LE ALTRE TIPOLOGIE DI IMPIANTO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LE ALTRE TIPOLOGIE DI IMPIANTO"

Transcript

1 LE ALTRE TIPOLOGIE DI IMPIANTO impianti per la distribuzione e l'utilizzazione di gas di qualsiasi tipo, comprese le opere di evacuazione dei prodotti della combustione e ventilazione ed aerazione dei locali impianti di sollevamento di persone o di cose per mezzo di ascensori, di montacarichi, di scale mobili e simili impianti di protezione antincendio

2 LE ALTRE TIPOLOGIE DI IMPIANTO Le imprese realizzano gli impianti secondo la regola dell'arte, in conformità alla normativa vigente e sono responsabili della corretta esecuzione degli stessi. Gli impianti realizzati in conformità a: vigente normativa norme dell'uni norme CEI norme di altri Enti di normalizzazione appartenenti agli Stati membri secondo la regola dell'arte

3 IMPIANTO DEL GAS - DOMESTICO In entrambi i sistemi l utente deve rispettare comportamenti idonei a non incorrere in gravi rischi 1. l apparecchio a gas deve essere posizionato in un ambiente adeguatamente areato della casa, per favorire la corretta combustione dell ossigeno 2. provvedere alla manutenzione periodica dell impianto 3. controllate sempre il buon funzionamento delle manopole e che la fiamma sia regolare e di colore azzurro

4 IMPIANTO DEL GAS - DOMESTICO Elementi di un impianto a norma

5 IMPIANTO DEL GAS - DOMESTICO In entrambi i sistemi l utente deve rispettare comportamenti idonei a non incorrere in gravi rischi 4. se vi assentate da casa per periodi lunghi, chiudete gli interruttori dell impianto 5. non lasciate mai sul fuoco a lungo pentole con acqua in ebollizione: il rischio è che il liquido trasbordi, spenga la fiamma e il gas continui a fuoriuscire senza la combustione In commercio esistono sistemi di cottura che bloccano l erogazione del gas se si interrompe la combustione

6 IMPIANTO DEL GAS - DOMESTICO In entrambi i sistemi l utente deve rispettare comportamenti idonei a non incorrere in gravi rischi 6. Qualora il vostro impianto sia ad accensione manuale, fate attenzione a rispettare rigidamente la procedura Procedura di Sicurezza per l Accensione dei Fornelli 1. accedente il fiammifero 2. lo avvicinate al bruciatore 3. e solo in questo momento aprite il gas.

7 IMPIANTO DEL GAS - DOMESTICO In entrambi i sistemi l utente deve rispettare comportamenti idonei a non incorrere in gravi rischi 6. Controllare periodicamente la buona condizione del tubo che collega l impianto di cottura al rubinetto del gas Ogni 40 cm il tubo deve riportare le caratteristiche dello stesso, chi lo ha fabbricato, ma soprattutto la data di scadenza

8 IMPIANTO DEL GAS - DOMESTICO In entrambi i sistemi l utente deve rispettare comportamenti idonei a non incorrere in gravi rischi Sostituirlo quando è scaduto o comunque appare deteriorato, perché la sua integrità è un fattore critico di estrema importanza 7. Assicuratevi che non sia a contatto con il forno, che non sia piegato o schiacciato, che non abbia subito abrasioni e danneggiamenti di varia natura

9 SICUREZZA USO BOMBOLE DEL GAS non devono essere installate: 1. a livello più basso del suolo 2. in prossimità di materiali combustibili, impianti elettrici, prese d aria, condotti e aperture comunicanti con locali posti a livello inferiore

10 SICUREZZA USO BOMBOLE DEL GAS 3. Eseguire correttamente il collegamento con la tubazione (allacciamento) 4. La verifica dell allacciamento si deve effettuare con acqua saponata o con soluzioni tensioattive, mai con fiamme libere

11 SICUREZZA USO BOMBOLE OSSIGENO Sono impiegate per arricchire l aria da inspirare mediante somministrazione di ossigeno in caso di bassa saturazione DEVONO ESSERE CORREDATE DI: erogatore O 2 (centralizzato O 2 ) in bombola gorgogliatore o umidificatore acqua distillata maschera o occhiale per ossigeno sonda monouso

12 SICUREZZA USO BOMBOLE OSSIGENO CALCOLO DEL CONTENUTO DI OSSIGENO una bombola ha un contenuto di 10litri e il manometro segna 200 atm, ne risulta un contenuto di 2000litri di ossigeno: con un consumo di 2llitri al minuto la bombola sarà vuota dopo 16 ore circa

13 SICUREZZA USO BOMBOLE OSSIGENO PROCEDURA DI SICUREZZA (ATTIVAZIONE) Controllare la bombola (colore ed etichetta) Togliere il cappuccio protettivo (l interruttore generale deve essere chiuso) Svitare il tappo della valvola Aprire lentamente l interruttore generale (per eliminare eventuali particelle di polvere) Attaccare il manometro, completo di flussometro, in verticale e chiudere la valvola di precisione (serve a regolare la quantità di litri di ossigeno al minuto) Collegare il gorgogliatore al portagomma già sterilizzato e riempito di acqua distillata fino al livello indicato Collegare la sonda provvista di maschera od occhialini al gorgogliatore Regolare il numero di litri da erogare Sorvegliare l ospite

14 SICUREZZA USO BOMBOLE OSSIGENO GESTIRE LE BOMBOLE IN MODO SICURO PRECAUZIONI D USO Aprire sempre lentamente la manopola (volantino): un apertura troppo rapida può mettere fuori uso il manometro Attenersi scrupolosamente alle norme in vigore che regolano il collaudo e la detenzione del certificato bombola insieme alle norme sull utilizzo di gas uso medico in bombole Si consiglia di eseguire almeno una volta all anno una manutenzione, solo da personale autorizzato al fine di garantire la perfetta funzionalità e sicurezza

15 SICUREZZA USO BOMBOLE OSSIGENO GESTIRE LE BOMBOLE IN MODO SICURO PRECAUZIONI D USO - E VIETATO: usare lubrificanti (pericolo di scoppio) fare manovre di spostamento manuale della bombola facendo leva sul gruppo valvola usare la valvola per sostenere oggetti o materiali (tubi di gomma, indumenti) intervenire sulla valvola con mani o stracci unti o sporchi usare pressioni di alimentazione e di utilizzo non corrette

16 SICUREZZA USO BOMBOLE OSSIGENO GESTIRE LE BOMBOLE IN MODO SICURO PRECAUZIONI D USO - E VIETATO: non chiudere la valvola con la manopola (volantino) al termine dell utilizzo manipolare la valvola o sottoporla a revisione da personale non autorizzato

17 SICUREZZA USO BOMBOLE OSSIGENO GESTIRE LE BOMBOLE IN MODO SICURO RISCHI E PRECAUZIONI Lo scoppio può avvenire anche per forte urto o caduta Occorre allora che le bombole vengano fissate a pareti mediante catene, oppure fissate su appositi carrelli muniti di fissaggio della bombola rastrelliera Le bombole non devono essere su luoghi di passaggio o di persone o di mezzi

18

CASA DI RIPOSO VILLA BIANCA Istituto delle Suore Francescane di Cristo Re Via Bellavista, 8-31020 TARZO (TV)

CASA DI RIPOSO VILLA BIANCA Istituto delle Suore Francescane di Cristo Re Via Bellavista, 8-31020 TARZO (TV) GESTIONE DEI PRESIDI PER LA TERAPIA RESPIRATORIA 1. SCOPO Il presente protocollo è stato elaborato con lo scopo di: permettere un uniformità di comportamenti da parte dell equipe infermieristica per la

Dettagli

CAMPAGNA PROMOZIONALE PER L UTILIZZO IN SICUREZZA DEL GAS METANO

CAMPAGNA PROMOZIONALE PER L UTILIZZO IN SICUREZZA DEL GAS METANO CAMPAGNA PROMOZIONALE PER L UTILIZZO IN SICUREZZA DEL GAS METANO 1 IMPIANTI GAS: LE REGOLE GENERALI A chi mi devo rivolgere? Quando fate realizzare, revisionare o riparare i vostri impianti dovete rivolgervi,

Dettagli

Finalità e uso del libretto di istruzioni dell impianto termico

Finalità e uso del libretto di istruzioni dell impianto termico Finalità e uso del libretto di istruzioni dell impianto termico Impianto situato in.................................................................................. Via:..............................................................................

