CANTIERI TITOLO IV (ARTT )

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CANTIERI TITOLO IV (ARTT. 88-160)"

Transcript

1 CANTIERI TITOLO IV (ARTT ) All interno di un cantiere già avviato deve entrare un impresa di due soci, chiamati dal committente per la realizzazione di un soppalco in ferro, e quindi non in subappalto. L impresa che non ha dipendenti deve fornire la documentazione di cui al punto 1 o punto 2 dell allegato XVII? Trattandosi di impresa di due soci, che non può essere considerata lavoratore autonomo, la verifica richiede tutta la documentazione di cui al punto 1 dell allegato XVII. Nel caso di una manutenzione straordinaria, in cui interviene una sola ditta, di un ascensore posto in una sede delle Poste Italiane è necessario ottemperare agli obblighi del committente di cui ai commi 2-3-4, art 90 del D.lgs ? No, la nomina del coordinatore per la progettazione e quella per il coordinatore per l esecuzione dei lavori è necessaria solo se nel cantiere è prevista la presenza di più imprese, anche non in contemporanea. Nel caso specifico, è necessario che il datore di lavoro committente osservi gli obblighi stabiliti dall art. 26 obblighi connessi ai contratti d appalto o d opera o di somministrazione con particolare riferimento ai commi 1 (verifica idoneità tecnico professionale) e 3 (D.U.V.R.I). E frequente il caso di artigiani lavoratori autonomi, che lavorano in collaborazione con altri artigiani o, in maniera più o meno esclusiva, con imprese edili (es. decoratori, carpentieri). In questi casi, è corretto, ai fini sostanziali dell organizzazione della sicurezza sui cantieri, operare come segue: - gli artigiani sottoscrivono contratti separati con la committenza, o l impresa, per operare ciascuno in modo indipendente, utilizzando ciascuno proprie attrezzature, anche se presenti contemporaneamente sul cantiere (si tratta in realtà di una situazione solo formale, ma supponiamo che gli artigiani possano sostenere di non operare in collaborazione); - gli artigiani costituiscono una società di fatto e, pertanto, devono organizzarsi come un impresa con dipendenti individuando il datore di lavoro e lavoratori equiparati e, quindi, applicando integralmente il D.lgs. 81/08, come per un impresa; - gli artigiani predispongono semplicemente un POS (ma non si capisce come possano riportare in esso i requisiti minimi che comprendono la nomina delle funzioni previste); - gli artigiani vengono inseriti nel quadro organico dell impresa come lavoratori equiparati e nel POS come lavoratori (questa situazione non si verifica nel caso in cui i lavori siano eseguiti solo dagli artigiani su incarico diretto del committente). Ai fini dell applicazione del D.lgs. 81/08 e prescindendo da ogni valutazione relativa alla regolarità fiscale e/o contributiva, il lavoratore è autonomo quando, 27

2 assumendo su di se un rischio di impresa, è in grado di realizzare la prestazione richiesta senza avvalersi dell opera di lavoratori e in condizioni di piena autonomia. Nelle molteplici casistiche che si possono rilevare negli ambienti di lavoro, non è raro invece verificare situazioni nelle quali più «lavoratori autonomi» costituiscono, di fatto, una società per riuscire a realizzare la prestazione richiesta e che, altrimenti, non riuscirebbero a realizzare. In tal caso, trattandosi di società di fatto, incombono sui soci tutti gli obblighi di tutela previsti dalla norma (e non solo il POS). Altra situazione ricorrente è quella di un «lavoratore autonomo» che privo delle necessarie capacità (tecniche, organizzative, gestionali, etc.) non è in grado di realizzare la prestazione richiesta, ma si limita a prestare il proprio lavoro nell ambito dell organizzazione dell impresa dalla quale ha ricevuto l incarico. In tale condizione il «lavoratore autonomo» può in realtà essere definito «lavoratore di fatto» e di conseguenza essere ricondotto alla tutela dovuta dal datore di lavoro dell impresa. Quali sono i documenti da trasmettere a cura del committente di lavori edili all amministrazione concedente prima dell inizio dei lavori? Inoltre è necessario aggiornare in corso d opera la documentazione trasmessa? Secondo l articolo 90, comma 9, lettera c) del D.lgs. 81/08 il committente dei lavori edili trasmette all amministrazione concedente, prima dell inizio dei lavori oggetto del permesso di costruire o della denuncia di inizio attività, copia della notifica preliminare di cui all articolo 99, il documento unico di regolarità contributiva delle imprese o dei lavoratori autonomi, fatto salvo quanto previsto dall articolo 16-bis, comma 10, del decreto-legge 29 novembre 2008, n. 185, convertito, con modificazioni, dalla legge 28 gennaio 2009, n. 2, e una dichiarazione attestante l avvenuta verifica della ulteriore documentazione di cui alle lettere a) e b) La documentazione cui si fa riferimento all articolo di legge citato riguarda: 1.la notifica preliminare di cui all articolo 99 del D.lgs. 81/08 2.il DURC (Documento Unico di Regolarità Contributiva) delle imprese e/o dei lavoratori autonomi (ad eccezione dei casi indicati alla legge n. 2/2009 relativamente alle stazioni appaltanti pubbliche nel qual caso tale documento viene acquisito d Ufficio) 3.una dichiarazione attestante l avvenuta verifica del possesso da parte dell appaltatore dell ulteriore documentazione indicate nelle lettere a) e b) del comma 9 dell articolo 90: a) verifica l idoneità tecnico-professionale delle imprese affidatarie, delle imprese esecutrici e dei lavoratori autonomi in relazione alle funzioni o ai lavori da affidare, con le modalità di cui all allegato XVII. Nei cantieri la cui entità presunta è inferiore a 200 uomini-giorno e i cui lavori non comportano rischi particolari di cui all allegato XI, il requisito di cui al periodo che precede si considera soddisfatto mediante presentazione da parte delle imprese e dei lavoratori autonomi del certificato di iscrizione alla Camera di commercio, industria e artigianato, e del documento unico di regolarità contributiva, corredato da autocertificazione in ordine al possesso degli altri requisiti previsti dall allegato XVII; b) chiede alle imprese esecutrici una dichiarazione dell organico medio annuo, distinto per qualifica, corredata dagli estremi delle denunce dei lavoratori effettuate all Istituto nazionale della 28

