Prodotto scalare e ortogonalità

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Prodotto scalare e ortogonalità"

Transcript

1 Prodotto scalare e ortogonalità 12 Novembre 1 Il prodotto scalare 1.1 Definizione Possiamo estendere la definizione di prodotto scalare, già data per i vettori del piano, ai vettori dello spazio. Siano v, w vettori non nulli dello spazio applicati in uno stesso punto. Definiamo: v w = v w cos θ, dove θ è l angolo convesso (cioè 0 θ π) definito da v e w. Se uno dei due vettori è nullo poniamo semplicemente v w = 0. Abbiamo immediatamente: Proposizione a) Due vettori sono ortogonali se e solo se il loro prodotto scalare è nullo. b) Si ha v = v v. (Per convenzione, il vettore nullo è ortogonale a tutti i vettori). Dunque il prodotto scalare permette di misurare il modulo (lunghezza) di un vettore, e l angolo fra due vettori. Le proprietà del prodotto scalare nel piano si estendono inalterate al prodotto scalare nello spazio. 1.2 Calcolo in un riferimento cartesiano Ricordiamo che assegnare un riferimento cartesiano equivale a fissare un origine O e una base ortonormale di VO 3, diciamo ( e 1, e 2, e 3 ). Ricordiamo che una base ortonormale è formata da vettori a due a due ortogonali e di modulo 1. Dunque: { 1 se i = j e i e j = 0 se i j. 1

2 Ora ogni vettore si esprime v = OP = x e1 + y e 2 + z e 3, la coppia (x, y, z) dà luogo alle coordinate di v nel riferimento scelto, e scriveremo v = (x, y, z). Per definizione, le coordinate di un punto P sono uguali a quelle del vettore OP. Conoscendo le coordinate dei vettori, possiamo calcolare il prodotto scalare con facilità. Proposizione Siano v = (x, y, z) e w = (x, y, z ) vettori applicati nell origine. Allora In particolare, v = x 2 + y 2 + z 2. v w = xx + yy + zz. Esempio Calcolare il prodotto scalare tra v = 3 e 1 e e 3 e w = e e 2. Soluzione. Si ha v = (3, 1, 4), w = ( 1, 5, 0) quindi v w = 8. Ricordiamo che, dato un vettore v = AB dello spazio applicato in un qualunque punto A, le coordinate di v sono per definizione le coordinate del vettore v 0 = OB OA, traslato di v nell origine, e sono date dalla terna B A. Dunque: Due vettori sono equipollenti se e solo se hanno le stesse coordinate. Un vettore è identificato dal suo punto di applicazione e dalle sue coordinate: la scrittura AB = (l, m, n) indica l unico vettore di coordinate (l, m, n) applicato in A: esso unisce il punto di applicazione A = (x 0, y 0, z 0 ) con il punto B = (x 0 + l, y 0 + m, z 0 + n). Poiche la traslazione di due vettori mantiene inalterati sia i moduli che l angolo compreso, il prodotto scalare fra v e w è uguale al prodotto scalare dei rispettivi vettori traslati v 0 e w 0. Dunque abbiamo Proposizione Siano v e w vettori dello spazio applicati in un qualunque punto A del piano, di coordinate rispettive (x, y, z) e (x, y, z ). Allora: In particolare, v = x 2 + y 2 + z 2. 2 Distanze, angoli, aree 2.1 Formula della distanza v w = xx + yy + zz. Se A = (x 1, y 1, z 1 ) e B = (x 2, y 2, z 2 ) sono due punti dello spazio, allora la distanza di A da B è data dalla formula: d(a, B) = (x 2 x 1 ) 2 + (y 2 y 1 ) 2 + (z 2 z 1 ) 2 2

3 Infatti, la distanza di A da B uguaglia il modulo del vettore v = AB che ha coordinate B A = (x 2 x 1, y 2 y 1, z 2 z 1 ), e quindi l asserzione scende dalla proposizione precedente. 2.2 Angoli Dalla formula che definisce il prodotto scalare, vediamo subito che il coseno dell angolo compreso fra i vettori v e w è dato da: v w cos θ = v w. 2.3 Area di un parallelogramma Dati due vettori non nulli v, w, l area A del parallelogramma definito dai due vettori è data dalla formula: v v v w A = v w w w. Esempio È dato il triangolo T di vertici A = (1, 0, 0), B = (0, 2, 0), C = (0, 0, 3). Calcolare: a) Il perimetro di T. b) Il coseno di ciascuno degli angoli interni di T. c) L area di T. Soluzione. a) Abbiamo AB = ( 1, 2, 0), AC = ( 1, 0, 3), BC = (0, 2, 3). Dunque il perimetro vale AB + AC + BC = b) Sia θ A l angolo in A. Dalla formula abbiamo: cos θ A = AB AC = 1. AB AC 50 Analogamente otteniamo cos θ B = 4 65, cos θ C = c) Consideriamo i vettori v = AB = ( 1, 2, 0) e w = AC = ( 1, 0, 3). L area del parallelo- 3

4 gramma su v e w vale: A = = 7, dunque l area del triangolo T (che è la metà dell area del parallelogramma) vale 7 2. Esempio Sono dati i vettori v 1 = (1, 1, 1) e v 2 = (2, 0, 1), applicati in un punto fissato dello spazio. a) Descrivere l insieme dei vettori w ortogonali sia a v 1 che a v 2. b) Trovare tutti i vettori u ortogonali sia a v 1 che a v 2 e aventi modulo 1. Soluzione. a) Poniamo w = (x, y, z). Allora w è ortogonale a v 1 se e solo se w v 1 = 0 dunque se e solo se x + y z = 0. Analogamente, w è ortogonale a v 2 se e solo se w v 2 = 0, cioè se e solo se 2x + z = 0. In conclusione, le coordinate di w sono le soluzioni del sistema lineare omogeneo { x + y z = 0. La matrice dei coefficienti A = e un calcolo mostra che ( x + z = 0 ) ha rango 2; dunque il sistema ammette 1 soluzioni Sol(S) = {t(1, 3, 2) : t R}. Dunque i vettori w ortogonali sia a v 1 che a v 2 sono tutti e soli i vettori di coordinate: dove t R. w = (t, 3t, 2t), b) Imponiamo ora che il vettore w abbia modulo 1. Si ha: w 2 = 14t 2, e dunque 14t 2 = 1 cioè t = 1 14, t = Otteniamo due vettori: l uno opposto dell altro. u 1 = 1 14 (1, 3, 2), u 2 = 1 14 (1, 3, 2), 4

5 3 Il prodotto vettoriale Premettiamo la seguente osservazione. Consideriamo un sistema lineare omogeneo di due equazioni in tre incognite: { ax + by + cz = 0 S : a x + b y + c z = 0 e supponiamo che la sua matrice dei coefficienti abbia rango massimo (quindi due): ( ) a b c rk a b c = 2. Proposizione Nelle ipotesi precedenti, il sistema S ammette 1 soluzioni: Sol(S) = {t(α, β, γ) : t R}, dove α = b c b c, β = a c a c, γ = a b a b. Notiamo che α, β, γ sono i minori di ordine due della matrice dei coefficienti, presi a segni alterni. Poiché la matrice ha rango due, si ha (α, β, γ) (0, 0, 0). Dimostrazione. Dal teorema di Rouché-Capelli sappiamo che S ammette 1 soluzioni. Dunque basta verificare che la terna (α, β, γ) è una soluzione di S (abbiamo già osservato che (α, β, γ) è non nulla). Ora consideriamo la seguente identità, ottenuta sviluppando il determinante lungo la prima riga: a b c aα + bβ + cγ = a b c a b c, e allora aα+bβ +cγ = 0 poiché la matrice a secondo membro ha due righe uguali. Analogamente si dimostra che a α + b β + c γ = 0. Applichiamo le considerazioni precedenti alla seguente situazione. Supponiamo di avere due vettori dello spazio applicati in uno stesso punto, diciamo v = (a, b, c), w = (a, b, c ). Definiamo prodotto vettoriale di v = (a, b, c) e w = (a, b, c ) il vettore di coordinate v w = (α, β, γ), dove α = b c b c, β = a c a c, γ = a b a b sono i minori di ordine due della matrice ( ) a b c a b c, presi a segni alterni. 5

