Allegato C: SPECIE ARBOREE ED ARBUSTIVE UTILIZZABILI NEI COMUNI COSTIERI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Allegato C: SPECIE ARBOREE ED ARBUSTIVE UTILIZZABILI NEI COMUNI COSTIERI"

Transcript

1 Allegato C: SPECIE ARBOREE ED ARBUSTIVE UTILIZZABILI NEI COMUNI COSTIERI DELL EMILIA ROMAGNA LEGENDA: (*) specie con varietà fastigiate (1) a causa della patologia del colpo di fuoco, per l utilizzo di queste specie è obbligatorio richiedere il parere del Servizio Sanitario Nazionale (2)Viene considerata l autoctonia su base Regionale T Specie termofile sconsite a nord del Comune di Cervia A) ZONA LITORANEA DI PRIMA LINEA TAB. 1.1 Alberi consiti Ailanto Olmo siberiano Olivello di Boemia Pioppo bianco (*) Lagerstroemia Autoctona Esotica (2) Ailanthus altissima (maschio) Ulmus pumila Eleagnus angustifolia Populus alba (maschio) Lagerstroemia indica CLASSE DI GRANDEZ ZA DI IMPIANTO prima m Alberature, parchi e prima m Alberature, parchi e terza 5-6 m Alberature, e parchi prima m Alberature, parchi e Resiste siccità e atmosferico Tollera siccità e salinità; resiste alla grafiosi Specie eliofila; tollera salinità Tollera siccità, salinità, ristagni non prolungati terza 3-4 m Parchi e Tollera siccità e terreno calcareo, teme gelate intense Pino da pinoli Pinus pinea prima m Parchi e Tollera siccità, sensibile a basse temperature e Tamerice Tamarix gallica TAB 1.2 Arbusti consiti terza 5-6 m Giardini, alberature Specie eliofila; tollera siccità e salinità / (f) giugno luglio Eleagno Olivello spinoso Olivello di Boemia Pittosporo Autoctona Esotica (2) Eleagnus x ebbingei Hippophae rhamnoides Eleagnus angustifolia Pittosporum tobira ALTEZZ A cm (s) cm (s) cm (s) 1, cm (s) Alberature, parchi e, siepi Frangivento, barriere, schermo Alberature, e parchi Frangivento, schermo, siepe Indifferente al substrato,tollera ventosità Tolleranza a siccità Specie eliofila; tollera salinità Indifferente al substrato,tollera siccità,teme basse temperat e ve (f) giugno

2 Lagerstroemia Piracanta (1) Agazzino (1) Piracanta (1) Ginepro comune Fillirea, ilatro sottile Tamerice Palma nana Agnocasto Ligustro del Texas Autoctona Esotica (2) Lagerstroemi a indica Pyracantha angustifolia Pyracantha coccinea Pyracantha yunnanensis Juniperus communis Phillyrea angustifolia Tamarix gallica Chamaerops humilis Vitex agnus-castus T Ligustrum texanum ALTEZZ A cm(g) Parchi e Tollera siccità e terreno calcareo, teme gelate intense cm (s) cm (s) cm (s) Siepi, barriere, parchi e Siepi, barriere, parchi e Siepi, barriere, parchi e ben drenati; abbastanza rustica Tollera freddo, ventosità e Abbastanza rustica, eliofila cm (s) Siepi, barriere, scarpate freddo e siccità cm(g) Parchi,, Tollera vento, frangivento siccità e cm (s) Giardini, alberature Specie eliofila; tollera siccità e salinità cm(g) Parchi e freschi, teme gelo e ristagno idrico 2,5 Parchi, Indifferente al substrato,eliofi la cm (s) 150 cm(g) Resistente alla salinità e ve Sempe ve (f) fr in autunno fr in autunno fr in autunno luglio agosto agosto

3 ZONA LITORANEA DI SECONDA LINEA TAB 1.3 Alberi consiti Spino di Giuda Melia Albero di Giuda Albizzia Bagolaro Frassino ossifillo Gelso bianco Gelso nero Ginkgo Lagerstro emia Leccio Nespolo (1) del giappone Olmo comune Orniello Pero da fiore (1) Pino d Aleppo Autoctona Esotica (2) Gleditsia triacanthos (var.inermis ) Melia azedarach Cercis siliquastrum Albizzia julibrissin Celtis australis Fraxinus oxycarpa CLASSE DI GRANDEZ ZA DI IMPIANTO seconda m Parchi,, alberate seconda 7-10 m Alberature, parchi e Tollera siccità e freddo, terreno fresco Resiste siccità e salsedine; sen-sibile a gelate terza 5-6 m Parchi e Tollera siccità e inquinanti, terreni calcarei terza 6-8 m Alberature, parchi e prima m Alberature stradali ampie, parchi, seconda 8-10 m Alberature, parcheggi, parchi e Specie rustica Tollera siccità e inquinanti Predilige zone umide,tollera le sommersioni Morus alba seconda 8-10 m Parchi e Predilige suoli profondi; tollera siccità e freddo Morus nigra Ginkgo biloba (maschio) Lagerstroemia indica Quercus ilex Eriobotrya japonica Ulmus minor Fraxinus ornus Pyrus calleryana (var. fiorifere prive di spine) Pinus halepensis T seconda 8-10 m Parchi e profondi; tollera siccità e freddo prima m Alberature stradali ampie, parchi e Rustica,tollera siccità e terza 3-4 m Parchi e Tollera siccità e terreno calcareo, teme gelate intense seconda m Alberature stradali, Rustica,tollera parchi e vento e siccità terza 5-6 m Parchi e Tollera la siccità, teme il gelo prima m Alberature stradali, parchi e seconda 8-10 m Alberature stradali, parcheggi, parchi e seconda 8-10 m Alberature, parchi e Albero a rischio di grafiosi, tollera gelate, inquinanti Tollera siccità,, substrato Tollera venti salsi, siccità prima m Parchi e Specie eliofila; tollera siccità e salinità fog lia eve fo fo fo fo fo fo fo fo fo fo eve eve fo fo fo eve (f) giugno agosto f novembre; fr inverno

4 Pino marittimo Pino da pinoli Pioppo tremolo Pioppo bianco (*) Platano Robinia Tasso Salice da vimini Salice fragile Salice bianco Autoctona Esotica (2) Pinus pinaster CLASSE DI GRANDEZ ZA DI IMPIANTO prima m Parchi e Tollera la siccità, teme le gelate, terreni sciolti Pinus pinea prima m Parchi e Tollera siccità, sensibile a basse temperature e Populus tremula Populus alba (maschio) Platanus acerifolia (hybrida) Robinia pseudacacia(va r.umbraculifera) Taxus baccata prima m Parchi e Indifferente al substrato,tollera l umidità prima m Alberature, parchi e prima m Alberature stradali, parcheggi, parchi e seconda 8-10 m Parcheggi, parchi e Tollera siccità, salinità, ristagni non prolungati Albero a rischio di cancro colorato,tollera umi-dità e inquinanti Tollera siccità, freddo; substrato terza 6-8 m Parchi e Tollera terreni calcarei, siccità, teme ristagni Salix viminalis seconda 7-10 m Parchi, Resiste al ristagno Salix fragilis seconda 7-10 m Parchi, Resiste all umidità, terreni sabbiosi Salix alba prima m Parchi, Resiste al ristagno fog lia eve eve eve fo fo fo fo eve fo fo fo (f) giugno TAB 1.4 Arbusti consiti (1) Biancospino (1) Biancospino (1) Ginepro comune Autoctona Esotica (2) horizontalis e forme orticole Crataegus monogyna Crataegus oxyacantha Juniperus communis 0, cm Parchi e profondi, moderatamente rustica cm(s) cm(g) cm(s) cm(g) cm (s) Siepi, schermo, parchi e Siepi, schermo, parchi e Siepi, barriere, scarpate Rustica, terreni calcarei-argillosi Rustica, terreni calcarei-argillosi freddo e siccità caduc/ semipe rsisten te folia folia (f) (specie giugno

