Centro Interdipartimentale di Studi e Ricerche sulla Nutrizione Umana e i Disturbi del comportamento Alimentare Ambulatorio di Dietologia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Centro Interdipartimentale di Studi e Ricerche sulla Nutrizione Umana e i Disturbi del comportamento Alimentare Ambulatorio di Dietologia"

Transcript

1 Università degli Studi di Pavia Centro Interdipartimentale di Studi e Ricerche sulla Nutrizione Umana e i Disturbi del comportamento Alimentare Ambulatorio di Dietologia Direttore: Prof. Anna Tagliabue Programma ENJOY Exergames & healthy Nutrition Joined against Obesity for one Year Un intervento di attività fisica con videogiochi attivi per la perdita di peso in soggetti obesi adulti Dietista Dott.ssa Cinzia Ferraris

2 Se vi trovate qui è perché quanto è stato fatto in passato per il trattamento del sovrappeso/obesità non è stato utile, nel lungo periodo

3 Il programma di terapia per l obesità ha una durata di 1 anno Gli incontri hanno la durata di 60 minuti Calendario degli incontri DATE ORARIO ARGOMENTO 18/02 M Obesità e obiettivi del programma e diario alimentare 11/03 M Costruiamo la piramide e gruppi alimentari 25/03 M Frequenze di consumo e porzioni standard 22/04 M Menù settimanale e ricette light 06/05 M Situazioni sociali e strategie 03/06 M Etichette e lista della spesa 17/06 M Supermercato 15/ Impariamo a mantenere il peso perso

4 Sono previsti n 3 figure professionali Dietista Psicologa Istruttore di Scienze Motorie Il motivo è poter lavorare a 360 sul problema alimentare

5 I primi 6 mesi sono dedicati alla perdita di peso I successivi 6 mesi al mantenimento del peso perso Per una buona riuscita della terapia è fondamentale non saltare gli incontri

6 Ci saranno poi dei controlli per verificare il mantenimento del peso perso a: mesi dal termine del periodo di perdita di peso

7 Obiettivi generali del programma 1. Raggiungere una perdita di peso che riduca i rischi per la salute associati al sovrappeso e all obesità 2. Imparare ad accettare e mantenere il peso ragionevole seguendo un alimentazione moderatamente ipocalorica e uno stile di vita attivo 3. Mantenere nel tempo il peso perso

8 Benefici: Correzione dell eccesso ponderale Identificazione e correzione abitudini alimentari Apprendimento di strategie utili per mantenere il peso stabile a lungo termine Identificare e gestire le situazioni ad alto rischio Possibilità di rivedere anche a casa quanto detto negli incontri Creazione di un gruppo di contatto per i partecipanti

9 Sito internet Nome utente: Nome.Cognome Password: gruppo dieta

10 Sovrappeso ed obesità sono definite dal BMI = peso kg /m 2 Obesità: > 30 kg/m 2 Sovrappeso Normopeso

11 Per classificare l obesità è anche utile misurare la circonferenza vita: Una circonferenza vita: Uomini > 94 cm Donne > 80 cm si associa a Maggior rischio di sviluppo di patologie quali il diabete, ipertensione e patologie cardiovascolari

12 Fattori che influenzano lo sviluppo dell obesità L obesità è una patologia CRONICA e MULTIFATTORIALE che deriva da un interazione complessa tra: Predisposizione genetica Ambiente (che influenza il comportamento alimentare e l attività fisica)

13 Genetica e familiarità il rischio aumenta quando un genitore è sovrappeso/obeso Dieta ricca in grassi Sedentarietà Obesità Ambiente che influenza le scelte alimentari Altri fattori: periodo di vita, sospensione fumo, eccesso di alcol, farmaci..

14 Bilancio energetico a lungo termine Introito/ Dispendio Il tessuto adiposo sintetizza l ormone leptina in modo proporzionale alla quantità di tessuto adiposo La leptina riduce l introito alimentare e aumenta il dispendio energetico, ma negli obesi si sviluppa resistenza all ormone

15 Aumento di peso Entrate Uscite Peso corporeo Alimentazione: Eccessivo introito di calorie Predilezione per alcuni tipi di cibi maggiormente calorici Attività fisica: ridotta

16 PREFERENZE ALIMENTARI NEI SOGGETTI sovrappeso/obesi Nei soggetti obesi maggior gradimento per i cibi grassi con una correlazione positiva tra preferenze, contenuto di grasso nei cibi e adiposità corporea Muller et al, 1990

17 COMPENSAZIONE AL CONSUMO DI ALIMENTI AD ALTA DENSITA ENERGETICA Esiste una relazione diretta tra: BMI e Scelta di più grandi porzioni di alimenti ad alta densità energetica, soprattutto ricchi di carboidrati. (Burger KS, J Am Diet Assoc. 2007)

18 TRAPPOLE ALIMENTARI Patatine fritte Aumentata disponibilità di cibi calorici e porzioni più grandi Mozzarella light Diffusione di cibi light che favoriscono l iperconsumo Public Health Nutr. 2003

19 UNA QUESTIONE DI AMBIENTE TOSSICO L abitudine al fast food è diffusa E si associa ad un aumentato rischio di obesità Int J Obes Relat Metab Disord, 2004;

20 PASTI TROPPO ABBONDANTI Pasti regolari non sensazione di perdita di controllo

21 ALIMENTAZIONE CAOTICA Ad es. Colazione e pranzo a basso contenuto calorico Nel pomeriggi o sera: alimentazione in eccesso

22 Numerosi spuntini

23 Problema medico Problema estetico L obesità si associa decesso per diabete, patologie cardiovascolari, disturbi del sonno e del respiro, alcune forme di cancro L obesità rappresenta anche un costo economico dello stato (WHO 1997)

24 Cos è il peso ragionevole E un calo di peso realistico! E il peso che può essere più facilmente raggiunto e mantenuto!

25 Sovrappeso ed obesità sono definite dal BMI = peso kg /m 2 Obesità: > 30 kg/m 2 Sovrappeso Normopeso

26 Sarà importante imparare ad accettare questo intervallo: 2 kg - Peso ragionevole + 2 kg

27 Il risultato potrà essere raggiunto e mantenuto con stile di vita attivo dieta povera in grassi

28 Obiettivo MONITORARE alimentazione attività fisica peso corporeo

29 Imparare a controllare il peso settimanalmente e monitorarlo per l intera durata del programma

30 Quale obiettivo di peso?

31 perdita del 10% del peso attuale Una perdita pari al 10% è in grado di determinare importanti miglioramenti dello stato di salute e delle principali complicanze associate all obesità

32 La perdita del 10% del peso si associa anche ad un miglioramento dello stato psicologico aumento del tono dell umore, dell immagine di sé, autostima e miglioramento delle relazioni con gli altri

33 Con la perdita del 10% del peso Miglioramento del controllo della glicemia nei diabetici di tipo II Riduzione significativa della pressione arteriosa Riduzione dell ipertrofia ventricolare sinistra Aumento del colesterolo HDL e riduzione del LDL Riduzione dell ipertrigliceridemia Riduzione della frequenza delle apnee notturne con miglioramento significativo della respirazione Diminuzione del rischio operatorio e delle complicanze postoperatorie

34 Occorre restringere molto l alimentazione? L organismo umano è provvisto di un sistema deputato a regolare il bilancio energetico ed il contenuto di grasso. La dieta o il digiuno danno luogo a complesse modificazioni neuro-ormonali che riducono il dispendio energetico.

