Il VALORE CREATO DAI CAF Indagine sui Centri Autorizzati di Assistenza Fiscale in Italia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il VALORE CREATO DAI CAF Indagine sui Centri Autorizzati di Assistenza Fiscale in Italia"

Transcript

1

2 Il VALORE CREATO DAI CAF Indagine sui Centri Autorizzati di Assistenza Fiscale in Italia di Mauro Salvato 1 1 Docente di Reti interorganizzative presso il Dipartimento di Scienze Politiche, Giuridiche e Studi internazionali dell Università di Padova.

3 SOMMARIO L origine dei CAF... 3 Natura giuridica e obblighi dei CAF... 4 La rete dei CAF... 6 I servizi offerti dai CAF... 8 Il prodotto dei CAF I vantaggi e i costi per i cittadini I vantaggi e i costi per le pubbliche amministrazioni La gestione economica dei CAF Conclusioni Allegato 1 Elenco dei CAF autorizzati Allegato 2 Dati statistici sull attività dei CAF

4 L ORIGINE DEI CAF Nel 1993 il Presidente della Repubblica di allora, Oscar Luigi Scalfaro, definì lunare il modello 740 per la dichiarazione dei redditi delle persone fisiche, per la sua incomprensibilità, interpretando la diffusa insoddisfazione dei cittadini nei confronti del sistema fiscale dello Stato italiano, percepito come complicato, iniquo e vessatore. In quello stesso anno presero avvio operativamente i Centri Autorizzati di Assistenza Fiscale (d ora in poi CAF), istituiti nel 1991, in un contesto caratterizzato, allora come ora, da: - crescente complicazione normativa, dovuta al fatto che il legislatore italiano non si pone il problema dell impatto organizzativo delle norme fiscali che approva a ritmo vertiginoso, non tenendo conto che in un sistema complicato è più facile sbagliare, ma anche aggirare le norme; - elevata evasione ed elusione fiscale, soprattutto in alcune aree del paese e in alcune fasce sociali più a rischio (in proposito, l Agenzia delle Entrate ha elaborato di recente una mappa dei tipi di comportamento fiscale ricorrenti nelle varie aree del paese); - cultura del sospetto e del controllo, che da sempre caratterizza l Amministrazione finanziaria italiana, anche come conseguenza dell elevata propensione all evasione e all elusione, che difficilmente avrebbe potuto essere riconvertita in una cultura del servizio al cittadino. Si viene così a creare un circolo vizioso in cui la crescente complicazione normativa induce maggiore elusione ed evasione, che induce a chiedere norme più rigide, controlli più stringenti e sanzioni più severe, che aumentano la complicazione in una spirale senza fine. Senza tenere conto che i controlli, sovente, hanno un costo maggiore delle sanzioni effettivamente introitate, a causa della lentezza dell iter dei ricorsi e del rischio di prescrizione. Ad aggravare ulteriormente il quadro allora si aggiungevano i disservizi dovuti alla farraginosità e alla lentezza delle procedure burocratiche, come quella dei rimborsi, allora fatti dalla Banca d Italia, per i quali bisognava attendere anni. Questo alimentava la profonda insoddisfazione e mancanza di fiducia dei cittadini nello Stato. Inoltre, va ricordato, che all epoca le dichiarazioni erano in forma cartacea, il che comportava ingentissimi costi di acquisizione ed elaborazione dei dati (servizi dati in appalto) e un elevato margine di errore: circa il 70% delle dichiarazioni di allora conteneva errori, per lo più materiali, che erano sanzionati in modo pesante, creando forte malumore fra i contribuenti. Tutto questo 20 anni fa. Nel 1991, il Governo italiano, con l allora Ministro delle Finanze Rino Formica, compì la scelta di avvalersi della intermediazione dei CAF promossi dalle associazioni di categoria e dai sindacati, e in seguito anche dei professionisti, quale rete di erogazione dei servizi fiscali, con l intento di migliorare il servizio ai contribuenti e di rendere più efficace la lotta all evasione e all elusione fiscale. Inizialmente, la scelta fu accolta con freddezza, se non osteggiata per motivi diversi, sia dalle associazioni datoriali che da quelle sindacali, ma anche dall Amministrazione finanziaria, da cui fu percepita come una sottrazione di funzioni. In seguito, le resistenze furono superate dalle parti sociali, che videro nei CAF uno strumento di lotta all evasione e un opportunità per rendere un servizio ai propri associati. Anche l Amministrazione finanziaria arrivò a condividere pienamente le scelte compiute, perché consentirono di valorizzare il ruolo e la professionalità della stessa. Nel 1992 fu emanato il Regolamento concernente l'assistenza fiscale ai lavoratori dipendenti e assimilati da parte dei sostituti di imposta e dei centri autorizzati di assistenza fiscale. Nel 1993 furono costituiti i primi CAF e si fece la prima dichiarazione con il modello 730 (per i redditi del 1992), semplificato rispetto al precedente modello 740, ideato dall'allora Segretario genera 3

