LA RACCOLTA DEI RIFIUTI NEL COMUNE DI TRENTO: DAI CASSONETTI STRADALI, AL PORTA A PORTA, ALLA TARIFFA TARI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA RACCOLTA DEI RIFIUTI NEL COMUNE DI TRENTO: DAI CASSONETTI STRADALI, AL PORTA A PORTA, ALLA TARIFFA TARI"

Transcript

1 via Belenzani, 18 I Trento tel I fax Orario di apertura al pubblico: da lun. a ven LA RACCOLTA DEI RIFIUTI NEL COMUNE DI TRENTO: DAI CASSONETTI STRADALI, AL PORTA A PORTA, ALLA TARIFFA TARI La problematica della gestione dei rifiuti e della raccolta differenziata è da molti anni al centro delle politiche dell'amministrazione comunale di Trento, consapevole del proprio ruolo di città capoluogo di una Provincia, il Trentino, che ha nella salvaguardia dell'ambiente e nella sua tutela uno dei principali obiettivi. Nel corso degli anni Trento ha investito molto nelle politiche di sostenibilità ambientale; in questo contesto non poteva pertanto mancare una particolare attenzione alla questione della raccolta dei rifiuti e della raccolta differenziata. Un percorso quindi che viene da lontano, che è iniziato nel 2006 e che ha consentito di raggiungere la quota del 78% di raccolta differenziata nel mese di dicembre 2014 e superare l'80% nel Un po' di cronistoria Nel 2006 fu predisposto da parte del gruppo di lavoro composto dalla Società ESPER (Ente di studio per la pianificazione ecosostenibile dei rifiuti), da funzionari del Servizio Ambiente del Comune di Trento e della società di gestione (allora Trentino Servizi oggi Dolomiti ambiente ) il nuovo Progetto di riorganizzazione delle modalità di gestione dei rifiuti urbani, che si poneva l'obiettivo ambizioso di raggiungere la quota del 65% di raccolta differenziata ed i 175 kg/ab annuo di residuo, limiti fissati dal Piano provinciale di smaltimento dei rifiuti approvato dalla Giunta provinciale nell'agosto Nel dicembre 2006 la raccolta differenziata nel territorio comunale era del 47,5%, ampiamente al di sotto degli obiettivi fissati dalla normativa provinciale sopra citata. Il progetto di riorganizzazione venne approvato dal Consiglio comunale con deliberazione del n. 106 e prevedeva, proprio per raggiungere gli obiettivi prefissati, il graduale passaggio dal sistema tradizionale di raccolta con contenitori stradali, a un sistema cosiddetto porta a porta, consistente in sostanza in una domiciliarizzazione dei circuiti di raccolta delle frazioni recuperabili. Il nuovo sistema prevedeva la raccolta dei rifiuti attraverso la concessione in comodato gratuito di contenitori privati a ogni singola utenza, l'utilizzo di appositi sacchi azzurri per la raccolta degli imballaggi leggeri, la eliminazione dei contenitori stradali e la responsabilizzazione dei cittadini e delle utenze che erano tenute ad esporre i contenitori ed i sacchi azzurri soltanto nei giorni e negli orari stabiliti dal calendario di raccolta (Fig. 1). Sede legale: via Belenzani, 19 I Trento I C.F e P. IVA: tel. 0461/ I fax 0461/ I

2 Fig. 1 Modalità di raccolta dei rifiuti a Trento Nel 2006 furono individuate due circoscrizioni cittadine, Gardolo e Meano, per avviare la sperimentazione del nuovo sistema porta a porta, poste a nord/est della città (Fig. 2). La circoscrizione di Meano, residenziale e collinare, e la circoscrizione di fondovalle di Gardolo, con presenza di grandi agglomerati e condomini, oltre che di numerose attività produttive, furono ritenute rappresentative della realtà cittadina e pertanto in grado di fornire dati ed indicazioni valide sull'adozione del nuovo sistema di raccolta. Risultavano inoltre circoscritte rispetto al resto della città, in modo da ridurre al minimo il turismo dei rifiuti tra aree servite dal porta a porta e quelle circostanti. La sperimentazione diede esiti assai positivi sia a livello di soddisfazione dei residenti intervistati, che a livello di incremento della percentuale di raccolta differenziata, passata dal 47% (ante sperimentazione) al 67% (Gardolo) e 73% (Meano). Un altro dato significativo emerso fu quello della graduale riduzione della quantità media dei rifiuti prodotti, poiché i cittadini erano stimolati col sistema porta a porta ad adottare nuovi criteri nella gestione dei rispettivi rifiuti e ricercavano, nel momento degli acquisti, prodotti con meno imballaggi. Veniva inoltre incentivata l'adozione del compostaggio domestico, con la concessione di agevolazioni sulla tariffa per chi adottasse questo sistema di smaltimento dell'organico prodotto. pagina 2 di 9

3 Fig. 2 Circoscrizioni di Trento Valutati i positivi risultati raggiunti, il Consiglio comunale con deliberazione del n. 13 decise l'estensione graduale del nuovo sistema porta a porta a tutte le altre 10 circoscrizioni cittadine. Ultima zona coinvolta, nel 2012, il centro storico nella zona a traffico limitato, per la quale si rese necessaria una progettazione particolarmente attenta alle caratteristiche architettoniche e storiche tipiche di un centro medievale e risorgimentale (ad esempio con la realizzazione di isole interrate di diverse tipologie: campane interrate e contenitori posti su piattaforme oleodinamiche a scomparsa). Contemporaneamente venivano realizzati sette Centri di Raccolta Materiali, strutture nelle quali i cittadini possono consegnare gratuitamente tutti quei rifiuti non conferibili nei tradizionali contenitori della raccolta (ad esempio elettrodomestici, mobili, ramaglie, batterie, indumenti e tessili ecc..), con l'obiettivo di evitare l'abbandono di rifiuti nell'ambiente e dare nuova vita ai materiali recuperabili. Uno dei cardini del nuovo sistema di raccolta consisteva nel coinvolgimento e nella responsabilizzazione dei cittadini e delle utenze. Dal 2008 al 2012 sono stati circa 160 gli incontri informativi organizzati in tutti i quartieri cittadini e con tutte le categorie economiche e sociali e ben 250 gli sportelli informativi realizzati nelle circoscrizioni, ma anche in occasione di eventi, fiere, giornate del riuso, ecc. L'obiettivo era quello di informare correttamente la cittadinanza, stimolarla nella condivisione di un progetto di grande valenza ambientale, motivarla e sensibilizzarla sulla necessità di gestire in maniera responsabile i propri rifiuti. Particolare cura è stata riposta, inoltre, nella realizzazione di materiali informativi realizzati in più lingue (italiano, inglese, francese, arabo, cinese, russo, spagnolo), e pagina 3 di 9

4 materiali solo a immagini, in modo da raggiungere anche i cittadini stranieri residenti sul territorio comunale. Si sono realizzati numerosi incontri con i mediatori culturali ed i rappresentanti sul territorio delle singole etnie (cinesi, arabi, cittadini provenienti dall'est europeo ecc..) per spiegare e coinvolgerli attivamente sul progetto dell'amministrazione. L'introduzione della tariffa puntuale TARI Con il 1 gennaio 2013 il Comune di Trento ha adottato la nuova tariffa TARES (ora TARI) a seguito dell'introduzione nel novembre 2011 del Decreto Legge 201 cosiddetto Salva Italia. Il passaggio alla tariffa TARI obbliga i cittadini e le utenze a conferire secondo precise modalità la frazione residua dei rifiuti e prevede il pagamento di una parte della tariffa in base ai rifiuti effettivamente prodotti. In sostanza viene premiato con una bolletta meno pesante chi produce meno rifiuti. Con il sistema precedente la tariffa veniva calcolata sulla base della metratura dell'abitazione e sul numero di componenti familiari. Ora invece, una parte della quota variabile tiene conto anche della quantità di residuo prodotto da ognuno. Per spiegare brevemente il sistema si precisa che per la raccolta del residuo è stato introdotto un nuovo sacco verde marchiato TARI che i residenti in edifici con più di quattro appartamenti devono obbligatoriamente utilizzare per il conferimento del residuo. Una volta consumata la dotazione iniziale di sacchi (calcolata per ogni utenza sul numero di componenti la famiglia ed alla quale corrisponde anche la tariffa minima in bolletta), ogni ulteriore sacco andrà acquistato presso i supermercati convenzionati. Le utenze singole invece vengono dotate di un contenitore da 120 litri dotato di transponder, che permette di registrare ogni svuotamento grazie ad un dispositivo elettronico di rilevamento posto sul mezzo della raccolta. Ogni ulteriore svuotamento, oltre quelli della dotazione iniziale, viene addebitato sulla bolletta. E' evidente che un tale sistema stimola i cittadini a ridurre quanto più possibile il residuo prodotto, a differenziare con maggiore attenzione le altre frazioni (vetro, carta, imballaggi ed organico) e ad adottare azioni di riduzione dei rifiuti, ad esempio acquistando prodotti a ridotto imballaggio. Il dato più significativo derivante dal lungo processo descritto riguarda il costante incremento nel corso degli anni della raccolta differenziata e del senso di responsabilità dei cittadini trentini, oltre alla continua riduzione della quantità di rifiuti indifferenziati. Nel 1998 la percentuale di R.D. raggiungeva il 9,9%, nel 2001 il 19,5%, nel 2003 il 29,4%, nel 2004 era del 38,3%, nel 2005 del 45,8%, nel 2006 del 47,5%, nel 2007 del 50,5%, nel 2008 del 54,1%, nel 2009 del 57,8%, nel 2010 del 61,18%, nel 2011 del 65,67%, nel 2012 del 66,21%, nel 2013 del 77,7%, nel 2014 del 78%. Il balzo in avanti più rilevante si è registrato, come si può vedere dai dati elencati a seguito della introduzione della nuova tariffa TARI (fig. 3). Il progetto ha coinvolto tutti i cittadini e tutte le utenze della città di Trento (circa residenti). In realtà sulla città capoluogo gravitano molte altre persone che vi giungono per motivi di studio, di lavoro di svago (pendolari, studenti, turisti). pagina 4 di 9