3 previdenza sociale (INPS), all Istituto nazionale assicurazione infortuni sul lavoro (INAIL) e alle casse edili, nonché una dichiarazione relativa al contratto collettivo stipulato dalle organizzazioni sindacali comparativamente più rappresentative, applicato ai lavoratori dipendenti. Nei cantieri la cui entità presunta è inferiore a 200 uomini-giorno e i cui lavori non comportano rischi particolari di cui all allegato XI, il requisito di cui al periodo che precede si considera soddisfatto mediante presentazione da parte delle imprese del documento unico di regolarità contributiva, fatto salvo quanto previsto dall articolo 16-bis, comma 10, del decreto-legge 29 novembre 2008, n. 185, convertito, con modificazioni, dalla legge 28 gennaio 2009, n.2, e dell autocertificazione relativa al contratto collettivo applicato. Circa la trasmissione in corso d opera degli aggiornamenti della documentazione la norma si presta a diverse letture. Infatti, secondo la formulazione del richiamato articolo l obbligo di trasmettere all amministrazione concedente i documenti di cui sopra viene riferito a prima dell inizio dei lavori oggetto del permesso di costruire o della denuncia di inizio attività. E chiaro che non può che riguardare le imprese già selezionate in quel momento, ma la successiva sostituzione delle imprese o il coinvolgimento di nuove imprese senza un obbligo di integrazione svuoterebbe di fatto la ragione dell obbligo di trasmissione. Su queste basi, alcune fonti sostengono che il committente abbia solo l obbligo di trasmettere la documentazione riferita all imprese selezionate prima dell inizio dei lavori, mentre altre ritengono che sia necessario inviare senza ritardo anche la corrispettiva documentazione delle imprese o dei lavoratori autonomi coinvolti dopo l inizio dei lavori. Non potendo fornire una risposta certa, per un principio di prudenza, si ritiene più corretto adottare la seconda soluzione. Il responsabile dei lavori, in un cantiere edile privato, coincide con il committente se il responsabile dei lavori non è stato nominato? Le definizioni contenute all articolo 89 del D.lgs. 81/08 e successive modifiche e integrazioni, individuano due diversi soggetti definendo alla lettera b) la figura del committente e alla lettera c) quella del responsabile dei lavori, i cui obblighi sono poi indicati al successivo articolo 90. Detti obblighi si intendono riferiti al committente oppure al responsabile dei lavori solo nella ipotesi in cui il committente abbia provveduto con atto valido ad incaricare un responsabile dei lavori per lo svolgimento dei compiti a lui, committente, attribuiti dal citato Decreto. Nell ambito di un cantiere edile un impresa incaricata di eseguire lavori sul tetto di un edificio ha la necessità di affittare un autogrù dotata di cestello. Tale macchinario viene fornito con manovratore da una società di noleggio (nolo a caldo). E indispensabile che la società di noleggio rediga un Piano Operativo di Sicurezza (POS) o è sufficiente che la sua presenza e la sua attività sia inserita nel POS dell impresa che esegue i lavori sul tetto? Premesso che l incarico di eseguire lavori edili o parti di essi deve essere affidato a cura del committente o del responsabile dei lavori se nominato, il quale ovviamente avrà cura di ottemperare ai conseguenti obblighi imposti dall articolo 90 del D.lgs. 81/08. 29

4 Nel caso in argomento, ad esempio, qualora l impresa incaricata dei lavori sul tetto fosse l unica impresa presente sul tetto, il coinvolgimento della seconda impresa in corso d opera (quella che fornisce il mezzo e il relativo manovratore) farebbe scattare, per il committente o per il responsabile dei lavori, gli obblighi di nomina del Coordinatore per l esecuzione con conseguente redazione del PSC e altro. Per quanto riguarda il nolo a caldo la società di noleggio dovrà redigere un suo specifico POS prima di accedere al cantiere. Quali sono i soggetti abilitati a effettuare corsi di formazione e di aggiornamento rivolti ai Coordinatori per la sicurezza dei cantieri temporanei e mobili? I soggetti che possono organizzare i corsi per coordinatori (e si ritiene di conseguenza i corsi di aggiornamento) sono indicati nell art. 98, comma 2 del D.lgs. 81/08. Tali soggetti sono le Regioni, mediante le strutture tecniche operanti nel settore della prevenzione e della formazione professionale, ISPESL, INAIL, l Istituto italiano di medicina sociale, gli ordini o collegi professionali, le Università, le associazioni sindacali dei datori di lavoro e dei lavoratori e gli organismi paritetici istituiti nel settore dell edilizia. Ho provato a cercare nel sito della Regione Piemonte una legge o una circolare che mi imponga di montare dei sistemi anticaduta sul tetto. Si chiamano Linee Vita, mi sembrano molto utili perché sono un sistema sicuro e permanente, quindi per ogni evenienza chiunque debba andare sul tetto ha un sistema d ancoraggio. La ditta che mi deve eseguire i lavori di rifacimento del tetto, me l ha consigliato. Sono certo della loro utilità ma vorrei capire se c è anche una normativa che le impone? Il riferimento è la Legge regionale 14 luglio 2009, n. 20 «Snellimento delle procedure in materia di edilizia e urbanistica» (BURP 16 luglio 2009, n. 28) che all art. 15 (Norme in materia di sicurezza) introduce, in fase di ampliamento o ricostruzione degli edifici, l obbligo di prevedere dispositivi utili a garantire la sicurezza in fase di manutenzione ordinaria e straordinaria del manufatto in tempi successivi alla ultimazione dello stesso. Sono fatti salvi tutti gli obblighi previsti dalla normativa vigente in materia di sicurezza. Quali sono i riferimenti circa le modalità di erogazione dei contributi per la rimozione e lo smaltimento di amianto previsti dalla L.R. 30/2008? I criteri per la concessione di contributi di cui all art 4 della L.R. 30/2008 sono stabiliti dalla Deliberazione della Giunta regionale n del 3 giugno 2009, pubblicata sul BURP n. 23 dell 11 giugno Tale deliberazione ammette al finanziamento «le amministrazioni comunali e provinciali proprietarie di edifici scolastici con presenza di materiali contenenti amianto e per le quali non sia ancora stata avviata la bonifica». 30

5 Al momento, non sono stati ancora emanati i criteri per la concessione di contributi di cui all art. 5 della LR 30/08. Facendo riferimento all art. 92 comma 1 lett. e) del D.lgs. 81/08, qual è la differenza tra l allontanamento dell impresa inadempiente e la risoluzione del contratto? E qual è la differenza tra l allontanamento dell impresa inadempiente e la sospensione dei lavori? La sospensione dei lavori si riferisce alla singola lavorazione; l allontanamento, pur rappresentando una misura temporanea, determina l assenza dell impresa dal cantiere; la risoluzione del contratto pone termine al rapporto di collaborazione in modo definitivo. In un cantiere soggetto a DIA, dove i lavori verranno affidati ad una sola impresa che si appoggerà a due lavoratori autonomi per alcune lavorazioni (i lavori dureranno un paio di mesi e gli uomini giorno sono inferiori a 200), sussiste l obbligo di redigere il piano di sicurezza e relativo invio di notifica preliminare? Fatto salvo che i due lavoratori autonomi citati non costituiscano una società di fatto, la situazione di una impresa e due lavoratori autonomi non richiede la nomina dei coordinatori per la sicurezza. Da quale data parte il quinquennio relativo all aggiornamento di 40 ore previsto all art. 98 comma 3 e all Allegato XIV del Testo Unico? L obbligo di aggiornamento quinquennale per coordinatori è stato introdotto dal D.lgs. 81/08 entrato in vigore il 15/5/2008. Per chi era già abilitato a quella data il primo quinquennio decorre dal 15/5/2008, mentre per coloro che si sono abilitati dopo tale data il primo quinquennio parte dalla data di abilitazione. 31

Obblighieadempimenti. TDP:Giuseppe Maiolani MarcoFrabeti MarioBogliari

Obblighieadempimenti. TDP:Giuseppe Maiolani MarcoFrabeti MarioBogliari Obblighieadempimenti TDP:Giuseppe Maiolani MarcoFrabeti MarioBogliari Il Committente Privato in edilizia obblighi ed adempimenti Il Committente Privato è il soggetto fondamentale per garantire regolarità

Dettagli

Allegati: Si allegano i seguenti documenti:

Allegati: Si allegano i seguenti documenti: Mod. 4AE AL DIRIGENTE DEL SETTORE PIANIFICAZIONE URBANISTICA E GESTIONE DEL TERRITORIO DEL COMUNE DI AGRIGENTO (da presentarsi a mano all'uff. protocollo o mediante Raccomandata RR) OGGETTO: Comunicazione

Dettagli

Il DURC nel contesto della verifica dell idoneità tecnico professionale delle imprese appaltatrici

Il DURC nel contesto della verifica dell idoneità tecnico professionale delle imprese appaltatrici IL DOCUMENTO UNICO DI REGOLARITA CONTRIBUTIVA (DURC) Il DURC nel contesto della verifica dell idoneità tecnico professionale delle imprese appaltatrici Ordine degli Ingegneri di Bergamo Ing. Filippo Scopazzo

Dettagli

Prof. ssa Lucia Niccacci Anno Accademico 2009/2010

Prof. ssa Lucia Niccacci Anno Accademico 2009/2010 Corso di laurea in Ingegneria Edile Prof. ssa Lucia Niccacci Anno Accademico 2009/2010 Il TITOLO IV del Testo Unico 81/08 in materia di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI

Dettagli

Obblighi e verifiche del committente o del responsabile dei lavori Lingotto Fiere - Torino 27 novembre 2009

Obblighi e verifiche del committente o del responsabile dei lavori Lingotto Fiere - Torino 27 novembre 2009 Obblighi e verifiche del committente o del responsabile dei lavori Lingotto Fiere - Torino 27 novembre 2009 Analisi della normativa alla luce del D.Lgs 81/2008 e s.m.i. Dott. Paolo Picco Dott. Dario Castagneri

Dettagli

N. 02/2013 06 Luglio 2013

N. 02/2013 06 Luglio 2013 N. 02/2013 06 Luglio 2013 Ing. Luca Serafini Sicurezza e ruolo dell'amministratore di Condominio nell'appalto di lavori edili Gli aspetti che analizzeremo nel corso di questo incontro riguardano le responsabilità

Dettagli

2. SCOPO Gestione dei fornitori di beni e servizi; Gestione delle imprese esterne e degli appaltatori operanti per conto di Alac SpA.

2. SCOPO Gestione dei fornitori di beni e servizi; Gestione delle imprese esterne e degli appaltatori operanti per conto di Alac SpA. Acquedotto Langhe e Alpi Cuneesi SpA Sede legale in Cuneo, Corso Nizza 9 acquedotto.langhe@acquambiente.it www.acquambiente.it SGSL Procedura Acquisto beni - servizi P06 Rev 01 del 16/09/09 1. DISTRIBUZIONE

Dettagli

Focus group Sicurezza Articoli tematici Brevi note sulle interconnessioni tra il RUP ed i soggetti di cui al Titolo IV del D.Lgs. 81/2008 e s.m.i.

Focus group Sicurezza Articoli tematici Brevi note sulle interconnessioni tra il RUP ed i soggetti di cui al Titolo IV del D.Lgs. 81/2008 e s.m.i. Come previsto dalle vigenti normative in materia di contratti pubblici: D.Lgs. 163/2006 e s.m.i. e D.P.R. 207/2010 e s.m.i., il Responsabile Unico del Procedimento è il soggetto responsabile incaricato

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER L UTENTE

NOTA INFORMATIVA PER L UTENTE DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE SERVIZIO PREVENZIONE E SICUREZZA AMBIENTI DI LAVORO Regione Lazio NOTA INFORMATIVA PER L UTENTE D.Lgs. 81/08: PRINCIPALI ADEMPIMENTI PER I COMMITTENTI DI OPERE EDILI Azienda

Dettagli

COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI (art. 21, comma 6, LR 19/2009)

COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI (art. 21, comma 6, LR 19/2009) Al Comune di PASIAN DI PRATO Pratica edilizia del Al SERVIZIO EDILIZIA PRIVATA Protocollo VIA ROMA 46 33037 PASIAN DI PRATO PEC: ediliziaprivata@pec.pasian.it COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI (art. 21, comma

Dettagli

OBBLIGHI DOCUMENTALI da parte di COMMITTENTI IMPRESE e COORDINATORI

OBBLIGHI DOCUMENTALI da parte di COMMITTENTI IMPRESE e COORDINATORI OBBLIGHI DOCUMENTALI da parte di COMMITTENTI IMPRESE e COORDINATORI CORSO PER COORDINATORI DELLA PROGETTAZIONE E DELL ESECUZIONE NEI CANTIERI EDILI - ART. 98 D.Lgs.81/08 dott. Mauro Maranelli U.O. Prevenzione

Dettagli

RIFLESSIONI SUL CORRETTIVO al Testo Unico sulla Sicurezza nei luoghi di lavoro D.LGS 106/09 CORRETTIVO DEL TESTO UNICO D.LGS 81/08 Ing.AVANZATO Salvatore 1 Ing.AVANZATO Salvatore 2 Quale novità ha introdotto

Dettagli

D.Lgs. 81/08 TITOLO IV

D.Lgs. 81/08 TITOLO IV D.Lgs. 81/08 TITOLO IV CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI CAPO I LE NOVITA RILEVANTI DIVO PIOLI Art. 89 C 1 c RESPONSABILE DEI LAVORI SOGGETTO CHE PUÒ ESSERE INCARICATO, DAL COMMITTENTE, DELLA PROGETTAZIONE

Dettagli

EDILIZIA PRIVATA SICUREZZA CANTIERI MOBILI DOCUMENTAZIONE PREVISTA DAL D.LGS. 81/2008 RELATIVA ALL IMPRESA/DITTA CHE ESEGUE I LAVORI

EDILIZIA PRIVATA SICUREZZA CANTIERI MOBILI DOCUMENTAZIONE PREVISTA DAL D.LGS. 81/2008 RELATIVA ALL IMPRESA/DITTA CHE ESEGUE I LAVORI EDILIZIA PRIVATA SICUREZZA CANTIERI MOBILI DOCUMENTAZIONE PREVISTA DAL D.LGS. 81/2008 RELATIVA ALL IMPRESA/DITTA CHE ESEGUE I LAVORI L articolo 90 sopracitato, dunque, pone a carico del soggetto richiedente

Dettagli

Gerarchia dei soggetti

Gerarchia dei soggetti Gerarchia dei soggetti Dipartimento di Prevenzione Struttura Complessa P.S.A.L. Via Collodi 13-17100 Savona Direttore dott. Angelo SERGI COMMITTENTE RESPONSABILE DEI LAVORI COORDINATORE IN FASE DI PROGETTAZIONE

Dettagli

(art. 6, comma 4, D.P.R. 6 giugno 2001, n. 380)

(art. 6, comma 4, D.P.R. 6 giugno 2001, n. 380) MODELLO COMUNICAZIONE DI INIZIO LAVORI ASSEVERATA CILA CILA - febbraio 2015 ALLO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA PIAZZA CROCIFISSO 84012 ANGRI (SA) comune.angri@legalmail.it SPAZIO RISERVATO ALL UFFICIO

Dettagli

Confronto tra il vecchio DLgs 494/96 ed il Titolo IV del nuovo DLgs 81/08

Confronto tra il vecchio DLgs 494/96 ed il Titolo IV del nuovo DLgs 81/08 CONFRONTOn 26-05-2008 13:44 Pagina 8 Confronto tra il vecchio DLgs 494/96 ed il Titolo IV del nuovo DLgs 81/08 Vecchio DLgs. 494/96, 528/99, 276/03 e 251/04 TESTO INTEGRATO In questa colonna le integrazioni

Dettagli

Il valore della sicurezza nelle imprese del settore. edile

Il valore della sicurezza nelle imprese del settore. edile Confartigianato Ravenna 17 dicembre 2008 Il nuovo Testo Unico sulla Sicurezza e Salute nei luoghi di lavoro D.Lgs. 9 aprile 2008 n.81 Il valore della sicurezza nelle imprese del settore p.i Elio Mazza

Dettagli

(art. 6, comma 2, lettere b, c, d ed e, D.P.R. 6 giugno 2001, n. 380)

(art. 6, comma 2, lettere b, c, d ed e, D.P.R. 6 giugno 2001, n. 380) MODELLO COMUNICAZIONE DI INIZIO LAVORI CIL CIL - febbraio 2015 ALLO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA PIAZZA CROCIFISSO 84012 ANGRI (SA) comune.angri@legalmail.it SPAZIO RISERVATO ALL UFFICIO CIL n. del ESITO

Dettagli

APPALTI IN CONDOMINIO: NON SOLO CANTIERI EDILI

APPALTI IN CONDOMINIO: NON SOLO CANTIERI EDILI APPALTI IN CONDOMINIO: NON SOLO CANTIERI EDILI di Cristoforo Moretti www.millescale.it millescale@libero.it PREMESSA Parlare di appalto in condominio vuole dire prendere in considerazione diverse tipologie

Dettagli

Legge del Fare. Gli speciali di

Legge del Fare. Gli speciali di Gli speciali di Legge del Fare II Decreto del Fare è diventato finalmente legge. Ecco le novità per l edilizia e la sicurezza nei luoghi di lavoro e nei cantieri Il decreto legge 21 giugno 2013, n. 69

Dettagli

Devi fare un lavoro? Devi aprire un cantiere? Allora sei un...committente!

