Investire in Cina, India, Brasile e Turchia Il costo e la normativa del lavoro

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Investire in Cina, India, Brasile e Turchia Il costo e la normativa del lavoro"

Transcript

1 Investire in Cina, India, Brasile e Turchia Il costo e la normativa del lavoro A cura di Centro Studi Assolombarda Ufficio Studi Unione Industriale di Torino

2 Argomenti della Presentazione Condizioni alla base dell Internazionalizzazione Obiettivi dell Indagine Internazionale dell UIT Focus sui 4 Paesi di interesse nel periodo Brasile; Cina India; Turchia Presentazione dati sulla CINA quale chiave di lettura del rapporto: Orari di lavoro Retribuzione Costo e cuneo fiscale Costo orario e Competitività Rinvio dell analisi degli altri Paesi, per motivi di tempo, al documento che sarà a disposizione sui nostri portali Conclusioni su alcuni punti di forza e di debolezza emersi dallo studio sui 4 Paesi 2

3 Motivi che hanno spinto le imprese ad internazionalizzarsi La diffusione dell economia di mercato a livello globale Lo sviluppo scientifico e tecnologico Il progresso nel campo dell ICT La nascita di nuovi mercati con enormi potenzialità Hanno strutturalmente modificato la geografia dell economia mondiale costringendo le aziende ad uscire dall orizzonte nazionale ed europeo La scelta di entrare nei mercati internazionali è diventata sempre più complessa con modifiche anche radicali di Struttura ed organizzazione tecnica Mix di prodotto Capacità produttiva Risorse umane Ecc. Tale processo ha fatto sorgere l esigenza per le aziende di avere a disposizione strumenti funzionali alla scelta della localizzazione 3

4 Indagine Internazionale A partire dal 1996 l UIT avvia l Indagine Internazionale raccogliendo i dati sugli insediamenti produttivi esteri direttamente dalle imprese Obiettivi dello studio Fornire alle aziende elementi di conoscenza sulle condizioni operative esistenti nei Paesi analizzati, al fine consentire valutazioni specifiche sulle opportunità di investimento L ampia disponibilità di dati raccolti nelle edizioni 2002, 2006 e 2010 ha permesso di esaminare le condizioni relative a: Orari di lavoro Retribuzioni Costo del lavoro Specificamente nei 4 Paesi che dalle strategie di internazionalizzazione risultano di maggiore interesse Cina Brasile India Turchia 4

5 Il Paese a cui le nostre imprese guardano con più attenzione! LA CINA 5

6 CINA: il paese a cui le nostre imprese guardano con più attenzione ORARIO DI LAVORO OPERAI L analisi condotta sui molti dati aziendali evidenzia sin dal 2002 Orari settimanali variabili tra le 40 ore delle zone più sviluppate e le oltre 48 registrate in altre aree Ridotto impatto dell assenteismo ed elevato utilizzo dello straordinario Orari effettivi di lavoro molto superiori a quelli europei come confermato anche dall edizione 2010 dell Indagine Internazionale 25,0% 20,0% Assenteismo e Straordinario 20,8% Orario effettivo Anno ,0% 14,5% ,0% ,0% 6,0% 2,2% 1,9% 5,9% ,0% Assenteismo Straordinario Zona Euro Italia Cina 6

7 CINA: il paese a cui le nostre imprese guardano con più attenzione RETRIBUZIONE, COSTO E CUNEO FISCALE Il Lavoratore Retribuzione media lorda dell operaio pari a /anno nel 2010 Variabilità retributiva molto ampia tra Shangai - Pechino e le aree più arretrate dove i salari sono inferiori ai /anno L Azienda Costo medio annuo dell operaio nel 2010, un decimo di quello medio UE Variabilità di costo elevata, dipende da Il Cuneo fiscale In media per ogni 100 di salario lordo: L azienda deve mettere a budget ulteriori 23 Il lavoratore subisce una trattenuta di 13 Il cuneo è pari a 141, molto più basso di quello osservato in Italia o nella Zona Euro Localizzazione dell insediamento Accordi con le autorità locali Tipo e natura della società Cina Zona Euro Italia 7

8 Euro per ora CINA: il paese a cui le nostre imprese guardano con più attenzione COSTO ORARIO E COMPETITIVITÀ Fin dalla prima fase della globalizzazione i bassi prezzi della manodopera sono stati un forte elemento di attrazione per le imprese Costo orario medio dell operaio pari a 2,16 /h nel 2010 Inferiore del 92% rispetto a quello medio della Zona Euro La competitività del sistema produttivo cinese è confermata confrontando Valori minimi di costo europei più che doppi rispetto a quelli massimi cinesi 35,0 30,0 25,0 20,0 15,0 10,0 5,0 0,0 32,6 27,5 Media 25,6 /h Media 22,4 /h 18,8 3,6 8,5 Media 2,16 /h 1,6 Italia Cina Zona Euro 8

9 CINA: il paese a cui le nostre imprese guardano con più attenzione DINAMICA DEI COSTI Se nel 2002 il costo di un operaio era pari a 0,89 /h, nel 2006 saliva a 1,26 /h per arrivare nel 2010 a 2,16 /h. Pertanto è fondamentale monitorare il trend! Crescita del costo del lavoro +144,0% Dinamica 2002 > 2010 Crescita dei prezzi +45,2% 160,0% 144,0% 140,0% 120,0% 100,0% 80,0% 60,0% 39,3% 40,0% 45,2% 20,0% 0,0% 19,0% Costo del lavoro orario Inflazione 80,0% 70,0% 60,0% 50,0% 40,0% 30,0% 20,0% 10,0% La crescita reale è stata molto sostenuta 17,1% 68,0% 0,0% Dinamica reale del costo Se l incremento annuo di costo cinese (15%) ed italiano (2%) rimanessero costanti rispetto alla media dell ultimo quadriennio, la Cina ci raggiungerebbe nell arco di un venti anni 9

10 CINA: il paese a cui le nostre imprese guardano con più attenzione CONCLUSIONI PAESE Oltre ai dati aziendali è importante esaminare il contesto di riferimento in cui le imprese devono andare ad operare per valutare le opportunità di investimento PUNTI di FORZA Potenzialità di sviluppo Crescita come mercato di sbocco Bassi livelli di costo Elevata flessibilità del lavoro Ottime performance economiche Sistema di imprese in crescita PUNTI di DEBOLEZZA Crescita tensioni sociali Inefficienza del quadro normativo Eccesso di burocrazia Elevato peso del pubblico nell economia Infrastrutture insufficienti allo sviluppo Dinamica dei costi elevata 10

11 BICT A CONFRONTO: dinamica dei costi in forte accelerazione Le ottime performance di sviluppo registrate in questi paesi hanno comportato forti rivendicazioni salariali con una impennata dei costi Confronto trend del costo del lavoro orario 300,0% 250,0% 200,0% 180,9% 262,9% Per qualcuno sta diventando un problema 150,0% 144,0% 100,0% 69,4% 139,5% 50,0% 48,3% 78,1% 39,3% 0,0% CINA BRASILE INDIA TURCHIA Nelle scelte di localizzazione è molto importante analizzare i trend: una forte crescita può mettere infatti a rischio la convenienza degli investimenti, determinando per le imprese un danno in termini economici e di competitività 11

12 BICT A CONFRONTO: punti di forza e di debolezza Molti dei punti di forza e di debolezza evidenziati per la Cina sono comuni ai 4 Paesi Da non sottovalutare ancora in fase di valutazione di un investimento FATTORI POSITIVI FATTORI NEGATIVI Barriere Tariffarie in Brasile ed India Diversificazione settoriale in India Bassa produttività in India e Cina Buona politica di gestione dei costi Corruzione nei 4 Paesi in Brasile Definizione del salario nazionale in Posizione geografica strategica di Turchia Turchia e Brasile Costi elevati rispetto ai Competitor Qualità della forza lavoro in Turchia locali in Brasile e Turchia Le condizioni ambientali e di sistema possono annullare i vantaggi competitivi derivanti dalle ottime condizioni produttive esistenti 12

