[SOLUZIONI INNOVATIVE] La gestione dei processi di innovazione

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "[SOLUZIONI INNOVATIVE] La gestione dei processi di innovazione"

Transcript

1 [SOLUZIONI INNOVATIVE] La gestione dei processi di innovazione [Umbria Innovazione ] [Programma I-Start]

2 SOMMARIO SOMMARIO... 1 GESTIONE DEI PROCESSI DI INNOVAZIONE... 2 I PROCESSI DI INNOVAZIONE... 2 IL CICLO DELL INNOVAZIONE... 4 LE FONTI DELL INNOVAZIONE... 7 FASI E TEMPI DEI PROCESSI DI INNOVAZIONE... 9 IL TEMPO COME VANTAGGIO COMPETITIVO... 9 FATTORI CRITICI DI COMPETITIVITÀ LA PROGETTAZIONE ESECUTIVA GLI STRUMENTI DELLA PROGETTAZIONE SCHEMA DI UN PROGETTO ESECUTIVO ELEMENTI CRITICI DEI PROCESSI DI INNOVAZIONE BIBLIOGRAFIA...ERRORE. IL SEGNALIBRO NON È DEFINITO. #

3 GESTIONE DEI PROCESSI DI INNOVAZIONE In questo report si illustrano alcuni modelli e strumenti per la gestione dei processi di innovazione. A seguito della considerazione delle ipotesi di base, e dei riferimenti concettuali sulla tematica dell innovazione, si esamineranno i seguenti elementi: Le modalità dei processi innovativi il ciclo dell innovazione Le fonti interne ed esterne dell innovazione Fasi e tempi dei processi di innovazione La catena del valore nei sistemi di mercato moderni Strumenti per la progettazione I PROCESSI DI INNOVAZIONE Anzitutto, riassumiamo i punti analizzati in precedenza relativamente ai nuovi modelli di innovazione, sui quali si basano gli strumenti presentati in questo report: l innovazione, che è invention + exploitation, comporta la gestione di un cambiamento la gestione dell innovazione tecnologica deve avere una logica sistemica, deve cioè comprendere sia la gestione del sistema stesso come un tutt uno (sistema = connessione di elementi in un tutto organico e funzionalmente unitario) sia le interazioni fra le componenti. la gestione tecnologica ha sia una dimensione macro (di comparto, insieme di aziende ) sia micro (la singola azienda, unità) i modelli di gestione dell innovazione sono sostanzialmente informati alle due dimensioni suddette la logica emergente è quella dell open innovation, ovvero una forma di gestione dell innovazione caratterizzata dal far leva su risorse esterne le attuali prospettive di innovazione tecnologica sono focalizzate sui tre temi di ICT, modularità, outsourcing a prescindere dal livello di radicalità dell innovazione, la gestione tecnologica avviene per passi successivi, comunque in termini non necessariamente stravolgenti (a prescindere dalla distinzione fra innovazione incrementale e radicale, la logica dei passi successivi evidenzia la valenza del management quale promozione e accompagnamento verso successivi e continui cambiamenti )

4 nella pratica, gestire significa innanzitutto capire quali le attese di chi ha voce in capitolo l innovazione tecnologica è un viaggio, da percorrere con equilibrio avendo coscienza delle implicazioni e sufficiente conoscenza di come trattare quello che si va a toccare. CHECKLIST PER L INNOVAZIONE STRUTTURATA Una domanda fondamentale: Cosa possiamo considerare innovativo nella nostra azienda? Utilizzare la seguente check-list dell'innovazione aziendale : 1. È realmente utile alle persone dipendenti, collaboratori, stakeholders - e all'organizzazione? 2. Crea un valore aggiunto ai nostri clienti/utenti? 3. Ci rende differenti dalla concorrenza? 4. Ci aiuta a conquistare quote di mercato e/o a posizionarci meglio? 5. Ci stimola a migliorare il nostro lavoro e a farci sentire maggiormente soddisfatti?

5 IL CICLO DELL INNOVAZIONE Definizione di innovazione aziendale: Le innovazioni derivano da idee che sono state tradotte in nuovi prodotti, servizi o processi, se questi prodotti, servizi o processi sono stati implementati e indirizzati con successo al mercato. (DISSELKAMP, 2005). Innovazione = Idee + Nuovi prodotti/servizi + implementazione sul Mercato Il concetto di Ciclo dell innovazione si riferisce ad una visione integrata relativa alle fasi di analisi, misurazione e valutazione dei processi di innovazione, adottata da imprese con l obiettivo di incrementare la propria capacità di innovazione strutturata. Il Ciclo dell Innovazione è focalizzato sui seguenti aspetti: Innovazione = I + N + M I N M Generazione delle idee = Input Gestione dei processi innovativi = Project Management Organizzazione dell ingresso nel mercato = Implementazione

6 Di seguito, un diagramma che sintetizza gli elementi in gioco, e le interazioni tra loro. INPUT MARKET PULL TECHNOLOGY PUSH PROJECT MANAGEMENT IMPLEMENTAZIONE STRUMENTI DI INNOVATION PROJECT MARKETING MANAGEMENT INNOVATION CONTROLLING Il Ciclo dell innovazione è il cuore dell Innovation Management: Input: Da dove arrivano le idee? Ambiente interno/esterno Come lavorare attivamente e sistematicamente nelle fasi iniziali dei processi innovativi Project Management: Affronta le questioni relative all organizzazione sistematica e strutturata dei processi di innovazione Implementazione:

7 Tematiche relative all immissione sul mercato di nuovi prodotti/servizi I fattori organizzativi rappresentano la cornice del Ciclo di Innovazione: Strategia di innovazione: La strategia di innovazione determina in che grado e con quali modalità un impresa mira ad utilizzare l innovazione per conseguire i propri obiettivi di business (GILBERT, 1994). Cultura dell innovazione: identità e carattere dell impresa. Risorse umane: es. formazione sugli strumenti di innovazione. Budget: Il budget previsto per le attività innovative. Cooperazione: Accordi di cooperazione strategica con imprese, Università, organizzazioni di ricerca, ecc. IMPLEMENTAZIONE INNOVATION MARKETING INNOVATION CONTROLLING INPUT MARKET PULL TECHNOLOGY PUSH PROJECT MANAGEMENT STRUMENTI DI PROJECT MANAGEMENT Il ciclo dell innovazione esprime l idea secondo la quale un processo di cambiamento è un azione continua di riconoscimento e valorizzazione dei punti di forza dell impresa, volta all adattamento nel contesto in cui l impresa opera. Il sistema esterno all impresa è considerato come una scatola nera, verso la quale è indirizzata l attività di impresa, e che restituisce elementi di riscontro per la valutazione degli elementi di maggior valore dell impresa stess.