5 Fig. 3 Percentuale di raccolta differenziata a Trento (anni ) La tabella sotto riportata (tabella fig. 4) evidenzia invece la forte e costante riduzione di rifiuti prodotti a partire dall'anno Come si può facilmente verificare nel periodo dal 2007 al 2014 la riduzione percentuale di rifiuti indifferenziati, quelli cioè che vanno conferiti in discarica, è stata del 61,80%. In particolare la riduzione più significativa si è registrata tra il 2012 e il 2013 (-28,83%) a seguito dell'introduzione della tariffazione puntuale. Un'ulteriore significativa riduzione si è registrata a fine La riduzione dei rifiuti oltre alle note implicazioni positive di carattere ambientale, comporta anche meno costi per i cittadini. Si consideri infatti che il costo per ogni tonnellata di rifiuto indifferenziato conferito in discarica è di 140 euro, destinato ad aumentare a 159 euro nel Fig. 4 Riduzione rifiuto residuo(anni ) La tematica della riduzione dei rifiuti è stata affrontata negli anni da diversi punti di vista. Un ruolo fondamentale ha sempre avuto la comunicazione, l'informazione ed il coinvolgimento dei cittadini. Ciò ha consentito all'amministrazione di stimolare l'adozione di comportamenti individuali virtuosi e di ricercare il coinvolgimento attivo e informato. Si elencano di seguito le principali azioni che hanno portato alla costante riduzione dei rifiuti. pagina 5 di 9

6 Introduzione tariffa puntuale : l'adozione della tariffazione puntuale dal 1 gennaio 2013 ha portato i cittadini ad impegnarsi in maniera ancora più incisiva nella raccolta differenziata e nella riduzione del rifiuto residuo. Sono state previste le seguenti agevolazioni tariffarie: - per chi pratica il compostaggio domestico: sconto del 10% sulla parte fissa della tariffa; - per chi utilizza presidi sanitari (pannoloni e altri presidi): concessione di una dotazione gratuita di sacchetti per lo smaltimento del residuo; - per le famiglie che utilizzano pannolini per i bambini fino a 30 mesi di età: concessione di una detrazione di 20 euro annui sulla tariffa e concessione di un finanziamento del 50% del costo sostenuto per l'acquisto dei pannolini lavabili. Raccolta puntuale degli abiti e dei tessili usati: per ridurre il rifiuto residuo a carico dei cittadini, particolarmente ingombrante trattandosi di tessili e tessuti, e nel contempo per consentire un recupero e riutilizzo di tale tipo di rifiuto, dal 1 giugno 2013 è stata stipulata una convenzione con l'associazione Humana che raccoglie gli abiti in appositi contenitori presso tutti i CRM e con il ricavato finanzia anche progetti di sviluppo nel terzo mondo. Si riduce in questo modo sensibilmente il rifiuto indifferenziato che sarebbe altrimenti stato conferito nella frazione residuo. Raccolta dei rifiuti ingombranti presso i Centri Raccolta Materiali: : elettrodomestici, metalli, RAEE, mobili ecc...: presso i CRM i cittadini possono conferire gratuitamente ogni tipologia di rifiuto ingombrante (è possibile anche richiedere a pagamento il servizio di ritiro a domicilio): il guadagno della vendita di materiali riciclabili libera risorse utili a coprire parte del costo della gestione del servizio di igiene urbana, che per legge deve essere interamente coperto dalla tariffa pagata dagli utenti. Dunque riciclando si attiva un circolo virtuoso che permette di ridurre il costo del servizio a carico di cittadini e delle imprese, che altrimenti si troverebbero a pagare bollette più elevate. Organizzazione giornate del riuso in tutti i quartieri cittadini: occasioni di scambio di oggetti ancora utilizzabili e in buono stato, in modo da evitare la produzione di rifiuti e consentire nuova vita a tante cose ancora funzionanti (abiti, libri, piccoli elettrodomestici, giocattoli, ecc...). Progetto ecovolontari : è stato creato un gruppo di cittadini volontari che disponendo di sensibilità ambientale e tempo libero, agiscono negli ambienti di vita e di lavoro per attività di sensibilizzazione e informazione sulla tematica dei rifiuti. E' stata loro fornita una formazione di base che può essere utilizzata quotidianamente, nella convinzione che un'informazione meno istituzionale e più immediata possa risultare più incisiva. Progetto Ecoacquisti Trentino : è stato firmato un protocollo di intesa ed istituito un tavolo di lavoro con i soggetti della GDO per la riduzione dei rifiuti, in particolare degli imballaggi, all'interno dei punti vendita. Il progetto denominato appunto Ecoacquisti Trentino, nato nel Comune di Trento, è ora attivo su tutto il territorio provinciale e coinvolge ora 140 punti vendita. Gli aderenti devono adottare pagina 6 di 9

7 delle azioni condivise di riduzione, proporre prodotti a ridotto imballaggio, informare i clienti sulle possibilità di riduzione, formare il personale impiegato sul significato del progetto. Si è appena concluso inoltre il progetto europeo LIFE NO WASTE in partnership con il Comune di Reggio Emilia, finanziato dalla Comunità europea nell'ambito del progetto europeo LIFE+, per estendere questa esperienza anche a quella realtà comunale. Progetto Ecoristorazione : sull'esempio del progetto Ecoacquisti, è stato istituito un tavolo di lavoro tra la Provincia Autonoma di Trento, il Comune di Trento e le Associazioni dei ristoratori presenti sul territorio. I ristoranti che intendono aderire al progetto devono sottoscrivere un protocollo di intesa che prevede l'adozione all'interno del ristorante stesso di azioni virtuose nel campo della riduzione dei rifiuti (eliminazione prodotti monodose, utilizzo acqua del rubinetto, realizzazione ove possibile del compostaggio domestico, possibilità per il cliente di portare a casa il cibo non consumato al ristorante), nel campo ambientale (interventi per il risparmio elettrico e idrico e acquisti verdi); nel campo della sostenibilità (preferenza ai prodotti del territorio, a quelli solidali e biologici), nel campo dell'informazione (formazione del personale impiegato; sensibilizzazione dei clienti sul significato del progetto e stimolo all'adozione di buone pratiche ). Attualmente gli esercizi aderenti (ristoranti, alberghi, rifugi) sono 75 su tutto il territorio provinciale. Il tavolo si riunisce con cadenza mensile ed ha lo scopo di mantenere aggiornato il disciplinare andando ad individuare azioni innovative, predisporre campagne di sensibilizzazione e informazione, eventi ed appuntamenti con l'obiettivo di stimolare nuove adesioni e l'interesse dei residenti e dei turisti. Le iniziative di sensibilizzazione Fondamentale come detto sopra il ruolo della comunicazione ambientale realizzata dall'amministrazione comunale fin dal 2007, anno nel quale il progetto di raccolta porta a porta ha preso avvio. L'informazione puntuale, costante e dettagliata nei confronti dei cittadini, delle associazioni, delle categorie economiche, degli studenti e dei cittadini stranieri ha permesso all'amministrazione di ottenere un crescente consenso attorno al progetto e di arrivare ai risultati odierni. Attività di sensibilizzazione all'interno delle scuole dell'obbligo (progetto Meno rifiuti ): Il Comune di Trento ha una lunga tradizione di presenza all'interno delle scuole dell'obbligo cittadine con interventi mirati alla corretta gestione dei rifiuti e sensibilizzazione sulla raccolta differenziata. Le prime lezioni direttamente nelle classi sono iniziate nel 2001 e sono continuate nel corso di tutti gli anni scolastici, nella convinzione che i bambini di oggi saranno forse adulti più consapevoli e responsabili se adeguatamente informati sulle tematiche ambientali. Coinvolgimento Associazioni dei cittadini stranieri: sono state coinvolte le Associazioni che rappresentano i cittadini stranieri presenti sul territorio per individuare soluzioni condivise in grado di risolvere criticità emerse nel campo della raccolta differenziata. Problemi si sono riscontrati infatti in corrispondenza dei grandi agglomerati sia residenziali che commerciali, con rilevante numero di utenze, anche straniere, nei quali la produzione di rifiuti è particolarmente elevata e avvengono spesso conferimenti non conformi. Azioni particolari di sensibilizzazione e informazione sono state svolte nei confronti di cittadini stranieri (progetto Ecodifferenziati ) con la creazione di materiale informativo multilingue (inglese, francese, arabo, cinese ecc..) pagina 7 di 9