13 I Mondiali di Calcio del 2014 e le Olimpiadi di Rio 2016: imperdibili opportunità di Business IL BRASILE 13

14 BRASILE: interessanti opportunità di business per gli eventi sportivi dei prossimi 5 anni ORARIO DI LAVORO OPERAI L analisi condotta sui dati aziendali evidenzia sin dal 2002 che: 12,0% 10,0% 8,0% 6,0% 4,0% 2,0% 0,0% La prestazione lavorativa in Brasile è molto flessibile, con orari settimanali di ore pro-capite L Assenteismo è contenuto e l incidenza dello straordinario risulta sempre in grado di riassorbire le ore perse Gli Orari effettivi di lavoro sono molto superiori a quelli europei come confermato anche dall edizione 2010 dell Indagine Internazionale Assenteismo e Straordinario 6,9% 3,0% 2,7% 4,7% 3,5% 10,7% Assenteismo Straordinario Zona Euro Orario effettivo Anno Italia Brasile

15 BRASILE: interessanti opportunità di business per gli eventi sportivi dei prossimi 5 anni RETRIBUZIONE, COSTO E CUNEO FISCALE Il Lavoratore Retribuzione media lorda dell operaio pari a /anno nel 2010 Variabilità retributiva molto ampia tra le aree ricche del Paese e le Regioni più arretrate dove i salari sono inferiori del 50-60% L Azienda Costo medio annuo dell operaio nel 2010, due quinti di quello medio UE Variabilità di costo elevata, dipende da Il Cuneo fiscale In media per ogni 100 di salario lordo: L azienda deve mettere a budget ulteriori 38 Il lavoratore subisce una trattenuta di 11 Il cuneo è pari a 154, molto più basso di quello osservato in Italia o nella Zona Euro Grado di sviluppo delle diverse Regioni Differenziale costo vita Situazione del mercato del lavoro Brasile Zona Euro Italia 15

16 Euro per ora BRASILE: interessanti opportunità di business per gli eventi sportivi dei prossimi 5 anni COSTO ORARIO E COMPETITIVITÀ Sebbene l interesse delle aziende sia legato a motivi strategici di mercato, per difendere la propria competitività il Brasile deve monitorare l evoluzione dei costi Costo orario medio dell operaio pari a 8,14 /h nel 2010 Inferiore del 68% rispetto a quello medio della Zona Euro La competitività del sistema produttivo brasiliano è ancora elevata, anche se Valori minimi di costo europei sono oramai in linea con quelli medi e massimi registrati in Brasile 35,0 30,0 25,0 20,0 15,0 10,0 5,0 0,0 32,6 27,5 Media 25,6 /h Media 22,4 /h 18,8 9,2 Media 8,14 /h 8,5 3,9 Italia Brasile Zona Euro 16

17 BRASILE: interessanti opportunità di business per gli eventi sportivi dei prossimi 5 anni DINAMICA DEI COSTI Se nel 2002 il costo di un operaio era pari a 4,57 /h, nel 2006 saliva a 6,78 /h per arrivare nel 2010 a 8,14 /h. Dinamica 2002 > ,0% 80,0% 70,0% 60,0% 50,0% 40,0% 30,0% 20,0% 10,0% 48,3% 47,7% Crescita del costo del lavoro Crescita dei prezzi 78,1% 78,1% 0,0% Costo del lavoro orario Inflazione 0,6% 0,5% 0,4% 0,3% 0,2% +78,1% +78,1% Gli strumenti usati sono stati efficaci 0,4% 0,1% 0,0% 0,0% Dinamica reale del costo Nel periodo la politica salariale è stata molto attenta a contenere i costi rispetto all inflazione al fine di proteggere la competitività dell industria 17

18 BRASILE: interessanti opportunità di business per gli eventi sportivi dei prossimi 5 anni CONCLUSIONI I Mondiali del 2014 e le Olimpiadi di Rio del 2016 sono opportunità irripetibili per le imprese, tuttavia è necessario valutare le condizioni favorevoli e le criticità del Brasile PUNTI di FORZA Potenzialità di sviluppo Crescita come mercato di sbocco Politica di gestione dei costi Elevata flessibilità del lavoro Ingenti flussi di investimenti esteri Sistema di imprese competitivo PUNTI di DEBOLEZZA Inefficienza del quadro normativo Eccesso di burocrazia Elevate barriere tariffarie Infrastrutture insufficienti allo sviluppo Bassa performance economica Costi elevati rispetto ai Competitor locali Le condizioni ambientali e di sistema sono decisive per definire una corretta strategia di investimento nel Gigante Sudamericano 18

19 Il secondo mercato emergente dopo la Cina L INDIA 19

20 INDIA: il secondo mercato emergente dopo la Cina ORARIO DI LAVORO OPERAI L analisi condotta grazie al contributo delle aziende evidenzia nel periodo : Orari settimanali costantemente pari a 48 ore pro capite Basso assenteismo e crescente ricorso allo straordinario Orari effettivi di lavoro molto più lunghi di quelli europei come confermato anche dall edizione 2010 dell Indagine Internazionale 12,0% 10,0% 8,0% 6,0% Assenteismo e Straordinario 9,9% 5,5% 5,2% 4,6% Orario effettivo Anno ,0% 500 2,0% 0,0% 0,8% 0,0% Assenteismo Straordinario 0 Zona Euro Italia India 20

21 RETRIBUZIONE, COSTO E CUNEO FISCALE Il Lavoratore INDIA: il secondo mercato emergente dopo la Cina Retribuzione media lorda dell operaio pari a /anno nel 2010 Il salario medio indiano è inferiore del 40% rispetto a quello cinese L Azienda Costo medio annuo dell operaio nel 2010, un decimo di quello medio UE Valore inferiore di volte a quello medio UE Il Cuneo fiscale In media per ogni 100 di salario lordo: L azienda deve mettere a budget ulteriori 14 Il lavoratore subisce una trattenuta di Il cuneo è pari a 128, molto più basso di quello osservato in Italia o nella Zona Euro 50 0 India Zona Euro Italia 21

22 Euro per ora INDIA: il secondo mercato emergente dopo la Cina COSTO ORARIO E COMPETITIVITÀ Come per la Cina anche in India i bassi prezzi della manodopera sono stati un forte elemento di attrazione per le imprese fin dall inizio della globalizzazione Costo orario medio dell operaio pari a 1,21 /h nel 2010 Inferiore del 95% rispetto a quello medio della Zona Euro La competitività del sistema produttivo indiano è confermata confrontando Valori minimi di costo europei 4 volte superiori a quelli massimi indiani 35,0 30,0 25,0 20,0 15,0 10,0 5,0 0,0 32,6 27,5 Media 25,6 /h Media 22,4 /h 18,8 8,5 2,1 Media 1,21 /h 0,9 Italia India Zona Euro 22

23 INDIA: il secondo mercato emergente dopo la Cina DINAMICA DEI COSTI Nel 2002 il costo di un operaio era pari a 0,50 /h, nel 2006 saliva a 0,85 /h per arrivare nel 2010 a 1,21 /h Crescita del costo del lavoro +139,5% Dinamica 2002 > 2010 Crescita dei prezzi +77,5% 160,0% 139,5% 140,0% 120,0% 100,0% 80,0% 69,4% 60,0% 77,5% 40,0% 20,0% 24,0% 0,0% Costo del lavoro orario Inflazione 40,0% 35,0% 30,0% 25,0% 20,0% 15,0% 10,0% 5,0% 36,6% 34,9% La crescita reale è stata molto sostenuta nel primo quadriennio 0,0% Dinamica reale del costo Nel periodo ha collegato il trend dei costi a quello dei prezzi al fine di difendere la competitività dai paesi limitrofi dove i costi della manodopera sono inferiori del 30-40% 23

