Strategie di sussistenza adottate dai Neandertaliani nel sito di Riparo Tagliente (Prealpi venete)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Strategie di sussistenza adottate dai Neandertaliani nel sito di Riparo Tagliente (Prealpi venete)"

Transcript

1 Archaeozoological studies in honour of Alfredo Riedel Bolzano 2006 pp Strategie di sussistenza adottate dai Neandertaliani nel sito di Riparo Tagliente (Prealpi venete) Ursula Thun Hohenstein Riassunto: [Strategie di sussistenza adottate dai Neandertaliani nel sito di Riparo Tagliente (Prealpi venete)] L articolo presenta i risultati dello studio archeozoologico condotto sui reperti faunistici provenienti dai depositi musteriani di Riparo Tagliente, localizzato nelle Prealpi venete. La serie stratigrafica, depostasi durante il Pleistocene superiore, può essere suddivisa in due unità principali separate da una superficie di erosione: depositi con industrie musteriane e aurignaziane e depositi con industrie epigravettiane. Particolare attenzione è stata posta all analisi tafonomica con osservazioni in microscopia a scansione elettronica. Nel complesso le superfici ossee appaiono ben conservate ed hanno consentito un dettagliato studio delle alterazioni prodotte da attività antropiche. L attività di fratturazione intenzionale è ben attestata. Si segnala la presenza di ritoccatoi su schegge diafisarie di ossa lunghe. Le tracce di macellazione sono state identificate soprattutto sui reperti di ungulati e marmotta mentre sono totalmente assenti sui carnivori. Le evidenze archeozoologiche sembrano confermare l intensa frequentazione antropica del sito, altresì indicata dall abbondanza delle industrie litiche. Parole chiave: Paleolitico Medio, faune, strategie di sussistenza, tafonomia, Veronese. Zusammenfassung: [Versorgungsstrategien des Neandertalers am Fundplatz Riparo Tagliente (Venetische Voralpen)] Der Beitrag befasst sich mit den Ergebnissen der archäozoologischen Untersuchung zu den Faunaresten aus den moustérienzeitlichen Schichtpaketen des Riparo Tagliente in den venetischen Voralpen. Die stratigrafische Abfolge des oberen Pleistozäns kann in zwei Hauptphasen gegliedert werden, die von einer Erosionsschicht getrennt werden: Horizonte mit Steingeräteindustrie des Moustérien und des Aurignacien sowie Horizonte mit Steingeräteindustrie des Epigravettien. Besondere Aufmerksamkeit wurde auf die tafonomische Analyse des Knochenmaterials mittels Elektronenmikroskop gelegt. Generell sind die Oberflächen der Knochen gut erhalten, weshalb detaillierte Studien zu Verwertungs- und Bearbeitungsspuren möglich waren. So ist in zahlreichen Fällen das intentionale Zerbrechen von Knochen nachgewiesen. Mehrere Diaphysefragmente von Röhrenknochen zeigen Bearbeitungsspuren in Form von Retuschen. Schlachtspuren fanden sich vor allem an Überresten von Huftieren und Murmeltieren, wohingegen sie an den Knochenresten von Fleischfressern ausnahmslos fehlen. Die archäozoologischen Überreste bestätigen, wie auch die zahlreich vorhandenen Steingeräte, die intensive Nutzung des Fundplatzes durch den Menschen. Schlüsselwörter: Mittelpaläolithikum, Fauna, Versorgungsstrategien, Tafonomie, Veronese. Abstract: [Exploitation strategies adopted by Neandertals in the site of Riparo Tagliente (Venetian Prealps)] The paper presents the results achieved by the archaeozoological study carried out on the faunal remains coming from the mousterian levels of Riparo Tagliente, located in the Venetian Prealps. The stratigraphic series, which was deposited in the Upper Pleistocene, can be divided into two main units separated by an erosion surface: deposits with Mousterian and Aurignacian industries and deposits with Epigravettian industries. Particular attention has been focused to the analysis of the bone surfaces modifications at scanning electron microscopy. Generally bone surfaces are well preserved, allowing a detailed analysis of modifications caused by anthropic activities. Several diaphysis fragments with marginal notches testify the interest in marrow extraction. Some diaphysis fragments are characterised by areas covered by little notches sometimes overlying an intensive scraping that suggest a functional use of these fragments as retouchers. Cutmarks have been recognized on the bone surfaces of the ungulates and marmot bones. On the contrary cut-marks are completely absent on carnivores. Archaeozoological evidence seems thus to confirm the intensive anthropic occupation as already indicated by the abundance of the lithic assemblage. Key words: Middle Paleolithic, fauna, exploitation strategies, taphonomy, Veronese. Introduzione Il Riparo Tagliente, localizzato sui Monti Lessini sul versante occidentale del monte Tregnago, si apre sul lato sinistro della Valpantena ai piedi di una piccola parete rocciosa formata da un banco di calcari oolitici. Il riparo, situato a pochi metri sopra il fondovalle attuale (Bartolomei et alii 1974, 1982, 1984) ove scorre il torrente Progno, si trova a circa 250 m slm, nei pressi dell abitato di Stallavena di Grezzana (VR). Le ricerche che condussero alla scoperta del sito iniziarono negli anni Sessanta (Zorzi 1962; Zorzi, Mezzena 1963; Mezzena 1964; Pasa, Mezzena 1964), in seguito alla segnalazione al Museo di Storia Naturale di Verona da parte del dott. Francesco Tagliente nel 1958 e proseguono tuttora. Gli scavi sistematici hanno messo in luce una potente serie stratigrafica depostasi nel Pleistocene Superiore, caratterizzata da un intensa frequentazione antropica (Guerreschi et alii 2002) che può essere suddivisa in due unità distinte e separate da una superficie di erosione: la parte più antica, riferibile

2 32 al Würm Inferiore e Medio, caratterizzata soprattutto da industrie musteriane sormontate da qualche livello aurignaziano; quella più recente, riconducibile al Tardiglaciale e attestante industrie epigravettiane. Al tetto della serie è presente una seconda superficie di erosione, sormontata da depositi di età olocenica (Bartolomei et alii 1984). I depositi dell unità più antica sono stati esplorati soprattutto nella parte interna del riparo, dove lo scavo è giunto alla roccia dove presentano uno spessore di circa 2,80 m: tali depositi sono stati in parte esplorati anche all imboccatura del giacimento nella quale, allo stato attuale delle conoscenze, sono stati identificati solo i termini superiori della serie. Materiali e metodi I reperti faunistici oggetto di questo lavoro provengono dai depositi musteriani, appartenenti all unità inferiore della sequenza stratigrafica di Riparo Tagliente (Peretto, Thun Hohenstein 2002), esplorati nel sondaggio interno per un area di 9 mq (qq , ) e in quello esterno, corrispondente a circa 7 mq (qq. 6, 7, 8, ) durante le campagne di scavo del 1974, 1975, 1978, 1979, 1980, 1985, 1998 e 1999 (Thun Hohenstein 2001). I sedimenti che inglobano i reperti provenienti dai tagli sono caratterizzati da una matrice argillosa mista a frammenti di calcare di piccole e medie dimensioni, presenti in quantità crescente verso il tetto dell unità e riconducibili a fenomeni termoclastici che hanno degradato la volta del riparo stesso. Alla matrice argillosa dei tagli precedenti si sovrappongono grossi massi di crollo e placchette gelive, provenienti dalla degradazione della volta e delle pareti del riparo (tagli 43-40), cui segue un livello loessico, quasi sterile e privo di clasti (taglio 39). Nella parte superiore della serie (tagli 37-31) prevale invece l apporto eolico alternato a livelletti di clasti, spesso di piccole dimensioni (Bartolomei et alii 1982; Guerreschi et alii 2002). È stato possibile effettuare una correlazione tra le sequenze dei depositi dei due sondaggi in base alle caratteristiche dei sedimenti fino al taglio 42, poiché nel sondaggio esterno sono stati identificati solamente i termini superiori della serie musteriana. Pertanto gli insiemi faunistici presi in considerazione in questo studio provengono esclusivamente dal sondaggio interno per quanto riguarda i tagli e da entrambi i sondaggi per quanto riguarda i tagli 41, 40, 37, 36, 35 (Thun Hohenstein 2001). A causa dell ispessimento dei sedimenti verso la parte esterna del riparo, come strategia d intervento lo scavo è stato effettuato per tagli artificiali all interno di ciascun livello; ne consegue che, in questo studio, con la denominazione di tagli si intende l insieme degli stessi riferibile a un unità stratigrafica o livello. Sono stati esaminati più di 3000 reperti faunistici per il taglio 35 (Thun Hohenstein et alii 2000), 7689 per il taglio 36 (Thun Hohenstein et alii 2001), 5303 per il taglio 37 (Aimar et alii 1998, 2000), per i tagli 40, per il taglio 41 (Thun Hohenstein 2004), per i tagli 42 e 3610 e per i (Thun Hohenstein 2001; Thun Hohenstein, Peretto 2005) (FIG. 1). La quantità di reperti è influenzata sia dall estensione dell area esplorata per ciascun livello sia dal grado di frammentazione dell insieme faunistico. Particolare attenzione, in questo studio, è stata posta all analisi tafonomica effettuata sui frammenti maggiori di 2 cm. Ogni reperto osseo è stato osservato a livello macroscopico e microscopico al fine di poter valutare lo stato di conservazione delle superfici ossee e di riconoscere le eventuali alterazioni presenti. L osservazione in microscopia è stata effettuata con l ausilio di uno stereomicroscopio Leica MZ6 e successivamente le tracce sono state analizzate in microscopia a scansione elettronica (SEM) effettuando repliche delle superfici ossee, realizzate con impronta negativa in elastomero siliconico Provil L (Bayer, Leverkunsen, Germania) e copia positiva in resina epossidica (araldite LY 554 e catalizzatore HY 956, Ciba Geigy, Basel, Svizzera) che, grazie alla loro alta definizione nel riprodurre le superfici, hanno consentito l osservazione di dettagli inferiori ad 1 μm (Shipman 1981; Rose 1983; Bromage, Boyde 1984; Bromage 1985, 1987; d Errico, Giacobini 1988). L analisi tafonomica dei reperti provenienti dai tagli 37, 36 e 35 è stata condotta in collaborazione con l équipe del prof. Giacobini dell Università degli Studi di Torino (Aimar et alii 1998, 2000; Alhaïque et alii 2004; Thun Hohenstein et alii 2000, 2001). Composizione e caratteristiche del campione faunistico I reperti faunistici esaminati in questo studio appartengono a macromammiferi, numerosi e documentati soprattutto da denti di insettivori e roditori mentre scarsa risulta la presenza di resti di pesci, anfibi e rettili (Bartolomei et alii 1982, 1984). La maggior parte dei reperti è costituita da frammenti diafisari, vertebrali, sesamoidi e denti che in molti casi non possono essere determinati a livello generico o specifico. Ad esempio è risultata spesso difficoltosa la distinzione tra alce, megacero e cervo o tra capriolo e camoscio per la mancanza di elementi morfologici diagnostici e l elevato grado di frammentazione dei reperti. I reperti determinati tassonomicamente costituiscono circa il 4 % dell insieme faunistico per i livelli 35, 36 e 37, meno dell 1 % per i livelli 40, 41 e 42, e il 15 % per i livelli (TAB. 1). I tassi di determinazione sono assai influenzati dal grado di frammentazione

