Piano Regionale per il monitoraggio permanente dell'influenza aviare. Risultati dei controlli anno 2007

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Piano Regionale per il monitoraggio permanente dell'influenza aviare. Risultati dei controlli anno 2007"

Transcript

1 Piano Regionale per il monitoraggio permanente dell'influenza aviare. Risultati dei controlli anno 2007 La presenza e la circolazione naturale nei volatili selvatici, in particolar modo negli anatidi, di virus influenzali rappresentano un significativo fattore di rischio di infezione per il pollame domestico. Di norma nelle popolazioni selvatiche circolano ceppi di virus influenzali a bassa patogenicità (LPAI), mentre è stato più volte verificato che una incontrollata circolazione di ceppi LPAI, con particolare riferimento a i ceppi appartenenti ai sierotipi H5 e H7, nelle popolazioni avicole domestiche comporta un alta probabilità di avere mutazioni verso ceppi ad alta patogenicità (HPAI). L evidenziazione precoce della circolazione di ceppi H5 o H7 LPAI, attraverso l attivazione di un sistema di sorveglianza attiva permette di controllare tale circolazione, riducendo così il rischio di avere mutazioni del virus influenzale. Con lo scopo di rilevare precocemente la presenza di virus influenzali, l Emilia Romagna ha attivato fin dal mese di ottobre 2000 un piano di monitoraggio permanente sulle popolazioni avicole regionali e su quelle introdotte in regione per la macellazione. Nella Tab. 1 è sintetizzata l attività di monitoraggio, sia sierologico che virologico, svolta dai Servizi Veterinari delle AUSL nel corso dell anno Nella Tab. 2 è invece riportata l attività di monitoraggio suddivisa per tipologia produttiva degli animali sottoposti ai controlli. Tab. 1 - Riepilogo dei controlli effettuati in allevamento, suddivisi per AUSL di origine degli animali. Emilia Romagna. Anno AUSL Aziende avicole esistenti* Allevamenti esistenti Allevamenti campionati aziende positive H7 aziende positive H5 % aziende positive H5/H7 controlli sierologia effettuati controlli virologia effettuati Piacenza Parma Reggio E Modena Bologna Imola Ferrara Ravenna ,0% Forlì Cesena Rimini Emilia- Romagna ,3% *Registrati in BDN 1 di 6

2 Tab 2 - Riepilogo dei controlli effettuati in allevamento, suddivisi per tipologia di allevamento. Emilia Romagna. Anno Numero Numero Numero Numero totale totale allevamenti allevamenti allevamenti allevamenti Specie/Indirizzo allevame allevamenti siero siero in in produttivo nti esaminati per sottotipo per sottotipo virologia per virologia per H5 H7 sottotipo H5 sottotipo H7 Altro(Svezzatori, Commercianti) Anatre da carne 7 6 Anatre riproduttori 3 2 Avicoli misti 21 9 Broiler Broiler all'aperto 9 8 Colombe 28 8 Faraone 4 0 Faraone riproduttori 2 2 Incubatoi Oche da carne 2 1 Oche riproduttori Ovaiole Ovaiole (pollastre) Piccioni 12 6 Polli riproduttori Quaglie 5 5 Ratiti 26 6 Rurali Tacchini da carne Tacchini riproduttori 3 2 Totale A seconda della tipologia degli animali interessata il monitoraggio viene svolto in allevamento o al macello mediante indagini sierologiche o virologiche, svolte con cadenze prefissate. Monitoraggio sierologico Gli esiti degli esami sierologici per Influenza Aviare, eseguiti dai Servizi Veterinari delle AUSL della Regione Emilia Romagna sono stati suddivisi in: - controlli sierologici effettuati in allevamento, su animali di origine regionale (Tab. 3) - controlli sierologici effettuati al macello, su animali di provenienza extraregionale, suddivisi per Regione di provenienza (Tab. 4). Nel 2007 sono stati rilevate due tà sierologiche per il sottotipo H7, in faraone e polli di due allevamenti di svezzatori/commercianti dell AUSL di Ravenna. Le indagini epidemiologiche svolte negli allevamenti hanno permesso di collegare tra loro gli episodi, anche se non è stato possibile individuare la fonte primaria di infezione. In entrambe le aziende è stato aperto focolaio, anche se non è stata evidenziata la presenza del virus. L attività di sorveglianza al macello, invece, non ha rilevato campioni siero. 2 di 6

3 Tab. 3 - Riepilogo dei controlli sierologici effettuati in allevamento su animali di provenienza regionale, suddivisi per tipologia di allevamento. Emilia Romagna. Anno Specie/Indirizzo % campioni controlli controlli campioni campioni produttivo H5 effettuati esaminati H7 Altro(Svezzatori, Commercianti) ,28% Anatre da carne Anatre riproduttori 2 80 Avicoli misti Broiler Broiler all'aperto Colombe Faraone Faraone riproduttori Incubatoi Oche da carne 2 40 Oche riproduttori Ovaiole Ovaiole (pollastre) Piccioni Polli riproduttori Quaglie Ratiti 6 45 Rurali Tacchini da carne Tacchini riproduttori Totale ,06% Tab. 4 - Riepilogo dei controlli sierologici eseguiti al macello su animali di provenienza extraregionale. Emilia Romagna. Anno Regione eseguiti esaminati Campania Friuli-Venezia Giulia Lazio Lombardia Marche Molise 9 90 Piemonte Toscana Trentino Alto Adige Umbria Veneto Altre Regioni Non Indicato Totale di 6 H7 H5 % campioni

4 Monitoraggio Virologico Oltre ai controlli sierologici, il piano di monitoraggio prevede che, se al macello viene riscontrata alla visita ante-mortem una mortalità superiore alla norma, devono essere prelevati campioni (carcasse, trachee) da 10 soggetti per l'esame virologico. Durante il 2007 sono inoltre stati mantenuti i controlli virologici sugli allevamenti di anatidi/oche. Dal 2003, infatti, negli allevamenti con riproduttori di anatidi e oche il monitoraggio per l influenza aviare non viene svolto attraverso la sierologia, ma mediante prove virologiche. La lunga vita produttiva, la tipologia di allevamento (all aperto) e il ruolo epidemiologico (serbatoio di virus influenzali) di queste specie, infatti, rendono preferibile il ricorso a metodi diagnostici diretti, in grado di rilevare precocemente la presenza e la tipologia dei ceppi circolanti nella popolazione. Nelle tabelle successive sono stati raccolti i dati relativi ai controlli virologici eseguiti nel 2007 su animali di provenienza regionale (Tab. 5), extra-regionale (Tab. 6) ed infine l elenco degli isolamenti di virus influenzali sugli animali di origine regionale (Tab. 7). Tab. 5 - Riepilogo dei controlli virologici effettuati in allevamento su animali di provenienza regionale, suddivisi per tipologia di allevamento. Emilia Romagna. Anno Specie/Indirizzo produttivo Altro(Svezzatori, Commercianti) eseguiti esaminati H5/H7 % campioni Anatre da carne Anatre riproduttori Avicoli misti Broiler Broiler all'aperto Colombe Faraone Faraone riproduttori 3 3 Incubatoi Oche da carne Oche riproduttori ,12% Ovaiole Ovaiole (pollastre) Piccioni 2 2 Polli riproduttori Quaglie 3 3 Ratiti 7 9 Rurali Tacchini da carne Tacchini riproduttori 5 5 Totale ,02% 4 di 6

