DAI SOFFIONI BORACIFERI ALL ELETTRICITÀ. NASCITA E SVILUPPO DELLA GEOTERMIA IN TOSCANA 1

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DAI SOFFIONI BORACIFERI ALL ELETTRICITÀ. NASCITA E SVILUPPO DELLA GEOTERMIA IN TOSCANA 1"

Transcript

1 DAI SOFFIONI BORACIFERI ALL ELETTRICITÀ. NASCITA E SVILUPPO DELLA GEOTERMIA IN TOSCANA 1 DANIELA MANETTI * 1. La questione energetica e l industria elettrica in Italia Il problema della disponibilità energetica ha costituito uno degli aspetti nodali dello sviluppo economico nazionale. «Senza carbone nell età del vapore», per usare l espressione di un recente lavoro sui vincoli posti dalla carenza di questa risorsa al nostro processo di industrializzazione 2, l Italia intravide nella «conquista della forza», e in particolare nel cosiddetto «carbone bianco», la possibilità di spezzare la dipendenza dall estero e ridurre il pesante deficit della bilancia commerciale 3. La nascita e l espansione della produzione elettrica avvennero così privilegiando lo sfruttamento delle risorse idriche, non senza l illusione che ciò fosse sufficiente ad assicurare il decollo dell «Italietta giolittiana» e ad evitare i rischi connessi all andamento del mercato internazionale, dove una congiuntura sfavorevole si traduceva in un danno per l intera economia nazionale. Anche se il carbone conservò la sua posizione predominante 4 e registrò anzi un aumento delle importazioni da 5 milioni di tonnellate * Università degli Studi di Pisa, Facoltà di Economia. Un sentito ringraziamento al dottor Carlo Nebbiai e alla dottoressa Cristina Mostosi per la loro preziosa «consulenza chimica». ¹ Relazione tenuta il 23 settembre 1999 alla Scuola Normale di Pisa, in occasione della giornata di studio su Esperienze dell industria elettrica in Toscana. Larderello e Santa Barbara, organizzata dall Enel nell ambito del progetto «Cultura e Industria». ² C. Bardini, Senza carbone nell età del vapore. Gli inizi dell industrializzazione italiana, Milano, ³ F. S. Nitti, La conquista della forza. L elettricità a buon mercato. La nazionalizzazione delle forze idrauliche, Roma- Torino, In particolare, v. G. Are, Il pensiero economico di Francesco Saverio Nitti fino al dibattito sulla «conquista della forza», in Critica Storica, 1972, n. 2, pagg e G. Barone, Nitti e il dibattito sull energia, in Storia dell industria elettrica in Italia, Roma-Bari, , vol. II: Il potenziamento tecnico e finanziario , a cura di L. De Rosa, pagg ⁴ Su tale problema, cfr. A. Sapori, L industria e il problema del carbone nel primo cinquantenario di unità nazionale, in L industrializzazione in Italia ( ), a cura di G. Mori, Bologna, 1981, 2ª ed., pagg ; V. Mezzatesta, Carbone ed elettricità in Italia, Città di Castello,

2 nel 1900 e 11 milioni nel 1913, a conferma di un Paese in fase di crescita e differenziazione economica, il precoce orientamento verso la produzione idroelettrica, che già nel 1908 copriva quasi il 70 per cento della potenza installata e l 85 per cento della produzione 5, e la limitazione della generazione termica a funzioni integrative e di riserva ebbero profondi riflessi sulle vicende del comparto e sull intero apparato produttivo 6. A questa opzione sono infatti connessi la marcata localizzazione nelle zone montane o rurali, tutte comunque piuttosto lontane dai principali luoghi d impiego, e il cosiddetto «gigantismo», dovuto all altissima incidenza del costo degli impianti sul costo totale della produzione, incidenza già minore nella generazione termoelettrica dove i costi fissi sono ridotti a 1/3, e che solo con un elevata domanda si rivela profittevole 7. Inoltre, proprio il fatto che l energia fosse idroelettrica implicando necessariamente criteri unitari e quindi un coordinamento tecnico degli impianti nell ambito della distribuzione nazionale per superare i vincoli dovuti agli opposti andamenti stagionali dei bacini alpini e delle acque appenniniche, compensare le deficienze della produzione rispetto al consumo e per convenienza economica stimolò quella tendenza alla concentrazione industriale e finanziaria che costituisce una peculiarità dell industria elettrica italiana 8. L accentramento della produzione e della distribuzione dette così luogo ad un assetto oligopolistico dominato da un ristretto numero di imprese elettrocommerciali che prevalevano decisamente su pochi impianti di autoproduzione Larderello: nascita e sviluppo della produzione geotermica È in questo quadro generale, già ben delineato alla vigilia del primo conflitto mondiale e destinato ad accentuarsi nel corso di questo e nel decennio successivo, che risulta possibile comprendere tutta la pecu- ⁵ F. Conti, Alle origini del sistema elettrico toscano: strategie d impresa e concentrazioni industriali ( ), in Studi Storici, 1991, n. 1, pag ⁶ G. Mortara, Lo sviluppo dell industria elettrica in Italia, in Nel Cinquantenario della Società Edison , a cura della Società Edison, Milano, 1934, vol. II: Caratteri e sviluppo dell industria elettrica nell economia italiana, pagg ⁷ D. Manetti, Alcune questioni storiografiche in tema di industria elettrica, in Note economiche, 1979, n. 6, pag ⁸ Ibidem, pagg ⁹ Per una trattazione sistematica di tutti questi aspetti, si rinvia a R. Giannetti, La conquista della forza. Risorse, tecnologia ed economia nell industria elettrica italiana ( ), Milano, L analisi dei conflitti connessi a tale assetto, interni al capitale elettrico, alle finanziarie e ai relativi gruppi di potere, che segnano nel nostro Paese l avvio e lo sviluppo del settore elettrico, e il loro inquadramento nel più vasto conflitto imperialistico mondiale è stata operata da G. Mori, Le guerre parallele. L industria elettrica in Italia nel periodo della grande guerra, apparso su Studi Storici nel 1973, poi in Id., Il capitalismo industriale in Italia. Processo di industrializzazione e storia d Italia, Roma, 1977, pagg

3 D. MANETTI, DAI SOFFIONI BORACIFERI ALL ELETTRICITÀ... liarità, la portata innovativa e l originalità dell esperimento di Larderello 10, in un contesto, quello toscano, che evidenziava una diversa tendenza rispetto al modello nazionale 11. Qui, infatti, in una zona periferica della Toscana al confine fra le province di Pisa, Siena e Grosseto, tra la fine dell Ottocento e degli anni Trenta si verifica uno dei più interessanti esempi di diversificazione produttiva avvenuti nel nostro Paese, nonché il primo tentativo a livello mondiale di utilizzazione di forza geotermica per produrre energia elettrica 12. Furono sfruttate a tal fine le forze endogene presenti, a seguito di manifestazioni di natura vulcanica, nel sottosuolo di un area di circa 225 Kmq a sud di Volterra, fra le alte vallate dei fiumi Cecina e Cornia. Il fenomeno avveniva sia sotto forma di «soffioni» (emissioni da fenditure naturali del suolo o da perforazioni artificiali di getti di vapore ad alta temperatura e pressione), che di «lagoni» (piccoli crateri o pozze contenenti acqua fangosa in stato di ebollizione per sorgenti di vapore misto a gas poste in fondo ai crateri stessi). Conosciuti sin dall antichità, ma con certezza sfruttati nei secoli d oro della Toscana che ne ricavava zolfo, allume e solfato ferroso (vetriolo verde) impiegati in diverse attività manifatturiere della regione, vennero progressivamente abbandonati con il generale declino economico della nostra penisola a partire dal XVII secolo. ¹⁰ Per un quadro generale, cfr. i diversi contributi in Larderello: alle origini dell energia geotermica, a cura di G. Marinelli, Firenze, ¹¹ Sull anomalia dell industria elettrica toscana e i fattori che l hanno determinata, v. F. Conti, Alle origini del sistema elettrico toscano, cit., pagg Essa consiste principalmente nell opzione termoelettrica, dovuta soprattutto a: 1) le sfavorevoli caratteristiche delle risorse idriche disponibili, in quanto la portata dei torrenti appenninici variava sensibilmente durante le stagioni, rendendo necessaria la costruzione di grandi invasi artificiali. Inoltre la notevole distanza dai principali centri urbani e soprattutto dai due maggiori poli industriali Livorno e Firenze avrebbe imposto lunghe reti di distribuzione con una pesante incidenza sul prezzo finale della corrente; 2) la relativa disponibilità in Toscana di risorse energetiche a buon mercato utilizzabili nella produzione termica (ad esempio, la cosiddetta «pula di lignite» - il materiale di scarto ricavato dalle locali miniere lignifere - impiegata nella centrale di Castelnuovo dei Sabbioni); 3) la possibilità di insediare centrali vicino a Livorno, allora il principale scalo carbonifero dell Italia centrale, che consentiva di avere carbone a prezzi competitivi rispetto ad altre piazze. In questo contesto, la creazione, alcuni anni dopo, degli impianti di Larderello non fece che rafforzare l incidenza della componente termica sulla produzione elettrica complessiva della regione. Sul secondo aspetto, cfr. A. Biagioni - E. Polverini, Storia dell attività estrattiva e memoria fotografica delle miniere di Castelnuovo dei Sabbioni , in Il bacino lignitifero del Valdarno Superiore. Storia di una terra toscana, San Giovanni Valdarno, 1999, pagg ¹² Cfr. M. Lungonelli, Sviluppi tecnologici e applicazioni produttive, in Storia dell industria elettrica in Italia, cit., vol. II, pagg a cui abbiamo fatto frequente riferimento. 163