24 CONCLUSIONI INDIA: il secondo mercato emergente dopo la Cina Oltre ai dati aziendali è importante esaminare il contesto di riferimento in cui le imprese devono andare ad operare per valutare le opportunità di investimento PUNTI di FORZA Potenzialità di sviluppo Crescita come mercato di sbocco Diversificazione settoriale Basso costo della manodopera Elevata flessibilità del lavoro PUNTI di DEBOLEZZA Infrastrutture gravemente insufficienti Scarsa produttività del lavoro Ricchezza pro-capite bassissima Elevate barriere tariffarie Livello di corruzione In India è fondamentale esaminare le condizioni ambientali e di sistema prima di effettuare investimenti. L approccio legato a sole logiche di costo sarebbe errato viste le criticità esistenti nel paese 24

25 La porta d ingresso per la parte più facoltosa del Medio Oriente LA TURCHIA 25

26 TURCHIA: la porta di ingresso per la parte più facoltosa del Medio Oriente ORARIO DI LAVORO OPERAI L analisi condotta grazie al contributo delle aziende evidenzia nel periodo : Orari settimanali costantemente pari a 45 ore pro-capite Assenteismo contenuto ed incidenza dello straordinario pari alle necessità espresse dal mercato Orari effettivi di lavoro superiori alle ore e più lunghi di quelli europei come confermato anche dall edizione 2010 dell Indagine Internazionale 9,0% 8,0% 7,0% 6,0% 5,0% 4,0% 3,0% 2,0% 1,0% Assenteismo e Straordinario 8,2% 5,1% 4,0% 2,6% 1,2% 0,7% Orario effettivo Anno ,0% Assenteismo Straordinario Zona Euro Italia Turchia 26

27 TURCHIA: la porta di ingresso per la parte più facoltosa del Medio Oriente RETRIBUZIONE, COSTO E CUNEO FISCALE Il Lavoratore Retribuzione media lorda dell operaio pari a /anno nel 2010 Variabilità retributiva elevata tra la parte occidentale ed orientale del paese L Azienda Costo medio annuo dell operaio nel 2010, circa la metà di quello medio UE Variabilità di costo elevata, dipende da Il Cuneo fiscale In media per ogni 100 di salario lordo: L azienda deve mettere a budget ulteriori 23 Il lavoratore subisce una trattenuta europea di 32 Il cuneo è pari a 181, prossimo a quello osservato nella Zona Euro, inferiore del 25% a quello italiano Grado di sviluppo delle diverse Regioni Differenziale di costo vita Situazione del mercato del lavoro Turchia Zona Euro Italia 27

28 Euro per ora TURCHIA: la porta di ingresso per la parte più facoltosa del Medio Oriente COSTO ORARIO E COMPETITIVITÀ Sebbene l interesse delle aziende sia legato a motivi strategici e di mercato, la Turchia deve monitorare il trend dei costi per difendere la propria competitività Costo orario medio dell operaio pari a 9,6 /h nel 2010 Inferiore del 62% rispetto a quello medio della Zona Euro La competitività del sistema produttivo turco è diminuita rispetto all UE Valori minimi di costo europei sono inferiori del 12% a quelli medi turchi e del 37% rispetto a quelli massimi 35,0 30,0 25,0 20,0 15,0 10,0 5,0 0,0 32,6 27,5 Media 25,6 /h Media 22,4 /h 18,8 13,5 Media 9,6 /h 8,5 5,6 Italia Turchia Zona Euro 28

29 TURCHIA: la porta di ingresso per la parte più facoltosa del Medio Oriente DINAMICA DEI COSTI Se nel 2002 il costo di un operaio era pari a 2,65 /h, nel 2006 schizzava a 7,45 /h per arrivare nel 2010 a 9,62 /h. Il trend è stato vertiginoso: 17,5% all anno! Crescita del costo del lavoro +263,0% Dinamica 2002 > 2010 Crescita dei prezzi +239,0% 300,0% 262,9% 250,0% 200,0% 180,9% 238,7% 150,0% 144,5% 100,0% 50,0% 0,0% Costo del lavoro orario Inflazione 16,0% 14,0% 12,0% 10,0% 8,0% 6,0% 4,0% 2,0% 14,9% La spirale prezzi-salari ha limitato la crescita reale delle retribuzioni 7,1% 0,0% Dinamica reale del costo La perdita di competitività rispetto ai Competitor dell area generata da tali trend ha obbligato il Paese a ridurre l indicizzazione dei costi ai prezzi limitando anche il ricorso alla svalutazione 29

30 TURCHIA: la porta di ingresso per la parte più facoltosa del Medio Oriente CONCLUSIONI Oltre ai dati aziendali è importante esaminare il contesto di riferimento in cui le imprese devono andare ad operare per valutare le opportunità di investimento PUNTI di FORZA Potenzialità di sviluppo Crescita come mercato di sbocco Posizione strategica Elevata flessibilità del lavoro Buona qualità della forza lavoro Sistema di imprese in crescita PUNTI di DEBOLEZZA Elevata dinamica dei prezzi Basso livello di occupazione Tensioni sociali crescenti Definizione del salario minimo nazionale Infrastrutture insufficienti allo sviluppo Costi elevati rispetto ai Competitor locali Per effetto della globalizzazione la Turchia è il primo paese emergente a doversi difendere dai Competitor dell area i quali si trovano oggi nella situazione in cui era il Paese all inizio del decennio 30

Cina e India cambiano l economia mondiale. Michela Floris micfloris@unica.it

Cina e India cambiano l economia mondiale. Michela Floris micfloris@unica.it Cina e India cambiano l economia mondiale Michela Floris micfloris@unica.it Una premessa L Asia non è nuova a miracoli economici Giappone, Corea del Sud, Cina e India sono protagonisti di una rapida crescita

Dettagli

Fattori di localizzazione e strategie internazionali delle imprese

Fattori di localizzazione e strategie internazionali delle imprese Seminario «Imprese, mercati, nuove tecnologie e nuovi settori: come cambia l organizzazione aziendale nello scenario competitivo» Fattori di localizzazione e strategie internazionali delle imprese Torino

Dettagli

Qualità e valore del lavoro: le principali dinamiche di mercato degli ultimi anni.

