GRUPPO CARRARO: (-7,4%). L

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "GRUPPO CARRARO: (-7,4%). L"

Transcript

1 GRUPPO CARRARO: approvato dal Consiglio di Amministrazione il progetto di bilancio relativo all esercizio La contrazione della domanda nei mercati delle macchine agricole e movimento terra, in particolare nel secondo semestre, penalizza i volumi di vendita e porta il fatturato a quota 674 milioni di Euro (-7,4%). L esercizio chiude con un risultato netto negativo per 8,9 milioni di Euro. Importanti costi non ricorrenti ristrutturazioni e svalutazioni patrimoniali per 27 milioni di Euro. Nuovo corso per Elettronica Santerno. Riorganizzata completamente la società. Effettuati importanti riallineamenti di poste patrimoniali che determinano una perdita superiore a 26 milioni di Euro nell esercizio. Completata la cessione di asset non strategici, per un valore complessivo di 37 milioni di Euro, con la cessione della società tedesca O&KA e di una parte dell area industriale di Carraro Argentina. Varato il Nuovo Piano che ha ricevuto il supporto finanziario da parte dei principali istituti di credito di riferimento del Gruppo. Fatturato consolidato a quota 674 milioni di Euro, in diminuzione del 7,4% rispetto al 2014 (era 727,8 milioni di Euro) in conseguenza del calo dei volumi registrato nella seconda parte dell anno. A parità di perimetro rispetto al 2014 il calo di fatturato sarebbe pari a 4,5%. In controtendenza Carraro divisione Agritalia (trattori) che ha realizzato un fatturato pari a 120,4 milioni di Euro (+17,1%). EBITDA consolidato al pari a 46,9 milioni di Euro (7% sul fatturato) in crescita del 21,1% rispetto ai 38,8 milioni di Euro (5,3% sul fatturato) del Normalizzando i risultati dell esercizio 2014, al netto dei costi non ricorrenti e del cambio di perimetro, l EBITDA rettificato (al netto dei costi non ricorrenti) del 2014 sarebbe stato pari a 42,2 milioni di Euro (6% sul fatturato). EBIT consolidato al è pari a 331 mila Euro (0,1% sul fatturato) in contrazione del 97,3% rispetto ai 12,1 milioni di Euro (1,7% sul fatturato) del Al netto dei costi non ricorrenti e del cambio di perimetro, l EBIT rettificato sarebbe stato pari a 14 milioni di Euro (2,1% sul fatturato). 1

2 Risultato netto negativo per 8,9 milioni di Euro (-1,3% sul fatturato) rispetto alla perdita di 7,9 milioni di Euro (-1,1% sul fatturato) del Al netto degli effetti non ricorrenti il risultato netto sarebbe negativo per 14,5 milioni di Euro (-2,2% sul fatturato) di cui 8,9 milioni di Euro relativi alla Business Area Santerno. Posizione finanziaria netta consolidata al a debito per 227,8 milioni di Euro, in miglioramento rispetto al 30 giugno 2015 (era negativa per 247 milioni di Euro) e in linea rispetto ai 224,3 milioni di Euro del Campodarsego (Padova), 19 febbraio 2016 Il Consiglio di Amministrazione di Carraro SpA, leader mondiale nei sistemi per la trasmissione di potenza, si è riunito oggi sotto la presidenza di Enrico Carraro per esaminare il progetto di Bilancio relativo all esercizio 2015, che sarà sottoposto all Assemblea degli azionisti convocata per il prossimo 15 aprile. Il 2015 ha visto il Gruppo fortemente impegnato in una importante azione di riorganizzazione. Sono stati ridefiniti i mercati verso i quali dirigere le nostre forze, tracciata una dettagliata roadmap di sviluppo dei nuovi prodotti, rivista l organizzazione del lavoro e dei siti di produzione. Un complesso di attività che sarà da guida per riportare il Gruppo al profitto e che di fatto ha già raggiunto un primo importante risultato nel rafforzamento patrimoniale e nell essenziale sostegno avuto dai principali istituti finanziari. ha dichiarato Enrico Carraro, Presidente del Gruppo Oggi possiamo contare su di un Gruppo più solido e forgiato per affrontare con sicurezza le sfide dei prossimi anni. A cominciare dal 2016 che vede ad oggi ancora incerta la ripartenza in molti dei nostri principali mercati. Analisi dei dati economici finanziari consolidati dell esercizio 2015 Mercati L esercizio 2015 ha registrato una prima parte dell anno caratterizzata da una domanda in linea con le aspettative, mentre a partire dal mese di maggio tutti i mercati di riferimento hanno manifestato importanti segnali di rallentamento con diffusi e significativi tagli degli ordinativi sia nel breve che nel medio termine, rendendo necessaria un immediata revisione dei volumi attesi e dei programmi di produzione per la seconda parte dell anno. In particolare nel settore agricolo il basso livello dei prezzi delle materie prime ha condizionato la capacità di spesa e i nuovi investimenti, con effetti negativi sulle vendite di macchine agricole ridottesi costantemente nel corso dei mesi. Come già negli anni precedenti le riduzioni più significative hanno interessato in particolare le macchine di potenza medio-alta, dove sono meno presenti i prodotti Carraro. Per il 2016 in tale settore non c è attesa per particolari inversioni di tendenza, se non nella seconda parte dell anno, ad esclusione dell ambito dei trattori specialistici (vigneto, frutteto) dove il Gruppo ha già un buon posizionamento. Nel construction equipment il 2015 consolida il rallentamento della domanda di nuovi veicoli, ormai elemento costante sin dalla fine dello scorso esercizio, maggiormente pronunciato per le macchine di grandi dimensioni e relativamente più moderato per le macchine compatte. I contenuti tassi di crescita economica, nella seconda metà dell anno in tutte le regioni mondiali, uniti alle crescenti criticità emerse 2

3 nelle economie emergenti, hanno avuto l effetto di posticipare i nuovi investimenti già annunciati, con conseguente riduzione della domanda di nuovi macchinari. Per tale settore il 2016 nel mercato europeo c è attesa per un lieve miglioramento della domanda, mentre per il Nord America la tendenza è quella di un ulteriore calo dei volumi. In Cina, a seguito della pesante contrazione registrata negli ultimi anni in tale ambito, la situazione si è stabilizzata su livelli di mercato coerenti alla reale domanda del Paese; nel medio termine il Piano pluriennale di investimenti governativi in infrastrutture chiamato One Belt, One Road dovrebbe contribuire a rilanciare il settore. Il mercato mondiale fotovoltaico nel 2015 ha confermato le stime superando i 50GW di nuovi impianti. Le attese per il 2016 sono di oltre 60 GW, pur caratterizzati da forti incertezze. Le politiche di incentivi rimangono i fattori chiave in pochi grandi mercati ma i prezzi bassi ed in rapido declino da una parte mettono in crisi i vari costruttori di componenti, dall'altra fanno emergere vari mercati in grid parity in tutto il mondo. La Cina continua ad occupare un posto di rilievo, insieme ad USA e Giappone, mentre si stanno affacciando paesi del Nord Africa e Medio-Oriente con programmi di sviluppo nella scala del GW. Ricavi L esercizio 2015 si è chiuso con un fatturato consolidato di 674 milioni di Euro, in contrazione del 7,4% rispetto ai 727,8 milioni di Euro del Nella comparazione dei dati è necessario considerare che il fatturato 2014 includeva 22 milioni di Euro relativi a Mini Gears, ramo d azienda ceduto nel mese di aprile Al netto di questo elemento straordinario il calo di fatturato sarebbe pari a 4,5%. Le aree di business operanti nel settore della meccanica (Carraro Drivetech e Agritalia) hanno realizzato un fatturato verso terzi in contrazione del 4,6% (al netto della cessione degli stabilimenti di Mini Gears). Mentre la Business Area Drive Tech ha conseguito un calo del 8,5% (a parità di perimetro), Agritalia ha realizzato un incremento delle vendite del 17,1%. Elettronica Santerno ha registrato un fatturato pari a 35,2 milioni di Euro, in contrazione del 4% rispetto ai 36,6 milioni di Euro del 2014 principalmente a causa del significativo ritardo delle commesse nel settore fotovoltaico in Sudafrica. Tutte le tradizionali aree geografiche di riferimento evidenziano una diminuzione dei volumi, meno marcata in Nord America (-3,1%), Turchia (-5,6%) e Svizzera (0,6%). Da segnalare il fatturato in Sud Africa realizzato grazie alle commesse di Elettronica Santerno per 11,8 milioni di Euro. EBITDA ed EBIT L EBITDA al 31 dicembre 2015 è pari a 46,9 milioni di Euro (7% sul fatturato) in crescita del 21,1% rispetto ai 38,8 milioni di Euro (5,3% sul fatturato) del A parità di area di consolidamento e al netto degli elementi non ricorrenti l EBITDA rettificato 2015 sarebbe pari a 42,2 milioni di Euro (6,3% sul fatturato) rispetto a 42,7 milioni di Euro (6,0% sul fatturato) del L EBIT 2015 è pari a 331 mila Euro (0,1% sul fatturato) in contrazione del 97,3% rispetto ai 12,1 milioni di Euro (1,7% sul fatturato) del A parità di area di consolidamento e al netto degli elementi non ricorrenti l EBIT rettificato 2015 sarebbe pari a 14 milioni di Euro (2,1% sul fatturato) rispetto a 17,8 milioni di Euro (2,5% sul fatturato). Si segnala che oltre ai costi non ricorrenti sopra citati, hanno impattato sulla marginalità dell esercizio anche costi di consulenza connessi alle operazioni straordinarie realizzate e i costi per il trasferimento della società O&K Antriebstechnik nella nuova sede, avvenuto prima della cessione della stessa. 3