35 Caratteristiche comportamentali delle persone che mantengono il peso Sono 3 i comportamenti adottati: 1. Fanno attività fisica in modo costante 2. Consumano una dieta povera in grassi 3. Controllano periodicamente il peso corporeo

36 D/Mi date in mano una dieta???? R/ SI, ma sarà uno schema indicativo! Durante il percorso lavoreremo in un modo nuovo: cominceremo a migliorare l alimentazione abituale lavorando con il diario alimentare e gli incontri che faremo serviranno a darvi nuove indicazioni e strategie per migliorare le vostre abitudini alimentari

37 Lo schema dietetico a voi fornito è stato calcolato secondo i Vostri fabbisogni calorici giornalieri Si tratta di uno schema a scelta variabile, perché poi sarete Voi stessi a costruire un alimentazione bilanciata in base alle Vostre esigenze e abitudini, secondo i suggerimenti che verranno dati nei prossimi incontri.

38 Calcolo della restrizione calorica per ottenere la perdita di 1 kg di peso alla settimana

39 Se la perdita di 1 kg di massa corporea comporta il dispendio di 7000 kcal, perché questo si configuri in 7 giorni sarà necessario operate una restrizione di calorica di 1000 kcal al giorno (Garrow. 1988)

40 Velocità di perdita di peso Un deficit calorico di 500 kcal produce una perdita di peso di ½ kg /settimana Un deficit calorico di 1000 kcal/die produce una perdita di peso di 1 kg /settimana NHI, 1998

41 La maggior parte delle donne riesce a perdere ½ - 1 kg la settimana con un menù di kcal/die La maggior parte degli uomini con uno di kcal/die

42 Operazione 500 kcal = - 2 kg/mese

43 Una corretta alimentazione normocalorica comporta il mantenimento del peso Una restrizione calorica induce una riduzione di peso

44 La perdita di peso non segue un andamento rettilineo, ma procede a gradini: si perde, ci si stabilizza poi si perde etc.

45 Ai periodi di peso stabile va dato un significato positivo perché rappresenta un adattamento alla nuova condizione

46 I periodi di peso stabile ci permettono di renderci conto quali saranno le modalità alimentari da seguire per mantenere il peso

47 Compiti a casa e per le prossime sedute: Monitorare : l alimentazione attività fisica peso

48 Monitoraggio dell alimentazione Il diario alimentare Chi usa il diario alimentare perde significativamente più peso rispetto a chi non lo compila (Boutelle & Kirshembaum, 1998)

49 Buoni motivi usare il diario alimentare Aumenta la consapevolezza del proprio comportamento Aumenta il controllo sull alimentazione Aiuta ad identificare i comportamenti che devono essere modificati Aiuta ad identificare i progressi Permette di capire le principali fonti di calorie

50 Il Centro fornisce: un prestampato del diario e le istruzioni di compilazione unitamente ad un esempio di diario compilato da un soggetto modello

51 Lo schema di diario alimentare Il diario utilizzato è composto di 5 colonne, nelle quali riportare: data e giorno; l ora; cibo e bevande consumate; luogo di consumo; *quando mangia qualche cosa che gli sembra di troppo contesto e commenti (per dirci come sta)

52 Colonna 1: segnare l ora in cui si mangia o si beve Colonna 2: indicare esattamente cosa si è mangiato o bevuto compresi episodi in cui ci si è lasciati andare o si è mangiato qualche cosa di troppo. Colonna 3: specificare il luogo in cui si è mangiato o bevuto; indicare la stanza se a casa Colonna 4 : mette un asterisco quando il cibo assunto sembra eccessivo Colonna 5: va utilizzata come un diario e va segnata una qualsiasi situazione che ha influenzato l alimentazione

53 Fare delle fotocopie Usare un foglio per ogni giorno Il diario va compilato subito dopo aver mangiato o bevuto e non alla sera (compilazione simultanea)

54 Regole per la rilevazione del peso a digiuno senza vestiti sulla stessa bilancia lo stesso giorno della settimana alla stessa ora

55 Non è utile pesarsi tutti i giorni: il pesarsi troppo spesso può essere controproducente per due motivi 1. Si rischia l ossessione nei confronti del peso perdendo i veri obiettivi del programma cioè acquisire abitudini più sane migliorando lo stile di vita 2. Il peso può variare per motivi puramente fisiologici e magari questo porta a scoraggiarsi quando probabilmente si tratta di modificazioni fisiologiche (es. ciclo mestruale nelle donne)

56 Libretto del peso Exergames & healthy Nutrition Joined against Obesity for one Year (ENJOY) Un intervento di attività fisica con videogiochi attivi per la perdita di peso in soggetti obesi adulti

57 Nome e Cognome Data Peso (kg) D peso (kg) 1 Incontro 2 Incontro 3 Incontro 4 Incontro 5 Incontro 6 Incontro 7 Incontro

58 COMPITI Seguire lo schema dietetico Compilazione diario alimentare Monitoraggio settimanale del peso Compilazione IPAQ

59 GRAZIE DELL ATTENZIONE E BUON INIZIO DEL PROGRAMMA ENJOY Ci vediamo il 11 marzo ore 17 Dietista Dott.ssa Cinzia Ferraris

2 CONVEGNO DIABESITA

2 CONVEGNO DIABESITA 2 CONVEGNO DIABESITA La co-morbidità nel paziente con diabesità Dott. Roberto Gualdiero 7 Giugno 2014- CAVA DEI TIRRENI Diabesità è il neologismo coniato dall OMS per sottolineare la stretta associazione

Dettagli

Come e perché si aumenta di peso: il bilancio energetico

Come e perché si aumenta di peso: il bilancio energetico Come e perché si aumenta di peso: il bilancio energetico Intorno al concetto del giusto peso si sono formulate tante teorie, a volte vere, altre assolutamente prive di valenza scientifica. Nella grande

Dettagli

PROGRAMMA SCUOLA DI DIETETICA NUTRIRSI DI SALUTE ANNO SCOLASTICO 2012

PROGRAMMA SCUOLA DI DIETETICA NUTRIRSI DI SALUTE ANNO SCOLASTICO 2012 PROGRAMMA SCUOLA DI DIETETICA NUTRIRSI DI SALUTE ANNO SCOLASTICO 2012 DOCENTE: Madaschi Rossana Dietista e Docente di Scienza dell Alimentazione MATERIE: Dietologia - Scienza dell Alimentazione CLASSE:

Dettagli

Corso: «Diabete mellito tra medico di medicina generale e diabetologo. Proposta per una gestione condivisa.»

