GRUPPO CARRARO: (-7,4%). L

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "GRUPPO CARRARO: (-7,4%). L"

Transcript

1 GRUPPO CARRARO: approvato dal Consiglio di Amministrazione il progetto di bilancio relativo all esercizio La contrazione della domanda nei mercati delle macchine agricole e movimento terra, in particolare nel secondo semestre, penalizza i volumi di vendita e porta il fatturato a quota 674 milioni di Euro (-7,4%). L esercizio chiude con un risultato netto negativo per 8,9 milioni di Euro. Importanti costi non ricorrenti ristrutturazioni e svalutazioni patrimoniali per 27 milioni di Euro. Nuovo corso per Elettronica Santerno. Riorganizzata completamente la società. Effettuati importanti riallineamenti di poste patrimoniali che determinano una perdita superiore a 26 milioni di Euro nell esercizio. Completata la cessione di asset non strategici, per un valore complessivo di 37 milioni di Euro, con la cessione della società tedesca O&KA e di una parte dell area industriale di Carraro Argentina. Varato il Nuovo Piano che ha ricevuto il supporto finanziario da parte dei principali istituti di credito di riferimento del Gruppo. Fatturato consolidato a quota 674 milioni di Euro, in diminuzione del 7,4% rispetto al 2014 (era 727,8 milioni di Euro) in conseguenza del calo dei volumi registrato nella seconda parte dell anno. A parità di perimetro rispetto al 2014 il calo di fatturato sarebbe pari a 4,5%. In controtendenza Carraro divisione Agritalia (trattori) che ha realizzato un fatturato pari a 120,4 milioni di Euro (+17,1%). EBITDA consolidato al pari a 46,9 milioni di Euro (7% sul fatturato) in crescita del 21,1% rispetto ai 38,8 milioni di Euro (5,3% sul fatturato) del Normalizzando i risultati dell esercizio 2014, al netto dei costi non ricorrenti e del cambio di perimetro, l EBITDA rettificato (al netto dei costi non ricorrenti) del 2014 sarebbe stato pari a 42,2 milioni di Euro (6% sul fatturato). EBIT consolidato al è pari a 331 mila Euro (0,1% sul fatturato) in contrazione del 97,3% rispetto ai 12,1 milioni di Euro (1,7% sul fatturato) del Al netto dei costi non ricorrenti e del cambio di perimetro, l EBIT rettificato sarebbe stato pari a 14 milioni di Euro (2,1% sul fatturato). 1

2 Risultato netto negativo per 8,9 milioni di Euro (-1,3% sul fatturato) rispetto alla perdita di 7,9 milioni di Euro (-1,1% sul fatturato) del Al netto degli effetti non ricorrenti il risultato netto sarebbe negativo per 14,5 milioni di Euro (-2,2% sul fatturato) di cui 8,9 milioni di Euro relativi alla Business Area Santerno. Posizione finanziaria netta consolidata al a debito per 227,8 milioni di Euro, in miglioramento rispetto al 30 giugno 2015 (era negativa per 247 milioni di Euro) e in linea rispetto ai 224,3 milioni di Euro del Campodarsego (Padova), 19 febbraio 2016 Il Consiglio di Amministrazione di Carraro SpA, leader mondiale nei sistemi per la trasmissione di potenza, si è riunito oggi sotto la presidenza di Enrico Carraro per esaminare il progetto di Bilancio relativo all esercizio 2015, che sarà sottoposto all Assemblea degli azionisti convocata per il prossimo 15 aprile. Il 2015 ha visto il Gruppo fortemente impegnato in una importante azione di riorganizzazione. Sono stati ridefiniti i mercati verso i quali dirigere le nostre forze, tracciata una dettagliata roadmap di sviluppo dei nuovi prodotti, rivista l organizzazione del lavoro e dei siti di produzione. Un complesso di attività che sarà da guida per riportare il Gruppo al profitto e che di fatto ha già raggiunto un primo importante risultato nel rafforzamento patrimoniale e nell essenziale sostegno avuto dai principali istituti finanziari. ha dichiarato Enrico Carraro, Presidente del Gruppo Oggi possiamo contare su di un Gruppo più solido e forgiato per affrontare con sicurezza le sfide dei prossimi anni. A cominciare dal 2016 che vede ad oggi ancora incerta la ripartenza in molti dei nostri principali mercati. Analisi dei dati economici finanziari consolidati dell esercizio 2015 Mercati L esercizio 2015 ha registrato una prima parte dell anno caratterizzata da una domanda in linea con le aspettative, mentre a partire dal mese di maggio tutti i mercati di riferimento hanno manifestato importanti segnali di rallentamento con diffusi e significativi tagli degli ordinativi sia nel breve che nel medio termine, rendendo necessaria un immediata revisione dei volumi attesi e dei programmi di produzione per la seconda parte dell anno. In particolare nel settore agricolo il basso livello dei prezzi delle materie prime ha condizionato la capacità di spesa e i nuovi investimenti, con effetti negativi sulle vendite di macchine agricole ridottesi costantemente nel corso dei mesi. Come già negli anni precedenti le riduzioni più significative hanno interessato in particolare le macchine di potenza medio-alta, dove sono meno presenti i prodotti Carraro. Per il 2016 in tale settore non c è attesa per particolari inversioni di tendenza, se non nella seconda parte dell anno, ad esclusione dell ambito dei trattori specialistici (vigneto, frutteto) dove il Gruppo ha già un buon posizionamento. Nel construction equipment il 2015 consolida il rallentamento della domanda di nuovi veicoli, ormai elemento costante sin dalla fine dello scorso esercizio, maggiormente pronunciato per le macchine di grandi dimensioni e relativamente più moderato per le macchine compatte. I contenuti tassi di crescita economica, nella seconda metà dell anno in tutte le regioni mondiali, uniti alle crescenti criticità emerse 2

3 nelle economie emergenti, hanno avuto l effetto di posticipare i nuovi investimenti già annunciati, con conseguente riduzione della domanda di nuovi macchinari. Per tale settore il 2016 nel mercato europeo c è attesa per un lieve miglioramento della domanda, mentre per il Nord America la tendenza è quella di un ulteriore calo dei volumi. In Cina, a seguito della pesante contrazione registrata negli ultimi anni in tale ambito, la situazione si è stabilizzata su livelli di mercato coerenti alla reale domanda del Paese; nel medio termine il Piano pluriennale di investimenti governativi in infrastrutture chiamato One Belt, One Road dovrebbe contribuire a rilanciare il settore. Il mercato mondiale fotovoltaico nel 2015 ha confermato le stime superando i 50GW di nuovi impianti. Le attese per il 2016 sono di oltre 60 GW, pur caratterizzati da forti incertezze. Le politiche di incentivi rimangono i fattori chiave in pochi grandi mercati ma i prezzi bassi ed in rapido declino da una parte mettono in crisi i vari costruttori di componenti, dall'altra fanno emergere vari mercati in grid parity in tutto il mondo. La Cina continua ad occupare un posto di rilievo, insieme ad USA e Giappone, mentre si stanno affacciando paesi del Nord Africa e Medio-Oriente con programmi di sviluppo nella scala del GW. Ricavi L esercizio 2015 si è chiuso con un fatturato consolidato di 674 milioni di Euro, in contrazione del 7,4% rispetto ai 727,8 milioni di Euro del Nella comparazione dei dati è necessario considerare che il fatturato 2014 includeva 22 milioni di Euro relativi a Mini Gears, ramo d azienda ceduto nel mese di aprile Al netto di questo elemento straordinario il calo di fatturato sarebbe pari a 4,5%. Le aree di business operanti nel settore della meccanica (Carraro Drivetech e Agritalia) hanno realizzato un fatturato verso terzi in contrazione del 4,6% (al netto della cessione degli stabilimenti di Mini Gears). Mentre la Business Area Drive Tech ha conseguito un calo del 8,5% (a parità di perimetro), Agritalia ha realizzato un incremento delle vendite del 17,1%. Elettronica Santerno ha registrato un fatturato pari a 35,2 milioni di Euro, in contrazione del 4% rispetto ai 36,6 milioni di Euro del 2014 principalmente a causa del significativo ritardo delle commesse nel settore fotovoltaico in Sudafrica. Tutte le tradizionali aree geografiche di riferimento evidenziano una diminuzione dei volumi, meno marcata in Nord America (-3,1%), Turchia (-5,6%) e Svizzera (0,6%). Da segnalare il fatturato in Sud Africa realizzato grazie alle commesse di Elettronica Santerno per 11,8 milioni di Euro. EBITDA ed EBIT L EBITDA al 31 dicembre 2015 è pari a 46,9 milioni di Euro (7% sul fatturato) in crescita del 21,1% rispetto ai 38,8 milioni di Euro (5,3% sul fatturato) del A parità di area di consolidamento e al netto degli elementi non ricorrenti l EBITDA rettificato 2015 sarebbe pari a 42,2 milioni di Euro (6,3% sul fatturato) rispetto a 42,7 milioni di Euro (6,0% sul fatturato) del L EBIT 2015 è pari a 331 mila Euro (0,1% sul fatturato) in contrazione del 97,3% rispetto ai 12,1 milioni di Euro (1,7% sul fatturato) del A parità di area di consolidamento e al netto degli elementi non ricorrenti l EBIT rettificato 2015 sarebbe pari a 14 milioni di Euro (2,1% sul fatturato) rispetto a 17,8 milioni di Euro (2,5% sul fatturato). Si segnala che oltre ai costi non ricorrenti sopra citati, hanno impattato sulla marginalità dell esercizio anche costi di consulenza connessi alle operazioni straordinarie realizzate e i costi per il trasferimento della società O&K Antriebstechnik nella nuova sede, avvenuto prima della cessione della stessa. 3