5 le del Ministero delle Finanze Giorgio Benvenuto 2, allo scopo di provvedere in tempi rapidi al rimborso delle imposte a favore dei dipendenti e pensionati mediante il sostituto d'imposta. Nel 1997 fu introdotto il visto di conformità, che implica il riscontro da parte del CAF che se ne assume la responsabilità della corrispondenza dei dati esposti nella dichiarazione alle risultanze della relativa documentazione e alle disposizioni che disciplinano gli oneri deducibili e detraibili, le detrazioni e i crediti d'imposta, lo scomputo delle ritenute d'acconto. Questo consentì all Amministrazione finanziaria di fare controlli a campione. Nel 1998 fu introdotta la trasmissione telematica delle dichiarazioni dei redditi, che poté essere realizzata grazie ai CAF e ai professionisti, i quali furono indotti ad attrezzarsi tecnologicamente, assorbendo così l impatto sui contribuenti. E parere unanime che senza i CAF questa scelta sarebbe stata impraticabile, dato il bassissimo livello di diffusione dell informatica allora fra i cittadini. Nel 1999 fu istituita l Agenzia delle Entrate, divenuta operativa nel 2001, quale struttura distinta ed autonoma dal Ministero delle Finanze, che riunì gli uffici competenti sui vari tipi di imposta (Ufficio delle Imposte dirette, Ufficio del Registro, Ufficio IVA, Intendenza di Finanza), rendendo l organizzazione più integrata ed efficiente a beneficio del contribuente, che venne così ad avere un unico interlocutore che gestisce la sua intera posizione fiscale. Alla fine degli anni 90 anche l INPS iniziò ad avvalersi della rete dei CAF, trasferendo ad essi l assistenza alla compilazione e trasmissione dei RED ed, in seguito, di analoghe dichiarazioni di responsabilità relative all ISEE (Indicatore della Situazione Economica Equivalente), all invalidità civile e alla pensione sociale (modelli ICRIC, ICLAV, ACCAS/PS). A differenza dell Agenzia delle Entrate, che esternalizzò in toto la rete di erogazione dei servizi, l INPS continuò a mantenere la propria rete di sportelli di servizi, anche se la maggioranza degli utenti si rivolge ai CAF, per le dichiarazioni di responsabilità relative ai redditi posseduti, o ai Patronati, per le prestazioni previdenziali e assicurative 3. Il quadro si completa nel 2002 con la costituzione della Consulta Nazionale dei CAF, organismo di coordinamento dei CAF ad essa aderenti (l 85% di quelli autorizzati, che producono il 98% dei 730), che si pone come interlocutore unitario dell Agenzia delle Entrate e dell INPS, con i quali collabora nella ricerca delle soluzioni ai problemi tecnici riguardanti l'esercizio delle attività da svolgere, al fine di dare coerenza di comportamento, in particolare in materia di interpretazione normativa, esame di procedure informatiche e telematiche, definizione di standard minimi di qualità. 4 NATURA GIURIDICA E OBBLIGHI DEI CAF I Centri Autorizzati di Assistenza Fiscale (CAF), come già detto, sono stati istituiti dalla Legge 30/12/1991, n. 413, art. 78, con funzioni di esercizio dell attività di assistenza fiscale ai contribuenti. I CAF possono essere costituiti da associazioni, istituite da almeno dieci anni, rientranti in uno dei seguenti gruppi: associazioni sindacali di categoria tra imprenditori, organizzazioni sindacali dei la 2 Benvenuto era stato in precedenza Segretario generale della UIL. 3 Va ricordato che in Italia esiste dal 1946 una rete di enti capillarmente diffusa su tutto il territorio nazionale i Patronati che svolgono un funzione di intermediazione fra i lavoratori/pensionati e gli enti previdenziali, finanziata con una quota dei contributi previdenziali versata dai lavoratori e dai datori di lavoro. 4 La Consulta ha come finalità portare a sistema i CAF, valorizzandone il ruolo di soggetti intermedi fra i cittadini e l'amministrazione Pubblica, quella Finanziaria in particolare, offrendo a queste garanzia di correttezza, serietà e professionalità e al Cittadino tutela, qualità del servizio, assunzione di responsabilità, equità di trattamento. Alla Consulta possono aderire i CAF regolarmente autorizzati dal Ministero delle Finanze, che accettano e si impegnano a rispettarne il regolamento, il codice deontologico e la carta dei valori 4

6 voratori dipendenti e dei pensionati od organizzazioni territoriali da esse delegate, associazioni di lavoratori promotrici di istituti di patronato riconosciuti, associazioni di professionisti, che sia rappresentate nel CNEL o, comunque, abbiano rilevanza nazionale in relazione al numero di aderenti (almeno ) ed al territorio in cui svolgono la loro attività (almeno 30 province). I CAF sono costituiti in forma di società di capitali, con un capitale minimo di ,69 (pari a 100 milioni di lire), che operano su autorizzazione dell Agenzia delle Entrate, a seguito di approfondita verifica della sussistenza dei requisiti occorrenti per il corretto svolgimento dell'attività di assistenza fiscale, mediante ispezioni presso la sede e gli uffici periferici dei CAF, nonché delle società di servizi con essi convenzionate, da parte delle Direzioni Regionali delle Entrate. I CAF hanno un organizzazione distinta ed autonoma da quella dell associazione promotrice, che fa capo ad un Responsabile dell'assistenza fiscale (RAF) iscritto all'albo dei dottori commercialisti o in quello dei ragionieri liberi professionisti; hanno propri dipendenti, sedi, attrezzature, costi propri di una qualsiasi azienda; sono soggetti alla tenuta delle scritture contabili, alla presentazione delle dichiarazioni dei redditi, al deposito del bilancio certificato; sono dotati di un collegio di revisori; devono stipulare una polizza assicurativa della responsabilità civile con un massimale adeguato al numero dei contribuenti assistiti e al numero dei visti di conformità rilasciati, e comunque non inferiore a ,80 (pari a 2 miliardi di lire), al fine di garantire agli utenti il risarcimento dei danni eventualmente provocati dall'assistenza fiscale prestata 5. I CAF, come ogni società, sono regolarmente iscritti alla Camera di Commercio, quindi gli statuti, i bilanci, gli assetti societari e la composizione del capitale sociale sono pubblici. Inoltre, le società autorizzate all'esercizio dell'attività di assistenza fiscale sono iscritte all Albo dei CAF, dal quale risultano gli amministratori, che devono avere determinati requisiti di legge, il numero delle società convenzionate, delle sedi operative, dei centri di raccolta aperti tutto l anno e stagionalmente. La normativa distingue due categorie di centri di assistenza fiscale: CAF imprese e CAF dipendenti. I CAF imprese prestano l attività di assistenza fiscale a favore delle imprese aderenti alle associazioni imprenditoriali che ne hanno promosso la costituzione, nonché a favore dei soci di società di persone e dei partecipanti all impresa familiare. Questo tipo di CAF, unitamente ai professionisti contabili, rilasciano il visto di conformità che attesta la corrispondenza dei dati contenuti nella dichiarazione rispetto alle scritture contabili e di queste alla documentazione contabile; l asseverazione che certifica che gli elementi rilevanti ai fini dell applicazione degli studi di settore corrispondano a quanto emerge dal corredo contabile del contribuente; la certificazione tributaria, che attesta l esatta applicazione delle norme tributarie sostanziali, a seguito dell esplicazione di una serie di controlli ed attività. I CAF dipendenti prestano assistenza fiscale ai contribuenti titolari di reddito di lavoro dipendente, pensione e assimilati (es. co.co.co), che ne facciano richiesta. I CAF dipendenti controllano la dichiarazione e rilasciano il visto di conformità, comunicano all'agenzia delle Entrate in via telematica il risultato finale delle dichiarazioni; consegnano al contribuente copia della dichiarazione dei redditi elaborata e il relativo prospetto di liquidazione; trasmettono in via telematica all'agenzia delle entrate le dichiarazioni predisposte; conservano copia delle dichiarazioni e dei relativi prospetti di liquidazione, le schede relative alle scelte per la destinazione dell'8 per mille, nonché, dal 2014, copia di tutta la documentazione esibita dal contribuente 6. L Agenzia delle Entrate effettua regolarmente controlli a campione della correttezza formale delle dichiarazioni, in base a precisi criteri selettivi. In caso di controllo o di richiesta di documenti e di 5 Le imprese di assicurazione devono dare immediata comunicazione all'agenzia delle Entrate di ogni circostanza che comporti il venir meno della garanzia assicurativa. 6 L analisi successiva sarà limitata ai CAF dipendenti, in quanto ricevono un compenso dalle PP.AA. per l attività svolta. 5

