L Associazione CONTRO L ESCLUSIONE è una ONLUS sorta nel 1984 per favorire l integrazione sociale delle persone disabili.

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L Associazione CONTRO L ESCLUSIONE è una ONLUS sorta nel 1984 per favorire l integrazione sociale delle persone disabili."

Transcript

1 ASSOCIAZIONE CONTRO L ESCLUSIONE onlus Registro regionale VI0035 C.F Via Fornaci, SCHIO - tel L ASSOCIAZIONE L Associazione CONTRO L ESCLUSIONE è una ONLUS sorta nel 1984 per favorire l integrazione sociale delle persone disabili. L area territoriale di riferimento è l Alto Vicentino (ulss 4). Tra i suoi promotori l Associazione Contro l Esclusione ha avuto inizialmente degli insegnanti, che avevano capito l importanza di non escludere le persone disabili dal contesto formativo e sociale; attraverso le prime esperienze di integrazione scolastica, avevano sperimentato che l inclusione delle diversità è portatrice di ricchezza. Oggi l Associazione vede tra i soci la presenza prevalente di genitori (110 soci), che insieme ai volontari (30 circa) opera per far riconoscere la piena dignità sociale delle persone disabili e i loro diritti. Lavoriamo alla sensibilizzazione del territorio, alla formazione di giovani volontari, alla stesura dei Piani di Comunità con l ulss4. Come genitori, sentiamo le urgenze improrogabili dei nostri figli che crescono e la necessità di trovare rapidamente risposte ai bisogni che esprimono per sé e per noi. Abbiamo individuato 3 bisogni principali: 1. Bisogno di crescere nel modo più autonomo possibile per aumentare la propria autostima; per valorizzare le proprie abilità; per non percepirsi sempre bisognosi d aiuto ma anche capaci di fare per gli altri. 2. Bisogno di amicizia con i coetanei: amicizie il più possibile eterogenee per crescere attraverso scambi paritetici e ricchi di interessi ed esperienze. 3. Bisogno di aiutare i genitori a guardare ai propri figli come a persone in crescita, con interessi e necessità che mutano nel tempo. Aiutare i genitori a lasciare andare i figli anche nella prospettiva di una loro autonomia abitativa. Per questi motivi dal 2002 lavoriamo a progetti di autonomia. PROGETTI DI AUTONOMIA PER PERSONE CON DISABILITA INTELLETTIVA Dal tempo libero alla residenzialità integrata Introduzione La crescita è il passaggio graduale dalla dipendenza all autonomia, ma un bambino con disabilità incontra due ostacoli: - i limiti imposti dal deficit - le ambivalenze dell ambiente che possono creare il reale handicap ( non sei capace a fare questo allora, non sei capace e faccio io per te oppure mi dispiace non poter eliminare la disabilità allora ti coccolo di più. Perché educare all autonomia: - per il maggior inserimento sociale possibile - prerequisito per costruire un proprio ruolo sociale - prerequisito per inserimento lavorativo - prerequisito per una possibile residenzialità integrata e/o futura vita adulta indipendente

2 Premessa Si diventa adulti cominciando da piccoli (C.Lepri) Spesso quando si parla di disabilità intellettiva si percepisce una vaga sensazione di tempo ad una sola dimensione, quella del presente, come se mancasse quella del futuro; è come se spesso genitori, educatori, la società nel suo insieme, fossero incapaci d immaginare e quindi riconoscere, la persona con difficoltà quale persona adulta. Sembra mancare una rappresentazione sociale della persona disabile intellettiva come portatrice di bisogni, desideri, sogni ed anche di quei diritti e doveri che ogni cittadino ha la possibilità di esprimere e che normalmente viene educato a coltivare, a rispettare e a lasciare crescere con sé. E ormai unanimemente riconosciuta la centralità della funzione della rappresentazione sociale di ognuno di noi nel processo di riconoscimento della propria adultità. Spesso però la rappresentazione sociale non si basa esclusivamente sull analisi oggettiva di competenze e limiti effettivi, ma molto di più sul senso comune, sulle abitudini, sugli stereotipi, le credenze ed i preconcetti, che l altro può avere su di noi. In questi anni quindi, alla luce di tali riflessioni, ci siamo soffermati a osservare come le più piccole sfumature nel modo di porsi, atteggiarsi, proporsi, comunicare, confidare, scommettere nelle persone, possano favorire la reale crescita di ognuno e sostenere dapprima il riconoscimento della propria identità per lasciare poi lo spazio al costruirsi dell identità adulta. In conseguenza a ciò, abbiamo considerato come sia difficile per una persona disabile diventare adulta se la maggior parte delle persone non la immagina tale e se, come spesso succede in questi casi, la vita non segue un percorso naturale che comporti lo sperimentare, l esprimere e l acquisire naturalmente quei diritti e doveri gradualmente commisurati ad ogni fascia d età, contraddistinta da particolari e diversi obiettivi, responsabilità e progetti. Tutto questo, per chi già vive una situazione di difficoltà può causare demotivazione, perdita del senso di realtà e di conseguenza di autodeterminazione; perdita della voglia di crescere, di assumersi le proprie responsabilità, maturare e affrontare il complesso percorso del diventare adulti raggiungendo il proprio e maggior grado di autonomia possibile. L idea è che l accesso al mondo degli adulti non si costruisca in modo astorico, tutto d un tratto allo scoccare di una certa età anagrafica, ma sia la risultante di un percorso educativo-affettivo ed esperienziale che prende l avvio proprio da progetti di crescita quotidiana, graduale e continuativa. Tutte queste riflessioni dettate da tante letture, convegni, tavole rotonde, incontri con formatori, discussioni e approfondimenti, sono state avvallate e sostenute dall osservazione della realtà quotidiana, dall ascolto, dalla condivisione e rielaborazione dei tanti racconti di genitori e degli stessi protagonisti che in questi anni abbiamo visto crescere. Queste riflessioni ci hanno anche indirizzato nella scelta degli obiettivi e dello stile di lavoro e di approccio alle persone: abbiamo organizzato progetti graduali e tra loro strettamente collegati, che possano accompagnare la crescita di ogni partecipante e delle rispettive famiglie, basandoci sempre su motivazioni reali, condivisioni concrete, profondo senso di realtà e contenuti adeguati all età di ognuno.

3 I PROGETTI LA PALESTRA: PROGETTO LUDICO SPORTIVO INTEGRATO Questo progetto vede la partecipazione di 21 ragazzi e giovani disabili intellettivi e 21 volontari suddivisi in 2 gruppi. Finalità: - offrire un luogo di incontro informale nell idea di poter scegliere un attività di reale tempo libero - creare un luogo di integrazione ed inclusione dove ogni partecipante abbia come unico scopo quello di venire a muoversi e divertirsi - possibilità di scegliere se e come partecipare a questo tipo di attività - conoscere e crescere nelle proprie modalità comunicative e relazionali attraverso attività indirette quali possono essere quelle sportive - sensibilizzare il territorio creando uno spazio di integrazione ed inclusione sfruttando un contesto informale Obiettivi: - per il gruppo dei più giovani : costruire nel tempo una struttura sempre più organizzata e che si avvicini alla struttura classica di un ora di ginnastica; affrontare ed impostare giochi ludici propedeutici a quelli sportivi; - per il gruppo dei più grandi: affrontare, impostare e progredire in tutti gli sport di squadra attraverso un attività polisportiva e giochi di tipo propedeutico - partecipare ad alcune manifestazioni sportive non competitive dove poter crescere nella gestione dei propri limiti e risorse e di conseguenza nella capacità di gestire la frustrazione, la cooperazione, la condivisione Struttura e svolgimento - una sera a settimana da settembre a giugno - due gruppi divisi per fasce d età - dedicato e pensato per ragazzi dai 14 ai 20 anni; giovani dai 20 ai 40 anni; - gruppo costituito da un numero abbastanza simile di volontari e persone in difficoltà

