L Associazione CONTRO L ESCLUSIONE è una ONLUS sorta nel 1984 per favorire l integrazione sociale delle persone disabili.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L Associazione CONTRO L ESCLUSIONE è una ONLUS sorta nel 1984 per favorire l integrazione sociale delle persone disabili."

Transcript

1 ASSOCIAZIONE CONTRO L ESCLUSIONE onlus Registro regionale VI0035 C.F Via Fornaci, SCHIO - tel L ASSOCIAZIONE L Associazione CONTRO L ESCLUSIONE è una ONLUS sorta nel 1984 per favorire l integrazione sociale delle persone disabili. L area territoriale di riferimento è l Alto Vicentino (ulss 4). Tra i suoi promotori l Associazione Contro l Esclusione ha avuto inizialmente degli insegnanti, che avevano capito l importanza di non escludere le persone disabili dal contesto formativo e sociale; attraverso le prime esperienze di integrazione scolastica, avevano sperimentato che l inclusione delle diversità è portatrice di ricchezza. Oggi l Associazione vede tra i soci la presenza prevalente di genitori (110 soci), che insieme ai volontari (30 circa) opera per far riconoscere la piena dignità sociale delle persone disabili e i loro diritti. Lavoriamo alla sensibilizzazione del territorio, alla formazione di giovani volontari, alla stesura dei Piani di Comunità con l ulss4. Come genitori, sentiamo le urgenze improrogabili dei nostri figli che crescono e la necessità di trovare rapidamente risposte ai bisogni che esprimono per sé e per noi. Abbiamo individuato 3 bisogni principali: 1. Bisogno di crescere nel modo più autonomo possibile per aumentare la propria autostima; per valorizzare le proprie abilità; per non percepirsi sempre bisognosi d aiuto ma anche capaci di fare per gli altri. 2. Bisogno di amicizia con i coetanei: amicizie il più possibile eterogenee per crescere attraverso scambi paritetici e ricchi di interessi ed esperienze. 3. Bisogno di aiutare i genitori a guardare ai propri figli come a persone in crescita, con interessi e necessità che mutano nel tempo. Aiutare i genitori a lasciare andare i figli anche nella prospettiva di una loro autonomia abitativa. Per questi motivi dal 2002 lavoriamo a progetti di autonomia. PROGETTI DI AUTONOMIA PER PERSONE CON DISABILITA INTELLETTIVA Dal tempo libero alla residenzialità integrata Introduzione La crescita è il passaggio graduale dalla dipendenza all autonomia, ma un bambino con disabilità incontra due ostacoli: - i limiti imposti dal deficit - le ambivalenze dell ambiente che possono creare il reale handicap ( non sei capace a fare questo allora, non sei capace e faccio io per te oppure mi dispiace non poter eliminare la disabilità allora ti coccolo di più. Perché educare all autonomia: - per il maggior inserimento sociale possibile - prerequisito per costruire un proprio ruolo sociale - prerequisito per inserimento lavorativo - prerequisito per una possibile residenzialità integrata e/o futura vita adulta indipendente

2 Premessa Si diventa adulti cominciando da piccoli (C.Lepri) Spesso quando si parla di disabilità intellettiva si percepisce una vaga sensazione di tempo ad una sola dimensione, quella del presente, come se mancasse quella del futuro; è come se spesso genitori, educatori, la società nel suo insieme, fossero incapaci d immaginare e quindi riconoscere, la persona con difficoltà quale persona adulta. Sembra mancare una rappresentazione sociale della persona disabile intellettiva come portatrice di bisogni, desideri, sogni ed anche di quei diritti e doveri che ogni cittadino ha la possibilità di esprimere e che normalmente viene educato a coltivare, a rispettare e a lasciare crescere con sé. E ormai unanimemente riconosciuta la centralità della funzione della rappresentazione sociale di ognuno di noi nel processo di riconoscimento della propria adultità. Spesso però la rappresentazione sociale non si basa esclusivamente sull analisi oggettiva di competenze e limiti effettivi, ma molto di più sul senso comune, sulle abitudini, sugli stereotipi, le credenze ed i preconcetti, che l altro può avere su di noi. In questi anni quindi, alla luce di tali riflessioni, ci siamo soffermati a osservare come le più piccole sfumature nel modo di porsi, atteggiarsi, proporsi, comunicare, confidare, scommettere nelle persone, possano favorire la reale crescita di ognuno e sostenere dapprima il riconoscimento della propria identità per lasciare poi lo spazio al costruirsi dell identità adulta. In conseguenza a ciò, abbiamo considerato come sia difficile per una persona disabile diventare adulta se la maggior parte delle persone non la immagina tale e se, come spesso succede in questi casi, la vita non segue un percorso naturale che comporti lo sperimentare, l esprimere e l acquisire naturalmente quei diritti e doveri gradualmente commisurati ad ogni fascia d età, contraddistinta da particolari e diversi obiettivi, responsabilità e progetti. Tutto questo, per chi già vive una situazione di difficoltà può causare demotivazione, perdita del senso di realtà e di conseguenza di autodeterminazione; perdita della voglia di crescere, di assumersi le proprie responsabilità, maturare e affrontare il complesso percorso del diventare adulti raggiungendo il proprio e maggior grado di autonomia possibile. L idea è che l accesso al mondo degli adulti non si costruisca in modo astorico, tutto d un tratto allo scoccare di una certa età anagrafica, ma sia la risultante di un percorso educativo-affettivo ed esperienziale che prende l avvio proprio da progetti di crescita quotidiana, graduale e continuativa. Tutte queste riflessioni dettate da tante letture, convegni, tavole rotonde, incontri con formatori, discussioni e approfondimenti, sono state avvallate e sostenute dall osservazione della realtà quotidiana, dall ascolto, dalla condivisione e rielaborazione dei tanti racconti di genitori e degli stessi protagonisti che in questi anni abbiamo visto crescere. Queste riflessioni ci hanno anche indirizzato nella scelta degli obiettivi e dello stile di lavoro e di approccio alle persone: abbiamo organizzato progetti graduali e tra loro strettamente collegati, che possano accompagnare la crescita di ogni partecipante e delle rispettive famiglie, basandoci sempre su motivazioni reali, condivisioni concrete, profondo senso di realtà e contenuti adeguati all età di ognuno.

3 I PROGETTI LA PALESTRA: PROGETTO LUDICO SPORTIVO INTEGRATO Questo progetto vede la partecipazione di 21 ragazzi e giovani disabili intellettivi e 21 volontari suddivisi in 2 gruppi. Finalità: - offrire un luogo di incontro informale nell idea di poter scegliere un attività di reale tempo libero - creare un luogo di integrazione ed inclusione dove ogni partecipante abbia come unico scopo quello di venire a muoversi e divertirsi - possibilità di scegliere se e come partecipare a questo tipo di attività - conoscere e crescere nelle proprie modalità comunicative e relazionali attraverso attività indirette quali possono essere quelle sportive - sensibilizzare il territorio creando uno spazio di integrazione ed inclusione sfruttando un contesto informale Obiettivi: - per il gruppo dei più giovani : costruire nel tempo una struttura sempre più organizzata e che si avvicini alla struttura classica di un ora di ginnastica; affrontare ed impostare giochi ludici propedeutici a quelli sportivi; - per il gruppo dei più grandi: affrontare, impostare e progredire in tutti gli sport di squadra attraverso un attività polisportiva e giochi di tipo propedeutico - partecipare ad alcune manifestazioni sportive non competitive dove poter crescere nella gestione dei propri limiti e risorse e di conseguenza nella capacità di gestire la frustrazione, la cooperazione, la condivisione Struttura e svolgimento - una sera a settimana da settembre a giugno - due gruppi divisi per fasce d età - dedicato e pensato per ragazzi dai 14 ai 20 anni; giovani dai 20 ai 40 anni; - gruppo costituito da un numero abbastanza simile di volontari e persone in difficoltà

