Il VALORE CREATO DAI CAF Indagine sui Centri Autorizzati di Assistenza Fiscale in Italia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il VALORE CREATO DAI CAF Indagine sui Centri Autorizzati di Assistenza Fiscale in Italia"

Transcript

1

2 Il VALORE CREATO DAI CAF Indagine sui Centri Autorizzati di Assistenza Fiscale in Italia di Mauro Salvato 1 1 Docente di Reti interorganizzative presso il Dipartimento di Scienze Politiche, Giuridiche e Studi internazionali dell Università di Padova.

3 SOMMARIO L origine dei CAF... 3 Natura giuridica e obblighi dei CAF... 4 La rete dei CAF... 6 I servizi offerti dai CAF... 8 Il prodotto dei CAF I vantaggi e i costi per i cittadini I vantaggi e i costi per le pubbliche amministrazioni La gestione economica dei CAF Conclusioni Allegato 1 Elenco dei CAF autorizzati Allegato 2 Dati statistici sull attività dei CAF

4 L ORIGINE DEI CAF Nel 1993 il Presidente della Repubblica di allora, Oscar Luigi Scalfaro, definì lunare il modello 740 per la dichiarazione dei redditi delle persone fisiche, per la sua incomprensibilità, interpretando la diffusa insoddisfazione dei cittadini nei confronti del sistema fiscale dello Stato italiano, percepito come complicato, iniquo e vessatore. In quello stesso anno presero avvio operativamente i Centri Autorizzati di Assistenza Fiscale (d ora in poi CAF), istituiti nel 1991, in un contesto caratterizzato, allora come ora, da: - crescente complicazione normativa, dovuta al fatto che il legislatore italiano non si pone il problema dell impatto organizzativo delle norme fiscali che approva a ritmo vertiginoso, non tenendo conto che in un sistema complicato è più facile sbagliare, ma anche aggirare le norme; - elevata evasione ed elusione fiscale, soprattutto in alcune aree del paese e in alcune fasce sociali più a rischio (in proposito, l Agenzia delle Entrate ha elaborato di recente una mappa dei tipi di comportamento fiscale ricorrenti nelle varie aree del paese); - cultura del sospetto e del controllo, che da sempre caratterizza l Amministrazione finanziaria italiana, anche come conseguenza dell elevata propensione all evasione e all elusione, che difficilmente avrebbe potuto essere riconvertita in una cultura del servizio al cittadino. Si viene così a creare un circolo vizioso in cui la crescente complicazione normativa induce maggiore elusione ed evasione, che induce a chiedere norme più rigide, controlli più stringenti e sanzioni più severe, che aumentano la complicazione in una spirale senza fine. Senza tenere conto che i controlli, sovente, hanno un costo maggiore delle sanzioni effettivamente introitate, a causa della lentezza dell iter dei ricorsi e del rischio di prescrizione. Ad aggravare ulteriormente il quadro allora si aggiungevano i disservizi dovuti alla farraginosità e alla lentezza delle procedure burocratiche, come quella dei rimborsi, allora fatti dalla Banca d Italia, per i quali bisognava attendere anni. Questo alimentava la profonda insoddisfazione e mancanza di fiducia dei cittadini nello Stato. Inoltre, va ricordato, che all epoca le dichiarazioni erano in forma cartacea, il che comportava ingentissimi costi di acquisizione ed elaborazione dei dati (servizi dati in appalto) e un elevato margine di errore: circa il 70% delle dichiarazioni di allora conteneva errori, per lo più materiali, che erano sanzionati in modo pesante, creando forte malumore fra i contribuenti. Tutto questo 20 anni fa. Nel 1991, il Governo italiano, con l allora Ministro delle Finanze Rino Formica, compì la scelta di avvalersi della intermediazione dei CAF promossi dalle associazioni di categoria e dai sindacati, e in seguito anche dei professionisti, quale rete di erogazione dei servizi fiscali, con l intento di migliorare il servizio ai contribuenti e di rendere più efficace la lotta all evasione e all elusione fiscale. Inizialmente, la scelta fu accolta con freddezza, se non osteggiata per motivi diversi, sia dalle associazioni datoriali che da quelle sindacali, ma anche dall Amministrazione finanziaria, da cui fu percepita come una sottrazione di funzioni. In seguito, le resistenze furono superate dalle parti sociali, che videro nei CAF uno strumento di lotta all evasione e un opportunità per rendere un servizio ai propri associati. Anche l Amministrazione finanziaria arrivò a condividere pienamente le scelte compiute, perché consentirono di valorizzare il ruolo e la professionalità della stessa. Nel 1992 fu emanato il Regolamento concernente l'assistenza fiscale ai lavoratori dipendenti e assimilati da parte dei sostituti di imposta e dei centri autorizzati di assistenza fiscale. Nel 1993 furono costituiti i primi CAF e si fece la prima dichiarazione con il modello 730 (per i redditi del 1992), semplificato rispetto al precedente modello 740, ideato dall'allora Segretario genera 3

5 le del Ministero delle Finanze Giorgio Benvenuto 2, allo scopo di provvedere in tempi rapidi al rimborso delle imposte a favore dei dipendenti e pensionati mediante il sostituto d'imposta. Nel 1997 fu introdotto il visto di conformità, che implica il riscontro da parte del CAF che se ne assume la responsabilità della corrispondenza dei dati esposti nella dichiarazione alle risultanze della relativa documentazione e alle disposizioni che disciplinano gli oneri deducibili e detraibili, le detrazioni e i crediti d'imposta, lo scomputo delle ritenute d'acconto. Questo consentì all Amministrazione finanziaria di fare controlli a campione. Nel 1998 fu introdotta la trasmissione telematica delle dichiarazioni dei redditi, che poté essere realizzata grazie ai CAF e ai professionisti, i quali furono indotti ad attrezzarsi tecnologicamente, assorbendo così l impatto sui contribuenti. E parere unanime che senza i CAF questa scelta sarebbe stata impraticabile, dato il bassissimo livello di diffusione dell informatica allora fra i cittadini. Nel 1999 fu istituita l Agenzia delle Entrate, divenuta operativa nel 2001, quale struttura distinta ed autonoma dal Ministero delle Finanze, che riunì gli uffici competenti sui vari tipi di imposta (Ufficio delle Imposte dirette, Ufficio del Registro, Ufficio IVA, Intendenza di Finanza), rendendo l organizzazione più integrata ed efficiente a beneficio del contribuente, che venne così ad avere un unico interlocutore che gestisce la sua intera posizione fiscale. Alla fine degli anni 90 anche l INPS iniziò ad avvalersi della rete dei CAF, trasferendo ad essi l assistenza alla compilazione e trasmissione dei RED ed, in seguito, di analoghe dichiarazioni di responsabilità relative all ISEE (Indicatore della Situazione Economica Equivalente), all invalidità civile e alla pensione sociale (modelli ICRIC, ICLAV, ACCAS/PS). A differenza dell Agenzia delle Entrate, che esternalizzò in toto la rete di erogazione dei servizi, l INPS continuò a mantenere la propria rete di sportelli di servizi, anche se la maggioranza degli utenti si rivolge ai CAF, per le dichiarazioni di responsabilità relative ai redditi posseduti, o ai Patronati, per le prestazioni previdenziali e assicurative 3. Il quadro si completa nel 2002 con la costituzione della Consulta Nazionale dei CAF, organismo di coordinamento dei CAF ad essa aderenti (l 85% di quelli autorizzati, che producono il 98% dei 730), che si pone come interlocutore unitario dell Agenzia delle Entrate e dell INPS, con i quali collabora nella ricerca delle soluzioni ai problemi tecnici riguardanti l'esercizio delle attività da svolgere, al fine di dare coerenza di comportamento, in particolare in materia di interpretazione normativa, esame di procedure informatiche e telematiche, definizione di standard minimi di qualità. 4 NATURA GIURIDICA E OBBLIGHI DEI CAF I Centri Autorizzati di Assistenza Fiscale (CAF), come già detto, sono stati istituiti dalla Legge 30/12/1991, n. 413, art. 78, con funzioni di esercizio dell attività di assistenza fiscale ai contribuenti. I CAF possono essere costituiti da associazioni, istituite da almeno dieci anni, rientranti in uno dei seguenti gruppi: associazioni sindacali di categoria tra imprenditori, organizzazioni sindacali dei la 2 Benvenuto era stato in precedenza Segretario generale della UIL. 3 Va ricordato che in Italia esiste dal 1946 una rete di enti capillarmente diffusa su tutto il territorio nazionale i Patronati che svolgono un funzione di intermediazione fra i lavoratori/pensionati e gli enti previdenziali, finanziata con una quota dei contributi previdenziali versata dai lavoratori e dai datori di lavoro. 4 La Consulta ha come finalità portare a sistema i CAF, valorizzandone il ruolo di soggetti intermedi fra i cittadini e l'amministrazione Pubblica, quella Finanziaria in particolare, offrendo a queste garanzia di correttezza, serietà e professionalità e al Cittadino tutela, qualità del servizio, assunzione di responsabilità, equità di trattamento. Alla Consulta possono aderire i CAF regolarmente autorizzati dal Ministero delle Finanze, che accettano e si impegnano a rispettarne il regolamento, il codice deontologico e la carta dei valori 4