8 ed il coinvolgimento dei mediatori delle diverse etnie, per raggiungere più facilmente tutte le utenze, sia private che commerciali. Coinvolgimento degli Amministratori di condominio : criticità sono emerse anche in alcuni condomini di grandi dimensioni, proprio per la presenza di utenze assai diversificate. Il coinvolgimento delle Associazioni degli amministratori condominiali ha consentito di mettere in campo soluzioni migliorative a fronte di conferimenti non conformi o di abbandoni indiscriminati di rifiuti. Si è agito modificando sia i punti di raccolta, sia proponendo soluzioni tecniche migliorative, sia stimolando una maggiore informazione e responsabilizzazione degli inquilini residenti. Gli strumenti informativi Di seguito gli strumenti informativi messi in campo nel corso degli anni. Nel 2007 al momento dell'avvio del progetto in due quartieri cittadini, è stata realizzata la campagna informativa riassunta nello slogan Ogni rifiuto ha il suo giorno di gloria. Locandine e materiali informativi, quali ad esempio un elenco dettagliato di tutti i tipi di rifiuti (Riciclabolario) sono stati distribuiti nei due quartieri coinvolti ad ogni famiglia e ad ogni utenza. Si trattava di far comprendere ai cittadini che da quel momento ogni tipologia di rifiuto (organico, imballaggi leggeri, carta, vetro e residuo) aveva un giorno prestabilito per l'esposizione e per il conseguente ritiro da parte dell'ente gestore. Accanto a questo tipo di materiali, venivano organizzati incontri informativi rivolti sia ai cittadini che alle diverse categorie, che vedevano una folta ed interessata partecipazione. Il confronto, talvolta serrato e anche con punte polemiche, consentiva tuttavia all'amministrazione di spiegare nel dettaglio gli obiettivi del progetto, stimolare i presenti ad adottare comportamenti di cittadinanza attiva e di portare all'attenzione un percorso che all'epoca (otto anni fa!) poteva apparire addirittura avventuroso e velleitario. Nel corso dei 5 anni che sono stati necessari per l'estensione del progetto su tutto il territorio comunale, sono stati bel 160 gli incontri realizzati. Vengono inoltre utilizzati con regolarità i normali canali informativi dell'amministrazione: sito internet con una sezione specifica dedicata alle tematiche ambientali e dei rifiuti, periodico dell'amministrazione Trento Informa, Newsletter di Dolomiti ambiente che viene spedita insieme alla bolletta e che raggiunge pertanto la totalità degli utenti. Conclusioni L'esperienza del Comune di Trento può essere replicata con successo anche in altre realtà comunali. Si tenga conto infatti che il territorio comunale è morfologicamente variegato: si passa dalla pianura del fondovalle, ad un centro storico particolarmente delicato e pregiato, dai sobborghi posizionati in zona collinare, alla zona montana del Monte Bondone che arriva fino a metri di altezza. Si passa dai condomini e dai grandi insediamenti del fondovalle, ai palazzi storici del centro storico, alle casette singole delle zone collinari, agli alberghi e insediamenti turistici della montagna. Per ognuna di queste utenze e di queste tipologie è stato studiato un sistema quanto più pagina 8 di 9

9 personalizzato che consente a tutti una gestione responsabile e abbastanza semplice dei propri rifiuti. I risultati raggiunti pongono Trento tra le città capoluogo di provincia maggiormente virtuose e premiano il grande impegno corale dell'amministrazione comunale, della Società incaricata della raccolta Dolomiti ambiente, ma anche di tutti i cittadini trentini che hanno condiviso il progetto dell'amministrazione comunale e che si impegnano giorno dopo giorno per gestire nel miglior modo possibile i rifiuti prodotti. L'impegno e la validità del progetto vengono costantemente riconosciuti a livello nazionale. Proprio nel marzo 2015 al Comune di Trento è stato riconosciuto il primo premio nell'ambito del concorso nazionale sulla prevenzione dei rifiuti promosso da Federambiente e Legambiente, oltre a molti altri riconoscimenti ottenuti nel corso degli anni. Trento, maggio 2015 pagina 9 di 9

10 Risultati gestione integrata dei rifiuti Trento,17 marzo 2015

11 Dati raccolta rifiuti nel Comune di Trento Anno 2015 Febbraio 2014: 76,95% di raccolta differenziata Anno 2014: 79,52 % di raccolta differenziata Febbraio 2015: 79,48% di di raccolta differenziata Anno 2015: 80,75% di raccolta differenziata La produzione totale di rifiuti nei primi due mesi del 2015 è diminuita rispetto allo stesso periodo del 2014 del 7,8%, passando da 8.828,42 tonnellate a 8.141,52 tonnellate. La produzione di rifiuto residuo smaltito in discarica è diminuita invece del 16,7% rispetto al 2014, passando da 1.836,27 tonnellate a 1.530,23 tonnellate.

12 Produzione rifiuti nel Comune di Trento: Anni Italia (dato 2013 ispra) Trento (dato 2013) Trento (dato 2014) Produzione pro-capite rifiuto urbano: 487 kg/ab anno 467 kg/ab anno 457 kg/ab anno Produzione pro-capite rifiuto residuo: 281 kg/ab anno 120 kg/ab anno 102 kg/ab anno

13 Raccolta differenziata nel Comune di Trento: Anni Italia (dato 2013 ispra) Trento (dato 2013) Trento (dato 2014) Raccolta differenziata (con spazzamento) 42,3% 74,7% 78,5%

14 Produzione rifiuto residuo nel Comune di Trento Anno Produzione pro-capite rifiuto Variazione rifiuto residuo su Variazione rifiuto residuo residuo (kg/ab anno) anno precedente rispetto all'anno ,32% 0,00% ,46% -8,75% ,35% -16,13% ,73% -25,07% ,23% -33,96% ,08% -37,30% ,83% -55,42% ,34% -61,80% Risultati possibili grazie a strategia integrata: molteplici azioni e attori coinvolti

Dal porta a porta alla tariffa puntuale nel Comune di Trento. Michelangelo Marchesi Assessore ad ambiente, mobilità e smart city del Comune di Trento

Dal porta a porta alla tariffa puntuale nel Comune di Trento. Michelangelo Marchesi Assessore ad ambiente, mobilità e smart city del Comune di Trento Dal porta a porta alla tariffa puntuale nel Comune di Trento Michelangelo Marchesi Assessore ad ambiente, mobilità e smart city del Comune di Trento Brescia, 30 aprile 2015 Legislazione italiana ed europea

Dettagli

LA GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI E ASSIMILATI. L ESEMPIO DEL COMUNE DI FIDENZA NELLA PROVINCIA DI PARMA.

LA GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI E ASSIMILATI. L ESEMPIO DEL COMUNE DI FIDENZA NELLA PROVINCIA DI PARMA. LA GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI E ASSIMILATI. L ESEMPIO DEL COMUNE DI FIDENZA NELLA PROVINCIA DI PARMA. LA SITUAZIONE IN PROVINCIA DI PARMA L autosufficienza nello smaltimento della quota residua di rifiuti

Dettagli

CAPANNORI: IL PRIMO COMUNE IN ITALIA VERSO RIFIUTI ZERO I

CAPANNORI: IL PRIMO COMUNE IN ITALIA VERSO RIFIUTI ZERO I CAPANNORI: IL PRIMO COMUNE IN ITALIA VERSO RIFIUTI ZERO I parte Introduzione Generale Acqua, rifiuti ed energia rappresentano tre questioni fondamentali per il futuro del nostro pianeta. Emergenze ambientali

Dettagli

Azione 4. Piano d Azione per la riduzione dei rifiuti nella Grande Distribuzione Organizzata

Azione 4. Piano d Azione per la riduzione dei rifiuti nella Grande Distribuzione Organizzata Azione 4 Piano d Azione per la riduzione dei rifiuti nella Grande Distribuzione Organizzata Protocollo d intesa (Memorandum of Understanding) Comune di Reggio Emilia LIFE10 ENV/IT/307 NO.WA No Waste PROTOCOLLO

Dettagli

2 LE STRATEGIE PER LA RIDUZIONE DEI RIFIUTI A LIVELLO PROVINCIALE

2 LE STRATEGIE PER LA RIDUZIONE DEI RIFIUTI A LIVELLO PROVINCIALE torna all Indice Capitolo 2 2 LE STRATEGIE PER LA RIDUZIONE DEI RIFIUTI A LIVELLO PROVINCIALE Ai sensi della normativa europea e nazionale la priorità da perseguire nella gestione dei rifiuti è la prevenzione,

Dettagli

Città di Benevento. Ordinanza Sindacale n 97 del 13 luglio 2010 IL SINDACO

Città di Benevento. Ordinanza Sindacale n 97 del 13 luglio 2010 IL SINDACO Ordinanza Sindacale n 97 del 13 luglio 2010 IL SINDACO VISTE e RICHIAMATE integralmente le proprie Ordinanza Sindacali n 213 del 13 novembre 2009 disciplinante il servizio di raccolta dei rifiuti urbani

Dettagli

Più differenzi, più riduci, più risparmi.

