Indice Introduzione I fondamenti di C#

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Indice Introduzione I fondamenti di C#"

Transcript

1 Indice Introduzione XV Capitolo 1 I fondamenti di C# L albero genealogico di C# 2 C: l inizio dell era moderna della programmazione 2 La creazione di OOP e C++ 3 La nascita di Internet e Java 4 La creazione di C# Relazione tra C# e.net Framework 6 Cos è.net Framework? 7 Funzionamento del Common Language Runtime 7 Codice gestito e codice non gestito 8 La Common Language Specification o CLS 8 Esercitazione flash La programmazione orientata agli oggetti 9 Incapsulazione 10 Polimorfismo 11 Ereditarietà 12 Esercitazione flash Il primo semplice programma 13 Csc.exe, compilatore C# a riga di comando 13 Inserimento del programma 14 Compilazione del programma 14 Esecuzione del programma 14 Utilizzo dell IDE Visual C++ 15 Il primo esempio di programma riga per riga 17 Esercitazione flash Gestione degli errori di sintassi Piccola variazione Un altro semplice programma Un altro tipo di dati Progetto: Convertire gradi Fahrenheit in gradi Celsius 27

2 VI INDICE Procedura passo-passo 28 Esercitazione flash Due istruzioni di controllo 29 L istruzione if 29 Il ciclo for 31 Esercitazione flash Blocchi di codice 33 Esercitazione flash Punto e virgola e posizionamento Indentazione Progetto: Migliorare il programma di conversione temperature 36 Procedura passo-passo 36 Le parole chiave di C# Identificatori 38 Esercitazione flash La libreria di classi di C# Verifica delle capacità 40 Capitolo 2 Tipi di dati e operatori L importanza dei tipi di dati I tipi dei valori di C# 42 Interi Tipi in virgola mobile Il tipo decimal 46 Esercitazione flash Caratteri Il tipo bool 49 Esercitazione flash Opzioni di output Progetto: Parlare con Marte 52 Procedura passo-passo Letterali 54 Letterali esadecimali 55 Sequenze di caratteri speciali 56 Letterali stringa 56 Esercitazione flash Uno sguardo ravvicinato alle variabili 59 Inizializzazione delle variabili 59 Inizializzazione dinamica Visibilità e ciclo di vita delle variabili 60 Esercitazione flash Operatori Operatori aritmetici 64 Incremento e decremento Operatori relazionali e logici 67

3 INDICE VII Operatori logici di tipo short-circuit Progetto: Visualizzare una tabella di verità per gli operatori logici 70 Procedura passo-passo 70 Esercitazione flash Operatore di assegnamento 73 Assegnamento composto 73 Conversione di tipo negli assegnamenti Conversione di tipi incompatibili 76 Esercitazione flash Priorità tra gli operatori Espressioni Conversione di tipo nelle espressioni Spaziatura e parentesi Progetto: Calcolare i pagamenti regolari su un prestito 82 Procedura passo-passo Verifica delle capacità 85 Capitolo 3 Istruzioni di controllo di programma Inserimento di caratteri da tastiera 87 Esercitazione flash Istruzione if 89 Istruzioni if nidificate 90 Istruzione composta if-else-if 91 Esercitazione flash Istruzione switch 93 Istruzioni switch nidificate 98 Esercitazione flash Progetto: Iniziare a creare una guida in C# 99 Procedura passo-passo Ciclo for 101 Variazioni sul ciclo for 103 Tasselli mancanti 104 Il ciclo infinito 105 Cicli senza corpo 106 Dichiarazione delle variabili di controllo del ciclo all interno del ciclo 107 Esercitazione flash Ciclo while Ciclo do-while 110 Esercitazione flash Progetto: Migliorare la guida scritta in C# 112 Procedura passo-passo Uscita dal ciclo con l istruzione break continue 118

4 VIII INDICE 3.11 goto 118 Esercitazione flash Progetto: Finire la guida C# 120 Procedura passo-passo Cicli nidificati Verifica delle capacità 125 Capitolo 4 Classi, oggetti e metodi Nozioni fondamentali sulle classi 127 Struttura generale delle classi 128 Definizione di classe 129 Esercitazione flash Creazione di oggetti Variabili di riferimento e assegnamento 135 Esercitazione flash Metodi 136 Aggiunta di un metodo alla classe Veicolo 137 Ritorno da un metodo 140 Restituzione di un valore 141 Parametri 144 Aggiunta di un metodo parametrizzato a Veicolo 146 Esercitazione flash Progetto: Creare una classe Guida 148 Procedura passo-passo Costruttori 154 Costruttori parametrizzati 156 Aggiunta di un costruttore alla classe Veicolo 157 Esercitazione flash Rivisitazione dell operatore new Garbage collection e distruttori 160 Distruttori Progetto: Distruttori 161 Procedura passo-passo Parola chiave this Verifica delle capacità 166 Capitolo 5 Altri tipi di dati e operatori Array 167 Array monodimensionali 168 Inizializzazione di un array 170 Osservanza dei limiti 171 Esercitazione flash Progetto: Ordinare un array 172 Procedura passo-passo Array pluridimensionali 174

5 INDICE IX Array bidimensionali 175 Array a tre o più dimensioni 176 Inizializzazione di array pluridimensionali Array irregolari 178 Esercitazione flash Assegnamento dei riferimenti di array Proprietà Length 182 Esercitazione flash Progetto: Classe coda 184 Procedura passo-passo Ciclo foreach 189 Esercitazione flash Stringhe 192 Costruzione di stringhe 193 Operazioni sulle stringhe 193 Array di stringhe 196 Immutabilità delle stringhe 197 Esercitazione flash Operatori bit a bit 198 Operatori bit a bit AND, OR, XOR e NOT 199 Operatori shift 204 Assegnamenti composti bit a bit Progetto: Classe MostraBit 206 Procedura passo-passo 206 Esercitazione flash Operatore? Verifica delle capacità 211 Capitolo 6 Metodi e classi Controllo dell accesso ai membri delle classi 213 Specificatori di accesso di C# 214 Esercitazione flash Progetto: Migliorare la classe Coda 219 Procedura passo-passo Passaggio di oggetti a metodi 221 Passaggio di argomenti I parametri ref e out 225 Il parametro ref 226 Il parametro out 228 Esercitazione flash Un numero variabile di argomenti 231 Esercitazione flash Restituzione di oggetti Overloading dei metodi 236 Esercitazione flash Overloading dei costruttori 243

