FORMAZIONE EUROPEA E INTERNAZIONALE. La cooperazione amministrativa in Europa

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "FORMAZIONE EUROPEA E INTERNAZIONALE. La cooperazione amministrativa in Europa"

Transcript

1 FORMAZIONE EUROPEA E INTERNAZIONALE La cooperazione amministrativa in Europa

2 Indice 1. Scenario di riferimento 2. Obiettivi didattici 3. I destinatari 4. Coordinamento scientifico 5. Programma di dettaglio 6. Valutazione 7. Regolamento

3 1. Scenario di riferimento Dal Trattato di Lisbona sono venute rilevanti innovazioni non solo per l amministrazione dell Unione, ma anche, in prospettiva, per le amministrazioni nazionali degli Stati membri. Da un lato, esso ha dato riconoscimento al valore di diritto primario delle regole sulla «cittadinanza amministrativa», quale parte della Carta dei diritti fondamentali, il cui art. 41 sancisce il diritto a una buona amministrazione nei confronti delle istituzioni dell Unione, e dei Trattati, il cui art. 298 TFUE obbliga a sua volta le istituzioni a basare la propria azione su un amministrazione europea aperta, efficace e indipendente. Dall altro lato, un nuovo art. 197 TFUE afferma che «l attuazione effettiva del diritto dell Unione da parte degli Stati membri, essenziale per il buon funzionamento dell Unione, è considerata questione di interesse comune», facendo così dell efficace funzionamento delle amministrazioni nazionali un tema non più puramente nazionale, ma di rilevanza per lo stesso sistema dell Unione. In pratica, i Trattati prevedono oggi non solo che le istituzioni dell Unione debbano mettersi al servizio degli obiettivi di questa e degli interessi dei suoi cittadini nel modo più trasparente e efficiente possibile, ma chiedono anche alle Pubbliche Amministrazioni nazionali di sapere modernizzarsi e di agire come Amministrazione europea, capace di attuare il diritto dell Unione e di erogare servizi con standard elevati. Ciò è destinato ad avviare un percorso virtuoso di progressiva integrazione delle amministrazioni nazionali in uno spazio amministrativo europeo capace, se non di imporre, almeno di stimolare e promuovere il progressivo allineamento della qualità delle nostre amministrazioni e dei nostri servizi pubblici alle best practices europee. Questa dimensione amministrativa europea ha trovato riflesso, grazie ancora al Trattato di Lisbona, prima di tutto in nuove competenze dell Unione. Ai sensi dell'art. 6 TFUE essa ha infatti competenza, in via generale, ad adottare piani intesi a sostenere, coordinare o completare l'azione degli Stati membri nei settori della cooperazione amministrativa. Dal canto suo, il già citato art. 197 TFUE, rubricato esplicitamente "Cooperazione amministrativa", dispone che l'unione può sostenere gli sforzi degli Stati membri volti a migliorare la loro capacità amministrativa di attuare il diritto dell'unione, in particolare attraverso una facilitazione dello scambio di informazioni e di funzionari pubblici e un sostegno a programmi di formazione. In tal modo il Trattato istituzionalizza la cooperazione amministrativa, consentendo all'unione europea di sostenere gli sforzi dei Paesi membri volti a migliorare la "capacity building" delle amministrazioni nazionali.

4 2. Obiettivi didattici L obiettivo didattico è di fornire una formazione approfondita a funzionari e dirigenti delle Amministrazioni centrali e periferiche sui profili generali e sugli strumenti esistenti della cooperazione amministrativa europea, la cooperazione, cioè, sia tra le amministrazioni europee e le Istituzioni dell Unione, sia tra le stesse amministrazioni nazionali nella gestione delle proprie funzioni europee. Nelle tre giornate, in cui è articolato il Corso, saranno in particolare esaminati i principali strumenti esistenti in materia, sia sotto il profilo del dialogo diretto tra le diverse amministrazioni (IMI, Solvit, ecc.), che dello scambio e della reciproca conoscenza delle rispettive culture amministrative (END, scambi tra funzionari nazionali, ecc.) 3. I destinatari I destinatari dell iniziativa formativa sono i dirigenti e i funzionari di amministrazioni varie. 4. Coordinamento scientifico Il coordinamento e la responsabilità dell attuazione del Corso sono assegnati al Prof. Roberto Adam, ordinario di Diritto dell Unione europea, docente a tempo pieno della SNA per l Area europea e internazionale, coadiuvato dal Prof. Carlo Forte, docente a tempo pieno della SNA per la stessa Area. 5. Il programma di dettaglio La durata complessiva del progetto è di 18 ore, equivalenti a 3 giornate d aula di 6 ore ciascuna ripartite su tre settimane. Il calendario previsto è il seguente: 1 giornata ore Lo Spazio amministrativo europeo e il libro bianco sulla governance della UE I principi guida dell amministrazione europea - Il principio dell azione amministrativa aperta, efficace ed indipendente (art. 298 TFUE)

5 - Il diritto alla buona amministrazione (art. 41 Carta dei diritti fondamentali dell'unione europea). Competenze dell Unione e amministrazioni nazionali (art. 197 TFUE) - L azione di sostegno al miglioramento della capacità amministrativa degli Stati membri - L azione di sostegno alla cooperazione amministrativa tra gli Stati membri 2 giornata ore Le azioni specifiche volte ad assicurare la cooperazione amministrativa tra Stati membri e Commissione europea La cooperazione amministrativa per il mercato interno. - Il Sistema di informazione del mercato interno (IMI) - Il Sistema Solvit. La cooperazione tra amministrazioni fiscali. - La tutela degli interessi finanziari della UE - La Direttiva 2011/16/UE del Consiglio, del 15 febbraio 2011, relativa alla cooperazione amministrativa nel settore fiscale. La cooperazione tra amministrazioni nazionali nell ambito dello Spazio di libertà, sicurezza e giustizia (art. 74 TFUE). La cooperazione territoriale e transfrontaliera europea. - La Politica di Coesione e la Cooperazione territoriale europea (CTE) nella programmazione dei fondi Strutturali e di Investimento europei (SIE) Cenni ad altri strumenti della cooperazione territoriale e transfrontaliera - Le strutture della cooperazione territoriale e transfrontaliera: il sistema Euroregione - Cenni sulle convenzioni o accordi di assistenza reciproca La cooperazione tra amministrazioni nel quadro del processo di preadesione all Unione - I Twinning I programmi di scambio di funzionari 3 giornata ore Casi di studio su alcuni degli strumenti di cooperazione amministrativa europea Prova di valutazione finale 6. La valutazione

6 Il livello di competenze acquisite dagli allievi verrà misurato attraverso l elaborazione da parte di ciascun partecipante di una breve risposta scritta (max 10 righe) ad una domanda vertente su uno degli argomenti trattati durante il Corso. 7. Regolamento Svolgimento delle lezioni I partecipanti sono tenuti a rispettare l orario delle attività didattiche previsto dal calendario del Corso. La presenza giornaliera verrà rilevata con la firma di entrata e di uscita dei partecipanti. Tutti i permessi e i ritardi, superiori a 15 minuti, saranno considerati ai fini del calcolo del monte ore di assenza consentita. Al fine del rilascio dell attestato finale le assenze non devono superare il 20% delle ore del corso.

