L'evoluzione delle tecniche di rilevamento: dai metodi tradizionali al GPS e alle nuove tecnologie mediante l'impiego di SAPR

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L'evoluzione delle tecniche di rilevamento: dai metodi tradizionali al GPS e alle nuove tecnologie mediante l'impiego di SAPR"

Transcript

1 L'evoluzione delle tecniche di rilevamento: dai metodi tradizionali al GPS e alle nuove tecnologie mediante l'impiego di SAPR Vittorio Casella, Marica Franzini - Università degli Studi di Pavia Giovanna Sona - Politecnico di Milano

2 Le radici dell'evoluzione - 1 La topografia ha radici molte antiche. Testimonianze su rilievi topografici si hanno fin dall'antico Egitto e, ovviamente, molte cose sono cambiate da allora. Come per altri settori, gli ultimi 40 anni hanno rappresentato un periodo di rapido e profondo mutamento le cui origini vanno ricercate principalmente in due elementi: l'elettronica l'informatica L'evoluzione è stato così profonda che è stato necessario coniare un nuovo termine - GEOMATICA - per racchiudere tutte le diverse tipologie di rilievo oggi esistenti.

3 Le radici dell'evoluzione - 2 Questo mutamento non si è limitato ad alcuni aspetti ma ha coinvolto: strumenti/sensori tecniche (di rilievo e di processamento) prodotti La relazione si focalizzerà principalmente sui primi due punti.

4 La Topografia Iniziamo dalla disciplina più antica soffermandoci però sulla storia più recente. Negli anni '60 il rilievo topografico era una disciplina pienamente matura anche grazie alla presenza di strumenti ottico-meccanici di elevata qualità. Quando si parla di strumento topografico ci si riferisce ad un dispositivo capace di misurare: angoli (azimutali e zenitali) distanze Se per gli angoli non si sono mai avuti problemi, la misura della distanza ha rappresentato per molti anni un grosso ostacolo.

5 Misure di distanza Agli inizi la distanza veniva determinata sulla base misure angolari. Ad esempio mettendo in relazione: l'angolo al vertice tra due collimazioni effettuate su una stadia verticale la lettura effettuate sulla stadia stessa Tali misure erano di scarsa qualità (anche con un buon teodolite l'errore risulta superiore a 25 cm su 100 m) e per rilievi di precisione ci si basava unicamente su misura angolari (triangolazioni).

6 Nascita degli EDM Risalgono alla fine degli anni '50 i primi esperimenti per determinare la distanza percorsa da un fascio di luce basandosi sulla differenza di fase tra l'onda emessa e quella riflessa. Nascono i dispositivi EDM - Electronic Distance Measurement Nel 1968, Zeiss combina per la prima volta un teodolite con un distanziometro elettronico dando vita di fatto alla prima "Stazione Totale" (Zeiss ELTA 46). Un primo traguardo importante è stato raggiunto: effettuare misure di distanza di qualità.

7 Con o senza prisma? I primi distanziometri richiedevano però che sul punto da misurare fosse presente un elemento altamente riflettente - il prisma. Questo costituiva un limite soprattutto in relazione alla produttività. Il progredire dell'elettronica ha permesso la nascita delle misure senza prisma - reflectorless; nasce nel 1986 il primo distanziometro senza prisma (WILD Dior).

8 La Topografia moderna Nella topografia classica più recente l'evoluzione si è avuta grazie: alla capacità di misurare la distanza con elevata qualità alla possibilità di misurare la distanza senza l'ausilio di prismi Questo ha influito : sul rilievo - una maggiore produttività sul processamento dei dati - possibilità di effettuare rilievi con sole misure di distanza (trilaterazioni) La nascita dei distanziometri elettronici ha avuto, come vedremo, anche ricadute al di fuori del settore topografico; essa ha portato alla nascita di una nuova tipologia di sensori legati unicamente alla misura di distanza: i laser scanner.

9 Topografia satellitare Nello stesso periodo: la topografia tradizionale evolveva fino a raggiungere l'attuale configurazione maturava un sistema di posizionamento capace di rivoluzionare totalmente il modo di effettuare il rilevamento Nel 1960 la NASA, il DoT (Department of Trasportation) e il DoD (Department of Defence) cominciano a pensare ad un sistema di posizionamento globale. Nel 1977 nasce il programma NAVSTAR GPS. L'avvento del GPS ha avuto ricadute in tutte tutti i settori del rilevamento, terrestre ed aereo.

10 Cos'è il GPS? Il GPS è un sistema di posizionamento satellitare globale. E costituito da una costellazione di satelliti che emettono incessantemente dei segnali elettromagnetici verso la Terra. Tali segnali i vengono captati, memorizzati ed elaborati da speciali ricevitori al fine di determinare, con elevata precisione, la posizione occupata. Lo scopo è permettere: in ogni istante, in ogni luogo e con ogni condizione climatica il posizionamento tridimensionale di oggetti sia fermi che in movimento

11 Rivoluzione GPS Perché il GPS è stato una rivoluzione? Perché andava, in alcuni casi, a scardinare alcune principi su cui la topografia classica si poggiava: il vincolo dell'intervisibilità tra punti il rilievo basato su osservazioni relative il rilievo di punti statici

12 Intervisibilità tra i punti TOPOGRAFIA: è basata sulla collimazione di punti e si può misurare solo ciò che si può vedere GPS: permette di determinare la posizione reciproca tra due punti senza che essi siano intervisibili Un esempio per calcolare la posizione relativa di due punti distanti, poniamo 20 Km, è sufficiente mettere in stazione due ricevitori sui due punti per circa un'ora un lavoro analogo, se svolto con metodi topografici classici, richiederebbe probabilmente, su un territorio come quello italiano, molti giorni di lavoro

13 Posizionamento assoluto e rilievo cinematico TOPOGRAFIA: effettua misure relative di angoli e distanze GPS: determina direttamente le coordinate in un sistema di riferimento assoluto TOPOGRAFIA: tradizionalmente le misure vengono fatte verso punti fermi sul territorio GPS: se posiziono un ricevitore GPS su un veicolo in movimento è possibile determinare la traiettoria seguita del veicolo stesso Quest'ultimo aspetto, forse poco importante, nell'ottica di un rilievo terrestre tradizionale, costituisce invece la chiave di volta per l'adozione del GPS nel rilievo da mezzi in movimento (aerei, elicotteri, etc).

14 L'evoluzione del GPS Al di là della rivoluzione apportata dal GPS nell'ottica del rilievo in generale, il GPS stesso ha visto internamente profonde evoluzioni: nelle caratteristiche dei segmenti (satelliti, stazioni di controllo, ricevitori) nel soluzioni di processamento (tipologie di segnale) nelle tecniche di posizionamento (assoluto, relativo, differenziale) Come già citato le spinte verso tali mutamenti sono sostanzialmente legate all'elettronica del sistema e all'elaborazione dei dati (informatica).

