OGGETTO DELLA FORNITURA

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "OGGETTO DELLA FORNITURA"

Transcript

1 ALLEGATO alla lettera di invito n. 2 TRATTATIVA PRIVATA PER L'AGGIUDICAZIONE DELLA FORNITURA DI FRUTTA E VERDURA PER L'ANNO 2013 EVENTALMENTE PROROGABILE DI ANNI UNO OGGETTO DELLA FORNITURA IL DIRETTORE dott. Luigi Ferrari Nomi, ottobre 2012 Pagina 1 di 5

2 INDICE Articolo 1 Criteri generali Articolo 2 Caratteristiche dei prodotti Articolo 3 Quantitativi Pagina 2 di 5

3 Articolo 1 Criteri generali I prodotti alimentari dovranno essere prodotti, confezionati, imballati, stoccati, trasportati nel rispetto delle normative vigenti. Non sono ammesse forniture di prodotti definiti transgenici. L'etichettatura dei prodotti confezionati dovrà essere conforme a quanto prescritto dalla normativa vigente. Si richiede la presenza del "barecord" su ogni confezione del prodotto. Le etichette dei prodotti confezionati dovranno essere chiaramente leggibili ed in lingua italiana. Tutti gli imballaggi dovranno essere conformi alla normativa vigente, solidi, costruiti a regola d'arte in modo da assicurare, fino al consumo, la perfetta conservazione dei prodotti contenuti, puliti, asciutti e rispondenti alle esigenze igieniche. Ove previsto dalla normativa sugli imballaggi deve essere riportato esternamente, anche a mezzo di etichettatura, il peso dell'imballaggio stesso. Le carte od altri materiali utilizzati all'interno dell'imballaggio dovranno essere sempre nuovi e non trasmettere sostanze nocive agli alimenti; le eventuali diciture dovranno essere stampate sulla parte esterna, non a contatto con il prodotto. Le tolleranze di peso e volume saranno quelle previste dalle norme in vigore. I prodotti dovranno essere consegnati quanto prima dopo la produzione e il confezionamento e comunque in modo che 2/3 del periodo utile per il consumo (dal momento della produzione fino alla scadenza) siano usufruibili da parte dell'apsp "Opera Romani". Per tutti i prodotti offerti, dovrà essere presentata la relativa scheda tecnica. Per casi specifici potranno essere richieste ulteriori informazioni. Tutti i prodotti dovranno essere consegnati in un orario prestabilito concordemente con l'a.p.s.p. "Opera Romani", in modo che possano essere sempre ritirati dal personale appositamente incaricato o secondo procedura concordata. Articolo 2 Caratteristiche dei prodotti I prodotti dovranno essere di qualità controllata e corrispondere alle caratteristiche della campionatura trasmessa con l offerta nonché alla descrizione delle schede tecniche. FRUTTA E VERDURA FRESCA Tutta la frutta e la verdura oggetto della fornitura dovrà essere fornita con caratteristiche e pezzatura adatta all'uso in ambiente ospedaliero, in particolare deve: Aver raggiunto lo sviluppo e la maturazione fisiologica che permetta una gestione ottimale in rapporto alla frequenza di fornitura ed al giorno del consumo; Essere conforme alle norme di qualità dettate dai regolamenti CE e presentare tutte le caratteristiche minime, nonché tutti i requisiti qualitativi, stabiliti per le varie classificazioni extra, prima e seconda. I prodotti per i quali non sono ancora Pagina 3 di 5

4 state emanate norme di qualità devono presentare tutte le caratteristiche peculiari della specie, omogeneità ed uniformità di pezzatura e corrispondere a requisiti di buona qualità; Possedere i parametri merceologici di riferimento per la determinazione del prezzo (provenienza, calibratura, imballaggio etc.), riportati dal bollettino prezzi (mercato ortofrutticolo di Verona). I prodotti non devono essere surriscaldati né presentare un aumento artificioso dell'umidità, attacchi parassitari, muffe, marcescenze, necrosi, incrostazioni, sporcizia, terra, macchie, incrostazioni, danni e lesioni di qualsiasi origine. Devono essere sani, freschi, turgidi e della giusta consistenza, privi di: avvizzimenti, imbrunimenti, odori e sapori anomali. Non devono avere subito processi artificiali di accelerazione della maturazione ed eventuali altri trattamenti di conservazione o altro devono essere indicati in etichettatura. Devono presentare le caratteristiche della varietà e della cultivar specifica. Il grado di maturazione deve essere idoneo per un consumo previsto entro 3-4 giorni dalla consegna. Devono essere di preferenza di origine nazionale, in relazione alla relativa stagionalità e salvo ovvie eccezioni (banane, ananas, pompelmi etc). Tutti i prodotti devono pervenire in imballi muniti di etichetta indelebile, ben visibile, chiaramente leggibile ed in lingua italiana. Le informazioni indispensabili che devono sempre essere indicate sono: Origine del prodotto (paese o zona di produzione) Caratteristiche commerciali (categoria, calibro, peso di n pezzi, pezzatura ecc.) Marchio ufficiale di controllo (ove previsto). Deve essere garantita la fornitura di patate stagionate "mature" di ottima qualità e non germogliate, fino a maggio. Ogni fornitura di frutta e verdura dovrà essere accompagnata da documentazione attestante la denominazione e sede della ditta confezionatrice del prodotto, la provenienza, il tipo, la varietà, la categoria merceologica e l eventuale calibratura. L imballaggio dei prodotti ortofrutticoli deve permettere la vista del prodotto. Gli imballaggi possono essere di legno o di qualunque altro materiale idoneo; devono assicurare fino al consumo la perfetta conservazione dei prodotti contenuti e devono sempre risultare puliti, asciutti e rispondenti alle esigenze igieniche. Ogni collo come ogni partita deve contenere prodotto della stessa varietà e qualità, impaccato in strati ordinati, di grandezza e calibratura omogenea. Il numero di pezzi con calibratura diversa da quella indicata sull imballaggio non deve superare il 10% dei pezzi contenuti in ciascun collo. Al fine di consentire rapide operazioni di calcolo del peso, gli imballaggi, a seconda delle merci contenute, devono avere di norma lo stesso peso per ogni singola consegna. Non è consentita la consegna di partite di merci dello stesso tipo in imballaggi di peso differente sullo stesso bancale. PRODOTTI BIOLOGICI La ditta aggiudicataria dovrà fornire, su richiesta della stazione appaltante, anche prodotti, derivanti da coltivazioni biologiche, certificate ai sensi del Regolamento CEE n. 91/2092, sue modifiche ed integrazioni, da un Ente riconosciuto dal Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali (MIPAF). Pagina 4 di 5

