SPORTELLO UNICO ATTIVITA PRODUTTIVE

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SPORTELLO UNICO ATTIVITA PRODUTTIVE"

Transcript

1 (FONTE: ASL MILANO SERVIZIO S.I.S.P.) -Pagina 1- AVVERTENZE IMPORTANTI Il presente vademecum è stato elaborato sulla base di schede fornite al Suap comunale di Bresso dall Asl Milano e costituisce, a titolo meramente informativo, un documento generale di orientamento circa i requisiti minimi previsti, dalle vigenti disposizioni in materia igienico-sanitaria, per determinate attività in campo non alimentare (Acconciatori, Estetisti ed affini Tatuaggi e Piercing Alberghi Residence) Le indicazioni di seguito riportate non vogliono sostituire il complesso sistema di norme vigenti, ma essere uno strumento utile a chi vuole intraprendere e/o modificare significativamente una delle predette attività. Si ritiene opportuno precisare, inoltre, che la realizzazione delle opere infrastrutturali necessarie ad ottemperare alle prescrizioni di seguito riportate è subordinata alle verifiche circa la conformità urbanisticoedilizia dei locali, nonché alla favorevole conclusione, ove occorrenti, dei relativi procedimenti presso lo Sportello Unico Edilizia del Comune di Bresso. Prima di intraprendere qualsiasi modifica strutturale ai locali è pertanto indispensabile contattare il suddetto Ufficio comunale. Sono fatte salve e riservate, infine, le valutazioni, anche a carattere prescrittivo, che l Asl riterrà di formulare rispetto alle attività interessate, nell esercizio delle proprie prerogative di vigilanza sanitaria. INDICE ATTIVITA ACCONCIATORI, ESTETISTI ED AFFINI... pag 2 TATUAGGI E PIERCING.... pag 5 ALBERGHI... pag 8 RESIDENCE..... pag 11

2 (FONTE: ASL MILANO SERVIZIO S.I.S.P.) -Pagina 2- A) REQUISITI STRUTTURALI GENERALI ACCONCIATORI, ESTETISTI ED AFFINI Le altezze (*) dei locali devono essere conformi a quanto previsto dall art del Regolamento di Igiene Tipo, ovvero: almeno 270 cm per i locali con presenza continuativa di persone; almeno 240 cm per servizi igienici e spogliatoi; almeno 210 cm per spazi di disimpegno, corridoi, ecc. In caso di soffitto non orizzontale, l altezza dei locali con presenza continuativa di persone non deve essere inferiore ai 210 cm. Se l attività viene svolta in locali seminterrati e/o interrati, è necessaria l acquisizione della deroga art. 65 D.L. 81 (ex art. 8 D.P.R. n 303/56), da richiedere presso la ASL, al Servizio UOPSAL territorialmente competente. Se i vani non dispongono di aerazione naturale diretta regolamentare (**), è richiesto un impianto di trattamento dell aria, con sia la dichiarazione di conformità e sia la relazione tecnica, quest ultima conforme a quanto previsto dagli artt e del La superficie per il primo posto di lavoro deve essere di almeno mq ed aumentata di mq 5.00 per ogni ulteriore postazione (***), ai sensi dell art del I pavimenti dell esercizio devono essere a superficie unita e lavabile, ai sensi dell art del Le pareti dell esercizio devono essere rivestite di materiale liscio e lavabile sino a 2,00 mt., ai sensi dell art del Il servizio igienico, regolarmente aerato ai sensi dell art del Regolamento di Igiene Tipo, deve essere accessibile dall interno dell esercizio e ad uso esclusivo dell attività ai sensi dell art del Regolamento di Igiene Tipo. Le dimensioni minime del servizio igienico devono essere pari a mq 1,00. Inoltre deve essere: dotato di regolare antibagno (avente superficie minima di mq 1,00); dotato di lavello a comando non manuali;

3 (FONTE: ASL MILANO SERVIZIO S.I.S.P.) -Pagina 3- dotato di porta dell antibagno del tipo a tenuta; dotato di pavimento con superficie di materiale impermeabile liscio lavabile e ben connesso; dotato di pareti rivestite sino a 2,00 mt. di materiale impermeabile e facilmente lavabile; presente, in caso di subingresso, la dichiarazione dell Amministratore del Condominio di uso esclusivo del servizio igienico esterno. Gli spazi ad uso cabina per il trattamento estetico devono avere dimensione minima di metri 2,00 x 2,00 e possono essere delimitati da pareti non a tutta altezza; è consigliabile un altezza non superiore ai 2/3 di quella del locale e comunque conforme al diritto di privacy dell utente. Le cabine di estetica devono essere dotate di regolare lavamani ai sensi dell art del Regolamento d Igiene Tipo. B) DOTAZIONE MINIMA PREVISTA DALL ART DEL REGOLAMENTO D IGIENE TIPO La struttura deve disporre di idonei arredamenti, di facile pulizia, atti all esercizio ed alla conservazione di strumentazione ed attrezzatura. Deve essere presente almeno uno spazio e/o armadio per il materiale pulito. Devono essere presenti appositi recipienti chiusi e distinti per la biancheria usata e rifiuti. C) DICHIARAZIONI IMPIANTI E ATTREZZATURE E richiesta la dichiarazione di conformità dell impianto elettrico ai sensi del D.M. 37 del 2008 per le nuove attività, ed ai sensi della L. 46/90 limitatamente ai subentri senza alcuna modifica degli impianti. E richiesta la dichiarazione di conformità dell impianto e/o apparecchio alimentato a gas ai sensi del D.M.37 del 2008 per le nuove attività, ed ai sensi della L. 46/90 limitatamente ai subentri senza alcuna modifica degli impianti. Sono richieste le schede tecniche attestanti le certificazioni del rispetto norme UNI-CEI delle apparecchiature elettromeccaniche ad uso estetico. D) DISINFEZIONE / STERILIZZAZIONE DEGLI ARNESI DA LAVORO Le attività di parrucchiere ed estetica devono avere in loco attrezzatura necessaria per la disinfezione degli arnesi non monouso quali spazzole, pettini, supporti per taglienti, ecc. così come previsto dell art del

4 (FONTE: ASL MILANO SERVIZIO S.I.S.P.) -Pagina 4- Qualora vengano utilizzati taglienti non monouso (forbici e tronchesini per manicure e pedicure, rasoi, ecc.) si deve predisporre idonea procedura di disinfezione e sterilizzazione e dotare l esercizio di apparecchiatura per la sterilizzazione di tali strumenti. (*) Altezze dei locali: si considera l altezza media ponderale dei locali. (**) Aerazione naturale diretta: deve essere garantita da serramenti apribili ai sensi dell art del Regolamento di Igiene Tipo, che abbiano superficie pari ad almeno 1/10 della superficie di pavimento del locale interessato. (***) Superfici dei locali: un locale (spazio delimitato da pareti a tutta altezza) non può avere superficie inferiore a mq 9.00 ai sensi dell art del

5 (FONTE: ASL MILANO SERVIZIO S.I.S.P.) -Pagina 5- A) REQUISITI STRUTTURALI GENERALI TATUAGGI E PIERCING Le altezze (*) dei locali devono essere conformi a quanto previsto dall art del Regolamento di Igiene Tipo, ovvero: almeno 270 cm per i locali con presenza continuativa di persone; almeno 240 cm per servizi igienici e spogliatoi; almeno 210 cm per spazi di disimpegno, corridoi, ecc. Se l attività viene svolta in locali seminterrati e/o interrati, è necessaria l acquisizione della deroga art. 65 D.L. 81 (ex art. 8 D.P.R. n 303/56), da richiedere presso la ASL, al Servizio UOPSAL territorialmente competente. Se i vani non dispongono di aerazione naturale diretta regolamentare (**), è richiesto un impianto di trattamento dell aria, con sia la dichiarazione di conformità e sia la relazione tecnica, quest ultima conforme a quanto previsto dagli artt e del La superficie minima del locale o vano d attesa, separata a tutta parete da qualsiasi altro locale, deve essere di almeno mq La superficie minima del locale (***) dove viene effettuato il tatuaggio o il piercing, separato a tutta parete da qualsiasi altro locale, deve essere di almeno mq Considerato il rischio biologico è buona pratica che questo locale sia dotato di lavello a comando non manuale, di distributore di sapone liquido e di asciugamani monouso. I pavimenti dell esercizio devono essere a superficie unita e lavabile, ai sensi dell art del Le pareti dell esercizio devono essere rivestite di materiale liscio e lavabile sino a 2,00 mt., ai sensi dell art del Il servizio igienico, regolarmente aerato ai sensi dell art del Regolamento di Igiene Tipo, deve essere accessibile dall interno dell esercizio e ad uso esclusivo dell attività ai sensi dell art del Regolamento di Igiene Tipo. Le dimensioni minime del servizio igienico devono essere pari a mq 1,00. Inoltre deve essere: dotato di regolare antibagno (avente superficie minima di mq 1,00); dotato di lavello a comando non manuale, di distributore di sapone liquido e di asciugamani monouso;