4 Il rilancio alla fine del Settecento, in piena età leopoldina, fu dovuto all opera di due scienziati: Uberto Francesco Hoefer 13, direttore delle spezierie granducali, e Paolo Mascagni, anatomista e fisiologo, docente all Università di Siena 14. Il primo scoprì la possibilità di produrre il borace dall acido borico, mentre il secondo dimostrò che quest ultimo, noto allora come «sale sedativo naturale» o «sale sedativo di Homberg», era presente non solo nelle acque dei lagoni, ma anche nel vapore dei soffioni. Egli mise a punto un procedimento per il loro sfruttamento industriale, per il quale nel 1810 chiese al governo ed ottenne un brevetto 15. Fino ad allora il borace, usato oltre che per la preparazione dell acido borico, nelle saldature e nella fabbricazione di saponi, smalti e ceramiche, non era mai stato trovato in Europa e veniva estratto dal «tincal» importato dall Oriente, con un procedimento di cui gli olandesi mantennero il segreto, assicurandosi pertanto il monopolio. Fu comunque un mercante francese, un gentilhomme armurier, Francesco de Larderel, trasferitosi da Vienne 16 a Livorno con la fine del periodo napoleonico, a valorizzare appieno queste risorse, ottenendo, grazie all aiuto di alcuni facoltosi commercianti francesi (Chemin, Prat e Lamotte), anch essi operanti sulla piazza labronica e in questa fase iniziale soci nell impresa, la prima concessione per lo sfruttamento del lagone di Montecerboli 17. Fra il 1818, data di avvio dell attività, e il 1827 furono inaugurate altre cinque aree di perforazione con relative fabbriche: Serrazzano, Lustignano, Monterotondo, Lago S. Edoardo e Castelnuovo, a cui si aggiunse poi quella di Sasso 18. Il vero decollo dell attività e il conseguente incremento della produzione fu reso possibile dalla sostituzione, per riscaldare le caldaie dove si otteneva la concentrazione delle soluzioni boriche, del calore naturale dello stesso vapore dei soffioni ¹³ U. F. Hoefer, Memoria sopra il sale sedativo naturale della Toscana e del borace che con quello si compone, Firenze, ¹⁴ Sull attività scientifica di Paolo Mascagni, v. P. Capparoni, Profili bio-bibliografici di medici e naturalisti celebri italiani dal sec. XV al sec. XVIII, Roma, 1928, vol. II, pagg ¹⁵ L. Dal Pane, Industria e commercio nel Granducato di Toscana nell età del Risorgimento, Bologna, 1973, vol. II: L Ottocento, pag ¹⁶ Cittadina nel Delfinato, presso St. Etienne, famosa appunto per le sue fabbriche di armi. ¹⁷ Sui De Larderel, cfr. L. Pescetti, La famiglia De Larderel, conti di Montecerboli, Livorno, V., inoltre, per l attività imprenditoriale, G. Mori, Per la storia dell iniziativa industriale in Italia nel secolo XIX. Francesco De Larderel e gli avvii dell industria dell acido borico in Toscana, in Studi di storia dell industria, Roma, 1966, pagg ; Id., L industria toscana fra gli inizi del secolo e la guerra di Libia, ivi, pagg ¹⁸ Queste località, per le «copiose miniere» di acido borico, sono ricordate da E. Repetti, Dizionario geografico fisico storico della Toscana, Firenze, , vol. III, voce «Miniere della Toscana», pagg , nelle specifiche voci relative alle diverse frazioni e soprattutto in quella «Lagoni del Volterrano», vol. II, pagg

5 D. MANETTI, DAI SOFFIONI BORACIFERI ALL ELETTRICITÀ... al fuoco di legna, assai oneroso anche perché i boschi circostanti gli impianti si andavano esaurendo 19. Tale espansione è attestata dall aumento della produzione, quadruplicata fra il 1833 e il 1836, e dai dati relativi all esportazione di acido borico dal porto di Livorno, passata, secondo il Bowring, da libbre nel 1827 a circa 2 milioni nel 1838, per un valore di circa 1,200,000 lire toscane 20. Nel 1846 il villaggio di Montecerboli, culla delle iniziative del dinamico imprenditore transalpino, prese il nome di Larderello. Il capostipite Francesco e poi il figlio Federigo si trovarono così alla guida di un impresa che operava in regime di monopolio, dato che per più di mezzo secolo la Toscana rimase l unica produttrice di borace. Il successo dell iniziativa assicurò, oltre all accumulo di uno dei patrimoni familiari più cospicui della Toscana ottocentesca, margini tali da consentire l assunzione di una serie di provvedimenti di carattere assistenziale nelle zone di produzione. Toccò, invece, alla terza generazione, nello specifico a Florestano, ultimo de Larderel perché senza figli maschi, gestire la crisi derivante dal mutamento del mercato internazionale in seguito alla scoperta, attorno agli anni Ottanta, dei grandi giacimenti di borace in California e al conseguente crollo dei prezzi 21. All inizio del secolo si verificò però il salto di qualità decisivo, segnato dalla figura di Piero Ginori Conti 22 che, sposando Adriana, figlia di Florestano, venne presto associato alla direzione dell azienda, dove, «portando (...) un soffio di modernità, ne rialzò le sorti» 23. A Piero Ginori Conti si deve infatti l intuizione che i soffioni, sfruttati industrialmente per il recupero delle sostanze utili, potevano esserlo anche come fonti di energia geotermica da convertire in energia elettrica 24. Guidato dal «principio che Scienza ed Industria debbono collaborare, strettamente collegate, nell azienda moderna» 25, egli fu «uno dei pochi imprenditori-innovatori di stampo schumpeteriano che la Toscana possa vantare nella prima metà del Nove- ¹⁹ P. Ginori Conti, L industria boracifera, in X Congresso Internazionale di Chimica, Roma maggio 1938, La chimica in Italia, a cura di N. Parravano, Roma, 1938, pag ²⁰ G. Bowring, Statistica della Toscana, di Lucca, degli Stati Pontifici e Lombardo- Veneti, Londra, 1838, pagg. 24, ²¹ M. Lungonelli, Sviluppi tecnologici e applicazioni produttive, cit., pag ²² V., in proposito, M. Migliorini, Aristocrazia, industria e politica: prime note per una biografia di Piero Ginori Conti, in Rassegna Storica Toscana, 1998, n. 2, pagg ²³ P. Ginori Conti, L industria boracifera, cit., pag ²⁴ Fra gli scritti di P. Ginori Conti al riguardo, cfr.: La forza motrice dei soffioni boraciferi della Toscana: sua utilizzazione ed applicazione, Firenze, 1906; Utilizzazione dei soffioni boraciferi di Larderello ad energia industriale, Firenze, 1917; La utilizzazione industriale delle manifestazioni termiche terrestri, Città di Castello, 1923; L attività endogena quale fonte di energia, Relazione alla R. Accademia Nazionale dei Lincei, Roma, 1938; Il laboratorio di ricerche di Larderello, Firenze, ²⁵ P. Ginori Conti, L industria boracifera, cit., pag

6 cento» 26. I suoi esperimenti ed i suoi studi costituirono i primordi della produzione di elettricità per via geotermica e il connubio fra ricerca scientifica, progresso tecnico, innovazione e imprenditorialità si rivelò alquanto fecondo e decisivo per la rinascita dell azienda. Significativo al riguardo il sodalizio, ad esempio, con il grande chimico dell Università di Pisa Raffaello Nasini 27, nominato nel 1904 consulente scientifico della società 28. L opera di Ginori Conti si svolse in una duplice direzione: da una parte, nel radicale rinnovamento delle tradizionali lavorazioni chimiche e, dall altra, nello sfruttamento termodinamico del vapore naturale dei soffioni per generare energia elettrica 29. È assai interessante notare che furono gli sviluppi e i miglioramenti nella tecnica di perforazione del suolo a rendere disponibili ingenti masse di vapore e a permettere tanto una produzione sempre maggiore di acido borico, quanto la produzione industriale di energia elettrica 30. Il concetto guida fu dunque quello di aumentare e perfezionare la donazione di vapore per accrescere, da un lato, la materia prima per il comparto chimico e ottenere, dall altro, una nuova forma di energia. Nel primo caso, la produzione di acido borico venne poi rivitalizzata grazie ad un nuovo processo di lavorazione basato su un particolare trattamento delle acque in appositi impianti che permettevano di ottenere l acido borico con un grado di purezza del 99,5 per cento. Una volta raffinato e trattato, era possibile metterlo in commercio nelle diverse forme richieste dal mercato: dal greggio al chimicamente puro, in cristalli, pagliette, granulato o in polvere 31. Novità intervennero anche nella fabbricazione del borace (tetraborato di sodio) avviata a Larderello sin dal 1884 per rispondere alla concorrenza anglo-americana ed ora realizzata in modo nuovo mediante ²⁶ M. Lungonelli, Sviluppi tecnologici e applicazioni produttive, cit., pag ²⁷ Numerose le sue pubblicazioni su Larderello, fra le quali ricordiamo: I soffioni boraciferi e la industria dell acido borico in Toscana, relazione pubblicata in occasione del VI Congresso internazionale di Chimica Applicata tenutosi a Roma nell aprile 1906, Roma, 1906; Id., Sull origine dell acido borico nei soffioni della Toscana, Roma, 1908; Id., I soffioni e i lagoni della Toscana e la industria boracifera. Storia e studi. Ricerche chimiche e chimico fisiche eseguite principalmente nell ultimo venticinquennio, Roma, Sulla vita e l opera di Nasini, cfr. A. Coppadoro, I chimici italiani e le loro associazioni, Milano, 1961, pagg e passim. ²⁸ G. Ginori Conti, La centrale geotermica di Larderello, in L Elettrotecnica, 5 ottobre 1932, n. 28, pag ²⁹ V., in generale, A. Mazzoni, I soffioni boraciferi toscani e gli impianti della «Larderello», Bologna, 2ª ed., ³⁰ P. Ginori Conti, L industria boracifera, cit., pagg. 233, 235 segg.; G. Ginori Conti, La centrale geotermica di Larderello, cit., pag Sulle innovazioni introdotte nei sistemi di perforazione e, più in generale, sugli esperimenti condotti a Larderello, cfr. P. Ginori Conti, L impianto di Larderello, in L Elettrotecnica, 15 settembre 1917, n. 26, pagg ; 25 settembre, n. 27, pagg ³¹ P. Ginori Conti, L industria boracifera, cit., pag