15 Il posizionamento satellitare Il posizionamento GPS si basa sulla capacità del ricevitore di determinare la distanza che lo separa del satellite. Tale distanza viene ottenuta dal tempo di volo. Il passaggio tra il tempo e la distanza viene banalmente ottenuto come: d = tempo velocità Le posizioni sono determinate combinando le informazione di distanza satellite-ricevitore e la posizione di punti noti (nel nostro caso i satelliti). Questa tecnica è chiamata trilaterazione. P x P z y x

16 Tecniche di posizionamento Esistono tre tecniche di posizionamento : posizionamento assoluto (m) posizionamento relativo (mm) posizionamento differenziale (cm) Quale scegliere? Dipende dalle finalità del rilievo. Per le finalità topografiche solo il posizionamento relativo e differenziale possono essere presi in considerazione. Questa considerazione, che pare tutto sommato scontata, è un punto chiave per l'evoluzione che il processamento dei dati GPS sta avendo nell'ambito del rilievo da drone.

17 Il posizionamento relativo Due ricevitori posizionati su due vertici distinti effettuano misurazioni simultanee verso uno stesso set di satelliti I dati raccolti vengono differenziati al fine di eliminare le principali fonti di errore comuni Questa tecnica porta al calcolo delle componenti del vettore che unisce i due punti Dalla conoscenza della posizione di un vertice è possibile determinare l'altro; la caduta del vincolo di intervisibilità rende questa operazione agevole

18 Il posizionamento differenziale La posizione del punto viene ricavata da osservazioni contemporanee effettuate presso una stazione fissa - Master, di posizione nota, ed un ricevitore mobile - Rover Il Master, partendo da queste osservazioni, calcola delle correzioni da applicare alle misure effettuate dal Rover al fine di migliorarne la precisione Se i due ricevitori sono connessi tra loro, questa operazione può essere effettuata in tempo reale

19 GNSS Sempre più spesso viene adottato l'acronimo GNSS quando si sta parlando di posizionamento satellitare. GNSS sta per Global Navigation Satellite System (sistemi di navigazione satellitare globale). Il GNSS più noto è GPS ma non è l'unico. Altri sistemi di posizionamento globale esistenti o in programma sono: Glonass - Russia Compass (Beidou) - Cina Galileo - Europa Tutti i sistemi hanno caratteristiche diverse ma si basano sostanzialmente sulla stessa architettura e sui medesimi principi di posizionamento appena illustrati.

20 Topografia classica e satellitare Il GPS ha evidenziato immediatamente le sue potenzialità nel rilevamento terrestre affiancando in breve tempo le tecniche topografiche classiche in quello che viene diffusamente chiamato rilievo integrato. GPS: coordinate tridimensionali assolute di elevata qualità superamento del vincolo di intervisibilità Topografia: capacità di misurare la posizione di punti non stazionabili capacità di misurare punti situati al chiuso o in zone con scarsa visibilità dei satelliti

21 GPS per la determinazione di veicoli in movimento Nell'ambito del rilevamento, la capacità di poter determinare la posizione, e la traiettoria, di oggetti in movimento, ha reso il GPS un valido supporto per molte tecniche: fotogrammetria aerea laser scanner aereo (Lidar) droni MMV - Mobile Mapping Vehicle Affrontiamo a questo punto l'evoluzione che hanno avuto le tecniche di rilevamento da aereo cominciando da quella che, parallelamente alla topografia, è stata una protagonista principale nell'ultimo secolo: la Fotogrammetria.

22 La Fotogrammetria - 1 Le tecniche topografiche, classiche e GPS, sono caratterizzate: da un'elevata qualità da una bassa produttività Produrre cartografia di un centro storico significa misurare le coordinate di decine o centinaia di migliaia di vertici. La topografia misurando un solo punto alla volta richiederebbe: tempi lunghissimi costi elevatissimi

23 La Fotogrammetria - 2 Un immagine aerea cattura in un solo istante la posizione di innumerevoli punti. E' possibile ricostruire le coordinate che un oggetto ha nel mondo a partire dalla posizione che occupa nelle immagini. Nasce la FOTOGRAMMETRIA. E' una disciplina più giovane rispetto alla topografia, ma vanta un storia centenaria: 1867 viene per la prima volta utilizzato il termine in una pubblicazione 1910 nasce l'isprs

24 Principio di collinearità Un medesimo punto oggetto P può essere visto su due distinte fotogrammi su cui avrà formato i punti immagine P1 e P2. Durante la fase di restituzione, la posizione di P viene individuata come intersezione delle due rette omologhe determinate tramite il principio di collinearità. Occorrono almeno due immagini per realizzare la restituzione fotogrammetrica.

25 L'evoluzione in fotogrammetria La fotogrammetria ha, nel corso degli anni, subito importanti evoluzioni in diversi settori: nei sensori utilizzati per l'acquisizione negli strumenti usati per la restituzione fotogrammetrica nelle procedure di calcolo per la determinazione degli parametri di orientamento esterno dei fotogrammi Le tecnologie attualmente utilizzata nel rilievo da drone hanno avuto origine dalle evoluzioni che la fotogrammetria aerea a avuto nel recente passato.

26 La Fotogrammetria analogica Come per la topografia, fin dagli anni '70 esistono camere aeree di alta qualità. Le camere producono immagini su pellicola della dimensione di 23 x 23 cm. Le prime importanti evoluzioni che la fotogrammetria ha subito negli anni recenti sono legate agli strumenti di restituzione.

27 Restitutore analogico e analitico Restitutore analogico: fino agli anni '70, le immagini acquisite venivano poste in restitutori analogici che determinavano le coordinate tramite dispositivi ottico meccanici Restitutore analitico: lo sviluppo e la diffusione dei computer ha permesso di accoppiare a restitutori di tipo ottico-meccanico la potenzialità di calcolo di un PC

28 Restitutore digitale La capacità di digitalizzare i fotogrammi con appositi scanner a reso il processo completamente digitale: nascono le DPW - Digital Photogrammetric WorkStation. Esse sono soprattutto caratterizzate da un alto grado di automatismo.

29 Camere aeree digitali Rispetto al mondo della fotografia amatoriale, sono recentemente (ultimo decennio) la fotogrammetria aerea diviene totalmente digitale con la comparsa delle prime camere aeree digitali. Nonostante gli sviluppi tecnologici, a tutt'oggi, queste camere non permettono ancora l'acquisizione di immagini di dimensioni simile a quelle analogiche. La necessità di mantenere la produttività simile a quella garantita fino a questo momento ha portato le case produttrici ad adottare diverse strategie di acquisizione: a matrice a linee

30 Acquisizione a matrice La camera dispone di più obbiettivi che acquisiscono porzioni diverse di terreno garantendo però zone di ricoprimento. L immagine finale viene ottenuta come composizione delle immagini acquisite dai singoli sensori.