7 chiarimenti al contribuente, viene contestualmente informato anche il responsabile dell'assistenza fiscale o il professionista che ha rilasciato il visto di conformità. E opportuno ricordare che dal 2006 la presentazione dei modelli 730 non rappresenta più un attività esclusiva dei CAF, ma può essere effettuata anche dai professionisti abilitati, che godono dei medesimi compensi spettanti per le attività legate alla elaborazione dei modelli 730. Questo a seguito dell intervento della corte di Giustizia europea (30/03/2003), che a seguito di ricorso di associazioni di professionisti, si è pronunciata sulla legittimità della normativa italiana ritenendo che tale normativa non fosse idonea a garantire l interesse pubblico alla tutela dei destinatari dei servizi in parola. Pertanto, poiché la normativa italiana in materia comprimeva in modo ingiustificato le libertà fondamentali di stabilimento e libera prestazione di servizi sanciti dagli artt. 43 e 49 del Trattato, fu ritenuta in insanabile contrasto con il diritto comunitario 7. Infine, va ricordato che, oltre ai CAF, è previsto che anche i Sostituti d Imposta (enti ed aziende pubbliche e private che abbiano almeno dipendenti, abilitati alla trasmissione telematica) possano assistere i loro dipendenti nella compilazione e trasmissione del modello 730, però senza la responsabilità di apporre il visto di conformità, che invece hanno i CAF. Per questo servizio i Sostituti d imposta ricevono un compenso di poco inferiore a quello dei CAF. LA RETE DEI CAF Ad oggi, nella primavera del 2014, in Italia sono presenti 80 CAF, di cui 69 aderiscono alla Consulta Nazionale dei CAF. La tabella seguente riporta la distribuzione degli stessi fra le varie categorie. Tabella 1 CAF autorizzati per tipo di associazioni promotrice CAF dei Sindacati dei dipendenti e dei pensionati 32 CGIL 15 CISL 1 UIL 1 Altre sigle sindacali 11 Dipendenti e pensionati 4 CAF delle associazioni imprenditoriali 27 Agricoltori 6 Artigiani 10 Commercianti 2 Industriali 9 CAF delle associazioni professionali 4 Commercialisti 2 Consulenti del lavoro 2 CAF delle associazioni dei contribuenti 3 CAF delle associazioni cattoliche 2 Altri CAF 12 Totale CAF autorizzati 80 di cui CAF aderenti alla Consulta 69 di cui CAF non aderenti alla Consulta 11 7 Giuliano Amato, Nota sul finanziamento diretto e indiretto del sindacato, Rassegna Parlamentare n , Istituto per la Documentazione e gli Studi Legislativi. 6

8 I CAF hanno una estesa rete di sedi e sportelli presenti capillarmente sul territorio nazionale in grado di assistere, anche nei tempi brevi della campagna fiscale, un grande numero di cittadini. Si stima che la rete dei CAF disponga di circa sedi aperte per l intero arco dell anno più sedi o centri di raccolta aperti nel periodo dell attività fiscale, per un totale di oltre punti di erogazione diffusi su tutto il territorio nazionale 8. Personale Per lo svolgimento della loro attività i CAF più rappresentativi e le società con essi convenzionate si avvalgono complessivamente di oltre dipendenti assunti a tempo indeterminato ai quali si aggiungono circa lavoratori stagionali, che ogni anno lavorano per almeno 3 mesi durante la campagna fiscale, per un totale di circa tempi pieni equivalenti (fra dipendenti stabili e stagionali rapportati ad anno). Soprattutto in un momento di difficoltà economica ed occupazionale come questa, i CAF rappresentano una occasione di reddito per migliaia di ragazzi e ragazze e un primo approccio con il mondo del lavoro. Si stima che i CAF, per la loro attività, corrispondano annualmente circa 400 milioni di euro di stipendi a dipendenti e collaboratori 9. I CAF si avvalgono di una rete di circa 800 società convenzionate, che svolgono attività di assistenza fiscale sotto il diretto controllo del CAF di riferimento, il quale se ne assume la responsabilità. Inoltre, ai CAF fa riferimento una rete di professionisti, con i quali intercorre un rapporto di lavoro autonomo e di dipendenza funzionale, che garantisce il controllo del CAF sull attività svolta, mediante l apposizione del visto di conformità e la trasmissione telematica all Agenzia delle Entrate. Tabella 2 Struttura dei CAF (stima) Sedi Numero di sedi operative aperte tutto l anno Numero di sedi o centri di raccolta aperti stagionalmente Operatori Numero di operatori a tempo pieno Numero di operatori a tempo determinato Numero totale di tempi pieni equivalenti (TPE) Strutture convenzionate Numero di società convenzionate con i CAF 800 Numero di professionisti convenzionati con i CAF Modelli organizzativi Ai fini dello svolgimento dell attività di assistenza fiscale i CAF adottano tre tipi di formule organizzative o un mix fra le stesse: 1. struttura di gestione diretta; 2. struttura di rete con società di servizi; 3. struttura di rete con professionisti. La struttura di gestione diretta è costituita da un unica società, che si avvale di propri dipendenti e collaboratori, può articolarsi in sedi operative decentrate e centri di raccolta. La sede operativa è 8 Stima basata sui dati forniti da un gruppo di 25 CAF che producono circa il 70% delle dichiarazioni, rapportato al 100%. 9 Stima formulata calcolando un costo aziendale medio per TPE di all'anno. 7