6 Dunque, il prodotto vettoriale associa a due vettori dello spazio un terzo vettore. Questa operazione ha proprietà notevoli. Proposizione Dati due vettori dello spazio v, w, si ha: a) v, w sono allineati (paralleli) se e solo se v w = O. b) v w è un vettore ortogonale sia a v che a w. c) Il modulo del prodotto vettoriale v w uguaglia l area del parallelogramma definito da v e w. ( ) a b c Dimostrazione. a) I vettori v, w sono allineati se e solo se rk a b c = 1 e questo è vero se e solo se i tre minori di ordine due hanno determinante nullo, cioè (α, β, γ) = (0, 0, 0). b) Dalla proposizione precedente, abbiamo che la terna (α, β, γ) è una soluzione del sistema S, cioè: { aα + bβ + cγ = 0 a α + b β + c γ = 0. Ma questo significa che il prodotto scalare di v w con v e con w è nullo. Dunque v w è ortogonale sia a v che a w. c) Si ha v w 2 = α 2 + β 2 + γ 2. Un calcolo esplicito mostra che α 2 + β 2 + γ 2 = v v v w v w w w, e l espressione a secondo membro è il quadrato dell area del parallelogramma definito da v e w (vedi sezione 2.3). Esempio Dati i vettori v = (1, 1, 1), w = (2, 0, 1) si ha v w = (1, 3, 2), che è ortogonale sia v che a w (vedi esempio nella sezione 2.3). L area del parallelogramma su v e w vale dunque v w = 14. Esempio Calcolare l area del triangolo di vertici A = (1, 0, 0), B = (0, 2, 0), C = (0, 0, 3). Soluzione. Consideriamo v = AB = ( 1, 2, 0) e w = AC = ( 1, 0, 3). L area del triangolo cercato sarà la metà dell area del parallelogramma P definito da v e w. Ora v w = (6, 3, 2); l area di P è v w = 7 e quindi l area del triangolo è

7 4 Perpendicolarità di rette Due rette r, r si dicono ortogonali (o perpendicolari) se hanno vettori direttori ortogonali. In modo equivalente, r r se e solo se il prodotto scalare dei vettori direttori di r e r è nullo. Otteniamo la seguente: Proposizione Due rette di parametri direttori (l, m, n), (l, m, n ) sono ortogonali se e solo se ll + mm + nn = 0. Occorre notare che due rette possono essere ortogonali fra loro senza necessariamente incontrarsi in un punto; in particolare, esistono rette sghembe ortogonali fra loro. { { y = 0 x = 0 Esempio L asse x, di equazioni, e la retta z = 0 z = 1 sono sghembe e ortogonali. Diremo che le rette r, r sono ortogonali e incidenti, se sono ortogonali fra loro e si incontrano in un punto. Osserviamo che due rette r, s non parallele determinano una unica direzione ortogonale a entrambe, data dal prodotto vettoriale dei vettori direttori di r e s. Esempio Determinare equazioni parametriche della retta passante per l origine e ortogonale a x = 1 + 2t { x y = 0 entrambe le rette r : y = t e s : y z = 0. z = 3t Soluzione. Un vettore direttore di r è v = (2, 1, 3) mentre un vettore direttore di s è w = (1, 1, 1). La retta cercata avra vettore direttore ortogonale sia a v che a w. Dunque possiamo prendere come vettore direttore della retta cercata il prodotto vettoriale v w = (4, 5, 1). x = 4t Equazioni parametriche: y = 5t. z = t 5 Interpretazione geometrica dei parametri di giacitura Dato il piano ax+by+cz+d = 0, possiamo considerare il vettore di coordinate (a, b, c), applicato in un punto P 0 del piano. Quale proprietà geometrica ha? Innanzitutto, un definizione. 7

8 Fissato un piano π e un qualunque punto P 0 π, diremo che il vettore n è ortogonale a π se è ortogonale a tutti i vettori applicati in P 0 e contenuti in π. Proposizione Dato il piano ax + by + cz + d = 0, il vettore di coordinate (a, b, c) è ortogonale al piano. In altre parole, i parametri di giacitura di un piano rappresentano le coordinate di un vettore ortogonale al piano. Dimostrazione. Fissiamo un punto P 0 = (x 0, y 0, z 0 ) del piano. Allora l equazione del piano π si scrive: a(x x 0 ) + b(y y 0 ) + c(z z 0 ) = 0. Consideriamo il vettore n = (a, b, c) applicato in P 0 e un vettore arbitrario contenuto nel piano, P 0 P. Se P = (x, y, z) π allora P 0 P ha coordinate (x x 0, y y 0, z z 0 ). Il prodotto scalare: n P 0 P = a(x x 0 ) + b(y y 0 ) + c(z z 0 ) = 0, dunque n è ortogonale a P 0 P e poiche P π è arbitrario, n è ortogonale a tutti i vettori di π. 6 Perpendicolarità fra retta e piano Con l interpretazione geometrica dei parametri di giacitura data in precedenza abbiamo la Proposizione La retta di parametri direttori (l, m, n) è ortogonale al piano di parametri di giacitura (a, b, c) se e solo se ( ) a b c rk = 1, l m n vale a dire, se e solo se i parametri direttori della retta sono proporzionali ai parametri di giacitura del piano. Esempio Determinare equazioni parametriche della retta passante per P 0 = (1, 2, 3) e ortogonale al piano x y + 2z = 0. Soluzione. Ci sono infinite rette (precisamente, 2 rette) ortogonali ad un piano dato. Fra tutte queste ce ne una sola passante per P 0. I suoi parametri direttori dovranno essere proporzionali alla terna (1, 1, 2): li prendiamo uguali a tale terna. Dunque la retta ha equazioni parametriche x = 1 + t y = 2 t. z = 3 + 2t 8

9 6.1 Distanza di un punto da un piano Dato un piano π e un punto P 0 dello spazio, definiamo distanza di P 0 da π come la distanza minima di P 0 da un punto del piano. Un facile argomento mostra che la distanza di P 0 da π uguaglia la distanza di P 0 dal piede della perpendicolare, diciamo H, condotta da P 0 al piano: d(p 0, π) = d(p 0, H). Dunque, per trovare la distanza d(p 0, π), occorre: Trovare la retta r passante per P 0 e ortogonale al piano π. Calcolare il punto d intersezione H = r π. Calcolare la distanza di P 0 da H. Il punto H è detto la proiezione ortogonale del punto P 0 sul piano π. Esso è il punto di π piú vicino a P 0. Esempio Calcolare la distanza del punto P 0 = (1, 1, 3) dal piano x y + 2z = 0. Determinare inoltre le coordinate del punto di π piu vicino a P 0. Soluzione. La retta per P 0 ortogonale al piano ha equazioni parametriche: x = 1 + t r : y = 1 t. z = 3 + 2t Il punto H, piede della perpendicolare, si ottiene come intersezione H = π r. Sostituendo le equazioni parametriche nell equazione del piano, otteniamo t = 1 e il punto H = (0, 2, 1), che è il punto di π piu vicino a P 0. Si ha infine: d(p 0, π) = d(p 0, H) = Formula della distanza di un punto da un piano C è una formula esplicita per il calcolo della distanza di un punto da un piano. Proposizione Dati il piano di equazione π : ax + by + cz + d = 0 e il punto P 0 = (x 0, y 0, z 0 ) si ha: d(p 0, π) = ax 0 + by 0 + cz 0 + d. a 2 + b 2 + c 2 Dimostrazione. Omessa. 9

