COMMISSIONE EUROPEA COMITATO DELLE REGIONI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMMISSIONE EUROPEA COMITATO DELLE REGIONI"

Transcript

1 C 102/6 Gazzetta ufficiale dell Unione europea COMMISSIONE EUROPEA COMITATO DELLE REGIONI Protocollo sulle modalità di cooperazione tra la Commissione europea e il Comitato delle regioni (2012/C 102/02) PREAMBOLO La Commissione europea (di seguito «Commissione») e il Comitato delle regioni (di seguito «CdR»), visto il trattato sull'unione europea (TUE) e il trattato sul funzionamento dell'unione europea (TFUE), in particolare gli articoli da 305 a 307 e l'articolo 263, nonché l'articolo 8 del protocollo sull'applicazione dei principi di sussidiarietà e di proporzionalità allegato ai trattati, visto il protocollo sulle modalità di cooperazione tra la Commissione europea e il Comitato delle regioni firmato il 17 novembre 2005 e l'addendum a tale protocollo firmato il 5 giugno 2007, A. considerando che il trattato di Lisbona rafforza la dimensione territoriale dell'unione europea facendo riferimento al principio dell'autonomia, introducendo l'obiettivo della coesione territoriale e inserendo la dimensione regionale e locale nel rispetto del principio di sussidiarietà; B. considerando che, qualora lo prevedano i trattati, la consultazione del Comitato delle regioni è obbligatoria per la Commissione europea, il Parlamento europeo e il Consiglio; C. considerando che l'approccio basato sulla governance multilivello è uno strumento importante per la definizione e attuazione delle politiche UE, la Commissione europea e il Comitato delle regioni convengono quanto segue: I. COOPERAZIONE NELL'AMBITO DELLE PROCEDURE LEGISLATIVE E DELLA PROGRAMMAZIONE i) Programma di lavoro della Commissione 1. Nel primo semestre di ogni anno il Comitato delle regioni adotta una risoluzione indirizzata alla Commissione in cui presenta le proprie posizioni essenziali in merito al programma di lavoro della Commissione per l'anno successivo. La risoluzione si basa sulle priorità politiche del CdR e su una valutazione del seguito dato ai precedenti pareri del CdR. 2. Una volta l'anno, durante il periodo di elaborazione del programma di lavoro della Commissione, viene organizzato un incontro fra il presidente della Commissione o il suo vicepresidente incaricato delle relazioni con il CdR e il presidente del CdR per valutare l'applicazione del presente protocollo di cooperazione, in special modo l'impatto dei pareri del CdR. 3. Il presidente della Commissione o il suo vicepresidente incaricato delle relazioni con il CdR presenta ogni anno al CdR le priorità strategiche per l'anno successivo. A questo fine il CdR organizza un dibattito sul futuro dell Unione. Il CdR tiene conto delle priorità e delle scadenze della Commissione al momento di stabilire le proprie priorità politiche annuali e di organizzare i propri lavori. 4. Una volta l'anno si può eventualmente organizzare una riunione tra i servizi della Commissione e il CdR con l'obiettivo di passare in rassegna le iniziative a medio termine della Commissione alle quali il CdR potrebbe fornire un contributo sostanziale, nonché di seguire da vicino la loro attuazione.

2 Gazzetta ufficiale dell Unione europea C 102/7 ii) Procedure nel quadro del processo legislativo Scambio di informazioni e presenza della Commissione alle riunioni del CdR 5. La Commissione e il Comitato delle regioni si scambiano, ogni documento e informazione necessari il più rapidamente possibile. 6. I membri della Commissione sono invitati dal presidente del Comitato a partecipare ai lavori del CdR, specialmente nell'ambito delle sessioni plenarie, delle riunioni dell'ufficio di presidenza e delle attività straordinarie organizzate di comune accordo. I membri della Commissione possono prendere la parola alla sessione plenaria del CdR qualora vengano discusse proposte legislative che rientrano nella loro sfera di competenze. 7. In casi eccezionali, alti funzionari della Commissione possono essere ascoltati dall'ufficio di presidenza del CdR. I funzionari della Commissione responsabili dei dossier all'esame del CdR partecipano, nella misura del possibile, alle riunioni a cui sono stati invitati per chiarire le proposte della Commissione e prendere atto delle posizioni espresse dai membri del CdR. Elenco delle consultazioni 8. In base al programma di lavoro annuale della Commissione, il segretario generale della Commissione trasmette al Comitato delle regioni l'elenco delle proposte per le quali la consultazione è obbligatoria, nonché di quelle che possono formare oggetto di una consultazione facoltativa, compresi i pareri di prospettiva. Nell'elenco figurano anche i documenti di natura non legislativa sui quali la Commissione intende chiedere il parere del CdR e le proposte di collaborazione in materia di rispetto dei principi di sussidiarietà e di proporzionalità. Consultazioni facoltative 9. Una consultazione facoltativa può essere considerata se è rispettato almeno uno dei seguenti criteri: la materia trattata rientra nelle competenze legislative o esecutive attribuite ad enti decentrati, siano essi regionali, locali o intermedi, la proposta di normativa dell'ue o le misure nazionali da adottare per la sua attuazione possono influenzare direttamente i bilanci locali o regionali e/o il funzionamento dell'amministrazione regionale o locale, l'azione dell'ue in questione può avere un impatto sulla coesione economica, sociale e territoriale, il futuro atto legislativo riveste una particolare importanza per la sussidiarietà, le misure previste riguardano l'informazione e la sensibilizzazione dei cittadini europei sulle politiche dell'unione europea negli ambiti di competenza del CdR. Pareri di prospettiva 10. La Commissione accoglie con favore un ruolo più proattivo del Comitato delle regioni, a monte dell'azione dell'ue, mediante pareri di prospettiva concernenti le future politiche dell'ue nei settori in cui il CdR dispone di adeguate fonti di informazione sul campo. Le relative consultazioni sono comunicate al CdR dal vicepresidente incaricato delle relazioni con il CdR, e recano l'indicazione precisa dell'oggetto del parere di prospettiva richiesto al CdR e di un quadro di azioni coerente da stabilire di comune accordo. Il termine previsto per questo genere di consultazione non può essere inferiore a un mese a decorrere dalla data della comunicazione inviata a tal fine al Presidente. Il programma di lavoro della Commissione, integrato laddove necessario dal programma rinnovabile (Rolling Programme), costituisce lo strumento principale per individuare gli argomenti per questo tipo di consultazione. Il seguito politico di detti pareri potrebbe essere assicurato dalla presenza di un membro della Commissione alla sessione plenaria del CdR o dalla presenza di un alto funzionario della Commissione alla relativa riunione della commissione competente del CdR. Nuova consultazione 11. La Commissione può invitare il Comitato delle regioni a elaborare un nuovo parere sulle ripercussioni per gli enti regionali e locali di un risultato che sta emergendo dal processo legislativo.

