INTRODUZIONE INTRODUZIONE

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "INTRODUZIONE INTRODUZIONE"

Transcript

1 Navigazione La Pianificazione del Volo La preparazione del piano di volo. Utilizzo delle procedure standard per la partenza e l avvicinamento. INTRODUZIONE Con il presente inserto, intendiamo introdurre l argomento ed aiutare a chiarire alcuni aspetti riguardanti la preparazione di un piano di volo IFR. Considerato il fine ludico e divulgativo, sono state adottate semplificazioni e sintesi che, rispetto alle norme IFR del mondo reale, possono anche portare a scostamenti significativi. Le eventuali inesattezze sono funzionali alla natura introduttiva per la simulazione. I più esperti ci scuseranno... IL PIANO DI VOLO All rights reserved Il piano di volo è il mezzo con cui si rendono note agli enti ATS tutte le informazioni relative al volo che intendiamo svolgere così da metterli in condizione di fornire tutti i servizi della circolazione aerea richiesti e/o necessari. Per i voli IFR il piano di volo non è un optional, è obbligatorio e la sua compilazione richiede la conoscenza di alcune norme procedure che riguardano la navigazione aerea. Per la sua compilazione occorrono inoltre una serie di carte aeronautiche appropriate e l ultimo bollettino meteo. In mancanza delle prime si può utilizzare (con ovvie limitazioni) un software flight planner, o un altro qualsiasi programma che mostri una mappa degli scenari di Flight Simulator (FS), per estrarre i dati necessari. Per il meteo si può usare uno dei programmi che importano i Metar (cioè i bollettini meteo reali) ed esportano i dati relativi nel meteo di FS in modo tale da riuscire a volare con condizioni reali, variabili dinamicamente. In alternativa si possono prendere da internet i bollettini e trascriverli direttamente a mano nel modulo meteo di FS. La navigazione aerea è una materia affascinante che, con il passare del tempo, ha 1

2 IN VOLO fatto notevoli progressi. In questi ultimi anni ha subito importanti cambiamenti grazie al progresso tecnologico. Questi cambiamenti sono tesi anche a migliorare la situazione di cieli sempre più affollati, di aree aeroportuali congestionate, di situazioni a terra particolari. Da alcuni decenni la navigazione è basata principalmente sui radioaiuti a terra (NDB e VOR). Tra questi radioaiuti vengono tracciate le rotte. Sulle grandi superfici d acqua e su zone terrestri dove i radioaiuti sono scarsi o non presenti, la navigazione avviene con piattaforme inerziali (sì, certo, c è anche la vecchia cara bussola...). Con l avvento del Gps molte cose stanno cambiando e si tende a liberare le rotte dai riferimenti fissi dei radioaiuti con l uso di fix ovvero riferimenti di coordinate e/o di distanza-direzione da altri punti. Questo processo è in costante sviluppo e insieme ad altri cambiamenti (per esempio è in corso una revisione delle norme per la navigazione e l assistenza al volo in Europa) dovrebbe portare a poter volare in maniera più diretta andando cioè da un punto A a un punto B seguendo una linea retta e non una spezzata come avviene spesso oggi. Il Gps permetterà anche di poter atterrare con precisione in aeroporti con piste non servite da sistemi ILS, lo standard attuale. LE FASI DEL VOLO 2 Un volo inizia quando l aereo si muove all aeroporto di partenza (off blocks) e termina quando si arresta all aeroporto di arrivo (on blocks). Tra questi due momenti si svolgono tutte le fasi che a noi interessano e che sono riassunte nel piano di volo. Fondamentalmente possiamo suddividere un volo in: - Decollo. - Uscita dall area aeroportuale di partenza e salita. - Crociera in rotta. - Discesa. - Avvicinamento e ingresso nell area aeroportuale di arrivo. - Atterraggio. Decollo Di norma si atterra e si decolla controvento per cui la scelta della pista deve essere fatta sulla base della direzione da cui spira il vento. E questo è il primo motivo per cui occorre avere il meteo dell aeroporto di partenza. Se fosse così semplice sarebbe però troppo bello! Ci sono casi, molti purtroppo, in cui questa regola subisce variazioni. Le principali eccezioni sono legate a procedure specifiche dell aeroporto, dove esiste un Preferential Runway System cioè un sistema cioè che regola l uso delle piste. Per esempio, a Roma Fiumicino la pista preferenziale per il decollo è la 25, la 16L/34R e la 16R/34L sono usate per l atterraggio, a patto che la lunghezza della 25 sia sufficiente e che il vento sia inferiore a 20 nodi e 7 nodi, rispettivamente come componente al traverso e di coda. Quindi se c è vento, diciamo 8 nodi da 30, si dovrebbe decollare dalla 25 e atterrare sulla 34R (la componente in coda è

3 IN VOLO 7 inferiore a 7 nodi). Qualche altro esempio: a Malpensa si dovrebbe atterrare in prevalenza sulla 35R e decollare dalla 35L (così era stato pensato all inizio, prima delle polemiche degli abitanti per il rumore...); a Firenze si dovrebbe atterrare sulla 05 e decollare dalla 23; a Napoli si dovrebbe decollare dalla 06, a Torino Caselle sia l atterraggio che il decollo dovrebbero essere effettuati con la pista 36, ecc. Uscita dall area aeroportuale di partenza e salita. - L uso delle carte SID (Standard Instrument Departure Charts) Dopo il decollo si effettua la parte del volo che porta fino al punto di ingresso in aerovia. In genere, in questa fase, si sale fino alla quota di crociera iniziale. Le procedure per la partenza strumentale sono pubblicate con il nome di SID (Standard Instrument Departures) o vengono dettate al pilota prima della partenza (dalla Clearance o servizio analogo; in assenza dalla Ground o dalla Tower). Per un aeroporto di solito esistono più SID, bisogna però usare quella adatta al nostro aeromobile che ci indirizzi verso l aerovia scelta per la rotta in crociera. Ogni SID è riferita alla pista di decollo, al percorso (esistono sia SID per la fase di salita iniziale e per la seguente fase di immissione in aerovia che SID complete che comprendono già queste due fasi) ed al punto finale che può essere un radioaiuto o un fix. Nell esempio accanto ci sono alcune partenze SID della Rwy 35L di Milano Malpensa, denominate Saronno 6D (SRN6F), Saronno 6F (SRN6F), e Telva 5F, che descrivono le procedure per la parte iniziale dell uscita dall area di Malpensa, verso est e sud-est. Come si può notare c è una rappresentazione grafica e una descrizione testuale. Supponiamo di voler prendere la aerovia A14, verso sud, per andare a Roma. Usiamo la SID TELVA 5F, per la parte di salita iniziale. Dopo il decollo dalla pista 35L si raggiunge (con qualche piccola virata per evitare centri abitati e per abbattimento rumore) il fix D6 MAL (cioè 6Nm sulla radiale 328 dal VOR Malpensa) a una quota minima di 2700 piedi; si vira poi a destra fino al fix D8 SNR (distanza 8Nm dal VOR Saronno sulla radiale 305) a una quota minima di 6000 piedi, si vira poi a destra fino al fix D37 VOG (37Nm dal VOR Voghera sulla radiale 356) ad almeno FL 90 e si prosegue infine fino ad arrivare al nostro punto TELVA ad almeno FL 100 dove termina la procedura TELVA 5F. Una volta raggiunto il punto terminale della SID si passa a consultare la carta che illustra la SID di transizione. Da questo punto (o per meglio dire intersezione) si procede fino all aerovia. Ecco qua il percorso della SID Parma 9J, per gli amici PAR9J. Da TELVA si prosegue verso il NDB Codogno, prua 122, quindi si vira per 105 fino a PIKOT, ed infine a destra per 132 verso il NDB Parma. E da qui siamo pronti per immetterci sulla nostra aerovia, la A14, verso Roma. Crociera in rotta. La crociera è generalmente la parte più lunga del volo e viene effettuata lungo corridoi denominati 3

