Scheda informativa sull uso della molazza.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Scheda informativa sull uso della molazza."

Transcript

1 Scheda informativa sull uso della molazza. La molazza elettrica con caricamento manuale è una macchina per l'edilizia avente la funzione di impastare e miscelare tra di loro i componenti della malta. Questa soluzione viene utilizzata in cantiere per la produzione di malta per la costruzione delle murature e per la preparazione di intonaco tradizionale nell impiego edilizio. La macchina è costituita da un telaio sul quale è montata la vasca di miscelazione con le relative mole. Il motore elettrico è collocato sulla parte anteriore della macchina, protetto da apposito carter bullonato. Esso tramite un sistema cinghia-puleggia completamente alloggiato all interno del telaio nella parte sotto la vasca, trasmette il moto alle mole. La vasca e le mole sono protette da apposita protezione smontabile solo in caso di manutenzione e pulizia da effettuarsi secondo le disposizioni del manuale di uso e manutenzione. La macchina infine è dotata di appoggi regolabili in altezza. PARTI COSTITUTIVE LEGENDA A = protezione vasca B = mole C = vasca D = appoggi regolabili E = presa di alimentazione elettrica e pulsante di avviamento/arresto e di emergenza, morsetto collegamento di terra F = timone G = gancio di traino H = carter motore elettrico

2 Istruzioni di carattere generale e norme di buona tecnica L'attrezzatura dovrà essere corredata da un libretto d'uso e manutenzione (Art. 71 del D.lgs. n.81/08). Attenersi sempre e scrupolosamente a quanto indicato dal costruttore, usare sempre buon senso e precauzione in ogni attività, indossare i dispositivi di protezione individuale appropriati (Art del D.lgs. n. 81/08), evitare gli atti incauti e curare la manutenzione della macchina; accertarsi che l'attrezzatura sia marcata "CE" (Art. 70 del D.lgs. n.81/08); l'attrezzatura deve possedere, in relazione alle necessità della sicurezza del lavoro, i necessari requisiti di resistenza e di idoneità ed essere mantenuta in buono stato di conservazione e di efficienza (Art. 71 del D.lgs. n.81/08); i dispositivi di sicurezza in dotazione alle molazze (Allegato V del D.lgs. n.81/08) non dovranno mai essere manomessi, modificati o esclusi in alcun modo e per nessun motivo; in caso contrario il costruttore declina ogni responsabilità per incidenti che dovessero verificarsi per manomissione dei sistemi di sicurezza; l addetto alla macchina deve essere adeguatamente istruito all uso corretto della macchina (art. 73 del D.Lgs. 81/08), dei dispositivi di protezione, degli attrezzi accessori e alla manutenzione. L uso e l accesso alla macchina è interdetto e proibito a tutte le persone estranee non addette ai lavori o ai lavoratori non idoneamente istruiti all uso della macchina; la macchina è dotata di appositi ganci per il sollevamento e la movimentazione. Uno di questi è il gancio G sul timone, l altro è collocato sotto il coperchio tra le mole. Per lo spostamento all interno del cantiere utilizzare il timone F dove è predisposto il gancio G. Per la movimentazione della macchina senza l uso di mezzi di sollevamento, utilizzare sempre e solo come punto di traino il gancio G sul timone. Il traino della molazza con autoveicoli è permesso solo in cantiere. Questo invece è assolutamente vietato su strada, anche per piccoli tratti; installare la macchina su una superficie piana al fine di garantirne la perfetta stabilità durante il funzionamento e fugare così ogni possibilità di ribaltamento. Qualora ciò non fosse possibile, il limite massimo di pendenza ammesso per utilizzare la macchina è di 5. In ogni caso la superficie di appoggio deve avere un adeguata per il sollevamento della macchina utilizzare il gancio posto tra le mole assicurarsi che la leva di scarico del prodotto sia in posizione di chiuso

3 consistenza tale da evitare che gli appoggi possano affondare compromettendone la stabilità. Evitare di utilizzare sistemi improvvisati inadeguati ad esempio utilizzando mattoni o pezzi di legno, rialzare le ruote con sostegni, ecc...). Assicurarsi che le ruote siano sollevate da terra. Non effettuare mai alcuna operazione con le ruote della macchina che toccano per terra. Ciò comporterebbe operazioni e lavorazioni non in sicurezza; il cavo di alimentazione deve essere posizionato in modo da non essere danneggiato (calce e cemento, calpestio, ecc...), non stare nell acqua, né costituire intralcio e pericolo per i movimenti delle persone o della gru; Usare cavi flessibili tipo H07 RN-F resistenti all acqua ed all abrasione. Le prese a spina, ecc..., per la presenza di polvere ed umidità, devono avere un grado di protezione adeguato (IP 67) in quanto il lavaggio della macchina viene fatto con getti d acqua; collegare la macchina all impianto di terra tramite l apposita presa di terra ed indicata dal simbolo di terra (Art 80 del d.lgs. n.81/08 Allegato VI del D.lgs. n.81/08); sistemare la molazza in posti facilmente raggiungibili per lo scarico con gli autocarri di inerti e leganti, vicino ai bidoni per l acqua. se la molazza si trova nel raggio d azione della gru o vicino a ponteggi o strutture da cui possa cadere del materiale bisogna realizzare un impalcato superiore di protezione. i pulsanti di avvio della molazza saranno incassati sulla pulsantiera (Allegato V del D.lgs. n. 81/08); la molazza ha in dotazione un dispositivo che impedisca il riavviamento spontaneo dopo un'interruzione dell'alimentazione elettrica; in caso di pericolo arrestare la macchina spingendo il fungo rosso in dotazione alla molazza. Il motore elettrico è protetto da sovraccarichi termici, per cui in caso di surriscaldamento si arresta. Attendere qualche minuto prima di riavviarlo. Formazione ed informazione in relazione alle attività che comportano operazioni di trasporto o di sostegno di un carico ad opera di uno o più lavoratori, comprese le azioni del sollevare, deporre, spingere, tirare, portare o spostare un carico che, per le loro caratteristiche o in conseguenza delle condizioni ergonomiche sfavorevoli, comportano tra l altro rischi di lesioni dorso lombari. Va innanzitutto ridotti i pesi e le dimensioni dei sacchi, utilizzando possibilmente sacchi di cemento e di calce con il quadretto di comando è dotato di interruttore d arresto d emergenza la griglia di protezione della vasca di miscelazione non deve essere rimossa la presa/spina utilizzata per l alimentazione elettrica deve avere un grado di protezione IP 67