6 (FONTE: ASL MILANO SERVIZIO S.I.S.P.) -Pagina 6- dotato di porta dell antibagno del tipo a tenuta; dotato di pavimento con superficie di materiale impermeabile liscio lavabile e ben connesso; dotato di pareti rivestite sino a 2,00 mt. di materiale impermeabile e facilmente lavabile. Lo spogliatoio, qualora privo di regolare apertura finestrata, deve essere aerato ai sensi dell art del Inoltre deve essere: dotato di pareti rivestite sino a 2,00 mt. di materiale impermeabile e facilmente lavabile; dotato di pavimento con superficie di materiale impermeabile liscio, lavabile e ben connesso Deve essere previsto uno spazio per la pulizia, disinfezione e sterilizzazione del materiale non monouso: Deve esistere una separazione netta tra le aree in cui vengono trattati presidi e materiali sporchi e quelle in cui vengono conservati i materiali puliti e sterilizzati; L area sporca deve essere dotata di vasca in acciaio, o materiale equivalente, con acqua calda e fredda. B) DOTAZIONE MINIMA PREVISTA La struttura deve disporre di idonei arredamenti, di facile pulizia, atti all esercizio ed alla conservazione di strumentazione ed attrezzatura. Deve essere presente idoneo sistema di sterilizzazione per la strumentazione in uso (autoclave o stufe a secco). Lo spogliatoio per gli operatori deve essere dotato di armadietti a doppio scomparto (abiti borghesi/abiti da lavoro). C) DICHIARAZIONI IMPIANTI E ATTREZZATURE E richiesta la dichiarazione di conformità dell impianto elettrico ai sensi del D.M. 37 del 2008 per le nuove attività, ed ai sensi della L. 46/90 limitatamente ai subentri senza alcuna modifica degli impianti. E richiesta la dichiarazione di conformità dell impianto e/o apparecchio alimentato a gas ai sensi del D.M.37 del 2008 per le nuove attività, ed ai sensi della L. 46/90 limitatamente ai subentri senza alcuna modifica degli impianti. Sono richieste le schede tecniche attestanti le certificazioni del rispetto norme UNI-CEI delle apparecchiature utilizzate e le schede tecniche dei prodotti utilizzati

7 (FONTE: ASL MILANO SERVIZIO S.I.S.P.) -Pagina 7- D) RIFIUTI Le attività di tatoo e piercing devono avere in loco documentazione attestante il corretto smaltimento dei rifiuti pericolosi a rischio infettivo così come previsto dal DPR 254/2003. (*) Altezze dei locali: si considera l altezza media ponderale dei locali. (**) Aerazione naturale diretta: deve essere garantita da serramenti apribili ai sensi dell art del Regolamento di Igiene Tipo, che abbiano superficie pari ad almeno 1/10 della superficie di pavimento del locale interessato. (***) Superfici dei locali: un locale (spazio delimitato da pareti a tutta altezza) non può avere superficie inferiore a mq 9.00 ai sensi dell art del

8 (FONTE: ASL MILANO SERVIZIO S.I.S.P.) -Pagina 8- A) REQUISITI STRUTTURALI GENERALI ALBERGO Le altezze (*) dei locali devono essere conformi a quanto previsto dall art del Regolamento di Igiene Tipo, ovvero: almeno 270 cm per i locali con presenza continuativa di persone; almeno 240 cm per servizi igienici e spogliatoi; almeno 210 cm per spazi di disimpegno, corridoi, ecc. In caso di soffitto non orizzontale, l altezza dei locali con presenza continuativa di persone non deve essere inferiore ai 210 cm. Se l attività viene svolta in locali seminterrati e/o interrati, è necessaria l acquisizione della deroga art. 65 D.L. 81 (ex art. 8 D.P.R. n 303/56), da richiedere presso la ASL, alla UOPSAL territorialmente competente. L illuminazione diurna dei locali deve essere naturale e diretta così come previsto dall art del Le camere ricettive devono avere aerazione ed illuminazione naturale secondo quanto previsto dagli art , e del Il servizio igienico, regolarmente aerato ai sensi dell art del Regolamento di Igiene Tipo, deve essere interno alle camere e di superficie pari ad almeno mq 2.00, di cui 1 mq per antibagno. Le camere ad un posto letto devono avere una superficie minima di mq 9.00, una cubatura minima di mc 24.00, una altezza minima pari a 240 cm, una altezza media non inferiore a 270 cm e comunque rapportata alla volumetria richiesta ai sensi dell art Le camere a due posti letto devono avere una superficie minima di mq 14.00, una cubatura minima di mc 42.00, una altezza minima pari a 2.40 cm, altezza media non inferiore a 270 cm e comunque rapportata alla volumetria richiesta ai sensi dell art Le camere a tre posti letto devono avere una superficie minima di mq 20.00, una cubatura minima di mc 60.00, una altezza minima pari a 2.40 cm, una altezza media non inferiore a 270 cm e comunque rapportata alla volumetria richiesta ai sensi dell art Le camere a quattro posti letto (**) devono avere una superficie minima di mq 26.00, una cubatura minima di mc 78.00, una altezza minima pari a 240 cm, una altezza media non inferiore a 270 cm e comunque rapportata alla volumetria richiesta ai sensi dell art

9 (FONTE: ASL MILANO SERVIZIO S.I.S.P.) -Pagina 9- Se i locali con permanenza di persona e/o attività lavorativa non dispongono di aerazione naturale diretta regolamentare (***) (ad esempio lavanderia/stireria, sala riunioni/conferenze, uffici) è richiesto un impianto di trattamento dell aria, con sia la dichiarazione di conformità e sia la relazione tecnica, quest ultima conforme a quanto previsto dagli artt e del Gli spogliatoi ed i servizi igienici ad uso del personale e/o del pubblico devono essere aerati ai sensi degli art e del B) DOTAZIONI MINIME Deve essere presente uno spazio e/o armadio per il deposito del materiale pulito. Deve essere presente uno spazio e/o armadio per il deposito del materiale usato. Deve essere presente almeno uno spazio e/o armadio per il materiale e le attrezzature di pulizia. La struttura deve disporre di un locale deposito rifiuti conforme agli art , e del C) DICHIARAZIONI IMPIANTI E richiesta la dichiarazione di conformità dell impianto elettrico ai sensi del D.M. 37 del 2008 per le nuove attività, ed ai sensi della L. 46/90 limitatamente ai subentri senza alcuna modifica degli impianti. E richiesta la dichiarazione di conformità dell impianto e/o apparecchio alimentato a gas ai sensi del D.M.37 del 2008 per le nuove attività, ed ai sensi della L. 46/90 limitatamente ai subentri senza alcuna modifica degli impianti. Devono essere presi tutti i provvedimenti sugli impianti idrici e di condizionamento necessari a minimizzare il rischio di colonizzazione da legionella pneumophila. Gli stessi impianti devono essere predisposti per eventuali trattamenti di bonifica secondo le indicazioni generali di buona tecnica e quelle indicate nelle Linee Guida per la prevenzione ed il controllo della legionellosi del 4 aprile 2000, nelle Linee Guida recanti indicazioni sulla legionellosi per i gestori di strutture turistico-ricettive e termali del 13 gennaio 2005 e nelle Linee Guida Prevenzione e controllo della legionellosi in Lombardia (Ddg 28 febbraio 2005 n e Ddg 24 febbraio 2009 n. 1751). (*) Altezze dei locali: si considera l altezza media ponderale dei locali. (**) Superficie e cubatura minima delle camere: qualora la camera sia dotata di un numero di posti letto superiore a quattro dovrà essere considerata appartamento e quindi rispettare i requisiti richiesti dall art del

10 (FONTE: ASL MILANO SERVIZIO S.I.S.P.) -Pagina 10- (***) Aerazione naturale diretta: deve essere garantita da serramenti apribili ai sensi dell art del Regolamento di Igiene Tipo, che abbiano superficie pari ad almeno 1/10 della superficie di pavimento del locale interessato.

11 (FONTE: ASL MILANO SERVIZIO S.I.S.P.) -Pagina 11- A) REQUISITI STRUTTURALI GENERALI RESIDENCE Le altezze (*) dei locali devono essere conformi a quanto previsto dall art del Regolamento di Igiene Tipo, ovvero: almeno 270 cm per i locali con presenza continuativa di persone; almeno 240 cm per servizi igienici e spogliatoi; almeno 210 cm per spazi di disimpegno, corridoi, ecc. In caso di soffitto non orizzontale, l altezza dei locali con presenza continuativa di persone non deve essere inferiore ai 210 cm. Se l attività viene svolta in locali seminterrati e/o interrati, è necessaria l acquisizione della deroga art. 65 D.L. 81 (ex art. 8 D.P.R. n 303/56), da richiedere presso la ASL, al Servizio UOPSAL territorialmente competente. L illuminazione diurna dei locali deve essere naturale e diretta così come previsto dall art del L unità residenziale deve avere superficie utile conforme a quanto previsto dall art del Regolamento di Igiene Tipo (**). Le camere ricettive devono avere aerazione ed illuminazione naturale secondo quanto previsto dagli artt , e del Il primo servizio igienico, regolarmente aerato ai sensi dell art del Regolamento di Igiene Tipo, deve essere di superficie pari ad almeno mq 4.00 secondo quanto previsto dall art del Regolamento di Igiene Tipo. (***) Le camere ad un posto letto devono avere superficie minima di mq 9.00, cubatura minima di mc 24.00, possono avere altezza minima pari a mt 2.10, devono avere altezza media non inferiore a mt 2.70 e comunque rapportata alla volumetria richiesta secondo quanto previsto dall art del Regolamento di Igiene Tipo. Le camere a due posti letto devono avere superficie minima di mq 14.00, cubatura minima di mc 42.00, possono avere altezza minima pari a mt 2.10, devono avere altezza media non inferiore a mt 2.70 e comunque rapportata alla volumetria richiesta secondo quanto previsto dall art del Regolamento di Igiene Tipo.

