CO 2 aq. l anidride carbonica disciolta, reagendo con l'acqua, forma acido carbonico secondo la reazione:

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CO 2 aq. l anidride carbonica disciolta, reagendo con l'acqua, forma acido carbonico secondo la reazione:"

Transcript

1 DUREZZA DELLE ACQUE. La durezza di un acqua è una misura della concentrazione degli ioni calcio e degli ioni magnesio contenuti in tale acqua. Ad eccezione delle acque salmastre e delle acque di mare, i cationi presenti in maggior quantità nelle acque naturali, normalmente, sono proprio quelli del calcio e del magnesio. Gli ioni calcio e gli ioni magnesio derivano dalla dissoluzione dei sali che si trovano nei terreni con cui le acque vengono a contatto; si può trattare di sali solubili, come ad esempio i cloruri, ma anche di sali non particolarmente solubili come i solfati oppure poco solubili come i carbonati. Di seguito si discutono le reazioni che determinano la dissoluzione di un sale poco solubili in acqua come il carbonato di calcio ed il carbonato di magnesio. L azione solvente sui carbonati si manifesta a causa dell'acido carbonico normalmente presente nelle acque, presenza legata al fatto che l'aria contiene anidride carbonica gassosa la quale, almeno in parte si discioglie nell'acqua: reazione 1). 1) CO 2 gas CO 2aq l anidride carbonica disciolta, reagendo con l'acqua, forma acido carbonico secondo la reazione: 2) CO 2 aq H 2 O H 2CO 3aq ; l acido carbonico, a sua volta, reagisce con i carbonati di calcio e di magnesio, sali poco solubili, trasformandoli nei rispettivi bicarbonati, sali solubili, secondo le reazioni 3) CaCO 3s H 2 CO 3aq CaHCO 3 2aq H 2 O 4) MgCO 3s H 2 CO 3aq MgHCO 3 2aq H 2 O La dissoluzione dei carbonati può anche essere discussa, sulla base del principio dell equilibrio mobile, nel seguente modo: il carbonato di calcio, a contatto con l'acqua, si discioglie e dissocia secondo la reazione 5) CaCO 3s Ca2 2 CO 3 ; l acido carbonico, presente in acqua a causa della reazione 2), libera ioni H secondo la seguente reazione 6) H 2 CO 3aq H HCO 3 e gli ioni H reagiscono con gli ioni CO 3 2 7) H 2 CO 3 HCO 3 ; secondo la reazione la reazione 7) determina uno spostamento verso destra dell'equilibrio 5) e quindi favorisce il passaggio in soluzione del carbonato di calcio. Discussione analoga per il carbonato di magnesio. La durezza in genere viene espressa in gradi francesi ( f). Un acqua presenta durezza pari a 1 grado francese (1 f) quando la quantità di ioni calcio e magnesio presente in 100 l di tale acqua (oppure la quantità di sali di calcio e magnesio disciolta in 100 litri di tale acqua) corrisponde stechiometricamente a 1 grammo di carbonato di calcio. Quando si parla di durezza occorre distinguere tra durezza totale, calcica, magnesiaca, temporanea e permanente. Gli esempi numerici di seguito riportati hanno lo scopo di chiarire che cosa significa corrisponde stechiometricamente e di aiutare a capire le differenze tra i vari tipi di durezza. Esempio 1: corrispondenza stechiometrica tra ioni calcio e carbonato di calcio. In ogni unità di carbonato di calcio, CaCO 3, è presente uno ione Ca 2 combinato con uno ione carbonato CO 2 3. In ogni mole di CaCO 3 sarà dunque presente una mole di ioni Ca 2 : la corrispondenza stechiometrica tra ioni calcio e carbonato di calcio è pertanto del tipo 1 mole a 1 mole. Poiché la massa molare di Ca 2 è pari a 40,1 g/mol e quella di 1

2 CaCO 3 è pari a 100 g/mol concludiamo che a 40,1 g di ioni calcio corrispondono stechiometricamente 100 g di carbonato di calcio. Esempio 2: corrispondenza stechiometrica tra ioni magnesio e carbonato di calcio. Se confrontiamo lo ione magnesio ( Mg 2 ) con lo ione calcio ( Ca 2 ) possiamo notare che essi possiedono la stessa carica e quindi, con lo ione carbonato ( CO 3 2 ), lo ione calcio e lo ione magnesio si combinano secondo lo stesso rapporto: lo ione calcio e lo ione magnesio sono dunque stechiometricamente equivalenti e poiché una mole di ioni magnesio corrisponde stechiometricamente ad una mole di ioni calcio e questa corrisponde stechiometricamente ad una mole di carbonato di calcio deduciamo che una mole di Mg 2 corrisponde stechiometricamente ad una mole di carbonato di calcio. La massa molare di Mg 2 vale 24,3 e quindi 24,3 g di ioni magnesio corrispondono stechiometricamente a 100 g di carbonato di calcio. Esempio 3): ioni calcio, durezza calcica in f Calcolare la durezza calcica di un acqua sapendo che in 2,000 l sono presenti 0,080 g di ioni calcio( Ca 2 ). Calcoliamo i grammi di ioni calcio presenti in 100 l: 0,080 : 2 = x : 100 x = 4,0 g Calcoliamo adesso a quanti grammi di carbonato di calcio corrispondono stechiometricamente 4,0 g di ioni calcio: abbiamo visto che 40,1 g di ioni calcio corrispondono a 100 g di carbonato e quindi impostiamo la proporzione 40,1 : 100 = 4,0 : y da cui y = 10 g 100 litri di acqua contengono una quantità di ioni calcio stechiometricamente corrispondente a 10 grammi di carbonato di calcio e quindi, per come è definito il grado francese, la durezza è pari a 10 f. Esempio 4): ioni magnesio, durezza magnesiaca in f. Calcolare la durezza di un acqua sapendo che in 500 ml sono presenti 0,0060 g di ioni magnesio, Mg 2. Calcoliamo i grammi di ioni magnesio disciolti in 100 l ( 500 ml = 0,5 l): 0,006 : 0,5 = x : 100 x = 1,2 g Calcoliamo a quanti grammi di carbonato corrispondono stechiometricamente 1,2 grammi di ioni magnesio: abbiamo visto che a 24,3 g di ioni magnesio corrispondono stechiometricamente 100 g di carbonato di calcio e quindi impostiamo la proporzione 24,3 : 100 = 1,2 : y da cui y = 4,9 g. 100 litri di acqua contengono un quantitativo di ioni magnesio stechiometricamente corrispondente a 4,9 grammi di carbonato di calcio e quindi la durezza è pari a 4,9 f. Esempio 5) Durezza calcica, magnesiaca e totale. Calcolare la durezza di un acqua sapendo che in 200 ml sono presenti 50,0 mg di ioni calcio e 15,0 mg di ioni magnesio. Calcoliamo la durezza dovuta agli ioni calcio (durezza calcica) come nell esempio 1) e la durezza dovuta agli ioni magnesio (durezza magnesiaca) come nell esempio 2): la somma di durezza calcica e durezza magnesiaca è la durezza totale dell'acqua (o semplicemente la durezza dell'acqua). Durezza calcica: 0,05 : 0.2 = x : 100 x = 25 g (di ioni calcio) 40,1 : 100 = 25 : y y = 62,3 g Durezza calcica = 62,3 f. Durezza magnesiaca: 0,015 ; 0,2 = z : 100 z = 7,5 g (di ioni magnesio) 24,3 : 100 = 7,5 : w w = 30,9 g Durezza magnesiaca = 30,9 f. La durezza dell'acqua (durezza totale = durezza calcica + durezza magnesiaca) sarà quindi pari a (62,3 + 30,9) = 93,2 f. 2