Qualità e valore del lavoro: le principali dinamiche di mercato degli ultimi anni. Qualità e valore del lavoro: le principali dinamiche di mercato degli ultimi anni. Quali sono le aspettative delle imprese, come le imprese riconoscono e valorizzano la qualità dell'offerta: l'esperienza

Dettagli

RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO

RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO OTTOBRE 2010 a cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi e dell Ufficio Lavori all Estero e Relazioni Internazionali

Dettagli

Factoring tour: Torino Imprese e finanza nella prospettiva della ripresa economica e di Basilea 3: il ruolo del factoring

Factoring tour: Torino Imprese e finanza nella prospettiva della ripresa economica e di Basilea 3: il ruolo del factoring Factoring tour: Torino Imprese e finanza nella prospettiva della ripresa economica e di Basilea 3: il ruolo del factoring La finanza delle imprese tra crisi e ripresa Mario Valletta Università degli Studi

Dettagli

Intervento al convegno Future Job - Follonica 21 maggio 2005

Intervento al convegno Future Job - Follonica 21 maggio 2005 Intervento al convegno Future Job - Follonica 21 maggio 2005 slide 1 Introduzione Lo scopo di questo intervento è di presentare un iniziativa che sta muovendo i primi passi in queste settimane e che mira

Dettagli

INTERNAZIONALIZZAZIONE: Opportunità di crescita per le PMI

INTERNAZIONALIZZAZIONE: Opportunità di crescita per le PMI INTERNAZIONALIZZAZIONE: Opportunità di crescita per le PMI Mercoledì 18 marzo 2015, ore 17.00 Camera di Commercio, Sala Arancio, Via Tonale 28/30 - Lecco Materiale a cura di: Direzione Studi e Ricerche,

Dettagli

Nel mondo ci sono molte classifiche che

Nel mondo ci sono molte classifiche che L opinione pubblica viene spesso bombardata da una grande quantità di statistiche sui sistemi Paese che dicono tutto e il contrario di tutto. Come orientarsi in questo mare magnum? E come si colloca il

Dettagli

ABBIGLIAMENTO INFANTILE SETTEMBRE PAROLA D ORDINE: DELOCALIZZARE. La voce di Databank EDIZIONE 16. prima parte

ABBIGLIAMENTO INFANTILE SETTEMBRE PAROLA D ORDINE: DELOCALIZZARE. La voce di Databank EDIZIONE 16. prima parte EDIZIONE 16 prima parte SETTEMBRE La voce di Databank 2012 Cerved Group Spa Tutti i diritti riservati Riproduzione vietata ABBIGLIAMENTO INFANTILE PAROLA D ORDINE: DELOCALIZZARE PAROLA D ORDINE: DELOCALIZZARE

Dettagli

INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA

INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA Hannover Messe 2014 Walking Press Conference, 8 Aprile 2014 L industria Elettrotecnica ed Elettronica in Italia ANIE rappresenta da sessant anni l industria

Dettagli

IL PROGETTO BIELORUSSIA

IL PROGETTO BIELORUSSIA IL PROGETTO BIELORUSSIA PRESENTAZIONE Lanza & Thompson nasce dall esperienza maturata da alcuni professionisti in società internazionali specializzate in assistenza alle imprese per servizi globali (fiscali,

Dettagli

L entità della risorse

L entità della risorse Per l Europa: Becker et al. (2010) mostrano che i sussidi europei hanno accelerato la crescita del PIL pro capite di circa 1-1,5 punti percentuali nel corso di un periodo di programmazione di 7 anni. Busillo

Dettagli

MANIFATTURIERO LOMBARDO: RITORNO AL FUTURO

MANIFATTURIERO LOMBARDO: RITORNO AL FUTURO MANIFATTURIERO LOMBARDO: RITORNO AL FUTURO Intervento Roberto Albonetti direttore Attività Produttive Regione Lombardia Il mondo delle imprese ha subito negli ultimi anni un accelerazione impressionante:

Dettagli

Indagine Confindustria sul Mercato del Lavoro

Indagine Confindustria sul Mercato del Lavoro Centro Studi Unindustria & CSC Indagine Confindustria sul Mercato del Lavoro Novembre 2013 SOMMARIO L Indagine Occupazione Assenze Retribuzioni 1 L Indagine Imprese associate al Sistema Confindustria Struttura

Dettagli

Il mercato internazionale del macero: confronto tra India ed Europa. Jori Ringman, Responsabile del Riciclo, CEPI COMIECO, 12 ottobre 2006

Il mercato internazionale del macero: confronto tra India ed Europa. Jori Ringman, Responsabile del Riciclo, CEPI COMIECO, 12 ottobre 2006 Il mercato internazionale del macero: confronto tra India ed Europa Jori Ringman, Responsabile del Riciclo, CEPI COMIECO, 12 ottobre 2006 Confederazione delle Industrie Cartarie Europee I soci della CEPI:

Dettagli

COMMERCIO ESTERO E QUOTE DI MERCATO LA COMPETITIVITÀ DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA

COMMERCIO ESTERO E QUOTE DI MERCATO LA COMPETITIVITÀ DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA COMMERCIO ESTERO E QUOTE DI MERCATO LA COMPETITIVITÀ DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA COMMERCIO ESTERO E QUOTE DI MERCATO - la competitività della provincia di Bologna Indice 1. Esportazioni e competitività:

Dettagli

ITALIA - EUROPA SALARI, PREZZI, PRODUTTIVITA E L EFFETTO DIMENSIONE D IMPRESA. di Giuseppe D Aloia

ITALIA - EUROPA SALARI, PREZZI, PRODUTTIVITA E L EFFETTO DIMENSIONE D IMPRESA. di Giuseppe D Aloia ITALIA - EUROPA SALARI, PREZZI, PRODUTTIVITA E L EFFETTO DIMENSIONE D IMPRESA di Giuseppe D Aloia 1 - Retribuzioni Lorde di fatto Reali- Industria manifatturiera - Valuta Nazionale (deflazionate con il

Dettagli

Il mercato dell olio di oliva in Russia Analisi delle opportunità commerciali per le imprese italiane

Il mercato dell olio di oliva in Russia Analisi delle opportunità commerciali per le imprese italiane Il mercato dell olio di oliva in Russia Analisi delle opportunità commerciali per le imprese italiane Roberto Cassanelli - Responsabile Commerciale Corporate Nord Est Verona, 8 aprile 2013 INDICE IL QUADRO

Dettagli

Convegno nazionale I nostri ricercatori: una ricchezza per il Paese e per l'europa Roma, 30 giugno 2008

Convegno nazionale I nostri ricercatori: una ricchezza per il Paese e per l'europa Roma, 30 giugno 2008 Convegno nazionale I nostri ricercatori: una ricchezza per il Paese e per l'europa Roma, 30 giugno 2008 Intervento di Nicola Catalano, ricercatore ISFOL Introduzione 1. Conosciamo tutti l importanza delle

Dettagli

Università degli Studi Guglielmo Marconi

Università degli Studi Guglielmo Marconi I cambi flessibili e le politiche di intervento sui mercati valutari: 1971(-3)-2007 Argomenti 1. Il periodo 1971-2001 2. La globalizzazione e la crescita mondiale nel 1 Il periodo 1971-2001 Gli assetti

Dettagli

Export manager per il settore della nautica da diporto

Export manager per il settore della nautica da diporto PROGETTO COFINANZIATO DALL UNIONE EUROPEA Progetto formativo per Export manager per il settore della nautica da diporto FORMAZIONE SUPERIORE Progetto formativo per Export manager per il settore della nautica

Dettagli

Direzione centrale attività produttive, commercio, cooperazione, risorse agricole e forestali Area per il manifatturiero

Direzione centrale attività produttive, commercio, cooperazione, risorse agricole e forestali Area per il manifatturiero Direzione centrale attività produttive, commercio, cooperazione, risorse agricole e forestali Area per il manifatturiero FVG regione a vocazione manifatturiera Settori di specializzazione FVG Principali

Dettagli

Seminario «Imprese, mercati, nuove tecnologie e nuovi settori: come cambia l organizzazione aziendale nello scenario competitivo»

Seminario «Imprese, mercati, nuove tecnologie e nuovi settori: come cambia l organizzazione aziendale nello scenario competitivo» Seminario «Imprese, mercati, nuove tecnologie e nuovi settori: come cambia l organizzazione aziendale nello scenario competitivo» Torino, 28-30 Novembre 2011 Luca Pignatelli Demografia (2010-2011) Popolazione

Dettagli

Università di Macerata. L internazionalizzazione delle PMI: problemi e prospettive

Università di Macerata. L internazionalizzazione delle PMI: problemi e prospettive Università di Macerata Facoltà di Giurisprudenza Dipartimento di Studi Giuridici ed Economici L internazionalizzazione delle PMI: problemi e prospettive Francesca Spigarelli spigarelli@unimc.it Tecnologia,

Dettagli

Consiglio informale dei Ministri del Lavoro e degli Affari Sociali. (Varese, 11-12 Luglio 2003)

Consiglio informale dei Ministri del Lavoro e degli Affari Sociali. (Varese, 11-12 Luglio 2003) Ministero del Lavoro e degli Affari Sociali Consiglio informale dei Ministri del Lavoro e degli Affari Sociali (Varese, 11-12 Luglio 2003) Documento della Presidenza Domande per orientare il dibattito

Dettagli

Chi siamo In cosa crediamo In chi crediamo

Chi siamo In cosa crediamo In chi crediamo Le priorità per il 2014-2019 Chi siamo Siamo la più grande famiglia politica europea, ispirata da una visione politica di centrodestra. Siamo il Gruppo del Partito Popolare Europeo al Parlamento europeo.