FORMAZIONE AVANZATA. Diritto internazionale della cooperazione economica

FORMAZIONE AVANZATA. Diritto internazionale della cooperazione economica FORMAZIONE AVANZATA Diritto internazionale della cooperazione economica Indice 1. Scenario di riferimento 2. Obiettivi didattici 3. I destinatari 4. Coordinamento scientifico 5. Programma di dettaglio

Dettagli

Fatturazione elettronica PROGETTO DIDATTICO

Fatturazione elettronica PROGETTO DIDATTICO FORMAZIONE AVANZATA Fatturazione elettronica PROGETTO DIDATTICO INDICE 1. Finalità e obiettivi pag. 3 2. Destinatari pag. 3 3. Coordinamento didattico pag. 3 4. Programma di dettaglio pag. 4 5. Regolamento

Dettagli

FORMAZIONE AVANZATA. Laboratorio sull orario di lavoro e time-management

FORMAZIONE AVANZATA. Laboratorio sull orario di lavoro e time-management FORMAZIONE AVANZATA Laboratorio sull orario di lavoro e time-management 1.Scenario di riferimento Il ruolo manageriale nella Pubblica Amministrazione è notevolmente mutato negli ultimi anni, sia per l

Dettagli

FORMAZIONE AVANZATA. Laboratorio sulla negoziazione

FORMAZIONE AVANZATA. Laboratorio sulla negoziazione FORMAZIONE AVANZATA Laboratorio sulla negoziazione 1. Scenario di riferimento Il ruolo manageriale nella Pubblica Amministrazione è notevolmente mutato negli ultimi anni, sia per l inserimento di sistemi

Dettagli

FORMAZIONE AVANZATA. Contabilità pubblica e gestione del bilancio

FORMAZIONE AVANZATA. Contabilità pubblica e gestione del bilancio FORMAZIONE AVANZATA Contabilità pubblica e gestione del bilancio INDICE 1. Obiettivi pag. 3 2. Destinatari pag. 3 3. Coordinamento scientifico pag. 3 4. Programma di dettaglio pag. 3 5. Regolamento pag.

Dettagli

FONDI COMUNITARI E LORO UTILIZZAZIONE

FONDI COMUNITARI E LORO UTILIZZAZIONE FONDI COMUNITARI E LORO UTILIZZAZIONE Corso di formazione convenzionato da INPS per i dipendenti delle Amministrazioni pubbliche partecipanti al programma Valore P.A. A.A. 2015-2016 1. Finalità I Fondi

Dettagli

RISORSE CHIAVE PER IL RAFFORZAMENTO DELLA CAPACITÀ AMMINISTRATIVA DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE

RISORSE CHIAVE PER IL RAFFORZAMENTO DELLA CAPACITÀ AMMINISTRATIVA DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE RISORSE CHIAVE PER IL RAFFORZAMENTO DELLA CAPACITÀ AMMINISTRATIVA DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE Bruxelles, 30 Settembre 2015 1 Le regioni d Europa 2 Il rafforzamento della capacità amministrativa delle

Dettagli

Anno Europeo dei. Rita Sassu Europe for Citizens Point

Anno Europeo dei. Rita Sassu Europe for Citizens Point Anno Europeo dei Cittadini 2013 Rita Sassu Europe for Citizens Point Base giuridica Decisione n. 1093/2012/UE del Parlamento Europeo e del Consiglio del 21 novembre 2012 Basata sulla Proposta della Commissione

Dettagli

La gestione delle risorse umane nel pubblico impiego dopo la riforma della P.A. (D.L. n.90 del 2014 e Disegno di legge delega S1577)

La gestione delle risorse umane nel pubblico impiego dopo la riforma della P.A. (D.L. n.90 del 2014 e Disegno di legge delega S1577) FORMAZIONE AVANZATA La gestione delle risorse umane nel pubblico impiego dopo la riforma della P.A. (D.L. n.90 del 2014 e Disegno di legge delega S1577) 1. Scenario di riferimento La formazione del personale

Dettagli

L UTILIZZO DEI FONDI STRUTTURALI 2014-2020

L UTILIZZO DEI FONDI STRUTTURALI 2014-2020 L UTILIZZO DEI FONDI STRUTTURALI 2014-2020 Roma, Hotel Atlantico, 24 e 25 febbraio 2016 I modulo - Sistema di gestione e controllo nei fondi strutturali: contesto attuativo e governance - 24 febbraio 2016

Dettagli

RISORSE E PROGRAMMI UE European Project Management

RISORSE E PROGRAMMI UE European Project Management MASTER IN MANAGEMENT DEL GOVERNO LOCALE RISORSE E PROGRAMMI UE European Project Management Relatore: Francesco Riganti Buongiorno a tutti! Il mio nome è Francesco Riganti Laureato in Scienze Politiche

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per le politiche europee

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per le politiche europee Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per le politiche europee Cittadinanza europea: riferimenti normativi 1950 - Convenzione di Roma Richiamandosi espressamente ai principi supremi enunciati

Dettagli

RELIGIONI E CULTURE DELL IMMIGRAZIONE IN ITALIA E IN EUROPA REALTÀ E MODELLI A CONFRONTO. Programma di dettaglio

RELIGIONI E CULTURE DELL IMMIGRAZIONE IN ITALIA E IN EUROPA REALTÀ E MODELLI A CONFRONTO. Programma di dettaglio Fondo Europeo per l integrazione di cittadini di Paesi terzi CORSO DI ALTA SPECIALIZZAZIONE RELIGIONI E CULTURE DELL IMMIGRAZIONE IN ITALIA E IN EUROPA REALTÀ E MODELLI A CONFRONTO Programma di dettaglio