5 Tab. 6 - Riepilogo dei controlli virologici effettuati al macello su animali di provenienza extraregionale, suddivisi per tipologia. Emilia Romagna. Anno Indirizzo produttivo eseguiti esaminati Anatre Broiler Faraone Oche Ovaiole Ovaiole (pollastre) Piccioni 1 1 Polli riproduttori 1 1 Qauglie 5 5 H5/H7 % campioni 6 8 Tacchini da carne Tacchini riproduttori 2 2 Totale ,0% Tab. 7 - Isolamenti virali da controlli per Influenza aviare. Emilia Romagna. Anno A.USL Comune Prov. Specie Data prelievo Virus isolato A.U.S.L. RAVENNA BAGNACAVALLO RA ANATRA 17-gen-07 Virus influenzale tipo A H2N1 A.U.S.L. RAVENNA CONSELICE RA ANATRA 29-gen-07 Virus influenzale tipo A H4N6 A.U.S.L. RAVENNA LUGO RA ANATRA 07-mar-07 Virus influenzale tipo A H2N1 A.U.S.L. RAVENNA LUGO RA ANATRA 14-mar-07 Virus influenzale tipo A H2N1 A.U.S.L. RAVENNA LUGO RA OCA 14-mar-07 Virus influenzale tipo A H2N1 A.U.S.L. RAVENNA LUGO RA ANATRA 06-ago-07 Virus influenzale tipo A H5N2 - LPAI Focolai Nel 2007 sono stati segnalati tre focolai di Influenza Aviare (sottotipi H5/H7) nel territorio della regione Emilia Romagna. I dati significativi sui focolai sono riportati in Tabella 8. Complessivamente negli allevamenti coinvolti sono stati abbattuti volatili. Tab. 8 - Isolamenti virali da controlli per Influenza aviare. Emilia Romagna. Anno N A.USL Comune Prov. Specie Data sierotà H5/H7 Data isolamento virus e tipizzazione Data sospetto Data abbattim. 1 Ravenna Lugo RA Anatre; Oche - 13/08/07 H5N2 LPAI 13/08/07 15/08/07 2 Ravenna Conselice RA Oche; Anatre Faraone 17/08/07 H7 17/08/07 Neg. 17/08/07 19/08/07 3 Ravenna Lugo RA Faraone; Polli 21/08/07 H7 23/08/07 Neg. 21/08/07 23/08/07 5 di 6

6 Conclusioni Nel 2007 in Emilia Romagna sono stati eseguiti complessivamente esami sierologici e esami virologici per Influenza Aviare dai Servizi Veterinari delle A.USL. La percentuale di campioni di origine regionale siero nel 2007 è risultata comunque inferiore allo 0,1%, comunque molto bassa e sovrapponibile a quella riscontrata negli anni precedenti. A differenza degli anni precedenti, la sorveglianza al macello sui volatili provenienti da fuori Regione non ha evidenziato situazioni di rischio per il patrimonio avicolo regionale. Gli esami virologici effettuati durante il 2007 su campioni prelevati in Emilia-Romagna hanno rilevato un ceppo di virus influenzale H5 (H5N2 LPAI) e nessun ceppo di virus influenzale H7. Nell'ambito delle attività di monitoraggio sono inoltre stati isolati 5 ceppi di Influenzavirus tipo A da tre diverse aziende del territorio di competenza dell AUSL di Ravenna. In tutte queste aziende vengono allevati anatidi, a sottolineare il ruolo epidemiologico di queste specie come serbatoio di virus influenzali e l importanza di continuare il monitoraggio di tipo virologico, accanto a quello sierologico. Sulla base della normativa comunitaria in vigore (Dir. ) sono stati segnalati 3 focolai di influenza Aviare. In due casi il focolaio è stato denunciato in seguito al riscontro di sierotà al sottotipo H7, non confortata dall isolamento del virus. Nel terzo caso, invece, è stato isolato un virus influenzale H5N2 da un allevamento free range di anatidi. Il ceppo è stato caratterizzato come a bassa patogenicità (LPAI) dal Centro Nazionale di Referenza di Padova. Il rapido depopolamento di questi focolai ha permesso il contenimento dell infezione; infatti tutti i controlli eseguiti sugli allevamenti avicoli delle aree di sorveglianza istituite attorno ai focolai hanno dato esito favorevole. Bologna, 21/01/08 6 di 6

Influenza Aviaria. La malattia

Influenza Aviaria. La malattia 1 INFLUENZA AVIARIA La malattia Influenza Aviaria L influenza aviaria è causata da virus appartenenti alla famiglia Orthomyxoviridae, genere Influenzavirus A. Si distinguono stipiti a bassa patogenicità

Dettagli

Influenza aviare ad alta patogenicità Emilia Romagna -2013

Influenza aviare ad alta patogenicità Emilia Romagna -2013 Influenza aviare ad alta patogenicità Emilia Romagna -2013 Luisa Loli Piccolomini Servizio Veterinario e Igiene Alimenti Regione Emilia Romagna Annalisa Santi Sorveglianza Epidemiologica Emilia-Romagna

Dettagli

INFLUENZA AVIARIA PIANO NAZIONALE DI MONITORAGGIO anno 2006

INFLUENZA AVIARIA PIANO NAZIONALE DI MONITORAGGIO anno 2006 INFLUENZA AVIARIA PIANO NAZIONALE DI MONITORAGGIO anno 2006 PREMESSA La continua circolazione di ceppi virali LPAI dei sottotipi H5 e H7 rappresenta un rischio reale di insorgenza di nuove epidemie in

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE UMBRIA - Serie Generale - N. 21 DETERMINAZIONI DIRIGENZIALI

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE UMBRIA - Serie Generale - N. 21 DETERMINAZIONI DIRIGENZIALI 15-4-2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE UMBRIA - Serie Generale - N. 21 77 DETERMINAZIONI DIRIGENZIALI DIREZIONE REGIONALE SALUTE, COESIONE SOCIALE - SERVIZIO PREVENZIONE, SANITÀ VETERINARIA E SICUREZZA

Dettagli

PIANO NAZIONALE DI SORVEGLIANZA PER L INFLUENZA AVIARIA 2017

PIANO NAZIONALE DI SORVEGLIANZA PER L INFLUENZA AVIARIA 2017 PIANO NAZIONALE DI SORVEGLIANZA PER L INFLUENZA AVIARIA 2017 Sommario 1. DESCRIZIONE E IMPLEMENTAZIONE DEL PROGRAMMA DI SORVEGLIANZA NEL POLLAME... 3 1.1 Designazione dell autorità centrale avente funzione

Dettagli

Sorveglianza e Prevenzione della BlueTongue in Emilia-Romagna. Anno 2003

Sorveglianza e Prevenzione della BlueTongue in Emilia-Romagna. Anno 2003 Sorveglianza e Prevenzione della BlueTongue in Emilia-Romagna. Anno 2003 Vengono riportati i risultati delle attività svolte nel 2003 dai Servizi Veterinari A.USL dell'emilia-romagna nell'ambito del Piano

Dettagli

PIANO NAZIONALE DI ERADICAZIONE E SORVEGLIANZA MVS IN EMILIA ROMAGNA. Risultati anno 2002

PIANO NAZIONALE DI ERADICAZIONE E SORVEGLIANZA MVS IN EMILIA ROMAGNA. Risultati anno 2002 PIANO NAZIONALE DI ERADICAZIONE E SORVEGLIANZA MVS IN EMILIA ROMAGNA. Risultati anno 2002 Introduzione Nella presente relazione sono riportate le attività di sorveglianza nei confronti della Malattia Vescicolare