7 D. MANETTI, DAI SOFFIONI BORACIFERI ALL ELETTRICITÀ... una reazione fra acido borico e carbonato di sodio. Tra le sostanze rintracciate grazie all opera di Nasini e dei suoi collaboratori, vi furono anche l ammoniaca ed alcuni gas rari, quali elio, argo, neon, cripton e xenon. Risalgono poi sempre a quegli anni altre iniziative, come la fabbricazione di ossigeno e idrogeno per via elettrolitica 32. Nonostante i palesi successi, Ginori Conti si convinse ben presto che, dati i mutamenti intervenuti sul mercato internazionale, la società De Larderel non poteva rimanere legata unicamente ai prodotti chimici se voleva garantirsi il futuro. Mentre infatti diminuiva l acido borico contenuto nei soffioni, che in media era circa lo 0,5 per mille, ed aumentavano le spese generali, il prezzo dei principali prodotti (acido borico e borace) manifestava una continua tendenza al ribasso per l agguerrita concorrenza straniera. Si rendeva pertanto indispensabile una svolta centrata su un nuovo e diverso sfruttamento delle forze del sottosuolo presenti nella zona e così ricordata dallo stesso Ginori Conti. Sin dal 1902 «mi detti con passione a studiare questo seducentissimo problema, di cui volli subito affrontare la soluzione completa e cioè l utilizzazione del vapore naturale senza l intermediario della caldaia. E qui si trattava di risolvere una questione assai grave: se una macchina a vapore potesse, senza rapido deterioramento, essere sottoposta all azione dei nostri vapori» 33. I primi esperimenti per l utilizzazione termodinamica dei soffioni furono effettuati nel 1904, impiegando una piccola macchina a stantuffo con un apposita disposizione per ottenere vapore senza l acqua allo stato liquido ed evitare l azione corrosiva di questa, poi brevettata, accoppiata a una dinamo che funzionò regolarmente, alimentando cinque lampadine elettriche. Sulla scia del buon risultato ottenuto, Ginori Conti decise l anno seguente di installare un motore a vapore (modello Cail) di 40 HP 34, anch esso azionato direttamente dal vapore, e riuscì a produrre l energia necessaria ad illuminare l intero stabilimento di Larderello, a caricare gli accumulatori e ad azionare gli argani delle macchine perforatrici. Anche in questo caso la collaborazione di Nasini e del suo staff si confermò fondamentale per ottenere dati certi riguardo alla pressione e alla portata dei fori e, a partire dal 1908, fu principalmente l ing. Plinio Brighenti, talvolta coadiuvato dal fratello Aldo, a condurre gli studi e le ricerche in merito 35. Le innovazioni nel segmento della perforazione, che già richiedeva personale altamente qualificato e con una lunga pratica, avvennero classificando innanzitutto i fori esistenti in «asciutti» (eroganti solo vapore) e «umidi» (con acqua allo stato liquido), in modo da stabilire ³² P. Ginori Conti, L impianto di Larderello, cit., pag ³³ Ibidem, pag ³⁴ G. Ginori Conti, La centrale geotermica di Larderello, cit., pag ³⁵ P. Ginori Conti, L impianto di Larderello, cit., pag

8 prima se le nuove trapanazioni dovessero essere finalizzate alla ricerca di acqua o di vapore 36. La trivellazione a braccia, effettuata con sonde ed aste rigide, fu sostituita da quella meccanica, mediante argani mossi prima dal vapore e poi dalla stessa energia elettrica prodotta 37, mentre aumentarono progressivamente il diametro e la profondità dei fori, che all inizio non andavano al di là rispettivamente di poche decine di metri e di pochi centimetri, e fu modificato il rivestimento dei fori, fatto non più con tubi chiodati, ma di lamiera saldata 38. In quegli stessi anni si ebbero parallelamente alcune trasformazioni a livello aziendale. Il 25 gennaio 1912 nacque la Società Boracifera di Larderello 39, segnando il ritiro di Florestano dalle responsabilità gestionali ormai completamente demandate al genero, nominato direttore e amministratore delegato, ma confermando il saldo controllo familiare sul capitale azionario (circa l 82 per cento su di lire) 40. La Boracifera assorbì anche due ditte minori la Fossi e la Durval impegnate anch esse nello sfruttamento della zona e, con l acquisto nel 1916 degli impianti di Travale dagli eredi Coppi, raggiunse il controllo dell intera area dei soffioni 41. Ultimata la fase sperimentale e definito il nuovo assetto societario, Ginori Conti decise di realizzare una vera e propria centrale elettrica per la produzione dell energia necessaria a Larderello e al suo circondario. Come motrice fu scelta la turbina per ragioni di economia e di spazio rispetto alla macchina a stantuffo, ma se il funzionamento di quest ultima col vapore naturale era conosciuto, mancavano dati sul modo in cui si sarebbe comportata la turbina, macchina assai più complessa e con organi delicati 42. Così, all utilizzazione diretta ed affascinante del vapore dei soffioni per azionare la turbina, perseguita da Ginori Conti sin dall inizio, dovette essere preferito, a causa delle eccessive perdite, della rapida corrosione dei metalli delle motrici e della bassa pressione ancora ottenuta dalle perforazioni, l impiego indiretto 43. Questo implicava l installazione di caldaie o evaporatori, dove il vapore naturale si condensava per effetto dello scambio termico, separandosi dai gas e diventando così puro. La centrale, con una batteria di 4 evaporatori del sistema Proche e Bouillon, una turbina ³⁶ Ibidem, pag ³⁷ G. Ginori Conti, La centrale geotermica di Larderello, cit., pag ³⁸ P. Ginori Conti, L industria boracifera, cit., pagg ; Id., L impianto di Larderello, cit., pag. 467 e G. Ginori Conti, La centrale geotermica di Larderello, cit., pag ³⁹ Le vicende dell azienda sono ripercorse in Società Boracifera di Larderello, I primi cento anni ( ) di una grande conquista industriale, Firenze, ⁴⁰ F. Conti, Alle origini del sistema elettrico toscano, cit., pag ⁴¹ M. Lungonelli, Sviluppi tecnologici e applicazioni produttive, cit., pag ⁴² P. Ginori Conti, L impianto di Larderello, cit., pag ⁴³ P. Ginori Conti, La centrale geotermica di Larderello, in L Elettrotecnica, 15 novembre 1924, n. 32, pag

9 D. MANETTI, DAI SOFFIONI BORACIFERI ALL ELETTRICITÀ... Tosi da 250 Kw a 3000 giri accoppiata ad un alternatore Ganz a 4000 volt, entrò in funzione nel e fu destinata alla distribuzione di energia elettrica non solo per lo stabilimento di Larderello, ma per una serie di utenze nelle aree limitrofe di Pomarance, Saline e Volterra, con una rete di trasmissione di 40 km. L anno successivo la Boracifera decise, grazie all accresciuta dotazione di vapore in sempre migliori condizioni di temperatura e pressione, la costruzione di una nuova grande centrale al fine di espandere la produzione in campo energetico, affidando il progetto all ingegnere Plinio Brighenti. Vennero installati tre turboalternatori sempre della Franco Tosi da 2500 Kw a 3000 giri al minuto, mentre le caldaie furono sostituite da appositi evaporatori studiati dalla casa Kestner di Lille e portati poi negli anni del conflitto da 12 a 22; l impianto elettrico propriamente detto non presentava invece elementi speciali, eccetto il largo uso dell alluminio per limitare gli effetti dannosi dei gas, poiché rientrava negli ordinari impianti delle centrali termoelettriche 45. La corrente prodotta dai tre alternatori alla tensione di volt, abbassata a 220 volt dentro lo stabilimento, veniva poi elevata in una cabina di trasformazione e portata sia al livello della distribuzione locale ( volt), che a quella ormai affermatasi nel network regionale ( volt). Con l entrata in funzione del nuovo impianto di Larderello nel , che vantava una potenza installata per quei tempi non trascurabile di Kw (con riserva fino a ), il piccolo gruppo da 250 Kw fu spostato nello stabilimento di Lago Boracifero, dove proseguivano studi ed esperimenti, poiché Ginori Conti volle riprendere la primitiva idea di impiegare direttamente il vapore naturale nella turbina. La centrale di Larderello forniva l energia prodotta alle due grandi società distributrici della regione Società Ligure-Toscana di Elettricità e Società Mineraria ed Elettrica del Valdarno nonché alla zona di Massa Marittima e alla rete di distribuzione della Boracifera medesima 47. ⁴⁴ P. Ginori Conti, L impianto di Larderello, cit., pag ⁴⁵ P. Ginori Conti, La centrale geotermica di Larderello, cit., pag ⁴⁶ Sull impianto e la sua evoluzione, cfr. L. Luiggi, La centrale termo-elettrica di Larderello, in Giornale del Genio Civile, 30 settembre 1917 (a. LV), pagg ⁴⁷ A Larderello facevano capo le seguenti linee: - 1ª linea a volt della Società Elettrica Mineraria del Valdarno proveniente da Siena; - 2ª linea a volt della Società Ligure Toscana proveniente da Livorno; - 3ª linea a volt della Società Elettrica Maremmana da Larderello a Massa Marittima per mezzo della quale la Larderello forniva l elettricità al distretto minerario del Massetano e in direzione di Grosseto; - 4ª linea a volt, in costruzione nel 1917, della Società ILVA da Larderello a Piombino per i suoi impianti siderurgici; - 5ª linea a volt di proprietà della società da Larderello a Volterra, con distribuzione di energia a Pomarance, Saline di Volterra e Volterra; - 6ª linea a volt, sempre della società, da Larderello agli stabilimenti boraciferi di Castelnuovo, Sasso, Monterotondo e Lago (P. Ginori Conti, L impianto di Larderello, cit., pagg ). 169

10 Gli ulteriori progetti di ampliamento, accantonati negli anni della guerra e della crisi postbellica, furono ripresi nel , in seguito alle perforazioni effettuate nei pressi di Serrazzano che aprirono un soffione con una potenza nettamente superiore a tutti gli altri. Gli evaporatori furono sostituiti dalla cosiddetta caldaia Brighenti in realtà un separatore per via fisica dei gas 49, venne sperimentata una nuova turbina e l anno dopo fu installato a Serrazzano un gruppo turbo-alternatore che dimostrò la possibilità di utilizzo diretto del vapore dei soffioni 50 e dunque la piena validità delle intuizioni di Ginori Conti. La diretta alimentazione del vapore dei soffioni consentì notevoli economie nelle spese di impianto e di manutenzione, una minor dispersione delle sostanze chimiche contenute nel vapore, un rendimento più elevato e, come scrisse Giovanni Ginori Conti nel 1932, l inizio del funzionamento «veramente sicuro e regolare della centrale di Larderello» 51. Alla fine degli anni Venti la Boracifera disponeva di quattro centrali: Larderello (per una potenza complessiva di Kw), Castelnuovo Val di Cecina (1600 Kw), Serrazzano (600 Kw), Lago Boracifero (250 Kw) 52. Il successo raggiunto era destinato a protrarsi e consolidarsi nel decennio successivo: grazie agli studi geologici del terreno (con particolare riferimento alla struttura tettonica), a ulteriori perfezionamenti nel macchinario delle sonde, con trivellazioni che ormai si avvicinavano a 300 metri di profondità e ai criteri razionali nella scelta dei punti in cui effettuarle, fu infatti possibile individuare soffioni di eccezionale pressione 53. Da fori che inizialmente erogavano poche migliaia di Kg/ora di vapore a pressione e temperatura ridotte, si giunse ai «soffionissimi», così chiamati dalle maestranze, con portata superiore a Kg/orari di vapore e temperature superiori talvolta a 200º 54. La scoperta del primo, esploso con un vero boato il 26 marzo 1931, fu dovuta al figlio di Piero Ginori Conti, Giovanni, il quale ricordava come «il rumore che il vapore faceva nell uscire era ⁴⁸ Negli anni Venti in Italia cominciarono ad essere studiati fenomeni analoghi ai soffioni, in vista della produzione geotermica di elettricità: le solfatare di Pozzuoli, le zone circostanti l Etna, come pure le isole di Stromboli e Vulcano. Largo campo di ricerche è l America (specie l Alaska, con fenomeni assai simili a quelli della Toscana, ma la regione è molto più estesa, e la California); l America meridionale (Cile, dove fu inviato un ingegnere della Boracifera per studiare un possibile impianto geotermico, e Bolivia); Giappone, anch esso rivoltosi a Larderello, e Nuova Zelanda. Cfr. P. Ginori Conti, La centrale geotermica di Larderello, cit., pagg ed anche A. Mazzoni, I soffioni boraciferi toscani e gli impianti della «Larderello», cit., pag. 11. ⁴⁹ G. Ginori Conti, La centrale geotermica di Larderello, cit., pag ⁵⁰ P. Ginori Conti, La centrale geotermica di Larderello, cit., pag ⁵¹ G. Ginori Conti, La centrale geotermica di Larderello, cit., pag ⁵² M. Lungonelli, Sviluppi tecnologici e applicazioni produttive, cit., pag ⁵³ G. Ginori Conti, La centrale geotermica di Larderello, cit., pag ⁵⁴ Ibidem; P. Ginori Conti, L industria boracifera, cit., pagg. 236,