Dettagli

La partenza ritardata e lenta I fondi europei leva per uscire dalla crisi

La partenza ritardata e lenta I fondi europei leva per uscire dalla crisi discussione di Scenari economici n. 20 La partenza ritardata e lenta I fondi europei leva per uscire dalla crisi Alessandra Staderini Servizio Struttura economica, Banca d Italia Roma, 26 giugno 2014 Confindustria,

Dettagli

LO STRESS FINANZIARIO PER LE AZIENDE DEI SERVIZI PUBBLICI LOCALI

LO STRESS FINANZIARIO PER LE AZIENDE DEI SERVIZI PUBBLICI LOCALI LO STRESS FINANZIARIO PER LE AZIENDE DEI SERVIZI PUBBLICI LOCALI LUNEDÌ 2 LUGLIO 2012 ORE 11.00 CENTRO CONSERVAZIONE E RESTAURO LA VENARIA REALE VIA XX SETTEMBRE 18 VENARIA REALE (TO) CONTESTO ECONOMICO

Dettagli

Congiuntura, trend e investimenti nel settore cosmetico

Congiuntura, trend e investimenti nel settore cosmetico Milano, 20 dicembre 2011 Congiuntura, trend e investimenti nel settore cosmetico Fabio Rossello Presidente Unipro Scenario mondiale Rallentamento dell economia americana e difficile ripresa per le altre

Dettagli

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013 Sintesi per la stampa Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013 Industria: caduta del fatturato nel biennio 2012-13 (-8,3% pari a 56,5 miliardi di euro a prezzi costanti), causata dal previsto

Dettagli

Le previsioni al 2016: valore aggiunto, produttività ed occupazione

Le previsioni al 2016: valore aggiunto, produttività ed occupazione ATTIVITÀ FINANZIARIE Le previsioni al 2016: valore aggiunto, produttività ed occupazione Il settore dell intermediazione monetaria e finanziaria ha acquistato rilevanza nel corso degli ultimi vent anni:

Dettagli

Smart Balkans Forum. Il clima del business e Fund raising in Albania

Smart Balkans Forum. Il clima del business e Fund raising in Albania Smart Balkans Forum Il clima del business e Fund raising in Albania 1 Perche l Albania? Ottima posizione strategica. Accesso al libero mercato - FTA (Accordo di libero scambio) assicurandosi l accesso

Dettagli

2.1.3 Inquadramento: numeri, sviluppo storico, previsioni per il futuro

2.1.3 Inquadramento: numeri, sviluppo storico, previsioni per il futuro 2.1.3 Inquadramento: numeri, sviluppo storico, previsioni per il futuro Nel 2004 (dopo 3 anni di crescita stagnante dovuta principalmente agli effetti degli attacchi terroristici dell 11 settembre e all

Dettagli

Indice. Il mercato internazionale dei cereali: tendenze e prospettive per l Italia. Premessa 14/10/2010

Indice. Il mercato internazionale dei cereali: tendenze e prospettive per l Italia. Premessa 14/10/2010 Il mercato internazionale dei cereali: tendenze e prospettive per l Italia Grano Italia, Bologna 30 settembre - 1 ottobre 2010 Aula Magna della Facoltà di Agraria Prof. Gabriele Canali SMEA, Alta Scuola

Dettagli

Capitolo 13. Crescita economica, produttività e tenore di vita

Capitolo 13. Crescita economica, produttività e tenore di vita Capitolo 13 Crescita economica, produttività e tenore di vita Crescita economica prima di tutto Fino a 100 anni fa la ricchezza delle nazioni (anche di quelle più sviluppate) era assai modesta rispetto

Dettagli

L ATLANTE DEL MADE IN ITALY LE ROTTE DELL EXPORT ITALIANO PRIMA E DURANTE LA CRISI

L ATLANTE DEL MADE IN ITALY LE ROTTE DELL EXPORT ITALIANO PRIMA E DURANTE LA CRISI L ATLANTE DEL MADE IN ITALY LE ROTTE DELL EXPORT ITALIANO PRIMA E DURANTE LA CRISI Ottobre 2012 1 L ATLANTE DEL MADE IN ITALY Le rotte dell export italiano prima e durante la crisi La crisi dell economia

Dettagli

IL SOSTEGNO FINANZIARIO ALLE IMPRESE ITALIANE IN CINA

IL SOSTEGNO FINANZIARIO ALLE IMPRESE ITALIANE IN CINA IL SOSTEGNO FINANZIARIO ALLE IMPRESE ITALIANE IN CINA Gian Carlo Bertoni Responsabile Dipartimento Promozione e Marketing Roma, 25 settembre 2007 Cina: punti di di forza sesta grande potenza economica

Dettagli

Mini MBA in Doing Business in China

Mini MBA in Doing Business in China Indice: Mini MBA in Doing Business in China Mini MBA in Doing Business in Brazil Mini MBA in Doing Business in the Middle East Mini MBA in Doing Business in Japan Mini MBA in Starting a Business in Germany

Dettagli

REPORT SULL IMPATTO SOCIALE FUORI STRADA. Le pretese dell industria automobilistica.

REPORT SULL IMPATTO SOCIALE FUORI STRADA. Le pretese dell industria automobilistica. In assenza di una regolamentazione legislativa, i progressi tecnici sono stati usati per produrre automobili più potenti e più inquinanti, piuttosto che per ottenere riduzioni nelle emissioni di CO2. REPORT

Dettagli

Evoluzione dei principali mercati: quali sviluppi si prospettano nell internazionalizzazione delle PMI italiane

Evoluzione dei principali mercati: quali sviluppi si prospettano nell internazionalizzazione delle PMI italiane Evoluzione dei principali mercati: quali sviluppi si prospettano nell internazionalizzazione delle PMI italiane Paolo Di Benedetto Responsabile Dipartimento Valutazione Investimenti e Finanziamenti 21

Dettagli

evidenziate le cause che hanno portato alla crisi, tra cui la pesante regolamentazione, lo spreco di risorse, la lenta crescita delle esportazioni, l

evidenziate le cause che hanno portato alla crisi, tra cui la pesante regolamentazione, lo spreco di risorse, la lenta crescita delle esportazioni, l Riassunto L India è uno dei paesi più grandi del mondo, il secondo in quanto a popolazione e uno di quelli in via di sviluppo che negli ultimi anni ha mostrato le maggiori potenzialità di crescita economica

Dettagli

NUOVE MODALITÀ DI INTERNAZIONALIZZAZIONE il fattore strategico della conoscenza dei mercati

NUOVE MODALITÀ DI INTERNAZIONALIZZAZIONE il fattore strategico della conoscenza dei mercati NUOVE MODALITÀ DI INTERNAZIONALIZZAZIONE il fattore strategico della conoscenza dei mercati FABIO PICCOLI Esperto Internazionalizzazione Wine Monitor Bologna, 3 aprile 2013 L internazionalizzazione non