12 (FONTE: ASL MILANO SERVIZIO S.I.S.P.) -Pagina 12- Le camere a tre posti letto devono avere superficie minima di mq 20.00, cubatura minima di mc 60.00, possono avere altezza minima pari a mt 2.10, devono avere altezza media non inferiore a mt 2.70 e comunque rapportata alla volumetria richiesta secondo quanto previsto dall art del Regolamento di Igiene Tipo. Le camere a quattro posti letto (massimo previsto), devono avere superficie minima di mq 26.00, cubatura minima di mc 78.00, possono avere altezza minima pari a mt 2.10, devono avere altezza media non inferiore a mt 2.70 e comunque rapportata alla volumetria richiesta secondo quanto previsto dall art del Se presente un locale cucina, deve avere regolare aerazione ed illuminazione naturale diretta secondo quanto previsto dagli artt , e del Regolamento di Igiene Tipo, oppure se presente uno spazio cottura deve avere cucina elettrica in diretta continuità con un locale recettivo la cui superficie non è inferiore a mq secondo quanto previsto dall art del Il locale cucina o lo spazio cottura devono essere muniti di canna di esalazione fumi sfociante in copertura con idoneo comignolo secondo quanto previsto dagli art , e del Se i locali con permanenza di persona e/o attività lavorativa non dispongono di aerazione naturale diretta regolamentare (****) (ad esempio lavanderia/stireria, sala riunioni/conferenze, uffici) è richiesto un impianto di trattamento dell aria, con sia la dichiarazione di conformità e sia la relazione tecnica, quest ultima conforme a quanto previsto dagli artt e del Gli spogliatoi ed i servizi igienici ad uso del personale e/o del pubblico devono essere aerati ai sensi degli art e del B) DOTAZIONI MINIME Deve essere presente uno spazio e/o armadio per il deposito del materiale pulito. Deve essere presente uno spazio e/o armadio per il deposito del materiale usato. Deve essere presente almeno uno spazio e/o armadio per il materiale e le attrezzature di pulizia. La struttura deve disporre di un locale deposito rifiuti conforme agli artt , e del C) DICHIARAZIONI IMPIANTI E richiesta la dichiarazione di conformità dell impianto elettrico ai sensi del D.M. 37 del 2008 per le nuove attività, ed ai sensi della L. 46/90 limitatamente ai subentri senza alcuna modifica degli impianti. E richiesta la dichiarazione di conformità dell impianto e/o apparecchio alimentato a gas ai sensi del D.M.37 del 2008 per le nuove attività, ed ai sensi della L. 46/90 limitatamente ai subentri senza alcuna modifica degli impianti.

13 (FONTE: ASL MILANO SERVIZIO S.I.S.P.) -Pagina 13- Devono essere presi tutti i provvedimenti sugli impianti idrici e di condizionamento necessari a minimizzare il rischio di colonizzazione da legionella pneumophila. Gli stessi impianti devono essere predisposti per eventuali trattamenti di bonifica secondo le indicazioni generali di buona tecnica e quelle indicate nelle Linee Guida per la prevenzione ed il controllo della legionellosi del 4 aprile 2000, nelle Linee Guida recanti indicazioni sulla legionellosi per i gestori di strutture turistico-ricettive e termali del 13 gennaio 2005 e nelle Linee Guida Prevenzione e controllo della legionellosi in Lombardia (Ddg 28 febbraio 2005 n e Ddg 24 febbraio 2009 n. 1751). (*) Altezze dei locali: si considera l altezza media ponderale dei locali. (**) Superficie e cubatura minima delle camere e degli alloggi: l attività di residence deve essere verificata come requisiti strutturali propri della residenza, secondo quanto previsto dagli art e del Regolamento di Igiene Tipo per la verifica della superficie/cubatura in relazione al n di posti letto per locale. (***) Secondo servizio igienico qualora sia previsto un secondo servizio igienico, per i requisiti strutturali occorre fare riferimento al Regolamento Edilizio del Comune di appartenenza. (****) Aerazione naturale diretta: deve essere garantita da serramenti apribili ai sensi dell art del Regolamento di Igiene Tipo, che abbiano superficie pari ad almeno 1/10 della superficie di pavimento del locale interessato.

Attività artigianali Acconciatori

Attività artigianali Acconciatori Attività artigianali Acconciatori Descrizione L attività professionale di acconciatore comprende tutti i trattamenti ed i servizi volti a modificare, migliorare, mantenere e proteggere l aspetto estetico

Dettagli

Attività Produttive. Descrizione

Attività Produttive. Descrizione Attività Produttive Attività artigianali, produttive, industriali e dei servizi alla persona Attività di servizio alla persona: Massaggiatori, discipline bionaturali e attiv Descrizione L operatore di

Dettagli

Attività Produttive. Attività artigianali Massaggiatori e attività del benessere. Descrizione

Attività Produttive. Attività artigianali Massaggiatori e attività del benessere. Descrizione Attività Produttive Attività artigianali Massaggiatori e attività del benessere Descrizione L operatore di tecniche di massaggio orientale opera nell ambito delle pratiche che stimolano le risorse naturali

Dettagli

Attività artigianali Massaggiatori e attività del benessere

Attività artigianali Massaggiatori e attività del benessere Attività artigianali Massaggiatori e attività del benessere Descrizione L operatore di tecniche di massaggio orientale opera nell ambito delle pratiche che stimolano le risorse naturali dell individuo

Dettagli

AUTOCERTIFICAZIONE CONFORMITA DEL PROGETTO ALLE NORME IGIENICO SANITARIE (Art. 20 comma 1 del DPR 380/2001 e ss mm.ii.)

AUTOCERTIFICAZIONE CONFORMITA DEL PROGETTO ALLE NORME IGIENICO SANITARIE (Art. 20 comma 1 del DPR 380/2001 e ss mm.ii.) PRATICA EDILIZIA INT. / AUTOCERTIFICAZIONE CONFORMITA DEL PROGETTO ALLE NORME IGIENICO SANITARIE (Art. 20 comma 1 del DPR 380/2001 e ss mm.ii.) l sottoscritt iscritt all Albo della Provincia di con studio

Dettagli

MODALITA' DI ESERCIZIO DELLE ATTIVITA' DI TATUAGGIO E PIERCING

MODALITA' DI ESERCIZIO DELLE ATTIVITA' DI TATUAGGIO E PIERCING Legge Regionale n 38/2013 Regolamento di attuazione approvato con DGR 445/2016 MODALITA' DI ESERCIZIO DELLE ATTIVITA' DI TATUAGGIO E PIERCING DESTINATARI (art. 1) Il Regolamento è rivolto: 1) alle attività

Dettagli

! " # $ " %$ $ &' '( # )(*' +%% ( # )(*, - 1(, - 2# 1 34, $34,, '& $ +5, '

!  # $  %$ $ &' '( # )(*' +%% ( # )(*, - 1(, - 2# 1 34, $34,, '& $ +5, ' ! " # $ " %$ $ ( # )(* +%% ( # )(*,.# /, 1(, # /,%1 2# 1! 34, "34,/ $34,, 2 $ +5, # 1 + (,+,, 1! 1 1 3.2363.2 CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Oggetto del Regolamento!"#$%!##### ( ) *!+,. / ".!1 2 34#"!*!"#$

Dettagli

Regolamento per le attività di acconciatore ed estetista, tatuaggio e piercing

Regolamento per le attività di acconciatore ed estetista, tatuaggio e piercing COMUNE DI PRATO Regolamento per le attività di acconciatore ed estetista, tatuaggio e piercing Allegato C: Requisiti minimi strutturali ed igienico sanitari dei locali per attività di Tatuaggi e Piercing

Dettagli

RISTORANTI TAVOLE CALDE E PIZZERIE

RISTORANTI TAVOLE CALDE E PIZZERIE NOTA GENERALE. I requisiti degli esercizi alimentari di Expo 2015 per gli utenti e per il personale sono stati già forniti nel corso di diversi incontri con i professionisti, i quali avevano già impostato