3 Esempio 6) Calcolare la durezza totale di un'acqua minerale che in etichetta riporta le seguenti informazioni: c Ca 2 = 16,8 mg/l, c Mg 2 = 4,6 mg/l (c: concentrazione) Calcolo della durezza calcica 16,8 mg/l significa che in 1 litro di acqua sono presenti 16,8 mg di ioni calcio e questo implica che in 100 litri sono presenti 1680 mg cioè 1,68 g di ioni calcio: 40,1 : 100 = 1,68 : x x = 4,19 g di carbonato di calcio Durezza calcica = 4,19 f Calcolo della durezza magnesiaca 4,6 mg /l significa che in 100 litri di acqua sono presenti 460 mg di ioni magnesio e quindi 0,46 g di ioni magnesio; 24,3 : 100 = 0,46 : y y = 1,9 g di carbonato di calcio Durezza magnesiaca = 1,9 f Sommiamo durezza calcica a durezza magnesiaca: Durezza totale = 4,19 + 1,9 = 6,1 f DUREZZA TEMPORANEA E DUREZZA PERMANENTE. Nell esempio 5) abbiamo definito cosa si intende per durezza calcica, durezza magnesiaca e durezza totale. Ora procediamo ad un ulteriore distinzione parlando di durezza temporanea ( o carbonatica) e di durezza permanente. La durezza temporanea è la durezza che viene eliminata scaldando per minuti l'acqua all ebollizione o a temperature prossime alla temperatura di ebollizione. La durezza permanente è quella quota di durezza ancora eventualmente presente al termine del riscaldamento. Un'acqua presenta una durezza temporanea non nulla se in essa sono presenti ioni bicarbonato, cioè ioni HCO 3 ; questo significa che, se in un'acqua sono presenti ioni bicarbo- nato, in seguito a riscaldamento la sua durezza diminuisce. La discussione sulla diminuzione della durezza in seguito al riscaldamento si può basare sui seguenti punti: I) gli ioni bicarbonato si decompongono formando ioni carbonato, andride carbonica e acqua secondo la reazione 8) 2 HCO 3aq CO 2 CO 3aq 2aq H 2 O ; II) gli ioni carbonato possono reagire con gli ioni calcio e magnesio formando carbonato di calcio e carbonato di magnesio, sali poco solubili, che precipitano secondo la 9) e la 10): 9) Ca 2 2 aq CO 3aq CaCO 3s 10) Mg 2 aq 2 CO 3aq MgCO 3s ; III) l'equilibrio 8) è influenzato notevolmente dalla temperatura in quanto la solubilità dell'anidride carbonica in acqua, come accade per tutte le sostanze gassose, diminuisce al crescere della temperatura (vedi anche pag. 1: riscaldando l'acqua si favorisce il passaggio dell'anidride carbonica in fase gassosa cioè l'equilibrio 1 si sposta a sinistra); al diminuire della concentrazione della CO 2 disciolta, l'equilibrio 8) si sposta dalla parte dei prodotti: la concentrazione degli ioni HCO 3 diminuisce mentre quella degli ioni CO 3 aumenta e la solu- 2 zione può pertanto diventare sovrasatura rispetto al carbonato di calcio ed al carbonato di magnesio che precipitano. Se il riscaldamento si prolunga sufficientemente a lungo, tutti gli ioni bicarbonato vengono trasformati in ioni carbonato cioè l'equilibrio 8) si sposta completamente a destra: raggiunta questa condizione, un ulteriore prolungamento del riscaldamento non determina ulteriore precipitazione di carbonato di calcio e di carbonato di magnesio e la durezza non diminuisce più. La durezza permanente dipende dalla concentrazione degli ioni calcio e magnesio NON precipitati sotto forma di carbonati durante il riscaldamento e quindi ancora presenti nell'acqua al termine del riscaldamento medesimo. Se in un acqua la quantità di ioni bicarbonato è sufficientemente elevata rispetto alla quantità degli ioni calcio e degli ioni magnesio, nel corso del riscaldamento può avvenire la precipitazione praticamente completa degli ioni calcio e degli ioni magnesio: questo significa che l'acqua in questione presenta durezza permanente nulla e che la durezza temporanea coincide con la durezza misurata prima di sottoporre l acqua a riscaldamento. 3

4 Le incrostazioni calcaree che si formano nelle caldaie, sulle resistenze dei boiler elettrici, nelle pentole, nelle caffettiere, ecc... sono dovute alla durezza temporanea. ESEMPI NUMERICI. Esempio 1) In 200 l di acqua sono disciolti 90,0 g di CaHCO 3 2 e 50,0 g di CaCl 2 : calcolare durezza temporanea, permanente e totale. Durezza temporanea. La durezza temporanea dipende dagli ioni calcio derivanti dalla dissociazione di CaHCO 3 2 (massa molare = 162 g/mol): in 100 l di acqua sono disciolti 45,0 g di bicarbonato di calcio; in 1 mol, cioè 162 g, di bicarbonato di calcio sono presenti 40,1 g di ioni calcio e quindi la seguente proporzione 40,1 : 162 = x : 45,0 x = 11,1 g permette di calcolare quanti grammi di ioni calcio derivanti dalla dissociazione del bicarbonato di calcio sono contenuti in 100 l di acqua; si calcolano infine i grammi di carbonato di calcio stechiometricamente corrispondenti 40,1 : 100 = 11,1 : y y = 27,8 g Durezza temporanea = 27,8 f Durezza permanente. È dovuta solamente a CaCl 2 (massa molare = 111 g/mol). In 100 l di acqua sono disciolti 25,0 g di cloruro di calcio. In 1 mole di cloruro di calcio, cioè 111 g, sono contenuti 40,1 g di ioni calcio Calcolo i grammi di ioni calcio disciolti in 100 l di acqua 40,1 : 111 = x : 25,0 x = 9,03 g calcolo i grammi di carbonato di calcio stechiometricamente corrispondenti 40,1 : 100 = 9,03 : y y = 22,5 g Durezza permanente = 22,5 f Durezza totale. Come dice il termine, essa è dovuta a tutti i sali di calcio e di magnesio presenti in soluzione e quindi, in questo caso, essa è la somma dei contributi di CaHCO 3 2 e CaCl 2 precedentemente calcolati: Durezza totale = 27,8 + 22,5 = 50,3 F. Esempio 2) La durezza temporanea di un'acqua si può calcolare non solo conoscendo la concentrazione dei bicarbonati di calcio e di magnesio ma anche conoscendo semplicemente la concentrazione degli ioni bicarbonato. In questo secondo caso, ricordando che la durezza temporanea non può mai essere maggiore della durezza totale ma tutt'al più uguale ad essa, al termine del calcolo bisogna confrontare i valori: se il valore della durezza temporanea risulta maggiore di quello della durezza totale ciò significa semplicemente che l'acqua in questione presenta durezza permanente nulla (in altre parole, la durezza misurata dopo aver sottoposto l'acqua a riscaldamento è nulla) e significa inoltre che la durezza temporanea coincide con la durezza totale. Calcolare la durezza temporanea, la durezza calcica e la durezza magnesiaca di un acqua minerale sulla cui etichetta compaiono i seguenti dati: la concentrazione di ioni bicarbonato è pari a 1397 mg/l (cioè 1,397 g/l), le concentrazioni degli ioni calcio e magnesio valgono rispettivamente 379,6 mg/l e 18,6 mg/l. Durezza temporanea. La corrispondenza stechiometrica tra gli ioni bicarbonato, ( HCO 3 : m molare = 61,0 g/mol, per cui 1 mole ha una massa di 61,0 g e 2 moli hanno una massa di 122 g), ed il carbonato di calcio si può ricavare tenendo presente che, in CaHCO 3 2, 1 mole di ioni calcio è combinata con 2 moli di ioni bicarbonato: poiché 1 mol di ioni calcio è stechiometricamente corrispondente a 1 mol di carbonato di calcio si deduce che 2 mol di ioni bicarbonato corrispondono stechiometricamente a 1 mol di carbonato di calcio ed infine che 122 g di HCO 3 corrispondono stechiometricamente a 100 g di CaCO 3. Calcolo i grammi di ioni bicarbonato in 100 l 1,397 : 1 = x : 100 x = 139,7 g calcolo i grammi di carbonato di calcio stechiometricamente corrispondenti 122 : 100 = 139,7 : y y = 115 g Durezza temporanea (calcolata) = 115 f Durezza calcica. 0,3796 : 1 = x : 100 x = 37,96 g 40,1 : 100 = 37,96 : y y = 94,7 g Durezza calcica = 94,7 f 4