Corso: «Diabete mellito tra medico di medicina generale e diabetologo. Proposta per una gestione condivisa.» AZIENDA UNITÁ LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 13 Dipartimento di Prevenzione Servizio Igiene degli Alimenti e della Nutrizione Corso: «Diabete mellito tra medico di medicina generale e diabetologo. Proposta

Dettagli

CENTRO PER LA TERAPIA DELLA OBESITÀ E DEL SOVRAPPESO SOVRAPPESO E OBESITÀ CAUSE CONSEGUENZE TERAPIE. www.lucapecchioli.it

CENTRO PER LA TERAPIA DELLA OBESITÀ E DEL SOVRAPPESO SOVRAPPESO E OBESITÀ CAUSE CONSEGUENZE TERAPIE. www.lucapecchioli.it CENTRO PER LA TERAPIA DELLA OBESITÀ E DEL SOVRAPPESO CENTRO PER LA TERAPIA DELLA OBESITÀ E DEL SOVRAPPESO SOVRAPPESO E OBESITÀ CAUSE CONSEGUENZE TERAPIE LE CAUSE DELL OBESITÀ Dall interazione di fattori

Dettagli

Saggio breve IV D a.s. 2011/12 Salute,benessere e attività fisica. GALVANI-IODI DI RE DIPARTIMENTO DI EDUCAZIONE FISICA Attività sportiva e salute.

Saggio breve IV D a.s. 2011/12 Salute,benessere e attività fisica. GALVANI-IODI DI RE DIPARTIMENTO DI EDUCAZIONE FISICA Attività sportiva e salute. Saggio breve IV D a.s. 2011/12 Salute,benessere e attività fisica Il benessere fisico ci consente di vivere una vita sana,serena e spesso felice. Oggi il progresso tecnologico ha reso l uomo sempre più

Dettagli

EVOLUZIONE ED OBESITA. Dott.ssa D Angelo Angelica

EVOLUZIONE ED OBESITA. Dott.ssa D Angelo Angelica EVOLUZIONE ED OBESITA Dott.ssa D Angelo Angelica Definizione di obesità Per obesità si intende la presenza di un eccesso della massa corporea. Il grado di obesità si misura con l indice di massa corporea

Dettagli

1 Accesso. 2 Accesso. Note 1-2. Nota 3. (dopo 15-30 giorni) STOP. Nota 4

1 Accesso. 2 Accesso. Note 1-2. Nota 3. (dopo 15-30 giorni) STOP. Nota 4 1 Accesso Note 1-2 1. Individua i pazienti affetti da Sindrome Metabolica utilizzando l algoritmo per la diagnosi secondo l ATP III fra tutti i pazienti con BMI > 27 o affetti da uno dei disordini che

Dettagli

Educazione alimentare

Educazione alimentare Università degli Studi di Torino Azienda Ospedaliera San Luigi di Orbassano Struttura Semplice Dipartimentale di Dietetica e Nutrizione Clinica Educazione alimentare Classificazione: entità Indice di massa

Dettagli

Alimentazione equilibrata e lavoro d ufficio

Alimentazione equilibrata e lavoro d ufficio Il benessere comincia dall ufficio 4 ottobre 2008 Alimentazione equilibrata e lavoro d ufficio Dott.ssa Cristina Angeloni Università di Bologna Dipartimento di Biochimica G.Moruzzi Centro Ricerche sulla

Dettagli

MultiMedica. Prevenire e curare con l Alimentazione. IRCCS Istituto di Ricovero e Cura. m Istituto di Ricovero e Cura. MultiMedica

MultiMedica. Prevenire e curare con l Alimentazione. IRCCS Istituto di Ricovero e Cura. m Istituto di Ricovero e Cura. MultiMedica COMUNICAZIONE BLZ E IMMAGINE m IRCCS MultiMedica m Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Via Milanese, 300 - Sesto S. Giovanni (Mi) MultiMedica Castellanza Viale Piemonte, 70 - Castellanza

Dettagli

Fabbisogno energetico e sue componenti

Fabbisogno energetico e sue componenti Fabbisogno energetico e sue componenti WHO (1985) come: l apporto di energia di origine alimentare necessario a compensare il dispendio energetico di individui che mantengano un livello di attività fisica

Dettagli

Come programmare il tuo benessere fisico e mantenerlo per sempre

Come programmare il tuo benessere fisico e mantenerlo per sempre Come programmare il tuo benessere fisico e mantenerlo per sempre L obesità è una patologia causata (laddove non sia attribuibile ad altri motivi) da comportamenti ed abitudini di vita scorretti: contrastarla

Dettagli

PROGETTO PIEDIBUS : PUO FUNZIONARE?

PROGETTO PIEDIBUS : PUO FUNZIONARE? http://digilander.libero.it/riminisportmedicina riminisportmedicina@libero.it MEDICINA dello SPORT e PROMOZIONE dell ATTIVITA FISICA PROGETTO PIEDIBUS : PUO FUNZIONARE? dr. Eugenio Albini Tutte le più

Dettagli

SERVIZIO DI IGIENE DEGLI ALIMENTI E NUTRIZIONE (S.I.A.N. - ASL NO )

SERVIZIO DI IGIENE DEGLI ALIMENTI E NUTRIZIONE (S.I.A.N. - ASL NO ) SERVIZIO DI IGIENE DEGLI ALIMENTI E NUTRIZIONE (S.I.A.N. - ASL NO ) OBIETTIVI del SIAN: sicurezza alimentare prevenzione delle malattie correlate all alimentazione promuovere comportamenti utili per la

Dettagli

LE CINQUE REGOLE PER IL BENESSERE

LE CINQUE REGOLE PER IL BENESSERE LE CINQUE REGOLE PER IL BENESSERE Per sentirsi bene e in salute è necessario non solo raggiungere un peso salutare ma è necessario fare anche dei cambiamenti nel proprio stile di vita e nel proprio modo

Dettagli

ANUPSA VERONA. Dott.ssa F. «Come affrontare il sovrappeso e le sue complicanze. Dimagrire in salute: la dieta Proteica, i pro e i contro.

ANUPSA VERONA. Dott.ssa F. «Come affrontare il sovrappeso e le sue complicanze. Dimagrire in salute: la dieta Proteica, i pro e i contro. ANUPSA VERONA «Come affrontare il sovrappeso e le sue complicanze. Dimagrire in salute: la dieta Proteica, i pro e i contro.» Circolo Ufficiali di Castelvecchio 13 febbraio 2014 1 Dott.ssa F. Dopo gli

Dettagli

L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA

L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA La dieta nel diabete Come deve essere la dieta del paziente diabetico? Tutti gli alimenti vanno consumati con misura

Dettagli

LA RISTORAZIONE IN AMBIENTE DI LAVORO UNA IMPORTANTE OCCASIONE DI PREVENZIONE

LA RISTORAZIONE IN AMBIENTE DI LAVORO UNA IMPORTANTE OCCASIONE DI PREVENZIONE Convegno nazionale SIAN Vicenza 21 settembre 2012 Priorità ed aspetti emergenti della nutrizione in Italia LA RISTORAZIONE IN AMBIENTE DI LAVORO UNA IMPORTANTE OCCASIONE DI PREVENZIONE EMILIA GUBERTI Servizio

Dettagli

IL DIABETE GESTAZIONALE

IL DIABETE GESTAZIONALE IL DIABETE GESTAZIONALE dott.ssa Annamaria Nuzzi Ambulatorio Diabete e Gravidanza S.S.D. Diabetologia e Malattie del Metabolismo A.S.L. CN2 sede di Alba e Canale Resp.. Dott.ssa A. Rosatello COS E IL DIABETE

Dettagli

CHE COSA SI INTENDE PER "ATTIVITÀ FISICA"?

