S

DESCRIZIONE TECNICA. SenseWear Armband P/N S DESCRIZIONE TECNICA SenseWear Armband P/N S Monitor portatile multi Sensore di consumo energetico in calorie (EE), movimento, attività fisica, qualità della vita, sonno. Il SenseWear Armband è un rivoluzionario

Dettagli

Esercizi per la fatigue

Esercizi per la fatigue Esercizi per la fatigue È stato dimostrato che, praticando una costante e adeguata attività fisica, la sensazione di fatigue provata dal paziente si riduce notevolmente e che di conseguenza si ottiene

Dettagli

http://sds.coniliguria.it 1

http://sds.coniliguria.it 1 Aspetti metabolici dell esercizio fisico Genova 22 gennaio 2011 A cura di Attilio TRAVERSO http://sds.coniliguria.it 1 L allenamento produce modificazioni fisiologiche (adattamenti) in quasi tutti i sistemi

Dettagli

Comune di Pieve Emanuele Assessorato Pubblica Istruzione

Comune di Pieve Emanuele Assessorato Pubblica Istruzione Comune di Pieve Emanuele Assessorato Pubblica Istruzione In collaborazione con il 2 Circolo Didattico Anno scolastico 2008 \ 2009 A cura del Prof. Piero Verdecchia Relazione IMC e Sport praticati. Anno

Dettagli

Attività fisica e. Per guadagnare salute 09/05/2013

Attività fisica e. Per guadagnare salute 09/05/2013 Attività fisica e Alimentazione Per guadagnare salute 09/05/2013 ? QUANTA ENERGIA ENERGIA SERVE AL PODISTA AMATORE? 09/05/2013 FABBISOGNO ENERGETICO Metabolismo basale (60-75%): età, sesso, massa corporea

Dettagli

Finalmente ad abano Terme un centro di Riabilitazione CaRdiologiCa

Finalmente ad abano Terme un centro di Riabilitazione CaRdiologiCa Finalmente ad abano Terme un centro di Riabilitazione CaRdiologiCa e non solo! abbiamo ideato per voi servizi medici di alto livello con un equipe di eccellenza: CaRdiologia nutrizione ortopedia e FisiatRia

Dettagli

Il training fisico nel paziente scompensato

Il training fisico nel paziente scompensato Il training fisico nel paziente scompensato Il training nel paziente con scompenso cardiaco stabile: Migliora la funzione vascolare periferica, muscolare e metabolica Migliora la funzione respiratoria

Dettagli

APPUNTI SINTETICI DI TEORIA

APPUNTI SINTETICI DI TEORIA APPUNTI SINTETICI DI TEORIA In ogni attività fisica o sportiva vi sono varie modalità per produrre l energia necessaria alla contrazione muscolare; inoltre, a seconda del tipo di gesto compiuto, variano

Dettagli

1. Obesità. Per valutare la distribuzione del grasso corporeo, si può utilizzare il rapporto vita.

1. Obesità. Per valutare la distribuzione del grasso corporeo, si può utilizzare il rapporto vita. 2%(6,7 1. Obesità L incidenza del sovrappeso e/o dell obesità è andata aumentando dal dopoguerra in tutti i paesi industrializzati per l abbondanza e la disponibilità di cibi raffinati da un lato e la

Dettagli

h a' b b' media mantenuta. Come puoi notare le velocità ottenute in questo test sono B g' g 9,00 m partenza

h a' b b' media mantenuta. Come puoi notare le velocità ottenute in questo test sono B g' g 9,00 m partenza In palestra TR 1 Seven minutes running test (SMRT) Ideato dagli autori, questo test può esserti utile per verificare le capacità di resistenza nella corsa con una prova al coperto. Può servirti anche come

Dettagli

Tu sei nel cuore di Fondo Est!