5 Ginepro Fillirea, ilatro sottile Lagerstroe mia Alloro Oleandro Albero di Giuda Alaterno Crespino Rosmarino Lentaggine Ligustro Melograno Abelia Autoctona Esotica (2) Juniperus sabina T (var. tameriscifolia) Phillyrea angustifolia Lagerstroemi a indica Laurus nobilis Nerium oleander Cercis siliquastrum Rhamnus T alaternus vulgaris Rosmarinus officinalis Viburnum tinus Ligustrum vulgare Punica granatum (var. Abelia x grandiflora thunbergii var. Atropurpurea julianae gagnepaini 0,3-0,4 200 cm Tappezzante per scarpate, aiuole spartitraffico,parchi e cm(g) Parchi,, frangivento freddo e siccità Tollera vento, siccità e 1, cm(g) Parchi e Tollera siccità, terreni calcarei,teme gelate intense cm(s) cm(g) cm(s) cm(g) Parchi e Schermo, siepi, parchi e Rustica, resiste al freddo, teme gelate prolunga Eliofila, teme le gelate, tollera terreni sabbiosi cm(g) Parchi e Tollera siccità, inquinanti, terreni calcarei cm(s) Siepi, schermo, parchi Tollera inquinanti cm(g) e e salinità cm(s) cm(g) 1-1, cm(s) cm(g) cm(s) cm(g) Schermo, barriera, siepi, parchi e Schermo, siepi, parchi e cm(s) Schermo, siepi, parchi e Rustica, suoli argillosi e calcarei la siccità Rustica, suoli ben drenati,tollera basse temperat. siccità, calcaree cm(g) Parchi e Eliofila, tollera suolo calcareo, siccità e freddo 1-1, cm(g) Parchi e Eliofila, terreni ben drenati 1-1, cm (s) 1, cm(s) cm (g) 1, cm(s) cm (g) sciolti, tollera suoli poveri e sciolti, tollera suoli poveri e sciolti, tollera suoli poveri e Semip ersiste nte Semip ersiste nte settembre luglio f novembre aprile luglio luglio; fr luglio giugno; fr giugno; fr x stenophylla 1, cm (s) cm(g) sciolti, tollera suoli poveri e giugno; fr

6 Maonia Maonia giapponese Cisto (1) (1) Clerodendro Scotano Lavanda Ginestra Ibisco Forsizia Iperico Fotinia Potentilla Spirea Autoctona Esotica (2) Mahonia aquifolium Mahonia japonica Cistus salvifolius T salicifolius dammeri Clerodendron trichotomum Cotinus coggygria Lavandula spica Genista lydia Hibiscus syriacus Forsythia x intermedia var. Lynwood Hypericum spp Hypericum calicinum Photinia serrulata Potentilla fruticosa Spiraea japonica Spiraea x bumalda 1-1, cm(g) 1-1, (g) profondi, teme gelo e ristagni profondi, teme gelo e ristagni 0, cm(g) Parchi e Eliofila, suoli calcarei ben drenati, tollera venti salsi 1-1, cm(g) Parchi e, tappezzante 0,4-0, cm(g) Parchi e, tappezzante argillosi, ben drenati argillosi, ben drenati 2-2, cm(g) Parchi e Predilige terreno fresco, tollera il freddo 2-2, cm(g) Parchi e Eliofila, terreni calcarei, teme i ristagni 0,4-0, cm(g) Parchi e Rustica, indifferente al substrato, terreni leggeri 0,4-0, cm(g) Tappezzante adatta a parchi e 2-2, cm(s) cm(g) 1, cm(s) cm(g) Eliofila, tollera vento, siccità e terreno calcareo Predilige suoli freschi, tollera il calcaree Rustico, substrato 1 100cm(g) Parchi e giardi Rustica,indiffer ente al substrato, eliofila 0,3 20-cm (g) Tappezzante per Predilige luoghi 2-2, cm(s) cm(g) parchi e giardi 0,4-0, cm (g) Tappezzante, parchi e 1-1, cm(s) cm(g) 1-1, cm(s) cm(g) Parchi, e siepi Parchi, e siepi soleggiati Indifferente al substrato, tollera ambienti marini Sensibile al freddo, terreni ben drenati Eliofila, substrato,resiste al freddo Eliofila, substrato,resiste al freddo Semip ersiste nte fogli f marzo maggio f aprile ; fr luglio; fr f agosto ; fr agosto f aprilegiugno f febbraiomarzo giugno f aprilesettembre giugno agosto

7 Palla di neve Veigelia Deuzia Buddleia Rose arbustive di grande sviluppo Rose arbustive di piccolo-medio sviluppo Rose tappezzanti Autoctona Esotica (2) Spiraea x Van Houttei Viburnum opulus Weigelia e varietà Symphoricarp os x chenaultii var Hancock Deutzia spp. Buddleia davidii e varietà 1,2-1, cm(g) Parchi, e siepi Eliofila, indifferente al substrato,resiste al freddo 2, cm(g) Parchi e Rustica, suoli freschi, sensibile agli afidi 1-1, cm(g) Parchie Tollera siccità, e 0, cm(g) Tappezzante per parchi e calcaree freddo e 1-1,5 120 cm (g) Parchi e Predilige esposizioni soleggiate;resiste alla siccità 2, cm(g) Parchie e calcarei Rosae spp. Parchie e Rosa spp 45 cm (g) Parchie e Rosa spp 40 cm (g) Parchie e, aiuole spartitraffico giugno giugno luglio TAB. 1.5 Specie rampicanti consite Autoctona Esotica (2) Bignonia Campsis radicans Parchi e Rustica go Edera Hedera sspp Parchi e Rustica e vere Ortensia Hydrangea Parchi e rampicante petiolaris freschi e sub acidi Madre selva Lonicera sspp Parchi e Parte aerea in pieno sole, pedale in ombra fino a Parchi e Terreno umido e ricco Parchi e Esposizione in pieno sole Vite vergine Parthenocissus sspp Falso Trachelosperm gelsomino um jasminoides Clematide Clematis sspp Parchi e Parte aerea in pieno sole, pedale in ombra Glicine Rose tappezzanti Semper Wistaria chinensis Parchi e Rosa spp Parchi e caducif o settembre luglio giugno settembre f aprile maggio

8 C) ZONA LITORANEA DI TERZA LINEA TAB. 1.6 Alberi consiti Acero comune Carpino (*) Farnia (*) Frassino maggiore Liquidambar Liriodendro (*) Ontano nero Roverella Autoctona Esotica (2) Acer campestre Carpinus betulus Quercus robur Fraxinus excelsior Liquidambar styraciflua Liriodendron tulipifera Alnus glutinosa Quercus pubesces Quercus x turneri CLASSE DI GRANDEZ ZA DI IMPIANTO seconda 8-10 m Parchi,, alberate e parcheggi seconda 8-10 m Barriere, alberature, parcheggi, parchi e Tollera il freddo Tollera la siccità, rustica, substrato prima m Parchi e Rustica,tollera la sommersione temporanea prima m Alberature stradali ampie, parcheggi, parchi e prima m Barriere, alberature, parchi e Predilige zone umide, eliofila; tollera umidità e inquinanti Rustica,tollera le basse temperature,teme l Sensibile alla siccità prima m Alberature, parchi e seconda 8-10 m Parchi e Tollera umidità inondazioni e inquinanti seconda m Parchi e Tollera la siccità, teme ristagni prolungati terza 6-8 m Alberature, parchi e Tiglio Tilia spp prima m Alberature, parcheggi, parchi e Ippocastano Ippocastano rosso grandiflora Aesculus hippocastanu m Aesculus x carnea Hyane (var. briotii) Tollera terreno calcareo; eliofila Tollera l umidità, terreni profondi prima m Parchi, Tollera il freddo, teme ristagni prolungati prima m Parchi, Tollera il freddo, teme siccità e salinità seconda m Parchi,, alberature Tollera freddo e siccità (f) luglio giugno luglio

9 TAB 1.7 Arbusti consiti Corbezzolo Spino cervino Lillà Cassia Cotogno giapponese Calicanto invernale Corniolo Nocciolo contorto stellata giapponese Magnola di Solange Agrifoglio Autoctona Esotica (2) Arbutus unedo T Rhamnus cathartica Philadelphus spp. Syringa vulgaris Cassia corymbosa T Chaenomeles japonica Chimonanthus praecox Ceanothus x delilianus var.glorie de Versaille Caryopteris x clandonensis var. Kew blue T Cornus mas e varietà Corylus avellana, var. Contorta stellata obovata var. Purpurea x soulangeana Ilex aquifolium Ilex crenata var. Dazzler cm(s) cm(g) Parchi, e siepi cm(s) Siepi, schermo, parchi cm(g) e cm(g) Schermo, parchi e Tollera calcare, ; teme gelate prolungate Predilige suoli calcarei, aridi Resistea freddo e cm(g) Parchi e Eliofila, tollera gelate, sensibile alla siccità 0, cm(g) Parchi e Esige zone riparate,suoli ben drenati, tollera la siccità 0, cm(g) Parchi e Rustica,resiste e calcaree 3-3, cm(g) Parchi e Indifferente al substrato, zone riparate 0, cm(g) Parchi e Specie a rapido accrescimento 0,6-0, cm(g) Parchi e Eliofila, suoli ben drenati, teme il freddo 1, cm (g) Parchi e Resiste al freddo, suoli calcaei e argillosi 2, cm (g) Parchi e Indifferente al substrato,predili ge suoli calcaei 1, cm(g) Parchi e profondi, teme siccità, gelo e ristagni cm(g) Parchi e Resistente alle gelate, terreni argillosi cm (g) Parchi e le gelate, teme la siccità 2, cm (s) cm(g) Parchi e, siepi Predilige suoli umidi,teme sbalzi termici, tollera l 1-1, cm(g) Parchi e Predilige suoli umidi,teme sbalzi termici, tollera l inquinam. Semip ersiste nte f novembre dicembre fr invernali luglio f aprile f settembre f dicembrefebbraio settembre f febbraiomarzo f febbraio f aprile