CHE COSA SI INTENDE PER ATTIVITÀ FISICA? LA SALUTE La salute viene definita dall'o.m.s. come "uno stato di equilibrio bio-chimico, psico-fisico ed affettivo-relazionale". Quando tutte queste componenti sono in equilibrio, allora si può affermare

Dettagli

E BUONO, E FA BENE! Novara, 28 Maggio 2015

E BUONO, E FA BENE! Novara, 28 Maggio 2015 SERVIZIO DI IGIENE DEGLI ALIMENTI E NUTRIZIONE (S.I.A.N. S.I.A.N.) ) ASL NO SOROPTIMIS INTERNATIONAL D ITALIA CLUB DI NOVARA ISTITUTO PARITARIO SACRO CUORE NOVARA E BUONO, E FA BENE! Novara, 28 Maggio

Dettagli

ALIMENTAZIONE DA 12 A 36 MESI

ALIMENTAZIONE DA 12 A 36 MESI ALIMENTAZIONE DA 12 A 36 MESI Intervento a cura di: Dr.ssa Maria Teresa Gussoni Ss Igiene Nutrizione Milano, 3 maggio 2012 1 L eccesso di peso rappresenta un fattore di rischio rilevante per le principali

Dettagli

IL RISCHIO CARDIOVASCOLARE GLOBALE: IL CRUSCOTTO DEL CUORE

IL RISCHIO CARDIOVASCOLARE GLOBALE: IL CRUSCOTTO DEL CUORE Lega Friulana per il Cuore IL RISCHIO CARDIOVASCOLARE GLOBALE: IL CRUSCOTTO DEL CUORE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico

Dettagli

SOVRAPPESO E OBESITA IN ETA ADULTA

SOVRAPPESO E OBESITA IN ETA ADULTA Via Pio II, 3-20153 Milano Tel. 02/4022.1 - Email: info@sancarlo.mi.it www.sancarlo.mi.it un problema di salute 16 A cura di U.O. Dietologia e Nutrizione Clinica dr.ssa Donatella Noè dr.ssa Roberta Spiti

Dettagli

La magia del cibo, scopriamo quanto l alimentazione è importante per il benessere.

La magia del cibo, scopriamo quanto l alimentazione è importante per il benessere. Le sane abitudini alimentari Bologna 10 marzo 2014 La magia del cibo, scopriamo quanto l alimentazione è importante per il benessere. Emilia Guberti UO Igiene Alimenti e Nutrizione Az. USL Bologna Sicurezza

Dettagli

L OBESITÀ NELL ADULTO

L OBESITÀ NELL ADULTO Azienda Ospedaliero-Universitaria Pisana Centro Multidisciplinare per la Diagnosi e la Terapia dell Obesità e dei Disturbi del Comportamento Alimentare L OBESITÀ NELL ADULTO 2 SEMINARIO: L OSPEDALE PROMUOVE

Dettagli

LIBRETTO INFORMATIVO L OBESITA

LIBRETTO INFORMATIVO L OBESITA LIBRETTO INFORMATIVO L OBESITA 35 Perché si diventa grassi? INTRODUZIONE DI ENERGIA DISPENDIO DI ENERGIA Cibo Bevande Esercizio fisico Metabolismo Si diventa grassi quando le calorie in entrata superano

Dettagli

Università degli Studi di Macerata Facoltà di Scienze della Formazione Anno Accademico 2009 2010 II Bambino Obeso

Università degli Studi di Macerata Facoltà di Scienze della Formazione Anno Accademico 2009 2010 II Bambino Obeso Università degli Studi di Macerata Facoltà di Scienze della Formazione Anno Accademico 2009 2010 II Bambino Obeso Insegnamento di Pediatria Preventiva e Sociale Docente: Tubaldi Lucia Definizione di obesità

Dettagli

Cibo & Mente. Scienza dell Alimentazione e Psicologia: insieme per raggiungere il benessere fisico e psicologico. Mens sana in corpore sano Giovenale

Cibo & Mente. Scienza dell Alimentazione e Psicologia: insieme per raggiungere il benessere fisico e psicologico. Mens sana in corpore sano Giovenale Cibo & Mente Scienza dell Alimentazione e Psicologia: insieme per raggiungere il benessere fisico e psicologico Mens sana in corpore sano Giovenale Presentazione Perché abbiamo deciso di fare questo ciclo

Dettagli

Dieta sana = dieta costosa? No Consigli utili per mangiare sano senza spendere tanto

Dieta sana = dieta costosa? No Consigli utili per mangiare sano senza spendere tanto Dieta sana = dieta costosa? No Consigli utili per mangiare sano senza spendere tanto A CURA DEL MINISTERO DELLA SALUTE DIREZIONE GENERALE DELLA COMUNICAZIONE E DEI RAPPORTI EUROPEI E INTERNAZIONALI, UFFICIO

Dettagli

Introduzione GIOVANNI IL BIBLIOTECARIO

Introduzione GIOVANNI IL BIBLIOTECARIO Caso clinico Introduzione GIOVANNI IL BIBLIOTECARIO Anagrafica Maschio 54 anni Singl Professione: bibliotecario Hobby: lettura, musica Sport: ha praticato da giovane il ciclismo e sci da fondo Vive a San

Dettagli

L OBESITA DEL BAMBINO E DEL FUTURO ADULTO

L OBESITA DEL BAMBINO E DEL FUTURO ADULTO L OBESITA DEL BAMBINO E DEL FUTURO ADULTO Luca Chiovato, Agnese Mottadelli U.O. di Medicina Interna e Endocrinologia, I.R.C.C.S. Fondazione S. Maugeri Cattedra di Endocrinologia Università di Pavia Sono

Dettagli

1. VALUTAZIONE NUTRIZIONALE

1. VALUTAZIONE NUTRIZIONALE SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE REGIONE AUTONOMA FRIULI-VENEZIA GIULIA AZIENDA PER L ASSISTENZA SANITARIA N. 4 FRIULI CENTRALE Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE Partita IVA e Codice Fiscale 02801610300 ALLEGATO

Dettagli

Alimentazione e sport

Alimentazione e sport Dietista Silvia Bernardi Trento, 5 Marzo 2010 Il movimento spontaneo e l attività fisica, se iniziati precocemente, rappresentano la misura più efficace di terapia e prevenzione delle patologie del benessere.