Più differenzi, più riduci, più risparmi. Più differenzi, più riduci, più risparmi. Da luglio 2014 la tassa sui rifiuti diventa su misura Comune di Medesano Più differenzi, più riduci, più risparmi La raccolta differenziata a Medesano è diventata

Dettagli

Più differenzi, più riduci, più risparmi.

Più differenzi, più riduci, più risparmi. Più differenzi, più riduci, più risparmi. Nel 2013 la tassa sui rifiuti diventa su misura Comune di Colorno Tariffa puntuale Colorno.indd 1 22/04/2013 8.04.09 Più differenzi, più riduci, più risparmi La

Dettagli

Raccolta Integrata Rifiuti e Tariffa Puntuale

Raccolta Integrata Rifiuti e Tariffa Puntuale Raccolta Integrata Rifiuti e Tariffa Puntuale Villafranca d Asti SITUAZIONE ANTECEDENTE Sistema di raccolta fino a marzo 2002 - RSU indifferenziati (cassonetti stradali) - Carta (cassonetti stradali) -

Dettagli

Parma verso Rifiuti Zero Il porta a porta e la tariffazione puntuale in una città di 190.000 abitanti

Parma verso Rifiuti Zero Il porta a porta e la tariffazione puntuale in una città di 190.000 abitanti Parma verso Rifiuti Zero Il porta a porta e la tariffazione puntuale in una città di 190.000 abitanti Gabriele Folli, Assessore Ambiente Comune di Parma Progetto Parma Raggiungere 80% entro 2016 Applicare

Dettagli

I COMUNI RICICLONI DELL'EMILIA ROMAGNA

I COMUNI RICICLONI DELL'EMILIA ROMAGNA I COMUNI RICICLONI DELL'EMILIA ROMAGNA MONITORAGGIO SULLA CORRETTA GESTIONE DEI RIFIUTI E SULLA RACCOLTA DIFFERENZIATA DESTINATA AL RICICLAGGIO Per poter premiare le situazioni più virtuose nella gestione

Dettagli

La strategia internazionale Rifiuti zero calata nella realtà di Parma (190.000 abitanti)

La strategia internazionale Rifiuti zero calata nella realtà di Parma (190.000 abitanti) La strategia internazionale Rifiuti zero calata nella realtà di Parma (190.000 abitanti) Scuola di Altra Amministrazione Procida, 13 settembre 2014 Gabriele Folli, Assessore Ambiente Comune di Parma Contesto

Dettagli

Il Progetto LIFE+ del mese

Il Progetto LIFE+ del mese Il Progetto LIFE+ del mese LIFE10 ENV/IT/000307 Beneficiario coordinatore: Comune di Reggio Emilia Via Emilia San Pietro, 12 42121 Reggio Emilia Referente progetto: Laura Montanari Tel. 0522-456251 Email

Dettagli

World cafè Peccioli, 10 Febbraio 2012... 1/1

World cafè Peccioli, 10 Febbraio 2012... 1/1 World cafè Peccioli, 10 Febbraio 2012... 1/1 La gerarchia dei rifiuti Il principale riferimento normativo in tema di rifiuti è la direttiva comunitaria 2008/98/CE, recentemente recepita nell ordinamento

Dettagli

Più differenzi, più riduci, più risparmi...

Più differenzi, più riduci, più risparmi... Più differenzi, più riduci, più risparmi...... dal 1 gennaio 2010 la tariffa rifiuti diventa puntuale Comune di San Giorgio PIU DIFFERENZI, PIU RIDUCI, PIU RISPARMI Dal 1 gennaio 2010 la tariffa rifiuti

Dettagli

LIFE+ WASTE-LESS IN CHIANTI: ATTUAZIONE E MONITORAGGIO DI UN PROGRAMMA INTEGRATO DI RIDUZIONE DEI RIFIUTI

LIFE+ WASTE-LESS IN CHIANTI: ATTUAZIONE E MONITORAGGIO DI UN PROGRAMMA INTEGRATO DI RIDUZIONE DEI RIFIUTI MENO RIFIUTI: ESPERIENZE A CONFRONTO LIFE+ WASTE-LESS IN CHIANTI: ATTUAZIONE E MONITORAGGIO DI UN PROGRAMMA INTEGRATO DI RIDUZIONE DEI RIFIUTI Terra Futura, 21 maggio 2011 Firenze, Fortezza da Basso Sala

Dettagli

ORDINANZA N. 2389/07 PROT. N. 10529 / VI.8.8 DEL 30 MAGGIO 07 IL DIRETTORE. Premesso che:

ORDINANZA N. 2389/07 PROT. N. 10529 / VI.8.8 DEL 30 MAGGIO 07 IL DIRETTORE. Premesso che: DIVISIONE AMBIENTE E VERDE SETTORE CICLO DEI RIFIUTI ORDINANZA N. 2389/07 PROT. N. 10529 / VI.8.8 DEL 30 MAGGIO 07 IL DIRETTORE Premesso che: Il Consiglio Provinciale con deliberazione n. 367482 del 28

Dettagli

Progetto di Educazione Ambientale DAI COLORE AL GRIGIO

Progetto di Educazione Ambientale DAI COLORE AL GRIGIO Progetto di Educazione Ambientale DAI COLORE AL GRIGIO Cooperativa Sociale l Ulivo s.c.r.l. Via del Lavoro 25/h 40127 Bologna Tel 051 255934 Fax 051 255981 Codice Fiscale e Partita Iva : 03604680375 info@ulivo.coop

Dettagli

SISTEMI DI RACCOLTA DIFFERENZIATA. Corso di Laurea in Ingegneria per la Sicurezza dell'ambiente e del Lavoro

SISTEMI DI RACCOLTA DIFFERENZIATA. Corso di Laurea in Ingegneria per la Sicurezza dell'ambiente e del Lavoro SISTEMI DI RACCOLTA DIFFERENZIATA 1 Normativa di riferimento Legge nazionale di riferimento: Testo Unico in materia ambientale D.Lgs. 152/06 In Lombardia vige la L.R. 26/03 Disciplina dei servizi locali

Dettagli

CONTARINA SPA Il modello virtuoso di raccolta porta a porta a tariffa puntuale

CONTARINA SPA Il modello virtuoso di raccolta porta a porta a tariffa puntuale CONTARINA SPA Il modello virtuoso di raccolta porta a porta a tariffa puntuale Pietro Piva, Responsabile Divisione Commerciale Perugia, 5 Febbraio 2016 1. Chi siamo 2. Le caratteristiche del modello Contarina

Dettagli

Raccolta domiciliare porta a porta

Raccolta domiciliare porta a porta Città di Sasso Marconi Raccolta domiciliare porta a porta Sasso Marconi, novembre 2007 Il continuo aumento della quantità di rifiuti prodotti ci sta ponendo urgenti problemi di gestione e di smaltimento

Dettagli

(FAQ) - DOMANDE FREQUENTI

(FAQ) - DOMANDE FREQUENTI (FAQ) - DOMANDE FREQUENTI 1. PERCHÉ SI E SCELTO DI INTRODURRE IL NUOVO SERVIZIO DI RACCOLTA PORTA A PORTA? Il servizio di raccolta porta a porta si propone di responsabilizzare gli utenti rispetto ai problemi

Dettagli

Anche a Cave arriva la raccolta differenziata PORTA a PORTA

Anche a Cave arriva la raccolta differenziata PORTA a PORTA www.provincia.roma.it Anche a Cave arriva la raccolta differenziata PORTA a PORTA Comune di Cave Ufficio Informazioni RD, Tel. 06 950 008 28 - www.comune.cave.rm.it La raccolta differenziata Necessità

Dettagli

L esperienza di Trento

L esperienza di Trento La raccolta differenziata: lo stato dell arte in Italia L esperienza di Trento Relatore: ing. Silvio Fedrizzi 25 maggio 2007 Sala polifunzionale ex Caserma Passalacqua Via Milazzo angolo Via Legnano, Tortona

Dettagli

CONTARINA SPA. Raccolta porta a porta e gestione integrata dei rifiuti

CONTARINA SPA. Raccolta porta a porta e gestione integrata dei rifiuti CONTARINA SPA Raccolta porta a porta e gestione integrata dei rifiuti 1. La società e il territorio gestito 2. Il modello Contarina 3. I risultati 4. Focus Treviso Dove siamo Il territorio consortile Gestione

Dettagli

Progetto porta a porta

Progetto porta a porta Progetto porta a porta Il presente progetto intende sperimentare su differenti aree campione differenti sistemi organizzativi del servizio per sviluppare la Raccolta Differenziata La base del nuovo sistema

Dettagli

La raccolta del SECCO NON RICICLABILE

La raccolta del SECCO NON RICICLABILE Comune di Teolo Cittadella, 1 febbraio 2015 Oggetto: Secco, vetro, carta e cartone, umido e verde negli appositi contenitori Gentile Cittadino, dal 1 giugno 2015 i rifiuti secco non riciclabile, vetro,

