Università telematica Guglielmo Marconi. Chimica

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Università telematica Guglielmo Marconi. Chimica"

Transcript

1 Università telematica Guglielmo Marconi Chimica 1

2 Termodinamica 1

3 Argomenti Nell unità didattica dedicata alla termodinamica verranno affrontati i seguenti argomenti: L energia interna di un sistema Le leggi fondamentali della termodinamica Le grandezze termodinamiche entalpia, entropia, energia libera Le relazioni delle grandezze termodinamiche con le variazioni di pressione, temperatura, volume Le entalpie, le entropie e le energie libere standard Esercizi in cui si calcolano i valori di entalpia, entropia, energia libera L equilibrio termodinamico Le variazioni di energia libera durante le transizioni di fase 2

4 Obiettivi Attraverso la fruizione di questa unità didattica, lo studente potrà raggiungere i seguenti obiettivi: Saper dire che cosa sono e di cosa si occupano le scienze termodinamiche Capire il significato delle tre leggi fondamentali della termodinamica Imparare il significato delle grandezze termodinamiche fondamentali come l entalpia, l entropia, l energia libera di Gibbs Saper risolvere i problemi in cui si richiede di calcolare il valore di una di queste grandezze a partire dalle tabelle che riportano i valori delle entalpie standard di formazione e delle entropie standard Saper definire il concetto di equilibrio termodinamico e il suo significato in una reazione chimica Saper commentare un diagramma che mostra l andamento della variazione dell energia libera durante una transizione di stato 3

5 Introduzione La termodinamica è lo studio delle variazioni energetiche che accompagnano i fenomeni di natura fisica e chimica come, ad esempio, le reazioni chimiche. Studiare l andamento degli spostamenti dell energia è importante poiché esso ci può indicare quali trasformazioni fisiche e chimiche si possono verificare spontaneamente in quelle determinate condizioni e quali no. 4

6 Energia interna di un sistema L energia interna di un sistema è data dalla somma di tutte le energie cinetiche (EC) e di tutte le energie potenziali (EP) possedute dalle particelle che fanno parte di quel determinato sistema. ( ) ( ) E = EC + EP sistema sistema sistema Le energie cinetiche e potenziali di un sistema dipendono a loro volta dalla velocità e dalle forze di attrazioni che esistono tra le sue particelle. Queste grandezze non possono essere misurate sperimentalmente, pertanto ciò che possiamo e che abbiamo interesse a determinare sono le variazioni di energia del sistema Δ E = E E [ ] [ ] [ ] sistema finale iniziale 5

7 Energia interna di un sistema In termini chimici possiamo scrivere Δ E = E E [ ] [ ] [ ] sistema prodotti reagenti Se il sistema assorbe energia dall ambiente durante la reazione, il ΔE è positivo Se il sistema cede energia all ambiente durante la reazione, il ΔE è negativo 6

8 La prima legge della termodinamica La prima legge della termodinamica è una legge sperimentale e si riferisce agli scambi di calore che avvengono tra un sistema e l ambiente circostante. Essa considera due grandezze fisiche che sono il calore e il lavoro. Quando avviene una trasformazione, un sistema può assorbire o cedere calore compiere o subire un lavoro Δ E = q L [ calore] [ lavoro] Q =quantità di calore assorbita dal sistema L =quantità di lavoro svolto dal sistema 7

9 La prima legge della termodinamica Secondo la prima legge della termodinamica, dunque: la variazione energetica di un sistema è uguale alla differenza tra la quantità di energia che il sistema assorbe sottoforma di calore e la quantità di energia che il sistema cede sotto forma di lavoro svolto Poiché E è una funzione di stato, la sua variazione ΔE dipende solamente dallo stato iniziale e finale ed è indipendente dalla modalità di svolgimento della trasformazione. Al contrario i valori di q ed L dipendono dal modo in cui avviene la trasformazione 8

10 La prima legge della termodinamica Le reazioni chimiche condotte in laboratorio, il più delle volte, non compiono un lavoro elettrico, ma un lavoro meccanico dovuto alla contrazione o espansione volumetrica dei reagenti gassosi durante la trasformazione. L= lavoro P=pressione esterna V=variazione del volume L = PΔV Possiamo anche scrivere, in base al primo principio della termodinamica: Δ E = q PΔV Se manteniamo il volume costante, ad esempio come avviene in una bomba colorimetrica, il ΔE corrisponderà al calore della reazione Δ E = q v 9

11 Il calore di reazione Il calore di reazione equivale alla quantità di calore scambiato tra il sistema in cui si ha la reazione e l ambiente a temperatura costante. Per una reazione esotermica, il calore di reazione q è negativo CH 4 (g) + 2O 2 (g) CO 2 (g) + H 2 O(l) q=-890 kj per 1 mole di CH 4 Per una reazione endotermica, il calore di reazione q è positivo NaHCO 3 (aq) + HCl(aq) NaCl(aq) + CO 2 (g)+h 2 O(l) q= +11,8 kj per 1 mole di NaHCO 3 10

12 L entalpia L entalpia è una grandezza termodinamica che sia applica alle reazioni chimiche che avvengono in regime di pressione costante. Quando un sistema reagisce, a pressione costante, si ha una variazione dell entalpia del sistema che può essere calcolata mediante l equazione: Δ H =Δ E+ PΔV Sapendo che Δ E = q PΔV Δ E = q L Possiamo scrivere Δ H = q PΔ V + PΔV Δ H = q p Ovvero Cioè, il calore di reazione misurato a pressione costante, q p è uguale alla variazione dell entalpia. 11

13 L entalpia Definizioni L Entalpia standard ΔH è l entalpia misurata tenendo conto di tutte le sostanze (reagenti e prodotti) alle condizioni di P=1atm e T=25 C, e con la scala della reazione espressa in moli secondo i coefficienti dell equazione bilanciata L Entalpia standard di formazione ΔH f è la variazione di entalpia quando una mole del composto è formata dagli elementi nei loro stati standard, P=1atm e T=25 C L Entalpia standard di combustione ΔH c è la variazione di entalpia relativa alla combustione di una mole di un composto alle condizioni standard. 12

14 Le equazioni termochimiche Per equazione termochimica si intende un'equazione chimica di cui viene esplicitato il valore della suo ΔH. Esempio 2H 2 (g) + O 2 (g) 2H 2 O(g) ΔH=483,74 kj In un equazione termochimica, i coefficienti devono essere sempre interpretati come moli, in quanto è possibile avere coefficienti frazionati. N + 3H 2NH ( g) ( g) ( g) N + H NH 2 2 ( g) ( g) ( g) ΔH= H=-22,08 kj ΔH= H=-11,04 kj ΔH>0: pocesso endotermico ΔH<0: pocesso esotermico 13

15 La legge e l equazione di Hess La legge di Hess o legge dell additività dei calori dice che: Per ogni reazione che può essere scritta in stadi, la variazione di entalpia della reazione è data dalla somma delle variazioni di entalpia dei singoli stadi. La legge di Hess ci permette di calcolare la variazione di entalpia standard come differenza tra le entalpie totali di formazione dei prodotti e le entalpie totali di formazione dei reagenti Δ H = nδh mδh 0 o o f prod f reag prodotti reagenti 14

16 Diagrammi entalpici CH 4 (g) + O 2 (g) C(diamante) + 2 H 2 O(l) ΔH=-494,95kJ CH 4 (g) + 2 O 2 (g) CO 2 (g ) + 2 H 2 O(l) ΔH= -890,36 kj C(diamante) + O 2 (g) CO 2 (g) ΔH= -395,41 kj H CH 4 (g), 2O 2 (g) ΔH = -890,36+395,41 = -494,95 kj ΔH = -890,36 kj C(diamante),2H 2 O(l),O 2 (g) CO 2 (g), 2H 2 O(l) ΔH = -395,41 kj 15