6 voratori dipendenti e dei pensionati od organizzazioni territoriali da esse delegate, associazioni di lavoratori promotrici di istituti di patronato riconosciuti, associazioni di professionisti, che sia rappresentate nel CNEL o, comunque, abbiano rilevanza nazionale in relazione al numero di aderenti (almeno ) ed al territorio in cui svolgono la loro attività (almeno 30 province). I CAF sono costituiti in forma di società di capitali, con un capitale minimo di ,69 (pari a 100 milioni di lire), che operano su autorizzazione dell Agenzia delle Entrate, a seguito di approfondita verifica della sussistenza dei requisiti occorrenti per il corretto svolgimento dell'attività di assistenza fiscale, mediante ispezioni presso la sede e gli uffici periferici dei CAF, nonché delle società di servizi con essi convenzionate, da parte delle Direzioni Regionali delle Entrate. I CAF hanno un organizzazione distinta ed autonoma da quella dell associazione promotrice, che fa capo ad un Responsabile dell'assistenza fiscale (RAF) iscritto all'albo dei dottori commercialisti o in quello dei ragionieri liberi professionisti; hanno propri dipendenti, sedi, attrezzature, costi propri di una qualsiasi azienda; sono soggetti alla tenuta delle scritture contabili, alla presentazione delle dichiarazioni dei redditi, al deposito del bilancio certificato; sono dotati di un collegio di revisori; devono stipulare una polizza assicurativa della responsabilità civile con un massimale adeguato al numero dei contribuenti assistiti e al numero dei visti di conformità rilasciati, e comunque non inferiore a ,80 (pari a 2 miliardi di lire), al fine di garantire agli utenti il risarcimento dei danni eventualmente provocati dall'assistenza fiscale prestata 5. I CAF, come ogni società, sono regolarmente iscritti alla Camera di Commercio, quindi gli statuti, i bilanci, gli assetti societari e la composizione del capitale sociale sono pubblici. Inoltre, le società autorizzate all'esercizio dell'attività di assistenza fiscale sono iscritte all Albo dei CAF, dal quale risultano gli amministratori, che devono avere determinati requisiti di legge, il numero delle società convenzionate, delle sedi operative, dei centri di raccolta aperti tutto l anno e stagionalmente. La normativa distingue due categorie di centri di assistenza fiscale: CAF imprese e CAF dipendenti. I CAF imprese prestano l attività di assistenza fiscale a favore delle imprese aderenti alle associazioni imprenditoriali che ne hanno promosso la costituzione, nonché a favore dei soci di società di persone e dei partecipanti all impresa familiare. Questo tipo di CAF, unitamente ai professionisti contabili, rilasciano il visto di conformità che attesta la corrispondenza dei dati contenuti nella dichiarazione rispetto alle scritture contabili e di queste alla documentazione contabile; l asseverazione che certifica che gli elementi rilevanti ai fini dell applicazione degli studi di settore corrispondano a quanto emerge dal corredo contabile del contribuente; la certificazione tributaria, che attesta l esatta applicazione delle norme tributarie sostanziali, a seguito dell esplicazione di una serie di controlli ed attività. I CAF dipendenti prestano assistenza fiscale ai contribuenti titolari di reddito di lavoro dipendente, pensione e assimilati (es. co.co.co), che ne facciano richiesta. I CAF dipendenti controllano la dichiarazione e rilasciano il visto di conformità, comunicano all'agenzia delle Entrate in via telematica il risultato finale delle dichiarazioni; consegnano al contribuente copia della dichiarazione dei redditi elaborata e il relativo prospetto di liquidazione; trasmettono in via telematica all'agenzia delle entrate le dichiarazioni predisposte; conservano copia delle dichiarazioni e dei relativi prospetti di liquidazione, le schede relative alle scelte per la destinazione dell'8 per mille, nonché, dal 2014, copia di tutta la documentazione esibita dal contribuente 6. L Agenzia delle Entrate effettua regolarmente controlli a campione della correttezza formale delle dichiarazioni, in base a precisi criteri selettivi. In caso di controllo o di richiesta di documenti e di 5 Le imprese di assicurazione devono dare immediata comunicazione all'agenzia delle Entrate di ogni circostanza che comporti il venir meno della garanzia assicurativa. 6 L analisi successiva sarà limitata ai CAF dipendenti, in quanto ricevono un compenso dalle PP.AA. per l attività svolta. 5

7 chiarimenti al contribuente, viene contestualmente informato anche il responsabile dell'assistenza fiscale o il professionista che ha rilasciato il visto di conformità. E opportuno ricordare che dal 2006 la presentazione dei modelli 730 non rappresenta più un attività esclusiva dei CAF, ma può essere effettuata anche dai professionisti abilitati, che godono dei medesimi compensi spettanti per le attività legate alla elaborazione dei modelli 730. Questo a seguito dell intervento della corte di Giustizia europea (30/03/2003), che a seguito di ricorso di associazioni di professionisti, si è pronunciata sulla legittimità della normativa italiana ritenendo che tale normativa non fosse idonea a garantire l interesse pubblico alla tutela dei destinatari dei servizi in parola. Pertanto, poiché la normativa italiana in materia comprimeva in modo ingiustificato le libertà fondamentali di stabilimento e libera prestazione di servizi sanciti dagli artt. 43 e 49 del Trattato, fu ritenuta in insanabile contrasto con il diritto comunitario 7. Infine, va ricordato che, oltre ai CAF, è previsto che anche i Sostituti d Imposta (enti ed aziende pubbliche e private che abbiano almeno dipendenti, abilitati alla trasmissione telematica) possano assistere i loro dipendenti nella compilazione e trasmissione del modello 730, però senza la responsabilità di apporre il visto di conformità, che invece hanno i CAF. Per questo servizio i Sostituti d imposta ricevono un compenso di poco inferiore a quello dei CAF. LA RETE DEI CAF Ad oggi, nella primavera del 2014, in Italia sono presenti 80 CAF, di cui 69 aderiscono alla Consulta Nazionale dei CAF. La tabella seguente riporta la distribuzione degli stessi fra le varie categorie. Tabella 1 CAF autorizzati per tipo di associazioni promotrice CAF dei Sindacati dei dipendenti e dei pensionati 32 CGIL 15 CISL 1 UIL 1 Altre sigle sindacali 11 Dipendenti e pensionati 4 CAF delle associazioni imprenditoriali 27 Agricoltori 6 Artigiani 10 Commercianti 2 Industriali 9 CAF delle associazioni professionali 4 Commercialisti 2 Consulenti del lavoro 2 CAF delle associazioni dei contribuenti 3 CAF delle associazioni cattoliche 2 Altri CAF 12 Totale CAF autorizzati 80 di cui CAF aderenti alla Consulta 69 di cui CAF non aderenti alla Consulta 11 7 Giuliano Amato, Nota sul finanziamento diretto e indiretto del sindacato, Rassegna Parlamentare n , Istituto per la Documentazione e gli Studi Legislativi. 6

8 I CAF hanno una estesa rete di sedi e sportelli presenti capillarmente sul territorio nazionale in grado di assistere, anche nei tempi brevi della campagna fiscale, un grande numero di cittadini. Si stima che la rete dei CAF disponga di circa sedi aperte per l intero arco dell anno più sedi o centri di raccolta aperti nel periodo dell attività fiscale, per un totale di oltre punti di erogazione diffusi su tutto il territorio nazionale 8. Personale Per lo svolgimento della loro attività i CAF più rappresentativi e le società con essi convenzionate si avvalgono complessivamente di oltre dipendenti assunti a tempo indeterminato ai quali si aggiungono circa lavoratori stagionali, che ogni anno lavorano per almeno 3 mesi durante la campagna fiscale, per un totale di circa tempi pieni equivalenti (fra dipendenti stabili e stagionali rapportati ad anno). Soprattutto in un momento di difficoltà economica ed occupazionale come questa, i CAF rappresentano una occasione di reddito per migliaia di ragazzi e ragazze e un primo approccio con il mondo del lavoro. Si stima che i CAF, per la loro attività, corrispondano annualmente circa 400 milioni di euro di stipendi a dipendenti e collaboratori 9. I CAF si avvalgono di una rete di circa 800 società convenzionate, che svolgono attività di assistenza fiscale sotto il diretto controllo del CAF di riferimento, il quale se ne assume la responsabilità. Inoltre, ai CAF fa riferimento una rete di professionisti, con i quali intercorre un rapporto di lavoro autonomo e di dipendenza funzionale, che garantisce il controllo del CAF sull attività svolta, mediante l apposizione del visto di conformità e la trasmissione telematica all Agenzia delle Entrate. Tabella 2 Struttura dei CAF (stima) Sedi Numero di sedi operative aperte tutto l anno Numero di sedi o centri di raccolta aperti stagionalmente Operatori Numero di operatori a tempo pieno Numero di operatori a tempo determinato Numero totale di tempi pieni equivalenti (TPE) Strutture convenzionate Numero di società convenzionate con i CAF 800 Numero di professionisti convenzionati con i CAF Modelli organizzativi Ai fini dello svolgimento dell attività di assistenza fiscale i CAF adottano tre tipi di formule organizzative o un mix fra le stesse: 1. struttura di gestione diretta; 2. struttura di rete con società di servizi; 3. struttura di rete con professionisti. La struttura di gestione diretta è costituita da un unica società, che si avvale di propri dipendenti e collaboratori, può articolarsi in sedi operative decentrate e centri di raccolta. La sede operativa è 8 Stima basata sui dati forniti da un gruppo di 25 CAF che producono circa il 70% delle dichiarazioni, rapportato al 100%. 9 Stima formulata calcolando un costo aziendale medio per TPE di all'anno. 7