3 33 Tagli NR NR > 2 cm NRDt % NR % NR > 2 cm , ,6 23, , , ,56 14, , ,76 53,83 TAB. 1 Riparo Tagliente. Rappresentazione del campione faunistico: Numero dei resti (NR) e Numero dei Reperti Determinati (NRDt). Le percentuali del NRDt sono state calcolate rispetto sia al numero totale dei resti sia al numero dei reperti maggiori di 2 cm. Taglio 35 Taglio 36 Taglio 37 Taglio 40 Taglio 41 Taglio 42 Tagli Taxon NRDt NMI NRDt NMI NRDt NMI NRDt NMI NRDt NMI NRDt NMI NRDt NMI Lepus sp Marmota marmota Canis lupus Vulpes vulpes Ursus sp Panthera pardus 1 1 Martes martes 1 1 Meles meles Canidae Felidae 2 Carnivorae Equus sp Sus scrofa Alces alces Cervus elaphus Capreolus capreolus Capra ibex Rupicapra rupicapra Bos sp. 7 1 Artiodactyla Aves Totale TAB. 2 Riparo Tagliente. Rappresentazione del Numero di Reperti Determinati (NRDt) e del Numero Minimo degli Individui (NMI) per taxa e livello. dei reperti, imputabile non solo al weathering, ma anche ad un intensa attività antropica. Per quanto riguarda la composizione dell insieme faunistico, non si presentano sostanziali differenze nei livelli 35, 36, 37 e 40. Sulla base del numero dei reperti determinati (TAB. 2) la specie più rappresentata tra gli ungulati è il capriolo seguita dal cervo, dallo stambecco e dal camoscio; nei tagli 41 e 42 i taxa più rappresentati sono il cervo seguito dal capriolo e dal cinghiale. Tra i carnivori predominano il lupo, la volpe e l orso, ma sono rari e tra i roditori è presente la marmotta. Alcuni resti di volatile sono stati riconosciuti, ma non ancora identificati. Si segnalano inoltre un dente di equide, rinvenuto nel taglio 35, una falange di alce, un omero di lepre, un molare superiore deciduo e una falange II del primo dito di Homo neandertalensis nel tagli 36; un canino deciduo di Neandertal (Villa et alii 2001) e un molare di bovide nel livello 37 e un frammento di tibia di equide nel livello 40. Nei livelli inferiori (44-52), la composizione faunistica rimane invariata per quanto riguarda gli artiodattili mentre tra i carnivori si attesta un aumento nel numero dei reperti e nella varietà delle specie (lupo, volpe, orso, leopardo, mustelidi).

4 34 Alterazioni Taglio 35 Taglio 36 Taglio 37 Taglio 40 Taglio 41 Taglio 42 Tagli Strie da macellazione Raschiature Morfotipi Incavo Cono di percussione Ritoccatoi Combustione Roditori Carnivori Radici Weathering TAB. 3 Riparo Tagliente. Distribuzione delle differenti categorie di alterazioni delle superfici ossee per livello. In base al calcolo del numero minimo degli individui (TAB. 2) tutte le specie sono rappresentate dallo stesso numero: 1 o 2. Il numero minimo degli individui è stato calcolato sui denti o porzioni epifisarie tenendo conto dell età degli individui rappresentati. Non è invece stato possibile effettuare tale calcolo per i tagli 40, 41 e 42 a causa della scarsa rappresentatività del campione, imputabile all elevato grado di frammentazione dei reperti. L insieme faunistico è rappresentato soprattutto da adulti e subadulti. L età di morte è stata stabilita in base allo stato di eruzione e allo stadio di usura dentaria e al grado di ossificazione delle ossa lunghe. Inoltre nei tagli 36, 37, 40, 41 e 42 sono stati rinvenuti elementi ossei di feti o neonati a termine di cervidi che possono fornire indicazioni utili circa la frequentazione stagionale del sito (primavera-estate). Gli elementi anatomici più rappresentati per il capriolo, il cervo e il camoscio sono frammenti mandibolari e appartenenti allo scheletro appendicolare. La frammentazione dei reperti giustifica il basso tasso di determinazione per alcuni elementi anatomici rispetto ad altri. I reperti identificati solo a livello anatomico comprendono elementi dello scheletro assiale (cranio, vertebre e coste) e potrebbero appartenere agli artiodattili. La quantità di elementi anatomici è significativa per ricostruire il tipo di trattamento riservato al capriolo, in quanto questo animale è l unico ad essere sufficientemente rappresentato in tutti livelli esaminati, suggerendo l apporto dell intera carcassa dell animale nel sito. Analisi tafonomica L osservazione delle superfici ossee è finalizzata a valutarne lo stato di conservazione per il riconoscimento di quelle modificazioni che possono essere attribuite all attività antropica (tracce di macellazione) e distinte da altre tracce di origine non antropica che potrebbero essere confuse con esse (calpestio, radici, solchi vascolari e rosicature di carnivori e roditori) (TAB. 3). Anche altre caratteristiche, quali dimensioni, decorso e localizzazione anatomica delle strie hanno consentito di ricondurre le tracce identificate in modo affidabile ad azioni di macellazione. L elevato grado di frammentazione è imputabile sia all attività antropica sia a fattori postdeposizionali e a variazioni di temperatura e umidità che hanno contribuito alla formazione e allo sviluppo di fratture (weathering cracks). In molti casi la superficie ossea risulta ben conservata e consente un indagine dettagliata delle evidenze di origine antropica. In altri casi l osso è stato interessato da fenomeni di erosione e/o esfoliazione che hanno alterato in modo più o meno invasivo la parte esterna, compatta, dell osso, a volte fino alla sua totale scomparsa. Le tracce dovute a radici sono lievi e di scarso significato per tutti i livelli (TAB. 3). I resti ossei si presentano con diverse tonalità di colore, comprese tra il giallo chiaro e il giallo scuro secondo i codici di riferimento tratti dalle Munsell Soil Color Charts (Munsell 1946) e spesso presentano colorazioni nerastre dovute all impregnazione da parte degli ossidi di manganese. Tracce di combustione (TAB. 3) sono state rilevate con tonalità di colore che variano dal rosso bruno, al nero, grigio e bianco nei livelli appartenenti alla parte superiore della serie musteriana (tagli 35, 36, 37, 40, 41 e 42), fornendo indicazioni circa l utilizzo del fuoco in queste fasi di frequentazione neandertaliana. L analisi delle superfici ossee ha rilevato la presenza di strie di macellazione soprattutto sugli ungulati con una percentuale del 22 % per i tagli 35, 36 e 37, del 14 % per i tagli 40 e 41, del 9 % per il taglio 42 ed il 4 % sui tagli Invece, le tracce di macellazione sono totalmente assenti sui resti di carnivori e sono state identificate su alcuni elementi anatomici di marmotta (omero, scapola e mandibola). In breve, l attività antropica di macellazione e fratturazione intenzionale è ben documentata nei livelli 35, 36, 37, 40, 41 e 42, ma è attestata anche nei livelli Questi livelli

