ALLEGATO A BANDO DI GARA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ALLEGATO A BANDO DI GARA"

Transcript

1 ALLEGATO A BANDO DI GARA SERVIZIO DI CAMPIONAMENTO E CONTROLLO ANALITICO DA EFFETTUARSI PRESSO GLI IMPIANTI DI POTABILIZZAZIONE, DEPURAZIONE, NONCHÉ TRATTAMENTO E SMALTIMENTO RSU/RSA DI PROPRIETÀ DEL CONSORZIO INDUSTRIALE PROVINCIALE GALLURA ANNO 2010/2011 Di seguito sono specificati i parametri chimico-fisici e batteriologici da analizzare per ciascuna tipologia di controllo, relativa agli impianti di depurazione, potabilizzazione, trattamento e smaltimento RSU/RSA. A - IMPIANTO DI DEPURAZIONE A1: Campionamento ingresso/uscita impianto (mensile) INGRESSO IMPIANTO USCITA IMPIANTO PH ph Solidi sospesi totali Solidi sospesi totali COD COD B.O.D. 5 B.O.D. 5 Azoto Ammoniacale Azoto Ammoniacale Azoto Nitroso Azoto Nitroso Azoto nitrico Azoto nitrico Azoto totale Azoto totale Fosforo Totale Fosforo Totale Grassi /oli animali /Vegetali Grassi /oli animali /Vegetali Idrocarburi totali Idrocarburi totali Solventi organici Aromatici Solventi organici Aromatici Clorurati Nichel Nichel Cromo totale Cromo totale - Mercurio 1

2 - Solventi organici Alifatici Clorurati Benzene - Toluene CRAL Saggio di Tossicità Escherichia Coli A2: Campionamento ingresso/uscita impianto (semestrale) INGRESSO IMPIANTO USCITA IMPIANTO ph ph temperatura temperatura colore colore odore odore Materiali grossolani Materiali grossolani Solidi sospesi totali Solidi sospesi totali B.O.D. 5 B.O.D. 5 COD COD alluminio alluminio arsenico arsenico bario bario boro boro cadmio cadmio Cromo totale Cromo totale Cromo VI Cromo VI Ferro Ferro Manganese Manganese Mercurio Mercurio Nichel Nichel Selenio Selenio Stagno Stagno Zinco Zinco Cianuri totali Cianuri totali Solfuri Solfuri Solfiti Solfiti 2

3 Solfati Solfati Cloruri Cloruri Fluoruri Fluoruri Fosforo totale Fosforo totale Azoto ammoniacale Azoto ammoniacale azoto nitroso azoto nitroso Azoto nitrico Azoto nitrico Grassi e oli vegetali Grassi e oli vegetali Idrocarburi totali Idrocarburi totali Benzene Benzene Soventi organici aromatici clorurati Solventi organici aromatici clorurati Solventi organici alifatici clorurati Solventi organici alifatici clorurati Toluene Toluene Fenoli Fenoli Aldeidi Aldeidi Solventi organici aromatici Solventi organici aromatici Solventi organici azotati Solventi organici azotati Tensioattivi Tensioattivi Pesticidi fosforiti Pesticidi fosforiti Pesticidi totali(aldrin,dieldrin,endrin,isodrin) Pesticidi totali(aldrin,dieldrin,endrin,isodrin) Solventi clorurati Solventi clorurati // Saggio di Tossicità // Escherichia Coli A3: Analisi microfauna fanghi attivi vasche di ossidazione A e B (bimestrale) Analisi particolareggiata della microfauna dei fanghi attivi con indicazione delle percentuali delle specie presenti, incluso un giudizio sull andamento del processo depurativo basato sulle analisi effettuate con indicazione delle possibili variazioni di processo consigliate. 3

4 A4: Analisi rifiuti non pericolosi (fango disidratato: C.E.R ) (semestrale) Peso Specifico ph Umidità Residuo a 110 C Peso Specifico Antimonio Arsenico Bario Cromo Totale Mercurio Molibdeno Nichel Selenio Zinco Cloruri Fluoruri Solfati Cianuri DOC A5: Acque di mare (bimestrale) Temperatura acqua Trasparenza Colorazione Direzione vento Ossigeno disciolto Oli minerali Enterococchi intestinali Escherichia coli 4

5 A6: Emissioni convogliate - scrubber (annuale) Odori Composti solfati (espressi come H 2 S) Composti azotati (espressi come NH 3 ) B - IMPIANTO DI POTABILIZZAZIONE B1: Campionamento grezza/uscita potabilizzatore/c/o rubinetto cancello depuratore (mensile) PARAMETRI CHIMICI Colore Odore Sapore Torbidità Conduttività Concentrazione Ioni Idrogeno Nitrato Nitrito Ammonio Ossidabilità Durezza Residuo Secco a 180 C Cloruro Solfato Ferro Alluminio Manganese Sodio Arsenico Cromo 5

6 Bromato Fluoruri Epicloridrina 1.2 Dicloroetano Antiparassitari totali Cloriti Clorati THM PARAMETRI MICROBIOLOGICI Batteri Coliformi a 37 C Enterococchi Escherichia Coli Clostridium perfringens Conteggio delle Colonie a 22 C Disinfettante residuo B2: Campionamento uscita potabilizzatore/c/o rubinetto cancello depuratore (batteriologico) (mensile) CRAL Batteri Coliformi a 37 C Enterococchi Escherichiacoli Clostridium Perfrigens Computo Colonie a 22 C B3: Campionamento grezza/uscita potabilizzatore/c/o rubinetto cancello depuratore (semestrale) PARAMETRI CHIMICI Colore Odore Sapore Torbidità 6

7 Conduttività Concentrazione Ioni Idrogeno Nitrato Nitrito Ammonio Ossidabilità Durezza Residuo Secco a 180 C Cloruro Solfato Ferro Alluminio Manganese Sodio Arsenico Cromo Bromato Fluoruri Epicloridrina 1.2 Dicloroetano Antiparassitari totali Cloriti Clorati Tetracloroetilene/tricloroetilene Trialometani-Totale Acrilammide Antimonio Benzene Benzo(a) pirene Boro Cianuro Mercurio Nichel Idrocarburi policiclici aromatici 7

8 Selenio Cloruro di vinile Vanadio PARAMETRI MICROBIOLOGICI Batteri Coliformi a 37 C Enterococchi Escherichia Coli Clostridium perfringens Conteggio delle Colonie a 22 C Disinfettante residuo C - IMPIANTO DI TRATTAMENTO E SMALTIMENTO RSU/RSA C1: Campionamento percolato (trimestrale) Temperatura Conducibilità ph cloruri alluminio solfati nitrati nitriti ammoniaca ferro manganese zinco materiali sedimentabili fenoli COD H2S Cromo Arsenico 8

9 Nichel Stagno Selenio C2: Campionamento percolato (semestrale) Temperatura Acqua Conducibilità Spec. a 20 C Conducibilità Ioni Idrogeno (ph) B.O.D. 5 C.O.D. Azoto Totale Cloruri Fenoli Solfati Nitrati Nitriti H2S Alluminio Ammoniaca Arsenico Cromo Totale Cromo VI Ferro Magnesio Manganese Mercurio Nichel Potassio Sodio Zinco Cianuri Fluoruri IPA TOC 9

10 THM Pesticidi Fosforiti Pesticidi Totali Cloruro di Vinile Solventi Organici Aromatici Solventi Clorurati C3: Campionamento pozzi spia (trimestrale) Temperatura Acqua Conducibilità Spec. a 20 C Conc. Ioni Idrogeno Ossidabilità C.O.D B.O.D. 5 Cloruri Arsenico Calcio Ferro Alluminio Magnesio Manganese Mercurio Nichel Potassio Sodio Zinco Cromo Totale Cromo VI Azoto Ammoniacale Azoto Nitroso Azoto Nitrico Cianuri Fluoruri 10