4 PIANO ECONOMICO PREVENTIVO - PROGETTO PALESTRA (Attività ludico-sportiva) Coinvolti circa 25 ragazzi e 20 volontari A- SPESE PER IL PERSONALE SPECIALIZZATO 01 OPERATORE PRESTAZIONI 1.300,00 01 SUPERVISORE PRESTAZIONI 600,00 B- RIMBORSI SPESE PERSONALE SPECIALIZZATO E VOLONTARI OPERATORE Benzina, Autost. Parcheggio 500,00 VOLONTARI Rimborso spese 500,00 C- ALTRE TIPOLOGIE DI SPESE COSTI PREVISTI - Affitto palestra 1.100,00 - Assicurazioni 250,00 TOTALE SPESE COMPLESSIVE 4.250,00 - CONTRIBUTO GENITORI 2.000,00 +

5 IL CLUB DEI RAGAZZI (durata tre anni) Il corso di educazione all autonomia, rivolto a ragazzi adolescenti con disabilità cognitiva, si colloca nell ambito del tempo libero e si struttura in una serie di incontri settimanali di 3 ore circa, dando vita al CLUB DEI RAGAZZI. Attualmente ogni ragazzo si incontra un pomeriggio a settimana con un gruppo composto da 8 ragazzi, 3 educatori e 1 o 2 volontari. Finalità: - raggiungere le capacità minime ed essenziali per sapersela cavare fuori casa - raggiungere le capacità minime essenziali per sapersela cavare in casa Obiettivi: - - acquisire competenze utili nella vita di tutti i giorni (autonomie e autonomia sociale) - - sapersela cavare - - fare un percorso di consapevolezza rispetto alla propria disabilità - - spazio in cui elaborare e crescere nella propria affettività e sessualità - - costruire la propria identità adulta Struttura e svolgimento - dopo un momento comune il gruppo si divide in 3 sottogruppi di 2-3 ragazzi ciascuno - all interno del sottogruppo vengono proposte la maggior parte delle attività, mentre situazioni di tipo ludico e ricreativo vengono proposte in momenti particolari dell anno (compleanni, Natale, week-end ) coinvolgendo l intero gruppo - 3 operatori, 1-2 volontari, 1 coordinatrice presente all attività, 1 supervisore per verifiche periodiche e incontri con le famiglie. - il corso si articola in 3 anni, periodo che è stato reputato adeguato a permettere a ognuno di acquisire competenze, sicurezza e consapevolezza ed acquisire la maggiore autonomia possibile rispetto alle proprie potenzialità. - ogni anno ha una sua progettualità: il primo anno è l anno delle scoperte, il secondo sarà l anno delle conquiste, il terzo quello del volare alto. Le attività proposte sono incentrate su 5 aree educative : Comunicazione (saper chiedere, saper dare i propri dati, usare il telefono ) Orientamento (leggere e seguire le indicazioni stradali, individuare punti di riferimento, riconoscere fermate di autobus, taxi ) Comportamento stradale (attraversamento, semafori ) Uso del denaro (acquisizione del valore del denaro, riconoscimento, conteggio, corrispondenza prezzodenaro, resto ) Uso dei servizi (discriminazione ed uso dei negozi, supermercati, luoghi di divertimento, bar, cinema, uffici postali, mezzi pubblici )

6 Le attività proposte da e ai ragazzi toccano in modo trasversale queste aree e prendono spunto da interessi dell età, occasioni offerte dal calendario, esigenze di acquisti personali e altro L appartamento, la strada, i negozi, la realtà rappresentano l ambiente educativo in cui vengono proposti la maggior parte degli apprendimenti Lo stile è quello dell imparare facendo in un autonomia che non vuol dire solo cavarsela da soli, ma anche essere più consapevoli dei propri limiti e le proprie competenze, di conseguenza imparare a collaborare, saper chiedere aiuto, gestire l imprevisto PIANO ECONOMICO PREVENTIVO - PROGETTO CLUB DEI RAGAZZI A- SPESE PER IL PERSONALE SPECIALIZZATO 03 OPERATORI PRESTAZIONI ,00 01 SUPERVISORE PRESTAZIONI 5.000,00 B- RIMBORSI SPESE PERSONALE SPECIALIZZATO E VOLONTARI 03 OPERATORI Materiale per attività 350,00 03 VOLONTARI Tel., Trasporti ,00 Contributo formazione 400,00 C- ALTRE TIPOLOGIE DI SPESE comune a CLUB + ATL + WEEK END ANNUALI COSTI PREVISTI - Affitto appartamento 6.600,00 - Utenze appartamento (gas, luce, scale) 800,00 - Attrezzature appartamento 2.500,00 - Spese di gestione (studio commerciale, cancelleria) 500,00

7 - Spese assicurative 250,00 TOTALE SPESE ,00 - CONTRIBUTO GENITORI - 9 ragazzi ,00 + AGENZIA DEL TEMPO LIBERO (ATL) Ai ragazzi che hanno terminato i tre anni del corso di educazione all'autonomia, viene proposto di partecipare all'agenzia di autogestione del tempo libero. Attualmente gli iscritti sono 11 ragazzi. La differenza sostanziale tra il corso e l'agenzia è che, mentre il primo mira a far acquisire ai ragazzi le competenze di autonomia che spesso non hanno, attraverso attività e percorsi individualizzati, la seconda si prefigge di consolidare quelle competenze che, pur in misura diversa, ogni ragazzo ha acquisito nel corso, organizzando attività di tempo libero il più possibile auto-gestite. L appartamento sarà il punto di incontro dove ritrovarsi per organizzare insieme uscite, teatro, cinema, discoteca, insomma tutto quello che fanno gli amici quando si incontrano. Ma sarà anche un luogo domestico dove trascorrendo serate e week-end insieme imparando a gestire gli acquisti per una cena, la preparazione della stessa, la sistemazione e la pulizia degli ambienti, ecc. Durante questi incontri i ragazzi sono supportati nell organizzazione dalle 3 operatrici, 1o 2 volontari. Obiettivi - dare ai ragazzi un luogo di incontro da grandi - imparare a gestire il proprio tempo - imparare a scegliere - vivere autenticamente l esperienza del gruppo di pari Struttura e svolgimento - 1 incontro a settimana di 3 ore - 1 incontri mensile serale - 1 incontro mensile nel week end - vacanze estive con suddivisione in più gruppi con autogestione dello spazio casa prescelto - il programma delle attività è fatto a turno da uno dei tre sottogruppi - un sottogruppo si occupa a turno delle pulizie dell appartamento - un sottogruppo a turno si occupa delle compere e delle necessità varie dell appartamento

8 - la programmazione ed il percorso educativo portato avanti dalle operatrici viene supervisionato dal coordinatore del progetto con incontri quindicinali - nel corso dell anno il coordinatore svolge incontri con le singole famiglie e propone momenti formativi al gruppo famiglie. PIANO ECONOMICO PREVENTIVO - PROGETTO ATL (Agenzia del Tempo Libero) A- SPESE PER IL PERSONALE SPECIALIZZATO 03 OPERATORI PRESTAZIONI ,00 01 SUPERVISORE PRESTAZIONI 2.000,00 B- RIMBORSI SPESE PERSONALE SPECIALIZZATO E VOLONTARI 03 OPERATORI Materiale per attività 350,00 03 VOLONTARI Tel., Trasporti ,00 C- ALTRE TIPOLOGIE DI SPESE comune a CLUB + ATL + WEEK END ANNUALI COSTI PREVISTI - Affitto appartamento 6.600,00 - Utenze appartamento (gas, luce, scale) 800,00 - Attrezzature appartamento 2.500,00 - Spese di gestione (studio commerciale, cancelleria) - Spese assicurative 500,00 250,00 TOTALE SPESE ,00 - CONTRIBUTO GENITORI - 11 ragazzi ,00 +