5 Non essendo previsti a listino, i prezzi verranno trattati all occorrenza di volta in volta. Tale coltivazione agricola adotta tecniche che escludono l impiego di prodotti chimici di sintesi e di sistemi di forzatura delle produzioni agricole-alimentari. I prodotti dell agricoltura biologica devono quindi: provenire da coltivazioni esenti da prodotti chimici di sintesi (diserbanti, insetticidi, anticrittogamici, etc.) nel rispetto del Regolamento CEE n. 91/2092, sue modifiche ed integrazioni; essere provvisti di idonea documentazione, in conformità al DM 338/92; avere un tenore di nitrati inferiore rispetto a quello degli altri prodotti provenienti dall agricoltura convenzionale. A tale scopo si prescrive che i prodotti biologici siano reperiti presso aziende sottoposte ai controlli da parte di uno degli organismi di controllo autorizzati. Tutti i prodotti di provenienza extracomunitaria, ove ammessi, devono essere certificati ed etichettati ai sensi della normativa comunitaria sulla produzione biologica ed in particolare devono rispettare quanto stabilito dall art. 11 del Regolamento CC n. 91/2092, sue modifiche ed integrazioni, nonché dai Regolamenti CEE n. 92/94, n. 92/3457 e n. 95/529. Gli imballaggi devono essere di materiale riciclabile: cassette di legno o di cartone per alimenti. Sulle confezioni dei prodotti certificati a norma del Regolamento CEE 91/2092, sue successive modificazioni ed integrazioni siano essi cassette, sacchi, ecc. devono essere riportate le seguenti informazioni: il paese di produzione, sotto forma di sigla, il produttore ed il luogo di produzione; il codice del produttore il lotto di prodotto nei casi previsti dalla legge; il codice del produttore che ha avuto l autorizzazione alla stampa dell etichetta; il numero dell etichetta; l ente certificatore con il numero di riconoscimento (tre lettere) come previsto dalle normative vigenti; la data di scadenza o il termine minimo di conservazione nei casi previsti dalla legge; il numero della confezione, preceduto dalla lettera F (prodotto fresco). Articolo 3 Quantitativi La ditta appaltatrice dovrà, per tutto il periodo della fornitura, fornire presso il magazzino della APSP "Opera Romani" di Nomi i prodotti, come da scheda allegata, che dovrà essere compilata nelle parti lasciate in bianco e restituita per la valutazione tecnica. I quantitativi sopra riportati sono puramente indicativi, potendo l amministrazione aumentarli, diminuirli o non consumarli in base alle esigenze effettive dei propri ospiti. Pagina 5 di 5

OGGETTO DELLA FORNITURA

OGGETTO DELLA FORNITURA ALLEGATO alla lettera di invito n. 2 TRATTATIVA PRIVATA PER L'AGGIUDICAZIONE DELLA FORNITURA DI FORMAGGI E BURRO PER L'ANNO 2013 EVENTALMENTE PROROGABILE DI ANNI UNO OGGETTO DELLA FORNITURA IL DIRETTORE

Dettagli

OGGETTO DELLA FORNITURA

OGGETTO DELLA FORNITURA ALLEGATO alla lettera di invito n. 2 TRATTATIVA PRIVATA PER L'AGGIUDICAZIONE DELLA FORNITURA DI SURGELATI PER L'ANNO 2013 EVENTALMENTE PROROGABILE DI ANNI UNO OGGETTO DELLA FORNITURA IL DIRETTORE dott.

Dettagli

NORMA DI COMMERCIALIZZAZIONE PER I COCOMERI

NORMA DI COMMERCIALIZZAZIONE PER I COCOMERI NORMA DI COMMERCIALIZZAZIONE PER I COCOMERI Riferimenti legislativi Regolamento (CE) N. 1093/97 - Allegato - della Commissione del 16 giugno 1997 recante norme di commercializzazione per i meloni e i cocomeri.

Dettagli

NORMA DI COMMERCIALIZZAZIONE PER LE PERE

NORMA DI COMMERCIALIZZAZIONE PER LE PERE NORMA DI COMMERCIALIZZAZIONE PER LE PERE Riferimenti legislativi Regolamento (CE) N. 86/2004 della Commissione del 15 gennaio 2004 che stabilisce la norma di commercializzazione applicabile alle pere e

Dettagli

NORMA DI COMMERCIALIZZAZIONE PER AGLI

NORMA DI COMMERCIALIZZAZIONE PER AGLI NORMA DI COMMERCIALIZZAZIONE PER AGLI Riferimenti legislativi Regolamento (CE) N. 2288/97 della Commissione del 18 novembre 1997 recante norme di commercializzazione per gli agli. Regolamento (CE) N. 46/2003

Dettagli

NORMA DI COMMERCIALIZZAZIONE PER PIMENTI O PEPERONI DOLCI

NORMA DI COMMERCIALIZZAZIONE PER PIMENTI O PEPERONI DOLCI NORMA DI COMMERCIALIZZAZIONE PER PIMENTI O PEPERONI DOLCI Riferimenti legislativi Regolamento (CE) n. 1455/1999 della Commissione, del 1 luglio 1999, che stabilisce la norma di commercializzazione applicabile

Dettagli

NORMA DI COMMERCIALIZZAZIONE PER LE PESCHE E LE NETTARINE

NORMA DI COMMERCIALIZZAZIONE PER LE PESCHE E LE NETTARINE NORMA DI COMMERCIALIZZAZIONE PER LE PESCHE E LE NETTARINE Riferimenti legislativi Regolamento (CE) N.2335/1999 della Commissione del 3 novembre 1999, che stabilisce la norma di commercializzazione applicabile

Dettagli

NORMA DI COMMERCIALIZZAZIONE PER LE CIPOLLE

NORMA DI COMMERCIALIZZAZIONE PER LE CIPOLLE NORMA DI COMMERCIALIZZAZIONE PER LE CIPOLLE Riferimenti legislativi Regolamento (CE) N. 1508/2001 della Commissione del 24 luglio 2001 che stabilisce la norma di commercializzazione applicabile alle cipolle

Dettagli

L 336/46 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea

L 336/46 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 336/46 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea 13.12.2008 PARTE 6: NORMA DI COMMERCIALIZZAZIONE PER LE PERE I. DEFINIZIONE DEL PRODOTTO La presente norma si applica alle pere delle varietà (cultivar)

Dettagli

L 336/58 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea

L 336/58 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 336/58 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea 13.12.2008 PARTE 8: NORMA DI COMMERCIALIZZAZIONE PER I PEPERONI DOLCI I. DEFINIZIONE DEL PRODOTTO La presente norma si applica ai peperoni dolci delle

Dettagli

SCHEDA TECNICA ARANCE

SCHEDA TECNICA ARANCE SCHEDA TECNICA ARANCE Allegato SCT REV. 00 del 31-01-2014 Immagini Denominazione commerciale Temperatura prodotto Caratteristiche generali Nome commerciale d uso: ARANCE Varietà botanica: CITRUS SINENSIS

Dettagli

SCHEDA TECNICA IBRIDI ( MANDARINI )

SCHEDA TECNICA IBRIDI ( MANDARINI ) SCHEDA TECNICA IBRIDI ( MANDARINI ) Allegato SCT REV. 00 del 31-01-2014 Immagini Denominazione commerciale Temperatura prodotto Caratteristiche generali Caratteristiche chimiche (valori standard per inizio

