Anoplophora chinenesis Anoplophora malasiaca Anoplophora glabripennis. A cura di Isabella Regazzi

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Anoplophora chinenesis Anoplophora malasiaca Anoplophora glabripennis. A cura di Isabella Regazzi"

Transcript

1 BENVENUTI IN ITALIA! Nuove specie di insetti sono giunte e si sono acclimatate in Italia, ecco alcuni esempi: il cerambice orientale delle latifoglie, il bruco dei gerani e il cimicione delle conifere. A cura di Isabella Regazzi Tra gli insetti esotici vi sono specie che non possono adattarsi alle nostre condizioni climatiche quindi, per quanto possano essere nocivi, se fanno il loro ingresso in Italia i danni che ne risultano rimangono limitati alle derrate importate e agli ambienti impiegati per immagazzinarle. Un esempio è dato dal Prostephanus truncatus o dall Araecerus fasciculatus. Altre specie sono al contrario temibili e, nonostante i controlli delle merci all ingresso del nostro Paese possono superare clandestinamente i confini e trovare un ambiente idoneo al loro sviluppo. Così ha fatto la zanzara tigre, che è giunta viaggiando allo stadio di uova all interno dei copertoni usati; lo stoccaggio all aperto e la pioggia hanno poi consentito lo sviluppo della prima generazione il resto della storia è noto! In molti casi poi lo sviluppo di specie casualmente introdotte è favorito dall assenza di parassiti o predatori specifici che sono presenti nei paesi di origine e lì ne limitano le pullulazioni. Così è successo oltre una decina di anni or sono con l arrivo dell ifantria americana (Hyphantria cunea), che inizialmente generò allarme per la cospicua presenza dei nidi visibili sugli aceri americani, sui gelsi, ma anche su altre piante. Dopo qualche anno però, probabilmente per l equilibrio che si è costituito tra nuova specie e parassitoidi/predatori nostrani, la sua presenza calò notevolmente, rendendo la lotta ormai inutile. Non sempre però si è così fortunati, infatti il microlepidottero degli ippocastani (Cameraria horidella) continua a debilitare le piante attaccate già da qualche anno, imponendo in molti casi la lotta endoterapica. CERAMBICE ORIENTALE DELLE LATIFOGLIE Attualmente un altro insetto che danneggia gli alberi continua a tener cronaca sui giornali, si tratta del coleottero cerambicide Anoplophora chinensis. La sua larva è xilofaga e attacca un elevato numero di essenze arboree e arbustive provocando danni a piante ornamentali in vivaio e latifoglie presenti in viali, parchi e giardini. Probabilmente è giunto dall Asia tramite il commercio di bonsai (alberi in miniatura). È stato segnalato per la prima volta nel 1997 in provincia di Milano e la sua avanzata comprende ormai parte del territorio di Varese e Milano. Questa specie è avvertita come un pericolo già da tempo, tant è che è inserita nella lista da quarantena dalla normativa fitosanitaria vigente (Decreto Ministeriale del 31/01/1996). Scheda bio-etologica SPECIE: Anoplophora chinenesis Anoplophora malasiaca Anoplophora glabripennis

2 NOME VOLGARE: NOME INGLESE: Cerambice orientale delle latifoglie White-Spotted Longhorned Beetle, Asian Longhorned Beetle INQUADRAMENTO SISTEMATICO Classe: Insecta Ordine: Coleoptera Famiglia: Cerambycidae DIMENSIONI Uovo: Larva: Adulto: 5-7 mm di lungh mm mm CARATTERISTICHE E DIFFUSIONE Le tre specie sono morfologicamente molto simili. A. chinensis e A. malasiaca, presentano tubercoli alla base delle elitre, assenti in A. glabripennis. Per alcuni Autori A. chinensis e A. malasiaca sono una sola specie e la malasiaca è una forma della A. chinensis. L adulto di forma allungata, nero con macchie bianche sulle elitre e con caratteristiche antenne lunghe tipiche dei cerambicidi anch esse nere alternate al bianco. È un buon volatore. Il maschio è più piccolo della femmina ma presenta antenne proporzionalmente più lunghe. La larva è apoda, biancastra, con capo scuro e leggermente schiacciato. La specie, di origine asiatica è presente in Cina, Corea, Giappone e Taiwan. È stata segnalata per la prima volta nel 1997 in provincia di Milano. Attualmente viene riscontrata in parte del territorio di Varese e Milano. HABITAT Viali alberati, parchi, giardini, vivai, coltivazioni di agrumi, ecc.. ABITUDINI ALIMENTARI Specie xilofaga di latifoglie arboree e arbustive. Larva: scava gallerie nel legno delle radici e del fusto di latifoglie, in Lombardia è stata rinvenuta su Acer spp., Aesculus hippocastanum, Betula alba, Carpinus betulus, Corylus avellana, Cotoneaster spp., Fagus sylvatica, Lagerstroemia indica, Platanus spp., Populus spp., Prunus laurocerasus, Quercus robur, Zizyphus sativa, Rosa sp.; nei paesi di origine attacca oltre 60 essenze vegetali, fra cui Alnus, Casuarina, Citrus, Litchi, Malus, Melia, Morus, Pyrus e Salix. Adulto: si nutre della corteccia dei getti dell anno di diversi alberi preferendo Acer saccharinum. CICLO BIOLOGICO Uovo > larva > pupa > adulto Durata del ciclo: 1-2 anni, variabile in funzione delle condizioni ambientali. N generazioni/anno: 1 o meno. Gli adulti sfarfallano da maggio/giugno alla fine di agosto N uova/femmina: 30-70, deposte singolarmente sulla parte basale del tronco, sulle radici affioranti ma anche su branche principali. Svernamento: come uovo, larva o pupa nel legno.

3 Durata vita adulto: circa 40 gg. DANNI A differenza della maggior parte dei cerambicidi, questa specie attacca anche piante sane. Le piante colpite, a causa delle gallerie che vengono prodotte alla base del tronco e nelle radici, subiscono un indebolimento strutturale con possibilità di schianti o stroncamenti. I fori di farfallamento, circolari e con Ø di mm, costituiscono una potenziale via di ingresso agli agenti patogeni. Oltre ai fori e alla rosura che si accumula alla base degli alberi attaccati, questi presentano disseccamenti apicali dovuti all erosione trofica degli adulti. LOTTA Per conseguire l eradicazione nelle zone in cui tramite il monitoraggio si è stabilita la sua presenza con certezza, è necessario seguire le varie fasi di lotta previste dallo specifico decreto regionale della Lombardia n. 731/2004. L eliminazione delle larve avviene tramite l abbattimento delle piante ospiti, con l'asportazione e incenerimento o la devitalizzazione del cippo e dell'apparato radicale, in questo caso seguita da protezione in loco con rete metallica per un paio di anni. La prevenzione su tutto il resto del territorio si attua attraverso la normativa fitosanitaria vigente (Decreto Ministeriale del 31/01/1996 ) sulla quarantena, per cui esiste una lista di specie considerate a rischio di introduzione. È necessario il controllo delle importazioni affinché non si introduca l'insetto stesso o qualsiasi materiale che lo possa contenere, in particolare piante arboree, bonsai compresi, e legname. Il materiale maggiormente a rischio è rappresentato dai bonsai, legname e imballaggi provenienti dall'asia orientale. Il pericolo maggiore è rappresentato dall'introduzione di uova, larve o pupe nascoste nel legno. BRUCO DEI GERANI Chi volesse piantare nel proprio balcone un essenza facile da far crescere e che necessiti poche cure, non può più appellarsi al geranio, da qualche anno è arrivato in Italia un fitofago specifico di questa pianta. Si tratta del lepidottero licenide Cacyreus marshalli, una specie originaria del Sud Africa, accidentalmente introdotta con l importazione di Pelargonium. È stata segnalata per la prima volta a Roma nel 1996 e da allora si è progressivamente espansa in tutta Italia quasi sicuramente col commercio interno delle piante ornamentali. Nei paesi di origine questa specie risulta poco dannosa ai gerani coltivati perché viene contenuta da vari predatori e parassitoidi tra cui imenotteri braconidi del genere Apanteles e di ditteri tachinidi. Scheda bio-etologica SPECIE: NOME VOLGARE: NOME INGLESE: Cacyreus marshalli Bruco dei gerani o bega del geranio geranium bronze