Dettagli

ASSESSORATO DELL IGIENE E SANITA E DELL ASSISTENZA SOCIALE AREA DEGENZA

ASSESSORATO DELL IGIENE E SANITA E DELL ASSISTENZA SOCIALE AREA DEGENZA L area di degenza è il luogo di permanenza del paziente durante il ricovero nella struttura e degli ambienti relativi alle attività ad esso correlate. Le seguenti disposizioni sono da ritenersi applicabili

Dettagli

COMUNE DI CAPALBIO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELLE ATTIVITA DI ACCONCIATORE ED ESTETISTA IN VIGORE DAL 24/03/2007

COMUNE DI CAPALBIO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELLE ATTIVITA DI ACCONCIATORE ED ESTETISTA IN VIGORE DAL 24/03/2007 REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELLE ATTIVITA DI ACCONCIATORE ED ESTETISTA IN VIGORE DAL 24/03/2007 Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 34 del 30/05/2003 Modificato con Deliberazione del

Dettagli

REGIONE VENETO Lista di verifica REQUISITI MINIMI SPECIFICI E DI QUALITA PER L AUTORIZZAZIONE AMBULATORIO/STUDIO VETERINARIO CON ACCESSO DI ANIMALI

REGIONE VENETO Lista di verifica REQUISITI MINIMI SPECIFICI E DI QUALITA PER L AUTORIZZAZIONE AMBULATORIO/STUDIO VETERINARIO CON ACCESSO DI ANIMALI REGIONE VENETO Lista di verifica REQUITI MINIMI SPECIFICI E DI QUALITA PER L AUTORIZZAZIONE 1 Requisiti strutturali Elementi - Indicatori di risultato Auto 1.1 Destinazione d uso DIREZIONALE Documento

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA ATTIVITA di PARRUCCHIERA ESTETISTA MOD.A/01

SCHEDA INFORMATIVA ATTIVITA di PARRUCCHIERA ESTETISTA MOD.A/01 SCHEDA INFORMATIVA ATTIVITA di PARRUCCHIERA ESTETISTA MOD.A/01 PRESENTATA AL COMUNE IN ALLEGATO ALLA RICHIESTA DI NULLA OSTA INIZIO ATTIVITA ARTIGIANALE COMUNE: DENOMINAZIONE DITTA: TITOLARE: SEDE ATTIVITA

Dettagli

Il Controllo Ufficiale nell ambito della Segnalazione Certificata d Inizio Attività (S.C.I.A.)

Il Controllo Ufficiale nell ambito della Segnalazione Certificata d Inizio Attività (S.C.I.A.) Il Controllo Ufficiale nell ambito della Segnalazione Certificata d Inizio Attività (S.C.I.A.) Intervento a cura di dott.ssa Daniela F. Pozzi Milano, 21 maggio 2015 Quadro normativo Regolamento CE 852/04

Dettagli

Standard qualitativi obbligatori minimi per gli alberghi di prima classificazione rispetto alla data di entrata in vigore del regolamento

Standard qualitativi obbligatori minimi per gli alberghi di prima classificazione rispetto alla data di entrata in vigore del regolamento Lombardia Reg. reg. 7-12-2009 n. 5 Definizione degli standard qualitativi obbligatori minimi per la classificazione degli alberghi e delle residenze turistico-alberghiere, nonché degli standard obbligatori

Dettagli

AUTOCERTIFICAZIONE IGIENICO-SANITARIA (ai sensi dell art.96 L.R. 11/2010)

AUTOCERTIFICAZIONE IGIENICO-SANITARIA (ai sensi dell art.96 L.R. 11/2010) ALLEGATO 1 autocertificazione da allegare alle istanze di concessione/autorizzazione edilizia AUTOCERTIFICAZIONE IGIENICO-SANITARIA (ai sensi dell art.96 L.R. 11/2010) l SOTTOSCRITTO ING./ARCH./GEOM...

Dettagli

ALLEGATO C REQUISITI MINIMI OBBLIGATORI DELLE STRUTTURE RICETTIVE NON ALBERGHIERE FORESTERIE LOMBARDE

ALLEGATO C REQUISITI MINIMI OBBLIGATORI DELLE STRUTTURE RICETTIVE NON ALBERGHIERE FORESTERIE LOMBARDE 20 Bollettino Ufficiale ALLEGATO C FORESTERIE LOMBARDE REQUISITI DIMENSIONALI MINIMI OBBLIGATORI CAMERE (dimensionamento al netto della stanza da bagno) Camera singola 9 mq Camera doppia Camera da più

Dettagli

1. Dati dell intervento 1.1 Ubicazione intervento

1. Dati dell intervento 1.1 Ubicazione intervento Spazio per la vidimazione da parte del SUAP ALLEGATO A-5 Dichiarazione di conformità dell impianto alle vigenti norme (L.R. n 3/2008, art. 1, comma 21) CONFORMITA ALLE NORME IN MATERIA DI REQUISITI STRUTTURALI,

Dettagli

SPORTELLO UNICO ATTIVITA PRODUTTIVE

SPORTELLO UNICO ATTIVITA PRODUTTIVE AVVERTENZE IMPORTANTI Il presente vademecum è stato fornito al Suap comunale di Bresso dall Asl Milano e costituisce, a titolo meramente informativo, un documento generale di orientamento circa i requisiti

Dettagli

STUDIO TECNICO DI INGEGNERIA Ing. Andrea Dessi SOMMARIO

STUDIO TECNICO DI INGEGNERIA Ing. Andrea Dessi SOMMARIO SOMMARIO SOMMARIO Sommario 1 Norme di attuazione 2 Art. - I Finalità 2 Art. - II Strumento d attuazione del piano urbanistico comunale 2 Art. - III Disposizioni generali 2 Art. - IV Norme di edificabilità

Dettagli

1.1 Generalità dell interessato (Indicare Nome e Cognome. I dati anagrafici completi sono contenuti nella Domanda Unica) IL SOTTOSCRITTO

1.1 Generalità dell interessato (Indicare Nome e Cognome. I dati anagrafici completi sono contenuti nella Domanda Unica) IL SOTTOSCRITTO ALLEGATO A-5 Dichiarazione di conformità dell impianto alle vigenti norme CONFORMITA ALLE NORME IN MATERIA DI REQUISITI STRUTTURALI, TECNOLOGICI E ORGANIZZATIVI DELLE STRUTTURE SANITARIE 1. Dati generali

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA TRASFORMAZIONE E LA VENDITA DEI PRODOTTI ALIMENTARI E PER LA SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE DA PARTE DELLE AZIENDE

LINEE GUIDA PER LA TRASFORMAZIONE E LA VENDITA DEI PRODOTTI ALIMENTARI E PER LA SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE DA PARTE DELLE AZIENDE LINEE GUIDA PER LA TRASFORMAZIONE E LA VENDITA DEI PRODOTTI ALIMENTARI E PER LA SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE DA PARTE DELLE AZIENDE AGRICOLE SOMMARIO 1. Introduzione 2. Normativa di riferimento

Dettagli

1. Dati generali dell intervento

1. Dati generali dell intervento ALLEGATO A-5 Dichiarazione di conformità dell impianto alle vigenti norme CONFORMITA ALLE NORME IN MATERIA DI REQUISITI STRUTTURALI, TECNOLOGICI E ORGANIZZATIVI DELLE STRUTTURE SANITARIE 1. Dati generali

Dettagli

SPORTELLO UNICO PER L ATTIVITÀ EDILIZIA del COMUNE di BRICHERASIO. AUTOCERTIFICAZIONE per la CONFORMITÀ ALLE NORME IGIENICO SANITARIE

SPORTELLO UNICO PER L ATTIVITÀ EDILIZIA del COMUNE di BRICHERASIO. AUTOCERTIFICAZIONE per la CONFORMITÀ ALLE NORME IGIENICO SANITARIE MODELLO N. 11 SPORTELLO UNICO PER L ATTIVITÀ EDILIZIA del COMUNE di BRICHERASIO AUTOCERTIFICAZIONE per la CONFORMITÀ ALLE NORME IGIENICO SANITARIE (D.P.R. 6 giugno 2001 n. 380 e s.m.i., art. 20 comma 1)

Dettagli

in qualità di nat a il residente a Via C.F. o P.IVA Telefono fax

in qualità di nat a il residente a Via C.F. o P.IVA Telefono fax DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE SERVIZIO IGIENE ALIMENTI E NUTRIZIONE - SERVIZIO IGIENE ALIMENTI ORIGINE ANIMALE MODELLO 1: SAGRE E FESTE - TIPOLOGIA A Il sottoscritto in qualità di nat a il residente a Via

Dettagli

Specifiche Operative

Specifiche Operative Comune di Padova Settore Edilizia Privata Settore Pianificazione Urbanistica Piano Regolatore Generale Nuovo Regolamento Edilizio Comunale (Approvato con Deliberazione del C.C. n. 41 del 05/06/2006) Specifiche

Dettagli

ISTRUZIONE OPERATIVA DOCUMENTAZIONE STRUTTURE DOCUMENTAZIONE STRUTTURE. INDICE DELLE REVISIONI Numero Data Descrizione Paragraf i Variati