4 L EBITDA aggregato al 31 dicembre 2015 delle aree di business area operanti nel settore della meccanica è pari a 48 milioni di Euro (7,2% sul fatturato) rispetto a 50,3 milioni di Euro (7% sul fatturato) dell esercizio precedente. L EBIT è pari a 24,4 milioni di Euro (3,7% sul fatturato) rispetto a 28,4 milioni di Euro (4% sul fatturato). Al netto dei costi non ricorrenti l EBITDA rettificato 2015 sarebbe stato pari a 41,6 milioni di Euro (6,3% sul fatturato) e l EBIT rettificato sarebbe stato pari a 19,5 milioni di Euro (2,9% sul fatturato). Risultato netto L esercizio 2015 si chiude con una perdita di 8,9 milioni di Euro (-1,3% sul fatturato) rispetto alla perdita di 7,9 milioni di Euro (-1,1% sul fatturato) del Al netto dei costi non ricorrenti il risultato netto sarebbe negativo per 14,5 milioni di Euro (-2,2% sul fatturato). Le imposte al 31 dicembre 2015 ammontano a 11,4 milioni di Euro (1,7% sul fatturato) rispetto ai 2,9 milioni di Euro (0,4% sul fatturato) del 31 dicembre Sulle imposte dell esercizio pesano componenti straordinari per circa 8,5 milioni di Euro, di cui 1,9 milioni di Euro per lo storno di differite attive conseguente alla riduzione dell aliquota Ires a partire dal 2017, 1,2 milioni di Euro per effetto dell interruzione del consolidato fiscale Finaid, 2,2 milioni di Euro relativi ad accantonamenti per contenziosi fiscali e 3,1 milioni di Euro di imposte sulla plusvalenza realizzata in Argentina dalla cessione dello stabilimento. Investimenti Nel 2015 sono stati effettuati investimenti per 25,5 milioni di Euro rispetto ai 34,7 milioni di Euro del 2014, destinati al supporto del progetto di re-insourcing di attività precedentemente svolte all esterno, al mantenimento in efficienza e all ammodernamento degli impianti. Ricerca e Innovazione Le spese per Ricerca e Innovazione, rivolte principalmente allo sviluppo di sistemi per la trasmissione di potenza in una logica di maggiore efficienza e di sostenibilità ecologica, ammontano nell esercizio 2015 a 13,8 milioni di Euro, 2% sul fatturato, rispetto ai 14,3 milioni di Euro, 2% sul fatturato del Posizione finanziaria netta La posizione finanziaria netta consolidata al 31 dicembre 2015 è negativa per 227,8 milioni di Euro, in miglioramento rispetto al 30 giugno 2015, quando era negativa per 247 milioni di Euro, e sostanzialmente in linea rispetto ai 224,3 milioni di Euro del 31 dicembre Il miglioramento rispetto al primo semestre è riconducibile sia agli effetti delle cessioni di alcuni asset non strategici e al riequilibrio del capitale circolante netto. Secondo quanto previsto dal nuovo accordo siglato con le banche in data 24 dicembre 2015 non è prevista la lettura dei covenant per la data del 31 dicembre Andamento delle Aree di Business Carraro Drive Tech (sistemi di trasmissione e componenti) ha registrato nel 2015 un fatturato complessivo pari a 543,7 milioni di Euro, in contrazione del 10,9% rispetto ai 610,5 milioni di Euro del 2014 con un effetto cambi di conversione favorevole per circa 23 milioni di Euro. Al netto degli effetti della cessione del ramo d azienda Mini Gears la riduzione sarebbe stata del 7,4%. 4

5 L esercizio è stato caratterizzato da una domanda debole nei principali mercati di riferimento, con il settore agricolo in contrazione del 2,6% e quello movimento terra in calo del 12,7%. Continua il miglioramento della redditività variabile, già registrato negli anni precedenti, grazie soprattutto alle efficienze produttive, all insourcing e alla buona performance della supply chain legate al progetto Partnership, avviato con i fornitori partner. Risultato che nel 2015 è stato significativamente penalizzato dai costi fissi a causa del negativo effetto volumi. L EBITDA è pari a 40,1 milioni di Euro (7,4% sul fatturato) in contrazione del 18,6% rispetto a 49,2 milioni di Euro del 2014 del (8,1% sul fatturato). Al netto dei costi non ricorrenti ed a parità di perimetro l EBITDA rettificato 2015 sarebbe pari 33,7 milioni di Euro (6,2% sul fatturato) rispetto ai 46,5 milioni di Euro (7,9% sul fatturato) del L EBIT è pari a 18,1 milioni di Euro (3,3% sul fatturato) in calo del 37% rispetto ai 28,8 milioni di Euro del (4,7% sul fatturato). Al netto dei costi non ricorrenti ed a parità di perimetro l EBIT rettificato 2015 sarebbe pari a 13,3 milioni di Euro (2,4% sul fatturato) rispetto ai 27,8 milioni di Euro (4,7% sul fatturato) del Agritalia (trattori) ha chiuso il 2015 con un fatturato complessivo pari a 120,4 milioni di Euro, in crescita del 17,1% rispetto ai 102,8 milioni di Euro del Pur essendo rimasto stabile il mercato di riferimento, Agritalia ha aumentato la propria quota di mercato, incrementando il numero di trattori venduti dalle unità del 2014 alle del 2015 grazie al successo riscontrato sul mercato dai propri nuovi prodotti. L anno si è contraddistinto per il recupero di efficienza gestionale anche in presenza di avvii produttivi di nuove gamme di trattori. Questo, insieme all incremento dei volumi, ha reso possibile il miglioramento della redditività del periodo. Sul risultato, ha influito positivamente anche un attenta gestione dei costi R&D. L EBITDA del 2015 è pari a 7,9 milioni di Euro (6,6% sul fatturato) in crescita significativa rispetto a 1,1 milioni di Euro del 2014 (1% sul fatturato) caratterizzato da una serie di maggiori costi derivanti dall avvio simultaneo in produzione di diverse nuove gamme di prodotto. L EBIT al 31 dicembre 2015 è pari a 6,3 milioni di Euro (5,2% sul fatturato), in miglioramento rispetto al valore negativo di 372 mila Euro (-0,4% sul fatturato) del precedente esercizio. Elettronica Santerno (elettronica di potenza), ha chiuso il 2015 con un fatturato complessivo pari 35,2 milioni di Euro, in contrazione del 4% rispetto ai 36,6 milioni di Euro del precedente esercizio principalmente a causa dello slittamento di alcune importanti commesse nel fotovoltaico. La marginalità risente in modo significativo del drastico calo dei volumi nonché degli oneri straordinari relativi al processo di riorganizzazione che ha comportato una profonda ridefinizione gestionale, la revisione delle reti commerciali ed una maggiore integrazione con le funzioni di Gruppo. L EBITDA al 31 dicembre 2015 è negativo per 4 milioni di Euro (-11,3% sul fatturato) rispetto al valore negativo di 7 milioni di Euro (-19,1% sul fatturato) del 31 dicembre Al netto dei costi non ricorrenti l EBITDA sarebbe risultato pari a -3,1 milioni di Euro (-8,7% sul fatturato). L EBIT è negativo per 23,9 milioni di Euro (-67,4% sul fatturato) rispetto ai 9,9 milioni di Euro del 2014 (-27,0% sul fatturato). Al netto dei costi non ricorrenti l EBIT sarebbe stato negativo per 5,9 milioni di Euro (-16,8% sul fatturato). 5

6 Il forte ridimensionamento dei volumi di crescita attesi ha comportato inoltre una svalutazione dell avviamento della Business Area per 16 milioni di Euro sulla base delle risultanze dell impairment test. Ciò porta Elettronica Santerno a registrare una perdita complessiva pari a 26,7 milioni di Euro. Evoluzione della gestione In linea con il Nuovo Piano per l esercizio 2016 sono attesi volumi in contrazione rispetto al 2015 e la marginalità, al netto delle componenti straordinarie riguardanti alcune ulteriori attività di ristrutturazione, risulterà in leggero miglioramento. Documentazione Entro il 24 marzo 2016, la relazione finanziaria annuale, le relazioni del collegio sindacale e della società di revisione e i documenti ad esse allegati, nonché la relazione annuale sul governo societario e gli assetti proprietari saranno messe a disposizione del pubblico presso la sede legale della Società e presso Borsa Italiana S.p.A., nonché sul sito internet della Società sezione Corporate Governance. Assemblea dei soci Il Bilancio sarà sottoposto all approvazione dell Assemblea dei Soci che si terrà il 15 aprile Richiesta di informazioni ex art. 114 D. LGS. 58/98 Le informazioni di seguito riportate sono rese note in ottemperanza alla richiesta Consob n /15 del 1 ottobre Posizione finanziaria netta di Carraro S.p.A. e del Gruppo con evidenziazione delle componenti a breve separatamente da quelle a medio lungo termine. (valori in migliaia di Euro) Posizione finanziaria netta al 31 dicembre 2015 CARRARO SPA CONSOLIDATO Finanziamenti passivi non correnti Finanziamenti passivi correnti Altre passività finanziarie non correnti Altre passività finanziarie correnti Passività finanziarie: Crediti e finanziamenti attivi non correnti Crediti e finanziamenti attivi correnti Altre attività finanziarie non correnti Altre attività finanziarie correnti Attività finanziarie: Cassa Conti correnti e depositi bancari Disponibilità liquide: Posizione finanziaria netta di cui debiti / (crediti): - non correnti correnti