4 IN VOLO aerovie. Spesso le aerovie sono tracciate come radiali di VOR o NDB, ma altrettanto spesso sono linee con riferimenti basati su fix. (Nota: VOR e NDB di solito hanno la sigla di tre lettere, i fix di cinque). Seguendo l esempio precedente il NDB PAR sarebbe il nostro punto di ingresso nella aerovia A14, che attraversa l Italia da nord a sud, proseguendo poi verso il VOR FRZ (vicino a Firenze), VOR BOL (Bolsena), ecc. E probabile che a questo punto ci sia ancora da terminare la salita verso la quota assegnata, fino a raggiungere il cosiddetto TOC, Top of climb. E importante ricordare che lo spazio aereo è diviso in spazio aereo inferiore e superiore: in molti paesi europei il limite più alto dello spazio inferiore è FL 245; in Italia, Francia, Olanda, Belgio e Svizzera è FL 195; negli USA e Canada è FL 180. I livelli indicano la quota togliendo gli ultimi due zeri, quindi FL 100 vuol dire piedi, FL 210 vuol dire piedi e così via. Le aerovie appartengono a una di queste due categorie. Molte hanno la stessa denominazione ma con una U che distingue quelle dello spazio superiore da quelle dello spazio inferiore (esempio A14 e UA14). Spesso le loro rotte coincidono ma non sempre è così in quanto sono tracciate per aeromobili con prestazioni diverse e viene considerata l orografia del terreno. Quindi, la prima cosa da considerare è la quota della nostra crociera: se questa è inferiore a FL 195 o FL 245 (a seconda dei casi) useremo carte e aerovie dello spazio inferiore, se è maggiore carte e aerovie di quello superiore. In linea di massima si può dire che chi vola con gli ATR o i Dornier userà le prime in quanto la loro crociera non viene di solito effettuata a livelli superiori a FL 200. Per l attribuzione del livello si usa il metodo semicircolare : se la nostra rotta è compresa tra 000 e 179 allora useremo livelli dispari (p. es. 90, 110, 170, 230, ecc); se è compresa tra 180 e 359 si usano livelli di volo pari (p. es. 80, 120, 200, 260, ecc). Da FL 290 esistono solo livelli dispari ; quindi verso est ci sono FL 290, 330, 370, 410, e verso ovest ci sono FL 310, 350, 390, Ricordarsi della TA (Altitudine di transizione). Al di sopra di questa l altimetro deve essere regolato sul valore standard di 1013 (29.92 con il sistema USA). Va regolato sul QNH locale solamente al di sotto di questa altitudine, perciò per partenze e atterraggi. Un altimetro regolato erroneamente fa volare a una quota sbagliata. Il livello di volo deve essere scelto anche in base al vento: se cambiando livello si evita un forte vento frontale o con forte componente frontale, allora conviene farlo... (e quindi serve ancora un meteo, Non tutte le aerovie sono bidirezionali: per esempio la UM984 che attraversa l Italia settentrionale si percorre verso ovest (perciò dall Austria alla Francia); la parallela UM985 al contrario verso est. Per raggiungere la nostra destinazione, in molti casi, occorre cambiare aerovia passando da una all altra dove queste si incontrano. Un altro elemento da considerare nella pianificazione è la direzione del volo per determinare la quota corretta: i voli IFR volano a livelli interi (p. es. FL 90, 100, 150, 180), quelli VFR a livelli interi piedi (p. es. FL 95, 115, 125, 165). 4

5 quello enroute). Il livello, scusate l ovvietà, non deve essere troppo basso o troppo alto: nel primo caso si perdono i vantaggi della quota, nel secondo si consuma più carburante per la salita rispetto a quello che si risparmia volando alti. Ci sono altri parametri da valutare, oltre a quanto già detto: le prestazioni dell aereo, il carico, ecc. Se dovete iniziare a scendere quando avete raggiunto da poco il vostro livello di volo allora significa che probabilmente avete scelto una quota troppo alta per quel volo. Discorso analogo per la velocità: consultate i manuali del vostro aeromobile per determinare quella appropriata e ricordate che IAS, TAS, GS sono velocità che danno valori anche MOLTO diversi. Non strozzate i motori se a FL 350 vedete una IAS bassa, considerate la quota o magari un vento contrario che può aver fatto scendere la GS. In quota come riferimento usate i Mach. Discesa La discesa inizia al TOD (Top of descend). Una regolina elementare suggerisce di calcolare questo punto dividendo per tre la quota da perdere e togliendo due zeri, per avere la distanza in miglia necessaria per la discesa. Per esempio: quota attuale FL 280, vogliamo scendere a 5000 piedi... quindi = 230(00). 230 : 3 = 76. Dobbiamo perciò iniziare la discesa 76 Nm prima del punto programmato per 5000 piedi. Il rateo di discesa in genere va dai 1500 ai 2500 piedi al minuto. Attualmente la tendenza è di arrivare alti e scendere velocemente, per impegnare meno le aree terminali degli aeroporti. Alla fine della discesa effettuata in rotta, si inizia l avvicinamento all aeroporto a una quota determinata dalla modalità di quest ultimo. Avvicinamento ed ingresso nell area aeroportuale di arrivo. L uso delle carte STAR (Standard Terminal Arrival Charts). La transizione tra il volo in rotta e la fase di avvicinamento può essere effettuata seguendo una procedura pubblicata, denominata STAR (Standard Terminal Arrival Route), o seguendo un vettoramento radar da parte del controllo ATC. Analogamente alle SID, consideriamo le STAR e IN VOLO 7 le rotte terminali. Di solito le STAR uniscono un fix di rotta con un fix vicino all aeroporto da dove inizia la fase di avvicinamento finale. Come già detto per le SID, le STAR vanno scelte in funzione della rotta di arrivo e della pista di atterraggio. Nell esempio al lato, vediamo le rotte terminali per Roma Fiumicino. Il punto di uscita dalla rotta (la aerovia A14 o UA14) sarebbe quindi nel nostro caso il VOR di Bolsena. Da qui bisogna prendere outbound la radiale 153, ad almeno 6000 piedi, fino a giungere sul VOR Campagnano a 5000 piedi. Questo è l inizio della procedura per l avvicinamento finale che sarà differente l uno dall altro, a seconda della pista designata per l atterraggio. Atterraggio Anche per questa fase è indispensabile il meteo di arrivo per stabilire la pista di atterraggio più appropriata. Come per il decollo, in molti casi, esistono regole che stabiliscono preferenze per una pista anziché per un altra. Il criterio dell atterraggio controvento non è quindi l unico parametro da considerare. Per esempio, la pista 23 di Firenze Peretola è una pista a vista con atterraggio consentito solo da mezz ora prima dell alba a mezz ora dopo il tramonto e con visibilità minima di 5 km. Se una sola di queste condizioni non è soddisfatta, l atterraggio deve avvenire sulla pista 05 anche con vento a sfavore altrimenti si deve dirottare su Pisa. Altri elementi che contribuiscono alla decisione della pista più appropriata, sono la lunghezza della pista disponibile per l atterraggio in relazione all aeromobile, al peso (più peso = Vref più alta, e attenzione alle soglie spostate!) ed alla visibilità (in condizioni critiche sono usabili solo le piste servite da ILS, con minime basse ILS di categoria II e III). Se queste condizioni non esistono allora si deve dirottare sull aeroporto alternato scelto in maniera adeguata. In pratica, non accanto a quello di destinazione perché se c è nebbia o pioggia o vento qui, è probabile che ci sia lo stesso tempo anche a sole 10 miglia di distanza... Nelle immagini seguenti, sono illustrate le procedure per l atterraggio rispettivamente della piste 16L e 34R di Roma Fiumicino. Nel primo caso dal VOR Campagnano si percorre outbound la radiale 235, scendendo a 2500 piedi, per raccordarsi, con una virata a sinistra con l asse del localizzatore (162 ) della 16L, sul punto MIKSO (che è l IAF). Dopo circa 3.5Nm si intercetta il sentiero di planata (glideslope) e si inizia la discesa per 5