11 D. MANETTI, DAI SOFFIONI BORACIFERI ALL ELETTRICITÀ... assordante e per un raggio di oltre cento metri, la parola non veniva più udita» ed arrivava distintamente fino a Volterra e Massa Marittima, distanti in linea d aria circa 25 Km 55. I crescenti successi e l espansione degli impianti della Società Boracifera di Larderello attrassero ben presto l interesse delle Ferrovie dello Stato: in una prima fase, iniziata nel 1932, stipulando con essa una serie di contratti di fornitura ed avviando un intensa collaborazione 56. Varie considerazioni spinsero entrambe a compiere questa scelta e a superare le precedenti incertezze. Per quanto attiene agli aspetti strettamente tecnici relativi alla Boracifera, va detto che per la trazione il diagramma di carico annuo e giornaliero è molto più regolare, e perciò vantaggioso, di quello per fornitura di energia elettrica ad uso elettrocommerciale che presenta grosse oscillazioni tra l erogazione minima nelle ore notturne e quella massima nelle ore serali, quando i bisogni di luce e forza si sovrappongono. Le centrali geotermiche, infatti, a differenza di quelle idroelettriche a bacino (ad acque fluenti, invece, no) non possono modulare la produzione sull andamento della domanda. Inoltre, poiché la rete ferroviaria adottava una frequenza differente da quella industriale, era ovviamente conveniente per le Ferrovie avere impianti di generazione autonomi, al di là dell obiettivo strategico di svincolare l esercizio ferroviario dalla disponibilità e dai prezzi di importazione del carbone 57. Ma a tali ragioni ne vanno sicuramente aggiunte altre. Nell attirare l attenzione dell amministrazione ferroviaria sugli impianti della Larderello pesarono sicuramente la sostanziale autonomia mostrata da Piero Ginori Conti nel perseguire il proprio programma e l emancipazione dai due gruppi egemoni del sistema elettrico toscano che facevano rispettivamente capo alla Società Ligure- Toscana di Elettricità e alla Società Elettrica del Valdarno, poi fuse nel 1933 nella Selt-Valdarno. Ma pesarono anche le relazioni del marchese Ginori Conti con il mondo politico: il contratto di fornitura alle Ferrovie, al pari di notevoli sovvenzioni pubbliche ottenute, fu concluso grazie all intervento del ministro Ciano, suo amico personale. I termini dell accordo furono assai convenienti per entrambe le parti: il prezzo medio per Kwh, fissato in solo 6 centesimi, era molto inferiore alla media (attorno a 19 centesimi), ma assai remunerativo per l azienda toscana alla quale costava solamente 2.8 centesimi 58. La collaborazione con l ente statale sfociò nel febbraio 1939 nella ⁵⁵ G. Ginori Conti, La perforazione a Larderello e il «soffionissimo», Firenze, 1931, pag. 43. Cfr., inoltre, Id., Utilizzazione dei soffioni boraciferi. Storia, sviluppi, possibilità future, Firenze, ⁵⁶ M. Lungonelli, Sviluppi tecnologici e applicazioni produttive, cit., pag ⁵⁷ R. Giannetti, La conquista della forza. Risorse, tecnologia ed economia nell industria elettrica italiana, cit., pagg ⁵⁸ Ibidem, pagg

12 costituzione di una nuova società, la Larderello, Società anonima per lo sfruttamento delle forze endogene che rilevò tutti gli impianti della vecchia Boracifera e della quale le Ferrovie si assicurarono poco meno del 90 per cento, mentre ai Ginori Conti, protagonisti per due generazioni dell avventura geotermica, rimase soltanto una quota di minoranza 59. A quella data già era in funzione la nuova centrale di Larderello di Kw, da portare a con la scoperta e lo sfruttamento di nuovi e ancor più potenti soffioni, mentre un altra di Kw era in costruzione a Castelnuovo 60. Due punti, infine, per rendere più completo il quadro: qualche dato relativo alla produzione geotermica 61 per valutare il suo peso nel quadro della produzione elettrica toscana e nazionale ed alcuni ragguagli per studiare ed approfondire la storia della Larderello e l opera di Ginori Conti. Nel 1918, a fronte di una potenza idroelettrica nazionale di Kw, quella termoelettrica ammontava a Kw, pari a quasi il 30 per cento del totale; di questo risultavano installati in Toscana rispettivamente e Kw, a conferma dell opzione termoelettrica compiuta dalla regione. Quest ultima cifra comprende i Kw degli impianti geotermici di Larderello che costituiscono circa 1/4 della potenza installata nelle centrali termoelettriche toscane 62. Dieci anni dopo, la potenza idroelettrica installata su tutto il territorio italiano era passata a Kw, mentre gli impianti termoelettrici il cui contributo sul totale era sceso a poco più del 18 per ⁵⁹ M. Lungonelli, Sviluppi tecnologici e applicazioni produttive, cit., pag ⁶⁰ L. B., Il macchinario della nuova centrale elettrica di Larderello, in L Elettrotecnica, 25 settembre 1939, n. 18, pagg ⁶¹ Riguardo alle fonti quantitative, la prima statistica in materia fu realizzata nel 1895 dal Ministero Agricoltura Industria e Commercio, Notizie statistiche sugli impianti elettrici esistenti in Italia alla fine del 1898 e cenni sulle industrie elettriche in Italia a tutto il 1900, Roma, A questa seguì, sempre a cura del Maic, la Statistica degli impianti elettrici attivati od ampliati in Italia nel decennio Notizie sulle varie applicazioni elettriche al 1911, Roma, Per gli anni , assai significativi per la geotermia, va invece ricordata la mancanza di dati d insieme omogenei sullo sviluppo del comparto elettrico che, per giunta, fu consistente. È comunque possibile ricostruire alcune serie grazie alle pubblicazioni della Banca Commerciale Italiana e a vari studi, fra cui quelli di Domenico Civita, direttore della rivista L Elettrotecnica, organo dell Associazione Elettrotecnica Italiana. A partire dal 1921 iniziano poi le rilevazioni del Ministero dei Lavori Pubblici - Servizio Idrografico in fascicoli annuali e per il periodo sono disponibili le statistiche piuttosto complete di G. Mortara. Scarsamente utili, invece, i censimenti industriali, i quali presentano peraltro non pochi problemi, come ha messo in luce R. Chiaventi, I censimenti industriali italiani : i procedimenti di standardizzazione, in Rivista di Storia Economica, febbraio 1987, fasc. 1, pagg ⁶² M. Lungonelli, Sviluppi tecnologici e applicazioni produttive, cit., pag. 515, il quale utilizza come fonte G. Mortara, Lo sviluppo dell industria elettrica in Italia, cit. 172

13 D. MANETTI, DAI SOFFIONI BORACIFERI ALL ELETTRICITÀ... cento facevano registrare Kw. Di questi, Kw erano in Toscana, inclusi i Kw di Larderello che rappresentavano in termini assoluti una quota pressoché immutata e, in termini relativi, il 13,4 per cento della potenza azionata da impianti termici 63. Invariata ancora la potenza di origine geotermica installata nel 1932, mentre quella idraulica e termica erano nella regione passate a e a Kw e, a livello nazionale, rispettivamente a e Kw 64. Circa poi il materiale documentario concernente Larderello, presso l Archivio Storico Enel di Firenze, inaugurato nel settembre 1997 ed intitolato proprio a Piero Ginori Conti, sono consultabili, fra le filze che coprono il periodo , tutte le carte relative Qualche considerazione conclusiva Dobbiamo adesso chiederci quali osservazioni è possibile trarre dall esperienza di Larderello 66. Da un punto di vista specifico, quello del progresso tecnico, ben evidenzia come questo non sia lineare e continuo, basti pensare all iniziale utilizzazione diretta del vapore, poi abbandonata per tornare nuovamente ad essa, quando una serie di miglioramenti la resero tecnicamente ed economicamente possibile. Ciò sottolinea l importanza dei piccoli perfezionamenti indispensabili affinché l invenzione possa essere industrialmente adottata, e dei processi cumulativi. A livello più generale, cioè di storia dell industria e dello sviluppo economico, il caso di Larderello, a nostro parere, richiama con forza la necessità di non limitarsi ai grandi quadri macroeconomici. Se i primi sono imprescindibili per individuare le linee di fondo, per cogliere invece la complessità e la molteplicità dei fenomeni occorre procedere in maniera più disaggregata. Infatti, se il nostro Paese seguì il sentiero dell idroelettricità, non così fece la nostra regione; non solo, ma nell ambito della produzione termoelettrica essa riuscì ad effettuare, prima al mondo, la generazione geotermica. All interno, quindi, di scelte compiute su scala nazionale, rimangono margini per opzioni diverse che non possono essere ignorate. ⁶³ M. Lungonelli, Sviluppi tecnologici e applicazioni produttive, cit., pag ⁶⁴ G. Mortara, Lo sviluppo dell industria elettrica in Italia, cit., pag. 205, tab. XXXII. ⁶⁵ Cfr., in proposito, D. Manetti,... et fuit Lux. L inaugurazione dell Archivio storico ENEL di Firenze, in Le Carte e la Storia, 1998, n. 1, pagg ⁶⁶ Gli stabilimenti di Larderello producono ancora oggi, oltre ad energia elettrica, sostanze chimiche. Dette produzioni non sono però effettuate dall ENEL, bensì da una società americana. Con la nazionalizzazione dell energia elettrica, gli impianti passarono all ENEL che nel 1967 cedette quelli chimici all ENI, per essere poi nuovamente ceduti. I procedimenti attuali di lavorazione non si basano più sul borace o sull acido borico, ma sulla colemanite, un borato di calcio, importata dalla Turchia e dall Argentina. Viene invece ancora utilizzato il vapore come calore di processo per innescare una serie di reazioni chimiche. 173