6 X INDICE Chiamata a un costruttore sovrapposto mediante this Progetto: Overloading del costruttore Coda 247 Procedura passo-passo Metodo Main( ) 251 Restituzione di valori da Main( ) 251 Passaggio di argomenti a Main( ) 251 Esercitazione flash Ricorsione static 256 Esercitazione flash Progetto: Quicksort 259 Procedura passo-passo Verifica delle capacità 263 Capitolo 7 Overloading degli operatori, indicizzatori e proprietà Overloading degli operatori 265 Forme generiche di un metodo operatore 266 Overloading di operatori binari 266 Overloading degli operatori unari 269 Esercitazione flash 273 Maggiore flessibilità 274 Overloading degli operatori relazionali 279 Suggerimenti e limitazioni relativi all overloading degli operatori 281 Esercitazione flash Indicizzatori 282 Indicizzatori multidimensionali 288 Esercitazione flash Proprietà 290 Limiti delle proprietà 295 Esercitazione flash Progetto: Crezione di una classe Set 295 Procedura passo-passo Verifica delle capacità 305 Capitolo 8 Ereditarietà Fondamenti dell ereditarietà 307 Ereditarietà e accesso ai membri 311 Esercitazione flash Accesso protetto Ereditarietà e costruttori 316 Chiamata dei costruttori della classe base 318 Esercitazione flash 323

7 INDICE XI 8.4 Ereditarietà e nascondimento di nomi 323 Utilizzo della parola chiave base per accedere a un nome nascosto 324 Esercitazione flash Progetto: Rivisitazione della classe Veicolo 327 Procedura passo-passo Creazione di gerarchie a più livelli Quando vengono chiamati i costruttori? Riferimenti alla classe base e oggetti derivati 335 Esercitazione flash Metodi virtuali e ridefinizione 341 Perché ridefinire i metodi? 344 Applicazione dei metodi virtuali 345 Esercitazione flash Classi astratte 349 Esercitazione flash Ereditarietà vietata con sealed La classe object 355 Boxing e Unboxing 357 Esercitazione flash Verifica delle capacità 359 Capitolo 9 Interfacce, strutture ed enumerazioni Interfacce 361 Implementazione di interfacce 363 Esercitazione flash Riferimenti a interfacce Progetto: Creare un interfaccia Coda 369 Procedura passo-passo Proprietà delle interfacce Indicizzatori di interfacce 377 Esercitazione flash Interfacce ed ereditarietà Implementazioni esplicite 381 Esercitazione flash Strutture Enumerazioni 387 Inizializzazione di enumerazioni 389 Definizione del tipo base delle enumerazioni 389 Esercitazione flash Verifica delle capacità 390 Capitolo 10 Gestione delle eccezioni La classe System.Exception I fondamenti della gestione delle eccezioni 392

8 XII INDICE try e catch 393 Semplice esempio di eccezione 393 Un altro esempio 395 Esercitazione flash Conseguenze di un eccezione non catturata Le eccezioni permettono di gestire gli errori con stile 398 Esercitazione flash Utilizzo di istruzioni catch multiple Cattura di tutte le espressioni Blocchi try nidificati 402 Esercitazione flash Lancio di eccezioni 404 Rilancio di un eccezione 405 Esercitazione flash finally Approfondimento della classe Exception 409 Eccezioni comunemente utilizzate 410 Esercitazione flash Derivazione di classi di eccezioni Cattura di eccezioni derivate Progetto: Aggiunta di eccezioni alla classe Coda 415 Procedura passo-passo checked e unchecked Verifica delle capacità 422 Capitolo 11 Utilizzo di I/ Gli stream di C# 426 Stream di byte e stream di caratteri 426 Stream predefiniti 426 Esercitazione flash Le classi degli stream 427 La classe Stream 427 Le classi stream per byte 428 Classi che incapsulano stream di caratteri 429 Stream binari 430 Esercitazione flash I/0 da console 431 Lettura dell input da console 431 Scrittura dell output da console FileStream e stream di I/0 su file basati su byte 433 Apertura e chiusura di file 434 Lettura di byte da FileStream 436 Scrittura su file 437 Esercitazione flash I/0 su file basati su caratteri 440

9 INDICE XIII StreamWriter 440 StreamReader 443 Esercitazione flash Redirezione degli stream standard Progetto: Utility per il controllo di file 447 Procedura passo-passo Lettura e scrittura di dati binari 449 BinaryWriter 449 BinaryReader 450 Esempio di I/O binario 451 Esercitazione flash File ad accesso casuale 453 Esercitazione flash Conversione di stringhe numeriche nella relativa rappresentazione interna Progetto: Creare una guida basata su disco 460 Procedura passo-passo Verifica delle capacità 467 Capitolo 12 Delegati, eventi, namespace e argomenti avanzati Delegati 469 Multicasting 474 Motivazione dei delegati 477 Esercitazione flash Eventi 477 Esempio di evento multicast 480 Esercitazione flash Namespace 483 Dichiarazione di namespace 484 using 486 Seconda versione di using 488 I namespace sono sommabili 489 Annidamento di namespace 491 Il namespace predefinito 493 Esercitazione flash Progetto: Inserimento di Set in un namespace 493 Procedura passo-passo Operatori di conversione 496 Esercitazione flash Processore #define 502 #if e #endif 503 #else e #elif #undef #error 507

10 XIV INDICE #warning #line 508 #region e #endregion 508 Esercitazione flash Attributi 509 Attributo Conditional 509 Attributo Obsolete 510 Esercitazione flash Codice unsafe 511 Breve panoramica dei puntatori 512 Utilizzo di unsafe 515 Utilizzo di fixed 515 Esercitazione flash Identificazione di tipo al runtime 517 Controllo del tipo con is 517 as 518 typeof 519 Esercitazione flash Altre parole chiave 520 Il modificatore di accesso internal 520 sizeof 520 lock 520 readonly 521 stackalloc 521 L istruzione using 522 const e volatile Cosa viene dopo? Verifica delle capacità 523 Appendice Risposte alle verifiche 525 A.1 I fondamenti di C# 525 A.2 Tipi di dati e operatori 526 A.3 Istruzioni di controllo di programmi 529 A.4 Classi, oggetti e metodi 532 A.5 Altri tipi di dati e operatori 533 A.6 Metodi e classi 536 A.7 Overloading degli operatori, indicizzatori e proprietà 541 A.8 Ereditarietà 544 A.9 Interfacce, strutture ed enumerazioni 545 A.10 Gestione delle eccezioni 549 A.11 Utilizzo di I/O 552 A.12 Delegati, eventi, namespace e argomenti avanzati 555 Indice analitico 557

Indice. Introduzione PARTE PRIMA LE BASI DEL C++: IL LINGUAGGIO C 1

Indice. Introduzione PARTE PRIMA LE BASI DEL C++: IL LINGUAGGIO C 1 Indice Introduzione XV PARTE PRIMA LE BASI DEL C++: IL LINGUAGGIO C 1 Capitolo 1 Una panoramica sul linguaggio C 3 1.1 Le origini e la storia del linguaggio C 3 1.2 Il C è un linguaggio di medio livello

Dettagli

Sommario PREFAZIONE...XI CAPITOLO 1: INTRODUZIONE AI COMPUTER, A INTERNET E AL WEB... 1 CAPITOLO 2: INTRODUZIONE ALLA PROGRAMMAZIONE IN C...

