Che cosa cambia e perché

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Che cosa cambia e perché"

Transcript

1 Che cosa cambia e perché 1

2 La fine dell immobilismo Stop al bicameralismo paritario Procedure più snelle e veloci per fare le leggi Meno decreti legge disegni di legge con voto a data certa Il presidente della Repubblica e la Corte costituzionale Più garanzie e più bilanciamento dei poteri Basta conflitti fra Stato e Regioni, chi fa cosa

3 Stop al bicameralismo paritario La Camera dei deputati Solo la Camera dei deputati vota la fiducia al Governo come unica sede della sovranità popolare; di conseguenza essa è l attore principale del processo legislativo, esercita la funzione di indirizzo politico e quella di controllo dell operato del Governo, come in tutte le grandi democrazie europee. I deputati restano 630 La Camera dei Comuni inglese ne ha 650 Il Bundestag tedesco 630 L Assemblea Nazionale francese 577

4 Stop al bicameralismo paritario Il Senato della Repubblica I senatori passano da 315 a 100 Il Senato rappresenta le istituzioni territoriali ed esercita la funzione di raccordo tra queste e lo Stato per evitare i conflitti di competenza. Concorre inoltre alla funzione di raccordo con l Unione europea, verifica l impatto delle politiche della Ue sui territori, valuta le politiche pubbliche e l attività delle pubbliche amministrazioni, concorre ad esprimere pareri sulle nomine di competenza del Governo e a verificare l attuazione delle leggi dello Stato. 100 senatori: 5 nominati dal presidente della Repubblica, 21 sindaci (uno per Regione o Provincia autonoma), 74 consiglieri regionali eletti dalle relative assemblee in conformità al risultato delle elezioni e con proporzione rispetto alla popolazione (minimo 2). Niente indennità per i senatori, solo quella di consigliere regionale o sindaco.

5 Procedure più snelle e veloci per fare le leggi Le leggi ordinarie sono approvate dalla Camera; il Senato può esaminarle se entro 10 giorni lo chiede un terzo dei suoi membri e ha 30 giorni per proporre modifiche sulle quali deciderà la Camera. Il Senato esamina la legge di stabilità senza necessità di richiesta. Sono invece soggette a procedimento bicamerale paritario le leggi costituzionali e una serie (ben individuata) di altre leggi riguardanti le regole. Se a questo leggi già approvate dalla Camera il Senato propone modifiche con la maggioranza assoluta dei suoi componenti, la Camera può non conformarsi ad esse solo pronunciandosi nella votazione finale a maggioranza assoluta.

6 Meno decreti legge Decreti-legge solo per misure di immediata applicazione e di contenuto specifico, omogeneo e corrispondente al titolo. Sono vietati i decreti-legge: in materia costituzionale ed elettorale (salvo l organizzazione del procedimento elettorale); recanti delegazione legislativa, di autorizzazione alla ratifica di trattati internazionali; di approvazione di bilanci e consuntivi; che reiterano disposizioni adottati con decreti non convertiti; che ripristinano l efficacia di norme dichiarate illegittime dalla Corte costituzionale. Nell iter parlamentare non possono essere approvate disposizioni estranee all oggetto e alla finalità del decreto. Se il presidente della Repubblica chiede una nuova deliberazione con messaggio motivato alle Camere, il termine per la conversione in legge è differito di 30 giorni.

7 Disegni di legge con corsia preferenziale e voto a data certa Per i disegni di legge essenziali per l attuazione del programma di governo è prevista una corsia preferenziale con voto a data certa. Per essi, infatti, il Governo può chiedere alla Camera di deliberare che siano iscritti con priorità all ordine del giorno e siano sottoposti alla pronuncia in via definitiva della Camera entro il termine di 70 giorni dalla deliberazione, termine che può essere differito di 15 giorni in relazione alla complessità del disegno di legge.

8 Il presidente della Repubblica Il presidente della Repubblica è eletto dal Parlamento in seduta comune (630 deputati e 100 senatori). L elezione ha luogo per scrutinio segreto a maggioranza dei due terzi dell assemblea per i primi tre scrutini, con quella dei tre quinti dell assemblea dal quarto scrutinio, con quella dei tre quinti dei votanti dal settimo scrutinio. Il quorum è elevato, oltre i numeri della maggioranza di governo, e consente quindi l elezione di un presidente di garanzia.

9 La Corte costituzionale I 15 giudici della Corte costituzionale sono nominati: 5 dal Presidente della Repubblica 5 dalle supreme magistrature 3 dalla Camera dei deputati 2 dal Senato della Repubblica con gli stessi quorum elevati previsti dalle vigenti norme costituzionali.

10 Più garanzie e bilanciamento dei poteri Garanzie e limiti al potere del Governo sono già ampiamente presenti nel nostro sistema Presidente della Repubblica Corte costituzionale Consiglio superiore della magistratura Tutti eletti con quorum che sfuggono alla maggioranza di governo C è una magistratura inquirente del tutto autonoma dal governo, differentemente da altri Paesi C è una separazione verticale dei poteri, dall Unione europea alle Regioni C è il referendum abrogativo Viene riconosciuto un ruolo all opposizione

11 Più garanzie e bilanciamento dei poteri La riforma accresce il sistema delle garanzie: i diritti delle minoranze parlamentari e lo Statuto delle opposizioni devono essere garantititi e disciplinati dai regolamenti delle Camere (art. 64) le proposte di legge di iniziativa popolare devono essere sottoscritte da 150mila elettori ma non potranno più rimanere nei cassetti delle Camere; i regolamenti parlamentari devono garantirne la discussione e la deliberazione conclusiva; sono previsti anche referendum propositivi e di indirizzo e altre forme di consultazione, anche delle formazioni sociali (art. 71); le leggi elettorali di Camera e Senato potranno essere sottoposte al ricorso preventivo di legittimità costituzionale su richiesta di un quarto dei componenti della Camera o di un terzo dei componenti del Senato (art. 73 e disposizioni transitorie); il quorum di validità del referendum abrogativo richiesto da 800mila elettori viene ridotto alla maggioranza dei votanti alle ultime elezioni della Camera, rimane invece quello della maggioranza degli aventi diritto per le richieste sottoscritte da 500mila elettori (art. 75).

12 Basta conflitti fra Stato e Regioni Ecco che cosa fa lo Stato Sono riportate alla competenza esclusiva dello Stato le seguenti materie: produzione, trasporto e distribuzione nazionale dell energia; grandi reti di trasporto e navigazione di interesse nazionale, porti e aeroporti di interesse nazionale e internazionale; coordinamento della finanza pubblica e del sistema tributario; tutela e sicurezza del lavoro; ordinamento scolastico e istruzione universitaria; programmazione della scientifica e tecnologica; commercio con l estero; previdenza complementare e integrativa; ordinamento delle professioni; ordinamento sportivo; ordinamento della comunicazione; sistema nazionale e coordinamento della protezione civile; tutela e valorizzazione dei beni culturali e paesaggistici; disposizioni generali e comuni per la tutela della salute e la sicurezza alimentare; disposizioni generali e comuni sull istruzione e la formazione professionale; disposizioni generali e comuni sulle attività culturali.

