COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI MILANO ALLEGATA AL PROGETTO DI LAVORI DI COSTRUZIONE NUOVA PALESTRA SCOLASTICA POLIVALENTE

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI MILANO ALLEGATA AL PROGETTO DI LAVORI DI COSTRUZIONE NUOVA PALESTRA SCOLASTICA POLIVALENTE"

Transcript

1

2 COMUNE DI SEREGNO PROVINCIA DI MONZA BRIANZA COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI MILANO ALLEGATA AL PROGETTO DI LAVORI DI COSTRUZIONE NUOVA PALESTRA SCOLASTICA POLIVALENTE ATTIVITÀ NORMATA (D.M Norme d scurezza per la costruzone e l eserczo degl mpant sportv) CALCOLO DEL CARICO D INCENDIO E DELLA CLASSE DI RESISTENZA AL FUOCO DELLE STRUTTURE DELLA NUOVA PALESTRA (D.M.I. 09/03/2007) Propretà: Localzzazone: Legale rappresentante: Progettsta: Attvtà svolta: Comune d Seregno Va Umberto I Seregno (MB) Va 8 Marzo Seregno (MB) Ing. Carlo Santambrogo Responsable dell Area Tecnca Ing. Ivan Mattarolo Impant sportv con capenza superore a 100 persone Indvduata al n 83 del D.M. 16 febbrao 1982 (G.U. n 98 del ) e comprendente anche l attvtà n 91 del decreto medesmo. Il legale rappresentante Ing. Carlo Santambrogo Il Tecnco Ing. Ivan Mattarolo

3 Procedura per la determnazone del carco d ncendo Secondo la normatva d rfermento d cu al D.M.I. 9 marzo 2007 attualmente n vgore, l carco d ncendo specfco d progetto è determnato secondo la seguente relazone q f, d = δ δ q1 δ q2 n q f Dove: qf valore nomnale del carco d ncendo determnato con la formula q f n = = 1 g h m Ψ A g massa dell -esmo materale combustble H potere calorfco nferore dell -esmo materale combustble M fattore d partecpazone dell -esmo materale combustble par a o,8 per l legno ed altr materal d natura cellulosca e 1,00 per tutt gl altr materal combustbl F fattore d lmtazone della partecpazone alla combustone del materale -esmo par a 0 per materal contenut n contentor appostamente progettat per resstere al fuoco; 0,85 per materal contenut n contentor non combustbl e non progettat per resstere al fuoco; 1 n tutt gl altr cas A superfce n panta lorda del compartmento δ q1 fattore che tene conto del rscho ncendo n relazone alla superfce A del compartmento con valor defnt dalla tabella n panta del compartmento A (mq) δ q1 < 500 1, < A < , < A < , < A < , < A < ,80 A> ,00 δ q2 fattore che tene conto del rscho ncendo n relazone al tpo d attvtà svolta nel compartmento con valor defnt dalla tabella d rscho I II III Descrzone Aree che presentano un basso rscho d ncendo n termn d probabltà d nnesco, veloctà d propagazone delle famme e possbltà d controllo dell ncendo da parte delle squadre d emergenza Aree che presentano un moderato rscho d ncendo n termn d probabltà d nnesco, veloctà d propagazone delle famme e possbltà d controllo dell ncendo da parte delle squadre d emergenza Aree che presentano un alto rscho d ncendo n termn d probabltà d nnesco, veloctà d propagazone delle famme e possbltà d controllo dell ncendo da parte delle squadre d emergenza δ q2 0,8 1,0 1,2 δ n = δ n? fattore che tene conto delle dverse msure d protezone con valor defnt dalla tabella 2

4 Msure d protezone δ n Sstem automatc d estnzone ad acqua 0,6 Sstem automatc d estnzone d altra natura 0,8 Sstem d evacuazone automatca d fumo e 0,9 calore Sstem automatc d rvelazone segnalazone e 0,85 allarme ncendo Squadra azendale dedcata alla lotta antncendo 0,9 Rete drca antncendo nterna 0,9 Rete drca antncendo nterna ed esterna 0,8 Percors protett d accesso 0,9 Accessbltà a mezz d soccorso VVF 0,9 Procedura per la determnazone della prestazone Le prestazon da rchedere alla costruzone, n funzone degl obettv d scurezza, sono ndvduate ne seguent lvell: Lvello I Lvello II Lvello III Lvello IV Lvello V Nessun requsto specfco d resstenza al fuoco dove le conseguenze della perdta de requst stess sano accettabl o dove l rscho ncendo sa trascurable Mantenmento de requst d resstenza al fuoco per un perodo suffcente all evacuazone degl occupant n luogo scuro all esterno della costruzone Mantenmento de requst d resstenza al fuoco per un perodo congruo con la gestone dell emergenza Requst d resstenza al fuoco tal da garantre, dopo la fne dell ncendo, un lmtato danneggamento della costruzone Requst d resstenza al fuoco tal da garantre, dopo la fne dell ncendo, l mantenmento della totale funzonaltà della costruzone stessa Lvello II d prestazone Il lvello II d prestazone può rteners adeguato per costruzon fno a 2 pan fuor terra ed un pano nterrato, solate, eventualmente adacent ad altre purché strutturalmente e funzonalmente separate, destnate ad unca attvtà non aperta al pubblco e a relatv mpant tecnologc d servzo e depost, ove sano verfcate tutte le seguent condzon: a) le dmenson della costruzone sono tal da garantre l esodo n scurezza degl occupant b) gl eventual croll total o parzal non arrecano dann ad altre costruzon c) gl eventual croll total o parzal della costruzone non compromettono l effcaca degl element d compartmentazone e d mpant d protezone attva che proteggono altre costruzon d) l massmo affollamento complessvo della costruzone non super le 100 persone e la denstà d affollamento meda non sa superore a 0,2 persone/mq rsulta par a crca 10 persone e) la costruzone non è destnata ad attvtà che preveda post letto f) la costruzone non è destnata ad attvtà che preveda la presenza d malat, anzan, bambn o persone con rdotte capactà motore, sensoral o cogntve Le class d resstenza al fuoco per garantre l lvello II d prestazone, ndpendentemente dal carco d ncendo specfco d progetto, sono così defnte: Per costruzon ad un pano fuor terra senza nterrat Per costruzon fno a due pan fuor terra ed un nterrato Sono consentte class nferor a quelle precedentemente ndcate se compatbl con l lvello III d prestazone. 3

5 Lvello III d prestazone Le class d resstenza al fuoco necessare per garantre l lvello III sono n funzone del carco d ncendo specfco d progetto, secondo la seguente tabella: Carch d ncendo specfc d progetto q f,d Non superore a 100 MJ/mq 0 Non superore a 200 MJ/mq 15 Non superore a 300 MJ/mq 20 Non superore a 450 MJ/mq 30 Non superore a 600 MJ/mq 45 Non superore a 900 MJ/mq 60 Non superore a MJ/mq 90 Non superore a MJ/mq 120 Non superore a MJ/mq 180 Superore a MJ/mq 240 4