4 L EBITDA aggregato al 31 dicembre 2015 delle aree di business area operanti nel settore della meccanica è pari a 48 milioni di Euro (7,2% sul fatturato) rispetto a 50,3 milioni di Euro (7% sul fatturato) dell esercizio precedente. L EBIT è pari a 24,4 milioni di Euro (3,7% sul fatturato) rispetto a 28,4 milioni di Euro (4% sul fatturato). Al netto dei costi non ricorrenti l EBITDA rettificato 2015 sarebbe stato pari a 41,6 milioni di Euro (6,3% sul fatturato) e l EBIT rettificato sarebbe stato pari a 19,5 milioni di Euro (2,9% sul fatturato). Risultato netto L esercizio 2015 si chiude con una perdita di 8,9 milioni di Euro (-1,3% sul fatturato) rispetto alla perdita di 7,9 milioni di Euro (-1,1% sul fatturato) del Al netto dei costi non ricorrenti il risultato netto sarebbe negativo per 14,5 milioni di Euro (-2,2% sul fatturato). Le imposte al 31 dicembre 2015 ammontano a 11,4 milioni di Euro (1,7% sul fatturato) rispetto ai 2,9 milioni di Euro (0,4% sul fatturato) del 31 dicembre Sulle imposte dell esercizio pesano componenti straordinari per circa 8,5 milioni di Euro, di cui 1,9 milioni di Euro per lo storno di differite attive conseguente alla riduzione dell aliquota Ires a partire dal 2017, 1,2 milioni di Euro per effetto dell interruzione del consolidato fiscale Finaid, 2,2 milioni di Euro relativi ad accantonamenti per contenziosi fiscali e 3,1 milioni di Euro di imposte sulla plusvalenza realizzata in Argentina dalla cessione dello stabilimento. Investimenti Nel 2015 sono stati effettuati investimenti per 25,5 milioni di Euro rispetto ai 34,7 milioni di Euro del 2014, destinati al supporto del progetto di re-insourcing di attività precedentemente svolte all esterno, al mantenimento in efficienza e all ammodernamento degli impianti. Ricerca e Innovazione Le spese per Ricerca e Innovazione, rivolte principalmente allo sviluppo di sistemi per la trasmissione di potenza in una logica di maggiore efficienza e di sostenibilità ecologica, ammontano nell esercizio 2015 a 13,8 milioni di Euro, 2% sul fatturato, rispetto ai 14,3 milioni di Euro, 2% sul fatturato del Posizione finanziaria netta La posizione finanziaria netta consolidata al 31 dicembre 2015 è negativa per 227,8 milioni di Euro, in miglioramento rispetto al 30 giugno 2015, quando era negativa per 247 milioni di Euro, e sostanzialmente in linea rispetto ai 224,3 milioni di Euro del 31 dicembre Il miglioramento rispetto al primo semestre è riconducibile sia agli effetti delle cessioni di alcuni asset non strategici e al riequilibrio del capitale circolante netto. Secondo quanto previsto dal nuovo accordo siglato con le banche in data 24 dicembre 2015 non è prevista la lettura dei covenant per la data del 31 dicembre Andamento delle Aree di Business Carraro Drive Tech (sistemi di trasmissione e componenti) ha registrato nel 2015 un fatturato complessivo pari a 543,7 milioni di Euro, in contrazione del 10,9% rispetto ai 610,5 milioni di Euro del 2014 con un effetto cambi di conversione favorevole per circa 23 milioni di Euro. Al netto degli effetti della cessione del ramo d azienda Mini Gears la riduzione sarebbe stata del 7,4%. 4

5 L esercizio è stato caratterizzato da una domanda debole nei principali mercati di riferimento, con il settore agricolo in contrazione del 2,6% e quello movimento terra in calo del 12,7%. Continua il miglioramento della redditività variabile, già registrato negli anni precedenti, grazie soprattutto alle efficienze produttive, all insourcing e alla buona performance della supply chain legate al progetto Partnership, avviato con i fornitori partner. Risultato che nel 2015 è stato significativamente penalizzato dai costi fissi a causa del negativo effetto volumi. L EBITDA è pari a 40,1 milioni di Euro (7,4% sul fatturato) in contrazione del 18,6% rispetto a 49,2 milioni di Euro del 2014 del (8,1% sul fatturato). Al netto dei costi non ricorrenti ed a parità di perimetro l EBITDA rettificato 2015 sarebbe pari 33,7 milioni di Euro (6,2% sul fatturato) rispetto ai 46,5 milioni di Euro (7,9% sul fatturato) del L EBIT è pari a 18,1 milioni di Euro (3,3% sul fatturato) in calo del 37% rispetto ai 28,8 milioni di Euro del (4,7% sul fatturato). Al netto dei costi non ricorrenti ed a parità di perimetro l EBIT rettificato 2015 sarebbe pari a 13,3 milioni di Euro (2,4% sul fatturato) rispetto ai 27,8 milioni di Euro (4,7% sul fatturato) del Agritalia (trattori) ha chiuso il 2015 con un fatturato complessivo pari a 120,4 milioni di Euro, in crescita del 17,1% rispetto ai 102,8 milioni di Euro del Pur essendo rimasto stabile il mercato di riferimento, Agritalia ha aumentato la propria quota di mercato, incrementando il numero di trattori venduti dalle unità del 2014 alle del 2015 grazie al successo riscontrato sul mercato dai propri nuovi prodotti. L anno si è contraddistinto per il recupero di efficienza gestionale anche in presenza di avvii produttivi di nuove gamme di trattori. Questo, insieme all incremento dei volumi, ha reso possibile il miglioramento della redditività del periodo. Sul risultato, ha influito positivamente anche un attenta gestione dei costi R&D. L EBITDA del 2015 è pari a 7,9 milioni di Euro (6,6% sul fatturato) in crescita significativa rispetto a 1,1 milioni di Euro del 2014 (1% sul fatturato) caratterizzato da una serie di maggiori costi derivanti dall avvio simultaneo in produzione di diverse nuove gamme di prodotto. L EBIT al 31 dicembre 2015 è pari a 6,3 milioni di Euro (5,2% sul fatturato), in miglioramento rispetto al valore negativo di 372 mila Euro (-0,4% sul fatturato) del precedente esercizio. Elettronica Santerno (elettronica di potenza), ha chiuso il 2015 con un fatturato complessivo pari 35,2 milioni di Euro, in contrazione del 4% rispetto ai 36,6 milioni di Euro del precedente esercizio principalmente a causa dello slittamento di alcune importanti commesse nel fotovoltaico. La marginalità risente in modo significativo del drastico calo dei volumi nonché degli oneri straordinari relativi al processo di riorganizzazione che ha comportato una profonda ridefinizione gestionale, la revisione delle reti commerciali ed una maggiore integrazione con le funzioni di Gruppo. L EBITDA al 31 dicembre 2015 è negativo per 4 milioni di Euro (-11,3% sul fatturato) rispetto al valore negativo di 7 milioni di Euro (-19,1% sul fatturato) del 31 dicembre Al netto dei costi non ricorrenti l EBITDA sarebbe risultato pari a -3,1 milioni di Euro (-8,7% sul fatturato). L EBIT è negativo per 23,9 milioni di Euro (-67,4% sul fatturato) rispetto ai 9,9 milioni di Euro del 2014 (-27,0% sul fatturato). Al netto dei costi non ricorrenti l EBIT sarebbe stato negativo per 5,9 milioni di Euro (-16,8% sul fatturato). 5

6 Il forte ridimensionamento dei volumi di crescita attesi ha comportato inoltre una svalutazione dell avviamento della Business Area per 16 milioni di Euro sulla base delle risultanze dell impairment test. Ciò porta Elettronica Santerno a registrare una perdita complessiva pari a 26,7 milioni di Euro. Evoluzione della gestione In linea con il Nuovo Piano per l esercizio 2016 sono attesi volumi in contrazione rispetto al 2015 e la marginalità, al netto delle componenti straordinarie riguardanti alcune ulteriori attività di ristrutturazione, risulterà in leggero miglioramento. Documentazione Entro il 24 marzo 2016, la relazione finanziaria annuale, le relazioni del collegio sindacale e della società di revisione e i documenti ad esse allegati, nonché la relazione annuale sul governo societario e gli assetti proprietari saranno messe a disposizione del pubblico presso la sede legale della Società e presso Borsa Italiana S.p.A., nonché sul sito internet della Società sezione Corporate Governance. Assemblea dei soci Il Bilancio sarà sottoposto all approvazione dell Assemblea dei Soci che si terrà il 15 aprile Richiesta di informazioni ex art. 114 D. LGS. 58/98 Le informazioni di seguito riportate sono rese note in ottemperanza alla richiesta Consob n /15 del 1 ottobre Posizione finanziaria netta di Carraro S.p.A. e del Gruppo con evidenziazione delle componenti a breve separatamente da quelle a medio lungo termine. (valori in migliaia di Euro) Posizione finanziaria netta al 31 dicembre 2015 CARRARO SPA CONSOLIDATO Finanziamenti passivi non correnti Finanziamenti passivi correnti Altre passività finanziarie non correnti Altre passività finanziarie correnti Passività finanziarie: Crediti e finanziamenti attivi non correnti Crediti e finanziamenti attivi correnti Altre attività finanziarie non correnti Altre attività finanziarie correnti Attività finanziarie: Cassa Conti correnti e depositi bancari Disponibilità liquide: Posizione finanziaria netta di cui debiti / (crediti): - non correnti correnti