9 preposta allo svolgimento di tutto il ciclo di produzione delle attività inerenti l assistenza fiscale; il centro di raccolta si limita alle operazioni di raccolta delle dichiarazioni e della relativa documentazione, di consegna ai contribuenti delle dichiarazioni elaborate e dei prospetti di liquidazione. Tali operazioni possono essere effettuate dai CAF dipendenti anche tramite i propri soci od associati. Il rapporto con i predetti soci ed associati è regolato da apposita lettera di incarico, che prevede la riconducibilità al CAF della responsabilità dell attività svolta, la sussistenza di un rapporto di dipendenza funzionale con il CAF, l esercizio da parte del CAF del controllo sull attività che tali soggetti svolgono in nome e per conto dello stesso. La struttura di rete con società di servizi 10 è costituita dal CAF e da società di servizi con esso convenzionate, in possesso dei requisiti di legge. Le società di servizi convenzionate costituiscono sedi operative del CAF e possono avvalersi di centri di raccolta. Le attività di assistenza fiscale sono svolte comunque sotto il diretto controllo del CAF, che ne assume la responsabilità e concorre alla scelta del Responsabile fiscale della società. Il CAF svolge nei confronti delle società di servizi convenzionate funzioni di regolazione ed indirizzo mediante l emanazione di direttive operative, fornitura di applicativi sw, assistenza tecnica fiscale ed informatica, formazione del personale, controlli di primo e secondo livello. La struttura di rete con professionisti è costituita dal CAF e da professionisti, singoli o associati, in possesso dei requisiti professionali per svolgere attività di consulenza in materia fiscale, elaborazione e predisposizione delle dichiarazioni tributarie 11. Il rapporto fra il CAF, o le società con esso convenzionate, e il professionista prevede: la diretta ed immediata riconducibilità al CAF della responsabilità dell attività svolta; la sussistenza, comunque, al di là della tipologia di contratto, di un rapporto di dipendenza funzionale con il CAF; l esercizio, da parte del CAF, del controllo sui soggetti che svolgono l attività di assistenza in nome e per conto dello stesso 12. I SERVIZI OFFERTI DAI CAF I servizi offerti dai CAF possono essere suddivisi in due categorie: servizi di assistenza, svolti su committenza di Pubbliche Amministrazioni, previsti dalla normativa e/o da singole convenzioni, che definiscono gli obblighi dei CAF e dell ente, il compenso per tipo di prestazione, le forme di controllo e sanzione; servizi di consulenza, complementari o distinti dai servizi di assistenza, prestati su richiesta del contribuente, a titolo gratuito o a pagamento. 10 La struttura di rete si basa sul dettato dell art. 11, c.1, D.M. 164/99, che recita: Per lo svolgimento dell'attività di assistenza fiscale, il CAF può avvalersi di una società di servizi il cui capitale sociale sia posseduto, a maggioranza assoluta, dalle associazioni o dalle organizzazioni che hanno costituito il CAF o dalle organizzazioni territoriali di quelle che hanno costituito i CAF, ovvero sia posseduto interamente dagli associati alle predette associazioni e organizzazioni. 11 Si richiama in proposito la Circolare del Ministero delle Finanze del 17/06/1999 n. 134, in cui si precisa che per professionisti si intendono i soggetti di cui all'art. 3, comma 3, lettere a) e b), del DPR n. 322 del 1998, abilitati alla trasmissione telematica delle dichiarazioni, e precisamente: gli iscritti negli albi dei dottori commercialisti, dei ragionieri e dei periti commerciali e dei consulenti del lavoro; i soggetti iscritti alla data del 30 settembre 1993 nei ruoli dei periti ed esperti tenuti dalle camere di commercio, industria, artigianato e agricoltura per la subcategoria tributi, in possesso di diploma di laurea in giurisprudenza o in economia e commercio o equipollenti o diploma di ragioneria. 12 Ibidem. 8

10 Tabella 3 Servizi di assistenza su committenza di Pubbliche Amministrazioni Servizi Ente committente Destinatari del servizio Contenuto della prestazione Compenso erogato dall E.P. Prestazioni complementari Anno di avvio 730 precompilati Agenzia delle Entrate Lavoratori dipendenti, pensionati e assimilati Verifica della corrispondenza dei dati esposti nella dichiarazione alla documentazione esibita e rilascio del visto di conformità. Stampa e consegna ai contribuenti della dichiarazione e del prospetto di liquidazione delle imposte. Comunicazione ai sostituti d imposta, per il tramite dell Agenzia delle entrate, del risultato contabile della dichiarazione ai fini del conguaglio in sede di ritenuta acconto. Invio telematico all Agenzia delle Entrate dei dati contenuti nella dichiarazione e del prospetto di liquidazione entro scadenze tassative. Conservazione di copia della dichiarazione, del prospetto di liquidazione e della documentazione. 14 per dichiarazione singola 26 per dichiarazioni congiunte Fino al 2011 era previsto anche un contributo per la trasmissione telematica di 1,05 a 730, poi abolito. E previsto l adeguamento ISTAT, sospeso dal 2011 al Consulenza alla compilazione della dichiarazione, a pagamento. Bollettini o dichiarazioni ICI/IMU/TASI, a pagamento. Assistenza gratuita per l eventuale contenzioso fiscale RED INPS Titolari di pensione Verifica della correttezza formale della dichiarazione. Stampa e consegna della ricevuta. Invio telematico della dichiarazione all INPS. Eventuale verifica documentale (RED asseverato). Da 3,27 a 9,60 a pratica in base ai componenti del nucleo familiare e all eventuale controllo documentale (asseverazione). Assistenza gratuita alla compilazione della dichiarazione ISEE INPS Comuni Università Altri EEPP Contribuenti Assistenza al contribuente durante la compilazione del modello Dichiarazione Sostitutiva Unica (DSU). Invio telematico all INPS e consegna di copia della DSU al contribuente. Da 8 a 13,20 a pratica in base ai componenti del nucleo familiare. Assistenza gratuita alla compilazione della modulistica dell ente erogatore ICRIC ICLAV ACCAS/PS 13 INPS Titolari di indennità di accompagnamento o di frequenza, assegno mensile di invalidità, assegno o pensione sociale Verifica dei periodi per cui non vi è diritto all indennità per ricovero, lavoro, frequenza scolastica, soggiorno all estero. Stampa e consegna di copia della dichiarazione. Invio telematico all INPS entro 72 ore dall acquisizione del modello. 6,88 a pratica Assistenza gratuita alla compilazione della modulistica Dichiarazioni di responsabilità relativa all invalidità civile e alla pensione sociale. 9

11 Tabella 4 Servizi di consulenza su richiesta dei contribuenti Servizi Ente di riferimento Destinatari del servizio Contenuto della prestazione Tariffe Prestazioni complementari Anno di avvio 730 Unico Agenzia delle Entrate Contribuenti titolari di redditi diversi Consulenza per la compilazione della dichiarazione. Apposizione del visto di conformità, su richiesta. Trasmissione telematica all Agenzia delle entrate. Tariffa variabile da un minimo di 15 ad un massimo di 60. No contributi pubblici. Stampa bollettini o dichiarazioni ICI/IMU/TASI 1993 ICI IMU TASI Comuni Proprietari di casa. Affittuari (per la TASI) Compilazione bollettino o F24 Dichiarazione di variazione Tariffa a bollettino variabile da un minimo di 5 ad un massimo di 12. No contributi pubblici. Prestazione accessoria della dichiarazione dei redditi ICI fino al 2011 IMU dal 2012 TASI dal 2014 Contenzioso fiscale Agenzia delle Entrate Contribuenti che hanno fatto la dichiarazione presso il CAF IL CAF assiste i propri utenti limitatamente all attività svolta e agli errori fatti dal CAF, in caso di controllo dell Agenzia delle Entrate. Qualora l Agenzia non consideri esaustiva la documentazione fornita, il CAF ha 30 gg. per rispondere. Assistenza gratuita La gestione del contenzioso è un servizio connesso alla dichiarazione dei redditi 1993 Bonus sociali INPS Comuni Università Bonus maternità (INPS) Asili nido (Comuni) Bonus gas energia (Comuni) Diritto allo studio (Università). Compilazione della domanda da presentare all ente competente per l accesso al bonus o alla agevolazione tariffaria, per cui si richiede l ISEE. Servizio a titolo gratuito o a pagamento a seconda della convenzione con l ente. Assistenza alla compilazione dell ISEE In base all anno di introduzione del bonus CUD INPS Contribuenti tenuti ad allegare il CUD alla dichiarazione dei redditi I CUD possono essere scaricati e stampati autonomamente dai contribuenti dal sito dell INPS, oppure può esserne richiesta la stampa a INPS, CAF, Patronati, Sindacati pensionati, Poste. Servizio a titolo gratuito presso INPS, CAF, Patronati, Sindacati Pensionati. A pagamento alle Poste (2,82 ) No contributi pubblici. Il CUD viene stampato dai CAF in fase di dichiarazione dei redditi, di cui costituisce una prestazione accessoria Successioni Uff. Registro Eredi Adempimenti di legge. Voltura catastale. Tariffa in media sui 400, inferiore a quelle mediamente chieste dai notai. Eventuale pratica di pensione di reversibilità a cura del Patronato Colf e assistenti familiari INPS Nucleo familiare datore di lavoro. Colf o Assistente familiare dipendente Gestione del rapporto di lavoro: assunzione, variazioni, chiusura. Predisposizione busta paga. Predisposizione bollettini di pagamento contributi previdenziali. Invio telematico dei modelli MAV all INPS. Tariffa variabile da un minimo di 60 ad un massimo di 150 Servizio globale