5 35 sono inoltre contraddistinti da un aumento dell attività di roditori e carnivori, un aspetto che denoterebbe un occupazione alterna del sito sia da parte dell uomo sia di carnivori. Tracce di attività antropica L analisi micromorfologica delle alterazioni delle superfici ossee attraverso l osservazione in microscopia a scansione elettronica ha rilevato il differente grado di conservazione delle strie di macellazione. In molti casi esse appaiono ben conservate e presentano le tipiche caratteristiche diagnostiche prodotte dallo scorrimento del bordo tagliente di uno strumento litico (sezione del solco a V, strie secondarie all interno del solco principale, chatter marks, pareti scoscese del solco). In altri casi possono essere state parzialmente obliterate o cancellate da alterazioni prodotte da fattori postdeposizionali (esfoliazioni e/o concrezioni). Altre evidenze quali dimensioni, orientamento e localizzazione delle tracce non lasciano dubbi circa la loro attribuzione e consentono di riferirle alle differenti fasi della macellazione. Le strie sono localizzate soprattutto sulle diafisi delle ossa lunghe e in prossimità delle epifisi (tagli 35, 36, 37, 42 e 44-52) e sulle superfici articolari di alcune vertebre (tt. 36, 37 e 42). Tuttavia solo per il capriolo, rappresentato da un numero sufficiente di reperti in tutti i livelli, è possibile ricostruire parzialmente le varie tappe della macellazione mentre per gli altri taxa di ungulati sono documentabili solo alcune azioni. Tracce di scuoiamento sono state riconosciute su varie falangi di capriolo, camoscio (nei livelli 35, 36, 37, 40 e 44-52) e su una mandibola, un omero e una scapola di marmotta (livello 36). Tracce di disarticolazione sono state riscontrate sulle epifisi delle ossa lunghe, in prossimità delle aree di inserzione dei legamenti (nei livelli 35, 36, 37, 40, 41 e 42) e su osso di feto di cervide (livello 36). La disarticolazione del cranio dal tronco è documentata da una profonda stria presente su un frammento di ioide di cervo (livello 35) e sull occipitale di un camoscio (livello 37). Tracce di recupero della massa carnea sono presenti lungo le diafisi delle ossa lunghe sottoforma di profonde e ripetitive strie (nei livelli 35, 36, 37, 40, 41, 42 e 44-52) e raschiature (FIG. 1), soprattutto lungo i metapodi (nei livelli 35, 36, 37, 40, 41 e 42). Queste possono essere state prodotte sia durante il recupero delle masse muscolari sia per l asportazione del periostio al fine di facilitare la fratturazione dell osso per l apertura del canale midollare. L attività di fratturazione intenzionale per il recupero del midollo è ben attestata sulle ossa degli artiodattili dalla presenza di numerosi frammenti diafisari (TAB. 3) che presentano incavi di percussione e fratture ripetitive (morfotipi di fratturazione). Molto frequenti sono anche i coni di percussione (nei livelli 35, 36, 37). Si segnala l elevata quantità di frammenti con alterazioni da combustione di dimensioni inferiori ai 3 cm (nei livelli 35, 36 e 37). Infine, numerosi frammenti diafisari (FIGG. 1 2) con l eccezione di un unica prima falange di capriolo (tagli 37), sono caratterizzati dalla presenza di aree circoscritte e ricoperte da intaccature più o meno intense che a volte si sovrappongono a raschiature. Tali frammenti sono stati riconosciuti come ritoccatoi, utilizzati per il ritocco di manufatti in selce (Malerba, Giacobini 1998; Thun Hohenstein 2001). Tracce di origine naturale: roditori e carnivori Le modificazioni delle superfici ossee attribuibili ad attività di carnivori e roditori sono rare nei livelli 35, 36 e 37, aumentano leggermente nei tagli 40, 41 e 42 mentre si nota un sensibile incremento nei tagli (TAB. 3). Le rosicature di roditori si caratterizzano come smussature dei bordi sporgenti del frammento o dell elemento osseo, alterandone completamente la morfologia. Le tracce lasciate dai carnivori sono più variabili e si presentano come puncture cioè tracce circolari prodotte sulla superficie ossea in seguito alla pressione esercitata dal dente sull osso, determinandone talvolta il lieve collassamento della parete. Altre tracce possono essere ricondotte allo scorrimento delle cuspidi sulla superficie dell osso (scoring) oppure ad un intensa attività di rosicatura (gnawing e pits). In alcuni casi le corrosioni presenti sull osso documentano il passaggio del frammento attraverso il canale alimentare di un carnivoro. Conclusioni Lo studio archeozoologico condotto sui reperti faunistici provenienti dai depositi musteriani di Riparo Tagliente deve essere considerato preliminare in quanto l estensione dei depositi indagati e, di conseguenza, anche la quantità dei reperti faunistici raccolti, rappresenta una minima parte dell area di frequentazione neandertaliana. Ciononostante questo studio consente di effettuare alcune considerazioni che contribuiscono a comprendere alcuni aspetti inerenti al comportamento dei Neandertaliani, soprattutto per quanto riguarda le strategie di sussistenza adottate e il trattamento delle carcasse animali cacciate. In particolare, attraverso l analisi tafonomica è stato possibile discernere la natura delle stigmate presenti sulle superfici ossee e determinare l entità dell intervento antropico nell accumulo dei reperti faunistici. Riparo Tagliente presenta evidenze di intensa frequentazione umana, altresì testimoniata dalla presenza di manufatti in selce che, grazie all analisi archeozoologica, rivela modalità insediative differenti lungo la serie dei de-

6 cm a b FIG. 1 Riparo Tagliente. RT 42 q. 12 n. 195: frammento di metacarpale (a) che presenta un intensiva raschiatura lungo la diafisi; al SEM (b) sono visibili le striature secondarie all interno dei solchi principali. b 0 1 cm a c FIG. 2 Riparo Tagliente. RT 42 q. 13 n. 782: frammento di diafisi indeterminata (a) utilizzato come ritoccatoio. Sulla superficie è evidente un area circoscritta che presenta delle intaccature (b) sovrapposte ad un intensa raschiatura (c), visibili al SEM.

7 37 positi musteriani. In corrispondenza dei tagli inferiori (44-52) il riparo è stato alternativamente frequentato dall uomo e dai carnivori (orso, lupo, volpe). Infatti, la maggior presenza di carnivori e di tracce legate alla loro frequentazione è frammista a reperti faunistici con inconfondibili stigmate, imputabili ad attività antropiche. È possibile, quindi, che il riparo fosse inizialmente occupato dall uomo per brevi periodi e che durante la sua assenza alcuni animali lo utilizzassero come rifugio di ibernazione o rovistassero tra i resti di pasto. Nei termini superiori della serie musteriana (tagli 42-35) la frequentazione dei carnivori sembra scemare drasticamente in corrispondenza ad un intensificarsi della permanenza umana. Le uniche indicazioni di stagionalità possono essere desunte in base alla presenza di reperti faunistici di feti a termine o neonati di capriolo e altri ungulati che a volte recano tracce di macellazione, indicando così una possibile frequentazione del riparo durante i mesi primaverili (marzo-giugno). Alcune considerazioni generali possono quindi essere formulate sul comportamento dei Neandertaliani circa le strategie di sussistenza adottate in questo sito. Per quanto riguarda la caccia, le condizioni climatico-ambientali permettono l accesso ad una certa varietà di animali e non si nota né alcun tipo di specializzazione nella scelta delle prede né di una categoria di individui all interno di un taxon. Gli animali cacciati appartengono per lo più ad ungulati (capriolo, cervo, camoscio, stambecco, cinghiale e bovidi) e si tratta di individui sub-adulti e adulti. Altre specie sono rappresentate nell insieme faunistico, soprattutto appartenenti all ordine dei carnivori (volpe, lupo, orso, tasso, martora). Sebbene allo stato attuale delle ricerche questi reperti non siano sufficientemente rappresentativi per portare evidenze che possano suggerire il loro abbattimento da parte dei Neandertaliani, non è da escludere l interesse che tali animali avrebbero potuto suscitare nell uomo al fine di recuperare la pelliccia (interesse invece vivamente dimostrato per la marmotta). Dall analisi della rappresentazione dei diversi elementi dello scheletro si è potuto notare un differente trattamento delle carcasse degli animali cacciati che dipende essenzialmente dalle dimensioni della preda: gli animali di taglia media come il capriolo venivano portati integralmente nel sito, ove avveniva il depezzamento mentre quelli di taglia grande come i grandi cervidi venivano invece probabilmente depezzati nel luogo di abbattimento e solo parti della carcassa venivano trasportate nel sito. L ipotesi che le tecniche di macellazione fossero consolidate e sistematiche viene suffragata dal riconoscimento di strie lineari imputabili all azione di scorrimento del bordo di uno strumento litico. Tracce di scuoiamento, disarticolazione, recupero della massa carnea e di tendini sono state documentate con differenti frequenze sui resti di ungulati. Inoltre, sono state riconosciute azioni di raschiatura lungo la diafisi delle ossa lunghe, dettate probabilmente dalla necessità di eliminare il periostio e facilitarne la fratturazione. Anche l attività di fratturazione intenzionale, finalizzata al recupero del midollo, appare ripetitiva e sistematica ed è testimoniata dall elevato grado di frammentazione delle ossa lunghe e da elementi diagnostici, quali gli incavi di percussione (tipiche intaccature marginali presenti sui frammenti interessati dall impatto con il percussore e i coni di percussione, schegge che si staccano nell area di impatto). Anche la forma ripetitiva di alcuni frammenti di falangi prime e seconde o la morfologia di alcune fratture (ad esempio fratture a becco di flauto, trasversali o a spirale), suggeriscono un intensa attività antropica di fratturazione intenzionale. Un ulteriore aspetto da sottolineare che potrebbe denunciare un comportamento standardizzato nel trattamento dei resti ossei, è il ritrovamento di molti frammenti con evidenti alterazioni di colore dovute alla combustione. Non è possibile affermare se effettivamente le ossa venissero intenzionalmente gettate nel fuoco, utilizzate come combustibile o, più semplicemente, si trovassero nelle aree ove venivano costruiti i focolari. Un altra attività di utilizzazione dei frammenti ossei da parte dei Neandertaliani è stata documentata nel giacimento; si tratta dell impiego dell osso come supporto per ritoccare la selce. Questo interesse appare strettamente legato al tipo di industria litica e soprattutto alla necessità di ottenere ritocchi piatti e invadenti, come attestato da prove sperimentali condotte dall équipe del prof. C. Peretto. I dati archeozoologici confermano quindi l intensa frequentazione antropica di Riparo Tagliente durante il Musteriano, già indicata dall abbondanza dei manufatti litici e consentono di definire meglio il comportamento dei gruppi neandertaliani e le strategie adottate in relazione all ambiente naturale nei dintorni del sito. Ringraziamenti Desidero ringraziare sentitamente il prof. C. Peretto per avermi dato la possibilità di studiare i materiali di Riparo Tagliente; il prof. G. Giacobini, la dott. A. Aimar e la dott.ssa G. Malerba per avermi introdotto nello studio tafonomico di queste faune e il prof. B. Sala per avermi consentito l accesso alla sua collezione di confronto. Un sincero ringraziamento anche ai dott. Patrizia Mastellari, Mauro Bosco, Simone Gulmini e Matteo Zambon per aver contribuito alla necessaria raccolta dei dati. Tale ricerca è stata svolta nell ambito del Dottorato in Scienze Antropologiche XIII ciclo curriculum Paleontologia Umana, Con-