4 PIANO ECONOMICO PREVENTIVO - PROGETTO PALESTRA (Attività ludico-sportiva) Coinvolti circa 25 ragazzi e 20 volontari A- SPESE PER IL PERSONALE SPECIALIZZATO 01 OPERATORE PRESTAZIONI 1.300,00 01 SUPERVISORE PRESTAZIONI 600,00 B- RIMBORSI SPESE PERSONALE SPECIALIZZATO E VOLONTARI OPERATORE Benzina, Autost. Parcheggio 500,00 VOLONTARI Rimborso spese 500,00 C- ALTRE TIPOLOGIE DI SPESE COSTI PREVISTI - Affitto palestra 1.100,00 - Assicurazioni 250,00 TOTALE SPESE COMPLESSIVE 4.250,00 - CONTRIBUTO GENITORI 2.000,00 +

5 IL CLUB DEI RAGAZZI (durata tre anni) Il corso di educazione all autonomia, rivolto a ragazzi adolescenti con disabilità cognitiva, si colloca nell ambito del tempo libero e si struttura in una serie di incontri settimanali di 3 ore circa, dando vita al CLUB DEI RAGAZZI. Attualmente ogni ragazzo si incontra un pomeriggio a settimana con un gruppo composto da 8 ragazzi, 3 educatori e 1 o 2 volontari. Finalità: - raggiungere le capacità minime ed essenziali per sapersela cavare fuori casa - raggiungere le capacità minime essenziali per sapersela cavare in casa Obiettivi: - - acquisire competenze utili nella vita di tutti i giorni (autonomie e autonomia sociale) - - sapersela cavare - - fare un percorso di consapevolezza rispetto alla propria disabilità - - spazio in cui elaborare e crescere nella propria affettività e sessualità - - costruire la propria identità adulta Struttura e svolgimento - dopo un momento comune il gruppo si divide in 3 sottogruppi di 2-3 ragazzi ciascuno - all interno del sottogruppo vengono proposte la maggior parte delle attività, mentre situazioni di tipo ludico e ricreativo vengono proposte in momenti particolari dell anno (compleanni, Natale, week-end ) coinvolgendo l intero gruppo - 3 operatori, 1-2 volontari, 1 coordinatrice presente all attività, 1 supervisore per verifiche periodiche e incontri con le famiglie. - il corso si articola in 3 anni, periodo che è stato reputato adeguato a permettere a ognuno di acquisire competenze, sicurezza e consapevolezza ed acquisire la maggiore autonomia possibile rispetto alle proprie potenzialità. - ogni anno ha una sua progettualità: il primo anno è l anno delle scoperte, il secondo sarà l anno delle conquiste, il terzo quello del volare alto. Le attività proposte sono incentrate su 5 aree educative : Comunicazione (saper chiedere, saper dare i propri dati, usare il telefono ) Orientamento (leggere e seguire le indicazioni stradali, individuare punti di riferimento, riconoscere fermate di autobus, taxi ) Comportamento stradale (attraversamento, semafori ) Uso del denaro (acquisizione del valore del denaro, riconoscimento, conteggio, corrispondenza prezzodenaro, resto ) Uso dei servizi (discriminazione ed uso dei negozi, supermercati, luoghi di divertimento, bar, cinema, uffici postali, mezzi pubblici )

6 Le attività proposte da e ai ragazzi toccano in modo trasversale queste aree e prendono spunto da interessi dell età, occasioni offerte dal calendario, esigenze di acquisti personali e altro L appartamento, la strada, i negozi, la realtà rappresentano l ambiente educativo in cui vengono proposti la maggior parte degli apprendimenti Lo stile è quello dell imparare facendo in un autonomia che non vuol dire solo cavarsela da soli, ma anche essere più consapevoli dei propri limiti e le proprie competenze, di conseguenza imparare a collaborare, saper chiedere aiuto, gestire l imprevisto PIANO ECONOMICO PREVENTIVO - PROGETTO CLUB DEI RAGAZZI A- SPESE PER IL PERSONALE SPECIALIZZATO 03 OPERATORI PRESTAZIONI ,00 01 SUPERVISORE PRESTAZIONI 5.000,00 B- RIMBORSI SPESE PERSONALE SPECIALIZZATO E VOLONTARI 03 OPERATORI Materiale per attività 350,00 03 VOLONTARI Tel., Trasporti ,00 Contributo formazione 400,00 C- ALTRE TIPOLOGIE DI SPESE comune a CLUB + ATL + WEEK END ANNUALI COSTI PREVISTI - Affitto appartamento 6.600,00 - Utenze appartamento (gas, luce, scale) 800,00 - Attrezzature appartamento 2.500,00 - Spese di gestione (studio commerciale, cancelleria) 500,00

7 - Spese assicurative 250,00 TOTALE SPESE ,00 - CONTRIBUTO GENITORI - 9 ragazzi ,00 + AGENZIA DEL TEMPO LIBERO (ATL) Ai ragazzi che hanno terminato i tre anni del corso di educazione all'autonomia, viene proposto di partecipare all'agenzia di autogestione del tempo libero. Attualmente gli iscritti sono 11 ragazzi. La differenza sostanziale tra il corso e l'agenzia è che, mentre il primo mira a far acquisire ai ragazzi le competenze di autonomia che spesso non hanno, attraverso attività e percorsi individualizzati, la seconda si prefigge di consolidare quelle competenze che, pur in misura diversa, ogni ragazzo ha acquisito nel corso, organizzando attività di tempo libero il più possibile auto-gestite. L appartamento sarà il punto di incontro dove ritrovarsi per organizzare insieme uscite, teatro, cinema, discoteca, insomma tutto quello che fanno gli amici quando si incontrano. Ma sarà anche un luogo domestico dove trascorrendo serate e week-end insieme imparando a gestire gli acquisti per una cena, la preparazione della stessa, la sistemazione e la pulizia degli ambienti, ecc. Durante questi incontri i ragazzi sono supportati nell organizzazione dalle 3 operatrici, 1o 2 volontari. Obiettivi - dare ai ragazzi un luogo di incontro da grandi - imparare a gestire il proprio tempo - imparare a scegliere - vivere autenticamente l esperienza del gruppo di pari Struttura e svolgimento - 1 incontro a settimana di 3 ore - 1 incontri mensile serale - 1 incontro mensile nel week end - vacanze estive con suddivisione in più gruppi con autogestione dello spazio casa prescelto - il programma delle attività è fatto a turno da uno dei tre sottogruppi - un sottogruppo si occupa a turno delle pulizie dell appartamento - un sottogruppo a turno si occupa delle compere e delle necessità varie dell appartamento

8 - la programmazione ed il percorso educativo portato avanti dalle operatrici viene supervisionato dal coordinatore del progetto con incontri quindicinali - nel corso dell anno il coordinatore svolge incontri con le singole famiglie e propone momenti formativi al gruppo famiglie. PIANO ECONOMICO PREVENTIVO - PROGETTO ATL (Agenzia del Tempo Libero) A- SPESE PER IL PERSONALE SPECIALIZZATO 03 OPERATORI PRESTAZIONI ,00 01 SUPERVISORE PRESTAZIONI 2.000,00 B- RIMBORSI SPESE PERSONALE SPECIALIZZATO E VOLONTARI 03 OPERATORI Materiale per attività 350,00 03 VOLONTARI Tel., Trasporti ,00 C- ALTRE TIPOLOGIE DI SPESE comune a CLUB + ATL + WEEK END ANNUALI COSTI PREVISTI - Affitto appartamento 6.600,00 - Utenze appartamento (gas, luce, scale) 800,00 - Attrezzature appartamento 2.500,00 - Spese di gestione (studio commerciale, cancelleria) - Spese assicurative 500,00 250,00 TOTALE SPESE ,00 - CONTRIBUTO GENITORI - 11 ragazzi ,00 +

