CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO PER LA GESTIONE DELLA CASA DI RIPOSO DEL COMUNE DI LAGONEGRO M.L. COSENTINO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO PER LA GESTIONE DELLA CASA DI RIPOSO DEL COMUNE DI LAGONEGRO M.L. COSENTINO"

Transcript

1 CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO PER LA GESTIONE DELLA CASA DI RIPOSO DEL COMUNE DI LAGONEGRO M.L. COSENTINO SEZIONE 1 SERVIZIO DI ASSISTENZA PERSONALE AGLI ANZIANI OSPITI DELLA CASA DI RIPOSO 1. OGGETTO DEL SERVIZIO Il servizio dovrà avere per oggetto l assistenza completa agli ospiti della Casa di Riposo di Lagonegro M. L. Cosentino, eseguita in modo da garantirne l igiene, la pulizia personale e le attività quotidiane possibili in rapporto al loro stato di salute e volto a salvaguardare le capacità residue e a stimolare la socializzazione ed il recupero dell autostima e dell autonomia dell anziano. 2. L ASSISTENZA AGLI OSPITI DELLA CASA DI RIPOSO L Affidatario dovrà provvedere al servizio di assistenza personale per un numero massimo presunto di 24 ospiti per 24 ore al giorno per tutti i giorni dell anno compresi i festivi. L assistenza personale ad ogni anziano avverrà in relazione al singolo grado di autonomia dello stesso, garantendone una costante e perfetta pulizia personale nonché l assistenza durante i pasti, sia rivolta a coloro che consumano gli stessi nella sala ristorazione, sia a coloro che per motivi temporanei di malattia o altro sono costretti a consumarli nella loro stanza. Queste attività dovranno essere svolte nel pieno rispetto delle norme igieniche e dovranno essere finalizzate a garantire il più elevato livello qualitativo di assistenza. 3. L ATTIVITA DI SUPPORTO ALL ANZIANO L attività di assistenza agli ospiti della Casa di Riposo, oltre alla garanzia dell accudimento e dello svolgimento delle normali attività quotidiane, in relazione allo stato psico-fisico del singolo ospite, dovrà essere volta a creare le condizioni che favoriscano il mantenimento o il recupero dell autostima e dell autonomia degli anziani, garantendo la socializzazione attraverso le seguenti linee di intervento: 1) Possibilità di esercitare un ruolo attivo rispetto alle proprie necessità (poter telefonare, poter fare degli acquisti, consapevolezza della propria situazione medica e delle eventuali azioni necessarie : analisi, visite specialistiche, ecc.) 2) Possibilità di mantenere, laddove esistono, delle relazioni sia parentali che amicali; 3) Mantenimento del rapporto con la comunità attraverso la promozione di attività volte ad attivare un sistema a rete tra le risorse sociali della comunità (Pro Loco, Caritas, Associazioni del Volontariato, Istituzioni scolastiche); 4) Collegamento con i servizi interessati sui singoli pazienti (servizi ASL, servizi Sociali). 4. TIPOLOGIE DI PRESTAZIONI RICHIESTE L organizzazione del servizio di assistenza agli anziani della Casa di Riposo dovrà essere svolto tenendo conto delle seguenti tipologie di prestazioni: Assistenza a tutte le persone anziane alloggiate presso la casa di riposo: - aiuto alla cura della persona, - aiuto ad alzarsi e rimettersi a letto, - aiuto all igiene personale consueta, immediata, e per il bagno o la doccia, - aiuto a vestirsi e spogliarsi, - aiuto alla deambulazione; Preparazione della sala mensa e dei tavoli ad ogni pasto principale;

2 Assistenza nell ora dei pasti nella sala ristorazione, e per quegli anziani che fossero temporaneamente ammalati e comunque impossibilitati a raggiungere la sala ristorazione, direttamente nella loro camera; Consegna della eventuale terapia farmacologica orale, precedentemente preparata da specifico personale infermieristico o medico messo a disposizione della struttura da parte della ASL o del Comune di Lagonegro. Sorveglianza, compatibilmente con i turni di lavoro e le attività lavorative svolte, sugli ospiti e sulla struttura; Sollecita comunicazione alle famiglie degli ospiti, ai medici di base, ed eventualmente al pronto soccorso delle variazioni e/o improvvisi aggravamenti dello stato di salute degli utenti; Sollecita segnalazione agli organi comunali, ed eventualmente ad altri organi competenti, di qualunque problema, ordinario o straordinario, relativo alla struttura o agli ospiti. 5. RAPPORTI CON GLI OPERATORI SOCIALI L Affidatario dovrà fornire la massima collaborazione a tutti gli operatori sociali frequentanti la Casa di Riposo e rendersi promotore di incontri con gli stessi al fine di ottimizzare il servizio, renderlo con completezza e favorire altresì una permanenza migliore dei anziani ricoverati. 6. MATERIALE DI CONSUMO Tutto il materiale di consumo, necessario all espletamento del servizio sarà a carico dell Affidatario, così come tutto l equipaggiamento necessario agli operatori per la sua esecuzione, in conformità a quanto previsto dalla L.626/ MODALITA DI EROGAZIONE DELL ASSISTENZA Per lo svolgimento dell attività di assistenza agli anziani della Casa di Riposo, l Affidatario dovrà avvalersi di personale almeno rispondente alla qualifica di Assistente Domiciliare e dei Servizi Tutelari, Operatrice/ore Socio-Assistenziale addetta/o all assistenza di base, altrimenti definito non formato, ovvero di personale che possieda almeno una valida e documentabile esperienza professionale nella tipologia di prestazione richiesta. Gli operatori dovranno svolgere il servizio tenendo conto delle seguenti modalità e della seguente distribuzione delle tipologie di prestazioni richieste nell arco della giornata: Orario mattutino: dovranno essere svolte principalmente attività di aiuto alla cura della persona: aiuto ad alzarsi dal letto, aiuto all igiene personale, per il bagno o la doccia, aiuto alla vestizione, aiuto alla deambulazione; preparazione della sala ristorazione e dei tavoli per la colazione ed il pranzo, consegna della eventuale terapia farmacologica orale ai ricoverati relativa agli orari della colazione e del pranzo. Assistenza alla colazione ed al pranzo, con somministrazione del pasto nella stanza dell anziano ammalato. Orario pomerdiano: dovranno essere svolte principalmente attività di assistenza e sorveglianza agli ospiti della Casa di Riposo. Preparazione della sala ristorazione per la merenda e per la cena, consegna della eventuale terapia farmacologica orale agli anziani relativa all orario della cena e assistenza alla merenda e alla cena, con somministrazione del pasto nella stanza dell anziano ammalato. Al termine della cena, assistenza agli anziani che vogliono raggiungere la propria stanza, aiutandoli a mettersi a letto. Orario serale e notturno: si dovrà provvedere ad accompagnare nella propria stanza i restanti anziani che ne hanno bisogno, e comunque coloro che lo chiedono, aiutandoli a mettersi a letto. Quando tutti gli anziani saranno nelle proprie stanze si effettuerà un giro di controllo per fornire ulteriore assistenza a chi ne avesse bisogno consegnando, ove ve ne sia bisogno, l eventuale terapia farmacologia orale notturna, dopodichè si svolgerà quasi esclusivamente attività di sorveglianza restando a disposizione degli anziani che