12 IL PRODOTTO DEI CAF In questo paragrafo vengono presi esame i dati sulle principali attività dei CAF e alcuni dati sui controlli. L analisi è limitata ai prodotti per i quali i CAF ricevono un compenso dalle pubbliche amministrazioni di riferimento Agenzia delle Entrate e INPS che costituiscono la fonte certa dei dati. Non viene presa in esame la componente di mercato dell attività, in quanto l offerta è variabile da CAF a CAF. L analisi è riferita al periodo , in quanto i dati relativi alle principali prestazioni sono disponibili per questo periodo (730, ISEE, RED). E dai primi del 2000, infatti, che l attività dei CAF assume la sua attuale fisionomia. Dichiarazioni 730 Il numero dei 730 prodotti annualmente dai CAF è passato dagli 10,7 milioni del 2003 ai quasi 18 milioni del 2013, con un aumento del 68%. Nel periodo l andamento della produzione è stato un po altalenante, per poi riprendere a crescere in modo costante dal 2008 al Questo aumento è sostanzialmente dovuto all aumento degli adempimenti connessi alla dichiarazione 730. Le dichiarazioni fatte dai Sostituti d Imposta abilitati sono circa 1,5 milioni. I professionisti abilitati a partire dal 2006 alla trasmissione telematica si attestano sulle dichiarazioni nel Complessivamente, quindi, i 730 trasmessi telematicamente all Agenzia delle Entrate raggiungono quasi i 20 milioni di dichiarazioni. Grafico 1 N. dichiarazioni 730 prodotte dai CAF ( ) La distribuzione della produzione per categoria vede i CAF dei sindacati di dipendenti e pensionati, compresi gli autonomi, produrre poco meno della metà dei 730. CGIL, CISL, UIL incidono per il 39%. La CGIL è la prima sigla, se si considera il consolidato dei 15 CAF regionali che ad essa fanno riferimento. Le associazioni imprenditoriali producono circa un quarto delle dichiarazioni e vedono ai primi posti i CAF delle associazioni degli artigiani e degli agricoltori, seguiti da quelli dei commercianti e degli industriali. Le organizzazioni professionali dei commercialisti e dei consulenti del lavoro incidono per circa l 11%. Le associazioni cattoliche per circa il 10%, quelle dei contribuenti per il 5%. 14 I professionisti concentrano maggiormente la loro attenzione sul modello unico, che contempla una varietà di redditi e richiede una consulenza più complessa e remunerativa. 11

IL CAF DELLA CISL. Il posto giusto

IL CAF DELLA CISL. Il posto giusto Carta dei Servizi IL CAF DELLA CISL Il Caf Cisl opera per fornire ad iscritti, lavoratori e pensionati assistenza e consulenza completa e qualificata nel campo fiscale e delle agevolazioni sociali. Nato

Dettagli

Modelli 730 precompilati, visto di conformità e altre novità in materia di assistenza fiscale

Modelli 730 precompilati, visto di conformità e altre novità in materia di assistenza fiscale STUDIO RENZO GORINI DOTTORE COMMERCIALISTA REVISORE LEGALE COMO 12.12.2014 22100 COMO - VIA ROVELLI, 40 TEL. 031.27.20.13 www.studiogorini.it FAX 031.27.33.84 E-mail: segreteria@studiogorini.it INFORMATIVA

Dettagli

Dottore Commercialista

Dottore Commercialista DECRETO SEMPLIFICAZIONI: DAL 2015 NUOVO MODELLO 730 PRECOMPILATO a cura del Dott. Vito SARACINO e in Bitonto (BA) Il D.Lgs. 21.11.2014, n. 175 pubblicato sulla G.U. del 28 novembre 2014 ed entrato in vigore

Dettagli

Inserti di Gruppo. Il 730/2015 Precompilato. A chi interessa. Quali informazioni contiene. DIRCREDITO Gruppo Banca Popolare di Vicenza

Inserti di Gruppo. Il 730/2015 Precompilato. A chi interessa. Quali informazioni contiene. DIRCREDITO Gruppo Banca Popolare di Vicenza Associazione Sindacale dell Area Direttiva e delle Alte Professionalità del Credito ed Enti assimilati delle Società Assicurative e delle Agenzie Esattoriali Inserti di Gruppo Il 730/2015 Precompilato

Dettagli

Circolare n. 36 del 9 dicembre 2014

Circolare n. 36 del 9 dicembre 2014 Circolare n. 36 del 9 dicembre 2014 DLgs. 21.11.2014 n. 175 di semplificazioni fiscali - Modelli 730 precompilati, visto di conformità e altre novità in materia di assistenza fiscale INDICE 1 Premessa...

Dettagli

L assistenza fiscale e l obbligo della ricezione telematica dei risultati dei conguagli nel modello 730-4

L assistenza fiscale e l obbligo della ricezione telematica dei risultati dei conguagli nel modello 730-4 Focus di pratica professionale di Roberto Chiumiento L assistenza fiscale e l obbligo della ricezione telematica dei risultati dei conguagli nel modello 730-4 I termini dell assistenza fiscale Com è noto

Dettagli

La dichiarazione precompilata

La dichiarazione precompilata La dichiarazione precompilata Paolo Savini Direttore Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 23 novembre 2015 La dichiarazione precompilata Cambia radicalmente il paradigma PRIMA: «Mi dica, poi io verifico

Dettagli

Circolare 28. del 12 dicembre 2014. Modelli 730 precompilati, visto di conformità e altre novità in materia di assistenza fiscale INDICE

Circolare 28. del 12 dicembre 2014. Modelli 730 precompilati, visto di conformità e altre novità in materia di assistenza fiscale INDICE Circolare 28 del 12 dicembre 2014 Modelli 730 precompilati, visto di conformità e altre novità in materia di assistenza fiscale INDICE 1 Premessa... 3 2 Precompilazione dei modelli 730 da parte dell Agenzia

Dettagli

MODELLI 730/2015 - LE NOVITA

MODELLI 730/2015 - LE NOVITA MODELLI 730/2015 - LE NOVITA 1) DELEGHE a. E obbligatorio procedere con le deleghe? b. Perché NOI consigliamo di richiedere autorizzazione a prelevare il precompilato? c. Come si gestiscono le deleghe?

Dettagli

Modelli 730 precompilati, visto di conformità e altre novità in materia di assistenza fiscale

Modelli 730 precompilati, visto di conformità e altre novità in materia di assistenza fiscale Modelli 730 precompilati, visto di conformità e altre novità in materia di assistenza fiscale 2.2015 Gennaio Sommario 1. PREMESSA... 2 2. PRECOMPILAZIONE DEI MODELLI 730 DA PARTE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE...

Dettagli

Termini e modalità di presentazione del 770/2014. La presentazione entro il 31 luglio 2014

Termini e modalità di presentazione del 770/2014. La presentazione entro il 31 luglio 2014 Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 190 16.07.2014 Termini e modalità di presentazione del 770/2014 La presentazione entro il 31 luglio 2014 Categoria: Dichiarazione Sottocategoria:

Dettagli

ISTRUZIONI E ADEMPIMENTI A CARICO DEI PROFESSIONISTI PER LA RICHIESTA DELL ABILITAZIONE AL RILASCIO DEL VISTO DI CONFORMITA

ISTRUZIONI E ADEMPIMENTI A CARICO DEI PROFESSIONISTI PER LA RICHIESTA DELL ABILITAZIONE AL RILASCIO DEL VISTO DI CONFORMITA Direzione Regionale della Toscana Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi ISTRUZIONI E ADEMPIMENTI A CARICO DEI PROFESSIONISTI PER LA RICHIESTA DELL ABILITAZIONE AL RILASCIO DEL VISTO DI

Dettagli

Oggetto: Testo Audizione Commissione Finanze Senato 05/02/2014. Alleghiamo alla presente il testo in oggetto. (All.1 024_14)

Oggetto: Testo Audizione Commissione Finanze Senato 05/02/2014. Alleghiamo alla presente il testo in oggetto. (All.1 024_14) Senato della Repubblica Segreteria della Commissione Finanze e tesoro Senato della Repubblica tel. 06-67062803-4679-4680 Fax 06 67063662 P.zza Madama - ROMA Email: 6CommCU@senato.it Roma, 11/02/2014 Prot.

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE VI COMMISSIONE FINANZE E TESORO. Roma, 24 Luglio 2014

SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE VI COMMISSIONE FINANZE E TESORO. Roma, 24 Luglio 2014 SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE VI COMMISSIONE FINANZE E TESORO Roma, 24 Luglio 2014 INDAGINE CONOSCITIVA SUGLI ORGANISMI DELLA FISCALITA E SUL RAPPORTO TRA CONTRIBUENTI E FISCO A.G. n.99 Schema di decreto

Dettagli

Modelli 730 precompilati, visto di conformità e altre novità in materia di assistenza fiscale IANUTOLO GROS E ASSOCIATI - BIELLA

Modelli 730 precompilati, visto di conformità e altre novità in materia di assistenza fiscale IANUTOLO GROS E ASSOCIATI - BIELLA IANUTOLO GROS E ASSOCIATI - BIELLA Modelli 730 precompilati, visto di conformità e altre novità in materia di assistenza fiscale 1 1 PREMESSA In attuazione della delega per la riforma del sistema fiscale

Dettagli

I chiarimenti dell'agenzia sulla precompilata

I chiarimenti dell'agenzia sulla precompilata DICHIARAZIONI I chiarimenti dell'agenzia sulla precompilata di Alessandro Bonuzzi Con la circolare n.26/e di ieri l Agenzia delle Entrate fornisce chiarimenti su questioni interpretative riguardanti la

Dettagli

OGGETTO: autorizzazione al rilascio del visto di conformità.