Dettagli

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity SALUTE: definizione Nel 1948, la World Health Assembly ha definito la salute come a state of complete physical, mental, and social well-being and not merely the absence of disease or infirmity. Nel1986

Dettagli

DIABETE E AUTOCONTROLLO

DIABETE E AUTOCONTROLLO DIABETE E AUTOCONTROLLO Sì, gestire il diabete è possibile. Il monitoraggio della glicemia fa parte della terapia generale del diabete. Grazie all autocontrollo, potete misurare il livello di glicemia

Dettagli

Dir. UOC Ostetricia e Ginecologia Policlinico Universitario A. Gemelli, Roma ALIMENTAZIONE IN GRAVIDANZA

Dir. UOC Ostetricia e Ginecologia Policlinico Universitario A. Gemelli, Roma ALIMENTAZIONE IN GRAVIDANZA PROF. ALESSANDRO CARUSO Dir. UOC Ostetricia e Ginecologia Policlinico Universitario A. Gemelli, Roma ALIMENTAZIONE IN GRAVIDANZA Una nutrizione corretta determina condizioni ottimali di salute materne,

Dettagli

ALIMENTAZIONE SANA IN ETA EVOLUTIVA PER UN CUORE SANO IN ETA ADULTA

ALIMENTAZIONE SANA IN ETA EVOLUTIVA PER UN CUORE SANO IN ETA ADULTA ALIMENTAZIONE SANA IN ETA EVOLUTIVA PER UN CUORE SANO IN ETA ADULTA PERCHE UN ALIMENTAZIONE NON SANA FA MALE AL CUORE?... perchè espone al sovrappeso e alle sue complicanze PERCHE UN ALIMENTAZIONE NON

Dettagli

CHI PUÒ UTILIZZARE LA BILANCIA IMPEDENZIOMETRICA

CHI PUÒ UTILIZZARE LA BILANCIA IMPEDENZIOMETRICA CHI PUÒ UTILIZZARE LA BILANCIA IMPEDENZIOMETRICA L uso della bilancia impedenziometrica è consigliato ad adulti di età compresa tra 18 e 99 anni. Bambini tra 5 e 17 anni possono utilizzare la bilancia

Dettagli

PRONTUARIO DIETETICO ED IDENTIFICAZIONE NUTRIZIONALE DEGLI OSPITI

PRONTUARIO DIETETICO ED IDENTIFICAZIONE NUTRIZIONALE DEGLI OSPITI PRONTUARIO DIETETICO ED IDENTIFICAZIONE NUTRIZIONALE DEGLI OSPITI CORSO REGIONALE DI FORMAZIONE 1 Dicembre 2006 Dietista Silvia Scremin Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione U.L.SS. n.6 Vicenza MENÙ DOCUMENTO

Dettagli

Per aiutare i figli a crescere bene, A volte lontanissimo. E' nella seconda parte della vita, infatti,

Per aiutare i figli a crescere bene, A volte lontanissimo. E' nella seconda parte della vita, infatti, Per aiutare i figli a crescere bene, i genitori devono guardare lontano. A volte lontanissimo. E' nella seconda parte della vita, infatti, che la salute può presentare il conto. I bambini hanno bisogno

Dettagli

Le Dispense di Dietaenutrizione.it LA COLAZIONE IDEALE

Le Dispense di Dietaenutrizione.it LA COLAZIONE IDEALE LA COLAZIONE IDEALE Recenti statistiche attribuiscono ad una alimentazione scorretta la causa principale di diverse patologie nel mondo Noi siamo quello che mangiamo Alcuni fatti... L 86% dei decessi,

Dettagli

COMUNE DI SAN DONATO MILANESE

COMUNE DI SAN DONATO MILANESE COMUNE DI SAN DONATO MILANESE Prevalenza passata e futura del sovrappeso nel mondo (adulti e bambini) Reproduced from the Organization for Economic Co-operation and Development. Lancet 2011;378:815-25

Dettagli

GRASSI E SOVRAPPESO : UN RISCHIO PER IL CELIACO?

GRASSI E SOVRAPPESO : UN RISCHIO PER IL CELIACO? GRASSI E SOVRAPPESO : UN RISCHIO PER IL CELIACO? LIDIA ROVERA UOA Gastroenterologia Dietetica e Nutrizione Clinica ASO Ordine Mauriziano-Torino I.R.C.C. Candiolo LUCIA FRANSOS Dietista AIC -Piemonte e

Dettagli

ALIMENTAZIONE E SALUTE. Dott.ssa Ersilia Palombi. Medico Nutrizionista

ALIMENTAZIONE E SALUTE. Dott.ssa Ersilia Palombi. Medico Nutrizionista ALIMENTAZIONE E SALUTE Dott.ssa Ersilia Palombi Medico Nutrizionista Alimentarsi bene e nutrirsi bene: non sempre i due comportamenti corrispondono, infatti il segnale fisiologico dell appetito da solo

Dettagli

Obesità ed epigenetica: il ruolo del SIAN nella prevenzione. Antonio Romaniello Direttore U.O.C. SIAN ASL - Potenza

Obesità ed epigenetica: il ruolo del SIAN nella prevenzione. Antonio Romaniello Direttore U.O.C. SIAN ASL - Potenza Obesità ed epigenetica: il ruolo del SIAN nella prevenzione Antonio Romaniello Direttore U.O.C. SIAN ASL - Potenza IP E R N U T R IZ IO N EE N E R G E T IC A (O B E S IT A ') C R IT E R IC L IN IC I E

Dettagli

infosalute Alimentazione e stato nutrizionale in Trentino Provincia Autonoma di Trento Assessorato alla Salute e Politiche

infosalute Alimentazione e stato nutrizionale in Trentino Provincia Autonoma di Trento Assessorato alla Salute e Politiche infosalute Provincia Autonoma di Trento Assessorato alla Salute e Politiche Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari Alimentazione e stato nutrizionale in Trentino Alimentazione e stato nutrizionale

Dettagli

ALIMENTAZIONE NELLE PATOLOGIE CRONICHE. dott.ssa Siciliano Italia Grazia biologo nutrizionista

ALIMENTAZIONE NELLE PATOLOGIE CRONICHE. dott.ssa Siciliano Italia Grazia biologo nutrizionista ALIMENTAZIONE NELLE PATOLOGIE CRONICHE dott.ssa Siciliano Italia Grazia biologo nutrizionista DALLA PREISTORIA AD OGGI: STILI DI VITA DIVERSI 100% 90% 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% DALLA PREISTORIA

Dettagli

INDICE INTRODUZIONE... 4 CAPITOLO 1. L OBESITA : STILE DI VITA... 6 CAPITOLO 2. TEORIA DELL EDUCAZIONE : PRESUPPOSTI TEORICI... 9

INDICE INTRODUZIONE... 4 CAPITOLO 1. L OBESITA : STILE DI VITA... 6 CAPITOLO 2. TEORIA DELL EDUCAZIONE : PRESUPPOSTI TEORICI... 9 INTRODUZIONE 2 INDICE INTRODUZIONE... 4 CAPITOLO 1. L OBESITA : STILE DI VITA... 6 CAPITOLO 2. TEORIA DELL EDUCAZIONE : PRESUPPOSTI TEORICI... 9 CAPITOLO 3. L UTILIZZO DELLA TELEMEDICINA... 18 CAPITOLO