9 PROGETTO WEEK-END Il progetto, iniziato nel 2000 in forma sperimentale durante i week end di giugno, luglio e settembre, viene ampliato a 40 week end annuali per dare modo a tutti i giovani disabili delle famiglie iscritte all Associazione, di sperimentare momenti di vita fuori casa, a turno, in gruppetti di tre con la presenza di un operatore e due volontari. Obiettivi - dare la possibilità ai partecipanti di conoscere e gestire situazioni nuove - dare occasione di incontro fuori casa - dare ai ragazzi occasioni di passare del tempo libero fuori casa - imparare a gestire ed organizzare il proprio tempo libero - acquisire e mantenere competenze ed abilità di vita quotidiana - vivere il proprio tempo all insegna dell autonomia e del divertimento - Struttura e svolgimento - i ragazzi possono prenotare i week end che preferiscono - in base al calendario, le disponibilità di operatori e volontari, il numero di richieste si organizzano e suddividono in 40 week end possibili - si cerca di creare ogni gruppo week end incrociando 1 operatore, 2 volontari e 3 ragazzi tenendo conto delle varie caratteristiche di ognuno (conoscenza, esperienze, competenze e limiti, età, patologia) nell idea che essere autonomi non vuol dire fare tutto da soli, ma integrare le proprie competenze con quelle altrui - l orario previsto è dalle 10 del sabato alle 20 della domenica PIANO ECONOMICO PREVENTIVO - PROGETTO WEEK END ANNUALI PRECEDUTO DA CORSO DI FORMAZIONE OPERATORI E VOLONTARI A- SPESE PER IL PERSONALE SPECIALIZZATO durante i week end 04 OPERATORI PRESTAZIONI ,00 01 SUPERVISORE PRESTAZIONI 2.100,00

10 B- RIMBORSI SPESE PERSONALE SPECIALIZZATO E VOLONTARI OPERATORI Materiale per attività, Tel., Trasporti, ,00 VOLONTARI idem 800,00 C- ALTRE TIPOLOGIE DI SPESE comune a CLUB + ATL + WEEK END ANNUALI COSTI PREVISTI - Affitto appartamento 6.600,00 - Utenze appartamento (gas, luce, scale) 800,00 - Attrezzature appartamento 2.500,00 - Spese di gestione (studio commerciale, cancelleria) - Spese assicurative 500,00 250,00 TOTALE SPESE ,00 - CONTRIBUTO GENITORI 6.000,00 + CORSO DI FORMAZIONE OPERATORI E VOLONTARI PER PROGETTO WEEK-END Il corso viene realizzato proprio nell idea di sensibilizzare e coinvolgere nuovi volontari e formare nuovi operatori per poter realizzare il progetto week-end. Obiettivi - apprendere e/approfondire i concetti di autonomie personali e autonomia sociale - apprendere una metodologia di lavoro basato sul senso di realtà, la motivazione, il protagonismo del ragazzo stesso - approfondire alcune delle strategie concrete di approccio alla progettazione individualizzata per sfruttare al massimo le competenze di ognuno - valutare e saper osservare quali sono le competenze minime essenziali per sapersela cavare in casa da soli - apprendere e/o approfondire il tema dell autonomia nelle occasioni di vita quotidiana - costruire/elaborare metodi e mezzi osservativi e/o di verifica continuativa, per tenere memoria del percorso di crescita di ognuno e verificare il proprio lavoro di operatore/volontario - sviluppare la capacità di lavorare in gruppo tra gli operatori

11 - sviluppare la capacità di lavorare assieme e avere una giusta collaborazione tra operatori e volontari, rispettando e conoscendo l utilità, il valore e le differenze di entrambi i ruoli - saper progettare insieme ai ragazzi un buon week end di tempo libero in sicurezza ed a sfondo di autonomia Struttura e svolgimento - corso di formazione con attività didattiche fortemente interattive basato sulle esperienze già realizzate - la formazione sarà curata dall équipe che in questi anni ha realizzato presso l Associazione tutti i progetti a sfondo di autonomia - 10 lezioni di 2,5 ore ciascuna - lezione frontale, lezione integrata con filmati, lavoro a piccoli gruppi sulle strategie, role playing - presentazione di materiali, strumenti già realizzati ed utilizzati dall équipe in precedenza - presentazione e rielaborazione attraverso lavori di gruppo di situazioni problema concrete e reali PIANO ECONOMICO PREVENTIVO - CORSO DI FORMAZIONIONE OPERATORI E VOLONTARI A- SPESE PER CORSO DI FORMAZIONE PER NUOVI OPERATORI E VOLONTARI 01 DIRETTORE CORSO PRESTAZIONI 900,00 05 RELATORI PRESTAZIONI 1.790,00 B- ALTRE SPESE COSTI PREVISTI - Spese organizzazione corso (Tel., fotocopie, attestati...) 300,00 - Affitto locale 1.500,00 TOTALE SPESE 4.490,00 -

12 TOTALE COSTI PROGETTI AUTONOMIA: (PALESTRA+CLUB+ATL+WEEK END) RISORSE UMANE COSTI PREVISTI OPERATORI ,00 SUPERVISORE 9.700,00 RIMBORSI VOLONTARI 2.000,00 RELATORI CORSO FORMAZIONE+DIRETTORE 2.990,00 ALTRE TIPOLOGIE DI SPESE - Affitto appartamento - Affitto palestra - Affitto locale per Corso formazione COSTI PREVISTI 6.600, , ,00 - Utenze appartamento (gas, luce, scale) - Spese di gestione (studio commerciale...) - spese assicurative 800,00 500,00 250,00 - Attrezzature appartamento 2.500,00 TOTALE SPESE COMPLESSIVE ,00 - TOTALE CONTRIBUTO GENITORI ,00 + TOTALE CONTRIBUTO ANNUALE RICHIESTO ,00 Per l Associazione Contro l Esclusione La coordinatrice dott.sa Francesca Benedetti

delle persone si riferiva alle persone Down chiamandole mongoloidi e l idea più diffusa era quella di persone ritardate mentalmente che sarebbero

delle persone si riferiva alle persone Down chiamandole mongoloidi e l idea più diffusa era quella di persone ritardate mentalmente che sarebbero DIVENTARE GRANDI: LA CONQUISTA DELL AUTONOMIA Anna Contardi annacontardi@aipd.it Associazione Italiana Persone Down Viale delle Milizie 106-00192- Roma - Italy In Italia 1 bambino ogni 1200 nasce con la

Dettagli

COOPERAZIONEFAMIGLIE

COOPERAZIONEFAMIGLIE COOPERAZIONEFAMIGLIE Chi siamo La Cooperativa Sociale CAF nasce nel 2011 a Romano di Lombardia ( BG ) dalla filiazione dell Associazione di Volontariato Sociale CAF Centro Aiuto Famiglia, sorta nel 1986,

Dettagli

Scheda di presentazione progetto del Piano Operativo Giovani (POG)

Scheda di presentazione progetto del Piano Operativo Giovani (POG) Mod. A2 PGA Scheda di presentazione progetto del Piano Operativo Giovani (POG) 1. Codice Progetto GIPRO_1_ 2015 2. Titolo del progetto "Essere educatore. Ruolo e strategie psico-educative per chi inter-agisce

Dettagli

L AQUILONE vola alto

L AQUILONE vola alto onlus PROGETTO CULTURA L AQUILONE vola alto intrecciamo le nostre vite per poterle vivere al meglio. Scuole primarie PREMESSA Far cultura è uno dei fini statutari dell Associazione. Nel rispetto di tale

Dettagli

Camp Fondazione Atm. L Orma Via De Rolandi, 12 20156 (MI) Tel: 02 33002932 Fax: 02 33000525 Iscritta al Registro Provinciale APS n 133

Camp Fondazione Atm. L Orma Via De Rolandi, 12 20156 (MI) Tel: 02 33002932 Fax: 02 33000525 Iscritta al Registro Provinciale APS n 133 PRESENTA Camp Fondazione Atm IL PROGETTO EDUCATIVO DESCRIZIONE DELL INIZIATIVA Il soggiorno estivo rivolto ai bambini e ragazzi della Fondazione Atm è un percorso di azione formativa all interno del quale

Dettagli

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali METODOLOGIA Scuola dell infanzia La scuola dell infanzia è un luogo ricco di esperienze, scoperte, rapporti, che segnano profondamente la vita di tutti coloro che ogni giorno vi sono coinvolti, infatti

Dettagli

1) MOTIVAZIONE SCOLASTICA: promuovere le risorse personali degli studenti per aiutarli a stare e andare bene a scuola.

