Ogni volta che un evento naturale come un terremoto, un eruzione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Ogni volta che un evento naturale come un terremoto, un eruzione"

Transcript

1 Ci si può difendere dai terremoti? Sebbene si sappia da molto tempo che l Italia è un paese sismico la storia della classificazione sismica e quindi anche della normativa che avrebbe potuto ridurre i danni è stata molto travagliata Concetta Nostro Ogni volta che un evento naturale come un terremoto, un eruzione vulcanica, una frana o un alluvione si verifica provocando danni, feriti e soprattutto vittime, ci facciamo sempre la stessa domanda: cosa potevamo fare per evitarlo? Per evitare l evento naturale, non avremmo potuto fare nulla. Per evitare che diventasse una catastrofe, forse qualcosa l avremmo potuta fare. Per comprendere cosa si può e si deve fare basta confrontare due forti terremoti (Magnitudo Momento Mw 7,0, dati Usgs) avvenuti lo scorso anno: il terremoto di Haiti del 12 gennaio (13 km di profondità e 25 km di distanza da Port-au-Prince) e il terremoto in Nuova Zelanda del 3 settembre (5 km di profondità e 45 km di distanza da Christchurch). Nonostante abbiano avuto energia e profondità molto simili, i due eventi hanno provocato danni completamente diversi: secondo i dati ufficiali, ad Haiti oltre 220mila morti e 1,3 milioni di sfollati, più di 97mila case distrutte e oltre 188mila danneggiate nella zona di Port-au-Prince e nella parte meridionale di Haiti; in Nuova Zelanda, nessuna vittima (in realtà, se n è registrata una, ma per infarto), due feriti gravi, sei ponti e molti edifici danneggiati nella zona di Christchurch e danni molto contenuti in gran parte di Canterbury. Il paese più ricco, a parità di terremoto, ha subito meno danni di quello più povero. Questo confronto è stato sotto gli occhi di tutti e, per settimane dopo il terremoto in Nuova Zelanda, la stampa internazionale ha tentato di verificare come gli effetti devastanti del terremoto di Haiti potevano essere mitigati dall utilizzo di norme consolidate per la realizzazione degli edifici, e quindi dalla tecnologia. Greg Szakats, un ingegnere strutturale neozelandese, in un intervista radiofonica ha dichiarato che gli effetti così contenuti del terremoto in Nuova Zelanda sono sostanzialmente dovuti ai regolamenti edilizi molto stringenti e alla serietà con la quale sono stati rispettati in tutto il paese. Insomma a fare la differenza è la preparazione del paese: la cultura legislativa, il rigore con il quale le norme vengono applicate, la disponibilità economica per poter utilizzare gli ultimi ritrovati tecnologici e i più moderni materiali antisismici negli edifici. Quindi oltre ad essere sufficientemente ricco un paese deve avere anche un buon indice di legalità. E noi dove stiamo? In Italia stiamo un po in mezzo a questi due estremi. Abbiamo molta esperienza con i terremoti, un ottima 88 n Darwin n Marzo/aprile

2 Cortesia: GeoNet Il 4 settembre del 2010 un terremoto di magnitudo 7,1 ha colpito la Nuova Zelanda. L epicentro era a circa 40km ad occidente di Christchurch. Non ci sono state vittime, ma solo danni agli edifici della zona interessata. normativa sismica, sismologi che sono riusciti a ricostruire gli ultimi 2000 anni della nostra storia sismica e che fanno un monitoraggio continuo e dettagliato della sismicità in tempo reale, ingegneri strutturali che progettano nuovi ritrovati tecnologici e sperimentano i più moderni materiali antisismici. Ciononostante un terremoto forte continua a provocare molti danni e vittime. Ma perché? Sebbene si sappia da molto tempo che l Italia è un paese sismico, la storia della classificazione sismica, e quindi anche della normativa che avrebbe potuto ridurre i danni, è stata molto travagliata. Per capire come sono andate le cose è necessario avere alcune informazioni. La classificazione sismica dell intero territorio nazionale, entrata in vigore solo nel 1984, ha reso antisismici solo gli edifici costruiti dopo i primi anni ʹ80. Questi edifici rappresentano poco più del 14% di quelli presenti nelle zone sismiche più pericolose, che costituiscono circa il 45% del territorio italiano. Più dell 80% degli edifici esistenti sono quindi sismicamente insicuri, una parte rilevante dei quali potrebbe collassare in caso di forte terremoto. Le prime leggi di costruzione antisismica sono state varate addirittura dal Regno di Napoli dopo i forti terremoti del 1783 in Calabria; mentre la prima classificazione sismica, intesa come elenco dei comuni esposti a rischio con relativa normativa tecnica, è stata adottata nel 1909, dopo il catastrofico terremoto del I comuni inclusi nella classificazione erano quelli di Sicilia e Calabria gravemente colpiti nel 1908, insieme a pochi altri 89 n Darwin n Marzo/aprile

3 Cortesia CWS Il 12 gennaio del 2010 un terremoto di magnitudo 7 ha colpiti Haiti facendo vittime e 1,3 milioni di sfollato. L intensità del sisma è paragonabile a quella che ha colpito la Nuova Zelanda lo stesso anno. per i quali c era memoria storica di danneggiamenti dovuti a forti terremoti. La lista dei comuni sismici è stata ripetutamente modificata tra il 1909 e il 1984, semplicemente aggiungendo i comuni gravemente colpiti da ogni nuovo evento sismico (nel 1916, 1927, 1936, 1962, 1976, 1981). Una procedura insensata se si considera che i terremoti più violenti e pericolosi hanno periodi di ritorno molto lunghi, anche dell ordine di 1000 anni. Solo nel 1984, dopo il terremoto di Irpinia e Basilicata, tutto il territorio nazionale è stato riclassificato con criteri scientifici rigorosi e omogenei, sulla base della Proposta di riclassificazione sismica del Progetto Finalizzato Geodinamica del Cnr. Questa è stata la prima classificazione sismica nazionale, basata su tre categorie con pericolosità decrescente dalla prima alla terza. Vi erano poi ampie zone del territorio non classificate (5.135 Comuni su 8.101). Per molti anni, nulla si è mosso dal punto di vista legislativo anche se, nel 1998, uno studio svolto per conto del Dipartimento della Protezione Civile aveva elaborato una proposta (Proposta 1998) per una nuova classificazione dei comuni italiani, presa in considerazione dalle autorità competenti, solo dopo il terremoto di San Giuliano di Puglia del Quanto accaduto in quell occasione fece riflettere sul fatto che la situazione delle norme e della classificazione era ancora la stessa del Con un intervento di emergenza, l Ordinanza PCM 3274/2003 aggiornò l assegnazione dei comuni alle zone sismiche (non più denominate categorie), combinando la classificazione allora vigente con la Proposta 1998 e definendo per la prima volta la zona 4. Da allora tutto il territorio italiano è sismico e ciascun comune italiano appartiene a una delle 4 zone sismiche. Lo stesso provvedimento adottò una nuova normativa sismica, coerente con l Eurocodice 8, e stabilì i criteri con i quali si sarebbe dovuto realizzare uno studio aggiornato di pericolosità sismica. Un cambiamento importante era stato introdotto dal 90 n Darwin n Marzo/aprile

4 Protezione Civile I vigili del fuoco ispezionano la chiesa di san Gregorio, a L Aquila dopo il terremoto del Dlgs 112/1998 che passava la competenza in materia di aggiornamento dell assegnazione dei comuni alle zone sismiche a Regioni e Provincie autonome, lasciando allo Stato la competenza di definire i criteri generali per tale aggiornamento e la competenza in materia di norme tecniche. Da allora in Italia, non abbiamo più una classificazione sismica nazionale, ma distinte zonazioni regionali, basate comunque su valori probabilistici dello scuotimento atteso. Nel 2004 l Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (Ingv) ha presentato una nuova mappa di pericolosità sismica elaborata secondo i criteri proposti dall Ordinanza PCM 3274/2003 e adottata come riferimento ufficiale nel 2006 con una nuova Ordinanza (OPCM 3519/2006). Tuttavia, è necessario ricordare che il concetto di zona sismica è sostanzialmente superato dalle nuove Norme Tecniche delle Costruzioni (NTC2008, Decreto 14/01/2008 del Ministero delle Infrastrutture); esse infatti impongono che i parametri progettuali siano direttamente riferiti ai valori della mappa di pericolosità, e non vengano più vincolati dall appartenenza a una predefinita zona sismica. Resta comunque in vigore la zonazione come strumento amministrativo delle Regioni, utile per applicare politiche di prevenzione, interventi di riduzione del rischio e studi di dettaglio. A questo punto sappiamo di avere una normativa molto rigorosa. Ma perché il rischio sismico resta sempre alto? La risposta in parte sta nelle vicissitudini della classificazione sismica, infatti sono molti i comuni italiani (circa il 63%) che sono stati classificati solo dopo il 2003 e per i quali non vi erano regole né per la costruzione dei nuovi edifici né per gli interventi sugli edifici esistenti. Oggi sappiamo che il rischio sismico può essere mitigato solo costruendo i nuovi edifici nel rispetto della normativa antisismica e effettuando corretti interventi di consolidamento strutturale preventivo, cioè preterremoto, sugli edifici esistenti ad alta vulnerabilità. Negli ultimi anni qualcosa è stato fatto in questo senso, ma sempre troppo poco. Infatti se andiamo 91 n Darwin n Marzo/aprile