8 LE FONTI DELL INNOVAZIONE Macro-Ambiente Drivers Micro-Ambiente Esterno Demand Pull Interno Technology Push Clienti Concorrenti Marketing Fornitori R&S Produzione Il cosiddetto Technology push consiste in un enfasi ed una spinta verso l adozione di nuove tecnologie, prevalenti rispetto alle esigenze della Clientela, le quali vengono concepite come conseguenti. Storicamente, le fasi caratterizzate dal technology push sono in genere presenti in mercati giovani ed immaturi, o comunque nel caso di tecnologie molto innovative con applicazioni scontate e naturali. Il cosiddetto Market pull consiste in un enfasi ed una spinta verso le esigenze immediate o future del Mercato, andando di volta in volta a ricercare le soluzioni tecnologiche più adatte al loro soddisfacimento. Le due diverse spinte devono trovare punti di mediazione e di confronto, una deve aiutare l altra in un ottica di cooperazione al rialzo. L integrazione intelligente di queste due componenti è un potentissimo motore di innovazione industriale IL CICLO DELL INNOVAZIONE TECHNOLOGY PUSH

9 Ricerca Progettazione Prodotto Concetto Processo Marketing Mercato Produzione IL CICLO DELL INNOVAZIONE MARKET PULL Mercato Produzione Marketing Concetto Prodotto Processo Ricerca Progettazione

10 FASI E TEMPI DEI PROCESSI DI INNOVAZIONE IL TEMPO COME VANTAGGIO COMPETITIVO Le scelte dei tempi di innovazione e del livello di commitment nel perseguimento di una opportunità imprenditoriale assumono sempre più un enorme rilievo strategico. A questo proposito si possono definire tre opzioni strategiche di base, illustrate nei diagrammi che seguono: a) strategia di crescita, che si propone di perseguire una opportunità imprenditoriale rapidamente, anticipando i potenziali competitors e acquisendo un vantaggio da first-mover b) strategia di differimento, che si concretizza nel posporre lo sfruttamento di una opportunità innovativa, fino al momento in cui si giudica accettabile il livello di incertezza tecnologico e di mercato (implicitamente presupponendo uno sforzo di sviluppo dell innovazione che viene assunto da altri) c) strategia di apprendimento incrementale, che si traduce nell intraprendere una serie di passaggi successivi nell accumulazione di risorse e conoscenze necessarie al successo dell innovazione. In questo modo l impresa tiene aperta una finestra sulle tecnologie emergenti ma al tempo stesso mantiene la flessibilità necessaria al cambiamento in risposta ad ulteriori sviluppi tecnologici e segnali di mercato Relazione tra innovazione e redditività In sostanza, la scelta strategica relativa all intervallo di adozione di un processo di innovazione, equivale a considerare alcuni aspetti: Fino a che punto l innovazione crea un vantaggio competitivo attraverso la connessione con gli stakeholder nel mercato? Fino a che punto il vantaggio competitivo così costruito può essere difeso (dall obsolescenza e dall imitazione dei rivali)? Fino a che punto l innovatore è in grado di affermare un diritto di proprietà sull innovazione e/o un potere contrattuale che gli consenta di appropriarsi dei rendimenti derivanti dall innovazione?

11 I diagrammi seguenti sono costruiti incrociando due diverse dimensioni: il valore del costo dell innovazione e quello del ritorno dall innovazione Curve di tecnologie innovative Illustrazione delle diverse tipologie di soluzioni tecnologiche, e relativo impatto sui risultati di impresa. Tecnologie Incrementali Impatto sui risultati economici Tecnologie Breaktrough Tecnologie che anticipano esigenze di mercato: - Nuove funzioni di prodotto - Nuove linee o modelli di business - Soppressione di fattori produttivi Obiettivo strategico: leadership Tecnologie correnti a seguito della competizione: - Nuovi prodotti - Riduzione del TTM Obiettivo strategico: follower Tecnologie di Adattamento Tecnologie per rispondere agli standard di legge o di mercato: - Nuovi stabilimenti - Certificazione e controllo di qualità - Riduzione dei costi Obettivo strategico: sopravvivere Investimenti in nuove tecnologie Nel prossimo diagramma, normalizzando le tre tipologie di curve rispetto al tempo, si ottiene un diagramma del ciclo di vita di un prodotto sul mercato, secondo le fasi del suo sviluppo Impatto sui risultati economici Tecnologie Breaktrough Tecnologie Incrementali Tecnologie di Adattamento Tempo

12 Capacità di risposta ai cambiamenti esterni Anticipare i cambiamenti alla base del vantaggio competitivo innovazione Attenzione, l innovazione non è legata solo all impresa consolidata: l inerzia dell impresa consolidata (Hannan & Freeman, 1984) è considerata una delle maggiori cause di perdita di vantaggio competitivo Capacità di reazione Risorse chiave per la capacità di risposta Accesso all informazione Flessibilità di risposta imitazione Quando innovare e chi? Tecnologie Future Impatto sui risultati economici Intervallo di innovazione (adozione ritardata) Intervallo di innovazione (adozione rapida) Tecnologie correnti Tecnologie Emergenti Tempo Come si arriva per primo? Innovazione e distruzione creatrice (Schumpeter, 1950) Exploration vs Exploitation (March, 1991) (Esplorare invece di sfruttare conoscenze esistenti)

13 I benefici: Chi arriva prima in un settore beneficia di profitti superiori alla media Relazione tra chi arriva per primo e redditività I costi dell innovazione (exploration) sono più alti di quelli dell imitazione (exploitation) Maggiore rischio di insuccesso Chi imita entra in un momento in cui l incertezza tecnologica è inferiore Free-riding dell impresa che imita (e.g. reverse engineering, formazione risorse umane) Intervallo di innovazione (anticipatore) Tecnologie Future Impatto sui risultati economici Tecnologie correnti Tecnologie Emergenti Tempo

14 FATTORI CRITICI DI COMPETITIVITÀ Ogni Impresa deve identificare, nel presente e nel futuro, i propri elementi distintivi nei confronti della Concorrenza, che costituiscono Fattori critici di competitività (the value proposition). Questi elementi concorrono a creare nel Cliente un immagine ben precisa dei prodotti/servizi offerti, in termini di qualità percepita e di conseguente giudizio razionale/emotivo ad essa associato. Sui fattori critici di competitività occorre concentrare gli sforzi di innovazione dell Impresa; essi devono inoltre guidare la selezione e la crescita delle competenze richieste per governarli, in una logica di sistema. La catena del valore che porta un innovazione sul mercato è quindi costituita da una rete complessa di attori che comprende le filiere produttive, articolate con logiche Cliente-Fornitore-Partner; tali catene sono oggi spesso fortemente globalizzate. Catena del valore nei sistemi industriali progettazione di sistema Conoscere il sistema di riferimento delle proprie attività quotidiane è necessario per progettare iniziative che portino benefici su un orizzonte di medio periodo, e che diano continuità al processo di crescita dell impresa e del sistema nel suo complesso.

15 ELEMENTI DI FOCALIZZAZIONE Analisi del sistema di riferimento e degli attori coinvolti Definizione della propria posizione all interno del sistema Produttore Analisi delle interazioni tra i soggetti Valore generato Valore percepito Impatto tecnologico Impatto economico Impatto socio-culturale Previsione delle tendenze di evoluzione del sistema di riferimento Risorse disponibili Risorse necessarie RISULTATI ATTESI Livello interno Livello di sistema Mercato

16 la progettazione esecutiva OBIETTIVI STRUTTURARE IL PROGETTO VALUTARE LE ATTRATTIVE DEL PROGETTO Definire visioni comuni per il gruppo di lavoro Ottenere finanziamento Per soddisfare gli obiettivi si richiede Chiarezza Obiettività Consistenza/coerenza Linguaggio uniforme e non tecnico Sintesi Come costruire un buon piano di progetto? = Come costruire un buon progetto? Finalità della progettazione esecutiva A LIVELLO INTERNO Analisi e valutazione Per rilevare eventuali difficoltà non previste dal primo esame dell idea di progetto Per simulare possibili interventi di adattamento Per evidenziare punti di debolezza del contesto dell impresa Per indurre un orientamento unitario dell impresa Pianificazione Utile come documento di programmazione Per definire la successione delle attività Controllo Utile per valutare i risultati in riferimento alle previsioni Analizzare l intervallo tra le previsioni e i risultati