11 Solfati IPA TOC THM Fenoli Pesticidi Fosforiti Pesticidi Totali Solventi Organici Aromatici Solventi Clorurati Solventi Organici Azotati C4: Analisi emissioni atmosfera (semestrale) Polveri totali Ammoniaca Acido solfidrico Portata Temperatura C5: Emissioni diffuse (semestrale) Ammoniaca Particolato Salmonella Coliformi totali Coliformi fecali Livelli Rumore Polveri totali Polveri sottili 11

12 C6: Caratterizzazione merceologica e I.R.D. frazione organica comuni di Padru - S.Antonio - Berchidda (trimestrale) Categoria * Carta e Cartone Plastica Leggera + Pesante Metalli Frazione Verde Frazione Organica Legno + Tessili Rifiuti Pericolosi Pannolini + Assorbenti Inerti Pesanti Vetro * = da esprimersi in grammi e percentuale C7: Caratterizzazione merceologica e analisi chimica residuo secco comuni di Padru - S.Antonio, Berchidda (trimestrale) Categoria * Carta e Cartone Plastica Leggera + Pesante Metalli Frazione Verde Frazione Organica Legno + Tessili Rifiuti Pericolosi Pannolini + Assorbenti Inerti Pesanti Vetro Analisi chimica P.C.I. Umidità 12

13 Ceneri Sostanze volatili * = da esprimersi in grammi e percentuale C8: Caratterizzazione merceologica e I.R.D. frazione organica comune di Arzachena (trimestrale) Categoria * Carta e Cartone Plastica Leggera + Pesante Metalli Frazione Verde Frazione Organica Legno + Tessili Rifiuti Pericolosi Pannolini + Assorbenti Inerti Pesanti Vetro * = da esprimersi in grammi e percentuale C9: Caratterizzazione merceologica e analisi chimica residuo secco comuni di Padru - S.Antonio - Berchidda (trimestrale) Categoria * Carta e Cartone Plastica Leggera + Pesante Metalli Frazione Verde Frazione Organica Legno + Tessili Rifiuti Pericolosi Pannolini + Assorbenti Inerti Pesanti Vetro 13

14 Analisi chimica P.C.I. Umidità Ceneri Sostanze volatili * = da esprimersi in grammi e percentuale C10: Caratterizzazione merceologica e analisi chimica dai rifiuti dell'indifferenziato RSU/RSA ingresso impianto (trimestrale) Categoria * Carta e Cartone Plastica Leggera + Pesante Metalli Frazione Verde Frazione Organica Legno + Tessili Rifiuti Pericolosi Pannolini + Assorbenti Inerti Pesanti Vetro Analisi chimica P.C.I. Umidità Ceneri Sostanze volatili * = da esprimersi in grammi e percentuale C11: Caratterizzazione merceologica e compost (trimestrale) Categoria * Carta e Cartone Plastica Leggera + Pesante 14

15 Metalli Frazione Verde Frazione Organica Legno + Tessili Rifiuti Pericolosi Pannolini + Assorbenti Inerti Pesanti Vetro * = da esprimersi in grammi e percentuale C12: Caratterizzazione merceologica scarto/sovvallo (mensile) Categoria * Carta e Cartone Plastica Leggera + Pesante Metalli Frazione Verde Frazione Organica Legno + Tessili Rifiuti Pericolosi Pannolini + Assorbenti Inerti Pesanti Vetro * = da esprimersi in grammi e percentuale C13: Analisi chimica scarto/sovvallo (trimestrale) Analisi chimica P.C.I. Umidità Ceneri Sostanze volatili Arsenico 15

16 Cromo totale Mercurio Zinco C14: Campione ingresso Compost (trimestrale) Umidità Solidi volatili Frazione putrescibile Contenuto di metalli Azoto organico e ammoniacale Fosforo totale Carbonio organico C15: Campione uscita Compost (trimestrale) Umidità ph Salinità Ceneri Carbonio organico Sostanza organica Acidi umici e fulvici Carbonio/azoto Azoto Azoto organico Fosforo Potassio Boro Zinco Nichel Cromo III 16

17 Cromo VI Mercurio Plastica < 3.33 mm Plastica > 3.33 mm Vetro < 3.33 mm Vetro > 3.33 mm Plastica e inerti > 10 mm I.R.D. STABILITÀ BIOLOGICA Solidi volatili Solidi volatili fermentescibili Concentrazione di COD Rapporto tra COD e BOD C16: Campione Compost a discarica (trimestrale) COD BOD 5 ph TKN Arsenico Cromo totale Mercurio Zinco C17: Analisi olfattometrica * (quadrimestrale) Polveri totali Ammoniaca Acido solfidrico Qualità olfattive 17

18 * = campionamento da effettuarsi per 4 biofiltri (K1, K2, K3, K4) C18: Analisi gas di discarica (semestrale) Metano Anidride carbonica Ossigeno Azoto Monossido di carbonio Etil-mercaptano Idrogeno Idrogeno solforato C19: Analisi Compost di qualità (mensile) Umidità ph Salinità Carbonio organico Carbonio umico e fulvico Carbonio/azoto Azoto Azoto organico Fosforo totale Potassio totale Zinco totale totale Nichel totale totale Cromo VI totale totale Mercurio totale Plastica < 3.33 mm 3.33 mm < Plastica >10 mm Materiali inerti < 3.33 mm 3.33 mm < Materiali inerti >10 mm Plastica e inerti >10 mm 18

19 Nematodi Trematodi Cestodi Salmonella spp Enterobacteriacee totali Streptococchi fecali I.R.D. Concentrazione di COD Rapporto COD/BOD 19

Elenco Prove e Servizi

Elenco Prove e Servizi Pagina 1 di 7 Elenco Prove e Servizi AGGIORNAMENTO 21.09.2014 Pagina 2 di 7 Parametri PER ALIMENTI Bacillus cereus UNI EN ISO 7932:2005 Bacillus spp UNI EN 15784:2009 Conta Campylobacter spp ISO 10272-1:2006

Dettagli

SERVIZIO di CAMPIONAMENTO ed ANALISI RIGUARDANTI ARIA, ACQUE, SEDIMENTI, SUOLO e PERCOLATO c/o IMPIANTI della Valle Umbra Servizi S.p.A.

SERVIZIO di CAMPIONAMENTO ed ANALISI RIGUARDANTI ARIA, ACQUE, SEDIMENTI, SUOLO e PERCOLATO c/o IMPIANTI della Valle Umbra Servizi S.p.A. SERVIZIO di CAMPIONAMENTO ed ANALISI RIGUARDANTI ARIA, ACQUE, SEDIMENTI, SUOLO e PERCOLATO c/o IMPIANTI della Valle Umbra Servizi S.p.A. ALLEGATO E al capitolato d'oneri ELENCO PREZZI LOTTO 1 Matrice Parametro

Dettagli

PARTE III PRESTAZIONI LABORATORISTICHE

PARTE III PRESTAZIONI LABORATORISTICHE PARTE III PRESTAZIONI LABORATORISTICHE ATTIVITA IN CAMPO 1 Accertamenti strumentali in campo (escluso costo sopralluogo ed accertamenti analitici eseguiti in laboratorio) 200,00 GIUDIZI / PARERI 1 Giudizio

Dettagli

1 - ATTREZZATURE, ADDITIVI, MEZZI DI PROTEZIONE, ECC. NECESSARI.