Dettagli

GLI SCENARI ECONOMICI INTERNAZIONALI E LE OPPORTUNITA DI INTERNAZIONALIZZAZIONE PER LE PMI TRENTINE

GLI SCENARI ECONOMICI INTERNAZIONALI E LE OPPORTUNITA DI INTERNAZIONALIZZAZIONE PER LE PMI TRENTINE GLI SCENARI ECONOMICI INTERNAZIONALI E LE OPPORTUNITA DI INTERNAZIONALIZZAZIONE PER LE PMI TRENTINE Raffaele Farella Dirigente con incarico speciale per l internazionalizzazione e la promozione estera,

Dettagli

Annuario Istat-Ice 2008

Annuario Istat-Ice 2008 Le informazioni statistiche sul Commercio estero e sulle Attività Internazionali delle imprese Luigi Biggeri 1 Struttura della presentazione 1. L Annuario e lo sviluppo delle informazioni statistiche sul

Dettagli

Fondo Monetario Internazionale e Italia

Fondo Monetario Internazionale e Italia Fondo Monetario Internazionale e Italia (analisi della Public Information Notice del 13/11/2003) Antonio Forte Tutti i diritti sono riservati INTRODUZIONE Nell ambito della funzione di sorveglianza svolta

Dettagli

A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA

A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA A N N O 2 0 0 8 R A P P O R TO A N N U A L E 2 0 0 8 1. L andamento del mercato

Dettagli

L OFFERTA PER L ORDI NE DEGLI ARCHITETTI DI VARESE

L OFFERTA PER L ORDI NE DEGLI ARCHITETTI DI VARESE L OFFERTA PER L ORDI NE DEGLI ARCHITETTI DI VARESE L Ordine degli architetti di Varese è interessato a sviluppare a) un ciclo di incontri di formazione sulle tematiche dell internazionalizzazione da offrire

Dettagli

Investimenti Diretti Esteri

Investimenti Diretti Esteri Investimenti Diretti Esteri Daniele Mantegazzi IRE, Università della Svizzera Italiana 14 novembre 2013 Daniele Mantegazzi Economia Internazionale 14 novembre 2013 1 / 24 Contenuti e struttura della lezione

Dettagli

Asset allocation: settembre 2015. www.adviseonly.com www.adviseonly.com/blog

Asset allocation: settembre 2015. www.adviseonly.com www.adviseonly.com/blog Asset allocation: settembre 2015 /blog Come sono andati i mercati? Il rallentamento della Cina, la crisi in Grecia, il crollo delle materie prime e la moderata crescita dell economia americana hanno sollevato

Dettagli

L economia italiana nella Relazione della Banca d Italia

L economia italiana nella Relazione della Banca d Italia L economia italiana nella Relazione della Banca d Italia Paolo Sestito Servizio struttura Economica, Banca d Italia Modena, 4 giugno 215 Il contesto internazionale e l area dell euro 2 Nei paesi emergenti,

Dettagli

Internazionalizzazione delle imprese e sistema paese in Cina

Internazionalizzazione delle imprese e sistema paese in Cina Internazionalizzazione delle imprese e sistema paese in Cina L. Bencivelli Ambasciata d Italia nella Repubblica Popolare Cinese 27 Marzo 2014 Bencivelli (2014) Cina 27 Marzo 2014 1 / 13 Piano della presentazione

Dettagli

IL VINO ITALIANO ALLA LUCE DEI NUOVI SCENARI EVOLUTIVI: OPPORTUNITÀ E PROSPETTIVE FUTURE

IL VINO ITALIANO ALLA LUCE DEI NUOVI SCENARI EVOLUTIVI: OPPORTUNITÀ E PROSPETTIVE FUTURE IL VINO ITALIANO ALLA LUCE DEI NUOVI SCENARI EVOLUTIVI: OPPORTUNITÀ E DENIS PANTINI Direttore Area Agricoltura e Industria Alimentare Nomisma spa PROSPETTIVE FUTURE I temi di approfondimento I consumi

Dettagli

SDA Bocconi School of Management Dimensioni di complessità aziendale e valore dei Sistemi Informativi. Severino Meregalli, Gianluca Salviotti

SDA Bocconi School of Management Dimensioni di complessità aziendale e valore dei Sistemi Informativi. Severino Meregalli, Gianluca Salviotti SDA Bocconi School of Management Dimensioni di complessità aziendale e valore dei Sistemi Informativi Severino Meregalli, Gianluca Salviotti SDA Bocconi School SAP of Bozza of Management per la discussione

Dettagli

L Area Nord: rispetto a 5 anni fa

L Area Nord: rispetto a 5 anni fa Conclusioni 1 L Area Nord: rispetto a 5 anni fa L Area Nord, nonostante la crisi del 2009 che ha peggiorato le condizioni rispetto al 2008, è comunque cresciuta in termini di ricavi del 25% rispetto al

Dettagli

Ritardi di pagamento in Cina: nel 2014, l 80% delle imprese ne è colpito

Ritardi di pagamento in Cina: nel 2014, l 80% delle imprese ne è colpito Hong Kong / Parigi, 12 marzo 2015 Ritardi di pagamento in Cina: nel 2014, l 80% delle imprese ne è colpito Nel 2015 prevista una crescita più lenta e un aumento dei prestiti in sofferenza Un nuovo studio

Dettagli

Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015)

Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015) La Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015) 1 ECONOMIA IN ITALIA In Italia, dopo tre cali annuali consecutivi (2012-2,8%, 2013-1,7%, 2014-0,4%), il CSC prevede una crescita del PIL dell 1%. quest

Dettagli

Quali prospettive per le collaborazioni fra intermediari assicurativi

Quali prospettive per le collaborazioni fra intermediari assicurativi Convegno Nazionale Intermediari Assicurativi Le giornate professionali Milano, 1 febbraio 2013 Quali prospettive per le collaborazioni fra intermediari assicurativi Risultati della ricerca IAMA Fabio Orsi

Dettagli

WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO PIANIFICAZIONE DEL PERSONALE E STRUTTURE AZIENDALI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA

WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO PIANIFICAZIONE DEL PERSONALE E STRUTTURE AZIENDALI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO PIANIFICAZIONE DEL PERSONALE E STRUTTURE AZIENDALI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 COS È UN OBIETTIVO... 3 IL CONTROLLO DI GESTIONE...

Dettagli

5. 5. I NDIVI V DUAR A E L E OPP P O P RTU T NITA T A : ST S R T UMENTI T P E P R L A N A AL A ISI S DEI M ERCA C T A I T Fabio Cassia

5. 5. I NDIVI V DUAR A E L E OPP P O P RTU T NITA T A : ST S R T UMENTI T P E P R L A N A AL A ISI S DEI M ERCA C T A I T Fabio Cassia 5. INDIVIDUARE LE OPPORTUNITA : STRUMENTI PER L ANALISI DEI MERCATI Fabio Cassia Introduzione Analisi dei mercati per: 1) individuare opportunità di mercato Da circa 150 mercati emergenti A una o più opportunità

Dettagli

Alla ricerca del rendimento perduto

Alla ricerca del rendimento perduto Milano, 10 aprile 2012 Alla ricerca del rendimento perduto Dalle obbligazioni alle azioni. La ricerca del rendimento perduto passa attraverso un deciso cambio di passo nella composizione dei portafogli

Dettagli

INDUSTRIA METALMECCANICA ITALIANA INDAGINE CONGIUNTURALE. Sintesi per la stampa

INDUSTRIA METALMECCANICA ITALIANA INDAGINE CONGIUNTURALE. Sintesi per la stampa INDUSTRIA METALMECCANICA ITALIANA INDAGINE CONGIUNTURALE Sintesi per la stampa Roma, 11 settembre 2014 Sintesi per la Stampa L attività produttiva del settore metalmeccanico, dopo la fase recessiva protrattasi