5 Durezza magnesiaca. 0,0186 : 1 = x : 100 x = 1,86 g 24,3 : 100 = 1,86 : y y = 7,65 g Durezza magnesiaca = 7,65 F. La durezza totale è quindi pari a ( 94,7 + 7,65) = 102 F. Se confrontiamo il valore della durezza temporanea, calcolata in base alla concentrazione degli ioni bicarbonato, con il valore della durezza totale vediamo che il primo è maggiore del secondo: questo non significa che la durezza temporanea è maggiore della durezza totale, cosa ovviamente impossibile, ma che la quantità di ioni HCO 3 presenti nell acqua è superiore a quella necessaria affinché, durante il riscaldamento dell'acqua, avvenga la precipitazione di tutti gli ioni calcio e magnesio sotto forma di carbonati. In questo caso quindi la durezza permanente è nulla mentre la durezza temporanea coincide con la durezza totale: la durezza temporanea non è dunque pari al valore sopra calcolato (115 f), ma è pari a 102 f. ALTRI MODI PER ESPRIMERE LA DUREZZA. La durezza viene a volte espressa in p.p.m. ossia in parti (di carbonato di calcio) per milione, ossia in milligrammi di carbonato di calcio per kilogrammo di acqua 1 (carbonato di calcio sempre inteso come stechiometricamente corrispondente al quantitativo dei sali di calcio e di magnesio disciolti o degli ioni calcio e magnesio contenuti nell'acqua). Poiché le acque per il consumo umano molto di frequente presentano una massa volumica di circa 1000 g/l, la concentrazione in p.p.m., in pratica, coincide numericamente con la concentrazione in mg/l ed 1 grado francese corrisponde a 10 p.p.m. RIASSUNTO DELLE PRINCIPALI CORRISPONDENZE STECHIOMETRICHE. Ioni calcio 40,1 g Ca 2 corrispondono stechiometricamente a 100 g di CaCO 3 Ioni magnesio 24,3 g Mg 2 corrispondono stechiometricamente a 100 g di CaCO 3 Ioni bicarbonato 122 g HCO 3 corrispondono stechiometricamente a 100 g di CaCO 3 RELAZIONI TRA DUREZZA IN F E CONCENTRAZIONI IN MG/L. c Ca 2 = 4,01 D Ca 2 c Mg 2 = 2,43 D Mg 2 c HCO3 = 12,2 D temporanea dove c indica la concentrazione in mg/l e D indica la durezza. ESERCIZI. 1) Sull etichetta di un acqua minerale si legge che la concentrazione degli ioni calcio, magnesio e bicarbonato valgono rispettivamente 210,8 mg/l, 57,7 mg/l e 222,7 mg/l. Calcolare la durezza calcica, magnesiaca, totale, temporanea e permanente. 2) In un acqua, prima che sia sottoposta a riscaldamento, la durezza totale risulta pari a 24,8 f; dopo riscaldamento la durezza totale è pari a 8,50 f. Quanto valgono la durezza temporanea e la durezza permanente? 3) Calcolare la durezza temporanea e la concentrazione degli ioni bicarbonato sapendo che la durezza totale vale, prima di sottoporre l acqua a riscaldamento, 9,5 f e dopo il riscaldamento 3,3 f. 4) Calcolare la durezza temporanea e la durezza permanente di un acqua sapendo che la durezza totale vale 10 f e che la concentrazione degli ioni bicarbonato è pari a 100 mg/l. 5) In un matraccio da 500 ml sono disciolti 20,0 mg di CaCl 2, 5,0 mg di MgSO 4 e 2,0 mg di KCl, dopo di che si porta a volume: calcolare la durezza totale della soluzione. 6) In 20,0 litri di un acqua sono disciolti 3,0 g di CaSO 4, 4,0 g di MgCl 2 e 10,0 g di NaHCO 3. Calcolare la durezza totale, temporanea e permanente. 7) In 30,0 l di acqua sono presenti 0,0500 mol di ioni calcio e 0,0500 mol di ioni magnesio. Calcolare la durezza calcica, la durezza magnesiaca e la durezza totale. 8) In un'acqua la concentrazione degli ioni calcio e degli ioni magnesio valgono entrambe 19,0 mg/l: calcolare la durezza calcica, magnesiaca e totale. Pesi atomici: Ca = 40,1 Mg = 24,3 H = 1,01 C = 12,0 O = 16,0 Cl = 35,5 S = 32,1 Na = 23,0 5

6 Risultati 1) D calcica = 52,6 f; D magnesiaca = 23,7 f ; totale = 76,3 f; temporanea = 18,3 f; permanente = 58,0 2) D permanente = 8,50 f; D temporanea = 16,3 f 3) c = 76 mg/l 4) D temporanea = 8,2 f; D permanente =1,8 f 5) D totale = 4,4 f 6) D totale = 32 f D temporanea = 29,8 f D permanente = 2,2 f 7) D calcica = D magnesiaca = 16,7 f D totale = 33,4 f 8) D calcica = 4,74 f7 D magnesiaca = 7,82 f D totale = 12,6 f Bibliografia. Brisi Lezioni di Chimica Applicata Libreria Editrice Universitaria Levrotto & Bella 6

CO 2 aq l anidride carbonica disciolta, reagendo con l'acqua, forma acido carbonico secondo la reazione:

CO 2 aq l anidride carbonica disciolta, reagendo con l'acqua, forma acido carbonico secondo la reazione: DUREZZA DELLE ACQUE. Quando si parla di durezza di un acqua ci si riferisce fondamentalmente alla quantità di ioni calcio e di ioni magnesio disciolti in un certo volume di tale acqua. Ad eccezione delle

Dettagli

EQUILIBRI DI SOLUBILITA

EQUILIBRI DI SOLUBILITA EQUILIBRI DI SOLUBILITA Solubilità In generale solo una quantità finita di un solido si scioglie in un dato volume di solvente dando luogo ad una soluzione satura, cioè una soluzione in equilibrio con

Dettagli

DETERMINAZIONE DUREZZA ACQUA

DETERMINAZIONE DUREZZA ACQUA DETERMINAZIONE DUREZZA ACQUA Le acque contengono disciolti un gran numero di sali e quindi sono presenti molti cationi metallici, tra cui quelli polivalenti che sono i responsabili della durezza. Contribuiscono

Dettagli

Molti sali contengono un anione o un catione che possono reagire con acqua rendendo le loro soluzioni ACIDE o BASICHE

Molti sali contengono un anione o un catione che possono reagire con acqua rendendo le loro soluzioni ACIDE o BASICHE Molti sali contengono un anione o un catione che possono reagire con acqua rendendo le loro soluzioni ACIDE o BASICHE Molti sali reagiscono con l acqua alterando il suo rapporto molare tra [H] e [OH] -

Dettagli

SOLUZIONI e DILUIZIONI

SOLUZIONI e DILUIZIONI SOLUZIONI e DILUIZIONI Introduzione In chimica viene definita soluzione un sistema in cui due o più sostanze formano un miscuglio omogeneo. Nella maggior parte dei casi una soluzione è costituita da due

Dettagli

Esercizi e problemi tratti dal libro La chimica di Rippa Cap. 14 L'equilibrio chimico

Esercizi e problemi tratti dal libro La chimica di Rippa Cap. 14 L'equilibrio chimico Esercizi e problemi tratti dal libro La chimica di Rippa Cap. 14 L'equilibrio chimico 43. A 723 K in un reattore dal volume di 5,000 L sono presenti all'equilibrio 3,356 mol di azoto, 4,070 mol di idrogeno

Dettagli

Come possiamo conoscere il numero di atomi o molecole presenti in una definita quantità di sostanza?