17 Per simulare in anticipo eventuali azioni correttive A LIVELLO ESTERNO Strumento di comunicazione con gli stakeholder Venture Capital Privati Banche e finanziarie Operatori internazionali Fondi Operatori pubblici Gruppi industriali GLI STRUMENTI DELLA PROGETTAZIONE Programmazione per attività e per obiettivi PROGRAMMAZIONE PER ATTIVITA Giovani stabilmente inseriti nel mondo del lavoro PROGRAMMAZIONE PER OBIETTIVI Giovani stabilmente inseriti nel mondo del lavoro Preparazione adeguata al mondo del lavoro Nuove assunzioni facilitate Preparazione adeguata al mondo del lavoro Affitti ridotti Corsi di formazione Incentivi alle imprese Corsi di formazione Modifica legislazione Fasi e sottofasi della metodologia di progettazione

18 Fase di analisi Definizione dell entità Analisi degli attori-chiave Analisi delle esigenze Analisi degli obiettivi Individuazione ambiti di riferimento (clustering) Fase di definizione dell intervento Scelta degli ambiti di intervento Definizione logica di intervento Analisi del rischio Definizione indicatori oggettivamente quantificabili Programmazione temporale delle attività La matrice di progettazione del Logical Framework LOGICA DI INTERVENTO DEFINIZIONE (Che cos è?) SIGNIFICATO (A che domanda risponde?) Obiettivi generali I benefici sociali ed economici di medio e Perché il progetto è lungo termine al raggiungimento dei importante per la quali il progetto contribuirà società? Scopo del progetto Il beneficio tangibile per i beneficiari (il miglioramento di una condizione di vita Perché i beneficiari ne (Obiettivo specifico) dei beneficiari o di un aspetto importante hanno bisogno? di una organizzazione) Risultati I servizi che i beneficiari riceveranno dal progetto Cosa i beneficiari saranno in grado di fare, di sapere o di saper fare grazie alle attività del Progetto? Attività Ciò che sarà fatto durante il progetto per garantire la fornitura dei servizi Cosa sarà fatto per fornire i servizi?

19 SCHEMA DI UN PROGETTO ESECUTIVO Descrizione sintetica del progetto e obiettivi perseguiti Analisi del sistema di riferimento A) Aspetti tecnico/produttivi B) Aspetti di commercializzazione e comunicazione C) Aspetti di struttura organizzativa Quantificazione dei costi Definizione valore generato Stima dei ritorni previsti Previsioni economico/finanziarie e calcolo del B.E.P. Profilo finanziario degli investimenti Scelta delle modalità di copertura Elementi del progetto esecutivo Sintesi Prodotto o servizio Gruppo di gestione Contesto e competenze Promozione e comunicazione Modello di business e organizzazione Piano di implementazione Rischi e opportunità Pianificazione finanziaria e finanziamenti 1. SINTESI Deve contenere i principali messaggi del progetto esecutivo Deve mettere in risalto: Il suo obiettivo è catturare l attenzione dei responsabili

20 il prodotto o servizio il valore per i destinatari gli elementi centrali del contesto la capacità del gruppo di gestione i requisiti finanziari il ritorno sull investimento 2. PRODOTTO O SERVIZIO Descrizione precisa del prodotto o servizio Comparazione con prodotti esistenti Il suo obiettivo è evidenziare il valore per i destinatari Stato attuale di sviluppo del prodotto 3. GRUPPO DI GESTIONE Chi sono i membri del gruppo? Che tipo di formazione ed esperienza professionale possiedono relativamente alle tematiche del progetto? Che capacità possiede la squadra come gruppo? Il suo obiettivo è mostrare che il gruppo di gestione accresce la probabilità di successo del progetto Com è la motivazione del gruppo? Caratteristiche di un gruppo funzionale Visione comune Capacità complementari Dimensione adeguata Realizzazione di progetti precedenti 4. CONTESTO E COMPETENZE Dimensione del contesto di riferimento e tendenze di crescita Partire da basi solide Descrivere la logica della stima Verificare la coerenza dei risultati Il suo obiettivo è mostrare le tendenze del sistema e la capacità di inserimento Segmentazione del sistema di riferimento

21 Spiegare perchè si scelgono determinati segmenti Stimare la presenza potenziale in tale segmento Competenze Identificare attori attuali e potenziali Evidenziare i vantaggi per i destinatari target 5. PROMOZIONE E COMUNICAZIONE Definizione più precisa del prodotto Unico o segmentato Valore economico Importanza del valore generato per i clienti Il suo obiettivo è evidenziare le modalità di ingresso nel sistema Deve essere coerente con la strategia Canali di promozione Alleanze strategiche

22 6. MODELLO DI BUSINESS E ORGANIZZAZIONE Spiegazione chiara del processo, incluse le relazioni tra le singole attività Identificazione delle entrate e delle uscite Precisare la necessità di alleanze o collaborazioni Il suo obiettivo è mostrare come funzionerà il progetto L organizzazione deve rispondere al sistema di progetto Un progetto tradizionalmente contiene il dettaglio di ciascuna delle seguenti tappe: Ricerca e sviluppo Produzione Promozione Vendite Servizio 7. PIANO DI IMPLEMENTAZIONE Schema di implementazione Diagrammi di Gantt Obiettivi principali Il suo obiettivo è mostrare che esiste un percorso chiaro e che il progetto è sotto controllo Interdipendenza tra gli obiettivi Pianificazione delle risorse umane necessarie Pianificazione degli investimenti

23 8. RISCHI E OPPORTUNITÀ Domande principali: Quali sono i rischi di base (sistema, competenze, tecnologia) che fronteggia il progetto? Che misure si prenderanno per ridurre i rischi? Inoltre, si potranno menzionare le opportunità straordinarie che potranno presentarsi Il suo obiettivo è evidenziare che esiste coscienza delle difficoltà potenziali del progetto e che si è preparati a reagire 9. PIANIFICAZIONE FINANZIARIA Mínimo richiesto Principali presupposti Conto economico, Flusso di cassa e Bilancio Il suo obiettivo è mostrare agli investitori le potenzialità di investire nel progetto Stima da 3 a 5 anni Almeno un anno dopo il punto di pareggio Dettaglio mensile del primo anno Redditività associata Punti critici: Coerenza con tutti gli elementi del progetto esecutivo Credibilità dei presupposti

24 ELEMENTI CRITICI DEI PROCESSI DI INNOVAZIONE Cultura di impresa favorevole allo sviluppo Struttura organizzativa che favorisce progettualità trasversali Chiare strategie relative al mercato, alla dimensione tecnologica, e alla cooperazione Orientamento di mercato ben definito e focus sulla progettazione Costruzione di gruppi di lavoro inter-settoriali Enfasi sulle attività preliminari allo sviluppo e alle fasi di definizione del prodotto Processi di innovazione strutturati, con trasparenti procedure di scelta Efficienza nel Project Management Utilizzo di strumenti e metodi di sviluppo integrati Enfasi sulla creatività Sviluppo simultaneo della produzione, dell organizzazione e del marketing Gestione dei costi e della qualità orientati al mercato Prototipazione e testing orientati all utente

Il Piano Industriale

Il Piano Industriale LE CARATTERISTICHE DEL PIANO INDUSTRIALE 1.1. Definizione e obiettivi del piano industriale 1.2. Requisiti del piano industriale 1.3. I contenuti del piano industriale 1.3.1. La strategia realizzata e

Dettagli

Organizzazione e pianificazione delle attività di marketing

Organizzazione e pianificazione delle attività di marketing Organizzazione e pianificazione delle attività di marketing Il continuum delle strutture tra efficienza ed efficacia Struttura funzionale Struttura divisionale Struttura a matrice Struttura orizzontale

Dettagli

Il catalogo MARKET. Mk6 Il sell out e il trade marketing: tecniche, logiche e strumenti