Dettagli

TERRITORI di MONTAGNA e SVILUPPO LOCALE: PROGETTARE con i FONDI EUROPEI

TERRITORI di MONTAGNA e SVILUPPO LOCALE: PROGETTARE con i FONDI EUROPEI II Edizione Febbraio/Maggio TERRITORI di MONTAGNA e SVILUPPO LOCALE: PROGETTARE con i FONDI EUROPEI II edizione (VB) febbraio/maggio MODULI DI APPROFONDIMENTO E DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE CONTENUTI

Dettagli

IL SOTTOSEGRETARIO DI STATO

IL SOTTOSEGRETARIO DI STATO IL SOTTOSEGRETARIO DI STATO VISTA la legge. 24 dicembre 2012 n. 234, recante norme generali sulla partecipazione dell'italia alla formazione e all'attuazione della normativa e delle politiche dell'unione

Dettagli

Contabilità e fiscalità pubblica

Contabilità e fiscalità pubblica Contabilità e fiscalità pubblica Corso 60 ore Negli ultimi anni è in corso un consistente sforzo - che partendo dal piano normativo si ripercuote sull ordinamento e sulla gestione contabile di tutte le

Dettagli

Master in European Law and Policies

Master in European Law and Policies Master in European Law and Policies Insegnamento Docenti Video Introduzione al Master (Lingua: Inglese) - Lezione n. 1: Master in diritto e politiche europee - Introduzione - Lezione n. 2: L'unione europea

Dettagli

OGGETTO: programmazione fondi europei: periodo 2014-2020.

OGGETTO: programmazione fondi europei: periodo 2014-2020. Assessorat de l éducation et de la culture Assessorato istruzione e cultura Ai Dirigenti delle Istituzioni scolastiche comprensive della scuola secondaria di secondo grado comprese le paritarie Réf. n

Dettagli

Convenzione SNA- CNR GIORNATE SEMINARIALI IN MATERIA DI ANTICORRUZIONE. Progetto didattico

Convenzione SNA- CNR GIORNATE SEMINARIALI IN MATERIA DI ANTICORRUZIONE. Progetto didattico Convenzione SNA- CNR GIORNATE SEMINARIALI IN MATERIA DI ANTICORRUZIONE Progetto didattico Destinatari L attività di formazione è rivolta al personale operante nelle aree di rischio del Consiglio Nazionale

Dettagli

Schema del PON Competenze per lo Sviluppo

Schema del PON Competenze per lo Sviluppo UNIONE EUROPEA Direzione Generale Occupazione e Affari Sociali MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE Dipartimento dell Istruzione Direzione Generale per gli Affari Internazionali Uff. V PROGRAMMA OPERATIVO

Dettagli

FORMAZIONE AVANZATA. Self Confidence: il pensiero e l azione nella differenza

FORMAZIONE AVANZATA. Self Confidence: il pensiero e l azione nella differenza FORMAZIONE AVANZATA Self Confidence: il pensiero e l azione nella differenza 1. Scenario di riferimento Le donne presenti all interno delle organizzazioni in Italia si costituiscono come capitale di risorse

Dettagli

e-learning Pensare all'istruzione di domani

e-learning Pensare all'istruzione di domani 1 COMMISSIONE DELLE COMUNITA EUROPEE e-learning Pensare all'istruzione di domani Introduzione Durante il Consiglio europeo di Lisbona, tenutosi nei giorni 23 e 24 marzo 2000, i Capi di Stato e di Governo,

Dettagli

La partecipazione delle Regioni alla formazione del diritto europeo: il caso dell'assemblea legislativa delle Marche.

La partecipazione delle Regioni alla formazione del diritto europeo: il caso dell'assemblea legislativa delle Marche. La partecipazione delle Regioni alla formazione del diritto europeo: il caso dell'assemblea legislativa delle Marche Barbara Sardella Premessa Gli aspetti procedurali La Regione Marche è stata tra le prime

Dettagli

Sviluppare competenze per creare valore

Sviluppare competenze per creare valore Sviluppare competenze per creare valore QUADIR È La Scuola di Alta Formazione Cooperativa INCONTRO Quadir è la Scuola di Alta Formazione Cooperativa di Legacoop. Organizza master, seminari e corsi ed è

Dettagli

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 7.1.2014 C(2013) 9651 final REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE del 7.1.2014 recante un codice europeo di condotta sul partenariato nell'ambito dei fondi strutturali

Dettagli

Programmazione 2014-2020: le sfide per la nuova dimensione della cooperazione territoriale europea

Programmazione 2014-2020: le sfide per la nuova dimensione della cooperazione territoriale europea Programmazione 2014-2020: le sfide per la nuova dimensione della cooperazione territoriale europea Silvia Grandi Dirigente Responsabile - Servizio intese istituzionali e programmi speciali d area sigrandi@regione.emilia-romagna.it

Dettagli

Regolamento sugli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione delle informazioni Pagina 1

Regolamento sugli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione delle informazioni Pagina 1 Regolamento sugli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione delle informazioni Pagina 1 Regolamento sugli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione delle informazioni Pagina 2 Regolamento

Dettagli

Erasmus + 2014-2020 Azioni: tre tipi di azioni La mobilità individuale ai fini di apprendimento

Erasmus + 2014-2020 Azioni: tre tipi di azioni La mobilità individuale ai fini di apprendimento Erasmus + 2014-2020 Azioni: Prevede tre tipi di azioni fondamentali: La mobilità individuale ai fini di apprendimento: la mobilità rappresenta una quota significativa del bilancio complessivo. Tale incremento,

Dettagli

Master in European Law and Policies

Master in European Law and Policies Introduzione al Master (Lingua: Inglese) Insegnamento - Lezione n. 1: Master in diritto e politiche europee - Introduzione - Lezione n. 2: L'unione europea continua ad essere in crisi - Conclusioni Storia

Dettagli

L esperienza del Rapporto Annuale Integrato

L esperienza del Rapporto Annuale Integrato L esperienza del Rapporto Annuale Integrato Angelo Bettinzoli Amministratore Delegato Sabaf S.p.A. Roma, 24 ottobre 2006 Chi è Sabaf Sabaf è il principale produttore mondiale di componenti per apparecchi