4 INQUADRAMENTO SISTEMATICO Classe: Insecta Ordine: Lepidopterae Famiglia: Lycenidae DIMENSIONI Uovo: Larva: Crisalide: Adulto: 0,3-0,5mm Ø 6-8 mm 9 mm mm aa CARATTERISTICHE E DIFFUSIONE L adulto ha le ali screziate di bruno, marrone e bianco con disegni caratteristici. L ala posteriore presenta estroflessione simile a quella dei papilionidi, ma di dimensioni più ridotte. È diurno, termofilo e predilige volare nelle giornate calde e soleggiate. La larva è ovale e grassoccia, pelosa di colore verde pallido, può presentare o meno delle bande dorsali e laterali longitudinali violacee. Le uova sono circolari, depresse, di colore bianco-verdastro con una trama a rilievo sul lato superiore. La specie, di origine sudafricana ed è giunta in Europa già dal 1987 nell isola di Maiorca, è arrivata successivamente in Italia, a Roma nel 1996, tramite il commercio di piante ornamentali. Ora è presente in tutta la penisola e nelle isole del nostro Paese. HABITAT Vivai, serre, balconi, terrazze, aiuole, parchi, giardini e vie urbane. ABITUDINI ALIMENTARI Specie fitofaga specifica dei gerani (Pelargonium spp.e Geranium spp.). Larva: All inizio conduce vita endofitica e si ciba dei germogli fiorali e di altre parti tenere agli apici delle piante poi scava gallerie discendenti nel fusto delle piante, infine fuoriesce e si nutre delle foglie. CICLO BIOLOGICO Uovo > larva > crisalide > adulto Durata del ciclo: 30 gg a 30 C, 60 gg a 20 C. N generazioni/anno: Nei paesi caldi di origine ne fa 5-6. Il numero varia in funzione della latitudine e dell andamento climatico. Inoltre le generazioni si accavallano. N uova/femmina: diverse decine deposte singolarmente, anche 5 per foglia Svernamento: come larva all interno dei fusti, dove rallenta la sua attività senza entrare in diapausa. DANNI Le piante attaccate, smettono di fiorire, sfoltiscono e disseccano laddove i fusti sono stati visitati dalle larve. Alla base delle ramificazioni si notano i grossi fori di uscita dei bruchi.

5 Se si sezionano questi fusti noteremo l interno annerito, in via di putrefazione e pieno di escrementi. Quindi la parte superiore anche se ancora verde presto disseccherà. LOTTA La prevenzione si attua in primo luogo evitando di comprare piante malate. Un irrigazione non eccessiva (2 volte la settimana durante la fioritura) e senza bagnare la parte aerea sfavorisce l insediamento del parassita. Sempre in via preventiva utilizzare insetticidi per contatto per controllare le larve neosgusciate da eventuali deposizioni, per esempio clorpiriphos-metile ogni tre settimane oppure insetticidi di origine naturale quali Bacillus thuringiensis var. kurstaki o spinosad. In fase di attacco già in atto la lotta si attua con insetticidi citotropici quali ad esempio acephate, dimetoato, malathion e fenitrothion. CIMICIONE AMERICANO DELLE CONIFERE Un altro insetto che ha creato allarme in questi ultimi anni è il cimicione americano delle conifere, un rincote coreide il cui nome scientifico è Leptoglossus occidentalis. È stato segnalato per la prima volta in Veneto e poi in Lombardia nello stesso anno, il Da allora si è diffuso giungendo in Friuli Venezia Giulia, in Trentino Alto Adige, Lombardia ed altre zone del nord superando anche le frontiere (Svizzera e Slovenia). Più che per i danni, non riscontrati in modo apprezzabile ai fiori e ai semi di conifere, la specie ha creato allarme per l invasione autunnale di abitazioni in prossimità di boschi. Infatti verso settembre-ottobre gli adulti si aggregano numerosi in luoghi riparati per superare i rigori invernali. Scheda bio-etologica SPECIE: NOME VOLGARE: NOME INGLESE: Leptoglossus occidentalis Cimicione americano delleconifere Western conifer seed bug Leaf footed conifer seed bug INQUADRAMENTO SISTEMATICO Classe: Insecta Ordine: Rhynchota Famiglia: Coreidae DIMENSIONI Uovo: Adulto: mm di lungh mm CARATTERISTICHE E DIFFUSIONE Insetto oblungo di colore bruno-rossiccio con lunghe antenne ed emielitre attraversate da una linea chiara a zig-zag. Addome sotto le elitre a strisce trasversali gialle e nere. Le zampe posteriori sono lunghe con i femori a margini dentati ed una caratteristica espansione a forma di foglia in corrispondenza delle tibie. Se disturbato, l insetto emette un liquido maleodorante.

6 Le uova sono cilindriche, giallo-arancione e scuriscono verso la schiusura. Specie rinvenuta per la prima volta in Italia nel 1999 in Friuli Venezia Giulia si è acclimatata ed è già presente in diverse regioni del nord. HABITAT Zone boschive, parchi, giardini, vivai, ecc In inverno gli adulti possono penetrare numerosi negli edifici per cercare luoghi idonei allo svernamento. ABITUDINI ALIMENTARI Pungono gli strobili e i semi, sia verdi che maturi di oltre 30 specie di conifere, soprattutto pini tra cui Pinus strobus, P. sylvestris, P. nigra, P. mugo, Picea spp.. Può danneggiare anche le colture di pistacchio (Pistacia vera) CICLO BIOLOGICO Uovo > neanide > ninfa > adulto Durata del ciclo: variabile in funzione delle condizioni ambientali. N generazioni/anno: 1-3 in funzione della latitudine e dell altidudine. N uova/femmina: fino a circa 70, deposte in file sugli aghi delle conifere o in prossimità delle gemme e dei coni Svernamento: come adulti in gruppi numerosi in luoghi riparati, tra cui abitazioni. DANNI Ad oggi in Italia non sono stati evidenziati danni apprezzabili generati da questa specie. Non danneggia piante adulte. Sono possibili invece danni negli impianti da seme con perdite di oltre il 40%. I semi colpiti diminuiscono notevolmente la germinabilità. LOTTA Fino ad oggi non è stato necessario eseguire interventi fitosanitari. Per le presenze negli edifici è utile attuare mezzi preventivi anti-intrusione, quali reti alle finestre, sigillature ed eliminazione di fessure, crepe e anfratti. CONCLUSIONI Quelli che ho riportato sono solo alcuni casi di specie introdotte e acclimatate. L aumento dei traffici commerciali e dei contatti tra le diverse zone del mondo ha anche incrementato la probabilità di questi eventi. Bisogna continuare a vigilare auspicando maggiori controlli e tempestiva diffusione delle informazioni. Enunciazione facile nei principi, ma assai complessa nell attuazione pratica. Certamente la formazione degli addetti ai lavori dovrà avere una visione globale dell entomologia e della patologia vegetale il che comporta un notevole impegno sul piano professionale e rende ancor più pericoloso il diffondersi degli apprendisti stregoni. Il pericolo non è nel non sapere, ma nel credere di sapere.