Il catalogo MARKET. Mk6 Il sell out e il trade marketing: tecniche, logiche e strumenti Si rivolge a: Forza vendita diretta Agenti Responsabili vendite Il catalogo MARKET Responsabili commerciali Imprenditori con responsabilità diretta sulle vendite 34 di imprese private e organizzazioni

Dettagli

MARKETING DEI PRODOTTI VITIVINICOLI

MARKETING DEI PRODOTTI VITIVINICOLI Anno Accademico 2008/09 MARKETING DEI PRODOTTI VITIVINICOLI Appunti dalle lezioni del Prof. Diego Begalli 5. STRATEGIA, PIANIFICAZIONE E CONTROLLO Pianificazione d azienda Pianificazione strategica Pianificazione

Dettagli

CRM E GESTIONE DEL CLIENTE

CRM E GESTIONE DEL CLIENTE CRM E GESTIONE DEL CLIENTE La concorrenza è così forte che la sola fonte di vantaggio competitivo risiede nella creazione di un valore superiore per i clienti, attraverso un investimento elevato di risorse

Dettagli

CORSO DI MARKETING STRATEGICO. Alessandro De Nisco

CORSO DI MARKETING STRATEGICO. Alessandro De Nisco CORSO DI MARKETING STRATEGICO Alessandro De Nisco Il Corso GLI OBIETTIVI Fornire conoscenze e competenze su: i concetti fondamentali del marketing strategico e il suo ruolo nella gestione aziendale; il

Dettagli

Il piano di marketing capitolo 13

Il piano di marketing capitolo 13 Il piano di marketing capitolo 13 Il piano di marketing Il piano di marketing è un documento che formalizza la strategia da seguire, ne spiega i presupposti, la traduce in programmi operativi*. Risponde

Dettagli

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi 1 2 3 Definizione di marketing: il marketing è l arte e la scienza di conquistare, fidelizzare e far crescere clienti che diano profitto. Il processo di marketing può essere sintetizzato in cinque fasi:

Dettagli

Le idee per il tuo futuro: un business possibile!

Le idee per il tuo futuro: un business possibile! Le idee per il tuo futuro: un business possibile! Antonio Usai ausai@uniss.it Marketing strategico e sviluppo nuovi prodotti Dipartimenti di scienze economiche e aziendali Università degli Studi di Sassari

Dettagli

Capitolo XVII. La gestione del processo innovativo

Capitolo XVII. La gestione del processo innovativo Capitolo XVII La gestione del processo innovativo Il ruolo dell innovazione nell economia dell immateriale L innovazione ha assunto un ruolo particolarmente significativo come variabile esplicativa della

Dettagli

OPEN INNOVATION E FINANZIAMENTI PER LE PMI

OPEN INNOVATION E FINANZIAMENTI PER LE PMI OPEN INNOVATION E FINANZIAMENTI PER LE PMI Cosa si intende per Open Innovation Angela Rotellini, LIUC Università Cattaneo Lomazzo, 22 Aprile 2015 Agenda Definizione di Open Innovation I vantaggi dell Open

Dettagli

TECNICO SUPERIORE DEI TRASPORTI E DELL INTERMODALITÀ

TECNICO SUPERIORE DEI TRASPORTI E DELL INTERMODALITÀ ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE TRASPORTI TECNICO SUPERIORE DEI TRASPORTI E DELL INTERMODALITÀ STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE DEI TRASPORTI E

Dettagli

Fondamenti di strategia competitiva ed analisi dei settori industriali

Fondamenti di strategia competitiva ed analisi dei settori industriali Fondamenti di strategia competitiva ed analisi dei settori industriali 1) Illustrare le variabili che descrivono i caratteri dell ambiente in cui operano le imprese industriali 2) Con riferimento alla

Dettagli

Capitolo 1. Il marketing: costruire una relazione profittevole con il cliente. Capitolo 1- slide 1

Capitolo 1. Il marketing: costruire una relazione profittevole con il cliente. Capitolo 1- slide 1 Capitolo 1 Il marketing: costruire una relazione profittevole con il cliente Capitolo 1- slide 1 Obiettivi di apprendimento Che cos è il marketing? Comprendere il mercato e i bisogni del consumatore Obiettivi

Dettagli

ALLINEARE LA GESTIONE OPERATIVA ALLA STRATEGIA AZIENDALE

ALLINEARE LA GESTIONE OPERATIVA ALLA STRATEGIA AZIENDALE http://www.sinedi.com ARTICOLO 9 FEBBRAIO 2007 ALLINEARE LA GESTIONE OPERATIVA ALLA STRATEGIA AZIENDALE La formulazione della strategia aziendale rappresenta un momento estremamente importante per tutte

Dettagli

Organisational Approach of Self-controlled Instrument for qualification demand in SME QUESTIONARIO

Organisational Approach of Self-controlled Instrument for qualification demand in SME QUESTIONARIO 1 Organisational Approach of Self-controlled Instrument for qualification demand in SME QUESTIONARIO O A S I 2005 2 SESSIONI DEL QUESTIONARIO 1. Il processo di analisi 2. Informazioni sull'impresa ID 3.

Dettagli

LESS IS MORE MODELLO PER LA COMPILAZIONE DEL BUSINESS PLAN PROGETTO D IMPRESA LESS IS MORE

LESS IS MORE MODELLO PER LA COMPILAZIONE DEL BUSINESS PLAN PROGETTO D IMPRESA LESS IS MORE LESS IS MORE MODELLO PER LA COMPILAZIONE DEL BUSINESS PLAN PROGETTO D IMPRESA LESS IS MORE INDICE DEL BUSINESS PLAN 1. SINTESI DEL PROGETTO IMPRENDITORIALE 2. LA COMPAGINE IMPRENDITORIALE 3. LA BUSINESS

Dettagli

Appendice 2 Piano di business preliminare

Appendice 2 Piano di business preliminare Appendice 2 Piano di business preliminare Sistema di valutazione di business idea e/o start-up innovative Piano di business preliminare DOCUMENTO DA RIEMPIRE A CURA DEL PROPONENTE Indice 1 Analisi tecnica

Dettagli

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE LINEE GUIDA PER UNA EFFICACE PRESENTAZIONE DI UN BUSINESS PLAN INTRODUZIONE ALLA GUIDA Questa breve guida vuole indicare in maniera chiara ed efficiente gli elementi salienti

Dettagli

MODULO DI MARKETING. Università di Ferrara

MODULO DI MARKETING. Università di Ferrara MODULO DI MARKETING Università di Ferrara 1 Lezione 2 DALLA STRATEGIA AL BUSINESS PLAN Università di Ferrara 2 Sommario Comprendere il ruolo e la funzione del BP Analizzare la struttura-tipo di un BP Analizzare

Dettagli

concretizza le potenzialità dei tuoi progetti

concretizza le potenzialità dei tuoi progetti concretizza le potenzialità dei tuoi progetti BusinessPlanCenter è un centro di servizi specializzato, che assiste e supporta professionalmente manager, imprenditori e aspiranti imprenditori nella pianificazione/valutazione

Dettagli

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing LEZIONE N. 3 di Marketing Alessandro De Nisco Università del Sannio Corso di Marketing OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO DELLA LEZIONE COMPRENDERE IL PROCESSO DI PIANIFICAZIONE, IMPLEMENTAZIONE E CONTROLLO DI

Dettagli

MONITORING PMI capacità di innovazione e dinamiche di sviluppo, bisogni e aspettative delle PMI del Distretto

MONITORING PMI capacità di innovazione e dinamiche di sviluppo, bisogni e aspettative delle PMI del Distretto MONITORING PMI capacità di innovazione e dinamiche di sviluppo, bisogni e aspettative delle PMI del Distretto Marco Cantamessa Emilio Paolucci Politecnico di Torino e Istituto Superiore Mario Boella Torino,