Dettagli

PROCEDURE DI SICUREZZA DA ADOTTARE NELL UTILIZZO DI BOMBOLE DI GAS COMPRESSI

PROCEDURE DI SICUREZZA DA ADOTTARE NELL UTILIZZO DI BOMBOLE DI GAS COMPRESSI UFFICI AMMINISTRATIVI SERVIZIO PREVENZIONE PROTEZIONE Lungarno Pacinotti, 44 56100 Pisa Tel. 050/2212140 Fax 050/2212663 E-mail spp@adm.unipi.it PROCEDURE DI SICUREZZA DA ADOTTARE NELL UTILIZZO DI BOMBOLE

Dettagli

LIBRETTO D USO E MANUTENZIONE IMPIANTO TERMICO In conformità a quanto previsto dal DM 37/08, art. 8, comma 2.

LIBRETTO D USO E MANUTENZIONE IMPIANTO TERMICO In conformità a quanto previsto dal DM 37/08, art. 8, comma 2. Premessa: LIBRETTO D USO E MANUTENZIONE IMPIANTO TERMICO In conformità a quanto previsto dal DM 37/08, art. 8, comma 2. Gentile cliente, l impianto termico può essere fonte di danni alle persone e/o alle

Dettagli

UNI CIG INDICE IMPARIAMO A CONOSCERE IL GAS COMPORTAMENTI DA SEGUIRE DOMANDE E RISPOSTE COME COMPORTARSI SE SI SENTE ODORE DI GAS

UNI CIG INDICE IMPARIAMO A CONOSCERE IL GAS COMPORTAMENTI DA SEGUIRE DOMANDE E RISPOSTE COME COMPORTARSI SE SI SENTE ODORE DI GAS INDICE IMPARIAMO A CONOSCERE IL GAS 1 COMPORTAMENTI DA SEGUIRE 4 DOMANDE E RISPOSTE 20 COME COMPORTARSI SE SI SENTE ODORE DI GAS 28 DICHIARAZIONE DI CONFORMITÁ DELL'IMPIANTO ALLA REGOLA D'ARTE 32 COSA

Dettagli

due LA SICUREZZA DEGLI APPARECCHI DOMESTICI CASA sicura GUIDA ALLA SICUREZZA NELL AMBIENTE DOMESTICO

due LA SICUREZZA DEGLI APPARECCHI DOMESTICI CASA sicura GUIDA ALLA SICUREZZA NELL AMBIENTE DOMESTICO due GUIDA ALLA SICUREZZA NELL AMBIENTE DOMESTICO CASA sicura LA SICUREZZA DEGLI APPARECCHI DOMESTICI Ministero delle Attività Produttive Direzione Generale Armonizzazione Mercati e Tutela Consumatori www.casasicura.info

Dettagli

UNITA DI STAFF SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE NORME DI SICUREZZA PER L UTILIZZO E LO STOCCAGGIO DI BOMBOLE DI GAS

UNITA DI STAFF SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE NORME DI SICUREZZA PER L UTILIZZO E LO STOCCAGGIO DI BOMBOLE DI GAS UNITA DI STAFF SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE NORME DI SICUREZZA PER L UTILIZZO E LO STOCCAGGIO DI BOMBOLE DI GAS MEDICALI COMPRESSI ALL INTERNO DELLE UNITA OPERATIVE REVISIONE DATA RSPPA 0 07/08/2003

Dettagli

Io saldo in Sicurezza.

Io saldo in Sicurezza. PROGRAMMA SICUREZZA INTEGRATA Io saldo in Sicurezza. Guida pratica. La tua Sicurezza inizia qui. L abitudine, a volte, genera una falsa sicurezza. La ripetizione quotidiana di gesti che, nella loro semplicità,

Dettagli

Ossigenoterapia domiciliare. Manuale d uso per il paziente. Apparecchiature per ossigeno gassoso e accessori. Gruppo Sapio

Ossigenoterapia domiciliare. Manuale d uso per il paziente. Apparecchiature per ossigeno gassoso e accessori. Gruppo Sapio Ossigenoterapia domiciliare. Manuale d uso per il paziente. Apparecchiature per ossigeno gassoso e accessori. Gruppo Sapio Ossigenoterapia Servizi di Homecare Chi contattare in caso di necessità Farmacia

Dettagli

SICURO GAS. Ministero dell Interno Dipartimento dei Vigili del Fuoco del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile

SICURO GAS. Ministero dell Interno Dipartimento dei Vigili del Fuoco del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile Ministero dell Interno Dipartimento dei del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile GAS SICURO GAS Informazioni di sicurezza e antincendio per gli utenti di gas naturale e GPL In collaborazione con: FEDERCHIMICA

Dettagli

Calorama SSI 3000. Caratteristiche tecniche. Calorama SSI 3000 cod. 218 BAR CODE: 8015937122185. Sicurezza e Qualità

Calorama SSI 3000. Caratteristiche tecniche. Calorama SSI 3000 cod. 218 BAR CODE: 8015937122185. Sicurezza e Qualità Calorama SSI 3000 La linea di Radiatori a gas CALORAMA SSI nasce dall esigenza di avere un sistema di riscaldamento di alta qualità, semplice nella gestione,dalla linea elegante e adattabile ad ogni ambiente.