Dettagli

Dal 1 luglio 2013 La tassa rifiuti e servizi (Tares) diventa su misura

Dal 1 luglio 2013 La tassa rifiuti e servizi (Tares) diventa su misura Più differenzi, Più riduci, Più risparmi. La TARES PUNTUALE Dal 1 luglio 2013 La tassa rifiuti e servizi (Tares) diventa su misura Colorno, maggio 2013 TARES PUNTUALE È un sistema di misurazione dei rifiuti

Dettagli

OSSERVATORIO REGIONALE RIFIUTI - ABRUZZO / NEWSLETTER SITO WEB - SEZIONE GESTIONE RIFIUTI E BONIFICHE

OSSERVATORIO REGIONALE RIFIUTI - ABRUZZO / NEWSLETTER SITO WEB - SEZIONE GESTIONE RIFIUTI E BONIFICHE OSSERVATORIO REGIONALE RIFIUTI - ABRUZZO / NEWSLETTER SITO WEB - SEZIONE GESTIONE RIFIUTI E BONIFICHE A cura di: ORR - Segreteria tecnico-ammistrativa Informazioni su news, eventi, corsi di formazione,

Dettagli

COME OTTIMIZZARE LA RACCOLTA DI CARTA E CARTONE A MILANO E PROVINCIA

COME OTTIMIZZARE LA RACCOLTA DI CARTA E CARTONE A MILANO E PROVINCIA COME OTTIMIZZARE LA RACCOLTA DI CARTA E CARTONE A MILANO E PROVINCIA Danilo VISMARA Responsabile Marketing Milano, 7 OTTOBRE 2014 Il sistema milanese di gestione integrata dei rifiuti Amsa, azienda del

Dettagli

Comune di TARANTO. Risorse - infrastruttuire - regolamenti. Modalità raccolta differenziata

Comune di TARANTO. Risorse - infrastruttuire - regolamenti. Modalità raccolta differenziata Programmi di comunicazione sulla raccolta differenziata Il comune gestisce attraverso Amiu SpA la realizzazione di programmi di comunicazione sulla R.D attraverso iniziative nelle scuole La campagna di

Dettagli

Consiglio di Bacino Priula e Contarina SpA un modello virtuoso di gestione dei rifiuti

Consiglio di Bacino Priula e Contarina SpA un modello virtuoso di gestione dei rifiuti Consiglio di Bacino Priula e Contarina SpA un modello virtuoso di gestione dei rifiuti 1. Chi siamo 2. Le caratteristiche del modello 3. I risultati 4. Focus Treviso 5. Gli obiettivi per il futuro Il quadro

Dettagli

Progetto: LIFE10 ENV IT 000307 NO.WA. «No Waste» Gestione integrata dei rifiuti Azione 4 - Comune di Trento

Progetto: LIFE10 ENV IT 000307 NO.WA. «No Waste» Gestione integrata dei rifiuti Azione 4 - Comune di Trento Progetto: LIFE10 ENV IT 000307 NO.WA «No Waste» Gestione integrata dei rifiuti Azione 4 - Comune di Trento Gestione integrata dei rifiuti nel Comune di Trento Introduzione nuove modalità di raccolta: sistema

Dettagli

La raccolta domiciliare e l applicazione della tariffa puntuale nel comune di Mantova

La raccolta domiciliare e l applicazione della tariffa puntuale nel comune di Mantova La raccolta domiciliare e l applicazione della tariffa puntuale nel comune di Mantova Anzio Negrini Mantova Direttore Ambiente Gruppo Mantova Ambiente Tea 1 Chi è Mantova Ambiente Mantova Ambiente è una

Dettagli

Relazione sull esito della sperimentazione della raccolta congiunta di scarti organico e cellulosici

Relazione sull esito della sperimentazione della raccolta congiunta di scarti organico e cellulosici Scuola Agraria del Parco di Monza 1 Relazione sull esito della sperimentazione della raccolta congiunta di scarti organico e cellulosici MASSIMO CENTEMERO, SANDRO DI SCERNI, MARCO RICCI, VALENTINA CAIMI

Dettagli

PROGETTO LIBERI DI DIFFERENZIARCI annualità 2012-2015

PROGETTO LIBERI DI DIFFERENZIARCI annualità 2012-2015 PROGETTO LIBERI DI DIFFERENZIARCI annualità 2012-2015 Il territorio gestito da CMV Servizi: Le premesse del progetto solo con immagini Tema n 1 la riqualificazione del territorio Le premesse del progetto

Dettagli

Progetto LIFE10 ENV IT 000307 NO.WA. Azione 3 - Attività 3.1

Progetto LIFE10 ENV IT 000307 NO.WA. Azione 3 - Attività 3.1 Azione 3 - Attività 3.1 Organizzazione delle attività di mappatura GENERALITÀ Denominazione della buona pratica: WASTELESS IN CHIANTI Promotore/i: Provincia di Firenze Soggetti partner: Ente Ente pubblico/gdo

Dettagli

SETTORE AMBIENTE Ufficio Via Roma, 88-58022 Follonica (GR) Tel. 0566-59418 - Fax 0566-59213 mmontanari@comune.follonica.gr.it

SETTORE AMBIENTE Ufficio Via Roma, 88-58022 Follonica (GR) Tel. 0566-59418 - Fax 0566-59213 mmontanari@comune.follonica.gr.it PROGETTO PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA PORTA A PORTA DEI RIFIUTI URBANI PRODOTTI NEL QUARTIERE 167 OVEST COMUNE DI FOLLONICA RELAZIONE TECNICA-ILLUSTRATIVA 1 PROGETTO DI RACCOLTA RIFIUTI PORTA A PORTA

Dettagli

Parma verso Rifiuti Zero Il porta a porta e la tariffazione puntuale in una città di 190.000 abitanti

Parma verso Rifiuti Zero Il porta a porta e la tariffazione puntuale in una città di 190.000 abitanti Parma verso Rifiuti Zero Il porta a porta e la tariffazione puntuale in una città di 190.000 abitanti Gabriele Folli, Assessore Ambiente Comune di Parma Progetto Parma Raggiungere 80% entro 2016 Applicare

Dettagli

CONTARINA SPA L esperienza del ciclo virtuoso dei rifiuti. Paolo Contò Direttore Generale Consiglio di Bacino Priula 26 Marzo 2016 Capannori (LU)

CONTARINA SPA L esperienza del ciclo virtuoso dei rifiuti. Paolo Contò Direttore Generale Consiglio di Bacino Priula 26 Marzo 2016 Capannori (LU) CONTARINA SPA L esperienza del ciclo virtuoso dei rifiuti Paolo Contò Direttore Generale Consiglio di Bacino Priula 26 Marzo 2016 Capannori (LU) 1. Chi siamo 2. Le caratteristiche del modello Contarina

Dettagli

Ing. Paolo Paoli -Hera Spa. Workshop Modena, 26 Novembre 2015

Ing. Paolo Paoli -Hera Spa. Workshop Modena, 26 Novembre 2015 L evoluzione dei servizi e i principali progetti collegati alla gestione dei rifiuti nel Comune di Modena: dalla Riduzione al Recupero -principali azioni e iniziative messe in campo da Hera Spa. Ing. Paolo

Dettagli

Le Nuove Sfide del Consorzio Riciclone delle Marche. Giuseppe Giampaoli Direttore Cosmari SRL

Le Nuove Sfide del Consorzio Riciclone delle Marche. Giuseppe Giampaoli Direttore Cosmari SRL Le Nuove Sfide del Consorzio Riciclone delle Marche Giuseppe Giampaoli Direttore Cosmari SRL L EVOLUZIONE IL PERCORSO 1976 - Si costituisce il ConSmaRi con Decreto Prefettizio 1981/1995 - Realizzazione

Dettagli

Piano di Azione del gruppo di lavoro Albergo Verde. Sui temi della sostenibilità del turismo nel Parco dell Adamello

Piano di Azione del gruppo di lavoro Albergo Verde. Sui temi della sostenibilità del turismo nel Parco dell Adamello Piano di Azione del gruppo di lavoro Albergo Verde Sui temi della sostenibilità del turismo nel Parco dell Adamello Febbraio 2006 Premessa Il seguente Piano di Azioni scaturisce da un articolato processo

Dettagli

Città di Ariccia. Tariffazione Puntuale

Città di Ariccia. Tariffazione Puntuale Città di Ariccia Tariffazione Puntuale Ariccia a Tariffa Puntuale Cos è la Tariffa Puntuale? Breve excursus storico 1997: d.lgs 22/1997 la TIA, Tariffa d Igiene Urbana, destinata a sostituire progressivamente

Dettagli

STUDIO DI FATTIBILITA Incremento Raccolta Differenziata ed introduzione raccolta organico per le utenze condominiali AMSA. MSA S.p.