5 L Aquila Renaissance L Aquila, i danni del terremoto del a vedere il censimento specifico della vulnerabilità sismica del patrimonio edilizio effettuato, tra il 1999 e il 2001, in Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia e Sicilia ci rendiamo conto che la situazione è estremamente grave per quel che riguarda gli edifici pubblici e l edilizia privata. Inoltre alcuni edifici in cemento armato risultano essere più a rischio di quelli in muratura. Importanti programmi di prevenzione sismica sono stati varati dopo il drammatico crollo della scuola di S. Giuliano di Puglia del 2002 e anche dopo il terremoto del 6 aprile 2009 in Abruzzo. Ma perché non adeguiamo la nostra casa affinché resista ai terremoti, soprattutto a quelli forti? Sicuramente perché non è obbligatorio farlo e poi perché non esiste una vera cultura del rischio. Per il primo ostacolo ci sarebbe una soluzione che da tempo molte persone propongono, tra cui anche il padre della nostra protezione civile, Giuseppe Zamberletti: l assicurazione obbligatoria anticalamità. La sua introduzione avrebbe almeno due vantaggi importanti: far scattare la cultura della privata prevenzione, infatti per ottenere condizioni vantaggiose dalle compagnie assicurative si deve avere la propria casa in buono stato di manutenzione e rafforzamento; un eventuale ricostruzione non grava tutta sullo Stato. Molti paesi altamente sismici, tra cui anche la Nuova Zelanda, l hanno introdotta da decenni con risultati che sono evidenti a tutta la comunità internazionale. Per quel che riguarda la questione culturale, in Italia è risaputo che ci attiviamo solo dopo che una tragedia si verifica. Proprio per sradicare questa mentalità e per creare una cultura del terremoto, da circa una decina di anni, i sismologi hanno deciso di avviare progetti di educazione al rischio sismico per le scuole e campagne di informazione per la popolazione, in modo sistematico. Se ciascun cittadino, infatti, fosse consapevole del rischio e sapesse che qualcosa si può fare per ridurlo, forse le cose andrebbero meglio. 92 n Darwin n Marzo/aprile

6 L Aquila Renaissance Danni a una chiesa nel terremoto dell Aquila del Con questo spirito dal 2002 è nato il Progetto Edurisk che ha messo in campo i ricercatori, la scuola e tutti i cittadini, coinvolgendoli in un progetto di formazione e scoperta del rischio sismico. L idea di base che ha spinto questo gruppo di ricercatori ad avviare il progetto è che diffondere informazioni scientifiche aggiornate, e tali da consentire una conoscenza approfondita del territorio, è il miglior strumento per avviare strategie di prevenzione e riduzione dei rischi naturali. Al progetto collaborano esperti di diversi settori disciplinari (geologia, sismologia, pericolosità sismica, ingegneria sismica, sismologia storica, psicologia dell emergenza), uno staff di progettazione educativa proveniente dall editoria scolastica e multimediale, autori di libri per ragazzi, disegnatori ed esperti di didattica. Il progetto ha realizzato alcuni strumenti formativi (libri, guide insegnanti, schede informative, Dvd) per la scuola di base e dal 2002 ad oggi ha lavorato in 12 Regioni italiane a più alta pericolosità sismica, coinvolgendo più di insegnanti e 44mila studenti. Nel 2007 il progetto è stato avviato in Abruzzo e nel 2008 in tre istituti di L Aquila. Il terremoto del 6 aprile 2009 non ha bloccato l attività del progetto in Abruzzo, anzi l ha fortemente incrementata e per molti aspetti ha trasformato il modo di comunicare il rischio di noi sismologi. Due giorni dopo il terremoto, l Ingv ha attivato a L Aquila (presso il Dipartimento di Protezione Civile) il Centro Operativo Emergenza Sismica, un punto informativo per tutto il personale e i volontari coinvolti nei soccorsi e per la popolazione colpita. Noi eravamo gli esperti che dovevano far comprendere a gente fortemente scossa in tutti i sensi, cosa era accaduto e cosa ci si poteva aspettare per il futuro. Il team di sismologi e psicologi, che ha sempre lavorato nei progetti di educazione al rischio sismico in tempi di pace, ha messo a disposizione la propria esperienza per gestire un emergenza che non era solo sociale ed economica, ma anche informativa 93 n Darwin n Marzo/aprile

7 ed emotiva. Siamo diventati degli psico-sismologi che, con passione e molta comprensione per quanto accaduto, hanno iniziato a incontrare la popolazione colpita nelle tendopoli. Da aprile ad agosto 2009 abbiamo incontrato più di persone e abbiamo cercato di fronteggiare l emergenza terremoto con un approccio multidisciplinare (sismologico, storico, psicologico, sociale) per aiutare la popolazione a comprendere l accaduto nel contesto complessivo della pericolosità e del rischio dell area. Abbiamo anche cercato di fornire risorse e strategie per l adattamento emotivo e psicosociale nella fase post-emergenza, che potessero stimolare un nuovo modello di ricostruzione e di gestione del territorio stesso. Il nostro contributo non si è limitato a questo; infatti abbiamo collaborato con l Ufficio scolastico provinciale di L Aquila e l Ufficio scolastico regionale per l Abruzzo al riavvio delle attività scolastiche nell aprile 2009, promuovendo un ciclo di incontri che ha consentito agli insegnanti di acquisire, in tempi strettissimi, conoscenze, strumenti e competenze minime per gestire individualmente la fase dell emergenza e affrontare, nel miglior modo possibile, la ripresa delle attività didattiche, con la consapevolezza di poter assumere un ruolo più attivo nel fornire supporto psicologico ai loro bambini e ragazzi. Nel settembre 2009, l Ingv ha avviato un ciclo di incontri con i onsigli di Circolo o d Istituto di tutte le scuole aventi almeno un plesso ricadente nell area maggiormente colpita dal terremoto per favorire il riavvio delle attività scolastiche. Durante questi incontri sono state fornite informazioni aggiornate sul terremoto e sull andamento della sequenza sismica, un inquadramento generale sugli aspetti psicologici, alcune indicazioni sulla gestione di una eventuale emergenza a scuola. Complessivamente nelle due settimane sono stati realizzati 33 incontri con 37 scuole e istituti (2.706 persone tra insegnanti, dirigenti e personale amministrativo) della città di L Aquila e delle province di L Aquila, Teramo e Pescara. Il contributo essenziale di questi interventi è stato quello di fornire l opportunità agli insegnanti di chiarire dubbi che sono stati oggetto di discussione nei mesi dell emergenza e di condividere informazioni su possibili scenari di pericolosità e sugli interventi finalizzati alla riduzione del rischio, con particolare riferimento alla realtà scolastica. Questa esperienza ha fatto emergere in modo prorompente la necessità di tenere sempre vivo il confronto tra noi sismologi e la popolazione che vive in zone ad alta pericolosità sismica e ha creato in noi la consapevolezza che si dovesse comunicare il rischio sismico coinvolgendo anche competenze e strumenti lontani dal nostro mondo. Da qui sono nati progetti di formazione e informazione con e per altri operatori che intervengono in situazioni di emergenza (Vigili del fuoco, associazioni di volontariato, forze dell ordine, Esercito, dipendenti delle amministrazioni locali e degli uffici pubblici) e progetti di diffusione di informazione con strumenti al passo con i tempi. Sono stati infatti attivati canali per la comunicazione degli eventi sismici in tempo reale sui più noti social network come Twitter e Facebook. È stato attivato il canale YouTube, dove oltre ad approfondimenti su specifiche tematiche è possibile vedere dei filmati sull andamento della sismicità italiana mese dopo mese. A breve sarà pronta anche un applicazione per Iphone con l aggiornamento della sismicità italiana in tempo reale e varie informazioni sul fenomeno terremoto. La sfida della comunità scientifica per il futuro? Individuare in modo sempre più dettagliato quali sono le aree dove è più la alta probabilità che nei prossimi anni avvengano forti terremoti e intervenire in modo efficace con progetti di educazione e informazione per la riduzione del rischio. La sfida della nostra classe politica? Attuare concrete politiche di prevenzione che prevedano obblighi e incentivi per interventi di miglioramento e adeguamento degli edifici; proporre una buona legge per introdurre l assicurazione anti-calamità al più presto e quindi prima che un altro forte terremoto colpisca il nostro territorio e metta in ginocchio l Italia. La sfida della società civile? Recepire i risultati della ricerca scientifica e tradurli prontamente in azioni di prevenzione e in crescita culturale in modo che le nuove generazioni abbiano una conoscenza approfondita e una gestione responsabile del territorio. Questo è l unico modo per difenderci dai terremoti. Ma non possiamo farlo da soli. Abbiamo bisogno della collaborazione di tutti. Concetta Nostro, Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia Bibliografia AAVV, Terremoti e maremoti, INGV, Giunti Progetti Educativi, Amato A., Non Tutti giù per terra, Animals, Coniglio Editore, febbraio Antonarelli M., L assicurabilità delle calamità naturali e l esperienza internazionale, 7th R.I.B. Convention. Barberi F., Bertolaso G., Boschi E. (2007) Difendersi dai terremoti: la prevenzione sismica in Italia, pubblicazione all interno del volume Dalla emergenza alla ricostruzione, Curatore scientifico: F. Barberi, ed. 4M - Protezione Civile, Regione Umbria. 94 n Darwin n Marzo/aprile

