Applicazioni OLAP in ambiente Analysis Service

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Applicazioni OLAP in ambiente Analysis Service"

Transcript

1 Applicazioni OLAP in ambiente Analysis Service Pasquale De Meo DIMET Università Mediterranea di Reggio Calabria Via Graziella, Località Feo di Vito Corso di Sistemi Informativi- A.A Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria delle Telecomunicazioni Università degli Studi Mediterranea di Reggio Calabria

2 Indice 1 Impostazione della connessione all origine dati di sistema Concetti preliminari Definizione dell origine dati Tutorial Avvio di Analysis Manager Operazioni preliminari Impostazione dell origine dati Creazione guidata dei cubi Premessa Avvio della procedura di crezione guidata dei cubi Creazione delle Misure nel cubo Sales Creazione delle dimensioni del cubo Sales Creazione della dimensione Time Creazione della dimensione Product Creazione delle dimensioni Customer e Store Configurazione della modalità di archiviazione ed elaborazione del cubo Sales Operazioni OLAP sul cubo Sales Premessa Visualizzazione dei dati di un cubo Realizzazione delle operazioni di roll-up sul cubo Sales Realizzazione delle operazioni di drill-down sul cubo Sales Realizzazione delle operazioni di slice and dice sul cubo Sales Realizzazione delle operazioni di drill across sul cubo Sales. 42 1

3 Elenco delle figure 1.1 Amministrazione origine dati ODBC Schermata di avvio di Analysis Manager Impostazione del Database Tutorial Accesso a una Nuova origine dati Selezione di un provider Microsoft OLE Connessione a Microsoft Data Link Avvio del wizard Creazione Guidata Cubo Selezione della Tabella dei Fatti Selezione della tabella sales fact Visualizzazione dei dati della tabella sales fact Definizione delle misure del cubo Sales Definizione delle dimensioni del cubo Sales Creazione di una nuova dimensione Modalità di creazione di una dimensione Selezione della tabella time by day associata alla dimensione Time Definizione della dimensione Time Livelli di granularità della dimensione Time Schermata finale per la creazione della dimensione Time Schermata per la creazione guidata della dimensione Product Definizione della dimensione Product Selezione delle tabelle associate alla dimensione Product Visualizzazione del cammino di join esistente tra le tabelle product e product class Definizione del livello di granularità associato alla dimensione Product Definizione delle colonne chiave membro associate alla dimensione Product Completamento della procedura di creazione guidata della dimensione Product Completamento della procedura di creazione guidata del cubo Sales

4 3.21 Definizione del cubo Sales Tabella dei fatti e delle dimensioni associata al cubo Sales Definizione della dimensione Promotion in Editor cubi Selezione delle tabella promotion associato alla dimensione Promotion Inserimento della tabella promotion in Editor cubi Schermata finale per la creazione della dimensione Promotion Attivazione della procedura di elaborazione del cubo Sales Wizard di supporto all archiviazione del cubo Sales Selezione della procedura di elaborazione MOLAP del cubo Sales Scelta delle opzioni di aggregazione del cubo Sales Incremento delle prestazioni di Analysis Service al variare dello spazio aggiuntivo utilizzato su disco Schermata conclusiva della procedura di elaborazione del cubo Sales Cronogramma di elaborazione del cubo Sales Visualizzazione dei dati del cubo Sales secondo la dimensione Customer Visualizzazione dei dati del cubo Sales secondo la dimensione Product Roll-up della dimensione Time relativa al cubo Sales Visualizzazione dei dati secondo la dimensione Customer del cubo Sales Drill-down operato sul cubo Sales Avvio delle operazioni di slice and dice sul cubo Sales Realizzazione delle operazioni di slice and dice sul cubo Sales Realizzazione delle operazioni di selezione sul cubo Sales

5 Capitolo 1 Impostazione della connessione all origine dati di sistema 1.1 Concetti preliminari Prima di iniziare a utilizzare Analysis Manager, è necessario stabilire le connessioni all origine dati in Amministrazione origine dati ODBC. Nel caso di utenti del sistema operativo Microsoft Windows NT 4.0 le operazioni necessarie per stabilire le connessioni all origine dati sono le seguenti: Fare clic su Start. Selezionare Settings. Fare clic su Control Panel. Fare doppio clic su ODBC Data Sources. Viceversa, gli utenti di Windows 2000 oppure Windows XP devono svolgere le seguenti operazioni: Fare clic su Start. Selezionare Impostazioni. Fare clic su Pannello di Controllo. Fare doppio clic su Strumenti di amministrazione e quindi su Origine dati (ODBC). In entrambi i casi apparirà la schermata mostrata in Figura

6 Figura 1.1: Amministrazione origine dati ODBC 1.2 Definizione dell origine dati Tutorial Una volta attivata la voce Origine dati (ODBC) occorre svolgere le seguenti operazioni: Nella scheda DSN di sistema fare clic su Aggiungi. Selezionare Microsoft Access Driver (*.mdb) e quindi fare clic su Fine. Nella casella Nome origine dati scrivere Tutorial. Fare clic su Seleziona nel riquadro Database. Nella finestra di dialogo Selezione database passare alla directory C : \P rogrammi\m icrosof tanalysisservices\samples. Fare clic su FoodMart 2000.mdb. Fare clic su OK. Nella finestra di dialogo Configurazione ODBC per Microsoft Access fare clic su OK. Nella finestra di dialogo Amministrazione origine dati ODBC fare clic su OK. 5

7 Capitolo 2 Avvio di Analysis Manager 2.1 Operazioni preliminari Per avviare Analysis Manager occorre svolgere le seguenti operazioni: Fare clic su Start. Selezionare Programmi, Microsoft SQL Server e, infine, Analysis Services. Fare clic su Analysis Manager. Il risultato dell esecuzione di queste operazioni è riportato in Figura 2.1. A questo punto è possibile cominciare ad usare Analysis Manager. La prima operazione da svolgere consiste nell impostare il database di supporto allo svolgimento delle attività di OLAP. Nel corso di queste esercitazioni utilizzeremo il database Tutorial; tale database è fornito assieme al DBMS Microsoft SQL Server. Le operazioni da svolgere per impostare il database Tutorial sono le seguenti: Nel riquadro della struttura di Analysis Manager espandere la cartella Analysis Server. Fare clic sul nome del server in uso 1 per stabilire una connessione con Analysis Server. Fare clic con il pulsante destro del mouse sul nome del server PASQUALE e quindi scegliere Nuovo database. 1 Nel nostro caso il server si chiama PASQUALE 6

8 Figura 2.1: Schermata di avvio di Analysis Manager Nella finestra di dialogo Database scrivere Tutorial nella casella Nome database e quindi fare clic su OK. Nel riquadro della struttura di Analysis Manager espandere il server e quindi il database Tutorial. Il risultato di queste operazioni è mostrato in Figura Impostazione dell origine dati Una volta avviato Analysis Service occorre impostare l origine dati, ovvero occorre specificare i dati che possono essere utilizzati nella creazione dei cubi. Le operazioni da svolgere per definire una nuova origine dati sono le seguenti: Nel riquadro della struttura di Analysis Manager fare clic con il pulsante destro del mouse sulla cartella Origini dati sotto il nodo Tutorial e quindi scegliere Nuova origine dati. Il risultato di questa operazione è illustrato in Figura 2.3. Nella finestra di dialogo Proprietà di Data Link selezionare la scheda Provider e quindi fare clic su Microsoft OLE DB Provider for ODBC Drivers (si veda la Figura 2.4). Selezionare la scheda Connessione e quindi selezionare Tutorial nella casella di riepilogo a discesa Utilizza nome origine dati. 7

9 Figura 2.2: Impostazione del Database Tutorial Figura 2.3: Accesso a una Nuova origine dati 8

10 Figura 2.4: Selezione di un provider Microsoft OLE Fare clic su Verifica connessione per verificare il corretto funzionamento della connessione. Il risultato di operazione è mostrato in Figura 2.5. Nella finestra di dialogo Microsoft Data Link verrà visualizzato un messaggio che indica che la connessione è stata attivata correttamente. Fare clic su OK. Fare clic su OK per chiudere la finestra di dialogo Proprietà di Data Link. 9

11 Figura 2.5: Connessione a Microsoft Data Link 10

12 Capitolo 3 Creazione guidata dei cubi 3.1 Premessa Il concetto di OLAP cube assume una rilevanza cruciale nelle applicazioni OLAP. Il concetto di cubo è stato introdotto per gestire in maniera più semplice ed efficiente i dati che descrivono una realtà di interesse del Data Warehouse. Per meglio capire questo concetto si osservi che gli eventi che si verificano all interno di una realtà modellata tramite un Data Warehouse (ad esempio una realtà aziendale) sono tantissimi e, pertanto, non possono essere analizzati singolarmente. Per poter agevolmente selezionare e raggruppare tali eventi si immagina allora di collocarli in uno spazio n-dimensionale i cui assi, chiamati appunto dimensioni di analisi (o più semplicemente dimensioni), definiscono varie prospettive per la loro identificazione. Per esempio, le vendite in una catena di negozi possono essere rappresentate in uno spazio tridimensionale le cui dimensioni sono i prodotti, i negozi e le date. Il concetto di dimensione ha dato origine alla diffusissima metafora del cubo per la rappresentazione dei dati multidimensionali. Secondo questa metafora, gli eventi corrispondono a celle di un cubo i cui spigoli rappresentano le dimensioni di analisi (se le dimensioni sono più di tre, si tratta più propriamente di un ipercubo). Ogni cella del cubo conterrà una tupla di valori numerici dette misure: tali misure esprimono alcune caratteristiche quantitative dell evento associato a un cubo. Per chiarire meglio quanto detto si consideri una catena di negozi e si considerino le seguenti dimensioni di analisi: Negozi che identifica un negozio appartenete alla catena. Prodotto che identifica un prodotto venduto in uno dei negozi che formano la catena. Data che specifica la data di vendita di un prodotto. 11