6 IN VOLO il finale. Nel secondo caso dal VOR Campagnano si esce con una radiale di 198 fino al punto ELITO, da qui con prua 160 si scende a 4000 piedi fino al NDB Pratica di Mare (o punto RATIR); alternativamente, se autorizzati dall ATC, dal VOR Campagnano si esce sulla radiale 173, scendendo progressivamente da 6000 piedi a 4000, fino al NDB PRA. Scendendo a 2500 piedi, dopo avere passato l NDB, si vira a destra per prua 300 fino a intercettare il localizzatore dell ILS 34R. Con prua 342 dopo circa 2Nm si intercetta la GS, e inizia la discesa finale. CONCLUSIONI Anche se nella realtà SID e STAR sono sempre più spesso sostituite con navigazione radar e vettoramenti diretti, per la simulazione restano importanti. Con una buona pianificazione della rotta, per la partenza e l atterraggio basta scegliere SID e STAR adeguate e il piano di volo è completo. Un ultima nota riguarda proprio la rotta per la crociera: anche in questo caso, di fatto non esiste una sola strada per andare dall aeroporto A all aeroporto B, e sono molte le ragioni perché questa può cambiare. Qualche buona cartina e l esperienza crescente sono però in grado di soddisfare le necessità della maggior parte dei voli. 6

7 IN VOLO 7 Sono riportate tutte le vie di rullaggio, gli orientamenti e le lunghezze delle piste (queste ultime importati per valutare se una pista è o non è sufficiente al nostro velivolo con carico e carburante per effettuare il decollo o l atterraggio). Questa carta inoltre, riporta in alto a sinistra anche le principali frequenze dell aeroporto come la Ground, l ATIS e la Tower. A questo punto, per pianificare la rotta, abbiamo bisogno di una carta Low Altitude Enroute Chart. Determiniamo cosi quella che è la strada da seguire. Tutti i tratti di una aerovia, iniziano e terminano su dei punti che possono essere un VOR o un FIX (intersezione di due o piu aerovie). Tralasciando ora le procedure strumentali di decollo e di avvicinamento (che vedremo successivamente) possiamo dire che la rotta che prenderemo in considerazione sarà quella che collega VOR OST al VOR ELB (passando per FIX MEDAL) fino al VOR PIS. Una volta definita la rotta in maniera grossolana, diamo uno sguardo alle carte relative alle procedure di partenza di Fiumicino. Dato che la nostra rotta è verso nord-ovest, le SID di Fiumicino che ci interessano saranno le ELBA Departures e a seconda della pista in uso, più precisamente ELB 5A, ELB 5B o ELB 5C. Una cosa molto importante che il pilota Roma Fiumicino - Pisa con ATR-42 Per riordinare un po le idee su quanto è stato detto sino ad ora, vediamo come pianificare un volo da Roma Fiumicino a Pisa con un ATR-42. Il volo sarà breve ma di sicuro utile per poi pianificare voli molto più complessi. Le carte necessarie alla preparazione del volo sono: - Le carte Aeroportuali di entrambi gli aeroporti; - Le SID di Roma Fiumicino - Le STAR di Pisa - La Instrumental Approach Chart di Pisa relativa alla pista in uso. - Una Carta di Navigazione LOW Altitude Enroute Chart. La carte rappresentate di seguito, sono le carte aeroportuali di Roma Fiumicino, e precisamente quella degli Apron o piazzali di parcheggio e manovra dove è riportata la numerazione delle aree di parcheggio, e quella delle vie di rullaggio. Quest ultima è molto utile specie se non si conosce l aeroporto e di conseguenza tutte le operazioni di rullaggio da e per la pista assegnata per l eventuale decollo o atterraggio. 7

8 IN VOLO in fase di pianificazione deve fare, è quella di leggere attentamente la descrizione delle procedure in maniera dettagliata e non limitarsi solo a vedere graficamente la rotta da seguire subito dopo il decollo. Poniamo il caso in cui ci viene assegnata per il decollo la pista 25 (come è abitualmente in condizioni meteo normali) e ci viene impartito dal controllore di seguire la procedura ELB 5A. Per seguire la SID ELB 5A bisogna virare subito dopo il decollo a destra sino ad intercettare la radiale 291 OST VOR per il Fix MEDAL e successivamente virare a destra sino ad intercettare la radiale 132 inbound ELB VOR. Per quanto riguarda le altitudini dobbiamo raggiungere : - il punto 1 D26 OST VOR (distanza 26 NM dal Vor di Ostia) a 4000 piedi o quota superiore; - il punto 2 D38 ELB VOR (distanza 38 NM dal vor di Elba) a livello di volo FL080 o superiore; - il punto 3 ELB VOR a livello FL100 o superiore. A questo punto abbiamo constatato che la SID ci copre gran parte del volo, ma questo è solo un caso. Analizziamo ora la carta relativa alle procedure di avvicinamento di Pisa (STAR)

9 IN VOLO 7 Il caso vuole, data la durata breve del volo, che il punto di uscita della SID ELB5A coincida con il punto di ingresso della procedura di avvicinamento di PISA (primo VOR venendo da sud) e cioè il VOR ELB. Preso atto dell ultimo bollettino meteo di Pisa, ci viene atorizzato un avvicinamento diretto per un atterraggio sulla pista 04R. (dato che entriamo in circuito dal VOR di Elba) Arrivando quindi sul VOR di Elba a livello di volo FL100, dovremmo subito iniziare una discesa per FL070 seguendo la radiale 331 di ELB VOR sino al fix NORNI (indicato dalla freccia) per virare poi a destra sino ad intercettare la radiale 037 PIS VOR e continuando la discesa per 3000 piedi. Fortuna vuole che la radiale 037 PIS VOR sia proprio la radiale di avvicinamento strumentale dell ILS Rwy 04R quindi non dovremo fare ulteriori virate. Proseguendo la discesa ed agganciato il glide, questo ci porterà dritto a posare le ruote del carrello sulla pista. Come già detto in precedenza le SID e le STAR vengono quasi sempre sostituite da vettoramenti radar impartiti direttamente dai controllori. E in ogni caso indispensabile conoscere le procedure in modo da non dover cadere in momenti di panico durante le delicate fasi del decollo e atterraggio. Quindi il nostro piano di volo (escludendo le procedure standard di partenza e di arrivo) sarà : LIRF - LIRP via ELB5A - ELB La carta relativa alla procedura ILS Rwy 04R, ci servirà anche a conoscere la procedura di Missed Approach. Procedura che si adotta in caso di riattaccata ovvero quando interrompiamo per qualsiasi motivo la fase di atterraggio. Nel caso della Rwy 04R, la procedura di missed approach prevede la salita mantenendo prua pista, a 500 piedi virare a sinistra (max 230 Kt IAS) sino ad intercettare la radiale 310 PIS VOR e seguirla sino al punto D12 PIS VOR (cioè 12 NM di distanza da PIS VOR), salire a 2000 piedi e rimanere in Holding. Tutto questo, è quanto previsto dalla procedura, ma non è escluso che il controllore ci faccia fare tutt altro. Dipende dal traffico in aeroporto. Infine, è consigliabile sempre dare uno sguardo alla cartina aeroportuale di PISA. Infatti, una volta atterrati, dovremo rullare per l area di parcheggio seguendo un determinato percorso (dato dalla Ground). Nel riquadro posto all interno della cartina, si ha tutta la numerazione delle aree di parcheggio o Civil Apron (dato che Pisa è aeroporto militare) presso le quali ci si deve fermare. 9

EASY FSX ITALIA CARTE NAUTICHE NOZIONI GENERALI

EASY FSX ITALIA CARTE NAUTICHE NOZIONI GENERALI EASY FSX ITALIA CARTE NAUTICHE NOZIONI GENERALI 1. LE CARTE AEROPORTUALI. le carte aeroportuali individuano le aeree e gli spazi entro i quali i velivoli di varie categorie possono manovrare, decollare

Dettagli

La lettura delle SID

La lettura delle SID La lettura delle SID In questo tutorial proviamo a introdurre alla lettura delle SID semplificando la trattazione a quanto necessario per un utilizzo pratico nel mondo della simulazione di volo. Come prima

Dettagli

Flight Utilities http://www.flightutilities.com. Le Holding Anche in cielo abbiamo i semafori by Umberto Degli Esposti

Flight Utilities http://www.flightutilities.com. Le Holding Anche in cielo abbiamo i semafori by Umberto Degli Esposti Flight Utilities http://www.flightutilities.com Le Holding Anche in cielo abbiamo i semafori by Umberto Degli Esposti 1 Similmente alla necessità di installare semafori nelle aree di maggior traffico automobilistico,

Dettagli

Training su LIRP. - Conoscenza almeno delle basi del volo IFR, intercettazioni radiali VOR, Holding

Training su LIRP. - Conoscenza almeno delle basi del volo IFR, intercettazioni radiali VOR, Holding Training su LIRP Col presente documento si vuol cercare di aiutare i piloti virtuali alle prime armi che si cimentano a volare Online su IVAO ad effettuare correttamente procedure IFR pubblicate, holding,

Dettagli

EASY FSX ITALIA AVVICINAMENTO VOLO IFR - IVAO BOEING 737 800 NG (DEFAULT)

EASY FSX ITALIA AVVICINAMENTO VOLO IFR - IVAO BOEING 737 800 NG (DEFAULT) EASY FSX ITALIA AVVICINAMENTO VOLO IFR - IVAO BOEING 737 800 NG (DEFAULT) A. DURANTE LA DISCESA A circa 70-80NM il controllo di centro potrebbe farci cambiare frequenza sull avvicinamento, se on-line.