1 - ATTREZZATURE, ADDITIVI, MEZZI DI PROTEZIONE, ECC. NECESSARI. PAGINA 1 di 6 1 - ATTREZZATURE, ADDITIVI, MEZZI DI PROTEZIONE, ECC. NECESSARI. QUANTITA 1 Flacone acido solforico H 2 SO 4 (25%) (P.A.) 1 Flacone acido nitrico HNO 3 concentrato (65%) (SUPRAPUR x ANALISI

Dettagli

Servizio Qualità Acqua Erogata

Servizio Qualità Acqua Erogata Servizio Qualità Acqua Erogata SERVIZIO DI CAMPIONAMENTO, ANALISI CHIMICHE, BIOLOGICHE ED ECOTOSSICOLOGICHE DI ACQUE E DI SEDIMENTI DEI SISTEMI IDRICI CAPITOLATO SPECIALE Allegato n.2: elenco delle metodiche

Dettagli

ATTIVITA DI MONITORAGGIO DEI CORPI IDRICI NEL BACINO SCOLANTE NELLA LAGUNA DI VENEZIA

ATTIVITA DI MONITORAGGIO DEI CORPI IDRICI NEL BACINO SCOLANTE NELLA LAGUNA DI VENEZIA ATTIVITA DI MONITORAGGIO DEI CORPI IDRICI NEL BACINO SCOLANTE NELLA LAGUNA DI VENEZIA Paolo Parati ARPAV (Direzione Tecnica Servizio Acque Interne) 5 Marzo 2009 INTERVENTI FINANZIATI DALLA REGIONE CON

Dettagli

Acquedotto di Roé Volciano:

Acquedotto di Roé Volciano: Acquedotto di Roé Volciano: Sintesi dell infrastruttura; Descrizione del Piano di controllo interno; Documento Controlli chimici e microbiologici anno 2012. Pagina - 1 - di 6 1. Premessa La gestione del

Dettagli

VALORI ANALITICI RICHIESTI E DA RISPETTARE PER L'OMOLOGA AL CONFERIMENTO

VALORI ANALITICI RICHIESTI E DA RISPETTARE PER L'OMOLOGA AL CONFERIMENTO VALORI ANALITICI RICHIESTI E DA RISPETTARE PER L'OMOLOGA AL CONFERIMENTO Parametro Concentrazione Unità ammissibile ph 3 9,5 Solidi sospesi 50000 mg/l COD 60000 mg/l BOD5 50000 mg/l Azoto ammoniacale 800

Dettagli

GESTIONE OPERATIVA ACQUE REFLUE

GESTIONE OPERATIVA ACQUE REFLUE GESTIONE OPERATIVA ACQUE REFLUE PARTE SECONDA - NORME TECNICHE!"#$%&& '())( *()#++ ( +,,!),(,,)#(-,.(/*!*00.(/*,,! (-,.(/*",+,/* (-,,,.(! ( 0+(#(, )#, ( / #(. +, 0,#(#, ( #.,-, )"",/*0+(#",/(,&1!, ##,#,!,(+#,())(#,(2

Dettagli

COMUNE DI BOVEZZO LE ACQUE DELLA RETE IDRICA COMUNALE. La Qualità I Controlli La Sicurezza Alimentare. Mario Tomasoni. Brescia 16.12.

COMUNE DI BOVEZZO LE ACQUE DELLA RETE IDRICA COMUNALE. La Qualità I Controlli La Sicurezza Alimentare. Mario Tomasoni. Brescia 16.12. COMUNE DI BOVEZZO LE ACQUE DELLA RETE IDRICA COMUNALE La Qualità I Controlli La Sicurezza Alimentare Mario Tomasoni Brescia 16.12.2013 IL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO NEL GRUPPO A2A Il Gruppo A2A gestisce

Dettagli

RICHIESTA DI ALLACCIO ALLA RETE FOGNARIA CONSORTILE

RICHIESTA DI ALLACCIO ALLA RETE FOGNARIA CONSORTILE Consorzio Industriale Provinciale Cagliari Sede Legale e Recapito Postale: Viale Diaz, 86 09125 CAGLIARI tel 070 2481 fax 070 247411 www.cacip.it Sede Legale e Recapito Postale: Viale A. Diaz, 86 09125

Dettagli

RAPPORTO DI PROVA N. 3717/15

RAPPORTO DI PROVA N. 3717/15 Spett.le P3 SRL VIA SALVO D'ACQUISTO, 5 35010 RONCHI DI VILLAFRANCA (PD) Sigla del campione SFRIDI E SCARTI DI LAVORAZIONE PANNELLI POLIURETANICI COMPOSTI Numero accettazione 3717 Campione ricevuto 08/07/2015

Dettagli

10. IPPC pag. 45. 10.1 Ispezioni ambientali

10. IPPC pag. 45. 10.1 Ispezioni ambientali Agenzia Regionale per la Protezione e Prevenzione Ambientale del Veneto 45 10. IPPC pag. 45 10.1 Ispezioni ambientali 10.1.00.01 10.1.00.02 Controllo impianto di allevamento intensivo di pollame o di suini,

Dettagli

Il recupero agricolo

Il recupero agricolo Il recupero agricolo Origine dei fanghi biologici A seguito dell entrata in vigore della legge n. 319/76 (Merli), finalizzata alla tutela delle acque dall inquinamento, si è dato l avvio alla costruzione

Dettagli

Il Gruppo Hera. Il Gruppo Hera è nato il 1 novembre 2002 dall aggregazione di 11 aziende di servizi pubblici

Il Gruppo Hera. Il Gruppo Hera è nato il 1 novembre 2002 dall aggregazione di 11 aziende di servizi pubblici Il Gruppo Hera Bologna Modena Padova Trieste Il Gruppo Hera è nato il 1 novembre 2002 dall aggregazione di 11 aziende di servizi pubblici Ferrara operanti in Emilia Romagna. In seguito all acquisizione

Dettagli

Normativa di riferimento acqua destinata al consumo umano

Normativa di riferimento acqua destinata al consumo umano Normativa di riferimento acqua destinata al consumo umano Direttiva 98/83/CE relativa alla qualità delle acque destinate al consumo umano Decreto Legislativo n 31 del 2/02/2001 e ss.mm.ii. Decreto Dirigenziale

Dettagli

PARAMETRI ORGANOLETTICI L ACQUA DEVE ESSERE: LIMPIDA, INCOLORE, INODORE, INSAPORE FRESCA

PARAMETRI ORGANOLETTICI L ACQUA DEVE ESSERE: LIMPIDA, INCOLORE, INODORE, INSAPORE FRESCA PARAMETRI ORGANOLETTICI L ACQUA DEVE ESSERE: LIMPIDA, INCOLORE, INODORE, INSAPORE FRESCA ph E CONDUCIBILITA Conducibilità elettrica La conducibilità di un acqua è in stretta relazione al suo contenuto

Dettagli

DAISY S.R.L. Discarica per rifiuti non pericolosi sita in località San Procopio, S.P. 12 Km 4 76121 Barletta (BT)

DAISY S.R.L. Discarica per rifiuti non pericolosi sita in località San Procopio, S.P. 12 Km 4 76121 Barletta (BT) DAISY S.R.L. Discarica per rifiuti non pericolosi sita in località San Procopio, S.P. 12 Km 4 76121 Barletta (BT) A.I.A. n.124 del 09.12.2008 Relazione Annuale Gennaio Dicembre Data 28/01/14 Rev: 0 Pagina

Dettagli

FOGNATURA IDEALE. Rispetto dei limiti imposti dal D. Lgs. 152/99. Impianto di depurazione. Fognatura separata. Acque nere.

FOGNATURA IDEALE. Rispetto dei limiti imposti dal D. Lgs. 152/99. Impianto di depurazione. Fognatura separata. Acque nere. FOGNATURA IDEALE Acque nere Fognatura separata Impianto di depurazione Rispetto dei limiti imposti dal D. Lgs. 152/99 Recapito cque bianche Eventuale trattamento In definitiva: FOGNATURA UNITARIA Acque

Dettagli

1 RIFERIMENTI 4 2 ARCHIVIAZIONE DATI 5 3 ACRONIMI E DEFINIZIONI 5 4 DATI GENERALI DELL IMPIANTO 5

1 RIFERIMENTI 4 2 ARCHIVIAZIONE DATI 5 3 ACRONIMI E DEFINIZIONI 5 4 DATI GENERALI DELL IMPIANTO 5 Pagina 2 di 28 Sommario 1 RIFERIMENTI 4 2 ARCHIVIAZIONE DATI 5 3 ACRONIMI E DEFINIZIONI 5 4 DATI GENERALI DELL IMPIANTO 5 4.1 NUMERO DI ORE DI EFFETTIVO FUNZIONAMENTO DEI GRUPPI 6 4.2 RENDIMENTO ELETTRICO

Dettagli

Qualità delle acque destinate al consumo umano distribuite dagli acquedotti pubblici del Veneto. Rapporto anno 2004