ISTRUZIONE OPERATIVA DOCUMENTAZIONE STRUTTURE DOCUMENTAZIONE STRUTTURE. INDICE DELLE REVISIONI Numero Data Descrizione Paragraf i Variati del 01-02-2016 Pag. 1 di 7 INDICE DELLE REVISIONI Numero Data Descrizione Paragraf i Variati Pagine Variate 00 01-02-2016 Prima emissione Tutti Tutte RESPONSABILITA ELABORAZIONE VERIFICA APPROVAZIONE DATA

Dettagli

Somministrazione Somministrazione all'interno di pubblici esercizi (bar, ristoranti)

Somministrazione Somministrazione all'interno di pubblici esercizi (bar, ristoranti) Somministrazione Somministrazione all'interno di pubblici esercizi (bar, ristoranti) Descrizione Per somministrazione all interno di pubblici esercizi si intende la vendita per il consumo sul posto di

Dettagli

Il Consiglio regionale ha approvato IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE. promulga la seguente legge

Il Consiglio regionale ha approvato IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE. promulga la seguente legge Legge regionale 7 dicembre 2009, n. 50 Definizione delle tipologie dei servizi forniti dalle imprese turistiche nell ambito dell armonizzazione della classificazione alberghiera. Il Consiglio regionale

Dettagli

Regolamento per le attività di acconciatore ed estetista, tatuaggio e piercing

Regolamento per le attività di acconciatore ed estetista, tatuaggio e piercing COMUNE DI PRATO Regolamento per le attività di acconciatore ed estetista, tatuaggio e piercing Allegato E: Requisiti strutturali igienico sanitari dell attività di Acconciatore e disposizioni sulla conduzione

Dettagli

Titolare dello studio. Titolari se studio associato. Numero totale personale Presenza saltuaria altri specialisti

Titolare dello studio. Titolari se studio associato. Numero totale personale Presenza saltuaria altri specialisti Pagina 1di 6 DENOMINAZIONE STRUTTURA Indirizzo: via Comune Titolare dello studio Titolari se studio associato Data del sopralluogo Numero totale personale Presenza saltuaria altri specialisti Adeguati

Dettagli

ART. 1 DEFINIZIONI... 2 ART. 2 DESTINAZIONI D USO AMMESSE... 3 ART. 3 PARAMETRI E INDICI... 4 ART. 4 PARCHEGGI PRIVATI... 4

ART. 1 DEFINIZIONI... 2 ART. 2 DESTINAZIONI D USO AMMESSE... 3 ART. 3 PARAMETRI E INDICI... 4 ART. 4 PARCHEGGI PRIVATI... 4 INDICE ART. 1 DEFINIZIONI... 2 1.1 DESTINAZIONI... 2 1.2 SLP (mq): SUPERFICIE LORDA DI PAVIMENTO... 2 1.3 V (mc) = VOLUME... 2 1.4 H (m): ALTEZZA MASSIMA DEL FABBRICATO... 2 1.5 IT (mc/mq): INDICE VOLUMETRICO

Dettagli

COMUNE DI CASTELLAMMARE DEL GOLFO PROVINCIA DI TRAPANI

COMUNE DI CASTELLAMMARE DEL GOLFO PROVINCIA DI TRAPANI COMUNE DI CASTELLAMMARE DEL GOLFO PROVINCIA DI TRAPANI SETTORE IV Urbanistica e Gestione del Territorio A V V I S O Il Responsabile del IV Settore Urbanistica e Gestione del Territorio COMUNICA Che con

Dettagli

Legge 23 agosto 1985, n. 44

Legge 23 agosto 1985, n. 44 Testo Coordinato Legge 23 agosto 1985, n. 44 Altezze minime e principali requisiti igienico - sanitari dei locali adibiti ad abitazione, uffici pubblici e privati ed alberghi. Note riguardanti modifiche

Dettagli

Il sottoscritto nato a. il residente in Via. n. Codice Fiscale, nella sua qualità di. della ditta/società. con sede in. Via n., P.

Il sottoscritto nato a. il residente in Via. n. Codice Fiscale, nella sua qualità di. della ditta/società. con sede in. Via n., P. Al Sig. Sindaco del Comune di Torre Santa Susanna OGGETTO: Richiesta di nulla-osta sanitario. Il sottoscritto nato a il residente in Via n. Codice Fiscale, nella sua qualità di della ditta/società con

Dettagli

Comune di Pandino Cremona

Comune di Pandino Cremona Il sottoscritti: Comune di Pandino AUTOCERTIFICAZIONE INERENTE AI REQUISITI IGIENICO SANITARI Ai sensi dell art. 38 L.R.12/2005 (dichiarazione della conformità in luogo del reperimento del parere ASL)

Dettagli

prima categoria seconda categoria terza categoria DICHIARA

prima categoria seconda categoria terza categoria DICHIARA pag. 1 di 6 Oggetto: - Legge Regione Lazio n 13 del 06/08/2007 s.m.i Regolamento Regionale Nuova disciplina delle strutture ricettive extralberghiere n.8 del 7 agosto 2015 (barrare la casella di interesse)

Dettagli

Scheda di sopralluogo imprese alimentari

Scheda di sopralluogo imprese alimentari Allegato D AZIENDA SANITARIA LOCALE N. DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Igiene degli Alimenti e della Nutrizione Scheda di sopralluogo imprese alimentari Data operatori ASL Ditta Via n Comune Rappresentante

Dettagli

MODULO di ISTANZA Rilascio di parere SISP su Intervento edilizio (conformità igienico sanitaria) per valutazione tecnico discrezionale *

MODULO di ISTANZA Rilascio di parere SISP su Intervento edilizio (conformità igienico sanitaria) per valutazione tecnico discrezionale * MODULO di ISTANZA Rilascio di parere SISP su Intervento edilizio (conformità igienico sanitaria) per valutazione tecnico discrezionale * per Attività commerciali Attività sportivo ricreative Attività produttive

Dettagli

REQUISITI IGIENICO-SANITARI PER LO SVOLGIMENTO DELL ATTIVITA DI TATUAGGI E PIERCING

REQUISITI IGIENICO-SANITARI PER LO SVOLGIMENTO DELL ATTIVITA DI TATUAGGI E PIERCING Dr. Mario Esposito Tecnico della prevenzione nell ambiente e nei luoghi di lavoro REQUISITI IGIENICO-SANITARI PER LO SVOLGIMENTO DELL ATTIVITA DI TATUAGGI E PIERCING 13 maggio 2015 - mercoledì Dr. Mario

Dettagli

RICHIESTA CERTIFICATO DI AGIBILITA' (articoli 24 e 25 del d.p.r. n. 380 del 2001)

RICHIESTA CERTIFICATO DI AGIBILITA' (articoli 24 e 25 del d.p.r. n. 380 del 2001) RICHIESTA CERTIFICATO DI AGIBILITA' (articoli 24 e 25 del d.p.r. n. 380 del 2001) Bollo Comune di Positano Alla c.a. del Responsabile del Servizio 84017- Positano (SA) Riservato all Ufficio ESTREMI DI

Dettagli

Art. 5 - Requisiti comuni. Invariato. Sezione II - Zona operativa e di attesa Art. 4 - Locali di esercizio dell attività e di attesa.

Art. 5 - Requisiti comuni. Invariato. Sezione II - Zona operativa e di attesa Art. 4 - Locali di esercizio dell attività e di attesa. D.P.G.R. 2-10-2007 n. 47/R Regolamento di attuazione della legge regionale 31 maggio 2004, n. 28 (Disciplina delle attività di estetica e di tatuaggio e piercing). TITOLO I Requisiti minimi strutturali,

Dettagli

COMUNE DI VARESE LIGURE

COMUNE DI VARESE LIGURE COMUNE DI VARESE LIGURE PROVINCIA DI LA SPEZIA APPROVATO CON DELIBERAZIONE C.C. N. 20 DEL 27/05/2000 REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI RILASCIO DELLE AUTORIZZAZIONI PER L ESERCIZIO DI STRUTTURE RICETTIVE

Dettagli

SCHEMA DI RELAZIONE TECNICA PER ATTIVITA PRODUTTIVE

SCHEMA DI RELAZIONE TECNICA PER ATTIVITA PRODUTTIVE SCHEMA DI RELAZIONE TECNICA PER ATTIVITA PRODUTTIVE NOTIZIE GENERALI DITTA ATTIVITA SETTORE PRODUTTIVO Artigianato Industria Commercio Agricoltura Terziario SEDE LEGALE: SEDE INSEDIAMENTO: Comune Via Comune

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA TRASFORMAZIONE, LA SOMMINISTRAZIONE E LA VENDITA DEI PRODOTTI ALIMENTARI DA PARTE DELLE AZIENDE AGRITURISTICHE

LINEE GUIDA PER LA TRASFORMAZIONE, LA SOMMINISTRAZIONE E LA VENDITA DEI PRODOTTI ALIMENTARI DA PARTE DELLE AZIENDE AGRITURISTICHE LINEE GUIDA PER LA TRASFORMAZIONE, LA SOMMINISTRAZIONE E LA VENDITA DEI PRODOTTI ALIMENTARI DA PARTE DELLE AZIENDE AGRITURISTICHE 1 1 SOMMARIO 1. Introduzione 2. Normativa di riferimento 3. I requisiti