6 PALESTRA Determnazone del carco d ncendo nomnale senza element struttural lgne Materale Peso o Volume Potere Calorfco Pavmento n legno mq x 0,025 m x 18 MJ/kg x18x0,8(m )= kg/mc = kg Sedute n plastca 400 n. x 3 kg/cad = 46 MJ/kg 1.200x46= kg Attrezz gnnc n legno 10 mc MJ/mc 10x1300x0,8(m )= Qtot = Destnazone de local (m 2 ) Potere Calorfco (MJ/m 2 ) Spoglato (con armad metallc) Qtot = TOTALE Qtot = Determnazone del lvello d prestazone effettva Tenendo conto: - che l complesso s svluppa n parte su due pan fuor terra e che le dmenson della costruzone sono sgnfcatve - che l affollamento complessvo massmo contemporaneo della palestra è d crca 500 untà - che è necessaro mantenere requst d resstenza al fuoco per un perodo congruo con la gestone dell emergenza Può rteners adeguata una prestazone d lvello III Determnazone del carco d ncendo specfco senza element struttural lgne Tenendo conto della superfce del compartmento, della classe d rscho, delle tpologe d protezone antncendo prevste, s determna l carco d ncendo specfco d progetto totale nomnale MJ mq rscho superfce Rscho Rduzone specfco effettvo MJ/mq III 1,4 1,0 0, ,35 Dove l coeffcente globale d rduzone è ottenuto con l applcazone de seguent sngol coeffcent Msure d protezone δ n Rete drca antncendo nterna 0,9 Accessbltà a mezz d soccorso VVF 0,9 Sstem automatc d rvelazone segnalazone e 0,85 allarme ncendo 5

7 Determnazone della classe Con rfermento qund alla tabella d rfermento per l lvello d prestazone III Compartmento Lvello d prestazone Carco d ncendo effettvo Palestra III 218,35 20 In rfermento alla Lett. Crcolare Mn. Interno 28/03/2008 Prot. P414/4122, lo spessore d carbonzzazone degl element lgne corrspondente alla classe determnata prescndendo dalla loro presenza per l legno lamnato con denstà par a 650 kg/mc è par a: S = 7 mm + 0,70 mm/mn x 20 mn = 21,0 mm Tale spessore equvale ad un peso complessvo par a 13,65 kg/mq. Consderamo cautelatvamente un valore par a 14 kg/mq. Sulla base d quanto esposto rcalcolamo defntvamente la classe del compartmento Determnazone del carco d ncendo nomnale comprensvo degl element struttural lgne Materale Peso o Volume Potere Calorfco Pavmento n legno mq x 0,025 m x 18 MJ/kg x18x0,8(m )= kg/mc = kg Sedute n plastca 400 n. x 3 kg/cad = 46 MJ/kg 1.200x46= kg Attrezz gnnc n legno 10 mc MJ/mc 10x1300x0,8(m )= Tetto n legno mqx14 kg/mq = 18 MJ/kg x18= kg Qtot = Destnazone de local (m 2 ) Potere Calorfco (MJ/m 2 ) Spoglato (con armad metallc) Qtot = TOTALE Qtot = Determnazone del carco d ncendo specfco d progetto Tenendo conto della superfce del compartmento, della classe d rscho, delle tpologe d protezone antncendo prevste, s determna l carco d ncendo specfco d progetto totale nomnale MJ mq rscho superfce Rscho Rduzone specfco effettvo MJ/mq III 1,4 1,0 0, ,1 Determnazone della classe Con rfermento qund alla tabella d rfermento per l lvello d prestazone III Compartmento Lvello d prestazone Carco d ncendo effettvo Palestra III 504,1 45 6

8 DEPOSITO SUPERFICIE < 25 MQ Determnazone del carco d ncendo nomnale Materale Volume (m 3 ) Potere Calorfco (MJ/m 3 ) Materassn n gomma 0, Attrezz n legno x0,8(m )=2.080 Attrezz n plastca Qtot = Determnazone del lvello d prestazone effettva Tenendo conto: - che l complesso s svluppa n parte su due pan fuor terra e che le dmenson della costruzone sono sgnfcatve - che l affollamento complessvo massmo contemporaneo della palestra è d crca 500 untà - che è necessaro mantenere requst d resstenza al fuoco per un perodo congruo con la gestone dell emergenza Può rteners adeguata una prestazone d lvello III Determnazone del carco d ncendo specfco d progetto Tenendo conto della superfce del compartmento, della classe d rscho, delle tpologe d protezone antncendo prevste, s determna l carco d ncendo specfco d progetto totale nomnale MJ mq rscho superfce Rscho Rduzone specfco effettvo MJ/mq ,07 III 1,0 1,0 0, ,7 Dove l coeffcente globale d rduzone è ottenuto con l applcazone de seguent sngol coeffcent Msure d protezone δ n Rete drca antncendo nterna 0,9 Accessbltà a mezz d soccorso VVF 0,9 Sstem automatc d rvelazone ncendo 0,85 Determnazone della classe Con rfermento qund alla tabella d rfermento per l lvello d prestazone III Compartmento Lvello d prestazone Carco d ncendo effettvo Deposto n 3 III 422,7 30 7

9 DEPOSITO SUPERFICIE > 25 MQ Determnazone del carco d ncendo nomnale Materale Volume (m 3 ) Potere Calorfco (MJ/m 3 ) Materassn n gomma 3, x5.000= Attrezz n legno x1.300x0,8(m )=5.200 Attrezz n plastca x5.900= Qtot = Determnazone del lvello d prestazone effettva Tenendo conto: - che l complesso s svluppa n parte su due pan fuor terra e che le dmenson della costruzone sono sgnfcatve - che l affollamento complessvo massmo contemporaneo della palestra è d crca 500 untà - che è necessaro mantenere requst d resstenza al fuoco per un perodo congruo con la gestone dell emergenza Può rteners adeguata una prestazone d lvello III Determnazone del carco d ncendo specfco d progetto Tenendo conto della superfce del compartmento, della classe d rscho, delle tpologe d protezone antncendo prevste, s determna l carco d ncendo specfco d progetto totale nomnale MJ mq rscho superfce Rscho Rduzone specfco effettvo MJ/mq ,02 III 1,0 1,0 0, ,1 Dove l coeffcente globale d rduzone è ottenuto con l applcazone de seguent sngol coeffcent Msure d protezone δ n Rete drca antncendo nterna 0,9 Accessbltà a mezz d soccorso VVF 0,9 Sstem automatc d rvelazone ncendo 0,85 Determnazone della classe Con rfermento qund alla tabella d rfermento per l lvello d prestazone III Compartmento Lvello d prestazone Carco d ncendo effettvo Deposto n 1 III 688,1 60(*) (*) Il carco d ncendo effettvo nferore a 50 kg/mq (750 MJ/mq) 8

Inox Mecc S.r.l. via Cortenuova, s.n. Cividate al Piano (BG) Relazione tecnica per: Officina meccanica per lavorazioni a freddo con più di 50 addetti

Inox Mecc S.r.l. via Cortenuova, s.n. Cividate al Piano (BG) Relazione tecnica per: Officina meccanica per lavorazioni a freddo con più di 50 addetti , s.n. Relazone tecnca per: Offcna meccanca per lavorazon a freddo con pù d 50 addett ubcata a n, s.n. Rf. Att. 54.1.B 54.1.B secondo D.P.R. 01.08.2011 n. 151 Char, dcembre 2014 Rf. 14CM062 INDICE Premessa.

Dettagli

IL MINISTRO DELL INTERNO. Decreta:

IL MINISTRO DELL INTERNO. Decreta: Decreto del Mnstero dell nterno 9 marzo 2007 Prestazon d resstenza al fuoco delle costruzon nelle attvtà soggette al controllo del Corpo nazonale de vgl del fuoco. (pubblcato nella Gazzetta Uffcale n.