Qualità delle acque destinate al consumo umano distribuite dagli acquedotti pubblici del Veneto. Rapporto anno 2004 Qualità delle acque destinate al consumo umano distribuite dagli acquedotti pubblici del Veneto. Rapporto anno 2004 Osservatorio Acque Interne Dipartimento Provinciale di Padova Pagina 1 di 93 SOMMARIO

Dettagli

Microbiologia delle acque reflue & Depurazione delle acque

Microbiologia delle acque reflue & Depurazione delle acque Microbiologia delle acque reflue & Depurazione delle acque 1 Acque reflue - acque di scolo di origine domestica o industriale che non possono essere smaltite in laghi o torrenti senza una preventiva depurazione

Dettagli

COMUNE DI EMPOLI REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI PUBBLICA FOGNATURA

COMUNE DI EMPOLI REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI PUBBLICA FOGNATURA Regolamento n. 209 COMUNE DI EMPOLI REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI PUBBLICA FOGNATURA Approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione n. 236 del 29/6/1988 ed esecutivo ai sensi di legge, il

Dettagli

ESPERIENZE DI COMPOSTAGGIO DI PROSSIMITA : MONITORAGGIO QUALITATIVO E LINEE GUIDA

ESPERIENZE DI COMPOSTAGGIO DI PROSSIMITA : MONITORAGGIO QUALITATIVO E LINEE GUIDA ESPERIENZE DI COMPOSTAGGIO DI PROSSIMITA : MONITORAGGIO QUALITATIVO E LINEE GUIDA Claudia Bianco, Enrico Accotto Regione Piemonte - Direzione Ambiente, Governo e Tutela del territorio Torino, 11 marzo

Dettagli

Glossario dei termini utilizzati nella tabella dei dati di rilevamento:

Glossario dei termini utilizzati nella tabella dei dati di rilevamento: Glossario dei termini utilizzati nella tabella dei dati di rilevamento: CONCENTRAZIONE DEGLI IONI IDROGENO (PH) E' la misura della quantità di ioni idrogeno presenti nell'acqua, e ne fornisce di conseguenza

Dettagli

L ACQUA DEL NOSTRO RUBINETTO Buona, sicura, da non sprecare.. 4 Novembre 2008

L ACQUA DEL NOSTRO RUBINETTO Buona, sicura, da non sprecare.. 4 Novembre 2008 L ACQUA DEL NOSTRO RUBINETTO Buona, sicura, da non sprecare.. 4 Novembre 2008 L acqua, come l aria che respiriamo, è indispensabile alla vita di ogni uomo e rappresenta quindi un bene prezioso, da proteggere

Dettagli

PIANO DI MONITORAGGIO PER LA PRIMA CARATTERIZZAZIONE DEI CORPI IDRICI DELLA REGIONE SICILIA

PIANO DI MONITORAGGIO PER LA PRIMA CARATTERIZZAZIONE DEI CORPI IDRICI DELLA REGIONE SICILIA AGENZIA REGIONALE PER LA PROTEZIONE DELL AMBIENTE SICILIA PIANO DI MONITORAGGIO PER LA PRIMA CARATTERIZZAZIONE DEI CORPI IDRICI DELLA REGIONE SICILIA MONITORAGGIO QUALITATIVO E CLASSIFICAZIONE DELLE ACQUE

Dettagli

9 RELAZIONE ATTIVITA DI MONITORAGGIO DEL GOLFO DELLA SPEZIA PER IL DRAGAGGIO DELLO SPECCHIO ACQUEO ANTISTANTE TERMINAL RAVANO

9 RELAZIONE ATTIVITA DI MONITORAGGIO DEL GOLFO DELLA SPEZIA PER IL DRAGAGGIO DELLO SPECCHIO ACQUEO ANTISTANTE TERMINAL RAVANO 9 RELAZIONE ATTIVITA DI MONITORAGGIO DEL GOLFO DELLA SPEZIA PER IL DRAGAGGIO DELLO SPECCHIO ACQUEO ANTISTANTE TERMINAL RAVANO Campagne di monitoraggio Marzo - Ottobre 2012 INDICE 1 INTROduZIONE... 3 2

Dettagli

Provincia di Roma Dipartimento IV, Servizio 3 Ufficio Autorizzazione Integrata Ambientale

Provincia di Roma Dipartimento IV, Servizio 3 Ufficio Autorizzazione Integrata Ambientale Provincia di Roma Dipartimento IV, Servizio 3 Ufficio Autorizzazione Integrata Ambientale Impianto Localizzazione Chimico Via di Salone, 245 00131 Roma Gestore Basf Italia Srl Via Marconato, 8 20031 Cesano

Dettagli

PROVE ACCREDITATE - CATEGORIA: 0

PROVE ACCREDITATE - CATEGORIA: 0 Scheda N 1 di 9 PROVE ACCREDITATE - CATEGORIA: 0 1 2 3 Acque destinate al consumo umano, acque naturali Clostridium perfringens UNI EN ISO 19458:2006 + Rapporti ISTISAN 2007/5 Pag 48 Met ISS A 005A, Rapporti

Dettagli

INTERPRETAZIONE DEI RISULTATI PARAMETRI CHIMICI E FISICI DI BASE

INTERPRETAZIONE DEI RISULTATI PARAMETRI CHIMICI E FISICI DI BASE INTERPRETAZIONE DEI RISULTATI Di seguito vengono riportati i parametri chimico-fisici e microbiologici utilizzati da FEM2 Ambiente per valutare la qualità delle acque destinate al consumo umano. I valori

Dettagli

Confronto tra concentrazioni limite accettabili ex D.M. 471/99 e concentrazioni soglia di contaminazione ex D.Lgs 152/06.

Confronto tra concentrazioni limite accettabili ex D.M. 471/99 e concentrazioni soglia di contaminazione ex D.Lgs 152/06. Confronto tra concentrazioni limite accettabili ex D.M. 471/99 e concentrazioni soglia di contaminazione ex D.Lgs 152/06 Acque sotterranee D.M. 471/99 D.Lgs. 152/06 Sostanze Valori limite (μ/l) Sostanze

Dettagli

Accertamenti in caso di moria ittica e le modalità di conferimento dei campioni

Accertamenti in caso di moria ittica e le modalità di conferimento dei campioni Accertamenti in caso di moria ittica e le modalità di conferimento dei campioni SALOGNI CRISTIAN SEZ. DIAGNOSTICA DI BRESCIA LABORATORIO DI ITTIOPATOLOGIA Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Lombardia

Dettagli

Laboratorio Biomasse - Elenco delle analisi

Laboratorio Biomasse - Elenco delle analisi Laboratorio Biomasse - Elenco delle analisi 1 - Analisi per la caratterizzazione energetica e chimico-fisica dei materiali 1.1 - Biomasse solide * 1 Umidità CEN/TS 14774 Ceneri a 550 C CEN/TS 14775 Potere

Dettagli

LINEE GUIDA TARIFFARIE

LINEE GUIDA TARIFFARIE LINEE GUIDA TARIFFARIE 2009 1 LINEE GUIDA TARIFFARIE TITOLO I NORME GENERALI Art. 1 Contenuto del tariffario, ambito e finalità, regime transitorio. Le linee guida tariffarie sono costituite da una prima

Dettagli

Risultati della caratterizzazione dei fumi

Risultati della caratterizzazione dei fumi Progetto Produzione di energia e sostanza organica dai sottoprodotti del vigneto Risultati della caratterizzazione dei fumi Paolo Giandon ARPAV Dipartimento Provinciale di Treviso Biella, 24 settembre

Dettagli

ACQUA MINERALE DAL RUBINETTO

ACQUA MINERALE DAL RUBINETTO Pagina 1 di 5 ACQUA MINERALE DAL RUBINETTO A Roma l'acqua del rubinetto di casa non solo è potabile ma risulta minerale, salutare, economica e pronta per essere bevuta. Dopo il convegno di Venezia dedicato

Dettagli

IL PIANO ENERGETICO-AMBIENTALE PER LA PROVINCIA DI GROSSETO

IL PIANO ENERGETICO-AMBIENTALE PER LA PROVINCIA DI GROSSETO IL PIANO ENERGETICO-AMBIENTALE PER LA PROVINCIA DI GROSSETO Allegato A2.4 BILANCIO DELLE EMISSIONI INQUINANTI Riferimento al capitolo 2.6 della Relazione di sintesi PEAP GR A cura di CO.SVI.G., PIN SCRL.