13 Basta conflitti fra Stato e Regioni Ecco che cosa fanno le Regioni Spetta alle Regioni ogni alta materia non riservata allo Stato e in particolare: promozione dello sviluppo economico locale, organizzazione regionale dei servizi alle imprese; pianificazione del territorio regionale, mobilità al suo interno e dotazione infrastrutturale; servizi scolastici, promozione del diritto allo studio, organizzazione della formazione professionale; programmazione e organizzazione dei servizi sanitari e sociali; rappresentanza delle minoranze linguistiche; disciplina regionale per i beni ambientali, culturali e paesaggistici e delle attività culturali; regolazione in ambito regionale delle relazioni finanziarie tra enti territoriali ai fini del rispetto degli obiettivi di finanza pubblica. Forme e condizioni particolari di autonomia su materie di competenza statale possono essere attribuite per legge alle Regioni purché la Regione interessata sia in equilibrio di bilancio. Su proposta del Governo, la legge dello Stato può intervenire in materie su cui non ha l esclusiva quando lo richieda la tutela dell unità giudica o economica della Repubblica, o dell interesse nazionale (clausola di supremazia).

IL DISEGNO DI LEGGE DI RIFORMA DELLA PARTE SECONDA DELLA COSTITUZIONE

IL DISEGNO DI LEGGE DI RIFORMA DELLA PARTE SECONDA DELLA COSTITUZIONE IL DISEGNO DI LEGGE DI RIFORMA DELLA PARTE SECONDA DELLA COSTITUZIONE APPROVATO IN SEDE REFERENTE DALLA 1 a COMMISSIONE DEL SENATO NELLA SEDUTA DEL 10 LUGLIO 2014 WWW.RIFORMECOSTITUZIONALI.GOV.IT ELEMENTI

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE COSTITUZIONALE

DISEGNO DI LEGGE COSTITUZIONALE Senato della Repubblica XVII LEGISLATURA N. 2115 DISEGNO DI LEGGE COSTITUZIONALE d iniziativa del senatore QUAGLIARIELLO COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 27 OTTOBRE 2015 Modifiche all articolo 83 della Costituzione

Dettagli

Bozza 006 13-09-11 risultato da riunione skype Legge di iniziativa popolare per togliere il quorum e migliorare gli strumenti di democrazia diretta

Bozza 006 13-09-11 risultato da riunione skype Legge di iniziativa popolare per togliere il quorum e migliorare gli strumenti di democrazia diretta Bozza 006 13-09-11 risultato da riunione skype Legge di iniziativa popolare per togliere il quorum e migliorare gli strumenti di democrazia diretta Obiettivi votati assieme incontro a Bolzano 5-09-11 1)Livello

Dettagli

Audizione del professor Luciano Violante.

Audizione del professor Luciano Violante. 1ª COMMISSIONE PERMANENTE (Affari costituzionali, affari della Presidenza del Consiglio e dell interno, ordinamento generale dello Stato e della Pubblica amministrazione) INDAGINE CONOSCITIVA PER L'ISTRUTTORIA

Dettagli

PROCEDIMENTO DI RICHIESTA DI REFERENDUM POPOLARE EX ARTICOLO 75 DELLA COSTITUZIONE

PROCEDIMENTO DI RICHIESTA DI REFERENDUM POPOLARE EX ARTICOLO 75 DELLA COSTITUZIONE CONSIGLIO REGIONALE DELLA LIGURIA SETTORE ASSEMBLEA E LEGISLATIVO DOSSIER DI STUDIO N. 19 PROCEDIMENTO DI RICHIESTA DI REFERENDUM POPOLARE EX ARTICOLO 75 DELLA COSTITUZIONE VIII LEGISLATURA Febbraio 2006

Dettagli

PROGRAMMA DETTAGLIATO SVOLTO NELLA CLASSE SECONDA SUB MATERIA: DIRITTO ED ECONOMIA ANNO SCOLASTICO 2013/14 DIRITTO

PROGRAMMA DETTAGLIATO SVOLTO NELLA CLASSE SECONDA SUB MATERIA: DIRITTO ED ECONOMIA ANNO SCOLASTICO 2013/14 DIRITTO ISTITUTO COLOMBINI DI PIACENZA PROGRAMMA DETTAGLIATO SVOLTO NELLA CLASSE SECONDA SUB MATERIA: DIRITTO ED ECONOMIA ANNO SCOLASTICO 2013/14 DIRITTO ORIGINE E STRUTTURA DELLA COSTITUZIONE - La rinascita democratica

Dettagli

PROPOSTE DI REVISIONE COSTITUZIONALE DEL SENATO PRIMA DELLA XVI LEGISLATURA

PROPOSTE DI REVISIONE COSTITUZIONALE DEL SENATO PRIMA DELLA XVI LEGISLATURA PROPOSTE DI REVISIONE COSTITUZIONALE DEL SENATO PRIMA DELLA XVI LEGISLATURA PROPOSTE DI REVISIONE COSTITUZIONALE DEL SENATO PRIMA DELLA XVI LEGISLATURA Nel presente dossier si confrontano i testi delle

Dettagli

Costituzione della Repubblica Italiana

Costituzione della Repubblica Italiana Artt. 123, 127, 134, 135, 136, 137 della Costituzione Costituzione della Repubblica Italiana (Gazzetta Ufficiale 27 dicembre 1947, n. 298) [ ] TITOLO V LE REGIONI, LE PROVINCIE, I COMUNI Art. 123 Ciascuna

Dettagli

Capitolo V IL CORPO ELETTORALE

Capitolo V IL CORPO ELETTORALE Capitolo V IL CORPO ELETTORALE 1 1. POPOLO, CORPO ELETTORALE, NAZIONE, POPOLAZIONE Popolo Corpo elettorale Nazione Popolazione Insieme di tutti i cittadini Titolare della sovranità Insieme dei soggetti

Dettagli

COMUNE DI MENAGGIO Provincia di Como

COMUNE DI MENAGGIO Provincia di Como COMUNE DI MENAGGIO Provincia di Como ASSESSORATO ALLE POLITICHE GIOVANILI ASSESSORATO ALLA PARTECIPAZIONE STATUTO DELLA CONSULTA COMUNALE DEI GIOVANI CAPO I - NORME ISTITUTIVE E ATTRIBUZIONI Art. 1 - Istituzione...