Devi fare un lavoro? Devi aprire un cantiere? Allora sei un...committente! Devi fare un lavoro? Devi aprire un cantiere? Allora sei un...committente! Sicurezza sul lavoro: Ruolo e responsabilità del COMMITTENTE Con la collaborazione delle Associazioni di Categoria del territorio

Dettagli

Sintesi delle novità in materia di salute e sicurezza nel lavoro disposte dal DL 69/2013 (decreto del fare) come convertito dalla legge 98/2013

Sintesi delle novità in materia di salute e sicurezza nel lavoro disposte dal DL 69/2013 (decreto del fare) come convertito dalla legge 98/2013 Sintesi delle novità in materia di salute e sicurezza nel lavoro disposte dal DL 69/2013 (decreto del fare) come convertito dalla legge 98/2013 Si riportano nella tabella seguente le novità introdotte

Dettagli

COME STA IL TUO CANTIERE?

COME STA IL TUO CANTIERE? Vademecum per l impresa e il cantiere 15x21 30-04-2010 10:56 Pagina 1 maggio 2010 COME STA IL TUO CANTIERE? UNA VISITA TECNICA DEL CTP PUÒ EVITARTI COMPLICAZIONI PRENOTALA ADESSO METTI IN REGOLA IL TUO

Dettagli

Modena, 20/10/2005 Protocollo generale n. 139957/2005 Protocollo G.C. n. 17742/2005 CG-DO/do

Modena, 20/10/2005 Protocollo generale n. 139957/2005 Protocollo G.C. n. 17742/2005 CG-DO/do Comune di Modena Settore Trasformazione Urbana e Qualità Edilizia SPORTELLO UNICO PER L'EDILIZIA E LE IMPRESE Via Santi 60 - Tel. 059/206.2224 - Fax 059/206.2164 E-mail _ giovanni.villanti@comune.modena.it

Dettagli

Il coordinatore per la sicurezza nei cantieri eolici

Il coordinatore per la sicurezza nei cantieri eolici Sabrina Paola Piancone Il coordinatore per la sicurezza nei cantieri eolici CONTROLLO E MONITORAGGIO PER L ESPLETAMENTO DELLE FUNZIONI DEL COORDINATORE PER LA SICUREZZA Il D.Lgs. n. 81/2008, l innovazione

Dettagli

Oggetto: Comunicazione Inizio Lavori attività edilizia libera (C.I.L.) ai sensi del 2 comma, dell art.6 del D.P.R. 380/2001 e s.m.i.

Oggetto: Comunicazione Inizio Lavori attività edilizia libera (C.I.L.) ai sensi del 2 comma, dell art.6 del D.P.R. 380/2001 e s.m.i. Allo Sportello Unico per l'edilizia del Comune di Oggetto: Comunicazione Inizio Lavori attività edilizia libera (C.I.L.) ai sensi del 2 comma, dell art.6 del D.P.R. 380/2001 e s.m.i. Il sottoscritto. Nato

Dettagli

ELENCO NON ESAUSTIVO DELLA DOCUMENTAZIONE DA TENERE NEL CANTIERE EDILE

ELENCO NON ESAUSTIVO DELLA DOCUMENTAZIONE DA TENERE NEL CANTIERE EDILE ELENCO NON ESAUSTIVO DELLA DOCUMENTAZIONE DA TENERE NEL CANTIERE EDILE DESCRIZIONE DOCUMENTO RIF. e NOTE COMPETENZA DOCUMENTAZIONE INERENTE LA PIANIFICAZIONE IN SICUREZZA DELL ATTIVITÀ DI CANTIERE PSC

Dettagli

TESTO UNICO SULLA SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO (Dlgs 81/2008)

TESTO UNICO SULLA SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO (Dlgs 81/2008) Dipartimento di Prevenzione Azienda USL3 di Pistoia TESTO UNICO SULLA SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO (Dlgs 81/2008) Il ruolo del Ing. Massimo Selmi Pistoia, 26.10.2010 IMPRESA AFFIDATARIA Impresa titolare

Dettagli

22/02/2013. dichiarazione dell Organico medio annuo distinto per qualifica corredato dei riferimenti INPS, INAIL e Cassa edile DURC.

22/02/2013. dichiarazione dell Organico medio annuo distinto per qualifica corredato dei riferimenti INPS, INAIL e Cassa edile DURC. Obblighi del Committente o del Responsabile dei lavori Art.90 Capo 1 Titolo IV DLgs 81-2008 smi2009 9. Anche nel caso di affidamento dei lavori ad un unica impresa o ad un lavoratore autonomo: a) VERIFICA

Dettagli

Cassa Edile Emilia Romagna

Cassa Edile Emilia Romagna DURC: SINTESI DELLE LEGGI E DELLE NORMATIVE 01. RICHIESTA DEL DURC pag. 2 02. VALIDITA DEL DURC pag. 3 03. BNI pag. 4 04. CASSA EDILE COMPETENTE AL RILASCIO DEL DURC pag. 4 05. CARTA FILIGRANATA pag. 5

Dettagli

Sicurezza nei Cantieri Edili

Sicurezza nei Cantieri Edili Sicurezza nei Cantieri Edili Rev. 1 ott. 2009 Cantieri slide 1 di 51 Cantiere e sicurezza sul lavoro Il settore delle costruzioni continua a mantenere alti indici infortunistici sia di frequenza che di

Dettagli

1. Ai fini ed agli effetti delle disposizioni di cui al presente decreto legislativo si intende per: a) «lavoratore»: persona che, indipendentemente

1. Ai fini ed agli effetti delle disposizioni di cui al presente decreto legislativo si intende per: a) «lavoratore»: persona che, indipendentemente Bologna 25,10,2013 Geom. Marco Marchesi 1. Ai fini ed agli effetti delle disposizioni di cui al presente decreto legislativo si intende per: a) «lavoratore»: persona che, indipendentemente dalla tipologia

Dettagli

COMUNICAZIONE DI INIZIO LAVORI ASSEVERATA (CILA)

COMUNICAZIONE DI INIZIO LAVORI ASSEVERATA (CILA) REGIONE LIGURIA COMUNE DI Al Comune di Pratica edilizia SUAP SUE Indirizzo PEC / Posta elettronica CILA CILA con richiesta contestuale di atti presupposti del Protocollo da compilare a cura del SUE/SUAP

Dettagli

[NOZIONI DI SICUREZZA]

[NOZIONI DI SICUREZZA] 2014 PROGETTARE BIOEDILE Giovanni Tona [NOZIONI DI SICUREZZA] I punti fondamentali di cui essere a conoscenza NOZIONI DI SICUREZZA Il Dlgs 81/2008 è un decreto legislativo che per la prima volta ha raccolto

Dettagli

Check List dei documenti e degli adempimenti inerenti la sicurezza

Check List dei documenti e degli adempimenti inerenti la sicurezza Check List dei documenti e degli adempimenti inerenti la sicurezza Da tenere in cantiere ai sensi del D. Lgs. 81/08 1. Documentazione Generale 01 02 Cartello informativo di cantiere Notifica Preliminare

Dettagli

Sicurezza e prevenzione D.lgs 81/08

Sicurezza e prevenzione D.lgs 81/08 Sicurezza e prevenzione D.lgs 81/08 L obbiettivo di tale documento è quello di fornire all amministratore chiarezza proprio sulle responsabilità specifiche del suo ruolo e, non meno importante, di proporre

Dettagli

COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI PER INTERVENTI DI EDILIZIA LIBERA 1

COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI PER INTERVENTI DI EDILIZIA LIBERA 1 1 Allegato 6 al decreto n. 949/2015 ex art. 3 Regolamento di attuazione LR 19/2009 SCHEDA 6 - COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI EDILIZIA LIBERA Al Comune di Pratica edilizia Ufficio Tecnico Comunale Sportello

Dettagli

CILA PER INTERVENTI DI EDILIZIA LIBERA 12

CILA PER INTERVENTI DI EDILIZIA LIBERA 12 2 Al Comune di Castrovillari Spazio riservato all Ufficio Protocollo Dipartimento Tecnico Settore Pianificazione e Gestione del Territorio Corso Garibaldi Palazzo Calvosa PEC : protocollo@pec.comune.castrovillari.cs.it

Dettagli

COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI (C.I.L.)

COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI (C.I.L.) 2 Pratica edilizia Al Comune di SELARGIUS del Protocollo da compilare a cura del SUE COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI (C.I.L.) PER INTERVENTI DI EDILIZIA LIBERA 12 (art. 15 comma 1 e 2, LR 23/85 e ss.mm.ii.)

Dettagli

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Arezzo, 06 maggio 2011

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Arezzo, 06 maggio 2011 CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i Arezzo, 06 maggio 2011 Dott. DAVIDDI Paolo STOLZUOLI Stefania Tecnici di Prevenzione Dipartimento della Prevenzione Azienda USL 8 - Arezzo

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEGLI INGEGNERI PROPOSTA DI REVISIONE DEL D.LGS. 81/08 e ss.mm.ii. TITOLO I

CONSIGLIO NAZIONALE DEGLI INGEGNERI PROPOSTA DI REVISIONE DEL D.LGS. 81/08 e ss.mm.ii. TITOLO I CONSIGLIO NAZIONALE DEGLI INGEGNERI PROPOSTA DI REVISIONE DEL D.LGS. 81/08 e ss.mm.ii. TITOLO I Art. attuale Art. con proposta di modifica Motivazione Articolo 2 comma 1 lettera f) Il Responsabile del

Dettagli

CILA PER INTERVENTI DI EDILIZIA LIBERA 12

CILA PER INTERVENTI DI EDILIZIA LIBERA 12 2 Al Comune di MACERATA Pratica edilizia Posizione Protocollo Sportello Unico Attività Produttive Sportello Unico Edilizia CILA CILA con richiesta contestuale di atti presupposti Viale Trieste 24 62100

Dettagli

6 mesi dopo il decreto del fare: bilancio, semplificazione ed attuazione

6 mesi dopo il decreto del fare: bilancio, semplificazione ed attuazione Alfonso Cioffi mercoledì, giovedì, 18 26 settembre giugno 2014 2013 6 mesi dopo il decreto del fare: bilancio, Giornata del Decreto del fare semplificazione ed attuazione DISPOSIZIONI IN MATERIA DI SALUTE

Dettagli

D. LGS. 81/08 testo unico sulla sicurezza

D. LGS. 81/08 testo unico sulla sicurezza Campagna straordinaria di formazione per la diffusione della cultura della salute e della sicurezza rivolto al mondo dell impresa. Cantieri di sicurezza 52/1/3/277/2010 D. LGS. 81/08 testo unico sulla

Dettagli

CIL PER INTERVENTI DI EDILIZIA LIBERA 12

CIL PER INTERVENTI DI EDILIZIA LIBERA 12 Al Comune di Pratica edilizia SUAP SUE Indirizzo PEC / Posta elettronica del Protocollo CIL PER INTERVENTI DI EDILIZIA LIBERA 12 (art. 6, comma 2, lettere b, c, d ed e, d.p.r. 6 giugno 2001, n. 380) da

Dettagli

CIL PER INTERVENTI DI EDILIZIA LIBERA 1 (art. 6, comma 2, lettere b, c, d ed e, d.p.r. 6 giugno 2001, n. 380)

CIL PER INTERVENTI DI EDILIZIA LIBERA 1 (art. 6, comma 2, lettere b, c, d ed e, d.p.r. 6 giugno 2001, n. 380) Al Comune di SANT ANGELO DI PIOVE DI SACCO (PD) SUAP SUE Indirizzo PIAZZA QUATTRO NOVEMBRE, 33 PEC:santagelodipiovedisacco.pd@cert.ip-veneto.net Pratica edilizia del Protocollo da compilare a cura del

Dettagli

CILA PER INTERVENTI DI EDILIZIA LIBERA 12 (art. 6, comma 2, lettere a ed e-bis, d.p.r. 6 giugno 2001, n. 380)

CILA PER INTERVENTI DI EDILIZIA LIBERA 12 (art. 6, comma 2, lettere a ed e-bis, d.p.r. 6 giugno 2001, n. 380) 2 Al Comune di Pratica edilizia SUAP Indirizzo del SUE PEC / Posta elettronica CILA CILA con richiesta contestuale di atti presupposti Protocollo CILA PER INTERVENTI DI EDILIZIA LIBERA 12 (art. 6, comma

Dettagli

Seminario regionale La sicurezza nei cantieri forestali

Seminario regionale La sicurezza nei cantieri forestali Seminario regionale La sicurezza nei cantieri forestali 14 giugno 2012 - Fenestrelle (TO) ASL CN2 Alba-Bra Servizio di Prevenzione e Sicurezza Ambienti di Lavoro (S.Pre Pre.S.A.L.) TITOLO IV D.L.gs 81/08

Dettagli

REGIONE LIGURIA COMUNE DI TOVO SAN GIACOMO

REGIONE LIGURIA COMUNE DI TOVO SAN GIACOMO REGIONE LIGURIA COMUNE DI TOVO SAN GIACOMO Pratica edilizia Al Comune di del Protocollo SUAP SUE Indirizzo PEC / Posta elettronica CILA CILA con richiesta contestuale di atti presupposti da compilare a

Dettagli

Vincenzo Mainardi PIANO OPERATIVO E IDONEITÀ TECNICO PROFESSIONALE AI SENSI DEL D.LGS. 81/2008 E D.LGS. 106/2009

Vincenzo Mainardi PIANO OPERATIVO E IDONEITÀ TECNICO PROFESSIONALE AI SENSI DEL D.LGS. 81/2008 E D.LGS. 106/2009 Vincenzo Mainardi Guida al POS e ITP PIANO OPERATIVO E IDONEITÀ TECNICO PROFESSIONALE AI SENSI DEL D.LGS. 81/2008 E D.LGS. 106/2009 CD-ROM INCLUSO CON MODELLO COMPLETO E PRECOMPILATO DI POS E ITP Indice

Dettagli

CILA PER INTERVENTI DI EDILIZIA LIBERA 12 (art. 6, comma 2, lettere a ed e-bis, d.p.r. 6 giugno 2001, n. 380)

CILA PER INTERVENTI DI EDILIZIA LIBERA 12 (art. 6, comma 2, lettere a ed e-bis, d.p.r. 6 giugno 2001, n. 380) 2 Modulo A10.01 Mod.COM_73_Modulo_unificato_CILA Vers. 00 del 01/04/2015 Al SUAP del Comune di Pratica edilizia del CILA CILA con richiesta contestuale di atti presupposti Protocollo da compilare a cura

Dettagli

COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI ASSEVERATA (CILA)

COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI ASSEVERATA (CILA) Regione Lazio Al Comune di Pratica edilizia SUAP SUE Indirizzo PEC / Posta elettronica CILA CILA con richiesta contestuale di atti presupposti del Protocollo da compilare a cura del SUE/SUAP COMUNICAZIONE