10 Esempio Siano P 0 = (1, 1, 3) e π : x y + 2z = 0. Allora d(p 0, π) = = 6 6 = Distanza di un punto da una retta La distanza del punto P dalla retta r è definita, nel solito modo, come la distanza minima di P da un punto di r. Il punto di distanza minima H si ottiene come intersezione di r con il piano per P ortogonale a r (H è detto anche proiezione ortogonale di P su r). La distanza minima sarà quindi la distanza del punto dalla sua proiezione ortogonale. x = 1 t Esempio Calcolare la distanza minima dell origine dalla retta r : y = 2t. z = 5 t Soluzione. Il piano per l origine perpendicolare a r ha equazione π : x + 2y z = 0 e quindi r π si ottiene (1 t) + 4t (5 t) = 0, che dà t = 1. Il punto di distanza minima è (0, 2, 4) e la distanza minima vale 20. In modo alternativo, il punto mobile su r ha coordinate P = (1 t, 2t, 5 t). La sua distanza dall origine, elevata al quadrato, è: f(t) = (t 1) 2 + 4t 2 + (5 t) 2 = 6t 2 12t Cerchiamo il valore di t che rende minima la distanza f(t): tale valore va cercato fra i valori di t che annullano la derivata di f(t). Troviamo il solo valore t = 1 che dà il risultato trovato in precedenza. 7 Ortogonalità di due piani Abbiamo visto che ogni piano determina una direzione ad esso ortogonale, data dai parametri di giacitura. Se il piano ha equazione ax + by + cz + d = 0 allora il vettore n = (a, b, c) è ortogonale al piano. Dunque un piano individua una direzione ad esso ortogonale. Diremo che due piani sono ortogonali se i rispettivi vettori normali sono ortogonali. In conclusione, il piano ax + by + cz + d = 0 è ortogonale al piano a x + b y + c z + d = 0 se e solo se: aa + bb + cc = 0. Dato un piano π e un punto P esistono infiniti piani passanti per P e ortogonali al piano π. 10

11 Dato un piano π e una retta r esiste sempre un piano π perpendicolare a π e contenente r. Se la retta r non è ortogonale a π, tale piano è unico. Esempio Sia π : 3x y 2z = 0 e r : perpendicolare a π. { x y = 0 x + 2z = 0. Determinare il piano π contenente r e Soluzione. Fascio (ridotto) di piani di asse r ha equazione x y + k(x + 2z) = 0 ovvero: (k + 1)x y + 2kz = 0. Imponiamo la perpendicolarità a π e otteniamo: ovvero k = 4. Il piano è π : 5x y + 8z = 0. 3(k + 1) + 1 4k = 0, Metodo alternativo: n = (3, 1, 2) è un vettore ortogonale a π, mentre v = (2, 2, 1) è un vettore direttore di r. Un vettore n ortogonale a π dovra essere ortogonale a n (poiche π π) e dovra essere ortogonale anche a v poiche π contiene r. Dunque possiamo prendere n = n v = (5, 1, 8) che dà i parametri di giacitura di π. Ora l origine è un punto di r, dunque anche di π, e l equazione di π è: π : 5x y + 8z = Proiezione ortogonale di una retta su un piano Data una retta r e un piano π, consideriamo l insieme dei punti che si ottengono proiettando tutti i punti di r sul piano. Si ottiene cosi una retta (contenuta in π) detta proiezione ortogonale di r su π. La proiezione ortogonale di r su π è la retta r intersezione di π con il piano π contenente r e perpendicolare a π: r = π π. Esempio Calcoliamo la retta proiezione ortogonale della retta r : 3x y 2z = 0 (vedi esempio precedente). { x y = 0 x + 2z = 0 sul piano π : Soluzione. Il piano π contenente r e perpendicolare a π è π : 5x y + 8z = 0. Dunque { 3x y 2z = 0 r : 5x y + 8z = 0. 11

12 8 Distanza di due rette sghembe Date due rette sghembe r, r la distanza di r da r è come al solito definita come la distanza minima di un punto di r da un punto di r. Tale distanza si puo calcolare cosi : Sia π il piano contenente r e parallelo a r. Sia π il piano contenente r e parallelo a r. I piani π e π sono fra loro paralleli. La distanza di r da r uguaglia la distanza di π da π. { { x y = 0 x z = 0 Esempio Calcolare la distanza minima delle due rette r : z 2 = 0, r : y 1 = 0. Soluzione. Notiamo che i parametri direttori di r sono (1, 1, 0) e quelli di r sono (1, 0, 1). Infatti le equazioni parametriche sono: x = t x = s r : y = t, r : y = 1. z = 2 z = s Fascio di piani di asse r ha equazione x y + kz 2k = 0; imponiamo il parallelismo con r e otteniamo k = 1. Dunque: π : x y z + 2 = 0. Fascio di piani di asse r ha equazione x z + k(y 1) = 0 ovvero x + ky z k = 0; imponiamo il parallelismo con r e otteniamo k = 1. Dunque: π : x y z + 1 = 0. Notiamo che in effetti i due piani sono paralleli. La loro distanza è d = d(r, r ) = d(π, π ) = 1 3. Risolveremo il problema in modo alternativo, utilizzando il seguente fatto generale (che per il momento non dimostriamo): Date due rette sghembe r, r esiste una e una sola retta ρ perpendicolare e incidente a entrambe le rette. Ora, la distanza minima fra r e r si ottiene precisamente come distanza fra i punti di intersezione r ρ, r ρ. Per trovare esplicitamente tale retta ρ procediamo come segue. Il 12

13 punto mobile su r ha coordinate P = (t, t, 2) mentre quello su r ha coordinate P = (s, 1, s). Consideriamo il vettore P P = (s t, 1 t, s 2). È evidente che la retta cercata unira quei punti P e P tali che P P sia perpendicolare sia a r che a r. Utilizzando il prodotto scalare, dobbiamo quindi imporre che (s t, 1 t, s 2) abbia prodotto scalare nullo sia con (1, 1, 0) che con (1, 0, 1). Otteniamo il sistema: { s 2t + 1 = 0 2s t 2 = 0 che dà l unica soluzione t = 4 3, s = 5 3. Dunque ρ è la retta per i punti e la distanza minima di r da r vale P = ( 4 3, 4 3, 2), P = ( 5 3, 1, 5 3 ), d(r, r ) = d(p, P ) =

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE 1. Esercizi Esercizio 1. Dati i punti A(1, 0, 1) e B(, 1, 1) trovare (1) la loro distanza; () il punto medio del segmento AB; (3) la retta AB sia in forma parametrica,

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA.

CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA. CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA. FOGLIO DI ESERCIZI 4 GEOMETRIA E ALGEBRA LINEARE 2010/11 Esercizio 4.1 (2.2). Determinare l equazione parametrica e Cartesiana della retta dello spazio (a) Passante per i

Dettagli

Esercizi di Algebra Lineare. Claretta Carrara

Esercizi di Algebra Lineare. Claretta Carrara Esercizi di Algebra Lineare Claretta Carrara Indice Capitolo 1. Operazioni tra matrici e n-uple 1 1. Soluzioni 3 Capitolo. Rette e piani 15 1. Suggerimenti 19. Soluzioni 1 Capitolo 3. Gruppi, spazi e

Dettagli

Algebra Lineare e Geometria

Algebra Lineare e Geometria Algebra Lineare e Geometria Corso di Laurea in Ingegneria Elettronica A.A. 2013-2014 Prova d esame del 16/06/2014. 1) a) Determinare la matrice associata all applicazione lineare T : R 3 R 4 definita da

Dettagli

Prova scritta di Geometria 2 Prof. M. Boratynski

Prova scritta di Geometria 2 Prof. M. Boratynski 10/9/2008 Es. 1: Si consideri la forma bilineare simmetrica b su R 3 associata, rispetto alla base canonica {e 1, e 2, e 3 } alla matrice 3 2 1 A = 2 3 0. 1 0 1 1) Provare che (R 3, b) è uno spazio vettoriale