7 2. Posizioni debitorie scadute di Carraro S.p.A. e del Gruppo, ripartite per natura (finanziaria, commerciale, tributaria, previdenziale e verso dipendenti) e le connesse eventuali iniziative di reazione dei creditori (solleciti, ingiunzioni, sospensioni nella fornitura, ecc ) (valori in migliaia di Euro) CARRARO SPA SCADUTO A scadere 1-30 gg gg gg > 91 gg TOTALE Debiti commerciali Altri debiti TOTALE CONSOLIDATO A scadere SCADUTO 1-30 gg gg gg > 91 gg TOTALE Debiti commerciali Altri debiti TOTALE I debiti correnti di Carraro SpA verso terzi e verso società del Gruppo al 31 dicembre 2015 ammontano complessivamente a 51,811 milioni di Euro di cui 7,422 milioni di Euro riferiti ad Altri debiti (tributari, previdenziali, verso dipendenti, ) aventi scadenza successiva alla data di riferimento. I debiti commerciali scaduti ammontano a 2,839 milioni di Euro. I debiti correnti del Gruppo Carraro ammontano al 31 dicembre 2015 a 193,451 milioni di Euro di cui 26,168 milioni di Euro riferiti ad Altri debiti (tributari, previdenziali, verso dipendenti, ) aventi scadenza successiva alla data di riferimento. I debiti commerciali scaduti ammontano a 20,604 milioni di Euro di cui 9,719 milioni di Euro scaduti entro 30 giorni in larga parte pagati nel mese successivo mentre quelli oltre i 90 giorni sono riferiti prevalentemente a partite di fornitura non conformi e in corso di definizione. 3. Rapporti verso parti correlate di Carraro S.p.A. e del Gruppo I rapporti economici più rilevanti di Carraro S.p.A. con parti correlate rappresentano transazioni commerciali di acquisto e vendita di materie prime, semilavorati e componentistica relativa alla produzione di sistemi per l autotrazione; gli acquisti di servizi si riferiscono prevalentemente a prestazioni per lavorazioni industriali. Le principali vendite di servizi sono costituite da addebiti per l utilizzo dei sistemi informativi centrali ed il supporto organizzativo fornito dalla capogruppo nelle varie aree funzionali. Le provvigioni e royalties sono riferite a specifici accordi di rappresentanza commerciale e di cessione di diritti di utilizzo di knowhow industriale. Gli interessi attivi sono generati dai finanziamenti in essere; gli interessi passivi sono prodotti dal finanziamento ricevuto da Carraro International. I proventi e oneri da consolidato fiscale si riferiscono ai corrispettivi riconosciuti a fronte di imponibili e perdite trasferiti nell ambito del consolidato fiscale in capo a Finaid SpA. I rapporti finanziari si riferiscono a finanziamenti a breve e lungo termine. I valori di tali operazioni sono riportati nella tabella che segue: 7

8 Rapporti finanziari e commerciali Rapporti economici Altre parti correlate Attività finanziarie Passività finanziarie Crediti comm.li ed altri crediti Debiti comm.li ed altri debiti Ricavi di vendita Costi operativi Oneri (proventi) finanziari netti Carraro Argentina S.A Carraro S.p.A Carraro China Drive System Co. Ltd Carraro International S.A Carraro Drive Tech do Brasil Inc Carraro Drive tech S.p.A Elettronica Santerno S.p.A Santerno Inc F.O.N. S.A Carraro India Ltd Elettronica Santerno Ind. e Com Ltd SIAP S.p.A Carraro North America Inc Carraro Technologies India Pvt. Ltd Santerno South Africa Pty Ltd TOTALE Altre parti correlate Finaid S.p.A Altre parti correlate TOTALE TOTALE I rapporti del Gruppo con parti correlate si riferiscono principalmente ai rapporti di consolidato fiscale con la controllante Finaid maturati negli anni pregressi. (valori in migliaia di Euro) Altre parti correlate Rapporti finanziari e commerciali Crediti comm.li ed altri crediti Debiti comm.li ed altri debiti Ricavi di vendita Costi operativi Rapporti economici Oneri (proventi) finanziari netti Imposte Correnti e Differite FINAID S.p.A Altre parti correlate TOTALE Eventuale mancato rispetto dei covenant, dei negative pledge e di ogni altra clausola dell indebitamento del Gruppo comportante limiti all utilizzo delle risorse finanziarie, con l indicazione a data aggiornata del grado di rispetto di dette clausole 8

9 Alla data del 31 dicembre 2015 non si segnala alcun evento di mancato rispetto di covenants, di negative pledge, o di altre clausole in quanto il nuovo accordo siglato in data 24 dicembre 2015 con gli istituti finanziari, ha aggiornato i parametri di riferimento (Indebitamento finanziario netto/ebitda e Indebitamento finanziario netto/patrimonio netto) sulla base delle risultanze del nuovo Piano Industriale e definito la prima data di verifica al 31 dicembre Stato di implementazione di eventuali piani industriali e finanziari, con l evidenziazione degli scostamenti dei dati consuntivati rispetto a quelli previsti. In data 18 dicembre 2015 il Consiglio di Amministrazione ha approvato il nuovo Piano Industriale nel quale sono previste operazioni straordinarie per il rafforzamento patrimoniale e una revisione della struttura del debito adeguata alle nuove esigenze del Gruppo. In merito al primo punto, in data 26 ottobre 2015 la holding Finaid SpA ha firmato un accordo di cessione di un pacchetto azionario pari a circa il 18% ad un investitore terzo e un patto parasociale che prevede l intervento del nuovo socio in un operazione di aumento di capitale in Carraro SpA nel corso del Con riferimento al secondo punto il Gruppo ha sottoscritto un accordo con le principali banche di riferimento a supporto del Piano. Tale accordo prevede il riscadenziamento del piano di ammortamento dei finanziamenti a medio lungo termine, la conferma delle linee a breve termine a sostegno dell operatività corrente e la ridefinizione dei covenants in linea con le risultanze del nuovo Piano. Il dirigente preposto alla redazione dei documenti contabili societari Enrico Gomiero dichiara ai sensi del comma 2 articolo 154 bis del Testo Unico della Finanza che l'informativa contabile contenuta nel presente comunicato corrisponde alle risultanze documentali, ai libri ed alle scritture contabili. Nel presente comunicato vengono utilizzati alcuni "indicatori alternativi di performance" non previsti dai principi contabili IFRS: EBITDA (inteso come somma del risultato operativo di conto economico, degli ammortamenti e delle svalutazioni di immobilizzazioni); EBIT (inteso come risultato operativo di conto economico); POSIZIONE FINANZIARIA NETTA (inteso come somma dei debiti verso banche, obbligazioni e finanziamenti a breve e medio lungo termine, al netto delle disponibilità liquide, titoli negoziabili e crediti finanziari); fatturato della Business Area (inteso come sommatoria di tutti i fatturati delle società al netto delle vendite tra le società della stessa Business Area); core business (meccanica) (inteso come aggregazione delle Business Area Drivelines & Components e Vehicles). Carraro è un gruppo internazionale leader mondiale nei sistemi per la trasmissione di potenza altamente efficienti ed ecocompatibili, con un fatturato consolidato 2015 di 674 milioni di Euro. Alla holding Carraro SpA fanno riferimento tre Aree di Business: - Carraro Drive Tech, specializzata in: - sistemi di trasmissione (assali, trasmissioni) destinati a macchine movimento terra, trattori agricoli, carrelli elevatori, veicoli commerciali leggeri, automobili ed applicazioni stazionarie; - ingranaggi e componenti (in acciaio tagliato) per il settore automobilistico, per applicazioni agricole e movimento terra, per applicazioni material handling e per generatori eolici. - Agritalia, specializzata in: - trattori speciali (light-utility, da vigneto, da frutteto) fino a 100 HP di potenza realizzati conto terzi (a marchio Massey Ferguson, John Deere, Claas); - servizi di ingegneria e di outsourcing produttivo per nicchie nell ambito della trattoristica. - Santerno, specializzata in: - inverter destinati alla gestione dell elettronica di potenza applicata ai diversi ambiti industriali; - convertitori elettronici di potenza per energie rinnovabili (fotovoltaico); Il Gruppo, la cui holding Carraro SpA è quotata alla Borsa Italiana da 1995 (CARR.MI), ha sede principale a Campodarsego (Padova), impiega al persone di cui in Italia ed ha insediamenti produttivi in Italia (6), India (2), Cina, Argentina e Brasile. Per ulteriori informazioni carraro.com. 9

10 Contatti ufficio stampa: Massimiliano Franz / Head of Communication - Carraro Group m / Carlo Prato / True Relazioni Pubbliche m / Allegati: estratto Stato Patrimoniale e Conto Economico Bilancio Civilistico e Consolidato al

11 Carraro S.p.A Dati non verificati dal Collegio Sindacale e dalla società di revisione Stato Patrimoniale (valori in migliaia di Euro) IAS/IFRS Attività non correnti Immobilizzazioni materiali Immobilizzazioni immateriali Investimenti immobiliari Partecipazioni Attività finanziarie Imposte differite attive Crediti commerciali e altri crediti Attività correnti Rimanenze finali Crediti commerciali e altri crediti Attività finanziarie Disponibilità liquide Totale attività Patrimonio netto Passività non correnti Passività finanziarie Debiti commerciali e altri debiti - - Imposte differite passive - - Fondi TFR, pensioni e simili Accantonamenti per rischi e oneri Passività correnti Passività finanziarie Debiti commerciali e altri debiti Debiti per imposte correnti Accantonamenti per rischi e oneri Totale passitivà e patrimonio netto Posizione finanziaria netta Cash flow Conto economico (valori in migliaia di Euro) Ricavi delle vendite Acquisti per beni e materiali Servizi Utilizzo beni e servizi di terzi Costo del personale Ammortamenti e svalutazioni di immobilizzazion Svalutazione di Crediti Variazioni delle rimanenze Accantonamenti per rischi Altri oneri e proventi EBIT ,1% ,7% EBITDA ,5% ,9% Proventi da partecipazioni Oneri/proventi finanziari netti Utili e perdite su cambi (netto) Rettifiche di valore di attività finanziarie - - Risultato ante imposte Imposte correnti e differite Risultato Netto delle attività in dismissione - - Risultato di terzi - - Risultato Netto ,6% ,8% 11