7 2. Posizioni debitorie scadute di Carraro S.p.A. e del Gruppo, ripartite per natura (finanziaria, commerciale, tributaria, previdenziale e verso dipendenti) e le connesse eventuali iniziative di reazione dei creditori (solleciti, ingiunzioni, sospensioni nella fornitura, ecc ) (valori in migliaia di Euro) CARRARO SPA SCADUTO A scadere 1-30 gg gg gg > 91 gg TOTALE Debiti commerciali Altri debiti TOTALE CONSOLIDATO A scadere SCADUTO 1-30 gg gg gg > 91 gg TOTALE Debiti commerciali Altri debiti TOTALE I debiti correnti di Carraro SpA verso terzi e verso società del Gruppo al 31 dicembre 2015 ammontano complessivamente a 51,811 milioni di Euro di cui 7,422 milioni di Euro riferiti ad Altri debiti (tributari, previdenziali, verso dipendenti, ) aventi scadenza successiva alla data di riferimento. I debiti commerciali scaduti ammontano a 2,839 milioni di Euro. I debiti correnti del Gruppo Carraro ammontano al 31 dicembre 2015 a 193,451 milioni di Euro di cui 26,168 milioni di Euro riferiti ad Altri debiti (tributari, previdenziali, verso dipendenti, ) aventi scadenza successiva alla data di riferimento. I debiti commerciali scaduti ammontano a 20,604 milioni di Euro di cui 9,719 milioni di Euro scaduti entro 30 giorni in larga parte pagati nel mese successivo mentre quelli oltre i 90 giorni sono riferiti prevalentemente a partite di fornitura non conformi e in corso di definizione. 3. Rapporti verso parti correlate di Carraro S.p.A. e del Gruppo I rapporti economici più rilevanti di Carraro S.p.A. con parti correlate rappresentano transazioni commerciali di acquisto e vendita di materie prime, semilavorati e componentistica relativa alla produzione di sistemi per l autotrazione; gli acquisti di servizi si riferiscono prevalentemente a prestazioni per lavorazioni industriali. Le principali vendite di servizi sono costituite da addebiti per l utilizzo dei sistemi informativi centrali ed il supporto organizzativo fornito dalla capogruppo nelle varie aree funzionali. Le provvigioni e royalties sono riferite a specifici accordi di rappresentanza commerciale e di cessione di diritti di utilizzo di knowhow industriale. Gli interessi attivi sono generati dai finanziamenti in essere; gli interessi passivi sono prodotti dal finanziamento ricevuto da Carraro International. I proventi e oneri da consolidato fiscale si riferiscono ai corrispettivi riconosciuti a fronte di imponibili e perdite trasferiti nell ambito del consolidato fiscale in capo a Finaid SpA. I rapporti finanziari si riferiscono a finanziamenti a breve e lungo termine. I valori di tali operazioni sono riportati nella tabella che segue: 7

8 Rapporti finanziari e commerciali Rapporti economici Altre parti correlate Attività finanziarie Passività finanziarie Crediti comm.li ed altri crediti Debiti comm.li ed altri debiti Ricavi di vendita Costi operativi Oneri (proventi) finanziari netti Carraro Argentina S.A Carraro S.p.A Carraro China Drive System Co. Ltd Carraro International S.A Carraro Drive Tech do Brasil Inc Carraro Drive tech S.p.A Elettronica Santerno S.p.A Santerno Inc F.O.N. S.A Carraro India Ltd Elettronica Santerno Ind. e Com Ltd SIAP S.p.A Carraro North America Inc Carraro Technologies India Pvt. Ltd Santerno South Africa Pty Ltd TOTALE Altre parti correlate Finaid S.p.A Altre parti correlate TOTALE TOTALE I rapporti del Gruppo con parti correlate si riferiscono principalmente ai rapporti di consolidato fiscale con la controllante Finaid maturati negli anni pregressi. (valori in migliaia di Euro) Altre parti correlate Rapporti finanziari e commerciali Crediti comm.li ed altri crediti Debiti comm.li ed altri debiti Ricavi di vendita Costi operativi Rapporti economici Oneri (proventi) finanziari netti Imposte Correnti e Differite FINAID S.p.A Altre parti correlate TOTALE Eventuale mancato rispetto dei covenant, dei negative pledge e di ogni altra clausola dell indebitamento del Gruppo comportante limiti all utilizzo delle risorse finanziarie, con l indicazione a data aggiornata del grado di rispetto di dette clausole 8

9 Alla data del 31 dicembre 2015 non si segnala alcun evento di mancato rispetto di covenants, di negative pledge, o di altre clausole in quanto il nuovo accordo siglato in data 24 dicembre 2015 con gli istituti finanziari, ha aggiornato i parametri di riferimento (Indebitamento finanziario netto/ebitda e Indebitamento finanziario netto/patrimonio netto) sulla base delle risultanze del nuovo Piano Industriale e definito la prima data di verifica al 31 dicembre Stato di implementazione di eventuali piani industriali e finanziari, con l evidenziazione degli scostamenti dei dati consuntivati rispetto a quelli previsti. In data 18 dicembre 2015 il Consiglio di Amministrazione ha approvato il nuovo Piano Industriale nel quale sono previste operazioni straordinarie per il rafforzamento patrimoniale e una revisione della struttura del debito adeguata alle nuove esigenze del Gruppo. In merito al primo punto, in data 26 ottobre 2015 la holding Finaid SpA ha firmato un accordo di cessione di un pacchetto azionario pari a circa il 18% ad un investitore terzo e un patto parasociale che prevede l intervento del nuovo socio in un operazione di aumento di capitale in Carraro SpA nel corso del Con riferimento al secondo punto il Gruppo ha sottoscritto un accordo con le principali banche di riferimento a supporto del Piano. Tale accordo prevede il riscadenziamento del piano di ammortamento dei finanziamenti a medio lungo termine, la conferma delle linee a breve termine a sostegno dell operatività corrente e la ridefinizione dei covenants in linea con le risultanze del nuovo Piano. Il dirigente preposto alla redazione dei documenti contabili societari Enrico Gomiero dichiara ai sensi del comma 2 articolo 154 bis del Testo Unico della Finanza che l'informativa contabile contenuta nel presente comunicato corrisponde alle risultanze documentali, ai libri ed alle scritture contabili. Nel presente comunicato vengono utilizzati alcuni "indicatori alternativi di performance" non previsti dai principi contabili IFRS: EBITDA (inteso come somma del risultato operativo di conto economico, degli ammortamenti e delle svalutazioni di immobilizzazioni); EBIT (inteso come risultato operativo di conto economico); POSIZIONE FINANZIARIA NETTA (inteso come somma dei debiti verso banche, obbligazioni e finanziamenti a breve e medio lungo termine, al netto delle disponibilità liquide, titoli negoziabili e crediti finanziari); fatturato della Business Area (inteso come sommatoria di tutti i fatturati delle società al netto delle vendite tra le società della stessa Business Area); core business (meccanica) (inteso come aggregazione delle Business Area Drivelines & Components e Vehicles). Carraro è un gruppo internazionale leader mondiale nei sistemi per la trasmissione di potenza altamente efficienti ed ecocompatibili, con un fatturato consolidato 2015 di 674 milioni di Euro. Alla holding Carraro SpA fanno riferimento tre Aree di Business: - Carraro Drive Tech, specializzata in: - sistemi di trasmissione (assali, trasmissioni) destinati a macchine movimento terra, trattori agricoli, carrelli elevatori, veicoli commerciali leggeri, automobili ed applicazioni stazionarie; - ingranaggi e componenti (in acciaio tagliato) per il settore automobilistico, per applicazioni agricole e movimento terra, per applicazioni material handling e per generatori eolici. - Agritalia, specializzata in: - trattori speciali (light-utility, da vigneto, da frutteto) fino a 100 HP di potenza realizzati conto terzi (a marchio Massey Ferguson, John Deere, Claas); - servizi di ingegneria e di outsourcing produttivo per nicchie nell ambito della trattoristica. - Santerno, specializzata in: - inverter destinati alla gestione dell elettronica di potenza applicata ai diversi ambiti industriali; - convertitori elettronici di potenza per energie rinnovabili (fotovoltaico); Il Gruppo, la cui holding Carraro SpA è quotata alla Borsa Italiana da 1995 (CARR.MI), ha sede principale a Campodarsego (Padova), impiega al persone di cui in Italia ed ha insediamenti produttivi in Italia (6), India (2), Cina, Argentina e Brasile. Per ulteriori informazioni carraro.com. 9

10 Contatti ufficio stampa: Massimiliano Franz / Head of Communication - Carraro Group m / Carlo Prato / True Relazioni Pubbliche m / Allegati: estratto Stato Patrimoniale e Conto Economico Bilancio Civilistico e Consolidato al

11 Carraro S.p.A Dati non verificati dal Collegio Sindacale e dalla società di revisione Stato Patrimoniale (valori in migliaia di Euro) IAS/IFRS Attività non correnti Immobilizzazioni materiali Immobilizzazioni immateriali Investimenti immobiliari Partecipazioni Attività finanziarie Imposte differite attive Crediti commerciali e altri crediti Attività correnti Rimanenze finali Crediti commerciali e altri crediti Attività finanziarie Disponibilità liquide Totale attività Patrimonio netto Passività non correnti Passività finanziarie Debiti commerciali e altri debiti - - Imposte differite passive - - Fondi TFR, pensioni e simili Accantonamenti per rischi e oneri Passività correnti Passività finanziarie Debiti commerciali e altri debiti Debiti per imposte correnti Accantonamenti per rischi e oneri Totale passitivà e patrimonio netto Posizione finanziaria netta Cash flow Conto economico (valori in migliaia di Euro) Ricavi delle vendite Acquisti per beni e materiali Servizi Utilizzo beni e servizi di terzi Costo del personale Ammortamenti e svalutazioni di immobilizzazion Svalutazione di Crediti Variazioni delle rimanenze Accantonamenti per rischi Altri oneri e proventi EBIT ,1% ,7% EBITDA ,5% ,9% Proventi da partecipazioni Oneri/proventi finanziari netti Utili e perdite su cambi (netto) Rettifiche di valore di attività finanziarie - - Risultato ante imposte Imposte correnti e differite Risultato Netto delle attività in dismissione - - Risultato di terzi - - Risultato Netto ,6% ,8% 11