Dettagli

I disturbi del comportamento alimentare. Dott.ssa Bernardelli Sara Psicologa-Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale

I disturbi del comportamento alimentare. Dott.ssa Bernardelli Sara Psicologa-Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale I disturbi del comportamento alimentare Dott.ssa Bernardelli Sara Psicologa-Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale Cosa sono i disturbi alimentari (DCA)? Sono problematiche che riguardano il rapporto

Dettagli

ALIMENTAZIONE E BENESSERE

ALIMENTAZIONE E BENESSERE NICOLETTA PROIETTI Consulente alimentare DIRETTIVO A.L.B.A. ALIMENTAZIONE E BENESSERE PROGETTO POHEFA Materiale divulgativo incontri ROCCADIMEZZO FOSSA UN ATLETA DI NOME CHARMIS VINCE DELLE GARE IN BASE

Dettagli

MANUALE DI APPROFONDIMENTO DELL ALGORITMO

MANUALE DI APPROFONDIMENTO DELL ALGORITMO MANUALE DI APPROFONDIMENTO DELL ALGORITMO GESTIONE DEL PAZIENTE IN SOVRAPPESO E OBESO IN MEDICINA GENERALE Documento di Sintesi esplicativo dell Algoritmo 1. RACCOLTA DEI DATI ANTROPOMETRICI L'indice di

Dettagli

ULSS 2 INCONTRA I mercoledì della Salute

ULSS 2 INCONTRA I mercoledì della Salute ULSS 2 INCONTRA I mercoledì della Salute Titolo: Diabete e alimentazione Relatore: Giovanna Foschini Data 19 marzo 2014 Sede Sala Piccolotto UN PO DI STORIA Un po' di storia... Papiro di Ebers (1550 a.c.)

Dettagli

DISTURBO DA ALIMENTAZIONE INCONTROLLATA (BED) Chi colpisce, che cos'è CHI COLPISCE

DISTURBO DA ALIMENTAZIONE INCONTROLLATA (BED) Chi colpisce, che cos'è CHI COLPISCE DISTURBO DA ALIMENTAZIONE INCONTROLLATA (BED) Chi colpisce, che cos'è CHI COLPISCE Significativi problemi di abbuffate, cioè assunzione di un elevata quantità di cibo associata a un senso di perdita di

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA PREVENZIONE E DELLA COMUNICAZIONE DIREZIONE GENERALE DELLA SANITA VETERINARIA E DEGLI ALIMENTI UFFICIO XII L' approccio alla malattia diabetica si basa su tre

Dettagli

Prevenzione & Salute

Prevenzione & Salute Prevenzione & Salute La salute comincia a tavola! Scoprilo insieme a Faschim. 1 Argomento ALIMENTAZIONE CORRETTA Ecco il primo degli appuntamenti in cui si parla dei vantaggi di una dieta diversificata

Dettagli

Il primo passo di un cammino per riconoscere la malattia ed affrontarla con i centri ospedalieri specializzati

Il primo passo di un cammino per riconoscere la malattia ed affrontarla con i centri ospedalieri specializzati Il primo passo di un cammino per riconoscere la malattia ed affrontarla con i centri ospedalieri specializzati Per il paziente che vuole saperne di più a cura della SICOB, Società Italiana di Chirurgia

Dettagli

ASL - Benevento. Okkio alla salute. Un indagine tra i bambini della scuola primaria

ASL - Benevento. Okkio alla salute. Un indagine tra i bambini della scuola primaria ASL - Benevento Bollettino Epidemiologico n. 96 Servizio Epidemiologico e Prevenzione - Tel. 0824.308286-9 Fax 0824.308302 e-mail: sep@aslbenevento1.it Okkio alla salute Un indagine tra i bambini della

Dettagli

MANGIAR SANO UN GIOCO DA BAMBINI!

MANGIAR SANO UN GIOCO DA BAMBINI! MANGIAR SANO UN GIOCO DA BAMBINI! Paese, 13 marzo 2013 dott.ssa Laura Martinelli dietista sportiva www.alimentazionesportivamartinelli.com ARGOMENTI L alimentazione dei bambini in Italia Elementi di dietetica

Dettagli

TERAPIA DIETETICA IN RIABILITAZIONE ONCOLOGICA. Dietista Diplomata Giada Ponti

TERAPIA DIETETICA IN RIABILITAZIONE ONCOLOGICA. Dietista Diplomata Giada Ponti TERAPIA DIETETICA IN RIABILITAZIONE ONCOLOGICA Dietista Diplomata Giada Ponti MALNUTRIZIONE NEL PAZIENTE ONCOLOGICO INTAKE FABBISOGNI 2 1. Inadeguato intake di energia e nutrienti Effetti locali provocati

Dettagli

Tu sei nel cuore di Fondo Est!

Tu sei nel cuore di Fondo Est! Tu sei nel cuore di Fondo Est! Prevenzione della Sindrome Metabolica 1 Fondo EST in collaborazione con Unisalute ti invita a partecipare alla campagna TU SEI NEL CUORE DI FONDO EST. Si tratta di uno screening

Dettagli

SERVIZIO DI DIETO LOGIA ASSOCIAZIONE ITALIANA PER L EDUCAZIONE DEMOGRAFICA SEZIONE DI ROMA

SERVIZIO DI DIETO LOGIA ASSOCIAZIONE ITALIANA PER L EDUCAZIONE DEMOGRAFICA SEZIONE DI ROMA SERVIZIO DI DIETO LOGIA ASSOCIAZIONE ITALIANA PER L EDUCAZIONE DEMOGRAFICA SEZIONE DI ROMA Il SERVIZIO DI DIETOLOGIA AIED offre: Visite mediche specialistiche Elaborazione diete computerizzate personalizzate

Dettagli

DIABETE E ALIMENTAZIONE

DIABETE E ALIMENTAZIONE DIABETE E ALIMENTAZIONE La pianificazione di una dieta corretta può essere difficile se non si è certi della combinazione di cibi migliore, delle porzioni e dell effetto dei diversi alimenti sui livelli

Dettagli

Obesity week VI edizione. Dieta: piacere o maledizione. Leone ARSENIO

Obesity week VI edizione. Dieta: piacere o maledizione. Leone ARSENIO Obesity week VI edizione Dieta: piacere o maledizione. Leone ARSENIO Troppe diete Troppe diete negli adolescenti non favoriscono la regolazione a lungo del peso Troppe diete negli adolescenti, come negli

Dettagli

I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE NELL OBESIT OBESITÀ

I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE NELL OBESIT OBESITÀ I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE NELL OBESIT OBESITÀ ALESSIA MINNITI, Unità Funzionale Semplice di Dietetica e Nutrizione Clinica Università degli Studi di Verona 4 Congresso SIO-Triveneto Udine,

Dettagli

IL PRIMO PASSO PER PERDERE PESO

IL PRIMO PASSO PER PERDERE PESO IL PRIMO PASSO PER PERDERE PESO Informazioni sulla terapia cognitivo comportamentale dell obesità PPPOSITIVE PRESS INDICE Introduzione... 5 Capitolo 1 Obesità: i fatti... 7 Tutti i diritti riservati. Nessuna

Dettagli

IL FITNESS METABOLICO

IL FITNESS METABOLICO Esercizio fisico e fattori di rischio cardiovascolari : dalla teoria alla pratica IL FITNESS METABOLICO Dott.ssa C. Baggiore L'esercizio fisico è parte integrante del piano di trattamento del Diabete Mellito.