8 Stephen Bassman La prima pagina dell Herald Tribune del 7 aprile Camassi R., Nostro C., Pignone M., Peruzza L., Pessina V. Terremoti come e perché- Speciale Campania, Progetto EDURISK, Giunti Progetti Educativi, Decreto 14/01/2008 del Ministero delle Infrastrutture, Norme Tecniche per le Costruzioni, GU n.29 del 04/02/2008. De Marco R., Martini M.G., Di Pasquale G., Fralleone A., Pizza A.G., Viola V., La classificazione e la normativa sismica italiana dal 1909 al 1984, Servizio Sismico Nazionale. Gruppo di Lavoro, Proposta di riclassificazione sismica del territorio nazionale. CNR-Progetto Finalizzato Geodinamica, Rapporto tecnico, 361, pp. 83. Gruppo di Lavoro, Proposta di riclassificazione sismica del territorio nazionale. Ingegneria Sismica, 16, 1, Gruppo di Lavoro MPS, Redazione della mappa di pericolosità sismica prevista dall Ordinanza PCM del 20 marzo Rapporto Conclusivo per il Dipartimento della Protezione Civile, INGV, aprile Meletti C. e Stucchi M., Pericolosità sismica, normativa e zone sismiche nell Aquilano, INGV-MI, 16 aprile Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale, Dipartimento della Protezione Civile, Gruppo Nazionale per la Difesa dai Terremoti, Censimento di vulnerabilità degli edifici pubblici strategici e speciali nelle regioni Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia e Sicilia Orientale, DPC, Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale, DPC, GNDT, Censimento di vulnerabilità a campione dell edilizia corrente dei Centri abitati, nelle regioni Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia e Sicilia, DPC, Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale, DPC, GNDT, Censimento relativo alle emergenze a carattere monumentale ed ambientale nei comuni ricadenti in tutto o in parte all interno dei Parchi naturali, nazionali e regionali, DPC, Ordinanza PCM 3274 del 20/03/2003. Primi elementi in materia di criteri generali per la classificazione del territorio nazionale e di normative tecniche, G.U. n.105 del 08/05/2003. Ordinanza PCM 3519 del 28/04/2006. Criteri generali per l individuazione delle zone sismiche e per la formazione e l aggiornamento degli elenchi delle medesime zone, G.U. n.108 del 11/05/2006. Progetto Edurisk. 95 n Darwin n Marzo/aprile

Franco Barberi 1, Guido Bertolaso 2, Enzo Boschi 3. 1. Le dimensioni del problema sismico in Italia

Franco Barberi 1, Guido Bertolaso 2, Enzo Boschi 3. 1. Le dimensioni del problema sismico in Italia Franco Barberi 1, Guido Bertolaso 2, Enzo Boschi 3 1. Dipartimento di Scienze Geologiche, Università di Roma Tre 2. Dipartimento della Protezione Civile, Presidenza del Consiglio dei Ministri 3. Istituto

Dettagli

La gestione del rischio sismico in Italia

La gestione del rischio sismico in Italia La gestione del rischio sismico in Italia Mauro Dolce Direttore Generale, Dipartimento della Protezione Civile Presidenza del Consiglio dei Ministri Ordinario di Tecnica delle Costruzioni, Università di

Dettagli

COSTO DEI TERREMOTI ITALIANI DEGLI ULTIMI 40 ANNI (M -2005) 4500 VITTIME + ABRUZZO 2009 (15.000???) IRPINIA-BASILICATA BELICE FRIULI 60.

COSTO DEI TERREMOTI ITALIANI DEGLI ULTIMI 40 ANNI (M -2005) 4500 VITTIME + ABRUZZO 2009 (15.000???) IRPINIA-BASILICATA BELICE FRIULI 60. Strumenti di prevenzione a livello nazionale: l art. 11 della L. 77/2009 Mauro Dolce Direttore Generale - Dipartimento della Protezione Civile Ufficio Rischio sismico e vulcanico Ordinario di Tecnica delle

Dettagli

DOCUMENTI SULLA CONDANNA DELLA C.G.R.

DOCUMENTI SULLA CONDANNA DELLA C.G.R. DOCUMENTI SULLA CONDANNA DELLA C.G.R. Quali sono i capi d accusa in base ai quali la C.G.R. è stata condannata? La Pubblica accusa ha chiesto la condanna, a quattro anni di carcere, in quanto la C.G.R.

Dettagli

La sismicità storica del Pollino e il progetto di educazione al rischio EDURISK. R. Camassi, INGV Bologna

La sismicità storica del Pollino e il progetto di educazione al rischio EDURISK. R. Camassi, INGV Bologna La sismicità storica del Pollino e il progetto di educazione al rischio EDURISK R. Camassi, INGV Bologna 1 La sismicità recente dal 1981 al 2008 Terremoti con Ml>1.6 CSI e www.iside.ingv.it 2 I forti terremoti

Dettagli

Prevenzione Formazione ed Informazione

Prevenzione Formazione ed Informazione Il Rischio Sismico Prevenzione Formazione ed Informazione Giuseppe Licata Esperto in Sistemi Informativi Territoriali e Telerilevamento. Laureando in Scienze Geologiche, curriculum rischi geologici Il

Dettagli

SISMO. Storia sismica di sito di ManOppello

SISMO. Storia sismica di sito di ManOppello SISMO Storia sismica di sito di ManOppello Rapporto tecnico per conto del: Dr. Luciano D Alfonso, Sindaco Comune di Pescara (PE) Eseguito da: Umberto Fracassi Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia

Dettagli

PERCORSO COMPOSITIVO 1. La forza distruttrice della natura.