Dettagli

Lezione del 28-11-2006. Teoria dei vettori ordinari

Lezione del 28-11-2006. Teoria dei vettori ordinari Lezione del 8--006 Teoria dei vettori ordinari. Esercizio Sia B = {i, j, k} una base ortonormale fissata. ) Determinare le coordinate dei vettori v V 3 complanari a v =,, 0) e v =, 0, ), aventi lunghezza

Dettagli

Appunti di Algebra Lineare

Appunti di Algebra Lineare Appunti di Algebra Lineare Indice 1 I vettori geometrici. 1 1.1 Introduzione................................... 1 1. Somma e prodotto per uno scalare....................... 1 1.3 Combinazioni lineari e

Dettagli

Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli

Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli A. Savo Appunti del Corso di Geometria 203-4 Indice delle sezioni Rango di una matrice, 2 Teorema degli orlati, 3 3 Calcolo con l algoritmo di Gauss, 6 4 Matrici

Dettagli

Esame di Geometria - 9 CFU (Appello del 28 gennaio 2013 - A)

Esame di Geometria - 9 CFU (Appello del 28 gennaio 2013 - A) Esame di Geometria - 9 CFU (Appello del 28 gennaio 23 - A) Cognome: Nome: Nr.matricola: Corso di laurea: Esercizio. Nello spazio R 3, siano dati il piano e i punti P = (, 2, ), Q = (2,, ). π : x + 2y 3

Dettagli

Rette e piani con le matrici e i determinanti

Rette e piani con le matrici e i determinanti CAPITOLO Rette e piani con le matrici e i determinanti Esercizio.. Stabilire se i punti A(, ), B(, ) e C(, ) sono allineati. Esercizio.. Stabilire se i punti A(,,), B(,,), C(,, ) e D(4,,0) sono complanari.

Dettagli

CONI, CILINDRI, SUPERFICI DI ROTAZIONE

CONI, CILINDRI, SUPERFICI DI ROTAZIONE CONI, CILINDRI, SUPERFICI DI ROTAZIONE. Esercizi x + z = Esercizio. Data la curva x, calcolare l equazione del cilindro avente γ y = 0 come direttrice e con generatrici parallele al vettore v = (, 0, ).

Dettagli

Funzioni di più variabili. Ottimizzazione libera e vincolata

Funzioni di più variabili. Ottimizzazione libera e vincolata libera e vincolata Generalità. Limiti e continuità per funzioni di 2 o Piano tangente. Derivate successive Formula di Taylor libera vincolata Lo ordinario è in corrispondenza biunivoca con i vettori di

Dettagli

MATEMATICA. { 2 x =12 y 3 y +8 x =0, si pone il problema di trovare, se esistono, un numero x ed un numero y che risolvano entrambe le equazioni.

MATEMATICA. { 2 x =12 y 3 y +8 x =0, si pone il problema di trovare, se esistono, un numero x ed un numero y che risolvano entrambe le equazioni. MATEMATICA. Sistemi lineari in due equazioni due incognite. Date due equazioni lineari nelle due incognite x, y come ad esempio { 2 x =12 y 3 y +8 x =0, si pone il problema di trovare, se esistono, un

Dettagli

ELEMENTI DI GEOMETRIA ANALITICA: LA RETTA.

ELEMENTI DI GEOMETRIA ANALITICA: LA RETTA. ELEMENTI DI GEOMETRIA ANALITICA: LA RETTA. Prerequisiti I radicali Risoluzione di sistemi di equazioni di primo e secondo grado. Classificazione e dominio delle funzioni algebriche Obiettivi minimi Saper

Dettagli

1 Regole generali per l esame. 2 Libro di Testo

1 Regole generali per l esame. 2 Libro di Testo FACOLTÀ DI INGEGNERIA Corso di GEOMETRIA E ALGEBRA (mn). (Ing. per l Ambiente e il Territorio, Ing. Informatica - Sede di Mantova) A.A. 2008/2009. Docente: F. BISI. 1 Regole generali per l esame L esame

Dettagli

Università degli studi di Brescia Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea in Infermieristica. Corso propedeutico di Matematica e Informatica

Università degli studi di Brescia Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea in Infermieristica. Corso propedeutico di Matematica e Informatica Università degli studi di Brescia Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea in Infermieristica a.a. 2006/2007 Docente Ing. Andrea Ghedi Lezione 2 IL PIANO CARTESIANO 1 Il piano cartesiano In un piano

Dettagli

LA GEOMETRIA ANALITICA DELLO SPAZIO. Liceo G. GALILEI - Verona Venerdì 10 Aprile 2015 CONVEGNO MATHESIS VERONA

LA GEOMETRIA ANALITICA DELLO SPAZIO. Liceo G. GALILEI - Verona Venerdì 10 Aprile 2015 CONVEGNO MATHESIS VERONA LA GEOMETRIA ANALITICA DELLO SPAZIO CONVEGNO MATHESIS Liceo G. GALILEI - Verona Venerdì 10 Aprile 2015 Perché Assenza di ogni riferimento alla geometria analitica dello spazio nel quadri di Mondrian La

Dettagli

Esercizio 2 Si consideri la funzione f definita dalle seguenti condizioni: e x. per x 1 f(x) = α x + e 1 per 1 < x

Esercizio 2 Si consideri la funzione f definita dalle seguenti condizioni: e x. per x 1 f(x) = α x + e 1 per 1 < x FUNZIONI Esercizio 1 Studiare la funzione f(x) = ln ( ) x e disegnarne il grafico. x 1 Esercizio 2 Si consideri la funzione f definita dalle seguenti condizioni: { e x per x 1 f(x) = α x + e 1 per 1

Dettagli

GEOMETRIA I Corso di Geometria I (seconda parte)

GEOMETRIA I Corso di Geometria I (seconda parte) Corso di Geometria I (seconda parte) anno acc. 2009/2010 Cambiamento del sistema di riferimento in E 3 Consideriamo in E 3 due sistemi di riferimento ortonormali R e R, ed un punto P (x, y, z) in R. Lo

Dettagli

Vettori Teoria ed Esercizi

Vettori Teoria ed Esercizi Vettori Teoria ed Esercizi Edizioni H ALPHA Lorenzo Roi c Edizioni H ALPHA Marzo 1999 (formato PDF) La figura di facciata costituisce un particolare dell insieme di Mandelbrot ingrandito 44 10 8 volte

Dettagli

LE FIBRE DI UNA APPLICAZIONE LINEARE

LE FIBRE DI UNA APPLICAZIONE LINEARE LE FIBRE DI UNA APPLICAZIONE LINEARE Sia f:a B una funzione tra due insiemi. Se y appartiene all immagine di f si chiama fibra di f sopra y l insieme f -1 y) ossia l insieme di tutte le controimmagini

Dettagli

Le trasformazioni geometriche

Le trasformazioni geometriche Le trasformazioni geometriche Le trasformazioni geometriche Le trasformazioni affini del piano o affinità Le similitudini Le isometrie Le traslazioni Le rotazioni Le simmetrie assiale e centrale Le omotetie

Dettagli

Elenco Ordinato per Materia Chimica

Elenco Ordinato per Materia Chimica ( [B,25404] Perché le ossa degli uccelli sono pneumatiche, cioè ripiene di aria? C (A) per consentire i movimenti angolari (B) per immagazzinare come riserva di ossigeno X(C) per essere più leggere onde

Dettagli

Funzioni in più variabili

Funzioni in più variabili Funzioni in più variabili Corso di Analisi 1 di Andrea Centomo 27 gennaio 2011 Indichiamo con R n, n 1, l insieme delle n-uple ordinate di numeri reali R n4{(x 1, x 2,,x n ), x i R, i =1,,n}. Dato X R

Dettagli

MOMENTI DI INERZIA. m i. i=1

MOMENTI DI INERZIA. m i. i=1 MOMENTI DI INEZIA Massa Ad ogni punto materiale si associa uno scalare positivo m che rappresenta la quantità di materia di cui è costituito il punto. m, la massa, è costante nel tempo. Dato un sistema

Dettagli

Rette e curve, piani e superfici

Rette e curve, piani e superfici Rette e curve piani e superfici ) dicembre 2 Scopo di questo articolo è solo quello di proporre uno schema riepilogativo che metta in luce le caratteristiche essenziali delle equazioni di rette e curve

Dettagli

1 Definizione: lunghezza di una curva.

1 Definizione: lunghezza di una curva. Abstract Qui viene affrontato lo studio delle curve nel piano e nello spazio, con particolare interesse verso due invarianti: la curvatura e la torsione Il primo ci dice quanto la curva si allontana dall

Dettagli

LA RETTA. b) se l equazione si presente y=mx+q (dove q è un qualsiasi numero reale) si ha una retta generica del piano.