14 Larderello suggerisce anche un altra considerazione. Poiché la potenza installata in impianti geotermici rappresentava nel 1928 soltanto lo 0,4 per cento del totale nazionale, una quota decisamente marginale, l importanza di un determinato fenomeno non va valutata solo in base agli aspetti meramente quantitativi. Nello studio dei settori industriali, peraltro, è massima la rilevanza delle caratteristiche tecnico-fisiche dei processi produttivi e quindi degli aspetti qualitativi, tanto più dove la sostituibilità dei fattori è praticamente nulla, come nei settori ad alta intensità di capitale, qual è appunto quello elettrico, dove i problemi posti dagli impianti sono determinanti. Infine in un momento come quello che stiamo vivendo, in cui il problema delle fonti alternative di energia e delle compatibilità ambientali è di estremo rilievo, la vicenda di Larderello costituisce un caso di evidente significatività su cui è opportuno fermarsi a riflettere. 174

La rivoluzione industriale

La rivoluzione industriale La rivoluzione industriale 1760 1830 Il termine Rivoluzione industriale viene applicato agli eccezionali mutamenti intervenuti nell industria e, in senso lato, nell economia e nella società inglese, tra

Dettagli

Il geotermico. Dati Statistici al 31 dicembre 2008. a cura dell Ufficio Statistiche

Il geotermico. Dati Statistici al 31 dicembre 2008. a cura dell Ufficio Statistiche Il geotermico Dati Statistici al 31 dicembre 2008 a cura dell Ufficio Statistiche INDICE Introduzione... 2 Glossario... 3 Impianti geotermoelettrici... 4 Gli impianti geotermoelettrici in Italia dal 1997

Dettagli

SINTESI per la STAMPA

SINTESI per la STAMPA Basilicata Basilicata e CdLT di Potenza Provinciale di Potenza SINTESI per la STAMPA L indotto industriale e di servizi del Centro Olio ENI di Viggiano e dei pozzi di estrazione petrolifera della Val d

Dettagli

Tesina di tecnica. L Energie Rinnovabili

Tesina di tecnica. L Energie Rinnovabili Tesina di tecnica L Energie Rinnovabili L Energia: parte della nostra vita quotidiana Nella vita di tutti i giorni, forse senza saperlo, consumiamo energia, anche senza saperlo. Infatti un corpo che è

Dettagli

CENTRALI TERMOELETTRICHE

CENTRALI TERMOELETTRICHE CENTRALI TERMOELETTRICHE Introduzione I procedimenti tradizionali di conversione dell energia, messi a punto dall uomo per rendere disponibili, a partire da fonti di energia naturali, energia in forma

Dettagli

LA SITUAZIONE ENERGETICA ITALIANA ALL INIZIO DEL XXI SECOLO DAL CONFRONTO CON IL SECOLO PASSATO ALLA CERTIFICAZIONE DEGLI EDIFICI

LA SITUAZIONE ENERGETICA ITALIANA ALL INIZIO DEL XXI SECOLO DAL CONFRONTO CON IL SECOLO PASSATO ALLA CERTIFICAZIONE DEGLI EDIFICI LA SITUAZIONE ENERGETICA ITALIANA ALL INIZIO DEL XXI SECOLO DAL CONFRONTO CON IL SECOLO PASSATO ALLA CERTIFICAZIONE DEGLI EDIFICI Giovanni Petrecca Dipartimento di Ingegneria Elettrica- Facoltà di Ingegneria

Dettagli

ANALISI PER VETTORE ENERGETICO

ANALISI PER VETTORE ENERGETICO ANALISI PER VETTORE ENERGETICO Nel 2007 il gas naturale con 2.011,9 ktep risulta essere il vettore energetico più impiegato (44,4%) negli usi finali, seguito dall insieme dei prodotti petroliferi con 1.437,9

Dettagli

CENTRALI TERMOELETTRICHE

CENTRALI TERMOELETTRICHE CENTRALI TERMOELETTRICHE Le centrali termoelettriche sono impianti che utilizzano l energia chimica dei combustibili per trasformarla in energia elettrica. Nelle centrali termoelettriche la produzione

Dettagli

Progetto Ricordi Secondo Biennio - Corso di Impianti Tecnici Modulo 1 UD 3 Lez. 1 Fonti energetiche pag. 1

Progetto Ricordi Secondo Biennio - Corso di Impianti Tecnici Modulo 1 UD 3 Lez. 1 Fonti energetiche pag. 1 Modulo 1 UD 3 Lez. 1 Fonti energetiche pag. 1 Contenuto della lezione 1. Le fonti energetiche... 2 1.1. Le fonti energetiche dopo la rivoluzione industriale... 2 1.2. L energia elettrica... 3 2. Principali

Dettagli

Convegno Regionale : Energie Rinnovabili e Risparmio Energetico.

Convegno Regionale : Energie Rinnovabili e Risparmio Energetico. Convegno Regionale : Energie Rinnovabili e Risparmio Energetico. Nocera Torinese ( Cz ) Intervento di Luigi Sbarra Segretario Generale Cisl Calabria. Quando si osservano i dati statistici riguardanti la

Dettagli

ENERGIA SOLARE: Centrali fotovoltaiche e termosolari. Istituto Paritario Scuole Pie Napoletane - Anno Scolastico 2012-13 -

ENERGIA SOLARE: Centrali fotovoltaiche e termosolari. Istituto Paritario Scuole Pie Napoletane - Anno Scolastico 2012-13 - ENERGIA SOLARE: Centrali fotovoltaiche e termosolari L A V E R A N A T U R A D E L L A L U C E La luce, sia naturale sia artificiale, è una forma di energia fondamentale per la nostra esistenza e per quella

Dettagli

3 - Cogenerazione tecnologie disponibili, aspetti ambientali e gestionali. Enrico Malusardi Professore a contratto, Politecnico di Milano

3 - Cogenerazione tecnologie disponibili, aspetti ambientali e gestionali. Enrico Malusardi Professore a contratto, Politecnico di Milano 3 - Cogenerazione tecnologie disponibili, aspetti ambientali e gestionali Enrico Malusardi Professore a contratto, Politecnico di Milano PERCHE LA COGENERAZIONE? È la produzione combinata di calore e di

Dettagli

Gamberame Nord Vaiano, Prato

Gamberame Nord Vaiano, Prato Gamberame Nord Vaiano, Prato NON FAR SCORRERE L ACQUA INUTILMENTE L IMPIANTO IDROELETTRICO DI GAMBERAME E IL SUO GIARDINO DELLE RINNOVABILI Roberto Gualtieri - presidente di H2E srl In questi periodi dove

Dettagli

Nel 2006, ultimo anno che ha fatto segnare un incremento delle vendite, si vendevano 5,5 milioni di copie al giorno; in un lustro si è bruciato

Nel 2006, ultimo anno che ha fatto segnare un incremento delle vendite, si vendevano 5,5 milioni di copie al giorno; in un lustro si è bruciato 1 Nel 2006, ultimo anno che ha fatto segnare un incremento delle vendite, si vendevano 5,5 milioni di copie al giorno; in un lustro si è bruciato quindi un milione di copie, pari a poco meno del 20% del

Dettagli

elettrodotti. grandi centrali elettriche combustibili fossili produzione elettrica

elettrodotti. grandi centrali elettriche combustibili fossili produzione elettrica 1 2 3 4 Uno dei grandi vantaggi dell energia elettrica è che essa può essere prodotta in luoghi lontani dai centri di consumo. L energia elettrica può essere trasportata facilmente attraverso condutture

Dettagli

L INDUSTRIA ELETTRICA ITALIANA E LA SFIDA DELLE FONTI RINNOVABILI.

L INDUSTRIA ELETTRICA ITALIANA E LA SFIDA DELLE FONTI RINNOVABILI. L INDUSTRIA ELETTRICA ITALIANA E LA SFIDA DELLE FONTI RINNOVABILI. www.assoelettrica.it INTRODUZIONE Vieni a scoprire l energia dove nasce ogni giorno. Illumina, nel cui ambito si svolge la terza edizione

Dettagli

Figura 3.22 - Evoluzione dei consumi totali di energia elettrica. Figura 3.23 - Ripartizione dei consumi totali di energia elettrica

Figura 3.22 - Evoluzione dei consumi totali di energia elettrica. Figura 3.23 - Ripartizione dei consumi totali di energia elettrica Figura 3.22 Evoluzione dei consumi totali di energia elettrica Figura 3.23 Ripartizione dei consumi totali di energia elettrica 67 Figura 3.24 Ripartizione dei consumi totali di energia elettrica (dati

Dettagli

Impianti di produzione dell energia elettrica

Impianti di produzione dell energia elettrica Impianti di produzione dell energia elettrica Alberto Berizzi Dipartimento di Elettrotecnica, Politecnico di Milano e-mail: alberto.berizzi@polimi.it Energia e lavoro Lavoro è l atto di produrre un cambiamento

Dettagli

Famiglie. Evoluzione del numero di famiglie residenti in Toscana

Famiglie. Evoluzione del numero di famiglie residenti in Toscana Famiglie La società pratese negli ultimi anni è stata sottoposta a profonde trasformazioni; la prima struttura sociale a subire delle modificazioni è la famiglia, che tende a ridurre le sue dimensioni

Dettagli

Il settore elettrico italiano: dal Monopolio alla Concorrenza

Il settore elettrico italiano: dal Monopolio alla Concorrenza Università degli Studi di Roma "Tor Vergata" Facoltà di Ingegneria Corso di Gestione ed Economia dell Energia e Fonti Rinnovabili Il settore elettrico italiano: dal Monopolio alla Concorrenza Ing. Tiziana

Dettagli

FONTI PRO CONTRO. Produce un'energia doppia rispetto al legno. Ha un elevato potere energetico ed è la principale fonte di energia utilizzata

FONTI PRO CONTRO. Produce un'energia doppia rispetto al legno. Ha un elevato potere energetico ed è la principale fonte di energia utilizzata ENERGIA RINNOVABILE (fonti alternative energie pulite green energy) Si definisce energia rinnovabile "una qualsiasi fonte energetica che si rigenera almeno alla stessa velocità con cui si utilizza". In