31 Acquisizione a linee La camera ha un unico obbiettivo e sul piano focale sono disposti numerosi sensori CCD a linee. Le immagini vengono acquisite da almeno tre angolazioni diverse.

32 I sensori multispettrali Le camere aeree digitali permettono di avere una vasta gamma di immagini diverse: immagini multi ed iperspettrali. Le camere digitali acquisiscono le immagini registrando la radianza emessa dagli oggetti in diversi intervalli dello spettro; tipicamente le tre bande relative allo spettro visibile sono il rosso, il verde e il blu. "Impacchettando" le tre immagini è possibile formare l'immagine così come noi la vediamo.

33 I sensori iperspettrali Le camera iperspettrali operano in modo analogo registrando: una maggior porzione di spettro (non solo il visibile) suddividendo lo spettro in intervalli più piccoli L'immagini finale è l'"impacchettamento" di tutte le immagini registrare; spesso si parla di "cubo iperspettrale". Se inserisco in un grafico il valore di riflettenza registrato per ognuno degli intervalli spettrali è possibile identificare gli elementi presenti in un immagine. Creo la cosiddetta "firma spettrale".

34 Esempio Immagine di immagine pancromatica, multi-spettrale e a falso colore acquisita contestualmente da una camera Leica ADS40 (SH52).

35 La determinazione dei parametri di orientamento E' possibile effettuare la misura fotogrammetrica una volta noti i parametri di orientamento esterno dei singoli fotogrammi. Questo significa conoscere: la posizione del centro di presa (X, Y, Z ) l'orientamento della camera (ω, φ, κ ) Questi 6 numeri sono definiti parametri di orientamento esterno ed esistono 6 parametri di orientamento per ogni fotogramma acquisito.

36 Triangolazione aerea - 1 In passato non era possibile determinare direttamente tali parametri e il problema veniva risolto con un procedimento chiamato triangolazione aerea. L'operatore doveva effettuare la misura sulle immagini al alcuni punti; essi erano divisi in due grandi categorie; punti di legame (TP): punti di cui si conoscono solo le coordinate immagine misurate punti di appoggio (GCP): punti di cui si conoscono le coordinate immagine misurate e le coordinate in un sistema di riferimento assoluto

37 Triangolazione aerea - 2 Basandosi sul principio della collinearità si costruisce un sistema di equazione che mette in relazione: le coordinate immagine di TP e GCP - note le coordinate oggetto dei GCP - note i parametri di orientamento esterno - incogniti La risoluzione di questo sistemata di equazione permette di determinare i parametri di orientamento di ogni fotogramma. Per risolvere il problema in questo modo occorre conoscere e quindi rilevare preliminarmente per via topografica le coordinate oggetto dei GCP.

38 Fotogrammetria diretta - 1 Il GPS e i sensori inerziali (IMU) hanno comportato l'ultima importante evoluzione nel campo della fotogrammetria aerea. Il GPS permette di determinare la posizione della camera. Il sistema IMU permette di determinare gli angoli di assetto. In questo modo, in linea teorica, non è necessario effettuare alcuna triangolazione aerea. Si parla in questo caso di fotogrammetria diretta.

39 Fotogrammetria diretta - 2 L'uso dei parametri di orientamento esterno ricavati da un sistema GPS/IMU no ci salvaguarda però dell'introduzione di eventuali errori che possono influenzare il dato finale. La fotogrammetria diretta funziona: se la soluzione GPS/IMU è sufficientemente accurata se i parametri di calibrazione interna della camera sono sufficientemente stabili I sensori GPS/IMU e le camere adottate in fotogrammetria aerea assicurano in linea teorica entrambe le condizioni. Vedremo che per il rilievo da drone la situazione è un po' più complicata.

40 Lidar - 1 Il Lidar aereo è nato poiché: si ha la capacità di misurare la distanza senza l'ausilio di un prisma esistono i dispositivi GPS/IMU E' basato sulla scansione del territorio sorvolato da un aereo o da un elicottero per mezzo di un telemetro laser. Esso misura la distanza fra il punto A, materializzato dal telemetro stesso, e il punto di riflessione B, che rappresenta il generico punto appartenente al terreno.

41 Lidar - 2 Il lidar non si limita solo a misurare la distanza fra i punti A e B ma fornisce anche le coordinate del punto B. Perché questo sia possibile occorre conoscere: la posizione dell aereo in ogni istante l assetto dell aereo in ogni istante Questo vi da' la possibilità di determinare la posizione tridimensionale dei punti colpiti.

42 Produttività Un buon topografo impiega pochi secondi a effettuare una misura con stazione totale. I nuovi sistemi Lidar aerei hanno una produttività tra 500 e 1000 khz; ciò significa determinare la posizione tridimensionale di 1'000'000 di punti al secondo. Questa capacità permette di avere una descrizione estremamente particolareggiata del terreno sorvolato.

43 Rilievo da drone Il rilievo da drone rappresenta l'ultima evoluzione delle tecniche di rilevamento aereo. Quanto visto fino ad adesso è il punto di partenza (l'esperienza)su cui si basano i sistemi di rilevamento da drone. Gli ultimi anni hanno mostrato l'introduzione sul mercato di sempre maggiori soluzioni: in relazione al vettore (droni ad alla fissa o a rotore di varie dimensioni e payload) in relazione ai sensori montati a bordo in relazione alle metodologie di processamento dei dati

44 Fotogrammetria aerea vs droni Il confronto tra la fotogrammetria aerea e da drone viene spontaneo. Se da un lato esistono innumerevoli punti di contatto... tipologia di sensori tipologia di processamento delle immagini tipologia di prodotti... dall'altro alcune peculiarità rendono le due tecniche ancora sostanzialmente diverse flessibilità produttività calibrazione orientamento

45 Flessibilità e produttività A differenza della fotogrammetria aerea, che richiede operazioni di progettazione ed esecuzione del volo affidate a poche ditte specializzate, il rilievo da drone è "teoricamente" estremamente flessibili: volo quando voglio volo con limitato preavviso La fotogrammetria aerea vanta una maggiore produttività connessa: alle altezze di volo: m vs m alla risoluzione delle camere utilizzate: 190 MP vs 24 MP Queste caratteristiche, altre alla limitata autonomia di volo, rende il rilievo da drone più sensibile rispetto all'estensione dell'area da acquisire.

46 Calibrazione Le camere aerea vengono costruite e calibrate in moda da fornire una geometria praticamente perfetta; esse sono inoltre estremamente stabili nel tempo e nello spazio. Le camera montate a bordo dei droni sono invece più deboli da questo punto di vista e richiedono un'attenta fase di calibrazione interna per ottenere i risultati attesi.