Dettagli

Holding Pattern, Virate di Procedura, Archi di DME

Holding Pattern, Virate di Procedura, Archi di DME Holding Pattern, Virate di Procedura, Archi di DME In questo documento verranno affrontate tre manovre molto ricorrenti nell ambito del volo IFR, le holding, le virate di procedura e gli archi di DME,

Dettagli

TRAFFICO AEREO AUTORIZZAZIONI

TRAFFICO AEREO AUTORIZZAZIONI TRAFFICO AEREO AUTORIZZAZIONI 1 1 AUTORIZZAZIONI DEL CONTROLLO DEL TRAFFICO AEREO... 3 1.1 Autorizzazioni a volare provvedendo alla propria separazione in condizioni meteorologiche a vista... 6 1.2 Informazioni

Dettagli

PIANIFICAZIONE VFR STEP BY STEP

PIANIFICAZIONE VFR STEP BY STEP IBN EDITORE prof. Francesco Iaccarino 1 PIANIFICAZIONE VFR STEP BY STEP Stabilire l aeroporto di partenza e di arrivo. Individuare le frequenze di comunicazione e di navigazione (DME, ADF, VOR, ILS). Effettuare

Dettagli

LA PISTA. A < 91 B 91 / 120 C 121 / 140 D 141 / 165 E 166 / 210 (un nodo, abbreviato con il termine kt, equivale a 1,852 Km/h).

LA PISTA. A < 91 B 91 / 120 C 121 / 140 D 141 / 165 E 166 / 210 (un nodo, abbreviato con il termine kt, equivale a 1,852 Km/h). LA PISTA Un pilota, nel pianificare il suo volo, deve scegliere un aerodromo di destinazione con caratteristiche fisiche che soddisfino le esigenze del suo aeromobile. E abbastanza facile intuire che un

Dettagli

Tutorial sul Piano di Volo IFR IT-EU

Tutorial sul Piano di Volo IFR IT-EU Tutorial sul Piano di Volo IFR IT-EU In questo tutorial ci limiteremo ad una descrizione generale ed alla pianificazione di un volo in IFR internazionale (Genova Valencia) indicando le varie fasi e procedure

Dettagli

SKI CANADA Evento Radio Range Istruzioni per lʼevento. Vedo di scrivere le operazioni nel dettaglio.

SKI CANADA Evento Radio Range Istruzioni per lʼevento. Vedo di scrivere le operazioni nel dettaglio. SKI CANADA Evento Radio Range Istruzioni per lʼevento Vedo di scrivere le operazioni nel dettaglio. Da Ottawa si segue la RED1 (Canada) passando per la stazione di Stirling quindi ad incrociare la Amber

Dettagli

TURIN FLYING INSTITUTE. Il piano di volo. Navigazione Aerea. Carlo Molino

TURIN FLYING INSTITUTE. Il piano di volo. Navigazione Aerea. Carlo Molino TURIN FLYING INSTITUTE Il piano di volo Navigazione Aerea Carlo Molino 1.1 Il piano di volo: Il piano di volo è un modulo compilato dai piloti e spedito all autorità dell aviazione nazionale (in Italia

Dettagli

PROCEDURE PER ARRIVI E PARTENZE DEI VISITATORI/PILOTI PARTECIPANTI AL SALONE DEL VOLO DI PADOVA

PROCEDURE PER ARRIVI E PARTENZE DEI VISITATORI/PILOTI PARTECIPANTI AL SALONE DEL VOLO DI PADOVA PROCEDURE PER ARRIVI E PARTENZE DEI VISITATORI/PILOTI PARTECIPANTI AL SALONE DEL VOLO DI PADOVA L organizzazione tiene in altissima considerazione la Sicurezza del Volo e per questo, con il supporto e

Dettagli

Procedure base per il volo con l MB339 OVT

Procedure base per il volo con l MB339 OVT Procedure base per il volo con l MB339 OVT Introduzione Le procedure qui descritte si applicano all Aermacchi MB339 OVT con Patch installata. E consigliato lo studio preliminare del manuale dell MB339

Dettagli

ILS APPROACH CHARTS INTRODUZIONE AVVICINAMENTI STRUMENTALI

ILS APPROACH CHARTS INTRODUZIONE AVVICINAMENTI STRUMENTALI ILS APPROACH CHARTS In questo documento cercheremo di spiegare come deve essere interpretata una carta di avvicinamento strumentale ILS, aggiungendo anche qualche elemento per le procedure non precision

Dettagli

Marco Fantauzzi 2010 - Mondo Gino Lisa - www.ginolisa.it

Marco Fantauzzi 2010 - Mondo Gino Lisa - www.ginolisa.it ANALISI DATI METAR AEROPORTO GINO LISA FOGGIA Introduzione I dati Metar (METeorological Aerodrome Report) sono messaggi meteorologici relativi ad un aeroporto che contengono le seguenti informazioni: 1.

Dettagli

INCONVENIENTE GRAVE aeromobile B737, volo THY 1874

INCONVENIENTE GRAVE aeromobile B737, volo THY 1874 INCONVENIENTE GRAVE aeromobile B737, volo THY 1874 Tipo dell aeromobile e volo Boeing 737-800, volo THY 1874. Data e ora Località dell evento Descrizione dell evento Esercente dell aeromobile Natura del

Dettagli

EASY FSX ITALIA START UP & PUSH BACK VOLO IFR - IVAO BOEING 737 800 NG (DEFAULT)

EASY FSX ITALIA START UP & PUSH BACK VOLO IFR - IVAO BOEING 737 800 NG (DEFAULT) EASY FSX ITALIA START UP & PUSH BACK VOLO IFR - IVAO BOEING 737 800 NG (DEFAULT) A. PRE-START (VERIFICA DEI COMANDI). 1. Freni di Parcheggio: Attivati; 2. Manette: Impostate al minimo (IDLE); 3. Interruttore

Dettagli

ESERCITAZIONE CON SIMULATORE DI VOLO Attraverso un volo simulato con decollo dall aeroporto di Rimini (LIPR) ed atterraggio all aeroporto di Bologna

ESERCITAZIONE CON SIMULATORE DI VOLO Attraverso un volo simulato con decollo dall aeroporto di Rimini (LIPR) ed atterraggio all aeroporto di Bologna ESERCITAZIONE CON SIMULATORE DI VOLO Attraverso un volo simulato con decollo dall aeroporto di Rimini (LIPR) ed atterraggio all aeroporto di Bologna (LIPE) su un aereo da addestramento Cessna C172SP Skyhawk,

Dettagli

EASY FSX ITALIA DISCESA VOLO IFR - IVAO BOEING 737 800 NG (DEFAULT)

EASY FSX ITALIA DISCESA VOLO IFR - IVAO BOEING 737 800 NG (DEFAULT) EASY FSX ITALIA DISCESA VOLO IFR - IVAO BOEING 737 800 NG (DEFAULT) A. CONTATTO RADIO SU UNICOM A circa 130NM/100NM di distanza dall aeroporto di destinazione dovremmo iniziare la nostra discesa (dipende

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA FACOLTA DI INGEGNERIA LAUREA MAGISTRALE INGEGNERIA CIVILE

UNIVERSITA DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA FACOLTA DI INGEGNERIA LAUREA MAGISTRALE INGEGNERIA CIVILE UNIVERSITA DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA FACOLTA DI INGEGNERIA LAUREA MAGISTRALE INGEGNERIA CIVILE CORSO DI INFRASTRUTTURE AEROPORTUALI ED ELIPORTUALI LECTURE 06 CARATTERISTICHE FISICHE DELLE