Dettagli

Chemistry day. Nulla si crea, nulla si distrugge tutto si ri-genera 12 dicembre 2011 Istituto superiore E.Fermi MAURO GRANDI

Chemistry day. Nulla si crea, nulla si distrugge tutto si ri-genera 12 dicembre 2011 Istituto superiore E.Fermi MAURO GRANDI Chemistry day Nulla si crea, nulla si distrugge tutto si ri-genera 12 dicembre 2011 Istituto superiore E.Fermi MAURO GRANDI Consulente ambientale Gestione rifiuti CHIMICA Laboratorio Analisi Didattica

Dettagli

Provincia Autonoma di Trento ADEP Servizio Gestione degli Impianti Ing. Giovanni Battista Gatti. Pordenone, settembre 2013

Provincia Autonoma di Trento ADEP Servizio Gestione degli Impianti Ing. Giovanni Battista Gatti. Pordenone, settembre 2013 RUOLO DELLA PROVINCIA DI TRENTO NELLA GESTIONE DEI DEPURATORI E OTTIMIZZAZIONE DELLA RACCOLTA DEI DATI DI FUNZIONAMENTO PER FAVORIRE UNA GESTIONE CONSAPEVOLE DEGLI IMPIANTI Provincia Autonoma di Trento

Dettagli

Fanghi: loro caratteristiche chimico-fisiche

Fanghi: loro caratteristiche chimico-fisiche Difca-03 pag. 1 di 16 USO E RICICLO DELLE BIOMASSE: a.a 2002-2003 Fanghi: loro caratteristiche chimico-fisiche Dr. Marco Negri 1 ORIGINE DEI FANGHI BIOLOGICI A seguito dell entrata in vigore della legge

Dettagli

INDICE I.1 Localizzazione dei Bacini Idrogeologici... 4

INDICE I.1 Localizzazione dei Bacini Idrogeologici... 4 INDICE I.1 Localizzazione dei Bacini Idrogeologici... 4 I.1.1 Analisi dello stato qualitativo e indicatori... 5 I.1.2 Analisi dei dati... 7 I.2 Bacino Idrogeologico di Sibari... 8 I.2.1 Stato qualitativo...

Dettagli

IL PUNTO DI VISTA DEI LABORATORI EUROLAB S.R.L.

IL PUNTO DI VISTA DEI LABORATORI EUROLAB S.R.L. ORDINE DEI GEOLOGI DEL PIEMONTE SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO SU TERRE E ROCCE DA SCAVO IL PUNTO DI VISTA DEI LABORATORI EUROLAB S.R.L. Hotel Fortino (TO) 29 maggio 2013 1 ORDINE DEI GEOLOGI DEL PIEMONTE

Dettagli

Innanzitutto la domanda base: è meglio bere acqua del rubinetto (o potabile) o acqua minerale? Non è facile rispondere. Tutti sono convinti, anche a

Innanzitutto la domanda base: è meglio bere acqua del rubinetto (o potabile) o acqua minerale? Non è facile rispondere. Tutti sono convinti, anche a Innanzitutto la domanda base: è meglio bere acqua del rubinetto (o potabile) o acqua minerale? Non è facile rispondere. Tutti sono convinti, anche a causa del bombardamento pubblicitario, che le acque

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI SMALTIMENTO RIFIUTI PRESSO L IMPIANTO DI DEPURAZIONE DI CARIMATE GESTITO DA SUD SEVESO SERVIZI

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI SMALTIMENTO RIFIUTI PRESSO L IMPIANTO DI DEPURAZIONE DI CARIMATE GESTITO DA SUD SEVESO SERVIZI REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI SMALTIMENTO RIFIUTI PRESSO L IMPIANTO DI DEPURAZIONE DI CARIMATE GESTITO DA SUD SEVESO SERVIZI S.p.A. [ultima revisione con Delibera dell Amministratore Unico del 13/03/2015]

Dettagli

ESPERIENZE E PROSPETTIVE PER IL MERCATO DEGLI AMMENDANTI COMPOSTATI NELLA PROVINCIA DI ROMA LE NORMATIVE SUI COMPOST

ESPERIENZE E PROSPETTIVE PER IL MERCATO DEGLI AMMENDANTI COMPOSTATI NELLA PROVINCIA DI ROMA LE NORMATIVE SUI COMPOST ESPERIENZE E PROSPETTIVE PER IL MERCATO DEGLI AMMENDANTI COMPOSTATI NELLA PROVINCIA DI ROMA LE NORMATIVE SUI COMPOST Ordine dei Dottori Agronomi e dei Dottori Forestali della Provincia di Roma Roma, 20.09.2011

Dettagli

DIREZIONE GENERALE SANITA'

DIREZIONE GENERALE SANITA' 2275 13/03/2013 Identificativo Atto n. 180 DIREZIONE GENERALE ANITA' AGGIORNAMENTO DEL REGITRO DELLA REGIONE LOMBARDIA DEI LABORATORI CHE EFFETTUANO ANALII NELL'AMBITO DELLE PROCEDURE DI AUTOCONTROLLO

Dettagli

CARATTERIZZAZIONE DI REFLUI INDUSTRIALI E MESSA A PUNTO DI PROCEDURE PER L ABBATTIMENTO DI INQUINANTI SPECIFICI

CARATTERIZZAZIONE DI REFLUI INDUSTRIALI E MESSA A PUNTO DI PROCEDURE PER L ABBATTIMENTO DI INQUINANTI SPECIFICI Università degli Studi di Venezia, Ca Foscari Facoltà di Scienze MM.FF.NN. Corso di laurea in Scienze Ambientali Tesi di Laurea Magistrale CARATTERIZZAZIONE DI REFLUI INDUSTRIALI E MESSA A PUNTO DI PROCEDURE

Dettagli

GESTIONE DELLE TECNOLOGIE AMBIENTALI PER SCARICHI INDUSTRIALI ED EMISSIONI NOCIVE LEZIONE 8. Angelo Bonomi

GESTIONE DELLE TECNOLOGIE AMBIENTALI PER SCARICHI INDUSTRIALI ED EMISSIONI NOCIVE LEZIONE 8. Angelo Bonomi GESTIONE DELLE TECNOLOGIE AMBIENTALI PER SCARICHI INDUSTRIALI ED EMISSIONI NOCIVE LEZIONE 8 Angelo Bonomi LE TECNOLOGIE DI TRATTAMENTO Sono classificate secondo il tipo di flusso e precisamente: ACQUE

Dettagli

DEPURAZIONE. Idra gestisce tre impianti di depurazione intercomunali per una capacità totale di circa 390.000 abitanti equivalenti.