17 Spontaneità delle trasformazioni Una trasformazione spontanea è un processo fisico o chimico che ha luogo senza interventi esterni. Alcuni esempi sono: - Passaggio di calore da un corpo caldo ad uno freddo - Mescolamento di due gas - Svolgimento di una reazione fortemente esotermica Nella direzione opposta tali processi non si verificano spontaneamente. I criteri di spontaneità che regolano le reazioni chimiche, che sono sistemi piuttosto complessi, non sono determinabili sulla sola base delle variazioni energetiche previste dal primo principio della termodinamica. Trasformazioni spontanee dal punto di vista dell entropia 16

18 Spontaneità delle trasformazioni Infatti le reazioni spontanee non sono solo esotermiche (ΔH<0), in natura e sperimentalmente si possono osservare diverse reazioni endotermiche (ΔH>0) che avvengono spontaneamente. Ad esempio sono spontanee reazioni endotermiche quali H 2 O(s) H 2 O(l) ΔH fus = +6.0 kj/mol NaCl(s) Na + (aq) + Cl - (aq) ΔH sol = +6.4 kj/mol o termoneutre quali il mescolamento di due gas. 17

19 L entropia La spontaneità di una trasformazione non è determinata esclusivamente dalla variazione di calore (o entalpia) ma richiede una nuova grandezza nota come entropia. L entropia è una quantità termodinamica che descrive il grado di disordine di un sistema. Al pari dell entalpia, l entropia è una funzione di stato, cioè dipende solo dagli stati iniziali e finali della reazione e non dai suoi passaggi intermedi. Δ S = S S finale iniziale Tutte le osservazioni sperimentali su sistemi complessi ci portano a dire che un processo avviene spontaneamente come risultato di un aumento complessivo del disordine del sistema: in altre parole, sulla base della pura probabilità, un sistema disordinato è molto più probabile di uno ordinato grazie alla tendenza naturale dei sistemi a mescolarsi e disordinarsi. 18

20 L entropia e le transizioni di fase Durante il processo di transizione di fase, ad un certo punto il sistema si troverà in una situazione di equilibrio in cui lo scambio di calore può avvenire reversibilmente. Nel caso di una transizione di fase alla temperatura T trans si ha q = ΔH trans e il ΔS è dato da Δ S = Δ H T tra n s tra n s Per la fusione di una mole di acqua a 0 C, con ΔH fus = 6,0 kj, si ha: ΔH fus 6,0kJ Δ S = = = 22 J / K T 273K fus 19

21 La seconda legge della termodinamica La seconda legge della termodinamica dice che: Quando nell Universo si realizza un processo spontaneo, esso è sempre accompagnato da un aumento di entropia e, poiché tutto ciò che accade si realizza come conseguenza di eventi spontanei, l entropia dell Universo cresce costantemente. 20

22 Entropia e temperatura La grandezza dell entropia di un sistema (in termini chimici, il grado del suo disordine molecolare) è direttamente proporzionale alla temperatura della sostanza. Alle condizioni di P=1atm e T=100 C, l acqua esiste come gas, uno stato caratterizzato da un alto grado di entropia. Se abbassiamo la temperatura, il vapor d acqua si condensa nell acqua liquida, uno stato caratterizzato da un minor grado di entropia. Un ulteriore abbassamento della temperatura porta ad un ulteriore diminuzione dell entropia. Alla temperatura di 0 C, le molecole d acqua si organizzano a formare il reticolo del solido cristallino del ghiaccio, uno stato caratterizzato da grado di entropia molto basso. L entropia del ghiaccio, anche se piccola, non è 0 e le molecole avranno ancora sufficiente energia termica a disposizione per muoversi nel reticolo Diagramma entropia-temperatura 21

23 La terza legge della termodinamica Se diminuiamo ancora la temperatura, l energia termica a disposizione delle molecole diminuisce e così anche le loro possibilità di movimento, l entropia del cristallo pertanto diminuisce anch essa. La terza legge della termodinamica afferma che allo 0 assoluto, l entropia di un solido cristallino è anch essa 0 Pertanto, conoscendo il valore del entropia allo zero assoluto, possiamo anche calcolarne il valore a temperature diverse dallo 0 assoluto. Si ricordi che, al contrario, non siamo in grado di determinare le entalpie, ma solo variazioni entalpiche (ΔH) 22

24 Entropia standard Conoscendo il valore del punto in cui l entropia vale 0, possiamo calcolarne il valore a temperature diverse dallo 0 assoluto. L entropia calcolata alle condizioni di P=1atm e T=25 C è detta entropia standard (S ). La variazione di entropia standard di una reazione sarà data dall equazione Δ S = ns ms prod reag prodotti reagenti 23

25 Energia libera di Gibbs In alcune trasformazioni, l entalpia e l entropia vanno nella stessa direzione, nel senso che contribuiscono entrambe alla realizzazione spontanea di un evento. Ad esempio quando si verifica la frana di un versante roccioso, l entalpia del sistema aumenta, così come aumenta anche l entropia. Entrambe contribuiscono alla trasformazione spontanea. In altre situazioni, come ad esempio la fusione del ghiaccio o l evaporazione dell acqua, possono invece opporsi. Infatti da punto di vista dell entalpia queste due reazioni non potrebbero verificarsi spontaneamente in quanto endotermiche, mentre dal punto di vista dell entropia sì, in quanto sono accompagnata da un aumento del disordine. L energia libera di Gibbs è una grandezza termodinamica che ci indica quale effetto hanno sulla spontaneità le variazioni di entalpia ed entropia. 24

26 Energia libera di Gibbs La variazione dell energia libera di Gibbs è definita dall equazione Δ G = Δ H T Δ S Essa è una funzione di stato e pertanto: Δ G = G G finale iniziale Una trasformazione avviene spontaneamente solo se la sua energia libera è negativa, ovvero ΔG<0. La reazione è quindi tanto più favorita (ΔG < 0) quanto più essa: - èesotermica ΔH < 0 - ha una variazione di entropia positiva ΔS > 0 25

27 Energia libera di Gibbs Trasformazioni esotermiche che producono un aumento di entropia saranno spontanee indipendentemente dalla temperatura (ΔG sempre<0) Trasformazioni endotermiche che producono una diminuzione di entropia non saranno mai spontanee indipendentemente dalla temperatura (ΔG sempre>0) Nelle trasformazioni nelle quali entalpia ed entropia si oppongono, la temperatura alla quale la trasformazione avviene gioca un ruolo determinante. Ad esempio quando Δ H e ΔS sono entrambe positive, solo per temperature relativamente alte il valore di TΔS sarà maggiore di Δ H in modo che Δ G sarà negativo e la trasformazione avverrà spontaneamente. Energia libera e temperatura 26

28 Energia libera di Gibbs Esempi sono: 1 Processi di fusione (evaporazione e sublimazione) per i quali: Δ G =ΔH TΔS fus fus fus con ΔH fus >0 e ΔS fus >0 : all aumentare di T, il TΔS fus aumenta anch esso e per T>T fus si ha Δ G fus <0, cioè la fusione è spontanea. 2 - Processi di mescolamento di gas ideali per i quali è ΔH =0 e ΔS>0 per cui: ΔG = -TΔS < 0 a tutte le temperature, cosicché tali processi sono sempre spontanei. 27

29 Energia libera standard La variazione di energia libera standard di una reazione, ΔG o, è la variazione di energia libera ottenuta quando i reagenti nei loro stati standard si trasformano nei prodotti anch essi nei loro stati standard. Essa può essere espressa dalla seguente equazione che contiene i termini delle variazioni di entalpia ed entropia standard ΔH 0 e ΔS 0 : ΔG o = Δ H o TΔS o 28