Dettagli

PIANIFICAZIONE IFR. IBN EDITORE www.ibneditore.it IBN EDITORE. prof. Francesco Iaccarino 1. iaccarinofr@gmail.com

PIANIFICAZIONE IFR. IBN EDITORE www.ibneditore.it IBN EDITORE. prof. Francesco Iaccarino 1. iaccarinofr@gmail.com Ottimizzato per Microsoft PowerPoint 2010 versione del 01 12/10/2013 PIANIFICAZIONE IFR IBN EDITORE www.ibneditore.it prof. Francesco Iaccarino iaccarinofr@gmail.com www.itismarconipadova.it Per eventuali

Dettagli

Esempio di procedura di comunicazione da messa in moto fino ad arresto totale

Esempio di procedura di comunicazione da messa in moto fino ad arresto totale Esempio di procedura di comunicazione da messa in moto fino ad arresto totale Enti in causa delle comunicazioni radio Pilota = Pil1.(..Pil2.Pil3.) Torre = ATC Avvicinamento (Approch) / Radar = Avv. AWACS

Dettagli

Questionario di esame per L'ATTESTATO DI VOLO DA DIP. O SPORT. ELICOTTERO Ref. 41-827-492

Questionario di esame per L'ATTESTATO DI VOLO DA DIP. O SPORT. ELICOTTERO Ref. 41-827-492 Questionario di esame per L'ATTESTATO DI VOLO DA DIP. O SPORT. ELICOTTERO Ref. 41-827-492 Parte 1 - AERODINAMICA Parte 2 - METEOROLOGIA Parte 3 - TECNOLOGIA E PRESTAZIONI DEGLI APPARECCHI VDS Parte 4 -

Dettagli

Scuola di volo Vittoria Alata Pag. 1

Scuola di volo Vittoria Alata Pag. 1 Scuola di volo Vittoria Alata Pag. 1 La navigazione aerea è il procedimento tramite il quale si è in grado di determinare la propria posizione e di dirigere opportunamente l'aeromobile per spostarsi da

Dettagli

Misure di base su una carta. Calcoli di distanze

Misure di base su una carta. Calcoli di distanze Misure di base su una carta Calcoli di distanze Per calcolare la distanza tra due punti su una carta disegnata si opera nel modo seguente: 1. Occorre identificare la scala della carta o ricorrendo alle

Dettagli

NAVIGAZIONE ASTRONOMICA Tutorial passo passo con esempio pratico by Mac Barba

NAVIGAZIONE ASTRONOMICA Tutorial passo passo con esempio pratico by Mac Barba NAVIGAZIONE ASTRONOMICA Tutorial passo passo con esempio pratico by Mac Barba In questo tutorial proverò a spiegare con esempio pratico le operazioni da eseguire per il rilevamento dello scostamento della

Dettagli

DO NOT USE FOR REAL AVIATION PURPOSES - FOR FLIGHT SIMULATION ONLY

DO NOT USE FOR REAL AVIATION PURPOSES - FOR FLIGHT SIMULATION ONLY Radionavigazione Il VOR Che cosa è il VOR Funzionamento ed utilizzo in navigazione e nelle procedure di avvicinamento strumentali La Radionavigazione 1998-2003 All rights reserved La navigazione si dice

Dettagli

FlyWise contiene al suo interno il più completo database di aereoporti, campi di volo, aviosuperfici, punti di riporto, radioaiuti e spazi aerei.

FlyWise contiene al suo interno il più completo database di aereoporti, campi di volo, aviosuperfici, punti di riporto, radioaiuti e spazi aerei. FlyWise Navigare con saggezza. FlyWise è un sistema di navigazione completo dedicato ai piloti, che vi aiuta in ogni aspetto della vostra navigazione. Un sistema pensato per rispondere velocemente alle

Dettagli

FONIA DI BASE PER UN VOLO IFR

FONIA DI BASE PER UN VOLO IFR FONIA DI BASE PER UN VOLO IFR BOLOGNA GROUND BUONGIORNO, ALITALIA 1234 CON VOI PER PROVA RADIO BOLOGNA GROUND GOOD MORNING, ALITALIA 1234 WITH YOU FOR RADIO CHECK ALITALIA 1234, BOLOGNA GROUND BUONGIORNO

Dettagli

Frankfurt Hahn (HHN/EDFH)

Frankfurt Hahn (HHN/EDFH) (Aggiornata 2014) Frankfurt Hahn (HHN/EDFH) STORIA L aeroporto di Francoforte Hahn si trova a 120 km dalla città di Francoforte, ed è stato per lungo tempo una base aerea della NATO che ospitava il cinquantesimo

Dettagli

GUIDA ALLE PROVE SPERIMENTALI ENAC PER DRONI SAPR

GUIDA ALLE PROVE SPERIMENTALI ENAC PER DRONI SAPR GUIDA ALLE PROVE SPERIMENTALI ENAC PER DRONI SAPR Prova: Capacità di comando e controllo alla max distanza e max quota (70m) operativa in condizioni di peso max Questa prova è volta alla verifica dei comandi

Dettagli

Traino Aliante Manuale Operativo I-RF-083. Ed. 2 - Rev. 0 01.01.2012. Traino Aliante. Manuale Operativo

Traino Aliante Manuale Operativo I-RF-083. Ed. 2 - Rev. 0 01.01.2012. Traino Aliante. Manuale Operativo I-RF-083 Traino Aliante Page 2 di 16 INTENTIONALLY BLANK Page 3 di 16 Sommario 1 Parte generale... 4 1.1 Tipi di traino... 4 1.2 Aeromobili trainatori... 4 1.3 Piloti trainatori... 4 1.4 Condizioni minime

Dettagli

Come preparare un (buon) piano di volo IFR per il volo online

Come preparare un (buon) piano di volo IFR per il volo online Come preparare un (buon) piano di volo IFR per il volo online Lo scopo di questi appunti è fornire una rapida guida per la preparazione di un piano di volo IFR per il volo online. Il tutorial è complementare

Dettagli

IL CONTROLLO DI AVVICINAMENTO

IL CONTROLLO DI AVVICINAMENTO ITALIAN AIR TRAFFIC CONTROLLERS ASSOCIATION MEMBER OF IFATCA INTERNATIONAL FEDERATION OF AIR TRAFFIC CONTROLLERS ASSOCIATIONS IL CONTROLLO DI AVVICINAMENTO Introduzione Rifacciamoci a quanto detto a proposito

Dettagli

I servizi del traffico aereo

I servizi del traffico aereo TURIN FLYING INSTITUTE I servizi del traffico aereo Circolazione aerea Carlo Molino A.S 2007/08 1.1 Il servizio del traffico aereo Gli stati membri dell ICAO sono tenuti ad indicare,in accordo con quanto

Dettagli

Comunicazioni aeronautiche

Comunicazioni aeronautiche Comunicazioni aeronautiche Uso della radio Propagazione in linea ottica Uso dello squelch per ascoltare transmissione debole. Parlare nel microfono Premere il pulsante PTT (Push To Talk) poi aspettare

Dettagli

DALLE CARTE ALLE SEZIONI GEOLOGICHE

DALLE CARTE ALLE SEZIONI GEOLOGICHE DALLE CARTE ALLE SEZIONI GEOLOGICHE PROFILO TOPOGRAFICO Il profilo topografico, detto anche profilo altimetrico, è l intersezione di un piano verticale con la superficie topografica. Si tratta quindi di

Dettagli

L'instrument landing system, in italiano sistema di atterraggio strumentale, comunemente abbreviato come ILS, è un sistema di terra e di bordo ideato

L'instrument landing system, in italiano sistema di atterraggio strumentale, comunemente abbreviato come ILS, è un sistema di terra e di bordo ideato L'instrument landing system, in italiano sistema di atterraggio strumentale, comunemente abbreviato come ILS, è un sistema di terra e di bordo ideato per guidare gli aeromobili nella fase finale di un

Dettagli

Questionario di esame per L'ATTESTATO DI VOLO DA DIP. O SPORT.