STUDIO DI FATTIBILITA Incremento Raccolta Differenziata ed introduzione raccolta organico per le utenze condominiali AMSA. MSA S.p. STUDIO DI FATTIBILITA Incremento Raccolta Differenziata ed introduzione raccolta organico per le utenze condominiali AMSA MSA S.p.A 11 GENNAIO 2012 1 Premesse e obiettivi Il piano prevede la revisione

Dettagli

IL GRUPPO CONTARINA SPA. Un esempio virtuoso nella gestione integrata dei rifiuti

IL GRUPPO CONTARINA SPA. Un esempio virtuoso nella gestione integrata dei rifiuti IL GRUPPO CONTARINA SPA Un esempio virtuoso nella gestione integrata dei rifiuti 1. Chi siamo 2. Le caratteristiche del modello Contarina 3. I risultati 4. Focus Treviso 5. Gli obiettivi per il futuro

Dettagli

La Raccolta Differenziata

La Raccolta Differenziata La Raccolta Differenziata Le norme principali Le istruzioni per l uso Le norme principali Il Regolamento comunale è un insieme di norme utili a salvaguardare il decoro di Roma e a garantire una corretta

Dettagli

La TARES puntuale, La tassa rifiuti e servizi (Tares) diventa su misura

La TARES puntuale, La tassa rifiuti e servizi (Tares) diventa su misura Più differenzi, Più riduci, Più risparmi. La TARES puntuale, La tassa rifiuti e servizi (Tares) diventa su misura Roma, 01.06.2013 il presidente Raphael Rossi Gruppo Iren: posizionamento TELERISCALDAMENTO

Dettagli

Progetto LIFE10 ENV IT 000307 NO.WA. Azione 3 - Attività 3.1

Progetto LIFE10 ENV IT 000307 NO.WA. Azione 3 - Attività 3.1 Azione 3 - Attività 3.1 Organizzazione delle attività di mappatura GENERALITÀ Denominazione della buona pratica: Ecoacquisti Trentino Promotore/i: Provincia autonoma di Trento Soggetti partner: Ente Ente

Dettagli

Abitanti 3.176.180 Ab. dei Comuni che hanno compilato la scheda 3.176.180 Ab. dei Comuni che non hanno compilato la scheda 0

Abitanti 3.176.180 Ab. dei Comuni che hanno compilato la scheda 3.176.180 Ab. dei Comuni che non hanno compilato la scheda 0 Provincia di Milano N dei comuni 134 N delle schede da compilare 134 N delle schede compilate 134 % di copertura 10 Abitanti 3.176.180 Ab. dei Comuni che hanno compilato la scheda 3.176.180 Ab. dei Comuni

Dettagli

LA GESTIONE INTEGRATA DEI RIFIUTI NEL CONSORZIO INTERCOMUNALE PRIULA

LA GESTIONE INTEGRATA DEI RIFIUTI NEL CONSORZIO INTERCOMUNALE PRIULA CONSORZIO INTERCOMUNALE AUTORITA DI BACINO TV 2 LA GESTIONE INTEGRATA DEI RIFIUTI NEL CONSORZIO INTERCOMUNALE PRIULA Giugno 2008 Il Consorzio Intercomunale Priula nasce nel 1987 per volontà di 5 Comuni

Dettagli

con la collaborazione di: Associazione Cittadini del Mondo Osservatorio Provinciale Rifiuti Centro Servizi per l Immigrazione

con la collaborazione di: Associazione Cittadini del Mondo Osservatorio Provinciale Rifiuti Centro Servizi per l Immigrazione 29 art direction Laura Magni impaginazione grafica Laura Bortoloni Coop G Brodolini via N Bonnet, 29 Porto Garibaldi (FE) Call center clienti 800 601789 Realizzato dallo Sportello Ecoidea della Provincia

Dettagli

Differenziata e per l introduzione l raccolta dell organico per le utenze condominiali AMSA. MSA S.p.A FEBBRAIO 2012

Differenziata e per l introduzione l raccolta dell organico per le utenze condominiali AMSA. MSA S.p.A FEBBRAIO 2012 Piano per l incremento l della Raccolta Differenziata e per l introduzione l della raccolta dell organico per le utenze condominiali AMSA MSA S.p.A FEBBRAIO 2012 1 Raccolta differenziata dell organico

Dettagli

Presentazione nuovo progetto di riorganizzazione del SISTEMA INTEGRATO DI RACCOLTA RIFIUTI

Presentazione nuovo progetto di riorganizzazione del SISTEMA INTEGRATO DI RACCOLTA RIFIUTI Presentazione nuovo progetto di riorganizzazione del SISTEMA INTEGRATO DI RACCOLTA RIFIUTI LA RACCOLTA DIFFERENZIATA NELLA PROVINCIA DI TORINO La Provincia di Torino impone il raggiungimento del 50% di

Dettagli

Il rifiuto a valle delle raccolte differenziate: questo sconosciuto. Lo smaltimento del RUR e le alternative possibili

Il rifiuto a valle delle raccolte differenziate: questo sconosciuto. Lo smaltimento del RUR e le alternative possibili Il rifiuto a valle delle raccolte differenziate: questo sconosciuto Lo smaltimento del RUR e le alternative possibili R Come si arriva a chiudere il ciclo minimizzando incenerimento e discarica: raccolte

Dettagli

Il MODELLO di GESTIONE dei RIFIUTI URBANI nel VENETO

Il MODELLO di GESTIONE dei RIFIUTI URBANI nel VENETO Il MODELLO di GESTIONE dei RIFIUTI URBANI nel VENETO Direttore Generale Carlo Emanuele Pepe Roma, 24 luglio 2014 http://www.arpa.veneto.it/temi-ambientali/rifiuti Enti di gestione 33 AZIENDE di GESTIONE

Dettagli

LA NUOVA TARIFFA DEI RIFIUTI. Guida al passaggio da tassa a tariffa nel Comune di Castel San Pietro.

LA NUOVA TARIFFA DEI RIFIUTI. Guida al passaggio da tassa a tariffa nel Comune di Castel San Pietro. LA NUOVA TARIFFA DEI RIFIUTI. Guida al passaggio da tassa a tariffa nel Comune di Castel San Pietro. Poste Italiane - tassa pagata - invii senza indirizzo auto./dc/er/bo/isi/3627/2003 del 20/06/2003. Alla

Dettagli

LINEE GUIDA PER LO SVILUPPO E POTENZIAMENTO DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA

LINEE GUIDA PER LO SVILUPPO E POTENZIAMENTO DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA PROVINCIA DI PAVIA Divisione Territorio Settore Tutela Ambientale PIANO PROVINCIALE DI GESTIONE DEI RIFIUTI AZIONI DI ATTUAZIONE LINEE GUIDA PER LO SVILUPPO E POTENZIAMENTO DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA

Dettagli

CONTARINA SPA Un esempio virtuoso nella gestione integrata dei rifiuti

CONTARINA SPA Un esempio virtuoso nella gestione integrata dei rifiuti CONTARINA SPA Un esempio virtuoso nella gestione integrata dei rifiuti Spresiano, 16 Luglio 2015 1. Chi siamo 2. Le caratteristiche del modello Contarina 3. I risultati 4. Gli obiettivi per il futuro Chi

Dettagli

II CORSO DI FORMAZIONE NAZIONALE RIFIUTI ZERO VORNO CAPANNORI. A cura di Rossano Ercolini

II CORSO DI FORMAZIONE NAZIONALE RIFIUTI ZERO VORNO CAPANNORI. A cura di Rossano Ercolini II CORSO DI FORMAZIONE NAZIONALE RIFIUTI ZERO VORNO CAPANNORI A cura di Rossano Ercolini Raccolta Differenziata Raccolta Porta a Porta Compostaggio Riciclaggio Centro Riparazione e Riuso Iniziative Riduzione

Dettagli

Contarina Spa. Il modello di gestione integrata dei rifiuti: il porta a porta a tariffa puntuale. 22 Maggio 2015

Contarina Spa. Il modello di gestione integrata dei rifiuti: il porta a porta a tariffa puntuale. 22 Maggio 2015 Contarina Spa Il modello di gestione integrata dei rifiuti: il porta a porta a tariffa puntuale 22 Maggio 2015 Dove siamo CONTARINA Società per Azioni Kmq Comuni Abitanti Utenti Dipendenti Fatturato annuo

Dettagli

L applicazione del Modello Contarina. La tariffa puntuale e i risultati raggiunti a Treviso L attività di vigilanza consortile

L applicazione del Modello Contarina. La tariffa puntuale e i risultati raggiunti a Treviso L attività di vigilanza consortile L applicazione del Modello Contarina La tariffa puntuale e i risultati raggiunti a Treviso L attività di vigilanza consortile 1. La tariffa puntuale 2. I risultati 3. I controlli contro gli abbandoni La

Dettagli

IL GRUPPO CONTARINA SPA. Un esempio virtuoso nella gestione integrata dei rifiuti

IL GRUPPO CONTARINA SPA. Un esempio virtuoso nella gestione integrata dei rifiuti IL GRUPPO CONTARINA SPA Un esempio virtuoso nella gestione integrata dei rifiuti 1. Chi siamo 2. Le caratteristiche del modello Contarina 3. I risultati 4. Gli obiettivi per il futuro Dove siamo 50 comuni

Dettagli

Relazione sullo Stato dell Ambiente Comuni di Capurso (capofila), Cellamare e Triggiano Bozza Aprile 2006

