Esercitazione pratica il riconoscimento delle specie

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Esercitazione pratica il riconoscimento delle specie"

Transcript

1 PARASSITOLOGIA E SANITA PUBBLICA VETERINARIA: I DITTERI VETTORI Genova, 08 Giugno 2012 Società Italiana di Medicina Veterinaria Preventiva Esercitazione pratica il riconoscimento delle specie Fabrizio Montarsi Laboratorio di Parassitologia Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Venezie

2 Ditteri Nematoceri Come riconoscere un dittero nematocero? Un paio di ali Presenza di bilanceri Antenne filiformi Come riconoscere un nematocero ematofago? Apparato boccale pungitore

3 Ditteri Nematoceri Dimensioni medie zanzara culicoide Zanzare mm Flebotomi 3-4 mm Culicoides 1-3 mm flebotomo

4 Ditteri Nematoceri Ditteri Nematoceri vettori di malattie per gli animali e l uomo Flebotomi Culicoidi Simulidi Zanzare

5 Nematoceri ematofagi Quali caratteri sono riconoscibili ad occhio nudo? Un paio di ali Antenne filiformi Apparato pungitore Sesso Tipo di larva SI NO NO SI

6 Nematoceri ematofagi Quali caratteri sono riconoscibili con uno stereomicroscopio? Numero di segmenti delle antenne e palpi Venature alari Presenza di cerci Colorazioni del corpo e delle ali

7 Nematoceri ematofagi Quali caratteri sono riconoscibili con un microscopio? Sensilli sulle antenne (Culicoides) Apparati genitali maschili e femminili (flebotomi e culicoides) Caratteri su antenne, sifone, ecc. (larve) Necessaria: Chiarificazione dei tegumenti Sezione delle varie parti del corpo Montaggio e fissaggio su vetrino

8 L identificazione È difficile riconoscere gli insetti? Facile Difficile Per esperti Distinzione tra culicoide, flebotomo, zanzara e altri ditteri Riconoscimento dei generi Identificazione della specie

9 Esercitazione pratica il riconoscimento dei Culicoides

10 Il riconoscimento dei Culicoides Caratteri diagnostici Macchia alare in R2 Distribuzione di macchie chiare e scure Antenne e sensilli Apparato genitale Palpi

11 Il riconoscimento dei Culicoides Dimensioni 1-3 mm Torace gibboso Venatura alare con due celle radiali (R1 ed R2) e con M 1+2 Ali solitamente con macchie Palpi con 5 segmenti Antenne con 15 segmenti (3-15)

12 Il riconoscimento dei Culicoides Maschi Ali più strette, con macchie alari meno definite Addome più sottile Antenne piumate Struttura genitale caratteristica Femmine Ali ampie con macchie alari evidenti (se presenti) Addome ingrossato Antenne non piumate Struttura genitale caratteristica

13 Il riconoscimento dei Culicoides Riconoscimento della specie Macchie alari Sensilli celoconici su antenne Forma dell apparato genitale

14 Il riconoscimento dei Culicoides Riconoscimento della specie C. obsoletus complex Le specie sono distinguibili solo dai genitali dei maschi o con analisi molecolare C. imicola Riconoscibile dalle macchie sulle ali C. pulicaris complex Le specie sono distinguibili dalle macchie sulle ali

15 Il riconoscimento dei Culicoides Riconoscimento delle larve Solo del genere Culicoides

16 Esercitazione pratica il riconoscimento dei Flebotomi

17 Il riconoscimento dei flebotomi Caratteri diagnostici Forma delle ali Faringe Apparato genitale

18 Il riconoscimento dei flebotomi Dimensioni 3-4 mm Corpo ed ali ricoperti da peluria Colore giallo ocra, sabbia Ali a punta con venulazione quasi parallela tenute in alto dall addome

19 Il riconoscimento dei flebotomi I maschi si distinguono dalle femmine per la presenza della struttura genitale Maschio Femmina

20 Il riconoscimento dei flebotomi Riconoscimento della specie Faringe Forma dell apparato genitale Apparato genitale maschile (valve copulatrici) A. genitale femminile (spermateche)

21 Il riconoscimento dei Culicoides Riconoscimento delle larve Difficilissimo e difficoltà nel trovare le larve nell ambiente

22 Esercitazione pratica il riconoscimento delle zanzare

23 Il riconoscimento delle zanzare Caratteri diagnostici Proboscide e palpi Colorazione alare (squame) Colorazione torace e addome Cerci Colorazione zampe

24 Il riconoscimento delle zanzare I maschi si distinguono dalle femmine per le antenne e palpi piumati femmina maschio

25 Il riconoscimento delle zanzare Riconoscimento del genere Postura Aedes o Culex Anopheles

26 Il riconoscimento delle zanzare Riconoscimento del genere Lunghezza dei palpi Anophelinae Culicinae

27 Il riconoscimento delle zanzare Riconoscimento del genere Addome e cerci Bande chiare basali sui segmenti addominali Culex Aedes/Ochlerotatus

28 Il riconoscimento delle zanzare Riconoscimento della specie Culex pipiens Colore marroncino Palpi corti Estremità addome arrotondata Bande chiare basali sui segmenti addominali Tarsi senza bande chiare

29 Il riconoscimento delle zanzare Riconoscimento della specie Aedes albopictus Colore nero con macchie e strisce bianco-argento Palpi corti Estremità addome a punta con cerci Bande bianche sui palpi e proboscide Tarsi con bande chiare

30 Il riconoscimento delle zanzare Riconoscimento della specie Ochlerotatus caspius Colore marroncino Palpi corti Bande chiare basali sui segmenti addominali e striscia Longitudinale Estremità addome a punta con cerci Tarsi con bande chiare

31 Il riconoscimento delle zanzare Riconoscimento della specie Anopheles maculipennis s.l. Colore grigio scuro Palpi lunghi Estremità addome arrotondata Bande chiare basali sui segmenti addominali Tarsi senza bande chiare

32 Il riconoscimento delle zanzare SPECIE ESOTICHE DI POSSIBILE INTRODUZIONE Orthopodomyia pulcripalpis Aedes albopictus Aedes aegypti Aedes japonicus Aedes vittatus

33 Il riconoscimento delle zanzare SPECIE ESOTICHE DI RECENTE INTRODUZIONE Aedes koreicus

34 Il riconoscimento delle zanzare Riassumendo LINEARE Anophelinae MARGINE POSTERIORE DELLO SCUTELLO LUNGHI QUANTO LA PROBOSCIDE PALPI Culicinae NETTAMENTE PIU CORTI DELLA PROBOSCIDE APICE DELL ADDOME TRILOBATO AFFUSOLATO TRONCO Schema di Toma L. (ISS) Aedes Culex