1) MOTIVAZIONE SCOLASTICA: promuovere le risorse personali degli studenti per aiutarli a stare e andare bene a scuola. Passo dopo Passo Insieme supporta la motivazione scolastica dei preadolescenti, promuovendo percorsi che mettano al centro le risorse personali dei ragazzi e offrendo progetti di formazione e sensibilizzazione

Dettagli

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative;

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; INDICE Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; - LE LINEE DI METODO, che individuano le esperienze di apprendimento,

Dettagli

INCLUSIONE TUTTI UGUALI OGNUNO DIVERSO

INCLUSIONE TUTTI UGUALI OGNUNO DIVERSO INCLUSIONE Integrazione Alunni disabili DSA BES TUTTI UGUALI OGNUNO DIVERSO.LINEE GUIDA PER L INCLUSIONE SCOLASTICA DEGLI ALUNNI CON DISABILITA LINEE GUIDA PER L INCLUSIONE SCOLASTICA L inclusione è un

Dettagli

1) Ente proponente il progetto: UNA MANO PER TE SOCIETA COOPERATIVA SOCIALE ONLUS REGIONE PUGLIA

1) Ente proponente il progetto: UNA MANO PER TE SOCIETA COOPERATIVA SOCIALE ONLUS REGIONE PUGLIA Estratto scheda Progetto ENTE 1) Ente proponente il progetto: UNA MANO PER TE SOCIETA COOPERATIVA SOCIALE ONLUS 2) Codice di accreditamento: NZ04068 3) Albo e classe di iscrizione: REGIONE PUGLIA 4 CARATTERISTICHE

Dettagli

SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015

SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015 UFFICIO SERVIZIO CIVILE SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015 Titolo progetto Nuove abilità 2014 (Palermo) Ambito/settore di intervento Tipologia destinatari N. giovani in servizio civile richiesti

Dettagli

ALLEGATO 6. TITOLO DEL PROGETTO Quattro ruote per socializzare. SETTORE E AREA DI INTERVENTO Settore: Assistenza Aree: Disabili

ALLEGATO 6. TITOLO DEL PROGETTO Quattro ruote per socializzare. SETTORE E AREA DI INTERVENTO Settore: Assistenza Aree: Disabili ALLEGATO 6 SEDE DI SVOLGIMENTO E POSTI DISPONIBILI ENTE Coordinamento Associazioni di Volontariato della provincia dell'aquila - Centro di Servizio per il Volontariato della provincia dell Aquila SEDE

Dettagli

PROGRAMMA PROVINCIALE SPERIMENTALE DOMICILIARITA INNOVATIVA PER PERSONE DISABILI IN SITUAZIONE DI GRAVITA (L.R. 41/96 ARTT. 5-21) TRIENNIO 2007-2009

PROGRAMMA PROVINCIALE SPERIMENTALE DOMICILIARITA INNOVATIVA PER PERSONE DISABILI IN SITUAZIONE DI GRAVITA (L.R. 41/96 ARTT. 5-21) TRIENNIO 2007-2009 PROGRAMMA PROVINCIALE SPERIMENTALE DOMICILIARITA INNOVATIVA PER PERSONE DISABILI IN SITUAZIONE DI GRAVITA (L.R. 41/96 ARTT. 5-21) TRIENNIO 2007-2009 PROGETTI DELL AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N. 4 MEDIO

Dettagli

SOCIETA DELLA SALUTE DELLA VALDERA Pontedera - Provincia di Pisa COPIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA ASSEMBLEA DEI SOCI

SOCIETA DELLA SALUTE DELLA VALDERA Pontedera - Provincia di Pisa COPIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA ASSEMBLEA DEI SOCI SOCIETA DELLA SALUTE DELLA VALDERA Pontedera - Provincia di Pisa COPIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA ASSEMBLEA DEI SOCI Delibera Numero 25 del 07.09.2015 OGGETTO: PROGETTO VITA INDIPENDENTE ATTIVAZIONE

Dettagli

PROGETTI DI SERVIZIO CIVILE UNIVERSALE PROVINCIALE

PROGETTI DI SERVIZIO CIVILE UNIVERSALE PROVINCIALE PROGETTI DI SERVIZIO CIVILE UNIVERSALE PROVINCIALE Ente: COOPERATIVA SOCIALE VILLA MARIA Indirizzo: PIAZZA S. MARTINO - LENZIMA DI ISERA 2 - ISERA Recapito telefonico: 0464 387801 Indirizzo e-.mail: segreteria@coopvillamaria.org

Dettagli

SCUOLA SUPERIORE EUROPEA DI COUNSELING SEDE DI MILANO

SCUOLA SUPERIORE EUROPEA DI COUNSELING SEDE DI MILANO SCUOLA SUPERIORE EUROPEA DI COUNSELING SEDE DI MILANO Via Sangallo 41 20133 Milano Tel 02/70006555 aspicmilano@libero.it www.aspicmilano.com aspicmilano CHI SIAMO ASPIC SCUOLA SUPERIORE EUROPEA DI COUNSELING

Dettagli

PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI

PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI Cos è la meditazione e a cosa serve nel processo educativo La meditazione

Dettagli

PROGETTO DEL CENTRO SOCIO EDUCATIVO IL MELOGRANO

PROGETTO DEL CENTRO SOCIO EDUCATIVO IL MELOGRANO COMUNE DI SERRAVALLE PISTOIESE PROVINCIA DI PISTOIA PROGETTO DEL CENTRO SOCIO EDUCATIVO IL MELOGRANO Premessa La progettazione di un centro socio educativo sul territorio di Serravalle P.se nasce dall

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: ANNO RICCO MI CI FICCO SETTORE e Area di Intervento: Settore A: Assistenza Aree: A02 Minori voce 5 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO OBIETTIVI DEL PROGETTO OBIETTIVI GENERALI

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

Carta dei servizi. Casa Famiglia Zanni. Fondazione Casa Regina della Famiglia

Carta dei servizi. Casa Famiglia Zanni. Fondazione Casa Regina della Famiglia Carta dei servizi Casa Famiglia Zanni Fondazione Casa Regina della Famiglia Via Villanova 1002-41100 Villanova Modena Tel. 059 840041 - Fax 059 849001 e-mail fondreginafam@libero.it profilo Responsabili

Dettagli

T. 22100 COMO 031/296702-296756 349/2237557 031/296898 E

T. 22100 COMO 031/296702-296756 349/2237557 031/296898 E CENTRO DIURNO Casa Divina Provvidenza- Opera Don Guanella Via T. Grossi n.18 22100 COMO Tel:. 031/296702-296756 Cell:. 349/2237557 Fax. 031/296898 E mail.: lagrandecorte@guanelliani.it Presentazione del

Dettagli

Educazione e relazioni: la necessità di formazione e interventi nella scuola secondaria di primo grado

Educazione e relazioni: la necessità di formazione e interventi nella scuola secondaria di primo grado ESTRATTO Educazione e relazioni: la necessità di formazione e interventi nella scuola secondaria di primo grado SCHEDA TECNICA DELL INTERVENTO (novembre 2010) I. PRESENTAZIONE DELLA ATTIVITA (FORMAZIONE

Dettagli

Allegato 1) alla determinazione dirigenziale n. 881 dd. 31.3.2010

Allegato 1) alla determinazione dirigenziale n. 881 dd. 31.3.2010 Allegato 1) alla determinazione dirigenziale n. 881 dd. 31.3.2010 PROGRAMMA DI SPERIMENTAZIONE DI MODELLI ORGANIZZATIVI INNOVATIVI DEGLI INTERVENTI E DEI SERVIZI DI RETE RIVOLTI ALLE PERSONE DISABILIART.