PERCORSO COMPOSITIVO 1. La forza distruttrice della natura. 8. CALAMITÀ NATURALI L Italia è un paese geologicamente instabile e, come tale, è sottoposto a numerosi fattori di rischio, tra cui fenomeni sismici, vulcanici e alluvionali. A ciò si aggiunge l intervento

Dettagli

I terremoti più disastrosi nella storia dal 1900 a oggi

I terremoti più disastrosi nella storia dal 1900 a oggi Dal momento che è stato praticamente impossibile armonizzare i dati raccolti dai ragazzi ho riunito in queste pagine le tabelle più interessanti e significative corredate da sitografia così che ognuno

Dettagli

IL RISCHIO SISMICO NEI LUOGHI DI LAVORO Il Il Documento di Valutazione dei Rischi

IL RISCHIO SISMICO NEI LUOGHI DI LAVORO Il Il Documento di Valutazione dei Rischi DIPARTIMENTO SANITA PUBBLICA REGGIO EMILIA SERVIZIO PREVENZIONE E SICUREZZA AMBIENTI DI LAVORO IL RISCHIO SISMICO NEI LUOGHI DI LAVORO Il Il Documento di Valutazione dei Rischi Ing. Daniela Malvolti Reggio

Dettagli

Edilizia ed Energie Alternative

Edilizia ed Energie Alternative Edilizia ed Energie Alternative Università degli Studi di Firenze Ordine degli ingegneri della Dipartimento Ingegneria Civile e Ambientale Provincia di Firenze ------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Manifesto CLASSIFICARE LA VULNERABILITA SISMICA DEI FABBRICATI

Manifesto CLASSIFICARE LA VULNERABILITA SISMICA DEI FABBRICATI Manifesto CLASSIFICARE LA VULNERABILITA SISMICA DEI FABBRICATI Come certificare la sicurezza e la sostenibilità del patrimonio immobiliare favorendo lo sviluppo economico BEN 7 MILIONI DI EDIFICI IN ITALIA

Dettagli

Scuola Multimediale di Protezione Civile A.S. 2014-2015. Perugia, 23 ottobre 2014

Scuola Multimediale di Protezione Civile A.S. 2014-2015. Perugia, 23 ottobre 2014 Scuola Multimediale di Protezione Civile A.S. 2014-2015 Perugia, 23 ottobre 2014 Cultura di Protezione Civile Cultura di protezione civile è cultura della sicurezza, della solidarietà, del rispetto, della

Dettagli

STRATEGIE E PRIORITÀ DI INTERVENTO PER LA RIDUZIONE DEL RISCHIO SISMICO DELLE SCUOLE A LIVELLO TERRITORIALE

STRATEGIE E PRIORITÀ DI INTERVENTO PER LA RIDUZIONE DEL RISCHIO SISMICO DELLE SCUOLE A LIVELLO TERRITORIALE STRATEGIE E PRIORITÀ DI INTERVENTO PER LA RIDUZIONE DEL RISCHIO SISMICO DELLE SCUOLE A LIVELLO TERRITORIALE PROGETTO Friuli Venezia Giulia prof. Stefano Grimaz Coordinatore progetto Università degli Studi

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: PROTEZIONE CIVILE GRUPPO LUCANO Enti co-progettanti: - Associazione Volontari Protezione Civile

Dettagli

La valutazione del rischio sismico nei DVR. Il caso degli edifici per uffici

La valutazione del rischio sismico nei DVR. Il caso degli edifici per uffici La valutazione del rischio sismico nei DVR. Il caso degli edifici per uffici 1. Introduzione Il D.Lgs. 81/08 (s.m.i.), che disciplina la sicurezza nei luoghi di lavoro prescrive la valutazione di tutti

Dettagli

Strategie per il miglioramento della sicurezza sismica negli ospedali

Strategie per il miglioramento della sicurezza sismica negli ospedali Strategie per il miglioramento della sicurezza sismica negli ospedali Alessio Lupoi Dipartimento di Ingegneria Strutturale e Geotecnica 1 Passate esperienze in Italia Danni rilevanti per molti ospedali

Dettagli

. conoscere il fenomeno sismico, LO STUDIO DI MICROZONAZIONE SISMICA DEL COMUNE DI NEGRAR. Dott. Geol. Enrico Castellaccio 13 febbraio 2012

. conoscere il fenomeno sismico, LO STUDIO DI MICROZONAZIONE SISMICA DEL COMUNE DI NEGRAR. Dott. Geol. Enrico Castellaccio 13 febbraio 2012 . conoscere il fenomeno sismico, LO STUDIO DI MICROZONAZIONE SISMICA DEL COMUNE DI NEGRAR Dott. Geol. Enrico Castellaccio 13 febbraio 2012 1 Terremoto dell Aquila 6 aprile 2009 Mr = 5,9 Mw = 6,3 Tr = 300-350

Dettagli

PREVENZIONE SISMICA NEI CENTRI STORICI DELLA REGIONE CAMPANIA

PREVENZIONE SISMICA NEI CENTRI STORICI DELLA REGIONE CAMPANIA PATROCINIO DELLA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Ordine Degli Architetti, P.P.C. Della Provincia Di Caserta Ordine Degli Ingegneri Della Provincia Di Caserta Ordine Dei Geologi Della Regione Campania

Dettagli

Presidenza del Consialio dei Ministri

Presidenza del Consialio dei Ministri >:...- L,... ". 1: 4 Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale Presidenza del Consialio dei Ministri.. ~er la Difesa dai Terremoti consigli; Nazionale delle Ricerche PROGETTO PER LA RILEVAZIONE DELLA

Dettagli

Terremoti d Italia museo delle scienze naturali Brescia novembre 2014. Cos è il Rischio Sismico?

Terremoti d Italia museo delle scienze naturali Brescia novembre 2014. Cos è il Rischio Sismico? Terremoti d Italia museo delle scienze naturali Brescia novembre 2014 Fonte prof. Ing. Mauro Dolce dipartimento Protezione civile italia Cos è il Rischio Sismico? Totale edifici per data di costruzione

Dettagli

Rapporto di sintesi sul dissesto idrogeologico in Italia 2014. Rapporto. Alessandro Trigila, Carla Iadanza Revisione Data revisione Archivio.

Rapporto di sintesi sul dissesto idrogeologico in Italia 2014. Rapporto. Alessandro Trigila, Carla Iadanza Revisione Data revisione Archivio. Titolo Rapporto di sintesi sul dissesto idrogeologico in Italia 2014 Tipo Rapporto Dipartimento Difesa del Suolo/ Servizio geologico d Italia Servizio Istruttorie, Piani di Bacino e Raccolta Dati Redatto

Dettagli

Qui DPC. M. Dolce 1. Progettazione Sismica. Figura 1 Distribuzione sul territorio delle strutture dell Osservatorio Sismico.

Qui DPC. M. Dolce 1. Progettazione Sismica. Figura 1 Distribuzione sul territorio delle strutture dell Osservatorio Sismico. Qui DPC M. Dolce 1 Il monitoraggio sismico del Dipartimento della Protezione Civile (2) - L Osservatorio Sismico delle Strutture Nel precedente numero di QuiDPC si è fornita una sintetica descrizione della

Dettagli

Dissesto idrogeologico è un termine

Dissesto idrogeologico è un termine Il Dissesto idrogeologico un disastro italiano di Giovanni Maria Di Buduo* Dissesto idrogeologico è un termine infelice perché molto fuorviante: frane e alluvioni non sono dissesti, ma sono la concretizzazione

Dettagli

DOBBIAMO AVER PAURA DELLA PIOGGIA?

DOBBIAMO AVER PAURA DELLA PIOGGIA? Nuovo Rapporto Ance Cresme alluvioni con una scia ininterrotta di disastri, vittime e costi altissimi per i cittadini. Un territorio martoriato da Nord a Sud e L aggiornamento del rapporto Ance Cresme

Dettagli

convivere con il terremoto evento legato alla storia ed alla costituzione geologica ------------ di Mario Pileggi (*) ------------

convivere con il terremoto evento legato alla storia ed alla costituzione geologica ------------ di Mario Pileggi (*) ------------ RISCHI IO I SISMI ICO I ELEVATO :: LE CAUSE ED I RIMEDI I PER LLA MITTI IGAZZI IONE DEII DANNI I E LLA MESSA IN I SICUREZZZZA DELLLLE POPOLLAZZI IONII convivere con il terremoto evento legato alla storia

Dettagli

Rapporto di sintesi sul dissesto idrogeologico in Italia 2014. Rapporto. Alessandro Trigila, Carla Iadanza Rev Data Archivio. Titolo. Tipo.