Dettagli

1. DESCRIZIONE GENERALE

1. DESCRIZIONE GENERALE 1. DESCRIZIONE GENERALE 1.1 Premessa L ntervento oggetto della presente relazone tecnca rguarda l mpanto d rvelazone e segnalazone ncend da realzzare a servzo del locale archvo dell edfco scolastco sto

Dettagli

PROGETTO ANTINCENDI DETERMINAZIONE DI PRESTAZIONE E CLASSIFICAZIONE DI RESISTENZA AL FUOCO DELLE STRUTTURE

PROGETTO ANTINCENDI DETERMINAZIONE DI PRESTAZIONE E CLASSIFICAZIONE DI RESISTENZA AL FUOCO DELLE STRUTTURE Esempio di Calcolo Carico Incendio con il software AntiFuocus di ACCA software PROGETTO ANTINCENDI AL COMANDO PROVINCIALE dei VV.F. di MILANO - Lombardia DETERMINAZIONE DI PRESTAZIONE E CLASSIFICAZIONE

Dettagli

10-7-2009. GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 158. ALLEGATO 1 (Allegato A, paragrafo 2)

10-7-2009. GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 158. ALLEGATO 1 (Allegato A, paragrafo 2) ALLEGATO 1 (Allegato A, paragrafo 2) Indcazon per l calcolo della prestazone energetca d edfc non dotat d mpanto d clmatzzazone nvernale e/o d produzone d acqua calda santara 1. In assenza d mpant termc,

Dettagli

REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA - GIULIA

REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA - GIULIA o l r a l arch. Mara Cecla Ross studo d archtettura va Montello, 64-33040 VISCO (UD) cell.: +39 328 9337450 e-mal studo.mcross@gmal.com maracecla.ross@archworldpec.t P.IVA 02774220301 n rf. nt.: data:

Dettagli

8.2 CORSO DI FORMAZIONE

8.2 CORSO DI FORMAZIONE SRVeSS Sstema d Rfermento Veneto per la Scurezza nelle Scuole La runone perodca 8.2 CORSO DI FORMAZIONE RAPPRESENTANTI DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA EX D.Lgs. 81/08 LA RIUNIONE PERIODICA DI SICUREZZA

Dettagli

CONFORMITA DEL PROGETTO

CONFORMITA DEL PROGETTO AMGA - Azenda Multservz S.p.A. - Udne pag. 1 d 6 INDICE 1. PREMESSA...2 2. CALCOLI IDRAULICI...3 3. CONFORMITA DEL PROGETTO...6 R_Idr_Industre_1 Str.doc AMGA - Azenda Multservz S.p.A. - Udne pag. 2 d 6

Dettagli

RESISTENZA AL FUOCO PANNELLO IN LECAMIX (REI 120 spessore 8 cm)

RESISTENZA AL FUOCO PANNELLO IN LECAMIX (REI 120 spessore 8 cm) SpA con sede Legale e Ammnstratva Solgnano (PR) - 43045 Rubbano d Fornovo va Vttoro Veneto, 30 Tel. 0525 4198 - Fax 0525 419988 Part. VA e Cod. Fsc. 02193140346 Captale Socale euro 25.000.000,00 nt.vers.

Dettagli

McGraw-Hill. Tutti i diritti riservati. Caso 11

McGraw-Hill. Tutti i diritti riservati. Caso 11 Caso Copyrght 2005 The Companes srl Stma d un area fabbrcable n zona ndustrale nella cttà d Ferrara. La stma è effettuata con crter della comparazone e quello del valore d trasformazone. Indce Confermento

Dettagli

La contabilità analitica nelle aziende agrarie

La contabilità analitica nelle aziende agrarie 2 La contabltà analtca nelle azende agrare Estmo rurale ed element d contabltà (analtca) S. Menghn Corso d Laurea n Scenze e tecnologe agrare Percorso Economa ed Estmo Contabltà generale e cont. ndustrale

Dettagli

COMUNE DI SESTU. Vigilanza SETTORE : Deiana Pierluigi. Responsabile: DETERMINAZIONE N. 04/12/2015. in data

COMUNE DI SESTU. Vigilanza SETTORE : Deiana Pierluigi. Responsabile: DETERMINAZIONE N. 04/12/2015. in data COMUNE D SESTU SETTORE : Responsable: Vglanza Deana Perlug DETERMNAZONE N. n data 1926 04/12/2015 OGGETTO: Affdamento dretto alla dtta Racca Umberto & C. s.n.c. per la forntura d 6 chav elettronche per

Dettagli

INTRODUZIONE 3 CARATTERIZZAZIONE DELLO STATO ATTUALE 3 TRAFFICO 3 FATTORI DI DIMENSIONAMENTO DEGLI INTERVENTI MANUTENTIVI 4

INTRODUZIONE 3 CARATTERIZZAZIONE DELLO STATO ATTUALE 3 TRAFFICO 3 FATTORI DI DIMENSIONAMENTO DEGLI INTERVENTI MANUTENTIVI 4 INTRODUZIONE 3 CARATTERIZZAZIONE DELLO STATO ATTUALE 3 TRAFFICO 3 FATTORI DI DIMENSIONAMENTO DEGLI INTERVENTI MANUTENTIVI 4 TRAFFICO DI PROGETTO 4 LE CONDIZIONI CLIMATICHE 4 IL SOTTOFONDO 4 PREDIMENSIONAMENTO

Dettagli

Potenzialità degli impianti

Potenzialità degli impianti Unverstà degl Stud d Treste a.a. 2009-2010 Impant ndustral Potenzaltà degl mpant Impant ndustral Potenzaltà degl mpant 1 Unverstà degl Stud d Treste a.a. 2009-2010 Impant ndustral Defnzone della potenzaltà

Dettagli

TITOLO: L INCERTEZZA DI TARATURA DELLE MACCHINE PROVA MATERIALI (MPM)

TITOLO: L INCERTEZZA DI TARATURA DELLE MACCHINE PROVA MATERIALI (MPM) Identfcazone: SIT/Tec-012/05 Revsone: 0 Data 2005-06-06 Pagna 1 d 7 Annotazon: Il presente documento fornsce comment e lnee guda sull applcazone della ISO 7500-1 COPIA CONTROLLATA N CONSEGNATA A: COPIA

Dettagli

Esempi di documentazione tecnica completa sottoposta ad accertamento documentale con esito positivo

Esempi di documentazione tecnica completa sottoposta ad accertamento documentale con esito positivo Appendce B (nformatva) Esemp d documentazone tecnca completa sottoposta ad accertamento documentale con esto postvo B.1 Generaltà La presente appendce fornsce alcun esemp d documentazone tecnca, relatv

Dettagli

DESTINAZIONE ORIGINE A B C A B C Esercizio intersezioni a raso - pag. 1

DESTINAZIONE ORIGINE A B C A B C Esercizio intersezioni a raso - pag. 1 ESERCIZIO Argomento: Intersezon a raso Data l ntersezone a raso a tre bracc rappresentata n fgura s vuole procedere al dmensonamento de suo element. I dat nzal necessar per la progettazone sono d seguto

Dettagli

RELAZIONE CALCOLO CARICO INCENDIO

RELAZIONE CALCOLO CARICO INCENDIO Firmato digitalmente da Paolo Giordano CN = Giordano Paolo O = non presente T = Ingegnere e-mail = paolo.giordano11@tin.it C = IT RELAZIONE CALCOLO CARICO INCENDIO VERIFICA TABELLARE RESISTENZA AL FUOCO