30 Energia libera standard. Esempio Esempio Calcolare ΔG per l drolisi dell urea CO(NH 2 ) 2 La reazione è ( 2) ( ) + 2 2( ) + g 3( g ) CO NH H O CO NH 2 2 ac Il ΔH può essere ricavato dai calori di formazione standard ( ) + 2Δ ( ) ( ) ( 2 ) +Δ ( 2 ) Δ H = Δ Hf CO2 Hf NH 3 Δ Hf CO NH H 2 f HO ΔH prodotti ΔH reagenti 94, 05kcal 11, 08kcal 76,30kcal 68,32kcal 1 mol * 2 mol * 1 mol * 1 mol * + + mol mol mol mol =+28,41kcal Analogamente si può ricavare il ΔS 51, 06cal 46, 01cal 41,55cal 16, 72cal 1 mol * 2 mol * + 1 mol * + 1 mol * molk molk molk molk =84,81cal/K ΔG=+28,41kcal-(298,2K)*(0,08481Kcal/K)=+28,41kcal-25,29kcal=+3,21 29

31 Energia di formazione standard L energia libera standard di formazione, ΔG o f di una sostanza è la variazione di energia libera per la reazione in cui una mole di sostanza si forma a partire dai reagenti nei loro stati standard. In pratica essa può essere calcolata come: ΔG o f = Δ H o f TΔSo f in cui ΔH o f è l entalpia standard di formazione della sostanza e ΔS o f èil ΔSo riferito alla stessa reazione di formazione. Come nel caso delle entalpie standard di formazione, l energia libera standard di formazione di un elemento è posta pari a zero. Il ΔG o di una qualsiasi reazione può essere calcolato servendosi dei valori di ΔG o f a 25 C per le principali sostanze che sono riportati in opportune tabelle : Δ G = nδg mδg o o o f prod f reag prodotti reagenti 30

32 Energia di formazione standard - esempio Esempio Calcolare l enegia libera della reazione: 2NH 3 (g) + CO 2 (g) NH 2 CONH 2 (g) + H 2 O ΔG f ,4 +138,8-237,2 kj/mol Applicando l espressione sopra si ha: ΔG f0 = [+138,8-237,2] [ ,4] =-13,6 kj/mol 31

33 Energia libera ed equilibrio Quando il ΔG non è né positivo né negativo ma è uguale a zero, il sistema si trova in equilibrio termodinamico. Per esempio nella solidificazione dell acqua, sia ΔS che ΔH sono positivi e la reazione avverrà spontaneamente solo per T<0. Quando T>0 la reazione spontanea sarà quella inversa, cioè la liquefazione del ghiaccio. Quando T=0 anche il ΔG =0 ed il sistema si trova in uno stato di equilibrio termodinamico tale per cui acqua solida e acqua liquida coesistono in una miscela. Un aumento o una diminuzione della temperatura possono sbloccare lo stato di equilibrio avviando una delle due trasformazioni. 32

34 Equilibrio nelle trasformazioni di fase In un sistema in equilibrio,il ΔG è uguale a zero. Pertanto Δ G = 0 =ΔH TΔS Da cui e Δ S = Δ H = T ΔS ΔH T ΔH = Δ S In questo modo, conoscendo il ΔH della trasformazione possiamo calcolare il ΔS e la temperatura alla quale si stabilisce l equilibrio T 33

35 Variazione dell energia libera nelle reazioni chimiche Il diagramma dell energia libera G mostra con chiarezza l andamento dell energia libera durante una reazione.come si può vedere, con il procedere di una reazione la curva presenta un minimo che corrisponde a ΔG=0. Se ΔG è piccolo, il minimo è a metà strada fra reagenti e prodotti, se è grande e positivo è molto vicino ai reagenti e se è grande e negativo è molto vicino ai prodotti. La reazione procede nella direzione in cui G diminuisce -10< ΔG o <10 kj ΔG o >10 kj ΔG o <-10 kj 34

36 Copyright AVVISO - Ai sensi dell'art. 1, comma 1 del decreto-legge 22 marzo 2004, n. 72, come modificato dalla legge di conversione 21 maggio 2004 n. 128, le opere presenti su questo sito hanno assolto gli obblighi derivanti dalla normativa sul diritto d'autore e sui diritti connessi. Tutti i contenuti sono proprietà letteraria riservata e protetti dal diritto di autore della Università Telematica Guglielmo Marconi. Si ricorda che il materiale didattico fornito è per uso personale degli studenti, al solo scopo didattico. Per ogni diverso utilizzo saranno applicate le sanzioni previste dalla legge 22 aprile 1941, n Copyright UNIMARCONI 35

CHIMICA GENERALE MODULO

CHIMICA GENERALE MODULO Corso di Scienze Naturali CHIMICA GENERALE MODULO 6 Termodinamica Entalpia Entropia Energia libera - Spontaneità Relatore: Prof. Finelli Mario Scienza che studia i flussi energetici tra un sistema e l

Dettagli

Definiamo Entalpia la funzione: DH = DU + PDV. Variando lo stato del sistema possiamo misurare la variazione di entalpia: DU = Q - PDV.

Definiamo Entalpia la funzione: DH = DU + PDV. Variando lo stato del sistema possiamo misurare la variazione di entalpia: DU = Q - PDV. Problemi Una mole di molecole di gas ideale a 292 K e 3 atm si espandono da 8 a 20 L e a una pressione finale di 1,20 atm seguendo 2 percorsi differenti. Il percorso A è un espansione isotermica e reversibile;

Dettagli

di questi il SECONDO PRINCIPIO ΔU sistema isolato= 0

di questi il SECONDO PRINCIPIO ΔU sistema isolato= 0 L entropia e il secondo principio della termodinamica La maggior parte delle reazioni esotermiche risulta spontanea ma esistono numerose eccezioni. In laboratorio, ad esempio, si osserva come la dissoluzione

Dettagli

pag 1/6 Appunti di chimica 17/11/2007 Termodinamica Energia, ambiente e sistema

pag 1/6 Appunti di chimica 17/11/2007 Termodinamica Energia, ambiente e sistema pag 1/6 Appunti di chimica 17/11/2007 Termodinamica Energia, ambiente e sistema La termodinamica è una scienza che studia il modo in cui processi chimici o fisici scambiano l'energia, per quel che ci riguarda

Dettagli

Selezione test GIOCHI DELLA CHIMICA

Selezione test GIOCHI DELLA CHIMICA Selezione test GIOCHI DELLA CHIMICA CLASSE A Velocità - Equilibrio - Energia Regionali 2010 36. Se il valore della costante di equilibrio di una reazione chimica diminuisce al crescere della temperatura,

Dettagli

Una soluzione è un sistema omogeneo (cioè costituito da una sola fase, che può essere liquida, solida o gassosa) a due o più componenti.