Sommario PREFAZIONE...XI CAPITOLO 1: INTRODUZIONE AI COMPUTER, A INTERNET E AL WEB... 1 CAPITOLO 2: INTRODUZIONE ALLA PROGRAMMAZIONE IN C... Sommario PREFAZIONE...XI Aggiornamenti e novità... xi Lo scopo di questo libro... xii Diagramma delle dipendenze... xii La metodologia di insegnamento... xiii Panoramica sul libro... xvi Ringraziamenti...

Dettagli

Prefazione. Capitolo 1 Sistemi di elaborazione 1

Prefazione. Capitolo 1 Sistemi di elaborazione 1 Prefazione XI Capitolo 1 Sistemi di elaborazione 1 1.1 Algoritmo 1 1.2 Esecuzione 3 1.3 Memoria 4 1.4 Calcolo meccanico 5 1.5 Capacità di calcolo 7 1.6 Computer 8 Domande di verifica 11 Esercizi 11 Capitolo

Dettagli

La programmazione ad oggetti: chiamate di metodi. Overloading. This

La programmazione ad oggetti: chiamate di metodi. Overloading. This ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE FERRARIS BRUNELLESCHI - EMPOLI Materia: INFORMATICA PROGRAMMA SVOLTO A.S. 2015/2016 Classe IV C Informatica Proff. Fabio Ciao / Simone Calugi Libro di testo: Cloud B P.

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE FERRARIS - BRUNELLESCHI EMPOLI Anno scolastico 2015/2016

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE FERRARIS - BRUNELLESCHI EMPOLI Anno scolastico 2015/2016 ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE FERRARIS - BRUNELLESCHI EMPOLI Anno scolastico 2015/2016 Classe: 4^A inf Prof.ssa Lami Carla Prof. Simone Calugi Programma di INFORMATICA GENERALE, APPLICAZIONI

Dettagli

La sintassi del C APPENDICE H

La sintassi del C APPENDICE H APPENDICE H La sintassi del C Nella notazione della sintassi utilizzata, le categorie sintattiche (non terminali) sono state indicate da uno stile tipografico in corsivo, mentre le parole letterali e i

Dettagli

Corso Programmazione Java Standard

Corso Programmazione Java Standard Corso Programmazione Java Standard Codice: ITJS0113 Durata: 40 ore Descrizione corso Questo corso fornisce una panoramica sulle varie sfaccettature della sintassi del linguaggio Java, integrata con mirate

Dettagli

Fondamenti di Programmazione

Fondamenti di Programmazione Fondamenti di Programmazione (con linguaggio di riferimento C++) Gianfranco Rossi Università di Parma Dip. di Matematica e Informatica 43100 Parma (Italy) gianfranco.rossi@unipr.it Indice 1 Introduzione

Dettagli

Informatica 1 Tipi e dichiarazioni in C++ C++ - Tipi e dichiarazioni 1

Informatica 1 Tipi e dichiarazioni in C++ C++ - Tipi e dichiarazioni 1 Informatica 1 Tipi e dichiarazioni in C++ C++ - Tipi e dichiarazioni 1 Cosa è il C++ E un linguaggio di programmazione derivato dal C Può essere usato per modificare il SO Unix e i suoi derivati (Linux)

Dettagli

Indice. Introduzione PARTE PRIMA FONDAMENTI 1

Indice. Introduzione PARTE PRIMA FONDAMENTI 1 Indice Introduzione XV PARTE PRIMA FONDAMENTI 1 Capitolo 1 Che cos è Flash 3 1.1 Gerarchia temporale 4 Implicazioni relative ad animazioni e dimensioni del file 4 Implicazioni per la programmazione 6 Scelta

Dettagli

Sommario. Note alla traduzione... xix

Sommario. Note alla traduzione... xix Sommario Prefazione... xv L utilizzo del linguaggio C per insegnare a sviluppare programmi...xv Puntatori e organizzazione del testo...xvi Concetti di ingegneria del software...xvi Aspetti pedagogici...xvii

Dettagli

Corso di Fondamenti di Informatica Il sistema dei tipi in C++

Corso di Fondamenti di Informatica Il sistema dei tipi in C++ Corso di Fondamenti di Informatica Il sistema dei tipi in C++ Anno Accademico Francesco Tortorella Struttura di un programma C++ // Programma semplice in C++ #include int main() { cout

Dettagli

Giuseppe Callegarin Java, Oggetti e Strutture Dati Cedam INDICE

Giuseppe Callegarin Java, Oggetti e Strutture Dati Cedam INDICE Giuseppe Callegarin Java, Oggetti e Strutture Dati Cedam 2004 www.javaosd.org INDICE CAP. 1 Macchine, linguaggi e comunicazioni...1 1.1 Dai grandi elaboratori all era dei dispositivi programmabili e comunicanti...1

Dettagli

Le basi del linguaggio Java

Le basi del linguaggio Java Corso di Laurea Ingegneria Civile Fondamenti di Informatica Dispensa 10 Le basi del linguaggio Java Aprile 2010 Le basi del linguaggio Java 1 Prerequisiti Nozioni generali sulla sintassi e semantica del

Dettagli

Indice generale Prefazione...xiii Capitolo 1 Introduzione...1 Capitolo 2 Sviluppo del software, tipi di dati ed espressioni...31

Indice generale Prefazione...xiii Capitolo 1 Introduzione...1 Capitolo 2 Sviluppo del software, tipi di dati ed espressioni...31 Indice generale Prefazione...xiii Capitolo 1 Introduzione...1 1.1 Due concetti fondamentali dell informatica: algoritmi ed elaborazione delle informazioni... 2 1.1.1 Algoritmi... 2 1.1.2 Elaborazione delle

Dettagli

Programma svolto di INFORMATICA. Classe 3 - indirizzo MERCURIO A.S. 2009/2010

Programma svolto di INFORMATICA. Classe 3 - indirizzo MERCURIO A.S. 2009/2010 ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE N. DELL ANDRO - Santeramo in Colle (BA) Programma svolto di INFORMATICA Classe 3 - indirizzo MERCURIO A.S. 2009/2010 Proff. Rosalia Barbara Schiavarelli, Antonio Antonicelli