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS Delberazone 20 ottobre 2004 Approvazone delle condzon general d accesso e d erogazone del servzo d rgassfcazone d gnl predsposte dalla socetà Gnl Itala Spa (delberazone n. 184/04) L AUTORITÀ PER L ENERGIA

Dettagli

3. Esercitazioni di Teoria delle code

3. Esercitazioni di Teoria delle code 3. Eserctazon d Teora delle code Poltecnco d Torno Pagna d 33 Prevsone degl effett d una decsone S ndvduano due tpologe d problem: statc: l problema non vara nel breve perodo dnamc: l problema vara Come

Dettagli

Da compilare a cura del gestore

Da compilare a cura del gestore 1 DOCUMENTO SULLA POLITICA DI PREVENZIONE, STRUTTURA DEL SGS E SUA INTEGRAZIONE CON LA GESTIONE AZIENDALE Defnzone e dffusone del documento d Poltca d prevenzone degl ncdent rlevant Esstenza del Documento

Dettagli

Modello del Gruppo d Acquisto

Modello del Gruppo d Acquisto InVMall - Intellgent Vrtual Mall Modello del Gruppo d Acqusto Survey L attvtà svolta per la realzzazone dell attvtà B7 Defnzone del Gruppo d Acqusto e de Relatv Algortm d Inferenza, prevsta dal captolato

Dettagli

Inventario Immobili - Patrimonio Indisponibile - Modello B PALAZZO MUNICIPALE

Inventario Immobili - Patrimonio Indisponibile - Modello B PALAZZO MUNICIPALE nventario mmobili - Patrimonio ndisponibile - Modello B PALAZZO MUNCPALE Ubicazione: VA PROVNCALE TRUVULZA - FRAZ.ERA Descrizione Sommaria dell'mmobile: FABBRCATO N MURATURA ELEVATO SU 4 PAN FUOR TERRA

Dettagli

ISTRUZIONE OPERATIVA:

ISTRUZIONE OPERATIVA: Pagna 1 d 5 legant da Acca da INDICE: 1) Scopo 2) Campo d applcazone 3) Norma d rfermento 4) Defnzon e smbol 5) Responsabltà 6) Apparecchature 7) Modaltà esecutve 8) Esposzone de rsultat calcestruzz aggregat

Dettagli

SCHEDA TECNICA PER LA VALUTAZIONE DELL'OFFERTA ECONOMICAMENTE PIÙ VANTAGGIOSA

SCHEDA TECNICA PER LA VALUTAZIONE DELL'OFFERTA ECONOMICAMENTE PIÙ VANTAGGIOSA ALLEGATO D - ECONOMICAMENTE PIÙ VANTAGGIOSA 1 d 13 ALLEGATO D DELL'OFFERTA ECONOMICAMENTE PIÙ VANTAGGIOSA ALLEGATO D - ECONOMICAMENTE PIÙ VANTAGGIOSA 2 d 13 PUNTEGGI MACROFAMIGLIE Parametr d rfermento

Dettagli

PROGETTO ANTINCENDI DETERMINAZIONE DI PRESTAZIONE E CLASSIFICAZIONE DI RESISTENZA AL FUOCO DELLE STRUTTURE

PROGETTO ANTINCENDI DETERMINAZIONE DI PRESTAZIONE E CLASSIFICAZIONE DI RESISTENZA AL FUOCO DELLE STRUTTURE PROGETTO ANTINCENDI AL COMANDO PROVINCIALE dei VV.F. di RM - LAZIO DETERMINAZIONE DI PRESTAZIONE E CLASSIFICAZIONE DI RESISTENZA AL FUOCO DELLE STRUTTURE (D.M. 09 marzo 2007 e D.M. 16 febbraio 2007) OGGETTO:

Dettagli

impianti di prima pioggia

impianti di prima pioggia SHUNT ITALIANA TECHNOLOGY S.r.l. dvsone depurazone acque mpant d prma pogga un futuro per l acqua... 0867 CAPONAGO (MB) - Va G. Galle, - Tel. 0.95.96.6 - Fax 0.95.74..54 - dvacque@shunt.t - www.shunt.t

Dettagli

Dove RF è la rendita catastale del fabbricato e f (RF ) la funzione che associa l indice economico del fabbricato alla rendita catastale.

Dove RF è la rendita catastale del fabbricato e f (RF ) la funzione che associa l indice economico del fabbricato alla rendita catastale. 4.4.2. Indc economc L ndce d natura economca, n base a quanto prevsto dalla lettera b), del comma 2 dell artcolo 36 della legge regonale deve essere rferto a reddt catastal rvalutat. S ha pertanto che:

Dettagli

Università degli Studi di Bologna Facoltà di Ingegneria

Università degli Studi di Bologna Facoltà di Ingegneria Unverstà degl Stud d Bologna Facoltà d Ingegnera Dpartmento d Ingegnera Energetca, Nucleare e del Controllo Ambentale () RELAZIONE TECNICA Valutazone teorca delle prestazon termogrometrche d pannell prefabbrcat

Dettagli

Edifici a basso consumo energetico: tra ZEB e NZEB

Edifici a basso consumo energetico: tra ZEB e NZEB Edfc a basso consumo energetco: tra ZEB e NZEB Prof. Ing. Percarlo Romagnon Dpartmento d Progettazone e Panfcazone n Ambent Compless Unverstà IUAV d Veneza Dorsoduro 2206 30123 Veneza perca@uav.t Modell

Dettagli

Valutazione dei Benefici interni

Valutazione dei Benefici interni Corso d Trasport Terrtoro prof. ng. Agostno Nuzzolo Valutazone de Benefc ntern Valutazone degl ntervent Indvduazone degl effett rlevant La defnzone degl effett rlevant per un ntervento sul sstema d trasporto

Dettagli

EUROCOMPANY S.R.L. Jdr001. Relazione antincendio COMMITTENTE. Via Faentina, 280 Godo Russi (RA) Italy. Tel Fax

EUROCOMPANY S.R.L. Jdr001. Relazione antincendio COMMITTENTE. Via Faentina, 280 Godo Russi (RA) Italy. Tel Fax COMMITTENTE EUROCOMPANY S.R.L. Via Faentina, 280 Godo - 48026 Russi (RA) Italy Tel 0544416711 Fax 0544414230 Italo Zani ANTONIO RAVALLI ARCHITETTI FERRARA _ 44124 PROGETTO ARCHITETTONICO Antonio Ravalli

Dettagli

LA COMPATIBILITA tra due misure:

LA COMPATIBILITA tra due misure: LA COMPATIBILITA tra due msure: 0.4 Due msure, supposte affette da error casual, s dcono tra loro compatbl quando la loro dfferenza può essere rcondotta ad una pura fluttuazone statstca attorno al valore

Dettagli

Promat. Promat. Soluzioni certificate per protezione passiva all incendio

Promat. Promat. Soluzioni certificate per protezione passiva all incendio Soluzon certfcate per protezone passva all ncendo Promat S.p.A. è una socetà dell ETEX Group specalzzata nella progettazone e vendta d materal e sstem per la protezone passva all ncendo. Promat S.p.A.