12 Gruppo Carraro Dati non verificati dal Collegio Sindacale e dalla società di revisione Stato Patrimoniale Consolidato (valori in migliaia di Euro) IAS/IFRS Attività non correnti Immobilizzazioni materiali Immobilizzazioni immateriali Investimenti immobiliari Partecipazioni Attività finanziarie Imposte differite attive Crediti commerciali e altri crediti Attività correnti Rimanenze finali Crediti commerciali e altri crediti Attività finanziarie Disponibilità liquide Totale attività Patrimonio netto Passività non correnti Passività finanziarie Debiti commerciali e altri debiti Imposte differite passive Fondi TFR, pensioni e simili Accantonamenti per rischi e oneri Passività correnti Passività finanziarie Debiti commerciali e altri debiti Debiti per imposte correnti Accantonamenti per rischi e oneri Totale passitivà e patrimonio netto Posizione finanziaria netta Cash flow Conto economico consolidato (valori in migliaia di Euro) Ricavi delle vendite Acquisti per beni e materiali Servizi Utilizzo beni e servizi di terzi Costo del personale Ammortamenti e svalutazioni di immobilizzazion Svalutazione di Crediti Variazioni delle rimanenze Accantonamenti per rischi Altri oneri e proventi EBIT 331 0,0% ,7% EBITDA ,0% ,3% Proventi da partecipazioni Oneri/proventi finanziari netti Utili e perdite su cambi (netto) Rettifiche di valore di attività finanziarie Risultato ante imposte Imposte correnti e differite Risultato di terzi Risultato consolidato di Gruppo ,3% ,1%

Risultato ante imposte di Gruppo risultato netto Posizione finanziaria netta

Risultato ante imposte di Gruppo risultato netto Posizione finanziaria netta GRUPPO CARRARO: approvati dal CdA i risultati al 30.06.2015. Fatturato stabile rispetto al 2014 e in linea con le attese. Importante crescita di Carraro Agritalia (+50%). In netto miglioramento la marginalità

Dettagli

EBITDA 2014. 2015 (326,8 371,4 77,8 (-17,3%), 27 12 11 19,2 (5,2% 37% 30,5 (6,8% 2013; 8,5% 9,4% EBIT 5,1 (1,4% 66,6% 15,3 (3,4% 2013; EBIT

EBITDA 2014. 2015 (326,8 371,4 77,8 (-17,3%), 27 12 11 19,2 (5,2% 37% 30,5 (6,8% 2013; 8,5% 9,4% EBIT 5,1 (1,4% 66,6% 15,3 (3,4% 2013; EBIT GRUPPO CARRARO: approvati dal CdA i risultati del primo semestre 2014. Fatturato e marginalità del Gruppo in contrazione principalmente a causa dei risultati di Elettronica Santerno, che vede slittare

Dettagli

Gruppo Carraro. Resoconto intermedio di gestione al 31 marzo 2015

Gruppo Carraro. Resoconto intermedio di gestione al 31 marzo 2015 Gruppo Carraro Resoconto intermedio di gestione al 31 marzo 2015 DISCLAIMER Il documento contiene dichiarazioni previsionali ( forward-lookingstatements ), in particolare nella sezione Prevedibile evoluzione

Dettagli

COMUNICATO STAMPA BEGHELLI: il Consiglio di Amministrazione approva il Progetto di Relazione Finanziaria al 31 dicembre 2014.

COMUNICATO STAMPA BEGHELLI: il Consiglio di Amministrazione approva il Progetto di Relazione Finanziaria al 31 dicembre 2014. COMUNICATO STAMPA BEGHELLI: il Consiglio di Amministrazione approva il Progetto di Relazione Finanziaria al 31 dicembre 2014. Fatturato consolidato a 149,7 milioni di Euro (+6,2% rispetto ai 141 milioni

Dettagli

COMUNICATO STAMPA MID INDUSTRY CAPITAL APPROVA IL BILANCIO CONSOLIDATO 2013 CON UN UTILE DI 4,2 MILIONI (PERDITA DI 11,8 MILIONI NEL 2012)

COMUNICATO STAMPA MID INDUSTRY CAPITAL APPROVA IL BILANCIO CONSOLIDATO 2013 CON UN UTILE DI 4,2 MILIONI (PERDITA DI 11,8 MILIONI NEL 2012) COMUNICATO STAMPA MID INDUSTRY CAPITAL APPROVA IL BILANCIO CONSOLIDATO 2013 CON UN UTILE DI 4,2 MILIONI (PERDITA DI 11,8 MILIONI NEL 2012) La Holding chiude il 2013 con un utile di 0,5 milioni (perdita

Dettagli

ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI

ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI COMUNICATO STAMPA ESAMINATI DAL CONSIGLIO I RISULTATI CONSOLIDATI DEL PRIMO TRIMESTRE GRUPPO ITALMOBILIARE: RICAVI: 1.386,4 MILIONI DI EURO (1.452,5 MILIONI NEL PRIMO TRIMESTRE

Dettagli

COMUNICATO STAMPA MEDIACONTECH APPROVA IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 30 SETTEMBRE 2015

COMUNICATO STAMPA MEDIACONTECH APPROVA IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 30 SETTEMBRE 2015 COMUNICATO STAMPA MEDIACONTECH APPROVA IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 30 SETTEMBRE 2015 PRINCIPALI INDICATORI RICLASSIFICATI: RICAVI PER 48,7 /MN (50,4 /MN NEL 2014) EBITDA A 5,2 /MN (6,9 /MN NEL

Dettagli

SOGEFI: RISULTATI SEMESTRALI IN CALO PER LA MINORE PRODUZIONE DI AUTO, RICAVI E MARGINI IN RIPRESA NEL SECONDO TRIMESTRE

SOGEFI: RISULTATI SEMESTRALI IN CALO PER LA MINORE PRODUZIONE DI AUTO, RICAVI E MARGINI IN RIPRESA NEL SECONDO TRIMESTRE COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva la relazione al 30 giugno 2009 SOGEFI: RISULTATI SEMESTRALI IN CALO PER LA MINORE PRODUZIONE DI AUTO, RICAVI E MARGINI IN RIPRESA NEL SECONDO TRIMESTRE

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. ROSSS: il CdA approva bilancio consolidato e il progetto di bilancio al 31 dicembre 2014

COMUNICATO STAMPA. ROSSS: il CdA approva bilancio consolidato e il progetto di bilancio al 31 dicembre 2014 COMUNICATO STAMPA Scarperia (FI), 30 marzo 2015 ROSSS: il CdA approva bilancio consolidato e il progetto di bilancio al 31 dicembre 2014 Dati relativi al bilancio consolidato al 31 dicembre 2014 Ricavi

Dettagli

COMUNICATO STAMPA RICAVI IN CRESCITA (+15%) NEL PRIMO SEMESTRE RISULTATO OPERATIVO ED EBITDA IN AUMENTO SOLIDA POSIZIONE FINANZIARIA

COMUNICATO STAMPA RICAVI IN CRESCITA (+15%) NEL PRIMO SEMESTRE RISULTATO OPERATIVO ED EBITDA IN AUMENTO SOLIDA POSIZIONE FINANZIARIA COMUNICATO STAMPA GRUPPO RATTI IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI RATTI S.P.A. HA APPROVATO LA RELAZIONE FINANZIARIA SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2012 RICAVI IN CRESCITA (+15%) NEL PRIMO SEMESTRE RISULTATO

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI ALBA PRIVATE EQUITY APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DI ESERCIZIO E IL BILANCIO CONSOLIDATO AL 31 DICEMBRE 2014

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI ALBA PRIVATE EQUITY APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DI ESERCIZIO E IL BILANCIO CONSOLIDATO AL 31 DICEMBRE 2014 COMUNICATO STAMPA Milano, 15 aprile 2015 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI ALBA PRIVATE EQUITY APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DI ESERCIZIO E IL BILANCIO CONSOLIDATO AL 31 DICEMBRE 2014 Bilancio Capogruppo:

Dettagli

Fidia S.p.A.: il CdA approva il Progetto di Bilancio d Esercizio ed il Bilancio Consolidato al 31 dicembre 2014

Fidia S.p.A.: il CdA approva il Progetto di Bilancio d Esercizio ed il Bilancio Consolidato al 31 dicembre 2014 Comunicato stampa Fidia S.p.A.: il CdA approva il Progetto di Bilancio d Esercizio ed il Bilancio Consolidato al 31 dicembre 2014 In considerazione dei positivi risultati economico finanziari il CdA propone

Dettagli

Milano, 12 novembre 2015 COMUNICATO STAMPA ex artt. 114 D.Lgs. 24 febbraio 1998 n. 58 e 66 del Regolamento Consob 11971/99

Milano, 12 novembre 2015 COMUNICATO STAMPA ex artt. 114 D.Lgs. 24 febbraio 1998 n. 58 e 66 del Regolamento Consob 11971/99 Milano, 12 novembre 2015 COMUNICATO STAMPA ex artt. 114 D.Lgs. 24 febbraio 1998 n. 58 e 66 del Regolamento Consob 11971/99 APPROVATI I RISULTATI DEL TERZO TRIMESTRE 2015 Ricavi consolidati totali: 36,1

Dettagli

Poste Italiane: Crescono i Ricavi Risultato operativo e Utile netto in calo In corso la trasformazione del Gruppo verso la privatizzazione

Poste Italiane: Crescono i Ricavi Risultato operativo e Utile netto in calo In corso la trasformazione del Gruppo verso la privatizzazione Poste Italiane: Crescono i Ricavi Risultato operativo e Utile netto in calo In corso la trasformazione del Gruppo verso la privatizzazione Il Gruppo conferma positivi risultati nella raccolta del risparmio

Dettagli

Gruppo Carraro. Relazione sulla Gestione al 31 dicembre 2011

Gruppo Carraro. Relazione sulla Gestione al 31 dicembre 2011 Gruppo Carraro Relazione la Gestione al 31 dicembre 2011 CARRARO S.p.A. Sede in 35011 Campodarsego (PD) Via Olmo n. 37 Capitale Sociale Euro 23.914.696 i.v. Codice Fiscale, Partita Iva e Iscrizione al

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. De Longhi S.p.A.: RISULTATI DEL PRIMO SEMESTRE 2015

COMUNICATO STAMPA. De Longhi S.p.A.: RISULTATI DEL PRIMO SEMESTRE 2015 Treviso, 31 luglio 2015 COMUNICATO STAMPA De Longhi S.p.A.: RISULTATI DEL PRIMO SEMESTRE 2015 Il Consiglio di Amministrazione di De Longhi S.p.A. ha approvato i risultati consolidati del primo semestre

Dettagli

8.624.333 (+12,3%) i passeggeri transitati nel sistema aeroportuale di Venezia e Treviso.