Dettagli

Lezione n. 2.1 Il Programma Youth in Action

Lezione n. 2.1 Il Programma Youth in Action Lezione n. 2.1 Il Programma Youth in Action Giovanni Casula giovanni.casula@focuseurope.it Luca Bortolussi luca.bortolussi@focuseurope.it CORSO DI FORMAZIONE Youth For Europe 1988 Trattato di Maastricht

Dettagli

SOLVIT: Soluzione efficace dei problemi nel mercato interno

SOLVIT: Soluzione efficace dei problemi nel mercato interno SOLVIT: Soluzione efficace dei problemi nel mercato interno Roma, 26 novembre 2013 Dipartimento Politiche europee Presidenza del Consiglio dei Ministri 1 Struttura della presentazione Presentazione della

Dettagli

LA NUOVA PROGRAMMAZIONE EUROPEA 2014-2020

LA NUOVA PROGRAMMAZIONE EUROPEA 2014-2020 LA NUOVA PROGRAMMAZIONE EUROPEA 2014-2020 Moduli formativi sulle novità normative e progettuali e sui sistemi di gestione e controllo Roma, Hotel Atlantico, via Cavour 23 I modulo (aspetti giuridici e

Dettagli

Seconda relazione sulla coesione economica e sociale: conclusioni e raccomandazioni

Seconda relazione sulla coesione economica e sociale: conclusioni e raccomandazioni Seconda relazione sulla coesione economica e sociale: conclusioni e raccomandazioni 1) OBIETTIVO Analizzare l'evoluzione della coesione economica e sociale e i fattori che vi contribuiscono in una Unione

Dettagli

FORMAZIONE AVANZATA. Corso di introduzione al Project Management

FORMAZIONE AVANZATA. Corso di introduzione al Project Management FORMAZIONE AVANZATA Corso di introduzione al Project Management 1 1. Scenario di riferimento La costante diminuzione delle risorse di bilancio e dei trasferimenti pubblici, da un lato, e la necessità di

Dettagli

Unità 2 Facoltà e studenti dell Università di Parma. Trascrizioni

Unità 2 Facoltà e studenti dell Università di Parma. Trascrizioni Unità 2 Facoltà e studenti dell Università di Parma Trascrizioni e 1.000 unità di personale tecnico e amministrativo e oltre 30.000 studenti lavorano e studiano in questo ateneo che oltre a garantire un

Dettagli

Scheda presentazione Progetti. Anno 2009

Scheda presentazione Progetti. Anno 2009 Scheda presentazione Progetti Anno 2009 A. ORGANISMO PROMOTORE A.1. Dati relativi all'organismo promotore Denominazione Sede di svolgimento del progetto Via N. C.A.P. Città Referente per il progetto Nome

Dettagli

CARTA DI INTENTI DELLA RETE ITALIANA DEI SISTEMI TERRITORIALI PER LO SVILUPPO UMANO ~ LA COOPERAZIONE

CARTA DI INTENTI DELLA RETE ITALIANA DEI SISTEMI TERRITORIALI PER LO SVILUPPO UMANO ~ LA COOPERAZIONE CARTA DI INTENTI DELLA RETE ITALIANA DEI SISTEMI TERRITORIALI PER LO SVILUPPO UMANO ~ LA COOPERAZIONE Nell'ambito dei lavori del 3 Forum "Territori in rete per lo sviluppo umano", che si è svolto a Sassari

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA

PROTOCOLLO D INTESA TRA PROTOCOLLO D INTESA TRA Il Comune di Vicenza e il Centro di Ateneo per i Diritti Umani dell Università degli Studi di Padova Il Comune di Vicenza (indicato nel prosieguo come Comune) con sede in Corso

Dettagli

INTERVENTO LE AZIONI DI SISTEMA TRA CAPACITY BUILDING E COOPERAZIONE A RETE (ROMA, 10 MAGGIO 2006)

INTERVENTO LE AZIONI DI SISTEMA TRA CAPACITY BUILDING E COOPERAZIONE A RETE (ROMA, 10 MAGGIO 2006) INTERVENTO LE AZIONI DI SISTEMA TRA CAPACITY BUILDING E COOPERAZIONE A RETE (ROMA, 10 MAGGIO 2006) Siamo nell ultimo anno di programmazione, per cui è normale fare un bilancio dell attività svolta e dell

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per lo Sviluppo e la Competitività del Turismo Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per lo Sviluppo e la Competitività del Turismo Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per lo Sviluppo e la Competitività del Turismo Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione Corso di alta formazione Manager per l innovazione turistica

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 14.3.2014 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 74/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. 240/2014 DELLA COMMISSIONE del 7 gennaio 2014 recante un codice europeo di condotta

Dettagli

LA POLITICA DELL UNIONE EUROPEA PER LA CULTURA

LA POLITICA DELL UNIONE EUROPEA PER LA CULTURA LA POLITICA DELL UNIONE EUROPEA PER LA CULTURA Quale è la competenze dell Unione europea nell ambito della cultura? Il trattato di Maastricht (1993) ha consentito all'unione europea, storicamente orientata

Dettagli

Corso La gestione informatica dei documenti

Corso La gestione informatica dei documenti Presidenza del Consiglio dei Ministri SCUOLA SUPERIORE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Programma di Empowerment delle amministrazioni pubbliche del Mezzogiorno Corso La gestione informatica dei documenti

Dettagli

Seminario informativo sulle modalità di gestione della piattaforma informativa in favore degli sportellisti e mediatori culturali (durata 12 ore).

Seminario informativo sulle modalità di gestione della piattaforma informativa in favore degli sportellisti e mediatori culturali (durata 12 ore). Re.T.I. Reti territoriali informative per l integrazione FEI 2013 Azione 5 PROG -106412 Seminario informativo sulle modalità di gestione della piattaforma informativa in favore degli sportellisti e mediatori

Dettagli

GNL GAS NATURALE LIQUEFATTO: UNA NUOVA OPPORTUNITA DI TRASPORTO FLUVIALE. Opportunità nello scenario dei finanziamenti europei

GNL GAS NATURALE LIQUEFATTO: UNA NUOVA OPPORTUNITA DI TRASPORTO FLUVIALE. Opportunità nello scenario dei finanziamenti europei DEPARTMENT PROGETTI EUROPEI, SVILUPPO E INNOVAZIONE EUROPEAN PROJECTS, DEVELOPMENT & INNOVATION Miguel Carrero (Head of Department) Flavio Tonetto (CEO SINERGIA) GNL GAS NATURALE LIQUEFATTO: UNA NUOVA

