Licenza di utilizzo - Disclaimer

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Licenza di utilizzo - Disclaimer"

Transcript

1

2 Licenza di utilizzo - Disclaimer Licenza di Attribuzione - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia (CC BY-SA 3.0 IT) Tu sei libero di: - condividere: riprodurre, distribuire, comunicare al pubblico, esporre in pubblico, rappresentare, eseguire e recitare questo materiale con qualsiasi mezzo e formato - modificare: modificare, trasformare il materiale e basarti su di esso per le tue opere per qualsiasi fine, anche commerciale Il licenziante non può revocare questi diritti fintanto che tu rispetti i termini della licenza Alle seguenti condizioni: - attribuzione: devi riconoscere una menzione di paternità adeguata, fornire un link alla licenza e indicare se sono state effettuate delle modifiche. Puoi fare ciò in qualsiasi maniera ragionevole possibile, ma non con modalità tali da suggerire che il licenziante avalli te o il tuo utilizzo del materiale - stessa licenza: se modifichi, trasformi il materiale o ti basi su di esso, devi distribuire i tuoi contributi con la stessa licenza del materiale originario - divieto di restrizioni aggiuntive: non puoi applicare termini legali o misure tecnologiche che impongano ad altri soggetti dei vincoli giuridici su quanto la licenza consente loro di fare 2

3 Requisiti nell anno precedente: hanno conseguito ricavi o compensi non superiori a 30mila euro non hanno avuto lavoratori dipendenti o collaboratori (anche a progetto) non hanno effettuato cessioni all esportazione non hanno erogato utili da partecipazione agli associati con apporto di solo lavoro nel triennio precedente non hanno effettuato acquisti di beni strumentali per un ammontare superiore a 15mila euro iniziano l attività e presumono di possedere i requisiti di cui ai punti 1) e 2). Il limite dei 30mila euro di ricavi o compensi deve essere rapportato all anno 3

4 Requisiti 2 non aver esercitato nel triennio precedente l inizio dell attività, attività artistica, professionale o d impresa, anche in forma associata o familiare l attività non deve costituisce prosecuzione di altra precedentemente svolta in forma di lavoratore dipendente o autonomo, con esclusione della pratica professionale. il regime è usufruibile dai soggetti che si trovano in condizioni di disoccupazione o di mobilità, purché possano dimostrare che tale situazione non è dipendente dalla propria volontà (Provvedimento /2011). 4

5 Esclusioni Sono esclusi dal regime coloro: che si avvalgono di regimi speciali Iva (per esempio, agenzie di viaggio e turismo, agricoltura, vendita di sali e tabacchi, ecc.) non sono residenti che effettuano, in via esclusiva o prevalente, attività di cessioni di immobili (fabbricati e terreni edificabili) e di mezzi di trasporto nuovi che partecipano contestualmente a società di persone, associazioni professionali o a società a responsabilità limitata a ristretta base proprietaria che hanno optato per la trasparenza fiscale. 5

6 Durata 5 anni: il regime agevolato viene applicato per il periodo d imposta di inizio attività e per i quattro successivi I soggetti che non hanno ancora compiuto il 35mo anno di età possono applicare il nuovo regime fiscale fino al periodo d imposta di compimento del 35mo anno. esempio, che un soggetto di 40 anni di età, in presenza di tutti i requisiti richiesi dalla normativa, può intraprendere un attività nel regime fiscale agevolato per i cinque anni previsti; allo scadere del quinto anno, avendo egli già compiuto 35 anni di età, ne decade automaticamente. 6

7 DETERMINAZIONE DEL REDDITO principio di cassa: i componenti positivi e negativi rilevano quindi per la formazione del reddito nel periodo d imposta in cui si verifica il pagamento non trovano applicazione le norme del Decreto del Presidente della Repubblica 917/1986 che prevede alcune limitazioni nella deducibilità dei costi 7

8 SEMPLIFICAZIONI CONTABILI può non istituire i registri vendite e/o corrispettivi e acquisti (anche se in definitiva è necessario tenere una contabilità) esonero dalla liquidazione mensile o trimestrale IVA (l'iva non si applica alle vendite e non si detrae sugli acquisti (che si somma al costo) 8

9 SEMPLIFICAZIONI FISCALI non si presenta la comunicazione annuale IVA e neppure la dichiarazione IVA; non si è soggetti agli studi di settore esenzione dal pagamento e dalla compilazione della dichiarazione IRAP esonero dalla comunicazione delle operazioni rilevanti (c.d. spesometro) si applica una imposta sostitutiva sia dell'irpef sia delle addizionali nella misura del 5% I ricavi non sono soggetti a ritenuta d'acconto 9

10 ADEMPIMENTI obbligo di numerazione e conservazione delle fatture di acquisto e di vendita e delle bollette doganali obbligo di certificazione dei corrispettivi si raccomanda di apporre sulle fatture emesse o sulle ricevute fiscali la dicitura "Fuori campo applicazione Iva articolo 1, comma 100, legge 244/2007" obbligo di integrazione delle fatture per gli acquisti intracomunitari indicando aliquota e relativa imposta obbligo di presentare la dichiarazione dei redditi compilando il quadro LM. tenuta del registro beni ammortizzabili 10

11 CESSAZIONE DEL REGIME dall'anno successivo quando ricavi o compensi superiori a euro ,00 ma inferiori a euro ,00 (ALTRIMENTI CESSAZIONE IMMEDIATA) se effettuate cessioni all'esportazione se sostenute spese per lavoro dipendente o per collaboratori a progetto se erogate somme a titolo di partecipazioni a utili se effettuati acquisti di beni strumentali (totale fattura iva compresa) che sommati a quelli dei due anni precedenti superano i ,00 euro se si diventa socio in una società sia di persone che s.r.l. trasparenti 11

12 CESSAZIONE 2^ parte nel caso in cui i ricavi superino di oltre il 50% il limite annuo di ,00 euro la cessazione deve avvenire nell'anno stesso del superamento. In questo caso il contribuente dovrà provvedere agli adempimenti sia contabili che extracontabili di chi applica il regime ordinario IVA cosiddetto "naturale", dovrà quindi applicare l'iva sui ricavi e detrarre l'iva sugli acquisti che prima considerava nel totale fattura e quindi come costo!!! liquidazioni IVA mensili o trimestrali e versare l'iva come avviene nel regime normale IVA Il regime ordinario deve poi esser applicato per il periodo d imposta in cui avviene il superamento e per i 3 successivi 12