8.624.333 (+12,3%) i passeggeri transitati nel sistema aeroportuale di Venezia e Treviso. COMUNICATO STAMPA SAVE AEROPORTO DI VENEZIA: Il C.d.A. approva il Progetto di Bilancio dell esercizio 2007 Risultati in crescita e dividendi raddoppiati Fatturato consolidato in crescita del 40,8% a 310,8

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Nova Re: il CdA approva la Relazione Finanziaria Semestrale al 30 giugno 2009

COMUNICATO STAMPA. Nova Re: il CdA approva la Relazione Finanziaria Semestrale al 30 giugno 2009 COMUNICATO STAMPA Nova Re: il CdA approva la Relazione Finanziaria Semestrale al 30 giugno 2009 Milano, 6 agosto 2009 Il Consiglio di Amministrazione di Nova Re S.p.A., riunitosi in data odierna, ha approvato

Dettagli

Dati economico finanziari consolidati

Dati economico finanziari consolidati IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI BIALETTI INDUSTRIE S.p.A. HA APPROVATO IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE 1 AL 30 SETTEMBRE 2010 Fatturato consolidato pari a Euro 129 mln (Euro 135,1 mln nel medesimo

Dettagli

Andamento della gestione del Gruppo al 30 giugno 2015

Andamento della gestione del Gruppo al 30 giugno 2015 COMUNICATO STAMPA PRELIOS: APPROVATI DAL CDA I DATI AL 30 GIUGNO 2015 I RISULTATI SCONTANO LA TEMPORANEA FLESSIONE DELLE MASSE GESTITE IN ITALIA RIDOTTE A UN TERZO LA PERDITE RISPETTO ALLO STESSO PERIODO

Dettagli

CDA TERNA: APPROVATI I RISULTATI AL 31 MARZO 2015

CDA TERNA: APPROVATI I RISULTATI AL 31 MARZO 2015 CDA TERNA: APPROVATI I RISULTATI AL 31 MARZO 2015 Ricavi a 513,3 milioni di euro (478 milioni nel 1Q14, +7,4%) EBITDA a 401,6 milioni di euro (390,2 milioni nel 1Q14, +2,9%) EBIT a 281,3 milioni di euro

Dettagli

Il Consiglio di Amministrazione di Mittel S.p.A. ha approvato il Resoconto intermedio sulla gestione 1 ottobre 30 giugno 2015

Il Consiglio di Amministrazione di Mittel S.p.A. ha approvato il Resoconto intermedio sulla gestione 1 ottobre 30 giugno 2015 MITTEL S.p.A. Sede in Milano - Piazza A. Diaz n. 7 Capitale Sociale 87.907.017 i.v. Iscritta al Registro Imprese di Milano al n. 00742640154 www.mittel.it *** *** *** *** *** *** *** *** *** COMUNICATO

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA IL BILANCIO CONSOLIDATO DELL ESERCIZIO 2013 PROPOSTE ALL ASSEMBLEA:

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA IL BILANCIO CONSOLIDATO DELL ESERCIZIO 2013 PROPOSTE ALL ASSEMBLEA: COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA IL BILANCIO CONSOLIDATO DELL ESERCIZIO 2013 PROPOSTE ALL ASSEMBLEA: - DIVIDENDO DI 0,17 EURO (INVARIATO RISPETTO AL 2013) - AUTORIZZAZIONE ALL

Dettagli

CARTELLA STAMPA Novembre 2010

CARTELLA STAMPA Novembre 2010 CARTELLA STAMPA Novembre 2010 SOMMARIO Profilo...3 Storia...4 Prodotti e mercati...6 Strategia di sviluppo...7 Management...8 Dati significativi...13 Le realtà del Gruppo...16 2 PROFILO Carraro è un gruppo

Dettagli

risultato operativo (EBIT) positivo e pari ad euro 58 migliaia; risultato netto di competenza del Gruppo negativo e pari ad euro 448 migliaia.

risultato operativo (EBIT) positivo e pari ad euro 58 migliaia; risultato netto di competenza del Gruppo negativo e pari ad euro 448 migliaia. Il Gruppo Fullsix consolida la crescita e la marginalità industriale. Il Consiglio di Amministrazione di FullSix S.p.A. ha approvato il Resoconto Intermedio di Gestione al 30 settembre 2015. Nel dettaglio,

Dettagli

comunicato stampa PRINCIPALI RISULTATI CONSOLIDATI DELL ESERCIZIO 2013 (VS ESERCIZIO 2012): IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA

comunicato stampa PRINCIPALI RISULTATI CONSOLIDATI DELL ESERCIZIO 2013 (VS ESERCIZIO 2012): IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA IL BILANCIO CONSOLIDATO E IL PROGETTO DI BILANCIO SEPARATO AL 31 DICEMBRE 2013 PRINCIPALI RISULTATI CONSOLIDATI DELL ESERCIZIO 2013 (VS ESERCIZIO 2012): RICAVI NETTI:

Dettagli

Relazione sulla gestione 2006 Bilancio CARRARO

Relazione sulla gestione 2006 Bilancio CARRARO Relazione sulla gestione 2006 Bilancio CARRARO CARRARO S.p.A. Sede in Campodarsego (PD) Via Olmo n. 37 Capitale Sociale Euro 21.840.000 i.v. Codice Fiscale/Partita Iva e Iscrizione al Registro delle Imprese

Dettagli

Screen Service Broadcasting Technologies S.p.A.: L Assemblea degli Azionisti approva il Bilancio e autorizza il piano di acquisto azioni proprie

Screen Service Broadcasting Technologies S.p.A.: L Assemblea degli Azionisti approva il Bilancio e autorizza il piano di acquisto azioni proprie Comunicato stampa Brescia, 27 febbraio 2008 Screen Service Broadcasting Technologies S.p.A.: L Assemblea degli Azionisti approva il Bilancio e autorizza il piano di acquisto azioni proprie Screen Service

Dettagli

Dati economici Consolidati 2013 2012

Dati economici Consolidati 2013 2012 Gefran, il CdA approva il progetto di bilancio al 31 dicembre 2013 Fatturato in calo del 2,6% rispetto all anno precedente, la contrazione è interamente riconducibile alle dinamiche del comparto fotovoltaico.

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 30 SETTEMBRE 2009

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 30 SETTEMBRE 2009 Montefibre SpA Via Marco d Aviano, 2 20131 Milano Tel. +39 02 28008.1 Contatti societari: Ufficio titoli Tel. +39 02 28008.1 E-mail titoli@mef.it Sito Internet www.montefibre.it IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE

Dettagli

Comunicato Stampa. Il consiglio di amministrazione di Investimenti e Sviluppo S.p.A. approva il resoconto intermedio di gestione al 31 marzo 2009

Comunicato Stampa. Il consiglio di amministrazione di Investimenti e Sviluppo S.p.A. approva il resoconto intermedio di gestione al 31 marzo 2009 Comunicato Stampa Il consiglio di amministrazione di Investimenti e Sviluppo S.p.A. approva il resoconto intermedio di gestione al 31 marzo 2009 Risultati consolidati al 31 marzo 2009: Ricavi netti pari

Dettagli

Eni: Bilancio Consolidato e Progetto di Bilancio di Esercizio 2014

Eni: Bilancio Consolidato e Progetto di Bilancio di Esercizio 2014 Eni: Bilancio Consolidato e Progetto di Bilancio di Esercizio 2014 Convocazione dell Assemblea degli Azionisti Bilancio consolidato: utile netto di 1,29 miliardi; Bilancio di esercizio: utile netto di

Dettagli

RISULTATI CONSOLIDATI DEI PRIMI NOVE MESI DEL 2015

RISULTATI CONSOLIDATI DEI PRIMI NOVE MESI DEL 2015 COMUNICATO STAMPA RISULTATI CONSOLIDATI DEI PRIMI NOVE MESI DEL 2015 VENDITE NETTE: 681,9 milioni (+33,7%) - 510,1 milioni nei primi nove mesi del 2014 EBITDA: 141,3 milioni (+33,7%) pari al 20,7% delle

Dettagli

Gruppo Benetton TRANSIZIONE AGLI IFRS. 8 settembre 2005

Gruppo Benetton TRANSIZIONE AGLI IFRS. 8 settembre 2005 1 Gruppo Benetton TRANSIZIONE AGLI IFRS 8 settembre 2005 Indice 2 N Slide Introduzione 3 Totale impatti 4 IFRS con influenza sul Gruppo 5 CE: riconciliazione Anno 2004-1 6 Descrizione dei principali IFRS

Dettagli

il margine di interesse risulta stabile, attestandosi a 30,6 Milioni di Euro

il margine di interesse risulta stabile, attestandosi a 30,6 Milioni di Euro COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione di Banca Intermobiliare di Investimenti e Gestioni S.p.A. approva il Bilancio consolidato ed il Bilancio d esercizio al 31 dicembre 2012: Raccolta complessiva