OGGETTO: autorizzazione al rilascio del visto di conformità. 1 Direzione Regionale del Piemonte Settore Servizi e Consulenza Torino, 5 novembre 2009 Ufficio Gestione Tributi All Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili All Ordine dei Consulenti

Dettagli

PROPOSTA INTERPRETAZIONE DELL ART.6 DEL D.LGS. N.175/2014, DECRETO SEMPLIFICAZIONI

PROPOSTA INTERPRETAZIONE DELL ART.6 DEL D.LGS. N.175/2014, DECRETO SEMPLIFICAZIONI COMMISSIONE DIRITTO TRIBUTARIO NAZIONALE ODCEC DI MILANO (Documento a cura di Davide Campolunghi) PROPOSTA INTERPRETAZIONE DELL ART.6 DEL D.LGS. N.175/2014, DECRETO SEMPLIFICAZIONI Le nuove responsabilità

Dettagli

UNICO 2000: il D.P.C.M. che proroga i versamenti ed i termini di presentazione

UNICO 2000: il D.P.C.M. che proroga i versamenti ed i termini di presentazione Pag. 2322 n. 17/2000 29/04/2000 : il D.P.C.M. che proroga i versamenti ed i termini di presentazione Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri - (DPC) del 20 aprile 2000, pubblicato in Gazzetta

Dettagli

VADEMECUM PER OTTENERE L ABILITAZIONE AL RILASCIO DEL VISTO DI CONFORMITA

VADEMECUM PER OTTENERE L ABILITAZIONE AL RILASCIO DEL VISTO DI CONFORMITA Direzione Regionale del Veneto Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi VADEMECUM PER OTTENERE L ABILITAZIONE AL RILASCIO DEL VISTO DI CONFORMITA Il visto di conformità, disciplinato dall

Dettagli

Circolare N.52 del 06 Aprile 2012

Circolare N.52 del 06 Aprile 2012 Circolare N.52 del 06 Aprile 2012 Modello 730/2012. Il 30 Aprile è la scadenza per chi ha scelto di presentare la dichiarazione al proprio sostituto di imposta Modello 730/2012: il 30 aprile 2012 è la

Dettagli

VADEMECUM PER OTTENERE L ABILITAZIONE AL RILASCIO DEL VISTO DI CONFORMITA

VADEMECUM PER OTTENERE L ABILITAZIONE AL RILASCIO DEL VISTO DI CONFORMITA Direzione Regionale del Veneto Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi VADEMECUM PER OTTENERE L ABILITAZIONE AL RILASCIO DEL VISTO DI CONFORMITA Il visto di conformità, disciplinato dall

Dettagli

Il Caf Acli opera sull intero territorio nazionale attraverso una rete di 105 società convenzionate, le Acli Service, e fornisce i seguenti servizi:

Il Caf Acli opera sull intero territorio nazionale attraverso una rete di 105 società convenzionate, le Acli Service, e fornisce i seguenti servizi: Il Caf Acli elabora i dati riportati dai contribuenti sul Mod. 730, calcola l'importo delle relative imposte, comunica al sostituto d'imposta i risultati ottenuti, trasmette all'amministrazione finanziaria

Dettagli

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA PER CHI E PREDISPOSTA COSA OCCORRE PER VISUALIZZARLA QUANDO E ONLINE I DATI PRESENTI NELLA DICHIARAZIONE MODIFICA E PRESENTAZIONE I VANTAGGI DEL MODELLO PRECOMPILATO Direzione

Dettagli

Roma, 28/03/2014. e, per conoscenza, Circolare n. 45

Roma, 28/03/2014. e, per conoscenza, Circolare n. 45 Direzione Centrale Organizzazione Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale Comunicazione Direzione Centrale Bilanci e Servizi Fiscali Direzione

Dettagli

DECRETO SEMPLIFICAZIONI FISCALI: NOVITÀ PER AZIENDE, PROFESSIONISTI E LAVORATORI

DECRETO SEMPLIFICAZIONI FISCALI: NOVITÀ PER AZIENDE, PROFESSIONISTI E LAVORATORI Modena, 03 dicembre 2014 DECRETO SEMPLIFICAZIONI FISCALI: NOVITÀ PER AZIENDE, PROFESSIONISTI E LAVORATORI D.Lgs n. 175 del 21 novembre 2014 È stato pubblicato sulla G.U. n. 277 del 28 novembre 2014 il

Dettagli

La dichiarazione precompilata

La dichiarazione precompilata L INNOVAZIONE DEL MODELLO FISCALE La dichiarazione precompilata Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 18 dicembre 2014 1 Cambia radicalmente il paradigma DAL MODELLO: «Mi dica, poi io verifico

Dettagli

Roma, 26 novembre 2012

Roma, 26 novembre 2012 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 26 novembre 2012 Direzione Centrale Servizi ai contribuenti OGGETTO: Sisma maggio 2012 Finanziamento per il pagamento di tributi, contributi previdenziali e premi assicurativi obbligatori

Dettagli

N. 6 23.01. LA GIUNTA COMUNALE

N. 6 23.01. LA GIUNTA COMUNALE N. 6 del 23.01.2006 OGGETTO: AFFIDAMENTO SERVIZI DI ASSISTENZA ESPLETAMENTO PRATICHE E RELATIVE CERTIFICAZIONI PER L OTTENIMENTO DI PROVVIDENZE ASSISTENZIALI. LA GIUNTA COMUNALE VISTO il D. Lgs. 31 marzo

Dettagli

www.ecnews.it Agenzia: ancora chiarimenti sulla precompilata DICHIARAZIONI a cura del Comitato di redazione

www.ecnews.it Agenzia: ancora chiarimenti sulla precompilata DICHIARAZIONI a cura del Comitato di redazione DICHIARAZIONI Agenzia: ancora chiarimenti sulla precompilata a cura del Comitato di redazione L Agenzia delle entrate si adopera per fornire ogni precisazione possibile sull imminente adempimento della

Dettagli

ERRORI E DIMENTICANZE

ERRORI E DIMENTICANZE ERRORI E DIMENTICANZE CORREZIONI DI ERRORI E DIMENTICANZE Introduzione Nella predisposizione della dichiarazione 730 è possibile che il contribuente abbia commesso errori o abbia dimenticato ad esempio

Dettagli

Studio Tarcisio Bologna

Studio Tarcisio Bologna NUOVI TERMINI PER L ASSISTENZA FISCALE In attesa della pubblicazione definitiva del modello 730/2015 con le relative istruzioni, la presente Informativa ripercorre le principali scadenze, nonché i vari

Dettagli

ADEMPIMENTI DEGLI INTERMEDIARI NEI CONFRONTI DEI CONTRIBUENTI; IL REGIME SANZIONATORIO PER PROFESSIONISTI(E NON)ABILITATI ALLA TRASMISSIONE TELEMATICA

ADEMPIMENTI DEGLI INTERMEDIARI NEI CONFRONTI DEI CONTRIBUENTI; IL REGIME SANZIONATORIO PER PROFESSIONISTI(E NON)ABILITATI ALLA TRASMISSIONE TELEMATICA Seminario di formazione LE INDAGINI FINANZIARIE Milano, 1 luglio 2008 ADEMPIMENTI DEGLI INTERMEDIARI NEI CONFRONTI DEI CONTRIBUENTI; IL REGIME SANZIONATORIO PER PROFESSIONISTI(E NON)ABILITATI ALLA TRASMISSIONE

Dettagli

Sisma Emilia: i chiarimenti delle Entrate

Sisma Emilia: i chiarimenti delle Entrate CIRCOLARE A.F. N. 173 del 7 Dicembre 2012 Ai gentili clienti Loro sedi Sisma Emilia: i chiarimenti delle Entrate Premessa L Agenzia delle Entrate in data 22.10.2012 ha emanato il provvedimento prot. n.

Dettagli

Regolamento di applicazione dell Indicatore della Situazione Economica Equivalente per le prestazioni sociali agevolate. Art.

Regolamento di applicazione dell Indicatore della Situazione Economica Equivalente per le prestazioni sociali agevolate. Art. Allegato B Regolamento di applicazione dell Indicatore della Situazione Economica Equivalente per le prestazioni sociali agevolate. Art. 1 Terminologia Ai fini del presente regolamento viene adottata,

Dettagli

Ai Corrispondenti C.A.F. UIL S.p.A. LORO SEDI. Oggetto: Nuovi modelli INPS Mod. ICRIC Mod. ICLAV Mod. ACCAS Precisazioni.