13 Opzione regime ordinario possibile optare per l applicazione del regime contabile ordinario ( articoli 14 - pdf, 18 - pdf e 19 - pdf del Dpr 600/1972) l opzione, valida per almeno 3 anni, deve essere comunicata con la prima dichiarazione annuale da presentare successivamente alla scelta operata dopo 3 anni, l opzione resta valida per ciascun anno successivo, fino a quando permane la concreta applicazione del regime normale 13

14 Esempio di fattura 14

15 CONTRO vengono perse le normali detrazioni su lavoro dipendente o lavoro autonomo vengono perse le detrazioni su spese mediche, ristrutturazioni, mutuo prima casa, ecc. (salvo non si disponga di altri redditi tassati ordinariamente da abbattere) se si acquista materiale da rivendere / addebitare al cliente soggetto IVA non è possibile detrarre l'iva e nel riaddebito il cliente perde la detrazione (ci sono soluzioni) perdite riportabili, ma compensabili solo con redditi di stessa natura 15

16 PRO vantaggio concorrenziale nei confronti dei clienti privati tassazione agevolata esenzione da adempimenti e studi di settore 16

17 Altri costi da considerare Nel valutare i costi di gestione di un'attività è opportuno considerare che sono dovuti anche gli oneri contributivi nelle seguenti misure: INPS commercianti: aliquota del 23,29% con un minimo di Euro 3.616,68 INPS artigiani: aliquota del 22,20% con un minimo di Euro 3.599,12 INPS gestione separata: aliquota del 28,72% senza minimale (dati ed aliquote relative al 2014) 17

18 Conclusione Lo Studio è a disposizione per ogni valutazione in merito: contatti Mardegan Matteo Dottore Commercialista - Revisore Legale Iscritto al n nel Registro dei Revisori Legali del Ministero dell'economia e delle Finanze Iscritto al n. A1178, Sez. A, dell Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Treviso Via Alessandro Zanini n. 2/a Cornuda (TV) Tel.: +39(0423) Cell.: +39 (340) Telefax: +39(0423) Skype: matteo.mardegan Sito: 18

L apertura della partita iva

L apertura della partita iva L apertura della partita iva Laura Capotondo capotondo@studiofdz.com Regime di vantaggio per l imprenditoria giovanile e lavoratori in mobilità di cui all articolo 27, commi 1 e 2, del D.L. 6 luglio 2011,

Dettagli

IL REGIME DEI NUOVI CONTRIBUENTI MINIMI. D.L. n. 98/11, convertito nella L. n. 111/11 (cosiddetta Manovra Correttiva )

IL REGIME DEI NUOVI CONTRIBUENTI MINIMI. D.L. n. 98/11, convertito nella L. n. 111/11 (cosiddetta Manovra Correttiva ) IL REGIME DEI NUOVI CONTRIBUENTI MINIMI D.L. n. 98/11, convertito nella L. n. 111/11 (cosiddetta Manovra Correttiva ) 1 PARTE DAL 2012 IL REGIME DEI NUOVI CONTRIBUENTI MINIMI Il nuovo regime decorre dal

Dettagli

NUOVO REGIME DEI MINIMI

NUOVO REGIME DEI MINIMI NUOVO REGIME DEI MINIMI Il decreto istitutivo del nuovo regime dei minimi (Articolo 27 D.L. n. 98 del 6 luglio 2011, convertito con modificazioni dalla Legge n. 111 del 15 luglio 2011 - Manovra correttiva)

Dettagli

DOTTRINA - N. 2 Giugno 2011 A cura di avv. Franco Perrone dello Studio legale tributario Perrone Associazione tra professionisti

DOTTRINA - N. 2 Giugno 2011 A cura di avv. Franco Perrone dello Studio legale tributario Perrone Associazione tra professionisti DOTTRINA - N. 2 Giugno 2011 A cura di avv. Franco Perrone dello Studio legale tributario Perrone Associazione tra professionisti DAI CONTRIBUENTI MINIMI ALL IMPRENDITORIA GIOVANILE ED AI LAVORATORI IN

Dettagli

22/12/2016. NOVITA per le Partite IVA 2016 OPPORTUNITA E STRUMENTI. Il quadro al 1 Gennaio FORFAIT: Sintesi NOVITÀ 2016

22/12/2016. NOVITA per le Partite IVA 2016 OPPORTUNITA E STRUMENTI. Il quadro al 1 Gennaio FORFAIT: Sintesi NOVITÀ 2016 NOVITA per le Partite IVA 2016 OPPORTUNITA E STRUMENTI Il quadro al 1 Gennaio 2016 Il quadro per le piccole partite IVA è stato un po confuso in questi anni: FINO AL 2014 - Regime NUOVE INIZIATIVE PRODUTTIVE;

Dettagli

Oggetto: regime fiscale dei contribuenti minimi e marginali principali novità

Oggetto: regime fiscale dei contribuenti minimi e marginali principali novità Carlo Cecchi Dottore Commercialista Revisore Contabile Filippo Rosi Dottore Commercialista Revisore Contabile Gianpaolo Chiesi Avvocato Ferruccio Leandro Chiesi Avvocato Prato, 4 gennaio 2008 Ai Signori

Dettagli

Bologna, 2 Gennaio 2012 A TUTTI I CLIENTI CONTRIBUENTI MINIMI CIRCOLARE N. 1/2012. Oggetto: IL NUOVO REGIME DEI MINIMI

Bologna, 2 Gennaio 2012 A TUTTI I CLIENTI CONTRIBUENTI MINIMI CIRCOLARE N. 1/2012. Oggetto: IL NUOVO REGIME DEI MINIMI Bologna, 2 Gennaio 2012 A TUTTI I CLIENTI CONTRIBUENTI MINIMI CIRCOLARE N. 1/2012 Oggetto: IL NUOVO REGIME DEI MINIMI L Agenzia delle Entrate ha recentemente approvato il nuovo Provvedimento attuativo

Dettagli

Roma, 22 e 23 gennaio 2008 Legge finanziaria 2008: il regime dei contribuenti minimi

Roma, 22 e 23 gennaio 2008 Legge finanziaria 2008: il regime dei contribuenti minimi Roma, 22 e 23 gennaio 2008 Legge finanziaria 2008: il regime dei contribuenti minimi Ufficio Studi - Sezione Analisi giuridiche Normativa - Articolo 1, commi da 96 a 117, della legge finanziaria per il

Dettagli

Oggetto: IL NUOVO REGIME FISCALE FORFETTARIO Commi da 54 a 89 Legge di Stabilità 2015

Oggetto: IL NUOVO REGIME FISCALE FORFETTARIO Commi da 54 a 89 Legge di Stabilità 2015 a Tutti i Clienti Loro sedi Oggetto: IL NUOVO REGIME FISCALE FORFETTARIO Commi da 54 a 89 Legge di Stabilità 2015 Dal 2015 è introdotto un nuovo regime forfettario riservato alle persone fisiche (imprese

Dettagli

CONTRIBUTI ENASARCO ANNO 2015

CONTRIBUTI ENASARCO ANNO 2015 CONTRIBUTI ENASARCO ANNO 2015 LE ALIQUOTE CONTRIBUTIVE Dal 01.01.2015 il contributo previdenziale ENASARCO sulle provvigioni derivanti da rapporti di agenzia aumenta passando dal 14,20% al 14,65%. La nuova

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme indicate nei riferimenti normativi. Dispone

IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme indicate nei riferimenti normativi. Dispone N. 185825/2011 Modalità di applicazione del regime contabile agevolato di cui all'articolo 27, comma 3, del D.L. 6 luglio 2011, n. 98, convertito con modificazioni dalla legge 15 luglio 2011, n. 111).