Dettagli

SORIN GROUP: IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA I RISULTATI DEFINITIVI DELL ESERCIZIO 2014

SORIN GROUP: IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA I RISULTATI DEFINITIVI DELL ESERCIZIO 2014 Comunicato Stampa SORIN GROUP: IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA I RISULTATI DEFINITIVI DELL ESERCIZIO 2014 Risultati consolidati dell Esercizio 2014: Ricavi pari a 746,9 milioni, in crescita del

Dettagli

IL CDA DI STEFANEL S.P.A. APPROVA I RISULTATI CONSOLIDATI DEL PRIMO SEMESTRE 2015

IL CDA DI STEFANEL S.P.A. APPROVA I RISULTATI CONSOLIDATI DEL PRIMO SEMESTRE 2015 IL CDA DI STEFANEL S.P.A. APPROVA I RISULTATI CONSOLIDATI DEL PRIMO SEMESTRE 2015 PROSEGUE IL MIGLIORAMENTO DELLA REDDITIVITA Ricavi netti a 77,2 milioni di euro (78,5 mln di euro nel 1H 2014), risultato

Dettagli

ALLEGATI AL COMUNICATO STAMPA

ALLEGATI AL COMUNICATO STAMPA ALLEGATI AL COMUNICATO STAMPA INDICATORI ALTERNATIVI DI PERFORMANCE Nel presente comunicato stampa, in aggiunta agli indicatori finanziari convenzionali previsti dagli IFRS, vengono presentati alcuni indicatori

Dettagli

MONCLER S.P.A.: IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE HA APPROVATO IL PROGETTO DI BILANCIO RELATIVO ALL ESERCIZIO 2013

MONCLER S.P.A.: IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE HA APPROVATO IL PROGETTO DI BILANCIO RELATIVO ALL ESERCIZIO 2013 MONCLER S.P.A.: IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE HA APPROVATO IL PROGETTO DI BILANCIO RELATIVO ALL ESERCIZIO 2013 MONCLER: CONTINUA ANCHE NEL 2013 LA CRESCITA DEI RICAVI E DEGLI UTILI PROPOSTO DIVIDENDO

Dettagli

Comunicato stampa IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA I RISULTATI DELL ESERCIZIO 2013

Comunicato stampa IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA I RISULTATI DELL ESERCIZIO 2013 Comunicato stampa IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA I RISULTATI DELL ESERCIZIO 2013 CONVOCAZIONE DELL ASSEMBLEA ORDINARIA E STRAORDINARIA DEGLI AZIONISTI Milano, 25 luglio 2014 - Il Consiglio di

Dettagli

ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI

ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI COMUNICATO STAMPA ESAMINATI DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE I RISULTATI AL 30 SETTEMBRE GRUPPO ITALMOBILIARE RICAVI: 4.908,1 MILIONI DI EURO (+5,4) UTILE NETTO TOTALE:

Dettagli

LVENTURE GROUP: IL CDA APPROVA I RISULTATI DEL PRIMO SEMESTRE 2015

LVENTURE GROUP: IL CDA APPROVA I RISULTATI DEL PRIMO SEMESTRE 2015 LVENTURE GROUP: IL CDA APPROVA I RISULTATI DEL PRIMO SEMESTRE 2015 Valore del Portafoglio startup pari a circa Euro 4,0 milioni, +18% rispetto a Euro 3,4 milioni al 31 dicembre 2014 13 operazioni di investimento

Dettagli

Base di Preparazione. Analisi dei Ricavi Semestrali

Base di Preparazione. Analisi dei Ricavi Semestrali COMUNICATO STAMPA CERVED INFORMATION SOLUTIONS: IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA I RISULTATI AL 30 GIUGNO FIRMATO CONTRATTO DI FINANZIAMENTO FORWARD START DI EURO 660 MILIONI PER RIFINANZIARE A

Dettagli

COBRA Automotive Technologies S.p.A.

COBRA Automotive Technologies S.p.A. COBRA Automotive Technologies S.p.A. Approvato dal Consiglio di Amministrazione il Resoconto Intermedio di Gestione al 30 settembre 2013 Gruppo Cobra ritorna in Utile dopo 4 anni Dati Consolidati Ricavi

Dettagli

COMUNICATO STAMPA APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE CONSOLIDATA AL 30 GIUGNO 2010

COMUNICATO STAMPA APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE CONSOLIDATA AL 30 GIUGNO 2010 COMUNICATO STAMPA APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE CONSOLIDATA AL 30 GIUGNO 2010 Combined Ratio a 103,5%, in miglioramento rispetto al 108% di fine 2009 ed al 105% del primo trimestre 2010 Raccolta Danni

Dettagli

Salvatore Ferragamo S.p.A.

Salvatore Ferragamo S.p.A. COMUNICATO STAMPA Salvatore Ferragamo S.p.A. Il Consiglio di Amministrazione approva il Resoconto Intermedio Consolidato di Gestione al 30 settembre 2014 Continua la crescita del Gruppo Salvatore Ferragamo:

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. ELICA S.p.A. IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI ELICA S.p.A. APPROVA I RISULTATI PRECONSUNTIVI AL 31 DICEMBRE 2013

COMUNICATO STAMPA. ELICA S.p.A. IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI ELICA S.p.A. APPROVA I RISULTATI PRECONSUNTIVI AL 31 DICEMBRE 2013 COMUNICATO STAMPA ELICA S.p.A. IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI ELICA S.p.A. APPROVA I RISULTATI PRECONSUNTIVI AL 31 DICEMBRE 2013 NELL ANNO RICAVI IN CRESCITA DEL 4,2% A CAMBI COSTANTI E DELL 1,8% AL

Dettagli

Comunicato stampa Progetto di bilancio al 31 dicembre 2014

Comunicato stampa Progetto di bilancio al 31 dicembre 2014 Comunicato stampa Progetto di bilancio al 31 dicembre 2014 Approvati dal Consiglio i risultati 2014: il bilancio consolidato 2014 conferma sostanzialmente i risultati già riportati nel resoconto intermedio

Dettagli

COMUNICATO STAMPA APPROVATO IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 30 SETTEMBRE 2015

COMUNICATO STAMPA APPROVATO IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 30 SETTEMBRE 2015 Milano, 2 novembre 2015 COMUNICATO STAMPA APPROVATO IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 30 SETTEMBRE 2015 Perdita consolidata pari ad euro 27,5 milioni di euro a fronte dell utile di 228,1 milioni di

Dettagli

Comunicato stampa Progetto di bilancio al 31 dicembre 2013

Comunicato stampa Progetto di bilancio al 31 dicembre 2013 Comunicato stampa Progetto di bilancio al 31 dicembre 2013 Approvati dal Consiglio i risultati 2013: Il bilancio consolidato 2013 conferma i risultati già riportati nel resoconto intermedio di gestione

Dettagli

COMUNICATO STAMPA LANDI RENZO S.p.A.: Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 dicembre 2009.

COMUNICATO STAMPA LANDI RENZO S.p.A.: Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 dicembre 2009. COMUNICATO STAMPA LANDI RENZO S.p.A.: Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 dicembre 2009. Fatturato oltre le attese e marginalità in forte miglioramento. Il quarto trimestre è in forte

Dettagli

APPROVATI I RISULTATI 2011 DEL GRUPPO CATTOLICA:

APPROVATI I RISULTATI 2011 DEL GRUPPO CATTOLICA: Società Cattolica di Assicurazione - Società Cooperativa Sede in Verona, Lungadige Cangrande n.16 C.F. 00320160237 Iscritta al Registro delle Imprese di Verona al n. 00320160237 Società iscritta all'albo

Dettagli

Investimenti e Sviluppo spa

Investimenti e Sviluppo spa Comunicato Stampa Investimenti e Sviluppo S.p.A.: approvata la relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2009; Paolo Bassi nominato consigliere per cooptazione; la società partecipata I Pinco Pallino

Dettagli

Gefran, il CdA approva il progetto di bilancio al 31 dicembre 2014

Gefran, il CdA approva il progetto di bilancio al 31 dicembre 2014 Gefran, il CdA approva il progetto di bilancio al 31 dicembre 2014 Fatturato in crescita del 2,9% rispetto all anno precedente. EBITDA a 12,9 milioni di Euro, in aumento del 17% rispetto al 2013. EBIT

Dettagli

TERNA: 10 ANNI DI VALORE PER GLI AZIONISTI E PER LA CRESCITA DEL PAESE

TERNA: 10 ANNI DI VALORE PER GLI AZIONISTI E PER LA CRESCITA DEL PAESE TERNA: APPROVATI I RISULTATI AL 30 GIUGNO 2014 Ricavi a 950,4 milioni di euro (918,8 milioni nel 1H 2013, +3,4%) Ebitda a 753 milioni di euro (732,2 milioni nel 1H 2013, +2,8%) Utile netto a 274,5 milioni

Dettagli

I principali dati economici e finanziari del 2015 del gruppo Pininfarina confrontati con quelli al 31 dicembre 2014 sono i seguenti:

I principali dati economici e finanziari del 2015 del gruppo Pininfarina confrontati con quelli al 31 dicembre 2014 sono i seguenti: PROGETTO DI BILANCIO 2015 FATTI DI RILIEVO INTERVENUTI DOPO LA CHIUSURA DELL ESERCIZIO VALUTAZIONE SULLA CONTINUITA AZIENDALE PREVISIONI 2016 RELAZIONE ANNUALE SUL GOVERNO SOCIETARIO E GLI ASSETTI PROPRIETARI

Dettagli

La continuità aziendale Analisi casi aziendali

La continuità aziendale Analisi casi aziendali La continuità aziendale Analisi casi aziendali Intervento Dott. Lamberto Gadda Corso di Audit e Governance Università degli Studi di Bergamo Prof.ssa Stefania Servalli 1 CONFRONTO DI SITUAZIONI E RELAZIONI