Rapporto di sintesi sul dissesto idrogeologico in Italia 2014. Rapporto. Alessandro Trigila, Carla Iadanza Rev Data Archivio. Titolo. Tipo. Titolo Rapporto di sintesi sul dissesto idrogeologico in Italia 2014 Tipo Rapporto Dipartimento Difesa del Suolo/ Servizio geologico d Italia Servizio Istruttorie, Piani di Bacino e Raccolta Dati Redatto

Dettagli

Quarant'anni fa ad Ancona

Quarant'anni fa ad Ancona Che cosa accadde: il punto della situazione Quarant anni fa, il 25 gennaio 1972, iniziò ad Ancona un lungo periodo sismico. Le prime registrazioni della sequenza in corso furono effettuate da due stazioni

Dettagli

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA STUDI DI MICROZONAZIONE SISMICA: TEORIA ED APPLICAZIONI AOSTA, Loc. Amérique Quart (AO), 18-19 Ottobre 2011 Assessorato OO.PP., Difesa Suolo e Edilizia Residenziale Pubblica - Servizio Geologico ATTIVITA

Dettagli

Alcune iniziative della Protezione civile nazionale per la riduzione del rischio sismico degli ospedali italiani

Alcune iniziative della Protezione civile nazionale per la riduzione del rischio sismico degli ospedali italiani Alcune iniziative della Protezione civile nazionale per la riduzione del rischio sismico degli ospedali italiani G. Di Pasquale (DPC - Ufficio Rischio Sismico) Cronologia Partecipazione al progetto europeo

Dettagli

METODOLOGIA DI VALUTAZIONE SISMICA DI GRANDI INSEDIAMENTI INDUSTRIALI E DVR SISMICO

METODOLOGIA DI VALUTAZIONE SISMICA DI GRANDI INSEDIAMENTI INDUSTRIALI E DVR SISMICO METODOLOGIA DI VALUTAZIONE SISMICA DI GRANDI INSEDIAMENTI INDUSTRIALI E DVR SISMICO P. ARNAUD 1, F. BARPI 1,2, C. CAVALLO 1, L. DI CARLO 1, A. MITA 1, D. RIVELLA 1, 1 Gruppo Ingegneria Torino Srl, Torino,

Dettagli

Anche la Lombardia ha una nuova mappa sismica del territorio.

Anche la Lombardia ha una nuova mappa sismica del territorio. Anche la Lombardia ha una nuova mappa sismica del territorio. Arriva, con il D.G.R. 11 luglio 2014, n. 2129, l aggiornamento della classificazione sismica dei Comuni della regione Lombardia. La delibera,

Dettagli

DIVISIONE. adeguamento sismico

DIVISIONE. adeguamento sismico DIVISIONE adeguamento sismico edifici prefabbricati L azienda il gruppo ASSOLARI Divisione prefebbricati GMP Prefabbricati S.p.A. ha sviluppato negli anni tecnologie innovative di alto standard qualitativo

Dettagli

CARATTERISTICHE TIPOLOGICHE DEGLI EDIFICI PER L ISTRUZIONE E LA SANITÀ

CARATTERISTICHE TIPOLOGICHE DEGLI EDIFICI PER L ISTRUZIONE E LA SANITÀ Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia Gruppo Nazionale per la Difesa dai Terremoti Dipartimento della Protezione Civile Consiglio Nazionale delle Ricerche Istituto per le Tecnologie della Costruzione

Dettagli

I VOLONTARI ARCHITETTI PER LA PROTEZIONE CIVILE: DAL SISMA DELL EMILIA ALLA RETE NAZIONALE DEI PRESIDI

I VOLONTARI ARCHITETTI PER LA PROTEZIONE CIVILE: DAL SISMA DELL EMILIA ALLA RETE NAZIONALE DEI PRESIDI I VOLONTARI ARCHITETTI PER LA PROTEZIONE CIVILE: DAL SISMA DELL EMILIA ALLA RETE NAZIONALE DEI PRESIDI Arch. Walter Baricchi Il sisma 2012 in Emilia. Il 20 maggio 2012 una vastissima area compresa tra

Dettagli

Italia: un territorio a rischio, sempre sotto osservazione

Italia: un territorio a rischio, sempre sotto osservazione Italia: un territorio a rischio, sempre sotto osservazione Intervista a Paola Pagliara, dirigente del Centro Funzionale Centrale del Dipartimento Nazionale nonché responsabile del Servizio rischio idrogeologico

Dettagli

Il volume - corredato da numerosi disegni tecnici e illustrazioni - è

Il volume - corredato da numerosi disegni tecnici e illustrazioni - è Un'adeguata conoscenza degli aspetti fisici, storici ed evolutivi dei terremoti e dei loro effetti sulle costruzioni è indispensabile per rendere consapevoli che un evento sismico è un fenomeno con il

Dettagli

VERIFICA DI VULNERABILITA SISMICA DEGLI EDIFICI

VERIFICA DI VULNERABILITA SISMICA DEGLI EDIFICI VERIFICA DI VULNERABILITA SISMICA DEGLI EDIFICI Verifica di vulnerabilità sismica Pagina 2 di 8 INDICE Premessa...3 Classificazione sismica...3 Vulnerabilità sismica...5 Indagini...5 Calcolo...6 Verifica

Dettagli

Premessa. 11100 Aosta (Ao) 2/A, via Promis telefono +39 0165272866 telefax +39 0165272840

Premessa. 11100 Aosta (Ao) 2/A, via Promis telefono +39 0165272866 telefax +39 0165272840 Assessorat des Ouvrages Publics de la protection des sols et du logement public Assessorato Opere Pubbliche, Difesa del Suolo e Edilizia Residenziale Pubblica Premessa Le fondamentali indicazioni riportate

Dettagli

Marco Federici e i suoi "Angeli tra le Macerie"

Marco Federici e i suoi Angeli tra le Macerie "Angeli tra le macerie" aiuta la Protezione civile in Abruzzo È stato consegnato alla Protezione civile il ricavato della vendita del libro «Angeli tra le macerie», scritto dal giornalista della Gazzetta

Dettagli

2.3.3 ATTIVITA SVOLTA PREVALENTEMENTE PRESSO GLI UFFICI DECENTRATI DELLA REGIONE A MUCCIA (MC), ASCOLI PICENO ED ANCONA.

2.3.3 ATTIVITA SVOLTA PREVALENTEMENTE PRESSO GLI UFFICI DECENTRATI DELLA REGIONE A MUCCIA (MC), ASCOLI PICENO ED ANCONA. 2.3.3 ATTIVITA SVOLTA PREVALENTEMENTE PRESSO GLI UFFICI DECENTRATI DELLA REGIONE A MUCCIA (MC), ASCOLI PICENO ED ANCONA. Tutors: Arch. Gianluca Canofeni - esperto GNDT Geol. Giorgio Coppola esperto GNDT

Dettagli

ALLEGATO Deliverable action 2b. Progetto Impianto fotovoltaico Università degli studi della Tuscia

ALLEGATO Deliverable action 2b. Progetto Impianto fotovoltaico Università degli studi della Tuscia Progetto Impianto fotovoltaico Università degli studi della Tuscia In merito alle azioni da svolgere, nell ambito del progetto, dall Università della Tuscia, si fa riferimento alla realizzazione dell impianto

Dettagli

Il GEOLOGO PROFESSIONISTA NELLE ATTIVITA DI PROTEZIONE CIVILE. Piani nazionali di emergenza

Il GEOLOGO PROFESSIONISTA NELLE ATTIVITA DI PROTEZIONE CIVILE. Piani nazionali di emergenza Il GEOLOGO PROFESSIONISTA NELLE ATTIVITA DI PROTEZIONE CIVILE Pianificazione dell emergenza di protezione civile comunale, intercomunale e provinciale e modello d intervento regionale Piani nazionali di

Dettagli

Dario Polimeni - Salvatore Le Pira - Salvatore Ferracane Domenico Scalia - Salvatore Motta e Francesco Nicolosi

Dario Polimeni - Salvatore Le Pira - Salvatore Ferracane Domenico Scalia - Salvatore Motta e Francesco Nicolosi Dario Polimeni - Salvatore Le Pira - Salvatore Ferracane Domenico Scalia - Salvatore Motta e Francesco Nicolosi Sei tecnici del Comune di Catania, provenienti da diverse Direzioni, hanno dato la propria

Dettagli

MASTER DI II LIVELLO IN INGEGNERIA ANTISISMICA (MIA)

MASTER DI II LIVELLO IN INGEGNERIA ANTISISMICA (MIA) MASTER DI II LIVELLO IN INGEGNERIA ANTISISMICA (MIA) in memoria del Prof. Giovanni Beolchini 1. CARATTERISTICHE GENERALI Durata: un anno accademico, corrispondente a 60 CFU Lingua: italiano Sede didattica:

Dettagli

Non è vero che abbiamo poco tempo, la verità è che ne perdiamo molto. Insegnando s impara SENECA