Dettagli

Le famiglie fanno Centro Progetto ai sensi della DGR n. 1216/2012

Le famiglie fanno Centro Progetto ai sensi della DGR n. 1216/2012 Comune di Gradara Provincia di Pesaro e UrBino Settore Politiche Sociali Assessore Solindo Pantucci Le famiglie fanno Centro Progetto ai sensi della DGR n. 1216/2012 A cura di: Dott.ssa Carmen Pacini Responsabile

Dettagli

Corso di specializzazione per il sostegno Progetto di tirocinio (CF 06/03/12)

Corso di specializzazione per il sostegno Progetto di tirocinio (CF 06/03/12) Modulo di specializzazione per l attività didattica di sostegno nell ambito del Corso di laurea in Scienze della formazione primaria a.a. 2011/12 Finalità generali Divenire consapevoli della molteplicità

Dettagli

PROGETTI TRASVERSALI PROGETTO FINALITÀ DESTINATARI

PROGETTI TRASVERSALI PROGETTO FINALITÀ DESTINATARI PROGETTI TRASVERSALI FINALITÀ DESTINATARI SCIENZE MOTORIE: 1. PSICOMOTRICITA 2. GIOCO-SPORT 3. SPORTIVAMENTE A SCUOLA Acquisire la conoscenza-coscienza del proprio Io corporeo e la capacità d interagire

Dettagli

SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015

SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015 UFFICIO SERVIZIO CIVILE SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015 Titolo progetto NO-E (ALESSANDRIA1) Ambito/settore di intervento Codifica: A12 Settore: ASSISTENZA Area d intervento: DISAGIO ADULTO Tipologia

Dettagli

Centro di attività extrascolastiche e giovanili per ragazzi fino ai 14 anni

Centro di attività extrascolastiche e giovanili per ragazzi fino ai 14 anni Bellinzona, 24 marzo 2014 PROGETTO 1 Centro di attività extrascolastiche e giovanili per ragazzi fino ai 14 anni Associazione genitori Scuole Sud Piazza Indipendenza 1, cp 1012, 6501 Bellinzona www.lamurata.ch

Dettagli

Quali sono? Da dove iniziamo? La diagnosi. Transizioni evolutive. shock rifiuto senso di colpa e d inadeguatezza. La comunicazione della diagnosi

Quali sono? Da dove iniziamo? La diagnosi. Transizioni evolutive. shock rifiuto senso di colpa e d inadeguatezza. La comunicazione della diagnosi Dipartimento di Scienze Pediatriche Mediche e Chirurgiche U.O.C Clinica Pediatrica Università di Messina SUPPORTO PSICOLOGICO Psicologa Dott.ssa Maria Pecoraro Da dove iniziamo? La diagnosi La diagnosi

Dettagli

CATALOGO AZIONI FORMATIVE

CATALOGO AZIONI FORMATIVE CATALOGO AZIONI FORMATIVE week-end formativo di fotografia sociale SCAMBIO di esperienze e di saperi corso residenziale per formatori week-end formativo per animatori week-end formativo per redattori sociali

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA. IC Borgaro Torinese

CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA. IC Borgaro Torinese via Ciriè 52 10071 BORGARO (TO) Tel. 0114702428-0114703011 Fax 0114510084 Cod. Fiscale 92045820013 TOIC89100P@istruzione.it http://www.icborgaro.it Marchio SAPERI certificato n. 14 CURRICOLO VERTICALE

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE SCUOLA INFANZIA ITALO CALVINO SEZIONE C. a.s. 2013-2014

PROGRAMMAZIONE ANNUALE SCUOLA INFANZIA ITALO CALVINO SEZIONE C. a.s. 2013-2014 PROGRAMMAZIONE ANNUALE SCUOLA INFANZIA ITALO CALVINO SEZIONE C a.s. 2013-2014 Il percorso che quest'anno vogliamo realizzare è alfabetizzare alle emozioni e nasce dall'esigenza di fornire al bambino strumenti

Dettagli

IL LUDOBUS ARCI ACLI

IL LUDOBUS ARCI ACLI Il Ludobus 1 IL LUDOBUS Il Progetto Ludobus, elaborato dalle Associazioni ARCI Pavia ed ACLI Pavia, è una proposta culturale di intrattenimento ludico itinerante, per offrire occasioni di gioco e di incontro

Dettagli

Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato

Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato Il progetto Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato è nato in seguito ad un progetto pilota avviato durante l anno scolastico 1999/2000 e presentato

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO STATALE FILIPPO MEDA DI INVERIGO

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO STATALE FILIPPO MEDA DI INVERIGO SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO STATALE FILIPPO MEDA DI INVERIGO Tel. 031. 607321 - E-mail: sms.inverigo@tiscali.it - Sito: www.icsinverigo.gov.it Direzione e Segreteria dell Istituto Comprensivo: Via

Dettagli

Analisi della qualità dell inclusione. Questionari famiglie scuola dell infanzia

Analisi della qualità dell inclusione. Questionari famiglie scuola dell infanzia Analisi della qualità dell inclusione Questionari famiglie scuola dell infanzia Anno scolastico 23-24 Questionari compilati Villanova Monteleone 55 alunni Olmedo 2 alunni 4 3 5 SI NO 9 SI NO Romana alunni

Dettagli

Documento di approfondimento. Valutazione dello stress lavoro correlato e benessere organizzativo nella scuola

Documento di approfondimento. Valutazione dello stress lavoro correlato e benessere organizzativo nella scuola Documento di approfondimento Valutazione dello stress lavoro correlato e benessere organizzativo nella scuola VALUTAZIONE DELLO STRESS LAVORO CORRELATO E BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLA SCUOLA Il Decreto

Dettagli

Istituto Scolastico comprensivo G. Lanfranco Gabicce Mare. Educare nell era digitale ARGG! : un esperienza di didattica aumentata NADIA VANDI

Istituto Scolastico comprensivo G. Lanfranco Gabicce Mare. Educare nell era digitale ARGG! : un esperienza di didattica aumentata NADIA VANDI Istituto Scolastico comprensivo G. Lanfranco Gabicce Mare Educare nell era digitale ARGG! : un esperienza di didattica aumentata Perché la scuola si è occupata di tecnologie digitali Esperienza di didattica

Dettagli

ASL TO2 DIPARTIMENTO PATOLOGIA DELLE DIPENDENZE 2 C. Olievenstein

ASL TO2 DIPARTIMENTO PATOLOGIA DELLE DIPENDENZE 2 C. Olievenstein DIPARTIMENTO PATOLOGIA DELLE DIPENDENZE 2 C. Olievenstein 57 Dipartimento Patologia delle Dipendenze 2 C. Olievenstein Circoscrizioni 6 e 7 Unplugged È un programma scolastico di prevenzione delle dipendenze,

Dettagli

Centro Direzionale Via G.Porzio - Isola E3 80143 - Napoli Tel: 081.19811450 Fax: 081.19811451 Sito: www.amesci.org Email: info@amesci.

Centro Direzionale Via G.Porzio - Isola E3 80143 - Napoli Tel: 081.19811450 Fax: 081.19811451 Sito: www.amesci.org Email: info@amesci. BREVE DESCRIZIONE DEL PROGETTO IL MIO SPAZIO SETTORE D INTERVENTO AREA D INTERVENTO OBIETTIVO GENERALE OBIETTIVI SPECIFICI ASSISTENZA MINORI Il progetto qui presentato ha l obiettivo generale di alleviare

Dettagli

Studenti di oggi cittadini di domani: lezioni di mobilità e sicurezza in strada

Studenti di oggi cittadini di domani: lezioni di mobilità e sicurezza in strada Studenti di oggi cittadini di domani: lezioni di mobilità e sicurezza in strada Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Agenzia per la Mobilità EDUCAZIONE STRADALE TRA SCUOLA E FAMIGLIA L educazione

Dettagli

GRUPPO TEMATICO DI CONDIVISIONE Attività pomeridiana proposta e gestita dagli operatori e volontari dell Associazione dalla Terra alla Luna ONLUS.