REGIONE LAZIO Direzione Regionale Agricoltura Area Servizi Tecnici e Scientifici, Servizio Fitosanitario Regionale

REGIONE LAZIO Direzione Regionale Agricoltura Area Servizi Tecnici e Scientifici, Servizio Fitosanitario Regionale REGIONE LAZIO Direzione Regionale Agricoltura Area Servizi Tecnici e Scientifici, Servizio Fitosanitario Regionale Anopllophora spp Cerambiiciide o Tarllo asiiattiico Foto 1. Femmina di Anoplophora Gli

Dettagli

Il tarlo asiatico. Anoplophora chinensis (Forster)

Il tarlo asiatico. Anoplophora chinensis (Forster) Regione Toscana Il tarlo asiatico Anoplophora chinensis (Forster) Direzione generale Competitività del sistema regionale e sviluppo delle competenze Sviluppo rurale - Servizio Fitosantario Regionale 2

Dettagli

Leptoglossus occidentalis Heidemann Rinchota Heteroptera Coreidae

Leptoglossus occidentalis Heidemann Rinchota Heteroptera Coreidae Leptoglossus occidentalis Heidemann Rinchota Heteroptera Coreidae Cos è e da dove proviene la Cimice americana delle conifere? Negli ultimi anni gli scambi commerciali e il trasporto di merci e mezzi tra

Dettagli

BIOLOGIA E DANNI L'intero ciclo di sviluppo si compie generalmente in due anni ma si può ridurre ad un an

BIOLOGIA E DANNI L'intero ciclo di sviluppo si compie generalmente in due anni ma si può ridurre ad un an Una minaccia per gli ecosistemi urbani e forestali. L'insetto è in grado di attaccare alberi e arbusti appartenenti ai più disparati generi botanici. A giugno emanato l'ultimo decreto per la prevenzione.

Dettagli

Aromia bungii (Cerambicide dal collo rosso)

Aromia bungii (Cerambicide dal collo rosso) SERVIZIO FITOSANITARIO REGIONALE Aromia bungii (Cerambicide dal collo rosso) Adulto di Aromia bungii (foto SFR Campania) L Aromia bungii (Faldermann) è un coleottero della famiglia dei Cerambycidae, viene

Dettagli

I tarli asiatici del legno (Citrus Longhorned Beetles) Anoplophora glabripennis Motschulsky e Anoplophora chinensis Forster

I tarli asiatici del legno (Citrus Longhorned Beetles) Anoplophora glabripennis Motschulsky e Anoplophora chinensis Forster I tarli asiatici del legno (Citrus Longhorned Beetles) Anoplophora glabripennis Motschulsky e Anoplophora chinensis Forster S. Vanarelli 1, D. Rizzo 1, L. Stefani 1, M. Paoli 1 1. Regione Toscana, laboratorio

Dettagli

Il cinipide galligeno del castagno Dryocosmus kuriphilusyasumatsu

Il cinipide galligeno del castagno Dryocosmus kuriphilusyasumatsu Il cinipide galligeno del castagno Dryocosmus kuriphilusyasumatsu Giovanni Bosio Regione Piemonte, Settore Fitosanitario Il cinipede galligeno Drycosmus kuriphilusyasumatsu è considerato uno degli insetti

Dettagli

Rhynchophorus ferrugineus (Punteruolo rosso delle palme)

Rhynchophorus ferrugineus (Punteruolo rosso delle palme) Rhynchophorus ferrugineus (Punteruolo rosso delle palme) Morfologia Adulto L adulto di colore variabile dal ruggine al marrone rossastro presenta alcune macchioline nere nella parte superiore del torace.

Dettagli

Cinipide del Castagno in Campania

Cinipide del Castagno in Campania Cinipide del Castagno in Campania Dryocosmus kuriphilus Yasumatsu 28 Maggio 2008 Montoro sup.- AV Castagno : Superficie -Superficie Nazionale a castagneto da Frutto coltivato 150 000 Ha -Superficie in

Dettagli

Prof. Giuseppina Pellizzari. Insetti esotici su ornamentali: nuove e potenziali emergenze fitosanitarie.

Prof. Giuseppina Pellizzari. Insetti esotici su ornamentali: nuove e potenziali emergenze fitosanitarie. Prof. Giuseppina Pellizzari Insetti esotici su ornamentali: nuove e potenziali emergenze fitosanitarie. Il commercio internazionale delle piante ornamentali rappresenta una delle principali vie di introduzione

Dettagli

DIFESA DEL VERDE URBANO: COME, QUANDO, PERCHE

DIFESA DEL VERDE URBANO: COME, QUANDO, PERCHE DIFESA DEL VERDE URBANO: COME, QUANDO, PERCHE Nicoletta Vai Servizio fitosanitario, Regione Emilia-Romagna DIFESA DEL VERDE URBANO: PERCHE? Difesa del verde urbano: perché? Per mantenere belle le piante

Dettagli

9 dicembre 2015 Villanova di Castenaso STRATEGIE DI DIFESA. della patata. Massimo Bariselli Servizio Fitosanitario Emilia Romagna

9 dicembre 2015 Villanova di Castenaso STRATEGIE DI DIFESA. della patata. Massimo Bariselli Servizio Fitosanitario Emilia Romagna STRATEGIE DI DIFESA della patata Massimo Bariselli Servizio Fitosanitario Emilia Romagna La patata come tutte le solanacee, è originaria del continente americano Alcune fra le principali avversità della

Dettagli

II incontro autunnale-2d

II incontro autunnale-2d ALBERI nel loro ambiente II incontro autunnale-2d UTE aa 2014-2015 Bollate - Novate Giovanni Regiroli - biologo Famiglia Bignoniacee Catalpa bignonioides Catalpa Famiglia Lythracee Lagerstroemia indica

Dettagli

Globalizzazione e protezione delle biomasse legnose da organismi alieni nocivi

Globalizzazione e protezione delle biomasse legnose da organismi alieni nocivi Globalizzazione e protezione delle biomasse legnose da organismi alieni nocivi Riccardo Russu Pio Federico Roversi "La Valorizzazione delle Produzioni Legnose Nazionali 16 giugno 2016 EcoSMA RT Valore

Dettagli

SCHEDA DI OFFERTA PREZZI UNITARI

SCHEDA DI OFFERTA PREZZI UNITARI Fornitura franco cantiere di alberi delle seguenti specie: Quercus robur in zolla-rete coltivata in vaso air pot con almeno 6 trapianti, circonferenza fusto 60-70 cm altezza complessiva 700-900 cm larghezza

Dettagli

Processionaria. (Thaumetopoea pityocampa) di Edoardo Ernesto Scarpelli, Mattia Pisano, Antonio Lindia, Younis Toubi, Simone Antonio Tantimonaco

Processionaria. (Thaumetopoea pityocampa) di Edoardo Ernesto Scarpelli, Mattia Pisano, Antonio Lindia, Younis Toubi, Simone Antonio Tantimonaco Processionaria (Thaumetopoea pityocampa) di Edoardo Ernesto Scarpelli, Mattia Pisano, Antonio Lindia, Younis Toubi, Simone Antonio Tantimonaco Basta farsi una passeggiata nei boschi che ci circondano o

Dettagli

INVERTEBRATI DA CERCARE NEL PARCO ADDA SUD

INVERTEBRATI DA CERCARE NEL PARCO ADDA SUD INVERTEBRATI DA CERCARE NEL PARCO ADDA SUD 21 gennaio 2004 Lycaena dispar (Haworth, 1803) Licena dispari Zone umide di pianura (prati umidi, paludi, acquitrini) dal livello del mare a 400 m di altezza.