13 In questo modello, un evento corrisponde alla vendita di un certo prodotto in un certo negozio in un certo giorno; tale evento può essere descritto da due misure quantitative: la quantità di prodotto venduta. l incasso derivante dalla vendita di quel prodotto Si osservi che potrebbero esistere dei cubi sparsi, ossia che molti eventi non si sono in effetti verificati: ciò significa, ad esempio, che un certo negozio X, in una data Z può non aver venduto nessun prodotto di tipo Y. In tal caso, le misure associate al cubo descritto dalla tripla X, Y, Z sono ovviamente indefinite. Si osservi che ciascuna dimensione è associata a una gerarchia di livelli di aggregazione (chiamata a volte gerarchia di roll-up) che ne raggruppa i valori in diversi modi. Per meglio chiarire questo concetto si osservi che i prodotti potrebbereo essere raggruppati in tipi e ulteriormente suddivisi in categorie; i negozi si trovano in città che a loro volta fanno parte di regioni. In cima a ciascuna gerarchia si trova un livello fittizio che raggruppa tutti i valori relativi a una dimensione. 3.2 Avvio della procedura di crezione guidata dei cubi Il tool Analysis Service offre numerosi strumenti grafici per la creazione dei cubi. Le operazioni da svolgere per avviare la creazione di un cubo sono le seguenti: Nel riquadro della struttura di Analysis Manager, sotto il database Tutorial fare clic con il pulsante destro del mouse sulla cartella Cubi e scegliere Nuovo cubo. Fare clic su Procedura guidata. Il risultato di queste operazioni viene riportato in Figura Creazione delle Misure nel cubo Sales Le misure associate al cubo Sales riportano l andamento delle vendite nei negozi (stores) presenti nella base di dati FoodMart Tali misure sono descritte dagli attributi store sales, store cost e unit sales; la procedura per aggiungere tali misure al cubo Sales è la seguente: 12

14 Figura 3.1: Avvio del wizard Creazione Guidata Cubo Nella schermata iniziale di Creazione guidata cubo (vedi Figura 3.1) fare clic su Avanti. Apparirà la schermata Selezionare una tabella dei fatti da un origine dati (vedi Figura 3.2) Espandere l origine dati Tutorial e quindi fare clic su sales Il risultato ottenuto viene mostrato in Figura 3.3. fact Opzionalmente, è possibile visualizzare i dati della tabella sales fact 1998; per far ciò è necessario fare clic su Visualizza dati. Il risultato ottenuto è riportato nella Figura 3.4. Per procedere al passo successivo è necessario fare clic su Avanti. Infine, per definire le misure del cubo, nella casella Colonne numeriche tabella dei fatti fare doppio clic sul store sales. Tale campo verrà cancellato dal riquadro sinistro (Colonne numeriche tabella dei fatti) e verrà trascinata nel riquadro a destra (Misure cubo). Tale operazione deve essere poi ripetuta per le colonne store cost e unit sales. Il risultato ottenuto è mostrato in Figura 3.5 Fare clic su Avanti. 3.4 Creazione delle dimensioni del cubo Sales In questa sezione mostremo la procedura da seguire per creare le dimensioni del cubo Sales. In particolare, le dimensioni previste sono: 13

15 Figura 3.2: Selezione della Tabella dei Fatti. Figura 3.3: Selezione della tabella sales fact

16 Figura 3.4: Visualizzazione dei dati della tabella sales fact 1998 Figura 3.5: Definizione delle misure del cubo Sales 15

17 Figura 3.6: Definizione delle dimensioni del cubo Sales Time Product Customer Store 3.5 Creazione della dimensione Time Dopo aver definito le misure da associare al cubo Sales occorre procedere alla definizione delle sue dimensioni. In particolare, la schermata che appare è illustrata in Figura 3.6. Si osservi che la schermata Selezionare le dimensioni per il cubo si compone di due parti: La componente Dimensioni condivise che indica le dimensioni eventualmente già definite dal progettista. In particolare, in Analysis Service, il progettista può definire due tipologie di dimensioni: Dimensioni Private. Una dimensione privata viene definita contestualmente alla creazione di un cubo. Tale dimensione non può essere riutilizzata nella definizione di altri cubi. Dimensioni Condivise. Una dimensione condivisa viene definita una sola volta e può essere utilizzata pubblicamente da tutti i cubi costruiti dal progettista. 16

18 Figura 3.7: Creazione di una nuova dimensione La componente Dimensione cubo che contiene le dimensioni associate al cubo che si intende costruire. I passi necessari per creare la dimensione Time sono: Nella schermata Selezionare le dimensioni per il cubo fare clic su Nuova dimensione. Tale operazione permette di avviare la schermata Creazione guidata dimensione (si veda la Figura 3.7). Dopo aver premuto il pulsante Avanti apparirà la schermata illustrata in Figura 3.8. Tale schermata offre molteplici alternative per la creazione di una dimensione. In questo corso ci limiteremo a considerare le prime due, ovvero: Schema a stella: un unica tabella delle dimensioni. Questa alternativa viene scelta se le colonne che definiscono i livelli di granularità associati alla dimensione che si intende definire provengono da una sola tabella. Schema a fiocco di neve: più tabelle delle dimensioni correlate. Questa alternativa viene scelta se le colonne che definiscono i livelli di granularità associati alla dimensione che si intende costruire provengono da tabelle differenti. Per definire la dimensione Time sceglieremo l opzione Schema a stella: un unica tabella delle dimensioni. L uso dell opzione Schema 17

19 Figura 3.8: Modalità di creazione di una dimensione a fiocco di neve: più tabelle delle dimensioni correlate verrà illustrato nella procedura di creazione della dimensione Product. Dopo aver premuto Avanti, apparirà la schermata Selezionare la tabella delle dimensioni; si selezioni la tabella time by day. Il risultato ottenuto è riportato in Figura 3.9. Dopo aver premuto Avanti apparirà la schermata mostrata in Figura Si selezioni la voce Dimensione Temporale. Dopo aver premuto nuovamente Avanti apparirà la schermata illustrata in Figura Tale schermata permette di selezionare i livelli di granularità della dimesione temporale. Nel nostro caso, si consideri la casella Seleziona livelli temporali e si selezioni Anno, trimestre, mese. Fare clic su Avanti; apparirà la schermata Selezionare le opzioni avanzate. Fare nuovamente clic su Avanti. Infine apparirà la schermata riprodotta in Figura In tale schermata occorre inserire il nome da assegnare alla dimensione appena creata. Tale dimensione, nel nostro caso si chiama Time. 18

20 Figura 3.9: Selezione della tabella time by day associata alla dimensione Time Figura 3.10: Definizione della dimensione Time 19

21 Figura 3.11: Livelli di granularità della dimensione Time Figura 3.12: Schermata finale per la creazione della dimensione Time 20

22 Figura 3.13: Schermata per la creazione guidata della dimensione Product Si noti che tale schermata contiene la casella di spunto Condividi la dimensione con altri cubi; tale casella permette di definire dimensioni condivise (scelta di default) o private. 3.6 Creazione della dimensione Product In questa sezione illustreremo i passi da seguire per creare la dimensione Product. I passi necessari sono i seguenti: Dopo aver definito la dimensione Time, fare nuovamente clic su Nuova dimensione. Nella schermata iniziale di Creazione guidata dimensione fare clic su Avanti (si veda la Figura 3.13).. Nella schermata Selezionare la modalità di creazione della dimensione (si veda la Figura 3.14) selezionare Schema a fiocco di neve: più tabelle delle dimensioni correlate e quindi fare clic su Avanti.. Nella schermata Selezionare le tabelle delle dimensioni occorrerà scegliere le tabelle da cui estrarre le colonne che definiscono la dimensione Product. Nel nostro caso, le tabelle da scegliere sono product e product class. Queste tabelle devono essere trascinate dal riquadro di sinistra della maschera Selezionare le tabelle delle dimensioni 21

23 Figura 3.14: Definizione della dimensione Product al riquadro di destra della stessa maschera; tale operazione può essere svolta facendo fatto doppio clic sulle tabelle product e product class. Le tabelle selezionate compariranno nel riquadro Tabelle selezionate (si veda la Figura 3.15).. Infine, fare clic su Avanti. Le due tabelle selezionate nel passaggio precedente e il join tra loro esistente vengono visualizzati nella schermata Creare e modificare i join (vedi Figura 3.16). Fare clic su Avanti. A questo punto, come nel caso della dimensione temporale, è necessario definire la granularità della dimensione Product. Per definire tale granularità, nel riquadro Colonne disponibili fare doppio clic sulle colonne product category, product subcategory e brand name (in questo ordine!). Dopo avere fatto doppio clic su ogni colonna, il nome corrispondente viene visualizzato nella casella Livelli della dimensione. Il risultato ottenuto è riportato in Figura Dopo aver selezionato la voce Avanti apparirà la schermata illustrata in Figura In questo caso è sufficiente fare clic su Avanti. Nella schermata Selezionare le opzioni avanzate fare clic su Avanti. Nella schermata finale (si veda la Figura 3.19) della procedura guidata 22