GRUPPO TEMATICO DI CONDIVISIONE Attività pomeridiana proposta e gestita dagli operatori e volontari dell Associazione dalla Terra alla Luna ONLUS. LA NOSTRA CASINA GRUPPO TEMATICO DI CONDIVISIONE Attività pomeridiana proposta e gestita dagli operatori e volontari dell Associazione dalla Terra alla Luna ONLUS. FINALITA : FAVORIRE LO SVILUPPO DI BUONE

Dettagli

il Presidente della Cooperativa I Percorsi Maurizio Cavalli

il Presidente della Cooperativa I Percorsi Maurizio Cavalli Cooperativa SoCiale i percorsi è importante costruire ponti, reti, sinergie, lavorare per la creazione di comunità locali nelle quali mettere sempre più al centro la persona, svantaggiata o meno, nuova

Dettagli

PROGETTI SCUOLA DELL INFANZIA 2009/2010

PROGETTI SCUOLA DELL INFANZIA 2009/2010 PROGETTI SCUOLA DELL INFANZIA 2009/2010 PROGETTO ACCOGLIENZA A SCUOLA SIAMO TUTTI AMICI Fermani Roberta Nocelli Rita - Grassi Katia Bambini di 2 anni e mezzo e 3 anni Sezioni D e E Il progetto Accoglienza

Dettagli

SOLIDARIETA. Alcune delle attività alle quali la nostra scuola aderisce da anni sono:

SOLIDARIETA. Alcune delle attività alle quali la nostra scuola aderisce da anni sono: SOLIDARIETA La nostra scuola pone come elemento fondante della sua azione formativa lo sviluppo di condizioni di esercizio attivo del diritto-dovere di cittadinanza, coinvolgendo, in questo, tutte le componenti

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Anno scolastico 2012 / 2013 Scuola Comunale dell infanzia Pollicinia Via Roma Potenza Tel. 0971 / 273041 DOVE SIAMO CHI SIAMO Potenza, capoluogo di regione, è la città della

Dettagli

LA CARTA DEI SERVIZI

LA CARTA DEI SERVIZI Carta dei Servizi LA CARTA DEI SERVIZI La Carta dei Servizi è il principale strumento di un organizzazione per far conoscere i progetti che realizza, per informare sulle risorse e le attività a disposizione,

Dettagli

SCHEDA SINTETICA: progetto centro socio ricreativo per disabili

SCHEDA SINTETICA: progetto centro socio ricreativo per disabili SCHEDA SINTETICA: progetto centro socio ricreativo per disabili Comuni coinvolti: Casteldaccia (sede del Centro) Altavilla Milicia Ficarazzi Destinatari:Le attività del centro sono rese nei confronti di

Dettagli

L ARTE DI EMOZIONARSI

L ARTE DI EMOZIONARSI ISTITUTO COMPRENSIVO "PIERO FORNARA" DI CARPIGNANO SESIA Via Ettore Piazza, 5-28064 Carpignano Sesia (Novara) C.F.80015590039 Tel. 0321 825185 / 824520 - Fax. 0321 824586 website: http://share.dschola.it/carpignanosesia

Dettagli

Scheda di PRESENTAZIONE PROGETTO 2.11 ANNO SCOLASTICO 2014/2015

Scheda di PRESENTAZIONE PROGETTO 2.11 ANNO SCOLASTICO 2014/2015 Scheda di PRESENTAZIONE PROGETTO 2.11 PROGETTO CONTINUITÀ EROI CHE PASSANO, EROI CHE RESTANO DOCENTI: scuola Primaria e Secondaria di Primo Grado DESTINATARI: ALUNNI/E CLASSI 5^ SCUOLA PRIMARIA - 1^ 1.

Dettagli

Percorsi di sensibilizzazione alla parità di genere nelle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado

Percorsi di sensibilizzazione alla parità di genere nelle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado Percorsi di sensibilizzazione alla parità di genere nelle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado Luglio 2011 Indice Premessa... pag. 3 Documenti e ricerche... pag. 5 Gli obiettivi... pag.

Dettagli

Piano dell Offerta Formativa

Piano dell Offerta Formativa Piano dell Offerta Formativa 2014-2015 1 Indice Presentazione della scuola... 3 Carta di identità... 3 Finalità... 3 Filosofia della scuola... 3 AGeSC... 4 Contratto formativo... 5 Premessa... 5 Docenti...

Dettagli

Piano Giovani di Zona di Baselga di Piné Bedollo Civezzano Fornace piano operativo giovani anno 2012 Sommario

Piano Giovani di Zona di Baselga di Piné Bedollo Civezzano Fornace piano operativo giovani anno 2012 Sommario Piano Giovani di Zona di Baselga di Piné Bedollo Civezzano Fornace piano operativo giovani anno 2012 Sommario CORSO DI GUIDA SICURA AUTO E MOTO (BBCF_4_2012)... 1 29-10-2012 SCHEDA di presentazione progetti

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Ottavio Gravina De Cruyllas

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Ottavio Gravina De Cruyllas PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI L importanza di un protocollo di accoglienza L adozione di un Protocollo di Accoglienza consente di attuare in modo operativo le indicazioni stabilite

Dettagli

CENTRO DIURNO L Arca

CENTRO DIURNO L Arca CENTRO DIURNO L Arca l ha affrontata. Relazioni con i compagni: vengono raccolte le modalità con cui si relaziona con i compagni accolti presso il Centro. Sono trascritti sia i rapporti di amicizia che

Dettagli

Progetto di educazione alla salute e di promozione del benessere

Progetto di educazione alla salute e di promozione del benessere Progetto di educazione alla salute e di promozione del benessere Rivolto agli studenti della scuola secondaria di primo grado PREMESSE L educazione affettiva e relazionale dei giovani d oggi pone, a quanti

Dettagli

QUELLO CHE CERCHI C È Il mago di Oz - L. FrankBaum

QUELLO CHE CERCHI C È Il mago di Oz - L. FrankBaum QUELLO CHE CERCHI C È Il mago di Oz - L. FrankBaum Questa storia è stata scelta perché ricca di spunti educativi. Nel periodo dell inserimento ci guiderà DOROTHY che ci aiuterà nella conoscenza delle regole

Dettagli

Progetto TRA CASA E CITTA : PERCORSI DI INCLUSIONE SOCIALE

Progetto TRA CASA E CITTA : PERCORSI DI INCLUSIONE SOCIALE Progetto TRA CASA E CITTA : PERCORSI DI INCLUSIONE SOCIALE PREMESSA I concetti di cura e territorio sono al centro di iniziative ed interventi realizzati da più enti che aderiscono al sotto tavolo sulla

Dettagli

Scuola di sci Sauze d Oulx Project Piazza Assietta 4 10050 Sauze d Oulx (TO) Tel. 0122 858942 Fax 0122 857877 info@sauzeproject.it

Scuola di sci Sauze d Oulx Project Piazza Assietta 4 10050 Sauze d Oulx (TO) Tel. 0122 858942 Fax 0122 857877 info@sauzeproject.it INSEGNAMENTO DELLO SCI ALPINO E DISABILI: L ESPERIENZA DELLA SCUOLA DI SCI SAUZE D OULX PROJECT e IL PROGETTO SciiAbiille 1 Premessa Gli effetti dell attività sportiva sul benessere fisico sono noti da

Dettagli

Scuola Secondaria di 1 Grado a. s. 2013-2014

Scuola Secondaria di 1 Grado a. s. 2013-2014 STRUTTURA DELLA CLASSE Alunni iscritti n. Alunni frequentanti n. Alunni ripetenti n. /. Alunni disabili n.. Scuola Secondaria di 1 Grado a. s. 2013-2014 PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA Classe 1 TIPOLOGIA

Dettagli

Scheda di presentazione progetto del Piano Operativo Giovani (POG)

Scheda di presentazione progetto del Piano Operativo Giovani (POG) Mod. A2 PGZ Scheda di presentazione progetto del Piano Operativo Giovani (POG) 1. Codice Progetto CEM_10_ 2015 2. Titolo del progetto Guida Sicura 3. Riferimenti del compilatore Nome Roberta Cognome Gottardi

Dettagli

Attività ludico-educative per ragazzi - Estate 2013 -

Attività ludico-educative per ragazzi - Estate 2013 - Attività ludico-educative per ragazzi - Estate 2013 - PROPOSTA RISERVATA AGLI ADERENTI AL CRAEM Un tuffo nella terra sarda (S. Teresa di Gallura OT) dall 1 al 19 luglio o dal 18 al 31 luglio dai 12 ai

Dettagli

L'approccio iniziale all esperienza nella struttura educativa sarà quindi interpretato nel rispetto dei principi di "gradualità" e "continuità".