Dettagli

Percorsi per l Innovazione L Innovazione come vantaggio competitivo: metodi, strumenti e tecniche per promuovere l Innovazione in Azienda

Percorsi per l Innovazione L Innovazione come vantaggio competitivo: metodi, strumenti e tecniche per promuovere l Innovazione in Azienda Percorsi per l Innovazione L Innovazione come vantaggio competitivo: metodi, strumenti e tecniche per promuovere l Innovazione in Azienda Perchè innovare Innovare significa acquisire la capacità di adattarsi

Dettagli

Dott. Giorgia Rosso Casanova g.rossoc@ec.unipi.it. Il Business Plan

Dott. Giorgia Rosso Casanova g.rossoc@ec.unipi.it. Il Business Plan Dott. Giorgia Rosso Casanova g.rossoc@ec.unipi.it Il Business Plan Che cos è il business plan Documento di pianificazione e comunicazione che analizza e descrive l idea imprenditoriale e ne consente una

Dettagli

MODELLO DI BUSINESS PLAN

MODELLO DI BUSINESS PLAN MODELLO DI BUSINESS PLAN Predisporre una copertina con i riferimenti dei proponenti ed il nome del progetto. Note per la compilazione: Utilizzare un linguaggio semplice e comprensibile, possibilmente non

Dettagli

TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA

TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE TRASPORTI TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA

Dettagli

Lezione 1 Impresa e scelte strategiche

Lezione 1 Impresa e scelte strategiche Lezione 1 Impresa e scelte strategiche Economia e Organizzazione Aziendale Modulo 3 - La strategia aziendale Unità didattica 1 - Strategia: contenuti, oggetti, finalità Antonio Dallara Caratteristiche

Dettagli

Lo Studio di Fattibilità

Lo Studio di Fattibilità Lo Studio di Fattibilità Massimo Mecella Dipartimento di Informatica e Sistemistica Università di Roma La Sapienza Definizione Insieme di informazioni considerate necessarie alla decisione sull investimento

Dettagli

Comunicazione d impresa

Comunicazione d impresa Comunicazione d impresa Lorenza Rossini Anno 2005-2006 Programma I concetti fondamentali Le aree della comunicazione d impresa Gli strumenti e i mezzi della comunicazione Il piano di comunicazione Alcuni

Dettagli

ORGANIZZAZIONE E GESTIONE DELL INNOVAZIONE

ORGANIZZAZIONE E GESTIONE DELL INNOVAZIONE COME GESTIRE I PROGETTI IN MODO PIÙ SEMPLICE, VELOCE E COLLABORATIVO? COME RENDERE LA PROGETTAZIONE E LO SVILUPPO DEI PRODOTTI PIÙ VELOCE ED EFFICIENTE? COME RIDURRE LA COMPLESSITÀ DEI PRODOTTI GARANTENDO

Dettagli

Fac-simile di SCHEDA TECNICA DI PROGRAMMA E PIANO FINANZIARIO

Fac-simile di SCHEDA TECNICA DI PROGRAMMA E PIANO FINANZIARIO ALLEGATO B Fac-simile di SCHEDA TECNICA DI PROGRAMMA E PIANO FINANZIARIO 1- Dati identificativi del Programma di investimento Titolo del Programma Acronimo Denominazione Beneficiario (in caso di aggregazione

Dettagli

Capitolo 12. La strategia di espansione globale. Caso di apertura

Capitolo 12. La strategia di espansione globale. Caso di apertura EDITORE ULRICO HOEPLI MILANO Capitolo 12 La strategia di espansione globale Caso di apertura 12-3 La Wal-Mart si è rivolta verso altri paesi per tre ragioni - Le opportunità di crescita interna stavano

Dettagli

Obiettivi conoscitivi

Obiettivi conoscitivi Corso di International Accounting Università degli Studi di Parma - Facoltà di Economia (Modulo 1 e Modulo 2) LAMIB Strumenti avanzati di management accounting. Profili internazionali. Anno Accademico

Dettagli

Le prestazioni della Supply Chain

Le prestazioni della Supply Chain Le prestazioni della Supply Chain L ottenimento dell adattamento strategico e la sua portata Le prestazioni della Supply Chain 1 Linea guida Le strategie Competitiva e della supply chain L ottenimento

Dettagli

Le Dimensioni della LEADERSHIP

Le Dimensioni della LEADERSHIP Le Dimensioni della LEADERSHIP Profilo leadership, dicembre 2007 Pag. 1 di 5 1. STRATEGIA & DIREZIONE Creare una direzione strategica Definire una strategia chiara e strutturata per la propria area di

Dettagli

COGENIAapprofondimenti. Il progetto di quotazione in borsa. Pagina 1 di 7

COGENIAapprofondimenti. Il progetto di quotazione in borsa. Pagina 1 di 7 Il progetto di quotazione in borsa Pagina 1 di 7 PREMESSA Il documento che segue è stato realizzato avendo quali destinatari privilegiati la Direzione Generale o il responsabile Amministrazione e Finanza.

Dettagli

Schema per la redazione di un business plan high tech

Schema per la redazione di un business plan high tech Schema per la redazione di un business plan high tech 1. Sintesi dell idea 2. Assessment dei fattori di rischio dell iniziativa 3. Strategia competitiva 3.1 Fonti del vantaggio competitivo 3.2 Posizionamento

Dettagli

PARTE SECONDA La pianificazione strategica

PARTE SECONDA La pianificazione strategica PARTE SECONDA La pianificazione strategica 1. La pianificazione strategica dell impresa marketing oriented Di cosa parleremo Tutte le principali economie sono attualmente caratterizzate da continui e repentini

Dettagli

CATALOGO DEI SERVIZI PER L INNOVAZIONE TECNOLOGICA, STRATEGICA, ORGANIZZATIVA E COMMERCIALE DELLE IMPRESE

CATALOGO DEI SERVIZI PER L INNOVAZIONE TECNOLOGICA, STRATEGICA, ORGANIZZATIVA E COMMERCIALE DELLE IMPRESE All.to 3- CATALOGO SERVIZI PER L INNOVAZIONE POR FESR 2014-2020 INVESTIMENTI A FAVORE DELLA CRESCITA E DELL OCCUPAZIONE ASSE 1 Rafforzare la Ricerca, lo sviluppo tecnologico e l innovazione Azione 1.1

Dettagli

Marketing relazionale. Eleonora Ploncher 27 febbraio 2006

Marketing relazionale. Eleonora Ploncher 27 febbraio 2006 Marketing relazionale Eleonora Ploncher 27 febbraio 2006 1. Gli obiettivi Gli obiettivi della presentazione sono volti a definire: 1. I presupposti del marketing relazionale 2. Le caratteristiche principali

Dettagli

L ANALISI QUALITATIVA

L ANALISI QUALITATIVA L ANALISI QUALITATIVA SUPPORTARE LE AZIENDE NELLA COSTRUZIONE DEL LORO PASSAPORTO INFORMATIVO Venerdì 23 marzo 2012 INDICE Posizionamento competitivo e definizione della strategia Le aree strategiche di

Dettagli

DIREZIONE LAVORO SVILUPPO FONDI EUROPEI SMART CITY. PROGETTO FACILITO GIOVANI E INNOVAZIONE SOCIALE ( la struttura progettuale)

DIREZIONE LAVORO SVILUPPO FONDI EUROPEI SMART CITY. PROGETTO FACILITO GIOVANI E INNOVAZIONE SOCIALE ( la struttura progettuale) 5 DIREZIONE LAVORO SVILUPPO FONDI EUROPEI SMART CITY PROGETTO FACILITO GIOVANI E INNOVAZIONE SOCIALE ( la struttura progettuale) 1. FINALITA Torino Social Innovation (di seguito TSI) è un programma che