24 Figura 3.15: Selezione delle tabelle associate alla dimensione Product Figura 3.16: Visualizzazione del cammino di join esistente tra le tabelle product e product class 23

25 Figura 3.17: Definizione del livello di granularità associato alla dimensione Product Figura 3.18: Definizione delle colonne chiave membro associate alla dimensione Product 24

26 Figura 3.19: Completamento della procedura di creazione guidata della dimensione Product scrivere Product nella casella Nome dimensione e lasciare selezionata la casella di controllo Condividi la dimensione con altri cubi. Fare clic su Fine. 3.7 Creazione delle dimensioni Customer e Store In modo analogo a quanto detto prima si possono creare le dimensioni Customer e Store. I dati associati a tali dimensioni sono riportati nella Tabella 3.1. A conclusione delle attività svolte apparirà la schermata illustrata in Figura 3.20 Dopo aver fatto clic su Si apparirà la schermata illustrata in Figura Nel riquadro Nome Cubo occorre inserire il nome del cubo, ovvero Sales; si noti che la parte bassa della maschera, ovvero il riquadro Struttura Cubo contiene delle informazioni che descrivono qualitativamente e quantitativamente il cubo appena creato. Dopo aver premuto Fine apparirà la schermata Editor Cubi illustrata in Figura L ambiente Editor Cubi visualizza la struttura del cubo Sales. Si osservi che la Tabella dei Fatti è rappresentata in giallo mentre le tabelle associate alle singole dimensioni sono rappresentate in blu. L interfaccia Editor Cubi è estremamente potente e permette di manipolare i cubi creati dall utente. In particolare, tramite Editor Cubi è possibile aggiungere una (o più dimensioni) ai cubi già disponibili. Occorre 25

27 Figura 3.20: Completamento della procedura di creazione guidata del cubo Sales Figura 3.21: Definizione del cubo Sales 26

28 Dimensione Tabella di provenienza Livelli di granularità Dimensione condivisa Customer Customer country Si state province l name Store Store store country Si store state store city store name Tabella 3.1: Dati necessari per costruzione delle dimensioni associate cubi Customer e Store Figura 3.22: Tabella dei fatti e delle dimensioni associata al cubo Sales però sottolineare che le dimensioni create in Editor Cubi sono dimensioni private, ovvero possono essere utilizzate solo con il cubo su cui si sta lavorando e non possono essere condivise con altri cubi. A titolo di esempio, aggiungiamo la dimensione Promotion al cubo Sales appena creato. La procedura necessaria è la seguente: In Editor Cubi scegliere Tabelle dal menu Inserisci (si veda la Figura 3.23). Nella finestra di dialogo Seleziona tabella selezionare la tabella promotion, fare clic su Aggiungi e quindi su Chiudi. Il risultato ottenuto è mostrato nella Figura

29 Figura 3.23: Definizione della dimensione Promotion in Editor cubi Figura 3.24: Selezione delle tabella promotion associato alla dimensione Promotion 28

30 Figura 3.25: Inserimento della tabella promotion in Editor cubi Per definire la nuova dimensione, fare doppio clic sulla colonna promotion name nella tabella promotion. Il risultato di questa operazione è illustrato in Figura Nella finestra di dialogo Mapping colonna selezionare Dimensione e quindi fare clic su OK. A questo punto, selezionare la dimensione Promotion Name dalla tabella promotion che appare nel layout di Editor Cubi. Scegliere Rinomina dal menu Modifica e scrivere Promotion. Infine occorre salvare le modifiche effettuate. Conclusa questa operazione, apparirà la schermata illustrata in Figura Quando viene richiesto di configurare la modalità di archiviazione, fare clic su No. La modalità di archiviazione verrà configurata in una fase successiva (si veda la Sezione 3.8). 3.8 Configurazione della modalità di archiviazione ed elaborazione del cubo Sales In questa sezione vengono illustrate le procedure necessaarie per memorizzare ed elaborare i cubi. Le operazioni da svolgere sono le seguenti: Nel riquadro della struttura di Analysis Manager espandere la cartella Cubi, fare clic con il pulsante destro del mouse sul cubo Sales e 29

31 Figura 3.26: Schermata finale per la creazione della dimensione Promotion quindi scegliere Configura archiviazione. Il risultato ottenuto sarà illustrato in Figura Apparirà la schermata mostrata in Figura 3.28; fare clic su Avanti. A questo punto, occorre scegliere la modalità di archiviazione dei dati. Analysis Service offre tre differenti possibilità di archiviazione dei dati: 1. OLAP multidimensionale (MOLAP) 2. OLAP relazionale (ROLAP) 3. OLAP ibrido (HOLAP) Le opzioni relative all archiviazione fisica influiscono sulle prestazioni di Analysis Service. Occorre osservare che in tutte le tipologie possibili di archiviazioni sono previste delle strutture dati di supporto che memorizzano alcune proprietà del cubo: ad esempio è possibile eseguire delle query che contengono degli operatori aggregati (ad esempio somme o medie) sui dati associati alle dimensioni dei cubi; tali strutture dati vengono spesso chiamate aggregazioni. 1. La modalità di archiviazione MOLAP prevede l archiviazione di una copia dei dati di origine del cubo in una struttura multidimensionale; tale struttura può essere memorizzata sul computer 30

32 Figura 3.27: Attivazione della procedura di elaborazione del cubo Sales Figura 3.28: Wizard di supporto all archiviazione del cubo Sales 31

33 in cui sono presenti i dati di origine (archiviazione locale) oppure su un altro computer (archiviazione remota). Inoltre le aggregazioni verranno memorizzate in una struttura multidimensionale. A causa della replicazione dei dati di origine, i tempi di elaborazione e risposta alle query sono potenzialmente più rapidi rispetto alla modalità di archiviazione ROLAP oppure HOLAP. Tuttavia, in Analysis Service cubi di dimensioni estremamente grandi non possono essere memorizzati in modalità MOLAP; per tale motivo la modalità MOLAP risulta più appropriata per analizzare cubi di piccole dimensioni soggetti a un utilizzo frequente e che richiedono tempi di risposta rapidi per le query. 2. La modalità di archiviazione ROLAP prevede l archiviazione delle aggregazione su viste indicizzate. A differenza della modalità di archiviazione MOLAP, ROLAP non prevede l archiviazione di una copia dei dati di origine: se non è possibile ricavare i risultati dalle aggregazioni o dalla cache del client, per rispondere alle query si accede alla tabella dei fatti. Con la modalità di archiviazione ROLAP i tempi di risposta alle query di norma sono più lenti rispetto alle modalità MOLAP ed HOLAP. Il modello RO- LAP viene in genere utilizzato per cubi di grandi dimensioni per i quali la frequenza di query è limitata. 3. La modalità di archiviazione HOLAP combina le modalità MO- LAP e ROLAP. In modo analogo a MOLAP, HOLAP prevede l archiviazione delle aggregazioni in una struttura multidimensionale di un computer Analysis Server. Inoltre, la tecnica HO- LAP non effettua l archiviazione di una copia dei dati di origine. Per le query che accedono esclusivamente a dati di riepilogo contenuti nelle aggregazioni di un cubo, HOLAP equivale a MO- LAP. Le query che accedono ai dati di origine per cui non sono disponibili dati aggregati devono recuperare i dati dal database relazionale e non saranno altrettanto rapide quanto le query su dati di origine archiviati nella struttura MOLAP. Da quanto detto segue che la modalità di archiviazione HOLAP presenta tempi di elaborazioni delle query più rapidi rispetto alla modalità ROLAP e più lenti riepetto alla tecnica MOLAP; inoltre la tecnica HOLAP permette di manipolare cubi mediamente più grandi rispetto a quelli trattati da tecniche MOLAP. Nel nostro caso sceglieremo la modalità MOLAP (vedi la Figura 3.29). Fare clic su Avanti. Apparirà la schermata Imposta opzioni di aggregazione Figura Questa maschera consente di impostare le operazioni di aggregazione dei dati associati ai cubi. Analysis Service consente di specificare 32

34 Figura 3.29: Selezione della procedura di elaborazione MOLAP del cubo Sales Figura 3.30: Scelta delle opzioni di aggregazione del cubo Sales 33

35 Figura 3.31: Incremento delle prestazioni di Analysis Service al variare dello spazio aggiuntivo utilizzato su disco una percentuale di miglioramento, ovvero un indice che specifica di quanto devono essere migliorate le prestazioni di elaborazione di una query OLAP. Ovviamente, tanto più alto è il tasso di miglioramento chiesto, tanto maggiore è lo spazio in memoria necessario per memorizzare il cubo e le aggregazioni ad esso associato. Nel nostro caso sceglieremo la voce Miglioramento delle prestazioni e nella casella ad essa adiacente scriveremo 40 per indicare la percentuale di miglioramento. Fare clic su Avvia. A questo punto il cubo Sales viene elaborato e memorizzato. A conclusione dell elaborazione apparirà la schermata illustrata in Figura Il grafico a destra indica lo spazio addizionale richiesto su disco necessario per ottenere l aumento delle prestazioni richiesto. In particolare, esso specifica che per avere un aumento delle prestazioni del 40% occorre uno spazio supplementare pari a circa 200Kb (ovvero il 10% della dimensione del cubo Sales). Al termine del processo di elaborazione fare clic su Avanti. Apparirà la schermata riportata in Figura Nel gruppo Come si desidera procedere? adesso e quindi fare clic su Fine. Il risultato finale sarà presentato nella Figura selezionare Elabora 34