Questionario di esame per L'ATTESTATO DI VOLO DA DIP. O SPORT. Questionario di esame per L'ATTESTATO DI VOLO DA DIP. O SPORT. Parte 5 - OPERAZIONI ED ATTERRAGGI DI EMERGENZA 1 Se una situazione d emergenza richiede un atterraggio con vento in coda, il pilota deve

Dettagli

corso di Terminali per i Trasporti e la Logistica parte 2/2 Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it

corso di Terminali per i Trasporti e la Logistica parte 2/2 Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it corso di Terminali per i Trasporti e la Logistica GLI AEROPORTI parte 2/2 Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it Airside: classificazione degli aeroporti Gli aeroporti sono classificati in diversi modi.

Dettagli

INCONVENIENTE GRAVE aa/mm C172/PA-28, marche D-ECBF/D-EZEN

INCONVENIENTE GRAVE aa/mm C172/PA-28, marche D-ECBF/D-EZEN INCONVENIENTE GRAVE aa/mm C172/PA-28, marche D-ECBF/D-EZEN Tipi di aeromobile e marche Data e ora Località dell evento Descrizione dell evento Esercente dell aeromobile Natura del volo Persone a bordo

Dettagli

AEROPORTO DI LINATE. D. Lgs. 194/05

AEROPORTO DI LINATE. D. Lgs. 194/05 AEROPORTO DI LINATE Mappatura acustica dell infrastruttura aeroportuale D. Lgs. 194/05 Mappatura acustica ex D.Lgs 194/05 a cura di SEA Aeroporti di Milano Data: 29 giugno 2012 1 INTRODUZIONE La presente

Dettagli

Descrizione dei sistemi. Utilizzo nelle procedure di avvicinamento strumentali di precisione. FlightSimulation.it 1998-2004 All rights

Descrizione dei sistemi. Utilizzo nelle procedure di avvicinamento strumentali di precisione. FlightSimulation.it 1998-2004 All rights Navigazione Descrizione dei sistemi ILS Instrumental Landing System Utilizzo nelle procedure di avvicinamento strumentali di precisione. DESCRIZIONE GENERALE L ILS o Instrumental Landing System, è uno

Dettagli

La radio navigazione in Falcon

La radio navigazione in Falcon Gli autori Merlin & Soul ringraziano Red Dog (Olivier Beaumont) per la concessione di utilizzo di testi e immagini di sua creazione per la realizzazione di questo lavoro. INTRODUZIONE La radio navigazione

Dettagli

ANS Training Navigazione

ANS Training Navigazione CAPITOLO 7 LE CARTE AERONAUTICHE Cartografia: Arte e scienza della rappresentazione del territorio. La carta è una rappresentazione piana e ridotta della superficie terrestre. Quindi, per arrivare alla

Dettagli

Insegnare relatività. nel XXI secolo

Insegnare relatività. nel XXI secolo Insegnare relatività nel XXI secolo L ' e s p e r i m e n t o d i H a f e l e e K e a t i n g È il primo dei nuovi esperimenti, realizzato nel 1971. Due orologi atomici sono stati montati su due aerei

Dettagli

EASY FSX ITALIA IMPOSTAZIONE DEL PIANO DI VOLO VOLO IFR - IVAO BOEING 737 800 NG (DEFAULT)

EASY FSX ITALIA IMPOSTAZIONE DEL PIANO DI VOLO VOLO IFR - IVAO BOEING 737 800 NG (DEFAULT) EASY FSX ITALIA IMPOSTAZIONE DEL PIANO DI VOLO VOLO IFR - IVAO BOEING 737 800 NG (DEFAULT) A. AVVIO DEL SIMULATORE 1. Selezionare Volo Libero dal menù FSX; 2. Selezionare Meteo reale mondiale ; 3. Selezionare

Dettagli

Copyright 2007 by Roberto Salaris Millenium Air Virtual IVAO Italia LIRR-FIR. FIR di Roma

Copyright 2007 by Roberto Salaris Millenium Air Virtual IVAO Italia LIRR-FIR. FIR di Roma Copyright 07 by Roberto Salaris Millenium Air Virtual IVAO Italia LIRR-FIR FIR di Roma Alghero Fertilia (LIEA) Procedure operative: Unità APP Alghero avvicinamento: Compiti operativi. Alghero avvicinamento

Dettagli

Frankfurt Hahn (HHN/EDFH)

Frankfurt Hahn (HHN/EDFH) Frankfurt Hahn (HHN/EDFH) STORIA L aeroporto di Francoforte Hahn si trova a 120 km dalla città di Francoforte, ed è stato per lungo tempo una base aerea della NATO che ospitava il cinquantesimo squadrone

Dettagli

Traduzione dell articolo ACHIEVING THE BEST ANGLE di Ed Kolano tratto dalla rivista Sport Aviation di dicembre 2000.

Traduzione dell articolo ACHIEVING THE BEST ANGLE di Ed Kolano tratto dalla rivista Sport Aviation di dicembre 2000. Traduzione dell articolo ACHIEVING THE BEST ANGLE di Ed Kolano tratto dalla rivista Sport Aviation di dicembre 2000. Otteniamo il miglior angolo di salita. Riduzione dei dati di prestazione in salita,

Dettagli

DFY Flight Center - Manuale d uso

DFY Flight Center - Manuale d uso DFY Flight Center - Manuale d uso Generalità DreamFly Flight Center è il nuovo sistema, sviluppato e creato appositamente da DreamFly, che permette di gestire le varie tipologie di volo che sono: Scheduled

Dettagli

Navigazione con le radioassistenze VOR

Navigazione con le radioassistenze VOR PARABLINDA AIRLINES 2010 Navigazione con le radioassistenze VOR di Alberto Serra Alessio Angius PARABLINDA AIRLINES STAFF Pagina 1 di 27 INDICE DEGLI ARGOMENTI Introduzione pag. 5 1. Definizioni pag. 6

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

GUIDA ALLA PIANIFICAZIONE DI ROTTA IFR INTRODUZIONE

GUIDA ALLA PIANIFICAZIONE DI ROTTA IFR INTRODUZIONE GUIDA ALLA PIANIFICAZIONE DI ROTTA IFR INTRODUZIONE In questo documento cercheremo di fornire una piccola guida per una corretta pianificazione di un volo secondo le regole IFR (Instrumental Flight Rules),

Dettagli

ATC nell area di Milano. Voghera 26 Gennaio 2014

ATC nell area di Milano. Voghera 26 Gennaio 2014 ATC nell area di Milano Voghera 26 Gennaio 2014 AIP Italia Struttura AIP Italia: È composta da 3 parti ognuna delle quali a sua volta è suddivisa in paragrafi che scendono nei particolari degli argomenti

Dettagli

ASSOCIAZIONE ANDREA ANSELMI ONLUS

ASSOCIAZIONE ANDREA ANSELMI ONLUS Rev 0 Pag 0 ASSOCIAZIONE ANDREA ANSELMI ONLUS ISCRIZIONE ASSOCIAZIONE Per iscriverti come socio sostenitore e/o usufruitore dei simulatori, dovrai seguire alcuni passaggi che ti verranno richiesti. Una

Dettagli

I primi passi con Microsoft Flight Simulator

I primi passi con Microsoft Flight Simulator I primi passi con Microsoft Flight Simulator Sommario I primi passi con Microsoft Flight Simulator... 1 Sommario... 1 Da dove comincio?... 1 Preliminari... 2 Uno sguardo all aereo... 3 Gli strumenti base...

Dettagli

Tutorial PLAN-G CARATTERISTICHE

Tutorial PLAN-G CARATTERISTICHE Tutorial PLAN-G CARATTERISTICHE interfaccia di Google Maps per ricchi dettagli topografici e satellitari Mostra lo spazio aereo, aeroporti e navaids sulla mappa (da Flight Sim dati) Livelli di dettaglio

Dettagli

Appunti sull orientamento con carta e bussola

Appunti sull orientamento con carta e bussola Appunti sull orientamento con carta e bussola Indice Materiale necessario... 2 Orientiamo la carta topografica con l'aiuto della bussola... 2 Azimut... 2 La definizione di Azimut... 2 Come misurare l azimut...