4 peso non superiore ai Kg. 25. Sistemare la molazza, in posti facilmente raggiungibili dagli autocarri per lo scarico di inerti e leganti e, ai bidoni d acqua (tenendo conto della conformità di spazi e della viabilità in cantiere). Scaricare i sacchi il più possibile vicino alla molazza, tenendo conto che lo spazio tutto intorno ad essa deve essere libero almeno 1,50 mt. in modo tale che l operatore possa operare in sicurezza e che il trasporto manuale di carichi sia breve. Nel caso non sia possibile scaricare i bancali di cemento e calce nelle vicinanze della molazza è necessario evitare il trasporto manuale di carichi per lunghi percorsi, privilegiando l uso di carriole. Il percorso da compiere deve essere ben livellato e compatto e privo di qualsiasi ostacoli. Una volta avvicinato il sacco vicino alla molazza è necessario ribaltare lentamente la carriola e far scivolare il sacco sulla sabbia; successivamente aprire il sacco in due ed usare la pala per caricare il cemento e/o la calce nella macchina. Nel sollevamento e movimentazione manuale dei carichi è inoltre necessario distribuire il carico su entrambi i lati del corpo, piegare le gambe e non la schiena, tenere il carico il più vicino possibile al corpo, evitare torsioni del tronco. tettoia di protezione del posto fisso di lavoro i materiali da impastare devono essere depositati in prossimità della macchina Attenzioni che devono essere adottate prima dell uso: verificare periodicamente secondo quanto riportato nel manuale il serraggio di tutta la bulloneria; assicurarsi che la leva di scarico prodotto sia nella posizione chiuso; verificare che la macchina sia posizionata in maniera tale da evitare pericoli di ribaltamento durante l esercizio; verificare che tutti gli organi di trasmissione del moto siano adeguatamente protetti (motore e cinghia di trasmissione; assicurarsi che attorno alla macchina vi sia lo spazio necessario ad un utilizzo sicuro e agevole della macchina; sono necessari circa 150 cm attorno alla macchina; assicurarsi che il posto di lavoro sia ben illuminato e che non vi siano fonti di abbagliamento; assicurarsi che le ruote siano sollevate da terra; verificare efficienza dei dispositivi di arresto di emergenza; verificare il collegamento della betoniera all impianto di terra e a quadri e sottoquadri elettrici del tipo ASC (apparecchiature costruite in serie per cantiere), corredati della certificazione del costruttore; Attenzioni che devono essere adottate durante l uso: è vietato eseguire operazioni di lubrificazione, pulizia, manutenzione o riparazione sugli organi in movimento; è assolutamente vietato rimuovere le protezioni quando la macchina è in moto o ferma ma collegata all alimentazione elettrica;

5 non effettuare mai alcuna operazione con le ruote della macchina che toccano per terra. Ciò comporterebbe operazioni e lavorazioni non in sicurezza; non indossare indumenti o accessori che possono essere oggetto di impigliamento; non effettuare mai lavorazioni senza la griglia di protezione della vasca; tutte le operazioni di intervento per risoluzione dei problemi, vanno effettuate a macchina ferma e disconnessa dall alimentazione elettrica; segnalare tempestivamente al preposto o al datore di lavoro eventuali anomalie riscontrate; prima di aggiungere cemento o calce in sacchi all impasto fermare la rotazione del tamburo per evitare che si verifichino schizzi agli occhi; Non prelevare manualmente campioni di impasto a macchina in moto né pulire il tamburo mentre è in moto. Non sovraccaricare la molazza rispetto alle indicazioni del costruttore; Attenzioni che devono essere adottate dopo l uso della macchina dagli addetti: le operazioni di manutenzione devono essere eseguite da personale esperto; prima di qualsiasi operazione di manutenzione va sempre interrotta l alimentazione di corrente, staccando la spina di pertinenza e apponendo un cartello specifico di avvertimento (intervento di manutenzione in corso); assicurarsi di aver tolto tensione ai singoli comandi ed all interruttore generale di alimentazione al quadro; lasciare sempre la macchina in perfetta efficienza, curandone la pulizia alla fine dell uso l eventuale lubrificazione; eseguire le operazioni di revisione e manutenzione seguendo le indicazioni del libretto d uso e manutenzione rilasciato dalla casa costruttrice, sempre a motore spento e senza tensione; tenere in perfetta efficienza la molazza e tutti i suoi elementi, ricontrollando la presenza e l efficienza di tutti i dispositivi di protezione, verificando che non siano stati manomessi o modificati durante l uso. Riferimenti normativi della molazza. Il D. Lgs. 81/2008 prevede all art. 71 che il datore di lavoro metta a disposizione dei lavoratori attrezzature conformi ai requisiti di cui all art. 70, idonee ai fini della salute e sicurezza e adeguate al lavoro da svolgere o adattate a tali scopi che devono essere utilizzate conformemente alle disposizioni legislative di recepimento delle Direttive comunitarie. ALLEGATO V del D. Lgs. 81/ Requisiti di sicurezza delle attrezzature di lavoro costruite in assenza di disposizioni legislative e regolamentari di recepimento delle direttive comunitarie di prodotto, o messe a disposizione dei lavoratori antecedentemente alla data della loro emanazione. ALLEGATO VI del D. Lgs. 81/ Disposizioni concernenti l uso delle attrezzature di lavoro. D.Lgs. 27 gennaio 2010, n Attuazione della direttiva 2006/42/CE relativa alle macchine e che modifica la direttiva 95/16/CE relativa agli ascensori. Molazza

Macchine antecedenti all obbligo di marcatura CE: obblighi e responsabilità dei datori di lavoro

Macchine antecedenti all obbligo di marcatura CE: obblighi e responsabilità dei datori di lavoro Ordine degli Ingegneri della Provincia di Palermo con il patrocinio di AICQ Sicilia Direttiva Macchine e Sicurezza in Cantiere Palermo, 8-11-2013 c/o Ordine Ingegneri Palermo Macchine antecedenti all obbligo

Dettagli

MOLAZZA E BETONIERA: un binomio insostituibile nei cantieri edili

MOLAZZA E BETONIERA: un binomio insostituibile nei cantieri edili MOLAZZA E BETONIERA: un binomio insostituibile nei cantieri edili L utilizzo delle macchine. Nonostante il D.P.R. 459/96 e il D.Lgs 359/99, ancora oggi sono presenti nei cantieri edili macchine da rottamare.

Dettagli

I principali rischi di utilizzo di una piattaforma aerea e il Rapporto IPAF sul monitoraggio degli incidenti

I principali rischi di utilizzo di una piattaforma aerea e il Rapporto IPAF sul monitoraggio degli incidenti AMBIENTE LAVORO 15 Salone della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro BOLOGNA - QUARTIERE FIERISTICO 22-24 ottobre 2014 I principali rischi di utilizzo di una piattaforma aerea e il Rapporto IPAF sul

Dettagli

D. Lgs. 9 Aprile 2008 n. 81

D. Lgs. 9 Aprile 2008 n. 81 D. Lgs. 9 Aprile 2008 n. 81 Rischio elettrico in edilizia DIVO PIOLI TUTELA DELLA SALUTE E DELLA SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO Attuazione art. 1 L. 123/2007 ELETTRICITA CONTATTI DIRETTI CONTATTI INDIRETTI

Dettagli

NEAR MISS. Condizione sbagliata Comportamento sbagliato Near miss

NEAR MISS. Condizione sbagliata Comportamento sbagliato Near miss NEAR MISS Si definisce near miss o quasi infortunio qualsiasi evento, correlato al lavoro, che avrebbe potuto causare un infortunio o danno alla salute (malattia) o morte ma, solo per puro caso, non lo