Dettagli

Cordiali saluti. IL DIRETTORE GENERALE f.to dott. Silvio Borrello*

Cordiali saluti. IL DIRETTORE GENERALE f.to dott. Silvio Borrello* 0003632-13/02/2015-DGSAF-COD_UO-P Ministero della Salute DIREZIONE GENERALE DELLA SANITA ANIMALE E DEI FARMACI VETERINARI Ufficio III Centro Nazionale di lotta ed emergenza contro le malattie animali Unità

Dettagli

REGIONE EMILIA-ROMAGNA

REGIONE EMILIA-ROMAGNA REGIONE EMILIA-ROMAGNA GIUNTA REGIONALE Atto del Presidente: ORDINANZA n 134 del 24/06/2016 Num. Reg. Proposta: PPG/2016/141 del 21/06/2016 Oggetto: INFLUENZA AVIARIA - REVOCA DELLA ZONA DI SORVEGLIANZA

Dettagli

PIANO NAZIONALE DI SORVEGLIANZA PER L INFLUENZA AVIARIA 2016

PIANO NAZIONALE DI SORVEGLIANZA PER L INFLUENZA AVIARIA 2016 Sommario PIANO NAZIONALE DI SORVEGLIANZA PER L INFLUENZA AVIARIA 2016 1. DESCRIZIONE E IMPLEMENTAZIONE DEL PROGRAMMA DI SORVEGLIANZA NEL POLLAME... 3 1.1 Designazione dell autorità centrale avente funzione

Dettagli

INFLUENZA AVIARIA PIANO NAZIONALE DI MONITORAGGIO anno 2005

INFLUENZA AVIARIA PIANO NAZIONALE DI MONITORAGGIO anno 2005 INFLUENZA AVIARIA PIANO NAZIONALE DI MONITORAGGIO anno 2005 PREMESSA La decisione comunitaria 2005/464/CE del 21 giugno 2005, prevede l obbligo per tutti gli Stati Membri di predisporre programmi relativi

Dettagli

Cordiali saluti. IL DIRETTORE GENERALE f.to dott. Silvio Borrello*

Cordiali saluti. IL DIRETTORE GENERALE f.to dott. Silvio Borrello* 0003632-13/02/2015-DGSAF-COD_UO-P Ministero della Salute DIREZIONE GENERALE DELLA SANITA ANIMALE E DEI FARMACI VETERINARI Ufficio III Centro Nazionale di lotta ed emergenza contro le malattie animali Unità

Dettagli

Piano Nazionale di sorveglianza della Malattia Vescicolare del suino. Risultati 2004 in Emilia-Romagna

Piano Nazionale di sorveglianza della Malattia Vescicolare del suino. Risultati 2004 in Emilia-Romagna Piano Nazionale di sorveglianza della Malattia Vescicolare del suino. Risultati 2004 in Emilia-Romagna Introduzione Nella presente relazione sono riportate le attività di sorveglianza nei confronti della

Dettagli

ORDINANZA N BOLOGNA 20/08/2007 OGGETTO: INFLUENZA AVIARIA - MISURE DI CONTENIMENTO DELL'INFLUENZA AV IARIA SUL TERRITORIO DELLA R.E.R.

ORDINANZA N BOLOGNA 20/08/2007 OGGETTO: INFLUENZA AVIARIA - MISURE DI CONTENIMENTO DELL'INFLUENZA AV IARIA SUL TERRITORIO DELLA R.E.R. REGIONE EMILIA ROMAGNA - GIUNTA REGIONALE ORDINANZA N. 000186 BOLOGNA 20/08/2007 OGGETTO: INFLUENZA AVIARIA - MISURE DI CONTENIMENTO DELL'INFLUENZA AV IARIA SUL TERRITORIO DELLA R.E.R. Prot. n. (VET/07/213999

Dettagli

INFLUENZA AVIARIA IN ITALIA:

INFLUENZA AVIARIA IN ITALIA: CENTRO REGIONALE EPIDEMIOLOGIA VETERINARIA STITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DELLE VENEZIE INFLUENZA AVIARIA IN ITALIA: 1999 2003 Stefano Marangon Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Venezie

Dettagli

Lettera di informazione n marzo Piano regionale di controllo della Malattia di Aujeszky. Risultati del monitoraggio sierologico 2004

Lettera di informazione n marzo Piano regionale di controllo della Malattia di Aujeszky. Risultati del monitoraggio sierologico 2004 ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DELLA LOMBARDIA E DELL EMILIA ROMAGNA BRUNO UBERTINI CENTRO EMILIANO ROMAGNOLO DI EPIDEMIOLOGIA VETERINARIA Lettera di informazione n. 57 - marzo 2005 IN QUESTO NUMERO:

Dettagli

PIANO NAZIONALE DI SORVEGLIANZA PER L INFLUENZA AVIARIA 2016

PIANO NAZIONALE DI SORVEGLIANZA PER L INFLUENZA AVIARIA 2016 PIANO NAZIONALE DI SORVEGLIANZA PER L INFLUENZA AVIARIA 2016 Sommario 1. DESCRIZIONE E IMPLEMENTAZIONE DEL PROGRAMMA DI SORVEGLIANZA NEL POLLAME... 3 1.1 Designazione dell autorità centrale avente funzione

Dettagli

Trasmissione elettronica N. prot. DGSAF in Docspa/PEC. Assessorati Sanità - Servizi Veterinari Regioni e Province Autonome IIZZSS IZS delle Venezie

Trasmissione elettronica N. prot. DGSAF in Docspa/PEC. Assessorati Sanità - Servizi Veterinari Regioni e Province Autonome IIZZSS IZS delle Venezie 0002859-12/02/2014-DGSAF-COD_UO-P Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA SANITA PUBBLICA VETERINARIA, DELLA SICUREZZA ALIMENTARE E DEGLI ORGANI COLLEGIALI PER LA TUTELA DELLA SALUTE DIREZIONE GENERALE

Dettagli

Piano Nazionale di sorveglianza della Malattia Vescicolare del suino. Risultati 2006 in Emilia-Romagna

Piano Nazionale di sorveglianza della Malattia Vescicolare del suino. Risultati 2006 in Emilia-Romagna Piano Nazionale di sorveglianza della Malattia Vescicolare del suino. Risultati 2006 in Emilia-Romagna Introduzione Nella presente relazione sono riportate le attività di sorveglianza nei confronti della

Dettagli

DECRETO DIREZIONE GENERALE SANITA' N DEL 22 AGOSTO 2007 Identificativo Atto n. 909

DECRETO DIREZIONE GENERALE SANITA' N DEL 22 AGOSTO 2007 Identificativo Atto n. 909 DECRETO DIREZIONE GENERALE SANITA' N. 9312 DEL 22 AGOSTO 2007 Identificativo Atto n. 909 Oggetto: URGENTI MISURE IGIENICO SANITARIE PER CONTENERE LA DIFFUSIONE DELL'INFEZIONE DA INFLUENZA AVIARIA LPAI

Dettagli

2.1.3 Design (risk based or surveillance based on representative sampling

2.1.3 Design (risk based or surveillance based on representative sampling 1. Identificazione del programma Stato membro: ITALIA Malattia: INFLUENZA AVIARIA Anno di attuazione: 2013 Riferimento del documento: MINISTERO DELLA SALUTE Persona di riferimento: Dr. Vincenzo Ugo Santucci