Dettagli

Il cinipide galligeno del castagno L esperienza del Piemonte

Il cinipide galligeno del castagno L esperienza del Piemonte Settore Fitosanitario Il cinipide galligeno del castagno L esperienza del Piemonte Avellino, 4 giugno 2008 Giovanni Bosio Dryocosmus kuriphilus cinipide galligeno del castagno Considerato uno degli insetti

Dettagli

ATTENZIONE AL PUNTERUOLO ROSSO DELLA PALMA

ATTENZIONE AL PUNTERUOLO ROSSO DELLA PALMA ATTENZIONE AL PUNTERUOLO ROSSO DELLA PALMA Punteruolo rosso della palma Il punteruolo rosso della palma, Rhynchophorus ferrugineus (Olivier), è un coleottero curculionide originario dell Asia meridionale

Dettagli

IL COLEOTTERO ANOPLOPHORA CHINENSIS IN LOMBARDIA: DIFFUSIONE E STRATEGIE DI CONTROLLO

IL COLEOTTERO ANOPLOPHORA CHINENSIS IN LOMBARDIA: DIFFUSIONE E STRATEGIE DI CONTROLLO ATTI Giornate Fitopatologiche, 2006, I, 205-210 IL COLEOTTERO ANOPLOPHORA CHINENSIS IN LOMBARDIA: DIFFUSIONE E STRATEGIE DI CONTROLLO G. CAREMI, M. CIAMPITTI Regione Lombardia, Via Pola 12/14, 20124 Milano

Dettagli

Metcalfa pruinosa Dryocosmus kuriphilus

Metcalfa pruinosa Dryocosmus kuriphilus PROBLEMI FITOSANITARI E APICOLTURA ALCUNI ESEMPI: Metcalfa pruinosa Dryocosmus kuriphilus 11 dicembre 2014 METCALFA 1 Metcalfa pruinosa Lisa Ames, University of Georgia, Bugwood.org Origini USA Italia(1979)

Dettagli

IL TARLO ASIATICO A MONTICHIARI -BS-

IL TARLO ASIATICO A MONTICHIARI -BS- IL TARLO ASIATICO A MONTICHIARI -BS- Anoplophora chinensis: una vera minaccia per le nostre piante Novembre 2009 Prof. Luigi Petruzziello I.I.S. G.Bonsignori di Remedello -BS- Foto1: Esemplare maschio

Dettagli

Il catasto georeferenziato del verde urbano del Comune di Rosignano

Il catasto georeferenziato del verde urbano del Comune di Rosignano Il catasto georeferenziato del verde urbano del Comune di Rosignano Progettazione, risultati, applicazioni in campo ambientale e nella pianificazione territoriale ARPAT: Cinzia Licciardello, (SIRA) Agnese

Dettagli

Il moscerino della frutta (Drosophila suzukii): inquadramento e mezzi di controllo.

Il moscerino della frutta (Drosophila suzukii): inquadramento e mezzi di controllo. Il moscerino della frutta (Drosophila suzukii): inquadramento e mezzi di controllo. Mauro Boselli Servizio Fitosanitario, Regione Emilia-Romagna Faenza 15 dicembre 2014 Drosophila suzukii 3,0 mm D. melanogaster

Dettagli

Un angolo a se stante nel Parco Polì: il Frutteto Fiorito Potenzialmente bello ma da 10 anni trascurato (possibile sponsorizzazione)

Un angolo a se stante nel Parco Polì: il Frutteto Fiorito Potenzialmente bello ma da 10 anni trascurato (possibile sponsorizzazione) Un angolo a se stante nel Parco Polì: il Frutteto Fiorito Potenzialmente bello ma da 10 anni trascurato (possibile sponsorizzazione) Bosco in città (nel Parco Polì e a Nord di via Cavour) I NEMICI NATURALI

Dettagli

Nuove emergenze fitosanitarie a carico di latifoglie arboree in ambiente urbano

Nuove emergenze fitosanitarie a carico di latifoglie arboree in ambiente urbano Università di Padova Nuove emergenze fitosanitarie a carico di latifoglie arboree in ambiente urbano Massimo Faccoli Dipartimento DAFNAE Le latifoglie arboree in ambiente urbano presentano spesso stati

Dettagli

Halyomorpha halys: un nuovo pericoloso parassita per i fruttiferi. Mauro Boselli Servizio Fitosanitario, Regione Emilia Romagna

Halyomorpha halys: un nuovo pericoloso parassita per i fruttiferi. Mauro Boselli Servizio Fitosanitario, Regione Emilia Romagna Halyomorpha halys: un nuovo pericoloso parassita per i fruttiferi Mauro Boselli Servizio Fitosanitario, Regione Emilia Romagna Foggia 20 aprile 2016 Da dove viene Distribuzione geografica «naturale» La

Dettagli

LE PROPRIETA SALUTISTICHE E BIOLOGICHE DEL CASTAGNO IL PRODOTTO SALUTISTICO NATURALE

LE PROPRIETA SALUTISTICHE E BIOLOGICHE DEL CASTAGNO IL PRODOTTO SALUTISTICO NATURALE LE PROPRIETA SALUTISTICHE E BIOLOGICHE DEL CASTAGNO Mario Dell Agli Laboratorio di Farmacognosia, Dipartimento di Scienze Farmacologiche e Biomolecolari Università degli Studi di Milano IL PRODOTTO SALUTISTICO

Dettagli

E stata ritrovata in un vigneto, cultivar Redglobe, allevato a tendone in agro di Mola di Bari

E stata ritrovata in un vigneto, cultivar Redglobe, allevato a tendone in agro di Mola di Bari APPROFONDIMENTO SULLA GESTIONE DELLE PROBLEMATICHE EMERGENTI Antonio Guario Regione Puglia Area Politiche per lo Sviluppo Rurale Osservatorio Fitosanitario Regionale Minatrice fogliare della vite Holocacista

Dettagli

TIGNOLA ORIENTALE DEL PESCO (Cydia molesta)

TIGNOLA ORIENTALE DEL PESCO (Cydia molesta) Schema TIGNOLA ORIENTALE DEL PESCO () 1. classificazione e ospiti 2. danni 3. ciclo biologico 4. lotta classificazione CLASSIFICAZIONE e OSPITI Classificazione ordine famiglia alimentazione Lepidotteri

Dettagli

Gli insetti.notebook April 27, Gli insetti

Gli insetti.notebook April 27, Gli insetti Gli insetti Gli insetti Gli insetti non hanno lo scheletro interno ed hanno mascelle per masticare. Hanno sempre sei zampe ed il corpo è suddiviso in tre parti. 1. Testa 2. Torace 3. Addome Hanno sei zampe

Dettagli

DORIFORA DELLA PATATA

DORIFORA DELLA PATATA I.S.I.S.S. D. Sartor Castelfranco Veneto LA DORIFORA DELLA PATATA Anno scolastico 2012/2013 Classe 5 AT Bin Elia e Barichello Andrea Indice generale 1 la classificazione..pag 3 2 diffusione ed origine..