Una soluzione è un sistema omogeneo (cioè costituito da una sola fase, che può essere liquida, solida o gassosa) a due o più componenti. Una soluzione è un sistema omogeneo (cioè costituito da una sola fase, che può essere liquida, solida o gassosa) a due o più componenti. Solvente (componente presente in maggior quantità) SOLUZIONE Soluti

Dettagli

Leggi dei gas. PV = n RT SISTEMI DI PARTICELLE NON INTERAGENTI. perché le forze tra le molecole sono differenti. Gas perfetti o gas ideali

Leggi dei gas. PV = n RT SISTEMI DI PARTICELLE NON INTERAGENTI. perché le forze tra le molecole sono differenti. Gas perfetti o gas ideali Perché nelle stesse condizioni di temperatura e pressione sostanze differenti possono trovarsi in stati di aggregazione differenti? perché le forze tra le molecole sono differenti Da che cosa hanno origine

Dettagli

Compito d esame di CHIMICA-FISICA. Appello del 25/3/2004

Compito d esame di CHIMICA-FISICA. Appello del 25/3/2004 Compito d esame di CHIMICA-FISICA. Appello del 25/3/2004 Un campione di 0.85 moli di un gas ideale, inizialmente alla pressione di 15.0 atm e a 300 K, si espande isotermicamente finchè la pressione finale

Dettagli

Quesiti e problemi. 6 Indica quali dei seguenti sistemi sono da considerare. 7 Come puoi giustificare la liberazione di calore in

Quesiti e problemi. 6 Indica quali dei seguenti sistemi sono da considerare. 7 Come puoi giustificare la liberazione di calore in SUL LIBRO DA PAG 306 A PAG 310 Quesiti e problemi ESERCIZI 1 Le reazioni producono energia 1 Qual è il fattore più importante per stabilire se una reazione è esotermica o endotermica? Per stabilire se

Dettagli

La combustione ed i combustibili

La combustione ed i combustibili La combustione ed i combustibili Concetti di base Potere calorifico Aria teorica di combustione Fumi: volume e composizione Temperatura teorica di combustione Perdita al camino Combustibili Gassosi Solidi

Dettagli

Applicazioni della Termochimica: Combustioni

Applicazioni della Termochimica: Combustioni CHIMICA APPLICATA Applicazioni della Termochimica: Combustioni Combustioni Il comburente più comune è l ossigeno dell aria Aria secca:! 78% N 2 21% O 2 1% gas rari Combustioni Parametri importanti:! 1.Potere

Dettagli

Energia nelle reazioni chimiche. Lezioni d'autore di Giorgio Benedetti

Energia nelle reazioni chimiche. Lezioni d'autore di Giorgio Benedetti Energia nelle reazioni chimiche Lezioni d'autore di Giorgio Benedetti VIDEO Introduzione (I) L energia chimica è dovuta al particolare arrangiamento degli atomi nei composti chimici e le varie forme di

Dettagli

Al Prof. Mario Beccari, professore ordinario di Impianti Chimici, va il mio ringraziamento per aver elaborato gli argomenti riportati qui.

Al Prof. Mario Beccari, professore ordinario di Impianti Chimici, va il mio ringraziamento per aver elaborato gli argomenti riportati qui. Al Prof. Mario Beccari, professore ordinario di Impianti Chimici, va il mio ringraziamento per aver elaborato gli argomenti riportati qui. Nota per gli studenti. Sono stati usati simboli diversi da quelli

Dettagli

C V. gas monoatomici 3 R/2 5 R/2 gas biatomici 5 R/2 7 R/2 gas pluriatomici 6 R/2 8 R/2

C V. gas monoatomici 3 R/2 5 R/2 gas biatomici 5 R/2 7 R/2 gas pluriatomici 6 R/2 8 R/2 46 Tonzig La fisica del calore o 6 R/2 rispettivamente per i gas a molecola monoatomica, biatomica e pluriatomica. Per un gas perfetto, il calore molare a pressione costante si ottiene dal precedente aggiungendo

Dettagli

LA TERMOLOGIA. studia le variazioni di dimensione di un corpo a causa di una

LA TERMOLOGIA. studia le variazioni di dimensione di un corpo a causa di una LA TERMOLOGIA La termologia è la parte della fisica che si occupa dello studio del calore e dei fenomeni legati alle variazioni di temperatura subite dai corpi. Essa si può distinguere in: Termometria

Dettagli

CALORE. Compie lavoro. Il calore è energia. Temperatura e calore. L energia è la capacità di un corpo di compiere un lavoro

CALORE. Compie lavoro. Il calore è energia. Temperatura e calore. L energia è la capacità di un corpo di compiere un lavoro Cos è il calore? Per rispondere si osservino le seguenti immagini Temperatura e calore Il calore del termosifone fa girare una girandola Il calore del termosifone fa scoppiare un palloncino Il calore del

Dettagli

Temperatura e Calore

Temperatura e Calore Temperatura e Calore La materia è un sistema fisico a molti corpi Gran numero di molecole (N A =6,02 10 23 ) interagenti tra loro Descrizione mediante grandezze macroscopiche (valori medi su un gran numero

Dettagli

L EQUILIBRIO CHIMICO

L EQUILIBRIO CHIMICO EQUIIBRIO CHIMICO Molte reazioni chimiche possono avvenire in entrambe i sensi: reagenti e prodotti possono cioè scambiarsi fra di loro; le reazioni di questo tipo vengono qualificate come reazioni reversibili.

Dettagli

Università telematica Guglielmo Marconi

Università telematica Guglielmo Marconi Università telematica Guglielmo Marconi GGGGG CF Chimica 1 Gli equilibri chimici Argomenti Gli argomenti che fanno parte di questa unità didattica sono: L equilibrio dinamico nelle reazioni chimiche Le

Dettagli

RICHIAMI DI TERMOCHIMICA

RICHIAMI DI TERMOCHIMICA CAPITOLO 5 RICHIAMI DI TERMOCHIMICA ARIA TEORICA DI COMBUSTIONE Una reazione di combustione risulta completa se il combustibile ha ossigeno sufficiente per ossidarsi completamente. Si ha combustione completa

Dettagli

modulo: CHIMICA DEI POLIMERI

modulo: CHIMICA DEI POLIMERI CORSO PON Esperto nella progettazione, caratterizzazione e lavorazione di termoplastici modulo: CHIMICA DEI POLIMERI Vincenzo Venditto influenza delle caratteristiche strutturali, microstrutturali e morfologiche

Dettagli

Temperatura. V(t) = Vo (1+at) Strumento di misura: termometro

Temperatura. V(t) = Vo (1+at) Strumento di misura: termometro I FENOMENI TERMICI Temperatura Calore Trasformazioni termodinamiche Gas perfetti Temperatura assoluta Gas reali Principi della Termodinamica Trasmissione del calore Termoregolazione del corpo umano Temperatura

Dettagli

I FENOMENI TERMICI. I fenomeni termici Fisica Medica Lauree triennali nelle Professioni Sanitarie. P.Montagna ott-07. pag.1

I FENOMENI TERMICI. I fenomeni termici Fisica Medica Lauree triennali nelle Professioni Sanitarie. P.Montagna ott-07. pag.1 I FENOMENI TERMICI Temperatura Calore Trasformazioni termodinamiche Gas perfetti Temperatura assoluta Gas reali Principi della Termodinamica Trasmissione del calore Termoregolazione del corpo umano pag.1

Dettagli

EQUILIBRI ETEROGENEI

EQUILIBRI ETEROGENEI EQUILIBRI ETEROGENEI Finora abbiamo implicitamente considerato di aver a che fare con equilibri omogenei gassosi. I sistemi eterogenei, ovvero costituiti da più di una fase, sono coinvolti in una grande

Dettagli

L E L E G G I D E I G A S P A R T E I

L E L E G G I D E I G A S P A R T E I L E L E G G I D E I G A S P A R T E I Variabili di stato Equazioni di stato Legge di Boyle Pressione, temperatura, scale termometriche Leggi di Charles/Gay-Lussac Dispense di Chimica Fisica per Biotecnologie

Dettagli

FACOLTÀ DI INGEGNERIA. 2. Exergia. Roberto Lensi

FACOLTÀ DI INGEGNERIA. 2. Exergia. Roberto Lensi Roberto Lensi 2. Exergia Pag. 1 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PISA FACOLTÀ DI INGEGNERIA 2. Exergia Roberto Lensi DIPARTIMENTO DI ENERGETICA Anno Accademico 2002-03 Roberto Lensi 2. Exergia Pag. 2 REVERSIBILITÀ

Dettagli

Termologia. Introduzione Scale Termometriche Espansione termica Capacità termica e calori specifici Cambiamenti di fase e calori latenti

Termologia. Introduzione Scale Termometriche Espansione termica Capacità termica e calori specifici Cambiamenti di fase e calori latenti Termologia Introduzione Scale Termometriche Espansione termica Capacità termica e calori specifici Cambiamenti di fase e calori latenti Trasmissione del calore Legge di Wien Legge di Stefan-Boltzmann Gas