Dettagli

EaSI Employment and Social Innovation. Assi PROGRESS e EURES

EaSI Employment and Social Innovation. Assi PROGRESS e EURES Provincia di Pistoia EaSI Employment and Social Innovation Assi PROGRESS e EURES Potenzialità per il lavoro e l integrazione sociale su scala europea Carla Gassani Servizio Politiche attive del Lavoro,

Dettagli

Regione Abruzzo POR FESR 2007/2013 PIANO DI COMUNICAZIONE

Regione Abruzzo POR FESR 2007/2013 PIANO DI COMUNICAZIONE Regione Abruzzo POR FESR 2007/2013 PIANO DI COMUNICAZIONE INDICE PRESENTAZIONE...1 1. INTRODUZIONE AL PIANO DI COMUNICAZIONE POR FESR...3 2. LE LEZIONI DELL ESPERIENZA...4 3. LA STRATEGIA...6 4. I CONCETTI

Dettagli

All Albo d Istituto SEDE Al sito web d Istituto www.itaschimirri.sitonline.it

All Albo d Istituto SEDE Al sito web d Istituto www.itaschimirri.sitonline.it Prot. 5422/C12 Data 01/07/2014 All Albo d Istituto SEDE Al sito web d Istituto www.itaschimirri.sitonline.it PON FSE AZIONE C1 ALL ESTERO - PROGETTI : ENGLISH 4 REAL KEEP UP YOUR ENGLISH AVVISO PER IL

Dettagli

Riconoscimento qualifiche professionali: Revisione della Direttiva 2005/36/CE Principali misure a livello UE + posizione FSESP

Riconoscimento qualifiche professionali: Revisione della Direttiva 2005/36/CE Principali misure a livello UE + posizione FSESP Riconoscimento qualifiche professionali: Revisione della Direttiva 2005/36/CE Principali misure a livello UE + posizione FSESP FP-CGIL Convegno Professioni Sanitarie: Competenze e Qualità: Al Servizio

Dettagli

Domande sull Unione Europea?.....Può aiutarti!

Domande sull Unione Europea?.....Può aiutarti! Domande sull Unione Europea?.....Può aiutarti! I programmi comunitari 2014-2020 Modalità Strumenti Programmi UE Gestione diretta a finanziamento diretto 4 Strumenti geografici IPA ENI PI DCI Assistenza

Dettagli

L uso strategico degli appalti pubblici per un economia sostenibile: le nuove direttive europee

L uso strategico degli appalti pubblici per un economia sostenibile: le nuove direttive europee L uso strategico degli appalti pubblici per un economia sostenibile: le nuove direttive europee Cons. Anna Maria Villa Responsabile Ufficio Cittadinanza europea, Mercato interno e AAGG Roma Sala polifunzionale

Dettagli

Le Opportunità e i Finanziamenti Previsti dai Programmi Diretti Europei e dal POR Sicilia 2014/2020

Le Opportunità e i Finanziamenti Previsti dai Programmi Diretti Europei e dal POR Sicilia 2014/2020 Patrocinio del Comitato delle Regioni Europee Patrocinio del Comitato Economico e Sociale Europeo Le Opportunità e i Finanziamenti Previsti dai Programmi Diretti Europei e dal POR Sicilia 2014/2020 31

Dettagli

Infrastrutture verdi e greening in agricoltura: un ambito di contatto tra fondi SIE europei 2014-2020 e nuova PAC

Infrastrutture verdi e greening in agricoltura: un ambito di contatto tra fondi SIE europei 2014-2020 e nuova PAC Convegno CATAP Riflessi della nuova Politica Agricola Comune 2014-2020 sull ambiente e sul paesaggio in Italia. Roma, 19 giugno 2014 Infrastrutture verdi e greening in agricoltura: un ambito di contatto

Dettagli

Progetto L Europrogettazione a Scuola: opportunità di studio, lavoro e formazione nell U.E.

Progetto L Europrogettazione a Scuola: opportunità di studio, lavoro e formazione nell U.E. Progetto L Europrogettazione a Scuola: opportunità di studio, lavoro e formazione nell U.E. SPERIMENTAZIONE IN MATERIA DI ORIENTAMENTO AL LAVORO, FORMAZIONE PROFESSIONALE, ISTRUZIONE IN AMBITO EUROPEO

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri

Presidenza del Consiglio dei Ministri Presidenza del Consiglio dei Ministri SCUOLA NAZIONALE DI AMMINISTRAZIONE Corso in Convenzione con il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Ottimizzazione dei processi di lavoro alla luce della

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE CLASSE PRIMA

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE CLASSE PRIMA PROGRAMMAZION DISCIPLINAR PR COMPTNZ PRIMO BINNIO LICO SCINTIFICO OPZION SCINZ APPLICAT ANNO SCOLASTICO 2014/2015 1. PRIMO BINNIO disciplina: INSGNAMNTO RLIGION CATTOLICA docenti: PACHRA RICCARDO C O M

Dettagli

INNOVAZIONE AMMINISTRATIVA

INNOVAZIONE AMMINISTRATIVA INNOVAZIONE AMMINISTRATIVA E CRESCITA DEL PAESE Rapporto con raccomandazioni L IMPATTO DELL UNIONE EUROPEA E DEGLI ORGANISMI INTERNAZIONALI: CASI ED ESPERIENZE Marina Caporale Testo in corso di revisione

Dettagli

LINGUE Italiano - Madrelingua. Inglese Livello C1.

LINGUE Italiano - Madrelingua. Inglese Livello C1. CECILIA ODONE 00143 Roma via Laurentina n. 563 41013 Castelfranco Emilia (Modena) - via Galileo Galilei n. 35 mob.: +39 333 4210469 e-mail: odone@europeanlaw.it p.iva: 03080620366 Dati personali Nazionalità

Dettagli

FORMAZIONE AVANZATA SICOGE SISTEMA INTEGRATO DI CONTABILITA FINANZIARIA E ECONOMICO- PATRIMONIALE ANALITICA

FORMAZIONE AVANZATA SICOGE SISTEMA INTEGRATO DI CONTABILITA FINANZIARIA E ECONOMICO- PATRIMONIALE ANALITICA FORMAZIONE AVANZATA SICOGE SISTEMA INTEGRATO DI CONTABILITA FINANZIARIA E ECONOMICO- PATRIMONIALE ANALITICA INDICE 1. Scenario di riferimento pag. 3 2. Obiettivi pag. 3 3. Destinatari pag. 3 4. Coordinamento