9 PROGETTO WEEK-END Il progetto, iniziato nel 2000 in forma sperimentale durante i week end di giugno, luglio e settembre, viene ampliato a 40 week end annuali per dare modo a tutti i giovani disabili delle famiglie iscritte all Associazione, di sperimentare momenti di vita fuori casa, a turno, in gruppetti di tre con la presenza di un operatore e due volontari. Obiettivi - dare la possibilità ai partecipanti di conoscere e gestire situazioni nuove - dare occasione di incontro fuori casa - dare ai ragazzi occasioni di passare del tempo libero fuori casa - imparare a gestire ed organizzare il proprio tempo libero - acquisire e mantenere competenze ed abilità di vita quotidiana - vivere il proprio tempo all insegna dell autonomia e del divertimento - Struttura e svolgimento - i ragazzi possono prenotare i week end che preferiscono - in base al calendario, le disponibilità di operatori e volontari, il numero di richieste si organizzano e suddividono in 40 week end possibili - si cerca di creare ogni gruppo week end incrociando 1 operatore, 2 volontari e 3 ragazzi tenendo conto delle varie caratteristiche di ognuno (conoscenza, esperienze, competenze e limiti, età, patologia) nell idea che essere autonomi non vuol dire fare tutto da soli, ma integrare le proprie competenze con quelle altrui - l orario previsto è dalle 10 del sabato alle 20 della domenica PIANO ECONOMICO PREVENTIVO - PROGETTO WEEK END ANNUALI PRECEDUTO DA CORSO DI FORMAZIONE OPERATORI E VOLONTARI A- SPESE PER IL PERSONALE SPECIALIZZATO durante i week end 04 OPERATORI PRESTAZIONI ,00 01 SUPERVISORE PRESTAZIONI 2.100,00

10 B- RIMBORSI SPESE PERSONALE SPECIALIZZATO E VOLONTARI OPERATORI Materiale per attività, Tel., Trasporti, ,00 VOLONTARI idem 800,00 C- ALTRE TIPOLOGIE DI SPESE comune a CLUB + ATL + WEEK END ANNUALI COSTI PREVISTI - Affitto appartamento 6.600,00 - Utenze appartamento (gas, luce, scale) 800,00 - Attrezzature appartamento 2.500,00 - Spese di gestione (studio commerciale, cancelleria) - Spese assicurative 500,00 250,00 TOTALE SPESE ,00 - CONTRIBUTO GENITORI 6.000,00 + CORSO DI FORMAZIONE OPERATORI E VOLONTARI PER PROGETTO WEEK-END Il corso viene realizzato proprio nell idea di sensibilizzare e coinvolgere nuovi volontari e formare nuovi operatori per poter realizzare il progetto week-end. Obiettivi - apprendere e/approfondire i concetti di autonomie personali e autonomia sociale - apprendere una metodologia di lavoro basato sul senso di realtà, la motivazione, il protagonismo del ragazzo stesso - approfondire alcune delle strategie concrete di approccio alla progettazione individualizzata per sfruttare al massimo le competenze di ognuno - valutare e saper osservare quali sono le competenze minime essenziali per sapersela cavare in casa da soli - apprendere e/o approfondire il tema dell autonomia nelle occasioni di vita quotidiana - costruire/elaborare metodi e mezzi osservativi e/o di verifica continuativa, per tenere memoria del percorso di crescita di ognuno e verificare il proprio lavoro di operatore/volontario - sviluppare la capacità di lavorare in gruppo tra gli operatori

11 - sviluppare la capacità di lavorare assieme e avere una giusta collaborazione tra operatori e volontari, rispettando e conoscendo l utilità, il valore e le differenze di entrambi i ruoli - saper progettare insieme ai ragazzi un buon week end di tempo libero in sicurezza ed a sfondo di autonomia Struttura e svolgimento - corso di formazione con attività didattiche fortemente interattive basato sulle esperienze già realizzate - la formazione sarà curata dall équipe che in questi anni ha realizzato presso l Associazione tutti i progetti a sfondo di autonomia - 10 lezioni di 2,5 ore ciascuna - lezione frontale, lezione integrata con filmati, lavoro a piccoli gruppi sulle strategie, role playing - presentazione di materiali, strumenti già realizzati ed utilizzati dall équipe in precedenza - presentazione e rielaborazione attraverso lavori di gruppo di situazioni problema concrete e reali PIANO ECONOMICO PREVENTIVO - CORSO DI FORMAZIONIONE OPERATORI E VOLONTARI A- SPESE PER CORSO DI FORMAZIONE PER NUOVI OPERATORI E VOLONTARI 01 DIRETTORE CORSO PRESTAZIONI 900,00 05 RELATORI PRESTAZIONI 1.790,00 B- ALTRE SPESE COSTI PREVISTI - Spese organizzazione corso (Tel., fotocopie, attestati...) 300,00 - Affitto locale 1.500,00 TOTALE SPESE 4.490,00 -

12 TOTALE COSTI PROGETTI AUTONOMIA: (PALESTRA+CLUB+ATL+WEEK END) RISORSE UMANE COSTI PREVISTI OPERATORI ,00 SUPERVISORE 9.700,00 RIMBORSI VOLONTARI 2.000,00 RELATORI CORSO FORMAZIONE+DIRETTORE 2.990,00 ALTRE TIPOLOGIE DI SPESE - Affitto appartamento - Affitto palestra - Affitto locale per Corso formazione COSTI PREVISTI 6.600, , ,00 - Utenze appartamento (gas, luce, scale) - Spese di gestione (studio commerciale...) - spese assicurative 800,00 500,00 250,00 - Attrezzature appartamento 2.500,00 TOTALE SPESE COMPLESSIVE ,00 - TOTALE CONTRIBUTO GENITORI ,00 + TOTALE CONTRIBUTO ANNUALE RICHIESTO ,00 Per l Associazione Contro l Esclusione La coordinatrice dott.sa Francesca Benedetti

delle persone si riferiva alle persone Down chiamandole mongoloidi e l idea più diffusa era quella di persone ritardate mentalmente che sarebbero

delle persone si riferiva alle persone Down chiamandole mongoloidi e l idea più diffusa era quella di persone ritardate mentalmente che sarebbero DIVENTARE GRANDI: LA CONQUISTA DELL AUTONOMIA Anna Contardi annacontardi@aipd.it Associazione Italiana Persone Down Viale delle Milizie 106-00192- Roma - Italy In Italia 1 bambino ogni 1200 nasce con la

Dettagli

Ragazzi in gamba! Educare all autonomia ragazzi con disabilità intellettiva

Ragazzi in gamba! Educare all autonomia ragazzi con disabilità intellettiva Ragazzi in gamba! Educare all autonomia ragazzi con disabilità intellettiva Francesco Cadelano Associazione Italiana Persone Down Viale delle Milizie 106-00192- Roma - Italy La crescita è passaggio dalla

Dettagli

Il progetto prevede la realizzazione di percorsi che mirano allo sviluppo delle capacità di vita indipendente di giovani con sindrome di Down o altra

Il progetto prevede la realizzazione di percorsi che mirano allo sviluppo delle capacità di vita indipendente di giovani con sindrome di Down o altra Il progetto prevede la realizzazione di percorsi che mirano allo sviluppo delle capacità di vita indipendente di giovani con sindrome di Down o altra disabilità intellettiva, attraverso la proposta di

Dettagli

AZIENDA SPECIALE CONSORTILE. Isola Bergamasca - Bassa Val San Martino territoriale per i servizi alla persona ADULTA AUTONOMA ESPERIENZE DI

AZIENDA SPECIALE CONSORTILE. Isola Bergamasca - Bassa Val San Martino territoriale per i servizi alla persona ADULTA AUTONOMA ESPERIENZE DI AZIENDA SPECIALE CONSORTILE Isola Bergamasca - Bassa Val San Martino territoriale per i servizi alla persona SCUOLA DI VITA ADULTA AUTONOMA ESPERIENZE DI WEEK END IN AUTONOMIA. OTTOBRE DICEMBRE 2009 COOPERATIVA

Dettagli

L AQUILONE vola alto

L AQUILONE vola alto onlus PROGETTO CULTURA L AQUILONE vola alto intrecciamo le nostre vite per poterle vivere al meglio. Scuole primarie PREMESSA Far cultura è uno dei fini statutari dell Associazione. Nel rispetto di tale

Dettagli

1) MOTIVAZIONE SCOLASTICA: promuovere le risorse personali degli studenti per aiutarli a stare e andare bene a scuola.