Ai Corrispondenti C.A.F. UIL S.p.A. LORO SEDI. Oggetto: Nuovi modelli INPS Mod. ICRIC Mod. ICLAV Mod. ACCAS Precisazioni. C.A.F. UIL S.p.A. CENTRO ASSISTENZA FISCALE DELLA UNIONE ITALIANA DEL LAVORO SEDE LEGALE VIA SAN CRESCENZIANO, 25 00199 ROMA TELEFONO 06/86.22.631 TELEFAX 06/86.22.63.33 E-MAIL cafuil@cafuil.it CAPITALE

Dettagli

Roma, 08/04/2015. e, per conoscenza, Circolare n. 71

Roma, 08/04/2015. e, per conoscenza, Circolare n. 71 Direzione Centrale Organizzazione Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale Comunicazione Direzione Centrale Bilanci e Servizi Fiscali Direzione

Dettagli

Circolare N.123 del 25 Luglio 2013

Circolare N.123 del 25 Luglio 2013 Circolare N.123 del 25 Luglio 2013 Modello 770-2013 e ravvedimento ritenute 2012. Il 31 luglio 2013 è il termine per l invio ed il versamento salvo proroga dell ultimo momento Gentile cliente con la presente

Dettagli

Modello 770/2013 e ravvedimento ritenute 2012: il 31 luglio 2013 è il termine per l invio ed il versamento salvo proroga dell ultimo momento

Modello 770/2013 e ravvedimento ritenute 2012: il 31 luglio 2013 è il termine per l invio ed il versamento salvo proroga dell ultimo momento CIRCOLARE A.F. N. 123 del 25 Luglio 2013 Ai gentili clienti Loro sedi Modello 770/2013 e ravvedimento ritenute 2012: il 31 luglio 2013 è il termine per l invio ed il versamento salvo proroga dell ultimo

Dettagli

Disposizioni in materia di trasparenza dei fondi pensione nei rapporti con gli iscritti

Disposizioni in materia di trasparenza dei fondi pensione nei rapporti con gli iscritti Deliberazione del 10 febbraio 1999 Disposizioni in materia di trasparenza dei fondi pensione nei rapporti con gli iscritti LA COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE Visto il decreto legislativo 21

Dettagli

Dichiarazioni dei redditi persone fisiche (Irpef) per l anno di imposta 2014. Nota Esplicativa

Dichiarazioni dei redditi persone fisiche (Irpef) per l anno di imposta 2014. Nota Esplicativa Dichiarazioni dei redditi persone fisiche (Irpef) per l anno di imposta 2014 Nota Esplicativa L anno d imposta 2014 è caratterizzato dalla grande novità della dichiarazione precompilata che ha consentito

Dettagli

Richiesta di fornitura per servizi di consulenza professionale Consulente del Lavoro

Richiesta di fornitura per servizi di consulenza professionale Consulente del Lavoro Richiesta di fornitura per servizi di consulenza professionale Consulente del Lavoro Lepida SpA è lo strumento operativo della Regione Emilia Romagna per la pianificazione, lo sviluppo e la gestione delle

Dettagli

Allegato n. 1. Manuale di Gestione della misura Autoimpiego destinata ai beneficiari del Reddito di cittadinanza

Allegato n. 1. Manuale di Gestione della misura Autoimpiego destinata ai beneficiari del Reddito di cittadinanza Allegato n. 1 Manuale di Gestione della misura Autoimpiego destinata ai beneficiari del Reddito di cittadinanza Paragrafo. 1 Definizioni Nel presente Documento, l espressione: a) «Autoimpiego» indica lo

Dettagli

LE COMPENSAZIONI FISCALI DEL 2014: IL PUNTO DOPO LA LEGGE DI STABILITA' PER IL 2014 a cura di Celeste Vivenzi

LE COMPENSAZIONI FISCALI DEL 2014: IL PUNTO DOPO LA LEGGE DI STABILITA' PER IL 2014 a cura di Celeste Vivenzi LE COMPENSAZIONI FISCALI DEL 2014: IL PUNTO DOPO LA LEGGE DI STABILITA' PER IL 2014 a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale La Legge di Stabilità 2014 ha previsto l'obbligo del visto di conformità

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE APPROVATA, IN UN TESTO UNIFICATO, DAL SENATO DELLA REPUBBLICA

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE APPROVATA, IN UN TESTO UNIFICATO, DAL SENATO DELLA REPUBBLICA Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2699 PROPOSTA DI LEGGE APPROVATA, IN UN TESTO UNIFICATO, DAL SENATO DELLA REPUBBLICA il 16 settembre 2009 (v. stampati Senato nn. 414-507)

Dettagli

Novità in materia di Rimborsi IVA

Novità in materia di Rimborsi IVA Circolare 4 del 2 febbraio 2015 Novità in materia di Rimborsi IVA INDICE 1 Premessa...2 2 Ambito applicativo...2 3 Rimborsi di importo fino a 15.000,00 euro...3 4 Rimborsi di importo superiore a 15.000,00

Dettagli

Prot. n 960/22 Circolare N 3/FEBBRAIO 2015 FEBBRAIO 2015 A tutti i colleghi (*)

Prot. n 960/22 Circolare N 3/FEBBRAIO 2015 FEBBRAIO 2015 A tutti i colleghi (*) Prot. n 960/22 Circolare N 3/FEBBRAIO 2015 FEBBRAIO 2015 A tutti i colleghi (*) L AGENZIA DELLE ENTRATE CON IL PROVVEDIMENTO DIRETTORIALE DEL 23 FEBBRAIO 2015 HA DEFINITO LE MODALITA TECNICHE PER VISUALIZZARE

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA Deliberato dalla Giunta Comunale con atto n. 177 del 11.05.2001 Modificato ed integrato

Dettagli

POSITION PAPER. aprile 2010

POSITION PAPER. aprile 2010 Risposta alla consultazione COVIP Schema di regolamento sulle procedure relative all autorizzazione all esercizio dell attività delle forme pensionistiche complementari, alle modifiche degli statuti e

Dettagli

Istruzioni operative per la gestione modello

Istruzioni operative per la gestione modello Caf nazionale Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili Istruzioni operative per la gestione modello 730/2014 Istruzioni operative per la gestione modello 730/2014 Aggiornamento dati Soggetto incaricato

Dettagli

Il Modello 730. 16 aprile 2015 Relatore: Dott.ssa Stefania Signetti. CAF Do.C. Spa. CAF nazionale Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili

Il Modello 730. 16 aprile 2015 Relatore: Dott.ssa Stefania Signetti. CAF Do.C. Spa. CAF nazionale Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili Il Modello 730 16 aprile 2015 Relatore: Dott.ssa Stefania Signetti Servizio: Nome servizio Pag. 1 Programma Il modello 730 precompilato: aspetti normativi e operativi Novità in tema di versamenti con Modello

Dettagli

SCELTA DEL REGIME FISCALE

SCELTA DEL REGIME FISCALE SCELTA DEL REGIME FISCALE a cura di Tommaso Valleri Disclaimer La presente guida ha un valore puramente indicativo. Non sostituisce in alcun modo la consulenza di un commercialista o di analogo professionista.

Dettagli

Gestione deleghe Stampa CUD Comunicazioni telematiche con INPS Cassetto previdenziale ARTCOM

Gestione deleghe Stampa CUD Comunicazioni telematiche con INPS Cassetto previdenziale ARTCOM Gestione deleghe Stampa CUD Comunicazioni telematiche con INPS Cassetto previdenziale ARTCOM Elena MARTINA Direzione Metropolitana Torino Agenzia Torino Sanpaolo Potenziamento dei servizi telematici INPS

Dettagli

-------------------------

------------------------- Direzione Centrale Gestione Tributi ------------------------- Settore Servizi ai Contribuenti Ufficio Rapporti con i CAF e altri intermediari Prot n. 3/4/117874/03 Roma, Alle Direzioni Regionali e, per

Dettagli

Oggetto: Comunicazione al contribuente degli esiti della liquidazione automatizzata dell imposta dovuta sui redditi soggetti a tassazione separata

Oggetto: Comunicazione al contribuente degli esiti della liquidazione automatizzata dell imposta dovuta sui redditi soggetti a tassazione separata Roma, 06 giugno 2005 Direzione Centrale Gestione Tributi CIRCOLARE N. 30/E Oggetto: Comunicazione al contribuente degli esiti della liquidazione automatizzata dell imposta dovuta sui redditi soggetti a

Dettagli

Assistenza fiscale ai dipendenti. Preparazione dell attività per il 2016

Assistenza fiscale ai dipendenti. Preparazione dell attività per il 2016 Assistenza fiscale ai dipendenti. Preparazione dell attività per il 2016 Il CAF Interregionale Dipendenti avvia la campagna di assistenza fiscale 2016 per l'elaborazione dei modelli 730 dei dipendenti.