Dettagli

Il punteruolo del peperone Anthonomus eugenii (Cano)

Il punteruolo del peperone Anthonomus eugenii (Cano) SERVIZIO FITOSANITARIO REGIONALE Il punteruolo del peperone Anthonomus eugenii (Cano) Conosciuto come Pepper weevil nei paesi anglofoni e come Picudo del chile in quelli ispanici. Sistematica e diffusione

Dettagli

Entomofauna del melo

Entomofauna del melo Entomofauna del melo Ordine Famiglia specie RINCOTI TINGIDAE PSILLIDAE APHIDIDAE DIASPIDIDAE LEPIDOTTERI NEPTICULIDAE COSSIDAE LYONEIITIDAE GRACILARIDAE Stephanitis pyri Psilla mali Dysaphis plantaginea,

Dettagli

MAURIZIO PAVESI SOTTOSTIMA DELLE MINACCE ALLA BIODIVERSITÀ DA PARTE DI SPECIE ALIENE INVASIVE DI INSETTI

MAURIZIO PAVESI SOTTOSTIMA DELLE MINACCE ALLA BIODIVERSITÀ DA PARTE DI SPECIE ALIENE INVASIVE DI INSETTI MAURIZIO PAVESI SOTTOSTIMA DELLE MINACCE ALLA BIODIVERSITÀ DA PARTE DI SPECIE ALIENE INVASIVE DI INSETTI Le specie aliene invasive sono attualmente riconosciute come la seconda maggiore causa di perdita

Dettagli

REGIONE LAZIO Direzione Regionale Agricoltura Area Servizi Tecnici e Scientifici, Servizio Fitosanitario Regionale Le Batteriosi dell Actinidia

REGIONE LAZIO Direzione Regionale Agricoltura Area Servizi Tecnici e Scientifici, Servizio Fitosanitario Regionale Le Batteriosi dell Actinidia REGIONE LAZIO Direzione Regionale Agricoltura Area Servizi Tecnici e Scientifici, Servizio Fitosanitario Regionale Le Batteriosi dell Actinidia Il cancro batterico dell actinidia è stato segnalato per

Dettagli

Gestione del verde arboreo

Gestione del verde arboreo Appunti d i Gestione del verde arboreo ornamentale 1. Corretta manutenzione delle alberature: principi generali e criteri di potatura 2. Responsabilità legale nella gestione 3. Introduzione alla VTA: perché

Dettagli

PROTOCOLLO TECNICO allegato come parte integrante all Ordinanza sindacale n. 49/2005

PROTOCOLLO TECNICO allegato come parte integrante all Ordinanza sindacale n. 49/2005 PROTOCOLLO TECNICO allegato come parte integrante all Ordinanza sindacale n. 49/2005 Oggetto: Lotta e contenimento alla cocciniglia Crisicoccus pini nel territorio comunale di Cervia AREA DI INFESTAZIONE

Dettagli

Il monitoraggio fenologico forestale in Piemonte

Il monitoraggio fenologico forestale in Piemonte Il monitoraggio fenologico forestale in Piemonte D. Delleani, F. Spanna, F. Valfrè, R. Caramiello,V. Fossa, R. Pelosini4, N. Loglisci4 Regione Piemonte - Settore Pianificazione e Gestione delle Aree protette

Dettagli

Città sostenibili. Halyomorpha halys. (Cimice marmorizzata) Massimo Bariselli - SFR

Città sostenibili. Halyomorpha halys. (Cimice marmorizzata) Massimo Bariselli - SFR Halyomorpha halys (Cimice marmorizzata) Massimo Bariselli - SFR Inquadramento della specie Conosciuta anche come Brown marmorated stink bug (BMSB) Emittero Pentatomide Origine: Asia (Cina, Korea e Giappone)

Dettagli

Tosi Lorenzo. Centro Studi

Tosi Lorenzo. Centro Studi Mezzi a disposizione per il controllo dei fitofagi e delle malattie delle piante in ambiente urbano Tosi Lorenzo Centro Studi REGOLAMENTO CE 1107/2009 Immissione in commercio dei prodotti fitosanitari

Dettagli

La mosca delle olive: il punto sulla bioecologia alla luce anche dell'annata olivicola 2014

La mosca delle olive: il punto sulla bioecologia alla luce anche dell'annata olivicola 2014 Ruggero Petacchi Antonio Belcari Angelo Canale La mosca delle olive: il punto sulla bioecologia alla luce anche dell'annata olivicola 2014 Mosca delle olive CICLO BIOLOGICO 3-4 generazioni/anno, da luglio

Dettagli

Tecniche di campionamento

Tecniche di campionamento Tecniche di campionamento MELO Periodo invernale Rami di 2-3 anni di 2 m di lunghezza (almeno 5 campioni) C. di S. Josè (Diaspidiotus (uova svernanti) A. verde (Aphis pomi) A. grigio (Dysaphis plantaginea)

Dettagli

Incontro tecnico la frutticoltura: PSA-Batteriosi dell actinidia: sintomi, diagnosi e situazione in provincia di Brescia Martedì 17 Dicembre 2013

Incontro tecnico la frutticoltura: PSA-Batteriosi dell actinidia: sintomi, diagnosi e situazione in provincia di Brescia Martedì 17 Dicembre 2013 Incontro tecnico la frutticoltura: PSA-Batteriosi dell actinidia: sintomi, diagnosi e situazione in provincia di Brescia Martedì 17 Dicembre 2013 Francesca Gaffuri-Laboratorio Fitopatologico Regione Lombardia-

Dettagli

REGIONE LAZIO Direzione Regionale Agricoltura

REGIONE LAZIO Direzione Regionale Agricoltura REGIONE LAZIO Direzione Regionale Agricoltura AREA SERVIZI TECNICI E SCIENTIFICI, SERVIZIO FITOSANITARIO REGIONALE Tuta absoluta (Meyrick) minatrice fogliare del pomodoro (tomato leaf miner) Lista ALLERT

Dettagli

Diffusione e infestazioni della Mosca della frutta in Italia

Diffusione e infestazioni della Mosca della frutta in Italia PROCEDURA DI COLD TREATMENT per esportazione verso USA Diffusione e infestazioni della Mosca della frutta in Italia CORSO DI ADDESTRAMENTO PER ISPETTORI FITOSANITARI Ravenna, 26-27 ottobre 2011 Diffusione

Dettagli

M ELO Origini: proveniente dalle regioni caucasiche, diffuso in tutte le parti del mondo. Fusto: dimensioni medio-elevate di colore che varia da grigiomarrone a marrone-rossastro. Foglia: color verde scuro

Dettagli

Esercitazione pratica il riconoscimento delle specie

Esercitazione pratica il riconoscimento delle specie PARASSITOLOGIA E SANITA PUBBLICA VETERINARIA: I DITTERI VETTORI Genova, 08 Giugno 2012 Società Italiana di Medicina Veterinaria Preventiva Esercitazione pratica il riconoscimento delle specie Fabrizio

Dettagli

Qualità dell ambiente e del patrimonio arboreo: il caso Milano e l esperienza di Nantes, Capitale verde d Europa 2013

Qualità dell ambiente e del patrimonio arboreo: il caso Milano e l esperienza di Nantes, Capitale verde d Europa 2013 Consiglio dell Ordine Nazionale dei Dottori Agronomi e dei Dottori Forestali Qualità dell ambiente e del patrimonio arboreo: il caso Milano e l esperienza di Nantes, Capitale verde d Europa 2013 3 dicembre

Dettagli

salici da ceste CORSO DI CESTERIA

salici da ceste CORSO DI CESTERIA Ecomuseo delle Acque Largo Beorcje 12 - Borgo Molino 33013 Gemona del Friuli (UD) info@ecomuseodelleacque.it www.ecomuseodelleacque.it CORSO DI CESTERIA salici da ceste Il salice da vimini (S. viminalis)

Dettagli

Armillaria mellea. (marciume basale) Famiglia: Mirtaceae. sterilizzazione del terreno in preimpianto della coltura.