Dettagli

Aero Club Parma gara ae.c.pr 2015 pag 1

Aero Club Parma gara ae.c.pr 2015 pag 1 Aero Club Parma gara ae.c.pr 2015 pag 1 GARA AEREA TERRE VERDIANE 2015 REGOLAMENTO PARTICOLARE b1 1. L'Aeroclub 'Gaspare Bolla' di PARMA con sede in Via Adriano Mantelli 19A, 43126 Parma organizza sull

Dettagli

LA SURROGA FACILE (Guida n.2)

LA SURROGA FACILE (Guida n.2) LA SURROGA FACILE (Guida n.2) KreditOnline Mediazione Creditizia Srl Iscrizione Oam M301 - Ivass E000585138 P.Iva 10471761006 Sede Legale: Via F. S. Correra, 11-80135 Napoli Sede Op.: Prima Trav. Paolo

Dettagli

TNT IV. Il Diavolo è meno brutto di come ce lo dipingono!!! (Guarda il video)

TNT IV. Il Diavolo è meno brutto di come ce lo dipingono!!! (Guarda il video) TNT IV Il Diavolo è meno brutto di come ce lo dipingono!!! (Guarda il video) Al fine di aiutare la comprensione delle principali tecniche di Joe, soprattutto quelle spiegate nelle appendici del libro che

Dettagli

corso di Tecnica ed Economia dei Trasporti a.a. 2004-2005 GLI AEROPORTI Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it

corso di Tecnica ed Economia dei Trasporti a.a. 2004-2005 GLI AEROPORTI Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it corso di Tecnica ed Economia dei Trasporti a.a. 2004-2005 GLI AEROPORTI Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it Introduzione L aeroporto costituisce un elemento di fondamentale importanza in quanto nodo

Dettagli

ALTIMETRIA E REGOLAGGIO ALTIMETRICO

ALTIMETRIA E REGOLAGGIO ALTIMETRICO ALTIMETRIA E REGOLAGGIO ALTIMETRICO 1. Introduzione Quota e livello sono termini generici riferiti alla posizione verticale di un aereo in volo che indicano, a seconda dei casi, un altezza, un altitudine

Dettagli

GLI AEROPORTI parte 1/2 GLI AEROPORTI

GLI AEROPORTI parte 1/2 GLI AEROPORTI corso di Terminali per i Trasporti e la Logistica a.a. 2008-2009 GLI AEROPORTI GLI AEROPORTI parte 1/2 Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it Introduzione L aeroporto costituisce un elemento di fondamentale

Dettagli

Il-2 Sturmovik: 1946 v.4.10m

Il-2 Sturmovik: 1946 v.4.10m Il-2 Sturmovik: 1946 v.4.10m TUTORIAL SULL ATTERRAGGIO CON SISTEMA LORENZ Il sistema Lorenz, antesignano dell'attuale ILS, è in dotazione a numerosi caccia e bombardieri della Luftwaffe. Un sistema simile

Dettagli

INCONVENIENTE GRAVE a/m Beech 36, marche N767CM

INCONVENIENTE GRAVE a/m Beech 36, marche N767CM INCONVENIENTE GRAVE a/m Beech 36, marche N767CM Tipo dell aeromobile e marche Beech 36 (BE36), marche N767CM. Data e ora 15 giugno 2005, ore 14.45 3. Località dell evento Descrizione dell evento Aeroporto

Dettagli

Prefattibilità dell Aeroporto di Latina. Latina, 28/02/2007

Prefattibilità dell Aeroporto di Latina. Latina, 28/02/2007 Prefattibilità dell Aeroporto di Latina Latina, 28/02/2007 Attività svolte 1. Definizione dello scenario di riferimento 2. Identificazione dei fattori di successo dell aeroportualità minore a livello europeo

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE J.C. MAXWELL Data: / / Pag. di

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE J.C. MAXWELL Data: / / Pag. di INDIRIZZO SCOLASTICO DISCIPLINA DOCENTI CLASSI PROGRAMMAZIONE ANNUALE A.S. 2014 / 2015 MECCANICA e MECCATRONICA ELETTRONICA X LOGISTICA e TRASPORTI LICEO SCIENTIFICO SCIENZE DELLA NAVIGAZIONE AEREA Buonincontri

Dettagli

ADF. PROGETTO AEROPORTO FROSINONE Strutture ed infrastrutture aeroportuali ed eliportuali e loro integrazione con le reti di mobilità terrestre

ADF. PROGETTO AEROPORTO FROSINONE Strutture ed infrastrutture aeroportuali ed eliportuali e loro integrazione con le reti di mobilità terrestre www.aeroportofrosinone.it AEROPORTO PROGETTO AEROPORTO FROSINONE Strutture ed infrastrutture aeroportuali ed eliportuali e loro integrazione con le reti di mobilità terrestre Progetto Aeroporto Frosinone

Dettagli

INCONVENIENTE GRAVE aeromobile Socata TB 9, marche I-IAEP

INCONVENIENTE GRAVE aeromobile Socata TB 9, marche I-IAEP INCONVENIENTE GRAVE aeromobile Socata TB 9, marche I-IAEP Tipo dell aeromobile e marche Data e ora Località dell evento Descrizione dell evento Esercente dell aeromobile Natura del volo Persone a bordo

Dettagli

25 TROFEO CITTA DI LUGO

25 TROFEO CITTA DI LUGO 25 TROFEO CITTA DI LUGO Aeroporto Lugo di Romagna (LIDG) 08-09-10-11 Luglio 2010 Gara di acrobazia aerea Per i giudici di gara Per i partecipanti 1 NORME PER LE OPERAZIONI DI VOLO 2 PARTE PRIMA NORME PER

Dettagli

WORD 97 SCRIVERE UNA TESI DI LAUREA

WORD 97 SCRIVERE UNA TESI DI LAUREA WORD 97 SCRIVERE UNA TESI DI LAUREA PASSO 1 Per prima cosa pensiamo al formato generale della pagina: i margini richiesti da una tesi sono quasi sempre più ampi di quelli di un testo normale. Apriamo ora

Dettagli

corso di Terminali per i Trasporti e la Logistica parte 1/2 Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it

corso di Terminali per i Trasporti e la Logistica parte 1/2 Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it corso di Terminali per i Trasporti e la Logistica GLI AEROPORTI parte 1/2 Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it Introduzione L aeroporto costituisce un elemento di fondamentale importanza in quanto

Dettagli

ELEMENTI DI TEORIA DEL VOLO E CULTURA AERONAUTICA

ELEMENTI DI TEORIA DEL VOLO E CULTURA AERONAUTICA ELEMENTI DI TEORIA DEL VOLO E CULTURA AERONAUTICA Esercitazioni Dopo avere letto attentamente il testo rispondi alle domande di seguito elencate scegliendo la risposta che ritieni corretta. In alcuni casi

Dettagli

informazioni che si può leggere bene, chiaro con caratteri di scrittura simile a quelli usati nella stampa, ma scritti a mano chi riceve una lettera

informazioni che si può leggere bene, chiaro con caratteri di scrittura simile a quelli usati nella stampa, ma scritti a mano chi riceve una lettera Unità 12 Inviare una raccomandata In questa unità imparerai: a comprendere testi che danno informazioni su come inviare una raccomandata parole relative alle spedizioni postali e all invio di una raccomandata

Dettagli

REGOLAMENTO REGOLE DELL ARIA ITALIA

REGOLAMENTO REGOLE DELL ARIA ITALIA REGOLAMENTO REGOLE DELL ARIA ITALIA Edizione 2 del 25 marzo 2015 Regole dell Aria Italia Ed. 2 pag. 2 di 22 STATO DI AGGIORNAMENTO Emendamento Data Delibera N Edizione 1 18/11/2014 Delibera 51/2014 Emendamento

Dettagli

748.121.11 Ordinanza del DATEC concernente le norme di circolazione per aeromobili

748.121.11 Ordinanza del DATEC concernente le norme di circolazione per aeromobili 748.121.11 Ordinanza del DATEC concernente le norme di circolazione per aeromobili (ONCA) del 20 maggio 2015 (Stato 15 luglio 2015) Il Dipartimento federale dell ambiente, dei trasporti, dell energia e

Dettagli

Il taccuino dell esploratore

Il taccuino dell esploratore Il taccuino dell esploratore a cura di ORESTE GALLO (per gli scout: Lupo Tenace) QUARTA CHIACCHIERATA IL VENTO Durante la vita all aperto, si viene a contatto con un elemento naturale affascinante che