3 C 102/8 Gazzetta ufficiale dell Unione europea Qualora la Commissione apporti delle modifiche sostanziali alla sua proposta successivamente alla consultazione iniziale del CdR e laddove i trattati prescrivano la consultazione obbligatoria, la Commissione garantisce che il CdR venga consultato nuovamente. Seguito riservato ai pareri 12. Nei propri pareri il Comitato delle regioni pone in evidenza, laddove possibile, le modifiche che desidera apportare alle proposte di natura legislativa tramite l'adozione di emendamenti specifici ai testi della Commissione. Inoltre, in ciascuno dei suoi pareri, il CdR inserisce una sintesi. 13. Il CdR comunica quanto prima al segretariato generale della Commissione i verbali delle riunioni e delle sessioni plenarie del CdR il cui contenuto presenti un interesse specifico per la Commissione, soprattutto in relazione all attuazione del principio di sussidiarietà. 14. Per consentire al CdR di preparare periodicamente un rapporto sull'impatto dei suoi lavori, i servizi della Commissione gli forniscono due volte l'anno risposte circostanziate in cui spiegano le ragioni per cui si è deciso di tener conto delle osservazioni contenute nei pareri del CdR. In tale occasione la Commissione replica alle istanze in materia di sussidiarietà espresse dal CdR nei suoi pareri. II. COOPERAZIONE NELLE ATTIVITÀ 15. La Commissione e il Comitato delle regioni concordano sulla necessità di intensificare la cooperazione allo scopo di incrementare le sinergie tra le rispettive attività, in particolare nel quadro della strategia Europa 2020, della coesione economica, sociale e territoriale, e segnatamente della cooperazione transfrontaliera, interregionale e transnazionale. Consultazione degli enti regionali e locali 16. La Commissione riconosce il ruolo privilegiato del Comitato delle regioni nelle relazioni tra istituzioni, organi, organismi e agenzie dell'unione europea e gli enti regionali e locali degli Stati membri. 17. In cooperazione con la Commissione, il CdR sviluppa un'autentica strategia di consultazione degli enti regionali e locali, nel rispetto delle prerogative di ciascuno e secondo una procedura di consultazione che si collochi il più possibile a monte del processo decisionale. In questa ottica, il CdR anima un dialogo territoriale nel quadro del nuovo ciclo di governance della strategia Europa 2020 e in vista del Consiglio europeo di primavera. 18. In applicazione del principio di una sana governance, il CdR svolge a pieno titolo un ruolo di collegamento nel dialogo con le associazioni degli enti territoriali. La Commissione garantisce il pieno coinvolgimento del CdR nella preparazione delle riunioni organizzate congiuntamente. Dialogo strutturato con le associazioni 19. La Commissione e il Comitato delle regioni organizzano congiuntamente il dialogo strutturato con le associazioni degli enti regionali e locali. Una volta l'anno si tiene una riunione di dialogo strutturato in presenza del CdR e dei servizi del Segretariato generale della Commissione allo scopo di esaminare il programma di lavoro adottato dalla Commissione. Nel corso dell'anno si tengono altri incontri di dialogo strutturato con la partecipazione dei commissari europei responsabili, in occasione delle riunioni delle commissioni competenti del CdR. Il semestre europeo 20. Il Comitato delle regioni presenta ogni anno una relazione che valuta il coinvolgimento delle amministrazioni regionali e locali nella strategia Europa 2020, di cui la Commissione terrà conto al momento di elaborare la sua Analisi annuale della crescita. Il CdR invita il commissario europeo responsabile in materia a presentare tale Analisi nel corso di una sessione plenaria. In vista del Consiglio europeo di primavera il CdR organizza un dialogo territoriale. Per preparare tale dialogo il CdR consulta la propria rete Europa 2020 e redige una relazione da presentare alla Commissione e al Consiglio europeo.

4 Gazzetta ufficiale dell Unione europea C 102/9 Gruppo europeo di cooperazione territoriale 21. Con l'ausilio del CdR, la Commissione intende far conoscere meglio il gruppo europeo di cooperazione territoriale (GECT) tra gli enti regionali e locali e i servizi delle istituzioni dell'unione. Il CdR, incaricato di compilare il registro di tutti i GECT esistenti, si adopera affinché la Commissione sia informata riguardo a tutti i nuovi GECT e affinché queste informazioni siano pubblicate nella serie C della Gazzetta ufficiale dell'unione europea a norma dell'articolo 5, paragrafo 2, del regolamento (CE) n. 1082/2006. III. APPLICAZIONE DEI PRINCIPI DI SUSSIDIARIETÀ E PROPORZIONALITÀ E GOVERNANCE MULTILIVELLO Un'assemblea composta di rappresentanti politici degli enti regionali e locali. 22. La Commissione riconosce il ruolo privilegiato del CdR in quanto assemblea composta di rappresentanti politici degli enti regionali e locali dell'unione. Essa coopera strettamente con il CdR nell'attuazione dell'articolo 2 del protocollo sull'applicazione dei principi di sussidiarietà e di proporzionalità che stabilisce lo svolgimento di consultazioni prelegislative per tener conto della dimensione regionale e locale delle azioni previste. 23. Durante l'intero processo legislativo il CdR presta un'attenzione particolare al rispetto dei principi di sussidiarietà e di proporzionalità nelle proposte legislative dell'ue, tenuto conto delle disposizioni in vigore e delle modifiche previste. A questo scopo il CdR ricorre alla propria rete di controllo della sussidiarietà e trasmette i risultati delle consultazioni alla Commissione. La Commissione e il CdR cooperano per rafforzare il principio del partenariato adottando un approccio di governance multilivello per le politiche dell'unione in cui la consultazione del CdR è obbligatoria. La Commissione e il CdR condividono periodicamente informazioni in materia di controllo del principio di sussidiarietà soprattutto nel caso di pareri pertinenti dei parlamenti nazionali e regionali. Se, durante lo svolgimento di una procedura legislativa, il CdR nutre forti preoccupazioni riguardo al rispetto del principio di sussidiarietà, ne informa immediatamente i colegislatori. L'azione del CdR si sviluppa nell'ambito di una collaborazione con la Commissione volta a dar vita ad una cultura della sussidiarietà. La Commissione e il CdR concordano sul fatto che le decisioni devono essere prese al livello più vicino ai cittadini e con lo strumento più appropriato per conseguire i loro obiettivi nel modo più efficace possibile. La Commissione e il CdR individuano di comune accordo le priorità per le quali è richiesto un controllo specifico del rispetto dei principi di sussidiarietà e proporzionalità. I servizi della Commissione possono chiedere il sostegno del CdR nell'elaborazione delle loro valutazioni d'impatto. Le piattaforme e le reti del CdR possono fornire un buon punto di accesso agli enti regionali e locali e potrebbero pertanto consentire alla Commissione di consolidare, nelle valutazioni d'impatto, l'analisi degli aspetti regionali e locali, qualora lo si ritenga necessario. Il CdR riassume le proprie attività in questo campo in una relazione annuale che poi inoltra alla Commissione. 24. Il CdR trasmette alla Commissione la propria relazione annuale sulla sussidiarietà quale contributo alla sua relazione Legiferare meglio. IV. LA DIMENSIONE ESTERNA DELL'UNIONE 25. Il Comitato delle regioni svolge alcune attività soprattutto su richiesta della Commissione per quanto riguarda la dimensione esterna delle politiche dell'ue in cui gli enti regionali e locali hanno una competenza riconosciuta sul piano istituzionale. La sua cooperazione con la Commissione si concentra in particolare nei seguenti ambiti: a) accompagnamento del processo di allargamento e partecipazione alla politica di preadesione dell'unione; b) sostegno alla politica di vicinato, tramite soprattutto le sue piattaforme istituzionali come ARLEM (Assemblea regionale e locale euromediterranea) e Corleap (Conferenza degli enti regionali e locali del partenariato orientale); c) promozione della democrazia regionale e locale nei paesi terzi, soprattutto nei paesi candidati all'adesione e nei paesi vicini, tramite in particolare il monitoraggio elettorale a livello regionale e locale;