Dettagli

Ricerca Operativa e Logistica Dott. F.Carrabs e Dott.ssa M.Gentili. Modelli per la Logistica: Single Flow One Level Model Multi Flow Two Level Model

Ricerca Operativa e Logistica Dott. F.Carrabs e Dott.ssa M.Gentili. Modelli per la Logistica: Single Flow One Level Model Multi Flow Two Level Model Rcerca Operatva e Logstca Dott. F.Carrabs e Dott.ssa M.Gentl Modell per la Logstca: Sngle Flow One Level Model Mult Flow Two Level Model Modell d localzzazone nel dscreto Modell a Prodotto Sngolo e a Un

Dettagli

SCHEDA CRITERIO D.4.1 ILLUMINAZIONE NATURALE % PUNTI NEGATIVO < SUFFICIENTE BUONO OTTIMO 125 5

SCHEDA CRITERIO D.4.1 ILLUMINAZIONE NATURALE % PUNTI NEGATIVO < SUFFICIENTE BUONO OTTIMO 125 5 SCHEDA CRITERIO ILLUMINAZIONE NATURALE Edfc per uffc Edfc scolastc Edfc ndustral Edfc commercal Edfc rcettv AREA DI VALUTAZIONE CATEGORIA D. Qualtà ambentale ndoor D.4 ESIGENZA Asscurare adeguat lvell

Dettagli

Calcolo on-line compenso professionale Architetti e Ingegneri

Calcolo on-line compenso professionale Architetti e Ingegneri Calcolo on-lne compenso professonale Archtett e Ingegner (D.M. 17 gugno 2016, D.Lgs 50/2016 ex D.M. 143 del 31 ottobre 2013) 2963000 Edlza Parametro sul valore dell'opera (P) 0.03 + 10 / V = 5.578145%

Dettagli

ISTRUZIONE OPERATIVA:

ISTRUZIONE OPERATIVA: Pagna 1 d 7 SETTORE LI CA calcestruzz AG aggregat LM LS AC AP da c. a. p. AL Acca da lamnat e INDICE: 1) Scopo 2) Campo d applcazone 3) Norma d rfermento 4) Defnzon e smbol 5) Responsabltà 6) Apparecchature

Dettagli

Esempio di calcolo 2 Verifiche alle azioni sismiche

Esempio di calcolo 2 Verifiche alle azioni sismiche Collego de Geometr e de Geometr Laureat Reggo Emla 26 novembre 2010 Esempo d calcolo 2 Verfche alle azon ssmche Dott. Ing. Ncola GAMBETTI, Lbero Professonsta S consdera un edfco costtuto da tre pan fuor

Dettagli

Inventario Immobili - Patrimonio Indisponibile - Modello B SCUOLA MEDIA

Inventario Immobili - Patrimonio Indisponibile - Modello B SCUOLA MEDIA SCUOLA MEDA Ubicazione: PAZZALE MARTAN, 2 Descrizione Sommaria dell'mmobile: FABBRCATO N MURATURA ELEVATO SU 2 PAN FUOR TERRA COMPOSTO AL PANO TERRA DA AULE DDATTCHE, LABORATOR, UFFC, PALESTRA CON RELATV

Dettagli

IMPIANTI DI DISTRIBUZIONE

IMPIANTI DI DISTRIBUZIONE IMPIANTI DI DISTRIBUZIONE Schem caratterstc (serbato e rete d dstrbuzone) Con serbatoo d testata Con torrno pezometrco e serbatoo d estremtà Rete d tpo aperto Rete d tpo chuso Rete d tpo msto (ad albero)

Dettagli

PUNTELLATURA DI CONTRASTO IN LEGNO

PUNTELLATURA DI CONTRASTO IN LEGNO Mnstero dell Interno Corpo Nazonale de Vgl del Fuoco Nucleo coordnamento opere provvsonal Scede Tecnce Opere Provvsonal per la messa n scurezza post-ssma da parte de Vgl del Fuoco VADEMECUM STOP PUNTEATURA

Dettagli

Vi-R. (120 p.l.) EO.R2.16TD8 - Pag. 1/17. Città metropolitana di Genova. Agosto 2017

Vi-R. (120 p.l.) EO.R2.16TD8 - Pag. 1/17. Città metropolitana di Genova. Agosto 2017 Cttà metropoltana d Genova (120 p.l.) V-R Agosto 2017 Le verfche sono state effettuate con software SlopeCAD 3.31 n. sere SP-1315712 lcenzato a Ing. P. Canepa EO.R2.16TD8 - Pag. 1/17 Sommaro 1 ANALISI

Dettagli

RELAZIONE SUI CALCOLI IDRAULICI

RELAZIONE SUI CALCOLI IDRAULICI LAVORI DI REGIMENTAZIONE IDRAULICA E CONSOLIDAMENTO DELLE SCARPATE C/DE GALATESE E PETROSINO POR FESR 2007-2013 ATTUAZIONE DELLE LINEE DI INTERVENTO 3.2.1.1 3.2.1.2 ---------------------------------- RELAZIONE

Dettagli

I VANTAGGI DELL ADOZIONE DEL SGSL

I VANTAGGI DELL ADOZIONE DEL SGSL 5 Febbrao 2009 Scurezza e Salute sul Lavoro nel mondo delle costruzon. Le responsabltà dervant dal nuovo Testo Unco e vantagg d un sstema d gestone certfcato secondo la norma OHSAS 18001:2007 I VANTAGGI

Dettagli

UNIVERSITÀ. DEGLI STUDI DI TORINO r

UNIVERSITÀ. DEGLI STUDI DI TORINO r UNVERSTÀ DEGL STUD D TORNO r DREZONE TECNCA Servzo ntervent Edlz Settore mpant Elettrc e Spec~l X2 DECRETO DRGENZALE n 6'1'\-6 del 2 6 MOV 2013 OGGETTO: Accordo Quadro per l'esecuzone de lavor d manutenzone

Dettagli

Materials Handling and Logistics Technology. Linea guida. Settembre 2010

Materials Handling and Logistics Technology. Linea guida. Settembre 2010 Materals Handlng and Logstcs Technology Lnea guda Settembre 2010 2 PAVIMENTI PER L USO DI CARRELLI PER VNA 1 Scopo 3 2 Rferment 3 3 Defnzon 4 4 Requst 5 4.1 Pavment 5 4.1.1 Generaltà 5 4.1.2 Deflessone

Dettagli

Verifica termoigrometrica delle pareti

Verifica termoigrometrica delle pareti Unverstà Medterranea d Reggo Calabra Facoltà d Archtettura Corso d Tecnca del Controllo Ambentale A.A. 2009-200 Verfca termogrometrca delle paret Prof. Marna Mstretta ANALISI IGROTERMICA DEGLI ELEMENTI

Dettagli

Imposte sulle vendite

Imposte sulle vendite Imposte sulle vendte e IVA Imposte sulle vendte Le mposte general sulle vendte (IGV) tassano la totaltà delle vendte d ben e servz e sono mposte ad valorem. Esse s artcolano secondo due modaltà: 1) Rfermento

Dettagli

IL RUMORE NEGLI AMPLIFICATORI

IL RUMORE NEGLI AMPLIFICATORI IL RUMORE EGLI AMPLIICATORI Defnzon S defnsce rumore elettrco (electrcal nose) l'effetto delle fluttuazon d corrente e/o d tensone sempre present a termnal degl element crcutal e de dspostv elettronc.