Relazione sullo Stato dell Ambiente Comuni di Capurso (capofila), Cellamare e Triggiano Bozza Aprile 2006 7. RIFIUTI 7.1. Inquadramento Il rapido sviluppo industriale ed il miglioramento delle condizioni economiche hanno comportato negli ultimi decenni un aumento sempre maggiore dei consumi e della conseguente

Dettagli

REGIONE ABRUZZO PROTOCOLLO D INTESA TRA REGIONE ABRUZZO ECOISTITUTO ABRUZZO

REGIONE ABRUZZO PROTOCOLLO D INTESA TRA REGIONE ABRUZZO ECOISTITUTO ABRUZZO REGIONE ABRUZZO PROTOCOLLO D INTESA TRA REGIONE ABRUZZO ED ECOISTITUTO ABRUZZO Mondocompost Progetto sperimentale per la promozione del compostaggio domestico sul territorio regionale DIREZIONE PROTEZIONE

Dettagli

Contarina Spa Verso l obiettivo dei 10 kg/ab all anno di rifiuti residui nel trevigiano

Contarina Spa Verso l obiettivo dei 10 kg/ab all anno di rifiuti residui nel trevigiano Contarina Spa Verso l obiettivo dei 10 kg/ab all anno di rifiuti residui nel trevigiano Paolo Contò Direttore del Consiglio di Bacino Priula 7 Ottobre 2015 Roma Dove siamo CONTARINA Società per Azioni

Dettagli

Chi ama Narni fa la differenza e viene premiato!!! chiede

Chi ama Narni fa la differenza e viene premiato!!! chiede Numero contratto U Chi ama Narni fa la differenza e viene premiato!!! Il sottoscritto Nato Località data c.f. Intestatario dell utenza TIA numero Per la sua abitazione di residenza Via Località - chiede

Dettagli

Progetto: LIFE10 ENV IT 000307 NO.WA

Progetto: LIFE10 ENV IT 000307 NO.WA Progetto: LIFE10 ENV IT 000307 NO.WA «No Waste» Azione 2 Monitoraggio dell efficacia del progetto Azione 3 - Mappatura dei progetti di riduzione dei rifiuti nella Grande Distribuzione Organizzata Reggio

Dettagli

"Piano di interventi per lo sviluppo e la promozione della raccolta differenziata".

Piano di interventi per lo sviluppo e la promozione della raccolta differenziata. Protocollo RC n. 3688/06 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA COMUNALE (SEDUTA DEL 15 FEBBRAIO 2006) L anno duemilasei, il giorno di mercoledì quindici del mese di febbraio, alle ore 14,15,

Dettagli

Materiali Didattici «La gestione integrata dei rifiuti» ESPERIENZE. Azzerare i rifiuti: dall utopia alla pratica. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Materiali Didattici «La gestione integrata dei rifiuti» ESPERIENZE. Azzerare i rifiuti: dall utopia alla pratica. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Materiali Didattici «La gestione integrata dei rifiuti» ESPERIENZE Azzerare i rifiuti: dall utopia alla pratica GREEN JOBS Formazione e Orientamento Quando alcuni anni fa si iniziò a parlare di zero waste,

Dettagli

EVOLUZIONE DEI SISTEMI DI RACCOLTA DIFFERENZIATA: ESPERIENZE Titolo A CONFRONTO RIDUZIONE DEI TITOLO RIFIUTI E MODELLI Data DI RACCOLTA

EVOLUZIONE DEI SISTEMI DI RACCOLTA DIFFERENZIATA: ESPERIENZE Titolo A CONFRONTO RIDUZIONE DEI TITOLO RIFIUTI E MODELLI Data DI RACCOLTA EVOLUZIONE DEI SISTEMI DI RACCOLTA DIFFERENZIATA: ESPERIENZE Titolo A CONFRONTO RIDUZIONE DEI TITOLO RIFIUTI E MODELLI Data DI RACCOLTA Firenze, Nome 21 Cognome Novembre 2012 Ruolo ELIO ALTESE LIFE09 Ambiente

Dettagli

COMUNE DI AGLIANO TERME. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL PIANO FINANZIARIO [ART.8 D.p.r. 158/1999, comma 3]

COMUNE DI AGLIANO TERME. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL PIANO FINANZIARIO [ART.8 D.p.r. 158/1999, comma 3] COMUNE DI AGLIANO TERME Provincia di Asti RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL PIANO FINANZIARIO [ART.8 D.p.r. 158/1999, comma 3] 1 A. MODELLO GESTIONALE E ORGANIZZATIVO (ART. 8 D.P.R. n.158/1999, comma 3, lettera

Dettagli

Ecoacquisti Trentino. Accordo fra la Provincia autonoma di Trento e la Distribuzione Organizzata per la riduzione dei rifiuti

Ecoacquisti Trentino. Accordo fra la Provincia autonoma di Trento e la Distribuzione Organizzata per la riduzione dei rifiuti Ecoacquisti Trentino Accordo fra la Provincia autonoma di Trento e la Distribuzione Organizzata per la riduzione dei rifiuti Sommario 1. Premesse 2. l Accordo Ecoacquisti 2003 3. l Accordo Ecoacquisti

Dettagli

Progetto pilota per la raccolta differenziata Liceo Scientifico G. Galilei di Lanciano

Progetto pilota per la raccolta differenziata Liceo Scientifico G. Galilei di Lanciano Progetto pilota per la raccolta differenziata Liceo Scientifico G. Galilei di Lanciano Sommario PREMESSA... 2 OBIETTIVI... 2 DESTINATARI... 2 METODOLOGIA... 3 SISTEMA PREMIANTE... 4 DETTAGLIO PROGETTO...

Dettagli

EVOLUZIONE DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA NEL CENTRO DI PADOVA

EVOLUZIONE DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA NEL CENTRO DI PADOVA ZONA ARANCIO ZONA VERDE EVOLUZIONE DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA NEL CENTRO DI PADOVA I cambiamenti di orari e modalità di conferimento per un servizio ancora più puntuale ed efficiente. Per un centro cittadino

Dettagli

I risultati economici e quali-quantitativi a dieci anni dall introduzione della tariffa puntuale

I risultati economici e quali-quantitativi a dieci anni dall introduzione della tariffa puntuale I risultati economici e quali-quantitativi a dieci anni dall introduzione della tariffa puntuale L esperienza del Gruppo Contarina SpA Dott. Paolo Contò Direttore dei Consorzi Priula e Tv Tre 1. Chi siamo

Dettagli

SERVIZIO EDILIZIA PRIVATA E AMBIENTE

SERVIZIO EDILIZIA PRIVATA E AMBIENTE Ordinanza n. 755 del 12 novembre 2013 Oggetto: DIVIETO DI ABBANDONO RIFIUTI E MATERIALI IL SINDACO VISTO D.Lgs 03/04/06 n. 152 e s.m.i. Norme in materia ambientale ed in particolare: - l articolo 178 ove

Dettagli

La raccolta dei rifiuti porta a porta. Sistemi a confronto Monsummano T. - 28 Settembre 2012

La raccolta dei rifiuti porta a porta. Sistemi a confronto Monsummano T. - 28 Settembre 2012 La raccolta dei rifiuti porta a porta Sistemi a confronto Monsummano T. - 28 Settembre 2012 Raccolta a Cassonetto La raccolta con sistema a cassonetto stradale prevede la collocazione di postazioni di

Dettagli

COMMENTI, NOTE E PROPOSTE DI EMENDAMENTI AL TESTO

COMMENTI, NOTE E PROPOSTE DI EMENDAMENTI AL TESTO Progetto di Legge d iniziativa della Giunta Regionale DISPOSIZIONI A SOSTEGNO DELL ECONOMIA CIRCOLARE, DELLA RIDUZIONE DELLA PRODUZIONE DEI RIFIUTI URBANI, DEL RIUSO DEI BENI A FINE VITA, DELLA RACCOLTA

Dettagli

RESOCONTO OPR SUL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI PRIMO QUADRIMESTRE 2013

RESOCONTO OPR SUL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI PRIMO QUADRIMESTRE 2013 PROVINCIA DI FERRARA SETTORE AMBIENTE E AGRICOLTURA Ufficio Rifiuti RESOCONTO OPR SUL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI PRIMO QUADRIMESTRE 2013 OTTOBRE 2013 INDICE Premesse...2 La Produzione dei

Dettagli

PIANO FINANZIARIO TARI Art. 1, commi da 641 a 667, della L. 27 dicembre 2013, n. 147 D.P.R. 27 aprile 1999, n. 158 R E L A Z I O N E

PIANO FINANZIARIO TARI Art. 1, commi da 641 a 667, della L. 27 dicembre 2013, n. 147 D.P.R. 27 aprile 1999, n. 158 R E L A Z I O N E PIANO FINANZIARIO TARI ANNO 2014: ALLEGATO A1) ALLA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N 22 dd. 20.05.2014 COMUNE DI ALA PROVINCIA DI TRENTO PIANO FINANZIARIO TARI Art. 1, commi da 641 a 667, della L.