Dettagli

DICHIARAZIONE REDDITI 2000 LE SCADENZE

DICHIARAZIONE REDDITI 2000 LE SCADENZE DICHIARAZIONE REDDITI 2000 LE SCADENZE Anche quest anno è stata prevista una proroga generalizzata per la presentazione, ed i relativi versamenti, delle dichiarazioni dei redditi. Come annunciato, ormai,

Dettagli

SERVIZI TRIBUTARI ANNO 2015 pag. 108. I destinatari della Dichiarazione precompilata

SERVIZI TRIBUTARI ANNO 2015 pag. 108. I destinatari della Dichiarazione precompilata SERVIZI TRIBUTARI ANNO 2015 pag. 108 26 marzo 2015 36/FS/om Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti - Circolare dell'agenzia delle Entrate n. 11 del 23 marzo 2015 Sintesi Primi importanti chiarimenti

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Fonte DataWarehouse Istat. 1

COMUNICATO STAMPA. Fonte DataWarehouse Istat. 1 COMUNICATO STAMPA Il Dipartimento delle Finanze pubblica le statistiche sulle dichiarazioni dei redditi delle persone fisiche (IRPEF) relative all'anno d'imposta 2013, a sei mesi dal termine di presentazione

Dettagli

STUDIO MARCOZZI DOTTORI COMMERCIALISTI

STUDIO MARCOZZI DOTTORI COMMERCIALISTI STUDIO MARCOZZI DOTTORI COMMERCIALISTI 20121 MILANO - VIA FOSCOLO, 4 TEL. 02-874163 FAX 02-72023745 email: studio.marcozzi@tin.it Luigi Marcozzi, Revisore Contabile Attilio Marcozzi, Revisore Contabile

Dettagli

STUDIO GAMBINO Studio Legale ed Economico Aziendale

STUDIO GAMBINO Studio Legale ed Economico Aziendale OGGETTO: Semplificazioni fiscali Premessa Con il Consiglio dei Ministri che si è riunito venerdì 20 giugno sono state introdotte moltissime novità: è stato infatti esaminato, in via preliminare, il decreto

Dettagli

Contribuenti obbligati alla presentazione di Unico Enc

Contribuenti obbligati alla presentazione di Unico Enc E TEMPO DI DICHIARAZIONE DEI REDDITI ANCHE PER GLI ENTI NON COMMERCIALI (Enc) Unico Enti non commerciali ed equiparati (Unico Enc) è un modello unificato che permette di presentare la dichiarazione dei

Dettagli

Studio Luciano Lancellotti

Studio Luciano Lancellotti News per i Clienti dello studio del 16 Giugno 2014 Ai gentili clienti Loro sedi 2 per mille ai partiti politici: istruzioni per l uso Gentile cliente con la presente intendiamo rinformarla che l'articolo

Dettagli

Il lavoratore Mario Rossi ha percepito nel corso dell anno 2.020 1 netti di voucher dalla Alfa S.r.l., 2.020 1 netti

Il lavoratore Mario Rossi ha percepito nel corso dell anno 2.020 1 netti di voucher dalla Alfa S.r.l., 2.020 1 netti Prospetto riepilogativo sull utilizzo dei voucher Valore Minimo di ogni Voucher 10,00 Valore Incassato dal lavoratore 7,50 Somma totale erogabile in un anno solare (quindi dal 01/01 al 31/12) ad ogni lavoratore

Dettagli

INTERMEDIARI FISCALI D.Lgs n 241 del 09 luglio 1997

INTERMEDIARI FISCALI D.Lgs n 241 del 09 luglio 1997 INTERMEDIARI FISCALI D.Lgs n 241 del 09 luglio 1997 RIFERIMENTI NORMATIVI INVIO TELEMATICO Oltre al Decreto legislativo che ha introdotto il servizio telematico, le norme che disciplinano la materia sono

Dettagli

L UTILIZZO DEL CREDITO IVA ANNUALE E IL VISTO DI CONFORMITÀ DEL MOD. IVA 2012

L UTILIZZO DEL CREDITO IVA ANNUALE E IL VISTO DI CONFORMITÀ DEL MOD. IVA 2012 INFORMATIVA N. 024 27 GENNAIO 2012 IVA L UTILIZZO DEL CREDITO IVA ANNUALE E IL VISTO DI CONFORMITÀ DEL MOD. IVA 2012 Art. 10, DL n. 78/2009 Circolari Agenzia Entrate 23.12.2009, n. 57/E; 15.1.2010, n.

Dettagli

Provincia autonoma di Trento. ICEF strumento per le politiche equitative ed il governo del welfare

Provincia autonoma di Trento. ICEF strumento per le politiche equitative ed il governo del welfare Provincia autonoma di Trento ICEF strumento per le politiche equitative ed il governo del welfare Seminario CGIL - SPI Lombardia Milano 16 marzo 2011 Paolo Weber 1 Il contesto Il debito pubblico e la riduzione

Dettagli

OGGETTO: Bonus Irpef. Le novità

OGGETTO: Bonus Irpef. Le novità OGGETTO: Bonus Irpef. Le novità Premessa Il bonus Irpef, contenuto nell art. 1 del D.L. n. 66/2014 (entrato in vigore il 24 aprile 2014), vale esclusivamente per il 2014, anche se il Governo ha fatto sapere

Dettagli

La presentazione del modello 730/2016

La presentazione del modello 730/2016 Periodico informativo n. 30/2016 La presentazione del modello 730/2016 Gentile Cliente, con la stesura del presente documento intendiamo informarla che a partire dal 15 Aprile 2016, il modello 730 precompilato

Dettagli

n 5 maggio 2014 Regime Enti non commerciali

n 5 maggio 2014 Regime Enti non commerciali 1. Agevolazioni per l imposta sul reddito: IMPOSTE DIRETTE 2. Agevolazioni per l imposta sul reddito: IRAP 3. Detrazione IRPEF per la pratica sportiva dilettantistica 4. Cinque per Mille 5. Adempimenti

Dettagli

Modello 730 Aspetti generali

Modello 730 Aspetti generali Fisco Pratico 2010 Dichiarazione Redditi Persone Fisiche 5 Aspetti generali Vantaggi del Mod. 730 La presentazione del permette di ottenere eventuali rimborsi direttamente con la retribuzione o con la

Dettagli

SETTORE I Servizi Sociali AVVISO PUBBLICO APPROVATO CON DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. R.G. 993 DEL 15/06/2015 RENDE NOTO

SETTORE I Servizi Sociali AVVISO PUBBLICO APPROVATO CON DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. R.G. 993 DEL 15/06/2015 RENDE NOTO SETTORE I Servizi Sociali AVVISO PUBBLICO APPROVATO CON DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. R.G. 993 DEL 15/06/2015 ACQUISIZIONE DI MANIFESTAZIONE DI INTERESSE PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO DI COLLABORAZIONE

Dettagli

LA COMPENSAZIONE DEL CREDITO IVA

LA COMPENSAZIONE DEL CREDITO IVA LA COMPENSAZIONE DEL CREDITO IVA Tavole sinottiche a cura di Angelo Tubelli Dottore Commercialista Studio Tributario e Societario Andreani 1 LA COMPENSAZIONE DEL CREDITO IVA A decorrere dal 1 gennaio 2010,

Dettagli

I servizi dello Sportello Enasco di Confcommercio Cosenza

I servizi dello Sportello Enasco di Confcommercio Cosenza I servizi dello Sportello Enasco di Confcommercio Cosenza Introduzione Da trent anni al servizio della società che lavora, l Enasco (Ente Nazionale di Assistenza Sociale per i Commercianti) è l ente di

Dettagli

Ufficio Tributario Paolo Stoppa. N. 8 del 23.03.2015 LE NOVITA DEL NUOVO MODELLO 730/2015

Ufficio Tributario Paolo Stoppa. N. 8 del 23.03.2015 LE NOVITA DEL NUOVO MODELLO 730/2015 Informativa per la clientela di studio N. 8 del 23.03.2015 Ai gentili Clienti Loro sedi LE NOVITA DEL NUOVO MODELLO 730/2015 Anche quest anno siamo pronti per le prossime scadenza fiscale. Sarà un anno

Dettagli

Campagna RED 2014 Il bustone dell INPS

Campagna RED 2014 Il bustone dell INPS Testi a cura di Salvatore Martorelli e Paolo Zani Numero 98 Settembre 2014 Campagna RED 2014 Il bustone dell INPS L U.C.C.S. (Ufficio Complicazioni Cose Semplici) dell INPS è uscito con una nuova trovata.

Dettagli

La Certificazione CUD/2014 : le principali novità in sintesi

La Certificazione CUD/2014 : le principali novità in sintesi La Certificazione CUD/2014 : le principali novità in sintesi a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale È stato approvato con provvedimento dell Agenzia delle Entrate del 15 gennaio 2014 Prot.5131-2014

Dettagli

ASSISTENZA FISCALE 730 / 2013

ASSISTENZA FISCALE 730 / 2013 Su incarico dello Studio di Consulenza del lavoro TERRAZZINI & PARTNERS Vi trasmetto quanto segue: ASSISTENZA FISCALE 730 / 2013 Ricordo che, in seguito al decreto legislativo n 490/1998, i datori di lavoro

Dettagli

LA LIBERA PROFESSIONE DI TRIBUTARISTA QUALIFICATO DI CUI ALLA LEGGE N.4/2013

LA LIBERA PROFESSIONE DI TRIBUTARISTA QUALIFICATO DI CUI ALLA LEGGE N.4/2013 LA LIBERA PROFESSIONE DI TRIBUTARISTA QUALIFICATO DI CUI ALLA LEGGE N.4/2013 IL TRIBUTARISTA LA LAPET I SERVIZI PER GLI ASSOCIATI 1 Cos è L ASSOCIAZIONE NAZIONALE TRIBUTARISTI LAPET È nata nel 1984 È legalmente

Dettagli

CIRCOLARE N. 11 /E INDICE. Premessa...2. 1. Redditi dell anno 2012...3. 2. Determinazione dell imposta sostitutiva...4

CIRCOLARE N. 11 /E INDICE. Premessa...2. 1. Redditi dell anno 2012...3. 2. Determinazione dell imposta sostitutiva...4 CIRCOLARE N. 11 /E Direzione Centrale Normativa Roma, 30 aprile 2013 OGGETTO: Imposta sostitutiva sulla retribuzione di produttività - Art. 1, comma 481, della legge n. 228/2012 (legge di stabilità 2013)

Dettagli

AUTOIMPIEGO: decreto legislativo n. 185/2000 Titolo II MICROIMPRESA

AUTOIMPIEGO: decreto legislativo n. 185/2000 Titolo II MICROIMPRESA AUTOIMPIEGO: decreto legislativo n. 185/2000 Titolo II MICROIMPRESA La Microimpresa è una misura prevista dal Titolo II del Decreto 185/2000 pensata per chi vuole creare una piccola impresa nel settore