47 Orientamento La nascita dei sistemi GPS/IMU ha ricoperto un ruolo importante nell'evoluzione della determinazione dell'orientamento delle immagini acquisite. Alcuni sistemi, come il Lidar e le camere aeree a linee, non esisterebbero senza l'esistenza di sensore GPS/IMU. La loro importanza è evidente anche nel caso da rilievo da drone dove: agevolano le operazioni di acquisizione del volo pianificato possono costituire l'orientamento esterno iniziale per le successive fase di processamento La loro qualità non è tuttavia ancora sufficiente per effettuare una fotogrammetria diretta.

48 Grazie per l'attenzione! Vittorio Casella, Marica Franzini - Università degli Studi di Pavia Giovanna Sona - Politecnico di Milano

TOPOGRAFIA E CARTOGRAFIA. 4. Cenni di topografia e GPS

TOPOGRAFIA E CARTOGRAFIA. 4. Cenni di topografia e GPS Università degli studi di Firenze Facoltà di Lettere e Filosofia TOPOGRAFIA E CARTOGRAFIA a.a. 2010-2011 4. Cenni di topografia e GPS Camillo Berti camillo.berti@gmail.com Argomenti 1. Definizione e scopi

Dettagli

Istituto per l Energia Rinnovabile. Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Bolzano, Gennaio 2013

Istituto per l Energia Rinnovabile. Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Bolzano, Gennaio 2013 Istituto per l Energia Rinnovabile Catasto Solare Alta Val di Non Relazione Versione: 2.0 Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Coordinamento e Revisione: dott. Daniele Vettorato, PhD (daniele.vettorato@eurac.edu)

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

Livellazione Geometrica Strumenti per la misura dei dislivelli

Livellazione Geometrica Strumenti per la misura dei dislivelli Università degli studi di Brescia Facoltà di Ingegneria Corso di Topografia A Nuovo Ordinamento Livellazione Geometrica Strumenti per la misura dei dislivelli Nota bene: Questo documento rappresenta unicamente

Dettagli

Renato Cannarozzo Lanfranco Cucchiarini William Meschieri Misure, rilievo, progetto

Renato Cannarozzo Lanfranco Cucchiarini William Meschieri Misure, rilievo, progetto 1 2 3 Idee per il tuo futuro Renato Cannarozzo Lanfranco Cucchiarini William Meschieri Misure, rilievo, progetto per Costruzioni, ambiente e territorio Quarta edizione Il rilievo del territorio con tecniche

Dettagli

Punti inaccessibili e artifici

Punti inaccessibili e artifici Appunti di Topografia Volume 1 Goso Massimiliano Punti inaccessibili e artifici Punti inaccessibili e Artifici. Revisione 1-06/11/2009 Autore : Massimiliano Goso Email: Copyright (c) 2009 Massimiliano

Dettagli

ELEMENTI DI GEOMETRIA ANALITICA: LA RETTA.

ELEMENTI DI GEOMETRIA ANALITICA: LA RETTA. ELEMENTI DI GEOMETRIA ANALITICA: LA RETTA. Prerequisiti I radicali Risoluzione di sistemi di equazioni di primo e secondo grado. Classificazione e dominio delle funzioni algebriche Obiettivi minimi Saper

Dettagli

Cartografia di base per i territori

Cartografia di base per i territori Cartografia di base per i territori L INFORMAZIONE GEOGRAFICA I dati dell informazione geografica L Amministrazione Regionale, nell ambito delle attività di competenza del Servizio sistema informativo

Dettagli

LA REGISTRAZIONE DEI FILE AUDIO.WAV IN CONTEMPORANEA CON LE MISURE FONOMETRICHE.

LA REGISTRAZIONE DEI FILE AUDIO.WAV IN CONTEMPORANEA CON LE MISURE FONOMETRICHE. Pagina 1 di 5 LA REGISTRAZIONE DEI FILE AUDIO.WAV IN CONTEMPORANEA CON LE MISURE FONOMETRICHE. A. Armani G. Poletti Spectra s.r.l. Via Magellano 40 Brugherio (Mi) SOMMARIO. L'impiego sempre più diffuso

Dettagli

MISURARE CON INTELLIGENZA BARRIERA OPTOELETTRONICA DI MISURAZIONE LGM

MISURARE CON INTELLIGENZA BARRIERA OPTOELETTRONICA DI MISURAZIONE LGM MISURARE CON INTELLIGENZA BARRIERA OPTOELETTRONICA DI MISURAZIONE LGM Barriera optoelettronica di misurazione LGM Misurare con intelligenza - nuove dei materiali in tutti i mercati La nuova Serie LGM di

Dettagli

Leica ScanStation 2 Un nuovo livello di versatilità e velocità negli scanner laser

Leica ScanStation 2 Un nuovo livello di versatilità e velocità negli scanner laser Leica ScanStation 2 Un nuovo livello di versatilità e velocità negli scanner laser Leica scanstation 2 ha portato la scansione laser a un livello più alto, grazie a un incremento di 10 volte della velocità

Dettagli

Vediamo ora altre applicazioni dei prismi retti descritti in O1.

Vediamo ora altre applicazioni dei prismi retti descritti in O1. O2 - I PRISMI OTTICI S intende con prisma ottico un blocco di vetro ottico 8 limitato normalmente da superfici piane, di forma spesso prismatica. Un fascio di luce 9 può incidere su una o due delle sue

Dettagli

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia DERIVATE DELLE FUNZIONI esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia Incremento della variabile indipendente e della funzione. Se, sono due valori della variabile indipendente, y f ) e y f ) le corrispondenti

Dettagli

Moto sul piano inclinato (senza attrito)

Moto sul piano inclinato (senza attrito) Moto sul piano inclinato (senza attrito) Per studiare il moto di un oggetto (assimilabile a punto materiale) lungo un piano inclinato bisogna innanzitutto analizzare le forze che agiscono sull oggetto

Dettagli

Introduzione al GIS (Geographic Information System)

Introduzione al GIS (Geographic Information System) Introduzione al GIS (Geographic Information System) Sommario 1. COS E IL GIS?... 3 2. CARATTERISTICHE DI UN GIS... 3 3. COMPONENTI DI UN GIS... 4 4. CONTENUTI DI UN GIS... 5 5. FASI OPERATIVE CARATTERIZZANTI

Dettagli

Lezione 12: La visione robotica

Lezione 12: La visione robotica Robotica Robot Industriali e di Servizio Lezione 12: La visione robotica L'acquisizione dell'immagine L acquisizione dell immagine Sensori a tubo elettronico (Image-Orthicon, Plumbicon, Vidicon, ecc.)