DEPURAZIONE. Idra gestisce tre impianti di depurazione intercomunali per una capacità totale di circa 390.000 abitanti equivalenti. DEPURAZIONE Idra gestisce tre impianti di depurazione intercomunali per una capacità totale di circa 390.000 abitanti equivalenti Impianti CASSANO TRUCCAZZANO VIMERCATE TRUCCAZZANO 175.000 ab eq per 45.000

Dettagli

BIO DIGESTORI. Elementi tecnologici per una scelta consapevole 2010

BIO DIGESTORI. Elementi tecnologici per una scelta consapevole 2010 BIO DIGESTORI Elementi tecnologici per una scelta consapevole 2010 Indice 1. Definizione di bio digestore 2. Un esempio per chiarire 3. Schemi i biodigestori 4. Tipi di impianti: classificazione 5. L alimentazione

Dettagli

L Etichetta dell Acqua Minerale Naturale MINISTERO DELLE ATTIVITÀ PRODUTTIVE

L Etichetta dell Acqua Minerale Naturale MINISTERO DELLE ATTIVITÀ PRODUTTIVE MINISTERO DELLE ATTIVITÀ PRODUTTIVE DIREZIONE GENERALE PER L ARMONIZZAZIONE DEL MERCATO E LA TUTELA DEI CONSUMATORI L Etichetta dell Acqua Minerale Naturale 1 uno Come orientarsi nella scelta delle acque

Dettagli

Servizio Qualità Acqua erogata

Servizio Qualità Acqua erogata Servizio Qualità Acqua erogata SERVIZIO DI CAMPIONAMENTO, ANALISI CHIMICHE, BIOLOGICHE ED ECOTOSSICOLOGICHE DI ACQUE E DI SEDIMENTI DEI SISTEMI IDRICI CAPITOLATO SPECIALE Allegato n.1: descrizione delle

Dettagli

Criteri per una corretta gestione dei fanghi di depurazione

Criteri per una corretta gestione dei fanghi di depurazione Criteri per una corretta gestione dei fanghi di depurazione Giuseppe Mininni Cnr Istituto di Ricerca Sulle Acque Via Reno, 1 00198 Roma mininni@irsa.cnr.it Impianto di Amburgo Effluente trattato Schema

Dettagli

6 SINTESI REGIONALE DEI RISULTATI

6 SINTESI REGIONALE DEI RISULTATI 6 SINTESI REGIONALE DEI RISULTATI 6.1 Ossidi di zolfo Per quanto riguarda gli ossidi di zolfo le emissioni sono dovute per il 93% ad Altre sorgenti/assorbenti in natura (con oltre 1.225.400 tonnellate)

Dettagli

LA BIOFILTRAZIONE: TECNICA DI CONTROLLO DEGLI ODORI NEGLI IMPIANTI DI DEPURAZIONE DELLE ACQUE REFLUE

LA BIOFILTRAZIONE: TECNICA DI CONTROLLO DEGLI ODORI NEGLI IMPIANTI DI DEPURAZIONE DELLE ACQUE REFLUE LA BIOFILTRAZIONE: TECNICA DI CONTROLLO DEGLI ODORI NEGLI IMPIANTI DI DEPURAZIONE DELLE ACQUE REFLUE 1. Formazione degli odori Le sostanze che causano diffusione di odori molesti, nell atmosfera circostante

Dettagli

ALLEGATO. singolo rifiuto e i corrispondenti codici a quattro e a due cifre definizione di rifiuto.

ALLEGATO. singolo rifiuto e i corrispondenti codici a quattro e a due cifre definizione di rifiuto. ALLEGATO Elenco dei rifiuti istituito conformemente all articolo 1, lettera a), della direttiva 75/442/CEE relativa ai rifiuti e all articolo 1, paragrafo 4, della direttiva 91/689/CEE relativa ai rifiuti

Dettagli

Tecnologie innovative di trattamento di fanghi di depurazione per la produzione di ammendanti compostati misti

Tecnologie innovative di trattamento di fanghi di depurazione per la produzione di ammendanti compostati misti PROGRAMMA DI MASSIMA DELL ATTIVITA DI DOTTORATO DI RICERCA IN TECNOLOGIE CHIMICHE ED ENERGETICHE INQUINAMENTO E DEPURAZIONE DELL AMBIENTE XXIII CICLO Dottoranda: Titolo dell attività di dottorato di ricerca:

Dettagli

QUALITÀ DELL ACQUA. Aggiornamento Giugno 2015

QUALITÀ DELL ACQUA. Aggiornamento Giugno 2015 AGRIGENTO Cloro residuo libero 0,14 mg/l Cl₂ 0,2 (*) Conc. ioni idrogeno (ph) 8 unità di ph 6,5-9,5 Conducibilità elettrica a 20 C 496 µs/cm a 20 C 2500 Fluoruri 0,4 mg/l F 1,5 Cloruri 23 mg/l Cl 250 Nitrati

Dettagli

CEREALI E DERIVATI. Cereali in granella Tecniche di analisi d immagine 30. Cereali e derivati. Grano duro, semola e sfarinato integrale UNI 10277

CEREALI E DERIVATI. Cereali in granella Tecniche di analisi d immagine 30. Cereali e derivati. Grano duro, semola e sfarinato integrale UNI 10277 N 01 16 sett. 13 N 0 DATA ANALISI SINGOLE ED ANALISI COMPLETE MATRICE METODI PAG. 1 di 8 PREZZO IVA esclusa. Bianconatura, striminzimento, volpatura e stima della resa in semola CEREALI E DERIVATI Cereali

Dettagli

Luglio 2012. 10/07/2012 055-211342 segreteria@confservizitoscana.it 1

Luglio 2012. 10/07/2012 055-211342 segreteria@confservizitoscana.it 1 VALUTAZIONE DEL QUADRO EMISSIVO DELLE SEZIONI DI TRATTAMENTO FANGHI DEGLI IMPIANTI DI TRATTAMENTO ACQUE (IMPIANTI DI DEPURAZIONE IMPIANTI DI POTABILIZZAZIONE) (punto p. alla parte l dell all. IV alla parte

Dettagli

Il test di cessione: modalità di esecuzione e criticità dei limiti

Il test di cessione: modalità di esecuzione e criticità dei limiti Il test di cessione: modalità di esecuzione e criticità dei limiti Nicola Mondini Convegno sul tema: La qualità degli aggregati riciclati: i controlli ambientali ed i controlli prestazionali Ferrara, 18

Dettagli

NOTE ALLA COMPILAZIONE PIANO MONITORAGGIO E CONTROLLO DEPURATORI PUBBLICI

NOTE ALLA COMPILAZIONE PIANO MONITORAGGIO E CONTROLLO DEPURATORI PUBBLICI NOTE ALLA COMPILAZIONE PIANO MONITORAGGIO E CONTROLLO DEPURATORI PUBBLICI CATEGORIA IPPC 5.3 Impianti per l eliminazione dei rifiuti non pericolosi quali definiti nell allegato IIA della direttiva 75/442/CEE

Dettagli

RAPPORTO SUL FUNZIONAMENTO DELLA DISCARICA DI MARIANA MANTOVANA (MN) RELATIVO ALL ANNO 2013

RAPPORTO SUL FUNZIONAMENTO DELLA DISCARICA DI MARIANA MANTOVANA (MN) RELATIVO ALL ANNO 2013 RAPPORTO SUL FUNZIONAMENTO DELLA DISCARICA DI MARIANA MANTOVANA (MN) RELATIVO ALL ANNO 2013 La pubblicazione del Rapporto sul funzionamento della discarica di Mariana Mantovana (MN), relativo all anno

Dettagli

Scheda Tecnica Prodotto :

Scheda Tecnica Prodotto : ! 1 Scheda Tecnica Prodotto : Taralli Scaldati Classici, con olio extravergine d oliva 10% Confezione Kg 5 Marchio : FIORE ANTONIO Data Rev. : Gennaio 2015 Cod. Produzione : E813 Cod. EAN : - Cod. Fatturazione

Dettagli

INCENERIMENTO DI RIFIUTI NEI CEMENTIFICI MITI E FATTI

INCENERIMENTO DI RIFIUTI NEI CEMENTIFICI MITI E FATTI Centro per la Salute Giulio A. Maccacaro via Roma 2-21053 Castellanza (VA) fax 0331/501792 - email : medicinademocratica@libero.it INCENERIMENTO DI RIFIUTI NEI CEMENTIFICI MITI E FATTI Mito 1. I CEMENTIFICI,

Dettagli

VARIANTE PIANO AMBIENTALE

VARIANTE PIANO AMBIENTALE VARIANTE PIANO AMBIENTALE SETTORE ATTIVITÀ PRODUTTIVE REGOLAMENTO ATTIVITA DI PISCICOLTURA Introduzione Arch. Cristiano PARO Arch. Sandro ZAMPESE Ing. Ennio POZZOBON Agr. Giovanni FONTANELLI Chim. Mario

Dettagli

permesso di ricerca Badile Pozzo esplorativo Moirago 1 dir Piano di Monitoraggio Ambientale

permesso di ricerca Badile Pozzo esplorativo Moirago 1 dir Piano di Monitoraggio Ambientale permesso di ricerca Badile Pozzo esplorativo Moirago 1 dir Dr. Stefano C. A. Rossi Geologo Professionista OGL 667 Milano Milano, ottobre 2014 Sommario Sommario 1. Obiettivi... 3 2. Definizioni... 3 3.