Non è vero che abbiamo poco tempo, la verità è che ne perdiamo molto. Insegnando s impara SENECA Non è vero che abbiamo poco tempo, la verità è che ne perdiamo molto Insegnando s impara SENECA Se l evento non coinvolge zone abitate, insediamenti produttivi o beni culturali no. Ad esempio un maremoto,

Dettagli

FIRENZE, 14 marzo 2013 Il dimensionamento del rischio sismico Luciano Pallini Centro Studi ANCE Toscana

FIRENZE, 14 marzo 2013 Il dimensionamento del rischio sismico Luciano Pallini Centro Studi ANCE Toscana FIRENZE, 14 marzo 2013 Il dimensionamento del rischio sismico Luciano Pallini Centro Studi ANCE Toscana spazio log ente / associazione 1 1. Pericolositàsismica e classificazione del territorio nazionale

Dettagli

Perché questo incontro. Giugno 2012: contattato dal Sig. Furlanetto del comitato Volpago Ambiente per parlare del «Caso Montello»

Perché questo incontro. Giugno 2012: contattato dal Sig. Furlanetto del comitato Volpago Ambiente per parlare del «Caso Montello» Perché questo incontro Giugno 2012: contattato dal Sig. Furlanetto del comitato Volpago Ambiente per parlare del «Caso Montello» Emergenza di comunicazione: sei membri della Commissione Grandi Rischi sotto

Dettagli

Calamità naturali: il 72% dei residenti in zone a rischio è disposto a sottoscrivere un assicurazione per tutelarsi

Calamità naturali: il 72% dei residenti in zone a rischio è disposto a sottoscrivere un assicurazione per tutelarsi Nuova indagine CINEAS Calamità naturali: il 72% dei residenti in zone a rischio è disposto a sottoscrivere un assicurazione per tutelarsi Il 73% degli intervistati ha vissuto una o più volte catastrofi

Dettagli

LINEA 9 Monitoraggio e early warning di strutture e infrastrutture strategiche

LINEA 9 Monitoraggio e early warning di strutture e infrastrutture strategiche LINEA 9 Monitoraggio e early warning di strutture e infrastrutture strategiche Coordinatore: Prof. Paolo GASPARINI Dipartimento di Scienze Fisiche Università di Napoli Federico II LINEA 9 Monitoraggio

Dettagli

LA PROTEZIONE CIVILE

LA PROTEZIONE CIVILE ASSOCIAZIONE DI PROTEZIONE ED EMERGENZE CIVILI ORDINE DEGLI INGEGNERI PALERMO LA PROTEZIONE CIVILE 1 INCONTRO 18 Ottobre 2011 Belice Gennaio 1968 Quando giunsero i primi soccorsi in prossimità dell'epicentro

Dettagli

ANALISI DI VULNERABILITÀ E RISCHIO SISMICO

ANALISI DI VULNERABILITÀ E RISCHIO SISMICO Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia Gruppo Nazionale per la Difesa dai Terremoti Dipartimento della Protezione Civile Consiglio Nazionale delle Ricerche Istituto per le Tecnologie della Costruzione

Dettagli

Terremoti, l esperto: si sta muovendo la faglia di Reggio, la più pericolosa di tutta la Calabria

Terremoti, l esperto: si sta muovendo la faglia di Reggio, la più pericolosa di tutta la Calabria Terremoti, l esperto: si sta muovendo la faglia di Reggio, la più pericolosa di tutta la Calabria martedì 11 febbraio 2014, 22:31 di Peppe Caridi Nei giorni scorsi una sequenza sismica ha interessato la

Dettagli

La microzonazione sismica, oggi, in Italia: uno strumento per la mitigazione del rischio. Giuseppe Naso DPC - Ufficio Rischio sismico e vulcanico

La microzonazione sismica, oggi, in Italia: uno strumento per la mitigazione del rischio. Giuseppe Naso DPC - Ufficio Rischio sismico e vulcanico La microzonazione sismica, oggi, in Italia: uno strumento per la mitigazione del rischio Giuseppe Naso DPC - Ufficio Rischio sismico e vulcanico La microzonazione sismica prima del 2008 MS dopo evento

Dettagli

CROCE ROSSA ITALIANA

CROCE ROSSA ITALIANA CROCE ROSSA ITALIANA Sintesi delle attività della CRI in occasione del terremoto del Molise del 31 ottobre 2002 A cura del Capitano Roberto Baldessarelli Funzionario Delegato C.R.I. per l emergenza terremoto

Dettagli

LA PIANIFICAZIONE DI EMERGENZA

LA PIANIFICAZIONE DI EMERGENZA LA PIANIFICAZIONE DI EMERGENZA Rischi naturali Idraulico-idrogeologico Sismico Vulcanico Incendi boschivi e d interfaccia Maremoto Rischi antropici tecnologico trasporti chimico-industriale CNR- IRPI CNR-IRPI

Dettagli

MS e CLE: sistemi informativi e diffusione. Maria Ioannilli Università di Roma Tor Vergata

MS e CLE: sistemi informativi e diffusione. Maria Ioannilli Università di Roma Tor Vergata MS e CLE: sistemi informativi e diffusione Maria Ioannilli Università di Roma Tor Vergata La prevenzione del rischio sismico Dopo il terremoto in Abruzzo del 6 aprile 2009, lo Stato ha emanato un nuovo

Dettagli

IL TERREMOTO DEL CHIANTI DEL DICEMBRE 2014

IL TERREMOTO DEL CHIANTI DEL DICEMBRE 2014 AGENZIA NAZIONALE PER LE NUOVE TECNOLOGIE, L'ENERGIA E LO SVILUPPO ECONOMICO SOSTENIBILE IL TERREMOTO DEL CHIANTI DEL DICEMBRE 2014 a cura di S. Paolini, G. Bongiovanni, P. Clemente, S. Hailemikael, G.

Dettagli

Regione CAMPANIA - Note storiche

Regione CAMPANIA - Note storiche Regione CAMPANIA - Note storiche Terremoto dell Alta Irpinia del 1930 (Centro di Documentazione - Servizio Sismico Nazionale) ALCUNI DEI TERREMOTI PIU' DISTRUTTIVI NELL'ULTIMO MILLENNIO Data Intensità

Dettagli

GEOSIS FOR ARCGIS ON LINE, UNA MAPPA INTERATTIVA SUL WEB DEI TERREMOTI IN ITALIA

GEOSIS FOR ARCGIS ON LINE, UNA MAPPA INTERATTIVA SUL WEB DEI TERREMOTI IN ITALIA GEOSIS FOR ARCGIS ON LINE, UNA MAPPA INTERATTIVA SUL WEB DEI TERREMOTI IN ITALIA Maurizio Pignone, Raffaele Moschillo, Rocco Cogliano Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, Sede Irpinia Abstract

Dettagli

itinerari per la riduzione del rischio

itinerari per la riduzione del rischio MATERIALE ad USO INTERNO EDURISK itinerari per la riduzione del rischio MODULO 1 Corso di Formazione Insegnanti partecipanti alla sperimentazione del Progetto EDURISK Regione Sicilia, ottobre 2006 a cura

Dettagli

PROTEZIONE CIVILE E SALVAGUARDIA DEI BENI CULTURALI

PROTEZIONE CIVILE E SALVAGUARDIA DEI BENI CULTURALI PROTEZIONE CIVILE E SALVAGUARDIA DEI BENI CULTURALI MILANO, 14 MARZO 2013 Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento della protezione civile Arch. Veronica Piacentini IL SERVIZIO NAZIONALE DI PROTEZIONE

Dettagli

I MASTER: SOLUZIONI ALTAMENTE PROFESSIONALIZZANTI

I MASTER: SOLUZIONI ALTAMENTE PROFESSIONALIZZANTI S A P E R E / S A P E R F A R E / S A P E R E S S E R E L ATENEO e-campus PERCORSI INNOVATIVI L Ateneo e-campus è stato istituito quale università telematica con d.m. 30 gennaio 2006. È nato dall esigenza

Dettagli

ARES, la "risposta" marchigiana al problema delle maxiemergenze sanitarie

ARES, la risposta marchigiana al problema delle maxiemergenze sanitarie REGIONE MARCHE ARES, la "risposta" marchigiana al problema delle maxiemergenze sanitarie Ripercorriamo la storia dell Associazione creata dal dottor Marco Esposito nel 1999. Da una precisa idea di sanità

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento della Protezione Civile

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento della Protezione Civile IL SERVIZIO NAZIONALE DELLA PROTEZIONE CIVILE Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento della Protezione Civile Protezione Civile Con protezione civile si intende il complesso di attività messe

Dettagli

Iniziative didattiche per la mitigazione del rischio vulcanico presso l Osservatorio Vesuviano INGV: il museo.