Dettagli

FISICA-TECNICA Miscela di gas e vapori. Igrometria

FISICA-TECNICA Miscela di gas e vapori. Igrometria FISICA-TECNICA Miscela di gas e vapori. Igrometria Katia Gallucci Spesso è necessario variare il contenuto di vapore presente in una corrente gassosa. Lo studio di come si possono realizzare queste variazioni

Dettagli

2014 2015 CCS - Biologia CCS - Fisica I gas e loro proprietà. I liquidi e loro proprietà

2014 2015 CCS - Biologia CCS - Fisica I gas e loro proprietà. I liquidi e loro proprietà 2014 2015 CCS - Biologia CCS - Fisica I gas e loro proprietà 1 I liquidi e loro proprietà 2 Proprietà Generali dei Gas I gas possono essere espansi all infinito. I gas occupano i loro contenitori uniformemente

Dettagli

Fisica Generale 1 per Chimica Formulario di Termodinamica e di Teoria Cinetica

Fisica Generale 1 per Chimica Formulario di Termodinamica e di Teoria Cinetica Fisica Generale 1 per Chimica Formulario di Termodinamica e di Teoria Cinetica Termodinamica Equazione di Stato: p = pressione ; V = volume ; T = temperatura assoluta ; n = numero di moli ; R = costante

Dettagli

ENZIMI CINETICA ENZIMATICA

ENZIMI CINETICA ENZIMATICA ENZIMI PERCHE UNA REAZIONE AVVENGA, SI DEVONO SODDISFARE TRE CONDIZIONI I SUBSTRATI DEVONO ENTRARE IN COLLISIONE LA COLLISIONE DEVE AVVENIRE CON ORIENTAMENTO CORRETTO I REAGENTI DEVONO AVERE ENERGIA SUFFICIENTE

Dettagli

Bruno Jannamorelli, traduzione ed edizione critica La potenza motrice del fuoco di Sadi Carnot, Cuen 1996, pp. 19 e 20. 2

Bruno Jannamorelli, traduzione ed edizione critica La potenza motrice del fuoco di Sadi Carnot, Cuen 1996, pp. 19 e 20. 2 LA LEZIONE Lo studio di una macchina termica ideale [ ] Si può paragonare molto bene la potenza motrice del calore a quella di una cascata d acqua: entrambe hanno un massimo che non si può superare, qualunque

Dettagli

GAS PERFETTO M E M B R A N A CONCENTRAZIONI IONICHE ALL'EQUILIBRIO INTERNO ESTERNO. K + 400 mm/l. K + 20 mm/l. Na + 440 mm/l.

GAS PERFETTO M E M B R A N A CONCENTRAZIONI IONICHE ALL'EQUILIBRIO INTERNO ESTERNO. K + 400 mm/l. K + 20 mm/l. Na + 440 mm/l. GAS PERFETTO Usando il principio di semplicità, si definisce il sistema termodinamico più semplice: il gas perfetto composto da molecole che non interagiscono fra loro se non urtandosi. Sfere rigide che

Dettagli

La Termodinamica ed I principi della Termodinamica

La Termodinamica ed I principi della Termodinamica La Termodinamica ed I principi della Termodinamica La termodinamica è quella branca della fisica che descrive le trasformazioni subite da un sistema (sia esso naturale o costruito dall uomo), in seguito

Dettagli

OSSIDORIDUZIONI N H H. H ammoniaca. acido nitroso N = + 3. acido nitrico N = + 5

OSSIDORIDUZIONI N H H. H ammoniaca. acido nitroso N = + 3. acido nitrico N = + 5 OSSIDORIDUZIONI Le reazioni acido-base sono quelle in cui viene scambiato, fra due specie reagenti, un H. Come si è visto, esistono casi di reazioni acido-base in cui ciò non avviene (definizione di Lewis),

Dettagli

Il Metabolismo Energetico 1. Bilancio Quantitativo tra Apporto di Energia e Dispendio Energetico

Il Metabolismo Energetico 1. Bilancio Quantitativo tra Apporto di Energia e Dispendio Energetico Il Metabolismo Energetico 1. Bilancio Quantitativo tra Apporto di Energia e Dispendio Energetico Prof. Carlo Capelli Fisiologia Facoltà di Scienze Motorie, Università degli Studi Verona Obiettivi Energia

Dettagli

Il Rendimento di secondo Ordine

Il Rendimento di secondo Ordine Il Rendimento di secondo Ordine Il rendimento di primo ordine già definito come h = W/Qh è stato un utilissimo strumento di ottimizzazione energetica fino al 1973. Questo indicatore ha però il limite di

Dettagli

Temperatura e Calore

Temperatura e Calore Temperatura e Calore 1 Temperatura e Calore Stati di Aggregazione Temperatura Scale Termometriche Dilatazione Termica Il Calore L Equilibrio Termico La Propagazione del Calore I Passaggi di Stato 2 Gli

Dettagli

Ripasso sulla temperatura, i gas perfetti e il calore

Ripasso sulla temperatura, i gas perfetti e il calore Ripasso sulla temperatura, i gas perfetti e il calore Prof. Daniele Ippolito Liceo Scientifico Amedeo di Savoia di Pistoia La temperatura Fenomeni non interpretabili con le leggi della meccanica Dilatazione

Dettagli

ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE EDITH STEIN.

ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE EDITH STEIN. PIANO DI LAVORO DELLA DISCIPLINA: FISICA CLASSI: TERZE CORSO: LICEO SCIENTIFICO AS 2014-2015 Linee generali dell insegnamento della fisica nel liceo scientifico, da indicazioni ministeriali In particolare

Dettagli

9. TRASFORMAZIONI TERMODINAMICHE E CICLI REALI

9. TRASFORMAZIONI TERMODINAMICHE E CICLI REALI 9. TRASFORMAZIONI TERMODINAMICHE E CICLI REALI 9. Introduzione I processi termodinamici che vengono realizzati nella pratica devono consentire la realizzazione di uno scambio di energia termica o di energia

Dettagli

È una grandezza fisica FONDAMENTALE, SCALARE UNITÀ DI MISURA NEL S.I. : K (KELVIN)

È una grandezza fisica FONDAMENTALE, SCALARE UNITÀ DI MISURA NEL S.I. : K (KELVIN) È una grandezza fisica FONDAMENTALE, SCALARE UNITÀ DI MISURA NEL S.I. : K (KELVIN) È STRETTAMENTE LEGATA ALLA VELOCITÀ DI VIBRAZIONE DELLE MOLECOLE IN UN CORPO: SE LA TEMPERATURA DI UN CORPO AUMENTA LE

Dettagli

POMPA DI CALORE CICLO FRIGORIFERO A COMPRESSIONE DI VAPORE

POMPA DI CALORE CICLO FRIGORIFERO A COMPRESSIONE DI VAPORE POMPA DI CALORE CONDENSATORE = + L T = + L C ORGANO DI ESPANSIONE LIQUIDO COMPRESSORE T COND. E D T 1 VAPORE T EVAP. A B T 2 Schema a blocchi di una macchina frigorifera EVAPORATORE Dal punto di vista

Dettagli

BILANCI DI ENERGIA. Capitolo 2 pag 70

BILANCI DI ENERGIA. Capitolo 2 pag 70 BILANCI DI ENERGIA Capitolo 2 pag 70 BILANCI DI ENERGIA Le energie in gioco sono di vario tipo: energia associata ai flussi entranti e uscenti (potenziale, cinetica, interna), Calore scambiato con l ambiente,

Dettagli

Il Secondo Principio della Termodinamica di Antonio Covello

Il Secondo Principio della Termodinamica di Antonio Covello Il Secondo Principio della Termodinamica di Antonio Covello La termodinamica è il primo esempio di scienza fisica che si differenzia dalla meccanica newtoniana La sua nascita è legata allo sviluppo delle