Dettagli

NORMA DI COMMERCIALIZZAZIONE PER LE LATTUGHE, LE INDIVIE RICCE E LE SCAROLE

NORMA DI COMMERCIALIZZAZIONE PER LE LATTUGHE, LE INDIVIE RICCE E LE SCAROLE NORMA DI COMMERCIALIZZAZIONE PER LE LATTUGHE, LE INDIVIE RICCE E LE SCAROLE Riferimenti legislativi Regolamento CE N. 1543/2001 della Commissione del 27 luglio 2001 che stabilisce la norma di commercializzazione

Dettagli

NORMA DI COMMERCIALIZZAZIONE PER LE ZUCCHINE

NORMA DI COMMERCIALIZZAZIONE PER LE ZUCCHINE NORMA DI COMMERCIALIZZAZIONE PER LE ZUCCHINE Riferimenti legislativi Regolamento (CEE) N. 1292/1981 della Commissione del 12 maggio 1981 che stabilisce la norma di qualità per le zucchine. Regolamento

Dettagli

NORMA DI COMMERCIALIZZAZIONE PER LE PESCHE E LE NETTARINE

NORMA DI COMMERCIALIZZAZIONE PER LE PESCHE E LE NETTARINE NORMA DI COMMERCIALIZZAZIONE PER LE PESCHE E LE NETTARINE Riferimenti legislativi Regolamento (CE) N. 2335/1999 della Commissione del 3 novembre 1999, che stabilisce la norma di commercializzazione applicabile

Dettagli

CIG Z7A241FA16 CPV principale

CIG Z7A241FA16 CPV principale CIG Z7A241FA16 CPV principale 15331423-8 COMUNE DI FIRENZE DIREZIONE ISTRUZIONE SERVIZIO SUPPORTO ALLA SCUOLA P.O. Mense Scolastiche ed Educazione Alimentare PROCEDURA DI ACQUISTO AI SENSI DELL ART. 36

Dettagli

NORMA DI COMMERCIALIZZAZIONE PER LE CAROTE

NORMA DI COMMERCIALIZZAZIONE PER LE CAROTE NORMA DI COMMERCIALIZZAZIONE PER LE CAROTE Riferimenti legislativi Regolamento (CE) N. 730/1999 della Commissione del 7 aprile 1999 che stabilisce la norma di commercializzazione applicabile alle carote.

Dettagli

SCHEDA TECNICA: ASPARAGI IGP (aggiornamento al 20/07/17)

SCHEDA TECNICA: ASPARAGI IGP (aggiornamento al 20/07/17) SCHEDA TECNICA: ASPARAGI IGP (aggiornamento al 20/07/17) ST07.01 Rev 01 del 09/09/2009 Pag. 1 di 3 Immagini Denominazione commerciale Temperatura prodotto Caratteristiche generali Caratteristiche minime

Dettagli

CIG Z CF CPV

CIG Z CF CPV COMUNE DI FIRENZE DIREZIONE ISTRUZIONE SERVIZIO SUPPORTO ALLA SCUOLA P.O. Mense Scolastiche ed Educazione Alimentare PROCEDURA DI ACQUISTO AI SENSI DELL ART. 36 C. 6 DEL D.LGS. N. 50 DEL 18/04/2016 E ss.mm.,

Dettagli

NORMA DI COMMERCIALIZZAZIONE PER I FUNGHI DI COLTIVAZIONE (Agaricus)

NORMA DI COMMERCIALIZZAZIONE PER I FUNGHI DI COLTIVAZIONE (Agaricus) NORMA DI COMMERCIALIZZAZIONE PER I FUNGHI DI COLTIVAZIONE (Agaricus) Riferimenti legislativi Regolamento (CE) N. 982/2002 della Commissione del 7 giugno 2002 che stabilisce la norma di commercializzazione

Dettagli

NORMA DI COMMERCIALIZZAZIONE PER I FUNGHI DI COLTIVAZIONE (Agaricus)

NORMA DI COMMERCIALIZZAZIONE PER I FUNGHI DI COLTIVAZIONE (Agaricus) NORMA DI COMMERCIALIZZAZIONE PER I FUNGHI DI COLTIVAZIONE (Agaricus) Riferimenti legislativi Regolamento (CE) N. 982/2002 della Commissione del 7 giugno 2002 che stabilisce la norma di commercializzazione

Dettagli

NORMA DI COMMERCIALIZZAZIONE PER CETRIOLI

NORMA DI COMMERCIALIZZAZIONE PER CETRIOLI NORMA DI COMMERCIALIZZAZIONE PER CETRIOLI Riferimenti legislativi Regolamento CEE N. 1677/88 della Commissione del 15 giugno 1988 che stabilisce norme di qualità per i cetrioli. Regolamento (CE) N. 888/97

Dettagli

NORMA DI COMMERCIALIZZAZIONE PER GLI ASPARAGI

NORMA DI COMMERCIALIZZAZIONE PER GLI ASPARAGI NORMA DI COMMERCIALIZZAZIONE PER GLI ASPARAGI Riferimenti legislativi Regolamento (CE) N. 2377/1999 della Commissione del 9 novembre 1999 che fissa la norma di commercializzazione per gli asparagi. Regolamento

Dettagli

NORMA DI COMMERCIALIZZAZIONE PER I CAVOLFIORI

NORMA DI COMMERCIALIZZAZIONE PER I CAVOLFIORI NORMA DI COMMERCIALIZZAZIONE PER I CAVOLFIORI Riferimenti legislativi Regolamento (CE) N. 963/98 - Allegato 1 - della Commissione del 7 maggio 1998 recante norme di commercializzazione per i cavolfiori

Dettagli

IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 336/69

IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 336/69 13.12.2008 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 336/69 PARTE 10: NORMA DI COMMERCIALIZZAZIONE PER I POMODORI I. DEFINIZIONE DEL PRODOTTO La presente norma si applica ai pomodori delle varietà (cultivar)

Dettagli

NORMA DI COMMERCIALIZZAZIONE PER I POMODORI

NORMA DI COMMERCIALIZZAZIONE PER I POMODORI NORMA DI COMMERCIALIZZAZIONE PER I POMODORI Riferimenti legislativi Regolamento (CE) N. 790/2000 della Commissione del 10 aprile 2001 che stabilisce la norma di commercializzazione applicabile ai pomodori,

Dettagli

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE. La norma ha lo scopo di definire le caratteristiche qualitative che gli agrumi devono

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE. La norma ha lo scopo di definire le caratteristiche qualitative che gli agrumi devono DISCIPLINARE DI PRODUZIONE I. CARATTERISTICHE QUALITATIVE La norma ha lo scopo di definire le caratteristiche qualitative che gli agrumi devono presentare dopo condizionamento e imballaggio. A. Caratteristiche