Dettagli

NORME TECNICHE IMPIANTI GAS. Norme pubblicate sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana. (Indice di norme integrale in formato pdf)

NORME TECNICHE IMPIANTI GAS. Norme pubblicate sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana. (Indice di norme integrale in formato pdf) NORME TECNICHE IMPIANTI GAS Norme pubblicate sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana (Indice di norme integrale in formato pdf) N.B. Per aprire i files delle norme, che sono in formato PDF,

Dettagli

Multistrato per gas Il quadro normativo

Multistrato per gas Il quadro normativo Multistrato per gas Il quadro normativo DM. 37/2008 (in vigore dal 27/03/2008 ex L. 46/1990) Il DM 37/2008 si applica agli impianti posti al servizio degli edifici, indipendentemente dalla destinazione

Dettagli

LE SOSTANZE PERICOLOSE

LE SOSTANZE PERICOLOSE SICUREZZA NELLA CASE Incontro informativo a cura dei vigili del fuoco L INCENDIO LE SOSTANZE PERICOLOSE IL RISCHIO ELETTRICO IL GAS COMBUSTIBILE ALTRI RISCHI DOMESTICI COSA FARE IN CASO DI LE SOSTANZE

Dettagli

VitalAire. VitalAire. Ossigenoterapia Domiciliare. Bombole di ossigeno gassoso e relativi accessori Istruzioni per l uso. Contatti

VitalAire. VitalAire. Ossigenoterapia Domiciliare. Bombole di ossigeno gassoso e relativi accessori Istruzioni per l uso. Contatti TM VitalAire Contatti VITALAIRE ITALIA S.p.A. Via Ciardi, 9 20148 Milano Tel. 02 4021.1 - Fax 02 4021806 Centro Sanità Nord Ovest Domiciliare Milano Via T. Edison, 50 20090 TrezzanoS/Naviglio (MI) Torino

Dettagli

INFORMAZIONI UTILI PER LA SICUREZZA DEGLI IMPIANTI A GAS 1

INFORMAZIONI UTILI PER LA SICUREZZA DEGLI IMPIANTI A GAS 1 PARTE E INFORMAZIONI UTILI PER LA SICUREZZA DEGLI IMPIANTI A GAS 1 PREMESSA Cucinare, lavarsi o riscaldarsi: tanti piccoli gesti quotidiani, semplici e sicuri anche grazie al metano Proprio perché si tratta

Dettagli

Clienti A2A: protagonisti della sicurezza.

Clienti A2A: protagonisti della sicurezza. LA SICUREZZA IN OGNI CASA È IL VALORE CHE UNISCE I CLIENTI A2A. Scopri 6 regole e 5 consigli per l utilizzo corretto del gas. Clienti A2A: protagonisti della sicurezza. Fissare appuntamento con tecnico

Dettagli

Note d impiego e Tecniche per l installazione

Note d impiego e Tecniche per l installazione SLBD 14S Note d impiego e Tecniche per l installazione Prodotto /Produzione Certificato da: Certificato Gastec CE 0694 Pin NO:0694BP0087 Il produttore, nel continuo processo di sviluppo dei propri prodotti,

Dettagli

Merloni Elettrodomestici. Manuale Tecnico di Incasso FORNI. Lingua Emissione/Edizione Pagina I 99-09-16/01 1-18

Merloni Elettrodomestici. Manuale Tecnico di Incasso FORNI. Lingua Emissione/Edizione Pagina I 99-09-16/01 1-18 I 99-09-16/01 1-18 Indice 1 DIMENSIONI DI INGOMBRO E DI INCASSO 3 1.1 Forno da 60 cm 3 1.2 Maxiforno 4 2 INSTALLAZIONE FORNO DA INCASSO 5 3 DA INCASSO A GAS - REQUISITI PER L INSTALLAZIONE 6 4 FISSAGGIO

Dettagli

MANUALE DI SICUREZZA PER LA MANIPOLAZIONE DI BOMBOLE DI GAS COMPRESSO. Azienda Ospedaliera Nazionale SS. Antonio e Biagio e Cesare Arrigo Alessandria

MANUALE DI SICUREZZA PER LA MANIPOLAZIONE DI BOMBOLE DI GAS COMPRESSO. Azienda Ospedaliera Nazionale SS. Antonio e Biagio e Cesare Arrigo Alessandria Azienda Ospedaliera Nazionale SS. Antonio e Biagio e Cesare Arrigo Alessandria S.C. Servizio Prevenzione e Protezione Direttore: ing. Alberto Peracchio MANUALE DI SICUREZZA PER LA MANIPOLAZIONE DI BOMBOLE

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PROCEDURE PROCEDURA H. Procedura utilizzo gas compressi

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PROCEDURE PROCEDURA H. Procedura utilizzo gas compressi DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PROCEDURE EDIZIONE N 01 REVISIONE N 00 DATA 20/06/08 SEZIONE 08 PAGINA 1 di 3 PROCEDURA H Procedura utilizzo gas compressi Le bombole di gas compresso sono costituite

Dettagli

Alunno...classe...data...

Alunno...classe...data... ERIICA DI EDUCAZIONE TECNICA UN MONDO NEL SOTTOSUOLO LA RETE DI DISTRIBUZIONE DEL GAS IMPIANTI DOMESTICI MANUTENZIONE E SICUREZZA DELL IMPIANTO A GAS DOMESTICO Esercizio n. 1 - Rispondi alle seguenti domande:

Dettagli

E TEMPO DI ACCENDERE LA CALDAIA: LE ISTRUZIONI PER LA SICUREZZA DEGLI IMPIANTI A GAS

E TEMPO DI ACCENDERE LA CALDAIA: LE ISTRUZIONI PER LA SICUREZZA DEGLI IMPIANTI A GAS Dalla metà di ottobre ripartono I riscaldamenti: i consigli del CIG, Ente federato UNI E TEMPO DI ACCENDERE LA CALDAIA: LE ISTRUZIONI PER LA SICUREZZA DEGLI IMPIANTI A GAS In caso di incidente esiste un'assicurazione

Dettagli

ESTINTORI A POLVERE. È costituito da un involucro in lamiera d acciaio, pressurizzato con gas inerte (solitamente azoto) a circa 12 ATM

ESTINTORI A POLVERE. È costituito da un involucro in lamiera d acciaio, pressurizzato con gas inerte (solitamente azoto) a circa 12 ATM ESTINTORI A POLVERE La polvere antincendio è composta principalmente da composti salini quali bicarbonato di sodio o potassio con l aggiunta di collante e additivi per migliorarne le qualità di fluidità

Dettagli

Sicurezza gas. Ecco i 10 buoni consigli: prova a seguirli, non te ne pentirai.

Sicurezza gas. Ecco i 10 buoni consigli: prova a seguirli, non te ne pentirai. Sicurezza gas. Ecco i 10 buoni consigli: prova a seguirli, non te ne pentirai. 1 No fai da te Il fai da te sull impianto del gas combustibile è vietato. Tutte le operazioni di manutenzione, ordinaria e

Dettagli

L A B O R A T O R I N A Z I O N A L I D I FRAS C A T I

L A B O R A T O R I N A Z I O N A L I D I FRAS C A T I L A B O R A T O R I N A Z I O N A L I D I FRAS C A T I DOC-LNF-0000546 Marzo 2005 NORME PER L'UTILIZZO DI GAS COMPRESSI NEI LNF I Definizioni DOC-LNF-0000546 BOMBOLE: recipienti a pressione per gas o liquidi

Dettagli

I&Q STUDIO TECNICO ASSOCIATO COMUNE DI SEGRATE PROVINCIA DI MILANO

I&Q STUDIO TECNICO ASSOCIATO COMUNE DI SEGRATE PROVINCIA DI MILANO I&Q STUDIO TECNICO ASSOCIATO COMUNE DI SEGRATE PROVINCIA DI MILANO AL COMANDO PROVINCIALE DEI VV.F. DI MILANO Ufficio Prevenzione Incendi Relazione tecnica concernente l installazione di cucina per ristorante

Dettagli

Saldatura e taglio ossigas Distribuzione gas industriali

Saldatura e taglio ossigas Distribuzione gas industriali DISTRIBUZIONE GAS INDUSTRIALI INTRODUZIONE INTRODUZIONE Il presente catalogo riguarda i più comuni materiali di nostra produzione relativi agli impianti centralizzati per la distribuzione dei gas a pressioni