10 Evonimo Olea Autoctona Esotica (2) Euonymus europaeus Euonymus alatus Euonymus fortunei Osmanthus fragrans 1, cm(g) Parchi e 1,2-1, cm(g) Parchi e O,6-0, cm(g) Tappezzante per Indifferente a parchi e clima e substrato, aiuole spartitraffico sensibile a cocciniglie e oidio cm(g) Parchi e Adatta al pieno sole, suoli ben drenati luglio / settembre Osmanto Osmanthus ilicifolius Viburnum plicatum var watanabe Callistemon laevis T Callistemon lanceolatus T 1, cm(s) cm(g) Veronica Hebe sspp 0,6-0,8 80 cm(s) Colvizia Kolkwitzia amabilis T Adatta al pieno sole, suoli ben drenati 1,2-1, cm(g) Parchie Predilige zone d ombra leggera 1,2-1,5 120 cm(g) Parchi e Predilige esposizioni riparate cm(g) Parchi e Predilige esposizioni riparate Giardini Esposizioni 100 cm (g) riparate 2-2,5 200 cm (g) Parchi e Esposizione in ombra leggera giuno/ autunno luglio luglio TAB 1.8 Specie rampicanti consite Bignonia Fiore della passione Autoctona Esotica (2) Bignonia capreolata T Passiflora careulea T Parchi e Semirustica, esposizioni semiriparate Parchi e Esige terreno aereato e ricco e ve luglio ; fr

ELENCO PIANTE AUTOCTONE E INDICAZIONE DELLE PIANTE NON AUTOCTONE, ANTICO INDIGINATO, DELLE PIANTE ESOTICHE E PERIODI PER IL TAGLIO E L IMPIANTO

ELENCO PIANTE AUTOCTONE E INDICAZIONE DELLE PIANTE NON AUTOCTONE, ANTICO INDIGINATO, DELLE PIANTE ESOTICHE E PERIODI PER IL TAGLIO E L IMPIANTO ELENCO PIANTE AUTOCTONE E INDICAZIONE DELLE PIANTE NON AUTOCTONE, ANTICO INDIGINATO, DELLE PIANTE ESOTICHE E PERIODI PER IL TAGLIO E L IMPIANTO ALLEGATO C ENTE PARCO REGIONALE DEL CONERO Via Peschiera

Dettagli

ALLEGATO 3 ------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

ALLEGATO 3 ------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------ ALLEGATO 3 ------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------ PRESCRIZIONI PER LE SPECIE ARBOREE ED ARBUSTIVE ------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

PRONTUARIO PER LA MITIGAZIONE AMBIENTALE

PRONTUARIO PER LA MITIGAZIONE AMBIENTALE PROVINCIA DI TREVISO COMUNE DI RONCADE PIANO URBANISTICO ATTUATIVO SCHEDA DI ACCORDO N. 10 DITTA: Bassetto Elio, Bassetto Renato, Bresolin Gino, Geromel Sergio, Pellegrin Luigi e Damelico Severina Santa.

Dettagli

REGOLAMENTO DEL PATRIMONIO VERDE PUBBLICO E PRIVATO

REGOLAMENTO DEL PATRIMONIO VERDE PUBBLICO E PRIVATO COMUNE DI MASSA REGOLAMENTO DEL PATRIMONIO VERDE PUBBLICO E PRIVATO ALLEGATO C ELENCO DELLE SPECIE ARBOREE ED ARBUSTIVE 1/8 SPECIE ARBUSTIVE Nome scientifico nome comune Simbolo Abelia spp. Abutilon spp.

Dettagli

VIVAIO. Specie arboree V 001 1,00 5,00 10,00. Piccolo * Medio * Grande * Fam. Aceracee Acero Campestre ACER CAMPESTRE 1,00 5,00 10,00

VIVAIO. Specie arboree V 001 1,00 5,00 10,00. Piccolo * Medio * Grande * Fam. Aceracee Acero Campestre ACER CAMPESTRE 1,00 5,00 10,00 VIVAIO Specie arboree V 001 Fam. Aceracee Acero Campestre ACER CAMPESTRE * * * V 002 Fam. Aceracee Acero Italiano ACER OPALUS V 003 V 004 V 005 V 006 Fam. Aceracee Acero Minore ACERO MONSPESSULANUM Fam.

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA PARTECIPAZIONE NEL GOVERNO E NELLA CURA DEI BENI COMUNI SEZIONE -ADOZIONE DI AREE VERDI PUBBLICHE -

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA PARTECIPAZIONE NEL GOVERNO E NELLA CURA DEI BENI COMUNI SEZIONE -ADOZIONE DI AREE VERDI PUBBLICHE - REGOLAMENTO COMUNALE PER LA PARTECIPAZIONE NEL GOVERNO E NELLA CURA DEI BENI COMUNI SEZIONE -ADOZIONE DI AREE VERDI PUBBLICHE - INDICE Articolo 1 Oggetto e disciplina Articolo 2 Aree ammesse Articolo 3

Dettagli

PRONTUARIO DI MITIGAZIONE AMBIENTALE (modalità per la realizzazione di siepi e filari alberati)

PRONTUARIO DI MITIGAZIONE AMBIENTALE (modalità per la realizzazione di siepi e filari alberati) Via Lago di Como 88/2-36100 Vicenza - Tel./ fax: 0444 920083 e-mail: rugiorio@libero.it PRONTUARIO DI MITIGAZIONE AMBIENTALE (modalità per la realizzazione di siepi e filari alberati) Ottobre 2011 Dr.

Dettagli

Listino Piante 2011-2012 Vendita al Pubblico

Listino Piante 2011-2012 Vendita al Pubblico Via Ungheresca 12 - Santa Lucia di Piave - 31025 Treviso - Italy Cell 348 06 27 844 Tel/Fax 0438 70 12 07 info@vivaidecontimauro.com - www.vivaidecontimauro.com Listino Piante 2011-2012 Vendita al Pubblico

Dettagli

COMUNE DI CASCIANA TERME Provincia di Pisa REGOLAMENTO PER L'ASSEGNAZIONE DELLA GESTIONE DELLE AREE A VERDE PUBBLICO A SOGGETTI PRIVATI

COMUNE DI CASCIANA TERME Provincia di Pisa REGOLAMENTO PER L'ASSEGNAZIONE DELLA GESTIONE DELLE AREE A VERDE PUBBLICO A SOGGETTI PRIVATI COMUNE DI CASCIANA TERME Provincia di Pisa REGOLAMENTO PER L'ASSEGNAZIONE DELLA GESTIONE DELLE AREE A VERDE PUBBLICO A SOGGETTI PRIVATI INDICE Articolo 1 Principi Generali......3 Articolo 2 - Finalità......3

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ADOZIONE DI AREE VERDI PUBBLICHE DELLA CITTA DI FERRARA

REGOLAMENTO PER L ADOZIONE DI AREE VERDI PUBBLICHE DELLA CITTA DI FERRARA REGOLAMENTO PER L ADOZIONE DI AREE VERDI PUBBLICHE DELLA CITTA DI FERRARA Approvato con Delibera di Consiglio Comunale del 12 luglio 2010, n. 62/42860 1/16/ INDICE Articolo 1 - Finalità...3 Articolo 2

Dettagli

NATURSIMUL MACERATI GLICERINATI

NATURSIMUL MACERATI GLICERINATI Macerati glicerinati Natursimul www.natursimul.it ABIES PECTINATA gemme (Abete bianco gemme) - MG - 1DH Vol. Alc. 30 % (idrato anidro 15 ml) Ingredienti: acqua, alcol etilico*, stabilizzante: glicerina

Dettagli

ALLEGATO 1. Specie vegetali

ALLEGATO 1. Specie vegetali ALLEGATO 1. Specie vegetali Classificazione delle specie vegetali in relazione sia alle caratteristiche della specie botanica sia in relazione al contesto territoriale bolognese. Classificazione in base

Dettagli

Regolamento Comunale del Verde 1 PRINCIPALI SPECIE ARBOREE E ARBUSTIVE UTILIZZABILI PER LA REALIZZAZIONE DI AREE VERDI

Regolamento Comunale del Verde 1 PRINCIPALI SPECIE ARBOREE E ARBUSTIVE UTILIZZABILI PER LA REALIZZAZIONE DI AREE VERDI Regolamento Comunale del Verde 1 ALLEGATO C PRINCIPALI SPECIE ARBOREE E ARBUSTIVE UTILIZZABILI PER LA REALIZZAZIONE DI AREE VERDI Di seguito sono state riportati nominativi e caratteristiche delle principali