36 Figura 3.32: Schermata conclusiva della procedura di elaborazione del cubo Sales Figura 3.33: Cronogramma di elaborazione del cubo Sales 35

37 Tale schermata contiene tutte le informazioni associate all elaborazione del cubo Sales. Facendo clic su Chiudi sarà possibile tornare alla schermata di Analysis Manager. 36

38 Capitolo 4 Operazioni OLAP sul cubo Sales 4.1 Premessa In questa sezione verranno descritte le principali operazioni OLAP che si possono effettuare sul cubo Sales definito nella Sezione 3. In particolare, le operazioni OLAP che esamineremo sono: Visualizzazione dei dati di un cubo Roll-up Drill-down Slice and Dice Drill Across 4.2 Visualizzazione dei dati di un cubo Per visualizzare i dati che compongono un cubo occorre svolgere le seguenti operazioni: Nel riquadro della struttura di Analysis Manager fare clic con il pulsante destro del mouse sul cubo Sales e quindi scegliere Visualizza dati. Verrà attivato Visualizzatore cubi (si veda la Figura 4.1); Si osservi che la griglia si compone di due parti: La parte alta contiene informazioni sulle dimensioni Product, Promotion Name, Store e Time. La parte bassa contiene informazioni associate alla dimensione Customer. 37

39 Figura 4.1: Visualizzazione dei dati del cubo Sales secondo la dimensione Customer. Se vogliamo sostituire una dimensione presente nella griglia con un altra, è sufficiente trascinare la dimensione dal riquadro superiore e rilasciarla direttamente sulla colonna che si desidera sostituire. A titolo di esempio spostiamo la dimensione Product nella voce Measures Level. Il risultato ottenuto viene riportato in Figura 4.2; La tabella ottenuta si legge così: i customer del Canada (riga 2) hanno speso in totale ,46 $, di cui 2 965,62 $ in Baking Goods, 2 478,10 in Bathroom Products e cosi via. 4.3 Realizzazione delle operazioni di roll-up sul cubo Sales Roll-up significa letteralmente arrotolare o alzare, e induce un aumento nell aggregazione dei dati eliminando un livello di dettaglio da una gerarchia. Si supponga, per esempio, che l utente stia visualizzando gli incassi mensili del 97 e 98 per ciascuna ragione del cliente: effettuare un roll-up significa, ad esempio, eliminare il dettaglio sui singoli mesi per visualizzare gli incassi trimestrali complessivi per ciascuna regione. Il roll-up può anche portare alla diminuzione della dimensionalità del risultato, qualora tutti i dettagli di una gerarchia vengano eliminati: ad esempio ciò può significare eliminare le informazioni riguardo ai clienti e 38

40 Figura 4.2: Visualizzazione dei dati del cubo Sales secondo la dimensione Product visualizzare gli incassi annuali totali per ogni categoria di prodotto, passando da una tabella tridimensionale ad una bidimensionale. Per eseguire l operazione di roll-up su una dimensione, ad esempio la dimensione Time occorre fare le seguenti operazioni: Si consideri la schermata presentata in Figura 4.2. A questo punto, fare clic sulla freccia accanto alla dimensione Time. Successivamente occorre espandere i nodi Totale Time e 1998 e quindi fare doppio clic su Quarter 1 (si veda la Figura 4.3). In tal caso il livello della granularità della dimensione Time cambia e, come si vede dalla Figura 4.3, i dati visualizzati nella parte bassa della maschera cambiano di conseguenza. In particolare, verranno visualizzati i dati relativi alle vendite del primo trimestre del 1998 ripartiti in rapporto alle aree geografiche di vendita. 4.4 Realizzazione delle operazioni di drill-down sul cubo Sales L operazione di drill-down (letteralmente, trivellare) è l operazione inversa del roll-up; infatti essa diminuisce l aggregazione dei dati introducendo un ulteriore livello di dettaglio in una gerarchia. Per eseguire l operazione di drill-down sulla dimensione Time occorre svolgere i seguenti passi: 39

41 Figura 4.3: Roll-up della dimensione Time relativa al cubo Sales Si consideri la schermata presentata nella Figura 4.3. A questo punto occorre invertire la posizione delle dimensioni Product e Customer. Il risultato ottenuto viene mostrato nella Figura 4.4). Fare clic sulla dimensione Product e trascinarla su Country. Infine fare doppio clic nella cella della griglia contrassegnata dalla voce Baking Goods. Il cubo verrà espanso per includere la colonna della sottocategoria come mostrato in Figura Realizzazione delle operazioni di slice and dice sul cubo Sales Il termine slice-and-dice (letteralmente, tagliare a fette e cubetti) è uno dei più abusati nella letteratura sul Data Warehousing, anche se con differenti significati. Alcuni autori lo usano per denotare genericamente l intero processo di navigazione OLAP, altri per indicare operazioni di selezione e proiezione sui dati. Noi chiameremo slicing l operazione che riduce la dimensionalità del cubo fissando un valore per una delle dimensioni, selezione o filtraggio l operazione che riduce l insieme dei dati oggetto di analisi attraverso la formulazione di un criterio di selezione. Per effettuare lo slice and dice sul cubo Sales bisogna svolgere le seguenti operazioni: Nel riquadro della struttura di Analysis Manager, sotto il database 40

42 Figura 4.4: Visualizzazione dei dati secondo la dimensione Customer del cubo Sales Figura 4.5: Drill-down operato sul cubo Sales 41

43 Figura 4.6: Avvio delle operazioni di slice and dice sul cubo Sales Tutorial espandere la cartella Cubi, fare clic con il pulsante destro del mouse sul cubo Sales e quindi scegliere Modifica. Queste operazioni permettono di avviare l interfaccia Editor cubi. In Editor cubi scegliere Opzioni drill-through dal menu Strumenti. Apparirà la schermata mostrata in Figura 4.6). Nella finestra di dialogo Opzioni drill-through cubo selezionare la casella di controllo Consenti drill-through (si veda la Figura 4.7). A questo punto per effettuare l operazione di proiezione (slice) bisognerà selezionare le colonne che si intende proiettare dal riquadro Colonne. Viceversa, se si vuole effettuare un operazione di selezione (dice), bisogna selezionare la voce Filtro. Il risultato ottenuto viene mostrato nella Figura 4.8). Nel riquadro bianco bisogna scrivere il predicato booleano associato all operazione di selezione che si intende eseguire. 4.6 Realizzazione delle operazioni di drill across sul cubo Sales Con il termine drill-across si intende la possibilità di stabilire un collegamento tra due o più cubi correlati al fine di compararne i dati, per esempio calcolando espressioni che coinvolgono misure prese dai due cubi. 42

44 Figura 4.7: Realizzazione delle operazioni di slice and dice sul cubo Sales Figura 4.8: Realizzazione delle operazioni di selezione sul cubo Sales 43

Microsoft SQL Server 2000 Analysis Services

Microsoft SQL Server 2000 Analysis Services Microsoft SQL Server 2000 Analysis Services In questa esercitazione verranno descritte le nozioni fondamentali relative all'utilizzo di un modello multidimensionale finalizzato all'analisi dei dati aziendali.

Dettagli

Lezione 9. Microsoft Analysis Services: Principi e Funzionalità

Lezione 9. Microsoft Analysis Services: Principi e Funzionalità Lezione 9 Microsoft Analysis Services: Principi e Funzionalità MS Analysis Services (OLAP Server) E l implementazione Microsoft di OLAP Server Offre buone prestazione per realtà aziendali medie/grandi

Dettagli

Ambienti Operativi per OLAP. Casi di Studio

Ambienti Operativi per OLAP. Casi di Studio Ambienti Operativi per OLAP. Casi di Studio Alfredo Cuzzocrea DEIS Dipartimento di Elettronica, Informatica e Sistemistica Università della Calabria cuzzocrea@deis.unical.it Sommario Installazione e Configurazione

Dettagli

MODULO 5 Basi di dati (database)

MODULO 5 Basi di dati (database) MODULO 5 Basi di dati (database) I contenuti del modulo: questo modulo riguarda la conoscenza da parte del candidato dei concetti fondamentali sulle basi di dati e la sua capacità di utilizzarli. Il modulo

Dettagli

LA GESTIONE DELLE VISITE CLIENTI VIA WEB

LA GESTIONE DELLE VISITE CLIENTI VIA WEB LA GESTIONE DELLE VISITE CLIENTI VIA WEB L applicazione realizzata ha lo scopo di consentire agli agenti l inserimento via web dei dati relativi alle visite effettuate alla clientela. I requisiti informatici

Dettagli

02/mag/2012. Il Modello Multidimensionale. Il Modello Multidimensionale. Il Modello Multidimensionale. Il Modello Multidimensionale

02/mag/2012. Il Modello Multidimensionale. Il Modello Multidimensionale. Il Modello Multidimensionale. Il Modello Multidimensionale Modello semplice ed intuitivo Si presta bene a descrivere dei FATTI in modo grafico (CUBO o IPERCUBO) Es. di FATTI: Vendite Spedizioni Ricoveri Interventi chirurgici Andamento borsistico 62 Un cubo multidimensionale