Come possiamo conoscere il numero di atomi o molecole presenti in una definita quantità di sostanza? Come possiamo conoscere il numero di atomi o molecole presenti in una definita quantità di sostanza? Fisicamente è impossibile contare gli atomi contenuti in una data quantita di sostanza. E impossibile

Dettagli

Prodotto di solubilità (Kps)

Prodotto di solubilità (Kps) Prodotto di solubilità (Kps) SOLUBILITA Concentrazione massima che si può raggiungere per un soluto in un dato solvente ad una certa temperatura. (Es: g soluto/100g di solvente) Solubiltà di NaCl in acqua

Dettagli

Base. Acido. Acido. Base

Base. Acido. Acido. Base ACIDI E BASI Un acido è un donatore di protoni, una base è un accettore di protoni. La base coniugata di un acido è quella che si forma quando l acido si è privato del protone. L acido coniugato di una

Dettagli

LE SOSTANZE PRESENTI NELL ACQUA SI POSSONO SUDDIVIDERE IN: sostanze in sospensione sostanze in soluzione gas disciolti

LE SOSTANZE PRESENTI NELL ACQUA SI POSSONO SUDDIVIDERE IN: sostanze in sospensione sostanze in soluzione gas disciolti LE SOSTANZE PRESENTI NELL ACQUA SI POSSONO SUDDIVIDERE IN: sostanze in sospensione sostanze in soluzione gas disciolti Tipi di acque Acque Per Uso Industriale (I) Le acque impiegate dalle industrie per

Dettagli

Un elemento è una sostanza pura che non può essere divisa in sostanze più semplici. Le sue molecole sono tutte uguali.

Un elemento è una sostanza pura che non può essere divisa in sostanze più semplici. Le sue molecole sono tutte uguali. Elementi, composti, miscugli Un elemento è una sostanza pura che non può essere divisa in sostanze più semplici. Le sue molecole sono tutte uguali. Il composto è formato da sostanze pure scomponibili in

Dettagli

Reazioni in soluzione

Reazioni in soluzione Concentrazione di una soluzione In chimica è spesso conveniente esprimere la concentrazione di una soluzione in molarità M La concentrazione molare (M) o molarità indica il numero di moli di soluto presenti

Dettagli

La stechiometria di una reazione chimica relaziona le masse di reagenti e prodotti tenendo conto della legge di conservazione della massa.

La stechiometria di una reazione chimica relaziona le masse di reagenti e prodotti tenendo conto della legge di conservazione della massa. La stechiometria di una reazione chimica relaziona le masse di reagenti e prodotti tenendo conto della legge di conservazione della massa. ChimicaGenerale_lezione17 1 L'Equilibrio Chimico Nella chimica

Dettagli

CHIMICA. Esempio di svolgimento dell accertamento con alcuni commenti. X L'energia richiesta per allontanare un elettrone da uno ione X+ (g);

CHIMICA. Esempio di svolgimento dell accertamento con alcuni commenti. X L'energia richiesta per allontanare un elettrone da uno ione X+ (g); Esempio di svolgimento dell accertamento con alcuni commenti 1) L'energia di seconda ionizzazione di un elemento X e': X L'energia richiesta per allontanare un elettrone da uno ione X+ (g); q L'energia

Dettagli

Esercizi di stechiometria

Esercizi di stechiometria Esercizi di stechiometria La reazione globale da bilanciare) per ottenere il carbonato di sodio secondo il processo di Solvay è la seguente: Calcolare quanto cloruro di sodio NaCl) occorre per ottenere

Dettagli

LABORATORIO DI CHIMICA GENERALE E INORGANICA

LABORATORIO DI CHIMICA GENERALE E INORGANICA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Corso di Laurea Triennale in Chimica CORSO DI: LABORATORIO DI CHIMICA GENERALE E INORGANICA Docente: Dr. Alessandro Caselli

Dettagli

24. PRECIPITAZIONE Prodotto di solubilità (K s )

24. PRECIPITAZIONE Prodotto di solubilità (K s ) 24. PRECIPITAZIONE D. In un racconto di Primo Levi, a proposito di un analisi chimica di campioni di roccia, si incontrano queste parole apparentemente prive di senso: «... giù il ferro con ammoniaca,

Dettagli

Problema 1 Mg + 2HCl H 2 + MgCl 2. di Mg 1 Mg 1 H 2 quindi 0,823 moli di H 2 di H 2

Problema 1 Mg + 2HCl H 2 + MgCl 2. di Mg 1 Mg 1 H 2 quindi 0,823 moli di H 2 di H 2 REAZIONI CHIMICHE 1. Con riferimento alla seguente reazione (da bilanciare): Mg + HCl H 2 + MgCl 2 calcolare i grammi di H 2 che si ottengono facendo reagire completamente 20 g di magnesio. utilizzando

Dettagli

Lezione 20: Atomi e molecole

Lezione 20: Atomi e molecole Lezione 20 - pag.1 Lezione 20: Atomi e molecole 20.1. Il punto della situazione Abbiamo visto, nella lezione precedente, come il modello atomico sia in grado di spiegare la grande varietà di sostanze che

Dettagli

L abitante medio del pianeta consuma m3 l anno di acqua, l italiano ogni giorno usa in media 380 litri di acqua solo per gli scopi domestici,

L abitante medio del pianeta consuma m3 l anno di acqua, l italiano ogni giorno usa in media 380 litri di acqua solo per gli scopi domestici, Impronta idrica L abitante medio del pianeta consuma 1.240 m3 l anno di acqua, l italiano ogni giorno usa in media 380 litri di acqua solo per gli scopi domestici, quantitativo che aumenta di 17 volte

Dettagli

Stechiometria delle soluzioni

Stechiometria delle soluzioni www.matematicamente.it stechiometria delle soluzioni (medicina) 1 Stechiometria delle soluzioni Domande tratte dai test di ammissione a medicina, odontoiatria, veterinaria 1. Se si vuole ottenere una soluzione

Dettagli

4) 8 g di idrogeno reagiscono esattamente con 64 g di ossigeno secondo la seguente reazione:

4) 8 g di idrogeno reagiscono esattamente con 64 g di ossigeno secondo la seguente reazione: Esercizi Gli esercizi sulla legge di Lavoisier che seguono si risolvono ricordando che la massa iniziale, prima della reazione, deve equivalere a quella finale, dopo la reazione. L uguaglianza vale anche

Dettagli

Reazioni chimiche reversibili

Reazioni chimiche reversibili Reazioni chimiche reversibili In accordo all esperienza, la maggior parte delle reazioni chimiche possono procedere sia nel verso dai reagenti ai prodotti che nel verso opposto, cioè dai prodotti ai reagenti,

Dettagli

Soluzioni unità 3, modulo D del libro

Soluzioni unità 3, modulo D del libro Soluzioni unità 3, modulo D del libro SOLUZIONE: miscela omogenea di 2 o più sostanze Particelle dei componenti di dimensioni molecolari Componenti distribuiti in maniera caotica Se manca uno di questi

Dettagli

See more about

See more about See more about www.scienzaescuola.it ESERCIZI DI STECHIOMETRIA CON ESEMPI DI SOLUZIONI TIPO. Prof. Gabrielli Luciano (Lic. Scientifico L. da Vinci -Sora FR) P.M : Calcola il P.M. di: Al 2 (SO 4 ) 3 Fe(NO

Dettagli

Capitolo 10. Prof. Vincenzo Leo - Chimica - ITA Emilio Sereni 1

Capitolo 10. Prof. Vincenzo Leo - Chimica - ITA Emilio Sereni 1 Capitolo 10 N.B I concetti proposti sulle slide, in linea di massima seguono l ordine e i contenuti del libro, ma!!!! Ci possono essere delle variazioni Prof. Vincenzo Leo - Chimica - ITA Emilio Sereni

Dettagli

-SOLUZIONE- In una soluzione liquida si possono distinguere un solvente (il componente liquido più abbondante) e uno o più soluti.