Dettagli

PIANIFICAZIONE ED ORGANIZZAZIONE PIANIFICAZIONE ED ORGANIZZAZIONE

PIANIFICAZIONE ED ORGANIZZAZIONE PIANIFICAZIONE ED ORGANIZZAZIONE PIANIFICAZIONE ED ORGANIZZAZIONE un team di professionisti al servizio della tua banca La definizione degli obiettivi strategici e di sviluppo è da sempre un esigenza connaturata nella realtà di Cassa

Dettagli

La valutazione dell efficienza aziendale ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE

La valutazione dell efficienza aziendale ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE La valutazione dell efficienza aziendale EFFICIENZA E LA CAPACITA DI RENDIMENTO O L ATTITUDINE A SVOLGERE UNA DETERMINATA FUNZIONE. E MISURATA DAL RAPPORTO TRA I RISULTATI CONSEGUITI E LE RISORSE IMPIEGATE

Dettagli

INTERVENTI MODULARI DI FORMAZIONE LA QUALITÁ NELLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE

INTERVENTI MODULARI DI FORMAZIONE LA QUALITÁ NELLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE INTERVENTI MODULARI DI FORMAZIONE LA QUALITÁ NELLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE INDICE Premessa 3 Obiettivi e strumenti metodologici dell intervento di formazione 4 Moduli e contenuti dell intervento di

Dettagli

Unità Formativa 2.2: Definizione degli obiettivi dell intervento.

Unità Formativa 2.2: Definizione degli obiettivi dell intervento. Unità Formativa 2.2: Definizione degli obiettivi dell intervento. Una volta realizzata l analisi del contesto di riferimento e dei fabbisogni formativi che esso esprime (vedi UF 2.1), il progettista dispone

Dettagli

Innovazione e cambiamento

Innovazione e cambiamento ORGANIZZAZIONE AZIENDALE 1 Innovazione e cambiamento 2 Contenuti del capitolo Innovare o perire: il ruolo strategico del cambiamento Cambiamento tecnologico Nuovi prodotti e servizi Cambiamenti strategici

Dettagli

Diventa fondamentale che si verifichi una vera e propria rivoluzione copernicana, al fine di porre al centro il cliente e la sua piena soddisfazione.

Diventa fondamentale che si verifichi una vera e propria rivoluzione copernicana, al fine di porre al centro il cliente e la sua piena soddisfazione. ISO 9001 Con la sigla ISO 9001 si intende lo standard di riferimento internazionalmente riconosciuto per la Gestione della Qualità, che rappresenta quindi un precetto universale applicabile all interno

Dettagli

Tecniche di Marketing. Parola chiave: Formula imprenditoriale. Formula imprenditoriale coerente

Tecniche di Marketing. Parola chiave: Formula imprenditoriale. Formula imprenditoriale coerente Tecniche di Marketing Progetto F.I.S.I.Agri 7 e 13 dicembre 2007 Luisa Baldeschi Parola chiave: Formula imprenditoriale La formula imprenditoriale è il cuore della pianificazione strategica La coerenza

Dettagli

Analisi dei Concorrenti

Analisi dei Concorrenti Analisi dei Concorrenti Prof. V.Maggioni Facoltà di Economia S.U.N. L analisi della concorrenza consiste nell'osservazione delle scelte e delle strategie delle imprese (competitor) in un determinato segmento

Dettagli

OLTRE LA BIRRA C E DI PIU : DAL MARKETING AL PACKAGING DI UN BIRRIFICIO ARTIGIANALE

OLTRE LA BIRRA C E DI PIU : DAL MARKETING AL PACKAGING DI UN BIRRIFICIO ARTIGIANALE OLTRE LA BIRRA C E DI PIU : DAL MARKETING AL PACKAGING DI UN BIRRIFICIO ARTIGIANALE Fermo, 31 Gennaio 2015 CHE COS E IL MARKETING? Il marketing può intendersi come il complesso di attività che un azienda

Dettagli

Strumenti del PM. Strumenti del Project Management. La pianificazione del progetto. Strumenti del Project Management. Introduzione

Strumenti del PM. Strumenti del Project Management. La pianificazione del progetto. Strumenti del Project Management. Introduzione Strumenti del PM Strumenti del Project Management Introduzione 1 La pianificazione del progetto Strumenti del Project Management Ambito del progetto (scope) 4 Cosa intendiamo per ambito Criteri per l identificazione

Dettagli

THE ART OF BUSINESS PLANNING

THE ART OF BUSINESS PLANNING THE ART OF BUSINESS PLANNING La presentazione dei dati: realizzazione e presentazione di un Business Plan Francesca Perrone - Head of Territorial & Sectorial Development Plans Giusy Stanziola - Territorial

Dettagli

Assessorato allo Sviluppo Economico Direzione Cultura Turismo e Sport Servizio Promozione Economica e Turistica

Assessorato allo Sviluppo Economico Direzione Cultura Turismo e Sport Servizio Promozione Economica e Turistica Assessorato allo Sviluppo Economico Direzione Cultura Turismo e Sport Servizio Promozione Economica e Turistica ALLEGATO D.1 BANDO PUBBLICO APERTO RIVOLTO AD IMPRESE OPERANTI NEI SETTORI DELLE TECNOLOGIE

Dettagli

Marketing: una definizione 28/10/2013 CREAZIONE DI VALORE, ATTIVITÀ DI MARKETING E STRATEGIE D IMPRESA, PIANIFICAZIONE (CAP.

Marketing: una definizione 28/10/2013 CREAZIONE DI VALORE, ATTIVITÀ DI MARKETING E STRATEGIE D IMPRESA, PIANIFICAZIONE (CAP. COMUNICAZIONE D IMPRESA Anno Accademico 2013/2014 CREAZIONE DI VALORE, ATTIVITÀ DI MARKETING E STRATEGIE D IMPRESA, PIANIFICAZIONE (CAP. 1, 2, 3) Unit 5 Slide 5.2.1 Lezioni del 29/30/31 ottobre 2013 IL

Dettagli

DISPORRE DEL CAPITALE UMANO ADEGUATO PER COGLIERE GLI OBIETTIVI DELL AZIENDA

DISPORRE DEL CAPITALE UMANO ADEGUATO PER COGLIERE GLI OBIETTIVI DELL AZIENDA DISPORRE DEL CAPITALE UMANO ADEGUATO PER COGLIERE GLI OBIETTIVI DELL AZIENDA LA FORMAZIONE MANAGERIALE 1. [ GLI OBIETTIVI ] PERCHÉ PROGETTARE E REALIZZARE PERCORSI DI CRESCITA MANAGERIALE E PROFESSIONALE?

Dettagli

ECONOMIA DEI GRUPPI DELLE IMPRESE TURISTICHE

ECONOMIA DEI GRUPPI DELLE IMPRESE TURISTICHE ECONOMIA DEI GRUPPI DELLE IMPRESE TURISTICHE Dott.ssa Francesca Picciaia Università di Perugia Facoltà di Economia LE FORME AGGREGATIVE NELLE IMPRESE TURISTICHE 2 IL CONTESTO DI RIFERIMENTO Globalizzazione

Dettagli

INCREMENTARE LE QUOTE DI MERCATO E LA REDDITIVITÀ

INCREMENTARE LE QUOTE DI MERCATO E LA REDDITIVITÀ INCREMENTARE LE QUOTE DI MERCATO E LA REDDITIVITÀ L ANALISI DELLA CONCORRENZA E IL CUSTOMER VALUE MANAGEMENT 1. [ GLI OBIETTIVI ] PERCHÉ ADOTTARE UN PROCESSO DI CUSTOMER VALUE MANAGEMENT? La prestazione

Dettagli

Norme per l organizzazione - ISO serie 9000

Norme per l organizzazione - ISO serie 9000 Norme per l organizzazione - ISO serie 9000 Le norme cosiddette organizzative definiscono le caratteristiche ed i requisiti che sono stati definiti come necessari e qualificanti per le organizzazioni al

Dettagli

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab.