Dettagli

Analisi dei dati di Navision con Excel

Analisi dei dati di Navision con Excel Analisi dei dati di Navision con Excel Premessa I dati presenti nei sistemi gestionali hanno il limite di fornire una visione monodimensionale degli accadimenti aziendali, essendo memorizzati in tabelle

Dettagli

Esercitazione n. 8: Funzionalità base di MS Access

Esercitazione n. 8: Funzionalità base di MS Access + Strumenti digitali per la comunicazione A.A 2013/14 Esercitazione n. 8: Funzionalità base di MS Access Scopo: Familiarizzare con le funzionalità principali del DBMS (Database Management System) Microsoft

Dettagli

REALIZZAZIONE DI REPORT MEDIANTE MICROSOFT EXCEL 2007

REALIZZAZIONE DI REPORT MEDIANTE MICROSOFT EXCEL 2007 SISTEMA A SUPPORTO DEI PROCESSI DI PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO DI GESTIONE NELLE ORGANIZZAZIONI PUBBLICHE REALIZZAZIONE DI REPORT MEDIANTE MICROSOFT EXCEL 2007 Copyright 2010 CSIO Società di Informatica

Dettagli

B C. Panoramica di Access 2010. Elementi dell interfaccia

B C. Panoramica di Access 2010. Elementi dell interfaccia Panoramica di Access 2010 A B C D E Elementi dell interfaccia A Scheda File (visualizzazione Backstage) Consente l accesso alla nuova visualizzazione backstage di Access 2010, che contiene un menu di comandi

Dettagli

Capitolo I Esercitazione n. 1: Uso del computer e gestione dei file

Capitolo I Esercitazione n. 1: Uso del computer e gestione dei file Capitolo I Esercitazione n. 1: Uso del computer e gestione dei file Scopo: Windows, creare cartelle, creare e modificare file di testo, usare il cestino, spostare e copiare file, creare collegamenti. A

Dettagli

Esercitazione n. 9: Creazione di un database relazionale

Esercitazione n. 9: Creazione di un database relazionale + Strumenti digitali per la comunicazione A.A 2013/14 Esercitazione n. 9: Creazione di un database relazionale Scopo: Scopo di questa esercitazione è la creazione di una base dati relazionale per la gestione

Dettagli

4.1 UTILIZZO DELL APPLICAZIONE

4.1 UTILIZZO DELL APPLICAZIONE 4.1 UTILIZZO DELL APPLICAZIONE Il foglio elettronico (definito anche spreadsheet) è uno strumento formidabile. Possiamo considerarlo come una specie di enorme tabellone a griglia il cui utilizzo si estende

Dettagli

5.2 UTILIZZO DELL APPLICAZIONE

5.2 UTILIZZO DELL APPLICAZIONE 5.2 UTILIZZO DELL APPLICAZIONE Base offre la possibilità di creare database strutturati in termini di oggetti, quali tabelle, formulari, ricerche e rapporti, di visualizzarli e utilizzarli in diverse modalità.

Dettagli

1. I database. La schermata di avvio di Access

1. I database. La schermata di avvio di Access 7 Microsoft Access 1. I database Con il termine database (o base di dati) si intende una raccolta organizzata di dati, strutturati in maniera tale che, effettuandovi operazioni di vario tipo (inserimento

Dettagli

Guida Utente Cos è aworkbook Cataloghi e sessioni Prodotti Assortimenti Risorse Presentazioni 11 Procedura d ordine

Guida Utente Cos è aworkbook Cataloghi e sessioni Prodotti Assortimenti Risorse Presentazioni 11 Procedura d ordine Guida Utente V.0 Cos è aworkbook Cataloghi e sessioni Prodotti Assortimenti 7 Risorse 0 Presentazioni Procedura d ordine Cos è aworkbook Prodotti Risorse Presentazione Assortimento aworkbook presenta al

Dettagli

Per ulteriori informazioni, vedere l'articolo Nozioni fondamentali della progettazione di database.

Per ulteriori informazioni, vedere l'articolo Nozioni fondamentali della progettazione di database. 1 di 13 22/04/2012 250 Supporto / Access / Guida e procedure di Access 2007 / Tabelle Guida alle relazioni tra tabelle Si applica a: Microsoft Office Access 2007 Uno degli obiettivi di una buona strutturazione

Dettagli

Lezione 3. Modello Multidimensionale dei Dati Metadati per il Data Warehousing Accesso ai Data Warehouses Implementazioni per il Data Warehousing

Lezione 3. Modello Multidimensionale dei Dati Metadati per il Data Warehousing Accesso ai Data Warehouses Implementazioni per il Data Warehousing Lezione 3 Modello Multidimensionale dei Dati Metadati per il Data Warehousing Accesso ai Data Warehouses Implementazioni per il Data Warehousing 27/02/2010 1 Modello multidimensionale Nasce dall esigenza

Dettagli

Che cos'è un modulo? pulsanti di opzione caselle di controllo caselle di riepilogo

Che cos'è un modulo? pulsanti di opzione caselle di controllo caselle di riepilogo Creazione di moduli Creazione di moduli Che cos'è un modulo? Un elenco di domande accompagnato da aree in cui è possibile scrivere le risposte, selezionare opzioni. Il modulo di un sito Web viene utilizzato

Dettagli

Data warehousing con SQL Server

Data warehousing con SQL Server Data warehousing con SQL Server SQL Server è un RDBMS (Relational DataBase Management System) Analysis Services è un componente di SQL Server che offre un insieme di funzionalità di supporto al data warehousing

Dettagli

Analisi dei Dati. Lezione 10 Introduzione al Datwarehouse

Analisi dei Dati. Lezione 10 Introduzione al Datwarehouse Analisi dei Dati Lezione 10 Introduzione al Datwarehouse Il Datawarehouse Il Data Warehousing si può definire come il processo di integrazione di basi di dati indipendenti in un singolo repository (il

Dettagli

Cos è ACCESS? E un programma di gestione di database (DBMS) Access offre: un ambiente user frendly da usare (ambiente grafico)

Cos è ACCESS? E un programma di gestione di database (DBMS) Access offre: un ambiente user frendly da usare (ambiente grafico) Cos è ACCESS? E un programma di gestione di database (DBMS) Access offre: un ambiente user frendly da usare (ambiente grafico) 1 Aprire Access Appare una finestra di dialogo Microsoft Access 2 Aprire un

Dettagli

Guida Utente PS Contact Manager GUIDA UTENTE

Guida Utente PS Contact Manager GUIDA UTENTE GUIDA UTENTE Installazione...2 Prima esecuzione...5 Login...7 Registrazione del programma...8 Inserimento clienti...9 Gestione contatti...11 Agenti...15 Archivi di base...16 Installazione in rete...16

Dettagli

Introduzione al foglio elettronico

Introduzione al foglio elettronico Introduzione al foglio elettronico 1. Che cos'è un foglio elettronico? Un foglio elettronico è un programma che permette di inserire dei dati, di calcolare automaticamente i risultati, di ricalcolarli

Dettagli

1. Le macro in Access 2000/2003

1. Le macro in Access 2000/2003 LIBRERIA WEB 1. Le macro in Access 2000/2003 Per creare una macro, si deve aprire l elenco delle macro dalla finestra principale del database: facendo clic su Nuovo, si presenta la griglia che permette

Dettagli

La pagina di Explorer

La pagina di Explorer G. Pettarin ECDL Modulo 7: Internet 11 A seconda della configurazione dell accesso alla rete, potrebbe apparire una o più finestre per l autenticazione della connessione remota alla rete. In linea generale

Dettagli

. A primi passi con microsoft a.ccepss SommarIo: i S 1. aprire e chiudere microsoft access Start (o avvio) l i b tutti i pro- grammi

. A primi passi con microsoft a.ccepss SommarIo: i S 1. aprire e chiudere microsoft access Start (o avvio) l i b tutti i pro- grammi Capitolo Terzo Primi passi con Microsoft Access Sommario: 1. Aprire e chiudere Microsoft Access. - 2. Aprire un database esistente. - 3. La barra multifunzione di Microsoft Access 2007. - 4. Creare e salvare

Dettagli

Corso introduttivo a MS Excel ed MS Access. sergiopinna@tiscali.it

Corso introduttivo a MS Excel ed MS Access. sergiopinna@tiscali.it Corso introduttivo a MS Excel ed MS Access sergiopinna@tiscali.it Seconda Parte: Ms Access (lezione #2) CONTENUTI LEZIONE Query Ordinamento Avanzato Maschere Report Query (interrogazioni) Gli strumenti

Dettagli

Roxio Retrieve Manuale per l utente

Roxio Retrieve Manuale per l utente Manuale per l utente 2 Sommario 1 Roxio Retrieve 3 Informazioni su Roxio Retrieve........................... 4 Possibile indisponibilità di alcune funzioni................ 4 Avvio di Roxio Retrieve.................................