Dettagli

POR FESR Sardegna 2007-2013 Asse VI Competitività BANDO PUBBLICO. Voucher Startup Incentivi per la competitività delle Startup innovative

POR FESR Sardegna 2007-2013 Asse VI Competitività BANDO PUBBLICO. Voucher Startup Incentivi per la competitività delle Startup innovative POR FESR Sardegna 2007-2013 Asse VI Compettvtà BANDO PUBBLICO Voucher Startup Incentv per la compettvtà delle Startup nnovatve ALLEGATO 3 PIANO DI UTILIZZO DEL VOUCHER STARTUP INNOVATIVE 2014 3. Pano d

Dettagli

Scelta dell Ubicazione. di un Impianto Industriale. Corso di Progettazione Impianti Industriali Prof. Sergio Cavalieri

Scelta dell Ubicazione. di un Impianto Industriale. Corso di Progettazione Impianti Industriali Prof. Sergio Cavalieri Scelta dell Ubcazone d un Impanto Industrale Corso d Progettazone Impant Industral Prof. Sergo Cavaler I fattor ubcazonal Cost d Caratterstche del Mercato Costruzone Energe Manodopera Trasport Matere Prme

Dettagli

CIRCOLARE N. 9. CIRCOLARI DELL ENTE MODIFICATE/SOSTITUITE: nessuna. Firmato: ing. Carlo Cannafoglia

CIRCOLARE N. 9. CIRCOLARI DELL ENTE MODIFICATE/SOSTITUITE: nessuna. Firmato: ing. Carlo Cannafoglia PROT. N 53897 ENTE EMITTENTE: OGGETTO: DESTINATARI: DATA DECORRENZA: CIRCOLARE N. 9 DC Cartografa, Catasto e Pubblctà Immoblare, d ntesa con l Uffco del Consglere Scentfco e la DC Osservatoro del Mercato

Dettagli

IV Forum di informazione pubblica

IV Forum di informazione pubblica IV Forum d nformazone pubblca L ATTUAZIONE DELLA DIRETTIVA 2007/60 RELATIVA ALLA VALUTAZIONE E ALLA GESTIONE DEI RISCHI ALLUVIONALI NEL DISTRETTO DEL FIUME PO Parma 14 novembre 2014 va Garbald, 75-43100

Dettagli

FASCICOLO degli ALLEGATI. fascicolo degli allegati. Sala polifunzionale Il Portico Prog. VVF.149v1. Committente:

FASCICOLO degli ALLEGATI. fascicolo degli allegati. Sala polifunzionale Il Portico Prog. VVF.149v1. Committente: STUDIO TERMOTECNICO TASCHETTI PROGETTISTI ASSOCIATI Sala polifunzionale Il Portico Prog. VVF.149v1 Committente: Ubicazione intervento: Progettista: Parrocchia SS. Martiri Gervaso e Protaso P. zza Nazionale,

Dettagli

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare MANUALE OPERATIVO PER IL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DEL PERSONALE

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare MANUALE OPERATIVO PER IL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DEL PERSONALE Mnstero dell Ambente e della Tutela del Terrtoro e del Mare MANUALE OPERATIVO PER IL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DEL PERSONALE INDICE 1. INTRODUZIONE 1.1. I RIFERIMENTI NORMATIVI 1.2. GLI OBIETTIVI

Dettagli

Circolare del 01/08/2005 n. 9 - Agenzia del Territorio - Direzione Centrale Cartografia,

Circolare del 01/08/2005 n. 9 - Agenzia del Territorio - Direzione Centrale Cartografia, Crcolare del 01/08/2005 n. 9 - Agenza del Terrtoro - Drezone Centrale Cartografa, Catasto e Pubblcta Immoblare Attuazone provvedmento d cu all'artcolo 1, comma 335, della legge 30 dcembre 2004, n. 311.

Dettagli

DETERMINAZIONE DI PRESTAZIONE E CLASSIFICAZIONE DI RESISTENZA AL FUOCO DELLE STRUTTURE (D.M. 03 agosto 2015)

DETERMINAZIONE DI PRESTAZIONE E CLASSIFICAZIONE DI RESISTENZA AL FUOCO DELLE STRUTTURE (D.M. 03 agosto 2015) RESISTENZA AL FUOCO DELLE STRUTTURE DETERMINAZIONE DI PRESTAZIONE E CLASSIFICAZIONE DI RESISTENZA AL FUOCO DELLE STRUTTURE (D.M. 03 agosto 2015) OGGETTO: Scuole di ogni ordine, grado e tipo, collegi, accademie

Dettagli

INGEGNERIA E TECNOLOGIE DEI SISTEMI DI CONTROLLO LA A.A Esame Scritto del 10/12/2004 Soluzione (sommaria) degli esercizi

INGEGNERIA E TECNOLOGIE DEI SISTEMI DI CONTROLLO LA A.A Esame Scritto del 10/12/2004 Soluzione (sommaria) degli esercizi INGEGNERIA E TECNOLOGIE DEI SISTEMI DI CONTROLLO LA A.A. 2004-05 Esame Scrtto del 10/12/2004 Soluzone (sommara) degl esercz Eserczo 1: S vuole acqusre e convertre n dgtale la msura d deformazone d una

Dettagli

ISTRUZIONE OPERATIVA:

ISTRUZIONE OPERATIVA: Pagna 1 d 7 da Acca da INDICE: 1) Scopo 2) Campo d applcazone 3) Norma d rfermento 4) Defnzon e smbol 5) Responsabltà 6) Apparecchature 7) odaltà esecutve 8) Esposzone de rsultat 1. Scopo Lo scopo della

Dettagli

ESERCIZIO N. 1. b) rendimenti reali dell azienda Gesis e del portafoglio di mercato:

ESERCIZIO N. 1. b) rendimenti reali dell azienda Gesis e del portafoglio di mercato: ESERCIZIO N. 1 Il canddato proceda a calcolare l tasso d congrua remunerazone reale dell azenda Gess al 31.12.2003 applcando l CAPM e l WACC della stessa azenda; dat d cu s dspone sono seguent: a) rendmento

Dettagli

PROVINCIA REGIONALE DI MESSINA

PROVINCIA REGIONALE DI MESSINA PROVNCA REGONALE D MESSNA Regolamento per l'erogazone delle rsorse fnanzare agl sttut scolastc Artcolo 1 - Prncp, defnzon e norme general 1. l presente regolamento da attuazone all'art.3 della Legge 11

Dettagli

STRATIGRAFIE PARTIZIONI VERTICALI

STRATIGRAFIE PARTIZIONI VERTICALI STRATIGRAFI PARTIZIONI VRTICALI 6. L solamento acustco: tecnche, calcol 2 Trasmssone rumor In edlza s possono dstnguere dfferent tp d rumor: rumor aere (vocare de vcn da altre untà abtatve, rumor provenent

Dettagli

CASELLI AUTOSTRADALI INTERSEZIONI STRADALI ... per n m. P t P t, P t. P t. m Q. P t. P t CARATTERISTIC HE FUNZIONALI E GEOMETRICHE

CASELLI AUTOSTRADALI INTERSEZIONI STRADALI ... per n m. P t P t, P t. P t. m Q. P t. P t CARATTERISTIC HE FUNZIONALI E GEOMETRICHE Unerstà degl Stud d Roma Tor Vergata INTERSEZIONI STRADALI CASELLI AUTOSTRADALI Argomento: Dmenson casell autostradal La portata n arrvo è par a Q=900 [vec/h]= 0.5 [vec/sec] Tempo medo d servzo E[t]= 0

Dettagli

12 Fabbisogno di energia per il trasporto di persone e/o cose

12 Fabbisogno di energia per il trasporto di persone e/o cose Bollettno Uffcale 651 1 Fabbsognodenergaperltrasportodpersonee/ocose La presente specfca tecnca fornsce dat e metod per la determnazone del fabbsogno d energa elettrca per l funzonamento d mpant destnat

Dettagli

PROCEDURA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE

PROCEDURA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE PROCEDURA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE POTENZIAMENTO DELL IMPIANTO DI RECUPERO INERTI NON PERICOLOSI PROVENIENTI DA COSTRUZIONI E DEMOLIZIONI IN LOCALITA VAL DI MERSE D C B A EMISSIONE ITALCAVE s.r.l.