Dettagli

REGISTRO DELLA MANUTENZIONE PROGRAMMATA DI MACCHINE ED ATTREZZATURE IN EDILIZIA

REGISTRO DELLA MANUTENZIONE PROGRAMMATA DI MACCHINE ED ATTREZZATURE IN EDILIZIA REGISTRO DELLA MANUTENZIONE PROGRAMMATA DI MACCHINE ED ATTREZZATURE IN EDILIZIA N Verifica Addetto al controllo 1 Gru a torre Verifica dei comandi, funi, freni, lubrificazione e microswitch di fine corsa

Dettagli

Ente Scuola Edile Taranto DEMOLIRE

Ente Scuola Edile Taranto DEMOLIRE Ente Scuola Edile Taranto DEMOLIRE DEFINIZIONE Demolizione: Operazione di abbattimento parziale o totale di un opera edificata, attraverso una sequenza programmata di interventi da effettuare sull opera

Dettagli

7.1 - ACQUISIZIONE INSTALLAZIONE E SMONTAGGIO

7.1 - ACQUISIZIONE INSTALLAZIONE E SMONTAGGIO 7.1 - ACQUISIZIONE INSTALLAZIONE E SMONTAGGIO L ascensore da cantiere, proprio per la sua caratteristica di uso temporaneo presenta, a differenza di altre apparecchiature installate permanentemente in

Dettagli

REGIONE LOMBARDIA Assessorato Sanità

REGIONE LOMBARDIA Assessorato Sanità REGIONE LOMBARDIA Assessorato Sanità IL CAPO CANTIERE INTRODUZIONE ALLA SICUREZZA Organizzato da ASL 3 Monza in collaborazione con Circolo Geometri di Monza e Brianza Relatori: Dr. Tullio Quaianni P. E.

Dettagli

2.3.1 Condizioni ambientali

2.3.1 Condizioni ambientali 2.3 impianti elettrici delle macchine CEI EN 60204-1 /06 L impianto elettrico delle macchine riveste, ai fini della sicurezza, un importanza rilevante. Al momento dell acquisto della macchina o in caso

Dettagli

SCHEDA 14 ELEVATORE A BANDIERA

SCHEDA 14 ELEVATORE A BANDIERA SCHEDA 14 ELEVATORE A BANDIERA SOMMARIO 1. DESCRIZIONE 2. ELEMENTI COSTITUENTI 2.1 PARANCO 2.2 FUNE 2.3 GANCIO 2.4 QUADRO ELETTRICO E PULSANTIERA 2.5 STRUTTURA DI SUPPORTO 3. DISPOSITIVI DI SICUREZZA

Dettagli

Università degli Studi di Ferrara

Università degli Studi di Ferrara Università degli Studi di Ferrara Area Edilizia, Sicurezza, Patrimonio, gare Titolo IX Classe 2 Fasc. Sotfas. TAV. ISC ACCORDO QUADRO PER LA MANUTENZIONE ORDINARIA E STRAORDINARIA DEGLI EDIFICI DELL UNIVERSITÀ

Dettagli

1. Obblighi dei datori di lavoro relativamente al collaudo ed alle verifiche

1. Obblighi dei datori di lavoro relativamente al collaudo ed alle verifiche 1. Obblighi dei datori di lavoro relativamente al collaudo ed alle verifiche periodiche degli apparecchi di sollevamento utilizzati nei cantieri edili, 1.1. Gru a torre, argani a cavalletto, argani a bandiera,

Dettagli

PROTEZIONE TERMICA Tutte le macchine con motore elettrico sono

PROTEZIONE TERMICA Tutte le macchine con motore elettrico sono Betonaggio B A G C D F E SISTEMA DI A MESCOLAMENTO IMER Il sistema di mescolamento Imer si realizza attraverso vari punti distintivi: il tipo di vasca a fondo largo con controfondo, la particolare geometria

Dettagli

PROTEZIONE TERMICA Tutte le macchine con motore elettrico sono

PROTEZIONE TERMICA Tutte le macchine con motore elettrico sono Betonaggio B A G C D F E SISTEMA DI A MESCOLAMENTO IMER Il sistema di mescolamento Imer si realizza attraverso vari punti distintivi: il tipo di vasca a fondo largo con controfondo, la particolare geometria

Dettagli

PROCEDURA DI SICUREZZA 1. MOVIEMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI: RISCHI E MISURE DI PREVENZIONE

PROCEDURA DI SICUREZZA 1. MOVIEMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI: RISCHI E MISURE DI PREVENZIONE SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI Pagina 1 di 6 PROCEDURA DI SICUREZZA 1. MOVIEMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI: RISCHI E MISURE DI PREVENZIONE 2. Revisione numero Data emissione e/o ultima

Dettagli

LA NUOVA EDIZIONE (IV) Della Norma CEI 11-27 LAVORI sugli IMPIANTI ELETTRICI. relazione al DLgs 81/08)

LA NUOVA EDIZIONE (IV) Della Norma CEI 11-27 LAVORI sugli IMPIANTI ELETTRICI. relazione al DLgs 81/08) LA NUOVA EDIZIONE (IV) Della Norma CEI 11-27 LAVORI sugli IMPIANTI ELETTRICI (principali novità anche in relazione al DLgs 81/08) Bologna 15 aprile 2014 La sicurezza degli impianti elettrici nel loro utilizzo

Dettagli

D.M. 27-3-1998. Pubblicato nella Gazz. Uff. 5 maggio 1998, n. 102. IL MINISTRO DEL LAVORO E DELLA PREVIDENZA SOCIALE.

D.M. 27-3-1998. Pubblicato nella Gazz. Uff. 5 maggio 1998, n. 102. IL MINISTRO DEL LAVORO E DELLA PREVIDENZA SOCIALE. D.M. 27-3-1998 Riconoscimento di conformità alle vigenti norme di un sistema di sicurezza anticaduta montato su una scala fissa metallica ad un montante. Pubblicato nella Gazz. Uff. 5 maggio 1998, n. 102.

Dettagli

Corso Operatore C.R.I. nel Settore Emergenza La sicurezza degli operatori

Corso Operatore C.R.I. nel Settore Emergenza La sicurezza degli operatori Corso Operatore C.R.I. nel Settore Emergenza La sicurezza degli operatori La Sicurezza dal latino sine cura (senza preoccupazione) può essere definita come la "conoscenza che l'evoluzione di un sistema

Dettagli

A) DOCUMENTAZIONE SPECIFICA DELL IMPRESA

A) DOCUMENTAZIONE SPECIFICA DELL IMPRESA I CONTENUTI DELLA VIGILANZA NEI CANTIERE A) DOCUMENTAZIONE SPECIFICA DELL IMPRESA B) DOCUMENTAZIONE DEL CANTIERE C) CONTROLLO ADOZIONE MISURE DI SICUREZZA PER LE LAVORAZIONI CORSO D) LA GESTIONE DEL CANTIERE

Dettagli

Manuale utente Power Station. POWER STATION Manuale utente. IV360 REV00 Siel s.p.a

Manuale utente Power Station. POWER STATION Manuale utente. IV360 REV00 Siel s.p.a POWER STATION Manuale utente Pagina 1 di 22 + FR 1 INTRODUZIONE... 4 2 AVVERTENZE DI SICUREZZA... 5 2.1 Simboli usati... 5 3 CONTROLLO ALLA RICEZIONE... 7 4 IMMAGAZZINAGGIO... 7 5 SOLLEVAMENTO... 7 5.1