Dettagli

PAG. INDICAZIONI GENERALI

PAG. INDICAZIONI GENERALI Prodotti da forno 1 INDICE PAG. INDICAZIONI GENERALI 3 ETICHETTATURA DELLE DERRATE ALIMENTARI 3 PANE TOSCANO DOP 4 PANE DI TIPO INTEGRALE 4 PANE SCOLETTE 5 PANINI BIOLOGICI 5 PIZZA MARGHERITA PLURIPORZIONE

Dettagli

POLITECNICO DI TORINO

POLITECNICO DI TORINO Concessione per la gestione del servizio di caffetteria e tavola calda/fredda presso la cittadella Politecnica del Design e della Mobilità presso la sede di Corso Settembrini, n 178 10135 Torino ALLEGATO

Dettagli

home >> etichettatura ETICHETTATURA

home >> etichettatura ETICHETTATURA home >> etichettatura ETICHETTATURA Tutti i prodotti biologici e non devono indicare in etichetta una serie di notizie per il consumatore obbligatorie di carattere generale. Ogni tipologia di prodotto

Dettagli

Settore II: Ristorazione Scolastica e Asili Nido

Settore II: Ristorazione Scolastica e Asili Nido Settore II: Ristorazione Scolastica e Asili Nido Capitolato Tecnico Descrittivo specifico per la fornitura di: LOTTO N. 2 PRODOTTI ORTOFRUTTICOLI FRESCHI E LEGUMI Periodo da settembre 2017 ad agosto 2020

Dettagli

PATATE CUBETTONI SURGELATE BIOLOGICHE 2 x 2,5 Kg

PATATE CUBETTONI SURGELATE BIOLOGICHE 2 x 2,5 Kg 1 di 4 TATE CUBETTONI SURGELATE BIOLOGICHE 2 x 2,5 Kg O.R.T.O. Verde S.c.a.p.a. 60019 Strada della Bruciata, 16 - Cesano di Senigallia (AN) - Italia Tel +390716608200 Fax +390716608222 www.ortoverde.eu

Dettagli

SCHEDA TECNICA: MELE (aggiornamento20/11/2017)

SCHEDA TECNICA: MELE (aggiornamento20/11/2017) Pag. 1 di 5 Immagini GOLDEN GRANNY SMITH IMPERATORE RENETTA GALA ORZARKGOLD STAYMAN STARK RED FLORINA FUJI BREABURN CRIPPS PINK MORGENDUFT Denominazione commerciale Temperatura prodotto Caratteristiche

Dettagli

Dal campo all etichetta, esercizi di filiera corta: Castagne fresche

Dal campo all etichetta, esercizi di filiera corta: Castagne fresche Dal campo all etichetta, esercizi di filiera corta: Castagne fresche Categories : Anno 2013, N. 164-15 marzo 2013 di Donato Ferrucci L esempio trattato riguarda un particolare tipologia di prodotto ortofrutticolo,

Dettagli

Disposizioni comunitarie in materia di commercializzazione delle Uova.

Disposizioni comunitarie in materia di commercializzazione delle Uova. Disposizioni comunitarie in materia di commercializzazione delle Uova. La commercializzazione delle uova è ritenuto il segmento produttivo più importante del settore. Sulla commercializzazione la normativa

Dettagli

Procedura per l affidamento della fornitura di pasta bio e riso bio per gli Asili Nido (periodo Settembre/Dicembre 2018)

Procedura per l affidamento della fornitura di pasta bio e riso bio per gli Asili Nido (periodo Settembre/Dicembre 2018) COMUNE DI FIRENZE DIREZIONE ISTRUZIONE SERVIZIO SUPPORTO ALLA SCUOLA P.O. Mense Scolastiche ed Educazione Alimentare PROCEDURA DI ACQUISTO AI SENSI DELL ART. 36 C. 6 DEL D.LGS. N. 50 DEL 18/04/2016 E ss.mm.,

Dettagli

NORMA DI COMMERCIALIZZAZIONE PER LE MELE

NORMA DI COMMERCIALIZZAZIONE PER LE MELE NORMA DI COMMERCIALIZZAZIONE PER LE MELE Riferimenti legislativi Regolamento (CE) N. 1238/2005 della Commissione del 28 luglio 05 che stabilisce la norma di commercializzazione applicabile alle mele e

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CONSORZIO PER LA VALORIZZAZIONE DELLA PATATA DELL ALTA VALLE BELBO.

REGOLAMENTO DEL CONSORZIO PER LA VALORIZZAZIONE DELLA PATATA DELL ALTA VALLE BELBO. REGOLAMENTO DEL CONSORZIO PER LA VALORIZZAZIONE DELLA PATATA DELL ALTA VALLE BELBO. 1) I SOCI A integrazione dell articolo 19 dello Statuto, i soci che per qualsiasi motivo non possono intervenire personalmente

Dettagli

SISTEMA SANITARIO REGIONALE DEL PIEMONTE *************************************************

SISTEMA SANITARIO REGIONALE DEL PIEMONTE ************************************************* SISTEMA SANITARIO REGIONALE DEL PIEMONTE ************************************************* AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA SAN LUIGI GONZAGA DI ORBASSANO DI ORBASSANO (TO) Regione Gonzole, 10 10043 Orbassano

Dettagli

TESTO consolidato CONSLEG: 1981R /05/2004. prodotto dal sistema CONSLEG. dell Ufficio delle pubblicazioni ufficiali delle Comunità europee

TESTO consolidato CONSLEG: 1981R /05/2004. prodotto dal sistema CONSLEG. dell Ufficio delle pubblicazioni ufficiali delle Comunità europee IT TESTO consolidato prodotto dal sistema CONSLEG dell Ufficio delle pubblicazioni ufficiali delle Comunità europee CONSLEG: 1981R1292 20/05/2004 Pagine: 7 < Ufficio delle pubblicazioni ufficiali delle

Dettagli

Regolamento (UE) 2015/2283 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 25 novembre 2015 relativo ai "Nuovi alimenti"

Regolamento (UE) 2015/2283 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 25 novembre 2015 relativo ai Nuovi alimenti Normativa Decreto 2 agosto 2018. Istituzione del logo identificativo per l'indicazione facoltativa di qualità «prodotto di montagna» in attuazione del decreto ministeriale n. 57167 del 26 luglio 2017 Decreto

Dettagli

BROCCOLI ROSETTE SURGELATI BIOLOGICI 4 x 2,5 Kg

BROCCOLI ROSETTE SURGELATI BIOLOGICI 4 x 2,5 Kg 1 di 4 BROCCOLI ROSETTE SURGELATI BIOLOGICI 4 x 2,5 Kg O.R.T.O. Verde S.c.a.p.a. 60019 Strada della Bruciata, 16 - Cesano di Senigallia (AN) - Italia Tel +390716608200 Fax +390716608222 www.ortoverde.eu

Dettagli

Impresa concorrente LOTTO. GARA n Prodotto

Impresa concorrente LOTTO. GARA n Prodotto ALLEGATO F4) SCHEDA TECNICA PRODOTTO MATERIALE PER OSTEOSINTESI DISTRETTO COLLO/FEMORE in conto deposito con strumentario in comodato d uso gratuito Impresa concorrente LOTTO GARA n. 4307622 Prodotto Codice