Dettagli

1 atm = 760 mm Hg = 760 torr = 101300 N/m 2 =101300 Pa. Anodo = Polo Positivo Anione = Ione Negativo. Catodo = Polo Negativo Catione = Ione Positivo

1 atm = 760 mm Hg = 760 torr = 101300 N/m 2 =101300 Pa. Anodo = Polo Positivo Anione = Ione Negativo. Catodo = Polo Negativo Catione = Ione Positivo 1) Concetti Generali 1. Unità di Misura: A. Pressione 1 atm = 760 mm Hg = 760 torr = 101300 N/m 2 =101300 Pa. B. Calore 1 joule = 10 7 Erg. 1 caloria = 4,185 joule. Anodo = Polo Positivo Anione = Ione

Dettagli

L H 2 O nelle cellule vegetali e

L H 2 O nelle cellule vegetali e L H 2 O nelle cellule vegetali e il suo trasporto nella pianta H 2 O 0.96 Å H O 105 H 2s 2 2p 4 tendenza all ibridizzazione sp 3 H δ+ O δ- δ+ 1.75 Å H legame idrogeno O δ- H H δ+ δ+ energia del legame

Dettagli

Selezione test GIOCHI DELLA CHIMICA

Selezione test GIOCHI DELLA CHIMICA Selezione test GIOCHI DELLA CHIMICA CLASSE C Termodinamica 2011 regionali 6. Data la reazione: 2 NO(g) + O 2 (g) 2 NO (a 298,15 K) per la quale si ha H 298,15 = -114,1 kj e S = -146,2 JK 1, si può individuare

Dettagli

13. L ENERGIA NELLE TRASFORMAZIONI FISICHE E CHIMICHE

13. L ENERGIA NELLE TRASFORMAZIONI FISICHE E CHIMICHE 13. L ENERGIA NELLE TRASFORMAZIONI FISICHE E CHIMICHE 13.1. Calore e temperatura R. Un telecronista accennava ad un «calore di 35 gradi». Che cosa significa? D. Calore e temperatura vengono spesso confusi.

Dettagli

La materia. La materia è ogni cosa che occupa uno spazio (e possiamo percepire con i nostri sensi).

La materia. La materia è ogni cosa che occupa uno spazio (e possiamo percepire con i nostri sensi). La materia La materia è ogni cosa che occupa uno spazio (e possiamo percepire con i nostri sensi). Essa è costituita da sostanze, ciascuna delle quali è formata da un determinato tipo di particelle piccolissime,

Dettagli

Ripetizioni Cagliari di Manuele Atzeni - 3497702002 - info@ripetizionicagliari.it

Ripetizioni Cagliari di Manuele Atzeni - 3497702002 - info@ripetizionicagliari.it Calorimetria: soluzioni Problema di: Calorimetria - Q0001 Problema di: Calorimetria - Q0002 Scheda 8 Ripetizioni Cagliari di Manuele Atzeni - 3497702002 - info@ripetizionicagliari.it Testo [Q0001] Quanta

Dettagli

Tecniche di Analisi Termica e Diffrazione di Raggi X

Tecniche di Analisi Termica e Diffrazione di Raggi X ESERCITAZIONI DI CHIMICA FISICA A.A 2010/2011 I MODULO 6 crediti (Anna Corrias) Tecniche di Analisi Termica e Diffrazione di Raggi X Analisi Termica Cenni teorici Descrizione esperienze di laboratorio

Dettagli

Preparazione alle gare di II livello delle Olimpiadi della Fisica 2013

Preparazione alle gare di II livello delle Olimpiadi della Fisica 2013 Preparazione alle gare di II livello delle Olimpiadi della Fisica 01 Incontro su temi di termodinamica 14/1/01 Giuseppina Rinaudo - Dipartimento di Fisica dell Università di Torino Sommario dei quesiti

Dettagli

STATO LIQUIDO. Si definisce tensione superficiale (γ) il lavoro che bisogna fare per aumentare di 1 cm 2 la superficie del liquido.

STATO LIQUIDO. Si definisce tensione superficiale (γ) il lavoro che bisogna fare per aumentare di 1 cm 2 la superficie del liquido. STTO LIQUIDO Una sostanza liquida è formata da particelle in continuo movimento casuale, come in un gas, tuttavia le particelle restano a contatto le une alle altre e risentono sempre delle notevoli forze

Dettagli

Termodinamica: legge zero e temperatura

Termodinamica: legge zero e temperatura Termodinamica: legge zero e temperatura Affrontiamo ora lo studio della termodinamica che prende in esame l analisi dell energia termica dei sistemi e di come tale energia possa essere scambiata, assorbita

Dettagli

Esercitazione IX - Calorimetria

Esercitazione IX - Calorimetria Esercitazione IX - Calorimetria Esercizio 1 Un blocco di rame di massa m Cu = 5g si trova a una temperatura iniziale T i = 25 C. Al blocco viene fornito un calore Q = 120J. Determinare la temperatura finale

Dettagli

1. Un elemento Ä formato da particelle indivisibili chiamate atomi. 2. Gli atomi di uno specifico elemento hanno proprietå identiche. 3.

1. Un elemento Ä formato da particelle indivisibili chiamate atomi. 2. Gli atomi di uno specifico elemento hanno proprietå identiche. 3. Atomi e molecole Ipotesi di Dalton (primi dell 800) 1. Un elemento Ä formato da particelle indivisibili chiamate atomi. 2. Gli atomi di uno specifico elemento hanno proprietå identiche. 3. Gli atomi dei

Dettagli

Temi per la prova orale di Fisica Tecnica 2014-2015

Temi per la prova orale di Fisica Tecnica 2014-2015 I temi elencati nel seguito vogliono essere una guida alla preparazione della prova orale dell esame di Fisica Tecnica cosicché gli allievi possano raggiungere una preparazione completa sugli argomenti

Dettagli

Capitolo 10 Il primo principio 113

Capitolo 10 Il primo principio 113 Capitolo 10 Il primo principio 113 QUESITI E PROBLEMI 1 Tenuto conto che, quando il volume di un gas reale subisce l incremento dv, il lavoro compiuto dalle forze intermolecolari di coesione è L = n 2

Dettagli

Lezione 15 metodi di analisi termici legati alla separazione di fase. Separazione di fase. Fasi della materia: solido, liquido, gas

Lezione 15 metodi di analisi termici legati alla separazione di fase. Separazione di fase. Fasi della materia: solido, liquido, gas Lezione 15 metodi di analisi termici legati alla separazione di fase Separazione di fase Fasi della materia: solido, liquido, gas SOLIDO Scioglimento solidificazione LIQUIDO evaporazione condensazione

Dettagli

Antonio Molino, Giacobbe Braccio. Report RdS/2013/233 MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO

Antonio Molino, Giacobbe Braccio. Report RdS/2013/233 MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l energia e lo sviluppo economico sostenibile MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Analisi termodinamica e cinetica per il processo di produzione di gas naturale

Dettagli

Per la prima volta viene proposta una connessione, sostenuta da prove sperimentali, tra mondo vivente e mondo non-vivente.