Dettagli

DECRETO DIREZIONE GENERALE SANITA N del 6 maggio 2003

DECRETO DIREZIONE GENERALE SANITA N del 6 maggio 2003 DECRETO DIREZIONE GENERALE SANITA N. 7124 del 6 maggio 2003 Oggetto: Influenza aviaria. Programma di vaccinazione.- Integrazione D.D.U.O. n. 6532 del 16.04.2003 IL DIRIGENTE DELL UNITA ORGANIZZATIVA VETERINARIA

Dettagli

Sorveglianza della West Nile Disease in Emilia-Romagna Bollettino n. 1/12 del 21/08/2012

Sorveglianza della West Nile Disease in Emilia-Romagna Bollettino n. 1/12 del 21/08/2012 ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DELLA LOMBARDIA E DELL'EMILIA ROMAGNA BRUNO UBERTINI (ENTE SANITARIO DI DIRITTO PUBBLICO) ------------------------------------- BRESCIA Via Bianchi, 9 25124 BRESCIA

Dettagli

Allevamenti iscritti ai Libri Genealogici (LG)

Allevamenti iscritti ai Libri Genealogici (LG) PIANO DI GESTIONE DEGLI ALLEVAMENTI DEI BOVINI ISCRITTI AI LIBRI GENEALOGICI (LG) DELLE 5 RAZZE ITALIANE DA CARNE, FINALIZZATO AL RISANAMENTO DAL VIRUS RESPONSABILE DELLA RINOTRACHEITE INFETTIVA DEL BOVINO

Dettagli

Bollettino epidemiologico 2016

Bollettino epidemiologico 2016 Bollettino epidemiologico 2016 1 Situazione epidemiologica 2 Piano di sorveglianza 3 Risultati delle attività di sorveglianza 4 Definizione di caso negli equidi 28 luglio 2016 n. 4 1 Situazione epidemiologica

Dettagli

REGIONE EMILIA ROMAGNA - GIUNTA REGIONALE ORDINANZA N BOLOGNA 01/10/2004

REGIONE EMILIA ROMAGNA - GIUNTA REGIONALE ORDINANZA N BOLOGNA 01/10/2004 REGIONE EMILIA ROMAGNA - GIUNTA REGIONALE ORDINANZA N.000242 BOLOGNA 01/10/2004 OGGETTO: INFLUENZA AVIARIA MISURE DI CONTENIMENTO DELLA INFLUENZA AVIARIA DA STIPITI A BASSA PATOGENICITA' SUL TERRITORIO

Dettagli

PRINCIPALI PROBLEMI SANITARI RELATIVI A MALATTIE DEL BESTIAME SOGGETTE A MISURE UFFICIALI

PRINCIPALI PROBLEMI SANITARI RELATIVI A MALATTIE DEL BESTIAME SOGGETTE A MISURE UFFICIALI PRINCIPALI PROBLEMI SANITARI RELATIVI A MALATTIE DEL BESTIAME SOGGETTE A MISURE UFFICIALI LE LE GRANDI OPERAZIONI DI DI BONIFICA SANITARIA DEGLI ALLEVAMENTI MALATTIE A DICHIARAZIONE INTERNAZIONALE OBBLIGATORIA

Dettagli

Sorveglianza della West Nile Disease in Emilia-Romagna Bollettino n. 1 del 07/07/2015

Sorveglianza della West Nile Disease in Emilia-Romagna Bollettino n. 1 del 07/07/2015 ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DELLA LOMBARDIA E DELL'EMILIA ROMAGNA BRUNO UBERTINI (ENTE SANITARIO DI DIRITTO PUBBLICO) ------------------------------------- Sede Legale: Via Bianchi, 9 25124 Brescia

Dettagli

Sorveglianza della West Nile Disease in Emilia-Romagna Bollettino n. 4/2009 del 04/08/2009

Sorveglianza della West Nile Disease in Emilia-Romagna Bollettino n. 4/2009 del 04/08/2009 ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DELLA LOMBARDIA E DELL'EMILIA ROMAGNA BRUNO UBERTINI (ENTE SANITARIO DI DIRITTO PUBBLICO) ------------------------------------- BRESCIA Via Bianchi, 9 25124 BRESCIA

Dettagli

TAB. 1 - ANAGRAFE REGIONALE GALLUS GALLUS - ANNO Riproduttori linea uova

TAB. 1 - ANAGRAFE REGIONALE GALLUS GALLUS - ANNO Riproduttori linea uova CONTROLLI SANITARI NEGLI ALLEVAMENTI AVICOLI Censimento degli allevamenti avicoli la completa revisione dell anagrafe avicola, Dopo effettuata dai Servizi Veterinari delle ASL nel 2006, i dati registrati

Dettagli

INDAGINE SULLE CARATTERISTICHE DELL'ALLEVAMENTO SUINO IN EMILIA ROMAGNA. Anno 1999

INDAGINE SULLE CARATTERISTICHE DELL'ALLEVAMENTO SUINO IN EMILIA ROMAGNA. Anno 1999 INDAGINE SULLE CARATTERISTICHE DELL'ALLEVAMENTO SUINO IN EMILIA ROMAGNA. Anno 1999 Con lo scopo di individuare i principali fattori di rischio per la presenza dell'infezione, il piano nazionale di controllo

Dettagli

Ordinanza del Ministro della Salute 11 febbraio 2006

Ordinanza del Ministro della Salute 11 febbraio 2006 Ordinanza del Ministro della Salute 11 febbraio 2006 (testo integrato con O.M. 14 febbraio 2006 in corsivo, e con nota MinSal prot. DGVA.VIII/6669/P-I.8.d/108 del 15/02/2006 in corsivo sottolineato) Misure

Dettagli

REGIONE EMILIA-ROMAGNA

REGIONE EMILIA-ROMAGNA REGIONE EMILIA-ROMAGNA GIUNTA REGIONALE Atto del Presidente: ORDINANZA n 95 del 18/05/2016 Num. Reg. Proposta: PPG/2016/100 del 16/05/2016 Oggetto: INFLUENZA AVIARIA - ULTERIORI MISURE DI CONTENIMENTO

Dettagli

Roma, 28 marzo Prot N.: Oggetto: Arterite Vitale Equina Report Piano Nazionale in Italia nel 2012.

Roma, 28 marzo Prot N.: Oggetto: Arterite Vitale Equina Report Piano Nazionale in Italia nel 2012. ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DELLE REGIONI LAZIO E TOSCANA 00178 Roma/Capannelle- Via Appia Nuova, 1411 Tel. 06 790991 Fax 06 79340724 http://www.izslt.it - e-mail: webmaster@izslt.it CENTRO DI

Dettagli

PROCEDURA PER LA MOVIMENTAZIONE INTRAREGIONALE DI ANIMALI SENSIBILI ALLA BLUE TONGUE NON VACCINATI IN AREE OMOGENEE DI CIRCOLAZIONE VIRALE.