L'approccio iniziale all esperienza nella struttura educativa sarà quindi interpretato nel rispetto dei principi di gradualità e continuità. 1 Accogliere un bambino in un servizio educativo per la prima infanzia, significa accogliere tutta la sua famiglia, individuando tutta una serie di strategie di rapporto fra nido/centro gioco e casa, volte

Dettagli

Centro per la Famiglia

Centro per la Famiglia diocesi di Termoli Larino Centro per la Famiglia nella Cittadella della Carità Di cosa si occupa un centro per la famiglia? Informazione sui servizi, le risorse e le opportunità, istituzionali e informali,

Dettagli

la presente carta ha validità fino al mese di ottobre 2015

la presente carta ha validità fino al mese di ottobre 2015 carta dei servizi lacomunità Cooperativa Sociale via Brignole de Ferrari 6/9 16125 Genova telefono 010 2465848-010 2531126 fax 010 2461360 info@lacomunita.genova.it www.lacomunita.genova.it Ardini Comunità

Dettagli

ASSOCIAZIONE DOWN DADI Associazione Down, Autismo e Disabilità Intellettiva Padova e Rovigo

ASSOCIAZIONE DOWN DADI Associazione Down, Autismo e Disabilità Intellettiva Padova e Rovigo ASSOCIAZIONE DOWN DADI Associazione Down, Autismo e Disabilità Intellettiva Padova e Rovigo L'Associazione Down Dadi Onlus é un'organizzazione di volontariato, senza fini di lucro, costituita da familiari

Dettagli

I CARE Imparare Comunicare Agire in una Rete Educativa Piano Nazionale di formazione e ricerca

I CARE Imparare Comunicare Agire in una Rete Educativa Piano Nazionale di formazione e ricerca I CARE Imparare Comunicare Agire in una Rete Educativa Piano Nazionale di formazione e ricerca ANALISI ESPERIENZE PREGRESSE (da compilare on line entro il 30 marzo 2008) I CARE Imparare Comunicare Agire

Dettagli

Soggiorni Marini per Bambini ed Adolescenti dai 6 ai 17 anni Estate 2013

Soggiorni Marini per Bambini ed Adolescenti dai 6 ai 17 anni Estate 2013 Soggiorni Marini per Bambini ed Adolescenti dai 6 ai 17 anni Estate 2013 2013 www.ragazziecinema.it www.colonieragazziecinema.com 1 Chi siamo Ragazzi e Cinema opera dal 1997 nel campo dell animazione e

Dettagli

L APPRENDIMENTO AL TEMPO DI INTERNET TRA NUOVI LINGUAGGI E APPARTENENZE VIRTUALI

L APPRENDIMENTO AL TEMPO DI INTERNET TRA NUOVI LINGUAGGI E APPARTENENZE VIRTUALI Workshop n. 10 L APPRENDIMENTO AL TEMPO DI INTERNET TRA NUOVI LINGUAGGI E APPARTENENZE VIRTUALI Introducono il tema e coordinano i lavori - Simona Cherubini, Lega delle Cooperative - Giancarlo Pasinetti,

Dettagli

LA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA DELLA SCUOLA PRIMARIA

LA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA DELLA SCUOLA PRIMARIA LA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA DELLA SCUOLA PRIMARIA Obiettivi generali del processo formativo Costituiscono la base progettuale degli aspetti pedagogico didattici ed organizzativi dell attività didattica.

Dettagli

PROGETTO CASCINA MONLUE

PROGETTO CASCINA MONLUE Associazione "La Nostra Comunità" TEL. e FAX +39 02 71 55 35 www.lanostracomunita.it E-mail: info@lanostracomunita.it Codice Fiscale n. 97026250155 PROGETTO CASCINA MONLUE non un nostro sogno ma un sogno

Dettagli

VI ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE B.CIARI

VI ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE B.CIARI VI ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE B.CIARI Via Madonna del Rosario, 148 35100 PADOVA Tel. 049/617932 fax 049/607023 - CF 92200190285 e-mail: pdic883002@istruzione.it sito web:6istitutocomprensivopadova.gov.it

Dettagli

SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015

SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015 UFFICIO SERVIZIO CIVILE SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015 Titolo progetto Trieste Naturalmente bimbi Ambito/settore di intervento Tipologia destinatari N. giovani in servizio civile richiesti Coop

Dettagli

La scuola one time e i work shop

La scuola one time e i work shop 2 La scuola media del Collegio Rotondi si riconosce per un percorso culturale proiettato in una dimensione internazionale della form. La ricerca di nuove strade e nuove modalità del fare scuola coinvolge

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE (130 ore) PER OPERATORI SOCIO-SPORTIVI DI ATTIVITA CON PERSONE DIVERSAMENTE ABILI

CORSO DI FORMAZIONE (130 ore) PER OPERATORI SOCIO-SPORTIVI DI ATTIVITA CON PERSONE DIVERSAMENTE ABILI Assessorato ai Servizi Sociali Il Progetto Handicap & Sport La Grande Sfida Con il patrocinio di ULSS 20, ULSS 21, ULSS 22, Comune di Verona, in collaborazione con il Gruppo di Studi Ricerche sull Handicap

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI PIANELLO V.T. RILEVAZIONE BISOGNI FORMATIVI DEL TERRITORIO E SODDISFAZIONE DEI NOSTRI UTENTI

ISTITUTO COMPRENSIVO DI PIANELLO V.T. RILEVAZIONE BISOGNI FORMATIVI DEL TERRITORIO E SODDISFAZIONE DEI NOSTRI UTENTI ISTITUTO COMPRENSIVO DI PIANELLO V.T. RILEVAZIONE BISOGNI FORMATIVI DEL TERRITORIO E SODDISFAZIONE DEI NOSTRI UTENTI Questionario studenti L'offerta formativa della scuola è tanto più efficace quanto più

Dettagli

SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO 2007

SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO 2007 UFFICIO SERVIZIO CIVILE SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO 2007 Titolo progetto Attività Integrative all Assistenza Domiciliare Integrata Tipologia destinatari A06 Disabili Giorni /ore di servizio 5 giorni

Dettagli

Scuola Di Donato - Via Nino Bixio 83-85 PROGETTO

Scuola Di Donato - Via Nino Bixio 83-85 PROGETTO Scuola Di Donato - Via Nino Bixio 83-85 PROGETTO PUNTO DI INCONTRO E SPAZIO DI ASCOLTO 1. Premessa 1.1 - Il percorso fatto nella scuola e nel rione Esquilino L Associazione Genitori Scuola Di Donato nasce

Dettagli

SERVIZIO CIVILE REGIONALE VOLONTARIO

SERVIZIO CIVILE REGIONALE VOLONTARIO SERVIZIO CIVILE REGIONALE VOLONTARIO SOGGETTO PROPONENTE: C.N.C.A. VENETO COORDINAMENTO NAZIONALE COMUNITA DI ACCOGLIENZA Indirizzo: Strada Cartigliana 200 Cap: 3606 Comune: Bassano del Grappa, Prov. Vicenza,

Dettagli

Piano Giovani di Zona di TRENTO piano operativo giovani anno 2012 Sommario. Work in Events Sportello (TN_18_2012)... 1

Piano Giovani di Zona di TRENTO piano operativo giovani anno 2012 Sommario. Work in Events Sportello (TN_18_2012)... 1 Piano Giovani di Zona di TRENTO piano operativo giovani anno 2012 Sommario Work in Events Sportello (TN_18_2012)... 1 2-11-2012 SCHEDA di presentazione progetti 1 Codice progetto 1 TN_18_2012 2 Titolo

Dettagli

Anno scolastico 2008/09

Anno scolastico 2008/09 ISTITUTO COMPRENSIVO AZZANO SAN PAOLO Il presente opuscolo, che racchiude le linee programmatiche essenziali utili ad identificare la nostra scuola, costituisce una sintesi del Piano dell Offerta Formativa;