LA RETTA. b) se l equazione si presente y=mx+q (dove q è un qualsiasi numero reale) si ha una retta generica del piano. LA RETTA DESCRIZIONE GENERALE Nella GEOMETRIA ANALITICA si fa sempre un riferimento rispetto al piano cartesiano Oxy; questa riguarda lo studio della retta, delle trasformazioni lineari piane e delle coniche.

Dettagli

Geometria nel piano complesso

Geometria nel piano complesso Geometria nel piano complesso Giorgio Ottaviani Contents Un introduzione formale del piano complesso 2 Il teorema di Napoleone 5 L inversione circolare 6 4 Le trasformazioni di Möbius 7 5 Il birapporto

Dettagli

Lezioni di Algebra Lineare III. Applicazioni lineari e matrici Struttura algebrica delle soluzioni dei sistemi lineari

Lezioni di Algebra Lineare III. Applicazioni lineari e matrici Struttura algebrica delle soluzioni dei sistemi lineari Versione ottobre novembre 2008 Lezioni di Algebra Lineare III. Applicazioni lineari e matrici Struttura algebrica delle soluzioni dei sistemi lineari Contenuto 1. Applicazioni lineari 2. L insieme delle

Dettagli

Università degli Studi di Roma La Sapienza Laurea in Ingegneria Energetica A.A. 2014-2015 Programma del corso di Geometria Prof.

Università degli Studi di Roma La Sapienza Laurea in Ingegneria Energetica A.A. 2014-2015 Programma del corso di Geometria Prof. Università degli Studi di Roma La Sapienza Laurea in Ingegneria Energetica A.A. 2014-2015 Programma del corso di Geometria Prof. Antonio Cigliola Prerequisiti Logica elementare. Principio di Induzione.

Dettagli

Processo di rendering

Processo di rendering Processo di rendering Trasformazioni di vista Trasformazioni di vista Il processo di visione in tre dimensioni Le trasformazioni di proiezione 2 Rendering nello spazio 2D Il processo di rendering (visualizzazione)

Dettagli

I sistemi lineari. 1. I sistemi di due equazioni in due incognite CAPITOLO

I sistemi lineari. 1. I sistemi di due equazioni in due incognite CAPITOLO I sistemi lineari CAPITOLO 0 TEORIA Internet Più della metà delle famiglie in Italia dispone di una connessione ADSL e il numero è in continua crescita. L offerta di tariffe e tecnologie dei gestori telefonici

Dettagli

Forme bilineari e prodotti scalari. Definizione Dato lo spazio vettoriale V (K) sul campo K, una funzione. b :

Forme bilineari e prodotti scalari. Definizione Dato lo spazio vettoriale V (K) sul campo K, una funzione. b : Forme bilineari e prodotti scalari Definizione Dato lo spazio vettoriale V (K) sul campo K, una funzione b : { V V K ( v, w) b( v, w), si dice forma bilineare su V se per ogni u, v, w V e per ogni k K:

Dettagli

x 1 + x 2 3x 4 = 0 x1 + x 2 + x 3 = 0 x 1 + x 2 3x 4 = 0.

x 1 + x 2 3x 4 = 0 x1 + x 2 + x 3 = 0 x 1 + x 2 3x 4 = 0. Problema. Sia W il sottospazio dello spazio vettoriale R 4 dato da tutte le soluzioni dell equazione x + x 2 + x = 0. (a. Sia U R 4 il sottospazio dato da tutte le soluzioni dell equazione Si determini

Dettagli

Grandezze scalari e vettoriali

Grandezze scalari e vettoriali Grandezze scalari e vettoriali Esempio vettore spostamento: Esistono due tipi di grandezze fisiche. a) Grandezze scalari specificate da un valore numerico (positivo negativo o nullo) e (nel caso di grandezze

Dettagli

Liceo Scientifico Statale. Leonardo da Vinci. Fisica. Programma svolto durante l anno scolastico 2012/13 CLASSE I B. DOCENTE Elda Chirico

Liceo Scientifico Statale. Leonardo da Vinci. Fisica. Programma svolto durante l anno scolastico 2012/13 CLASSE I B. DOCENTE Elda Chirico Liceo Scientifico Statale Leonardo da Vinci Fisica Programma svolto durante l anno scolastico 2012/13 CLASSE I B DOCENTE Elda Chirico Le Grandezze. Introduzione alla fisica. Metodo sperimentale. Grandezze

Dettagli

15 febbraio 2010 - Soluzione esame di geometria - 12 crediti Ingegneria gestionale - a.a. 2009-2010 COGNOME... NOME... N. MATRICOLA...

15 febbraio 2010 - Soluzione esame di geometria - 12 crediti Ingegneria gestionale - a.a. 2009-2010 COGNOME... NOME... N. MATRICOLA... 15 febbraio 010 - Soluzione esame di geometria - 1 crediti Ingegneria gestionale - a.a. 009-010 COGNOME.......................... NOME.......................... N. MATRICOLA............. La prova dura

Dettagli

Piano Lauree Scientifiche 2011-2012

Piano Lauree Scientifiche 2011-2012 Piano Lauree Scientifiche 2011-2012 «non si può intendere se prima non s impara a intender lingua, e conoscer i caratteri, nei quali è scritto. Egli è scritto in lingua matematica, e i caratteri sono triangoli,

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI UDINE. Corsi di Laurea in Ingegneria. Luciano BATTAIA, Pier Carlo CRAIGHERO MATEMATICA DI BASE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI UDINE. Corsi di Laurea in Ingegneria. Luciano BATTAIA, Pier Carlo CRAIGHERO MATEMATICA DI BASE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI UDINE Corsi di Laurea in Ingegneria Luciano BATTAIA, Pier Carlo CRAIGHERO MATEMATICA DI BASE Testi dei temi d esame ed esercizi proposti con soluzione breve Versione del 1 settembre

Dettagli

a. 10 4 b. 10-15 c. 10 25 d. 10-4 a. 4,375 10-7 b. 3,625 10-6 c. 4,375 10 2 d. nessuno dei precedenti valori a. 10-5 b. 10 +5 c. 10 +15 d.

a. 10 4 b. 10-15 c. 10 25 d. 10-4 a. 4,375 10-7 b. 3,625 10-6 c. 4,375 10 2 d. nessuno dei precedenti valori a. 10-5 b. 10 +5 c. 10 +15 d. 1) Il valore di 5 10 20 è: a. 10 4 b. 10-15 c. 10 25 d. 10-4 2) Il valore del rapporto (2,8 10-4 ) / (6,4 10 2 ) è: a. 4,375 10-7 b. 3,625 10-6 c. 4,375 10 2 d. nessuno dei precedenti valori 3) La quantità

Dettagli

Rango: Rouchè-Capelli, dimensione e basi di spazi vettoriali.