Dettagli

COGENERAZIONE IN ITALIA: UN GRANDE POTENZIALE POCO SFRUTTATO

COGENERAZIONE IN ITALIA: UN GRANDE POTENZIALE POCO SFRUTTATO COGENERAZIONE IN ITALIA: UN GRANDE POTENZIALE POCO SFRUTTATO Uno studio del GSE rivela che già nel 2010 l Italia sarebbe in grado di aumentare del settanta per cento il calore prodotto in cogenerazione

Dettagli

ENERGIE RINNOVABILI E ESAURIBILI

ENERGIE RINNOVABILI E ESAURIBILI Energie nella storia La storia del lavoro dell uomo è caratterizzata da un continuo aumento del bisogno di energia. Solo trecento anni fa l'uomo consumava un decimo dell'energia di oggi. Allora si usavano

Dettagli

NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A FEBBRAIO 2013 1. Provincia di Salerno Indicatori socio-economici -0,60% -28,3%

NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A FEBBRAIO 2013 1. Provincia di Salerno Indicatori socio-economici -0,60% -28,3% Osservatorio sul Mercato Immobiliare, Marzo 13 SALERNO NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A FEBBRAIO 13 1 Provincia di Indicatori socio-economici Figura 1 Negli ultimi dieci anni la popolazione

Dettagli

speciale energie rinnovabili

speciale energie rinnovabili AMICO SOLE DA ALCUNI DECENNI TECNOLOGIE AD HOC CONSENTONO IL PIENO SFRUTTAMENTO DELL ENERGIA DA IRRAGGIAMENTO SOLARE. UN IMPIANTISTICA OPPORTUNA E INTEGRATA RENDE POSSIBILE LA COMPLETA AUTONOMIA ENERGETICA

Dettagli

La seconda rivoluzione industriale

La seconda rivoluzione industriale La seconda rivoluzione industriale L Inghilterra, che si era industrializzata per prima, rimase per tutto il XIX secolo il principale paese nel commercio internazionale. Dal 1870 in poi, però, l industria

Dettagli

L integrazione delle fonti rinnovabili non programmabili e della generazione distribuita nel sistema elettrico

L integrazione delle fonti rinnovabili non programmabili e della generazione distribuita nel sistema elettrico L integrazione delle fonti rinnovabili non programmabili e della generazione distribuita nel sistema elettrico Milano, 6 febbraio 2014 Direzione Mercati Unità Produzione di energia, fonti rinnovabili ed

Dettagli

11 / 2030-2050: gli scenari di lungo termine

11 / 2030-2050: gli scenari di lungo termine Piano energetico-ambientale provinciale 2013/2020 11 / 2030-2050: gli scenari di lungo termine Provincia autonoma di Trento 1,4% 1,4% 1,4% 0,8% 0,8% 125 Provincia autonoma di Trento Piano energetico-ambientale

Dettagli

La vendita del libro online. Le nuove forme del commercio librario

La vendita del libro online. Le nuove forme del commercio librario La vendita del libro online. Le nuove forme del commercio librario di Francesca Vannucchi La presente ricerca focalizza l attenzione sul ruolo che la rete ha assunto nella distribuzione del libro. L obiettivo

Dettagli

I fattori della competitività: presentazione del Rapporto Doing Business Subnational in Italy 2013

I fattori della competitività: presentazione del Rapporto Doing Business Subnational in Italy 2013 I fattori della competitività: presentazione del Rapporto Doing Business Subnational in Italy 2013 Intervento di Fabrizio Saccomanni Direttore Generale della Banca d Italia Roma, 14 novembre Sono molto

Dettagli

menoenergia PROPOSTA ENERGETICA SETTORE LATTIERO - CASEARIO Ing. M. Alberti ( Amministratore MenoEnergia S.r.l.)

menoenergia PROPOSTA ENERGETICA SETTORE LATTIERO - CASEARIO Ing. M. Alberti ( Amministratore MenoEnergia S.r.l.) PROPOSTA ENERGETICA SETTORE LATTIERO - CASEARIO Ing. M. Alberti ( Amministratore MenoEnergia S.r.l.) 2 LA MISSION DI MENOENERGIA ORIGINE DI MENOENERGIA Menoenergia è una società controllata dal Gruppo

Dettagli

IDROGENO IN PRATICA. del gruppo degli allievi del Volta. Laboratorio di chimica I.T. I. Volta

IDROGENO IN PRATICA. del gruppo degli allievi del Volta. Laboratorio di chimica I.T. I. Volta IDROGENO IN PRATICA Pratiche di laboratorio su iniziative del gruppo degli allievi del Volta Laboratorio di chimica I.T. I. Volta da: L Isola Misteriosa Giulio Verne 1874 Senza il carbone non ci sarebbero

Dettagli

Scenari petroliferi ed energetici

Scenari petroliferi ed energetici Confindustria Siracusa Scenari petroliferi ed energetici A cura dell Area comunicazione ed organizzazione Ufficio studi e statistiche Elaborazione su dati dell Unione Petrolifera IL MERCATO PETROLIFERO

Dettagli

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione ENERGIA Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione Nel primo grafico viene rappresentata la crescita del settore dell energia; come misura dell attività si utilizza il valore aggiunto

Dettagli

Stabilimento di Livorno

Stabilimento di Livorno Stabilimento di Livorno Lo Stabilimento EniPower opera all interno della Raffineria Eni di Livorno dal 2000 a seguito dell acquisizione da parte della Divisione Refining & Marketing della Centrale Termoelettrica

Dettagli

Il 2014 sarà l anno della pompa di calore? 2014 riscaldamento pompa di calor clienti tariffa dedicata risparmiare tariffazione calcolo

Il 2014 sarà l anno della pompa di calore? 2014 riscaldamento pompa di calor clienti tariffa dedicata risparmiare tariffazione calcolo Il 2014 sarà l anno della pompa di calore? di Maghdi Abo Abia - 12/01/2014 - L'Autorità per l'energia elettrica ed il gas ha dato il via libera ad una tariffa sperimentale studiata per questi sistemi con

Dettagli

Gruppo SEL SPA. Via Canonico Michael Gamper 9 39100 Bolzano T +39 0471 060 700 F +39 0471 060 703 E info@hydros.bz.it I www.hydros.bz.

Gruppo SEL SPA. Via Canonico Michael Gamper 9 39100 Bolzano T +39 0471 060 700 F +39 0471 060 703 E info@hydros.bz.it I www.hydros.bz. Prati di Vizze Curon Barbiano-Ponte Gardena Brunico-Valdaora Lasa-Martello Marlengo Premesa Centro di teleconduzione Bolzano La nostra acqua. La nostra energia. PREMESA IMPIANTO IDROELETTRICO Curon/Val

Dettagli

La parola energia deriva dal greco: EN (dentro) e ERGON (lavoro) Significa: capacità di compiere un lavoro

La parola energia deriva dal greco: EN (dentro) e ERGON (lavoro) Significa: capacità di compiere un lavoro La parola energia deriva dal greco: EN (dentro) e ERGON (lavoro) Significa: capacità di compiere un lavoro L energia si trova dappertutto intorno a noi PRIMARIE MESSE A DISPOSIZIONE DALLA NATURA SECONDARIE

Dettagli

ENERGIA AMBIENTE E MACCHINE

ENERGIA AMBIENTE E MACCHINE ENERGIA AMBIENTE E MACCHINE SVILUPPO SOSTENIBILE Lo sviluppo sostenibile è quello sviluppo che consente di soddisfare le necessità della presente generazione senza compromettere la capacità delle generazioni

Dettagli

Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole

Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole XIII Commissione Agricoltura Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole Giorgio Gobbi Servizio Studi di struttura economica e finanziaria della Banca d Italia Camera dei Deputati

Dettagli

Colora tu l avventura Alla scoperta dell energia

Colora tu l avventura Alla scoperta dell energia Colora tu l avventura Alla scoperta dell energia Energia deriva dalla parola greca energheia che significa attività. Nei tempi antichi il termine energia venne usato per indicare forza, vigore, potenza

Dettagli

Geotermia, un'immensa risorsa ancora tutta da sfruttare

Geotermia, un'immensa risorsa ancora tutta da sfruttare Geotermia, un'immensa risorsa ancora tutta da sfruttare di Gaetano Cenci E la fonte rinnovabile usata in Italia fin dall antichità. Oggi produce l 1,5% del fabbisogno energetico nazionale La geotermia

Dettagli

Le fonti energetiche

Le fonti energetiche Le fonti energetiche Le fonti energetiche Dalle fonti di energia si ricava l energia Esse sono suddivise in primarie e secondarie, in relazione al fatto che necessitino più o meno di trasformazioni. Le

Dettagli

Energy in our life. 6. Perché risparmiare energia? 1. Forme di energia:

Energy in our life. 6. Perché risparmiare energia? 1. Forme di energia: Energy in our life 1. Forme di energia: Energia meccanica; Energia nucleare; Energia elettrica; Energia chimica; Energia termica; 1. Consumi nel mondo; 2. Consumi in italia; 3. Consumi in Sicilia; 4. Energia

Dettagli

Approvvigionamento energetico con collettori solari nello spazio alpino

Approvvigionamento energetico con collettori solari nello spazio alpino Villaggio turistico Reka di Blatten- Belalp Approvvigionamento energetico con collettori solari nello spazio alpino Terminata la costruzione, durata un anno e mezzo, la Cassa svizzera di viaggio (Reka)

Dettagli

CLASSI PRIME TECNICO GRAFICO. a.s. 2014/ 2015

CLASSI PRIME TECNICO GRAFICO. a.s. 2014/ 2015 KIT DI RECUPERO DI GEOGRAFIA CLASSI PRIME TECNICO GRAFICO a.s. 2014/ 2015 MATERIALE DIDATTICO SOSPENSIONE DI GIUDIZIO GEOGRAFIA CLASSI PRIME Tecnico Grafico a.s. 2014 / 2015 COGNOME : NOME: CLASSE:. Il

Dettagli

Ciclo Rankine. Macchina tipica di un ciclo a vapore

Ciclo Rankine. Macchina tipica di un ciclo a vapore di Piraccini Davide OBBIETTIVI : Inserire un impianto ORC (Organic Rankine Cycle) nel ciclo di bassa pressione della centrale Enel di Porto Corsini e studiare la convenienza tramite il confronto dei rendimenti

Dettagli

MIGLIORA PER LE IMPRESE ITALIANE L ACCESSO AI FINANZIAMENTI

MIGLIORA PER LE IMPRESE ITALIANE L ACCESSO AI FINANZIAMENTI MIGLIORA PER LE IMPRESE ITALIANE L ACCESSO AI FINANZIAMENTI Silvano Carletti * Nei suoi primi cinque appuntamenti (l ultimo a fine settembre 2015) il Targeted Longer-Term Refinancing Operations (TLTRO)

Dettagli

Innovazione, tecnologia e sviluppo sostenibile del territorio: Le pompe di calore geotermiche

Innovazione, tecnologia e sviluppo sostenibile del territorio: Le pompe di calore geotermiche Convegno ASSISTAL Innovazione, tecnologia e sviluppo sostenibile del territorio: Le pompe di calore geotermiche Ing. Domenico Savoca Regione Lombardia, Direzione Generale Qualità dell Ambiente Rho, 14

Dettagli

Lo stato dell Ambiente in Liguria 69

Lo stato dell Ambiente in Liguria 69 Una corretta analisi del sistema energetico regionale non può prescindere dalla funzione paese che la Liguria svolge in ambito nazionale. Essa dispone infatti di un importante industria termoelettrica

Dettagli

La nostra azienda. Liberenergia è un azienda che offre prodotti e soluzioni integrate per il risparmio e l efficienza energetica.