3 chiamano per qualche necessità, ed effettuando comunque di tanto in tanto un ulteriore giro di controllo in ogni stanza per vigilare sugli anziani durante il sonno. Resta ferma l attività di assistenza ove necessario. Giunti tutti gli anziani presso le proprie stanze, dovranno altresì essere effettuate tutte le operazioni di chiusura delle porte di accesso alla struttura. SEZIONE 2 SERVIZIO MENSA DA SVOLGERSI PRESSO LA CASA DI RIPOSO 1. SCOPO DEL LAVORO Il servizio ha per oggetto la gestione della mensa della Casa di Riposo ovvero il sevizio di preparazione, confezionamento e distribuzione dei pasti per gli ospiti della Casa di Riposo, fino ad un massimo di 24 utenti, e fino ad un massimo di 6 utenti per soggetti esterni alla struttura in particolari condizioni sociali, che ne facciano richiesta all Amministrazione Comunale. Per ciascun pasto erogato agli utenti esterni l Amministrazione Comunale pagherà all Affidatario 3,00. Il pagamento avverrà dietro presentazione di fattura accompagnata dal buono di accesso fornito agli aventi diritto dal Servizio Sociale Comunale. 2. MODALITA DI SVOLGIMENTO DEL SERVIZIO Dl MENSA Per l espletamento del servizio di mensa, l Affidatario utilizzerà i locali allo scopo adibiti, all interno della Casa di Riposo. Detti locali saranno concessi in comodato d uso gratuito con la dotazione esistente delle attrezzature fisse e mobili in essi installate, allacciate agli impianti elettrici e tecnologici necessari al loro funzionamento. E fatto divieto all Affidatario di rimuovere e/o introdurre in detti locali macchine, attrezzature o utensili senza la preventiva autorizzazione dell Amministrazione Comunale. L Affidatario dovrà provvedere al reintegro delle macchine, delle attrezzature, degli utensili e della stoviglieria che nell esecuzione del servizio andrà smarrita e/o danneggiata dai propri operatori, con altra identica. Il servizio include l acquisto dei generi alimentari, la preparazione e il confezionamento dei pasti e la loro distribuzione all interno della Casa di Riposo, e la successiva pulizia della cucina e di tutti i locali annessi e connessi, delle stoviglie, degli oggetti d uso e degli arredi secondo tutte le igieniche vigenti, assumendo l onere di eventuali costi aggiuntivi nel caso in cui il disagio sia riconducibile a responsabilità dirette dell Affidatario o dei suoi operatori. Nella suddetta ipotesi l Affidatario potrà anche avvalersi di un altra struttura, ad esso associata o temporaneamente convenzionata, purché abbia le medesime caratteristiche richieste per l espletamento del servizio e situata in una località posta ad una distanza percorribile in un tempo non superiore a sessanta minuti e comunque utile a garantire condizioni adeguate di distribuzione del vitto e in possesso di autorizzazione sanitaria ai sensi dell art. 2 della legge 283/62. Per l eventuale trasporto dei pasti da altra struttura, dovranno essere utilizzati idonei contenitori e automezzi, aventi le caratteristiche indicate dell art. 2 lettera b. della legge 283/62. Il numero massimo di pasti giornalieri che l Affidatario dovrà garantire: n Colazione n Pranzo n merenda n Cena n pranzo Per Utenti Esterni

4 SEZIONE 3 SERVIZI DI PULIZIE DA SVOLGERSI PRESSO LA CASA DI RIPOSO 1. SCOPO DEL LAVORO Il servizio ha per oggetto le attività di pulizia da svolgersi presso la Casa di Riposo ovvero il servizio completo di pulizia di tutta la struttura ed il servizio di lavanderia e stireria per gli ospiti. 2. SERVIZIO Dl PULIZIA L Affidatario dovrà provvedere alla pulizia e all igienizzazione di tutta la struttura, con esclusione dei locali cucina e dispensa per i quali si rinvia all apposita sezione del capitolato. Il suddetto servizio comprenderà anche la pulizia completa degli arredi personali e comuni, delle suppellettili, delle carrozzelle, degli oggetti d uso, dei deambulatori. Comprenderà inoltre la pulizia degli spazi esterni d accesso alla Casa di Riposo, quella del terrazzo e i relativi mobili d arredo, l immediata pulizia di ogni ambiente per improvvise necessità e la cura delle piante ornamentali. Tutte le attività di pulizia saranno svolte con scrupolosa cura per garantire il migliore livello d igiene. 3. SERVIZIO DI LAVANDERIA E STIRERIA L Affidatario dovrà provvedere ad eseguire l attività di lavanderia e stireria e di piccoli rammendi per tutti gli ospiti della struttura, da svolgere presso il locale allo scopo adibito, e con le attrezzature, in dotazione alla Casa di Riposo, concesse in comodato d uso gratuito. Il servizio dovrà essere svolto avendo cura sia della biancheria in dotazione alla Casa di Riposo che di quella personale degli ospiti, garantendone il miglior stato di conservazione possibile, reintegrando con articoli identici tutto ciò che per diretta responsabilità accertata dell Affidatario risultasse danneggiato, ivi comprese le macchine e le attrezzature concesse in comodato. 4. MATERIALE DI CONSUMO Sarà a carico dell Affidatario la fornitura di tutto il materiale di consumo necessario ad effettuare i servizi di pulizia, lavanderia e stireria della Casa di Riposo. Sarà a carico dell Affidatario anche la fornitura della carta igienica e del sapone per tutti i bagni della Casa di Riposo. 5. MODALITA DI ESECUZIONE DEL SERVIZIO Le prestazione dovranno essere svolte secondo le seguenti modalità: Accurata pulizia e sistemazione giornaliera delle camere e dei bagni degli ospiti; Pulizia giornaliera di tutti i locali della struttura, inclusi gli ascensori, il terrazzo, gli spazi esterni d accesso alla Casa di Riposo con esclusione dei locali della cucina e della dispensa; Pulizia degli arredi, delle suppellettili, delle carrozzelle, dei deambulatori e degli oggetti d uso, pulizia immediata di ogni ambiente per improvvise necessità; Cambio settimanale minimo della biancheria, fermo restando il cambio immediato in caso di necessità; Lavanderia, strireria e piccoli rammendi organizzata in modo tale da rispondere tempestivamente alle esigenze della struttura e secondo le necessità legate all utenza; Cura delle piante ornamentali.

5 Tutto il personale impegnato nel servizio di pulizie dovrà fornire la massima collaborazione agli operatori presenti nella struttura per svolgere il servizio di assistenza agli anziani. SEZ. 4 PERSONALE IMPIEGATO 1. PERSONALE IMPIEGATO L Affidatario dovrà provvede a comunicare all Amministrazione Comunale l organigramma del personale che sarà impegnato nello svolgimento dei servizi, comprensivo di nominativi, dati anagrafici orario di lavoro e piano esecutivo delle prestazioni. L Affidatario dovrà altresì comunicare il nominativo di un coordinatore/responsabile del servizio cui l Amministrazione potrà far riferimento. 2. DOTAZIONE DEL PERSONALE L Affidatario dovrà provvedere a fornire agli operatori tutto il materiale e l equipaggiamento necessari all esecuzione del servizio e al contenimento dei rischi, così come prescritto dal D.Lgs.626/94 ed attuare tutto quanto previsto dalle vigenti norme e prescrizioni in materia igienico-sanitaria I suddetti materiali nonché tutti i materiali necessari per il corretto svolgimento del servizio sono a carico dell Affidatario. 3. INQUADRAMENTO DEL PERSONALE E GARANZIE ASSICURATIVE L Affidatario dovrà attuare ai lavoratori impegnati nel servizio condizioni normative e retributive non inferiori a quelle risultanti dal CCNL per la categoria provvedendo altresì a stipulare il contratto di assicurazione obbligatoria verso infortuni e si atterrà alla scrupolosa osservanza in materia assistenziale e previdenziale. L Affidatario provvederà a predisporre il piano di sicurezza ai sensi del Dlgs 626/94 e s.m.i. e a tutte le altre normative vigenti in materia di sicurezza sul lavoro. 4. FORMAZIONE, AGGIORNAMENTO E RIQUALIFICAZIONE L Affidatario dovrà porre in essere tutte le procedure necessarie allo svolgimento delle attività di formazione, aggiornamento e riqualificazione del personale impegnato nell esecuzione del servizio nell ottica del miglioramento del servizio stesso. SEZ.5. ALTRI OBBLIGHI DELL AFFIDATARIO 1) L Affidatario assicurerà la corretta e regolare esecuzione dei servizi. Si impegna a garantire 1 erogazione dei servizi in caso di assenze improvvise degli operatori. L Affidatario presterà la massima cura ed attenzione al fine di preservare l efficienza, la funzionalità e il buon stato delle attrezzature, degli impianti e dei locali di proprietà comunale. Nel caso in cui si verifichi la necessità di una qualsiasi manutenzione, sia ordinaria che straordinaria, l Affidatario ne darà tempestiva comunicazione all ufficio comunale competente affinché possa provvedere ad effettuare o ad autorizzare l Affidatario ad effettuare l intervento necessario nel più breve tempo possibile. Tutti gli interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria sono a carico del Comune di Lagonegro.