Armillaria mellea. (marciume basale) Famiglia: Mirtaceae. sterilizzazione del terreno in preimpianto della coltura. (Eucaliptus sp.) Famiglia: Mirtaceae Armillaria mellea (marciume basale) Armillaria mellea è un fungo che determina marciumi basali e radicali, con conseguente lento deperime Si consiglia la sterilizzazione

Dettagli

La corteccia è liscia di colore marrone con tante lenticelle chiare nei fusti giovani (a dx) squamosa nei fusti più vecchi (a sx)

La corteccia è liscia di colore marrone con tante lenticelle chiare nei fusti giovani (a dx) squamosa nei fusti più vecchi (a sx) NOCCIOLO (Corylus avellana) riconoscerlo? Portamento: è un arbusto caducifoglio con una ceppaia da cui partono molti fusti detti polloni Si trova nel sottobosco dalla pianura fino a 1700 m Gemme ellittiche

Dettagli

Alessandra Franceschini Tecnico specialista della Sezione Zoologia degli invertebrati e idrobiologia

Alessandra Franceschini Tecnico specialista della Sezione Zoologia degli invertebrati e idrobiologia Insetti coinquilini e concittadini quelli legati all acqua Alessandra Franceschini Tecnico specialista della Sezione Zoologia degli invertebrati e idrobiologia Tè degli Insegnanti - 16 marzo 2012 moscerini

Dettagli

6 FASE: Utilizzando Power Point abbiamo raccolto tutte le diapositive completate delle informazioni.

6 FASE: Utilizzando Power Point abbiamo raccolto tutte le diapositive completate delle informazioni. ALBERI E ARBUSTI DEL NOSTRO GIARDINO :. Noi bambini della classe 5 A anno scolastico 2010/11, volendo realizzare uno studio illustrato delle piante del nostro giardino, vi raccontiamo come abbiamo eseguito

Dettagli

Il lepidottero minatore delle palme

Il lepidottero minatore delle palme Regione Toscana Il lepidottero minatore delle palme Paysandisia Archon Direzione generale Competitività del sistema regionale e sviluppo delle competenze Sviluppo rurale - Servizio Fitosantario Regionale

Dettagli

Giornate tecniche 2011

Giornate tecniche 2011 Giornate tecniche 2011 Seminario: Aspetti applicativi della potatura delle piante ornamentali Relatore: dott. agr. Antonio Sagaria Data: 13 febbraio 2011 DICHIO vivai garden DICHIO vivai garden Un albero

Dettagli

Donato, capostipite della famiglia Nigro, dopo aver appreso, dalla tradizione maestria degli agricoltori provenienti da Turi(Ba), il prezioso e poco

Donato, capostipite della famiglia Nigro, dopo aver appreso, dalla tradizione maestria degli agricoltori provenienti da Turi(Ba), il prezioso e poco Donato, capostipite della famiglia Nigro, dopo aver appreso, dalla tradizione maestria degli agricoltori provenienti da Turi(Ba), il prezioso e poco diffuso mestiere di innestino, decise nel 1934, di fondare

Dettagli

Magnolia (Magnoliaceae)

Magnolia (Magnoliaceae) (ceae) Magnolie a fogliame sempreverde grandiflora Gallisoniensis Albero selezionato in Francia dalla chioma conica ma che può essere foggiata a piramidale con potature. Le foglie sempreverdi sono ovali

Dettagli

Direzione Regionale Agricoltura Area Servizi Tecnici e Scientifici Servizio Fitosanitario Regionale

Direzione Regionale Agricoltura Area Servizi Tecnici e Scientifici Servizio Fitosanitario Regionale Direzione Regionale Agricoltura Area Servizi Tecnici e Scientifici Servizio Fitosanitario Regionale Le emergenze fitosanitarie nella Regione Lazio e le problematiche legate al settore forestale Le principali

Dettagli

ERWINIA AMYLOVORA O COLPO DI FUOCO BATTERICO

ERWINIA AMYLOVORA O COLPO DI FUOCO BATTERICO ERWINIA AMYLOVORA O COLPO DI FUOCO BATTERICO Con ordinanza num. 73/2010, l Ente Regionale E.r.s.a.f. ha dichiarato contaminata da erwinia amylovora, comunemente nota come colpo di fuoco batterico, l area

Dettagli

GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA SOMMARIO SERIE GENERALE. PARTE PRIMA Roma - Venerdì, 25 gennaio 2013 AVVISO AGLI ABBONATI

GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA SOMMARIO SERIE GENERALE. PARTE PRIMA Roma - Venerdì, 25 gennaio 2013 AVVISO AGLI ABBONATI SERIE GENERALE Spediz. abb. post. - art. 45% 1, - comma art. 2, 1 comma 20/b Legge 27-02-2004, 23-12-1996, n. n. 46662 - Filiale - Filiale di Roma di Roma GAZZETTA Anno 154 - Numero 21 UFFICIALE DELLA

Dettagli

Allegato 7 SCHEMI ESEMPLIFICATIVI PER INTERVENTI DI POTENZIAMENTO DEL VERDE (RIF. ART. 45/V, C. 25)

Allegato 7 SCHEMI ESEMPLIFICATIVI PER INTERVENTI DI POTENZIAMENTO DEL VERDE (RIF. ART. 45/V, C. 25) Provincia di Piacenza Comune di Castel San Giovanni (PC) Allegato 7 SCHEMI ESEMPLIFICATIVI PER INTERVENTI DI POTENZIAMENTO DEL VERDE (RIF. ART. 45/V, C. 25) 3/A7 Allegato 7 Schemi esemplificativi per

Dettagli

Unità Periferica per i Servizi Fitosanitari. Il cancro batterico dell actinidia Pseudomonas syringae pv. actinidiae

Unità Periferica per i Servizi Fitosanitari. Il cancro batterico dell actinidia Pseudomonas syringae pv. actinidiae Unità Periferica per i Servizi Fitosanitari Il cancro batterico dell actinidia Pseudomonas syringae pv. actinidiae Superfici e produzioni regionali di actinidia Provincie Superficie ettari Produzioni quintali

Dettagli

I grandi biomi terrestri

I grandi biomi terrestri I grandi biomi terrestri BIOMA: complesso di ecosistemi di un area geografica caratterizzato dalla vegetazione dominate. Si distinguono per alcune caratteristiche delle piante quali struttura (le forme

Dettagli

Le aree verdi e la loro manutenzione. Muggia, 18 maggio 2015

Le aree verdi e la loro manutenzione. Muggia, 18 maggio 2015 Le aree verdi e la loro manutenzione Muggia, 18 maggio 2015 Piralide del Bosso Origine La piralide del bosso è una specie di origini asiatiche (Cina, Giappone, Corea e Russia asiatica) rinvenuta per la

Dettagli

Sessione XI ENTOMOLOGIA MERCEOLOGICA E URBANA (Merceologica) Poster

Sessione XI ENTOMOLOGIA MERCEOLOGICA E URBANA (Merceologica) Poster 1 Sessione XI ENTOMOLOGIA MERCEOLOGICA E URBANA (Merceologica) Poster 340 Sessione XI Entomologia merceologica e urbana (Merceologica). Poster Danni da infestanti inusuali a insetti essiccati e a raccolte

Dettagli

Bio-Control nella difesa dai parassiti delle piante. Davide Mondino Cuneo, Lunedì 21/01/2013