Dettagli

Progetto ambientale - 7 CAP. 1 DISPOSIZIONI SU MATERIALI ED ELEMENTI DEL PROGETTO AMBIENTALE

Progetto ambientale - 7 CAP. 1 DISPOSIZIONI SU MATERIALI ED ELEMENTI DEL PROGETTO AMBIENTALE Progetto ambientale - 7 CAP. 1 DISPOSIZIONI SU MATERIALI ED ELEMENTI DEL PROGETTO AMBIENTALE Progetto ambientale - 8 art. n.1 - Formazioni boschive - con tale definizione viene designata una composizione

Dettagli

COMUNE DI SESTO FIORENTINO (Provincia di Firenze) REGOLAMENTO COMUNALE DEL VERDE PUBBLICO E PRIVATO

COMUNE DI SESTO FIORENTINO (Provincia di Firenze) REGOLAMENTO COMUNALE DEL VERDE PUBBLICO E PRIVATO COMUNE DI SESTO FIORENTINO (Provincia di Firenze) REGOLAMENTO COMUNALE DEL VERDE PUBBLICO E PRIVATO Art. 1. Principi, finalità ed oggetto Art. 2. Campo d'applicazione Art. 3. Alberature tutelate Art. 4.

Dettagli

Dr. Arch. Giuliano Visconti. Dr. Arch. Flavia Visconti. Desenzano d/g. 26 settembre 2011

Dr. Arch. Giuliano Visconti. Dr. Arch. Flavia Visconti. Desenzano d/g. 26 settembre 2011 PROGETTO NUOVA PASSEGGIATA A LAGO DAL VICOLO DELLE LAVANDAIE AL CENTRO BALNEARE DEL DESENZANINO ED AMPLIAMENTO ARENILE PROGETTO DEFINITIVO DEFINIZIONE DEI MATERIALI, DELLE FINITURE, DEL VERDE E DELL ARREDO

Dettagli

COMUNE DI ROSIGNANO MARITTIMO

COMUNE DI ROSIGNANO MARITTIMO COMUNE DI ROSIGNANO MARITTIMO Provincia di Livorno SETTORE QUALITA URBANA SERVIZIO MANUTENZIONI REGOLAMENTO DI TUTELA DEL VERDE URBANO PUBBLICO E PRIVATO revisione febbraio 2015 approvato con delibera

Dettagli

COMUNE DI CALCIO. PIANO ATTUATIVO AMBITO DI TRASFORMAZIONE AT12 a destinazione logistico-produttiva

COMUNE DI CALCIO. PIANO ATTUATIVO AMBITO DI TRASFORMAZIONE AT12 a destinazione logistico-produttiva 1 COMUNE DI CALCIO allegato H PIANO ATTUATIVO AMBITO DI TRASFORMAZIONE AT12 a destinazione logistico-produttiva Via Covo (SP 102) nuova SP 98 Calciana conforme al PGT (Artt. 12 e 14, legge regionale 11

Dettagli

REGOLAMENTO DEL VERDE URBANO PUBBLICO E PRIVATO DEL COMUNE DI LIVORNO

REGOLAMENTO DEL VERDE URBANO PUBBLICO E PRIVATO DEL COMUNE DI LIVORNO REGOLAMENTO DEL VERDE URBANO PUBBLICO E PRIVATO DEL COMUNE DI LIVORNO Livorno - NOVEMBRE 2002-1 TITOLO I - NORME GENERALI - Premessa 1 - Il verde urbano si inserisce nel contesto più ampio di valori paesaggistici

Dettagli

PER SCARICARE I PDF DELLE LEZIONI ANDATE SU:

PER SCARICARE I PDF DELLE LEZIONI ANDATE SU: PER SCARICARE I PDF DELLE LEZIONI ANDATE SU: www.florart-imola.it pagina lezioni e corsi nella sezione corsi cliccare su area riservata in basso a destra nome utente: Studente (rispettare la maiuscola)

Dettagli

Il prato e il giardino. Muggia, 4 maggio 2015

Il prato e il giardino. Muggia, 4 maggio 2015 Il prato e il giardino Muggia, 4 maggio 2015 Prato e giardino Non è agricoltura Le basi della coltivazione sono le stesse poiché si utilizzano sempre essenze vegetali Per la crescita gli elementi sono

Dettagli

PROGETTO DEL VERDE RELAZIONE DI PROGETTO

PROGETTO DEL VERDE RELAZIONE DI PROGETTO COMUNE DI SAN GIOVANNI IN MARIGNANO PIANO PARTICOLAREGGIATO DI INIZIATIVA PRIVATA COMPARTO C2.4 PROGETTO DEL VERDE RELAZIONE DI PROGETTO Allegati: Esempi di attrezzature per aree gioco Esempi di attrezzature

Dettagli

REGOLAMENTO EDILIZIO PER LA DISCIPLINA DELLA SALVAGUARDIA E DELLA FORMAZIONE DEL VERDE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO EDILIZIO PER LA DISCIPLINA DELLA SALVAGUARDIA E DELLA FORMAZIONE DEL VERDE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI REGOLAMENTO EDILIZIO PER LA DISCIPLINA DELLA SALVAGUARDIA E DELLA FORMAZIONE DEL VERDE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 (oggetto) 1. Il presente regolamento disciplina la salvaguardia e la formazione

Dettagli

L arboricoltura del futuro si pianta adesso: risultati di ricerche nel ornamentale

L arboricoltura del futuro si pianta adesso: risultati di ricerche nel ornamentale L arboricoltura del futuro si pianta adesso: risultati di ricerche nel settore vivaistico-ornamentale ornamentale A. Fini 1 M. Faoro 2, G. Amoroso 2, R. Piatti 2, P. Frangi 2 e F. Ferrini 1 1 Università

Dettagli

Laboratorio Terme di Caracalla MASTER PLAN

Laboratorio Terme di Caracalla MASTER PLAN MASTER PLAN Rielaborazione del materiale grafico fornito dal Ministero dei Beni Culturali e Ambientali - Soprintendenza Archeologica di Roma tra cui gli elaborati grafici del "Progetto di restauro e valorizzazione

Dettagli

Giornate tecniche 2011. Scelta delle piante nella progettazione delle aree verdi. Relatore: dott.agr. Antonio Sagaria Data: 12 marzo 2011

Giornate tecniche 2011. Scelta delle piante nella progettazione delle aree verdi. Relatore: dott.agr. Antonio Sagaria Data: 12 marzo 2011 Giornate tecniche 2011 Scelta delle piante nella progettazione delle aree verdi Relatore: dott.agr. Antonio Sagaria Data: 12 marzo 2011 DICHIO vivai garden PROGETTO Analisi delle caratteristiche del sito:

Dettagli

Consiglio Regionale della Calabria IV Commissione Assetto e utilizzazione del territorio - Protezione dell ambiente PROPOSTA DI LEGGE N.

Consiglio Regionale della Calabria IV Commissione Assetto e utilizzazione del territorio - Protezione dell ambiente PROPOSTA DI LEGGE N. Consiglio Regionale della Calabria IV Commissione Assetto e utilizzazione del territorio - Protezione dell ambiente PROPOSTA DI LEGGE N. 19/9^ DI INIZIATIVA DEL CONSIGLIERE REGIONALE F. MORELLI, RECANTE

Dettagli

CREST. Centro Ricerche in Ecologia e Scienze del Territorio

CREST. Centro Ricerche in Ecologia e Scienze del Territorio CREST Centro Ricerche in Ecologia e Scienze del Territorio CREST s.n.c. di Perosino Gian Carlo & c. 10136 Torino (Italia) - Via Caprera, 15 - E-mail info@crestsnc.it - tel. 011/3299419/3299165 r.a. - fax

Dettagli

Assessorato Agricoltura e Attività Produttive A.G.C. Sviluppo Attività Settore Primario Settore Sperimentazione, Informazione, Ricerca e Consulenza in Agricoltura Settore Foreste, Caccia e Pesca Coordinamento

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L AUTORIZZAZIONE AL TAGLIO DEGLI ALBERI E PER LA TUTELA DELLE ESSENZE ARBOREE PROTETTE

REGOLAMENTO COMUNALE PER L AUTORIZZAZIONE AL TAGLIO DEGLI ALBERI E PER LA TUTELA DELLE ESSENZE ARBOREE PROTETTE REGOLAMENTO COMUNALE PER L AUTORIZZAZIONE AL TAGLIO DEGLI ALBERI E PER LA TUTELA DELLE ESSENZE ARBOREE PROTETTE Approvato ed allegato alla Deliberazione del Consiglio Comunale n. 20 del 06.06.2002 FINALITA

Dettagli

RETE ECOLOGICA PROVINCIALE DI PRIMO LIVELLO ELEMENTI DELLA RETE ECOLOGICA PROVINCIALE DI PRIMO LIVELLO

RETE ECOLOGICA PROVINCIALE DI PRIMO LIVELLO ELEMENTI DELLA RETE ECOLOGICA PROVINCIALE DI PRIMO LIVELLO DATABASE DELLA RETE ECOLOGICA PROVINCIALE DI PRIMO LIVELLO Forum Plenario di Agenda 21 Locale 18 Giugno 2007 Castello Estense Provincia di Ferrara Centro Agricoltura e Ambiente G.Nicoli ELEMENTI DELLA

Dettagli

ELEMENTI DI PROGETTAZIONE DEGLI SPAZI VERDI. Le piante per gli spazi verdi Come scegliere le piante per i nostri giardini?