8 38 sorzio interuniversitario Bologna, Parma e Ferrara e nell ambito dell Assegno di Ricerca dell Università di Ferrara, cofinanziato per l anno 2003 dall Istituto Italiano di Preistoria e Protostoria. Bibliografia, Literaturverzeichnis, References Aimar A., Thun Hohenstein U., Giacobini G., Peretto C Analysis of the faunal remains from the Mousterian levels at Riparo Tagliente (Verona, Italy), Dual Congress, Sun City, South Africa: Aimar A., Thun Hohenstein U., Giacobini G., Peretto C Studio tafonomico dei reperti faunistici provenienti dai livelli musteriani del Riparo Tagliente (VR), Atti del II Convegno Nazionale di Archeozoologia, Asti 1997, Forlì: Alhaïque F., Bisconti M., Bietti A., Castiglioni E., Cilli C., Fasani L., Giacobini G., Grifoni R., Guerreschi A., Iacopini A., Malerba G., Peretto C., Recchi A., Rocci Riss A., Ronchitelli A., Rottoli M., Thun Hohenstein U., Tozzi C., Visentini P., Wilkens B Animal resources and subsistence strategies, Collegium antropologicum 28/1, Zagabria: Bartolomei G., Broglio A., Cattani L., Cremaschi M., Guerreschi A., Leonardi P., Peretto C Paleolitico e Mesolitico, Il Veneto nell antichità. Preistoria e Protostoria II, Verona: Bartolomei G., Broglio A., Cattani L., Cremaschi M., Guerreschi A., Mantovani E., Peretto C., Sala B I depositi würmiani del Riparo Tagliente, Annali dell Università di Ferrara, nuova serie, sezione 15, III/4: Bartolomei G., Broglio A., Guerreschi A., Leonardi P., Peretto C., Sala B Una sepoltura epigravettiana nel deposito pleistocenico del Riparo Tagliente in Valpantena (Verona), Rivista di Scienze Preistoriche XXIX/1: Bertola S., Peresani M., Peretto C., Thun Hohenstein U Le site paléolitique moyen de la Grotta della Ghiacciaia (Préalpes de Vénétie, Italie du Nord), L Anthropologie 103/3: Bromage T. G Systematic inquiry in tests of negative, positive replica combination for SEM, Journal of Microscopy 137: Bromage T. G The scanning electron microscopy replica technique and recent application to the study of fossil bone, Scanning Microscopy 1: Bromage T. G., Boyde A Microscopic criteria for the determination of directionality of cutmarks on bone, American Journal of Physical Anthropology 65: d Errico F., Giacobini G L apport des études de surface pour l interpretation des modifications sur l os au paleolithique moyen, L Homme de Néandertal, La Technique 4: Guerreschi A., Peretto C., Thun Hohenstein U I depositi di Riparo Tagliente, Aspes A. (ed.), Preistoria veronese, contributi e aggiornamenti. Memorie del Museo Civico di Storia Naturale di Verona, II serie, sezione Scienze dell uomo 5: Malerba G., Giacobini G Les retouchoirs sur éclats diaphysaires du Paléolitique moyen et supérieur de trois sites de l Italie nord orientale (Grotte de San Bernardino, Abri de Fumane et Abri Tagliente), Atti del XIII Congresso Internazionale UISPP, Forlì 8-14 settembre 1996, 6/1, Forlì: Mezzena F Oggetti d arte mobiliare del Paleolitico Superiore scoperti al Riparo Tagliente in Valpantena (Verona), Rivista di Scienze Preistoriche XIX: Munsell 1946 Munsell Soil Color Charts, Baltimore. Pasa A., Mezzena F Riparo Tagliente (Grezzana, Verona), Rivista di Scienze Preistoriche XIX: Peresani M., Bertola S., Thun Hohenstein U., Peretto C Paleoecological and paleoeconomical aspects of the Middle Paleolithic site of the Ghiacciaia Cave (Venetian Prealps), Atti del XIII Congresso degli Antropologi Italiani, Roma: 3-7. Peretto C., Thun Hohenstein U La serie musteriana di Riparo Tagliente, Aspes A. (ed.), Preistoria veronese, contributi e aggiornamenti. Memorie del Museo Civico di Storia Naturale di Verona, II serie, sezione Scienze dell uomo 5: Peretto C., Thun Hohenstein U La Grotta della Ghiacciaia, Aspes A. (ed.), Preistoria veronese, contributi e aggiornamenti. Memorie del Museo Civico di Storia Naturale di Verona, II serie, sezione Scienze dell uomo 5: Rose J. J A replication technique for scanning electron microscopy: application for anthropologists, American Journal of Physical Anthropology 62: Sala B Loess fauna in deposits of shelters and caves in the Veneto region and examples in other region of Italy, Cremaschi M. (ed.), The loess in northern Italy: a loess basin between the Alps and the mediterranean region, Quaderni di geodinamica alpina e quaternaria: Shipman P Applications of scanning electron microscopy to taphonomic problems, Annals of the New York Academy of Science 34: Thun Hohenstein U Strategie di sussistenza e comportamento dell uomo di Neandertal. Analisi archeozoologica dei livelli musteriani del Riparo Tagliente, Grotta della Ghiacciaia (Italia) e Abric Romani (Spagna), Tesi di dottorato in Scienze antropologiche, Bologna-Ferrara-Parma. Thun Hohenstein U Lo sfruttamento delle risorse animali provenienti dai tagli 40 e 41 dei depositi musteriani di Riparo Tagliente (Verona), Rivista di Scienze Preistoriche 54: Thun Hohenstein U., Esteban i Nadal M., Giacobini G., Peretto C Taphonomic analysis of the Faunal Remains from Layer 35 of the Mousterian levels at Riparo Tagliente (Verona, Italy), Atti del II Congresso Internazionale CNR, Parigi 1999, Parigi: Thun Hohenstein U., Malerba G., Giacobini G., Peretto C New contribution to the taphonomic analysis of the faunal remains from the Mousterian levels of Riparo Tagliente (Verona), Atti del XIII Congresso degli Antropologi Italiani: Thun Hohenstein U., Peretto C Faunal exploitation in the Middle palaeolithic: evidences from Riparo Tagliente (Verona, Italy), Actes du Colloque international: Données recents sur les modalités de peuplement et sur le cadre chronostratigraphique, geologique et paleogeographique des industries du paléolitique inferieur et moyen en Europe, Rennes septembre 2003, BAR International Series 1364: Villa G., Giacobini G., Peretto C., Thun Hohenstein U Neandertal teeth from the Mousterian levels of the Riparo Tagliente (Verona N-E Italy), Atti del XIII Congresso degli Antropologi Italiani, Roma: Zorzi F Provincia di Verona. Grezzana, Rivista di Scienze Preistoriche XVII: Zorzi F., Mezzena F Provincia di Verona. Grezzana, Rivista di Scienze Preistoriche XVIII: Indirizzo / Adresse / Address Ursula Thun Hohenstein Università degli Studi di Ferrara Dipartimento delle Risorse naturali e culturali Corso Ercole I d Este, Ferrara (Italia)

Oltre lo stambecco: gli altri mammiferi della struttura abitativa dell US 26c a Riparo Dalmeri (Trento)

Oltre lo stambecco: gli altri mammiferi della struttura abitativa dell US 26c a Riparo Dalmeri (Trento) Preistoria Alpina, 43 (2008): 209-236 ISSN 0393-0157 Museo Tridentino di Scienze Naturali, Trento 2008 Oltre lo stambecco: gli altri mammiferi della struttura abitativa dell US 26c a Riparo Dalmeri (Trento)

Dettagli

Università degli Studi di Ferrara

Università degli Studi di Ferrara Al MAGNIFICO RETTORE SEDE Iniziative di Internazionalizzazione di Ateneo Anno 2011 Scheda per la presentazione del progetto La sottoscritta Dr Ursula Thun Hohenstein chiede l assegnazione di un contributo

Dettagli

La Preistoria LE PRIME TRACCE DELL UOMO IN BASILICATA. DAL PALEOLITICO AL NEOLITICO. 1 Scheda 2

La Preistoria LE PRIME TRACCE DELL UOMO IN BASILICATA. DAL PALEOLITICO AL NEOLITICO. 1 Scheda 2 di: Alfonsina Russo La Preistoria LE PRIME TRACCE DELL UOMO IN BASILICATA. DAL PALEOLITICO AL NEOLITICO Venosa: Loreto-Notarchirico Il Parco Paleolitico di Loreto-Notarchirico è ubicato in prossimità del

Dettagli

ATTI DEL MUSEO CIVICO DI STORIA NATURALE DI TRIESTE ISSN: 0365-1576

ATTI DEL MUSEO CIVICO DI STORIA NATURALE DI TRIESTE ISSN: 0365-1576 ATTI DEL MUSEO CIVICO DI STORIA NATURALE DI TRIESTE ISSN: 0365-1576 Atti Mus. civ. Stor. nat. Trieste STUDIO PRELIMINARE DI REPERTI OSSEI DI DINOSAURI DEL CARSO TRIESTINO TIZIANA BRAZZATTI (*) & RUGGERO

Dettagli

STATO D AVANZAMENTO DEL PROGETTO IL LUPO IN LIGURIA

STATO D AVANZAMENTO DEL PROGETTO IL LUPO IN LIGURIA Regione Liguria Parco Naturale Regionale dell Antola Dipartimento di Biologia Animale Università di Pavia STATO D AVANZAMENTO DEL PROGETTO IL LUPO IN LIGURIA DICEMBRE 2009 1 A CURA DI ALBERTO MERIGGI PIETRO

Dettagli

La gestione delle risorse animali in un sito del Bronzo Medio-Recente del bacino del Garda: il caso di Bovolone (VR) Valentina Catagnano*

La gestione delle risorse animali in un sito del Bronzo Medio-Recente del bacino del Garda: il caso di Bovolone (VR) Valentina Catagnano* Annali dell Università degli Studi di Ferrara Museologia Scientifica e Naturalistica ISSN 1824-2707 volume speciale 2008 La gestione delle risorse animali in un sito del Bronzo Medio-Recente del bacino

Dettagli

Le origini dell Uomo. antropomorfa, cioè caratterizzata da assenza di coda e da scapole poste posteriormente e

Le origini dell Uomo. antropomorfa, cioè caratterizzata da assenza di coda e da scapole poste posteriormente e Le origini dell Uomo L uomo attuale, il risultato di milioni di anni di evoluzione che si è svolta per la maggior parte sul piano biologico e solo in tempi recenti è divenuta anche una evoluzione culturale,

Dettagli

Guida pratica all identificazione delle classi di età del Cervo tramite esame dello stadio di usura dei denti permanenti differenziata per sesso e

Guida pratica all identificazione delle classi di età del Cervo tramite esame dello stadio di usura dei denti permanenti differenziata per sesso e Guida pratica all identificazione delle classi di età del Cervo tramite esame dello stadio di usura dei denti permanenti differenziata per sesso e ambiente Ambbi ieennttee aal lppi innoo Ambbi ieennttee

Dettagli

VALUTAZIONE DELL ET ETÀ NEGLI UNGULATI ALPINI

VALUTAZIONE DELL ET ETÀ NEGLI UNGULATI ALPINI VALUTAZIONE DELL ET ETÀ NEGLI UNGULATI ALPINI USURA DELLA TAVOLA DENTARIA (CERVO E CAPRIOLO) ACCRESCIMENTO DEL TROFEO (CAMOSCIO MUFLONE STAMBECCO) A cura di: Sergio Marchetti Michele Rocca STRUTTURA DEFINITIVA

Dettagli

Nuovi denti umani dai livelli epigravettiani di Riparo Dalmeri (TN)