Bio-Control nella difesa dai parassiti delle piante. Davide Mondino Cuneo, Lunedì 21/01/2013 Bio-Control nella difesa dai parassiti delle piante Davide Mondino Cuneo, Lunedì 21/01/2013 BioControl (controllo biologico) Per controllo biologico si intende l'utilizzo di tutti quei mezzi efficaci per

Dettagli

La gestione del giardino tra impegno e opportunità. Maria Cristina Li Gotti Provincia di Pordenone Servizio Agricoltura

La gestione del giardino tra impegno e opportunità. Maria Cristina Li Gotti Provincia di Pordenone Servizio Agricoltura La gestione del giardino tra impegno e opportunità Provincia di Pordenone Servizio Agricoltura LA PRODUZIONE DELLA BIOMASSA DA POTATURA ARBOREE E ARBUSTIVE DA ABBATTIMENTI DA SFALCIO DA SCERBATURA AIUOLE

Dettagli

I parassiti non possono più nascondersi

I parassiti non possono più nascondersi Movento 48 SC I parassiti non possono più nascondersi www.bayergarden.it Movento 48 SC Caratteristiche Movento, a base di Spirotetramat, rappresenta una vera rivoluzione ed un progresso sostanziale nella

Dettagli

I nematodi a cisti della patata. Alba Cotroneo

I nematodi a cisti della patata. Alba Cotroneo I nematodi a cisti della patata Alba Cotroneo Globodera spp È uno dei principali parassiti delle regioni temperate e fredde Larva STORIA G. rostochiensis e G. pallida sono originari delle montagne andine;

Dettagli

Convegno. Arboricoltura da Legno con latifoglie di pregio. Realizzazioni, ricerca, prospettive in Piemonte e in Italia Torino, Ottobre 2007

Convegno. Arboricoltura da Legno con latifoglie di pregio. Realizzazioni, ricerca, prospettive in Piemonte e in Italia Torino, Ottobre 2007 Convegno Arboricoltura da Legno con latifoglie di pregio Realizzazioni, ricerca, prospettive in Piemonte e in Italia Torino, 15-16 Ottobre 2007 Le avversità Naldo Anselmi -Università Della Tuscia, Viterbo

Dettagli

sulle foglie degli ulivi Il pericolo corre Avversità

sulle foglie degli ulivi Il pericolo corre Avversità Boselli Il pericolo corre sulle foglie degli ulivi MAURO BOSELLI, MASSIMO BARISELLI Servizio Fitosanitario, Regione Galle fogliari sulla pianta provocate da Dasineura olea Dal 2012 le prime segnalazioni

Dettagli

IMPATTO DELLA PHTHORIMEA OPERCULELLA SULLA COLTURA DELLA PATATA

IMPATTO DELLA PHTHORIMEA OPERCULELLA SULLA COLTURA DELLA PATATA IMPATTO DELLA PHTHORIMEA OPERCULELLA SULLA COLTURA DELLA PATATA BOLOGNA 22-10- 2013 Dr. D. D Ascenzo Servizio Fitosanitario Abruzzo Per poter inquadrare correttamente la problematica della tignola è importante

Dettagli

Fattori predisponenti la comparsa di alcune malattie delle piante ornamentali

Fattori predisponenti la comparsa di alcune malattie delle piante ornamentali Centro di Sperimentazione e Assistenza Agricola Fattori predisponenti la comparsa di alcune malattie delle piante ornamentali Giovanni Minuto Indicazioni epidemiologiche Da un punto di vista generale,

Dettagli

Oggetto: patrimonio arboreo Parco Biblioteca di via Cavour - Legnano

Oggetto: patrimonio arboreo Parco Biblioteca di via Cavour - Legnano PAOLO ALLEVA AGRONOMO PAESAGGISTA Spett.le AMGA Service Via per Busto Arsizio n. 53 20025 Legnano (Mi) Legnano, 04.08.2011 Oggetto: patrimonio arboreo Parco Biblioteca di via Cavour - Legnano Sulla base

Dettagli

Piano per vigneti in allevamento (nuovi impianti 1 e 2 anno)

Piano per vigneti in allevamento (nuovi impianti 1 e 2 anno) GERMINA VITE Obiettivi colturali Di per sé la concimazione della vite non è complicata, ma diventa complessa nel momento in cui si desidera ottenere uve di qualità. In questo caso, allora, non é solo importante

Dettagli

Modelli previsionali Pomacee

Modelli previsionali Pomacee Modelli previsionali Pomacee Elaborazioni settimanali effettuate nel corso del 2015 per le principali aree frutticole della provincia. I dati meteorologici utilizzati per le elaborazioni derivano dalla

Dettagli

I DEVASTATORI DELLE QUERCE E DELLE PALME DEL SALENTO

I DEVASTATORI DELLE QUERCE E DELLE PALME DEL SALENTO I DEVASTATORI DELLE QUERCE E DELLE PALME DEL SALENTO Prof. Vincenzo Mello, docente di Fitopatologia ed Entomologia Agraria presso l Istituto Tecnico Agrario G.Presta di Lecce Cell. 333 5298621 In Puglia,

Dettagli

S E T T E M B R E

S E T T E M B R E C O M P E N S A Z I O N E A M B I E N T A L E P R O G E T T O D I C O M P E N S A Z I O N E A M B I E N T A L E S E T T E M B R E 2 0 1 2 P R O G E T T O D I C O M P E N S A Z I O N E A M B I E N T A L

Dettagli

Monitoraggio delle principali Nottue dannose al pomodoro in Capitanata con trappole a feromone

Monitoraggio delle principali Nottue dannose al pomodoro in Capitanata con trappole a feromone Monitoraggio delle principali Nottue dannose al pomodoro in Capitanata con trappole a feromone Giacinto S. Germinara Dipartimento di Scienze Agrarie degli Alimenti e dell Ambiente, Università di Foggia,

Dettagli

Aiuto per l identificazione dei tarli asiatici

Aiuto per l identificazione dei tarli asiatici Aiuto per l identificazione dei tarli asiatici Caratteristiche, sintomi di infestazione e possibilità di confusione con altre specie Istituto federale di ricerca per la foresta, la neve e il paesaggio

Dettagli

DK SENSEI NUOVA GENETICA CON ECCEZIONALI POTENZIALITÀ PRODUTTIVE IBRIDO SEMI DWARF PIANTA BASSA E BILANCIATA PRODUZIONI STABILI ED ELEVATE

DK SENSEI NUOVA GENETICA CON ECCEZIONALI POTENZIALITÀ PRODUTTIVE IBRIDO SEMI DWARF PIANTA BASSA E BILANCIATA PRODUZIONI STABILI ED ELEVATE Un MONDO di COLZA DK SENSEI PRODUZIONI STABILI ED ELEVATE IBRIDO SEMI DWARF PIANTA BASSA E BILANCIATA Investimento Investimento consigliato 30-40 p/m 2 alla raccolta NUOVA GENETICA CON ECCEZIONALI POTENZIALITÀ

Dettagli

Le rondini. e le loro migrazioni

Le rondini. e le loro migrazioni Le rondini e le loro migrazioni Le rondini Con il termine rondine si identificano quattro specie della famiglia Hirundinidae: Rondine americana (Hirundo fasciata) Rondine comune (Hirundo rustica) Rondine

Dettagli

GIARDINI SOTTO ATTACCO

GIARDINI SOTTO ATTACCO EIMA INTERNATIONAL 2014 GIARDINI SOTTO ATTACCO DAL PUNTERUOLO ROSSO ALLA PIRALIDE DEL BOSSO: AGGIORNAMENTO SULLE BATTAGLIE IN CORSO Luca FANTINI Dottore Forestale e Ambientale per Studio Verde sas Bologna,