Dettagli

LE POLITICHE DELL U.E. PER LA SCUOLA LE ISTITUZIONI E LE POLITICHE EUROPEE

LE POLITICHE DELL U.E. PER LA SCUOLA LE ISTITUZIONI E LE POLITICHE EUROPEE GOVERNO ITALIANO Dipartimento Politiche Comunitarie COMMISSIONE EUROPEA PARLAMENTO EUROPEO LE POLITICHE DELL U.E. PER LA SCUOLA LE ISTITUZIONI E LE POLITICHE EUROPEE LE ISTITUZIONI E LE POLITICHE EUROPEE

Dettagli

SCHEDA RIEPILOGATIVA (sarà allegata al bando di concorso e pubblicata sulla Guida dei Master)

SCHEDA RIEPILOGATIVA (sarà allegata al bando di concorso e pubblicata sulla Guida dei Master) SCHEDA RIEPILOGATIVA (sarà allegata al bando di concorso e pubblicata sulla Guida dei Master) FACOLTA PROPONENTE RIFERIMENTI DELLA DELIBERA DEL CONSIGLIO DI FACOLTA DI APPROVAZIONE DELL INIZIATIVA FORMATIVA

Dettagli

Il diritto comunitario del lavoro. 27 gennaio 2004

Il diritto comunitario del lavoro. 27 gennaio 2004 Il diritto comunitario del lavoro 27 gennaio 2004 Di Seri 1 Nozione Con il termine diritto comunitario si fa riferimento al complesso normativo costituito dai trattati istitutivi delle tre Comunità Europee

Dettagli

Domande sull Unione Europea?.....Può aiutarti!

Domande sull Unione Europea?.....Può aiutarti! Domande sull Unione Europea?.....Può aiutarti! I GEMELLAGGI AMMINISTRATIVI Cosa sono i gemellaggi? Strumento di cooperazione istituzionale pubblica finalizzato ad aiutare i Paesi Beneficiari ad acquisire

Dettagli

EMPOWERMENT OF MIGRANT ASSOCIATIONS FOR CO-DEVELOPMENT Corso di formazione gratuito: ASSOCIAZIONI DI IMMIGRATI PER IL CO-SVILUPPO

EMPOWERMENT OF MIGRANT ASSOCIATIONS FOR CO-DEVELOPMENT Corso di formazione gratuito: ASSOCIAZIONI DI IMMIGRATI PER IL CO-SVILUPPO EMPOWERMENT OF MIGRANT ASSOCIATIONS FOR CO-DEVELOPMENT Corso di formazione gratuito: ASSOCIAZIONI DI IMMIGRATI PER IL CO-SVILUPPO Il corso di formazione, promosso dall Organizzazione Internazionale per

Dettagli

PROGRESS 2007-2013 PROGRAMMA COMUNITARIO PER L OCCUPAZIONE E LA SOLIDARIETA SOCIALE

PROGRESS 2007-2013 PROGRAMMA COMUNITARIO PER L OCCUPAZIONE E LA SOLIDARIETA SOCIALE PROGRESS 2007-2013 PROGRAMMA COMUNITARIO PER L OCCUPAZIONE E LA SOLIDARIETA SOCIALE Davide Bonagurio DG Occupazione, Affari Sociali e Pari Opportunità Unità Italia, Malta e Romania IL CONTESTO POLITICO

Dettagli

CORSO L ORGANIZZAZIONE DELLO STUDIO LEGALE MODULO INFORMATICA NUOVE TECNOLOGIE E PROFESSIONI LEGALI DOCENTE: GIOVANNI VAGLIO UNITA DIDATTICA N 1

CORSO L ORGANIZZAZIONE DELLO STUDIO LEGALE MODULO INFORMATICA NUOVE TECNOLOGIE E PROFESSIONI LEGALI DOCENTE: GIOVANNI VAGLIO UNITA DIDATTICA N 1 1 MODULO INFORMATICA NUOVE TECNOLOGIE E PROFESSIONI LEGALI DOCENTE: GIOVANNI VAGLIO UNITA DIDATTICA N 1 CONTENTO: A LEZIONE B PRESENTAZIONE PP C ARTICOLO: IL LEGAL MARKETING 2 A LEZIONE 1 - Obiettivo e

Dettagli

Corso di formazione gratuito: ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO

Corso di formazione gratuito: ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO EMPOWERMENT OF MIGRANT ASSOCIATIONS FOR CO-DEVELOPMENT Corso di formazione gratuito: ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO Il corso di formazione Empowerment of Migrant Associations for Co-development,

Dettagli

29.10.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 287/5

29.10.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 287/5 29.10.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 287/5 REGOLAMENTO (UE) N. 1022/2013 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 22 ottobre 2013 recante modifica del regolamento (UE) n. 1093/2010, che

Dettagli

Attività a scelta dello studente per l anno accademico 2014/2015

Attività a scelta dello studente per l anno accademico 2014/2015 1 Attività a scelta dello studente per l anno accademico 2014/2015 Attività a scelta programmate a favore degli studenti iscritti ai Corsi di Laurea magistrale delle Classi LM-52, LM-59, LM-59, LM-87/LM-88

Dettagli

Cittadinanza e Costituzione. Cittadinanza e Costituzione

Cittadinanza e Costituzione. Cittadinanza e Costituzione Cittadinanza e Costituzione nella nella didattica L educazione di Cittadinanza e Costituzione è parte integrante di un più ampio percorso di Educazione ai diritti umani Art. 2 del Trattato sull Unione

Dettagli

DECISIONI ADOTTATE CONGIUNTAMENTE DAL PARLAMENTO EUROPEO E DAL CONSIGLIO

DECISIONI ADOTTATE CONGIUNTAMENTE DAL PARLAMENTO EUROPEO E DAL CONSIGLIO L 260/20 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 3.10.2009 DECISIONI ADOTTATE CONGIUNTAMENTE DAL PARLAMENTO EUROPEO E DAL CONSIGLIO DECISIONE N. 922/2009/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 16

Dettagli

Corso Federalismo e fiscalità locale

Corso Federalismo e fiscalità locale Ministero per la pubblica amministrazione e l'innovazione Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione Programma di Empowerment delle amministrazioni pubbliche del Mezzogiorno Corso Profili didattico-scientifici

Dettagli

GOVERNANCE. Obiettivo Convergenza (FESR) 2007-2013. crescita coesione trasparenza efficienza competenze integrazione UNA PA PER LA CRESCITA