-SOLUZIONE- In una soluzione liquida si possono distinguere un solvente (il componente liquido più abbondante) e uno o più soluti. -SOLUZIONE- Una soluzione è una miscela omogenea di due o più componenti. In generale una soluzione può essere in fase solida (leghe metalliche), liquida (gas + liquido, liquido + liquido, solido + liquido),

Dettagli

23/10/2013. La normalità si può mettere in relazione con la molarità di una soluzione attraverso la relazione: N = M x n

23/10/2013. La normalità si può mettere in relazione con la molarità di una soluzione attraverso la relazione: N = M x n Moli (n) = massa del soluto/pm Molarità = moli (n) di soluto contenute in 1 litro di soluzione Molalità = moli (n) di soluto contenute in 1Kg di soluzione Normalità = Eq/V (numero di equivalenti di soluto

Dettagli

9065X Chimica. Modello esame svolto. Esempio di compito scritto di Chimica. Politecnico di Torino CeTeM

9065X Chimica. Modello esame svolto. Esempio di compito scritto di Chimica. Politecnico di Torino CeTeM svolto Esempio di compito scritto di Chimica 1 - La configurazione elettronica: [Ar]3d 6 4s 0 rappresenta lo ione: 1) Mn 2+ 2) Ni 2+ 3) Fe 3+ 4) Co 3+ 5) Cu 2+ 2 - Un gas reale mantenuto sempre al di sopra

Dettagli

CAPITOLO 12 EQUILIBRI ACIDO-BASE E SOLUBILITA

CAPITOLO 12 EQUILIBRI ACIDO-BASE E SOLUBILITA CAPITOLO 12 EQUILIBRI ACIDO-BASE E SOLUBILITA 12.1 (a) ph = 2,57 (b) ph = 4,44 12.3 (a) no. (b) no. (c) sì. (d) sì. (e) no. 12.5 ph = 8,88 12.7 0,024 12.9 0,58 12.11 ph = 9,25; ph = 9,18. 12.13 Na 2 A/NaHA.

Dettagli

Problema n.1 Bilanciare la seguente reazione redox utilizzando il metodo ionico elettronico: H 2 O 2(aq) + MnO 4

Problema n.1 Bilanciare la seguente reazione redox utilizzando il metodo ionico elettronico: H 2 O 2(aq) + MnO 4 Problema n.1 Bilanciare la seguente reazione redox utilizzando il metodo ionico elettronico: 2 2(aq) + Mn 4 -(aq) 2(g) + Mn 2(s) + - (aq) + 2 (l). Calcolare il volume di 2 (g), misurato a 1.0 atm e 25

Dettagli

In base ai coefficienti stechiometrici posso calcolare quanti grammi di sostanza reagiscono.

In base ai coefficienti stechiometrici posso calcolare quanti grammi di sostanza reagiscono. ESERCITAZIONE 6 RAPPORTI PONDERALI E VOLUMETRICI NELLE REAZIONI In base ai coefficienti stechiometrici posso calcolare quanti grammi di sostanza reagiscono. 1) Quanto acido solforico reagisce con 100g

Dettagli

NH 3 + H 2 O NH. Gli OH - sono solo quelli provenienti dalla base, perché quelli dell acqua sono molto pochi.

NH 3 + H 2 O NH. Gli OH - sono solo quelli provenienti dalla base, perché quelli dell acqua sono molto pochi. D71 La costante di dissociazione ionica dell ammoniaca in acqua è uguale a 1.8 10 5. Determinare (a) il grado di dissociazione e (b) la concentrazione in ioni OH d una soluzione di NH 3 0.08 M. NH 3 +

Dettagli

Calcolare quante moli di zinco sono contenute in 5,50 g di Zn. (Massa molare (m.m.) Zn = 65,409 g mol -1 ).

Calcolare quante moli di zinco sono contenute in 5,50 g di Zn. (Massa molare (m.m.) Zn = 65,409 g mol -1 ). Calcolare quante moli di zinco sono contenute in 5,50 g di Zn. (Massa molare (m.m.) Zn = 65,409 g mol -1 ). moli Zn = massa Zn / m.m. Zn = 5,50 / 65,409 g mol -1 = 8,41 10-2 mol Calcolare a quante moli

Dettagli

Il modello strutturale dell atomo

Il modello strutturale dell atomo Il modello strutturale dell atomo Gli atomi sono costituiti dal nucleo e dagli elettroni Proprietà dell atomo dipendono dal nucleo (fisica nucleare) e dagli elettroni (chimica). Il nucleo contiene protoni

Dettagli

Chimica. 1) Il simbolo del Carbonio è: A) C B) Ca. C) Ce D) Cu. 2) Secondo il principio della conservazione della materia:

Chimica. 1) Il simbolo del Carbonio è: A) C B) Ca. C) Ce D) Cu. 2) Secondo il principio della conservazione della materia: Chimica 1) Il simbolo del Carbonio è: A) C B) Ca C) Ce D) Cu 2) Secondo il principio della conservazione della materia: A) Durante le reazioni chimiche il numero totale di atomi di ciascun elemento chimico

Dettagli

B) calcola la massa in grammi dei seguenti numeri di particelle, ovviamente a partire dalla massa in grammi di ogni singola particella.

B) calcola la massa in grammi dei seguenti numeri di particelle, ovviamente a partire dalla massa in grammi di ogni singola particella. Esercizi Vengono di seguito proposti esercizi per un rapido passaggio dalle masse al numero di particelle e viceversa; le masse possono essere espresse in grammi o in uma; le particelle in mol o in atomi

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE SOLUZIONI.

LA FORMAZIONE DELLE SOLUZIONI. LA FORMAZIONE DELLE SOLUZIONI. Perché le sostanze si sciolgono? Le soluzioni sono miscugli omogenei i cui costituenti conservano le loro proprietà. Nelle soluzioni il solvente è il componente in maggiore

Dettagli

EQUILIBRI DI SOLUBILITÀ DI COMPOSTI IONICI POCO SOLUBILI

EQUILIBRI DI SOLUBILITÀ DI COMPOSTI IONICI POCO SOLUBILI EQUILIBRI DI SOLUBILITÀ DI COMPOSTI IONICI POCO SOLUBILI Quando abbiamo a che fare con dei composti ionici molto solubili, per raggiungere la saturazione 1 della soluzione è necessario aggiungere all'acqua

Dettagli

Corso di Chimica e Propedeutica Biochimica Reazioni in soluzione acquosa

Corso di Chimica e Propedeutica Biochimica Reazioni in soluzione acquosa Corso di Chimica e Propedeutica Biochimica Reazioni in soluzione acquosa Alcune immagini sono state prese e modificate da Chimica di Kotz, Treichel & Weaver, Edises 2007, III edizione 1 Ioni in soluzione

Dettagli

LEZIONE 4. Le soluzioni

LEZIONE 4. Le soluzioni LEZIONE 4 Le soluzioni Le soluzioni sono miscugli omogenei i cui costituenti conservano le loro proprietà. Nelle soluzioni il solvente è il componente in maggiore quantità. Il soluto è il componente delle

Dettagli

ESERCIZI sulle SOLUZIONI

ESERCIZI sulle SOLUZIONI ESERCIZI sulle SOLUZIONI 1. Calcola la molarità delle seguenti soluzioni acquose, per le quali è data la massa di soluto disciolta in 200 cm 3 di soluzione: a) 20 g di NaCl; b) 20 g di HCl; c) 20 g di

Dettagli

Peso molecolare HNO 3 = (3x16) = 63,01 UMA

Peso molecolare HNO 3 = (3x16) = 63,01 UMA ELEMENTI DI STECHIOMETRIA1 La stechiometria è quella parte della chimica che studia i fenomeni chimici dal punto di vista quantitativo. Conoscere le esatte quantità coinvolte nei vari fenomeni chimici

Dettagli

LABORATORIO DI CHIMICA GENERALE E INORGANICA

LABORATORIO DI CHIMICA GENERALE E INORGANICA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Corso di Laurea Triennale in Chimica CORSO DI: LABORATORIO DI CHIMICA GENERALE E INORGANICA Docente: Dr. Alessandro Caselli

Dettagli

2. Indicare l'affermazione che descrive più accuratamente il comportamento di un catalizzatore:

2. Indicare l'affermazione che descrive più accuratamente il comportamento di un catalizzatore: 1. "L'energia di attivazione, cioè l'energia necessaria a formare un composto ad alta energia potenziale, intermedio della reazione (il cosiddetto complesso attivato), è una grandezza caratteristica di

Dettagli

Lezione 2. Leggi ponderali

Lezione 2. Leggi ponderali Lezione 2 Leggi ponderali I miscugli eterogenei presentano i componenti distinguibili in due o più fasi, in rapporti di massa altamente variabili e che mantengono le caratteristiche originarie. I miscugli