6 Nella esecuzione di tutte le attività comprese nel servizio, l Affidatario si atterrà a quanto previsto dalle vigenti norme e prescrizioni in materia igienico-sanitaria e di sicurezza sul lavoro. 2) L affidatario è tenuto ad assicurare nell arco delle 24 ore con le unità lavorative necessarie ai servizi da assolvere predisposti dalla direzione della Casa di Riposo. In particolare dovrà essere assicurata la presenza costante di almeno n. 2 unità dalle ore 06,00 alle ore 22,00, e di almeno 1 unità dalle ore 22,00 alle ore 06,00 del giorno successivo. In caso di inadempienza, segnalata dalla Direzione medesima sarà applicata una penale da un minimo di 103, 30 a un massimo di 206,60 e in caso di recidiva si potrà disporre la risoluzione del contratto. 3) Nell espletamento dei servizi di cui al presente capitolato, l affidatario fisserà turnazioni settimanali da comunicare ogni sabato sera alla direttrice della Casa di Riposo. Per eventuali assenze nella turnazione dovrà essere assicurato tempestivamente e comunque nella stessa giornata la relativa sostituzione. Tenuto conto della delicatezza del servizio l affidatario dovrà avere cura di utilizzare sempre lo stesso personale, in modo da assicurare continuità nel rapporto umano che si stabilirà tra il personale medesimo e le ospiti della Casa di Riposo. 4) La vigilanza nella gestione verrà eseguita direttamente dal Comune, che si riserva ogni controllo, in qualsiasi momento, con il proprio personale. Eventuali discordanze o rettifiche nei servizi dovranno essere segnalate alla Direttrice della Casa di Riposo che, ove non riesca o non possa risolvere direttamente quanto segnalato chiederà l intervento del Responsabile Comunale del Servizio. 5) La Ditta affidataria è obbligata a garantire almeno gli stessi livelli occupazionali garantiti dalla Ditta che ha in corso la gestione della Casa di Riposo M. L. Cosentino. Tale obbligo sarà assicurato attraverso l assunzione di tutto il personale in servizio con l attuale Ditta, con le qualifiche lavorative in loro possesso. SEZ. 6 SERVIZIO INFERMIERISTICO 1) Nella gestione della Casa di Riposo operano a completo carico del Comune: a) l ordine delle Suore Figlie di Nostra Signora al Monte Calvario con n. 2 unità; Le mansioni, i compiti e tempi occupazionali delle suore sono determinate nell apposita convenzione rep. n del In particolare le citate suore svolgono servizi direzionali, di coordinamento, sorveglianza, economato, infermieristico. Tutto il personale e tutti i servizi saranno sempre stabiliti e coordinati dalla suora coordinatrice. Alla stessa farà capo l affidatario ed il personale dei servizi di cui al presente atto per una corretta e completa gestione della Casa di Riposo. SEZ. 7 COMPENSI 1) L Amministrazione corrisponderà all affidatario, come corrispettivo ominicomprensivo di tutti gli oneri conseguenti alla gestione, come innanzi esplicitate, la somma annua di oltre I.V.A. per compenso e di per il servizio mensa, da pagarsi in rate mensili di oltre I.V.A. ed 2.974,00 oltre I.V.A. alla presentazione della fattura, debitamente vistata dall Economo, per il regolare espletamente dei servizi della presente convenzione. Alla fattura

7 dovrà essere allegato un prospetto con l indicazione del personale occupato corredato da copia dell apposito mod. DM 10/2 89 dell I.N.P.S. 2) Per ciascun pasto erogato agli utenti esterni l Amministrazione Comunale pagherà all Affidatario 3,00. Il pagamento avverrà dietro presentazione di fattura accompagnata dal buono di accesso fornito agli aventi diritto dal Servizio Sociale Comunale. SEZ. 8 CLAUSOLA RISOLUTIVA ESPRESSA 1) Il contratto di appalto sarà risolto di dirito, ai sensi dell art del C.C. nella ipotesi di totale interruzione del servizio Casa di Riposo per chiusura della stessa. 2) Nella ipotesi di cui sopra il Comune di Lagonegro corrisponderà all Affidatario i compensi dovuti per i mesi e giorni di funzionamento della Casa di Riposo. Nessun danno e nessun ulteriore compenso potrà essere richiesto al Comune di Lagonegro per il periodo compreso tra la chiusura della Casa di Riposo ed il termine di scadenza contrattuale. Sono a carico esclusivo dell affidatario tutte le spese contrattuali, nessuna esclusa.

CAPITOLATO SPECIALE PER LA GESTIONE DELLA CASA ALBERGO DEL COMUNE DI APICE

CAPITOLATO SPECIALE PER LA GESTIONE DELLA CASA ALBERGO DEL COMUNE DI APICE CAPITOLATO SPECIALE PER LA GESTIONE DELLA CASA ALBERGO DEL COMUNE DI APICE SEZIONE 1 - SERVIZIO DI ASSISTENZA PERSONALE AGLI ANZIANI OSPITI DELLA CASA ALBERGO 1. OGGETTO DEL SERVIZIO Il servizio svolto

Dettagli

Art. 10 Compiti del Comune

Art. 10 Compiti del Comune CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA MATERIALE DIVERSAMENTE ABILI: PERIODO DAL 15.06.2012-31.12.2012 (Assistenza domiciliare) PERIODO DAL 01.10.2012 31.12.2012 (Assistenza

Dettagli

COMUNE DI CALANGIANUS PROVINCIA DI OLBIA - TEMPIO SERVIZIO SOCIALE

COMUNE DI CALANGIANUS PROVINCIA DI OLBIA - TEMPIO SERVIZIO SOCIALE COMUNE DI CALANGIANUS PROVINCIA DI OLBIA - TEMPIO SERVIZIO SOCIALE C.I.G. 6445256980 CAPITOLATO DESCRITTIVO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE PER PERSONE ANZIANE, PORTATORI DI HANDICAP E NON AUTOSUFFICIENTI

Dettagli

COMUNE DI GENONI PROVINCIA DI ORISTANO

COMUNE DI GENONI PROVINCIA DI ORISTANO COMUNE DI GENONI PROVINCIA DI ORISTANO PROGETTO SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE RIVOLTO AD ANZIANI, PORTATORI DI HANDICAP E FAMIGLIE MULTI PROBLEMATICHE Il servizio di assistenza domiciliare consiste nel

Dettagli

Roma, 02 ottobre 2007

Roma, 02 ottobre 2007 RISOLUZIONE N. 275/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 02 ottobre 2007 OGGETTO: Istanza di interpello art. 11 legge 27 luglio 2000, n. 212 IVA Aliquota agevolate- n. 41-bis) della Tabella

Dettagli

C I T T A D I T A O R M I N A

C I T T A D I T A O R M I N A C I T T A D I T A O R M I N A PROVINCIA DI MESSINA Servizio di Solidarieta Sociale Oggetto: CONTRATTO PER I SERVIZI DI AIUTO DOMESTICO DISABILI GRAVI ASSISTENZA IGIENICO PERSONALE L anno duemila il giorno

Dettagli

C I T T A D I T A O R M I N A PROVINCIA DI MESSINA Servizio di Solidarieta Sociale

C I T T A D I T A O R M I N A PROVINCIA DI MESSINA Servizio di Solidarieta Sociale C I T T A D I T A O R M I N A PROVINCIA DI MESSINA Servizio di Solidarieta Sociale CAPITOLATO PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI AIUTO DOMESTICO DISABILI GRAVI ASSISTENZA IGIENICO PERSONALE DISABILI GRAVI Art.1

Dettagli

I SERVIZI STANDARD EROGATI IN TUTTE LE RESIDENZE. Inoltre nelle Residenze per anziani non autosufficienti :

I SERVIZI STANDARD EROGATI IN TUTTE LE RESIDENZE. Inoltre nelle Residenze per anziani non autosufficienti : Gli spazi e i servizi standard 18 I SERVIZI STANDARD EROGATI IN TUTTE LE RESIDENZE Assistenza alla sona 24 h su 24 Assistenza medica diurna (secondo necessità) Assistenza infermieristica diurna Assistenza

Dettagli

- anziani o inabili adulti, soli, privi di sostegno familiare adeguato o in stato di abbandono ;

- anziani o inabili adulti, soli, privi di sostegno familiare adeguato o in stato di abbandono ; ASSESSORATO AI SERVIZI SOCIALI SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE REGOLAMENTO ART. 1 - DEFINIZIONE E FINALITA 1. Il Servizio di Assistenza Domiciliare è un insieme di prestazioni di carattere socio assistenziale

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

CODICE CIG. Tra. la Prefettura. Ufficio Territoriale del Governo di.(c.f..) nella persona del Prefetto di..