Dettagli

ALLEGATO D SCHEDE DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO

ALLEGATO D SCHEDE DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO ALLEGATO D SCHEDE DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO SCHEDE INFORMATIVE PER LE MAESTRANZE 1. ADDETTO AL FLESSIBILE 2. ADDETTO ALLA BETONIERA 3. ADDETTO ALLA MOTOSEGA 4. ADDETTO ALLA SEGA ELETTRICA 5. AUTISTA AUTOCARRO

Dettagli

SEMINARIO. Le nuove regole

SEMINARIO. Le nuove regole SEMINARIO Le nuove regole I lavori non elettrici alla luce della IV edizione della norma CEI 11-27 Ing. Fausto Di Tosto INAIL Coordinatore del GdL INAIL per i Lavori sotto tensione ROMA, 11 MARZO 2014

Dettagli

MANUALE DI INSTALLAZIONE

MANUALE DI INSTALLAZIONE MANUALE DI INSTALLAZIONE INDICE 1. Introduzione 1.1. Revisione 1.2. Validità 1.3. A chi si rivolgono le seguenti istruzioni? 2. Linee guida sulla sicurezza 2.1. Norme di sicurezza 2.2. Qualifica del personale

Dettagli

PIANO DI MONTAGGIO, USO E SMONTAGGIO PONTEGGI. (art. 36-quater, c. 3, D.Lgs. 626/94, come modificato dal D.Lgs. 235/2003) Prov. di

PIANO DI MONTAGGIO, USO E SMONTAGGIO PONTEGGI. (art. 36-quater, c. 3, D.Lgs. 626/94, come modificato dal D.Lgs. 235/2003) Prov. di PIANO DI MONTAGGIO, USO E SMONTAGGIO PONTEGGI (art. 36-quater, c. 3, D.Lgs. 626/94, come modificato dal D.Lgs. 235/2003) COMUNE DI Prov. di Committente: Cantiere Ubicazione Località Natura dell'opera Inizio

Dettagli

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine INDICE 1. Premessa 2. Scopo della procedura e campo di applicazione 3. Definizioni 4. indicazioni

Dettagli

Nella fattispecie, le figure richieste dal D.Lgs 81, che richiedono una nomina e una formazione specifica, sono le seguenti:

Nella fattispecie, le figure richieste dal D.Lgs 81, che richiedono una nomina e una formazione specifica, sono le seguenti: Obblighi formativi e aggiornamenti periodici ai sensi del D.Lgs 81/08 s.m.i. Molto spesso ci sentiamo dire: i corsi sulla sicurezza sono obbligatori? Hanno una scadenza? Dopo quanto tempo devono essere

Dettagli

NT24.it - Impianti elettrici nei cantieri edili CAPITOLO III. Impianto elettrico

NT24.it - Impianti elettrici nei cantieri edili CAPITOLO III. Impianto elettrico NT24.it - Impianti elettrici nei cantieri edili CAPITOLO III Impianto elettrico Gli impianti elettrici di cantiere sono impianti molto particolari, hanno caratteristiche peculiari che è bene considerare

Dettagli

Capitolo 1 - FABBRICATO STAZIONE DI SOLLEVAMENTO

Capitolo 1 - FABBRICATO STAZIONE DI SOLLEVAMENTO Capitolo 1 - FABBRICATO STAZIONE DI SOLLEVAMENTO MANUTENZIONE ORDINARIA E STRAORDINARIA DELL'OPERA Scheda n. l Lavori di revisione IMPIANTI ELETTRICI DI PERTINENZA DELL'EDIFICIO MANUTENZIONE ORDINARIA

Dettagli

Linee guida per la stesura del PIMUS (Piano di montaggio, uso e smontaggio) dei ponteggi metallici fissi ai sensi del D. Lgs.

Linee guida per la stesura del PIMUS (Piano di montaggio, uso e smontaggio) dei ponteggi metallici fissi ai sensi del D. Lgs. Linee guida per la stesura del PIMUS (Piano di montaggio, uso e smontaggio) dei ponteggi metallici fissi ai sensi del D. Lgs. 235/2003 A) PARTE GENERALE (Anagrafica) Premesso che il PIMUS deve essere specifico

Dettagli

MANUALE DI INSTALLAZIONE

MANUALE DI INSTALLAZIONE MANUALE DI INSTALLAZIONE INDICE 1. Introduzione 1.1. Revisione 1.2. Validità 1.3. A chi si rivolgono le seguenti istruzioni? 2. Linee guida sulla sicurezza 2.1. Norme di sicurezza 2.2. Qualifica del personale

Dettagli

La sicurezza nella realizzazione di costruzioni in legno. Arch. Ferdinando Izzo

La sicurezza nella realizzazione di costruzioni in legno. Arch. Ferdinando Izzo La sicurezza nella realizzazione di costruzioni in legno La sicurezza nella realizzazione di costruzioni in legno Arch. Ferdinando Izzo Caratteristiche delle costruzioni prefabbricate in legno In merito

Dettagli

MACCHINE DI CANTIERE

MACCHINE DI CANTIERE MACCHINE DI CANTIERE Allegato XV estratto Contenuti minimi del Piano operativo di sicurezza 3.2.1. Il POS contiene almeno i seguenti elementi: g) l'individuazione delle misure preventive e protettive,

Dettagli

MOTORIDUTTORE TAMBURO A CON INGRANAGGI B TRASVERSALE IN BAGNO D OLIO ALL ASTA DI FISSAGGIO

MOTORIDUTTORE TAMBURO A CON INGRANAGGI B TRASVERSALE IN BAGNO D OLIO ALL ASTA DI FISSAGGIO ELEVAZIONE A B D C E MOTORIDUTTORE A CON INGRANAGGI IN BAGNO D OLIO Il gruppo motoriduttore è realizzato con ingranaggi d acciaio a dentatura elicoidale in bagno d olio. La dentatura elicoidale permette

Dettagli

CHECK LIST PER LA SICUREZZA NEL CANTIERE EDILE

CHECK LIST PER LA SICUREZZA NEL CANTIERE EDILE IMPRESA: CHECK LIST PER LA CUREZZA NEL CANTIERE EDILE Visita al cantiere sito in. Via. Committente:.. Coordinatore per la sicurezza: Responsabile di cantiere: DATA VERIFICA: / / Soggetto verificatore:..