Dettagli

Centrali termiche: per la conduzione ci vuole la patente Obbligo del patentino di abilitazione di 2 grado per la conduzione degli impianti termici

Centrali termiche: per la conduzione ci vuole la patente Obbligo del patentino di abilitazione di 2 grado per la conduzione degli impianti termici Centrali termiche: per la conduzione ci vuole la patente Obbligo del patentino di abilitazione di 2 grado per la conduzione degli impianti termici sopra i 232 kw Ing. Diego Danieli Libero Professionista

Dettagli

Le unità fondamentali SI. Corrente elettrica

Le unità fondamentali SI. Corrente elettrica ESERITAZIONE 1 1 Le unità fondamentali SI Grandezza fisica Massa Lunghezza Tempo Temperatura orrente elettrica Quantità di sostanza Intensità luminosa Nome dell unità chilogrammo metro secondo Kelvin ampere

Dettagli

EQUILIBRI ACIDO-BASE: ESERCIZI RISOLTI. Dott. Francesco Musiani

EQUILIBRI ACIDO-BASE: ESERCIZI RISOLTI. Dott. Francesco Musiani EQUILIBRI ACIDO-BASE: ESERCIZI RISOLTI Dott. Francesco Musiani Versione aggiornata al 23.1.2017 1 - Calcolare il poh di soluzioni aventi le seguenti concentrazioni di H 3 O + : 1) 3,1 10-2 M; 2) 1,0 10-4

Dettagli

Acidi Basi e Sali. ChimicaGenerale_lezione19 1

Acidi Basi e Sali. ChimicaGenerale_lezione19 1 Acidi Basi e Sali Le soluzioni della maggior parte dei sali sono acide o basiche piuttosto che neutre. Infatti, cationi e anioni possono agire da basi o acidi E possibile prevedere il ph di una soluzione

Dettagli

ATOMI E MOLECOLE. Tutte le varie forme di materia esistenti sono costituite da sostanze semplici (elementi) e da sostanze composte (composti).

ATOMI E MOLECOLE. Tutte le varie forme di materia esistenti sono costituite da sostanze semplici (elementi) e da sostanze composte (composti). 1 ATOMI E MOLECOLE Tutte le varie forme di materia esistenti sono costituite da sostanze semplici (elementi) e da sostanze composte (composti). Un elemento (es. il mercurio) è una sostanza che non può

Dettagli

Elemento fondamentale

Elemento fondamentale Acqua Elemento fondamentale Usata x 90% Produzione Malteria Caldaie frigoriferi Lavaggio e sterilizzazione Ruoli dell acqua Permette il trasporto e la distribuzione nelle cellule delle sostanze Garantisce

Dettagli

ESTRAZIONE CO. Scopo. Strumenti e sostanze. Principi teorici. Metodica. Calcoli. Malboro gold

ESTRAZIONE CO. Scopo. Strumenti e sostanze. Principi teorici. Metodica. Calcoli. Malboro gold ESTRAZIONE CO Scopo Determinare i milligrammi di CO all interno di una sigaretta Strumenti e sostanze STRUMENTI: Becher, buretta, beuta, pipetta, matraccio, cappa, bilancia, bacchetta di vetro, ragno.

Dettagli

Dai coefficienti stechiometrici si deduce che 4 atomi K reagiscono con 1 molecola O 2 la

Dai coefficienti stechiometrici si deduce che 4 atomi K reagiscono con 1 molecola O 2 la REAZIONI DI OSSIDO-RIDUZIONE o REDOX. Sono reazioni nelle quali uno o più elementi subiscono una variazione del numero di ossidazione. Se una specie chimica subisce un aumento del numero di ossidazione

Dettagli

REAZIONI ED EQUAZIONI CHIMICHE

REAZIONI ED EQUAZIONI CHIMICHE REAZIONI ED EQUAZIONI CHIMICHE Per reazione chimica si intende la trasformazione di una o più sostanze chiamate REAGENTI in una o più sostanze chiamate PRODOTTI. Le equazioni chimiche sono la traduzione

Dettagli

Soluzioni. Definizioni. Unità di concentrazione. Si definisce soluzione una miscela omogenea di 2 o più componenti occupanti la stessa fase.

Soluzioni. Definizioni. Unità di concentrazione. Si definisce soluzione una miscela omogenea di 2 o più componenti occupanti la stessa fase. Definizioni Si definisce soluzione una miscela omoenea di 2 o più componenti occupanti la stessa fase. Soluzioni Una soluzione può essere in: Fase solida (lehe metalliche) Fase liquida (as+liquido, liquido+liquido,

Dettagli

Problema n.1 Bilanciare la seguente reazione redox utilizzando il metodo ionico elettronico: I - (aq) + NO 3

Problema n.1 Bilanciare la seguente reazione redox utilizzando il metodo ionico elettronico: I - (aq) + NO 3 Problema n.1 Bilanciare la seguente reazione redox utilizzando il metodo ionico elettronico: I (aq) + 3 (aq) + + (aq) I 2(s) + (g) + 2 (l). Calcolare i grammi di I 2 (s) che si ottengono se si formano

Dettagli

FOCUS SU EQUILIBRI ACIDO-BASE

FOCUS SU EQUILIBRI ACIDO-BASE 1 Ci sono varie definizioni di acidi e basi, tra le quali meritano di essere ricordate quella di Bronsted e quella di Lewis. Per i nostri fini pratici, ovvero gli esercizi, ci basta però ricordare le definizioni

Dettagli

Esercizi sui Bilanci di Massa

Esercizi sui Bilanci di Massa Insegnamento di Chimica Generale 083424 - CCS CHI e MAT A.A. 2015/2016 (I Semestre) Esercizi sui Bilanci di Massa Prof. Dipartimento CMIC Giulio Natta http://iscamap.corsi.chem.polimi.it/citterio Punti

Dettagli

SOLUZIONI COMPITO A CHIMICA

SOLUZIONI COMPITO A CHIMICA SOLUZIONI COMPITO A CHIMICA 07-07-211 1A) Per combustione di una miscela (0,596 moli totali) di due idrocarburi di formula (C 7 H 16 e C 9 H 20 ) si ottengono 102.420 g di acqua ed anidride carbonica.

Dettagli

Prima parte dell esame di CHIMICA GENERALE ED INORGANICA CORSO DI LAUREA IN SCIENZE BIOLOGICHE (L-Z) (ELABORATO SIMBOLICO-NUMERICO)

Prima parte dell esame di CHIMICA GENERALE ED INORGANICA CORSO DI LAUREA IN SCIENZE BIOLOGICHE (L-Z) (ELABORATO SIMBOLICO-NUMERICO) (Es.1) 1) 4.4 grammi di propano, C 3 H 8, vengono bruciati in aria. Determinare la massa dell ossigeno consumato nella combustione. R = 16 g 2) La costante di equilibrio della seguente reazione di dissociazione

Dettagli

POLITECNICO DI MILANO ING. ENG AER MEC. Corso di FONDAMENTI DI CHIMICA I PROVA IN ITINERE 28 Gennaio 2010 Compito A

POLITECNICO DI MILANO ING. ENG AER MEC. Corso di FONDAMENTI DI CHIMICA I PROVA IN ITINERE 28 Gennaio 2010 Compito A POLITECNICO DI MILANO ING. ENG AER MEC. Corso di FONDAMENTI DI CHIMICA I PROVA IN ITINERE 28 Gennaio 2010 Compito A Avvertenze: scrivere le soluzioni sull apposito foglio che va completato con tutti i

Dettagli

FORMULARIO DI CHIMICA

FORMULARIO DI CHIMICA ARGOMENTO Grandezze chimiche fondamentali: 1. Numero di Avogadro 2. Mole 3. Massa Molare 4. Densità 5. Volume molare di un gas Modi di esprimere la concentrazione: 1. Molare M 2. Parti per milione ppm

Dettagli

PCl5 (g) <====> PCl3(g) + Cl2(g)