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA CORRETTA GESTIONE DELL ATTIVITA DI TATUAGGI E PIERCING REQUISITI STRUTTURALI

LINEE GUIDA PER LA CORRETTA GESTIONE DELL ATTIVITA DI TATUAGGI E PIERCING REQUISITI STRUTTURALI Dr. Mario Esposito Tecnico della prevenzione nell ambiente e nei luoghi di lavoro LINEE GUIDA PER LA CORRETTA GESTIONE DELL ATTIVITA DI TATUAGGI E PIERCING REQUISITI STRUTTURALI 11 maggio 2015 - lunedì

Dettagli

COMUNE DI CAVE Sportello Unico per l Edilizia Piazza Garibaldi n Cave (Rm)

COMUNE DI CAVE Sportello Unico per l Edilizia Piazza Garibaldi n Cave (Rm) Protocollo COMUNE DI CAVE Sportello Unico per l Edilizia Piazza Garibaldi n. 6 00033 Cave (Rm) Riservato all Ufficio ALL UFFICIO URBANISTICA DEL COMUNE DI CAVE RIFERIMENTO DI ARCHIVIAZIONE: Pratica Edilizia:

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITA (S.C.I.A.) DI BED AND BREAKFAST

SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITA (S.C.I.A.) DI BED AND BREAKFAST SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITA (S.C.I.A.) DI BED AND BREAKFAST AL COMUNE DI FOSSATO DI VICO UFFICIO ATTIVITA PRODUTTIVE Il sottoscritto: Cognome Nome C.F. Sesso M _ F _ Data di nascita: cittadinanza

Dettagli

MODULO A RELAZIONE TECNICA Allegata alla Notifica - ex D.G.R. N.21-1278 DEL 23/12/2010).

MODULO A RELAZIONE TECNICA Allegata alla Notifica - ex D.G.R. N.21-1278 DEL 23/12/2010). DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Igiene Alimenti e Nutrizione MODULO A RELAZIONE TECNICA Allegata alla Notifica - ex D.G.R. N.21-1278 DEL 23/12/2010). Il Titolare/Leg.Rappresentante della Ditta Con sede operativa

Dettagli

Istanza per il rilascio del certificato di agibilità Ai sensi degli artt. 24, 25 e 26 del Decreto del Presidente della Repubblica 06/06/2001 n.

Istanza per il rilascio del certificato di agibilità Ai sensi degli artt. 24, 25 e 26 del Decreto del Presidente della Repubblica 06/06/2001 n. I dati acquisiti saranno trattati in conformità alla normativa sulla Privacy (D. Lgs. 196 del 2003). Si veda http://territorio.comune.bergamo.it/privacy APT-SGT-AGI/0 Servizio Gestione del Territorio Pagina

Dettagli

COMUNE DI ISERA REGOLAMENTO EDILIZIO COMUNALE

COMUNE DI ISERA REGOLAMENTO EDILIZIO COMUNALE COMUNE DI ISERA REGOLAMENTO EDILIZIO COMUNALE Approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione n. 39 dd. 11.05.1982 IN VIGORE DAL 2 NOVEMBRE 1982 ... CAPO III COMMISSIONI COMMISSIONE EDILIZIA ART. 13

Dettagli

ATTIVITA DI BED AND BREAKFAST FAMILIARE

ATTIVITA DI BED AND BREAKFAST FAMILIARE ATTIVITA DI BED AND BREAKFAST FAMILIARE In applicazione delle norme di cui alla Legge regionale 7 agosto 0, n.7 e alla Legge n. 4/990, art. 9) IL SOTTOSCRITTO Cognome Nome Codice Fiscale Data di nascita

Dettagli

7170/18.11.2009-Prefettura n. 306/30.11.09 pervenute al prot.n.10649/02.12.2009, situato in Rivoli

7170/18.11.2009-Prefettura n. 306/30.11.09 pervenute al prot.n.10649/02.12.2009, situato in Rivoli Bollo 16,00 AL SIGNOR SINDACO AL RESPONSABILE DEL SERVIZIO DEL COMUNE DI RIVOLI VERONESE I sottoscritti: Sig. residente in via n., in qualità di (proprietario / usufruttuario) dell alloggio sottodescritto,

Dettagli

DOMANDA DI RILASCIO DEL CERTIFICATO DI AGIBILITA (articoli 24 e 25 del d.p.r. n. 380 del 2001; articoli e del R. L. I.

DOMANDA DI RILASCIO DEL CERTIFICATO DI AGIBILITA (articoli 24 e 25 del d.p.r. n. 380 del 2001; articoli e del R. L. I. Comune di Trenzano Provincia di Brescia Al Responsabile dei Servizi Tecnici att.ne - Edilizia Privata P.G. Marca da bollo da euro 14,62 DOMANDA DI RILASCIO DEL CERTIFICATO DI AGIBILITA (articoli 24 e 25

Dettagli

ALLEGATO B-33octies SUAP COMUNE DI CIVITAVECCHIA. Classificazione. Variazione di classificazione

ALLEGATO B-33octies SUAP COMUNE DI CIVITAVECCHIA. Classificazione. Variazione di classificazione SUAP COMUNE DI CIVITAVECCHIA Ultimo Aggiornamento:23/09/2015 ALLEGATO B-33octies Modello di autocertificazione di classificazione di Affittacamere o Guest House Legge Regionale n 13 del 06/08/2007 e s.m.i.

Dettagli

CUCINA CENTRALIZZATA PRESSO CENTRO INCONTRO ANZIANI DI GRIGNASCO

CUCINA CENTRALIZZATA PRESSO CENTRO INCONTRO ANZIANI DI GRIGNASCO C O M U N E di G R I G N A S C O PROVINCIA di NOVARA CUCINA CENTRALIZZATA PRESSO CENTRO INCONTRO ANZIANI DI GRIGNASCO Manutenzione straordinaria con riqualificazione e adeguamento funzionale, impiantistico

Dettagli

COMUNE DI VALDERICE Provincia di Trapani. SETTORE IV Urbanistica Edilizia Privata Sito Internet (

COMUNE DI VALDERICE Provincia di Trapani. SETTORE IV Urbanistica Edilizia Privata Sito Internet ( COMUNE DI VALDERICE Provincia di Trapani Riservato all Ufficio Protocollo SETTORE IV Urbanistica Edilizia Privata Sito Internet ( www.utcvalderice.altervista.org ) Applicare marca da Bollo di. 16,00 AL

Dettagli

RELAZIONE TECNICO-DESCRITTIVA

RELAZIONE TECNICO-DESCRITTIVA RELAZIONE TECNICO-DESCRITTIVA Il sottoscritto, nato a ( ) il, residente in ( ) alla via n. in veste di (titolare, legale rappresentante, presidente, ecc) della Ditta con sede legale in ( ) alla Via n.

Dettagli

cosa valutare Si NO NP riferimenti normativi note

cosa valutare Si NO NP riferimenti normativi note SEZIONE 1 - LISTA DI RISCONTRO - CONTROLLO UFFICIALE SVOLTO IN FASE PRE-OPERATIVA Requisiti generali delle strutture cosa valutare Si NO NP riferimenti normativi note Condizioni di pulizia e manutenzioni

Dettagli

Dipartimento di Prevenzione U.O.C. Servizio di Igiene e Sanità Pubblica Allegato Sanitario 2 SCIA Comune di Roma

Dipartimento di Prevenzione U.O.C. Servizio di Igiene e Sanità Pubblica Allegato Sanitario 2 SCIA Comune di Roma ALLEGATO SANITARIO 2 PER ACCONCIATORI, ESTETICA NON MEDICA e RICOSTRUZIONE UNGHIE (da presentare al SUAP del Municipio territorialmente competente unitamente alla SCIA e alla eventuale documentazione integrativa)

Dettagli

ATTIVITA DI ACCONCIATORE E/O ESTETISTA

ATTIVITA DI ACCONCIATORE E/O ESTETISTA 1 Spazio riservato all ufficio per la protocollazione della denuncia inizio attività COMUNE DI NOVARA Servizio Polizia Municipale Commercio ATTIVITA DI ACCONCIATORE E/O ESTETISTA Art. 9 Regolamento per

Dettagli

INDIRIZZI PER LA VERIFICA DEGLI ALLOGGI TEMPORANEI PER LAVORATORI STAGIONALI IN AMBITO RURALE

INDIRIZZI PER LA VERIFICA DEGLI ALLOGGI TEMPORANEI PER LAVORATORI STAGIONALI IN AMBITO RURALE INDIRIZZI PER LA VERIFICA DEGLI ALLOGGI TEMPORANEI PER LAVORATORI STAGIONALI IN AMBITO RURALE Ogni anno aziende agricole della provincia occupano personale stagionale. Si tratta in genere di cittadini

Dettagli

Modifica dell art. 46 del Regolamento edilizio (DIMENSIONI MINIME DEI LOCALI E DELLE APERTURE).