9 preposta allo svolgimento di tutto il ciclo di produzione delle attività inerenti l assistenza fiscale; il centro di raccolta si limita alle operazioni di raccolta delle dichiarazioni e della relativa documentazione, di consegna ai contribuenti delle dichiarazioni elaborate e dei prospetti di liquidazione. Tali operazioni possono essere effettuate dai CAF dipendenti anche tramite i propri soci od associati. Il rapporto con i predetti soci ed associati è regolato da apposita lettera di incarico, che prevede la riconducibilità al CAF della responsabilità dell attività svolta, la sussistenza di un rapporto di dipendenza funzionale con il CAF, l esercizio da parte del CAF del controllo sull attività che tali soggetti svolgono in nome e per conto dello stesso. La struttura di rete con società di servizi 10 è costituita dal CAF e da società di servizi con esso convenzionate, in possesso dei requisiti di legge. Le società di servizi convenzionate costituiscono sedi operative del CAF e possono avvalersi di centri di raccolta. Le attività di assistenza fiscale sono svolte comunque sotto il diretto controllo del CAF, che ne assume la responsabilità e concorre alla scelta del Responsabile fiscale della società. Il CAF svolge nei confronti delle società di servizi convenzionate funzioni di regolazione ed indirizzo mediante l emanazione di direttive operative, fornitura di applicativi sw, assistenza tecnica fiscale ed informatica, formazione del personale, controlli di primo e secondo livello. La struttura di rete con professionisti è costituita dal CAF e da professionisti, singoli o associati, in possesso dei requisiti professionali per svolgere attività di consulenza in materia fiscale, elaborazione e predisposizione delle dichiarazioni tributarie 11. Il rapporto fra il CAF, o le società con esso convenzionate, e il professionista prevede: la diretta ed immediata riconducibilità al CAF della responsabilità dell attività svolta; la sussistenza, comunque, al di là della tipologia di contratto, di un rapporto di dipendenza funzionale con il CAF; l esercizio, da parte del CAF, del controllo sui soggetti che svolgono l attività di assistenza in nome e per conto dello stesso 12. I SERVIZI OFFERTI DAI CAF I servizi offerti dai CAF possono essere suddivisi in due categorie: servizi di assistenza, svolti su committenza di Pubbliche Amministrazioni, previsti dalla normativa e/o da singole convenzioni, che definiscono gli obblighi dei CAF e dell ente, il compenso per tipo di prestazione, le forme di controllo e sanzione; servizi di consulenza, complementari o distinti dai servizi di assistenza, prestati su richiesta del contribuente, a titolo gratuito o a pagamento. 10 La struttura di rete si basa sul dettato dell art. 11, c.1, D.M. 164/99, che recita: Per lo svolgimento dell'attività di assistenza fiscale, il CAF può avvalersi di una società di servizi il cui capitale sociale sia posseduto, a maggioranza assoluta, dalle associazioni o dalle organizzazioni che hanno costituito il CAF o dalle organizzazioni territoriali di quelle che hanno costituito i CAF, ovvero sia posseduto interamente dagli associati alle predette associazioni e organizzazioni. 11 Si richiama in proposito la Circolare del Ministero delle Finanze del 17/06/1999 n. 134, in cui si precisa che per professionisti si intendono i soggetti di cui all'art. 3, comma 3, lettere a) e b), del DPR n. 322 del 1998, abilitati alla trasmissione telematica delle dichiarazioni, e precisamente: gli iscritti negli albi dei dottori commercialisti, dei ragionieri e dei periti commerciali e dei consulenti del lavoro; i soggetti iscritti alla data del 30 settembre 1993 nei ruoli dei periti ed esperti tenuti dalle camere di commercio, industria, artigianato e agricoltura per la subcategoria tributi, in possesso di diploma di laurea in giurisprudenza o in economia e commercio o equipollenti o diploma di ragioneria. 12 Ibidem. 8

10 Tabella 3 Servizi di assistenza su committenza di Pubbliche Amministrazioni Servizi Ente committente Destinatari del servizio Contenuto della prestazione Compenso erogato dall E.P. Prestazioni complementari Anno di avvio 730 precompilati Agenzia delle Entrate Lavoratori dipendenti, pensionati e assimilati Verifica della corrispondenza dei dati esposti nella dichiarazione alla documentazione esibita e rilascio del visto di conformità. Stampa e consegna ai contribuenti della dichiarazione e del prospetto di liquidazione delle imposte. Comunicazione ai sostituti d imposta, per il tramite dell Agenzia delle entrate, del risultato contabile della dichiarazione ai fini del conguaglio in sede di ritenuta acconto. Invio telematico all Agenzia delle Entrate dei dati contenuti nella dichiarazione e del prospetto di liquidazione entro scadenze tassative. Conservazione di copia della dichiarazione, del prospetto di liquidazione e della documentazione. 14 per dichiarazione singola 26 per dichiarazioni congiunte Fino al 2011 era previsto anche un contributo per la trasmissione telematica di 1,05 a 730, poi abolito. E previsto l adeguamento ISTAT, sospeso dal 2011 al Consulenza alla compilazione della dichiarazione, a pagamento. Bollettini o dichiarazioni ICI/IMU/TASI, a pagamento. Assistenza gratuita per l eventuale contenzioso fiscale RED INPS Titolari di pensione Verifica della correttezza formale della dichiarazione. Stampa e consegna della ricevuta. Invio telematico della dichiarazione all INPS. Eventuale verifica documentale (RED asseverato). Da 3,27 a 9,60 a pratica in base ai componenti del nucleo familiare e all eventuale controllo documentale (asseverazione). Assistenza gratuita alla compilazione della dichiarazione ISEE INPS Comuni Università Altri EEPP Contribuenti Assistenza al contribuente durante la compilazione del modello Dichiarazione Sostitutiva Unica (DSU). Invio telematico all INPS e consegna di copia della DSU al contribuente. Da 8 a 13,20 a pratica in base ai componenti del nucleo familiare. Assistenza gratuita alla compilazione della modulistica dell ente erogatore ICRIC ICLAV ACCAS/PS 13 INPS Titolari di indennità di accompagnamento o di frequenza, assegno mensile di invalidità, assegno o pensione sociale Verifica dei periodi per cui non vi è diritto all indennità per ricovero, lavoro, frequenza scolastica, soggiorno all estero. Stampa e consegna di copia della dichiarazione. Invio telematico all INPS entro 72 ore dall acquisizione del modello. 6,88 a pratica Assistenza gratuita alla compilazione della modulistica Dichiarazioni di responsabilità relativa all invalidità civile e alla pensione sociale. 9