PROCEDURA PER LA MOVIMENTAZIONE INTRAREGIONALE DI ANIMALI SENSIBILI ALLA BLUE TONGUE NON VACCINATI IN AREE OMOGENEE DI CIRCOLAZIONE VIRALE. PROCEDURA PER LA MOVIMENTAZIONE INTRAREGIONALE DI ANIMALI SENSIBILI ALLA BLUE TONGUE NON VACCINATI IN AREE OMOGENEE DI CIRCOLAZIONE VIRALE. 1. CAMPO DI APPLICAZIONE Con Dispositivo Dirigenziale del Ministero

Dettagli

WND: Epidemiologia e controllo della malattia in Emilia-Romagna

WND: Epidemiologia e controllo della malattia in Emilia-Romagna Seminario: Focolaio di Malattia di West Nile in Italia WND: Epidemiologia e controllo della malattia in Emilia-Romagna Marco Tamba Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Lombardia e dell Emilia-Romagna

Dettagli

PIANO DI SORVEGLIANZA INFLUENZA AVIARIA 2010

PIANO DI SORVEGLIANZA INFLUENZA AVIARIA 2010 PIANO DI SORVEGLIANZA INFLUENZA AVIARIA 2010 Obiettivi, prescrizioni e criteri generali Obiettivi 1. Individuare l eventuale presenza negli allevamenti intensivi di virus dell influenza aviaria; 2. identificare

Dettagli

CRITERI PER LA CONCESSIONE DELLE DEROGHE

CRITERI PER LA CONCESSIONE DELLE DEROGHE Linee guida per l attuazione di deroghe ai divieti di movimentazione dai territori soggetti a restrizioni per focolai di influenza aviaria ad alta patogenicità (HPAI) CRITERI PER LA CONCESSIONE DELLE DEROGHE

Dettagli

L 46/40 Gazzetta ufficiale dell Unione europea

L 46/40 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 46/40 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 16.2.2006 DECISIONE DELLA COMMISSIONE del 6 febbraio 2006 sull attuazione di programmi di indagini sull influenza aviaria nel pollame e nei volatili selvatici

Dettagli

Macellazione e commercio con l estero del bestiame vivo e delle carni bianche Anno 2003

Macellazione e commercio con l estero del bestiame vivo e delle carni bianche Anno 2003 10 agosto 2004 Macellazione e commercio con l estero del bestiame vivo e delle carni bianche Anno 2003 L Istituto nazionale di statistica, a partire da gennaio 2002, effettua mensilmente una rilevazione

Dettagli

INFLUENZA UMANA DA NUOVO VIRUS A/H1N1 SWL (Swine lineage)

INFLUENZA UMANA DA NUOVO VIRUS A/H1N1 SWL (Swine lineage) INFLUENZA UMANA DA NUOVO VIRUS A/H1N1 SWL (Swine lineage) Aggiornamento del 18 novembre 2009 Durante l ultima settimana di sorveglianza virologica sono stati segnalati 2.062 casi dai laboratori afferenti

Dettagli

Influenza aviaria, disposizione ministeriale vieta l'utilizzo di richiami vivi nell attività venatoria

Influenza aviaria, disposizione ministeriale vieta l'utilizzo di richiami vivi nell attività venatoria Influenza aviaria, disposizione ministeriale vieta l'utilizzo di richiami vivi nell attività venatoria Il 28 dicembre 2016 l Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Venezie, sede del Centro di Referenza

Dettagli

CRITERI PER LA CONCESSIONE DELLE DEROGHE

CRITERI PER LA CONCESSIONE DELLE DEROGHE Linee guida per l attuazione di deroghe ai divieti di movimentazione dai territori soggetti a restrizioni per focolai di influenza aviaria ad alta patogenicità (HPAI) CRITERI PER LA CONCESSIONE DELLE DEROGHE

Dettagli

MALATTIE A DICHIARAZIONE INTERNAZIONALE OBBLIGATORIA

MALATTIE A DICHIARAZIONE INTERNAZIONALE OBBLIGATORIA MALATTIE A DICHIARAZIONE INTERNAZIONALE OBBLIGATORIA Sistema ADNS La gestione informatizzata della notifica e della trasmissione delle informazioni relative all insorgenza di focolai di malattie degli

Dettagli

PIANO DI SORVEGLIANZA INFLUENZA AVIARIA 2011 Obiettivi, prescrizioni e criteri generali

PIANO DI SORVEGLIANZA INFLUENZA AVIARIA 2011 Obiettivi, prescrizioni e criteri generali PIANO DI SORVEGLIANZA INFLUENZA AVIARIA 2011 Obiettivi, prescrizioni e criteri generali Obiettivi 1. Individuare l eventuale presenza negli allevamenti intensivi di virus dell influenza aviaria; 2. identificare

Dettagli

Stagione Influenzale Report epidemiologico conclusivo Regione Emilia-Romagna

Stagione Influenzale Report epidemiologico conclusivo Regione Emilia-Romagna DIREZIONE GENERALE CURA DELLA PERSONA, SALUTE E WELFARE Stagione Influenzale 2015-2016 Report epidemiologico conclusivo Regione Emilia-Romagna Descrizione dell epidemia. La stagione influenzale appena

Dettagli

Centro di Referenza Nazionale Influenza aviaria Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Venezie

Centro di Referenza Nazionale Influenza aviaria Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Venezie ALLEGATO 8 Centro di Referenza Nazionale Influenza aviaria Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Venezie Centro Regionale di Epidemiologia Veterinaria - Regione Veneto DA SPEDIRE AL CENTRO DI REFERENZA

Dettagli

West Nile Disease. Situazione epidemiologica. N Novembre 2008 ore 16:00. hanno permesso di evidenziare ulteriori 98 focolai d infezione.

West Nile Disease. Situazione epidemiologica. N Novembre 2008 ore 16:00. hanno permesso di evidenziare ulteriori 98 focolai d infezione. West Nile Disease N. 45 24 Novembre 28 ore 6: Situazione epidemiologica 24 Novembre 28 I focolai confermati fino ad oggi sono 7, distribuiti in 8 province (Figura e Tabella ). Le seguenti azioni di sorveglianza

Dettagli

West Nile Disease. Situazione epidemiologica. N Ottobre 2008 ore 17:00

West Nile Disease. Situazione epidemiologica. N Ottobre 2008 ore 17:00 West Nile Disease N. 13 7 Ottobre 2008 ore 17:00 Situazione epidemiologica 7 Ottobre 2008 Ad oggi sono stati segnalati 20 cavalli che hanno avuto sintomatologia clinica riferibile a West Nile disease (WND)

Dettagli

SCHEDA DI INDAGINE EPIDEMIOLOGICA

SCHEDA DI INDAGINE EPIDEMIOLOGICA Centro di Referenza Nazionale per le Salmonellosi Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Venezie Centro Regionale di Epidemiologia Veterinaria - Regione Veneto SCHEDA INDAGINE EPIDEMIOLOGICA POSITIVITA

Dettagli

REGIONE EMILIA-ROMAGNA

REGIONE EMILIA-ROMAGNA REGIONE EMILIA-ROMAGNA GIUNTA REGIONALE Atto del Presidente: ORDINANZA n 72 del 03/05/2016 Num. Reg. Proposta: EPG/2016/32 del 03/05/2016 Oggetto: INFLUENZA AVIARIA HPAI MISURE DI RESTRIZIONE Luogo di

Dettagli

MALATTIA DI NEWCASTLE

MALATTIA DI NEWCASTLE Allegato 6 Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Venezie Centro Regionale di Epidemiologia Veterinaria - Regione Veneto MALATTIA DI NEWCASTLE SCHEDA DI INDAGINE EPIDEMIOLOGICA 2003 Data compilazione.../.../...