Dettagli

del Senato Le funzioni

del Senato Le funzioni LA FUNZIONE LEGISLATIVA IL PROCEDIMENTO DI FORMAZIONE DELLE LEGGI ORDINARIE IL PROCEDIMENTO DI FORMAZIONE DELLE LEGGI COSTITUZIONALI LA FUNZIONE DI INDIRIZZO POLITICO LA FUNZIONE DI CONTROLLO POLITICO

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato LAURICELLA. Disposizioni in materia di elezione della Camera dei deputati

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato LAURICELLA. Disposizioni in materia di elezione della Camera dei deputati Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati XVII LEGISLATURA DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI DOCUMENTI CAMERA DEI DEPUTATI N. 3385 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato LAURICELLA Disposizioni in materia

Dettagli

Costituzione della Federazione di Russia (1993)

Costituzione della Federazione di Russia (1993) Costituzione della Federazione di Russia (1993) La Perestrojka Con l'avvento di Gorbaciov al potere, come Segretario generale del PCUS nel marzo 1985, la nuova dirigenza sovietica cercò di modernizzare

Dettagli

CLASSE QUINTA PROGRAMMAZIONE DI DIRITTO PUBBLICO. La Costituzione: nascita, caratteri, struttura. La nascita della Costituzione.

CLASSE QUINTA PROGRAMMAZIONE DI DIRITTO PUBBLICO. La Costituzione: nascita, caratteri, struttura. La nascita della Costituzione. CLASSE QUINTA PROGRAMMAZIONE DI DIRITTO PUBBLICO. La Costituzione: nascita, caratteri, struttura. La nascita della Costituzione. La struttura della Costituzione. I principi fondamentali della Costituzione.

Dettagli

RIFORME DI SISTEMA PER LA RIDUZIONE DEI COSTI IMPROPRI DELLA POLITICA, DELLE ISTITUZIONI, DELLE AMMINISTRAZIONI

RIFORME DI SISTEMA PER LA RIDUZIONE DEI COSTI IMPROPRI DELLA POLITICA, DELLE ISTITUZIONI, DELLE AMMINISTRAZIONI Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori RIFORME DI SISTEMA PER LA RIDUZIONE DEI COSTI IMPROPRI DELLA POLITICA, DELLE ISTITUZIONI, DELLE AMMINISTRAZIONI Il tema della riduzione dei costi della politica,

Dettagli

Regolamento della Consulta degli Studenti

Regolamento della Consulta degli Studenti Regolamento della Consulta degli Studenti TITOLO I Definizioni Art. 1 Natura, Composizione, Funzioni. 1. La Consulta degli Studenti, di seguito denominata Consulta, è l organo elettivo di rappresentanza

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO DI ISTITUTO LICEO SCIENTIFICO E. FERMI - COSENZA

REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO DI ISTITUTO LICEO SCIENTIFICO E. FERMI - COSENZA REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO DI ISTITUTO LICEO SCIENTIFICO E. FERMI - COSENZA Premessa: Il Consiglio d Istituto trova la sua definizione normativa nel Testo Unico delle disposizioni vigenti in materia d Istruzione

Dettagli

Consultazione how-to. Guida alla consultazione pubblica sulle Riforme Costituzionali

Consultazione how-to. Guida alla consultazione pubblica sulle Riforme Costituzionali Consultazione how-to Guida alla consultazione pubblica sulle Riforme Costituzionali 1 2 3 4 5 Autonomie Territoriali Forma di Governo e Parlamento Parlamentarismo o Presidenzialismo? Secondo te, l attuale

Dettagli

STATUTO DELLA CONSULTA GIOVANILE COMUNALE

STATUTO DELLA CONSULTA GIOVANILE COMUNALE STATUTO DELLA CONSULTA GIOVANILE COMUNALE Approvato con deliberazione C.C. n. 11 del 24 febbraio 2005 e modificato con deliberazione C.C. n. 55 del 20 dicembre 2006 STATUTO DELLA CONSULTA GIOVANILE DEL

Dettagli

Legge 22 maggio 1971, n. 340 STATUTO DELLA REGIONE VENETO (1)

Legge 22 maggio 1971, n. 340 STATUTO DELLA REGIONE VENETO (1) Legge 22 maggio 1971, n. 340 STATUTO DELLA REGIONE VENETO (1) Titolo I Principi fondamentali Articolo 1 Il Veneto è Regione autonoma, nell' unità della Repubblica italiana, secondo i principi e nei limiti

Dettagli

CONCORSO AGENTE DI POLIZIA PENITENZIARIA. Domande e risposte di EDUCAZIONE CIVICA per la prova scritta. www.poliziapenitenziaria.

CONCORSO AGENTE DI POLIZIA PENITENZIARIA. Domande e risposte di EDUCAZIONE CIVICA per la prova scritta. www.poliziapenitenziaria. . CONCORSO AGENTE DI POLIZIA PENITENZIARIA Domande e risposte di EDUCAZIONE CIVICA per la prova scritta www.poliziapenitenziaria.it www.sappe.it Domande La Costituzione italiana è entrata in vigore: il

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ELEZIONE DELLE CARICHE ASSOCIATIVE DELL ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE FONDAZIONE TARAS 706 A.C.

REGOLAMENTO PER L ELEZIONE DELLE CARICHE ASSOCIATIVE DELL ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE FONDAZIONE TARAS 706 A.C. REGOLAMENTO PER L ELEZIONE DELLE CARICHE ASSOCIATIVE DELL ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE FONDAZIONE TARAS 706 A.C. Art. 1 Indizione delle elezioni 1. Il Consiglio Direttivo convoca l Assemblea degli

Dettagli

RIFORMA COSTITUZIONALE. Testo a fronte tra Costituzione vigente e riforma approvata dal Senato in prima lettura

RIFORMA COSTITUZIONALE. Testo a fronte tra Costituzione vigente e riforma approvata dal Senato in prima lettura RIFORMA COSTITUZIONALE Testo a fronte tra Costituzione vigente e riforma approvata dal Senato in prima lettura AVVERTENZE Il provvedimento di riforma costituzionale (approvato in prima lettura dal Senato

Dettagli

FORUM COMUNALE DEI GIOVANI E DELLE AGGREGAZIONI GIOVANILI

FORUM COMUNALE DEI GIOVANI E DELLE AGGREGAZIONI GIOVANILI FORUM COMUNALE DEI GIOVANI E DELLE AGGREGAZIONI GIOVANILI REGOLAMENTO Regolamento Forum dei Giovani Pag. 1 di 8 ART.1 Istituzione Il Consiglio Comunale della Città di Pollena Trocchia riconosciuto: l importanza

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA N. 448 DISEGNO DI LEGGE COSTITUZIONALE d'iniziativa del senatore DANIELI Paolo COMUNICATO ALLA PRESIDENZA L'11 LUGLIO 2001 Modifica dell'articolo 116 della Costituzione

Dettagli

COMUNE DI MONTAZZOLI Provincia di Chieti REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI

COMUNE DI MONTAZZOLI Provincia di Chieti REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI COMUNE DI MONTAZZOLI Provincia di Chieti REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI Approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione n 17 del 30 marzo 2007 NORME

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA ELEZIONE R.S.U./R.L.S. Gruppo A2A

REGOLAMENTO PER LA ELEZIONE R.S.U./R.L.S. Gruppo A2A REGOLAMENTO PER LA ELEZIONE R.S.U./R.L.S. Gruppo A2A Premessa Il presente regolamento è riferito alle elezioni RSU/RLS del Gruppo A2A (perimetro ex-aem) sulla base delle previsioni dell accordo sottoscritto

Dettagli

COMUNE DI ALA. Provincia di Trento REGOLAMENTO DELLE CONSULTE FRAZIONALI, RIONALI E DEI GIOVANI.