12 Gruppo Carraro Dati non verificati dal Collegio Sindacale e dalla società di revisione Stato Patrimoniale Consolidato (valori in migliaia di Euro) IAS/IFRS Attività non correnti Immobilizzazioni materiali Immobilizzazioni immateriali Investimenti immobiliari Partecipazioni Attività finanziarie Imposte differite attive Crediti commerciali e altri crediti Attività correnti Rimanenze finali Crediti commerciali e altri crediti Attività finanziarie Disponibilità liquide Totale attività Patrimonio netto Passività non correnti Passività finanziarie Debiti commerciali e altri debiti Imposte differite passive Fondi TFR, pensioni e simili Accantonamenti per rischi e oneri Passività correnti Passività finanziarie Debiti commerciali e altri debiti Debiti per imposte correnti Accantonamenti per rischi e oneri Totale passitivà e patrimonio netto Posizione finanziaria netta Cash flow Conto economico consolidato (valori in migliaia di Euro) Ricavi delle vendite Acquisti per beni e materiali Servizi Utilizzo beni e servizi di terzi Costo del personale Ammortamenti e svalutazioni di immobilizzazion Svalutazione di Crediti Variazioni delle rimanenze Accantonamenti per rischi Altri oneri e proventi EBIT 331 0,0% ,7% EBITDA ,0% ,3% Proventi da partecipazioni Oneri/proventi finanziari netti Utili e perdite su cambi (netto) Rettifiche di valore di attività finanziarie Risultato ante imposte Imposte correnti e differite Risultato di terzi Risultato consolidato di Gruppo ,3% ,1%

RISULTATI PRIMO SEMESTRE 2015

RISULTATI PRIMO SEMESTRE 2015 RISULTATI PRIMO SEMESTRE 2015 Oggi si è riunito il Consiglio di Amministrazione di IRCE S.p.A. che ha approvato la relazione finanziaria consolidata al 30 giugno 2015. I primi sei mesi dell esercizio 2015

Dettagli

GRUPPO CARRARO: approvati dal CdA i risultati del terzo trimestre 2014.

GRUPPO CARRARO: approvati dal CdA i risultati del terzo trimestre 2014. GRUPPO CARRARO: approvati dal CdA i risultati del terzo trimestre 2014. Fatturato consolidato in contrazione a causa del rallentamento dei principali mercati di riferimento, di un effetto cambi negativo,

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE NETTO A 6 MILIONI DI EURO (5,9 MILIONI NEL Q1 2011)

GRUPPO COFIDE: UTILE NETTO A 6 MILIONI DI EURO (5,9 MILIONI NEL Q1 2011) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati del primo trimestre 2012 GRUPPO COFIDE: UTILE NETTO A 6 MILIONI DI EURO (5,9 MILIONI NEL Q1 2011) Il leggero incremento rispetto allo

Dettagli

Comunicato stampa del 12 novembre 2007

Comunicato stampa del 12 novembre 2007 Comunicato stampa del 12 novembre Gruppo Ceramiche Ricchetti Approvata la relazione del terzo trimestre : l utile netto consolidato a 3,4 milioni di euro, + 54,55% rispetto allo stesso periodo del Il fatturato

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE NETTO DEL SEMESTRE A 17,5 MLN ( 20,3 MLN NEL 2015)

GRUPPO COFIDE: UTILE NETTO DEL SEMESTRE A 17,5 MLN ( 20,3 MLN NEL 2015) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 30 giugno 2016 GRUPPO COFIDE: UTILE NETTO DEL SEMESTRE A 17,5 MLN ( 20,3 MLN NEL 2015) Il risultato beneficia del contributo positivo

Dettagli

Relazione Finanziaria trimestrale del Gruppo al 31 marzo 2015

Relazione Finanziaria trimestrale del Gruppo al 31 marzo 2015 GRUPPO FEDON RISULTATI AL 31 MARZO 2015 Molto positivi i risultati del Gruppo Fedon nel primo trimestre 2015, che si riassumono come segue. Fatturato consolidato: Euro 18,2 milioni (+28,8%) EBITDA: Euro

Dettagli

Ricavi in crescita del 4,7% nel Q a 390,1m. EBITDA prima degli oneri non ricorrenti in rialzo del 9% a 38,5m

Ricavi in crescita del 4,7% nel Q a 390,1m. EBITDA prima degli oneri non ricorrenti in rialzo del 9% a 38,5m COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2016 SOGEFI (GRUPPO CIR): Ricavi in crescita del 4,7% nel Q1 2016 a 390,1m EBITDA prima degli oneri non ricorrenti in rialzo

Dettagli

Gruppo Ceramiche Ricchetti Approvata la relazione trimestrale, fatturato consolidato a 48,5 milioni di euro

Gruppo Ceramiche Ricchetti Approvata la relazione trimestrale, fatturato consolidato a 48,5 milioni di euro Comunicato stampa del 14 maggio 2010 Gruppo Ceramiche Ricchetti Approvata la relazione trimestrale, fatturato consolidato a 48,5 milioni di euro Il fatturato consolidato è pari a 48,5 milioni di euro (rispetto

Dettagli

Resoconto Intermedio di Gestione Operazioni societarie

Resoconto Intermedio di Gestione Operazioni societarie COMUNICATO STAMPA Milano, 14 maggio 2012 intek S.p.A. Sede legale in Ivrea (TO) Via Camillo Olivetti, 8 Capitale Sociale Euro 35.389.742,96 i.v. Registro Imprese di Torino, Codice fiscale e Partita IVA

Dettagli

Caltagirone Editore: il Consiglio di Amministrazione approva i risultati dell esercizio 2010

Caltagirone Editore: il Consiglio di Amministrazione approva i risultati dell esercizio 2010 Caltagirone Editore: il Consiglio di Amministrazione approva i risultati dell esercizio 2010 Ricavi a 248,3 milioni di euro (256,9 milioni di euro nel 2009) Margine operativo lordo a 27,4 milioni di euro

Dettagli

COMUNICATO STAMPA IL CDA DI CAMFIN SPA APPROVA I RISULTATI AL 31 MARZO 2012 PRIMO TRIMESTRE IN DECISO MIGLIORAMENTO

COMUNICATO STAMPA IL CDA DI CAMFIN SPA APPROVA I RISULTATI AL 31 MARZO 2012 PRIMO TRIMESTRE IN DECISO MIGLIORAMENTO CAMFIN COMUNICATO STAMPA IL CDA DI CAMFIN SPA APPROVA I RISULTATI AL 31 MARZO 2012 PRIMO TRIMESTRE IN DECISO MIGLIORAMENTO RISULTATO NETTO CONSOLIDATO POSITIVO PER 22,1 MILIONI DI EURO (16,7 MILIONI DI

Dettagli

Integrazioni su richiesta Consob ai sensi dell art. 114, del d.lgs 58/1998

Integrazioni su richiesta Consob ai sensi dell art. 114, del d.lgs 58/1998 Integrazioni su richiesta Consob ai sensi dell art. 114, del d.lgs 58/1998 Aggiornamento al 30 novembre 2016 La posizione a netta de Il Sole 24 ORE S.p.A. e del Gruppo 24 ORE, con l evidenziazione delle

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE NETTO DEI NOVE MESI A 61,1 MILIONI DI EURO

GRUPPO COFIDE: UTILE NETTO DEI NOVE MESI A 61,1 MILIONI DI EURO COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva il resoconto intermedio di gestione al 30 settembre 2009 GRUPPO COFIDE: UTILE NETTO DEI NOVE MESI A 61,1 MILIONI DI EURO Risultati consolidati

Dettagli

Schiapparelli 1824 S.p.A.: Cda esamina il progetto di bilancio relativo all esercizio 2005

Schiapparelli 1824 S.p.A.: Cda esamina il progetto di bilancio relativo all esercizio 2005 Milano, 31 marzo 2006 Schiapparelli 1824 S.p.A.: Cda esamina il progetto di bilancio relativo all esercizio 2005 Il Valore della produzione consolidato è pari a 23.580 mila euro in aumento di 11.038 mila

Dettagli

Integrazioni su richiesta Consob ai sensi dell art. 114, del d.lgs 58/1998

Integrazioni su richiesta Consob ai sensi dell art. 114, del d.lgs 58/1998 Integrazioni su richiesta Consob ai sensi dell art. 114, del d.lgs 58/1998 Aggiornamento al 31 dicembre 2016 La posizione finanziaria netta de Il Sole 24 ORE S.p.A. e del Gruppo 24 ORE, con l evidenziazione

Dettagli

Fidia SpA: il CdA approva la Relazione Trimestrale al 31 marzo 2007

Fidia SpA: il CdA approva la Relazione Trimestrale al 31 marzo 2007 comunicato stampa Fidia SpA: il CdA approva la Relazione Trimestrale al 31 marzo 2007 Il fatturato consolidato è di 6,5 milioni di euro rispetto ai 7,5 milioni di euro del 31 marzo 2006 L EBITDA passa

Dettagli

GRUPPO CARRARO: Il Consiglio di Amministrazione ha esaminato i risultati del primo semestre 2006

GRUPPO CARRARO: Il Consiglio di Amministrazione ha esaminato i risultati del primo semestre 2006 GRUPPO CARRARO: Il Consiglio di Amministrazione ha esaminato i risultati del primo semestre 2006 Fatturato consolidato a 322,6 milioni di Euro EBITDA a 23,1 milioni di Euro EBIT a 12 milioni di Euro Utile

Dettagli

AEFFE: Nei Primi Nove Mesi Del 2016 Si conferma Il Positivo Andamento Di Tutti Gli Indicatori Economici

AEFFE: Nei Primi Nove Mesi Del 2016 Si conferma Il Positivo Andamento Di Tutti Gli Indicatori Economici COMUNICATO STAMPA AEFFE: Nei Primi Nove Mesi Del 2016 Si conferma Il Positivo Andamento Di Tutti Gli Indicatori Economici Fatturato A 231,8 Milioni Di Euro (+3,8% A Cambi Costanti), Ebitda A 21,3 Milioni

Dettagli

Zignago Vetro S.p.A. COMUNICATO STAMPA

Zignago Vetro S.p.A. COMUNICATO STAMPA Zignago Vetro S.p.A. COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione di Zignago Vetro S.p.A. approva la Relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2009 In una situazione congiunturale caratterizzata

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Il Consiglio di Amministrazione di Alerion approva il resoconto intermedio sulla gestione del Gruppo al 31 marzo 2008

COMUNICATO STAMPA. Il Consiglio di Amministrazione di Alerion approva il resoconto intermedio sulla gestione del Gruppo al 31 marzo 2008 COMUNICATO STAMPA Milano, 14 maggio 2008 Il Consiglio di Amministrazione di Alerion approva il resoconto intermedio sulla gestione del Gruppo al 31 marzo 2008 Crescita dell attività industriale del Gruppo

Dettagli

Milano, 28 Agosto 2008

Milano, 28 Agosto 2008 Il Cda approva la semestrale Ricavi totali in crescita del 13,1%, a 65,56 milioni di euro Raccolta pubblicità a +2,2% Ebitda pari a 4,45 milioni di euro Milano, 28 Agosto 2008 Il Consiglio di Amministrazione

Dettagli

GRUPPO MONDO TV: il C.d.A. approva la semestrale al 30 giugno 2013.