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab. Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Gli elementi che caratterizzano il Sistema Qualità e promuovono ed influenzano le politiche di gestione delle risorse

Dettagli

Il Piano di Marketing

Il Piano di Marketing Marketing Alessandro De Nisco Università del Sannio Corso Strategico OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO DELLA LEZIONE ANALIZZARE IL CONTENUTO E LE FASI PER LA REDAZIONE DI UN PIANO DI MARKETING ACQUISIRE LE INFORMAZIONI

Dettagli

Team Building e Volontariato d impresa

Team Building e Volontariato d impresa Team Building e Volontariato d impresa LE MALATTIE RARE OGNI MINUT0 NEL MONDO NASCONO 10 BAMBINI COME TOMMASO, AFFETTI DA UNA MALATTIA GENETICA RARA. La Formazione di Valore produce VALORE Rebis e Zeta

Dettagli

Dalla Business Idea al Business Plan - 1 -

Dalla Business Idea al Business Plan - 1 - Dalla Business Idea al Business Plan - 1 - Elementi base per il Business Plan - 2 - Imprenditore = Persona Da che cosa partire? dalle persone Un buon gruppo di neoimprenditori migliorerà l idea a fronte

Dettagli

BUSINESS PLAN BUSINESS PLAN DI PER APERTURA PIZZERIA

BUSINESS PLAN BUSINESS PLAN DI PER APERTURA PIZZERIA BUSINESS PLAN DI PER APERTURA PIZZERIA 1 SINTESI DEL PROGETTO IMPRENDITORIALE: Tale sintesi dovrebbe dare al lettore una chiara idea del progetto imprenditoriale e dell opportunità di business che questo

Dettagli

L AUDIT INTERNO: L ANALISI DI COMPETITIVITÀ

L AUDIT INTERNO: L ANALISI DI COMPETITIVITÀ L AUDIT INTERNO: L ANALISI DI COMPETITIVITÀ Il caso in esame di un impresa che opera nella maglieria maschile, mette in evidenza una debolezza della prestazione in due fattori competitivi chiave (qualità

Dettagli

Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO

Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO di Massimo Lazzari e Davide Mondaini (*) L evoluzione rapida e irreversibile dei contesti di riferimento in cui le aziende si

Dettagli

ANTONELLA LAVAGNINO COMUNICAZIONE & MARKETING

ANTONELLA LAVAGNINO COMUNICAZIONE & MARKETING ANTONELLA LAVAGNINO COMUNICAZIONE & MARKETING CREARE OPPORTUNITÀ PER COMPETERE Oggi le imprese di qualsiasi settore e dimensione devono saper affrontare, singolarmente o in rete, sfide impegnative sia

Dettagli

Marketing Management

Marketing Management Marketing Management Modulo 1 Il marketing: costruire una relazione profittevole con il cliente Modulo 1 - slide 1 Obiettivi di apprendimento Obiettivi di apprendimento Che cos è il marketing? Comprendere

Dettagli

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione.

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. La Compagnia Della Rinascita PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si

Dettagli

METODOLOGIA DIDATTICA PRESENTAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO OBIETTIVI FORMATIVI PERCORSO FORMATIVO DESTINATARI

METODOLOGIA DIDATTICA PRESENTAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO OBIETTIVI FORMATIVI PERCORSO FORMATIVO DESTINATARI OPEN YOUR MIND 2.0 Programma di formazione per lo sviluppo delle capacità manageriali e della competitività aziendale delle Piccole e Medie Imprese della Regione Autonoma della Sardegna PRESENTAZIONE DEL

Dettagli

Koinè Consulting. Profilo aziendale

Koinè Consulting. Profilo aziendale Koinè Consulting Profilo aziendale Koinè Consulting è una società cooperativa a responsabilità limitata che svolge attività di consulenza e servizi alle imprese, avvalendosi di competenze interne in materia

Dettagli

PROGETTO D IMPRESA. Guida alla Compilazione del Business Plan 1

PROGETTO D IMPRESA. Guida alla Compilazione del Business Plan 1 PROGETTO D IMPRESA Guida alla Compilazione del Business Plan 1 1 Il seguente format si ispira al modello di Business Plan proposto dal progetto Mambo del Comune di Bologna. INDICE DEL BUSINESS PLAN 1.

Dettagli

SERGIO ALABISO TEMPORARY MANAGER

SERGIO ALABISO TEMPORARY MANAGER TEMPORARY MANAGER Il Business Plan Temporary Manager La difficoltà non sta nel credere nelle nuove idee, ma nel fuggire dalle vecchie. John Maynard Keynes Che cosa e e a cosa serve E un documento volto

Dettagli

CSR nelle istituzioni finanziarie:

CSR nelle istituzioni finanziarie: ATTIVITA DI RICERCA 2014 CSR nelle istituzioni finanziarie: strategia, sostenibilità e politiche aziendali PROPOSTA DI ADESIONE in collaborazione con 1 TEMI E MOTIVAZIONI La Responsabilità Sociale di Impresa

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Facoltà di Lettere

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Facoltà di Lettere Università degli Studi di Roma Tor Vergata Facoltà di Lettere CORSO DI ECONOMIA AZIENDALE Lezione 4: Le funzioni aziendali Le funzioni aziendali OBIETTIVI DELLA LEZIONE Definire il concetto di funzione

Dettagli

Scheda. Il CRM per la Gestione del Marketing. Accesso in tempo reale alle Informazioni di rilievo

Scheda. Il CRM per la Gestione del Marketing. Accesso in tempo reale alle Informazioni di rilievo Scheda Il CRM per la Gestione del Marketing Nelle aziende l attività di Marketing è considerata sempre più importante poiché il mercato diventa sempre più competitivo e le aziende necessitano di ottimizzare

Dettagli

Piano di Marketing Come realizzare il piano di marketing, finalmente in pratica.

Piano di Marketing Come realizzare il piano di marketing, finalmente in pratica. Piano di Marketing Come realizzare il piano di marketing, finalmente in pratica. Intro Introduzione: La pianificazione di marketing L obiettivo principale del piano di marketing strategico è quello di

Dettagli

LEZIONE N. 1. Il Marketing Concetti Introduttivi. Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing

LEZIONE N. 1. Il Marketing Concetti Introduttivi. Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing LEZIONE N. 1 Il Marketing Concetti Introduttivi Alessandro De Nisco Università del Sannio Corso di Marketing Il Corso OBIETTIVI DEL CORSO Fornire agli studenti conoscenze e competenze su: i concetti fondamentali

Dettagli

Prefazione Prefazione all edizione italiana Introduzione. PARTE 1 Opportunità imprenditoriali, definizione del business, strategia competitiva 1

Prefazione Prefazione all edizione italiana Introduzione. PARTE 1 Opportunità imprenditoriali, definizione del business, strategia competitiva 1 INDICE Prefazione Prefazione all edizione italiana Introduzione Autori IX XVII XIX XXV PARTE 1 Opportunità imprenditoriali, definizione del business, strategia competitiva 1 Capitolo 1 Sviluppo economico

Dettagli

Una sintesi finale! Piano di marketing del prodotto x per. anni n ANALISI (vari strumenti e modelli)