Dettagli

a) Si descriva, internamente al triangolo, con centro in B e raggio x, l arco di circonferenza di π π

a) Si descriva, internamente al triangolo, con centro in B e raggio x, l arco di circonferenza di π π PROBLEMA Il triangolo rettangolo ABC ha l ipotenusa AB = a e l angolo CAB =. a) Si descriva, internamente al triangolo, con centro in B e raggio, l arco di circonferenza di estremi P e Q rispettivamente

Dettagli

Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis

Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis 2 Intervento immediato con Bosch Intelligent Video Analysis Indipendentemente da quante telecamere il sistema utilizza, la sorveglianza

Dettagli

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE 1. Esercizi Esercizio 1. Dati i punti A(1, 0, 1) e B(, 1, 1) trovare (1) la loro distanza; () il punto medio del segmento AB; (3) la retta AB sia in forma parametrica,

Dettagli

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARCHIMEDE 4/ 97 ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA In un

Dettagli

SWISS Technology by Leica Geosystems. Leica Disto TM D3 Il multi-funzione per interni

SWISS Technology by Leica Geosystems. Leica Disto TM D3 Il multi-funzione per interni SWISS Technology by Leica Geosystems Leica Disto TM D Il multi-funzione per interni Misurare distanze e inclinazioni In modo semplice, rapido ed affidabile Leica DISTO D si contraddistingue per le numerose

Dettagli

Garmin Dash Cam 10/20 Manuale Utente

Garmin Dash Cam 10/20 Manuale Utente Garmin Dash Cam 10/20 Manuale Utente Dicembre 2013 190-01711-31_0A Stampato a Taiwan Tutti i diritti riservati. Ai sensi delle norme sul copyright, non è consentito copiare integralmente o parzialmente

Dettagli

Articolo. Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai

Articolo. Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai Articolo Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai INDICE Introduzione 3 Dieci cose che il vostro fornitore

Dettagli

I COLORI DEL CIELO: COME SI FORMANO LE IMMAGINI ASTRONOMICHE

I COLORI DEL CIELO: COME SI FORMANO LE IMMAGINI ASTRONOMICHE I COLORI DEL CIELO: COME SI FORMANO LE IMMAGINI ASTRONOMICHE Nell ultima notte di osservazione abbiamo visto bellissime immagini della Galassia, delle sue stelle e delle nubi di gas che la compongono.

Dettagli

Proposta di soluzione della prova di matematica Liceo scientifico di Ordinamento - 2014

Proposta di soluzione della prova di matematica Liceo scientifico di Ordinamento - 2014 Proposta di soluzione della prova di matematica Liceo scientifico di Ordinamento - 14 Problema 1 Punto a) Osserviamo che g (x) = f(x) e pertanto g () = f() = in quanto Γ è tangente all asse delle ascisse,

Dettagli

Radioastronomia. Come costruirsi un radiotelescopio

Radioastronomia. Come costruirsi un radiotelescopio Radioastronomia Come costruirsi un radiotelescopio Come posso costruire un radiotelescopio? Non esiste un unica risposta a tale domanda, molti sono i progetti che si possono fare in base al tipo di ricerca

Dettagli

LE FUNZIONI MATEMATICHE

LE FUNZIONI MATEMATICHE ALGEBRA LE FUNZIONI MATEMATICHE E IL PIANO CARTESIANO PREREQUISITI l l l l l conoscere il concetto di insieme conoscere il concetto di relazione disporre i dati in una tabella rappresentare i dati mediante

Dettagli

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:...

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:... Ministero della Pubblica Istruzione Rilevazione degli apprendimenti Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA Scuola Secondaria di II grado Classe Terza Tipo A Codici Scuola:..... Classe:.. Studente:.

Dettagli

GUIDA ALLE SOLUZIONI

GUIDA ALLE SOLUZIONI La caratteristica delle trasmissioni digitali è " tutto o niente ": o il segnale è sufficiente, e quindi si riceve l'immagine, oppure è insufficiente, e allora l'immagine non c'è affatto. Non c'è quel

Dettagli

QUAL È LA DISTANZA TRA ROMA E NEW YORK? UN PO' DI GEOMETRIA ANALITICA SULLA SFERA

QUAL È LA DISTANZA TRA ROMA E NEW YORK? UN PO' DI GEOMETRIA ANALITICA SULLA SFERA QUAL È LA DISTANZA TRA ROMA E NEW YORK? UN PO' DI GEOMETRIA ANALITICA SULLA SFERA Michele Impedovo Bollettino dei Docenti di Matematica del Canton Ticino (CH) n 36, maggio 98. Il problema Il lavoro che

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE 25 APRILE di Cuorgnè

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE 25 APRILE di Cuorgnè ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUERIORE 25 RILE di Cuorgnè NNO SCOLSTICO 2013-2014 CLSSE 3G TTIVIT ESTIV ER LLUNNI CON GIUDIZIO SOSESO MTERI: TOOGRFI DOCENTE: rof. TONIOLO Serena Dopo aver rivisto i contenuti

Dettagli

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE 1. EQUAZIONI Definizione: un equazione è un uguaglianza tra due espressioni letterali (cioè in cui compaiono numeri, lettere

Dettagli

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento ARTICOLO Archimede 4 4 esame di stato 4 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA Nella figura

Dettagli

Bus di sistema. Bus di sistema

Bus di sistema. Bus di sistema Bus di sistema Permette la comunicazione (scambio di dati) tra i diversi dispositivi che costituiscono il calcolatore E costituito da un insieme di fili metallici che danno luogo ad un collegamento aperto

Dettagli

SIMULAZIONE DI PROVA D ESAME CORSO DI ORDINAMENTO

SIMULAZIONE DI PROVA D ESAME CORSO DI ORDINAMENTO SIMULAZINE DI PRVA D ESAME CRS DI RDINAMENT Risolvi uno dei due problemi e 5 dei quesiti del questionario. PRBLEMA Considera la famiglia di funzioni k ln f k () se k se e la funzione g() ln se. se. Determina

Dettagli

ANCHE I PIGNOLI, NEL LORO PICCOLO, S INCA

ANCHE I PIGNOLI, NEL LORO PICCOLO, S INCA G. Sini, 2010 Art. n A 21 ANCHE I PIGNOLI, NEL LORO PICCOLO, S INCA Chiunque abbia occasione di leggere un testo scritto dopo l introduzione del web, va incontro a qualche piccolo rischio. Esaminiamo qualche

Dettagli

STRUMENTAZIONE INNOVATIVA E NUOVE METODOLOGIE PER LA VALUTAZIONE DELL ESPOSIZIONE A CAMPI ELETTROMAGNETICI

STRUMENTAZIONE INNOVATIVA E NUOVE METODOLOGIE PER LA VALUTAZIONE DELL ESPOSIZIONE A CAMPI ELETTROMAGNETICI STRUMENTAZIONE INNOVATIVA E NUOVE METODOLOGIE PER LA VALUTAZIONE DELL ESPOSIZIONE A CAMPI ELETTROMAGNETICI Gaetano Licitra, Fabio Francia Italia - Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale della Toscana

Dettagli

LOTTO 1 Sviluppo delle tecnologie per le reti geodetiche

LOTTO 1 Sviluppo delle tecnologie per le reti geodetiche Università degli Studi di Perugia DICA Dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale Via G. Duranti 93 06125 Perugia Centro Interregionale di Coordinamento e Documentazione per le Informazioni Territoriali