GRUPPO MONDO TV: il C.d.A. approva la semestrale al 30 giugno 2013. COMUNICATO STAMPA GRUPPO MONDO TV: il C.d.A. approva la semestrale al 30 giugno 2013. EBITDA +81%, PFN in miglioramento del 20% Prosegue l espansione internazionale del gruppo: all estero il 75% del valore

Dettagli

IL CDA APPROVA I DATI RELATIVI AL TERZO TRIMESTRE 2007/2008

IL CDA APPROVA I DATI RELATIVI AL TERZO TRIMESTRE 2007/2008 IL CDA APPROVA I DATI RELATIVI AL TERZO TRIMESTRE 2007/2008 Sommario i Ricavi del terzo trimestre sono pari a 54,4 milioni, in aumento del 39,2% rispetto a 39,1 milioni del terzo trimestre dell esercizio

Dettagli

Informazione Regolamentata n. 0114-42-2016

Informazione Regolamentata n. 0114-42-2016 Informazione Regolamentata n. 0114-42-2016 Data/Ora Ricezione 29 Aprile 2016 19:26:49 MTA Societa' : SINTESI Identificativo Informazione Regolamentata : 73518 Nome utilizzatore : SINTESIN02 - Bottene Tipologia

Dettagli

COMUNICATO STAMPA BOLZONI S.p.A.: approvati dal CdA i dati consolidati relativi alla seconda trimestrale 2008 e alla prima semestrale 2008.

COMUNICATO STAMPA BOLZONI S.p.A.: approvati dal CdA i dati consolidati relativi alla seconda trimestrale 2008 e alla prima semestrale 2008. COMUNICATO STAMPA BOLZONI S.p.A.: approvati dal CdA i dati consolidati relativi alla seconda trimestrale 2008 e alla prima semestrale 2008. Primo semestre 2008 con un fatturato consolidato pari a Euro

Dettagli

Cementir Holding: il Consiglio di Amministrazione approva i risultati del primo semestre 2011

Cementir Holding: il Consiglio di Amministrazione approva i risultati del primo semestre 2011 Cementir Holding: il Consiglio di Amministrazione approva i risultati del primo semestre Ricavi a 450,9 milioni di euro (398,4 milioni di euro al 30 giugno ) Margine operativo lordo a 47,6 milioni di euro

Dettagli

BORSA ITALIANA - SEGMENTO STAR

BORSA ITALIANA - SEGMENTO STAR COMUNICATO STAMPA BORSA ITALIANA - SEGMENTO STAR PRIMA INDUSTRIE RISULTATI SEMESTRALI 2005: STABILE IL VOLUME DI ATTIVITA IN CRESCITA REDDITIVITA E ORDINI Fatturato consolidato a 46,4 milioni di euro (48,8

Dettagli

GRUPPO ZIGNAGO VETRO:

GRUPPO ZIGNAGO VETRO: Zignago Vetro S.p.A. COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione di Zignago Vetro S.p.A. approva la Relazione semestrale al 30 giugno 2008 GRUPPO ZIGNAGO VETRO: RICAVI IN CRESCITA (+ 6,9%) RISULTATO

Dettagli

SOGEFI: RICAVI OLTRE QUOTA 1 MILIARDO NEI NOVE MESI (+21,1%) UTILE NETTO IN CRESCITA A 22,4 MILIONI (+19%)

SOGEFI: RICAVI OLTRE QUOTA 1 MILIARDO NEI NOVE MESI (+21,1%) UTILE NETTO IN CRESCITA A 22,4 MILIONI (+19%) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 30 settembre 2012 SOGEFI: RICAVI OLTRE QUOTA 1 MILIARDO NEI NOVE MESI (+21,1%) UTILE NETTO IN CRESCITA A 22,4 MILIONI (+19%) Nonostante

Dettagli

COMUNICATO STAMPA MEDIACONTECH APPROVA IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 30 SETTEMBRE 2016

COMUNICATO STAMPA MEDIACONTECH APPROVA IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 30 SETTEMBRE 2016 COMUNICATO STAMPA MEDIACONTECH APPROVA IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 30 SETTEMBRE 2016 PRINCIPALI INDICATORI: RICAVI PER 1,4 /MN (2,0 /MN NEL 2015) EBITDA A -0,8 /MN (-0,9 /MN NEL 2015) RISULTATO

Dettagli

GRUPPO ZIGNAGO VETRO:

GRUPPO ZIGNAGO VETRO: Zignago Vetro S.p.A. COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione di Zignago Vetro S.p.A. approva la Relazione Trimestrale al 31 marzo 2008 GRUPPO ZIGNAGO VETRO: RICAVI IN CRESCITA (+ 7,3%) RISULTATO

Dettagli

COMUNICATO STAMPA IL CDA DI CAMFIN S.P.A. APPROVA I RISULTATI AL 31 MARZO 2013

COMUNICATO STAMPA IL CDA DI CAMFIN S.P.A. APPROVA I RISULTATI AL 31 MARZO 2013 COMUNICATO STAMPA IL CDA DI CAMFIN S.P.A. APPROVA I RISULTATI AL 31 MARZO 2013 RISULTATO NETTO CONSOLIDATO POSITIVO PER 12,1 MILIONI DI EURO (22,1 MILIONI DI EURO AL 31 MARZO 2012) PROVENTI NETTI DA PARTECIPAZIONI

Dettagli

RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 30 SETTEMBRE 2015

RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 30 SETTEMBRE 2015 RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 30 SETTEMBRE 2015 SOCIETA PER AZIONI - CAPITALE SOCIALE EURO 61.681.388,60 REGISTRO DELLE IMPRESE DI MANTOVA E CODICE FISCALE N. 00607460201 SOCIETA SOGGETTA ALL ATTIVITA

Dettagli

Zignago Vetro S.p.A. COMUNICATO STAMPA

Zignago Vetro S.p.A. COMUNICATO STAMPA Zignago Vetro S.p.A. COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione di Zignago Vetro S.p.A. approva il Resoconto Intermedio di Gestione al 31 marzo 2010 Il GRUPPO ZIGNAGO VETRO, chiude i primi tre mesi

Dettagli

CALTAGIRONE EDITORE: il Consiglio di Amministrazione approva i risultati 2007

CALTAGIRONE EDITORE: il Consiglio di Amministrazione approva i risultati 2007 CALTAGIRONE EDITORE: il Consiglio di Amministrazione approva i risultati 2007 Ricavi in crescita a 326,8 milioni di euro (+7,3%) Margine operativo lordo a 55,2 milioni di euro (+8,8%) Utile netto a 61,2

Dettagli

COMUNICATO STAMPA BEGHELLI : il Consiglio di Amministrazione approva il Progetto di Relazione Finanziaria al 30 giugno 2016.

COMUNICATO STAMPA BEGHELLI : il Consiglio di Amministrazione approva il Progetto di Relazione Finanziaria al 30 giugno 2016. COMUNICATO STAMPA BEGHELLI : il Consiglio di Amministrazione approva il Progetto di Relazione Finanziaria al 30 giugno 2016. Fatturato consolidato a 89,9 milioni di Euro (+5,1% rispetto agli 85,6 milioni

Dettagli

Situazione Patrimoniale al 31 dicembre 2012 redatta ai sensi e per gli effetti dagli artt comma 1 e 2447 c.c.

Situazione Patrimoniale al 31 dicembre 2012 redatta ai sensi e per gli effetti dagli artt comma 1 e 2447 c.c. Situazione Patrimoniale al 31 dicembre 2012 redatta ai sensi e per gli effetti dagli artt. 2446 comma 1 e 2447 c.c. Approvata dal Consiglio di Amministrazione di EEMS Italia S.p.A. in data 5 aprile 2013

Dettagli

COMUNICATO STAMPA CDA APPROVA I RISULTATI DEL PRIMO SEMESTRE 2015

COMUNICATO STAMPA CDA APPROVA I RISULTATI DEL PRIMO SEMESTRE 2015 COMUNICATO STAMPA CDA APPROVA I RISULTATI DEL PRIMO SEMESTRE 2015 Ricavi consolidati pari a Euro 82,1 milioni (+13% vs. 1H 2014) EBITDA consolidato pari a Euro 7,5 milioni (+9% vs. 1H 2014) Risultato ante

Dettagli

Gruppo Ceramiche Ricchetti Approvato il resoconto intermedio di gestione del terzo trimestre 2011

Gruppo Ceramiche Ricchetti Approvato il resoconto intermedio di gestione del terzo trimestre 2011 Comunicato Stampa del 14 novembre Gruppo Ceramiche Ricchetti Approvato il resoconto intermedio di gestione del terzo trimestre La perdita si riduce a 3,9 mln/ rispetto agli 11,5 mln/ del settembre La posizione

Dettagli

Ricavi 514,3 446,9 15,1% EBITDA % sui ricavi EBIT % sui ricavi Utile pre-tasse % sui ricavi Utile netto % sui ricavi

Ricavi 514,3 446,9 15,1% EBITDA % sui ricavi EBIT % sui ricavi Utile pre-tasse % sui ricavi Utile netto % sui ricavi Stezzano, 14 maggio 2015 BREMBO, BUONA PARTENZA NEL 2015: RICAVI DEL 1 TRIMESTRE +15,1% A 514,3 MILIONI, EBITDA 85,7 MILIONI (+21,8%), EBIT 59,1 MILIONI (+25,1%), UTILE NETTO 45,8 MILIONI (+27,5%). Rispetto

Dettagli

Solsonica: sul mercato la prima linea di prodotti fotovoltaici, i moduli Solsonica 610 in grado di offrire potenze fra i 200 e 240 Watt.