Dettagli

Le previsioni al 2016: valore aggiunto, produttività ed occupazione

Le previsioni al 2016: valore aggiunto, produttività ed occupazione ALIMENTARE Le previsioni al 2016: valore aggiunto, produttività ed occupazione L industria alimentare è piuttosto importante per l economia italiana; il valore aggiunto prodotto da questo settore rappresenta

Dettagli

Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario

Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario Relazioni monetarie e finanziarie si stabiliscono anche tra i residenti di un paese e i non-residenti. Le transazioni internazionali necessitano di istituzioni

Dettagli

Grande Depressione e Grande Recessione: una prospettiva storica. Lezione 16_2 Mauro Rota mauro.rota@uniroma1.it

Grande Depressione e Grande Recessione: una prospettiva storica. Lezione 16_2 Mauro Rota mauro.rota@uniroma1.it Grande Depressione e Grande Recessione: una prospettiva storica Lezione 16_2 Mauro Rota mauro.rota@uniroma1.it Il Quadro attuale Anche prima della crisi le economie europee avevano bassi tassi di crescita

Dettagli

Le politiche per l internazionalizzazione delle PMI della Regione Emilia-Romagna: servizi reali e finanziari alle imprese e diplomazia economica

Le politiche per l internazionalizzazione delle PMI della Regione Emilia-Romagna: servizi reali e finanziari alle imprese e diplomazia economica Le politiche per l internazionalizzazione delle PMI della Regione Emilia-Romagna: servizi reali e finanziari alle imprese e diplomazia economica Ruben Sacerdoti Responsabile Servizio Sportello regionale

Dettagli

Rapporto Export SACE 2014-2017 / Executive Summary

Rapporto Export SACE 2014-2017 / Executive Summary executive summary Il Rapporto Export di quest anno si compone di due sezioni. Nella prima si analizzano le evoluzioni nella struttura dell export italiano tra il 2007 e il 2012, per valutare l impatto

Dettagli

Tendenze del turismo internazionale nelle regioni italiane

Tendenze del turismo internazionale nelle regioni italiane Tendenze del turismo internazionale nelle regioni italiane A. Alivernini, M. Gallo, E. Mattevi e F. Quintiliani Conferenza Turismo internazionale: dati e risultati Roma, Villa Huffer, 22 giugno 2012 Premessa:

Dettagli

Valentina Aprea Assessore all istruzione, formazione e cultura Assessore all occupazione e politiche del lavoro. Milano, 15 gennaio 2013

Valentina Aprea Assessore all istruzione, formazione e cultura Assessore all occupazione e politiche del lavoro. Milano, 15 gennaio 2013 Seminario "La qualità della scuola: che cosa fa il mondo, che cosa può fare l'italia" Valentina Aprea Assessore all istruzione, formazione e cultura Assessore all occupazione e politiche del lavoro Milano,

Dettagli

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Ottobre 2012

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Ottobre 2012 L Azienda Digitale Viaggio nell'italia che compete Executive Summary Ottobre 2012 Realizzato da NetConsulting per Repubblica Affari&Finanza e Samsung Evento Territoriale di Modena NetConsulting 2012 1

Dettagli

Report trimestrale sull andamento dell economia reale e della finanza

Report trimestrale sull andamento dell economia reale e della finanza l andamento dell economia reale e della finanza PL e Credito Bancario Perché un report trimestrale? A partire dal mese di dicembre 2014 SE Consulting ha avviato un analisi che mette a disposizione delle

Dettagli

L internazionalizzazione del sistema economico milanese

L internazionalizzazione del sistema economico milanese L internazionalizzazione del sistema economico milanese Il grado di apertura di un sistema economico locale verso l estero rappresenta uno degli indicatori più convincenti per dimostrare la sua solidità

Dettagli

Arca Strategia Globale: i nuovi fondi a rischio controllato

Arca Strategia Globale: i nuovi fondi a rischio controllato Arca Strategia Globale: i nuovi fondi a rischio controllato Risponde: Federico Mosca, Responsabile Absolute Return I tre Fondi Nella nostra gamma prodotti, i fondi che adottano la metodologia di investimento

Dettagli

La tecnologia cloud computing a supporto della gestione delle risorse umane

La tecnologia cloud computing a supporto della gestione delle risorse umane La tecnologia cloud computing a supporto della gestione delle risorse umane L importanza delle risorse umane per il successo delle strategie aziendali Il mondo delle imprese in questi ultimi anni sta rivolgendo

Dettagli

Il commercio mondiale di Tessile Abbigliamento: uno scenario al 2020

Il commercio mondiale di Tessile Abbigliamento: uno scenario al 2020 Il commercio mondiale di Tessile Abbigliamento: uno scenario al 2020 Assemblea ACIMIT 2014 1 / 11 Perimetro, Obiettivi e Strumenti dello studio Perimetro Prodotti tessili della filiera Sistema Persona

Dettagli

Ripresa in vista ma a passo lento: previsioni CSC per l Italia nel biennio 2013-2014

Ripresa in vista ma a passo lento: previsioni CSC per l Italia nel biennio 2013-2014 Ripresa in vista ma a passo lento: previsioni CSC per l Italia nel biennio 2013-2014 Indagine Confindustria sul mercato del lavoro nel 2012 Francesca Mazzolari In Italia segnali di fine caduta e ripresa

Dettagli

Un Percorso strutturato per promuovere le imprese nei mercati internazionali

Un Percorso strutturato per promuovere le imprese nei mercati internazionali SCHEDA CASOTTI Un Percorso strutturato per promuovere le imprese nei mercati internazionali Il commercio internazionale 15,0 10,0 Scambi manifatturieri e PIL mondiale (var. annua a prezzi costanti) var.

Dettagli

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Novembre 2012

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Novembre 2012 L Azienda Digitale Viaggio nell'italia che compete Executive Summary Novembre 2012 Realizzato da NetConsulting per Repubblica Affari&Finanza e Samsung Evento Territoriale di Verona NetConsulting 2012 1

Dettagli

L ITALIA VISTA DALL EUROPA Verso i traguardi di Lisbona: i risultati dell Italia 4a edizione - Marzo 2007

L ITALIA VISTA DALL EUROPA Verso i traguardi di Lisbona: i risultati dell Italia 4a edizione - Marzo 2007 L ITALIA VISTA DALL EUROPA Verso i traguardi di Lisbona: i risultati dell 4a edizione - Marzo 2007 SINTESI Confindustria pubblica per la quarta volta L vista dall Europa, documento annuale che fa il punto

Dettagli

cosa vedono nel loro futuro i produttori di serramenti copyright

cosa vedono nel loro futuro i produttori di serramenti copyright 2014 ricerca cosa vedono nel loro futuro i produttori di serramenti 1 Cosa vedono nel loro futuro i produttori di serramenti, 2014 La pubblicazione riporta i risultati di una ricerca condotta via internet

Dettagli

Marketing relazionale. Eleonora Ploncher 27 febbraio 2006

Marketing relazionale. Eleonora Ploncher 27 febbraio 2006 Marketing relazionale Eleonora Ploncher 27 febbraio 2006 1. Gli obiettivi Gli obiettivi della presentazione sono volti a definire: 1. I presupposti del marketing relazionale 2. Le caratteristiche principali

Dettagli

Organizzazione aziendale Lezione 8 L organizzazione dell impresa Cap. 6. Ing. Marco Greco m.greco@unicas.it Tel.0776.299.