Dettagli

CIL PER INTERVENTI DI EDILIZIA LIBERA 12 (art. 6, comma 2, lettere b, c, d ed e, d.p.r. 6 giugno 2001, n. 380)

CIL PER INTERVENTI DI EDILIZIA LIBERA 12 (art. 6, comma 2, lettere b, c, d ed e, d.p.r. 6 giugno 2001, n. 380) 2 Al Comune di Pratica edilizia SUAP SUE Indirizzo PEC / Posta elettronica del Protocollo CIL PER INTERVENTI DI EDILIZIA LIBERA 12 (art. 6, comma 2, lettere b, c, d ed e, d.p.r. 6 giugno 2001, n. 380)

Dettagli

DOCUMENTAZIONE DI CANTIERE

DOCUMENTAZIONE DI CANTIERE Pagina 1 di 9 DOCUMENTAZIONE DI CANTIERE La documentazione di cantiere si può suddividere in: documentazione indispensabile da conservare in cantiere, documentazione che è opportuno conservare in cantiere,

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE PER LA SICUREZZA DEL LAVORO NEI CONTRATTI D APPALTO, D OPERA O DI SOMMINISTRAZIONE

CAPITOLATO SPECIALE PER LA SICUREZZA DEL LAVORO NEI CONTRATTI D APPALTO, D OPERA O DI SOMMINISTRAZIONE ALLEGATO 6 CAPITOLATO SPECIALE PER LA SICUREZZA DEL LAVORO NEI CONTRATTI D APPALTO, D OPERA O DI SOMMINISTRAZIONE Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente Capitolato, alle seguenti espressioni sono

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI TOR VERGATA

UNIVERSITA DEGLI STUDI TOR VERGATA UNIVERSITA DEGLI STUDI TOR VERGATA SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI E TEMPORANEI Ing. Chiara Pugnalini CORSO DI TECNOLOGIA DEI MATERIALI E CHIMICA APPLICATA Profs. Antonio Rinaldi/ Elisabetta di Bartolomeo

Dettagli

La predisposizione delle nuove prescrizioni inerenti alla verifica dell idoneità

La predisposizione delle nuove prescrizioni inerenti alla verifica dell idoneità l Sicurezza in cantiere. L analisi documentale alla base della verifica Idoneità tecnico professionale: nuove regole per gli appalti La predisposizione delle nuove prescrizioni inerenti alla verifica dell

Dettagli

DURC E REGOLARITA CONTRIBUTIVA ALL INTERNO DELLA NORMATIVA NAZIONALE E REGIONALE

DURC E REGOLARITA CONTRIBUTIVA ALL INTERNO DELLA NORMATIVA NAZIONALE E REGIONALE DURC E REGOLARITA CONTRIBUTIVA ALL INTERNO DELLA NORMATIVA NAZIONALE E REGIONALE AVV. STEFANIA ROSI BONCI PERUGIA 17 MAGGIO 2013 definizione di DURC: 2 Il documento unico di regolarità contributiva è il

Dettagli

PIANO OPERATIVO DEMOLIZIONI

PIANO OPERATIVO DEMOLIZIONI Marcianise, 14/03/2013 COMUNE DI MARCIANISE PROVINCIA DI CASERTA PIANO OPERATIVO DEMOLIZIONI (Allegato XV, art. 89 e art. 96 del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 e s.m.i.) (D.Lgs. 3 agosto 2009, n. 10) OGGETTO:

Dettagli

DURC: SINTESI DELLE LEGGI E DELLE NORMATIVE

DURC: SINTESI DELLE LEGGI E DELLE NORMATIVE CASSA EDILE BRESCIA VIA DEI MILLE 18 25122 BRESCIA TEL. 030 289061 FAX 030 3756321 / 030 5030823 www.cassaedilebrescia.it DURC: SINTESI DELLE LEGGI E DELLE NORMATIVE 01. RICHIESTA DEL DURC pag. 2 - lavori

Dettagli

Lavori privati: amministratori di stabili

Lavori privati: amministratori di stabili In bilico tra sicurezza e lavoro: il cantiere (in)sicuro cptrieste Trieste, 14.4.2011 Lavori privati: responsabilità e obblighi degli amministratori di stabili ing. Renzo Simoni Responsabile S.S. Igiene

Dettagli

CILA PER INTERVENTI DI EDILIZIA LIBERA 12 (art. 6, comma 2, lettere a ed e-bis, d.p.r. 6 giugno 2001, n. 380)

CILA PER INTERVENTI DI EDILIZIA LIBERA 12 (art. 6, comma 2, lettere a ed e-bis, d.p.r. 6 giugno 2001, n. 380) 2 Allegato D. COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI ASSEVERATA PER EDILIZIA LIBERA Al Comune di Pratica edilizia SUAP Indirizzo del SUE PEC / Posta elettronica CILA CILA con richiesta contestuale di atti presupposti

Dettagli

Laura Rossi S.Pre.S.A.L. A.S.L. NO

Laura Rossi S.Pre.S.A.L. A.S.L. NO Laura Rossi S.Pre.S.A.L. A.S.L. NO Le norme DECRETO DEL FARE - D.L. 69/2013 - convertito con modifiche - Legge 98/2013 in vigore dal 21 agosto DECRETO LAVORO - D.L. 76/2013 - convertito con modifiche -

Dettagli

FASCICOLO DI DOCUMENTI OBBLIGATORI IN CANTIERE D R. M A R R O C C O L U C I O M E D I C O D E L L A V O R O

FASCICOLO DI DOCUMENTI OBBLIGATORI IN CANTIERE D R. M A R R O C C O L U C I O M E D I C O D E L L A V O R O FASCICOLO DI DOCUMENTI OBBLIGATORI IN CANTIERE D R. M A R R O C C O L U C I O M E D I C O D E L L A V O R O Documenti concernenti gli obblighi a carico del Datore di Lavoro Nomine e attestati di formazione

Dettagli

CIL PER INTERVENTI DI EDILIZIA LIBERA 1 2 (art. 136, comma 2, lettere b), c), d), e), f) e comma 3 l.r. 65/2014)

CIL PER INTERVENTI DI EDILIZIA LIBERA 1 2 (art. 136, comma 2, lettere b), c), d), e), f) e comma 3 l.r. 65/2014) 2 Al Comune di Pratica edilizia SUAP SUE Indirizzo PEC / Posta elettronica del Protocollo CIL PER INTERVENTI DI EDILIZIA LIBERA 1 2 (art. 136, comma 2, lettere b), c), d), e), f) e comma 3 l.r. 65/2014)

Dettagli

CONVEGNO. Semplificazioni negli adempimenti in materia di salute e sicurezza sul lavoro.

CONVEGNO. Semplificazioni negli adempimenti in materia di salute e sicurezza sul lavoro. ASSOCIAZIONE PROFESSIONALE ITALIANA AMBIENTE E SICUREZZA Sede provinciale di Taranto con la collaborazione tecnica di Porreca.it CONVEGNO Semplificazioni negli adempimenti in materia di salute e sicurezza

Dettagli

A)REQUISITI DELLE IMPRESE PER L ACCESSO NEI CANTIERI EDILI B)REQUISITI FORMATIVI DEI LAVORATORI

A)REQUISITI DELLE IMPRESE PER L ACCESSO NEI CANTIERI EDILI B)REQUISITI FORMATIVI DEI LAVORATORI A)REQUISITI DELLE IMPRESE PER L ACCESSO NEI CANTIERI EDILI B)REQUISITI FORMATIVI DEI LAVORATORI D. LGS. 81/08 e s.m.i. Relatore : Geom. Massimo Passalacqua SCUOLA EDILE REGIONALE ENTE PARITETICO PER LA

Dettagli

Normativa di riferimento

Normativa di riferimento SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N. 3 ALTO FRIULI DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Prevenzione e sicurezza ambienti di lavoro CADUTE DALL ALTO

Dettagli

COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI PER INTERVENTI DI

COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI PER INTERVENTI DI 1 Allegato 6 al decreto n. 949/2015 ex art. 3 Regolamento di attuazione LR 19/2009 SCHEDA 6 - COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI EDILIZIA LIBERA C I T T A D I S A C I L E 2015_0721 Al Comune di Pratica edilizia

Dettagli

COME STA IL TUO CANTIERE?