Solsonica: sul mercato la prima linea di prodotti fotovoltaici, i moduli Solsonica 610 in grado di offrire potenze fra i 200 e 240 Watt. COMUNICATO STAMPA GRUPPO EEMS: approvato il progetto di bilancio 2007. Ricavi consolidati a 157,2 milioni di Euro (+8,6%) EBITDA consolidato a 50,1 milioni di Euro (+5,9%) EBIT consolidato a 7,6 milioni

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Pierrel S.p.A.: Il Consiglio di Amministrazione approva la Relazione Finanziaria Semestrale al 30 giugno 2012

COMUNICATO STAMPA. Pierrel S.p.A.: Il Consiglio di Amministrazione approva la Relazione Finanziaria Semestrale al 30 giugno 2012 COMUNICATO STAMPA Pierrel S.p.A.: Il Consiglio di Amministrazione approva la Relazione Finanziaria Semestrale al 30 giugno 2012 Principali risultati consolidati del primo semestre 2012: Ricavi: pari a

Dettagli

COMUNICATO STAMPA Castrezzato, 14 febbraio 2007

COMUNICATO STAMPA Castrezzato, 14 febbraio 2007 POLIGRAFICA S. FAUSTINO S.p.A.: IL CDA APPROVA I RISULTATI DEL IV TRIMESTRE 2006 Dati economici consolidati di sintesi relativi al IV Trimestre 2006 CONSOLIDATO Euro/000 IV Trim. 2006 IV Trim. 2005 Vendite

Dettagli

COMUNICATO STAMPA GRUPPO EEMS: approvata la 4 trimestrale Dati relativi all esercizio chiuso al 31 dicembre 2007:

COMUNICATO STAMPA GRUPPO EEMS: approvata la 4 trimestrale Dati relativi all esercizio chiuso al 31 dicembre 2007: COMUNICATO STAMPA GRUPPO EEMS: approvata la 4 trimestrale 2007. Dati relativi all esercizio chiuso al 31 dicembre 2007: Ricavi consolidati a 157,2 milioni di Euro (+8,6%) EBITDA consolidato a 50.1 milioni

Dettagli

COMUNICATO STAMPA ACEA: IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA I RISULTATI AL 30 GIUGNO 2015

COMUNICATO STAMPA ACEA: IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA I RISULTATI AL 30 GIUGNO 2015 COMUNICATO STAMPA ACEA: IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA I RISULTATI AL 30 GIUGNO 2015 EBITDA 353,3 milioni di Euro (331,0 milioni di Euro nel 1H2014, +6,7%) EBIT 202,7 milioni di Euro (188,4 milioni

Dettagli

ENEL: UTILE NETTO IN CRESCITA A 4.541 MILIARDI (+ 6%) Risultato operativo a 10.426 miliardi (+8,6%).

ENEL: UTILE NETTO IN CRESCITA A 4.541 MILIARDI (+ 6%) Risultato operativo a 10.426 miliardi (+8,6%). Proposto un dividendo di lire 232 per azione. ENEL: UTILE NETTO IN CRESCITA A 4.541 MILIARDI (+ 6%) Risultato operativo a 10.426 miliardi (+8,6%). Roma, 12 aprile 2000 Si è riunito oggi sotto la presidenza

Dettagli

ENEL: IL CDA DELIBERA UN ACCONTO SUL DIVIDENDO 2011 PARI A 0,10 EURO PER AZIONE, IN PAGAMENTO DAL 24 NOVEMBRE PROSSIMO

ENEL: IL CDA DELIBERA UN ACCONTO SUL DIVIDENDO 2011 PARI A 0,10 EURO PER AZIONE, IN PAGAMENTO DAL 24 NOVEMBRE PROSSIMO ENEL: IL CDA DELIBERA UN ACCONTO SUL DIVIDENDO 2011 PARI A 0,10 EURO PER AZIONE, IN PAGAMENTO DAL 24 NOVEMBRE PROSSIMO Roma, 28 settembre 2011 Il Consiglio di Amministrazione di Enel SpA, presieduto da

Dettagli

COMUNICATO STAMPA MID INDUSTRY CAPITAL APPROVA IL BILANCIO CONSOLIDATO 2014 CON UN UTILE DI 4,5 MILIONI

COMUNICATO STAMPA MID INDUSTRY CAPITAL APPROVA IL BILANCIO CONSOLIDATO 2014 CON UN UTILE DI 4,5 MILIONI COMUNICATO STAMPA MID INDUSTRY CAPITAL APPROVA IL BILANCIO CONSOLIDATO 2014 CON UN UTILE DI 4,5 MILIONI La Holding chiude il 2014 con un utile di 9,5 milioni, che include la plusvalenza di 11,6 milioni

Dettagli

Il Fatturato Del Primo Semestre cresce del 18,6% a Tassi di Cambio Costanti Rispetto Allo Stesso Periodo Dell anno Precedente

Il Fatturato Del Primo Semestre cresce del 18,6% a Tassi di Cambio Costanti Rispetto Allo Stesso Periodo Dell anno Precedente Il Consiglio di Amministrazione di Nice S.p.A. approva la Relazione Finanziaria Semestrale 2008 Il Fatturato Del Primo Semestre cresce del 18,6 a Tassi di Cambio Costanti Rispetto Allo Stesso Periodo Dell

Dettagli

Interpump Group: il CdA approva i risultati dell esercizio 2003

Interpump Group: il CdA approva i risultati dell esercizio 2003 COMUNICATO STAMPA Interpump Group: il CdA approva i risultati dell esercizio 2003 DIVIDENDO PROPOSTO ALL ASSEMBLEA: 0,12 EURO (+9%) RICAVI NETTI 2003: 501,7 MILIONI DI EURO (+1,8%) MOL AL 15% NONOSTANTE

Dettagli

COBRA Automotive Technology S.p.A. 1H07 : Ricavi +25%, EBITDA +17% Risultato Netto + 171%

COBRA Automotive Technology S.p.A. 1H07 : Ricavi +25%, EBITDA +17% Risultato Netto + 171% COBRA Automotive Technology S.p.A. 1H07 : Ricavi +25%, EBITDA +17% Risultato Netto + 171% Dati economici consolidati Primo semestre vs. Secondo trimestre vs. Valori espressi in migliaia di Euro % % Ricavi

Dettagli

COBRA - Risultati Q1 2009

COBRA - Risultati Q1 2009 press release COBRA - Risultati Q1 2009 RICAVI a 24,2 milioni di euro EBITDA -1,95 milioni di euro Dati economici consolidati 1Q 2009 1Q 2009 vs. Valori espressi in migliaia di Euro % Ricavi Gestione caratteristica

Dettagli

Assemblea degli Azionisti. Casale Monferrato 11 Maggio, 2007

Assemblea degli Azionisti. Casale Monferrato 11 Maggio, 2007 Assemblea degli Azionisti Casale Monferrato 11 Maggio, 2007 STRUTTURA DEL GRUPPO BUZZI UNICEM SpA CEMENTO CALCESTRUZZO E AGGREGATI ATTIVITA CORRELATE ATTIVITA ESTERE BUZZI UNICEM UNICAL 100% LATERLITE

Dettagli

PREVISIONE AGGIORNATA ( FORECAST ) DEL CONTO ECONOMICO 2013

PREVISIONE AGGIORNATA ( FORECAST ) DEL CONTO ECONOMICO 2013 PREVISIONE AGGIORNATA ( FORECAST ) DEL CONTO ECONOMICO 2013 Fermi restando i programmi e il risultato atteso per il 2013, sostanzialmente in pareggio, il budget è stato aggiornato in relazione alla prevista

Dettagli

Allegati INDICATORI ALTERNATIVI DI PERFORMANCE

Allegati INDICATORI ALTERNATIVI DI PERFORMANCE Allegati INDICATORI ALTERNATIVI DI PERFORMANCE Nel presente comunicato stampa riguardante il resoconto intermedio di gestione al 31 marzo, in aggiunta agli indicatori finanziari convenzionali previsti

Dettagli

Giovanni Crespi S.p.A. in liquidazione Il Collegio dei Liquidatori approva la Relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2013

Giovanni Crespi S.p.A. in liquidazione Il Collegio dei Liquidatori approva la Relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2013 Comunicato Stampa Giovanni Crespi S.p.A. in liquidazione Il Collegio dei Liquidatori approva la Relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2013 Risultati consolidati al 30/06/2013 Ricavi a 79 mln/ (83

Dettagli

CDA LVENTURE GROUP S.P.A.: APPROVATO IL RESOCONTO INTERMEDIO SULLA GESTIONE AL 30 SETTEMBRE 2014

CDA LVENTURE GROUP S.P.A.: APPROVATO IL RESOCONTO INTERMEDIO SULLA GESTIONE AL 30 SETTEMBRE 2014 CDA LVENTURE GROUP S.P.A.: APPROVATO IL RESOCONTO INTERMEDIO SULLA GESTIONE AL 30 SETTEMBRE 2014 Risultati al 30 settembre 2014 in linea con il piano industriale: Confermato il trend in aumento dei ricavi,

Dettagli

Il C.d.A. di CAD IT approva il Resoconto Intermedio di Gestione al 30 Settembre 2012

Il C.d.A. di CAD IT approva il Resoconto Intermedio di Gestione al 30 Settembre 2012 COMUNICATO STAMPA Verona, 13 Novembre 2012 Il C.d.A. di CAD IT approva il Resoconto Intermedio di Gestione al 30 Settembre 2012 Il Gruppo CAD IT chiude il terzo trimestre 2012 con un Valore della Produzione