Per la prima volta viene proposta una connessione, sostenuta da prove sperimentali, tra mondo vivente e mondo non-vivente. CALORE Per il calore anticamente erano state proposte varie teorie. Una di queste, dovuta a J.J. Becher (1635-1682) era la teoria del flogisto (dal grecocombustibile). Tale teoria postulava l'esistenza

Dettagli

Seconda legge della termodinamica

Seconda legge della termodinamica Seconda legge della termodinamica In natura tutti i processi devono soddisfare il principio di conservazione dell energia (e quindi anche la a legge della termodinamica) ma non tutti i processi che conservano

Dettagli

Chimica. Ingegneria Meccanica, Elettrica e Civile Simulazione d'esame

Chimica. Ingegneria Meccanica, Elettrica e Civile Simulazione d'esame Viene qui riportata la prova scritta di simulazione dell'esame di Chimica (per meccanici, elettrici e civili) proposta agli studenti alla fine di ogni tutoraggio di Chimica. Si allega inoltre un estratto

Dettagli

GRUPPI FRIGORIFERI AD ASSORBIMENTO SHUANGLIANG

GRUPPI FRIGORIFERI AD ASSORBIMENTO SHUANGLIANG GRUPPI FRIGORIFERI AD ASSORBIMENTO SHUANGLIANG Il ciclo frigorifero Esempio di ciclo frigorifero ad assorbimento con generatore a fiamma diretta Il principio di funzionamento /informazioni utili La termodinamica

Dettagli

l energia meccanica si trasforma, integralmente e spontaneamente, in energia termica.

l energia meccanica si trasforma, integralmente e spontaneamente, in energia termica. Lezione 26 - pag.1 Lezione 26: Le macchine termiche 26.1. La conversione di energia meccanica in energia termica Sappiamo che quando un corpo cade, nel corso della caduta la sua energia meccanica, se gli

Dettagli

IMPIANTI DI RISCALDAMENTO. Ing. Guglielmo Magri Dipartimento di Energetica-Ancona guglielmo.magri@alice.it

IMPIANTI DI RISCALDAMENTO. Ing. Guglielmo Magri Dipartimento di Energetica-Ancona guglielmo.magri@alice.it IMPIANTI DI RISCALDAMENTO Ing. Guglielmo Magri Dipartimento di Energetica-Ancona guglielmo.magri@alice.it SISTEMI DI GENERAZIONE Tipologie più diffuse o in sviluppo Generatori a combustione Caldaie

Dettagli

Capitolo 2 Le trasformazioni fisiche della materia

Capitolo 2 Le trasformazioni fisiche della materia Capitolo 2 Le trasformazioni fisiche della materia 1.Gli stati fisici della materia 2.I sistemi omogenei e i sistemi eterogenei 3.Le sostanze pure e i miscugli 4.I passaggi di stato 5. la teoria particellare

Dettagli

Combustione energia termica trasmissione del calore

Combustione energia termica trasmissione del calore Scheda riassuntiva 6 capitoli 3-4 Combustione energia termica trasmissione del calore Combustibili e combustione Combustione Reazione chimica rapida e con forte produzione di energia termica (esotermica)

Dettagli

ISTITUTO TECNICO NAUTICO "L. GIOVANNI LIZZIO PROF. SALVATORE GRASSO PROGRAMMA SVOLTO MODULO 0 : "RICHIAMI RELATIVI AL PRIMO ANNO"

ISTITUTO TECNICO NAUTICO L. GIOVANNI LIZZIO PROF. SALVATORE GRASSO PROGRAMMA SVOLTO MODULO 0 : RICHIAMI RELATIVI AL PRIMO ANNO 1 ISTITUTO TECNICO NAUTICO "L. RIZZO" - RIPOSTO ------------------------------------ ANNO SCOLASTICO : 2014-2015 CLASSE : SECONDA SEZIONE : D MATERIA D'INSEGNAMENTO : FISICA E LABORATORIO DOCENTI : PROF.

Dettagli

Definizione di sorgente di calore e di macchina termica

Definizione di sorgente di calore e di macchina termica 34 Unità Didattica N 19C I principi della ermodinamica Definizione di sorgente di calore e di macchina termica Sorgente di calore è un corpo ( o un sistema di corpi ) a temperatura costante che ha la proprietà

Dettagli

Il fenomeno della combustione di Marco Santucci

Il fenomeno della combustione di Marco Santucci Il fenomeno della combustione di Marco Santucci La combustione è un fenomeno chimico di ossidazione fortemente esotermico che avviene tra un combustibile e l ossigeno con una intensa manifestazione luminosa

Dettagli

Stati di aggregazione della materia unità 2, modulo A del libro

Stati di aggregazione della materia unità 2, modulo A del libro Stati di aggregazione della materia unità 2, modulo A del libro Gli stati di aggregazione della materia sono tre: solido, liquido e gassoso, e sono caratterizzati dalle seguenti grandezze: Quantità --->

Dettagli

I FENOMENI TERMICI. I fenomeni termici. pag.1

I FENOMENI TERMICI. I fenomeni termici. pag.1 I FENOMENI TERMICI Temperatura Calore Trasmissione del calore Termoregolazione del corpo umano Trasformazioni termodinamiche I o principio della Termodinamica Gas perfetti Gas reali pag.1 Temperatura Proprietà

Dettagli

Esercizi e Problemi di Termodinamica.

Esercizi e Problemi di Termodinamica. Esercizi e Problemi di Termodinamica. Dr. Yves Gaspar March 18, 2009 1 Problemi sulla termologia e sull equilibrio termico. Problema 1. Un pezzetto di ghiaccio di massa m e alla temperatura di = 250K viene

Dettagli

Simulazione test di ingresso Ingegneria Industriale Viterbo. Quesiti di Logica, Chimica e Fisica. Logica

Simulazione test di ingresso Ingegneria Industriale Viterbo. Quesiti di Logica, Chimica e Fisica. Logica Simulazione test di ingresso Ingegneria Industriale Viterbo Quesiti di Logica, Chimica e Fisica Logica L1 - Come si conclude questa serie di numeri? 9, 16, 25, 36,... A) 47 B) 49 C) 48 D) 45 L2 - Quale

Dettagli

TRASFORMAZIONE DELL ENERGIA PRIMO PRINCIPIO DELLA TERMODINAMICA

TRASFORMAZIONE DELL ENERGIA PRIMO PRINCIPIO DELLA TERMODINAMICA TRASFORMAZIONE DELL ENERGIA PRIMO PRINCIPIO DELLA TERMODINAMICA L ENERGIA e IL LAVORO Non è facile dare una definizione semplice e precisa della parola energia, perché è un concetto molto astratto che

Dettagli

COMPONENTI TERMODINAMICI APERTI

COMPONENTI TERMODINAMICI APERTI CAPITOLO NONO COMPONENTI TERMODINAMICI APERTI Esempi applicativi Vengono di seguito esaminati alcuni componenti di macchine termiche che possono essere considerati come sistemi aperti A) Macchina termica

Dettagli

Cap. 1 - Stati di aggregazione della materia.

Cap. 1 - Stati di aggregazione della materia. Cap. 1 - Stati di aggregazione della materia. Lo stato di aggregazione di un sistema è determinato dalla energia cinetica delle particelle e dall energia potenziale dovuta alle forze di coesione fra le

Dettagli

METODOLOGIE DI RISPARMIO DI ENERGIA TERMICA

METODOLOGIE DI RISPARMIO DI ENERGIA TERMICA Corso di formazione ed aggiornamento professionale per Energy Managers-Trenitalia BOLOGNA 15-16 Giugno 2011 METODOLOGIE DI RISPARMIO DI ENERGIA TERMICA Ing. Nino Di Franco ENEA-UTEE-IND IL CONTROLLO DELLA

Dettagli

Miscela omogenea monofasica i cui costituenti non è possibile separare meccanicamente

Miscela omogenea monofasica i cui costituenti non è possibile separare meccanicamente Miscela omogenea monofasica i cui costituenti non è possibile separare meccanicamente Soluzioni Sistema Omogeneo (presenta le stesse proprietà in qualsiasi sua porzione) Monofasico Nella fase omogenea

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ( modulo redatto da prof. A. Rossi)

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ( modulo redatto da prof. A. Rossi) DISCIPLINA...IMPIANTI TERMOTECNICI... A.S. 2012/2013 di dipartimento individuale del/i docente/i...... per la/e classe/i 4^ TSE 1) PREREQUISITI Saper eseguire dei semplici calcoli matematici. Saper invertire