Dettagli

FUNGHI DELLA URBANI TARTUFI srl FUNGHI PORCINI INTERI CONGELATI. (Boletus edulis e relativo gruppo) Fungo porcino intero congelato 500 g F60068UT

FUNGHI DELLA URBANI TARTUFI srl FUNGHI PORCINI INTERI CONGELATI. (Boletus edulis e relativo gruppo) Fungo porcino intero congelato 500 g F60068UT FUNGHI DELLA REVISIONE 03 del 07/01/2016 Pag 1 di 6 1.1 DESCRIZIONE 1.2 T.M.C. 1 CARATTERISTICHE E REQUISITI GENERALI DEL PRODOTTO Prodotto costituito da funghi appartenenti alla specie Boletus edulis

Dettagli

CAPITOLATO LATTE DERIVATI E UOVA OGGETTO DELLA GARA. Caratteristiche e modalità di confezionamento

CAPITOLATO LATTE DERIVATI E UOVA OGGETTO DELLA GARA. Caratteristiche e modalità di confezionamento Lotto 8 CAPITOLATO LATTE DERIVATI E UOVA OGGETTO DELLA GARA Il presente Capitolato ha per oggetto la definizione merceologica dei beni da fornire in regime di somministrazione di latte, suoi derivati e

Dettagli

FUNGHI DELLA URBANI TARTUFI srl FUNGHI PORCINI INTERI CONGELATI 1^ SCELTA. (Boletus edulis e relativo gruppo) Fungo porcino intero congelato 1^ scelta

FUNGHI DELLA URBANI TARTUFI srl FUNGHI PORCINI INTERI CONGELATI 1^ SCELTA. (Boletus edulis e relativo gruppo) Fungo porcino intero congelato 1^ scelta REVISIONE Rev. 04 del 20/04/2016 Pag.1 di 6 1.1 DESCRIZIONE 1.2 T.M.C. 1 CARATTERISTICHE E REQUISITI GENERALI DEL PRODOTTO Prodotto costituito da funghi appartenenti alla specie Boletus Edulis e relativo

Dettagli

FUNGHI DELLA URBANI TARTUFI srl FUNGHI PORCINI INTERI CONGELATI. (Boletus edulis e relativo gruppo) Fungo porcino intero congelato F60501

FUNGHI DELLA URBANI TARTUFI srl FUNGHI PORCINI INTERI CONGELATI. (Boletus edulis e relativo gruppo) Fungo porcino intero congelato F60501 FUNGHI DELLA REVISIONE Rev. 03 del 07/01/2016 Pag.1 di 6 1.1 DESCRIZIONE 1.2 T.M.C. 1 CARATTERISTICHE E REQUISITI GENERALI DEL PRODOTTO Prodotto costituito da funghi appartenenti alla specie Boletus Edulis

Dettagli

ALLEGATO 8 BOZZA DI DISCIPLINARE DI PRODUZIONE

ALLEGATO 8 BOZZA DI DISCIPLINARE DI PRODUZIONE ALLEGATO 8 BOZZA DI DISCIPLINARE DI PRODUZIONE CERTIFICAZIONE DI PRODOTTO DELLA TRIFOLLA DE L HAUTE VALLEE DU GRAND ST. BERNARD/ PATATA DELL ALTA VALLE DEL GRAN SAN BERNARDO C:\Documents and Settings\dd\Documenti\grand-combain\4

Dettagli

COMUNE DI VALENZA (Provincia di Alessandria)

COMUNE DI VALENZA (Provincia di Alessandria) COMUNE DI VALENZA (Provincia di Alessandria) CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO - Allegato 4 Caratteristiche organolettiche delle principali derrate Ristorazione Ospiti Casa di Riposo PROCEDURA APERTA (art.

Dettagli

COMUNE DI COMACCHIO Provincia di Ferrara

COMUNE DI COMACCHIO Provincia di Ferrara COMUNE DI COMACCHIO Provincia di Ferrara Settore I Vicesegretario Generale e Servizi e Servizi Socio-Assistenziali CASA RESIDENZA COMUNALE PER ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI A.NIBBIO APPALTO PER LA FORNITURA

Dettagli

TESTO consolidato CONSLEG: 1997R /05/2004. prodotto dal sistema CONSLEG. dell Ufficio delle pubblicazioni ufficiali delle Comunità europee

TESTO consolidato CONSLEG: 1997R /05/2004. prodotto dal sistema CONSLEG. dell Ufficio delle pubblicazioni ufficiali delle Comunità europee IT TESTO consolidato prodotto dal sistema CONSLEG dell Ufficio delle pubblicazioni ufficiali delle Comunità europee CONSLEG: 1997R2288 20/05/2004 Pagine: 7 < Ufficio delle pubblicazioni ufficiali delle

Dettagli

Università degli Studi di Ferrara

Università degli Studi di Ferrara Università degli Studi di Ferrara ACCORDO QUADRO QUADRIENNALE PER LA FORNITURA DI PRODOTTI CHIMICI E ARTICOLI DA LABORATORIO PER I DIPARTIMENTI SCIENTIFICI DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FERRARA CAPITOLATO

Dettagli

Regione Puglia. Agenzia Regionale Sanitaria

Regione Puglia. Agenzia Regionale Sanitaria Regione Puglia Agenzia Regionale Sanitaria ALLEGATO I DISCIPLINARE TECNICO CONTRACCETTIVI ORMONALI Capitolato Tecnico Contraccettivi Ormonali pag. 1 di 6 INDICE 1. OGGETTO DELLA FORNITURA...3 2. CARATTERISTICHE

Dettagli

NORMA DI COMMERCIALIZZAZIONE PER GLI AGRUMI

NORMA DI COMMERCIALIZZAZIONE PER GLI AGRUMI NORMA DI COMMERCIALIZZAZIONE PER GLI AGRUMI Riferimenti legislativi Regolamento CE N. 1799/01 del 12 settembre 2001 che stabilisce la norma di commercializzazione applicabile agli agrumi. Regolamento (CE)

Dettagli

TESTO consolidato CONSLEG: 2002R /05/2004. prodotto dal sistema CONSLEG. dell Ufficio delle pubblicazioni ufficiali delle Comunità europee

TESTO consolidato CONSLEG: 2002R /05/2004. prodotto dal sistema CONSLEG. dell Ufficio delle pubblicazioni ufficiali delle Comunità europee IT TESTO consolidato prodotto dal sistema CONSLEG dell Ufficio delle pubblicazioni ufficiali delle Comunità europee CONSLEG: 2002R0843 20/05/2004 Pagine: 7 < Ufficio delle pubblicazioni ufficiali delle

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 851/2000 DELLA COMMISSIONE del 27 aprile 2000 che stabilisce la norma di commercializzazione applicabile alle albicocche