1) MOTIVAZIONE SCOLASTICA: promuovere le risorse personali degli studenti per aiutarli a stare e andare bene a scuola. Passo dopo Passo Insieme supporta la motivazione scolastica dei preadolescenti, promuovendo percorsi che mettano al centro le risorse personali dei ragazzi e offrendo progetti di formazione e sensibilizzazione

Dettagli

PROGETTO AFFETTIVITÀ secondaria di primo grado

PROGETTO AFFETTIVITÀ secondaria di primo grado PROGETTO AFFETTIVITÀ secondaria di primo grado anno scolastico 2014-2015 EDUCAZIONE ALL AFFETTIVITÀ E ALLA SESSUALITÀ Premessa La preadolescenza e l adolescenza sono un periodo della vita in cui vi sono

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Anno scolastico 2012 / 2013 Scuola Comunale dell infanzia Pollicinia Via Roma Potenza Tel. 0971 / 273041 DOVE SIAMO CHI SIAMO Potenza, capoluogo di regione, è la città della

Dettagli

UNO SGUARDO OLTRE LA SCUOLA ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO E PROGETTO DI VITA

UNO SGUARDO OLTRE LA SCUOLA ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO E PROGETTO DI VITA ENTE DI APPARTENENZA ASSOCIAZIONI Coinvolgimento prima e durante l esperienza Riflessione sull esperienza Collegamenti con realtà vissuta Scoperta di nuovi bisogni e nuove opportunità Possibilità di provare

Dettagli

Aurora 2000 staff formativo

Aurora 2000 staff formativo FormAzione Aurora 2000 fa parte del Consorzio Provinciale SIS e della rete nazionale CGM - Welfare Italia, il cui obiettivo è quello di favorire l inclusione sociale e lo sviluppo nel territorio dell area

Dettagli

e ilgioco com inciò..

e ilgioco com inciò.. e ilgioco com inciò.. PROGETTO EDUCATIVO 1.1 PRESENTAZIONE GENERALE Il progetto CRD si rivolge a bambini/e e ragazzi/e della scuola primaria e secondaria di primo grado del paese con attività diurne presso

Dettagli

SERVIZIO DI FORMAZIONE ALL AUTONOMIA PROGETTO INTEGRAZIONE SOCIALI DISABILI. i.so.di. CARTA DEI SERVIZI

SERVIZIO DI FORMAZIONE ALL AUTONOMIA PROGETTO INTEGRAZIONE SOCIALI DISABILI. i.so.di. CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO DI FORMAZIONE ALL AUTONOMIA PROGETTO INTEGRAZIONE SOCIALI DISABILI i.so.di. CARTA DEI SERVIZI CARTA DEI SERVIZI Progetto integrazione sociale disabili i.so.di. SERVIZIO DI FORMAZIONE ALL AUTONOMIA

Dettagli

Progetto estate 2016 Per minori con disabilità

Progetto estate 2016 Per minori con disabilità Progetto estate 2016 Per minori con disabilità Fobap Onlus, forte della convinzione che il tempo libero rappresenti qualcosa di determinante nella vita quotidiana di ogni persona, propone per il terzo

Dettagli

Scheda di PRESENTAZIONE PROGETTO 2.11 ANNO SCOLASTICO 2014/2015

Scheda di PRESENTAZIONE PROGETTO 2.11 ANNO SCOLASTICO 2014/2015 Scheda di PRESENTAZIONE PROGETTO 2.11 PROGETTO CONTINUITÀ EROI CHE PASSANO, EROI CHE RESTANO DOCENTI: scuola Primaria e Secondaria di Primo Grado DESTINATARI: ALUNNI/E CLASSI 5^ SCUOLA PRIMARIA - 1^ 1.

Dettagli

Progetto. Educazione alla salute e psicologia scolastica

Progetto. Educazione alla salute e psicologia scolastica Progetto Educazione alla salute e psicologia scolastica Il progetto di psicologia scolastica denominato Lo sportello delle domande viene attuato nella nostra scuola da sei anni. L educazione è certamente

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA I CIRCOLO UMBERTIDE GIOCO, LIBERA TUTTI! A volte il mondo io non lo comprendo Però se giochiamo lo prendo Bruno Tognolini

DIREZIONE DIDATTICA I CIRCOLO UMBERTIDE GIOCO, LIBERA TUTTI! A volte il mondo io non lo comprendo Però se giochiamo lo prendo Bruno Tognolini GIOCO, LIBERA TUTTI! A volte il mondo io non lo comprendo Però se giochiamo lo prendo Bruno Tognolini PROGETTO DI PLESSO SCUOLA PRIMARIA PIERANTONIO a. s. 2014/2015 PREMESSA La scuola rappresenta lo spazio

Dettagli

PROGETTO STAR BENE INSIEME A SCUOLA

PROGETTO STAR BENE INSIEME A SCUOLA CLASSI PRIME A/B ANNO SCOLASTICO 2014 2015 PROGETTO STAR BENE INSIEME A SCUOLA Premessa Le attuali classi prime sono composte da 44 alunni, 35 dei quali provengono dalla scuola dell Infanzia del quartiere

Dettagli

www.animagiovane.org In estate divertimento, educazione e creatività vanno alla grande!

www.animagiovane.org In estate divertimento, educazione e creatività vanno alla grande! www.animagiovane.org In estate divertimento, educazione e creatività vanno alla grande! anima l estate con ANIMAGIOVANE e ALTRESÌ NON SOLO CENTRI... Dopo vari anni di sperimentazioni, nel 2004 nasce ANIMAGIOVANE,

Dettagli

Progetto 5. Formazione, discipline e continuità

Progetto 5. Formazione, discipline e continuità Istituto Comprensivo Statale Lorenzo Bartolini di Vaiano Piano dell Offerta Formativa Scheda di progetto Progetto 5 Formazione, discipline e continuità I momenti dedicati all aggiornamento e all autoaggiornamento

Dettagli

Anno scolastico 2014-2015

Anno scolastico 2014-2015 DIREZIONE DIDATTICA STATALE 17 CIRCOLO VIA CASTIGLIONE CAGLIARI POF Anno scolastico 2014-2015 VERIFICA E VALUTAZIONE DELLE ATTIVITA Nella cornice educativa delineata si è inserita la MACROPROGETTUALITÀ

Dettagli

Centro di attività extrascolastiche e giovanili per ragazzi fino ai 14 anni

Centro di attività extrascolastiche e giovanili per ragazzi fino ai 14 anni Bellinzona, 24 marzo 2014 PROGETTO 1 Centro di attività extrascolastiche e giovanili per ragazzi fino ai 14 anni Associazione genitori Scuole Sud Piazza Indipendenza 1, cp 1012, 6501 Bellinzona www.lamurata.ch

Dettagli

SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015

SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015 UFFICIO SERVIZIO CIVILE SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015 Titolo progetto Educare al territorio NaturalMente Ambito/settore di intervento Tipologia destinatari Principale: Bambini e ragazzi tra

Dettagli

PROGETTO DEL CENTRO SOCIO EDUCATIVO IL MELOGRANO

PROGETTO DEL CENTRO SOCIO EDUCATIVO IL MELOGRANO COMUNE DI SERRAVALLE PISTOIESE PROVINCIA DI PISTOIA PROGETTO DEL CENTRO SOCIO EDUCATIVO IL MELOGRANO Premessa La progettazione di un centro socio educativo sul territorio di Serravalle P.se nasce dall

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale «Gobetti» Via Tintoretto 9 20090 Trezzano Sul Naviglio

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale «Gobetti» Via Tintoretto 9 20090 Trezzano Sul Naviglio Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale «Gobetti» Via Tintoretto 9 20090 Trezzano Sul Naviglio I bambini imparano ciò che vivono. Se un bambino vive nella

Dettagli

Giochiamo al Teatro PROGETTO LABORATORIO TEATRALE PER SCUOLE PRIMARIE. Istituto Comprensivo San Gimignano ANNO ACCADEMICO 2015 2016

Giochiamo al Teatro PROGETTO LABORATORIO TEATRALE PER SCUOLE PRIMARIE. Istituto Comprensivo San Gimignano ANNO ACCADEMICO 2015 2016 PROGETTO LABORATORIO TEATRALE PER SCUOLE PRIMARIE Istituto Comprensivo San Gimignano ANNO ACCADEMICO 2015 2016 A cura di Associazione A.L.Y. e Associazione Teatro Riflesso Referenti Progetto : Ylenia Mazzoni

Dettagli

YouLove Educazione sessuale 2.0

YouLove Educazione sessuale 2.0 YouLove Educazione sessuale 2.0 IL NOSTRO TEAM Siamo quattro ragazze giovani e motivate con diverse tipologie di specializzazione, due psicologhe, una dottoressa in Servizi Sociali e una dottoressa in

Dettagli

Essere bambini o ragazzi speciali significa riuscire a fare tante cose lo stesso ma in modo diverso A. B.