35 Il riconoscimento delle zanzare Il riconoscimento delle larve: Larva La famiglia culicidi Pupa sifone pettine seg. anale

36 Il riconoscimento delle zanzare Il riconoscimento delle larve: il genere Aedes Anopheles Culex

37 test di apprendimento culicoide flebotomo altro altro zanzara

Alessandra Franceschini Tecnico specialista della Sezione Zoologia degli invertebrati e idrobiologia

Alessandra Franceschini Tecnico specialista della Sezione Zoologia degli invertebrati e idrobiologia Insetti coinquilini e concittadini quelli legati all acqua Alessandra Franceschini Tecnico specialista della Sezione Zoologia degli invertebrati e idrobiologia Tè degli Insegnanti - 16 marzo 2012 moscerini

Dettagli

Le zanzare. Classe: INSETTI Ordine: DITTERI Famiglia: CULICIDAE Genere: 30 tipologie Specie conosciute: oltre 3000

Le zanzare. Classe: INSETTI Ordine: DITTERI Famiglia: CULICIDAE Genere: 30 tipologie Specie conosciute: oltre 3000 Le zanzare Classe: INSETTI Ordine: DITTERI Famiglia: CULICIDAE Genere: 30 tipologie Specie conosciute: oltre 3000 Areale geografico di distribuzione: i 3/4 delle specie vivono in aree tropicali e subtropicali,

Dettagli

Come difendersi dalle zanzare

Come difendersi dalle zanzare Istituto Comprensivo Massarosa 2 Percorsi per capire Laboratori del Sapere Scientifico Come difendersi dalle zanzare Paolo Ercolini Biologo Piano di Conca, 18 novembre 2013 Fonti internet rilevate dal

Dettagli

I principali vettori di malattie nella Regione Veneto

I principali vettori di malattie nella Regione Veneto MONITORAGGIO E PREVENZIONE DELLE MALATTIE TRASMESSE DA VETTORI I principali vettori di malattie nella Regione Veneto Gioia Capelli Laboratorio di Parassitologia IZSVe Venezia 18 ottobre 2011 Chi sono gli

Dettagli

ZANZARE E RISAIE POBIETTO Morano Po

ZANZARE E RISAIE POBIETTO Morano Po ZANZARE E RISAIE POBIETTO Morano Po Dott.Enrico Priarone Dott. Luca Conti Premessa L ambiente della risaia e la lotta biologica alle zanzare Le risaie italiane, concentrate per lo più nelle province di

Dettagli

Progetto Di Ricerca Corrente Identificativo del progetto: IZS PLV 01/08 RC

Progetto Di Ricerca Corrente Identificativo del progetto: IZS PLV 01/08 RC Progetto Di Ricerca Corrente 2008. Identificativo del progetto: IZS PLV 01/08 RC "SVILUPPO DI UN SISTEMA DI SORVEGLIANZA ENTOMOLOGICA PER LE MALATTIE TRASMESSE DA VETTORI" Parallelamente alla crescente

Dettagli

IL CONTROLLO DELLE ZANZARE UN PROGETTO IN COMUNE

IL CONTROLLO DELLE ZANZARE UN PROGETTO IN COMUNE IL CONTROLLO DELLE ZANZARE UN PROGETTO IN COMUNE Generalità Le zanzare sono Ditteri appartenenti alla famiglia CULICIDAE le cui femmine sono EMATOFAGHE, ovvero hanno bisogno di assumere un pasto di sangue

Dettagli

Le zanzare vanno a scuola Appunti sulle lezioni del naturalista: Alberto Diantini 11 maggio e 15 maggio 2013

Le zanzare vanno a scuola Appunti sulle lezioni del naturalista: Alberto Diantini 11 maggio e 15 maggio 2013 Le zanzare vanno a scuola Appunti sulle lezioni del naturalista: Alberto Diantini 11 maggio e 15 maggio 2013 Prima parte Oggi 11 maggio 2013 abbiamo conosciuto il naturalista: Alberto Diantini. Alberto

Dettagli

Classificazione tratta da: Atlante Natura Giunti Insetti

Classificazione tratta da: Atlante Natura Giunti Insetti UNIVERSITA DELLA CALABRIA FACOLTA DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI Corso di laurea in Scienze Naturali Dott. Alessandro Franzè Anno Accademico 2010-20112011 Classificazione tratta da: Atlante

Dettagli

DIFFUSIONE DEI VETTORI DI MALATTIE DI NUOVA INTRODUZIONE

DIFFUSIONE DEI VETTORI DI MALATTIE DI NUOVA INTRODUZIONE DIFFUSIONE DEI VETTORI DI MALATTIE DI NUOVA INTRODUZIONE Alessandra Pautasso S.C. NEUROSCIENZE IZS PIEMONTE LIGURIA E VALLE D AOSTA Convegno Vettori di Malattie di nuova introduzione - Torino 5 ottobre

Dettagli

TACCHINO BRIANZOLO. Uovo Peso minimo g. 70 Bianco avorio fittamente punteggiato di marrone. Anello Maschio: 22 Femmina: 20

TACCHINO BRIANZOLO. Uovo Peso minimo g. 70 Bianco avorio fittamente punteggiato di marrone. Anello Maschio: 22 Femmina: 20 I - GENERALITA' Origine Tacchino di mole leggera, diffuso nel nord Italia, Brianza. Discende probabilmente dal Ronquieres belga, dal quale ha ereditato la variabilità nei colori della livrea. Molto conosciuto

Dettagli

INVERTEBRATI DA CERCARE NEL PARCO ADDA SUD

INVERTEBRATI DA CERCARE NEL PARCO ADDA SUD INVERTEBRATI DA CERCARE NEL PARCO ADDA SUD 21 gennaio 2004 Lycaena dispar (Haworth, 1803) Licena dispari Zone umide di pianura (prati umidi, paludi, acquitrini) dal livello del mare a 400 m di altezza.