Dettagli

Regime dei Minimi 2015: per i professionisti una doppia opzione

Regime dei Minimi 2015: per i professionisti una doppia opzione Regime dei Minimi 2015: per i professionisti una doppia opzione Per l anno 2015, i professionisti che rispettino determinati requisiti hanno la facoltà di scegliere tra due distinti regimi fiscali agevolati.

Dettagli

IL NUOVO FORFAIT - AGGIORNAMENTO

IL NUOVO FORFAIT - AGGIORNAMENTO IL NUOVO FORFAIT - AGGIORNAMENTO ENTRATA IN VIGORE DAL 1.1.2015 È IL REGIME NATURALE PER COLORO CHE RISPETTANO LE CONDIZIONI 1 2 3 4 Limiti di ricavi o compensi Limite del volume degli investimenti Limite

Dettagli

STUDIO MARCOZZI DOTTORI COMMERCIALISTI

STUDIO MARCOZZI DOTTORI COMMERCIALISTI DOTTORI COMMERCIALISTI 20121 MILANO - VIA FOSCOLO, 4 TEL. 02-874163 FAX 02-72023745 email: studio.marcozzi@tin.it Luigi Marcozzi, Revisore Contabile Attilio Marcozzi, Revisore Contabile Milano, 2 gennaio

Dettagli

Oggetto: NUOVO REGIME FORFETTARIO 2016

Oggetto: NUOVO REGIME FORFETTARIO 2016 Oggetto: NUOVO REGIME FORFETTARIO 2016 La Legge di Stabilità per il 2016 ha soppresso a far data dal 1 gennaio 2016 il regime dei minimi (che rimane però utilizzabile, fino alla relativa scadenza naturale

Dettagli

NUOVO REGIME FORFETARIO 2016

NUOVO REGIME FORFETARIO 2016 NUOVO REGIME FORFETARIO 2016 L art. 1, commi da 54 a 89, Legge n. 190/2014 ha introdotto la disciplina del regime forfetario riservato alle persone fisiche esercenti attività d impresa / lavoro autonomo

Dettagli

OGGETTO: REGIME FISCALE DI VANTAGGIO PER I NUOVI MINIMI E REGIME CONTABILE AGEVOLATO PER I VECCHI MINIMI

OGGETTO: REGIME FISCALE DI VANTAGGIO PER I NUOVI MINIMI E REGIME CONTABILE AGEVOLATO PER I VECCHI MINIMI Roma, 28 dicembre 2011 OGGETTO: REGIME FISCALE DI VANTAGGIO PER I NUOVI MINIMI E REGIME CONTABILE AGEVOLATO PER I VECCHI MINIMI L Agenzia delle Entrate con due nuovi provvedimenti ha fornito le modalità

Dettagli

Legge di stabilità 2015 Regime fiscale agevolato per autonomi

Legge di stabilità 2015 Regime fiscale agevolato per autonomi 5.2015 Febbraio Legge di stabilità 2015 Regime fiscale agevolato per autonomi Sommario 1. REGIME FISCALE AGEVOLATO PER AUTONOMI... 2 1.1. Durata del regime e cause di esclusione... 3 1.2. Determinazione

Dettagli

Le novità sul lavoro autonomo recate dal DL 98/2011

Le novità sul lavoro autonomo recate dal DL 98/2011 Le novità sul lavoro autonomo recate dal DL 98/2011 I nuovi regimi agevolati Mancata fatturazione compensi professionali Nuove disposizioni previdenziali Decorrenza Dal 2012 esisteranno solo due regimi

Dettagli

IL LOGOPEDISTA DEL FUTURO

IL LOGOPEDISTA DEL FUTURO IL LOGOPEDISTA DEL FUTURO Il commercialista: questo sconosciuto Dott.ssa Sara Saccani Aula Magna - Palazzo Dossetti 29 settembre 2014 Corso di Laurea in Logopedia Università degli Studi di Modena e Reggio

Dettagli

IL NUOVO REGIME DEI MINIMI. A cura di Antonio Gigliotti

IL NUOVO REGIME DEI MINIMI. A cura di Antonio Gigliotti IL NUOVO REGIME DEI MINIMI A cura di Antonio Gigliotti Capitolo 1 CONTRIBUENTI CHE POSSONO ACCEDERE AL REGIME DEI MINIMI 1.1 Nuova attività... 1 1.2 Vecchi requisiti previsti dalla Finanziaria 2008...

Dettagli

NUOVO REGIME DEI CONTRIBUENTI MINIMI ED EXTRAMINIMI DAL 2012

NUOVO REGIME DEI CONTRIBUENTI MINIMI ED EXTRAMINIMI DAL 2012 SOMMARIO SCHEMA DI SINTESI NUOVO REGIME DEI MINIMI REGIME DEGLI EX MINIMI EFFETTI AI FINI DELL NUOVO REGIME DEI CONTRIBUENTI MINIMI ED EXTRAMINIMI DAL 2012 Art. 27 D.L. 6.07.2011, n. 98 conv. L. 15.07.2011,

Dettagli

REGIME FORFETTARIO. 392/

REGIME FORFETTARIO. 392/ REGIME FORFETTARIO info@dbnefisco.it 392/6546370 DBN E FISCO REGIME FORFETTARIO Applicazione forfettario per inquadramento soggetti operanti nelle mondo delle discipline bionaturali A cura della Dottoressa

Dettagli

TRATTAMENTO FISCALE RISERVATO AI NUOVI E VECCHI CONTRIBUENTI MINIMI

TRATTAMENTO FISCALE RISERVATO AI NUOVI E VECCHI CONTRIBUENTI MINIMI TRATTAMENTO FISCALE RISERVATO AI NUOVI E VECCHI CONTRIBUENTI MINIMI a cura del Dott. Vito SARACINO e Revisore Contabile in Bitonto (BA) Il Decreto Legge del 06 luglio 2011 n. 98, pubblicato sulla Gazzetta