Rango: Rouchè-Capelli, dimensione e basi di spazi vettoriali. CAPITOLO 7 Rango: Rouchè-Capelli, dimensione e basi di spazi vettoriali. Esercizio 7.1. Determinare il rango delle seguenti matrici al variare del parametro t R. 1 4 2 1 4 2 A 1 = 0 t+1 1 A 2 = 0 t+1 1

Dettagli

Universita degli Studi di Roma Tor Vergata Facolta di Ingegneria Elettronica

Universita degli Studi di Roma Tor Vergata Facolta di Ingegneria Elettronica Universita degli Studi di Roma Tor Vergata Facolta di Ingegneria Elettronica Terzo Appello del corso di Geometria e Algebra II Parte - Docente F. Flamini, Roma, 7/09/2007 SVOLGIMENTO COMPITO III APPELLO

Dettagli

APPLICAZIONI LINEARI. B si definisce surriettiva. 9 quando ogni elemento di. B risulta IMMAGINE di. almeno un elemento di A.

APPLICAZIONI LINEARI. B si definisce surriettiva. 9 quando ogni elemento di. B risulta IMMAGINE di. almeno un elemento di A. APPLICAZIONI LINEARI Siano V e W due spazi vettoriali, di dimensione m ed n sullo stesso campo di scalari R. Una APPLICAZIONE ƒ : V W viene definita APPLICAZIONE LINEARE od OMOMORFISMO se risulta, per

Dettagli

MATEMATICA 2001. p = 4/6 = 2/3; q = 1-2/3 = 1/3. La risposta corretta è quindi la E).

MATEMATICA 2001. p = 4/6 = 2/3; q = 1-2/3 = 1/3. La risposta corretta è quindi la E). MATEMATICA 2001 66. Quale fra le seguenti affermazioni è sbagliata? A) Tutte le funzioni ammettono la funzione inversa B) Una funzione dispari è simmetrica rispetto all origine C) Una funzione pari è simmetrica

Dettagli

Parte 6. Applicazioni lineari

Parte 6. Applicazioni lineari Parte 6 Applicazioni lineari A Savo Appunti del Corso di Geometria 203-4 Indice delle sezioni Applicazioni fra insiemi, 2 Applicazioni lineari tra spazi vettoriali, 2 3 Applicazioni lineari da R n a R

Dettagli

Il gruppo dei vettori

Il gruppo dei vettori Capitolo Terzo Il gruppo dei vettori 3.1. Le strutture di gruppo e di corpo Un operazione binaria (1) definita in un insieme è un applicazione fra il quadrato cartesiano dell insieme e l insieme stesso,

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA GEOMETRIA ANALITICA LA RETTA E LA PARABOLA

INTRODUZIONE ALLA GEOMETRIA ANALITICA LA RETTA E LA PARABOLA INTRODUZIONE ALLA GEOMETRIA ANALITICA LA RETTA E LA PARABOLA Una Geometria non può essere più vera di un altra; può essere solamente più comoda. Ora la Geometria Euclidea è e resterà più comoda H. Poincaré

Dettagli

Siano V e W due spazi vettoriali. La definizione seguente é è tra quelle basilari per il corso di Matematica B. L : V W

Siano V e W due spazi vettoriali. La definizione seguente é è tra quelle basilari per il corso di Matematica B. L : V W Matematica B - a.a 2006/07 p. 1 Siano V e W due spazi vettoriali. La definizione seguente é è tra quelle basilari per il corso di Matematica B. Definizione 1. La funzione L : V W si dice una applicazione

Dettagli

(V) (FX) Z 6 è un campo rispetto alle usuali operazioni di somma e prodotto.

(V) (FX) Z 6 è un campo rispetto alle usuali operazioni di somma e prodotto. 29 giugno 2009 - PROVA D ESAME - Geometria e Algebra T NOME: MATRICOLA: a=, b=, c= Sostituire ai parametri a, b, c rispettivamente la terzultima, penultima e ultima cifra del proprio numero di matricola

Dettagli

Nicola De Rosa, Liceo scientifico di ordinamento sessione suppletiva 2011, matematicamente.it

Nicola De Rosa, Liceo scientifico di ordinamento sessione suppletiva 2011, matematicamente.it Nicola De Rosa, Liceo scientifico di ordinamento sessione suppletiva, matematicamente.it PROBLEMA Data una semicirconferenza di diametro AB =, si prenda su di essa un punto P e sia M la proiezione di P

Dettagli

Trasformazioni Geometriche 1 Roberto Petroni, 2011

Trasformazioni Geometriche 1 Roberto Petroni, 2011 1 Trasformazioni Geometriche 1 Roberto etroni, 2011 Trasformazioni Geometriche sul piano euclideo 1) Introduzione Def: si dice trasformazione geometrica una corrispondenza biunivoca che associa ad ogni

Dettagli

MODULO 3/4 - TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE - (Supporto didattico)

MODULO 3/4 - TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE - (Supporto didattico) MODULO 3/4 - TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE - (Supporto didattico) 1. Alcuni obiettivi da far conseguire agli alunni entro la quinta classe della scuola primaria riguardano sostanzialmente un capitolo della

Dettagli

Geometria analitica di base (prima parte)

Geometria analitica di base (prima parte) SAPERE Al termine di questo capitolo, avrai appreso: come fissare un sistema di riferimento cartesiano ortogonale il significato di equazione di una retta il significato di coefficiente angolare di una

Dettagli

Parte 2. Determinante e matrice inversa

Parte 2. Determinante e matrice inversa Parte. Determinante e matrice inversa A. Savo Appunti del Corso di Geometria 013-14 Indice delle sezioni 1 Determinante di una matrice, 1 Teorema di Cramer (caso particolare), 3 3 Determinante di una matrice

Dettagli

LE FUNZIONI MATEMATICHE

LE FUNZIONI MATEMATICHE ALGEBRA LE FUNZIONI MATEMATICHE E IL PIANO CARTESIANO PREREQUISITI l l l l l conoscere il concetto di insieme conoscere il concetto di relazione disporre i dati in una tabella rappresentare i dati mediante

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2002 Sessione suppletiva

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2002 Sessione suppletiva ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 00 Sessione suppletiva Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 0 quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA Se il polinomio

Dettagli

I numeri complessi. Mario Spagnuolo Corso di Laurea in Fisica - Facoltà di Scienze - Università Federico II di Napoli

I numeri complessi. Mario Spagnuolo Corso di Laurea in Fisica - Facoltà di Scienze - Università Federico II di Napoli I numeri complessi Mario Spagnuolo Corso di Laurea in Fisica - Facoltà di Scienze - Università Federico II di Napoli 1 Introduzione Studiare i numeri complessi può sembrare inutile ed avulso dalla realtà;

Dettagli

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE 1. EQUAZIONI Definizione: un equazione è un uguaglianza tra due espressioni letterali (cioè in cui compaiono numeri, lettere

Dettagli

LICEO ARTISTICO BOCCIONI A.S. 2013-2014. Programma di MATEMATICA svolto nella Classe Prima L

LICEO ARTISTICO BOCCIONI A.S. 2013-2014. Programma di MATEMATICA svolto nella Classe Prima L LICEO ARTISTICO BOCCIONI A.S. 2013-2014 Programma di MATEMATICA svolto nella Classe Prima L I numeri naturali e i numeri interi Che cosa sono i numeri naturali. L insieme dei numeri naturali N. Le quattro

Dettagli

b) Il luogo degli estremanti in forma cartesiana è:

b) Il luogo degli estremanti in forma cartesiana è: Soluzione della simulazione di prova del 9/5/ PROBLEMA È data la funzione di equazione: k f( ). a) Determinare i valori di k per cui la funzione ammette punti di massimo e minimo relativi. b) Scrivere

Dettagli

LEZIONE 14. a 1,1 v 1 + a 1,2 v 2 + a 1,3 v 3 + + a 1,n 1 v n 1 + a 1,n v n = w 1

LEZIONE 14. a 1,1 v 1 + a 1,2 v 2 + a 1,3 v 3 + + a 1,n 1 v n 1 + a 1,n v n = w 1 LEZIONE 14 141 Dimensione di uno spazio vettoriale Abbiamo visto come l esistenza di una base in uno spazio vettoriale V su k = R, C, permetta di sostituire a V, che può essere complicato da trattare,