Dettagli

Le prossime 6 domande fanno riferimento alla seguente tavola di orario ferroviario

Le prossime 6 domande fanno riferimento alla seguente tavola di orario ferroviario Esercizi lezioni 00_05 Pag.1 Esercizi relativi alle lezioni dalla 0 alla 5. 1. Qual è il fattore di conversione da miglia a chilometri? 2. Un tempo si correva in Italia una famosa gara automobilistica:

Dettagli

8. Il radar ad apertura sintetica

8. Il radar ad apertura sintetica 8. Il radar ad apertura sintetica Il radar ad apertura sintetica (SAR Synthetic Aperture Radar) è stato sviluppato a partire dal 1951 in seguito alle osservazioni effettuate da Carl Wiley della Goodyear

Dettagli

Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro

Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro Prof.ssa Grazia Maria La Torre è il seguente: Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro SORGENTE SISTEMA DISPERSIVO CELLA PORTACAMPIONI RIVELATORE REGISTRATORE LA SORGENTE delle radiazioni elettromagnetiche

Dettagli

Soluzione degli esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato

Soluzione degli esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato Liceo Carducci Volterra - Classe 3 a B Scientifico - Francesco Daddi - 8 novembre 00 Soluzione degli esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato Esercizio. Un corpo parte da fermo con accelerazione

Dettagli

I modelli atomici da Dalton a Bohr

I modelli atomici da Dalton a Bohr 1 Espansione 2.1 I modelli atomici da Dalton a Bohr Modello atomico di Dalton: l atomo è una particella indivisibile. Modello atomico di Dalton Nel 1808 John Dalton (Eaglesfield, 1766 Manchester, 1844)

Dettagli

Rette e piani con le matrici e i determinanti

Rette e piani con le matrici e i determinanti CAPITOLO Rette e piani con le matrici e i determinanti Esercizio.. Stabilire se i punti A(, ), B(, ) e C(, ) sono allineati. Esercizio.. Stabilire se i punti A(,,), B(,,), C(,, ) e D(4,,0) sono complanari.

Dettagli

Esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato

Esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato Liceo Carducci Volterra - Classe 3 a B Scientifico - Francesco Daddi - 8 novembre 010 Esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato Esercizio 1. Un corpo parte da fermo con accelerazione pari a

Dettagli

Fisica delle Particelle: esperimenti. Fabio Bossi (LNF-INFN) fabio.bossi@lnf.infn.it

Fisica delle Particelle: esperimenti. Fabio Bossi (LNF-INFN) fabio.bossi@lnf.infn.it Fisica delle Particelle: esperimenti Fabio Bossi (LNF-INFN) fabio.bossi@lnf.infn.it Il processo scientifico di conoscenza Esperimento Osservazione quantitativa di fenomeni riguardanti alcune particelle

Dettagli

FASCI DI RETTE. scrivere la retta in forma esplicita: 2y = 3x + 4 y = 3 2 x 2. scrivere l equazione del fascio di rette:

FASCI DI RETTE. scrivere la retta in forma esplicita: 2y = 3x + 4 y = 3 2 x 2. scrivere l equazione del fascio di rette: FASCI DI RETTE DEFINIZIONE: Si chiama fascio di rette parallele o fascio improprio [erroneamente data la somiglianza effettiva con un fascio!] un insieme di rette che hanno tutte lo stesso coefficiente

Dettagli

Come creare un satellite metereologico?

Come creare un satellite metereologico? NATIONAL OCEANIC AND ATMOSPHERIC ADMINISTRATION U.S. DEPARTMENT OF COMMERCE Come creare un satellite metereologico? Libretto adattato dal lavoro originale di Ed Koenig Sono un metereologo. Devo poter vedere

Dettagli

Elementi di topografia parte II

Elementi di topografia parte II Corso di Topografia Istituto Agrario S. Michele Elementi di topografia parte II prof. Maines Fernando Giugno 2010 Elementi di meccanica agraria pag. 164 Maines Fernando Sommario 1 Gli errori e il loro

Dettagli

Roma servizi per la mobilità Progetto I-BUS

Roma servizi per la mobilità Progetto I-BUS Roma servizi per la mobilità Progetto I-BUS Progetto I-Bus Telecontrollo Bus Turistici e pagamento elettronico dei permessi Sintesi Roma Servizi per la mobilità ha messo a punto un sistema di controllo

Dettagli

PET. Radionuclidi più utilizzati nella PET. Elemento prodotto T 1/2 in minuti primi B5 20 C6 10 N7 2 F 9 O8 110

PET. Radionuclidi più utilizzati nella PET. Elemento prodotto T 1/2 in minuti primi B5 20 C6 10 N7 2 F 9 O8 110 PET L acronimo PET sta per Positron Emission Tomography. Come per la SPECT, anche in questo caso si ha a che fare con una tecnica tomografica d indagine di tipo emissivo in quanto la sorgente di radiazione

Dettagli

Nel triangolo disegnato a lato, qual è la misura, in gradi e primi sessagesimali, di α?

Nel triangolo disegnato a lato, qual è la misura, in gradi e primi sessagesimali, di α? QUESITO 1 Nel triangolo disegnato a lato, qual è la misura, in gradi e primi sessagesimali, di α? Applicando il Teorema dei seni si può determinare il valore di senza indeterminazione, in quanto dalla

Dettagli

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Figura 1: Foto dell apparato sperimentale. 1 Premessa 1.1 Velocità delle onde trasversali in una corda E esperienza comune che quando

Dettagli

Trasformazioni Geometriche 1 Roberto Petroni, 2011

Trasformazioni Geometriche 1 Roberto Petroni, 2011 1 Trasformazioni Geometriche 1 Roberto etroni, 2011 Trasformazioni Geometriche sul piano euclideo 1) Introduzione Def: si dice trasformazione geometrica una corrispondenza biunivoca che associa ad ogni

Dettagli

Problema n. 1: CURVA NORD

Problema n. 1: CURVA NORD Problema n. 1: CURVA NORD Sei il responsabile della gestione del settore Curva Nord dell impianto sportivo della tua città e devi organizzare tutti i servizi relativi all ingresso e all uscita degli spettatori,

Dettagli

Curve di risonanza di un circuito

Curve di risonanza di un circuito Zuccarello Francesco Laboratorio di Fisica II Curve di risonanza di un circuito I [ma] 9 8 7 6 5 4 3 0 C = 00 nf 0 5 0 5 w [KHz] RLC - Serie A.A.003-004 Indice Introduzione pag. 3 Presupposti Teorici 5

Dettagli

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento RTICL rchimede 4 esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario PRBLEM Siano f e g le funzioni

Dettagli

Anche tu utilizzi lastre (X-Ray Film) in Chemiluminescenza?