Nuovi denti umani dai livelli epigravettiani di Riparo Dalmeri (TN) Preistoria Alpina, 41 (2005): 245-250 Museo Tridentino di Scienze Naturali, Trento 2006 ISSN 0393-0157 Giuliano VILLA & Giacomo GIACOBINI * Laboratorio di Paleontologia Umana, Dipartimento di Anatomia,

Dettagli

Lazio e Sabina. a cura di. Atti del Convegno. Sesto Incontro di Studi sul Lazio e la Sabina. Roma 4-6 marzo 2009

Lazio e Sabina. a cura di. Atti del Convegno. Sesto Incontro di Studi sul Lazio e la Sabina. Roma 4-6 marzo 2009 Min i s t e r o pe r i Be n i e le At t i v i t à Cu lt u r a l i Soprintendenza per i Beni Archeologici del Lazio Lazio e Sabina 6 a cura di Giuseppina Ghini estratto Atti del Convegno Sesto Incontro

Dettagli

Risultati preliminari di un sondaggio stratigrafico nel Riparo Gadena (Enego, Vicenza)

Risultati preliminari di un sondaggio stratigrafico nel Riparo Gadena (Enego, Vicenza) Preistoria Alpina, 43 (2008): 125-129 ISSN 0393-0157 Museo Tridentino di Scienze Naturali, Trento 2008 Nota breve - Short note Risultati preliminari di un sondaggio stratigrafico nel Riparo Gadena (Enego,

Dettagli

Daniela Saccà. Università di Pisa daniela.sacca@gmail.com

Daniela Saccà. Università di Pisa daniela.sacca@gmail.com Daniela Saccà Dipartimento di Scienze Archeologiche Università di Pisa daniela.sacca@gmail.com Workshop Comprendere la biodiversità moderna attraverso l analisi del DNA antico Piacenza, 18 gennaio 2012

Dettagli

GLI OMINIDI. Paolo, Fabrizio, Michele, Silvia, Tognatti 1Bfoto Paravia, Torino, 2000

GLI OMINIDI. Paolo, Fabrizio, Michele, Silvia, Tognatti 1Bfoto Paravia, Torino, 2000 Paolo, Fabrizio, Michele, Silvia, Tognatti 1Bfoto Paravia, Torino, 2000 GLI OMINIDI Originariamente l uomo non aveva l attuale struttura corporea e non possedeva le capacità e le potenzialità che vediamo

Dettagli

Diagnosi del degrado di una pergamena di interesse storico

Diagnosi del degrado di una pergamena di interesse storico LAVORI DI RICERCA 20534 Diagnosi del degrado di una pergamena di interesse storico Stazione Sperimentale per l Industria delle Pelli e delle Materie Concianti (Azienda Speciale della Camera di Commercio

Dettagli

Lepre (Lepus europaeus)

Lepre (Lepus europaeus) Lepre (Lepus europaeus) Accertamenti diagnostici su lepri abbattute durante la stagione venatoria a. Corata completa (trachea, polmoni, cuore, fegato, milza, intestino) b. Sangue, una modica quantità di

Dettagli

UN ARCHIVIO INFORMATIZZATO PER LA GESTIONE DEI REPERTI ARCHEOZOOLOGICI di PAOLO BOSCATO, VITTORIO FRONZA, FRANK SALVADORI

UN ARCHIVIO INFORMATIZZATO PER LA GESTIONE DEI REPERTI ARCHEOZOOLOGICI di PAOLO BOSCATO, VITTORIO FRONZA, FRANK SALVADORI UN ARCHIVIO INFORMATIZZATO PER LA GESTIONE DEI REPERTI ARCHEOZOOLOGICI di PAOLO BOSCATO, VITTORIO FRONZA, FRANK SALVADORI INTRODUZIONE I resti ossei animali provenienti da contesti archeologici forniscono

Dettagli

Ann Mus civ Rovereto Sez : Arch, St, Sc nat Vol 22 (2006) 41-50 2007 MILENA SARDAGNA ANALISI DEI RESTI FAUNISTICI RINVENUTI NEL SETTORE B DI LOPPIO, ISOLA DI S ANDREA ( 1 ) Abstract - MILENA SARDAGNA -

Dettagli

Sistema scheletrico. Due sono i tessuti: tessuto osseo tessuto cartilagineo.

Sistema scheletrico. Due sono i tessuti: tessuto osseo tessuto cartilagineo. SISTEMA SCHELETRICO Sistema scheletrico Sistema scheletrico è formato da 205 ossa e ha delle funzioni importanti: sostiene il corpo e permette il movimento protegge gli organi delicati (cervello, cuore,

Dettagli

I PRINCIPALI MAMMIFERI QUATERNARI DELLA GROTTA DEL CERÈ (MONTI LESSINI - VR) CONSERVATI PRESSO IL MUSEO CIVICO DI STORIA NATURALE DI VERONA

I PRINCIPALI MAMMIFERI QUATERNARI DELLA GROTTA DEL CERÈ (MONTI LESSINI - VR) CONSERVATI PRESSO IL MUSEO CIVICO DI STORIA NATURALE DI VERONA ROBERTO ZORZIN 1, GIUSEPPE SANTI 2, MARIO ROSSI 2 1 Museo Civico di Storia Naturale di Verona, Lungadige Porta Vittoria 9-37129 Verona 2 Università di Pavia, Dipartimento di Scienze della Terra, Via Ferrata

Dettagli

La valutazione morfologica dell apparato scheletrico La tecnica d esame

La valutazione morfologica dell apparato scheletrico La tecnica d esame La valutazione morfologica dell apparato scheletrico La tecnica d esame Lo scheletro è una delle strutture più precoci e facili da vedere in un feto. Diviene visibile agli ultrasuoni appena le ossa sono

Dettagli

Visita didattica al museo della preistoria Paolo Graziosi via Sant Egidio- Firenze

Visita didattica al museo della preistoria Paolo Graziosi via Sant Egidio- Firenze Visita didattica al museo della preistoria Paolo Graziosi via Sant Egidio- Firenze Il giorno mercoledì 12 novembre la nostra classe (1 F) ha visitato il museo della preistoria Paolo Graziosi. Il museo

Dettagli

Finalità. Obiettivi. Attività

Finalità. Obiettivi. Attività Museo Naturalistico Archeologico di Vicenza Indirizzo: Contrà Santa Corona, 4-36100 Vicenza (VI) Telefono: 0444222815 Email: museonatarcheo@comune.vicenza.it Presentazione Il Museo Naturalistico Archeologico

Dettagli

Le grotte ad orso nel Piemonte meridionale

Le grotte ad orso nel Piemonte meridionale Le grotte ad orso nel Piemonte meridionale 91 Le grotte ad orso nel Piemonte meridionale Livio Mano L orso delle caverne1 pare essersi evoluto dalla specie Ursus deningeri VON REICHE- NAU del Pleistocene

Dettagli

Nuovi resti di Homo rinvenuti in Dancalia Eritrea da un team internazionale guidato dalla Sapienza

Nuovi resti di Homo rinvenuti in Dancalia Eritrea da un team internazionale guidato dalla Sapienza Roma, 20/06/2014 COMUNICATO STAMPA Nuovi resti di Homo rinvenuti in Dancalia Eritrea da un team internazionale guidato dalla Sapienza I ricercatori hanno realizzato il primo studio tridimensionale ad alta

Dettagli

1. PROGETTO DI EDUCAZIONE, DIVULGAZIONE E INFORMAZIONE CONOSCI L ORSO BRUNO (Art. 5)

1. PROGETTO DI EDUCAZIONE, DIVULGAZIONE E INFORMAZIONE CONOSCI L ORSO BRUNO (Art. 5) PARTE SECONDA PROGETTO DI EDUCAZIONE, DIVULGAZIONE E INFORMAZIONE CONOSCI L ORSO BRUNO 1 1. PROGETTO DI EDUCAZIONE, DIVULGAZIONE E INFORMAZIONE CONOSCI L ORSO BRUNO (Art. 5) 1.1. ATTRIBUZIONE DI UN INCARICO

Dettagli

GROTTA DEL RIO SECCO (Clauzetto, PN)

GROTTA DEL RIO SECCO (Clauzetto, PN) GROTTA DEL RIO SECCO (Clauzetto, PN) Per partecipare allo scavo Concessionario Titolare Direttore dello scavo Periodo cronologico MIBACT- Ministero per i Beni e le Attività Culturali e il Turismo Università

Dettagli

COMPRENSORIO ALPINO CN2 Valle Varaita. RISULTATI CENSIMENTI ALLE SPECIE CAMOSCIO E MUFLONE s.v. 2012/2013

COMPRENSORIO ALPINO CN2 Valle Varaita. RISULTATI CENSIMENTI ALLE SPECIE CAMOSCIO E MUFLONE s.v. 2012/2013 COMPRENSORIO ALPINO CN2 Valle Varaita RISULTATI CENSIMENTI ALLE SPECIE CAMOSCIO E MUFLONE s.v. 2012/2013 - RELAZIONE TECNICA - A cura di Omar Giordano Giorgio Ficetto Tecnici faunistici C.A. CN2 PREMESSA

Dettagli

SPERIMENTANDO SI IMPARA Seminario interattivo di Archeologia sperimentale divulgativa

SPERIMENTANDO SI IMPARA Seminario interattivo di Archeologia sperimentale divulgativa SPERIMENTANDO SI IMPARA Seminario interattivo di Archeologia sperimentale divulgativa La sperimentazione come supporto all'indagine archeologica Edoardo Ratti (Archeolink) Aggiorniamo l archeologia sperimentale

Dettagli

I MAMMIFERI FOSSILI. di Marzia Breda e Marco Marchetti supervisione di Benedetto Sala

I MAMMIFERI FOSSILI. di Marzia Breda e Marco Marchetti supervisione di Benedetto Sala 3 I MAMMIFERI FOSSILI di Marzia Breda e Marco Marchetti supervisione di Benedetto Sala In questo capitolo sono raccolte le schede degli animali fossili trovati nei bacini di Leffe, Ranica e Pianico-Sèllere,

Dettagli

Due tombe d età imperiale rinvenute in via dell Acqua Bullicante a Roma

Due tombe d età imperiale rinvenute in via dell Acqua Bullicante a Roma The Journal of Fasti Online Published by the Associazione Internazionale di Archeologia Classica Piazza San Marco, 49 I-00186 Roma Tel. / Fax: ++39.06.67.98.798 / 06.69.78.91.19 http://www.aiac.org; http://www.fastionline.org