Tu sei nel cuore di Fondo Est! Tu sei nel cuore di Fondo Est! Prevenzione della Sindrome Metabolica 1 Fondo EST in collaborazione con Unisalute ti invita a partecipare alla campagna TU SEI NEL CUORE DI FONDO EST. Si tratta di uno screening

Dettagli

SUPPORTO NUTRIZIONALE ALLA PREPARAZIONE ATLETICA Silvia Pogliaghi

SUPPORTO NUTRIZIONALE ALLA PREPARAZIONE ATLETICA Silvia Pogliaghi Seminario sul tema: La Preparazione Fisica nel Rugby: Sport di Accelerazioni Ripetute Federazione Italiana Rugby Centro Studi FIR Lunedì 14 Gennaio 2008, ore 14.30 Facoltà di Scienze Motorie, Verona Università

Dettagli

L attivita fisica come strumento di un migliore stile di vita. Dott.Italo Guido Ricagni Dott.Antonio Verginelli

L attivita fisica come strumento di un migliore stile di vita. Dott.Italo Guido Ricagni Dott.Antonio Verginelli L attivita fisica come strumento di un migliore stile di vita. Dott.Italo Guido Ricagni Dott.Antonio Verginelli STILI DI VITA Lo stile di vita è un modo di vivere che ci permette attraverso l alimentazione

Dettagli

ESERCIZIO FISICO - DECLINAZIONI

ESERCIZIO FISICO - DECLINAZIONI ESERCIZIO FISICO - DECLINAZIONI Si definisce capacità aerobica la capacità dell individuo di svolgere un lavoro di intensità moderata utilizzando il meccanismo aerobico, che sfrutta i grassi e i carboidrati

Dettagli

BELLI DI DENTRO Stili di vita e stili alimentari per mantenere giovani cuore e cervello. Drssa Grazia Foti

BELLI DI DENTRO Stili di vita e stili alimentari per mantenere giovani cuore e cervello. Drssa Grazia Foti BELLI DI DENTRO Stili di vita e stili alimentari per mantenere giovani cuore e cervello Drssa Grazia Foti MALATTIE CARDIOVASCOLARI Più importante causa di morte nel mondo, (17.3 milioni di morti ogni anno)

Dettagli

Effetti dell attivita fisica. Dott. Pietro Palermo

Effetti dell attivita fisica. Dott. Pietro Palermo Effetti dell attivita fisica Dott. Pietro Palermo Perché fare attività fisica? Ad ognuno il proprio spazio Fare attività fisica non vuol dire solo evitare di ingrassare! Determinanti della Capacità di

Dettagli

OBESITA. 11 Aprile 2013

OBESITA. 11 Aprile 2013 OBESITA 11 Aprile 2013 L obesità è una patologia cronica caratterizzata dall eccessivo accumulo di tessuto adiposo nell organismo ed è causata da fattori ereditari e non ereditari che determinano un introito

Dettagli

Alimentazione e Nutrizione

Alimentazione e Nutrizione Alimentazione e Nutrizione Dr. Augusto Innocenti, PhD Biologo Nutrizionista Prof. a contratto Università di Parma Perfezionamento in Biochimica e Biologia Molecolare Phd in Neurobiologia e Neurofisiologia

Dettagli

STUDIO DI DIETOLOGIA E NUTRIZIONE UMANA- WWW.ILNUTRIZIONISTARISPONDE.IT Dott. Uliano R

STUDIO DI DIETOLOGIA E NUTRIZIONE UMANA- WWW.ILNUTRIZIONISTARISPONDE.IT Dott. Uliano R IL METABOLISMO La causa comune dell obesità consiste in un aumento delle entrate caloriche rispetto alle uscite e di conseguenza ad un dispendio energetico non adeguato rispetto a ciò che si mangia. La

Dettagli

Il respiro è la capacità d immettere ed espellere aria dai polmoni, la capacità respiratoria viene misurata come

Il respiro è la capacità d immettere ed espellere aria dai polmoni, la capacità respiratoria viene misurata come PARAMETRI VITALI Definizione : I parametri vitali esprimono le condizioni generali della persona. Principali parametri vitali 1- Respiro 2- Polso 3- Pressione arteriosa 4- Temperatura corporea RESPIRO

Dettagli

ALIMENTAZIONE E FORZA

ALIMENTAZIONE E FORZA Savigliano, 16 aprile 2011 ALIMENTAZIONE E FORZA Enrico Arcelli Facoltà di Scienze Motorie Università degli Studi di Milano Alimentazione e forza Si pensa che più proteine assunte portino a più forza.