Dettagli

Trattamento e smaltimento dei rifiuti chimici nella vita quotidiana di laboratorio

Trattamento e smaltimento dei rifiuti chimici nella vita quotidiana di laboratorio Trattamento e smaltimento dei rifiuti chimici nella vita quotidiana di laboratorio Introduzione Cos è un rifiuto? Esistono diverse direttive in materia di trattamento rifiuti e riciclo; al loro interno

Dettagli

La caratterizzazione del rifiuto è solo una questione di analisi?

La caratterizzazione del rifiuto è solo una questione di analisi? La caratterizzazione del rifiuto è solo una questione di analisi? Dr Chimico Giuseppe Postorino Provincia di Reggio Calabria Reggio Calabria 30 maggio 2014 100 volume d affari dei servizi su base nazionale

Dettagli

Allegato 1 al Titolo III-bis alla Parte Quarta. Norme tecniche e valori limite di emissione per gli impianti di incenerimento di rifiuti

Allegato 1 al Titolo III-bis alla Parte Quarta. Norme tecniche e valori limite di emissione per gli impianti di incenerimento di rifiuti Allegato 1 al Titolo III-bis alla Parte Quarta Norme tecniche e valori limite di emissione per gli impianti di incenerimento di rifiuti A. VALORI LIMITE DI EMISSIONE IN ATMOSFERA 1. Valori limite di emissione

Dettagli

Il trattamento dell acqua negli impianti termosanitari

Il trattamento dell acqua negli impianti termosanitari Mantova, mercoledì 21 marzo 2012 Il trattamento dell acqua negli impianti termosanitari PINECO srl - Via Monte Comun, 28 37057 San Giovanni Lupatoto tel: +39 045 8453214 fax +39 045 8753017 - www.pineco.com

Dettagli

ELENCO CODICI RIFIUTI AUTORIZZATI

ELENCO CODICI RIFIUTI AUTORIZZATI C.E.R. DESCRIZIONE RIFIUTO ELENCO CODICI RIFIUTI AUTORIZZATI 02 01 08* rifiuti agrochimici contenenti sostanze pericolose 02 01 09 rifiuti agrochimici diversi da quelli della voce 02 01 08 02 02 04 fanghi

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI SMALTIMENTO DI RIFIUTI EXTRAFOGNARI PRESSO L IMPIANTO DI DEPURAZIONE DI VAL DA RIO CHIOGGIA

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI SMALTIMENTO DI RIFIUTI EXTRAFOGNARI PRESSO L IMPIANTO DI DEPURAZIONE DI VAL DA RIO CHIOGGIA REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI SMALTIMENTO DI RIFIUTI EXTRAFOGNARI PRESSO L IMPIANTO DI DEPURAZIONE DI VAL DA RIO CHIOGGIA CHIOGGIA CHIOGGIA DI VAL DA RIO CHIOGGIA (VE) Redatto ai sensi del D.Lgs 152/2006

Dettagli

G2 AMBIENTE SRL Elenco CODICI CER/OPERAZIONI

G2 AMBIENTE SRL Elenco CODICI CER/OPERAZIONI G2 AMBIENTE SRL Elenco CDICI CER/PERAZINI DESCRIZINE RECUPER LESI TRATTAMENT CENTRIFUGAZINE ED INERTIZZAZINE DEPSIT 01 05 04 fanghi e rifiuti di perforazione di pozzi per acque dolci 01 05 05* fanghi e

Dettagli

A.T.I. Riccoboni S.p.A. Impresa Dott. Mario Ticca S.r.l. ALLEGATO 5

A.T.I. Riccoboni S.p.A. Impresa Dott. Mario Ticca S.r.l. ALLEGATO 5 A.T.I. Riccoboni S.p.A. Impresa Dott. Mario Ticca S.r.l. ALLEGATO 5 Analisi sui rifiuti in ingresso alla discarica Servizio di gestione operativa del sistema di smaltimento RSU dell ex bacino 12 di Sassari.

Dettagli

IL TRATTAMENTO ACQUA NEGLI IMPIANTI TERMOSANITARI

IL TRATTAMENTO ACQUA NEGLI IMPIANTI TERMOSANITARI IL TRATTAMENTO ACQUA NEGLI IMPIANTI TERMOSANITARI IL TRATTAMENTO ACQUA RISPARMIO ENERGETICO T.A. RISPETTO DELLA NORMATIVA CHI SIAMO La storia PINECO azienda attiva dal 2002 in costante e continua crescita

Dettagli

CENTRALE DI TORVISCOSA DICHIARAZIONE AMBIENTALE AGGIORNAMENTO 2012. Dichiarazione Ambientale 2012 1

CENTRALE DI TORVISCOSA DICHIARAZIONE AMBIENTALE AGGIORNAMENTO 2012. Dichiarazione Ambientale 2012 1 CENTRALE DI TORVISCOSA DICHIARAZIONE AMBIENTALE AGGIORNAMENTO 2012 Dichiarazione Ambientale 2012 1 INDICE Edison Spa Centrale di Torviscosa Presentazione Informazioni per il pubblico Consigli per la lettura

Dettagli

Listino prezzi ANALISI

Listino prezzi ANALISI Pagina 1 Associazione Associazione Regionale Regionale Allevatori Allevatori della della Lombardia Lombardia Listino prezzi ANALISI LABORATORI LATTE E AGROALIMENTARE IN VIGORE DAL 01/07/2008 LABORATORI

Dettagli

Riutilizzo dei Reflui dei Depuratori di Cecina e Rosignano, Riciclati a fini Industriali nello Stabilimento Solvay di Rosignano

Riutilizzo dei Reflui dei Depuratori di Cecina e Rosignano, Riciclati a fini Industriali nello Stabilimento Solvay di Rosignano PROGETTO ARETUSA Riutilizzo dei Reflui dei Depuratori di Cecina e Rosignano, Riciclati a fini Industriali nello Stabilimento Solvay di Rosignano GENERALITÀ 1.1 Finalità ed Ubicazione dell impianto Aretusa

Dettagli

Consumo di acqua. Uomo città 450 800 litri/giorno Industria. Carta 185 m 3 /TONN Cereali 450 m 3 /TONN Carne bovina 31.

Consumo di acqua. Uomo città 450 800 litri/giorno Industria. Carta 185 m 3 /TONN Cereali 450 m 3 /TONN Carne bovina 31. Acque Consumo di acqua Uomo città 450 800 litri/giorno Industria Carta 185 m 3 /TONN Cereali 450 m 3 /TONN Carne bovina 31.500 m 3 /TONN Civili 5% Industria 20% Agricoltura 70% Quantità di acqua (%) nell

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Modello predisposto dall'agenzia Provinciale per la Protezione dell'ambiente Marca da bollo PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO DOMANDA DI RINNOVO DELL AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DEGLI INSEDIAMENTI INDUSTRIALI

Dettagli

SCHEDA TECNICA DI PRODOTTO STP A5_I

SCHEDA TECNICA DI PRODOTTO STP A5_I Passo Pg DIN 40 430 Tipo Grigio Chiaro P Foro Fissaggio Ø A B Chiave C L Imballo 1900.07 Pg 7 12,7 3,5-7 15 8 18-22 100 1900.09 Pg 9 15,5 5-8 19 8 22-26 100 1900.11 Pg11 18,8 5-10 22 8 23-28 100 1900.13

Dettagli

ELENCO PROVE ACCREDITATE - CATEGORIA: 0

ELENCO PROVE ACCREDITATE - CATEGORIA: 0 Scheda 1 di 7 ELENCO PROVE ACCREDITATE - CATEGORIA: 0 Acque destinate al consumo umano Carica Batterica Totale a 22 C e 36 C MU 956:01 Coliformi fecali MU 953/1:01 Coliformi totali MU 952/1:01 Enterobatteri