Dettagli

LEPIDOTTERI. Ordine molto vasto (165.000 specie di cui più di 4500 in Italia) Ali ricoperte da squame

LEPIDOTTERI. Ordine molto vasto (165.000 specie di cui più di 4500 in Italia) Ali ricoperte da squame LEPIDOTTERI Ordine molto vasto (165.000 specie di cui più di 4500 in Italia) Ali ricoperte da squame Adulti con costumi diurni (farfalle) o notturni (falene). LEPIDOTTERI I bruchi (larve polipode) sono

Dettagli

ANATRA CORRITRICE INDIANA

ANATRA CORRITRICE INDIANA ANATRA CORRITRICE INDIANA I GENERALITA Origine: India Orientale. La razza progenitrice, per quanto riguarda la forma, è l'anatra Pinguino dell'india Orientale Meridionale. Selezionata alla fine del XIX

Dettagli

LE FILARIE. Dirofilaria immitis CLASSIFICAZIONE CICLO BIOLOGICO CLASSIFICAZIONE LA FILARIOSI CARDIOPOLMONARE

LE FILARIE. Dirofilaria immitis CLASSIFICAZIONE CICLO BIOLOGICO CLASSIFICAZIONE LA FILARIOSI CARDIOPOLMONARE CLASSIFICAZIONE LE FILARIE PHYLUM CLASSE ORDINE SUPERFAMIGLIA FAMIGLIA GENERE FAMIGLIA GENERE FAMIGLIA GENERE NEMATODA CHROMADOREA SPIRURIDA FILARIOIDEA FILARIIDAE Dirofilaria Parafilaria ONCHOCERCIDAE

Dettagli

L uomo utilizza e abita territori sempre più grandi. Le città e i paesi sono sempre più estesi.

L uomo utilizza e abita territori sempre più grandi. Le città e i paesi sono sempre più estesi. L uomo utilizza e abita territori sempre più grandi. Le città e i paesi sono sempre più estesi. Tutto ciò porta un crescente numero di insetti e di altri animali a vivere sempre più vicino alle nostre

Dettagli

COLEOTTERI Anobidi Stegobium paniceum

COLEOTTERI Anobidi Stegobium paniceum Cimex lectularius COLEOTTERI Anobidi Stegobium paniceum 2-4 mm, marron rossastro, testa nascosta sotto il torace. Le elitre sono finemente rigate e ricoperte da lieve peluria giallastra. Larva con capo

Dettagli

SPECIE INFESTANTI DI NUOVA INTRODUZIONE: COME DIFENDERCI DALLA ZANZARA TIGRE

SPECIE INFESTANTI DI NUOVA INTRODUZIONE: COME DIFENDERCI DALLA ZANZARA TIGRE 7 settembre 2011 SPECIE INFESTANTI DI NUOVA INTRODUZIONE: COME DIFENDERCI DALLA ZANZARA TIGRE Di Igor Boni e Mirko Perna Un ringraziamento a: Paolo Roberto, Andrea Mosca e Cristina Grieco CENNI DI SISTEMATICA

Dettagli

FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA. Aedes albopictus: DAL DISAGIO AL RISCHIO PER LA SALUTE. EVOLUZIONE DEL SISTEMA DI SORVEGLIANZA IN EMILIA-ROMAGNA

FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA. Aedes albopictus: DAL DISAGIO AL RISCHIO PER LA SALUTE. EVOLUZIONE DEL SISTEMA DI SORVEGLIANZA IN EMILIA-ROMAGNA Matricola 0000251965 Alma Mater Studiorum - Università di Bologna FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA Corso di laurea in Tecniche della prevenzione nell ambiente e nei luoghi di lavoro Aedes albopictus: DAL

Dettagli

Pagina 1 di 10 GIORNATA DI APPROFONDIMENTO

Pagina 1 di 10 GIORNATA DI APPROFONDIMENTO GIORNATA DI APPROFONDIMENTO 1 dicembre 2004 LE ATTIVITA DEL CENTRO AGRICOLTURA AMBIENTE G.NICOLI NELL ENTOMOLOGIA MEDICA E VETERINARIA Stagione 2004 Con l'intento di stimolare un più ampio confronto e

Dettagli

Atlante degli artropodi del suolo

Atlante degli artropodi del suolo Atlante degli artropodi del suolo Chiave semplificata per il riconoscimento dei principali gruppi di micro-artropodi del suolo per il calcolo del QBS Educatamente www.educatamente.org A.S. 2007-2008 Gli

Dettagli

Il cinipide galligeno del castagno Dryocosmus kuriphilusyasumatsu

Il cinipide galligeno del castagno Dryocosmus kuriphilusyasumatsu Il cinipide galligeno del castagno Dryocosmus kuriphilusyasumatsu Giovanni Bosio Regione Piemonte, Settore Fitosanitario Il cinipede galligeno Drycosmus kuriphilusyasumatsu è considerato uno degli insetti

Dettagli

ANATRA MUTA DI BARBERIA

ANATRA MUTA DI BARBERIA ANATRA MUTA DI BARBERIA I GENERALITA Origine: America del Sud. Regione della Barberia, dove ancora oggi si trova allo stato selvatico. Uovo Peso minimo g. 70 Colore del guscio: bianco giallastro. Anello

Dettagli

La zanzara tigre è un insetto appartenente alla famiglia Culicidae diffusosi in Italia e in Europa dagli anni novanta in poi. La zanzara tigre è

La zanzara tigre è un insetto appartenente alla famiglia Culicidae diffusosi in Italia e in Europa dagli anni novanta in poi. La zanzara tigre è La zanzara tigre è un insetto appartenente alla famiglia Culicidae diffusosi in Italia e in Europa dagli anni novanta in poi. La zanzara tigre è lunga dai 2 ai 10 millimetri. È vistosamente tigrata di

Dettagli

COM È FATTA UNA FARFALLA?

COM È FATTA UNA FARFALLA? COM È FATTA UNA FARFALLA? CORPO SUDDIVISO IN 3 SEGMENTI - TESTA - TORACE - ADDOME 3 PAIA DI ZAMPE = 6 ZAMPE 2 PAIA DI ALI = 4 ALI 1 SPIRITROMBA: è l organo con cui le farfalle succhiano il nettare dai

Dettagli

Artropodi = invertebrati con zampe articolate e corpo rivestito di chitina. Anche l astice è un artropode ma è di interesse sanitario?