Dettagli

Gruppo Buffetti S.p.A. Direzione e coordinamento Dylog Italia S.p.A. Via Francesco Antolisei, Roma

Gruppo Buffetti S.p.A. Direzione e coordinamento Dylog Italia S.p.A. Via Francesco Antolisei, Roma Gruppo Buffetti S.p.A. Direzione e coordinamento Dylog Italia S.p.A. Via Francesco Antolisei, 10-00173 Roma CONTRIBUENTI MINIMI. Possono accedere al nuovo regime dei contribuenti minimi introdotto dall

Dettagli

Il nuovo regime dei contribuenti "minimi" 2012 e il regime semplificato alternativo

Il nuovo regime dei contribuenti minimi 2012 e il regime semplificato alternativo Il nuovo regime dei contribuenti "minimi" 2012 e il regime semplificato alternativo 20111222 20:02:52 A partire dal 1 gennaio 2012, entra in vigore il nuovo regime dei contribuenti minimi o regime fiscale

Dettagli

GRUPPO MICROIMPRESA E NUOVA CITTADINANZA. Incontro di studio. 1. Regime dei minimi 2. Disposizioni disciplina dell immigrazione

GRUPPO MICROIMPRESA E NUOVA CITTADINANZA. Incontro di studio. 1. Regime dei minimi 2. Disposizioni disciplina dell immigrazione GRUPPO MICROIMPRESA E NUOVA CITTADINANZA Incontro di studio 1. Regime dei minimi 2. Disposizioni disciplina dell immigrazione Lunedì 12 dicembre 2011 Referente: Leila Farfan Approfondimenti interpretazioni

Dettagli

1. IL NUOVO REGIME DEI MINIMI

1. IL NUOVO REGIME DEI MINIMI 1. IL NUOVO REGIME DEI MINIMI Il nuovo regime forfettario per imprese e professionisti si ispira alla Legge 244/2007 Contribuenti minimi. I commi dal cinquantaquattro all ottantanove, dell articolo 1,

Dettagli

REGIME FISCALE AGEVOLATO PER AUTONOMI. Dott.ssa Veronica Visani Dott. Filippo Tampieri

REGIME FISCALE AGEVOLATO PER AUTONOMI. Dott.ssa Veronica Visani Dott. Filippo Tampieri REGIME FISCALE AGEVOLATO PER AUTONOMI Dott.ssa Veronica Visani Dott. Filippo Tampieri Dott. Gianfranco Fornelli 1 Imola, 30 gennaio 2016 PREMESSA Fino al 31.12.2015 Regime dei «minimi» (D.L. 98/2011) Regime

Dettagli

OGGETTO: Nuovi minimi e ritenute d acconto

OGGETTO: Nuovi minimi e ritenute d acconto Informativa per la clientela di studio del 14.01.2015 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Nuovi minimi e ritenute d acconto Gentile Cliente, con la stesura del presente documento intendiamo informarla

Dettagli

REGIME FISCALE DEI CONTRIBUENTI FORFETARI LIBERI PROFESSIONISTI

REGIME FISCALE DEI CONTRIBUENTI FORFETARI LIBERI PROFESSIONISTI REGIME FISCALE DEI CONTRIBUENTI FORFETARI LIBERI PROFESSIONISTI 1 In che cosa consiste il regime dei forfetari Si tratta di un nuovo regime fiscale agevolato applicabile a partire dal 2015 Consiste nella:

Dettagli

Nuovo regime dei minimi c.d. Super forfettone

Nuovo regime dei minimi c.d. Super forfettone Slides Videocircolare Nuovo regime dei minimi c.d. Super forfettone Dott. Stefano Setti Il nuovo regime agevolato c.d. Super forfettone L art. 27 del d.l. 6.7.2011, n. 98 così come modificato dalla l.

Dettagli

COMO 17 APRILE 2016 REGIMI CONTABILI E STUDI DI SETTORE PER I LIBERI PROFESSIONISTI

COMO 17 APRILE 2016 REGIMI CONTABILI E STUDI DI SETTORE PER I LIBERI PROFESSIONISTI COMO 17 APRILE 2016 REGIMI CONTABILI E STUDI DI SETTORE PER I LIBERI PROFESSIONISTI 1. INQUADRAMENTO DELL INFERMIERE LIBERO PROFESSIONISTA NEL DIRITTO TRIBUTARIO ITALIANO 2. REGIMI DI DI LAVORO AUTONOMO

Dettagli

REGIME DEI NUOVI MINIMI e REGIME CONTABILE AGEVOLATO

REGIME DEI NUOVI MINIMI e REGIME CONTABILE AGEVOLATO FABIO BETTONI LAURA LOCATELLI RACHELE DENEGRI Circolare n. 38 del 28 Dicembre 2011 REGIME DEI NUOVI MINIMI e REGIME CONTABILE AGEVOLATO Gentili Clienti con la presente intendiamo porre l attenzione sui

Dettagli

-Iva per Cassa- Riteniamo che sia un limite abbastanza alto in cui non sia difficile rientrare.

-Iva per Cassa- Riteniamo che sia un limite abbastanza alto in cui non sia difficile rientrare. CIRCOLARE: 2/2013 A TUTTI I GENTILI CLIENTI - Iva per cassa - Regime Minimi. -Iva per Cassa- Iva per cassa significa sostanzialmente questo: l Iva sulle fatture emesse diventa un debito verso il Fisco

Dettagli

Scadenze fiscali: AGOSTO 2011

Scadenze fiscali: AGOSTO 2011 Scadenze fiscali: AGOSTO 2011 data soggetti adempimento modalità codici tributo lunedì 1 titolari di contratti di locazione che non hanno optato per il regime della cedolare secca versamento imposta di

Dettagli

Per i beni di locazione, noleggio comodato entro i limiti determinato ai sensi dell articolo 9 del TUIR.