Dettagli

Indice. Prefazione. Ringraziamenti dell Editore

Indice. Prefazione. Ringraziamenti dell Editore Prefazione Autori Ringraziamenti dell Editore XIV XXI XXII 1 Introduzione 1 1.1 Che cos è l informatica? 1 1.2 Il concetto di algoritmo 2 1.3 Esempio esteso: consultazione di una carta geografica 6 1.4

Dettagli

Introduzione a.net (2)

Introduzione a.net (2) Introduzione a.net (2) Il linguaggio C# Implementazioni alternative dell'architettura.net: Rotor Mono C#: un nuovo linguaggio C# : CLR = Java : JVM C# è il linguaggio di riferimento per.net Costruito su

Dettagli

Gestione di files Motivazioni

Gestione di files Motivazioni Gestione di files Motivazioni Un programma in esecuzione legge (sequenzialmente) una sequenza di caratteri prodotti "al volo" dall'utente (tramite tastiera) il programma in esecuzione scrive (sequenzialmente)

Dettagli

Programmazione. Cognome... Nome... Matricola... Prova scritta del 11 luglio 2014

Programmazione. Cognome... Nome... Matricola... Prova scritta del 11 luglio 2014 Cognome................................ Nome................................... Matricola............................... Programmazione Prova scritta del 11 luglio 2014 TEMPO DISPONIBILE: 2 ore Negli esercizi

Dettagli

Corso di Laurea in Ingegneria Informatica (L8) Anno Accademico 2015/2016 FONDAMENTI DI INFORMATICA

Corso di Laurea in Ingegneria Informatica (L8) Anno Accademico 2015/2016 FONDAMENTI DI INFORMATICA Dipartimento di Ingegneria Elettrica, Elettronica e Informatica Corso di Laurea in Ingegneria Informatica (L8) Anno Accademico 2015/2016 FONDAMENTI DI INFORMATICA Docente titolare dell insegnamento: Proff.

Dettagli

Sommario. 1 La shell di Windows PowerShell... 1

Sommario. 1 La shell di Windows PowerShell... 1 Ringraziamenti.........................................................xix Introduzione........................................................... xxi A chi è rivolto il libro...............................................

Dettagli

Strutture dati e loro organizzazione. Gabriella Trucco

Strutture dati e loro organizzazione. Gabriella Trucco Strutture dati e loro organizzazione Gabriella Trucco Introduzione I linguaggi di programmazione di alto livello consentono di far riferimento a posizioni nella memoria principale tramite nomi descrittivi

Dettagli

Programmazione. Cognome... Nome... Matricola... Prova scritta del 22 settembre 2014. Negli esercizi proposti si utilizzano le seguenti classi:

Programmazione. Cognome... Nome... Matricola... Prova scritta del 22 settembre 2014. Negli esercizi proposti si utilizzano le seguenti classi: Cognome................................ Nome................................... Matricola............................... Programmazione Prova scritta del 22 settembre 2014 TEMPO DISPONIBILE: 2 ore Negli

Dettagli

Programmazione ad Oggetti

Programmazione ad Oggetti Programmazione ad Oggetti Java Eccezioni Eccezioni in breve Un eccezione è un oggetto che descrive una situazione anomala o di errore L eccezioni vengono lanciate da una parte di un programma e possono

Dettagli

Proff. Fabio Ciao e Raffaele Bortone

Proff. Fabio Ciao e Raffaele Bortone ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE FERRARIS BRUNELLESCHI - EMPOLI Materia: INFORMATICA PROGRAMMAZIONE ANNUALE A.S. 2014/2015 Classe IV C Informatica Proff. Fabio Ciao e Raffaele Bortone Libro di testo: Cloud

Dettagli

Programma svolto di INFORMATICA. Classe 3M - indirizzo MERCURIO A.S. 2010/2011

Programma svolto di INFORMATICA. Classe 3M - indirizzo MERCURIO A.S. 2010/2011 ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE N. DELL ANDRO - Santeramo in Colle (BA) Programma svolto di INFORMATICA Classe 3M - indirizzo MERCURIO A.S. 2010/2011 Proff. Rosalia Barbara Schiavarelli, Antonio Antonicelli

Dettagli

LINGUAGGI DI PROGRAMMAZIONE!

LINGUAGGI DI PROGRAMMAZIONE! LINGUAGGI DI PROGRAMMAZIONE! Il potere espressivo di un linguaggio è! caratterizzato da:! quali tipi di dati consente di rappresentare (direttamente o tramite definizione dell utente)! quali istruzioni

Dettagli

Il linguaggio C. Notate che...

Il linguaggio C. Notate che... Il linguaggio C Notate che... 1 Il C è un linguaggio a blocchi int main (void) { blocco } 2 Il C è un linguaggio a blocchi (2) Non è possibile mischiare dichiarazioni e comandi! int main (void) { } Dichiarazione

Dettagli

Programmazione Orientata agli Oggetti in Linguaggio Java

Programmazione Orientata agli Oggetti in Linguaggio Java Programmazione Orientata agli Oggetti in Linguaggio Java Classi e Oggetti: Metafora Parte a versione 2.2 Questo lavoro è concesso in uso secondo i termini di una licenza Creative Commons (vedi ultima pagina)

Dettagli

Fondamenti di Programmazione. Strutture di controllo

Fondamenti di Programmazione. Strutture di controllo Fondamenti di Programmazione Strutture di controllo 1! Controllo del flusso! n Flusso di esecuzione: ordine in cui le istruzioni di un programma sono eseguite! n Salvo contrordini, è in sequenza! n Due

Dettagli

IL LINGUAGGIO JAVA Input, Tipi Elementari e Istruzione Condizionale

IL LINGUAGGIO JAVA Input, Tipi Elementari e Istruzione Condizionale Fondamenti di Informatica IL LINGUAGGIO JAVA Input, Tipi Elementari e Istruzione Condizionale Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1 Lettura di dati da input In Java la lettura di dati da input

Dettagli

Programmazione C Massimo Callisto De Donato

Programmazione C Massimo Callisto De Donato Università degli studi di Camerino Scuola di scienze e tecnologia - Sezione Informatica Programmazione C Massimo Callisto De Donato massimo.callisto@unicam.it www.cs.unicam.it/massimo.callisto LEZIONE