Dettagli

La difesa dell olivo. Riccardo Murgia. Sportello Unico Territoriale Sinis. Fotografie ed elaborazione grafica di Mario Zedda

La difesa dell olivo. Riccardo Murgia. Sportello Unico Territoriale Sinis. Fotografie ed elaborazione grafica di Mario Zedda La difesa dell olivo Riccardo Murgia Sportello Unico Territoriale Sinis Fotografie ed elaborazione grafica di Mario Zedda Mosca dell olivo Bactrocera oleae Femmina di bactrocera ovideponente Particolare

Dettagli

CORSO APICOLTURA 2015

CORSO APICOLTURA 2015 PAOLO CHIUSOLE & GABRIELE DEIMICHEI CORSO APICOLTURA 2015 FLORA D INTERESSE APISTICO SECONDA LEZIONE ROVERETO - MERCOLEDÌ 18/03/2015 L apicoltore deve oltre che lavorare bene con le api, anche conoscere

Dettagli

Associazione Frutteto di Vezzolano Giornata delle «Foglie cascanti» Cenni di Fisiologia dello sviluppo

Associazione Frutteto di Vezzolano Giornata delle «Foglie cascanti» Cenni di Fisiologia dello sviluppo Associazione Frutteto di Vezzolano Giornata delle «Foglie cascanti» 3-12-2016 Cenni di Fisiologia dello sviluppo Come le piante crescono e si sviluppano e come questi processi possono essere influenzati

Dettagli

La registrazione di nuovi formulati per la lotta chimica al punteruolo rosso. (?) Stefano Anfosso Agronomo Paesaggista

La registrazione di nuovi formulati per la lotta chimica al punteruolo rosso. (?) Stefano Anfosso Agronomo Paesaggista La registrazione di nuovi formulati per la lotta chimica al punteruolo rosso (?) Stefano Anfosso Agronomo Paesaggista Normativa storia I prodotti per l ambiente urbano: Presidi medico-chirurgici (R.D.

Dettagli

Il ruolo del Consorzio e l applicazione dell ISPM N. 15 in Italia. Sebastiano Cerullo Segretario Generale

Il ruolo del Consorzio e l applicazione dell ISPM N. 15 in Italia. Sebastiano Cerullo Segretario Generale Il ruolo del Consorzio e l applicazione dell ISPM N. 15 in Italia Sebastiano Cerullo Segretario Generale Milano, 17 aprile 2012 ConLegno Consorzio Servizi Legno Sughero ARGOMENTI ConLegno: obiettivi e

Dettagli

Le piantine forestali

Le piantine forestali Le piantine forestali di Scienze e Tecnologie Ambientali Forestali Dott. Barbara Mariotti Le piantine forestali 1. Selvaggioni 2. Talee 3. Postime di vivaio Il postime di vivaio può essere commercializzato:

Dettagli

Patologie controllate con endoterapia!!!!

Patologie controllate con endoterapia!!!! Patologie controllate con endoterapia!!!! Acacia (Albizzia julibrinsin): Psilla dell'albizzia (Acizzia jamatonica) Acero (Acer): Hyphantria cunea, Lymantria dispar, Metcalfa pruinosa, Cerambice dalle lunghe

Dettagli

DA E ROSMARINO. Famiglia: Labiatae. Pythium sp. - Phytophtora sp. (marciume basale)

DA E ROSMARINO. Famiglia: Labiatae. Pythium sp. - Phytophtora sp. (marciume basale) LA VAN Famiglia: DA E ROSMARINO Labiatae Pythium sp. Phytophtora sp. (marciume basale) 1/8 IlCreare fungo determina locolturali sviluppo di limitino un marciume bruno nella parteradicale basale della pianta

Dettagli

Soluzioni per la difesa della vite da vino. Vite da Vino

Soluzioni per la difesa della vite da vino. Vite da Vino Vite da Vino Peronospora Germogliamento Foglie distese Grappoli separati 0-00 g/hl 50-00 g/hl Fioritura Allegagione Accrescimento acini 50-00 g/hl 0-00 g/hl 50-00 g/hl Pre-chiusura Pre-raccolta 500 g/hl

Dettagli

C1202. Riferimento commessa: giugno 2013. ing. Michele D Alessandro Direzione tecnica. Viale Lombardia 5 20131 Milano

C1202. Riferimento commessa: giugno 2013. ing. Michele D Alessandro Direzione tecnica. Viale Lombardia 5 20131 Milano Riferimento commessa: Viale Lombardia 5 20131 Milano Tel. 02.70632650/60 fax 02.2361564 citra@citrasrl.it www.citrasrl.it C1202 giugno 2013 REV prof. arch. Giorgio Goggi Responsabile tecnico-scientifico

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE ISTITUTO DI BIOLOGIA AGROAMBIENTALE E FORESTALE

CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE ISTITUTO DI BIOLOGIA AGROAMBIENTALE E FORESTALE Istituto di Biologia Agro-Ambientale e Forestale (IBAF) Unità Operativa di Supporto di Legnaro Borsa relativa al bando n IBAF.BS.01/2013.PD Borsista: Penelope Zanolli RELAZIONE DI FINE ANNO DI BORSA DI

Dettagli

CHIOMA E PORTAMENTO FOGLIE FIORI FRUTTI FLORA ENDEMICA. 15-25 m 8 m Ovale Foglia caduca Mesofila Igrofila

CHIOMA E PORTAMENTO FOGLIE FIORI FRUTTI FLORA ENDEMICA. 15-25 m 8 m Ovale Foglia caduca Mesofila Igrofila FLORA ENDEMICA ALBERI II GRANDEZZA CARPINUS BETULUS Carpino bianco 15-25 m 8 m Ovale Mesofila Igrofila Primaverili, di colore verde-giallo Grappoli che ingialliscono in autunno Verde scuro nella pagina

Dettagli

Corso Bausinve Base 2015

Corso Bausinve Base 2015 Corso base 23 aprile 2015 Servizio fitosanitario e chimico, ricerca, sperimentazione e assistenza tecnica 23 aprile 2015 Si occupa degli insetti dannosi ai boschi: Defogliatori Fitomizi Xilofagi Alla chioma

Dettagli

Allegato 7 SCHEMI ESEMPLIFICATIVI PER INTERVENTI DI POTENZIAMENTO DEL VERDE (RIF. ART. 45/V, C. 25)

Allegato 7 SCHEMI ESEMPLIFICATIVI PER INTERVENTI DI POTENZIAMENTO DEL VERDE (RIF. ART. 45/V, C. 25) Provincia di Piacenza Comune di Castel San Giovanni (PC) Allegato 7 SCHEMI ESEMPLIFICATIVI PER INTERVENTI DI POTENZIAMENTO DEL VERDE (RIF. ART. 45/V, C. 25) Indice SCHEDA N. 1: Esemplificazione di tipologia

Dettagli

Il poligono del Giappone (pianta neofita infestante)

Il poligono del Giappone (pianta neofita infestante) Il poligono del Giappone (pianta neofita infestante) 1 Le specie esotiche di Poligono (Reynoutria japonica, Polygonum polystachyum) sono neofite invasive originarie dell Asia orientale e iscritte nella

Dettagli

I nemici del legno. Muffa e batteri. Funghi e azzurramento

I nemici del legno. Muffa e batteri. Funghi e azzurramento I nemici del legno Muffa e batteri Esiste una vasta gamma di batteri e muffe. Causa di un intenso carico d umidità i microbi danneggiano la membrana del nucleo cellulare. Esempi di batteri: Vari tipi di

Dettagli