Artropodi = invertebrati con zampe articolate e corpo rivestito di chitina. Anche l astice è un artropode ma è di interesse sanitario? Artropodi = invertebrati con zampe articolate e corpo rivestito di chitina. Anche l astice è un artropode ma è di interesse sanitario? NO Aracnidi e insetti = ARTROPODI ARACNIDI INSETTI DITTERI ZANZARE

Dettagli

LE ZANZARE ITALIANE: GENERALITà E IDENTIFICAZIONE DEGLI ADULTI (Diptera, Culicidae)

LE ZANZARE ITALIANE: GENERALITà E IDENTIFICAZIONE DEGLI ADULTI (Diptera, Culicidae) Fragmenta entomologica, Roma, 41 (2): 213-372 (2009) LE ZANZARE ITALIANE: GENERALITà E IDENTIFICAZIONE DEGLI ADULTI (Diptera, Culicidae) Francesco SEVERINI, Luciano TOMA, Marco DI LUCA e Roberto ROMI (*)

Dettagli

Il monitoraggio delle zanzare nel Comune di Mantova. Anno 2007

Il monitoraggio delle zanzare nel Comune di Mantova. Anno 2007 Il monitoraggio delle zanzare nel Comune di Mantova. Anno 2007 Gianluca Soncin*, Andrea Drago*, Simone Martini*, Giorgio Grossi**, Alessandro Orlandi**. * Entostudio snc, **Servizio Gestione Verde di Mantova

Dettagli

ZANZARA TIGRE: Istruzioni per l uso

ZANZARA TIGRE: Istruzioni per l uso ZANZARA TIGRE: Istruzioni per l uso 1. Programma di controllo 2. Monitoraggio 3. Rete di ovitrappole 4. Manutenzione settimanale 5. Sistema di sorveglianza a Roma 6. Parametri utilizzati 7. Dati climatici

Dettagli

Le FARFALLE come INDICATORI per i PRATI ARIDI. Dott.ssa Serena Corezzola

Le FARFALLE come INDICATORI per i PRATI ARIDI. Dott.ssa Serena Corezzola Le FARFALLE come INDICATORI per i PRATI ARIDI Dott.ssa Serena Corezzola ARGOMENTI I PARTE PRATI ARIDI E LA BIODIVERSITÀ FARFALLE COME BIOINDICATORI FARFALLE: BIOLOGIA, ECOLOGIA II PARTE RICONOSCIMENTO

Dettagli

DROSOPHILA MELANOGASTER

DROSOPHILA MELANOGASTER DROSOPHILA MELANOGASTER La Drosophila melanogaster è un organismo modello, ovvero uno degli organismi più studiati nella ricerca biologica, in particolare nella genetica e nella divulgazione biologica.

Dettagli

LA PROSPETTIVA ONE HEALTH NELLA DIAGNOSTICA INFETTIVOLOGICA

LA PROSPETTIVA ONE HEALTH NELLA DIAGNOSTICA INFETTIVOLOGICA LA PROSPETTIVA ONE HEALTH NELLA DIAGNOSTICA INFETTIVOLOGICA Diet Microbiota Xeno-metabolome Individual phenotype Fingerprinting Inflammation Phylotypes 18 Novembre 2016 Aula Salviati 1 - Ospedale Pediatrico

Dettagli

Comune di Marciano della Chiana (Provincia di Arezzo) LOTTA ALLA

Comune di Marciano della Chiana (Provincia di Arezzo) LOTTA ALLA LOTTA ALLA ZANZARA TIGRE CAMPAGNA INFORMATIVA APRILE 2009 FENOMENOLOGIA ZANZARA TIGRE (Aedes albopictus) Chii èè? È un Dittero nematocero Aedes Albopictus, comunemente definita Zanzara tigre, originario

Dettagli

Biologia ed etologia della Zanzara Tigre. Quali altri vettori potrebbero essere introdotti nel nostro paese

Biologia ed etologia della Zanzara Tigre. Quali altri vettori potrebbero essere introdotti nel nostro paese Biologia ed etologia della Zanzara Tigre. Quali altri vettori potrebbero essere introdotti nel nostro paese Mattia Calzolari Laboratorio Entomologico IZSLER Sez Reggio E Chi è la zanzara tigre 11 aprile

Dettagli

Scheda tecnica del D. Mandarino mutazione Petto Nero

Scheda tecnica del D. Mandarino mutazione Petto Nero mutazione Petto Nero Disegno Petto Nero Striscia dell'occhio (Lacrima) Assente. Striscia del becco (Mustacchio) E' presente in entrambi i sessi, deve essere sempre presente a fianco della valva superiore

Dettagli

La lotta biologica alle zanzare

La lotta biologica alle zanzare Ente Parco Naturale Laghi di Avigliana 1 Workshop di progettazione partecipata verso il Contratto di Lago del bacino dei laghi di Avigliana La lotta biologica alle zanzare Premessa La lotta biologica integrata

Dettagli

2. EPIDEMIOLOGIA DELLA LEISHMANIOSI

2. EPIDEMIOLOGIA DELLA LEISHMANIOSI 4 1. INTRODUZIONE La Leishmaniosi è una zoonosi protozoaria causata da varie specie del genere Leishmania. Nel cane oltre alla malattia manifesta, si conoscono forme pausci-sintomatiche o asintomatiche.

Dettagli

Piccolo commento alle slides della presentazione.

Piccolo commento alle slides della presentazione. Piccolo commento alle slides della presentazione. Slide 3: In questo breve filmato si vede un Culicoides, C. anophelis pungere una zanzara e succhiare il sangue dal suo addome. Slide 4: La malattia è causata

Dettagli

Scheda tecnica del D. Mandarino mutazione Guancia Nera

Scheda tecnica del D. Mandarino mutazione Guancia Nera D. Mandarino mutazione Guancia Nera Il fattore guancia nera determina la sostituzione della feomelanina con eumelanina nel disegno delle guance e dei fianchi nei maschi formando un tuttuno con il disegno

Dettagli

I documenti di: quotidianosanità.it. Quotidiano online di informazione sanitaria

I documenti di: quotidianosanità.it. Quotidiano online di informazione sanitaria I documenti di: quotidianosanità.it Quotidiano online di informazione sanitaria Dossier Documentazione legislativa Studi e ricerche Interventi e relazioni MinisterodellaSalute Dipartimento della sanità

Dettagli

A G A P O R N I S CLASSIFICAZIONE SPECIE SOTTOSPECIE MUTAZIONE. verde scuro. verde oliva. pastello verde. pastello verde scuro. pastello verde oliva

A G A P O R N I S CLASSIFICAZIONE SPECIE SOTTOSPECIE MUTAZIONE. verde scuro. verde oliva. pastello verde. pastello verde scuro. pastello verde oliva 1 A G A P O R N I S CLASSIFICAZIONE Ordine: Famiglia: Sottofamiglia: Genere: Psittaciformes Psittacidae Psittacinae Agapornis SPECIE SOTTOSPECIE MUTAZIONE nigrigenis verde verde scuro verde oliva pastello

Dettagli

SOLO AEDES? IL RUOLO POTENZIALE DI AEDES ALBOPICTUS. Gioia Capelli e Fabrizio Montarsi Laboratorio di Parassitologia

SOLO AEDES? IL RUOLO POTENZIALE DI AEDES ALBOPICTUS. Gioia Capelli e Fabrizio Montarsi Laboratorio di Parassitologia AGGIORNAMENTI IN TEMA DI MEDICINA DEI VIAGGI E DELLE MIGRAZIONI ZIKA VIRUS E ALTRE ARBOVIROSI SOLO AEDES? IL RUOLO POTENZIALE DI AEDES ALBOPICTUS Gioia Capelli e Fabrizio Montarsi Laboratorio di Parassitologia

Dettagli

DAINO MASCHI FEMMINE Lunghezza testa-tronco tronco (cm) Lunghezza coda (cm) Altezza al garrese (cm) Pes

DAINO MASCHI FEMMINE Lunghezza testa-tronco tronco (cm) Lunghezza coda (cm) Altezza al garrese (cm) Pes Corso di formazione per la conoscenza del capriolo Caratteristiche distintive per il riconoscimento degli ungulati A cura di Lilia Orlandi e Sandro Nicoloso Foto di: Andrea Barghi CERVO MASCHI FEMMINE

Dettagli

Le Zanzare: Come difendersi?