Dettagli

Scaldabagno istantaneo a gas ad accensione elettronica

Scaldabagno istantaneo a gas ad accensione elettronica 6 720 606 716 (02.03) JS Istruzioni d'installazione ed utilizzo Scaldabagno istantaneo a gas ad accensione elettronica Per la vostra sicurezza Se avvertite odore di gas: - Chiudete il rubinetto del gas

Dettagli

Manuale utente per il modello

Manuale utente per il modello Manuale utente per il modello RBS 24 Elite Caldaia murale istantanea con scambiatore integrato CE 0694 Documentazione Tecnica RADIANT BRUCIATORI S.p.A. Montelabbate (PU) ITALY RBS 24 - RAD - ITA - MAN.UT

Dettagli

Apparecchiatura per il trattamento di acque potabili 18-20 SMART UNDER - 18-20 SMART UNDER F - 18-20 SMART UNDER S

Apparecchiatura per il trattamento di acque potabili 18-20 SMART UNDER - 18-20 SMART UNDER F - 18-20 SMART UNDER S 18-20 SMART UNDER - 18-20 SMART UNDER F - 18-20 SMART UNDER S Apparecchiatura per il trattamento di acque potabili Manuale per l installazione, l uso, e la manutenzione (Ita) 1 2 3 4 5 6 7 1) Regolatore

Dettagli

UTILIZZO IN SICUREZZA DEI GAS MEDICALI E TECNICI COMPRESSI ALL INTERNO DELLE UNITA OPERATIVE E DEI SERVIZI

UTILIZZO IN SICUREZZA DEI GAS MEDICALI E TECNICI COMPRESSI ALL INTERNO DELLE UNITA OPERATIVE E DEI SERVIZI pag. 1/34 UTILIZZO IN SICUREZZA DEI GAS MEDICALI E TECNICI COMPRESSI ALL INTERNO DELLE UNITA OPERATIVE E DEI SERVIZI File: Elaborazione : Stefania Bertoldo Servizio Prevenzione Protezione; Francesco Parolotti

Dettagli

The Tube 40011167-1120. Installazione e manuale dell'utente

The Tube 40011167-1120. Installazione e manuale dell'utente The Tube 40011167-1120 IT Installazione e manuale dell'utente IT 1.1 A 1.1 B 1.1 C Vetro 1.2 A 1.2 B 1.2 C A 1.3 1 < < < < 1.5 1.6 1.7 2 < < < < 1 Introduzione Il Tube è destinato esclusivamente all'uso

Dettagli

MODELLO WR275-4K...B... WR350-4K...B... WR400-4K...B... NUMERO CE CE 0064 AR 0159 CATEGORIA II 2H3+ B 11 y B 11BS TIPO 23 D 31 V 23 D 31 V 23 D

MODELLO WR275-4K...B... WR350-4K...B... WR400-4K...B... NUMERO CE CE 0064 AR 0159 CATEGORIA II 2H3+ B 11 y B 11BS TIPO 23 D 31 V 23 D 31 V 23 D 6 720 605 391 (01 05) AL Istruzioni di installazione ed utilizzo Scaldabagno istantaneo a gas ad accensione elettronica WR 275-4 K B WR 350-4 K B WR 400-4 K B Per la vostra sicurezza Se avvertire odore

Dettagli

CASA SICURA C O R P O N A Z I O N A L E

CASA SICURA C O R P O N A Z I O N A L E CASA SICURA FUOCO DEL VIGILI C O R P O N A Z I O N A L E A cura del Ministero dell Interno Dipartimento dei Vigili del Fuoco del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile Ufficio Comunicazione Esterna In

Dettagli

MODELLO LM 10 PVH.I LM 13 PVH.I LM 16 PVH.I B 11BS

MODELLO LM 10 PVH.I LM 13 PVH.I LM 16 PVH.I B 11BS 6 720 606 477 (01 07) JS Istruzioni di installazione ed utilizzo Scaldabagno istantaneo a gas ad accensione elettronica a batteria LM 10 PVH I LM 13 PVH I LM 16 PVH I Per la vostra sicurezza Se avvertite

Dettagli

E indispensabile, nei locali dove avviene una combustione, la presenza di prese di ventilazione che permetta l afflusso continuo di aria.

E indispensabile, nei locali dove avviene una combustione, la presenza di prese di ventilazione che permetta l afflusso continuo di aria. AMBIENTE SICURO Nell ambito del lavoro dedicato alle scuole e alle famiglie per la prevenzione degli incidenti domestici, abbiamo tradotto una sintesi dedicata alle varie etnie che vivono nel Paese. Queste,

Dettagli

PIANO DELLE MISURE PER LA SICUREZZA DEI LAVORATORI ( DLgs 9 aprile 2008, n. 81 ed integrazione DLgs 3 agosto 2009, n. 106 )

PIANO DELLE MISURE PER LA SICUREZZA DEI LAVORATORI ( DLgs 9 aprile 2008, n. 81 ed integrazione DLgs 3 agosto 2009, n. 106 ) Allegato 06 REGISTRO CONTROLLI PRESIDI E SISTEMI ANTINCENDIO CASSETTA DI PRIMO SOCCORSO DLgs 9 aprile 2008, n. 81 ed integrazioni DLgs 3 agosto 2009, n. 106 PIANO DELLE MISURE PER LA SICUREZZA DEI LAVORATORI

Dettagli

Manuale utente RSF 20 /S. per il modello. Caldaia murale istantanea a gas a camera stagna CE 0694 RSF 20_S - RAD - ITA - MAN.UT - 0113.

Manuale utente RSF 20 /S. per il modello. Caldaia murale istantanea a gas a camera stagna CE 0694 RSF 20_S - RAD - ITA - MAN.UT - 0113. Manuale utente per il modello RSF 20 /S Caldaia murale istantanea a gas a camera stagna CE 0694 RSF 20_S - RAD - ITA - MAN.UT - 0113.1-40-00068 Documentazione Tecnica RADIANT BRUCIATORI S.p.A. Montelabbate

Dettagli

Corretto uso delle attrezzature TECNICHE DI ATTACCO

Corretto uso delle attrezzature TECNICHE DI ATTACCO LE TECNICHE DI ATTACCO E buona norma, prima di iniziare l intervento, dedicare due minuti alle comunicazioni con il DOS, descrivendo la situazione in atto. Per spegnere un incendio boschivo è indispensabile

Dettagli

Università degli Studi della Basilicata Documento di valutazione del rischio D.Lgs. 81/08 Scheda informativa GENERALE BOMBOLE DI GAS NEI LABORATORI

Università degli Studi della Basilicata Documento di valutazione del rischio D.Lgs. 81/08 Scheda informativa GENERALE BOMBOLE DI GAS NEI LABORATORI 09/ 03/ 2015 rev.1 Università degli Studi della Basilicata Documento di valutazione del rischio D.Lgs. 81/08 Scheda informativa GENERALE BOMBOLE DI GAS NEI LABORATORI Scheda Gen/ 8 DEFI NI ZI ONI Si definiscono:

Dettagli

Crux TM. Canister mounted stove for outdoor use SWE OPTIMUS CLEVER COOKING SINCE 1899

Crux TM. Canister mounted stove for outdoor use SWE OPTIMUS CLEVER COOKING SINCE 1899 Crux TM Canister mounted stove for outdoor use OIMUS CLEVER COOKING SINCE 1899 Figure [1] Figure [2] O-ring Art. No. 8017867 Figure [3] Figure [4] Figure [5] Figure [6] italiano LA SICUREZZA PRIMA DI TUTTO