Dettagli

"PROTOCOLLO OPERATIVO PER LA GESTIONE DELLE POSITIVITA DA SALMONELLE PERTINENTI NEGLI ALLEVAMENTI DI GALLUS GALLUS e DI TACCHINI"

PROTOCOLLO OPERATIVO PER LA GESTIONE DELLE POSITIVITA DA SALMONELLE PERTINENTI NEGLI ALLEVAMENTI DI GALLUS GALLUS e DI TACCHINI Protocollo operativo per la gestione delle positività per salmonelle pertinenti in allevamenti di Gallus gallus e tacchini regionale dicembre 2012 "PROTOCOLLO OPERATIVO PER LA GESTIONE DELLE POSITIVITA

Dettagli

Sorveglianza della West Nile Disease in Emilia-Romagna Bollettino n. 3 del 7 agosto 2015

Sorveglianza della West Nile Disease in Emilia-Romagna Bollettino n. 3 del 7 agosto 2015 ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DELLA LOMBARDIA E DELL'EMILIA ROMAGNA BRUNO UBERTINI (ENTE SANITARIO DI DIRITTO PUBBLICO) ------------------------------------- Sede Legale: Via Bianchi, 9 25124 Brescia

Dettagli

DETERMINA. Visto il D.Lgs. 3 Febbraio 1993 n. 29;

DETERMINA. Visto il D.Lgs. 3 Febbraio 1993 n. 29; 12210 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 132 del 4-11-2004 DETERMINA di autorizzare, per quanto di competenza della Regione Puglia, la devoluzione del finanziamento per lavori di completamento/ampliamento

Dettagli

Reg.CE 2075/2005, flusso informativo: ruolo dei macelli e dei laboratori designati

Reg.CE 2075/2005, flusso informativo: ruolo dei macelli e dei laboratori designati IL RISCHIO TRICHINELLA E L ACCREDITAMENTO DEI LABORATORI Modena, 17/04/2012 Reg.CE 2075/2005, flusso informativo: ruolo dei macelli e dei laboratori designati Marco.Tamba@izsler.it Istituto Zooprofilattico

Dettagli

CONTROLLI SANITARI NEGLI ALLEVAMENTI AVICOLI SALMONELLOSI AVICOLE TAB. 1 - ZOONOSI IN EUROPA NELL' ANNO 2007 CASI UMANI. Indice

CONTROLLI SANITARI NEGLI ALLEVAMENTI AVICOLI SALMONELLOSI AVICOLE TAB. 1 - ZOONOSI IN EUROPA NELL' ANNO 2007 CASI UMANI. Indice CONTROLLI SANITARI NEGLI ALLEVAMENTI AVICOLI SALMONELLOSI AVICOLE Il controllo della salmonella nella produzione primaria è divenuto uno dei principali obiettivi della Commissione Europea. La Direttiva

Dettagli

MISURE DI BIOSICUREZZA NEGLI ALLEVAMENTI AVICOLI

MISURE DI BIOSICUREZZA NEGLI ALLEVAMENTI AVICOLI giunta regionale 10^ legislatura ALLEGATOB alla Dgr n. 634 del 11 maggio 2016 pag. 1/6 MISURE DI BIOSICUREZZA NEGLI ALLEVAMENTI AVICOLI A. ALLEVAMENTI INDUSTRIALI A.1 Misure di biosicurezza Gli allevamenti

Dettagli

Proposta campionamento a seguito di positività per Blue tongue in Regione Veneto

Proposta campionamento a seguito di positività per Blue tongue in Regione Veneto Proposta campionamento a seguito di positività per Blue tongue in Regione Veneto In data 31 agosto 2016 è stato confermato da parte del CRN un sospetto Blue tongue in un gregge che effettua il pascolo

Dettagli

Blue Tongue situazione epidemiologica in Italia e aspetti normativi. Treviso 30 aprile 2008

Blue Tongue situazione epidemiologica in Italia e aspetti normativi. Treviso 30 aprile 2008 Blue Tongue situazione epidemiologica in Italia e aspetti normativi Treviso 30 aprile 2008 Situazione epidemiologica Analisi del rischio introduzione e circolazione 1 Flussi animali da zone a rischio Consistenza

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE

BOLLETTINO UFFICIALE REPUBBLICA ITALIANA BOLLETTINO UFFICIALE DIREZIONE E REDAZIONE PRESSO LA PRESIDENZA DELLA REGIONE - VIALE ALDO MORO 52 - BOLOGNA Parte seconda - N. 125 Anno 47 18 maggio 2016 N. 146 ORDINANZA DEL PRESIDENTE

Dettagli

Bollettino epidemiologico WND 8 novembre 2013, n. 13. West Nile Disease in Italia nel 2013

Bollettino epidemiologico WND 8 novembre 2013, n. 13. West Nile Disease in Italia nel 2013 8 novembre 03, n. 3 West Nile Disease in Italia nel 03 8 novembre 03, n. 3 Introduzione Situazione epidemiologica 3 Sorveglianza equidi 4 Sorveglianza uccelli sinantropici 5 Sorveglianza avicoli 6 Sorveglianza

Dettagli

Malattia di Newcastle

Malattia di Newcastle Malattia di Newcastle Giovanni Cattoli e Anna Toffan Centro Nazionale di Referenza e Laboratorio OIE per la Malattia di Newcastle e l Influenza Aviare, Istituto Zooprofilattico Sper.le delle Venezie, Legnaro

Dettagli

L analisi del rischio in Sanità Animale

L analisi del rischio in Sanità Animale L analisi del rischio in Sanità Animale Lebana Bonfanti Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Venezie The components of risk analysis OIE La valutazione del rischio (risk assessment) è l elemento

Dettagli

autosnodato auto-treno con rimorchio totale incidenti trattore stradale o motrice auto-articolato

autosnodato auto-treno con rimorchio totale incidenti trattore stradale o motrice auto-articolato Tab. IS.9.1a - Incidenti per tipo di e - Anni 2001-2013 a) Valori assoluti Anno 2001 o a altri Piemonte 16.953 23.818 19 77 167 146 80 67 1.942 123 254 153 50 59 824 1.920 1.037 653 50 4 23 0 112 31.578

Dettagli

Oggetto: applicazione del Piano Nazionale Influenza Aviaria 2016 nella Regione Lazio.