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO Opere provvisionali della chiesa di Santa Maria Ad Nives nella frazione di Motta del Comune di Cavezzo (Mo)

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO Opere provvisionali della chiesa di Santa Maria Ad Nives nella frazione di Motta del Comune di Cavezzo (Mo) A COMPUTO METRICO ESTIMATIVO Opere provvsonal della chesa d Santa Mara Ad Nves nella frazone d Motta del Comune d Cavezzo (Mo) PRIMA FASE. La prma fase d messa n scurezza rguarda materal dsgregat, le rmozone

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CASSINO FACOLTA DI INGEGNERIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CASSINO FACOLTA DI INGEGNERIA UNIVERSITA DEGI STUDI DI CASSINO FACOTA DI INGEGNERIA ANTONIO RUSSO, ANGEO EOPARDI ANAISI DE ERRORE CONNESSO A APPROSSIMAZIONE DEE UNGHEZZE E DEE CEERITA NE METODO DI INTEGRAZIONE DEE CARATTERISTICHE (MOC)

Dettagli

Relazione di calcolo del locale tecnologico. Parco Area delle Scienze PARMA - Tel. 0521/906218/19/20. Pag. 1

Relazione di calcolo del locale tecnologico. Parco Area delle Scienze PARMA - Tel. 0521/906218/19/20. Pag. 1 Relazone d calcolo del locale tecnologco U.O. SVILUPPO EDILIZIO Parco Area delle Scenze - 43100 PARMA - Tel. 0521/906218/19/20 Pag. 1 Relazone d calcolo del locale tecnologco INDICE Premessa...3 1.2 Normatve

Dettagli

EH SmartView. Una SmartView sui rischi e sulle opportunità. Servizio di monitoraggio dell assicurazione del credito. www.eulerhermes.

EH SmartView. Una SmartView sui rischi e sulle opportunità. Servizio di monitoraggio dell assicurazione del credito. www.eulerhermes. EH SmartVew Servz Onlne d Euler Hermes Una SmartVew su rsch e sulle opportuntà Servzo d montoraggo dell asscurazone del credto www.eulerhermes.t Cos è EH SmartVew? EH SmartVew è l servzo d Euler Hermes

Dettagli

Servizi Urbanistica. > Pianificazione Generale Piano Regolatore Generale, Strutturale e Operativo Programma di Fabbricazione Regolamento Edilizio

Servizi Urbanistica. > Pianificazione Generale Piano Regolatore Generale, Strutturale e Operativo Programma di Fabbricazione Regolamento Edilizio 2 Servz Urbanstca > Panfcazone Generale Pano Regolatore Generale, Strutturale e Operatvo Programma d Fabbrcazone Regolamento Edlzo > Panfcazone Settorale Pano Paesaggstco Pano Infrastrutturale Pano del

Dettagli

Ministero della Salute D.G. della programmazione sanitaria --- GLI ACC - L ANALISI DELLA VARIABILITÀ METODOLOGIA

Ministero della Salute D.G. della programmazione sanitaria --- GLI ACC - L ANALISI DELLA VARIABILITÀ METODOLOGIA Mnstero della Salute D.G. della programmazone santara --- GLI ACC - L ANALISI DELLA VARIABILITÀ METODOLOGIA La valutazone del coeffcente d varabltà dell mpatto economco consente d ndvduare gl ACC e DRG

Dettagli

Soluzioni per lo scarico dati da tachigrafo innovativi e facili da usare. http://dtco.it

Soluzioni per lo scarico dati da tachigrafo innovativi e facili da usare. http://dtco.it Soluzon per lo scarco dat da tachgrafo nnovatv e facl da usare http://dtco.t Downloadkey II Moble Card Reader Card Reader Downloadtermnal DLD Short Range and DLD Wde Range Qual soluzon ho a dsposzone per

Dettagli

IL RUMORE NEGLI AMPLIFICATORI

IL RUMORE NEGLI AMPLIFICATORI G. Martnes 1 G. Martnes G. Martnes 3 IL RUMORE EGLI AMPLIFICATORI Defnzon S defnsce rumore elettrco (electrcal nose) l'effetto delle fluttuazon d corrente e/o d tensone sempre present a termnal degl element

Dettagli

LA CAPACITÀ ELETTRICA DEI CORPI

LA CAPACITÀ ELETTRICA DEI CORPI Pagna 1 d 6 LA CAPACIÀ ELERICA DEI CORPI La capactà elettrca de corp rappresenta l atttudne de corp ad osptare sulla loro superfce una certa quanttà d carca elettrca. L U.I. d msura è l FARAD segue pertanto

Dettagli

REGOLAMENTO URBANISTICO

REGOLAMENTO URBANISTICO Var ant egener al ealregol ament our ban st co2014 El abor at car t ogr af c Magg o2015 Sc hedenor maperl adef n z onedegl as s et t ur ban s t c oed l z del l e ar eed t r as f or maz onemagg or ment

Dettagli

Codice di Stoccaggio Capitolo 7 Bilanciamento e reintegrazione dello stoccaggio

Codice di Stoccaggio Capitolo 7 Bilanciamento e reintegrazione dello stoccaggio Codce d Stoccaggo Captolo 7 Blancamento e rentegrazone dello stoccaggo 7.4 Corrspettv per servz d stoccaggo L UTENTE è tenuto a corrspondere a STOGIT, per la prestazone de servz, gl mport dervant dall

Dettagli

COMUNE DI CASSANO DELLE MURGE Provincia di Bari

COMUNE DI CASSANO DELLE MURGE Provincia di Bari Allegato alla D.D. Area 3 - Terrtoro n 17 del 20.04.2009 COMUNE DI CASSANO DELLE MURGE Provnca d Bar DISCIPLINARE BANDO PUBBLICO PER L INCENTIVAZIONE DI INTERVENTI DI RECUPERO DELLE FACCIATE DI IMMOBILI

Dettagli

Cassa Automatica PLUS 1000 Il cassetto automatico per pagamenti e gestione dei resti

Cassa Automatica PLUS 1000 Il cassetto automatico per pagamenti e gestione dei resti Cassa Automatca PLUS 1000 Il cassetto automatco per pagament e gestone de rest @PlurservceSPA Cassa Automatca PLUS 1000 Il cassetto automatco Plus 1000 è una macchna nnovatva pensata per accettare pagament

Dettagli

Forze di massa gravitazionali inerziali elettromagnetiche. attraverso una superficie. sollecitazioni

Forze di massa gravitazionali inerziali elettromagnetiche. attraverso una superficie. sollecitazioni Unverstà d Roma La Sapenza Tecnologa de Process Produttv Resstenza de materal Forze d massa gravtazonal nerzal elettromagnetche d contatto fra sold fra sold e lqud fra sold e gas attraverso una superfce