Dettagli

dall esperienza del restauro l intonaco di qualità per l edilizia

dall esperienza del restauro l intonaco di qualità per l edilizia MATERIALI A BASE DI CALCE NATURALE PER IL RESTAURO E IL RISANAMENTO soluzioni per nuove costruzioni scheda tecnica sanacolor 2000 intonaco idrofobizzato colorato SANACOLOR 2000 PRODOTTO PER LA BIOEDILIZIA

Dettagli

ORGANIZZAZIONE IN SICUREZZA DEL CANTIERE

ORGANIZZAZIONE IN SICUREZZA DEL CANTIERE ORGANIZZAZIONE IN SICUREZZA DEL CANTIERE FONTI NORMATIVE D.Lgs. 81/08 - Titolo IV Ha sostituito: DPR 547/55 DPR 164/56 DPR 303/56 D.Lgs. 277/91 D.Lgs. 626/94 D.Lgs. 494/96 D.Lgs. 493/96 D.Lgs. 187/05 ARGOMENTI

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

Gru a torre: installazione, montaggio e smontaggio

Gru a torre: installazione, montaggio e smontaggio Gru a torre: installazione, montaggio e smontaggio Introduzione Principio Di norma, quando si sceglie l ubicazione di una gru a torre bisogna fare in modo che la movimentazione dei carichi sul cantiere

Dettagli

Università per Stranieri di Siena Livello B2

Università per Stranieri di Siena Livello B2 Unità 9 Lavorare in sicurezza: il ponteggio CHIAVI In questa unità imparerai: a capire testi che danno informazioni sulle regole da seguire per montare ponteggi sicuri e stabili nei cantieri edili e prevenire

Dettagli

RICERCA, CERTIFICAZIONI E VERIFICHE UNITA OPERATIVA TERRITORIALE BERGAMO

RICERCA, CERTIFICAZIONI E VERIFICHE UNITA OPERATIVA TERRITORIALE BERGAMO RICERCA, CERTIFICAZIONI E VERIFICHE UNITA OPERATIVA TERRITORIALE BERGAMO Montacarichi da cantiere MC Ascensori da cantiere Acc Ascensore da cantiere Acp Piattaforme di lavoro autosollevanti su colonne

Dettagli

L.S. Darwin - I.T.C. Romero Viale Papa Giovanni XXIII, 25 - Rivoli (TO)

L.S. Darwin - I.T.C. Romero Viale Papa Giovanni XXIII, 25 - Rivoli (TO) AREA EDILIZIA SERVIZIO PROGETTAZIONE ED ESECUZIONE INTERVENTI DI EDILIZIA SCOLASTICA L.S. Darwin - I.T.C. Romero Viale Papa Giovanni III, 25 - Rivoli (TO) INTERVENTI DI COMPLETAMENTO DI ADEGUAMENTO NORMATIVO

Dettagli

7.2 Controlli e prove

7.2 Controlli e prove 7.2 Controlli e prove Lo scopo dei controlli e delle verifiche è quello di: assicurare che l ascensore sia stato installato in modo corretto e che il suo utilizzo avvenga in modo sicuro; tenere sotto controllo

Dettagli

13 Operazione: REINGRANO DEGLI INGOLLINI

13 Operazione: REINGRANO DEGLI INGOLLINI Scheda 13 Operazione: REINGRANO DEGLI INGOLLINI Macchinario: ASSORTIMENTO DI CARDATURA cardatura Scopo dell operazione Premesso che non tutti gli assortimenti di carderia sono dotati dello sgrano meccanico

Dettagli

Manuale Uso e Manutenzione

Manuale Uso e Manutenzione Manuale Uso e Manutenzione SOLLEVATORE BIBRACCIO BBI-BBO-BBV-BBC Brevettato Ed. 10.10.2013 1 MARIANI Srl Via Aldo Moro 25, 46020 PEGOGNAGA (MN) Copyright: MARIANI Srl Pubblicato in data: 10 Ottobre 2013

Dettagli

SCHEDA 16oreprima. L articolazione formativa dele 16 ore

SCHEDA 16oreprima. L articolazione formativa dele 16 ore SCHEDA 16oreprima L articolazione formativa dele 16 ore La costruzione di competenze professionali (procedure, capacità, conoscenze di base connesse) è il punto di partenza e la vera anima del corso di

Dettagli

DOMUSLIFT XL IGV. Piattaforma elevatrice Dotata di supporto del carico aperto ISTRUZIONI PER L USO F17PA07 01/04/2010

DOMUSLIFT XL IGV. Piattaforma elevatrice Dotata di supporto del carico aperto ISTRUZIONI PER L USO F17PA07 01/04/2010 DOMUSLIFT XL Piattaforma elevatrice Dotata di supporto del carico aperto F17PA07 01/04/2010 Via Di Vittorio, 21 20060 Vignate Milano Italy Tel 0295127.1 Fax 029560423 IGV www.igvlift.com www.domuslift.com

Dettagli

di Salvatore Esposito e Giuseppe Greco *

di Salvatore Esposito e Giuseppe Greco * GRU A TORRE : un apparecchio di sollevamento indispensabile nei cantieri edili Il corretto utilizzo e la professionalità dell operatore possono evitare infortuni, a volte mortali. di Salvatore Esposito

Dettagli

La sicurezza nella manutenzione degli impianti fotovoltaici su coperture

La sicurezza nella manutenzione degli impianti fotovoltaici su coperture ATTI Seminario La sicurezza nella manutenzione degli impianti fotovoltaici su coperture Venerdì 24 giugno In partnership con Seminario La sicurezza nella manutenzione degli impianti fotovoltaici su coperture

Dettagli

Informazioni Importanti

Informazioni Importanti Informazioni Importanti Non è consentito Il sollevamento e posa in opera dell unita esterna oltre quanto previsto dalle vigenti normative, (altre 2,70 mt) senza l utilizzo dei ponteggi, o altri mezzi sollevatori.

Dettagli

L uso in sicurezza delle PLE e l importanza della formazione degli operatori

L uso in sicurezza delle PLE e l importanza della formazione degli operatori Rovigo 23 giugno 20914 Sicurezza nei cantieri: Novità in tema di sicurezza cantieri L uso in sicurezza delle PLE e l importanza della formazione degli operatori Mauro Potrich e Francesco Maria Spini Comitato

Dettagli

Segnaletica di sicurezza negli ambienti di lavoro. D. Lgs. 493/96

Segnaletica di sicurezza negli ambienti di lavoro. D. Lgs. 493/96 Segnaletica di sicurezza negli ambienti di lavoro D. Lgs. 493/96 Segnaletica di sicurezza negli ambienti di lavoro Il D.Lgs. 626/94 stabilisce le misure generali di tutela della salute e della sicurezza

Dettagli

PONTEGGI METALLICI AUTOSOLLEVANTI

PONTEGGI METALLICI AUTOSOLLEVANTI PONTEGGI METALLICI AUTOSOLLEVANTI di Salvatore Esposito e Giuseppe Greco Esperti in materia di Igiene e Sicurezza nei Luoghi di Lavoro U.P.G. Il 5 Dicembre 2002 è scaduto il termine di adeguamento dei

Dettagli

il Ca n t i e r e Sic u r o Notiziario del Comitato Paritetico Territoriale di Brescia e provincia per l edilizia

il Ca n t i e r e Sic u r o Notiziario del Comitato Paritetico Territoriale di Brescia e provincia per l edilizia il Ca n t i e r e Sic u r o Notiziario del Comitato Paritetico Territoriale di Brescia e provincia per l edilizia informazioni per la sicurezza in cantiere 03 I LUOGHI DI LAVORO Comitato paritetico territoriale

Dettagli

SCHEDA TECNICA INFORMATIVA ATTREZZI MANUALI DESTINAZIONE D'USO Varie RIFERIMENTI DI LEGGE RISCHI GENERICI D.P.R. 547/55 D. L.gs 626/94 Contusioni, abrasioni e offese su varie parti del corpo MISURE DI