5 C 102/10 Gazzetta ufficiale dell Unione europea d) sostegno delle politiche e delle posizioni dell'ue, in qualità di osservatore alle conferenze internazionali, in riferimento a settori d'intervento in cui la consultazione del CdR è obbligatoria; e) sviluppo e valorizzazione della cooperazione decentrata, soprattutto tramite il sostegno costante dell'atlante, del Portale e delle Assise della cooperazione decentrata; f) cooperazione transfrontaliera tra l'unione e i paesi confinanti. V. POLITICA DI INFORMAZIONE E COMUNICAZIONE 26. La Commissione europea e il Comitato delle regioni operano a stretto contatto nel settore della comunicazione e dell'informazione e collaborano per attuare una vera politica di comunicazione decentrata a livello regionale e locale. A questo proposito essi riconoscono il ruolo svolto dagli enti regionali e locali per informare i cittadini sulle politiche dell'ue. 27. La Commissione e il CdR collaborano in particolare per organizzare forum ed altri eventi su tematiche che presentano un interesse per gli enti regionali e locali. Contribuiscono inoltre congiuntamente a garantire la massima copertura mediatica a tali eventi. 28. Le iniziative comuni nel campo della comunicazione, che vengono avviate e aggiornate periodicamente, privilegiano i seguenti aspetti: cooperazione tra gli uffici di rappresentanza dell'unione europea negli Stati membri e membri del CdR a sostegno delle loro attività di comunicazione a livello nazionale, regionale e locale, rafforzamento della cooperazione e del sostegno per sviluppare attività mirate ai media regionali e locali nonché aumento delle sinergie con le associazioni nazionali dei rappresentanti politici eletti a livello regionale e locale, cooperazione per quanto riguarda l'opinione pubblica mediante lo scambio di informazioni e feedback sulle indagini di Eurobarometro d'interesse per il CdR e/o tramite indagini di Eurobarometro che presentano una dimensione regionale e/o locale, ove ciò sia possibile, cooperazione in materia di sviluppo di strumenti come siti web e newsletter, nel quadro del Comitato editoriale interistituzionale per Internet, allo scopo di mettere a punto canali di informazione e comunicazione con il pubblico. Fatto a Bruxelles, il 16 febbraio 2012 Per la Commissione europea José Manuel BARROSO Il presidente Per il Comitato delle regioni Mercedes BRESSO La presidente

IL CONSIGLIO DELL'UNIONE EUROPEA E I RAPPRESENTANTI DEI GOVERNI DEGLI STATI MEMBRI, I. INTRODUZIONE

IL CONSIGLIO DELL'UNIONE EUROPEA E I RAPPRESENTANTI DEI GOVERNI DEGLI STATI MEMBRI, I. INTRODUZIONE C 183/12 IT Gazzetta ufficiale dell'unione europea 14.6.2014 Risoluzione del Consiglio e dei rappresentanti dei governi degli Stati membri, riuniti in sede di Consiglio, del 21 maggio 2014, sul piano di

Dettagli

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 7.1.2014 C(2013) 9651 final REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE del 7.1.2014 recante un codice europeo di condotta sul partenariato nell'ambito dei fondi strutturali

Dettagli

IL CONSIGLIO DELL UNIONE EUROPEA E I RAPPRESENTANTI DEI GOVERNI DEGLI STATI MEMBRI, RIUNITI IN SEDE DI CONSIGLIO, I. INTRODUZIONE

IL CONSIGLIO DELL UNIONE EUROPEA E I RAPPRESENTANTI DEI GOVERNI DEGLI STATI MEMBRI, RIUNITI IN SEDE DI CONSIGLIO, I. INTRODUZIONE C 463/4 IT Gazzetta ufficiale dell'unione europea 23.12.2014 Conclusioni del Consiglio e dei Rappresentanti dei governi degli Stati membri, riuniti in sede di Consiglio, su un piano di lavoro per la cultura

Dettagli

DECISIONE N. 1926/2006/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO

DECISIONE N. 1926/2006/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO 30.12.2006 L 404/39 DECISIONE N. 1926/2006/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 18 dicembre 2006 che istituisce un programma d'azione comunitaria in materia di politica dei consumatori (2007-2013)

Dettagli

L Assemblea delle Regioni d Europa (ARE La missione dell ARE

L Assemblea delle Regioni d Europa (ARE La missione dell ARE L Assemblea delle Regioni d Europa (ARE) é un'organizzazione indipendente di regioni e la più importante rete di cooperazione interregionale nella Grande Europa. Rappresenta 12 organizzazioni interregionali

Dettagli

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 30.7.2014

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 30.7.2014 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 30.7.2014 C(2014) 5308 final REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE del 30.7.2014 che definisce le misure di informazione e pubblicità indirizzate al pubblico

Dettagli

IL SOTTOSEGRETARIO DI STATO

IL SOTTOSEGRETARIO DI STATO IL SOTTOSEGRETARIO DI STATO VISTA la legge. 24 dicembre 2012 n. 234, recante norme generali sulla partecipazione dell'italia alla formazione e all'attuazione della normativa e delle politiche dell'unione

Dettagli

Anno europeo dei cittadini (2013) La cittadinanza europea a livello locale e regionale

Anno europeo dei cittadini (2013) La cittadinanza europea a livello locale e regionale Nota informativa Anno europeo dei cittadini (2013) La cittadinanza europea a livello locale e regionale Il presente documento offre una prima introduzione all'anno europeo dei cittadini 2013, di cui esamina

Dettagli

Gazzetta ufficiale dell'unione europea. (Atti per i quali la pubblicazione è una condizione di applicabilità)

Gazzetta ufficiale dell'unione europea. (Atti per i quali la pubblicazione è una condizione di applicabilità) 9.1.2004 L 5/1 I (Atti per i quali la pubblicazione è una condizione di applicabilità) DECISIONE N. 20/2004/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO dell'8 dicembre 2003 che stabilisce un quadro generale

Dettagli

RASSEGNA STAMPA EUROPEA

RASSEGNA STAMPA EUROPEA RASSEGNA STAMPA EUROPEA n. 1/11 10 14 gennaio 2011 Al via Presidenza ungherese dell UE: coinvolgere enti locali e regionali È all'ungheria che spetterà il compito di sostenere e canalizzare lo slancio

Dettagli

PROTOCOLLO (n. 2) SULL'APPLICAZIONE DEI PRINCIPI DI SUSSIDIARIETÀ E DI PROPORZIONALITÀ

PROTOCOLLO (n. 2) SULL'APPLICAZIONE DEI PRINCIPI DI SUSSIDIARIETÀ E DI PROPORZIONALITÀ PROTOCOLLO (n. 2) SULL'APPLICAZIONE DEI PRINCIPI DI SUSSIDIARIETÀ E DI PROPORZIONALITÀ LE ALTE PARTI CONTRAENTI, DESIDEROSE di garantire che le decisioni siano prese il più possibile vicino ai cittadini