ELEMENTI DI PROGETTAZIONE DEGLI SPAZI VERDI. Le piante per gli spazi verdi Come scegliere le piante per i nostri giardini? ELEMENTI DI PROGETTAZIONE DEGLI SPAZI VERDI Le piante per gli spazi verdi Come scegliere le piante per i nostri giardini? Alberi Costituiscono l ossatura del giardino e sono quelli che con la loro distribuzione

Dettagli

REGOLAMENTO SULL USO FORESTALE DEL TERRITORIO DEL PARCO NATURALE REGIONALE SIRENTE-VELINO

REGOLAMENTO SULL USO FORESTALE DEL TERRITORIO DEL PARCO NATURALE REGIONALE SIRENTE-VELINO Qui proteggiamo natura e cultura REGOLAMENTO SULL USO FORESTALE DEL TERRITORIO DEL PARCO NATURALE REGIONALE SIRENTE-VELINO Approvato con delibera di Consiglio Direttivo n 25 del 21/04/1999 Modificato con

Dettagli

Perenne Erbacee per sottobosco. Arbusto sempreverde, alt. 3 4 metri. Perenne sempreverde Alt. 30 cm. Albergo sempreverde Alt.

Perenne Erbacee per sottobosco. Arbusto sempreverde, alt. 3 4 metri. Perenne sempreverde Alt. 30 cm. Albergo sempreverde Alt. 1. Hosta plantaginea Osta Perenne Erbacee per sottobosco, 2. Eleagnus x ebbingei Eleagno Laeagnaceae Arbusto, alt. 3 4 metri Ibrido orticola Fiori argentei Ottobre - Novembre 3. Bergenia crassifolia Bergenia

Dettagli

COMUNE DI CORNATE D'ADDA

COMUNE DI CORNATE D'ADDA COMUNE DI CORNATE D'ADDA REGOLAMENTO COMUNALE PER L'INCREMENTO E LA PROTEZIONE DEL PATRIMONIO ARBOREO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA PROTEZIONE DEGLI ALBERI PREMESSA Il presente regolamento va incontro alla

Dettagli

SPECIE ARBOREE ED ARBUSTIVE DELLA GARZAIA DI PEDEROBBA

SPECIE ARBOREE ED ARBUSTIVE DELLA GARZAIA DI PEDEROBBA SPECIE ARBOREE ED ARBUSTIVE DELLA GARZAIA DI PEDEROBBA Enrico Lion Il fiume Piave scorre nel tratto di medio-basso corso lungo la Garzaia di Pederobba, conservando la morfologia di bacino montano. Le rive

Dettagli

LE PINETE DEMANIALI RAVENNATI STORIA E PROSPETTIVE

LE PINETE DEMANIALI RAVENNATI STORIA E PROSPETTIVE LE PINETE DEMANIALI RAVENNATI STORIA E PROSPETTIVE Relatore: Primo Dirigente del CFS Dr. Giovanni NACCARATO Comandante Provinciale del Corpo Forestale dello Stato per la Provincia di Ravenna I terreni

Dettagli

COMUNE DI JESI P.P.E. VIA APPENNINI ALTA. fascicolo di vendita LOTTO 5

COMUNE DI JESI P.P.E. VIA APPENNINI ALTA. fascicolo di vendita LOTTO 5 COMUNE DI JESI P.P.E. VIA APPENNINI ALTA fascicolo di vendita LOTTO 5 Dati catastali Foglio n. 48 - particella n. 3378 - Sup. 638mq Norme di riferimento Per quanto non riportato nel presente fascicolo,

Dettagli

Assessorato allo Sport e Ambiente. i Parchi di Ivrea. La Polveriera, i Giardini pubblici Villa Casana e Villa Girelli

Assessorato allo Sport e Ambiente. i Parchi di Ivrea. La Polveriera, i Giardini pubblici Villa Casana e Villa Girelli Assessorato allo Sport e Ambiente i Parchi di Ivrea La Polveriera, i Giardini pubblici Villa Casana e Villa Girelli N 1_200 PROGETTO: pubblicazione a cura del Laboratorio Territoriale di Educazione Ambientale

Dettagli

Il/La Sottoscritto/a. nato/a nel Comune di, il / / residente nel Comune di, frazione. in via/loc., n, C.A.P. codice fiscale, recapito telefonico

Il/La Sottoscritto/a. nato/a nel Comune di, il / / residente nel Comune di, frazione. in via/loc., n, C.A.P. codice fiscale, recapito telefonico Al Comune di Deruta Ufficio Urbanistica ed Edilizia Marca da bollo. 16,00 RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE E/O NULLA OSTA PER ABBATTIMENTO / POTATURA / SPOSTAMENTO ALBERI AI SENSI DELLA L.R. 19 NOVEMBRE 2001,

Dettagli

CHIOMA E PORTAMENTO FOGLIE FIORI FRUTTI FRUTTI FLORA ESOTICA

CHIOMA E PORTAMENTO FOGLIE FIORI FRUTTI FRUTTI FLORA ESOTICA ALBERI I GRANDEZZA (anomala poiché gymnospermae) GINKO BILOBA Ginko biloba FLORA ESOTICA 25-30 m 10 m Eretto nelle piante maschili, espanso nelle femminili Primaverile, poco significativa Carnosi, ovoidali

Dettagli

Regolamento comunale del verde Delibera C.C. n. 71 del 23/12/2013. ALLEGATO E - Specie arboree ed arbustive utilizzabili nel Comune di Russi

Regolamento comunale del verde Delibera C.C. n. 71 del 23/12/2013. ALLEGATO E - Specie arboree ed arbustive utilizzabili nel Comune di Russi Regolamento comunale del verde Delibera.. n. 71 del 23/12/2013 ALLEGATO E - pecie arboree ed arbustive utilizzabili nel omune di Russi Tabella. 1 NOME OMUNE Bagolaro Farnia Frassino maggiore Frassino ossifillo

Dettagli

Siepi in agricoltura biologica

Siepi in agricoltura biologica Siepi in agricoltura biologica Infrastrutture ecologiche In agricoltura biologica (Reg. CE 2092/91) la costruzione di infrastrutture ecologiche (siepi, filari di alberi e fasce inerbite) è necessaria in

Dettagli

Le siepi sono costituite da filari di piante, spesso sempreverdi, e sono utilizzate per vari scopi: segnare il confine e separare le proprietà;

Le siepi sono costituite da filari di piante, spesso sempreverdi, e sono utilizzate per vari scopi: segnare il confine e separare le proprietà; LE SIEPI Le siepi sono esseri viventi che appartengono al mondo vegetale; le loro foglie infatti contengono la clorofilla e altre sostanze. Le siepi possono essere fogliose, lisce, verdi, spinose, diramate,

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO DI GESTIONE. Seduta del 26/05/2014

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO DI GESTIONE. Seduta del 26/05/2014 Deliberazione n. 35 del 26/05/2014 COPIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO DI GESTIONE Seduta del 26/05/2014 OGGETTO: APPROVAZIONE STUDIO DI FATTIBILITÀ DEL PROGETTO: "INTERVENTI DI RIQUALIFICAZIONE

Dettagli

Aesculus Hippocastanum

Aesculus Hippocastanum Aesculus Hippocastanum Specie: Aesculus Hippocastanum Nome volgare: Ippocastano Provenienza:Europa Orientale Curiosità: Il nome della specie deriva dal greco ippos, cavallo, e castanon, castagno, per l

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO DI GESTIONE. Seduta del 11/10/2014

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO DI GESTIONE. Seduta del 11/10/2014 Deliberazione n. 71 del 11/10/2014 COPIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO DI GESTIONE Seduta del 11/10/2014 OGGETTO: APPROVAZIONE DELLO STUDIO PRELIMINARE DEGLI INTERVENTI DI RIQUALIFICAZIONE E VALORIZZAZIONE