Dettagli

Bureau d études TSE3 Gruppo di progetto TSE3 BG-AMBERG LOMBARDI-ARCADIS-TECNIMONT-STUDIO QUARANTA-SEA CONSULTING-ITALFERR-INEXIA-SYSTRA

Bureau d études TSE3 Gruppo di progetto TSE3 BG-AMBERG LOMBARDI-ARCADIS-TECNIMONT-STUDIO QUARANTA-SEA CONSULTING-ITALFERR-INEXIA-SYSTRA SOMMAIRE INDICE RESUME / RIASSUNTO 3 1. INTRODUZIONE 4 2. CARRIÈRE DU PARADIS 4 2.1 DESCRIZIONE 4 2.2 TRASPORTO DEI MATERIALI A DEPOSITO 4 2.3 MODALITÀ DI POSA A DEPOSITO 4 2.4 OPERE IDRAULICHE 4 3. SITO

Dettagli

Parco Novi Sad. Analisi preventive del rischio archeologico

Parco Novi Sad. Analisi preventive del rischio archeologico MUSEO CIVICO ARCHEOLOGICO ETNOLOGICO Parco Novi Sad Analisi preventive del rischio archeologico Analisi dei campioni indisturbati dei sondaggi meccanici a carotaggio continuo luglio 2007 Parco Novi Sad

Dettagli

PRIMARIA II CICLO E SECONDARIA I GRADO

PRIMARIA II CICLO E SECONDARIA I GRADO PRIMARIA II CICLO E SECONDARIA I GRADO Le attività e i percorsi proposti per la scuola primaria e secondaria di I grado tendono, con metodologie e strumenti differenti per i due livelli, a esercitare e

Dettagli

Prof.ssa F. Carta. Liceo Classico G.M. Dettori Cagliari

Prof.ssa F. Carta. Liceo Classico G.M. Dettori Cagliari 1 Ere geologiche Archeozoica Paleozoica Mesozoica Cenozoica Neozoica o quaternaria (era in cui compare l uomo) 2 Processo di ominazione 3 I primati, comparsi circa 60 milioni di anni fa, vivevano sugli

Dettagli

Appunti sulla visita al museo della preistoria : Luigi Donini di Bologna

Appunti sulla visita al museo della preistoria : Luigi Donini di Bologna Appunti sulla visita al museo della preistoria : Luigi Donini di Bologna Martedì 17 Gennaio 2012 noi bambini della classe 3^ B siamo andati al museo della preistoria : Luigi Donini insieme alle nostre

Dettagli

La fauna pleistocenica di Isernia La Pineta (Molise): analisi archeozoologica delle US 3S1-5

La fauna pleistocenica di Isernia La Pineta (Molise): analisi archeozoologica delle US 3S1-5 2007 volumespeciale2007 Annali dell Università degli Studi di Ferrara ISSN 1824-2707 Museologia Scientifica e Naturalistica volume speciale (2007) La fauna pleistocenica di Isernia La Pineta (Molise):

Dettagli

ARCHEOCLUB D'ITALIA SEDE DI SAN SEVERO NAZIONALE. sulla. Preistoria - Protostoria - Storia della Daunia. San Severo 23-24 novembre 2002 A T T I

ARCHEOCLUB D'ITALIA SEDE DI SAN SEVERO NAZIONALE. sulla. Preistoria - Protostoria - Storia della Daunia. San Severo 23-24 novembre 2002 A T T I ARCHEOCLUB D'ITALIA SEDE DI SAN SEVERO 23 CONVEGNO NAZIONALE sulla Preistoria - Protostoria - Storia della Daunia San Severo 23-24 novembre 2002 A T T I a cura di Armando Gravina SAN SEVERO 2003 Stampa:

Dettagli

CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM. Dati anagrafici Nome: Marco Cognome: Bertolini Nazionalità: Italiana Luogo di nascita: Venezia (VE), il 06/11/1982

CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM. Dati anagrafici Nome: Marco Cognome: Bertolini Nazionalità: Italiana Luogo di nascita: Venezia (VE), il 06/11/1982 CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM Dati anagrafici Nome: Marco Cognome: Bertolini Nazionalità: Italiana Luogo di nascita: Venezia (VE), il 06/11/1982 TITOLI Dottorato di Ricerca in Scienze e Tecnologie per

Dettagli

Sostegno e locomozione

Sostegno e locomozione Sostegno e locomozione Uno scheletro è un apparato che deve svolgere almeno le seguenti funzioni: sostenere il corpo permettere il movimento proteggere organi interni Uno scheletro può essere: Idroscheletro

Dettagli

Laboratori didattici per bambini e ragazzi

Laboratori didattici per bambini e ragazzi Laboratori didattici per bambini e ragazzi SCUOLA DELL INFANZIA/SCUOLA PRIMARIA (I CICLO) TEMATICA: ARCHEOLOGIA PER I Più PICCOLI Favole in museo Obiettivi: l'approccio alla storia avviene attraverso la

Dettagli

Atlante delle specie faunistiche indicatrici di qualità ambientale nel territorio della Provincia di Milano

Atlante delle specie faunistiche indicatrici di qualità ambientale nel territorio della Provincia di Milano UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PAVIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA ANIMALE Atlante delle specie faunistiche indicatrici di qualità ambientale nel territorio della Provincia di Milano A cura di: Dott. Alberto Meriggi

Dettagli

La lince: di nuovo in Trentino Presente in provincia dall inizio della primavera 2008 un esemplare proveniente dal territorio svizzero

La lince: di nuovo in Trentino Presente in provincia dall inizio della primavera 2008 un esemplare proveniente dal territorio svizzero 27 FRATELLO LUPO L interazione fra l uomo e gli animali selvatici La lince: di nuovo in Trentino Presente in provincia dall inizio della primavera 2008 un esemplare proveniente dal territorio svizzero

Dettagli

CONOSCERE IL CORPO UMANO PARTE 2. DOCENTE: Prof. ssatozzi Carla CLASSE: 1G/Sport A.S. 2007-2008

CONOSCERE IL CORPO UMANO PARTE 2. DOCENTE: Prof. ssatozzi Carla CLASSE: 1G/Sport A.S. 2007-2008 CONOSCERE IL CORPO UMANO PARTE 2 DOCENTE: Prof. ssatozzi Carla CLASSE: 1G/Sport A.S. 2007-2008 24 APPARATO SCHELETRICO Lo scheletro umano, formato da circa 206 ossa (circa il 20% del nostro peso corporeo),

Dettagli

GRUPPO DI RICERCA E CONSERVAZIONE DELL ORSO BRUNO S TAND UN PARCO PER L ORSO

GRUPPO DI RICERCA E CONSERVAZIONE DELL ORSO BRUNO S TAND UN PARCO PER L ORSO GRUPPO DI RICERCA E CONSERVAZIONE DELL ORSO BRUNO S TAND UN PARCO PER L ORSO aprile 2006 1. INDICE Stand Un parco per l orso...1 1. Indice...2 2. Introduzione...3 3. Materiale espositivo...3 2.1 Pannelli...4

Dettagli

I geni raccontano la storia dei popoli: gli Inuit di Ammassaliq-Tasiilaq (Groenlandia orientale)

I geni raccontano la storia dei popoli: gli Inuit di Ammassaliq-Tasiilaq (Groenlandia orientale) I geni raccontano la storia dei popoli: gli Inuit di Ammassaliq-Tasiilaq (Groenlandia orientale) Donata Luiselli Dipartimento di Biologia e.s., Lab. Di Antropologia molecolare, Università di Bologna Quando

Dettagli

PARANTHROPUS ROBUSTUS

PARANTHROPUS ROBUSTUS PARANTHROPUS ROBUSTUS SPECIE: Paranthropus robustus ETÀ: da 2,8 a 1,2 milioni di anni fa LOCALITÀ: Kromdraai (Sudafrica) INDICE RITROVAMENTI MORFOLOGIA COMPORTAMENTO RITROVAMENTI. Il primo esemplare ascrivibile

Dettagli

L evoluzione del reticolo idrografico

L evoluzione del reticolo idrografico L evoluzione del reticolo idrografico romano e l urbanizzazione Uno studio dell uso del suolo in relazione al reticolo secondario del settore sud-est della Capitale, dall Unità d Italia ad oggi I depositi

Dettagli

9. La morena. Il fianco destro orografico della Val Martello (carta geologica 2) 8. Le strie glaciali

9. La morena. Il fianco destro orografico della Val Martello (carta geologica 2) 8. Le strie glaciali Il fianco destro orografico della Val Martello (carta geologica 2) 8. Le strie glaciali L azione erosiva del ghiacciaio, in senso stretto, viene indicata con il termine esarazione; una delle forme caratteristiche

Dettagli

CIRÎ,TOCJÂ, PROVÂ PAR SCUVIERGI IL MONT

CIRÎ,TOCJÂ, PROVÂ PAR SCUVIERGI IL MONT CIRÎ,TOCJÂ, PROVÂ PAR SCUVIERGI IL MONT Scoprire il territorio attraverso l archeologia sperimentale Nell'ambito del progetto didattico CIRÎ,TOCJÂ, PROVÂ PAR SCUVIERGI IL MONT in lingua friulana, per l'anno

Dettagli

Osservazioni su un sito di interesse archeologico nei pressi di Finale Ligure

Osservazioni su un sito di interesse archeologico nei pressi di Finale Ligure Osservazioni su un sito di interesse archeologico nei pressi di Finale Ligure Autore: Alfredo Pirondini Riassunto Viene descritto il sito, il suo orientamento ed i reperti (graffiti rupestri, pozze per

Dettagli

CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO LOCALE AREA SUD MILANESE

CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO LOCALE AREA SUD MILANESE Opera TRAUMI LO SCHELETRO FUNZIONE: DI SOSTEGNO DI MOVIMENTO DI PROTEZIONE ORGANI INTERNI (es: cranio/cervello) EMOPOIETICA (midollo osseo, produzione cellule sangue) DI DEPOSITO (riserva di Sali, Calcio)

Dettagli

condizioni ideali per ottenere ricopertura radicolare completa non sono presenti. Questa linea,

condizioni ideali per ottenere ricopertura radicolare completa non sono presenti. Questa linea, Curriculum Prof. Giovanni Zucchelli Professore Associato di Parodontologia all Università di Bologna Socio Attivo della Società Italiana di Parodontologia, membro dell European Federation of Pariodontology