Oggetto: applicazione del Piano Nazionale Influenza Aviaria 2016 nella Regione Lazio. Ufficio di staff Osservatorio Epidemiologico Roma, 04/05/2016 Prot. 3147/16 del 4/5/2016 REGIONE LAZIO Area Sanità Veterinaria c.a. Dr. Ugo Della Marta udellamarta@regione.lazio.it Oggetto: applicazione

Dettagli

Avviso 2/15 2 Scadenza Graduatoria CTS Settoriali/Territoriali Piani Finanziati

Avviso 2/15 2 Scadenza Graduatoria CTS Settoriali/Territoriali Piani Finanziati PIEMONTE VALLE D'AOSTA LIGURIA N Prog. R.u.P. Denominazione Presentatore Punteggio Totale 1 PF1535_PR1000_av_215_2 CONFCOMMERCIO PIEMONTE 940 2 PF1562_PR1000_av_215_2 ASCOM ASSOCIAZIONE COMMERCIANTI DELLA

Dettagli

ALLEGATO. Modalità di attuazione del piano di sorveglianza per Aethina tumida sul territorio italiano

ALLEGATO. Modalità di attuazione del piano di sorveglianza per Aethina tumida sul territorio italiano ALLEGATO Modalità di attuazione del piano di sorveglianza per Aethina tumida sul territorio italiano Criteri per l esecuzione di un piano di sorveglianza negli apiari per la ricerca di Aethina tumida Il

Dettagli

REGIONE SICILIA AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE Corso Gelone n Siracusa Partita Iva

REGIONE SICILIA AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE Corso Gelone n Siracusa Partita Iva Prot. n. 439/SSA del 08.03.2016 Oggetto: Valutazione obiettivi anno 2015. Al Direttore Generale Al Direttore Sanitario Al Direttore Amministrativo Il Servizio di Sanità Animale ha come obiettivo prioritario

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA SANITA PUBBLICA VETERINARIA, DELLA SICUREZZA ALIMENTARE E DEGLI ORGANI COLLEGIALI PER LA TUTELA DELLA SALUTE DIREZIONE GENERALE DELLA SANITA ANIMALE E DEI FARMACI

Dettagli

Blue tongue aggiornamenti epidemiologici LEBANA BONFANTI IZSVE

Blue tongue aggiornamenti epidemiologici LEBANA BONFANTI IZSVE Blue tongue aggiornamenti epidemiologici LEBANA BONFANTI IZSVE Blue tongue - 2015 In data 21 Agosto 2015 è stato segnalato un sospetto clinico di BT in un allevamento nella regione di Allier, nella Francia

Dettagli

Macellazione e commercio con l estero del bestiame a carni bianche Anno 2005

Macellazione e commercio con l estero del bestiame a carni bianche Anno 2005 3 ottobre 2006 Macellazione e commercio con l estero del bestiame a carni bianche Anno 2005 L Istat, a partire da gennaio 2002, effettua mensilmente una rilevazione del bestiame a carni bianche macellato

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute 0011103-04/05/2016-DGSAF-COD_UO-P Ministero della Salute DIREZIONE GENERALE DELLA SANITA ANIMALE E DEI FARMACI VETERINARI Uffici 1 e 3 Registro Classif: Allegati: Trasmissione elettronica N. prot. DGSAF

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA PREVENZIONE ED IL CONTROLLO DELL' INFLUENZA AVIARIA IN LOMBARDIA. REVOCA DEL D.D.S. 2565/06 E DEL D.D.S.

LINEE GUIDA PER LA PREVENZIONE ED IL CONTROLLO DELL' INFLUENZA AVIARIA IN LOMBARDIA. REVOCA DEL D.D.S. 2565/06 E DEL D.D.S. 1491 19/02/2007 Identificativo Atto n. 181 DIREZIONE GENERALE SANITA' LINEE GUIDA PER LA PREVENZIONE ED IL CONTROLLO DELL' INFLUENZA AVIARIA IN LOMBARDIA. REVOCA DEL D.D.S. 2565/06 E DEL D.D.S. 5646/06

Dettagli

Rappresentazione della fascia di territorio con elevata densità di allevamenti avicoli allevamenti con circa 95 milioni di volatili

Rappresentazione della fascia di territorio con elevata densità di allevamenti avicoli allevamenti con circa 95 milioni di volatili Rappresentazione della fascia di territorio con elevata densità di allevamenti avicoli. 3.3 allevamenti con circa 95 milioni di volatili accasabili/ciclo Il rischio di malattia è superiore in animali esposti

Dettagli

Sorveglianza della West Nile Disease in Emilia-Romagna Bollettino n. 4/13 del 30/08/2013

Sorveglianza della West Nile Disease in Emilia-Romagna Bollettino n. 4/13 del 30/08/2013 ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DELLA LOMBARDIA E DELL'EMILIA ROMAGNA BRUNO UBERTINI (ENTE SANITARIO DI DIRITTO PUBBLICO) ------------------------------------- BRESCIA Via Bianchi, 9 25124 BRESCIA

Dettagli

DECRETO DIREZIONE GENERALE SANITA N DEL

DECRETO DIREZIONE GENERALE SANITA N DEL DECRETO DIREZIONE GENERALE SANITA N. 13606 DEL 17.07.2002 OGGETTO: Approvazione del piano di controllo degli allevamenti avicoli sul territorio della Regione Lombardia. Revoca del D.D.U.O. n.17177 del

Dettagli

Nuova anagrafe zootecnica Avicoli I moduli web

Nuova anagrafe zootecnica Avicoli I moduli web Nuova anagrafe zootecnica Avicoli I moduli web Ministero della Salute Dipartimento della sanità pubblica veterinaria, della sicurezza alimentare e degli organi collegiali per la tutela della salute Ministero

Dettagli

L efficacia dei sistemi di sorveglianza

L efficacia dei sistemi di sorveglianza L efficacia dei sistemi di sorveglianza Dr. Angelo Ferrari IZS Piemonte, Liguria e Valle d'aosta 9 Giugno 2010 Migliorare con l esperienza La pandemia influenzale A (H1N1) 2009: Modello di gestione delle

Dettagli

% su Valore assoluto. Valore assoluto

% su Valore assoluto. Valore assoluto Tabella 1. Patrimonio immobiliare residenziale al 31 dicembre 2015, Comuni capoluogo, altri comuni e ripartizioni sui totali di colonna e complessivo. Emilia-Romagna, Province. % su % su % su Valore assoluto

Dettagli

PROGETTO REGIONALE DI CONTROLLO DELLA RINOTRACHEITE INFETTIVA BOVINA (IBR) NEL TERRITORIO DELLA REGIONE TOSCANA - DGR 423/2008

PROGETTO REGIONALE DI CONTROLLO DELLA RINOTRACHEITE INFETTIVA BOVINA (IBR) NEL TERRITORIO DELLA REGIONE TOSCANA - DGR 423/2008 Allegato A PROGETTO REGIONALE DI CONTROLLO DELLA RINOTRACHEITE INFETTIVA BOVINA (IBR) NEL TERRITORIO DELLA REGIONE TOSCANA - DGR 423/2008 Il Progetto si applica ad allevamenti da produzione e/o riproduzione

Dettagli

6. Malattie dei cani 6.1. Piano di monitoraggio della Leishmaniosi nei canili 17

6. Malattie dei cani 6.1. Piano di monitoraggio della Leishmaniosi nei canili 17 RELAZIONE SANITA ANIMALE 2012 Presentazione In questa relazione sono stati raccolti in un unico documento i risultati delle attività pianificate svolte nel 2012 dai Servizi Veterinari delle Aziende USL

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA PREVENZIONE E DELLA COMUNICAZIONE DIREZIONE GENERALE DELLA SANITA' PUBBLICA VETERINARIA E DEGLI ALIMENTI UFFICI VIII Ordinanza del Ministro della Salute Misure

Dettagli

Con il presente documento si forniscono le istruzioni operative per l applicazione delle linee guida nel territorio della Regione Piemonte.