Dettagli

TITOLO I PARTE GENERALE

TITOLO I PARTE GENERALE 1 TITOLO I PARTE GENERALE ARTICOLO 1 DEFINIZIONI Area verde: area territoriale, o insieme delle aree, di proprietà pubblica o privata, destinata a parco, giardino o comunque rivestita, attualmente o in

Dettagli

DIRETTIVE PER LA CESSIONE DI ASSORTIMENTI LEGNOSI E PIANTINE FORESTALI

DIRETTIVE PER LA CESSIONE DI ASSORTIMENTI LEGNOSI E PIANTINE FORESTALI REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ENTE FORESTE DELLA SARDEGNA DIRETTIVE PER LA CESSIONE DI ASSORTIMENTI LEGNOSI E PIANTINE FORESTALI Dicembre 2006 CAPO I DIRETTIVE PER LA CESSIONE DI ASSORTIMENTI LEGNOSI

Dettagli

BISCA FLOR DI BISCALDI LUCA Produzione piante da esterno

BISCA FLOR DI BISCALDI LUCA Produzione piante da esterno SEDE LEGALE BISCA FLOR DI BISCALDI LUCA Produzione piante da esterno VIVAIO VIA CAVOUR 42/A 21040 GORNATE OLONA VIA DON FRANCESCO COLOMBO 34 GORNATE O. CELL. 347/8359740 FAX 0331/855162 SITO INTERNET WWW.BISCA-FLOR.IT

Dettagli

PICCOLA GUIDA PER RISPARMIARE ACQUA POTABILE IN GIARDINO

PICCOLA GUIDA PER RISPARMIARE ACQUA POTABILE IN GIARDINO PICCOLA GUIDA PER RISPARMIARE ACQUA POTABILE IN GIARDINO Questa piccola guida per realizzare e gestire un giardino a basso consumo di acqua potabile, riprende quanto già proposto nel bollettino del giugno

Dettagli

G E A 1/2015. giornale europeo di aerobiologia medicina ambientale e infezioni aerotrasmesse

G E A 1/2015. giornale europeo di aerobiologia medicina ambientale e infezioni aerotrasmesse issn 1825-2893 Mattioli 1885 Volume xi, 1/2015 G E A giornale europeo di aerobiologia medicina ambientale e infezioni aerotrasmesse European Journal of Aerobiology and Environmental Medicine 1/2015 POSRTE

Dettagli

REGOLAMENTO EDILIZIO DEL COMUNE DI CASALECCHIO DI RENO REGOLAMENTO DEL VERDE DEL COMUNE DI CASALECCHIO DI RENO

REGOLAMENTO EDILIZIO DEL COMUNE DI CASALECCHIO DI RENO REGOLAMENTO DEL VERDE DEL COMUNE DI CASALECCHIO DI RENO REGOLAMENTO EDILIZIO DEL COMUNE DI CASALECCHIO DI RENO TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI CAPO II - RICHIESTA DELLA LICENZA EDILIZIA, ESAME DEI PROGETTI, PARERI Art. 2 Opere soggette ad autorizzazione n)

Dettagli

Edizioni L Informatore Agrario

Edizioni L Informatore Agrario www.vitaincampagna.it Edizioni L Informatore Agrario Tutti i diritti riservati, a norma della Legge sul Diritto d Autore e le sue sucessive modificazioni. Ogni utilizzo di quest opera per usi diversi da

Dettagli

ALBIZIA JULIBRISSIN. www.casanaturavivaio.it

ALBIZIA JULIBRISSIN. www.casanaturavivaio.it ALBIZIA JULIBRISSIN L'Albizia Julibrissin presenta il fusto eretto, con corteccia liscia, di colore verde scuro, che tende a fessurarsi con il passare degli anni. Gli alberi adulti raggiungono i 10-12

Dettagli

5.3.2.2.1 MISURA 221 - Primo imboschimento di terreni agricoli

5.3.2.2.1 MISURA 221 - Primo imboschimento di terreni agricoli 5.3.2.2.1 MISURA 221 - Primo imboschimento di terreni agricoli Riferimenti normativi Articoli 36 (b) (i) e 43 del Regolamento (Ce) N. 1698/2005 Articoli 30, 31 e punto 5.3.2.2.1 dell Allegato II del Regolamento

Dettagli

COMUNE DI CAMPONOGARA ASSESSORATO ALLE POLITICHE AMBIENTALI Compagno Denis ASSESSORATO ALL AGRICOLTURA Mescalchin Francesco

COMUNE DI CAMPONOGARA ASSESSORATO ALLE POLITICHE AMBIENTALI Compagno Denis ASSESSORATO ALL AGRICOLTURA Mescalchin Francesco CORSO DI GIARDINAGGIO 2006 (Dott. Forestale Luciano Galliolo ) IL VERDE URBANO GLI ALBERI ORNAMENTALI Argomenti Il verde urbano e l ambiente Il clima e il terreno Le piante autoctone la scelta della specie

Dettagli

Allegato A Specifica sulla Vegetazione. Parte 1A - Vegetazione prevalente per fasce altitudinali

Allegato A Specifica sulla Vegetazione. Parte 1A - Vegetazione prevalente per fasce altitudinali Allegato A Specifica sulla Vegetazione Parte 1A - Vegetazione prevalente per fasce altitudinali Fascia mediterranea (o Orizzonte mediterraneo): dal litorale ai primi sistemi collinari; Climax Macchia Mediterranea,

Dettagli

Comune di Cusano Milanino Provincia di Milano. Regolamento del verde

Comune di Cusano Milanino Provincia di Milano. Regolamento del verde Provincia di Milano Regolamento del verde Approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione n. 27 del 25.2.2000 INDICE GENERALE TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Oggetto del Regolamento pag. 1 Art.

Dettagli

Guida alle piante legnose del Bosco ex Aeroporto di Castiglione del Lago (Lago Trasimeno, PG)

Guida alle piante legnose del Bosco ex Aeroporto di Castiglione del Lago (Lago Trasimeno, PG) Guida alle piante legnose del Bosco ex Aeroporto di Castiglione del Lago (Lago Trasimeno, PG) Pier Luigi Nimis, Stefano Martellos, Mariella Morbidelli, Mario Morellini Foto di Andrea Moro KeyToNature 2010

Dettagli

Il verde, fonte di nutrimento per il benessere dell uomo

Il verde, fonte di nutrimento per il benessere dell uomo Bologna http://www.bo.ibimet.cnr.it Il verde, fonte di nutrimento per il benessere dell uomo Risultati della ricerca scientifica e prospettive applicative RITA BARALDI Convegno Expo Assofloro Lombardia,

Dettagli

UN PARCO CITTADINO: IL GIARDINO PAPADOPOLI

UN PARCO CITTADINO: IL GIARDINO PAPADOPOLI Lavori - Soc. Ven. Sc. Nat. - Vol. 5, Suppl. didatt., pp. 22-33, Venezia 15-2-1981 SAVERIO LOMBARDO UN PARCO CITTADINO: IL GIARDINO PAPADOPOLI Estratto da Società Veneziana di Scienze Naturali LAVORI -

Dettagli

+,-./01,(/120345./65( -,37/8/0(4519.,18/01/

+,-./01,(/120345./65( -,37/8/0(4519.,18/01/ GALLERIA DELLE ESPERIENZE Controllo di Gestione: Best Practices 60491,(5703/(?9@@>/6/(= -,37/8/0(4519.,18/01/ +,-./01,(/120345./65( -,37/8/0(4519.,18/01/!"#$%&'()* +,-./01,(/120345./65(-,37/8/0(4519.,18/01/

Dettagli

Piccolo giardino Cosa fare e cosa non fare Senza complicarsi la vita

Piccolo giardino Cosa fare e cosa non fare Senza complicarsi la vita Piccolo giardino Cosa fare e cosa non fare Senza complicarsi la vita Per fare un piccolo giardino bastano anche dimensioni ridottissime, come può essere con un contenitore di medie dimensioni, dove vengono

Dettagli

Note di Rilascio Versione 6.08

Note di Rilascio Versione 6.08 Sommario Note di Rilascio Versione 6.08 Questo documento descrive le principali modifiche che sono state inserite in Pool Designer 2015 e Photo Designer 2015. Elenco modifiche Collezione PrimaVeraPool

Dettagli

Guida alla classificazione della vegetazione forestale

Guida alla classificazione della vegetazione forestale Inventario Nazionale delle Foreste e dei Serbatoi Forestali di Carbonio INFC Guida alla classificazione della vegetazione forestale documento preparato dall Istituto Sperimentale per l Assestamento Forestale

Dettagli

Comune di Casaleone Provincia di Verona. Piano degli Interventi Prontuario per la qualità architettonica e la mitigazione