11 Tabella 4 Servizi di consulenza su richiesta dei contribuenti Servizi Ente di riferimento Destinatari del servizio Contenuto della prestazione Tariffe Prestazioni complementari Anno di avvio 730 Unico Agenzia delle Entrate Contribuenti titolari di redditi diversi Consulenza per la compilazione della dichiarazione. Apposizione del visto di conformità, su richiesta. Trasmissione telematica all Agenzia delle entrate. Tariffa variabile da un minimo di 15 ad un massimo di 60. No contributi pubblici. Stampa bollettini o dichiarazioni ICI/IMU/TASI 1993 ICI IMU TASI Comuni Proprietari di casa. Affittuari (per la TASI) Compilazione bollettino o F24 Dichiarazione di variazione Tariffa a bollettino variabile da un minimo di 5 ad un massimo di 12. No contributi pubblici. Prestazione accessoria della dichiarazione dei redditi ICI fino al 2011 IMU dal 2012 TASI dal 2014 Contenzioso fiscale Agenzia delle Entrate Contribuenti che hanno fatto la dichiarazione presso il CAF IL CAF assiste i propri utenti limitatamente all attività svolta e agli errori fatti dal CAF, in caso di controllo dell Agenzia delle Entrate. Qualora l Agenzia non consideri esaustiva la documentazione fornita, il CAF ha 30 gg. per rispondere. Assistenza gratuita La gestione del contenzioso è un servizio connesso alla dichiarazione dei redditi 1993 Bonus sociali INPS Comuni Università Bonus maternità (INPS) Asili nido (Comuni) Bonus gas energia (Comuni) Diritto allo studio (Università). Compilazione della domanda da presentare all ente competente per l accesso al bonus o alla agevolazione tariffaria, per cui si richiede l ISEE. Servizio a titolo gratuito o a pagamento a seconda della convenzione con l ente. Assistenza alla compilazione dell ISEE In base all anno di introduzione del bonus CUD INPS Contribuenti tenuti ad allegare il CUD alla dichiarazione dei redditi I CUD possono essere scaricati e stampati autonomamente dai contribuenti dal sito dell INPS, oppure può esserne richiesta la stampa a INPS, CAF, Patronati, Sindacati pensionati, Poste. Servizio a titolo gratuito presso INPS, CAF, Patronati, Sindacati Pensionati. A pagamento alle Poste (2,82 ) No contributi pubblici. Il CUD viene stampato dai CAF in fase di dichiarazione dei redditi, di cui costituisce una prestazione accessoria Successioni Uff. Registro Eredi Adempimenti di legge. Voltura catastale. Tariffa in media sui 400, inferiore a quelle mediamente chieste dai notai. Eventuale pratica di pensione di reversibilità a cura del Patronato Colf e assistenti familiari INPS Nucleo familiare datore di lavoro. Colf o Assistente familiare dipendente Gestione del rapporto di lavoro: assunzione, variazioni, chiusura. Predisposizione busta paga. Predisposizione bollettini di pagamento contributi previdenziali. Invio telematico dei modelli MAV all INPS. Tariffa variabile da un minimo di 60 ad un massimo di 150 Servizio globale

12 IL PRODOTTO DEI CAF In questo paragrafo vengono presi esame i dati sulle principali attività dei CAF e alcuni dati sui controlli. L analisi è limitata ai prodotti per i quali i CAF ricevono un compenso dalle pubbliche amministrazioni di riferimento Agenzia delle Entrate e INPS che costituiscono la fonte certa dei dati. Non viene presa in esame la componente di mercato dell attività, in quanto l offerta è variabile da CAF a CAF. L analisi è riferita al periodo , in quanto i dati relativi alle principali prestazioni sono disponibili per questo periodo (730, ISEE, RED). E dai primi del 2000, infatti, che l attività dei CAF assume la sua attuale fisionomia. Dichiarazioni 730 Il numero dei 730 prodotti annualmente dai CAF è passato dagli 10,7 milioni del 2003 ai quasi 18 milioni del 2013, con un aumento del 68%. Nel periodo l andamento della produzione è stato un po altalenante, per poi riprendere a crescere in modo costante dal 2008 al Questo aumento è sostanzialmente dovuto all aumento degli adempimenti connessi alla dichiarazione 730. Le dichiarazioni fatte dai Sostituti d Imposta abilitati sono circa 1,5 milioni. I professionisti abilitati a partire dal 2006 alla trasmissione telematica si attestano sulle dichiarazioni nel Complessivamente, quindi, i 730 trasmessi telematicamente all Agenzia delle Entrate raggiungono quasi i 20 milioni di dichiarazioni. Grafico 1 N. dichiarazioni 730 prodotte dai CAF ( ) La distribuzione della produzione per categoria vede i CAF dei sindacati di dipendenti e pensionati, compresi gli autonomi, produrre poco meno della metà dei 730. CGIL, CISL, UIL incidono per il 39%. La CGIL è la prima sigla, se si considera il consolidato dei 15 CAF regionali che ad essa fanno riferimento. Le associazioni imprenditoriali producono circa un quarto delle dichiarazioni e vedono ai primi posti i CAF delle associazioni degli artigiani e degli agricoltori, seguiti da quelli dei commercianti e degli industriali. Le organizzazioni professionali dei commercialisti e dei consulenti del lavoro incidono per circa l 11%. Le associazioni cattoliche per circa il 10%, quelle dei contribuenti per il 5%. 14 I professionisti concentrano maggiormente la loro attenzione sul modello unico, che contempla una varietà di redditi e richiede una consulenza più complessa e remunerativa. 11

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA PER CHI E PREDISPOSTA COSA OCCORRE PER VISUALIZZARLA QUANDO E ONLINE I DATI PRESENTI NELLA DICHIARAZIONE MODIFICA E PRESENTAZIONE I VANTAGGI DEL MODELLO PRECOMPILATO Direzione

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate

Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Legnano, 21/04/2015 Alle imprese assistite Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Come noto, ai sensi dell art. 1, D.Lgs. n. 175/2014, Decreto c.d. Semplificazioni,