Dettagli

APPROFONDIMENTI E INTEGRAZIONI AL CAPITOLO XIV GIORNALE NAUTICO LIBRO III CONSEGNE DEL COMANDANTE

APPROFONDIMENTI E INTEGRAZIONI AL CAPITOLO XIV GIORNALE NAUTICO LIBRO III CONSEGNE DEL COMANDANTE APPROFONDIMENTI E INTEGRAZIONI AL CAPITOLO XIV GIORNALE NAUTICO LIBRO III CONSEGNE DEL COMANDANTE LINEAMENTI DI NAVIGAZIONE AEREA Parte II a a cura del Comandante Pilota Leonardo LELLA La navigazione aerea,

Dettagli

RAPPORTO D INCHIESTA INCONVENIENTE GRAVE OCCORSO AGLI AEROMOBILI MD-87,

RAPPORTO D INCHIESTA INCONVENIENTE GRAVE OCCORSO AGLI AEROMOBILI MD-87, RAPPORTO D INCHIESTA INCONVENIENTE GRAVE OCCORSO AGLI AEROMOBILI MD-87, marche LN-RMG e A330, marche I-LIVN località aeroporto di Milano Malpensa, 22 settembre 2004 AGENZIA NAZIONALE PER LA SICUREZZA DEL

Dettagli

Tutti, ma proprio tutti, si fermano al passaggio a livello

Tutti, ma proprio tutti, si fermano al passaggio a livello Siamo arrivati così alla fine di questa piccola esplorazione nel mondo della sicurezza ferroviaria. La prossima volta che attraverserete la ferrovia, siamo sicuri che guarderete i binari con occhi diversi,

Dettagli

lettera raccomandata. Ecco alcune parole ed espressioni che possono aiutarti a capire meglio il testo.

lettera raccomandata. Ecco alcune parole ed espressioni che possono aiutarti a capire meglio il testo. Unità 12 Inviare una raccomandata CHIAVI In questa unità imparerai: a comprendere testi che danno informazioni su come inviare una raccomandata parole relative alle spedizioni postali e all invio di una

Dettagli

AEROPORTO DI MALPENSA. D. Lgs. 194/05

AEROPORTO DI MALPENSA. D. Lgs. 194/05 AEROPORTO DI MALPENSA Mappatura acustica dell infrastruttura aeroportuale D. Lgs. 194/05 Mappatura acustica ex D.Lgs 194/05 a cura di SEA Aeroporti di Milano Data: 29 giugno 2012 1 INTRODUZIONE La presente

Dettagli

Introduzione. Margine di ampiezza... 2 Margine di fase... 5 Osservazione... 6 Margini di stabilità e diagrammi di Bode... 6

Introduzione. Margine di ampiezza... 2 Margine di fase... 5 Osservazione... 6 Margini di stabilità e diagrammi di Bode... 6 ppunti di Controlli utomatici Capitolo 7 parte II Margini di stabilità Introduzione... Margine di ampiezza... Margine di fase... 5 Osservazione... 6 Margini di stabilità e diagrammi di ode... 6 Introduzione

Dettagli

L'ORIENTAMENTO. November 05, 2014. Orientamento_4E. http://tempopieno.altervista.org/index.htm. MaestroGianni 1

L'ORIENTAMENTO. November 05, 2014. Orientamento_4E. http://tempopieno.altervista.org/index.htm. MaestroGianni 1 L'ORIENTAMENTO http://tempopieno.altervista.org/index.htm Anno scolastico 2014-2015 Classe IV E - Scuola primaria "Umberto I" - I Circolo - Santeramo (Ba) ins. Gianni Plantamura MaestroGianni 1 Orientamento_4E

Dettagli

Acqua, sapone e superfici minime

Acqua, sapone e superfici minime SISSA PER LA SCUOLA Acqua, sapone e superfici minime Un gioco matematico per le scuole medie Titolo: Acqua, sapone e superfici minime Area: Matematica Tipo di attività: Gioco A chi è rivolta: Ragazzi delle

Dettagli

INTRODUZIONE I CICLI DI BORSA

INTRODUZIONE I CICLI DI BORSA www.previsioniborsa.net 1 lezione METODO CICLICO INTRODUZIONE Questo metodo e praticamente un riassunto in breve di anni di esperienza e di studi sull Analisi Tecnica di borsa con specializzazione in particolare

Dettagli

Studio di una funzione ad una variabile

Studio di una funzione ad una variabile Studio di una funzione ad una variabile Lo studio di una funzione ad una variabile ha come scopo ultimo quello di pervenire a un grafico della funzione assegnata. Questo grafico non dovrà essere preciso

Dettagli

Logica Numerica Approfondimento 1. Minimo Comune Multiplo e Massimo Comun Divisore. Il concetto di multiplo e di divisore. Il Minimo Comune Multiplo

Logica Numerica Approfondimento 1. Minimo Comune Multiplo e Massimo Comun Divisore. Il concetto di multiplo e di divisore. Il Minimo Comune Multiplo Logica Numerica Approfondimento E. Barbuto Minimo Comune Multiplo e Massimo Comun Divisore Il concetto di multiplo e di divisore Considerato un numero intero n, se esso viene moltiplicato per un numero

Dettagli

Rimini Miramare (RMI/LIPR) STORIA

Rimini Miramare (RMI/LIPR) STORIA Rimini Miramare (RMI/LIPR) STORIA Inizialmente nato come scalo militare tuttora intitolato al colonnello Giannetto Vissura, negli ultimi decenni lo scalo Riminese ha avuto un notevole sviluppo anche del

Dettagli

Il Volo VFR Di Ruggero Osto Versione documento 1.2

Il Volo VFR Di Ruggero Osto Versione documento 1.2 Il Volo VFR Di Ruggero Osto Versione documento 1.2 Il volo VFR (Visual Flight Rules) differisce per molti aspetti da quello IFR. In questo documento, che non ha alcuna pretesa di rigore, si cercherà di

Dettagli

Il volo in formazione

Il volo in formazione Il volo in formazione Questo tutorial si prefigge di fornire i rudimenti di base preliminari al volo in formazione ed è quindi necessaria la sua lettura prima di iniziare ad effettuare i primi voli. L

Dettagli

Volare nel cielo sopra la Terra e l Acqua. C o n g r a n d e s i c u r e z z a

Volare nel cielo sopra la Terra e l Acqua. C o n g r a n d e s i c u r e z z a Volare nel cielo sopra la Terra e l Acqua. C o n g r a n d e s i c u r e z z a TRAFFICO AEREO S.A.T. Security air traffic E il traffico operativo militare svolto per la sicurezza nazionale ; comprende

Dettagli

Il taccuino dell esploratore

Il taccuino dell esploratore Il taccuino dell esploratore a cura di ORESTE GALLO (per gli scout: Lupo Tenace) SETTIMA CHIACCHIERATA L ORIENTAMENTO (terza parte) Acquisire dimestichezza con bussola e cartina topografica, significa

Dettagli

OLIMPIA ARMANI JEANS MILANO

OLIMPIA ARMANI JEANS MILANO OLIMPIA ARMANI JEANS MILANO HEAD COACH ATTILIO CAJA DIFESA SUL PICK AND ROLL Nell analizzare le tendenze offensive delle squadre avversarie ci siamo resi conto di come una grandissima percentuale degli

Dettagli

Come creare scenari virtuali per simulatori di volo ludici

Come creare scenari virtuali per simulatori di volo ludici Come creare scenari virtuali per simulatori di volo ludici Presentazione di Volo Virtuale Torino Flight Simulator Il mondo di FS La catena di un scenario 1. Mesh terrain 2. Landclass o photoreal 3. La

Dettagli

Ente Nazionale per l'aviazione Civile. Regolamento. Operazioni Ogni Tempo nello Spazio Aereo Nazionale

Ente Nazionale per l'aviazione Civile. Regolamento. Operazioni Ogni Tempo nello Spazio Aereo Nazionale Ente Nazionale per l'aviazione Civile Regolamento Operazioni Ogni Tempo nello Spazio Aereo Nazionale Edizione 1-30/06/2003 REGOLAMENTO ENAC Operazioni ogni tempo nello spazio aereo nazionale Art. 1 Definizioni

Dettagli

13. Campi vettoriali

13. Campi vettoriali 13. Campi vettoriali 1 Il campo di velocità di un fluido Il concetto di campo in fisica non è limitato ai fenomeni elettrici. In generale il valore di una grandezza fisica assegnato per ogni punto dello

Dettagli