COME STA IL TUO CANTIERE? Vademecum per l impresa e il cantiere 15x21 30-04-2010 10:56 MAGGIO 2010 Pagina 1 COME STA IL TUO CANTIERE? UNA VISITA TECNICA DEL CTP PUÒ EVITARTI COMPLICAZIONI PRENOTALA ADESSO METTI IN REGOLA IL TUO

Dettagli

IL COORDINATORE PER L ESECUZIONE

IL COORDINATORE PER L ESECUZIONE PRESENTAZIONE SINTETICA IL COORDINATORE PER L ESECUZIONE QUANDO ENTRA IN SCENA IL CSE COME SOGGETTO RESPONSABILE? La posizione di garanzia del coordinatore entra in vigore con il D. Legislativo 494 del

Dettagli

Stai progettando la tua nuova casa? Vuoi ristrutturare un abitazione esistente?

Stai progettando la tua nuova casa? Vuoi ristrutturare un abitazione esistente? Stai progettando la tua nuova casa? Vuoi ristrutturare un abitazione esistente? Certamente ti sarai affidato a un architetto per trasformare in realtà i tuoi sogni. Forse però non sai che la normativa

Dettagli

Alla CITTA' DI SAN MAURO TORINESE

Alla CITTA' DI SAN MAURO TORINESE Spazio riservato al Protocollo Spazio riservato al Protocollo Modello Comunicazione Inizio Lavori P.D.C. Alla CITTA' DI SAN MAURO TORINESE SETTORE PIANIFICAZIONE E GESTIONE DEL TERRITORIO Servizio Edilizia

Dettagli

La disciplina sanzionatoria (applicata all art. 26)

La disciplina sanzionatoria (applicata all art. 26) Modulo A.1: Organizzazione sanitaria (Formazione di base) sanzionatoria (applicata all art. 26) Dlgs. 81/08 e s.m.i. Ordine degli Ingegneri della Provincia di Roma Consigliere con delega alla SSLL fulvi.francesco@gmail.com

Dettagli

Protocollo di intesa a programmare, ferme restando le specifiche. competenze di ogni soggetto, interventi di prevenzione congiunti e

Protocollo di intesa a programmare, ferme restando le specifiche. competenze di ogni soggetto, interventi di prevenzione congiunti e PROTOCOLLO DI INTESA IN MATERIA DI SICUREZZA, IGIENE NEI LUOGHI DI LAVORO E LEGALITA NELLA REALIZZAZIONE DI UNA NUOVA RESIDENZA UNIVERSITARIA IN PISA Protocollo di intesa a programmare, ferme restando

Dettagli

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Corso di laurea in Ingegneria Edile CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Anno Accademico 2011/2012 Definire: Obbiettivi della lezione Rischi Interferenziali - DUVRI e PSC Rischi Propri - POS Conoscere gli aspetti

Dettagli

COME STA IL TUO CANTIERE?

COME STA IL TUO CANTIERE? Vademecum per l impresa e il cantiere 15x21 30-04-2010 10:56 maggio 2010 Pagina 1 COME STA IL TUO CANTIERE? UNA VISITA TECNICA DEL CTP PUÒ EVITARTI COMPLICAZIONI PRENOTALA ADESSO METTI IN REGOLA IL TUO

Dettagli

02/11/2010. Relatore Gian Luca Samoggia - Direttore del Centro Studi ANACI Emilia Romagna

02/11/2010. Relatore Gian Luca Samoggia - Direttore del Centro Studi ANACI Emilia Romagna Relatore Gian Luca Samoggia - Direttore del Centro Studi Emilia Romagna SICUREZZA IN CONDOMINIO LE LINEE GUIDA 1 IL CONDOMINIO IN ITALIA Rapporto Censis-Anaci 2006 (su dati Ministero Finanze e Istat Censimento

Dettagli

CILA PER INTERVENTI DI EDILIZIA LIBERA 12 (art. 6, comma 2, lettere a ed e-bis, d.p.r. 6 giugno 2001, n. 380)

CILA PER INTERVENTI DI EDILIZIA LIBERA 12 (art. 6, comma 2, lettere a ed e-bis, d.p.r. 6 giugno 2001, n. 380) 2 Allegato D. COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI ASSEVERATA PER EDILIZIA LIBERA Al Comune di Pratica edilizia SUAP Indirizzo del SUE PEC / Posta elettronica CILA CILA con richiesta contestuale di atti presupposti

Dettagli

Comunicazione Inizio Lavori per interventi di edilizia libera (Ai sensi dell art.6 comma 2 lettere b, c, d ed e, del d.p.r. 6 giugno 2001 n.

Comunicazione Inizio Lavori per interventi di edilizia libera (Ai sensi dell art.6 comma 2 lettere b, c, d ed e, del d.p.r. 6 giugno 2001 n. Modello H926 CIL (20/03/2015) Allo Sportello Unico per l Edilizia Pagina 1 di 12 C O M U N E DI SAN GIOVANNI ROTONDO SETTORE TECNICO - URBANISTICO AMBIENTE - PATRIMONIO Protocollo Esente da bollo Cod.

Dettagli

GESTIONE DEGLI APPALTI. Copyright Diritti riservati

GESTIONE DEGLI APPALTI. Copyright Diritti riservati GESTIONE DEGLI APPALTI Copyright Diritti riservati GESTIONE DEGLI APPALTI RIF. D. LGS. 81/08 s.m.i. Articolo 26 - Obblighi connessi ai contratti d appalto o d opera o di somministrazione Titolo IV Cantieri

Dettagli

Comunicazione di inizio attività edilizia libera 12 (art. 6, comma 2, lettere b, c, ed e, d.p.r. 6 giugno 2001, n. 380

Comunicazione di inizio attività edilizia libera 12 (art. 6, comma 2, lettere b, c, ed e, d.p.r. 6 giugno 2001, n. 380 2 Comune di San Giuliano Milanese Settore Tecnico e Sviluppo del Territorio CIL - Archiviazione Comune di San Giuliano Milanese - Via De Nicola 2-20098 San Giuliano Milanese (MI) tel. 02 982071 - fax 02

Dettagli

Al Responsabile dello Sportello Unico per l edilizia del Comune di Calizzano

Al Responsabile dello Sportello Unico per l edilizia del Comune di Calizzano Comune di Calizzano Provincia di Savona Sportello Unico per l Edilizia Richiedente: CILA PER INTERVENTI DI EDILIZIA LIBERA 12 (art. 6, comma 2, lettere a ed e-bis, d.p.r. 6 giugno 2001, n. 380) (Art.7

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA SICUREZZA IN EDILIZIA

LINEE GUIDA PER LA SICUREZZA IN EDILIZIA Comitato paritetico territoriale per la prevenzione degli infortuni, l igiene e l ambiente di lavoro di Taranto e Provincia LINEE GUIDA PER LA SICUREZZA IN EDILIZIA SETTEMBRE 2013 Le indicazioni della

Dettagli

DOCUMENTO UNICO VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENZIAL ARTISTA:

DOCUMENTO UNICO VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENZIAL ARTISTA: Allegato F, schema di DUVRI DOCUMENTO UNICO VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENZIAL ARTISTA:. OGGETTO APPALTO: FORNITURA E INSTALLAZIONE DI OPERE D ARTE PER IL PALAZZO RICERCA E CONOSCENZA DELLA FONDAZIONE