Dettagli

Antonio Pio D Ingianna Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli S6li di Vita

Antonio Pio D Ingianna Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli S6li di Vita Gli indicatori di malnutrizione ed il protocollo Scales. L alimentazione orale Antonio Pio D Ingianna Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli S6li di Vita Gli anziani sono.. Gli over 65 : circa

Dettagli

Il problema dell idratazione Il principale problema del controllo dello stato di idratazione è che la velocità di assorbimento dei liquidi è molto inferiore alla velocità con cui i liquidi vengono persi

Dettagli

La Gialmica ti permette di prendere un appuntamento per una visita con la nostra Nutrizionista, la

La Gialmica ti permette di prendere un appuntamento per una visita con la nostra Nutrizionista, la La Gialmica ti permette di prendere un appuntamento per una visita con la nostra Nutrizionista, la Dott.ssa Ventriglia. Potrai ricevere una dieta personalizzata e bilanciata con i consigli per dimagrire

Dettagli

Presentazione, Francesco Totti Prefazione alla seconda edizione Prefazione alla prima edizione

Presentazione, Francesco Totti Prefazione alla seconda edizione Prefazione alla prima edizione Indice VII Presentazione, Francesco Totti Prefazione alla seconda edizione Prefazione alla prima edizione XIII XV XVII parte prima Alimentazione, benessere e salute 1. Le regole fondamentali 3 Perché bisogna

Dettagli

DATI ANAGRAFICI CURRICULUM IN BREVE ISTRUZIONE. Recapito telefonico: 327.3512733

DATI ANAGRAFICI CURRICULUM IN BREVE ISTRUZIONE. Recapito telefonico: 327.3512733 BARDUCCO MICHELA DATI ANAGRAFICI Recapito telefonico: 327.3512733 CURRICULUM IN BREVE Mi sono laureata nel 2003 in Dietistica presso l Università degli Studi di Genova con una tesi sul Trattamento cognitivo

Dettagli

Attivazione Gruppi di Cammino Solferino 4 novembre 2014

Attivazione Gruppi di Cammino Solferino 4 novembre 2014 Attivazione Gruppi di Cammino Solferino 4 novembre 2014 La promozione di stili di vita salutari Elena Bianchera Area Promozione salute elena.bianchera@aslmn.it Canneto sull Oglio 21 febbraio 2014 Il fare

Dettagli

CHE COSA FARE DOPO UN INFARTO MIOCARDICO O UNA MALATTIA CORONARICA

CHE COSA FARE DOPO UN INFARTO MIOCARDICO O UNA MALATTIA CORONARICA Lega Friulana per il Cuore CHE COSA FARE DOPO UN INFARTO MIOCARDICO O UNA MALATTIA CORONARICA Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato

Dettagli

Comune di Pieve Emanuele Assessorato Pubblica Istruzione

Comune di Pieve Emanuele Assessorato Pubblica Istruzione Comune di Pieve Emanuele Assessorato Pubblica Istruzione In collaborazione con il 2 Circolo Didattico Anno scolastico 2008 \ 2009 A cura del Prof. Piero Verdecchia Relazione IMC e Sport praticati. Anno

Dettagli

La frutta secca, un alternativa alimentare ideale. Alessandra Bordoni Dipartimento di Scienze degli Alimenti Università di Bologna

La frutta secca, un alternativa alimentare ideale. Alessandra Bordoni Dipartimento di Scienze degli Alimenti Università di Bologna La frutta secca, un alternativa alimentare ideale Alessandra Bordoni Dipartimento di Scienze degli Alimenti Università di Bologna Cos è la frutta secca Frutti oleosi (noci, nocciole, mandorle, ecc) (in

Dettagli

Esperienze del consultorio Spazio Giovani. Liberi di scegliere Chiara Rizzoli Dipartimento Sanità Pubblica U.O.C Igiene Alimenti e Nutrizione

Esperienze del consultorio Spazio Giovani. Liberi di scegliere Chiara Rizzoli Dipartimento Sanità Pubblica U.O.C Igiene Alimenti e Nutrizione Esperienze del consultorio Spazio Giovani Liberi di scegliere Chiara Rizzoli Dipartimento Sanità Pubblica U.O.C Igiene Alimenti e Nutrizione Dedicato a ragazzi e ragazze dai 14 ai 20 anni c/o SPAZIO GIOVANI

Dettagli

ALIMETAZIONE DA 6 A 12 MESI

ALIMETAZIONE DA 6 A 12 MESI ALIMETAZIONE DA 6 A 12 MESI Intervento a cura di: Dr.ssa Armanda Frassinetti Dietista - Ss Igiene Nutrizione Milano, 3 maggio 2012 La abitudini alimentari della famiglia acquisite nei primi anni di vita

Dettagli

«Per star bene con te stesso, impara a nutrirti meglio e ad avere cura della tua salute» Team FormaOk

«Per star bene con te stesso, impara a nutrirti meglio e ad avere cura della tua salute» Team FormaOk Corso Alimentare «Per star bene con te stesso, impara a nutrirti meglio e ad avere cura della tua salute» Team FormaOk Programma Introduzione 1. Come deve essere un alimentazione equilibrata? 2. 5 pasti

Dettagli

Presentazione del progetto

Presentazione del progetto Laboratorio di marketing sociale Presentazione del progetto Soggetto ideatore e organizzatore: Azienda Sanitaria Locale DEFINIZIONE DEL PROBLEMA Sovrappeso ed obesità in età infantile La nuova emergenza

Dettagli

L'aspettativa di vita sana sta crollando in Italia Come invecchiare bene? Prevenzione e segreti

L'aspettativa di vita sana sta crollando in Italia Come invecchiare bene? Prevenzione e segreti Anziani f-+ m gamba L'aspettativa di vita sana sta crollando in Italia Come invecchiare bene? Prevenzione e segreti organizzata dalla Fondazione Veronesi nell 'ambito del programma "The Future qfscience

Dettagli

BREVE SINTESI E GLOSSARIO SUL DIABETE MELLITO

BREVE SINTESI E GLOSSARIO SUL DIABETE MELLITO BREVE SINTESI E GLOSSARIO SUL DIABETE MELLITO 1. Definizione 2. Classificazione 2.1. Diabete mellito di tipo 1 2.2. Diabete mellito di tipo 2 2.3. Diabete gestazionale 2.4. Altre forme di diabete 2.5.

Dettagli

Senza il dolce, il cuore è più leggero.