Comune di Casaleone Provincia di Verona. Piano degli Interventi Prontuario per la qualità architettonica e la mitigazione Comune di Casaleone Provincia di Verona Piano degli Interventi Prontuario per la qualità architettonica e la mitigazione settembre 2013 Comune di Casaleone Provincia di Verona Piano degli Interventi Prontuario

Dettagli

Il monitoraggio fenologico forestale in Piemonte

Il monitoraggio fenologico forestale in Piemonte Il monitoraggio fenologico forestale in Piemonte D. Delleani, F. Spanna, F. Valfrè, R. Caramiello,V. Fossa, R. Pelosini4, N. Loglisci4 Regione Piemonte - Settore Pianificazione e Gestione delle Aree protette

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA TUTELA E LO SVILUPPO DEL PATRIMONIO VERDE DI BUSTO GAROLFO

REGOLAMENTO PER LA TUTELA E LO SVILUPPO DEL PATRIMONIO VERDE DI BUSTO GAROLFO COMUNE DI BUSTO GAROLFO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER LA TUTELA E LO SVILUPPO DEL PATRIMONIO VERDE DI BUSTO GAROLFO APPROVATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N. 81 DEL 29.11.05 ART.1 PRINCIPI

Dettagli

Censimento delle alberature poste nel Parco del Bersagliere e nel Parco dei Pinguini nel comune di Cassano d Adda

Censimento delle alberature poste nel Parco del Bersagliere e nel Parco dei Pinguini nel comune di Cassano d Adda Prog. 00 564 10 Comune di Cassano d Adda Censimento delle alberature poste nel Parco del Bersagliere e nel nel comune di Cassano d Adda 7 maggio 2010 da Maggio 10 Dendrotec srl via S.Fruttuoso,2 Tel. 02

Dettagli

2. RILIEVO FLORISTICO-VEGETAZIONALE DELL AREA

2. RILIEVO FLORISTICO-VEGETAZIONALE DELL AREA INDICE DEI CONTENUTI 1. PREMESSA 2 2. RILIEVO FLORISTICO-VEGETAZIONALE DELL AREA 2 3. PROPOSTE DI INTERVENTO 6 DOCUMENTAZIONE FOTOGRAFICA 9 1 1. PREMESSA Come indicato nell Allegato A Relazione tecnica

Dettagli

di vegetazione arricchisce esteticamente lo spazio urbano e migliora la qualità della vita. In ambiente urbano gli alberi affrontano

di vegetazione arricchisce esteticamente lo spazio urbano e migliora la qualità della vita. In ambiente urbano gli alberi affrontano Ambiente urbano: La conservazione della natura 2.7 La conservazione della natura di aree verdi presenti all interno o ai margini delle città svolge Ilsistema importanti funzioni ambientali, ricreative

Dettagli

Proposta di Riqualificazione dello spazio interno. all Istituto Comprensivo n 1 Ten. Martella

Proposta di Riqualificazione dello spazio interno. all Istituto Comprensivo n 1 Ten. Martella Fabio G. Lettere Agronomo Dottore in Scienze Agrarie Dottore in Scienze dell Ingegneria Agraria Via San Vito n 168 73010 Lequile (Le) rec. tel.: 0832.632013 348.2713287 fabio.lettere@libero.it Proposta

Dettagli

Regione Marche. L.R. 13-3-1985 n. 7 Disposizioni per la salvaguardia della flora marchigiana. Pubblicata nel B.U. Marche 19 marzo 1985, n. 35.

Regione Marche. L.R. 13-3-1985 n. 7 Disposizioni per la salvaguardia della flora marchigiana. Pubblicata nel B.U. Marche 19 marzo 1985, n. 35. Regione Marche L.R. 13-3-1985 n. 7 Disposizioni per la salvaguardia della flora marchigiana. Pubblicata nel B.U. Marche 19 marzo 1985, n. 35. Epigrafe Art. 1 - Specie tutelate. Art. 2 - Abbattimento vietato.

Dettagli

COMUNE DI SAN GIOVANNI IN PERSICETO. Provincia di Bologna REGOLAMENTO COMUNALE DEL VERDE

COMUNE DI SAN GIOVANNI IN PERSICETO. Provincia di Bologna REGOLAMENTO COMUNALE DEL VERDE COMUNE DI SAN GIOVANNI IN PERSICETO Provincia di Bologna REGOLAMENTO COMUNALE DEL VERDE approvato con deliberazione consiliare nr. 88 del 30/10/2012 SOMMARIO Premessa... 1 TITOLO I - NORME GENERALI...

Dettagli

Prontuario per la mitigazione ambientale

Prontuario per la mitigazione ambientale GIANLUCA CARRARO Dottore Agronomo REGIONE VENETO PROVINCIA DI ROVIGO COMUNE DI ROVIGO OGGETTO P.U.A. di Iniziativa privata CORTE BENETTI Intervento di ristrutturazione edilizia con demolizione e ricostruzione

Dettagli

BRUNI DEPURATORI D ACQUA srl Impianti di depurazione acque reflue di scarico civili ed industriali. Elenco di alcune essenze di piante indicate

BRUNI DEPURATORI D ACQUA srl Impianti di depurazione acque reflue di scarico civili ed industriali. Elenco di alcune essenze di piante indicate Elenco di alcune essenze di piante indicate ARBUSTI ERBE E FIORI Piante ACQUATICHE Aucuba Japonica Aruncus Silvester Acorus calamus (ossigenante) Arundo donax (Canna comune o domestica) Astilbe Azolla

Dettagli

INDICE PREMESSA... 1 CAPO 1 - DISPOSIZIONI RELATIVE AL VERDE PUBBLICO E PRIVATO... 2. Art. 1.1 Finalità... 2. Art. 1.2 Ambito di applicazione...

INDICE PREMESSA... 1 CAPO 1 - DISPOSIZIONI RELATIVE AL VERDE PUBBLICO E PRIVATO... 2. Art. 1.1 Finalità... 2. Art. 1.2 Ambito di applicazione... INDICE PREMESSA... 1 CAPO 1 - DISPOSIZIONI RELATIVE AL VERDE PUBBLICO E PRIVATO... 2 Art. 1.1 Finalità... 2 Art. 1.2 Ambito di applicazione... 2 Art. 1.3 Oggetto della salvaguardia... 2 Art. 1.4 Abbattimenti

Dettagli

MANUALE DI INTERVENTO PER GLI INSEDIAMENTI STORICI

MANUALE DI INTERVENTO PER GLI INSEDIAMENTI STORICI PROVINCIA DI TRENTO COMUNE DI VALLARSA MANUALE DI INTERVENTO PER GLI INSEDIAMENTI STORICI REDATTO DA: Melina Benetton COMUNE DI VALLARSA UFFICIO TECNICO Lucca Eccheli Alberto Manica CON LA COLLABORAZIONE

Dettagli

Regione Emilia-Romagna REGOLAMENTO URBANISTICO ELABORATI DI PROGETTO E EDILIZIO. Adozione C.C. n. 3 del 7/01/2004

Regione Emilia-Romagna REGOLAMENTO URBANISTICO ELABORATI DI PROGETTO E EDILIZIO. Adozione C.C. n. 3 del 7/01/2004 Regione Emilia-Romagna Provincia di Piacenza PSC - POC - RUE Comune di Castell'Arquato REGOLAMENTO URBANISTICO ELABORATI DI PROGETTO E EDILIZIO Adozione C.C. n. 3 del 7/01/2004 Approvazione C.C. n. 22

Dettagli

FORESTAZIONE ARBUSTI DI PIANURA SCHEDE DI DIVULGAZIONE

FORESTAZIONE ARBUSTI DI PIANURA SCHEDE DI DIVULGAZIONE FORESTAZIONE ARBUSTI DI PIANURA Gli arbusti comunemente diffusi nelle nostre campagne rivestono un ruolo molto importante per diversi motivi. Ciò che maggiormente colpisce in prima battuta è sicuramente

Dettagli

PRATIUP GROWS. Workshop internazionale 20-24 giugno 2011 Sede della Facoltà di Architettura di Sapienza - Università di Roma Roma, Piazza Borghese 9

PRATIUP GROWS. Workshop internazionale 20-24 giugno 2011 Sede della Facoltà di Architettura di Sapienza - Università di Roma Roma, Piazza Borghese 9 http://pratigrowsup.jimdo.com Workshop internazionale 20-24 giugno 2011 Sede della Facoltà di Architettura di Sapienza - Università di Roma Roma, Piazza Borghese 9 con il patrocinio di: FACOLTÀ DI ARCHITETTURA

Dettagli

Comune di Ferrara Settore OO.PP. Servizio Infrastrutture Unità Operativa Interventi Ordinari Ufficio Verde

Comune di Ferrara Settore OO.PP. Servizio Infrastrutture Unità Operativa Interventi Ordinari Ufficio Verde Comune di Ferrara Settore OO.PP. Servizio Infrastrutture Unità Operativa Interventi Ordinari Ufficio Verde Regolamento del Verde Pubblico e Privato Approvato con Delibera di Consiglio Comunale P.G. 53872