Le Zanzare: Come difendersi? Le Zanzare: Come difendersi? Ogni anno soprattutto nel periodo estivo un po' tutti siamo puntualmente "divorati" dalle zanzare Soprattutto nei bambini, però, è frequente la comparsa di reazioni infiammatorie

Dettagli

MINI-GUIDA delle SPECIE DA SEGNALARE

MINI-GUIDA delle SPECIE DA SEGNALARE Citizen Science nel Parco Nazionale Gran Paradiso MINI-GUIDA delle SPECIE DA SEGNALARE Foto: Silvia Ghidotti INDICE La limaccia rossa: Arion vulgaris 1 Com è fatta una farfalla 2 Aglais urticae 3 Euphydryas

Dettagli

Zanzare invasive: potenziali vettori di arbovirus in Italia

Zanzare invasive: potenziali vettori di arbovirus in Italia Zanzare invasive: potenziali vettori di arbovirus in Italia Luciano Toma Istituto Superiore di Sanità Reparto di Malattie Trasmesse da Vettori e Sanità Internazionale, Dipartimento di Malattie Infettive,

Dettagli

F.O.I. onlus - C.T.N. ONDULATI & PSITTACIDI A G A P O R N I S 1 CLASSIFICAZIONE SPECIE SOTTOSPECIE MUTAZIONE. ablectanae essuna

F.O.I. onlus - C.T.N. ONDULATI & PSITTACIDI A G A P O R N I S 1 CLASSIFICAZIONE SPECIE SOTTOSPECIE MUTAZIONE. ablectanae essuna A G A P O R N I S 1 CLASSIFICAZIONE 1 Ordine: Famiglia: Sottofamiglia: Genere: Psittaciformes Psittacidae Psittacinae Agapornis SPECIE SOTTOSPECIE MUTAZIONE canus nessuna ablectanae essuna pullarius verde

Dettagli

Laboratorio: In una goccia d acqua.

Laboratorio: In una goccia d acqua. Laboratorio: In una goccia d acqua. Anno scolastico 2012-13 Progetto GlobeSeren@: rete di scuole per un futuro sostenibile Classe: 2AFE Prof.ssa Elena Ogheri Attività realizzata nell ambito del percorso

Dettagli

MARANS I - GENERALITA. Origine

MARANS I - GENERALITA. Origine MARANS I - GENERALITA Origine Francia, città portuale di Marans sull Oceano Atlantico. Razza selezionata incrociando polli locali con soggetti di tipologia combattente e più recentemente con la Langschan

Dettagli

Associazione Lombarda Avicoltori OLANDESE CON CIUFFO

Associazione Lombarda Avicoltori  OLANDESE CON CIUFFO OLANDESE CON CIUFFO I GENERALITA Origine: Paesi Bassi. Da secoli molto allevato nell Europa centrale. Uovo Peso minimo g. 45 Colore del guscio: bianco. Anello Gallo : 18 Gallina : 16 II TIPOLOGIA ED INDIRIZZI

Dettagli

Generalità. Pettini (ctenidi) Apparato buccale pungentesucchiante

Generalità. Pettini (ctenidi) Apparato buccale pungentesucchiante SIPHONAPTERA PULCI Generalità SIFONATTERI = insetti dotati di apparato boccale pungente-succhiante (sifon) e privi di ali (atteri). -colore da giallo a bruno scuro -corpo compresso lateralmente - zampe

Dettagli

Sorveglianza delle malattie da vettori e Sanità Pubblica Veterinaria (SPV)

Sorveglianza delle malattie da vettori e Sanità Pubblica Veterinaria (SPV) Sorveglianza delle malattie da vettori e Sanità Pubblica Veterinaria (SPV) Stefano Gavaudan Centro Riferimento Malattie da Vettori Isitituto Zooprofilattico Sperimentale Umbria-Marche Il Cambiamento climatico:

Dettagli

GLI ARTROPODI artropodi con arti articolati ESOSCHELETRO INSETTI insetti

GLI ARTROPODI artropodi con arti articolati ESOSCHELETRO INSETTI insetti GLI ARTROPODI Gli artropodi appartengono agli invertebrati perchè non hanno la colonna vertebrale. Sono il gruppo di invertebrati più numeroso ed è diffuso in tutti gli ambienti. La parola artropodi significa

Dettagli

N R E! REDLAV 2.1 Réseau durable transfrontalier de démoustication et de lutte anti-vectorielle

N R E! REDLAV 2.1 Réseau durable transfrontalier de démoustication et de lutte anti-vectorielle S T O P A LL E ZA N ZA R E! REGIONE LIGURIA 2 CARTA DI IDENTITà DELLA ZANZARA TIPO: ARTROPODI (invertebrati con zampe articolate e corpo rivestito dall esoscheletro o cuticola, formato da una proteina

Dettagli

Caratteri distintivi degli Insetti

Caratteri distintivi degli Insetti GLI ARTROPODI Animali il cui nome significa letteralmente zampe articolate ; i loro arti sono infatti costituiti da parti rigide articolate fra loro. Tutti gli artropodi hanno in comune le seguenti caratteristiche:

Dettagli

Gli insetti.notebook April 27, Gli insetti

Gli insetti.notebook April 27, Gli insetti Gli insetti Gli insetti Gli insetti non hanno lo scheletro interno ed hanno mascelle per masticare. Hanno sempre sei zampe ed il corpo è suddiviso in tre parti. 1. Testa 2. Torace 3. Addome Hanno sei zampe

Dettagli

PROGETTO DI LOTTA ALLE ZANZARE AREA CASALE MONFERRATO - ANNO COMUNE DI TRINO VERCELLESE

PROGETTO DI LOTTA ALLE ZANZARE AREA CASALE MONFERRATO - ANNO COMUNE DI TRINO VERCELLESE PROGETTO DI LOTTA ALLE ZANZARE AREA CASALE MONFERRATO - ANNO 2016 - COMUNE DI TRINO VERCELLESE STATO AVANZAMENTO LAVORI FINE GIUGNO 2016 Il Tecnico di Campo Dr. Ivan Grasso Il Referente Tecnico Scientifico

Dettagli

F.O.I. onlus - C.T.N. ONDULATI & PSITTACIDI A G A P O R N I S 1 CLASSIFICAZIONE SPECIE SOTTOSPECIE MUTAZIONE. ablectanae essuna.