PCl5 (g) <====> PCl3(g) + Cl2(g) ESERCITAZIONE 10 DISSOCIAZIONE TERMICA Alcuni gas si decompongono per effetto del riscaldamento in altre sostanze, che possono essere tutte o solo in parte gassose. Ad esempio: PCl5 (g) PCl3(g)

Dettagli

La quantità chimica LA MOLE

La quantità chimica LA MOLE La quantità chimica LA MOLE 1 QUANTO PESA UN ATOMO? Se lo misurassimo in grammi, l atomo di H, il più piccolo, avrebbe una massa di 1,6 x10-24 g. Per convenzione, si assegna un valore arbitrario (12) alla

Dettagli

Corso di Laboratorio Integrato di Chimica Generale BIOTEC-2011 Esercizi Svolti su Equilibri acido-base

Corso di Laboratorio Integrato di Chimica Generale BIOTEC-2011 Esercizi Svolti su Equilibri acido-base Corso di Laboratorio Integrato di Chimica Generale BIOTEC2011 Esercizi Svolti su Equilibri acidobase 1. Quanto vale il ph di una soluzione 0.1 M di CO 2 se si ritiene che essa non esiste più come tale

Dettagli

Esame di Chimica Generale 13 Aprile 2012

Esame di Chimica Generale 13 Aprile 2012 Esame di Chimica Generale 13 Aprile 2012 COGNOME NOME. MATRICOLA 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Indicazioni per lo svolgimento del compito. Scrivete il vostro Nome e Cognome in STAMPATELLO su ciascuno di questi

Dettagli

Prova in itinere di Chimica Generale 8 Gennaio 2016 A

Prova in itinere di Chimica Generale 8 Gennaio 2016 A Prova in itinere di Chimica Generale 8 Gennaio 2016 A COGNOME NOME. MATRICOLA 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Indicazioni per lo svolgimento del compito. Scrivete il vostro Nome e Cognome in STAMPATELLO su ciascuno

Dettagli

Esame svizzero di maturità Sessione gennaio 2015 ESAME DI MATURITÀ. Opzione specifica biologia e chimica. gennaio 2015 PARTE DI CHIMICA

Esame svizzero di maturità Sessione gennaio 2015 ESAME DI MATURITÀ. Opzione specifica biologia e chimica. gennaio 2015 PARTE DI CHIMICA ESAME DI MATURITÀ Opzione specifica biologia e chimica gennaio 2015 PARTE DI CHIMICA Cognome:.......... Nome:.......... Gruppo:.......... Numero:.......... Tempo a disposizione: Punteggio parte chimica:

Dettagli

LA MOLE LA MOLE 2.A PRE-REQUISITI 2.3 FORMULE E COMPOSIZIONE 2.B PRE-TEST

LA MOLE LA MOLE 2.A PRE-REQUISITI 2.3 FORMULE E COMPOSIZIONE 2.B PRE-TEST LA MOLE 2.A PRE-REQUISITI 2.B PRE-TEST 2.C OBIETTIVI 2.1 QUANTO PESA UN ATOMO? 2.1.1 L IDEA DI MASSA RELATIVA 2.1.2 MASSA ATOMICA RELATIVA 2.2.4 ESERCIZI SVOLTI 2.3 FORMULE E COMPOSIZIONE 2.4 DETERMINAZIONE

Dettagli

Soluzioni Acido Base Definizione di Brønsted

Soluzioni Acido Base Definizione di Brønsted acido + base sale + acqua Soluzioni Acido Base Definizione di Brønsted acido: sostanza capace di donare protoni* HCl + H 2 O Cl + H 3 O + * In soluzione, il protone esiste in forma idratata (H 3 O + )

Dettagli

1. Le teorie sugli acidi e sulle basi 2. La ionizzazione dell acqua 3. Il ph 4. La forza degli acidi e delle basi 5. Come calcolare il ph di

1. Le teorie sugli acidi e sulle basi 2. La ionizzazione dell acqua 3. Il ph 4. La forza degli acidi e delle basi 5. Come calcolare il ph di Unità 19 Acidi e basi si scambiano protoni 1. Le teorie sugli acidi e sulle basi 2. La ionizzazione dell acqua 3. Il ph 4. La forza degli acidi e delle basi 5. Come calcolare il ph di soluzioni acide e

Dettagli

Sommario della lezione 5. Esercizi sui concetti di Mole e Composizione percentuale. Formule chimiche

Sommario della lezione 5. Esercizi sui concetti di Mole e Composizione percentuale. Formule chimiche Sommario della lezione 5 Esercizi sui concetti di Mole e Composizione percentuale Formule chimiche Qual è la massa molecolare del glucosio? Il glucosio è costituito da molecole di formula C 6 H 12 O 6.

Dettagli

Ultima verifica pentamestre. 1)definizione di miscuglio, soluzione, composto, elemento, molecola ( definizione importantissima!!!!!!!!

Ultima verifica pentamestre. 1)definizione di miscuglio, soluzione, composto, elemento, molecola ( definizione importantissima!!!!!!!! Ultima verifica pentamestre 1)definizione di miscuglio, soluzione, composto, elemento, molecola ( definizione importantissima!!!!!!!!) 2) gruppi dal IV al VIII 3) differenza tra massa atomica e massa atomica

Dettagli

1 a parte Dalle percentuali alle formule. Esercizio Determina la formula grezza di un composto contenente: 44,87% di K; 18,39% di S ed il 36,73% di O.

1 a parte Dalle percentuali alle formule. Esercizio Determina la formula grezza di un composto contenente: 44,87% di K; 18,39% di S ed il 36,73% di O. Esercizi Dalle percentuali alle formule e dalle formule alle percentuali 1 a parte Dalle percentuali alle formule Determina la formula grezza di un composto contenente: 44,87% di K; 18,39% di S ed il 36,73%

Dettagli

Reazioni chimiche e stechiometria

Reazioni chimiche e stechiometria Reazioni chimiche e stechiometria REAZIONI CHIMICHE Trasformazione di una o più sostanze (reagenti) in una o più sostanze (prodotti) EQUAZIONE CHIMICA Una equazione chimica è la rappresentazione simbolica

Dettagli

Il binomio di van t Hoff Le proprietà colligative dipendono dal numero di particelle effettivamente presenti nella soluzione. Nel caso in cui il solut

Il binomio di van t Hoff Le proprietà colligative dipendono dal numero di particelle effettivamente presenti nella soluzione. Nel caso in cui il solut Proprietà colligative di soluzioni ideali Si definiscono proprietà colligative alcune proprietà delle soluzioni indipendenti dalla natura del soluto ma che dipendono soltanto dal numero delle particelle

Dettagli

Una soluzione è una miscela di un soluto (sostanza che deve essere sciolta) distribuita in un solvente (sostanza che effettua la solubilizzazione).

Una soluzione è una miscela di un soluto (sostanza che deve essere sciolta) distribuita in un solvente (sostanza che effettua la solubilizzazione). LE SOLUZIONI Una soluzione è una miscela di un soluto (sostanza che deve essere sciolta) distribuita in un solvente (sostanza che effettua la solubilizzazione). soluzioni solide liquide gassose leghe aria

Dettagli

Pesi atomici e molecolari La mole

Pesi atomici e molecolari La mole Pesi atomici e molecolari La mole Dr. Gabriella Giulia Pulcini Ph.D. Student, Development of new approaches to teaching and learning Natural and Environmental Sciences University of Camerino, ITALY 1 QUALE

Dettagli

Massa assoluta e relativa e mole

Massa assoluta e relativa e mole Massa assoluta e relativa e mole Massa atomica assoluta.. Massa di un atomo di un dato elemento. In questo caso si parla spesso di peso atomico assoluto, che viene espresso in grammi: l'ordine dei valori

Dettagli

pressione esercitata dalle molecole di gas in equilibrio con Si consideri una soluzione di B in A. Per una soluzione ideale

pressione esercitata dalle molecole di gas in equilibrio con Si consideri una soluzione di B in A. Per una soluzione ideale PROPRIETA COLLIGATIVE Proprietà che dipendono solo dal numero di particelle presenti in soluzione 1. TENSIONE DI VAPORE 2. INNALZAMENTO EBULLIOSCOPICO 3. ABBASSAMENTO CRIOSCOPICO 4. PRESSIONE OSMOTICA

Dettagli

Corso di Chimica Generale Inorganica Soluzione degli Esercizi del Compito del 6 settembre 2010

Corso di Chimica Generale Inorganica Soluzione degli Esercizi del Compito del 6 settembre 2010 Corso di Chimica Generale Inorganica Soluzione degli Esercizi del Compito del 6 settembre 010 Si avvertono gli studenti che la verbalizzazione dei risultati dell esame è fatta esclusivamente per via elettronica.