Dettagli

APPROVATI IL PROGETTO DI BILANCIO INDIVIDUALE E IL BILANCIO CONSOLIDATO RELATIVI ALL ESERCIZIO 2014

APPROVATI IL PROGETTO DI BILANCIO INDIVIDUALE E IL BILANCIO CONSOLIDATO RELATIVI ALL ESERCIZIO 2014 Risultati annuali APPROVATI IL PROGETTO DI BILANCIO INDIVIDUALE E IL BILANCIO CONSOLIDATO RELATIVI ALL ESERCIZIO 2014 - Confermati i risultati preliminari consolidati già approvati lo scorso 11 febbraio

Dettagli

Alerion Clean Power S.p.A.: Il Consiglio di Amministrazione approva il bilancio consolidato e il progetto di bilancio al 31 dicembre 2014

Alerion Clean Power S.p.A.: Il Consiglio di Amministrazione approva il bilancio consolidato e il progetto di bilancio al 31 dicembre 2014 COMUNICATO STAMPA (an informal translation in English of the press release is available on Alerion website) Milano, 18 marzo 2015 Alerion Clean Power S.p.A.: Il Consiglio di Amministrazione approva il

Dettagli

IL CDA DI CAMFIN SPA APPROVA I RISULTATI AL 30 GIUGNO 2008:

IL CDA DI CAMFIN SPA APPROVA I RISULTATI AL 30 GIUGNO 2008: CAMFIN s.p.a. COMUNICATO STAMPA IL CDA DI CAMFIN SPA APPROVA I RISULTATI AL 30 GIUGNO 2008: RISULTATO NETTO CONSOLIDATO: -42 MLN DI EURO (+9,1 MLN DI EURO NEL PRIMO SEMESTRE 2007). IL DATO RISENTE DEL

Dettagli

Approvata la Relazione Finanziaria Semestrale Consolidata al 30 giugno 2010 Cala l indebitamento, secondo trimestre in ripresa

Approvata la Relazione Finanziaria Semestrale Consolidata al 30 giugno 2010 Cala l indebitamento, secondo trimestre in ripresa Comunicato stampa Cavriago, 27 agosto 2010 Approvata la Relazione Finanziaria Semestrale Consolidata al 30 giugno 2010 Cala l indebitamento, secondo trimestre in ripresa Valore della produzione consolidato:

Dettagli

EUROTECH: IL CDA APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO D ESERCIZIO E CONSOLIDATO 2013

EUROTECH: IL CDA APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO D ESERCIZIO E CONSOLIDATO 2013 EUROTECH: IL CDA APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO D ESERCIZIO E CONSOLIDATO 2013 In conseguenza della vendita della controllata americana Parvus Corp., perfezionata in data 1 ottobre 2013 e che ha prodotto

Dettagli

COMUNICATO STAMPA TELECOM ITALIA MEDIA: RICAVI STABILI NEL 2014 E FORTE TAGLIO ALLE PERDITE

COMUNICATO STAMPA TELECOM ITALIA MEDIA: RICAVI STABILI NEL 2014 E FORTE TAGLIO ALLE PERDITE COMUNICATO STAMPA TELECOM ITALIA MEDIA: RICAVI STABILI NEL E FORTE TAGLIO ALLE PERDITE RICAVI: 70,5 milioni di euro; -1,7 milioni di euro rispetto all esercizio (72,2 milioni di euro) EBITDA: 25,4 milioni

Dettagli

Il Consiglio di Amministrazione di Tiscali approva i risultati del primo semestre 2010

Il Consiglio di Amministrazione di Tiscali approva i risultati del primo semestre 2010 Il Consiglio di Amministrazione di Tiscali approva i risultati del primo semestre 2010 Cagliari, 27 agosto 2010 Il Consiglio di Amministrazione di ha approvato i risultati al 30 giugno 2010. Risultato

Dettagli

C o s t r u z i o n i E l e t t r o m e c c a n i c h e B r e s c i a n e R E S O C O N T O I N T E R M E D I O D I G E S T I O N E

C o s t r u z i o n i E l e t t r o m e c c a n i c h e B r e s c i a n e R E S O C O N T O I N T E R M E D I O D I G E S T I O N E C o s t r u z i o n i E l e t t r o m e c c a n i c h e B r e s c i a n e R E S O C O N T O I N T E R M E D I O D I G E S T I O N E AL 31 MARZO 2015 Cembre S.p.A. Sede in Brescia - via Serenissima, 9 Capitale

Dettagli

RISULTATI DEL SECONDO TRIMESTRE 2012. Principali dati economici e finanziari consolidati

RISULTATI DEL SECONDO TRIMESTRE 2012. Principali dati economici e finanziari consolidati COMUNICATO STAMPA RISULTATI DEL SECONDO TRIMESTRE 2012 Principali dati economici e finanziari consolidati Ricavi e EBITDA + 6% Ricavi same store di GTECH + 7% EBITDA delle Attività Italiane +2% nonostante

Dettagli

Comunicato Stampa 27 agosto 2013

Comunicato Stampa 27 agosto 2013 Landi Renzo: il CDA approva i risultati al 30 giugno 2013 o Fatturato a 112,0 milioni di euro (139,2 milioni di euro al 30 giugno 2012) o EBITDA a 5,1 milioni di euro (16,2 milioni di euro al 30 giugno

Dettagli

B.E.E. Team: il CDA approva la Relazione Finanziaria Semestrale al 30 giugno 2012

B.E.E. Team: il CDA approva la Relazione Finanziaria Semestrale al 30 giugno 2012 B.E.E. Team: il CDA approva la Relazione Finanziaria Semestrale al 30 giugno 2012 Valore della Produzione pari a Euro 39,69 milioni (Euro 44,52 milioni nel 1H 2011) EBITDA pari a Euro 4,34 milioni (Euro

Dettagli

Relazione trimestrale al 30 settembre 2005

Relazione trimestrale al 30 settembre 2005 Relazione trimestrale al 30 settembre 2005 Buzzi Unicem S.p.A. Sede: Casale Monferrato (AL) Via Luigi Buzzi 6 Capitale sociale 118.265.497,80 Registro delle Imprese di Alessandria n. 00930290044 Indice

Dettagli

COMUNICATO STAMPA GRUPPO ACOTEL: resoconto intermedio di gestione al 30 settembre 2015.

COMUNICATO STAMPA GRUPPO ACOTEL: resoconto intermedio di gestione al 30 settembre 2015. COMUNICATO STAMPA GRUPPO ACOTEL: resoconto intermedio di gestione al 30 settembre 2015. Risultati consolidati dei primi nove mesi 2015: Ricavi a 29,5 milioni di euro (33,7 milioni di euro nei primi nove

Dettagli

Comunicato stampa Relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2015

Comunicato stampa Relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2015 Comunicato stampa Relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2015 Nel primo semestre 2015 il Gruppo Cairo Communication ha continuato a conseguire risultati positivi nei suoi settori tradizionali (editoria

Dettagli

Informazione Regolamentata n. 0246-44-2015

Informazione Regolamentata n. 0246-44-2015 Informazione Regolamentata n. 0246-44-2015 Data/Ora Ricezione 23 Ottobre 2015 14:23:44 MTA - Star Societa' : SOGEFI Identificativo Informazione Regolamentata : 64513 Nome utilizzatore : SOGEFIN01 - ALBRAND

Dettagli

Il Consiglio di Amministrazione approva il bilancio consolidato dell esercizio 2014.

Il Consiglio di Amministrazione approva il bilancio consolidato dell esercizio 2014. Comunicato stampa Il Consiglio di Amministrazione approva il bilancio consolidato dell esercizio 2014. Ricavi a 354,7 milioni di euro (355 milioni di euro nel 2013) EBITDA a 31,5 milioni di euro (33,1

Dettagli

INTERPUMP GROUP APPROVA I RISULTATI DEL PRIMO TRIMESTRE 2015

INTERPUMP GROUP APPROVA I RISULTATI DEL PRIMO TRIMESTRE 2015 COMUNICATO STAMPA INTERPUMP GROUP APPROVA I RISULTATI DEL PRIMO TRIMESTRE 2015 VENDITE NETTE: 222,6 milioni (+39,0%) - 160,2 milioni nel primo trimestre 2014 EBITDA: 43,5 milioni (+35,8%) pari al 19,5%

Dettagli

Salvatore Ferragamo S.p.A.

Salvatore Ferragamo S.p.A. COMUNICATO STAMPA Salvatore Ferragamo S.p.A. Il Consiglio di Amministrazione approva la Relazione Finanziaria Semestrale Consolidata al 30 giugno 2015 Continua la crescita dei Ricavi e dei Profitti del

Dettagli

* * * Questo comunicato stampa è disponibile anche sul sito internet della Società www.sesa.it

* * * Questo comunicato stampa è disponibile anche sul sito internet della Società www.sesa.it COMUNICATO STAMPA APPROVAZIONE DEL RESOCONTO INTERMEDIO CONSOLIDATO DI GESTIONE PER IL PERIODO DI 9 MESI AL 31 GENNAIO 2014 Il Consiglio di Amministrazione di Sesa S.p.A. riunitosi in data odierna ha approvato

Dettagli

Relazione trimestrale

Relazione trimestrale Relazione trimestrale 1 trimestre 2007 Reno De Medici S.p.A. Sede Legale in Milano Via dei Bossi, 4 Direzione Generale e Amministrativa: Pontenuovo di Magenta (MI) Via G. De Medici, 17 Capitale sociale

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO

DOCUMENTO INFORMATIVO DOCUMENTO INFORMATIVO redatto ai sensi degli articoli 71 e 71-bis, del Regolamento di attuazione del Decreto Legislativo 24 febbraio 1998, n. 58, concernente la disciplina degli emittenti adottato con