COMUNE DI ALA. Provincia di Trento REGOLAMENTO DELLE CONSULTE FRAZIONALI, RIONALI E DEI GIOVANI. COMUNE DI ALA Provincia di Trento REGOLAMENTO DELLE CONSULTE FRAZIONALI, RIONALI E DEI GIOVANI. 1 CAPO I PRINCIPI GENERALI Art. 1 Finalità e contenuti 1. Questo regolamento stabilisce le modalità per l

Dettagli

COMUNE DI CASARANO Provincia di Lecce REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL. CONSIGLIO COMUNALE dei RAGAZZI e delle RAGAZZE

COMUNE DI CASARANO Provincia di Lecce REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL. CONSIGLIO COMUNALE dei RAGAZZI e delle RAGAZZE COMUNE DI CASARANO Provincia di Lecce REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE dei RAGAZZI e delle RAGAZZE Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 2 del 23.01.2015 Art. 1 ISTITUZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO ASSOCIAZIONE NON PROFIT NETWORK

REGOLAMENTO ASSOCIAZIONE NON PROFIT NETWORK REGOLAMENTO ASSOCIAZIONE NON PROFIT NETWORK Articolo 1: FINALITA E ATTIVITA Relativamente alla sua attività di ente gestore del Centro Servizi Volontariato della provincia di Trento, ex art. 15 legge 266/91

Dettagli

C I T T À D I S U R B O Provincia di Lecce ~~~~~~o~~~~~~

C I T T À D I S U R B O Provincia di Lecce ~~~~~~o~~~~~~ C I T T À D I S U R B O Provincia di Lecce ~~~~~~o~~~~~~ Settore Servizi Amministrativi REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI E DELLE RAGAZZE Approvato con deliberazione del

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE COSTITUZIONALE

DISEGNO DI LEGGE COSTITUZIONALE DISEGNO DI LEGGE COSTITUZIONALE d'iniziativa dei senatori Chiti, Albano, Amati, Broglia, Capacchione, Casson, Corsini, Cucca, D'Adda, Dirindin, Gatti, Giacobbe, Lo Giudice, Micheloni, Mineo, Mucchetti,

Dettagli

Regolamento Consiglio Comunale dei Ragazzi e delle Ragazze

Regolamento Consiglio Comunale dei Ragazzi e delle Ragazze ASSESSORATO alle POLITICHE SCOLASTICHE, FORMATIVE ED EDUCATIVE. EDILIZIA SCOLASTICA Regolamento Consiglio Comunale dei Ragazzi e delle Ragazze Assessore proponente dott. Sabato Simonetti Aprile 2009 Regolamento

Dettagli

STATUTO DELLA CAMERA DI E DELL INDUSTRIA ITALIANA IN POLONIA

STATUTO DELLA CAMERA DI E DELL INDUSTRIA ITALIANA IN POLONIA STATUTO DELLA CAMERA DI COMMERCIO E DELL INDUSTRIA ITALIANA IN POLONIA In vigore dopo le modifiche approvate il 12 marzo 2015 Testo Unico Assemblea di Costituzione, 4 dicembre 1996, Varsavia Art. 1 Nome

Dettagli

PROGETTO IPALMO - ALBANIA MATERIALE PER LA FORMAZIONE SULLA STRUTTURA

PROGETTO IPALMO - ALBANIA MATERIALE PER LA FORMAZIONE SULLA STRUTTURA PROGETTO IPALMO - ALBANIA MATERIALE PER LA FORMAZIONE SULLA STRUTTURA E SULLE FUNZIONI DEL PARLAMENTO I - INFORMAZIONI GENERALI Popolazione 3.581.685 (luglio 2006) Composizione etnico-linguistica albanesi

Dettagli

Giammo Helps You! Il Portale Gratuito di sopravvivenza universitaria ;) www.giammohelpsyou.com BELGIO

Giammo Helps You! Il Portale Gratuito di sopravvivenza universitaria ;) www.giammohelpsyou.com BELGIO BELGIO Il Belgio è uno Stato federale membro dell'unione europea situato nell'europa occidentale. Situato al confine tra l'europa germanofona e l'area linguistica e culturale romanza, il Belgio è diviso

Dettagli

Capitolo 7 L attività sindacale nei luoghi di lavoro: rappresentanze e diritti sindacali

Capitolo 7 L attività sindacale nei luoghi di lavoro: rappresentanze e diritti sindacali Edizioni Simone - Vol. 10 Compendio di Diritto Sindacale Capitolo 7 L attività sindacale nei luoghi di lavoro: rappresentanze e diritti sindacali Sommario 1. Generalità. - 2. Le rappresentanze sindacali

Dettagli

COMUNE DI PASIAN DI PRATO Provincia di Udine

COMUNE DI PASIAN DI PRATO Provincia di Udine COMUNE DI PASIAN DI PRATO Provincia di Udine REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DEL COMUNE DI PASIAN DI PRATO (Approvato con delibera C.C. n. 90 del 29.11.2003, modificato con

Dettagli

REGOLAMENTO DEL DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E MANAGEMENT

REGOLAMENTO DEL DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E MANAGEMENT REGOLAMENTO DEL DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E MANAGEMENT INDICE Titolo I - Premessa... 2 Art. 1 Finalità... 2 Art. 2 Ambito di applicazione... 2 Art. 3 Definizioni... 2 Titolo II Organi del dipartimento e

Dettagli

La riforma del Senato della Repubblica

La riforma del Senato della Repubblica OSSERVATORIO COSTITUZIONALE aprile 2014 La riforma del Senato della Repubblica di Piermassimo Chirulli - Assegnista di ricerca in diritto costituzionale nell Università della Tuscia. SOMMARIO 1.- Premessa

Dettagli

(Approvato con atto del 12 ottobre 2001 e modificato dall Assemblea dei soci in data 1 ottobre 2010 e 14 dicembre 2015)

(Approvato con atto del 12 ottobre 2001 e modificato dall Assemblea dei soci in data 1 ottobre 2010 e 14 dicembre 2015) ASSOCIAZIONE CULTURALE AMICI DEL MACHIAVELLI STATUTO SOCIALE (Approvato con atto del 12 ottobre 2001 e modificato dall Assemblea dei soci in data 1 ottobre 2010 e 14 dicembre 2015) Articolo 1. Finalità

Dettagli

CITTÀ DI FOLIGNO. Regolamento consulta comunale delle associazioni di volontariato di protezione civile

CITTÀ DI FOLIGNO. Regolamento consulta comunale delle associazioni di volontariato di protezione civile CITTÀ DI FOLIGNO Regolamento consulta comunale delle associazioni di volontariato di protezione civile Approvato con D.C.C. n. 32 del 24/04/2008 Modificato con D.C.C. n. 9 del 14/04/2011 Art. 1 - Istituzione