La nostra azienda. Liberenergia è un azienda che offre prodotti e soluzioni integrate per il risparmio e l efficienza energetica. La nostra azienda Liberenergia è un azienda che offre prodotti e soluzioni integrate per il risparmio e l efficienza energetica. I servizi proposti riguardano in special modo progettazione e installazione

Dettagli

Prodotti. Energia e telecomunicazioni Produzione e distribuzione di energia Marcella Spadoni Ottobre 2009 Testo per Storiaindustria.

Prodotti. Energia e telecomunicazioni Produzione e distribuzione di energia Marcella Spadoni Ottobre 2009 Testo per Storiaindustria. Prodotti. Energia e telecomunicazioni Produzione e distribuzione di energia Marcella Spadoni Ottobre 2009 Testo per Storiaindustria.it 1 Ad esclusivo uso didattico. Gli altri diritti riservati. Le prime

Dettagli

15. Consumi energetici

15. Consumi energetici 15. Consumi energetici Nel 2006 i consumi energetici del Comune di Roma hanno registrato un aumento rispetto al 2005 (+2,8%), un dato, questo, in linea con l incremento provinciale (+2,7%), regionale (+2,2%)

Dettagli

IL SOLE : ORIGINE DI OGNI FONTE ENERGETICA

IL SOLE : ORIGINE DI OGNI FONTE ENERGETICA IL SOLE : ORIGINE DI OGNI FONTE ENERGETICA Il sole fornisce alla Terra tutta l energia di cui questa ha bisogno. Ogni forma di vita presente sulla Terra esiste grazie all'energia inviata dal Sole. Ogni

Dettagli

Lo Stabilimento di Ravenna

Lo Stabilimento di Ravenna Lo Stabilimento di Ravenna LE NOSTRE RISORSE Sin dalla costituzione EniPower ha adottato strutture organizzative snelle nell ottica di semplificare i processi operativi. Tutto il personale è stato coinvolto

Dettagli

OPEN - Fondazione Nord Est Febbraio 2013

OPEN - Fondazione Nord Est Febbraio 2013 A7. FECONDITÀ, NUZIALITÀ E DIVORZIALITÀ Diminuisce il tasso di fertilità dopo la crescita degli ultimi anni A livello nazionale il tasso di fecondità totale (numero medio di figli per donna in età feconda)

Dettagli

Gli investimenti diretti esteri in entrata e in uscita

Gli investimenti diretti esteri in entrata e in uscita Gli investimenti diretti esteri in entrata e in uscita A cura del Centro Studi Confindustria Toscana Qualche dato generale Gli investimenti diretti dall estero in Italia Secondo i dati dell Ufficio Italiano

Dettagli

configurazione in un sistema) Grandezza fisica connessa al movimento reale o potenziale, macro o microscopico, di un sistema

configurazione in un sistema) Grandezza fisica connessa al movimento reale o potenziale, macro o microscopico, di un sistema ENERGIA Capacità di un sistema di compiere lavoro (Lavoro: atto di produrre un cambiamento di configurazione in un sistema) Grandezza fisica connessa al movimento reale o potenziale, macro o microscopico,

Dettagli

EUROFIDI ED EUROCONS RISULTATI 2007 NEL SEGNO DELLA REDDITIVITÀ

EUROFIDI ED EUROCONS RISULTATI 2007 NEL SEGNO DELLA REDDITIVITÀ Comunicato stampa EUROFIDI ED EUROCONS RISULTATI 2007 NEL SEGNO DELLA REDDITIVITÀ Le imprese associate a Eurogroup sono quasi 37 mila (+8,6% rispetto al 2006) L avanzo di gestione ante imposte è di 6,3

Dettagli

1. LA POPOLAZIONE TORINESE

1. LA POPOLAZIONE TORINESE 1. LA POPOLAZIONE TORINESE 1.1. UNA CITTÀ UN PO PIÙ PICCOLA Torino continua a spopolarsi. Non solo nel 1999, ma durante tutta la seconda metà degli anni novanta, la città continua a perdere popolazione.

Dettagli

STORIA/GEOGRAFIA LE RISERVE DI MINERALI: PAESI DETENTORI, PRODUTTORI E CONSUMATORI.

STORIA/GEOGRAFIA LE RISERVE DI MINERALI: PAESI DETENTORI, PRODUTTORI E CONSUMATORI. SCUOLA 21 classe 2^ OPA STORIA/GEOGRAFIA LE RISERVE DI MINERALI: PAESI DETENTORI, PRODUTTORI E CONSUMATORI. Tra i maggiori detentori di risorse minerarie figurano i quattro più vasti paesi del mondo: Russia

Dettagli

Normativa di riferimento

Normativa di riferimento Normativa di riferimento La normativa in materia di energie alternative da fonti rinnovabili è presente a diverse scale territoriali: da indirizzi a livello globale ed europeo sino ad una trattazione a

Dettagli

idrogeno Laboratorio Sensori e Semiconduttori Dr. Marco Stefancich Gruppo Sensori e Semiconduttori Dipartimento di Fisica/CNR Università di Ferrara

idrogeno Laboratorio Sensori e Semiconduttori Dr. Marco Stefancich Gruppo Sensori e Semiconduttori Dipartimento di Fisica/CNR Università di Ferrara Dipartimento di Fisica Università di Ferrara INFM/CNR UdR di Ferrara L energia solare per la produzione di idrogeno Dr. Marco Stefancich Gruppo Sensori e Semiconduttori Dipartimento di Fisica/CNR Università

Dettagli

Forme di energia alternative

Forme di energia alternative Forme di energia alternative L energia, bene primario della nostra società, è utilizzata costantemente durante tutto l arco della giornata, da quando ci svegliamo la mattina fino a quando andiamo a dormire

Dettagli

Le rinnovabili in cifre

Le rinnovabili in cifre Le rinnovabili in cifre (Febbraio 2004) Le energie rinnovabili - il vento, l acqua, la biomassa, il sole e l energia geotermica costituiscono un enorme potenziale per la tutela del clima. Il nuovo Jahrbuch

Dettagli

Il mercato del Pellet: situazione italiana analoga al fotovoltaico?

Il mercato del Pellet: situazione italiana analoga al fotovoltaico? Il mercato del Pellet: situazione italiana analoga al fotovoltaico? Giuseppe Tomassetti, FIRE mcter FOREST Milano, 25 giugno 2014 Cos è la FIRE La Federazione Italiana per l uso Razionale dell Energia

Dettagli

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia III 1 La rilevanza del settore industriale nell economia Il peso del settore industriale nell economia risulta eterogeneo nei principali paesi europei. In particolare, nell ultimo decennio la Germania

Dettagli

ANALISI DEL DATABASE CITT SUGLI OPERATORI ECONOMICI DEL SETTORE ENERGETICO IN TOSCANA

ANALISI DEL DATABASE CITT SUGLI OPERATORI ECONOMICI DEL SETTORE ENERGETICO IN TOSCANA ANALISI DEL DATABASE CITT SUGLI OPERATORI ECONOMICI DEL SETTORE ENERGETICO IN TOSCANA A CURA DI CO.SVI.G. SRL Monterotondo Marittimo, Settembre 2009 Il Centro Internazionale per il Trasferimento dell Innovazione

Dettagli

COGENERAZIONE. Tipologie di impianti di cogenerazione

COGENERAZIONE. Tipologie di impianti di cogenerazione COGENERAZIONE La cogenerazione, o produzione combinata di energia elettrica e calore, consente di ottenere da una singola unità produttiva energia elettrica e termica, o in alcuni casi, lavoro ed energia

Dettagli

LIMITI E PROSPETTIVE DELLE FONTI RINNOVABILI IN ITALIA. Domenico Coiante

LIMITI E PROSPETTIVE DELLE FONTI RINNOVABILI IN ITALIA. Domenico Coiante LIMITI E PROSPETTIVE DELLE FONTI RINNOVABILI IN ITALIA Domenico Coiante ISAT - Istituto per le scelte ambientali e tecnologiche Roma, 11 luglio 2008 1 1 - Bilancio energetico italiano 2005 Disponibilità

Dettagli

Produzione: crescono le rinnovabili (+11,1%), si conferma primato del gas nella produzione termica (67,1%)

Produzione: crescono le rinnovabili (+11,1%), si conferma primato del gas nella produzione termica (67,1%) Nota di sintesi Dati statistici sull energia elettrica in Italia - 2010 CRESCE LA DOMANDA DI ELETTRICITA NEL 2010: +3,2% E il valore di crescita più alto del decennio 2001-2010, eguagliato l incremento

Dettagli

Scheda LE FONTI RINNOVABILI, IL RISPARMIO E L EFFICIENZA ENERGETICA

Scheda LE FONTI RINNOVABILI, IL RISPARMIO E L EFFICIENZA ENERGETICA ISTITUTO DI RICERCHE ECONOMICHE E SOCIALI Osservatorio Energia Scheda LE FONTI RINNOVABILI, IL RISPARMIO E L EFFICIENZA ENERGETICA PREMESSA Nel marzo 2007, l Unione europea ha varato il primo concreto

Dettagli

La maggior parte dei processi produttivi

La maggior parte dei processi produttivi METODI Controllo valorizzare gli scarti della lavorazione: come trasformare un costo in opportunità La maggior parte dei processi produttivi comporta la produzione di scarti di lavorazione sotto forma

Dettagli

La Ricerca e Sviluppo in Italia nel periodo 2003-2005

La Ricerca e Sviluppo in Italia nel periodo 2003-2005 7 ottobre 2005 La Ricerca e Sviluppo in Italia nel periodo 2003-2005 L Istat presenta i principali risultati delle rilevazioni sulla Ricerca e Sviluppo intra-muros 1 (R&S) in Italia, riferiti alle imprese,

Dettagli

per un ingegneria sostenibile nel mondo di oggi e di domani dall anno accademico 2009 10 Campus CRAVINO PAVIA Elettrica Meccanica Energetica

per un ingegneria sostenibile nel mondo di oggi e di domani dall anno accademico 2009 10 Campus CRAVINO PAVIA Elettrica Meccanica Energetica UNIVERSITÀ DI PAVIA INGEGNERIA INDUSTRIALE per un ingegneria sostenibile nel mondo di oggi e di domani dall anno accademico 2009 10 Campus CRAVINO PAVIA Elettrica Meccanica Energetica Referente: Prof.