CODICE CIG. Tra. la Prefettura. Ufficio Territoriale del Governo di.(c.f..) nella persona del Prefetto di.. CONVENZIONE PER LA MESSA A DISPOSIZIONE DI POSTI STRAORDINARI PER LA PRIMA ACCOGLIENZA DEI CITTADINI STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI SUL TERRITORIO CODICE CIG Tra la Prefettura. di.(c.f..) nella persona

Dettagli

C O M U N E D I D O L O Provincia di Venezia

C O M U N E D I D O L O Provincia di Venezia C O M U N E D I D O L O Provincia di Venezia Regolamento per l accesso e la gestione del Progetto Sociale Gruppo Appartamento Approvato con delibera C.C. n. 66 del 30.11.2010 - esecutivo INDICE Art. 1

Dettagli

Comune di Monchio delle Corti

Comune di Monchio delle Corti Comune di Monchio delle Corti PROVINCIA DI PARMA C.A.P. 43010 Tel. 0521.896521 Fax 0521.896714 Cod. Fisc. e Part. IVA 00341170348 REGOLAMENTO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ARTICOLO 1 Il Servizio di Assistenza

Dettagli

CAPITOLATO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE NEL COMUNE DI VILLADOSE

CAPITOLATO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE NEL COMUNE DI VILLADOSE CAPITOLATO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE NEL COMUNE DI VILLADOSE ART. 1 OGGETTO DELL APPALTO L appalto ha per oggetto il SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (d ora in avanti: SAD)

Dettagli

CASA DI RIPOSO LASCITO ING. G. DESTEFANIS FRONT

CASA DI RIPOSO LASCITO ING. G. DESTEFANIS FRONT CASA DI RIPOSO LASCITO ING. G. DESTEFANIS FRONT Via Destefanis n. 68 10070 FRONT TO IN ORIGINALE FIRMATO DETERMINAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO N. 18 DEL 19.07.2013 Oggetto: AFFIDAMENTO INCARICO

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE 43 REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ADOTTATO DAL CONSIGLIO COMUNALE CON DELIBERAZIONE N. 75/14031 P.G. NELLA SEDUTA DEL 26/05/1994 - MODIFICATO CON DELIBERAZIONE N. 75/I23765 P.G. NELLA

Dettagli

COMUNE DI PALESTRINA

COMUNE DI PALESTRINA COMUNE DI PALESTRINA CAPITOLATO SPECIALE DI ONERI PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA AI PORTATORI DI HANDICAP PRESSO LE SCUOLE DELL OBBLIGO NONCHE ASSISTENZA DOMICILIARE HANDICAPPATI E ANZIANI PRE SCUOLA E

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE AD ANZIANI ED HANDICAPPATI ADULTI

REGOLAMENTO SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE AD ANZIANI ED HANDICAPPATI ADULTI Allegato alla del. C.C. n. 101 del 27/11/2002 REGOLAMENTO SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE AD ANZIANI ED HANDICAPPATI ADULTI Art.1 FINALITA L assistenza domiciliare è un servizio teso a favorire la ripresa

Dettagli

COMUNE di CUTIGLIANO Prov. di Pistoia

COMUNE di CUTIGLIANO Prov. di Pistoia COMUNE di CUTIGLIANO Prov. di Pistoia CONVENZIONE FRA IL COMUNE DI CUTIGLIANO E PRO LOCO DI CUTIGLIANO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DENOMINATO CENTRO ANIMAZIONE ESTIVO. ANNO 2014 Rep. 478 L anno duemillaquattordici

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE PER LA GESTIONE DEI CENTRI DI AGGREGAZIONE PER BAMBINI, BAMBINE E ADDOLESCENTI AQUILONE. Art. 1 OGGETTO DEL SERVIZIO

CAPITOLATO SPECIALE PER LA GESTIONE DEI CENTRI DI AGGREGAZIONE PER BAMBINI, BAMBINE E ADDOLESCENTI AQUILONE. Art. 1 OGGETTO DEL SERVIZIO CAPITOLATO SPECIALE PER LA GESTIONE DEI CENTRI DI AGGREGAZIONE PER BAMBINI, BAMBINE E ADDOLESCENTI AQUILONE Art. 1 OGGETTO DEL SERVIZIO Il presente capitolato ha per oggetto l affidamento alla Società

Dettagli

PATTO DI ACCREDITAMENTO PER L EROGAZIONE DEI SERVIZI DI

PATTO DI ACCREDITAMENTO PER L EROGAZIONE DEI SERVIZI DI Provincia Regionale di Enna DISTRETTO SOCIO SANITARIO N.24 COMUNI DI PIAZZA ARMERINA BARRAFRANCA PIETRAPERZIA AIDONE PATTO DI ACCREDITAMENTO PER L EROGAZIONE DEI SERVIZI DI ASSISTENZA DOMICILIARE SOCIO-ASSISTENZIALE

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE PER DISABILI GRAVI E GRAVISSIMI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE PER DISABILI GRAVI E GRAVISSIMI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE PER DISABILI GRAVI E GRAVISSIMI ART. 1 DEFINIZIONE DEI SERVIZI OGGETTO DEL REGOLAMENTO Il presente regolamento disciplina il Servizio di

Dettagli

COMUNE DI ASSEMINI Provincia di Cagliari

COMUNE DI ASSEMINI Provincia di Cagliari COMUNE DI ASSEMINI Provincia di Cagliari CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE E AIUTO ALLA PERSONA IN FAVORE DI ANZIANI E DISABILI ART 1 OGGETTO DEL CAPITOLATO

Dettagli

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE I SERVIZI RESIDENZIALI E DIURNI EROGATI DALLA COMUNITA MONTANA GRAND COMBIN

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE I SERVIZI RESIDENZIALI E DIURNI EROGATI DALLA COMUNITA MONTANA GRAND COMBIN COMUNITA MONTANA GRAND COMBIN SERVIZI A FAVORE DELLE PERSONE ANZIANE REGOLAMENTO DISCIPLINANTE I SERVIZI RESIDENZIALI E DIURNI EROGATI DALLA COMUNITA MONTANA GRAND COMBIN CAPO 1 OGGETTO, FINALITA E NORME

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI CASALGRANDE REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INDICE ART. 1...1 ART. 2...2 ART. 3...2 ART. 4...3 ART. 5...4 ART. 6...4 ART. 7...4 ART. 8...5 ART. 9...5 ART. 10...5 ART.

Dettagli

Area del Personale Divisione Personale Tecnico Amministrativo e Bibliotecario

Area del Personale Divisione Personale Tecnico Amministrativo e Bibliotecario Area del Personale Divisione Personale Tecnico Amministrativo e Bibliotecario Disciplina in materia di assenze dal servizio per malattia. Artt. 34-35 del CCNL 2006-2009 I^ biennio economico 2006-2007 vigente

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI Art.1 OGGETTO DEL CAPITOLATO Costituisce oggetto del presente capitolato l appalto del Servizio di Assistenza Domiciliare

Dettagli

Allegato 4 Capitolato Tecnico

Allegato 4 Capitolato Tecnico Progetto SICS (Sistema di Informazione e Comunicazione in Sanità) Regione Puglia Gara a procedura aperta per l affidamento del Servizio di somministrazione di lavoro a tempo determinato per il Progetto

Dettagli

- CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI SOMMINISTRAZIONE DI LAVORO A TEMPO DETERMINATO MEDIANTE PROCEDURA SEMPLIFICATA.

- CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI SOMMINISTRAZIONE DI LAVORO A TEMPO DETERMINATO MEDIANTE PROCEDURA SEMPLIFICATA. Azienda Ospedaliera Ospedale San Carlo Borromeo Via Pio II 20153 Milano - CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI SOMMINISTRAZIONE DI LAVORO A TEMPO DETERMINATO MEDIANTE PROCEDURA SEMPLIFICATA.

Dettagli

Azienda Pubblica di Servizi alla Persona Pro Senectute Via Valdirivo, 11- Trieste. Regolamento della Casa Albergo Enrico Caratti. Art.

Azienda Pubblica di Servizi alla Persona Pro Senectute Via Valdirivo, 11- Trieste. Regolamento della Casa Albergo Enrico Caratti. Art. Azienda Pubblica di Servizi alla Persona Pro Senectute Via Valdirivo, 11- Trieste Regolamento della Casa Albergo Enrico Caratti Art. 1 Definizione Nel rispetto delle finalità previste dall art. 2 dello

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Ambito di Seriate L.328/00 Seriate, Albano S.Alessandro, Bagnatica, Brusaporto, Cavernago, Costa di Mezzate, Grassobbio, Montello, Pedrengo, Scanzorosciate, Torre de Roveri REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI

Dettagli

CASA PROTETTA CASA ALBERGO NORGE DI ROCCABIANCA

CASA PROTETTA CASA ALBERGO NORGE DI ROCCABIANCA CASA PROTETTA CASA ALBERGO NORGE DI ROCCABIANCA CASA PROTETTA / CASA ALBERGO NORGE DI ROCCABIANCA (PR) Via MARCONI, n 12/BIS Località ROCCABIANCA (PR) Telefono: 0521/876978 - Fax: 0521/876981 email: cp-norge@coopselios.com

Dettagli

ART. 2 REQUISITI PER L AMMISSIONE

ART. 2 REQUISITI PER L AMMISSIONE Casa di Riposo Mons. BENEDETTO BALSAMO Istituzione Pubblica di Assistenza e Beneficenza Villa Vittorio Veneto, n. 5 90046 MONREALE Codice Fiscale 97176710826 AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA PER TITOLI AI

Dettagli

ALLEGATO D Prefettura di PADOVA Ufficio Territoriale del Governo

ALLEGATO D Prefettura di PADOVA Ufficio Territoriale del Governo ACCORDO QUADRO CIG: 6153151CD3 CODICE UNIVOCO UFFICIO UV32NN L anno duemilaquindici addì del mese di, nella sede della Prefettura - UTG di Padova sono presenti: - il Dr. in rappresentanza della Prefettura

Dettagli

COMUNE DI MONTEROTONDO

COMUNE DI MONTEROTONDO COMUNE DI MONTEROTONDO Provincia di Roma CAPITOLATO PER L AFFIDAMENTO delle ATTIVITA del Servizio di Assistenza Domiciliare per i i Bambini e gli Adolescenti. ARTICOLO 1 OGGETTO Oggetto del presente capitolato

Dettagli

COMUNE DI SAN LAZZARO DI SAVENA REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

COMUNE DI SAN LAZZARO DI SAVENA REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI SAN LAZZARO DI SAVENA (Provincia di Bologna) REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 151 del 13.07.1988 Esaminato dal Co.Re.Co. in

Dettagli

ALLEGATO F FRA VISTI PREMESSO

ALLEGATO F FRA VISTI PREMESSO ALLEGATO F SCHEMA DI CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI LADISPOLI E LA COOPERATIVA SOCIALE TIPO B, Al SENSI DELL'ART. 5 LEGGE 381/91, PER LA GESTIONE DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DI LADISPOLI

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI DEL DISTRETTO SOCIO- SANITARIO D 12

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI DEL DISTRETTO SOCIO- SANITARIO D 12 CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI DEL DISTRETTO SOCIO- SANITARIO D 12 Dichiarazione dei Principi Oggetto del presente disciplinare è la gestione

Dettagli

COMUNE DI CROTONE. Assistenza domiciliare socio-assistenziale integrata con servizi sanitari del comune di Crotone 41 9.695 174.

COMUNE DI CROTONE. Assistenza domiciliare socio-assistenziale integrata con servizi sanitari del comune di Crotone 41 9.695 174. ALLEGATO ALLA DETERMINAZIONE N. 84 DEL 26.01.2015 COMUNE DI CROTONE Capitolato Speciale d Appalto per l affidamento del Servizio di Assistenza Domiciliare Integrata (A.D.I.) per anziani ultrasessantacinquenni

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI. Art. 1 - Oggetto

REGOLAMENTO SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI. Art. 1 - Oggetto (Approvato con deliberazione del C.C. n. 101 del 16/11/2006) REGOLAMENTO SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 - Oggetto Il Comune di Mogliano Veneto nell ottica di promozione

Dettagli

MINI ALLOGGI PROTETTI

MINI ALLOGGI PROTETTI MINI ALLOGGI PROTETTI La Casa di Soggiorno per Anziani di Bedizzole dispone di un complesso di recente ristrutturazione, adiacente alla struttura principale ma completamente autonomo nel quale sono collocati

Dettagli

Azienda Pubblica di Servizi alla Persona. "San Giuseppe" di Primiero

Azienda Pubblica di Servizi alla Persona. San Giuseppe di Primiero Azienda Pubblica di Servizi alla Persona "San Giuseppe" di Primiero REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI ALLOGGI PROTETTI Allegato quale parte integrante e sostanziale alla deliberazione del Consiglio di

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI BAGNOLO IN PIANO Provincia di Reggio Emilia REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 10 del 22.03.2006 Pubblicato

Dettagli

AREA VIII DISCIPLINA DEL MERCATO P.O. CONTRATTUALISTICA E CONCORRENZA CONTRATTO TIPO PER APPALTO DI SERVIZI DI PULIZIA PRESSO I CONDOMINI

AREA VIII DISCIPLINA DEL MERCATO P.O. CONTRATTUALISTICA E CONCORRENZA CONTRATTO TIPO PER APPALTO DI SERVIZI DI PULIZIA PRESSO I CONDOMINI AREA VIII DISCIPLINA DEL MERCATO P.O. CONTRATTUALISTICA E CONCORRENZA CONTRATTO TIPO PER APPALTO DI SERVIZI DI PULIZIA PRESSO I CONDOMINI 1 CONTRATTO PER APPALTO DEI SERVIZI DI PULIZIA TRA Il Condominio

Dettagli

Art. 4 Organizzazione del servizio e personale e oneri a carico della ditta aggiudicataria

Art. 4 Organizzazione del servizio e personale e oneri a carico della ditta aggiudicataria CAPITOLATO D APPALTO PER AFFIDAMENTO GESTIONE ASILO NIDO COMUNALE MAGICA BULA E DELLA MENSA SCOLASTICA ALL. C Il Comune di Cagli intende provvedere all affidamento della gestione di alcuni servizi Nido

Dettagli

Art. 1 Oggetto. Art. 2 Durata e canone. Modalità di aggiudicazione.