Dettagli

La Riforma del Senato e del regionalismo Note e suggerimenti a cura di Nens

La Riforma del Senato e del regionalismo Note e suggerimenti a cura di Nens La Riforma del Senato e del regionalismo Note e suggerimenti a cura di Nens Con la presentazione del disegno di legge costituzionale per la riforma del Senato e del Titolo V della Costituzione, il Governo

Dettagli

COMUNE DI LEVERANO Provincia di Lecce REGOLAMENTO FORUM DEI GIOVANI. Art. 1 Istituzione

COMUNE DI LEVERANO Provincia di Lecce REGOLAMENTO FORUM DEI GIOVANI. Art. 1 Istituzione COMUNE DI LEVERANO Provincia di Lecce REGOLAMENTO FORUM DEI GIOVANI Art. 1 Istituzione Il Forum giovanile, previsto dall art. 15 bis dello Statuto comunale, è strumento di autorappresentanza e di partecipazione

Dettagli

GLI ISTITUTI DELLA PARTECIPAZIONE POPOLARE COME UTILIZZARLI

GLI ISTITUTI DELLA PARTECIPAZIONE POPOLARE COME UTILIZZARLI GLI ISTITUTI DELLA PARTECIPAZIONE POPOLARE COME UTILIZZARLI OTTOBRE 2007 Direzione Segreteria dell Assemblea regionale Direttore: Adriana GARABELLO Settore Affari Istituzionali e Supporto giuridico legale

Dettagli

modificazioni, concernenti il quadro complessivo delle Unità operative e degli incarichi di coordinamento di livello equiparato (secondo quanto

modificazioni, concernenti il quadro complessivo delle Unità operative e degli incarichi di coordinamento di livello equiparato (secondo quanto Avvertenza La presente pubblicazione illustra l organizzazione interna dell Amministrazione della Camera dei deputati, tenendo conto degli interventi di riforma realizzati nel corso del 2000 e dei conseguenti

Dettagli

La riforma del Senato non è perfetta, ma serve rottura

La riforma del Senato non è perfetta, ma serve rottura Published on Linkiesta.it (http://www.linkiesta.it) Home > La riforma del Senato non è perfetta, ma serve rottura 6/04/2014 Oltre le critiche La riforma del Senato non è perfetta, ma serve rottura Cambiare

Dettagli

Regolamento della Consulta Comunale degli Studenti universitari del Comune di Bari

Regolamento della Consulta Comunale degli Studenti universitari del Comune di Bari Regolamento della Consulta Comunale degli Studenti universitari del Comune di Bari Art. 1 Istituzione 1. Il Comune di Bari istituisce la Consulta comunale degli Studenti Universitari della Città di Bari,

Dettagli

S E N A T O D E L L A R E P U B B L I C A

S E N A T O D E L L A R E P U B B L I C A S E N A T O D E L L A R E P U B B L I C A X I I I L E G I S L A T U R A 8 a COMMISSIONE PERMANENTE (Lavori pubblici, comunicazioni) 4 o R e s o c o n t o s t e n o g r a f i c o SEDUTA DI MARTEDÌ 5 NOVEMBRE

Dettagli

L attuazione dell articolo 11 della legge costituzionale n. 3/2001

L attuazione dell articolo 11 della legge costituzionale n. 3/2001 L attuazione dell articolo 11 della legge costituzionale n. 3/2001 di Luigi Gianniti Sommario 1. Cenni introduttivi. 2. Un problema di fonti. 3. Argomenti a favore del ricorso ai regolamenti parlamentari.

Dettagli

Senato della Repubblica XVII Legislatura. Fascicolo Iter DDL S. 527

Senato della Repubblica XVII Legislatura. Fascicolo Iter DDL S. 527 Senato della Repubblica Fascicolo Iter DDL S. 527 Disposizioni per semplificare la sottoscrizione delle liste elettorali, delle candidature e delle richieste di referendum mediante l'impiego della posta

Dettagli

composta dai Magistrati:

composta dai Magistrati: Deliberazione n. 181/2014/PAR SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER L EMILIA-ROMAGNA composta dai Magistrati: dott. Antonio De Salvo dott. Marco Pieroni dott. Massimo Romano dott. Ugo Marchetti dott. Italo

Dettagli

Audizione del professor Lippolis.

Audizione del professor Lippolis. 1ª COMMISSIONE PERMANENTE (Affari costituzionali, affari della Presidenza del Consiglio e dell interno, ordinamento generale dello Stato e della Pubblica amministrazione) INDAGINE CONOSCITIVA PER L'ISTRUTTORIA

Dettagli

BANDO. Elezione del Direttore dell' Accademia di Belle Arti di Bari

BANDO. Elezione del Direttore dell' Accademia di Belle Arti di Bari Prot. n. 1331 Affisso all Albo il 12 giugno 2015 Bari, 12 giugno 2015 BANDO Elezione del Direttore dell' Accademia di Belle Arti di Bari IL DIRETTORE VISTA le legge 21 dicembre 1999, n. 508; VISTO il D.P.R.

Dettagli

REGOLAMENTO PER I CONGRESSI DI CIRCOLO, PER L ELEZIONE DELLE ASSEMBLEE E DEI SEGRETARI PROVINCIALI, DEL SEGRETARIO E DELL ASSEMBLEA NAZIONALE

REGOLAMENTO PER I CONGRESSI DI CIRCOLO, PER L ELEZIONE DELLE ASSEMBLEE E DEI SEGRETARI PROVINCIALI, DEL SEGRETARIO E DELL ASSEMBLEA NAZIONALE REGOLAMENTO PER I CONGRESSI DI CIRCOLO, PER L ELEZIONE DELLE ASSEMBLEE E DEI SEGRETARI PROVINCIALI, DEL SEGRETARIO E DELL ASSEMBLEA NAZIONALE (Approvato dalla Direzione del 7 Ottobre 2013) PREMESSA Il

Dettagli

Capitolo I - Lineamenti di storia costituzionale francese. Dalla fine dell Ancien Régime alla costruzione europea

Capitolo I - Lineamenti di storia costituzionale francese. Dalla fine dell Ancien Régime alla costruzione europea Premessa Capitolo I - Lineamenti di storia costituzionale francese. Dalla fine dell Ancien Régime alla costruzione europea Sezione Prima: L instabilità istituzionale 1. Cinque secoli in cinque anni 2.