Dettagli

DOCUMENTO DELLA CISL SARDA SU PIANO ENERGETICO AMBIENTALE REGIONALE SARDEGNA

DOCUMENTO DELLA CISL SARDA SU PIANO ENERGETICO AMBIENTALE REGIONALE SARDEGNA DOCUMENTO DELLA CISL SARDA SU PIANO ENERGETICO AMBIENTALE REGIONALE SARDEGNA La predisposizione del Piano Energetico Ambientale Regionale per la Sardegna (PE- AR Sardegna) da parte della Giunta regionale

Dettagli

I DATI IN SINTESI per la costruzione del Piano Strutturale

I DATI IN SINTESI per la costruzione del Piano Strutturale Forum Bologna. Città che cambia. I DATI IN SINTESI per la costruzione del Piano Strutturale 6. L EVOLUZIONE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Bologna aprile 2005 Indice 1. LE ABITAZIONI IN COMPLESSO...1 2. LE

Dettagli

FONTI DI ENERGIA. Fonti energetiche primarie. Fonti energetiche secondarie. sostanza o fenomeno capace di dar luogo ad una liberazione di energia

FONTI DI ENERGIA. Fonti energetiche primarie. Fonti energetiche secondarie. sostanza o fenomeno capace di dar luogo ad una liberazione di energia FONTI DI ENERGIA sostanza o fenomeno capace di dar luogo ad una liberazione di energia Fonti energetiche primarie quelle che si trovano disponibili in natura si possono classificare in: Fonti energetiche

Dettagli

TurBinde. Energia, valore da gestire

TurBinde. Energia, valore da gestire TurBinde Guarrdarre all ffutturro,, anttiicciiparre ii ttempii.. Biillancciiando essiigenzze enerrgettiicche e rriisspetttto dellll ambiientte.. Cerrccando ssolluzziionii cche ottttiimiizzzziino ii rrendiimenttii..

Dettagli

La Stampa in Italia (2009 2011)

La Stampa in Italia (2009 2011) FEDERAZIONE ITALIANA EDITORI GIORNALI La Stampa in Italia (2009 2011) Roma 18 aprile 2012 Quadro generale L andamento recessivo del Paese nella seconda metà del 2011 e le prospettive di accentuazione di

Dettagli

- comunicato stampa -

- comunicato stampa - - comunicato stampa - SPESA PUBBLICA E FEDERALISMO : L ITALIA SPRECA 26 MILIARDI DI EURO Il presidente Tessari: Gli enti periferici gestiscono il 37% della spesa pubblica complessiva col 42% del personale,

Dettagli

LE CENTRALI ELETTRICHE

LE CENTRALI ELETTRICHE Le centrali elettriche sono impianti industriali utilizzati per la produzione di corrente elettrica L 8 marzo 1833 è una data storica per la produzione di corrente elettrica in Italia, perché a Milano

Dettagli

ART. 1 (Disposizioni per il completamento del processo di liberalizzazione dei settori dell energia elettrica e del gas)

ART. 1 (Disposizioni per il completamento del processo di liberalizzazione dei settori dell energia elettrica e del gas) Schema di disegno di legge recante misure per la liberalizzazione del mercato dell energia, per la razionalizzazione dell approvvigionamento, per il risparmio energetico e misure immediate per il settore

Dettagli

9. CONSUMI ENERGETICI

9. CONSUMI ENERGETICI 271 9. CONSUMI ENERGETICI E ormai più che consolidata la consapevolezza che i consumi energetici costituiscono il fattore determinante al quale sono riconducibili sia i cambiamenti climatici, che molte

Dettagli

Le performance settoriali

Le performance settoriali 20 febbraio 2013 IL PRIMO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI Perché un Rapporto sulla competitività Con il Rapporto sulla competitività delle imprese e dei settori produttivi, alla sua

Dettagli

PERCORSO COMPOSITIVO 1. La Energy revolution di Barack

PERCORSO COMPOSITIVO 1. La Energy revolution di Barack 4. LE ENERGIE PULITE La ricerca di alternative possibili al petrolio e al nucleare è la sfida che i paesi industrializzati si devono imporre per il prossimo futuro. PERCORSO COMPOSITIVO 1. La Energy revolution

Dettagli

Dalla terra l energia ecologica per il comfort ambientale

Dalla terra l energia ecologica per il comfort ambientale Dalla terra l energia ecologica per il comfort ambientale EDILCUSIO s.r.l. da sempre in prima linea nelle soluzioni innovative costruisce ed edifica nel pieno rispetto dell ambiente Gli appartamenti sono

Dettagli

Le tariffe dell energia elettrica

Le tariffe dell energia elettrica Consumatori in cifre Le tariffe dell energia elettrica Michele Cavuoti Oggetto della presente analisi sono le tariffe dell energia elettrica destinate ai consumatori ovvero le tariffe ancora oggi in regime

Dettagli

Pompe di calore geotermiche

Pompe di calore geotermiche Studio 3F engineering f.minchio@3f-engineering.it 349-0713843 Pompe di calore geotermiche ing. Fabio Minchio Ph.D. in energetica Sassari, 24 settembre 2009 Pompe di calore Macchine termiche che permettono

Dettagli

TEMA 1: ANALISI DI BILANCIO E SEGMENTAZIONE DEL CONTO ECONOMICO A FINI GESTIONALI CON L AUSILIO DI UN CASO

TEMA 1: ANALISI DI BILANCIO E SEGMENTAZIONE DEL CONTO ECONOMICO A FINI GESTIONALI CON L AUSILIO DI UN CASO TEMA 1: ANALISI DI BILANCIO E SEGMENTAZIONE DEL CONTO ECONOMICO A FINI GESTIONALI CON L AUSILIO DI UN CASO Quesiti: 1. Descrivete i principali schemi di riclassificazione di bilancio utilizzabili a fini

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS DELIBERAZIONE 19 DICEMBRE 2013 614/2013/R/EFR AGGIORNAMENTO DEL LIMITE MASSIMO PER LA RESTITUZIONE DEGLI ONERI GENERALI DI SISTEMA NEL CASO DI IMPIANTI ALIMENTATI DA FONTI RINNOVABILI CHE ACCEDONO ALLO

Dettagli

Tipologia dei flussi energetici

Tipologia dei flussi energetici Tipologia dei flussi energetici Corso: SISTEMI ENERGETICI - Classe: INGEGNERIA INDUSTRIALE, Laurea: INGEGNERIA MECCANICA Pag. 1 Crescita del fabbisogno di energia - Costi Legge del raddoppio del fabbisogno

Dettagli

ENERGIA RINNOVABILE: UTOPIA O REALTA?

ENERGIA RINNOVABILE: UTOPIA O REALTA? ENERGIA RINNOVABILE: UTOPIA O REALTA? Il vertice sul clima a Bruxelles in data 8 marzo 2007 ha impegnato i capi di Stato e di governo dei Ventisette dell Unione Europea. Gli obiettivi del vertice sono

Dettagli

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI CASSINO E DEL LAZIO MERIDIONALE. Energia Geotermica

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI CASSINO E DEL LAZIO MERIDIONALE. Energia Geotermica UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI CASSINO E DEL LAZIO MERIDIONALE Energia Geotermica La struttura della Terra Il calore geotermico si genera per decadimento di sostanze radioattive e si propaga verso la superficie

Dettagli

Marlengo. Gruppo SEL SPA. Via Canonico Michael Gamper 9 39100 Bolzano T +39 0471 060 700 F +39 0471 060 703 E info@hydros.bz.it I www.hydros.bz.

Marlengo. Gruppo SEL SPA. Via Canonico Michael Gamper 9 39100 Bolzano T +39 0471 060 700 F +39 0471 060 703 E info@hydros.bz.it I www.hydros.bz. Prati di Vizze Curon Barbiano-Ponte Gardena Brunico-Valdaora Lasa Marlengo Premesa Centro di teleconduzione Bolzano La nostra acqua. La nostra energia. Marlengo Impianto idroelettrico Curon/Val Venosta

Dettagli

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Energia Italia 2012 Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Anche il 2012 è stato un anno in caduta verticale per i consumi di prodotti energetici, abbiamo consumato: 3 miliardi

Dettagli

LA DEMOLIZIONE ITALIANA A CONVEGNO

LA DEMOLIZIONE ITALIANA A CONVEGNO Associazione Nazionale Demolitori Italiani LA DEMOLIZIONE ITALIANA A CONVEGNO Parma, 26 novembre 2005 Trascrizione dell intervento dal titolo: IL MERCATO DELLE DEMOLIZIONI ANNI 2000: DAL RECUPERO ALLA

Dettagli

STABILIMENTO DI TARANTO. Febbraio 2007. Allegato D10

STABILIMENTO DI TARANTO. Febbraio 2007. Allegato D10 STABILIMENTO DI TARANTO Febbraio 2007 Analisi energetica dello Stabilimento Siderurgico ILVA di Taranto Lo stabilimento siderurgico di Taranto consuma, nel suo assetto attuale, c.a. 181.000 Tj/anno in

Dettagli

Le fonti rinnovabili in Italia e le loro problematiche. Domenico Coiante

Le fonti rinnovabili in Italia e le loro problematiche. Domenico Coiante Le fonti rinnovabili in Italia e le loro problematiche Domenico Coiante ISAT Amici della Terra Roma, 14 ottobre 2009 1 1 - PREMESSA Obiettivi UE al 2020: Pacchetto 20-20-20 - riduzione del 20% delle emissioni

Dettagli

Monitoraggio congiunturale sul sistema produttivo del Lazio

Monitoraggio congiunturale sul sistema produttivo del Lazio C E N S I S Monitoraggio congiunturale sul sistema produttivo del Lazio III Quadrimestre 2008 Monitor Lazio è promosso dall Unione Regionale delle Camere di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura

Dettagli