Anche tu utilizzi lastre (X-Ray Film) in Chemiluminescenza? Anche tu utilizzi lastre (X-Ray Film) in Chemiluminescenza? Con ALLIANCE Uvitec di Eppendorf Italia risparmi tempo e materiale di consumo, ottieni immagini quantificabili e ci guadagni anche in salute.

Dettagli

Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo

Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo Dipartimento di Ingegneria Strutturale, Aerospaziale e Geotecnica Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo Prof. Ing. L.Cavaleri L amplificazione locale: gli aspetti matematici u=spostamentoin

Dettagli

(accuratezza) ovvero (esattezza)

(accuratezza) ovvero (esattezza) Capitolo n 2 2.1 - Misure ed errori In un analisi chimica si misurano dei valori chimico-fisici di svariate grandezze; tuttavia ogni misura comporta sempre una incertezza, dovuta alla presenza non eliminabile

Dettagli

IL MOTO. 1 - Il moto dipende dal riferimento.

IL MOTO. 1 - Il moto dipende dal riferimento. 1 IL MOTO. 1 - Il moto dipende dal riferimento. Quando un corpo è in movimento? Osservando la figura precedente appare chiaro che ELISA è ferma rispetto a DAVIDE, che è insieme a lei sul treno; mentre

Dettagli

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:...

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:... Ministero della Pubblica Istruzione Rilevazione degli apprendimenti Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA Scuola Secondaria di II grado Classe Terza Tipo A Codici Scuola:..... Classe:.. Studente:.

Dettagli

Uno spettroscopio fatto in casa

Uno spettroscopio fatto in casa Uno spettroscopio fatto in casa Angela Turricchia Laboratorio per la Didattica Aula Planetario Comune di Bologna, Włochy Ariel Majcher Centro di fisica teorica, PAS Varsava, Polonia Uno spettroscopio fatto

Dettagli

Sensori di Posizione, Velocità, Accelerazione

Sensori di Posizione, Velocità, Accelerazione Sensori di Posizione, Velocità, Accelerazione POSIZIONE: Sensori di posizione/velocità Potenziometro Trasformatore Lineare Differenziale (LDT) Encoder VELOCITA Dinamo tachimetrica ACCELERAZIONE Dinamo

Dettagli

Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it

Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it Corso di laurea magistrale in Ingegneria delle Telecomunicazioni Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it Trasmettitore

Dettagli

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO Mariano Paganelli Expert System Solutions S.r.l. L'Expert System Solutions ha recentemente sviluppato nuove tecniche di laboratorio

Dettagli

MOTO DI UNA CARICA IN UN CAMPO ELETTRICO UNIFORME

MOTO DI UNA CARICA IN UN CAMPO ELETTRICO UNIFORME 6. IL CONDNSATOR FNOMNI DI LTTROSTATICA MOTO DI UNA CARICA IN UN CAMPO LTTRICO UNIFORM Il moto di una particella carica in un campo elettrico è in generale molto complesso; il problema risulta più semplice

Dettagli

Equilibrio Termico tra Due Corpi

Equilibrio Termico tra Due Corpi Equilibrio Termico tra Due Corpi www.lepla.eu OBIETTIVO L attività ha l obiettivo di fare acquisire allo sperimentatore la consapevolezza che: 1 il raggiungimento dell'equilibrio termico non è istantaneo

Dettagli

Soluzione Punto 1 Si calcoli in funzione di x la differenza d(x) fra il volume del cono avente altezza AP e base il

Soluzione Punto 1 Si calcoli in funzione di x la differenza d(x) fra il volume del cono avente altezza AP e base il Matematica per la nuova maturità scientifica A. Bernardo M. Pedone 74 PROBLEMA Considerata una sfera di diametro AB, lungo, per un punto P di tale diametro si conduca il piano α perpendicolare ad esso

Dettagli

SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER

SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER Cenni Storici (Wikipedia) Jean Baptiste Joseph Fourier ( nato a Auxerre il 21 marzo 1768 e morto a Parigi il 16 maggio 1830 ) è stato un matematico e fisico, ma è conosciuto

Dettagli

LA MOLTIPLICAZIONE IN PRIMA ELEMENTARE

LA MOLTIPLICAZIONE IN PRIMA ELEMENTARE LA MOLTIPLICAZIONE IN PRIMA ELEMENTARE E bene presentarla confrontando tra loro varie tecniche: addizione ripetuta; prodotto combinatorio (schieramenti). Rispetto a quest'ultima tecnica, grande utilità

Dettagli

Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare

Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare Come abbiamo visto nelle pagine precedenti il Sistema Solare è un insieme di molti corpi celesti, diversi fra loro. La sua forma complessiva è quella

Dettagli

Elementi di Statistica

Elementi di Statistica Elementi di Statistica Contenuti Contenuti di Statistica nel corso di Data Base Elementi di statistica descrittiva: media, moda, mediana, indici di dispersione Introduzione alle variabili casuali e alle

Dettagli

Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione

Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione Algebra Geometria Il triangolo è una figura piana chiusa, delimitata da tre rette che si incontrano in tre vertici. I triangoli possono essere

Dettagli

1) IL MOMENTO DI UNA FORZA

1) IL MOMENTO DI UNA FORZA 1) IL MOMENTO DI UNA FORZA Nell ambito dello studio dei sistemi di forze, diamo una definizione di momento: il momento è un ente statico che provoca la rotazione dei corpi. Le forze producono momenti se

Dettagli

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia Nel mondo ci sono 150 milioni di Italici: sono i cittadini italiani d origine, gli immigrati di prima e seconda generazione, i nuovi e vecchi emigrati e i loro discendenti,

Dettagli

1. Scopo dell esperienza.

1. Scopo dell esperienza. 1. Scopo dell esperienza. Lo scopo di questa esperienza è ricavare la misura di tre resistenze il 4 cui ordine di grandezza varia tra i 10 e 10 Ohm utilizzando il metodo olt- Amperometrico. Tale misura

Dettagli

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A.