Essere bambini o ragazzi speciali significa riuscire a fare tante cose lo stesso ma in modo diverso A. B. Adolescenza e disabilità: una bella avventura è possibile! Essere bambini o ragazzi speciali significa riuscire a fare tante cose lo stesso ma in modo diverso A. B. AIAS Bologna onlus esprime un caloroso

Dettagli

L INTERVISIONE COME STRUMENTO E SOSTEGNO PER IL FACILITATORE:

L INTERVISIONE COME STRUMENTO E SOSTEGNO PER IL FACILITATORE: L INTERVISIONE COME STRUMENTO E SOSTEGNO PER IL FACILITATORE: CARATTERISTICHE, SIGNIFICATO E POTENZIALITA' Villa d Almè, ottobre-novembre 2015 Maria Coelli 1 La supervisione e l'intervisione -Per supervisione

Dettagli

Dott.ssa Lorenza Fontana

Dott.ssa Lorenza Fontana Dott.ssa Lorenza Fontana Nonostante l aula fosse il posto più tranquillo della scuola, continuavo ad avere difficoltà ad ascoltare la maestra. Scivolavo in me stessa, mi dissolvevo e me ne andavo. Mi cambiarono

Dettagli

Studenti di oggi cittadini di domani: lezioni di mobilità e sicurezza in strada

Studenti di oggi cittadini di domani: lezioni di mobilità e sicurezza in strada Studenti di oggi cittadini di domani: lezioni di mobilità e sicurezza in strada Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Agenzia per la Mobilità EDUCAZIONE STRADALE TRA SCUOLA E FAMIGLIA L educazione

Dettagli

Roberto Ghiretti Presidente Studio Ghiretti & Associati

Roberto Ghiretti Presidente Studio Ghiretti & Associati Roberto Ghiretti Presidente Studio Ghiretti & Associati 1 Lo Sport come strumento educativo Lo sport per i bambini e ragazzi rappresenta una straordinaria opportunità di crescita. Grazie all attività motoria,

Dettagli

IL LAVORO COME MISSIONE... QUASI IMPOSSIBILE.. (LA STAMPA APRILE 2014)

IL LAVORO COME MISSIONE... QUASI IMPOSSIBILE.. (LA STAMPA APRILE 2014) LAVORARE... occupare un posto di lavoro realizzazione personale, familiare indipendenza percepire uno stipendio, reddito conquistare un ruolo attivo riconoscibile dalla comunità, partecipazione sociale,

Dettagli

IO, CITTADINO DEL MONDO

IO, CITTADINO DEL MONDO Scuola dell Infanzia S.Giuseppe via Emaldi13, Lugo (RA) IO, CITTADINO DEL MONDO VIAGGIARE E UN AVVENTURA FANTASTICA A.S. 2013 / 2014 INTRODUZIONE Quest anno si parte per un viaggio di gruppo tra le culture

Dettagli

PROGETTO DI FORMAZIONE TECNICI DI BASE BASEBALL/SOFTBALL

PROGETTO DI FORMAZIONE TECNICI DI BASE BASEBALL/SOFTBALL PROGETTO DI FORMAZIONE TECNICI DI BASE BASEBALL/SOFTBALL AGOSTO 2013 1 INDICE PREMESSA... 2 COMPETENZE DEL TECNICO DI BASE... 2 PERCORSO FORMATIVO E QUALIFICA... 3 VERIFICA DEGLI APPRENDIMENTI... 3 I FORMATORI

Dettagli

L.R. 25 SETTEMBRE 1996 ART. 5 CO. 2 E ART. 21 CO. 3 D.P.R. N. 022/PRES.

L.R. 25 SETTEMBRE 1996 ART. 5 CO. 2 E ART. 21 CO. 3 D.P.R. N. 022/PRES. PROGRAMMA PROVINCIALE FINALIZZATO ALLA SPERIMENTAZIONE DI MODELLI ORGANIZZATIVI INNOVATIVI DEGLI INTERVENTI E DEI SERVIZI DI RETE RIVOLTI ALLE PERSONE DISABILI L.R. 25 SETTEMBRE 1996 ART. 5 CO. 2 E ART.

Dettagli

I CARE Imparare Comunicare Agire in una Rete Educativa Piano Nazionale di formazione e ricerca

I CARE Imparare Comunicare Agire in una Rete Educativa Piano Nazionale di formazione e ricerca I CARE Imparare Comunicare Agire in una Rete Educativa Piano Nazionale di formazione e ricerca ANALISI ESPERIENZE PREGRESSE (da compilare on line entro il 30 marzo 2008) I CARE Imparare Comunicare Agire

Dettagli

LA CONTINUITA EDUCATIVA E L ORIENTAMENTO

LA CONTINUITA EDUCATIVA E L ORIENTAMENTO ANNO SCOLASTICO 2014 2015 LA CONTINUITA EDUCATIVA E L ORIENTAMENTO Un ponte per unire: in viaggio con Ulisse SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA- SCUOLA PRIMARIA - SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO Venite

Dettagli

PROGETTO GIOCHI SPORTIVI STUDENTESCHI SCUOLA PRIMARIA

PROGETTO GIOCHI SPORTIVI STUDENTESCHI SCUOLA PRIMARIA PROGETTO GIOCHI SPORTIVI STUDENTESCHI SCUOLA PRIMARIA Premessa Il Progetto Giochi Sportivi Studenteschi si propone di rimarcare l importanza della: Corporeità e della motricità, intese come elementi portanti

Dettagli

RELAZIONE DESCRITTIVA DEL PROGETTO

RELAZIONE DESCRITTIVA DEL PROGETTO C I R C O L O D I D A T T I C O D I S A N T A G A T A L I B A T T I A T I PROGETTO NO AL BULLISMO Percorso di prevenzione dei fenomeni di bullismo A.S. 2011-2012 RELAZIONE DESCRITTIVA DEL PROGETTO PREMESSA

Dettagli

DALLA TESTA AI PIEDI

DALLA TESTA AI PIEDI PROGETTO EDUCATIVO DIDATTICO ANNUALE SCUOLA DELL INFANZIA A. MAGNANI BALIGNANO DALLA TESTA AI PIEDI ALLA SCOPERTA DEL NOSTRO CORPO Anno scolastico 2013-14 MOTIVAZIONI Il corpo è il principale strumento

Dettagli

ADM Associazione Didattica Museale. Progetto Educare alla Scienza con le mani e con il cuore

ADM Associazione Didattica Museale. Progetto Educare alla Scienza con le mani e con il cuore ADM Associazione Didattica Museale Progetto Educare alla Scienza con le mani e con il cuore EST a Scuola: mission impossible? Suddivisione degli insegnanti in 3 gruppi. Ogni gruppo deve affrontare 3 problemi

Dettagli

2 FINALITA FORMATIVE DELLA SCUOLA PRIMARIA

2 FINALITA FORMATIVE DELLA SCUOLA PRIMARIA 2 FINALITA FORMATIVE DELLA SCUOLA PRIMARIA Il nostro impianto educativo vuol porre al centro la ricerca del sé nella scoperta della necessità dell altro. Noi siamo tutti gli altri che abbiamo incontrato

Dettagli

EMPOWERMENT OF MIGRANT ASSOCIATIONS FOR CO-DEVELOPMENT Corso di formazione gratuito: ASSOCIAZIONI DI IMMIGRATI PER IL CO-SVILUPPO