Dettagli

del cittadino/ committente

del cittadino/ committente Vademecumglio 2011 del cittadino/ committente Guida sulla sicurezza nei cantieri edili/ Attenzione! per legge sei il primo responsabile La firma del contratto d appalto/ Le garanzie per lavori ottimali

Dettagli

CAPO II NORME PER LA PREVENZIONE DEGLI INFORTUNI SUL LAVORO NELLE COSTRUZIONI E NEI LAVORI IN QUOTA

CAPO II NORME PER LA PREVENZIONE DEGLI INFORTUNI SUL LAVORO NELLE COSTRUZIONI E NEI LAVORI IN QUOTA TITOLO IV CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI DLGS 81/200 08 CAPO I MISURE PER LA SALUTE E SICUREZZA NEI CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI CAPO II NORME PER LA PREVENZIONE DEGLI INFORTUNI SUL LAVORO NELLE COSTRUZIONI

Dettagli

Le responsabilità del Committente Amministratore di condominio alla luce della giurisprudenza più recente

Le responsabilità del Committente Amministratore di condominio alla luce della giurisprudenza più recente Le responsabilità del Committente Amministratore di condominio alla luce della giurisprudenza più recente SEMINARIO: Sicurezza sul lavoro nel condominio leggi, obblighi, cautele, opportunità 18/09/2015

Dettagli

COMUNE DI LATERINA REALIZZAZIONE DI IMPIANTO FOTOVOLTAICO ASSERVITO ALL IMMOBILE SCUOLA ELEMENTARE COMUNALE DI PROPRIETA DEL COMUNE DI LATERINA:

COMUNE DI LATERINA REALIZZAZIONE DI IMPIANTO FOTOVOLTAICO ASSERVITO ALL IMMOBILE SCUOLA ELEMENTARE COMUNALE DI PROPRIETA DEL COMUNE DI LATERINA: COMUNE DI LATERINA Via Trento, 21 52020 - LATERINA (AR) Tel. +39 0575 88011 - Fax. +39 0575 894626 e-mail: comune@comune.laterina.ar.it PEC: comune.laterina@postacert.toscana.it REALIZZAZIONE DI IMPIANTO

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL PIANO DI SICUREZZA

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL PIANO DI SICUREZZA RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL PIANO DI SICUREZZA In riferimento alla normativa vigente in materia di sicurezza cantieri il sottoscritto ing. Pillinini Valentino, incaricato dall'amministrazione Comunale di

Dettagli

CILA PER INTERVENTI DI EDILIZIA LIBERA 1 (art. 136, comma 2, lettere a) e g), comma 3 l.r. 65/2014)

CILA PER INTERVENTI DI EDILIZIA LIBERA 1 (art. 136, comma 2, lettere a) e g), comma 3 l.r. 65/2014) Al Comune di SUAP SUE CILA Indirizzo PEC / Posta elettronica CILA con richiesta contestuale di atti presupposti Pratica edilizia del Protocollo da compilare a cura del SUE/SUAP CILA PER INTERVENTI I EILIZIA

Dettagli

il Ca n t i e r e Sic u r o Notiziario del Comitato Paritetico Territoriale di Brescia e provincia per l edilizia

il Ca n t i e r e Sic u r o Notiziario del Comitato Paritetico Territoriale di Brescia e provincia per l edilizia il Ca n t i e r e Sic u r o Notiziario del Comitato Paritetico Territoriale di Brescia e provincia per l edilizia informazioni per la sicurezza in cantiere 01 Comitato paritetico territoriale di Brescia

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER L ISTITUZIONE DELLO SPORTELLO UNICO PER IL RILASCIO DEL DOCUMENTO UNICO DI REGOLARITA CONTRIBUTIVA

PROTOCOLLO D INTESA PER L ISTITUZIONE DELLO SPORTELLO UNICO PER IL RILASCIO DEL DOCUMENTO UNICO DI REGOLARITA CONTRIBUTIVA PROTOCOLLO D INTESA PER L ISTITUZIONE DELLO SPORTELLO UNICO PER IL RILASCIO DEL DOCUMENTO UNICO DI REGOLARITA CONTRIBUTIVA L anno duemilatre il giorno tre del mese di dicembre, presso la Prefettura di

Dettagli

DICHIARAZIONE DI AFFIDAMENTO LAVORI ALLA DITTA ESECUTRICE (art. 90 D.Lgs. 09/04/2008, n. 81)

DICHIARAZIONE DI AFFIDAMENTO LAVORI ALLA DITTA ESECUTRICE (art. 90 D.Lgs. 09/04/2008, n. 81) Protocollo Allo Sportello Unico per l Edilizia Comune di Monte San Pietro Pratica U.T. Cod. Eco DICHIARAZIONE DI AFFIDAMENTO LAVORI ALLA DITTA ESECUTRICE (art. 90 D.Lgs. 09/04/2008, n. 81) DA ALLEGARE:

Dettagli

proff. ingg. Angelo Spizuoco & Olga Romano Centro Studi progettazioni - strutture geologia - geotecnica

proff. ingg. Angelo Spizuoco & Olga Romano Centro Studi progettazioni - strutture geologia - geotecnica Centro Studi progettazioni - strutture geologia - geotecnica piazza N. Tofano n.38 80030 SAN VITALIANO (NA) SICUREZZA CANTIERI 1 www.spizuoco.it E-mail: spizuoco@libero.it Tel. (081) 8441122 - (02) 38599881-339

Dettagli

SPORTELLO UNICO PREVIDENZIALE Per la richiesta del Documento Unico di Regolarità Contributiva (DURC) E Denuncia di Nuovo Lavoro per l Inail (DNL)

SPORTELLO UNICO PREVIDENZIALE Per la richiesta del Documento Unico di Regolarità Contributiva (DURC) E Denuncia di Nuovo Lavoro per l Inail (DNL) Mod. RD_01 SPORTELLO UNICO PREVIDENZIALE Per la richiesta del Documento Unico di Regolarità Contributiva (DURC) E Denuncia di Nuovo Lavoro per l Inail (DNL) MODULO UNIFICATO RICHIESTA REGOLARITA' 1) richiesta

Dettagli

Ruolo e responsabilità del dirigente scolastico in ordine alla prevenzione e sicurezza sul lavoro. Modena, 30 ottobre 2009

Ruolo e responsabilità del dirigente scolastico in ordine alla prevenzione e sicurezza sul lavoro. Modena, 30 ottobre 2009 Ruolo e responsabilità del dirigente scolastico in ordine alla prevenzione e sicurezza sul lavoro Modena, 30 ottobre 2009 Decreto Legislativo 3 agosto 2009, n. n. 106 "Disposizioni integrative e correttive

Dettagli

STUDIO DI ARCHITETTURA

STUDIO DI ARCHITETTURA STUDIO DI ARCHITETTURA 17 - VIA COL DI LANA - 21053 - CASTELLANZA - VARESE - TELEFONO +39 331 501622 - TELEFAX +39 331 501610 - EMAIL mcaldiroli@betanet.it P I A N O D I S I C U R E Z Z A & C O O R D I

Dettagli

COMUNE DI LATERINA REALIZZAZIONE DI IMPIANTO FOTOVOLTAICO ASSERVITO ALL IMMOBILE PALESTRA COMUNALE DI PROPRIETA DEL COMUNE DI LATERINA:

COMUNE DI LATERINA REALIZZAZIONE DI IMPIANTO FOTOVOLTAICO ASSERVITO ALL IMMOBILE PALESTRA COMUNALE DI PROPRIETA DEL COMUNE DI LATERINA: COMUNE DI LATERINA Via Trento, 21 52020 - LATERINA (AR) Tel. +39 0575 88011 - Fax. +39 0575 894626 e-mail: comune@comune.laterina.ar.it PEC: comune.laterina@postacert.toscana.it REALIZZAZIONE DI IMPIANTO

Dettagli