Dettagli

CORSO di AGGIORNAMENTO per Addetto alla conduzione Gru su autocarro Accordo Conferenza Stato Regioni del 22/02/2012

CORSO di AGGIORNAMENTO per Addetto alla conduzione Gru su autocarro Accordo Conferenza Stato Regioni del 22/02/2012 Data di avvio: 24 marzo 2015 Area: Sicurezza CORSO di AGGIORNAMENTO per Addetto alla conduzione Gru su autocarro Accordo Conferenza Stato Regioni del 22/02/2012 PRESENTAZIONE OBIETTIVI DESTINATARI L aggiornamento

Dettagli

QUADERNO TECNICO Gennaio 2012

QUADERNO TECNICO Gennaio 2012 1 QUADERNO TECNICO Gennaio 2012 Autore: Luigi p.i. Leccardi Tecnico della Prevenzione CANTIERI EDILI CONTROLLI PER RIDURRE IL RISCHIO D UTILIZZO DELLA ATREZZATURE DI LAVORO GRU A TORRE Premessa La parola

Dettagli

MOTORIDUTTORE TAMBURO A CON INGRANAGGI B TRASVERSALE IN BAGNO D OLIO ALL ASTA DI FISSAGGIO

MOTORIDUTTORE TAMBURO A CON INGRANAGGI B TRASVERSALE IN BAGNO D OLIO ALL ASTA DI FISSAGGIO ELEVAZIONE A B D C E MOTORIDUTTORE A CON INGRANAGGI IN BAGNO D OLIO Il gruppo motoriduttore è realizzato con ingranaggi d acciaio a dentatura elicoidale in bagno d olio. La dentatura elicoidale permette

Dettagli

DOMUSLIFT XL IGV. Piattaforma elevatrice Dotata di supporto del carico chiuso con porte pieghevoli ISTRUZIONI PER L USO F17PB07 01/04/2010

DOMUSLIFT XL IGV. Piattaforma elevatrice Dotata di supporto del carico chiuso con porte pieghevoli ISTRUZIONI PER L USO F17PB07 01/04/2010 DOMUSLIFT XL Piattaforma elevatrice Dotata di supporto del carico chiuso con porte pieghevoli F17PB07 01/04/2010 Via Di Vittorio, 21 20060 Vignate Milano Italy Tel 0295127.1 Fax 029560423 IGV www.igvlift.com

Dettagli

LIBRETTO VERIFICHE GRU A PONTE E MACCHINE DI SOLLEVAMENTO (Registro di controllo)

LIBRETTO VERIFICHE GRU A PONTE E MACCHINE DI SOLLEVAMENTO (Registro di controllo) MACCHINA NUMERO DI FABBRICA LIBRETTO VERIFICHE GRU A PONTE E MACCHINE DI SOLLEVAMENTO (Registro di controllo) Costruttore/Mandatario: CIOFETTI SOLLEVAMENTO INDUSTRIALE SRL S. S. Tiberina Nord, 26/T - 06134

Dettagli

Pi.M.U.S. Piano di Montaggio Uso e Smontaggio del ponteggio. conforme ai contenuti minimi previsti dall allegato XXII del D.Lgs. 81/08 e s.m.i.

Pi.M.U.S. Piano di Montaggio Uso e Smontaggio del ponteggio. conforme ai contenuti minimi previsti dall allegato XXII del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Pi.M.U.S. Piano di Montaggio Uso e Smontaggio del ponteggio conforme ai contenuti minimi previsti dall allegato XXII del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. DITTA montatrice del ponteggio INDIRIZZ CANTIERE CMUNE 1 Il

Dettagli

ISTRUZIONE OPERATIVA PER INSTALLAZIONE E MONTAGGIO GRU A TORRE

ISTRUZIONE OPERATIVA PER INSTALLAZIONE E MONTAGGIO GRU A TORRE GRU POTAIN - mod. IGO 36 Pagina 1 di 12 PER INSTALLAZIONE E MONTAGGIO GRU A TORRE Costruttore : POTAIN S.p.A Modello: IGO 36 (trifase) Altezza massima: mt. 26,00 Altezza sotto gancio: mt. 22,00 Portata

Dettagli

DUVRI Documento Unico di Valutazione

DUVRI Documento Unico di Valutazione DUVRI Documento Unico di Valutazione Rischi Interferenti D. Lgs. 81/08 integrato con il D. Lgs. 106/09 Committente Lavori di Università degli Studi Mediterranea di Reggio Calabria Servizio di pulizia locali

Dettagli

D.Lgs. 81/08 TITOLO IV

D.Lgs. 81/08 TITOLO IV D.Lgs. 81/08 TITOLO IV CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI VIGILANZA MINIMO ETICO MINIMO ETICO DI SICUREZZA PERICOLO DI INFORTUNI GRAVI PRESUPPOSTI CARENZE, CONFIGURABILI COME VIOLAZIONI ALLE NORME NON SANABILI

Dettagli

Pi.M.U.S. Piano montaggio Uso smontaggio Ponteggi

Pi.M.U.S. Piano montaggio Uso smontaggio Ponteggi D.Lgs.81/08 - TITOLO IV - SEZIONE V - PONTEGGI FISSI Pi.M.U.S. Piano montaggio Uso smontaggio Ponteggi Art. 136 (ex art. 36 quater D.Lgs 626/94) in vigore dal 19/07/2005 "Il datore di lavoro provvede a

Dettagli

PARAPETTI PROVVISORI PREFABBRICATI: MANUTENZIONE E MESSA IN SERVIZIO

PARAPETTI PROVVISORI PREFABBRICATI: MANUTENZIONE E MESSA IN SERVIZIO PARAPETTI PROVVISORI PREFABBRICATI: MANUTENZIONE E MESSA IN SERVIZIO l di Luigi Cortis Primo ricercatore e Luca Rossi Ricercatore Dipartimento Tecnologie di Sicurezza ISPESL Osservatorio a cura dell Ufficio

Dettagli

KDIX 8810. Istruzioni di montaggio

KDIX 8810. Istruzioni di montaggio KDIX 8810 Istruzioni di montaggio Sicurezza della lavastoviglie 4 Requisiti di installazione 5 Istruzioni di installazione 7 Sicurezza della lavastoviglie La vostra sicurezza e quella degli altri sono

Dettagli

minidumper e pale caricatrici con massa operativa minore o uguale a 4500 kg eventualmente corredati di accessori per il sollevamento;

minidumper e pale caricatrici con massa operativa minore o uguale a 4500 kg eventualmente corredati di accessori per il sollevamento; FAQ INAIL Settore edilizia 1. Cosa deve contenere la Descrizione complessiva del progetto? Deve contenere la descrizione degli interventi (massimo tre) per cui si richiede il finanziamento in funzione

Dettagli

LINEE GUIDA IN MERITO ALL ACQUISTO E ALL USO DI MACCHINE E/O APPARECCHI ELETTRICI SOMMARIO

LINEE GUIDA IN MERITO ALL ACQUISTO E ALL USO DI MACCHINE E/O APPARECCHI ELETTRICI SOMMARIO Pag. 1 / 6 1 MODIFICHE 2 PREMESSA 3 DEFINIZIONI SOMMARIO 4 PRINCPALI NORMATIVE DI RIFERIMENTO 5 MESSA IN SERVIZIO E UTILIZZO 6 INDICAZIONI PER UN CORRETTO ACQUISTO 7 SICUREZZA E MARCATURA CE 8 PROTOTIPI