REGOLAMENTO (CE) N. 851/2000 DELLA COMMISSIONE del 27 aprile 2000 che stabilisce la norma di commercializzazione applicabile alle albicocche 2000R0851 IT 06.01.2005 003.001 1 Trattandosi di un semplice strumento di documentazione, esso non impegna la responsabilità delle istituzioni B REGOLAMENTO (CE) N. 851/2000 DELLA COMMISSIONE del 27 aprile

Dettagli

OGGETTO DELLA FORNITURA

OGGETTO DELLA FORNITURA ALLEGATO alla lettera di invito n. 2 TRATTATIVA PRIVATA PER L'AGGIUDICAZIONE DELLA FORNITURA DI PASTA, RISO, OLIO, ACETO E PRODOTTI IN SCATOLA PER L'ANNO 2013 EVENTALMENTE PROROGABILE DI ANNI UNO OGGETTO

Dettagli

CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 12/20/CU03/C10

CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 12/20/CU03/C10 CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 12/20/CU03/C10 PARERE SULLO SCHEMA DI DISEGNO DI LEGGE RECANTE DISPOSIZIONI PER LA COMMERCIALIZZAZIONE DEI PRODOTTI DERIVANTI DAL POMODORO TRASFORMATO

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE PER LA FORNITURA ALLE SCUOLE MATERNE E ASILI NIDO DI:

CAPITOLATO SPECIALE PER LA FORNITURA ALLE SCUOLE MATERNE E ASILI NIDO DI: COMUNE DI VICENZA ASSESSORATO ALLA FORMAZIONE GESTIONE SCUOLE MATERNE E ASILI NIDO Via C.Goldoni, 41- telefono 0444/924752 - fax 0444/927451 e-mail:gestmaterne@comune.vicenza.it CAPITOLATO SPECIALE PER

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE PER LA FORNITURA ALLE SCUOLE MATERNE E ASILI NIDO DI:

CAPITOLATO SPECIALE PER LA FORNITURA ALLE SCUOLE MATERNE E ASILI NIDO DI: COMUNE DI VICENZA ASSESSORATO ALLA FORMAZIONE GESTIONE SCUOLE MATERNE E ASILI NIDO Via C.Goldoni, 41- telefono 0444/924752 - fax 0444/927451 e-mail:gestmaterne@comune.vicenza.it CAPITOLATO SPECIALE PER

Dettagli

Dal campo all etichetta, esercizi di filiera corta: prodotti ortofrutticoli freschi

Dal campo all etichetta, esercizi di filiera corta: prodotti ortofrutticoli freschi Dal campo all etichetta, esercizi di filiera corta: prodotti ortofrutticoli freschi Categories : Anno 2012, N. 154-15 ottobre 2012 di Donato Ferrucci L esempio trattato riguarda i prodotti ortofrutticoli

Dettagli

(Atti legislativi) DIRETTIVE

(Atti legislativi) DIRETTIVE 16.12.2011 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 334/1 I (Atti legislativi) DIRETTIVE DIRETTIVA 2011/91/UE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 13 dicembre 2011 relativa alle diciture o marche

Dettagli

CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 12/28/CU13/C10

CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 12/28/CU13/C10 CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 12/28/CU13/C10 PARERE SULLO SCHEMA DI DISEGNO DI LEGGE RECANTE DISPOSIZIONI PER LA COMMERCIALIZZAZIONE DEI PRODOTTI DERIVANTI DAL POMODORO TRASFORMATO

Dettagli

Università degli Studi di Ferrara

Università degli Studi di Ferrara Università degli Studi di Ferrara ACCORDO QUADRO QUADRIENNALE PER LA FORNITURA DI PRODOTTI CHIMICI E ARTICOLI DA LABORATORIO PER I DIPARTIMENTI SCIENTIFICI DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FERRARA CAPITOLATO

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO. CIG Z2B10CE97A CARNI FRESCHE, SALUMI ED INSACCATI

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO. CIG Z2B10CE97A CARNI FRESCHE, SALUMI ED INSACCATI Allegato 1 CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO. CIG Z2B10CE97A I prezzi indicati, dovranno intendersi fissi per tutta la durata dell appalto. CARNI FRESCHE, SALUMI ED INSACCATI Tutte le carni fresche, salumi

Dettagli

LE ETICHETTE ALIMENTARI, STRUMENTO INDISPENSABILE PER IL CONSUMATORE L'etichetta del Vino strumento di sicurezza e di marketing

LE ETICHETTE ALIMENTARI, STRUMENTO INDISPENSABILE PER IL CONSUMATORE L'etichetta del Vino strumento di sicurezza e di marketing LE ETICHETTE ALIMENTARI, STRUMENTO INDISPENSABILE PER IL CONSUMATORE L'etichetta del Vino strumento di sicurezza e di marketing a cura della Dott.ssa Gabriella Lo Feudo CREA OLI Cerignola 2016 1 2 3 4

Dettagli

COMITATO DI FILIERA DEL PARMIGIANO REGGIANO DOP SEDE: CAMERA DI COMMERCIO I.A.A. DI PARMA

COMITATO DI FILIERA DEL PARMIGIANO REGGIANO DOP SEDE: CAMERA DI COMMERCIO I.A.A. DI PARMA REGOLAMENTO SPECIALE PARMIGIANO REGGIANO DOP Adottato dalla Deputazione Nazionale con delibera n 10 del 13 maggio 2008 Aggiornato dalla Deputazione Nazionale con delibera n 1 del 12 giugno 2014 COMITATO

Dettagli

Comune di Padova REGOLAMENTO COMUNALE DEI MERCATI DEDICATI ALLA VENDITA DIRETTA DA PARTE DEGLI IMPRENDITORI AGRICOLI

Comune di Padova REGOLAMENTO COMUNALE DEI MERCATI DEDICATI ALLA VENDITA DIRETTA DA PARTE DEGLI IMPRENDITORI AGRICOLI Comune di Padova REGOLAMENTO COMUNALE DEI MERCATI DEDICATI ALLA VENDITA DIRETTA DA PARTE DEGLI IMPRENDITORI AGRICOLI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 68 del 5 luglio 2011 INDICE Art.

Dettagli

TESTO consolidato CONSLEG: 2001R /05/2004. prodotto dal sistema CONSLEG. dell Ufficio delle pubblicazioni ufficiali delle Comunità europee

TESTO consolidato CONSLEG: 2001R /05/2004. prodotto dal sistema CONSLEG. dell Ufficio delle pubblicazioni ufficiali delle Comunità europee IT TESTO consolidato prodotto dal sistema CONSLEG dell Ufficio delle pubblicazioni ufficiali delle Comunità europee CONSLEG: 2001R1508 20/05/2004 Pagine: 7 < Ufficio delle pubblicazioni ufficiali delle

Dettagli

Carni avicole. Per le carni di pollame fresche, il termine minimo di conservazione è sostituito dalla data di scadenza.