Dettagli

Comune di Forlimpopoli. R.U.E. Regolamento Urbanistico Edilizio

Comune di Forlimpopoli. R.U.E. Regolamento Urbanistico Edilizio Comune di Forlimpopoli R.U.E. Regolamento Urbanistico Edilizio ALLEGATO H DISPOSIZIONI PER IL VERDE SOMMARIO TITOLO I - ASPETTI GENERALI...3 Art.1 premessa... 3 Art. 2 principi... 3 Art. 3 oggetto... 3

Dettagli

AREA VERDE COMPRESA TRA VIA SPALATO, VIA II GIUGNO E SECONDA TRAVERSA, LOCALITA MILANO MARITTIMA RELAZIONE TECNICO-AGRONOMICA STATO DI FATTO

AREA VERDE COMPRESA TRA VIA SPALATO, VIA II GIUGNO E SECONDA TRAVERSA, LOCALITA MILANO MARITTIMA RELAZIONE TECNICO-AGRONOMICA STATO DI FATTO AREA VERDE COMPRESA TRA VIA SPALATO, VIA II GIUGNO E SECONDA TRAVERSA, LOCALITA MILANO MARITTIMA RELAZIONE TECNICO-AGRONOMICA STATO DI FATTO Dott. Agr. Alessandra Bazzocchi L area verde oggetto di studio,

Dettagli

PERCHé LE PIANTE SONO UTILI NELLA STABILIZZAZIONE DEI VERSANTI?

PERCHé LE PIANTE SONO UTILI NELLA STABILIZZAZIONE DEI VERSANTI? Capitolo 2 PERCHé LE PIANTE SONO UTILI NELLA STABILIZZAZIONE DEI VERSANTI? Le piante possiedono proprietà tecniche e biologiche che, insieme, costituiscono le proprietà biotecniche. Le proprietà tecniche

Dettagli

XfrogPlants Mediterranean Library

XfrogPlants Mediterranean Library XfrogPlants Mediterranean Library XfrogPlants MEDITERRANEAN Contents : 60 3D Models in each of XFR, Maya, 3ds Max, Vue, Lightwave, Cinema 4D,.OBJ and.3ds formats ALL formats are included - the DVD contains

Dettagli

COMUNE DI MOLINELLA REGOLAMENTO DEL VERDE PUBBLICO E PRIVATO. Il consulente per l Ufficio Ambiente Dott. Agr. Roberta Bonora

COMUNE DI MOLINELLA REGOLAMENTO DEL VERDE PUBBLICO E PRIVATO. Il consulente per l Ufficio Ambiente Dott. Agr. Roberta Bonora COMUNE DI MOLINELLA REGOLAMENTO DEL VERDE PUBBLICO E PRIVATO Il consulente per l Ufficio Ambiente Dott. Agr. Roberta Bonora Approvato con deliberazione di C.C. n. 117 del 21/10/2002 INDICE CAPITOLO I Premessa

Dettagli

CITTA DI GRANAROLO DELL EMILIA Pr ovincia di Bologna

CITTA DI GRANAROLO DELL EMILIA Pr ovincia di Bologna TT 180 SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (SCIA) INTERVENTI SU ALBERATURE PRESENTI SUL TERRITORIO COMUNALE Il/La.sottoscritto/a....... nato/a a... prov...... il...... residente in... c.a.p.....

Dettagli

COMUNE DI CASTELNUOVO RANGONE PROVINCIA DI MODENA REGOLAMENTO COMUNALE DEL VERDE. A cura del IV Settore Lavori Pubblici

COMUNE DI CASTELNUOVO RANGONE PROVINCIA DI MODENA REGOLAMENTO COMUNALE DEL VERDE. A cura del IV Settore Lavori Pubblici COMUNE DI CASTELNUOVO RANGONE PROVINCIA DI MODENA REGOLAMENTO COMUNALE DEL VERDE A cura del IV Settore Lavori Pubblici Approvato con delibera di Consiglio Comunale n 96 del 22 dicembre1997 ed integrato

Dettagli

CONCORSO DI IDEE PER LA RIQUALIFICAZIONE DI PIAZZA CARMELITANI IN TORREPADULI PIXEL RELAZIONE ECONOMICA

CONCORSO DI IDEE PER LA RIQUALIFICAZIONE DI PIAZZA CARMELITANI IN TORREPADULI PIXEL RELAZIONE ECONOMICA RELAZIONE ECONOMICA 1 CODICE DESCRIZIONE UNITA DI MISURA PREZZO UNITARIO DIMENSIONI STIMA COSTO INFRASTRUTTURE Inf 01 Inf 01.03 OPERE STRADALI Preparazione e bonifica del piano di posa dei rilevati o della

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA

RELAZIONE ILLUSTRATIVA PROVINCIA DI TORINO CITTA DI CIRIE Concorso trettari RELAZIONE ILLUSTRATIVA 90888452 Missione: ELIMINARE LE INTERFERENZE TRA PEDONE E AUTOMOBILE MEDIANTE LA COSTRUZIONE DI OPERE A COSTO ZERO PER LA CITTA

Dettagli

C O M U N E D I C E R V I A

C O M U N E D I C E R V I A C O M U N E D I C E R V I A RIQUALIFICAZIONE FASCIA RETROSTANTE GLI STABILIMENTI BALNEARI I STRALCIO DA VIA TOTI A VIALE FORLÌ II STRALCIO DA VIALE FORLÌ A XII TRAVERSA RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA DEL

Dettagli

N ATURA DAL PASSATO: LEGNI E SEMI NEOLITICI

N ATURA DAL PASSATO: LEGNI E SEMI NEOLITICI L Isolino Virginia si trova a pochi metri dalla riva occidentale del Lago di Varese, nel Comune di Biandronno. Dal 1962, in seguito alla donazione del Marchese Gianfelice Ponti, è proprietà del Comune

Dettagli

COMUNE DI ARGENTA REGOLAMENTO COMUNALE DEL VERDE PUBBLICO E PRIVATO

COMUNE DI ARGENTA REGOLAMENTO COMUNALE DEL VERDE PUBBLICO E PRIVATO COMUNE DI ARGENTA PROVINCIA DI FERRARA REGOLAMENTO COMUNALE DEL VERDE PUBBLICO E PRIVATO Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 72 del 26/10/2006 INDICE TITOLO I... 3 DISPOSIZIONI INTRODUTTIVE...

Dettagli

Azienda Agricola Francesco da Schio Via Casalini, 20 Cambio 45010 Villadose (Rovigo)

Azienda Agricola Francesco da Schio Via Casalini, 20 Cambio 45010 Villadose (Rovigo) EVENTO SULL'AGROFORESTAZIONE (AGROFORESTRY) A EXPO 2015 SABATO 12 SETTEMBRE 2015, (EU PAVILION), MILANO. Azienda Agricola Francesco da Schio Via Casalini, 20 Cambio 45010 Villadose (Rovigo) EVENTO SULL'AGROFORESTAZIONE

Dettagli

FORESTAZIONE I FRASSINI SCHEDE DI DIVULGAZIONE

FORESTAZIONE I FRASSINI SCHEDE DI DIVULGAZIONE FORESTAZIONE I FRASSINI Il genere Fraxinus, appartenente alla famiglia delle Oleaceae, è costituito da una sessantina di specie arboree (raramente arbustive) distribuite soprattutto nelle regioni temperate

Dettagli

Area 3 Il Giardino Roccioso

Area 3 Il Giardino Roccioso Area 3 Il Giardino Roccioso Acero palmato (Acer palmatum; Aceracee) Originario dell Estremo Oriente (Giappone, Corea e Cina) dov è chiamato anche Momiji, in Italia è spesso conosciuto come Acero giapponese.

Dettagli

REGOLAMENTO D'USO BOZZA

REGOLAMENTO D'USO BOZZA REGOLAMENTO D'USO PREMESSA Il presente regolamento ha lo scopo di tutelare la qualità estetica e biologica delle aree del parco in rapporto all'uso sociale proprio di ciascuna di esse, in modo che la loro

Dettagli

Le varietà forestali dell arco prealpino. BANDO CARIPLO Scuola 21 Fase 1 U.A. N 3 L ecosistema del bosco Classe II A.S. 2013/2014

Le varietà forestali dell arco prealpino. BANDO CARIPLO Scuola 21 Fase 1 U.A. N 3 L ecosistema del bosco Classe II A.S. 2013/2014 Le varietà forestali dell arco prealpino BANDO CARIPLO Scuola 21 Fase 1 U.A. N 3 L ecosistema del bosco Classe II A.S. 2013/2014 Nello studio delle varietà vegetali tipiche di una determinata area geografica

Dettagli