Dettagli

NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR

NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR Nell'ambito degli interventi sul prelievo fiscale, la finanziaria 2008 (legge 24 dicembre 2007, n. 244),

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it COLF E BADANTI Lo sportello Colf e Badanti del Caf Cisl nasce per fornire alle famiglie tutta l assistenza necessaria per la gestione del rapporto di lavoro di colf, assistenti familiari, baby sitter,

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Protocollo n. 195080/2008 Approvazione del formulario contenente i dati degli investimenti in attività di ricerca e sviluppo ammissibili al credito d imposta di cui all articolo 1, commi da 280 a 283,

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO BANDO PUBBLICO N. 2 PER IL FINANZIAMENTO DI PERCORSI FORMATIVI INDIVIDUALI MEDIANTE ASSEGNAZIONE

Dettagli

Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24

Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24 A cura di Raffaella Pompei, dottore commercialista, funzionario dell Ufficio fiscale Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24 Il Decreto Renzi ha ampliato i casi in cui è necessario

Dettagli

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 febbraio 2015 OGGETTO: IVA. Ambito soggettivo di applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti Articolo 1, comma 629, lettera b), della

Dettagli

Comune di Mentana Provincia di Roma

Comune di Mentana Provincia di Roma BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI INTEGRATIVI A SOSTEGNO DEL PAGAMENTO DEI CANONI DI LOCAZIONE ANNUALITA FINANZIARIA 2013 IL RESPONSABILE DEL SETTORE SERVIZI ALLA PERSONA - VISTO l articolo 11 della

Dettagli

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia 2 La riforma dell ISEE (Indicatore della situazione economica equivalente) rappresenta un passo fondamentale per

Dettagli

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE VISTI gli articoli 76 e 87 della Costituzione; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA VISTA la

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

Progetto di legge di iniziativa popolare: Per un fisco più equo e giusto

Progetto di legge di iniziativa popolare: Per un fisco più equo e giusto Progetto di legge di iniziativa popolare: Per un fisco più equo e giusto Negli ultimi mesi lo scenario europeo ha avuto un'evoluzione nuova e positiva. I margini di flessibilità del Fiscal Compact sono

Dettagli

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014 SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI Bologna, 22 luglio 2014 INQUADRAMENTO NORMATIVO FISCALE La nuova disciplina sulle società tra professionisti non contiene alcuna norma in merito

Dettagli

La guida del pensionato

La guida del pensionato La guida del pensionato Vuole sapere in che giorno del mese le viene pagata la pensione? Se ci sono aumenti periodici? Se le viene inviato un avviso di pagamento mensile? Cosa deve fare se ha persone a

Dettagli

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna 14 Confronto di convenienza, anche fiscale,

Dettagli

FAQ 2015 I) CHI DEVE INVIARE LA COMUNICAZIONE... 3

FAQ 2015 I) CHI DEVE INVIARE LA COMUNICAZIONE... 3 FAQ 2015 Flusso telematico dei modelli 730-4 D.M. 31 maggio 1999, n. 164 Comunicazione dei sostituti d imposta per la ricezione telematica, tramite l Agenzia delle entrate, dei dati dei 730-4 relativi

Dettagli

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA NOTE ILLUSTRATIVE PER LA DETERMINAZIONE DEI CONTRIBUTI DOVUTI IN AUTOLIQUIDAZIONE - MOD. 5/2015 (Comunicazione obbligatoria ex artt. 17 e 18 della Legge n. 576/1980, artt. 9 e 10 della legge n. 141/1992

Dettagli

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente"

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente LEGGE 27 LUGLIO, N.212 "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 177 del 31 luglio 2000 Art. 1. (Princìpi generali) 1. Le disposizioni della

Dettagli

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI 28 luglio 2014 Sommario 1 Cos è la certificazione dei crediti... 3 1.1 Quali crediti possono essere certificati... 3 1.2 A quali amministrazioni o

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 Bonus IRPEF 80 euro Nel nuovo modello 730/2015 trova spazio il bonus IRPEF 80 euro ricevuto nel 2014, essendo previsto l obbligo di

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015 INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015 Di seguito, riepiloghiamo i principali campi della Certificazione Unica (CU) che DEVONO essere inseriti

Dettagli

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Approvato nella seduta di Consiglio del 10 gennaio 2014 Del.01/2014 IL CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEGLI ASSISTENTI SOCIALI CONSIDERATO

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

Direzione Centrale Entrate. Roma, 10/04/2015

Direzione Centrale Entrate. Roma, 10/04/2015 Direzione Centrale Entrate Roma, 10/04/2015 Circolare n. 72 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014. Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti. OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014

CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014. Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti. OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014 CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014 Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014 2 INDICE PREMESSA 1. ADEMPIMENTI 1.1 Enti del volontariato 1.2

Dettagli

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO TARDIVO OD OMESSO VERSAMENTO SANZIONI - RICORSI IL RAVVEDIMENTO - COMPENSAZIONE RIMBORSI SCHEDA N. 3 Claudio Venturi Camera di Commercio Diritto Annuale

Dettagli

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi Le principali novità in materia di tassazione dei redditi fondiari Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Dettagli

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF A cura di Adelmo Mattioli Direttore regionale Inca-Cgil Emilia Romagna Silverio Ghetti Segretario regionale Spi-Cgil Romagna L ASSEGNO

Dettagli

Roma, 19 settembre 2014

Roma, 19 settembre 2014 CIRCOLARE N. 27 Direzione Centrale Amministrazione, Pianificazione e Controllo Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 19 settembre 2014 OGGETTO: Modalità di presentazione delle deleghe di pagamento

Dettagli

Riscatto degli anni di laurea

Riscatto degli anni di laurea Riscatto degli anni di laurea Riscatto degli anni di laurea scuola Chi è giovane e fresco di laurea, di regola, non vede l ora di mettersi a lavorare e, certamente, per prima cosa non pensa alla pensione.