Dettagli

5.6.1 REPORT, ESPORTAZIONE DI DATI

5.6.1 REPORT, ESPORTAZIONE DI DATI 5.6 STAMPA In alcune circostanze può essere necessario riprodurre su carta i dati di tabelle o il risultato di ricerche; altre volte, invece, occorre esportare il risultato di una ricerca, o i dati memorizzati

Dettagli

Esame di Informatica CHE COS È UN FOGLIO ELETTRONICO CHE COS È UN FOGLIO ELETTRONICO CHE COS È UN FOGLIO ELETTRONICO. Facoltà di Scienze Motorie

Esame di Informatica CHE COS È UN FOGLIO ELETTRONICO CHE COS È UN FOGLIO ELETTRONICO CHE COS È UN FOGLIO ELETTRONICO. Facoltà di Scienze Motorie Facoltà di Scienze Motorie CHE COS È UN FOGLIO ELETTRONICO Una tabella che contiene parole e numeri che possono essere elaborati applicando formule matematiche e funzioni statistiche. Esame di Informatica

Dettagli

L accesso ad una condivisione web tramite il protocollo WebDAV con Windows XP

L accesso ad una condivisione web tramite il protocollo WebDAV con Windows XP L accesso ad una condivisione web tramite il protocollo WebDAV con Windows XP Premessa Le informazioni contenute nel presente documento si riferiscono alla configurazione dell accesso ad una condivisione

Dettagli

On-line Corsi d Informatica sul web

On-line Corsi d Informatica sul web On-line Corsi d Informatica sul web Corso base di FrontPage Università degli Studi della Repubblica di San Marino Capitolo1 CREARE UN NUOVO SITO INTERNET Aprire Microsoft FrontPage facendo clic su Start/Avvio

Dettagli

Microsoft Access Maschere

Microsoft Access Maschere Microsoft Access Maschere Anno formativo: 2007-2008 Formatore: Ferretto Massimo Mail: Skype to: ferretto.massimo65 Profile msn: massimoferretto@hotmail.com "Un giorno le macchine riusciranno a risolvere

Dettagli

Lezione 9. Ambienti Operativi per OLAP Casi di Studio 08/03/2010 1

Lezione 9. Ambienti Operativi per OLAP Casi di Studio 08/03/2010 1 Lezione 9 Ambienti Operativi per OLAP Casi di Studio 08/03/2010 1 Ambienti Operativi per OLAP. Casi di Studio Alfredo Cuzzocrea DEIS Dipartimento di Elettronica, Informatica e Sistemistica Università della

Dettagli

Registro unico Antiriciclaggio

Registro unico Antiriciclaggio Registro unico Antiriciclaggio VERSIONE PROFESSIONISTI E CED VERSIONE 4.0.0 Sommario Introduzione... 4 Requisiti di sistema... 5 Installazione del software... 6 Verifica automatica dei requisiti di installazione...

Dettagli

Chiudere il Programma Menu File Esci Pulsanti 1 clic sul pulsante Tasto dx 1 clic sulla barra del titolo Chiudi Tastiera Alt+F4

Chiudere il Programma Menu File Esci Pulsanti 1 clic sul pulsante Tasto dx 1 clic sulla barra del titolo Chiudi Tastiera Alt+F4 Foglio Elettronico PRIMI PASSI CON IL FOGLIO ELETTRONICO Avviare il Programma Menu Start Tutti i programmi Microsoft Excel Pulsanti 2 clic sull icona presente sul Desktop Chiudere il Programma Menu File

Dettagli

Basi di dati. Introduzione. Una breve introduzione sulla suite di OpenOffice.org e la gestione dei database

Basi di dati. Introduzione. Una breve introduzione sulla suite di OpenOffice.org e la gestione dei database Basi di dati Introduzione Una breve introduzione sulla suite di OpenOffice.org e la gestione dei database OpenOffice.org (www.openoffice.org) è un potente software opensource che ha, quale scopo primario,

Dettagli

Ci sono molti vantaggi nel mettere in relazione le

Ci sono molti vantaggi nel mettere in relazione le Capitolo 4 Relazioni tra tabelle 4.1 Definizione di una relazione 4.2 Visualizzazione e modifica delle relazioni 4.3 Stampa delle relazioni Ci sono molti vantaggi nel mettere in relazione le tabelle di

Dettagli

Lezione 1: Introduzione Struttura e aspetto di PowerPoint Sviluppare una presentazione. Patente Europea di Informatica ECDL Modulo 6

Lezione 1: Introduzione Struttura e aspetto di PowerPoint Sviluppare una presentazione. Patente Europea di Informatica ECDL Modulo 6 Patente Europea di Informatica ECDL Modulo 6 Lezione 1: Introduzione Struttura e aspetto di PowerPoint Sviluppare una presentazione Anno 2009/2010 Syllabus 5.0 Microsoft PowerPoint è un software progettato

Dettagli

Introduzione. Introduzione a NTI Shadow. Panoramica della schermata iniziale

Introduzione. Introduzione a NTI Shadow. Panoramica della schermata iniziale Introduzione Introduzione a NTI Shadow Benvenuti in NTI Shadow! Il nostro software consente agli utenti di pianificare dei processi di backup continui che copiano una o più cartelle ( origine del backup

Dettagli

7. Microsoft Access. 1) Introduzione a Microsoft Access

7. Microsoft Access. 1) Introduzione a Microsoft Access 1) Introduzione a Microsoft Access Microsoft Access è un programma della suite Microsoft Office utilizzato per la creazione e gestione di database relazionali. Cosa è un database? Un database, o una base

Dettagli

Capitolo IX Esercitazione n. 9: Creazione di un database relazionale

Capitolo IX Esercitazione n. 9: Creazione di un database relazionale Capitolo IX Esercitazione n. 9: Creazione di un database relazionale Scopo: Scopo di questa esercitazione è la creazione di una base dati relazionale per la gestione della biblioteca universitaria; il

Dettagli

Creazione di un modello di data mining di tipo OLAP con l'algoritmo Microsoft Clustering

Creazione di un modello di data mining di tipo OLAP con l'algoritmo Microsoft Clustering Pagina 1 di 9 Menu principale Sezione precedente Sezione successiva Creazione di un modello di data mining di tipo OLAP con l'algoritmo Microsoft Clustering Un modello di data mining è un modello che include

Dettagli

Lezione 6 Introduzione a Microsoft Excel Parte Terza

Lezione 6 Introduzione a Microsoft Excel Parte Terza Lezione 6 Introduzione a Microsoft Excel Parte Terza I grafici in Excel... 1 Creazione di grafici con i dati di un foglio di lavoro... 1 Ricerca del tipo di grafico più adatto... 3 Modifica del grafico...

Dettagli

Crotone, maggio 2005. Windows. Ing. Luigi Labonia E-mail luigi.lab@libero.it

Crotone, maggio 2005. Windows. Ing. Luigi Labonia E-mail luigi.lab@libero.it Crotone, maggio 2005 Windows Ing. Luigi Labonia E-mail luigi.lab@libero.it Sistema Operativo Le funzioni software di base che permettono al computer di funzionare formano il sistema operativo. Esso consente

Dettagli

Esercizio data base "Biblioteca"

Esercizio data base Biblioteca Rocco Sergi Esercizio data base "Biblioteca" Database 2: Biblioteca Testo dell esercizio Si vuole realizzare una base dati per la gestione di una biblioteca. La base dati conterrà tutte le informazioni

Dettagli

Foglio Elettronico. Creare un nuovo foglio elettronico Menu File Nuovo 1 clic su Cartella di lavoro vuota nel riquadro attività

Foglio Elettronico. Creare un nuovo foglio elettronico Menu File Nuovo 1 clic su Cartella di lavoro vuota nel riquadro attività Foglio Elettronico Avviare il Programma Menu Start Tutti i programmi Microsoft Excel Pulsanti 2 clic sull icona presente sul Desktop Chiudere il Programma Menu File Esci Pulsanti Tasto dx 1 clic sul pulsante

Dettagli

Access. Microsoft Access. Aprire Access. Aprire Access. Aprire un database. Creare un nuovo database

Access. Microsoft Access. Aprire Access. Aprire Access. Aprire un database. Creare un nuovo database Microsoft Access Introduzione alle basi di dati Access E un programma di gestione di database (DBMS) Access offre: un supporto transazionale limitato Meccanismi di sicurezza, protezione di dati e gestione

Dettagli

Il calendario di Windows Vista

Il calendario di Windows Vista Il calendario di Windows Vista Una delle novità introdotte in Windows Vista è il Calendario di Windows, un programma utilissimo per la gestione degli appuntamenti, delle ricorrenze e delle attività lavorative

Dettagli

Il sofware è inoltre completato da una funzione di calendario che consente di impostare in modo semplice ed intuitivo i vari appuntamenti.

Il sofware è inoltre completato da una funzione di calendario che consente di impostare in modo semplice ed intuitivo i vari appuntamenti. SH.MedicalStudio Presentazione SH.MedicalStudio è un software per la gestione degli studi medici. Consente di gestire un archivio Pazienti, con tutti i documenti necessari ad avere un quadro clinico completo

Dettagli

SQL Server 2005. Introduzione all uso di SQL Server e utilizzo delle opzioni Olap. Dutto Riccardo - SQL Server 2005.