Carni avicole. Per le carni di pollame fresche, il termine minimo di conservazione è sostituito dalla data di scadenza. Carni avicole Il Regolamento (CE) 543/2008, recante le modalità di applicazione del Regolamento (CE) 1234/2007 e s.m.i., ha stabilito le norme di commercializzazione per le carni di pollame (pollo, tacchino,

Dettagli

L 336/26 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea

L 336/26 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 336/26 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea 13.12.2008 PARTE 2: NORME DI QUALITÀ PER GLI AGRUMI I. DEFINIZIONE DEL PRODOTTO La presente norma si applica ai seguenti frutti classificati sotto la

Dettagli

2. DESCRIZIONE DELL ATTIVITA ESERCITATA

2. DESCRIZIONE DELL ATTIVITA ESERCITATA 2. DESCRIZIONE DELL ATTIVITA ESERCITATA 2.1 Descrizione del processo produttivo Per descrivere con accuratezza il processo produttivo dalla fase primaria a quella di trasformazione occorre individuare

Dettagli

Allegato C.5 al Decreto n. 16 del pag. 1/7

Allegato C.5 al Decreto n. 16 del pag. 1/7 giunta regionale Allegato C.5 al Decreto n. 16 del 19.02.2016 pag. 1/7 R E G I O N E V E N E T O Area Sanità e Sociale Coordinamento Regionale Acquisti per la Sanità PROCEDURA APERTA PER LA FORNITURA DI

Dettagli

PRESCRIZIONI FITOSANITARIE IN FUNZIONE DELLA CATEGORIA DI APPARTENENZA

PRESCRIZIONI FITOSANITARIE IN FUNZIONE DELLA CATEGORIA DI APPARTENENZA A LLEGATO III PRESCRIZIONI FITOSANITARIE IN FUNZIONE DELLA CATEGORIA DI APPARTENENZA A - PRESCRIZIONI FITOSANITARIE PER IL PRODUTTORE-VIVAISTA E PER IL PICCOLO PRODUTTORE 1. rendere visibile, sia in azienda

Dettagli

Comune di Rimini Settore Politiche Giovanili e Servizi Educativi. Centro di Responsabilità 10 Centro di Costo 09 11

Comune di Rimini Settore Politiche Giovanili e Servizi Educativi. Centro di Responsabilità 10 Centro di Costo 09 11 Comune di Rimini Settore Politiche Giovanili e Servizi Educativi Centro di Responsabilità 10 Centro di Costo 09 11 Determinazione Dirigenziale n. 973 del 04/07/2011 Prat. n.2470500 Oggetto :Svolgimento

Dettagli

Etichettatura Biologica Breve vademecum

Etichettatura Biologica Breve vademecum Etichettatura Biologica Breve vademecum Generalità Leggere con attenzione l'etichetta di un prodotto consente di acquisire in breve tempo tutte le informazioni che ci interessano sul prodotto stesso, permettendoci

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE PER LA FORNITURA DI DISPOSITIVI MEDICI PER ANESTESIA E RIANIMAZIONE Art. 1 Oggetto della fornitura

CAPITOLATO SPECIALE PER LA FORNITURA DI DISPOSITIVI MEDICI PER ANESTESIA E RIANIMAZIONE Art. 1 Oggetto della fornitura CAPITOLATO SPECIALE PER LA FORNITURA DI DISPOSITIVI MEDICI PER ANESTESIA E RIANIMAZIONE Art. 1 Oggetto della fornitura Il presente Capitolato Speciale ha per oggetto l Appalto per la fornitura di Dispositivi

Dettagli

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE PRODOTTI DI QUALITA REGIME DI QUALITA RICONOSCIUTO DALLA REGIONE PUGLIA AI SENSI DEL REG. (CE) N. 1305/2013 DISCIPLINARE DI PRODUZIONE Pomodori pelati interi e non interi 1. CAMPO DI APPLICAZIONE Il presente

Dettagli

Legislazione comunitaria in materia di etichettatura degli oli di oliva

Legislazione comunitaria in materia di etichettatura degli oli di oliva Legislazione comunitaria in materia di etichettatura degli oli di oliva I provvedimenti legislativi più importanti in materia di etichettatura degli oli sono i seguenti: Il reg. (CE) 1513 / 2001 del 23

Dettagli

DISCIPLINARE DI QUALITA' PIANTE IN VASO DA INTERNO

DISCIPLINARE DI QUALITA' PIANTE IN VASO DA INTERNO MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI DIPARTIMENTO DELLE POLITICHE DI SVILUPPO DIREZIONE GENERALE DELLO SVILUPPO RURALE DISCIPLINARE DI QUALITA' PIANTE IN VASO DA INTERNO 1 INDICE NORME

Dettagli

PRODOTTI DI QUALITA REGIME DI QUALITA RICONOSCIUTO DALLA REGIONE PUGLIA CON DGR N DEL 09/12/2015 AI SENSI DEL REG. (CE) N.

PRODOTTI DI QUALITA REGIME DI QUALITA RICONOSCIUTO DALLA REGIONE PUGLIA CON DGR N DEL 09/12/2015 AI SENSI DEL REG. (CE) N. PRODOTTI DI QUALITA REGIME DI QUALITA RICONOSCIUTO DALLA REGIONE PUGLIA CON DGR N. 2210 DEL 09/12/2015 AI SENSI DEL REG. (CE) N. 1305/2013 DISCIPLINARE DI PRODUZIONE Pasta 1. CAMPO DI APPLICAZIONE Il presente

Dettagli

NORME TECNICHE PER IL METODO DI PRODUZIONE BIOLOGICO

NORME TECNICHE PER IL METODO DI PRODUZIONE BIOLOGICO D020 NORME TECNICHE DI PRODUZIONE Rev.07 Pagina 1 BIOS s.r.l. CONTROLLO E CERTIFICAZIONE PRODUZIONI BIOLOGICHE via Monte Grappa, 37C 36063 MAROSTICA (VI) telefono 0424/471125 fax 0424/476947 NORME TECNICHE

Dettagli

Settore II: Ristorazione Scolastica e Asili Nido. Periodo da settembre 2017 ad agosto 2020

Settore II: Ristorazione Scolastica e Asili Nido. Periodo da settembre 2017 ad agosto 2020 Settore II: Ristorazione Scolastica e Asili Nido Capitolato Tecnico Descrittivo specifico per la fornitura di: LOTTO N. 6 : PANE E PRODOTTI FRESCHI DA FORNO Periodo da settembre 2017 ad agosto 2020 C.I.G.