Dettagli

SERVIZIO DI COORDINAMENTO. ESTATE BAMBINI Progetto

SERVIZIO DI COORDINAMENTO. ESTATE BAMBINI Progetto SERVIZIO DI COORDINAMENTO ESTATE BAMBINI Progetto ESTATE BAMBINI Proposta ludico-educativa estiva per bambini dai 3 ai 6 anni di età A fronte delle richieste pervenute finalizzate alla organizzazione di

Dettagli

PROGRAMMA FORMATIVO SCUOLA CALCIO

PROGRAMMA FORMATIVO SCUOLA CALCIO PROGRAMMA FORMATIVO SCUOLA CALCIO COSA E L insieme di attività avviate dall allenatore per formare il ragazzo, attraverso lo sport, ai valori umani e cristiani PARTI COINVOLTE - ALLENATORE RESP. ANNATA

Dettagli

nome progetto ambito d intervento ambito territoriale breve descrizione del progetto

nome progetto ambito d intervento ambito territoriale breve descrizione del progetto nome progetto ambito d intervento ambito territoriale breve descrizione del progetto Lottare contro i pregiudizi, sguardi diversi sulla disabilità 2014: Rete Bianca e Bernie Assistenza; Salute Associazione

Dettagli

VALORE VACANZA 2012 I RISULTATI DELL INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION

VALORE VACANZA 2012 I RISULTATI DELL INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION VALORE VACANZA 2012 I RISULTATI DELL INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION Il presente report sintetizza i risultati dell indagine di customer satisfaction, condotta dall Ufficio II della Direzione Centrale

Dettagli

Istruzioni per la somministrazione del CRIq

Istruzioni per la somministrazione del CRIq Istruzioni per la somministrazione del CRIq La compilazione del CRIq richiede la capacità di condurre una intervista semistrutturata. Si tratta di una raccolta di informazioni e di dati relativi all intera

Dettagli

CIASCUNO CRESCE SOLO SE SOGNATO. catalogo proposte formative 2013-2014

CIASCUNO CRESCE SOLO SE SOGNATO. catalogo proposte formative 2013-2014 LIBROTONDO SOC. COOP ONLUS GENOVA cooperativa sociale formazione, consulenza educativa progetti educativi e formativi per bambini, ragazzi e figure educative in famiglia, a scuola e in città CIASCUNO CRESCE

Dettagli

4.5- L OFFERTA FORMATIVA COOPERATIVA SOCIALE PICCOLO PRINCIPE - ONLUS

4.5- L OFFERTA FORMATIVA COOPERATIVA SOCIALE PICCOLO PRINCIPE - ONLUS PIANO INTEGRATO DIRITTO ALLO STUDIO Anno Scolastico 2012 2013 4.5- L OFFERTA FORMATIVA COOPERATIVA SOCIALE PICCOLO PRINCIPE - ONLUS SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO SCUOLA SECONDARIA DI 2 GRADO

Dettagli

In classe ho un bambino che Sez. Espressività, emozioni e socializzazione

In classe ho un bambino che Sez. Espressività, emozioni e socializzazione Firenze 4/5 febbraio 2011 In classe ho un bambino che Sez. Espressività, emozioni e socializzazione L EDUCAZIONE PROSOCIALE IN ITALIA: INTERVENTI E PROSPETTIVE W W W. P R O S O C I A L I T A. I T I S T

Dettagli

PROGETTO Dott.ssa Valentina Zaffino

PROGETTO Dott.ssa Valentina Zaffino GIOCO DI RUOLI PROGETTO Dott.ssa Valentina Zaffino GIOCO DI RUOLI Dott.ssa Valentina Zaffino PREMESSA La scuola è per i ragazzi la prima e la principale forma di aggregazione. La personalità del singolo

Dettagli

DOL Diploma On Line Modulo di progettazione II anno Relazione finale. Pitti Floriana Classe F7 Tutor: Giovanni Di Rosa

DOL Diploma On Line Modulo di progettazione II anno Relazione finale. Pitti Floriana Classe F7 Tutor: Giovanni Di Rosa DOL Diploma On Line Modulo di progettazione II anno Relazione finale Pitti Floriana Classe F7 Tutor: Giovanni Di Rosa Realizzazione di un full adder a due bit 08/11/2010 Premessa A causa di un mancato

Dettagli

Anno scolastico 2015-16 Scuole dell Infanzia

Anno scolastico 2015-16 Scuole dell Infanzia Anno scolastico 2015-16 Scuole dell Infanzia Scuola dell Infanzia A.Gramsci Via Motrassino, 10 Scuola dell Infanzia H.C.Andersen Via Buozzi di fronte al Liceo Juvarra Scuola dell Infanzia G.Rodari via

Dettagli

COOPERATIVA SOCIALE E.D.I. ONLUS EDUCAZIONE AI DIRITTI DELL INFANZIA E DELL ADOLESCENZA

COOPERATIVA SOCIALE E.D.I. ONLUS EDUCAZIONE AI DIRITTI DELL INFANZIA E DELL ADOLESCENZA COOPERATIVA SOCIALE E.D.I. ONLUS EDUCAZIONE AI DIRITTI DELL INFANZIA E DELL ADOLESCENZA OGGETTO: PERCORSI SULL USO RESPONSABILE DEI NUOVI MEDIA E LA CITTADINANZA DIGITALE PROPOSTA PER LE SCUOLE La Cooperativa

Dettagli

GRUPPO DEI PARI E APPRENDIMENTO COOPERATIVO COME STRATEGIA COMPENSATIVA PER I BES

GRUPPO DEI PARI E APPRENDIMENTO COOPERATIVO COME STRATEGIA COMPENSATIVA PER I BES GRUPPO DEI PARI E APPRENDIMENTO COOPERATIVO COME STRATEGIA COMPENSATIVA PER I BES Ciò che i bambini sanno fare insieme oggi, domani sapranno farlo da soli ( Lev VYGOTSKJJ) IX CONVEGNO DI RIMINI SULLA QUALITA

Dettagli

Regolamento. Questo Servizio adotta il seguente regolamento:

Regolamento. Questo Servizio adotta il seguente regolamento: Regolamento L affidamento familiare aiuta i bambini ed i ragazzi a diventare grandi, nutrendo il loro bisogno di affetto e di relazione con figure adulte che si prendano cura di loro, al fine di diventare

Dettagli

DISCIPLINARE PER L'ACCREDITAMENTO PROVVISORIO A VALENZA SPERIMENTALE DI ALLOGGI PROTETTI PER GIOVANI

DISCIPLINARE PER L'ACCREDITAMENTO PROVVISORIO A VALENZA SPERIMENTALE DI ALLOGGI PROTETTI PER GIOVANI DISCIPLINARE PER L'ACCREDITAMENTO PROVVISORIO A VALENZA SPERIMENTALE DI ALLOGGI PROTETTI PER GIOVANI Art.1 - Oggetto e finalità Gli Alloggi protetti offrono ai giovani accolti un sostegno educativo individuale

Dettagli

MEDIA EDUCAZIONE COMUNITA Ripensare i Media per l Educazione e il Benessere

MEDIA EDUCAZIONE COMUNITA Ripensare i Media per l Educazione e il Benessere MEDIA EDUCAZIONE COMUNITA a. Introduzione BAMBINI NON COMMERCIALI Il diritto a pensieri e spazi senza condizionamenti pubblicitari Le relazioni educative, all interno di una famiglia, per essere significative

Dettagli

SCUOLA DEL PRIMO CICLO Il primo ciclo di istruzione comprende la scuola primaria e la scuola secondaria di primo grado.

SCUOLA DEL PRIMO CICLO Il primo ciclo di istruzione comprende la scuola primaria e la scuola secondaria di primo grado. c) Compilazione del quadro sintetico riassuntivo d) Analisi dei dati a cura dei docenti e Funzione Strumentale e individuazione degli alunni a rischio e) Valutazione approfondita alunni a rischio entro

Dettagli