GOVERNANCE. Obiettivo Convergenza (FESR) 2007-2013. crescita coesione trasparenza efficienza competenze integrazione UNA PA PER LA CRESCITA Programma operativo NazioNale GOVERNANCE e assistenza tecnica Obiettivo Convergenza (FESR) 2007-2013 crescita coesione trasparenza efficienza competenze integrazione UNA PA PER LA CRESCITA Una premessa

Dettagli

Formulazione, attuazione, monitoraggio e valutazione di piani e progetti finanziati dai fondi strutturali europei

Formulazione, attuazione, monitoraggio e valutazione di piani e progetti finanziati dai fondi strutturali europei Presidenza del Consiglio dei Ministri SCUOLA SUPERIORE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Programma di Empowerment delle amministrazioni pubbliche del Mezzogiorno Corso Formulazione, attuazione, monitoraggio

Dettagli

UNIVERSITÀ TELEMATICA LEONARDO DA VINCI PROGETTO EU.TEACH CORSO DI PERFEZIONAMENTO UNIVERSITARIO

UNIVERSITÀ TELEMATICA LEONARDO DA VINCI PROGETTO EU.TEACH CORSO DI PERFEZIONAMENTO UNIVERSITARIO UNIVERSITÀ TELEMATICA LEONARDO DA VINCI PROGETTO EU.TEACH CORSO DI PERFEZIONAMENTO UNIVERSITARIO Come insegnare l integrazione europea a scuola: diritti, libertà economiche, governo multilivello Lifelong

Dettagli

Prot.n. AOODGAI/11551 Roma, 27/07/2012. e p.c.

Prot.n. AOODGAI/11551 Roma, 27/07/2012. e p.c. UNIONE EUROPEA Direzione Generale Occupazione, Affari Sociali e Inclusione MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA Dipartimento per la Programmazione Direzione Generale per gli Affari

Dettagli

VERSIONE CONSOLIDATA DEL TRATTATO SULL UNIONE EUROPEA E DEL TRATTATO SUL FUNZIONAMENTO DELL UNIONE EUROPEA

VERSIONE CONSOLIDATA DEL TRATTATO SULL UNIONE EUROPEA E DEL TRATTATO SUL FUNZIONAMENTO DELL UNIONE EUROPEA VERSIONE CONSOLIDATA DEL TRATTATO SULL UNIONE EUROPEA E DEL TRATTATO SUL FUNZIONAMENTO DELL UNIONE EUROPEA TITOLO VII NORME COMUNI SULLA CONCORRENZA, SULLA FISCALITÀ E SUL RAVVICINAMENTO DELLE LEGISLAZIONI

Dettagli

Convenzione per lo svolgimento dei tirocini per gli studenti iscritti nei corsi di studio per il Servizio Sociale e dei tirocini di adattamento

Convenzione per lo svolgimento dei tirocini per gli studenti iscritti nei corsi di studio per il Servizio Sociale e dei tirocini di adattamento UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TRIESTE Ordine degli Assistenti Sociali Regione Friuli Venezia Giulia Convenzione per lo svolgimento dei tirocini per gli studenti iscritti nei corsi di studio per il Servizio

Dettagli

Proposte formative 2015

Proposte formative 2015 Proposte formative 2015 Guardando un formicaio o un alveare, non si può fare a meno di pensare: che straordinarie costruzioni! Sono così complesse, è possibile che nascano senza un progetto? Per molto

Dettagli

IL GECT Gruppo Europeo di Cooperazione Territoriale Regolamento UE 1082/2006 e Regolamento UE 1302/2013 (in vigore dal 22 Giugno 2014)

IL GECT Gruppo Europeo di Cooperazione Territoriale Regolamento UE 1082/2006 e Regolamento UE 1302/2013 (in vigore dal 22 Giugno 2014) IL GECT Gruppo Europeo di Cooperazione Territoriale Regolamento UE 1082/2006 e Regolamento UE 1302/2013 (in vigore dal 22 Giugno 2014) Indice generale Scheda descrittiva SOGGETTI CHE POSSONO ADERIRE AL

Dettagli

LA GESTIONE E L UTILIZZO DEI FONDI STRUTTURALI 2014-2020: PROGRAMMAZIONE, GOVERNANCE E RENDICONTAZIONE

LA GESTIONE E L UTILIZZO DEI FONDI STRUTTURALI 2014-2020: PROGRAMMAZIONE, GOVERNANCE E RENDICONTAZIONE LA GESTIONE E L UTILIZZO DEI FONDI STRUTTURALI 2014-2020: PROGRAMMAZIONE, GOVERNANCE E RENDICONTAZIONE Firenze, Hotel Londra, via J. da Diacceto 16/20 I modulo - Programmi regionali e nazionali: opportunità

Dettagli

Università degli Studi di Sassari Progetto UNISCO

Università degli Studi di Sassari Progetto UNISCO Referenti: Dott. Eugenio Garribba - Delegato Rettorale Orientamento Dott. Giovanni Battista Sechi - Responsabile Ufficio Orientamento e Diritto allo Studio Dott.ssa Fiorella Tilloca - Staff Progetto Contatti:

Dettagli

II settimana Ora Mercoledì 20/01/2016 Venerdì 22/01/2016 AULA 4 AULA 3

II settimana Ora Mercoledì 20/01/2016 Venerdì 22/01/2016 AULA 4 AULA 3 I settimana Ora Mercoledì 13/01/2016 Venerdì 15/01/2016 14.00 ROSSI Lucia Serena Istituzioni UE e Introduzione Horizon 2020 15.00 ROSSI Lucia Serena Istituzioni UE e Introduzione Horizon 2020 16.00 ROSSI

Dettagli

LE NOVITÀ DELLA PROGRAMMAZIONE EUROPEA 2007-2013

LE NOVITÀ DELLA PROGRAMMAZIONE EUROPEA 2007-2013 LE NOVITÀ DELLA PROGRAMMAZIONE EUROPEA 2007-2013 Pierandrea Zotti Roma, 28 novembre 2008 Indice LE NOVITÀ DELLA PROGRAMMAZIONE EUROPEA 2007-2013 1. Le politiche di sviluppo economico dell Unione Europea:

Dettagli

MOVIMENTO CULTURALE IDEELIBERE

MOVIMENTO CULTURALE IDEELIBERE All attenzione del Dirigente Scolastico del Liceo Classico Adolfo Pansini, prof. Salvatore Pace Oggetto: Progetto Scriviamo... CAMBIAMO Introduzione Il sottoscritto, Salvatore Salzano, Presidente Nazionale