Dettagli

un iniziativa di Air Liquide Welding in collaborazione con:

un iniziativa di Air Liquide Welding in collaborazione con: CAMPAGNA EUROPEA SULLA MANUTENZIONE SICURA un iniziativa di Air Liquide Welding in collaborazione con: nell ambito della Campagna europea Ambienti di lavoro sani e sicuri Promossa in Italia da ISPESL Focal

Dettagli

(IT) ISTRUZIONI PER L'INSTALLAZIONE, MANUTENZIONE ED USO DEI PIANI COTTURA DA INCASSO A GAS E MISTI 92,5X54 cm (TIPO P92/P92V)

(IT) ISTRUZIONI PER L'INSTALLAZIONE, MANUTENZIONE ED USO DEI PIANI COTTURA DA INCASSO A GAS E MISTI 92,5X54 cm (TIPO P92/P92V) (IT) pagina. 2 ISTRUZIONI PER L'INSTALLAZIONE, MANUTENZIONE ED USO DEI PIANI COTTURA DA INCASSO A GAS E MISTI 92,5X54 cm (TIPO P92/P92V) Queste istruzioni sono valide solamente per i paesi di destinazione

Dettagli

Università degli Studi della Basilicata Documento di valutazione del rischio D.Lgs.81/08 PROCEDURA OPERATIVA DI SICUREZZA

Università degli Studi della Basilicata Documento di valutazione del rischio D.Lgs.81/08 PROCEDURA OPERATIVA DI SICUREZZA 08/04/2010 rev.1.1 Università degli Studi della Basilicata Documento di valutazione del rischio D.Lgs.81/08 PROCEDURA OPERATIVA DI SICUREZZA UTILIZZO DI BOMBOLE DI GAS NEI LABORATORI Scheda POS/2 Oggetto

Dettagli

NORME ISO 7396-1 e ISO 7396-2

NORME ISO 7396-1 e ISO 7396-2 NORME ISO 7396-1 e ISO 7396-2 Relazioni con il D.M. 18/09/2002 - La Guida AIIGM Elio PATETTA Dottore in Ingegneria Biomedica Vice Presidente AIIGM CORSO DI FORMAZIONE CARATTERISTICHE E PROGETTAZIONE DEGLI

Dettagli

PRESENZA DI GAS NELL ABITAZIONE?

PRESENZA DI GAS NELL ABITAZIONE? a cura di: PRESENZA DI GAS NELL ABITAZIONE? I gas che possiamo trovare all interno delle nostre abitazioni, a causa di guasti, mancata manutenzione, malfunzionamenti, errata installazione, errato utilizzo,

Dettagli

uno LA SICUREZZA DEGLI IMPIANTI DOMESTICI CASA sicura GUIDA ALLA SICUREZZA NELL AMBIENTE DOMESTICO

uno LA SICUREZZA DEGLI IMPIANTI DOMESTICI CASA sicura GUIDA ALLA SICUREZZA NELL AMBIENTE DOMESTICO uno GUIDA ALLA SICUREZZA NELL AMBIENTE DOMESTICO CASA sicura LA SICUREZZA DEGLI IMPIANTI DOMESTICI Direzione Generale Armonizzazione Mercati www.casasicura.info Il rischio gas in casa COSA SI RISCHIA L

Dettagli

Scaldabagno istantaneo a gas ad accensione piezoelettrica

Scaldabagno istantaneo a gas ad accensione piezoelettrica 6 720 605 025 IT (03.10) AL Istruzioni di installazione ed utilizzo Scaldabagno istantaneo a gas ad accensione piezoelettrica W 125-2 KV.. W 275-2 KV... Per la vostra sicurezza Se avvertite odore di gas:

Dettagli

Istruzioni d uso e manutenzione degli impianti termici a gas con portata termica fino a 35 kw

Istruzioni d uso e manutenzione degli impianti termici a gas con portata termica fino a 35 kw Istruzioni d uso e manutenzione degli impianti termici a gas con portata termica fino a 35 kw Allegati alla Dichiarazione di conformità n data Committente. Le presenti istruzioni d uso e manutenzione dell

Dettagli

L ESTINZIONE DEGLI INCENDI. L estinzione degli incendi -- Programma LEONARDO

L ESTINZIONE DEGLI INCENDI. L estinzione degli incendi -- Programma LEONARDO L ESTINZIONE DEGLI INCENDI L estinzione degli incendi Per interrompere la reazione di combustione, bisogna eliminare almeno uno dei tre fattori indispensabile alla sua esistenza, che sono: combustibile

Dettagli

RIVELATORI DI FUGHE DI GAS METANO E GPL

RIVELATORI DI FUGHE DI GAS METANO E GPL RIVELATORI DI FUGHE DI GAS METANO E GPL P21 - P22 Sicurgas P21 e P22 è un dispositivo che, mediante una sensibilissima sonda, rivela la presenza di concentrazioni di gas metano (P21) e GPL (P22) in ambienti

Dettagli

Istruzioni per l installazione

Istruzioni per l installazione Istruzioni per l installazione Opalia C 11 E - A/1 Opalia C 14 E - A/1 Sempre al tuo fianco Istruzioni per l installazione Indice 1 Avvertenze sulla documentazione pag 2 2 Descrizione dell apparecchio

Dettagli

PROCEDURA PER LA GESTIONE IN SICUREZZA DELLE BOMBOLE DI OSSIGENO

PROCEDURA PER LA GESTIONE IN SICUREZZA DELLE BOMBOLE DI OSSIGENO PROCEDURA PER LA GESTIONE IN SICUREZZA DELLE BOMBOLE DI OSSIGENO INDICE INDICE... 1 1. SCOPO... 2 2. CAMPO DI APPLICAZIONE... 2 3. TERMINI ED ABBREVIAZIONI... 2 4. DESTINATARI DELLA PROCEDURA... 3 5. MODALITA

Dettagli

La Saldatura e il Taglio OSSIGAS

La Saldatura e il Taglio OSSIGAS La Saldatura e il Taglio OSSIGAS GENERALITA SULLA FIAMMA E SULL USO DELLE ATTREZZATURE MKTV/CZ 10/05 R1 GENERALITA Sia la saldatura che il taglio ossigas avvengono grazie ad una fiamma ottenuta con la

Dettagli

Un carico utilizzatore della potenza di 1000 W deve essere protetto da interruttore magnetotermico? Risposta di: Fausto LEONE Data: 5 maggio 2006

Un carico utilizzatore della potenza di 1000 W deve essere protetto da interruttore magnetotermico? Risposta di: Fausto LEONE Data: 5 maggio 2006 Quesito QET.001 ELETTROTECNICA Un carico utilizzatore della potenza di 1000 W deve essere protetto da interruttore magnetotermico? Risposta di: Fausto LEONE Data: 5 maggio 2006 I conduttori attivi devono

Dettagli

UNI 10738. Impianti alimentati a gas combustibile per uso domestico preesistenti alla data del 13 marzo 1990 PREMESSA

UNI 10738. Impianti alimentati a gas combustibile per uso domestico preesistenti alla data del 13 marzo 1990 PREMESSA UNI 10738 Impianti alimentati a gas combustibile per uso domestico preesistenti alla data del 13 marzo 1990 1 Scopo e campo di applicazione La presente norma fornisce le linee guida per effettuare la verifica