Dettagli

La preistoria in Versilia: dalle prime frequentazioni umane alla prima età dei metalli

La preistoria in Versilia: dalle prime frequentazioni umane alla prima età dei metalli La preistoria in Versilia: dalle prime frequentazioni umane alla prima età dei metalli La Versilia si è ritagliata uno spazio di tutto rispetto nella storia della ricerca paletnologica, dal momento che

Dettagli

AREA 5000. RELAZIONE PRELIMINARE

AREA 5000. RELAZIONE PRELIMINARE Nicola Mancassola 105 AREA 5000. RELAZIONE PRELIMINARE Nicola Mancassola Fig. 1. Posizionamento dell area 5000 rispetto alle precedenti zone di scavo. Prima dello scavo Il settore della Rocca Vecchia di

Dettagli

06. L ORIGINE DELLA CACCIA AGLI UCCELLI NELLA PENISOLA ITALIANA IVANA FIORE (1) - MONICA GALA (1) - ANTONIO TAGLIACOZZO (1)

06. L ORIGINE DELLA CACCIA AGLI UCCELLI NELLA PENISOLA ITALIANA IVANA FIORE (1) - MONICA GALA (1) - ANTONIO TAGLIACOZZO (1) 06. L ORIGINE DELLA CACCIA AGLI UCCELLI NELLA PENISOLA ITALIANA IVANA FIORE (1) - MONICA GALA (1) - ANTONIO TAGLIACOZZO (1) Corresponding author: Ivana Fiore (iva_fiore@yahoo) RIASSUNTO Nel passaggio Paleolitico

Dettagli

LINK CORRELATI: Test interattivo (Quiz Faber): Quiz_evoluzione uomo

LINK CORRELATI: Test interattivo (Quiz Faber): Quiz_evoluzione uomo NOME FILE: L evoluzione dell uomo_a2 CODICE DOCUMENTO: S STORIA A A2 P 2 DESCRIZIONE DOCUMENTO: proposta di testo semplificato di storia SCUOLA: primaria CLASSE: 3^ LINK CORRELATI: Test interattivo (Quiz

Dettagli

I RESTI FAUNISTICI DELL ABITATO DELLA PRIMA FASE DEI VASI A BOCCA QUADRATA DI BRESSANONE - STUFLES (BZ)

I RESTI FAUNISTICI DELL ABITATO DELLA PRIMA FASE DEI VASI A BOCCA QUADRATA DI BRESSANONE - STUFLES (BZ) U. TECCHIATI & A.L. ZANETTI: I resti faunistici dell abitato della prima fase... 193 UMBERTO TECCHIATI & AMEDEO LUIGI ZANETTI I RESTI FAUNISTICI DELL ABITATO DELLA PRIMA FASE DEI VASI A BOCCA QUADRATA

Dettagli

ATTI DELLA XLI RIUNIONE SCIENTIFICA

ATTI DELLA XLI RIUNIONE SCIENTIFICA ISTITUTO ITALIANO DI PREISTORIA E PROTOSTORIA ATTI DELLA XLI RIUNIONE SCIENTIFICA DAI CICLOPI AGLI ECISTI SOCIETÀ E TERRITORIO NELLA SICILIA PREISTORICA E PROTOSTORICA San Cipirello (PA), 16-19 novembre

Dettagli

LESIONI SCHELETRICHE

LESIONI SCHELETRICHE LESIONI SCHELETRICHE LESIONI MUSCOLO - SCHELETRICHE Anatomia dell APPARATO SCHELETRICO Lo scheletro umano è costituito da 208 ossa di diversi tipi: OSSA BREVI (es.vertebre) OSSA PIATTE (es. SCAPOLA, BACINO)

Dettagli

COME NASCONO LE MONTAGNE

COME NASCONO LE MONTAGNE Le montagne sono dei rilievi naturali più alti di 600 metri. Per misurare l ALTITUDINE di una montagna partiamo dal LIVELLO DEL MARE. Le montagne in base a come e dove sono nate sono formate da vari tipi

Dettagli

Breve guida per diventare un valente archeologo, con qualche domanda per vedere quanto sei bravo. Nome e cognome. Classe

Breve guida per diventare un valente archeologo, con qualche domanda per vedere quanto sei bravo. Nome e cognome. Classe Comune di Anzola dell Emilia Breve guida per diventare un valente archeologo, con qualche domanda per vedere quanto sei bravo Nome e cognome Classe Forse avete già sentito la parola archeologia, oppure

Dettagli

Misure di microtremore a Montecassino (FR) 02 Dicembre 2008

Misure di microtremore a Montecassino (FR) 02 Dicembre 2008 Misure di microtremore a Montecassino (FR) 02 Dicembre 2008 Dal punto di vista della risposta strumentale tutta la zona indagata risulta essere influenzata da due picchi di origine antropica a 1.5 Hz e

Dettagli

INTRODUZIONE SCHEDE RACCOLTA DATI PER LA QUALIFICAZIONE SPEDITIVA DEI MATERIALI

INTRODUZIONE SCHEDE RACCOLTA DATI PER LA QUALIFICAZIONE SPEDITIVA DEI MATERIALI INTRODUZIONE SCHEDE RACCOLTA DATI PER LA QUALIFICAZIONE SPEDITIVA DEI MATERIALI Il presente documento contiene due schede (e relativi allegati e istruzioni) predisposte per un "rilievo a vista" dei materiali

Dettagli

METODI E TECNICHE PER LA RICERCA ARCHEOLOGICA

METODI E TECNICHE PER LA RICERCA ARCHEOLOGICA Dipartimento di Studi Umanistici METODI E TECNICHE PER LA RICERCA ARCHEOLOGICA Dott.ssa Federica Fontana A.A. 2013-2014 Lezione 2 - Ricognizioni di superficie e aeree La scoperta Siti visibili, la cui

Dettagli

FENOMENI FRANOSI. Nomenclatura delle frane

FENOMENI FRANOSI. Nomenclatura delle frane FENOMENI FRANOSI I fenomeni franosi o movimenti di versante sono movimenti di materiale (roccia, detrito, terra) lungo un versante. Essi rientrano nella categoria più generale dei movimenti di massa, ovvero

Dettagli

Vengono di seguito riportati per ciascuna specie i campioni richiesti, il materiale distribuito e le modalità di conferimento.

Vengono di seguito riportati per ciascuna specie i campioni richiesti, il materiale distribuito e le modalità di conferimento. Gestione integrata delle specie di interesse faunistico venatorio: linee guida e applicazione di piani di monitoraggio sanitario in provincia di Brescia Negli ultimi decenni l espansione delle attività

Dettagli

BREVE GUIDA ALLA PROTESI DI SPALLA:

BREVE GUIDA ALLA PROTESI DI SPALLA: BREVE GUIDA ALLA PROTESI DI SPALLA: Premesse anatomiche L articolazione della spalla (scapolo-omerale) è costituita dalla testa dell omero, che ha la forma di una porzione di sfera, e dalla cavità glenoidea

Dettagli

ANALISI SPAZIALI INTRA-SITE: SOLUZIONI GIS OPEN SOURCE PER LO SCAVO ARCHEOLOGICO DEL SITO DI MONTECORVINO

ANALISI SPAZIALI INTRA-SITE: SOLUZIONI GIS OPEN SOURCE PER LO SCAVO ARCHEOLOGICO DEL SITO DI MONTECORVINO Archeologia e Calcolatori Supplemento 4, 2013, 228-232 ANALISI SPAZIALI INTRA-SITE: SOLUZIONI GIS OPEN SOURCE PER LO SCAVO ARCHEOLOGICO DEL SITO DI MONTECORVINO 1. Premessa La realizzazione di un sistema

Dettagli

Il mio libro di storia Nome alunno classe as.2013/14 maestra Valeria

Il mio libro di storia Nome alunno classe as.2013/14 maestra Valeria Il mio libro di storia Nome alunno classe as.2013/14 maestra Valeria INIZIA Indice arcaica Bang Big primaria secondaria terziaria La Pangea quaternaria Le ere L' evoluzione dell'uomo ETA DELLA PIETRA NEOLITICO

Dettagli

IL PROFILO DEL SUOLO

IL PROFILO DEL SUOLO Cognome... Nome... IL PROFILO DEL SUOLO Se scaviamo una buca abbastanza profonda in un terreno, osserviamo che la parete tagliata presenta una successione di strati, di diverso colore e struttura, che

Dettagli

SEZIONE NATURALISTICA

SEZIONE NATURALISTICA Museo Naturalistico Archeologico di Santa Corona PIANO DELL'OFFERTA FORMATIVA TERRITORIALE A.S. 2013 2014 SEZIONE NATURALISTICA I Berici s.c.s. e RSN Biosphaera s.c Le due cooperative hanno messo assieme

Dettagli

61 Ghiacciaio della Capra

61 Ghiacciaio della Capra IT4L01451010 61 Ghiacciaio della Capra Gruppo montuoso: Gran Paradiso, Alpi Graie, Alpi Occidentali Bacino idrografico: Lago Serrù, Orco, PO Comune: Ceresole Reale, Torino, Piemonte, Italia DOVE SI TROVA

Dettagli

www.archeologiametodologie.com

www.archeologiametodologie.com La stratigrafia archeologica 02. Storia e concetti di base J. P. Droop (1882-1963) 1963) John Percival Droop fu un archeologo classico, ancora oggi celebre per i suoi studi su di un tipo particolare di

Dettagli

Elementi di etologia delle specie e di ecologia del territorio per il riconoscimento e trattamento delle specie

Elementi di etologia delle specie e di ecologia del territorio per il riconoscimento e trattamento delle specie Elementi di etologia delle specie e di ecologia del territorio per il riconoscimento e trattamento delle specie Inquadramento normativo e competenze: Oggetto della tutela Sono tutelate le popolazioni di

Dettagli

LE MINERALIZZAZIONI SECONDARIE NELLA GROTTA DEL FUMO (ERUZIONE ETNEA DEL 1991/93)

LE MINERALIZZAZIONI SECONDARIE NELLA GROTTA DEL FUMO (ERUZIONE ETNEA DEL 1991/93) LE MINERALIZZAZIONI SECONDARIE NELLA GROTTA DEL FUMO (ERUZIONE ETNEA DEL 1991/93) Antonio Marino Centro Speleologico Etneo, via Cagliari 15-95127 Catania, Italia Riassunto La Grotta del Fumo, parte iniziale