Modifica dell art. 46 del Regolamento edilizio (DIMENSIONI MINIME DEI LOCALI E DELLE APERTURE). DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 15 DD. 14/12/2011 OGGETTO: Modifica dell art. 46 del Regolamento edilizio (DIMENSIONI MINIME DEI LOCALI E DELLE APERTURE). Visto e considerato che: L art. 46 del

Dettagli

Legge regionale 7 dicembre 2009, n. 50

Legge regionale 7 dicembre 2009, n. 50 Consiglio regionale della Calabria Seconda Commissione Testo a fronte Legge regionale 7 dicembre 2009, n. 50 Definizione delle tipologie dei servizi forniti dalle imprese turistiche nell'ambito dell'armonizzazione

Dettagli

REGIONE VENETO - REQUISITI GENERALI

REGIONE VENETO - REQUISITI GENERALI REGIONE VENETO - REQUITI GENERALI 1 AMBULATORIO - REQUITI STRUTTURALI GENERAMB.AU.1.1 I locali e gli spazi sono coerenti alla tipologia e al volume delle prestazioni erogate. (piano terra/zona piastra

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODELLO

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODELLO ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODELLO SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (S.C.I.A.) ESERCIZI DI ESTETISTA, PARRUCCHIERE MISTO, TATUAGGIO, PIERCING Il MODELLO, composto da 13 pagine numerate,

Dettagli

ALLEGATO XIII PRESCRIZIONI DI SICUREZZA E DI SALUTE PER LA LOGISTICA DI CANTIERE

ALLEGATO XIII PRESCRIZIONI DI SICUREZZA E DI SALUTE PER LA LOGISTICA DI CANTIERE ALLEGATO XIII PRESCRIZIONI DI SICUREZZA E DI SALUTE PER LA LOGISTICA DI CANTIERE 1. I luoghi di lavoro al servizio dei cantieri edili devono rispondere, tenuto conto delle caratteristiche del cantiere

Dettagli

BED & BREAKFAST SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITA. l sottoscritt. nat _ a il. residente in via. Società con sede in. Prov.

BED & BREAKFAST SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITA. l sottoscritt. nat _ a il. residente in via. Società con sede in. Prov. AL COMUNE DI LAVAGNA SPORTELLO UNICO ATTIVITA PRODUTTIVE BED & BREAKFAST SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITA l sottoscritt nat _ a il residente in via n. C.F., titolare dell omonima impresa individuale

Dettagli

LN Gas S.r.l. Via Matteotti, Partinico (PA)

LN Gas S.r.l. Via Matteotti, Partinico (PA) RELAZIONE TECNICA SULLE CARATTERISTICHE FUNZIONALI--DIMENSIONALI E RELATIVE MODALITA ESECUTIVE DELLE OPERE DI PROGETTO,, RISPETTO ALLE DISPOSIZIONI DELLA LEGGE 09 GENNAIO 1989 N 13 E RELATIVO DECRETO MINISTERIALE

Dettagli

ALLEGATO 4: PIERCING E TATOO

ALLEGATO 4: PIERCING E TATOO ALLEGATO 4: PIERCING E TATOO REQUISITI GENERALI PER STRUTTURE DA ADIBIRE AD ATTIVITA di ESECUZIONE di TATUAGGI E di PIERCING PREMESSA Per esercitare l attività di esecuzione di tatuaggi e/o piercing al

Dettagli

Comune di Abbiategrasso (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESERCIZIO DELLE ATTIVITA DI ACCONCIATORE, ESTETISTA,TATUATORE, PIERCING

Comune di Abbiategrasso (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESERCIZIO DELLE ATTIVITA DI ACCONCIATORE, ESTETISTA,TATUATORE, PIERCING Comune di Abbiategrasso (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESERCIZIO DELLE ATTIVITA DI ACCONCIATORE, ESTETISTA,TATUATORE, PIERCING Il Dirigente Settore Gestione del Territorio Arch. Alberto

Dettagli

COMUNE DI MOLTENO. DIRITTI DI SEGRETERIA SU ATTI URBANISTICO-EDILIZI Tariffa in Euro. Fino a 300 mc. 103,00

COMUNE DI MOLTENO. DIRITTI DI SEGRETERIA SU ATTI URBANISTICO-EDILIZI Tariffa in Euro. Fino a 300 mc. 103,00 COMUNE DI MOLTENO DIRITTI DI SEGRETERIA SU ATTI URBANISTICO-EDILIZI Tariffa in Euro PERMESSO DI COSTRUIRE AUTORIZZAZIONE AMBIENTALE Residenziali: Fino a 300 mc. 103,00 da 301 a 500 mc. 155,00 da 501 a

Dettagli

Tema n. 2. PROVA PRATICA (= 50 PUNTI) Intervento di rifunzionalizzazione di un edificio industriale dismesso

Tema n. 2. PROVA PRATICA (= 50 PUNTI) Intervento di rifunzionalizzazione di un edificio industriale dismesso (= 50 PUNTI) Abitare i Docks Torino Dora: proporre una unità abitativa / studio (p.es residenza per un professionista ) costituita da un modulo/docks al piano terreno e da un analogo modulo al piano primo,

Dettagli

AGGIORNATO AL: 20/12/1999 PAG.: 1/1 FRUIBILITÀ DI SPAZI ED ATTREZZATURE

AGGIORNATO AL: 20/12/1999 PAG.: 1/1 FRUIBILITÀ DI SPAZI ED ATTREZZATURE ALLEGATO A / 1 FAMIGLIA 7 20/12/1999 PAG.: 1/1 FRUIBILITÀ DI SPAZI ED ATTREZZATURE PROPOSIZIONE ESIGENZIALE ( SECONDO LA DIRETTIVA 89/106 CEE) L opera deve essere concepita e realizzata in modo tale da

Dettagli

COSA SONO LE CASE VACANZA?

COSA SONO LE CASE VACANZA? AUTORIZZAZIONE ALL'ESERCIZIO DI ATTIVITA' RICETTIVA PRESSO LO SPORTELLO SUAR DI ROMA CAPITALE - PRATICA S.C.I.A. ONLINE COSA SONO LE CASE VACANZA? Le case vacanza sono abitazioni private che i proprietari

Dettagli

RELAZIONE TECNICO- PARERE IGIENICO SANITARIO EDILIZIO

RELAZIONE TECNICO- PARERE IGIENICO SANITARIO EDILIZIO RELAZIONE TECNICO- PARERE IGIENICO SANITARIO EDILIZIO 1.0 PREMESSA La presente relazione tecnica descrive le scelte progettuali per quanto riguarda il nuovo sito produttivo dividendole per singoli capitoli

Dettagli

RICHIESTA DI CERTIFICATO DI AGIBILITA' artt. 24 comma 3 e 25 comma 1 D.P.R n. 380/2001 e succ.mod. ed int.

RICHIESTA DI CERTIFICATO DI AGIBILITA' artt. 24 comma 3 e 25 comma 1 D.P.R n. 380/2001 e succ.mod. ed int. P.E.... Spazio Riservato all Ufficio Prot.ocollo n.... Del... RICHIESTA DI CERTIFICATO DI AGIBILITA' artt. 24 comma 3 e 25 comma 1 D.P.R. 06.06.2001 n. 380/2001 e succ.mod. ed int. Marca da Bollo 14,62

Dettagli

Somministrazione Somministrazione all'interno di pubblici esercizi (bar, ristoranti)

Somministrazione Somministrazione all'interno di pubblici esercizi (bar, ristoranti) Somministrazione Somministrazione all'interno di pubblici esercizi (bar, ristoranti) Descrizione Per somministrazione all interno di pubblici esercizi si intende la vendita per il consumo sul posto di

Dettagli

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA Prot. n. (VET/05/30983) LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA Visti: - il T.U.LL.SS. 27 luglio 1934, n. 1265; - il Regolamento di polizia veterinaria approvato con D.P.R. 8 febbraio 1954, n. 320; - il

Dettagli

C O M U N E DI O P E R A

C O M U N E DI O P E R A Documento informativo redatto ai sensi di quanto disposto dal D. D. Lgs 14 marzo 2013, n. 33, riguardante gli obblighi di pubblicita', trasparenza e diffusione di informazioni da parte delle pubbliche

Dettagli

REGOLAMENTO DI ESECUZIONE DELLA LEGGE REGIONALE 5 LUGLIO 1999 n. 17 IN MATERIA DI BED AND BREAKFAST

REGOLAMENTO DI ESECUZIONE DELLA LEGGE REGIONALE 5 LUGLIO 1999 n. 17 IN MATERIA DI BED AND BREAKFAST REGOLAMENTO DI ESECUZIONE DELLA LEGGE REGIONALE 5 LUGLIO 1999 n. 17 IN MATERIA DI BED AND BREAKFAST Deliberazione consiliare n. 19 dd. 20.3.2000 Art. 1 Gli esercizi di B ed and Breakfast, definiti dall

Dettagli

residente in n. CAP nella sua qualità di (1) della Ditta con sede legale in n. cap

residente in n. CAP nella sua qualità di (1) della Ditta con sede legale in n. cap modello domanda autorizzazione sanitaria produzione deposito somministrazione Marca Bollo 10,33 DOMANDA AUTORIZZAZIONE SANITARIA PER PRODUZIONE, DEPOSITO, SOMMINISTRAZIONE DI SOSTANZE ALIMENTARI E BEVANDE

Dettagli

1. Progetto completo (corografia in scala 1:10.000, piante, prospetti e sezioni in scala 1:100) e relazione

1. Progetto completo (corografia in scala 1:10.000, piante, prospetti e sezioni in scala 1:100) e relazione Alla Provincia Regionale di Trapani Settore Turistico Sport Spettacoli Classificazioni Strutture Ricettive Trapani Per il tramite del SUAP dell' Unione dei Comuni Elimo Ericini Il sottoscritto nato a il

Dettagli

Asilo nido: struttura educativa destinata ai bambini di età compresa tra i 3 mesi e i 3 anni.