Dettagli

PROBLEMA DI SCELTA FRA DUE REGIMI DI

PROBLEMA DI SCELTA FRA DUE REGIMI DI PROBLEMA DI SCELTA FRA DUE REGIMI DI CAPITALIZZAZIONE Prerequst: legge d captalzzazone semplce legge d captalzzazone composta logartm e loro propretà dervate d una funzone pendenza d una curva n un punto

Dettagli

Progetto di travi in c.a.p isostatiche Il tracciato del cavi e il cavo risultante

Progetto di travi in c.a.p isostatiche Il tracciato del cavi e il cavo risultante Unverstà degl Stud d Roma Tre - Facoltà d Ingegnera Laurea magstrale n Ingegnera Cvle n Protezone Corso d Cemento Armato Precompresso A/A 2015-16 Progetto d trav n c.a.p sostatche Il traccato del cav e

Dettagli

Indicatori di dimensione e di concentrazione

Indicatori di dimensione e di concentrazione Indcator d dmensone e d concentrazone 1 Indcator d dmensone Lo studo delle caratterstche struttural ed evolutve d un sstema produttvo necessta dell mpego d ndcator per msurare la dmensone delle untà economche

Dettagli

Memorie Caratteristiche principali

Memorie Caratteristiche principali v e l o c t à a m p e z z a c o s t o Memore Caratterstche prncpal Locazone: processore, nterna (prncpale), esterna (secondara) Capactà: dmensone parola, numero d parole Untà d trasfermento: parola, blocco

Dettagli

Allegato A. Modello per la stima della produzione di una discarica gestita a bioreattore

Allegato A. Modello per la stima della produzione di una discarica gestita a bioreattore Modello per la stma della produzone d una dscarca gestta a boreattore 1 Produzone d Bogas Nella letteratura tecnca sono stat propost dvers modell per stmare la produzone d bogas sulla base della qualtà

Dettagli

4.6 Dualità in Programmazione Lineare

4.6 Dualità in Programmazione Lineare 4.6 Dualtà n Programmazone Lneare Ad ogn PL n forma d mn (max) s assoca un PL n forma d max (mn) Spaz e funzon obettvo dvers ma n genere stesso valore ottmo! Esempo: l valore massmo d un flusso ammssble

Dettagli

ing. Claudio Pasquali ing. Dario Di Pietro

ing. Claudio Pasquali ing. Dario Di Pietro ROMA METROPOLITANE DIRETTORE TECNICO: DIRETTORE DEI LAVORI: ng. Claudo Pasqual ng. Daro D Petro ROMA METROPOLITANE SISTEMA DI TRASPORTO PUBBLICO A CAPACITA' INTERMEDIA A SERVIZIO DEI CORRIDOI EUR-TOR DE'

Dettagli

La resistività apparente viene ricavata dalla relazione:

La resistività apparente viene ricavata dalla relazione: 3. Teora e Normatva PROGRAM GEO - SEVCon 3.1 Confgurazon strumental. La resstvtà apparente vene rcavata dalla relazone: V ρ a (Ω m) = k I k = coeffcente geometrco, dpendente dalla confgurazone strumentale;

Dettagli

STRUTTURE. l i adimensionale

STRUTTURE. l i adimensionale TRUTTURE Trazone l forzo normale = [P a] llungamento Relazone ɛ ɛ = l f l l admensonale R N B Tratto B Comportamento elastco lneare = Eɛ Legge d Hooke E = modulo d Young o modulo d elastctà [P a] è una

Dettagli

Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti

Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Il Mnstro delle Infrastrutture e de Trasport VISTO l decreto legslatvo 30 aprle 1992, n. 285, come da ultmo modfcato dal decreto legslatvo 18 aprle 2011, n. 59, recante Attuazone delle drettve 2006/126/CE

Dettagli

RELAZIONE TECNICA. Introduzione. 1 Finalità e requisiti delle attività di dispacciamento nel mercato elettrico liberalizzato

RELAZIONE TECNICA. Introduzione. 1 Finalità e requisiti delle attività di dispacciamento nel mercato elettrico liberalizzato Allegato n. 1 a Prot AU/01/130 RELAZIONE TECNICA PRESUPPOSTI PER L ADOZIONE DI SCHEMA DI CONDIZIONI PER L EROGAZIONE DEL PUBBLICO SERVIZIO DI DISPACCIAMENTO DELL ENERGIA ELETTRICA SUL TERRITORIO NAZIONALE

Dettagli

Stabilità dei Sistemi Dinamici. Stabilità Semplice. Stabilità Asintotica. Stabilità: concetto intuitivo che può essere formalizzato in molti modi

Stabilità dei Sistemi Dinamici. Stabilità Semplice. Stabilità Asintotica. Stabilità: concetto intuitivo che può essere formalizzato in molti modi Gustavo Belforte Stabltà de Sstem Dnamc Gustavo Belforte Stabltà de Sstem Dnamc Stabltà de Sstem Dnamc Il Pendolo Stabltà: concetto ntutvo che può essere formalzzato n molt mod Intutvamente: Un oggetto

Dettagli

Il dimensionamento dei sistemi di fabbricazione

Il dimensionamento dei sistemi di fabbricazione Il dmensonamento de sstem d fabbrcazone 1 Processo d progettazone d un sstema produttvo Anals della domanda Industralzzazone d prodotto e processo (dstnte e ccl d lavorazone) Scelta delle soluzon produttve

Dettagli

Misure dirette utilizzate per il calcolo della misura indiretta X:

Misure dirette utilizzate per il calcolo della misura indiretta X: Propagazone degl error Msure drette utlzzate per l calcolo della msura ndretta X: ( ) a a a = ± Δ b = ( b ± Δ b) Il calcolo dell errore assoluto X ( espresso nella stessa untà d msura della grandezza X

Dettagli

MILANO - VENERDÌ, 20 LUGLIO 2007. Sommario. Deliberazione Giunta regionale 26 giugno 2007 - n. 8/5018

MILANO - VENERDÌ, 20 LUGLIO 2007. Sommario. Deliberazione Giunta regionale 26 giugno 2007 - n. 8/5018 REPUBBLICA ITALIANA BOLLETTINO UFFICIALE MILANO - VENERDÌ, 20 LUGLIO 2007 3º SUPPLEMENTO STRAORDINARIO Sommaro Anno XXXVII - N. 147 - Poste Italane - Spedzone n abb. postale - 45% - art. 2, comma 20/b

Dettagli

E' il rapporto tra la quantità di carica che attraversa una sezione del conduttore e l'intervallo di tempo impiegato.

E' il rapporto tra la quantità di carica che attraversa una sezione del conduttore e l'intervallo di tempo impiegato. Corrent e crcut Corrent e crcut corrente: la quanttà d carca che attraversa una superfce nell untà d tempo Q t lm t0 Q t dq dt 1 Ampere (A) = 1 C/s E' l rapporto tra la quanttà d carca che attraversa una

Dettagli

una variabile casuale è continuase può assumere un qualunque valore in un intervallo

una variabile casuale è continuase può assumere un qualunque valore in un intervallo Varabl casual contnue Se samo nteressat alla temperatura massma gornaleraquesta è una varable casuale msurata n un ntervallo contnuoe qund è una v.c. contnua una varable casuale è contnuase può assumere

Dettagli