Dettagli

Stati di aggregazione della materia

Stati di aggregazione della materia SOLIDO: Forma e volume propri. Stati di aggregazione della materia LIQUIDO: Forma del recipiente in cui è contenuto, ma volume proprio. GASSOSO: Forma e volume del recipiente in cui è contenuto. Parametri

Dettagli

Fondamenti di Trasporti. Meccanica della Locomozione Utilizzazione della potenza a bordo

Fondamenti di Trasporti. Meccanica della Locomozione Utilizzazione della potenza a bordo Università di Catania Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Civile AA 1011 1 Fondamenti di Trasporti Meccanica della Locomozione Utilizzazione della potenza a bordo Giuseppe Inturri Dipartimento

Dettagli

Per la cinetica del 1 ordine si ha:

Per la cinetica del 1 ordine si ha: 1. Si consideri la seguente reazione: CH 3 CHO (g) CH 4(g) + CO (g) Determinare l ordine di reazione e calcolare la costante di velocità della suddetta reazione a 518 C noti i seguenti dati sperimentali:

Dettagli

Calore, temperatura e passaggi di stato

Calore, temperatura e passaggi di stato Calore, temperatura e passaggi di stato Temperatura e calore sono due concetti molto simili, al punto tale che molto spesso vengono utilizzati come sinonimi. In realtà i due termini esprimono due concetti

Dettagli

PERCHE LA POMPA DI CALORE E DA PREFERIRE RISPETTO AD UNA CALDAIA A COMBUSTIONE, OVVERO E TERMODINAMICAMENTE PIU EFFICIENTE?

PERCHE LA POMPA DI CALORE E DA PREFERIRE RISPETTO AD UNA CALDAIA A COMBUSTIONE, OVVERO E TERMODINAMICAMENTE PIU EFFICIENTE? PERCHE LA POMPA DI CALORE E DA PREFERIRE RISPETTO AD UNA CALDAIA A COMBUSTIONE, OVVERO E TERMODINAMICAMENTE PIU EFFICIENTE? La pompa di calore è costituita da un circuito chiuso, percorso da uno speciale

Dettagli

3.1 Igrometria. 3.1.1 Umidità assoluta, di saturazione e relativa

3.1 Igrometria. 3.1.1 Umidità assoluta, di saturazione e relativa Capitolo n 3 3.1 Igrometria L igrometria è lo studio del sistema aria-acqua. Il sistema aria-acqua è importante in numerose applicazioni: - essiccamento di materiali solidi umidi - umidificazione e condizionamento

Dettagli

ENERGIA E STATI DI OSSIDAZIONE

ENERGIA E STATI DI OSSIDAZIONE Volevo chiedere un informazione: il metano, come tutti gli altri combustibili, brucia perché è formato da carbonio e idrogeno, due elementi che provocano e favoriscono la combustione. Perché allora l acqua

Dettagli

Dipendenza della Solubilità dalla temperatura

Dipendenza della Solubilità dalla temperatura SOLUBILIZZAZIONE Simile scioglie il simile: le molecole di sostanze diverse si mescolano intimamente nelle miscele se possiedono forze intermolecolari simili (soluzioni ideali). Anche se le forze intermolecolari

Dettagli

Energia e Lavoro. In pratica, si determina la dipendenza dallo spazio invece che dal tempo

Energia e Lavoro. In pratica, si determina la dipendenza dallo spazio invece che dal tempo Energia e Lavoro Finora abbiamo descritto il moto dei corpi (puntiformi) usando le leggi di Newton, tramite le forze; abbiamo scritto l equazione del moto, determinato spostamento e velocità in funzione

Dettagli

MATRICE DELLE COMPETENZE DI SCIENZE E TECNOLIE APPLICATE INDIRIZZO DI MECCANICA, MECCATRONICA ED ENERGIA

MATRICE DELLE COMPETENZE DI SCIENZE E TECNOLIE APPLICATE INDIRIZZO DI MECCANICA, MECCATRONICA ED ENERGIA MATRICE DELLE COMPETENZE DI SCIENZE E TECNOLIE APPLICATE INDIRIZZO DI MECCANICA, MECCATRONICA ED ENERGIA Competenze in esito al quinquennio (dall Allegato C del Regolamento) 1. Individuare le proprietà

Dettagli

352&(662',&20%867,21(

352&(662',&20%867,21( 352&(662',&20%867,21( Il calore utilizzato come fonte energetica convertibile in lavoro nella maggior parte dei casi, è prodotto dalla combustione di sostanze (es. carbone, metano, gasolio) chiamate combustibili.

Dettagli

63- Nel Sistema Internazionale SI, l unità di misura del calore latente di fusione è A) J / kg B) kcal / m 2 C) kcal / ( C) D) kcal * ( C) E) kj

63- Nel Sistema Internazionale SI, l unità di misura del calore latente di fusione è A) J / kg B) kcal / m 2 C) kcal / ( C) D) kcal * ( C) E) kj 61- Quand è che volumi uguali di gas perfetti diversi possono contenere lo stesso numero di molecole? A) Quando hanno uguale pressione e temperatura diversa B) Quando hanno uguale temperatura e pressione

Dettagli

I fenomeni termici e le leggi dei gas

I fenomeni termici e le leggi dei gas modulo c indice glossario costanti calcolatrice I fenomeni termici e le leggi dei gas unitàc1 La temperatura e l equilibrio termico unitàc2 Il calore e i passaggi di stato 1 La temperatura 2 La dilatazione

Dettagli

LE LEGGI DEI GAS. Dalle prime teorie cinetiche dei gas simulazioni della dinamica molecolare. Lezioni d'autore

LE LEGGI DEI GAS. Dalle prime teorie cinetiche dei gas simulazioni della dinamica molecolare. Lezioni d'autore LE LEGGI DEI GAS Dalle prime teorie cinetiche dei gas simulazioni della dinamica molecolare. Lezioni d'autore alle Un video : Clic Un altro video : Clic Un altro video (in inglese): Clic Richiami sulle

Dettagli

TERMODINAMICA DI UNA REAZIONE DI CELLA

TERMODINAMICA DI UNA REAZIONE DI CELLA TERMODINAMICA DI UNA REAZIONE DI CELLA INTRODUZIONE Lo scopo dell esperienza è ricavare le grandezze termodinamiche per la reazione che avviene in una cella galvanica, attraverso misure di f.e.m. effettuate

Dettagli

COMPITO DI CHIMICA DEL 19-04-2013

COMPITO DI CHIMICA DEL 19-04-2013 COMPITO DI CHIMICA DEL 19-04-2013 1) Una certa quantità di solfato di ferro (II), sciolta in una soluzione acquosa di acido solforico, viene trattata con 1.0 10-3 mol di permanganato di potassio. Si ottengono

Dettagli

Formulario di Termodinamica

Formulario di Termodinamica Formulario di Termodinamica Punto triplo dell acqua: T triplo = 273.16 K. Conversione tra gradi Celsius e gradi Kelvin (temperatura assoluta): t( C) = T (K) 273.15 Conversione tra Caloria e Joule: 1 cal

Dettagli

ESERCITAZIONI FISICA TECNICA. Prof. Fabio Polonara Prof. Gianni Cesini. Corso di Ingegneria Meccanica

ESERCITAZIONI FISICA TECNICA. Prof. Fabio Polonara Prof. Gianni Cesini. Corso di Ingegneria Meccanica ESERCITAZIONI FISICA TECNICA Prof. Fabio Polonara Prof. Gianni Cesini Corso di Ingegneria Meccanica 2 TERMODINAMICA APPLICATA Termodinamica degli stati 3 ESERCIZIO TA-T8 Utilizzando il piano P-T e le tabelle

Dettagli