Dettagli

responsabile procedimento respons abile

responsabile procedimento respons abile Elaborazione indennità mensili amministratori Cedolino mensile per Sindaco e Assessori mensile - no entro il 27 di ogni mese Predisposizione F24EP (per versamento oneri previdenziali e ritenute operate

Dettagli

Voucher: il sistema dei buoni lavoro

Voucher: il sistema dei buoni lavoro Voucher: il sistema dei buoni lavoro Cosa sono I buoni lavoro (o voucher) rappresentano un sistema di pagamento che i datori di lavoro (committenti) possono utilizzare per remunerare prestazioni di lavoro

Dettagli

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE Deliberazione del 15 luglio 2010, modificata ed integrata con deliberazione del 7 maggio 2014 (Testo consolidato) 1. Regolamento sulle procedure relative all

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'articolo 20 della legge 15 marzo 1997, n. 59, allegato 1, numeri 94, 97 e 98, e successive modificazioni;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'articolo 20 della legge 15 marzo 1997, n. 59, allegato 1, numeri 94, 97 e 98, e successive modificazioni; D.P.R. 14-12-1999 n. 558 Regolamento recante norme per la semplificazione della disciplina in materia di registro delle imprese, nonché per la semplificazione dei procedimenti relativi alla denuncia di

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone: Prot. n. 2013/87896 Imposta sulle transazioni finanziarie di cui all articolo 1, comma 491, 492 e 495 della legge 24 dicembre 2012, n. 228. Definizione degli adempimenti dichiarativi, delle modalità di

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

Articolo 17- ter. Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO

Articolo 17- ter. Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO Articolo 17- ter Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO 1. Premessa L art. 1, comma 629 della legge 23 dicembre 2014,

Dettagli

Circolare N. 2 del 8 Gennaio 2015

Circolare N. 2 del 8 Gennaio 2015 Circolare N. 2 del 8 Gennaio 2015 Credito annuale IVA 2014 al via la compensazione fino ad 5.000,00 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che dal 1 gennaio 2015, è possibile procedere

Dettagli

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014 ALLEGATO "A" Dipartimento politiche Abitative Direzione Interventi Alloggiativi AVVISO PUBBLICO Concessione del contributo integrativo di cui all art. 11 della legge 9 dicembre 1998, n. 431 e successive

Dettagli

OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI

OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 19 OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 2 Prefazione IL CAMMINO DELLA QUALITÀ Inps, come le altre pubbliche Amministrazioni

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE VISTO l art. 1, comma 639 della Legge 27 dicembre 2013, n. 147, che ha istituito, a decorrere dal 1 gennaio 2014, l imposta

Dettagli

GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI

GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI (CON PARTICOLARE RIFERIMENTO ALLA PROCEDURA TELEMATICA) Versione 1.3 del 26/11/2012 Sommario Premessa... 3 1 Introduzione... 4 1.1 Il contesto normativo...

Dettagli

I VERSAMENTI VOLONTARI

I VERSAMENTI VOLONTARI I VERSAMENTI VOLONTARI Le Guide Inps Direttore Annalisa Guidotti Capo Redattore Iride di Palma Testi Daniela Cerrocchi Fulvio Maiella Antonio Silvestri Progetto grafico Peliti Associati Impaginazione Aldo

Dettagli

LE DOMANDE. (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda)

LE DOMANDE. (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda) LE DOMANDE (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda) 1. LA NUOVA MODALITÀ 1.1 Qual è in sintesi la nuova modalità per ottenere l esenzione ticket in base al reddito? 1.2 Da quando, per

Dettagli

Modello 770 SEMPLIFICATO 2015

Modello 770 SEMPLIFICATO 2015 genzia ntrate 770 Modello 770 SEMPLIFICATO 2015 Redditi 2014 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DICHIARAZIONE DEI SOSTITUTI D IMPOSTA PER L ANNO 2014 DATI RELATIVI A CERTIFICAZIONI COMPENSI ASSISTENZA FISCALE

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE IL DIRETTORE GENERALE Visto il decreto del Ministro dello sviluppo economico 8 marzo 2013, pubblicato nella Gazzetta

Dettagli

Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19, della Legge 240/2010

Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19, della Legge 240/2010 Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19, della Legge 240/2010 Art. 1 - Oggetto 1. Il presente regolamento disciplina i procedimenti di selezione,

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio 1989, n. 39, in attuazione degli articoli 73 e 80 del decreto

Dettagli

Richiamoallearmi. Fonti normative. Conservazione del posto. Periodo di prova. Indennità economica

Richiamoallearmi. Fonti normative. Conservazione del posto. Periodo di prova. Indennità economica Richiamoallearmi Fonti normative Conservazione del posto Periodo di prova Indennità economica Il richiamo alle armi era regolato, per i dipendenti dallo Stato, dalla legge 3.5.1955, n. 370, recante norme

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, e 117, terzo comma, della Costituzione;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, e 117, terzo comma, della Costituzione; SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI PER IL RIORDINO DELLA NORMATIVA IN MATERIA DI AMMORTIZZATORI SOCIALI IN CASO DI DISOCCUPAZIONE INVOLONTARIA E DI RICOLLOCAZIONE DEI LAVORATORI DISOCCUPATI,

Dettagli

Richiesta nominativa di nulla osta per ricongiungimento familiare (art. 29,D.Lgs.286/98) (art.6 DPR.n.394/99 e succ.mod.)

Richiesta nominativa di nulla osta per ricongiungimento familiare (art. 29,D.Lgs.286/98) (art.6 DPR.n.394/99 e succ.mod.) Richiesta nominativa di nulla osta per ricongiungimento familiare (art. 29,D.Lgs.286/98) (art.6 DPR.n.394/99 e succ.mod.) Familiari per i quali può essere richiesto il ricongiungimento: 1. Coniuge non

Dettagli

CIRCOLARE N. 23/E. OGGETTO: Ravvedimento Articolo 13, comma 1, lettera a-bis), del decreto legislativo 18 dicembre 1997, n. 472 Chiarimenti.

CIRCOLARE N. 23/E. OGGETTO: Ravvedimento Articolo 13, comma 1, lettera a-bis), del decreto legislativo 18 dicembre 1997, n. 472 Chiarimenti. CIRCOLARE N. 23/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Ravvedimento Articolo 13, comma 1, lettera a-bis), del decreto legislativo 18 dicembre 1997, n. 472 Chiarimenti. La legge di

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE

DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE RIFERIMENTI NORMATIVI: Decreto legge n. 66 del 24 aprile 2014 Circolare Agenzia delle Entrate, 8/E/2014 ASPETTI GENERALI: Il DL 66/2014

Dettagli

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013 INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013 Di seguito, riepiloghiamo i principali campi del CUD che DEVONO essere inseriti nel 730: Reddito lavoro dipendente Punto

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015)

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015) Procedura relativa alla gestione delle adesioni contrattuali e delle contribuzioni contrattuali a Prevedi ex art. 97 del CCNL edili-industria del 1 luglio 2014 e ex art. 92 del CCNL edili-artigianato del

Dettagli

Modello 730/2015. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO 01 INTRODUZIONE ASPETTI GENERALI

Modello 730/2015. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO 01 INTRODUZIONE ASPETTI GENERALI Modello 730/2015 PERIODO D IMPOSTA 2014 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE 01 INTRODUZIONE 1. Perché conviene il Modello 730 2 2. Modello 730 precompilato 2 3. Modello 730 ordinario (non precompilato) 4 4.