F.O.I. onlus - C.T.N. ONDULATI & PSITTACIDI A G A P O R N I S 1 CLASSIFICAZIONE SPECIE SOTTOSPECIE MUTAZIONE. ablectanae essuna. A G A P O R N I S 1 CLASSIFICAZIONE 1 Ordine: Famiglia: Sottofamiglia: Genere: Psittaciformes Psittacidae Psittacinae Agapornis SPECIE SOTTOSPECIE MUTAZIONE canus nessuna ablectanae essuna lilianae verde

Dettagli

Lezioni. Temi e competenze acquisite 1. ANATOMIA TOPOGRAFICA DEL TORACE. Argomenti Contenuti specifici Ore

Lezioni. Temi e competenze acquisite 1. ANATOMIA TOPOGRAFICA DEL TORACE. Argomenti Contenuti specifici Ore Anatomia topografica veterinaria II (3 CFU; 33 ore: 24 di lezione e 9 di esercitazione) Obiettivi formativi del corso: al termine del corso lo Studente sarà in grado di suddividere il tronco dell animale

Dettagli

STANDARD DI RAZZA DELLA PECORA ALPAGOTA

STANDARD DI RAZZA DELLA PECORA ALPAGOTA STANDARD DI RAZZA DELLA PECORA ALPAGOTA 75 Standard di razza della Pecora Alpagota CARATTERI DELLA PECORA ALPAGOTA, CONOSCIUTA ANCHE COME PAGOTA CARATTERI ESTERIORI Taglia media. Testa acorne, in entrambi

Dettagli

ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ. Linee guida per il controllo di Culicidi potenziali vettori di arbovirus in Italia

ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ. Linee guida per il controllo di Culicidi potenziali vettori di arbovirus in Italia ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ Linee guida per il controllo di Culicidi potenziali vettori di arbovirus in Italia Roberto Romi, Luciano Toma, Francesco Severini, Marco Di Luca, Daniela Boccolini, Maria Grazia

Dettagli

La zanzara tigre. Conoscere e prevenire: Come riconoscerla La puntura La prevenzione

La zanzara tigre. Conoscere e prevenire: Come riconoscerla La puntura La prevenzione Dipartimento di prevenzione medica Servizio Igiene e Sanità Pubblica La zanzara tigre Conoscere e prevenire: Come riconoscerla La puntura La prevenzione Come riconoscerla Le zanzare sono insetti presenti

Dettagli

NUOVE PROSPETTIVE PER IL CONTROLLO DELLE ZANZARE IN AMBITO URBANO Torino 18 febbraio dott. Igor BONI dott. Paolo ROBERTO IPLA s.p.a.

NUOVE PROSPETTIVE PER IL CONTROLLO DELLE ZANZARE IN AMBITO URBANO Torino 18 febbraio dott. Igor BONI dott. Paolo ROBERTO IPLA s.p.a. NUOVE PROSPETTIVE PER IL CONTROLLO DELLE ZANZARE IN AMBITO URBANO Torino 18 febbraio 2014 dott. Igor BONI dott. Paolo ROBERTO IPLA s.p.a. Le azioni di lotta si sono svolte seguendo quattro filoni principali,

Dettagli

BIOLOGIA DEI CULICOIDES

BIOLOGIA DEI CULICOIDES BIOLOGIA DEI CULICOIDES Fabrizio Montarsi Gioia Capelli Laboratorio di Parassitologia ed Ecopatologia CLASSE: HEXAPODA (INSETTI) ORDINE: DIPTERA SOTTORDINE: NEMATOCERA BRACHICERA FAMIGLIA: CULICIDAE FAMIGLIA:

Dettagli

Coccinelle Volanti. 1.Le coccinelle sono un soggetto semplice. Materiali :

Coccinelle Volanti. 1.Le coccinelle sono un soggetto semplice. Materiali : Coccinelle Volanti CREAZIONE di ERNESTINA GALLINA WWW.PIETREVIVE.IT Materiali : COLORI ACRILICI : Nero, Bianco, Rosso, Giallo, Marrone scuro, Terra di siena bruciata, Ocra gialla. 1.Le coccinelle sono

Dettagli

Il Piano di sorveglianza nelle Marche. Relazione a cura di S.Gavaudan e A.Duranti; IZS Umbria e Marche.

Il Piano di sorveglianza nelle Marche. Relazione a cura di S.Gavaudan e A.Duranti; IZS Umbria e Marche. Piano di sorveglianza della West Nile disease Approfondimenti su un cluster di positività sierologica sui cavalli saggiati nelle attività di sorveglianza 2008; 1 semestre. Relazione a cura di S.Gavaudan

Dettagli

I.C. A. Manzoni di Ornago ARTROPODI A.S. 2010/2011 Eleonora Parenti & Giorgia Terranova

I.C. A. Manzoni di Ornago ARTROPODI A.S. 2010/2011 Eleonora Parenti & Giorgia Terranova LE LORO CARATTERISTICHE Gli artropodi sono forniti di un esoscheletro (cioe' uno scheletro esterno) composto da una proteina dura, la chitina. Anche se gli artropodi hanno un esoscheletro le altri parti

Dettagli

Associazione Lombarda Avicoltori ITALIANA

Associazione Lombarda Avicoltori  ITALIANA ITALIANA I GENERALITA Origine: Germania. Selezionata da polli di campagna italiani. Uovo Peso minimo g. 55 Colore del guscio: bianco candido. Anello Gallo : 18 Gallina : 16 II TIPOLOGIA ED INDIRIZZI PER

Dettagli

Clima e malattie trasmesse da vettori (VBD) in Italia

Clima e malattie trasmesse da vettori (VBD) in Italia Clima e malattie trasmesse da vettori (VBD) in Italia Perché l Italia è considerata tra i Paesi maggiormente «a rischio» di introduzione di nuovi vettori e VBD emergenti L Italia si estende in lunghezza