SQL Server 2005. Introduzione all uso di SQL Server e utilizzo delle opzioni Olap. Dutto Riccardo - SQL Server 2005. SQL Server 2005 Introduzione all uso di SQL Server e utilizzo delle opzioni Olap SQL Server 2005 SQL Server Management Studio Gestione dei server OLAP e OLTP Gestione Utenti Creazione e gestione DB SQL

Dettagli

5.3 TABELLE 5.3.1 RECORD 5.3.1.1 Inserire, eliminare record in una tabella Aggiungere record Eliminare record

5.3 TABELLE 5.3.1 RECORD 5.3.1.1 Inserire, eliminare record in una tabella Aggiungere record Eliminare record 5.3 TABELLE In un sistema di database relazionali le tabelle rappresentano la struttura di partenza, che resta poi fondamentale per tutte le fasi del lavoro di creazione e di gestione del database. 5.3.1

Dettagli

Database Modulo 3 DEFINIRE LE CHIAVI

Database Modulo 3 DEFINIRE LE CHIAVI Database Modulo 3 DEFINIRE LE CHIAVI Nell organizzazione di un archivio informatizzato è indispensabile poter definire univocamente le informazioni in esso inserite. Tale esigenza è abbastanza ovvia se

Dettagli

PATENTE EUROPEA DEL COMPUTER 4.0 MODULO

PATENTE EUROPEA DEL COMPUTER 4.0 MODULO PATENTE EUROPEA DEL COMPUTER 4.0 MODULO 2 Uso del Computer e Gestione dei file ( Windows XP ) A cura di Mimmo Corrado MODULO 2 - USO DEL COMPUTER E GESTIONE DEI FILE 2 FINALITÁ Il Modulo 2, Uso del computer

Dettagli

FIRESHOP.NET. Gestione completa dei listini. Rev. 2014.4.2 www.firesoft.it

FIRESHOP.NET. Gestione completa dei listini. Rev. 2014.4.2 www.firesoft.it FIRESHOP.NET Gestione completa dei listini Rev. 2014.4.2 www.firesoft.it Sommario SOMMARIO Introduzione... 3 Il listino generale di vendita... 5 Rivalutare un singolo... 7 Ricercare gli articoli nei listini...

Dettagli

On-line Corsi d Informatica sul Web

On-line Corsi d Informatica sul Web On-line Corsi d Informatica sul Web Corso base di Excel Università degli Studi della Repubblica di San Marino Capitolo 1 ELEMENTI DELLO SCHERMO DI LAVORO Aprire Microsoft Excel facendo clic su Start/Avvio

Dettagli

Organizzazione delle informazioni: Database

Organizzazione delle informazioni: Database Organizzazione delle informazioni: Database Laboratorio Informatico di base A.A. 2013/2014 Dipartimento di Scienze Aziendali e Giuridiche Università della Calabria Dott. Pierluigi Muoio (pierluigi.muoio@unical.it)

Dettagli

Database 1 biblioteca universitaria. Testo del quesito

Database 1 biblioteca universitaria. Testo del quesito Database 1 biblioteca universitaria Testo del quesito Una biblioteca universitaria acquista testi didattici su indicazione dei professori e cura il prestito dei testi agli studenti. La biblioteca vuole

Dettagli

Applicazione DBToolsSync Manuale Utente

Applicazione DBToolsSync Manuale Utente Applicazione DBToolsSync Manuale Utente L applicazione DBToolsSync pubblica dei dati su Web, mantenendoli sincronizzati. Il manuale è strutturato come segue: Presentazione generale dell applicazione Capitolo

Dettagli

Uso del computer e gestione dei file

Uso del computer e gestione dei file Uso del computer e gestione dei file Parte 1 Desktop All avvio del computer compare il Desktop. Sul Desktop sono presenti le Icone. Ciascuna icona identifica un oggetto differente che può essere un file,

Dettagli

IL SISTEMA OPERATIVO

IL SISTEMA OPERATIVO IL SISTEMA OPERATIVO Windows è il programma che coordina l'utilizzo di tutte le componenti hardware che costituiscono il computer (ad esempio la tastiera e il mouse) e che consente di utilizzare applicazioni

Dettagli

Manuale per l utente. Outlook Connector for MDaemon

Manuale per l utente. Outlook Connector for MDaemon Outlook Connector for MDaemon Manuale per l utente Introduzione... 2 Requisiti... 2 Installazione... 3 Scaricare il plug-in Outlook Connector... 3 Installare il plug-in Outlook Connector... 4 Configurare

Dettagli

Foglio elettronico. OpenOffice.org Calc 1.1.3

Foglio elettronico. OpenOffice.org Calc 1.1.3 Foglio elettronico OpenOffice.org Calc 1.1.3 PRIMI PASSI CON IL FOGLIO ELETTRONICO Aprire il programma Menu Avvio applicazioni Office OpenOffice.org Calc. Chiudere il programma Menu File Esci. Pulsanti

Dettagli

MODULO 3. Microsoft Excel. TEST ED ESERCIZI SU: http://www.informarsi.net/ecdl/excel/index.php

MODULO 3. Microsoft Excel. TEST ED ESERCIZI SU: http://www.informarsi.net/ecdl/excel/index.php MODULO 3 Microsoft Excel TEST ED ESERCIZI SU: http:///ecdl/excel/index.php Foglio Elettronico - SpreadSheet Un foglio elettronico (in inglese spreadsheet) è un programma applicativo usato per memorizzare

Dettagli

Dispense Corso Access

Dispense Corso Access Dispense Corso Access Introduzione La dispensa più che affrontare Access, dal punto di vista teorico, propone l implementazione di una completa applicazione Access, mettendo in risalto i punti critici

Dettagli

BMSO1001. Virtual Configurator. Istruzioni d uso 02/10-01 PC

BMSO1001. Virtual Configurator. Istruzioni d uso 02/10-01 PC BMSO1001 Virtual Configurator Istruzioni d uso 02/10-01 PC 2 Virtual Configurator Istruzioni d uso Indice 1. Requisiti Hardware e Software 4 1.1 Requisiti Hardware 4 1.2 Requisiti Software 4 2. Concetti

Dettagli

Creazione di un ipertesto con Word

Creazione di un ipertesto con Word Creazione di un ipertesto con Word Realizzare un ipertesto per illustrare la storia dell esplorazione dello spazio. Descriviamo le fasi principali per la creazione di un ipertesto: a. all inizio occorre

Dettagli

Excel Foglio elettronico: esempio

Excel Foglio elettronico: esempio Excel Sist.Elaborazione Inf. excel 1 Foglio elettronico: esempio Sist.Elaborazione Inf. excel 2 Foglio elettronico o spreadsheet griglia o tabella di celle o caselle in cui è possibile inserire: diversi

Dettagli

Database Manager Guida utente DMAN-IT-01/09/10

Database Manager Guida utente DMAN-IT-01/09/10 Database Manager Guida utente DMAN-IT-01/09/10 Le informazioni contenute in questo manuale di documentazione non sono contrattuali e possono essere modificate senza preavviso. La fornitura del software

Dettagli

MANUALE TECNICO n. 17.02 AGGIORNATO AL 30.06.2014 GESTIONE DOCUMENTALE

MANUALE TECNICO n. 17.02 AGGIORNATO AL 30.06.2014 GESTIONE DOCUMENTALE MANUALE TECNICO N.17.02 DEL 30.06.2014 GESTIONE DOCUMENTALE Indice Impostazioni risoluzione scanner Canon (DR C125 e DR M140) Pag. 2 Premessa Pag. 5 Gestione Documentale in Suite Modello 730 Pag. 5 Gestione

Dettagli

Realizzare una presentazione con PowerPoint

Realizzare una presentazione con PowerPoint Realizzare una presentazione con PowerPoint Indice Interfaccia di PowerPoint... 1 Avvio di PowerPoint e creazione di una nuova presentazione... 2 Inserimento di titoli e immagini... 4 Inserimento di altre

Dettagli

Database e Microsoft Access. Ing. Antonio Guadagno

Database e Microsoft Access. Ing. Antonio Guadagno Database e Microsoft Access Ing. Antonio Guadagno Database e Microsoft Access Un Database non è altro che un insieme di contenitori e di strumenti informatici che ci permette di gestire grossi quantitativi

Dettagli

Data warehousing con SQL Server

Data warehousing con SQL Server Data warehousing con SQL Server! SQL Server è un RDBMS (Relational DataBase Management System)! Analysis Services è un componente di SQL Server che offre un insieme di funzionalità di supporto al data

Dettagli

Esercitazione n. 10: HTML e primo sito web

Esercitazione n. 10: HTML e primo sito web + Strumenti digitali per la comunicazione A.A 0/4 Esercitazione n. 0: HTML e primo sito web Scopo: Creare un semplice sito web con Kompozer. Il sito web è composto da una home page, e da altre due pagine

Dettagli

2.2.2.1 Identificare le diverse parti di una finestra: barra del titolo, barra dei menu, barra degli strumenti, barra di stato, barra di scorrimento.

2.2.2.1 Identificare le diverse parti di una finestra: barra del titolo, barra dei menu, barra degli strumenti, barra di stato, barra di scorrimento. Uso del computer e gestione dei file 57 2.2.2.1 Identificare le diverse parti di una finestra: barra del titolo, barra dei menu, barra degli strumenti, barra di stato, barra di scorrimento. All interno

Dettagli

Your Detecting Connection. Manuale utente. support@xchange2.net

Your Detecting Connection. Manuale utente. support@xchange2.net Your Detecting Connection Manuale utente support@xchange2.net 4901-0133-4 ii Sommario Sommario Installazione... 4 Termini e condizioni dell applicazione XChange 2...4 Configurazione delle Preferenze utente...