Dettagli

RACCOMANDAZIONE DI SICUREZZA RS07 Norme, prescrizioni e raccomandazioni per la sicurezza e la prevenzione degli infortuni negli stabilimenti Linde

RACCOMANDAZIONE DI SICUREZZA RS07 Norme, prescrizioni e raccomandazioni per la sicurezza e la prevenzione degli infortuni negli stabilimenti Linde RACCOMANDAZIONE DI SICUREZZA 1. INTRODUZIONE Vengono qui riportate le nozioni fondamentali che regolano i comportamenti, morali e giuridici dei lavoratori, in modo da permettere che la condotta di ogni

Dettagli

STIng Dott. Ing. Attilio Valentini Impianti e Sicurezza

STIng Dott. Ing. Attilio Valentini Impianti e Sicurezza STIng Dott. Ing. Attilio Valentini Impianti e Sicurezza LEGISLAZIONE E NORMATIVE DI RIFERIMENTO DM 22.01.2008, n. 37 - Regolamento concernente l'attuazione dell'articolo 11-quaterdecies, comma 13, lettera

Dettagli

- Procedura Operativa

- Procedura Operativa INTERVENTI DI MANUTENZIONE E DI RIMOZIONE DI TUBATURE IDRICHE IN CEMENTO-AMIANTO - Procedura Operativa 1 Predisposizione dell area cantiere 2 Esecuzione dello scavo e messa allo scoperto della tubazione

Dettagli

Manuale utente RSA 28 /25. per il modello

Manuale utente RSA 28 /25. per il modello Manuale utente per il modello RSA 28 /25 Caldaia murale a camera stagna con accumulo CE 0694 RSA 28.25 - RAD - ITA - MAN.UT - 1304.1 - DIGITECH TR - MIAH6 Documentazione Tecnica RADIANT BRUCIATORI S.p.A.

Dettagli

Gap gas frontale FUOCO SENZA FUMO FUOCO A GAS L ORIGINALE THE FLAME IL FUOCO DECORATIVO

Gap gas frontale FUOCO SENZA FUMO FUOCO A GAS L ORIGINALE THE FLAME IL FUOCO DECORATIVO Gap gas frontale FUOCO SENZA FUMO FUOCO A GAS F U O C O S E N Z A F U M O L ORIGINALE THE FLAME IL FUOCO DECORATIVO CAMINETTI A GAS Gap gas frontale Caminetti a gas THE FLAME La nuova generazione di caminetti

Dettagli

AMBIENTE DI LAVORO SALDATURA FOCUS DAY REGIONALE SULLA SALUTE E SICUREZZA NEL MONDO DELLA SALDATURA. 24 maggio 2007, Vicenza

AMBIENTE DI LAVORO SALDATURA FOCUS DAY REGIONALE SULLA SALUTE E SICUREZZA NEL MONDO DELLA SALDATURA. 24 maggio 2007, Vicenza ULSS N.6 VICENZA SPISAL Servizio Prevenzione Igiene e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro con il contributo Istituto Italiano della Saldatura SALDATURA & AMBIENTE DI LAVORO FOCUS DAY REGIONALE SULLA SALUTE

Dettagli

LIBRETTO INSTALLAZIONE, USO E MANUTENZIONE VASCA IDROMASSAGGIO

LIBRETTO INSTALLAZIONE, USO E MANUTENZIONE VASCA IDROMASSAGGIO LIBRETTO INSTALLAZIONE, USO E MANUTENZIONE VASCA IDROMASSAGGIO 1.FUNZIONI ED EQUIPAGGIAMENTO TIPO MODELLO MISURE VASCA IDROMASSAGGIO I-VI04 170x80x60 cm I-VI05 180x110x65 cm ISTRUZIONI PER L USO 1. RIEMPIMENTO

Dettagli

Istruzioni d uso e manutenzione degli impianti termici a gas con portata termica fino a 35 kw

Istruzioni d uso e manutenzione degli impianti termici a gas con portata termica fino a 35 kw PROVINCIA DI POTENZA Istruzioni d uso e manutenzione degli impianti termici a gas con portata termica fino a 35 kw dd rf f rt t 54+ à+àddedefff àf N 1 DEFINIZIONI impianto termico: un impianto tecnologico

Dettagli

Flavio Paglierini Via Via Cesare Battisti 254 scala: piano: 2 interno: 5 41126 Modena (MO) Nuovo impianto di riscaldamento in civile abitazione.

Flavio Paglierini Via Via Cesare Battisti 254 scala: piano: 2 interno: 5 41126 Modena (MO) Nuovo impianto di riscaldamento in civile abitazione. DICHIARAZIONE DI CONFORMITÁ DELL'IMPIANTO ALLA REGOLA DELL'ARTE art. 7, Decreto 22 gennaio 2008, n. 37 Prot. N 0006-2010 Data 12/03/2010 Committente: Ubicazione Descrizione: Flavio Paglierini Via Via Cesare

Dettagli

Cod. 252.188.00 MOD. 65-110 CFGG IT - CAT. II 2H3+ Cod. 252.167.01

Cod. 252.188.00 MOD. 65-110 CFGG IT - CAT. II 2H3+ Cod. 252.167.01 ~ ~ Cod. 252.188.00 Cod. 252.167.01 CUCINE CUCINE A GAS CON FORNO SERIE MAXI 9 MOD. 65-110 CFGG IT - CAT. II 2H3+ 0049 INDICE 1. Avvertenze 2. Rispondenza alle direttive "CEE" 2.1 Rispondenza alle Direttive

Dettagli

GOLVER SAFETY PRIMA DI TUTTO SICUREZZA. www.golver.it

GOLVER SAFETY PRIMA DI TUTTO SICUREZZA. www.golver.it GOLVER SAFETY PRIMA DI TUTTO SICUREZZA www.golver.it RIDUTTORI DI PRESSIONE NORMATIVA DI RIFERIMENTO EN ISO 2503 INNESTI RAPIDI AD OTTURATORE NORMATIVA DI RIFERIMENTO UNI EN 561 - ISO 7289 TUBI FLESSIBILI

Dettagli

Cod. 252.190.01 FRIGGITRICE A GAS 13 LITRI - SERIE 9 LD MOD. 90/40 FRG 13 90/80 FRG 13 110/40 FRG 13 IT CAT. II 2H3+

Cod. 252.190.01 FRIGGITRICE A GAS 13 LITRI - SERIE 9 LD MOD. 90/40 FRG 13 90/80 FRG 13 110/40 FRG 13 IT CAT. II 2H3+ Cod. 252.190.01 FRIGGITRICE A GAS 13 LITRI - SERIE 9 LD MOD. 90/40 FRG 13 90/80 FRG 13 110/40 FRG 13 IT CAT. II 2H3+ INDICE 1. Avvertenze 2. Rispondenza alle direttive "CEE" per apparecchiature a gas 3.

Dettagli

Allegati Obbligatori ( DM 37 / 2008 ) DICHIARAZIONE DI CONFORMITÀ N. DEL

Allegati Obbligatori ( DM 37 / 2008 ) DICHIARAZIONE DI CONFORMITÀ N. DEL DATI IDENTIFICATIVI DELL IMPIANTO Cod. rich. Venditore PDR Committente Impresa / Ditta Responsabile tecnico / Titolare La presente documentazione si riferisce alla seguente tipologia di intervento : impianto

Dettagli

CATEGORIA II 2H3+ TIPO B 11BS W 275-2 K V 1 E S...