EMPOWERMENT OF MIGRANT ASSOCIATIONS FOR CO-DEVELOPMENT Corso di formazione gratuito: ASSOCIAZIONI DI IMMIGRATI PER IL CO-SVILUPPO EMPOWERMENT OF MIGRANT ASSOCIATIONS FOR CO-DEVELOPMENT Corso di formazione gratuito: ASSOCIAZIONI DI IMMIGRATI PER IL CO-SVILUPPO Il corso di formazione, promosso dall Organizzazione Internazionale per

Dettagli

MASTER IN LIFE COACHING

MASTER IN LIFE COACHING MASTER IN LIFE COACHING Master in life coaching abilities ABILITIES 2016 Brain Fitness SRL Via Abbagnano 2 Senigallia, AN +39 392 33 22 000 www.progettocrescere.it/coaching www.brain.fitness coaching@brain.fitness

Dettagli

PROGETTO BIBLIOTECA sulle Pari Opportunità

PROGETTO BIBLIOTECA sulle Pari Opportunità Scuola secondaria di primo grado: "A. BROFFERIO" C.M. ATMM003004 C.so XXV Aprile, 2 ASTI Tel. e Fax 0141 21 26 66 Con sez. associata Martiri della Libertà Via G. Invrea, 4 - ASTI - Tel. e Fax 0141 21 12

Dettagli

Per costruire e migliorare il rapporto di collaborazione Scuola /Famiglia

Per costruire e migliorare il rapporto di collaborazione Scuola /Famiglia Istituto Comprensivo - Monte Urano Via Vittorio Alfieri 1 - Monte Urano - prov. Ascoli Piceno - cap.63015 telefono 0734/840605 Fax 0734/840880 Per costruire e migliorare il rapporto di collaborazione Scuola

Dettagli

servizio civile volontario

servizio civile volontario c r i s t i n a Mi chiamo Cristina e ho svolto servizio presso una cooperativa SERVIZIO CIVILE NAZIONALE che ha sede a Ivrea, che mi ha selezionato per un progetto di supporto educativo ai minori per evitare

Dettagli

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Breve saluto con tre slides. Chi siamo: fondamentalmente siamo genitori per genitori

Dettagli

Co.Mo. Casentino - Piano di sviluppo economico e sociale 2006-2009. Scheda sintetica di Progetto/Programma

Co.Mo. Casentino - Piano di sviluppo economico e sociale 2006-2009. Scheda sintetica di Progetto/Programma Co.Mo. Casentino - Piano di sviluppo economico e sociale 2006-2009 Scheda sintetica di Progetto/Programma Tema programmatico [ ] A: competitività del territorio e dei sistemi produttivi [ ] B: ambiente

Dettagli

Corso annuale di Perfezionamento e di Aggiornamento Professionale (1500 ore 60 CFU) (Legge 19/11/1990 n. 341- art. 6, co. 2, lett.

Corso annuale di Perfezionamento e di Aggiornamento Professionale (1500 ore 60 CFU) (Legge 19/11/1990 n. 341- art. 6, co. 2, lett. Libera Università degli Studi San Pio V di Roma Anno Accademico 2009/2010 Corso annuale di Perfezionamento e di Aggiornamento Professionale (1500 ore 60 CFU) (Legge 19/11/1990 n. 341- art. 6, co. 2, lett.

Dettagli

ELEMENTI DI SINTESI DEL PROGETTO

ELEMENTI DI SINTESI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO Ventuno Idee 2015 SETTORE E AREA DI INTERVENTO A 06 ASSISTENZA- DISABILE OBIETTIVI DEL PROGETTO ELEMENTI DI SINTESI DEL PROGETTO Obiettivo specifico 1 Offrire esperienze di autonomia

Dettagli

anta Amaranta Amaranta, associazione di promozione sociale Indice

anta Amaranta Amaranta, associazione di promozione sociale Indice Amaranta Associazione di promozione sociale PERCORSI FORMATIVI PER INSEGNANTI 2007-2008 Amaranta, associazione di promozione sociale Tel. 320-4456915 Sede amm. via Oss Mazzurana 54 38100 Trento C.F. 96073950220

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO STATALE "GUIDO CAVALCANTI

SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO STATALE GUIDO CAVALCANTI SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO STATALE "GUIDO CAVALCANTI Via G. Guerrazzi 178, 50019 Sesto Fiorentino (FI) Tel 055/4210541/2 FAX 055/4200419 E-mail: fimm495000x@istruzione.it Sito Web: www.scuolacavalcanti.gov.it

Dettagli

Essere fratelli di. Supporto psicologico ai fratelli di persone con gravi disabilità EDIZIONE 2012

Essere fratelli di. Supporto psicologico ai fratelli di persone con gravi disabilità EDIZIONE 2012 Essere fratelli di Supporto psicologico ai fratelli di persone con gravi disabilità EDIZIONE 2012 Contesto di riferimento e obiettivi generali La famiglia è senza dubbio il luogo più importante per la

Dettagli

Scheda di PRESENTAZIONE PROGETTO 2.9 ANNO SCOLASTICO 2015/2016

Scheda di PRESENTAZIONE PROGETTO 2.9 ANNO SCOLASTICO 2015/2016 Scheda di PRESENTAZIONE PROGETTO 2.9 PROGETTO CONTINUITÀ INCONTRARSI A SCUOLA DOCENTI: scuola Primaria e Secondaria di Primo Grado DESTINATARI: ALUNNI/E CLASSI 5^ SCUOLA PRIMARIA - 1^ - AMBIENTI, FATTI,

Dettagli

Orientamenti pedagogico-didattici per una scuola di qualità Relazione a cura di Monica Barbolini

Orientamenti pedagogico-didattici per una scuola di qualità Relazione a cura di Monica Barbolini Orientamenti pedagogico-didattici per una scuola di qualità Relazione a cura di Monica Barbolini Il processo didattico è un processo di natura relazionale, nel senso che mira a sostenere lo studente nella

Dettagli

PROGETTO di ACCOMPAGNAMENTO EDUCATIVO POMERIDIANO Fuori Classe

PROGETTO di ACCOMPAGNAMENTO EDUCATIVO POMERIDIANO Fuori Classe Allegato DGC 110/2015 PROGETTO di ACCOMPAGNAMENTO EDUCATIVO POMERIDIANO Fuori Classe Premessa Negli ultimi anni si sta registrando una presenza di alunni che manifestano, all ingresso della scuola primaria

Dettagli

SERVIZIO DI CONSULENZA E ORIENTAMENTO ALLO STAGE

SERVIZIO DI CONSULENZA E ORIENTAMENTO ALLO STAGE SERVIZIO DI CONSULENZA E ORIENTAMENTO ALLO STAGE Lo stage in cooperativa. Un esperienza di lavoro per crescere assieme. IL GRANELLO COOPERATIVA SOCIALE ONLUS Via Amalteo, 74-33078 San Vito al Tagliamento

Dettagli

Progetto PROFESSIONE GENITORI 2013-2014

Progetto PROFESSIONE GENITORI 2013-2014 Progetto PROFESSIONE GENITORI 2013-2014 Gli incontri del nostro itinerario vogliono essere una sorta di occhiali da cui i genitori di ragazzi di un età compresa tra i 6-13 anni escano vedendo e vedendosi

Dettagli

Orario p.m. Tot. ore settimanali Scuola dell Infanzia 8.00-16.00 Dal LUN. al VEN. 40h. Primaria Rodari 8.30-16.30 Dal LUN. al VEN.

Orario p.m. Tot. ore settimanali Scuola dell Infanzia 8.00-16.00 Dal LUN. al VEN. 40h. Primaria Rodari 8.30-16.30 Dal LUN. al VEN. L I.C. è composto dai seguenti plessi: 1 Scuola dell Infanzia San Francesco 4 Scuole primarie: De Amicis, Pasini, Pertile, Rodari 1 Scuola Secondaria di 1 grado Mainardi Orario scolastico a.s. 2015/16

Dettagli

PROGETTO ORIENTAMENTO SCUOLA SECONDARIA PRIMO GRADO

PROGETTO ORIENTAMENTO SCUOLA SECONDARIA PRIMO GRADO PROGETTO ORIENTAMENTO SCUOLA SECONDARIA PRIMO GRADO anno scolastico 2012/2013 MOTIVAZIONE PROGETTO ORIENTAMENTO SCUOLA SECONDARIA PRIMO GRADO Perché orientamento nella scuola secondaria di primo grado.