Dettagli

4. Proiezioni del piano e dello spazio

4. Proiezioni del piano e dello spazio 4. Proiezioni del piano e dello spazio La visualizzazione di oggetti tridimensionali richiede di ottenere una vista piana dell'oggetto. Questo avviene mediante una sequenza di operazioni. Innanzitutto,

Dettagli

Appunti ed esercizi. di Meccanica Razionale

Appunti ed esercizi. di Meccanica Razionale Appunti ed esercizi di Meccanica Razionale Università degli Studi di Trieste - Sede di Pordenone Facoltà di Ingegneria Appunti ed esercizi di Meccanica Razionale Luciano Battaia Versione del 27 settembre

Dettagli

+ t v. v 3. x = p + tv, t R. + t. 3 2 e passante per il punto p =

+ t v. v 3. x = p + tv, t R. + t. 3 2 e passante per il punto p = 5. Rette e piani in R 3 ; sfere. In questo paragrafo studiamo le rette, i piani e le sfere in R 3. Ci sono due modi per desrivere piani e rette in R 3 : mediante equazioni artesiane oppure mediante equazioni

Dettagli

Appunti di Geometria

Appunti di Geometria ISTITUTO COMPRENSIVO N.7 - VIA VIVALDI - IMOLA Via Vivaldi, 76-40026 Imola (BOLOGNA) Centro Territoriale Permanente: Istruzione Degli Adulti - IDA Appunti di Geometria Scuola Secondaria di I Grado - Ex

Dettagli

Parte Seconda. Geometria

Parte Seconda. Geometria Parte Seconda Geometria Geometria piana 99 CAPITOLO I GEOMETRIA PIANA Geometria: scienza che studia le proprietà delle figure geometriche piane e solide, cioè la forma, l estensione e la posizione dei

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ODINAMENTO 2011. Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 10 quesiti scelti nel questionario 1.

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ODINAMENTO 2011. Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 10 quesiti scelti nel questionario 1. ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ODINAMENTO 11 Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 1 quesiti scelti nel questionario 1. PROBLEMA 1 Si considerino le funzioni f e g definite, per

Dettagli

LEZIONE 23. Esempio 23.1.3. Si consideri la matrice (si veda l Esempio 22.2.5) A = 1 2 2 3 3 0

LEZIONE 23. Esempio 23.1.3. Si consideri la matrice (si veda l Esempio 22.2.5) A = 1 2 2 3 3 0 LEZIONE 23 231 Diagonalizzazione di matrici Abbiamo visto nella precedente lezione che, in generale, non è immediato che, data una matrice A k n,n con k = R, C, esista sempre una base costituita da suoi

Dettagli

Corso di ordinamento Sessione straordinaria - a.s. 2009-2010 ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO SESSIONE STRAORDINARIA

Corso di ordinamento Sessione straordinaria - a.s. 2009-2010 ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO SESSIONE STRAORDINARIA Sessione straordinaria - a.s. 9- ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO SESSIONE STRAORDINARIA Tema di: MATEMATICA a.s. 9- Svolgimento a cura di Nicola De Rosa Il candidato risolva uno

Dettagli

MODULO DI MATEMATICA. di accesso al triennio. Potenze. Proporzioni. Figure piane. Calcolo di aree

MODULO DI MATEMATICA. di accesso al triennio. Potenze. Proporzioni. Figure piane. Calcolo di aree MODULO DI MATEMATICA di accesso al triennio Abilità interessate Utilizzare terminologia specifica. Essere consapevoli della necessità di un linguaggio condiviso. Utilizzare il disegno geometrico, per assimilare

Dettagli

AL. Algebra vettoriale e matriciale

AL. Algebra vettoriale e matriciale PPENDICI L. lgebra vettoriale e matriciale Vettori Somma di vettori: struttura di gruppo Come abbiamo richiamato nell introduzione vi sono delle grandezze fisiche caratterizzabili come vettori, cioè tali

Dettagli

Forze come grandezze vettoriali

Forze come grandezze vettoriali Forze come grandezze vettoriali L. Paolucci 23 novembre 2010 Sommario Esercizi e problemi risolti. Per la classe prima. Anno Scolastico 2010/11 Parte 1 / versione 2 Si ricordi che la risultante di due

Dettagli

C.d.L. "Scienze della Formazione Primaria" Corso Integrato di Geometria e Algebra. Modulo di GEOMETRIA. A. Gimigliano, A.A.

C.d.L. Scienze della Formazione Primaria Corso Integrato di Geometria e Algebra. Modulo di GEOMETRIA. A. Gimigliano, A.A. C.d.L. "Scienze della Formazione Primaria" Corso Integrato di Geometria e Algebra Modulo di GEOMETRIA A. Gimigliano, A.A. 009/10 Note supplementari per il corso INDICE 0. INTRODUZIONE. 1. LA GEOMETRIA

Dettagli

RICHIAMI SULLE MATRICI. Una matrice di m righe e n colonne è rappresentata come

RICHIAMI SULLE MATRICI. Una matrice di m righe e n colonne è rappresentata come RICHIAMI SULLE MATRICI Una matrice di m righe e n colonne è rappresentata come A = a 11 a 12... a 1n a 21 a 22... a 2n............ a m1 a m2... a mn dove m ed n sono le dimensioni di A. La matrice A può

Dettagli

Moti e sistemi rigidi

Moti e sistemi rigidi Moti e sistemi rigidi Dispense per il corso di Meccanica Razionale 1 di Stefano Siboni 1. Moto rigido di un sistema di punti Sia dato un sistema S di N 2 punti materiali P i, i = 1,..., N. Per configurazione

Dettagli

Lezioni di Geometria e Algebra. Fulvio Bisi, Francesco Bonsante, Sonia Brivio

Lezioni di Geometria e Algebra. Fulvio Bisi, Francesco Bonsante, Sonia Brivio Lezioni di Geometria e Algebra Fulvio Bisi, Francesco Bonsante, Sonia Brivio CAPITOLO 4 Applicazioni lineari 1. Definizioni ed esempi. In questo capitolo ci proponiamo di studiare le funzioni tra spazi

Dettagli

TAVOLE E FORMULARI DI MATEMATICA PER LE SCUOLE MEDIE E SUPERIORI DI OGNI ORDINE E GRADO

TAVOLE E FORMULARI DI MATEMATICA PER LE SCUOLE MEDIE E SUPERIORI DI OGNI ORDINE E GRADO TAVOLE E FORMULARI DI MATEMATICA PER LE SCUOLE MEDIE E SUPERIORI DI OGNI ORDINE E GRADO Carlo Sintini www.matematicamente.it INDICE TAVOLE NUMERICHE Potenze e radici quadre e cube dei numeri fino a 200

Dettagli

MATEMATICA C3 ALGEBRA 2 8. TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE PIANE

MATEMATICA C3 ALGEBRA 2 8. TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE PIANE MATEMATICA C3 ALGEBRA 2 8. TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE PIANE La danza degli stormi, foto di _Pek_ http://www.flickr.com/photos/_pek_/4113244536 1. Generalità sulle trasformazioni geometriche piane...2 2.

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA GEOMETRIA ANALITICA: LA RETTA ALESSANDRO BOCCONI

APPUNTI DI MATEMATICA GEOMETRIA ANALITICA: LA RETTA ALESSANDRO BOCCONI APPUNTI DI MATEMATICA GEOMETRIA ANALITICA: LA RETTA ALESSANDRO BOCCONI Indice 1 La Geometria analitica: la retta 1.1 Introduzione......................................... 1. Il piano cartesiano.....................................