Per i beni di locazione, noleggio comodato entro i limiti determinato ai sensi dell articolo 9 del TUIR. La legge di stabilità 2015 ha introdotto il nuovo regime forfetario, destinato agli operatori economici di ridotte dimensioni. Tale regime, applicabile dal 1 gennaio 2015, è stato successivamente modificato

Dettagli

LA DIFESA DEL PROFESSIONISTA NELL ACCERTAMENTO FISCALE: la verifica del professionista

LA DIFESA DEL PROFESSIONISTA NELL ACCERTAMENTO FISCALE: la verifica del professionista LA DIFESA DEL PROFESSIONISTA NELL ACCERTAMENTO FISCALE: la verifica del professionista Laura Rossi Dufour Dottore Commercialista Revisore Contabile Via San Gregorio 53 Milano Via D.Fiasella 3/14 Genova

Dettagli

Il Temporary manager GLI ASPETTI FISCALI. A cura di: Dott. Sandro Cerato

Il Temporary manager GLI ASPETTI FISCALI. A cura di: Dott. Sandro Cerato Il Temporary manager GLI ASPETTI FISCALI A cura di: Dott. Sandro Cerato 1 Quale forma contrattuale per la definizione del rapporto? non esiste una forma contrattuale ideale la forma finale del contratto

Dettagli

studio associato zaniboni

studio associato zaniboni N. protocollo: 35/2010 30 Dicembre 2010 Oggetto: SCADENZE DAL 15 NOVEMBRE 2010 AL 15 DICEMBRE 2010 Di seguito evidenziamo i principali adempimenti dal 15 al 15 dicembre 2010, con il commento dei termini

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Settore Comunicazione Istituzionale. Ufficio Stampa

COMUNICATO STAMPA. Settore Comunicazione Istituzionale. Ufficio Stampa Settore Comunicazione Istituzionale Ufficio Stampa COMUNICATO STAMPA Dal primo gennaio scatta il regime agevolato per i minimi Imposta sostitutiva con aliquota al 20% al posto di Irpef, Irap e addizionali,

Dettagli

I REGIMI SOSTITUTIVI. I regimi sostitutivi. A) Regime dei minimi Aspetti generali A) REGIME DEI "MINIMI" B) REGIME FORFETARIO

I REGIMI SOSTITUTIVI. I regimi sostitutivi. A) Regime dei minimi Aspetti generali A) REGIME DEI MINIMI B) REGIME FORFETARIO I regimi sostitutivi 13.4 13.4 I REGIMI SOSTITUTIVI A) REGIME DEI "MINIMI" Aspetti generali Condizioni necessarie Soggetti esclusi dal regime Disapplicazione del regime ai fini IVA ai fini delle imposte

Dettagli

Il nuovo regime fiscale dei contribuenti minimi

Il nuovo regime fiscale dei contribuenti minimi Il nuovo regime fiscale dei contribuenti minimi dott. Pasquale SAGGESE La Finanziaria 2008 Profili introduttivi FONTI NORMATIVE E CHIARIMENTI DI PRASSI COMMI DA 96 A 117 DELL ARTICOLO 1 DELLA L. 244/2007

Dettagli

LA QUALIFICAZIONE DEL REDDITO

LA QUALIFICAZIONE DEL REDDITO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LA MUSICA TRA CREATIVITA, DIRITTO E FISCO LA QUALIFICAZIONE DEL REDDITO DEL MUSICISTA Nicola Fasano Agenzia delle entrate DRE Lombardia 12 ottobre 2010 - Foyer del Conservatorio

Dettagli

5. DETERMINAZIONE DEL REDDITO

5. DETERMINAZIONE DEL REDDITO 5. DETERMINAZIONE DEL REDDITO I soggetti di cui all articolo 54 determinano il reddito imponibile applicando all ammontare dei ricavi o dei compensi percepiti (principio di cassa) un coefficiente di redditività

Dettagli

L IRAP. Relatore: dott. Francesco Barone

L IRAP. Relatore: dott. Francesco Barone L IRAP Relatore: dott. Francesco Barone IRAP PER I SOGGETTI IRES La base imponibile è data dalla differenza tra il valore e i costi della produzione di cui alle lettere A) e B) dell art. 2425 c.c. con

Dettagli

Studio Corbella dottori commercialisti associati

Studio Corbella dottori commercialisti associati dottori commercialisti - revisori dei conti: Piero Luigi Corbella Luigi Corbella Laura Corbella Torella Giacomo Corbella Benedetta Sirtori Daniela Bruniera Matteo Formenti Claudia Pengo Studio Corbella

Dettagli

3. LE SEMPLIFICAZIONI DEL REGIME FORFETTARIO

3. LE SEMPLIFICAZIONI DEL REGIME FORFETTARIO 3. LE SEMPLIFICAZIONI DEL REGIME FORFETTARIO Ai sensi del comma 58, dell articolo 1, della Legge 190/2014, i soggetti che aderiscono al regime forfettario sono esonerati dagli obblighi di: liquidazione

Dettagli

IL REGIME CONTABILE FORFETARIO LEGGE DI STABILITA' 2016

IL REGIME CONTABILE FORFETARIO LEGGE DI STABILITA' 2016 IL REGIME CONTABILE FORFETARIO LEGGE DI STABILITA' 2016 DOPO LA a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale Il regime agevolato forfetario è riservato alle persone fisiche (imprese e lavoratori autonomi)

Dettagli

NUOVO REGIME FORFETTARIO 2015

NUOVO REGIME FORFETTARIO 2015 LEGGE DI STABILITA 2015 Legge 190 DEL 23 DICEMBRE 2014 Pubblicata in GU n. 300 del 29-12-2014 supplemento ordinario nr. 99 Art. 1 commi dal 54 al 89 Persone fisiche esercenti attivita di impresa e/o arti

Dettagli

Circolare n. 18. Del 17 giugno Contribuenti minimi - Svolgimento di attività con studio di settore - Proroga dei termini di versamento INDICE

Circolare n. 18. Del 17 giugno Contribuenti minimi - Svolgimento di attività con studio di settore - Proroga dei termini di versamento INDICE Circolare n. 18 Del 17 giugno 2013 Contribuenti minimi - Svolgimento di attività con studio di settore - Proroga dei termini di versamento INDICE 1 Premessa...2 2 Contribuenti interessati...2 2.1 Contribuenti

Dettagli

Fiscal News N. 63. Scelta tra regime dei minimi e forfettario. La circolare di aggiornamento professionale 24.02.2015. Condizioni di accesso

Fiscal News N. 63. Scelta tra regime dei minimi e forfettario. La circolare di aggiornamento professionale 24.02.2015. Condizioni di accesso Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 63 24.02.2015 Scelta tra regime dei minimi e forfettario Categoria: Finanziaria Sottocategoria: 2015 Categoria: Regimi speciali Sottocategoria:

Dettagli

LA PROFESSIONE DI PSICOLOGO

LA PROFESSIONE DI PSICOLOGO LA PROFESSIONE DI PSICOLOGO PROFESSIONE PROTETTA: SUBORDINATA ALL'ISCRIZIONE ALL'ORDINE DOPO IL COMPIMENTO DI UN ITER FORMATIVO LO PSICOLOGO CHE SVOLGE L'ATTIVITA' IN MODO ABITUALE E SENZA VINCOLO DI SUBORDINAZIONE