Asilo nido: struttura educativa destinata ai bambini di età compresa tra i 3 mesi e i 3 anni. . Asilo nido: struttura educativa destinata ai bambini di età compresa tra i 3 mesi e i 3 anni. La scuola materna o comunemente chiamata asilo (per bambini dai 3 ai 6 anni) rientra nell attività «scuole»

Dettagli

Somministrazione Somministrazione all'interno di pubblici esercizi (bar, ristoranti)

Somministrazione Somministrazione all'interno di pubblici esercizi (bar, ristoranti) Somministrazione Somministrazione all'interno di pubblici esercizi (bar, ristoranti) Descrizione Per somministrazione all interno di pubblici esercizi si intende la vendita per il consumo sul posto di

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DELLE ATTIVITÀ DI ACCONCIATORE ED ESTETISTA

REGOLAMENTO COMUNALE DELLE ATTIVITÀ DI ACCONCIATORE ED ESTETISTA All/1 COMUNE DI SAN PIERO A SIEVE Provincia di Firenze REGOLAMENTO COMUNALE DELLE ATTIVITÀ DI ACCONCIATORE ED ESTETISTA 1 - Deliberazione del Consiglio Comunale n. 28 del 30.06.2007, ad oggetto Regolamento

Dettagli

ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA ai sensi dell art. 4, comma 6 dell Allegato C al Regolamento Edilizio Comunale

ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA ai sensi dell art. 4, comma 6 dell Allegato C al Regolamento Edilizio Comunale Pagina 1 di 6 Mod.(12.10.2006) COMUNE DI PONTASSIEVE (Provincia di Firenze) spazio per protocollo generale riservato all ufficio Pratica Edilizia Tipo proc.: V resp. proc:... Assegnata a: n Rif. interno:

Dettagli

punteggio minimo per il conseguimento della corrispondente classificazione * min. non previsto ** min. non previsto

punteggio minimo per il conseguimento della corrispondente classificazione * min. non previsto ** min. non previsto DENOMINAZIONE DELLA RESIDENZA TUR.-ALBERGHIERA : * 1 - Prestazione di servizi 1.01 Servizi di ricevimento e di portineria - informazioni 1.011 assicurati 16/ 24 ore (4) O punti 6 1.012 assicurati 14/ 24

Dettagli

Attività Produttive. Attività artigianali Tatuatori e piercing. Descrizione

Attività Produttive. Attività artigianali Tatuatori e piercing. Descrizione Attività Produttive Attività artigianali Tatuatori e piercing Descrizione Si definisce tatuaggio la colorazione permanente di parti del corpo mediante l introduzione sottocutanea ed intradermica di pigmenti

Dettagli

Comune di Settimo Milanese Sportello del Cittadino Piazza degli Eroi, 5 Tel Fax

Comune di Settimo Milanese Sportello del Cittadino Piazza degli Eroi, 5 Tel Fax Spazio riservato all ufficio Numero di pratica : / Al Comune di Settimo Milanese Data di Avvio Procedimento Piazza Eroi n. 5 20019 SETTIMO MILANESE Protocollo Responsabile del Procedimento Dichiarazione

Dettagli

Corso integrativo di preparazione all Esame di Stato per l abilitazione della libera professione di Geometra anno 2016

Corso integrativo di preparazione all Esame di Stato per l abilitazione della libera professione di Geometra anno 2016 Collegio Provinciale Geometri e Geometri Laureati di Genova Corso integrativo di preparazione all Esame di Stato per l abilitazione della libera professione di Geometra anno 2016 Paolo De Lorenzi - 2016

Dettagli

REQUISITI SPECIFICI DI AUTORIZZAZIONE E ACCREDITAMENTO AMBULATORIO CHIRURGICO

REQUISITI SPECIFICI DI AUTORIZZAZIONE E ACCREDITAMENTO AMBULATORIO CHIRURGICO Per ambulatorio chirurgico (o ambulatorio per interventi chirurgici) si intende la struttura intra o extra-ospedaliera nella quale sono eseguiti interventi chirurgici o anche procedure diagnostiche o terapeutiche

Dettagli

COMUNE DI ORTACESUS Servizio Tecnico

COMUNE DI ORTACESUS Servizio Tecnico COMUNE DI ORTACESUS Servizio Tecnico CONCESIONE IN USO DI UN IMMOBILE COMUNALE IN VIA KENNEDY ADIBITO AD ALBERGO-RISTORANTE RELAZIONE DESCRITTIVA PREMESSO CHE: il Comune di Ortacesus è proprietario di

Dettagli

AUTORIZZAZIONE SANITARIA PER LATTE FRESCO

AUTORIZZAZIONE SANITARIA PER LATTE FRESCO Domanda di AUTORIZZAZIONE SANITARIA PER LATTE FRESCO - AL COMUNE DI MALALBERGO Io sottoscritto/a nato/a a il di cittadinanza, residente a in n. C.A.P., tel. C.F., in qualità di della ditta/società denominata

Dettagli

Resident in Prov. Via/Loc. n ; e Resident in Prov. Via/Loc. n ; ( altri tecnici: vedere allegato A)

Resident in Prov. Via/Loc. n ; e Resident in Prov. Via/Loc. n ; ( altri tecnici: vedere allegato A) Al COMUNE DI CITTÀ DI CASTELLO -Regione Umbria- Sportello Unico per l Edilizia e le Attività Produttive SCHEDA TECNICA ALLEGATA A: Permesso di Costruire S.C.I.A. Comunicazione interventi Il presente modello

Dettagli

COMUNE DI ALZATE BRIANZA Prov. di Como Area Edilizia Privata SUAP Servizi Ambientali e Associati

COMUNE DI ALZATE BRIANZA Prov. di Como Area Edilizia Privata SUAP Servizi Ambientali e Associati COMUNE DI ALZATE BRIANZA Prov. di Como Area Edilizia Privata SUAP Servizi Ambientali e Associati Piazza Municipio n.1 22040 Alzate Brianza (CO) C.Fisc./P.Iva 00613570134 - Telefono 031/6349300 Fax 031/632.785

Dettagli

Bollettino Ufficiale n. 18 del 4 / 05 / 2006

Bollettino Ufficiale n. 18 del 4 / 05 / 2006 REGIONE PIEMONTE LABORATORI ANALISI VETERINARI Bollettino Ufficiale n. 18 del 4 / 05 / 2006 Deliberazione della Giunta Regionale 24 aprile 2006, n. 21-2685 Classificazione delle strutture veterinarie pubbliche

Dettagli

FORNITURA DI PRESTAZIONI E SEDI PER IL SERVIZIO DI CONTINUITA ASSISTENZIALE PER L A.S.L. DI MILANO

FORNITURA DI PRESTAZIONI E SEDI PER IL SERVIZIO DI CONTINUITA ASSISTENZIALE PER L A.S.L. DI MILANO Allegato 1 FORNITURA DI PRESTAZIONI E SEDI PER IL SERVIZIO DI CONTINUITA ASSISTENZIALE PER L A.S.L. DI MILANO PREMESSA Il Servizio di Continuità Assistenziale afferente al Dipartimento SSB Cure Primarie

Dettagli

CORSO DI AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE DI INTERESSE NOTARILE AGEVOLAZIONI RELATIVE AI BENI IMMOBILI. Normativa. Preambolo

CORSO DI AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE DI INTERESSE NOTARILE AGEVOLAZIONI RELATIVE AI BENI IMMOBILI. Normativa. Preambolo Decreto del 02/08/1969. Titolo del provvedimento: Caratteristiche delle abitazioni di lusso. (Pubblicato in Gazzetta Ufficiale n. 218 del 27/08/1969) Preambolo. Preambolo IL MINISTRO PER I LAVORI PUBBLICI

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO D ALLOGGIO

REGOLAMENTO SERVIZIO D ALLOGGIO COMUNE DI BAGNONE PROVINCIA DI MASSA CARRARA REGOLAMENTO SERVIZIO D ALLOGGIO E PRIMA COLAZIONE (BED & BREAKFAST) Delibera Consiglio Comunale, n. 15 del 15-07-2002 TITOLO I CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

Dettagli