Dettagli

TRA VISTI. - il D.Lgs. 3 aprile 2006, n. 152 Norme in materia ambientale ;

TRA VISTI. - il D.Lgs. 3 aprile 2006, n. 152 Norme in materia ambientale ; Accordo tra Regione Emilia-Romagna, ATERSIR e Centro di Coordinamento RAEE, per favorire il recupero e l incremento dei tassi di raccolta differenziata dei RAEE di origine domestica attraverso la sperimentazione

Dettagli

1. PERCHE SI E SCELTO DI INTRODURRE IL NUOVO SERVIZIO DI RACCOLTA PORTA A PORTA?

1. PERCHE SI E SCELTO DI INTRODURRE IL NUOVO SERVIZIO DI RACCOLTA PORTA A PORTA? 1. PERCHE SI E SCELTO DI INTRODURRE IL NUOVO SERVIZIO DI RACCOLTA PORTA A PORTA? Il servizio di raccolta porta a porta si propone di responsabilizzare gli utenti rispetto ai problemi di smaltimento dei

Dettagli

ALLEGATO 2. Relazione sull andamento del servizio rifiuti nel corso del 2011 e previsioni per il 2012.

ALLEGATO 2. Relazione sull andamento del servizio rifiuti nel corso del 2011 e previsioni per il 2012. ALLEGATO 2 Relazione sull andamento del servizio rifiuti nel corso del 2011 e previsioni per il 2012. Rinnovo convenzione con ATO 5 per la parte economica per l anno 2012 La assemblea di ATO5 del 22/12/2011

Dettagli

Analisi dei risultati qualitativi e quantitativi della sperimentazione di RD domiciliare a Trento

Analisi dei risultati qualitativi e quantitativi della sperimentazione di RD domiciliare a Trento SERVIZIO AMBIENTE Analisi dei risultati qualitativi e quantitativi della sperimentazione di RD domiciliare a Trento SINTESI Febbraio 2008 Redazione a cura del gruppo di lavoro composto da tecnici del Servizio

Dettagli

Abitanti 183.136 Ab. dei Comuni che hanno compilato la scheda 183.136 Ab. dei Comuni che non hanno compilato la scheda 0

Abitanti 183.136 Ab. dei Comuni che hanno compilato la scheda 183.136 Ab. dei Comuni che non hanno compilato la scheda 0 Provincia di Sondrio N dei comuni 78 N delle schede da compilare 75 N delle schede compilate 75 % di copertura 1,% Abitanti 183.136 Ab. dei Comuni che hanno compilato la scheda 183.136 Ab. dei Comuni che

Dettagli

Comune di Eboli. ORDINANZA n. 57 del 05/03/2013 Rub. N. Prot. n. 8776

Comune di Eboli. ORDINANZA n. 57 del 05/03/2013 Rub. N. Prot. n. 8776 ORDINANZA n. 57 del 05/03/2013 Rub. N. Prot. n. 8776 Obbligo di conferire in modo differenziato i rifiuti urbani ed assimilati al pubblico servizio di raccolta nel centro cittadino e nei nuclei periferici-

Dettagli

OBIETTIVI DI RICICLAGGIO 2020: LA RACCOLTA DIFFERENZIATA DI CARTA E CARTONE IN CAMPANIA, CALABRIA, PUGLIA E SICILIA

OBIETTIVI DI RICICLAGGIO 2020: LA RACCOLTA DIFFERENZIATA DI CARTA E CARTONE IN CAMPANIA, CALABRIA, PUGLIA E SICILIA OBIETTIVI DI RICICLAGGIO 2020: LA RACCOLTA DIFFERENZIATA DI CARTA E CARTONE IN CAMPANIA, CALABRIA, PUGLIA E SICILIA Edo Ronchi Presidente Fondazione per lo sviluppo sostenibile Obiettivi dello studio Individuare

Dettagli

Offerta migliorativa 1

Offerta migliorativa 1 Offerta migliorativa 1 Offerte migliorative Istituzione servizi integrativi per i produttori di rifiuti speciali non assimilabili agli urbani. Nel generale interesse della salvaguardia ambientale e al

Dettagli

REGIONE ABRUZZO PROTOCOLLO D INTESA TRA REGIONE ABRUZZO. COMUNE DI PESCARA ATTIVA SpA

REGIONE ABRUZZO PROTOCOLLO D INTESA TRA REGIONE ABRUZZO. COMUNE DI PESCARA ATTIVA SpA REGIONE ABRUZZO PROTOCOLLO D INTESA TRA REGIONE ABRUZZO E COMUNE DI PESCARA ATTIVA SpA GLI AMICI DEL RICICLO PROGETTO SPERIMENTALE DI COMUNICAZIONE AMBIENTALE NEL SETTORE DELLA GESTIONE INTEGRATA DEI RIFIUTI

Dettagli

Abitanti 3.166.486 Ab. dei Comuni che hanno compilato la scheda 3.166.486 Ab. dei Comuni che non hanno compilato la scheda 0

Abitanti 3.166.486 Ab. dei Comuni che hanno compilato la scheda 3.166.486 Ab. dei Comuni che non hanno compilato la scheda 0 Provincia di Milano N dei comuni 134 N delle schede da compilare 134 N delle schede compilate 134 % di copertura 100,0% Abitanti 3.166.486 Ab. dei Comuni che hanno compilato la scheda 3.166.486 Ab. dei

Dettagli

PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI NEL VENETO

PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI NEL VENETO PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI NEL VENETO Anno 2011 ARPAV Direzione Tecnica Servizio Osservatorio Rifiuti OSSERVATORIO REGIONALE RIFIUTI Ottobre 2012 PRINCIPALI INDICATORI DEI RIFIUTI URBANI

Dettagli

Contarina Spa La gestione integrata dei rifiuti

Contarina Spa La gestione integrata dei rifiuti Contarina Spa La gestione integrata dei rifiuti Paolo Contò Direttore dei Consorzi Priula e Tv Tre 28 Aprile 2015 Roma Dove siamo CONTARINA Società per Azioni 60% 40% Kmq Comuni Abitanti Utenti Dipendenti

Dettagli

LA GESTIONE DEI RAEE E IL RITIRO UNO CONTRO UNO

LA GESTIONE DEI RAEE E IL RITIRO UNO CONTRO UNO LA GESTIONE DEI RAEE E IL RITIRO UNO CONTRO UNO I - Il sistema di ritiro uno contro uno : inquadramento giuridico e problematiche emergenti IL SISTEMA DI RITIRO UNO CONTRO UNO 1 GESTIONE DEI RAEE: perché

Dettagli

Piano di interventi per lo sviluppo e la promozione della raccolta differenziata - seconda annualità.

Piano di interventi per lo sviluppo e la promozione della raccolta differenziata - seconda annualità. Protocollo RC n. 4461/07 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA COMUNALE (SEDUTA DEL 26 FEBBRAIO 2007) L anno duemilasette, il giorno di lunedì ventisei del mese di febbraio, alle ore 9,20,

Dettagli

PIANO STRATEGICO PER LA RIDUZIONE DELLA PRODUZIONE DEI RIFIUTI INDIFFERENZIATI E PER L INCREMENTO DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA

PIANO STRATEGICO PER LA RIDUZIONE DELLA PRODUZIONE DEI RIFIUTI INDIFFERENZIATI E PER L INCREMENTO DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA PIANO STRATEGICO PER LA RIDUZIONE DELLA PRODUZIONE DEI RIFIUTI INDIFFERENZIATI E PER L INCREMENTO DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA 1. Introduzione Nel corso degli ultimi decenni, l aumento generalizzato della

Dettagli

COMUNE DI SESTU. Provincia di Cagliari DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE. Numero 130 del 29.06.2012

COMUNE DI SESTU. Provincia di Cagliari DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE. Numero 130 del 29.06.2012 COMUNE DI SESTU rovincia di Cagliari DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Numero 130 del 29.06.2012 COIA Oggetto: Istituzione del servizio sperimentale gratuito di raccolta degli oli commestibili esausti

Dettagli

Direttive regionali per la determinazione degli indici di efficienza dei servizi di gestione integrata dei rifiuti urbani

Direttive regionali per la determinazione degli indici di efficienza dei servizi di gestione integrata dei rifiuti urbani I GIUNTA REGIONALE D'ABRUZZO Pescara SerViZiO CeslIonc Rifiut, L a presentn CCpi,.] cc:r"lfljst(l Ci :" facciate è CCnfOf"l'? questo S'7'PZ!O Z!:.)~ "J!;~j'(~ li...,......~,,:... "...~.';', IL ~U ZlmJARIO

Dettagli

L ufficio con l acqua in brocca Dott. Giuseppe Torelli TERRA FUTURA 2009

L ufficio con l acqua in brocca Dott. Giuseppe Torelli TERRA FUTURA 2009 L ufficio con l acqua in brocca Dott. Giuseppe Torelli TERRA FUTURA 2009 COMUNE DI FIRENZE Direzione Risorse Finanziarie Servizio Centrale acquisti sistemi di e-procurement Progettare e condurre il cambiamento

Dettagli

Elenco RIFIUTI: è ordinato dall alto per categoria:

Elenco RIFIUTI: è ordinato dall alto per categoria: Il sistema informativo regionale sui rifiuti O.R.So. MODULO COMUNI Informazioni generali, novità e precisazioni per la compilazione Dati Rifiuti 2012 Bologna, Febbraio 2013 Elenco RIFIUTI: è ordinato dall

Dettagli