Dettagli

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Marco Glisoni Maria Lisa Procopio Incontro formativo Progetto APE settembre 2014 Il Piano d Azione Nazionale per il GPP Piano d azione per la

Dettagli

OLTREPÒ PAVESE: SUOLO, NATURA E ACQUA Salice Terme (PV) - 13-14 ottobre 2004 ASPETTI CHIMICI E MICROBIOLOGICI DELLE ACQUE AD USO POTABILE IN OLTREPÒ

OLTREPÒ PAVESE: SUOLO, NATURA E ACQUA Salice Terme (PV) - 13-14 ottobre 2004 ASPETTI CHIMICI E MICROBIOLOGICI DELLE ACQUE AD USO POTABILE IN OLTREPÒ OLTREPÒ PAVESE: SUOLO, NATURA E ACQUA Salice Terme (PV) - 13-14 ottobre 2004 ASPETTI CHIMICI E MICROBIOLOGICI DELLE ACQUE AD USO POTABILE IN OLTREPÒ Dario Delfino Dirigente Medico A.S.L. PAVIA Responsabile

Dettagli

COLATORE CIDELLARA-PIAVE

COLATORE CIDELLARA-PIAVE COLATORE CARATTERISTICHE ALORI Area omogenea (Bianchi, 199) 7 Bacino Idrografico Principale (Bassi,198) Oglio Bacino Idrografico Secondario (Bassi, 198) 13 Ente Gestore Cons. Bon. Dugali Comune inizio

Dettagli

COMUNE DI BISACQUINO PROVINCIA DI PALERMO

COMUNE DI BISACQUINO PROVINCIA DI PALERMO COMUNE DI BISACQUINO PROVINCIA DI PALERMO UFFICIO TECNICO GESTIONE TECNICA ED OPERATIVA dell impianto di depurazione per la acque nere della fognatura urbana ANALISI E COMPUTO DEI COSTI DI GESTIONE Il

Dettagli

A scuola di ecologia domestica Tresigallo,, 4 giugno 2004. Università degli Studi di Ferrara, Dip.. di Scienze della Terra Evelina Dezza

A scuola di ecologia domestica Tresigallo,, 4 giugno 2004. Università degli Studi di Ferrara, Dip.. di Scienze della Terra Evelina Dezza A scuola di ecologia domestica Tresigallo,, 4 giugno 2004 Università degli Studi di Ferrara, Dip.. di Scienze della Terra Evelina Dezza Le acque minerali naturali sono definite come: Acque che, avendo

Dettagli

PROVA STRUTTURATA DI CHIMICA ORGANICA

PROVA STRUTTURATA DI CHIMICA ORGANICA 1. Una delle seguenti definizioni di gruppo funzionale è errata. Quale? "In chimica organica, i gruppi funzionali sono gruppi di atomi presenti in ogni molecola A. dai quali dipendono le caratteristiche

Dettagli

I rifiuti solidi: introduzione

I rifiuti solidi: introduzione I rifiuti solidi: introduzione Definizione sostanze od oggetti (rientranti in un definito elenco a norma di legge) di cui il detentore si disfi o abbia deciso o abbia l obbligo di disfarsi Strategie di

Dettagli

30-lug-15. RENDINA Ambiente Srl STRADA VICINALE MONTELUNGO - ZONA INDUSTRIALE SAN NICOLA di MELFI (PZ)

30-lug-15. RENDINA Ambiente Srl STRADA VICINALE MONTELUNGO - ZONA INDUSTRIALE SAN NICOLA di MELFI (PZ) Rapporto di prova n Descrizione Accettazione Data Inizio prove Impianto: Emissioni gassose 150599 18-giu-15 Data fine prove 30-lug-15 Pagina 1\7 Spettabile: AGENZIA REGIONALE PER LA PROTEZIONE DELL'AMBIENTE

Dettagli

Metodi di Trattamento dei rifiuti urbani

Metodi di Trattamento dei rifiuti urbani Metodi di Trattamento dei rifiuti urbani Da rifiuti a risorse percorso impossibile? Dott.ssa Aurelia Fonda COMPOSIZIONE media DEL RIFIUTO URBANO non differenziato dati APAT: Frazione merceologica % in

Dettagli

Depuratore di Milano Nosedo Aspetti Gestionali e Controlli

Depuratore di Milano Nosedo Aspetti Gestionali e Controlli Depuratore di Milano Nosedo Aspetti Gestionali e Controlli SEMINARIO: Sistema depurativo delle acque di rifiuto Impianto di Milano Nosedo 16 giugno 2014 1 Lo scopo delle attività di gestione e controllo

Dettagli

!"## " $ %& ' # $ & ' ( & &,-""-./ * ) " )$$ 00, & )& & 415 & &# & # 7 %& & ' *4# $ & &$$ &&# 8669))! # 4 15 :

!##  $ %& ' # $ & ' ( & &,--./ * )  )$$ 00, & )& & 415 & &# & # 7 %& & ' *4# $ & &$$ &&# 8669))! # 4 15 : GAB/DEC/104/06 del 2/05/2006!"## " $ %& ' # $ & ' ( & & )&)##*##+,-""-./ * ) " 0-!0-./ &1.##--./ #.21/344 (./3 & )$$ 00, & )& & 415 1--./&# )6.21/344( $ # )6 ## &)##&( & &# & # 7 %& & ' *4# $ & &$$ &&#

Dettagli

Oggetto: RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO di acque reflue industriali in pubblica fognatura.

Oggetto: RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO di acque reflue industriali in pubblica fognatura. Spett.le Consulta d Ambito per il servizio idrico integrato A.T.O. Orientale Goriziano Via A. Diaz n. 5 (Palazzo Alvarez) 34170 Gorizia Oggetto: RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO di acque reflue

Dettagli

Tuttavia, a causa di guasti o malfunzionamenti dell impianto si è dovuto, talvolta, rinunciare o posticipare il campionamento.

Tuttavia, a causa di guasti o malfunzionamenti dell impianto si è dovuto, talvolta, rinunciare o posticipare il campionamento. Tuttavia, a causa di guasti o malfunzionamenti dell impianto si è dovuto, talvolta, rinunciare o posticipare il campionamento. Figura 4.8 Cronoprogramma dei campionamenti 42 4.5 Parametri indagati 4.5.1

Dettagli

MODULO OFFERTA. Oggetto: Il sottoscritto Nato il a In qualità di Dell Impresa Con sede legale in Tel. n. Fax n. Con codice fiscale n Con partita IVA n

MODULO OFFERTA. Oggetto: Il sottoscritto Nato il a In qualità di Dell Impresa Con sede legale in Tel. n. Fax n. Con codice fiscale n Con partita IVA n MODULO OFFERTA Alla S.A.P.NA Sistema Ambiente Provincia di Napoli S.p.A a Socio Unico Via Ferrante Imparato 198 CAP.80146 NAPOLI Oggetto: Il sottoscritto Nato il a In qualità di Dell Impresa Con sede legale

Dettagli

Pomeriggio informativo Modalità di consegna dei rifiuti all ICTR

Pomeriggio informativo Modalità di consegna dei rifiuti all ICTR Pomeriggio informativo Modalità di consegna dei rifiuti all ICTR Giubiasco, autunno 2013 Giornata informativa Modalità di consegna dei rifiuti all ICTR Presentata da: Pietro Casari, Consulente tecnico

Dettagli

Alisea S.p.A. Via Ca Silis 16 Jesolo Lido (VE) Periodo maggio-agosto 2011. via G.Pullè, 37 35136 Padova tel: +39 049 8901208 - fax: +39 049 713056

Alisea S.p.A. Via Ca Silis 16 Jesolo Lido (VE) Periodo maggio-agosto 2011. via G.Pullè, 37 35136 Padova tel: +39 049 8901208 - fax: +39 049 713056 Alisea S.p.A. Via Ca Silis 16 Jesolo Lido (VE) Applicazione del PSC Discarica di rifiuti non pericolosi Piave Nuovo Comune di Jesolo (VE) Relazione Tecnica Quadrimestrale Periodo maggio-agosto 2011 eosgroup

Dettagli