Dettagli

Struttura ergonomica a risonanza propriocettiva

Struttura ergonomica a risonanza propriocettiva Struttura ergonomica a risonanza propriocettiva Keope MFV il modo più naturale per stare bene Keope MFV è una struttura ergonomica essenziale, che attraverso la vibrazione meccanica, con il corpo in completo

Dettagli

IPERTENSIONE IPERTENSIONE ARTERIOSA

IPERTENSIONE IPERTENSIONE ARTERIOSA UNIVERSITA di FOGGIA C.D.L. in Dietistica AA. 2006-2007 IPERTENSIONE ARTERIOSA IPERTENSIONE L ipertensione è la più comune malattia cardiovascolare. Corso di Medicina Interna Docente: PROF. Gaetano Serviddio

Dettagli

ALIMENTAZIONE E SPORT I nutrienti giusti nei tempi giusti e perché! CORTISOLO (Abstract della presentazione alla scuola di allenatori. Riccione 2010. Relatore Prof. Angelo Pulcini) ---------------------------------------------

Dettagli

14/11/2012 Piero Ambretti 1

14/11/2012 Piero Ambretti 1 14/11/2012 Piero Ambretti 1 L efficienza funzionale degli apparati cardiocircolatorio e respiratorio può essere valutata attraverso l effettuazione di specifici test. I parametri ricavati forniscono utili

Dettagli

ALIMENTAZIONE NELL UOMO

ALIMENTAZIONE NELL UOMO ALIMENTAZIONE NELL UOMO Alimentazione e Nutrizione Corpo umano come macchina chimica che utilizza l energia chimica degli alimenti (quando si spezzano i legami chimici tra gli atomi che formano le macromolecole

Dettagli

STILI DI VITA, SPORT E DONAZIONE SANGUE

STILI DI VITA, SPORT E DONAZIONE SANGUE STILI DI VITA, SPORT E DONAZIONE SANGUE Gubbio, 26 Marzo 2011 Dott. Lamberto Boranga Ogni giorno ci sono oltre 9000 trasfusioni di globuli rossi. Senza sangue si bloccano: le operazioni d'urgenza; i trapianti;

Dettagli

TI STA A LA TUA SALUTE?

TI STA A LA TUA SALUTE? TI STA A LA TUA SALUTE? La scoperta del secolo! Doveva diventare un farmaco... ... per fortuna e un integratore per tutti! Nobel Ignarro, Ossido Nitrico promettente per Tumori e Alzheimer Roma, 18 luglio

Dettagli

Synergistic Healthcare Methodology

Synergistic Healthcare Methodology . Synergistic Healthcare Methodology Human Tecar Synergy Mat Nasce dalla necessità di completare e migliorare i risultati terapeutici nella riabilitazione in genere.. La metodologia SHM si arricchisce

Dettagli

PROGETTO PIEDIBUS : PUO FUNZIONARE?

PROGETTO PIEDIBUS : PUO FUNZIONARE? http://digilander.libero.it/riminisportmedicina riminisportmedicina@libero.it MEDICINA dello SPORT e PROMOZIONE dell ATTIVITA FISICA PROGETTO PIEDIBUS : PUO FUNZIONARE? dr. Eugenio Albini Tutte le più

Dettagli

CHI PUÒ UTILIZZARE LA BILANCIA IMPEDENZIOMETRICA

CHI PUÒ UTILIZZARE LA BILANCIA IMPEDENZIOMETRICA CHI PUÒ UTILIZZARE LA BILANCIA IMPEDENZIOMETRICA L uso della bilancia impedenziometrica è consigliato ad adulti di età compresa tra 18 e 99 anni. Bambini tra 5 e 17 anni possono utilizzare la bilancia

Dettagli

Corso aggiornamento allenatori Comitato Provinciale di Modena

Corso aggiornamento allenatori Comitato Provinciale di Modena Corso aggiornamento allenatori Comitato Provinciale di Modena Aspetti metodologici e pratici del periodo preparatorio nella pallavolo. Organizzazione della seduta fisico tecnica. Utilizzo di attrezzi e