Dettagli

Fattura nuovi contribuenti minimi (a decorrere dal 1 gennaio 2012)

Fattura nuovi contribuenti minimi (a decorrere dal 1 gennaio 2012) Fattura nuovi contribuenti minimi (a decorrere dal 1 gennaio 2012) A decorrere dal 1 gennaio 2012 i contribuenti che potranno optare per il nuovo regime dei minimi (per le caratteristiche della nuova agevolazione

Dettagli

CON.FAR.M. srl Via Giovanni Vitelleschi, Via Ginori, 31. Fax: Fax: ADEMPIMENTI

CON.FAR.M. srl Via Giovanni Vitelleschi, Via Ginori, 31. Fax: Fax: ADEMPIMENTI ADEMPIMENTI I NUOVI REQUISITI DEL REGIME FORFETTARIO Premessa La Legge di Stabilità 2015 ha introdotto un nuovo regime forfettario, riservato alle persone fisiche esercenti attività d impresa/lavoro autonomo

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

Di seguito evidenziamo i principali adempimenti dal 15 aprile 2013 al 15 maggio 2013, con il commento dei termini di prossima scadenza.

Di seguito evidenziamo i principali adempimenti dal 15 aprile 2013 al 15 maggio 2013, con il commento dei termini di prossima scadenza. PRINCIPALI SCADENZE DAL 15 APRILE 2013 AL 15 MAGGIO 2013 Di seguito evidenziamo i principali adempimenti dal 15 2013 al 15 2013, con il commento dei termini di prossima scadenza. Si segnala ai Signori

Dettagli

Nuovo Regime Forfetario

Nuovo Regime Forfetario Le novità della Legge di Stabilità per il 2016 Nuovo Regime Forfetario Slide a cura di Valentina Falzaresi 1 Sommario Premessa Il regime forfetario introdotto dalla Legge di Stabilità 2015 Le novità della

Dettagli

Semplificazioni fiscali e contabili utilizzabili dai giovani musicisti (regimi per i contribuenti minori)

Semplificazioni fiscali e contabili utilizzabili dai giovani musicisti (regimi per i contribuenti minori) S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA MUSICA FRA CREATIVITA, DIRITTO E FISCO (5 edizione) Semplificazioni fiscali e contabili utilizzabili dai giovani musicisti (regimi per i contribuenti minori)

Dettagli

Scadenze fiscali: MAGGIO 2011

Scadenze fiscali: MAGGIO 2011 Scadenze fiscali: MAGGIO 2011 data soggetti adempimento modalità codici tributo lunedì 2 soggetti iva che effettuano operazioni con operatori economici aventi sede, residenza o domicilio negli Stati o

Dettagli

REGIME AGEVOLATO PER LE NUOVE INIZIATIVE IMPRENDITIORIALI.

REGIME AGEVOLATO PER LE NUOVE INIZIATIVE IMPRENDITIORIALI. I REGIMI CONTABILI. La scelta del regime contabile avviene all inizio dell attività, contestualmente all attribuzione della partita IVA ed in relazione al volume di affari presunto. Il volume di affari

Dettagli

PRINCIPALI SCADENZE DAL 16 NOVEMBRE AL 15 DICEMBRE

PRINCIPALI SCADENZE DAL 16 NOVEMBRE AL 15 DICEMBRE Principali scadenze PRINCIPALI SCADENZE DAL 16 NOVEMBRE AL 15 DICEMBRE 2016 Di seguito evidenziamo i principali adempimenti 16 al 15 dicembre 2016, con il commento dei termini di prossima scadenza. segnala

Dettagli

RAFFAELE AGOSTINACCHIO*

RAFFAELE AGOSTINACCHIO* La manovra d'estate -approfondimentidi RAFFAELE AGOSTINACCHIO* In attesa che la cosiddetta Manovra di Ferragosto veda finalmente la sua luce quella definitiva facciamo un piccolo passo indietro per un

Dettagli

Nuovo regime fiscale agevolato per piccole imprese ed autonomi

Nuovo regime fiscale agevolato per piccole imprese ed autonomi CIRCOLARE DEL 26/01/2015 Nuovo regime fiscale agevolato per piccole imprese ed autonomi La Legge di Stabilità 2015 istituisce, a far data dall 1.1.2015, per gli esercenti attività d impresa, arti e professioni

Dettagli

CIRCOLARE n.3/2011: Richiesta dati per la compilazione della dichiarazione IVA e della comunicazione dati IVA relative all anno 2010.

CIRCOLARE n.3/2011: Richiesta dati per la compilazione della dichiarazione IVA e della comunicazione dati IVA relative all anno 2010. Spettabili Clienti Loro Sedi Crema, 25 gennaio 2011. CIRCOLARE n.3/2011: Richiesta dati per la compilazione della dichiarazione IVA e della comunicazione dati IVA relative all anno 2010. Spettabili Clienti,

Dettagli

Vi ricordiamo le principali scadenze tributarie del mese di Giugno 2009.

Vi ricordiamo le principali scadenze tributarie del mese di Giugno 2009. Torino, 09/06/2009 SCADENZARIO TRIBUTARIO: GIUGNO 2009 Vi ricordiamo le principali scadenze tributarie del mese di Giugno 2009. 1 15 Lunedì IVA Fatturazione differita: Scade il termine per l emissione

Dettagli

Le ultime novità sull assegnazione dei beni ai soci alla luce della circolare 37/E

Le ultime novità sull assegnazione dei beni ai soci alla luce della circolare 37/E Le ultime novità sull assegnazione dei beni ai soci alla luce della circolare 37/E Dott. Mauro Nicola Appuntamento con l Esperto, 28 settembre 2016 Riserve e assegnazione L assegnazione dei beni ai soci

Dettagli

Creare una nuova impresa: aggiornamenti

Creare una nuova impresa: aggiornamenti Creare una nuova impresa: aggiornamenti A cura di: Stefania TELESCA Dottore Commercialista Politecnico di Torino - 25 novembre 2011 PREMESSA Il presente intervento va ad aggiornare gli adempimenti (ed

Dettagli

Le principali scadenze fiscali dal 16 Settembre al 30 Settembre 2015

Le principali scadenze fiscali dal 16 Settembre al 30 Settembre 2015 Le principali scadenze fiscali dal 16 Settembre al 30 Settembre 2015 Di seguito evidenziamo i principali adempimenti dal 16 al 30 2015, con il commento dei termini di prossima scadenza. Si segnala ai Signori

Dettagli

CIRCOLARE SPECIALE NUOVO REGIME DEI MINIMI 2015

CIRCOLARE SPECIALE NUOVO REGIME DEI MINIMI 2015 CIRCOLARE SPECIALE NUOVO REGIME DEI MINIMI 2015 Il nuovo regime avrà decorrenza dal periodo di imposta successivo a quello in corso al 31 dicembre 2014. Il comma 85 prevede l abrogazione dei seguenti regimi