Dettagli

Visita geologica al Parco delle Acque Minerali di Imola

Visita geologica al Parco delle Acque Minerali di Imola Visita geologica al Parco delle Acque Minerali di Imola Giovedì 24 ottobre alle 10:00 ci siamo recati al Parco delle Acque Minerali per studiarne la geologia. Quando siamo arrivati, un geologo ci ha accolto

Dettagli

I LABORATORI. del SABATO al MUSEO Il maggio museale della Sapienza

I LABORATORI. del SABATO al MUSEO Il maggio museale della Sapienza I LABORATORI del SABATO al MUSEO Il maggio museale della Sapienza 7, 14, 21 e 28 maggio 2016 7 maggio 2016 Circolando L avventuroso viaggio del sangue attraverso le vie del corpo umano. Prima un filmato

Dettagli

PINO PACE VINCENZO MANGHISI 1. Il Museo Speleologico Franco Anelli a Castellana Grotte

PINO PACE VINCENZO MANGHISI 1. Il Museo Speleologico Franco Anelli a Castellana Grotte PINO PACE VINCENZO MANGHISI 1 Il Museo Speleologico Franco Anelli a Castellana Grotte Premessa Le Grotte di Castellana hanno finalmente il loro museo; dopo quasi cinquant anni, il 23 gennaio 2000 è stato

Dettagli

METODI E TECNICHE PER LA RICERCA ARCHEOLOGICA

METODI E TECNICHE PER LA RICERCA ARCHEOLOGICA Dipartimento di Studi Umanistici METODI E TECNICHE PER LA RICERCA ARCHEOLOGICA Lezione 2 - Ricognizioni di superficie e aeree La scoperta Siti visibili, la cui esistenza si è tramandata sin dall antichità

Dettagli

COMPRENSORIO ALPINO CN2 Valle Varaita. RISULTATI CENSIMENTI ALLE SPECIE CAPRIOLO E CERVO s.v. 2012/2013

COMPRENSORIO ALPINO CN2 Valle Varaita. RISULTATI CENSIMENTI ALLE SPECIE CAPRIOLO E CERVO s.v. 2012/2013 COMPRENSORIO ALPINO CN2 Valle Varaita RISULTATI CENSIMENTI ALLE SPECIE CAPRIOLO E CERVO s.v. 2012/2013 - RELAZIONE TECNICA A cura di Omar Giordano Tecnico faunistico C.A. CN2 PREMESSA Nella presente relazione

Dettagli

Lo speleologo del 2000

Lo speleologo del 2000 Lo speleologo del 2000 di MARINO SEMERARO 3 Circolo Didattico Chiarelli, Martina Franca (TA) L ambiente si trasforma ripercorriamone le tappe Annualità 2009-2010 Che cos è la speleologia? A cosa serve

Dettagli

UN DISPLAY GRAFICO PER IL MAGNETOMETRO GEOMETRICS G856

UN DISPLAY GRAFICO PER IL MAGNETOMETRO GEOMETRICS G856 GNGTS Atti del 17 Convegno Nazionale 06.01 A. Zirizzotti e M. Marchetti Istituto Nazionale di Geofisica, Roma UN DISPLAY GRAFICO PER IL MAGNETOMETRO GEOMETRICS G856 Riassunto. Le tecniche magnetometriche

Dettagli

COMUNE DI BORGOMASINO. Studio idrogeologico relativo alla proposta di riduzione della fascia di rispetto del depuratore fognario

COMUNE DI BORGOMASINO. Studio idrogeologico relativo alla proposta di riduzione della fascia di rispetto del depuratore fognario REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI TORINO COMUNE DI BORGOMASINO Studio idrogeologico relativo alla proposta di riduzione della fascia di rispetto del depuratore fognario Giugno 2012 dott. geol. Mirco Rosso

Dettagli

OPPEANO. SOTTO I CAMPI DELLE FRATTE C È UN VILLAGGIO PREISTO...

OPPEANO. SOTTO I CAMPI DELLE FRATTE C È UN VILLAGGIO PREISTO... Pagina 1 di 6 Home CopyLeft Gio Immagini Provider Veja Search VEJA.it Il quaderno di Gio' da Batiorco Vivi libero e approva nella natura quello che non capisci perché ciò che l Uomo non ha razionalizzato

Dettagli

MIDOLLO OSSEO. Anatomia e fisiologia Aspetti in Risonanza magnetica

MIDOLLO OSSEO. Anatomia e fisiologia Aspetti in Risonanza magnetica MIDOLLO OSSEO Anatomia e fisiologia Aspetti in Risonanza magnetica Maja Ukmar U.C.O di Radiologia Università di Trieste Azienda ospedaliero-universitaria Ospedali Riuniti Trieste ANATOMIA E FISIOLOGIA

Dettagli

OSPITALITÀ e HOTELS. Hotels and Hospitality

OSPITALITÀ e HOTELS. Hotels and Hospitality OSPITALITÀ e HOTELS Hotels and Hospitality PAY ATTENTION: To call correctly italian phone numbers (both phones and mobile phones) you have to type in the Italy national code 0039 before the number) ex:

Dettagli

BOLCA La Pesciara di Bolca : uno dei siti paleontologici più famosi al mondo

BOLCA La Pesciara di Bolca : uno dei siti paleontologici più famosi al mondo BOLCA La Pesciara di Bolca : uno dei siti paleontologici più famosi al mondo Monti Lessini Comune di Vestenanova 1 Col nome di "Bolca" si intendono più località dell'eocene fra loro vicine, ma di età diverse.

Dettagli

Università degli Studi di Ferrara

Università degli Studi di Ferrara Università degli Studi di Ferrara UFFICIO POST-LAUREA MANIFESTO DEGLI STUDI MASTER UNIVERSITARIO EUROPEO DI I LIVELLO IN QUATERNARIO E PREISTORIA (istituito ai sensi del D.M. 270/04) DURATA BIENNALE ANNO

Dettagli

Thea è il nome dato affettuosamente ad uno scheletro

Thea è il nome dato affettuosamente ad uno scheletro THEA MADRE IL VOLTO DELLA PRIMA DONNA DI SICILIA E LA GROTTA DI SAN TEODORO 1 Thea è il nome dato affettuosamente ad uno scheletro umano proveniente dalla Grotta di San Teodoro. Custodito nel Museo Geologico

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Scienze Geologiche

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Scienze Geologiche UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Scienze Geologiche STUDIO STRATIGRAFICO DI SUCCESSIONI MESOZOICHE DEL DOMINIO SUDALPINO AFFIORANTI

Dettagli

MONITORAGGIO DI AEDES ALBOPICTUS (SKUSE) NEL COMUNE DI ROVERETO (TRENTO) NEL 2009

MONITORAGGIO DI AEDES ALBOPICTUS (SKUSE) NEL COMUNE DI ROVERETO (TRENTO) NEL 2009 Ann. Mus. civ. Rovereto Sez.: Arch., St., Sc. nat. Vol. 25 (2009) 287-294 2010 UBERTO FERRARESE (*) MONITORAGGIO DI AEDES ALBOPICTUS (SKUSE) NEL COMUNE DI ROVERETO (TRENTO) NEL 2009 Abstract - UBERTO FERRARESE

Dettagli

Andrea TAPPARO 1*, Enrico DELLA ROVERE 2 & Alberto BROGLIO 3

Andrea TAPPARO 1*, Enrico DELLA ROVERE 2 & Alberto BROGLIO 3 Preistoria Alpina, 43 (2008): 117-124 ISSN 0393-0157 Museo Tridentino di Scienze Naturali, Trento 2008 Caratterizzazione superficiale di manufatti litici preistorici mediante microscopia elettronica a

Dettagli

Percorsi Didattici Rete Museale Cadore Dolomiti 2015/2016

Percorsi Didattici Rete Museale Cadore Dolomiti 2015/2016 Percorsi Didattici Rete Museale Cadore Dolomiti 2015/2016 Cadore Dolomiti Una Rete Museale nel cuore delle Dolomiti Unesco La Rete Museale Cadore Dolomiti comprende nove musei del territorio cadorino,

Dettagli

Il cinghiale specie cacciabile per corretta gestione

Il cinghiale specie cacciabile per corretta gestione Il cinghiale specie cacciabile per corretta gestione CINGHIALE Prime segnalazioni nel 1919; forte espansione dalla metà degli anni 60 Tre sottospecie: Centroeuropeo (Sus scrofa scrofa), di dimensioni maggiori;

Dettagli

Progetto di ricerca IIPP (bando 2007)

Progetto di ricerca IIPP (bando 2007) Progetto di ricerca IIPP (bando 2007) 1. TITOLO Definizione cronologica dei processi di transizione culturale al Riparo Mochi (Imperia), Grotta Breuil (Latina), Riparo Gaban (Trento) e La Vela (Trento)

Dettagli

ENRICO COLOSIMO RESTAURATORE ARCHITETTONICO CONSULENTE RELAZIONE TECNICA SULL INTERVENTO DI RIMOZIONE DELL INTONACO NON ORIGINALE

ENRICO COLOSIMO RESTAURATORE ARCHITETTONICO CONSULENTE RELAZIONE TECNICA SULL INTERVENTO DI RIMOZIONE DELL INTONACO NON ORIGINALE ENRICO COLOSIMO RESTAURATORE ARCHITETTONICO CONSULENTE RELAZIONE TECNICA SULL INTERVENTO DI RIMOZIONE DELL INTONACO NON ORIGINALE PRESENTE ALLE PARETI DECORATE DELLA CAPPELLA GENTILIZIA DI VILLA SIMONETTA.

Dettagli

CARUSO, Maria Assunta

CARUSO, Maria Assunta Roma, 18 giugno 2015 A 10 anni dalla scomparsa sono sta8 ritrova8 in Sudan i res8 del piccolo aereo XZT- 578 che copriva la tra=a dal Kenya all Egi=o. L aereo di piccole dimensioni, scomparso nel luglio

Dettagli

MUSEO CIVICO PER LA PREISTORIA DEL MONTE CETONA Cetona, 14 settembre 2015. Al Sig. Dirigente Scolastico

MUSEO CIVICO PER LA PREISTORIA DEL MONTE CETONA Cetona, 14 settembre 2015. Al Sig. Dirigente Scolastico Cetona, 14 settembre 2015 Al Sig. Dirigente Scolastico In occasione dell apertura dell anno scolastico 2015/2016, Vi informiamo dell esistenza a Cetona (Provincia di Siena) del Museo Civico per la Preistoria

Dettagli