Dettagli

Zignago Vetro S.p.A. COMUNICATO STAMPA

Zignago Vetro S.p.A. COMUNICATO STAMPA Zignago Vetro S.p.A. COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione di Zignago Vetro S.p.A. approva il Resoconto intermedio di gestione al 30 settembre 2009 Nel terzo trimestre sembra essersi attenuata

Dettagli

NOEMALIFE: Il Consiglio di Amministrazione ha approvato oggi il Resoconto Intermedio I

NOEMALIFE: Il Consiglio di Amministrazione ha approvato oggi il Resoconto Intermedio I COMUNICATO STAMPA NOEMALIFE: Il Consiglio di Amministrazione ha approvato oggi il Resoconto Intermedio I di Gestione al 31 marzo 2009. Ricavi operativi consolidati a 8,6 milioni di Euro (+31% rispetto

Dettagli

Nel primo semestre utile di pertinenza del gruppo a 106,5 milioni di euro (- 1,3%)

Nel primo semestre utile di pertinenza del gruppo a 106,5 milioni di euro (- 1,3%) Nel primo semestre utile di pertinenza del gruppo a 106,5 milioni di euro (- 1,3%) Bergamo, 3 settembre - Il Consiglio di amministrazione di Italcementi Spa ha oggi preso in esame e approvato la relazione

Dettagli

CAD IT: IL CDA APPROVA LA RELAZIONE SEMESTRALE

CAD IT: IL CDA APPROVA LA RELAZIONE SEMESTRALE COMUNICATO STAMPA Verona, 26 Settembre 2003 CAD IT: IL CDA APPROVA LA RELAZIONE SEMESTRALE CAD IT chiude il primo semestre 2003 con un valore della produzione pari a 29,1 milioni di euro e con un margine

Dettagli

Risultati preliminari dell esercizio 2016

Risultati preliminari dell esercizio 2016 Comunicato Stampa Risultati preliminari dell esercizio 2016 CET 1 Capital ratio consolidato al 25,5% Raccolta complessiva della clientela incluse le attività fiduciarie nette in crescita a 5,7 miliardi

Dettagli

IPI: UTILE di 59 milioni nel primo semestre 2016

IPI: UTILE di 59 milioni nel primo semestre 2016 COMUNICATO STAMPA IPI: UTILE di 59 milioni nel primo semestre 2016 Utile netto di 59,4 milioni di euro il risultato del primo semestre 2016 Risultato operativo positivo di 66,5 milioni di euro Posizione

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Manutencoop Facility Management S.p.A.: Il Consiglio di Gestione presenta il Resoconto Intermedio di Gestione al 31 marzo 2016

COMUNICATO STAMPA. Manutencoop Facility Management S.p.A.: Il Consiglio di Gestione presenta il Resoconto Intermedio di Gestione al 31 marzo 2016 COMUNICATO STAMPA Manutencoop Facility Management S.p.A.: Il Consiglio di Gestione presenta il Resoconto Intermedio di Gestione al 31 marzo 2016 Principali risultati del Gruppo MFM relativi al 1 trimestre

Dettagli

COMUNICATO STAMPA CDA ISAGRO APPROVA I RISULTATI DEI PRIMI NOVE MESI 2016

COMUNICATO STAMPA CDA ISAGRO APPROVA I RISULTATI DEI PRIMI NOVE MESI 2016 COMUNICATO STAMPA CDA ISAGRO APPROVA I RISULTATI DEI PRIMI NOVE MESI 2016 Ricavi consolidati 110 milioni di Euro (-3,6% rispetto al pari periodo del 2015) EBITDA consolidato 9,9 milioni (-4,9% rispetto

Dettagli

Esprinet: record di crescita nel primo semestre 2003 Fatturato +41% Risultato operativo lordo (EBITDA) + 56% Utile ante imposte + 68%

Esprinet: record di crescita nel primo semestre 2003 Fatturato +41% Risultato operativo lordo (EBITDA) + 56% Utile ante imposte + 68% Comunicato stampa Nova Milanese, 28 agosto 2003 La società di Nova Milanese annuncia i dati consuntivi consolidati Esprinet: record di crescita nel primo semestre 2003 Fatturato +41% Risultato operativo

Dettagli

COMUNICATO STAMPA Enervit S.p.A.:

COMUNICATO STAMPA Enervit S.p.A.: COMUNICATO STAMPA Enervit S.p.A.: Il Consiglio di Amministrazione approva il Progetto di Bilancio d esercizio e il Bilancio consolidato al 31 dicembre 2015 Principali risultati consolidati al 31 dicembre

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Primo semestre Brembo 2003: Confermata la tendenza dei primi mesi; permane forte cautela per i mesi a venire

COMUNICATO STAMPA. Primo semestre Brembo 2003: Confermata la tendenza dei primi mesi; permane forte cautela per i mesi a venire COMUNICATO STAMPA Per diffusione immediata Curno, 24 settembre 2003 Primo semestre Brembo 2003: Confermata la tendenza dei primi mesi; permane forte cautela per i mesi a venire Il CdA di Brembo si è riunito

Dettagli

COMUNICATO STAMPA Milano, 31 agosto 2012

COMUNICATO STAMPA Milano, 31 agosto 2012 IRAG 5 Informativa al mercato ai sensi dell art. 114, comma 5, del D.Lgs 58/98 : In ottemperanza alla richiesta di Consob ai sensi dell art. 114, comma 5, del D.Lgs 58/98 inviata alla Società in data 10

Dettagli

GRUPPO SOGEFI RELAZIONE SULL ANDAMENTO DELLA

GRUPPO SOGEFI RELAZIONE SULL ANDAMENTO DELLA GRUPPO SOGEFI RELAZIONE SULL ANDAMENTO DELLA GESTIONE AL 31 MARZO 2003 Un quadro economico negativo, appesantito dall inizio delle azioni belliche in IRAQ, ha condizionato le attività del Gruppo nel primo

Dettagli

Bonifiche Ferraresi S.p.A.

Bonifiche Ferraresi S.p.A. COMUNICATO STAMPA APPROVATO IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 31 MARZO 2011 Utile netto a 48 migliaia di euro (-291 migliaia al 31/03/2010); Ricavi: totale ricavi in aumento da 1.050 migliaia di euro

Dettagli

Rassegna stampa web. Comunicato del 20 Ottobre 2008. Gruppo AMA: Il Consiglio d Amministrazione comunica i risultati al 30 giugno 2008

Rassegna stampa web. Comunicato del 20 Ottobre 2008. Gruppo AMA: Il Consiglio d Amministrazione comunica i risultati al 30 giugno 2008 Rassegna stampa web Gruppo AMA Comunicato del 20 Ottobre 2008 Gruppo AMA: Il Consiglio d Amministrazione comunica i risultati al 30 giugno 2008 Pagina WEB: Data: 20 Ottobre 2008 Gruppo AMA: Il Consiglio

Dettagli

Il contenuto e la struttura degli schemi di Bilancio secondo i principi contabili internazionali (Ias/Ifrs)

Il contenuto e la struttura degli schemi di Bilancio secondo i principi contabili internazionali (Ias/Ifrs) Il contenuto e la struttura degli schemi di Bilancio secondo i principi contabili internazionali (Ias/Ifrs) 1 Contenuto Stato Patrimoniale Ias/Ifrs Contenuto minimo obbligatorio: a) immobili, impianti

Dettagli

Fatti di rilievo del primo trimestre 2013 ed eventi successivi

Fatti di rilievo del primo trimestre 2013 ed eventi successivi Torino, 29 aprile 2013 Fatti di rilievo del primo trimestre 2013 ed eventi successivi Fatti di rilievo del primo trimestre 2013 ed eventi successivi Operazioni sul mercato internazionale Sviluppo dei marchi

Dettagli

Ricavi in crescita del 9,8% a cambi costanti nel primo semestre 2016 e annuncio della cessione di FontanaArte

Ricavi in crescita del 9,8% a cambi costanti nel primo semestre 2016 e annuncio della cessione di FontanaArte Il Consiglio di Amministrazione di Nice S.p.A. approva la Relazione Finanziaria Semestrale al 30 giugno 2016 e annuncia la cessione di FontanaArte a Italian Creation Group S.p.A. Ricavi in crescita del

Dettagli

COMUNICATO STAMPA APPROVAZIONE DEL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE CONSOLIDATO PER IL PERIODO DI 9 MESI AL 31 GENNAIO 2015

COMUNICATO STAMPA APPROVAZIONE DEL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE CONSOLIDATO PER IL PERIODO DI 9 MESI AL 31 GENNAIO 2015 COMUNICATO STAMPA APPROVAZIONE DEL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE CONSOLIDATO PER IL PERIODO DI 9 MESI AL 31 GENNAIO 2015 Il Consiglio di Amministrazione di Sesa S.p.A. riunitosi in data odierna ha approvato

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. I risultati dei primi nove mesi del 2011 e del terzo trimestre dopo la cessione del Settore Motori Elettrici

COMUNICATO STAMPA. I risultati dei primi nove mesi del 2011 e del terzo trimestre dopo la cessione del Settore Motori Elettrici COMUNICATO STAMPA I risultati dei primi nove mesi del 2011 e del terzo trimestre dopo la cessione del Settore Motori Elettrici RISULTATI DELLE OPERAZIONI CONTINUE DEI PRIMI NOVE MESI DEL 2011 Vendite nette:

Dettagli

crediti verso società collegate

crediti verso società collegate crediti verso società collegate B) Immobilizzazioni III - Immobilizzazioni finanziarie 1) Crediti b) Verso imprese collegate Stato Patrimoniale C) Attivo circolante II - Crediti 3) Verso imprese collegate

Dettagli

Omnia Network S.p.A.: Il Consiglio di Amministrazione approva la Relazione Finanziaria Semestrale al 30 giugno 2010 (*)