Dettagli

Lab 02 Tipi semplici in C

Lab 02 Tipi semplici in C Fondamenti di Informatica e Laboratorio T-AB Ingegneria Elettronica e Telecomunicazioni e Ingegneria dell Automazione a.a. 2009/2010 Lab 02 Tipi semplici in C Lab02 1 Obiettivo dell esercitazione Acquistare

Dettagli

Indice. Introduzione a tool per lo sviluppo e l'esecuzione di programmi in linguaggio Java. Compilazione ed esecuzione di un programma

Indice. Introduzione a tool per lo sviluppo e l'esecuzione di programmi in linguaggio Java. Compilazione ed esecuzione di un programma Indice Introduzione a tool per lo sviluppo e l'esecuzione di programmi in linguaggio Java Introduzione all ambiente di sviluppo - Compilazione ed esecuzione di un programma - Compilazione ed esecuzione

Dettagli

ESERCIZI DI PROGRAMMAZIONE C/C++ per le classi seconde

ESERCIZI DI PROGRAMMAZIONE C/C++ per le classi seconde ESERCIZI DI PROGRAMMAZIONE C/C++ per le classi seconde vers.0 in lavorazione Docente SAFFI FABIO Contenuti Struttura del file sorgente...2 Organizzazione della directory di lavoro...2 Esercizi sulle funzione

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale M. M. Milano Polistena. Classe III D a.s. 2015/2016 C++ Guida Base

Istituto Tecnico Industriale M. M. Milano Polistena. Classe III D a.s. 2015/2016 C++ Guida Base Istituto Tecnico Industriale M. M. Milano Polistena Classe III D a.s. 2015/2016 C++ Guida Base Prof. Rocco Ciurleo - ITIS M. M. Milano Polistena - 3 D a.s. 2015/2016 1 Le Origini Il Linguaggio C++ è il

Dettagli

Prima lezione di laboratorio. I mattoni di base di un programma Java. Comandi Unix. Riassunto. Oggi. Un programma complicato.

Prima lezione di laboratorio. I mattoni di base di un programma Java. Comandi Unix. Riassunto. Oggi. Un programma complicato. I mattoni di base di un programma Java Stefano Mizzaro Dipartimento di matematica e informatica Università di Udine http://www.dimi.uniud.it/mizzaro/ mizzaro@dimi.uniud.it Programmazione, lezione 2 1 ottobre

Dettagli

OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Disciplina:... Anno scolastico: 20.../20... Classe/i :... Docente:... DI APPRENDIMENTO SEZIONE 1 Premesse matematiche Nozioni fondamentali sui sistemi di numerazione Sistemi di numerazione in base diversa

Dettagli

Unità Didattica 2 Linguaggio C. Espressioni, Operatori e Strutture linguistiche per il controllo del flusso

Unità Didattica 2 Linguaggio C. Espressioni, Operatori e Strutture linguistiche per il controllo del flusso Unità Didattica 2 Linguaggio C Espressioni, Operatori e Strutture linguistiche per il controllo del flusso 1 Espressioni e assegnazioni Le espressioni sono definite dalla grammatica: espressione = variabile

Dettagli

SOMMARIO INTRODUZIONE...XV CAPITOLO 1: PRESENTAZIONE...1 CAPITOLO 2: FONDAMENTI DI JAVA...39

SOMMARIO INTRODUZIONE...XV CAPITOLO 1: PRESENTAZIONE...1 CAPITOLO 2: FONDAMENTI DI JAVA...39 sommario 24-06-2004 10:18 Pagina V SOMMARIO INTRODUZIONE.......................................XV CAPITOLO 1: PRESENTAZIONE.......................................1 1.1 Introduzione...2 1.2 L organizzazione

Dettagli

Introduzione alle stringhe e algoritmi collegati

Introduzione alle stringhe e algoritmi collegati Introduzione alle stringhe e algoritmi collegati Algoritmicamente August 15, 2009 1 Introduzione 1.1 Introduzione ai caratteri In informatica o più generalmente in una terminologia scientifica, il carattere

Dettagli

I Tipi di Dato Astratto

I Tipi di Dato Astratto I Tipi di Dato Astratto Sommario Cosa sono le Strutture Dati Astratte? Le strutture dati Le operazioni Come scegliere fra varie implementazioni? Quale è la questione? Come organizzare (strutturare) i dati

Dettagli

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE "G. MARCONI" Via Milano n PONTEDERA (PI) DIPARTIMENTO: Informatica

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE G. MARCONI Via Milano n PONTEDERA (PI) DIPARTIMENTO: Informatica SETTEMBRE Seconda Liceo SA PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO COORDINATA TEMPORALMENTE DISCIPLINA: Monte ore annuo 66 Libro di Testo E-book dal sito www.matematicamente.it. Pettarin ECDL Appunti forniti dal

Dettagli

Algoritmi e basi del C Struttura di un programma

Algoritmi e basi del C Struttura di un programma Algoritmi e basi del C Struttura di un programma Marco D. Santambrogio marco.santambrogio@polimi.it Ver. aggiornata al 17 Marzo 2015 Compitini Compitini di INFO: 24 Aprile 2015 4.15pm @ C.G.1 (Ed. 9) 21

Dettagli

Fondamenti di Informatica T-1 Modulo 2

Fondamenti di Informatica T-1 Modulo 2 Fondamenti di Informatica T-1 Modulo 2 1 Obiettivi di questa lezione 1. Alcune considerazioni sulla differenza tra warnings ed errors 2. Tipi i semplici i 3. Input e output in linguaggio C 4. Espressioni

Dettagli

PIANO DI LAVORO. a.s. 2015 / 2016

PIANO DI LAVORO. a.s. 2015 / 2016 PIANO DI LAVORO a.s. 2015 / 2016 Materia: INFORMATICA Classe: terza informatica- sez. A Data di presentazione: 15/10/2015 DOCENTI FIRMA Cerri Marta Bergamasco Alessandra Posta elettronica: itisleon@tin.it

Dettagli

Introduzione al Linguaggio C ed all IDE DEV-C++

Introduzione al Linguaggio C ed all IDE DEV-C++ Microsoft Windows e Dev-C++ Introduzione al Linguaggio C ed all IDE DEV-C++ 1 Le Esercitazioni in Laboratorio! MTA + MLAB1/2: Edificio Via Valotti, primo piano e piano interrato! Orario: Giovedì 14:30-17:30!