Dettagli

CATALOGO AZIONI FORMATIVE

CATALOGO AZIONI FORMATIVE CATALOGO AZIONI FORMATIVE week-end formativo di fotografia sociale SCAMBIO di esperienze e di saperi corso residenziale per formatori week-end formativo per animatori week-end formativo per redattori sociali

Dettagli

PROGETTO SCUOLA SPORT E DISABILITA UN OCCASIONE DI INCONTRO E CRESCITA

PROGETTO SCUOLA SPORT E DISABILITA UN OCCASIONE DI INCONTRO E CRESCITA PROGETTO SCUOLA SPORT E DISABILITA UN OCCASIONE DI INCONTRO E CRESCITA PRESENTAZIONE Il presente progetto costituisce un iniziativa volta a promuovere un percorso di crescita dei ragazzi nel confronto,

Dettagli

ASILO NIDO NAVAROLI PIANO DI OFFERTA FORMATIVA (P.O.F.) ANNO SCOLASTICO 2014-2015

ASILO NIDO NAVAROLI PIANO DI OFFERTA FORMATIVA (P.O.F.) ANNO SCOLASTICO 2014-2015 ASILO NIDO NAVAROLI PIANO DI OFFERTA FORMATIVA (P.O.F.) ANNO SCOLASTICO 2014-2015 INDICE Il Piano dell Offerta Formativa 1 Presentazione del Asilo Nido Navaroli 1-2 La nostra idea di bambino 3 Partecipazione

Dettagli

FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA I.C.S. MAREDOLCE FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA La nostra scuola dell Infanzia con la sua identità specifica sotto il profilo pedagogico e metodologico-organizzativo persegue: l acquisizione di capacità

Dettagli

Corso di formazione gratuito: ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO

Corso di formazione gratuito: ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO EMPOWERMENT OF MIGRANT ASSOCIATIONS FOR CO-DEVELOPMENT Corso di formazione gratuito: ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO Il corso di formazione Empowerment of Migrant Associations for Co-development,

Dettagli

SCHEDA RIASSUNTIVA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA RIASSUNTIVA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ASSOCIAZIONE CULTURALE SCUOLA DI MUSICA I MINIPOLIFONICI TRENTO VILLAZZANO-POVO RAVINA-ROMAGNANO COGNOLA SOPRAMONTE BESENELLO SCHEDA RIASSUNTIVA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA PER GLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI ANNO SCOLASTICO 2014/2015

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA PER GLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA PER GLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI ANNO SCOLASTICO 2014/2015 La programmazione educativa, redatta dal Presidente del Gruppo H e stilata dalla Docente F/S per le attività a sostegno

Dettagli

GRUPPO SCOUT MELEGNANO 1

GRUPPO SCOUT MELEGNANO 1 GRUPPO SCOUT MELNANO 1 PROGETTO EDUCATIVO 2011 2014 Cos è il Progetto Educativo Il progetto educativo è uno strumento per la comunità capi utile a produrre dei cambiamenti nel gruppo scout. E stato pensato

Dettagli

Modalità operativa un percorso didattico in 4 incontri con relativa scheda di rilevazione

Modalità operativa un percorso didattico in 4 incontri con relativa scheda di rilevazione Allegato 1: Modalità operativa un percorso didattico in 4 incontri con relativa scheda di rilevazione Premessa Il video didattico Noi due del sud offre una istantanea sul bullismo nella scuola media inferiore,

Dettagli

PREMESSA Continuità curricolare Continuità metodologica

PREMESSA Continuità curricolare Continuità metodologica PREMESSA Il progetto continuità, nasce dall esigenza di garantire al bambinoalunno un percorso formativo organico e completo, che miri a promuovere uno sviluppo articolato e multidimensionale del soggetto,

Dettagli

Progetto. a cura di. Massimo Merulla

Progetto. a cura di. Massimo Merulla Progetto Poesia Educativa per Figli e Genitori Ri Conoscersi attraverso l espressione poetica Corso Intensivo di Scrittura Poetica Creativa a cura di Massimo Merulla I Introduzione Questo corso è il risultato

Dettagli

PROGETTO DENOMINAZIONE DESTINATARI UNA CASCATA DI LIBRI

PROGETTO DENOMINAZIONE DESTINATARI UNA CASCATA DI LIBRI PROGETTO DENOMINAZIONE DESTINATARI PROGETTO LETTURA UNA CASCATA DI LIBRI Il progetto si prefigge di stimolare negli alunni la motivazione alla lettura e all ascolto, guidandoli a saper cogliere, insieme

Dettagli

LA MONDA. Servizio Formazione all Autonomia. Carta dei Servizi

LA MONDA. Servizio Formazione all Autonomia. Carta dei Servizi LA MONDA Servizio Formazione all Autonomia Carta dei Servizi Associazione La Monda o.n.l.u.s. Ente per la pedagogia curativa e socioterapia antroposofica Via Giacomini, 26 21051 Arcisate (VA) tel. / fax:

Dettagli

PARTIAMO DA ALCUNE DOMANDE

PARTIAMO DA ALCUNE DOMANDE PARTIAMO DA ALCUNE DOMANDE Esiste l immagine del disabile intellettivo come persona adulta nella mia mente? Quali sono i maggiori ostacoli che i famigliari/ operatori incontrano nella costruzione di un

Dettagli

ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. TITOLO DEL PROGETTO: Il volontario con gli anziani e le persone fragili

ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. TITOLO DEL PROGETTO: Il volontario con gli anziani e le persone fragili ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: Il volontario con gli anziani e le persone fragili SETTORE e Area di Intervento: Assistenza - Anziani OBIETTIVI DEL PROGETTO Obiettivi generali:

Dettagli

Pagina 1 di 7 CARTA DEL SERVIZIO CAD VIA PIO VII, 61 TORINO

Pagina 1 di 7 CARTA DEL SERVIZIO CAD VIA PIO VII, 61 TORINO Pagina 1 di 7 CARTA DEL SERVIZIO CAD VIA PIO VII, 61 TORINO Pagina 2 di 7 Denominazione del presidio: CAD Laboratori via Pio Ubicazione/Indirizzo: via PIO VII, 61 (zona lingotto) Come si raggiunge: linee

Dettagli

L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA

L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA FINALITA L educazione all affettività rappresenta per l alunno un percorso di crescita psicologica e di consapevolezza della propria identità personale

Dettagli

GRUPPO TEMATICO DI CONDIVISIONE Attività pomeridiana proposta e gestita dagli operatori e volontari dell Associazione dalla Terra alla Luna ONLUS.

GRUPPO TEMATICO DI CONDIVISIONE Attività pomeridiana proposta e gestita dagli operatori e volontari dell Associazione dalla Terra alla Luna ONLUS. LA NOSTRA CASINA GRUPPO TEMATICO DI CONDIVISIONE Attività pomeridiana proposta e gestita dagli operatori e volontari dell Associazione dalla Terra alla Luna ONLUS. FINALITA : FAVORIRE LO SVILUPPO DI BUONE

Dettagli

PROGETTO CONTINUITÀ. Istituto Compresivo Rita Levi-Montalcini. Una scuola da scoprire e da vivere

PROGETTO CONTINUITÀ. Istituto Compresivo Rita Levi-Montalcini. Una scuola da scoprire e da vivere PROGETTO CONTINUITÀ Istituto Compresivo Rita Levi-Montalcini [Plesso di Arbostella, Plesso di Fuorni, Plesso di Mariconda, Plesso di Mercatello] Una scuola da scoprire e da vivere icritalevimontalcini.gov.it

Dettagli

Libro consigliato Verso l'autonomia di Anna Contardi Percorsi educativi per ragazzi con disabilità intellettiva

Libro consigliato Verso l'autonomia di Anna Contardi Percorsi educativi per ragazzi con disabilità intellettiva PROGETTAZIONE DEL PDF E DEL PEI- PROGETTO DI VITA E MODELLI DI QUALITÀ DELLA VITA Prof. Simone Consegnati Indice della lezione: Libro consigliato... 1 Il libro In breve... 1 Per costruire un percorso efficace...