Dettagli

10.2.2011 Gazzetta ufficiale dell Unione europea C 42/49

10.2.2011 Gazzetta ufficiale dell Unione europea C 42/49 10.2.2011 Gazzetta ufficiale dell Unione europea C 42/49 Parere del Comitato delle regioni sul tema «Creare uno spazio di libertà, sicurezza e giustizia per i cittadini europei Piano d'azione per l'attuazione

Dettagli

RISOLUZIONE. L Assemblea legislativa della Regione Emilia-Romagna

RISOLUZIONE. L Assemblea legislativa della Regione Emilia-Romagna Servizio Segreteria Assemblea Legislativa Oggetto n. 4630/1 - Risoluzione proposta dalla I Commissione nella seduta del 23 giugno 2009 "Indirizzi relativi alla partecipazione della Regione Emilia-Romagna

Dettagli

Comitato economico e sociale europeo

Comitato economico e sociale europeo Scopri cosa il CESE può fare per te Comitato economico e sociale europeo Cover Architecture: Art & Build + Atelier d architecture Paul Noël Conoscere il Comitato economico e sociale europeo Cos'è la società

Dettagli

UNIONE EUROPEA Comitato delle Regioni

UNIONE EUROPEA Comitato delle Regioni UNIONE EUROPEA Comitato delle Regioni Strumenti di comunicazione per i membri del CdR Edizione 2010 Strumenti di comunicazione per i membri del CdR Edizione 2010 Il team Comunicazione e stampa fornisce

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 14.3.2014 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 74/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. 240/2014 DELLA COMMISSIONE del 7 gennaio 2014 recante un codice europeo di condotta

Dettagli

Proposta di REGOLAMENTO DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO

Proposta di REGOLAMENTO DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 18.11.2015 COM(2015) 496 final 2015/0239 (COD) Proposta di REGOLAMENTO DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO relativo alle statistiche europee in tema di gas naturale ed

Dettagli

Gazzetta ufficiale dell'unione europea. (Atti legislativi) DECISIONI

Gazzetta ufficiale dell'unione europea. (Atti legislativi) DECISIONI 3.5.2014 L 132/1 I (Atti legislativi) DECISIONI DECISIONE N. 445/2014/UE DEL PARLAMENTO E DEL CONSIGLIO del 16 aprile 2014 che istituisce un'azione dell'unione «Capitali europee della cultura» per gli

Dettagli

2. La presente direttiva non si applica alle attività il cui unico fine è la difesa o la sicurezza nazionale.

2. La presente direttiva non si applica alle attività il cui unico fine è la difesa o la sicurezza nazionale. Direttiva 23 luglio 2014, n. 2014/89/Ue (Guue 28 agosto 2014 n. L 257) Capo I Disposizioni generali Articolo 1 - Oggetto 1. La presente direttiva istituisce un quadro per la pianificazione dello spazio

Dettagli

IL GECT Gruppo Europeo di Cooperazione Territoriale Regolamento UE 1082/2006 e Regolamento UE 1302/2013 (in vigore dal 22 Giugno 2014)

IL GECT Gruppo Europeo di Cooperazione Territoriale Regolamento UE 1082/2006 e Regolamento UE 1302/2013 (in vigore dal 22 Giugno 2014) IL GECT Gruppo Europeo di Cooperazione Territoriale Regolamento UE 1082/2006 e Regolamento UE 1302/2013 (in vigore dal 22 Giugno 2014) Indice generale Scheda descrittiva SOGGETTI CHE POSSONO ADERIRE AL

Dettagli

29.10.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 287/5

29.10.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 287/5 29.10.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 287/5 REGOLAMENTO (UE) N. 1022/2013 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 22 ottobre 2013 recante modifica del regolamento (UE) n. 1093/2010, che

Dettagli

EIOPA12/237. Programma di lavoro pluriennale dell'eiopa 20122014

EIOPA12/237. Programma di lavoro pluriennale dell'eiopa 20122014 1 EIOPA12/237 Programma di lavoro pluriennale dell'eiopa 20122014 2 Indice 1. Introduzione... 3 2. Funzioni di regolamentazione... 3 3. Compiti di vigilanza... 5 4. Protezione dei consumatori e innovazione

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMMISSIONE DELLE COMUNÀ EUROPEE Bruxelles, 21/VIII/2007 C(2007) 3926 def. DECISIONE DELLA COMMISSIONE del 21/VIII/2007 recante applicazione della decisione 2007/435/CE del Consiglio per quanto riguarda

Dettagli

Pechino 15 anni dopo - Piattaforma delle Nazioni Unite per la parità di genere

Pechino 15 anni dopo - Piattaforma delle Nazioni Unite per la parità di genere P7_TA-PROV(2010)0037 Pechino 15 anni dopo - Piattaforma delle Nazioni Unite per la parità di genere Risoluzione del Parlamento europeo del 25 febbaio 2010 su Pechino +15: Piattaforma d'azione delle Nazioni

Dettagli

Fa fede solo il discorso pronunciato

Fa fede solo il discorso pronunciato Discorso della Presidente del Comitato delle regioni Mercedes Bresso Le regioni e le città d'europa in movimento: prospettive della politica dei trasporti dell'ue e delle reti transeuropee dei trasporti

Dettagli

Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO. sull'eventuale trasferimento della sede della ICCO da Londra ad Abidjan

Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO. sull'eventuale trasferimento della sede della ICCO da Londra ad Abidjan COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 28.8.2015 COM(2015) 410 final 2015/0183 (NLE) Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO sull'eventuale trasferimento della sede della ICCO da Londra ad Abidjan IT IT 1. CONTESTO

Dettagli

CARTA DI INTENTI DELLA RETE ITALIANA DEI SISTEMI TERRITORIALI PER LO SVILUPPO UMANO ~ LA COOPERAZIONE

CARTA DI INTENTI DELLA RETE ITALIANA DEI SISTEMI TERRITORIALI PER LO SVILUPPO UMANO ~ LA COOPERAZIONE CARTA DI INTENTI DELLA RETE ITALIANA DEI SISTEMI TERRITORIALI PER LO SVILUPPO UMANO ~ LA COOPERAZIONE Nell'ambito dei lavori del 3 Forum "Territori in rete per lo sviluppo umano", che si è svolto a Sassari

Dettagli

CONFERENZA DELLE ASSEMBLEE LEGISLATIVE REGIONALI D EUROPA (CALRE) DICHIARAZIONE DELL AQUILA

CONFERENZA DELLE ASSEMBLEE LEGISLATIVE REGIONALI D EUROPA (CALRE) DICHIARAZIONE DELL AQUILA CONFERENZA DELLE ASSEMBLEE LEGISLATIVE REGIONALI D EUROPA (CALRE) DICHIARAZIONE DELL AQUILA L Aquila, 25-26 Novembre 2011 1 I Presidenti delle Assemblee legislative Regionali dell Unione Europea qui elencate:

Dettagli

Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO

Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 27.10.2015 COM(2015) 549 final 2015/0255 (NLE) Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO relativa alla posizione da adottare, a nome dell'unione europea, nel Comitato europeo per

Dettagli

Parlamenti nazionali e Unione europea nella governance multilivello. Roma 28 gennaio 2016, I SESSIONE

Parlamenti nazionali e Unione europea nella governance multilivello. Roma 28 gennaio 2016, I SESSIONE Parlamenti nazionali e Unione europea nella governance multilivello Roma 28 gennaio 2016, I SESSIONE Il ruolo dei Parlamenti nazionali in materia di libertà, sicurezza e giustizia e in materia di adesione