Dettagli

Come sfruttare al meglio le nuove opportunità di formazione continua

Come sfruttare al meglio le nuove opportunità di formazione continua Come sfruttare al meglio le nuove opportunità di formazione continua Domenico Cariello Esperto di matematica presso Comunicazione della Commissione al Consiglio e al Parlamento europeo del 3 agosto 2007

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE G. Tarantino Via Quasimodo, 4 70024 Gravina in Puglia (BARI) PEC:BAPS07000G@PEC.ISTRUZIONE.IT

LICEO SCIENTIFICO STATALE G. Tarantino Via Quasimodo, 4 70024 Gravina in Puglia (BARI) PEC:BAPS07000G@PEC.ISTRUZIONE.IT LICEO SCIENTIFICO STATALE G. Tarantino Via Quasimodo, 4 70024 Gravina in Puglia (BARI) PEC:BAPS07000G@PEC.ISTRUZIONE.IT Tel. 080.3267718 - Fax 080.3267789 C.F. 82014370728 C-1-FSE-2013-497 / D-1-FSE-2013-192

Dettagli

Calendario degli incontri

Calendario degli incontri UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA Corso di Laurea Interfacoltà in COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO in collaborazione con UNIEXPORT PADOVA e CONFINDUSTRIA PADOVA Seminario di studio I processi di delocalizzazione

Dettagli

L Assemblea delle Regioni d Europa (ARE La missione dell ARE

L Assemblea delle Regioni d Europa (ARE La missione dell ARE L Assemblea delle Regioni d Europa (ARE) é un'organizzazione indipendente di regioni e la più importante rete di cooperazione interregionale nella Grande Europa. Rappresenta 12 organizzazioni interregionali

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. MACHEDA FRANCESCO Data di nascita 09 GENNAIO 1965

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. MACHEDA FRANCESCO Data di nascita 09 GENNAIO 1965 CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome MACHEDA FRANCESCO Data di nascita 09 GENNAIO 1965 Qualifica Incarico attuale Dirigente Numero telefonico dell'ufficio 0965/364719 Fax dell'ufficio 0965/364835

Dettagli

Programma UE LIFE 2014-2020. Programma per l Ambiente e l'azione per il Clima

Programma UE LIFE 2014-2020. Programma per l Ambiente e l'azione per il Clima Programma UE LIFE 2014-2020 Programma per l Ambiente e l'azione per il Clima Regolamento UE n. 1293/2013 del Parlamento europeo e del Consiglio dell 11 dicembre 2013 istituisce il Programma per l ambiente

Dettagli

Nuovi Strumenti finanziari: normativa

Nuovi Strumenti finanziari: normativa Adriano Ferracuti Nuovi Strumenti finanziari: premessa L importanza dei nuovi strumenti finanziari è evidenziata in tutti i documenti preparatori della nuova programmazione UE 2014-2020. I seguenti punti

Dettagli

Ruolo, funzionamento e politiche dell Unione europea oggi

Ruolo, funzionamento e politiche dell Unione europea oggi Ruolo, funzionamento e politiche dell Unione europea oggi Il Trattato di Lisbona Padova, 19 marzo 2010 Istituto Tecnico Einaudi Matteo Fornara LA STORIA DELL UNIONE EUROPEA Storia breve: 50 anni Obiettivi

Dettagli

Ministero dell Interno Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione. Marzo 2008

Ministero dell Interno Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione. Marzo 2008 Ministero dell Interno Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione Marzo 2008 Il Fondo Europeo per l Integrazione di cittadini di Paesi Terzi (2007 2013) 11/04/2011 Flussi migratori ed il contesto

Dettagli

RELAZIONI INDUSTRIALI E GESTIONE DELLE RISORSE UMANE NELLE AZIENDE DEL SETTORE CREDITIZIO-FINANZIARIO edizione 2015 ed edizione 2016

RELAZIONI INDUSTRIALI E GESTIONE DELLE RISORSE UMANE NELLE AZIENDE DEL SETTORE CREDITIZIO-FINANZIARIO edizione 2015 ed edizione 2016 Master universitario di II livello in RELAZIONI INDUSTRIALI E GESTIONE DELLE RISORSE UMANE NELLE AZIENDE DEL SETTORE CREDITIZIO-FINANZIARIO edizione 2015 ed edizione 2016 1. Finalità Il Master, promosso

Dettagli

IDEA PROGETTO I GIOVANI E LA VELA. Federazione Italiana Vela IV Zona - Lazio. Via Vitorchiano, 113 00189 Roma

IDEA PROGETTO I GIOVANI E LA VELA. Federazione Italiana Vela IV Zona - Lazio. Via Vitorchiano, 113 00189 Roma Via Vitorchiano, 113 00189 Roma Tel. +39 06 33220441 Fax +39 06 3337203 iv-zona@federvela.it www.federvela.it C.F. 95003780103 IDEA PROGETTO I GIOVANI E LA VELA INDICE SOGGETTO PROPONENTE...3 FINALITÀ

Dettagli

DOMANDE Come si è organizzato l Ateneo di Perugia per la rilevazione delle opinioni degli studenti?

DOMANDE Come si è organizzato l Ateneo di Perugia per la rilevazione delle opinioni degli studenti? Come si è organizzato l Ateneo di Perugia per la rilevazione delle opinioni degli studenti? Le due modalità di rilevazione (cartacea o online) hanno destinatari diversi? Perché sono attive 2 tipologie

Dettagli

Insegnamento: Economia delle imprese di assicurazione

Insegnamento: Economia delle imprese di assicurazione Università degli studi di Milano - Bicocca Facoltà di Economia Insegnamento: Economia delle imprese di assicurazione Modulo: Assicurazioni previdenza e mercati Docente: Luca Santamaria A cura di Luca Santamaria

Dettagli

Valutazione Programma MAE - Regioni - CINA. Roberto Carpano LeA Partner carpano@lattanziogroup.eu

Valutazione Programma MAE - Regioni - CINA. Roberto Carpano LeA Partner carpano@lattanziogroup.eu Valutazione Programma MAE - Regioni - CINA Roberto Carpano LeA Partner carpano@lattanziogroup.eu Caserta, 3 Febbraio 204 INDICE ) Scenario 2) Architettura del Programma 3) Gli Attori 4) La Valutazione

Dettagli