Dettagli

Allegato C.5 al Decreto n. 82 del pag. 1/5

Allegato C.5 al Decreto n. 82 del pag. 1/5 giunta regionale Allegato C.5 al Decreto n. 82 del 05.07.2016 pag. 1/5 R E G I O N E V E N E T O Area Sanità e Sociale Coordinamento Regionale Acquisti per la Sanità PROCEDURA APERTA PER LA FORNITURA DI

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE FORNITURA ANNUALE AGHI OCCORRENTI ALLE STRUTTURE DELLA A. S. L. NAPOLI 1 CENTRO ART. 1 OGGETTO ART. 2 DURATA DELLA FORNITURA

CAPITOLATO SPECIALE FORNITURA ANNUALE AGHI OCCORRENTI ALLE STRUTTURE DELLA A. S. L. NAPOLI 1 CENTRO ART. 1 OGGETTO ART. 2 DURATA DELLA FORNITURA CAPITOLATO SPECIALE FORNITURA ANNUALE AGHI OCCORRENTI ALLE STRUTTURE DELLA A. S. L. NAPOLI 1 CENTRO ART. 1 OGGETTO Il presente Capitolato Speciale ha per oggetto l appalto per la Fornitura di Aghi occorrenti

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE PER LA FORNITURA ALLE SCUOLE MATERNE E ASILI NIDO DI:

CAPITOLATO SPECIALE PER LA FORNITURA ALLE SCUOLE MATERNE E ASILI NIDO DI: COMUNE DI VICENZA ASSESSORATO ALLA FORMAZIONE GESTIONE SCUOLE MATERNE E ASILI NIDO Via C.Goldoni, 41- telefono 0444/924752 - fax 0444/927451 e-mail:gestmaterne@comune.vicenza.it CAPITOLATO SPECIALE PER

Dettagli

Titolo V. Etichettatura e foglio illustrativo

Titolo V. Etichettatura e foglio illustrativo Titolo V Etichettatura e foglio illustrativo aa) dosaggio del medicinale: il contenuto in sostanza attiva espresso, a seconda della forma farmaceutica, in quantità per unità posologica, per unità di volume

Dettagli

ART. 2. IMPORTO DELL APPALTO... 3 ART.3 CARATTERISTICHE TECNICHE... 3 ART. 4 MODALITÀ DI ESPLETAMENTO DELL APPALTO... 4

ART. 2. IMPORTO DELL APPALTO... 3 ART.3 CARATTERISTICHE TECNICHE... 3 ART. 4 MODALITÀ DI ESPLETAMENTO DELL APPALTO... 4 Pagina 1 di 6 CAPITOLATO TECNICO Fornitura di n. 25.200.000 sacchetti in materiale biodegradabile e compostabile per la raccolta sottolavello del rifiuto organico suddivisa in tre lotti. Pagina 2 di 6

Dettagli

GG N DISCIPLINARE DI PRODUZIONE VINO TERRA DI SAN MARINO ARTICOLO 1

GG N DISCIPLINARE DI PRODUZIONE VINO TERRA DI SAN MARINO ARTICOLO 1 GG N DISCIPLINARE DI PRODUZIONE VINO TERRA DI SAN MARINO ARTICOLO 1 La denominazione Terra di San Marino è riservata ai vini prodotti secondo le norme stabilite nel presente disciplinare di produzione.

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA D.P.R. 10 maggio 1982, n. 514. Attuazione della direttiva (CEE) n. 76/118 relativa a taluni tipi di latte conservato parzialmente o totalmente disidratato destinato all alimentazione umana. (I) (pubbl.

Dettagli

SPECIFICA PRODOTTO. PISELLI BIO GRANDI PANIERI 2X2.5Kg

SPECIFICA PRODOTTO. PISELLI BIO GRANDI PANIERI 2X2.5Kg Descrizione del prodotto Materia prima appartenente alla specie Pisum Sativum. Piselli sani e freschi, al giusto punto di maturazione, liberi da attacchi parassitari. Conforme al REG. CE 834/2007 Nome

Dettagli

ETICHETTATURA MANGIMI per i prodotti da agricoltura biologica

ETICHETTATURA MANGIMI per i prodotti da agricoltura biologica INDICE Argomento Reg. (CE) n. 834/2007 Reg. (CE) n. 889/2008 Reg. (CE) n. 967/2008 Campo di applicazione Art. 59; Art. 95 Uso di termini riferiti alla produzione biologica Art. 23 Uso di marchi commerciali

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE DELLA CAMPANIA N. 36 DEL 17 FEBBRAIO 2010

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE DELLA CAMPANIA N. 36 DEL 17 FEBBRAIO 2010 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE DELLA CAMPANIA N. 36 DEL 17 FEBBRAIO 2010 REGOLAMENTO SULLE ATTIVITÀ DI RACCOLTA E COMMERCIALIZZAZIONE DI MATERIALI FORESTALI DI MOLTIPLICAZIONE PROVENIENTI

Dettagli

Istituto Nazionale Per Lo Studio e La Cura dei Tumori IRCCS - Fondazione G. Pascale Via Mariano Semmola NAPOLI

Istituto Nazionale Per Lo Studio e La Cura dei Tumori IRCCS - Fondazione G. Pascale Via Mariano Semmola NAPOLI FAQ 4 PRECISAZIONI IN ORDINE AI QUESITI PERVENUTI IN DATA 22-23/02. E 01-02/03, 2018 INERENTI LA GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DELLA FORNITURA IN SOMMINISTRAZIONE DELLA DURATA DI TRE

Dettagli

TESTO consolidato CONSLEG: 2003R /05/2004. prodotto dal sistema CONSLEG. dell Ufficio delle pubblicazioni ufficiali delle Comunità europee

TESTO consolidato CONSLEG: 2003R /05/2004. prodotto dal sistema CONSLEG. dell Ufficio delle pubblicazioni ufficiali delle Comunità europee IT TESTO consolidato prodotto dal sistema CONSLEG dell Ufficio delle pubblicazioni ufficiali delle Comunità europee CONSLEG: 2003R1466 20/05/2004 Pagine: 7 < Ufficio delle pubblicazioni ufficiali delle

Dettagli

24. Allegato al Capitolato di fornitura b&m Italia

24. Allegato al Capitolato di fornitura b&m Italia 24. Allegato al Capitolato di fornitura b&m Italia Tutte le consegne presso la nostra azienda devono essere eseguite in accordo con le condizioni di spedizione stabilite. a. Trasporto 1. Indirizzo di consegna:

Dettagli

SPECIFICA PRODOTTO MOD_290 REV.2 COD. PRODOTTO FAGIOLINI BIOLOGICI GRANDI PANIERI

SPECIFICA PRODOTTO MOD_290 REV.2 COD. PRODOTTO FAGIOLINI BIOLOGICI GRANDI PANIERI Descrizione del prodotto Materia prima appartenente alla specie Phaseolus vulgaris. Fagiolini sani e freschi al giusto punto di maturazione, liberi da attacchi parassitari, infestazioni, foglie, peduncoli.

Dettagli

ELENCO- CAPITOLATO TECNICO PER LA FORNITURA DI SUTURE CHIRURGICHE

ELENCO- CAPITOLATO TECNICO PER LA FORNITURA DI SUTURE CHIRURGICHE Allegato B al Disciplinare di gara ELENCO- CAPITOLATO TECNICO PER LA FORNITURA DI SUTURE CHIRURGICHE CAMPO DI APPLICAZIONE: Il presente capitolato disciplina il contratto di somministrazione di fili per

Dettagli