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Proposta di Bruxelles, 09.03.2001 COM(2001) 128 definitivo 2001/0071 (ACC) VOLUME VIII DECISIONE DEL CONSIGLIO relativa alla posizione della Comunità in seno al Consiglio

Dettagli

DECISIONI ADOTTATE CONGIUNTAMENTE DAL PARLAMENTO EUROPEO E DAL CONSIGLIO

DECISIONI ADOTTATE CONGIUNTAMENTE DAL PARLAMENTO EUROPEO E DAL CONSIGLIO L 260/20 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 3.10.2009 DECISIONI ADOTTATE CONGIUNTAMENTE DAL PARLAMENTO EUROPEO E DAL CONSIGLIO DECISIONE N. 922/2009/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 16

Dettagli

DECISIONE DI ESECUZIONE DELLA COMMISSIONE. del 12.10.2015

DECISIONE DI ESECUZIONE DELLA COMMISSIONE. del 12.10.2015 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 12.10.2015 C(2015) 7046 final DECISIONE DI ESECUZIONE DELLA COMMISSIONE del 12.10.2015 che approva determinati elementi del programma di cooperazione "Interreg V-A Italia-

Dettagli

Gazzetta ufficiale dell'unione europea. (Risoluzioni, raccomandazioni e pareri) RISOLUZIONI CONSIGLIO

Gazzetta ufficiale dell'unione europea. (Risoluzioni, raccomandazioni e pareri) RISOLUZIONI CONSIGLIO 20.9.2008 C 241/1 I (Risoluzioni, raccomandazioni e pareri) RISOLUZIONI CONSIGLIO Risoluzione del Consiglio e dei rappresentanti dei governi degli Stati membri, riuniti in sede di Consiglio, del 16 maggio

Dettagli

III.2 Condizioni finanziarie e contrattuali specifiche relative al finanziamento di progetti

III.2 Condizioni finanziarie e contrattuali specifiche relative al finanziamento di progetti RETTIFICA della guida al programma "Europa per i cittadini" CAPITOLO I INTRODUZIONE I.4 Temi prioritari del Programma "Europa per i cittadini" I temi permanenti (pagina 6-8) sono sostituiti da: Priorità

Dettagli

RELAZIONI TRANSATLANTICHE: USA E CANADA

RELAZIONI TRANSATLANTICHE: USA E CANADA RELAZIONI TRANSATLANTICHE: USA E CANADA L'UE e i suoi partner nordamericani, Stati Uniti d'america e, condividono i valori comuni di democrazia, diritti umani e libertà economica e politica, e hanno interessi

Dettagli

RASSEGNA STAMPA EUROPEA. Consiglio Europeo di primavera: strategia economica, mercato unico e rapporti con il Mediterraneo

RASSEGNA STAMPA EUROPEA. Consiglio Europeo di primavera: strategia economica, mercato unico e rapporti con il Mediterraneo RASSEGNA STAMPA EUROPEA n. 07/12 1-11 marzo 2012 Consiglio Europeo di primavera: strategia economica, mercato unico e rapporti con il Mediterraneo Il Consiglio europeo ha discusso l'attuazione della strategia

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Proposta di DECISIONE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Proposta di DECISIONE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 14.7.2004 COM(2004) 471 definitivo 2004/0152 COD) Proposta di DECISIONE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO che istituisce il programma GIOVENTÙ IN AZIONE

Dettagli

Convegno PRIN. Parlamenti sub-statali nella dimensione nazionale ed europea. Camera dei deputati. Roma, 29 gennaio 2015

Convegno PRIN. Parlamenti sub-statali nella dimensione nazionale ed europea. Camera dei deputati. Roma, 29 gennaio 2015 Convegno PRIN Parlamenti sub-statali nella dimensione nazionale ed europea Camera dei deputati Roma, 29 gennaio 2015 UN CASO PRATICO DI PARTECIPAZIONE REGIONALE AI PROCESSI DECISIONALI DELL UE: L ASSEMBLEA

Dettagli

Domande sull Unione Europea?.....Può aiutarti!

Domande sull Unione Europea?.....Può aiutarti! Domande sull Unione Europea?.....Può aiutarti! La politica di comunicazione dell Unione europea 2007-2013 Tappe Principali Ottobre 2005 - Piano D (Dibattito, Dialogo e Democrazia) Novembre 2005 - Iniziativa

Dettagli

La partecipazione delle Regioni alla formazione del diritto europeo: il caso dell'assemblea legislativa delle Marche.

La partecipazione delle Regioni alla formazione del diritto europeo: il caso dell'assemblea legislativa delle Marche. La partecipazione delle Regioni alla formazione del diritto europeo: il caso dell'assemblea legislativa delle Marche Barbara Sardella Premessa Gli aspetti procedurali La Regione Marche è stata tra le prime

Dettagli

RISOLUZIONE. L Assemblea legislativa della Regione Emilia-Romagna

RISOLUZIONE. L Assemblea legislativa della Regione Emilia-Romagna Servizio Segreteria Assemblea Legislativa REGIONE EMILIA-ROMAGNA - ASSEMBLEA LEGISLATIVA ATTO DI INDIRIZZO RISOLUZIONE - Oggetto n. 512 - Risoluzione proposta dal Presidente della I Commissione, su mandato

Dettagli

Erasmus + 2014-2020 Azioni: tre tipi di azioni La mobilità individuale ai fini di apprendimento

Erasmus + 2014-2020 Azioni: tre tipi di azioni La mobilità individuale ai fini di apprendimento Erasmus + 2014-2020 Azioni: Prevede tre tipi di azioni fondamentali: La mobilità individuale ai fini di apprendimento: la mobilità rappresenta una quota significativa del bilancio complessivo. Tale incremento,

Dettagli

PROGETTO DI RELAZIONE

PROGETTO DI RELAZIONE ASSEMBLEA PARLAMENTARE PARETICA ACP-UE Commissione per gli affari politici 31.7.2014 PROGETTO DI RELAZIONE sulla sfida della riconciliazione nazionale nei paesi in situazione di postconflitto e di post-crisi

Dettagli

COMUNE DI MENAGGIO Provincia di Como

COMUNE DI MENAGGIO Provincia di Como COMUNE DI MENAGGIO Provincia di Como ASSESSORATO ALLE POLITICHE GIOVANILI ASSESSORATO ALLA PARTECIPAZIONE STATUTO DELLA CONSULTA COMUNALE DEI GIOVANI CAPO I - NORME ISTITUTIVE E ATTRIBUZIONI Art. 1 - Istituzione...