Dettagli

IL NOSTRO PERCORSO OPERATIVO (8 comuni del Veneto gruppi di nidi e scuole del infanzia)

IL NOSTRO PERCORSO OPERATIVO (8 comuni del Veneto gruppi di nidi e scuole del infanzia) IL NOSTRO PERCORSO OPERATIVO (8 comuni del Veneto gruppi di nidi e scuole del infanzia) modalità e mezzi per organizzare il lavoro didattico sull intercultura e sulla fiaba con i bambini, i genitori e

Dettagli

Istituto Comprensivo Via Casal Bianco

Istituto Comprensivo Via Casal Bianco MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Via Casal Bianco PIANO DI LAVORO EDUCATIVO-DIDATTICO COORDINATO ANNO SCOLASTICO

Dettagli

LE OFFERTE. - INCONTRI PERSONALI DI APPRENDIMENTO dedicati al metodo di studio e ad obiettivi specifici

LE OFFERTE. - INCONTRI PERSONALI DI APPRENDIMENTO dedicati al metodo di studio e ad obiettivi specifici di Daniele Somenzi c.so Leonardo da Vinci, 48-21013 Gallarate (VA) P. IVA 03154750123 - Percorsi personalizzati di apprendimento - Utilizzo di strumenti compensativi per ragazzi affetti da DSA - Lavoro

Dettagli

Psicologia dell orientamento scolastico e professionale. Indice

Psicologia dell orientamento scolastico e professionale. Indice INSEGNAMENTO DI PSICOLOGIA DELL ORIENTAMENTO SCOLASTICO E PROFESSIONALE LEZIONE I ORIENTAMENTO E PSICOLOGIA PROF.SSA ANNAMARIA SCHIANO Indice 1 L orientamento: significato e tipologie ---------------------------------------------------------------

Dettagli

Corso di formazione gratuito. ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO A.MI.CO. Milano 2015

Corso di formazione gratuito. ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO A.MI.CO. Milano 2015 Corso di formazione gratuito ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO A.MI.CO. Milano 2015 Il corso di formazione Associazioni Migranti per il Co-sviluppo, promosso dall Organizzazione Internazionale

Dettagli

I MOMENTI DI CURA: SOLO SODDISFAZIONE DI BISOGNI DI ACCUDIMENTO FISICO?

I MOMENTI DI CURA: SOLO SODDISFAZIONE DI BISOGNI DI ACCUDIMENTO FISICO? I MOMENTI DI CURA: SOLO SODDISFAZIONE DI BISOGNI DI ACCUDIMENTO FISICO? Il Lavoro di cura fisica e psichica necessaria al benessere e alla crescita del bambino è parte integrante del Progetto Educativo

Dettagli

CONTRATTO FORMATIVO SCUOLA DELL INFANZIA

CONTRATTO FORMATIVO SCUOLA DELL INFANZIA CONTRATTO FORMATIVO SCUOLA DELL INFANZIA Le nostre scuole dell'infanzia, in continuità con le scelte già espresse nel POF, hanno definito, attraverso una riflessione avvenuta in più incontri tra genitori

Dettagli

SCHEDA di PRESENTAZIONE del PROGETTO per l arricchimento dell offerta formativa Anno scolastico 2008-2009

SCHEDA di PRESENTAZIONE del PROGETTO per l arricchimento dell offerta formativa Anno scolastico 2008-2009 1 SCHEDA di PRESENTAZIONE del PROGETTO per l arricchimento dell offerta formativa Anno scolastico 2008-2009 Progetto triennale di Circolo GIOCHI PER CRESCERE rivolto ai bambini di 5 anni TITOLO RESPONSABILE

Dettagli

Titolo del progetto: IN.DI.A. Inclusion and Dialogue through Action. Area d invento: : Educazione e Promozione Culturale/ Ambiente

Titolo del progetto: IN.DI.A. Inclusion and Dialogue through Action. Area d invento: : Educazione e Promozione Culturale/ Ambiente Titolo del progetto: IN.DI.A Inclusion and Dialogue through Action Area d invento: : Educazione e Promozione Culturale/ Ambiente Sedi di attuazione del progetto : Bhubaneshwar, Stato di Orissa, India.

Dettagli

PROGETTO DI AUTONOMIA ABITATIVA CASA AL SOLE

PROGETTO DI AUTONOMIA ABITATIVA CASA AL SOLE FRIULI VENEZIA GIULIA O.N.L.U.S. - PROGETTO DI AUTONOMIA ABITATIVA CASA AL SOLE La Fondazione Down Friuli Venezia Giulia O.N.L.U.S. gestisce, in collaborazione con l AAS 5 Friuli Occidentale, il progetto

Dettagli

CITTADINO VOLONTARIO: PARLIAMO DEI VOLONTARI! Rete tra i Responsabili della gestione dei Volontari delle ODV

CITTADINO VOLONTARIO: PARLIAMO DEI VOLONTARI! Rete tra i Responsabili della gestione dei Volontari delle ODV CITTADINO VOLONTARIO: PARLIAMO DEI VOLONTARI! Rete tra i Responsabili della gestione dei Volontari delle ODV Riunione del 13/06//2013 celivo. - AIDO ass. donatori organi tessuti e cellule; - Ass. Il Cesto;

Dettagli

Io tifo positivo nel segno di Candido

Io tifo positivo nel segno di Candido BRUGHERIO Io tifo positivo nel segno di Candido La PROPOSTA parte da un lavoro che ha visto in questi anni coinvolti circa 10000 ragazzi delle scuole primarie e secondarie di molti comuni della provincia

Dettagli

Ministero della Pubblica Istruzione

Ministero della Pubblica Istruzione ALLEGATO 3 SCHEDA DI AUTOANALISI: SIAMO UNA SCUOLA INCLUSIVA? Contesto: CLASSE Azioni : DIDATTICA Esperienze/oggetti : STRATEGIE INTEGRANTI E RELAZIONI D AIUTO Quali attività/esperienze servono a favorire

Dettagli

La gestione delle emozioni: interventi educativi e didattici. Dott.ssa Monica Dacomo

La gestione delle emozioni: interventi educativi e didattici. Dott.ssa Monica Dacomo La gestione delle emozioni: interventi educativi e didattici Dott.ssa Monica Dacomo Attività per la scuola secondaria di I grado Chi o cosa provoca le nostre emozioni? Molti pensano che siano le altre

Dettagli

Progetto Scuola: «TUTTI FUORI!»

Progetto Scuola: «TUTTI FUORI!» Roma, settembre 2013 IL DIRETTORE Agli Insegnanti di Religione Cattolica e agli Insegnanti cattolici di ogni disciplina delle scuole statali e paritarie Secondarie di II grado di ROMA Carissima/o, in considerazione

Dettagli

PROGETTO DIDATTICO LAVORARE IN CONTINUITA

PROGETTO DIDATTICO LAVORARE IN CONTINUITA Comune di Casalecchio di Reno ASILO NIDO R. VIGHI PROGETTO DIDATTICO LAVORARE IN CONTINUITA Per un progetto di territorio: uno spazio e un tempo per l incontro Anno educativo 2007/2008 A cura del Collettivo

Dettagli

Presentazione 3. Una Panoramica dei Servizi Della Comunità 4. Progetto Borse Lavoro 6

Presentazione 3. Una Panoramica dei Servizi Della Comunità 4. Progetto Borse Lavoro 6 Presentazione 3 Una Panoramica dei Servizi Della Comunità 4 Progetto Borse Lavoro 6 2 Comunità Oklahoma Onlus Milano Buongiorno, Il progetto Borsa Lavoro che vi presentiamo, mira a creare nuove opportunità

Dettagli

Progetto di plesso Scuola primaria di Lama Anno scolastico 2014/2015

Progetto di plesso Scuola primaria di Lama Anno scolastico 2014/2015 Progetto di plesso Scuola primaria di Lama Anno scolastico 2014/2015 Segui sempre le 3 R : Rispetto per te stesso. Rispetto per gli altri. Responsabilità per le tue azioni. (Dalai Lama) Impara le regole,

Dettagli