Dettagli

LA ZANZARA TIGRE Filippo Cassina, Christian Valorzi, Romano Kohlmayer, Edith Bucher Laboratorio Biologico, Agenzia provinciale per l ambiente 2014

LA ZANZARA TIGRE Filippo Cassina, Christian Valorzi, Romano Kohlmayer, Edith Bucher Laboratorio Biologico, Agenzia provinciale per l ambiente 2014 LA ZANZARA TIGRE Filippo Cassina, Christian Valorzi, Romano Kohlmayer, Edith Bucher Laboratorio Biologico, Agenzia provinciale per l ambiente 2014 1 Le zanzare ordine ditteri = 2 paia di ali, di cui 2

Dettagli

LE ZANZARE. Conoscerle e difendersi. C S Cossu - M G Sotgiu M Verdinelli - R A Pantaleoni

LE ZANZARE. Conoscerle e difendersi. C S Cossu - M G Sotgiu M Verdinelli - R A Pantaleoni C S Cossu - M G Sotgiu M Verdinelli - R A Pantaleoni LE ZANZARE Conoscerle e difendersi 2013 ISBN 9788897934004 (vers. stampa) ISBN 9788897934011 (vers. on-line) Carlo Simone Cossu Maria Grazia Sotgiu

Dettagli

TAFANO O MOSCA CAVALLINA?

TAFANO O MOSCA CAVALLINA? TAFANO O MOSCA CAVALLINA? E iniziata la primavera e con essa si rinnova l appuntamento più fastidioso per uomini ed animali: quello con gli insetti! Esistono circa 900.000 specie differenti di insetti

Dettagli

La riproduzione. Fig. 21

La riproduzione. Fig. 21 La riproduzione La riproduzione delle api é anfigonica (la più comune nel mondo degli insetti), ovvero prevede la partecipazione di entrambi i sessi per l ottenimento della generazione successiva. Tuttavia

Dettagli

perchè ho scelto le api?

perchè ho scelto le api? LA SOCIETA DELLE API Le leggi di natura fanno sì che, per sopravvivere, le api debbano cooperare, di conseguenza possiedono istintivamente un senso di responsabilità sociale. Non hanno costituzione, né

Dettagli

IDENTIFICARE I CETACEI IN MARE

IDENTIFICARE I CETACEI IN MARE IDENTIFICARE I CETACEI IN MARE Un percorso guidato: 1) Per primo stimare la taglia dell'animale Questo prima informazione vi permette di accedere alle pagine seguenti dove sono comparate due specie aventi

Dettagli

La Zanzara tigre in bergamasca. La comparsa di un alieno!

La Zanzara tigre in bergamasca. La comparsa di un alieno! La Zanzara tigre in bergamasca La comparsa di un alieno! Raffaello Maffi Dipartimento di Prevenzione Medico Direzione Servizio Igiene e Sanità Pubblica ASL di Bergamo LE ZANZARE sono insetti presenti in

Dettagli

Fattori determinanti di alcune malattie emergenti, da insetti vettori

Fattori determinanti di alcune malattie emergenti, da insetti vettori Fattori determinanti di alcune malattie emergenti, da insetti vettori Giulia Morosetti Azienda Sanitaria dell Alto Adige Servizio Veterinario Aziendale, Bolzano Malattie emergenti Infezioni nuove, riemergenti

Dettagli

LOTTA ALLA ZANZARA TIGRE

LOTTA ALLA ZANZARA TIGRE LOTTA ALLA ZANZARA TIGRE STRATEGIE E PIANI DI CONTROLLO ANNO 2014 Agg. 14 mar 2014 Sede Reggio Emilia Servizio Disinfezione, Disinfestazione, Derattizzazione Tel. 0522/297664 fax 0522/297675 E-mail : ddd.re@gruppoiren.it

Dettagli

Cenni Bio-ecologici dei: Diptera

Cenni Bio-ecologici dei: Diptera Cenni Bio-ecologici dei: Diptera Dott. Francesco Defilippo E-mail: fran.defilippo@gmail.com Sistematica Ordine Diptera Sottordine Nematocera (+ di 8 segmenti antennali, 5 segmenti nei palpi mascellari,

Dettagli

Vespa Velutina in Liguria

Vespa Velutina in Liguria PRESENTA Vespa Velutina in Liguria Segnalazione e recupero di un nido Dolceaqua (IM) - 14/11/2013 Vespa velutina Lepeletier, 1836, è un imenottero originario del sud-est asiatico. Originario del sud-est

Dettagli

Associazione Lombarda Avicoltori COCINCINA

Associazione Lombarda Avicoltori  COCINCINA COCINCINA I GENERALITA Origine: Sud della Cina. Allevata dopo la metà del XIX secolo. Uovo Peso minimo 53 g. Colore del guscio: bruno-giallo. Anello Gallo : 27 Gallina : 24 II TIPOLOGIA ED INDIRIZZI PER

Dettagli

VETTORI DI MALATTIE E MUTAMENTI CLIMATICI

VETTORI DI MALATTIE E MUTAMENTI CLIMATICI ATTI CONVEGNO VETTORI DI MALATTIE E MUTAMENTI CLIMATICI TORINO 5 OTTOBRE 2012 ATTI CONVEGNO VETTORI DI MALATTIE E MUTAMENTI CLIMATICI Torino 5 ottobre 2012 SALUTI DELLE AUTORITÀ On. Vito Bonsignore Europarlamentare,

Dettagli

Associazione Lombarda Avicoltori BARBUTA D UCCLE

Associazione Lombarda Avicoltori  BARBUTA D UCCLE BARBUTA D UCCLE I GENERALITA Origine: Belgio, Uccle. Selezionata dal Sig. Michel van Gelber nel 1904. E' il risultato di incroci di polli nani calzati con la Barbuta d' Anversa. Uovo Peso minimo g. 35

Dettagli

Parassitologia e Sanità Pubblica Veterinaria: i ditteri vettori

Parassitologia e Sanità Pubblica Veterinaria: i ditteri vettori Parassitologia e Sanità Pubblica Veterinaria: i ditteri vettori Virus Schallemberg: l'ultimo arrivato Walter Mignone Istituto Zooprofilattico Sperimentale del Piemonte Liguria e Valle d'aosta Genova 8

Dettagli

Rhynchophorus ferrugineus (Punteruolo rosso delle palme)

Rhynchophorus ferrugineus (Punteruolo rosso delle palme) Rhynchophorus ferrugineus (Punteruolo rosso delle palme) Morfologia Adulto L adulto di colore variabile dal ruggine al marrone rossastro presenta alcune macchioline nere nella parte superiore del torace.