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A. UdA n. 1 Titolo: Disequazioni algebriche Saper esprimere in linguaggio matematico disuguaglianze e disequazioni Risolvere problemi mediante l uso di disequazioni algebriche Le disequazioni I principi delle

Dettagli

Studente: SANTORO MC. Matricola : 528

Studente: SANTORO MC. Matricola : 528 CORSO di LAUREA in INFORMATICA Corso di CALCOLO NUMERICO a.a. 2004-05 Studente: SANTORO MC. Matricola : 528 PROGETTO PER L ESAME 1. Sviluppare una versione dell algoritmo di Gauss per sistemi con matrice

Dettagli

Le funzioni di una rete (parte 1)

Le funzioni di una rete (parte 1) Marco Listanti Le funzioni di una rete (parte 1) Copertura cellulare e funzioni i di base di una rete mobile Strategia cellulare Lo sviluppo delle comunicazioni mobili è stato per lungo tempo frenato da

Dettagli

Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl

Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl Studio Settembre 2014 1 Pag / indice 3 / Premessa 4 / Descrizione della catena modellistica 6 / Lo scenario simulato

Dettagli

esame di stato 2013 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2013 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Archimede esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento ARTICOLO Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA La funzione f

Dettagli

3. GLI AEROSTATI: CARATTERISTICHE FUNZIONALI I E STRUTTURALI

3. GLI AEROSTATI: CARATTERISTICHE FUNZIONALI I E STRUTTURALI 3. GLI AEROSTATI: CARATTERISTICHE FUNZIONALI I E STRUTTURALI L aerostato è un aeromobile che, per ottenere la portanza, ossia la forza necessaria per sollevarsi da terra e volare, utilizza gas più leggeri

Dettagli

Il mondo in cui viviamo

Il mondo in cui viviamo Il mondo in cui viviamo Il modo in cui lo vediamo/ conosciamo Dalle esperienze alle idee Dalle idee alla comunicazione delle idee Quando sono curioso di una cosa, matematica o no, io le faccio delle domande.

Dettagli

T-TOUCH II Istruzioni per l'uso

T-TOUCH II Istruzioni per l'uso T-TOUCH II Istruzioni per l'uso Ringraziamenti Ci congratuliamo con Lei per aver scelto un orologio TISSOT, una delle marche svizzere più prestigiose al mondo. Il Suo orologio T-TOUCH beneficia di tutte

Dettagli

(V) (FX) Z 6 è un campo rispetto alle usuali operazioni di somma e prodotto.

(V) (FX) Z 6 è un campo rispetto alle usuali operazioni di somma e prodotto. 29 giugno 2009 - PROVA D ESAME - Geometria e Algebra T NOME: MATRICOLA: a=, b=, c= Sostituire ai parametri a, b, c rispettivamente la terzultima, penultima e ultima cifra del proprio numero di matricola

Dettagli

Risposta: L area del triangolo è dove sono le misure di due lati e è l ampiezza dell angolo tra essi compreso ;

Risposta: L area del triangolo è dove sono le misure di due lati e è l ampiezza dell angolo tra essi compreso ; 1. Un triangolo ha area 3 e due lati che misurano 2 e 3. Qual è la misura del terzo lato? : L area del triangolo è dove sono le misure di due lati e è l ampiezza dell angolo tra essi compreso ; nel nostro

Dettagli

La Visione Artificiale: Controllo di Qualità, Fotogrammetria e Realtà Virtuale

La Visione Artificiale: Controllo di Qualità, Fotogrammetria e Realtà Virtuale La Visione Artificiale: Controllo di Qualità, Fotogrammetria e Realtà Virtuale D. Prattichizzo G.L. Mariottini F. Moneti M. Orlandesi M. Fei M. de Pascale A. Formaglio F. Morbidi S. Mulatto SIRSLab Laboratorio

Dettagli

Obiettivi strategici del Consiglio federale per la sua partecipazione alla RUAG Holding SA (strategia basata sul rapporto di proprietà 2011 2014)

Obiettivi strategici del Consiglio federale per la sua partecipazione alla RUAG Holding SA (strategia basata sul rapporto di proprietà 2011 2014) Obiettivi strategici del Consiglio federale per la sua partecipazione alla RUAG Holding SA (strategia basata sul rapporto di proprietà 2011 2014) Introduzione L'obiettivo primario della società di partecipazione

Dettagli

Come si può esprimere il risultato dl un conteggio e di una misura? Quando si dice che In una

Come si può esprimere il risultato dl un conteggio e di una misura? Quando si dice che In una NUMERI INTERI E NUMERI DECIMALI Come si può esprimere il risultato dl un conteggio e di una misura? Quando si dice che In una cassetta sono contenuti 45 penne e che una lamiera misura 1,35 m. dl lunghezza,

Dettagli

Carta di servizi per il Protocollo Informatico

Carta di servizi per il Protocollo Informatico Carta di servizi per il Protocollo Informatico Codice progetto: Descrizione: PI-RM3 Implementazione del Protocollo informatico nell'ateneo Roma Tre Indice ARTICOLO 1 - SCOPO DEL CARTA DI SERVIZI...2 ARTICOLO

Dettagli

Capitolo 8 Il sistema satellitare EGNOS

Capitolo 8 Il sistema satellitare EGNOS Capitolo 8 Il sistema satellitare EGNOS 8. 0 - Background Relativamente alla storia della Navigazione, sono recenti le applicazioni satellitari in questo campo, tentativi incentivati dalla volontà di superare

Dettagli

Gli OBBIETTIVI ALL INFINITO e la loro (in)compatibilità con gli ALTRI

Gli OBBIETTIVI ALL INFINITO e la loro (in)compatibilità con gli ALTRI G. Sini, Giugno 2013 Art. n 38 Gli OBBIETTIVI ALL INFINITO e la loro (in)compatibilità con gli ALTRI Nel linguaggio corrente e nella letteratura tecnica sulla microscopia ottica si parla spesso, sempre

Dettagli

Virtualizzazione e installazione Linux

Virtualizzazione e installazione Linux Virtualizzazione e installazione Linux Federico De Meo, Davide Quaglia, Simone Bronuzzi Lo scopo di questa esercitazione è quello di introdurre il concetto di virtualizzazione, di creare un ambiente virtuale

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004 ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 004 Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 10 quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA 1 Sia f la funzione definita da: f

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA

SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA Regoli di Nepero Moltiplicazioni In tabella Moltiplicazione a gelosia Moltiplicazioni Con i numeri arabi Regoli di Genaille Moltiplicazione

Dettagli

La dinamica delle collisioni

La dinamica delle collisioni La dinamica delle collisioni Un video: clic Un altro video: clic Analisi di un crash test (I) I filmati delle prove d impatto distruttive degli autoveicoli, dato l elevato numero dei fotogrammi al secondo,

Dettagli

Argomento interdisciplinare

Argomento interdisciplinare 1 Argomento interdisciplinare Tecnologia-Matematica Libro consigliato: Disegno Laboratorio - IL MANUALE DI TECNOLOGIA _G.ARDUINO_LATTES studiare da pag.19.da 154 a 162 Unità aggiornata: 7/2012 2 Sono corpi

Dettagli

f : A A = f (A) In altre parole f è una funzione che associa a un punto del piano un altro punto del piano e che si può invertire.

f : A A = f (A) In altre parole f è una funzione che associa a un punto del piano un altro punto del piano e che si può invertire. Consideriamo l insieme P dei punti del piano e una f funzione biiettiva da P in P: f : { P P A A = f (A) In altre parole f è una funzione che associa a un punto del piano un altro punto del piano e che

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello del sistema 4 2.1 Requisiti hardware........................ 4 2.2 Requisiti software.........................

Dettagli