Dettagli

Espressioni e Operatori

Espressioni e Operatori Espressioni e Operatori Lezione 4 Espressioni Un espressione è formata da una o più operazioni Le operazioni sono rappresentate da operandi ed operatori operatore = simbolo che identifica l operazione

Dettagli

Automazione Excel con Visual Basic (base)

Automazione Excel con Visual Basic (base) Automazione Excel con Visual Basic (base) Docente: Lucio Benussi Descrizione del corso e obiettivi Visual Basic for Applications (VBA) è un ambiente di sviluppo software, inserito all interno di tutti

Dettagli

Indice. Prefazione. sommario.pdf 1 05/12/

Indice. Prefazione. sommario.pdf 1 05/12/ Prefazione xi 1 Introduzione 1 1.1 Evoluzione della progettazione dei sistemi digitali 1 1.2 Flusso di progettazione dei sistemi digitali 2 1.3 Obiettivi del libro 6 1.4 Struttura ragionata del libro 7

Dettagli

Definizione di file. Directory e file File binari e file di testo

Definizione di file. Directory e file File binari e file di testo I/O Avanzato e File Definizione di file Directory e file File binari e file di testo 5 Definizione di file Directory e file Tutti i sistemi operativi permettono di organizzare le informazioni su hard disk

Dettagli

Fondamenti di Informatica C Esercitazioni di Laboratorio / 4 Outline

Fondamenti di Informatica C Esercitazioni di Laboratorio / 4  Outline Fondamenti di Informatica C Esercitazioni di Laboratorio / 4 http://polaris.ing.unimo.it/fic/laboratorio.html Ing. Francesco De Mola demola.francesco@unimore.it DII, Modena Via Vignolese (lab. Dottorandi

Dettagli

Oggetto: MASTER DI ALTA FORMAZIONE PROFESSIONALE IN PROGRAMMATORE JAVA PARTECIPAZIONE GRATUITA

Oggetto: MASTER DI ALTA FORMAZIONE PROFESSIONALE IN PROGRAMMATORE JAVA PARTECIPAZIONE GRATUITA Oggetto: MASTER DI ALTA FORMAZIONE PROFESSIONALE IN PROGRAMMATORE JAVA PARTECIPAZIONE GRATUITA Salerno Formazione, società operante nel settore della didattica, della formazione professionale e certificata

Dettagli

Argomenti Corso SAP Online ABAP Completo

Argomenti Corso SAP Online ABAP Completo Argomenti Corso SAP Online ABAP Completo Lezione 1 Navigazione e visualizzazione tabelle o Database SAP in ambienti Oracle e SQL Server: Navigazione e visualizzazione delle tabelle SE16; Utilizzo del match-code;

Dettagli

Il formato delle ricette Convenzioni tipografiche Versioni, ultima edizione ed errata corrige

Il formato delle ricette Convenzioni tipografiche Versioni, ultima edizione ed errata corrige 02-Sommario 11-04-2003 11:58 Pagina iii Sommario Prefazione Il formato delle ricette Convenzioni tipografiche Versioni, ultima edizione ed errata corrige ix x xi xiii Parte 1: Lavorare con Linux 1 1 Introduzione

Dettagli

Programmazione T.I.C Classe 1 A.S. 2016/17

Programmazione T.I.C Classe 1 A.S. 2016/17 Progettazione Disciplinare Programmazione T.I.C Classe 1 A.S. 2016/17 Rev. 0 del 08-03-04 pag. 1 di 7 Progettazione Disciplinare 1: La tecnologia informatica Chiunque si avvicini al mondo del per la prima

Dettagli

Oggetti e classi. Cos è un oggetto

Oggetti e classi. Cos è un oggetto Oggetti e classi Cos è un oggetto Basta guardarsi intorno per scoprire che il mondo reale è costituito da oggetti: libri, biciclette, giocattoli, ma anche ragazzi, bambini, fiori, gatti, cani, fiumi, montagne,

Dettagli

28/02/2014 Copyright V. Moriggia

28/02/2014 Copyright V. Moriggia Informatica per la Finanza 3 Le variabili in VBA Altri I/O 28/02/2014 Copyright 2005-2007 V. Moriggia 1 28/02/2014 3.2 Le variabili in VBA V. Moriggia 1 28/02/2014 3.3 Dichiarazione di variabili in VBA

Dettagli

Ingegneria del Software

Ingegneria del Software Ingegneria del Software Analisi Object Oriented ed Elementi di Programmazione OO Origini Le metodologie ad oggi nascono negli anni 70 ma si affermano solo nelgi anni 80 grazie alla nascita dei linguaggi

Dettagli

Unità 2 I file binari

Unità 2 I file binari Dare una breve descrizione dei termini introdotti: (A) CONOSCENZA TERMINOLOGICA file binari file di tipi primitivi file di oggetti serializzazione (B) CONOSCENZA E COMPETENZA Rispondere alle seguenti domande

Dettagli

Indice generale Introduzione...xiii Capitolo 1 Strumenti per sviluppare applicazioni...1

Indice generale Introduzione...xiii Capitolo 1 Strumenti per sviluppare applicazioni...1 Introduzione...xiii Applicazioni basate su spreadsheet... xiv Aggiornamento... xvi Sicurezza... xvi Tipi di applicazioni... xvi Pronto impiego... xvii Tabelle personali... xviii Applicazioni condivisibili...

Dettagli

Laboratorio di Calcolatori 1 Corso di Laurea in Fisica A.A. 2006/2007

Laboratorio di Calcolatori 1 Corso di Laurea in Fisica A.A. 2006/2007 Laboratorio di Calcolatori 1 Corso di Laurea in Fisica A.A. 2006/2007 Dott.Davide Di Ruscio Dipartimento di Informatica Università degli Studi di L Aquila Lezione del 08/05/08 Nota Questi lucidi sono tratti

Dettagli

Array in Fortran 90. Ing. Luca De Santis. Anno accademico 2006/2007. DIS - Dipartimento di informatica e sistemistica

Array in Fortran 90. Ing. Luca De Santis. Anno accademico 2006/2007. DIS - Dipartimento di informatica e sistemistica Array in Fortran 90 Ing. Luca De Santis DIS - Dipartimento di informatica e sistemistica Anno accademico 2006/2007 Fortran 90: array DIS - Dipartimento di informatica e sistemistica 1 / 25 Cosa vedremo

Dettagli

Connessione ad internet

Connessione ad internet Introduzione al C++ Connessione ad internet Istruzioni per la connessione internet: - una volta connessi, aprire un browser (firefox) - in Modifica/preferenze/avanzate/rete/impostazioni - attivare la modalità

Dettagli

Il linguaggio C. Caratteristiche generali

Il linguaggio C. Caratteristiche generali Il linguaggio C Caratteristiche generali Il potere espressivo di un linguaggio è caratterizzato da: quali tipi di dati consente di rappresentare (direttamente o tramite definizione dell utente) quali istruzioni

Dettagli

Unità Didattica 1 Linguaggio C. Fondamenti. Struttura di un programma.