Dettagli

IL FINANZIAMENTO DELLA POLITICA IN ITALIA, FRANCIA, GERMANIA, SPAGNA, REGNO UNITO, STATI UNITI

IL FINANZIAMENTO DELLA POLITICA IN ITALIA, FRANCIA, GERMANIA, SPAGNA, REGNO UNITO, STATI UNITI IL FINANZIAMENTO DELLA POLITICA IN ITALIA, FRANCIA, GERMANIA, SPAGNA, REGNO UNITO, STATI UNITI La presente pubblicazione raccoglie schede di sintesi relative a finanziamento della politica nei principali

Dettagli

REGOLAMENTO ELETTORALE

REGOLAMENTO ELETTORALE FONDO PENSIONE AGRIFONDO Fondo Pensione Complementare a capitalizzazione per gli Operai agricoli e florovivaisti e per i Quadri e gli Impiegati agricoli Iscritto al n. 157 dell Albo Fondi Pensione I Sezione

Dettagli

statuto Testo approvato dalla XXXI Assemblea Generale congressuale Roma, 1 dicembre 2004

statuto Testo approvato dalla XXXI Assemblea Generale congressuale Roma, 1 dicembre 2004 statuto Testo approvato dalla XXXI Assemblea Generale congressuale Roma, 1 dicembre 2004 Art. 1 DENOMINAZIONE E SEDE È costituita dal 1908 l Unione delle Province d Italia (U.P.I.). Essa ha sede in Roma.

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RICONOSCIMENTO, LA PROMOZIONE E LA VALORIZZAZIONE DELLE LIBERE FORME ASSOCIATIVE E DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO

REGOLAMENTO PER IL RICONOSCIMENTO, LA PROMOZIONE E LA VALORIZZAZIONE DELLE LIBERE FORME ASSOCIATIVE E DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO Comune di Boltiere Provincia di Bergamo REGOLAMENTO PER IL RICONOSCIMENTO, LA PROMOZIONE E LA VALORIZZAZIONE DELLE LIBERE FORME ASSOCIATIVE E DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO (approvato con delibera

Dettagli

CNA infoparlamento n. 9

CNA infoparlamento n. 9 CNA infoparlamento n. 9 Aggiornamento periodico sui temi di maggiore rilevanza a cura degli Uffici Relazioni Istituzionali e Legislativo In questo numero: Speciale Riforme Introduzione La realizzazione

Dettagli

LE PRIMARIE DEL POPOLO DELLA LIBERTÀ REGOLAMENTO

LE PRIMARIE DEL POPOLO DELLA LIBERTÀ REGOLAMENTO LE PRIMARIE DEL POPOLO DELLA LIBERTÀ REGOLAMENTO 1 PREAMBOLO Per la scelta del candidato alla Presidenza del Consiglio dei Ministri nelle elezioni politiche del 2013, il PDL, ispirandosi ai valori del

Dettagli

COMUNE DI FLORIDIA REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DEI REFERENDUM COMUNALI

COMUNE DI FLORIDIA REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DEI REFERENDUM COMUNALI COMUNE DI FLORIDIA PROVINCIA DI SIRACUSA Area Affari Generali - Programmazione REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DEI REFERENDUM COMUNALI APPROVATO CON DELIBERA DEL CONSIGLIO COMUNALE NELLA SEDUTA DEL 23/11/2009

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE DEL FORUM DEI GIOVANI

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE DEL FORUM DEI GIOVANI REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE DEL FORUM DEI GIOVANI INDICE ART. 1 Forum dei Giovani Finalità pag. 3 ART. 2 Principi programmatici pag. 3 ART. 3 Compiti del Forum pag. 3 ART. 4 Pareri pag. 4 ART. 5 Soci

Dettagli

REGOLAMENTO ASSOCIAZIONE SERVIZI PER IL VOLONTARIATO MODENA approvato dall assemblea del 6 marzo 2014. Art. 1. Criteri di ammissione

REGOLAMENTO ASSOCIAZIONE SERVIZI PER IL VOLONTARIATO MODENA approvato dall assemblea del 6 marzo 2014. Art. 1. Criteri di ammissione REGOLAMENTO ASSOCIAZIONE SERVIZI PER IL VOLONTARIATO MODENA approvato dall assemblea del 6 marzo 2014 Art. 1. Criteri di ammissione 1. L Associazione Servizi Per il volontariato di Modena (ASVM) è aperta

Dettagli

INDICE PARTE PRIMA MODALITÀ DI COSTITUZIONE E DI FUNZIONAMENTO DELLE RAPPRESENTANZE SINDACALI UNITARIE

INDICE PARTE PRIMA MODALITÀ DI COSTITUZIONE E DI FUNZIONAMENTO DELLE RAPPRESENTANZE SINDACALI UNITARIE ACCORDO COLLETTIVO QUADRO PER LA COSTITUZIONE DELLE RAPPRESENTANZE SINDACALI UNITARIE PER IL PERSONALE DEI COMPARTI DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI E PER LA DEFINIZIONE DEL RELATIVO REGOLAMENTO ELETTORALE

Dettagli

A.N.F. ASSOCIAZIONE NAZIONALE FORENSE SEDE DI ROMA. Statuto della Sede Romana dell Associazione Nazionale Forense

A.N.F. ASSOCIAZIONE NAZIONALE FORENSE SEDE DI ROMA. Statuto della Sede Romana dell Associazione Nazionale Forense A.N.F. ASSOCIAZIONE NAZIONALE FORENSE SEDE DI ROMA Statuto della Sede Romana dell Associazione Nazionale Forense Art. 1 Disposizioni generali E costituita in Roma, con sede legale presso il Tribunale Civile,

Dettagli

COMUNE DI MONTECORVINO PUGLIANO PROVINCIA DI SALERNO REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE DEL FORUM DEI GIOVANI

COMUNE DI MONTECORVINO PUGLIANO PROVINCIA DI SALERNO REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE DEL FORUM DEI GIOVANI - COMUNE DI MONTECORVINO PUGLIANO PROVINCIA DI SALERNO REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE DEL FORUM DEI GIOVANI 1 INDICE ART. 1 Forum dei Giovani Finalità pag. 4 ART. 2 Principi programmatici pag. 4 ART. 3

Dettagli

ELEZIONE DEI DELEGATI DEI LAVORATORI ASSOCIATI IN SENO AGLI ORGANI DI PREVEDI

ELEZIONE DEI DELEGATI DEI LAVORATORI ASSOCIATI IN SENO AGLI ORGANI DI PREVEDI ELEZIONE DEI DELEGATI DEI LAVORATORI ASSOCIATI IN SENO AGLI ORGANI DI PREVEDI 1) Indizione delle elezioni Almeno 5 mesi prima della scadenza del mandato dei componenti l Assemblea dei delegati, il Consiglio

Dettagli

VADEMECUM PER LE RAPPRESENTANZE SINDACALI UNITARIE TESTO UNICO SULLA RAPPRESENTANZA CGIL CISL UIL E CONFINDUSTRIA - CONFSERVIZI

VADEMECUM PER LE RAPPRESENTANZE SINDACALI UNITARIE TESTO UNICO SULLA RAPPRESENTANZA CGIL CISL UIL E CONFINDUSTRIA - CONFSERVIZI VADEMECUM PER LE RAPPRESENTANZE SINDACALI UNITARIE TESTO UNICO SULLA RAPPRESENTANZA CGIL CISL UIL E CONFINDUSTRIA - CONFSERVIZI 10 gennaio 2014 10 FEBBRAIO 2014 Il Testo Unico ha come riferimento tre

Dettagli

1.2. Le parti opereranno una prima verifica alla scadenza di 6 mesi dalla firma, mentre quelle successive avverranno a richiesta di una delle parti.