Dettagli

La donna standard pesa 58 kg

La donna standard pesa 58 kg Uomo standard Metabolismo basale 82 J/s Respiri 15 /min Pressione Sangiunia 120/80 mmhg Volume sangue 5.2 l Produzione di CO 2 200 ml/min (STP) Uscita cardiaca 5 l/min Temperatura core 37.0 C Spazio morto

Dettagli

Regala un programma di allenamento

Regala un programma di allenamento (ti) Regala un programma di allenamento a) pensi alla SALUTE? b) vuoi RINCOMINCIARE a correre? c) vuoi migliorare le tue PRESTAZIONI? Regala(ti) un programma di allenamento È una nuova forma per regalare

Dettagli

Presentazione, Francesco Totti Prefazione alla seconda edizione Prefazione alla prima edizione

Presentazione, Francesco Totti Prefazione alla seconda edizione Prefazione alla prima edizione Indice VII Presentazione, Francesco Totti Prefazione alla seconda edizione Prefazione alla prima edizione XIII XV XVII parte prima Alimentazione, benessere e salute 1. Le regole fondamentali 3 Perché bisogna

Dettagli

La principale causa di patologia cardiovascolare è la cardiopatia ischemica.

La principale causa di patologia cardiovascolare è la cardiopatia ischemica. MEDICINA DELLO SPORT LEZIONE 4 CARDIOPATIA ISCHEMICA E DILATATIVA La principale causa di patologia cardiovascolare è la cardiopatia ischemica. ISCHEMIA È un processo generale che può interessare qualsiasi

Dettagli

METABOLISMO E SISTEMI ENERGETICI

METABOLISMO E SISTEMI ENERGETICI METABOLISMO E SISTEMI ENERGETICI 1 Obiettivi della lezione 1) Capire come l organismo converta il cibo che ingeriamo in ATP per fornire ai muscoli l energia che essi necessitano per contrarsi. 2) Esaminare

Dettagli

Esperienza di integrazione di preparazione fisica

Esperienza di integrazione di preparazione fisica Esperienza di integrazione di preparazione fisica 6 Corso Preparatori Fisici Pallacanestro TIRRENIA Aprile P.F. Silvio Barnabà Conclusioni Dopo aver stabilito quale è in termini di forza, controllo e coordinazione

Dettagli

Attività motoria Attività sportiva Alimentazione

Attività motoria Attività sportiva Alimentazione Club Rapallo Attività motoria Attività sportiva Alimentazione Dott.Lorenzo Marugo Piattaforma dell Unione Europea su dieta, attività fisica e salute Presupposto: I Cittadini dell Unione Europea si esercitano

Dettagli

GIULIO SERGIO ROI INTRODUZIONE...11 IL CARDIOFITNESS...12. Cenni di anatomia e fisiologia degli appartai respiratorio e cardiocircolatorio...

GIULIO SERGIO ROI INTRODUZIONE...11 IL CARDIOFITNESS...12. Cenni di anatomia e fisiologia degli appartai respiratorio e cardiocircolatorio... INDICE CAPITOLO I INTRODUZIONE...11 IL CARDIOFITNESS...12 CAPITOLO II Cenni di anatomia e fisiologia degli appartai respiratorio e cardiocircolatorio...15 Il polmone e li vie aeree...15 Il cuore e l apparato

Dettagli

FITNESS E WELLNESS GEROMOTRICITÀ

FITNESS E WELLNESS GEROMOTRICITÀ FITNESS E WELLNESS GEROMOTRICITÀ Dottoressa Loredana D Alessandro Primo semestre primo anno UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ENNA KORE loredana.dale@gmail.com 1 GEROMOTRICITÀ Possibile presenza di deficit cognitivi,

Dettagli

COSTO ENERGETICO NEGLI ISTRUTTORI

COSTO ENERGETICO NEGLI ISTRUTTORI COSTO ENERGETICO NEGLI ISTRUTTORI La ginnastica aerobica è praticata da soggetti di età e caratteristiche fisiche differenti, in prevalenza di sesso femminile, sia a scopo esclusivamente ludico sia per

Dettagli