CATEGORIA II 2H3+ TIPO B 11BS W 275-2 K V 1 E S... 6 720 605 025 PT 2000.03 Istruzioni di installazione ed utilizzo Scaldabagno istantaneo a gas ad accensione elettronica W 275-2 KV1 E... Per la vostra sicurezza Se avvertite odore di gas: - Chiudete il

Dettagli

La spia di alimentazione caldaia è accesa? Ripristinare la pressione con l apposito rubinetto verificare su libretto istruzioni apparecchio.

La spia di alimentazione caldaia è accesa? Ripristinare la pressione con l apposito rubinetto verificare su libretto istruzioni apparecchio. VERIFICA PRELIMINARE La spia di alimentazione caldaia è accesa? La pressione indicata nel manometro è superiore a 1 bar? La spina è correttamente collegata? La caldaia visualizza un blocco? Ripristinare

Dettagli

UNI 7271. Caldaie ad acqua funzionanti a gas con bruciatore atmosferico Prescrizioni di sicurezza

UNI 7271. Caldaie ad acqua funzionanti a gas con bruciatore atmosferico Prescrizioni di sicurezza 1 Generalità 1.1 Scopo La presente norma stabilisce un sistema di classificazione, le caratteristiche costruttive e di funzionamento ai fini della sicurezza nonché i metodi di prova delle a gas corredate

Dettagli

Il tuo manuale d'uso. AEG-ELECTROLUX S105GE http://it.yourpdfguides.com/dref/3898989

Il tuo manuale d'uso. AEG-ELECTROLUX S105GE http://it.yourpdfguides.com/dref/3898989 Può anche leggere le raccomandazioni fatte nel manuale d uso, nel manuale tecnico o nella guida di installazione di AEG- ELECTROLUX S105GE. Troverà le risposte a tutte sue domande sul manuale d'uso (informazioni,

Dettagli

L ENERGIA: Elettricità e Gas

L ENERGIA: Elettricità e Gas L ENERGIA: Elettricità e Gas Il gas riscalda le case, fa funzionare le automobili, alimenta le industrie. Viene da lontano e arriva nelle nostre case solo dopo il lungo viaggio che conosceremo. Tra i combustibili

Dettagli

Saldatura e taglio ossigas Accessori per saldatura ossigas

Saldatura e taglio ossigas Accessori per saldatura ossigas TUBI GOMMA Conformi alle norme EN559 e ISO3821- Alta flessibilità e maneggevolezza - Ottima tenuta del rivestimento agli agenti atmosferici - Resistenti alle combustioni in caso di ritorni di fiamma -

Dettagli

Scaldabagno istantaneo a gas con accensione a batteria

Scaldabagno istantaneo a gas con accensione a batteria 6 720 606 714 (02.04) JS Istruzioni d'installazione ed utilizzo Scaldabagno istantaneo a gas con accensione a batteria WR11 E... Per la vostra sicurezza Se avvertite odore di gas: - Chiudete il rubinetto

Dettagli

Due tasselli e ganci per il fissaggio MODELLO LM 10 H.. LM 13 H.. LM 16 H.. NUMERO CE CE 0064 AS 0032 CATEGORIA II 2H3+ B 11BS TIPO

Due tasselli e ganci per il fissaggio MODELLO LM 10 H.. LM 13 H.. LM 16 H.. NUMERO CE CE 0064 AS 0032 CATEGORIA II 2H3+ B 11BS TIPO 6 720 605 396 PT 2000.02 LM10H LM13H LM16H Istruzioni per l'installazione e l'utilizzo Scaldabagni istantanei a gas con accensione elettronica Apparecchi consegnati senza miscelatore modello e brevetti

Dettagli

Istruzioni per l installazione. Opalia F 11 E - A/2 Opalia F 14 E - A/2

Istruzioni per l installazione. Opalia F 11 E - A/2 Opalia F 14 E - A/2 Istruzioni per l installazione Opalia F 11 E - A/2 Opalia F 14 E - A/2 Istruzioni per l installazione Indice 1 Avvertenze sulla documentazione pag 2 2 Descrizione dell apparecchio pag 2 2.1 Targhetta

Dettagli

NORME DI PRONTO INTERVENTO IN CASO DI INCENDIO DPR 577/82

NORME DI PRONTO INTERVENTO IN CASO DI INCENDIO DPR 577/82 ALLEGATO 5 PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO ART. 91 DEL D.LGS. 81/08 ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DELLA LOMBARDIA E DELL EMILIA ROMAGNA Via Bianchi n. 7/9 BRESCIA TERZO LOTTO APPALTO RIMOZIONE

Dettagli

atmomag Istruzioni per l uso e l installazione Scaldabagno istantaneo a gas Per il tecnico abilitato/per l utente

atmomag Istruzioni per l uso e l installazione Scaldabagno istantaneo a gas Per il tecnico abilitato/per l utente Per il tecnico abilitato/per l utente Istruzioni per l uso e l installazione atmomag Scaldabagno istantaneo a gas atmomag mini -0/0 GX atmomag mini -0/0 XI IT Per l utente Istruzioni per l uso atmomag

Dettagli

Scaldabagno istantaneo a gas ad accensione elettronica

Scaldabagno istantaneo a gas ad accensione elettronica Istruzioni di installazione ed utilizzo Scaldabagno istantaneo a gas ad accensione elettronica Per la vostra sicurezza Se avvertire odore di gas: WR 275-5 K.B... WR 350-5 K.B... WR 400-5 K.B... 6 720 605

Dettagli

- quando all'accensione si sentono rumori non usuali; DOMANDE E RISPOSTE

- quando all'accensione si sentono rumori non usuali; DOMANDE E RISPOSTE DOMANDE E RISPOSTE V ediamo adesso di chiarire qualche dubbio che potrebbe essere rimasto dalla lettura delle pagine precedenti. - quando all'accensione si sentono rumori non usuali; - quando le manopole

Dettagli

Casistica penale Mantova, febbraio 2015

Casistica penale Mantova, febbraio 2015 ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI MANTOVA L INGEGNERIA GIURIDICA E FORENSE NEL SETTORE ANTINCENDI Casistica penale Mantova, febbraio 2015 Pippo Sergio Mistretta ingegnere forense p.mistretta1@virgilio.it

Dettagli

A cura del Servizio Documentazione Informazione e Didattica del Comando Provinciale Vigili del Fuoco di Bergamo

A cura del Servizio Documentazione Informazione e Didattica del Comando Provinciale Vigili del Fuoco di Bergamo A cura del Servizio Documentazione Informazione e Didattica del Comando Provinciale Vigili del Fuoco di Bergamo LA TELEFONATA E L INTERVENTO, QUALUNQUE ESSO SIA, SONO COMPLETAMENTE GRATUITI È molto importante

Dettagli

UNITA PER RECUPERO & RICICLO DI REFRIGERANTE DAI SITEMI A/C. Manuale d uso ITALIANO rev. 1. w w w. w i g a m. c o m SOMMARIO

UNITA PER RECUPERO & RICICLO DI REFRIGERANTE DAI SITEMI A/C. Manuale d uso ITALIANO rev. 1. w w w. w i g a m. c o m SOMMARIO UNITA PER RECUPERO & RICICLO DI REFRIGERANTE DAI SITEMI A/C Manuale d uso ITALIANO rev. 1 w w w. w i g a m. c o m SOMMARIO Schema idraulico... 3 Schema elettrico... 5 Norme di sicurezza... 6 1. Introduzione