Dettagli

Capo 1. Art.1 - (Definizione dell istituto dell indennità di posizione della categoria EP)

Capo 1. Art.1 - (Definizione dell istituto dell indennità di posizione della categoria EP) REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L APPLICAZIONE DEGLI ARTT.75 CONFERIMENTO E REVOCA DI INCARICHI AL PERSONALE DELLA CATEGORIA EP E 76 RETRIBUZIONE DI POSIZIONE E RETRIBUZIONE DI RISULTATO DEL CCNL 16.10.2008

Dettagli

L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI

L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI (pubblicato sul n. 51 della rivista: "The world of il Consulente") (Le considerazioni che seguono sono frutto esclusivo del

Dettagli

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni di Pierluigi Rausei * La Sezione II, del Capo III (Disciplina

Dettagli

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 MINIMI RETRIBUTIVI FISSATI DALLA COMMISSIONE NAZIONALE DECORRENZA 1 GENNAIO 2014 CONVIVENTI DI CUI ART. 15-2

Dettagli

IL NUOVO ISEE. Innovazioni principali: un quadro di sintesi Impatti per enti erogatori e utenti

IL NUOVO ISEE. Innovazioni principali: un quadro di sintesi Impatti per enti erogatori e utenti IL NUOVO ISEE Innovazioni principali: un quadro di sintesi Impatti per enti erogatori e utenti Consorzio MIPA 2 Indice IL NUOVO ISEE: UN QUADRO D'INSIEME Riferimenti del nuovo Isee e ambiti di applicazione

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

TARIFFA PROFESSIONALE CONSULENTI DEL LAVORO MINISTERO DI GRAZIA E GIUSTIZIA. DECRETO 15 LUGLIO 1992, n. 430 (G.U. n. 265 10/11/92)

TARIFFA PROFESSIONALE CONSULENTI DEL LAVORO MINISTERO DI GRAZIA E GIUSTIZIA. DECRETO 15 LUGLIO 1992, n. 430 (G.U. n. 265 10/11/92) TARIFFA PROFESSIONALE CONSULENTI DEL LAVORO MINISTERO DI GRAZIA E GIUSTIZIA DECRETO 15 LUGLIO 1992, n. 430 (G.U. n. 265 10/11/92) REGOLAMENTO RECANTE APPROVAZIONE DELLE DELIBERAZIONI IN DATA 16 MAGGIO

Dettagli

STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE (Sunto della C.M. n.31/2007)

STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE (Sunto della C.M. n.31/2007) STUDIO MINTO Associazione Professionale Commercialisti Revisori Contabili Consulenza del Lavoro Mirano (VE) Telefono 041/5701020 CIRCOLARE INFORMATIVA n. 16 Giugno 2007 STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI

Dettagli

> IL RIMBORSO PARTE VI DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI

> IL RIMBORSO PARTE VI DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI PARTE VI > IL RIMBORSO DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI Rimborsi risultanti dal modello Unico Rimborsi eseguiti su richiesta 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI Accredito su conto corrente

Dettagli

l agenzia in f orma IL FISCO PER IL LAVORATORE DIPENDENTE E LE AGEVOLAZIONI SUGLI STRAORDINARI

l agenzia in f orma IL FISCO PER IL LAVORATORE DIPENDENTE E LE AGEVOLAZIONI SUGLI STRAORDINARI 5 2008 l agenzia in f orma IL FISCO PER IL LAVORATORE DIPENDENTE E LE AGEVOLAZIONI SUGLI STRAORDINARI INDICE 1. IL REDDITO DA LAVORO DIPENDENTE 2 La definizione 2 I redditi assimilati al lavoro dipendente

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito

Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito OdV Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito di Sebastiano Di Diego* Nell articolo viene descritto il variegato regime fiscale, ai fini IRES, delle associazioni

Dettagli

A A GUIDA ALL INTERPELLO WWW.AGENZIAENTRATE.IT

A A GUIDA ALL INTERPELLO WWW.AGENZIAENTRATE.IT L A G E N Z I A I N F O R M A A A DELLE ENTRATE AGENZIA GENZI DELLE ENTRATE Progetto grafico: FULVIO RONCHI UFFICIO RELAZIONI ESTERNE GUIDA ALL INTERPELLO COME OTTENERE DALL AGENZIA DELLE ENTRATE LA RISPOSTA

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Circolare N. 21 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 18 marzo 2011 LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del DM 10 febbraio 2011, trovano piena attuazione

Dettagli

MODELLO 730/2014 redditi 2013 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale

MODELLO 730/2014 redditi 2013 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale MODELLO 730/204 redditi 203 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale Mod. N. Gli importi devono essere indicati in unità di Euro CONFORME AL PROVVEDIMENTO AGENZIA

Dettagli

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Introduzione Le Societá tra Professionisti, introdotte dalla legge 183/2010, sono una delle novitá

Dettagli

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 OGGETTO DELL IMU L IMU sostituisce l ICI e, per la componente immobiliare, l IRPEF e le relative addizionali regionali e comunali, dovute

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA REGOLAMENTO 16 luglio 2014, n. 6 Regolamento per la formazione continua IL CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE nella seduta del 16 luglio 2014 visto l art. 11 della legge 31 dicembre 2012, n. 247, rubricato Formazione

Dettagli

Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi. Circolare n. 19/14

Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi. Circolare n. 19/14 Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi Circolare n. 19/14 contenente disposizioni inerenti gli obblighi di formazione e di aggiornamento

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015

AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015 AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015 DATA DI PUBBLICAZIONE DELL ESTRATTO DEL BANDO SULLA GURI: DATA DI SCADENZA

Dettagli