Art. 1 Oggetto. Art. 2 Durata e canone. Modalità di aggiudicazione. QUADERNO D ONERI PER I SERVIZI DI SORVEGLIANZA ARMATA E DI TELESORVEGLIANZA MEDIANTE COLLEGAMENTO AL SISTEMA D ALLARME DEL MUSEO G. FATTORI PRESSO VILLA MIMBELLI E DELLA STRUTTURA ESPOSITIVA ATTIGUA EX

Dettagli

5 - IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

5 - IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE 1 5 - IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE PRESENTAZIONE E OBIETTIVI Il Servizio di Assistenza Domiciliare (S.A.D.) è un servizio di aiuto a carattere professionale realizzato presso il domicilio delle

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI CASALGRANDE PROVINCIA DI REGGIO EMILIA CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 50 del 28/06/2012 Premessa La Carta dei Servizi

Dettagli

ESENTE DALL IMPOSTA DI BOLLO AI SENSI DEL PUNTO 27/BIS DELLA TABELLA ALLEGATO B) AL D.P.R. 26 OTTOBRE 1972 N. 642 COSI COME SUCCESSIVAMENTE

ESENTE DALL IMPOSTA DI BOLLO AI SENSI DEL PUNTO 27/BIS DELLA TABELLA ALLEGATO B) AL D.P.R. 26 OTTOBRE 1972 N. 642 COSI COME SUCCESSIVAMENTE Allegato C) alla determinazione del Resp. del Servizio n. 1853 in data 09/10/2014 Rep. n. ESENTE DALL IMPOSTA DI BOLLO AI SENSI DEL PUNTO 27/BIS DELLA TABELLA ALLEGATO B) AL D.P.R. 26 OTTOBRE 1972 N. 642

Dettagli

COMUNE DI CHIARAVALLE Provincia di Ancona

COMUNE DI CHIARAVALLE Provincia di Ancona COMUNE DI CHIARAVALLE Provincia di Ancona Centro socio-educativo riabilitativo diurno per disabili Arcobaleno PREFAZIONE La Carta dei Servizi del Centro socio-educativo riabilitativo diurno per disabili

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DIURNO ROVERELLA

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DIURNO ROVERELLA REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DIURNO ROVERELLA Via Ancona, 290 Cesena Telefono 0547 334935 Approvato con Delibera n. 10 del 03/03/2010 Finalità del servizio ART. 1: L ASP, all interno della sede della

Dettagli

COMUNE DI LAGONEGRO PROVINCIA DI POTENZA

COMUNE DI LAGONEGRO PROVINCIA DI POTENZA COMUNE DI LAGONEGRO PROVINCIA DI POTENZA CARTA DEI SERVIZI CASA DI RIPOSO MARIA LUISA COSENTINO Casa di Riposo M. L. Cosentino Via Napoli 85042 Lagonegro (PZ) Tel. 0973/21356 0973/41330 Fax 0973/21930

Dettagli

Comuni di Baricella, Minerbio, Granarolo dell Emilia, Malalbergo, San Pietro in Casale, Pieve di Cento, Galliera, Azienda USL Pianura Est

Comuni di Baricella, Minerbio, Granarolo dell Emilia, Malalbergo, San Pietro in Casale, Pieve di Cento, Galliera, Azienda USL Pianura Est Allegato alla delibera di C. C. n. del REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA DOMICILIARE AD ANZIANI ED HANDICAPPATI ADULTI Art.1 FINALITA L assistenza domiciliare è un servizio teso a favorire la ripresa sul piano

Dettagli

COMUNE DI OLTRESSENDA ALTA PROVINCIA DI BERGAMO REGOLAMENTO COMUNALE PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (S.A.D.

COMUNE DI OLTRESSENDA ALTA PROVINCIA DI BERGAMO REGOLAMENTO COMUNALE PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (S.A.D. COMUNE DI OLTRESSENDA ALTA PROVINCIA DI BERGAMO REGOLAMENTO COMUNALE PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (S.A.D.) Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 21 del 29.09.2005

Dettagli

CARATTERISTICHE DELLA CARTA SERVIZI

CARATTERISTICHE DELLA CARTA SERVIZI CARATTERISTICHE DELLA CARTA SERVIZI La carta dei servizi è un patto che si stipula con il cliente: il patto è un impegno. Questa Carta descrive il Servizio offerto dalla Comunità Alloggio Oasi Salus e

Dettagli

SCHEMA DI CONVENZIONE D APPALTO PER IL SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI E/O ADULTI INABILI.- L anno il giorno. del mese nei locali

SCHEMA DI CONVENZIONE D APPALTO PER IL SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI E/O ADULTI INABILI.- L anno il giorno. del mese nei locali C I T T A D I E R I C E PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI All. sub B SCHEMA DI CONVENZIONE D APPALTO PER IL SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI E/O ADULTI INABILI.- L anno il giorno del mese nei locali

Dettagli

CITTA di GROTTAGLIE Provincia di Taranto CASA DI RIPOSO

CITTA di GROTTAGLIE Provincia di Taranto CASA DI RIPOSO CASA DI RIPOSO FINALITA DELLA CARTA DEI SERVIZI La carta dei servizi rappresenta uno strumento di dialogo tra gli utenti ed i servizi e l Ente erogatore dei servizi, ed è stata introdotta dalla Legge 382/2000,

Dettagli

Art.1- Oggetto Il servizio consiste nella consegna giornaliera al domicilio degli utenti di un pasto a pranzo.

Art.1- Oggetto Il servizio consiste nella consegna giornaliera al domicilio degli utenti di un pasto a pranzo. REGOLAMENTO PER IIL FUNZIIONAMENTO DEL SERVIIZIIO PASTII A DOMIICIILIIO DELL AMBIITO TERRIITORIIALE DII DALMIINE Approvatto con D..C.. C.. n.. 26 dell 8..09..2014 Art.1- Oggetto Il servizio consiste nella

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE SERVIZIO DI TRASLOCO TRASPORTO E FACCHINAGGIO ART. 1 - OGGETTO

CAPITOLATO SPECIALE SERVIZIO DI TRASLOCO TRASPORTO E FACCHINAGGIO ART. 1 - OGGETTO Servizio Sanitario Nazionale Regione dell Umbria AZIENDA UNITA SANITARIA LOCALE CAPITOLATO SPECIALE SERVIZIO DI TRASLOCO TRASPORTO E FACCHINAGGIO ART. 1 - OGGETTO Il presente Capitolato Speciale ha per

Dettagli

COLLEGIO SAN PAOLO. CONTRATTO DI ACCOGLIENZA tra Fondazione La Vincenziana Pensionato San Paolo e

COLLEGIO SAN PAOLO. CONTRATTO DI ACCOGLIENZA tra Fondazione La Vincenziana Pensionato San Paolo e FONDAZIONE LA VINCENZIANA Piazza Fontana, 2-20122 Milano COLLEGIO SAN PAOLO Via Statuto, 4 20121 MILANO tel. 02 632401 fax 02 29005961 e-mail: sanpaolo.direzione@vincenziana.it e sanpaolo.segreteria@vincenziana.it

Dettagli

AMBITO ZONA DI GALATINA PROVINCIA DI LECCE A M B I T O T E R R I T O R I A L E D I G A L A T I N A

AMBITO ZONA DI GALATINA PROVINCIA DI LECCE A M B I T O T E R R I T O R I A L E D I G A L A T I N A AMBITO ZONA DI GALATINA PROVINCIA DI LECCE A M B I T O T E R R I T O R I A L E D I G A L A T I N A CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA E DI

Dettagli

COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari

COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari REGOLAMENTO PER L ACCESSO AL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE APPROVATO CON DELIBERAZIONE C.C. N 109 DEL 11/12/14 1 INDICE ART. 1 DEFINIZIONE.. ART. 2 OBIETTIVI

Dettagli

COMUNE DI SESTO ED UNITI

COMUNE DI SESTO ED UNITI COMUNE DI SESTO ED UNITI Provincia di Cremona Gestione RSA Casa Soggiorno Nolli-Pigoli Allegato alla delibera G.C. n. 184 del 27.10.2009 CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DEI LOCALI

Dettagli

MODALITÀ DI AGGIUDICAZIONE

MODALITÀ DI AGGIUDICAZIONE Ente di diritto pubblico eretto con R.D. del 2 aprile 1866 Via Capezzuti, 2-83031 ARIANO IRPINO AV 0825 828728 0825 825777 direzione@istitutocapezzuto.it CAPITOLATO D ONERI AVVISO DI GARA MEDIANTE PROCEDURA