Dettagli

UNICO Modello YK03U. ntrate. genzia. Studi di settore. QUADRO A Personale addetto all attività

UNICO Modello YK03U. ntrate. genzia. Studi di settore. QUADRO A Personale addetto all attività 7..30 - Attività tecniche svolte da geometri DOMICILIO FISCALE ALTRE ATTIVITÀ ALTRI DATI QUADRO A Personale addetto all attività QUADRO B Unità locali destinate all esercizio dell attività A0 A0 A03 A04

Dettagli

Scadenze fiscali: MAGGIO 2012

Scadenze fiscali: MAGGIO 2012 Scadenze fiscali: MAGGIO 2012 data soggetti adempimento modalità codici tributo 2 contraenti di contratti di locazione che non hanno optato per il regime della cedolare secca versamento imposta di registro

Dettagli

PRINCIPALI SCADENZE DAL 16 OTTOBRE AL 15 NOVEMBRE 2016

PRINCIPALI SCADENZE DAL 16 OTTOBRE AL 15 NOVEMBRE 2016 Principali scadenze PRINCIPALI SCADENZE DAL 16 OTTOBRE AL 15 NOVEMBRE 2016 Di seguito evidenziamo i principali adempimenti 16 al 15 novembre 2016, con il commento dei termini di prossima scadenza. segnala

Dettagli

Diritto Tributario. F. Tesauro, Istituzioni di diritto tributario. Vol. 2: Parte speciale, Roma, Utet, 2012;

Diritto Tributario. F. Tesauro, Istituzioni di diritto tributario. Vol. 2: Parte speciale, Roma, Utet, 2012; Diritto Tributario IVA adempimenti dei contribuenti RIFERIMENTI NORMATIVI d.p.r. 26 ottobre 1972, n. 633 BIBLIOGRAFIA: F. Tesauro, Istituzioni di diritto tributario. Vol. 2: Parte speciale, Roma, Utet,

Dettagli

La scelta vincola per un triennio

La scelta vincola per un triennio Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 49 13.02.2014 Iva per cassa e Modello Iva 2014 La scelta vincola per un triennio Categoria: Iva Sottocategoria: Dichiarazione Per l adesione al

Dettagli

LA CONDIZIONI PER POTER ACCEDERE AL REGIME FISCALE DEI CONTRIBUENTI MINIMI

LA CONDIZIONI PER POTER ACCEDERE AL REGIME FISCALE DEI CONTRIBUENTI MINIMI LA CONDIZIONI PER POTER ACCEDERE AL REGIME FISCALE DEI CONTRIBUENTI MINIMI a cura di Antonio Gigliotti La legge Finanziaria 2008 ai commi da 96 a 117 dell art. 1 ha istituito un nuovo regime fiscale semplificato

Dettagli

Roma, 14/02/2014 INDICE

Roma, 14/02/2014 INDICE Roma, 14/02/2014 Società di persone e imprenditori individuali in contabilità ordinaria - Determinazione dell IRAP relativa al triennio 2014-2016 in base al bilancio - Opzione entro il 3.3.2014 INDICE

Dettagli

NUOVO REGIME FORFETTARIO

NUOVO REGIME FORFETTARIO NUOVO REGIME FORFETTARIO Regime fiscale agevolato per autonomi Annamaria Bettagno Giancarlo Modolo REGIME FORFETARIO PER AUTONOMI Disciplina L art. 1 co. 54-89 della legge di stabilità 2015 disciplina

Dettagli

Scadenziario n. 7/201 PRINCIPALI SCADENZE DEL MESE DI AGOSTO

Scadenziario n. 7/201 PRINCIPALI SCADENZE DEL MESE DI AGOSTO Dott. Mario Conte Ragioniere Commercialista Dott. Dario Cervi Ragioniere Commercialista Dott. Giovanni Orso Rag. Pierluigi Martin Consulente aziendale Dott.ssa sa Arianna Bazzacco Dott.ssa Sofia Bertolo

Dettagli

UNICO Modello WK04U. ntrate. genzia. Studi di settore. QUADRO A Personale addetto all attività

UNICO Modello WK04U. ntrate. genzia. Studi di settore. QUADRO A Personale addetto all attività 69.0.0 - Attività degli studi legali DOMICILIO FISCALE ALTRE ATTIVITÀ ALTRI DATI QUADRO A Personale addetto all attività A0 A0 Comune Lavoro dipendente a tempo pieno o a tempo parziale Pensionato Altre

Dettagli

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 322 09.12.2015 Regime forfettario: come cambia dal 2016 A cura di Devis Nucibella Categoria: Regimi speciali Sottocategoria: Contribuenti minimi

Dettagli

OGGETTO: Le condizioni per operare nel regime dei minimi dal 2012

OGGETTO: Le condizioni per operare nel regime dei minimi dal 2012 Informativa per la clientela di studio N. 120 del 26.10.2011 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Le condizioni per operare nel regime dei minimi dal 2012 A partire dal 2012 il regime dei c.d. contribuenti

Dettagli

INDICE. Sezione Prima - Aspetti generali. Sezione Seconda - Regime IVA per le agenzie di viaggio

INDICE. Sezione Prima - Aspetti generali. Sezione Seconda - Regime IVA per le agenzie di viaggio INDICE Sezione Prima - Aspetti generali Aspetti generali... pag. 13 1 Premessa...» 13 2 Legislazione del settore turistico - Cenni...» 14 3 Attori dell attività turistica...» 14 3.1 Tour operator...» 14

Dettagli

ASSOCIAZIONI PRO LOCO PRO LOCO

ASSOCIAZIONI PRO LOCO PRO LOCO ASSOCIAZIONI PRO LOCO VADEMECUM TRIBUTARIO per PRO LOCO ed Enti non commerciali Anno 2010 Riferimenti legislativi: 2 Norme del Codice Civile: Art. 36 e segg. Imposta sul Valore Aggiunto: Art. 4 e segg.