Dettagli

Lavori in quota. Introduzione. Definizione di lavoro in quota. scheda 03 1/8

Lavori in quota. Introduzione. Definizione di lavoro in quota. scheda 03 1/8 03 Lavori in quota Introduzione I lavori in quota possono esporre i lavoratori a rischi particolarmente gravi per la loro salute e sicurezza. Ci riferiamo in particolare ai rischi di caduta dall alto che

Dettagli

Impianto elettrico per il cantiere edile

Impianto elettrico per il cantiere edile Impianto elettrico per il cantiere edile Introduzione Le presenti riflessioni non intendono sostituirsi, in alcun caso: - alle vigenti norme di Legge (DPGP n. 7/1999, DPR 22.10.2001, n. 462, D.M. 22.01.2008,

Dettagli

Linee Guida. Direzione Sanità Pubblica Settore Prevenzione sanitaria negli ambienti di vita e di lavoro

Linee Guida. Direzione Sanità Pubblica Settore Prevenzione sanitaria negli ambienti di vita e di lavoro Linee Guida per la redazione delle istruzioni per il montaggio, l impiego e lo smontaggio delle attrezzature provvisionali: casseforme, impalcature di sostegno ed attrezzature correlate Direzione Sanità

Dettagli

Derrick - macchine e apparecchi di sollevamento e movimentazione (28.22.02)

Derrick - macchine e apparecchi di sollevamento e movimentazione (28.22.02) Allegato 1 MACCHINARI SPECIFICI DI CANTIERE Elenco alfabetico dei macchinari compresi nella divisione 28 ATECO 2007 Apripista: - macchine movimento terra (28.92.09) Rientrano in tale voce: Dozer gommato,

Dettagli

Voci di capitolato e prescrizioni contrattuali

Voci di capitolato e prescrizioni contrattuali Voci di capitolato e prescrizioni contrattuali VOCI DI CAPITOLATO SINTETICHE Voce sintetica per la fornitura di mattoni estrusi Fornitura di mattoni faccia a vista estrusi semipieni Smorlesi di colore..

Dettagli

Valutazione. Rischio. Movimentazione Manuale. Carichi

Valutazione. Rischio. Movimentazione Manuale. Carichi Scuola Media Liceo ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE DES AMBROIS S P - Oulx - Servizio di Prevenzione e Protezione Istituto Professionale Valutazione M del Rischio da Movimentazione Manuale M Dei

Dettagli

rischi di natura infortunistica e correlati all igiene del lavoro per il personale di cucina

rischi di natura infortunistica e correlati all igiene del lavoro per il personale di cucina rischi di natura infortunistica e correlati all igiene del lavoro per il personale di cucina Corso CUOCO Centro Studi La Base Via dei Pucci, 11 -Firenze Relatore: Geom. Enrico Clarelli www.geoclarelli.it

Dettagli

SEGNALETICA DI DIVIETO

SEGNALETICA DI DIVIETO E C SCHEMA DEI FORMATI (mm.) C = 330x500 E = 500x700 A B A = 350x125 B = 765x270 D = 1400x500 D SIGLA DEI E SPESSORI 0,5/0,7 mm. C RIGIDO 1 mm. C ADESIVO AD DIMENSIONE DEI CARTELLI (mm) 4 10 10 16 16 350

Dettagli

QUALI VERIFICHE SULL IMPIANTO ELETTRICO PER LA PROTEZIONE DEGLI ADDETTI IN CANTIERE?

QUALI VERIFICHE SULL IMPIANTO ELETTRICO PER LA PROTEZIONE DEGLI ADDETTI IN CANTIERE? QUALI VERIFICHE SULL IMPIANTO ELETTRICO PER LA PROTEZIONE DEGLI ADDETTI IN CANTIERE? l di Bruno D Ottavi dipartimento Servizio controllo a campione impianti di terra ex ISPESL Osservatorio a cura dell

Dettagli

DIPARTIMENTO FORMAZIONE SICUREZZA INTEGRATA

DIPARTIMENTO FORMAZIONE SICUREZZA INTEGRATA ESTRATTO DAL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA DEL CORSO DI FORMAZIONE PER ADDETTI ALLA CONDUZIONE DI GRU A TORRE 1. OGGETTO DELL INTERVENTO 1.1. DESCRIZIONE DELL INTERVENTO

Dettagli

Dipartimento di Prevenzione. Corso di aggiornamento per Coordinatori della sicurezza da 40 ore Modulo 2

Dipartimento di Prevenzione. Corso di aggiornamento per Coordinatori della sicurezza da 40 ore Modulo 2 Dipartimento di Prevenzione Struttura Complessa P.S.A.L. Via Collodi 13-17100 Savona Direttore dott. Angelo SERGI Corso di aggiornamento per Coordinatori della sicurezza da 40 ore Modulo 2 la figura del

Dettagli

Modello: TPS 080 TPS 150 TPS 250 TPS 450

Modello: TPS 080 TPS 150 TPS 250 TPS 450 Modello: TPS 080 TPS 150 TPS 250 TPS 450 AVVERTENZE GENERALI Il manuale d installazione, d uso e manutenzione costituisce parte integrante ed essenziale della centrale aspirante monofase e deve essere

Dettagli

Materiale didattico validato da: Impianti elettrici

Materiale didattico validato da: Impianti elettrici Impianti elettrici 1. Legislazione Applicabile 2. Valutazione del rischio elettrico 3. Contatti diretti e indiretti 4. Misure di protezione 5. Verifiche periodiche 6. Scariche atmosferiche 7. Centrali

Dettagli

MANUALE DI ISTRUZIONI, PER USO E MANUTENZIONE

MANUALE DI ISTRUZIONI, PER USO E MANUTENZIONE CAP.7 - MANUTENZIONE 7.1 - GENERALITA Prima di eseguire qualsiasi operazione di manutenzione è necessario: scollegare la spina di alimentazione dalla rete per isolare completamente la macchina dal resto

Dettagli

Ferrara Fiere Congressi Fascicolo Sicurezza - Allegato scheda 2 Misure e dispositivi di sicurezza. Fascicolo Sicurezza.