Dettagli

Regolamento della Residenza Santa Rita

Regolamento della Residenza Santa Rita Regolamento della Residenza Santa Rita Art.1 PREMESSA La Residenza Santa Rita è una residenza destinata ad ospitare persone anziane autosufficienti e parzialmente autosufficienti di ambo i sessi, che non

Dettagli

CAPITOLATO TECNICO (Allegato n. 3 all Avviso di selezione)

CAPITOLATO TECNICO (Allegato n. 3 all Avviso di selezione) AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI CENTRALINO, CUSTODIA, PORTINERIA, VIGILANZA AGLI STABILI DI PROPRIETÀ E IN USO ALL UNIVERSITÀ PER STRANIERI DI SIENA PARTECIPAZIONE ALLA SQUADRA DI EMERGENZE E DI PRIMO SOCCORSO

Dettagli

Regione del Veneto Istituto Oncologico Veneto Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico

Regione del Veneto Istituto Oncologico Veneto Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Regione del Veneto Istituto Oncologico Veneto Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico SERVIZIO DI VIGILANZA E VERIFICA ACCESSI PER L ISTITUTO ONCOLOGICO VENETO DI PADOVA * * * * * * CAPITOLATO

Dettagli

COMUNE DI CAVICO ASSESSORATO AI SERVIZI SOCIALI

COMUNE DI CAVICO ASSESSORATO AI SERVIZI SOCIALI COMUNE DI CAVICO ASSESSORATO AI SERVIZI SOCIALI REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE PREMESSA Il Comune di CARVICO istituisce il SAD Servizio di Assistenza Domiciliare a favore di anziani

Dettagli

Struttura residenziale per persone anziane non autosufficienti (Residenza Sanitaria Assistenziale)...3

Struttura residenziale per persone anziane non autosufficienti (Residenza Sanitaria Assistenziale)...3 Indice Allegato A - Indice Struttura residenziale per persone anziane non autosufficienti (Residenza Sanitaria Assistenziale)...3 Struttura residenziale per persone disabili gravi con attestazione di gravità

Dettagli

CAPITOLATO SERVIZIO PULIZIA IMMOBILI COMUNALI ANNI 2015/2016

CAPITOLATO SERVIZIO PULIZIA IMMOBILI COMUNALI ANNI 2015/2016 CAPITOLATO SERVIZIO PULIZIA IMMOBILI COMUNALI ANNI 2015/2016 CIG: 6052035944 - ART. 1 - Oggetto del Capitolato Costituisce oggetto della presente gara il servizio comprendente la pulizia dei seguenti immobili:

Dettagli

CITTÀ DI SAN VITO DEI NORMANNI

CITTÀ DI SAN VITO DEI NORMANNI CITTÀ DI SAN VITO DEI NORMANNI (Provincia di Brindisi) Assessorato ai Servizi Sociali Via De Gasperi - Tel. 0831-955400 Fax 0831-955429 Allegato determina n.101 /SS-2015 CAPITOLATO SPECIALE PER L APPALTO

Dettagli

PROGETTO GESTIONALE TRIENNIO 2011-2013 OPERA PIA CEPPI DI BAIROLS

PROGETTO GESTIONALE TRIENNIO 2011-2013 OPERA PIA CEPPI DI BAIROLS 1 PROGETTO GESTIONALE TRIENNIO 2011-2013 2 S O M M A R I O 1. Introduzione 2. Destinatari 3. Presa in carico 4. Metodo 5. Rilevazione dei bisogni 6. Verifica e valutazione 7. Continuità progettuale 8.

Dettagli

ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE NR. 77 DEL 29/11/2007

ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE NR. 77 DEL 29/11/2007 C O M U N E DI N O R M A Piazza I Maggio, 13 04010 Tel. 0773/352808 Fax 0773/354186 www.comunedinorma.it P.I. 00125240598 SETTORE 3: POLITICHE SOCIALI E CULTURALI REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA

Dettagli

DISCIPLINARE DI FORNITURA DEL SERVIZIO DI STAMPA DI LOCANDINE E MANIFESTI PER PROMOZIONE EVENTI FINALI NELL AMBITO DEL PROGETTO ALP CAMPUS GIOVANI

DISCIPLINARE DI FORNITURA DEL SERVIZIO DI STAMPA DI LOCANDINE E MANIFESTI PER PROMOZIONE EVENTI FINALI NELL AMBITO DEL PROGETTO ALP CAMPUS GIOVANI DISCIPLINARE DI FORNITURA DEL SERVIZIO DI STAMPA DI LOCANDINE E MANIFESTI PER PROMOZIONE EVENTI FINALI NELL AMBITO DEL PROGETTO ALP CAMPUS GIOVANI FINANZIATO DALL U.P.I. ALL INTERNO DEL PROGRAMMA AZIONE

Dettagli

Servizio di Assistenza. Domiciliare. Una mano tesa alla famiglia

Servizio di Assistenza. Domiciliare. Una mano tesa alla famiglia Servizio di Assistenza Domiciliare Una mano tesa alla famiglia Carta del Servizio 1 SOMMARIO Perché una Carta del Servizio?... 3 Presentazione del servizio... 3 Organizzazione del servizio... 4 Tariffe...

Dettagli

INDICE. IL CENTRO DIURNO GARIBALDI nel dettaglio

INDICE. IL CENTRO DIURNO GARIBALDI nel dettaglio INDICE IL CENTRO DIURNO GARIBALDI nel dettaglio 1. Dove siamo pag. 3 2. Chi siamo pag. 3 3. Orari e giorni di apertura del centro pag. 5 4. Pernottamento pag. 6 5.Trasporto con mezzo e accompagnatore pag.

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE C O M U N E D I N E R V I A N O (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE P R E M E S S A Il presente Regolamento del Servizio di Assistenza Domiciliare si ispira

Dettagli

Città di Giaveno. Residenza per Anziani Silvana Ramello PROGETTO GESTIONALE

Città di Giaveno. Residenza per Anziani Silvana Ramello PROGETTO GESTIONALE Città di Giaveno Residenza per Anziani Silvana Ramello PROGETTO GESTIONALE 1 Ia Città di Giaveno, ai sensi e per gli effetti della legge regionale n 20 del 23//8/1982, istituisce la RESIDENZA PER ANZIANI

Dettagli

FAC-SIMILE SCHEMA DI CONTRATTO DI SUBAPPALTO

FAC-SIMILE SCHEMA DI CONTRATTO DI SUBAPPALTO FAC-SIMILE SCHEMA DI CONTRATTO DI SUBAPPALTO L Impresa con sede legale in Via n C.F. n. P. I.V.A. nella persona del legale rappresentate nato a il, in appresso per brevità denominata APPALTATORE E L Impresa

Dettagli

COME DIFENDERSI DAGLI ABUSI

COME DIFENDERSI DAGLI ABUSI COME DIFENDERSI DAGLI ABUSI La legge è veramente uguale per tutti? Non sembra che sia uguale quando si tratta di rispettare il ruolo istituzionale dell infermiere. Quando si deve decidere chi debba svolgere

Dettagli

CENTRO RESIDENZIALE PER ANZIANI

CENTRO RESIDENZIALE PER ANZIANI (Estratto dalla CARTA DEI SERVIZI RESIDENZIALI approvata dal Consiglio Comunale con deliberazione n. 69 del 29/09/2010, esecutiva ai sensi di legge) CENTRO RESIDENZIALE PER ANZIANI FINALITA DEL CENTRO

Dettagli

Deliberazione n. 253

Deliberazione n. 253 Protocollo RC n. 8367/13 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 22 MAGGIO 2013) L anno duemilatredici, il giorno di mercoledì ventidue del mese di maggio, alle ore

Dettagli

CAPITOLATO D ONERI PER L AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE SERVIZI DI EMERGENZA ABITATIVA DI RILEVANZA SOCIALE