Organizzazione aziendale Lezione 8 L organizzazione dell impresa Cap. 6. Ing. Marco Greco m.greco@unicas.it Tel.0776.299. Organizzazione aziendale Lezione 8 L organizzazione dell impresa Cap. 6 Ing. Marco Greco m.greco@unicas.it Tel.0776.299.3641 Stanza 1S-28 L organizzazione dell impresa Unità organizzative: raccolgono personale

Dettagli

Cerimonia di Consegna dei Premi Leonardo 2014. Roma, Palazzo del Quirinale - 27 Aprile 2015

Cerimonia di Consegna dei Premi Leonardo 2014. Roma, Palazzo del Quirinale - 27 Aprile 2015 Cerimonia di Consegna dei Premi Leonardo 2014 Roma, Palazzo del Quirinale - 27 Aprile 2015 Discorso del Vice Ministro allo Sviluppo Economico, Carlo CALENDA Signor Presidente della Repubblica, Autorità

Dettagli

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione PRODOTTI IN METALLO Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione Nel primo grafico viene rappresentata la crescita del settore; come misura dell attività si utilizza il valore aggiunto

Dettagli

Gli incentivi non mettono in moto l automobile

Gli incentivi non mettono in moto l automobile 115 idee per il libero mercato Gli incentivi non mettono in moto l automobile di Andrea Giuricin Il rallentamento economico e la crisi finanziaria hanno avuto un forte impatto su uno dei settori più importanti

Dettagli

Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento

Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento Capitolo 17 Indice degli argomenti 1. Rischio operativo e finanziario

Dettagli

Servizi alle aziende. Chiavenergia. Professionisti per l'ambiente

Servizi alle aziende. Chiavenergia. Professionisti per l'ambiente Servizi alle aziende Chiavenergia Professionisti per l'ambiente Su di noi... I nuovi mercati energetici offrono interessanti opportunità alle aziende nell'ottica di riduzione dei costi e di investimento

Dettagli

CRISI DELLE COSTRUZIONI E MERCATO DEL CALCESTRUZZO PRECONFEZIONATO

CRISI DELLE COSTRUZIONI E MERCATO DEL CALCESTRUZZO PRECONFEZIONATO CRISI DELLE COSTRUZIONI E MERCATO DEL CALCESTRUZZO PRECONFEZIONATO Costruzioni: all illusione del 2011 fa seguito un nuovo calo produttivo nel 2012 Verona 21 giugno 2012 - Dopo tre anni di profondo declino,

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO BRASILIANO

IL QUADRO MACROECONOMICO BRASILIANO IL QUADRO MACROECONOMICO BRASILIANO a cura di Giorgio Trebeschi Il Brasile, una storia di successo!!! Iperinflazione vinta Accelerazione della crescita Riduzione della povertà Migliore distribuzione del

Dettagli

RAPPORTO TRENDER - I SEMESTRE 2008 -

RAPPORTO TRENDER - I SEMESTRE 2008 - RAPPORTO TRENDER - I SEMESTRE 2008 - L analisi congiunturale di TRENDER: indicatori di domanda fatturato totale - totale settori fatturato interno - totale settori 115 105,00 113,74 102,97 115,55 108,51

Dettagli

Capitolo 19. Crescita economica, produttività e tenore di vita. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S.

Capitolo 19. Crescita economica, produttività e tenore di vita. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Capitolo 19 Crescita economica, produttività e tenore di vita Crescita economica prima di tutto Fino a 100 anni fa, la ricchezza delle nazioni (anche di quelle più sviluppate) era assai modesta rispetto

Dettagli

Il mercato degli stipendi dei manager, come è noto,

Il mercato degli stipendi dei manager, come è noto, facciamo i conti La crisi economica ha livellato i progressi precedenti al 2007. Il variabile ha un peso pari al 9,8% per i dirigenti e al 4,5% per i quadri. Questi sono solo alcuni dei dati emersi da

Dettagli

Mercato del lavoro locale in un economia globale

Mercato del lavoro locale in un economia globale Mercato del lavoro locale in un economia globale Rico Maggi Istituto Ricerche Economiche, USI Associazione Società Civile della Svizzera Italiana Quid? Viviamo in un economia globale It is all about: -

Dettagli

Politiche educative e iniziative di elearning in Europa

Politiche educative e iniziative di elearning in Europa 1 Politiche educative e iniziative di elearning in Europa Handimatica, 30 novembre 2006 2 Società della Informazione in Europa 1999 eeurope- An Information Society for all 2000 eeurope Action Plan 2002

Dettagli

L uomo e il mare. Le dinamiche di sviluppo del trasporto marittimo e l evoluzione del lavoro nel comparto Andrea Appetecchia. Roma, 21 Maggio 2014

L uomo e il mare. Le dinamiche di sviluppo del trasporto marittimo e l evoluzione del lavoro nel comparto Andrea Appetecchia. Roma, 21 Maggio 2014 L uomo e il mare Le dinamiche di sviluppo del trasporto marittimo e l evoluzione del lavoro nel comparto Andrea Appetecchia Roma, 21 Maggio 2014 I N D I C E Trasporto marittimo Evoluzione del trasporto

Dettagli

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia Nel corso degli ultimi trent anni il sistema previdenziale italiano è stato interessato da riforme strutturali finalizzate: al progressivo controllo della spesa pubblica per pensioni, che stava assumendo

Dettagli

With your business in the world

With your business in the world With your business in the world Global marketing Accanto alle aziende e agli imprenditori Qualunque sia la loro meta. IC&Partners Portiamo all estero le imprese. IC&Partners è una società di consulenza

Dettagli

Luigi Paganetto SVILUPPO E PARTECIPAZIONE: NUOVE PROSPETTIVE PER LE RELAZIONI INDUSTRIALI. Presidente Fondazione Economia Università di Tor Vergata

Luigi Paganetto SVILUPPO E PARTECIPAZIONE: NUOVE PROSPETTIVE PER LE RELAZIONI INDUSTRIALI. Presidente Fondazione Economia Università di Tor Vergata SVILUPPO E PARTECIPAZIONE: NUOVE PROSPETTIVE PER LE RELAZIONI INDUSTRIALI Presidente Fondazione Economia Università di Tor Vergata Roma, 15 ottobre 2013 LA CRISI DELL ECONOMIA ITALIANA DIPENDE DALLA RECESSIONE

Dettagli

Investimenti e sviluppo delle imprese operanti sui servizi a rete Catia Tomasetti Vice Presidente Utilitalia

Investimenti e sviluppo delle imprese operanti sui servizi a rete Catia Tomasetti Vice Presidente Utilitalia Investimenti e sviluppo delle imprese operanti sui servizi a rete Catia Tomasetti Vice Presidente Utilitalia Milano, 7 ottobre 2015 Investimenti Solidarietà Futuro Efficientamento Aggregazioni Innovazione

Dettagli

ipotesi di piattaforma rinnovo c.c.n.l. legno/arredo - industria

ipotesi di piattaforma rinnovo c.c.n.l. legno/arredo - industria ipotesi di piattaforma rinnovo c.c.n.l. legno/arredo - industria Vigenza contrattuale: 2010 / 2012 FILCA CISL - federazione italiana lavoratori costruzioni e affini 00184 ROMA Via del Viminale, 43 tel.

Dettagli

OPPORTUNITA' INTERNAZIONALI. Massimo Ziletti Direttore 20 Marzo 2012

OPPORTUNITA' INTERNAZIONALI. Massimo Ziletti Direttore 20 Marzo 2012 OPPORTUNITA' INTERNAZIONALI Massimo Ziletti Direttore 20 Marzo 2012 AZIENDA SPECIALE PRO BRIXIA Pro Brixia rappresenta il braccio operativo della Camera di Commercio di Brescia per l Internazionalizzazione

Dettagli