Una sintesi finale! Piano di marketing del prodotto x per. anni n ANALISI (vari strumenti e modelli) IL BUSINESS PLAN Piano di marketing del prodotto x per Una sintesi finale! STRATEGIA AZIENDALE - MKG ANALITICO anni n ANALISI (vari strumenti e modelli) Esterna: clienti, bisogni e desideri ambiente competitivo

Dettagli

LA GESTIONE STRATEGICA

LA GESTIONE STRATEGICA LA GESTIONE STRATEGICA DALLA TEORIA ALLA REALTA A cura di: Massimo Giammattei ARGOMENTI Un caso specifico. HONDA L evoluzione della teoria; Alcuni diversi approcci alla gestione strategica; Le critiche

Dettagli

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione 6 Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta Quadri sulla gestione Impiegati con responsabilità direttive Dirigenti di imprese private e organizzazioni pubbliche, interessati

Dettagli

IL LABORATORIO SULLA RSI PER LA VAL D AGRI: IL CONTESTO, GLI OBIETTIVI, I TEMPI

IL LABORATORIO SULLA RSI PER LA VAL D AGRI: IL CONTESTO, GLI OBIETTIVI, I TEMPI LA RESPONSABILITÀ SOCIALE UN VOLANO PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE DEL TERRITORIO IL LABORATORIO SULLA RSI PER LA VAL D AGRI: IL CONTESTO, GLI OBIETTIVI, I TEMPI Lucia Briamonte M. Assunta D Oronzio Villa

Dettagli

RETI D IMPRESA. Un alternativa a società e consorzi per integrare e valorizzare in modo innovativo la propria individualità e le proprie competenze

RETI D IMPRESA. Un alternativa a società e consorzi per integrare e valorizzare in modo innovativo la propria individualità e le proprie competenze 110 BUSINESS & IMPRESE Maurizio Bottaro Maurizio Bottaro è family business consultant di Weissman Italia RETI D IMPRESA Un alternativa a società e consorzi per integrare e valorizzare in modo innovativo

Dettagli

L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A

L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A L azienda può essere considerata come: Un insieme organizzato di beni e persone che svolgono attività economiche stabili e coordinate allo scopo di

Dettagli

Anteprima Estratta dall' Appunto di Trade e marketing e business

Anteprima Estratta dall' Appunto di Trade e marketing e business Anteprima Estratta dall' Appunto di Trade e marketing e business Università : Università degli studi di Bologna Facoltà : Economia Indice di questo documento L' Appunto Le Domande d'esame e' un sito di

Dettagli

Progettazione sociale 2014 VADEMECUM

Progettazione sociale 2014 VADEMECUM Progettazione sociale 2014 VADEMECUM Premessa metodologica sulla Progettazione L idea di un progetto nasce spesse volte da una intuizione iniziale di qualcuno ma per concretizzarsi ha bisogno di un buon

Dettagli

Banca - Impresa verso un linguaggio comune Business planning in azienda. Fabio Tamburini

Banca - Impresa verso un linguaggio comune Business planning in azienda. Fabio Tamburini Banca - Impresa verso un linguaggio comune Business planning in azienda Fabio Tamburini Premessa Il business plan uno strumento a disposizione dell impresa per la pianificazione finanziaria a supporto

Dettagli

2 PRINCIPI E VALORI CAP. 2.0 PRINCIPI E VALORI 2.1 SCOPO 2.2 PRINCIPI. 2.2.1 Inclusività

2 PRINCIPI E VALORI CAP. 2.0 PRINCIPI E VALORI 2.1 SCOPO 2.2 PRINCIPI. 2.2.1 Inclusività Pag. 24 / 69 2 2.1 SCOPO Formalizzare e rendere noti a tutte le parti interessate, i valori ed i principi che ispirano il modello EcoFesta Puglia a partire dalla sua ideazione. 2.2 PRINCIPI Il sistema

Dettagli

BILANCIO SOCIALE: CONTENUTI E METODI DI RENDICONTAZIONE. Claudia Strasserra Bureau Veritas Italia SpA

BILANCIO SOCIALE: CONTENUTI E METODI DI RENDICONTAZIONE. Claudia Strasserra Bureau Veritas Italia SpA BILANCIO SOCIALE: CONTENUTI E METODI DI RENDICONTAZIONE Claudia Strasserra Bureau Veritas Italia SpA I 3 elementi chiave: il prodotto, il processo, la cultura RESPONSABILITA SOCIALE ACCOUNTABILITY RENDICONTAZIONE

Dettagli

Il Marketing Concetti Introduttivi

Il Marketing Concetti Introduttivi Il Marketing Concetti Introduttivi Alessandro De Nisco Università del Sannio Corso di Marketing Il Corso OBIETTIVI DEL CORSO Fornire agli studenti conoscenze e competenze su: i concetti fondamentali del

Dettagli

UMIQ. Il metodo UMIQ. Unindustria Bologna. Corso rivolto a consulenti e auditor per conoscere e saper applicare il Metodo UMIQ nelle aziende

UMIQ. Il metodo UMIQ. Unindustria Bologna. Corso rivolto a consulenti e auditor per conoscere e saper applicare il Metodo UMIQ nelle aziende QUALITA UNINDUSTRIA INNOVAZIONE METODO UMIQ Il metodo UMIQ Unindustria Bologna Corso rivolto a consulenti e auditor per conoscere e saper applicare il Metodo UMIQ nelle aziende Obiettivi del corso Fornire

Dettagli

1) IDEA PROGETTUALE (max. 4 pagine).

1) IDEA PROGETTUALE (max. 4 pagine). Proposta preliminare di sviluppo di un Progetto Integrato di Frontiera (PIF FORMULARIO Nome del PIF: Area Tematica ( a scelta fra quelle indicate nell appendice 1 dell Avviso Pubblico Abstract (1 pagina

Dettagli

Evidenziare le modalità con le quali l azienda agrituristica produce valore per i clienti attraverso la gestione dei propri processi.

Evidenziare le modalità con le quali l azienda agrituristica produce valore per i clienti attraverso la gestione dei propri processi. 5. Processi Evidenziare le modalità con le quali l azienda agrituristica produce valore per i clienti attraverso la gestione dei propri processi. Il criterio vuole approfondire come l azienda agrituristica

Dettagli

TECNICO SUPERIORE DELLE INFRASTRUTTURE LOGISTICHE

TECNICO SUPERIORE DELLE INFRASTRUTTURE LOGISTICHE ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE TRASPORTI TECNICO SUPERIORE DELLE INFRASTRUTTURE LOGISTICHE STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE DELLE INFRASTRUTTURE

Dettagli

Tecniche di Management per il Fundraising

Tecniche di Management per il Fundraising Tecniche di Management per il Fundraising GATEWAY TO LEARNING Il corso è inserito nel Catalogo Interregionale di Alta Formazione www.altaformazioneinrete.it Titolo del corso: Tecniche di Management per

Dettagli

Dall analisi di settore all analisi dei concorrenti

Dall analisi di settore all analisi dei concorrenti Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Economia Corso di Strategie d Impresa R.M. Grant L analisi strategica per le decisioni aziendali Dall analisi di settore all analisi dei concorrenti

Dettagli

Piano di business preliminare

Piano di business preliminare Piano di business preliminare Sistema di valutazione di business idea e/o start-up innovative Piano di business preliminare DOCUMENTO DA RIEMPIRE A CURA DEL PROPONENTE Indice 1 Analisi tecnica del Prodotto/Servizio

Dettagli

Corso di Marketing Industriale

Corso di Marketing Industriale U N I V E R S I T A' D E G L I S T U D I D I B E R G A M O Corso di Prof Ferruccio Piazzoni ferruccio.piazzoni@unibg.it La scelta della strategia di marketing I Mktg-L04 Principali scenari di sviluppo

Dettagli