Dettagli

Giornalismo e nuovi media creare una sfera pubblica in Europa

Giornalismo e nuovi media creare una sfera pubblica in Europa P7_TA(2010)0307 Giornalismo e nuovi media creare una sfera pubblica in Europa Risoluzione del Parlamento europeo del 7 settembre 2010 sul giornalismo e i nuovi media creare una sfera pubblica in Europa

Dettagli

vista la proposta della Commissione al Consiglio (COM(2009)0254),

vista la proposta della Commissione al Consiglio (COM(2009)0254), P7_TA(2009)0094 Anno europeo del volontariato (2011) * Risoluzione legislativa del Parlamento europeo del 26 novembre 2009 sulla proposta di decisione del Consiglio relativa all'anno europeo del volontariato

Dettagli

CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO (VIII Legislatura)

CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO (VIII Legislatura) CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO (VIII Legislatura) Introduzione La Commissione speciale per i Rapporti comunitari, insediatasi in data 24 gennaio 2006 con l elezione del Presidente Raffaele Zanon e del

Dettagli

visto il trattato sul funzionamento dell Unione europea,

visto il trattato sul funzionamento dell Unione europea, 17.11.2012 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 320/3 REGOLAMENTO (UE) N. 1077/2012 DELLA COMMISSIONE del 16 novembre 2012 relativo a un metodo di sicurezza comune per la supervisione da parte delle

Dettagli

LA STRATEGIA DELL UNIONE EUROPEA A FAVORE DELLA GIOVENTÙ: Investire nei giovani e conferire loro maggiori responsabilità

LA STRATEGIA DELL UNIONE EUROPEA A FAVORE DELLA GIOVENTÙ: Investire nei giovani e conferire loro maggiori responsabilità LA STRATEGIA DELL UNIONE EUROPEA A FAVORE DELLA GIOVENTÙ: Investire nei giovani e conferire loro maggiori responsabilità Roma, 2 dicembre 2010 Vittorio Calaprice della Commissione europea Dal 2009 al 2010

Dettagli

Seconda relazione sulla coesione economica e sociale: conclusioni e raccomandazioni

Seconda relazione sulla coesione economica e sociale: conclusioni e raccomandazioni Seconda relazione sulla coesione economica e sociale: conclusioni e raccomandazioni 1) OBIETTIVO Analizzare l'evoluzione della coesione economica e sociale e i fattori che vi contribuiscono in una Unione

Dettagli

PROGETTO DI RELAZIONE

PROGETTO DI RELAZIONE PARLAMENTO EUROPEO 2014-2019 Commissione per gli affari esteri 16.2.2015 2014/2232(INI) PROGETTO DI RELAZIONE su "Diritti umani e tecnologia: impatto dei sistemi di sorveglianza e di individuazione delle

Dettagli

Consiglio dell'unione europea Bruxelles, 6 giugno 2016 (OR. en)

Consiglio dell'unione europea Bruxelles, 6 giugno 2016 (OR. en) Consiglio dell'unione europea Bruxelles, 6 giugno 2016 (OR. en) 9484/16 DENLEG 56 AGRI 295 SAN 219 NOTA Origine: Destinatario: Oggetto: Segretariato generale del Consiglio Comitato dei rappresentanti permanenti/consiglio

Dettagli

Cos'è l'unione europea? Una partnership economica e politica unica al mondo che unisce 27 paesi democratici europei.

Cos'è l'unione europea? Una partnership economica e politica unica al mondo che unisce 27 paesi democratici europei. Cos'è l'unione europea? Una partnership economica e politica unica al mondo che unisce 27 paesi democratici europei. Quali sono i suoi obiettivi? Pace, prosperità e libertà per i suoi 495 milioni di cittadini

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

7a riunione della commissione 19 maggio 2011. DOCUMENTO DI LAVORO della commissione Politica di coesione territoriale

7a riunione della commissione 19 maggio 2011. DOCUMENTO DI LAVORO della commissione Politica di coesione territoriale 7a riunione della commissione 19 maggio 2011 COTER-V-016 DOCUMENTO DI LAVORO della commissione Politica di coesione territoriale COOPERAZIONE TERRITORIALE NEL BACINO DEL MEDITERRANEO ATTRAVERSO LA MACROREGIONE

Dettagli

LEGGE RECANTE RATIFICA

LEGGE RECANTE RATIFICA DISEGNO DI LEGGE RECANTE RATIFICA ED ESECUZIONE DELL ACCORDO TRA IL GOVERNO ITALIANO E L ORGANIZZAZIONE MONDIALE DELLA SANITÀ UFFICIO REGIONALE PER L EUROPA CONCERNENTE L UFFICIO EUROPEO OMS PER GLI INVESTIMENTI

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE LIBRO VERDE. sul ruolo della società civile nella politica in materia di droga nell Unione europea

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE LIBRO VERDE. sul ruolo della società civile nella politica in materia di droga nell Unione europea COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 26.6.2006 COM(2006) 316 definitivo LIBRO VERDE sul ruolo della società civile nella politica in materia di droga nell Unione europea (presentata dalla Commissione)

Dettagli

FORUM DEI GIOVANI CITTA DI AVELLINO REGOLAMENTO

FORUM DEI GIOVANI CITTA DI AVELLINO REGOLAMENTO FORUM DEI GIOVANI CITTA DI AVELLINO REGOLAMENTO INDICE ARTICOLO 1 ISTITUZIONE ARTICOLO 2 - IMPEGNI DELL AMMINISTRAZIONE ARTICOLO 3 - FINALITA DEL FORUM ARTICOLO 4 - AREE DI INTERESSE ARTICOLO 5 COMPETENZE

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 51 DEL 24 SETTEMBRE 2007

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 51 DEL 24 SETTEMBRE 2007 REGIONE CAMPANIA - Giunta Regionale - Seduta del 3 agosto 2007 - Deliberazione N. 1449 - Area Generale di Coordinamento N. 17 - Istruzione - Educazione - Formazione Professionale - Politica Giovanile e

Dettagli

Gazzetta ufficiale delle Comunità europee CONSIGLIO. DECISIONE DEL CONSIGLIO del 3 dicembre 2001 relativa all'anno europeo dei disabili 2003

Gazzetta ufficiale delle Comunità europee CONSIGLIO. DECISIONE DEL CONSIGLIO del 3 dicembre 2001 relativa all'anno europeo dei disabili 2003 19.12.2001 IT Gazzetta ufficiale delle Comunità europee L 335/15 II (Atti per i quali la pubblicazione non è una condizione di applicabilità) CONSIGLIO DECISIONE DEL CONSIGLIO del 3 dicembre 2001 relativa

Dettagli

Proposta di DECISIONE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO

Proposta di DECISIONE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 15.4.2015 COM(2015) 156 final Proposta di DECISIONE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO concernente la mobilitazione del Fondo europeo di adeguamento alla globalizzazione

Dettagli

6.3.2014 Gazzetta ufficiale dell Unione europea C 67/11

6.3.2014 Gazzetta ufficiale dell Unione europea C 67/11 6.3.2014 Gazzetta ufficiale dell Unione europea C 67/11 Parere del Comitato economico e sociale europeo sul tema «Corpo volontario europeo di aiuto umanitario: preparare i cittadini di tutti gli Stati

Dettagli

CONSIGLIO DELL'UNIONE EUROPEA. Bruxelles, 14 maggio 2014 (15.05) (OR. en) 9516/1/14 REV 1 EDUC 137 SOC 336

CONSIGLIO DELL'UNIONE EUROPEA. Bruxelles, 14 maggio 2014 (15.05) (OR. en) 9516/1/14 REV 1 EDUC 137 SOC 336 CONSIGLIO DELL'UNIONE EUROPEA Bruxelles, 14 maggio 2014 (15.05) (OR. en) 9516/1/14 REV 1 EDUC 137 SOC 336 NOTA RIVEDUTA del: Comitato dei rappresentanti permanenti (parte prima) al: Consiglio n. doc. prec.:

Dettagli

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 6.11.2012

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 6.11.2012 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 6.11.2012 C(2012) 7759 final REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE del 6.11.2012 che integra il regolamento (UE) n. 510/2011 del Parlamento europeo e del Consiglio