1.2. Le parti opereranno una prima verifica alla scadenza di 6 mesi dalla firma, mentre quelle successive avverranno a richiesta di una delle parti. PROTOCOLLO D INTESA TRA AGCI, CCI, LEGACOOP E CGIL, CISL, UIL PER L APPLICAZIONE DEL D.LGS. 19.9.94 N. 626 (CONCERNENTE IL MIGLIORAMENTO DELLA SICUREZZA E DELLA SALUTE DEI LAVORATORI SUL LUOGO DI LAVORO)

Dettagli

REGOLAMENTO ISTITUTIVO DEL CONSIGLIO DEI BAMBINI E DEI RAGAZZI

REGOLAMENTO ISTITUTIVO DEL CONSIGLIO DEI BAMBINI E DEI RAGAZZI REGOLAMENTO ISTITUTIVO DEL CONSIGLIO DEI BAMBINI E DEI RAGAZZI PREMESSA 1. La Regione Lazio, in attuazione dei principi statutari e al fine della concreta applicazione della Carta europea riveduta di partecipazione

Dettagli

Concorso Ages test da 1 a 892

Concorso Ages test da 1 a 892 1 CHE TIPO DI ORGANO E IL GOVERNO? a. Un organo complesso b. Un organo misto c. Un organo collegiale perfetto 2 CHE TIPO DI ORGANO E IL CONSIGLIO DEI MINISTRI? a. Un organo collettivo b. Un organo complesso

Dettagli

StudentIngegneria STATUTO

StudentIngegneria STATUTO 1 StudentIngegneria STATUTO Articolo 1. COSTITUZIONE 1. E costituita presso l Università degli Studi di Salerno l Associazione denominata: StudentIngegneria Articolo 2. DENOMINAZIONE SEDE E LOGO 1. Il

Dettagli

Tappe della trasformazione fascista dello Stato. Gli eventi

Tappe della trasformazione fascista dello Stato. Gli eventi Tappe della trasformazione fascista dello Stato Gli eventi DESTRA CENTRO SINISTRA GRUPPI POLITICI SEGGI Partito Comunista d'italia 19 Partito Socialista Italiano 22 Partito Socialista Unificato 24 Partito

Dettagli

Città di Tortona Provincia di Alessandria REGOLAMENTO COMUNALE DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO

Città di Tortona Provincia di Alessandria REGOLAMENTO COMUNALE DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO Città di Tortona Provincia di Alessandria REGOLAMENTO COMUNALE DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO Sommario ART. 1... 3 ART. 2... 3 ART. 3 - ATTRIBUZIONI... 3 ART. 4 - COMPOSIZIONE... 3 ART.

Dettagli

Assemblea dell associazionismo e volontariato Regolamento Assemblee Settoriali

Assemblea dell associazionismo e volontariato Regolamento Assemblee Settoriali Comune di Copparo Via Roma 28, 44034 Copparo (Ferrara) tel. 0532 864511 fax 0532 864660 www.comune.copparo.fe.it Assemblea dell associazionismo e volontariato PREMESSA L Amministrazione Comunale di Copparo

Dettagli

STATUTO DELLA REGIONE PIEMONTE Legge regionale statutaria 4 marzo 2005, n. 1 1. TITOLO I Principi fondamentali. Articolo 1 La Regione Piemonte

STATUTO DELLA REGIONE PIEMONTE Legge regionale statutaria 4 marzo 2005, n. 1 1. TITOLO I Principi fondamentali. Articolo 1 La Regione Piemonte STATUTO DELLA REGIONE PIEMONTE Legge regionale statutaria 4 marzo 2005, n. 1 1 TITOLO I Principi fondamentali Articolo 1 La Regione Piemonte Il Piemonte è Regione autonoma nell unità e indivisibilità della

Dettagli

DOCUMENTO DI LEGAUTONOMIE

DOCUMENTO DI LEGAUTONOMIE Convegno nazionale Senato delle autonomie/federalismo e riforma dell'ordinamento locale Roma, 14 Ottobre 2013 Tempio di Adriano Sala Convegni Piazza di Pietra Ore 9.30/14.00 DOCUMENTO DI LEGAUTONOMIE 2

Dettagli

STATUTO. Art. 1 Costituzione e scopi

STATUTO. Art. 1 Costituzione e scopi STATUTO Art. 1 Costituzione e scopi Il CLUB FORZA SILVIO..., costituito in data... ai sensi degli articoli 36 e seguenti del codice civile, è una associazione di cittadini che si propongono di sviluppare

Dettagli

Approvato dalla Prefettura di Roma Iscritto nel registro delle persone giuridiche ai sensi dell art.2 del D.P.R. 10 febbraio 2000 n 361

Approvato dalla Prefettura di Roma Iscritto nel registro delle persone giuridiche ai sensi dell art.2 del D.P.R. 10 febbraio 2000 n 361 LO STATUTO DI ITALIA NOSTRA onlus Approvato dalla Prefettura di Roma Iscritto nel registro delle persone giuridiche ai sensi dell art.2 del D.P.R. 10 febbraio 2000 n 361 Art. 1 L Associazione Italia Nostra,

Dettagli

Elezioni Europee. 10 giugno 1979 17 giugno 1984 18 giugno 1989 12 giugno 1994 13 giugno 1999 12 giugno 2004

Elezioni Europee. 10 giugno 1979 17 giugno 1984 18 giugno 1989 12 giugno 1994 13 giugno 1999 12 giugno 2004 Elezioni Europee 10 giugno 1979 17 giugno 1984 18 giugno 1989 12 giugno 1994 13 giugno 1999 12 giugno 2004 41 42 43 44 Candidato isolano (eletto): Franco Iacono (PSI) facente parte del Gruppo del Partito

Dettagli

REGOLAMENTO. Articolo 1

REGOLAMENTO. Articolo 1 REGOLAMENTO Il presente Regolamento disciplina, a norma di quanto disposto dallo Statuto, le norme applicative per l organizzazione ed il funzionamento del CRAL e dei suoi organismi, e stabilisce, in prima

Dettagli

COMUNE DI TREVISO BRESCIANO Provincia di Brescia STATUTO DELLA CONSULTA GIOVANILE DEL COMUNE DI TREVISO BRESCIANO

COMUNE DI TREVISO BRESCIANO Provincia di Brescia STATUTO DELLA CONSULTA GIOVANILE DEL COMUNE DI TREVISO BRESCIANO COMUNE DI TREVISO BRESCIANO Provincia di Brescia STATUTO DELLA CONSULTA GIOVANILE DEL COMUNE DI TREVISO BRESCIANO 1 STATUTO DELLA CONSULTA GIOVANILE COMUNALE DEL COMUNE DI TREVISO BRESCIANO Art. 1 Istituzione

Dettagli

S E NA T O D EL L A R EP U B B LI C A

S E NA T O D EL L A R EP U B B LI C A S E NA T O D EL L A R EP U B B LI C A X I I I L E G I S L A T U R A N. 4369 D I S E G N O D I L E G G E d iniziativa del senatore PASSIGLI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 1 o DICEMBRE 1999 Norme in materia