Con il presente documento si forniscono le istruzioni operative per l applicazione delle linee guida nel territorio della Regione Piemonte. ISTRUZIONI OPERATIVE PER L APPLICAZIONE DELLE LINEE GUIDA MINISTERIALI IN MATERIA DI CONTROLLO E DI CERTIFICAZIONE NEI CONFRONTI DELLA PARATUBERCOLOSI BOVINA PREMESSA La Regione Piemonte con Deliberazione

Dettagli

96,5 96,2 96,1 95,7 94,5 93,4

96,5 96,2 96,1 95,7 94,5 93,4 Coperture per le quattro vaccinazioni obbligatorie per AUSL Trend - Azienda USL Obbligatorie (difterite-tetano-poliomielite-epatiteb) al 24 mese (%) PIACENZA 98,5 96,9 96,7 96,2,7,6 PARMA 98,4 97,9 96,8

Dettagli

CONTROLLO SANITARIO DEGLI ANIMALI SELVATICI

CONTROLLO SANITARIO DEGLI ANIMALI SELVATICI CONTROLLO SANITARIO DEGLI ANIMALI SELVATICI Il monitoraggio degli animali selvatici, delle patologie che li colpiscono e di cui possono essere vettori risulta un attività strategica per il controllo delle

Dettagli

Ufficio di Staff Osservatorio Epidemiologico

Ufficio di Staff Osservatorio Epidemiologico Ufficio di Staff Osservatorio Epidemiologico Prot N. 2557/E del 13.3.2015 REGIONE LAZIO Area Sanità Veterinaria c.a. Dr. Ugo Della Marta udellamarta@regione.lazio.it Oggetto: applicazione del Piano Nazionale

Dettagli

La macellazione. in Italia nel 2005 N O T I Z I A R I O. Supplemento al numero 3/2006

La macellazione. in Italia nel 2005 N O T I Z I A R I O. Supplemento al numero 3/2006 N O T I Z I A R I O Supplemento al numero 3/2006 La macellazione in Italia nel 2005 UNIONE IMPORTATORI ESPORTATORI INDUSTRIALI COMMISSIONARI GROSSISTI INGRASSATORI MACELLATORI SPEDIZIONIERI CARNI BESTIAME

Dettagli

Popolazione zootecnica marchigiana

Popolazione zootecnica marchigiana Popolazione zootecnica marchigiana La zootecnia marchigiana negli ultimi trent anni ha subito una notevole cambiamento: si è assistito infatti ad una netta diminuzione della produzione bovina e ad aumento

Dettagli

DIREZIONE GENERALE SERVIZIO ATTIVITA SPERIMENTALI E MALATTIE RARE

DIREZIONE GENERALE SERVIZIO ATTIVITA SPERIMENTALI E MALATTIE RARE DIREZIONE GENERALE SERVIZIO ATTIVITA SPERIMENTALI E MALATTIE RARE Servizio Comunicazione viale Duca degli Abruzzi, 15 25124 Brescia Tel. 030/3838315 Fax 030/3838280 E-mail: servizio.comunicazione@aslbrescia.it

Dettagli

SCHEDA DI INDAGINE EPIDEMIOLOGICA PER PESTI SUINE

SCHEDA DI INDAGINE EPIDEMIOLOGICA PER PESTI SUINE ALLEGATO 14: fac - simile scheda di indagine epidemiologica SCHEDA DI INDAGINE EPIDEMIOLOGICA PER PESTI SUINE sospetto n.: data codice allevamento conferma n.: data Pag. 66 di 75 L'INDAGINE EPIDEMIOLOGICA

Dettagli

- DISTRIBUZIONE TERRITORIALE IN ITALIA DEL NETWORK SANITARIO -

- DISTRIBUZIONE TERRITORIALE IN ITALIA DEL NETWORK SANITARIO - - DISTRIBUZIONE TERRITORIALE IN ITALIA DEL NETWORK SANITARIO - DISTRIBUZIONE TERRITORIALE IN ITALIA DEL NETWORK SANITARIO Previnet è in grado di mettere a disposizione dei propri clienti un network sanitario

Dettagli

Trattandosi di un semplice strumento di documentazione, esso non impegna la responsabilità delle istituzioni

Trattandosi di un semplice strumento di documentazione, esso non impegna la responsabilità delle istituzioni 2005D0779 IT 21.08.2009 004.001 1 Trattandosi di un semplice strumento di documentazione, esso non impegna la responsabilità delle istituzioni B DECISIONE DELLA COMMISSIONE dell 8 novembre 2005 relativa

Dettagli

Piano di sorveglianza della malattia vescicolare del suino e della malattia di Aujeszky

Piano di sorveglianza della malattia vescicolare del suino e della malattia di Aujeszky Piano di sorveglianza della malattia vescicolare del suino e della malattia di Aujeszky Nota del Ministero della Salute prot. 3414 del 2302/2011: «DECRETO 30 dicembre 2010 - Modifiche ed integrazioni al

Dettagli

SORVEGLIANZA E CONTROLLO DELLA ANEMIA INFETTIVA DEGLI EQUINI ATTIVITÀ ANALITICHE SVOLTE DAGLI ISTITUTI ZOOPROFILATTICI SPERIMENTALI IN ITALIA NEL 2013

SORVEGLIANZA E CONTROLLO DELLA ANEMIA INFETTIVA DEGLI EQUINI ATTIVITÀ ANALITICHE SVOLTE DAGLI ISTITUTI ZOOPROFILATTICI SPERIMENTALI IN ITALIA NEL 2013 SORVEGLIANZA E CONTROLLO DELLA ANEMIA INFETTIVA DEGLI EQUINI ATTIVITÀ ANALITICHE SVOLTE DAGLI ISTITUTI ZOOPROFILATTICI SPERIMENTALI IN ITALIA NEL 2013 Premessa Il presente documento è un report delle attività

Dettagli

Francesca Perotti Area Rapporti con il Territorio

Francesca Perotti Area Rapporti con il Territorio Gestione efficace ed efficiente dei rifiuti e degli imballaggi Francesca Perotti Area Rapporti con il Territorio Bologna 9 luglio 2007 Il sistema Conai-Consorzi di Filiera 2 CONAI - Consorzio Nazionale

Dettagli

Malattia Vescicolare del Suino

Malattia Vescicolare del Suino 1 MALATTIA VESCICOLARE DEL SUINO La malattia Malattia Vescicolare del Suino La malattia vescicolare del suino (MVS) è una malattia infettiva e contagiosa ad eziologia virale (genere Enterovirus appartenente

Dettagli

Quaderni della Società Ornitologica Reggiana

Quaderni della Società Ornitologica Reggiana Quaderni della Società Ornitologica Reggiana UCCELLI DA GABBIA E DA VOLIERA ED INFLUENZA AVIARE info@sor.re.it www.sor.re.it Tel: +39 0522 515118 Fax: +39 0522 515118 SOCIETA ORNITOLOGICA REGGIANA Via

Dettagli

CONTROLLI SANITARI NEGLI ALLEVAMENTI AVI-CUNICOLI

CONTROLLI SANITARI NEGLI ALLEVAMENTI AVI-CUNICOLI Direzione Sanità Pubblica - Regione Piemonte CONTROLLI SANITARI NEGLI ALLEVAMENTI AVI-CUNICOLI Censimento degli allevamenti avicoli Nel corso del 2004 è stata portata a compimento la revisione dell'anagrafe

Dettagli

(pubbl. in Gazz. Uff. dell Unione europea n. L 273 del 19 ottobre 2005). LA COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE,

(pubbl. in Gazz. Uff. dell Unione europea n. L 273 del 19 ottobre 2005). LA COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE, Decisione 2005/734/CE del 19 ottobre 2005. * Decisione della Commissione del 19 ottobre 2005 che istituisce misure di biosicurezza per ridurre il rischio di trasmissione dell'influenza aviaria ad alta

Dettagli