Omnia Network S.p.A.: Il Consiglio di Amministrazione approva la Relazione Finanziaria Semestrale al 30 giugno 2010 (*) Pag. 1 di 9 Comunicato stampa : Il Consiglio di Amministrazione approva la Relazione Finanziaria Semestrale al 30 giugno 2010 (*) Risultati Consolidati di relativi al primo semestre 2010 Ricavi: pari a

Dettagli

Comunicato Stampa. IMVEST S.p.A. Il Consiglio di Amministrazione approva la relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2016

Comunicato Stampa. IMVEST S.p.A. Il Consiglio di Amministrazione approva la relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2016 Comunicato Stampa IMVEST S.p.A. Il Consiglio di Amministrazione approva la relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2016 Dati consolidati semestrali al 30 giugno 2016: Valore della produzione: 5.132

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Approvazione del Resoconto Intermedio di Gestione al 31 marzo 2012

COMUNICATO STAMPA. Approvazione del Resoconto Intermedio di Gestione al 31 marzo 2012 COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione di Valsoia S.p.A.: - approva il, - convoca l Assemblea Ordinaria e Straordinaria per l approvazione di modifiche statutarie e per deliberazioni ai sensi

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Acea SpA. Investor Relations Tel. +39 06 57994663

COMUNICATO STAMPA. Acea SpA. Investor Relations Tel. +39 06 57994663 COMUNICATO STAMPA Aggiornamenti al progetto di bilancio 2006 in conseguenza della definizione della procedura prevista dal decreto legge n.10/2007 convertito nella L. n.46 del 16 aprile 2007 Roma, 24 aprile

Dettagli

ELICA S.p.A. SCHEMI DI BILANCIO CONSOLIDATO

ELICA S.p.A. SCHEMI DI BILANCIO CONSOLIDATO ELICA S.p.A. SCHEMI DI BILANCIO CONSOLIDATO Conto Economico Consolidato al 31 dicembre 2014 31-dic-14 31-dic-13 Dati in migliaia di Euro Ricavi 391.901 391.849 Altri ricavi operativi 5.417 4.221 Variazione

Dettagli

LA DORIA: approvata dal C.d.A. la Relazione Finanziaria Semestrale al

LA DORIA: approvata dal C.d.A. la Relazione Finanziaria Semestrale al COMUNICATO STAMPA LA DORIA: approvata dal C.d.A. la Relazione Finanziaria Semestrale al 30.06.2014. Risultati economico-finanziari in sensibile miglioramento rispetto al primo semestre dell esercizio precedente.

Dettagli

RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 30 SETTEMBRE 2016

RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 30 SETTEMBRE 2016 RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 30 SETTEMBRE 2016 SOCIETA PER AZIONI - CAPITALE SOCIALE EURO 62.065.356,60 REGISTRO DELLE IMPRESE DI MANTOVA E CODICE FISCALE N. 00607460201 SOCIETA' SOGGETTA ALL'ATTIVITA'

Dettagli

Ragioneria Generale e Applicata I. Il contenuto e la struttura degli schemi di Bilancio secondo i principi contabili internazionali (Ias/Ifrs)

Ragioneria Generale e Applicata I. Il contenuto e la struttura degli schemi di Bilancio secondo i principi contabili internazionali (Ias/Ifrs) Il contenuto e la struttura degli schemi di Bilancio secondo i principi contabili internazionali (Ias/Ifrs) Stato Patrimoniale Ias/Ifrs Schema esemplificativo OIC ATTIVO Attività non correnti Immobili,

Dettagli

COMUNICATO STAMPA CDA ISAGRO APPROVA I RISULTATI DEL PRIMO SEMESTRE 2016

COMUNICATO STAMPA CDA ISAGRO APPROVA I RISULTATI DEL PRIMO SEMESTRE 2016 COMUNICATO STAMPA CDA ISAGRO APPROVA I RISULTATI DEL PRIMO SEMESTRE 2016 Ricavi consolidati 87,1 milioni di Euro (+6% vs. 1H 2015) EBITDA consolidato 11,5 milioni (+53% vs. 1H 2015) Risultato netto 4,5

Dettagli

Convocazione di Assemblea ai sensi dell art c.c.

Convocazione di Assemblea ai sensi dell art c.c. Convocazione di Assemblea ai sensi dell art. 2446 c.c. Torino, 19 dicembre 2011 Il Consiglio di Amministrazione della Pininfarina S.p.A. - riunitosi oggi per l esame della situazione economica e patrimoniale

Dettagli

Il Consiglio di Amministrazione di Gefran S.p.A. approva i risultati al 30 Settembre 2016.

Il Consiglio di Amministrazione di Gefran S.p.A. approva i risultati al 30 Settembre 2016. Il Consiglio di Amministrazione di Gefran S.p.A. approva i risultati al 30 Settembre 2016. Ricavi a 88,6 milioni di Euro per i primi 9 mesi dell anno, in aumento del 2,24% rispetto al 2015 EBITDA a 7,6

Dettagli

Cariche sociali. Consiglio di Amministrazione. Presidente. Francesco Gaetano Caltagirone. Vice Presidenti. Azzurra Caltagirone Gaetano Caltagirone

Cariche sociali. Consiglio di Amministrazione. Presidente. Francesco Gaetano Caltagirone. Vice Presidenti. Azzurra Caltagirone Gaetano Caltagirone RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE 31 marzo 2016 Cariche sociali Consiglio di Amministrazione Presidente Vice Presidenti Consiglieri Francesco Gaetano Caltagirone Azzurra Caltagirone Gaetano Caltagirone

Dettagli

POLIGRAFICA S. FAUSTINO: APPROVATO DAL CDA IN DATA ODIERNA IL PROGETTO DI BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2003

POLIGRAFICA S. FAUSTINO: APPROVATO DAL CDA IN DATA ODIERNA IL PROGETTO DI BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2003 POLIGRAFICA S. FAUSTINO: APPROVATO DAL CDA IN DATA ODIERNA IL PROGETTO DI BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2003 FATTURATO CONSOLIDATO 2003 PARI A EURO 32,80 MILIONI IN CRESCITA DEL 16% RISPETTO AL 2002 ELEVATA

Dettagli

PREMESSA. SITUAZIONI CONTABILI DELLE SOCIETA CONTROLLATE ESTERE EXTRA U.E. Art. 36 del Regolamento Mercati Consob

PREMESSA. SITUAZIONI CONTABILI DELLE SOCIETA CONTROLLATE ESTERE EXTRA U.E. Art. 36 del Regolamento Mercati Consob PREMESSA 1 PREMESSA PREMESSA Ai sensi e per gli effetti dell art. 36, comma 1, lett. a del Regolamento Mercati Consob, I.M.A. Industria Macchine Automatiche S.p.A. mette a disposizione del pubblico, con

Dettagli

Consiglio di Amministrazione Mediaset 29 luglio 2010 APPROVATI I RISULTATI DEL PRIMO SEMESTRE 2010

Consiglio di Amministrazione Mediaset 29 luglio 2010 APPROVATI I RISULTATI DEL PRIMO SEMESTRE 2010 Comunicato stampa Consiglio di Amministrazione Mediaset 29 luglio 2010 APPROVATI I RISULTATI DEL PRIMO SEMESTRE 2010 Bilancio Consolidato Ricavi netti: 2.277,8 milioni di euro Risultato operativo: 485,2

Dettagli

Zignago Vetro S.p.A. COMUNICATO STAMPA. Il GRUPPO ZIGNAGO VETRO AUMENTA NEL SEMESTRE IL FATTURATO DI + 12,4% E L UTILE NETTO DI + 10,9%.

Zignago Vetro S.p.A. COMUNICATO STAMPA. Il GRUPPO ZIGNAGO VETRO AUMENTA NEL SEMESTRE IL FATTURATO DI + 12,4% E L UTILE NETTO DI + 10,9%. Zignago Vetro S.p.A. COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione di Zignago Vetro S.p.A. approva la Relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2011 Il GRUPPO ZIGNAGO VETRO AUMENTA NEL SEMESTRE

Dettagli

CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA FIAT: BILANCIO DELL ESERCIZIO 2005 E CONVOCAZIONE DELL ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI

CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA FIAT: BILANCIO DELL ESERCIZIO 2005 E CONVOCAZIONE DELL ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA FIAT: BILANCIO DELL ESERCIZIO 2005 E CONVOCAZIONE DELL ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI Il Bilancio d esercizio di Fiat S.p.A. chiude con un utile di 223 milioni di (949 milioni

Dettagli

CONTO ECONOMICO CONSOLIDATO

CONTO ECONOMICO CONSOLIDATO CONTO ECONOMICO CONSOLIDATO Totale Esercizio chiuso al 31 dicembre 2015 31 dicembre 2014 di cui non ricorrenti di cui ricorrenti Totale di cui non ricorrenti di cui ricorrenti Ricavi di vendita 98.219

Dettagli

Risultato ante imposte di Gruppo risultato netto Posizione finanziaria netta

Risultato ante imposte di Gruppo risultato netto Posizione finanziaria netta GRUPPO CARRARO: approvati dal CdA i risultati al 30.06.2015. Fatturato stabile rispetto al 2014 e in linea con le attese. Importante crescita di Carraro Agritalia (+50%). In netto miglioramento la marginalità

Dettagli

Eni: Bilancio Consolidato e Progetto di Bilancio di Esercizio 2015

Eni: Bilancio Consolidato e Progetto di Bilancio di Esercizio 2015 Eni: Bilancio Consolidato e Progetto di Bilancio di 2015 Convocazione dell Assemblea degli Azionisti Bilancio consolidato e bilancio d'esercizio: confermati i risultati del preconsuntivo pubblicati il

Dettagli

Risultati consolidati al terzo trimestre 2016

Risultati consolidati al terzo trimestre 2016 COMUNICATO STAMPA Risultati consolidati al terzo trimestre 2016 Utile netto di Gruppo: 70,6 milioni (+22,0%) Patrimonio netto di Gruppo: 744,1 milioni (+7,6% rispetto al 31/12/2015) Premi contabilizzati

Dettagli