Dettagli

ASSOCIAZIONI CRISTIANE LAVORATORI ITALIANI

ASSOCIAZIONI CRISTIANE LAVORATORI ITALIANI ASSOCIAZIONI CRISTIANE LAVORATORI ITALIANI Regolamento delle Strutture di base Approvato dal Consiglio nazionale del 4-5 luglio 2008 (modificato dal Consiglio nazionale del 19-20 giugno 2009) Regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DELLA CITTA DI LENDINARA

REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DELLA CITTA DI LENDINARA REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DELLA CITTA DI LENDINARA Adottato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 74 del 29 Settembre 2006 Modificato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 66

Dettagli

PROVINCIA DI LECCE. Regolamento per l istituzione della. CONSULTA PROVINCIALE delle Associazioni di VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE

PROVINCIA DI LECCE. Regolamento per l istituzione della. CONSULTA PROVINCIALE delle Associazioni di VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE PROVINCIA DI LECCE Regolamento per l istituzione della CONSULTA PROVINCIALE delle Associazioni di VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE Regolamento Consulta Provinciale delle Associazioni di Volontariato di

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ELEZIONE DEL PRESIDENTE E DEL CONSIGLIO DIRETTIVO DI ANCI LOMBARDIA

REGOLAMENTO PER L ELEZIONE DEL PRESIDENTE E DEL CONSIGLIO DIRETTIVO DI ANCI LOMBARDIA REGOLAMENTO PER L ELEZIONE DEL PRESIDENTE E DEL CONSIGLIO DIRETTIVO DI ANCI LOMBARDIA (approvato in data 4 luglio 2014 dal Consiglio Direttivo Regionale) Art. 1 Organo elettivo 1) Spetta all Assemblea

Dettagli

CAPO VI Gestione finanziara Art. 23 Tesoriere 11 Art. 24 Gestione finanziaria dei Circoli 12 Art. 25 Doveri finanziari degli eletti 12

CAPO VI Gestione finanziara Art. 23 Tesoriere 11 Art. 24 Gestione finanziaria dei Circoli 12 Art. 25 Doveri finanziari degli eletti 12 I Regolamento di organizzazione e funzionamento della Federazione del Partito Democratico di Roma città Indice Preambolo Art. 1 Ambito di applicazione 1 CAPO I Organi del Partito Democratico di Roma città

Dettagli

Quale futuro per l'autonomia istituzionale, operativa e finanziaria della Regione Veneto?

Quale futuro per l'autonomia istituzionale, operativa e finanziaria della Regione Veneto? Associazione dei Consiglieri Regionali del Veneto Venerdì 11 aprile 2014 Ore 10,00 13,30 Consiglio Regionale, Palazzo Ferro Fini Venezia Quale futuro per l'autonomia istituzionale, operativa e finanziaria

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SENATO

REGOLAMENTO DEL SENATO REGOLAMENTO DEL SENATO 95 96 REGOLAMENTO DEL SENATO 97 REGOLAMENTO DEL SENATO Testo approvato dall Assemblea il 17 febbraio 1971 (Gazzetta Ufficiale, Suppl. ord. n. 53 del 1º marzo 1971) e successive modificazioni

Dettagli

LA RIFORMA DEL SENATO Francesco Occhetta S.I. La Civiltà Cattolica 2014 II 327-337 3934 (17 maggio 2014) La riforma del Senato è all ordine del

LA RIFORMA DEL SENATO Francesco Occhetta S.I. La Civiltà Cattolica 2014 II 327-337 3934 (17 maggio 2014) La riforma del Senato è all ordine del LA Francesco Occhetta S.I. La Civiltà Cattolica 2014 II 327-337 3934 (17 maggio 2014) La riforma del Senato è all ordine del giorno nell agenda parlamentare da circa 30 anni. La proposta fatta dall attuale

Dettagli

AMBITO TERRITORIALE N 18 COMUNI DI CASORIA ARZANO CASAVATORE PROVINCIA DI NAPOLI REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COORDINAMENTO ISTITUZIONALE

AMBITO TERRITORIALE N 18 COMUNI DI CASORIA ARZANO CASAVATORE PROVINCIA DI NAPOLI REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COORDINAMENTO ISTITUZIONALE AMBITO TERRITORIALE N 18 COMUNI DI CASORIA ARZANO CASAVATORE PROVINCIA DI NAPOLI REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COORDINAMENTO ISTITUZIONALE Articolo 1 Finalità e forma degli atti di competenza 1. Il

Dettagli

Regolamento della Consulta delle Associazioni del Comune di Villa d Almè. Adozione testo definitivo del 02/05/2014

Regolamento della Consulta delle Associazioni del Comune di Villa d Almè. Adozione testo definitivo del 02/05/2014 Regolamento della Consulta delle Associazioni del Comune di Villa d Almè Adozione testo definitivo del 02/05/2014 Art.1 RIFERIMENTI ALLO STATUTO COMUNALE 1 Il presente Regolamento si ispira al Titolo III

Dettagli

Le dimensioni del BES: il dominio Politica e Istituzioni. Massimo BIANCO Ufficio Statistico Regione Puglia

Le dimensioni del BES: il dominio Politica e Istituzioni. Massimo BIANCO Ufficio Statistico Regione Puglia Le dimensioni del BES: il dominio Politica e Istituzioni Massimo BIANCO Ufficio Statistico Regione Puglia Bari, 23 ottobre 2014 Il ruolo della statistica I dati come supporto decisionale Il D.lgs. 322/89

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE. Diritti di rappresentanza e associazione per il personale delle Forze armate e delle forze di polizia a ordinamento militare

PROPOSTA DI LEGGE. Diritti di rappresentanza e associazione per il personale delle Forze armate e delle forze di polizia a ordinamento militare PROPOSTA DI LEGGE Diritti di rappresentanza e associazione per il personale delle Forze armate e delle forze di polizia a ordinamento militare Art. 1 1. La tutela dei diritti individuali e collettivi degli

Dettagli

Di Lello, Di Gioia, Locatelli, Pastorelli

Di Lello, Di Gioia, Locatelli, Pastorelli XVII LEGISLATURA CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE d'iniziativa dei DEPUTATI Di Lello, Di Gioia, Locatelli, Pastorelli Disposizioni per l attuazione dell articolo 49 della Costituzione, in materia

Dettagli

Legge federale sull informazione e la consultazione dei lavoratori nelle imprese

Legge federale sull informazione e la consultazione dei lavoratori nelle imprese Legge federale sull informazione e la consultazione dei lavoratori nelle imprese (Legge sulla partecipazione) 822.14 del 17 dicembre 1993 (Stato 1 gennaio 2011) L Assemblea federale della Confederazione

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI

REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI COMUNE DI CUTROFIANO Provincia di L E C C E REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 39 del 04-12-2014 1 PRINCIPI GENERALI Il presente Regolamento

Dettagli