Senza il dolce, il cuore è più leggero. Il diabete Il diabete Opuscolo redatto da Franco Veglio*. Alla stessa collana, coordinata da Nicola De Luca*, appartengono anche i seguenti titoli: Senza il dolce, il cuore è più leggero. L attività fisica

Dettagli

Frida Leonetti frida.leonetti@uniroma1.it

Frida Leonetti frida.leonetti@uniroma1.it Frida Leonetti frida.leonetti@uniroma1.it 1.5 miliardi con BMI>25 500 milioni con BMI>30 BMI > 40 kg/m² BMI > 35 Kg/m² e comorbilità testo Neoplasie Malattie CV altre 2009 Industrial Chemicals Bisphenol

Dettagli

REGIONE LIGURIA Dipartimento Salute e Servizi Sociali Servizio Prevenzione

REGIONE LIGURIA Dipartimento Salute e Servizi Sociali Servizio Prevenzione REGIONE LIGURIA Dipartimento Salute e Servizi Sociali Servizio Prevenzione PIANO REGIONALE DELLA PREVENZIONE 2005 2007 (parte seconda) REGIONE LIGURIA Dipartimento Salute e Servizi Sociali Servizio Prevenzione

Dettagli

Istruzioni per l uso

Istruzioni per l uso Istruzioni per l uso Un periodo ristretto nel tempo di restrizioni alimentari per dimagrire o curare / prevenire una patologia Modo di alimentarsi, abitudine alimentare Siamo programmati per ingrassare

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 1301 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI FALLICA, BERNARDO, CARLUCCI, CATONE, CICU, COLUCCI, D IPPOLITO VITALE, GERMANÀ, GIAMMANCO,

Dettagli

Anoressia nervosa. Che cos è L anoressia nervosa è un disturbo dell alimentazione caratterizzato dai seguenti aspetti:

Anoressia nervosa. Che cos è L anoressia nervosa è un disturbo dell alimentazione caratterizzato dai seguenti aspetti: Dal sito : Terzocentro di psicoterapia Cognitiva (Roma) http://www.terzocentro.it Anoressia nervosa Che cos è L anoressia nervosa è un disturbo dell alimentazione caratterizzato dai seguenti aspetti: rilevante

Dettagli

Stili di vita. Indagine statistica sugli studenti dell istituto P. Scalcerle

Stili di vita. Indagine statistica sugli studenti dell istituto P. Scalcerle Stili di vita Indagine statistica sugli studenti dell istituto P. Scalcerle Classi 3 e sanitario A.s. 2014-2015 PRESENTAZIONE Nel corso dell anno scolastico 2014/2015, le classi 3 e dell istituto P. Scalcerle

Dettagli

Regione del Veneto Giunta Regionale Ufficio Stampa COMUNICATO STAMPA

Regione del Veneto Giunta Regionale Ufficio Stampa COMUNICATO STAMPA COMUNICATO STAMPA SANITA : OGGI GIORNATA MONDIALE DELLA SALUTE DEDICATA ALLA SICUREZZA ALIMENTARE. LE INIZIATIVE DELLA REGIONE. OBESO IL 10% DEI VENETI TRA 18 E 69 ANNI. NELLA MEDIA NAZIONALE. MOLTO MEGLIO

Dettagli

Un problema di cuore.

Un problema di cuore. Le malattie cardiovascolari nella donna Le malattie cardiovascolari nella donna Opuscolo redatto da Maria Lorenza Muiesan* e Maria Vittoria Pitzalis*. Alla stessa collana, coordinata da Nicola De Luca*,

Dettagli

SCUOLA STATALE SECONDARIA PRIMO GRADO L. PIRANDELLO 97013 COMISO

SCUOLA STATALE SECONDARIA PRIMO GRADO L. PIRANDELLO 97013 COMISO SCUOLA STATALE SECONDARIA PRIMO GRADO L. PIRANDELLO 97013 COMISO PROGETTO EDUCAZIONE ALIMENTARE ANNO SCOLASTICO 2012-2013 Docente Coordinatore: prof. ssa Nicosia Maria Salvatrice MOTIVAZIONE Nella società

Dettagli

10 REGOLE PER UNA SANA ALIMENTAZIONE

10 REGOLE PER UNA SANA ALIMENTAZIONE 10 REGOLE PER UNA SANA ALIMENTAZIONE A cura della dietista Nicoletta dott.ssa Colombi In collaborazione con Fondazione casa dei Premolesi La figura del dietista Il dietista è un professionista sanitario

Dettagli

L esercizio fisico come farmaco

L esercizio fisico come farmaco L esercizio fisico come farmaco L attività motoria come strumento di prevenzione e di terapia In questo breve manuale si fa riferimento a tipo, intensità, durata e frequenza dell attività fisica da soministrare

Dettagli

Il fabbisogno di energia di un individuo dipende dal suo dispendio energetico totale

Il fabbisogno di energia di un individuo dipende dal suo dispendio energetico totale Il fabbisogno di energia di un individuo dipende dal suo dispendio energetico totale L energia introdotta con gli alimenti è utilizzata dall organismo e restituita all ambiente sotto forma di calore (soprattutto)

Dettagli

INVESTIRE IN SALUTE. Progetto: TU SEI NEL CUORE DI. AZIONE DI SENSIBILIZZAZIONE E DI PREVENZIONE DELLA SINDROME METABOLICA

INVESTIRE IN SALUTE. Progetto: TU SEI NEL CUORE DI. AZIONE DI SENSIBILIZZAZIONE E DI PREVENZIONE DELLA SINDROME METABOLICA ASSOCIAZIONE PRO SENECTUTE DI PEIA-ONLUS via Don Brozzoni n 32 24020 Peia (BG) cod. fiscale 90017120164 (Iscritta nel Registro Generale Regionale del Volontariato al n. 26038 dal 24.10.2000) e-mail prosenectute_peia@virgilio.it

Dettagli

L ipertensione arteriosa è una tra le malattie più diffuse nei paesi industrializzati

L ipertensione arteriosa è una tra le malattie più diffuse nei paesi industrializzati ANTIPERTENSIVI (1) L ipertensione arteriosa è una tra le malattie più diffuse nei paesi industrializzati E uno dei maggiori problemi clinici dei tempi moderni. 1. Molte volte chi è iperteso lo scopre occasionalmente

Dettagli

Gusto dolce: scelte alimentari e implicazioni nutrizionali

Gusto dolce: scelte alimentari e implicazioni nutrizionali Dipartimento di Psicologia Facoltà di Medicina e Psicologia Gusto dolce: scelte alimentari e implicazioni nutrizionali Caterina Lombardo caterina.lombardo@uniroma1.it Negli ultimi secoli si è assistito

Dettagli

CORSA E ALIMENTAZIONE. Dott.ssa Sara Campagna Specialista in Medicina dello Sport Master in Nutrizione Umana

CORSA E ALIMENTAZIONE. Dott.ssa Sara Campagna Specialista in Medicina dello Sport Master in Nutrizione Umana CORSA E ALIMENTAZIONE Dott.ssa Sara Campagna Specialista in Medicina dello Sport Master in Nutrizione Umana Un alimentazione corretta in chi pratica attività sportiva permette di: - ottimizzare il rendimento

Dettagli