Ferrara Fiere Congressi Fascicolo Sicurezza - Allegato scheda 2 Misure e dispositivi di sicurezza. Fascicolo Sicurezza. Ferrara Fiere Congressi Fascicolo Sicurezza - Allegato scheda 2 Misure e dispositivi di sicurezza Fascicolo Sicurezza Allegato scheda 2 MISURE E DISPOSITIVI DA PREDISPORRE DA PARTE DEI DATORI DI LAVORO

Dettagli

STANDARD JUNIOR 2 MINI RAMP RAMP PLUS 2006 JUNIOR PLUS 2006 BREVETTATO

STANDARD JUNIOR 2 MINI RAMP RAMP PLUS 2006 JUNIOR PLUS 2006 BREVETTATO d a l 1 9 7 8 STANDARD JUNIOR 2 MINI RAMP RAMP PLUS 2006 JUNIOR PLUS 2006 TECNOLOGIA CHE SERVE TECNOLOGIA CHE SERVE TECNOLOGIA CHE SERVE TECNOLOGIA CHE SERVE TECNOLOGIA CHE SERVE JOLLY Jolly è un montascale

Dettagli

Il Rischio Meccanico e la Sicurezza delle Macchine

Il Rischio Meccanico e la Sicurezza delle Macchine Il Rischio Meccanico e la Sicurezza delle Macchine Prof. Ing. Marcello Braglia DIMNP Facoltà d Ingegneria Università di Pisa Il Rischio Meccanico e la Sicurezza delle Macchine Attraverso il suo funzionamento,

Dettagli

Lista di controllo Gru a ponte e a portale

Lista di controllo Gru a ponte e a portale Sicurezza realizzabile Lista di controllo Gru a ponte e a portale Potete affermare di lavorare in condizioni di sicurezza con le gru a ponte e a portale? Nell industria e nell artigianato le gru sono il

Dettagli

sicuri sicuri di essere Treni Alta Velocità La sicurezza di macchine, attrezzature ed impianti di cantiere. IN COLLABORAZIONE CON

sicuri sicuri di essere Treni Alta Velocità La sicurezza di macchine, attrezzature ed impianti di cantiere. IN COLLABORAZIONE CON sicuri di essere sicuri Treni Alta Velocità La sicurezza di macchine, attrezzature ed impianti di cantiere. IN COLLABORAZIONE CON AZIENDA SANITARIA LOCALE CHIERI - CARMAGNOLA - MONCALIERI - NICHELINO COMITATO

Dettagli

AMBIENTE ECOLOGIA SICUREZZA & MEDICINA DEL LAVORO

AMBIENTE ECOLOGIA SICUREZZA & MEDICINA DEL LAVORO CARRELLI ELEVATORI CIRCOLARE N 26 - OTTOBRE 2010 CARRELLI ELEVATORI I carrelli elevatori si utilizzano ormai in quasi tutte le aziende ma... sono ancora troppi gli infortuni anche mortali e sono ancora

Dettagli

Gli impianti elettrici. nei cantieri edili

Gli impianti elettrici. nei cantieri edili Gli impianti elettrici nei cantieri edili Agli impianti elettrici nei cantieri si applicano la Sezione 704 della norma CEI 64-8 (VI Ediz.) (cantieri di costruzione e di demolizione) e la guida CEI 64-17

Dettagli

Esemplificazione sulle caratteristiche tecniche di un impianto di recupero e trattamento

Esemplificazione sulle caratteristiche tecniche di un impianto di recupero e trattamento Allegato 1 Esemplificazione sulle caratteristiche tecniche di un impianto di recupero e trattamento Si riporta di seguito, in via del tutto esemplificativo, la strutturazione di un impianto di trattamento

Dettagli

Istituto Comprensivo ABBA-ALIGHIERI

Istituto Comprensivo ABBA-ALIGHIERI Mobili ed arredi, attrezzature e macchine, apparecchiature elettriche. Istituto Comprensivo ABBA-ALIGHIERI Via Ruggero Marturano, 77/79 90142 Palermo Circolare n. 20/d Palermo, 25/09/2013 A tutto il Personale

Dettagli

LA LEGISLAZIONE. D.M. 22 Gennaio 2008 n 37

LA LEGISLAZIONE. D.M. 22 Gennaio 2008 n 37 D.M. 22 Gennaio 2008 n 37 LA LEGISLAZIONE Sostituisce la L. 46/90 (abrogata dalla L. n. 17 del 26 febbraio 2007 ad eccezione degli artt. 8, 14 e 16 relativi alle sanzioni) e si applica ai vari impianti

Dettagli

Per l utilizzo corretto della Piattaforma di Lavoro Elevabile sono stati considerati i seguenti riferimenti normativi:

Per l utilizzo corretto della Piattaforma di Lavoro Elevabile sono stati considerati i seguenti riferimenti normativi: Nel lavoro temporaneo in quota il datore di lavoro deve scegliere l attrezzatura in funzione delle caratteristiche del luogo, dell ambiente, della tipologia di attività da svolgere, della durata, della

Dettagli

FASCICOLO DELL OPERA

FASCICOLO DELL OPERA LP 162 REALIZZAZIONE NUOVO CENTRO POLIFUNZIONALE PRESSO GLI IMPIANTI SPORTIVI DI VIA DON BOSCO FASCICOLO DELL OPERA ai sensi del D.Lgs. 81/2008 COMMITTENTE: COMUNE DI BRUGINE (PD) IL RESPONSABILE DEI LAVORI:

Dettagli

FASCICOLO DELLA MANUTENZIONE Per la prevenzione e protezione dai rischi (D.Lgs 9 aprile 2008 n. 81, Art. 91)

FASCICOLO DELLA MANUTENZIONE Per la prevenzione e protezione dai rischi (D.Lgs 9 aprile 2008 n. 81, Art. 91) Comune di Atrani Provincia di SA FASCICOLO DELLA MANUTENZIONE Per la prevenzione e protezione dai rischi (D.Lgs 9 aprile 2008 n. 81, Art. 91) OGGETTO: SEDE E NUCLEO DI PROTEZIONE CIVILE COMMITTENTE: A.R.C.A.D.I.S.

Dettagli

MANUALE D USO E MANUTENZIONE

MANUALE D USO E MANUTENZIONE MANUALE D USO E MANUTENZIONE NEGATIVOSCOPIO A LED PER RADIOLOGIA INDUSTRIALE Cod. M-CB-22 DIM. CM 10 x 48 Sommario 1 Introduzione...2 2 Simboli...2 3 Utilizzo previsto...3 4 Precauzioni...3 5 Caratteristiche

Dettagli

APPARECCHI DI SOLLEVAMENTO: Controlli e Verifiche. L entrata in vigore del D.Lgs. 81/08 ha comportato

APPARECCHI DI SOLLEVAMENTO: Controlli e Verifiche. L entrata in vigore del D.Lgs. 81/08 ha comportato APPARECCHI DI SOLLEVAMENTO: Controlli e Verifiche L entrata in vigore del D.Lgs. 81/08 ha comportato una parziale Revisione della normativa in tema di controlli e verifiche degli apparecchi di sollevamento

Dettagli

RELAZIONE TECNICA IMPIANTO ELETTRICO

RELAZIONE TECNICA IMPIANTO ELETTRICO PROVINCIA DI LECCE Importo Progetto 1.000.000,00 RELAZIONE TECNICA 1. Premessai Dal sopralluogo effettuato si è stabilito che l'impianto elettrico del piano primo risulta di recente rifacimento ed a norma,

Dettagli

Ente Scuola Edile Taranto MOVIMENTAZIONE MECCANICA DEI CARICHI

Ente Scuola Edile Taranto MOVIMENTAZIONE MECCANICA DEI CARICHI Ente Scuola Edile Taranto MOVIMENTAZIONE MECCANICA DEI CARICHI Introduzione Nelle varie fasi lavorative, si è visto come ricorra spesso l utilizzo di ausili per la movimentazione meccanica dei carichi,

Dettagli