Dettagli

INFORMATICA PER LE APPLICAZIONI ECONOMICHE PROF.SSA BICE CAVALLO

INFORMATICA PER LE APPLICAZIONI ECONOMICHE PROF.SSA BICE CAVALLO Basi di dati: Microsoft Access INFORMATICA PER LE APPLICAZIONI ECONOMICHE PROF.SSA BICE CAVALLO Database e DBMS Il termine database (banca dati, base di dati) indica un archivio, strutturato in modo tale

Dettagli

Manuale d uso. Applicazione client Postecert Firma Digitale per Postemailbox

Manuale d uso. Applicazione client Postecert Firma Digitale per Postemailbox per Postemailbox Documento pubblico Pagina 1 di 22 Indice INTRODUZIONE... 3 REQUISITI... 3 SOFTWARE... 3 HARDWARE... 3 INSTALLAZIONE... 3 AGGIORNAMENTI... 4 AVVIO DELL APPLICAZIONE... 4 UTILIZZO DELL APPLICAZIONE...

Dettagli

SPSS Statistics per Windows - Istruzioni di installazione per (Licenza per utenti singoli)

SPSS Statistics per Windows - Istruzioni di installazione per (Licenza per utenti singoli) SPSS Statistics per Windows - Istruzioni di installazione per (Licenza per utenti singoli) Le seguenti istruzioni sono relative all installazione di SPSS Statistics con licenza per utenti singoli. Una

Dettagli

Utilizzo di Blue s. Avvio di Blue s C A P I T O L O 7. Come avviare il programma e inserire la password

Utilizzo di Blue s. Avvio di Blue s C A P I T O L O 7. Come avviare il programma e inserire la password Capitolo 7 83 C A P I T O L O 7 Avvio di Blue s Questo capitolo introduce l'utilizzatore all'ambiente di lavoro e alle funzioni di aggiornamento delle tabelle di Blue s. Blue s si presenta come un ambiente

Dettagli

ATOLLO BACKUP GUIDA INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE

ATOLLO BACKUP GUIDA INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE ATOLLO BACKUP GUIDA INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE PREMESSA La presente guida è da considerarsi come aiuto per l utente per l installazione e configurazione di Atollo Backup. La guida non vuole approfondire

Dettagli

U T O R I A L. Nero BackItUp

U T O R I A L. Nero BackItUp T U T O R I Nero BackItUp Nero BackItUp e le cartelle virtuali di ricerca di Microsoft 2 Requisiti di sistema generali 2 Informazioni di base 2 Creazione di cartelle virtuali di ricerca in Windows Vista

Dettagli

Windows 2000, Windows XP e Windows Server 2003

Windows 2000, Windows XP e Windows Server 2003 Windows 2000, Windows XP e Windows Server 2003 Questo argomento include le seguenti sezioni: "Punti preliminari" a pagina 3-17 "Procedura rapida di installazione da CD-ROM" a pagina 3-17 "Altri metodi

Dettagli

SQL Server BI Development Studio

SQL Server BI Development Studio Il Data warehouse SQL Server Business Intelligence Development Studio Analysis Service Sorgenti dati operazionali DB relazionali Fogli excel Data warehouse Staging Area e dati riconciliati Cubi Report

Dettagli

Talento LAB 3.1 - PREFERITI & CRONOLOGIA L'ELENCO PREFERITI. In questa lezione imparerete a:

Talento LAB 3.1 - PREFERITI & CRONOLOGIA L'ELENCO PREFERITI. In questa lezione imparerete a: Lab 3.1 Preferiti & Cronologia LAB 3.1 - PREFERITI & CRONOLOGIA In questa lezione imparerete a: Aprire l'elenco Preferiti, Espandere e comprimere le cartelle dell'elenco Preferiti, Aggiungere una pagina

Dettagli

Product Updater. Scaricamento e Installazione aggiornamento

Product Updater. Scaricamento e Installazione aggiornamento CUBE AZIENDA CUBE TAGLIE & COLORI CUBE AUTOTRASPORTI EXPERT UP Product Updater Scaricamento e Installazione aggiornamento Attenzione! REQUISITO ESSENZIALE PER SCARICARE PRODUCT UPDATER È AVERE INSTALLATO

Dettagli

6.6 PREPARAZIONE ALLA PRESENTAZIONE

6.6 PREPARAZIONE ALLA PRESENTAZIONE 6.6 PREPARAZIONE ALLA PRESENTAZIONE Le funzionalità di Impress permettono di realizzare presentazioni che possono essere arricchite con effetti speciali animando gli oggetti o l entrata delle diapositive.

Dettagli

SCARICO DATI ONETOUCH Verio per EuroTouch Home GUIDA ALL USO

SCARICO DATI ONETOUCH Verio per EuroTouch Home GUIDA ALL USO SCARICO DATI ONETOUCH Verio per EuroTouch Home GUIDA ALL USO Sommario Installazione dell applicazione... 3 L applicazione... 4 Requisiti... 4 Avvio dell applicazione... 4 Connessione al Database di EuroTouch

Dettagli

DESKTOP. Uso del sistema operativo Windows XP e gestione dei file. Vediamo in dettaglio queste parti.

DESKTOP. Uso del sistema operativo Windows XP e gestione dei file. Vediamo in dettaglio queste parti. Uso del sistema operativo Windows XP e gestione dei file DESKTOP All accensione del nostro PC, il BIOS (Basic Input Output System) si occupa di verificare, attraverso una serie di test, che il nostro hardware

Dettagli

MODULO 5 BASI DI DATI

MODULO 5 BASI DI DATI MODULO 5 BASI DI DATI A cura degli alunni della VD 2005/06 del Liceo Scientifico G. Salvemini di Sorrento NA Supervisione prof. Ciro Chiaiese SOMMARIO 5.1 USARE L APPLICAZIONE... 3 5.1.1 Concetti fondamentali...

Dettagli

GUIDA DELL'UTENTE PER IL SOFTWARE P-TOUCH EDITOR. PJ-623/PJ-663 Stampante mobile. Versione 0 ITA

GUIDA DELL'UTENTE PER IL SOFTWARE P-TOUCH EDITOR. PJ-623/PJ-663 Stampante mobile. Versione 0 ITA GUIDA DELL'UTENTE PER IL SOFTWARE P-TOUCH EDITOR PJ-6/PJ-66 Stampante mobile Versione 0 ITA Introduzione Le stampanti mobili Brother, modelli PJ-6 e PJ-66 (con Bluetooth), sono compatibili con numerose

Dettagli

Corso introduttivo all utilizzo di TQ Tara

Corso introduttivo all utilizzo di TQ Tara Corso introduttivo all utilizzo di TQ Tara Le pagine che seguono introducono l utente all uso delle principali funzionalità di TQ Tara mediante un corso organizzato in otto lezioni. Ogni lezione spiega

Dettagli

Introduzione data warehose. Gian Luigi Ferrari Dipartimento di Informatica Università di Pisa. Data Warehouse

Introduzione data warehose. Gian Luigi Ferrari Dipartimento di Informatica Università di Pisa. Data Warehouse Introduzione data warehose Gian Luigi Ferrari Dipartimento di Informatica Università di Pisa Data Warehouse Che cosa e un data warehouse? Quali sono i modelli dei dati per data warehouse Come si progetta

Dettagli

06Ac-Cap03.qxd 24-01-2008 17:47 Pagina 43. 3Oltre le tabelle

06Ac-Cap03.qxd 24-01-2008 17:47 Pagina 43. 3Oltre le tabelle 06Ac-Cap03.qxd 24-01-2008 17:47 Pagina 43 3Oltre le tabelle Chiave primaria Progettare le tabelle di un database Relazioni Join Creare le relazioni Modificare una relazione Eliminare una o tutte le relazioni

Dettagli

Capitolo 9. Figura 104. Tabella grafico. Si evidenzia l intera tabella A1-D4 e dal menù Inserisci si seleziona Grafico. Si apre la seguente finestra:

Capitolo 9. Figura 104. Tabella grafico. Si evidenzia l intera tabella A1-D4 e dal menù Inserisci si seleziona Grafico. Si apre la seguente finestra: Capitolo 9 I GRAFICI Si apra il Foglio3 e lo si rinomini Grafici. Si crei la tabella seguente: Figura 104. Tabella grafico Si evidenzia l intera tabella A1-D4 e dal menù Inserisci si seleziona Grafico.

Dettagli

Gestione del database Gidas

Gestione del database Gidas Gestione del database Gidas Manuale utente Aggiornamento 20/06/2013 Cod. SWUM_00535_it Sommario 1. Introduzione... 3 2. Requisiti e creazione del Database Gidas... 3 2.1.1. SQL Server... 3 2.1.2. Requisiti

Dettagli

INTERNET EXPLORER Breve manuale d uso

INTERNET EXPLORER Breve manuale d uso INTERNET EXPLORER Breve manuale d uso INDICE INTRODUZIONE... 3 COME IMPOSTARE LA PAGINA INIZIALE... 3 LA WORK AREA... 3 LE VOCI DI MENU... 5 IL MENU FILE... 5 IL MENU MODIFICA... 6 IL MENU VISUALIZZA...

Dettagli

SQL Server. Applicazioni principali

SQL Server. Applicazioni principali SQL Server Introduzione all uso di SQL Server e utilizzo delle opzioni OLAP Applicazioni principali SQL Server Enterprise Manager Gestione generale di SQL Server Gestione utenti Creazione e gestione dei

Dettagli

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Approfondimento SOFTWARE PER L ARCHIVIAZIONE

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Approfondimento SOFTWARE PER L ARCHIVIAZIONE APPROFONDIMENTO ICT Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto Approfondimento SOFTWARE PER L ARCHIVIAZIONE ORGANISMO BILATERALE PER LA FORMAZIONE IN CAMPANIA INDICE SOFTWARE PER

Dettagli