Dettagli

U.M.A. e le masse ATOMICHE

U.M.A. e le masse ATOMICHE U.M.A. e le masse ATOMICHE L unità di massa atomica (u.m.a.) viene definita come 1/12 della massa del 12 C Il peso atomico (massa atomica relativa) di un atomo viene definito come: massa atomo considerato

Dettagli

Reazioni in Soluzioni Acquose. Capitolo 4

Reazioni in Soluzioni Acquose. Capitolo 4 Reazioni in Soluzioni Acquose Capitolo 4 Una soluzione è una miscela omogenea di 2 o più sostanze Il soluto è(sono) la(le) sostanza(e) presente(i) in minore quantità Il solvente è la sostanza presente

Dettagli

L equilibrio dell acqua

L equilibrio dell acqua L equilibrio dell acqua Il ph e la reazione di autoprotolisi dell acqua Corpaci Ivana La molecola dell acqua H O H! L acqua è un composto molecolare covalente! La sua molecola è polare per la differenza

Dettagli

COMPITO A DI CHIMICA DEL 15-09-09

COMPITO A DI CHIMICA DEL 15-09-09 COMPITO A DI CHIMICA DEL 15-09-09 1A) 3,447 g di anidride arsenica (As 2 O 5 ) solida e 6,278 g di zinco metallico vengono fatti reagire con un eccesso di acido solforico. Si calcoli il volume di arsina

Dettagli

+ + Corso di Chimica e Propedeutica Biochimica Le equazioni chimiche e la stechiometria. CH 4 (g)+ 2 O 2 (g) CO 2 (g) + 2 H 2 O(l) 1

+ + Corso di Chimica e Propedeutica Biochimica Le equazioni chimiche e la stechiometria. CH 4 (g)+ 2 O 2 (g) CO 2 (g) + 2 H 2 O(l) 1 Corso di Chimica e Propedeutica Biochimica Le equazioni chimiche e la stechiometria + + 1 molecola di metano (CH 4 ) 2 molecole di ossigeno (O 2 ) 1 molecola di biossido di carbonio (CO 2 ) 2 molecole

Dettagli

Esame di Chimica Generale 22 Febbraio 2011

Esame di Chimica Generale 22 Febbraio 2011 Esame di Chimica Generale 22 Febbraio 2011 COGNOME NOME. MATRICOLA 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Indicazioni per lo svolgimento del compito. Scrivete il vostro Nome e Cognome in STAMPATELLO su ciascuno di questi

Dettagli

Le soluzioni possono esistere in ognuno dei tre stati della materia: gas, liquido o solido.

Le soluzioni possono esistere in ognuno dei tre stati della materia: gas, liquido o solido. SOLUZIONI Una soluzione è una miscela omogenea (=la sua composizione e le sue proprietà sono uniformi in ogni parte del campione) di due o più sostanze formate da ioni o molecole. Differenza con i colloidi

Dettagli

SOLUZIONI COMPITO PARZIALE CHIMICA

SOLUZIONI COMPITO PARZIALE CHIMICA SOLUZIONI COMPITO PARZIALE CHIMICA 20-05-11 1A) Il permanganato di potassio reagisce con il cloruro di potassio in presenza di acido nitrico in eccesso dando luogo alla formazione di nitrato di potassio,

Dettagli

SOLUZIONI COMPITO A DI CHIMICA DEL

SOLUZIONI COMPITO A DI CHIMICA DEL SOLUZIONI COMPITO A DI CHIMICA DEL 26-11-10 1A) Il permanganato di potassio reagisce con il perossido di idrogeno in presenza di acido solforico dando luogo alla formazione di ossigeno, diossido di manganese

Dettagli

H N. Mn 2+ +.. Fe 3+ +.. H 2 O

H N. Mn 2+ +.. Fe 3+ +.. H 2 O CHIMICA ANALITICA- PROVA SCRITTA 3 FEBBRAIO 2005-1a. Quanti microlitri di 1-nonene (densità 1-nonene = 0.73 g/ml) bisogna prelevare per preparare 50 ml di soluzione di concentrazione 1000 ppm in metanolo

Dettagli

Le leggi ponderali, la mole e il calcolo stechiometrico. Lezioni 33-38

Le leggi ponderali, la mole e il calcolo stechiometrico. Lezioni 33-38 Le leggi ponderali, la mole e il calcolo stechiometrico Lezioni 33-38 Isotopi Atomi che hanno lo stesso numero di protoni, ma differente numero di neutroni, sono definiti isotopi Gli isotopi di uno stesso

Dettagli

A a B b C c. a : b : c

A a B b C c. a : b : c Consideriamo un composto di formula generica: A a B b C c La formula di un composto (ionico o molecolare) fornisce in maniera immediata e diretta la sua composizione atomica: Una molecola di formula A

Dettagli

Esercizi Le leggi di Lavoisier, Proust e Dalton

Esercizi Le leggi di Lavoisier, Proust e Dalton Per riscaldamento, 123 g di clorato di potassio si decompongono, svolgendo ossigeno e lasciando un residuo di 75 g di cloruro di potassio. Calcola la massa dell ossigeno svolto. clorato di potassio ossigeno

Dettagli

1.2.5 Titolazioni acido-base

1.2.5 Titolazioni acido-base 1.2.5 Titolazioni acidobase Queste titolazioni si basano su reazioni di neutralizzazione in cui un acido cede un protone ad una base capace di accettarlo. Nel caso più semplice di un acido forte (es. HCl)

Dettagli

Il calcolo stechiometrico. oggi parleremo del calcolo stechiometrico, Impareremo alcune definizioni utili, e Impareremo a risolvere alcuni problemi.

Il calcolo stechiometrico. oggi parleremo del calcolo stechiometrico, Impareremo alcune definizioni utili, e Impareremo a risolvere alcuni problemi. Il calcolo stechiometrico oggi parleremo del calcolo stechiometrico, Impareremo alcune definizioni utili, e Impareremo a risolvere alcuni problemi. Prima di iniziare il lavoro voglio spiegarvi l'importanza

Dettagli

Esercizi di. Stechiometria dei composti. mercoledì 9 dicembre 2015

Esercizi di. Stechiometria dei composti. mercoledì 9 dicembre 2015 Esercizi di Stechiometria dei composti mercoledì 9 dicembre 2015 Il cloro ha due isotopi stabili contenenti rispettivamente 18 e 20 neutroni. Utilizzando la tavola periodica degli elementi, scrivere i

Dettagli

2H 2 H H 3 E H H 2 E 2 E 2 H HE 3. tale acido può originare 4 diversi sali. Ad esempio, nel caso dello ione sodio ( Na ) i sali possono essere NaH 3

2H 2 H H 3 E H H 2 E 2 E 2 H HE 3. tale acido può originare 4 diversi sali. Ad esempio, nel caso dello ione sodio ( Na ) i sali possono essere NaH 3 DETERMINAZIONE COMPLESSOMETRICA DELLA DUREZZA DI UN'ACQUA. I complessi. I cationi metallici sono specie chimiche assimilabili ad atomi che hanno perso 1 o più elettroni acquistando nel contempo carica

Dettagli

EQUAZIONI CHIMICHE E LORO BILANCIAMENTO

EQUAZIONI CHIMICHE E LORO BILANCIAMENTO In molti casi è utile indicare gli stati o le fasi delle sostanze ponendo appropriati simboli [(g), (s), (l), (aq)] fra parentesi dopo le formule EQUAZIONI CHIMICHE E LORO BILANCIAMENTO Un equazione chimica

Dettagli