Unità Didattica 1 Linguaggio C. Fondamenti. Struttura di un programma. Unità Didattica 1 Linguaggio C Fondamenti. Struttura di un programma. 1 La storia del Linguaggio C UNIX (1969) - DEC PDP-7 Assembly Language BCPL - un OS facilmente accessibile che fornisce potenti strumenti

Dettagli

Un elaboratore è un manipolatore di simboli (segni) intrinsecamente capace di trattare vari. caratteri char caratteri ASCII unsigned char

Un elaboratore è un manipolatore di simboli (segni) intrinsecamente capace di trattare vari. caratteri char caratteri ASCII unsigned char IL LINGUAGGIO C Un elaboratore è un manipolatore di simboli (segni) L'architettura tt fisica i di ogni elaboratore è intrinsecamente capace di trattare vari domini i di dati, detti tipi i primitivi iti

Dettagli

:33 Pagina V. Indice. Introduzione

:33 Pagina V. Indice. Introduzione 00 20-09-2004 16:33 Pagina V Indice Introduzione XIII Capitolo 1 Gestione dei dati 1 1.1 Gli elenchi 1 Progettazione di un elenco 2 Inserimento dei dati nell elenco 3 1.2 Filtro di elenchi 5 Il filtro

Dettagli

Cenni sul preprocessore e il suo utilizzo

Cenni sul preprocessore e il suo utilizzo Alessio Bechini - Corso di - Cenni sul preprocessore e il suo utilizzo Il preprocessore: cenni Il preprocessore Storicamente, i compilatori C operavano con passaggi multipli. Il primo passaggio eseguiva

Dettagli

Argomenti Avanzati.! I puntatori! Stack! Visibilità delle Variabili

Argomenti Avanzati.! I puntatori! Stack! Visibilità delle Variabili Linguaggio C Argomenti Avanzati! I puntatori! Stack! Visibilità delle Variabili 2 ! Il C consente di associare ai tipi di dati nomi definiti dal programmatore, mediante la parola chiave typedef! Dal punto

Dettagli

LA METAFORA DELL UFFICIO

LA METAFORA DELL UFFICIO LA METAFORA DELL UFFICIO Lavagna di lavoro Lavagna di programma Sportello utenti Impiegato Capo Ufficio LAVAGNA DI LAVORO Chiamiamo variabili le posizioni sulla lavagna, identificate ognuna da un nome

Dettagli

Il linguaggio C - Introduzione

Il linguaggio C - Introduzione Il linguaggio C - Introduzione Il C è un linguaggio imperativo legato a Unix, adatto all implementazione di compilatori e sistemi operativi. È stato progettato da D. Ritchie per il PDP-11 (all inizio degli

Dettagli

Informatica A. Il linguaggio C. A.a. 2006/2007. Allievi Ingegneria Gestionale

Informatica A. Il linguaggio C. A.a. 2006/2007. Allievi Ingegneria Gestionale Informatica A A.a. 2006/2007 Allievi Ingegneria Gestionale Il linguaggio C Tecnologia Software Il SW come Interfaccia Tra Utente e Macchina Fisica Programma dell utente (software applicativo) Gestione

Dettagli

Indice generale. Modulo 1 - Introduzione a Java 7 1. Modulo 2 - Componenti fondamentali di un programma Java 29

Indice generale. Modulo 1 - Introduzione a Java 7 1. Modulo 2 - Componenti fondamentali di un programma Java 29 Indice generale Prefazione xvu Modulo 1 - Introduzione a Java 7 1 1.1 Introduzione a Java 2 1.1.1 Cosa èjava 2 1.1.2 Breve storia di Java 3 1.1.3 Perché Java (why) 5 1.1.4 Caratteristiche di Java 6 1.2

Dettagli

Utilizza i tipi di dati comuni a tutto il framework.net Accesso nativo ai tipi.net (C# è nato con.net) Concetti fondamentali:

Utilizza i tipi di dati comuni a tutto il framework.net Accesso nativo ai tipi.net (C# è nato con.net) Concetti fondamentali: 1 Tipi di dati 1 Tipi di dati Utilizza i tipi di dati comuni a tutto il framework.net Accesso nativo ai tipi.net (C# è nato con.net) Concetti fondamentali: Tutto è un oggetto Tutto eredita implicitamente

Dettagli

Corso di Fondamenti di Informatica

Corso di Fondamenti di Informatica Corso di Fondamenti di Informatica Introduzione alla programmazione in C++ 1 Un introduzione Che cosa è il C++? La programmazione procedurale La programmazione orientata agli oggetti La programmazione

Dettagli

I S T I T U T O T E C N I C O I N D U S T R I A L E S T A T A L E

I S T I T U T O T E C N I C O I N D U S T R I A L E S T A T A L E I S T I T U T O T E C N I C O I N D U S T R I A L E S T A T A L E G u g l i e l m o M a r c o n i V e r o n a Dipartimento di Progetto didattico disciplinare per le classi terze della articolazione Anno

Dettagli

Informatica (A-K) 7. Linguaggio C - 1

Informatica (A-K) 7. Linguaggio C - 1 Storia del linguaggio C Informatica (A-K) 7. Linguaggio C - 1 Corso di Laurea in Ingegneria Civile & Ambientale A.A. 2011-2012 2 Semestre Prof. Giovanni Pascoschi Linguaggio C 1972, nato come evoluzione

Dettagli

Primi passi col linguaggio C

Primi passi col linguaggio C Andrea Marin Università Ca Foscari Venezia Laurea in Informatica Corso di Programmazione part-time a.a. 2011/2012 Come introdurre un linguaggio di programmazione? Obiettivi: Introduciamo una macchina astratta

Dettagli

Libri di testo, libri della biblioteca, dispense, appunti, attrezzature di laboratorio

Libri di testo, libri della biblioteca, dispense, appunti, attrezzature di laboratorio I.T.I. E. MAJORANA SOMMA VESUVIANA PROGRAMMAZIONE DELL ATTIVITA DIDATTICA A.S. 2015/2016 INDIRIZZO: INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI ARTICOLAZIONE: INFORMATICA DISCIPLINA: INFORMATICA CLASSE IV SEZ. A Situazione

Dettagli

Operazioni numeriche - Input

Operazioni numeriche - Input Operazioni numeriche - Input Espressioni, funzioni matematiche, classi involucro, Acquisizione di input 11/11/2004 Laboratorio di Programmazione - Luca Tesei 1 Operazioni fra interi e decimali In Java