Iniziative didattiche per la mitigazione del rischio vulcanico presso l Osservatorio Vesuviano INGV: il museo. Iniziative didattiche per la mitigazione del rischio vulcanico presso l Osservatorio Vesuviano INGV: il museo. Maddalena De Lucia, Osservatorio Vesuviano INGV, Napoli, Italia L Osservatorio Vesuviano,

Dettagli

Prot. n. 101 Ancona 7 giugno 2013

Prot. n. 101 Ancona 7 giugno 2013 Prot. n. 101 Ancona 7 giugno 2013 Regione Marche all Assessore Luigi VIVENTI luigi.viventi@regione.marche.it al Dirigente P.F. Opere pubbliche di emergenza e prevenzione del rischio sismico l Ing. Mario

Dettagli

GEOSIS UNA MAPPA INTERATTIVA SUL WEB DEI TERREMOTI IN ITALIA. M.Pignone, R.Moschilo, R.Cogliano

GEOSIS UNA MAPPA INTERATTIVA SUL WEB DEI TERREMOTI IN ITALIA. M.Pignone, R.Moschilo, R.Cogliano GEOSIS UNA MAPPA INTERATTIVA SUL WEB DEI TERREMOTI IN ITALIA M.Pignone, R.Moschilo, R.Cogliano La piattaforma GEOSIS E uno strumento di sintesi e di consultazione rapida di informazioni relative agli eventi

Dettagli

Luglio 2010 OMBRE SU L AQUILA POCO SOLARE NELLA RICOSTRUZIONE IN ABBRUZZO

Luglio 2010 OMBRE SU L AQUILA POCO SOLARE NELLA RICOSTRUZIONE IN ABBRUZZO Luglio 2010 OMBRE SU L AQUILA POCO SOLARE NELLA RICOSTRUZIONE IN ABBRUZZO 1. Quadro Generale L area del così detto cratere sismico, ovvero la zona colpita dal sisma del 6 aprile 2009, è molto vasta. Nonostante

Dettagli

LA SICUREZZA SISMICA DELLE SCUOLE ITALIANE

LA SICUREZZA SISMICA DELLE SCUOLE ITALIANE LA SICUREZZA SISMICA DELLE SCUOLE ITALIANE Mauro Dolce Professore di Ingegneria sismica Università della Basilicata Summary La situazione italiana della sicurezza delle scuole viene esposta in questa memoria

Dettagli

Gruppo di lavoro ETICA E PROFESSIONE Elezioni 2013 per il Consiglio dell Ordine dei Geologi del Lazio

Gruppo di lavoro ETICA E PROFESSIONE Elezioni 2013 per il Consiglio dell Ordine dei Geologi del Lazio Gruppo di lavoro ETICA E PROFESSIONE Elezioni 2013 per il Consiglio dell Ordine dei Geologi del Lazio Dalla volontà di ognuno al desiderio di lavorare insieme ad un progetto comune ecco chi siamo Anna

Dettagli

Il Servizio Nazionale di P.C.

Il Servizio Nazionale di P.C. Il Servizio Nazionale di P.C. Corso Operatore C.R.I. nel Settore Emergenza Comitato Locale di Firenze Riccardo Romeo Jasinski - Croce Rossa Italiana Formatore Nazionale PC CRI Il Servizio Nazionale di

Dettagli

"Macerie dentro e fuori", il libro di Umberto Braccili

Macerie dentro e fuori, il libro di Umberto Braccili La presentazione venerdì 14 alle 11 "Macerie dentro e fuori", il libro di Umberto Braccili "Macerie dentro e fuori" è il libro scritto dal giornalista Umberto Braccili, inviato della Rai Abruzzo, insieme

Dettagli

INDICE RASSEGNA STAMPA AMBIENTE PROTEZIONE CIVILE. Pagina I. Indice Rassegna Stampa

INDICE RASSEGNA STAMPA AMBIENTE PROTEZIONE CIVILE. Pagina I. Indice Rassegna Stampa INDICE RASSEGNA STAMPA AMBIENTE Gazzettino 18/11/14 P. 6 A rischio 6.600 comuni, in Friuli il 92% 1 PROTEZIONE CIVILE Gazzettino 18/11/14 P. 6 L'Italia è fragile, sono 6.600 i comuni a rischio 2 Gazzettino

Dettagli

IL VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE CORSO BASE DI FORMAZIONE

IL VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE CORSO BASE DI FORMAZIONE IL VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE CORSO BASE DI FORMAZIONE «IL VOLONTARIATO E UN TEMPO LIBERATO DA ALTRE CURE» Madre Teresa CHI HA INVENTATO IL VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE IN ITALIA? FIRENZE

Dettagli

CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO LOCALE DI FOSSOMBRONE A.P.S. AREA 3 Attività Emergenza

CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO LOCALE DI FOSSOMBRONE A.P.S. AREA 3 Attività Emergenza CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO LOCALE DI FOSSOMBRONE A.P.S. AREA 3 Attività Emergenza Corso per aspiranti volontari C.R.I. CROCE ROSSA ITALIANA AREA 3 Attività Emergenza a cura del VOLONTARIO Sandrino Guidarelli

Dettagli

Percezione e consenso nella mitigazione del rischio idrogeologico. Uno studio preliminare nel comune di Sarno

Percezione e consenso nella mitigazione del rischio idrogeologico. Uno studio preliminare nel comune di Sarno Percezione e consenso nella mitigazione del rischio idrogeologico. Uno studio preliminare nel comune di Sarno Francesco Vaccarone Sarno Fiume di Fango Mariolina Papa, Michele Calvello, Maria Nacchia Crescenzo,

Dettagli

CAPITOLO I IL PROGETTO

CAPITOLO I IL PROGETTO CONTENUTI DEL PROGETTO CAPITOLO I IL PROGETTO 1.1 - CONTENUTI DEL PROGETTO Dott.ssa Daniela Ferranti Dipartimento Protezione Civile Sig. Mauro Chilante Gruppo Nazionale Difesa Terremoti - L Aquila Arch.

Dettagli

COMUNE DI SAN GIULIANO DI PUGLIA. La ricostruzione di San Giuliano di Puglia

COMUNE DI SAN GIULIANO DI PUGLIA. La ricostruzione di San Giuliano di Puglia La ricostruzione di San Giuliano di Puglia Cronologia avvenimenti 11.32 GIOVEDÌ 31 OTTOBRE 2002: un terremoto di 5,4 gradi della scala Richter fa tremare il Molise. La zona più colpita è San Giuliano di

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome IPPOLITI Alberto Indirizzo SEDE DI LAVORO: VIA PALESTRO 19, ANCONA Telefono 071/8067312 Fax E-mail albertoippoliti@regionemarcheit

Dettagli

RELAZIONE AL CONTO FINANZIARIO 2011

RELAZIONE AL CONTO FINANZIARIO 2011 Missione 8 Soccorso civile Programma 8.5 Protezione civile C.d.R. 13 Protezione civile Le risorse assegnate al C.d.R 13 Protezione Civile per l anno 2011 sono state pari ad euro 3.350.113.331,56 a fronte

Dettagli

Il Servizio Sismico Svizzero (SED)

Il Servizio Sismico Svizzero (SED) Il Servizio Sismico Svizzero (SED) Storia e missione del SED Il Servizio Sismico Svizzero registra in media due terremoti al giorno. Di questi, circa dieci ogni anno sono abbastanza forti da essere percepiti

Dettagli

DIFFUSIONE DELLA CULTURA DI PROTEZIONE CIVILE

DIFFUSIONE DELLA CULTURA DI PROTEZIONE CIVILE DIFFUSIONE DELLA CULTURA DI PROTEZIONE CIVILE Corso Base di formazione per allievi Volontari di Protezione Civile Todi 20 maggio 2014 Tecnici ANCI Umbria Protezione Civile CULTURA Il concetto moderno di