Dettagli

SCHEDA II-1 Misure preventive e protettive in dotazione dell opera ed ausiliarie

SCHEDA II-1 Misure preventive e protettive in dotazione dell opera ed ausiliarie Tipologia dei lavori: INTERVENTI DI CONTROLLO E REVISIONE CODICE SCHEDA C 01 DISTRIBUZIONE ACQUA FREDDA E CALDA. VERIFICA FUNZIONAMENTO TERMINALI E RUBINETTI, VERIFICA DEGLI SCARICHI, VERIFICA DELLE TUBAZIONI

Dettagli

Cod. 252.173.01 FRIGGITRICE A GAS 8 LITRI - SERIE 65 MOD. 65-40 FRG 65-70 FRG IT CAT. II 2H3+

Cod. 252.173.01 FRIGGITRICE A GAS 8 LITRI - SERIE 65 MOD. 65-40 FRG 65-70 FRG IT CAT. II 2H3+ ~ ~ Cod. 252.173.01 FRIGGITRICE A GAS 8 LITRI - SERIE 65 MOD. 65-40 FRG 65-70 FRG IT CAT. II 2H3+ INDICE 1. Avvertenze 2. Rispondenza alle direttive "CEE" per apparecchiature a gas 3. Schemi di installazione

Dettagli

SICUREZZA DELLE VIE DI FUGA NEI PICCOLI LUOGHI DI LAVORO

SICUREZZA DELLE VIE DI FUGA NEI PICCOLI LUOGHI DI LAVORO SICUREZZA DELLE VIE DI FUGA NEI PICCOLI LUOGHI DI LAVORO Le vie di esodo costituiscono il primo problema da affrontare quando si progetta la sicurezza di un edificio. Infatti, la sicurezza delle persone

Dettagli

Caldaia murale a gas con piastra orizzontale

Caldaia murale a gas con piastra orizzontale Caldaia murale a gas con piastra orizzontale 6 0 60 09 I (00.0) OSW 99-./O 99-./O ZW /8- H A... ZW - H K... Indice Pagina Avvertenze Pannello di controllo 6 Messa in funzione dell apparecchio Controllare

Dettagli

Sommario. 2. Classificazione dei gas: caratteristiche, rischi, precauzioni.

Sommario. 2. Classificazione dei gas: caratteristiche, rischi, precauzioni. Sommario 1. Cos è un gas: definizione, proprietà. 2. Classificazione dei gas: caratteristiche, rischi, precauzioni. 3. Schede di sicurezza: prodotto, composizione, identificazione pericoli, etc. 4. Pressurizzazione

Dettagli

Università degli Studi di Bari Facoltà di Farmacia Dip.ti Farmaco-Biologico e Farmaco-Chimico

Università degli Studi di Bari Facoltà di Farmacia Dip.ti Farmaco-Biologico e Farmaco-Chimico Università degli Studi di Bari Facoltà di Farmacia Dip.ti Farmaco-Biologico e Farmaco-Chimico UTILIZZO dei GAS COMPRESSI e delle BOMBOLE in SICUREZZA nei LABORATORI Nicola G. DI MASI Dipartimento Farmaco-Chimico

Dettagli

STUFE A GAS. Mod. 1.62 AS Q. Mod. 2.78 AS Q Mod. 2.98 AS Q. Mod. 246 AS Q Mod. 316 AS Q ISTRUZIONI

STUFE A GAS. Mod. 1.62 AS Q. Mod. 2.78 AS Q Mod. 2.98 AS Q. Mod. 246 AS Q Mod. 316 AS Q ISTRUZIONI STUFE A GAS Mod. 1.62 AS Q } Mod. 2.78 AS Q Mod. 2.98 AS Q 0051 Mod. 246 AS Q Mod. 316 AS Q } 0051 ISTRUZIONI per l'installazione, regolazione accensione e funzionamento L'installazione deve essere fatta

Dettagli

Oggetto: DENUNCIA DI IMPIANTO TERMICO AD ACQUA CALDA AI SENSI DELL ART. 18 D.M. 01/12/1975 UTENTE INDIRIZZO COMUNE (PROV. )

Oggetto: DENUNCIA DI IMPIANTO TERMICO AD ACQUA CALDA AI SENSI DELL ART. 18 D.M. 01/12/1975 UTENTE INDIRIZZO COMUNE (PROV. ) MARCA DA BOLLO Spett.le I.S.P.E.S.L. DIPARTIMENTO DI. via via cap. città Oggetto: DENUNCIA DI IMPIANTO TERMICO AD ACQUA CALDA AI SENSI DELL ART. 18 D.M. 01/12/1975 UTENTE INDIRIZZO COMUNE (PROV. ) Il sottoscritto

Dettagli

IMPIANTI TERMICI. Gli impianti termici o di riscaldamento sono i sistemi più diffusi per modificare le condizioni di benessere

IMPIANTI TERMICI. Gli impianti termici o di riscaldamento sono i sistemi più diffusi per modificare le condizioni di benessere IMPIANTI TERMICI Gli impianti termici o di riscaldamento sono i sistemi più diffusi per modificare le condizioni di benessere Secondo lutenza da servire gli impianti di riscaldamento si dividono in: IMPIANTI

Dettagli

OPERE NECESSARIE PER L ADEGUAMENTO ALLE NORME DI PREVENZIONE INCENDI DEL COMPLESSO GALLERIA MAZZINI. STRALCIO ARCHIVIO PIANO INTERRATO.

OPERE NECESSARIE PER L ADEGUAMENTO ALLE NORME DI PREVENZIONE INCENDI DEL COMPLESSO GALLERIA MAZZINI. STRALCIO ARCHIVIO PIANO INTERRATO. I.A.C.P. LECCE Galleria Piazza Mazzini COMUNE DI LECCE OPERE NECESSARIE PER L ADEGUAMENTO ALLE NORME DI PREVENZIONE INCENDI DEL COMPLESSO GALLERIA MAZZINI. STRALCIO ARCHIVIO PIANO INTERRATO. RELAZIONE

Dettagli

Verifica da effettuarsi a cura dell Addetto ai Servizi di emergenza antincendio ed evacuazione di emergenza

Verifica da effettuarsi a cura dell Addetto ai Servizi di emergenza antincendio ed evacuazione di emergenza ESTINTORI A POLVERE La scheda serve per annotare la verifica mensile della funzionalità degli estintori portatili a polvere (integrità complessiva e posizionamento della lancetta del manometro sul campo

Dettagli

ingombro superficie di cottura potenza totale alimentazione accensione struttura cabinet tecnologia cottura coperti n. 4

ingombro superficie di cottura potenza totale alimentazione accensione struttura cabinet tecnologia cottura coperti n. 4 22 Serie Legenda Value ACCESSORI CONSIGLIATI: E2GO DATI TECNICI Copertura ingombro superficie di cottura 87x39x66 cm 55x40 cm n. 2 griglie di cottura in ghisa Piastra in ghisa potenza totale alimentazione

Dettagli

Installazione dei contatori a membrana per reti gas metano

Installazione dei contatori a membrana per reti gas metano Installazione dei contatori a membrana per reti gas metano Tutti i contatori per gas combustibile sono strumenti di misura di precisionee pertanto vanno movimentati con le dovute cautele, sia durante le

Dettagli