Dettagli

Prof. Pagani corrado JAVA

Prof. Pagani corrado JAVA Prof. Pagani corrado JAVA NASCITA DI JAVA Java è stato creato, a partire da ricerche effettuate alla Stanford University agli inizi degli anni Novanta, da un gruppo di esperti sviluppatori capitanati da

Dettagli

Principi di Progettazione del Software. Principi di Progettazione del Software a.a

Principi di Progettazione del Software. Principi di Progettazione del Software a.a Principi di Progettazione del Software a.a. 2016-2017 Fondamenti di Java Ing. Principi di Progettazione del Software https://twitter.com/rvergallo 2 1 Obiettivi della lezione Introduzione alla programmazione

Dettagli

Errata Corrige di Manuale di Java 8

Errata Corrige di Manuale di Java 8 Errata Corrige di Manuale di Java 8 pag. 43 - par. 2.5.1 - primo riquadro che riporta linee di codice public class Punto { public Punto() //metodo costruttore { deve essere corretto come di seguito: public

Dettagli

Laboratorio di Programmazione Laurea in Ingegneria Civile e Ambientale

Laboratorio di Programmazione Laurea in Ingegneria Civile e Ambientale Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma Laboratorio di Programmazione Laurea in Ingegneria Civile e Ambientale Algebra di Boole Stefano Cagnoni Algebra di Boole L algebra

Dettagli

5 - Istruzioni condizionali

5 - Istruzioni condizionali 5 - Istruzioni condizionali Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java Paolo Milazzo Dipartimento di Informatica, Università di Pisa http://www.di.unipi.it/ milazzo milazzo di.unipi.it

Dettagli

Informatica. appunti dalle lezioni del 14 e 18/10/2010

Informatica. appunti dalle lezioni del 14 e 18/10/2010 Informatica appunti dalle lezioni del 14 e 18/10/2010 Numeri binari in memoria In un calcolatore, i numeri binari sono tipicamente memorizzati in sequenze di caselle (note anche come parole) di lunghezza

Dettagli

Linguaggio C. Tipi predefiniti e operatori. Università degli Studi di Brescia. Docente: Massimiliano Giacomin

Linguaggio C. Tipi predefiniti e operatori. Università degli Studi di Brescia. Docente: Massimiliano Giacomin Linguaggio C Tipi predefiniti e operatori Università degli Studi di Brescia Docente: Massimiliano Giacomin Elementi di Informatica e Programmazione Università di Brescia 1 RICHIAMI char 8 bit Valori interi

Dettagli

Programmazione in Java (I modulo)

Programmazione in Java (I modulo) Programmazione in Java (I modulo) Lezione 4 Variabili di tipo primitivo. Dichiarazione di costanti Conversioni di tipo: operatore cast Altri operatori di assegnamento Operazioni aritmetiche e di confronto

Dettagli

Un esempio di if annidati

Un esempio di if annidati Programmazione A.A. 2002-03 I Costrutti di base ( Lezione XIV, parte I ) Costrutto di selezione switch Prof. Giovanni Gallo Dr. Gianluca Cincotti Dipartimento di Matematica e Informatica Università di

Dettagli

IL PROBLEMA DEL PROGETTO

IL PROBLEMA DEL PROGETTO IL PROBLEMA DEL PROGETTO La descrizione del problema, in genere, non indica direttamente il modo per ottenere il risultato voluto (il procedimento risolutivo) Occorrono metodologie per affrontare il problema

Dettagli

Esempio Principio di sostituibilità

Esempio Principio di sostituibilità Ereditarietà E uno dei concetti chiave delle tecniche orientate agli oggetti Esprime le somiglianze tra le classi, semplificando la definizione di una classe e riducendola a una o più classi simili Rappresenta

Dettagli

Corso Programmazione 1 Capitolo 01: Concetti Elementari

Corso Programmazione 1 Capitolo 01: Concetti Elementari Corso Programmazione 1 Capitolo 01: Concetti Elementari Docente: Roberto Sebastiani - roberto.sebastiani@unitn.it Esercitatori: Mario Passamani - mario.passamani@unitn.it Alessandro Tomasi - alessandro.tomasi@unitn.it

Dettagli

print((math.floor(1345/10)%10); print (Math.floor(1345/100)%10); Le funzioni in JavaScript

print((math.floor(1345/10)%10); print (Math.floor(1345/100)%10); Le funzioni in JavaScript Funzioni Funzioni predefinite della libreria matematica Funzioni disponibili: Math.sqrt(x) radice quadrata Math.log(x) logaritmo naturale in base e di x Math.abs(x) valore assoluto di x Math.ceil(x) arrotonda

Dettagli

linguaggio di programmazione e programma

linguaggio di programmazione e programma I/O bus CPU memoria elementi di Sistemi Informatici il segnale digitale: conversione analogico-numerica esempi di supporti di memorizzazione dell informazione computer: definizione e struttura (modello

Dettagli

Il linguaggio PHP. Elementi base

Il linguaggio PHP. Elementi base Il linguaggio PHP Elementi base Il Linguaggio PHP PHP è un acronimo ricorsivo che sta per PHP Hypertext Preprocessor Sintassi di base: un blocco di scripting PHP può stare ovunque in un documento, inizia

Dettagli

Indice. 1.13 Configurazione di PHP 26 1.14 Test dell ambiente di sviluppo 28

Indice. 1.13 Configurazione di PHP 26 1.14 Test dell ambiente di sviluppo 28 Indice 25 184 Introduzione XI Capitolo 1 Impostazione dell ambiente di sviluppo 2 1.1 Introduzione ai siti Web dinamici 2 1.2 Impostazione dell ambiente di sviluppo 4 1.3 Scaricamento di Apache 6 1.4 Installazione

Dettagli

Linguaggio C. Tipi predefiniti. Università degli Studi di Brescia. Prof. Massimiliano Giacomin. Prof. M. Giacomin

Linguaggio C. Tipi predefiniti. Università degli Studi di Brescia. Prof. Massimiliano Giacomin. Prof. M. Giacomin Linguaggio C Tipi predefiniti Università degli Studi di Brescia Prof. Massimiliano Giacomin Elementi di Informatica e Programmazione Università di Brescia 1 Il concetto di tipo (reprise) Nome che indica

Dettagli

Indice generale. Nota dell editore...xi. Introduzione alle split view...25

Indice generale. Nota dell editore...xi. Introduzione alle split view...25 Nota dell editore...xi Capitolo 1 Capitolo 2 Da iphone a ipad...1 1.1 ipad e il computer portatile... 2 1.2 ipad e ipod Touch... 3 1.3 Per iniziare... 5 1.4 Aggiunta di un model object... 8 1.5 Il controller

Dettagli