Dettagli

TABELLA 5.15. LE STRUTTURE SCOLASTICHE IN ITALIA: STOCK, UNITÀ LOCALI, ADDETTI

TABELLA 5.15. LE STRUTTURE SCOLASTICHE IN ITALIA: STOCK, UNITÀ LOCALI, ADDETTI 5.3 Il patrimonio scolastico e ospedaliero nelle aree di rischio Tra gli edifici esposti al rischio naturale rientrano alcune strutture, come le scuole e gli ospedali, che hanno una particolare importanza

Dettagli

CONOSCERE IL TERREMOTO. PROGETTO SICUREZZA a.s. 2010-2011

CONOSCERE IL TERREMOTO. PROGETTO SICUREZZA a.s. 2010-2011 CONOSCERE IL TERREMOTO PROGETTO SICUREZZA a.s. 2010-2011 CONOSCERE IL TERREMOTO 1 CHE COS È IL TERREMOTO E QUANDO SI VERIFICA? Il terremoto o sisma è un fenomeno naturale. È un improvviso e rapido scuotimento

Dettagli

La Barilla entra in Protezione civile con 70 dipendenti e una grande cucina da campo

La Barilla entra in Protezione civile con 70 dipendenti e una grande cucina da campo La Barilla entra in Protezione civile con 70 dipendenti e una grande cucina da campo ATTUALITÀ Presente e vicina alle popolazioni aquilane ed emiliane duramente colpite dai terremoti, Barilla - orgoglio

Dettagli

STUDIO SUGLI INCENDI IN ITALIA DAL 2007 AL 2010. Dirigente Superiore Dott. Ing. Maurizio D ADDATO

STUDIO SUGLI INCENDI IN ITALIA DAL 2007 AL 2010. Dirigente Superiore Dott. Ing. Maurizio D ADDATO STUDIO SUGLI INCENDI IN ITALIA DAL 2007 AL 2010 Dirigente Superiore Dott. Ing. Maurizio D ADDATO La ricerca sviluppata ha preso in esame tutte le segnalazioni pervenute al Centro Operativo Nazionale del

Dettagli

La sicurezza stradale in Italia: stato dell arte e prospettive future

La sicurezza stradale in Italia: stato dell arte e prospettive future La sicurezza stradale in Italia: stato dell arte e prospettive future Ing. Valentino Iurato Direzione Generale Sicurezza Stradale DIMENSIONI QUANTITATIVE In Italia, nel 2011, si sono registrati 205.638

Dettagli

ORDINE REGIONALE DEI GEOLOGI DI SICILIA

ORDINE REGIONALE DEI GEOLOGI DI SICILIA Ns. Rif. 202/14 Palermo, 21/01/2014 Egr. Presidente della Regione Siciliana dott. Rosario Crocetta Egr. Assessore al Territorio ed all Ambiente dott.ssa Maria Lo Bello Egr. Presidente IV Commissione Ambiente

Dettagli

ABSTRACT PROGETTO DIDATTICO

ABSTRACT PROGETTO DIDATTICO ABSTRACT PROGETTO DIDATTICO ALLA LARGA DAI PERICOLI A.S. 2013/2014 CON IL PATROCINIO IN COLLABORAZIONE Per l anno scolastico 2013/2014 ANCI Umbria, forte di un esperienza di 5 anni nella divulgazione di

Dettagli

COME USARE LA PIATTAFORMA ALLA LARGA DAI PERICOLI ASPETTI GENERALI

COME USARE LA PIATTAFORMA ALLA LARGA DAI PERICOLI ASPETTI GENERALI COME USARE LA PIATTAFORMA ALLA LARGA DAI PERICOLI ASPETTI GENERALI La piattaforma, per l anno scolastico 2013/2014, prevede l implementazione dei temi legati al solo rischio sismico. Per gli anni successivi

Dettagli

QUESTIONARIO PRESELEZIONE ONLINE

QUESTIONARIO PRESELEZIONE ONLINE In blu sono indicate le risposte corrette QUESTIONARIO PRESELEZIONE ONLINE 1. La Protezione Civile è: Un Dipartimento della Presidenza del Consiglio dei Ministri La funzione esercitata da un sistema articolato

Dettagli

RESOCONTO DELLA RIUNIONE DEL 14.1.2004 con le Regioni. OGGETTO: Tavolo tecnico unitario Stato di attuazione dell Ordinanza 3274/2003.

RESOCONTO DELLA RIUNIONE DEL 14.1.2004 con le Regioni. OGGETTO: Tavolo tecnico unitario Stato di attuazione dell Ordinanza 3274/2003. Roma, 14 gennaio 2004 RESOCONTO DELLA RIUNIONE DEL 14.1.2004 con le Regioni OGGETTO: Tavolo tecnico unitario Stato di attuazione dell Ordinanza 3274/2003. Premessa La riunione è stata convocata con lettera

Dettagli

CONVEGNO: INTERVENTO DEL PREFETTO ANGELO TRANFAGLIA

CONVEGNO: INTERVENTO DEL PREFETTO ANGELO TRANFAGLIA ORDINE DEGLI PSICOLOGI DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA CONVEGNO: IMPARARE DALL ESPERIENZA. L ASSISTENZA PSICOLOGICA NELLE MAXIEMERGENZE INTERVENTO DEL PREFETTO ANGELO TRANFAGLIA ZANHOTEL EUROPA VIA BOLDRINI,

Dettagli

Floating Sensor Network: cento robot per misurare l inquinamento dei fiumi californiani

Floating Sensor Network: cento robot per misurare l inquinamento dei fiumi californiani Lunedi, 21 Maggio 2012 HOME METEO DIRETTA METEO WEBCAM AMBIENTE ASTRONOMIA GEO VULCANOLOGIA OLTRE LA SCIENZA PREVISIONI METEO redazione@meteoweb.it Feed RSS Mi piace 24mila Fino al 31/05 Sconto del 50%.

Dettagli

terremoto (evento n. 10820) Data: 22/5/1868 Attendibilità evento: attendibile Attendibilità data: data certa

terremoto (evento n. 10820) Data: 22/5/1868 Attendibilità evento: attendibile Attendibilità data: data certa terremoto (evento n. 10820) Data: 22/5/1868 terremoto (evento n. 3891) Data: 15/9/1928 terremoto (evento n. 3893) Data: 25/12/1930 terremoto (evento n. 10841) Data: 19/2/1932 1935/12/ Varie Sismicità del

Dettagli

UNITA DIDATTICA N 11 - LA PROTEZIONE CIVILE - LE ATTIVITA DI EMERGENZA. Giordano Trecca - Istruttore Nazionale PC

UNITA DIDATTICA N 11 - LA PROTEZIONE CIVILE - LE ATTIVITA DI EMERGENZA. Giordano Trecca - Istruttore Nazionale PC UNITA DIDATTICA N 11 - LA PROTEZIONE CIVILE - LE ATTIVITA DI EMERGENZA Giordano Trecca - Istruttore Nazionale PC VERSIONE 2.0 ottobre 2010 IN QUESTA LEZIONE SI PARLERA DI LA CROCE ROSSA ITALIANA NELLA

Dettagli

QuickTime e un decompressore TIFF (Non compresso) sono necessari per visualizzare quest'immagine.

QuickTime e un decompressore TIFF (Non compresso) sono necessari per visualizzare quest'immagine. 12 incontri con 482 insegnanti obiettivi: Fornire informazioni sui terremoti e sulla sequenza in corso Dettagli sulla sismicità, la pericolosità sismica e il rischio sismico i dell area Cosa fare per ridurre

Dettagli

RISCHIO SISMICO GIORNATE FORMATIVE SULLA CULTURA DEL RISCHIO METEOIDROLOGICO E SISMICO LA SPEZIA, 18/10/2013

RISCHIO SISMICO GIORNATE FORMATIVE SULLA CULTURA DEL RISCHIO METEOIDROLOGICO E SISMICO LA SPEZIA, 18/10/2013 GIORNATE FORMATIVE SULLA CULTURA DEL RISCHIO METEOIDROLOGICO E SISMICO RISCHIO SISMICO LA SPEZIA, 18/10/2013 Ing. Stefano Vergante Regione Liguria Settore Protezione Civile ed Emergenza Conoscere i rischi

Dettagli

L uso dei dispositivi di sicurezza in Italia. I dati del Sistema Ulisse

L uso dei dispositivi di sicurezza in Italia. I dati del Sistema Ulisse L uso dei dispositivi di sicurezza in Italia. I dati del Sistema Ulisse di Giancarlo Dosi L utilità dei dispositivi di sicurezza L utilità del casco e delle cinture di sicurezza è ormai fuori discussione.

Dettagli