Dettagli

Lezioni del corso di Geometria e Algebra. prof. Michele Mulazzani dott. Alessia Cattabriga

Lezioni del corso di Geometria e Algebra. prof. Michele Mulazzani dott. Alessia Cattabriga Lezioni del corso di Geometria e Algebra prof Michele Mulazzani dott Alessia Cattabriga AA 20001/2002 Indice 1 Equazioni e sistemi lineari 4 11 Alcune strutture algebriche 4 12 Operazioni standard su K

Dettagli

Esercizi di Analisi Matematica

Esercizi di Analisi Matematica Esercizi di Analisi Matematica CAPITOLO 1 LE FUNZIONI Exercise 1.0.1. Risolvere le seguenti disuguaglianze: (1) x 1 < 3 () x + 1 > (3) x + 1 < 1 (4) x 1 < x + 1 x 1 < 3 x + 1 < 3 x < 4 Caso: (a): x 1

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA GEOMETRIA \ GEOMETRIA EUCLIDEA \ GEOMETRIA DEL PIANO (1)

APPUNTI DI MATEMATICA GEOMETRIA \ GEOMETRIA EUCLIDEA \ GEOMETRIA DEL PIANO (1) GEOMETRIA \ GEOMETRIA EUCLIDEA \ GEOMETRIA DEL PIANO (1) Un ente (geometrico) è un oggetto studiato dalla geometria. Per descrivere gli enti vengono utilizzate delle definizioni. Una definizione è una

Dettagli

SPAZI METRICI. Uno spazio metrico X con metrica d si indica con il simbolo (X, d). METRICI 1

SPAZI METRICI. Uno spazio metrico X con metrica d si indica con il simbolo (X, d). METRICI 1 SPAZI METRICI Nel piano R 2 o nello spazio R 3 la distanza fra due punti è la lunghezza, o norma euclidea, del vettore differenza di questi due punti. Se p = (x, y, z) è un vettore in coordinate ortonormali,

Dettagli

Sono definite in sottoinsiemi di R n (n N), a valori in R Ci si limiterà al caso di R 2 o di R 3

Sono definite in sottoinsiemi di R n (n N), a valori in R Ci si limiterà al caso di R 2 o di R 3 1 FUNZIONI DI PIÙ VARIABILI 1 1 Funzioni di più variabili Sono definite in sottoinsiemi di R n (n N), a valori in R Ci si limiterà al caso di R 2 o di R 3 Definizione 1.1 Dati D R 2 e f : D R, l insieme

Dettagli

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARCHIMEDE 4/ 97 ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA In un

Dettagli

CONTINUITÀ E DERIVABILITÀ Esercizi proposti. 1. Determinare lim M(sinx) (M(t) denota la mantissa di t)

CONTINUITÀ E DERIVABILITÀ Esercizi proposti. 1. Determinare lim M(sinx) (M(t) denota la mantissa di t) CONTINUITÀ E DERIVABILITÀ Esercizi proposti 1. Determinare lim M(sin) (M(t) denota la mantissa di t) kπ/ al variare di k in Z. Ove tale limite non esista, discutere l esistenza dei limiti laterali. Identificare

Dettagli

Matematica e Statistica

Matematica e Statistica Matematica e Statistica Prova d esame (0/07/03) Università di Verona - Laurea in Biotecnologie - A.A. 0/3 Matematica e Statistica Prova di MATEMATICA (0/07/03) Università di Verona - Laurea in Biotecnologie

Dettagli

MATEMATICA PRIMO BIENNIO LICEO DELLE SCIENZE UMANE

MATEMATICA PRIMO BIENNIO LICEO DELLE SCIENZE UMANE MATEMATICA PRIMO BIENNIO LICEO DELLE SCIENZE UMANE Profilo generale e competenze Al termine del percorso liceale lo studente dovrà padroneggiare i principali concetti e metodi di base della matematica,

Dettagli

PREMESSE PROPRIETA AFFINI E PROPRIETA METRICHE

PREMESSE PROPRIETA AFFINI E PROPRIETA METRICHE PREMESSE PROPRIETA AFFINI E PROPRIETA METRICHE Si assumano come primitivi i concetti di retta, piano e spazio. Qui si vogliono studiare le proprietà delle figure (insiemi opportuni di punti) sulla retta,

Dettagli

I VETTORI. 1 Somma di vettori: metodo graco. 19 dicembre 2007. ESERCIZI Risolti e Discussi

I VETTORI. 1 Somma di vettori: metodo graco. 19 dicembre 2007. ESERCIZI Risolti e Discussi I VETTORI ESERCIZI Risolti e Discussi 19 dicembre 2007 1 Somma di vettori: metodo graco 1.0.1 Si considerino due spostamenti, uno di modulo 3 m e un altro di modulo 4 m. Si mostri in che modo si possono

Dettagli

Liceo G.B. Vico Corsico

Liceo G.B. Vico Corsico Liceo G.B. Vico Corsico Classe: 3A Materia: MATEMATICA Insegnante: Nicola Moriello Testo utilizzato: Bergamini Trifone Barozzi: Manuale blu.0 di Matematica Moduli S, L, O, Q, Beta ed. Zanichelli 1) Programma

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2001 Sessione suppletiva

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2001 Sessione suppletiva ESME DI STT DI LICE SCIENTIFIC CRS DI RDINMENT 1 Sessione suppletiva Il candidato risolva uno dei due problemi e dei 1 quesiti in cui si articola il questionario. PRBLEM 1 Si consideri la funzione reale

Dettagli

MATEMATICA. PRIMO ANNO (Liceo Classico e Liceo delle Scienze Umane)

MATEMATICA. PRIMO ANNO (Liceo Classico e Liceo delle Scienze Umane) 1/7 PRIMO ANNO Testo consigliato: BERGAMINI TRIFONE BAROZZI, Matematica.azzurro, vol. 1, Zanichelli Obiettivi minimi. Acquisire il linguaggio specifico della disciplina; sviluppare espressioni algebriche

Dettagli

Grazie ai Colleghi di Geometria del Dipartimento di Matematica dell Università degli Studi di Torino per il loro prezioso contributo. Grazie al Prof.

Grazie ai Colleghi di Geometria del Dipartimento di Matematica dell Università degli Studi di Torino per il loro prezioso contributo. Grazie al Prof. A01 178 Grazie ai Colleghi di Geometria del Dipartimento di Matematica dell Università degli Studi di Torino per il loro prezioso contributo. Grazie al Prof. S.M. Salamon per tanti utili suggerimenti e

Dettagli

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero Giacomo Pagina Giovanna Patri Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero 2 per la Scuola secondaria di secondo grado UNITÀ CAMPIONE Edizioni del Quadrifoglio à t i n U 1 Sistemi di primo grado

Dettagli

LICEO STATALE G. MAZZINI

LICEO STATALE G. MAZZINI LICEO STATALE G. MAZZINI LICEO LINGUISTICO LICEO DELLE SCIENZE UMANE LICEO DELLE SCIENZE UMANE OPZIONE ECONOMICO-SOCIALE Viale Aldo Ferrari, 37 Tel. 0187743000 19122 La Spezia Fax 0187743208 www.liceomazzini.org

Dettagli

Coordinate Cartesiane nel Piano

Coordinate Cartesiane nel Piano Coordinate Cartesiane nel Piano O = (0,0) origine degli assi ascissa, y ordinata sistemi monometrici: stessa unità di misura sui due assi, y sistemi dimetrici: unità di misura diverse sui due assi (spesso

Dettagli

GeoGebra vers.5 - vista Grafici 3D

GeoGebra vers.5 - vista Grafici 3D GeoGebra vers.5 - vista Grafici 3D Marzo 2015 (manuale on-line, con aggiunte a cura di L. Tomasi) Questo articolo si riferisce a un componente della interfaccia utente di GeoGebra. Viste Menu Vista Algebra

Dettagli

modulo A1.1 modulo A1.2 livello A1 modulo A2.1 modulo A2.2 matematica livello A2 livello A3

modulo A1.1 modulo A1.2 livello A1 modulo A2.1 modulo A2.2 matematica livello A2 livello A3 livello A1 modulo A1.1 modulo A1.2 matematica livello A2 modulo A2.1 modulo A2.2 livello A insiemi e appartenenza interpretazione grafica nel piano traslazioni proprietà commutatività associatività elemento

Dettagli