Dettagli

Progetto HOPEurope Costruire cittadinanza, democrazia, pace e sostenibilità in un Europa unita e multilivello

Progetto HOPEurope Costruire cittadinanza, democrazia, pace e sostenibilità in un Europa unita e multilivello Progetto HOPEurope Costruire cittadinanza, democrazia, pace e sostenibilità in un Europa unita e multilivello 6. Istituzioni dell'unione europea La Corte dei conti dell'ue e la Banca europea degli investimenti

Dettagli

PROGRAMMA DELLE ATTIVITA CALRE 2015 1. AUMENTARE RAPPRESENTATIVITA E AUTOREVOLEZZA DELLA CALRE

PROGRAMMA DELLE ATTIVITA CALRE 2015 1. AUMENTARE RAPPRESENTATIVITA E AUTOREVOLEZZA DELLA CALRE PROGRAMMA DELLE ATTIVITA CALRE 2015 1. AUMENTARE RAPPRESENTATIVITA E AUTOREVOLEZZA DELLA CALRE La CALRE deve diventare ancor più la voce forte, autorevole, ascoltata delle Assemblee legislative regionali

Dettagli

RISOLUZIONE DEL PARLAMENTO EUROPEO SUI RECENTI SVILUPPI E LE PROSPETTIVE IN MATERIA DI DIRITTO SOCIETARIO

RISOLUZIONE DEL PARLAMENTO EUROPEO SUI RECENTI SVILUPPI E LE PROSPETTIVE IN MATERIA DI DIRITTO SOCIETARIO RISOLUZIONE DEL PARLAMENTO EUROPEO SUI RECENTI SVILUPPI E LE PROSPETTIVE IN MATERIA DI DIRITTO SOCIETARIO Il Parlamento europeo, vista la comunicazione della Commissione al Consiglio e al Parlamento europeo,

Dettagli

UNA NUOVA TAPPA DELLA POLITICA EUROPEA PER LO

UNA NUOVA TAPPA DELLA POLITICA EUROPEA PER LO CRPMPPP120012 B0 CONFERENCE DES REGIONS PERIPHERIQUES MARITIMES D EUROPE CONFERENCE OF PERIPHERAL MARITIME REGIONS OF EUROPE 6, rue Saint-Martin, 35700 RENNES - FR Tel.: + 33 (0)2 99 35 40 50 - Fax: +

Dettagli

Legge della Regione Marche 5 dicembre 2011, n. 24 (1) Norme in materia di politiche giovanili

Legge della Regione Marche 5 dicembre 2011, n. 24 (1) Norme in materia di politiche giovanili Legge della Regione Marche 5 dicembre 2011, n. 24 (1) Norme in materia di politiche giovanili [1] Pubblicata nel B.U. Marche 29 dicembre 2011, n. 112. Il Consiglio - Assemblea legislativa regionale ha

Dettagli

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 12.3.2014

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 12.3.2014 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 12.3.2014 C(2014) 1553 final REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE del 12.3.2014 che integra il regolamento (UE) n. 575/2013 del Parlamento europeo e del Consiglio

Dettagli

109a sessione plenaria, 3 e 4 dicembre 2014 PROGETTO DI PARERE. Sesta relazione sulla coesione economica, sociale e territoriale

109a sessione plenaria, 3 e 4 dicembre 2014 PROGETTO DI PARERE. Sesta relazione sulla coesione economica, sociale e territoriale 109a sessione plenaria, 3 e 4 dicembre 2014 COTER-V-052 PROGETTO DI PARERE Sesta relazione sulla coesione economica, sociale e territoriale Relatore: Nicola Zingaretti (IT/PSE) presidente della regione

Dettagli

PROGETTO DI RELAZIONE

PROGETTO DI RELAZIONE Parlamento europeo 2014-2019 Commissione per gli affari esteri 2015/2096(INI) 30.6.2015 PROGETTO DI RELAZIONE recante una proposta di risoluzione non legislativa sul progetto di decisione del Consiglio

Dettagli

(Atti legislativi) DECISIONI

(Atti legislativi) DECISIONI 7.4.2010 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 87/1 I (Atti legislativi) DECISIONI DECISIONE N. 283/2010/UE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 25 marzo 2010 che istituisce uno strumento europeo

Dettagli

FARE DEL VICINATO UNA VERA POLITICA DI COESIONE

FARE DEL VICINATO UNA VERA POLITICA DI COESIONE CRPMPPP110043 A0 CONFERENCE DES REGIONS PERIPHERIQUES MARITIMES D EUROPE CONFERENCE OF PERIPHERAL MARITIME REGIONS OF EUROPE 6, rue Saint-Martin 35700 RENNES - FR Tel. : + 33 (0)2 99 35 40 50 - Fax : +

Dettagli

REGOLAMENTO (UE) N. 236/2014 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO. dell'11 marzo 2014.

REGOLAMENTO (UE) N. 236/2014 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO. dell'11 marzo 2014. 15.3.2014 IT Gazzetta ufficiale dell'unione europea L 77/95 REGOLAMENTO (UE) N. 236/2014 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO dell'11 marzo 2014 che stabilisce norme e procedure comuni per l'attuazione

Dettagli

Gazzetta ufficiale dell'unione europea. (Atti legislativi) DECISIONI

Gazzetta ufficiale dell'unione europea. (Atti legislativi) DECISIONI 9.10.2015 L 264/1 I (Atti legislativi) DECISIONI DECISIONE (UE) 2015/1814 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 6 ottobre 2015 relativa all'istituzione e al funzionamento di una riserva stabilizzatrice

Dettagli

Anteprima. Il questionario può essere compilato solo online.

Anteprima. Il questionario può essere compilato solo online. Anteprima. Il questionario può essere compilato solo online. Questionario Verso una valutazione intermedia della strategia Europa 2020 dal punto di vista delle città e delle regioni dell'unione europea

Dettagli

REGOLAMENTO. PER L ISTITUZIONE E FUNZIONAMENTO DEL FORUM DELLE ASSOCIAZIONI e FONDAZIONI (APPROVATO CON DELIBERA DI C.C. N.

REGOLAMENTO. PER L ISTITUZIONE E FUNZIONAMENTO DEL FORUM DELLE ASSOCIAZIONI e FONDAZIONI (APPROVATO CON DELIBERA DI C.C. N. REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E FUNZIONAMENTO DEL FORUM DELLE ASSOCIAZIONI e FONDAZIONI (APPROVATO CON DELIBERA DI C.C. N. 21 DEL 02/08/07) INDICE ARTICOLO 1 - FORUM DELLE ASSOCIAZIONI FINALITA ARTICOLO

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 8.12.2008 COM(2008) 819 definitivo COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE Piano di azione per la donazione e il trapianto di organi (2009-2015): rafforzare la cooperazione

Dettagli

LA DOCUMENTAZIONE DELL UNIONE EUROPEA

LA DOCUMENTAZIONE DELL UNIONE EUROPEA LA DOCUMENTAZIONE DELL UNIONE EUROPEA Come ci si può documentare sull UE? Il modo più veloce per documentarsi sull UE è la consultazione del sito ufficiale dell Unione europea (http://europa.eu), dal quale