Dettagli

Oggetto: PRINCIPALI SCADENZE DAL 15 SETTEMBRE 2013 AL 15 OTTOBRE 2013

Oggetto: PRINCIPALI SCADENZE DAL 15 SETTEMBRE 2013 AL 15 OTTOBRE 2013 Occhio alle scadenze Oggetto: PRINCIPALI SCADENZE DAL 15 SETTEMBRE 2013 AL 15 OTTOBRE 2013 Di seguito evidenziamo i principali adempimenti dal 15 2013 al 15 ottobre 2013, con il commento dei termini di

Dettagli

Circolare Studio Prot. N 10/16 del 08/02/2016

Circolare Studio Prot. N 10/16 del 08/02/2016 Circolare Studio Prot. N 10/16 del 08/02/2016 MD/ml Monza, lì 08/02/2016 A Tutti i C l i e n t i Loro Sedi Oggetto : NOVITA 2016 - REGIME FORFETTARIO Riferimenti: Art. 1 commi da 111 a 113 Legge n.208

Dettagli

I nuovi minimi IL NUOVO REGIME FORFETTARIO PREVISTO DALLA LEGGE DI STABILITÀ PER IL 2015

I nuovi minimi IL NUOVO REGIME FORFETTARIO PREVISTO DALLA LEGGE DI STABILITÀ PER IL 2015 Carlin Laurenti & associati STUDIO COMMERCIALISTI e REVISORI 45014 PORTO VIRO (RO) Via Mantovana n. 86 tel 0426.321062 fax 0426.323497 per informazioni su questa circolare: evacarlin@studiocla.it Circolare

Dettagli

REGIMI AGEVOLATI: I NUOVI MINIMI REGIME CONTABILE AGEVOLATO

REGIMI AGEVOLATI: I NUOVI MINIMI REGIME CONTABILE AGEVOLATO REGIMI AGEVOLATI: I NUOVI MINIMI REGIME CONTABILE AGEVOLATO 19 dicembre 2013 1 IL NUOVO REGIME DEI CONTRIBUENTI MINIMI A partire dall 1.1.2012 19 dicembre 2013 L art. 27 del DL 6.7.2011 n. 98, conv. L.

Dettagli

Dott. Gianluca Caprino Cosenza, 11 gennaio 2012

Dott. Gianluca Caprino Cosenza, 11 gennaio 2012 REGIMI FISCALI AGEVOLATI ALLA LUCE DELLE NUOVI DISPOSIZIONI NORMATIVE Dott. Gianluca Caprino Cosenza, 11 gennaio 2012 IL NUOVO REGIME DEI CONTRIBUENTI MINIMI PRIMA PARTE Modifiche al vecchio regime L art.

Dettagli

30 aprile 2012. 30 aprile 2012. 30 aprile 2012. 26 aprile 2012. 16 aprile 2012. rimborso del credito iva trimestrale. elenco clienti - fornitori

30 aprile 2012. 30 aprile 2012. 30 aprile 2012. 26 aprile 2012. 16 aprile 2012. rimborso del credito iva trimestrale. elenco clienti - fornitori 30 aprile 2012 rimborso del credito iva trimestrale I soggetti che rispettano determinati requisiti possono chiedere a rimborso e/o utilizzare in compensazione il credito IVA trimestrale presentando il

Dettagli

Informativa n. 61. La manovra Monti (DL n. 201) - Novità in materia di IRPEF e relative addizionali INDICE. del 13 dicembre 2011

Informativa n. 61. La manovra Monti (DL n. 201) - Novità in materia di IRPEF e relative addizionali INDICE. del 13 dicembre 2011 Informativa n. 61 del 13 dicembre 2011 La manovra Monti (DL 6.12.2011 n. 201) - Novità in materia di IRPEF e relative addizionali INDICE 1 Premessa... 2 2 Indennità di fine rapporto - Esclusioni dal regime

Dettagli

Principali scadenze dal 16 al 31 ottobre 2012

Principali scadenze dal 16 al 31 ottobre 2012 Principali scadenze dal 16 al 31 ottobre 2012 Si segnala che le scadenze riportate tengono conto del rinvio al giorno lavorativo seguente per gli adempimenti che cadono al sabato o giorno festivo, così

Dettagli

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 63 02.03.2016 Regime forfettario: valutazioni di convenienza Categoria: Regimi speciali Sottocategoria: Contribuenti minimi Come noto nell ambito

Dettagli

I minimi dal primo gennaio 2012

I minimi dal primo gennaio 2012 I minimi dal primo gennaio 2012 Una persona fisica, che ha iniziato l'attività prima del 2008 e che in tale anno è passata al regime dei minimi (di cui all'articolo 1, commi da 96 a 117, della legge 244/2007),

Dettagli

Cessione auto per i minimi

Cessione auto per i minimi Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 358 04.12.2014 Cessione auto per i minimi Categoria: Regimi speciali Sottocategoria: Contribuenti minimi Dal momento dell'uscita del contribuente

Dettagli

PRINCIPALI SCADENZE DEL MESE DI LUGLIO

PRINCIPALI SCADENZE DEL MESE DI LUGLIO Dott. Mario Conte Ragioniere Commercialista Dott. Dario Cervi Ragioniere Commercialista Dott. Giovanni Orso Dottore Commercialista Rag. Pierluigi Martin Consulente aziendale Dott.ssa Arianna Bazzacco Dottore

Dettagli

Oggetto: PRINCIPALI SCADENZE DAL 15 GENNAIO 2013 AL 15 FEBBRAIO 2013

Oggetto: PRINCIPALI SCADENZE DAL 15 GENNAIO 2013 AL 15 FEBBRAIO 2013 Oggetto: PRINCIPALI SCADENZE DAL 15 GENNAIO 2013 AL 15 FEBBRAIO 2013 Di seguito evidenziamo i principali adempimenti dal 15 2013 al 15 febbraio 2013, con il commento dei termini di prossima scadenza. Si

Dettagli

730, Unico 2015 e Studi di settore

730, Unico 2015 e Studi di settore 730, Unico 2015 e Studi di settore Pillole di aggiornamento N. 21 21.04.2015 Le somme percepite per incremento della produttività Novità e compilazione del rigo C4 Categoria: Dichiarazione Sottocategoria:

Dettagli

UNICO Modello WK05U. ntrate. genzia. Studi di settore. QUADRO A Personale addetto all attività

UNICO Modello WK05U. ntrate. genzia. Studi di settore. QUADRO A Personale addetto all attività 69.0. - Servizi forniti da dottori commercialisti 69.0. - Servizi forniti da ragionieri e periti commerciali 69.0.30 - Attività dei consulenti del lavoro barrare la casella corrispondente al codice di

Dettagli

Le novità Irpef. Contributo di solidarietà Detassazione premi di produttività Addizionali Comunali e Regionali. 22 dicembre 2011

Le novità Irpef. Contributo di solidarietà Detassazione premi di produttività Addizionali Comunali e Regionali. 22 dicembre 2011 Le novità Irpef Contributo di solidarietà Detassazione premi di produttività Addizionali Comunali e Regionali 1 / 18 Contributo di solidarietà CHI Tutti i soggetti Irpef con reddito complessivo superiore

Dettagli