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2013

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2013 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2013 RICAVI STABILI RISPETTO ALL ANNO PRECEDENTE SIGNIFICATIVA CRESCITA DI TUTTI I PRINCIPALI INDICATORI ECONOMICI RISPETTO

Dettagli

SALUGGIA, 8 NOVEMBRE 2013 IL CDA DI DIASORIN S.P.A

SALUGGIA, 8 NOVEMBRE 2013 IL CDA DI DIASORIN S.P.A Comunicato Stampa SALUGGIA, 8 NOVEMBRE 2013 IL CDA DI DIASORIN S.P.A. APPROVA I RISULTATI DEL 3 TRIMESTRE 2013: ACCELERAZIONE DELLE VENDITE A CAMBI COSTANTI E CONTINUA ESPANSIONE DELLA BASE INSTALLATA

Dettagli

COMUNICATO STAMPA RAI WAY S.P.A.: IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2014

COMUNICATO STAMPA RAI WAY S.P.A.: IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2014 COMUNICATO STAMPA RAI WAY S.P.A.: IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2014 Principali risultati economici pro-forma 1 al 31 dicembre 2014 (vs 31 dicembre 2013):

Dettagli

ll Consiglio di Amministrazione di Tiscali approva il progetto di bilancio al 31 dicembre 2005

ll Consiglio di Amministrazione di Tiscali approva il progetto di bilancio al 31 dicembre 2005 ll Consiglio di Amministrazione di Tiscali approva il progetto di bilancio al 31 dicembre 2005 Crescita dei ricavi: 736,2 milioni di Euro, +12% su base annua: accelerazione in Regno Unito, Olanda e Italia

Dettagli

TOD S S.p.A. Crescita dei ricavi e miglioramento della redditività nel secondo trimestre 2013 (ricavi: +8,4%, EBITDA: +15,9%)

TOD S S.p.A. Crescita dei ricavi e miglioramento della redditività nel secondo trimestre 2013 (ricavi: +8,4%, EBITDA: +15,9%) Sant Elpidio a Mare, 7 agosto 2013 TOD S S.p.A. Crescita dei ricavi e miglioramento della redditività nel secondo trimestre 2013 (ricavi: +8,4%, EBITDA: +15,9%) Approvata dal Consiglio di Amministrazione

Dettagli

Risultati economico-finanziari consolidati 2014

Risultati economico-finanziari consolidati 2014 COMUNICATO STAMPA Risultati economico-finanziari consolidati 2014 Il Consiglio di Amministrazione ha approvato il Bilancio Consolidato al 31 dicembre 2014. Risultati consolidati economici e patrimoniali:

Dettagli

COMUNICATO STAMPA APPROVATI DAL CDA I DATI AL 30 SETTEMBRE 2007:

COMUNICATO STAMPA APPROVATI DAL CDA I DATI AL 30 SETTEMBRE 2007: COMUNICATO STAMPA APPROVATI DAL CDA I DATI AL 30 SETTEMBRE 2007: RICAVI AGGREGATI PRO-QUOTA * : 1.071,9 MLN DI EURO (+17%) RISULTATO OPERATIVO COMPRENSIVO DEI PROVENTI DA PARTECIPAZIONI: 164 MLN DI EURO;

Dettagli

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Padova 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO CARRARO GROUP

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Padova 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO CARRARO GROUP Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Padova 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica IL CASO CARRARO GROUP Innovare e competere con le ICT: casi di successo - PARTE II Cap.9 Far

Dettagli

(Valori in milioni di Euro) 1 SEM. 2015 1 SEM. 2014 BILANCIO 31/12/2014

(Valori in milioni di Euro) 1 SEM. 2015 1 SEM. 2014 BILANCIO 31/12/2014 Semestrale Gruppo Pininfarina Fatti di rilievo intervenuti dopo la chiusura del semestre Valutazione sulla continuità aziendale, evoluzione prevedibile della gestione Cambiano, 30 luglio 2015 Il Consiglio

Dettagli

Poste Italiane: Crescono i Ricavi Risultato operativo e Utile netto in calo

Poste Italiane: Crescono i Ricavi Risultato operativo e Utile netto in calo Poste Italiane: Crescono i Ricavi Risultato operativo e Utile netto in calo Il Gruppo conferma la leadership nella raccolta del risparmio e dei premi assicurativi. Nel settore postale incide l onere per

Dettagli

Il Consiglio di Amministrazione di Tiscali approva i risultati al 30 settembre 2005

Il Consiglio di Amministrazione di Tiscali approva i risultati al 30 settembre 2005 Il Consiglio di Amministrazione di Tiscali approva i risultati al 30 settembre 2005 Crescita dei ricavi: 185,7 milioni di Euro nel trimestre (+16% su base annua) portano i ricavi nei nove mesi a 539,3

Dettagli

AMPLIFON: RICAVI E REDDITIVITÀ IN FORTE

AMPLIFON: RICAVI E REDDITIVITÀ IN FORTE AMPLIFON: RICAVI E REDDITIVITÀ IN FORTE CRESCITA IN TUTTE LE AREE GEOGRAFICHE IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE HA APPROVATO OGGI LA RELAZIONE FINANZIARIA TRIMESTRALE AL 31 MARZO 2015, CHE VEDE IL PRIMO

Dettagli

COMUNICATO STAMPA GRUPPO ACOTEL: il C.d.A. approva la relazione semestrale consolidata al 30 giugno 2015.

COMUNICATO STAMPA GRUPPO ACOTEL: il C.d.A. approva la relazione semestrale consolidata al 30 giugno 2015. COMUNICATO STAMPA GRUPPO ACOTEL: il C.d.A. approva la relazione semestrale consolidata al 30 giugno 2015. Ricavi a 25,5 milioni di Euro (29,6 milioni di Euro nel 1 semestre 2014) EBITDA a -2,9 milioni

Dettagli

Comunicato stampa. Ciccolella, il CdA approva il resoconto intermedio di gestione al 31 marzo 2010

Comunicato stampa. Ciccolella, il CdA approva il resoconto intermedio di gestione al 31 marzo 2010 Comunicato stampa Ciccolella, il CdA approva il resoconto intermedio di gestione al 31 marzo 2010 Dati relativi ai primi 3 mesi dell esercizio 2010: Ricavi consolidati pari ad Euro 116,7 milioni (nel 2009

Dettagli

Comunicato Stampa 28 agosto 2014

Comunicato Stampa 28 agosto 2014 Landi Renzo: marginalità e flussi finanziari di cassa in miglioramento al 30 giugno 2014; secondo trimestre 2014 caratterizzato da significativa crescita di fatturato e ritorno all utile Fatturato al 30

Dettagli

Poligrafica S. Faustino S.p.A.: approvato il progetto di bilancio 2012

Poligrafica S. Faustino S.p.A.: approvato il progetto di bilancio 2012 Poligrafica S. Faustino S.p.A.: approvato il progetto di bilancio 2012 Vendite pari a Euro 40,7 milioni (Euro 41,4 milioni al 31 dicembre 2011) EBITDA negativo per Euro 0,66 milioni (negativo per Euro

Dettagli

Nessuna sanzione è stata applicata nei confronti di Piaggio, a conferma della correttezza e trasparenza dell'operato del Gruppo.

Nessuna sanzione è stata applicata nei confronti di Piaggio, a conferma della correttezza e trasparenza dell'operato del Gruppo. COMUNICATO STAMPA GRUPPO PIAGGIO: PROGETTO DI BILANCIO 2013 Ricavi consolidati 1.212,5 milioni di euro (1.406,2 milioni nel 2012) con incidenza negativa dell'effetto cambio per 53 milioni di euro Ebitda

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

Relazione Finanziaria Semestrale al 30 Giugno. (ai sensi dell art. 154-ter del D.lgs 58/98)

Relazione Finanziaria Semestrale al 30 Giugno. (ai sensi dell art. 154-ter del D.lgs 58/98) Relazione Finanziaria Semestrale al 30 Giugno 2015 (ai sensi dell art. 154-ter del D.lgs 58/98) INDICE PREMESSA... 4 RELAZIONE FINANZIARIA SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2015... 5 HIGHLIGHTS DEL PERIODO... 6

Dettagli

GRUPPO COFIDE: NEL 2014 RIDUCE PERDITA A 14,5 MLN ( 130,4 MLN NEL 2013)

GRUPPO COFIDE: NEL 2014 RIDUCE PERDITA A 14,5 MLN ( 130,4 MLN NEL 2013) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 dicembre 2014 GRUPPO COFIDE: NEL 2014 RIDUCE PERDITA A 14,5 MLN ( 130,4 MLN NEL 2013) Il risultato è influenzato dagli oneri

Dettagli

APPROVATA LA RELAZIONE FINANZIARIA CONSOLIDATA SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2015 DEL GRUPPO AUTOSTRADE PER L ITALIA

APPROVATA LA RELAZIONE FINANZIARIA CONSOLIDATA SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2015 DEL GRUPPO AUTOSTRADE PER L ITALIA Comunicato Stampa APPROVATA LA RELAZIONE FINANZIARIA CONSOLIDATA SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2015 DEL GRUPPO AUTOSTRADE PER L ITALIA I risultati consolidati (1) Nel primo semestre 2015 i ricavi consolidati

Dettagli

IL CDA DI STEFANEL APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO E IL BILANCIO CONSOLIDATO 2010 CONVOCAZIONE DELL ASSEMBLEA ORDINARIA E STRAORDINARIA

IL CDA DI STEFANEL APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO E IL BILANCIO CONSOLIDATO 2010 CONVOCAZIONE DELL ASSEMBLEA ORDINARIA E STRAORDINARIA IL CDA DI STEFANEL APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO E IL BILANCIO CONSOLIDATO 2010 CONVOCAZIONE DELL ASSEMBLEA ORDINARIA E STRAORDINARIA MIGLIORANO I RICAVI, SI RIDUCE LA PERDITA Ricavi netti consolidati

Dettagli