Dettagli

UNIONE REGIONALE DELLE CAMERE DI COMMERCIO, INDUSTRIA, ARTIGIANATO E AGRICOLTURA DEL MOLISE (costituita, con atto pubblico, in data 21/09/1983)

UNIONE REGIONALE DELLE CAMERE DI COMMERCIO, INDUSTRIA, ARTIGIANATO E AGRICOLTURA DEL MOLISE (costituita, con atto pubblico, in data 21/09/1983) Pag. 1 UNIONE REGIONALE DELLE CAMERE DI COMMERCIO, INDUSTRIA, ARTIGIANATO E AGRICOLTURA DEL MOLISE (costituita, con atto pubblico, in data 21/09/1983) STATUTO Redatto, in data 03/08/2012, con Atto Pubblico

Dettagli

La Governance partenariale

La Governance partenariale La Governance partenariale Sommario Introduzione... 1 1. Modello di governance del partenariato per il Programma di cooperazione MED 2014-2020... 2 1.1. Introduzione... 2 1.2. Codice europeo di condotta

Dettagli

COMUNE DI ESCALAPLANO

COMUNE DI ESCALAPLANO COMUNE DI ESCALAPLANO Provincia di Cagliari STATUTO CONSULTA GIOVANI DI ESCALAPLANO CAPO I NORME ISTITUTIVE E ATTRIBUZIONI FONTI NORMATIVE Le disposizioni contenute nel presente statuto trovano il loro

Dettagli

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 4.3.2014

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 4.3.2014 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 4.3.2014 C(2014) 1229 final REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE del 4.3.2014 che integra il regolamento (UE) n. 1299/2013 del Parlamento europeo e del Consiglio

Dettagli

LA BANCA EUROPEA PER GLI INVESTIMENTI

LA BANCA EUROPEA PER GLI INVESTIMENTI LA BANCA EUROPEA PER GLI INVESTIMENTI La Banca europea per gli investimenti (BEI) promuove gli obiettivi dell'unione europea fornendo finanziamenti, garanzie e consulenza a lungo termine in relazione a

Dettagli

Decisione del Consiglio. del 19 dicembre 2006

Decisione del Consiglio. del 19 dicembre 2006 L 400/242 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea 30.12.2006 Decisione del Consiglio del 19 dicembre 2006 concernente il programma specifico "Idee" che attua il settimo programma quadro della Comunità

Dettagli

Regolamento interno dell Autorità regionale per la garanzia e la promozione della partecipazione della Toscana

Regolamento interno dell Autorità regionale per la garanzia e la promozione della partecipazione della Toscana Regolamento interno dell Autorità regionale per la garanzia e la promozione della partecipazione della Toscana Capo I Finalità e definizioni Articolo 1 Oggetto 1. Il presente regolamento disciplina le

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA Doc. XVIII n. 106-A RELAZIONE DELLA 14ª COMMISSIONE PERMANENTE (Politiche dell Unione europea) (Relatore Mauro Maria MARINO) Comunicata alla Presidenza il 4 settembre

Dettagli

PROGRAMMA LEGISLATIVO E DI LAVORO DELLA COMMISSIONE EUROPEA

PROGRAMMA LEGISLATIVO E DI LAVORO DELLA COMMISSIONE EUROPEA 15 15 17 Dicembre Giugno 2012 2010 PROGRAMMA LEGISLATIVO E DI LAVORO DELLA COMMISSIONE EUROPEA Direzione Segreteria dell Assemblea Regionale Adriana Direzione Garabello Processo Legislativo Silvia Bertini

Dettagli

Comune di Paduli Provincia di Benevento

Comune di Paduli Provincia di Benevento Comune di Paduli Provincia di Benevento Regolamento di funzionamento del Forum dei giovani di Paduli (BN) per la partecipazione giovanile, in attuazione della carta europea della partecipazione dei giovani

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEL FORUM DEI GIOVANI

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEL FORUM DEI GIOVANI REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEL FORUM DEI GIOVANI Approvato con deliberazione consiliare n. 34 del 10.10.2008 Art. 1- Istituzione 1. Il Consiglio Comunale di Pontecagnano Faiano aderendo

Dettagli

Guida alla procedura legislativa ordinaria

Guida alla procedura legislativa ordinaria IT SEGRETARIATO GENERALE DEL CONSIGLIO Guida alla procedura legislativa ordinaria GUIDE PRATICHE OTTOBRE 2010 Guida alla procedura legislativa ordinaria OTTOBRE 2010 Nota Il presente opuscolo è realizzato

Dettagli

******************* Regolamento per la costituzione ed il funzionamento della Consulta Comunale per il Volontariato **************************

******************* Regolamento per la costituzione ed il funzionamento della Consulta Comunale per il Volontariato ************************** ******************* Regolamento per la costituzione ed il funzionamento della Consulta Comunale per il Volontariato ************************** Approvato con delibera consiliare n. 180 del 18 Dicembre 2012.

Dettagli

DECISIONE N. 456/2005/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO. del 9 marzo 2005

DECISIONE N. 456/2005/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO. del 9 marzo 2005 24.3.2005 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 79/1 I (Atti per i quali la pubblicazione è una condizione di applicabilità) DECISIONE N. 456/2005/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 9

Dettagli

STATUTI. dell'associazione. PROMOSWISS Associazione svizzera di professionisti per l'articolo pubblicitario. con sede a Berna

STATUTI. dell'associazione. PROMOSWISS Associazione svizzera di professionisti per l'articolo pubblicitario. con sede a Berna STATUTI dell'associazione PROMOSWISS Associazione svizzera di professionisti per l'articolo pubblicitario con sede a Berna 1. Denominazione, sede, durata e scopo Art. 1 Denominazione Con la denominazione

Dettagli

U.O. Agenda 21 Servizio Pianificazione Territoriale Dipartimento Territorio e Ambiente COMUNE DI UDINE REGOLAMENTO DEL FORUM

U.O. Agenda 21 Servizio Pianificazione Territoriale Dipartimento Territorio e Ambiente COMUNE DI UDINE REGOLAMENTO DEL FORUM U.O. Agenda 21 Servizio Pianificazione Territoriale Dipartimento Territorio e Ambiente COMUNE DI UDINE REGOLAMENTO DEL FORUM Art. 1 Il Forum Il "Forum Agenda 21 Locale" di Udine si riconosce nelle raccomandazioni

Dettagli

DECISIONE N. 456/2005/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 9 marzo 2005

DECISIONE N. 456/2005/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 9 marzo 2005 Direzione Generale per le Biblioteche, gli Istituti Culturali ed il Diritto D Autore Servizio III Diritto D Autore e Vigilanza sulla S.I.A.E. DECISIONE N. 456/2005/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO

Dettagli

E. Occupazione, Politica Sociale, Salute e Consumatori

E. Occupazione, Politica Sociale, Salute e Consumatori E. Un Economia Europea Inclusiva Alla luce delle conseguenze della crisi finanziaria ed economica, c è un urgente bisogno di evitare il deterioramento della coesione sociale e le sue drammatiche ripercussioni,

Dettagli

AFRICA BASE GIURIDICA ACCORDO DI COTONOU

AFRICA BASE GIURIDICA ACCORDO DI COTONOU AFRICA Le relazioni UE-Africa sono governate da quadri strategici parzialmente sovrapposti. I più importanti sono l'accordo di Cotonou (2000) e la strategia congiunta Africa-UE, entrambi contenenti una

Dettagli