CAPITOLATO D ONERI PER L AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE SERVIZI DI EMERGENZA ABITATIVA DI RILEVANZA SOCIALE CAPITOLATO D ONERI PER L AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE SERVIZI DI EMERGENZA ABITATIVA DI RILEVANZA SOCIALE Attività fondamentali - Servizio sportello per l emergenza abitativa - Servizi attività di Portineria

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA (ADI) AGLI ANZIANI

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA (ADI) AGLI ANZIANI COMUNE DI VILLABATE PROV. DI PALERMO ALLEGATO ALLA DELIBERA COMMISSARIALE N. DEL REGOLAMENTO DEL SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA (ADI) AGLI ANZIANI (Legge 9.5.1986 n.22; Decreto Presidenziale

Dettagli

Concessione del servizio di gestione dell asilo nido aziendale dell Agenzia delle Entrate situato in Bologna, Via Marco Polo, 60 CIG: 2795484A5D

Concessione del servizio di gestione dell asilo nido aziendale dell Agenzia delle Entrate situato in Bologna, Via Marco Polo, 60 CIG: 2795484A5D Direzione Regionale dell Emilia Romagna Settore Gestione Risorse Ufficio Risorse materiali Concessione del servizio di gestione dell asilo nido aziendale dell Agenzia delle Entrate situato in Bologna,

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI ZOGNO REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE 1 TITOLO I NORME GENERALI DEL SERVIZIO Art. 1 Campo di intervento Il Comune di Zogno, nell ambito del Servizio Assistenza, eroga le prestazioni

Dettagli

Comune di Galatina. Provincia di Lecce *********** GESTIONE DEL SERVIZIO DI AFFISSIONE MANIFESTI NEL TERRITORIO DEL COMUNE DI GALATINA E FRAZIONI

Comune di Galatina. Provincia di Lecce *********** GESTIONE DEL SERVIZIO DI AFFISSIONE MANIFESTI NEL TERRITORIO DEL COMUNE DI GALATINA E FRAZIONI GESTIONE DEL SERVIZIO DI AFFISSIONE MANIFESTI NEL TERRITORIO DEL COMUNE DI GALATINA E FRAZIONI CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO ART. 1 OGGETTO DELL APPALTO Oggetto dell Appalto è il Servizio di affissione

Dettagli

Residenza Sanitaria Assistenziale. Vivere Insieme Quarenghi

Residenza Sanitaria Assistenziale. Vivere Insieme Quarenghi Residenza Sanitaria Assistenziale Vivere Insieme Quarenghi Il gruppo di lavoro La struttura è organizzata in settori, a ciascuno dei quali è assegnata una organica dotazione, qualitativa e quantitativa,

Dettagli

COMUNE DI CASTELFRANCO VENETO

COMUNE DI CASTELFRANCO VENETO COMUNE DI CASTELFRANCO VENETO ********** Allegato sub A alla deliberazione C.C. n. 69 del 26 maggio 2003 REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ART. 1 CARATTERISTICHE E OBIETTIVI DEL SERVIZIO

Dettagli

I S M A ISTITUTI DI S. MARIA IN AQUIRO Roma - Via della Guglia n. 69/b

I S M A ISTITUTI DI S. MARIA IN AQUIRO Roma - Via della Guglia n. 69/b I S M A ISTITUTI DI S. MARIA IN AQUIRO Roma - Via della Guglia n. 69/b... ESTRATTO DI VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE Il Consiglio di Amministrazione, nominato con Decreto del

Dettagli

Lo sportello Unico Socio Sanitario Integrato Servizi Domiciliari

Lo sportello Unico Socio Sanitario Integrato Servizi Domiciliari Lo sportello Unico Socio Sanitario Integrato Servizi Domiciliari Consorzio Intercomunale per la gestione dei servizi socio-assistenziali dell Ovestticino (Comune di Cameri, Cerano, Galliate, Romentino,

Dettagli

REGOLAMENTO PER MINI ALLOGGI PROTETTI

REGOLAMENTO PER MINI ALLOGGI PROTETTI FONDAZIONE CONTE C.BUSI ONLUS Via Formis, 4 26041 Casalmaggiore (CR) REGOLAMENTO PER MINI ALLOGGI PROTETTI Art. 1 Definizione e finalità I mini alloggi protetti, definiti come insieme di alloggi aventi

Dettagli

DISCIPLINARE PER L ACCREDITAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

DISCIPLINARE PER L ACCREDITAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE DISCIPLINARE PER L ACCREDITAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE - SAD - Servizio di assistenza domiciliare - ADH - Servizio educativo domiciliare disabili - SED - Servizio educativo minori Art.

Dettagli

CITTA DI CONEGLIANO (PROVINCIA DI TREVISO)

CITTA DI CONEGLIANO (PROVINCIA DI TREVISO) CITTA DI CONEGLIANO (PROVINCIA DI TREVISO) REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE - Approvato con del. C.C. n. 12-65 del 13.12.2007, pubblicata il 4.01.2008; - Data entrata in vigore: 4.01.2008.

Dettagli

QUANTO MI COSTA LA COLF

QUANTO MI COSTA LA COLF Quanto mi costa la colf? NEWS QUANTO MI COSTA LA COLF Chi decide di assumere una colf (o una badante) deve sostenere una serie di costi, che vanno dal corrispettivo della prestazione (con eventuali indennità

Dettagli

CONTRATTO E REGOLAMENTO CENTRO DIURNO COOP. SOC. CAVA

CONTRATTO E REGOLAMENTO CENTRO DIURNO COOP. SOC. CAVA CONTRATTO E REGOLAMENTO CENTRO DIURNO COOP. SOC. CAVA Art. 1 Finalità Il Centro Diurno della Cooperativa sociale Cava è una struttura socio-sanitaria d accoglienza diurna destinata a persone anziane in

Dettagli

ALLEGATO C DESCRIZIONE DEI SERVIZI

ALLEGATO C DESCRIZIONE DEI SERVIZI BANDO DI INDIZIONE DI SELEZIONE PUBBLICA, FINALIZZATA ALL'INDIVIDUAZIONE DI SOGGETTI DEL TERZO SETTORE DISPONIBILI ALLA CO-PROGETTAZIONE PER INTERVENTI INNOVATIVI E SPERIMENTALI NEL SETTORE DEI SERVIZI

Dettagli

1. Quali sono le procedure per aprire una struttura che presta servizi socioassistenziali? 3. Quali sono le strutture socioassistenziali per minori?

1. Quali sono le procedure per aprire una struttura che presta servizi socioassistenziali? 3. Quali sono le strutture socioassistenziali per minori? 1. Quali sono le procedure per aprire una struttura che presta servizi socioassistenziali? Le procedure per aprire una struttura socioassistenziale sono definite dalla normativa regionale. Il rappresentante

Dettagli

CAPITOLATO PER L APPALTO DEL SERVIZIO DI PULIZIE GENERALI INTERNE/ESTERNE E GUARDIANIA Rif. Gara informale n. 012010

CAPITOLATO PER L APPALTO DEL SERVIZIO DI PULIZIE GENERALI INTERNE/ESTERNE E GUARDIANIA Rif. Gara informale n. 012010 Allegato 1 CAPITOLATO PER L APPALTO DEL SERVIZIO DI PULIZIE GENERALI INTERNE/ESTERNE E GUARDIANIA Rif. Gara informale n. 012010 ART. 1 OGGETTO DELL APPALTO L appalto ha per oggetto l affidamento da parte

Dettagli

DISTRETTO SOCIO-SANITARIO n. 15 L. 328/00 PATTO PER LA GESTIONE DI INTERVENTI DOMICILIARI AI DISABILI. L anno il giorno del mese nei locali

DISTRETTO SOCIO-SANITARIO n. 15 L. 328/00 PATTO PER LA GESTIONE DI INTERVENTI DOMICILIARI AI DISABILI. L anno il giorno del mese nei locali DISTRETTO SOCIO-SANITARIO n. 15 L. 328/00 COMUNi: BRONTE MALETTO MANIACE E RANDAZZO Allegato : C PATTO PER LA GESTIONE DI INTERVENTI DOMICILIARI AI DISABILI L anno il giorno del mese nei locali, in via

Dettagli