Dettagli

IL RUOLO DEL CAF NELLA SOCIETA CHI SIAMO

IL RUOLO DEL CAF NELLA SOCIETA CHI SIAMO IL RUOLO DEL CAF NELLA SOCIETA Il CAF, così come determinato dalla riforma della disciplina dei Centri di Assistenza Fiscale (DL N. 241 del 9 luglio 1997 modificato dal DL 490 del 28 dicembre 1998), è

Dettagli

730 precompilato. Dichiarazioni d'intento

730 precompilato. Dichiarazioni d'intento CIRCOLARE INFORMATIVA Novità fiscali Scadenze Adempimenti Novità fiscali 730 precompilato Se nel 730 precompilato il Fisco riporta un dato inesatto il contribuente deve correggerlo. Se non lo fa è passibile

Dettagli

La Società di Mutuo Soccorso 2. I Fondi pensione e la previdenza integrativa 2.1 Generalità della disciplina

La Società di Mutuo Soccorso 2. I Fondi pensione e la previdenza integrativa 2.1 Generalità della disciplina 16 La Società di Mutuo Soccorso 2. I Fondi pensione e la previdenza integrativa 2.1 Generalità della disciplina Con l'emanazione del D. Lgs. 21 aprile 1993, n. 124 come modificato dalla L. 8 agosto 1995,

Dettagli

RAPPORTO ANNUALE 2008 (sommario)

RAPPORTO ANNUALE 2008 (sommario) RAPPORTO ANNUALE 2008 (sommario) 2 L INPS a garanzia del Sistema di Welfare Il Rapporto annuale dell INPS descrive il ruolo e le attività dell Istituto, offrendo un immagine dettagliata della società italiana

Dettagli

Rimborso credito da dichiarazione più veloce per i contribuenti privi del sostituto d imposta

Rimborso credito da dichiarazione più veloce per i contribuenti privi del sostituto d imposta CIRCOLARE A.F. N. 131 del 4 Settembre 2013 Ai gentili clienti Loro sedi Rimborso credito da dichiarazione più veloce per i contribuenti privi del sostituto d imposta Gentile cliente con la presente intendiamo

Dettagli

730/2015: la dichiarazione precompilata Saverio Cinieri - Dottore commercialista e pubblicista

730/2015: la dichiarazione precompilata Saverio Cinieri - Dottore commercialista e pubblicista Carmela Di Rosa - Copyright Wolters Kluwer Italia s.r.l. MODELLO 730/2015 730/2015: la dichiarazione precompilata Saverio Cinieri - Dottore commercialista e pubblicista ADEMPIMENTO " FISCO Da quest anno

Dettagli

Circolare per la Clientela - 5.6.2014, n. 12 Modelli 730/2014 - Proroga dei termini di presentazione ad un professionista o ad un CAF e di

Circolare per la Clientela - 5.6.2014, n. 12 Modelli 730/2014 - Proroga dei termini di presentazione ad un professionista o ad un CAF e di Circolare per la Clientela - 5.6.2014, n. 12 Modelli 730/2014 - Proroga dei termini di presentazione ad un professionista o ad un CAF e di trasmissione telematica INDICE 1 Premessa 2 Presentazione dei

Dettagli

SCHEMA DI REGOLAMENTO SULLE MODALITA DI ADESIONE ALLE FORME PENSIONISTICHE COMPLEMENTARI

SCHEMA DI REGOLAMENTO SULLE MODALITA DI ADESIONE ALLE FORME PENSIONISTICHE COMPLEMENTARI SCHEMA DI REGOLAMENTO SULLE MODALITA DI ADESIONE ALLE FORME PENSIONISTICHE COMPLEMENTARI Il presente documento, recante lo schema di Regolamento sulle modalità di adesione alle forme pensionistiche complementari,

Dettagli

Articolo 1 Riduzione del cuneo fiscale per lavoratori dipendenti e assimilati

Articolo 1 Riduzione del cuneo fiscale per lavoratori dipendenti e assimilati Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori Dipartimento Democrazia Economica, Economia Sociale, Fisco, Previdenza e Riforme Istituzionali Decreto legge 24 aprile 2014, n 66 - Misure urgenti per la competitività

Dettagli

COMUNE DI ROTA D'IMAGNA (Provincia di Bergamo)

COMUNE DI ROTA D'IMAGNA (Provincia di Bergamo) Via V.Emanuele n. 3 CAP 24037 Cod.Fisc. /Part. IVA: 00382800167 Tel: 035-86.80.68 Fax: 035-86.80.68 COMUNE DI ROTA D'IMAGNA (Provincia di Bergamo) Codice ente 10189 COPIA DELIBERAZIONE N. 11 in data: 07.03.2015

Dettagli

Direzione Regionale dell Umbria Ufficio Servizi e consulenza

Direzione Regionale dell Umbria Ufficio Servizi e consulenza Direzione Regionale dell Umbria Ufficio Servizi e consulenza ISTRUZIONI PER LA RICHIESTA DI INIZIALE ABILITAZIONE - E DI MANTENIMENTO - AL RILASCIO DEL VISTO DI CONFORMITÀ NORMATIVA DI RIFERIMENTO La disciplina

Dettagli

ATTUALMENTE SONO 5 I REGIMI CONTABILI VIGENTI, OGNUNO DEI QUALI SI DISTINGUE PER OBBLIGHI CHE NE DERIVANO E PER I SOGGETTI CHE POSSONO ADERIRVI.

ATTUALMENTE SONO 5 I REGIMI CONTABILI VIGENTI, OGNUNO DEI QUALI SI DISTINGUE PER OBBLIGHI CHE NE DERIVANO E PER I SOGGETTI CHE POSSONO ADERIRVI. REGIMI CONTABILI ATTUALMENTE SONO 5 I REGIMI CONTABILI VIGENTI, OGNUNO DEI QUALI SI DISTINGUE PER OBBLIGHI CHE NE DERIVANO E PER I SOGGETTI CHE POSSONO ADERIRVI. 1 REGIME ORDINARIO 2 REGIME SEMPLIFICATO

Dettagli

NOVITA IN TEMA DI IVA E DI CRITERI DI TERRITORIALITA

NOVITA IN TEMA DI IVA E DI CRITERI DI TERRITORIALITA ADC ASSOCIAZIONE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI SINDACATO NAZIONALE UNITARIO SEZIONE DI ROMA NOVITA IN TEMA DI IVA E DI CRITERI DI TERRITORIALITA Roma, 11 febbraio 2010 Le nuove regole

Dettagli

IL DECRETO SEMPLIFICAZIONI FISCALI DIVENTA LEGGE : ANALISI DEI PUNTI PRINCIPALI

IL DECRETO SEMPLIFICAZIONI FISCALI DIVENTA LEGGE : ANALISI DEI PUNTI PRINCIPALI IL DECRETO SEMPLIFICAZIONI FISCALI DIVENTA LEGGE : ANALISI DEI PUNTI PRINCIPALI a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale Il Consiglio dei ministri ha approvato in data 30 ottobre 2014 il Decreto delegato

Dettagli

Legge di Stabilità. agevolazioni commisurate al valore ISEE e semplificazioni per i dati del conto corrente

Legge di Stabilità. agevolazioni commisurate al valore ISEE e semplificazioni per i dati del conto corrente MAP Legge di Stabilità: nuove agevolazioni commisurate al valore ISEE e semplificazioni per i dati del conto corrente A cura di Cecilia Rabagliati Dottore Commercialista e Revisore contabile in Cuneo La

Dettagli

Circolare N.124 del 21 settembre. Banca dati per l occupazione dei giovani genitori. Via agli incentivi per le imprese che assumono

Circolare N.124 del 21 settembre. Banca dati per l occupazione dei giovani genitori. Via agli incentivi per le imprese che assumono Circolare N.124 del 21 settembre Banca dati per l occupazione dei giovani genitori. Via agli incentivi per le imprese che assumono Banca dati per l occupazione dei giovani genitori: via agli incentivi

Dettagli

Comune di Mentana Provincia di Roma

Comune di Mentana Provincia di Roma BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI INTEGRATIVI A SOSTEGNO DEL PAGAMENTO DEI CANONI DI LOCAZIONE ANNUALITA FINANZIARIA 2013 IL RESPONSABILE DEL SETTORE SERVIZI ALLA PERSONA - VISTO l articolo 11 della

Dettagli

SCHEMA DI SINTESI SULLA NORMATIVA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE *

SCHEMA DI SINTESI SULLA NORMATIVA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE * SCHEMA DI SINTESI SULLA NORMATIVA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE * Chi è interessato dalla Riforma Sono interessati alla riforma della previdenza complementare attuata con il decreto legislativo n. 252/2005

Dettagli

SENATO. 6 Commissione (Finanze) 5 novembre 2008 TESTO UNIFICATO PROPOSTO DALLA RELATRICE SUI DISEGNI DI LEGGE N. 414 E N. 507

SENATO. 6 Commissione (Finanze) 5 novembre 2008 TESTO UNIFICATO PROPOSTO DALLA RELATRICE SUI DISEGNI DI LEGGE N. 414 E N. 507 SENATO 6 Commissione (Finanze) 5 novembre 2008 TESTO UNIFICATO PROPOSTO DALLA RELATRICE SUI DISEGNI DI LEGGE N. 414 E N. 507 Disposizioni di contrasto al furto d identità e in materia di prevenzione delle

Dettagli