Dettagli

Associazione Lombarda Avicoltori ARAUCANA NANA

Associazione Lombarda Avicoltori  ARAUCANA NANA ARAUCANA NANA I GENERALITA Origine: Germania e Stati Uniti. Uovo Peso minimo g. 32 Colore del guscio: turchese (da blu verdastro a verde bluastro) Anello Gallo : 13 Gallina : 11 II TIPOLOGIA ED INDIRIZZI

Dettagli

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali DIPARTIMENTO PER LA SANITÀ PUBBLICA VETERINARIA, LA NUTRIZIONE E LA SICUREZZA DEGLI ALIMENTI Direzione Generale della Sanità Animale e del Farmaco

Dettagli

GAMAKATSU TOUR Tappa di Jesi (AN) 12 dicembre ore 16,00 FASCICOLO DEI DRESSING. Imitazioni di:

GAMAKATSU TOUR Tappa di Jesi (AN) 12 dicembre ore 16,00 FASCICOLO DEI DRESSING. Imitazioni di: Tappa di Jesi (AN) 12 dicembre 2015-12-01 ore 16,00 FASCICOLO DEI DRESSING Imitazioni di: Odontocerum albicorne 01 larva Double Bead Caddis 02 pupa emergente Suspender Caddis Pupa 03 adulto insetto perfetto

Dettagli

Carduelis flammea cabaret (Archivio F.O.I.) ITALIANO

Carduelis flammea cabaret (Archivio F.O.I.) ITALIANO Carduelis flammea cabaret (Archivio F.O.I.) ITALIANO VERZELLINO SERINUS SERINUS Anello: A = 2,00 mm. (per l Italia anello A = 2,4 ) COLLO: SPALLE: SOPRAC Piccolo, corto, conico e grigio scuro Bruno scuro

Dettagli

LA SORVEGLIANZA DELLE MALATTIE VIRALI EMERGENTI E RIEMERGENTI IN ITALIA: FOCUS SU ZIKA, WESTNILE E ALTRE ARBOVIROSI

LA SORVEGLIANZA DELLE MALATTIE VIRALI EMERGENTI E RIEMERGENTI IN ITALIA: FOCUS SU ZIKA, WESTNILE E ALTRE ARBOVIROSI Mod. S5 Rev. 6 del 12/10/2015, Pagina 1 di 5 LA SORVEGLIANZA DELLE MALATTIE VIRALI EMERGENTI E RIEMERGENTI IN ITALIA: FOCUS SU ZIKA, WESTNILE E ALTRE ARBOVIROSI 19 Aprile 2016 organizzato da ISTITUTO SUPERIORE

Dettagli

Associazione Lombarda Avicoltori BARBUTA DI GRUBBE

Associazione Lombarda Avicoltori  BARBUTA DI GRUBBE BARBUTA DI GRUBBE I GENERALITA Origine: Belgio. Apparsa agli inizi del XX secolo nell allevamento di Robert Pauwels a Everberg. Chiamata poi come la città De Grubbe. Uovo Peso minimo g. 35 Colore del guscio:

Dettagli

WEST NILE DISEASE (WND)

WEST NILE DISEASE (WND) WEST NILE DISEASE (WND) Report di attività 2016 LUGLIO AGOSTO SETTEMBRE OTTOBRE FINALE A partire dal mese di luglio 2016, i Servizi Veterinari delle Az-ULSS, hanno iniziato l attività di controllo sugli

Dettagli

West Nile Disease Sorveglianza Entomologica

West Nile Disease Sorveglianza Entomologica West Nile Disease Sorveglianza Entomologica Paola Angelini Serv. Sanità pubblica Diapositiva 1 Sorveglianza entomologica zanzare in ambito rurale Attività routinaria Trappole per adulti a CO 2 In situ

Dettagli

STANDARD DI RAZZA DELLA PECORA BROGNA

STANDARD DI RAZZA DELLA PECORA BROGNA STANDARD DI RAZZA DELLA PECORA BROGNA 117 Standard di razza della Pecora Brogna CARATTERI DELLA PECORA BROGNA, CONOSCIUTA ANCHE COME BROGNOLA, NOSTRANA, PROGNA, ROSS-A-VIS, TESTA ROSSA CARATTERI ESTERIORI

Dettagli

Sorveglianza e controllo delle malattie trasmesse da vettore. Le attività di disinfestazione da. Monselice, 25 febbraio 2015

Sorveglianza e controllo delle malattie trasmesse da vettore. Le attività di disinfestazione da. Monselice, 25 febbraio 2015 Sorveglianza e controllo delle malattie trasmesse da vettore Le attività di disinfestazione da zanzare Monselice, 25 febbraio 2015 Dr.ssa Anna Ferraresso Servizio Igiene e Sanità Pubblica Dipartimento

Dettagli

A. albopictus. Zanzara tigre

A. albopictus. Zanzara tigre Aedes albopictus Zanzara tigre Classificazione scientifica Dominio Regno Sottoregno Ramo Phylum Subphylum Superclasse Classe Sottoclasse Coorte Superordine Sezione Ordine Sottordine Infraordine Famiglia

Dettagli

Curriculum Vitae Europass

Curriculum Vitae Europass Curriculum Vitae Europass Informazioni personali Nome / Cognome Indirizzo Telefono Fax E-mail Luca Baldazzi Data di nascita 20/11/1967 Esperienza professionale Rese a favore di P.A. Il/La sottoscritta,

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2014/15 PROVE CANTONALI EDUCAZIONE VISIVA CLASSE PRIMA SOS API!

ANNO SCOLASTICO 2014/15 PROVE CANTONALI EDUCAZIONE VISIVA CLASSE PRIMA SOS API! Breve introduzione SOS API! Le api stanno vivendo un periodo molto difficile: minacciate da pesticidi usati nell agricoltura, da parassiti, dai cambiamenti climatici dovuti all inquinamento, per non parlare

Dettagli

ALLEVAMENTO BOVINO E BUFALINO IN UMBRIA

ALLEVAMENTO BOVINO E BUFALINO IN UMBRIA 1 UMBRIA: ALLEVAMENTO BOVINO E BUFALINO ALLEVAMENTO BOVINO E BUFALINO IN UMBRIA (Aggiornato al 31 dicembre 2015) Fonte dei dati I dati relativi all allevamento bovino e bufalino in Umbria sono stati estratti

Dettagli

La zanzara tigre (Aedes albopictus)

La zanzara tigre (Aedes albopictus) La zanzara tigre (Aedes albopictus) Introduzione In questo capitolo saranno descritte alcune caratteristiche della zanzara tigre al fine di capire meglio: perché la si cerca e combatte come riconoscerla

Dettagli